Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Roma - Bologna - Torino - Paris - Firenze - London - Zürich - Barcelona - Berlin - Madrid - Ravenna - Hamburg - Vienna - Manchester

MASSIMO VOLUME / BACHI DA PIETRA - Split EP

MASSIMO VOLUME / BACHI DA PIETRA “Split EP” (La Tempesta Dischi) Distribuzione: Venus Data di uscita: 15 aprile 2011 http://www.massimovolume.it/ http://www.bachidapietra.com/ Un ep che nasce da un incontro fortuito ma inevitabile: nel corso di una delle tante date che i Massimo Volume e i Bachi da Pietra hanno diviso negli ultimi due anni, Chris (titolare del “Bronson” di Ravenna) suggerisce alle due band di registrare uno split album, come spesso si fa in America. Da qui, l'idea di uno scambio di canzone: Dorella e Succi cedono a Clementi e soci “Morse”; questi ultimi ricambiano con “Litio”. Operazione interessantissima: tanto per cominciare, perchè si parla di band di una certa caratura, gruppi che hanno fatto e fanno musica di qualità in Italia. Poi, perchè l'operazione di revisione di brani dalla personalità così “ingombrante” è un'esperienza stimolante non solo per chi tenta l'impresa ma anche per l'ascoltatore che vi si interfaccia. Ovviamente, viste le premesse, il lavoro è riuscitissimo. Se i Massimo Volume in “Morse” ingentiliscono e smussano le asperità tipiche della poetica dei Bachi da Pietra mantenendone, però, la vibrante drammaticità, il duo noir scarnifica invece gli intrecci chitarristici tipici dei bolognesi accentuando l'inquietudine della “Litio” originale. A queste riedizioni, nello split i due gruppi regalano ai fans altrettanti nuovi brani, quasi a voler ripristinare le rispettive identità. “Un altro domani” (scritto e suonato dai Massimo Volume) e “Stige 11” (Bachi), potrebbero essere letti come un'espansione degli ultimi lavori in studio dei due gruppi, uno sguardo nel futuro di due band in costante evoluzione. Sintetizzano, questo Split, lungi dall'essere una mera operazione commerciale, è un album struggente, accattivante e soprattutto vero: uno di quei dischi ormai rari, che ci fa sempre piacere ascoltare.
Pubblicato il