Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Roma - Bologna - Torino - Paris - London - Firenze - Madrid - Barcelona - Hamburg - Ravenna - Amsterdam - Berlin - Vienna - Manchester

RAIN - XXX Aural Music

1 Energy 2 Whiskey on the route 666 (inedito) 3 Blood Sport 4 Rain Revolution 5 The Gate 6 Born to Kill 7 We Want R.n.R 8 In the Night 9 End Of Time ( cd exclusive track) 10 Only your dreams 11 Fight for the power 12 Only for the rain crew 13 Rain Are Us (acoustic version) Ricordate le scritte bianche su sfondo rosso delle prime catene di negozi di dischi? Heavy metal torreggiava a caratteri cubitali tra un sobrio blue - pop rock e un giallino jazz. I Rain li avreste potuti trovare lì, tra gli Iron maiden e gli Aerosmith, ed è lì che la loro musica si colloca. Old fashion e anni ottanta, figli della new wawe of british metal, e seguaci della mitologia heavy americana, dal Girl girl girl dei Motley crue alla religione machista, dalle strade polverose alla fede, indissolubile, nel rock’n roll: “noi, tutti insieme vogliamo / noi, insieme abbiamo bisogno / per sempre, del rock’n roll. Questo recitano i Rain in We want rock, brano inchiodato in un ritornello che più heavy non si può. L’uscita di questa raccolta di successi potrebbe essere l’ennesima e rivoltante operazione commerciale di un’etichetta in tempi di crisi. E invece no! I Rain riarrangiano e registrano tutte le tracce, dando la possibilità ai fan della prima ora di gustare carne vergine e ai nuovi adepti di conoscere il sapore di sesso e sudore che traspirano le loro canzoni: torride linee di basso, acuti dickinsoniani e batteria che fa scuotere la testa. Non a caso Headshaker è il titolo del loro primo album a distribuzione internazionale, da cui la band ha estratto Energy, Blood sport e Only for the rain crew e in cui si documenta anche il tour con Paul DiAnno (Iron maiden). Dad is dead, da cui è tratto Rain are us, è il disco della consacrazione che apre un tour mondiale che ha visto la band negli Usa con I WASP. Il brano scritto on the road sulle strade americane, Whiskey on the route 666, è l’inedito 100% del disco: sferragliar di chitarra e parallelismi della sessione ritmica sino alla stazione d’arrivo, il solo, mentre la linea vocale tace, dall’alto dei suoi acuti. Dopo 30 anni di carriera i Rain sono il gruppo heavy metal più longevo della penisola, XXX anni sulla strada, suggerisce il titolo della raccolta ma, prima di goderecci assoli dal vivo, è consigliabile conoscerli su disco, potreste non raggiungere l’orgasmo. Andrea Di Nisio www.raincrew.com/ www.myspace.com/raincrew1980 www.facebook.com/pages/Rain/45161874441
Pubblicato il