Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Roma - Bologna - Torino - Paris - Firenze - London - Ravenna - Barcelona - Berlin - Madrid - Zürich - Hamburg - Vienna - Manchester

Daft Punk - Random Access Memories

Daft Punk - Random Access Memories Sony Non posso esimermi dal parlare del nuovo disco dei Daft Punk. L\'elettronica e il dancefloor non sono il mio terreno, di solito ascolto altro. Ma dal singolo “Get Lucky” in poi (magistralmente trollato da Fabio Nirta, e la cosa mi ha fatto sorridere non poco) ho capito che questo album meritava. E infatti merita, di brutto. Non mi piace fare filippiche, il brutto delle recensioni italiane è anche questo. Parlare di ogni brano, ficcarci dentro ogni puttanata per far vedere che ne sai. Ascoltiamo la musica per quello che è: musica appunto. E parliamone se ne vale la pena, invece di fare il tiro al bersaglio di dischi che non ci piacciono. Solo in questo paese del niente si riempiono righe di insulti. Se un disco non vi piace non ne parlate, è il miglior modo per farli scomparire se ci pensate. Torniamo al duo francese. In poche parole: questo disco suona classico se non antico, non ammette compromessi contemporanei, non guarda in faccia ad altri che non si chiamino Daft Punk. Ed è per questo che vince. Sornione e autentico nella memoria, i Phoenix che pagherebbero per averli scritti loro quei pezzi soporiferi e dannatamente dotati di groove. Probabilmente qualsiasi altro gruppo che avesse fatto un album così nessuno se lo sarebbe cagato, e forse si sarebbe beccato anche parecchi fischi. Ma loro lo hanno fatto, perchè possono, e in definitiva spacca. Pomposo, anni \'70, barocco, reazionario. Perfetto insomma, perchè lo hanno fatto davvero con i contro fiocchi. Dalle collaborazioni (c\'è di tutto, Pharrell, Casablancas, Panda Bear, Giorgio Moroder) alle atmosfere, funky che sa diventare romantico, glitter quanto mai opportuni, Alizeè che vorrebbe essere in pista a dimenare la gonnella. Singolo dell\'estate (Get Lucky), e disco enorme, potente, classico nel concetto di pista e di sonorità. Conferma inutile, ma piacevole e necessaria, visto il mare di pivelli producer e di ignoranti ai manettini. Maestri, è sempre un piacere. www.daftpunk.com Damiano Simoncini
Pubblicato il