Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Bologna

CHARLIE MORROW "America Lament"

CHARLIE MORROW "America Lament"
Charlie Morrow "America Lament" Dalle sue origini all'inizio del XX secolo ai giorni nostri, la pratica del suono d'avanguardia - musica, sound art, sound poetry, ecc. - è stata portata avanti da una comunità relativamente piccola e unita di artisti e fan; eredità e pratiche che si sovrappongono e passano da una generazione all'altra. Tuttavia, nonostante la scala ridotta e l'interconnessione, queste storie hanno costantemente sofferto del peso della perdita. I principali contributi, artisti e opere di un'epoca sono troppo spesso dimenticati o non ottenibili da coloro che seguono in quella successiva.Questo è esattamente ciò che progetti come l'impronta con sede a Los Angeles, Recital, gestito dal compositore Sean McCann, si sforzano di modificare. Avendo già rilasciato incredibili versioni di R.I.P. Hayman, Daniel Schmidt, Philip Corner, Adriano Spatola, Geoff Hendricks e numerosi altri nell'ultimo anno circa, il loro ultimo LP, America Lament, una collezione assolutamente sbalorditiva di opere d'archivio dell'artista sonoro, compositore, concettualista e performer americano, Charlie Morrow, porta queste attività verso profondità sorprendenti. Una serie strabiliante di rivelazioni che si sviluppa abilmente sul terreno coperto dalla versione 2018 di Recital dedicata all'artista Toot! Inoltre, è un ascolto glorioso che non può fare a meno di riscrivere il modo in cui gli ascoltatori comprendono il passato.Data l'incredibile qualità del suo lavoro e l'elenco dei successi che scorre dietro di lui, è una meraviglia sconcertante che Charlie Morrow non sia un nome familiare tra i fan della musica d'avanguardia e sperimentale. Nato nel 1942, Morrow ha frequentato il Columbia College lavorando sotto la guida del compositore Otto Luening e dell'etnomusicologo Willard Rhodes, che lo hanno introdotto alle culture orali e alle tradizioni sciamaniche, prima, durante i primi anni '60, di incontrare personaggi importanti dell'avanguardia di New York come John Cage , Alison Knowles e Philip Corner, l'ultimo con cui ha iniziato un rapporto di lavoro duraturo e produttivo.Nello stesso periodo, ha anche incontrato il poeta Jerome Rothenberg, con il quale ha fondato e diretto la New Wilderness Foundation, organizzando concerti e pubblicando la leggendaria serie di cassette New Wilderness Audiographics tra il 1974 e il 1989, oltre a pubblicare EAR Magazine, gestito da Beth Anderson, Laurie Spiegel e RIP Hayman.Sempre un facilitatore e un collaboratore, tanto quanto un artista singolare a pieno titolo, durante la metà degli anni '60 Morrow ha anche aiutato Charlotte Moorman a organizzare il suo acclamato Festival annuale di Avant Garde a New York City, oltre a organizzare una celebrazione del solstizio d'estate che si è svolta tra il 1973 e il 1989, dando piattaforma a innumerevoli artisti sperimentali. Grattando la superficie, è ovunque tu guardi.Nel corso degli anni, i progetti di Charlie Morrow hanno incluso canti e opere di guarigione, installazioni di musei e gallerie, eventi di festival su larga scala, trasmissioni radiofoniche e televisive, colonne sonore di film, sound design commerciale e jingle pubblicitari, eseguiti con conchiglie, corna di mucca e capra, Arpa ebrea, ocarina ed elettronica fatta in casa, con un focus su respiro, vocalizzazione, gestualità e stati di sogno mentale.È in questi mondi che America Lament si addentra, spingendo il suo noto pallet sonoro distribuendo elettronica, flauti irlandesi, flauti ambientali, un quartetto d'archi e molto altro, per creare un corpo di suono accattivante e giubilante che si estende su 9 opere indipendenti sparsi sui suoi due lati. Spaziando dall'incredibilmente bello e minimale, alle escursioni funky nel jazz e all'avanguardismo esplicito, America Lament - edificio sul retro del terreno coperto da Toot! Del 2018! Too - fa un tuffo profondo nella pratica espansiva e diversificata di Morrow, e così facendo segue una traiettoria ampiamente non riconosciuta nella pratica sperimentale, andando ben oltre la nozione di ogni singola estetica nel ricco regno del concettualismo crudo e diretto che sembra vitale, rilevante, e senza tempo quando arriva alle nostre orecchie.

SCOPRI TUTTE LE DATE


News inserita il