Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Roma - Bologna - Assago - Padova - Firenze - Paderno Dugnano - Sona - London - Napoli - Roncade - Torino - Paris - Ravenna - Berlin

GABOR SZABO "Dreams"

GABOR SZABO "Dreams"
Forse più di ogni altro, il jazz è una musica legata alla lotta per la libertà. È una musica profondamente umana che presenta - tra tante altre cose - un mezzo creativo attraverso il quale sfidare e risolvere le strutture oppressive della vita quotidiana. Nato nelle dure realtà delle comunità afroamericane durante la prima parte del 20 ° secolo, la purezza della sua espressione, con la libertà delle immagini che presenta - ugualmente visibile all'interno dell'organizzazione dei suoi suoni e dei modi in cui i suoi creatori comunicano e interagiscono - risuonava ben oltre i confini del proprio contesto. Realizzazioni nuove e distinte sono nate rapidamente in tutto il mondo, consentendo ad artisti di diversa estrazione di incontrarsi in una conversazione.È da queste straordinarie narrazioni che è sorto l'incredibile LP, Dreams, del chitarrista ungherese Gabor Szabo.Gabor Szabo (1936 - 1982) non era estraneo alla lotta per la libertà. I suoi primi anni in Hungry caddero sotto l'oscura nuvola del dominio fascista, della guerra e del genocidio, per poi essere sostituito con la cortina di ferro all'alba della Guerra Fredda. Ispirato al jazz che ha ascoltato nelle trasmissioni radiofoniche di Voice of America, ha iniziato a suonare la chitarra all'età di 14 anni. Nel 1956, quando i carri armati russi scesero in strada, fuggì dall'Ungheria, fuggendo negli Stati Uniti, dove i suoi talenti - prima ha assistito pubblicamente al Newport Jazz Festival del 1958 - alla fine gli è valso un posto alla prestigiosa Berklee School of Music di Boston.Nel 1961 Szabo divenne membro del quintetto di Chico Hamilton, mantenendo la carica fino al 1965, mentre lavorava anche con Charles Lloyd, Ron Carter e Tony Williams, nonché all'interno di un gruppo guidato da Gary McFarland, prima di essere offerto un ambito posto su Impulse !, probabilmente l'impronta jazz più rilevante del momento, producendo una serie di LP molto apprezzata, attraverso la quale il suo suono singolare iniziò a dispiegarsi.Non diversamente dai suoi coetanei dell'America Latina e dell'Africa, ciò che spinge gli sforzi di Szabo oltre l'appropriazione culturale o il pastiche, è l'onestà con cui ha incorporato la propria cultura ed esperienza nel linguaggio del jazz. Alle sue radici, l'Ungheria è un prodotto culturale di antichi popoli nomadi; un melting pot che assomiglia in modo sorprendente alla singolare forma di musica emersa nelle mani di Szabo.Mentre innegabilmente fa parte del linguaggio jazz, Dreams è il culmine del tentativo di Szabo di entrare in una forma più libera e personale che incorpora la musica popolare ungherese della sua infanzia, musica popolare e numerosi altri riferimenti musicali. Il risultato sfida qualsiasi descrizione facile; un corpus di suoni vaganti e assolutamente unici che si estendono su due lati immersivi e inebrianti, rendendo le immagini di un viaggio immaginario attraverso la cultura e il tempo, senza mai lasciare il proprio momento.Contro una band che è liberata e guidata dall'espressione personale, Szabo intreccia i suoi assoli e gli interventi singolari, portando sottili tracce di jam psichedelici, chitarra di raga e musiche del Nord Africa e del Medio Oriente. Ferita stretta, ma libera. Funky e morbido. Transitorio, pur essendo interamente al suo posto, nonostante sia un capolavoro, Dreams è tragicamente uscito di scena non molto tempo dopo la sua uscita iniziale, rispecchiando la triste morte di Szabo all'età di 46 anni dopo una lunga battaglia con la tossicodipendenza. L'album, scoperto e sostenuto dai collezionisti di dischi da allora, rimane un dono di grazia e bellezza che è quasi impossibile scendere dal giradischi una volta ascoltato.

SCOPRI TUTTE LE DATE


News inserita il