HERE I STAY FESTIVAL

HERE I STAY FESTIVAL
X edizione

10, 11, 12 agosto 2018
Terme di Fordongianus (Oristano - Sardegna)

Decima edizione per il più grande festival sardo dedicato alla musica indipendente. Tra  gli ospiti The Soft Moon, Meridian Brothers, Terakaft, Giuda, Omni, King Khan’s LTD, Dalila Kayros, Love Boat, Duds, Usé, Lame e molti altri

    Torna Here I Stay Festival, evento internazionale dedicato alla musica indipendente , rock ed elettronica organizzato dall'associazione culturale Here I Stay e giunto quest'anno alla sua edizione numero dieci. L'appuntamento è per il 10, 11 e 12 agosto nella suggestiva cornice delle terme romane di Fordongianus, in provincia di Oristano.

Servizi e orari. Nel parco ci saranno aree per bere e mangiare, curate dalla pro-loco con prodotti del territorio, uno spazio relax libero e gratuito, un’area dotata di wi-fi, selezioni musicali; allestiti, inoltre, spazi per esposizioni, artisti e performance fruibili gratuitamente per i tre giorni sin dalla mattina.
I concerti dal vivo inizieranno alle 20 il venerdì e domenica, alle 19 sabato.
Biglietti: in prevendita sul circuito Box office Sardegna ( HYPERLINK "https://www.facebook.com/boxofficecagliari.sardegna/?fref=mentions"https://www.facebook.com/boxofficecagliari.sardegna/?fref=mentions) entro il 5 agosto 45 euro per i 3 giorni, 23 euro per 1 giorno


Il festival è autofinanziato da Here I Stay
realizzato in collaborazione con il Comune di Fordongianus
e il contributo della Fondazione di Sardegna.


Informazioni
 HYPERLINK "http://www.hereistay.com/"www.hereistay.com
 HYPERLINK "mailto:info@hereistay.com"info@hereistay.com

Ufficio stampa
Francesca Mulas
 HYPERLINK "mailto:francescamulas@gmail.com"francescamulas@gmail.com; +393208891102





IL PROGRAMMA

    Venerdì 10 agosto

h. 20    Dalila Kayros (Italia). Musicista, ricercatrice vocale, compositrice e improvvisatrice, Dalila Kayros, in arrivo dalla provincia cagliaritana, è senza dubbio una delle maggiori esponenti della scena musicale sperimentale italiana. Nei due dischi pubblicati, “Nuhk” del 2013 e il recente “Transmutations”, Dalila crea un legame solido tra arcaico e moderno, utilizzando voce ed elettronica in maniera sorprendente pur restando  fedele a un rigoroso processo compositivo.
h. 21    Pussy Stomp (Italia). I sardi Mauro “Vanvera” Vacca (voce, basso e programming) e Roberta Etzi (chitarra e voce), hanno dato vita al progetto Pussy Stomp le cui influenze vanno dalla new wave britannica meno solare al più spigoloso rock americano anni ‘90: qualcuno li defininì “Bauhaus meet Fugazi…”. Drum machine senza fills, basso distorto, chitarra sferragliante. Due voci appassionate di blues che non disdegnano qualche refrain pop.
h. 22    Duds (Uk).  Il suono della giovane band in arrivo da Manchester è frenetico, muscolare, schivo, e spazia dal post-punk al free jazz ma con una visione musicale molto chiara. Sicuramente una tra le nuove formazioni inglesi più interessanti del momento.
h. 23    Omni (Usa). Band eccentrica, originaria di Atlanta, Georgia, le cui sonorità riportano alla fine degli anni ‘70, gli Omni fanno un proto-punk e lo-fi pop ritmato, melodico e ballabile. Il loro secondo disco “Multi-task” è stato acclamato dal quotidiano americano The Guardian e dalla rivista musicale Pitchfork.
h. 24    Meridian Brothers (Colombia). Band rock-psichedelica fondata nel 1998 a Bogotá. Sono la proposta futurista d'avanguardia colombiana, ma che conserva le radici nella musica latina, per quanto riguarda suono, stile ed espressione teatrale. Si è guadagnata la reputazione di gruppo cult in America Latina.

    Afterparty Zonzo, Fratellanza r'n'r


    sabato 11 agosto

h. 19    Nestter Donuts (Spagna). One man band originario di Alicante, quello di Nestter Donuts è puro e selvaggio rock'n'roll. Il suo modo di stare sul palco è magnetico e folgorante: grancassa e hi-hat, chitarra e voce, per un punk vecchio stile.
h. 20    Ugly Sounds (Italia). È la nuova formazione wild garage rock dei musicisti sardi Paolo Bonino (The Rippers), Fabrizio Floris (The Turkey Necks) e Alessandro Ladu (The Rippers).
h. 21    Yonic South (Italia). Rock'n'roll a bassa fedeltà, sull'onda di The Oh Sees,
si presentano così: “Nati da un coito di John Dwyer alla guida di una Picasso in cerca di un kebabbaro strafatto di San Miguel, gli YS sono la mafia dei Gabber con i Twix dentro le tasche. Il trio incendiario, composto da membri di Bee Bee Sea e Miss Chain & the Broken Heels, suona un garage sporco ai livelli di una strada francese”.
h. 22    Love Boat (Italia). Rock'n'roll anni cinquanta, bubble-pop, r’n’b/gospel, sempre con un’attitudine garage: dopo aver sonorizzato i bagni di mezza Italia e incasinato i locali di tutta Europa, a distanza di qualche anno I sardi Love Boat tornano all'Here I stay per un concerto esclusivo che sarà certamente indimenticabile.
h. 23    King Khan's Ltd (Dal mondo) Nuova incarnazione di King Khan che per quasi 15 anni ha collaborato con The Spits, band punk-rock americana leggendaria, e che con Sean Spits ha creato una grande famiglia reclutando solo i musicisti migliori da diverse parti del mondo. Il risultato? Una nuova all-star punk-rock band, King Khan's Louder than death. Sul palco Looch Vibrato e Aggy Sonora dei Magnetix alla chitarra e batteria,  Fredovitch degli Shrines al basso e King Khan alla voce.
h. 24    Giuda (Italia). Band punk rock romana, apprezzata in tutto il mondo per i live energici e solidi e l’attitudine prepunk dei primi anni ‘70. Dopo aver calcato i palchi di mezzo mondo, ha appena presentato il nuovo singolo, "Rock and roll music", uscito per una delle etichette contemporanee più interessanti, la Rise Above di Lee Dorian (Napalm Death e Cathedral).

afterparty    Tealdi


domenica 12 agosto

h. 20    Telephant (Italia).  È il nuovo progetto dei sardi Mirco Pilloni (June, Flying Sebadas, Takoma, Dainocova), Luca Gambula (Flying Sebadas, Tide Predictors), Alberto Caria (Cue Lie, Flying Sebadas, Rien de Rien) e Stefano Lo Piccolo (La Piramide di Sangue, Love Boat, Golfclvb). La musica dei Telephant potrebbe definirsi pop, anche se non nel senso più convenzionale del termine, e dai riferimenti molteplici. Strati di synth e ritmiche acustico/elettroniche, qualche chitarra, bassi profondi e cassa dritta fanno da tappeto a linee vocali che talvolta si intrecciano in armonie corali.
h. 21    Lame (Italia). Trio blues lo-fi punk in arrivo da Torino con Massimo Scocca (Cave Dogs, Two Bo's Maniacs), Stefano Isaia (Movie Star Junkies, La piramide di Sangue) e Maria Mallol Moya. Uno strano mix di follia noise punk, ballate solitarie, country sickness e stomping blues, a cavallo tra un paradisiaco folk-pop e un garage infernale.
h. 22    Terakaft (Mali) È la band tuareg pioniera del desert-rock, fondata nel 2001 da Sanou Ag Ahmed con alcuni membri dei Tinariwen. Il loro approccio è marcatamente rock rispetto a quello di molte altre band tuareg: l’attenzione agli arrangiamenti, all’organizzazione di percussioni, batteria, basso e le melodie delle voci, a tratti polifoniche, trasformano i loro live in intensi viaggi attraverso terre desolate.
h. 23    Usé (Francia). Membro della band degli Headwar, Nicolas Belvalette, in arte Usé, viene da Amiens, dove ha gestito la sala concerti l'Accueil Froid. Quando il comune decide di chiudere la sala concerti, Nicolas Belvalette risponde candidandosi alle elezioni municipali della città con il “Parti sans Cible”, riuscendo a ottenere il 2,17% dei voti e allo stesso tempo la riapertura della sala. Due anni fa ha pubblicato il suo primo album solista: alcuni pezzi di batteria, qualche vecchio synth e una chitarra suonata con le bacchette creano uno straordinario elettro-punk-techno.
h. 24    The Soft Moon (Usa) La creatura del visionario compositore di Oakland, Luis Vasquez per la prima volta in Sardegna presenta il nuovo disco "Criminal", uscito a febbraio per Sacred Bones Records. Post-punk, dark-shoegaze, elettro-industrial, oscuro, incattivito e rabbioso.

Final party


Altre informazioni

Dal 10/08/18 al 12/08/18

Contatti

Social

Tutti gli eventi per here i stay festival

Nessun evento presente