Scopri i concerti in italia e in europa Perugia - Bologna - Padova - Brescia - Locorotondo - Sestri Levante - Cesena - Pordenone - Sesto San Giovanni - Catania - Roma - Majano - Milano - Amsterdam - Torino

Don Cherry "Universal Silence"

Cosa si può dire di Don Cherry che non è stato detto? Era un ponte musicale tra innumerevoli culture - un titano delle avanguardie e del jazz - una delle grandi voci visionarie della musica del 20 ° secolo per le quali non esisteva, e rimane, nessun equivalente. Un gigante. Come Miles, Ayler, Mingus, Bird, Dizzy, Trane, Ornette e Faraone, il potere della sua voce ha tracciato un percorso così profondo che, più di mezzo secolo dopo la sua prima apparizione sulla scena, puoi ancora temere il tremolio della terra . Con questo in mano, dalle volte del WDR Köln, siamo felicissimi di annunciare l'uscita ufficiale su CD della suite Universal Silence di Cherry in sei parti, registrata dal vivo alla Philharmonie di Berlino il 3 novembre 1972, sostenuta dalla linea di stelle in su del marchio Dollar al pianoforte e alla voce e Carlos Ward al Sax alto e alla voce. Completamente rimasterizzato dal master master originale ed emesso dalla nuova stampa, Lepo Glasbo, questo è un evento davvero raro. Le pubblicazioni degli album non sono più storicamente importanti di questo! Don Cherry sparò dal cancello - un prodigio musicale che poteva piegare il corno a qualsiasi idea o forza di volontà. A malapena nei suoi 20 anni, si unì alla band fondamentale che gettò le basi per il jazz gratuito, guidato da Ornette Coleman - attraverso diverse formazioni, collaborando ai primi 9 LP del titan jazz (e in seguito tornando per molti altri). Nel 1963 si avventurò da solo, lavorando con Steve Lacy, Sonny Rollins, all'interno del New York Contemporary 5 (Cherry, John Tchicai, Don Moore, JC Moses e Archie Shepp), John Coltrane, Albert Ayler e numerosi altri, fino al 1966, quando pubblicò il suo primo LP come leader, Complete Communion, per Blue Note - il primo di un sorprendente lavoro che sarebbe emerso nel corso dei decenni, fino alla sua prematura scomparsa nel 1995. Il lavoro di Cherry come leader ha numerosi palcoscenici, ma molti dei punti salienti rientrano in un periodo sorprendentemente breve e prolifico che si estende dall'uscita di Mu - la prima voce della leggendaria serie Jazz Actuel per BYG, nel 1969, fino a Brown Rice nel 1975. Era in fiamme - creando continuamente musica visionaria, spesso radicalmente varia, che ha ripetutamente cambiato il panorama del jazz. Una voce rara del periodo che ci ha regalato Eternal Rhythm, Orient, Organic Music Society, Relativity Suite, Eternal Now e Blue Lake, ora arriva Universal Silence - un'opera straordinaria che si estende su tutto l'album, registrata dal vivo a Berlino il 3 novembre , 1972 e mai ufficialmente rilasciato. Incontra Cherry giocando in un trio di breve durata che è durato solo una manciata di date - rendendo l'interazione unica stabilita con giocatori leggendari, Dollar Brand e Carlos Ward, catturati anche nel 1974 The Third World Underground (registrato solo 11 giorni dopo), tanto più importante e raro. Cherry, Brand e Ward continuerebbero a lavorare insieme in diverse configurazioni e gruppi nei prossimi decenni, ma ciò che emerge in Universal Silence è relativamente unico: tre musicisti tonali, si precipitano di gioia, senza una sezione ritmica, riempiendo tutti gli angoli e si batte. Passando da una canzone semplice, un canto lento, a un fuoco frenetico e pieno di energia, questo jazz libero come solo Cherry, uno dei suoi veri innovatori, potrebbe scatenarsi come un inferno, ma straordinariamente naturale e pieno di facilità. Più di 45 anni dopo essere caduto sul nastro, è una cosa incredibile da vedere - come un elastico avvolto trasformato in vento. Di cosa tratta l'improvvisazione libera. Questo è sicuramente uno dei CD più preziosi pubblicati nella prima metà del 2020, ed è difficile esprimere quanto siamo entusiasti. Essenziali come arrivano! Rilasciato in un'edizione deluxe digipack con una bellissima copertina apribile di 12 pagine, offre 10 incredibili brani musicali di questo super-gruppo di breve durata. Terry Riley, Don Cherry "Duo" (CD) Un altro incredibile tesoro delle volte della radio di Colonia, registrato alla fine di febbraio del 1975. In questo duo di improvvisazione, le intersezioni di organi di Terry Riley definiscono semplicemente la geometria dello spazio iper-dimensionale in cui vive la tromba esageratamente di Don Cherry. Mantrico ed evocativo, potremmo continuare ad ascoltare la stessa traccia tutto il giorno, potrebbe durare per sempre ...
Pubblicato il