Scopri i concerti in italia e in europa

ANGEL BAT DAWID 'Live'

ANGEL BAT DAWID 'Live'
La clarinettista, compositrice e cantante spiritual jazz Angel Bat Dawid annuncia 'Live', un nuovo album dal vivo con la sua band Tha Brothahood, appena pubblicato. Registrato quasi interamente lo scorso anno al JazzFest di Berlino insieme a Deacon Otis Cooke (voce, synth), Viktor Le Givens (voce, strumenti ausiliari), Xristian Espinoza (sax tenore, percussioni), Norman W. Long (elettronica, sintetizzatori), Dr. Adam Zanolini (contrabbasso, basso elettrico, sax soprano, flauto, percussioni), Isaiah Collier (batteria) e Asher Simiso Gamedze (batteria), 'Live' è anche un disco di denuncia di una donna afroamericana all'industria musicale. Quarantotto ore prima del concerto in Germania, mentre Angel e alcuni membri della band erano diretti all'aeroporto di Chicago ricevevano la notizia che uno di loro, Viktor Le Givens, era svenuto per strada e poi in ospedale si era accorto di non avere i propri effetti personali. Arrivati ​​a Berlino e contattato lo staff del JazzFest, il manager della band Najee-Zaid Searcy aveva poi ricevuto il seguente messaggio: 'Se non riesci a trovare un sostituto, dovremo ridurre la tua tariffa.' Di quella risposta Angel ricorda: 'È stato davvero un freno al mio spirito dover affrontare tutto ciò poche ore prima di esibirsi. Come cazzo è mai accettabile questa risposta ovunque?!' 'Ho problemi sul modo in cui vengono trattati gli artisti perché vedo una differenza nel modo in cui la gente tratta le donne e gli artisti di colore. Molto del razzismo e delle cose di cui sto parlando sono intrise di microaggressioni e sono così sottili da poter passare inosservate. Ma accadono spesso ed è stato molto evidente al festival. Sì, sono ipersensibile a qualsiasi infrazione che vedo, sento o osservo quando si tratta di razzismo, e non la faccio più passare per un'eccessiva sensibilità ma come un'opportunità per sollevare il problema sul razzismo intellettuale che è ancora una bestia dilagante, specialmente nel mondo della musica europea'.Angel e la band hanno avuto anche altre esperienze negative durante i due giorni a Berlino che hanno contribuito a questi sentimenti, incluso un diverbio al Duke Ellington Hotel dove la band alloggiava (registrato su 'Enlightenement', la traccia che apre l'album e chiaro omaggio a Sun Ra), dove grida ripetutamente: "da quando sono qui, mi avete trattato tutti come una merda!", a 'Hell' incentrata su un panel moderato dalla scrittrice Emma Warren. 'La discussione è stata condotta da Emma quindi mi sentivo molto me stessa. Raccontavo la verità su come questi festival e scene musicali funzionano ancora e supportano il razzismo intellettuale e strutturale, perché non vengono mai sfidati e denunciati", ricorda Angel. Nonostante o forse alla luce delle difficoltà che Angela e la sua band hanno affrontato, lei stessa considera quel concerto uno dei migliori in assoluto: 'Lo spettacolo è stato molto profondo e mi ha davvero aiutato a elaborare tutta la rabbia e le cose scomode che stavo provando. Mi ha fatto pensare a tutti gli artisti del passato che hanno resistito molto più di quanto avrò mai fatto con questa industria musicale. È stato uno spettacolo molto liberatorio e bellissimo. Ci siamo fatti il culo!!Presa la decisione di trasformare la registrazione di Berlino in un album, nell'estate del 2020 la Bat Dawid ha invitato la giornalista Shannon J. Effinger di Pitchfork (presente a Berlino) a scrivere le note di copertina. Nei suoi appunti, la Effinger accenna al maltrattamento di Angel ma per la maggior parte la sua attenzione è rivolta alla musica che Angel e Tha Brothahood hanno fatto durante la loro esibizione. Un estratto: 'Gli accordi arpeggiati sui tasti di Dawid in 'Enlightenment' ci hanno portato tutti al nostro incontro silenzioso, un tempo rifugio per i neri schiavi per riunirsi in segreto e liberare le loro difficoltà attraverso grida e preghiera. Mentre la Dawid, il batterista di Cape Town Asher Gamedze e Adam Zanolini ai fiati costruiscono un crescendo teso, è il loro tentativo, attraverso la musica, di esorcizzare il dolore generazionale che ha afflitto gli afroamericani per troppo tempo.' 'Sento che Shannon abbia davvero catturato il momento che stavo provando. La storia dei miei disordini con le sfumature razziste dell'industria musicale non è il motivo per cui voglio che questo album venga pubblicato. Voglio che questo album esca perché i Brothahood hanno spaccato!! Dato che era presente allo spettacolo vero e proprio, i suoi appunti hanno la visione più pura, autentica e accurata della situazione', dichiara Angel. Un altro estratto: 'Dall'incrollabile forza di 'Black Family' raccontata attraverso il suo clarinetto, forte e risoluto, a 'We Are Starzz' che ha permesso ai membri dei Brothahood di ballare ed esplorare nelle loro rispettive costellazioni sulla linea di basso ambulante di Zanolini, la Dawid si sforza di riconciliarsi con l'attuale momento storico in America, guidata da un passato glorioso ma travagliato, dalla promessa disillusa del nostro futuro e da un presente che non ci è mai veramente appartenuto. 'Spero che questo album possa elevare e sensibilizzare il mondo, comunicando che non siamo ancora in una buona posizione quando si tratta del rapporto tra le altre razze bianche. Università, festival, organizzazioni artistiche sono stati costruiti oltre mezzo secolo fa, e anche se sono cambiati esternamente non lo sono internamente e continuano a sostenere i principi dei loro fondatori, che erano razzisti. Abbiamo ancora molta strada da fare. E la musica è un ottimo punto di partenza per riparare questa realtà antica e distorta', conclude la Dawid.

SCOPRI TUTTE LE DATE


News inserita il