Live Bands

COLOUR HAZE

Scopri tutto su colour haze, concerti, eventi, news e molto altro!

We Are (precedentemente intitolato Life), che è esattamente ciò che la Color Haze di Monaco ha fatto. I padrini della psichedelia pesante europea hanno operato dal 1998 come core trio del chitarrista / cantante Stefan Koglek, il bassista Philipp Rasthofer e il batterista Manfred Merwald, ma con In Her Garden del 2017 (recensione qui), hanno iniziato a sperimentare di più con l'aggiunta di fioritura di organo e vari sintetizzatori di Jan Faszbender, e da allora Faszbender è diventato parte di una nuova incarnazione in quattro pezzi di Color Haze.

Sulla We Are di sette tracce / 45 minuti, che viene rilasciata come sempre attraverso l'impronta Elektrohasch Schallplatten di Koglek e apre il suo primo lato di corsa con la sua title track boogie veloce, continuano a sperimentare e avanzare quell'integrazione, con Faszbender che si muove tra suonare l'energia della batteria di Merwald, correndo insieme alla chitarra di Koglek nella graziosa strumentale spazzata nella seconda metà di "Life", e generalmente riempiendo le basi melodiche e ritmiche del materiale pur offrendo alcuni momenti straordinari, come l'organo che posa sul letto per le voci impennate - e intendo dire "impennata"; ci sono anche alcune voci ospiti particolarmente operose dell'apice dell'album "Be with Me". Il cambiamento, in altre parole, si adatta a Color Haze. I loro arrangiamenti in studio si sono ramificati da molto prima che She Said (recensione qui) del 2012 portasse corde e corni e To the Highest Gods We Know del 2014 (recensione qui) ha risposto e si è basato su quegli impulsi, ma da dove sta succedendo la ramificazione è cambiato, e il loro sound è molto più ricco per avere Faszbender nella formazione su una base che si spera continui.

Naturalmente, rimangono gli elementi distintivi. Il basso di Rasthofer è ancora di singolare calore ed esecuzione tonale, e il drumming di Merwald apporta cambiamenti progressivi e jazz non meno fluidi di quelli che il bassista passa da un tasto all'altro. Koglek è ancora un esploratore, e mentre i seguaci di lunga data di Color Haze riconosceranno i frammenti come una spinta dal riff centrale di "Aquamaria" di Tempel del 2006 (discusso qui) in "I'm with You" sul lato B, c'è anche il centro di quattro minuti e mezzo "Material Drive" con cui confrontarsi, guidato com'è dalla chitarra acustica con Koglek nel ruolo di Richie-Havens-at-Woodstock mentre il resto della band si unisce gradualmente dietro, Faszbender in particolare, rendendo la canzone molto più importante di We Are con un approccio a due mani di organo e synth in esecuzione contemporaneamente mentre il basso riempie il mix. E non so se questo è il flauto - che è stato usato in precedenza su dischi Color Haze - o il flauto Mellotron, ma ogni volta che vogliono fare un disco di canzoni di protesta folk acido semi-acustico, sono pronto per questo.

COLOUR HAZE è presentato in Italia da HARD STAFF

Altre informazioni

Social

Tutti gli eventi per colour haze

Nessun evento presente