Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Torino - Bologna - Roma - London - Berlin - Napoli - Ravenna - Bari - Savona - Ascoli Piceno - Catania - Hamburg - Amsterdam - Paris

Live Club

Tutte le informazioni, gli eventi e i concerti di capitol event hall a Pordenone (Pordenone)

CAPITOL EVENT HALL
Via Mazzini 60 33170 Pordenone
Pordenone (Pordenone)

Contatti

Social

Il CAPITOL
Presenta

Sabato 3, Mercoledì 7, Giovedì 8 e Venerdì 9 Dicembre 
ore 21:00 

Pop Festival è una rassegna dedicata alla nuova musica italiana, giunta quest'anno alla sesta edizione, promossa e curata dalla direzione artistica del Capitol, con il sostegno dalla Regione Friuli Venezia Giulia, del Comune di Pordenone e della Fondazione Friuli. 

Il Pop Festival è un viaggio musicale alla scoperta dei cantanti e band emergenti, dedicata ad un pubblico prevalentemente giovane.

4 Concerti che vedranno protagonisti giovani rappresentanti della nuova musica italiana, Leonardo ZaccariaOrmaiLacrayChazeLaika nello SpazioEnulaCeneriBlindur Debora Petrina. Ospiti speciali del Pop Festival Pierpaolo Capovilla e I Cattivi Maestri
I concerti, tranne la data del 7 Dicembre con Pierpaolo Capovilla e i Cattivi maestri, saranno ad ingresso gratuito. 

Il 3 Dicembre sarà una data speciale, un mini festival all'interno del contenitore Pop festival: Lovely Kids, ovvero Leonardo Zaccaria, Ormai, Lacray e Chaze 

Leonardo Zaccaria è un cantautore romano di 24 anni. Le sue influenze artistiche spaziano da Rino Gaetano a Jim Morrison, fino al poeta Allen Ginsberg. A volte si sente nato in un’altra epoca e infatti le sue nuove canzoni e la sua estetica abbracciano sfumature vintage/ anni 70. È un appassionato di cinema che spesso porta nella sua musica con vari riferimenti. Leonardo Zaccaria è un autore Sony Music Publishing  e ha scritto per Marco Mengoni, Gianna Nannini, Rosa Chemical, Annalisa e Deddy, per il quale ha scritto “Il cielo contromano” certificato disco di platino nel 2021. 

Ormai nasce in brianza nel 1997 e muove i suoi primi passi verso la musica dal 2016, inciampando platealmente più volte. Dopo qualche anno in una band hip hop- prog con nome di Inquietude inizia nel 2019 un percorso da solista che lo porterà durante la pandemia a firmare con Canovarec - Capitol Umi tre anni dopo. Partecipa nel 2022 nel disco di Michele Canova 
collaborando con Fabri Fibra e Giorgia.
 
LACRAY nascono durante il lockdown, complici amicizie di lunga data e il bisogno di riempire di musica le giornate vuote nel mezzo di una pandemia globale. Il progetto parte come un esperimento, una grande jam di scrittura tra amici, e, dopo un anno arriva la firma con Epic/Sony Music. Le loro canzoni si portano dentro la noia della provincia, di un posto dove non c’è nulla, dove il McDonald’s più vicino è a più di un’ora di macchina e dove l’inerzia di una vita monotona fa più danni di una scelta sbagliata. 

Simone Tosco, in arte Chaze, è un produttore e cantante romano classe 2003. Amante dell'arte e particolarmente creativo sin da bambino, all'età di sei anni si appassiona al mondo della danza urbana entrando così in stretto contatto con la Musica in tutte le sue sfaccettature. L'estate del 2016 rappresenta un punto critico per la sua crescita: sotto consiglio del padre decide di provare ad utilizzare un programma di virtual deejaying, ma erroneamente scaricherà la versione di prova di FL Studio. Da quel momento comincia a produrre quotidianamente e, a partire dall'anno seguente, a scrivere i suoi primi testi, da sempre considerati un'indispensabile valvola di sfogo. La musica di chaze nasce da influenze molto varie che spaziano dal panorama Jazz - e dai generi da esso derivati - al genere urban, sonorità che vengono da lui concretizzate con un sound elettronico sperimentale e ricercato, caratterizzato da rigorosa contaminazione musicale. Nel Marzo 2022 rilascia “Posso Stare Senza”, la traccia che segna ufficialmente l’entrata nel roster di CanovaRec. 

Il 7 Dicembre protagonista del palcoscenico del Pop Festival sarà Laika nello Spazio, ospiti speciali della serata Pierpaolo Capovilla e I cattivi Maestri, padrini dell'edizione 2022 del Pop Festival. 

Laika nello spazio, alternative rock band per l’occasione in formazione acustica, due bassi, batteria e voce. Formazione nata a Rho (MI) nel 2015, esordisce nel 2019 col primo album "Dalla provincia" licenziato da Overdub Recordings. I Laika si esibiscono in svariati club e festival nel tour di presentazione dell'album, che li porta in giro per l'Italia, ottenendo consensi e recensioni favorevoli nel mondo dell'underground; su tutte la recensione su Rumore a cura di Andrea Prevignano. Recentemente sono stati pubblicati i video di "Coprifuoco definitivo" e "Macerie" che anticipano l'uscita, sempre per Overdub recordings, del secondo album. 

Ospiti speciali della serata e padrini della sesta edizione del Pop Festival Pierpaolo Capovilla e I Cattivi Maestri 

Pierpaolo Capovilla, classe 1968, è un musicista ed autore della scena rock indipendente italiana. Cantante e bassista di uno dei gruppi seminali degli anni '90, gli One Dimensional Man, con questi suona una serie sterminata di concerti in Italia e in Europa, e pubblica 5 album destinati a lasciare il segno nella storia del rock italiano più radicale e intransigente. 

Nel 2005 fonda il gruppo Il Teatro degli Orrori, con cui si cimenta nelle sonorità a lui consuete, questa volta però cantando in italiano, e fra il 2007 e il 2015 pubblica 4 album che ottengono un inaspettato successo di pubblico e di critica. Suona il basso nei primi due album del quartetto denominato Buñuel, capitanato da Eugene Sterling Robinson. 

Il mai celato amore per la poesia lo spinge a cimentarsi in reading letterari dei suoi lirici più amati, da Vladimir Majakovskij a Sergej Esenin, da Pier Paolo Pasolini ad Antonio Delfini, fino ai più recenti progetti meta-teatrali, "Interiezioni", su testi di Antonin Artaud, “Viaggio al Termine della Notte”, di Louis Ferdinand Céline, e “Finché Galera Non Ci Separi” di Emidio Paolucci, poeta detenuto nel carcere di Pescara, della quale Pierpaolo ha curato l’audio-lettura drammaturgica supportata dalle musiche di Paki Zennaro. 
Collabora con il quotidiano Domani e con Rolling Stone Italia.
Nell'opera di Capovilla sono certamente distinguibili la sua devozione per la tradizione del rock più sanguigno di matrice americana, l'affezione per la poesia e la drammaturgia russe, ma anche la passione civile e l'attaccamento ai valori democratici, sempre ribaditi tanto nei concerti quanto negli incontri pubblici. 
Dopo la storica militanza ne Il Teatro Degli Orrori, Pierpaolo Capovilla inaugura l’inizio di un nuovo capitolo discografico insieme a Garrincha Dischi, con l’uscita del suo primo lavoro in studio con l’inedito progetto PIERPAOLO CAPOVILLA E I CATTIVI MAESTRI, dirompente formazione in cui figurano anche Egle Sommacal (Massimo Volume), Fabrizio Baioni (LEDA) e Federico Aggio (Lucertulas). 
«Dieci canzoni, otto cazzotti e due carezze, per raccontare questi tempi di violenza e sopraffazione, il paese e il mondo in cui viviamo». Queste le parole di Capovilla per descrivere il nuovo album che, in un momento storico colpito da un conflitto senza precedenti nel cuore dell’Europa, ha come tema dominante proprio la guerra. Guerra intesa come violenza nelle sue diverse accezioni, sia essa militare, simbolica o interiore. Sia essa quella che uccide i corpi o quella che ferisce il cuore. «Ciò che si teme nel disco è ciò che si sta verificando adesso. Non è una profezia, è il terribile ordine delle cose». 
Idealmente diviso in due parti – la prima massimalista e tumultuosa, la seconda più romantica e malinconica – l’album è un concentrato rock duro e puro, fitto di chitarre anche inusuali o disarmoniche, bassi roboanti e una batteria furiosa, in cui si coniuga la voce inconfondibile di Capovilla, capace di spaziare dal cantato, alle urla, alla declamazione, parole di incontenibile rabbia e sofferenza, che mettono a nudo la tirannide capitalista e lo sconforto sociale per un futuro mai così cupo come oggi. 

L'8 Dicembre Enula e Ceneri porteranno la loro musica e parole al Capitol, in occasione del quarto e penultimo concerto dedicato alla nuova musica italiana. 

Enula, all'anagrafe Enula Bareggi, è una cantautrice di 23 anni nata alla periferia di Milano. Inizia a scrivere canzoni da piccolissima e, dopo anni trascorsi ad affinare la tecnica vocale e a girare il mondo per scoprirne tutte le sfumature, la cantautrice milanese partecipa nel 2020 alle selezioni di Sanremo Giovani. Conclusa quell’esperienza, Enula si presenta per un provino alla scuola di Amici di Maria De Filippi ed entra nel programma vincendo una sfida con il brano “Auricolari” ad oggi uno dei più ascoltati sulle principali piattaforme di streaming. Successivamente Enula pubblica due singoli “Contorta” e “Da sola (con me)”. Entrambi fanno centro, conquistando il pubblico e mettendo in evidenza le doti compositive della cantautrice. A gennaio 2022 Enula pubblica il nuovo singolo, “Il Buio Mi Calma”. 

Irene Ciol in arte ceneri, è una cantautrice friulana classe 2000. Nata in provincia di Pordenone, in un paesino di 8000 anime tra i campi, è cresciuta respirando arte e aria buona. Una voglia incessante di sperimentare e creare l’ha portata sin da piccolissima a confrontarsi con la pittura e poi con la fotografia, passione che ha ereditato dal nonno e dal padre. Oggi studia grafica e design. Nel 2016 grazie a un corso di song writingsi è avvicinata alla musica, universo che le ha permesso di trovare un modo per raccontarsi, esprimersi e capirsi. Da lì in poi non l’ha più abbandonato. Il 20 maggio è uscito il suo primo ep "Nello spazio che resta", prodotto dai B-CROMA, per peermusic ITALY. Nello spazio che resta è il racconto sincero di una giovane artista con una sensibilità fuori dal comune. Il ritratto di una ragazza di vent’anni che si presenta al mondo con le sue insicurezze e fragilità, che ha trovato nella musica il suo rifugio, lo “spazio sicuro” per mettere a tacere quell’inquietudine che accomuna questa età. “Ho sempre cercato il mio posto e credo di averlo trovato proprio in quello spazio che resta dopo i litigi, i pianti, i dubbi, non è un luogo, ma tutto ciò che mi permette di sentirmi al sicuro e sentirmi libera. La libertà parte da dentro e scrivere questo Ep mi ha permesso di capirlo e trovarla”, racconta Irene. 

Il 9 Dicembre, nell'ultima serata del Pop Festival, Blindur e Debora Petrina in concerto 

EXIT è il nuovo album di BLINDUR, pseudonimo del songwriter e producer Massimo De Vita, che segna il ritorno di una delle realtà più premiate e riconosciute della scena alternativa dell’ultimo decennio.
Blindur, infatti, ha già all’attivo due album in studio, partecipazioni in importanti festival internazionali e numerosi premi. Tra i riconoscimenti più recenti il ‘Premio Amnesty Italia’ -sezione Emergenti 2021, il Premio AFI e il Premio della Critica a ‘Musicultura’ 2020 e la Targa “Beppe Quirici” per il miglior arrangiamento al Premio Bindi 2020, che si aggiungono ai numerosi riscontri ottenuti fin dal suo esordio come il Premio Fabrizio De Andrè 2015, il Premio Pierangelo Bertoli 2015 e il Premio Buscaglione “Sotto il cielo di Fred” 2016. 
Il progetto vanta inoltre più di 400 concerti in Italia e all’estero con aperture che vanno da Damien Rice a Jonathan Wilson, passando per Niccolò Fabi, Cristina Donà, Tre allegri ragazzi morti e numerosi altri. 

“EXIT” si compone di 11 canzoni, le sensazioni e le visioni diventano suono e parole; le canzoni tracciano un percorso; il percorso si materializza in un gioco da tavolo, che l’ascoltatore può trovare nello speciale formato Vinile dell’album. Un disco ricco di registrazioni ambientali, di orchestrazioni epiche e di atmosfere indie rock, ma anche di richiami folk, un tratto sempre distintivo di Blindur, almeno quanto la continua ricerca estetica e stilistica. 

Vincitrice del Premio Ciampi e produttrice stimata nell’ambito jazz e sperimentale contemporaneo, Petrina è compositrice, cantautrice, pianista, tastierista, chitarrista, e altresì danzatrice, performer e scrittrice. Stimata da David Byrne, che ha spesso pubblicato i suoi brani nelle sue radio playlist, ha ricomposto un brano di John Cage, la cui partitura è ora pubblicata worldwide dalle Edition Peters (NYC) con il doppio nome Cage/Petrina e il nuovo titolo Roses of the Day, per voce e pianoforte. Ha registrato prime assolute pianistiche di Morton Feldman negli Stati Uniti, e di Sylvano Bussotti per l'etichetta Stradivarius, ed è stata molte volte interprete (vocale o alle tastiere) di opere contemporanee, anche per il Teatro La Fenice. 

Ha cantato e suonato allo Stone e al Barbès (New York), al Mills College (Oakland), al Seaprog Festival (Seattle), al Café du Nord (San Francisco), al DC Jazz Festival (Washington DC), al Teatro Roldàn (La Havana), al Jazz Festival di Madrid, alla Conway Hall (Londra), agli Istituti Italiani di Istanbul, Addis Abeba, New York, Los Angeles, San Francisco, Strasburgo, oltre che a Tokio, Osaka, Berlino. Il Teatro Stabile del Veneto ha dato a lei e allo scrittore Tiziano Scarpa una residenza creativa per la produzione dello spettacolo Le cose che succedono di notte, di cui è autrice di musiche e canzoni. Lo spettacolo è ospite in numerose rassegne nazionali. E' in uscita quest'anno, per la zOaR Records di Elliott Sharp (NYC), un suo ulteriore album: le NuovoMondo Symphonies per voce e due pianoforti. Alcuni sui racconti sono stati pubblicati sulle riviste letterarie Il primo amore e Stanza 251, ed è in uscita il suo primo libro, Concerto a luci spente. 


POP FESTIVAL 2022 

3 Dicembre LOVELY KIDS ingresso gratuito
7 Dicembre LAIKA NELLO SPAZIO + PIERPAOLO CAPOVILLA E I CATTIVI MAESTRI Biglietto 10 € + dp https://link.dice.fm/J26f5e311aa4
8 Dicembre ENULA + CENERI ingresso gratuito
9 Dicembre BLINDUR + DEBORA PETRINA ingresso gratuito 

I concerti del 3, 8 e 9 dicembre sono ad ingresso gratuito,
I biglietti per il concerto del 7 dicembre sono disponibili in prevendita su dice.fm a 10 € + dp e al botteghino del Capitol la sera dell'evento. 
I concerti inizieranno alle 21:00, apertura porte alle 20:30 

Per informazioni
info@capitolpordenone.com - 0434 087769
Capitol Via G. Mazzini 60 - 33170 - Pordenone Facebook/Instagram Capitol pordenone 



I PROSSIMI CONCERTI DEL CAPITOL 

LUCA STRICAGNOLI - 2 Dicembre
POP FESTIVAL, LOVELY KIDS - 3 Dicembre
PIERPAOLO CAPOVILLA & I CATTIVI MAESTRI - 7 Dicembre 
POP FESTIVAL, ENULA + CENERI - 8 Dicembre
POP FESTIVAL, BLINDUR + PETRINA - 9 Dicembre
MATTEO MANCUSO TRIO - 10 Dicembre
SICK TAMBURO, PARLAMI PER SEMPRE - 18 Dicembre 
ALGIERS - 18 Febbraio

Tutti gli eventi per capitol event hall

Altri locali vicino Pordenone (Pordenone), Friuli-Venezia Giulia