Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Roma - Torino - Bologna - Palermo - Antwerp - Napoli - Paris - Catania - Budapest - Manchester - Bristol - Amsterdam - Rivoli - Venaria Reale

Live Bands

BLONDE REDHEAD

Scopri tutto su blonde redhead, concerti, eventi, news e molto altro!

I Blonde Redhead sono una band americana composta da tre espatriati che hanno iniziato come una band noise-rock dissonante e si sono lentamente trasformati in una band in grado di produrre album di incantevole dream-pop rock con un pugno emotivo. Sono ampiamente ammirati nei circoli rock alternativi e indipendenti e continuano ad ampliare la loro tavolozza di suoni ad ogni uscita.
I gemelli identici Amedeo e Simone Pace hanno incontrato due studentesse d'arte giapponesi che erano anche loro interessate a formare una band. I quattro hanno realizzato una connessione istantanea l'uno con l'altro e hanno iniziato a uscire insieme e a provare sul serio. La band si stabilì sul nome Blonde Redhead, dopo una canzone del famigerato gruppo no-wave di New York DNA. La band ha rapidamente forgiato un suono che è stato influenzato dalle band no-wave della fine degli anni '70 e dei primi anni '80.
I Blonde Redhead hanno debuttato nel 1993 con il singolo da sette pollici "Big Song" e questo, oltre alla loro crescente reputazione dal vivo, li ha portati all'attenzione del batterista dei Sonic Youth, Steve Shelley, che aveva da poco fondato la sua etichetta discografica, Smells Like Records, ed era alla ricerca di band da produrre e firmare.
Dopo aver pubblicato un altro singolo e un album di otto canzoni con Shelley intitolato semplicemente Blonde Redhead, hanno immediatamente ottenuto il plauso della critica.
Subito dopo l'uscita dell'album, Takahashi lasciò la band e fu brevemente sostituito dall'amico e bassista Toko Yasuda. Yasuda, sentendosi frustrata dal fatto che non si sentiva a suo agio nel contribuire con le canzoni alla band, presto se ne andò e i Blonde Redhead continuarono come trio senza bassi. Un altro album seguì nel 1995, La Mia Vita Violenta, e trovò il gruppo ad affinare ulteriormente il loro suono.
Il prossimo album dei Blonde Redhead, In An Expression Of The Inexpressible del 1998, è stato prodotto da Goodmanson e dal cantante/chitarrista dei Fugazi, Guy Picciotto. Il suono dell'album ha continuato la tendenza alla lucidatura e alla raffinatezza con le chitarre che suonavano più strettamente contro il forte ma flessibile controtempo stabilito da Simone Pace. Anche le tastiere stavano iniziando a farsi strada sottilmente nel suono della band. Il gruppo, a questo punto, si era abituato a non avere un bassista, avendo Makino o Amedeo Pace che ne suonava uno in studio o dal vivo se la canzone lo richiedeva, ma spesso rinunciando al basso a favore delle due chitarre e della batteria impostare. La band ha continuato a girare quasi costantemente, suonando con artisti del calibro di Shellac, Unwound e Fugazi.
Il gruppo tornò in studio e pubblicò il loro album successivo, Melody Of Certain Damaged Lemons nel 2000. La band scelse nuovamente Picciotto per produrre l'album. A questo punto, i Blonde Redhead si erano allontanati ulteriormente dal furioso confronto chitarra-rock e Sonic Youth delle loro precedenti uscite, e ora stavano abbracciando un suono che prendeva aspetti del pop francese degli anni '60 così come elementi estratti da forme così diverse di musica come jazz, ambient e shoegazer rock.
Dopo Melody, Blonde Redhead ha preso una pausa di quattro anni, principalmente a causa di un grave incidente che Makino ha subito nel 2002 quando è stata gettata da un cavallo e quasi storpia. Durante la sua lunga convalescenza, la band passò le etichette discografiche alla prestigiosa etichetta discografica britannica 4AD, sede di artisti come i Cocteau Twins e i Pixies. La band ha impiegato del tempo per perfezionare e cambiare ulteriormente il proprio sound, così che quando il loro album successivo, Misery Is A Butterfly, è apparso nel 2004, ha colto di sorpresa molte persone, non ultimi i loro fan. Gli archi e le tastiere erano in primo piano nell'album: sembrava che i Blonde Redhead fossero diventati una sorta di rock band da camera. La sensazione era a miglia di distanza dal suono con cui la band aveva iniziato, eppure era completamente loro. La musica era graziosa dove una volta era urgente, probabilmente a causa del cambiamento così drastico della vita di Makino e del legame più profondo che tutti e tre i membri della band tenevano l'uno con l'altro. Critici e fan presto sono arrivati ​​e l'album ha venduto meglio di qualsiasi altro disco precedente. Dal vivo, la band ha continuato come un trio, con i membri che passavano dalle loro chitarre e batteria alle tastiere per alcuni dei materiali più recenti.
I Blonde Redhead hanno continuato a fare tournée e hanno pubblicato il loro album successivo, 23, nel 2007. Per la prima volta, il gruppo ha deciso di produrre l'album da soli, con l'assistenza su due canzoni del produttore Mitchell Froom. Volevano più spontaneità e chiarezza su 23 rispetto a quanto avevano avuto sull'album precedente, e 23 è un eccellente distillato delle diverse fasi che la band aveva vissuto durante la loro carriera.
Dopo un trio di pubblicazioni potenti come Misery Is A Butterfly, 23 e Penny Sparkle, non dovrebbe sorprendere che l'ultimo album dei Blonde Redhead, Barragán, suoni così sicuro. C'è continuità nella presenza del produttore/mixer/ingegnere Drew Brown, che è stato un membro chiave del team durante la realizzazione di Penny Sparkle, e che questa volta ha dato una serie di suggerimenti significativi lungo la strada. È stato Drew a convincere la band ad andare al Key Club Recording a BentonHarbor, nel Michigan, dove hanno incontrato un incredibile tesoro

BLONDE REDHEAD è presentato in Italia da PONDEROSA MUSIC

Altre informazioni

Contatti

Social

Tutti gli eventi per blonde redhead

Nessun evento presente