Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Bologna - Torino - Roma - London - Ravenna - Paris - Ljubljana - Vienna - Casalecchio di Reno - Pesaro - Barcelona - Warsaw - Kraków - Lille

SONNY SHARROCK “Black Woman”

Nato e cresciuto appena a nord di New York City, Sonny Sharrock ha iniziato la sua carriera musicale cantando doo wop, prima di incontrare John Coltrane che suona in "Kind of Blue" di Miles Davis. Quell'esperienza gli cambiò la vita e gli fece venire voglia di suonare il sassofono tenore, ma l'asma glielo impedì e lo spinse verso la chitarra, lo strumento attraverso il quale avrebbe apportato innovazioni radicali negli anni a venire, e attraverso il quale spesso si autodefiniva “un suonatore di corno con un'ascia davvero incasinata”.Sharrock è ampiamente considerato uno dei migliori chitarristi free-jazz. Durante gli anni '60 e i primi anni '70 suonò ampiamente con Miles Davis, Pharoah Sanders, Roy Ayers, Herbie Mann, Byard Lancaster, Marzette Watts, Wayne Shorter e Don Cherry, tra molti altri, oltre a tre LP solisti, realizzati insieme ai suoi moglie, Linda Sharrock, prima di scomparire silenziosamente per il resto degli anni '70 e '80. Il primo di questi, "Black Woman", pubblicato nel 1969 dalla Vortex - probabilmente un sottoprodotto del suo incredibile lavoro su "It's Not Up To Us" di Byard Lancaster per la stessa etichetta l'anno precedente - è probabilmente il più grande documento del suo lavoro come un leader di questo periodo. Riunendo un ensemble davvero sorprendente per la sua creazione - Milford Graves, Dave Burrell, Sirone, Richard Pierce, Ted Danial e Linda Sharrock - dato il talento, non c'è dubbio che qualcosa di veramente miracoloso sia stato registrato. "Black Woman" è composto da cinque pezzi individuali sui due lati, ciascuno dei quali traccia un percorso altamente singolare sulle rispettive lunghezze. Il primo, il titolo dell’album, dà il tono accennando pesantemente all’inno gospel, con le linee piene di sentimento di Linda Sharrock sulle trame energiche e le collisioni tonali emesse dalla band. Da qui, ci lanciamo nel fuoco del free jazz a tutta forza con "Peanut", attraverso il quale il fuoco della mitragliatrice di Sonny e le note staccate spingono l'energia in avanti, prima di lasciare il posto al pezzo intriso di jazz spirituale, "Bialero", che mette in risalto ogni membro della le incredibili capacità dell'ensemble. Dopo un viaggio davvero incredibile, l'album si conclude con due pezzi stellari, "Blind Willy", un pezzo modale e infuso orientale per chitarra solista che fa sottili cenni a musicisti contemporanei come Sandy Bull e Peter Walker, e "Portrait of Linda in Three Colors, All Black”, che sembra distillare tutto il territorio coperto dai brani precedenti - elementi di gospel e soul, jazz libero e spirituale - in un vaso davvero notevole e perfettamente bilanciato.
Pubblicato il