Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Roma - Torino - Bologna - Palermo - Antwerp - Napoli - Paris - Catania - Budapest - Manchester - Bristol - Amsterdam - Rivoli - Venaria Reale

Clock DVA "Horology - Anthology Vol. 1-3"

Con band come Cabaret Voltaire in testa, Sheffield, nel nord dell'Inghilterra, è nota da tempo per aver aperto la strada alla zona ibrida tra punk ed elettronica alla fine degli anni '70. Tra i primi di tutti c'era Clock DVA, fondata nel 1978 da Adi Newton dalle ceneri di un progetto precedente, The Future, i cui altri membri avrebbero poi trovato la fama in The Human League e Heaven 17. Clock DVA ha prodotto dozzine di visionari rilasci sotterranei che sono rimasti tragicamente oscuri e sono da tempo attesi per essere rivalutati. Formati a Sheffield nel 1978, attorno alla formazione principale di Adi Newton, Steven Turner, David Hammond e Simon Elliot-Kemp, piuttosto che molti dei temperamenti pop che si sarebbero formati intorno alla musica elettronica nella loro città, Clock DVA apparteneva allo stesso creativo temperamento e scena come i loro coetanei londinesi, Throbbing Gristle, che abbracciano la devianza morale e politica come mezzo verso la liberazione sonora. Come i TG, sono tra i primi pionieri della prima ondata di musica industriale del Regno Unito.Il primo volume di Clock DVA Anthology Vol. 1-3, Horology I - DVAtion 78/79/80, che si estende su 6 CD, copre la maggior parte della produzione disponibile della band durante i primi tre anni. Incanalando idee prese da Aleister Crowley, Marquis De Sade, Kenneth Grant, Antonin Artaud o Charles Baudelaire contro un pallet di elettronica primordiale e glamour di interventi acustici, arriva uno sguardo su uno dei pionieri più intransigenti della fine degli anni '70 e dei primi anni '80 nettamente a fuoco; un paesaggio elettrizzante, fangoso e avvincente di caos sonoro che sembra radicale più di 40 anni dopo che sono stati registrati per la prima volta. Il secondo volume di Clock DVA Anthology Vol. 1-3, Horology II - The Future & Radiophonic Dvations, si tuffa ancora più indietro nel 1977, con un intero disco dedicato alle registrazioni di The Future - Newton, Martyn Ware e Ian Craig Marsh - prima che il trio si dissolva in The Human League e Clock DVA, raccogliendo canzoni che vanno dal synth-pop industriale al proto-techno pulsante, e nel processo catturando uno dei primi capitoli della scena elettronica estremamente influente di Sheffield. Il resto dei 4 dischi del volume comprende la registrazione solista di Newton, scavando in zone astratte ispirate da elementi esoterici, dalla psicoacustica alla prima tecnica acusmatica, all'occulto e agli infrasuoni, offre alcuni dei momenti più introspettivi e oscuri dell'intera collezione .
Pubblicato il