Live Bands

ORANGE GOBLIN

Scopri tutto su orange goblin, concerti, eventi, news e molto altro!

In coincidenza con l’evoluzione intrapresa in The Big Black, che era tosto ma ancora molto bello, uscirono i peggiori lavori della band. Coup de grace, ma anche i due successivi, non mi hanno mai entusiasmato; ma non ho mai rinunciato a sentire qualcosa di nuovo in cui incidesse quel diavolo sciolto di Ben Ward. Paradossalmente, con l’abbandono del membro storico Pete O’Malley, le cose sono anche cambiate in meglio. Lo stesso film, ancora una volta, già girato pure dai Monster Magnet con Ed Mundell che lasciava e la nave – anzichè affondare – riprendeva vigore.

Per quanto le due band abbiano corso in parallelo per svariati anni, The Wolf Bites Back non ci mostra un paradosso come quello che corre tra Last Patrol e Mindfucker, due composizioni che celebravano Mondi lontani, ma con significativi elementi in comune. Se A Eulogy For The Damned e Back From The Abyss erano buoni, lo è pure questo e lo fa continuando a gestire bene tutto quanto l’arsenale a disposizione. Stoner rock, come in Burn The Ships, heavy-rock dirompente sulla scia dei Corrosion Of Conformity più diretti come nella meravigliosa opener Sons Of Salem – una di quelle cose che pretendi siano eseguite dal vivo, per intenderci – e tanto altro ancora. A tratti torna l’eco dei Motorhead e non solo per la comparsa di Phil Campbell, troviamo la velocità in Suicide Division e pure quel blues da locale sporco e stracolmo di troie in The Stranger. La title-track è un’altra hit dal fascino tipicamente metal anni Settanta, mentre Swords Of Fire mi ha ricordato non poco i ritmi di Slaves & Bulldozers dei Soudgarden. Non in senso negativo o ai limiti del plagio, ma è un’associazione automatica che probabilmente avrete e che riguarda la sezione ritmica in avvio.

 

ORANGE GOBLIN è presentato in Italia da HELLFIRE BOOKING

Altre informazioni

Contatti

Social

Tutti gli eventi per orange goblin

Nessun evento presente