Scopri i concerti in italia e in europa Roma - Milano - Assago - Torino - Bologna - Utrecht - Linz - Padova - Hamburg - Nijmegen - Warsaw - Prague - Berlin - Firenze - Forlì

Live Bands

BEN HARPER

Scopri tutto su ben harper, concerti, eventi, news e molto altro!

Questo disco di Ben Harper, però, già sembra uno dei più emblematici possibili per come racconta, già a partire da come è realizzato, il lockdown di primavera, tra isolamento, impossibilità di muoversi e conseguenti comunicazioni a distanza, che siano virtuali, digitali o del ricordo. La solitudine è rispecchiata dal fatto che si tratta di un disco per sola chitarra, senza Innocent Criminals o Blind Boys Of Alabama o Charles Musselwhite: una modalità compositiva, quella del brano per chitarra sola, con le sue specificità, che, ha rivelato il chitarrista, gli hanno creato difficoltà perché non si era mai cimentato nella composizione di strumentali. Ogni brano, poi, è dedicato a un luogo tra quelli cari al chitarrista, raggiunti col ricordo o col sentimento, sognati nell’impossibilità di visitarli fisicamente (e non sembra un caso che manchi Lisbona, dove pare che abiti): così, con uno stile lontano sia dal fingerpickin’ di John Fahey che dai suoni acidi del più recente Bill Orcutt, Harper ci porta in un viaggio fatto di brani per lo più brevi (quindici in poco più di mezz’ora, solo 4 di essi superano i 3 minuti), partendo dai ricami pigri di Istanbul, camminando a tempo di swing dispari per i luoghi dell’infanzia di Manhattan, suggerendo gli spazi desertici in Joshua Tree con tocchi rarefatti, passando a tempo di valzer dalla leggerezza appena tinta di malinconia per un altro luogo del suo passato – la contea di Inland Empire, che finì per dare il titolo all’ultimo lungometraggio di Lynch quando Laura Dern, allora sposata col chitarrista, la nominò al regista di Strade Perdute; racconta una Harlem senza tensioni, rende più trafficato il suono su London dopo le brevi svisate di Lebanon e così via, fermandosi anche a Verona (con qualche tocco che semmai sembra accennare vagamente a Napoli), si fa classico, quasi da clavicembalo, nella breve Brittany, mentre gli arpeggi di Montreal possono a momenti ricordare, giustamente, quelli che sostenevano le canzoni del primo Leonard Cohen, prima di chiudere con la ripresa di Toronto, un ritorno in zona New York con Islip e arrivare per il finale a Paris con una delle melodie più incisive del disco.

BEN HARPER è presentato in Italia da BARLEY ARTS

Altre informazioni

Contatti

Social

Tutti gli eventi per ben harper