America in concerto a Borretto (RE)
Trasimeno Blues, località Lago Trasimeno (Perugia, Umbria)

Eventi

Oggi

 SVIZZERA  Fear Of Men Daniele Ronda Eagulls Progetto Panico Mandolin Brothers Moostroo The Vad Vuc  ABRUZZO  Bradipos Iv Fuck Buttons Guitar Ray & The Gamblers John Grant Afterhours Joycut Spaccailsilenzio! Kirk Fletcher Tiger! Shit! Tiger! Tiger! Gattamolesta  BASILICATA  Il Guaio Krikka Reggae Paul Warren Band  CALABRIA  Johnny Dalbasso  CAMPANIA  Alessandro Lanzoni Soviet Soviet David Murray Did His Clancyness Sangue Mostro Enrico Ruggeri Slick Steve & The Gangsters Niagara  EMILIA ROMAGNA  Elli De Mon Tre Allegri Ragazzi Morti Moka Club Maria Antonietta Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Lou Dalfin Giorgio Canali Miami & The Groovers Be Forest San Leo  FRIULI VENEZIA GIULIA  Linea 77 Burning Heads Raphael Gualazzi Elisa Paul Di Anno Andrea Nardinocchi Children Of The Damned Stef Burns League  LAZIO  Muiravale Freetown Vinicio Capossela Roberto Fabbri At The Weekends Salmo Bastille Il Muro Del Canto Area765 Radici Nel Cemento  LIGURIA  Colle Der Fomento Dsa Commando Primal Fear Last Rites  LOMBARDIA  Vanilla Sky Ruth Gerson Go!zilla El V And The Gardenhouse Autoramas I Giuradei Redrum Alone Kepi Ghoulie Finley Alteria  MARCHE  P-Funking Band Almamegretta La Grande Tribu' Radio Moscow Rinomatti Marco Tamburini Boys A Billie Small Jackets Dj Giamma Nobraino  MOLISE  Luca Carboni  PIEMONTE  Federico Poggipollini Mz Dee & Maurizio Pugno Rocky Horror Picture Show Veronica & The Red Wine Serenaders Nord Sud Ovest Band - Tributo A Max Pezzali E Agli Etruschi From Lakota I Cani Cecilia The Monkey Weather  PUGLIA  Apres La Classe Negramaro Brunori Sas Underdog Junkfood Chiara Civello Nuova Compagnia Di Canto Popolare Lili Refrain The Bone Machine Nasodoble  SARDEGNA  Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Elio E Le Storie Tese I Camillas Paola Turci Dope D.o.d. Mondo Marcio Godblesscomputers Go Dugong  SICILIA  Nada E Fausto Mesolella Mauro Ermanno Giovanardi Babaman Aka Irieman Emma  TOSCANA  Sonics Train To Roots M+A I Matti Delle Giuncaie Asian Dub Foundation Piotta Giuda King Salami & Cumberland3 Appaloosa  TRENTINO ALTO ADIGE  Titta Phil Cody Piers Faccini Echo & The Bunnymen Boris Savoldelli The Last Killers  UMBRIA  Bettibarsantini Harold Lopez Nussa Quartet Sinfonico Honolulu Management Del Dolore Post-Operatorio Altre Di B  VENETO  Sycamore Age Nomadi Calibro35 Edwood Extrema Sir Oliver Skardy Joan As Police Woman Muleta Antonio Onorato Lali Puna

Domani

 ITALIA  Jack Savoretti  SVIZZERA  Agnes Obel  ABRUZZO  Andrea Castelfranato Ema & Quilombo Sonoro The Varnelli's  BASILICATA  Kirk Fletcher Guitar Ray & The Gamblers  CAMPANIA  Lilies On Mars Babaman Aka Irieman Slick Steve & The Gangsters Indubstry Giobia Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Michel Portal Quintet Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Charles Lloyd Francesco Di Bella  EMILIA ROMAGNA  El V And The Gardenhouse Marcello Coleman Grayson Capps Ty & Leblanc Witko Krasi'  FRIULI VENEZIA GIULIA  Bastille L'orage Balkan Beat Box  LAZIO  Tango Spleen Orquesta Samuele Bersani Tre Allegri Ragazzi Morti Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Kurt Rosenwinkel Balletto Di Bronzo Scott Colley Sycamore Age Simple Minds Nino D'angelo  LOMBARDIA  Tim Grimm Megamax - Tributo 883 E Max Pezzali Mighy Mo Rodgers Robi Zonca Ruth Gerson Easy Star All Stars Max Romeo Bandaliga Fletcher Il Triangolo  MARCHE  Franco Battiato Rinomatti Io & I Gomma Gommas Francesco Patella Mudimbi Train To Roots Aedi Big Daddy Wilson Enrico Capuano  PIEMONTE  Gianmaria Testa Il Pan Del Diavolo Fluxus Litfiba Nomadi Antonella Ruggiero Modena City Ramblers Oxxxa Paolo Bonfanti  PUGLIA  James Senese Jack Jaselli Gregory Porter Fuzz Orchestra Area Giorgia Simona Molinari Alla Bua  SARDEGNA  Paola Turci I Camillas  SICILIA  James Blunt Adam Ben Ezra  TOSCANA  We Love Surf Hannah Williams & The Tastemakers Sarah Jane Morris Steve Hackett Genesis Revisited The Rock'n'roll Kamikazes Francesco Baccini Bassapadana James Walsh Marta Sui Tubi  TRENTINO ALTO ADIGE  Get Well Soon Paolo Fresu Olly Riva & The Soul Rockets Kepi Ghoulie The Dictators Boris Savoldelli Raphael Gualazzi  UMBRIA  Luca Sapio Luca Ciarla Bettibarsantini Johnny Mars Chris Jarreth Queenmania  VENETO  Tributo Italiano Mombu Figli Di Madre Ignota Max Pezzali Tribute - Tributo A Max Pezzali E 883 Leitmotiv Ornaments Johnny Mox Mr Wob & The Canes Xbox Rock - Tributo Green Day Sick Tamburo

Lunedì


Martedì


Mercoledì

 SVIZZERA  Be Forest His Clancyness Twin Room  ABRUZZO  The Gravedigger V The Morlocks Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers Diego Deadman Potron  BASILICATA  Krikka Reggae  CALABRIA  Burning Heads The Adolescents  CAMPANIA  Avion Travel Ilaria Graziano E Francesco Forni Julia Kent Giovanni Truppi Nobraino Kill Your Boyfriend La Rappresentante Di Lista Salmo  EMILIA ROMAGNA  Riccardo Tesi & Banditaliana Useless Id Threelakes Gazebo Penguins Miscellanea Beat Diodato Vallanzaska Murphy's Law  LAZIO  Remo Anzovino Gnut Alborosie & Shengen Clan Band Mayra Andrade Pierpaolo Capovilla  LIGURIA  Autoramas The Dictators King Mastino Arisa Tango Spleen Orquesta Perturbazione Steve Earle  LOMBARDIA  Milky Chance Phil Cody Snoop Dogg Giovanni Falzone Maria Antonietta Motel Connection Paolo Cattaneo Beenie Man Ras Melody & Irie Roof Band Chelsea Wolfe  MARCHE  Slick Steve & The Gangsters Renzo Arbore  PIEMONTE  Simple Minds Giorgia Dente  PUGLIA  Dub Side Of The Moon Petrina Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Luca Aquino Officina Zoe' Il Pan Del Diavolo Easy Star All Stars Nada Lo Stato Sociale Ex Csi Zamboni Canali Baraldi Maroccolo Magnelli  SARDEGNA  Fleurs Du Mal  SICILIA  Altre Di B  TOSCANA  Mau Mau Alessandro Mannarino Baro Drom Orkestar Lisa And The Lips Canti Erranti Sabina Manetti & Mario Manetti - Indygenìe Bobo Rondelli Epica Marco Rovelli  TRENTINO ALTO ADIGE  Paolo Fresu I Camillas Gioacchino Turu’ & Vanessa Vermouth  UMBRIA  Clementino  VENETO  Cisco Edoardo Bennato Pink Sonic Herman Medrano And The Groovy Monkeys Simone Cristicchi

Giovedì

 REP. SAN MARINO  Arisa  ITALIA  Raiz  SVIZZERA  Asilo Republic  ITALIA  Jack Savoretti  SVIZZERA  Time Out - Tributo 883  ABRUZZO  Uscitanord Paolo Fresu  CALABRIA  Losburla  CAMPANIA  Diaframma Federico Fiumani Snoop Dogg 99Posse Elio E Le Storie Tese Mama Marjas Sangue Mostro  EMILIA ROMAGNA  I Giorni Dell'assenzio Deez Nuts Moka Club John De Leo Devil In Me Pierpaolo Capovilla The Fuckers Giacomo Toni Fausto Mesolella Franco D'andrea  FRIULI VENEZIA GIULIA  Franz Ferdinand  LAZIO  Raphael Gualazzi Fuzz Orchestra Nobraino Marlene Kuntz Levante Roberto Vecchioni  LIGURIA  Simone Cristicchi Autoramas Jonathan Wilson  LOMBARDIA  Nomadi The Peawees Phil Cody The Dictators Hierophant Linea 77 Sick Tamburo Ambramarie Cisco  MARCHE  La Compagnia Di Musicultura Spaghetti A Detroit Nada Flavio Boltro Gioacchino Turu’ & Vanessa Vermouth Tre Allegri Ragazzi Morti Marcio Rangel I Camillas Stormwind  PIEMONTE  Jester At Work Vinicio Capossela  PUGLIA  Donpasta Alla Bua Casa Del Mirto Petrina Psychopathic Romantics Roy Paci Spaccailsilenzio! Daddy Freddy Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale)  SARDEGNA  Zion Train Fleurs Du Mal Testament  SICILIA  Gue' Pequeno Dub Fx & Cade The Adolescents Altre Di B Stokka & Madbuddy Burning Heads Ipercussonici Mistaman Mondo Marcio  TOSCANA  Appaloosa Velvet Score Modena City Ramblers The Hacienda May I Refuse Fabrizio Bosso Noemi Wemen Peppe Voltarelli  TRENTINO ALTO ADIGE  Daniele Ronda  UMBRIA  Kee Marcello Big Daddy Wilson  VALLE D'AOSTA  Treves Blues Band L'orage  VENETO  Yo Yo Mundi Godblesscomputers Lisa And The Lips Ema & Quilombo Sonoro Simeon Soulcharger Quartiere Coffee Queenmania Jovanotte Rudy Rotta

Venerdì

 ITALIA  Enrico Zanisi Bettibarsantini  ABRUZZO  Frogs For Snakes Il Garage Ermetico Neils Children Massimo Ranieri Bohemien Tre Allegri Ragazzi Morti  BASILICATA  Kill Your Boyfriend  CALABRIA  Ron Brunori Sas Marta Sui Tubi Bundamove Underdog Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale)  CAMPANIA  Petrina The Gentlemen's Agreement Bassekou Kouyate Enrico Capuano Francesco Di Bella Ex Csi Zamboni Canali Baraldi Maroccolo Magnelli Magnifico Modern Blossom Iseiottavi Motel Connection  EMILIA ROMAGNA  Franz Ferdinand Threelakes Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Ruggero De I Timidi John De Leo Cisco Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers Giancarlo Bianchetti Ultraviolets - Tributo U2  FRIULI VENEZIA GIULIA  Salmo Donpasta Rezophonic Raphael Gualazzi  LAZIO  Scott Colley Apres La Classe Frankie Hi Nrg The Bone Machine Eugenio Finardi Stefano Benni Avion Travel The Adolescents Daddy Freddy Burning Heads  LIGURIA  Mau Mau Gazebo Penguins Malika Ayane  LOMBARDIA  Simeon Soulcharger Davide Van De Sfroos Lisa And The Lips Teo E Le Veline Grasse Diego Deadman Potron Ruth Gerson Radici Nel Cemento Treves Blues Band Edipo  MARCHE  Spaghetti A Detroit Green Like July La Grande Tribu' Stormwind Own Boo Gue' Pequeno 99Posse Rubba Dubba & Marumba Max Giusti Billy Balla Reggae  MOLISE  Elio E Le Storie Tese  PIEMONTE  Mudimbi L'orage The Natural Dub Cluster  PUGLIA  Nuju Roberto Jonata Hevia Colle Der Fomento Massimo Manzi Raffaele Casarano Diodato Afterhours  SARDEGNA  Mr Wob & The Canes Fleurs Du Mal Bologna Violenta Harold Lopez Nussa Quartet  SICILIA  Crifiu Zion Train Cyberpunkers La Rappresentante Di Lista Gattamolesta  TOSCANA  Camillocromo Nobraino Jonathan Wilson Phil Cody I Matti Delle Giuncaie Flavio Boltro The Cyborgs Tiromancino Enza Pagliara Marcio Rangel  UMBRIA  Basement Jaxx Parlor Snakes Peter Hook And The Light The Sweet Life Society Filippo Graziani La Tresca Quintorigo Ian Siegal Mike Sponza  VENETO  Paola Turci Maria Devigili Lariba Marina Rei Herman Medrano And The Groovy Monkeys Comaneci Skarra Mucci Greta Manuzi Martin Tingvall Trio

Musicpedia

Musicpedia

THE MIGTHY CLOUDS OF JOY

MusicPedia:

THE MIGTHY CLOUDS OF JOY Per più di tre decenni i Migthy Clouds of Joy hanno fissato lo standard del R&B tradizionale dell'industria musicale del gospel - con l'uscita di più di 25 album e 200 esibizioni mondiali ogni anno. Più della metà delle loro incisioni sono state candidate al Grammy Award e sei hanno vinto. Il gruppo si è distinto per aver aperto il genere del gospel alla moltitudine e averlo inserito in una forma di intrattenimento musicale popolare che richiama il pubblico del Pop, del Jazz e del R&B mantenendo però il loro messaggio. I Migthy Clouds si sono ...


The Mighty Clouds of Joy

MusicPedia:

The Mighty Clouds of Joy Gruppo formatosi alla fine degli anni '50? è indubbiamente una delle formazioni Gospel che hanno fatto la storia di questo genere, tra le più conosciute e impegnate in tour in tutto il mondo. Il loro spettacolo di grande impatto, con forti caratterizzazioni soul, li esalta come infaticabili ed energici esponenti di una tendenza definita "Hard Gospel".


THE MIGHTY BOP/Spin My Hits

MusicPedia:

THE MIGHTY BOP Spin My Hits "Spin My Hits" dimostra come la ricerca ossessiva del groove raffinato finisca per lasciare uno sgradevole sapore di leziosità. Ovvio, non mancano nell'ultima uscita di Mighty Bop i momenti da ricordare - soprattutto il rap di Ejm in "Freestyle Linguistique" e "Sea", "Sex & Fleurs", impreziosita invece da Louise Vertigo - ma la durata di questa colleziona antologica pare inversamente proporzionale alla quantità di idee in essa contenute.


THE MICROPHONES/It Was Hot, We

MusicPedia:

THE MICROPHONES It Was Hot, We Stayed In The Water Dopo quel piccolo gioiello che fu "Don't Wake Me Up", esordio della personale esperienza 'cantautorale' di Phil Elvrum, batterista degli Old Time Relijun, ci s'aspettava, se non un altro album a quel livello, quantomeno una replica. Invere in "It Was Hot..." Phil si perde nei meandri delle frammentarietà: sempre pop psichedelizzato, bizzarro, infarcito di rumori e voci stralunati, ma troppo, veramente troppo assente per colpire. Anche quando la materia sembra prendere il via una specie di volontà masochista spinge l'autore-cantante ad abbondare in eccessi e ad addandonare il motivo per involversi ...


THE MICRONAUTS/Bleep To Bleep

MusicPedia:

THE MICRONAUTS Bleep To Bleep (Science/Virgin) Promettono di essere la prossima rivoluzione del nuovo suono elettronico, il francese Christophe Monier (già nel progetto Impulsion) e il greco-canadese George Issakidis: il singolo The Jag, nella scorsa estate, si era già segnalato come sotterraneo capolavoro di acida technohouse, accompagnato da un altrettanto visionario clip firmato da Gregg Araki. Dopo aver rimissato gente come gli Underworld e i Chemical Brothers, il loro nuovo lavoro, in attesa di un album vero e proprio, è da considerarsi un EP, per quanto la durata superi i 40 minuti, ed esplora ulteriormente la strada già tracciata: ritmi distorti, ...


THE METRONOMES/Radio Days

MusicPedia:

THE METRONOMES Radio Days Il titolo, "Radio Days", è quantomai emblematico, perchè i giorni della radio sono soprattutto gli anni '30-'40-'50: fra i quali quelli della guerra, di atrocità e di patetica censura nazi-fascista nei confronti del jazz del nemico americano. Impegnarsi nel far rivivere le spensierate canzoni di quei tempi, ora che abbiamo tagliato il traguardo del duemila, non è operazione da poco, anche se i tre musicisti trevigiani che fra varie collaborazioni di rilievo hanno dato vita al progetto The Metronomes vantano grande passione per il jazz, lo swing e il jump'n'jive Francesco Michielin (voce e kazoo), Carlo Piccoli ...


THE METHODISTS/Cookie

MusicPedia:

THE METHODISTS "Cookie" Ecco un'altra avvincente puntata della serie agognati, dannati e preziosi. Se a volte ci vuole un bel po di pazienza e altrettanta cocciutaggine per riuscire a mettere le mani su un CD regolarmente distribuito quelle doti dei forti sono messe a prova ancora più dura allorchè l'oggetto del desiderio dell'appassionato è un album prodotto, stampato e distribuito privatamente come questo che segna l'esordio dei Methodists. Ma val davvero la pena di mettere in preventivo una ricerca magari lunga e difficoltosa pur di ascoltare ciò che questo quartetto di Seattle ha confezionato nella dozzina di tracce di Cookie certamente tra ...


THE MERCURY PROGRAM/From the Va

MusicPedia:

THE MERCURY PROGRAM From the Vapor of Gasoline Non passerà inosservato il secondo cd dei Mercury Program di Gainesville, Florida. Il loro esordio su Boxcar aveva fatto gridare al miracolo troppo frettolosamente mentre ora possono candidarsi a definitiva promessa di un certo suono post. Un po' June of '44, un po' Tortoise infatti i nostri tirano fuori 10 pezzi "eleganti" e dinamici al tempo stesso, professano una matematica abile e opinabile, e in un jazz bar questa musica vale più del contenuto dei bicchieri. L'emozione subatomica di "Every Particle Of The Atmosphere" (il pezzo migliore del disco), l'atmosfera di "The Sea ...


THE MEN THEY COULDN'T HANG

MusicPedia:

THE MEN THEY COULDN'T HANG NEVER BORN TO FOLLOW Rispetto ad altre band scaturite dalle brume londinesi degli anni '80, i The Men They Couldn't Hang conservano una solarità e un'impeto vitale davvero inossidabili. Si stenta a credere che dischi come Silver Town o How Green Is Your Valley abbiano ormai varcato la soglia dei dieci anni, tanto risultano attuali e disseminati di spunti preziosi per qualunque giovane rock band. Forti di una notevole e lunga esperienza e di un talento tanto brillante e innovativo quanto ammantato di semplicità, i The Men They Couldn't Hang hanno realizzato un nuovo album che certamente ...


THE MELVINS/Electroretard

MusicPedia:

THE MELVINS/Electroretard I Melvins non si sono certo eclissati con il crollo dell'impero grunge, del quale furono unanimamente riconosciuti pionieri, ed il loro ruolo seminale resta d'attualità, tant'è vero che legioni di oltranzisti heavy psych continuano a citarne la lezione. Non è un caso che il drummer Dale Crover sia anche il leader dei 'pesi massimi' southern stoner Altamont, e che abbia prodotto il doom abissale degli Acid King, allucinata creatura della moglie Lori. Ed oggi, il trio degli inossidabili King Buzzo, Dale & Kevin irrompe nel 2001 con un nuovo album per la Man's Ruin, "Electroretard": si tratta di una ...


THE MEKONS

MusicPedia:

THE MEKONS "Me" John Langford alla riscossa: resosi conto che i suoi Mekons come gruppo di rock'and'roll possono soltanto aspirare a una parte da comparsa nel panorama americano, ha deciso di reinventarli in vesti più tecnologiche. Potremmo chiamarlo l'effetto Chumbavamba. Il disco è doppio, a testimonianza delle ambizioni di quest'uomo così prolifico. Enter the Lists pasticcia con i campionamenti, le drum-machine e le tastiere elettroniche, alla ricerca del sound alla moda. Il falso raga di "Narrative" e il falso hare Krishna di "Come and Have a Go" rinnovano semplicemente il loro sound di sempre all'insegna di queste coordinate. Ci sono le ...


The Mayfield Four/Fallout

MusicPedia:

The Mayfield Four "Fallout" Preceduto da un minaccioso riverbero elettronico, un brano come Shuddershell sembra finalmente annunciare una nuova alba per l'intero rock di Seattle. O di ciò che ne è rimasto. Il brano inaugura l'album d'esordio dei Mayfield Four, nuova sensazione proveniente da Spokane, Washington, ma seattleiana d'adozione, su cui molti sembrano disposti a scommettere. Inoltrandoci nell'ascolto, purtroppo, questo brillante inizio rimarrà solo un'estemporanea promessa. I Mayfield Four sono effettivamente un ottimo gruppo, ma sembrano troppo sfruttare la scia dei Pearl Jam, a tratti copiandone spudoratamente lo stile, più che innovarlo tout court. Episodi come 13/41 sono lì a mostrarlo ...


THE MAKERS/Rock Star God

MusicPedia:

THE MAKERS Rock Star God Dai profondi abissi del puro midsixties garage punk americano stile Gravedigger Five a un formato rock and roll classicamente rollingstoniano: questo è stato il tragitto dei Makers. Il cui punto d'arrivo e oggi il nuovo lavoro "Rock Star God", un album denso e vario, composto di quindici canzoni molto curate e estremamente ben arrangiate. Classiche canzoni di rock and roll. Che, purtuttavia, lasciano dietro di sé un'impressione di non compiutezza o, per meglio dire, di una vuota aulicità tipica di quei gruppi che, in questi anni, hanno tentato, in Inghilterra, di rifare il rock and roll, ...


The Makers

MusicPedia:

The Makers Psycopathia Sexualis Estrus Se non siete ancora riusciti a trovare nessun gruppo per il vostro lounge core party di fine millennio beh, allora provate a sentire se gli americani Makers sono liberi per la serata, perchè posso garantirvi che non troverete molto di meglio in circolazione. Psycopathia Sexualis, è solo l'ultima, e forse la più esplosiva, di tante uscite per la band che si presenta come un compatto ensemble dedito a far rivivere lo spirito dei Sonics o dei Music Machine (a proposito: qualcuno avrebbe un centone e mezzo da prestarmi per la riedizione di Nuggets?) con l'impatto del lo-fi ...


THE MAGNETS

MusicPedia:

THE MAGNETS Mike, Steve, Andy, Colin, James, Nic. Sei ragazzi, sei voci, senza bagaglio. Stupiscono il pubblico con una miscela di pop, funk e soul. The Magnets sono un gruppo a cappella con tutte le caratteristiche di una band al top: una sezione ritmica pulsante, le armonie più morbide e carismatici cantanti. In poco tempo, sono diventati la pop band vocale più famosa del Regno Unito: sono intelligenti, sanno comporre frasi complete e, cosa ancora più rara, sanno cantare... Andy Frost, l'incredibile percussionista vocale del gruppo, intesse complesse trame ritmiche con la bocca, dando così ai Magnets il loro caratteristico sound ...


The Magick Brother

MusicPedia:

The Magick Brother/Daevid Allen (Australia/UK). Trio che ruota attorno alla storica figura del cantante chitarrista Daevid Allen, meglio identificato alla testa del gruppo Gong. Con lui il polistrumentista Mark Robson ed il violinista Graham Clark. Musica indefinita che affonda le origini nella cultura degli anni '70, libera da ogni etichetta. I tre promettono grandi concerti.


THE MAGIC MAGICIANS/Girls

MusicPedia:

THE MAGIC MAGICIANS Girls Marc Bolan, i Beatles David Bowie e ancora i Big Star e Frank Black a infiltrarsi in quella che in pratica è una rivisitazione di certo rock inglese d'annata. Musica che si sviluppa attraverso pop songs e brani indolenziti tra un tocco di glam da una parte e un sospiro soul dall'altra. I Magic Magicians sono il progetto di John Atkins dei 764-Hero e di Joe Plummer (che già abbiamo trovato nei Black Heart Procession): a prescindere dai nomi in campo il disco mi sembra sì piacevole ma anche abbastanza trascurabile.


The Machine

MusicPedia:

In pieno revival fantascientifico, oltre alla riedizione della trilogia di “Guerre Stellari”, c’è chi dice di trarre ispirazione da tali film per comporre musica, non solo idealmente, ma anche materialmente, estrapolando alcuni sampler; è questo il caso dei The Machine, che intitolano l’album “Sound Wars” (Energy\Audioglobe). Il discorso ideologico regge fino a un certo punto, dal momento che il sound, pur presentando spunti electro-ambient simil spaziali, offre non pochi frangenti in cui pare di essere al Cocoricò e non dentro un’astronave!


THE LUNE/Blameless

MusicPedia:

THE LUNE "Blameless" Per chi ancora non lo sapesse The Lune è il gruppo in cui si cimenta alla tromba il bassista dei Karate, Jeff Goddard. Affinità tra le due band: zero. Sì perché questa pittoresca formazione di sette elementi trova la sua ragion d'essere nel viscerale amore per la old time music. La I Saw The Light di Hank Williams (unica cover del lotto, nonostante le apparenze) è il termometro di ciò che si respira in queste dodici tracce. "Blameless" (terzo album dopo "On The Cutting Room Floor" e "Sill", su Aesthetics) ha il sapore antico di feste popolari, un ...


THE LUNE

MusicPedia:

THE LUNE Sill On The Cutting Room Floor La Aesthetics di Chicago si presenta al grande pubblico con tre titoli che riconciliano con il rock indipendente americano. Iniziamo con The Lune, trio di Boston formatosi nel 1990 per iniziativa di quel Jeff Goddard che i più attenti conoscitori della scena indipendente a stelle e strisce non tarderanno a ricordare con i Karate. Potrà sembrare strano ma sono davvero pochi i punti di contatto tra i due album. Sill, neanche venti minuti registrati nell'aprile del 1997 ai Fort Apache Studios di Cambridge, evidenzia il lato più elettrico e vigoroso del gruppo: gli strumentali sono ...


The Lounge Lizards

MusicPedia:

The Lounge Lizards "Queen Of All Ears" Cerco la scheda di John Lurie, per vedere se rimedio una discografia dei Lounge Lizards, sulla poderosa Trouser Press Guide To '9Os Rock e non la trovo. Un po' mi consolo. Evidentemente non sono l'unico che ha smesso di seguire la compagine newyorkese dopo che nel 1981 consegnò alle stampe l'omonimo, sensazionale debutto, il migliore prodotto della no wave più prossima (a parte i rumorosi deliri di Arto Lindsay) all'ortodossia jazz. Chissà perchè. Chissà cosa mi sono perso. Come avverte con giustificato orgoglio il nome dell'etichetta, è musica "strana e bella" ciò che offre ...


THE LOTHARS/Oscillate My Metall

MusicPedia:

THE LOTHARS Oscillate My Metallic Sonatas L'uso del theremin nella psichedelia non è rarissimo, ma un quintetto che ad uno strumento armonico affianchi ben quattro di questi buffi oggetti di modernariato musicale non ha davvero precedenti. I Lothars sono tutto ciò, e qualcosa in più: nati dalla mente di Jon Bernhardt, preso forma con l'aiuto di estrosi compagni di strada come gli Abunai! (del gruppo fa tuttora parte Kris Thompson, ma anche Brendan Quinn era nella prima line-up) i Lothars si sono ispirati ad un documentario sulla vita di Leon Theremin, che ha ideato lo strumento costituito da un generatore elettromagnetico ...


THE LOST WEEKEND

MusicPedia:

THE LOST WEEKEND The Lost Weekend è una band ferrarese dedita ad un rock di chiara matrice americana che non sfigurerebbe al confronto di tanti altri nomi di nascita statunitense. Il loro "B-sides" è per alcuni versi un gioiellino al quale mancano solo gli spazi adeguati e una produzione in grado di valorizzare un lavoro che per molti è fuori dal tempo ma che, almeno per il sottoscritto, risulta essere (ancora) attualissimo. Dei dieci episodi, nessuno sembra fuori posto, e se il riff di "(If You Gotta Tell Me Something) Tell Me Now" vi sembrerà uscito dalla penna di Dan Stuart ...


THE LOST PATROL/Songs In The/2

MusicPedia:

THE LOST PATROL Songs In The Key Of Resistance STARTRACKS/AUDIOGLOBE Due cuori, una chitarra e un cubetto di porfido. Dennis Lyxzen dei Refused e dei The (International) Noise Conspiracy remixa di nuovo se stesso e -oplà!- cade in piedi nel progetto Lost Patrol. Canzoni di rivoluzione, quelle vere, quelle a cui serve solo una chitarra per prendere vita e forma, il resto è accessorio. Ma c'è di più. In questo disco c'è l'amore. Amore scoppiato durante una riunione massonica, esploso mentre la Polizia caricava, consumato pure in gattabuia, magari, ma pur sempre amore. E l'amore e la rivoluzione, si sa, fomentano l'utopia. Un ...


THE LOST PATROL/Songs In The Ke

MusicPedia:

THE LOST PATROL Songs In The Key Of Resistance L'ideatore di Lost Patrol è l'ex Refused Dennis Lyxzény men tre i New Amsterdams non sono altro che Matthew Pryor dei Get Up Kids. Il primo, dopo lo scioglimento della sua band principale e dopo i proclami politici dei Make Up-piani International Noise Conspiracy, come un novello Billy Bragg porta i suoi sentimenti in chiave acustica: visti i precedenti la sua è una scommessa in partenza. Del secondo invece possiamo immaginare una certa affidabilità anche in versione 'unplugged'. Presagi e perplessità si materializano. Le perplessità riguardano i Lost Patrol, autori di ...


THE LORDS OF SVEK/Stars

MusicPedia:

THE LORDS OF SVEK Stars La Svek è etichetta house svedese nata in quella scena formata dai Lekebush e dai Beyer Stars è opera freeform assemblata dal supergruppo produttivo della Svek. Dal panorama incantato di Close 2 You di Joel Mull (intrecci melodici celesti e un assetto ritmico che ridà dignità al breakbeat) a Numume di Szerementa Programs, cioè lo stellare Cari Lekebush in uno dei suoi pneumatici affreschi techno-dub. Dai jazzismi di Jesper Dahlback (estratti dai suoi due ultimi 12" per Svek, tra cui quel miraggio davisiano che è Trinidub a nome Brommage) all'Adam Beyer detroitiano del Conceiled Project, di ...


THE LORD WEIRD SLOUGH FEG

MusicPedia:

THE LORD WEIRD SLOUGH FEG "TWILIGHT OF THE IDOLS" EPIC CELTIC METAL da San Francisco. The Lord Weird Slough Feg sono armati di tutti gli elementi migliori dell'EPIC METAL: battaglie sanguinose nei ghiacci nordici, bestiale rabbia barbarica, stregoni maligni ed antichi rituali. Il trio ha già realizzato un debutto auto prodotto ma il nuovo "Twilight Of The Idols" è un capolavoro di vero HEAVY METAL epico dalle influenze irlandesi che raccoglie l‚eredità di Iron Maiden, Manowar, Thin Lizzy, Skyclad, Cirith Ungol, Black Sabbath, Saint Vitus e Manilla Road. L'incredibile copertina è stata realizzata dall' incomparabile Erol Otus delle copertine di Dungeons & Dragons).


THE LOONS/Love's Dead Leaves

MusicPedia:

THE LOONS Love's Dead Leaves In un mondo, quello del rock odierno, fatto di MTV, promozioni pacchiane, contratti miliardari, divismo da quattro soldi e zero contenuti musicali, un personaggio come Mike Stax appare come il classico pesce fuor d'acqua. Purtroppo oggi c'è sempre meno posto per gli entusiasti del rock anni sessanto, per chi considera i Love e gli Outsiders più importanti degli Oasis e dei Blur, per chi si affanna a pubblicizzare sulla proprio fanzine ristampe di Timebox e Game (due cult mod/psychedelic band inglesi degli anni sessanta). Mike è dunque un 'critico', prima che un musicista. Una specie di Lenny ...


THE LONDON COMMUNITY GOSPEL CHO

MusicPedia:

THE LONDON COMMUNITY GOSPEL CHOIR Noto in tutto il mondo per la partecipazione alla colonna sonora del colossal Disney "Il Re Leone", il Coro è stato fondato nel 1982 dal reverendo Bazil Made ed è stato il primo coro gospel da concerto del Regno Unito, annoverando nel suo organico più di 100 membri provenienti da tutti i quartieri di Londra. Hanno collaborato, sia in studio che dal vivo, con artisti del calibro di: Sting, George Michael, Michael Bolton, Diana Ross, Luther Vandross, Elton John, Puff Daddy, Mariah Carey, Blur, Martine McCutheon, Beautiful South, Paths & Small, Gary Barlow e Paul McCartney. ...


THE LIZARDS

MusicPedia:

THE LIZARDS - TRIBUTO ai DOORS Tutto ciò che c’è da ascoltare dei Doors interpretati con autentica passionalità da “The Lizards”, un gruppo che si esibisce con grande successo, da molti anni, sui palcoscenici di tutta Italia.


THE LILYS

MusicPedia:

THE LILYS Un incontro quasi impossibile, quello segnato dallo split-album che mette insieme Lilys ed Aspera Ad Astra per la neonata Tiger Style. Al di là del luogo d'origine (Philadelphia) e di una militanza comune, le band incarnano strade alternative piuttosto diverse. I Lilys hanno fatto una discreta fortuna nel Regno Unito con 'Nanny In Manhattan' per l'immancabile Levi's e si sono destreggiati tra '60s pop inglese e inizi Kraut sui generis: le quattro tracce raccolte nel dischetto arrivano dalla fine del '93 e dall'inizio del '94 e fotografano l'attitudine maggiormente indie-pop della band, aperta a qualche pizzicore obliquo. Tutto ruota ...


THE LILLINGTONES/The Backchanne

MusicPedia:

THE LILLINGTONES "The Backchannel Broadcast" Dono della brevitá anche per i Lillingtones: 24 minuti con 14 tracce di classico Ramones-style. Sicuramente ci sono valanghe di kids che suonano in modo equivalente: questi la loro figura comunque la fanno. "Divertente" é la parola giusta, difficile non battere il tempo su diverse tracce.


The Lightning Seeds /bolli

MusicPedia:

The Lightning Seeds - Like You Do... Best Of LS (Epic) Emeriti carneadi sul nostro suolo, i LS sono stati formati dieci anni fa a Liverpool da Ian Broudie, che fu anche la mente di uno dei gruppi la cui diaspora generò più piante di ogni altra nel gran campo del punk-e-correlazioni: i Big In Japan (Drummond nei KLF, Budgie nei Banshees, Johnson nei FGT Hollywood). Con la band attuale, il cantante-chitarrista è andato alla ricerca del pop perfetto ed ha confezionato una serie nutrita di quadretti dagli angoli smussati, di facile digeribilità (in UK vendono più che bene) ma che, ...


THE LEVELLERS/One Way Of Life

MusicPedia:

THE LEVELLERS One Way Of Life (Best Of The Levellers) (China) Duri e puri, i Levellers da Brighton sono andati avanti per la loro strada fatta di militanza eco-politica per un’intera decade ed ora presentano la propria tesina agli esami della vita. Notissimi in patria, di cui sono tipici figli, hanno sempre stentato ad avere un buon seguito qui da noi nonostante possano vantare uno dei fan club meglio gestiti e pulsante di sana passione (On The Fiddle c/o Roberto Lo Faro, C.P. 26, 10030 Torre Balfredo, TO). Eppure è strano, perché le ballate in stile folksy, i brani più duri contrappuntati ...


THE LETTER E/n.5ive Long Player

MusicPedia:

THE LETTER E n. 5ive Long Player The Letter E è il nome dell'ennesimo sotto-progetto, puramente strumentale, di alcuni tra i padri del postrock americano. Alla guida ci sono Sean Meadows, dei June Of 44, e Curtis Harvey, dei Rex. Le loro chitarre si scontrano morbidamente, si avvolgono le une sulle altre, per una musica che, vive del dialogo orizzontale tra gli strumenti, piuttosto che dell'effetto della loro sovrapposizione. Il disco - che fa seguito a un recente EP d'esordio - si apre sulla splendida "Alushta", con le due chitarre che oscillano tra arpeggio country-eggiante e scala jazz: uno scontro tra ...


THE LEGENDARY PINK DOTS/A Perf

MusicPedia:

THE LEGENDARY PINK DOTS ‘A Perfect Mystery’ (Caciocavallo/Demos) Uscite a raffica per i Legendary Pink Dots e per la Caciocavallo (nuova sub label di casa Soleilmoon), che si occuperà di rimettere sul mercato una decina di titoli della band di Edward Ka-Spel (qui accreditato come Qa’Sepel: vox inhumana). Per intanto la formazione anglo/olandese ci rinfresca la memoria con un nuovo disco (non chiedetemi a che numero siamo giunti, perché onestamente non saprei dirvelo). Chi dubitava di trovarsi al cospetto di un riempitivo qualsiasi, giusto per timbrare il cartellino anche nell’anno 2000, verrà prontamente smentito dalle dieci composizioni di ‘A Perfect Mystery’, che ...


THE LAWRENCE ARMS/Ghost Stories

MusicPedia:

THE LAWRENCE ARMS Ghost Stories Dalle ceneri dei Broadways sono nati istantaneamente un paio di gruppi: gli Honor System e questi Lawrence Arms, che con "Ghost Stories" sono giunti al loro secondo album. Si potrebbe parlare di una prosecuzione della specie dal punto di vista delle influenze se non altro che questa volta le cose funzionano a dovere. Le canzoni traccia dopo traccia convincono sempre di più, scoppiettanti e tenaci come nella migliore tradizione emo-punk. Il finale acustico in queste situazioni poi è l'apoteosi. Un bel disco 'complementare'.


The Law & Auder Assembly

MusicPedia:

VARIOUS The Law & Auder Assembly Law & Auder/CD (UK) In contrasto coll'abitudine di questa etichetta che usa organizzare raccolte in serie di eclettismi (vedi "Avantgardism" e "Miminalism") qui assembla 6 brani di accessibili ritmi elettronici tra drum'n'bass, trip hop e digital dub. Perfetto nell'introdurci agli innovativi del dopodomani.


THE LAW

MusicPedia:

THE LAW Da Roma. Gruppo di recente formazione tra le cui fila militano membri di altri gruppi come Cosmonauti, Bingo, Ufo Diktators, Sciacalli. Il modello sonoro parte dal punk-minore americano anni '70 (Pagans, Lewd, Germs). Prossimamente vedrà l'uscita un 45 giri per la Hate/Rec, ed un LP per l'estate 2000.


The Last Days Of Disco

MusicPedia:

Innanzitutto "The Last Days Of Disco", terzo lungometraggio del regista statunitense Whit Stillman, che insieme ai precedenti "Metropolitan" e "Barcelona" forma una trilogia dedicata all'amore fra i ventenni e al passaggio dalla prima giovinezza alla maturità. Il film è una efficace e ben congegnata commedia amara di carattere corale (presenta diversi personaggi i cui percorsi s'intrecciano dinamicamente) ambientata a New York nei primi anni '80, all'epoca degli ultimi splendori e quindi del tramonto della disco music. Al centro del racconto troviamo due ragazze appena diplomate al College e giunte a Manhattan per tentare di realizzarsi nella sfera professionale e il ...


THE LAPSE/Heaven Ain’t Happenin

MusicPedia:

THE LAPSE “Heaven Ain’t Happenin’” (Southern/Wide) Sarei portato a definire “Heaven Ain’t Happenin’” come un disco per immagini emozionali, poiché l’album apre ampi spazi mentali nella testa dell’ascoltatore, che si confronta con canzoni che penetrano nel cervello prima e finiscono poi per conficcarsi là dove la leggenda vuole che nascano e muoiano i sentimenti, ovvero il cuore (inteso in senso metafisico). Già con il precedente “Betrayal!”, Chris Leo (ex Native Nod) e Toko Yasuda (ex Blonde Redhead), ovvero metà dei disciolti Van Pelt, avevano dimostrato di sapere degnamente proseguire e portare a maturazione un discorso interrottosi con la fine dei Van ...


THE LAPSE/Heaven Ain't Happenin

MusicPedia:

THE LAPSE Heaven Ain't Happenin' (CD Southern) É logico accostare i Lapse ai Van Pelt dato che i primi sono la naturale continuazione dei secondi. Tale abbinamento non deve però diventare un riferimento scontato. Intanto i legami con il passato si recidono a partire dall'etichetta, la Gern Blandsten, che aveva segnato tutta la loro carriera. Sul versante musicale diciamo che quell'eredità viene mantenuta (non potrebbe essere altrimenti) ma questa volta è giunto il momento di tenere le due entità ben separate. Heaven Ain't Happenin' è un disco dei Lapse, ossia Chris Leo (voce/chitarra) e Toko Yasuda (voce/basso), non una specie di ...


The Lapse/Heaven Ain't Happen

MusicPedia:

The Lapse Heaven Ain't Happening Southern Era molto atteso questo secondo album dei The Lapse dopo il promettente esordio della scorsa stagione che aveva messo in risalto ottime qualità compositive all'insegna di un post punk molto emotivo e coinvolgente. Non poteva essere altrimenti, d'altro canto, visti i gloriosi trascorsi di gran parte dei componenti del gruppo; Chris Leo ha fatto parte infatti degli ormai storici Van Pelt, insieme alla nippo-americana Toko Yasuda, bassista anche nella prima formazione dei Blonde Redhead. E' proprio al torturato sound dei gemelli Pace e della bella Kazu Mikuno sembrano rifarsi le artmosfere di ...


The Lapse/Betrayal

MusicPedia:

The Lapse Betrayal ! (Gern Blandsten) Prendete due membri dei Van Pelt ed uno dei Rye Coalition;aggiungete un suono che sta da qualche parte tra gli ultimi Blonde Redhead, il Pop Group, i Gang Of Four e i Devo; riempite con testi al vetriolo ai limiti del cinismo ('La gente non si farebbe se l'eroina non fosse buona' è un titolo scelto a caso); shakerate bene ed verrà fuori qualcosa che assomiglia molto da vicino a questo Betrayal! esordio sulla lunga distanza per The Lapse progetto collaterale di Chris Leo (Van Pelt,Native Nod), Toko Yasuda (Van Pelt, Ex Blonde Redhead) e Dave ...


THE LAPSE

MusicPedia:

THE LAPSE "Betrayval" La notizia del probabile scioglimento dei Van Pelt ha gettato nello sconforto più d'un ascoltatore abituato a frequentare i sotterranei statunitensi. Specie se si considera che con la sola forza di chitarra, basso e batteria i sultani del sentimento hanno pubblicato alcune fra le più struggenti canzoni degli ultimi anni. Viene in mente l'indimenticabile singolo The Speeding Train, riproposto ora in chiave acustica in Betrayval! Debutto dei Lapse, praticamente metà esatta dei Van Pelt: il cantante/chitarrista Chris Leo e la bassista Toko Yasuda. Un gran bel disco, logica emanazione del gruppo d'origine: se i suoni si sono fatti più ...


The Lanterns/It’s not thursday

MusicPedia:

The Lanterns - “It’s not thursday every day” - mini Cd (Columbia rec.). Terzo singolo per questo trio di Edinburgo. La canzonicina è solare, le ritmiche sono alla moda, e la cantante sembra pulzella carinissima (se ci si può basare su un timbro vocale). Beninteso, non vale le dieci-dodicimila lire che vi spara il vostro negoziante. Anche perchè domani avremo altri tre o quattrocento Lanterns da passare al setaccio.


THE LAND OF NOD/Translucent

MusicPedia:

THE LAND OF NOD Translucent (Ochre Quanto aveva ragione Henry Kaiser nell’intitolare, molti anni fa, un suo disco con il gioco di parole “chi conosce il passato è condannato a ripeterlo”: il post-rock esploso qualche anno fa si era studiato a memoria gli stilemi del rock d’avanguardia (specie tedesco) degli anni 70; per non parlare dei periodici (in pratica costanti, dagli anni 80 in poi) recuperi della psichedelia dei 60. Metteremo a confronto perciò in questo spazio gruppi nuovi e ristampe di storici dischi degli anni 70: difficile dire, se non per fattori timbrici (spesso uno dei fattori di “finta” evoluzione del ...


THE LAND OF NOD/Timeless Point

MusicPedia:

THE LAND OF NOD Timeless Point Tornano i Land Of Nod ad infiammare le frequenze Ochre di iridescenze diafane e notturne, dopo che all'album di esordio "Translucent", per la stessa etichetta gallese, aveva fatto seguito una sequela consistente di singoli e brani sparsi su raccolte varie "Timeless Point" contiene in effetti un paio di episodi già noti (il singolo "Masaki", forse un omaggio al leader dei Ghost visto il crescendo sferzante di ritmi che conclude una meditazione molto atmosferica, una sorta di psichedelia zen; e la poetica "Noose Of Ice", in bella mostra sulla raccolta "271199" e qui posta a simmetrica ...


THE LADYTRON/The Ladytron

MusicPedia:

THE LADYTRON The Ladytron I Ladytron fanno parte della misconoscluta famiglia di gruppi Shimmy Disc, etichetta ultra underground newyorchese gestita dal "pazzo" Kramer. Il progetto è semplice: produrre tutta la musica americana più trasgressiva sul versante noise psichedelico. The Ladytron appare come un bel lavoro di psichedelia melodica affine all'area denominata Elephant Six (Apples In Stereo, Olivia Tremor Control, etc...) e, in secondo luogo, per l'impronta tipicamente zappiana che ogni estimatore d'annata saprà riconoscere. Se siete attratti da quella tendenza vagamente epica di mettere in scena certa musica acida (pensate agli ultimi Mercury Rev e ai Flaming Lips), qui troverete senz'altro ...


THE LADYBUG TRANSISTOR

MusicPedia:

THE LADYBUG TRANSISTOR The Albemarle Sound Terzo album, il secondo su Merge, per quello che è uno dei migliori gruppi pop americani. Da Brooklin, New York, i Ladybug Transistor (due ragazzi e due ragazze) sono depositari di un suono che, in chiave essenziale e per certi versi sorprendentemente low-fi, deve tantissimo al pop orchestrale della fine degli anni Sessanta. Infatuati da una visione inglese e demodé del pop, i Ladybug Transistor pubblicano un piccolo capolavoro di dolcezza e romanticismo pop a bassa fedeltà. I momenti migliori dell'album colpiscono per la loro struggente ed immediata raffinatezza; "Today Knows" (già uscita come singolo la ...


THE LA'S/Breakloose- Lost La's

MusicPedia:

THE LA'S Breakloose- Lost La's 1984-1986 Non si tratta di una ristampa di vecchio materiale, bensì della riesumazione dei primi provini di una band atipica nel panorama delle pop eighties britanniche, sia nel suono, molto più legato ai '60 che non alla generazione del dopo Smiths, che nella limitata prolificità discografica: un unico album, per quanto importante, uscito solo nel '90, e un unico grosso hit, There She Goes, oggi rimesso a nuovo da quel gruppetto insopportabile che è Six Pence None The Richer. L'opportunità di questa pubblicazione (ispirata dalla suddetta cover?) è tutta da scoprire: certo il materiale qui ...


THE KOVENANT/Animatronic

MusicPedia:

THE KOVENANT "Animatronic" E' un luogo comune considerare che l'heavy metal tenda a fossilizzarsi in formule collaudate, ma spesso i fatti smentiscono questa abusata teoria. Prendete il caso dei norvegesi Covenant: dopo l'album d'esordio realizzato con mezzi irrisori, "In Times Before The Light", esplodevano letteralmente con il successivo "Nexus Polaris" (1998), eletto fra i classici assoluti del black metal d'atmosfera, alla stessa stregua delle principali opere di Cradle Of Filth, Arcturus, Dimmu Borgir, Emperor... E siccome "Nexus Polaris" veniva addirittura premiato come miglior album rock dell'anno (l'equivalente di un Grammy) nel proprio Paese, era assolutamente lecito che i Covenant non cambiassero lo ...


THE KOVENANT

MusicPedia:

THE KOVENANT Direttamente dalla Norvegia, arriva il nuovo trionfante black blood-metal! E' il 1992, quando Lex Icon (voce e chitarra, ribattezzato Nagash) e Psy Coma (basso, ribattezzato Blackheart) uniscono per la prima volta le forze in una band. L'idea è quella di esprimere il loro comune senso di ribellione all'ignoranza, ai tabù e alle illusioni utopiche della società moderna. Scelgono il nome The Kovenant, Il Patto, per forgiare la forza della loro alleanza votata ad esplorare la vocazione più cupa dell'arte. La band sceglie da subito di decorarsi in concerto, come nei video e durante le session fotografiche, con il classico ...


THE KOSMIK KOMMANDO/Laptop Danc

MusicPedia:

THE KOSMIK KOMMANDO/Laptop Dancing Dietro al moniker Kosmik Kommando c'è Mike Dred, sottovalutato produttore techno, creatore di memorabili pagine acid. In Laptop Dancing Dred offre un lato meno estremo rispetto alla urticante natura di cose prodotte in passato come il progetto Universal Indicator. Il disco vive di un suono electro inquieto che cita l'old-skool riuscendo però a suonare fresco e innovativo. Se da una parte viene rievocato tutto l'immaginario stradale della breakdance e dei primi beats robotici che la electro ha introdotto all'inizio degli anni Ottanta, d'altro canto i pezzi riescono a decontestualizzare lo stesso retroterra citato mutando i propri ...


The Klezmatics

MusicPedia:

The Klezmatics (USA) I suoni e i ritmi delle melodie tradizionali hassidiche contaminati con le musiche e i rumori del jazz, del rock, dello hip-hop. Il risorgimento dalle ceneri della musica klezmer nell'interpretazione del più celebre e innovativo gruppo di oggi.


The Killer

MusicPedia:

“The Killer” di John Woo (realizzato nell’89 ma arrivato solo ora nelle nostre sale, è il film più rappresentativo della new wave del cinema di Hong Kong. Ispirato liberamente a “Frank Costello faccia d’angelo” di Jean-Pierre Melville, ha rivelato a tutto il mondo il talento di John Woo, regista estroso e imprevedibile approdato recentemente ad Hollywood, dove ha diretto il suo ultimo, splendido film, “Face Off”. Toni elegiaci ed atmosfere melodrammatiche si fondono in “The Killer” con la feroce brutalità degli scontri a fuoco spinti fino ai limiti del parossismo grazie ad un montaggio vertiginoso e al ritmo implacabile della ...


THE KEITH YAUN QUINTET

MusicPedia:

THE KEITH YAUN QUINTET Countersink Il gruppo del chitarrista Keith Yaun ha tutte le carte in regola per arrivare ad una posizione di preminenza sulla scena della nuova musica americana. I nomi di Mat Maneri e John Lockwood sono ben noti, ma il sax tenore di Nathan Cook può essere una rivelazione. "Countersink" , uscito a fine 1998, è il loro primo Cd.


the K

MusicPedia:

THE K I K suonano a Padova con l'attuale formazione dal Dicembre del 1997. Citati dalla stampa locale come "band rivelazione nella nuova scena rock del Nordest" (Il Mattino), il gruppo comincia da subito a lavorare su pezzi di propria produzione cantati in italiano, affiancando ad essi covers ricercate quali Cherub Rock degli Smashing Pumpkins e Hardly Wait di PJ Harvey. Mano a mano che il repertorio comincia a restringersi ai propri pezzi si delinea uno stile tipico dei K che vede grandi contrasti dinamici a fianco di impercettibili nuances melodiche che conducono l'ascoltatore tra aperture e chiusure, a percepire chiaramente ...


THE JUNKET/Stamina

MusicPedia:

THE JUNKET Stamina "Do they rock hard?". Sì, e non hanno paura d'infiammare le loro chitarre, quando è necessario. La nuova indie "sensation" d'Albione risponde al nome di The Junket. Di loro non abbiamo mai parlato, neanche all'epoca del debut ep "Punk Mickey/The Engine Man" uscito l'anno scorso per la Lime Street records. Ma ora è il momento di rimediare, anche perché il gruppo ha appena dato alle stampe questo nuovo "Stamina", un mini-album su Deceptive records (label fondata dal Dj Steve Lamacq). Magari ricordate che l'etichetta in questione ha tenuto a battesimo gruppi quali Elastica e Placebo ma che, sempre grazie ...


THE JUDAS FACTOR/Kiss Suicide

MusicPedia:

THE JUDAS FACTOR Kiss Suicide Sensibilità, brutalità, evoluzione: questi termini non hanno molto in comune tra loro se non definire l'opera dei newyorkesi Judas Factor. Il loro 'realismo' tocca temi assai delicati, catturati nei momenti più critici attraverso le esplosioni e i drammatici vuoti di uno screaming hc discordante e noisy. Un colpo allo stomaco, ma non è tutto. Il gnuppo dell'ex 108 Rob Fish dimostra una marcia in più sul piano espositivo: questo mini infatti è servito anche a testare gli effetti di un approccio 'elettronico' sulla loro musica. Le basi affidate a Oktopus hanno avuto un ruolo primario soprattutto ...


THE JUBILEE LOVE TRAIN

MusicPedia:

THE JUBILEE LOVE TRAIN Definizione del Webster's Dictionary di "Jubilee": «una stagione di festeggiamenti gioiosi». Abbiamo scelto questo nome sia per il suo significato, sia per la prossimità ad un evento storico. "Love Train" deriva dalle parole di una delle canzoni chiave del nostro repertorio: "gente di tutto il Mondo, teniamoci per mano, prenderemo tutti insieme un treno è il treno dell'amore fraterno". Il nostro treno è composto da quattro cantanti afroamericani d'eccezione. Vivono tutti in Italia da tempo e, insieme alle proprie carriere di cantanti solisti hanno ciascuno un profondo amore e dedizione per la musica gospel. Il nostro treno ...


THE JOYKILLER/2

MusicPedia:

THE JOYKILLER~The Joykiller (Epitaph) Ci troviamo in un ambito più classicamente Epitaph con il ritorno di Jack Grisham, doriginario leader e cantante dei True Sounds Of Liberty il gruppo che forse più di ogni altro ha incarnato lo stereotipo, per altto positivo, della harcore barffilosangelena. Il loro megaclassico Lp "Dance With Me" ha forse definito nella prima metà degli anni ottanta, le carafferistiche di un genere: cori epici, mid tempo alternati da ritmiche *enetiche, melodie emozionanti. Senza i TSOL i gruppi di Oranyge County oggi suonerebbero in maniera molto diversa: gli tnrfspring forse ne sanno qualcosa. Joykillier il nuovo progetto del carismatico ...


THE JONES MACHINE

MusicPedia:

THE JONES MACHINE You're The One (Rephlex) 12"/UK Solo quei pazzi della Rephlex potevano proporre questa versione discotecara d'un brano in PIL-style. Cari sapori retrò per un geniale capolavoro (soprattutto in sonorità acide e malsane). Nel retro, il remix dei Cylob ("I'm The Disco Dancing") coniuga splendidamente la vecchia house col dark. Brrr.


THE JOLLYPOWER/The 7th Crash Fr

MusicPedia:

THE JOLLYPOWER The 7th Crash From Hell Il nuovo rock'n' roll di Hellacopters, Backyard Babies, Gluecifer, non offre suoni elaborati ma sudore e musica d'alta intensità, qualcosa di ben diverso dai 'posers' glam degli anni '80, che pur partendo dalle stesse premesse confezionavano un suono più levigato e commerciale. Anche in Italia esistono proseliti di questo stile, che fra i suoi moventi storici annovera il rhythm'n'blues anfetaminico di Detroit '68 ed il punk rock dei '76; The Jollypower sono sempre stati fra le avanguardie italiane dello 'street rock': concepiti nell'88, sull'onda emotiva della scena 'sleaze' di L.A., hanno tenacemente vissuto la ...


THE JOLLY POWER/The 7th crash f

MusicPedia:

THE JOLLY POWER The 7th crash from hell Un lampo a ciel sereno questo cd degli italiani Jolly Power! . Ma come abbiamo fatto a ignorare per così tanto tempo questa band? Eppure secondo la loro biografia i quattro sono in giro da più di dieci anni... Recuperiamo il tempo perduto dicendo che con questa registrazione si assiste ad un avvicendamento: arriva il nuovo chitarrista Sergy Boy e passa alla voce Bely, precedentemente relegato solo alle quattro corde. Terminate le presentazioni di rito drizzate bene le orecchie ragazzi patiti di Hellacopters, Backyard Babies e i rock-a-rolla: i Jolly Power spaccano i ...


THE JIMMIES/Let The Fat Men Plu

MusicPedia:

THE JIMMIES Let The Fat Men Plunder I Jimmies sono una classica pop punk band di ispirazione sixties ma non suonano esattamente come i Ramones. Alla leggerezza e al disimpegno delle melodie preferiscono abbinare una sostanza per lo più sconosciuta a tante formazioni del settore. Una compattezza e un tiro (trascinanti le progressioni di accordi di "Sweat And Blood" e "Just What I Do") che fanno perfettamente presa con agganci e armonie facili, ma alla fine il gruppo dimostra di cavarsela anche sul 'pulito' (Advantage). Quindi, se propno vogliamo tirare in ballo i Ramones, allora immaginateveli rivisitati dagli Husker Du. Non ...


THE JESUS LIZARD/Bang

MusicPedia:

THE JESUS LIZARD - “Bang” (Touch And Go/Wide) I Jesus Lizard hanno deciso di scrivere la parola fine. Di porre termine a una meravigliosa avventura durata più di dieci anni. Senza dimenticare che in origine David Yow (vocals) e David Vm. Sims (bass) prestavano servizio negli Scratch Acid e Sims pure nei Rapeman (in compagnia di Steve Albini e di un altro ex Scratch Acid, nonché futuro Ministry, ovvero Ray Washam). Reclutato il bassista Duane Denison (proveniente dai Cargo Cult), affidatisi alla produzione di Albini e alle ritmiche di una drum machine, i tre pubblicano il primo EP, “Pure”, per Touch ...


THE JEALOUS SOUND/The Jealous S

MusicPedia:

THE JEALOUS SOUND/The Jealous Sound Esce per la Better Looking l'EP d'esordio di The Jealous Sound, band formata da membri di Knapsack, Ten Foot Pole e Sunday's Best. Il gruppo si presenta con una "What's Wrong Is Everywhere" fatta di strofa con voce quasi sussurrata in stile dEUS (ma non ci sono archi) e tintinnii di tastiera, poi uno (scontato) passaggio a chitarra distorta, e finale arricchito da un po' di disturbi elettronici del Farfisa. Niente che non si sia già sentito a iosa, insomma. Il resto non fornisce note particolarmente positive. Le coordinate restano quelle di un pop inglese nella ...


THE JAYHAWKS/Smile

MusicPedia:

THE JAYHAWKS Smile Non ha giovato al gruppo l'addio di Mark Olson che nel '95 ha deciso di passare più tempo con sua moglie Victoria Williams. Ma i Jayhawks hanno continuato a esistere con il solo Gary Louris a tirare avanti la baracca e, benchè "Sound of lies" non fosse un capolavoro come "Tomorrow the green grass", era comunque un signor disco. I lati deboli innanzitutto la produzione di Bob Ezrin che, essendosi fermato agli anni '70, rende il disco troppo leccato e poi il fatto che a volte si tenti la carta di trovare un singolo da rock FM. Pero ...


The Jayhawks

MusicPedia:

The Jayhawks Morti e risorti nel breve giro di poche settimane: ecco di nuovo i Jayhawks, paladini del rock americano a più schietta e rigorosa denominazione locale. La prova più tangibile che la defezione di Mark Olson, uno dei fondatori della formazione di Minneapolis, non ne ha affatto determinato il definitivo sbandamento è cosa di questi giorni, un album che s'intitola "Sound Of Lies", dodici canzoni che testimoniano in maniera più che significativa la progressiva presa di distanze del gruppo dal suo originale solco country in favore di un gusto pop sempre più marcato e sofisticato. A parlarci di come i ...


THE ISOLATIONIST

MusicPedia:

THE ISOLATIONIST Orators Of Advanced Tought (Jazz Fudge) CD U.K. Per un hip hop da quaresima questo è ill mini album adatto. Viene dal famigerata Anti-Pop Consortium ma raggiunge lo zenit solo quando si combina con i Patterns di Dj Vadim, questo sì uno tosto.


THE INVISIBLE PAIR OF HANDS

MusicPedia:

THE INVISIBLE PAIR OF HANDS Disparation (Cup Of Tea) Dopo l'esordio di Monk & Canatella l'etichetta di Bill Cargill torna a far parlare di sè con una nuova proposta: The Invisible Pair Of Hands. La matrice di Disparation è decisamente trip hop, ma le innumerevoli soluzioni stilistiche rendono l'album ad un primo ascolto felicemente spiazzante. Quasi interamente strumentale, la raccolta si concede tra insolite soluzioni exotiche e azzardi avanguardistici fino ad arrivare a curiose reminescenze trip pop da chansonnier come in La Balancoire O Feu D'Joi. Disparu II risulta invece essere il momento più canatelliano dell'album, mentre Oil, Oil, Oil racchiude ...


THE INSOMNIACS/Get Something Go

MusicPedia:

THE INSOMNIACS Get Something Going! Già all'uscita del loro debut-album del '97 "Out Of It" (pubblicato sempre da Estrus) salutammo gli Insomniacs come una delle più eccitanti garage bands in circolazione. A tre anni da quell'esordio dirompente, il terzetto del New Jersey ritorna più in forma che mai, con una nuova eccellente raccolta di canzoni. "Get Someting Going" segue le orme del disco precedente, incastonando tredici episodi impregnati a fondo di puro Sixties-sound, ma suonati con un approccio assolutamente personale. Forti di un songwriting che unisce alla perfezione garage e mod-sound, gli Insomniacs hanno trovato la formula ideale per coniugare episodi ...


THE INFESTICONS/Gun Hill Road

MusicPedia:

THE INFESTICONS Gun Hill Road Una battaglia nelle strade di New York, protagonisti Infesticons contro Majesticons, automi il cui scopo è rubare il mondo della realtà. Questo il tema di Gun Hill Road, straniante a partire dalle premesse, immaginatevi poi la musica. Un corpo hip hop che funge da canovaccio, a volte musica rapidamente percepibile, altre solo un pretesto. Mike Ladd è Infesticon #0, supportato da El-P (Company Flow), Saul Williams, Sonic Sum e quel collettivo distruttivo e particolare che è 1'Anti Pop Consortium.. Fondali elettrici, battute ridotte al minimo, ogni canzone un tema. "Cave", hip hop e voci da messa ...


THE INCITERS/Doing Fine

MusicPedia:

THE INCITERS Doing Fine Una vera fabbrica della soul motion quella degli Inciters, undici elementi devoti al verbo Stax/ Motown. Provenienti da San Francisco ed autori di un dancefloor altamente suggestivo di northerrn soul e rhythm'n'blues, gli Inciters detengono un seguito decisamente cult negli States, in cui figurano anche numerosi revivalisti del verbo Mod. Tre signore cantanti ed un uomo per il fronte del palco, il resto è articolato tra due ottoni (tromba e trombone), due ance (sax tenore e baritono) ed i ritmi (chitarra, basso, batteria), e nei tredici brani dell'opera vengono alla mente, Adjusters, Commitments, Pietasters tra gli altri. ...


THE INCIDENTS/Check Please ?ok?

MusicPedia:

THE INCIDENTS Check Please Di altro tenore è la proposta degli Influents, arrivati al primo disco per l'Adeline di Billie Joe Armstrong. Proprio il cantato incredibilmente (ma proprio tanto) uguale a quello del vocalist dei Green Day, li potrebbe rendere, al primo ascolto, simili all'ennesima versione karaoke del "giorno verde". Cheak Please però, alla fine è un buon lavoro e certi riferimenti a Promise Ring e Alkaline Trio, ve li potrebbero far tornare utili in più di un'occasione. Magari per un lungo viaggio in macchina con la mamma...


The INC/Survival Sickness

MusicPedia:

The INC Survival Sickness Burning Heart L'infervorato sermone gospel punk dei Make Up sembra aver folgorato, tra gli altri anche cinque ragazzi svedesi, alcuni dei quali facenti parte della hardcore band Refused, spingendoli a levare gli scudi contro la noia della vita quotidiana sotto lo stendardo del soul punk. Gli INC (che, detto per inciso sta per International Noise Conspiracy) si vestono come i Make Up si ispirano allo stesso immaginario beat/situazionista e marxista e suonano una miscela di gospel, garage e soul assai simile a quella proposta dal gruppo di Ian Svenonious. Laddove i Make Up ...


THE IMMORTAL LEE COUNTY KILLERS

MusicPedia:

THE IMMORTAL LEE COUNTY KILLERS "The Essential Fucked Up Blues!" Chetley 'Cheetah' Weise alla chitarra, voce e armonica; Doug The Boss' Sherrard alla batteria. Provenienza: Aubum, Alabama. Segni particolari: veleno blues nelle vene. Più precisamente gli Immortal Lee County Killers sono autori di un delta punk fragoroso, spiritato, triviale e chi più ne ha più ne metta. Una two men band del genere porterebbe subito a pensare agli indimenticabili Doo Rag o ai Bassholes spesso invece il nome che più si addice ai paragoni è quello del Jon Spencer perduto e poi ritrovato presso il celeberrimo crocicchio con un collo di ...


THE ILL SAINT/Presents Subterra

MusicPedia:

THE ILL SAINT Presents Subterranenan Hitz Vol. 3 Wordsound di nuovo all'opera con una eccellente raccolta. Brillanti i pezzi strumentali, pacati e incisivi, a volte sfiorano l'abstract hip hop, altre sperimentano a fondo, vedi le tracce Sayyid, Mr Law e Mental Nomad. Quest'ultimo poi crea un pezzo straniante e complesso come Sensationz Of The Mind, che quasi mette a disagio. Ma i pezzi con i vocals non sono da meno agli Outer Spave la palma dei migliori con archi sospesi e rapping di primo livello. L'underground puro e vincente, il corrispettivo hip hop dell'illbient.


THE HOUSE OF ILL REPUTE

MusicPedia:

AA.VV. THE HOUSE OF ILL REPUTE KICKIN'/W&B "The House of Ill Repute" é una delle migliori compilation tech house che ho avuto modo di ascoltare negli ultimi mesi. Mixata abilmente da uno dei nomi nuovi della scena underground britannica (Murray Richardson), la compilation presenta il meglio in fatto di nuove sonorità per il dancefloor. Il mixing di Richardson è tosto e raffinato al contempo, il suo sound spinge, ricco com'é di sub bass grassi e nodosi e di inserti vocali che entrano ed escono con perfetto sincronismo. La track list presenta alcuni dei migliori titoli/artisti degli ultimi mesi, dagli Inland Knights ai Da ...


the house jack

MusicPedia:

the house jack Questo straordinario quintetto proviene da San Francisco. Il loro rock a cappella, fatto di batteria e basso vocale, è incredibile. Viaggiano tra composizioni originali e note covers di funk, rock, R&B, soul e gospel. Hanno diviso il palco con JAMES BROWN, RAY CHARLES, CROSBY STILL NASH & YOUNG. E' il primo gruppo al mondo ad avere inserito nel suo organico una batteria vocale. Conosciuti come la rock-band senza strumenti. Sono in Italia per la prima volta dove lasceranno certamente un segno.


THE HORRORS/The Horrors

MusicPedia:

THE HORRORS The Horrors Psychobilly dissestato e purulento quello della giovane band chiamata The Horrors, un trio (due chitarre ed una batteria) proveniente da Cedar Rapids nell'Iowa che mostra affinità sia con il rock 'n roll dissonante dei Cramps che col "garage" distorto degli Oblivians. L'album presenta tutte le componenti consuetudinarie di certo "low-fi" che pone in evidenza le parentele con la musica della "tradizione" americana (il blues ed il rock degli anni '50) suono in costante saturazione, voce sbraitata nel microfono e batteria pestata a sangue. Nulla che non sia già stato avvistato dalle parti dei Pussy Galore o della ...


THE HORMONAUTS

MusicPedia:

THE HORMONAUTS (ROCKABILLY) Serata rockabilly con sul palco gli Hormonauts, una mistura di tutte le esperienze dei suoi componenti. Suonano del rockabilly imbastardito con mille contaminazioni. Molti dei pezzi in repertorio sono di loro composizione ed un CD interamente autoprodotto sta per uscire. Fondati un anno fa dal pirotecnico scozzese Andy McFarlane di trent’anni che ha iniziato a suonare giovanissimo il trombone, sono composti dal bravissimo contrabbassista Alesdsandro Sasso Battaglia e dal batterista Paolo Peddis ex componenti dei Rebel Cats. Presenteranno in anteprima il loro nuovo CD di prossima uscita!!!


THE HORIZONTAL KRU/2

MusicPedia:

THE HORIZONTAL KRU. Come un flusso di vita parallelo al normale svolgersi della vita nelle strade e nelle piazze di Milano, la Horizontal Kru (Steve D, Mauro S, Ailén e Pandaj) anima da un paio d'anni la vita "sotterranea" della metropoli meneghina con i suoni piu' elaborati e "avanti" che sia possibile ascoltare. Drum'n'bass, new-electronica, post-lounge. tutto fa gioco alla Kru che ha accompagnato le esibizioni milanesi di (fra gli altri) Goldie, Public Enemy e Rainer Truby.


THE HORIZONTAL KRU

MusicPedia:

THE HORIZONTAL KRU Come un flusso di vita parallelo al normale svolgersi della vita nelle strade e nelle piazze di Milano, la Horizontal Kru (Steve D, Mauro S, Ailén e Pandaj) anima da un paio d'anni la vita "sotterranea" della metropoli meneghina con i suoni piu' elaborati e "avanti" che sia possibile ascoltare. Drum'n'bass, new-electronica, post-lounge. tutto fa gioco alla Kru che ha accompagnato le esibizioni milanesi di (fra gli altri) Goldie, Public Enemy e Rainer Truby.


THE HORIZONTAL CREW

MusicPedia:

THE HORIZONTAL CREW Come un flusso di vita parallelo al normale svolgersi della vita nelle strade e nelle piazze di Milano, la Horizontal Crew (Steve D, Mauro S, Ailén e Pandaj) anima da un paio d'anni la vita "sotterranea" della metropoli meneghina con i suoni piu' elaborati e "avanti" che sia possibile ascoltare. Drum'n'bass, new-electronica, post-lounge. tutto fa gioco alla Crew che ha accompagnato le esibizioni milanesi di (fra gli altri) Goldie, Public Enemy e Rainer Truby.


The Hope Blister/Smile's OK

MusicPedia:

The Hope Blister ... Smile's OK C'è ancora spazio nell'epoca della drum'n'bass e dei Marilyn Manson per un progetto e un suono targati This Mortal Coil? Negli Stati Uniti, dove hanno scoperto il dark con oltre tre lustri di ritardo (sfogliate "Alternative Press" e stupitevi), probabilmente sì. Aveva capito bene in che direzione avrebbe soffiato il vento Ivo Watts-Russell, il boss della 4AD, quando cinque anni or sono si trasferì da Londra a Los Angeles. Su questa sponda dell'Atlantico ...Smile's OK non andrà oltre lo status di disco "di culto". Sull'altra, chissà... Gruppo vero e proprio ove i This Mortal Coil non ...


THE HOOKERS/Blood Over Germany

MusicPedia:

THE HOOKERS ‘Blood Over Germany - Live’ (I Used To Fuck People Like You In Prison/Sound Machine) Forse esiste una via credibile per la realizzazione delle note stampa allegate ai dischi: farle scrivere da altri musicisti! È quello che accade con i The Hookers, che vengono appassionatamente, e con cognizione di causa, elogiati da Jeff Clayton degli Antiseen, il quale riesce pure a coniare una definizione che devo a ogni costo riportarvi: “ass kickin’, throat cuttin’, geek stompin’, hair swingin’, guitar smashin’, satan worshipin’ rock’n’roll”!!! Dopo un fuoco di fila simile, penso sia chiaro in quale contesto si muovesse la band del ...


THE HONOR SYSTEM/Single File

MusicPedia:

THE HONOR SYSTEM Single File Due ex Broadways si concedono a tempo pieno alle lusinghe di un punk melodico 'emo-oriented' in cui l'influenza dei Jawbreaker è ben evidente, anche a livello vocale. Il gruppo chicagoano si presenta al suo esordio con powerballads d'effetto, agrodolci e accentate; cerca pure di evitare scontatezze strutturali variando per quanto possibile i percorsi delle parti strumentali. Il problema è che, nonostante il disco scorra piacevolmente, poche volte si rimane aggrappati a un refrain, a un break o qualsiasi altra linea. L'iniziale "Nails" farebbe ben sperare, poi si rimane ad aspettare qualcosa che non arriva, oppure che ...


THE HOLY CHILDHOOD/Up With What

MusicPedia:

THE HOLY CHILDHOOD Up With What I'm Down With Se mai ve lo foste domandato, sappiate che esiste la versione indie rock di "The Wild, the Innocent & the E Street Shuffle". Esiste e ha il cuore caldo di Danny Leo, uscito dall'alveo Van Pelt e responsabile unico degli Holy Childhood. Le affinità con il soul urbano targato 1973 di Mr.Springsteen risiedono tutte nella carica emotiva punteggiata dal pianoforte, dagli occasionali cori femminili, dagli eleganti fiati R&B e dalle malinconie sospese su accordi di chitarra spezzati. Il tipico cantato incalzante dei Van Pelt sfocia naturalmente in "Sometimes I Feel Like a ...


THE HOAX

MusicPedia:

THE HOAX Gli Hoax sono eplosi sulla scena del blues inglese nel 1991. Con un'età media di 22 anni, si sono distinti subito rispetto alle altre bands, per la loro energia, unita all'abilità musicale da stagionati proifessionisti. Nel 1993 Mike Vernon il leggendario produttore di Eric Clapton, John Mayal, Flectwood Mac, li notò e offrì loro un contratto discografico. Fu Vernon a produrre nel 1994 il loro album di debutto, "Song Like This", che vinse parecchi riconoscimenti e li fece approdare in TV. Nel 1995 hanno sfondato in America con due tour, in cui aprivano i concerti di Buddy Guy. Ma ...


THE HIVES/Veni Vidi Vicious

MusicPedia:

THE HIVES Veni Vidi Vicious Uno scintillante garage punk viene dalla Svezia: niente revival, solo musica e attitudine fresche e pimpanti. Se vogliamo quindi collocare all'oggi il sound del quintetto scegliamo come riferimento i Peechees e i quasi omonimi Hi-Fives: i primi per il tiro e le abrasioni, i secondi per le asciutte ed eleganti scansioni beat. Il gruppo capitanato dal frontman Howlin' Pelle Almqvist produce in serie una quantità di hit potenti e ballabili. Si tratta spesso di una danza ipercinetica (solo la cover di Find Another Girl degli Impressions si assesta su rilassati ritmi caraibici) ma è indubitabile che ...


The Hives

MusicPedia:

The Hives suonano musica basata sull’etica iniziale del punk-rock: energia e idee al di fuori sia di grande abilità che di tradizionalismo. Sin dal 1992 la band si è fatta notare al pubblico grazie a un 6 minuti set con canzoni di 30 secondi in tutti i clubs nei dintorni di Fargersta, Svezia, città natale del loro membro più vecchio, Nicholaus Arson. Nel 1994 il fratello di Nicholaus (Pelle Almquists) entrò nella sala prove del gruppo con una sei corde sulla schiena e la band, influenzata dal suo grande carisma, si unì a lui in una jam session di 48 ...


THE HIPSTERS

MusicPedia:

THE HIPSTERS Agli inizi degli anni Novanta, alcuni giovanissimi (o quasi) ragazzi iniziano a strimpellare, in un buio e umido seminterrato, vecchie canzoni in puro 50’s style alla Link Wray & the Raymen. Nel corso degli anni successivi si avvicinano sempre di più al sound che prediligono, ritornato alla ribalta a metà degli anni Ottanta per merito di bands come i grandissimi Fuzztones, Unclaimed, ecc. Il 60’s GARAGE-PUNK. Nel Gennaio 1996 si forma il nucleo finale del gruppo, THE HIPSTERS, con lo scopo di far continuare a vivere le selvagge emozioni che il garage sa veramente dare. La forte carica live, ...


THE HILLIARD ENSEMBLE/Lassus

MusicPedia:

THE HILLIARD ENSEMBLE "Lassus" Musica cantata con sole, ispiratissime voci che affiorano dalle navate da una cattedrale per avvicinarsi a Dio, in un'anelito di purezza che trascende lo scopo specifico delle singole cantate. Che si tratti di una preghiera mattutina o di una messa per i morti, è sempre lo stesso catartico coro polifonico a quattro voci che mira all'estasi spirituale senza più il peso ingombrante del corpo. Lo straordinario Hilliard Ensemble ci ha abituati alla perfezione, sia nella rilettura di mottetti antichi che nelle collaborazioni più contemporanee con Arvo Pärt o Jan Garbarek (il sorprendente album Officium). Stavolta l'Hilliard di ...


The High Spirits

MusicPedia:

The High Spirits Alcuni amici si incontrano una sera, ciascuno con la propria carriera musicale già avviata da tempo. La conversazione come è logico che capitasse, verte sulla musica e le diverse esperienze che ognuno nelle varie Tournee ha avuto con il pubblico nei luoghi dove si è esibito. Tutti gli artisti hanno dei brani "Spiritual" inseriti nei loro concerti, e tutti hanno notato una particolare reazione da parte degli ascoltatori quando questi brani vengono eseguiti, nonostante non ne comprendano il significato, non conoscendo la lingua. E' come se ci fosse qualcosa in quelle canzoni che avvicina maggiormente la gente di ...


THE HIGH LLAMAS/Snowbug

MusicPedia:

THE HIGH LLAMAS "Snowbug" (V2) Ancora lontani dall'aver raggiunto significativi riscontri di popolarità a dispetto di una produzione discografica tutt'altro che parca ed episodica gli High Llamas tornano pazientemente ad esibire il lato più ricercato e snob della musica pop nella collezione numero sei della loro carriera. Anche stavolta a Sean O'Hagan è venuto del tutto naturale rinnovare la collaudata collaborazione con gli Stereolab cooptando nella registrazione di Snowbug la coppia Laetitia Sadier e Mary Hansen ma nei crediti del nuovo album si fanno altresì notare i nomi di John McEntire dei Tortoise e di Jim O'Rourke due firme che non potrebbero ...


THE HIGH LLAMAS/Bumble Bee

MusicPedia:

THE HIGH LLAMAS Bumble Bee Ritornano gli High Llamas di Sean O'Hagan, ormai cugini in opere e pensiero degli Stereolab. Di questi, O'Hagan è ormai un collaboratore - e in questo disco c'è pure Mary Hanson alla voce in un paio di pezzi - ma non si farebbe certo onore al suo passato definendo gli High Llamas come un sideproject di un membro degli Stereolab. Proprio per l'etichetta di questi ultimi esce il disco e non c'è da stupirsi: per chi conosce gli Stereolab, ascoltare "Bumble Bee" farà il piacevole effetto di entrare nel salotto altrui e trovarlo arredato come il ...


THE HERBALIZER/2

MusicPedia:

THE HERBALIZER Blow Your Headphone (Ninjatune) Stessa etichetta ma sonorità molto diverse per "Blow Your Headphones", secondo LP marchiato Herbalizer. I ritmi frenetici del Drum'n'Bass, qui, scompaiono del tutto per far spazio ad un trip/hip-hop dalle tinte fortemente jazzate (in alcuni casi le atmosfere sembrano le stesse degli A TRIBE CALLED QUEST).Questa direzione seguono "Bring It", con alla voce la brava What What, "Saturday Night", qui il rap è di Fabian e di Big Ted (il primo già presente sul precedente ellepì "Remedies") e " The Blend", uscita anche su singolo qualche mese fa. "Another Mother", "Put It On ...


The Herbalizer

MusicPedia:

The Herbalizer Remediens (Ninja Tune). Strumenti vari e veri, campionatore, giradischi, additivi non convenzionali, equilibrio scientifico tra analogico e digitale, impasti soffici di contrabbasso, un organo accartocciato, scratch d'ambiente, lampi di wah-wah, flauti intermittenti, percussioni sparse. E in «Ka bong» una certa passione per i cartoon. O meglio, per il suono, la rumoristica onomatopeica dei cartoon. Base hip hop come sfondo e tanti sdeng, boing, bum, swishhh. Molto più swinganti di quando ci rappano sopra, con la tromba immobile di Ralph Lamb a disegnare parentesi. O di quando si perdono su un loop di funk preistorico. Ascoltare la fulminea «Da Trax» ...


THE HERBALISER/Very Mercenary

MusicPedia:

THE HERBALISER Very Mercenary So solo di non sapere e no, non mi sto dando alla filosofia: ignoro quali campionamenti abbiano tirato fuori dal cilindro stavolta Jake Wherry e DJ Ollie Teeba e non so dove di preciso i prestigiosi ospiti annunciati (fra gli altri: Bahamadia, i Dream Warriors e Roots Manuva) si schierino. Essendo la copia provvisoria in mio possesso del tutto priva di informazioni, al momento di andare in stampa persino i titoli di buona parte dei sedici brani che danno vita al nuovo album, il terzo, della posse londinese mi sono ignoti. Però, a pensarci bene, due o tre ...


THE HERBALISER BAND/Session One

MusicPedia:

THE HERBALISER BAND Session One L'altra anima di Herbaliser, altrimenti noto come gruppo trip hop di buona levatura e autore di tre album su Ninja Tune, è quella dei concerti, dove giradischi e campionatori lasciano spazio ad una formazione live di numerosi elementi, distante dalla materia sonora dei dischi quanto può esserlo un virtuoso dello strumento da un breakbeat. L'handicap occasionale di quegli spettacoli è una certa ridondanza stilistica (dovuta ad una eccessiva pulizia di suono e arrangiamenti), che genera un risultato non dissimile da certe elaborazioni acid jazz à la James Taylor Quartet. Questo disco (non una registrazione dal vivo, ...


THE HELLACOPTERS/Grande Rock

MusicPedia:

THE HELLACOPTERS Grande Rock La cosa più rassicurante, ma anche la meno incoraggiante che si può dire di quest'album è che è esattamente quello che ci si aspettava che fosse. Vale a dire una perfetta, competente, formalmente ineccepibile raccolta di canzoni rock and roll. Ma proprio qui sta il punto: troppo perfetta. Non si può dir nulla agli Hellacopters in quanto a competenza e gusto compositivo; solo che al termine dell'ascolto di Grande Rock (conveniamone, un pessimo titolo) si sente come una sensazione strana. Una sensazione che va molto vicino al concetto di delusione. Non sarà troppo autosufficiente il mondo degli Hellacopters? ...


THE HELLACOPTERS AND THE FLAMIN

MusicPedia:

THE HELLACOPTERS AND THE FLAMING SIDEBURNS/White Trash Soul A ribadire l'intenso amore per il soul che sta caratterizzando l'attuale vicenda artistica degli Hellacopters, già anticipata con la strepitosa cover sixties di You're Too Good To Me Baby dal nuovo album High Visibility, ecco uscire uno split Cd con i Flaming Sideburns, altra rinomata band svedese, dove Nicke & co. rifanno due brani di Smokey Robinson, Whole Lot Shakin in My Heart e Get Ready, più una cover degli stessi Sideburns, Ungrounded Confusion. Favore ricambiato da questi ultimi con il rifacimento di Psyched Out and Furious degli Hellas più altri due brani ...


The Heath Brothers/2

MusicPedia:

The Heath Brothers I fratelli Heath di Filadelfia: il sassofonista Percy (nato a Wilmington, Carolina del nord, 1923; il sassofonista Jimmy (1926), e il batterista Albert detto "Tootie" (1935). Curiosamente, essi hanno cominciato a suonare insieme come Heath Brothers solo dal 1975: nei decenni precedenti ognuno si è distinto indipendentemente come grande solista. Percy è sicuramente il più noto bassita della linea Jimmy Blanton, emerso nei primi anni Cinquanta, ha accompagnato tutti i più grandi maestri del periodo, ma poi è divenuto celebre come colonna portante del Modern Jazz Quartet, con cui ha lavorato fino agli anni '80. La carriera di ...


The HEATH BROTHERS

MusicPedia:

The H E A T H B R O T H E R S Sono tra le più stimate personalità del jazz del dopoguerra: ognuno di loro ha segnato la storia del jazz moderno con un numero sterminato di incisioni e collaborazioni importantissime. Dalla metà degli anni '70 si riuniscono in un gruppo collettivo, ideale per dar sfogo alle luminosi doti individuali, e per evidenziare le robuste capacità di arrangiamento e composizione del sassofonista Jimmy, uno degli autori hard-bop maggiormente apprezzati. JIMMY HEATH si divide con tutta la famiglia dei sassofoni ...


THE HEADS/Everybody Knows We Go

MusicPedia:

THE HEADS Everybody Knows We Got Nowhere «Quest'album vi mostrera come realizzare l'unione di mente, corpo, sistema nervoso e respiro. Insegnerete al cervello come rilassarsi...». Con queste parole direttamente rivolte all'ascoltatore e poste in apertura del mastodontico "Everybody Knows We Got Nowhere" (16 brani, 73 minuti), The Heads si rifanno finalmente vivi, dopo il debutto rivelatore del '96 "RelaxingWith..." e una valanga di EP vinilici in parte confluiti nel CD "The Time Is Now!" (Man's Ruin, '98). Era tempo per un'altra dose del loro feroce psych-rock ad alto voltaggio e il quartetto di Bristol non si è sottratto alla sua responsabilità, confezionando ...


The Hangovers /Slow Dirty Tears

MusicPedia:

The Hangovers Slow Dirty Tears Smoke Dopo la runion delle Raincoats nella prima metà degli anni novanta torna Gina Birch, leader dello storico gruppo pre-rriot ggrls e performer underground di fama consolidata. Ad accompagnarla in questo nuovo progetto chiamato Hangovers ci sono il bassista dei Laika e Mary Deigan delle Voodoo Queens. Slow Dirty Tears è in verità un disco inafferabile che passa da momenti pop a sperimentazioni quasi dub (I'm Glad I'm Me Today), da intimismo folk-country a contagiosa allegria (We Had A Reallly Smashing Time). Tutto è però ricondotto alla voce inconfondibile di Gina Birch, che ...


THE HANDSOME FAMILY Down In The

MusicPedia:

THE HANDSOME FAMILY Down In The Valley Loose Una più che doverosa celebrazione alla carriera della famiglia Sparks, dopo tre album e con un nuovo imminente capitolo in arrivo in questi mesi. Brett e Rennie, capostipiti della 'No Depression Generation', ci portano in viaggio con loro attraverso un'America rurale, dove il country è considerato al pari di una religione. Nessuna traccia di modernanato - sia chiaro - ma solo del più puro, schietto ed incontaminato country old-style. Saccheggiati a dovere i due ultimi dischi, Through The Trees del '98 - dove brillano le beatitudini di Weightless Again e The Giant Of ...


THE HALIFAX/PIER The Halifax Pi

MusicPedia:

THE HALIFAX PIER The Halifax Pier Pesca ancora bene la Temporary Residence; dopo Tarentel, l'ottimo esordio di questo sestetto di Louisville e in pochi giorni la prima tiratura di stampa è andata sold out. Sei tracce semiacustiche deliziate da vellutati accostamenti di archi e chitarre (Untitled); viene facile e istintivo il raffronto con Dirty Three e Rachel's anche se le orchestrazioni qui espresse sembrano meno marcate, con un fare adulatore e soffice. Le parti cantate donna/uomo richiamano a radici ben lontane facendo riaffiorare melodie care a Neil Young e oscuri umori alla Nick Drake senza mai cascare nella depressione. "Halifax Bound" ...


THE HAGGARD/A Bike City Called

MusicPedia:

THE HAGGARD A Bike City Called Greasy Le Haggard sono un duo di Portland dalla tecnica rudimentale e dall'impatto devastante. Per la precisione si tratta di Emily Kingan e STS (quest'uitima la troviamo con intenzioni meno bellicose anche nelle Cadallaca): solo chitarra, batteria e due voci irascibili, di cui una gutturale al limite del "grinding". I giri sono quelli classici dell'hc, macinati al limite della cacofonia. A volte si ha come la sensazione di sentire gli attacchi dei Dead Kennedys eseguiti dai Discharge; in altri casi invece ricorrono le sequenze meno tirate di uno "screamin' hc" alternato tra parti arpeggiate a ...


THE GUN CLUB

MusicPedia:

THE GUN CLUB Pastoral Hide & Seek/Divinity (2.13.61) La morte di Jeffrey Lee Pierce nel marzo ‘96 è stata un momento davvero terribile per quanti, come me, hanno amato e amano ancora alla follia i Gun Club e dischi come Fire of Love, Las Vegas Story e Mother Juno. A quanto pare, Jeffrey Lee Pierce e Kid Congo Powers (che in passato ha prestato la sua straordinaria chitarra anche a Cramps e Bad Seeds) avevano appena rimesso insieme il gruppo e stavano lavorando a del materiale nuovo. Come se non bastasse, il lunatico leader dei Gun Club stava anche ultimando un libro ...


THE GRUESOME TWO SOME

MusicPedia:

THE GRUESOME TWO SOME - Candy From Strangers. Ma non vi hanno mai detto che non si accettano caramelle dagli sconosciuti? Euroelettronica leggermente claustrofobica e trasversale, costola dei Minimal Compact, sulle tracce dei DVA, che sfocia a volte nel divertissment (Cruising Down The Higway) ed altre nella dance affilata (Make No Sense). Se vi hanno dato la quattordicesima e le tasse da pagare non erano tante.


THE GROOVY LITTLE NUMBERS

MusicPedia:

THE GROOVY LITTLE NUMBERS The 53RD & 3RD Singles The 53rd & 3rd Years è una raccolta di rarità che mette in mostra un suono frizzante ispirato tanto da Jonathan Richman quanto dai Big Star, e risulta un necessario compendio alla loro nutrita discografia. Parimenti imprescindibile appare anche il mini album di singoli dei Groovy Little Numbers, formazione pre-Superstar del cantante Ajoe McAlinden. Primordiale pop floreale a tutto tondo, indispensabile strumento per capire l'evoluzione del pop d'Albione.


The GROOVERS/That's All Folks!!

MusicPedia:

The GROOVERS That's All Folks!! Recensione di Marcello Matranga - L'isola che non c'era - novembre 2000 Dieci anni di storia, dieci anni on the road, con in mente quel "blue colar rock" fonte inesauribile d'ispirazione per tanti gruppi come loro. Ma The GROOVERS erano fra i migliori. E Lo sono ancora, pur con le inevitabili delusioni che la musica propina a chi la fa in questo paese preferendo premiare le facili canzoncine per torme imbolsite di giovanotti rincoglioniti da Radioo e TV. Ma frazie a Dio non tutti vivono di questa impalpabile realtà e Michele Anelli è fra questi. Lui e l'inseparabile Paolo Montanari ci regalano il ...


The Groovers/2

MusicPedia:

Paolo e Michele (The Groovers) attivi dal lontano '89 approdano al loro ultimo lavoro "That's All Folks!!": rock americano (bellissime "Factory" e la ghost track "Stolen car" entrambe cover di Springsteen), roots blues cantato in inglese (ma testi nel libretto del cd sia in italiano che in inglese) e la voglia di affrontare tematiche prettamente sociali (non a caso il disco è dedicato a tutte quelle persone che hanno perso la vita sul lavoro), cercando però di affrontare l'argomento con rabbia e mai con rassegnazione. Le canzoni scorrono veloci come la vita, e mi evocano l'immagine di un uomo coricato ...


THE GROOVERS

MusicPedia:

THE GROOVERS - mail news 02/2000 www.echobeat.it www.echobeat.it/groovers La recensione di That's All Folks!! tratta dal nuovo numero di Wolvernight (Massimiliano Stoto) DISCO I Groovers rientrano nella categoria di quelli che oltre a crederci vogliono anche arrivare da qualche parte. Non si spiegherebbe altrimenti il grande lavoro svolto per questo "That's all folks !!", quarto disco del gruppo guidato da Michele Anelli, disco maturo, coraggioso e per certi versi innovativo. Non credo di esagerare dicendo che un disco del genere non c'è nel passato di alcuna band italiana vicina al roots rock. Questo perché ? Perché Anelli si è avventurato su una strada solitaria, disegnando episodi brevi (3'37" l'episodio più lungo) e ...


THE GREEN PAJAMAS

MusicPedia:

THE GREEN PAJAMAS "All Clues Lead To Meagan's Bed" Tutti gli indizi conducono al letto di Meagan, qualsiasi cosa questo voglia dire, ma anche al fatto che i Green Pajamas sono definitivamente in pista per aggiudicarsi il titolo di miglior gruppo postbeatlesiano regolarmente in attività. Quest'ultimo punto è particolarmente positivo, poiché il disco in questione segue a distanza di circa un anno lo splendido "Strung Behind The Sun", ed era davvero una vita che Jeff Kelly e soci non avevano occasione di ripetersi a distanza così breve. Rispetto al precedente capitolo su Camera Obscura, resta immutato il gusto per la melodia spiegata, ...


THE GREAT NACO ORCHESTRA

MusicPedia:

THE GREAT NACO ORCHESTRA Il progetto nasce per ricordare il grande NACO, musicista scomparso nel 1996. Percussionista e compositore, Naco ha collaborato con i più grandi musicisti in ambito pop e jazz, quali Ivano Fossati, Fabrizio De Andrè, Jovanotti, Franco D'Andrea, Attilio Zanchi, Massimo Colombo e tanti altri. Ha inoltre pubblicato un disco solista per l'etichetta Soleluna. The Great Naco Orchestra inizia la sua attività nel corso del Laigueglia Jazz Festival, anch'esso dedicato a Naco e voluto dal fratello Rosario Bonaccorso. Diretta da Massimo Colombo l'orchestra propone un repertorio originale di composizioni di Naco, Massimo Colombo e altri componenti della stessa. ...


THE GRABBIES/Hate Delirium Fuck

MusicPedia:

THE GRABBIES Hate Delirium Fucks My Brain-Punk As Hate Il punk come odio. Odio della vita, odio del punk. Da Verona emerge la macchina da guerra Grabbies, già responsabile di una maciata di 7" e demo-tape urlicanti, qui all'album di debutto. Un suono che sembra farsi strada tra liquami fognari, il corpo punk macchiato e infetto, inquieto e saettante, la protesi vocale che si affossa in un una sorta di lo-fi iperrealistico, annegata nella pasta sonora, declinata in abominevoli inflessioni death-metal. Hanno pompa i Grabbies, hanno il groove de la muerte, e la loro verve nichilista è mandata in orbita da ...


THE GOSSIP/That's Not What I He

MusicPedia:

THE GOSSIP "That's Not What I Heard" Alle band femminili (per due terzi in questo caso) di estrazione garage in casa KRS oramai ci abbiamo fatto il callo, nulla però toglie al fatto che questo CD delle Gossip possa essere considerato un vero e proprio gioiellino. Suonato in situazione prettamente 'lo-fi', "That's Not What I Heard" presenta una chitarra e una batteria scarne e didascaliche nell'intento di pennellare riff blues/garage nervosi e armonici al tempo stesso. Gli spazi vengono riempiti dalla voce 'soulful' di Beth, simile per intensità ed estensione a quella di Corin Tucker delle Sleater-Kinney. Grazie a lei composizioni ...


The Gospel Train

MusicPedia:

The Gospel Train ” diretto da Cheryl Porter Dolce armonia nella fusione e unicità di ogni singola voce,il “Gospel Train” diretto dalla cantante di Chicago Cheryl Porter ( considerata uno dei migliori talenti degli U.S.A.),ha uno stile tutto suo. Combinando le antiche radici della “ Black Music” e riportandole in un contesto più moderno, presentano la musica sacra della chiesa Afro-americana che toccherà i vostri cuori. ( Si possono avere due possibilità; 1) formazione 4 voci + gruppo di tre elementi pianoforte, ...


The Goops/2

MusicPedia:

The Goops Blackout! Esce per la Blackout l'esordio dei Goops un quartetto di New York dedito ad uno street punk molto classico che incrocia il celeberrimo pre punk della Detroit dei primi anni settanta (Stooges, Mc5) con il suono newyorchese del '76/77 (New York Dolls, Ramones, Heartbreakers). La voce femminile richiama anche influenze della west coast dei fine settanta/ primi ottanta (X, Alley Cats) e atmosfere simili a quelle che sapevano evocare gli epici Destroy All Monsters di Ron Asheton e Niagara. Insomma questo The Goops è un tipico prodotto del punk rock disperatoe perdente che l'ondata ...


THE GOODMAN BROTHERS/OK

MusicPedia:

THE GOODMAN BROTHERS (U.S.A.) Songwriters/Folk and Psychedelic Blues Billy Goodman: Slide Guitar Player, Acoustic and Electric; Vocal Frank Goodman: Acoustic Guitar, Vocal; Fratelli di New York, solo ultimamente hanno unito le loro esperienze musicali. Frank è un Songwriter classico che ha girato in largo e lungo Noshville e dintorni. Billy ha vissuto in California, è stato bassista dei Jefferson Starship, chitarrista degli Hot Tuna, assistente di produzione di David Byrne e degli Sweethearts Of The Rodeo. Virtuoso con la chitarra acustica, diventa ruvido e psichedelico con l'elettrica e la Slide, i loro concerti sono indimenticabili, parola di Grace Slick e Jorma Kaukonen.


THE GOOD FELLAS/Salute

MusicPedia:

THE GOOD FELLAS Salute The Good Fellas è la big band italiana che ha affiancato Ray Gelato in un paio di recenti album e nell'ultimo spettacolo di Aldo, Giovanni e Giacomo. Tempo quindi per un CD in proprio: Salute! (Yeob/Audioglobe) alterna standards e originali, pescando fra jump swing e torch songs r'n'b, o strizzando l'occhio a Carosone, Buscaglione e altri crooner nostrani del passato. Fra gli ospiti, oltre a Gelato, fa la sua figura Bobby Solo in un omaggio r'n'r a Sam Paglia (anche in ghost track). Divertente e arrangiato con competenza, anche se la dimensione resta quella puramente revivalistica che ...


The Good Fellas

MusicPedia:

The Good Fellas - Tribute to Ray gelato The Good Fellas è un'orchestra di swing che dedica la sua performance alla splendente musica degli anni '40-'50. I "Bravi Ragazzi" vestono e suonano l'immagnine accattivante del gangster buono dal doppio petto facile.


THE GOOD FELLAS

MusicPedia:

THE GOOD FELLAS Questa è una storia di swing. Un viaggio fantastico dentro una favola multicolore, dove gli ingredienti principali sono la musica, la passione, i buoni sentimenti e l'amore per il proprio paese. Corre l'anno 1993 quando, il forlivese Stelio Lacchini alias "Mr LUCKY LUCIANO" ed il bolognese Fabrizio Casadei in arte "BUM BUM LA MOTTA", forti dell'esperienza decennale "JUMPIN' SHOES" storica band di rock'n'roll che ottenne successi in tutta Europa, decidono di gettarsi a capofitto in quel vortice di swing italo americano che da origine ai "dello Swing": THE GOOD FELLAS. Quando si nasce nel Gangsters paese di Carosone, ...


THE GODZILLAS

MusicPedia:

THE GODZILLAS Siamo una Cover Band nata a Marzo del '99, composta da Massmo Bozzi (chitarra acustica + voce), Fabrizio Ugolini (chitarra elettrica + voce) e Diego Romagnoli (batteria + voce), nata dall'esigenza principale di fare musica e divertirsi. Siccome tutti e tre proveniamo da un passato dove il rock imperversava, ci è rimasto qualcosa nel sangue; così il nostro repertorio abbraccia diversi generi di diverse epoche ma con un denominatore comune; il pop/rock. La band sfrutta, oltre a strurmenti tradizionali, sequenze e strumentazione Midi, il tutto unito in un sound fresco e molto live. Alcuni tra i più importanti artisti ...


THE GO-NUTS/Dunk And Cover!

MusicPedia:

THE GO-NUTS Dunk And Cover! Dietro alla sigla Go-Nuts si cela, supportato da un gruppetto di amici, Mel Bergman dei Phantom Surfers. Il nostro in questa esperienza porta con sé la passione per la musica sixties e il dono della parodia (a cominciare proprio dal nome che esalta la ciambella, simbolo nutrizionale americano). L'album è contrassegnato da siparietti 'cartoonistici' (il Fabulous Go Nuts Theme) e naturalmente vive di episodi 'scazati' e scanzonati. Vige qui la regola di un pop punk - se non proprio di un puro r'n'r e pop - adolescenziale smorzato da love song acustiche (You're My Hostess Cupcake) ...


THE GO-BETWEENS/The Friends Of

MusicPedia:

THE GO-BETWEENS/The Friends Of Rachel Worth - CLEARSPOT/FAMILY AFFAIR Sembrava impossibile e invece gli australiani Grant McLennan e Robert Forster hanno riacceso i motori della macchina Go-Betweens con risultati davvero sorprendenti. Incoraggiati forse dal rinnovato interesse verso la musica folk melodica, che ha trovato in bands come Belle & Sebastian i suoi portabandiera, il gruppo che più di ogni altro ha preparato il terreno per il ritorno di una cult band e di un disco che non può mancare agli intellettuali, nuovi e di vecchia data, del pop. The Friends Of Rachel Worth, come vuole la tradizione Go-Betweens, è ricco di ...


THE GO BETWEENS/The Friends Of

MusicPedia:

THE GO BETWEENS The Friends Of Rachel Worth Il ritorno degli anni ottanta. Si potrebbe catalogare così il nuovo, a sorpresa, album dei riformati Go Betweens. Una semplificazione banale che farebbe torto alla storia di una band importante e anche, perché no, a queste dieci nuove canzoni, belle e ricercate. Go Betweens, ovvero Grant McLennan e Robert Forster, due australiani che appena iniziati gli ottanta, complici un paio di album indispensabili (iniziate da Before Holliwood, il loro secondo), divennero un gruppo di culto, in particolare in Inghilterra dove incidevano per la Rough Trade, l'indipendente di riferimento del decennio. Il momento della ...


THE GLADIATOR

MusicPedia:

THE GLADIATORS In origine i Gladiators erano un trio vocale, Albert Griffiths, Davis Webber e Errol Grandison. Era stato Albert, che aveva debuttato nel 1966 con il nome di Al & the Ethiopians, a scegliere il nome. L'idea gli era venuta in autobus: aveva sentito dire da un altro passeggero che se avesse avuto un gruppo musicale, lo avrebbe chiamato Gladiators. Il nome gli piacque e chiese all'uomo se poteva usarlo: lui ne fu entusiasta. " I Gladiatori, racconta, erano lottatori, gente che vinceva sempre, gente forte, determinata, che lottava per una causa giusta". Era un nome "che dava coraggio di ...


THE GIMMICKS/Honeymoon's Over

MusicPedia:

THE GIMMICKS Honeymoon's Over C'è sempre la Motor City pure nelle fantasie dei Gimmicks. Il quartetto di Seattle stravede in particolare per gli Stooges e non fa certo nulla per nasconderlo. Riesce anche a ricreare l'atmosfera malsana di quell'esperienza e non solo a suon di riff saturi e taglienti. Peccato che i deliri vocali - poco degni di Iggy Pop siano tanto insopportabili da far passare in second'ordine sia le canzoni che l'ottimo lavoro della band.


THE GET UP KIDS/Something To Wr

MusicPedia:

THE GET UP KIDS Something To Write Home About (Vagrant/Self) Come ce li ricordavamo al primo album: un generoso complesso di punkrock, sparato e adolescenziale. Non si sono mai sdraiati, i Get Up Kids, sulle spiagge dell'ovvietà dove arrostiscono i vari Offspring o Blink 182. Eppure spiegare la mutazione avvenuta nel tenero - per età e argomenti - quintetto gestito dai fratelli Pope è faccenda complicata. Un po' perché quando chiami un disco in questo modo tutto ti è concesso, o quasi. Un po' perché nei dodici hit potenziali - su dodici brani spaccati! - qui avvolti si accarezza quell'educazione sentimentale ...


THE GET UP KIDS

MusicPedia:

THE GET UP KIDS E' il piccolo grande evento dell'emo-core mondiale. Per certi versi è il gruppO che permetterà all'emo-core di arrivare a un pubblico più ampio. I Get Up Kids arrivano da una lunga gavetta indipendente, pronti finalmente al grande salto; e in loro vive la forza di un gruppo di ragazzi che, nel tempo, ha saputo costruire le basi per una musica forte. "Arriviamo tutti da un 'esperienza underground, che in quest'ottica ci ha formati moltissimo. Alcuni di noi provengono dal post-core, dalle scene minori, e questo ci ha permesso comunque di sviluppare la nostra musica senza le pressioni ...


THE GENTLE WAVES/SWANSONG FOR Y

MusicPedia:

THE GENTLE WAVES SWANSONG FOR YOU JEEPSTER/WHITE'N'BLACK Isobel é la violoncellista di Belle & Sebastian e i Gentle Waves sono il suo cosiddetto "side project". Un side project che a mio parere é molto più valido del decantato gruppo inglese. I riferimenti agli anni 60 sono veramente palesi (a cominciare dalla copertina in elegantissimo colore-moda), ma vengono citati con grazia leggiadra e voce esile dalla nostra, e sono supportati da un songwriting ottimo, che a tratti ricorda i momenti più solari dei Velvet Underground, con arrangiamenti curatissimi e di grande atmosfera (sembra davvero di sentire un disco di quell'epoca). Alla dolcezza della musica fanno ...


THE GENTLE WAVES

MusicPedia:

THE GENTLE WAVES The Green Fields Of Foreverland Grappoli di fiori, colori naif, spazi luminosi nella verde Scozia... Isobel Campbell, cantante dei Belle & Sebastian, con la collaborazione di un gruppo di amici ha fatto fiorire germogli profumati in questo Lp di debutto "The Green Fields Of Foreverland". Resistrato a Glasgow in sette notti e sette giorni, il disco è essenziale e raffinato paradigma sottile e speciale di uno stile acustico-cantautorale appassionato ed anticonvenzionale. C'è assenza quasi totale di tecnologia, batterie e ritmi sincopati: una scelta adeguata all'essenza esemplare dell'album. La limpida bellezza di "The Green Fields Of Foreverland" ha i tratti ...


The Gentle People

MusicPedia:

The Gentle People: Soundtracks For Living (Rephlex) Love The Gentle People - così una calda e sensuale voce femminile introduce il debutto di un quartetto formato da due ragazzi e due ragazze (rispettivamente un americano, un australiano, un inglese e una francese) su cui incombe già l'etichetta di rivelazione di questo ancora fresco 1997. Messi sotto contratto dalla Rephlex di Richard James, si sono formati a Londra e sembrano avere quel pizzico di presunzione necessaria per imporsi all'attenzione del Music-Bizz. Guidati da Dougee Dimensional, già Remixer dei nipponici Pizzicato Five, si sono fatti travolgere da questo Revival dell'Easy Listening che ha permesso ...


THE GATHERING/Superheat

MusicPedia:

THE GATHERING "Superheat-A Live Album" La musica dei Gathering, con le sue melodie che si librano verso la dimensione del sogno, per accompagnare nella stratosfera la purezza vocale della musa Anneke, non è costituzionalmente strutturata per incitare allo scuotimento la folla delle arene rock; ma dopo cinque albums di studio ed una costante crescita di qualità e successo, The Gathering sono forse la band olandese più popolare, e si offrono con una punta di narcisismo il greatest hits dal vivo che le altre euro-stelle della stessa label, Moonspell e Tiamat, non hanno ancora realizzato. "Superheat" è un titolo un po' eccessivo per ...


THE GATHERING/NEW

MusicPedia:

THE GATHERING "How To Measure A Planet?" Ci sono bands che si affermano sulla scia di un genere musicale di successo e si eclissano con il declino del medesimo, risultando troppo condizionate dai suoi cliché; altre invece diventano rappresentative di un certo stile, ma poi dimostrano personalità elaborando una proposta autoctona, assimilando stimoli differenti alla luce della propria inventiva e rimanendo al passo con i tempi. Queste ultime sono destinate a durare, a lasciare una traccia al di là dei giudizi di parte, e ad andar oltre l'effimero spazio di una moda. E' certamente il caso degli olandesi Gathering, che dopo inizi ...


THE GATHERING/if_then_else

MusicPedia:

THE GATHERING if_then_else Con l'ingresso della cantante Anneke Van Giersbergen, The Gathering hanno realizzato una notevole trilogia d'albums di studio ("Mandylion", "Nighttime Birds" e"HowTo MeasureA Planet?"), cancellando gli acerbi tentativi di death progressivo delle origini, e generando un organismo musicale vivido di luce propria: soffuse atmosfere dal respiro sinfonico ed intrise di malessere neo-gotico, carezze di haed rock muunte frantumate nel flusso elettronico... Con la loro spiccata personalità dal '95 ad oggi The Gathering sono diventati leaders del rock olandese, una scena che si sta ritrovando grazie al gruppo di Anneke ed ai numerosi stoners, giustificando l'apparizioni nelle classifiche internazionali del ...


THE GATHERING

MusicPedia:

THE GATHERING lHandylion (Century Media) Terza re-entry per i portabandiera del metallo d'avanguardia olandese, The Gathering ritornano con un nuovo monster album, che, si può prevedere li consacrerà definitivamente di fronte alle falangi di mezzo mondo (il contratto con la Century Media li mette inX una botte di ferro per quantc) riguarda USA ed Europa}. "Mandylion" sembra costituire una ideale sintesi tra l'a-ústero goth-doom)del debut "Alvays..." e le sonorità emo-progressive dello scorso "Almost A Danee". I braz ni si memorizzano nel giro di una manciata di asc¾~lti ma il lavoro è tutt'altro che ';easy listeningt'. Un senso di regale drammaticità pervade ljintero ...


THE GASS CLUB/biog.

MusicPedia:

THE GASS CLUB The Gass Club vive dalla voglia di tutti i componenti del gruppo di creare musica liberamente lasciandosi trascinare solo da quelle che sono le influenze musicali di ognuno, senza l'obbligo di seguire schemi precostituiti. Si passa così da irruenti riff a liquide melodie, da andamenti reggae a residui punk che emergono da un impasto sonoro che cerca sempre e comunque di portare l'ascoltatore in uno "stato di viaggio" dove lo scenario che si ha davanti è in continuo mutamento. The Gass Club sono Ale (voce), Joseph (chitarra), Peo (chitarra), Tosca (basso), Marco (batteria), Rip (computer). "Antiparcella dell'estero" è il ...


THE GASS CLUB/3

MusicPedia:

THE GASS CLUB Vincitori dell’annuale edizione di “Rockonest” di Pescara i Gass Club diffondono il loro CD dimostrativo ad uso e consumo di amici ed addetti ai lavori. Un buon disco per una giovane band che ha aperto anche per i Verdena. Musica fresca con geniali trovate quella dei Gass Club che mischia l’irruenza del rock a momenti più intimisti. Musica da ascoltare a volume sostenuto per capire i segreti riposti nei riff della ballata crepuscolare “Che verrà” o nel rock più convenzionale, ma sempre potente di “si potrebbe parlare un po’”. Crudi e graffianti, ma all’occorrenza melodici e romantici i ...


THE GASS CLUB - Battisti

MusicPedia:

THE GASS CLUB (CD-R autoprodotto) Vincitori dell'annuale edizione del "Rockontest" di Pescara i Gass Club diffondono questo CD dimostrativo ad uso e consumo di amici ed addetti ai lavori. Un buon disco per una giovane band che ha aperto anche per i Verdena. Musica fresca con geniali trovate quella dei Gass Club che mischia l'irruenza del rock a momenti più intimisti. Musica da ascoltare a volume sostenuto per carpire i segreti riposti nei riff della ballata crepuscolare "Che verrà" o nel rock più convenzionale, ma sempre potente di "Si potrebbe parlare un po'". Crudi e graffianti , ma all'occorrenza melodici ...


the gass club

MusicPedia:

The Gass Club vive dalla voglia di tutti i componenti del gruppo di creare musica liberamente, senza seguire schemi precostituiti. Si passa così da irruenti riff a liquide melodie, da andamenti reggae a residui punk che emergono da un impasto sonoro che cerca sempre e comunque di portare l'ascoltatore in uno "stato di viaggio" dove lo scenario che si ha davanti è in continuo mutamento. Tra novembre 1999 e marzo 2000 viene concepito "antiparticella dell'estero" il loro primo cd, autoprodotto, che contiene 6 pezzi inediti. Il 31 marzo 2001 al MARACAIBO (PE) verrà presentato il nuovo cd dal titolo "HOTEL ...


The GARAGE

MusicPedia:

The GARAGE I Garage sono di Termoli, un paese lungo la costa abruzzese. Sono insieme dal '96 e fanno un punk-hardcore con anche alcuni pezzi ska, tutti però cantati in italiano. Hanno partecipato ad alcune manifestazioni musicali come "Il Molise Progetto Musica"; tenutosi a Campo Marino il 15 Maggio allo "Skamoscio D'Argento", festival ska-punk tenutosi a Termoli, dove hanno suonato insieme agli Shandon ed hanno già suonato all'Indhastria di Giulianova facendo da gruppo spalla ai Pizza Coffee Smash Tv. A Fine estate '99 è uscito il loro primo demo autoprodotto dal titolo "Welcome To B.M." che è stato registrato a Como. ...


THE GANJA KRU

MusicPedia:

THE GANJA KRU - DJ ZINC DJ SET - DRUM'N'BASS - UK La Ganja Kru è il trio di DJ e produttori in attività fin dall'inizio della storia del drum'n'bass: DJ Hype, Pascal e l'illustrissimo DJ Zinc, colui che ha portato al successo il collettivo con il brano jump-up più famoso della storia della jungle, il mitico "Super Sharp Shooter". La loro cifra stilistica, ed in particolare quella di Zinc, è ormai parte del mainstream, artisti come Missy Elliot e Beastie Boys, sono ricorsi loro lavoro in qualità di remixer. In occasione dell'uscita del suo nuovissimo EP "Beats by design", per la ...


The Funeral

MusicPedia:

The Funeral La selezione dei film proposti nella rassegna ufficiale dei film in concorso e nelle sezioni collaterali ("Notti Veneziane", "Corsia Di Sorpasso", "Finestra Sulle Immagini" e "Settimana Del Cinema Italiano") dall'ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia si è rilevata tutto sommato abbastanza soddisfacente, anche se non ha riservato eclatanti sorprese (fatta eccezione per gli splendidi film di Abel Ferrara e Otar Ioseliani). E' stata, in generale, la vetrina ufficiale del festival a riservare le maggiori perplessità, mentre alcune proposte delle sezioni "minori" avrebbero senz'altro meritato un ruolo più significativo nel palinsesto della manifestazione (a riprova ...


The Full Monty

MusicPedia:

Fra le opere presentate a Torino segnaliamo innanzitutto “The Full Monty” di Peter Cattaneo . “The Full Monty” (cioè “Servizio completo” o “Strip Integrale”) è il primo lungometraggio per il grande schermo diretto dal regista inglese (d’origini lombarde) Peter Cattaneo: si tratta di una commedia piacevole e graffiante, capace di combinare diversi registri (dal comico al drammatico, dalla riflessione intimistica alla satira sociale) per esprimere la volontà irriducibile dei suoi personaggi - nei quali facilmente ognuno di noi può riconoscersi - a vivere e non arrendersi, mettendosi in gioco pienamente e rischiando di persona, nonostante le circostanze difficili nelle quali ...


THE FUCKING CHAMPS/IV

MusicPedia:

THE FUCKING CHAMPS/IV The Champs si chiamavano allora, anche se non bisogna confonderli con i Champs di Tequila. Per non confondere le acque si sono prima trasformati in C4AM95 (oltretutto consente una più veloce ricerca su web) per il loro terzo lavoro, "III-Home taping is recording music" (titolo tanto dadaista quanto emblematico e programmatico) e ora, tanto per non lasciare dubbi su chi siano veramente, in The Fucking Champs per questo "IV". Mettete il CD nel vostro lettore e sarete trasportati nelle calde atmosfere degli Scorpions dopo un incidente automobilistico. Sono tristemente venuti a mancare cantante e bassista e ogni ...


THE FRUMPIES

MusicPedia:

THE FRUMPIES Le Frumpies sono il proseguimento delle Bikini Kill. La nuova formazione vede Billy, Kathy e Tobi (di Bikini Kill) alle chitarre e voci accompagnati dalla batterista Molly Mewman (Bratmobile, Peechees) e saltuariamente da M.Mae (Make Up). Dopo aver diviso il palco con nomi illustri della scena indipendente americana (Fugazi, Sonic Youth, Nirvana, Make Up) il quartetto è in arrrivo in Italia per promuovere il nuovo disco che sarà in uscita questa primavera. Le coordinate del loro sound sono sempre le stesse: compagne di strada di Demolition Doll Rods, Slits, X Ray Spex (e fanatiche fans dei Ramones), le Frumpies ...


The Fringe

MusicPedia:

The Fringe "The Fringe sono dei maghi"; questo ha dichiarato George Russell sul Boston Tribune. Come dargli torto? Il gruppo crea ogni sera un repertorio irripetibile e diverso suonando free o mainstream ai massimi livelli. John Lockwood ha collaborato con Freddie Hubbard, Hal Crooks e La Mel Lewis Thad Jones Orchestra; Bob Gullotti con J. J. Johnson, Mike Mainieri, Steve Turre, Joe Lovano; di George Garzone abbiamo già detto in precedenza. Un concerto energico e dinamico, classico e libero. Il gruppo The Fringe è composto da: George Garzone (sax); Bob Gullotti (batteria); John Lockwood (contrabbasso).


THE FRIENDLY TRAVELLERS OF NEW

MusicPedia:

THE FRIENDLY TRAVELLERS OF NEW ORLEANS Storico gruppo gospel di grande successo internazionale fondato nel 1959 dal Rev. Clint Jones. Il gruppo si esibisce con grande capacità ed enfasi sia nello stile a cappella che con una poderosa sezione ritmica. Il loro concerto alterna il gospel tradizionale a composizioni più moderne che incorporano musicalità soul /funky. Le voci sono la caratteristica principale di questo eccezionale ensemble che riesce a sprigionare una straordinaria carica emotiva capace di contaminare e coinvolgere il pubblico.


THE FRESHMAKA/I am the freshmak

MusicPedia:

THE FRESHMAKA I am the freshmaka Samuel Von Freshmaka era il dj che apriva i concerti dei New Kids On The Block nell'epoca del loro massimo fuLgore. Questo raccontano le note di copertina, cosi come raccontano che la felice liaison tra Van Freshmaka e la celebre boy-band terminò bruscamente quando la presunta relazione tra il dj e l'attrice e poetessa Ally Sheedy sembro oscurare - nei gusti


THE FREELOADERS/Through The Sou

MusicPedia:

THE FREELOADERS/Through The Sound Barrier La carriera degli australiani Freeloaders si interruppe tragicamente nel marzo del '98 quando il corpo senza vita del cantante e chitarrista Guy Lucas venne trovato nel suo appartamento di Melbourne, stroncato da un'overdose di eroina. Fino a quel momento la band aveva licenziato un album ("Squalifications", Dog Meat 1994) e un paio di EP e stava ultimando le registrazioni del secondo disco lungo. Un album che sarebbe rimasto per sempre in un cassetto se i membri superstiti Stewart Tabert, Dave Gray e Damien Smith non avessero deciso di organizzare un concerto con i migliori gruppi della ...


THE FREEDGE

MusicPedia:

AAVV - THE FREEDGE (Sliver Music'98) L'idea di The Freedge nasce sul finire della scorsa estate per iniziativa dei tipi della Sliver - sala di registrazione, punto di ritrovo e centro nevralgico dell'underground parmense - che decidono di farsi promotori di un progetto di ampio respiro volto a documentare le realtà più interessanti della scena cittadina. Scelti i 18 gruppi più rappresentativi a livello contenutistico e progettuale, la Sliver Music li 'rinchiude' nei propri studi di registrazione, supportandone la produzione con preziosi consigli volti a far sì che ogni band - nel rispetto della propria individualità artistica - possa offrire il ...


THE FRANKENSTEIN DRAG QUEENS FR

MusicPedia:

THE FRANKENSTEIN DRAG QUEENS FROM PLANET 13 ‘Songs From The Recently Deceased’ (I Used To Fuck People Like You In Prison/Sound Machine) Il nome della band è di per sé significativo di quella che è l’attitudine e di quello che è il look del terzetto del North Carolina (attivo da metà anni ’90). Terzetto composto da Wednesday 13, Sicko Zero e Seaweed ed esteticamente fuoriuscito da un b-movie di zombie S/M con la passione per il glam a stelle e strisce degli anni ’80 (spandex, rossetti e capelli cotonati compresi). Praticamente degli scarti di cimitero, che però hanno l’ottima idea di riversare ...


THE FRANKENSTEIN DRAG QUEENS /2

MusicPedia:

THE FRANKENSTEIN DRAG QUEENS FROM PLANET 13 Songs From The Recently Deceased La People Like You con questi gruppi mostra il suo lato più rock'n'roll che va ad integrare ed affiancare quello stoner per cui è maggiormente conosciuta. I THE FRANKENSTEIN DRAG QUEENS FROM PLANET 13 appaiono chiari fin dal nome nei loro intenti: unire il punk dei Misfits con il rock'n'roll più duro ed i primi Motley Crue. L'attitudine è perfettamente in bilico tra queste esigenze, privilegiando su tutto un taglio horror glam e goth che crea un effetto molto divertente. Film di serie b, lontani pianeti popolati da mostri ed ...


THE FORGOTTEN/Keep The Corpses

MusicPedia:

THE FORGOTTEN Keep The Corpses Quiet In ambito OI, ma più indirizzato verso il modo in cui possono intendere questo tipo di genere i Rancid o i Dropkick Murphys, è il secondo lavoro dei Forgotten, Keep The Corpses Quiet. Rabbia e rozzume stradaiolo ad alto tasso alcolico che potrà sicuramente farvi divertire quando i nostri passeranno nei pressi delle vostre città assieme ai vari Business, Us. Bombs o Lower Class Brats.


THE FONDA

MusicPedia:

THE FONDA/STEVENS GROUP Evolution Il gruppo è composto da Joe Fonda al basso, Michael Jefry Stevens al piano, Herb Robertson alla tromba, Harvey Sorgen alla batteria e Mark Whitecage ai sassofoni. Il dinamico interscambio sviluppatosi tra i quattro membri nell' arco di cinque anni di attività, l' intensa comunicazione musicale, i metodi e i principi del loro fare musica rendono la band assolutamente unica. Il Cd "Evolution", uscito nel 1998, è stato registrato dal vivo.


The Folk Implosion/2

MusicPedia:

The Folk Implosion Pole Position Communion Ritornano alla carica Lou Barlow e John Davis ovvero i Folk Implosion, reduci dal'exploit di 'Natural one' brano di punta della colonna sonora dell'ottimo Kids di Larry Clark ( tenete gli occhi aperti perchè il film sta girando, in lingua originale, nel circuito delle anteprime ) e dal disco solista di John Davis di recentissima uscita. Questo ...


THE FLYS/Holiday Man

MusicPedia:

THE FLYS Holiday Man (Trauma) Vengono dalla California (Santa Monica), con tutti i pregi e i difetti che tali origini gli possono cucire addosso. Rock abbastanza normale, ora melodico-tirato ora più beat, a volte cacofonicuccio ma, per fortuna, sempre condito da trovate sonore un minimo bislacche che ne ravvivano l’ascolto. Una specie di “vorrei strafare ma non posso”; la prossima sarà quella buona: o tutti di qua o tutti di là, aka ‘o ricchi o bravi’. Una loro song, che sembra il compendio di tre decadi di musica nera, si intitola ‘Groove Is Where You Find It’. Appunto. Logo da dimenticare.


THE FLYS

MusicPedia:

THE FLYS ADAM PASKOWITZ - voce JOSHUA PASKOWITZ - singer/rapper PETER PERDICHIZZI - chitarra JAMES BOOK - basso NICKY LUCERO - batteria Più che dell' espressione di un gruppo, la loro musica è l' espressione di uno stile di vita, quello del circuito dei surfisti del Sud California: molto machismo, belle ragazze; surf, tatuaggi, basketball e high tech. Musica e stile di vita sono strettamente intrecciati: i membri della band sono tutti iperattivi e molto sportivi Adam Paskowitz e James Books sono surfisti, Nicky è appassionato di sport estremi. I fratelli Paskowitz fanno parte di una famiglia che fa musica e surf: il fratello maggiore è in ...


THE FLYNG PISANOS

MusicPedia:

THE FLYNG PISANOS L' unione maritale e musicale di John e Jeanne Pisano è stata una dono per il mondo musicale, che - come indica il loro stesso nome d' arte - li ha fatti volare. Le scelte musicali di john sono impeccabili, accarezza le melodie con gioia e padronanza. Il suo modo di suonare è il potere tranquillo dietro la voce eterea e terrena al tempo stesso di Jeanne. I due si fondono insieme con fluida facilità e conducono un dialogo improvvisato, lasciando la loro impronta su ogni numero. Il loro amore per l' esibizione dal vivo contagia il ...


THE FLYING LUTTENBACHERS/Alptra

MusicPedia:

THE FLYING LUTTENBACHERS Alptraum Considerando gli otto dischi pubblicati sinora dai Flying Luttenbachers, ‘Alptraum’ è il secondo lavoro composto da improvvisazioni strumentali registrate interamente dal vivo (in tre diversi club di Chicago); il primo era il debutto ‘Live At WNUR 2-6-92’. Se il paragone è con album come ‘Destroy All Music’, ‘Revenge’ o il recente ‘...The Truth Is A Fucking Lie...’, allora i brani non mostrano spunti di reale interesse, non andando mai oltre il consueto assalto all’arma bianca in salsa free noise jazz, notando che la componente noise viene messa in secondo piano. Però, d’altro canto, non me la sento ...


THE FLYING LUTTENBACHERS/Alpt

MusicPedia:

THE FLYING LUTTENBACHERS - Alptraum (Pandemonium) All'inizio c'era il free jazz, con riviste come le nostre 'Gong' e 'Muzak' a pompare Anthony Braxton e spingere le (comunque parche) vendite di un genere, ad essere onesti, non proprio facilmente deglutibile. L'asse divisorio, ancora una volta, è stato il punk, con musicisti che, provenienti da quell'ambito o respiranti tali atmosfere (e collosi sacchetti adolescenziali?), hanno smussato l'inevitabile élitarismo del free jazz ed aggiunto strada, rabbia e 'cattiveria' smenando, come da copione naturale, l'aria in circolo ed arruffando il suono. Formatisi nel '91, i FL del drummer Weasel Walter sono da tempo sulla vetta ...


THE FLYING LUTTENBACHERS/... Th

MusicPedia:

THE FLYING LUTTENBACHERS ... The Truth Is A Fucking Lie ... (Skin Graft-ugEXPLODE/Wide) A distanza di sei mesi dalla pubblicazione in vinile per ugEXPLODE, viene ora rilasciata, in collaborazione con Skin Graft, la versione CD di quello che è uno dei punti di massimo splendore nella carriera dei Flying Luttenbachers. In principal modo perché il gruppo di Weasel Walter dimostra che ormai va loro stretta pure la supremazia in ambito free jazz punk noise grind, in quanto, oltre a ciò che di immaginabile è possibile supporre, l’ennesima reincarnazione della band ha innestato una serie di diversivi (elettronica varia, mellotron, violoncello, Casio, ...


The Flying Luttenbachers

MusicPedia:

The Flying Luttenbachers Gods of Chaos (Skin Graft) Un po' di sano e robusto odio. Odio per tutto e tutti, odio per la razza umana. Questo parrebbe essere il carburante per la mente creativa di Weasel Walter, motore della ferraglia che porta il nome di Flying Luttenbachers. Gods of Chaos, quinto album per il progetto FL, è infatti dedicato alla descrizione della fine della razza umana e mai musica fu più adatta. Questo disco arriva, in alcuni suoi punti, a zittire per annichilimento ogni ascoltatore. Subito dopo il grottesco inizio, dove uno stranito e ubriaco astante è costretto a presentare ripetutamente i ...


THE FLESHTONES

MusicPedia:

THE FLESHTONES Angry Years 84-86 (Amsterdamned\Helter Skelter) I Fleshtones si possono annoverare tra i pionieri del garage rock “tranquillo” di inizio anni ’80 per quel che riguarda la costa est degli Stati Uniti e le dodici tracce qui raccolte sono state registrate tra il 1984 e il 1986 a New York e New Orleans. Tra i brani mi preme segnalare “In Need Of Love”, dall’andatura conturbante e perfetta per un piano bar fumoso, mentre per il resto troverete tutto ciò che vi potreste aspettare, ovvero garage psichedelico, con spruzzate di country, hammond, armonica, surf e suoni che, a distanza di quasi tre ...


THE FLAMING LIPS/Waitin' For A

MusicPedia:

THE FLAMING LIPS Waitin' For A Superman (Warner) CDS 1+2 - USA Più passa il tempo e più passano per tendenziosi, ma più per le trovate che per la musica. Così che, se seguite i loro consigli, dovete comprare tutte e due i CD per ascoltarvi contemporaneamente (il come è un problerna che risolverete da soli) la traccia 2 del primo e la traccia 3 del secondo. Roba da chiodi.


THE FLAMING LIPS/The Soft Bulle

MusicPedia:

THE FLAMING LIPS/The Soft Bulletin Un gruppo storico i Flaming Lips nel panorama musicale americano delle sperimentazioni. L'unica data in Italia;, quella di Milano al Binario Zero, li vedrá protagonosti di un concerto che promette di essere un momento di scoperta di suoni mescolati con abilità e perizia tecnica. The Soft Bulletin, l'ultimo album, si presenta come un'espolrazione di sonorità prodotte da strumenti di alta tecnologia elettronica. Da non perdere per gli appassionati di dub elettronico e non solo... "Qualche volta penso, quando dovesse essere tranquillo il mondo, magari un centinaio di anni fa. E dico questo essendo rientrato da ...


THE FLAME

MusicPedia:

THE FLAME Pop-rock band di giovanissimi talenti. Il cantante/chitarrista AL MAY, compositore di quasi tutti i brani, proviene da Detroit. Dall'incontro casuale con il bassista e compositore di musica elettronica FAB "ZERO" CALIGIURI ha avuto origine il progetto FLAME. Nell'attesa di vedere pubblicato il loro primo lavoro - un prodotto internazionale che si può riassumere in una miscela di sonorità tipicamente inglesi e ritmiche rock, con richiami alla psichedelia '70 saranno protagonisti, nel corso dell'autunno, di un tour nei live clubs di tutta Italia. Sul palco i FLAME non danno tregua all'audience, producendo uno spettacolo energico e coinvolgente. Oltre ai brani ...


THE FISTICUFFS BLUFF/The Fistic

MusicPedia:

THE FISTICUFFS BLUFF The Fisticuffs Bluff CD Troubleman Unlimited) La lungamente rimandata uscita del primo album di questa misconosciuta formazione californiana diventa un'occasione per completarne la discografia, visto che il CD contiene anche i pezzi usciti su compilation e sugli split con Carbomb e Angel Hair. Il loro posthardcore presenta caratteristiche simili ai gruppi dell'area di San Diego: sequenze a tratti caotiche, irrimediabilmente disarticolate e lunatiche, vivacizzate da code jazzate. I contenuti musicali sono oggetto degli smarrimenti e delle iatture della cantante Summer Mastos, che troviamo in ambiti differenti pure nei Love As Laughter e nei Need. Nell'album vero e proprio ...


THE FIREMAN

MusicPedia:

The Fireman Mille arpeggi di corde in nylon s'intrecciano alle sonorità sintetiche del vecchio trovarobato eletronico. All'inizio la memoria corre alle melodie pop di Mike Oldfield poi il suono evoca le digressioni chitarristiche di Durutti Column e subito scivola nel gorgo psicho-progressive di Ozric Tentacles. La musica di Fireman sembra avere stratificazioni secolari e seguire un destino confuso. Dietro questo paravento sonoro riccamente arabescato c'è un uomo dal cuore spezzato che esorcizza il dolore dei sentimenti nel gioco sofisticato di atmosfere ambient. E' un uomo in fiamme che apre il sipario al rumore che ha dentro, e guarda nel prisma di ...


THE FIREBIRD BAND/The Setting S

MusicPedia:

THE FIREBIRD BAND "The Setting Sun And Its Satellite" Una volta, neanche tanto tempo fa c'erano i Braid capiscuola del midwest-emo. Poi tre quarti della formazione originale, presi da un attacco di nostalgia, decidono di riunirsi sotto il nome di Hey Mercedes. Il quarto rimanente, Chris Broach, invece non ne vuole proprio sapere di continuare la saga. Probabilmente le classiche divergenze musicali, comunque stimoli diversi lo proiettano a dar vita alla Firebird Band. Il progetto a dir la verità era già in piedi durante l'ultima parte di attività dei Braid (un singolo e un mini sulla minuscola Mintaka Conspiracy Rec.) ma ...


THE FIRE SHOW/The Fire Show

MusicPedia:

THE FIRE SHOW The Fire Show Sono in quattro e la partenza del loro esordio farebbe pensare a un qualche reperto dei primi Settanta: perfettamente art rock nella voce di Michael Resplendent (teatrale, poi enfatica, poi falsettata, poi filtrata con altoparlante), similmente nelle linee di chitarra che zampettano tra elettrica e acustica e negli arrangiamenti, che includono anche un contrappunto d'archi e che svolgono il pezzo in forma di suite. Si va avanti e anche col secondo pezzo la faccenda non cambia molto: Please Kill The Barium Swallows ricade infatti dalle stesse parti, tra arzigogoli e continui cambi di ritmo e ...


THE FESTIVAL OF DEAD DEER/The M

MusicPedia:

THE FESTIVAL OF DEAD DEER The Many Faces Of Mental Illness Il disco è del '98 ma la distribuzione italiana lo fa pervenire alla luce solo adesso. Non una novità assoluta quindi ma vale davvero la pena soffermarsi brevemente. Il CD comprende tracce dal vivo registrate a una radio più il 7" split (realizzato con i Crimson Curse) e il singolo omonimo (uscito sulla minuscola Black Bean & Placenta). Come esplicato dal titolo, l'album è un doloroso viaggio nei recessi psichici. Ritmica ossessiva, deliri vocali, squilibrati assalti chitarristici: non siamo lontani dalle paranoie wave-hardcore degli Antioch Arrow. Quella dei losangelini Festival ...


THE FALL/The Unutterable

MusicPedia:

THE FALL "The Unutterable" Eravamo rimasti estasiati da Dr. Bucks' Letter, anteprima dal nuovo disco dei Fall inserita in una compilation allegata a una rivista inglese: un classico sermone declamato dal menestrello di Neanderthal al di sopra di un minimale e madornale groppo di rumore sparato a grattugia. Dr Bucks' Letter era un segnale di vitalità, che unito alla buona vena del precedente "The Marshall Suite", lasciava ben sperare per l'imminente "The Unutterable". Vacca boia, adesso che l'atteso nuovo disco è nelle nostre mani, la delusione per la sua inconsistenza - ma neppure, come vedremo si tratta più che altro di ...


THE FALL/The Marshall Suite

MusicPedia:

THE FALL The Marshall Suite (Artful) Il vecchio Mark Edward Smith in patria è un’istituzione indiscussa. Critici e musicisti sbavano per lui, che ricambia col veleno paralizzante del cinico (Julian Cope: “Per me Mark Smith è un genio”; Smith: “Per me lui invece è un cretino”). Di fatto, da oltre 20 anni corre sempre dietro alla stessa canzone, o meglio, ha un suo stile ben definito - che è impossibile non riconoscere - a cui 3/4 degli indipendenti inglesi (ma non solo) si è ispirata riuscendo in pochissime occasioni ad eguagliarlo. E’ bene ricordare che nel silenzio generale, Smith fu il solo ...


The Fall/Levitate

MusicPedia:

The Fall - Levitate (Artful) Ditemi il nome di un gruppo che sopravvive dai primi tempi della grande rivoluzione (post)punk, che è arrivato fino a noi, pur con continui cambi di organico senza essersi mai diviso, da sempre riverito ed osannato dalla stampa di alto e basso profilo e da un nugolo di fans non oceanico ma fedele e cospicuo, con un leader tanto 'tirannico' quanto a se stante, perfetto referente - nonostante la trabordante cultura - di una working class tosta, ubriacona e mai doma, in costante evoluzione sebbene la struttura portante dei pezzi sia uguale a se stessa, a ...


THE FABOLOUS DANGER ZONE

MusicPedia:

THE FABOLOUS DANGER ZONE Il gruppo nasce nel novembre 1998 dall'unione di 5 elementi di lunga esperienza che non avevano mai suonato assieme. Dopo poche prove i 5 capiscono di aver creato un gruppo con una potenza sonora incredibile e cambiano il nome in The Fabulous Danger Zone. La musica suonata dai "fabulous" è prevalentemente hard rock anni '70 e '80 ma nei loro concerti potete ascoltare di tutto. I Fabulous Danger Zone sono Marco alla voce; Valdo al basso; Giorgio alla chitarra ritmica; Denis alla chitarra solista; Stefano alla batteria. Volete ascoltare del sano hard rock? Volete ridere tra un ...


THE EYELINERS/Here Comes Troubl

MusicPedia:

THE EYELINERS Here Comes Trouble Le Eyeliners sono tre sorelline vestite in pelle dalla scorza dura ma dal cuore tenero: un prototipo di punk rock girl band tutta zucchero e grinta, ben rodata su giri rock'n'roll e coretti a go-go. Il loro secondo album gode della produzione di 'mastro' Mass Giorgini che con il suo esperto lavoro di pialla riesce a forgiare la materia grezza rendendola modellata agli umori pop di scuola Lookout. Difficile spendere altre parole anche perché le coordinate Ramones/Fastbacks sono imprescindibili.


THE EXPLOSION/The Explosion

MusicPedia:

THE EXPLOSION The Explosion (Jade Tree/Goodfellas) Il discorso vale in parte per i The Explosion e soprattutto per le Softball. "The Explosion" è un mini CD dove la formazione di Boston ci offre gli stessi 6 pezzi che erano già apparsi su un demo pubblicato dalla Standhard Records. Come sia venuto in mente alla Jade Tree di concedere loro tale "onore" mi risulta di difficile comprensione, comunque a voi interesserà sapere che i cinque si prodigano in un punk rock robusto e prevedibile, ma che potrebbe trovare estimatori tra i seguaci acritici del genere.


THE EXPLOSION/Flash Flash Flash

MusicPedia:

THE EXPLOSION Flash Flash Flash Sono la 'new sensation' del punk bostoniano e - è giusto subito ribadirlo - una delle più vivaci realtà dell'anno in corso per quanto riguarda il settore. Gli Explosion guardano indietro nel tempo e nello spazio per ricevere i giusti stimoli: Stiff Little Fingers, Buzzcocks potrebbero essere già due punti di riferimento da cui partire. Ma i cinque ragazzi non si fermano lì, non sono dei revivalisti o dei portatori di chissà quale causa del punk 'reale'. Certo, è solo punk rock senza fronzoli ma con strofe e refrain che fanno subito la differenza, a cominciare ...


THE EXPERIMENTAL POP BAND

MusicPedia:

THE EXPERIMENTAL POP BAND Homesick Ecco uno caso più unico che raro in cui il nome di un gruppo corrisponde perfettamente, come un'etichetta adesiva, a cio che il gruppo "fa". Non c'è dubbio: gli Experimental Pop Band fanno "pop", pop nel senso più antico e "kinksiano" (nel senso di The Kinks) ma al tempo stesso influenzato da tutte le ultime cose uscite dalla loro città, Bristol (pensate a dei Massive Attack prodotti da qualche dj tipo Fat Boy Slim). In più c'è l'elemento 'experimental', che per lo più probabilmente si riferisce all'accozzaglia di citazioni soul, electronica, blues, gospel e hip-hop che l'attitudine ...


THE EX/Starters Alternators'

MusicPedia:

THE EX "Starters Alternators'' Venti anni di attività e più di quindici album ufficiali, un nome che, partendo dalle comuni di Amsterdam ai tempi dell'alba punk, ha attraversato con una determinazione ed una indipendenza uniche, vent'anni di storia del rock, contaminando prassi anarcoidi, provocazioni e battaglie politiche e noise, avanguardia rumorista ed efficacia espressiva, incrociando il percorso di giovani Chumbawamba e dotti sperimentatori (il link con Tom Cora su tutti): questa la sintetica descrizione se ce ne fosse bisogno della storia di uno degli ensemble leggendari della storia cult della musica contemporanea. Nell'odierno infatuevole calderone del cosiddetto post-rock nella revenge di Chicago ...


THE EX+ZU

MusicPedia:

THE EX+ZU Tornano in Italia, dopo 12 anni, THE EX! La band ha appena festeggiato ad Amsterdam il proprio ventennale, seguito da un tour europeo con gli SHELLAC ed uno in USA con FUGAZI. Dall'iniziale approccio hardcore, estremamente politicizzato, alle collaborazioni con musicisti come Tom Cora, fino all'approdo su TOUCH AND GO per "Starters Alternators", registrato da STEVE ALBINI, una band in costante evoluzione. Con loro in tour in Italia gli ZU, da Roma, con un CD in uscita a settembre su WIDE RECORDS.


THE EVIDENCE

MusicPedia:

THE EVIDENCE The Evidence è una rock-party band in attività dal 1995 composta da musicisti di provata esperienza. GIGI DEF (voce) è stato il cantante della Def Killer Band, band di heavy rock di Teramo in auge negli anni '80, con la quale ha realizzato due demo-tapes, ottimamente recensiti dalla stampa nazionale ed internazionale specializzata nel genere, e due canzoni ("Babylon" e "Live Or Die") incluse nella compilation "STRADE (rock on the roads)", prodotta e distribuita dalla FIVE Records nel 1989. LUCA SCIPIONI (chitarra e backin' vocals) è stato membro della citata Def Killer Band nel biennio 1986/'87 per poi trasferirsi ...


THE EUROBOYS/1999 Man

MusicPedia:

THE EUROBOYS 1999 Man (Man's Ruin/Goodfellas) Nascono dal disfacimento dei Turbonegro, malfamati e deviati punk rockers norvegesi, gli Euroboys ed è bene dire subito che lasciano esterrefatti. Ciò che più sorprende (considerando appunto il passato del chitarrista Euroboy) è l'aspetto psichedelico dei quattro brani e una precisa impostazione "easy". Evidente già nella title track posta in apertura, che ci fa sciogliere sotto il sole di uno psycho rock pop da trangugiare tutto d'un fiato. La successiva 'Ballad Of Kirk And The Jerks' proietta immagini di malinconia su di un cielo dove scorrono le note di un hammond, mentre lo spirito psichedelico ...


THE ETERNALS/The Eternals

MusicPedia:

THE ETERNALS The Eternals Con i Tortoise ha suonato per un certo periodo Dan Fliegel che con due ex Trenchmouth (ricordate?) forma gli Eternals. Si rimane in città, ma solo fisicamente. Perché le orecchie si orientano verso certe sperimentazioni dub del Pop Group e di Mark Steward (Phase 3). Quindi Rip Rig + Panic e Primal Scream, indietro fino a Lee Perry (Stirring up Weather). Se qualcuno desidera continuare a liquidare la faccenda come ritorno del progressive, faccia pure.


THE ETERNALS/s/t

MusicPedia:

THE ETERNALS s/t (desoto) Se il Dub Narcotic Sound System avesse suonato realmente dub, avrebbe fatto uscire dischi del genere. Una voce impertinente e allucinatoriamente predicatrice conduce, trama e distrugge il tappeto ritmico e armonico che la band gli costruisce sotto. E' come se i migliori Moonshake fossero stati scritturati dalla On-U Sound e il loro disco fosse prodotto da Calvin Johnson. Uno dei momenti migliori dell'album è segnato da "Feverous", dove Damon Locks (ex-Trenchmouth) sa offrirci una interpretazione quasi sinatriana del Jah Wobble meno etno-dub. Questo album riesce ad offrire, a tratti, una chiave di lettura molto ...


THE ELECTRIC PRUNES/Lost Dreams

MusicPedia:

THE ELECTRIC PRUNES "Lost Dreams" Tra gli antieroi per eccellenza della psichedelia classica americana, gli Electric Prunes sono stati i principali alfieri, assieme a Chocolate Watchband, Love, Thirteen Floor Elevators, della transizione dal suono garage -ancora pienamente avvertibile soprattutto nell'album d'esordio- alle esplosioni lisergiche della "Summer of Love", già in forma pienamente matura nel successivo "Underground". Sboccia e sfiorisce nel giro di questi due dischi, straordinari quanto frammentari e non privi di occasionali scivolate di gusto, la leggenda delle Prugne Elettriche originali, prima che il gruppo, manipolato dai discografici, incida una storica messa rock in formazione totalmente rinnovata (con tanto di ...


THE ELECTRIC EFFECT/The Centre

MusicPedia:

THE ELECTRIC EFFECT The Centre Of The Sun Gli Electric Effect sono un giovane quintetto di Nottingham formatosi alla scuola della psychedelia inglese di fine anni sessanta e più propriamente ai primi Pink Floyd/Syd Barrett. Gli sono occorsi sei anni e alterne vicende discografiche sotto altro nome per sperimentare e mettere a punto la formula visionaria contenuta in From The Centre Of The Sun l'album che ha il compito di tessere le sorti del combo inglese mettendo in scena uno spettacolo di forme psychedeliche che rimandano agli albori dello space-rock e del folk lunare che fu di Barrett e Kaleidoscope e che ...


THE DYLANS /BOLLI

MusicPedia:

THE DYLANS Spirit FinsJer Sembra che la parola d'ordine sia ' assestamento". lrn sacco di bands, tutte quelle che almeno non guardano agli Zeppelin, appare un po' indecisa sul da farsi. Andare avanti, restare sullYoggi o rivolgersi come tanti all'era preEmerson? Ne escono fuori così degll~lbridi come questo SF che riesce ad altalenare fra i Jethro Tuli (vagamente su Children Of The Flame) e, soprattutto, i Teenave FC! Che tutto ciò porti ad un nuovo '77? San Lydon lo voglia. In attesa dei Guccinis... I 'Cragazzi" di Rockstar perdonino la stupidità puntigliosa ma nel numero di marzo, pg 16, cerche Cl dicono ...


THE DWARVES/Come Clean

MusicPedia:

THE DWARVES "Come Clean" EPITAPH Ad essere maliziosi verrebbe subito da dire che i Dwarves non potevano proprio pensare ad un uso più sciagurato della schiuma da bagno che copre le pudenda delle due procaci grazie ritratte sulla copertina della loro nuova collezione di squisite nefandezze punk e psycho pop, anche se con altrettanta sincerità non biasimiamo davvero l'accortezza mostrata dal fotografo nel coprire con una spugna intrisa della medesima schiuma il pube del tale che appena poco più in là provvede, invero con un'espressione fra il colpevole e lo sbigottito, a sfilarsi un preservativo. Insomma, passa il tempo, ma non ...


THE DUST OF BASEMENT '[Vice Ver

MusicPedia:

THE DUST OF BASEMENT '[Vice Versa] Opticus' (Matrix Cube-Trinity/Audioglobe) Se in prima istanza avevo espresso perplessità sul nuovo disco dei Dust Of Basement, adesso mi trovo nella condizione di ammettere che anche le canzoni che mi erano parse più deboli, pur non strabilianti, riescono ad aggraziarsi l'apparato uditivo. Ovvio che ci si trovi al cospetto di brani realizzati con questo specifico intento, quindi non riuscire nell'impresa ne avrebbe decretato l'insuccesso, però il gruppo tedesco miscela bene pop elettronico, orecchiabilità delle linee vocali e una certa ricercatezza nella scelta delle strutture, specie in 'Despair', 'Constant' (irresistibile filastrocca sintetica), 'Cell' (soft dub), 'Create ...


THE DUST BROTHERS/propato

MusicPedia:

THE DUST BROTHERS - FIGHT CLUB ORIGINAL MOTION PICTURE SCORE Fight club è stato sicuramente l’evento cinematografico di quest’autunno, pagine e pagine d’inchiostro, infatti, sono state ampiamente spese su tutti i giornali riguardo al film di David Fincher, che oltre ad essere una pellicola di grossissimo spessore, aveva come pregio ulteriore una colonna sonora, a firma Dust Brothers, davvero eccezionale, sia per il suointrinseco valore musicale, e sia perchè ha segnato finalmente il tanto agognato debutto di Michael Simpson e John King sul formato album, dopo un’attesa lunga qualcosa come 15 anni! Eh già perché, incredibile ma vero, il duo pur ...


THE DUST BROTHERS/FIGHT CLUB/2

MusicPedia:

THE DUST BROTHERS - FIGHT CLUB ORIGINAL MOTION PICTURE SCORE Fight club è stato sicuramente l’evento cinematografico di quest’autunno, pagine e pagine d’inchiostro, infatti, sono state ampiamente spese su tutti i giornali riguardo al film di David Fincher, che oltre ad essere una pellicola di grossissimo spessore, aveva come pregio ulteriore una colonna sonora, a firma Dust Brothers, davvero eccezionale, sia per il suointrinseco valore musicale, e sia perchè ha segnato finalmente il tanto agognato debutto di Michael Simpson e John King sul formato album, dopo un’attesa lunga qualcosa come 15 anni! Eh già perché, incredibile ma vero, il duo pur ...


THE DUST BROTHERS/Fight Club

MusicPedia:

THE DUST BROTHERS Fight Club Chi sono i Dust Brothers? A differenza delle loro più talentuose e prevedibili controparti chimiche, Simpson e King rimanevano un rebus, il più ectoplasmatico e camaleontico (una specie di Predator) duo di dj in circolazione (ma sono dei dj?). I più li ricorderanno per la famigerata controversia a proposito del nome, o per il loro lavoro come produttori per Beck e Beastie Boys, ma come interpretare il fatto che hanno prodotto anche "Mmm Bop" degli Hanson? Insomma, dopo che ero giunto a concludere che fossero una specie di Alan Smithee della pop music, ecco che debuttano, a ...


THE DURUTTI COLUMN

MusicPedia:

THE DURUTTI COLUMN - È. Ne è passato di tempo dal disco con la copertina in carta vetrata! Vini Reilly & Co. rimangorlo però sempre sospesi fra armonie d'ambiente e chitarrismo trasversale di certo rock cerebrale. Della stessa pasta son fatti i tranquilli signori che improvvisamente sterminano la famiglia, credo.


The Duke Robillard band

MusicPedia:

The Duke Robillard band E' uno dei più versatili chitarristi americani di oggi, il suo stile molto personale è messo in evidenza nei più diversi stili musicali come rock'n roll, jazz, blues e soul. Robillard ha lavorato per 13 anni con i Romful of Blues, ha fatto parte di gruppi famosi come The Fabulous Thunderbirds e Legendary Blues Band. La sua discografia come solista è giunta al tredicesimo album e tocca con "After hours swing session" nel 1992 l'apice del successo a livello mondiale. Con Duke Robillard alla chitarra e voce, Douglas J. Schlecht al sax tenore e baritono, Dannis Taylor al sax tenore, James Packer al basso e Dannis ...


The DUB LAB

MusicPedia:

The DUB LAB Flappa & Nagades + The Delegators + Dubital sound system Il laboratorio itinerante, la fucina del nuovo accattivante progetto Dub di Suiteque. Il Dub Lab racchiude in sè alcuni dei componenti di Dubital, Ragariddim e Pattern Clear. Evento esclusivo , spinge la platea a intensi momenti di pura trance Dub, spasmi da tarantolati (Flappa & Nagades) e ad atmosfere dance in fine style (Dj Raggalove, Rankin Alpha, Dubital Sound System). Un appuntamento con la vera spina dorsale del Reggae. La sostanza che esalta l'essenza: il DUB!!!!


THE DRUM/Diskin

MusicPedia:

THE DRUM Diskin Mantra Si ricomincia dal solo tamburo: nome più conciso e suoni significativamente rinnovati, molto più aggiornati, articolati e taglienti di quelli che fino a qualche tempo fa venivano presentati sotto l'insegna China Drum. Dei trascorsi 'cinesi' le dodici canzoni di questo "Diskin" conservano riconoscibilissima l'impronta indie rock, ma è proprio sul piano delle sonorità che il quartetto britannico ha lavorato di maglio e di bulino, inasprendo generalmente il timbro delle chitarre e soprattutto enfatizzando il peso ed il ruolo dei ritmi. Ascoltando brani come "Reasons", "Go There Today" e "Hold This Thought While I Lose My Head" è ...


The Drop

MusicPedia:

The Drop Il gruppo è nato due anni fa, ma da qualche mese è entrato a farne parte un nuovo chitarrista mentre il vecchio è volato via. Quindi è da poco che hanno potuto presentare un buon repertorio e fare le prime serate. Il cantante del gruppo che è anche la seconda chitarra è Di Pompeo Francesco, nato a Pescara il 27/6/79 ed ivi residente in Via Colle Falcone 10 - Tel. 085/691797. Studia canto e dizione da due anni, suona il pianoforte, la chitarra, ascolta rock melodico, jazz, blues, classica ed hardrock. Il suo gruppo preferito sono i Queen ed ...


The Driven

MusicPedia:

The Driven Quartetto irlandese proveniente da Limerick che si inquadra in quella nuova ondata di band autoctone dal suono potente (vedi Ash e Therapy?). La loro peculiarità e l'essere riusciti a coniugare certe tendenze piu americane (Nirvana) con il pop acustico tipicamente inglese (Levellers). Una miscela esplosiva nonostante i riferimenti fuori trend. Jenus love you more... (Polydor), singolo. (215)


THE DRIVE PROJECT Vs. MIKELITT

MusicPedia:

THE DRIVE PROJECT Vs. MIKELITT " Eternal Summer " Wild Ritorno imperioso di atmosfere Chill Out e Dream per questa interessante produzione che credo possa diventare un buon successo radiofonico per quest'Inverno 2000/2001: tedesche ma non troppo, prodotte in due tracce entrambe similari e cioè la " Extended " e la " Radio ". Unico neo: ma possibile che i tedeschi abbiano così poca fantasia nei titoli ?


THE DRIPPING LIPS

MusicPedia:

THE DRIPPING LIPS "Ready To Crack" Questo disco si segnala per due buone ragioni: intanto è l'ultima produzione di Jimmy Miller (l'uomo che ha firmato i migliori album degli Stones nei tardi Sixties) prima di passare a miglior vita, eppoi i Dripping Lips sono il gruppo con cui Brian James dei Damned è tornato a graffiare la sei conde. Tra i dodici episodi contenuti in "Ready To Crack" troviamo dei numeri impattivi e brillanti (l'opener "Powerful", grintosa e melodica al contempo, la dilatata "Whats On Your Mind", l'ipnotica "Push Push" oppure "You Treat Me Too Kind" alla maniera degli Stones di "Exile", ...


THE DRAGS/Set Right Fit To Blow

MusicPedia:

THE DRAGS Set Right Fit To Blow Clean Out Terzo album per i Drags, tra le più numorose ed eccitanti realtà del garage-punk odierno. Diversamente da quanto offerto nei singoli qui c'e più blues, ma secondo l'ottica squassante del lo-fi texano. Il trio approccia anche col country (Jet Lag) slabbrandolo e poi coverizza la Communication Breakdown dei Led Zeppelin. Senza alcun rispetto macinano le orecchie che è un piacere.


THE DOORS/THE BEST

MusicPedia:

THE DOORS - THE BEST (CD) - ELEKTRA, USA L'idea l'aveva già avuta Adrian Sherwood ma gli mancavano i soldi e, sopratutto, il prestigio di qualche hit in classifica; ben altro peso ha FatboySlim che nell'odierno "Sunset" ripesca quell'idea peregrina, acquistando i diritti d'un vecchio "recitato" di Jim Morrison rilancia così l'interesse per lo storico gruppo, fermo dai tempi del film di Oliver Stone. Del singolo di Fatboy dimenticatevene in fretta, come pure dei brani del "Best". Del gruppo californiano, l'album omonimo e l"Absolutely Live" bastano e avanzano. Interessa invece, e molto, un remix che al momento non ...


The Doors

MusicPedia:

The Doors: dopo 25 anni dalla scomparsa di Jim Morrison, nel 1997 Robbie Krieger (chitarrista) e John Densmore (batterista) si riuniscono nuovamente per suonare in tre città del nord Europa, riscuotendo un grande successo. Questi concerti precedono l'uscita di un nuovo lavoro contenente tre CDs, registrato da Krieger, Densmore e Manzarek, (tastierista), campionando la voce di Morrison. La prossima estate partiranno per un nuovo tour, che li vedrà in 7 città europee, Londra, Parigi, Berlino, Amsterdam, Roma, Arbatax (CA) e Vigevano. Oltre ai musicisti già citati ci sarà alla seconda batteria Dale Franklin, batterista di Prince, al basso Berry Oakley ...


The Doom Generation/2

MusicPedia:

AA/VV "The Doom Generation" (American) Se assistendo all'ultimo lungometraggio del regista di Totally F***ed Up avete avuto la sensazione di un qualcosa di inconpiuto,di sfuggente e di già visto/assaporato,sono sicuro che proverete lo stesso sentimento ascoltando la relativa colonna sonora.Il "primo film eterosessuale" di Greg Araky è,purtroppo,solo un cult sfiorato,la possibilità, non sfruttata,di costruire il piccolo/grande evento cinematografico dell'anno.Al primo tentativo con una grossa produzione (a livello di budget e,soprattutto di spinta pubblicitaria) ,il regista,non è forse stato in grado di sfruttare al meglio la situazione riuscendo solo in parte a riprodurre sullo schermo la forza dissacratoria dei suoi precedenti lavori.Forse ...


THE DONNAS/Turn 21

MusicPedia:

THE DONNAS/Turn 21 In occasione del compimento della maggiore età, le Donnas entrano da protagoniste al Gran Ballo del Rock and Roll. Si trasferiscono dalla Lookout alla Epitaph (ma solo per l'Europa) e sfornano il loro album più bello. Partite come timide outsiders garage dalla piccola cittadina californiana di Palo Alto, le nostre avvenenti eroine hanno saputo perfezionare con il tempo la capacità di scrivere superbe canzoni 'teen' rock and roll. Prendendo l'abbrivio da Ramones (Play My Game) e Runaways (Do You Wanna Hit It), le Donnas ci propongono oggi canzoni mature e stilisticamente perfette che abbracciano trent'anni di wild r'n'r ...


THE DONNAS/Get Skintight

MusicPedia:

THE DONNAS Get Skintight Le Donnas non sono certamente l'ultima eclatante novità in fatto di rock al femminile, ma certo è che di questi tempi non si vede nessuna altra band all'orizzonte in grado di insidiarne il primato sulla scena americana e internazionale. Questione di giusta attitudine, prima di tutto, ma anche di esperienza e di abilità di mediazione fra modelli che si chiamano Pandoras e Muffs da un canto e L7 e Sleater Kinney dall'altro, ossia fra ruvido garage rock e punk ancora più abrasivo ed evoluto, una formula che Donna A, Donna R, Donna C e Donna F riescono a ...


THE DOC BELL CHORAL

MusicPedia:

THE DOC BELL CHORAL Gospel and Soul The Earnest Doc Bell Choral è un gruppo gospel da 25 elementi che canta Soul mescolando anche altra musica. Gli eccellenti artisti del gruppo hanno importanti carriere individuali. Si è formato originariamente nel 1996 quando Bell viveva nell’Ohio. Il nome del gruppo era Front Line Community Chair. Bell si è esibito con produzioni teatrali come cantante e musicista principale, ha iniziato a predicare nell’Ohio alcuni anni fa e attualmente predica nella città di Detroit. Il suo garante è il Pastore Willie Brooke della V.G.L.B. Ch. dove Bell al momento è il Minister of Music. ...


THE DIVINE COMEDY/Regeneration

MusicPedia:

THE DIVINE COMEDY "Regeneration" Lo abbiamo gia detto: Neil Hannon è una sorta di piccolo Oliver Twist irlandese, prigioniero di un mondo un po' antico, che deve avergli creato qualche frustrazione, ma anche l'abitudine alle buone letture e ai pomeriggi trascorsi al pianoforte. Sta di fatto che dopo aver alimentato il vezzo di un'etichetta e di un passato da solista, con la creazione dei Divine Comedy il buon Neil ha rivelato al mondo intero la natura di un talento affatto trascurabile. Il gruppo, è vero, divide gli animi. Piace o dispiace lo stile un po' lezioso e persino barocco che quel ...


The Divine Comedy

MusicPedia:

The Divine Comedy Something For The Weekend Setanta Con questo loro singolo i Divine Comedy si sono meritati la Palma di gruppo Arty/Farty del mese. Neil Hannon,Divine Comedy Ë praticamente un suo pseudonimo, continua ad indulgere nel suo pop manierista ed ultrabarocco, che dovrebbe ispirare leggerezza ed invece risulta pesante sovrarrangiato, una specie di incrocio tra i Pet Shop Boys e i Pulp piÐ scontati. Gli atteggiamenti da Crooner di Hannon risultano sempre forzati, con l'unica positiva eccezione di 'Love is Lighter than Air' che ricorda i primi esilaranti Right Said Fred di 'Up'. Per il resto in ...


THE DISTURBED/The Sickness

MusicPedia:

THE DISTURBED The Sickness I Disturbed sono i nuovi psicopatici del new metal. Ritmi spezzati, voce inquietante, elettronica new wave inglese dietro l'angolo, chitarre secche e filtrate sono le armi del gruppo. Voices, Down With The Sickness e Violence Fetish sono esempi di kornismo ben fatto.


THE DIRTYS

MusicPedia:

THE DIRTYS You Should Be Sinnin (Crypt\Helter Skelter). Un nome, una garanzia!!! Non vedo in quale altro modo avrei potuto iniziare la recensione di “You Should Be Sinnin”; d’altronde l’unica alternativa possibile sarebbe quella di farvi ascoltare l’opener “Midnight Till Noon” o la successiva e deflagrante “I’m On Fire”, ma credo che attraverso la carta stampata non sia ancora possibile una simile operazione, quindi dovete fidarvi delle mie “esternazioni letterarie”! Non serve dilungarsi troppo in giri di parole, definizioni criptiche o pantomime esistenziali, quando è sufficiente dire che il quartetto di Detroit produce il miglior garage punk’n’roll grezzo e violento attualmente in ...


THE DINING ROOMS/Numero Deux

MusicPedia:

THE DINING ROOMS/Numero Deux Dopo avere esplorato e approfondito i paesaggi sonori di Subterraneans Moderns, Volume Uno, Stefano Ghittoni e Cesare Malfatti aka The Dining Rooms riprendono il loro viaggio onirico e sentimentale con Numero Deux, il disco che l'inedito "Maria" anticipava nei Remixes di un anno fa. La personalità dei due è cresciuta e la strada è ormai tracciata, quindi il nuovo album non ci coglie impreparati: di Numero Deux si potrebbe ben dire stessa spiaggia stesso mare, colori mediterranei e umori mitteleuropei, breakbeat al rallentatore e suggestioni cinematografiche. "Catania City Blues" è un bell'esempio dei contrasti pastello che alimentano ...


THE DINING ROOMS Remixes

MusicPedia:

THE DINING ROOMS Remixes (Milano 2000/Ishtar) "Orchestra della pace" a parte, Vienna sonnecchia. E Parigi pure, in attesa che Air e Kid Loco emergano dal letargo invernale. Meglio così, meglio giocare in casa quando si affronta un disco pensato per il consumo domestico. Bastano il giradischi e i tuoi dischi: da lì selezioni i Dining Rooms - Stefano Aka Ghittoni e Cesare Malfatti dei La Crus - ed è fatta. Subterranean Modern, debutto di un anno fa, resta una squisitezza in bassa battuta. Era il primo volume. Il secondo è annunciato per la primavera. Ecco quindi un album di remix ...


THE DINING ROOMS

MusicPedia:

THE DINING ROOMS Subterranean Modern Volume Uno (Milano 2000) Milano già basta ed avanza fino al 1999, figurarsi per il futuro. Però un gruppo che intitola il suo disco come la prima raccolta della Ralph non può esser male. Chi c’è alla guida de ‘ste Sale da pranzo? Ghittoni. Il dj? Vabbè, sentiamolo. ‘Occhi neri’ apre e mi sorprende a causa della voce campionata di Giorgio Gaber (dal brano ‘La paura’), niente male... Alla fine, il CD ha girato per un paio di giorni sul lettore, caldo e rilassante come un buon bagno defatigante. Leggermente monocromatico ma godibile.


THE DILLINGER ESCAPE PLAN

MusicPedia:

THE DILLINGER ESCAPE PLAN Calculating Infinity Old School, New School, ma alla fine qual è il futuro dell'hardcore. C'è possibilità di evoluzione? E se sì, in che termini? L'hardcore è ancora materia plasmabile? Bastano le tre canzoni iniziali di Calculating Infinity dei The Dillinger Escape Plan, per rispondere alla domanda. Il jazz (come peraltro già elaborato dagli Iceburn Collective nei tardi anni '80) come materia disgregante nella rigidità core. Gli accenti zorniani, i cambiamenti improvvisi di direzione, i finali cibernetici alla Meshuggah, tutti "nuovi elementi" per una ricostruzione stimolante.


THE DIG

MusicPedia:

THE DIG DIG vs. Musicattiva2001 Il progetto DIG è nato nel tardo 1997 da un'idea di Alex Class e Dave Lambert. Tutte le canzoni sono composte, arrangiate e suonate da Alex e Dave, che si avvalgono a volte di musicisti turnisti nei live set. ALEX CLASS: bassista di professione originario di Manchester, anche se vive in Italia ormai da anni. Lavora come session man in studio e live con molti artisti italiani anche a livello internazionale. DAVE LAMBERT: è venuto in Italia nel'93 da Londra. Ha lavorato con vari Dj's e come autore. Lui si occupa prevalentemente di samples e tastiere. DIG: ...


THE DICKIES

MusicPedia:

THE DICKIES The term "punk technician" might sound like an oxymoron,but Dickies guitarist Stan Lee has been called worse things. It may seem moronic at first, but The Dickies'humorous take on an otherwise angst-ridden form of music (in songs like "Stuck in a Pagoda with TriciaToyota") proves that punk doesn't have to be bereft of musical values to be effective."If you slow down our songs you'll discover some clever chord changes and a lot of melody," says Lee.In the late '70s, punk rockers didn't play leads, they didn't do covers, and they sure as hell didn't have a keyboard player in ...


THE DEMONICS/Demons On Wheels-M

MusicPedia:

THE DEMONICS Demons On Wheels' (Man's Ruin/Goodfellas) Nonostante incidano per la Man's Ruin i Demonics non vanno annoverati tra i frequentatori del carrozzone itinerante del deserto stoner. Infatti i californiani sono immersi in un sound punk garage rock'n'roll melodico e in un immaginario fatto di biker movies di serie B (come ci tengono a precisare). Al di là di alcuni buoni numeri ('She-Devils On Wheels', 'Purple Hearts' e 'Dustin' The Fuzz') non raggiungono, come il Torino purtroppo, la salvezza e retrocedono mestamente tra i cadetti.


THE DEMONICS/Demons On Wheels

MusicPedia:

THE DEMONICS Demons On Wheels E' un album tributo ai '60 biker movies che non lascia particolari tracce sull'asfalto. I temi musicali impiegati possono anche essere quelli giustamente richiesti dall'immaginario ma non riescono a incidere più di tanto. Per lo più parliamo di power r'n'r/pop con qualche escursione nel punk californiano. Il tutto immerso in nostalgie sixties ma anche portatore di embrioni heavy metal (il paradosso maggiore e che la 'garagey' "Dustin' The Fuzz" sembra quasi eseguita dagli Iron Maiden...). Alla fine ci dovremmo accontentare dei suoni reali della conclusiva "Motorgeddon": rombi di motore, esplosioni, sgommate, lamiere contorte.


THE CHARLATANS

MusicPedia:

THE CHARLATANS To Dur Hips Dopo la blanda prova dell'album, chiamiamolo così, 10 e mero e la caduta verticale del fenomeno Madchest@r (a' Shaun...da solo hai fatto fallì 'aFacI!o~, te pozzino!) pensavamo in tana che i Ciarlatani avrebbero dovuto essere riposti nello scaffale "meteore" sezione "fiochi bagliori" ed invece rieceoli -come gli Inspirai Carpets- con un nuovo disco pieno di "capolavori senza pretese".Naturalmente se amate il genere, altrimenti è solo trash. Ma ciò vale tanto per i film di Truffaut che per il Mocio Vileda. I pantaloni però li tengo rigorosamente a tubo, l'orrida zampa d'elefante la lascio volentieri ...


THE CASSWELLS

MusicPedia:

THE CASSWELLS In maniera quasi speculare si muovono anche i Casswells, combo di Bristol lanciato dal chitarrista Paul Towler che già militava negli ottimi popster Haiwains. Per certi versi questo Casswells ci fa tornare indietro nel tempo. E' musica pop, pura e delicatissima come quella di tante band Sarah (vedi Blueboy) e Postcard (vedi Orange Juice) e simili. Se poi, avete una certa familiarità con Go-Between e Beautiful South questo è il disco che fa per voi.


The Cassiopaeans

MusicPedia:

The Cassiopaeans, formati da Tayone, Skizo e Iceone. Tayone vanta, nel suo curriculum, un quarto posto proprio alla finale mondiale dell’ITF del 1998.


The Caribbean Jazz Project

MusicPedia:

The Caribbean Jazz Project DAVE SAMUEL - vibrafono e marimba DAVE VALENTIN - flauto STEVE KHAN - chitarra BERNIE MINOSO - contrabbasso RICHIE FLORES - percussioni I fondatori del gruppo sono tre ambasciatori indiscussi del Jazz, che hanno dato vita ad una mistura unica di Jazz, musica Afro-Cubana e musica Sudamericana. Il progetto ha assunto negli anni una tipica caratura internazionale, annoverando consensi e critiche favolose in ogni parte del mondo. Dave Samuel è considerato da molti un innovatore della musica contemporanea, che riesce ad unire una tecnica di impostazione classica ad una sconfinata dote di improvvisazione. Dave Valentin costituisce un ...


The Cardigans

MusicPedia:

The Cardigans L'ultima novità che arriva dalla Svezia dei Roxette e degli Ace of Base si chiama Cardigans. Cinque ragazzi ventenni originari di Jonkoping. Lasse Johansson (chitarre e tastiere) ci racconta la nascita della band: "Sono stati Magnus Sveningsson (basso) e Peter Svensson (chitarra) a formare il gruppo nel '92. Reclutarono prima Bengt Lagerberg (batteria e flauto) e Nina Persson (voce), mentre io sono arrivato per ultimo. Fu abbastanza facile, poiché in una piccola cittadina come Jonkoping ci si conosceva un po' tutti. Abbiamo debuttato con l'album Emmerdale nel '94 e il primo singolo Rise & Shine ha avuto un buon ...


THE BUSINESS/DROPCICK MURPHYS/M

MusicPedia:

THE BUSINESS/DROPCICK MURPHYS Mob Mentality Il progetto originario della Taang prevedeva uno split 7" tra le leggende del real punk/Oi d'Albione e i loro omologhi statunitensi. Alla fine, grazie all'ottimo clima generato dall'incontro, al desiderio di misurare il proprio contributo musicale sui "topoi" del genere, rendendo omaggio ai pilastri dell'immaginario collettivo Oi, è nato un vero e proprio disco in cui troviamo alcuni episodi assai divertenti tra cui le cover emozionali di "The Kids Are Alright" degli Who (ormai inno riconosciuto di tanta parte dell'Oi europeo) interpretata dai Dropkicks, "Hang Up Your Boots" degli Slapshot rivisitata dai Business, "Knock Me Down" ...


THE BURNOUTS/Go Go Racing

MusicPedia:

THE BURNOUTS Go Go Racing Niente male come risposta danese ai New Bomb Turks. A differenza della maggior parte della celebrata scena punk rock scandinava, i Burnouts evitano agganci con l'hard rock preferendo un infuocato approccio garagista. Nonostante il riferimento fin troppo calzante la scelta è quella vincente: i pezzi carburano favolosamente sia come tiro che come musicalità.


The Buffalo

MusicPedia:

The Buffalo Se l'America è la vostra passione ed in particolare volete vivere il magico incanto degli spazi sconfinati, l'esibizione del trio The Buffalo, riuscirà a farvi sentire perfino gli odori di quelle terre. Folk & Rock con un repertorio che spazia dai Pink Floyd a Dylan, dagli Eagles agli America, saranno gli allettanti motivi che vi terranno compagnia.


THE BRUSARJA/Sbasa a cresta che

MusicPedia:

THE BRUSARJA Sbasa a cresta che buegiar costa!!! Toma il punk in lingua padana, con il suo vagoncino di gin di chitarra accattivanti ma lisi e testi grotteso-pecorecci su impotenze virili (Me se ingripa a peassa). Tra tanta ghignante allegna caciarona si coglie però un filo di disperazione tipo "l'Ottavo Nano". (alla tua età pesavo un quintale e due, alla tua età saltavo i fossi per lungo, alla tua età aprivo le bottiglie con i denti, alla tua età facevo l'amore due volte al giorno). La stessa che ti prende alla vista di Bossi. Contatti: Sandro 0421-205394 e-mail: qlo@libero.it


THE BRUISERS/In The Pit

MusicPedia:

THE BRUISERS In The Pit (Live & Rare) Prima della sua esplosione in questi ultimi anni, lo street punk di estrazione britannica aveva ben poco attecchito nel suolo statunitense. Formatisi nel 1988 i Bruisers, seppur in un semi anonimato, erano tra le formazioni più seguite e rispettate del genere. Tra l'altro il loro 'fare' Oi! si avvicinava molto spesso all'hardcore facendo inconsapevolmente da tramite con fans e gruppi dell'altra sponda (basta notare che più di un decennio fa band come Slapshot o Agnostic Front già flirtavano musicalmente e attitudinalmente con la cultura skinheads). La TKO adesso omaggia il gruppo di Portsmouth ...


THE BROADWAYS/Broken Van

MusicPedia:

THE BROADWAYS Broken Van L'avventura dei Broadways è finita nell'autunno del '98 nel momento in cui era già pronto del nuovo materiale da far uscire. Per la precisione erano sei brani che solo adesso vedono la luce, oltretutto rimpolpati con un po' di produzioni fuori stampa. Il quartetto percorreva fedelmente (ma con un po' di anni di ritardo) la strada dei primi Jawbreaker o della prima Lookout! (i Crimpshrine e gli Screeching Weasel per esempio). Ancora ruvidi e sgraziati, i nostri non erano dotati di una scrittura particolarmente brillante ma nel complesso se la cavavano discretamente, cioè nella norma.


The Brainsuckers/1999 Surfing t

MusicPedia:

The Brainsuckers 1999 Surfing the moment 100% psychedelic supersound Brainville rec. La nascita di etichette indipendenti è stata, per gran parte degli anni ottanta, la caratteristica più importante del panorama musicale italiano, molte erano le band che intraprendevano questa scelta per prodursi lavori altrimenti ignorati dalla major di turno. Questo fenomeno sopito per diversi anni è riaffiorato alla grande nell'anno appena trascorso. Mi vengono in mente la romana Vurt recordz, la bolognese Gamma Pop che attraverso una politica basata sui bassi costi, e non per questo deficitaria, hanno dato alle stampe i lavori di Yuppie Flu, Laundrette, Cut, band queste, che hanno ricevuto consensi ...


THE BRAINERS

MusicPedia:

THE BRAINERS nascono a Napoli nell'Aprile 1998 come quartetto (voce e basso, due chitarre, batteria) e subito hanno la sfacciataggine di esebirsi come gruppo spalla ben più quotate nei club cittadini; a nulla valgono le espressioni esterefatte del pubblico dei loro primi show (ampiamente documentate in diversi videotape); i quattro sono convinti di incarnare le speranze del power pop pur suonando uno sgangheratissimo punk rock, deviato però dalla voce femminile di Simona, giornalista militante e bassista "fastidiosa", dal drumming ignorante e, proprio per questo, presentuoso di un vero cavernicolo sannita, Sabrina Stavolone, dai ricami sgraziati delle due chitarre, che professano ...


THE BRAINDANCE COINCIDENCE

MusicPedia:

AA.VV. THE BRAINDANCE COINCIDENCE REPHLEX/FAMILY AFFAIR Qualcuno di voi si sarà accorto che da qualche mese la Rephlex Records, etichetta fondata da Aphex Twin, organizza in giro per l'Italia delle Rephlex Night con i propri dj. Serate all'insegna dell'eclettismo sonoro proprio anche delle produzioni marchiate Rephlex, come questa compilation, nata per celebrare il centesimo disco pubblicato come anche per presentare una panoramica su ciò che una delle forze creative più "avanti" in ambito elettronico é in grado di offrire. L'unico difetto che si può attribuire a questo disco é infatti quello di essere fin troppo vario, tanto che solo pochi (quelli con i ...


THE BRADIPOS IV/Instromabia

MusicPedia:

THE BRADIPOS IV Instromabia Seguiamo i Bradipos IV di Caserta dalla loro nascita, addirittura su demo abbiamo apprezzato da subito il loro modo di suonare un surf'n'roll asciutto ed inventivo, che dal vivo mantiene le promesse fino ad ora ascoltate unicamente dai solchi di un vinile. Loro primo lavoro su un CD, per quella Omomusic di Roma che l'anno scorso ha licenziato il superbo album dei Cosmonauti, aggiunge una brillantezza strumentale al quadrivio chitarre-basso-batteria-organo, decisamente superiore rispetto alla canonica media. Quattordici strumentali, la maggior parte composti dai Nostri, che aggiungono un bel tocco di cantabilità alle lezioni sixty di Dick Dale e ...


THE BRADIPOS IV

MusicPedia:

THE BRADIPOS IV La storia dei Bradipos IV ha inizio verso la fine degli anni '80 a Caserta. In quegli anni tutti i componenti del gruppo suonavano in diverse band locali. Ghigo ed Enrico (basso e batteria) si facevano le ossa in un gruppo garage, Francesco (chitarra e tastiera) si dilettava con un gruppo pseudo-sperimentale dai toni decadenti e Massimiliano (chitarra) suonava con formazioni occasionali. I quattro erano amici sin da allora e, malgrado l'appartenenza a diverse formazioni, si ritrovavano spesso (loro ed altri) a cimentarsi in performances sonore. Virtualmente il gruppo già esiste da quegli anni, ma sarà nel '94 ...


THE BRADIPOS FOUR

MusicPedia:

THE BRADIPOS FOUR Breve storia: La band nasce verso la metà degli anni '90 da una incontenibile passione per il 60's sound, i Bradipos IV infatti, propongono una accattivante miscela di surf, lounge e rock'n'roll strumentale suonato con la dovuta energia (specie dal vivo) e soprattutto con un vintage-sound aggressivo e ultra riverberato. Dopo aver suonato praticamente in quasi tutta la penisola, la band ha partecipato a parecchi 60's contests aprendo per bands come: Boss Martians, Chocolate Watchband, Link Protrudi & The Jay Men & more.. Formazione: Francesco Lo Presti (chitarra solista/ritmica/organo Farfisa); Massimiliano Crispi (chitarra solista/ritmica); Amerigo Crispi (basso); Enrico ...


THE BOYZ FROM BRAZIL/Album

MusicPedia:

THE BOYZ FROM BRAZIL Album I ritmi della saudade brasiliana sono un'ispirazione comune per numerosi adepti della dance, ma nel caso dei Boys From Brasil c'e qualcosa di più. La tendenza a dilatare le atmosfere in luoghi temporali dal beat moderato (Born Bom Bé) non può essere sistemata come una semplice derivazione del downtempo; anzi, la battuta vicina al dub, il senso della spazialità (Bachianas Brasileiras) e l'uso dei campionamenti (ben noto quello di Hifi Trumpet) li avvicinano talvolta ad una sorta di post rock versione dub terzomondista. Più difficile da descrivere che d'ascoltare, questo cd (ma perché doppio, vista ...


THE BOWLING GREEN

MusicPedia:

THE BOWLING GREEN The Receptionist (Blue Plane) Al secolo Micko Westmoreland, ed è una new entry sul filone nostalgia Anni '70. L'aspetto è androgino (Bowie come icona). In questo suo terzo Ep ci aggiriamo tra cori da film Hammer, tappeti di chitarrine alla Manuel Götchshing, kitch e malinconia. T-Power che ne rimissa un brano, ci aggiunge soltanto una spruzzata di jungle ed un pizzico di fantascienza a buon mercato. Per uno spiazzamento assicurato.


The Boom/Movin’out

MusicPedia:

The Boom Movin’out (Slowdime) Siete in astinenza da fiati miscelati con il miglior rock sanguigno? Ecco a voi The Boom, nuovo progetto dell’infaticabile Fred Erskine. E’ sempre più diffusa la voce che alcuni elementi di alcuni gruppi americani abbiano un paio di replicanti a testa che gli permettono di portare avanti 6 o 7 progetti musicali contemporaneamente, produrre una decina di dischi all’anno e registrarne altrettanti per tutti i loro amici. Era dai tempi di Circa: now dei Rocket From The Crypt che non sentivo un album di rock’n’roll fondere così intelligentemente e mai banalmente i fiati con il pulsare ritmico ...


THE BONES/Screwed, Blued And Ta

MusicPedia:

THE BONES/Screwed, Blued And Tattooed I The Bones invece sono completamente immersi in uno scenario rockabilly anni 50, dove il primigenio rock'n'roll di Billy Hollyday e la serie Happy Days sono un ideale supporto ad un rock ovviamente più energetizzato, ma anche più scontato di quello dei loro label mate.


THE BONES/Screwed, Blued And T

MusicPedia:

THE BONES ‘Screwed, Blued And Tattooed’ (I Used To Fuck People Like You In Prison/Sound Machine) Ancora una calata dalle terre svedesi per rimpinguare la già folta schiera di formazioni che da lì provengono e che hanno scoperto all’improvviso di avere una predisposizione (non so quanto naturale) per il rock’n’roll. Ovvio che da parte di alcune etichette ci sia la volontà di accaparrarsi il gruppo raw rock scandinavo a ogni costo, anche se credo che ciò non durerà a lungo, anzi il “fenomeno” pare già destinato a rientrare nei ranghi. D’altronde quello che suonano i Bones, ovvero rock’n’fucked’n’punk’n’roll è sempre esistito in ...


THE BODY & SOUL

MusicPedia:

THE BODY & SOUL Soul and R.&B. Band MG.s with the "Family Horn's" Oggi sembra quasi una moda, ma "Body & Soul" è uno dei primi gruppi si Soul music in Italia. Formatosi verso la fine del 1987 grazie anche alla spinta ed al merito di aver acceso la fiamma della "musica dell'anima" di un grande esperto ed appassionato del genere, di fama mondiale: Graziano Uliani. Ideatore e presentatore del più grande festival di Soul and R.&B. Europeo (al quale i "Body & Soul" hanno partecipato per ben sette edizioni) il "Porretta International Soul Festival" Tribute to "Otis Redding". The "Body ...


THE BMN TRIO

MusicPedia:

THE BMN TRIO Thomas Borgmann - sax tenore e soprano, sopranino Wilber Morris - contrabbasso Reggie Nicholson - batteria Bergmann, Morris e Nicholson sono la dimostrazione di come si possa suonare il jazz più emozionale con una segreta ricchezza. Creando la musica organicamente da una specie di mitica nebbia primordiale, l' energia non svanisce mai, ma continua a colpire i nervi. Tutti e tre celebrano la grande arte del trio, mescolare inseparabilmente abbondanza, bellezza e la consapevolezza del manifesto di John Coltrane "A Love Supreme". IL sassofonista tedesco Thomas Borgmann ha suonato e inciso con Peter Brotzmann, Sirone, William Parker, Borah Bergmann, Thurston Moore e ...


THE BLUETONES/Science & Nature

MusicPedia:

THE BLUETONES Science & Nature Terzo e delicato capitolo della saga Bluetones. Reduci da un album, come si dice, transitorio (quel "Return to the Last Chante Saloon" che due anni fa li vide indossare gli improbabili panni di pistoleros), i quattro 'london guys' capeggiati da Mark Morriss riaggiustano il tiro e provano a rinverdire i fasti del glorioso disco di debutto "Expecting to Fly". Lo fanno concentrandosi oltre che sulla forma (gli arrangiamenti e le soluzioni stilistiche), sulla sostanza stessa (la melodia e i testi) delle canzoni. Accantonati certi eccessi sonori del più recente passato, forti di un'ispirazione ritrovata, i Bluetones ...


THE BLUES' GREEDIES

MusicPedia:

THE BLUES' GREEDIES Il gruppo nasce circa tre anni fa e s'afferma subito nei locali delle Marche. La formazione definitiva è raggiunta nel 1999, quando un nuovo batterista e un nuovo bassista apportano alla formazione le loro spiccate qualità tecniche e ritmiche. Il genere, o meglio, i generi proposti spaziano dal Blues al Soul, dal R&B al Rock anni '70. L'attenzione è posta, in particolare, sugli arrangiamenti personalizzati dei brani eseguiti, che assumono in questo modo una veste nuova e accattivante. Le spiccate capacità vocali della cantante, Alessandra, permettono al gruppo di confrontarsi con pezzi celebri della musica soul interpretati da ...


THE BLUE UMANS

MusicPedia:

THE BLUE UMANS- Clear To Higher Time. Prodotti dal Giovane Sonico Thurston Moore, i BH smadonnano con 2 chitarre -attenzione: una per canale- per 36 minuti. Mezz'ora di chaos che può essere lobotomico se non si ha adeguato allenamento. Ma non è normale amministrazione neanche per gli altri. Per padiglioni coi contropali e cervelli sghimbesci.


THE BLUE DEVILS/On My Door

MusicPedia:

THE BLUE DEVILS On My Door (CD-R autoprodotto) Arriva dalla provincia di Siena questo terzetto fortemente ispirato al blues. Non a caso le dieci tracce che compongono questo cd altro non sono che cover dei loro “ero” musicali. Ed è soprattutto la figura di Robert Johnson, a cui i Blue Devils rendono un vero e proprio tributo, a primeggiare nella scaletta dei pezzi. “Crossroads Blues” infatti apre degnamente un disco pieno di riferimenti a quell‚humus che nella storia del rock ha ispirato personaggi gruppi come Clapton, i Rolling Stones, Steve Miller e i Led Zeppelin, tanto per citare alcuni nomi. Certo, nulla ...


THE BLUE DEVILS

MusicPedia:

THE BLUE DEVILS I Blue Devils sono attivI da tre anni nel circuito dei locali e dei festival del centro Italia con più di cento serate all'anno. Propongono un mix di rock, blues, funk e reggae che, ancorato saldamente alle radici del blues dei maestri storici quali Robert Johnson, Willie Dixon, B.B. King e Muddy Waters, spazia nel blues progressivo inglese e americano dei '60 e '70 (in repertorio riletture di brani dei Ten Years After, Cream, Winter ed Hendrix) con digressioni psichedeliche e stravolgimenti di classici del rock e del folk (Dylan, gli Stones, Doors, Marley), a cui si aggiungono ...


THE BLUE DEVIL

MusicPedia:

THE BLUE DEVIL (SIENA) - TRIBUTO a ROBERT JHONSON C’è un gruppo che viene da Siena nel tributo a Robert Jhonson in programma per questa speciale serata. The Blue Devil si esibiscono con grande maestria ed altrettanta professionalità.


THE BLUE AEROPLANES/BOLLI

MusicPedia:

THE BLUE AEROPLANES-Life Model Quando un gruppo viene scaricato da una major vuoi dire solo una cosa: scarse vendite. Peccato. Il presente LM è inoltre sottotono rispetto alle recenti grandi prove, come se i Blue si fossero fermati un attimo per vedere che direzione prendere, se porsi cioè sull'affollatissima strada per Beatlesville (I'mA SmartDrug deve non poco aDearPrudence), fare da emuli al vibratore d'acciaio di Donald Fagen (FrightenedAt Night) o spaccare muri con le chitarre di Vade Mecum (Sunslinger (gran pezzo). Sarebbe un disco da registrare su nastro con i lenti da una parte ed i macinasassi dall'altra con I)aughter Movie ...


THE BLUE AEROPLANES/2

MusicPedia:

THE BLUE AEROPLANES Rough Music (Beggar Disc) Nel Regno Unito di Gran Bretagna, Bristol, geograficamente parlando è una della aree più importanti nell'economia della terra di sua maestà. Da un punto di vista strettamente musicale, negli ultimi anni, ha dato la possibilità a molti artisti di esprimersi ed evolversi in maniera assai cospicua e rilevante; non a caso diversi talent scout stanno sondando quelle "parti" convinti di poter trovare nuove idee e fermenti in grado di apportare canoni estetici che possano essere definiti innovativi. Tricky, Massive Attack, sono soltanto due tra i nomi più importanti che negli ultimi tempi si sono fatti ...


The Blech

MusicPedia:

The Blech I "Blech" sono uno dei gruppi piu' importanti della scena del "nuovo rock" tedesco. Fondati da Hubl e Der Volz nel 1985, hanno riscosso negli anni, consensi sempre maggiori (nel 1993 la band ha tunuto concerti entusiasmanti a Tokio e Osaka, tanto chela casa discografica di "Nippon Columbia", oltre che pubblicargli l'ultimo album "Liebeslieder", ha già confermato un'altra tournée in Giappone per quest'anno); sono infatti l'unico gruppo rock ad esser stato invitato al Festival di Leningrado (con Pavarotti). Definita dagli stessi musicisti "Musica da intrattenimentosenza scrupoli", mettere in parole la tempesta die suoni "Blech" non e' impresa facile, ...


THE BLAZERS/Puro Blazers

MusicPedia:

THE BLAZERS Puro Blazers The Blazers arrivano da East L.A. Sono messicani d'origine e sono spesso stati paragonati ai Los Lobos. Ma, al contrario della band di Hildago e Rosas, non sono mai riusciti a sfondare a livello internazionale, nè a fare un disco degno dei ben più celebri compatrioti. Sono stati scoperti da Ceasr Rosas, che ha anche prodotto i primi due dischi, il discreto Short Fuse ed il più riuscito East Side Soul. Il terzo disco, inferiore a quest'ultimo ed intitolato Just For You, è stato prodotto da Pete Anderson. I quattro chicanos suonano il classico cocktail di musica ...


THE BLADE

MusicPedia:

THE BLADE THE BLADE di Pescara. Esposito Davide (Basso), Giammarini Pierluigi (Batteria), Montebello Alessandro (Chitarra), Pieragostino Denis (Voce e Chitarra). The Blade nascono nel merzo 2000 con l'intenzione di proporre il sound Britt-Poo che in Italia è un pò sottotono. Qualità e affiatamento sono già loro prerogative, visto che alla loro prima ufficiale uscita hanno centrato l'obiettivo delle semifineli alla IV edizione Rock'on'Test.


THE BLACK/Golgotha

MusicPedia:

THE BLACK Golgotha Figura 'storica' della scena underground nazionale, il chitarrista abruzzese Mario Di Donato giunge al sesto album della sua impersonificazione musicale "The Black", ed ancora una volta si svela genuinamente ispirato dalla perpetua memoria del progressive rock tricolore, ad onta di qualsiasi moda passeggera... Di Donato resta legato anche all'ambiziosa tradizione degli album-concept, e "Golgotha" non sfugge alla regola: il monte che assistette alla crocifissione del Cristo rappresenta il medium simbolico per parlare delle sofferenze umane d'oggi, ed in questa circostanza, pur avvalendosi di immagini 'retoriche' nelle liriche, le tematiche di The Black appaiono meno astratte e più legate ...


THE BLACK SUN ENSEMBLE

MusicPedia:

THE BLACK SUN ENSEMBLE Le burrascose vicende dei Black Sun Ensemble, emanazione dello straordinario chitarrista Jesús Acedo da Tucson, Arizona sono state puntualmente riportate su queste pagine dai lontani esordi degli anni '80 fino all'uscita del fondamentale "Sky Pilot" pubblicato da Camera Obscura poco più di un anno fa. Al di là di poche centinaia di fortunati per buona parte degli appassionati la loro storia discografica inizia con un album Reckless del 1987, pubblicato senza titolo e generalmente frainteso come il loro album di esordio. In realtà i primi vagiti di questa sensazionale creatura datati 1985, erano stati affidati ad un ...


THE BLACK MIGHTY ORCHESTRA/To T

MusicPedia:

THE BLACK MIGHTY ORCHESTRA To The Sky The Black Mighty Orchestra è un progetto partorito dalla mente di Cesare Cera, da anni produttore e label manager della Irma, piccola e coraggiosa etichetta bologneses specializzata in produzioni black e dance. To The Sky è un variopinto collage di 18 brani, nel quale si avverte un'incertezza direzionale; funky o triphop o breakbeat? La direzione a due teste, Cesare Cera da un lato e Ohm Guru dall'altro, si fa sentire e crea discrasie che danneggiano l'omogeneità dell'album. I brani virati funky sono più piacevoli ed eleganti (bella la cover quasi-jazz di "Light My Fire" ...


THE BLACK HEART PROCESSION/A 3

MusicPedia:

THE BLACK HEART PROCESSION A 3 Song Recording Tre pezzi, tredici minuti. Bellissimi, naturalmente. Il trio di San Diego conferma tutto quanto di buono si è detto su di loro dopo "l" e soprattutto "2", per molti miglior disco del 1999. Il materiale qui inciso risale al dicembre 1998 e sembra rappresentare una specie di piccolo compendio del loro stile. "A Truth Quietly Told" s'affratella alle spoglie ballate per voce, piano e missione abbandonata del primo disco, "Destroying The City of Hearts", strumentale, rende più corposi i suoni con l'aiuto dell'ormai famosa 'sega musicale' mentre "Song About A..." si fa prendere ...


The Black Heart Procession/2

MusicPedia:

La tristezza, le lacrime, il dolore, la sofferenza e la malinconia nel momento in cui vengono tramutate in note assumono le sembianze dei The Black Heart Procession. La band di Pall A Jenkins e Tobias Nathaniel (provenienti dai 3 Mile Pilot) e Mario Rubalcaba (ex Metroshifter e Clikatat Ikatowi) sa interpretare le emozioni più funeste che attraversano il cuore di ogni essere umano, convertendole in indimenticabili canzoni d’autore e ballate dal sapore roots, “dark”, ma prive di retorica e che fanno di “2” (Touch & Go\Wide) un’opera di struggente bellezza. Se poi vogliamo guardare alle muse ispiratrici possiamo dire che ...


The Black Heart Procession

MusicPedia:

The Black Heart Procession 2 Se amate i Calexico ma li ritenete troppo solari ecco per voi The Black Heart Procession variante crepuscolare di quel filone neo tradizionalista che in america sta incontrando sempre maggiori consensi (eloquente l'interesse di una label come Touch & Go) soprattutto nell'ambiente indipendente. Tra i primi gruppi a dare questa impostazione al proprio suono furono i Three Mile Pilot e proprio le due menti trainanti di quel gruppo le troviamo qui impegnate. Pall Jenkins e Tobias Nathaniel (coadiuvati da Mario Rubalcaba alla batteria) danno forma a queste pagine pergamenate e polverose che con epicità procedono, come ...


THE BLACK HALOS/THE VIOLENT YEA

MusicPedia:

THE BLACK HALOS "THE VIOLENT YEARS" (SUB POP/WHITE'N'BLACK) Il punk rock è in grossa crisi, notando come i nomi di punta sono affondati in un immobilismo creativo da vergogna, e come altri si sono auto-traghettati verso una massificazione da fenomeni pop tipo "Super" con Elenoire Casalegno, asportando e snaturando radici e significati di questa musica. Eventualmente solo il filone garage e lo-fi ha mantenuto alta la bandiera e lo spettro di una certa attitudine e spontaneità compositiva. C'è poi chi risolca i soliti binari standardizzati e battuti da oltre vent'anni. Questi Black Halos si presentano graficamente con simboli, come stellette e ...


THE BLACK

MusicPedia:

THE BLACK: <[lS2.fetrl»~s E~~rtis,~s E:t P,«rjgator (Minotauro 1tecs3. The Blactk è un diitsl~rrista qpesc non erro!3 già da tempo attivo nella scena heavy itali sta sua opera prima è un prodotto ambizioso; attrave] brani presenti l'autore si ripropone di fornirci una sex dri che rappresentano adeguatamente i tre mondi dell ba. La musica l(wn Ihafd rock con riferimenti ai vece punta decisamente su un insieme di atmosfere molte Il prodotto è molto curato; anche dal punto di visita gì si è badato a spese, per cui non posso esprimermi mente su un disco che sicuramente merita l'ascolto z cerca di ...


THE BITTER SPRING

MusicPedia:

THE BITTER SPRING "Five Die Filming This Lazy Lark" Ritorna la musica del trio di stanza nel Middlesex, Bitter Spring, con un secondo album più introverso ed altrettanto meraviglioso titolato "Five Die Filming This Lazy Lark". Simon Rivers, Daniel Ashkenazy e Neil Palmer si riconfermano con grazia suprema e squisito senso armonico, qualitativamente non lontani dai migliori Tindersticks dimostrando maturità e gusto espressivo che rasentano a tratti la pura meraviglia. Un estro brillante e dinamico si libera nei vocalizzi dolci ed avvolgenti di Simon Rivers che vitalizza di sviluppi cangianti la musica contenuta in questi 13 episodi. Sono infatti sonorità dotate di ...


THE BIRKIN TREE

MusicPedia:

THE BIRKIN TREE Una delle più conosciute formazioni italiane che si dedicano alla musica irlandese tradizionale. Hanno inciso nel '96 il cd "Continental Reel" nella cui prefazione Lyam O'Flinn, il più celebre maestro di uillean pipes d'Irlanda scrive "The Birkin Tree suonano con grande capacità e vitalità rispecchiando il loro amore ed il loro divertimento per questa musica". I The Birkin Tree si sono esibiti in centinaia di concerti in Italia ed all'estero ed hanno partecipato a diverse trasmissioni radiofoniche e televisive.


THE BIRDWATCHER/The Darkest Hou

MusicPedia:

THE BIRDWATCHER/The Darkest Hour Is Just Before Dawn Quest'anno passato in silenzio dai Windsor For The Derby doveva di certo covare qualcosa, e così Dan Matz, credo il più attivo dei quattro, si lancia, nel suo studio casalingo, insieme ad un via vai di amici riuniti sotto la sigla The Birdwatcher per questo viaggio notturno, primo atto di una trilogia che trae ispirazione dalle tre fasi della giornata, notte, mattino e pomeriggio. Il tocco e i toni in parte sono riconducibili a quanto il nostro ci ha già proposto insieme a Windsor For The Derby, lo spirito appare più sanguigno forse ...


THE BILL WELLS OCTET VS FUTURE

MusicPedia:

THE BILL WELLS OCTET VS FUTURE PILOT AKA The Bill Well Octet Vs Future Pilot Aka (Domino) Bill Wells è un signore di quarant'anni, conosciuto tra gli amici come il Sun Ra di Glasgow, recente collaboratore dei Pastels e di V-Twin. Un artista capace di reinventarsi continuamente. Con ovvi rimandi a "Screamadelica" dei Primal Scream, questo è un album di jazz armonioso, condito di sapiente elettronica. Atmosferico e molto cool. Così suona l'ottetto di Wells che annovera tra gli altri membri di Pastels e Belle & Sebastian, tutti uniti appassionatamente per reinterpretare i loop-tapes di Future Pilot, personaggio creativo e sfuggente, a cui il gruppo dedica praticamente un ...


The Big Jig

MusicPedia:

The Big Jig (UK) Quartetto che nasce dallo scioglimento di The Barely Work, una delle migliori formazioni inglesi degli ultimi anni, e che ne prosegue gli stessi indirizzi: la ricerca di un sound che è fusione di diversi stili, basato essenzialmente sulla musica folk, ma con interessanti inserimenti di Pop, Reggae ecc. La band, acclamatissima nel suo paese d'origine ha inciso un paio di cd e si è esibita nei maggiori festival europei. E' al terzo tour in Italia dove ha riscosso unanimi consensi di pubblico.


THE BEVIS FROND/Valedictory Son

MusicPedia:

THE BEVIS FROND/Valedictory Songs Nick Saloman continua a confezionare album che sono "solo", prendere o lasciare, raccolte di impeccabili ballate e rock song chitarristiche, autorevolmente modellate sulle infinite suggestioni di un periodo che per molti rappresenta l'irripetibile epoca aurea della storia rock. A differenza di Vavona Burr del '99, registrato in totale solitudine, qui ci sono i fidi Adrian Shaw e Andy Ward a fornire un'affiatata sezione ritmica e, una tantum, il disco non è stato registrato nel garage di casa ma in un vero studio. Rilassata antistar, Saloman compone, per se stesso ancor prima che per il suo scelto pubblico, ...


THE BETA BAND/Patty Patty Sound

MusicPedia:

THE BETA BAND "Patty Patty Sound" C'è veramente da rimanere fulminati di fronte ai quattro brani che compongono questo singolo. Fino ad oggi molti hanno sentito parlare di questo gruppo scozzese, anche se il loro primo singolo in tiratura limitata ha privato molti del piacere di scoprire una delle migliori band in circolazione. Finalmente ecco Patty Patty Sound, con i suoi episodi di worki in progress, atti a ricreare un'atmosfera lo-fi/folk/pop. Immaginate lo spettro sonoro di Beck, Stone Roses e Primal Scream e ve ne farete un'idea. Skunk Rock: un vero e proprio trionfo del suono moderno.


The Best Of Belgium

MusicPedia:

Tanto per dimostrare che anche in Belgio la scena HC-punk è in pieno fermento e miglioramento esce "The Best Of Belgium" (Green Leaf\Green), raccolta in cui i generi succitati vengono affrontati quasi in ogni loro variante. Tra le 13 band non posso fare a meno di annotare i Concrete Cell, i Shortsight (voce femminile e base xxx-noise), i crudi Liar e i Congress (death-core)!


THE BEST OF 80'S

MusicPedia:

AA.VV. - THE BEST OF 80'S - VIRGIN - 1998 Puntuale come un orologio svizzero, proprio alla fine di questa decade che ci traghetterà al fatidico anno 2000, arriva l'ennesimo revival. Niente di strano qualcuno obietterà, se è vero che ad intervalli più o meno ciclici assistiamo ad operazioni di recupero di questo tipo (ricordate all'inizio degli anni '90 in piena era grunge il riaffiorare dell'estetica dei seventies?). Ciò che stupisce in realtà è che l'oggetto privilegiato di questa opera di "revisionismo musical-social-culturale" siano proprio i vituperati eighties, una delle decadi - a torto o a ragione, lo stabilirete voi - ...


THE BELL RAYS/Let It Blast

MusicPedia:

THE BELL RAYS Let It Blast Puro maximum rock'n'soul. Un disco saturo tanto di umori soul (Ike & Tina Turner, Parliament) quanto di rock al calor bianco (MC 5, Stooges, Make Up), guidato dalla straordinaria voce di Lisa Kekaula, cantante di colore in grado di sposare il blues di Janis Joplin con le chitarre di Wayne Kramer. Registrato su un otto piste in presa diretta, rende l'immagine di una band in grado di cavalcare sontuosamente la tigre del ricordo di band come i Big Brother sporcandola d'estetica punk e irrobustendola col funk più nero (qualcuno si ricorda del connubio Big Chief & ...


THE BELL RAYS/Grand Fury

MusicPedia:

THE BELL RAYS "Grand Fury" Tenete bene a mente questo nome: Lisa Kekaula. Si tratta di una delle voci black femminili più forti e duttili dell'intero underground. Parlo non a caso di underground, dato che la Kekaula non fa parte di ensemble hip hop, new electronic soul o altre modernità assortite, ma di due gruppi ROCK, che più rock non si può. Lisa è il punto focale dei rumorosissimi Bell Rays, formazione di bianchi giunta al suo secondo album. Immaginatela novella Aretha Franklin mentre canta e si dimena come un'ossessa supportata da un incendiario suono di chitarre iperamplificate e distorte alla ...


The Beekeeepers

MusicPedia:

The Beekeeepers - Third Party, Fear And Theft (Beggars Banquet) Gli apicoltori, per un gruppo che piglia seriamente il rock, è un nome un po' del cazzo, però c'è Marco Pirroni in veste di produttore, e visto che il corpulento chitarrista è stato parte attiva dei progetti più cruciali del punk inglese e di quel che ne è seguito (Flowers Of Romance, Siouxsie & The Banshees, Adam & The Ants, Rema Rema), le antenne fanno presto a drizzarsi. Per poco però: il progetto è nato vecchio, le canzoni suonano tutte come se fossero state scritte nell'83 o giù di lì e ...


The Beast Of Bourboun

MusicPedia:

Beasts of Bourbon Tutti quelli come me che, pur incantandosi alla rara vista di fattezze angeliche ed occhi trasparenti, inspiegabilmente finiscono per regalare il cuore (solo quello, eh...) alle espressioni più turpi e perverse della natura umana (dopo questa, amici e parenti mi toglieranno il saluto!), certamente hanno un'altissima considerazione per gli australiani Beasts of Bourbon. Brutti, lo sono per davvero, degenerati e malsani, pure. Cattivi, beh, fanno del loro meglio: il lavoro è lavoro, ed un musicista sa essere anche un buon attore. Se poi qualcuno si fosse stancato di un certo tipo di cattiveria, tanto artificiale quanto pacchiana (non ...


THE BEACH SOUNDTRACK

MusicPedia:

ARTISTI VARI - THE BEACH SOUNDTRACK (LONDON) - CD Per un film deboluccio un'imponente colonna sonora! Il tempo col tema lo fanno gli Orbital (sopra ci disquisisce il DiCaprio, ma fà lo stesso). A seguire ed in bell'ordine , gli Underworld, i Leftfield, le AllSaints col produttore di Madonna, i Blur con FatBoy Slim (poteva mancare?), i New Order e Barry Adamson, gli Asian Dub Foundation tiratissimi, i Faithless, ... Dopo abbuffate simili lo scoramento è generale; sono album dove, malgrado la qualità che punta mediamente in alto dei prodotti presentati, tutto viene consumato & appiattito e, alla lunga, non ...


THE BATHERS/THE SECRET GOLDFISH

MusicPedia:

THE BATHERS Pandemonia (Wrasse Records) THE SECRET GOLDFISH Mink Riots (Creeping Bent) Il fattore Belle & Sebastian, non solo estetico e musicale, accomuna le due band in questione. I piccoli eroi della nuova grazia mondiale (controllate le classifiche delle college radio americane) sono infatti ospiti, con contributi differenti, sia dei Secret Goldfish che dei Bathers. Questi ultimi proseguono nel loro doppiopetto gessato di Tindersticks, Scott Walker e Urge Overkill (periodo "lieto di conoscerla Mr. Neil Diamond"). Romanticissimi e talvolta un po' troppo madama Butterfly, mirano ai vostri momenti più dandy. Meno svenevoli, più tonici e seducenti nella loro ora di ricreazione pop, ...


THE BARRY GEMSO EXPERIENCE

MusicPedia:

THE BARRY GEMSO EXPERIENCE Ski Lodge Serenade Se invece siete reduci dalla visione di Austin Powers ed avete bisogno di un disco veramente spasmico, la musica di Barry Gemso è quello che fa per voi, yeah gente, yeah! Multicolore, optical, frenetica come la ganzissima Londra di Basil Exposition, non guasta mai quando vi togliete gli scarponi da sci ed entrate nella hall di un albergo di Cortina. Voi vi chiederete: "ma quando mai ci siamo entrati?" D'Ampezzo! Spasmico baby, yeah!


THE BARGE PROGRAMMA

MusicPedia:

THE BARGE PROGRAMMA GIUGNO 13/6 DANIEL ANGELINI 14/6 AUT AUT 15-16/6 GHERGO 17/6 FUORI TEMPO (Latin Jazz) 18/6 DANIEL ANGELINI 19/6 SHARON 20/6 VELCO (Rock Blues) 21/6 ENZO VINCE VALLICELLI (Blues Band) da MAI DIRE GOAL 22/6 ALLIGATORS (Chicago Blues) 23/6 ROCK VOICE 24/6 FILIPPO MALATESTA 25/6 DANIEL ANGELINI 26/6 MASSIMINO (Acoustic Blues) 27/6 DANIEL ANGELINI 28/6 AUT AUT 29/6 HOT PANTS (Fusion) 30/6 OLD COUNTRY PICKERS LUGLIO 1/7 FILIPPO MALATESTA 2/7 DANIEL ANGELINI 3/7 SHARON 4/7 WIZARDS 5/7 RADIO TIRANA 6/7 PULP FRICTION 7/7 BI FOLK TRIO 8/7 FILIPPO MALATESTA 9/7 DANIEL ANGELINI 10/7 JOE CASTELLANI BLUES BAND 11/7 DANIEL ANGELINI 12/7 AUT AUT 13/7 TITTA E LE FECCE TRICOLORI 14/7 OLD COUNTRY PICKERS 15/7 FILIPPO MALATESTA 16/7 DANIEL ANGELINI 17/7 SHARON 18/7 ...


THE BAND/Bolli

MusicPedia:

THE BAND - Jericho Baresi lascia la Nazionale e su "invito" di Don Matarrese ci ripensa. Non fa una gran figura, come uomo. La Band ci lascia nel '78 quel bel testamento che è stato The Last Waltz. Ora, con tempi molto più lunghi degli immancabili redivivi dei comics, torna - almeno per me - a sorpresa con Jericho. E la discrezione e la sincerità della rentrée li pone agli antipodi del Difensore del XX secolo. Sono rimasto stupito perché essendo orrnai lontano qualche pianeta da queste musiche (Armageddon line fu l'album 'Ramones'!) non credevo mi coinvolgesse più di tanto. Invece, ...


THE BAND

MusicPedia:

THE BAND Giuseppe Emiliani e Francesco Costa tromba, Michele Sanguedolce e Gianmichele Menzolini trombone, Giovanni Regoli e Stefano Dall'Osso sax tenore, Gabriele Zaccherini e Alessandro Bedeschi sax alto, Roberto Bartoli basso e arrangiamenti/direzione, Carlo Chiarelli batteria, Marco Graziani chitarra, Francesco Pini voce e armonica, Michele Della Valentina piano La formazione, diretta da Roberto Bartoli, è attiva da due anni. Il repertorio, oltre a blues tradizionali, comprende anche brani di Corea, Pastoius, Mingus e Jarret


THE BALLISTIC BROTHERS/PROPH

MusicPedia:

THE BALLISTIC BROTHERS - PROPHECY REVEAL ('12) - AFRO ART,U.K. Se in trio, negli X-Press 2, è costretto al parossismo house, accellerando allo spasmo campioni e battute (vedi il singolo ultimo), quì Ashley Beedle si prende una pausa, proponendo in stile reggae old school un brano piacevole ed accomodante, dispiegando così tutta la maestria sua. Una dote che gli permette d'essere, dopo oltre un decennio, ancora una figura cardine nel panorama mutevole della musica elettrica ed elettronica. Se gente come A Guy Called Gerald o John Carter hanno chiesto proprio a lui e come prima scelta, di rimissarli, una ...


The Bad Filmmaking Girls

MusicPedia:

“The Bad Filmmaking Girls” h.15.00 – 17.30 Some Breaking – Pratiche Hip-Hop (di Anna de Manincor) Documentario sull’hip-hop girato in Emilia Romagna: tra volute di b-boy e scratch musicali, sogni e bisogni dei ragazzi che praticano questa danza ad alto voltaggio importata dagli Stati Uniti. (Rockumentary – proiezione di 35 minuti)


THE BABY NAMBOOS/Ancoats To Zam

MusicPedia:

THE BABY NAMBOOS Ancoats To Zambia Nel caso di The Baby Namboos la vicinanza a Tricky (incidono per la sua etichetta, la Durban Poison, e sono suoi parenti) ha contagiato il suono di Ancoats To Zambia che è spesso in linea con la naivetè di Maxinquaye. Percussioni afro-caraibiche, una naturale propensione al dub e l'uso delle voci (la voce femminile simile a Martina, il rap quasi uguale a quello sussurrato di Tricky) rimandano direttamente a Maxinquaye e dintorni (Angels With Dirty Faces). Ciò che li salva dall'accusa di plagio è la qualità dei brani, per la maggior parte di buona fattura. Un ...


THE B 52/OK

MusicPedia:

The B-52's "Time Capsule" (Reprise) E' stata definita la più stravagante dance band dell'era new wave. Un po' troppo poco per spiegare un fenomeno che alla fine degli anni Settanta ha travolto la scena post-punk con la stessa forza dei bombardieri di cui porta il nome. Time Capsule è un'antologia che celebra il ventesimo anno di attività di un gruppo che ha reso celebre la città universitaria di Athens, Georgia, molto prima dell'avvento dei R.E.M. e che ha trascinato la furia del rock'n'roll in un mondo surreale e decisamente poco serioso. Lo stravagante universo dei primi due album dei B-52's, autentici manifesti ...


THE AWESOME MACHINE/...It's Ugl

MusicPedia:

THE AWESOME MACHINE ...It's Ugly Or Nothing É diverte immaginare la scena stoner svedese come un parco dov'è stato ricostruito fedelmente l'ambiente del 'desert rock' californiano, popolato da 'specie' affini ai Kyuss... E poco importa se a quella latitudine, non distano molte miglia i ghiacci eterni del Circolo Polare Artico. Nel deserto del grande Nord, The Awesome Machine potrebbero recitar la parte degli Unida scandinavi. Si tratta di un quartetto di Goteborg, che con "...It's Ugly Or Nothing" giunge al primo album per l'etichetta tedesca People Like You, portando sugli scudi la stella 'replicante' del vocalist Lasse. Costui è un incredibile ...


THE AUTEURS

MusicPedia:

THE AUTEURS "How I Learned To Love The Bootboys" Si riapre il sipario sugli Auteurs, uno dei casi più enigmatici ed intriganti emersi dallo scenario britannico negli ultimi anni. La storia di Luke Haines è scritta a caratteri trasversali nelle cronache del pop-rock obliquo, abbozzi sotto differenti vesti, Auterus, Baader Meinhof e Black Box Recorder di novelle notturne spesso consumate al chiaro di luna, lontano dalle mode e nella sprezzante consapevolezza della propria arte e del suo enorme valore intrinseco. Luke, poeta introverso e solitario, ha potenziato il suo livello di conoscenza sulla natura umana dedicando intere giornate alla meditazione, raccogliendo frammenti ...


THE ARROGANTS/Your Simple Beaut

MusicPedia:

THE ARROGANTS Your Simple Beauty Non potevano battezzarsi in maniera più consona Arrogants, perché bisogna davvero essere arroganti per ostentare impunemente il romanticismo sublime espresso in "Your Simple Beauty". Forti della voce di Jona Written, affinità spartite con Herriet Wheeler di Sundays, Arrogants sono artefici di un dreampop dalle tinte radicalmente vittimiste, come è primo comandamento del pop, scolpito tra primi Cranberries e Field Mice, dove si rimpiange non l'essere amato ma l'avvertirsi innamorati, 'non sono triste e non voglio che ritorni, mi manca solo il sentire d'essere innamorata' chiosa Lovesick, unico episodio improntato alla vivacità piuttosto che al ripiegamento su ...


THE APPLES IN STEREO/The Discov

MusicPedia:

THE APPLES IN STEREO The Discovery Of A World Inside The Moone Robert Schneider è uno di quelli nati col dono della melodia. Ma bislacca, satura di volume e arrangiamenti. Dicono che sia impossibile parlare di lui, quindi della sua creatura, senza tirare in ballo Robert Wilson. Verissimo. In realtà è però necessario ricordare che gli Apples In Stereo, con, tra gli altri, Neutral Milk Hotel e Olivia Tremor Control, sono fra i fondatori del collettivo indie-rock chiamato Elephant Six. Viene in mente un dettaglio, una volta adocchiate le illustrazioni interne di The Discovery. Non sarà mica che quella faccia di ...


THE APPLE PIES

MusicPedia:

THE APPLE PIES Christmas Beatles Show Sabato 28 Dicembre Quattro ragazzi romani che suonano dal vivo le canzoni dei Beatles del periodo '60-'66. Stile, suoni e spirito di quegli anni favolosi sono riproposti con gli stessi strumenti musicali dei Fab Four. Il gruppo si presenta con il classico look del quartetto di Liverpool e inizia lo show con una scatenata Twist and Shout, proseguendo con All my loving, She loves you, Help, Ticket to ride, Day tripper e tutte le canzoni inedite dei Beatles. Gli Apple Pies sono in attività dal 1991. Sono stati invitati a suonare al teatro Adriano di Roma il ...


THE APERS

MusicPedia:

THE APERS Gli olandesi The Apers sono alla loro seconda uscita discografica su Winona Records (etichetta di Genova) e non si discostano di molto dai loro compagni d'etichetta svariando con sicurezza tra punk e rock alla maniera di Queers e Screechin Weasel.


THE ANNIVERSARY/Designing A Ner

MusicPedia:

THE ANNIVERSARY Designing A Nervous Breakdown Sono di Kansas City, incidono per l'etichetta dei Get Up Kids e in un certo senso ne sono gli eredi. Gli Anniversary infatti presentano la loro stesse caratteristiche, sebbene con dei correttivi essenziali che determinano la personalità del gruppo. Innanatutto le tastiere qui vengono utilizzate in pianta stabile e hanno un preciso peso specifico in sede compositiva: l'effetto potrebbe essere quello di una versione new wave pop (anni '80) dei GUK. Nel contesto è importante anche il ricorso al doppio cantato maschile/femminile: e anche qui, dato il contesto, ce li si potrebbe immaginare come una ...


THE ANIMALS

MusicPedia:

THE ANIMALS Il 1964 è l'anno della "British Invasion", e sulla scia dei Beatles tanti gruppi britannici si impongono sulla scena internazionale con uno stile profondamente influenzato dal blues e dal rhythm'n'blues nero americano. Tra questi gli Animals, secondi per importanza solo ai Rolling Stones fra le band della "nuova scena inglese" di quegli anni. A distinguerli è la potente voce blues-rock del loro leader, Eric Burdon. Nati a Newcastle all'inizio degli anni '60 come Kansas City Five, dopo vari cambiamenti nell'organico iniziale, raggiungono una formazione stabile alla fine del 1963 e diventano The Animals. Col loro nome titolano l'ep ...


THE ANIMALHOUSE/Ready To Receiv

MusicPedia:

THE ANIMALHOUSE Ready To Receive Rispolverate l'Union Jack, il baggy è tornato! O almeno così sembrerebbe ascoltando la title-track dell'atteso debutto degli Animalhouse, ma dura giusto quei cinque minuti di chitarre circolari e ritmica groovy sufficienti a ricordare i momenti migliori del britpop, circa una decina di anni fa. Hanno tutt'altra intenzione che percorrere il sentiero della nostalgia gli Animalhouse, visto che il passato non riserva ricordi buonissimi: il leader Mark Gardener e il batterista erano negli shoegazers Ride, tipico esempio di gruppo portato alle stelle e poi gettato nelle stalle dalla stampa UK. Per i due è tempo di vendicarsi, ...


THE ANIMALHOUSE

MusicPedia:

THE ANIMALHOUSE Loz Colbert Mark Gardener Jason King Hari Teah Sam Williams Welcome to…the animalhouse E’ per uno scherzo del destino che i componenti di the animalhouse si sono conosciuti prima di decidere definitivamente di diventare una band, nell’inverno del ’97 ad Oxford, loro città natale. La storia comincia tuttavia nel marzo di quell’anno quando Mark Gardener e Sam Williams si riincontrarono ad Oxford. In quel periodo ambedue uscivano da una fase in cui si erano sentiti sotto pressione per quello che avevano fatto in precedenza: Mark con i Ride, formazione che si era sciolta l’anno prima, e Sam che aveva prodotto e lavorato su ...


THE ANGELS OF LIGHT/How I Loved

MusicPedia:

THE ANGELS OF LIGHT "How I Loved You" Sono posti in apertura e chiusura i due brani più memorabili nella nuova prova di Michael Gira & Co., un paio d'anni dall'ottimo New Mother: Evangeline e la chilometrica Two Women, due delicati ritratti al femminile come proprio non ci si aspetterebbe da un ex-Swans, sfumanti in trasognati ad libitum, con quell'incedere flemmatico della voce che porge riverente tributo a Cash e Zimmerman, ma poi subito cerca sublimazione in qualche innominabile pratica s/m mistico-erotica (vedi My Suicide). Anche le restanti tracce si mantengono su registri meno grevi del solito, anzi con un po' ...


THE ANGELS OF LIGHT

MusicPedia:

THE ANGELS OF LIGHT New Mother Bisogna arrivare alla decima traccia di "New Mother" perché il sinistro fulgore della penna di Michael Gira si carichi davvero di tocchi luciferini e dissonanti. Prima, l'avvio del suo progetto solista sotto il nome di The Angels Of Light - in parallelo con la forza sperimentale dei Body Lovers/Haters - si rivela un oscuro ma cantabile e decadente quadretto di neuro-folk da fine millennio (perdonate l'ovvietà), legato un poco alle lezioni di Nick Cave o del più recente Mark Eitzel, ma con una punta di dissonanza in più, a scapito del lirismo vero e proprio. Musica ...


THE ANASAZI/Calculating Compon

MusicPedia:

THE ANASAZI Calculating Components... Hardcore brutale distorto con una batteria secca in primo piano e detonazioni compresse di fondo. La voce emette spasmi, le velocità sono insostenibili, quasi grind i rallentamenti sofferti. Tra le macerie si inseriscono intermezzi gioco. Membri di Mohinder, Jenny Piccolo e Yaphet Kotto a menare danze macabre.


The Amp

MusicPedia:

Non servono troppe parole per descrivere “Sirion” (Celtic Circle\Audioglobe) degli The Amp (nulla da spartire con gli omonimi provenienti da Bristol), in quanto trattasi di un lavoro incentrato su sonorità elettroniche (tendenti all’ambient atmosferico minimale, con brevi divagazioni synth-pop e rimandi ai Tangerine Dream). Nel complesso il disco è discreto, pur se “Wings Of Edo” e “Sojuz” emergono in modo positivo e poi compare un brano bellissimo; mi riferisco a “Passing A Stranger’s Land”, dove il duo (teutonico suppongo) ci coinvolge in un lungo mantra trance-ipnotico, senza fare affidamento su basi pompate o di facile presa, ma preferendo mantenere una ...


THE ALUMINUM GROUP/Introducing

MusicPedia:

THE ALUMINUM GROUP Introducing L'inventore del buill building è ancora più fortemente evocato in "Introducing" dell'Aluminium Group, altra creatura americana (Chicago), più stucchevole forse della precedente, maggiormente calata nel proprio lavoro di bella grafia retro-pop. Si tratta di apparenze, perché la sostanza di un ascolto attento rivela un'attenzione certosina sulle timbriche, su strutture circolari e sulla costruzione ad incastro dei pezzi. Frank e John Navin, quelli che Laetitia Sadier chiama, speriamo con affetto, "the gay brothers", mostrano qualità aracnidee, nella loro paziente tessitura di atmosfere che giocano con tocchi di fiati e soffusioni sostenute da basso e pianoforte. Quadri che per ...


The Alphabet of Dutch Filmmusic

MusicPedia:

AA.VV.: The Alphabet of Dutch Filmmusic (Stichting Cinemusica) Sistematicamente sottovalutata da pubblico e critica, da sempre la musica per il cinema è uno dei campi più interessanti da esplorare per chiunque abbia a cuore l'evoluzione dei linguaggi sonori. Rifiutata dai compositori "seri" per le limitazioni "esterne" che caratterizzano il lavoro per il cinema, proprio queste costrizioni (il dover interpretare in musica, da film a film, tipi di storie ed epoche storiche le più diverse tra di loro, e, all'interno di ciascun film, gli avvenimenti più svariati, dalla sparatoria alla scena d'amore) hanno invece stimolato nei compositori un approccio innovativo alla costruzione ...


THE ALMIGHTY

MusicPedia:

THE ALMIGHTY «Inizialmente volevamo solo fare un break di un anno per ricaricare le batterie e fare anche il punto della situazione. Per anni la nostra vita si è limitata all'andare in studio, registrare un disco e partire in tour. E sempre e di nuovo le stesse cose. Alla fine la pausa è durata un po' di più, praticamente quattro anni e a quel punto è stato ovvio per tutti parlare della fine degli Almighty». Sicuramente durante tutto questo tempo il cantante/chitarrista non si è messo a fare il contadino o l'impiegato delle poste: «Mi sono trasferito in Irlanda e ho ...


THE ALLMAN BROTHEKS BAND/Peakin

MusicPedia:

THE ALLMAN BROTHEKS BAND Peakin' at The Beacon Quello di suonare al Beacon Theater è ormai un rito per la band sudista. Ha inziato nel '93 e, da quall'anno, ha sempre suonato dai dieci ai qundici giorni nel teatro newyorkese, facendo il tutto esaurito. Anche quest'anno il gruppo si è esibito, prima di espellere Dickey Betts. Purtroppo, ascoltando il disco, si capisce perchè Gregg Allman ha voluto mandare via Betts dalla band. Richard ha sempre avuto problemi di droga ed alcol (ma Gregg non è certo ria meno, ha fumato di tutto, tranne il catrame), ma il vero problema all'interno della ...


THE ALLIGATORS/blues

MusicPedia:

THE ALLIGATORS La peculiarità degli Alligators è quella di aver assimilato la lezione di maesti del Blues elettrico quali Lonnie Johnson, Jimmy Reed, Magic Sam e molti altri, ma al tempo stesso lo spettacolo non si esaurisce in un semplice tributo a quei grandi personaggi. Questo è reso possibile dal fatto che i componenti della Band sono in possesso di uno stile personale affinato nel corso degli anni grazie anche a collaborazioni nel circuto Blues con artisti stranieri e italiani quali Andy J. Forest, James Thompson, Billy Gregory, Memphis Hornes etc. Dal BUSCADERO": «Sorprendente per misura e sonorità la "Alligators Blues Band", ...


THE ALLIGATORS BLUES

MusicPedia:

THE ALLIGATORS BLUES La peculiarità degli Alligators è quella di aver assimilato la lezione di maestri del Blues elettrico quali Lonnie Johnson, Jimmy Reed, Magic Sam e molti altri, ma al tempo stesso lo spetacolo non si esaurisce in un semplice tributo a questi grandi personaggi. Questo è reso possibile dal fatto che i componenti della Band sono in possesso di uno stile personale affinato nel corso degli anni grazie anche a collaborazioni nel circuito Blues con artisti stranieri e italiani quali Andy J. Forest, James Thompson, Billy Gregory, Memphis Hornes etc. La Band si esibisce dal vivo in quartetto ed ...


THE ALLIGATORS

MusicPedia:

THE ALLIGATORS Una delle migliori bands rhythm‚n blues attualmente in circolazione. Questa band propone un repertorio veramente bello unito ad una esecuzione musicale veramente tipica del genere blues grazie all‚ottima sezione ritmica e allo stupendo intersecarsi delle due chitarre di Cicognani e Lolli. Al basso c'è Onorino Tiburzi, alla batteria Paolo Pironi ed infine all'organo Hammond c'è Gianni Sesterzi. In questa formazione lo spirito blues emerge prepotentemente per arrivare direttamente nel cuore del pubblico rendendo le loro performances veramente indimenticabili per gli appassionati. Info: Gianni Sesterzi - 0347 8634801 - E.mail: johnnyblue@libero.it - homepage: www.expage.com/johnnyblue


The Alleycats

MusicPedia:

The Alleycats: il nome non mente, hardcore melodico, anfetaminico e ovviamente californiano. Il loro "Promo '98" è suonato con rozza semplicità, ma senza incertezze, la composizione non è importante più di tanto nel loro caso, ed è sufficiente infilare una serie di ritornelli dalla carica melodica immediata anche se evanescente per rendere l'ascolto dell'opera divertente e non privo di spunti di interesse. La storia recente di La Spezia docet: seguire l'esempio abile e fortunato dei Peawees, con le dovute differenze. Non auguriamo altro agli Alleycats. Inf.: The Alleycats c/o Federico Lara, via Muccini 40 - 19038 Sarzana (SP)


THE ALL SEING I/Pickled Egg

MusicPedia:

THE ALL SEING I Pickled Eggs & Sherbet (FFRR) CD/UK Un'album che suona provinciale perfino in Gran Bretagna. Più precisamente dello Yorkshire, regione leziosa e contadina, in altre parole demodè. Fuori dai giri della Londra violenta e caciara, tesa com'è nella ricerca del nuovo a tutti i costi, gli All Seing I (un trio) costruiscono un puzzle per nulla scontato al di fuori delle mode e dei gusti contemporanei, fatti di contrasti e scontri inaspettati. Innanzitutto nella scelta dei cantanti chiamati alla bisogna. Tutti figuri fuori-lista, come Tony Christie (un "crooner" anni '60) che qui interpreta "Walk Like A Panther" e "Nicola" ...


THE ALL SEING I

MusicPedia:

THE ALL SEING I Pickled Eggs & Sherbet (FFRR) CD/UK Un'album che suona provinciale perfino in Gran Bretagna. Più precisamente dello Yorkshire, regione leziosa e contadina, in altre parole demodè. Fuori dai giri della Londra violenta e caciara, tesa com'è nella ricerca del nuovo a tutti i costi, gli All Seing I (un trio) costruiscono un puzzle per nulla scontato al di fuori delle mode e dei gusti contemporanei, fatti di contrasti e scontri inaspettati. Innanzitutto nella scelta dei cantanti chiamati alla bisogna. Tutti figuri fuori-lista, come Tony Christie (un "crooner" anni '60) che qui interpreta "Walk Like A Panther" e "Nicola" ...


THE ALL SEEING I/Pickled Eggs A

MusicPedia:

THE ALL SEEING I Pickled Eggs And Sherbet Ovvero uova in salamoia e succo di frutta, dove il succo si riferisce agli strumentali e le uova alle ospitate che costellano il disco. Idea non nuova, quest'ultima (basti pensare a Leftfield e Propellerheads), ma raramente così ben riuscito, visto che il tema comune alla base dell'album è l'amore/odio verso Sheffield, città natale dei tre All Seeing I e della vera mente creativa di Pickled Eggs And Sherbet: Jarvis Cocker. Il vocalist dei Pulp, infatti, canta un curioso technorockabilly (Drive Safely Darlin') e sbalordisce con i suoi testi, mai così taglienti e lirici, affidati ...


THE ALL

MusicPedia:

THE ALL Quando nel 1987 Milo Auckerman, vocalist dei Descendents, lascia il gruppo per tornare al college a studiare biochimica, Bill Stevenson, Karl Alvarez e Stephen Egerton, nell'ordine batterista, bassista e chitarrista della band losangelina, si ritrovano con l'annoso problema di trovare un nuovo cantante e un nuovo nome. "All", titolo dell'allora ultimo disco dei Descendents, diventa così il nuovo appellativo della band: facile come bere un bicchier d'acqua. Più difficile è però trovare stabilmente un cantante: prima Scott Reynolds e poi Dave Smalley (che lascerà per dedicarsi completamente ai Down By Law) si succedono alla voce, fino all'arrivo di Chad ...


THE ALCHEMYSTS/Zero Zen

MusicPedia:

THE ALCHEMYSTS/Zero Zen Si presentava come una vera impresa per gli Alchemysts reggere il livello di capolavori assoluti come i precedenti Over And Out and Simeon And The Alchemysts due sensazionali capisaldi psichedelici di fine millennio; ma i tre apocalittici psiconauti del Somerset hanno deciso di chiudere il 2000 col botto stappando una molotov di lisergico potere detonante. Paul Simmons si conferma chitarrista essenziale e propulsivo, che non ama far sfoggio della tecnica che pure possiede optando per l'efferatezza di semplici idee al vetriolo, dirette e convincenti. Jon Guard bassista e principale cantante del gruppo e Mat Love batterista di rocciosa ...


THE ALCHEMYSTS

MusicPedia:

THE ALCHEMYSTS Il culto delle scienze esoteriche è sempre molto praticato nella provincia inglese, e l'alchimia ne è ancora la regina; eppure, se gli si chiede della sua pietra filosofale, Paul Simmons, chitarrista degli Alchemysts, glissa burlandosi apertamente della domanda. E' un dato di fatto, però, che la combinazione, da Paul definita 'non troppo originale', dei suoni più esotermici ed intensi della psichedelia di ogni tempo, dai Pink Fairies ai Wire e dai Blue Cheer ai Morphine, richiede un bel po' di arte magica per funzionare in modo così inappuntabile senza esplodere in una nube di caos. Autore di un album ...


the alarm days 2001+bio

MusicPedia:

THE ALARM "The Alarm days 2001" Nel 2000, per celebrare il ventesimo anniversario da quando gli Alarm si sono formati a Rhyl, Galles del nord, l'intero catalogo degli album è stato rimasterizzato per la prima volta da Mike Peters utilizzando i nastri originali e ristampato dalla 21st Century Recording Company, su licenza della EMI. Ne è uscito "The Alarm complete" un cofanetto che contiene 9 (nove) CD racchiusi in un box set, caratterizzato da un CD acustico dove Mike Peters registrerà e dedicherà personalmente la canzone degli Alarm da voi scelta - ogni cofanetto sarà quindi unico e verrà autografato ...


THE ADVOCATE

MusicPedia:

THE ADVOCATE When They Come For You In The Morning (Criminal Communication) CD UK Già in giro da qualche anno, eccolo, dopo alcuni "bei temini", allo sua "prova lunga". Parliamo di Simon Robinson che s'è convertito in tutta fretta alla scuola di Ed Rush e Optical. Badate bene il prodotto finale non è niente male (10 tracce che fondono breakbeat e drum'n'bass per degli "standard" altamente aggressivi), solo che i brani degli esordi creavano aspettative altre, fughe di rumori, crescendi ritmici da cardiopalma... ma! Comunque un tipetto da seguire.


The Adverts

MusicPedia:

The Adverts Singles Complilation Get Back Ancora una meritoria ristampa della Get Back, questa raccolta di singoli narra la storia di uno dei gruppi più ingenui,disperati e straordinari del punk britannico, le meraviglie da un solo accordo, ladies and gentlemen, The Adverts! Passati alla storia per la loro leggendaria incapacità tecnica (che li ha portati ad essere cacciati a pedate da numerosi pubs dal pubblico poco incline ad accettare l'estetica del nuovo movimento musicale) gli Adverts sono però riusciti a registrare un paio di Sessions alla BBC, grazie all'interessamento del solito immenso John Peel e a consegnare alla ...


THE ADVENT/Time Trap Technik

MusicPedia:

THE ADVENT "Time Trap Technik" Dove gli Advent di Cisco Ferreira, pioniere della techno londinese, s'imbarcano in una electro-saga per la helliana Gigolo. Gli intricati disegni ferreirani vanno a incunearsi in una serie di corpi electro dalla natura rapace, beats fendenti e galoppanti bassi dark. Un'electro spesso piegata furiosamente, come nella assassina Signum, o trasfigurata, come negli strappi elettrici di Two Rock. Una tensione che in un pezzo come Stassis va a compiersi, delineandosi la perfetta mutazione da un corpo electro a uno techno. Per non parlare di un rush estatico come E-Tax. Eccellente, Time Trap Technik conferma gli Advent come ...


THE ADJUSTERS

MusicPedia:

THE ADJUSTERS Annullando il confine tra band e movimento sociale, The Adjusters hanno dato allo ska quell'anima di cui aveva disperatamente bisogno. Nati nel '95 hanno lavorato da allora per raggiungere il perfetto mix tra ska tradizionale, soul e reggae denominato "Crucial R&B". Fondati dal cantante Daraka Kenrich (ex Picnic With A Gun e Youngh Pioneers) con Clayton Harper III, Jason Packer e Fernando "SMW1" Rochaix, il gruppo ha scelto il suo nome attuale su suggerimento di Shorty. Ray ha ingattiato Julien X come batterista a cui si sono aggiunti Karl Schafer e Carter Green. Da allora molti altri musicisti sono ...


The Addiction

MusicPedia:

Capolavoro “maledetto” di uno degli autori al contempo più radicali, irrequieti, versatili di questi anni. “The Addiction” (letteralmente “La dipendenza”) - diretto da Abel Ferrara nel ‘95, presentato quell’anno al MystFest di Cattolica ma giunto solo oggi, in versione originale sottotitolata, nelle nostre sale - è un film oscuro, inquietante, di grande complessità concettuale, girato in un bianco e nero dai toni cupi, denso di monologhi bisbigliati (quasi un sordo rumore di fondo, un ininterrotto e sofferto accompagnamento sonoro) e ricco di riflessioni filosofiche e lunghe citazioni di testi fondamentali del pensiero del ‘900 (da Nietzsche ad Heidegger). Abel Ferrara ...


The Action Time/The Action Tim

MusicPedia:

The Action Time, The Action Time versus the World (CD / LP, Southern Records / Wide) Trenta minuti di goduria. Un concentrato di rock and roll, rhythm and blues, soul e punk tutto nello stesso disco – cosa si può chiedere di più a un gruppo come gli Action Time, che di indie-rock (nell’accezione negativa del termine: moscio, ripetitivo, già sentito, etc.) hanno solo la label (la Southern Records, e a parlarvi è un fan delle Southern, che negli ultimi tempi ci ha fatto scoprire un altro ottimo gruppo molto simile a questo per suono e attitudine, i 90 Day Men) ...


THE 6THS/Hyacinths And Thistles

MusicPedia:

THE 6THS Hyacinths And Thistles Di Stephin Merritt, deus ex machina dei Magnetic Fields, si conoscevano le eccellenti canzoni d'amore in repertorio. Ma non le illustri amicizie. Così, cinque anni dopo il debutto dei 6ths, l'operazione si ripete. Ossia: Stephin convoca un po' di colleghi a lui cari, li invita a interpretare qualche brano dei "campi magnetici" e poi assembla il tutto. Bizzarro team di super star dei sotterranei, questa volta, guidato dai suoi idoli Momus e Gary Numan, rispettivamente alle prese con As You Turn to Go e The Sailor in Love with the Sea. Poi: Miho Hatori delle Cibo ...


THE 69 EYES/Blessed Be

MusicPedia:

THE 69 EYES Blessed Be Ciò che mi coinvolse nello stile dei primi 69 Eyes fu l'incrocio tra il rock pulsante di derivazione stoogesiana ed il gotico alla Sisters Of Mercy, quella combinazione infatti li rendeva al tempo stesso sinistri ed originali. Nel frattempo, le aspettative regalateci dalle morbose fascinazioni del singolo Gothic Girl anticipavano un prevedibile processo di eleganza e ricercatezza nelle composizioni... Bene, Blessed Be conferma queste ipotesi e procede in una definitiva sintesi melodica approntata nel riesumare il doom dei Type O Negative sotto le ali intransigenti ed irascibili del goth'n'roll alla Sisters e Fields Of The Nephilim. ...


The 3rd And The Mortal

MusicPedia:

Restiamo in Scandinavia, anche se i The 3rd And The Mortal non si affidano certo alla violenza musicale per esprimere i loro sentimenti, prova ne sia “3” (Voices Of Wonder\Audioglobe), in cui continua la ricerca sonora del gruppo norvegese. Il risultato di tale iter esplorativo sono 13 tracce pressoché perfette, in cui è obbligatorio parlare di sperimentazione, rock a 360°, avanguardia, jazz, ambient e anche ponderate dosi di rumorismo, il tutto supportato da una ammaliante voce femminile. Melodie incantevoli, post-rock, ritmiche ipnotiche e poi “Did You”, dove, a un inizio atmosferico, fa seguito un muro sonoro degno dei primi Swans; se ...


THE 3 PEACE

MusicPedia:

THE 3 PEACE in tour in Italia ad aprile Curriculun Vitae: La Banda: Hiroaki Hara (vocalista & chitarrista) ex-King Bees. Kaori Nagano (cori & basso) ex-Soul Flower Union, Mescaline Drive Tetsuya Kajiwara (Batteria) ex-Blue Hearts. La banda The Blue Hearts ha due dischi all'attivo usciti negli U.S.A. (The Blue Hearts & Blast Off) suonarono negli Stati Uniti nel 1990 e 1991. '97. Hara, Kaori & Kajiwara organizzarono The 3 Peace. '97/Sep/1. Concerto di debutto nel Shimokitazawa Shelter (Tokyo). '98/Jun/1. Primo Maxi single Brilliant Future editato per Polygram Pet sound POCX-7007. - '98/Nov/11.Secondo Maxi single The Sun's Childrens editato (POCX-7012) - '99/Feb/24.V.A.Album. ...


THE 13th TRIBE/2

MusicPedia:

THE 13th TRIBE : Ping Pong Anthropology (Recommended/No Man's Land) Agile, ricca e duttile trasposizione proto-etnica realizzata da "La tredicesima tribó", cioä Erik Balke, Silvia Ocougne e Werner Durand (studioso di musiche mediorientali e fondatore del gruppo), saltuariamente coadiuvati da Pierre Berthet. Senza ricorrere ad alcun civettuolo accorgimento elettronico, ma utilizzando una enorme quantitÖ di strumenti autocostruiti (tubi di plexiglass picchiati o soffiati, clarinetti in PVC, chitarre acustiche "preparate" ad ogni eventualitÖ e rudimentali percussioni), ...


THE 13 GHOSTS/BAILEY/MOORE

MusicPedia:

THE 13 GHOSTS With BAILEY and MOORE Legend of the Blood Yeti (Infinite Chug) Per fortuna ci si rianima con il trio con i 13 Ghosts (il fiatista Alex Ward e il tastierista Benjamin Hervé, alias Switch): 28 minuti di scambi strumentali mozzafiato in cui la tensione non cade per un attimo: Hervé produce sibili elettronici, ritmi di drum machine registrata a bassa fedeltà, sprazzi rumoristici a cui Bailey risponde con feedback e corde maltrattate; le grida roche del sax di Ward ricordano i duck calls di Zorn, e a volte vengono rimandate distorte dalle macchine di Switch. Solo negli ultimi tre ...


THE MICHAEL JEFRY STEVENS

MusicPedia:

THE MICHAEL JEFRY STEVENS/DOMINIC DUVAL QUINTET Elements E' un gruppo formato da cinque giovani leoni della scena delle improvvisazioni di New York (Michael Stevens, pianoforte; Dominic Duval, basso; Dom Minasi, chitarra; Jay Rosen, batteria e Mark Whitecage, sax). Nel Cd "Elements", inciso nel 1994 e pubblicato due anni dopo, eseguono 13 composizioni spontanee create collettivamente.


THE 5 6 7 8

MusicPedia:

THE 5 6 7 8- CAN t Help It Già parlato di queste tre ninfette jap a proposito del singolo Edie Is A 3weet Candy (qui presente). Urletti ed url&cci emessi con oleografica grazia nipponica sono alla base di questi È roccherrolle a metà fra i Fuzztones ed i Cramps. Simpatia ed ingenuità (?) disarmanti. Discrete gnocche, anche. IVolly Rally e Wild Thing in banzai version. Se, aspettando la terza guerra mondiale o quella civile o il terzo segreto di Fatima (l'ho sognato: son cazzil) o il nuovo programma di Baudo, ancora avete voglia di fare feste, Can't Help It! ...


THAT'S ALL FOLK/Soma... Third W

MusicPedia:

THAT'S ALL FOLK Soma... Third Way To Zion" Per gli appassionati del moderno heavy rock psychedelico, i That's All Folk erano finora "il gruppo italiano che aveva inciso uno split-single con i divini Nebula", ma oggi, chi non si sentiva di trarre sommarie conclusioni da una manciata di episodiche registrazioni, dovrà necessariamente pronunziarsi: perché "Soma... Third Way To Zion" è il disco che non ti aspetti, verosimilmente il primo, grande album di stoner italiano. Infatti, se il quartetto barese ha oggi realizzato un album d'esordio così maturo e creativo, è perché nel suo passato c'è un'intensa applicazione su lezioni di rock ...


Thanks Elvis

MusicPedia:

Thanks Elvis Ventanni fà e più esattamente il 16 agosto del 1977, Elvis Presley ci lasciava. Da allora in poi, sulla sua persona, sono state versate un fiume d'inchiostro e di parole e si scatenava contemporaneamente una caccia al collezionismo più sfrenato di memorabilia, foto, dischi, libri... Il motivo di tutto ciò pensiamo sia molto semplice, Elvis ha esplorato tutti i generi conosciuti (negli anni 50 ovviamente) ha cantato bene il Blues da Jimmy Reed a Big Boy Crudup fino a Muddy Waters, ha cantato bene la musica di tradizione popolare spaziando tra Folk e Country & Western e infine ha ...


THANK YOU JIMI

MusicPedia:

THANK YOU JIMI (Le migliori chitarre) - MEGA TRIBUTO JIMI HENDRIX Questo evento veramente unico rende omaggio al noto chitarrista statunitense. I migliori chitarristi accompagnati da grandi musicisti, componenti delle tribute band più famose intitolate ad Hendrix nella Capitale (tra le quali “Power of soul “e “One for Jimi”), si riuniscono in un vero mega-tributo, costituendo un fenomeno di jam senza precedenti. Tutti gli Hendrixiani presenti, non dimenticheranno mai questa serata.


THANATOS/Supplizi Musicali

MusicPedia:

THANATOS Supplizi Musicali D'impronta come sempre marcatamente gothic-metal è il nuovo album d'esordio dei Thanatos "Supplizi Musicali" un quartetto di Modena che ha conosciuto tutte le fascinazioni del caso concentrandole in un monolite di sonorità elettriche che rincorrono a manetta gli spettri di Eldritch e Rozz Williams con risultati ahimè piuttosto prevedibili. Neppure la cover di Nothing Changes (Death In June) qui ribattezzata Nothing Change Goth V."(?) riesce a rendermi felice. E seppure il mio rispetto per le loro scelte non sia certo negato, allo stesso modo non me la sento di unirmi a questa loro avventura sonora così pazzescamente scontata, una ...


THALIA

MusicPedia:

THALIA Ha sostituito Mariah Carey nel cuore di Tommy Mottola, il boss della Sony. Ma la 28enne Thalia, nome greco su passaporto messicano, è destinata a diventare famosa soprattutto con il suo nuovo album Arrasando. Un mix caliente di pop, dance e rap, da cui è tratto il singolo Entre el mar y una estrella, già nella Top Ten della classifica Billboard's Hot Latin. Una strada tutta in ascesa per lei: dal successo giovanile come componente dei Timbiriche a quello degli album solisti più recenti, En Extasis (platino nel '95) e Amor a la mexicana ('97). Entrambi prodotti prodotti ...


TG2 Dossier

MusicPedia:

TG2 Dossier (visto che non lo scrivono mai, la sigla è 'Propiedad Prohibida' di Battiato, da 'Clic' del 1974) è una buona trasmissione, esaustiva per quel che dura il programma ed attenta a ciò che ci circonda (voglio dire, se dovessero fare un servizio sulla nuova musica elettronica non parlerebbero di Kraftwerk ed Eno ma di Prodigy e Chemical Bros). Perciò, ha un po' stonato che nella puntata del 20 agosto, imperniata sui molestatori, una donna mostrasse una copia del fumetto 'The Punisher' dicendo che il suo persecutore si ritrovava nel personaggio del Castigatore. Ora, se si fossero informarti sell'esistenza ...


Têtes de Bois

MusicPedia:

Têtes de Bois Le Têtes de Bois sono un gruppo italiano, emigrante per vocazione e per necessità nelle terre vaghe della poesia. Musicisti amanti del jazz, con un grande sogno davanti agli occhi, e così sul loro camioncino impolverato si compie ogni sera l'incanto in un angolo di strada. Non si ripropone non si rifà, non si rivisita e non si rivede, ma si da tutto e si ascolta, si ride e si offre cosìcome non si ri-ma ma si ama e basta. I Têtes sono: Andrea Satta, voce; Angelo Pelini, pianoforte, Carlo Amato, contrabbasso; Luca de Carlo, tromba; Rodolfo ...


TEXAS/INNER SMILE

MusicPedia:

TEXAS - INNER SMILE (CDS) - WARNER,USA Mai stati pazzi per il "Re" di Memphis, sia chiaro! Ma è giusto il riconoscere che nessuno prima di Lei è riuscito nell'impresa di riprodurne lo spirito e la personalità. Onore alla sua bravura trasformista, al videomaker e sopratutto al brano, che è semplicemente irresistibile!


TEXAS FOG SOCIETY

MusicPedia:

TEXAS FOG SOCIETY Texas Fog Society Dopo una fugace apparizione su "Mark's Dream" - tributo alle gesta del compianto Mark Migliore - ecco il debutto full format dei Texas Fog Society, vero e proprio supergruppo della scena di Dallas, se prendete la definizione con quel tanto di gusto per il paradosso che il contesto ultra underground della situazione necessariamente richiede. Oltre a condividere la militanza nei Burnin' Rain, infatti, il chitarrista Mike Pemberton ed il batterista Chris Gore hanno lasciato traccia in almeno tre diverse entità psichedeliche a testa (Fish Eye Lens e Sacred Seeds sono solo due estratti dal curriculum di ...


TEXADO/battisti

MusicPedia:

TEXADO Emiliano Papini (voce), Lorenzo Lolini (chitarra), Riccardo Garaffi (basso) e Marco Tosi (batteria) sono i componenti dei Texado. Il gruppo si forma alla fine del 1992: un incontro tra elementi provenienti da esperienze musicali diverse, ma con in testa un'idea convergente che si concretizza nel "sound" dei TEXADO. Il primo lavoro in studio risale al maggio 1993, nel quale accanto alla sperimentazione e alla ricerca del migliore amalgama, si delinea la vera identità del gruppo. Segue un'intensa attività LIVE; ed è sul palco, nel contatto con il pubblico, che i TEXADO riescono ad esprimersi al meglio, a creare quel tramite ...


texado

MusicPedia:

Texado Con la loro poliedricità che mette insieme funk, rock puro e duro, accenni rap ed un'attitudine piuttosto libera e talvolta creativa, i senesi Texado hanno costruito un mini CD piacevolissimo, ricco di sorprese così come di un senso della misura e di un gusto estetico decisamente sopra la media. Qualunque sia la via intrapresa in ognuna delle cinque tracce proposte, resta dappertutto uno spiccato senso del canto, della melodia, che rende alcuni momenti trascinanti e memor(izz)abili. Che altro aggiungere? Un pop piacevole e ben costruito, a cui auguriamo volentieri un futuro. Inf.: TEXADO c/o Lorenzo Lolini 0577/790706


TEVIN CAMPBELL

MusicPedia:

TEVIN CAMPBELL Tevin Campbell La "grande promessa" che Quincy Jones continua ad accoccolarsi senza riserve (uno degli inediti dell'antologia di Jones è cantato proprio da Campbell) non riesce a fare mai dei grandi dischi. Anche questo è d'alto profilo commerciale, con badget profumati, grossi nomi (da David Foster a Wyclef Jean e a Narada Michael Walden), ma senza spunti particolari. La buona atmosfera del brano scritto da Campbell insieme a Wyclef Jean (Never Again) e l'elegante avvio (Another Way) sono smentiti lentamente ed inesorabilmente da tutto quello che seque, perché né Foster né Narada riescono a sollevare il disco (lungo come una ...


TETSUO FURUDATE/(X).X Is Not A

MusicPedia:

TETSUO FURUDATE (X).X Is Not A Man Or X Is Mortal È impressionante il muro post industriale edificato dal nipponico Tetsuo Furudate, ad un passo dal noise catastrofico, ma anche capace di produrre inquietanti silenzi post nucleari. Tra percussioni, chitarre, sorgenti metalliche, feedback, voci agonizzanti e sampler pare di essere precipitati nel bel mezzo di un campo di battaglia dove soli pochi ed esausti sopravvissuti si contendono il predominio territoriale. Come se i primi Test Dept. in preda a una grave crisi di alienazione mentale offrissero la propria interpretazione di un disco di Dissecting Table, oscillando tra mutismo e frenesia distruttiva. Dinamico, ...


TETSUO FURUDATE

MusicPedia:

TETSUO FURUDATE - (X).X Is Not A Man Or X Is Mortal (God Factory/Demos) La definizione di "colonna sonora per un film horror che non è mai stato girato" va strettissima ad 'X'. Registrato live nell'estate del '98 a Tokyo quest'album, stampato in 777 copie (666 + 111, cioè 666 + 3, cioè la deità e il suo contrario...), è all'insegna del vuoto-pieno, yin e yang. Un susseguirsi di rumori e improvvisi silenzi che tendono a spezzare l'uno l'abitudine all'atmosfera del precedente. La furia della guerra e la calma spettrale del suo passaggio avvenuto; il temporale ed il silenzio gravido di ...


TETRAKTIS-PERCUSSIONI

MusicPedia:

TETRAKTIS-PERCUSSIONI La Tetraktys era particolarmente sacra ai pitagorici in quanto rappresenta i primi quattro numeri 1, 2, 3, 4 i quali, a loro volta, rappresentano i quattro elementi: fuoco, aria, acqua, terra e poichè riassume gli insegnamenti relativi al Creatore ed al Creato ed è costituita da 10 monadi (1 + 2 + 3 + 4 = 10), formanti una decade, base del sistema decimale pitagorico. Abbiamo scelto questo nome perché pensiamo rappresenti al meglio il nostro modo di vedere il quartetto, cioè non la semplice somma dei singoli individui, ma l'unione di capacità ed espressioni musicali diverse finalizzata ad un ...


TETO ED I COMPAGNI DL MERENDE

MusicPedia:

TETO ED I COMPAGNI DL MERENDE Teto ed i Compagni di merende propongono cover anni '70, '80, '90 Lenny Kravitz, The Doors, Offspring, Green Day, Springsteen...etc. musica fatta per fatta per far muovere i sederini, cosa che riesce molto bene a Teto il cantante carismatico dei Compagni di Merende che tanti cuori ha già infranto nelle precedenti volte che è venuto a suonare qui in riviera. Varie le apparizioni televisive in Roxy Bar ed Help, suonano abitualmente in locali come le scimmie Land of Freedom Capolinea Stop line e tantl altri in Italia, vari dischi incisi con formazioni diverse come i ...


TETES DE BOIS

MusicPedia:

TETES DE BOIS Repertorio di liquida ispirazione jazzistica, legato alla più raffinata elaborazione della canzone d'autore italiana, con i richiami più originali della tradizione culturale italiana (Tenco, Buscaglione, Pasolini) e francese (Brel, Ferrè). I brani presentati (tratti dall'album "Pezzi Di Ricambio" EMI-Catapulta) sono frutto di un lungo lavoro di arrangiamento, sonorizzazione e modernizzazione che rende unico il repertorio del gruppo nel panorama attuale della musica italiana. I loro concerti provocano un susseguirsi di emozioni ed ironia per il continuo succedersi di situazioni e stati d'animo. Dalla graffiante e jazzata "Piattaforma" alla coinvolgente "Caterina" dedicata al Chiapas, passando per "Un Giorno Dopo ...


TESTOSTERONE

MusicPedia:

TESTOSTERONE Il gruppo inizia la propria attività ad Imola nel '97, con il nome di TESTOSTERONE ADDICTION. La formazione è costituita da Fulvio Tassi (chitarra e voce), Riccardo Galeotti (chitarra e voce), Alan Veda (basso e voce) e Simone Cavina (batteria). I componenti, tutti indigeni, sono "reduci" da precedenti esperienze musicali o comunque collaborano con altre band locali. Il repertorio è inizialmente basato su cover songs attinte dalla tradizione del Rock'n Roll, come ad esempio Iggy Pop, Husker Dü, Patti Smith, etc. Durante l'estate successiva, il gruppo s'esibisce tenendo numerosi concerti nelle province di Bologna, Ravenna e Forlì. Nel '98 il ...


TESTO MANIFESTO/olmo

MusicPedia:

IL FESTIVAL DI OLMO -ESPRESSIONI SONORE- 11 - 12 - 13 SETTEMBRE '98 CUPRA MONTANA (AN) PARCO COLLE ELISA ? Ö.. PER I CURIOSI APPUNTAMENTO SU "MUSIC CLUB" DI SETTEMBRE TATOO CAMPEGGIO GRATUITO PIZZERIA BAR ___________________ IN COLLABORAZIONE CON: AREZZO WAVE BRAIN MUSIC CLUB PARCO COLLE ELISA INFO LINE: OLMO Management 0338-53.05.534 - e-mail: olmoman@tin.it -mtv¹ 7DS|~Åàâ޾̹²-Ì-Ì-Ì-¹ÞÞ CJOJQJ CJêOJQJ CJOJQJ5ÅCJOJQJ5ÅCJOJQJ5ÅCJ(OJQJCJ,-H[mnopqrstvà¥µðŽæ¸·¼‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹‹$$$ñF îˆþ÷÷šþÏ%$,-H[mnopqrstvà¥µðŽæ-³¹Ú &89|}~ÄÅÇÉÑÖÜáàâÞÝÐ


TESTIFY/Mmmyaoooo/2

MusicPedia:

TESTIFY - "Mmmyaoooo" - (Eraser-Nova Tekk\Audioglobe). Il 65% di quei gruppi scomparve nel giro di un paio d'anni, il 25% riuscì a evolversi e il 10% continuò imperterrito. Tra costoro vanno annoverati i Testify: drum machine martellante, voce filtrata e abrasiva, sampler, linee di basso dinamitarde e riff di pura matrice death-grind. Nulla più e nulla meno; pienamente credibile e per niente retrò. Produce Adam Grossman, con esiti migliori rispetto a quanto compone con i suoi Skrew.


TESTIFY/Mmmyaoooo

MusicPedia:

TESTIFY - "Mmmyaoooo" - (Eraser-Nova Tekk\Audioglobe). Molte band nacquero e proliferarono all'ombra dei Ministry di "Psalm 69", disco che riuscì a far convogliare sotto lo stesso vessillo seguaci del suono elettronico, metal adepti e buona parte del pubblico cosiddetto "alternativo" (a cosa?). Il 65% di quei gruppi scomparve nel giro di un paio d'anni, il 25% riuscì a evolversi e il 10% continuò imperterrito. Tra costoro vanno annoverati i Testify: drum machine martellante, voce filtrata e abrasiva, sampler, linee di basso dinamitarde e riff di pura matrice death-grind. Nulla più e nulla meno; pienamente credibile e per niente retrò. Produce ...


TESTAMENT

MusicPedia:

TESTAMENT Nascono nella Bay Area di San Francisco nel 1983 col nome di Legacy. Quando viene pubblicato il loro primo demo "di speed thrash intelligente" - come venne definito dalla critica - la scena underground rivive gli stessi fasti degli esordi dei Metallica! Nel 1986, con l'ingresso del cantante e attuale leader Chuck Billy, si ribattezzano Testament e nel 1987 pubblicano il primo album, "The Legacy" (in omaggio al glorioso passato) su Megaforce/Atlantic. La band non si tira mai indietro quando si tratta di suonare dal vivo e, in oltre 15 anni di carriera, ha suonato in un numero record di ...


TESTADEPORCU

MusicPedia:

TESTADEPORCU La band bolognese nasce dalla base ritmica degli Splatterpink. E’ un duo basso-batteria, sperimentale e incendiario, che parte dal suono hardcore per toccare jazz, noise e metal.


Testa d'ariete

MusicPedia:

Testa d'ariete 'Alex l'ariete' il grande esordio su pellicola di Alberto Tomba in veste di attore (meglio: umano semovente) ha riscosso consensi oceanici: 285 spettatori la prima settimana di programmazione. Neanche il film der Piotta aveva avuto così pochi biglietti staccati. E scommetto che 280 erano lì per vedere le grazie della moglie di Ramazzotti di cui non son mai riuscito ad imparare il cognome. Gli altri 5? Beh, i parenti ce li abbiamo tutti...


Test Dept/Tactics for Evolution

MusicPedia:

Test Dept "Tactics for Evolution" Titolo più che appropriato per il (14°!) album dell'ormai leggendario collettivo londinese, che deve proprio ad una accorta e graduale "tattica evolutiva" la sopravvivenza, dal 1981 ad oggi, a più di un capovolgimento nei gusti del pubblico. A quasi tre anni dalla precedente prova di studio, i Test Dept hanno portato a completamento la mutazione in senso totalmente elettronico già appunto messa in opera con "Totality", che ancora però mostrava tangibili cordoni ombelicali con le precedenti incarnazioni acustiche e sinfonico rumoriste. Pur concepito espressamente per la scena dei dancefloor alternativi, il nuovo lavoro respira comunque dell'austero ...


TEST DEPT/NEW

MusicPedia:

TEST DEPT Tactics For Evolution (Kk\Audioglobe) I dubbi che avevo avanzato in occasione dell'uscita dell'EP, risalente ad alcuni mesi fa, trovano conferma nel nuovo lavoro sulla lunga distanza degli storici Test Dept. In modo molto schematico possiamo così riassumere la situazione: l'album contiene dieci brani, cinque sono accettabili e cinque no! Non è il caso di parlare di declino irreversibile, però occorre rimarcare come si avverta un senso di "esaurimento scorte". Se con il precedente "Totality" erano riusciti a mascherare il tutto piazzando basi ballabili e ottenendo un appagante mix di percussioni ed elettronica, qui provano a seguire la strada del ...


Test Dept/2

MusicPedia:

I dubbi che avevo avanzato in occasione dell'EP, trovano conferma nel nuovo CD dei Test Dept. Riassumiamo in modo schematico la situazione: "Tactics For Evolution" (Kk\Audioglobe) contiene 10 brani, 5 sono accettabili e 5 no! Non parlerei di declino, però occorre rimarcare come si avverta un senso di "esaurimento scorte". Se con il precedente "Totality" erano riusciti a mascherare il tutto ottenendo un appagante mix di percussioni ed elettronica ballabile, qui provano a seguire la strada del d'n'b, ma l'opera di ammodernamento non riesce. Quando entrano in una dimensione inquietante ("The Enigma Of Doctor Dee", "Atlantis", "Miotica" e "Rat") o ...


TEST DEPT

MusicPedia:

TEST DEPT. The Enigma of Doctor Dee/Vena Cava mCD (KK) Adesso che anche i Chumbawamba hanno abbandonato la partita per riuscire a riempirsi lo stomaco (e chi può dar loro torto?), rimangono solo i Test Dept. a portare avanti fieramente un discorso di libertà, coerenza ed ideali intrapreso lustri orsono. “The Enigma Of Doctor Dee/Vena Cava” è il solito scitillante manifesto hard dance speziato stavolta in alcune parti da lugubri fraseggi di synth.


TEST DEPARTMENT /BOLLI

MusicPedia:

TEST DEPARTMENT Totality 1 12" (tek) Sono tornati! Sono tornati! Come ci si può inchinare un mondo senza Test Depilò Da tempo la comune ~gravita nell'orbita dei raves e dei travellers e questo singolo va ad esplorare le grandi pcetenzialita ar~coira intessesse della trance music più reiterativa. Grandre elwtro leflt-oriented e contagiosa su 4 brani che vi catapulteranno dalle sedie sin dal primo minuto. L'acalaisto è dovere


Terzo Potere

MusicPedia:

Terzo Potere: il gruppo proviene da Imperia, e sembra essere rimasto inevitabilmente legato alla grande esperienza dell'hardcore ligure di dieci anni fa. Il loro suono figura bene tra Ulcera, varie comparse X-over e militanti cattiverie che all'epoca erano appannaggio esclusivo dell'attivissima scena del Sobbalzo e dintorni. Inf.: Terzo Potere c/o Daniele Papone, Via De Marchi 17, - 18100 Imperia


Terzo Battito

MusicPedia:

Terzo Battito nasce nel gennaio del 2000 come naturale evoluzione del Teatro Come-dì, che si è incontrato ed unito al gruppo musicale Cheope ed allo studio di produzione video Obelisco, al fine di concepirsi come crogiolo di tutte le forme d’arte. Come-dì (allora Atrioteatro) è fondata nel 1992 da un’esperienza di gruppo maturata nell’ambito di una realtà laboratoriale ispirata al teatro di ricerca: Interlocutori privilegiati del lavoro della Compagnia sono i giovani. Ingredienti caratteristici del gruppo sono: l’improvvisazione, l’approfondimento dell’aspetto testuale e del linguaggio gestuale, la ‘pedagogia’ della messa in scena. Su questa traccia si muovono “Memoria Memoria”, in collaborazione col ...


TERZACORSIA

MusicPedia:

TERZACORSIA I Terzacorsia nascono a Pescara nel febbraio del 1998 dall'incontro, e successiva collaborazione, di Giulio Crisante, Antonio Labbro Francia e Gianluca Di Febo. Vista l'immediata condivisione di idee ed interessi, i tre (bassista, chitarrista e cantante - tastierista), spinti anche dal successivo entusiasmo di Tiziano Cantagallo e Nicola Faccia (batterista e chitarrista), cominciano a lavorare al riadattamento del materiale dei singoli componenti. L'intesa tra i membri si va rafforzando ed in breve tempo il gruppo ha a disposizione un repertorio che riscontra uno stimolante coinvolgimento di pubblico già dalle prime esibizioni live. Le occasioni di esibirsi dal vivo non mancano ...


TERZA MORESCA

MusicPedia:

TERZA MORESCA La musica popolare tramandata oralmente da voci stridule ed antiche, la magia del mondo pastorale il gruppo etno folk TERZA MORESCA nasce con l'intento di rivalutare e perpetuare la grande tradizione popolare musicale del territorio garganico. La Montagna del sole ha raccontato per secoli le arti agresti e la cultura contadina attraverso l'espressione povera ma essenziale del Tamburo, del Flauto e della chitarra battente, strumenti che hanno fatto la storia della musica popolare del Gargano. Una storia intrisa di sudore e fatica, di sole e colore, di anima ed amore. Su queste basi la TERZA MORESCA ha iniziato il ...


TERRY RILEY

MusicPedia:

TERRY RILEY Terry Riley solo, pianoforte, voce Il capolavoro universalmente conosciuto di Terry Riley è sicuramente In C , una pagina del 1964 concepita per un numero non definito di strumenti melodici, a cui disposizione è una sequenza di 35 motivi che possono combinarsi e succedersi in qualsiasi maniera. Dopo Mescalin Mix e Keyboard Studies, dell’anno precedente, quello è il testo della maturazione di un’identificabile e personale immagine creativa. Ripetizione dei materiali e lenta trasformazione delle proposizioni, che avviene o nella melodia, o nel ritmo, o nell’armonia. Ma dopo avere partecipato a promuovere quell’idea carina che faceva dello Czerny un gran ...


TERRY LEE HALE/The blue room

MusicPedia:

TERRY LEE HALE The blue room Forse sedotto dall'attitudine sempre più spartana dei suoi amici e concittadini Walkabouts, Terry Lee Hale rischia l'album acustico per voce, chitarra e rari sbuffi di armonica. E rischia forte considerando che il suo modo d'essere è stato fin qui elettrico, robusto e incurante delle finezze. In realtà si rivela compositore abile nell'adattarsi al nuovo registro sommesso e nell'unire notturno spleen europeo (merito della casa in Francia?) a un epos narrativo tutto americano sia nei passaggi sentimentali (I still want you) sia in quelli più epici (la splendida murder ballad in stile tradizionale Texas rose). Domani ...


TERRY LEE HALE

MusicPedia:

TERRY LEE HALE Old Hand Non è un perdente, Terry Lee Hale. Non lo è perché nel suo mondo non ci sono vincenti, non c'è chi è arrivato da qualche parte. Quel che conta non è arrivare, è andare. E così il musicista texano (da anni trasferitosi a Seattle) il suo sesto album lo ha inciso a Praga accompagnato dai francesi Blind Doctors. Una questione di amicizia piuttosto che di convenienza artistica per un disco ancora una volta non geniale ma bello, non travolgente ma appassionato. Più elettrico rispetto ai primi lavori, Old Hand sceglie la via di un composto vigore elettrico ...


TERRY LEE ALE BAND

MusicPedia:

TERRY LEE ALE BAND Terry Lee Ale è nato a S. Antonio in Texas ed ha iniziato a suonare la chitarra a 14 anni. Dopo una prima tournée italiana pubblica il nuovo Leaving West, favorevolmente accolto da critica e pubblico. Terry Lee Ale riesce a stacacrsi dallo stereotipo del folksinger e ad inserire nella sua musica tutte le influenze che ci si può attendere da un musicista che nella sua carriera ha suonato i generi più disparati.


TERRY FARLEY/Nite-Life 04

MusicPedia:

TERRY FARLEY Nite:Life 04 Teny Farley è il pioniere assoluto dell'house inglese. Le sue produzioni insieme a Pete Heller su Junior Boy's Own, come Roach Motel o Fire Island, appartengono alla storia dell'house. Nel nuovo volume di Nite:Life della NRK lo vediamo cimentarsi in un robusto DJ set che può vantare colossi dark prodotti da 6400 Crew, Peace Division, Danny Tenaglia, Tom Middleton, Pete Heller.


TERRY EVANS/Walk that walk

MusicPedia:

TERRY EVANS Walk that walk Telarc Per chi, dopo il successo di Buena Vista Social Club, volesse ripercorrere le infinte vie che portano a Ry Cooder questo cd è una buona occasione per ritrovare il grande chitarrista, presente in tutti i nove brani, e per fare la conoscenza con un suo pupillo di vecchia data, quel Terry Evans che fece una prima comparsa, insieme all'amico Bobby King, nell'album Show time di Cooder nel lontano 1977. Walk that walk è la sua quarta opera da solista e, ancora una volta, una splendida occasione per conoscere del buon blues sgorgante dalla voce e ...


Terry Day

MusicPedia:

Terry Day - Hemel Hempstead - GB (1940) Polistrumentista, cantante, compositore e pittore inglese. Studia arte e pittura presso il Royal College of Art e come musicista suona7 dal 1958 al 19627 in orchestre da ballo. A partire dal 1960 inizia a interessarsi alla musica d7avanguardia e alla ricerca ('Russell Hardy Trio77 'Continuous Music Ensemble77 'PeoPle Band7) e allarga negli anni Settanta le sue collatorazioni al mondo del rock ('Ian Dury7s Iiilburn774High Roads7). Negli anni successivi Day si accosta sempre più di frequente al mondo dell7improwisazione lavorando con l' 'Annette Peacock Trio 7 'K7Ploeng7 (Bailey7 Altena Honsinger7 Horsthuis7 Waisvisz)7 la 'Company77 ...


TERRY CLARKE The sound of the M

MusicPedia:

TERRY CLARKE The sound of the Moon Definito come uno dei piu misconosciuti talenti del cantautorato anglo-americano, non c'è da meravigliarsi se il nome di Terry Clarke non sia circolato molto al di fuori dei soliti irriducibili sostenitori dei migliori segreti della canzone d'autore. Terry ha la stoffa degli storytellers di una volta, di chi concentra tutto il fascino della propria musica sull'intensità dell'interpretazione, creando un suono estremamente personale, dove mille sono i riferimenti riscontrabili, ma mai si riuscirà ad imbrigliare l'artista in una categoria predefinita. Il tratto distintivo di questo The Sound of the Moon, secondo capitolo pubblicato per l'italiana ...


TERRY CALLIER/Alive

MusicPedia:

TERRY CALLIER Alive Icona dell'acid jazz, amico intimo di Curtis Mayfield, portato ad esempio da Gil Scott-Heron e Paul Weller: ogni mossa dell'anziano Terry Callier provoca un sussulto tra gli amanti del soul. Fremito lecito anche per questo live, registrato al London Jazz Café nel 1988 e completato nello stesso club due anni dopo. Un'ottima band, l'immancabile feeling jazz e l'atmosfera familiare aiutano ad apprezzare fino in fondo i gioielli già noti, tra cui brillano più che mai gli otto minuti di Lazarus Man e la dilatazione di Dancing Girl oltre gli 11 primi. Ma il disco non si risolve esclusivamente ...


TERRY CALLIER

MusicPedia:

TERRY CALLIER Love Theme From Spartacus (Talkin' Loud) Da un autore che non incideva da ben quindici anni, un titolo che intriga ed inquieta. Il brano è una bossa nova dove la voce del nostro s'adagia comoda. Ci risvegliano i due remixes ad opera, rispettivamente, dei divini 4Hero (vere menti pensanti dell'attuale politica Talkin' Loud) e la "new entry" Zero 7, un giovine che ci sbalza nell'immediato futuro con risultati sorprendenti.


TERRORVISION/new

MusicPedia:

TERRORVISION "Shaving Peaches" Forti di album come "How To Make Friends and Influence People" e "Regolar Urban Survivors'', e di qualche singolo d'effetto come "Oblivion" e "Perseverance", i Terrorvision erano attesi al varco del nuovo disco con una certa curiosità. Nel 1995 erano stati votati dai lettori di "Kerrang!" come migliore hard band, e di conseguenza le quotazioni erano salite. L'attesa per le nuove canzoni era dunque forte, anche perché il gruppo doveva chiarire al mondo dell'hard le proprie posizioni in materia di stile, posizioni che puntualmente vengono chiarite da "Shaving Peaches". Tony Wright e amici sono al quarto capitolo di una ...


TERRORVISION/Good To Go

MusicPedia:

TERRORVISION "Good To Go" Gli ormai veterani Terrorvision ritornano tra luci, poche, e ombre, parecchie. Smarrita la brillantezza degli esordi, al gruppo è rimasta un'innata vena pop melodica, allegra e sbarazzina che mischia gusto per i Beatles (Friends & Families) e alternative (Sometimes Id Like To Kill Her) alle sirene americane. Scimmiottare i gruppi d'oltremanica ed aggiungere dosi posticce d'elettronica da quattro soldi ha snaturato il gruppo mettendolo sullo stesso piano di una teenage band qualsiasi. Se vogliono ritrovare il filo ai Terrorvision non resta che aggrapparsi a quello che sanno fare: riff rock e cori accattivanti. Adesso sono fuori strada.


TERRENCE DIXON/From The Far Fut

MusicPedia:

TERRENCE DIXON From The Far Future Terrence Dixon è uno dei produttori meno noti di Detroit e questo suo album su Tresor dimostra come sia anche uno dei più sottovalutati. É un suono techno cosmico post-atkinsiano quello scandagliato: ritmiche dalle inflessioni jazz, dense correnti elettroniche, minimalismi in rotazione aurea. Si veda a proposito di minimalismo come lo sposalizio tra una struttura dub alla Maurizio e gli umori ondivaghi della musica degli spazi si compia precisamente in "One Bedroom Apartment". Parlando di dinamiche technojazz si saggino le coriacee doti di "Detroit Express", sincopata e anthemica, l'afosità aerea di "Reasons", la swingante "The ...


TERREMOTO ALLA BORSA

MusicPedia:

TERREMOTO ALLA BORSA Sai quanto cazzo gliene frega a quelli dei TG dei terremotati! A due giorni dal secondo sisma, quando avevano seccato tutti i pozzi della curiosità, le 'povere case crepate' venivano trasmesse in terza fascia, dopo i rialzi degli indici Mibtel. Avvn, affanca, avfvan, ancancaf... Affanculo, bestie!


TERREMOTO

MusicPedia:

TERREMOTO - "Fobia" (New LM) Cinque brani anche per questo power-trio leccese che ha scelto gli studi pesaresi di Paul Chain per farsi produrre. La musica dei Terremoto è un amalgama rabbioso di thrash, metal e hardcore con il quale i tre accompagnano testi che hanno obiettivi dichiarati: "Fare I Conti Con La Vita", "Autocontrollo", "Gente Fantasma". L'impatto sonico dei Terremoto è però ancora immaturo e l'istintività non è mediata dalla ragione. Per questo i brani sono piuttosto confusi e non vanno a vantaggio di una reputazione che gli stessi si sono costruiti più sul palco che su cd. Tuttavia, degna di essere sottolineata, a testimonianza della vitalità ...


TERREMOTO

MusicPedia:

TERREMOTO - "Fobia" (New LM) Cinque brani anche per questo power-trio leccese che ha scelto gli studi pesaresi di Paul Chain per farsi produrre. La musica dei Terremoto è un amalgama rabbioso di thrash, metal e hardcore con il quale i tre accompagnano testi che hanno obiettivi dichiarati: "Fare I Conti Con La Vita", "Autocontrollo", "Gente Fantasma". L'impatto sonico dei Terremoto è però ancora immaturo e l'istintività non è mediata dalla ragione. Per questo i brani sono piuttosto confusi e non vanno a vantaggio di una reputazione che gli stessi si sono costruiti più sul palco che su cd. ...


Terrell

MusicPedia:

Album: «Beautiful Side Of Madness» (ollobre) L'anno scorso, con il suo primo album per l'etichetta Pointbiank («Angry Southern Gentleman»), Terrell s'è conquistato una schiera di seguaci. Il cantonte-compositore-chitarrista originario dell'Alabama riprende la tradizione folk e blues degli USA con stile personale e, soprattutto, con una vocalità estremamente attraente. A una fitta serie di concerti attraverso Europa e Stati Uniti con un piccolo gruppo che ha rapidamente maturato grande coesione e incisività segue immediotamente un nuovo album, «Beautiful Sicle Of Madness» (nel brano omonimo Terrell canta in duo con Joan Osbourne1, dove si mischiono magicamente gioia e malinconia.


TERRE THAEMLITZ/Fagjazz

MusicPedia:

TERRE THAEMLITZ Fagjazz (Comatonse) CD-USA E' ora di ripensare all'importanza di quest'autore abituato da sempre a "volare basso". Più che un musicista, un'artista sonoro. Conosciuto per certe collaborazioni con Bill Laswell "spirituale" di qualche anno fà, il nostro è sempre stato ad un passo dalle muffe dell'ambient o dai sacri sepolcri del classico. Ma, funanbolicamente, è sempre riuscito a confezionare delle lucide analisi elettro acustiche, a volte addirittura sfolgoranti nell'house. "House" si, ma rivoluzionario! Questo disco ne fà testo raccogliendo le prove sparse negli ultimi tre anni sul fuggevole supporto del 12 pollici. Ed ecco, a conferma che la classe non è ...


TERRE THAEMLITZ

MusicPedia:

TERRE THAEMLITZ live (Mille Plateaux USA - D) + T.O.I. Per lungo tempo Dj e audio attivista sperimentale nella scena dei club underground di New York, Terre Thaemlitz produce veri e propri audio-works capaci di esplorare le funzioni contrastanti della musica come forza socializzante e nel contempo come punto di vista del tutto soggettivo. I suoi studi alla Cooper Union School of Art si focalizzano presto sulle scottanti politiche identitarie, e circondato dalle sottoculture musicali del Lower East Side di New York, Terre inizia a proporsi come dj nei club per transessuali con grande successo. Crea una propria etichetta: la Comatonse ...


TERRE THAEMLITZ

MusicPedia:

TERRE THAEMLITZ - “A-Musik Presents A Program Of... A-Muzak” (A-Musik/Demos). Sorretto da un concept rigoroso sul concetto di Muzak, che d’ora in poi diventerà A-Muzak e che comporterà il passaggio da a-politicality a politicality, ecc., l’americano Terre Thaemlitz (con il supporto della A-Musik di Georg Odijk) pubblica un 7” programmatico. Musica come ideale e suoni come slogan (non solo in ambito “rock”, quindi), dove ciò che rende più problematico l’ascolto è strumento indispensabile per la sovversione. Volendo invece analizzare il sound, si può notare come su ogni singola nota venga steso un velo di fruscio (voluto e cercato) e rumorismi, che ...


TERRE DI MEZZO

MusicPedia:

TERRE DI MEZZO Il trio è composto da musicisti provenienti da esperienze musicdali eterogenee (musica classica, jazz, folk, etno, ecc.) e ciò determina la particolare identità musicale del gruppo caratterizzata dalla fusione di diversi stili. Il risultato è una musica che attraversa mille luoghi e mille spazi, viaggiando attraverso i colori etnici e poplari del tango e della milonga, tra le melodie accativanti della Francia senza mai abbandonare le radici del jazz, matrice comune a tutti e tre i componenti del gruppo. L’accostamento timbrico degli strumenti acustici crea atmosfere affascinanti che emergono soprattutto nei brani originali. Tale formazione ha già partecipato ...


Terranova/Dj Kicks

MusicPedia:

Terranova "Dj Kicks" I Terranova oltre ad essere conosciuti per le loro uscite su Compost come Turntable Terranova, hanno collaborato - remixato per Jungle Brothers, Stereo MC/S ed al progetto Tokyo Tower con la leggenda del kraut rock Manuel Göttsching (Ashra Temple). Il logo "Dj Kicks" è una sofisticata produzione che si muove in atmosfere down tempo, jazz e trip-hop e vede la presenza di Howie B, Depth Charge, Dj Spooky, Patrick Pulsinger, The Octagon Man, Stereo Mc's, Jungle Brothers, DSL ed altri, oltri agli stessi Terranova che con l'inedito "Contact" ci regalano uno splendido tema mutante da tv film Anni ...


TERRANOVA/Close The Door

MusicPedia:

TERRANOVA - “Close The Door” (Copasetik-Studio K7/Audioglobe) Più impegnato il discorso portato avanti dai Terranova, che pur senza alcuna pretesa ribelle, anti establishment, satanica, perversa o cos’altro, riescono a farsi censurare la copertina in virtù di una signorina distesa sul letto intenta a sfogliare una rivista - evidentemente non per soli uomini - contenente immagini esplicite (neppure troppo). In “Close The Door” fanno la loro comparsa sia Tricky (di sicuro effetto l’insinuante “Bombing Bastards”) che Cath Coffey degli Stereo MC’s, mentre le sporadiche parti di chitarra sono affidate ad Alexander Hacke degli Einstürzende Neubauten. Genericamente possiamo parlare di hip hop americano ...


TERRANOVA/Chase The Blues

MusicPedia:

TERRANOVA Chase The Blues (!K7) '12 Il loro "Close The Door" è stato una delle sorprese dello scorso anno, ed ora tornano a deliziarci optando bizzarramente per uno di quei brani lenti e melanconici in tipico stile Portishead. Per fortuna ci sono i Micronauts che provvedono al lifting elettronico con risultati da folk-esplosion!


TERRANOVA CLOSE THE DOOR

MusicPedia:

TERRANOVA CLOSE THE DOOR (COPASTIK- K7) Questo è un disco da ascoltare con molta attenzione,perchè vi è una bella lista di illustri ospiti chiamati a collaborare,a cominciare da sua maestà Tricky,passando per Catch Coffey,Coco e Alexander Hacke degli Einsturzende Neubaten(senza dimenticare che l'artwork del book è curato da Tomato)e perchè permeato di spunti ed intuizioni notevoli,non a caso a proposito del loro DJ KICKS uscito l'anno scorso si parlò di hip-hop futurista.Vengono da Berlino i Terranova,ma la lunga permanenza di Fetish,la mente principale del trio,a New York e Londra si sente eccome nei solchi di questo CLOSE THE DOOR,ricco di svariate contaminazioni e ...


terrAnima

MusicPedia:

terrAnima Il gruppo terrAnima nasce dall'incontro di tre musicisti: PIETRO PRENCIPE, GIANPIO NOTARANGELO, LUCIANO CONOSCITORE i quali, spinti dalla passione di riscoprire la musica popolare del Gargano incidono un CD intitolato LA TARANTOLATA. Questo lavoro è frutto di svariate esperienze musicali da cui i musicisti provengono. Come si evince dall'ascolto del CD, la musica tradizionale assume carattere armonicamente elaborato di immediato impatto nell'ascolto. Valorizzare la musica popolare significa trasmettere il messaggio culturale-musicale delle nostre origini, cercando di proporlo nella maniera più attuale possibile ed a più gente possibile. I MUSICISTI: Gianpio Notarangelo (voce, violino, chitarra acustica); Lucia Urbano (voce); Pietro Prencipe ...


Terra Promessa/grande fratello

MusicPedia:

Terra Promessa: I ragazzi del Grande Fratello (maxi singolo) Ormai è un'ossessione. Già ho le scatole piene di trovare quotidianamente, dinanzi agli occhi, la casa del Grande Fratello (Tv, quotidiani, settimanali, radio) e ora mi capita pure il maxi single. Quando mi è finito tra le mani, ho pensato a un lavoro demenziale o dissacrante. Macché! Sono loro, le ossessioni di questi ultimi mesi, che dal tubo catodico hanno ipnotizzato il popolo dei teledipendenti. Qui troviamo le canzoni che i bravi ragazzi (ricordo un tale che andava ripentendo: diffidate dei bravi ragazzi!) hanno cantato al karaoke dalla Casa del ...


Terra Firma

MusicPedia:

Messi al mondo da un ex Unleashed e da un ex St. Vitus, i Terra Firma esordiscono con un disco omonimo (Steamhammer\Audioglobe) e dimostrano di aver assorbito il patrimonio genetico dei secondi, essendo impregnati, sino al midollo, di atmosfere e fumi seventies (ovvio il riferimento ai Black Sabbath)! In parte riconducibili a Obsessed od Orange Goblin, a tratti pare di ascoltare una cover band, non per nulla l’attacco di “Good Stuff” esce da “Mob Rules” e in “...And The 8th Seal Was Here’s” sorge il dubbio che nel CD si siano intrufolati i Monster Magnet, tale è la somiglianza. Direi ...


TERRA FIRMA

MusicPedia:

TERRA FIRMA S/T L'internazionale "stoner" ha il suo Comitato Centrale nel deserto californiano (o nel salotto di casa Kozic, se preferite) ma può contare su numerose sezioni distaccate. Gli svedesi sono forse i seguaci più zelanti: dopo Roachpowder, Dozer e Misdemeanor ecco a voi i Terra Firma. Per la verità, il gruppo guidato dall'ex Count Raven Christian Linderson - ennesimo caso di cantante in preda a ozzyosbournite acuta - e dal chitarrista degli Unleashed ha il tiro un po' troppo spostato verso il metal classico. Almeno per i gusti di chi scrive, che preferirebbe invece veder sviluppate certe idee di psichedelia ad ...


TERRA ARSA

MusicPedia:

TERRA ARSA Gianni Gebbia al sax alto e sopranino, fisarmonica; Miriam Palma voce, percussioni; Vittorio Villa percussioni, batteria, didjeridoo. Il gruppo Terra Arsa è stato creato nel 1992 da Gianni Gebbia in occasione di una produzione di teatro danza insieme al ballerino Antonio Carallo del Wuppertal Tanzteater. Dopo questa esperienza il gruppo ha continuato la propria attività nel campo strettamente musicale esibendosi in vari festival di Musica Jazz ed improvvisata. Nel 1993 il gruppo ha partecipato alla realizzazione del film di Raul Ruiz "Il Viaggio Clandestino. Vite Di Santi E Di Peccatori" comparendo in alcune scene e componendo la colonna sonora. ...


TERMINUS CITY/Justice Isn't Alw

MusicPedia:

TERMINUS CITY Justice Isn't Always Fair I Terminus City sono quattro skinheads della Georgia americana, portatori di un'Oi music molto spesso impostata su giri di puro e semplice rock'n'roll (vedi Back Seat). Con le loro canzoni si rinverdisce la tradizione dei connazionali Anti-Heros anche se sono forti le spinte che provengono da oltreoceano, via Cock Sparrer e Business (anche se in questo caso con finalità meno liriche). Piglio agguerrito e cameratesco, ma poco altro da porre in evidenza.


Terminal Choice

MusicPedia:

Un tour che non varcherà i confini italici, vedrà coinvolti, oltre a Pigmy Children e Hocico, i Terminal Choice, che hanno pubblicato "Navigator" (Sub/Mission-Audioglobe); pure qui non troverete originalità, però è indiscutibile che i 15 pezzi rappresentino un sapiente concentrato di electro-dark-wave-industrial, saltuariamente club friendly e con propensioni crossover, non solo imputabili all'utilizzo di riff, ma anche alla varietà di soluzioni ritmico-strutturali adottate! A


TERJE RYPDAL/Double Concerto/5

MusicPedia:

TERJE RYPDAL Double Concerto/5th Symphony Alla prima esecuzione del 1992 il "Double Concerto" di questo nuovo album di Terje Rypdal riuscì a riunire nello stesso auditorium signore ingioiellate e Hell's Angels motociclisti accorsi ad ascoltare il chitarrista heavy metal Ronni Le Tekro. E' infatti di costui la seconda chitarra che affianca quella del norvegese nel maelstrom della partitura orchestrale, con eclettiche sinergie già da progressive rock. Qui si arriva a un post-metal colto, dove ai lirismi delle corde di Rypdal si contrappongono le scariche di energia pura del suo più giovane collega. La "5th Symphony" rinuncia invece alle chitarre e si ...


TERIE RYPDAL/Double Concerto -

MusicPedia:

TERIE RYPDAL Double Concerto - 5th Symphony Rypdal è un musicista dl ampie vedute. Le sue influenze spaziano da Debussy a Jimi Hendrix, passando per Charlie Christian e Wes Montgomery. In questo suo ultimo album, realizzato con l'Orchestra del Festival di Riga, Rypdal dà spazio a tutta a sua poliedricità. Come spesso nei lavori di questo originale musicista norvegese, gli interventi solistici si innestano in un contesto armonico decisamente strutturato, che conferisce alla musica un andamento al tempo stesso sinfonico e jazzistico, maestoso e rockettaro. Non è certo un album per puristi. E' un CD, piuttosto, per tutti coloro ...


Teri Weikel

MusicPedia:

Reggio Emilia, 20 aprile "MONK DANCES WITH BULGAKOVg' Teri Weikel, Alessandra Ferrari Cristiana Bergamaschi, Francesca Furlani Antonello Salis, Danilo Terenzi Queste danze, interpretate da Teri J. Weikel, coreografa e danzatrice, e dai musicisti Danilo Terenzi al trombone e Antonello Salis al pianoforte e alla fisarmonica, sono dedi- cate a Thelonious Monk e a Michail Bulgakov. La parte musicale è ispirata direttamente alle musiche di Monk. I ritmi, le discordanze, la poetica e le contraddizioni presenti nel suono sono le fonti dello studio coreografico che Teri Weikel intende coniugare, in questo evento, con l'importante esperienza da lei acquisita nel lungo lavoro di approfondimento che da due anni sta portando ...


Teri J.Weikel/ok

MusicPedia:

Europe Jazz Network CONCERTS Bologna, Teatro San Leonardo 20, 21, 22 aprile 1999 ...


TERESA LALLO/2

MusicPedia:

TERESA LALLO Vive nella capitale ma non smentisce le sue evidenti origini pugliesi. Prima di approdare al cabaret ha lavorato in teatro con le compagnie Bona la prima, Checco Durante e Alfiero Alfieri. La sua formazione deriva dai corsi di recitazione seguiti presso la scuola di Mario Riva e un corso di doppiaggio tenuto dalla straordinaria Isa Di Marzio. La stampa, recensendo lo spettacolo Letti a castello, così si espresso nei confronti di Teresa Lallo: “Abbondante donnona dall’irrefrenabile spontaneità. Tra le tre protagoniste rappresenta il soggetto più direttamente comico”. Con il suo show sta calcando i più prestigiosi palcoscenici italiani. Nel suo spettacolo si parla di... ...


TERESA LALLO

MusicPedia:

TERESA LALLO Vive nella capitale ma non smentisce le sue evidenti origini pugliesi. Prima di approdare al cabaret ha lavorato in teatro con le compagnie Bona la prima, Checco Durante e Alfiero Alfieri. La sua formazione deriva dai corsi di recitazione seguiti presso la scuola di Mario Riva e un corso di doppiaggio tenuto dalla straordinaria Isa Di Marzio. La stampa, recensendo lo spettacolo Letti a castello, così si espresso nei confronti di Teresa Lallo: "Abbondante donnona dall'irrefrenabile spontaneità. Tra le tre protagoniste rappresenta il soggetto più direttamente comico". Nel suo spettacolo si parla di... donne.


TERESA DE SIO/NIDI D'ARAC/XICRO

MusicPedia:

TERESA DE SIO, NIDI D'ARAC, XICRO' - "La Notte Del Dio Che Balla" - Alle radici della musica e della danza: la taranta - Più di tre ore di musica dal vivo, per ritrovare le radici della musica popolare ed esplorare le contaminazioni più tecnologiche. Una lunga notte tutta da ballare, tra chitarre battenti e loops campionati, in omaggio ad una delle più particolari tradizioni culturali italiane, la taranta, e al suo luogo d'origine, il Gargano. La Notte Del Dio Che Balla nasce da un'idea di Teresa De Sio, una delle voci di maggior carattere apparse sulla scena della canzone ...


Teresa De Sio

MusicPedia:

Teresa De Sio Brani inediti e canzoni storiche saranno eseguite dall'artista napoletana in un tour in dieci clubs che servirà per la registrazione dal vivo del suo nuovo disco. Un iniziativa nuova per la musica italiana, più usuale all'estero. Non a caso nasce da una eccezionale protagonista della grande musica d'autore, che durante la sua ventennale carriera non ha mai smesso una profonda e personale ricerca musicale e poetica. Dalle prime esperienze folk nell'ensemble Musica Nova e dal suo primo album solista "Sulla Terra, Sulla Luna", ai concerti dell'estate '96 con gli Yo Yo Mundi ed Andrea Chimenti uniti nel progetto ...


TERENGHI, CASTELLI

MusicPedia:

TERENGHI, CASTELLI - Pedrito El Drito (Bonelli, £.6.500) Dagli anni '50 e per quattro lustri Pedrito, lo sceriffo con una propensione all'alcol pari solo all'ampiezza dei suoi baffi, fu eroe incontrastato delle classi medio-basse italiane, quelle che leggevano 'Cucciolo' (b/n più un solo colore alla volta, con intenti ravvivanti ma in realtà di una tristezza proletaria fino al midollo), 'Nonna Abelarda' ed i polpettoni de 'Il Monello' e 'L'Intrepido'. In quelle brevi storie a fumetti, con il politically correct fortunatamente di là da venire, la popolazione maschile di Tapioka City pensava solo a bere come cammelli in un'oasi ed a fumare, ...


Terem Quartet

MusicPedia:

Il Terem Quartet si è costituito il 26 novembre del 1986 a San Pietroburgo per iniziativa di Andrei Kostantinov, Igor Ponomarenko, Andrei Smirnov e Mikail Dziudze, dopo il loro primo concerto insieme. Pur incarnando l'essenza del folklore russo, ripescato a piene mani dall'immenso patrimonio tradizionale autoctono e, parimenti mantenendo vive le tracce della cultura musicale classica appresa al conservatorio, il Terem mostra doti sorprendenti ed inattese, capaci di rivitalizzare la musica russa contemporanea. I pezzi originali, tutti a firma di Igor Ponomarenko (che è anche l'arrangiatore dell'intero repertorio del quartetto) sono la dimostrazione tangibile di come la musica contemporanea del ...


Terasawa Buichi/anime giappones

MusicPedia:

ANIME GIAPPONESI Terasawa Buichi GOKU MIDNIGHT EYE, PART 1 (VHS - Manga Entertainment Ltd., 1996 - distr. Polygram) Il delirio iconografico che accompagna, facendoci (partecipi e solidali) vittime, l'inarrestabile propaganda consumista si sustanzia, in una società immobile e pacificata come quella giapponese, nel dispiegamento di enormi risorse messe a disposizione di un modo di vivere perfettamente aderente al contesto economico. Il passaggio di consegne, nella titolarità riconosciuta di s-oggetto del consumo, dalla famiglia (intesa come nucleo compatto e cellula base della società) negli anni '50 e '60, alle odierne giovani generazioni (nate e cresciute totalmente all'interno di quelle logiche) non nasconde ma anzi disvela ...


Terapia D’urto

MusicPedia:

Terapia D'urto Demo Ottimo esordio su demo per i Terapia D'urto un terzetto che suona un noise rock molto influenzato dalla scena sperimentale di New York ( primi Sonic Youth e Pussy Galore ) e dai gruppi della Amphetamine Reptile (prima maniera) come gli Helmet e soprattutto gli Unsane. Otto cavalcate in feedback, due strumentali, tutte piuttosto lunghe ( tranne la prima, una sorta di introduzione ) voce spesso filtrata e registrata 'sotto' gli strumenti, quasi ad aumentare il senso di soffocamento 'urbano' che ...


Tequila Jazz

MusicPedia:

Tequila Jazz (Russia) Tequila Jazz è un trio di St. Petersburg ed è composto da: Eugene "Ai-Ai-Ai" Fedorov (bassoe evoce); Konstantin "Balbess" Fedorov (chitarra); Aleksandre "Dooser" Voronov (batteria). La band debutta nel '93 ma i musicisti suonano insieme dalla precedente esperienza degli Object Of Mockery e del progetto locale dei Poopsie. Alksandre Voronov è altresì conosciuto per essere stato il batterista dei Nol. Tempo dopo aver lasciato gli Object Of Mockery i musicisti iniziarono attività indipendenti spinte dalla collaborazione alla colonna sonora del film The Wild East di Rashid Nugmanov. Konstantin Fedorov fu il protagonista e Eugene Fedorov recitò in un ...


TEOREMA

MusicPedia:

TEOREMA I Teorema nascono nel '92 da un'idea di Emanuele Raspa (tastiere) e Davide d'Alessio (chitarre) ai quali subito si aggiunge il batterista Alessandro Raspa creando così un nucleo già rodato da anni di attività individuale nel settore della musica dal vivo. Ai tre si unirà successivamente il bassista Francesco Scolastra e il cantante Luca Soli provenienti da esperienze analoghe. A questo punto la band è pronta e subito si fa notare per il suo impatto sonoro e l'impostazione decisamente "live" nonchè per la professionalità e la preparazione dei suoi componenti. In questo periodo il gruppo comincia anche a sperimentare ed ...


TEOFILO CHANTRE/Rodatempo

MusicPedia:

TEOFILO CHANTRE Rodatempo Chitarrista di São Nicolau di Capo Verde, Teofilo Chantre ha avuto il suo momento di gloria per aver preso parte, come autore, al celebrato album "Miss Perfumado" di Cesaria Evora. Tre sue canzoni infatti avevano entusiasmato la regina della Morna partita da Parigi alla conquista dell'Occidente. Nella capitale francese Chantre si era trasferito da ragazzo con la sua famiglia e li si è fatto conoscere dalla comunità di emigrati e dal grosso pubblico. Cesaria è la sua prima fan e a lui Goran Bregovic ha affidato il testo per "Ausencia", il tango gitano di "Underground". "Rodatempo" è il ...


Teo Teocoli

MusicPedia:

Teo Teocoli oltre che far rivivere i personaggi di Mai Dire Goal da Peo Pericoli a Felice Caccamo e Vettorello, ripropone le sue vecchie gags di cabaret, personaggi e situazioni che lo ha visto interprete a cavallo degli Anni '60 e '70 al Derby, mitico locale milanese, dove si esibiva con Cochi e Renato, Jannacci ed Abatantuono. Ecco allora i pezzi di 25/30 anni fà, sempre apprezzati dal pubblico. Ecco allora che ci regala la gag dello spagnolo che cammina lungo una carretera di Pamplona proprio quando liberano i tori nel giorno di San Firmin. Non manca neppure un pot-pourrì ...


Teo Mammucari

MusicPedia:

Teo Mammucari Cabarettista animatore di origine romana, battuta pronta ed atteggiamento da romano verace, è definito dal pubblico come l'osservatore sarcastico, l'interprete ironico del lati cupi della vita. Dopo aver lavorato nei villaggi turistici, scopre il suo vero talento e si inserisce come direttore artistico e socio titolare del Gildo Cabaret di Roma. Finalista nel '95 del Festival di Cabaret premio Charlot di Salerno, rafforza il suo talento artistico, prestando così nello stesso anno il volto in prima serata sul piccolo schermo di Canale 5 facendo parte del cast di attori comici come interprete, nella trasmissione Scherzi a Parte condotta da ...


Teo Ciavarella/Pippo Guarnera

MusicPedia:

Teo Ciavarella e Pippo Guarnera (hammond band-Jazz) Questa settimana, ospite di "Teo Ciavarella & Friends" è Pippo Guarnera, il più grande specialista italiano di organo Hammond. Una vera chicca per gli appassionati della magica sonorità di questo mitico strumento.  Pippo Guarnera che ha fatto parte dello storico gruppo "Napoli Centrale", con partecipazioni al prestigioso "Montreux Jazz Festival" in Svizzera, dopo varie collaborazioni discografiche ed un tour con Eugenio Finardi, collabora in tourneé teatrali con Dario Fo, Rame e Jannacci. Per i suoi concerti live utilizza il mitico Hammond C3 amplificato con un Leslie 760. Pippo è forse l'unica persona al ...


TEO CIAVARELLA TRIO/f.lli grass

MusicPedia:

TEO CIAVARELLA TRIO feat. FRATELLI GRASSO Indubbiamente il miglior trio jazz che operi a Bologna oggi, il gruppo, che si raccoglie attorno alla figura del valente pianista Teo Ciavarella, raccoglie consensi ovunque si esibisca. Lo stile è riconducibile facilmente al jazz tradizionale melodico dalla forte componente ritmica swing. Ma in questo caso il jazz è vissuto in modo coscientemente non scevro di riferimenti culturali melodici e armonici legati alle radici mediterranee sia di Ciavarella che di Del Gaudio. Tutta da ascoltare la Gargano Elegy che dà titolo a uno dei loro CD più famosi. Interessante e altamente godibile l'apporto che ogni ...


TEO CIAVARELLA TRIO

MusicPedia:

TEO CIAVARELLA TRIO feat.FRATELLI GRASSO con TEO CIAVARELLA (p.forte) Felice Del gaudio (c.basso) Lele Barbieri (batteria) LUIGI GRASSO (sax alto) PASQUALE GRASSO (chitarra) - Indubbiamente il miglior trio jazz che operi a Bologna oggi,il gruppo,che si raccoglie attorno alla figura del valente pianista Teo Ciavarella,raccoglie consensi ovunque si esibisca. Lo stile è riconducibile facilmente al jazz tradizionale melodico dalla forte componente ritmica swing.Ma in questo caso il jazz è vissuto in modo coscientemente non scevro di riferimenti culturali melodici e armonici legati alle radici mediterranee sia di Ciavarella che di Del Gaudio.Tutta da ascoltare la Gargano Elegy che da titolo ...


TEO CIAVARELLA

MusicPedia:

Teo Ciavarella Il progetto Kalenda Do Sol ideato assieme a Flavio Piscopo, ha l'intento di proporre un discorso musicale etnico mediterraneo, partendo da Napoli come centro ipotetico del suono mediterraneo per poi navigare alla volta di Paesi come la Spagna, la Turchia, la Grecia arrivando sino all'Africa, alla ricerca di radici comuni e di misconosciute etnie, a volte mistiche a volte tribali. Il viatico immaginario che il gruppo viene a proporre parte da una funzione ritmico percussiva che va a fondersi con la tecnologia delle tastiere e con il magnifico trasporto umano del sax di Antonio Marangolo. Teo Ciavarella ha registrato ...


TENTH CHAPTER

MusicPedia:

TENTH CHAPTER Wired (Mfs) Ballate finchè volete...Le nuove vie sintetiche sono così contaminate che imbattersi ogni tanto in qualche buon disco di elettronica spuria non può che farci piacere. Cassa in 4/4, costruzione ad uso e consumo dei dancefloors più illuminati e grooves ipnotici a mille, questi gli ingredienti che fanno di "Wired" e dei suoi tre remixes il classico disco "usa e getta" dalla vita brevissima ma dai prolungati godimenti uditivi.


TENTAZIONE/2

MusicPedia:

TENTAZIONE (rock italiano) Amelio "Mel" Buresta (voce, basso, tastiere); Gianluca Bartolucci (chitarre); Michele Bartolucci (chitarre); Emanuela Morandini (batteria). Si sono formati nel settembre '96 provenienti da esperienze musicali diverse. Nel gennaio '98 hanno terminato e prodotto il loro primo DEMO intitolato "Tentazioni E Passioni" contenente 10 canzoni proprie (by Buresta e Bartolucci G.). Da Aprile lo stanno presentando, unitamente a covers di artisti rock italiani come Litfiba, Ligabue, Nomadi ecc., in diversi locali e rassegne rock. Il loro stile non è ben definito e racchiude in se' un po' delle varie esperienze dei componenti del gruppo. Le loro canzoni toccano diversi ...


TENTAZIONE

MusicPedia:

1994: I TENTAZIONE nascono a Teramo alla fine del mese di maggio con il bisogno di dire la loro in fatto di musica. Il nome del gruppo viene dato da Roberto. La formazione da principio si presenta come un gruppo rock di covers italiane e straniere (Battisti, Ligabue, Litfiba, Doors, Vasco Rossi, e tanti altri) sull'esempio dei famosi e gettonati OXXXA (visti alla Fiera della Musica di Pesaro nell'aprile del 1994). Il primo concerto è tenuto presso lo Chalet "La Mezza Luna" di Alba Adriatica (TE) e riscuote un grande successo. Seguiranno altre date presso lo stesso chalet e in ...


Tense Serenity LIVE

MusicPedia:

Tense Serenity Fred Frith - chitarra, violino Chris Cutler - batteria, elettronica Lesli Dalaba - tromba, elettronica Claudio Puntin - clarinetto, clarinetto basso Daan Vandewalle - pianoforte, pianoforte preparato Tense Serenity, originariamente formatosi nel 1996 per un unico concerto alla Triennale di Colonia, si ripresenta ora come un progetto più stabile. Dal punto di vista musicale, il gruppo fa riferimento, ad un livello più piccolo e intimo, al recente lavoro che Fred ha sviluppato insieme a gruppi quali l’Ensemble Modern e il Kammer Ensemble Neue Musik Berlin, dove ha cercato di creare strutture improvvisate utilizzando materiali scritti. Tutti i partecipanti hanno collaborato in passato con Fred, sebbene ...


TENORES S. SARBANA BATTISTA MOR

MusicPedia:

TENORES S. SARBANA BATTISTA MORITTU Sono Giovanni Cossu, Angelo Cossu, Gavino Murra e Giovanni Antonio Faedda. Rispettivamente mesa oghe, boghe bassu e contra: il mistero delle voci sarde del canto a tenores rappresenta una delle forme musicali popolari più antiche di tutto il Mediterraneo. Esclusivamente maschile, il coro polifonico porta ai giorni nostri l'essenza del l'isola sarda, con la sua aspra essenzialità. Quello del canto a tenores è un repertorio dalle origini antichissime e con una fondamentale funzione sociale, tra forme arcaico-pastorali e tipici canti sacri. Una coralità fondata sull'accordo perfetto: le linee di canto, che spesso procedono parallele, unite alla ...


TENORES di NEONELI

MusicPedia:

TENORES di NEONELI - Cunsònu La parola Cunsònu in logudorese significa canto a tenore, ma anche armonia. Il canto “a tenores“ rappresenta probabilmente la più antica memoria vocale della terra di Sardegna. La voce umana viene qui usata come strumento di identificazione culturale e racconta un microcosmo non sempre facile da esplorare. Cunsònu è un progetto estremamente vario e originale in cui si alternano ritmi e melodie, sonorità e cadenze molto differenti. In questo concerto il gruppo si avvale della collaborazione di Orlando Mascia, eccezionale suonatore di launeddas, nonché di trunfa, organetto diatonico (organitu), solitu (zufolo pastorale), tamburo sardo (tumborro) e ...


Tenores di Bitti/2

MusicPedia:

Si stanno intensificando le uscite della presti iosa Real Worid. Motivo d'orgoglio è la pubblicazione del primo album 3edicato dall'etichetta a un nome italiano: i surdi Tenores di Bitti, maestri d'una tradizione vocale millenaria. L'album «S'amore 'e mama», prodotto da Michael Brook presenta al pubblico internazionale il fascino d'un gruppo che vontá vent'anni d~ esperienza e una reputazione pressoché leggendaria in Sardegna e che ha collaborato con musicisti quali Lester Bowie e Ornette Coleman. Senza accompagnamento strumentale, il quartetto Tenores di Bitti "Remunnu 'e locu" propone 11 bruni che raporesentano esempi dei vari modi in cui si articoRa il canto ...


TENORES DE BITTI/LUIGI LAI

MusicPedia:

TENORES DE BITTI & LUIGI LAI (Italia) S'amore 'e mama Armonie arcaiche di quattro voci "a cappella" maschili con le launeddas di Luigi Lai. Ultimo CD: 1996 - Real World


TENORE E CUNCORDU DE OROSEI/Voc

MusicPedia:

TENORE E CUNCORDU DE OROSEI Voches de Sardinna La polivocalità sarda è uno di quei regali piovutici dal cielo di cui non ringrazieremo mai abbastanza chi ce l'ha mandata. Con un'origine che si perde nella notte dei tempi, la musica vocale tradizionale sarda è qualcosa di assolutamente archetipico e originale, che per fortuna ha trovato estimatori un po' ovunque e, almeno per l'istante non rischia l'estinzione. I Tenore e Cuncordu di Orosei, a differenza di altre realtà locali meno versatili, sono sette cantori dal volto bifronte, capaci cioè, quattro alla volta, sia di eseguire il repertorio del canto a tenore (tematiche ...


TENORE E CUNCORDU DE OROSEI & E

MusicPedia:

TENORE E CUNCORDU DE OROSEI & ERNEST REIJSEGER Colla Voche L'incontro dei Tenore e Cuncordu con il violoncellista Ernst Reijseger, avviene agli inizi del 1998 in modo piuttosto casuale, a Venezia. L'olandese, già colonna portante dei gruppi di Theo Loevendie e Guus Janssens dell'ICP Orchestra, del Clusone Trio, dell'Arcado String Trio oltre che collaboratore di un nugolo di artisti dell'avanguardia jazzistica e non, decide nel settembre dello stesso anno di volare in Sardegna, accompagnato dal percussionista scozzese Alan Purves per realizzare una serie di sessions che hanno dato origine a Colla Voche. Trovare un terreno comune su cui operare non era ...


Tenko/Ikue Mori

MusicPedia:

Tenko & Ikue Mori 'Death Praxis" Mantenendo il nome del lavoro che nel '93 ne siglò l'incontro, si presenta in Italia per la prima volta Death Praxis, il duo composto da Tenko e da Ikue Mori, due tra le più importanti esponenti della scena nipponica negli anni ottanta e figure assai apprezzate anche in occidente, dove da tempo risiedono. Un'occhiata alle rispettive discografie basta e restituire lo spessore di un background artistico tutto vissuto a contatto con le frange più vitali delle avanguardie creative del nostro tempo, da Arto Lindsay a David Moss, da Fred Frith a Jhn Zorn, da ...


Tenko/3

MusicPedia:

Tenko L'esordio risale alla fine dei '70 nel gruppo femminista «mizurama shobodam» ma il primo vinile a proprio nome è dell'87 in compagnia di un agguerrito manipolo di improwisatori newyorkesi (Frith, Lindsay, Cora, Horowitz...). La voce è grave, austera, tagliente profondamente orientale, molto distante da cliché vocali e improvvisativi occidentali. L'ultimo gruppo dal nome Dragon Blue vede riuniti Otomo Yoshihide, Hideki Kato e Tatsuya Yoshida. La musica si alterna tra canzoni dai climi forti e drammatici e improvvisazioni rapide e lucide come coltelli. Da sentire: At the top of Mt Brocken e Death praxis in collaborazione con Ikue Mori.


TENKO/2

MusicPedia:

TENKO : At the Top of Mt. Broken (Rec Rec Music) Attiva fin dagli anni 70 in Giappone con il quintetto femminile "Mizutama Shobodan", Tenko dalla metÖ degli anni 80 ä comparsa sulla scena di New York, al fianco di musicisti quali David Moss, John Zorn, Elliott Sharp, Ned Rothenberg, Christian Marclay, Fred Frith e molti altri. A distanza di sei anni dal debutto solista ("Slope/Gradual Disappearance"), la cantante giapponese pubblica "At the Top of Mt.Broken", interamente registrato a Tokyo (prodotto da lei stessa) con l'ausilio di altri artisti ...


TENDRILS/Soaking Red

MusicPedia:

TENDRILS Soaking Red Ci sono dischi che già al primo ascolto lasciano il gusto di un rito rinnovato, capace di sprigionare emozioni difficili da narrare. Fra i tanti che si possono pescare dall'ipotetico mazzo, questa seconda prova degli australiani Tendrils (il primo, omonimo lavoro risale al 1995) è senz'altro un buon esempio: tredici brani che inequivocabilmente risplendono all'ombra del monumento Velvet Underground e che pure riescono a evitare di cadere nello stereotipo - come capita a tante band di matrice alternative di qua e di là dell'Atlantico - di un suono troppo rassomigliante a quello perpetrato a suo tempo da Lou Reed ...


Tendachent

MusicPedia:

Tendachent (Piemonte) Formazione piemontese nata nel '97 come evoluzione di uno dei gruppi fondamentali del folk revival nord italiano, La Ciapa Rusa: vent'anni di carriera. 7 dischi all'attivo e concerti in Francia, Spagna, Germania, Portogallo, Austria, Danimarca e Finlandia, Stati Uniti.


TENAX E'... STORIA

MusicPedia:

TENAX E'... STORIA Correva l'anno 1981 e Firenze era in preda ai furori della new wave, del dark, del punk e del nuovo rock che arrivava dal Regno Unito. Un manipolo di giovani impresari decise di creare una discoteca nuova, alternativa, attenta ai nuovi stili: era nato il Tenax. Il boom non fu immediato, ma nell'arco di pochi mesi il locale cominciÚ a proporsi come punto di aggregazione per artisti, stilisti e musicisti emergenti, una sorta di Greenwich Villagge fiorentino. Rocchettari di buona memoria ricorderanno concerti mitici di gruppi come Bau Haus, Psychedelic Furs, New Order, Sisters of Mercy, ovvero ...


TEN/Babylon

MusicPedia:

TEN Babylon Il vocalist, compositore e produttore Gary Hughes, con i suoi Ten ci propone 10 tracce da cui trasuda il grande «epic heavy rock». In questo cd si ha subito la certezza di ascoltare un sound carico di storia con riferimenti ai Whitesnake, ai Led Zeppelin e ai Raimbow anche grazie al lavoro tastieristico di Don Airey, già collaboratore delle band citate. Per quanto riguarda i testi, Babylon è un vero e proprio concept album che tratta della drammatica relazione di due giovani impiegati. Comunque, non mancano momenti più tranquilli come nelle note di Love Became The Law e in ...


Ten Years After

MusicPedia:

Ten Years After Alvin Lee incontrò per la prima volta Leo Lyons a Nottinghal, Inghilterra. I due suonarono insieme in Germania, ad Amburgo, prima di essere raggiunti da Ric Lee (nessuna parentela con Alvin) e formare gli Yardbirds. Chick Churchill divenne il quarto membro e il complesso si procurò un vasto seguito in tutta la zona di Nottingham, prima di cambiare il proprio nome in quello di Ten Years After nel 1967. A livello nazionale essi emersero come una delle migliori band della seconda ondata del blues inglese, quantunque fossero molto più rock di loro, autentici contemporanei quali Fletwood Mac e ...


Ten Yard Fight

MusicPedia:

I Ten Yard Fight tornano con il 7” “The Only Way” (Equal Vision\Green), che ribadisce quella che è la loro indiscutibile propensione: xxx old school HC, catapultato indietro di 10-11 anni, con cori, stacchi, accelerazioni, testi positivi e quant’altro serva a far rivivere il mito di Youth Of Today, Gorilla Biscuits, ecc.! Bene “Actions Peak”, “The Proof” e la title track, nella norma il resto.


TEN FOOT POLE

MusicPedia:

"Ten Foot Pole": Questa band conosciuta per circa sei anni come "Scared Straight", ha cambiato il proprio nome nel '95 in "Ten Foot Pole", firmando per la Epitaph Records (Offspring, NOFX e Rancid i nomi più blasonati della scuderia). Il loro sound è una miscela emocore nella classica formula del punk rock melodico della South California. Tipico stile Epitaph, dunque. L'ultimo album, uscito quest'anno, si intitola "Unleashed" ed è stato registrato al Fat Planet Studio di San Francisco e prodotto da Ryan Greene. Il disco contiene 13 canzoni tra cui "John", "Denial", "Pride & Shame" che collocano i Ten Foot Pole nel registro dell'hardcore punk suonato con rabbia, stile ...


TEMPORALE VOCAL BAND

MusicPedia:

TEMPORALE VOCAL BAND I TempOrale nascono il 1° gennaio 1999. Il nome del gruppo deriva dalla fusione delle parole "tempo" (nel senso ritmico del termine) e "orale". Il sestetto vocale TempOrale canta a cappella, cioè senza l'aiuto di strumenti musicali. Solo voci in piena libertà che si fondono in una moltitudine di accordi ed imitano, secondo la necessità, il suono di una tromba, di un basso, di una chitarra o le percussioni di una batteria; tutto ciò è possibile apprezzarlo appieno in modo particolare durante un'esibizione dal vivo del gruppo. Marco Bottazzi e Davide Chiesa, già fortemente contagiati dal genere "a ...


TEMPO ZERO/Tempo Zero

MusicPedia:

TEMPO ZERO Tempo Zero La scena musicale “sotterranea” italiana ha raggiunto un livello di maturità diffuso che le permette di competere in maniera credibile con le realtà straniere; un’ulteriore dimostrazione ce la fornisce il CD omonimo dei Tempo Zero contenente otto pezzi nuovi e le ristampe degli split con Alcatraz ed Eversor e il 7” ‘In Gabbia’, dischi usciti per la Enphasys (etichetta e fanzine del gruppo). La band di Aosta si fa portavoce di un emo core\post hardcore tirato ed energico, dove i suoni vengono accompagnati da testi carichi di significato e mai banali.


TEMPO ZERO-S/T

MusicPedia:

TEMPO ZERO S/T I Tempo Zero partono dall'immortale lezione dei Fugazi per erigere un vero e proprio muro di suoni e parole contro l'ignoranza dilagante. Poche righe di saggezza accompagnano i testi di ogni brano, illustrandoci come la sete di conoscenza possa essere anche una tortura (In gabbia) o come sia triste vedere miriadi di pischelli travestiti da falsi punk (Onta). Non c'è niente di peggio che sentirsi sottrarre i propri valori, soprattutto quando si tratta di valori controculturali, e vederli ridotti a conformismo per adolescenti.


TEMPLEBEAT/ok

MusicPedia:

TEMPLE BEAT Auto da Fé Temple Beat vengono dalla cintura trevigiana ed erano conosciuti prima con il nome di VOGUE. In occasione dell'esordio vinilico hanno optato per questa nuova fascinosa denominazione con la quale hanno anche partecipato alla megacompilation italiana dedicata agli Psichic TV e ad Arezzo Wave '91. C'è da dire intanto che un errore cromatico in tipografia ha intristito oltremodo la copertina facendo passare questo 12"/3 pezzi per un prodotto dark.. Al contrario si tratta di hard-beat sintonizzato sulle onde nervose che tale «movimento» ha emanato un po' in tutto il mondo. Ritmi martellanti per «Life Is Close To Death» ...


TEMPLE OF VENUS/18th May 1980

MusicPedia:

TEMPLE OF VENUS "18th May 1980" Il 18 maggio del 1980, come i nostri lettori non possono ignorare, e certo data di grande importanza per la storia del post punk. Non è certo un periodo in cui la new wave più o meno dark goda di grande fortuna, ma ormai, anche in Italia, il suono figlio dell'angoscia dei Joy Division è prodotto di nicchia, con un seguito misurato ma fedele, dagli standard espressivi tutt'altro che bassi (vedi realtà del sottobosco dalle ottime aspirazioni, Kyrie, per fare un esempio) ma anche, ovviamente, dallo scarso appeal. I Temple Of Venus, che già incontrammo per ...


TEMPLE OF VENUS/ Zig 'D' Bomb

MusicPedia:

TEMPLE OF VENUS - Zig 'D' Bomb Formazione tra le più conosciute dell'underground bolognese, i Temple Of Venus nascono nel lontano 1984 per iniziativa di cinque ragazzotti di belle speranze innamorati delle atmosfere cupe e tenebrose provenienti d'oltremanica. Il loro stesso nome è una sorta di omaggio ad uno dei gruppi più rappresentativi di quella stagione musicale: i Joy Division. Leggenda narra infatti che, dopo la tragica scomparsa di Jan Curtis, gli ex componenti della band in procinto di diventare New Order, abbiano selezionato un ventaglio di nomi possibili tra cui anche quello di Temple Of Venus. Oggi, a distanza di ...


TEMPLARS/Biaus Seignors Freres

MusicPedia:

TEMPLARS Biaus Seignors Freres Se siete fra quelli per cui tutto l'insieme dell'industria musicale nel suo complesso si sarebbe anche potuta tranquillamente chiudere subito dopo lo scioglimento dei grandissimi Nabat, l'ascolto di Biaus Seignors Freres dei newyorkesi Templars, vi regalerà decisamente delle belle soddisfazioni. Oltre a riproporre (in "italino", con l'aiuto di Ivan degli Asociale) il lavoro del celebre combo bolognese infatti, il terzetto OI! in questione conferma tutto quello di buono che si dice sul loro conto da più di dieci anni a questa parte con altre 9 tracce in puro stile Sham 69 -Cocksparrer. Titoli come Unemployed Again, Just ...


Tempesta Di Ghiaccio

MusicPedia:

Originario di Taiwan, ma da tempo trasferitosi in America, Ang Lee riprende in “Tempesta di ghiaccio” la riflessione sulla famiglia già avviata, con modalità non usuali nè scontate in “Il banchetto di nozze” (del ‘92) e “Mangiare bere, uomo donna” (del ‘94), che resta a tutt’oggi il suo capolavoro. Nel suo nuovo film Ang Lee prende di mira la ricca, colta, meschina e soddisfatta borghesia progressista americana degli anni ‘70. L’azione si svolge nel ‘73: due famiglie vivono analoghi dissidi generazionali e di coppia (incomprensioni tra genitori e figli e tra mariti e mogli). L’aria dei tempi ...


Telstarr

MusicPedia:

Se solo correggono un pò il tiro diventano i nuovi Fine Young Cannibals. Cominciano a farsi sentire anche le prime clonazioni dei Pulp, i Telstarr ad esempio; “Berserk/like this” (7” - Dishy Rec.) è pressochè identico alle ispirazioni che portarono in classifica “Do you remember the first time?”. Sarebbero ottimi se non ci fosse già Jarvis a raccontare - meglio - queste storie.


TELEX/I DON' T LIKE MUSIC

MusicPedia:

TELEX - I DON' T LIKE MUSIC - SSR 12 BELGIO Dopo l' hit peregrino dell' anno scorso, quel 'Moscow Discow' celebrato da Carl Craig, tornano questi Kraftwerk belgi ma solo virtualmente. E' infatti Stacey Pullen, vecchio purista techno ad occuparsi della title track mentre nel retro Maurice Fulton rimissa 'Raised By Snakes' con manierismo 'disco'. Buona come operazione di retroguardia, ma manca il botto.


TELEX /I DON' T LIKE MUSIC

MusicPedia:

TELEX - I DON' T LIKE MUSIC - SSR 12 BELGIO Dopo l' hit peregrino dell' anno scorso, quel 'Moscow Discow' celebrato da Carl Craig, tornano questi Kraftwerk belgi ma solo virtualmente. E' infatti Stacey Pullen, vecchio purista techno ad occuparsi della title track mentre nel retro Maurice Fulton rimissa 'Raised By Snakes' con manierismo 'disco'. Buona come operazione di retroguardia, ma manca il botto.


TeleVomito

MusicPedia:

TeleVomito La rivista americana 'Variety' ha giudicato pessima la tv italiana, una delle peggiori. Finché lo scriveva 'Vinile', rubrichetta di un mensile di provincia vabbé, ma 'Variety', signori palinsestari, nel caso non lo sappiate (fatto possibilissimo) è la bibbia dello spettacolo mondiale. Auguri per il prosieguo...


TELEVISION POWER ELECTRIC/Telev

MusicPedia:

TELEVISION POWER ELECTRIC Television Power Electric Ancora new forms improvvisate. I TV Pow sono un collettivo di dimensioni variabili (otto elementi in questa occasione) che ruota attorno a Brent Gutzeit e agisce in quel di Chicago. Le loro trame, spesso sottili, possono ricordare sia i Repeat, che le ultime cose di Otomo - il quale, guarda caso, fa parte della partita. Dei primi è avvertibile un certo sapore metallico e del secondo la presa di distanza dalla ripetitività minimalista e la tendenza a un tipo d'improvvisazione non lineare su cui, raramente, vengono effettuati scarti bruschi di volume (ORTF, Go Play Differentiated). ...


TELEVISION

MusicPedia:

TELEVISION Due CD live per un totale di quasi 9()' in cui Tom Verlaine & soci si rivelano più crudi dal vivo che su disco. Epitaffio per una band che, come nella migliore tradizione fumettistica, sembrava fosse morta ma è tornata. C'è tutto il meglio ed anche un paio di cover (Snockin' On Heaven's Door, Satisfaction). Registrazione non eccelsa n¾a impetdibile.


TELEGRAPH/Switched On

MusicPedia:

TELEGRAPH Switched On Interessante la carica pop dei Telegraph, giunti con "Switched On" alla seconda opera della loro carriera. Le radici dell'impianto melodico della band vanno ricercate nella terra d'Albione all'incirca quindici anni fa, aspetto assai curioso se si pensa che sino al 1997 i nostri si celavano sotto il band name di The Skolars, bazzicavano ambienti Asian Man di chiara impronta ska e regalavano al genere un disco convinto (quello d'esordio) come "Ten Songs & Then Some.." Scordato il passato, ma mantenuta la sezione fiati, dopo aver attraversato in lungo ed in largo Usa e Canada, i sette musicisti di ...


TELEFORM/Teleform

MusicPedia:

TELEFORM Teleform A volte grottesco, a volte surreale, a volte (video)gicoso, "Teleform" è un serpente che continuamente si arresta, riparte, cambia direzione, cambia pelle, ma non si morde mai la coda. Riuscite a immaginare degli Oval scompaginati, spigolosi, non lineari e non minimali? Se si, siete più o meno vicini a capire quanto è possibile ascoltare in questo CD; più o meno, perché "Teleform" contiene anche la drum'n'bass scomposta di "Japaner Im Flugzwang" o i mélange onnicomprensivi di "Entsorgungsdialog" e "Magere Zeiten Für Dänische Schweinezüchter", forse hanno ragione le note dell'etochetta - la svizera Domizil, un marchio che si farebbe bene ...


Telefono casa

MusicPedia:

Telefono casa Una volta, nelle trasmissioni radiofoniche, l'ascoltatore stava a casa, pigliava il telefono e diceva la sua all'ospite di turno, o gli poneva delle domande per avere giuste chiarificazioni. Oggi telefonano tutti dai cellulari, col seguente risultato: "Buo..s.ra, tele...no da Casal ...giore e ...ei chie...re al dott. .......io se è vero che ......sta in un .... di ....tta or....ia". Conduttore: "Può fermarsi per favore, perché la ricezione non è delle migliori". "Ma so... fe...o, è che ..... crr, crr e in....ne ...............". Finalino, quasi sempre uguale: "Ah, peccato, l'abbiamo perso, apssiamo a Giacomo di Pavia...".


TELEFONIA

MusicPedia:

TELEFONIA (SELECTED SOUNDSCAPE N#2) (For 4 Ears) "Una lepre corre da una parte all'altra di un campo, solo per scoprire come sia possibile che il porcospino arrivi sempre prima di lei. In realtÖ il porcospino ha una compagna del tutto simile a lui dislocata in un'altra parte del campo. Al settantaquattresimo tentativo la lepre non ce la fa pió, si accascia al centro del campo e muore. Da quella volta le lepri non hanno pió tentato di gareggiare contro i porcospini". Potrebbe apparire paradossale, ma la fiaba di Ludwig Bachstein ben si ...


Teleacquacalda/bolli

MusicPedia:

Teleacquacalda Il 29 novembre, a 'I fatti vostri' (con quel titolo, credevo fosse una trasmissione sulle dichiarazioni di parenti di tossici, invece è ben più triste), si è toccato lo zenith; senza alcuna circonlocuzione Giletti (sotto i ricci, niente) ha mostrato che cosa si intende oggi per 'fare TV'. Fregata dalla sua ex casa editrice che le ha scippato il copyright del nome, suor Germana (la concentrazione televisiva per metro quadro di preti, frati, suore e cruciferi vari è seconda solo a Piazza San Pietro e Loreto nel giorno della Madonna) si è riciclata come esperta catodica di cucina; ed ecco ...


TELE-FUNKEN/A Collection Of Ice

MusicPedia:

TELE:FUNKEN A Collection Of Ice Cream Vans Vol. 2 Estremamente probabile che a saper di Tele:funken siano forse solo molti dei seguaci di Flying Saucer Attack, che fornirono la materia prima a Tom Fenn per Distant Station, album per la verità trascurabile, edificato appunto su campionamenti prelevati dalla formazione di Bristol. In quel disco silenzi e drones, e teutoniche evocazioni, dominavano, A Collection Of Ice Cream Vans Vol. 2 è invece per buona parte un disinvolto esercio di spesso socializzante easy listening elettronica di estrema piacevolezza che talvolta rasenta lo spirito leggerissimo di Plone, (Theme For Tele:funken, Tickatape, Empire State:funken, Track ...


TELE

MusicPedia:

TELE Tele L'immagine sfrigolante e sgranata su suoni che continuano a spostarsi come uno sciame di note... "Tele is: Meikle Gardner, David Trammel, George Reagan and others who join without bodies". Giusto il tempo di percepire le figure mosse di alcuni componenti del gruppo di J. Bone Cro ed annotare la ripresa delle trasmissioni per l'etichetta dell'alieno texano. I vividi effetti sonori di una psichedelia sgangherata e tintinnante quanto fragorosa e ciclica tra scorci di Tortoise, Chrome e Marc Bolan, ampie nuvole elettroacustiche di vapori chitarristici spirit-labradfordiani, macchine che Tele-emettono nella loro breve aria, prima di sparire. Musica che incuriosisce e invoglia ...


TEKTONICS

MusicPedia:

ARTISTI VARI - TEKTONICS (OM RECORDS) CD Il titolo prende a prestito le teorie delle derive dei continenti per raffigurare l'incontro tra i "turntablisti" americani e gli "elettronici" inglesi, un incontro che ha lo scopo dichiarato di rinverdire i fasti dei primi. Quasi una setta di maniaci questi, con un'abilità mostruosa seppur terribilmente vicina alla sega mentale, che in America e grazie all'hip hop ha preso il soppravento sul "fare musica". Ecco allora i giovani & rampanti smanettatori locali, tutti praticamente sconosciuti ai nostri lidi, impegnati ad un assalto all'arma bianca e con l'ausilio d'un paio di deck, di un nugolo ...


Tekton Motor Corp

MusicPedia:

Tekton Motor Corp Arrivano da LjuSljana, in Slovenia, la stessa città che ha dato i natali ai Laibach (citazione non casuale). L'lp non dovrebbe tardare ad uscire, comunque queste songs sono così belle, destrutturate, sorprendenti che meriterebbero ben altra esposizione, ma come sapete lo spazio è quello che c. Iniziate sin da ora a risparmiare le vostre piotte per acquistare l'lp.


TeHOM/Theriomorphic Spirits

MusicPedia:

TeHOM Theriomorphic Spirits Si ricorderà forse il debutto di TeHOM, Despiritualization Of Nature. Con certezza non si vedranno altri lavori accreditati a questa sigla, poiché Sinisa Ocurscak, titolare solo del progetto, ha pagato con la morte, sopraggiunta a ventotto anni a causa di una malattia maturata in guerra, la partecipazione armata alla lotta per l'indipendenza croata. Col simbolo dell'unità speciale cui apparteneva, in campo rosso sangue, in copertina, e le foto del combattente nel booklet, Theriomorphic Spirits è un turbativo, profondo requiem che Sinisa tramanda all'umanità di cui non è più parte vitale. Plumbeo e fermamente severo, nella disperante consapevolezza di ...


TEENAGE FANCLUB/Howdy!

MusicPedia:

TEENAGE FANCLUB Howdy! Norman Blake è stato uno dei primi (insieme ai Boo Radleys) a ricordare che «se siamo qui lo dobbiamo anche alle armonie vocali dei Beach Boys». Blake è diventato uno dei più preziosi supervisori dei prodotti della Marina Records (in particolare i Pearlfishers, scozzesi come lui) e spesso si legge di lui nei dischi in cui potrebbero comparire anche Sean O'Hagan o Jim O'Rourke. Purtroppo accade spesso che un bravo inventore di melodie possa accusare colpi a vuoto quando si cimenta anche come produttore e/o supervisore. E' accaduto a O'Hagan e adesso accade anche a Blake, i cui ...


TEENAGE FANCLUB

MusicPedia:

TEENAGE FANCLUB - Bandwagonesque. Piacciono piacciono piaGGiono. in Uh. Scozzesi un po' sporchi (nel suono) che RoGketilla ha situato tra Dinosaur Jr e Beatles; accostamenti tanto impegnativi quanto azzeccati. Dopo ripetuti ascolti, l'album mi fa ricredere circa il ó politico della precedente recensione. E non venitemi a dire che l'ho fatto perché a Reading il biondocrinito indossava la maglia del Milant


TEENAGE FAN CLUB

MusicPedia:

TEENAGE FAN CLUB - Thirteen La spirale di vinile scivola appena un po' e mi trovo di fronte a The Cabbage: ma è il giovane Holden, cioè, no ... volevo dire il giovane Harrison George da Liverpool! E in fondo questo "13" (mica ci credono alla sfiga i TFC!) suona molto 13eatles. Le (per tutta la stampa ma non per il soprascritte) grandi innovazioni di Bandwagonesque sono state messe da parte: "13" è omogeneo ed un po' omogeneizzato, non cambierà di certo il corso della storia. E neppure della geografa se è per questo: la Scozia c'è e si sente, le canzoni ...


TEEN IDOLS/ok/ok

MusicPedia:

Fabrizio Saulini / Francesco Denti TEEN IDOLS Da James Dean a Leonardo DiCaprio Gli dei pagani del secolo XX Castelvecchi £.18.000 Da circa trent’anni esiste una branca della sociologia che studia il fenomeno del linguaggio attraverso vari aspetti. Non più linguaggio scritto o parlato, ma linguaggio visto, letto attraverso i corpi, che si sono trasformati a seconda delle epoche o delle mode. L’uomo ha sempre di più, dal dopoguerra ai giorni nostri, ricercato in se qualcosa di altro, qualcosa di diverso. I teen-agers, questa tribù di giovani sconosciuti fino agli anni cinquanta, sono l’esempio più interessante e più vario di questi studi. Il boom ...


TEEN IDOLS

MusicPedia:

Fabrizio Saulini / Francesco Denti TEEN IDOLS Da James Dean a Leonardo DiCaprio Gli dei pagani del secolo XX Castelvecchi £.18.000 Da circa trent’anni esiste una branca della sociologia che studia il fenomeno del linguaggio attraverso vari aspetti. Non più linguaggio scritto o parlato, ma linguaggio visto, letto attraverso i corpi, che si sono trasformati a seconda delle epoche o delle mode. L’uomo ha sempre di più, dal dopoguerra ai giorni nostri, ricercato in se qualcosa di altro, qualcosa di diverso. I teen-agers, questa tribù di giovani sconosciuti fino agli anni cinquanta, sono l’esempio più interessante e più vario di questi studi. Il boom ...


TEDDY THOMPSON/Teddy Thompson

MusicPedia:

TEDDY THOMPSON Teddy Thompson I cultori dei "figli d'arte" possono aggiungere un altro nome alla loro lista: Teddy Thompson, figlio di Richard e Linda, nato ventiquattr'anni fa quando gli illustri genitori avevano appena pubblicato uno dei loro album piu insigni, Pour down like silver. Teddy è giovane, innocente e non ha voglia di complicarsi la vita cercando strade avventurose come il padre. Così suona un pop folk rock semplice e delicato che però ha il pregio di non essere banale: canzoni di largo respiro (Wake up, Brink of love), teneri blues indolenti (Missing children), piccole riflessioni intime (All see, Days in ...


TED MILTON/LOOPSPOOL-Sublime

MusicPedia:

TED MILTON/LOOPSPOOL Sublime (Charhizma/Wide) Sdraiatevi comodamente sulla vostra poltrona preferita e, telecomando alla mano, attivate il CD player, non prima di aver inserito nel lettore ‘Sublime’. Ovvero l’opera sublime concepita, almeno nella fase iniziale, a distanza (un “mail-art joke” lo definiscono) da Ted Milton (sax e parole ed ex membro dei Blurt, eravamo all’inizio degli anni ottanta!), Andreas Gerth, aka Loopspool, dei Tied And Tickled Trio (musica e macchine) e con il supporto saltuario del bassista Michael Heilrath dei Couch. Ovvio che ascoltando i nove brani ne derivi una profonda sensazione di rilassamento, ma non di disimpegno, come se i due ...


TED LEO/Tej Leo

MusicPedia:

TED LEO Tej Leo Altro piccolo marchio indipendente per la prima avventura solista di Ted Leo, nome già rintracciato nelle cronache del rock alternativo americano per essere fratello di Chris -leader dei Van Pelt e poi dei Lapse- e per essere stato coinvolto in gruppi come Citizen's Arrest, Chisel, Spinnanes e soprattutto Secret Stars, sigle che vengono comunque tirate sibillinamente in ballo anche in questa circostanza, siccome il materiale che Leo ha raccolto comprende versioni grezze o ritoccate in chiave dub e pauperoelettronica di brani incisi con quelle formazioni. Anche qui insomma ci troviamo in presenza di un artista quanto mai spregiudicato ...


TECNOPHONIC CHAMBER ORCHESTRA

MusicPedia:

TECNOPHONIC CHAMBER ORCHESTRA Beats And Movements Fra le uscite italiche che ultimamente hanno prodotto maggiore interesse c'è quella dei Technophonic Chamber Orchestra un ensemble formato da musicisti di calibro che vantano esperienze in progetti come Minox, Dubital e 4D Killer. Nel nuovo "Beats and Movements" hanno elaborato uno splendido lavoro di sintesi fra avanguardia e musica classica, una sorta di paesaggio immaginario in cui elementi apparentemente opposti si incontrano per dialogare e stringere un'alleanza creativa fatta di intriganti alchimie elettroniche e trame orchestrali di grande impatto fisico-emozionale. Un album che è uno spettacolo di percezioni soniche espresse con tutta la bravura che ...


TECLO

MusicPedia:

TECLO E' un nome suggestivo, Teclo. Potrebbe celare un codice segreto, magari una spia. E invece, senza mistero, i Teclo sono la più fresca novità del pop italiano, proveniente dalla torrida Puglia e pronta ad ascendere le vette dell'FM nazionale. A dare una scorsa alla quantità di riferimenti che il nome porta con sé c'è di che stupirsi: farfalla notturna dell'Amazzonia, papillon per le feste di gala, titolo di un brano della PJ. Harvey più cupa e sepolcrale. L'elenco sarebbe finito qui, se cinque anni fa questo gruppo di Bari dal pop agrodolce fatto di chitarre acide, non avesse pensato di ...


TECHNOSOUNDCLASH - THEBUG

MusicPedia:

"TECHNOSOUNDCLASH - THEBUG (alias KEVINMARTIN/ Ice/ Techno Animal/God) vs DJ SCUD (alias Ambush)" techno industrial (UK). L'inglese Kevin Martin è l'enfant terrible dell'estremismo sonoro. Lo troviamo infatti alla guida dei Techno Animal, dei God e del suo ultimo progetto chiamato Ice. Gruppi nei quali collaborano musicisti del calibro di Dave Cochrane, Lou Ciccotelli, Justin Broadrick, Blixa Bargeld dei Neubauten e DJ Vadim. La musica che Kevin Martin produce fonde le sonorità postindustriali e la libertà del free jazz con ritmi profondi e tecniche dub. ...


Technophonic Chamber Orchestra

MusicPedia:

Technophonic Chamber Orchestra Beats And Movement Tour Technophonic Chamber Orchestra presenta il CD di esordio "Beats And Movements" (Suite inc. 7) pubblicato da Suite inc. e distribuito da Audioglobe. La miscela sonora creata da questo ensemble è unica e densa di emotività e suggestioni, dal vivo questo progetto di contaminazione include l'uso di strumentazione elettronica e tipicamente classica (viola, violoncello, piano, clarinetto, voce lirica). Il concerto è accompagnato da una videoscenografia prodotta tramite l'uso di vari sistemi di riproduzione visiva creata appositamente per questo spettacolo da Suite inc. Info at http://www.suiteinc.com


Technomania 2

MusicPedia:

“Technomania 2” (SPV\Audioglobe) è dedicata alla scena polacca; sei differenti nomi donano un paio di brani a testa, ad esclusione dei Gagarin 108 che regalano la sola “Quick Meditation”, ma in compenso è possibile vedere il loro video con la traccia CD-Rom. Quelli che “spingono”, risultando prevedibili, ma allo stesso tempo appaganti, sono: Fading Colours (convincenti anche nel remix oriental-trip hop), Mesmerisa e i Gagarin 108, mentre gli altri cercano soluzioni meno immediate, ma con esiti inconcludenti.


Technogod

MusicPedia:

Technogod Reece Kyò! e Fred Bo manipolatori d pulsazioni tridimensionali e sintetizzatori di stimoli biomeccanici, GFrex condensatore globale e distorsore tellurico, Yorgos DK sillogismi psicosillabici. Difficile non abbiate mai sentito parlare di Technogod... Sta per partire il nuovo tour (2000 Below Zero Tour) dei Technogod. E' appena uscito il loro secondo cd 2000 Below Zero per la casa discografica milanese Vox Pop e distribuito da BMG. Ospite nel disco Inder "Goldfinger" Matharu (tablas e percussioni), percussionista indiano residente in Inghilterra, quinto membro non ufficiale del gruppo, note per le sue partecipazioni ai lavori di Transglobal Underground, Bomb the Bass, Fundamental oltre ...


TECHNO ANIMAL VS DÄLEK

MusicPedia:

TECHNO ANIMAL VS DÄLEK "Megaton\Classical Homicide" (Matador/Wide) I Techno Animal, così come la maggior parte dei gruppi di cui Kevin Martin e Justin Broadrick hanno fatto e fanno parte, rappresentano per me una delle massime godurie musicali; d’altronde quando si parla di Ice, Godflesh, Painkiller, God, Sidewinder, Fall Of Because, Head Of David, Sweet Tooth, ecc., ecc. non si può rimanere indifferenti. E in effetti i Techno Animal, nel corso della loro carriera più che decennale, hanno dato vita a un percorso sonoro che, sviluppatosi da un minimalismo industriale (ossia una versione più monotematica dei Godflesh senza le chitarre) si sono piano ...


TECHNO ANIMAL VS DALEK

MusicPedia:

TECHNO ANIMAL VS DALEK - MEGATON ('12) - MATADOR, Dopo otto anni vagati e svagati, trà le etichette più disparate, ma sempre con dentro una rabbia avanguardista onestamente fuori tempo, se non proprio fuori luogo, Kevin Martin ed il socio Justin Broadrick trovano ora nella voce di Mc Dalek, toaster del famigerato Anti-Pop Consortium, il collaboratore perfetto per le loro trame sonore, l'unico capace di dare un senso ai loro brani. Quello che finora non aveva funzionato nelle ricette della cucina del duo era proprio il fatto che la bravura nel costruire basi non era supportato da nullaltro. E solo ...


TECHNO ANIMAL

MusicPedia:

TECHNO ANIMAL - “Techno Animal Versus Reality” - (City Slang\Wide). Per spiegare cosa contiene “Techno Animal Versus Reality” partiamo da un caso particolare, che poi generalizzeremo: i Porter Ricks incidono alcuni frammenti sonici, li spediscono ai Techno Animal, i quali costruiscono un brano “completo” e lo rispediscono ai Porter Ricks, che lo remixano, o meglio, ne forniscono una propria interpretazione riveduta e, magari, corretta. Il tutto ripetuto per altri quattro pezzi, dove l’input è stato fornito, a seconda dei casi, da Alec Empire, Ui, Tortoise e Spectre, mentre il tramite fisso è rappresentato da Justin Broadrick (Godflesh, Ice, Head Of David, ...


TECHNICOLOR/Normal Control Rang

MusicPedia:

TECHNICOLOR Normal Control Range - Bliss Out Garanzia assoluta la serie Bliss Out di Darla, che con Normal Control Range perviene al sedicesimo capitolo. Technicolor per la consorella Fuzzy Box ha in passato pubblicato il pregevole One Touch Test Strip ma Justin LaBo, titolare unico della sigla, nell'atto odierno soggiorna ancor più tra vette eccellenti, in un rimescolio di melodie contagiose degne di una comune pop song e rovesci ritmici da saturi dancefloor che rendono l'album straordinariamente multiforme e vivace, dove l'assenza della voce passa inosservata tanto è comunicativo il vorace flusso elettronico che rapina, impunito, attenzioni. Fondamentalmente easy ma senza ...


TECHNICAL ITCH/Stronghold

MusicPedia:

TECHNICAL ITCH Stronghold Poi, assieme al produttore Mark Caro, da vita ai TECHNICAL ITCH con un suono che, se da una parte appare sofisticato, dall’altro è anche più estremo.


TECHNICAL ITCH/Diagnostics

MusicPedia:

TECHNICAL ITCH Diagnostics Totalmente differente l'approccio al drum'n'bass da parte di Mark Caro, meglio noto come Technical Itch. Caro fa tutto da solo con le sue macchine, niente parti suonate e una spiccata predisposizione alle sonorità scure e tecnologiche. Techstep sperimentale ed essenziale quello di "Diagnostics", a partire dai titoli, quasi sempre composti da una sola parola e spesso lapidari, freddi come "Era", "Reborn", "Led", "Shift". Le ritmiche sono spesso molto potenti e sporche, al limite della distorsione. Tra bleep acidi, assalti monocordi di bassi minacciosi ogni tanto si accende qualche spiraglio luminoso che rende il tutto ancora più inquietante. Un brano ...


TECHNICAL ITCH

MusicPedia:

TECHNICAL ITCH Watchout (Moving Shadows) Unici nel genere, paraoia e drum'n'bass, i Technical Itch si fanno rimixare da quel bel tomo di Danny Breaks che taglia e filtra da par suo. Nel retro rimixano il loro Virus confezionando un prodotto adrenalinico.


TECHNASIA/Future Mix

MusicPedia:

TECHNASIA Future Mix Un piccolo culto nell'underground i Technasia, duo techno formato da un cinese e da un europeo, approdano al primo album. I pezzi dei Technasia sono stati forti negli anni del supporto di un DJ come Laurent Garnier, e se sentite Future Mix (che non è un CD mix ma un album vero e proprio) capirete perché. Le ritmiche sono sciolte e scattanti le tastiere schiumose e sempre pronte a impennate impnovvise, il nucleo dei pezzi è sempre acceso da una verve melodica eccezionale, la natura del suono è cosmopolita, capace di incrociare suggestioni detroitiane ed europee e ...


teatro pirata/luci rosa

MusicPedia:

Teatro Pirata presenta "Luci Rosa" varietà erotico di burattini per adulti. I burattini protagonisti di un varietà erotico surreale, dedicato agli adulti, che apprezzeranno le curiose ed esilaranti trovate ricche di un originale e spensierato erotismo. Uno spettacolo non vietato ai minori data la leggerezza del suo erotismo rosa e spensierato.


Teatro Pirata “Luci rosa

MusicPedia:

Burattini Teatro Pirata "Luci rosa"-Varietà erotico di burattini Ideazione e regia: Diego Pasquinelli, Franceso Mattioni, Silvano Fiordelmondo Il Teatro Pirata gioca con i burattini tradizionali utilizzandoli in chiave...erotica, per dare vita a uno spettacolo destinato al pubblico degli adulti. Un'incursione voyeristica nel mondo più segreto dei burattini, per scoprire che la loro sessualità può essere a volte più spigliata e divertente della nostra. Uno spettacolo di erotismo rosa e spensierato.


TEATRO NUCLEO/MASCARO'

MusicPedia:

TEATRO NUCLEO MASCARO' Cora Herrendorf e Horacio Czertok messa in scena e drammaturgia. Ispirato all'omonimo romanzo di Haroldo Conti, scrittore assassinato dai militari argentini nel 1976. Uno spettacolare evento di teatro di piazza, che troverà la sua naturale collocazione nella piazza più grande della città. Il Teatro Nucleo è una compagnia nata in Argentina nel 1974. Dal 1978 ha scelto come proprio centro esecutivo la città italiana di Ferrara. E' un gruppo che, nella lunga carriera, ha riscosso in tutto il mondo grandissimo successo sia di pubblico che di critica, proponendo degli spettacoli di profondo valore artistico e culturale, nonchè di ...


TEATRO DELLE FOGLIE

MusicPedia:

"A qualcuno piace... Fred", e come potrebbe non piacere, è lo spettacolo giusto per rivivere le atmosfere dei tardi anni '50 in un'Italia che, a tempo di swing, andava incontro al "boom" e agli urlatori col singhiozzo. La musica, quella di Fred Buscaglione, è la vera protagonista di questo spettacolo e i quattro attori la interpretano con quella carica espressiva che li fa personaggi di un unico racconto: una storia di sentimenti e passioni in un'atmosfera criminalmente bella. E' quel cocktail esplosivo tanto noto al caro Fred, versatile artista, musicista, cantante e attore allo stesso tempo. La storia sembra presa ...


TEATRO DELL'ARCA

MusicPedia:

TEATRO DELL'ARCA "Rosencrantz e Guildenstern sono morti". L'Amleto secondo Tom Stoppard. Con Stefano Braschi, Franco Palmieri e Giampiero Pizzol. Scene e costumi di Emanuela Pischedda. Elaborazione filmica di Joannis Vlatakis. Musiche di Alessandro Nidi. Regia di Letizia Quintavalla e Bruno Stori


TEATRO DEL NO/1

MusicPedia:

TEATRO DEL NÕ Il gruppo nasce nel 1995 dall'unione di esperienze eterogenee. Dopo un periodo di rodaggio dal vivo nei circuiti cittadini, partecipano, nel giugno del 1996, alle selezioni interprovinciali del concorso "NO-PLAYBACK" classificandosi al primo posto. Nel settembre dello stesso anno partecipano alla finale interregionale (Marche, Abruzzo e Molise) del concorso, aggiudicandosi il secondo posto. Sempre nel settembre del 1996, tentano la carta sanremese nella sezione gruppi-rock di "UNA VOCE PER SANREMO" e, pur non rientrando nei canoni della kermesse, passano la prima selezione che porta il numero dei concorrenti da 400 a 150. Nell'ottobre dello stesso anno partecipano alla ...


Teatro del no

MusicPedia:

Teatro del no - (Pescara) E' un nome che non lascia scampo, quello che si sono attribuiti i componenti la band di Pescara. Per chiamarsi "Teatro del no" bisogna essere, in modo assoluto, originali. E i nostri lo sono, consapevoli del peso che ciò comporta. "Il nome del gruppo deriva da un'antica forma di teatro orientale", dicono "tipica per il suo minimalismo; caratteristica, questa, che si riscontra nei testi e negli arrangiamenti". Quanto affermato dai quattro corrisponde a quello che risulta dai concerti: minimalisti e originali, con uno stile fatto di ipnotici intrecci strumentali dai quali si eleva un cantato dagli ...


TEATRO DEL CARRETTO

MusicPedia:

TEATRO DEL CARRETTO "Iliade", da Omero. Traduzione di Vincenzo Monti. Con Pietro Conversano, Gianni Balzaro, Benedetta Cesqui, Alberto Barbi, Maria Vittoria Nervi, Giacomo Pecchia, Marcello Prayer, Giacomo Vezzani. Voci di Maria Grazia Cipriani e Franco Piacentini. Scene e costumi di Graziano Gregori. Suono di Hubert Westkemper. Adattamento e regia di Maria Grazia Cipriani In collaborazione con il Comune di Pesaro


TEATRO ATEO-FLAVIO SCIOLE'

MusicPedia:

Microstoria di TEATRO ATEO Teatro Ateo ruota attorno alla figura di Flavio Sciolé (attore, regista, drammaturgo) ed agisce nel campo della ricerca. Le linee seguite sono quelle di un cercare in ambito recitativo e in ambito drammaturgico. L'aspetto drammaturgico segue le direttive di un lavoro non drammaturgico nel senso che la scrittura non è precedente all'atto scenico ma contemporanea o partorita per la messa in scena o assente. L'aspetto recitativo è votato ad un uso disarticolato della parola, ad una frammentazione-frantumazione della stessa. L'attore è un essere, uomo o automa, non recitante, icona, delirante assolo o, unicamente, un fragile esistere. La ...


TEATRO ANTICO

MusicPedia:

TEATRO ANTICO Undicesima edizione della rassegna di Teatro Antico divisa quest’anno in tre fasi: classica, sperimentale, ludica. La prima è caratterizzata da messe in scena coprodotte (Eumenidi in collaborazione con L’Elfo di Milano; Deus ex Machina con il Teatro Stabile delle Marche). La sperimentale viene affidata al Teatro Lemming di Bologna che dividerà il suo intervento in tre momenti: Edipo, Amore e Psiche, Dioniso. La terza fase viene intitolata “Ludi salvienses” ed è alla sua seconda edizione. Gladiatori rievocheranno il pugilato, la lotta, il pancrazio (lotta fino all’ultimo sangue), i duelli tra diverse classi: trace, reziario, oplomeco, secutore, murmillo, dimachareo. Un ...


TEATRINO DEL BAOBAB

MusicPedia:

Il Teatrino del Baobab nasce come compagnia di teatro di animazione e di figura nel 1994 dall'incontro dell'attrice Rosalba Gravina e dell'animatore teatrale Aldo Petruzzi. La ricerca comune sulle capacità espressive del burattino, porta i due alla produzione di Pulcinella e i Tre Capelli Del Diavolo spettacolo di burattini a guanto. Dopo la partecipazione a vari meeting nazionali ed al Festival Internazionale delle Figure Animate (Perugia) la compagnia viene inserita nell'annuario UNIMA, associazione internazionale che raccoglie le compagnie del teatro di figura del mondo. L'ultima produzione del gruppo ha per titolo Agostina Vuole Giocare spettacolo con pupazzi animati a vista ...


Tease! n°7

MusicPedia:

Tease! n°7 (Pure Imagination) Voici la fanzine che mancava. Una rivista ben fatta, esaustiva e ricca di materiale foto/grafico sulle pin-ups, soprattutto delle passate decadi, e sui disegnatori che sul nude-portrait hanno affinato la propria arte e impinguato il portafoglio: Vargas, la DeBerardinis, Villiger, DeVorss, Elvgren, Sarsony, Bolles, Rhett etc etc. Nel presente numero, fra le molte altre cose, una pignolissima guida sulle riviste consorelle (‘Femme Fatale’, ‘The Boudoir Noir’...), un articolo sull’erotikeroina inglese a fumetti della II Guerra Mondiale Jane, un interessante articolo sulla musica Exotikerotica, una biografia a tutto tondo su ...


Team Doyobi/Rob hall

MusicPedia:

Team Doyobi ed il dj set di Rob Hall, dalla scuderia dell'inglese Skam Records, legata a doppia mandata agli Autechre (con il progetto parallelo Gescom) e il dj set di Russell Haswell, arma segreta inglese della Mego Records austriaca.


TEACHER MIKE/RUFF SELECTORS/Bur

MusicPedia:

TEACHER MIKE & RUFF SELECTORS "BURNING" Ritorna anche su disco il sound raggamuffin-hip hop di Teacher Mike & Ruff Selectors. Con la produzione di Rasta Snob Records, é uscito il nuovo progetto "Burning", un valido esempio di black sound a 360 gradi, con momenti intensi di "good vibration", atmosfere sincopate, ritmo indiavolato, energia allo stato puro. Tutto ciò é "Burning", il fuoco del ragga che divampa l'ascoltatore: non potrete farne a meno! Teacher Mike, come sempre accompagnato dalla bravissima Lady Kim e dal suo gruppo Ruff Selectors, vi propone 4 versioni del nuovo sound "inna jamaican style", con spruzzi di hip hop ...


TEACHER MIKE

MusicPedia:

TEACHER MIKE Nasce a Portharcourt (Nigeria) nel 1966. Nel Kansas (USA), dove si trasferì in giovanissima età con la famiglia, TEACHER MIKE ha occasione di fare le prime esperienze musicali a 16 anni, come DJ e poi nei sound system con un gruppo di amici jamaicani e nero americani. Arriva in Italia, a Firenze, nel 1987 per intraprendere gli studi di architettura. Inizia la sua esperienza come cantante nel gruppo Cool Rebels, allora tra i più famosi della scena reggae italiana. Infatti nel 1990 la band vince a Valdelsa Rock, manifestazione musicale organizzata da Video Music. Questa esperienza dura circa tre ...


Te Ava Piti

MusicPedia:

Te Ava Piti (Polinesia francese) Il più popolare gruppo polinesiano per la prima volta in Europa dove parteciperà, con alcune belle danzatrici, al Womad in Inghilterra. Nella Polinesia Francese sono considerati delle vere e proprio star! Il loro primo album del '91 ha battuto tutti i record di vendite nell'intero territorio! Le canzoni dei Te Ava Piti, sono così popolari che tutti i pilinesiani le conoscono a memoria! La maggior parte parlano del sentimento d'amore e d'orgoglio dei nativi delle isole del Pacifico per la loro terra. Alcune hanno un contenuto più chiaramente politico (sono loro le più famose canzoni di ...


TAZENDA/Sardinia

MusicPedia:

TAZENDA "Sardinia" Con oltre dieci anni di attività i Tazenda hanno rappresentato un punto di congiunzione per la tradizione musicale della Sardegna. Con loro il linguaggio del rock si è fuso perfettamente con la tradizione popolare dell'isola. Si chiama "Sardinia" il nuovo lavoro, una vera e propria svolta nella loro carriera, iniziata ai tempi di fortunati lavori come "Murales" e "Limba". L'uscita dal gruppo di Andrea Parodi, il primo frontman, dotato di eccellenti qualità vocali, è ormai una ferita rimarginata. «Qualcuno - dice Gigi Camedda (quello che resta oggi del gruppo, insieme con Gino Marielli) - potrà anche sentirne la mancanza quando ...


TAYLOR DEUPREE/.N

MusicPedia:

TAYLOR DEUPREE .N Musicista di New York, Taylor Deupree ha inciso per Instinct, Caipirinha, Disko B, Rastermusic e forse qualcos'altro. Software digitali e tecnologie analogiche e modulari sono armi consuete per la neo elettronica. Taylor però vi applica un rigore quasi scientifico utilizzando i criteri della nanotecnolgia per costruire i suoi suoni minimali e microscopici. Nulla di nuovo naturalmente in questo campo, gli esempi abbondano da Noto a Mika Vainio e Pan Sonic, da Terre Thaemlitz a Ikeda, con altre attitudini e latitudini, ma fermi sul punto di un'astrazione sintetica e minimale. La ricerca di una possibile o improbabile purezza tonale ...


Taxi Blues

MusicPedia:

Taxi Blues Il Taxi Blues percorre le strade che vanno dal blues tradizionale di Muddy Waters e Willy Dixon al sound più attuale di artisti del calibro di Eric Clapton, passando per il soul di Aretha Franklin ed il Rhythm'n'Blues di Tina Turner e non dimenticandosi di fare una sosta prolungata per raccogliere i preziosissimi insegnamenti di Janis Joplin. Sul palco al sound ben riconoscibile si accompagna l'effervescente performance della scatenata vocalist dal cuore nero di cui gli arrangiamenti dei brani mirano a mettere in evidenza le pulsazioni.


TAXI

MusicPedia:

TAXI Da Roma, Nascone nel '95 come PIN HEADS, all'età di tredici anni, ispirati dai Ramones. In seguito cambiano nome in Taxi ed iniziano ad addentrarsi nella conoscenza del punk-rock minore e a personalizzare il loro rock. Entrano in contatto con i componenti della scena punk-rock romana (Bingo-Ufo Diktatorz) e da quì la proposta di registrare un 45 giri su Hate/Rave Up. Eccezionali, vitalissimi, da non perdere dal vivo!!!


Tavernanova/1

MusicPedia:

Taverna nova Matengue Dal fronte Nuove Indie arriva una nuova proposta interessante. Dopo circa due anni Taverna Nova, già responsabili di uno splendido esordio si ripresentano con graziosa veste grafica, con un secondo lavoro che, se da un lato abbandona alcuni tradizionalismi che rischiavano l'invecchiamento precoce, dall'altro dimostrano la propria classe nell'utilizzo mai scontato della lingua dialettale abbinando, in questo caso, con sonorità di ricamato interesse. Una bella conferma!


Tavernanova

MusicPedia:

TAVERNANOVA Tavernanova giunge al suo secondo album dopo un esordio discografico accolto positivamente dalla critica nazionale per la raffinatezza con cui ha trattato i temi e tradizioni popolari del Sud in una veste musicale decisamente lontana dalle sonorità folk. L'obiettivo, infatti, è stato quello di valorizzare l'immensa tradizione orale della civilità contadina pugliese attraverso un percorso musicale riconducibile a sonorità acustiche mediterranee. Storie di emigrazione, di guerre e giochi di strada caratterizzano "Matengue" i cui temi, in sintonia con quel villaggio globale che è il mondo di oggi, si colorano di una musicalità contaminata, insieme agreste e metropolitana, dove le percussioni ...


TAVERNANOVA

MusicPedia:

TAVERNANOVA L'obiettivo dei Tavernanova è la valorizzazione dell'immensa tradizione orale della civiltà contadina pugliese, attraverso un percorso musicale riconducibile a sonorità acustiche mediterranee. World Music ed Etno Rock sono definizioni che rendono solo parzialmente la nuova e poliedrica immagine del gruppo. Composto da Luigi Di Zanni (voce), Rino Mazzilli (tastiere, fisarmonica), Aldo De Palma (chitarra), Cesare Pastanella (batteria, percussioni), Pierluigi Balducci (basso), Gabriella Schiavone (voce). Discografia: "Tavernanova" e "Matengue".


Tav Falco/Totò

MusicPedia:

Quello del rifacimento è, e questo articolo lo dimostra solo in parte, un mondo estremamente vasto, quasi a se stante, che attraversa come un enorme fil rouge tutti i generi musicali possibili ed immaginabili, vero crossover amoroso di fan passati dall’altra parte della sponda. L’unica raccomandazione da fare per godersi tali cover (e ‘proteggersi’ al tempo stesso da esse) è conoscere prima gli originali o andarne alla ricerca, una volta imbattutisi in un remake. Per il resto, vien da citare ancora una volta una frase di Totò (a proposito, sapevate che Tav Falco aveva ripreso la sua ‘Malafemmina’?) che su ...


TAV FALCO PANTHERN BURNS

MusicPedia:

TAV FALCO PANTHERN BURNS Occorre riconoscerlo, uno dei meriti dell'etichetta new wave per antonomasia, la Rough Trade, fu anche quello di introdurre il punk blues nella gotica Londra degli anni ottanta per il tramite di uno scalcinato gruppo proveniente dal grande Sud degli Stati: Tav Falco Panthern Burns. Vent'anni dopo quella prima apparizione, cui seguì un discreto successo da parte dell'artista, ecco venire improvvisamente alla luce un disco di Falco pubblicato dalla In The Red, una delle più oscure label americane consacrate al rock and roll: una rara incisione live chiamata Panther Phobia. Registrato a Memphis con mezzi di fortuna insieme ...


TAV FALCO PANTHER BURNS

MusicPedia:

TAV FALCO PANTHER BURNS PANTHER PHOBIA IN THE RED/WIDE Tav Falco é personaggio da sempre ai margini, testardo ed ingenuo come un moderno don Chisciotte nella sua interminabile ricerca delle radici del rock'n'roll. Da anni ci ha abituato ad una grande attenzione all'atmosfera, alla riscoperta di oscuri brani della tradizione rurale americana, senza curarsi della tecnica di esecuzione, tantomeno della qualità delle registrazioni. Ricordo in particolare una sua apparizione dal vivo come solista, munito di sola chitarra acustica: imbarazzante... In questo disco si può invece notare una netta inversione di tendenza: i Panther Burns suonano, non diventeranno mai dei virtuosi, certo, ma almeno ...


TAV FALCO DUO

MusicPedia:

TAV FALCO DUO Chitarre elettriche ed acustiche, voce. Uno dei più leggendari ed oscuri Blues Man americani. Proveniente dalle migliori scene di Country e Blues di Menphis, ma sempre al limite della ricerca noise, del suono di antitesi e della performance estrema. Elabora le più svariate correnti musicali: dal Rockabilly alla No Wave Newyorkese, dal Jazz allo spirito arcano del Tango Argentino. Trasferitosi a Vienna ha assimilato anche la cultura europea ai confini dell'est. Artista poliedrico: ballerino di tango, attore e musicista in "Great Balls Of Fire" (1989), registra in "Menphis Beat" (1989), attore e musicista in "Highway 61" (1993) con ...


TAV FALCO & PANTHER BURNS/OK

MusicPedia:

TAV FALCO & PANTHER BURNS Life Sentence Ehilà gente, c'è ancora qualcuno fra voi che ha voglia di puro e semplice roGk'n'roll da spararsi nelle orecchie a tutto volume? Se sì, correte a procurarvi «Life Sentence» di Tav Falco, roGker dal cuore anticO e capace come pochi di resuscitare il sound della Memphis degli anni cinquanta e riproporlo ai giorni nostri, sfidando le mode e l'inchiostro denigratorio di chi «fa tendenza» e detta i gusti al pubblico. «Life Sentence», come già la maggior parte degli albums che l'anno preceduto, contiene solo covers, ed è pieno di canzoni calde ed umide di senti- mento, il cUi stile s'aggira in lungo e in largo ...


TAU BATO'

MusicPedia:

TAU BATO' I TAU BATO' nascono nella provincia di Arezzo dalla collaborazione dei due fratelli Stefano e Gianluca Giangani, rispettivamente voce e chitarra. All'inizio si alternano una serie di batteristi e bassisti sino ad approdare all'attuale formazione. Fin da subito puntano a realizzare brani propri con liriche in lingua italiana. Iniziano i primi concerti, partecipano ad "Aspettando Arezzo Wave" (dividendosi il palco con gli ospiti Afterhours e Folkabbestia) e nel '97, dopo un'esibizione al Festival di S. Barbara (AR), vengono selezionati per incidere due brani in un cd compilation prodoffo dalla Materiali Sonori. Di lì a poco producono e promuovono il ...


Tatsuya Yoshida

MusicPedia:

Tatsuya Yoshida Batterista di ottime virtù, pronto per ogni genere di impresa, fiero, acrobatico, imperioso, largo nei movimenti delle braccia. Distante da trucchi e volgarità dei mille anonimi batteristi in circolazione, non immeritatamente degno dell'olimpo dei grandi dello strumento (Kerman e Hollinger tra i nuovi, Kutler, Hayward, e Vander tra gli storici). Questo è il profilo tracciato da Paolo Chang su musiche n. 17 per Tatsuya Yoshida, poliedrico batterista e cantante a guida dei Ruins, nome di culto dell'estremo oriente, fautore di un rock incendiario ed aggressivo, segnato da complessità a dir poco sorprendenti per un semplice duo di basso e ...


TATANKA

MusicPedia:

TATANKA I Tatanka sono i primi di Varese, sono nati cinque anni fa per gioco tra un gruppo di amici; dopo un periodo di assestamento con qualche cambio di formazione, sono iniziati i primi concerti ed i primi lusinghieri apprezzamenti in tutta la provincia di Varese; hanno poi raggiunto locali del milanese, comasco e Canton Ticino sempre con buoni risultati. Hanno sempre cercato di realizzare brani originali, presentati al pubblico con continuità, perché ritengono che sia abbastanza esprimersi esclusivamente con cover famose; comunque vista l'impossibilità per il momento di avere un repertorio totalmente originale, hanno cercato innanzitutto di utilizzare spesso brani ...


TaSumi Fukushima

MusicPedia:

TaSumi Fukushima: violino, voce Dominique Lentin: batteria, percussioni, Tastiere, voce. Dominique Lentin proviene da quell'area musicale francese che da anni, dalle parti di Saint Etienne, danno lustro alla musica innovatrice. Ha suonato con Les I, con Ferdinand e Les Philosophes, con L'Empire de Son e suona tutt'ora con gli Zou, trio di basso, batteria, sassofono, ultima degna gemmazione dei labirintici intrecci che caratterizza i percorsi dei musicisti eterodossi. Takumi Fukushima si è presentata al pubblico europeo nel 1989 con gli After Dinner, mitico gruppo di rock alla giapponese, approdato da queste parti un paio di vote (qualcuno certo ricorderà il ...


TASTAFERRI

MusicPedia:

TASTAFERRI Formazione composta da otto elementi che suona insieme da soltanto un mese, ma che ha già conosciuto notorietà durante il '98, i Tastaferri, nome interessante e molto curioso, basano la loro arte concertistica su pezzi/cover di rock ballabile, anni '70, brani "ballerini" insomma che tanto piacciono alla gente che si vuole divertire. Si incontrano per caso ad un matrimonio dove il nucleo originario della band suonava in occasione delle nozze di un'amica. Dopo vari cambiamenti si cimenteranno così per la prima volta con questi musicisti: Jasmin Cirone, Cinzya Cirone (15 anni esordio assoluto), Giampaolo Volante alle voci; Nicola Calvi alla ...


Tassilli Players

MusicPedia:

The Tassilli Players - "The Wonderful World of Weed" CD Universal EGG REC. Dietro la sigla si nascondono - ancora una volta - i sovrani del raggadub Zion Train, "The wonderful......" è un concept CD dedicato al culto della Maria Giovanna (vera fissa dei nostri!). Rispetto al suindicato "Dance of Life" (a ben pensarci nient'altro che una solleticazione pop) i londinesi tornano su territori più inclini alle loro radici (Ding Tubby, Mad Professor, la Techno) e snocciolano 12 brani dedicati - nei titoli - ad altrettanti tipi di erba. Dub dilatato, fascinoso, oscuro e terzomondista. As usual.


TASMIN/Go Higher

MusicPedia:

TASMIN Go Higher Supergruppo (se mi perdonate il termine) della Juicebox, etichetta elitaria di Gerald Simpson che, dopo le fregature (leggi 808 State) preferisce rimanere al di fuori del grande Giro. Questo è un progetto parallelo ai Reprazent, ma più suonato. Anche qui la voce femminile è quasi assente e perciò più preziosa. Nel lato B grandi manovre al mix di A Guy Called Gerald, il boss in persona.


TASADAY/Aprirsi Nel Silenzio

MusicPedia:

TASADAY Aprirsi Nel Silenzio (Wallace Records/Audioglobe) Era il 1984 quando la versione in vinile di 'Aprirsi Nel Silenzio', pubblicata dalla ADN e da tempo fuori catalogo, vedeva la luce. Il contesto storico e sonoro era profondamente diverso da quello attuale, ma il disco, nonostante siano passati 16 anni, mantiene inalterato tutto il suo valore artistico e musicale. È quindi con enorme piacere che accogliamo la ristampa in CD approntata dalla Wallace del debutto (preceduto dal nastro 'Implosione Nelle Pieghe Dell'Animo') dei Tasaday, formazione lombarda nata dalla fusione di Nulla Iperreale e Die Form (niente da spartire con il gruppo di Philippe ...


TARZAN ER TOSSICO

MusicPedia:

TARZAN ER TOSSICO 'L'Espresso' dell'11 maggio, pg. 236: "'No, non sono io ad essere nudo', ripete ad ogni puntata Jamie Oliver, star di 'The Naked Chef' ('Il cuoco nudo'), successo culinario della BBC". E qui, all'anonimo redattore, viene il colpo di genio per l'accostamento intellettuale con cui far figura: "E non c'è neanche una citazione del 'Naked Lunch' ('Il pasto nudo') scritto da E.R. Burroughs". Pezzo d'un asino, non lo sai che Edgar Rice Burroughs ha scritto 'Tarzan' ed è stato William Burroughs a scrivere 'The Naked Lunch'? E' stato calcolato che solo il 4% di coloro che hanno comprato 'Il ...


TARWATER/Animals, Suns & Atoms

MusicPedia:

TARWATER Animals, Suns & Atoms Tornano i Tarwater a un paio d'anni di distanza dal grosso successo di Silur, certamente l'album più pop che abbiano mai pubblicato. Il duo formato da Ronald Lippock e Bernd Jestram, rispettivamente membro dei To Rococo Rot e ingegnere del suono degli stessi, continua lungo la strada già intrapresa: delicate melodie elettroniche completamente immerse negli anni Ottanta sia nel cantato che nello svolgimento: ritmi medio lenti continuamente rimessi in discussione con arrangiamenti raffinati ed elegantissimi (ottima la meditazione mediorientale Noon), soluzioni bizzarre e mai scontate (il coro che accompagna The Trees), piccole tentazioni da trip hop ...


TARWATER/2

MusicPedia:

TARWATER (kitty yo Can/Ger) Scaturiti nientedimeno che dalla scena punk clandestina di Berlino Est degli anni ‘80, i Tarwater denunciano una vera ossessione per l' acqua . Oceani di suoni dove fluttuano elettronica, polaroids  sfocate della new wave inglese anni 80 e lame chirurgiche della nuova sintassi post rock. Con i Tarwater i loops fluttuano verso una forma umana e i sottilissimi strati di accordi acustici elettronici si sovrappongono come strati geologici, sotto le fredde cronache di una voce distaccata e neutrale. "Se pensate ad una spiaggia durante l' estate ci sono una infinita' di cose da collezionare" racconta Ron ...


TARWATER

MusicPedia:

TARWATER Scaturiti nientemeno che dalla scena punk clandestina di Berlino Est degli anni ottanta, i Tarwater denunciano una vera ossessione per l'acqua. Per quell'acqua che forma i tanto attuali "oceani di suono" dove fluttuano elettronica, polaroid sfocate della new wave inglese anni ottanta e lame chirurgiche della nuova sintassi post-rock. Il loro quarto album, "Silur" (Kitty Yo), X è un unico suono profondo, che accosta le ombre dark dei Coil alla descrizione dell'attacco di uno squalo a Jacques Cousteau e le cadenze scarne dei Cabaret Voltaire al racconto dei ghiacci del Mar Baltico che lentamente si frantumano. Con i Tarwater i ...


TARTIT/Ichichila

MusicPedia:

TARTIT Ichichila Il disperato tentativo di perpetuare la cultura tuareg produce un documento sonoro di grande efficacia registrato (bene) a Bamako (Mali) e opera di un gruppo vocale femminile nato occasionalmente nei campi profughi del Burkina Faso. Tartit («unito») non è, e probabilmente non sarà mai, un gruppo professionale, pur se ha già avuto modo di esibirsi in festival europei non esistendo fra i tuareg la «professione» di musicista (i loro griot maschi sono tutt'al più dei narratori), ma poco importa. Ballate dolenti (blues?) e vivaci canzoni strutturate secondo la formula del call and response, ritmate dal suono delle percussioni tindé ...


Tarr Madì

MusicPedia:

Tarr Madì "Le Cose Di Henry" Tarr Madì si chiama in realtà Mario Massari, vive a Fidenza e di mestiere fa il pittore. Anche piuttosto bravo, direi. Quella per la musica è una passione coltivata con spirito artigiano, dunque canzoni curate nei dettagli, scritte più per sè che per gli altri e rielaborate a lungo, con la consapevolezza che non ci sono scadenze discografiche che premono. Però ogni tanto viene la voglia di confrontarsi con l'esterno, vedere l'effetto che fa agli altri il proprio mondo interiore. Il primo tentativo risale a inizio anni '90 con il singolo "The Bottle" e l'album ...


TARR MADI'/Le Cose Di Henry

MusicPedia:

TARR MADI' Le Cose Di Henry Non saranno probabilmente in molti a ricordare "Every Moment Of The Time, Though Child, Is A Dream", il precedente album (in vinile) che Mario Massari, in arte Tarr Madì, pubblicò nel 1991 con il glorioso marchio Vox Pop sette anni nei quali l'eclettico musicista di Parma ha proseguito il suo percorso di ricerca nel campo della canzone d'autore, cogliendo anche una forse insperata ma di sicuro meritata affermazione al "Premio Ciampi" del 1996. A parte la sostanziale novità dell'abbandono dell'inglese a favore dell'italiano, "Le Cose Di Henry" si collega in modo naturale al suo predecessore, (ri)presentando ...


Tarnation

MusicPedia:

Se desiderate rilassarvi e magari assopirvi sentendo un buon album, allora vi consiglio “Mirador” (4AD\Virgin) dei Tarnation! La battuta sulle capacità catalettiche è dovuta al fatto che la band di Paula Frazer insiste troppo sulla lentezza dei brani, resa ancora più esasperata dalla pressoché totale assenza di ritmica; comunque l’unione di musica celtica e crepuscolare, folk rurale, violini, chitarre acustiche, ballads funeree e vocals sognanti attirerà sicuramente gli ascoltatori più rilassati!


TARLO

MusicPedia:

TARLO Tarlo Tarlo è l’anagramma di Altro, la band di post-core pesarese dove Alessandro Baronciani suona la chitarra e modula la voce come un rasoio elettrico. Mirco è il tastierista samplerista dei Margot. Insieme tramandano la proverbiale leggenda dei “Dui” che ha infiammato la prima wave, fino a giungere ai Chemical Brothers. Il loro demo-tape è inscatolato in un cartone verniciato a spray e tenuto fermo da un elastico. Contiene quattro schegge di fusione fredda che attraversano la lunga cicatrice della cold-wave a partire dai Cabaret Voltaire attraverso i Suicide, i DAF e gli Einsteurzende Neubaten. Quando ascolto i Tarlo qualcosa dentro ...


Tarika/new

MusicPedia:

Tarika (Madagascar) Le radici musicali del Madagascar in un delirio aspro e luminoso di danze e di energia. I più famosi musicisti dell'isola dell'Oceano Indiano, testimoniano le tradizioni multiformi e differenziate della loro terra.


Tarika Sammy

MusicPedia:

Tarika Sammy Quartetto bisex che usa il giacimento di cordofoni e percussioni disponibile in Madagascar in maniera accattivante, in chiave neo-tradizionale. Tre album all'attivo: Fanafody, Balance e Bibiango.


Tarika

MusicPedia:

I Tarika guidati dalla carismatica Hanitra Rasoanaivo sono una delle band più energiche e di maggiore influenza sul circuito della World Music, il più grande successo della musica di esportazione del Madagascar. Hanno elaborato un'unica e moderna miscela dalle musiche originarie delle differenti regioni della loro isola natale nell'Oceano Indiano, suonando principalmente strumenti locali ma in una maniera descritta come "virtuosa musica tradizionale con l'energia del rock!". Le loro armonie, i solchi briosi, le melodie contagiose, gli strumenti selvaggi, la danza energica e la presentazione accattivante hanno determinato un grande successo dal vivo in tutto il Mondo.


TARIKA

MusicPedia:

TARIKA "Retany" Le radici musicali del Madagascar I Tarika, guidati dalla carismatica Hanitra Rasoanaivo, sono una delle band più energiche e di maggiore influenza sul circuito della World Music; il più grande successo della musica di esportazione del Madagascar. "Tarika" significa semplicemente "il gruppo" o "guidato da" e nel loro caso "il gruppo". Hanno elaborato un'unica e moderna miscela dalle musiche originarie delle differenti regioni della loro isola natale nell'Oceano Indiano, suonando principalmente strumenti locali ma in una maniera descritta come “virtuosa musica tradizionale con l'energia del rock!”. Le loro dure armonie, i solchi briosi, le melodie contagiose, gli strumenti selvaggi, la danza ...


TARENTEL/From Bone To Satellite

MusicPedia:

TARENTEL From Bone To Satellite Una linea desertica orizzontale e il profilo di San Francisco, che emerge appena da una note buia. Dalla copertina ai suoni il passo è breve, ma dilatato nei tempi, lunghi e fascinosi, degli strumentali dei Tarentel. Una linea oninca che passa dai Godspeed You Black Emperor!, dai Mogwai e dagli indimenticati Scenic di Bruce Licher per approdare ai Pink Floyd più liquidi.


TARAF DE HAIDOUKS/NEW

MusicPedia:

TARAF DE HAIDOUKS "Dumbala Dumba" Con la musica dello straordinario gruppo gitano Taraf De Haidouks si entra in un magico mondo fatto di poesie popolari, vecchi giochi circensi, addomesticatori di orsi, cerimonie funebri e matrimoniali. Un'intensa epica solitamente ignorata dalla storia ufficiale. Con questo terzo disco il gruppo rumeno allarga i propri orizzonti, limitati in precedenza al piccolo villaggio di Clejani, nella Valacchia, regione del sud della Romania. Quella che rivive è sempre la tradizione dei Lautari, antichi depositari del sapere musicale, riletta e allargata dalle magnifiche composizioni di Sapo Perapaskero. Per la prima volta la formazione ospita altri artisti: alcuni ...


TARAF DE HAIDOUKS/I Lautari di

MusicPedia:

TARAF DE HAIDOUKS I Lautari di Clejani Progetto del Festival L'immagine della musica tzigana che si ha dall'esterno è spesso limitata allo stereotipo delle sue origini, dimenticando i successivi sviluppi e le conseguenti stratificazioni. Solo in pochi luoghi sperduti e difficilmenmte raggiungibili si ritrova la vera musica, spontanea e selvaggia, delle comunità tzigane, come quella che i Lautari suonano a Clejani, in Romania. All'interno di questa piccola comunità grande importanza riveste il taraf - termine arabo che designa un ensemble vocale o strumentale a geometria variabile - che in seguito è stato poi battezzato Taraf de Haidouks in omaggio agli antichi banditi ...


TARAF DE HAIDOUKS DA CELENTANO

MusicPedia:

TARAF DE HAIDOUKS DA CELENTANO Il gruppo zigano rumeno Taraf De Haidouks sarà ospite di Adriano Celentano nella prima puntata del suo nuovo show televisivo, che andrà in onda giovedì 26 aprile su Rai Uno. I Taraf presenteranno in anteprima un brano dal nuovo disco “Band Of Gypsies” (che uscirà in tutto il mondo il prossimo 21 maggio) e suoneranno insieme ad Adriano una inimmaginabile versione di “Storia d’Amore”. Taraf De Haidouks presenteranno ufficialmente il nuovo album, al pubblico italiano, durante un concerto a Milano il 12 giugno, in occasione del festival "Cannes A Milano". Dal 6 luglio al 2 agosto ...


TARAF DE HAIDOUKS

MusicPedia:

TARAF DE HAIDOUKS “I Lautari di Clejani” L'immagine della musica tzigana che si ha dall'esterno è spesso limitata allo stereotipo delle sue origini, dimenticando i successivi sviluppi e le conseguenti stratificazioni. Solo in pochi luoghi sperduti e difficilmente raggiungibili si ritrova la vera musica, spontanea e selvaggia, delle comunità tzigane, come quella che i Lautari suonano a Clejani, in Romania. All'interno di questa piccola comunità grande importanza riveste il taraf – termine arabo che designa un ensemble vocale o strumentale a geometria variabile – che in seguito è stato poi battezzato Taraf de Haidouks in omaggio agli antichi banditi della Romania feudale, ...


Taraf da Metropulitana

MusicPedia:

Taraf da Metropulitana La metropolitana di Roma che diventa una sorta di surrogato della meravigliosa illusione raccontata dal film di Mihaileanu Train De Vie, un treno che dalla Romania porta alla terra promessa del ricco Occidente. Ma cosa c'entano i trasporti della capitale con la Romania? C'entrano, perché nell'arco degli ultimi sei mesi è cambiata la loro dimensione etnomusicale. Dopo il dominio dei sudamericani, percussionisti latini e fiatisti andini, sostituiti poi dai solisti polacchi, da qualche parte nei bui sotterranei della metro echeggiano le note di musicisti romeni, zingari rom e lautari provenienti per lo più dall'Oltenia. Ecco allora Petrika Namul ...


Tara Jane O'Neill/Peregrine

MusicPedia:

Tara Jane O'Neill Peregrine Quarterstick I Rodan sono stati forse la band che ha rappresentato meglio di qualsiasi altra il passaggio avvenuto alla fine degli anni ottanta e nei primi anni ottanta nella scena hardcore-art rock, dall'ossessione per la velocità e la potenza alla scoperta di paesaggi sonori più decomposti e strutturati, in una parola al post-rock. Non a caso membri dei Rodan sono andati a formare tre delle formazioni più importanti della nuova scena indipendente americana ossia Rachel's, June of '44 e Shipping News. Tara Jane O'Neill era parte dei Rodan e dopo il loro scioglimento ...


TARA JANE O'NEI/Peregrine

MusicPedia:

TARA JANE O'NEIL - Peregrine (Quarterstick/Wide) Non si capisce bene perché i vari cantautori siano recensiti, trattati singolarmente ed invece quando si tratta di donne, capita spesso di vedere quelle ammucchiate invereconde dove vengono ammassate Fiona Apple ed Alanis Morrisette, Ani Di Franco ed Orietta Berti, Beth Orton e Nonna Papera. O meglio, si capisce: i froci, le donne, gli arabi, gli handicappati... come se tutti gli omo o gli arabi fossero uguali. Tara Jane viene dallo stesso giro dei June of '44 ed ha, ovviamente, fatto parte dei Rodan. Per il suo solo d'esordio si è chiusa nella sua camera-studio ...


TAR/2

MusicPedia:

TAR Over And Out (Touch And Go) Nuovo lavoro Der i grandi Tar una delle formazioni meno considerate del catalogo Touch And Go, nonostante l'indubbia grandezza di opere quali "Z:7lincher ' mini lp di aualche anno fà, esaltato da gran parte della crltica ma poco fortunato dal punto di vista delle vendite, come del resto qualsiasi altro prodotto targato TAR. Adesso i quattro ci riprovano con questo "Over And Out", un disco decisamente più accessibile rispetto ai precedenti, anche se non privo dei soliti attacchl chitarristici tipo betoniera che h hanno resi 'famosi' . Brani come "Known Anomalies" o "Billow My Sail" non a caso ...


TAR

MusicPedia:

TAR - Toast Dentro questo toast non c'è il solito companatico delle precedenti colazioni, cioè prosciutto alto 2 dita e limatura di ferro, bensì succedaneo di caviale e cannella. Insomma, la copertina a base di provette con acido, esplosivo e liquido infiammabile mente un poco. Però, se si dimentica il passato, la ricetta, più dolce e gradevole con le fette appena scottate (anche qui la copertina inganna), non è malvagia ed in Giblets restano anche tracce di vecchia ruggine.


Taps

MusicPedia:

Taps Vengono da S. Benedetto del Tronto i Taps, una delle 12 band che hanno partecipato all'incisione del Cd compilation Fuori Dal Comune, patrocinato dall'amministrazione comunale. L'organico originario vedeva alla voce Marta Capriotti, ma dopo un periodo d'assestamento la rockeuse ha assunto il ruolo di collaboratrice. Gli altri Taps sono in attività da alcuni anni con esperienze in band del luogo: Luca Giulivi, chitarra e voce, proviene dagli Alibi; Flavio Riedling, batteria condivide l'esperienza con gli Alison Flame, in veste di chitarrista; Claudio Welke basso e Massimiliano Bartolini chitarre, hanno fatto parte dei Love For Sale. La matrice degli otto ...


TAPROOT/Gift

MusicPedia:

TAPROOT Gift Tra le giovani speranze del crossover americano, molti di loro in rampa di lancio all'Ozzfest, segnaliamo tutti questi dischi, ahimè solo import per ora. I Taproot, raccomandati dai Limp Bizkit, uniscono una vena melodica depressa con voce quasi grunge talvolta ad un cantato ora rappato ora dirompente in fragorose urla, in uno stile che ormai si va quasi canonizzando. Riescono molto meglio quando puntano sugli intrecci emozionali (I) che sull'attacco frontale simil Korn. La voce è comunque assolutamente personale.


Tappezzeria vs mixin'n'schratch

MusicPedia:

Tappezzeria vs mixin'n'schratchin' In effetti molto di ciò che viene ascritto all'etichetta visuals, specie quando non arriva a questo grado di integrazione mix-mediale continua ad essere parassita dell'evento musicale, talmente relativo ad esso da subirne la liturgia. Quindi, anziché ad un operatore-performer forse siamo in presenza di eleganti ballerine di fila. L'utilizzo succedaneo o di contorno delle immagini all'interno di un evento che è anzitutto concerto anziché live set anziché dance-hall non è qui in discussione. Parlare di video-system significa ragionare su una forma di intrattenimento la cui audience è ancora, o quasi, pienamente inconsapevole. Credo che la categoria che definisce ...


Tapper Zuckie

MusicPedia:

Tapper Zuckie: Uomo del ghetto, produttore scopritore di talenti e di ipermilitante. Terzomondista, "tosta" anche la vittoria dell'Mpla angolano. Top: 1975-1978. Cd: From the archives (R.a.s.). (a cura di p.f.)


TAO/Riot In Lagos Remixes

MusicPedia:

TAO Riot In Lagos Remixes (Language) I classici non muoiono mai, e, caso mai, si possono sempre rimissare. Chiedete a quel marpione di Puff Daddy che ci campa. “RIOT IN LAGOS” è un pezzo della YELLOW MAGIC ORCHESTRA uscito nel 1980. L’ha scritto RIUICHY SAKAMOTO, il che non è poco. Il brano ha anticipato abbondantemente la TECHNO. TAO, un giapponese trasferito a Londra, l’ha ripreso per il suo album (“Esoteric Red”) pubblicato l’anno scorso. Tony Thorpe, produttore e boss della Language, nonchè autore come Moody Boyz ha confezionato un pack di remixes chiamando dei Junglisti rampanti come i FUTURE FORCES INC., ...


TANZMUSIK

MusicPedia:

TANZMUSIK Lovelight~12vU (Rising High) Solare, amorevole e lucente. Proprio come promette il titolo. 5 tracce di romantica techno mitteleuropea curata da una coppia di... Giapponesi!! Tanzmusik è un calibrato mix di tradizionale ed ultramoderno, di serenità e brutalità, di chiari e scuri che riflette perfettamente tutti i paradossi del Giap- pone con una sensibilità musicale europea. "Sinsekst" - l'e- sordio - ha avuto una buona eco sulle riviste specializzate ed un discreto successo di pubblico, la partecipazione ad alcune prestigiose raccolte ha poi consolidato la posizione del duo il quale ripone buone speranze in questo singolo. "Gainern", il brano di punta, coagula Ultrslvox e Future Sound Of London... E tanto basta per farmeli ...


TANYA DONELLY/2

MusicPedia:

TANYA DONELLY Lovesongs For Underdogs (4AD) E' facile e comprensibile stancarsi dopo dieci anni spesi nella musica. Tanya Donelly ha inciso otto album insieme a tre gruppi differenti (Throwing Muses, Breeders e Belly) ed ha solo trentun'anni. Più giovane di tante altre sue colleghe e immensamente più prolifica di blasonate autrici come Justin Frischmann degli Elastica o Louise Wener degli Sleeper, Tanya ha realizzato il suo debutto solista, "Loversongs For Underdogs" che trasuda sfrontatezza. E dopo tanti anni di tenace lavoro la Donelly può permettersi di cantare: «Vuoi vivere per sempre? Io lo voglio!». Loversongs For Underdogs non è esattamente un disco ...


TANYA DONELLY

MusicPedia:

TANYA DONELLY Lovesongs for Under Dogs (4AD/Virgin) Ma hanno davvero un carattere così particolare le canzoni d'amore con le quali la bella Tanya Donelly ha confezionato il suo primo album solista? Prese sotto l'aspetto puramente poetico e letterario, probabilmente no: per sua natura l'uomo - o la donna in amore tende assai sovente a modificare i propri comportamenti fino al punto di diventare altro da se, di smarrirsi fra mille dubbi ed incertezze proprio come i protagonisti delle storie descritte dall'ex leader dei Belly. E' piuttosto sul piano musicale stretto che le sue peculiarità di autrice pop hanno modo di differenziarsi più ...


Tantra/Indian vibes

MusicPedia:

Tantra "Indian vibes" - Sonorità indiane per una serata lounge nell'insolito e originale . Tantra il progetto nasce come percorso trasversale tra atmosfere etniche e sonorità moderne e si realizza in un'opera musicale originale ed innovativa. Atmosfere indiane, africane e brasiliane trovano giusto completamento nell'intensità delle caratterizzazioni junglee lounge drum&bass trip hop e hip hop. Il loro disco Indian Vibes è un'opera di respiro internazionale, composta e realizzata da Bebo Baldan con musicisti di esperienza e professionalità come David Torn, Max Ambassador, Narah, Rino Zinno e Stephen James. Una quantità infinita di tracce sonore dell'intero pianeta, prodotte e mixate ...


TANTRA

MusicPedia:

TANTRA dj-set - Tantra nasce come percorso trasversale tra atmosfere etniche e sonorità moderne e si realizza in un'opera musicale originale e innovativa. Atmosfere indiane, africane e brasiliane trovano giusto complemento nell'intensità delle caratterizzazioni jungle, drum & bass, trip hop. Un lavoro di ricerca che si è concretizzato in un disco, "Tantra" (Evolution Music) un'opera di respiro internazionale, composta e realizzata da Bebo Baldan con musicisti di grande esperienza e professionalità come David Torn (collaboratore di David Sylvian, Don Cherry e Jan Garbarek), Max Ambassador, Narah, Rino Zinno e Stephen James. Motore del progetto è Bebo Baldan, musicista e compositore ...


Tano da morire

MusicPedia:

"Tano da morire" un musical sulla mafia la resa famosa agli occhi del grande pubblico. Roberta Torre milanese trapiantata in Sicilia è a tutti gli effetti una delle registe italiane esordienti da non perder d'occhio. Già conosciuta agli addetti ai lavori per i suoi squisiti cortometraggi da menzionare "Verginella" ed altri ancora selezionati nei festival specializzati riscopre il piacere del musical, genere tendenzialmente trascurato in Italia, con una saga sulla mafia e sulle vicissitudini roccambolesche commentate da una caratteristica e folklorica colonna sonora.


TANNAS/3

MusicPedia:

TANNAS (Scozia) Gruppo scozzese emergente, nato nel 1993, dalla fusione di musicisti accomunati dalla passione per la musica e le canzoni gaeliche. I Tannos, attingendo dal ricco patrimonio della tradizione scozzese, hanno creato un loro inconfondibile sound. La voce, è lo "strumento" principale del Gruppo, accompagnata da chitarre, violino, bouzouki, percussioni, tastiere e le tradizionali cornamuse degli altipiani. I Tannos hanno nelle voci di Sandra MacKay e di Alyth MacCormack, l'elemento di maggior fascino mentre a livello musicale gli altri ottimi componenti sono, David Crighton (fiffle, Alan MacLeod (guitar), David Trouton (Keyboords) e Jain Murray (percussion). Un Gruppo "... che sa ...


Tannas/2

MusicPedia:

Tannas (Scozia) Giovane band scozzese già famosissima un po' ovunque grazie al particolarissimo sound che esalta le voci impegnate all'unisono nell'interpretazione di classici della tradizione gaelica, con rinnovata freschezza. Ritmica e strumenti tipici completano la formazione di questa band. Presentano un nuovo cd.


Tannas

MusicPedia:

Tannas Il gruppo nasce dall'incontro di quattro musicisti scozzesi appassionati di cultura gaelica e fin da subito conquista apprezzamenti e premi (come il prestigioso Trofeo Boleé des Korrigans, in occasione del Festival interceltico di Lorient, in Bretagna). Per il repertorio i Tannas attingono alla ricchissima tradizione musicale scozzese, alla quale si ispirano anche i brani di loro composizione. Caratteristiche principali dei Tannas sono l'uso della lingua gaelica nelle canzoni e l'attenzione riservata ai brani solo vocali. Il gruppo ha già inciso due dischi ed è alla sua prima tournée italiana. i componenti sono: Sandra Mackay, voce; Fiona Mackenzie, whistle, voce; Julia ...


TANNAHILL WEAVERS/4

MusicPedia:

TANNAHILL WEAVERS (Scozia) Alfieri del folk revival scozzese, da anni sulle scene con il loro vario repertorio che attraversa i secoli con infuocati strumentali, canzoni locali e ballate originali. La loro musica descrive la ricca e varia eredità del popolo celtico, attraverso un’unica combinazione di melodie tradizionali, con un accompagnamento ritmico e ricche armonie vocali che rendono le loro esibizioni indimenticabili. Negli anni della loro lunga carriera hanno ricevuto entusiastici apprezzamenti per le esuberanti esibizioni ed il rilevante lavoro in studio di registrazione. ROY GULLANE (chitarra e voce); DUNCAN J. NICHOLSON (cornamuse e flauti); JOHN MARTIN (violino, violoncello, viola e voce); ...


TANNAHILL WEAVERS/2

MusicPedia:

TANNAHILL WEAVERS(Scozia) Alfieri del folk revival scozzese, da anni sulle scene con il loro vario repertorio che attraversa i secoli con infuocati strumentali, canzoni locali e ballate originali. La loro musica descrive la ricca e varia eredità del popolo celtico, attraverso un’unica combinazione di melodie tradizionali, con un accompagnamento ritmico e ricche armonie vocali che rendono le loro esibizioni indimenticabili. Negli anni della loro lunga carriera hanno ricevuto entusiastici apprezzamenti per le esuberanti esibizioni ed il rilevante lavoro in studio di registrazione. ROY GULLANE-chitarra e voce DUNCAN J.NICHOLSON-cornamuse e flauti JOHN MARTIN-vilino,violoncello,viola e voce PHIL SMILLIE-flauto,whistles,bodhran e voce LES WILSON-bouzouki,chitarra,tastiere ...


TANNAHILL WEAVERS

MusicPedia:

TANNAHILL WEAVERS(Scozia) storica formazione protagonista del movimento folk revival scozzese, che ha rinnovato l’organico e che è in grado di produrre un sound assai fresco e moderno. Tra le migliori sulle scene celtiche


TANK/Bedtime For Rio

MusicPedia:

TANK/Bedtime For Rio Un 12", Gunnar, e l'album "Upwards At 66 Degrees N." pubblicati da Earworm, che s'occupera della versione in vinile del capitolo odierno, i precedenti di Tank, allora Christophe Mevel e Yann Jezequel da "Bedtime For Rio" affare del solo Mezel. Un secondo album che s'apre nella maniera migliore, con l'ottima Rose de Basalte a farsi sentimentale tempesta che ravviva e poetizza il depressivo grigiore dell'attraente copertina, e che non attenua nel cammino il suo appeal, ondulando tra scanditi, vitali tormenti alla Flowchart in Gullfoss e Troll, improvvisi e trascinanti turgori wave in Nord nord-ouest, volteggi al di ...


TANITA TIKARAM/STORY

MusicPedia:

TANITA TIKARAM Nata il 12 agosto del '69 a Munster, in Germania, dal padre, un indiano-Fiji ufficiale dell'esercito britannico e dalla madre nativa del Borneo, Tanita si trasferisce sin da ragazza a Basingstoke, Inghilterra. Segue la sua passione musicale fin da adolescente e, nel 1987, con l'aiuto del manager Paul Charles, firma per la Wea. Con il produttore Peter Van Hooke e con Rod Argent registra l'album di debutto "Anciet Heart" (1988), che rimane a tutt'oggi il capolavoro dell'artista. Il singolo "Good Tradition" scala le classifiche di vendita inglesi e la Tikaram diventa in fretta un personaggio famoso nella scena ...


tanita tikaram

MusicPedia:

tanita tikaram Tanita Tikaram nata da famiglia multirazziale ha riversato sulla sua musica questo timbro multietnico. Esplosa con il primo singolo Good Tradition (1988), ha collaborato con i più grandi artisti e ha partecipato ai più importanti festival e happening mondiali. Concerto in esclusiva per il Centro Italia. E' stata ospite internazionale all'edizione 98 di Musicultura Festival della Canzone d'autore.


TANIA MARIA - Viva Brazil

MusicPedia:

TANIA MARIA - Viva Brazil Tania Maria voce e pianoforte, Carlos Werneck basso elettrico, Carneiro percussioni, Stephane Huchard batteria. La celebre pianista, cantante, compositrice e arrangiatrice brasiliana sarà in tournée in Italia con Viva Brazil dal titolo del suo ultimo lavoro discografico (New Note, 2000). Acclamata dal pubblico di tutto il mondo, artista dallo stile inconfondibile che spazia dal jazz allo swing al samba, Tania Maria ha al suo attivo 19 album; si è esibita in tutti i più prestigiosi festival del mondo, interpretando con temperamento ed energia travolgenti la musica brasiliana, afro-latina, pop e fusion. Viva Brazil è molto più di ...


Tania Maria

MusicPedia:

Originaria del Brasile, Tania Maria Conesa convive con la musica fin dalla più tenera età. Studia per sei anni pianoforte classico, per poi passare alla musica ame icana ed alla bossa-nova. Lei stessa cita, tra i musicisti che maggiormente l'hanno influenzata, i nomi di Oscar Peterson, Thelonious Monk, Nat King Cole. Il Festival Jazz di Newport, cui partecipa nel '75, la presenta al pubblico statunitense e, da allora, moltissimi americani si sono aggiunti alle file dei suoi fan. Un articolo, apparso nell'83 sulla rivista "Downbeat't, descrive così la sua esplosiva performance: "La scorsa estate, la sua prima a Boston trasformò ...


Tanguay/Labrosse/Hetu/Tetrault

MusicPedia:

Cosa succede, musicalmente parlando, in una città come Montréal, in un mese a caso, poniamo dal 20 febbraio al 20 marzo? Per fortuna succedono molte cose, e tutte di notevole interesse. Si comincia con la programmazione del Théâtre La Chapelle, che presentava in cartellone tre settimane di concerti somiglianti più a due festival che non a una normale proposta musicale, per quanto articolata. Dal 19 febbraio al 22 Rien a voir (tout à entendre), rassegna di musica elettroacustica, molto ben organizzata da DIFFUSION i MéDIA nelle persone di Jean François Denis, responsabile e fac-totum della etichetta Empreinte Digitale, Robert ...


TANGO STEEL TIME

MusicPedia:

TANGO STEEL TIME I Tango Steel Time sono una blues band di Forlì nata nel 1997. La formazione è un trio: Dario Neri (chitarra, voce); Stefano Cantarelli (basso, voce); Antonio Perugini (batteria). Con il progetto nato per esibirsi nei live club, nell'anno passato hanno suonato in vari locali della Romagna e dintorni, tra questi: Caffè Europa (Forlì), Naima Club (Forlì), Taverna Degli Squali (Cervia), Holliwood (Ferrara), Blue & Green (Ravenna), Dragon Fly (Cesenatico), Barge (Rimini), Festival dell'Unità di Forlì con "Vince Vallicelli Blues Band With Cheril Porter", Santa Sofia Festival, Music Planet (Faenza), Route 66 (Cortona, Arezzo). La passione per grandi ...


TANGO METROPOLIS

MusicPedia:

TANGO METROPOLIS E' un musical d'avanguardia, frutto di una ricerca compiuta da ballerini e musicisti tra i migliori del mondo. Attraverso diversi quadri viaggiamo e cilasciamo invitare dall'eleganza e la sensualità sempre nobile del tango, dal movimento insito nella sua musica. Coreografie: Pilar Alvarez, Claudio Hoffmann, Marijò Alvarez. Composizione, arrangiamenti e direzione musicale: Daniel Binelli (nell'89 ha partecipato al sestettoi di Astor Piazzolla e dal '97 con il suo quintetto accompagna Milva in varie tournée internazionali).


TANGO BAR

MusicPedia:

TANGO BAR Genere: concerto di Tango argentino - Durata: min. 90 circa - Fernanda Morosini (voce, cajon); Luigi Bortolani (violino); Margherita Degli Esposti (violoncello); Luigi Catuogno (chitarra); Delfio Plantemoli (fisarmonica, chitarra) - La cantante argentina Fernanda Morosini è una delle voci più importanti del panorama musicale europeo. La "leader" del noto gruppo di tango TRENZAS ha voluto al suo fianco la Piccola Compagnia delle Serenate per interpretare il suo nuovo concerto. La principale originalità di questo spettacolo consiste nella presentazione del Tango cantato che difficilmente si ha modo di ascoltare, dove è più frequente ascoltare il tango suonato o suonato per ...


TANGO

MusicPedia:

TANGO Musica multietnica per eccellenza, nata dall'incontro di una moltitudine di emigrati e di emigranti con le forme musicali rioplatensi della payada e della milonga (senza trascurare il candombe e la habanera), il tango arriva sino ad oggi dopo aver conosciuto, nella storia più che secolare, sviluppi estremi: da semplice musica per accompagnare danze popolari alle complessità compositive della sua moderna espressione, senza mai divenire musica colta e senza mai perdere le sue origini autenticamente popolari. Il tango è un gigantesco canzoniere di massa, ma è anche una forma musicale in continua evoluzione, grazie a quei rari musicisti che continuano a ...


TANCARUJA/In Terra E In Chelu

MusicPedia:

TANCARUJA In Terra E In Chelu La Sardegna dei Tancaruja è una Sardegna tutta particolare. La parte rock dell'isola è governata da altri gruppi, ma anche la tradizione é altrove (anche se i Tancaruja cantano in sardo). Il gruppo riesce a ottenere una sintesi asciutta di suoni acustici e lievi ombreggiature elettroniche che porta le sue canzoni lontano dai manuali di musica etnica. E' un lavoro fisico, il loro, anche se talvolta gli arrangiamenti sono un po' troppo ingenui e qualche tastiera di troppo copre il battito delle belle melodie. Ne esce un disco di canzoni lievi, di pop viscerale ma delicato ...


TANCARUJA

MusicPedia:

TANCARUJA La musica dei TANCARUJA mette insieme tablas e fremiti elettrici, muttos e riff di chitarra acustica doppiati dal marranzano, cori soul e sfuriate energiche senza tradire la poesia dei tenores, le ninnenanne logudoresi, i canti religiosi e gli scioglilingua fatti per incantare i bambini. Una musica di confine in equilibrio fra il rigore estetico della tradizione e la libertà dell'innovazione fra la musica sarda e tutte le altre musiche. Un disco di World Music nel senso più proprio del termine: un viaggio intorno al mondo che ha come centro di gravità la Sardegna. In terra e in chelu.


TANCA RUJA

MusicPedia:

TANCA RUJA "In terra e in chelu"   Una musica di confine in equilibrio fra il rigore estetico della tradizione e la libertà dell'innovazione, in equilibrio fra la musica sarda e tutte le altre musiche. Un disco di World Music nel senso più proprio del termine: un ...


TANBURI DEL VESUVIO

MusicPedia:

TANBURI DEL VESUVIO Il Nuovo Ritmo Del Grande Vulcano Voci, Tamburelli, Tammorre, Djembe, Batà, Marimba, Darabukka, Duff, Rek, Sabar, Nay, Chitarra. Canti antichi eseguiti da un ensemble internazionale di percussioni. Un energico impatto sonoro proposto da musicisti e strumenti di varie nazionalità (Senegal, Argentina, Egitto, Cuba, Italia) guidati magistralmente da Nando Citarella. Questa è la miscela esplosiva de I Tamburi Del Vesuvio, in grado di far ballare un'intera piazza, con canti e danze della tradizione italiana attraversati dalle poliritmie arabe, africane, latinoamericane. Discografica: Terra'e Motus (FinisTerre).


Tan Dun

MusicPedia:

Tan Dun E' uno di quei personaggi che popolano la New York di questi anni. Nato nel 1957 nella provincia di Hunan in Cina, ha ottenuto una borsa di studio nel 1986 alla Columbia University e si è stabilito negli Usa. La musica popolare che accompagna la sua infanzia è determinante per il suo mondo sonoro. Durante la rivoluzione culturale lavora in una piantagione di riso, poi perfeziona la sua tecnica del violino e entra in una compagnia dell'Opera di Pechino. Ha studiato per 9 anni al conservatorio di Pechino. John Cage ha detto di lui: «Quello che si è ...


TAMPURA/ Love in the Casbah

MusicPedia:

TAMPURA " Love in the Casbah " Sisma Il vecchio cappelluto Branduardi dei bei tempi viene saccheggiato senza ritegno ( e con un po' di gesti catarsici ) e abbinato ad atmosfere tra la Techno Prog e la cultura medio orientale. Il risultato è simpaticissimo e quindi da valutare con attenzione: adattissime alle Dancefloor amanti dei cori la " Mephisto Extended Mix ". Insciallah !


TAMPERER FEAT MAYA

MusicPedia:

TAMPERER FEAT MAYA Fell it (Pepper) Spacciato come prodotto internazionale (di cui ne riflette certo il gusto) c'è invece l'abile mano del nostrano Fargetta (orrore!) che costruisce il brano su di un campione dei Jackson Five. Carino per il tempo della durata: due minuti


TAMPERER

MusicPedia:

Tamperer Tornano gli anni Ottanta, gli anni di merda di Nanni Balestrini. Un decennio liquidato dalla critica militante troppo in fretta come superficiale e vuoto, ma che in realtà è stato molto importante - e c'è da scommetterlo: continuerà ad esserlo per un altro bel pezzo - nel campo della produzione musicale di consumo. Non a caso a riscoprirlo stavolta è il gruppo di punta di Radio DeeJay, i Tamperer. Vale a dire Mario Fargetta, il "mischiadischi" di fiducia di sua maestà Albertino e Alex Faroldi (è il fratello di Cinzia dei "Cattivi Pensieri"), coadiuvati dal produttore Giuliano Saglia e ovviamente ...


TAMPASM/Darling Self Destruct

MusicPedia:

TAMPASM Darling Self Destruct 7” (Some Bizarre/Mercury) Se le ha scelte il vecchio Stevo, state sicuri che qui dentro c’è da lucrare quanto basta. Adesso che Kenickie (la versione meno coatta delle Spice Girls) e prugnette assortite vendono ci si può gettare anche sulle Tampasm che, almeno, a differenza delle succitate hanno un pò più di rabbia (vera) e discreto songwriting. Vinile rosa.


TAMMY McCANN+VOICES OF GLORY

MusicPedia:

TAMMY McCANN & THE VOICES OF GLORY Formazione corale composta di diciotto elementi provenienti da Chicago. E’ costituita intorno al nucleo centrale del quartetto “The Voices Of Glory” della solista Tammy McCann, che in questi ultimi anni il pubblico italiano ha avuto modo di conoscere e di apprezzare. La giovane leader, forte di una formazione in ambito jazz e gospel, ritorna in questa occasione alle origini della propria ispirazione ed esperienza musicale nel contesto del coro di chiesa. Con questa formazione, Tammy McCann presenta un repertorio essenzialmente tradizionale, continuando ad avvalersi delle Voices Of Glory, il cui notevole contributo è ...


Tammy McCann & the wonderbrass

MusicPedia:

Tammy McCann & the wonderbrass (USA) Grande cantante e interprete di un gusto e comunitiva non comune Tamaria K. McCann si forma musicalmente alla Kenwood Academy of Chicago. Per tre anni è solista nel coro delle Black Roses con l’organista e produttore Reverendo Bruce Thompson, con il quale incide “The Bible Singers” nel 1995. Nel 1997 ha ricevuto il riconoscimento come miglior voce femminile di Jazz a Chicago. Con la sua Wonderbrass Band composta da musicisti di varie estrazioni musicali approda a questo inusuale progetto in occasione del famoso festival Delta Blues. Lo spettacolo proposto contiene un repertorio che evidenzia la ...


TAMMY McCANN & THE WONDERBRASS

MusicPedia:

TAMMY McCANN & THE WONDERBRASS Cantante di Chicago dalla formidabile potenza vocale, in grado di spaziare dal jazz al blues fino al gospel. Con le Voices of Glory, al Teatro Feronia di San Severino M., ha aperto l'edizione 96 del Festival marchigiano di Gospel e Spirituals. Al Barfly propone il repertorio delle grandi black singers degli anni 30 (Bessie Smith, Ma Rainey, Alberta Hunter, ecc. …), in uno spettacolo originale che vuole reinterpretare lo spirito del periodo d'oro della musica afro-americana: jazz & blues. È accompagnata dalla Wonderbrass, orchestra dixieland composta da musicisti formatisi alla cattedra jazz del Conservatorio di Rovigo.


Tammy McCann

MusicPedia:

Tammy McCann Cantante dotata di notevoli doti vocali ed interprete di grande gusto e comunicatività, Tamaria K. McCann si forma musicalmente alla Kenwood Academy Of Chicago. Inizia ad esibirsi in pubblico a 15 anni dedicandosi soprattutto a repertori Jazz e Gospel, ed è proprio cantando Gospel che esprime al meglio le sue capacità interpretative. Molto attiva sulla scena di Chicago dalla fine degli anni '80, si esibisce in numerosi club tar cui The Cotton Club e The Martinique. Tra il '93 ed il '95 collabora con vari artisti tra cui Von e George Freeman Quartet, Rachel Farrell, George Duke e Bobby ...


Tammy Mc Cann/2

MusicPedia:

Tammy Mc Cann Cantante in possesso di grandi doti vocali e interprete di grande gusto e comunicatività, Tamaria K. McCann si forma musicalmente alla Kenwood Academy of Chicago. Inizia ad esibirsi in pubblico a quindici anni dedicandosi soprattutto a repertori Jazz e Gospel, ed è proprio cantando gospel che esprime al meglio le sue capacità interpretative. Molto attiva sulla scena di Chicago dalla fine degli anni ’80 si esibisce in numerosi club tra cui The Cotton Club e The Martinique. Tra il ‘93 e il ‘95 collabora con vari artisti tra cui Von & George Freeman Quartet, Rachell Farrell & George ...


Tammy McCann

MusicPedia:

Tammy McCann & The Voices of Glory - La Squadra (USA - Italia) L'incontro tra la cultura afro-americana e la tradizione canora portuale genovese. Gospel e trallallero in una serata carica di suggestioni dedicata alle voci e alle polifonie "marginali".


TAMMURRIATA DI SCAFATI

MusicPedia:

TAMMURRIATA DI SCAFATI La Festa N'Coppa A Tamburo Voci, Tamburelli, Tammorre, Castagnette, Ciaramella, Chitarra, Violino, Putipù. La grande tradizione della tammurriata ma anche serenate, tarantelle, fronne, canti a figliola, per avvicinarsi al fuoco ritmico e passionale che scandisce le feste tradizionali campane, sacre e profane, tra il Vesuvio e il Golfo di Napoli. Uno spettacolo di voci possenti e balli fascinosi con spazio anche per alcuni classici della canzone napoletana. Discoarofia: 'O Vesuvio (Pontesonoro).


TAMMORRA

MusicPedia:

TAMMORRA Il gruppo musicale TAMMORRA si è formato nel 1992 con precisi intenti culturali indirizzati alla divisione degli autentici valori della tradizione popolare del meridione d'Italia. La musica popolare è per i Tammorra l'espressione dell'anima di un popolo, del modo di sentire l'amore, la morte, la gioia, la ribellione e la magia. Il gruppo propone attraverso il canto, i suoni, l'uso di strumenti tradizionali e la danza, un viaggio nella storia, nella cultura e musica popolare del meridione d'Italia. Il lavoro dei Tammorra si basa sulla convinzione che la musica popolare sia un genere assolutamente vivo e non un reperto archeologico ...


tamburi di gorée

MusicPedia:

tamburi di gorée (senegal-costa d’avorio-africa) “Les tambours de Gorée” nasce nell'isola di Gorée, nel Senegal, dall'iniziativa di alcuni membri del gruppo “AFRICA DJEMBE”, con l'intento di fare rivivere quelle che sono le radici tradizionali più profonde del loro paese e di tutta l'Africa Occidentale, in particolare della tradizione musicale wolof e mandinga. L'obbiettivo principale del gruppo è la promozione della cultura musicale dell'Africa nel mondo, come messaggio di positività, con la musica delle percussioni, le danze e i costumi tradizionali. Les tambours de Gorée fanno della cultura uno strumento di pace favorendo gli scambi e la cooperazione fra i popoli dell'Africa ...


TAMBURI DEL VESUVIO

MusicPedia:

TAMBURI DEL VESUVIO Nel vulcano Vesuvio pulsano i ritmi che da sempre accompagnano i canti e i balli tradizionali dell'area campana e di tutta l'Italia centro-meridiorale. Ma questa terra fertile ha accolto anche il battito ritmico di nuove genti che da altri luoghi, attraversando il grande mare, sono approdati quaggiù. Così la terra vulcanica rispetta la sua natura di Terra 'e motus e il vecchio Vesuvio è il "grande tamburo" che scandisce il tempo per canti antichi e per nuove contaminazioni. Nando Citarella, eclettico musicista ed eccezionale interpreta della tradizione campana, ha assorbito questi motus dando vita ad un gruppo di ...


TAMARU/Basso Continuo

MusicPedia:

TAMARU Basso Continuo Tra le personalita più discrete, dal punto di vista prettamente acustico, della più recente generazione di autori alle prese con elettroniche minime e dintorni il nipponioo Tamaru ci regala un intero album di compunte improvvisazioni per basso elettrico registrate in presa diretta. Un sommesso telaio di minuscole cellule aemoniche alla deriva, movenze al rallentatore e distanti refoli fonici la cui riflessività, a un passo dall'afasia pura, esercita un effetto convincentemente e gradevolmente straniante.


TAMARU

MusicPedia:

TAMARU C'era una volta il noise giapponese... E pure l'intera genia punk-core di diretta discendenza Boredoms... Se appare evidente che tutta la prima generazione di sperimentalismo nipponico è tutt'altro che sedata o prossima alla pensione (Merzbow, tanto per dire, continua a pubblicare dischi a getto continuo, pur cercando dí diversificare un minimo le proprie produzioni: si vedano, ad esempio, lavori come "Aqua Necromancer" e "Door Open at 8 A.M.", con samples di progressive made in Italy e di batteristi jazz rispettivamente, o anche l'esilarante contributo filo-plagiarista - complice Otomo Yoshihide - alla compilation della Amoebic "Turntable Solos"), è però anche vero ...


TAMA/Nostalgie

MusicPedia:

TAMA Nostalgie In lingua bambara Tama significa "camminare". Da tempo immemore il movimento, per molti griots africani equivale alla conoscenza e ai pencorsi della storia. Nella regione del Wassoulou, a sud del Mali, Tom Diakite, leader dei Tama e eccellente suonatore di n'goni, (l'arpa tipica di quell'area geografica), ha legato la sua arte a quella tipica vocale femminile che contraddistingue da sempre quel territorio. In passato ha suonato con grandi artisti come Mori Kante e Salif Keita poi, in un incontro al Womad del 1997, ha formato i Tama con il londinese Sam Mills (ex 23 Skidoo) e il guineano Djanuno Dabo ...


TALVIN SINGH/Ok

MusicPedia:

TALVIN SINGH "Ok" Island/CD (UK) Album molto atteso, il primo per il leader semiufficiale del "sound" anglo-asiatico, arrivato alla notorietà per le serate ANHOKHA. Lì era un crogiuolo, la cultura classica indiana si scontrava col drum'n'bass anglofono in felice connubio. E' un peccato che nell'odierno quelle atmosfere incandescenti non vengano ripetute. Talvin Singh compone un lavoro ben adatto al "mainstream" e all'FM, ma senza affascinare e stupire. Persino il primo singolo, quel "Traveller" che aveva ben impressionato nel remix dei 4 Hero, quì s'allunga nella forma ormai consueta delle tre parti - l'ambient, l'orchestrato ed il drum'n'bass - ricalcando lo stereotipo del ...


TALVIN SINGH/Ha

MusicPedia:

TALVIN SINGH "Ha" Gratificato oltremanica due anni fa con il prestigioso Mercury Prize assegnato al suo disco OK, Talvin Singh passa per essere il più titolato ambasciatore in musica della comunità angloindiana. Ruolo che comporta un certo quale rispetto delle tradizioni originarie, ma richiede anche la capacità di adattarle ai tempi. Esercizio riuscito nell'album precedente e puntualmente replicato nel nuovo Ha. Differenze? Qualcuna. Minore enfasi sulle cadenze drum'n'bass (a eccezione di See breeze), ora un po' démodé, in favore di ritmi più in voga: dal breakbeat scolastico di The beat goes on all'impulso "chemical " che muove Uphold. Ma è in ...


TALVIN SINGH /Traveller

MusicPedia:

TALVIN SINGH Traveller (Island) Torna il cantore per eccellenza del drum'n'bass anglo-indiano. Il tempo e l'azione vengono rallentati da tabla e tastiere lontane, per un brano di 11 minuti. I 4 Hero e Kid Loco rielaborano commossi.


Talulah Gosh

MusicPedia:

[Talulah Gosh] Talulah Gosh are the big shebang. Backwash is the complete discography of their works. There are few bands that define an era and Talulah Gosh were one of them. Spin this and go back to those carefree youthful days. Today, Talulah Gosh are more famous (infamous?) than they were when they existed way back in 86-87, before they spawned the infamous darlings of pop, Heavenly. Accused of being too cute, much like their counterparts Beat Happening, Talulah Gosh were a nasty group of sly hipsters. Peel back the ...


TALKING HEADS/ONCE IN A LIFET

MusicPedia:

TALKING HEADS - ONCE IN A LIFETIME ('12) - WHITE LABELS Come i buddhà sgretolati dai taliban, ecco che pure l'intoccabilità di "Remain In Light" subisce l'assalto degli smanettatori discotecari. Un affronto? Una follia? Nessun sacrilegio, per carità, siamo in democrazia ed è giusto il rimettersi in competizione. Migliorarsi? Questo è un altro discorso. E allora via, dopo un paio di episodi illegali (dei bootleg ruspanti), si esce nell'ufficialità: il "Liquid Mix" suona un pò troppo Daft Punk, il che non è certo il massimo dello sforzo possibile su uno dei brani cardine per un gruppo che ha definito il concetto ...


TALK TALK/Hammersmith

MusicPedia:

TALK TALK Hammersmith Mistero buffo dei lontanissimi anni Ottanta, i Talk Talk di Mark Hollis agguantarono nella prima metà di quel decennio un paio di hit internazionali, scomparvero dalla luce dei riflettori, rimasero comunque sotterraneamente in attività (specie il Mark Hollis solista) ma soprattutto rimasero sulla punta della lingua di molti colleghi musicisti delle più svariate aree. Svagati e personali come pochi altri in quel decennio, depositari di una concezione estremamente severa e quasi "monastica" del pop (eppure totalmente priva dei compiacimenti melanconici tipici dell'epoca), i Talk Talk superstiti hanno oggi deciso di pubblicare quello che è stato l'ultimo concerto londinese della ...


talk show

MusicPedia:

Non fatevi ingannare dal nome: se la parola talk show vi ricorda serate sfigate davanti alla tv, vip con l'età delle piramidi e sciocchezzai in loop, gli americani Talk Show richiedono invece un impianto stereo potente e vicini comprensivi. Il gruppo sgomitola, infatti, rock elettrificato, chitarre distorte, power pop in quantità. E non si tratta di pivellini: Robert e Dean Di Leo e Eric Kretz arrivano dagli Stone Temple Pilots, band di culto degli ultimi anni; il cantante Dave Coutts ha invece addestrato l'ugola nei Ten Inch Men.


TALK RADIO

MusicPedia:

I Talk Radio, Piero Cappella ed Ettore Basili, hanno onrigine nel 1989, frutto di un comune interesse per la musica rock. Pur manifestando una predilezione per i grandi classici del passato come Beatles, America, Dire Strait, Eagles e per gli italiani Pooh, New Trolls, Vasco Rossi, Lucio Battisti, i Talk Radio non hanno comunque mai rinunciato a prestare attenzione alla musica più attuale e tutto ciò li ha fatti apprezzare nell'ambito dei "café concerto", dove si esibiscono abitualmente, e nelle discoteche, dove si propongono invece con i più famosi brani anni settanta e standard del rhythm'n'blues. Nel tempo hanno inoltre ...


TALK OF DA TOWN

MusicPedia:

Talk Of Da Town (California-USA) Quintetto soul a cappella formato nel 1982 da Paul Carrington cantante e leader dei Talk Of Da Town. Il gruppo ha iniziato la propria attività musicale a San Francisco dove ancora oggi sono considerati il gruppo Soul/Gospel simbolo della città. Sulle ali del successo ottenuto iniziano a calcare i palcoscenici dell'intera California esibendosi nei più importanti Club's e Teatri dello stato. Nel giro di pochi anni conquistano una vasta platea di appassionati, vincono numerosi concorsi a premi, partecipano ai più importanti festivals dove cantano fianco a fianco con artisti di grande levatura internazionale come: Ray Charles, ...


TAL/An Evening With Charlie

MusicPedia:

TAL An Evening With Charlie Benché il suo disco duri ancora cinque minuti in meno, il parigino Tal ignora invece tale saggia regola. La serata con Charlie comincia ad annoiare non appena ci si rende conto che il trucco usato per destare l'attenzione è sempre lo stesso: l'interruzione e la ripresa continua di ritmi e melodie. Così che alla fine conta poco che il singolo episodio parli la lingua del jazz, del funky nell'era della jungle o del turntablismo.


TAL FARLOW

MusicPedia:

TAL FARLOW (Greensboro 1921) inizia a suonare da professionista nel '44 ma è negli anni '50 che si crea il suo mito: dal '50 al '55 è nel Trio di Red Norvo, con Mingus; dal '54 al '56 vince tutti i referendum delle riviste specializzate. Come leader ha registrato, tra gli altri, con Ray Brown, Chico, Hamilton e Eddie Costa; come sideman con Roache, Horace Silver, Percy Heath, Kai Winding e Oscar Pettiford


TAL BACHMAN

MusicPedia:

TAL BACHMAN Tal Bachman Album di debutto per Tal Bachman, figlio di Randy Bachman (ex Guess Who e Bachman Turner Overdrive) e si può subito dire che ci troviamo di fronte ad un buon lavoro. Tal Bachman tesse le sue canzoni non disdegnando ispirazioni diverse, dai Journey ai Beatles, senza dimenticare gli insegnamenti hard del padre che ha una vastissima collezione di dischi ai quali Tal si è abbeverato fin da giovanissimo. Le sue liriche vanno dal romanticismo al sarcasmo, mentre musicalmente padroneggia già fortemente la forma canzone, tessendo trame sonore ognuna a se stante (il disco è molto vario) e ruotando ...


Takumi Fukushima/OK

MusicPedia:

Takumi Fukushima Inizia lo studio del violino all'età di 5 anni a Tokio. Si laurea alla Art University Of Osaka. Completata la formazione classica continua la sua formazione e ricerca musicale ed interpretativa esplorando altri generi musicali: Rock, Jazz, Pop, Underground. Nel 1989/90 si produce in due tournée in Europa insieme al gruppo After Dinner con il quale incide Paradise Of Replica (Rec. Rec.); A.D. Live Editiones (Rec. Rec.). Nel 91/92 si esibisce a Dresda ed a Vienna con il gruppo Armenius. Si esibisce a Praga e a Berlino con il gruppo Rale. Nel 93 poartecipa al Festival di Area Sismica ...


TAKU SUGIMOTO-KEVIN DRUMM/Den

MusicPedia:

TAKU SUGIMOTO-KEVIN DRUMM Den Non considerando lo split "Folie à Deux", che era, appunto, uno split e non una coabitazione, questo è il secondo album che Sugimoto e Drumm incidono assieme dopo il "Duo" uscito su Meme due anni fa. Come quello, anche il nuovo lavoro riflette la propria forza nella complementarietà dei due: tanto sottile, eterea e impalpabile è la chitarra del giapponese quanto scratching, ossuta, scoscesa e impervia quella del chicagoano. Come rilevato altre volte, il supporto materiale della chitarra preparata di Drumm ricorda quello che potrebbe fornire una strumentazione elettronica, laddove il feel di Sugimoto resta sospeso a ...


TAKLA WIND QUARTET

MusicPedia:

TAKLA WIND QUARTET Alessandro Bosetti (sassofono soprano); Massimo Falascone (sassofoni sopranino, alto e baritono); Giancarlo Locatelli (clarinetti Bb, alto e basso); Fabio Martini (clarinetto Bb). Nell'autunno del 1996 ho proposto ad Alessandro Bosetti, Giancarlo Locatelli e Massimo Falascone, di formare un quartetto di fiati. L'idea scaturisce da una serie di considerazioni personali e di interessi comuni che hanno caratterizzato il dibattito fra questi musicisti già da alcuni anni. Si possono individuare due principali ordini di motivi. Il primo, di carattere teorico-musicale-acustico, concerne l'interesse comune per la ricerca intesa come esplorazione di forme linguistiche non convenzionali, strettamente soggettive e inerenti il rapporto ...


TAKKYU ISHINO/Throbbing Disco

MusicPedia:

TAKKYU ISHINO Throbbing Disco Cat (Exceptional) CD Profondissima e stranissima la musica di questo CD del Sol Levante. Molti giapponesi d'oggi hanno un repertorio che spazia in tutto lo scibile uditivo così che bene o male riescono a centrare il pezzo giusto per imporsi. Anche i decorati e nobili Pizzicato Five, tolta la patina Milano anni '60, rincorrono generi ed umori diversi. Takkyu Ishino (e la sua band, Denki Groove) no; più personali e più naif, perseguono un'indirizzo unico che miscela onestamente la techno-house d'oltre un quinquennio fà con gli scarti dell'era disco-elettronica. Così che, nella magnificità pulsiva e pulsante di "Suck ...


Takeshi Kitano

MusicPedia:

Quest'anno alla Mostra del Cinema di Venezia ha mostrato tutti i suoi limiti il criterio di selezione dei film in concorso (definito da alcuni "eurocentrico", e per altri versi incomprensibile ai più): lo splendido film di Takeshi Kitano, "Fuochi d'artificio", e l'ultima, ottima prova di Zhang Yimou, "Keep Cool" sono apparsi come gioielli isolati in mezzo ad un pantano d'ovvietà accademiche, di fallimentari inciampi narrativi e di leziosa prosopopea autoriale, tanto roboante quanto vuota d'idee e di prospettive. "Fuochi d'artificio" di Takeshi Kitano, atteso presto nelle nostre sale, è un capolavoro d'irraggiungibile saggezza e sintesi espressiva: un tenero e spietato ...


Taken/2

MusicPedia:

  La banda dei Taken si compone di otto persone. Attraverso la contaminazione dei generi musicali approda, dopo un decennio di attività nell'arcipelago della musica indipendente, ad un assetto stabile e ricco di nuove idee, maturate dall'esperienza on the road. L'esordio avviene come Taken-to-the-Bottle, nell'autunno del 1987, periodo a cui risalgono ...


Taken

MusicPedia:

TAKEN La banda dei Taken si compone di otto persone. Attraverso la contaminazione dei generi musicali approda, dopo un decennio di attività nell,arcipelago della musica indipendente, ad un assetto stabile e riccodi nuove idee, maturate dall'esperienza on the road. L'esordio avviene come Taken-to-the-Bottle, nell'autunno del 1987, periodo a cui risalgono "The Wine-hash Party, in AREZZO WAVE Contempo Rds. 1991 e "I'm up to Eyes in Debt" in PEGOROCK Ritmo & Blu 1990. Un uso informale dell'inglese e di altre lingue nei testi caratterizzano ballate e pogo-song dal sapore irish-country, folk e ska. La band coglie subito qualche importante successo, ma il ...


Take That

MusicPedia:

Take That "Stiamo finendo di registrare il nostro album in studio a Londra. Secondo noi sta venendo benissimo. Ma non sappiamo ancora quando uscirà; forse ad Aprile, forse a Maggio, forse a Giugno. Noi adoriamo suonare dal vivo perchè è il modo migliore per comunicare cion inostri fans". Così dichiarano i nuovi Beatles della scena musicale Pop Inglese. Suonano il 18 e il 19 Aprile al Forum Assago di (Mi).; il 21 al Palasport di Casalecchio sul Reno a Bologna ed il 23 e 24 al palaeur di Roma.; il 26 Aprile ritornano al Forum di Assago (Mi); il ...


Take Action

MusicPedia:

Altra raccolta, non solo atta a mettere in mostra le band, ma con scopi benefici, è quella approntata dalla Sub City (Self) e intitolata “Take Action”, il cui fine risulta palese leggendo il sottotitolo: “A punk rock sampler benefitting the foundation fighting blindness”. L’iniziativa è da supportare, mentre segnalerei: Scared Of Chaka, Dillinger Four, Against All Authority ed Heckle.


TAKAYUKI SHIRAISHI

MusicPedia:

TAKAYUKI SHIRAISHI-REACH FOR THE SUN (NS COM) CD L'incredibile vantaggio dei giapponesi nel campo del far suoni con le macchine è a dir poco inquietante. Fondendo alchemicamente l'antica magia techno con la scienza nuova del breakbeat, ecco che si compie una piccola rivoluzione musicale ma la cui forza deflagrante è paragonabile solo ad un missile sparato dentro un silos nucleare! E se pensate che l'iperbole sia troppo audace, seguite l'incredibile ottimismo di fondo con cui Shiraishi ci fà dimentichi. Appoggiate le vostre orecchie su "Feel" ed insistete poi con "Higher", dove sintetizzatori carezzevoli non vi faranno più cercare nessun altro conforto.


TAKAKO MINEKAWA/Maxi On

MusicPedia:

TAKAKO MINEKAWA Maxi On Takako si è impegnato in una collaborazione con una delle più importanti realtà newyorchesi, Dymaxion, di cui a breve la deflagrazione sarà universale. "Maxi On" s'origina da questo incontro prodigioso, bizzarro solo per chi, sprovveduto in materia japanese, ha confuso la Minekawa come una delle tante, pur adorabili, campionesse del lolita pop. Solo un mini, in cui per la precisione sono quattro i brani in cui si verifica l'evento (ma Takako la lezione l'ha appresa a puntino, Picnic At Loose Rock e un bislacco ma ottimo strumentale di sua scrittura che la frequentazione di Dymaxion ha ...


TAJIK MUSIC OF BADAKHSHAN

MusicPedia:

TAJIK MUSIC OF BADAKHSHAN (Auvidis/Unesco - distr. Nuova Carish) Le registrazioni in questione sono state raccolte da Jean During tra il 1988 ed il 1991 nel Tajikistan (una delle Repubbliche Socialiste dichiaratesi di recente indipendenti ) e nello Xinjiang (regione della Cina situata sui monti Pamir a 3500 metri di quota e confinante con il Pakistan, l'Afghanistan ed il Tajikistan). Le peculiaritÖ della musica Tajik sono da ascrivere alla collocazione geografica e alla fede religiosa (ismailita) che ne hanno preservato ...


TAJ MAHAL Shoutin'/in Key

MusicPedia:

TAJ MAHAL Shoutin' in Key Chi ama il blues e i suoi dintorni e non vuole correre rischi, può senza dubbio appressarsi con fiducia a questo ultimo live dell'immarcescibile Taj Mahal, qualcosa di più di una leggenda. Circondato per l'occasione dalla Phantom Blues Band propone come in tutti i dischi dal vivo che si rispettino, un'alternanza tra personali cavalli di battaglia (Corrina, Mail Box Blues, EZ Rider) e standards del genere (Leavin' Trunk, The Hoochi Coochi Coo). Difficile pensare che si possa trarre molto di più da una struttura musicale ormai più che centenaria e fissata nella pietra del tempo (con ...


TAJ MAHAL

MusicPedia:

TAJ MAHAL In Progress & In Motion/ 1965-1998 / Quando si parla di rock blues istintivamente si va al suono di Chicago, al teso "drive" delle chitarre elettriche rubato da tanti ragazzi bianchi al catalogo della Chess Records. Sono poche le eccezioni e, fra queste, la più nobile è senz'altro quella di Taj Mahal: un vecchio ragazzo nero del profondo nord che fin dalla metà degli anni Sessanta ha frequentato più la scena rock che quella black, contaminando con genio i suoi amori di Delta blues, preistoria jazz a New Orleans, musica afro-caraibica. Questo cofanetto di tre cd ne testimonia la lunga ...


TAIRRIE B.

MusicPedia:

TAIRRIE B. La selvaggia cantante sta preparando il nuovo album dei suoi My Ruin. Potrebbe intitolarsi "Prayer under pressure of violent anguish" e vedrà una formazione rimaneggiata. Alla chitarra e al basso ci saranno Mick Murphy (ex Movement) e Meghan Matox. Non c'è invece un batterista ufficiale e per le registrazioni verrà impiegato Chris Hamilton dei Downset. Tra i brani segnaliamo: "Beauty friend", "Stick it to me", "Masochist", "Letter to the editor", "Post noise revolution" e "Violently sexy". Sono state fatte anche due cover: "Do you love me" di Nick Cave e "My war" dei Black Flag. L'uscita del nuovo lavoro ...


TAIL

MusicPedia:

TAIL Nel 1998 a Bologna avvenne l'incontro tra Diego, Simone e Matteo e GAS che definì la linea portante della formazione odierna dei TAIL. agli inizi la band, il cui nome era Mot(h)ell, realizzava solo cover sul genere new metal. Il gruppo, che già aveva partecipato a diversi concerti organizzati dalle scuole di Bologna, venne poi intervistato il 28 febbraio 99 da Cesare Fiumi, giornalista dei Corriere della Sera, intervista poi pubblicata su SETTE (inserto del giovedì del Corriere della Sera)del Marzo 99 e i MOT(H)ELL erano in prima pagina. Alla fine dell'anno scolastico '99 il gruppo si sciolse per poi ...


TAIKO TO TABLA

MusicPedia:

TAIKO TO TABLA (Giappone, Inghilterra) * The Beat of the World Progetto speciale percussioni con Joji Hirota, Peter Lockett e Marck Alcok. Il titolo della performance a cui si dedicano i tre percussionisti indica il percorso emotivo del gruppo e sta a significare la pulsazione, il battito della vita, nell' incontro tra musicisti di derivazione e formazione differenti. La musica è una miscela originale che associa i flussi e le vibrazioni del Giappone, India, Medio Oriente, Europa e America Latina, con un trattamento che prevede l' utilizzo di sonorità e strumenti sia antichi che moderni: il shakuhachi (flauto di bamboo), i grandi tamburi giapponesi, le tabla e un' ...


Taiko - Do

MusicPedia:

Taiko - Do Nel 1984 Rita Superbi, attrice dal 1979, incontra durante il Festival of Fools di Amsterdam il gruppo di percussionisti giapponesi Ondeko-za. La ricerca che fin dall'inizio ha improntato il lavoro nel teatro di Rita Superbi si basa sull'uso e lo sviluppo delle capacità espressive del corpo e della voce attraverso lo studio di varie tecniche. L'incontro con gli Ondeko-za si rivela quindi così importante che il segue in Giappone per approfondire questa particolare tecnica di percussioni. Tornata in Italia, lavora da sola per due anni, al chiuso e senza pubblico, riprendendo ed elaborando, per trovare un incontro tra ...


TAHITI 80/Puzzle

MusicPedia:

TAHITI 80 Puzzle Come se il recente debutto dei Phoenix non fosse bastato, adesso tocca ai Tahiti 80. Dopo aver impartito lezioni di technologia a mezzo mondo adesso i francesi ambiscono anche alla cattedra del pop. Formalmente impeccabile. Del tipo che di questi tempi capita di ascoltare sui dischi della Marina Records: pentagrammi armoniosi e nitidi, macchiati appena da quel gusto retro per la melodia che subito tira in ballo Brian Wilson. Qui avviene in Mr. Davies, spassoso inno al fondatore dei Kinks (che nella fattispecie va a giocare a squash con Ringo Starr!?) Un mondo senza increspature dove il dilemma ...


Taharma

MusicPedia:

Taharma Il gruppo Taharma, nasce come incontro di artisti provenienti da varie esperienze di espressione popolare, uniti dalla stessa passione per il Flamenco. Una passione che ha ben presto assunto le forme di una ricerca che partendo dalle lontane origini del canto e della danza andalusa è arrivata ad unire musica, movimento e canto senza disperderne la carica emotiva, nel tentativo di raggiungere il "Duende", incontro e partecipazione autentica di un sentimento. Taharma, più che un gruppo nel senso tradizionale del termine, è un progetto, un ensemble musicale, attorno al cui nucleo, composto dai musicisti Luigi Cardigliano (voce e chitarra) e ...


TAGO MAGO

MusicPedia:

TAGO MAGO (Bossa Nova Brasiliana) Gruppo formato grazie alla passione comune a tutti i componenti per il Brasile e la sua musica. Dai vari viaggi a Rio e dal continuo rapporto col grande paese Sud-Americano nasce l'idea di formare il gruppo rispettando la tradizione più popolare ed istintiva della musica Brasiliana che nelle voci e negli strumenti a percussione trova il suo massimo sfogo. I Tago Mago propongono una musica coinvolgente che, al ritmo a volte frenetico del samba, mescola raggae, afro, rap, ricreando un'atmosfera decisamente tropicale.


TAGLIA 42

MusicPedia:

Taglia 42 Sono di Bologna e nel giro di pochi mesi hanno conquistato il pubblico che segue la 'nuova' canzone italiana, pubblicato l'album d'esordio e preparato il Festival di Sanremo. Un successo fulmineo e meritato che si è fatto le ossa in lunghi anni di gavetta nelle retrovie. Luca, chitarra, è laureto in musicologia. Perez ha suonato la batteria con sua maestà Pino Daniele. Saverio, basso, ha collezionato una serie di successi come compositore per Stadio e Mango. Renato, anche lui con diverse ore di musica sulle spalle, si occupa di tastiere e campionamenti e Sara, grande fan di Prince, Incognito ...


TAGADA JONES

MusicPedia:

TAGADA JONES Gruppo importante e famoso punk/hardcore di Rennes/Francia e nato nel 1993. Il gruppo è composto da: STHEF (chitarra); PEPEL (basso); NICO (canto); BOIBOI (batteria). Più di 300 concerti in Francia, Olanda, Belgio, Spagna, Tchekish Rep.; Scizzera; Slovacchia ed Italia. Il gruppo ha suonato con GBH, Apartment 3G, Treponem Pal, One Way System ecc... Tagada Jones, un gruppo da non perdere!!! Suonano in Italia il 14/10 al CS GARIBALDI di Milano; il 15/10 a EL PASO di Torino; il 16/10 al MAGAZZINO 47 di Brescia; il 17/10 al TRIBAL PUB di Dronero (CN); il 19/10 al TROLL'S PUB di Montaldo ...


TADPOLES/Whirlaway

MusicPedia:

TADPOLES Whirlaway Tre album in studio, uno dal vivo ed un EP, tutti prodotti dal mitico Kramer (Shimmy Disc/Bongwater) hanno consolidato i Tadpoles come una delle più belle realtà della psichedelia americana dell'ultimo lustro, solido quartetto capace di mutare cifra espressiva nel volgere di pochi accordi, spaziando dallo space-rock più selvaggio al country folk più visionario, sulla scia di colleghi quali Meat Puppets, Screaming Trees e Flamin' Lips, per dare solo alcune coordinate sommarie. "Whirlaway" rappresenta il primo tentativo di affrancarsi dall'ala protettiva di Kramer (che li assiste nella registrazione di un solo brano) risultando al contempo l'album più tirato ed elettrico ...


Tadahiko Yokogawa

MusicPedia:

Tadahiko Yokogawa: Dive (Diw/Syun) Possiamo a buon diritto parlare di "eclettismo" anche nel caso di Tadahiko Yokogawa (del quale non sappiamo dirvi nulla; multistrumentista - in certi brani suona tutti gli strumenti - in altri si fa accompagnare da diversi ospiti, a proposito dei quali, vedi sempre sopra). Anche qui, si dovrebbe procedere ad una descrizione brano per brano: il pezzo omonimo è una ballata con chitarra acustica, tastiere e perfino corretto nel refrain, poi energizzata notevolmente dall'ingresso della batteria e da una chitarra rumorista e graffiante; la 2, sul ritmo di samba, è una canzoncina un po' alla Ymo; la ...


Tacchi alti vari/Tango

MusicPedia:

Tacchi alti vari - Tango (la Repubblica) CD n°30 della qualitativamente discontinua serie edita da quelli di 'Musica!', 'Tango' contiene 14 variazioni sul tema di questo 'pensiero triste che si balla', da un paio di assaggi di Carlos Gardel, riconosciuto come il più grande cantante del genere, fino ai 'moderni' Astor Piazzolla, Gato Barbieri, Caetano Veloso e Luis Rizzo. Allegato, il solito curato libretto (a volte un po' banalotto nei testi ma comunque...). Astenersi dall'acquisto (16.900 lire) metallari monouso e depressi cronici. "Così come una lucertola è il riassunto di un coccodrillo, un tango è il riassunto di una vita" (Paolo ...


TACABANDA/Razza Bastarda

MusicPedia:

TACABANDA Razza Bastarda Ma sembrano i Mau Mau, dice qualcuno. Errore, errore. Se alcuni elementi del suono possono essere in comune, è lo spirito a essere diverso, o a essere diventato diverso rispetto allo stesso passato del gruppo veneziano. L'ardore Venezia-polka di "Maramao" e la vitalità cosmopolita di "El Suk", i Tacabanda elettrificano e prosciugano la loro musica, rallentano sovente il beat e, soprattutto, si fanno sedurre dall'oscurità, quasi che sui cieli di Venezia, Barcellona e Atene fosse sceso un precoce, persino imprevisto, crepuscolo (o forse sono i Balsani a essere troppo vicini, sempre più vicini). "Razza Bastarda" è, fin dal ...


Tacabanda/El Suk

MusicPedia:

E' bello riascoltare un gruppo dopo qualche tempo e scoprire quanti progressi abbia fatto. I veneziani Tacabanda avevano esordito due anni fa con "Marameo", disco piacevole ma che li mostrava ancora vicini a modelli altrui e troppo fisarmonica-dipendenti. Li ritrovo oggi trasformati in una piccola orchestra che fa onore al suo nome con il violoncello al posto della fisarmonica e una sezione di fiati che è una vera bomba. Globalità etnica è il termine, banale ma appropriato, che si potrebbe usare per descrivere "El Suk", disco che viaggia a est e a sud di Venezia e che affascina per la ...


TACABANDA NEW

MusicPedia:

I TACABANDA nascono all'inizio del '93 a Venezia proponendo una musica che è stata definita nei modi più diversi: Venezia-polka, combact-folk, folk-rock, punkfolk, rock balcanico, etc. Al nucleo originale fondato da Roberto Gandolfo e Piero De Conciliis si sono aggiunti via via musicisti diversi, tanto che la formazione attuale risale all'autunno '95. Le tappe fondamentali del gruppo sono le seguenti: uscita del demo "AESI" nell'estate '93; uscita del CD "MARAMEO" nel febbraio '95 prodotto dall'etichetta indipendente Sraz Records di Marghera (VE) e distribuito dalla Flying di Napoli; esibizione live al programma SEGNALI DI FUMO su VIDEOMUSIC nel marzo 95, grazie ...


Tacabanda

MusicPedia:

Tacabanda Progetto musicale nato nel 1993, sviluppatosi da un'idea di Roberto Gandolfo(proveniente dagli "Sleepin' Fashion"), autore dei pezzi. Nei brani proposti i testi immediati spesso duri e provocantori, trovano giusto accompagnamento nelle sonorità da strada, volutamente rurali, create dalla miscela di chitarre classiche percussioni varie e fisarmoniche. Il progetto "A.E.S.I" si propone di sperimentare le possibilità degli strumenti classici ed acustici prendendo spunto da culture musicali diverse. Grande World Music Italiana.


TABULARAZA/OK

MusicPedia:

TABULARAZA Il nome del nostro gruppo è "Tabularaza" (condizione di partenza della mente umana priva di cognizioni e di condizionamenti) e con questo nome suoniamo insieme dall'ottobre del '94. Abbiamo cominciato ad esibirci dal vivo nel '95 nelle feste di paese, nei locali, all'aperto - abbiamo all'attivo circa una ventina di esibizioni live. Preferiamo dedicarci alla composizione di pezzi nostri, che eseguiamo in pubblico solitamente intervallati a diverse cover... ci piace il rock nel vero senso del termine, dalle origini ad oggi, dal grunge al melodico (quest'ultimo con le dovute eccezioni). Abbiamo partecipato anche ad alcune manifestazioni a premio vincendone una, ...


TABLE-S/T

MusicPedia:

TABLE S/T FRIDGE ZONE Disco affascinante questo esordio dei Table, trio svizzero dedito ad un'elettronica strumentale d'influenza new wave/kraut, tra Kraftwerk, Depeche Mode e drum'n'bass. 8 tracce dense di bassi synth e rumori electro, gelidamente tedesche e cupamente marziali ("F.Adler"), ma anche fascinosamente trip-hop ("I'd Be There", con la voce di Simona Foglia). Un disco oscuro, zeppo di suoni sintetici, echi e riverberi, vuoti di pressione e insistenze ritmico melodiche new wave fine anni '70, piuttosto decadenti e cinematografiche. Non è niente di nuovo, s'intende, ma mostra un gruppo in grado di progredire verso atmosfere interessanti e, soprattutto, versatile nell'accostarsi a ritmiche diverse, ...


TABLA BEAT SCIENCE/TALA MATRI

MusicPedia:

TABLA BEAT SCIENCE - TALA MATRIX (CD) - AXIOM,USA Torna la sigla prestigiosa della Axiom, etichetta capace oltre un decennio fà di convogliare numerosi musicisti rigorosamente "jazz", come il vetusto Pharahon Sanders o il chitarrista di Ornette Coleman, Ronald Shannon Jackson, in progetti "contaminati" da tensioni moderne, in una vera e propria mutazione generazionale che combinò tendenze e umori vari come il free, l'India, la "poetry", il ragga ed rap, aprendo così la mente ai musicisti come pure agli ascoltatori. E torna pure Bill Laswell che dell'Axiom fù il fondatore ed il fulcro; e quì sarebbe ben ora che qualcuno ammettesse ...


TABLA BEAT SCIENCE/Tabla Matrix

MusicPedia:

TABLA BEAT SCIENCE Tabla Matrix Abbiamo lasciato Talvin Singh in compagnia dei marocchini Master Musicians Of Jajouka, lo ritroviamo accovacciato insieme ai percussionisti indiani Zakir Hussein e Trilok Gurtu, con Bill Laswell in regia. Completano l'organico la voce di Ustad Sultan Khan e la batteria di Karsh Kale, anch'esse al servizio della grande madre del ritmo asiatico, la tabia. La cui pelle vibra così vicino alle pulsazioni drum'n'bass di Singh da rendere arduo in alcuni passaggi stabilire un confine tra uomo e macchina. Il gioco è sottile, il risultato caldo, molto fisico, lontano da certi vizi intellettuali dello stakanovista Laswell. Il ...


TABERNA MYLAENSIS/Fammi ristari

MusicPedia:

TABERNA MYLAENSIS Fammi ristari 'nto menzu di to brazza/Populu e santi Riscoprire meglio le radici storiche della nostra musica popolare non farebbe certamente male a tanti musicisti che banalizzano in contaminazioni etno-pop, un lungo lavoro di ricerca facendolo diventare sonorità di tendenza. Ecco, per chi vuole approfondire la ricerca della musica mediterranea in generale e siciliana in particolare, una ghiotta occasione con la ristampa per la prima volta in CD di due dischi fondamentali dei Taberna Mylaensis, fra i protagonisti di quella stagione felice del folk italiano di tre decenni fa. "Fammi Ristari 'Nto Menzu Di To Brazza" e "Populu E ...


TABERNA MYLAENSIS

MusicPedia:

TABERNA MYLAENSIS "L'anima du munnu" Commozione e bellezza. L'anima du munnu produce in tutto il corpo intense vibrazioni spirituali, fa sì che il ritmo e l'armonia penetrino entro l'anima conferendole armoniosa bellezza. La musica della TABERNA ci risucchia con la forza catturante di un incantesimo. Luciano Maio, con un timbro inconfondibile che dà alla sua voce le cadenze del Mito, trasfigura il canto, evoca in noi uno stato di ...


TABALÀ

MusicPedia:

TABALÀ (SENEGAL AFRICA) Nati a Dakar nell’87 i Tabalà sono uno dei giovani gruppi più noti dell’Africa nord occidentale. 5 anni di grande successo (concerti, Radio, TV) li hanno portati ad aprire i concerti di Youssou N’Dour, Baaba Maal, Super Diamono, The Boys ed altri. Il loro genere noto in Senegal come “mbalax” è una musica febbrile, provocante, che ha origini nei ritmi tradizionali ma che è accompagnata dagli strumenti della musica moderna: Batteria, Chitarra, Basso, Tastiere, Fiati, il tutto condito dalle secche scariche dei tamburi Sabar e dal borbottio sommerso del Tama.


Tabalà

MusicPedia:

Tabalà Uno dei giovani gruppi più noti del Senegal, si è trasferito recentemente in Italia, per proporre un genere musicale squisitamente africano che spazia largamente nell'afro-salsa stile Africando ispirandosi a un sound tipicamente senegalese molto orecchiabile e ballabile che trae origine dai ritmi tradizionali di questo paese, ma accompagnato dai tipici strumenti della musica moderna: batteria, chitarra, basso, tastiere, fiati, il tutto coronato da un ampio set di percussioni.


TABALA'

MusicPedia:

TABALA’ Uno dei giovani gruppi più noti del Senegal, si è trasferito recentemente in Italia, per proporre un genere musicale squisitamente africano che spazia largamente nell’afro-salsa stile Africando ispirandosi a un sound tipicamente senegalese molto orecchiabile e ballabile che trae origine dai ritmi tradizionali di questo Paese, ma accompagnato dai tipici strumenti della musica moderna: batteria, chitarra, basso, tastiere, fiati, il tutto coronato da un ampio set di percussioni.


TABALA

MusicPedia:

TABALA Uno dei giovani gruppi più noti del Senegal, si è trasferito recentemente in Italia, per proporre un genere musicale squisitamente africano che spazia largamente nell'afro-salsa stile Africando, ispirandosi ad un sound tipicamente senegalese molto orecchiabile e ballabile che ha origine dai ritmi tradizionali di questo paese, ma accompagnato dai tipici strumenti della musica moderna: batteria, chitarra, basso, tastiere, fiati, il tutto condito da un ampio set di percussioni.


TABACHE

MusicPedia:

TABACHE(Scozia) trio di giovani talenti scozzesi, tra i piu’ osannati del momento, con all’attivo due ottimi albums. eseguono musiche e canti tradizionali scoto irlandesi facendo largo uso di strumenti popolari


TAAKOMA

MusicPedia:

TAAKOMA Uno spettacolo delle più pure musiche e danze tradizionali del Senegal. Diretto da Mory Thioune, ex percussionista di Youssou N'Dour, il gruppo va in scena con gli strumenti tramandati dalla tradizione di diversi popoli che abitano l'Africa e offre una rappresentazione intensa della cultura del Senegal e dell'Africa in generale.


T.V. SMITH'S CHEAP

MusicPedia:

T.V. SMITH'S CHEAP - RIP...Everything Must Go! E a proposito di grandi canzoni, che dire della splendida Gary Gilmore's Eyes che T.V. Smith scrisse quando capitanava gli Adverts? Segue la solita storia di beautiful losers narrata con nobile umiltà all'interno del CD ed infine la pubblicazione di un album solo e di questo RIP, che contiene canzoni beat punk di notevole fattura. Quando le cose si fanno per il puro piacere di farle. New Ways Are Best...spero T.V., di cuore. A very english produca


T.V. KILLERS/Have A Blitz On yo

MusicPedia:

T.V. KILLERS - “Have A Blitz On You” (Estrus/Helter Skelter) Dopo aver setacciato la scena punk rock’n’roll scandinava, può anche darsi che (pur rimanendo nello stesso ambito musicale) sia giunto il momento di compiere razzie in un altro luogo geografico e non mi stupirei se la nazione prescelta fosse la Francia. Viene così spiegato il motivo per cui la Estrus mette sotto contratto i transalpini T.V. Killers, che non mi avevano troppo impressionato in occasione di “Fuckin’ Frenchies”, album pubblicato lo scorso anno, dove risultavano troppo standardizzati e con una carica esplosiva non sempre dinamitarda. Qui si producono in 28 minuti ...


T.V. KILLERS/FUCKIN' FRENCHIEs

MusicPedia:

T.V. KILLERS - FUCKIN' FRENCHIES (Total Heaven/Helter-Skelter) Chitarre a tutto e tipica impostazione di batteria e coretti à la punk americain che percorrono l'intero disco (ad eccezione della settima traccia 'Burn My Mind', leggermente più articolata e 'lenta'). Alcune canzoni, purtroppo, sono cantate in francese (il quintetto è di Bordeaux), il che fa lo stesso effetto di una pasta, fagioli und cotiche servita in una insalatiera d'argento. Vi piacerà (forse) se avete un debole per il punk yankee.


T.R.I.B.U'.

MusicPedia:

T.R.I.B.U'. Sul sentiero mistico deL dub Tribù è un gruppo nato dall'idea di più musicisti militanti da diverso tempo nel reggae veneziano in formazioni come Radio Rebelde, Mixtury, Kito Roots. Il denomintatore comune, o meglio la radice dell'ispirazione è il ritmo giamaicano, interpretato però in tutto il suo viaggio evolutivo: dal Nyabinghi al reggae più ballabile fino all'heavy step londinese e al dub più ipnotico. Proprio a causa di questa elasticità il genere proposto dai TRIBU' viene miscelato inoltre con influenze musicali come l'hip-hop italiano, l'ambient, la musica indiana e latino americana. A parte la precedente esperienza musicale dei singoli elementi, i ...


T.N.T.4

MusicPedia:

T.N.T.4 composto da : Giorgia Pierelli (voce), Michele Taglialatesta (batteria), Andrea Battistoni (basso), Matteo Sgrignani (Chitarra). Il Gruppo nasce come rock band che propone covers per lo più straniere, nel loro repertorio troviamo nomi di spicco come gli Skunk Anaise, A.Morissette, Anouk, Mr. Big, Irene Grandi, Elisa, Sherril Crow e altri. Caratteristiche peculiari della band sono la disinvoltura con cui riesce a passare da atmosfere soft ad altre di più forte impatto, e il sound potente che valorizza ogni loro esibizione. La band svolge una discreta attività live, e - grazie al demo registrato in studio – è riuscita a passare alle selezioni ...


T.N.T./demo tape autoprodotto

MusicPedia:

T.N.T. demo tape autoprodotto Ancora piuttosto acerbo questo lavoro d’esordio dei pesaresi T.N.T., ma allo stesso tempo ricco di spunti per il futuro dell‚indie-rock marchigiano. Giovanissimi alla loro prima esperienza Ludo, Max e David affrontano la materia con concentrazione, grinta e cura per i suoni del tutto personale. Le chitarre sintonizzate sulla frequenza lo-fi alla Lou Barlow e il caustico disincanto della voce, a tratti ingenuo, distribuiscono la franca attitudine del trio sui vari versanti del rock. Vagando ispirativamente dall’innocenza dei Beatles, a certa wave-psichedelica degli anni ‘80, fino all’alternative e al noise-pop dei Novanta, con felici intuizioni melodiche e una piccola ...


T.N.T. 4

MusicPedia:

T.N.T. 4 Il gruppo formatosi nel 1999 è composto da quattro musicisti, tutti appartenenti alla zona di Pesaro: Giorgia Pierelli al voce; Michele Tagliatesta alla batteria; Andrea Battistoni al basso; MAtteo Sgrignani all chitarra. I T.N.T. 4 nascono come una rock band che propone, per il momento covers per lo più straniere. I nomi di spicco nel loro reperterio sono: Skunk Anansie, A. Morissette, Anouk, Mr. Big, Irene Grandi, Elisa, Sherril Crow e altri. Caratteristiche peculiari della band sono la disinvoltura con cui riesce a passare da atmosfere soft ad altre di più forte impatto, e il sound potente ...


T.N.T. / demo tape autoprodotto

MusicPedia:

T.N.T. ˆ demo tape autoprodotto Ancora piuttosto acerbo questo lavoro d‚esordio dei pesaresi T.N.T. , ma allo stesso tempo ricco di spunti per il futuro dell‚indie-rock marchigiano. Giovanissimi alla loro prima esperienza Ludo, Max e David affrontano la materia con concentrazione, grinta e cura per i suoni del tutto personale. Le chitarre sintonizzate sulla frequenza lo-fi alla Lou Barlow e il caustico disincanto della voce, a tratti ingenuo, distribuiscono la franca attitudine del trio sui vari versanti del rock. Vagando ispirativamente dall‚innocenza dei Beatles, a certa wave-psichedelica degli anni ‚80, fino all‚alternative e al noise-pop dei Novanta, con felici intuizioni melodiche e una piccola dose di anarchismo i T.N.T ...


T.E.S.T. QUINTET

MusicPedia:

Si indica con il termine klezmez la musica popolare degli ashkenaziti di lingua Yiddish cioè di quegli ebrei che intorno all'anno mille si stabilirono in Romania e da lì, nei secoli successivi per effetto di persecuzioni, peste nera e difficoltà economiche emigrarono in Polonia, Lituania, Bielorussia, Ukraina, Moldavia, Ungheria e Romania, spingendosi fino in Italia e Olanda, per poi rifluire, in epoca recente, in America e Israele. Tramandato oralmente questo stile musicale che in origine aveva caratteri prettamente mitteleuropei, in seguito assunse elementi slavi e orientali fino a caratterizzarsi nella forma che ci è pervenuta all'inizio del '900. Il progetto ...


T.E.S.T. Orchestra

MusicPedia:

T.E.S.T. Orchestra (Italia) Formazione fiorentina composta da 11 elementi che propone un percorso storico-artistico nella cultura musicale ebraica evidenziando nel suo svolgimento gli aspetti tradizionali, le potenzialità elaborative e la sua incidenza nella storia della musica occidentale. Lo spettacolo segue gli spostamenti della musica klezmer in Europa centrale, per approdare negli USA dove ha contributo in maniera determinante alla formazione e allo sviluppo del jazz delle origini.


T.A.R.

MusicPedia:

“One Of The Strongest And Most Original Metal Debut Album Ever In The Swedish History”; questo è ciò che ho trovato scritto nella biografia allegata a “Fear Of Life” (Heathendoom\Audioglobe) dei T.A.R. D’accordo che le case discografiche facciano di tutto pur di vendere i propri prodotti, ma in questo caso, oltre ad aver citato una frase ormai consumata e banalissima, rischiano di sputtanare una band che, invece, pur non raggiungendo simili “onori”, è comunque degna di attenzione. Infatti, tenendo conto che sono all’esordio, occorre dire che hanno prodotto undici pezzi di metal potente, a tratti thrash, senza spingere troppo sull’acceleratore ...


T.4.5. TEA FOR FIVE

MusicPedia:

T.4.5. TEA FOR FIVE Luca Villani Chitarra, Stefano Guardigli Basso elettico, Simone Migani Tastiere, Claudio Malerba Batteria, Vincenzo Monetta Voce. Ensemble musicale di recente formazine che raccoglie musicisti provenienti da differenti espenenze artistiche nell'ambito della musica funk, rock e jazz. Il repertorio comprende interessanti ed originali interpretazioni di brani di artisti di caratura internazionale, dal rock dei Toto al funk-jazz di Miles Davis, passando per le suggestive atmosfere di Sting e le vitali ritmiche di Jamiro Quai o dei Weather Report. Il gruppo propone inoltre una serie di brani originali composti ed arrangiati dall'intera band, che si muovono attorno alle suggestioni ...


T-STREET BAND

MusicPedia:

T-STREET BAND - Tribute to Bruce springsteen In tourné dall'inizio dell'anno il gruppo sta portando il proprio show nei locali cult della musica live siscitandi l'entusiasmo degli appassionati Springsteeniani, oltre agli iscritti al fans club ufficiale italiano di Springsteen. Grande musica del rocker americano.


T-STREET BAND

MusicPedia:

T-STREET BAND Il progetto ambizioso della T-Street Band nasce dall'idea di portare nei locali il grande rock di Bruce Springsteen. Il repertorio è incentrato su quanto il Boss ha prodotto in più di venti anni di carriera, partendo da brani come Born To Run e Thunder Road (che hanno fatto cambiare un'intera generazione americana), fino a giungere alla celeberrima Born In The U.S.A. (che tutto il Mondo ha ascoltato). La T-Street Band include nel proprio repertorio anche brani meno famosi che per i fans del Boss sono comunque pietre miliari ed alcune ballads come Tougher Than The Rest e I'm On ...


T-POWER/LONG TIME DEAD

MusicPedia:

T-POWER - LONG TIME DEAD (CD) - BOTCHIT & SCARPER,UK >Quarto album da un autore trà i più impegnati e rispettati in Inghilterra. E, certamente il suo lavoro più atteso, visto che è in maturazione da più di tre anni. Marc Royal esordì "col botto", nel '94, con un remix d'un brano di Dj Trace. "Mutant Jazz" il titolo e lo ricorderete certamente per quel suo squassante basso viscerale. Poi, nella stagione repressiva del governo Major, realizzò la colonna sonora della rivolta urbana: "Police State", unico strumentale di protesta a memoria d'uomo! E' stato trà i primi a capire la fine ...


T-POWER/Funk Dental Higiene

MusicPedia:

T-POWER Funk Dental Higiene (Botchit & Scarper) 12” U.K. Dalla label della “nuova cosa” inglese. Ve l’avevamo già detto? Beh, non fa certo male ripeterlo. T-Power torna solista per l’occasione dopo il progetto Chocolate Weasel targato Ninja, e lo fa con due splendidi episodi di moderno funk derappato, per ballerini provetti all’occorrenza.


T-POWER

MusicPedia:

T-POWER (UK) DJ set - intelligent jungle/Nu-school breaks Grande maestro del taglia & cuci elettronico, T Power è un artista innovativo e poliedrico che nel corso degli ultimi cinque anni ha prodotto vere e proprie pietre miliari nell'ambito del drum and bass e del breakbeat. Sotto l'egida di T-Power ha realizzato due album e un mini lp per la Emotif-Sour di Londra. Il primo Lp, intitolato "The Self Evident Truth Of An Intuitive Mind" (1995), è considerato da tutta la critica musicale il capolavoro in assoluto della cosiddetta 'Intelligent jungle', cioè quel tipo di drum and bass non rivolto al dancefloor ma ...


T-ODIO /new

MusicPedia:

I T-ODIO nascono a Civitanova Marche (MC) nel novembre 1992 con Massimo Ferrara (Basso), Fausto Ferrara (Chitarra Solista), Fabio Grande (Batteria). Nel febbraio del 1995, dopo l'alternarsi di vari cantanti, e alcune apparizioni live, entra Simone Di Rosa alla voce e chitarra, e nel 1996 pubblicano il primo Demo CD autoprodotto registrato al Potiemkim Studio di "Andrea Mei" (GANG), ed editato presso l'"ESAGONO" di Rubiera da Fabio Frontera. Nel 1997 un brano di quest'ultimo (Devil's Fuck) viene inserito nella compilation "The Sounds of the Underground" prodotto dalla "Rodell Records" di L.Angeles. Nel 1998 firmano un contratto biennale con la "Statue ...


T-ODIO

MusicPedia:

T-ODIO I T-ODIO nascono nel novembre del ‘92 con Fausto Ferrara alla chitarra, Massimo Ferrara al basso e Fabio Grande alla batteria. Nel ‘94 entra nel gruppo Simone Di Rosa alla voce e chitarra, e nel ‘96 pubblicano il primo DemoCD autoprodotto, registrato al POTIEMKIN Studio di Andrea Mei (GANG), ed editato presso “L’ESAGONO” di Rubiera da Fabio Frontera. Nel ‘97 un brano di quest’ultimo (DEVIL’S FUCK) viene inserito nella compilation “THE SOUNDS OF THE UNDERGROUND” prodotto dalla Rodell Records di Los Angeles CA e distribuito a titolo promozionale negli States. Nel 1998 firmano un contratto con la Statue Records ...


T-MODEL FORD

MusicPedia:

T-MODEL FORD You Better Keep Still Si diceva del confronto generazionale: ecco il ritorno dell'anziano bluesman T-Model Ford, che già lo scorso anno s'era non poco distinto con Pee-Wee Get My Gun. Il nuovo You Better Keep Still ne conferma la natura sordidamente blues, facile da accostare a quella di celebrate leggende come R.L. Burnside e Junior Kimbrough (che, ricordiamo, è deceduto di recente), vista la propensione per una musica vissuta sul campo dove per intendersi, una nota fuori posto è quantomeno d'obbligo ogni quattro battute. Se per caso, in qualche momento della giornata, vi sentite perversi a causa dell'ultimo clip di ...


T-JAM

MusicPedia:

T-JAM Di certo una delle band più spettacolari e coinvolgenti del momento, con un repertorio estremamente trascinante, un impatto sonoro che li rende particolari nel panorama musicale italiano. Un sound ricchissimo di contaminazioni derivante dalle esperienze individuali. Il genere proposto è infatti una felice fusione tra Funky e Jazz, Rap e Soul, con l'uso dei campionatori e di tutta la tecnologia elettronica mirati ad un uso live (niente di pre-registrato), per un feeling diretto con il pubblico. Di fatto la T-JAM è una base ritmica incisiva e un vero e proprio gruppo di lavoro con brani originali formato da Franco Selleri, ...


T-CHORT

MusicPedia:

T-CHORT T-Chort, in lingua russa, vuol dire 'diavolo', ma in verità questi cinque stoners canadesi di 'satanico' hanno ben poco. Anzi, il loro hard rock, pesantissimo ma solare, si propone come strampalata colonna sonora delle più selvagge avventure alcoliche in compagnia dei vostri migliori amici. "The Heavens Are Showing.." sa infatti muoversi con disinvoltura lungo percorsi musicali differenti, attraverso una scaletta che alterna ciclopici groove (come la tellurica "Clopus Clan", con un cantato a la Black Sabbath), ad episodi aperti a varie contaminazioni, com'è stato per gli ultimi Melvins, ma senza quel carico di violenza, oscurità e disperazione che ha sempre ...


T IN THE PARK

MusicPedia:

T IN THE PARK SABATO 12 LUGLIO allo Slam Muzik Tent: DAFT PUNK, LAURENT GARNIER, DJ SNEAK, SLAM (Live Set), ANDY WEATHERALL, NIGHTMARES ON WAX, JAMES LAVELLE, JON CARTER e molti altri da annunciare. Al Main Stage: THE CHARLATANS, KULA SHAKER, DODGY REEF, THE DIVINE COMEDY, APOLLO FOUR FORTY e molti altri da annunciare. Al New Musical Express Stage: SHED SEVEN, PLACEBO, LONGPIGS e molti altri da annunciare. Domenica 13 Luglio: allo Slam Muzik Tent: CARL COX, BANDULU, STUART McMILLAN & ORDE MEIKLE, DEATH IN VEGAS, GLOBAL COMMUNICATIONS + DJ DEEP e molti altri da annunciare. Al Main Stage: OCEAN COLOUR ...


T Bone and his Jamaican Liberat

MusicPedia:

T Bone and his Jamaican Liberation Orchestra Il nome della band non è casuale, gli ispiratori infatti sono i padri dello "ska jamaicano" legati a quel filone definito "jamaican jazz" ovvero Tommy Mc.Cook, Rolando Alfonso, Baba Brooks, ecc. fondatori di SKATALITES e molte altre "orchestre da ballo" che si formarono alla fine degli anni 50 in Jamaica. L'orchestra di sei elementi, è guidata dal trombonista Gigi "T.Bone" De Gaspari già membro di Bluebeaters e Africa Unite (ed ha inoltre collaborato con: Vinicio Capossela, Gino Paoli, Ornella Vanoni, Casino Royale, Scisma....) che nei ritagli di tempo si dedica a questo ...


Syx/ON THE TAKE

MusicPedia:

Syx "ON THE TAKE" Extreme - Di sicuro vi starete chiedendo come mai nel titolo ho tralasciato "Shake" e "Secret"Žbhe ve lo spiego un'altra volta. "On The Take" ottimo e abbondante , un vinile da acsoltare e comprare , vedrete il botto che farà tra poco. Idea vincente con un tiro da far paura , pungente , aggressivo e allo stesso tempo un tot Avanti . Complimenti a M.Braccagni e M. Boscolo.


Syx

MusicPedia:

Syx " Ep " Extreme Prog Italica di discreta classe questa che vede Braccagni & Boscolo in azione per questa stranotissima Label specializzata sul genere . Che dire ? Questi suoni hanno fatto la storia e spesso è un piacere risentirli anche se devo ammettere che un pizzico di creatività in più certo non avrebbe guastato ... Godibili la Shake e la On the take ( Max Mix ).


System Shock

MusicPedia:

La System Shock (Audioglobe) compie opera buona e giusta ristampando "Obedience Thru Suffering", il debutto dei monolitici Crowbar. Superfluo ricordare che la colata lavica di slow hardcore e sludge metal è il loro piatto forte; riff granitici, ritmiche minacciose e andatura da bulldozer.


SYRUP/Solid gold asstro soul

MusicPedia:

SYRUP Solid gold asstro soul Scooch Pooch Records/Epitaph Questi quattro mentecatti con il cappellaccio da vaccaro ed i jeans a zampa d'elelfante arrivano dalla Florida. Figli di un vecchio hippie strafattone e sdentato, a cui hanno rubato dall'armadio i pochi stracci appesi, nascondono tra le pieghe dei gilet di pelle le loro canzonette scriteriate della domenica. Non bisogna prenderli troppo sul serio, in fondo sono quattro bravi ragazi arrivati da Tallahassee, un buco di città dalle profonde paludi, piene zeppe d'alligatori e d'altre bellissime, nonché pericolosissime, meraviglie della natura. Fortemente saldati ad un southern groove, con influenze che vanno dagli Stooges ...


SYRIA/Metroland I

MusicPedia:

SYRIA - “Metroland I” (Hyperium/Audioglobe) Al di là di un logo pressoché identico a quello che campeggiava sulla copertina di “Vision Thing” dei Sisters Of Mercy (un nome a caso?), occorre ammettere che i Syria di Christian Dörge sanno catturare l’ascoltatore con una ragnatela fatta di atmosfere suggestive e malinconiche e grazie a soluzioni strumentali soft jazz, dark electro wave e gothic rock. Appurato ciò mi chiedo il motivo per cui abbiano deciso di infilare riff metal in “A Cup Of Tea” e perché mai si lascino prendere dalla follia di clonare la band di Andrew Eldritch in “Queen City Jazz” ...


SYRIA/Come Una Goccia d'acqua

MusicPedia:

SYRIA Come Una Goccia d'acqua Syria è una che sta fuori dal coro. Dal coro delle sue coetanee, irretite da un modo di fare musica omogeneizzato come le pappine dei bambini. A 23 anni è difficile cantare come si faceva vent'anni fa, con il cuore e con il senso della melodia, senza mediazioni elettroniche ed ammiccamenti commerciali. Difficile la vita dell'interprete, per sua stessa ammissione: "Oggi quando uno scrive una bella canzone se la tiene". Ma per quest'album di sane melodie all'italiana si sono scomodati Biagio Antonacci, che oltre a produrre ha anche scritto tre canzoni, Marco Liverani (suoi i brani ...


SYRIA

MusicPedia:

SYRIA Sono nata sotto il segno dei pesci, il 26 febbraio 1977. Fin da bambina canto d'istinto tutto quello che mi piace , poi , un po' più grande, mi esibisco in giro per i locali di Roma, per divertimento, senza alcuna ambizione se non quella di star bene e far star bene, senza minimamente pensare a diventare una cantante professionista. Ho appena terminato la maturità artistica e sono combattuta tra l'Accademia d'Arte Drammatica e l'Università. In attesa di decidermi, continuo a cantare. Poi per puro caso e all'improvviso, nel '95, Claudio Mattone, che mi conosceva da tanto, alla ricerca di ...


Synthetic Zoo/2

MusicPedia:

Il debutto dei Synthetic Zoo uscì con quattro copertine diverse e altrettanti titoli, ma fu il solo segno distintivo, in quanto l’impressione diffusa era di un insieme confuso, che non poteva certo ricondursi a un’ipotetica genialità, ma nascondeva pochezza di idee. A più di due anni di distanza il duo torna a farsi sentire con “Bedroom With Sounds” (Sub/Mission-Audioglobe), che rappresenta un passo in avanti. Nulla di stratosferico, ma almeno si costruiscono un’identità; il fatto che poi essa sia fortemente debitrice nei confronti di Sister Machine Gun, Die Warzau e Final Cut è un altro discorso. I ritmi sono ...


SYNTHETIC ZOO

MusicPedia:

SYNTHETIC ZOO Influenzati dalle frange più rumorose ed aggressive della scena elettronica anglo americana, ed in particolar modo da gruppi quali Young Gods e Nine Inch Nails, i veneti Synthetic Zoo sono nati nel 1992 dal sodalizio artistico tra Paolo De Gregorio (alias Mr. Grieves) ed Enrico Carminati (Matey), ancora oggi unici titolari di questo caparbio progetto espressivo. Dopo aver partecipato alla prima edizione dell'ormai prestigiosa rassegna trevigiana "Ritmi Globali", la band ha firmato un contratto con l'etichetta fiorentina Sub/Mission (emanazione dell'Audioglobe), per la quale nel 95 ha pubblicato l'album d'esordio "Hatchpatch", realizzato con la collaborazione di Paolo Favati dei Pankow ...


SYNERGETIC PHOMONANIE III

MusicPedia:

SYNERGETIC PHOMONANIE III Evan Parker con Jin Hi Kim, George Lewis, Thebe Lipere, Carlo Mariani, Sainkho Namchylak, Walter Prati, Marco Vecchi, Motoharu Yoshizawa In questo album pubblicato nel 1996 una incredibile congregazione di talenti musicali suona strumenti altrettanto incredibili: imbumbu, komungo, launeddas, canto sui sovratoni, electronics, computer e così via. L' album documenta uno storico progetto di due giorni voluto dallo stesso Parker e tenutosi in Austria nel 1993.


SYNCROMATIC DUBSTERS/Tornado Wa

MusicPedia:

SYNCROMATIC DUBSTERS Tornado Warning Un dub liquido ed elegante è l'ingrediente principale di questo esordio in casa Elektrolux, tuttavia ancora sufficientemente originale per meritarsi una segnalazione di merito. Le melodie galleggiano in bella evidenza e creano deliziosi quadretti a tinte pastello, abbastanza inusuali nel mondo del dub che finisce con l'essere spesso scuro e tenebroso in contrasto con certa dance esplicitamente ridanciana. Pezzi come Youth, To Delite o Rub-A-Drop sono semplicemente rilassanti e infondono sensazioni ottimiste all'ascoltatore, 7 Miles High ha un beat soave e disorientante, Querida Cubana introduce elementi ritmici latini e nel finale Blossom è un pezzo che riesce ...


SYNAPSES/Synapses IV and V

MusicPedia:

SYNAPSES Synapses IV and V (CD Selektionl 2t - 73:33 Synapses è un duo formato dai francesi Eric Cordier (già con UNACD e qualche anno fa autore in proprio dell'ottimo Houlque) e Jean Luc Guionnet, responsabili di giganteschi e stupendi assemblaggi strumentali, differenti strumenti a corda, percussioni e risonatori metallici interconnessi tramite corde di violoncello, contrabbasso e chitarra ed amplificati da microfoni a contatto appositamente costruiti in modo che ogni singola oscillazione, sollecitazione ed azione da parte dei performers provochi di rimando una serie di eventi sonori interessanti. Insomma un vero e proprio extended instrument che risuona in tempo reale, senza ...


SYMPTOMS/Symptoms

MusicPedia:

SYMPTOMS Symptoms Colin Newman nonostante il ritorno dei Wire non perde tempo comunque a piazzare un bel colpo per la sua label con la scoperta del giovanissimo Klaus Ammitizboll in arte Symptoms, un ventitrenne di Copenaghen che si è ingozzato di svariate forme musicali ascoltando da "Siamese Dream" degli "Smashing Pumpkins" a Labradford passando per Angelo Badalamenti; con questi presupposti, chiuso nella sua stanzetta con il supporto di un PC e una chitarra sforna questo destabilizzante lavoro. Il supporto elettronico è fondamentale, basi giaciali su ritmi acerbi in "Burn" vengono scaldati dai toccanti disegni melodici della chitarra, la cura dei suoni ...


SYMPOSIUM/Farewell To Twilight

MusicPedia:

SYMPOSIUM Farewell To Twilight (Infectious) Triste a dirsi, ma dopo gli Ash la Infectious non ne ha beccata una (qualitativamente parlando). I Symposium vendono camionate di singoli, sono coccolati allo sfinimento ma al sottoscritto sembrano dei Supertramp melodici. Bah...


Symposium

MusicPedia:

Symposium Sono londinesi, non hanno ancor realizzato dischi ma se li sono contesi in molti (l'ha spuntata l'Infectious, etichetta degli Ash). Visti dal vivo ricordano una versione più feroce dei primi.Blur. Una band su cui puntare. Drink the sunshine (Infectious). (3/5)


SYMPHORCE/Truth To Promise

MusicPedia:

SYMPHORCE Truth To Promise Ormai già da qualche anno la Germania detiene lo scettro di patria del Classic Metal. Stavolta, la scuola tedesca ci propone i Symphorce con questo Truth To Promises, 10 tracce che spaziano tra sonorità hard e arrangiamenti epic anche grazie a un ottimo uso delle tastiere. Brani come la title-track, Drifted, e Retracing The Line viaggiano sul classico territorio hard rock. L'ascolto si fa invece più interessante in Across The Plains e Circles Are Broken, che si apre con un intro di chitarra acustica per poi crescere su una robusta struttura ritmica alla ricerca di soluzioni più ...


SYLVIAN & FRIPP

MusicPedia:

SYLVIAN & FRIPP Dopo la pubblicazione del loro magnifico The First Day, nella primavera del 1993, David Sylvian e Robert Fripp hanno intrapreso un lungo tour attraverso America settentrionale, Giappone ed Europa conclusosi alla fine dell'anno. L'album dal vivo Damage documenta l'energia e il fascino di quei concerti e conferma ancora una volta la classe di questi due straordinari musicisti, che rappresentarono il fulcro creativo rispettivamente dei leggendari Japan e King Crimson. Accompagnati in tournée da strumentisti di valore (Trey Gunn, stick; Pat Mastelotto, batteria; Michael Brook, chitarra), Sylvian e Fripp offrono prestazioni di altissimo livello, esaltate da una qualità sonora ...


SYLVIA HALLETT

MusicPedia:

SYLVIA HALLETT : Skimming (Mash Productions) Già coinvolta in progetti quali Still Mauve, British Summer Time Ends, Arc e Accordions Go Crazy, Sylvia Hallett approda ora alla prima opera solista, dove raccoglie gran parte dei lavori commisionatile da compagnie teatrali e di danza, sotto forma di canzoni, di libere invenzioni o di collages per nastri magnetici. Il risultato va ben oltre il consueto bricolage casalingo di tanti incalliti "sperimentatori", ponendosi ai vertici nell'ambito di simili produzioni : oltre a modulare la voce in maniera eccellente, la Hallett usa con buona padronanza il violino, la ...


sylvester revueltas

MusicPedia:

Sono nato a Santiago Papaschiaro a Durango il 31 dicembre de 1899, si trova penso vicino alle montagne poichè il mio primo e più vivido ricordo di fanciullo è di un viaggio attraverso la Sierra legato alla schiena di un mulo, ero proprio piccolo, mentre dormivo su una tenda sulla terra e mentre cacciavo uccelli con la fionda e mentre raccoglievo le more all'alba e ascoltavo i lupi durante la notte. Mi è stato lasciato da quel tempo, mi ritrovo da quell'esperienza un amore impulsivo e umile per i pini , le montagne, l'orizzonte. Più tardi vivendo ad ...


Sylvano Bussotti

MusicPedia:

Sylvano Bussotti - Firenze - I (1931) Compositore, pianista, regista e scenografo italiano. Tra i lavori più rappresentativi nella prima fase dell'attività di Bussotti è il ciclo 'Pièces de chair II' per pianoforte, due voci e strumenti (1958-60); in anni successivi, accanto alla rinuncia ad alcune singolari ma isolate esperienze di notazione grafica (come negli ermetici 'Sette fogli' del 19-59, per organici diversi)7 si fa più evidente il recupero dell'eredità ideale di Mahler, Berg e Puccini della polifonia italiana e di altre esperienze, piegate sempre al gusto per estenuate morbidezze7 a una concezione del suono come evento magico. Una delle più ...


SYLVAIN CHAUVEAU/Livre noir du

MusicPedia:

SYLVAIN CHAUVEAU Livre noir du capitalisme Dopo Webcam, progetto extraMicro:mega di Fred Luneau, tocca ora all'altra metà della formazione di Toulouse, Sylvain Chauveau. Ambizioso e sottile il titolo, la citazione è solare, "Le livre noir du capitalisme", con cui non si documentano deportazioni o stermini di massa ma s'evocano altrettanto colpevoli annientamenti individuali in nome dell'apparentemente unica, possibile 'ideologia' di questi tempi. E' un album di una tristezza infinita, solitaria, romantica, perduta, con piano e violino ad esemplificare meglio del resto una rabbia trasfigurata in interiore davvero straziante malinconia, un rancore che nell'impotenza crepita disperatos che se ha qualche episodio puramente ...


SYD FLOYD

MusicPedia:

SYD FLOYD I Syd Floyd sono un gruppo formato da 4 ragazzi di Roma che ripropongono i brani della celebrata band inglese ripercorrendone la storia musicale fin dalle lontane origini barrettiane. Nei loro spettacoli sono presenti le più famose hits del periodo di Syd Barrett come See Emily Play, Astronomy Domine o Arnold Layne; brani meno famosi della discografia floydiana come Point me at the sky o Corporal Clegg; le grandi suites come Atom heart mother o Echoes; i grandi classici della discografia dei Pink Floyd, come Time, Wish you were here, Shine on you crazy diamond, Comfortably numb ets.. etc.. ...


SYCAMORE TREES

MusicPedia:

SYCAMORE TREES Sycamore Trees sono un quartetto proveniente da Modena. Il loro "Happiness", registrato quando ancora erano in tre, è stato uno dei CD-R più interessanti che ci sia capitato di ascoltare in questi ultimi mesi. Grazie ad un repertorio composto da brani elettroacustici che sanno tanto di frontiera americana, la band è riuscita a trasformare in punto di forza anche un problema come la mancanza di un batterista. «Inizialmente si è trattato di una pura contingenza. Registrando "Happiness", però, ci siamo accorti che il sound non ne risentiva più di tanto, e anzi abbiamo capito quale poteva essere la nostra ...


SYBIL/IN A SMALL TOWN

MusicPedia:

SYBIL - IN A SMALL TOWN (Green Records - 1998) Frutto di una joint-venture tra la Candy Apple di Alessandria e la Green Records di Padova - due piccole indies che si muovono con autorevolezza ai margini del mercato ufficiale delle major - il debutto su mini-cd dei genovesi Sybil è uno dei dischi più interessanti ascoltati da diversi mesi a questa parte in Italia. In a small town che raccoglie 7 brani - 6 composizioni originali più la cover di Asleep degli Smiths - è uno di quei lavori che di tanto in tanto riaccendono fiducia nelle potenzialità dei gruppi ...


Sybil/2

MusicPedia:

I nostrani Sybil, al debutto con l'EP "In A Small Town" (Candy Apple\Green Records) dimostrano di saper modellare a proprio piacimento la materia, grazie a indubbie qualità, che permettono loro di scrivere canzoni che non "fanno una piega". Accattivanti, suadenti e intelligenti; insomma: indie-pop-rock con voce femminile e che mette in rima melodia e malinconia.


SYBIL

MusicPedia:

Sybil Quasi tutti voi avete ascendenze sonore piuttosto rumorose (punk, hardcore). Come siete finiti a suonare una musica così sommessa? Mauro: "Ero stanco di suonare musica dura, pesante. Ho interpellato Sandro, gli ho fatto sentire le cose più 'emo' dell'hardcore tipo i Junction e sono riuscito a convincerlo a tentare una strada nuova anche rispetto alle sue passioni punk. Poi sono arrivati l'autorevole Franco, uomo della 'generazione precedente', e Laura, cantante 'per esperimento'. La cosa ha funzionato e ci ha appassionato subito. La stranezza è che molti gruppi a cui siamo stati paragonati, tipo i Drugstore o gli Smog li abbiamo sentiti ...


SX-10/Mad American Dog

MusicPedia:

SX-10 Mad American Dog Chi segue il crossover da vicino attendeva questo disco da tempo. Gli SX-10, ovvero il gruppo di Sean Dog dei Cypress Hill, ma soprattutto una side-band di tutto rispetto impreziosita da partecipazioni decisamente altisonanti: Dj Muggs, Ray Oropeza dei Downset, gli Everlast, Mellow Man, Rude Dog. Insomma una sorta di supergruppo temporaneo. Ci si aspettava una nuova formula crossoveristica, un nuovo modo di concepire e ridefinire il connubio tra rap e metal, dagli SX-10. Ed invece tra le mani c'è solo un ottimo disco di rapcore canonico. C'è più l'esperienza dei Downset e dei primi Clawfinger che ...


SWINGLE SINGERS

MusicPedia:

SWINGLE SINGERS Formazione vocale costituita da Ward Swingle agli inizi anni ’60 a Parigi poi trasferito a Londra. Il gruppo si compone di un doppio quartetto con otto vocalisti educati secondo i canoni della tradizione vocale inglese . Su questa tradizione Swingle ha incentrato la sua ricerca stilistica, introducendo e definendo quell’ormai inconfondibile “sound” che lo caratterizza. L’attività dei Swingle Singers potrebbe riassumersi nel seguente mòtto: “cantare una musica eseguendola come fosse suonata”.


SWINGIN’ UTTERS

MusicPedia:

SWINGIN' UTTERS A Juvenile Product of the Working Class (Fat Wreck) Checchè ne dicano Massimino D'Alema o Walter Veltroni (il ministro di noi gggiovani!), la cosidetta working class o, per dirla in italiano, il sottoproletariato operaio, esiste ancora e non è affatto morto, seppellito dal progresso tecnologico degli ottanta. Almeno secondo i californiani Swingin' Utters, band, ovviamente, punk-Oi che si è accasata presso la Fat e che, tramite la stessa, pubblica questo primo disco. Un suono che naturalmente strizza l'occhio alla tradizione '77 ed anche, ad esempio, alle più recenti, produzioni BYO come sembrano testimoniare brani come "No Time to Play", "London ...


SWINGING TRIO

MusicPedia:

Lo "SWINGING TRIO" è formato da: Andrea Dondi al pianoforte, Paolo Mozzoni alla batteria, Enzo Frassi al contrabbasso. Esegue sia brani originali che standards jazz di T. Monk, B. Evans, Mc Coy Tyner, H. Silver, M. Davis, C. Parker, etc. L'intenzione del gruppo è quella di mettere in evidenza l'aspetto ritmico dell'esecuzione, alternando quindi a brani swing o ballads, tempi latini o puramente africani. Il gruppo è nato da poco tempo; il pianista ed il batterista lavorano comunque assieme già da anni ed hanno suonato in numerosi clubs italiani e all'estero, Svizzera e Germania. Andrea Dondi, di professione regista teatrale, ...


SWINGING JAJA

MusicPedia:

SWINGING JAJA soul-funky Muscolo chitarra, voce Bibi batteria Barratova basso Pompignoli sax tenore Frama sax


SWINGIN' CLASSIC QUINTETTO

MusicPedia:

SWINGIN' CLASSIC QUINTETTO Il Quintetto Swingin' Classic, composto da clarinetto, sax contralto, fagotto, contrabbasso e batteria, è nato con l'intento di coniugare lo swing ai brani di grandi autori classici. Le esecuzioni sono il frutto di un'attenta ed accurata ricerca musicale, nell'adattare ed elaborare i brani, abbinata - a parere di critica - a "spontaneità, naturalezza e fresca improvvisazione". La formazione è compsta da: Gaspare Tirincanti (Clarinetto), Lino Brandolini (Fagotto), Renzo Angelini (Sax), Glauco Oleandri (Batteria), Caffiero Gobbi (Contrabbasso). Nel repertorio del Quintetto troviamo, fra le altre, riletture di famosi brani di autori quali Albinoni, Piazzolla, Beethoven, Gershwin. ...


Swingin' Cheese

MusicPedia:

AA.VV. Swingin' Cheese (Irma) Mo'Plen 2000 (Irma) Mo'Plen 3000 (Irma) Easy Tempo Vol. 1-3 (Right Tempo) Beat at Cinecittà (Crippled Dick) I Told You Not to Cry (Crippled Dick) L'unico programma decente che si possa ascoltare alla radio in questa assurda estate del 1997 è The Cocktail Shaker, un'ora di easy listening, groovy jazz, soul pop e colonne sonore condotta dalla deliziosamente odiosa Miss B su Radio Capital. Lo stile (non solo musicale) più trendy del momento - persino più trendy di jungle, drum'n'bass e trip hop messi insieme. Un genere che, a seconda delle sfumature che assume, può essere definito exotica, lounge music, cocktail music, space ...


SWINGIN UTTERS

MusicPedia:

SWINGIN' UTTERS "Five Lessons Learned" Le due facce di un hardcore che guarda ostinatamente al passato: da una parte gli Swingin' Utters, 'inglesi' di San Francisco, dall'altra gli Snuff, inglesi veri col cuore in California (una militanza nell'hardcore nel caso degli Snuff addirittura decennale). Tra le folte schiere degli appassionati più giovani, quelli arrivati all'Hardcore dopo il successo di NOFX e similia, ecco la possibilità di conoscere due bands che nel campo dell'Hardcore melodico vantano ormai, nel bene e nel male, una consolidata militanza. Gli Swingin' Utters non mi hanno mai fatto impazzire. Da anni tentano goffamente di suonare come gli UK ...


SWERVEDRIVER/Wrong Treats

MusicPedia:

SWERVEDRIVER "Wrong Treats" Un nuovo straordinario incastro nel magico puzzle dell'arte postpsychedelica degli Swervedriver, famoso quartetto di Oxford diretto dal cantante Adam Franklin e dal chitarrista Jimmy Hartridge. "Wrong Treats" l'unico titolo già conosciuto, tratto dal loro ultimo LP "99th Dream" disegna arcobaleni sonori, saturi di elettricità, che irradiano stupende visioni di rock spaziale. La floydescente "Homeless Homecoming" registrata alla fine di agosto 98 individua i segni evolutivi del futuro del gruppo più contemplativi e siderali: un vero diamante allucinogeno carico di cellule lysergiche avvitate su mistici vortici di chitarre metallifere. L'epilogo del disco è affidato a "Chateau In Virginia Waters" onirica ...


SWERVEDRIVER

MusicPedia:

SWERVEDRIVER "99th Dream" Soltanto quattro album a loro nome in quasi un decennio di musica mettono a fuoco due fattori nella carriera degli Swervedriver: ci sono forze esterne che impediscono una produzione più copiosa di dischi - come dimostra il passaggio dalla Creation alla Geffen, il rapido distacco dalla major, ma c'è pure l'intento di fare musica che ha bisogno di tempo per trascenderlo. Questo quartetto di pesci fuor d'acqua sta fissando nuovi standard. Sotto questo punto di vista "99th Dream" - da un pezzo di Bob Dylan - non è soltanto interessante,i è entusiasmante. Le tracce forse meno complesse del solito, ...


SWERSEDRIVER

MusicPedia:

SWERSEDRIVER - Mezcal HeaD Psichedelia ma con gli attributi -come dicono gli analfabeti pennugolovendoli del calcio quando vogliono dire 'i controcoglioni'-, rock aitante che fa ciao ciao con la manina al blues dipinto di blues. Roca messa a fuoco del già buon esordio, MH (bel titolo!) doppia bellezza e successo con classe ed inventiva. "L'ultimo treno per Satansville"? Suvvia Swerves, hai voglia quanti ne passano Mexcalli Quezcoatl, h!lexcalli cabeza.


SWELL/FEED

MusicPedia:

SWELL FEED (Beggars Banquet) Immagino che David Freel sia rimasto completamente solo nel portare avanti gli Swell. Lui , la sua inconfondibile voce tra il trasognato e lo "scafato", la sua chitarra acustica e l'immaginifica chitarra elettrica strana e straniante a scartavetrare le ballate composte dal nostro. In questa nuova fatica (e immagino che per questo piccolo eroe sia proprio questo il termine più adatto da usare riguardo ai suoi dischi). Si aiuta con una batteria elettronica o campionata e con delle tastiere che a volte impreziosiscono, ma, purtroppo, altre volte abbruttiscono e buttano nell'anonimato ...


SWELL/Feed

MusicPedia:

SWELL Feed Non certamente una band prolifica quella di Swell. Tre album seminati in una carriera lunga otto anni. Una conferma che arriva da questo nuovo lavoro, solo sette le tracce, di cui una peraltro proposta in due versioni, poco meno di mezz'ora di musica. Numeri che, lungi dal dimostrare aridità creativa, indicano l'importanza che la formazione di San Francisco attribuisce alle canzoni che finiscono sui propri dischi rifinendo il materiale al punto da sfiorare la perfezione nel risultato finale. Lavori quelli di Swell che ancora una volta aiutano a dimostrare, se qualcuno ne sentisse il bisogno, di come si possa ...


SWELL/4

MusicPedia:

SWELL Il gruppo nasce alla fine del 1999 con l’intento di proporre dal vivo cover di band quali Pearl Jam, Bush, Nirvana, classici del rock e brani propri, il tutto adattato anche in versione acustica. Gli Swell sono Carlo Spinaci (voce e chitarra), Carlo Ciarrocchi (chitarra e voce), Michele Pierini (basso) e Michele Marozzi (batteria). Inf. 0349-3123797 e-mail radioattivo@infinito.it


Swell

MusicPedia:

SWELL Il gruppo nasce alla fine del 1999 con l’intento di proporre dal vivo cover di band quali Pearl Jam, Bush, Nirvana, classici del rock e brani propri, il tutto adattato anche in versione acustica. Gli Swell sono Carlo (voce e chitarra), Carlo (chitarra e voce), Michele (basso) e Michele (batteria). Inf. 0349-3123797 e-mail radioattivo@infinito.it


SWEETWATER DIXIELAND BAND

MusicPedia:

SWEETWATER DIXIELAND BAND La SWEETWATER, dedicata a Louis Armstrong, si ispira allo stile delle piccole orchestre che si incontravano nelle strade di New Orleans. Queste parate musicali, le „street parade‰, venivano utilizzate per le feste pubbliche come il Mardì Gras, per le manifestazioni, e a scopo pubblicitario: l‚arrivo o la partenza di un battello, campagne elettorali, o l‚apertura di un nuovo locale. L‚orchestra, fondata nel 1996 da Michael Supnick, è ormai nota nei locali romani con il suo seguito di appassionati. Il suo primo CD è uscito nel settembre del 1997. Ha partecipato a numerose manifestazioni pubbliche e private in tutta l‚Italia, ed anche a scopo sociale come all‚interno di ...


Sweet Talks

MusicPedia:

Gli Sweet Talks sono più che una hand. Sono un'istituzione, una scuola per i musicisti Highlife del Ghana, una comunità che comprende la maggior parte dei musicisti siel paese. Il loro nome è stato imitato e rubato; ci sono stati "Sweet Beam" e i ;'Talkative Serene'. Ma c'è stato un solo gruppo a chiamarsi Sweet Talks! L'Highlife è un genere musicale dell'Africa Occidentale popolare in tutti i paesi anglofoni, dalla Nigeria al Ghana e alla Sierra Leone. E' suonato in due modi differenti e da due formazioni tipo: l'Highlife da ballo, la cui orchestra fa uso degli strumenti a fiato ed ha ...


Sweet Singing HARMONY HARMONEER

MusicPedia:

The Sweet Singing HARMONY HARMONEERS Formazione Gospel proveniente da Atlanta Georgia, formatasi nel 1976, originariamente come trio, su iniziativa dei fratelli Calvin, Andrew e Willie Turner, ma soprattutto imperniata sulla personalità del Reverendo Calvin Turner. Nonostante i membri fossero tutti molto giovani, da subito la scelta è di proporre un repertorio esclusivamente a-cappella adottando uno stile di canto ispirato ai canti delle piantagioni dei loro padri, pur introducendo anche caratterizzazioni originali. Nel giro di pochi anni, il gruppo collabora e si arricchisce di nuovi elementi, fino all’attuale formazione di quintetto. Nel 1979, sotto la direzione di Melvin Turner e ...


Sweet Pea

MusicPedia:

Gli Sweet Pea di “Chicks Hate Wes” (Trance Syndicate/Wide) ci costringono a parlare di noise rock intransigente; il suono è volutamente caotico, pieno di distorsioni e rumorismo strumentale, ma se riuscirete a sopravvivere alle parti di pura “deformazione musicale” scoprirete gemme di incontaminato Noise! I punti di riferimento sono i primi Swans e i loro seguaci, Melvins e Neurosis o i compagni di scuderia Crust! L’allucinate “Borealis” chiarisce che la parola compromesso non fa parte del vocabolario della band texana, mentre “Bug Spray” e “Sueño House” potrebbero essere nate da una session tra Unsane e Dazzling Killmen. Se desiderate farvi ...


SWEET 75/Sweet 75

MusicPedia:

SWEET 75 Sweet 75 (DGC) Yva Las Vegas, arriva da Caracas, Venezuela, da anni suona come street busker, ovvero come musicista itinerante per le strade di Seattle. Il suo repertorio varia dalle cover di Cat Stevens alla musica latino-americana e caraibica. Krist Novoselic lo conosciamo da tempo. I due si sono conosciuti ad un party di compleanno, hanno incrociato i loro background e formato una band rompendo le convenzioni post-grunge e sostituendole con un nuovo sound ibrido proveniente dalla sponda opposta a quella dei Foo Fighters. Ecco gli Sweet 75. Lontano dal creare un sequel dei Nirvana, Novoselic e Yva hanno messo ...


Sweet 75

MusicPedia:

La storia ormai ha gia fatto il giro del mondo. Tre anni fa, rincasando la sera del suo compleanno, Krist Novoselic trovò ad attenderlo un regalo affatto insolito: una giovane busker di origini venezuelane ingaggiata appositamente dalla moglie Shelli quale attrazione principale del piccolo ricevimento domestico organizzato per festeggiarlo. Sarebbe stato proprio quello il primo passo della sua nuova vicenda artistica, del gruppo che l'ex bassista dei Nirvana e Yva Las Vegas - questo il nome della sua intrattenitrice in quella circostanza - avrebbero organizzato di lì a poche settimane, e non prima di aver preso in considerazione l'ipotesi di ...


Sweet & Blues

MusicPedia:

Sweet & Blues L'esperienza dei "Sweet & Blues" nasce nel '98 ed offre al pubblico un repertorio di cover e brani originali a metà strada tra la Black Music e la Musica Leggera. Si classificano secondi allo "Spring Music Festival '99" al Temple Bar di Pescara e ad "Esplorazioni Musicali '98", ed il loro brano "Luna Selvaggia" è presente nel C.D. Compilation della manifestazione. E' del gennaio '99 il loro primo demo chiamato semplicemente "Sweet & Blues" con la partecipazione di Carlo Porfirio (batteria) e Marco Salvatore (sax soprano). Partecipano all'Aventino Blues Festival '99" e si esibiscono con successo in numerosi ...


Sweepers

MusicPedia:

Sweepers Prendere o lasciare: o li ami a prima vista o li odi vita natural durante. Per il sottoscritto è stato amore a prima vista, anche se l'atteggiamento snob scatena oscure tentazioni. Ma quando c'è la stoffa tutto si perdona, anche ai figli dei fiori nell'età cyber. Sembrano ispirarti dal post punk inglese, di quegli stili emersi in un'area indefinita tra Manchester, Leeds e Liverpool, quando da quelle parti pulsavano cervelletti genialoidi che si facevano chiamare Sectin 25 e Gang of Four. Però hanno l'anima punk e ibridano i resti del grunge al beat acidulo in odore di flower-power, con frasi semplici ...


SWEEP THE LEG JOHNNY/‘sto cazzo

MusicPedia:

SWEEP THE LEG JOHNNY ‘sto cazzo! Southern Già dall’attacco di The Fine Wrinkles; We Have All Of Them la band cerca di portare in alto la tensione sonora. L’impatto è puramente live e rende onore a questo gruppo molto preparato sia dal punto di vista tecnico-strumentale che compositivo, l’unico difetto che gli si può imputare è quello che a volte nel connubio di questi due pregi si lasciano prendere la mano e così cadono nel progressive tronfio, forse anche per l’uso scelleratamente invadente del sax (strumento – peraltro- da orticaria per il sottoscritto). Comunque l’esperienza live di questi ...


SWEEP THE LEG JOHNNY/Sto Cazzo!

MusicPedia:

SWEEP THE LEG JOHNNY Sto Cazzo! Dopo aver apprezzato la raffinatezza del titolo (si vede che sono stati in tour in Italia e che hanno appreso le parole chiave della nostra lingua...) passiamo adesso ai contenuti. Giunti alla prova del loro terzo album, adesso possiamo finalmente affermare che gli STLJ sono in realtà una band progressive. Tecnicamente si dovrebbe chiamare math rock ma l'ispirazione è legata strettamente a una concettualità progressive. E come se avessero intrapreso un viaggio a ritroso che parte dai Don Caballero per arrivare fino ai Van Der Graaf Generator. Il fragore, la quadratura della loro musica ci ...


SWEEP THE LEG JOHNNY/Sto Cazzo

MusicPedia:

SWEEP THE LEG JOHNNY “Sto Cazzo!” (Southern/Wide) E hanno pure messo il punto esclamativo! I quattro ragazzi di Chicago devono essere rimasti affascinati da questa colorita espressione di italica provenienza per sceglierla addirittura come titolo del loro terzo album. Forse si tratta della stessa esclamazione (nell’accezione che indica sorpresa) che potrebbe uscire dalla bocca di chi ha appena finito di ascoltare “Sto Cazzo!”, appunto. Sorpresa, dacché avevo lascito gli Sweep The Leg Johnny alle prese con un buon lavoro (“Tomorrow We Will Run Faster”), ma non tale da farmi perdere la ragione e ora li ritrovo molto migliorati. Non è che ...


SWEEP THE LEG JOHNNY /Sto Cazzo

MusicPedia:

SWEEP THE LEG JOHNNY - Sto Cazzo (Southern/Wide) Perfino Evan Dando ha chiamato un suo brano 'Cazzo di ferro', figurarsi se val la pena scomporsi per cotanto titolismo italiano. E che dire poi del bestemmione che campeggiava su un vecchio singolo dei Birthday Party? A Chicago, piuttosto, la fanno difficile e riscrivono il core (core de Chicago me la perdonate?) con mentalità (e q.che ottone) jazz. Le bordate punky sparate con l'alzo consapevole, il bersaglio ben piantato su un binocolo da Marina. 'SC' è un rettangolo squarciato da centinaia di rette che si incrociano tra di loro, con la voce relegata ...


SWEEP THE LEG JOHNNY

MusicPedia:

SWEEP THE LEG JOHNNY - “Tomorrow We Will Run Faster” - (Southern\Wide). Ancora Chicago e un altro buon lavoro (il secondo dopo il recente “4/9/21/30” per gli STLJ), seppur non eguagli i Lustre King. Pur provenendo dalla città dell’Illinois è curioso come - dovendo trovare un nome a cui accostarli - il primo che mi venga in mente sia quello dei parigini Prohibition! Sarà per il fatto che condividono parentele con Fugazi, June Of ’44, ecc., sarà per l’uso del sax o sarà semplicemente per un comune approccio emotivo alla composizione, comunque sin dall’iniziale “Early October” (così come in “Skin”) avverto ...


SWEEP THE LEG JOHNNY

MusicPedia:

SWEEP THE LEG JOHNNY (Southern Rec. Chicago) La scena emo-post rock di Chicago presenta gli Sweep The Leg Johnny, quattro ragazzi che hanno esordito con 2 lavori x Southern Rec. etichetta sulla quale già incidono Karate e Ui. Il suono della band è caratterizzato da stacchi, cambi di tempo e improvvisazioni quasi jazzate... ma non si tratta di musica "matematicizzata", l'emotività è trasmessa dal contrasto tra la malinconia e l'aggressività del cantato e delle tessiture del sax! La stampa musicale li ha apprezzati sin dagli inizi, paragonandoli a June Of '44 e Karate. Da non perdere il 1° tour europeo!


SWEEDER/Swallowed By The Sun

MusicPedia:

SWEEDER - Swallowed By The Sun (Monitor/Wide) Il pop-rock si è talmente espanso e contaminato negli ultimi vent'anni che corsi e ricorsi, cicli e bicicli sono all'ordine del giorno. Se, ad es, rispolverando i vecchi album di famiglia (zii minori, fratelli maggiori, nonni vitaminici, mamme non ancora tali), vi trovaste in presenza di band come i Passions (o i più 'sporchi' Altered Images fino, toh, agli zuccherosi Dream Academy), non potreste fare a meno di apprezzare il loro pop limpido, fatto di ballate lineari impreziosite da un fraseggio chitarristico geometrico e cristallino e di una voce femminile adamantina. Brani come 'I'm ...


SWEARING AT MOTORISTS/Number Se

MusicPedia:

SWEARING AT MOTORISTS Number Seven Uptown Il duo che fa capo a Dave Doughman e Don Thrasher in un certo senso riprende la filosofia dei pop cuts lasciateci in eredità da Sebadoh e Guided By Voices senza per questo ricalcarne il percorso. Le loro canzoni si susseguono rapidamente tra dolenti slow motion e balzelli ritmici di estrazione sixties, morbide figure indie e ispirati strumming: sono ballate da una stanza da cogliere al volo prima che queste svaniscano; sono emozioni bruciate in pochi istanti, se non proprio interrotte. Gli SAM ci regalano ancora una volta una raccolta di miniature punrissime che non ...


SWEARING AT MOTORISTS More song

MusicPedia:

SWEARING AT MOTORISTS More songs from the mellow struggle Secretly Canadian A Dayton, Ohio, se si hanno gli amici giusti ed un quattro piste ci si può ritrovare la mattina presto già con una bottiglia di whisky ed una chitarra, pronti per partire per un viaggio nell'altra America, cullati da quel country-rock a bassa fedeltà al quale basta poco per coinvolgere i passanti in improbabili "insulti agli automobilisti". A voce molto bassa. O a piu voci armonizzate sul momento. Per strada si ascoltano gli Smog e i Guided By Voices di Robert Pollard e poi si suona insieme ripensando ai Buffalo ...


SWAYZAK/Himawari

MusicPedia:

SWAYZAK Himawari Tranne il fatto che si tratta di un duo londinese, artefice di un disco Snowboarding in Argentina - già nel 1998, poco è dato sapere degli Swayzak. Nome sibillino e identità vaga. Per loro parla la musica: il dub elettronico che apre Himawari ("girasole" in giapponese) potrebbe bastare da solo. Nobilitato dall'orazione profetica e solenne del veterano reggae Benjamin Zephaniah, Illegal è il tassello mancante nell'ultimo album dei Leftfield. Poche altre voci umane in gioco, che non siano campionate: quelle femminili di J. B. Rose e Kirsty Hawkshaw, quest'ultima impegnata a disegnare l'esile melodia di State of grace, disinvolto ...


SWAYZAK/2

MusicPedia:

SWAYZAK UK - Live set - techno/house/dub Gli SWAYZAK sono un duo inglese di Londra che incide per l'etichetta nu-house Pagan Records. Attivi dal 1997 sono uno tra i gruppi di punta della nuova scena elettronica inglese definita 'nu-house', che vede tra i gruppi migliori Aqua Bassino, Faze Action, Basement Jaxx, House of 909. Gli Swayzak sono autori del meraviglioso "Snowboarding In Argentina", Lp d'esordio del 1998, salutato dalla critica inglese come il lavoro più innovativo dell'house inglese di quell'anno. Autori anche di svariati singoli e partecipazioni in compilation (Terry Francis "Archichetures" e Nuphonic Beats), sono il tipico gruppo innovativo che parte ...


SWAYZAK

MusicPedia:

SWAYZAK UK - Live set - techno/house/dub Gli SWAYZAK sono un duo inglese di Londra che incide per l'etichetta nu-house Pagan Records. Attivi dal 1997 sono uno tra i gruppi di punta della nuova scena elettronica inglese definita "nu-house", che vede tra i gruppi migliori Aqua Bassino, Faze Action, Basement Jaxx, House of 909. Gli Swayzak sono autori del meraviglioso "Snowboarding in Argentina", Lp d'esordio del 1998, salutato dalla critica inglese come il lavoro più innovativo dell'house inglese di quell'anno. Autori anche di svariati singoli e partecipazioni in compilation (Terry Francis "Archichetures" e Nuphonic Beats), sono il tipico gruppo innovativo che parte ...


SWAYZAC

MusicPedia:

SWAYZAC Duo interessantissimo formato da James Taylor e David Browne che da tre anni propone un nobile crossover in bilico tra le più recenti sonorità Electroniche e il passato anche e soprattutto in questo album che gli permette di esplorare dignitosamente varie situazioni. " Himawari " è un opera omnia realizzato in 18 mesi grazie anche all'ausilio e alla collaborazione di Benjamin Zephaniah ci dona vere perle di passato futuribile quali " Illegal " che era anche il singolo che ha di poco preceduto l'uscita dell'album , " State of Grace ", " Mysterons " , " Japan Air " ...


Swartz

MusicPedia:

Swartz è noto soprattutto ome bassista, viste le sue collaborazioni con i migliori tra i chitarristi della scena jazz: Jim Hall, Pat Metheny, Mick Goodrick, John Scofield, John Abercrombie, Mike Stern, Gene Bartoncini, Leni Stern ad altri ancora. Oltre che in qualità di sideman, Harvie Swartz è apprezzato leader e compositore che ha maturato la sua esperienza al fianco di James Moody, Michael e Randy Brecker, Don Grolnick, Mark Murphy, Paquito D'Rivera e Dave Samuels; ha inciso ben sette album in duo con Sheila Jordan e suonato in tre dischi di James Brown. A Roma il bessista si presenta in ...


SWARAJ Club culture

MusicPedia:

ADF ASIAN DUB FOUNDATION agatha presenta residenza italiana del club SWARAJ Club culture anglo asiatica in tempo reale questo è lo SWARAJ. L'Asian Underground nasce come necessità espressiva dei figli della prima generazione di asiatici emigrati nel Regno Unito. Una reazione come ha spiegato Nitin Sawnhey, nata anche dalle angherie razziali subiti per le strade, nate dalla stereotipizzazione dell'immagine dell'emigrato asiatico. Uno degli stereotipi più forte in occidente è quello dell'indiano buono, pacato e saggio. Niente di più fittizio! La musica nata dall'unione dei suoni e dei ritmi asiatici con la tecnologia occidentale (e la culture dei club londinesi), è politica ...


SWANS/intervista

MusicPedia:

SWANS Neurosis, Melvins, Godflesh, Tool, Cop Shoot Cop e centinaia di altre band annoverano tra le principali influenze gli Swans, che, con un ultimo album “Soundtracks For The Blind” e il tour appena effettuato, si accingono a scrivere la parola fine, dopo averci regalato pagine di musica memorabili. La loro parabola ascendente inizia nel 1982 con sonorità post punk, monolitiche e ultra estreme, ma poi, considerando la caratura di un personaggio come Michael Gira (“Volevo sfidarmi e mettermi alla prova”), hanno ridefinito il proprio sound, anche grazie a Jarboe, la quale ha donato un tocco etereo alle composizioni. Il valore qualitativo, ...


Swans/2

MusicPedia:

Swans Soundtracks for the Blind. Fra gli innumerevoli progetti in qualche modo riconducibili all'ampia e frastagliata "area grigia" della cultura industriale, davvero pochi sono quelli il cui apporto può dirsi a tutti gli effetti storicamente significativo: gli Swans fanno sicuramente parte di tale sparuto drappello. E' quindi con particolare emozione che abbiamo seguito il succedersi, con articolata grandiosità, delle ventisei tracce che compongono questo doppio album, presentato come testamento conclusivo del gruppo (siamo certi che di Michael Gira si sentirà comunque ancora parlare): quasi un riassunto delle radicali e contrastanti modalità espressive di quasi tre lustri di indefessa attività, dai ...


SWANS Filth/Body To Body, Job T

MusicPedia:

SWANS Filth/Body To Body, Job To Job (Young God/Goodfellas) La ristampa dell'intero catalogo, rappresentativo di quella che è stata l'imprescindibile storia di una tra le migliori band che mai siano esistite, si conclude con un primitivo ritorno alle origini della specie. Ovvero ridando splendore ai primi lavori degli Swans, 'Filth' e 'Body To Body, Job To Job', ormai diventati merce rara e che invece meritavano di tornare a essere reperibili per chiunque volesse iniziare a imparare o semplicemente ricordare senza doversi affidare a vinili ormai consumati o a nastri registrati. Nell'edizione preparata dalla Young God (l'etichetta di Michael Gira) 'Filth' viene ...


SWANS buono

MusicPedia:

THE SWANS "Soundtracks for the Blind" Young God L'epopea Swans firma il suo epilogo. Non meglio chiarite sono le motivazioni che hanno portato il combo newyorkese a tale fatidica decisione. E volendo imbastire delle congetture queste certo non troverebbero terreno nell'ipotesi di un declino creativo dal momento che "Soundtracks for the Blind" è un lavoro grandioso e 'terribilmente' ispirato, senza dubbio una delle loro cose migliori da qualche anno in qua, perquanto a contenuto fortemente eterogeneo. Ma qualunque sia la causa della parola fine, siamo comunque convinti che una scelta del genere non sia stata tra le più facili per M. Gira ...


SWANS

MusicPedia:

SWANS Die Tür Ist Zu (RTD) Esce per una piccola etichetta tedesca questo "Die Tür Ist Zu" ("La porta è aperta"), penultimo capitolo della vicenda Swans. Nel corso degli anni, il gruppo di M. Gira è passato dal proto-grind di "Cop" e "Young God" al noise-folk epico di "White Light from the Mouth of Infinity", "Love of Life" e "The Great Annihilator". Il disco si apre con la lunga suite ambient-noise di "Ligeti's Breath" che si trasforma in "Hilflos Kind" una canzone in cui Gira si confronta con la lingua tedesca. (Sembra quasi uscita dal songbook di Kurt Weill). Esperimento che viene ...


SWAMP TERRORISTS/Five In JapAN

MusicPedia:

SWAMP TERRORISTS - "Five In Japan" - (Sub/Mission-Audioglobe) Ane H., il cantante degli Swamp Terrorists, mi aveva anticipato, nel corso di un'intervista di un anno e mezzo fa, che avrebbero registrato un live album e che ciò sarebbe avvenuto in terra giapponese, luogo ricettivo non solo nei confronti di power metal, prog e chitarristi esibizionisti, ma anche verso una miriade di altri suoni e vi basti pensare ai terrificanti gruppi noise-rumoristi nipponici! Comunque sia la formazione svizzera dimostra di riuscire a creare un buon coinvolgimento dal vivo, rendendo più metal e meno "machine dipendenti" i brani, pur se, così facendo, risultano ...


Sven Vath

MusicPedia:

Sven Vath Produttore, Dj, discografico, è l'animatore della scena di Francoforte, dove suona abitualmente i venerdi all'Omen, discoteca ricavata sotto un parcheggio. Suona una techno che, come dice lui stesso, vuole creare un ponte tra gli aborigeni australiani, il tibet e le metropoli dell'occidente. Consigliato l'album The Arlequin, The Robot And The Ballet Dancer.


SUZANNE VEGA/Solitude Standing

MusicPedia:

SUZANNE VEGA Solitude Standing Raccolta di poesie, racconti e testi di canzoni inedite che l'artista ha pubblicato proprio in questi giorni in Italia per casa editrice Minimum Fax (Sotterranei ˆ 28.000 lire). Duecentottanta pagine per scoprire le tante facce di una delle più note folk singer contemporanee, alla ricerca dei segreti che si celano dietro le sue strofe spesso enigmatiche: dai pensieri adolescenziali di un'inedita SUZANNE "maschiaccio" che fa a pugni con i ragazzi del quartiere alle poesie giovanili, dai recenti racconti inediti alle impressioni raccolte in giro per il mondo durante le tournée. I reading di SUZANNE VEGA saranno tradotti ...


SUZANNE VEGA/new

MusicPedia:

SUZANNE VEGA "Tried & True" Suzanne da giovanissima ha frequentato il circuito intellettuale e musicale del Greenwich Village di New York e ha diviso il palco dei soliti club con folksinger di ventura come Jack Hardy, Frank Christian e Tom Intondi. Non ha mai rinnegato quella stagione e quell'ambiente, anche se, da un giorno all'altro, le sue canzoni hanno preso il volo. Tutto merito di brani azzeccati come "Luka" e dischi fortunati come "Solitude Standing" che hanno lanciato la cantautrice oltre il ghetto del folksong, verso un ascolto popular decisamente più ampio. Del resto il background di Suzanne Vega è sempre ...


SUZANNE VEGA

MusicPedia:

SUZANNE VEGA La Tournée estiva di questa grande artista americana prevede il 25 Luglio a Calais in Francia; il 26/7 a Nyon in provincia di Palbo; il 28/7 alla DAS FEST di Carlsruhe in Germania; il 29/7 al WHITE ROCK PAVILLION di Hastings in Inghilterra; il 30/7 al DACORIUM PAVILLION di Hempstead di Hemel; il 31/7 a DERNGATE a Northampton in Inghilterra; l'1 Agosto a DRANOUTER in Belgio; il 2/8 al PAVILLION THEATRE di Worthing in Inghilterra; il 3/8 al MILL STREET di Cork in Irlanda.


SUZANNE SAVIANE & BAND

MusicPedia:

SUZANNE SAVIANE & BAND(Galizia) eccezionale cornamusista galiziana assorta a grande fama sulla scia del piu’ noto Nunez. Ha un ottima band ed un grande CD d’esordio


SUZANNE MC DERMOTT

MusicPedia:

SUZANNE MC DERMOTT (US.A.) Songwriters/Folk/Guitar/Vocol. Cantautrice classica alla Joni Mitchell, Rickie Lee Jones, possiede una voce chiara e una comunicativa musicale innata, il finger-picking e il suo stile chitarristico trasporta il pubblico in un'atmosfera spirituale ed ipnotica. Persona dal notevole carisma, nata in Pennsylvania ha esordito a soli 15 anni nel mitico Main Point. Diverse e variegate sono le sue esperienze lovorative in campo musicale e artistico; ha lavorato al "Mc Cabe's Guitar Shop" di Santa Monica (California), è stata per due anni segretaria di Sarah Voughan, come delegata U.S.A. ha curato la realizzazione in Congo di un progetto Jazz ...


SUZANNE LANGILLE & LOREN MAZZAC

MusicPedia:

SUZANNE LANGILLE & LOREN MAZZACANE CONNORS 1987-1989 Suzanne Langille e Loren Mazzacane Connors fanno coppia nella vita di tutti i giorni così sulla scena. Voce dolente e commossa lei, chitarra scarna e meditabonda lui, i due appartengono a quella innumerevole schiera di artisti ai quali si arriva quasi sempre in maniera trasversale: il suggerimento di un appassionato di cose ultra underground, una citazione sibillina, un credito colto su dischi altrui (i Sonic Youth Thurston Moore e Lee Ranaldo, insieme a Jim O'Rourke, sono forse i nomi più noti fra quelli con i quali il chitarrista newyorkese ha collaborato lungo la sua ...


SUXESS/2

MusicPedia:

SUXESS Secondo recenti studi dei soliti ignoti luminari della medicina, per avere successo si dovrebbe non fumare, non bere alcolici, mangiare poco e far ancor meno sesso, ed avere un'intensa attività fisica. E come ricompensa di tutto 'sto penare, magari ti chiami pure Giorgio Mastrota..


Sux/Contatto Cuorestomaco

MusicPedia:

Sux! Contatto Cuorestomaco Buona parte della recente intervista agli Afterhours verteva sulle difficoltà del passaggio dal cantato in inglese a quello in italiano. Un disagio che, al pari degli Afterhours, vive anche questa band emergente chiamata Sux. Provenienti per tre quarti da uno dei segreti meglio custoditi della sotterranea scena milanese psichedelica degli anni ottanta i Sundowner, i Sux riescono effettivamente a conciliare con qualche difficoltà l'uso della lingua italiana con il rock, ma, nonostante la discrasia derivante da questo sforzo adattivo i Sundowner, of course, cantavano in inglese il loro disco è poco meno che splendido. Credetemi, al livello delle proposte ...


SUX!/Di fronte al civico 13

MusicPedia:

SUX! – Di fronte al civico 13 (Santeria) Dopo “Contatto Cuore-Stomaco” del 98 i Sux! cambiano direzione. Lasciano la distribuzione di una major per passare a quella di una etichetta indipendente, ben sapendo che le idee, se sono buone, possono essere veicolate con sapienza senza l’appoggio di colossi che, spesso, si trasformano in pesi insostenibili. Così dopo due anni passati a suonare dal vivo, ad aprire i concerti di Six Minute War Madness e Afterhours, i Sux! hanno trovato anche il tempo di registrare le nuove canzoni che compongono questo disco dal titolo piuttosto particolare, legato alla situazione delle sessions, incise ...


SUX!/DI FRONTE AL CIVICO 13

MusicPedia:

SUX! "DI FRONTE AL CIVICO 13" SANTERIA/AUDIOGLOBE Nati dalle ceneri dei Sundowner, i Sux! esordiscono nel '98 con "Contatto cuore-stomaco", album che riesce a richiamare su di se l'attenzione degli addetti ai lavori e a far guadagnare alla band copertine su riviste specializzate e qualche apparizione televisiva. Dopo vicissitudini di ogni sorta, non ultima la ricerca di una nuova label, "Di fronte al civico 13" vede la luce a tre anni di distanza dall'album d'esordio. L'impressione che se ne ricava è che il quartetto abbia raggiunto una notevole maturità riscontrabile nella musica quanto nelle liriche. Arrangiamenti particolarmente curati e una attenta ricerca ...


SUX!/CONTATTO CUORE-STOMACO

MusicPedia:

SUX! - CONTATTO CUORE-STOMACO (LILIUM/SONY) Attivi dal '96 con questa ragione sociale, i milanesi Sux! - recentemente rinsaldatisi sotto forma di quartetto con l'ingresso di un secondo chitarrista - affondano in realtà le proprie radici in una delle esperienze più interessanti dell'underground meneghino della scorsa decade. All'epoca si chiamavano Sundowner, cantavano in inglese e non facevano mistero di nutrire un'autentica ammirazione per i suoni americani "acidi" del deserto ed in particolare per la band simbolo del desert-rock stelle e strisce degli anni '80 ossia i grandissimi Thin White Rope. Pubblicarono anche un disco nel '92 Heliotrope, che purtroppo - nonostante la ...


SUX

MusicPedia:

SUX Gruppo rock milanese con un grande bagaglio di esperienze, ex Sundowner, ha all'attivo numerosi concerti ed un CD dal titolo "Heliotrope", pubblicato nel 1992 con consenso di critica e pubblico. Nel 1994 un progetto parallelo ai Sundowner, gli Echidna, impegna prima Giorgio poi Christian nella registrazione e conseguente promozione "live" del CD "Echidna" pubblicato nel 1995. I SUX! nascono ufficialmente all'inizio del 1996, dalle ceneri dei Sundowner e degli Echidna e si muovono in un ambito musicale che va dal cupo incedere di ritmiche ipnotiche a furenti esplosioni ritmico/chitarristiche, da ritmi dispari e strutture ubriache a dialoghi "televisivi" di chitarre ...


SUTURA CYBERFUNK

MusicPedia:

SUTURA CYBERFUNK Il volo pindarico dell'immaginario cyberfunk riscopre e ridona nuova linfa a Star Trek, Jesus Christ Superstar, Prince, Earth Wind & Fire, James Brown, Tramps, Tina Turner, Stars Wars, Silvester, Temptation, Rod Stewart, Barry White, Imagination, Michael Jackson, War nella visione onirica e sensata di SUTURA. SUTURA ha creato CYBERFUNK. " Il palco come cyberspazio. Il pubblico come conduttore. Gli uomini dei colori nel vuoto della matrice. Pensiero e azione si trasformano in campi di luce che riverberano e pulsano nel balenio multimediale-sinergico del movimento ritmico. Suono, immagine, rumore: tutto sparato e compresso in una entrata di massa ...


SUTURA

MusicPedia:

SUTURA La sutura è un'azione meccanica, e il ricongiungimento di due parti, è un atto di volontà. SUTURA prende, plasma, smonta e rimonta l'immaginario collettivo per poi ricucirlo, con grossi ed evidenti punti incrociati. Il progetto SUTURA visualizza ed anima suoni, rumori, immagini ed azioni. SUTURA è una macchina spettacolare che olia i suoi ingranaggi multimediali nella poderosa cultura di massa. L'emozione scaturisce dall'immaginazione. SUTURA scuce e ricuce, novello Prometeo, irriducibile Barone Frankenstein alla ricerca di una Creatura nuova, diversa, unica: comune. Nulla si crea, nulla ri distrugge; tutto SUTURA trasforma. L'energia e il dinamismo dell'effetto scenico veicolano la melodia e ...


SUTEKH/Periods.Make.Sense.

MusicPedia:

SUTEKH Periods.Make.Sense. Sutekh, stimato Dj di Oakland, rappresenta qui al suo esordio su "Forece Inc-Mille Plateaux", il lato minimal techno dell'etichetta, con profonde basslines non dissimili da certe cose Chain Reaction (la deliziosa terza traccia per esempio). Non si tratta però di un disco ripetitivo, o di pura techno-ipnosi; Period Make Sense, pur caratterizzato dalle forme più astratte dell'elettronica digitale, ha sufficienti variazioni al suo interno, tra microscopie, "noisescapes", e consueti "glitches", da risultare piuttosto godibile.


SUSY RENZI QUARTETT

MusicPedia:

SUSY RENZI QUARTETT Dal sodalizio artistico della sensibile cantante milanese con il pianista Antonio Zambrini, nasce un incontro con il contrabbassista di Aosta, Maurizio Bucca e l'energetico Ferdinando Faraò alla batteria. Il bellissimo sound di ognuno si fonde per dar luogo ad una formazione originale, che lascia spazio alle raffinatezze armoniche e melodiche e di improvvisazione. Grande creatività e sensibilità nelle interpretazioni di alcuni famosi standards jazz, uniti a brani inediti d'autore evidenziano la grande preparazione artistica dei quattro musicisti. Il progamma prevede anche diversi brani di Duke Ellington, del quale ricorre quest'anno il centenario della nascita. Formazione: Susi Renzi (voce); ...


SUSUMU YOKOTA/Zero

MusicPedia:

SUSUMU YOKOTA Zero Susumu Yokota, qui al terzo album per questa etichetta, dopo "1998" e "1999". "Zero" è un disco di house assolutamente classica, molto ispirato nel feeling, che si segnala soprattutto per l'uso oculatissimo degli inserti vocali e per gli arrangiamenti dei fiati, eleganti ed estremamente incisivi. Il primo pezzo, Go Ahead, è già perfettamente rappresentativo in tal senso; lo seguono a simili livelli di qualità Music, emotivamente molto forte, e Into The Sky, lanciata in orbita da coretti estatici, mentre Could Heaven Ever Be Like This è guidata da una voce solista ricca di soul. Ma accanto a episodi ...


SUSUMU YOKOTA/SUKURA

MusicPedia:

SUSUMU YOKOTA - SUKURA (CD) - SUBLIME, UK Con la pubblicazione odierna si conclude l'ideale trilogia ambient di questo produttore giapponese che, nell'ultimo decennio, ha prodotto ben 11 album, destreggiandosi arditamente tra techno e house. Con "Images 1983-98" dell'anno passato aveva intrapreso un viaggio a metà strada trà ricorsi e nostalgia, riprendendo alcune sue brevi composizioni per chitarra e organo. Rifatte dapprima in otto tracce di elettronica sublimata e subliminale, nell'album seguente ("Magic Thread") le rielaborava ulteriormente, estremizzando i concetti precedenti in nuove registrazioni dove sperimentava i suoni estrapolando tutto il possibile in un melànge trà ambient e techno. L'odierno ...


SUSUMU YOKOTA/SAKURA

MusicPedia:

SUSUMU YOKOTA - SAKURA (CD) - LEAF,UK Sakura è il nome d'un frutto dalla breve fioritura nell'estate nipponica; Yokota è invece una oramai storica certezza. Conosciuto fuori dalla sua patria per i lavori "house- oriented" come gli album "1998", "1999" e l'ultimo "Zero" uscito pocanzi per la Sublime, lo confermano come uno dei più intelligenti produttori di nuovi suoni in circolazione. Autore d'un revival disco mai scontato e che ha oramai preso pienamente piede nelle pop-charts internazionali, propone ora un album di easy-ambientale. Un incrocio trà esperimenti acustici e le atmosferiche delle macchine contemporanee.


Susumu Yokota/Sakura

MusicPedia:

Susumu Yokota Sakura Leaf/White'N'Black Sono particolarmente contento di poter recensire l'opera di Susumu Yokota, infatti, mi sono avvicinato all'ascolto di "Sakura" con molto interesse e molte aspettative dal momento che avevo letto pareri entusiastici su tutta la stampa mondiale specializzata. "Capolavoro!", "Degno del miglior Brian Eno", "Genialità ai massimi livelli", questa più o meno la rassegna stampa che vi posso riportare. Viste le premesse, probabilmente ho ascoltato l'album con un po' di pregiudizio e con orecchio particolarmente attento. Il mio giudizio? Fondamentalmente concordo con i miei "colleghi" stranieri, "Sakura" è un album di livello superiore, intelligente e raffinato, mai al di sopra delle ...


SUSUMU YOKOTA/Magic Thread

MusicPedia:

SUSUMU YOKOTA Magic Thread Ancora meraviglie dal Giappone, gemme magari che già da qualche tempo giravano nel sottobosco underground. Questo cd edito ora dalla Leaf come del resto il precedente 'Image 1983-1998 (licenziato nel settembre del '99) era infatti già uscito in terra nipponica nel '98, in tiratura limitata a 500 copie per la Skintone, l'etichetta personale d Susumu Yokota. Il nome forse non dirà granché, eppure oltre ad essere attivo da oltre 15 anni, Susumi si è ritagliato una cornice di rilievo negli ultimi anni all'interno della "techno-community" post-detroitiana, e le sue incisioni acid house, funky techno-disco su etichetta Sublime, ...


SUSSAN DEYHIM/Madman of God-Div

MusicPedia:

SUSSAN DEYHIM Madman of God-Divine love songs of the Persian Sufi Masters Sussan Deyhim ha una storia importante che induceva ad aspettarsi il massimo per questo suo disco solista: originaria dell'Iran e amante della danza, si trasferì prima in Europa e poi a New York, impossibilitata al rientro in patria dopo la rivoluzione islamica a causa delle ferree regole imposte dagli integralisti. In questi pellegrinaggi, grazie alle sue enommi doti vocali, entra in contatto con diversi musicisti di valore, dai personaggi di punta della scena radicale newyorchese a mostri sacri come Peter Gabriel, Adrian Sherwood, Jah Wobble, Richard Horowitz (il fedele ...


SUSIE IBARRA/Flower After Flowe

MusicPedia:

SUSIE IBARRA Flower After Flower Folgorata poco meno che ventenne dalla Arkestra di Sun Ra, in una delle sue esibizioni newyorkesi, Susie Ibarra inizia per diletto la sua carriera di batterista, informandosi alla scuola di Milford Graves e Vernel Fourmier. Cresciuta prepotentemente nella downtown newyorkese è ora musicista di primissimo piano, tanto da vantare collaborazioni di lusso con il Dave S. Ware Quartet (nei primi due album, rispettivamente per Aum Fidelity e Columbia), Derek Bailey e - prossimamente Eugene Chadbourne/Mark Dresser in un disco di improvvisazione per Avant. Dopo l'apprezzato lavoro in trio per la personale Hopscotch, Susie chiama a sé ...


SUSHI

MusicPedia:

SUSHI Un Leggerissimo Disburbo Da Panico Lo sbaglio più grave che si può fare giudicando i torinesi SUSHI è di pensare che siano una copia dei Subsonica. Certo tutte e due le formazioni usano l'elettronica unita con strumenti elettrici e sono infatuate da un certo tipo di ritmi dance moderni, poi il fatto che Max Casacci sia il produttore di "Un Leggerissimo Disburbo Da Panico" può trarre in inganno. Infatti, mentre il reggae è la base di partenza per il gruppo di Boosta e soci, i Sushi fanno proprie le suggestioni del tecnopop anni '80, rendendole attuali con sonorità al passo coi ...


SUSANNA PARIGI/Scomposta

MusicPedia:

SUSANNA PARIGI Scomposta Sulle orme di Antonela Ruggiero avanza Susanna Parigi, giovane scoperta di Vince Tempera con il piglio di chi ha molte cose da dire. In effetti questo esordio propone numerosi elementi di interesse: sicuramente un'interprete di carattere ma anche un'autrice feconda, tutti i brani sono infatti firmati dalla stessa Parigi in comproprietà con Kaballà. Lascia poi sorpresi il fatto che questo lavoro sia passato un po' sotto silenzio, nonostante la produzione realizzata con collaboratori di grande prestigio come Mario Arcari, Piero Milesi, Massimo Luca oltre naturalmente al produttore già citato Vince Tempera. Numerosi gli episodi significativi, soprattutto quelli dove ...


SUSANNA MOORE/Dentro

MusicPedia:

SUSANNA MOORE - Dentro (Guanda, £. 25.000) Più diretto e 'classico', anche nelle scene di sesso, 'Dentro' si snoda come un normale thriller (il solito assassino seriale che uccide giovani donne), si legge bene, è avvincente quanto basta ed ha un finale degno del grande 'Scomparsa' di Tim Krabbé, per cui, non affezionatevi tanto ai personaggi principali, rischiereste di fissare il soffitto per 10 minuti non appena finito il romanzo... Jane Campion ('Lezioni di piano') dovrebbe trarne un film, e siccome è una donna intelligente, spero che non cambi il finale ad uso e consumo di quello che i produttori credono ...


SUSANNA MOORE/Dentro

MusicPedia:

SUSANNA MOORE Dentro (Guanda, £. 25.000) Più diretto e ‘classico’, anche nelle scene di sesso, ‘Dentro’ si snoda come un normale thriller (il solito assassino seriale che uccide giovani donne), si legge bene, è avvincente quanto basta ed ha un finale degno del grande ‘Scomparsa’ di Tim Krabbé, per cui, non affezionatevi tanto ai personaggi principali, rischiereste di fissare il soffitto per 10 minuti non appena finito il romanzo... Jane Campion (‘Lezioni di piano’) dovrebbe trarne un film, e siccome è una donna intelligente, spero che non cambi il finale ad uso e consumo di quello che i produttori credono che voglia ...


Susanna Greco

MusicPedia:

Susanna Greco Ha un'erre arrotolata che aggiunge fascino al festoso accento bolognese. Si chiama Susanna Greco, ha 32 anni ed è all'esordio con un album interessante, Nel Cuore, Sulla Pelle, cantato e composto interamente da lei. Suo padrino artistico è Gaetano Curreri, che l'affianca in Prendimi Così, dove il tipico sprint da Stadio si stempera nella sensuale voce della Greco. Com'è nato, le chiediamo, il rapporto artistico con il leader degli Stadio? "Lo avevo incontrato alle sedute d'incisione di Siamo Tutti Elefanti Inventati. Stavo già pensando a un mio disco e lui, quando lesse il testo di Prendimi Cosi, mi propose ...


SUSANA SEIVANE

MusicPedia:

SUSANA SEIVANE Nata a Barcellona nel 1976, Susana è l'erede di una famiglia tra le più prestigiose nel mondo della musica dei "gaiteiros" (cornomusisti) e artigiani costruttori di gaitas (cornamuse) in Galizia: la famiglia Seivane. Il suo nonno Xosé Seivane è uno dei piu' vecchi gaiteiros ancora vivo che con Ricardo Portela o Moxenas, defunto, formarono una delle generazioni piu' importanti di gaiteiros gaglieghi, grandi maestri dei cornomusisti d'oggi. Il suo modo di suonare, tipico dei cornamusisti del centro, le è valso il rispetto e l'ammirazione del mondo della gaita e della musica tradizionale in Galizia, ammirazione e venerazione che si ...


SUSANA BACA/Eco de sombras

MusicPedia:

SUSANA BACA Eco de sombras "Eco de sombras" è un disco nato in una casa affacciata sul mare di Lima. Mentre, in cucina, Susana Baca faceva da mangiare e cantava quello che dopo pranzo avrebbe registrato, nel salone insonorizzato alcuni personaggi di un certo riguardo si affaccendavano attorno al mixer. Mark Ribot, David Byrne, Greg Cohen erano agli ordini di Craig Street (produttore di Cassandra Wilson e k.d.lang) per fare del nuovo disco di Susana Baca, un perfetto mix afro-latino d'anvanguardia (newyorkese). «E' stato un mese magnifico» ricorda la cantante. «A me è parso un sogno, ma anche loro devono essersi ...


SUSAN RAWCLIFFE

MusicPedia:

SUSAN RAWCLIFFE Flauti, fischietti ed ocarine I flauti hanno molte forme. Esistono flauti tubolari, globulari, ed esistono flauti che non sono né tubolari né globulari, ma che hanno forme irregolari ed imprevedibili. Più un flauto ha una forma irregolare e meno prevedibile è il suo comportamento acustico. Mentre il suono di alcuni flauti dalla forma particolare strana è davvero povero, molti altri vicerversa suonano molto bene e chiaro, con i toni da flauto che sono propri o unici del loro tipo di suono. Suns Rawcliffe costruisce flauti in argilla sia dalle forme tradizionali che dalle forme più innovative. Ma costruisce molti in forma ...


SUSAN JAMES/Fantastic Voiage

MusicPedia:

SUSAN JAMES Fantastic Voiage Si inserisce invece nella brillante scia di Ani Di Franco e Liz Phair, ma anche nei toni intensi di Jeff Buckley o dei Walkabouts, l'esordiente Susan James. Californiana e novella Joni Mitchell, abbina alle indubbie doti vocali un sottile desiderio innovativo, che sfocia negli otto intensi strumentali, (da Ry Cooder agli Stereolab) posti in coda all'intero lavoro.


SUSAN ACID

MusicPedia:

SUSAN ACID Trio proveniente da Modena, dopo aver fatto parte di svariati ed inverosimili gruppi, Matteo (voce/chitarra) ha fondato il gruppo cominciando a lavorare con un paio di batteristi e un bassista pietosi già dal lontano inverno 95/96, producendo una quindicina di canzoni e un Demo live. La spinta a migliorare la qualità della musica e delle esibizioni ha portato al cambio del batterista e del bassista all'inizio del 1997, i nuovi elementi Stefano (batteria) e Joe (basso) oltre ad essersi ambientati velocemente hanno portato un grosso miglioramento sia dal lato tecnico che dal lato compositivo. La musica proposta é una ...


SURYA/Emissions

MusicPedia:

SURYA Emissions Creature aliene deformi, tutt'altra pasta che gli umani, una roba tipo "cellule mutate, riempite di gas, andate a male e però terribilmente sexy e generose". Intelligenze spostate e sopraffine. Le creature di Matthew Mounfford e Joe Casagrande sono un po' così, brani che spostano informazioni ingrassate e ben oliate. Lo stato dell'elettronica italiana è vivo, fecondo e perfettamente in linea con tutto il resto del mondo, cioè: poca, pochissima aria di scimmiottamento. Semmai c'è un humus, culturale e sonoro, comune con il resto della scena mondiale. Dentro la techno di Surya si tocca la Giamaica, magari campionando Derrick Morgan ...


Surya.Lab/Wide Tuning

MusicPedia:

Surya.Lab Wide Tuning (Aysui) L’esordio dei Surya.Lab, collettivo formatosi a Roma nel '95 e attivo nella produzione di musica elettronica e performance visuali. Musica da vedere quindi attraverso l'uso della computer grafica, video film e proiezioni di diapositive. La loro formula musicale deriva da una sapiente combinazione d'elettronica sperimentale con sorgenti di natura analogica (piatti e nastri). Il risultato è un particolare suono dubbato che spazia dall'etnio-trance al trip-hop su uno sfondo a volte isolazionista. Viene così a crearsi un linguaggio musicale davvero particolare che va a compiersi poi nell'esperienza live. L'apertura dei concerti degli Orb e Loop Guru, avvenuta lo scorso ...


SURROGAT/Rock”

MusicPedia:

SURROGAT “Rock” (Kitty-Yo/Wide) Ammetto che dopo l’uscita di “Soul Feat. MMM” (il loro secondo disco) avevo perso di vista i tedeschi Surrogat, che in precedenza avevano debuttato con “Unruhig”. Nel frattempo il trio di Berlino ha pubblicato “Hobby” e adesso torna interrompendo un silenzio durato tre anni. Penso di aver fatto male a trascurarli in quanto con “Rock” danno ulteriore prova di una spontanea abilità nel tracciare percorsi musicali che hanno referenti precisi al di là dell’oceano (Steve Albini, ad esempio, con le sue varie incarnazioni, Big Black e Shellac innanzitutto), ma anche in Italia e sto pensando a degli Uzeda ...


Surrogat/Rock

MusicPedia:

Surrogat Rock Kitty Yo I tedeschi Surrogat, visti l'anno scorso in tour in Italia, sono una band che si divide tra tentazioni Shellac e aperture al post rock più riflessivo, alternando tracce strumentali a cantati marziali e meccanici. Il loro nuovo album, programmaticamente intitolato "Rock", evidenzia il lato più duro della loro proposta, preferendo pesanti incastri di basso e batteria mossi dagli interventi di una chitarra stridente e nervosa. A tratti il debito nei confronti del gruppo di Steve Albini e Bob Weston si fa un pò troppo evidente, quasi che i Surrogat fossero una versione ...


Surrogat

MusicPedia:

I Surrogat di “Soul” (Kitty-Yo/Audioglobe) masticano un noise-rock essenziale e che per 9 brani solca territori cari a Unsane, pur se con meno vigore, Shellac e Uzeda, toccando punte di gradimento elevate. Peccato che nei 4 pezzi finali un certo Erik degli MMM si cimenti in 20 inutili minuti di rumori elettronici, senza i quali avremo vissuto meglio!


SURREAL MADRID/No More Boom Boo

MusicPedia:

SURREAL MADRID No More Boom Boom FUSED&BRUISED/W&B Dopo una serie fortunata di singoli arriva il primo album per i Surreal Madrid. Si tratta di una miscela esplosiva di breaks, funk, hip hop, jazz, psichedelia, disco music ed electro beats. Praticamente un mega frullatone di tutto ciò che fa o ha fatto o continua a far ballare generazioni di dancefloor addicted. Sebbene divertente e convincente in ogni suo episodio, "No More Boom Boom" convince soprattutto in brani come "We're goin' to Vegas baby" (il cui incipit ricorda vagamente "Lust for life" di Iggy Pop), "Flatline rock" (tra Fatboy Slim ed i Dee Lite), "Girls ...


SURGEON/Force+Form

MusicPedia:

SURGEON Force+Form Nuovo Surgeon dove l'inglese Anthony Child, uno dei più validi produttori techno degli ultimi anni, cerca di conciliare i suoi due volti. Quello del dinamismo techno, dei pezzi rocciosamente minimali, e quello della sperimentazione elettronica, algido di spazi sfiancanti. Ne risultano quattro pezzi techno post-Purpose Maker (ancora Mills...), di circa 10 minuti ciascuno, dilatati e mutanti, come visti alla lente d'ingrandimento, ultraloopati, trafitti da sguardi cerebrali. La girevole danza tribale di Remnants Of What Once Was, quella voodoo di Black Jackal Throwbacks che si spegne e cerca nuovi passi, quella assassina e pensosa di Returning Of The Purity Of Current, ...


SUPPER'S READY the music of GEN

MusicPedia:

SUPPER'S READY the music of GENESIS Dopo varie esperienze con diverse band locali ed avendo in comune l'ardente desiderio di far rivivere la musica, la genialità e il coinvolgimento che sapevano suscitare i Genesis, questi cinque ragazzi di Bolzano, alla fine del 1996, hanno deciso di formare una cover band dedicata alla musica dei Genesis. Caratteristica peculiare di questo gruppo è la pignola ricerca di strumenti e suoni oltre ad esecuzioni estremamente fedeli all'originale o tanto da riscuotere apprezzamenti di diversi quotidiani quali ALTO ADIGE, ADIGE e IL MATTINO, oltre a favorevoli critiche da parte del periodico "DUSK" giornale ufficiale del ...


SUPERTHRIVE/Seven Songs For Sin

MusicPedia:

SUPERTHRIVE Seven Songs For Sinners Nello scorso aprile, I'Indipendent Music Festival del New Jersey ha rivelato soprattutto un gruppo di NewYork, Superthrive, definito addirittura 'campione dall'etica underground' da una rivista locale... Il quartetto, ossia Sue Karlik (chitarra), Matt Pedzick (chitarra e voce), con la sezione ritmica di Jam Slade (basso) e Raku (percussioni), ha subito raccolto un tenace seguito presso i clubs che animano la scena rock newyorkese, CBGB'S e Continental, grazie ad un live set ricco di fervore ed intensità. Talent-scout di etichette major quali Lava/Atlantic, Interscope, Geffen e A&M hanno già mostrato un tangibile interesse nei loro confronti, ma ...


SUPERSILENT

MusicPedia:

SUPERSILENT Ståle Storløkken - tastiere Arve Henriksen - tromba Jarle Vespestad - batteria Helge Sten - sound manipulation Nato dall'incontro fra il gruppo di improvvisazione jazzistica Veslefrekk ed il manipolatore di suoni Helge Sten (aka Death Prod), l'ensemble Supersilent suona per la prima volta, senza alcuna prova precedente, nel 1997 al Bergen Jazz Festival. Il successo dell'esperimento li convince a costituire un gruppo permanente che registra due album "Supersilent 1-3" e "Supersilent-4": in breve tempo le loro performance concertistiche si impongono come le più viscerali ed eccitanti dell'area scandinava. I Supersilent non provano mai , né parlano della "musica da suonare". Si incontrano solo per ...


SUPERSHINE/Supershine

MusicPedia:

SUPERSHINE Supershine Un ritorno dei Trouble sulle scene rock del Terzo Millennio sarebbe più che mai auspicabile, considerando che la seminale formazione di Chicago negli anni '80 ha gettato le basi per la resurrezione del doom (con i primi tre albums su Metal Blade), mentre nel 1990, con l'approdo alla Def American, ha precorso l'alta marea dell'heavy rock psichedelico nell'omonimo "Trouble", futuristica mistura di stratificazioni Sabbath-Floydiane. Per ora accogliamo con entusiasmo l'inatteso punto d'incontro fra Trouble e King's X, altra formazione di spicco della Metal Blade (il loro ottavo album, "Please Come Home... Mr. Bulbous", è storia di pochi mesi fa). ...


Superpartes

MusicPedia:

Superpartes Tre anni di attività, un'ascesa qualitativa costante. Senza fretta, che è sempre la peggiore nemica delle cose fatte bene. Tre anni vissuti al giusto ritmo per crescere musicalmente insieme, scegliendo le occasioni giuste per mettere a punto la propria verve compositiva. Dall'esordio nel 1993, con la menzione speciale della giuria del concorso per autori della rassegna "Sant'Anna Jazz", alla grande vetrina di "Ichnos", la maratona musicale che nelle prime edizioni a Sedilo, nel cuore dell'isola, ha unito voglia di solidarietà contro la talassemia e crema della musica, i Superpartes si sono conquistati il rispetto degli inviati del "Womad", occhio ...


Supernova

MusicPedia:

SUPERNOVA “Supernova”Noys Un esordio per certi versi sorprendente, quello dei vicentini Supernova, una serie di trame sonore giocate da una line-up classicamente guitar-rock (basso-due chitarre-batteria), su cui interagiscono potenti suggestioni garage & beat (più le seconde delle prime), senza per questo rendere retroattivo all'eccesso il senso del discorso.Si tratta in sostanza di un impasto a tratti lieve ma ben intessuto, alimentato da striature softpsichedeliche ed occasionali, ultimo pezzo ad essere stato composto), oppure ricami “Ora di punta” sembra, nel suo nucleo centrale, un'estrapolazione dal "White Album" reinterpretata dai Verve - in cui la lezione dei quattro di Liverpool appare assimilata e ...


SUPERNAZZ

MusicPedia:

SUPERNAZZ- Stentufelt. Dal Giappone via Sub Pop altre ragazze (4 stavolta) che hanno seguito il verbo di Ramones & Co. Vitali e divertenti ma troppo occidentali. Fisicamente notevole la cantante Spike (anche questa è cronaca, o no?).


SUPERNATURAL+Dj NOIZE

MusicPedia:

SUPERNATURAL (U.S.A.) & Dj NOIZE (DK) (hip hop). - Ritornano due campioni dell’hip hop. Supernatural acclamato Mc di fama internazionale da New York , incredibile improvvisatore e instancabile performer, si è guadagnato fama e rispetto in tutto il mondo, dove ha partecipato alle più grandi Session in compagnia dei maggiori dj’s ed Mc’s della scena. Assistere a una sua performance equivale a vedere 5 Mc in una volta sola: percussioni ritmiche incessanti e cambi timbrici improvvisi ne fanno un autentico fenomeno della voce. Così come dj Noize, acclamato virtuoso dei piatti. La loro collaborazione nasce a Londra nel 1994, quando ...


SUPERMACANUDO

MusicPedia:

SUPERMACANUDO Milanesi, quintetto dal background professionale molto solido. Partiti da un'iniziale impronta jazz latina i Supermacanudo si sono recentemente avvicinati alle tendenze del trip hop, con un occhio ancora alle atmosfere del jazz più acido.


SUPERLUSSO/Operazione Superluss

MusicPedia:

SUPERLUSSO "Operazione Superlusso" Si fanno chiamare Superlusso ma non sono "solo" una band musicale, sono bensì un gruppo di lavoro che si dà da fare nel campo dell'arte. A capo dell'Operazione c'è Matteo Boetti che ha giustamente mischiato le carte che gli sono più consone, ovvero la musica e la pittura, per dare il via ad un progetto che vede una cinquantina di artisti chiamati a raccolta. E' nato un working progress che in Italia non ha precedenti. I Superlusso suonano un rock cortaminato e intriso da mille rimandi che fanno dei 5 brani del disco il trampolino di lancio per ...


SUPERGRUPIES

MusicPedia:

SUPERGRUPIES - Sessions #1 (Sockett 02) 3 tracce che certo non lascieranno il segno sono inserite nella seconda uscita di questa label credo statunitense. A produrre la title-track troviamo anche Freddie Fresh, e cio' non fa cambiare di una virgola il valore del 12", scarso. 4


Supergrass NEW

MusicPedia:

Supergrass "In It For The Monet" Era il 1995 quando con l'album di debutto "I Should Coco" saldamente collocato in vetta alle classifiche, e con "Alright" felicemente echeggiante da finestre aperte e da radio per tutta la Gran Bretagna, i Supergrass riuscivano a catturare con la loro esuberanza e solarità l'umore gioioso ed euforico di una eccezionalmente lunga e calda estate inglese. Due anni più tardi stessa scena, stessi protagonisti: l'estate si avvicina e il trio oxfordiano è pronto a sfornare il nuovo album "In It For The Money", in uscita a fine Aprile, che con le sue musicalità accattivanti e ...


SUPERGRASS

MusicPedia:

SUPERGRASS "Supergrass" Attesi ancora una volta al varco come si conviene per i gruppi di alto rango, i Supergrass provano a rimanere se stessi facendo attenzione a non ripetersi. Operazione tutt'altro che semplice, ma nemmeno impossibile per una band che ha già saputo piazzare i suoi primi due album sui due gradini più alti delle classifiche britanniche e rimpinguato il proprio bottino di successi con una mezza dozzina di singoli entrati nei top twenty. Gioca a suo favore, dunque, il fatto che raramente un gruppo capace di tali exploit viene poi abbandonato dai propri fans e poi la buona confidenza che Gaz ...


SUPERFURRY ANIMALS/Mwng

MusicPedia:

SUPERFURRY ANIMALS Mwng Nell'incertezza, ricordarsi da dove si proviene. Così devono aver pensato i gallesi Superfurry Animals, apprestandosi a un passo critico delia propria carriera. Vittime della dissoluzione della Creation, per conto della quale avevano lavorato fino allo scorso anno, e non completamente soddisfatti del rendimento in classifica dei dischi realizzati a tutt'oggi, benché l'ultimo - "Guerrilla" - abbia fatto capolino nei Top 20 britannici, hanno proclamato uno sciopero. Dall'inglese! Ecco perché l'album nuovo ha uno strano titolo: "Mwng" significa "criniera" in gallese. E in gallese sono cantate tutte le dieci canzoni del disco. Un modo per riscoprire la propria ...


SUPERFUNK/Hold up/2

MusicPedia:

SUPERFUNK Hold up Basterebbe la traccia a sorpresa nascosta pochi minuti dopo l'inizio del loro album di debutto 'Hold up' a misurare quanta voglia di scherzare abbiano i Superfunk: trenta secondi di Paul Johnson (il divo della musica dance esploso ovunque la scorsa estate con il tormentone "Get get down") che canta sotto la doccia, come un mortale qualsiasi, l'inconfondibile ritornello del suo hit-single. Rumori di acqua scrosciante accompagnano l'estemporanea esibizione, e garantiscono la veridicità della location «Noi lo conosciamo da prima che diventasse famoso», dicono i Superfunk «ci abbiamo lavorato insieme quando eravamo entrambi sconosciuti: inserirlo nel nostro disco è ...


SUPERFUNK/Hold Up

MusicPedia:

SUPERFUNK Hold Up Fafa Monteco, Mike 303, Stephane B, tre produttori house marsigliesi post-Daft Punk, al loro album di debutto su Virgin dopo qualche 12" sulla loro Fiat Lux. Quello offerto è un suono derivativo ma capace di freschezza e vitalità. Il disco poggia sul singolo Lucky Star cantato da Ron Carroll, figura superhouse superdimenticata di Chicago. Il pezzo è garage sicura, pronta per mega-clubs, ma luccicante come si deve, canzone classica capace di scaldare il cuore. The Young Mc è una pompetta super, fiati raggianti e voce bambinesca in fase ragga. Counterclockwise insegue il brivido old-skool e si squarcia in ...


SUPERFLU/Tchin Tchin

MusicPedia:

SUPERFLU/Tchin Tchin Uno ci prova, ogni tanto: con quel nome lì - che sa tanto di Superf... - cosa costa incollare un adesivo sulla copertina che asserisce french connection? Niente, appunto. Anche perché i Supeflu francesi sono, ma non fanno parte della congrega del ritmo. Tutt'altro: esibiscono placido folk-rock di quello formalizzato nel corso degli anni dai Walkabouts. Due voci narranti con sdoppiamento maschile/femminile (Un Jour il faudra partir) e quiete assoluta (De Nouveau).


Superdrag /Head Trip in Every

MusicPedia:

Superdrag Head Trip in Every Key Idem dicasi per i Superdrag, giunti al secondo album. Un gruppo che potrebbe essere nato da una costola dei Supergrass, le cui canzoni possiedono quel sano gusto kitch fatto di arrangiamenti sovrabbondanti a base di ottoni e violini e soavi ricercatezze vocali tipiche del pop americano DOC. Due bei dischi, niente da dire.


SUPERDIVO-superfunky

MusicPedia:

SUPERDIVO SUPERFUNKY Quattro quarti funk riempiono la stanza. Pronti, via. Scattare, sudare. Tirare fuori tutto, tutto quello che c'é. Arrampicarsi e poi planare dolcemente. Salire, scendere ancora e ancora salire. Sempre in equilibrio sulla corda tesa dall(emozione. Dare tutto e darsi tutto. Non c'é trucco e non c'è inganno. Questa é la regola. La molla che scatta quando la prima nota di basso arriva nell'aria, quando il primo colpo di cassa rimbomba nello stomaco, quaqndo il riff di una funky guitar fa battere il piede. Superdivo è superfunky. Groove puro, pura energia black diostillata. Con un occhio al '70, uno ...


SUPERCHUNK/Come Pick Me Up

MusicPedia:

SUPERCHUNK "Come Pick Me Up" (Merge). Solo la perversione tassonomica dei critici musicali poteva creare qualcosa come "la scena di Chapel Ill". A conti fatti i Superchunk, alfieri dell'alternative rock "made in North Carolina", si sono rivelati la classica promessa mancata. C'è da dire che il nuovo Superchunk è pressoché uguale a quelli che lo hanno preceduto, nonostante la produzione di mr. "ehi, anch'io amo il pop!" Jim O'Rourke: carinerie melodiche devote alle divinità del pantheon college-rock (Paul Westerberg, Alex Chilton, Evan Dando) con qualche sporcatura chitarristica da bravi ragazzi che vogliono fare i punk e occasionali ammiccamenti alla black music ...


Supercat

MusicPedia:

Supercat: Il cattivo del raggamuffin. Si autogestisce con le edizioni Wild Apache. Incriminato per omicidio. Vive a Brooklyn. Top: 1986-1992. Cd: Don Data (Columbia).


SUPERBARBERS/Superbarbers

MusicPedia:

SUPERBARBERS Superbarbers - (Rumble Fish 1998) 5 trk Sebbene tutto suoni come "già sentito", i Superbarbers "rockano e rollano" anfetaminici, capitanati dall'incazzata e sporca voce di Elena. Buona l'idea della registrazione dal vivo, probabilmente la loro dimensione migliore, anche se i pezzi sono un pò tutti uguali. A livello di eneregia, però ci siamo, ed è buono pure il lavoro di Kapokkietto alla chitarra. Distribuiti da Rumble Fish Corporation. Olive Francesco, via F.lli Rosselli 39, 72015 Fasano (BR).


SUPER-NOT/Phlegmatic Sun

MusicPedia:

SUPER-NOT Phlegmatic Sun Nell'ambito dell'ultima generazione heavy metal, sembra farsi strada una positiva tendenza nell'assimilare influssi dall'area stoner, verosimilmente determinati dalla grande eco suscitata dai Monster Magnet e dai pur scomparsi Kyuss, nei confronti di chi coltiva musica loud. Super-Not sono canadesi, e vivono isolati in una fattoria nella Ottawa Valley, che costituisce un po' il loro Rancho De La Luna, dove possono suonare in perfetto relax. Anche il titolo dell'album, "Phlegmatic Sun", sembra in qualche modo ricollegarsi all'immaginario dei Kyuss, anche se a produrlo è un personaggio-cult dei circoli AOR, il leader degli Harem Scarem, Harry Hess, che ha ...


SUPER-A-LOOF

MusicPedia:

SUPER-A-LOOF - THE SKY EP SERIES N°1 (EXCEPTIONAL)-'12 Dimentichi del passati, ecco assieme due veterani dell'avanguardia elettronica del decennio scorso. Kirk De Giorgio e Jamie O'Dell lasciano da parte, almeno per il momento, le loro barbose pignolerie per propinarci tre agili esempi di fluidissimo funky futurista. Sinuoso e vibrante


Super Sonica '99

MusicPedia:

Super Sonica '99 - 02/03 Luglio Faenza (Ra) - EX Colonia Castel Raniero. Programma: 2 Luglio: Gamma Pop Night con Cut (I); Psycho-Patch (Cr); Glass Hopper (Slo); Julie's Hair Cut (I); Prohibition (Fr) + La Bagnoire (Mix) Performance di 11 chitarre, batteria, 2 bassi, Hammond. Mostra di fumetti: "Sovversivi" curata da Topolino Edizioni Milano. In mostra le nuove tavole di Brian The Brain. 3 Luglio: Pandemonium Night con Spaceheads (Uk); Double Nelson (fr); ACE (fr); Gupo (Uk) + Spettacolo di Teatro: (Spazio Ultima Frontiera) Da Parigi - Francia - La compagnia "4 Okki" presenta: GEORGES - Uno Spettacolo Geometrico - ...


SUPER J LOUNGE/...Finally

MusicPedia:

SUPER J LOUNGE ...Finally Un titolo, ....Finally, significativamente ovvio, a riassumere che tante son state le peripezie che Super J Lounge hanno incrociato nell'arrivare a questo debutto. Divisi per natali tra Londra e Tucson, poste le giuste premesse con un paio di singoli per Fierce Panda, sono stati separati da difficoltà burocratiche che per undici mesi hanno confinato Stuart Smith, voce, ma a lui è anche accreditata la produzione, in Arizona. L'album non ha però risentito dello stallo, in forza di un eclettismo che, tenendo fede alle provenienze individuali dalle due sponde oceaniche, colloca.... Finally in uno stuzzicante limbo sovranazionale a ...


SUPER GROOVE DAY

MusicPedia:

SUPER GROOVE DAY Domenica 7 Luglio a Riccione con: Ossessione: hard rock melodico aperto ad esplosioni pop per questi 4 ragazzi della Riviera Adriatica. E' dell'anno passato il singolo di debutto Oste-Neve calda, uscito per la Destination X (migliore uscita indipendente per fare musica). Proprio in questi giorni hanno ultimato le registrazioni del mini Cd Ipnotica avvalendosi della produzione di Paul Chain, che uscirà su Freak Out nuova etichetta distruita da Flying Records. Trascinanti ed originali in un concerto da non perdere. Seguiranno i Ratnapura, prossimo gruppo che esordirà su Freak Out con un lavoro intitolato Elegant Elephant. In ...


SUPER FURRY ANIMALS/Out Spaced

MusicPedia:

SUPER FURRY ANIMALS "Out Spaced" Ma, certo che non viene proprio spontaneo pensare a questi animaletti gallesi superpelosi come ad una band techno. Daccordo, l'elettronica è tutt'altro che latente nelle quattordici tracce messe in elenco in questa collezione di lati B e rarità varie, così come tutt'altro che trascurabili sono i campionamenti usati nella confezione di due titoli davvero da antologia del gruppo: l'incredibile canzone di Natale che i cinque hanno realizzato in "The Man Don't Give A Fuck" con i suoi fuck ripetuti per la bellezza di cinquantadue volte (forse un record assoluto per una canzone che si dovrebbe intonare sotto ...


SUPER FURRY ANIMALS/MWNG

MusicPedia:

SUPER FURRY ANIMALS MWNG I Super Furry Animals rappresentano un'anomalia nel panorama indie britannico E' gente che parla come mangia, che non ha paura di mettere in mostra la propria cultura e che, anzi, è soddisfatta di potersi confrontare con gli altri. Se ci pensate non sono poi molti i gruppi gallesi come loro, non certo i vari Stereophonics, Manic Street Preachers e Catatonia (forse i Gorky's Zygotic Mincy e i Melys). Ma veniamo al presente. Dopo il successo di "Guerrilla", improvvisamente (a causa del fallimento della Creation) il gruppo si trova a spasso. Pensate che si siano fatti prendere dal ...


SUPER FURRY ANIMALS/Guerrilla

MusicPedia:

SUPER FURRY ANIMALS Guerrilla Energia sempre vitale dalle menti più creative dell'espressione pop rock gallese in azione continua volta all'ennesima impresa colma di inedite e favolose creazioni sonore. Così verrebbe da definire la musica dei Super Furry Animals, musicisti dinamici appartenenti ad una delle frange più evolute della cultura musicale britannica. Guidati da una straripante vena ispirativa, cuori ribelli i Super Furry Animals ci fornirono esemplare dimostrazione della loro geniale genialità in concomitanza con la pubblicazione dei loro due precenti LP "Fuzzy Logic" e "Radiator", lenirono poi l'attesa di un nuovo album con l'LP Compilation "Out Space", tutte opere che nella loro ...


Super Furry Animals/2

MusicPedia:

Super Furry Animals E' pericoloso rinchiuderli in una gabbia con le solite popstar. Perché questi "animali superpelosi" amano la techno da cui attingono vibrazioni, energia e tecnologia per creare un sound tutto nuovo come testimonia l'ultimo singolo Home Town Unicorn. Formatisi nel '93, i Super Furry Animals sono Gruff Rhys (voce e chitarra), Dafydd Leuan (percussioni), Cian Ciaran (rumori elettronici), Guto Pryce (basso) e Huw «Bunf» Bunford (chitarra e voce). Vengono da Cardiff e alternano l'inglese al gallese nelle canzoni. Il loro Ep d'esordio si intitolava LianfaErpw//gywgyligogerChwyMdrobwiltysiliogoygoyocynygofod (In Space)!


SUPER FURRY ANIMALS

MusicPedia:

SUPER FURRY ANIMALS (UK) live set - indie rock "...la storia della musica collassa su se stessa, giocando con nuovi strumenti e cercando di suonare l'inno nazionale nella quarta dimensione". Così la Rough Guide Encyclopaedia Of Rock descriveva l'esordio su Creation dei gallesi SFA, nati nel '93 come collettivo techno (!). Cosa aspettarsi da questi Animali Super Pelosi se non un pop stralunato che, rifacendosi agli anni '70, obliquamente attraversa il kraut rock andando a sbattere contro i loro stessi testi enunciati in gaelico.


SUPER DIAMONO DE DAKAR

MusicPedia:

SUPER DIAMONO DE DAKAR Sono i rivali più agguerriti in patria degli Etoile De Dakar. D'altra parte il sound dei due gruppi non potrebbe essere più diverso. mentre la musica Mbalax di N'Dour presenta ritmi frenetici, esplosioni fragorose di Talking Drum e tempi di una tremenda cornplessità, i Super Diamond adottano un approccio più scarno ed energico incentrato su un basso poderoso e una batteria mieicliale. Come molte altre orchestre facenzano musica aEo-cul3ana agli inizi, con canzoni di Pacheco e Aragon, pritna di create il proprio filone di musica senegalese. Lo stimolo venne da una spedizione di due anni nelle campagne del ...


SUPER COLLIDER/YOU LOOSEN ME

MusicPedia:

SUPER COLLIDER - YOU LOOSEN ME HUMAN(LOADED) '12 - UK Ora che l'ago s'è spostato dal suo asse deputato (rosso fisso su Londra) altre sono le capitali papabili per il "nuovo sentire", per l'innovativa ricerca della "club culture", l'unica rimasta ad agitare lo spirito della ricerca musicale (e questo ve lo diciamo senza enfasi). Sicuramente avvantaggiato questo duo che, facendo base sia Brighton che a Berlino, riesce a stemperare le consuetudini e le asprezze del far musica nei due posti. Rimissati quì da Tom Middleton, ora ribattezzatosi "Cosmos" (sigh!) si entra nella deep house, un genere che si fatica sempre più ...


SUPER B/Record

MusicPedia:

SUPER B Record Dovevano essere i nuovi Prozac+ e invece sono diventati semplicemente i Super B, ossia il gruppo sbarazzino capace di omaggiare Nada ("Amore Disperato") e di trapanare scalette radiofoniche e televisive con la scanzonata energia di brani come "Supersadorock" e "Come Mi Vuoi" senza costringersi a pagar dazio a questa o a quella celebrità inglese o americana. Ora che sono ormai passati due anni da quel vivace esordio la loro etichetta discografica si fa premura di avvisarci che il gruppo toscano è così maturato da aver saltato a piè pari il secondo album e di aver licenziato la ...


SUPER B

MusicPedia:

SuperB Età media: 23 anni. Provenienza: varie località della provincia di Pisa. Programmi: conquistare larghi spazi della scena pop italiana con un suono moderno, fresco, divertente e INTELLIGENTE. Come già qualcuno tempo fa ebbe modo di dire, è da un po' chè si può parlare di it pop: la rinascita della musica popolare italiana guidata da giovani artisti e gruppi che sono cresciuti con le radici a casa nostra ma le orecchie ben aperte ed attente a quello che succede nel mondo. I SuperB si propongono immediatamente come possibili leader di questo ipotetico movimento presentandosi con un album brillante, energico, ricco ...


SUPAFUZZ/Pretty Blank Page

MusicPedia:

SUPAFUZZ "Pretty Blank Page" Supafuzz sono un trio di Lexington, Kentucky, che denota un'eccellente vena compositiva nello scrivere canzoni pur in un'ottica stoner, laddove gli Shaman insistono soprattutto sui riffs. Ho acquistato il loro primo album "Pretty Blank Page" attivato dalla presenza di Mr. John Garcia, che offre la sua preziosa voce in un paio di brani, e non me ne sono pentito affatto scoprendo un disco superiore alle aspettative. I Supafuzz svelano un'impronta southern affine agli ultimi Corrosion Of Conformity in "Superstar" e suonano da Aero-stoner (rilettura di classe della megaband di Steve Tyler, '70s era) nelle storie tese di "Bushhog" ...


SUPAFUZZ/All About To Rock

MusicPedia:

SUPAFUZZ All About To Rock" Supafuzz sono un esplosivo trio yankee, che aveva alquanto impressionato con il primo album "Pretty Blank Page" ('97): vi figurava un ospite d'eccezione, John Garcia, che offriva la sua venerata laringe in un paio di brani. Il secondo "All About To Rock", conferma quanto di positivo aveva espresso il debutto, soprattutto in tema di eccellente songwriting, ed il titolo 'enciclopedico' non appare presuntuoso alla luce delle 13 tracce incluse. Se può sembrare eccessivo parlare di gruppi-sintesi, i Supafuzz sono quantomeno un validissimo compendio di anni di rock'n'roll americano dai primi Aerosmith al classico grunge dei Pearl ...


SUOR PIERA CORI

MusicPedia:

SUOR PIERA CORI Suor Piera Cori (Rieti) Oltre che alla sua attività ordinaria in Parrocchia dedica il suo tempo all'animazione vocazionale giovani a livello nazionale. Collabora con il Centro Nazionale Vocazioni organizzando ritiri spirituali e come giornalista scrive vari articoli per la rivista Vocazioni. La sua vera arte si esplica nel canto. Detta Suora Pastorella ha dato concerti sia in Italia che all'estero, partecipando a varie rassegne canore come il Meeting dei giovani di Loreto (1995), il festival Cantacastello in cui ha vinto il primo premio come miglior testo (1997). Ha partecipato anche al grande Meeting Giovani 2000 al teatro Ariston ...


SUOR MARIE KEYROUZ

MusicPedia:

SUOR MARIE KEYROUZ + ENSEMBLE DE LA PAIX (Libano) * Canti sacri orientali della Chiesa Maronita I canti proposti appartengono alle due correnti spirituali della Chiesa cristiana di Antiochia: la Chiesa maronita che pratica il canto tradizionale dell'antica Chiesa siriaca e la Chiesa melchita che segue il ritmo bizantino di lingua greca ed araba. Suor Marie Keyrouz è dotata di un magnetismo naturale: affascina con la sola presenza, colpisce con il suo sguardo che e' ad un tempo luminoso e distaccato. Ilsuo vasto repertorio non persegue il raggiungimento di un effetto puramente estetico, ella cerca invece la comunicazione dell'entusiasmo, il coinvolgimento emotivo dell'ascoltatore. Formazione: 1 voce solista + ...


SUONI MUDU' & TEATRO MISERO

MusicPedia:

SUONI MUDU' & TEATRO MISERO Mudù è un'antica espressione dialettale di stupore, probabilmente nata dalla contrazione della parola "Madonna", quando anche solo nominare fuori luogo una divinità era considerato riprovevole e fortemente blasfemo. (Ninni C.). IL FORTE PULSARE REGGAE, IL RESPIRO MELODICO MEDITERRANEO, LA MENTE AL QUARTO TEATRO E ALLA DUB POETRY, L'OCCHIO VIGILE SULLE PROBLEMATICHE SOCIALI E L'ORECCHIO ATTENTO AI RUMORI DELLA CITTA': ISUONI MUDU'. Quando calcano la scena tutta l'aria che si respira è piena di suoni dolci e melodici, forti e allegri, incalzanti e travolgenti e poi tutto si completa con la performance teatrale e poetica di "Different ...


SUONI E ULTRASUONI

MusicPedia:

SUONI E ULTRASUONI Vi siete divertiti a capodanno al Mamamia? Ma come, avete già dimenticato quella gloriosa nottata? Nessun problema a farvela ricordare ci penserà la solita, grande crew on the road . I dj's di Suoni & Ultrasuoni saranno di nuovo con voi per farvi ballare il meglio delle nuove proposte musicali di fine millennio.


SUONATORI DELLE QUATTRO PROVINC

MusicPedia:

SUONATORI DELLE QUATTRO PROVINCE La copertina riporta alla memoria 'Raintown' dei Deacon Blue: stessa cupezza, stesse sensazioni di vita orgogliosa dove il grigio, le nuvole e le nebbie fanno parte della condizione umana. Invece 'Notte a tre zeri', quarto disco dei Suonatori delle Quattro Province, è lontano dai proclami di Ricky Ross. Racconta esistenze diverse. É il grande salto di un quintetto che ha cominciato suonando musica tradizionale dell'Appennino. Dalla salvaguardia delle radici alla forma-canzone sono trascorsi quattrodici anni, il tempo in cui nascono e muoiono decine di pop band. I Suonatori no, hanno un progetto più lungimirante che fonde gli ...


suonatori delle 4 province

MusicPedia:

I suonatori delle quattro provincie Quattro provincie di quattro regioni, Alessandria, Genova, Pavia e Piacenza, che storicamente hanno sedimentato una forte affinità di tradizioni. Con un uso particolarmente fine dell'elettronica, una reinvenzione di rara delicatezza ed eleganza dell'universo popolare dell'Appennino sospeso fra il Po e il mare. Racconti a colori (New Tone).


SUNSPRING

MusicPedia:

SUNSPRING - Poppy Altro esordio a 33 per 'sto gruppo del Kentucky. MaximumRnR disse del 7" Slinky che era "uno dei migliori e più dur~ dischi da parecchio tempo". Non così duro è questo Poppy che però prende assai: ai confini del Punk con un drumming interessante ed una chitarra che sembra suonata con le corde allentate, voce scorticata ed emozionalità che prevale sulla velocitudine. Da segnalare sia la copertina che il brano Mine. Il Venerdì di Repubblica ("quello che, l'hai detto tu, cucina senza grassi") ha indetto il sondaggio 'Votate la vostra tv', in cui si dovevano segnalare i personaggi che ...


Sunsplash

MusicPedia:

Sunsplash I Sunsplash sono un gruppo reggae dal sound di chiara origine afrocaraibica. Nascono nel 1989 dalla fusione di musicisti romani e africani, caratterizzando le proprie performance con danze e ritmi di percussioni tipici dell'Africa, eseguiti dal Maestro Bly originario della Costa D'Avorio. Il gruppo ha partecipato a diverse manifestazioni di solidarietà. Ha suonato nei piùm grandi centri sociali di Roma fra i quali Il Faro insieme agli Africa Unite. Recentemente ha partecipato alla Festa della Musica organizzata nel quartiere romano della Garbatella (Piazza Sauli) ed al Festival Latinoamericano "Fiesta" alle Capannelle. Nell'estate del '95 ha accompagnato come gruppo spalla Paola ...


SUNSHOT

MusicPedia:

SUNSHOT - Caughtintheactofenjoyngourselves. Appena. un po' oscuri, i Sunshot hanno chitarre e drum (machine) al galoppo leggermente sul tipo dei primi Sisters of Mercy. Su tutto una voce femminile che rimbalza da Liz dei Cocteau Twins alla divina Patti "Rossi". Roba sostanzialmente datata ma...armonia vecchia fa buon brodo...per alcuni. Se vestite di nero.


SUNSCREEM/EXODUS

MusicPedia:

SUNSCREEM - EXODUS - (5AM) - '12 UK Accomuniamo quì il commento a questi singoli solo per la loro passata importanza storica. Tutti e tre infatti hanno dominato la scena techno-trance per tutta la prima metà dei '90, per poi scomparire o quasi I Sunscreem da pionieri rave sotto contratto Sony, rispuntano in questo progetto belga di scarsa presa nell'attuale panorama.


SUNSCAPE

MusicPedia:

Il progetto Sunscape, band art-psycho-prog prende forma nell'aprile '93 per iniziativa di Marco Mind Eye Da


Suns of Arqua

MusicPedia:

Suns of Arqa - "Total Eclipse of the Suns - Remix 79/95" CD Arka Records 16 anni di carriera, 15 albums alle spalle e solo una timida parvenza di notorietà a spronare i Suns of Arqa, a dispetto dell'enorme caratura espressa in questi lustri da Mr.Wadada, inventore dei soli. "Total eclipse of the sun" raccoglie remixes di Youth, Greg Hunter, Astralasia, Yam Yam Zombie ed Adrian Sherwood; la composizione alchemica è quella solita, zolfo ipnotico e flauti. Ozrics Tentacles e ragga, sapientemente fusi dall'abilità - e dal sitar - di Wadada. Attualmente pochissime bands possono vantare una ...


SUNRIDE/Magnetizer/2

MusicPedia:

SUNRIDE - “Magnetizer” - (Boundless\Audioglobe). Arrivano invece dalla Finlandia i Sunride e fanno il loro debutto con un five tracks CD. Se da un lato non si può certo dire che la band sia portatrice di chissà quali novità, dall’altro occorre riconoscere che sanno plasmare e amalgamare bene le tre anime (riconducibili alla grande famiglia rock) del loro sound. Una naturale propensione per il rock’n’roll scandinavo che ha fatto la fortuna di Gluecifer, Hellacopters, ecc., una sana componente “desertica” (Monster Magnet piuttosto che i Kyuss) e uno spontaneo desiderio melodico, fanno di “Magnetizer” un buon punto di partenza, specie in episodi ...


SUNRIDE/Magnetizer

MusicPedia:

SUNRIDE Magnetizer Anche per l'italiana Boundless Records il formato EP (digipack, nel caso dei Sunride) sembra essere il miglior viatico per pubblicare il materiale di promettenti band e saggiare in questo modo la risposta del pubblico. I Sunride provengono dalla Finlandia e si sono già creati un'invidiabile reputazione per il loro elettrinante "stoner'n'roll": la potenza e la furia selvaggia di Fu Manchu e Kyuss, unite al tiro micidiale degli Hellacopters, ne fanno una macchina di distuzione altamente pericolosa. La band ha concentrato i propri sforzi nel confezionare cinque brani di durata non superiore a 3/4 minuti, in cui riesce a distillare melodie ...


Sunny Murray

MusicPedia:

Sunny Murray torna a suonare a Milano (dopo un'assenza più che decennale) e si esibisce con il sassofonista Arthur Doyle per la prima volta nel nostro Paese. Ancora oggi in prima linea nell'avanguardia musicale dagli anni Cinquanta, il batterista è noto per la militanza al fianco di Cecil Taylor e dei musicisti più in vista del Free Jazz statunitense: memorabile il trio con il sassofonista Albert Ayler e il bassista Gary Peacock così come le collaborazioni con Ornette Coleman, Don Cherry, John Coltrane, Roswell Rudd, John Tchicai, Charles Tyler. Il suo stile percussivo, molto aggressivo e spesso accompagnato vocalmente, ha ...


SUNNY DAY REAL ESTATE/The Risin

MusicPedia:

SUNNY DAY REAL ESTATE The Rising Tide Se è vero che durante la gestazione di "Figure 8" Elliott Smith ha ascoltato incessantemente gli Eagles, fuori il nome di chi ha prestato i dischi degli Styx ai Sunny Day. Poco sembra esser sopravvissuto della band che, con l'omonimo album rosa per la Sub Pop, saldò il legame tra emo-core e nuovo indie. Ridotti ad un trio e annegati in un ridondante "pomp chitarristico" i Sunny Day si candidano per le FM americane, aspirando forse ad una dimensione di rock classico alla Pearl Jam, di cui però non hanno né l'asciuttezza compositiva né ...


SUNNY DAY REAL ESTATE

MusicPedia:

SUNNY DAY REAL ESTATE Live Il rock underground americano si fa adulto e passa attraverso la consacrazione classica del disco live. I Sunny Day, noti soprattutto per aver prestato la sezione ritmica ai Foo Fighters, sono in realtà una band cruciale per gli anni novanta. Primi fra tutti hanno infatti preso per mano l'emopunk, ne hanno isolato il nucleo di "disperata-melodia" e lo hanno innestato nella tradizione chitarristica americana. Rallentando e puntando decisamente nella direzione dell'intensità. Gruppi come Karate o Mineral non avrebbero ragion d'essere senza la lezione dei Sunny Day e tutto il notevolissimo mondo sommerso delle chitarre underground e della ...


SUNNA/One Minute Science

MusicPedia:

SUNNA One Minute Science Jon Harris è originario di Bristol, ha suonato la chitarra in alcune tracce di "Mezzanine" ed ha infine firmato per l'etichetta gestita in proprio dai Massive Attack. Ebbene, provate un po' ad indovinare quale genere di suoni abbia messo insieme nel primo album dei suoi Sunna? Trip hop? Ovviamente no nemmeno nel senso più lato del termine. Perché Harris è un bristoliano irregolare, un cane sciolto che ai modelli rappresentati dei suoi più illustri concittadini ha anteposto quelli offerti dagli AC/ DC e Neil Young e poi ancora dai massimi esponenti del suono di Seattle. Come una ...


SUNN/Zero Zero Void

MusicPedia:

SUNN - Zero Zero Void (Rise Above/Audioglobe) Progetto messo in piedi da membri dei Goatsnake e dei Burning Witch, Sunn è la sublimazione del doom: senza voce e batteria l'album, quattro pezzi di un quarto l'uno, è un tappeto continuo di basso (e chitarra) che espande il suono all'inverosimile, con una lentezza esasperante e le frequenze portate al limite di sopportazione per orecchie e, soprattutto, lettore cd. In secondo piano, a debita distanza da tanto lento srotolar di note, echi di chitarre e rumori quasi soffocati dal magma torrenziale. Chi ha assistito ai loro concerti, dopo pochi minuti provava forti attacchi ...


SUNKINGS/Starbuck

MusicPedia:

SUNKINGS - "Starbuck" mCD Blueroom Rel. 1998 Ho sempre avuto una particolare predilezione per i Sunkings, sin da quando diedero alle stampe la loro personale versione dilatata di 'Set the control for the heart of the sun' dei pachidermi Floyd. Oggi certe intuizioni non scorron più nei loro neuroni ma riescono comunque con mestiere ad imbastir trame di un certo spessore. In questo caso aiutano anche i 'cugini' Juno Reactor.


SUNHOUSE/2

MusicPedia:

SUNHOUSE Crazy On The Weekend Il nome della band è rubato a un take away cinese di Sheinton, nei sobborghi di Nottingham. Vengono tutti e tre dalle Midlands britanniche i Sunhouse, appassionato trio folk che restaura semplici e commoventi melodie con chitarra acustica o lievemente distorta, armonica a bocca e un gusto quasi "texano" della ballata con testi tra l'acido e il graffiante e parlano di notti selvagge e di solitari risvegli. Dai Prefab Sprout a Townes Van Zandt tanto per dare un'idea, l'avventuroso percorso musicale di Gavin Clarke e compagni... non si vergogna di recuperare emozioni e sonorità quasi arcaiche che ...


SUNHOUSE

MusicPedia:

SUNHOUSE La storia dei Sunhouse è quella di un'inverosimile success story, di quelle che non si incontrano mai nella vita vera ma abbondano nei film inglesi (dai ciccioni Commitmens agli esilaranti percettori di sussidio "chippendale" di The Full Monty). Gavin Clarke, cantante e compositore: il gruppo è stato creato per la colonna sonora del film indipendente Small Time. Shane Meadows, il regista, non aveva abbastanza soldi per la musica, e così ha chiesto a dei musicisti che conosceva di suonare insieme per lavorare alla musica del suo film. Non avevamo mai suonato insieme prima, e la musica non era per nessuno ...


SUNEATSHOURS/Don't Waste Time

MusicPedia:

SUNEATSHOURS/Don't Waste Time Italiani di nascita ma prettamente europei nel sound, questi Suneatshours potrebbero rappresentare la nostra risposta ai tedeschi Skin Of Tears. Sanno mescolare molto bene elementi appartenenti al Metal classico con quelli dell'Hardcore melodico di scuola europea... tenendo però questi ultimi in rilievo rispetto ai primi. Pezzi di maggior spessore sono Sincerely che ricorda i buon vecchi Offspring (quelli dei tempi passati) e la più melodica To Donna, in puro stile Not Available. Incalzante la ritmica, perfetti ed originali i cantati e buona la melodia. Rosee le prospettive.


Sundy Brechin Band

MusicPedia:

Sundy Brechin Band (Scozia) Fisarmonicista di grande talento che ha sviluppato uno stile personale ed innovativo. Vanta esperienze molteplici in Celtic Band e poi con Seelyhoo e Burach, concerti ed apparizioni radio tv un po' ovunque. Richiestissimo come session musicista, ora si presenta con una propria band che riproduce in concerto il suo primo cd "Out Of His Box" viaggio sonoro attraverso la tradizione scozzese.


SUNDIAL

MusicPedia:

SUNDIAL Gary Ramon (voce, chitarra); Chris Dalley (chitarra); Nigel Carpenter (basso); Craig Adrienne (batteria). I SUNDIAL sono nati nel nel 1990 per iniziativa di Gary Ramon e Dave Morgan (attualmente nei The Rockinbirds). I Sundial sono riusciti a costruirsi un folto e fedele seguito grazie all'uscita del primo album "Other Way Out" (su UFO Records). Quel disco è oggi ritenuto unanimamente un classico della psichedelia contemporanea ed il gruppo ha da allora avuto sempre una forte pressione per esibirsi dal vivo, anche in Italia dove il gruppo ha raggiunto, sia con il primo album che con l'EP "FireBall" le vette dellee ...


SUNDAY’S BEST/Where You Are Now

MusicPedia:

SUNDAY’S BEST Where You Are Now Ondeggiano tra post punk, post rock e indie wave i sette pezzi di questo album breve dei Sunday’s Best. Le canzoni paiono indirizzate lungo i binari giusti, quelli in cui la componente naïf ben si abbina a una introspezione, che non tracima mai nella auto indulgenza e spesso oltrepassa i confini del sentimento.


SUNDAY’S BEST/Poised To Break

MusicPedia:

SUNDAY’S BEST ‘Poised To Break’ (Polyvinyl/Goodfellas) Non molti mesi or sono la Crank! aveva pubblicato ‘Where You Are Now’, EP di sette brani incisi dai Sunday’s Best a cavallo tra il 1998 e il 1999 e che costituivano il loro primo biglietto da visita. Gli apprezzamenti per il lavoro hanno dato frutti concreti se consideriamo che il gruppo di Los Angeles ha ottenuto un contratto con l’importante Polyvinyl, già label di Braid, Radio Flyer, Kerosene 454, Ativin e Rainer Maria, ottimi esempi di come le emo(zioni) possano venir messe a disposizione dell’hardcore e del post punk. Ed è proprio questo il range ...


Sundays/Static And Silence

MusicPedia:

Sundays "Static And Silence". Dopo averci amorevolmente insegnato a "leggere, scrivere e far di conto", i Sundays si sono messi in aspettativa, rompendo il silenzio solo con l'anonimo Blind del 1993. Nel frattempo, le classifiche e le radio sono state invase da Cranberries e derivati, che alla formuletta dei Sundays - niente di geniale, comunque - devono pur qualcosa (un po' come Bluetones, Ash e brit-poppettari vari nei confronti di La's e Five Thirty). Forse è troppo tardi per istituire un derby tra Dolores O'Riordan e Harriett Wheeler, ma dovendo scegliere noi staremmo dalla parte di quest'ultima: innanzitutto perchè è ...


Sunday's Best/Poised to b

MusicPedia:

Sunday's Best Poised to break Polyvinyl I Sunday's Best sono i nuovi arrivati in casa Polyvinyl e per la produzione di questo esordio si sono affidati alle sapienti mani di Tom Ackerman (già attivo anche con Dandy Warhols ed Elliot Smith) che ha potenziato il lato pop che vibra sotto le graffianti chitarre di classico stampo college. Se in apertura il gruppo potrebbe essere citato a giudizio dai Police per un quasi evidente plagio, nel resto di Poised To Break si ascoltano apprezzabili canzoni che nulla aggiungono al panorama indie statunitense ma che risultano ...


SUNDAY MUNICH/Vinculum

MusicPedia:

SUNDAY MUNICH/Vinculum Esplosa la bolla di sapone drum'n'bass Sunday Munich, che ne avevano afferrato moduli per coniugarli con la propria prioritaria anima gotica in "Pneuma", hanno inevitabilmente abbracciato con un pizzico di convinzione in più la loro indole oscura. "Vinculum", che vede l'allargamento della formazione a tre, con Lee Helms, altra voce, che si unisce a Sarah Hubbard ed Avis, mira quindi a più definiti scenari dark, mai gravosi ma tratteggiati con dominante umore nomantico, tra, in positivo, le pindariche Aparent, Flu e Scathed in stile heavenly voices, le solleticazioni ritmiche di Dent e Going Back, le semplici ballate Think e ...


Sunday

MusicPedia:

La rassegna “Un certain regard”, nata vent’anni fa per ospitare e proporre all’attenzione di tutto il mondo film più inconsueti dal punto di vista dell’impianto narrativo ed autori irrispettosi nei confronti della tradizione accademica, è cresciuta tanto da diventare un osservatorio privilegiato per verificare cosa si sta muovendo nel cinema internazionale. Quest’anno “Un certain regard” ha offerto diverse piacevoli sorprese. Segnaliamo innanzitutto “Sunday”, lungometraggio d’esordio del regista americano Jonathan Nossiter basato su un intreccio avvincente e ben articolato. La storia è quella di un maturo e sensibile senzacasa che vive in un dormitorio dopo aver perso il ...


SUNAMELA/1

MusicPedia:

SUNAMELA Nascono nel Novembre del 1997 con il nome di Josie Bliss, tengono diverse esibizioni dal vivo e partecipano tra l'altro ad uno spettacolo di beneficenza al Supercinema di Loreto Aprutino per Federico Assogna, bambino purtroppo affetto da tumore al cervello. Suonano per lo più cover di gruppi rock italiani affiancate da brani propri. E' nel Febbraio '98 che avviene una svolta radicale: entra a far parte della band uno studente di sax; il genere viene decisamente orientato verso il funky, senza ovviamente disprezzare i soliti ingredienti rock che fanno parte della cultura di ogni componente della band. Il 28 Marzo ...


SUN WU-KUNG

MusicPedia:

SUN WU-KUNG Hardcore Entertainment nasce nel 1999 da un'idea Claudio Sinatti e Paine` e si sviluppa come gruppo di ricerca e produzione audiovisiva. Terreno di sperimentazione sono i live set di DJ e VJ da cui nascono diverse collaborazioni. Il panorama produttivo di Sun Wu-Kung si amplia e nel corso dell'anno vengono realizzati progetti di diversi generi. In collaborazione con il gruppo N.Z.O.S. vengono realizzati i cortometraggi di animazione "Sangre" e "L'Inconscio dei Bambini", per Paine` il videoclip del singolo "Simplemente Asi`" tratto dal suo album, per Generazione Media e Comune di Milano i trailer della rassegna Experimental Cinema "Found Footage" ...


Sun We Kung (Mi)

MusicPedia:

Sun We Kung (Mi) La crew ormai forse più riconosciuta e affiatata del vjing italiano, animata da Claudio Sinatti al mixer video e Painé ai piatti, attraversa gli infiniti repertori della mediasfera contemporanea, rielaborandoli incessantemente in performance sinestesiche di grande qualità.


SUN RA/The Sun Ra Arkestra Meet

MusicPedia:

SUN RA The Sun Ra Arkestra Meets Salah Ragab in Egypt (Leo GY) Se la Evidence dopo la splendida raccolta The Singles tace, le uscite di altre etichette sono abbastanza frequenti: la Leo, dopo una lunga serie di concerti inediti registrati negli anni 80 e 90, ha appena ristampato The Sun Ra Arkestra Meets Salah Ragab in Egypt, un LP uscito originariamente per l’etichetta greca Praxis, e che inaugura ora la nuova collana Golden Years of New Jazz, dedicata come spiega il nome a nomi importanti nella storia del nuovo jazz (non solo con ristampe, in catalogo anche Composition no. 94, un ...


SUN RA/L'Uomo Che Cadde Sulla T

MusicPedia:

SUN RA L'Uomo Che Cadde Sulla Terra “La mia musica all’inizio fa paura alla gente. Perché rappresenta la felicità, quella alla quale non sono ancora abituati” - Sun Ra Sun Ra fu davvero “L’uomo caduto sulla terra”, un autentico alieno nella storia della musica; oggi un nome di moda (magari per campionarne un frammento: d’obbligo citare Impulse Rah! degli Uilab, alias Ui+Stereolab), per tutta la sua vita rispettato ma considerato un inguaribile eccentrico e sicuramente sottovalutato da pubblico e critica jazz e rock (tanto per fare un esempio: Davis è Davis, ma quanti notarono che la svolta di Bitches Brew era da anni ...


SUN RA/Cosmos

MusicPedia:

SUN RA Cosmos (Spalax) Un’altra interessante ristampa abbastanza recente di Ra è Cosmos, un LP uscito originariamente in Francia nel ’76, già ristampato nel 93 dalla Buda e ora su Spalax, che reintegra la copertina originale. Ci sono episodi di “Jazz di un pianeta sconosciuto”, come da titolo del brano conclusivo, autentico “lounge-jazz” da Marte, con un grande solo di tromba di Ahmed Abdullah, o la nevrotica Neo-Project # 2; il tono dominante del disco (decisivo in ciò il rocksichord di Ra) è intimo e ovattato, come in Interstellar Low-Ways, dal morbido andamento estenuato e dissonante, con leggeri sibili spaziali e flauti ...


Sun Ra

MusicPedia:

Sun Ra (Herman Blount) - B^rmingEam - U.S.X. (1914 - 1994) Pianista, tastierista, compositore, arrangiatore, poeta e direttore d'orchestra statunitense. Su di lui si hanno scarse notizie biografiche. Appare come pianista intorno alla fine degli anni Trenta con il nome dl Sonny Blount e lavora con Coleman Hawkins e Fletcher Henderson verso il 1946-'47. A partire dai primi anni Cinquanta lnizia a suonare uno strumento elettronico di sua invenzione e pone le basi per la creazione di quella che diverrà poi, sotto svariate denominazioni, la sua sArkestra'. Fonda anche una casa discografica, la Saturn. Da quel momento produce iù di centocinquanta ...


SUN POWER/Ghetto Life

MusicPedia:

SUN POWER Ghetto Life Per la scena torinese non si tratta di un esordio perché i Sun Power sono una sorta di laboratorio che circola in città da alcuni anni e si è assunto l'onore di scuotere il reggae nostrano da un certo immobilismo deteriore, somministrandogli le vitamine afro che il cantante ivoriano Abel Ras Akadje ha portato con sé allorquando ha deciso di "immigrarsi" sotto la Mole. Ghetto life risulta così un prodotto assai più effervescente e godibile della media, che, poco preoccupandosi di riprodurre filologicamente realtà lontane migliaia di chilometri, tenta di dimostrare come si possano far confluire culture ...


SUN PLEXUS/Mais d'où viennent t

MusicPedia:

SUN PLEXUS Mais d'où viennent tous ces chinois I Sun Plexus sono un gruppo noise-demenziale, di una demenza non artificiale, ma giustificata dalla loro provenienza: Strasburgo, città di confine, oggi francese e domani tedesca, il cui pencolare può creare solo mal di testa e disturbi psicomotori. Suonano chitarra basso batteria, oggettistica e qualche aggeggio elettronico, inventano titoli spassosi per i loro dischi come l'attuale «ma da dove vengono tutti questi cinesi», cantano testi del tipo «ieri sera / dopo il mio lavoro / sono andato in montagna / e ho visto / ho visto farfalle / farfalle nella polenta» e divertono ...


SUN ELECTRON KITCHEN

MusicPedia:

SUN ELECTRON KITCHEN: Avevamo parlato non troppo bene del loro singolo il mese scorso, un 12" ristampato sull'onda del credito che la band attualmente vanta in UK. Ci avevano pronosticato un campionario di suoni ultra-subliminali, di "canzoni liquide", di lunghe suites sussurrate, di profonde tracce arpeggiate. Album solare (... E per forza...), non pigia mai sull accelleratore, in compenso, ha un'ottima autonomia. Grandioso. Brani come "Up the drsin", "Solcai" "Lichterfelde" o il remix di «Sydney lo 1we>ff (una regatta cosmica da brivido) aiutano a comprendere lo spessore di questi S.E. Amniotici, Viscosi, fluttuanti nelle galassie


SUN ELECTRIC/Via Nostra

MusicPedia:

SUN ELECTRIC Via Nostra R&S/CD (BEL) Talmente "forti" al loro esordio da interessare quell'Alex Patterson degli Orb che, con la scusa dei remixes, arrivò perfino a rubargli il mentore e produttore Thomas Fehlman, il "duo del sole elettrico" torna con un album dall'improbabile titolo italiano, dopo il "live" di due anni fà. Peccato che, col passare degli anni, abbiano ammorbidito il loro suono, sostituendo con morbidi loops di tastiere gli intriganti "grooves" simil-techno degli esordi. Chiaramente, a naso, l'effetto non è proprio lo stesso e, se lo spirito s'innalza, nel contempo la palpebra s'abbassa. Dei classici comunque.


SUN DIAL

MusicPedia:

SUN DIAL - Libertine. Mamammia! Ho letto uno stronca-stronca a proposito di questo Libertine che mi ha fatto venire la voglia di ascoltarlo. Poi ne ho trovata una copia addirittura autografata e così ho dovuto dire addio a 4-5 birre. Oh ma fa mica così ribrezzo 'sto disco! Quanto al "copiare" beh, è dai tempi di Guido D'Arezzo che lo fanno quasi tutti, il rock specialmente è (quasi) tutto un copia tu che copio anch'io... "Flussi metallizzati" a parte, non è che i SD siano serviti da capro espiatorio per cominciare una guerra fra bande di giornalisti? Per favore, per favore. ...


SUN CITY GIRLS/Carnival Folklor

MusicPedia:

SUN CITY GIRLS Carnival Folklore Resurrection 1: Cameo Demons and Their Manifestations Torna uno dei gruppi culto più misconosciuti degli ultimi due decenni, e torna con intenzioni bellicose: questo è solo il primo volume di una serie che s'annuncia infinita... Ancora una volta distanti dal music business come pochi altri, i tre Girls propongono un'incredibile (nel senso che non ci si crede se non si sente) e delirante (nel senso che si delira solo ad ascoltarla) miscela di percussioni sparse a ruota libera, fraseggi di piano jazz, spostamenti folkie verso un'Indonesia misteriosa e inquietante, voci diabolicamente deturpate, fiati sfiatati, chitarre 'raga'. ...


SUN BEAT AIR

MusicPedia:

SUN BEAT AIR Nuovissima formazione marchigiana composta da 7 elementi, tutti musicisti professionisti, accomunati dall’amore per la musica dei mitici anni ‘60. I “sempre verdi” del twist & boogie boogie, reinterpretati secondo un gusto moderno, senza tralasciare le romantiche atmosfere dei “classici della mattonella”. Una grande festa “beat” di fine millennio che riproporrà Rita Pavone, Caterina Caselli, Adriano Celentano, Gianni Morandi, Battisti, Mina, Equipe ‘84 e tutti i grandi successi del periodo più florido della musica italiana.


SUMMER HYMNS/Voice BrotherAnd S

MusicPedia:

SUMMER HYMNS Voice BrotherAnd Sister" Mism Usano maniere gentili e suadenti i georgiani di Athens Summer Hymns, che tuttavia fanno pienamente onore alla sigla che si sono dati impiegando nelle canzoni di "Voice Brother And Sister" una scala di colori molto più ampia, oltre che un corredo di strumenti più voluminoso e ordinato su cadenze più vivaci. Zachary Gresham, il leader della formazione, ha origini folk e si guarda bene dal dissimularle, anche se le riordina secondo disegni che davvero hanno poco a che fare con gli schemi classici della canzone popolare americana e molto di più viceversa con le fragili ...


SULTANS/Ghost Ship

MusicPedia:

SULTANS/Ghost Ship Dopo aver dato alle stampe il suo materiale solista sotto il nome Back Off Cupids e aver organizzato una semi-reunion dei Drive Like Jehu con gli Hot Snakes, John Reis non ne vuol proprio sapere di tornare a pensare al suo gruppo principale, ossia i Rocket From The Crypt. Un'idea, uno sfizio che passa per la sua mente e via, ecco pronto un altro progetto rapido da realizzare senza pensarci tanto sopra. Un po' di punk rock? Perché no, il tempo di mettere in piedi un bel trio, scrivere una dozzina di pezzi (anche più visto che questo ...


Sulpizi

MusicPedia:

Sulpizi L'interesse per le percussioni in Sulpizi, si manifesta già negli anni di studio, quando scopre gli effetti percussivi che Stravinski ottiene in "Le Sacre du Printemps", L'"Histoire du soldat", "Les Noces". Nasce così nel 1969 la composizione "Settembre 1923" in cui l'autore realizza la prima opera per teatro, con due pianoforti e tre percussionisti che suonano numerosi strumenti. Da questa prima esperienza e dalla difficoltà a reperire gli strumenti previsti nella partitura, deriva nel compositore l'idea di realizzare una personale collezione di strumenti a percussione, acquistando di volta in volta quelli rispondenti alle sue esigenze creative. E' solo ...


SULLA PELLE DELLA POVERA GENTE

MusicPedia:

SULLA PELLE DELLA POVERA GENTE Gabriele La Porta, come al solito più verso l'alba che verso sera, ha parlato di un caso come, purtroppo, ce ne saranno tanti. Una coppia ha cercato per anni di non far mancare niente al proprio figlio handicappato, finché il padre di questi, provato dal dolore e dai continui sforzi economico/lavorativi, è morto d'infarto. Sua moglie non è riuscita a far fronte agli impegni sottoscritti con le banche e queste, cristianamente, le hanno pignorato casa mettendola all'asta. E questi sono gli stessi che fanno gli spot coi personaggi famosi, in isole da sogno, e che ti ...


SULFUR

MusicPedia:

SULFUR Oumet: "Sono cresciuto a Memphis, nel Tennessee, in una famiglia musicale. Mia madre era una pianista, e avevamo sempre una moltitudine di strumenti in giro per la casa. Precocissimo, cominciai a giocare con il registratore, a manipolare i suoni che producevo. A 13 anni, i miei genitori mi regalarono un registratore più professionale, con cui cominciai a sperimentare. A 14 anni mi regalarono anche una batteria di sintetizzatori. Il tutto mi portò ad approfondire il concetto di editing. A quel punto mi trasferii nel Rhode Island per studiare musica. A 17 anni, cominciai a scrivere partiture per il cinema e ...


SULEYMAN ERGUNER ENSEMBLE

MusicPedia:

SÜLEYMAN ERGUNER ENSEMBLE "Hicaz Pesrevi" (Turchia) Süleman Erguner è considerato il più famoso suonatore di nay (flauto obliquo di canna a 7 fori) della Turchia. Suo padre Ulvi Erguner ed il nonno Süleyman Erguner furono anch'essi maestri del nay e Süleyman continua questa tradizione. Insegna improvvisazione e teoria musicale alla Erguner Ecole. A partire dal 1975, Süleyman Erguner ha partecipato a molte cerimonie dei Dervisci Mevlevi in Turchia e all'estero. Dal 1981 ha lavorato alla Radio & Televisione di Stato di Istanbul come suonatore di nay. In qualità di professore assistente alla scuola di fiati del Conservatorio di Stato ha scritto il ...


SUL 45° PARALLELO

MusicPedia:

SUL 45° PARALLELO - di Davide Ferrario (Homevideo Polygram) Terza tappa della collaborazione tra il regista Davide Ferrario e il combo tosco-emiliano dei C.S.I., Sul 45° Parallelo è un oggetto misterioso ed affascinante che non si presta a facili interpretazioni. Il regista stesso nelle note di copertina dell' homevideo sottolinea come questo progetto, lungi dall'essere un film-concerto o un documentario, nasca in realtà da un comune senso della vita. Sul 45° Parallelo è quindi opera autoreferenziale che traduce in parole, musica ed immagini, l'intima necessità di alcune persone di raccontare sensazioni, rapimenti, gioie ed estasi legate al mistero della vita e ...


SUKIA/Contacto Espacial....

MusicPedia:

SUKIA Contacto Espacial Con El Tercer Sexo (Mo’ Wax) L’introduzione del disco chiarisce subito di che pasta sono fatti i Sukia. Amati da Beck, amici dei Beastie Boys e dei Dust Brothers, questi ragazzacci di Los Angeles sono destinati a rivoltare come un guanto l’intero affaire dell’hip & trip. I Sukia non hanno bisogno di appoggi esterni per raccogliere l’eredità di DJ Shadow, tanto per fare un esempio, ma il loro suono è anni luce lontano da “Introducing....”, diretto piuttosto verso un pianeta sconosciuto. “Contacto Espacial...” mette insieme i B52’s, i Kraftwerk, i Pizzicato Five e i Brainiac; il suo genio contorto ...


SUITE ELLINGTON

MusicPedia:

SUITE ELLINGTON" Mark Feldman - violin Billy Drewes - clarinet & saxes Marc Copland - piano Drew Gress - bass Jamey Haddad - drums & percussion Ed Neumeister - arranger, conductor & trombone A capo di un esplosivo sestetto, il trombonista Ed Neumeister dirige e presenta il suo ultimo progetto dedicato a Duke Ellington nel centenario della nascita del grande compositore. Non è questo un progetto casuale, Neumeister vanta infatti una notevole esperienza maturata come primo trombone in varie orchestre e proprio nell'orchestra di Ellington, Ed Neumeister milita per dieci anni. Un lungo periodo nel quale ...


SUITABLE #0 The Psycho Lounge

MusicPedia:

SUITABLE #0 The Psycho Lounge Collective anticipa una collana di compilation tematiche la cui prerogativa è di essere curata ogni volta da un artista proveniente dal pianeta Suite inc. In questo caso 4Dkiller hanno creato intorno a sè un vero e proprio collective per la realizzazione di questo progetto, la cui denominazione aderisce perfettamente a quelle atmosfere psycho così care a 4Dkiller, gli psicopatici giullari della lounge music, che hanno fornito il proprio contributo stilistico coinvolgendo l'estro, l'esperienza, l'oblio, la poliedricità degli amici e collaboratori Thomas Poly, Onu-J, Glove and The Soltonians.


SUICIDE/Suicide/ok

MusicPedia:

SUICIDE - Suicide (Blast First) "C'era un tempo, prima che esplodessero punk e new wave." Quante volte abbiamo sentito questo epico refrain. Tante. E forse la nuova generazione di ventenni ancor di più. Ebbene pensate solo una cosa: senza i Suicide, forse, l'enorme successo dei cosiddetti "dui", dai Daft Punk ai Chemical Brothers agli Air non sarebbe stato lo stesso. E' certo che Alan Vega e Martin Rev, muovendo i primi passi nella New York malata e viscerale dei primi '70, muniti solo di sintetizzatore analogico e voce, con una passione per il rock'roll classico di Presley, hanno creato una ...


SUICIDE/ALAN VEGA/MARTIN REV

MusicPedia:

SUICIDE - ALAN VEGA, MARTIN REV (electronic pioneers, N.Y., USA) - Formati da Alan Vega alla voce e da Martin Rev alle tastiere, i Suicide nacquero nel lontanissimo 1970, ma solo con l’emergere della prima scena punk di New York, intorno al celebre CBGB’s, a partire del 1976, il duo iniziò a lasciare il segno, trasformandosi da progetto-performance a band capace di produrre musiche fra le più allucinatamente e originali di quegli anni. Nel 1977 esce il primo album, omonimo, che sarà subito salutato come pietra miliare della nuova musica, pur in un periodo di incredibile produzione di dischi ...


SUICIDE SONNETS

MusicPedia:

SUICIDE SONNETS - "Suicide Sonnets" (New LM) La musica di questo terzetto pesarese di discosta notevolmente da quanto ascoltato finora nelle produzioni New LM registrate negli studi di Paul Chain. La band, infatti, nonostante un nome ispirato a Shakespeare e ad una copertina che tradisce certi legami con la cultura progressive, è cresciuta ascoltando Sonic Youth, Only Ones e Television. Dunque anche qui il peso di certe influenze si fa sentire soprattutto nello stile chitarristico di Luca. La personalità del terzetto è tuttavia innegabile tanto più se si tiene conto di una generalizzata crisi di idee che ha determinato una situazione sfavorevole per la generazione delle nuove leve dell'indie ...


SUICIDE SONNETS

MusicPedia:

SUICIDE SONNETS Il gruppo nasce sei anni fa, dalla voglia di tre ragazzi (Luca, chitarra; Marco, basso; Ivan, batteria) di suonare senza schemi e tecnica precisa ma spaziando liberamente a seconda di dove porti il cuore. Ciò rende difficile la catalogazione in un solo genere (Rock? Pop? Pschedelia?), nonostante ciò riescono a proporre la loro musica nei pub e nelle manifestazioni pesaresi e dintorni, fino a realizzare nel '98 il primo cd, omonimo, registrato da Paul Chain e proposto nel catalogo della L.M. Records, sempre in quell'anno si aggiunge al gruppo Ramona, affiancando Marco e Luca alle voci, proponendo come sempre ...


Suicide Commando

MusicPedia:

I belgi Suicide Commando sono una one man band elettro-industrial-rumorista, che dà alla luce “Contamination” (Off Beat/Audioglobe). Suoni inquietanti, a tratti minimali, ricchi di sampler e drum beat irregolari fanno da sfondo a voci laceranti e creano atmosfere post atomiche!


SUICIDAL TENDENCIES/Freedumb

MusicPedia:

SUICIDAL TENDENCIES Freedumb Se ne parlava a proposito dei Red Hot Chili Peppers: MOLTO raramente i "grandi ritorni" sono necessari e/o significativi. Se là eravamo in controtendenza, Freedumb è, invece, la puntuale testimonianza di un gruppo che non ha più nulla da dire. Mike, vecchio suicyco, perché riformare i Suicidal quando è chiaro che non potrà più essere la stessa cosa? Niente, Muir non ha voluto sentire ragioni e si ostina ad offuscare il ricordo dei gloriosi tempi di "Institutionalized" e "I Saw Your Mommy". Onestamente, tutto questo lo si sapeva anche prima di inserire il CD nel lettore, ma, avendo a ...


SUICIDAL FLOWERS

MusicPedia:

SUICIDAL FLOWERS "WORSHIP THE WATERFALL" RISTAMPA DEL CLASSICO ITN CON GRAFICA RINNOVATA E 2 BONUS TYRACKS Dalla recensione di Rockerilla/Gennaio 99 : "La testardaggine spesso trova il suo premio, e così i Suicidal Flowers ... mettono in cantiere il quarto album, per molti versi il migliore finora realizzato, ostentando un invidiabile stato di forma e rivestendo la propria musica di una luminosità finora inedita. ... Comprensibile quindi che rispetto al precedente "Burn Mother Burn", siano posti maggiormente in risaltoi soffici accenti folk rock memori dei Fairport Convention ed ancor più dei Trees, esaltate le aggraziate armonie a più voci, ampliata la già ricca gamma strumentale ...


SUICIDAL FLOWERS

MusicPedia:

SUICIDAL FLOWERS "Worship The Waterfall" La testardaggine spesso trova il suo premio e così i Suicidal Flowers band che ha conosciuto singolari e tormentate vicissitudini in passato, mettono in cantiere il quarto album per molti versi il migliore finora realizzato ostentando un invidiabile stato di forma e rivestendo la propria musica di una luminosità finora inedita. Come rivela il titolo Worship The Waterfall è un'opera imbevuta di spiritualità pagana, resoconto musicale e fotografico di una sorta di rituale collettivo che celebra, tramite la cascata in questione la natura intera e la vita simboleggiata dall'acqua. Comprensibile quindi che rispetto al precedente appuntamento ...


SUGARCUBES

MusicPedia:

SUGARCUBES "The Great Crossover Potential" (One Little Indian) Approfittando della popolarità ormai pressochè planetaria di Björk, la One Little Indian ha confezionato e adesso distribuisce questo album che rievoca per sommi capi l'attività discografica degli Sugarcubes. Ripasso in fondo gradevole per chi al tempo ne frequentò le musiche e utile integrazione per quanti viceversa si sono invaghiti della silfide islandese soltanto in epoca recente. Il talento di miss Gudmundsdottir era acerbo allora, ma già se ne intuivano le prerogative, a cominciare dall'inconfondibile modulazione vocale duttile e squillante. Intorno a essa: ambienti sonori asimmetrici e spigolosi, come in una mutazione artica della new ...


SUGARCONNECTION

MusicPedia:

SUGARCONNECTION Lo spettacolo si chiama Songs For The Moon. Frank Schulte al campionatore, sequencer, giradischi, lettore cd, oggetti e voce ed Anna Homler alla voce, strumenti giocattolo, oggetti vari. Sovvertitore rumorista ed intelligente compositore ironico e malizioso, Frank Schulte appartiene a quell'eterogenea internazionale di musicisti riconducibile alle estreme frange dell'odierna ricerca sonora. Scheggiatore di vinile, cresciuto dietro i banconi da DJ, predatore di suoni altrui e campione nel ricavarne sfavillanti collage cinetici: così lo si ritrova a fianco di David Moss e di Jon Rose, di David Shea, dei colleghi Otomo Yoshihide e Christian Marclay o in elettrizzanti capitoli a titolo personale ...


SUGAR SHACK/Get Out Of My World

MusicPedia:

SUGAR SHACK Get Out Of My World I Sugar Shack, dalla 'space-city' (Houston, Texas), hanno fatto propria la lezione del Monkeywrench. Get Out Of My World è il loro secondo album e ripropone i temi dell'infame debutto, ovvero blues, fiftiesrock'n'roll, garage-texano e una punta di hardcore: 14 brani per bruciare la tradizione, santificandola. In formazione, tanto per gradire, anche Andy Wright e Stefanie Paige Friedman dei grandi Lord High Fixers.


SUGAR RAY/14,59

MusicPedia:

SUGAR RAY "14:59" Dopo aver scritto "Fly", l'irresistibile hit radiofonico incastonato nell'album "Floored" del 1997, gli Sugar Ray devono aver preso gusto al grande successo. Un doppio Disco di Platino anche per uno stravagante quintetto della California del Sud è pur sempre qualcosa da tenere nel conto. Ed ecco che il nuovo disco della band aggiusta il tiro, ammorbidisce il suono, ma soprattutto affida il futuro a qualche glorioso gioiellino pop - tipo "Every Morning" e "Falls Apart"- che potrebbe regalare continuità al fortunato momento. Tutti ormai avranno capito che Sugar Ray è una macchina tritatutto che rimescola influenze e generi, chitarre ...


Sugar Ray

MusicPedia:

Sugar Ray Fanno così tanti sforzi per attirare attenzione che alla fine viene spontaneo pensare: oddio, il solito gruppetto tutto fumo e niente sostanza. E invece sul palco, uno dei tanti londinesi, gli Sugar Ray (quattro ragazzotti californiani di bell'aspetto) sembra facciano davvero sul serio. Sprecano boccacce, questo sì, ma quando si tratta di suonare hanno energia da vendere. Sono Mark McGrath (voce), Rodney Sheppard (chitarra), Murphy Karges (basso) e Stan Frazier (batteria): hanno da poco pubblicato il loro primo album, Lemonade & Brownies, e c'è già chi è pronto a scommettere che non sarà l'ultimo. Anche perché la musica che ...


SUGAR HILL BAND

MusicPedia:

SUGAR HILL BAND Kenny Drew piano, Jackie Mclean sax alto, Donald Byrd tromba, Nat Reeves contrabbasso, Art Taylor batteria


SUGAR EXPERIMENT STATION

MusicPedia:

SUGAR EXPERIMENT STATION - Ultramonotone LP (Scandinavia 008) Sono allucinato. Non e' certo come ascoltare l'LP di Cristina D'Avena .... Qui il noise, il cut-up, le ritmiche spezzate ed i suoni pesanti come macigni la fanno da padrone. 6 tracce in cui emerge tutta l'originalita' creativa di 2 giovani speranze tettesche, gia' trovate in precedenza su Tresor: Navario Sauro & Tobias Shmidt. 9


Sugar Belly

MusicPedia:

Sugar Belly Il saxofono di bamboo Fig. 1 - Sugar Belly mostra ad un suo amico il saxofono di bamboo Negli ultimi anni '50 in Jamaica lo stile musicale popolare più famoso in quel momento era il Mento. Nel mood il Mento era molto più vicino alle musiche molto semplici e melodiche suonate dai vecchi califfi dell'Isola di Trinidad piuttosto che allo Ska e agli stili Reggae molto più complicati che si svilupparono più tardi. Successivamente William Walker, conosciuto da tutti come Sugar Belly fù uno tra i pochissimi e ricercatissimi suonatori di Mento. Sugar era noto non soltanto per l'inarrestabile qualità della ...


SUGAR BABE COLLECTION/skoko

MusicPedia:

“SUGAR BABE COLLECTION” by Elena Skoko ROCK’N’ROLL GIRLS WEAR 2000 Sesso, Violenza, Rock’n’Roll, Rivoluzione! “Sugar Babe Collection” è il risultato di quattro anni di rock e sesso vissuto sul palco in giro per il mondo. Abiti da lavoro per ragazze e donne coinvolte in questo sporco, sudato, puzzolente e potente business chiamato rock. Un mondo dei maschi, lo sappiamo benissimo, ma è la fica che detta le regole, qui come ovunque. Più la fica diventa cosciente del suo potere, più potente sarà. E’ importante che le ragazze imparino a gestirlo, perché la società è potere. Ci siamo tutti dentro. “Sugar Babe Collection” non sono semplici ...


SUFFOCATION

MusicPedia:

SUFFOCATION Uno dei più intensi gruppi attualmente in giro. Ascoltarli è sempre un piacere, si sa già cosa aspettarsi, ed iti realtà non si vorrebbe che cambiassero rnai, sempre più aggressivi, sempre più brutali, ecco cosa ci piace dei Suffocation, ed è esattamente ciò che loro amano darci.


SUEDE/Sci-Fi Lullabies

MusicPedia:

SUEDE Sci-Fi Lullabies (Nude) Dopo il successo di Coming Up, che lo scorso anno ha smentito clamorosamente tutti coloro che davano la formazione albionica ormai alla frutta, dopo la defezione del chitarrista Bernard Butler, i Suede tornano a far parlare di sè le cronache musicali grazie alla pubblicazione di Sci-fi Lullabies, album antologico che raccoglie 27 b-sides tratte da molti dei singoli pubblicati nell'arco del lustro '92-'97. Nobilitato da un eccellente cover in linea con l'immaginario romantico-decadente della band e da un booklet ricco di foto, testi e di informazioni, quest'ultima fatica dell'ensemble londinese si segnala innanzitutto per l'eccellente qualità media delle ...


SUEDE/Head Music

MusicPedia:

SUEDE "Head Music" Preannunciato da un'incalzante sequela di copertine, anticipazioni e pronostici della stampa inglese tutta, arriva nei negozi il quarto album dei Suede "Head Music". Lo separa dal precedente e 'controverso' (sebbene premiato da un buon successo commerciale) "Coming Up", un periodo di circa 2 anni e mezzo, durante il quale i nostri, oltre a rodare i nuovi acquisti Neil Codling (tastiere) e Richard Oakes (la 'giovanissima' chitarra del dopo-Butler), hanno dato alle stampe la doppia collection di b-sides "Scifi Lullabies" (indispensabile se si vuole comprendere appieno l'evoluzione della band dal '92 al '97). Nella seconda parte di quella raccolta, ...


SUEDE/3

MusicPedia:

SUEDE Coming Up (Nude) Non deve essere facile svegliarsi la mattina e trovarsi orfani di un figuro quale il transfugo Butler; a Brett Anderson dev'essersi sciolto l'abbondante make up androgino (quello che lo fa assomigliare ad una Isabella Rossellini segnata da una sbronza feroce). Al tempo stesso la profonda sutura lasciata dal chitarrista ha risvegliato l'orgoglio di Anderson, finalmente libero di gestirsi la creatura Suede. Detto questo "Coming Up" può cominciare a prendere forma; successore di quel "Dog Man Star" che era puro seme degli Smiths sin dalle tonalità della sleeve (e di quell'esordio tanto decantato dalla stampa inglese ma così povero ...


SUEDE/2

MusicPedia:

SUEDE Coming up / Sony Quatro anni fa si parlava di loro come della band del futuro. Intrisi di giamour e innamorati del Bowie dei primi anni Settanta i Suede hanno hannó creato un vero e proprio caso ottenendo comunque un grande successo in Gran Bretapna. Da allora sono cambrate molte cose: il fenomeno del nuovo "giamour rock" si è clamorosamente sgonfiato lasciando significativi pezzi per strada (gli Auteurs, ad esempio, sono scivolati in un baratro creativo), e gli stessi Suede hanno perso il loro chitarrista 13ernard Butler ffinito nei duo con McAlmont), il quale aveva grande responsabilità nella creazione del ...


Suede/ Sci-Fi Lullabies

MusicPedia:

Suede - Sci-Fi Lullabies (Nude/Sony) This is pop, come direbbe Andy P. Una serie di ninna-nanne fantascientifiche, come esagera il titolo, presa da chiocce scintillanti quali il Bowie anchidorico e l'incidentato Marc Bolan (final production = pure, precious sillabub). Un prodotto che i markettari (quelli che fanno marketing) definirebbero a rischio: gli strafan avranno già tutto, gli altri, non trovando i successi ma 'solo' le B-sides dei 12" raccolte dal '92 ad oggi, presumibilmente eviteranno l'acquisto. A meno che i fans della seconda ora siano davvero tanti. Il livello è alto (avete altrimenti presente la pochezza di certi similari raccogliticci?), il ...


SUE GARNER & RICK BROWN

MusicPedia:

SUE GARNER & RICK BROWN Dopo la dissoluzione dei Run On e la morte prematura di una band come Fish & Roses i frutti sono il sodalizio di Sue Garner con Rick Brown. Nel periodo tra i due gruppi c'era stato un tempo intermedio in cui avevano incominciato a fare musica insieme, loro due da soli. Avevano lavorato su alcuni motivi e li avevano incisi in casa. Qualche demo (molti dei quali sarebbero diventati canzoni dei Run On) sono belli da ascoltare ancora oggi ed hanno quel senso di libertà e di intimità tipico delle incisioni casalinghe. Successivamente Sue registrò il ...


SUE FOLEY/Love Comin' Down

MusicPedia:

SUE FOLEY Love Comin' Down Con questo fanno sei album, prima su Antone's poi su Shanachie, ma Sue Foley, giustamente, rimane un'artista di nicchia, una outsider, di grande talento, ma sconosciuta ai più: questo Love Comin' Down non cambierà la situazione ma non per questo non è giusto parlarne, in quanto, ancora una volta, si tratta di un disco di ottima qualità. L'ambito è, ovviamente, quello del blues, ma visto attraverso un'ottica Cooderiana. Non nel senso stretto del termine, in quanto, a differenza di Cooder, Sue Foley non rivisita repertori altrui ma propone composizioni proprie, tuttavia il tipo di ricerca e, ...


SUDARIA

MusicPedia:

SUDARIA I Sudaria ce la mettono tutta, ma a loro sfavore va una performance - talmente fiacca - che il tutto si trasforma in un rock depresso. Partono dal rock ma senza spunti da sviluppare, anzi portano allo sfinimento quei pochi accordi che prendono in considerazione (Giordano Gianfranco tel. 080/4761731)


SUD SOUND SYSTEM/Reggae Party

MusicPedia:

SUD SOUND SYSTEM Reggae Party C'è voluta l'etichetta discografica appena fondata dai Casino Royale per ridare fiato al Sud Sound System, altrimenti decentrato geograficamente rispetto al cuore dell'industria musicale nostrana. Orgogliosamente asserragliata nel nativo Salento, più volte - e a ragione - nominato honoris causa "Giamaica D'Italia", la formazione pugliese se ne allontana per compiere rapide incursioni nel resto della penisola: qui e là dal vivo, più raramente su disco. Merita perciò attenzione questo album dal prezzo imposto - 29.900 lire - e il titolo programmatico: è il primo del sound system salentino da tre anni a questa parte. Sempre in forma ...


SUD SOUND SYSTEM/2

MusicPedia:

SUD SOUND SYSTEM Massimo rispetto per la Posse del Salento, pioniere del reggae e del moderno hip hop. Già nel 91 il loro mix "Fuecu" ottiene un grande successo, portando una ventata di freschezza nella musica italiana. Dialetto salentino nel reggae, denuncia sociale, cultura e tradizioni mediterranee si fondono nella musica dei Sud Sound System, costituendo un ponte ideale tra Lecce e Kingston. Realizzano numerose esibizioni con artisti internazionali come Macka B, Mad Professor, Linton Kwesi Johnson e tours in Francia, Germania, Svizzera e Inghilterra. Nel nuovo album "Comu Na Petra" suonano due tamburellisti salentini: il loro raggamuffin intriso di "pizzica" si ...


SUD SOUND SYSTEM /5

MusicPedia:

SUD SOUND SYSTEM (ITALIA) Massimo rispetto per la posse del salento, pioniere del Reggae e del moderno Hip Hop. Dialetto salentino nel reggae, denuncia sociale, cultura e tradizioni mediterranee si fondono nella musica dei Sud Sound System, costituendo un ponte ideale tra le Lecce e Kingstone. Realizzano numerose esibizioni con artisti internazionali come Macka B., Mad Professor, Lington Kwesi Johnson e tours in Francia, Germania, Inghilterra. Con il loro ultimo lavoro intitolato “Reggae Party” ritornano nei Clubs più importanti con una rinnovata energia.


SUD SOUND SYSTEM

MusicPedia:

SUD SOUND SYSTEM. Massimo rispetto per la Posse del Salento, pioniere del reggae e del moderno hip hop. Già nel 91 il loro mix "Fuecu" ottiene un grande successo, portando una ventata di freschezza nella musica italiana. Dialetto salentino nel reggae, denuncia sociale, cultura e tradizioni mediterranee si fondono nella musica dei Sud Sound System, costituendo un ponte ideale tra Lecce e Kingston. Realizzano numerose esibizioni con artisti internazionali come Macka B, Mad Professor, Linton Kwesi Johnson e tours in Francia, Germania, Svizzera e Inghilterra. Nell'album "Comu Na Petra" il loro raggamuffin intriso di "pizzica" salentina si evidenzia in brani ...


SUD SIDE FUNK/k in New Orleans

MusicPedia:

SUD SIDE FUNK "k in New Orleans" A nome Sud Side Funk risponde un quartetto di musicisti calabresi che picchiano duro sul versante del ritmo che in ogni brano del demo è sempre schizofrenico e concitato. Il loro repertorio non pretende di stupire l'ascoltatore con effetti speciali o con espedienti ma rispetta il palinsesto del crossover in salsa funk. I Sud Side Funk sono amanti della velocità ma c'è il rischio che alla fine l'ebbrezza diventi routine. Arrivati all'ultima traccia sembra proprio che la forza d'inerzia porti avanti l'intero progetto senza una vera meta. Anche i Sud Side Funk con Mollybeth, ...


SUD SIDE FUNK

MusicPedia:

SUD SIDE FUNK Anche i calabresi Sud Side Funk si collocano dalle parti dell'hip hop e del crossover di pregevole fattura. Proprio la capacità di sviluppare una serie di groove ritmici pieni di funk con un organico strumentale che ricorda le più canoniche formazioni rock rappresenta forse la tipicità più evidente del "lato sudista del funk". I Sud Side Funk si riuniscono per la prima volta nel 1998. Composta da quatto elementi, la band si è fatta conoscere ed apprezzare in diversi locali, pubs e centri sociali dell'intera Calabria. L'attuale formazione comprende Bernardo Procopio (BERNI) alla chitarra, Enrico Tradii (HENRY) il ...


SUCKLE/Against Nurture

MusicPedia:

SUCKLE Against Nurture Tra i tanti meriti ascrivibili al compianto Kurt Cobain va posto anche quello di aver cercato di portare a conoscenza dell'immensa platea raggiunta dai Nirvana l'esistenza di personaggi misconosciuti ma meritevoli di attenzioni, seppur tardive. Tra i beneficiari di questo trattamento figurarono anche Vaselines, mitologica band scozzese autrice di un unico album di strabiliante pop rumoroso. Da quelle ceneri, a riposo da oltre un decennio, riemerge oggi Frances McKee che assieme ad Eugene Kelly (poi ritrovato in Captain America ed Eugenius) di Vaselines era l'anima. Non è un caso che a patrocinarne il nuovo esordio sia la Chemikal ...


SUBZONE/Paranoid Landscape

MusicPedia:

SUBZONE "Paranoid Landscape" Cibernetico, livido e perennemente distorto, il suono dei Subzone è un equilibrato connubio di "space-rock" anni settanta e "grand guignol" alla Nine Inch Nails. La figura di Helios Creed, presente nel progetto in qualità di supervisore, già da sola è sufficiente a donarci tutte le coordinate necessarie per inquadrare l'opera al meglio: i riferimenti ai Chrome sono molteplici ed evidenti ma non manca una certa originalità nel saper alternare momenti di brutale aggressività (Tunnelvision, Try Again), dilatazioni semi-ambientali (Stuck Inside) e dub futuribile (Gamma Echo, Laugh). La musica dei Subzone, progetto coordinato da Andrew Mullen (batteria, samples, synth, ...


SUBVERSION/Rust Formation

MusicPedia:

SUBVERSION "Rust Formation" Daredevil Brainstorm Ancora bagliori metallici dall'underground stoner doom, a dimostrazione di come questi 'universi' tendano a collidere senza respingersi, anzi integrando le rispettive soluzioni stilistiche. I Subversion sono un quartetto dell'ex-Germania Est, attivo dal '92, ma che finora aveva licenziato solo un paio di demos ed un EP 7 pollici del '97. "Rust Formation" è dunque il debut-album per l'emergente label teutonica Daredevil, ed è una rivelazione da tener presente, in tema di doom lisergico. St.Vitus, Down e Crowbar sono i termini di riferimento finora prescelti dalla stampa specializzata a loro riguardo, ma fin dal brano d'apertura, "Hot ...


Suburbia

MusicPedia:

I Suburbia sono un trio della periferia milanese che si apprestano a pubblicare il proprio disco di debutto. Al centro del loro percorso musicale c'è la passione sfrenata per la musica pop degli anni sessanta. L'esuberanza e l'esagerazione anche fisica dei loro concerti fanno dei Suburbia una delle migliori live band in circolazione. Ironici, provocatori, dissacratori definiscono Pete Townsend degli Who come loro padre e John Lennon come loro madre. I concerti della band non sono soltanto una pura messa in scena di canzoni o di bravura tecnica, ma la ricerca della risposta del pubblico, l'esigenza della partecipazione assoluta dello ...


SUBURBIA

MusicPedia:

SUBURBIA I Suburbia sono un trio della periferia milanese, al centro del loro percorso musicale c'è la passione sfrenata per la musica pop degli anni sessanta. L'esuberanza e l'esagerazione anche fisica dei loro concerti fanno dei Suburbia una delle migliori live band in circolazione. L'album di debutto sarà pubblicato nei prossimi mesi. Un progetto nato dalla collaborazione tra la Società DIVINAZIONE (ideatrice di Rock Targato Italia che ha scoperto talenti quali: Timoria, Marlene Kuntz, Scisma, Soon) e lo Studio BIPS di Milano (dove hanno registrato: Prozac+, Afterhours). La produzione artistica è di Lele Battista (cantante de La Sintesi) e Nicola Calgari. ...


SUBURBAN PRIMITIVES/Suburban Pr

MusicPedia:

SUBURBAN PRIMITIVES Suburban Primitives cd-gold 1998 8/49 Autoprodotto decisamente Godflesh nei suoni e nelle intenzioni, poco si discosta dal demo Due Life recensito nel numero scorso di E.P., dal quale riprende anche tre pezzi. Il suono è migliorato, sempre con la batteria elettronica a dettare legge, bassi grossi e distorti, chitarroni sferzanti e saturi, voci fredde/effettate, campioni usati in maniera intelligente (con divagazioni dub-industriali) e citazioni da film quali Guerre Stellari, l'Esorcista, Pulp Fiction, The Blues Brothers, Arancia Meccanica. Un lavoro ben fatto, che necessita più di un ascolto per essere apprezzato nelle sue qualità nascoste (echi di Scorn, per es.). ...


SUBSONICS/Follow Me

MusicPedia:

SUBSONICS "Follow Me" E non è finito con la marginalità. Se siete alle prese con una forte crisi di nostalgia per i Velvet Underground, quelli veri, elettrici, paranoici e devastanti di brani come I'm Waiting For My Man, la Get Hip ha pronti per voi i Subsonics. Velvettiani fino all'imbarazzo. Ma un imbarazzo da paradiso, credetemi. La loro raccolta di canzoni è semplicemente imperdibile...


SUBSONICA/Microchip Emozionale/

MusicPedia:

SUBSONICA Microchip Emozionale Ci sta tutto il titolo del nuovo album dei Subsonica "Microchip Emozionale" è un'espressione tratta da "Aurora Sogna", uno dei pezzi migliori di tutta la raccolta, brano nel quale Samuel ci racconta la strana attività onirica di una ragazza che "sogna una carne sintetica, sensori, cibernetica neurale, labbra cromate, ricordi seriali ed un nuovo impianto sessuale". Non è solo questo, il titolo è anche una bella metafora dell'album e del metodo di lavoro utilizzato. Il Microchip è l'elemento base che forma il cervello e la memoria di tutti i computer, non ha emozioni, non può averne, ma tutto ciò ...


SUBSONICA/Microchip Emozionale

MusicPedia:

SUBSONICA Microchip Emozionale Prima occasione pubblica per origliare frammenti del nuovo repertorio "subsonico", prossimamente esposto nell'album Microchip Emozionale. Quattro brani incastonati in una struttura la cui solidità è assicurata da classici come Istantanee, Cose Che Non Ho e Radioestensioni. L'apertura spetta proprio a due inediti, Sonde e Disco Labirinto quest'ultimo con griffe supplementare del "bluvertiginoso" Morgan. Grooves accattivanti, scorza rockettara e solito colpo d'occhio obliquo sulla fisiologia della metropoli. E poco dopo è la volta di Colpo Di Pistola, brusco singolo estivo, mentre verso la fine irrompe con andatura incalzante Liberi Tutti, frutto di una liaison estemporanea con Daniele Silvestri. Una volta ...


SUBSONICA

MusicPedia:

SUBSONICA Estate '96 La Torino "ritrovata" degli anni 90, quella che ha definitivamente dato un taglio all'insostenibile eredità di città industriale (rinnovando il proprio stile di vita e riscoprendo soprattutto la notte) gode nell'estate del 96 di un particolare stato di grazia. Le notti ai "Murazzi" sono ad altissimo volume e non tollerano niente che non "faccia muovere". Arrivano in tour i primi dj, Ninjatune e Mo-Wax in testa. Nelle emittenti radiofoniche alternative viene mandata in pensione una certa attitudine "colta" al rock-da-scaffale-per-collezionisti. Si toglie il tappo a quell'innominabile universo sonoro relegato e compresso da sempre sotto il termine "dance". Il drum-and-bass, la techno, i rave, il dub ...


Subsonica

MusicPedia:

Subsonica Spazio 1999. Una vita a immaginarsi come sarebbe stato, quel fatidico anno, dopo un'infanzia passata davanti al serial tv. E qualcosa alla fine è arrivata. Non da un'altra galassia (o forse sì?), né da un altro pianeta. E nemmeno da un'altra nazione. Il cd che scorre nel lettore è roba fatta in casa - Casasonica - a Torino. E' il secondo album dei Subsonica, "Microchip Emozionale", e lascia di stucco. Anzitutto per la modernità delle idee, per la maturità della loro realizzazione e per la scarsità di proclami - cosa rara in chi fa musica ultimamente. Il gruppo di ...


SUBSONIC LEGACY

MusicPedia:

SUBSONIC LEGACY Ode To Billy Joe (Athletico) 12' U.K. Con questo hit malinconico torna sulla scena Danny Briottet, già membro dei Renegade Soundwave, duo techno-dub molto attivo nella prima metà degli anni '90. Onesto.


SUBPHONIC/Vegas Beach Party

MusicPedia:

SUBPHONIC Vegas Beach Party Bastano due minuti, o se siete tipi dalle orecchie dure, la durata del primo pezzo "Rogue Electric", per capire all'ascolto di quale produzione siete all'ascolto. Nu skool breakz. Affermato, ribadito e servito in modo grandioso. Se non siete ancora convinti, o intimoriti ed avete intenzione di andare avanti nell'ascolto, assicuratevi di avere orecchie allenate a sopportare frequenze molto basse, come di avere un impianto stereo degno. Neil Pollard non scherza. Gioca con le frequenze e con le vibrazioni attraverso una produzione decisamente superiore alla stragrande maggioranza delle uscite TCR, o Botchit&Scarper, o Marine Parade. Entrando (perché si ...


SUBLIMINATA

MusicPedia:

Subliminata I Subliminata nascono nel marzo 2000, da un'idea di Marco Magnani. E' forse la voglia di esprimere le sue sensazioni in musica che spinge Marco a cercare altri musicisti in grado di tradurre quello che ha nella mente..... Ora, con la collaborazione di Roberto Pasquino, Mauro Germinario e Giuseppe Lo Bue, sviscerano le prime 8 canzoni, estirpate dal mucchio e decidono, dopo un breve periodo di prove, di autoprodurre il loro primo CD intitolato ELASTICI; un misto di musica Rock allo stato puro e ritmi tribali. Al momento si esibiscono nei numerosi locali del Piemonte, intercalando al loro repertorio alcune ...


SUBLIME/story

MusicPedia:

SUBLIME BRAD (cantante/compositore/chitarrista e ambasciatore digitale) BUD (batterista e cambiale attiva) ERIC (bassista e Dio del Tuono) Sublime è un minestrone di tutti i tipi di band in cui sono stato da quando ero bambino. Non è come se io mischiassi tutto insieme apposta ma è una roba più di subconscio. Da bambino mi piaceva da pazzi il hardcore punk, come i Circle Jerks e i Black Flag, poi ho sentito i primi suoni ska da bands come The Selecter e The Specials. Ho pensafo che fosse la musica piu bella che avessi mai sentito. Poi arriva uno stile "rub-a-dub" di dance hall reggae ...


SUBLIME/2

MusicPedia:

SUBLIME Sublime (MCA) Ad un passo dal successo, quando le porte che, per tutta una vita, erano restate sempre ermeticamente chiuse sembravano, di colpo, aprirsi a nuovi e gloriosi orizzonti, ecco che, improvvisamente, accade quello che mai ti saresti aspettato: Brad Nowell, voce, chitarra e leader dei Sublime, trova la morte in un motel di Frisco e con lui, ovviamente, “muore” anche il suo gruppo. Una tragedia che esplode proprio in concomitanza con l’uscita di questo terzo (ed ormai ultimo) album della band californiana; un colpo letale che stronca di netto qualsiasi aspirazione futura di uno fra i più promettenti ensamble del ...


SUBJECTIVE

MusicPedia:

SUBJECTIVE - Tremmer / Critical (Rotation 009) Questa e' sicuramente una delle etichette che oggi preferisco, e non e' un caso che a capo di tutto cio' ci sia uno dei personaggi che stimo di piu': Dave Angel. Ma veniamo al 12": non so chi siano questi Subjective, ma e' importante ricordare che in fase di mixaggio si sono avvalsi della collaborazione di Advent (=garanzia). 2 lunghi brani molto simili, con la stessa ritmica e qualche variazione nei suoni 'melodici', suonabili sicuramente entrambi. 9


SUBDUDES

MusicPedia:

THE SUBDUDES Da una piccola città della Louisiana vicino a New Orleans ai palcoscenici d' America. In meno di dieci anni, i subdudes hanno portato quello che loro veniva naturale - una musica che combinava soul, blues e rock in modo creativo - dai clubs di New Orleans e del Colorado al resto del paese e a tutto il mondo. Tutto è cominciato nel piccolo centro di Elgar, Louisiana, dove il chitarrista Tommy Malone, il bassista Johnny Ray Allen e il percussionista Steve Amedee sono cresciuti insieme come persone e come partner musicali. Poi emigrarono a New Orleans e cominciarono a suonare ...


SUBCIRCUS/You Love You

MusicPedia:

SUBCIRCUS You Love You (Echo) Qualcosa di buono traspare dalle emozioni dei Subcircus; gli androgini vocals e le ripide pennate di chitarra potrebbero far presagire un posto al sole. Anche se solo per i fatidici 15 minuti. Vinile Blu.


SUBCIRCUS/Are you receiving?

MusicPedia:

SUBCIRCUS Are you receiving? Ma chi l'ha detto che il glam rock è finito nei primi anni Settanta? Chi conserva ancora la passione per le "innocenti" provocazioni di quell'insegna e i suoi vessilliferi musicalmente più estrosi - T.Rex e il Bowie/Stardust troverà dei deliziosi epigoni in questi Subcircus, soprattutto nel cantante Peter Bradley, in arte PB Jnr. In alcuni episodi, il suo timbro vocale aderisce a Marc Bolan in maniera addirittura stupefacente: per sbalordire basta prestare un (solo) orecchio a Man of the year, il brano che apre questo secondo disco del gruppo. L'impressione di una semplice per quanto raffinata ...


SUBARACHNOID SPACE/A New And Ex

MusicPedia:

SUBARACHNOID SPACE "A New And Exact Map" Incute sempre un po' di timore una nuova immersione nello spazio subaracnoide, con le sue fitte trame ipnotiche ed allucinatorie e la sua matematica aliena e priva di regole comprensibili; giunto però al suo sesto album (e con un CD che documenta un radio-show dal vivo, "These Things Take Time", già annunciato per Release Entertainment) il quartetto di San Francisco ha scelto geometrie più luminose e penetrabili materializzando un piccolo capolavoro di psichedelia improvvisata, iridescente ragnatela in cinque anelli percorsi da radianti fremiti chitarristici. Proprio le chitarre di Mason Jones e Melynda Jackson, sostenute ...


SUBARACHNOID SPACE & WALKING TI

MusicPedia:

SUBARACHNOID SPACE & WALKING TIMEBOMBS The Sleepless Sickness Il nuovo album di Mason Jones, sotto lo pseudonimo di Subarachnoid Space, registrato quasi in contemporanea con il precedente "Endless Renovation" (Release, 1998), ma ancora una volta dal vivo come "International Incident" (Charnel, 1998), sfoggia forse la migliore formazione nella storia del gruppo. Il disco è accreditato anche al genio malato di Scott Ayers dei Pain Teens, che adesso si fa chiamare Walking Timebombs. L'album contiene sei pezzi strumentali per lo più lunghi e free-form. "The Sleeping Sickness" attacca con una trenodia orientale stile primi Pink Floyd che poi cresce in un pezzo di ...


Subaqwa/I’ve seen before

MusicPedia:

Bella calligrafia pop per i Subaqwa e la loro “I’ve seen before” - mini Cd (Faith & Hope rec.) - delicata pop song parcheggiata dalle parti di Embrace e Radiohead, presto per dire se è talento o la legge dei grandi numeri. Intanto godiamocela.


Sub Electronica Chapter 2

MusicPedia:

Basi spinte, sonorità corrosive, voci filtrate e produzione buona, il tutto eseguito con cognizione di causa, ma la personalità latita. "Sub Electronica Chapter 2" è il secondo capitolo della serie inaugurata lo scorso anno dalla Betaform (sussidiaria della barese Minus Habens) con l'intento di far emergere formazioni sconosciute e che muovono i primi passi all'interno della scena elettronica, ambient, drum'n'bass, crossover, EBM, experimental o techno. Quasi sufficiente il livello qualitativo dei 14 partecipanti (italiani, con l'eccezione dei francesi Servovalve e The Evidence e dei semi-svizzeri Hi Tom), tra cui emergono Maurizio Landini, i già citati Servovalve, A034 The Insider e ...


SUAREZ/Excursiones

MusicPedia:

SUAREZ Excursiones Perfido pop. Perfido perché piccoli gioielli come Suarez, formazione argentina che ha appena sigillato il suo quarto lavoro, sa celarceli, per anni che sembrano secoli, con imperturbabile indiferenza. La formazione di Buenos Aires, fari puntati sulla voce di Rosario Blefari (a dispetto del nome è una ragazza), dalle origini lo-fi, i cui echi flebili ci raggiungono dalle cronache, ha evidentemente saputo affinarsi con le armi del romanticismo e dello stile, per quanto il suono sia rimasto essenziale e privo di sofisticate pretese. Tra l'elegante El camino, sensuale, sabbiosa bossanova, Mil Especies, che rasenta la soavità, El primitivo, caramella che ...


STYROFOAM/A Short Album About M

MusicPedia:

STYROFOAM/A Short Album About Murder Dal romanticismo digitale prende le mosse il "breve album sull'assassinio" di Styrofoam: Arne Van Petegem, belga di Anversa che alle chitarre dei concittadini dEUS ha preferito i ritmi e i servizi della berlinese Morr. Dolce (Bad Night is Falling, gli Smiths truccati da Schneider TM hanno già fatto scuola) e spigoloso (By Anybody Else I Mean You): e se fosse l'alter ego elettronico di Kid A?


STYLUS/Skomargraph

MusicPedia:

STYLUS Skomargraph Prosegue invece, severo ed incontaminato, il percorso "naturalista" di Dafydd "Stylus" Morgan, che dopo le capanne per la raccolta di alghe della costa atlantica gallese, sonorizzate nel CD di esordio, si sposta con Skomargraph di un breve tratto di mare, raccontando il suo viaggio sulla poco distante isola di Skomer. Emaciati passaggi di chitarra iterativa commentano rumori di vento e fabbriche fantasma, come scavando con le corde nei recessi della memoria per contrastare la forza selvaggia ed annichilente di un ambiente impervio. Una contrapposizione che sembra una variante meno ludica degli esperimenti di Peter Cusack, e che giunge ...


Style Council Complete Adventur

MusicPedia:

BACK IN THE EIGHTIES: THE STYLE COUNCIL The Complete Adventure Of The Style Council Che Paul Weller sia una delle figure più rappresentative del pop-rock prodotto in Inghilterra negli ultimi vent’anni credo sia un’affermazione finanche lapalissiana per chi segue con un minimo di interesse e competenza la migliore musica pop prodotta oltremanica. A riprova della statura del personaggio basti pensare alla deferenza e alla stima tributata all’eterno ragazzino di Woking, anche in tempi recenti, da gente come Oasis, Blur e Ocean Colour Scene o da un grande vecchio come Robert Wyatt. Ma se c’è pressochè unanimità di vedute sulla caratura artistica ...


STUPID FAMILY/Nancy

MusicPedia:

STUPID FAMILY Nancy Gli Stupid Family (inettoclub@yahoo.com), che scelgono la strada del mini, sembrano molto più originali sui pezzi più lenti e cadenzati, quelli più vicini a sonorità pure del Pop Punk californiano, che su quelli più sostenuti, e Radio Star ne è una lampante conferma. Davvero promettenti, ma il mio consiglio è quello di stare attenti a non ricadere nei soliti schemi Made In Italy... e qui qualcuno mi darà contro.


STUPID FAMILY

MusicPedia:

STUPID FAMILY "La Vendetta Degli Inetti" Gli Stupid Family sono un trio formato da Albi (Scisci) alla voce e al basso, Laapo alla chitarra e Gazzo alla batteria, provenienti dall'hinterland milanese. In cinque anni di attività hanno prodotto due demo e questi due mini Cd autoprodotti infarciti di punk'n'roll e di hardcore che a volte sfociano nell'heavy metal. In "Vivo da inetto" spiccano la provocazione punk'n'roll di "Se son gay" e "Tuesday", un puro metal anni '80 con grandi scale di contorno alle cavalcate chitarriste in odore di Iron Maiden e Slayer. E poi c'è il punk newyorkese, vedi Ramones, di ...


Stun Gun Cinema/OK

MusicPedia:

Stun Gun Cinema – The Best of the New York Underground Film Festival (www.nyuff.com) Skatopia (di Rick Charnoski) Skatopia è la cronoca di una party che si è tenuto nella primavera del 1998; è un posto dove la gente vuole divertirsi, fare skateboard, guidare furgoni a quattro ruote motrici, dare fuoco a vecchie auto, sparare e spogliarsi. Un paio di volte all’anno centinaia di giovani americani raggiungono le colline dell’Ohio per lasciarsi andare e partecipare alle feste organizzate da Brewce Martin, l’uomo che ha creato questa “skateboard utopia.” Può accadere di tutto a Skatopia, e accade di tutto. Presentato al NYUFF 2000. ...


Stun Gun Cinema

MusicPedia:

Stun Gun Cinema – The Best of the New York Underground Film Festival Selezione dei migliori cortometraggi delle sette edizioni del New York Underground Film Festival, la manifestazione del settore più di tendenza negli USA e quella più attenta al rapporto tra musica e immagini. Proiezione di dodici corti, con quattro anteprime europee assolute. Demenziali e frenetici, colti e divertenti, ecco a voi i registi americani della nuova generazione. Incontro con Ed Halter (direttore del NYUFF) e il regista Michael Galinsky, insieme a Domenico Liggeri (direttore della sezione Cinema) e Omar Pedrini per sancire il gemellaggio tra il NYUFF e Brescia ...


STUMP TONE/Stump Tone

MusicPedia:

STUMP TONE "Stump Tone" Two Ohm Hop Ci si aspettuva parecchio dagli Stump Tone, dopo il delizioso 7" "Circles" uscito per la Two Ohm Hop poco più di un anno fa, e la gradevolissima conferma del loro lunanco e visionario talento arriva con questo lungo, omonimo CD per l'etichetta di Denton, avamposto dell'underground texano che ci ha recentemente strabiliato con le effusioni lisergiche dei Light Bright Highway e gli intrighi di cupa free-jazzedelia degli Ohm. Stump Tone è un collettivo che prende forma attorno al grande polistrumentista e songwriter Chris Plavidal, assistito da David Willingham, nel ruolo prevalente di produttore. Su ...


STUFF/ok

MusicPedia:

STUFF Il gruppo nacque nell 84 con il nome di high voltage, si imposero nella realta’ musicale locale con un hard rock e heavy Metal di loro composizione. Molte le esibizioni live molti i cambiamenti di formazione ed alcuni anni di inattivita’ che non hanno intaccato la loro solidita … e ancora oggi si ritrovano a suonare delle cover per passione e divertimento con il nome di STUFF. LA CIURMA: VOCE: BRUNO CHITARRA: GIOVANNI BATTERIA: GIANNI BASSO: LORENZO


STUDY OF THE LIFELESS/Study Of

MusicPedia:

STUDY OF THE LIFELESS Study Of The Lifeless Era dai tempi di In The Presence Of Nothing di Lylis, e si parla di otto anni fa, che non ascoltavo un album così aderente ai My Bloody Valentine più vaporosi e fluttuanti. April Settles e Adam Beavers sono una coppia di Chattanooga forse scopertasi innamorata una volta rimasta impigliata nelle vorticose spirali delle chitarre di Kevin Shields e con questo loro primo album, sopraggiunto dopo un'esperienza non granchè significativa negli ignoti Swifl rendono un totalmente consapevole tributo alla band inglese. Facile accusarli d'esser derivativi, peggio copisti, ma ancor più elementare è lasciarsi ...


Student Zombie

MusicPedia:

Fondamentalmente assestati su di un indie rock malinconico e melodico, elettrico e acustico, i romani Student Zombie dimostrano di possedere buone doti di scrittura e la capacità di variare le proprie coordinate, pur senza allontanarsi dall'origine. "Student Zombie" (Valium\Helter Skelter) è la loro prima full length release - vinyl only - (dopo apparizioni su raccolte e un singolo risalente al '96) e fa leva, oltre che sulla voce ammaliante di Chiara, su otto tracce a cui è difficile resistere, siano esse "The World Is A Bastard" (I want to get away...), l'incisiva "The Good Old Boys" o la ballata trasversale ...


STUDENT ZOMBIE

MusicPedia:

STUDENT ZOMBIE Student Zombie E' la Valium Recordz - ex Banda Bonnot, fallita l'anno scorso - di Roma ad offrire la possibilità di cimentarsi sulla lunga distanza agli Student Zombie, un giovane combo capitolino con all'attivo un paio di apparizioni a compilation e con un profilo estetico di confluenza creativa tra pop-noise, giri elettrici post-rock ed ipnotismi attuali, con uno spettro di riferimenti che va dai Lemonheads ai Karate (parole loro). La definizione migliore per un album non molto rifinito ma carico di immediatezza e di intrecci chitarristici azzeccati è quindi quella di un miscuglio, sull'asse dello spontaneismo punk, con una predilezione ...


STUCK MOJO/Hvy1

MusicPedia:

STUCK MOJO Hvy1 Una testimonionza, in parte, questo live album degli Stuck Mojo. Testimonionza perché ci riporta al Masquerade Club di Atlanta quando per i Mojo iniziava la grande avventura verso la vetto del metal moderno. In questo disco, come allora, si respira l'atmosfera di un gruppo che inizia a giocare le carte migliori. Tantissima energia, un set convincente, canzoni che vanno ben al di la dello standard normale, voglia di riuscire, ovunque e comunque. Per loro quel concerto significava salutare Atlanta diretti al cuore degli States. Per loro questo disco significa un momento intermedio. Rising ha ottenuto un'ottimo riscontro, ma è ...


STUCK MOJO/Declaration Of A Hea

MusicPedia:

STUCK MOJO Declaration Of A Headhunter Avevo sperato che dopo il parziale insuccesso di "Arise" gli Stuck Mojo avrebbero preso il coraggio a due mani e avrebbero sfornato un album di genuina cultura sudista. Invece così non è stato. Il nuovo album "Declaration of a Headhunter" è un becero incaponimento sulla strada che porta (o vorrebbe portare) al successo di massa. Quello, per intenderci, che arride oggi alle bande crossover. Solo che i Mojo non sono i Limp Bizkit e nemmeno i Primer 55. E neppure riescono a essere i Sevendust, che pure hanno saputo coniugare la musica nera con il ...


Stuck Mojo/2

MusicPedia:

Mettiamo da parte i convenevoli e parliamo degli Stuck Mojo; “Pigwalk” (Century Media\Flying) nasce nel nome del crossover quasi totale e la potenza sprigionata è impressionante. Ritmiche cyber-devastanti, riff thrash-core, voce rappata, attitudine power groove e martellamento continuo. “Despise” rimanda ai Dub War e “Inside My Head” mischia elettronica, hip hop e rumorismo! All’interno di un genere che mostra segni di logoramento, gli Stuck Mojo hanno le carte in regola per sopravvivere all’usura del tempo e alla povertà d’idee che attanaglia molti loro illustri colleghi!


Stubborn All-Stars

MusicPedia:

Stubborn All Stars King Django dimostra ancora una volta che il suo talento non si ferma agli Skinnerbox. Nell'autorevole panorama del cosiddetto "New York Ska Mob" gli Stubborn All Stars giocano un ruolo da supergruppo. In "Back With A New Face", infatti, ultima fatica discografica di King Django e amici, sono ospiti Dicky Barret (Mighty Mighty Bosstones), Tim, Matt e Lars dei Rancid, Jack Ruby Junior, e Sledge dei Toasters. Gli All Stars suonano come gli Skinnerbox con una sezione di fiati in più, anche se Eskin "El Wood" non compare nei credits di questo disco, mentre Victor Ruggiero (leader degli Slackers) è più di un ospite: suona l'hammond ...


Strych 9

MusicPedia:

Strych 9 Con una grafica che sembra uscita di peso da una compilazione Crypt (o, meglio ancora, da qualche frattaglia dei maestri Cramps), i catanesi Strych 9 vogliono subito fugare ogni dubbio: quello che ascolteremo appartiene al reame del più vorticoso mefitico punkettar-fitties trash rockabilly che si sia udito in Italia. Sono infatti i due terzi dei Boppin' Kids (Boppin' Orazio, alias Brando, ed Emilio), con l'apporto enigmatico al basso di una non meglio identificata Consuelo, ad imbracciare rudimentali strumenti, per condurci ancora una volta sulle vie del sussulto e della rapida estasi, in una reinterpretazione devastante, cavernicola e ludica di ...


STRUNG OUT/TWISTED BY DESIGN

MusicPedia:

STRUNG OUT TWISTED BY DESIGN FAT WRECK CHORDS In giro dal 1993, in continuo su e giù dai palchi a braccetto di Pennywise, Bad Religion e NoFx, gli Strung Out si sono sempre dati molto da fare per emergere dalla folta folla di omologati gruppi californiani che sgomitano con skate in braccio. La casa madre Fat Wreck Chords è simbolo di garanzia per un certo suono marchio di fabbrica ma senza ombra di dubbio gli Strung Out hanno dalla loro una tecnica da vendere, sia strumentalmente che a livello vocale, e le loro canzoni sono ancora cavalcate trascinanti, tiratissime e divertenti. Le esecuzioni ...


STRUNG OUT/The element of sonic

MusicPedia:

STRUNG OUT The element of sonic defiance Influenzati dal pallino della tecnologia fin dall'art-work di copertina, gli Strung Out riescono ad introdurre qualche incursione stilistica di notevole effetto in tutte le loro composizioni, rendendole una sorta di post-melodic-hardcore. Tranquilli, non arricciate il naso per quest'aggettivo complicato: il pop ed i ritmi raddoppiati sono sempre di casa. Ma lo sapevate che gli Strung Out sono presenti anche in un videogioco di motocross della Microsoft? Mano ai joystick quindi!


Stromkern

MusicPedia:

“Flicker Like A Candle” (Kodex\Audioglobe), album di debutto (mid price, il che va sottolineato!) degli Stromkern si apre con “The Mercy Seat”, cover ben riuscita in chiave electro pulsante del brano di Nick Cave. Annotato che della stessa traccia compare anche un remix degli Attrition, diciamo che non si può fare a meno di rilevare chiari assonanze con molti gruppi accasati presso Off Beat o Zoth Ommog, però i pezzi risultano coinvolgenti e trascinanti. Ci si muove in ambienti sonori elettro-corrosivi, con sporadici arrangiamenti orchestrali o facendo in parte leva su atmosfere darkeggianti, ma nel complesso mi sento di promuovere ...


STROMBAIDON/ok

MusicPedia:

STROMBAIDON Il gruppo nasce all’inizio del ‘97, quasi per scherzo, ma visto il successo dei primi concerti la band decide di comporre svariati pezzi che non risparmiano nessun genere (rock, pop, metal, ska, country ecc.). Il tutto è interpretato in chiave rigorosamente demenziale e cantato in lingua nostrana. Le canzoni sono accompagnate da scenette e coreografie che fanno del palco un vero e proprio teatrino, l’ideale per un pubblico allegro. E’ in preparazione il primo demo autoprodotto che conterrà una valanga di assurdità come Flebile Speranza De Vive Senza Panza, Sbrocco De Testa, Country Stromb, e la già acclamatissima Sei Un ...


STROLLERS/Captain Of My Ship

MusicPedia:

STROLLERS Captain Of My Ship La Svezia, lo sappiamo benissimo, è stata una delle lande più importanti (assieme a Usa e Italia) del garage-revival degli 80's. A quindici anni di distanza, gli Strollers vogliono ora dimostrare di essere gli eredi legittimi di quella scuola. E gli undici episodi di "Captain Of My Ship" - loro seconda prova 'lunga' dopo "Falling Right Down" dello scorso anno sono qui a confermare gli intenti del quartetto scandinavo. E' un viaggio all'indietro, 1966 o giù di lì, quello in cui ci conducono gli Strollers: garage-punk caldo e vibrante, infarcito di organo e tastiere, con un'ottima ...


STROKE/First In Last Out

MusicPedia:

STROKE "First In Last Out" Tra la fine del 1998 e l'inizio del 1999, il nome degli Stroke, cominciò a circolare con una certa insistenza tra le possibili next big thing in UK, tuttavia la successiva doppia pubblicazione di singoli quali "Internal Call" e "I Wish I Had" non è riuscita ad affermarli con la necessaria determinazione. Ci provano ora con l'incendiario album di debutto "First In Last Out". Quale musica suonano gli Stroke? Un rock contaminato da stimolazioni tecnologiche funk, evoluzioni psichedeliche e divagazioni breakbeat pensate ad un impossibile incontro tra Ozric Tentacles e Orb, tra Happy Mondays, Jesus Jones e ...


Strobe/Alienation

MusicPedia:

Strobe "Alienation" E' passta parecchia acqua sotto i ponti da quando gli Strobe pubblicarono il loro terzo album "The Circle Never Ends" con l'aiuto determinante di Pete Giles; ad accrescere il rammarico per la prolungata assenza dal mercato discografico il fatto che proprio quel terzo lavoro avesse segnato una svolta assai interessante nel potente guitar quintet dello Hertfordshire, in termini di messa a fuoco di un sound post-hawkindiano dotato di grande immediatezza e vivacità ritmica "Alienation", ancora in collaborazione con Gibs, conferma le buone intuizioni del precedente capitolo senza denunciare all'apporto di sostanziali modifiche dettate in parte dal contrarsi della formazione: ...


STRIXALUCO/ALLOSSO

MusicPedia:

STRIXALUCO "ALLOSSO" un progetto musicale di Daniela Cattivelli e Sabina Meyer Bologna: citta di donne e uomini Coproduzione Link Bologna 2000 città europea della cultura Sabina Meyer voce Daniela Cattivelli sassofoni Angelo Berardi violino Paolo Angeli chitarra elettrica, chitarra sarda preparata Pierangelo Galantino contrabbasso Fabrizio Spera batteria, oggetti e corde amplificate, nastri Il comune interesse per esperienze in cui diversi linguaggi artistici interagiscono ha rappresentato la ragione dell'incontro tra Daniela Cattivelli e Sabina Meyer. In diverse occasioni le due musiciste si sono trovate in passato a misurare e forzare i confini tra differenti forme espressive. In maniera indipendente ciascuna ha lavorato in più direzioni: teatro/musica, movimento/musica, ...


STRITTI

MusicPedia:

Stritti, l'artista hip hop di punta nel panorama marchigiano, cantante anche del gruppo dei Soliti Sospetti vincitori di Cittadella Live 1997 con il brano "STILE", gruppo di spalla, l'ultimo dell'anno in Ancona di Ron e Ruggeri. Presto uscirà un demo del gruppo con i loro pezzi già esibiti in pubblico più alcuni brani inediti tutti suonati nella migliore tradizione Funk. Stritti iniziò a fare rap nel 1990 dopo aver sentito un concerto dei Isola Posse All Star, in questi anni è maturato grazie alle collaborazioni sia come rapper che ballerino (Campione italiano 1998 di Funk) con personaggi del calibro di ...


StripPop

MusicPedia:

StripPop www.strippop.da.ru Gli Strippop nascono verso la fine del 1999 con il nome di Jorn... non ricordo bene ma penso fosse dicembre.. o novembre, ma comunque sia, Luca Furigo, Simone Furigo, Davide Martini e Fulvio Tassi iniziano a suonare insieme “cover” con l’intento di andare a coprire quella fascia del mercato (!) che in Romagna mancava. Quindi provano cover di Rem, Radiohead, Pearl Jam, Blur, ecc..., che vengono proposte qualche mese dopo in concerti locali. Poi, un bel giorno di settembre 2000, i quattro che hanno alle spalle diverse esperienze musicali, si guardano in faccia e si rendon conto che si ...


STRIPPI ON LINE

MusicPedia:

STRIPPI ON LINE 800 01 6600, Droga Tel. Non ho capito una cosa: si può ordinare la roba a 'sto numero verde o che?


Strike/new

MusicPedia:

Veniamo agli Strike, da Ferrara, che delle contaminazioni tra ska, rock e pop - con testi per lo più impegnati sul piano socio-politico - sono veri e propri veterani. Di ska, nel cd-single pubblicato dalla New L.M. come assaggio del prossimo lavoro esteso, c'è solo la geniale cover della mitica California Uber Allis dei Dead Kennedys, mentre il brano che dà il titolo al disco, Non Dimenticare (presentato in tre differenti versioni), si dipana per oltre cinque minuti di sonorità tanto tese e pesanti quanto melodiche in un continuo, pirotecnico abbraccio di più stili. Con simili premesse, come non attendere ...


STRIKE

MusicPedia:

STRIKE (ITA) live set - ska Ritorna la storica band ferrarese col suo micidiale cocktail di punk, ska, reggae, salsa, mambo liscio e rocchenroll. Più di dieci anni di sotterranea attività alle spalle hanno fatto degli Strike una vera e propria band di culto, nonostante siano completamente esclusi dal circuito commerciale. Strepitosi e numerosi sul palco, hanno da poco pubblicato il nuovo EP "Non Dimenticare", contenente anche una cover della storica "California Uber Alles".


STRIFE/In This Defiance

MusicPedia:

STRIFE In This Defiance (Victory\Self) Sono passati più di tre anni da quando "One Truth", spettacolare disco d'esordio della band californiana, fece la sua comparsa sul mercato discografico, conquistandosi lodi e onori in giro per il mondo e permettendo addirittura agli Strife di supportare i Sepultura nel tour europeo. Il compito di questa nuova release non è affatto semplice, in quanto l'obiettivo minimo sarebbe quello di eguagliare il proprio predecessore e, anche alla luce del recente split dei compagni di scuderia Snapcase, il tutto assume ancora maggiore rilevanza. Premesso che, com'è giusto e naturale che sia, vengono introdotte alcune ...


STRIFE

MusicPedia:

STRIFE o~ Trueh (Viotory Europe) Finalmente un Gd che mi ha fatto rivivere le stesse sensazioni del maestoso "Firestor»t'j dei grandi ~ CrZis. Probabilmente gli Strlfe sono leggermente meno caratteristici, ma altrettanto esplosivi, su questo non ci piove. Un disco di hardcore puro ed incontaminàto, senza deviazioni e strizzate d'occhio sospette. Pare che rnolti stiano cominciando ad additarli corne eredi dei Mibrr lT`l~t. I kids puristi credono ciecamente negli Strife, confidando nella loro irnmagine di band che non accetta comprotnessi, non li deluderanno.


Stribog/Futhark/Daily Wars' Son

MusicPedia:

Stribog/Futhark Daily Wars' Songs Di natura decisamente intimista è "Daily Wars' Songs", un'opera licenziata a nome Stribog/Futhark che è il prodotto di due talenti in qualche modo affascinati dalla mitologia nordica e dal magico linguaggio delle rune. Concretizzano le loro personali intuizioni in mezz'ora di musica a testa che dilata atmosfere plumbee e malate pur accarezzando l'anima sognante della ballata acustica e, nel caso di Stribog, perfino lontane memorie romantiche alla Nick Drake. La matrice sonora cui si rifanno entrambi gli autori è comunque quella del cosiddetto folk apocalittico, la grafia più amata dall'ultima generazione di menestrelli che cantano la leggenda nell'età ...


STRIBOG FUTHARK

MusicPedia:

STRIBOG FUTHARK DAILY WARS SONGS Già da tempo attivi nel circuito dark con i loro gruppi d'origine (rispettivamente Mistery Plays ed Exù), Alberto Bonini ed Adriano Elia danno voce nel cd split "Daily Wars' Songs" - a due esperimenti paralleli accomunati dalle medesime tematiche apocalittiche e da una simile attitudine neo folk intrisa di nero mistero. Sonorità acustiche ed ambientazioni post industriali caratterizzano i brani di Stribog, progetto che coinvolge entrambi i musicisti e prende il nome dalla divinità nordica del Freddo e del Gelo; d'origine runica è invece la denominazione di Futhark, cimento solista dello stesso Elia, alle prese con esecuzioni ...


Strek vs Atzmo live act

MusicPedia:

Strek vs Atzmo live act (Betulla record, I) Sono i fondatori dell’etichetta indipendente Betulla Records di Cuneo. Attivi nel panorama elettronico da diversi anni con gli pseudonimi più svariati, hanno pubblicato il primo brano The Game sulla compilation Sub Electronica 2 di Betaform/Minus Habens. Ben accetti dalla stampa specializzata e dai frequentatori delle serate firmate Betulla presentano un live orientato come di consueto alla sperimentazione ed al volto più "ironico" dell’electro. E’ in uscita imminente un ep (nato in co-produzione con Resonant di Roma) orientato alle sonorità più sfacciatamente italiche degli anni ’80.


STREAM/BOLLI

MusicPedia:

STREAM Paolo Rossi, adesso che fa gli spot per quella cazzata di tv, tiene a dirci che a casa sua ha sempre avuto quella che promuove oggi, non quell'altra troiata che reclamizzava ieri. Bene, ammesso che q.cuno si sia abbonato solo perché lui la reclamizzava, non si sente costui, come dire, cornuto e mazziato? Qui non è questione di pubblicità comparative o di buon gusto, ma solo di facce come il culo. Però di sinistra (a beh, allora...). Pessimo.


STRAULINO&MONTELLO/Sintetiche S

MusicPedia:

STRAULINO&MONTELLO Sintetiche SincreticheSinaptiche Lino Straulino, chitarrista, cantautore di lingua friulana, ricercatore di tradizioni popolari carniche, è un artista quasi sconosciuto al di fuori dei confini regionali. E non si dica che è per via della barriera linguistica posta dal friulano, visto che il pubblico italiano osanna autori stranieri delle cui liriche comprende poco. E' un vero peccato, perché la vena poetica e il timbro vocale di Straulino - lo ricordiamo tra i protagonisti dell'emozionante tributo a Víctor Jara - meriterebbero più ampio credito. Questo CD è l'esito della collaborazione con Stefano Montello ed altri musicisti friulani del giro FLK e Zuf ...


STRATTA E MOLARI

MusicPedia:

Fachiro. Attrazione di sicura spettacolarità, si corica su un letto di chiodi e su aguzzi vetri e coinvolge il pubblico attraverso il gioco della frusta. Gag di clown. Repertorio classico delle entrée di clown rivisitato dai due artisti e riadattato per tutte le situazioni spettacolari, dai 5 minuti all'infinito... (si fa per dire). Il marziano. Dalla tradizione dei cantastorie è una pantomima clownesca in cui il corpo, la voce, gli oggetti e la musica raccontano la storia in un nuovo linguaggio: tratto da un racconto di Umberto Eco, narra la storia di tre cosmonauti (uno tedesco, uno francese, uno napoletano) ...


STRATOVARIUS/2

MusicPedia:

STRATOVARIUS La storia degli Stratovarius ha cominciato a tingersi di rosa dopo l'arrivo dietro al microfono di Timo Kotipelto. I primi due album della band finlandese erano stati accolti con favore dalla critica e dal pubblico, ma nulla avrebbe fatto presagire l'esplosione verificatasi con "Forth Dimension" e, ancora di più, "Episode" e "visions". Il live album pubblicato all'inizio di quest'anno ha confermato una band ormai saldamente in cima alle playlist dei fan e addetti ai lavori di mezzo mondo e l'attesa per il nuovo "Destiny" è cresciuta con il tempo in maniera esponenziale. Da un punto di vista strettamente musicale gli Stratovarius danno il meglio di sé nei brani veloci, ...


STRATOVARIUS+RHAPSODY+SONATA AR

MusicPedia:

STRATOVARIUS+RHAPSODY+SONATA ARCTICA Tornano gli stratovarius che hanno da presenatre al pubblico italiano il loro nuovo album "infinity", anche se dovrei dire futuro album, visto che ancora non è sul mercato. comunque il singolo uscito lascia ben sperare per un ritorno della band ai fasti di "visions" visto che l'ultimo "destiny" era composto da canzoni veramente valide affiancate ad altre di livello molto inferiore alle potenzialità della band. accasati presso una nuova label il quintetto torna in italia dopo l'ultima tournè che li ha visti lo scorso anno in ben 4 date che hanno registrato il tutto esaurito, a seguito anche ...


STRATOVARIUS

MusicPedia:

STRATOVARIUS La storia degli Stratovarius ha cominciato a tingersi di rosa dopo l'arrivo dietro al microfono di Timo Kotipelto. I primi due album della band finlandese erano stati accolti con favore dalla critica e dal pubblico, ma nulla avrebbe fatto presagire l'esplosione verificatasi con "Forth Dimension" e, ancora di più, "Episode" e "visions". Il live album pubblicato all'inizio di quest'anno ha confermato una band ormai saldamente in cima alle playlist dei fan e addetti ai lavori di mezzo mondo e l'attesa per il nuovo "Destiny" è cresciuta con il tempo in maniera esponenziale. Da un punto di vista strettamente musicale gli Stratovarius danno il meglio di sé nei brani veloci, ...


Stratford Mercenaries/Sense of

MusicPedia:

Stratford Mercenaries Sense of Solitude Southern Ci riprova ancora quel pazzo, in senso buono, di Steve Ignorant. Il fondatore degli storici Crass, uno dei gruppi più importanti del punk anarchico britannico, rilancia i suoi Stratford Mercenaries, armati di chitarre e di un suono come al solito abrasivo e incompromissorio, all'assalto dell'establishmente politico e musicale. Il secondo disco degli Stratford Mercenaries ribadisce la lezione del primo, con ancora maggior convinzione, se possibile. Punk rock semplice e senza pretese che si basa su elementi semplici come emotività e impatto per farsi strada nel cuore dell'ascoltatore. Guidato dall'inconfondibile voce del leader, a ...


Strapping Young Lad/Devon

MusicPedia:

I già citati Strapping Young Lad di Devin Townsed (Front Line Assembly, Steve Vai, Wildhearts, G//Z/R, ecc.) e Gene Hoglan (Death, Testament e Dark Angel) hanno dato alla luce “City” (Century Media/Self) album di una violenza inaudita, in cui l’aspetto umano del suono si fonde ottimamente con gli innesti di sampler e macchine varie. Le prime sette tracce sono quasi inimmaginabili per la furia devastante che scatenano, con ritmiche al limite del ragionevole e scariche chitarristiche ultra velocizzate; per fortuna che la cover di “Room 429” dei Cop Shoot Cop ci fa riprendere fiato. Gli Strapping Young Lad sono uno ...


Strapping Young Lad

MusicPedia:

Gli Strapping Young Lad sono spaventosi e "No Sleep Till Bedtime" (Century Media\Self) pare fatto apposta per ricordarcelo. Sette episodi live (registrati a Melbourne) e un paio di inediti in studio per 42 minuti abbondanti di extreme metal contaminato da tastiere e innesti elettro-meccanico-rumoristi che non lasciano il tempo di fiatare. Pesanti e dinamitardi!


STRANGULATED BEATOFFS

MusicPedia:

STRANGULATED BEATOFFS - "Strangulated Beatoffs" - (Skin Graft\Wide). Se il gruppo dei fratelli Acher punta sulla razionalità, i redivivi Strangulated Beatoffs (dal '92 non si facevano più sentire) sono animati da un intento logicamente schizofrenico, dove la contraddizione tra avverbio e aggettivo intende testimoniare l'assoluta lucidità del duo nel tessere trame sonore "normali" solo in superficie! Certo "Babysitting" e "Beatoffs Get Niggery" (acid jazz e funky house, deviate) potrebbero anche piacere, così come "Oh, My Favorite!", con il supporto di voce femminile (campionata?), ma come la mettiamo con gli undici minuti monocordi e ripetitivi di "Dream OF The Genies" o con ...


STRANGLERS/Stranglers live

MusicPedia:

STRANGLERS/Stranglers live In attesa di dare alle stampe la loro prossima fatica, e ormai orfani di Hugh Cornwell (da poco titolare di un disco, Hi-fi uscito lo scorso ottobre), gli Stranglers inaugurano il loro nuovo contratto con la Spv pubblicando un doppio disco dal vivo che offre una testimonianza dei concerti tenuti nel 2000 da una delle band più note del panorama punk-new wave degli anni Ottanta. La raccolta antologica, venticinque brani che ripercorrono la carriera dei Stranglers ricordandone la capacità di creare uno splendido equilibrio tra l'energia del punk e la song form di chiara matrice britannica, è l'ennesima prova ...


Stranglers

MusicPedia:

Stranglers Il gruppo nasce a Guilford grazie all'unione tra il cantante Hung Corrwell, Jean Jacques Burnel, Jet Black e Dave Grenfield. All'inizio, per il loro tipico suono di tastiera, sono addirittura paragonati ai Doors. Successivamente però, svilupperanno, attraverso era punk e new-wave, le loro tristi ma gloriose ballate. Dopo l'abbandono di Cornwell ('90), il gruppo ha continuato stancamente. No more heroes (l977, Emi)


STRANGELOVE/Strangelove

MusicPedia:

STRANGELOVE Strangelove (Parlophone) Avremmo potuto definire gli Strangelove “new grave” molto tempo prima che “Creep” dei Radiohead entrasse nelle orecchie di tutti. Il terzo album della formazione di Bristol nulla fa per dissimulare la turbolenta teatralità. Il cantante Patrick Duff entra nei sentieri dolorosi della vita con “Superstar” muovendosi tristemente attraverso “Wellington Road” prima di essere trasportato dalla corrente pop di “Sunday Soon”, supportata dalle tastiere del nuovo componente Nick Powell. Qualche fremito di speranza si affaccia da una grandeur rabbiosa.


STRANGELOVE

MusicPedia:

STRANGELOVE - Love And Other Demons [Food/Parlophone] La vita degli Strangelove è intensamente legata a quella di Patrick Duff, cantante e autore della band di Bristol, attulmente alle prese con una cura di disintossicazione dall'alcohol dopo aver trascorso un lungo periodo di abuso e assuefazione (chi se lo ricorda più di un anno fa al Vidia di Cesena quando gli Strangelove aprirono per gli Suede?). Love And Other Demons, secondo album dopo Time For The Rest Of Your Life è stato registrato prima della terapia di Duff e si apre con Living With The Human Machines, i cui versi iniziali testimoniano ...


STRANGEFOLK/A Great long While

MusicPedia:

STRANGEFOLK "A Great Long While" Strana bands quella degli Strangefolk. Partiti come jam band, hanno sviluppato un suono rock, mischiando elementi folk, roots, blues e rhythm and blues. Se Weightless In Water faceva prevedere un cambio di stile, non era certo quello radicale che ci presenta con A Great Long While. La band non ha mai mutato formazione. Jon Trafton e Reid Genauer hanno cominciato come duo al tempo dell'università ed hanno iniziato a suonare nelle coffee houses e nei pubs della zona. Originari del Vermont, mantengono uno script di base che ha radici simili a quelle dei Phish (ascoltate Walnut), ...


Strange Noise

MusicPedia:

Strange Noise Il gruppo Strange Noise si è formato non meno di un anno fà. Strange Noise, nome che può far immaginare qualsiasi forma di rumore, divulgazione ed altro. Siamo una formazione trio molto funky, jazz rock; suoniamo i nostri pezzi e qualche cover. Il gruppo è composto da Lello (basso elettrico); Lorenzo (chitarra) e Diego (batteria). Inf.: Marasca Aurelio - Via Rotella 19 - Filottrano (AN) - Tel. Lello 071/7221820 - Diego 071/7221429 - Lo