Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Bologna

Steve Roden / Small Cruel Party "Stratégies Obliques Ø"

Steve Roden / Small Cruel Party "Stratégies Obliques Ø" (LP) Negli ultimi anni, siamo stati onorati da un costante rivolo di materiale da Steve Roden e Small Cruel Party, ognuno dei quali attira il potere e il rigore creativo di entrambi gli artisti in prima linea nelle nostre menti e nei nostri cuori. Ora, l'impronta francese Ferns, offre un incredibile LP diviso, Stratégies Obliques Ø, incontrando questi due sperimentatori veterani che tessono sorprendenti arazzi di astrazione sonora, creati schierando il mazzo "Oblique Strategies" di Brian Eno e Peter Schmidt. Creativamente stimolante e un'avventura gioiosa e sbalorditiva nell'ascolto dall'inizio alla fine, ancora una volta Steve Roden e William Ransone ci portano ai confini della percezione e del suono sperimentale. Entrambi situati sulla costa occidentale americana, Steve Roden e Small Cruel Party - il soprannome funzionante di William Ransone - sono emersi nei regni oscuri della scena sperimentale degli anni '80. Roden è un pioniere della musica minuscola, un movimento che utilizza l'amplificazione come mezzo per affrontare i suoni silenziosi e inascoltati di oggetti e ambienti, la cui pratica - oltre alla musica - abbraccia i campi della pittura, del disegno, della scultura, del film / video, installazione sonora e performance. Ransone, d'altra parte, ha onorato una serie di iniziative sperimentali più interessanti di Seattle - Blowhole (con Jeph Jerman, ecc.), Yeast Culture e Gamelan Pacifica - prima di avventurarsi nel ricco territorio sperimentale - definendo in gran parte la sua pratica solista sin dalla fine del " Anni '80 e primi anni '90 - di sorgenti sonore / oggetti fisici non strumentali manipolati nello spazio acustico, focalizzati sul provocare il misterioso attraverso la sua enfasi sulla materia grezza del suono e dei suoi ambienti.Il lavoro di Roden e Small Cruel Party è esistito in stretta vicinanza dagli anni '90, spesso essendo supportato dalle stesse etichette discografiche e dalle stesse fatture dei concerti, oltre a condividere lo spazio su due CD omonimi che documentano un piccolo numero di live set degli artisti, in collegamento con Toy Bizarre, che sono stati pubblicati da GMBH, il precursore di Ferns, nel 1999. Più recentemente, entrambi hanno abbellito la compilation Bidödaren. Sebbene non sia una collaborazione esplicita - offrendo un lato dell'LP a ciascun artista - Stratégies Obliques Ø incontra Roden e Small Cruel Party in un dialogo più stretto di quanto si sia sentito in precedenza su disco, ognuno dei quali lavora all'interno dello stesso insieme di perimetri del caso tramite il leggendario Eno e Schmidt Mazzo "Strategie oblique". Con i titoli di ogni rispettiva opera che fanno riferimento alla carta scelta, la distinzione tra ciascuna viene messa in risalto, evidenziando l'ampiezza delle possibilità attivate all'interno di un campo abbastanza ristretto di pratica e approccio sperimentale, nonché l'originalità di ciascuna voce.Il primo lato dell'LP, che comprende 5 opere di Roden, è a dir poco sbalorditivo. All'interno di ogni gesto, ricche sonorità di tono e dissonanza si infrangono contro il successivo all'interno di strutture e arrangiamenti sorprendenti; oggetti che appaiono come totem innominabili in una serie di paesaggi discreti uniti come un'unica forza, dialogando con notevole musicalità attraverso gli spazi in cui cadono. I 4 sforzi di Small Cruel Party, abbellendo il secondo lato, pur appartenendo all'incirca allo stesso universo sonoro, si avventurano ulteriormente verso l'ambiguità e l'atmosfera spaziale, con cambiamenti quasi impercettibili di consistenza e tonalità che assumono una presenza monumentale attraverso la sottile delicatezza delle loro interazioni, ciascuno teso e stimolante, pur sentendosi del tutto così a suo agio e naturale che sarebbe potuto apparire senza l'intervento di una mano umana.
Pubblicato il