MARC RIBOT’S CERAMIC DOG Skegge Jazz

MARC RIBOT’S CERAMIC DOG Skegge Jazz
Come sempre, Marc Ribot dimostra un’innata capacità di catturare l’interesse tanto dei seguaci del rock indipendente, quanto degli appassionati di jazz, blues e musiche afroamericane in senso lato: non solo per la sua lunghissima frequentazione con John Zorn, ma anche per le innumerevoli collaborazioni con artisti di diversa estrazione.La musica del trio possiede una carica ritmica incalzante, martellante, a tratti belluina, adatta a sostenere le distorsioni e le schegge impazzite della chitarra di Ribot. In questo contesto si nota la discrepanza tra la tendenza del bassista Shahzad Ismaily – altrove impegnato anche alla chitarra ritmica e alle percussioni – a mantenersi su un groove implacabile, con accenti funk, e l’abilità del batterista Ches Smith (membro degli Snakeoil di Tim Berne) nell’uso di dinamiche, controtempi e, ove possibile, colori anche sugli up tempo più serrati.

SCOPRI TUTTE LE DATE


News inserita il