Scopri i concerti in italia e in europa Roma - Milano - Torino - Bologna - Firenze - Sant'Elpidio a Mare - Brescia - Reggio nell'Emilia - Napoli - Venezia - Genova - Verona - Ravenna - Savona - Livorno

Live Bands

TOM PETTY AND THE HEARTBREAKERS

Scopri tutto su tom petty and the heartbreakers, concerti, eventi, news e molto altro!

Tom Petty nasce a Gainesville, in Florida, nel 1952. All'inizio degli anni '70 inizia a muovere i primi passi nella musica, con gruppi come i Mudcrutch, formazione messa insieme a Mike Campbell (chitarra) e Benmont Tench (tastiere). Dopo alterne vicende, tra cui il contatto con l'etichetta Shelter per cui registrano alcuni provini, Petty si allontana dai due compagni per ritrovarli poco dopo insieme al bassista Ron Blair e al batterista Stan Lynch, nel nucleo definitivo degli Heartbreakers. Tre sono gli album pubblicati per la Shelter tra il 1976 e il 1978, ma è solo nel 1979 con DAMN THE TORPEDOES che il nome di Petty si afferma nell'olimpo del nuovo rock americano, insieme a Bruce Springsteen, Bob Seger e John Mellencamp. Gli anni '80, soprattutto nella loro prima metà, sono il momento migliore per la musica del gruppo, che con HARD PROMISES firma il suo secondo album classico. Nel 1982 Howie Epstein sostituisce Ron Blair per l'album LONG AFTER DARK, nel quale si fa un uso massiccio di tastiere e campionatori al servizio di alcune splendide canzoni. L'album successivo, SOUTHERN ACCENTS, è prodotto da Dave Stewart. Lo zoccolo duro dei fan viene riconquistato sopratutto con la pubblicazione del live PACK UP THE PLANTATION, del 1985. Segue un tour come gruppo spalla di Bob Dylan e la pubblicazione, nel 1987, di un altro album, LET ME UP (I'VE HAD ENOUGH). Nel frattempo Petty si unisce alla stramba formazione di evergreen del rock mondiale, i Traveling Wilburys, (Bob Dylan, Roy Orbison, Jeff Lynne e George Harrison) con cui inciderà due dischi. FULL MOON FEVER, prodotto da Jeff Lynne, non cambia le sorti del biondo rocker, anche se “Free fallin'” lo riporta in classifica. Petty non è finito, comunque, almeno a giudicare dal grande successo del buon album del 1991 INTO THE GREAT WIDE OPEN, che lo ripropone (con i ritrovati Heartbreakers) al meglio della forma. Inizia una collaborazione con Rick Rubin che si traduce nel passaggio alla WEA e nella pubblicazione di WILDFLOWERS, buon album di ritorno uscito nel 1994. L'anno successivo esce un monumentale cofanetto con inediti (6CD) intitolato PLAYBACK, mentre del 1996 è la colonna sonora del film “She's the one”. Bisognerà aspettare altri tre anni per assistere al ritorno sul mercato di Petty & Heartbreakers, in occasione dell'album ECHO, ancora una volta co-prodotto da Rick Rubin. Segue nell'ottobre 2002 THE LAST DJ, in buona parte dedicato alle degenerazioni del music business. Arriva quindi un altro disco dal vivo, ma per attendere un album di inediti bisogna aspettare il 2006: nell'estate esce HIGWYAY COMPANION, inciso senza gli Heartbreakers. Segue nell'ottobre 2002 THE LAST DJ, in buona parte dedicato alle degenerazioni del music business. Arriva quindi un altro disco dal vivo, ma per attendere un album di inediti bisogna aspettare il 2006: nell'estate esce HIGWYAY COMPANION, inciso senza gli Heartbreakers. Il 2006 è anno di celebrazioni: si svolge un concerto a Gainesville, sua città natale, per festeggiare il trentennale dell'inizio della sua carriera. Il concerto viene pubblicato l'anno dopo, nel monumentale cofanetto di 3 DVD che comprende anche il film documentario di 4 ore “Runnin' down a dream”, diretto da Peter Bogdanovich. Petty riforma i Mudcructh, la sua prima band, con i quali torna in studio per incidere un disco e ad inizio 2008 suona durante il Superbowl, la finale del football americano. Nel 2009 torna a pubblicare con gli Heartbreakers: esce la LIVE ANTHOLOGY, che raccoglie in 4CD (5 nell'edizione deluxe) 30 anni di storia sul palco della band. Ma il vero ritorno con la band si concretizza qualche mese dopo: a giugno 2010 esce MOJO, primo disco di studio con gli Heartbreakers in 8 anni, e altro capolavoro, con suoni più orientati al blues e perfetti per essere riprodotti live, anche sei il tour americano dell'estate soffrirà di una scarsa affluenza di pubblico imputabile soprattutto al caro biglietti. L'anno si conclude con l'uscita in versione 'deluxe' di DAMN THE TORPEDOES, riproposto 31 anni dopo la pubblicazione originale come doppio CD: un remaster del classico di Petty cui si unisce un disco bonus con 9 pezzi, tratti dalle sessions della band in studio nel 1979. http://www.tompetty.com/

TOM PETTY AND THE HEARTBREAKERS è presentato in Italia da D'ALESSANDRO & GALLI

Altre informazioni

Tutti gli eventi per tom petty and the heartbreakers

Nessun evento presente