Advertisement

Live Concert

Oggi

 ABRUZZO  Motel Connection Nobraino  CALABRIA  Loredana Berte' Gue' Pequeno Barresi Project Modena City Ramblers  CAMPANIA  Nordgarden  EMILIA ROMAGNA  Timoda' - Tributo Ai Modà Le Luci Della Centrale Elettrica Oh My O Muck And The Mires Patty Pravo Peppa Pig Nico Royale Noise Pollution His Electro Blue Voice  FRIULI VENEZIA GIULIA  Chambers Marlene Kuntz  LAZIO  Massimo Ranieri Mondo Marcio Massimo D'avola Peter Bernstein Quartet Nicolas Joseph Roncea Aaron Goldberg Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute Nevermind - Tributo Ufficiale Ai Nirvana Zolle General Levy  LIGURIA  Kaleidoscopic Zeus! Massimo Priviero Giuda Le Minigonne – 60S Pop Rock Band  LOMBARDIA  Moostroo The Monkey Weather Dracula Lewis Extrema Teka P Alessio Lega Roipnol Witch Calvino Giubbonsky  MARCHE  Dj Giamma Vertical Scratchers Pipers Freakanto' Mortimer Mc Grave & The Barelliers Amore Clementino Drop – R.a.t.m. Tribute The Gentlemen's Agreement Stormwind  PIEMONTE  The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Rashad Becker The Magnetix Heaven's Basement Bobby Soul Erin K Queenmania Frei Band Bunker Club Monica P  PUGLIA  Maria Antonietta The Zen Circus Neffa L'orso Diodato Management Del Dolore Post-Operatorio Marco Notari  SICILIA  C+C=Maxigross Dola J. Chaplin Black Beat Movement Nicolò Carnesi Bud Spencer Blues Explosion Tinturia Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Mama Marjas Giacomo Toni  TOSCANA  Violacida Brunori Sas Giorgio Canali Zocaffe Bad Apple Sons Le Man Avec Les Lunettes Raphael 2Pigeons Gang Crazy Mama  TRENTINO ALTO ADIGE  The Traveller - Massimiliano Forleo Sisyphos Talco  UMBRIA  Bettibarsantini Taberna Vinaria Bologna Violenta  VENETO  Tributo Italiano Tolo Marton Metal Sludge Extravaganza The Moor One Love Hi Powa Clock Dva Moa Anbessa Sound System! Full Crew! Elli De Mon Big John Bates And The Voodoo Dollz Mr Wob & The Canes

Domani


Lunedì


Martedì


Mercoledì


Giovedì

 ABRUZZO  Colle Der Fomento Enrico Capuano The Fiftyniners Clementino  BASILICATA  Spasulati Band Barresi Project  CALABRIA  The Traveller - Massimiliano Forleo Simone Scifoni Aka Slim Meganoidi  CAMPANIA  Simone Cristicchi The Natural Dub Cluster Sonohra Rev Rev Rev Psychopathic Romantics Galoni  EMILIA ROMAGNA  Il Re Tarantola Jack Jaselli Carlo Maver Javier Girotto Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Cristiano Godano Fabrizio Bosso Gattamolesta Giancarlo Onorato  FRIULI VENEZIA GIULIA  Tre Allegri Ragazzi Morti  LAZIO  Junior Kelly Maria Pia De Vito Buddha Superoverdrive Electric Superfuzz Piji Karol Wojtyla - La Vera Storia Matteo Sansonetto  LIGURIA  Mondo Marcio Pink Holy Days Boogarins Lennon Kelly Marta Sui Tubi Lili Refrain Marnero The Manges  LOMBARDIA  Irreverence Massimo Priviero Zeus! Nordgarden Red Worms' Farm Cosmo Slava's Snowshow Gue' Pequeno Guignol  MARCHE  Tnt Ac/dc Tribute Borghese Warsavia Israel Varela Nobraino Bip Gismondi Valentina Gravili Spaghetti A Detroit  PIEMONTE  Giovanni Truppi Oneohtrix Point Never Revenga Sad - Official Metallica Tribute Lo Zoo Di Berlino Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi Sohn  PUGLIA  Dellera Marzia Stano Aka Una Giacomo Toni Larry Franco Duo Bucolico White Queen Coez Bud Spencer Blues Explosion  SICILIA  L'orso Tinturia  TOSCANA  Alessia Tondo Alla Bua Pipers Majakovich The Zen Circus Giuda Linea 77 Arianna Antinori  TRENTINO ALTO ADIGE  Assalti Frontali Bologna Violenta  UMBRIA  Raster Flor Ex-Otago  VENETO  The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Ches Smith Modena City Ramblers Black Mama Tolo Marton Lume Black Beat Movement Muck And The Mires Morblus Band Rumatera

Venerdì

 SVIZZERA  Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Cristiano De Andrè Marumba The Vad Vuc  ABRUZZO  Ex-Otago Buddha Superoverdrive  BASILICATA  Enrico Capuano  CALABRIA  Drunken Butterfly  CAMPANIA  Galoni The Gentlemen's Agreement Cercasi Cenerentola Psychopathic Romantics The Natural Dub Cluster  EMILIA ROMAGNA  Vince Vallicelli Paola Turci The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Bobo Rondelli Alla Bua Nico Royale Witko The Manges Laser Geyser Area  FRIULI VENEZIA GIULIA  Peppa Pig Lume Daniele Tenca  LAZIO  Emanuele Bultrini Mad Professor Margherita Vicario Rev Rev Rev Karol Wojtyla - La Vera Storia Mondo Marcio Mad Dogs  LIGURIA  I Cani The Zen Circus Giovanni Truppi Blindosbarra Pino Scotto Fratelli Di Soledad  LOMBARDIA  Electricity Slava's Snowshow Drink Day Black Beat Movement Uni Poska Muck And The Mires Giuda Le Teste Flor  MARCHE  Warsavia Mothra Dj Giamma Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat The Sons Of Anarchy Zibba Borghese Reggaete Forte Riciclato Circo Musicale Assalti Frontali  MOLISE  Simone Scifoni Aka Slim Duo Bucolico  PIEMONTE  Blume Apoptygma Berzerk Clementino Roipnol Witch Daniele Sepe Band Bunker Club Gianluigi Trovesi Gianmaria Testa Sell System  PUGLIA  Rhomanife Dellera Marzia Stano Aka Una White Queen I Gatti Mezzi  SARDEGNA  Irreverence  SICILIA  The Traveller - Massimiliano Forleo L'orso Nicolò Carnesi  TOSCANA  I Matti Delle Giuncaie Bud Spencer Blues Explosion Danilo Sacco Marta Sui Tubi Virginiana Miller Modena City Ramblers Casa Del Vento  TRENTINO ALTO ADIGE  Kaleidoscopic Francesco Patella Nh3  UMBRIA  Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Ches Smith Unorsominore  VENETO  Talco Nobraino Lee Scratch Perry Slick Steve & The Gangsters Verbal Tolo Marton La Tresca Bermuda Trio Filippo Cosentino Mideando String Quintet

 SVIZZERA  Joe Colombo The Vad Vuc Ben Vida Nicola Ratti Cristiano De Andrè  ITALIA  Sisyphos  ABRUZZO  Zolle Drunken Butterfly Tony Borlotti & I Suoi Flauers Majakovich Enrico Capuano Brunori Sas Raphael & Eazy Skankers Kyla Brox Taberna Vinaria The Fiftyniners  BASILICATA  Monaci Del Surf Spasulati Band Zibba Luciano Ligabue  CALABRIA  Nu Bohemien Giacomo Toni His Electro Blue Voice Cleo T.  CAMPANIA  Psychopathic Romantics Modena City Ramblers La Rappresentante Di Lista Bologna Violenta Loredana Berte' The Zen Circus G-Fast 99Posse Giovanni Truppi Alberto Radius  EMILIA ROMAGNA  Cut Rain Mellowtoy Forty Winks Wolves Like Us Bettibarsantini Giovanni Falzone The Van Houtens Several Union  FRIULI VENEZIA GIULIA  Gli Sportivi Emanuele Belloni Nobraino Isolde Piero Sidoti - Genteinattesa Marlene Kuntz Franco D'andrea Daniele Tenca  LAZIO  Pavic Alberto Marsico Il Muro Del Canto Tony Cerqua Astenia Mad Dogs Roberto Gatto Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute Kutso  LIGURIA  Lili Refrain Pino Scotto Paolo Saporiti Marnero Diego Deadman Potron 3 Fingers Guitar Bobby Soul Motel Connection Lennon Kelly  LOMBARDIA  Antonello Venditti Gianmaria Testa Twin Room Bones & Comfort Parafunk Eugenio Finardi There Will Be Blood Johnny Mox Pocket Chestnut  MARCHE  Barbara Casini Valentina Gravili Mortimer Mc Grave & The Barelliers Lucifer Big Band Boomdabash The Gentlemen's Agreement The Great Saunites Mara Gillian Grassie Gambardellas  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Blume Apoptygma Berzerk Vertical Scratchers Paolo Bonfanti Oneohtrix Point Never Guignol Queenmania Kenny Barron Trio Mondo Marcio Olly Riva & The Soul Rockets  PUGLIA  Marco Notari Dellera Emis Killa Alborosie & Shengen Clan Band Fabio Concato Coez Barresi Project Marzia Stano Aka Una White Queen Two Door Cinema Club  SARDEGNA  Cisco Train To Roots  SICILIA  Tinturia Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Mama Marjas Alessandra Amoroso Stefano Bollani Veivecura Femina Ridens Antonella Ruggiero Nicolò Carnesi  TOSCANA  Us Rails Tunng Nicodemo Molla - Luca Giura Virginiana Miller Bobo Rondelli Sarah Lee Guthrie & Johnny Irion Cesare Carugi Acquaraggia 2 Fat Men  TRENTINO ALTO ADIGE  Come Cani Come Angeli Assalti Frontali Talco Manuel Volpe Jack Jaselli Francesco Patella  UMBRIA  Color Swing Trio 2Pigeons Raster Wemen Green Like July Joe Pisto Big Ones Aisha Burns Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Petramante  VENETO  Solrize La Tresca Filippo Graziani Filippo Cosentino Get On Funk Red Hot Chili Peppers Tribute Band Vic Du Monte's Persona Non Grata Warias Lume Clan Of Xymox Jackie-O-Motherfucker

 SVIZZERA  Mellow Mood  SLOVACCHIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Gasparazzo Altro Casa Del Vento  AUSTRIA  Satelliti  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  SVIZZERA  Gue' Pequeno Dub Incorporation    Lee Scratch Perry  SVIZZERA  Joe Colombo Bluestouch Witko  ABRUZZO  Zibba Luminal Gianni Morandi Kyla Brox Black Beat Movement The Fiftyniners Near Gigi Finizio Magda White & Frank Hammond Band Kaleidoscopic  CALABRIA  Monaci Del Surf Zeus! Peppe Voltarelli Caron Dimonio  CAMPANIA  Marlene Kuntz Gazebo Penguins Buddha Superoverdrive Keira Is You Gillian Grassie Nadar Solo Mauro Ermanno Giovanardi Gnut Sprained Cookies Caponebungtbangt  EMILIA ROMAGNA  Dino Rubino Showstripssilence Teho Teardo Rhodri Davies Lennon Kelly Twin Room Samaris Margaret Lee Domine  FRIULI VENEZIA GIULIA  The Orb Elvenking Tommy Emmanuel Giovanni Truppi W.i.n.d. Jackie-O-Motherfucker The Zen Circus Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus  LAZIO  Brunori Sas Kris Roe Johnny Winter Barzin Mxpx All Stars Bad Apple Sons Asilo Republic Giraffage Kutso  LIGURIA  Sette Sposi Per Sette Fratelli Giorgio Conte Bobby Solo Warias Federico Sirianni Lamalareputazione Di Maggio Connection Fall Out Camillocromo Fabrizio Poggi & Chicken Mambo  LOMBARDIA  Be Forest The Midnight Kings Nice Blood Ceremony His Clancyness Morkobot Big Deal Noemi Mark Olson Roby Facchinetti  MARCHE  Mudimbi Drunken Butterfly Freakanto' The Natural Dub Cluster Magellano Giacomo Toni La Grande Tribu' The Hard Beat Gastone Pietrucci & La Macina Geri Allen  PIEMONTE  Le Minigonne – 60S Pop Rock Band Delaney Davidson The Doormen Sultan Bathery Zocaffe Lili Refrain Violacida J.c. Satan Kid Congo Powers And The Pink Monkeys Birds  PUGLIA  Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute I Cani Larry Franco Dire Straits Legends Squarcicatrici Donpasta Nicola Conte Nomadi Linea 77  SARDEGNA  Train To Roots Paolo Recchia  SICILIA  Flor La Rappresentante Di Lista Pippo Pollina James Ferraro Giuda Meganoidi Alessandro Lanzoni The Traveller - Massimiliano Forleo  TOSCANA  Gang Fratelli Di Soledad Pipers Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Bettibarsantini Diaframma Federico Fiumani Rox I Gatti Mezzi Umberto Tozzi  TRENTINO ALTO ADIGE  Ed Laurie Erin K Slick Steve & The Gangsters Golden Animals Bamboo  UMBRIA  Hola La Poyana Taberna Vinaria Big Charlie Michele Maraglino G-Fast Carla Bozulich Michele Rabbia Blue Dean Carcione Tetraktis Percussioni  VENETO  Lisa Stansfield Caetano Veloso Bleed In Vain Carl Palmer The Sade Mideando String Quintet Rotula Aloa Input Cosmonauts Michele Calgaro

 SPAGNA  Standstill St Vincent Refree The National John Grant Dum Dum Girls !!! (Chk Chk Chk)  SVIZZERA  Massimo Ranieri  SPAGNA  Charles Bradley  GERMANIA  Leo Pari  SPAGNA  Shellac Spoon  BELGIO  Galoni  SPAGNA  Kendrick Lamar Caetano Veloso  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Alla Bua Kutso Near Warias  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Dulce Pontes Caparezza Gogol Bordello Danilo Rea  EMILIA ROMAGNA  Hickoids The Fratellis La Tresca Extrema Rain The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin We Are Scientists Vibronics Brian Jonestown Massacre Damien Jurado  FRIULI VENEZIA GIULIA  Downset Angus & Julia Stone Buckcherry  LAZIO  The Prodigy Cloud Nothings Vasco Rossi Roberto Cacciapaglia M Ward Fish Billy Idol Avenged Sevenfold Arcade Fire  LIGURIA  Il Re Tarantola Bluestouch New York Ska Jazz Ensemble Borghese Teho Teardo & Blixa Bargeld Gabor Lesko 3 Fingers Guitar Phono Emergency Tool Bobo Rondelli Majakovich  LOMBARDIA  Suuns The Manges Giorgio Canali Biglietto Per L'inferno Zu Audrey Jeff Beck The Devil Makes Three The Leeches Black Label Society  MARCHE  Maria Antonietta The Zen Circus Jesus Franco And The Drogas Mauro Ermanno Giovanardi Tetuan Maybe I'm... Amore Johnny Mox Lleroy Lush Rimbaud  PIEMONTE  Ensi Emis Killa Pagliaccio Persiana Jones Tangerine Dream Andead Thirty Seconds To Mars Supershock Pino Scotto  PUGLIA  Slow Magic Bamboo Cadaveria Destruction White Queen Vega 80  SICILIA  Baba Sissoko Donpasta Reijseger Fraanje Sylla Trio Kafka On The Shore  TOSCANA  Alex Britti Jama Trio Sinfonico Honolulu Le Capre A Sonagli Amadou & Mariam Massimo Volume The Pains Of Being Pure At Heart I Matti Delle Giuncaie Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu  TRENTINO ALTO ADIGE  Simone Cristicchi Nh3  UMBRIA  The Perfect Strangers Band Tnt Ac/dc Tribute Nidi D'arac Omar Souleyman Nobraino  VENETO  Neutral Milk Hotel Mideando String Quintet Arianna Antinori Deafheaven Disappears Sad - Official Metallica Tribute Five Horse Johnson Lu Silver And String Band Ruggero De I Timidi Lord Bishop Rocks

 ITALIA  James Blunt  LETTONIA  Anna Calvi  SVIZZERA  Laura Pausini Sunrise Avenue  ITALIA  Dropkick Murphys Slayer  LETTONIA  You Me At Six Bastille  SVIZZERA  Biglietto Per L'inferno  LETTONIA  Elbow  SVIZZERA  Dolly Parton  LETTONIA  Junip - Josè Gonzales  AUSTRIA  Coro Corridore  ABRUZZO  John Scofield Gasparazzo Antonio Sorgentone Caparezza  CAMPANIA  Chick Corea Ylenia Lucisano Giulia Mazzoni Chrysta Bell Regina Carter Ska-P Pino Daniele Burt Bacharach Javier Girotto Stanley Clarke  EMILIA ROMAGNA  Veronica & The Red Wine Serenaders The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Progetto Panico Panda Bear Miami & The Groovers D.o.a. Teho Teardo & Blixa Bargeld Zu Temples  FRIULI VENEZIA GIULIA  Macka B Arianna Antinori And The Davids Jimmy Cliff John Fogerty Kg Man Keron Salmon Aka Kabaka Pyramid Ravi Coltrane Jack Dejohnette Max Romeo  LAZIO  Alex Britti Loredana Berte' Emis Killa Kraftwerk Obituary Massive Attack Legittimo Brigantaggio Modà Alice In Chains  LIGURIA  The Slackers Kafka On The Shore M Ward Girls In Hawaii The Peawees Jama Trio The Sonics! Delaney Davidson Paolo Nutini  LOMBARDIA  Vasco Rossi Joshua Redman Kodaline Sebastian Bach Dave Liebman-Steve Swallow-Adam Nussbaum Nh3 Elio E Le Storie Tese Woody Gipsy Band Baton Rouge John Butler Trio  MARCHE  Giacomo Toni Dub Incorporation Aba Shanti I  PIEMONTE  Lou Dalfin Mascara His Clancyness Meganoidi Soviet Soviet Slow Magic Deep Purple Neil Young Giuda  PUGLIA  Almamegretta Alla Bua Saluti Da Saturno Adrian Sherwood  SICILIA  Simple Minds  TOSCANA  The Prodigy Jack Johnson Mark Lanegan Morcheeba The Lumineers Mauro Ermanno Giovanardi Eels Eagles Paolo Fresu Elisa  TRENTINO ALTO ADIGE  Little Taver The Last Killers  UMBRIA  Michel Camilo Fabrizio Bosso Hiromi Dr John Fiorella Mannoia Gonzalo Rubalcaba Horacio "el Negro" Hernandez Gattamolesta Hamilton De Holanda Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar  VENETO  Arianna Antinori Luciano Ligabue Raphael & Eazy Skankers Luca Bassanese Orion The Official Italian Metallica Tribute Band Scorpions Afterhours The Dukes Of Hamburg Extrema

 UNGHERIA  Coro Corridore  ITALIA  Bettibarsantini  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Giuda Kutso  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Sergio Cammariere Luca Aquino Hevia Joe Barbieri Kronos Quartet Massimo Ranieri Michele Rabbia Maria Pia De Vito Asaf Avidan  EMILIA ROMAGNA  Combichrist Radici Nel Cemento Izzy & The Catastrophics Skid Row Miami & The Groovers Little Taver Franz Ferdinand  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  L'orage Paolo Jannacci Sick Of It All Boy & Bear  LOMBARDIA  Raphael & Eazy Skankers Converge The Old Firm Casuals - Lars Fredriksen Agnostic Front Nofx Gem Boy Bombino The Last Killers Luca Bassanese The Peawees  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Mandolin Brothers Emis Killa Cesare Carugi Daniele Tenca Anti-Flag  PUGLIA  Avishai Cohen White Queen Seun Kuti Manu Chao Slick Steve & The Gangsters Alla Bua  SARDEGNA  Elina Duni Quartet Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale)  SICILIA  Alex Britti  TOSCANA  Pippo Pollina Dave Holland I Gatti Mezzi  TRENTINO ALTO ADIGE  Raphael  UMBRIA  Peter Hook And The Light Basement Jaxx The Courteeners Taberna Vinaria Paul Weller La Tresca Parlor Snakes Boxerin Club Monaci Del Surf Kaiser Chiefs  VALLE D'AOSTA  Lou Dalfin  VENETO  Violacida Camillore’ Ruggero De I Timidi The Mojomatics Arianna Antinori



Musicpedia

Musicpedia

PHATS & SMALL

MusicPedia:

PHATS & SMALL Phats & Small: due dj inglesi che hanno fatto fortuna col singolo Turn Around. "E ora vogliamo fare la bella vita come i rocker". Small (è quello con i capelli scuri e contrariamente a quanto si può pensare, visto il nome, è gigantesco. Phats è il biondo. Arrivano da Brighton, la città di Fat Boy Slim, sono pazzi per la house italiana di inizio Anni '90, e fieri del loro primo cd Now Phats What I Small Music, registrato in tre mesi ma con canzoni pensate per dieci anni. Il successo è arrivato con Turn Around, mentre il ...


PHAROAHE MONCH/Internal Affairs

MusicPedia:

PHAROAHE MONCH Internal Affairs Nei primi minuti di Internal Affairs, il suo clamoroso album di debutto, Pharoahe Monch cita il ragga di Mr Vegas (Heads High), il soul leccato di Maxwell, sfoggia l'arte di DJ Scratch e Total Eclipse, affiancando il tutto alle sue rime taglienti. Sugli Organized Konfusion: "Dopo l'ultimo album ero esausto e sentivo la necessità di una pausa prima di affrontare qualcosa di nuovo. Così, ho pensato che fosse il caso di esprimere qualcosa di più personale, che sentissi più mio e la carriera solista era il mezzo adatto". Clamoroso il successo, prima di culto, poi ...


PHAROAHE MONCH

MusicPedia:

PHAROAHE MONCH - SIMON SAY'S - '12 Nome nuovo per la scena hip hop, questo rap inglese piazza un bel tormentone come primo singolo. Stravolto poi dalla solita messe di rimissatori: Dj Skizt, gli scorpioni Size & Die, e Roots Manuva che rivede e corregge di suo.


PHAROAH SANDERS

MusicPedia:

PHAROAH SANDERS "Save Our Children" Pioniere dell'ibrido multiculturale, Pharoah Sanders non è stato solo l'alter ego di un genio come John Coltrane, ma dopo la morte del maestro nel 1987 ha continuato con alterna fortuna il viaggio in un mondo musicale sempre più aperto alle contaminazioni tra generi. In natura la voce del suo sassofono tenore ruggisce, grufola, sembra l'abrasivo risveglio di un vulcano a lungo addormentato. Era questo suono barbaro, graffiante, che incantò Coltrane e ispirò Gato Barbieri agli inizi. Una forza seducente della natura. Ma se le apparizioni dal vivo di Sanders sono sempre ruvide ed a volte emozionanti, i ...


PHANTOM ENGINEER

MusicPedia:

PHANTOM ENGINEER Phantom Engineer Dopo le prove di Mogwai, Friend etc..., continua la cavalcata scozzese del post rock. A proporci l'ennesimo lavoro relegato agli "estremi" della musica, ci ha pensato David Keenan, ex componente dei Telstar Ponies e oggi leader dei Phantom Engineer. E' molto strano pensare all'evoluzione di un artista che ha iniziato con il classico sound Teenage Fanclub (Kennan ha fatto parte dei popsters 18 Wheeler, il famoso gruppo che fece da headliner la serata in cui Alan McGee scoprì gli Oasis), è approdato al noise-kraut-rock (i Telstar Ponies, appunto), e oggi arriva ad esplorare territori strumentali estremamente oscuri. Phanthom ...


PHALEG

MusicPedia:

PHALEG la base della musica è il patrimonio etnico musicale calabrese, che riemerge tanto nei sui suoni originali (lira, chitarra battente, zampogna) quanto negli arrangiamenti e nelle soluzioni più sperimentali del gruppo. Lo spettacolo proposto e uno vivace, coinvolgente ricerca attraverso suoni, ritmi e parole che arrando per terra, cielo e mare chiedono di essere raccolti e raccontati.


PFM/Serendipity

MusicPedia:

PFM Serendipity Era sufficiente che affidassero a Daniele Silvestri, coautore di cinque brani del disco e presenza riconoscibilissima sin dalla traccia d'apertura il compito di opporre la propria spigliatezza compositiva alla loro straripanza musicale. Allora, si sarebbe potuto parlare di uno scontro tra generazioni, dal quale la PFM avrebbe ricavato un disco essenziale e continuo. Caratteristiche che Serendipity, titolo che vuole sintetizzare la capacità di ottenere risultati inaspettati, e lavoro che oltre a Silvestri si affida alla collaborazione di Pasquale Panella, Franco Battiato e Fernanda Pivano mantiene solamente in alcuni dei suoi brani. Ovvero, lì dove una tecnica ineccepibile viene incanalata ...


PETULA CLARK

MusicPedia:

PETULA CLARK Nata il 15 novembre 1932 a Epsom nel Surrey, in Gran Bretagna, ha ricevuto le prime lezioni di canto dalla madre, un soprano gallese e ha cominciato la sua carriera sul palcoscenico ad appena sette anni. Due anni dopo è approdata alla radio. La sua immagine giovanile e la sua voce cristallina erano ideali per la radio e nel 1943 conduceva un suo programma con canzoni dedicate al periodo della guerra allo scopo di rialzare il morale delle truppe e della popolazione. Il suo primo film "Medal for the General" è del 1944, in seguito firmò un contratto con ...


PETIT VODO

MusicPedia:

PETIT VODO La Syrup Records ha licenziato l'ottimo album "Sixty Nine Stereovox" di Petit Vodo, un solitario artista francese alle prese con voce, chitarra, batteria, harmonica e samples. Canzoni rock/blues psychotiche e moderniste vicino ai sistemi di Cramps e Jon Spencer Blues Explosion. Il piatto offre dieci trame originali e una 'cover-version', la frenetica "Georgia Woman" firmata dal maestro nero R. L. Burnside...


PETER ZUMMO

MusicPedia:

PETER ZUMMO Experimenting with household chemicals La musica di Zummo evoca un minimalismo paragonabile al risveglio del mattino, quando ci si stropiccia gli occhi e le parti razionali e gli schemi mentali non sono ancora stati focalizzati. Ma anche se la musica ha un sound rilassato, dimostra un' intelligenza calma e lucida. E se molti compositori preferiscono frasi grandiose e iperboliche, le affermazioni di Peter Zummo sono piene di ingegnosi "a parte" e di sottili implicazioni. In "Experimenting with household chemicals", un album del 1995, ha esplorato un metodo di generare il movimento melodico, specifico per il trombone, come pure un ...


PETER ZAREMBA’S LOVE DELEGATION

MusicPedia:

PETER ZAREMBA’S LOVE DELEGATION Spread The Word (Amsterdamned\Helter Skelter) All’interno dei Fleshtones, Peter Zaremba era il cantante e in questo lavoro solista raccoglie i risultati di una jam session notturna con vari ospiti, tra cui Keith Streng (chitarrista dei Fleshtones) e un’intera sezione di fiati. A differenza della band di provenienza, Peter mette da parte le velleità garage per cimentarsi in pezzi altamente spensierati, rockabilly, caraibici e direi, dati i tempi che corrono, in forte odore di exotica! Da rimarcare la cover di “Some Velvet Morning” di Nancy Sinatra e Lee Hazelwood e il remix di “I’m Gonna Knock You Out!”, in ...


PETER WASHINGTON

MusicPedia:

PETER WASHINGTON è un giovane musicista che nella recente formazione dei Jazz Messengers di Blakey (da sempre fucina di talenti) ha offerto una dimostrazione certa del proprio valore


Peter van Riper

MusicPedia:

Peter van Riper - Detroit - U.S.A. (1948) Compositore, sassofonista e artista multimediale statunitense. La sua musica muove dall'uso della notazione occidentale alla ricerca di sonorità ed esperienze espressive provenienti da altre culture se non addirittura dai suoni della natura stessa. Ha a lungo praticato l'improvvisazione 'in solo' utilizzando ancWe il sassofono sopranino e la 'kalimba' e ha collaborato con coreografi e danzatori fra cui Simone Forti. Ha fatto parte del gruppo 'Fluxus'. Fra i suoi lavori ricordiamo CLaser Portrait Triptychs7 (1985) 'Acoustic Metal Music' (1987), 'Direct Contact' (1993j.


PETER ULRICH/Pathways And Dawns

MusicPedia:

PETER ULRICH Pathways And Dawns Molti ricorderanno Peter Ulrich per la sua militanza quale percussionista nella formazione originaria dei Dead Can Dance, esperienza che gli valse anche una serie di collaborazioni con gruppi d'area 4AD come This Mortal Coil e Wolfgang Press. Oggi a distanza di tempo Peter Ulrich dà alle stampe un album che seduce all'istante, come scoprire un volto nuovo dei Dead Can Dance finora rimasto nascosto. In buona parte affidato al lavoro di produzione di Brendan Perry (sei brani su otto) "Pathways And Dawns" è un disco che definire incantevole mi sembra il minimo, 45 minuti di trip, mentali ...


PETER ULRICH/Pathways And Dawn

MusicPedia:

PETER ULRICH “Pathways And Dawns” (Projekt/Audioglobe) A breve distanza dall’uscita del lavoro solista di Brendan Perry, che con Lisa Gerrard era l’anima dei defunti Dead Can Dance (giusto per rinfrescare la memoria di quanti hanno perso l’orientamento musicale), vede la luce il debutto solitario di Peter Ulrich, che dei DCD era il percussionista non compositore. Ovvio che la critica si sia subito dilettata a stabilire paragoni (cosa che il sottoscritto non farà), pur se non credo che si possa parlare di sfida a distanza, per il semplice fatto che lo stesso Perry ha messo le mani (in qualità di produttore, arrangiatore ...


PETER TOSH & FRIENDS/Arise Blac

MusicPedia:

PETER TOSH & FRIENDS Arise Black Man Sorta di magnifico perdente del reggae, Tosh si è ritrovato sovente al posto sbagliato nel momento sbagliato, e l'essere cresciuto all'ombra del gigantesco Marley non l'ha certo aiutato. La ricerca del successo planetario, a lungo inseguito e mai realmente raggiunto (neppure con la sponsorizzazione degli Stones nel '78), si sarebbe poi conclusa col tragico epilogo del settembre 1987. Questa raccolta, che precede le sue incisioni per le major, lo vede esprimersi da solo o in compagnia (di U Roy, dei Wailers, dei Soul Mates), e fa in un certo senso giustizia, mostrandone le doti ...


PETER THOMAS

MusicPedia:

PETER THOMAS Sound-Orchester "WARP BACK EP" PETER THOMAS RITORNA SULLA TERRA DOPO 30 ANNI SUL PIANETA ORION Dopo 30 anni trascorsi sul pianeta Orion la navicella spaziale di Peter Thomas e la sua Soundorchester sta per fare ritorno a terra (l‚atterraggio è previsto per il 26 di Febbraio). Per prepararci al ritorno definitivo, questo singolo presenta 3 brani : il primo è un nuovo brano di Peter Thomas (a distanza di anni dalla sua ultima composizione) in collaborazione con The Maxwell Implosion ; il secondo è uno slow-disco-boogie curato da Yoshinori Sunahara (su campioni inviati dallo stesso Thomas) ; il terzo è un heavy psychedelic ...


PETER THOMAS

MusicPedia:

PETER THOMAS Moonflowers & Mini-Skirts Un'ultima cartolina d'auguri ci arriva dalla Germania, complice l'attenta scelta della Lollypop di Catania. Moonflowers & Mini-Skirts raccoglie il meglio della produzione di Peter Thomas, compositore che, tra gli anni '60 e '70, ha legato il proprio nome ad alcuni tra i migliori film tedeschi. Diciannove brani di easylistening per lo più strumentali (tranne qualche eccellente partecipazione, come quella di Donna Summer), a volte un po' datati ma che gli amanti di colonne sonore non possono trascurare. Ancora una volta le produzioni della Marina fanno centro pieno.


Peter Stein

MusicPedia:

Peter Stein ed il suo indomabile rapporto con il cinema ed il teatro Profondo conoscitore della cultura germanica. Nasce a Berlino e si forma con studi classici a Francoforte ed a Monaco. Considerato come un dei massimi e profondi conoscitori dello spettacolo in Germania viene nel tempo apprezzato soprattutto all'estero. Varie e lunghe le sue collaborazioni con altri registi quali quelle con Peter Giesing e quelle con Fritz Kortner di cui diventò allievo. Per poi fondare la Schubune am Halleschen Ufer con il noto attore Bruno Ganz ed altri ancora fino a dirigerlo al 1985. Con un teatro sensibilmente influenzato ...


Peter Rundel

MusicPedia:

Peter Rundel. È nato nel 1958 a Friedrichshafen e ha studiato violino con Igor Ozim, Werner Heutling e Ramy Shevelov a Colonia, Hannover e New York. Altri stimoli importanti gli provengono dagli studi di composizione con Jack Brimberg a New York, e dagli studi di direzione con Michael Gielen e Peter E6tvas a Salisburgo. Dal 1984 è violinista dell'Ensemble Modern, attività alla quale affianca sempre più frequentemente la direzione d'orchestra. E' stato alla guida di orchestre in importanti manifestazioni quali Frankfurt Feste, Ars Musica di Bruxelles, Deutsche Jazz-Festival e Holland Festival. Ha diretto inoltre la maggior parte dei programmi di Heiner ...


PETER REHBERG/RAMON BAUER

MusicPedia:

PETER REHBERG, RAMON BAUER Electronica Gli austriaci Peter Rehberg ("Pita") e Ramon Bauer ("General Magic") sono i fondatori dell'etichetta discografica MEGO, tra le più attive ed interessanti label di musica elettronica sperimentale. Uno dei loro primi CD, 'Live and Final Fridge' (MEGO 1994), é stato realizzato posizionando microfoni all'interno di frigoriferi per catturarne il "suono", opportunamente rielaborato. La loro musica è un'elettronica portata agli estremi, grazie all'utilizzo dei programmi musicali dei loro powerbook, che può variare rapidamente tra granelli aritmici di rumore, altissime frequenze, ipnotici passaggi pseudo ambient, tonalità abrasive, spazi meditativi e strutture astratte. Rehberg, che si è formato come DJ nei ...


Peter Rehberg/Ramon Bauer

MusicPedia:

Gli austriaci Peter Rehberg ("Pita") e Ramon Bauer ("General Magic") sono i fondatori dell'etichetta discografica MEGO, tra le più attive ed interessanti label di musica elettronica sperimentale. Uno dei loro primi CD, 'Live and Final Fridge' (MEGO 1994), é stato realizzato posizionando microfoni all'interno di frigoriferi per catturarne il "suono", opportunamente rielaborato. La loro musica è un'elettronica portata agli estremi, grazie all'utilizzo dei programmi musicali dei loro powerbook, che può variare rapidamente tra granelli aritmici di rumore, altissime frequenze, ipnotici passaggi pseudo ambient, tonalità abrasive, spazi meditativi e strutture astratte. Rehberg, che si è formato come DJ nei club underground ...


PETER PERRET/Hearts on fire

MusicPedia:

PETER PERRET Hearts on fire Lo chiamavano l'«Edith Piaf del punk» Peter Perrett. Ma i suoi Only Ones erano ben poco punk, innamorati di un romanticismo maledetto alla Jim Carroll. Durarono tre dischi fra 1978 e 1981, poi Perren scomparve nell'apatia diafana dalla tossicodipendenza. Lo si rivide nel 1993 insieme ai The One, Durò poco: un ep, un album e qualche concerto. Oggi suona una o due volte l'anno accompagnato dai due figli. "Hearts on fire" ripropone un'esibizione londinese del 1994 con molti pezzi tratti dal repertorio del periodo insieme a cose più antiche come il perduto classico "Another girl ...


PETER PAN SPEEDROCK/Killer Mach

MusicPedia:

PETER PAN SPEEDROCK Killer Machine "....Halleluja Brother And Sisters..", e si scatena l'inferno rock'n'roll. Una citazione doverosa agli MC5, quella fatta dai Peter Pan Speedrock, ormai passati dallo status di emergenti di lusso, a quello di band di prim'ordine nell'esplosivo rock europeo. Tutto è nato come una sfida (o un tributo) allo strapotere degli Hellacopters, ma si sa, il rock'n'roll è una droga letale. Inarrestabile la voglia di suonarlo. Ed ecco che Killer Machine, giocato sullo schema ormai vincente di Motorhead, AC/DC e punk rock, dimostra un tiro vincente e una carica eccitante. E tra le righe quella insana attitudine tipica ...


Peter Pan n°1

MusicPedia:

Peter Pan n°1 (G.L.E. New Media, L.2.000) Oggi, i genitori davanti ai propri figli fanno spesso la figura dei deficienti, nel senso che i piccoli sono cresciuti e sanno districarsi in un mondo nuovo che è nato con loro mentre i grandi spesso evitano di confrontarsi con 'tutte quelle diavolerie', diventando automaticamente sempre più i nuovi analfabeti. Casi lampanti sono l'uso del computer e colleganze varie (vedi Internet). Ora, 'Peter Pan' dovrebbe essere nato per ovviare a tale discrepanza e, visto che hanno scritto alla posta già nel numero 1, vuol dire che la rivista è seguita almeno dai veggenti! Dentro, ...


PETER MURPHY/Wild Birds

MusicPedia:

PETER MURPHY Wild Birds 1985 - 1995 In fondo, ciò che rende ed ha reso la carriera solista di Peter Murphy comunque importante e significativa è stata la sua capacità di concentrarsi al meglio sulle proprie capacità vocali. La voce è sempre stata l'arma fatale del vampiro di Northampton fin dai tempi dei Bauhaus e buona parte degli episodi qui racchiusi come Cuts You Up, Indigo Eyes o The Scarlet Thing In You (che ripercorrono idealmente il meglio del suo crooning solitario ossia: Should The World Fail To Fall, Love Hysteria, Deep, Holy Smoke e Cascade), assumono una veste notturna e ...


PETER MURPHY/2

MusicPedia:

PETER MURPHY Cascade (Beggers Music) Personaggio vulcanico, istrionico e da sempre impegnato in primissima fila nel mondo della musica avendo militato con successo nei Bauhaus come indiscusso leader e potendo annoverare anche un'esperienza breve ma intensa al fianco di Mick Karn nei Dali's Car. Indubbiamente il suo nuovo e quinto album della sua carriera solistica ricorda molti felici momenti della New Wave, corrente alla quale il nostro si sente indissolubilmente legato e da cui attinge, anche in questa seconda metà degli anni '90 idee e fermenti positivi; due nuove tracce che riportano alla ribalta un artista che in questa sua nuova ...


Peter Mullan

MusicPedia:

La "Settimana della critica" ha offerto anche l'ottima, eccentrica opera prima come regista dell'attore scozzese Peter Mullan (già protagonista dell'ultimo film di Ken Loach, "My Name is Joe"): "Orphans". Si tratta di un bizzarro, volutamente squinternato e a tratti esilarante ritratto della deriva di quattro personaggi, fratelli molto diversi fra loro uniti per una notte - e quindi divisi, prima di ritrovarsi insieme - dalla veglia funebre della loro madre, appena scomparsa. Il film è ambientato nelle strade di Glasgow, fra le quali si aggirano - dopo un toccante e singolare rito funebre celebrato dal fratello più grande (e ...


Peter Kowald/2

MusicPedia:

Il contrabbassista Peter Kowald è da anni giramondo ed instancabile ricercatore di stimoli ed ispirazioni. Fin dalle importanti collaborazioni degli esordi, ha contribuito attivamente a forgiare il Free Jazz europeo. Collaboratore di Peter Brotzmann, fino al 1978 è stato membro della Globe Unity Orchestra. Dal 1967 in poi ha fatto parte di numerose formazioni con Evan Parker, Pierre Favre, Alexander von Schlippenbach, Rashied Ali, Derek Bailey, Marylin Crispell, Bill Dixon, Charles Gayle, Toshinori Kondo, Jimmy Lyons, Albert Mangelsdorff, John Tchicai, David S. Ware e tanti altri protagonisti della musica improvvisata europea. Membro della London Jazz Composers Orchestra ha fondato numerosi ...


Peter Kowald

MusicPedia:

Peter Kowald - Masserberg - D (1944) Contrabbassista, polistrumentista e suonatore di tuba tedesco. Presente in diverse formazioni europee, fra cui il quartetto di Alexander von Schlippenbach e la 'Globe Unity7, ha introdotto sonorità particolari di sapore squisltamente mitteleuropeo utilizzando i tromboni, il corno alpino e il bassotuba. Ha inciso inoltre dischi con Pierre Favre e Michel Pilz e molti dei più importanti improwisatori europei. Attualmente suona in un trio con Peter Brotzmann e Andrew Cyri11e e in un quartetto con la cantante e pianista americana Marilyn Crispell. Ha inciso numerosissimi dischi soprattutto nell'ambito dell'etichetta tedesca FMP.


Peter Kotik

MusicPedia:

Peter Kotik - Prag;a - CS (1942) Compositore e flautista cecoslovacco. Trascorre la prima parte della sua vita in Europa fra Praga e ttienna ed è in questa città che ha modo di incontrare John Cage e Merce Cunningham con i quali partecipa a 'performance7 e concerti.~Nel 1969, aderendo a un invito di Lukas Foss e Lejaren Hiller, si reca negli Stati Uniti7 a Buffalo7 a visitare il Center of the Creative and Performing Arts. Si stabilisce in quella città e fonda il 'S.E.M. Ensemble'. Realizza composizioni utilizzando testi di Gertrude Stein e si dedica ad una approfondita ricerca dedicata a Marcel ...


PETER KIRTLEY/LIAM CARROLL

MusicPedia:

PETER KIRTLEY & LIAM CARROLL (UK) Peter Kirtley è uno dei migliori chitarristi al senvizio dei grandi nomi della musica internazionale. Suona per l'Alan Price Set, Boy Williamson e Little Walter. Registra con George Harrison dei Beatles, con Alan White degli Yes, Kevin Coyne e Alan Hull. In seguito è chitarrista della nuova formazione dei Pentangle e suona spesso in tour con Bert Jansch. Forma la Peter Kirtley Band della quale fa parte la staordinaria Liam Carroll considerata a Londra tra le migliori vocalist della scena europea ed una eccellente pianista ("la più eccitante ed originale voce ascoltata negli ultimi anni" ...


Peter Kirtley Band

MusicPedia:

Peter Kirtley Band (UK) Nuova band del chitarrista dei disciolti Pentangle, dai trascorsi prestigiosi (tra l'altro ha suonato con il mitico Kevin Coyne e Alan Hull e regsitratoi con George Harrison e Alan White degli Yes), in bilico tra blues, jazz e rock and roll e certo pop cantautoriale. Classico quartetto in grado di spolverare atmosfere british pop/bluesy con grande professionismo ed abilità: una pagina di storia della musica inglese che conserva freschezza ed interesse ed emana grande energia.


PETER HAMMILL/This

MusicPedia:

PETER HAMMILL "This" Meno male che ci sono ancora artisti come Peter Hammill che difendono il rock da ogni omologazione e lo consegnano ai piani alti di una comunicazione altra, strettamente connessa alla poesia del suono e della voce. In tanti anni questo cantore di sommerse lacerazioni non si è lasciato traviare un solo istante dalla voglia di concedere qualcosa alla banalità della musica che gira intorno; e attraverso le diverse stagioni ha saputo affinare la sua arte rock sino alle conseguenze più estreme. Oggi Hammill non è certo in vista come molti altri, anche se il suo talento ha saputo conquistare ...


PETER HAMMILL/None Of The Above

MusicPedia:

PETER HAMMILL None Of The Above Le rughe dei suoi 52 anni Ppeter Hammill le espone senza problemi in copertina. Fa bene ad essere orgoglioso: in trentadue anni di carriera questo artista non ha ancora fatto un disco veramente brutto (tranne forse proprio il recentissimo pastrocchio "The Appointed Hour" realizzato in coppia con Roger Eno), dagli esordi con i Van Der Graaf Generator alla sua carriera solista, che conta, con questo qualcosa come trentaquattro dischi! E se è vero che i suoi lavori si somigliano un po' tutti, neanche si può negare che ciascuno di essi possiede un'ammirevole integrità artistica che ...


PETER HAMMIL/Typical

MusicPedia:

PETER HAMMIL Typical Anche a pensarci con insistenza non ci viene in mente un artista così fiero quanto Peter Hammil. Dai tempi di Van Der Graaf Generation questo straordinario musicista inglese ha continuato a mandare segnali da un mondo poetico a sé, che negli anni si è definito con estrema nettezza sul fronte oscuro del rock. Hammil in tutto questo tempo si è tenuto lontano dall'omologazione e dalle mode e ha sottoposto la sua musica all'assillo della ricerca, spingendosi sino alle estreme conseguenze del progressive e della canzone rock più vicina alla poesia. Il risultato di questa ricerca è 'congelato' in una ...


Peter Green

MusicPedia:

Peter Green è nato da genitori ebrei a Bethnal Green, uno squallido quartiere dell'east end di Londra. Il suo primo lavoro professionale fù come bassista con Peter Bees, una formazione guidata da Peter Bardens, ora con i Camel. Green lavorò con Bardens, passando alla chitarra con l'ultima formazione degli Shotgun Express Rhythm and Blues, che includeva anche Mick Fleetwood (batteria) e, per un certo periodo, Rod Stewart (voce). Comunque il forte di Green era la chitarra blues, ed egli ebbe il primo grosso-colpo della sua carriera nel 1966 allorché John Mayall gli chiese di entrare nei Bluesbreakers, quando Eric Clapton ...


Peter Gordon

MusicPedia:

Peter Gordon - New York - U.S.21. (1951) Compositore e sassofonista statunitense. Trascorre l'infanzia in Virginia e si accosta allo studio del clarinetto e del pianoforte. A1 seguito della famiglia si trasferisce in Germania dove negli anni 196-ó-'68, già adolescente, studia armonia con Peter Jona I(orn a Monaco di Baviera. Ritornato negli Stati Uniti si dedica al sassofono e seAgue i corsi della Berklee School of Music. Nel 1968 si~laurea in composizione e scienze della telecomunicazione. Artista singolare, a metà strada fra la ricerca colta e l'interesse per forme più comuni di comunicazione, rivela nelIta sua musica continui echeggiamenti sia di ...


PETER GARLAND/The Days Run Away

MusicPedia:

PETER GARLAND The Days Run Away Peter Garland è uno dei più sottovalutati pionieri del minimalismo. Musicologo e saggista, oltre che musicista, ha effettuato varie ricerche nel campo riguardanti le tradizioni musicali indio-americane, ciò sia nella costa ovest che nel sud degli Stati Uniti, ma soprattutto in varie regioni del Messico dove, quasi a seguire le orme di Conion Nancarrow sul quale ha effettuato approfonditi studi, ha vissuto per lunghi periodi. Come nei casi di Teiji Ito, Maryanne Amacher, Arnold Dreyblatt e Jerry Hunt, la Tzadik compie un'opera benemerita nel proporre alcune pagine di un artista penalizzato da una scarsa quantità ...


PETER GABRIEL/Ovo

MusicPedia:

PETER GABRIEL Ovo «L'ANTEFATTO: Alla fine del '97 fui invitato da Mark Fisher a collaborare alla creazione di un progetto visivo e musicale per il Millennium Dome (installazione multimediale costruita a Londra per le celebrazioni legate al nuovo millennio. Passammo il primo anno a scambiarci idee sul concetto narrativo e visivo. Ci era stato chiesto di pensare a un progetto che riflettesse qualcosa del passato, del presente e del futuro e io suggerii di sviluppare la trama intorno all'avvicendarsi di tre generazioni di una famiglia. Pensammo di articolare la storia in tre atti. Nel 1° Atto, al centro della vicenda ...


PETER GABRIEL

MusicPedia:

PETER GABRIEL Oltre 100 minuti di musica dal vivo appassionata ed emozionante, registrata a Modena (Nuovo Palasport) nei giorni 16 e 17 novembre 1993: questo il contenuto dell'attesissimo album dopplo di Peter Gabriel Secret World Live su etichetta Real World. Le registrazioni catturano l'entusiasmo suscitato dallo spettacolo proposto a oltre un milione di spettatori da uno degli artisti più originali, inventivi e ispirati del rock mondiale. Prodotto da Peter Gabriel e Peter Walsh, Secret World Live presenta una vasta e accuratamente selezionata rassegna di brani. I pezzi provenienti da US (1992), l'ultimo album di studio del cantante che ha riscosso uno ...


PETER ERSKINE/ottima

MusicPedia:

PETER ERSKINE Peter Erskine ha cominciato a suonare la batteria a quattro anni. Da venticinque anni è già in prima fila nelle formazioni di Jazz più famose del mondo. Il suo primo impegno professionale è stato, nel 1972, con l'orchestra di Stan Kenton. Dopo tre anni con Kenton e due con Maynard Ferguson, è entrato a fare parte dei Weather Report nel 1978. L'eccellente partnership tra Erskine e il bassista Jaco Pastorius è stata fondamentale per il successo del gruppo. Con i Weather Report è rimasto altri quattro anni, incidendo 5 album, tra cui "8:30", vincitore di un premio Grammy. Poi ...


PETER ERSKINE/NEW

MusicPedia:

PETER ERSKINE L’eclettismo è una delle qualità principali di Peter Erskine. La sua capacità di destreggiarsi in ogni contesto e di avere un’autorevolezza pari all’estro ne fanno uno dei maggiori riferimenti del drumming contemporaneo. Alla testa di una big band(quelle di Bob Mintzer, Kenny Wheeler, Maynard Ferguson e Jaco Pastorius ad esempio) o di un piccolo gruppo(con John Abercrombie, Joe Henderson, Jan Garbarek, Marc Johnson) poco importa. Erskine sa trovare in ogni spazio il “suo” spazio. Uno strumentismo preciso ed inventivo, che lascia respirare le pause ed insieme le aggredisce e che permette ai suoi partners di galleggiare sul ritmo con ...


PETER ERSKINE TRIO

MusicPedia:

PETER ERSKINE TRIO PETER ERSKINE – leader, batteria ALAN PASQUA – pianoforte DAVE CARPENTER – basso Una tra le formazioni jazz più classiche: pianoforte, basso e batteria. Meno classico nonostante la premessa è sicuramente il progetto. A dirigere, un grande batterista americano, conosciuto per la sua notevole versatilità e la passione con la quale si è cimentato in progetti differenti. Collaboratore di Joni Mitchell, membro di Steps Ahead, Weather Report, BBC Simphony Orchestra, Peter Erskine, vero stilista percussivo, da diversi anni si fa promotore di una musica solare e trascinante, che appassiona tanto i musicisti quanto i cultori più diversi ...


Peter Erskine

MusicPedia:

Peter Erskine, batterista, ha fatto parte per quattro anni dei Weather Report prima di andare a suonare con Mike Brecker, Mike Mainieri ed Eddie Gomez negli Steps Ahead. Ha lavorato con Steely Dan, Chick Corea, Joe Henderson, Freddie Hubbard, Gary Burton, Pat Metheny, Joni Mitchel, Vanessa Williams ed AL Di Meola.


PETER EÖTVÖS/Chinese Opera / Sh

MusicPedia:

PETER EÖTVÖS Chinese Opera / Shadows / Steine Transilvano di mezza età, Eötvös rappresenta bene la categoria dei compositori contemporanei che oltre a concepire la musica non disdegna di sporcarsi le mani anche eseguendola e interpretandola. E in qualità di direttore d'orchestra ha fornito la sua manodopera prima allo Stockhausen Ensemble e in seguito, dal 1979 al 1991, all'Ensemble InterContemporain, la creatura di Pierre Boulez, al quale è ovviamente avvicinabile per intendimenti e statura artistica. I tre lavori presenti in questa nuova emissione Kairos lo vedono alla testa dell'ottimo Klangforum Wien, una formazione-cooperativa nella quale ogni solista può dire la ...


Peter Eigenmann

MusicPedia:

Peter Eigenmann comincia, giovanissimo ed autodidatta, a suonare in gruppi Pop e Rock. Nel 1980 si reca a New York, dove studia sotto la direzione di John Abercrombie e Mick Goodrick, e suona con: Don Friedman e Sam Jones. Collabora ed incide con: Benny Bailey, Tom Kirkpatrick, Woody Shaw, Bill Brooks, Reggie Johnson, Klaus Weiss, Hal Stein.


PETER CUSACK/Where Is the Gree

MusicPedia:

PETER CUSACK Where Is the Green Parrot? (ReR) Come abbiamo visto, una rilevante parte del brano di Wishart Red Bird era basato su suoni di uccelli. Si è fatto comunque anche di più, per esempio c'è chi, come il Maciunas Ensemble, ha provato a mettersi a suonare accanto a una grande gabbia piena di canarini cinguettanti, pretendendo così di stare suonando assieme a loro. Follia? Stupidaggine da performance "d'artista", di quelle che comunque in Europa possono assicurare commissioni e onori festivalieri? É noto che una delle massime opere di uno dei maggiori compositori contemporanei, Olivier Messiaen, è stata il Catalogue d'oiseaux, parecchi volumi ...


PETER CUSACK/segue da pag.2

MusicPedia:

PETER CUSACK (segue da pag. 2) "Ciò sta cambiando comunque, l'interesse nelle aree intermedie sta crescendo, ora che la digitalizzazione è arrivata dappertutto, e che attraverso le interfacce si possono mettere le cose assieme più facilmente". Il suo cd si divide in due suite di brani: quello che gli dà il titolo è costruita sui suoni di vari uccelli, pilotati e manipolati in varia intensità con i tasti del bouzouki. In Woodlark, limpide note dello strumento si accompagnano al canto della calandra; Squabble usa i versi di gabbiani e altri uccelli marini accelerati e sovrapposti; Safari è una ...


peter case

MusicPedia:

PETER CASE Full Service, No Waiting Ha una bella moglie, una bella figlia, una bella casetta e una bella chitarra. Le immagini di copertina ci regalano l'immagine di un ex combattente, un hobo che ha smesso di girovagare per mettere radici nella tranquillità del focolare domestico. Non è il primo e non sarà l'ultimo eroe della strada che smette di correre per trovare la pace (non è forse successo anche a Springsteen?). Il problema in questi casi per noi è decifrare quanto questa nuova way-of-life si trasformi in dischi che reggano il confronto con i suoi piccoli capolavori del passato (Peter Case ...


PETER BRÖTZMANN DIE LIKE A DOG

MusicPedia:

PETER BRÖTZMANN DIE LIKE A DOG QUARTET Little Birds Have Fast Hearts (FMP/I.R.D.) Che Brötzmann sia diventato, o si sia comunque dimostrato con gli anni, un musicista capace di molte sfumature, lo si è potuto verificare pienamente infatti nei suoi ultimi dischi in solo (vedi MC 62 per No Nothing); ma la conferma viene anche dalla nuova registrazione del quartetto Die Like A Dog. Nato nel ’93 con un cd omonimo che costituiva uno straordinario omaggio allo spirito (più che alla lettera) della musica di Albert Ayler (la cui cruda morte è ricordata nel nome del quartetto), questo nuovo concerto, registrato nel ...


Peter Brötzmann

MusicPedia:

Peter Brötzmann Nothing To Say (FMP Distr. IRD) Se Hemingway è un nome relativamente nuovo, emerso nei primi anni '80, Peter Brötzmann incide invece addirittura dal '67, ed è stato uno dei pionieri nella ricerca di una "free music" europea, affrancata dai modelli americani. Epocale in questo senso rimane il suo "Machine Gun" ('68, con Bennink e Evan Parker, ristampato su Cd), noto anche, come ricordava Steve Beresford (su Collusion, June '82) per essere "in assoluto uno dei dischi non elettronici più vicini al rumore puro mai fatti". In effetti Brötzmann (nei suoi gruppi o in solo) è sempre stato identificato con ...


Peter Brotzmann

MusicPedia:

Peter Brotzmann - Renscheid - D (1941) Sassofonista, clarinettista e artista visuale tedesco. Ha collaborato con moltissimi musicisti d'avanguardia registrando numerosi dischi soprattutto er le etichette FMP, ICP, Bvhaast, Claxon, ecc... re sue prime esperienze musicali risalgono agli anni Cinquanta quando suona 'dixieland' in gruppi di dilettanti. Nel corso del decennio seguente iniziasla sua collaborazione con Peter Kowald e prende parte ad alcune 'performance' del gruppo 'FAuxus'. If otato di uno stile strumentale energico, irruento ed esplosivo è stato fra i primi e più diretti responsabili della ricerca in campo improwisativo in Europa. Spesso in compagnia di Han Bennink e Misha Meng~elberAe, ...


PETER BLEGVAD/2

MusicPedia:

PETER BLEGVAD Gran Bretagna Autore di canzoni, scrittore e disegnatore, Peter Blegvad è nato a New York nel 1951. Fondatore con Dagmar Krause e Anthony Moore degli Slapp Happy, una band a metà tra Kabarett e naif rock, esordisce nel 1972 con Sort Of. Titolare di numerosi album in solo o in duo con l'inseparabile partner creativo John Greaves, ma presente in una marea di altre pubblicazioni discografiche, ha collaborato con John Zorn, Robin Holcomb e i Golden Palominos di Anton Fier. Autore di Leviathan, una strip settimanale per l'Independent on Sunday, recentemente pubblicata in Italia anche da Linus, e ...


Peter Blegvad

MusicPedia:

Peter Blegvad (Gran Bretagna) Autore di canzoni, scrittore e disegnatore, Peter Blegvad è nato a New York nel 1951. Fondatore con Dagmar Krause e Anthony Moore degli Slapp Happy, una band a metà tra kabarett e naif rock, esordisce nel 1972 con Sort Of. Titolare di numerosi album in solo o in duo con l'inseparabile partner creativo John Greaves, ma presente in una marea di altre pubblicazioni discografiche, ha collaborato con John Zorn, Robin Holcomb e i Golden Palominos di Anton Fier. E' autore di Leviathan, una strip settimanale per l'Independent On Sunday, recentemente pubblicata in Italia anche da Linus, e ...


PETER BARON

MusicPedia:

PETER BARON (batteria) ha iniziato a suonare all'età di undici anni. Negli anni '70 già lavorava intensamente nell'industria della radio, cinema e musicale. Come turnista ha lavorato con moltissimi gruppi, orchestre ed artisti quali Charles Aznavour, Lulu, The Three Degrees, Cleo Laine, Leo Sayer, David Allan Coe e Marty Stuart comprendendo vari stili di musica. E' stato un componente della banda di Elkie Brooks negli ultimi anni '70 e, lasciando il gruppo si è unito con il gruppo americano Night, con il scomparso Nicky Hopkins, Chris Thompsos, Robbie McIntosh e Stevie Lange. Hanno ottenuto due dischi nelle Top Ten negli ...


Peter Bagge, il 'papà' di Buddy

MusicPedia:

"Siate cattivi, tanto il mondo sarà sempre peggio di voi" Peter Bagge, il 'papà' di Buddy Bradley In inverno, in autunno, se vi capita di leggere qualche sporadico articolo sulle acque che bagnano lo Stivale non potrete fare a meno di notare quanto esse siano bistrattate (ma che dico, tristrattate!) da giornalisti, ecologisti e professionisti vari della natura: un'enorme cloaca a cielo aperto; una serra continua di staffilococchi; lo polluzione fatta materia e via dicendo; tutto questo, magari, perché si deve fare il confronto con qualche inserzionistica e lontana spiaggia incontaminata (nei pressi della quale se - ad esempio - i governi ...


PETE WINFIELD

MusicPedia:

PETE WINFIELD (Tastiere) è uno dei musicisti più richiesti nelle sale di registrazione del mondo. Ha lavorato in tournée con i Everly Brothers in continuazione dal 1983. Ha lavorato con i Level 42, Elkie Brooks, Chris Rea, Cliff Richard, Little Richard, B.B. King, Hot Chocolate e Gerry Raffety e molti altri. Come produttore ha collaborato come produttore ha collaborato con Alison Moyet, Dexy's Midnight Runners, The Proclaimers, etc.


PETE WELLS BAND/Hateball

MusicPedia:

PETE WELLS BAND - Hateball (Steamhammer) Suonano rock canonico, di quello imparentato strettamente col blues, sporco e reiterato, di quello che può piacere tanto ai fans degli Allman Bros che a quelli delle NY Dolls. Suonare quattro note a tempo non è difficile, metterci il cuore dentro è altra cosa. Loro lo fanno bene ma l'effetto finale, nonostante le foto di copertina ed i tatuaggi che sgurgolano a profusione da tutte le braccia, è quello di sentire dei Dire Straits incarogniti. O un George Thorogood ingentilito. Certo, i Beasts Of Bourbon sono un'altra cosa. Per incalliti del genere e juke-box da ...


PETE TOWNSHEND

MusicPedia:

PETE TOWNSHEND Live - A Benefit For Maryville Academy Forse è appagato, forse è stanco o non crede più in se stesso: fatto sta che Pete Townshend continua a rinviare il suo album nuovo, che manca ormai da sei anni. Si tiene comunque in forma con qualche show, come questo registrato nei mesi scorsi a Chicago per aiutare una comunità che soccorre i bambini in difficoltà... Un buon concerto, con un quintetto che non lesina energia e una curiosa scelta di repertorio, che scava nel passato Who (Anyway Anyhow Anywhere, Won't Get Fooled Again), affronta belle pagine solistiche (la trascuratissima Now And ...


PETE MALINVERNI

MusicPedia:

PETE MALINVERNI Pete Malinverni. Messosi in luce con nomi illustri del panorama jazz mondiale come, ad esempio, Joe Lovano, Jimmy Owens o Mel Lewis, in breve tempo Malinverni si è ritagliato uno spazio proprio. La sua musica, inizialmente influenzata da Bill Evans e Bud Powell, si è evoluta dando vita ad uno stile proprio ed accattivante. L’originalità della voce pianistica, unita ad una brillante vena compositiva, hanno fatto sì che in poco tempo Malinverni venisse acclamato dalla critica americana come una delle migliori promesse jazzistiche del momento.


PETE HELLER

MusicPedia:

PETE HELLER Un nome in circolazione dai primi anni Novanta, quando il sodalizio con il socio in affari Terry Farley era sinonimo di house-music intelligente e festaiola. Seguono anni di onesta militanza dance e poi la scorsa estate, finalmente, il successo internazionale grazie al singolo "Big Love", morbidissimo excursus nei territori "soul-disco" con la statura del classico.


PET STOP BOYS/Nightlife

MusicPedia:

PET STOP BOYS Nightlife (Parlophone) Prendono qua e là. A volte sarebbe meglio se di loro si occupasse anche un avvocato. Sono spesso banali. Si capisce lontano un chilometro che le loro voci non dicono niente, che i loro messaggi puzzano di demagogia da quattro soldi. Però adesso i Pet Shop Boys fanno dell'ottima musica leggera. E nella loro Nightlife, malgrado sia quasi tutto di seconda mano (esclusi gli arrangiamenti e le orchestre di Craig Armstrong, ma compresa la citazione di Rachmaninov), si sta bene, c'è una sottile lucidità, una misteriosa sapienza "disco", un coraggio a tentare il grande respiro che fino ...


PET SHOP BOYS/Nightlife

MusicPedia:

PET SHOP BOYS "Nightlife" Ero tutto preso dai ritmi spumeggianti di "For Your Own Good", il brano d'apertura del nuovo album dei Pet Shop Boys "Nightlife", quando lui (il compagno degli ascolti estremi) con aria stupita sbottò: Ma che roba è? E' l'ultimo CD dei Pet Shop Boys, che te ne pare? Sono gli stessi di "Paninaro", quel tormentone estivo di tanti anni fa? Proprio loro, e questo è uno dei dischi più attesi del momento. Ehi, che ti prende, stai forse attraversando una crisi esistenziale? Non dire sciocchezze, credo che bisogna saper cogliere quel che c'è di buono nelle cose. In ...


Pet Shop Boys-la storia

MusicPedia:

Pet Shop Boys "La Storia" Neil Tennant (10 luglio 1954) e Chris Lowe (4 ottobre 1959) sono dal 1981 i Pet Shop Boys. Entrambi inglesi, i Pet Shop Boys possono essere considerati i migliori esponenti dell'elettropop britannico durante gli anni 80 ma non solo. Neil Tennant, voce del gruppo ed ex-giornalista ha conosciuto Chris in un negozio di elettronica. Proprio la passione per l'elettronica ha spinto i due a comporre i brani che li hanno reso famosi in tutto il mondo. Il primo vero successo dei Pet Shop Boys si ha nel 1985 con il singolo "West End Girls" al quale ...


PET & FUMISTERIE

MusicPedia:

PET & FUMISTERIE L'imprevedibilità animale sull'asetticità plastica. L'imprevedibilità musicale sull' asetticità Pop. I PET si formano nel 1996. Una base ritmica trascinante e calma sorregge melodie e "disturbi", canti, parole sussurrate e comunicati. Sagacia e intimità, queste le due anime principali della formazione a quattro dei Fumisterie, ormai nota ai più per la costante presenza nell'underground romano, come band indie dall'impatto emozionale in costante ricerca.


PESTIFERA

MusicPedia:

PESTIFERA Nel l997, il chitarrista recanatese Simone Polverari crea il primo nucleo dei PESTIFERA con il quale suonerà per circa un anno, passato il quale la line up subirà un cambio alla batteria ed alla voce. Fin dal principio la band ha composto materiale proprio, scegliendo di non suonare alcuna cover, creandosi un loro stile personale non ricongiungibile strettamente ad altri generi o gruppi nazionali, con tematiche a sfondo sociale. L'espressione musicale del gruppo, si potrebbe definire un crossover in lingua italiana, frutto della miscela di influenze tecniche-musicali data dai singoli componenti, il risultato è un sound trascinante e divertente!


PESHAY/Miles From Home

MusicPedia:

PESHAY Miles From Home C'è da credergli: effettivamente le radici di Paul Pesci, in arte Peshay, dimorano a Torino, a parecchie miglia dalla natia Londra. Eppure, ascoltato il disco con cui il produttore di origini sabaude esordisce dopo anni trascorsi in branco con i leoni della giungla: Goldie e il giro Metalheadz, Photek, LTJ Bukem - non ci si può sottrarre al calembour cui il titolo allude. Miles (Davis) come sineddoche dal jazz: visto da casa, da quella cameretta che da decenni Peshay arreda con vinili. Deve esserci molto Mingus stipato tra quegli scaffali, a giudicare dalle introduttive Miles From Home e ...


PESHAY

MusicPedia:

PESHAY (UK) dj set - drum'n'bass A più di un anno di distanza ritorna al Maffia uno dei pionieri del vero e proprio drum'n'bass. La sua popolarità è aumentata a dismisura grazie a "Miles From Home", il singolo più imitato e venduto della storia del D&B, preludio del suo primo album su Mo Wax che si preannuncia come un capolavoro. Metalheadz e Good Looking debbono la loro fortuna anche grazie ai classici creati da Peshay che, fin dall'inizio del decennio, lavora a pieno ritmo come dj e produttore, insieme ad altri Maestri quali Photek, Goldie, Roni Size e Grooverider.


PERTURBAZIONE/36

MusicPedia:

PERTURBAZIONE "36" Le nuove sei canzoni dei torinesi Perturbazione ripartono da dove ero lecito aspettarsi: "Happy New Age", l'unica canzone cantata in italiana presente nell'album di debutto "Waiting To Happen", costituiva difatti un brillante esempio delle potenzialità della formazione. Che di fatto dava ragione a tutti i sostenitori del rock italiano cantato in italiano, non per ragioni di becero nazionalismo, s'intende, quanto di pura capacità espressiva. Ora, appurato che il nuovo approccio produce solo effetti positivi, ci si può concentrare sugli aspetti strettamente legati alla musica: non è un mistero la predilezione del gruppo per le atmosfere delicate, velate da un leggero ...


PERTURBAZIONE

MusicPedia:

PERTURBAZIONE I motivi che rendono memorabile un concerto possono essere diversi: ad esempio, la qualità delle esecuzioni, la presenza di episodi inediti, l'aspetto scenografico. Nel caso della serata dei Perturbazione tutto questo insieme, per la felicità di una schiera in costante crescita di fedelissimi. Innanzitutto, colpisce l'inusuale - a quanto pare non ci sarà seguito - allestimento scenografico, riproduzione della camera di un (post)adolescente: il letto, i poster, i calzini sparsi, la playstation e il Subbuteo, con tanto di amici a fare da comparse. Descrivendo questa surreale messa in scena dell'adolescenza - categoria dell'anima prima di tutto - non vogliamo rischiare ...


PERSUASIONS/Frankly a cappella

MusicPedia:

PERSUASIONS Frankly a cappella I Persuasions sono un glorioso gruppo di doowop nero che nel 1969 venne ingaggiato da Frank Zappa e per la sua etichetta Straight incise un album di canzoni "a cappella", il primo della carriera. Trent'anni dopo i ragazzi, invecchiati e un po' sfiatati, omaggiano il loro antico benefattore interpretando una selezione di suoi brani alla stessa maniera, con sole voci o minimo accompagnamento strumentale. Non è un album per tutti ma gli zappiani ne saranno contenti; perché in fondo è divertente, pur con tutti gli inciampi e una certa vena patetica, ammirare brillanti stupid songs come 'Any ...


PERSONAL MANAGER Blues Band

MusicPedia:

PERSONAL MANAGER Blues Band La Band si é formata tre anni fa dall'unione di tre musicisti dalla diversissima formazione; la line up iniziale era composta da Leo Bastone alla batteria, Luca Zanfini al basso e Marco Vignazia alla chitarra. Successivamente all'organico si è aggiunto il funambolico armonicista Marco Betti di Rimini, da molti considerato come uno dei migliori armonicisti del riminese e non solo. I Personal Manager in questo periodo suonano in gran parte dei locali della riviera e dell'entroterra Emiliano Romagnolo proponendo con verve un'esplosiva miscela di Texas, Chicago e Jumpin Blues californiano diventando una delle formazioni di punta nella ...


PERSONAL MANAGER

MusicPedia:

PERSONAL MANAGER La Band si é formata tre anni fa dall’unione di tre musicisti dalla diversissima formazione; la line up iniziale era composta da Leo Bastone alla Batteria, Luca Zanfini al basso e Marco Vignazia alla chitarra. Successivamente all’organico si è aggiunto il funambolico armonicista Marco Betti di Rimini, da molti considerato come uno dei migliori armonicisti del riminese e non solo. I Personal Manager in questo periodo suonano in gran parte dei locali della riviera e dell’entroterra Emiliano Romagnolo proponendo con verve una esplosiva miscela di Texas, Chicago e Jumpin Blues californiano diventando una delle formazioni di punta ...


Persiana Jones/story

MusicPedia:

Persiana Jones Quasi due lustri ci separano dall'esordio dello ska del Canavese, dall'episodio, per quegli anni decisamente insolito, di una ska band, dagli accenti rivelatisi poi insolitamente roots, la cui carriera si e protratta con dignità e determinazione (nonché uno stakanovismo esasperato nel management dei concerti, per quantità di date e loro distribuzione geografica) sino ad oggi. A buon diritto i Persiana Jones sono tra i vecchi del suono indipendente italiano e Brivido Caldo, stà a dimostrare che l'esperienza è sicuramente un grande bagaglio della formazione canavesana. Il prezioso link con la Moon Ska potrebbe rivelarsi assai interessante per i paladini ...


PERSIANA JONES/Puerto Hurraco

MusicPedia:

PERSIANA JONES Puerto Hurraco La cronaca dice che quest'ultima opera dei Persiana Jones è dedicata al "Puerto Hurraco", il locale ideale di Barcellona per trascorrere la notte (chissà, forse suggerito alla band da Sergio Berardo dei Lou Dalfin, esperto massimo della Catalunya, delle sue feste e dei suoi eccessi...). L'ascolto di "Puerto Hurraco" conferma l'atmosfera di festa, ingrediente inseparabile dal suono e dalla storia della band. Nei quindici brani del disco, tra citazioni divertissement ("Beautiful" la più evidente), cover, brani originali, nervose e saltellanti skavalcate, ballate sinuose e parentesi piacevolmente in odor di lounge, i Persiana Jones mescolano con sapiente, ed ormai ...


PERSIANA JONES/3

MusicPedia:

PERSIANA JONES La band torinese dei fratelli Carruozzo può ormai essere considerata a tutti gli effetti una delle band italiane "storiche" della musica ska italiana. Dalle influenze latine degli esordi con "Show" i PERSIANA JOENES sono passati allo ska più rocchettaro di "Brivido caldo", fino ad approdare nel '99 a "Puerto Hurraco", un concentrato energico di ska e rocksteady. La voglia di divertirsi è invece rimasta sempre la stessa e li accompagna in ogni esibizione dal vivo, diventando assolutamente contagiosa. Quest'anno la band è tornata in studio per realizzare un nuovo album, di cui al momento è possibile ascoltare solo il ...


PERSIANA JONES/2

MusicPedia:

PERSIANA JONES (ITA) Live set - SKA I Persiana Jones nascono nel 1988 nei pressi di Torino con la benedizione di Madasky, loro produttore per le prime pubblicazioni, fino al 1994, anno di stampa del loro primo album. Dopo innumerevoli partecipazioni a compilation (prodotte dall'illustre Moon Records di New York) e tre album, è uscito a fine Aprile il nuovo ellepi "Puerto Hurraco". I Persiana Jones godono del rispetto della scena Ska nazionale ed internazionale, lo testimoniano lo spropositato numero di date in Italia e all'estero. Ricostituitasi la formazione originale intorno al nucleo storico (con tanto di sezione fiati arricchita da Victor ...


PERRY FARRELL/Rev

MusicPedia:

PERRY FARRELL Rev Perry Farrell firma a suo nome questa raccolta dei brani migliori e di rarità composti insieme ai due gruppi da lui creati, i Jane's Addiction e i Porno For Pyros. In più c'è un pezzo nuovo di zecca, Rev, che dà il titolo al cd, realizzato con John Frusciante dei Red Hot Chili Peppers e Tom Morello dei Rage Against The Machine. E che dire della bizzarrissima cover in stile drum'n'bass di Whole Lotta Love dei Led Zeppelin? Sarà questa la nuova direzione del poliedrico Farrell, inventore anche del Lollapalooza, il tour alternativo che è stato il più ...


Perry Farrell

MusicPedia:

Perry Farrell L'ideatore di Lollapalooza, il festival itinerante che ha tenuto banco nel rock americano dei primi anni Novanta. L'uomo che a un certo punto, essendo cantante e leader dei Jane's Addiction, valeva come icona nella scena alternativa, prima e più di Kurt Cobain. Colui che, d'improvviso, tagliò corto con quelle storie e scelse un'altra vita, meno appariscente. Signore e signori, Perry Farrell. Chi avesse bisogno di un rapido ripasso sul personaggio, si rivolga a Rev, l'album in uscita con cui il protagonista chiude il proprio contratto con la Warner Bros, prima di inaugurarne uno nuovo con la Virgin. Una specie ...


PERRY COMO

MusicPedia:

PERRY COMO Chissà perché molti cantanti che hanno informato lo stile vocale degli anni '50, sono di origine italiana. Basti pensare a Dean Martin, Frankie Lane, Al Martino e, non meno importante di loro, Perry Como. Il suo vero nome è Pierino Como ed è nato il 18 maggio 1912 a Canonsburg, in Pennsylvania.Esperto pop singer dalla calda voce baritonale, il cui repertorio comprendeva ballate, nuove canzoni e filastrocche, Como lasciò il suo negozio di barbiere nella città natale nel 1933 e cominciò un tour con Freddie Carlone. La sua grande occasione capitò nel 1936 quando entrò nella band del trombonista ...


PERRY BLAKE/Still Life

MusicPedia:

PERRY BLAKE/Still Life (cd - Naive) Secondo album per il crooner irlandese, ispirato da un lungo viaggio solitario attraverso l'Europa e l'America, osservando la gente nei caffè e mangiando seduto su una panchina del Central Park. Still Life è una pièce poetica, un concentrato d'eleganza malinconica. Una riflessione serena sul passato, memorie, storie, situazioni immaginarie non necessariamente personali ma legate all'esistenza di ciascuno di noi. Per la stampa francese, il degno erede di Nick Drake e Scott Walker. Da segnalare, la partecipazione all'album di Steve Jansen.


PERLON/Perlon

MusicPedia:

PERLON Perlon (Zarek) Ignaz Schick si occupa di elettronica. Jörg Maria Zeger si occupa di chitarre. Burkhard Beins si occupa di percussioni. Sono in tre, si chiamano Perlon e non mi risulta che prima d’ora abbiano dato alla luce altri lavori con tale denominazione, sebbene i loro curriculum vitae siano ricchi di collaborazioni nel campo della ricerca strumentale e dell’avanguardia contemporanea, di partiture per opere teatrali, film e compagnie di danza, di installazioni sonore, di partecipazioni a manifestazioni accademiche e non, di oscuri passati in gruppi punk, ecc.! L’omonimo disco è composto da due tracce - ‘Terlenka’ (47’ 33”) e ‘Argon ...


PERLA MADRE

MusicPedia:

PERLA MADRE Concerti, collaborazioni con altri artisti (Paolo Benvegnù degli Scisma), pre-produzioni su pre-produzioni realizzate nella nostra cantina e un continuo confronto con discografici, amici ed artisti, senza dimenticare il pubblico che ci viene a sentire; questa in estrema sintesi è stata l'attività della band negli ultimi due anni. Oltre a ciò abbiamo anche cambiato bassista e ad un amico se ne è sostituito un altro: Gianmaria Sesenna, arrivato dopo una breve esperienza dei Perla come trio. Avere la completa libertà di scelta su ogni singolo aspetto del disco dà una sensazione di libertà ed indipendenza influendo positivamente sulla creatività del gruppo; ...


Perizona/ok

MusicPedia:

Perizona Experiment Skunkrecords/autoprodotto Experiment sta per esperimento, ed è esattamente il volere di questo quartetto pescarese, sperimentazione. Indefinibile nella sua varietà, qualsiasi accostamento a stili o generi potrebbe risultare riduttivo. Parliamoci chiaro, non si tratta dell’ennesima copia di un già sentito o visto, e nemmeno di un gruppetto da chalet estivo. I quattro suonano sul serio. Volete degli accostamenti? Mettete una buona dose di psichedelia, il groove del funk più radicale, due chitarre taglienti e svariati campioni presi qua e là, ecco i Perizona. Il disco registrato tutto live, è nato dal suono delle sole due chitarre, il basso è stato introdotto nella ...


PERIFERICO/1st

MusicPedia:

PERIFERICO 1st Il nome che Livio Fogli e Luigi Mussi hanno scelto per il loro progetto è quanto mai opportuno per esorcizzare il pericolo d'esser considerati meri epigoni dei maestri della musica elettronica europea. In realta '1st' ben figura tra le più riuscite produzioni della scena, in virtù della marcata sensibilità musicale degli autori che si esprime compiutamente nelle 14 tracce di quest'album d'esordio. Che si tratti di brani costruiti su pigre ritmiche dub o su puntigliose downtempo, che si fondino sulle pulsioni a cassa dritta dell'house o sul vibrante incedere dello swing, poco cambia: il mood acustico di Periferico emerge ...


Pericle Fazzini

MusicPedia:

Pericle Fazzini Ha iniziato nella bottega del padre dove a sedici anni scolpisce un crocefisso in legno per poi trasferirsi a Roma la scuola libera di disegno. La sua arte ha liberato la scultura italiana del 900 da ogni condizionamento celebrativo e statuario, rapportandola alla cadenza ritmica di una frase musicale di un cantante libero forse per questo le sue opere gli valsero nel 1954 il premio per la scultura alla Biennale di Venezia. Poche ma significative le opere di carattere civile realizzate nelle Marche: il Monumento alla Resistenza di Ancona, La Metamorfosi nella piazza a lui dedicata a Grottammare, i ...


PERGOLA TRIBE

MusicPedia:

PERGOLA TRIBE di MILANO BASS & MASS "da italian juggling machine" Attivi a Milano dal '92 sono una delle formazioni italiane storiche il loro sound system è attivo ogni sabato all'interno di Pergola Tribe di cui è il sound resident. La crew composta da Indi, Skywalker (owner dello shop Jamekya music), Wassa, Easy, Xinamun, affronta il reggae in ogni sua sfumatura dal roots al dancehall style. La selezione presenta sempre le ultime novità dalla Jamaica e una considerevole mole di dubplates speciali registrati per il sound dai migliori artisti Jamaicani e non. Raccomandati per una dance calda ed emozionante!!!


Perfume

MusicPedia:

Perfume Band di Leicester già nota nel circuito indie per essere stata supporter di gruppi prestigiosi. Pop acustico stile primi Auteurs. Difficile prevedere un successo immediato. Attendiamo l'album. Yesterday follow you (ep).


PERE UBU/Pennsylvania

MusicPedia:

PERE UBU - Pennsylvania (Cooking Vinyl/RTI) Quando tre anni fa uscì 'Raygun Suitcase', oggi penultimo album dei fedeli seguaci del verbo di Alfred Jarry, ero affaccendato in tutt'altro più pericoloso posto ed altre cose che le pagine di 'Music Club' (riusciremo mai a divorziare definitivamente? Nove anni di matrimonio son troppi pure per un corvo), così non ebbi l'urgenza di descriverlo conto terzi e lo assimilai ben benino nella nebbia. Oggi, in tempi più tranquilli ci proverò con 'Pennsylvania' ma non sarà la stessa cosa. A conti fatti, l'ensemble di David Thomas, lui vocina infernale persa tra l'adipe, è uno dei ...


PERE UBU/BATTISTI

MusicPedia:

PERE UBU L'instancabile David Thomas con alle spalle ventitrè anni di carriera e una serie numerosissima di progetti collaterali è ritornato di recente sulle scene discografiche con un nuovo disco firmato Pere Ubu, "Pennsylvania" (Cooking Vinil, 1998). L'artigiano di Cleveland che mai si è piegato al music business, ha dato il giusto seguito a quel piccolo gioiello che era "Raygun Suitcase. Thomas è sempre stato un uomo dalle molte voci, alternando tonalità gutturali a sospiri nasali e creando con quel suo particolare modo di cantare un'espressività del tutto originale, a metà tra recitazione e canto. Sotto, una musica sempre sofferta. Questo è lo spirito dei Pere ...


PERE UBU/Apocalypse Now

MusicPedia:

PERE UBU - Apocalypse Now (Cooking Vynil) Registrato con un due piste in un piccolo club di Chicago nel 1991, 'Apocalypse Now' mostra i Pere Ubu in un momento di felice rilassamento ed in piena fase di ripartenza (erano da poco tornati ad incidere con una certa continuità). Poco più che un bootleg, dunque, con pregi e difetti tipici del prodotto. D'altronde, ve li immaginate i Pere Ubu che ripuliscono il suono? che tolgono sbavature e stonature? che pompano questo o quel canale? Ma via, se son vissuti ai margini per vent'anni, qualcosa vorrà pur dire, no? Consapevoli del fascino veritiero ...


PERE UBU/Apocalypse Now

MusicPedia:

PERE UBU Apocalypse Now Nel dicembre 1991, pochi mesi dopo aver dato alle stampe Worlds In Collision, i Pere Ubu tengono un curioso concerto in un piccolo locale di Chicago, lo Shuba's. Sono in tour con i Pixies, ma quella sera il loro non è lo spettacolo ufficiale: è un estemporaneo divertimento, piuttosto, uno svitato party con chitarre acustiche e un malmesso pianoforte verticale che tira in ballo alcuni dei loro brani più recenti ma anche gloriosi classici come Heaven e Non Alignment Pact. Quest'album è la testimonianza della serata, e non crediate al titolo. Sono Ubu nient'affatto apocalittici, anzi, spesso lieti ...


PERE UBU/2

MusicPedia:

PERE UBU - Datapanik In The Year Zero [Geffen] Se avete centotrentamila lire da parte e state ultimando la lista delle novità da acquistare rinunciatevi e optate per il box-set dei Pere Ubu. Il gioco vale la candela e la merce è garantita. D'altronde sin dal nome di patafisica memoria non ci si può sbagliare. Cinque cd cinque, cioè il meglio della produzione di David Thomas e compagnia sono raggruppati in questo cofanetto che prende il titolo dall'ep omonimo, qui ovviamente contenuto insieme all'epocale album d'esordio The Modern Dance, a Dub Housing, New Picnic Time, Art Of Walking e Songs Of ...


PERE UBU /Ray Gun Suitcase

MusicPedia:

PERE UBU Ray Gun Suitcase (Cooking Vinil) Non è facile recensire un disco dei Pere Ubu. Come sempre qualcuno che li ascolta, me compreso, rischia di amplificare un particolare che ritiene importante a scapito della globalità del progetto. In una vecchia intervista rilasciata a Musica 80 nel novembre di sedici anni fa David Thomas, la mente degli Ubu, diceva: «non esiste un aspetto che sia più interessante di un altro e non una definizione che sia più importante di un'altra». Patafisici si nasce. Attivi da più di vent'anni, pionieri dell'underground musicale statunitense, i Pere Ubu hanno disorientato con un dissonante blues urbano ...


PERE UBU /Pennsylvania

MusicPedia:

PERE UBU Pennsylvania (Cooking Vinyl) Instancabile David Thomas. Il corpulento cantante, con alle spalle ventitrè anni di carriera e una serie numerosissima di progetti collaterali alla sua band pricipale ritorna, guarda caso, con un nuovo disco firmato Pere Ubu. L'artigiano di Cleveland, Ohio, che mai si è piegato al music business, ha dato il giusto seguito a quel piccolo gioiello che era "Raygun Suitcase", ultimo album degli Ubu risalente al '95. David Thomas è sempre stato un uomo dalle molte voci, alternando tonalità gutturali a sospiri nasali e creando con quel suo particolare modo di cantare un'espressività del tutto originale, a metà tra recitazione e canto. Sotto, una ...


PERE UBU

MusicPedia:

PERE UBU - Datapanik In The Year Zero [Geffen] Se avete centotrentamila lire da parte e state ultimando la lista delle novità da acquistare rinunciatevi e optate per il box-set dei Pere Ubu. Il gioco vale la candela e la merce è garantita. D'altronde sin dal nome di patafisica memoria non ci si può sbagliare. Cinque cd cinque, cioè il meglio della produzione di David Thomas e compagnia sono raggruppati in questo cofanetto che prende il titolo dall'ep omonimo, qui ovviamente contenuto insieme all'epocale album d'esordio The Modern Dance, a Dub Housing, New Picnic Time, Art Of Walking e Songs Of ...


PERDIO!/BOLLI

MusicPedia:

PERDIO! Che Gino Pechino II fosse un globe trotter lo si sapeva ma beccatevi questa spigolatura tratta di peso dal n°3537 de 'La settimana enigmistica': "Nei primi vent'anni di pontificato, Giovanni Paolo II ha compiuto 85 viaggi all'estero e 134 in Italia, visitando 117 Stati e 256 diverse località del nostro Paese. Ha così percorso più di 1.100.000 chilometri, che corrispondono a circa tre volte la distanza fra la Terra e la Luna". E se qualcuno crede alla predestinazione, poco più sotto di quella appena letta, il settimanale di Palazzo Vittoria ne riportava un'altra non male: "Boris Eltsin, il presidente della Russia, ...


PERCY X/MAINTAIN

MusicPedia:

PERCY X "MAINTAIN" (SOMA) Anche per la Soma spesso può valere il discorso fatto per Ian O'Brian. Dopo i primi folgoranti anni, dopo aver lanciato gente come i Daft Punk di "Alive", ha preso la cattiva abitudine di pubblicare (una tantum) singoli inutili, scialbi, pseudo-cultural-jazzati ma, non avendone il background, il risultato è stato il più delle volte più criticabile che altro. Ma siccome stiamo parlando della label creata da gente come gli Slam, è chiaro che il buongusto è, comunque, di casa. Prova ne è questo bellissimo singolo di Percy X, che si presenta al pubblico poco tempo dopo il ...


PERCY SLEDGE

MusicPedia:

PERCY SLEDGE Nato il 25 novembre 1940 a Leighton, Alabama Percy Sledge diede inizio alla sua carriera di cantante appena sedicenne, esibendosi a feste e in locali da ballo nella sua zona, non tontano dalla cittadina di Muscle Shoals che avrebbe acquisito grande fama a partire dagli anni Sessanta per i suoi studi di registrazione specializzati in musica soul. A 20 anni d'eta Sledge entrò nell'Esquire Combo, gruppo che si conquistò vasto seguito nel Mississippi e nell'Alabama. Cinque anni dopo Percy si mise in contatto con il disc jockey e produttore discografico Quin Ivy: un riuscito provino lo portò a una ...


PERCY HOWARD/Incidental Seducti

MusicPedia:

PERCY HOWARD - Incidental Seductions (Materiali Sonori) Posso capire benissimo l'accostamento che è stato fatto con Demetrio Stratos a proposito di Howard, anche se quest'ultimo spinge la propria preziosità vocale in territori più romanticisti ed intimisti; meno appropriata sembra essere la definizione data dal britannico 'Rubberneck' di Sam & Dave on acid, anche se riesce a spiegare abbastanza bene lo strano legame dato dalla dolcezza della voce con l'agro di certi arrangiamenti. D'altronde, la presenza nell'album di musicisti come Vernon Reid (ex thinkin' head dei Living Colour), Trey Gunn (un frequentatore del Re Cremisi), Charles Hayward, batterista tanto fantasioso quanto discreto, ...


PERCY HOWARD/INCIDENTAL SEDUCT

MusicPedia:

PERCY HOWARD "INCIDENTAL SEDUCTIONS" - "Incidental Seductions" è il secondo lavoro di Percy Howard, cantante e poeta californiano, per la Materiali Sonori. Un album che si presenta come una evoluzione rispetto al precedente "Meridiem," realizzato nel 1998 con Fred Frith, Charles Hayward e Bill Laswell. Un disco questo che ha proposto sulla scena mondiale la forza espressiva di Howard (in Italia qualcuno lo ha paragonato come un possibile epigono di Demetrio Stratos...) e la sua capacità, come compositore e produttore, di trovare appropriate sintesi e nuove motivazioni per coinvolgere musicisti di grande profilo e personalità. Anche per questo nuovo album, ...


PERCY HOWARD

MusicPedia:

PERCY HOWARD Un altro Scott Walker - nero - vive sulle sponde del Pacifico: si chiama Percy Howard, ed ha iniziato a suonare "la cosiddetta moderna musica popolare nel 1993", dopo aver abbandonato una promettente carriera nell'ambito della musica classica e dell'opera. Dopo una serie di metamorfosi, la sua band ha preso le sembianze dei Nus: "Per via del mio stile vocale l'idea di rock band ne risultava distorta; a me piacciono il mood, l'improvvisazione, i colori scuri". Così afferma Percy Howard in un lungo incontro avvenuto in occasione del suo viaggio in Italia per discutere dei suoi progetti futuri con ...


PERCUSSION VOYAGERS

MusicPedia:

PERCUSSION VOYAGERS Il Percussion Voyagers formato da Maurizio Rizzuto e Matteo Scaioli (e il grande percussionista giapponese Joji Hirota come invitato speciale), nasce come progetto originale per prendere parte nel Novembre '98 alla rassegna Musica In Gioco tenutasi al teatro Rasi di Ravenna. La particolarità di questo gruppo risiede principalmente nel linguaggio utilizzato e nella strumentazione adottata. Infatti le musiche eseguite (tutte originali) prendono vita dalla fusione di tecniche e stili propri dei musicisti. Si potranno così ascoltare composizioni relative alla tradizione giapponese, con tutta la potenza e la grazia che le contraddistingue, oppure musiche con influenze indiane e di paesi ...


PERCUSSION VOYAGER/2

MusicPedia:

PERCUSSION VOYAGER Ensemble di percussionisti che con il particolare set formato da strumenti a percussione proveniente da tutto il mondo montati su strutture appositamente realizzate, riescono a coniugare esperienze di musica contemporanea, indiana, giapponese, improvvisazione jazzistica, ritmiche dance, creando qualcosa di unico nel suo genere. Percussion Voyager: Maurizio Rizzuto, Matteo Scaioli e Joji Hirota (incisioni con la Real World di Peter Gabriel).


Percussion Voyager

MusicPedia:

VOYAGER Il fascino del Percussion Voyager risiede nel linguaggio sviluppato dai due musicisti MATTEO SCAIOLI e MAURIZIO RIZZUTO, che coniuga esperienze di musica contemporanea, indiana, giapponese, improvvisazione jazzistica, ritmiche dance. I Percussion Voyager utilizzano un particolare set formato da strumenti a percussione provenienti da tutto il mondo montati su strutture appositamente realizzate, tutto il set è frutto della collaborazione dei musicisti con artigiani Indiani dello Sri Lanka e Italiani.


Percorsi Obliqui

MusicPedia:

Percorsi Obliqui - (Martinsicuro) Non lasciatevi trarre in inganno dal nome, i "Percorsi obliqui" procedono spediti in un genere caratterizzato da un sound elegante e rarefatto, non privo di energia. La compatta pulsazione della sezione ritmica permette allo stesso tempo alla chitarra di inserirsi con maliose linee melodiche, creando un'atmosfera morbida e distensiva adatta a chi ha voglia di trascorrere rilassanti serate in musica. Il trio è composto da Giacinto Cistola, chitarra; Valerio Ricci, basso; Stefano Costantini, batteria; ma in diverse occasioni al gruppo si aggiunge la sezione fiati con Roberto "Berny" Maiolo, sax tenore e soprano; e Roberto Marchetti, sax ...


PER VIZIO NEFANDO

MusicPedia:

"PER VIZIO NEFANDO" lungometraggio di Cesario Sant'Elia. Una storia di padri e di flglie. Dal mito di Erigone alla famiglia Cenci, un film ispirato a una storia vera, tratto da... Artaud. Una metafora sociale, ecco l'interesse per la storia della famiglia Cenci; quello che serviva mettere in scena, non per provarlo (inutilmente) ma per tornarci sopra adesso, restando nel quotidiano. Cenci si toglie la comodità di sua figlia perché è cosciente della sua vecchiaia. Una figlia ammira il padre solo quando è forte.E' Beatrice, la figlia, che decide la morte ...


Per scherzo/Per ridere

MusicPedia:

"Per scherzo", o "Per ridere", come suona il titolo originale del secondo film diretto dal giovane attore e regista francese Lucas Belvaux, è un vero e proprio gioco scherzoso, ricco d'inganni, complotti ed effetti sorpresa: una piacevole e arguta commedia sentimentale in cui trionfano equivoci e vivaci imprevisti. Ma, come in ogni scherzo che si rispetti, si affaccia ogni tanto nella storia narrata lo spauracchio del dramma. Al personaggio principale, un tenero innamorato che, di fronte al sospetto di tradimento della sua compagna, sfodera denti e unghie, corrispondono la maschera surreale e le movenze leggiadre dell'attore Jean-Pierre Léaud, l'indimenticabile ...


Per chi chiama da fuori

MusicPedia:

Per chi chiama da fuori (R’n’B’) Nati artisticamente nel ’92, la formazione si è arricchita col passare degli anni di ben cinque elementi, dando “forza” alla sezione fiati per un repertorio Latin r’n’b. I componenti l’attuale formazione: Massimo Milan (tromba), Walter Spiandore (trombone), Roberto Tarantini (sax, armonica e voce), Rudy Mantovani (basso), Marco Zavoreti (chitarra e voce), Piero Digirolamo (tastiere) e Maurizio Buccheri (batteria e cori).


PEPPERLAND

MusicPedia:

PEPPERLAND Da due anni a questa parte in tutto il Mondo stanno letteralmente spopolando gruppi musicali che ripropongono la musica e l'immagine di Bands che hanno fatto la storia del Rock. Cover Band fedeli copie degli originali, che riscuotono successo unendo pezzi di sicura credibilità con una tecnica musicale di alto livello. I Pepperland nascono nell'Ottobre del 1992, con l'intenzione di riproporre fedelmente il repertorio dei Beatles dal 1966 allo scioglimento del gruppo. Propongono dunque con l'ausilio di campionatore e tastiere, tutte quelle canzoni arrangiate ed orchestrate con il prezioso apporto di George Martin. Un repertorio di 60 pezzi per appassionati ...


Peppe Voltarelli/Raggia

MusicPedia:

Peppe Voltarelli (voce Parto delle Nuvole Pesanti) presenta ‘Raggia’ Dall'incontro di Peppe Voltarelli (voce del Parto delle nuvole pesanti)  con il giovane percussionista calabrese Gennaro De Rosa, allievo di Arnaldo Vacca, nasce questa performance che prende spunto da un libro: "Raggia" ...


PEPPE QUINTALE

MusicPedia:

PEPPE QUINTALE Peppe Quintale è uno showman e un cabarettista straordinariamente coinvolgente, anche per i numerosi anni di esperienza accumulati in qualità di direttore nazionale del settore animazione della Valtur. Dopo la fortunatissima trasmissione "Le Iene", che gli ha valso Il Telegatto d'oro, ha legato la sua immagine alla fortunata coincidenza delle poche vittorie del Napoli in concomitanza con la sua presenza in campo in qualità di tifoso irriducibile, tant'è che i dirigenti, compatibilmente alle sue disponibilità, spesso non disdegnavano invitarlo; di lì è partito il famosissimo slogan, riportato in trasmissione e su tutta la stampa nazionale più qualificata, "le iene ...


Peppe Consolmagno/biograf

MusicPedia:

Peppe Consolmagno, musicista, giornalista e costruttore di strumenti musicali. Musicista: I suoi strumenti sono la voce e le percussioni; Peppe Consolmagno ha al suo attivo partecipazioni da protagonista a Festivals Nazionali ed Internazionali; Giornalista: si interessa di ricerca etnomusicologica che lo ha portato a tenere seminari e workshops sulla musica extraeuropea; è stato l'unico europeo per due anni consecutivi ad essere invitato al Festival Internazionale della Percussione (Perc Pan) a Salvador Bahia in Brasile; collabora con riviste specializzate e quotidiani come World Music, Strumenti Musicali, Jazz, Percussioni, Il Manifesto ed altre; Costruttore di strumenti musicali: La sua musica si esprime attraverso i suoi strumenti, che ...


Peppe Consolmagno & Timbri Mond

MusicPedia:

Presentazione di Peppe Consolmagno & Timbri dal Mondo(r): Il tappeto su cui sparpaglia i suoi strumenti sembra un'officina del ritmo e dei sogni, uno spazio liberato dalla cacofonia della vita moderna e consacrato al piacere del suono. Peppe Consolmagno costruisce oggetti sonori per sé e per Nana Vasconcelos, uno dei suoi tanti estimatori. Altri ne inventa utilizzando materiali recuperati durante i suoi viaggi. Altri ancora ne immagina unendo la sua voce alla sinfonia di timbri e colori che si sprigionano da questa singolare orchestra formata da una sola persona. grandi cucurbitacee saheliane trasformate in tamburi ad acqua, un gong birmano, lo sciabordio di un caxixi, vasi di ...


PEPPE CONSOLMAGNO

MusicPedia:

PEPPE CONSOLMAGNO & TIMBRI DAL MONDO(r) Peppe Consolmagno ˆ voce & percussioni ...


Peppe Consolmagno

MusicPedia:

Peppe Consolmagno La musica del percussionista Peppe Consolmagno, nato a Rimini nel '58, si esprime attraverso strumenti che, pur appartenendo a culture extraeuropee, al Brasile, sua principale fonte di ispirazione, come pure all'Africa e all'Asia, parlano un linguaggio internazionale. Strumenti che in gran parte costruisce da sé, utilizzando materiali recuperati nel corso dei suoi molteplici viaggi, dalla zucca al bambù, dal legno al metallo... E li costruisce non solo per arricchire la propria collezione, ma anche per rifornire, su loro stessa richiesta, Nana Vasconcelos, Cyro Baptista, Trilok Gurtu, Luis Agudo, Glen Velez, Airto Moreira, Duduka de Fonseka... Gong birmano, cing ossia ...


PEPPE BARRA lengua serpentina

MusicPedia:

PEPPE BARRA in LENGUA SERPENTINA con Savio Riccardi (pianoforte) Lino Cannavacciuolo (violino) Emidio Ausiello (percussioni) regia di Peppe Barra Dopo aver registrato per la radio venti tra le più belle favole tratte da "Lu Cunto de li Cunti, ovvero il Pentamerone" di Giambattista Basile, Barra ha sentito l'esigenza di tradurre questa esperienza in una forma di spettacolo pa proporre al pubblico teatrale: nasce così Lengua Serpentina, dove Barra opera una trasformazione e dove il linguaggio fiabesco si combina con la gestualità dell'artista , simbolo di napoletanità e si fonde con le musiche di Savio Riccardi. "Lengua serpentina" è lo spettacolo nel quale il teatro si trasforma in ...


PEPPE BARRA

MusicPedia:

PEPPE BARRA In "Lengua Serpentina" con Savio Riccardi (pianoforte), Lino Cannavacciuolo (violino), Emidio Ausiello (percussioni). Dopo aver registrato per la radio 20 tra le più belle favole tratte da "Lu Cunto De Li Cunti Ovvero Il Pentamarone" di Gianbattista Basile, Barra ha sentito l'esigenza di tradurre questa esperienza in una forma di spettacolo da proporre al pubblico teatrale: nasce così "Lengua Serpentina", uno spettacolo in cui Barra opera una fusione, una trasformazione. Il linguaggio fiabesco si combina con la gestualità dell'artista, simbolo della napoletanità e si fonde con le musiche del Maestro Savio Riccardi, musicista compositore e fedele collaboratore di Barra. ...


Peppa Marriti Band

MusicPedia:

Cominciamo con qualcosa di molto particolare, che va al di là del discorso esclusivamente musicale: la Peppa Marriti Band, un gruppo proveniente da Santa Sofia d'Epiro, un piccolo paese in provincia di Cosenza dove si parla.. albanese. Il loro tentativo è quello di mescolare una tradizione culturale e musicale antichissima al linguaggio universale del rock'n'roll. Ispiratore del gruppo è Gigi Fabbricatore, poliedrica figura di grafico, illustratore, poeta e musicista. Il suo primo libro, Bluezjana, una raccolta di poesie, è stato insignito del Premio Letterario Intemazionale "Catania E Il Suo Vulcano". E alcune delle poesie contenute nel volume sono diventate testi ...


pepimorgia

MusicPedia:

Il noto light designer e regista pepimorgia - vero mago della luce, conosciuto per aver firmato allestimenti di grande fascino e suggestione formale come la recente opera Argonautika che ha debuttato con grande successo lo scorso 10 novembre al Teatro Pergolesi di Jesi nell'ambito della 33° Stagione Lirica - a messo a punto - su incarico dell'Amministrazione Comunale e in collaborazione con l'Amat - un progetto esclusivo per la città di Senigallia per la notte che saluterà l'anno trascorso e darà il benvenuto a quello nuovo, disegnando un percorso tra le vie cittadine che collegano il Foro Annonario, Piazza del Duca e Piazza Roma, per una festa di capodanno ...


PEPE NERO/2

MusicPedia:

Il gruppo PEPE NERO h nato da poco grazie all'unione di 3 musicisti provenienti da esperienze e radici musicali sostanzialmente diverse. Nadia, alla voce, canta da anni come corista ed ha preso parte in qualit` di contralto ai concerti e alle tournhh europee della corale lauretana con la quale ha potuto vantare la collaborazione dal vivo in alcuni concerti di Gianni Morandi e dei Pooh. Marco, alle chitarre, ha fatto da accompagnatore acustico ad alcuni artisti da camera sviluppando la conoscenza della canzone napoletana e della musica d'autore italiana, e, negli ultimi anni ha girato locali e feste in tutte le Marche insieme a Rossano in gruppi sotto vari ...


PEPE NERO

MusicPedia:

Il gruppo PEPE NERO h nato da poco grazie all'unione di 3 musicisti provenienti da esperienze e radici musicali sostanzialmente diverse. Nadia, alla voce, canta da anni come corista ed ha preso parte in qualit` di contralto ai concerti e alle tournhh europee della corale lauretana con la quale ha potuto vantare la collaborazione dal vivo in alcuni concerti di Gianni Morandi e dei Pooh. Marco, alle chitarre, ha fatto da accompagnatore acustico ad alcuni artisti da camera sviluppando la conoscenza della canzone napoletana e della musica d'autore italiana, e, negli ultimi anni ha girato locali e feste in tutte le Marche insieme a Rossano in gruppi sotto vari ...


PEPE DELUXE/Super Sound

MusicPedia:

PEPE DELUXE Super Sound La formula è quella usata e abusata in diecimila altri progetti di pop "moderno": campionamento selvaggio tra le fonti più disparate, battuta bassa con effetto fumoso ed occasionali incursioni nei territori dei beats più larghi e danzabili. Perché allora l'esordio dei finlandesi Pepe Deluxe suoni meglio del 99% dei progetti similari che prendono il volo da ogni angolo d'Europa (Inghilterra in testa) rimane un mistero. C'entra forse una non comune abilità a utilizzare il comando "taglia & incolla" del loro computer: si veda il singolo Woman In Blue (voce campionata di Nina Simone su una maestosa base che ...


PEOPLE UNDERGROUND

MusicPedia:

PEOPLE UNDERGROUND I People Underground nascono tra la fine del 1999 e l'inizio del 2000. L'idea è quella di trasmettere una grossa quantità di energia e la maniera più diretta per sprigionare tale carica è di proporre tutte quelle canzoni che riescono a coinvolgere emotivamente ogni genere di pubblico: stiamo parlando del ROCK, questa volta però curato attentamente nella scelta dei suoni e degli arrangiamenti. I brani che vengono proposti sono pertanto HITS di oggi e di ieri, esclusivamente ballabili in quanto l'intento è di creare 2 ore di spettacolo dove ininterrottamente la gente possa ballare sulle note delle canzoni preferite. ...


PEOPLE LIKE US/Lassie House/Jum

MusicPedia:

PEOPLE LIKE US Lassie House/Jumble Massive Si sono rilanciate le quotazioni di People Like Us con "Hate People Like Us", inaspettato tributo a Vicki Bennett, con la partecipazione reinterpretativa di Death In June, Coil, Boyd Rice, Mika Vainio, Negativland, Christoph Heemann, citando nel mucchio. L'odierno "Lassie House/Jumble Massive" seleziona dai due dischi omonimi usciti tra '95 e '96, in vinili rispettivamente in 250 e 295 copie. La sostanza non può evadere dalle consuetudini di Vicki, il cui iperproduttivo 'plagiarismo creativo' non sarà mai risultato geniale e certo più noioso che godibile nell'elementarità delle metodologie applicate, ma che oggi forse merita ...


PEOPLE LIKE US/Lassie House/Ju

MusicPedia:

PEOPLE LIKE US ‘Lassie House/Jumble Massive’ (Caciocavallo/Demos) Il CD raccoglie il singolo (limitato a 250 copie e pubblicato da Staalplaat nel 1995) ‘Lassie House’ e l’album (limitato a 295 copie e pubblicato da Soleilmoon nel 1996) ‘Jumble Massive’. Entrambe le edizioni originali erano in vinile e vedevano Vicki Bennett (colei che tesse le trame di People Like Us) cimentarsi nella sua arte preferita, ovvero il taglia e cuci deframmentato, altresì detto plagiarismo! Potete quindi immaginare che le dieci tracce non siano tanto legate da un comune filo conduttore sonoro quanto piuttosto concettuale, perciò non dovrete dare troppo peso al fatto che si ...


PEOPLE GROOVE/Move

MusicPedia:

PEOPLE GROOVE " Move " Sym Music Gilardi, Varola e Ale G. Dee Jay stupiscono per la creatività che emerge prepotente da quest'ottimo interessante House Mix che si basa su un bassone alla " Fly Robin Fly " di Silver Connection e che ovviamente odora della tipica atmosfera '70 senza però dipenderne troppo. Ottimo la scelta del groove e della ritmica in generale che ne esalta le qualità come ad un buon aceto balsamico e questo lo è certo per le gambe e il cuore. La " Alternative Dub " è una bomba.


PENUMBRA/Skandinavien

MusicPedia:

PENUMBRA ‘Skandinavien’ (Iris Light Records) Continua a non svelare le proprie generalità colui che si cela dietro la sigla Penumbra, se non limitarsi a ribadire che: “Penumbra is one half of :Zoviet*France:”. E noi non possiamo far altro che prenderne atto, anche se, come ebbi modo di sostenere lo scorso anno, recensendo il debutto ‘Anoraks’ (pubblicato dalla Universal Egg di Zion Train), la mia ipotesi è che costui non sia altri che Mark Spybye. Considerazioni anagrafiche a parte occorre dire che il musicista britannico dimostra di aver compiuto ulteriori passi in avanti rispetto al precedente lavoro, variando la portata sonora delle composizioni, ...


PENUMBRA/Anoraks

MusicPedia:

PENUMBRA “Anoraks” (Universal Egg/Wide) Viene presentato come “solo debut from one half of art music pioneers Zoviet*France”. E considerando che ho da poco recensito il nuovo disco di Rapoon (ovvero Robin Storey, l’ex Zoviet*France per eccellenza) era ovvio che, in onore alla par condicio, Kaos ospitasse anche Mark Spybye, attivo pure come Dead Voices On Air e in passato già collaboratore di James Plotkin (Old, Flux, Scorn, ecc.) e di cEvin “Skinny Puppy” Key nei Download. È curioso il fatto che all’interno del digipack ci sia una foto di Mark con tanto di bambino a spalle, simile in tutto e per ...


PENTLICZEK/Pentliczeck

MusicPedia:

PENTLICZEK Pentliczeck (cd autoprod. Biasa Zaba) Pentliczec, ossia Dominik Gawara in cd. É il concentrato delle cassette, per cui là si veda e provveda. Garbugli che non si possono e non si devono districare. Assieme a Buckethead, la percussione di Gawara è la mortificazione della cibernetica. E se lo sentisse Zorn, lui che cerca l'innocenza, lo farebbe sedere alla destra di Cyro Baptista, e allora finirebbe a tarallucci e ricottina. Perché tutto ciò non ha coscienza. É espettorazione. Acqua che bolle in cucina. Questa è la techno del 3000 Avanti Cristo, mica palle.


PENTHOUSE/My Idle Hands

MusicPedia:

PENTHOUSE My Idle Hands Tu Vuoi Fà L'Ammericano. L'antico ammonimento del buon Carosone vale anche per gli inglesi, soprattutto per quelli che si intestardiscono a suonare musica rock. I Penthouse, tanto per fare un esempio, malediranno per tutta la vita la sfiga che li ha fatti nascere sul Tamigi invece che a Detroit o nel Queens: oltre ad evitare di farsi massacrare dal New Musical Express e compagnia, avrebbero potuto testare sul campo la loro ipotesi di blues rock'n'roll ultrarumoroso, attitudinalmente vicino a gentaglia poco "fashion" come Chrome Cranks, Dura-Delinquent e Cheater Slicks. A volte l'eccessiva saturazione noise fa perdere la ...


PENTHOUSE/Gutter Erotica

MusicPedia:

PENTHOUSE Gutter Erotica (WD) Dall'etichetta di Stanford Prison Experiment, Low Pop Suicide e Latimer giungono i Penthouse, innamorati persi di Beasts of Bourbon, Jon Spencer e Birthday Party. "Voyeur's Blues" - il singolo ivi contenuto - è stato Single of the Week per New Musical Express (e, una tantum, ci sentiamo di condividere la scelta), ma tutto l'album contiene una forte dose di carica ed energia.


Pentatonik/3

MusicPedia:

E visto che di Pentatonik si è accennato, che Pentatonik sia! Nessuno (dico nessuno) ha osato spendere due paroline sul formidabile pout pourri contenuto in “This Film’s Crap...Lets sample the Soundtrack” (Cd - North South Rec.), estemporanea colonna sonora nella quale il nostro favoloso combo mette le mani in almeno sei degli otto quadretti contenuti: sia remixando Slowley, Lumo e gli alter egos Trouble Shooter e Pentaura, sia donandoci la riedizione del loro debut Ep.


Pentatonik/2

MusicPedia:

Pentatonik - "Credo/Zeitheist" 12" Deviant Rec. Quanti anni e numeri di MC sono passati da quel singolo mozzafiato di "Resolution: serie 1"? A voi le concatenazioni matematiche, sappiate che noi lo recensimmo nel n. 29... Tra le bands più timide del pianeta, ci fanno fremere nell'attesa di qualche cenno di vita, consci però di ritrovarci tra le mani dei capolavori mozzafiato. Ecco due perle strumentali melanconiche e suggestive; Durutti Columm meets Banco De Gaia: "Credo" è poesia pura, trascritta sugli spazi delle sconfinate pianure e con l'incedere da colonna sonora per un amore perfetto. "Zeitgeist" è omaggio alla natura inviolata, è Philip Glass e ...


Pentangle/Jacqui McShee

MusicPedia:

la mitica voce solista dei Pentangle, Jacqui McShee. Jacqui ha iniziato a cantare con la sorella Pam agli inizi dei ’60. Usuale frequentatrice dei folk clubs in Londra e nei sobborghi, Jacqui diede avvio ad un proprio locale, insieme ad amici, e questa fu l’occasione d’incontrare un gran numero di “eroi” dell’epoca. Tra questi i chitarristi Bert Jansch e John Renbourn; quest’ultimo le chiese di cantare nel secondo album “Another Monday” e ne nacque una collaborazione artistica che si rinnovò in una serie di concerti nel 1966. L’anno successivo si affiancarono Bert Jansch, Danny Thompson e Terry Cox e nacquero i ...


PENTAGRAM/Review Your Choices/2

MusicPedia:

PENTAGRAM Review Your Choices (Black Widow) I Pentagram aprono e chiudono il disco con Doctor Please e Feathers From Your Tree. Molto efficaci anche i Drag Pack con Come and Get It e i Natas con Ride With Me. Nutrita la pattuglia degli italiani: Hogwash, Garybaldi (back from the grave!), Wicked Minds, Standarte, Vortice Cremisi e Ufomammuth, questi ultimi autori di una versione da pelle d'oca di Peace Of Mind (periodo Randy Holden, New! Improved!).


PENTAGRAM/Review Your Choices

MusicPedia:

PENTAGRAM "Review Your Choices" Un ritorno a ranghi ridotti e lontano da clamori pubblicitari nulla toglie al fascino dei Pentagram, uno dei massimi archetipi doom metal viventi, un culto che affonda le sue radici addirittura nel '71, quando Bobby Liebling fondò i Macabre, ed è secondo solo ai Black Sabbath in termini di longevità. Per testimoniare il rispetto di cui godono nei circuiti underground, basti pensare che gli ultra-psichedelici On Trial, fra le migliori promesse europee del settore, nel loro EP di covers hanno rivisitato proprio il primo singolo dei Macabre, "Be Forewarned" (1972), che intitolerà anche il terzo album dei Pentagram. ...


PENTAGRAM Relentless

MusicPedia:

PENTAGRAM Relentless La copertina è quella di "Welcome To Shell" dei Venom, sputata. Eppure questi lEentagram non sono dei novellini, trattasi di una band attiva a cavallo dell'S0 e che ora è stata ripescata dalla Peaceville. La voce di hobby Liebling non può non ricordare Ozzy C)sbourne, ed in generale il sound della band mi fa pensare ad una versione più ossessiva e delirante dei Pack Sabbath. La resa sonora, con le vocals che sovrastano gli altri strumenti, è la stessa di quell'epoca ormai andata, ma il piglio è molto più oscuro rispetto alla concorrenza che c'era allora. Non ho ben ...


PENTAGRAM

MusicPedia:

PENTAGRAM hy 0t lteekoning (Peaceville) Dopo la ristampa del primo eccezionale lp, "Kelentless", a maggio, la Peaceville si è dedicata a ristampare anche questo secondo lp dell'oscuro combo. Otiginariamente pubblicato dalla Napalm Pess nel 1987, questo "Day Of Reckoning", a distanza di sei anni non ha perso nulla quanto ad attualità e freschezza (se possiamo defimire fresco un immaginario musicale fatto di licantropi, vampiri, demoni e perversioni!). Non è cosa da tutti, se pensate che oggigiorno, una grande parte del mercato discografico è occupata da artisti usa e getta, che non riescono a confezionare prodotti che sopravvivano alla stagione ed al pubblico, in ...


PENTAGONO

MusicPedia:

PENTAGONO Quintetto di cover rock, funky formatosi a Chieti nel 1977. E' composto da Marta Laganà alla voce; Luigi Mincucci alle tastiere; Pino Di Franco al basso elettrico; Fulvio De Julis alle chitarre; Marco Di Vincenzo alla batteria. In repertorio brani rivisitati di Police, Toto, Incognito, Sade, Shola Ama.


PENSIERO

MusicPedia:

PENSIERO Il gruppo nasce nel giugno del 2000 dall'esigenza dei 3 componenti d'esprimere una concezione innovativa della musica italiana maturata attraverso diversi anni di militanza in vari gruppi quasi sempre d'ottimo livello, ognuno apportando la propria esperienza personale. I PENSIERO s'impegnano subito a concretizzare il tutto incidendo un demo omonimo di 12 pezzi, grazie a 3 di questi, vengono selezionati tra 115 al concorso nazionale per gruppi emergenti "NEW GENERATION" di Castelfidardo (comitato artistico: Roberto Colombo, Radius, Federico Capranica, Mescal, Casa di Cura, Giorgio Baldi, Andrea Guerranti, Massimo Onori ecc...) piazzandosi tra i primi 20. Attualmente stanno preparando un repertorio da ...


PENSIERI VAGANTI

MusicPedia:

PENSIERI VAGANTI Quando c'è Musica... Questo nome, sempre più famigliare tra chi ama vivere le proprie notti all'insegna della musica, unisce cinque giovani musicisti, che fanno della professionalità e della qualità la loro bandiera. I due tastieristi, Marco ed Ermanno, musicisti riconosciuti a livello nazionale, si destreggiano abilmente nei vari generi musicali, mentre Alessandro con la sua chitarra elettrica dona ad ogni brano quel tocco in più di musica live. Valentina con la sua voce interpreta in modo fresco ed originale canzoni sia italiane che straniere. A dirigere il tutto, oltre che cantare, c'è Aldo, il leader del gruppo. Le loro ...


Pensieri Contro

MusicPedia:

Pensieri Contro Nascono nel '91 dal connubio artistico tar Carlo Ruggiero (tastierista) ed Alessandro Maranca (bassista): gli altri elementi del gruppo sono: Lorenzo Gentile (batteria) e Marco Catania (chitarra). Nel '94 sono ritenuti uno dei migliori gruppi rock emergenti della Campania (Albo Arci 1995). Si sono esibiti in concerto in molti locali del Lazio, della Campanie e della Sardegna.


PENNYWISE/Straight Ahead

MusicPedia:

PENNYWISE Straight Ahead Ragazzi, le attese sono finite: il nuovo e quinto disco dei Pennywise è finalmente arrivato negli scaffali dei negozi, proprio nel reparto più frequentato da voi lettori. Registrato a Redondo Beach, negli studi di proprietà del corpulento chitarrista Fletcher e del batterista Byron, il nuovo gioiello marcato come di consueto Epitaph è il risultato di circa un paio d'anni di duro lavoro, alternato da numerose partecipazioni a festival e compilation/tributo. Il titolo, che tradotto letteralmente significa "avanti dritto", vuole sottolineare quale sia stata la direzione che i Pennywise hanno voluto sempre mantenere fin dagli esordi, (quando li accompagnava il ...


PENNYWISE/Live @ The Key Club

MusicPedia:

PENNYWISE Live @ The Key Club Album celebrativo per uno dei più apprezzati gruppi di hardcore melodico usciti in quest'ultimo decennio. Il concerto al Key Club di Hollywood anzitutto ci dà la possibilità di risentire in versione live gli hit del loro disco d'esordio - assolutamente indispensabile in una discoteca di genere che si rispetti - come Wouldn't It Be Nice, Living For Today o l'immancabile singalong Bro Hymn. I Pennywise hanno un invidiabile contatto con il pubblico che scandisce a memoria ogni singolo refrain. Nonostante certe pericolose vicinanze con i Bad Religion, i quattro californiani hanno ancora un impatto decisivo, ...


PENNY STALLINGS/The Ultimate

MusicPedia:

PENNY STALLINGS - The Ultimate Friends Companion (4 Books, £.15.99) Nell'ultimo episodio 'italiano', diviso in due parti, Ross si sposa. Bene, non uno dei fatti che cambieranno la terra ma momento abbastanza topico per chi ha seguito le varie vicende. RAI Due manda in onda la prima parte e poi... PAF. Niente più. E ricomincia dopo un po', random, con le repliche saltapicchiandole per di più tra il pomeriggio, la sera e la notte. Ripeto: se ne fre-ga-no totalmente di noi, non hanno il minimo rispetto. Naturalmente, oltre che della bastardaggine RAI, si stava parlando della serie televisiva 'Friends'. Beh, se ...


PENNE CHIODATE BRITANNICHE VARI

MusicPedia:

PENNE CHIODATE BRITANNICHE VARIE - Fuori area (Mondadori, £.15.000) Da un po' di tempo in qua sembra che gli intellettuali abbiano scoperto il calcio e se in Italia, dietro a idee ormai consunte come la trasmissione 'Quelli che il calcio...' e ad altre interessanti quali la pubblicazione del settimanale 'Rigore', sembra esserci solo il vuoto pieno di logorroica tracotanza di personaggi e trasmissioni trash alquanto (Biscarte e Mosca su tutti), in Inghilterra il fenomeno ha attratto, dopo aver innalzato John King, Irvine Welsh e soprattutto Nick Hornby, una vasta schiera di 'giovani' autori che in questa raccolta versano un racconto pro-capite ...


Penna di morte

MusicPedia:

Penna di morte Quel gran giornale del 'Virginian Pilot' senza il quale la scoperta di Gutenberg sarebbe stata vacua e inutile (interpretazione: chi se lo caga il 'Virginian Pilot'?) a proposito della voce grossa fatta dall'Italia sull'abolizione della pena di morte, dopo averci definiti una massa di "mangiatori di cannoli e creduloni" (accuse circostanziate, da bravi giornalisti) ha sentenziato: "Italiani, siete ridicoli". Il che è forse vero, ma è indubitabilmente una colpa leggermente più piccola che essere assassini. Quanto ai cannoli, capisco che non possano competere con l'haute cuisine yankee, a base di hamburger e patatine fritte...


PENNA A SFERA I, L'ERRANTE

MusicPedia:

PENNA A SFERA I, L'ERRANTE Mazzo Luzzazzo Fezzo, è risaputo, è il giornalista musicale con il maggior numero di cappelle all'attivo (l'ultima: i Bluvertigo fanno avanguardia; forse per lui, che è rimasto a Lucio Dalla). Vabbè, sbagliamo tutti, però lui, se ci fosse un organo deputato allo sbaglio, c'avrebbe sopra un callo come quelli rosso fuoco che fanno bella mostra di sé nelle terga dei babbuini. E su 'TV Sette' (1/7 agosto) se ne esce con una delle sue: "Chiedo scusa ai colleghi che fanno il mio stesso lavoro (segue copioso elenco tanto per fregare un po' di righe, in cui ...


PENGUIN CAFE ORCHESTRA/2

MusicPedia:

PENGUIN CAFE ORCHESTRA Dicono che Simon Jeffes abbia concepito l'utopia di un'orchestra capace di trasformarsi in una sorta di enciclopedia vivente dei suoni del mondo durante la lunga convalescenza da un avvelenamento alimentare. Lasciando da parte come nacque quel sogno, quel che conta è che l'utopia di Jeffes prese forma sotto la sigla Penguin Cafe Orchestra, l'ensemble grazie al quale sotto la spinta di una colta ironia l'universo di Canterbury è diventato la base di partenza per un'avventura che ha contribuito a rendere obsolete le tradizionali distinzioni di genere e che nella prima metà degli anni 80 ha fatto da colonna ...


Penguin Cafe Orchestra

MusicPedia:

Album: «Preludes, Airs And Yodels - A Penguin Cafe Primer» 628 agosto1 E la prima antologia dedicata a un qruppo d'eccezione la Penguin Cafe Orchestra di Simon Jeffes. Il CD abEraccia quasi vent'ánni di attività della formazione, attingendo a sei album (da quello d~esordio, «Music From The Penguin Cafe» del 1976, a «Union Cafe» del 1993) per proporre 17 brani ai quali si aggiungono due sorprendenti rieloborazioni di «Music For A Found Harmonium», probabilmente il suo pezzo più noto: un remix curato dal gruppo ambient The Orb e una versione eseguita da Patrick Street, musicista folk irlandese. la roccolta presenta ...


PENELOPE Y CARLO/Penelope y Car

MusicPedia:

PENELOPE Y CARLO Penelope y Carlo Subterfuge Ancora Madrid. Subterfuge è l'ennesima etichetta iberica che esce allo scoperto, superando i confini nazionali, una label dal catalogo quanto meno variegato che ha probabilmente nella sua sezione 'musica para un guateque sideral', il suo profilo più stimolante. Già lo scorso anno il pregevole esordio di Mastretta, Melodias des rajos-X, aveva lasciato ipotizare una viva scena lounge spagnola, Carlo Coupé e Penelope, costei solo sitar e percussioni, non voce, Penelope y Carlo è totalmente strumentale, ne danno godibilissima conferma in un album di trascinante e partecipe ascolto, in cui sono irresistibili le maliziose, intime ...


PENANCE/Proving Ground

MusicPedia:

PENANCE Proving Ground Era prevedibile che il ritorno di un leader carismatico come Wino trascinasse con sé una serie di band di cui da tempo si erano perse le tracce, ma mai ci sarenmno aspettati un nuovo disco dei Penance, a ben 5 anni dalla loro ultima release. In realtà i Penance non erano scomparsi dalle scene, erano semplicemente andati incontro ad una serie di rimpasti all'interno della formazione, che hanno portato all'ingresso di Brian Balich (voce) e Ron Leard (basso), benché il timone resti saldamento in mano ai veterani Mike Smail (batteria) e Terry Weston (chitarra). Che Mike Smail abbia alle ...


Pen-ek Ratanaruang

MusicPedia:

Piacevole e interessante si è rivelato anche “Fun Bar Karaoke”, opera prima del regista tailandese Pen-ek Ratanaruang proposto in concorso: un melodramma di stampo orientale condito di elementi tipici del cinema giovanilistico, del videoclip, dei mafia-movies e di immagini ricche di suggestione. Il film è ambientato in una moderna e caotica Bangkok, in cui si muovono una giovane che vive in solitudine la perdita recente della madre, e suo padre, che ama trascorrere le serate in un anonimo night-club cantando con il karaoke e ubriacandosi. E’ l’isolamento la condizione esistenziale attorno a cui gravitano tutti i protagonisti alla ricerca di ...


Pell Mell

MusicPedia:

Pell Mell Questo è difatti il loro quarto album (sesto contandone due usciti su cassetta) e sono trascorsi ben diciassette anni da quando mossero i primi passi. Individualmente, due di loro sono più noti: entrambi produttori, Greg Freeman ha lavorato con Thinking Fellers Union Local 282 e Barbara Manning, mentre Steve Fisk ha prestato la sua opera a Soundgarden, Screaming Trees, Beat Happening, Nirvana, Boss Hog ed è metà dei Pigeonhed. Fu probabilmente questo curriculum, forse con il contemporaneo ingaggio dei Garbage di Butch Vig da parte della BMG, a indurre la Geffen a mettere sotto contratto i Pell Mell nel ...


Pelirocco

MusicPedia:

Pelirocco Dalla scena effervescente breakbeat/big beat di Londra, Pelirocco ha esordito su Bolshi con la bomba "Hot Tuna" potente brano chemical con bassi penetranti e duri breaks. Talentuoso dj delle mitiche serate Heavenly Social, Friction e Underclass di Londra.


PELIKAN MILK/South Enough

MusicPedia:

PELIKAN MILK – South Enough (Day Records/New LM Records/vivid Audio – CD) Bastano i pochi accenti introduttivi di “One Minute One” per convincerci di essere di fronte ad un gioiellino di gusto e di sostanza. “South Enough” dei Pelikan Milk, i cui destini geografici sono a metà strada tra le Marche e l’Inghilterra è il concentrato di un suono ammaliante, acustico, atmosferico, i cui tempi dilatati e il lirismo malinconico e passionale ci riportano alla memoria Nick Drake e un gusto per il progressive più intimista degli anni ’70. In un’epoca dove sembra imperare ormai il gusto del riciclaggio, dove ...


PELICAN MILK

MusicPedia:

PELICAN MILK PRIMAVERA '99 - La band è fondata a Londra da Alex Savelli e Simon Painter dalle ceneri di MOJO BIN (miglior demo dell'anno "Melody Maker" '97). IL 1° lavoro è "Reacosticollution" prodotto da Alex Savelli e David Eserin (Vivid Audio LDT London). ESTATE'99 - Pelican Milk si sposta in Italia. - Terence Todaro (ex CUTE OLD FISH) entra nella band. - Con la produzione di Paul Chain, Pelican Milk costruisce uno studio mobile a Castel Barco di Bellaguardia (antica residenza di caccia del Duca Federico da Montefeltro). - Iniziano le registrazioni di "South Enough" - PELICAN MILK realizza la ...


Pele/The Nudes

MusicPedia:

Pele The Nudes Polyvinyl Il classico trio chitarra-basso-batteria può ancora emozionare poichè, al di là di qualsiasi discorso, è il cuore e l'intelligenza creativa con cui si scrive una canzone a determinare queste sensazioni positive. E i Pele ci riescono in pieno. Proveniente dal Milwaukee, il trio realizza un vero e proprio gioiello musicale ricco di melodia, tecnica e delicata energia. La chitarra di Chris Rosenau disegna ispirate armonie che hanno anche il merito di giocare con continue e sensate variazioni che in ogni singolo brano hanno uno sviluppo evocativo. La ritmica ...


Peio Maya

MusicPedia:

Peio Maya, dai paesi baschi, ha suonato con vari gruppi folk, folk-rock della Galizia tra cui i Dhaes con i quali ha registrato due album ed ha vinto la Mostra Internazionale de Folk di Santiago (1990).


Peggy Larson

MusicPedia:

Peggy Larson La cantante Peggy Larson, originaria del Midwest americano, risiede in Olanda da molti anni. Ha lavorato spesso con gruppi jazz corali e in produzioni di teatro musicale. Il suo disco più recente è “Rood Haar,” “Capelli Rossi” (PLB).


PEGGY CHEW/Real Days

MusicPedia:

PEGGY CHEW Real Days Accompagnata da un trio pianistico guidato da Adrian Frey e completato dal bassista Dominique Girod (anche nei Day & Taxi) e dal batterista Tony Renold, la cantante di origine cinese Peggy Chew da corpo a un disco di jazz classico e elegante ma anche troppo educato e troppo edulcorato. Alcuni brani originali e alcuni standard 'moderni' (fra cui "Sweet Sucker Dance" e "The Dry Cleaner From Des Moines" firmati C. Mingus / J . Mitchell e "Time In A Bottle" di Jim Croce) vengono percorsi dalla cantante con una voce bellissima ma una personalità non in grado ...


PEGBOY/Cha-Cha Damore

MusicPedia:

PEGBOY Cha-Cha Damore (Quarterstick Records\Wide) Se iniziassi la recensione dicendo che i Pegboy suonano punk rock, molti di voi probabilmente volterebbero subito pagina, forse tediati da quanto è accaduto negli ultimi tre anni a tale movimento (reunion dei Sex Pistols compresa!). Purtroppo vi devo “deludere”, poiché “Cha-Cha Damore” (pur se potrà apparire riduttivo e un brano come “Planet Porno” pare messo lì apposta per dimostrarlo) non può essere definito altrimenti che come punk rock orecchiabile, mai banale, credibile e con una base strumentale di prim’ordine, d’altronde in formazione troviamo ex Naked Raygun, come Kezdy e Haggerty. Le vocals disperate (non strazianti) del ...


Pegboy/2

MusicPedia:

Pegboy Earwig Quarterstick Con l'improvviso travolgente successo di bands come Offspring e Green Day i cui ultimi dischi sono ormai da mesi solidamente insediati nella top ten statunitense,l'harcore melodico di stampo californiano si Ë confermato uno dei generi piÐ amati dai teenagers americani ed europei. Sicuramente la promozione major di cui godono ormai anche gruppi un tempo considerati irriducibili come i Bad Religion ha aiutato questi gruppi a raggiungere le ...


PEGAZUS/Breaking The Chains

MusicPedia:

PEGAZUS - “Breaking The Chains” (Nuclear Blast/Audioglobe) Alcune volte mi chiedo il motivo per cui spreco tempo e inchiostro per raccontarvi di gruppi che pubblicano dischi per motivi che mi rimango ignoti e il cui valore artistico non è gravemente insufficiente, ma inesistente!. è il caso dei Pegazus, autori in precedenza di un paio di album, il primo dei quali vide la luce (per fortuna) solo in Australia e ora ridottisi a livelli scandalosi; già i titoli sono significativi di quale sia la strada battuta: “Metal Forever”, “The Crusade” o “Bastards Of War” e poi la scelta di rifare “A ...


PEGASUS/The Forces Of Evil

MusicPedia:

PEGASUS The Forces Of Evil Altro 7" per la M.D.D., stavolta si tratta di una duetto piuttosto sconosciuto. La copertina è orrenda, mostra una specie di incrocio malriuscito tra un somaro, un pony ed un uccello (doveva avere le ali, no?), il tutto disegnato con la perizia di un bambino di due anni (con le mani legate dietro la sGhiena e gli occhi bendati!). Non fidatevi della copertirla perche i Pegasus si comportano molto bene quando si tratta di metter mano sugli strumenti musicali, per cui sarebbe un grossissimo errore ascurarli. Sintetizzando il loro stile può essere riassuntò GO-me dark-doom con influenze ...


PEFER BLEGVAD/Hangman's Hill

MusicPedia:

PEFER BLEGVAD "Hangman's Hill" Utimi sussurri dal pianeta Canterbury: continua la corsa solitaria di Peter Blegvad. Dopo aver ritrovato gli Slap Happy in Ca Va, il musicista riparte da se e dai due ex Henry Cow, John Greaves e Chris Cutler. Hangman's Hill succede a Just Woke Up e non cambia i sentieri già battuti: quella di Blegvad è una forma canzone curiosa, sempre desiderosa d'imparentarsi con più di un genere, dal cabaret al country e al rock con il gusto della stranezza. Le sue ballate continuano ad agitarsi lontano da mode e tendenze, rotonde, piene di una morbidezza inconsueta. E ...


PEDRO THE LION/Winners Never Qu

MusicPedia:

PEDRO THE LION Winners Never Quit Uno dei dieci migliori dischi che non siete riusciti ad ascoltare nel 1998. Così Spin definiva It's Hard to Find a Friend, prima uscita di Pedro the Lion, formazione di Seattle che ruota attorno al nome di un unica persona, David Bazan. Sarebbe un vero peccato se anche questo secondo lavoro non trovasse lo spazio meritato, perchè di spazio il barbuto Bazan ne merita, eccome. Le sue canzoni riescono a toccare le stesse corde sollecitate dal miglior Will Oldham quando prendono la forma di piccoli quadri introspettivi, come nel caso dell'iniziale Slow and Steady Wins ...


Pedro Aznar

MusicPedia:

Pedro Aznar, nato nel 1959 a Buenos Aires (Argentina) il 23 luglio. 1980: è invitato da Luis Alberto Spinetta a suonare in qualità di ospite con il suo gruppo - appena costituito, "Jade", Serù Giràn lo invita a suonare al Rio Monterey Jazz Festival di Rio de Janeiro, Brasile; inizialmente dovevano suonare in una breve apparizione pomeridiana, ma dopo l'ascolto da parte degli organizzatori, vengono invitati a replicare nello spettacolo notturno. In quell'occasione Pedro ascolta per la prima volta dal vivo il Pat Metheny Group e rimane così colpito da volersi recare nel retropalco per porgere a Pat un nastro ...


PECUNIA NON OLET

MusicPedia:

PECUNIA NON OLET Ogni popolo - usanza barbara - mette l'effigie dei suoi figli migliori sulle banconote, 'tributo rimembrante' tutto capitalistico a cui almeno Van Gogh si sarebbe volentieri sottratto. Fermo restando che se scelti i personaggi con un suffragio universale avremmo rischiato di vederci Maldini sulle 10.000 e Del Piero sulle 50.000, mi sono spesso chiesto come mai il Merisi fosse capitato - maximo honore - sulle sfogliatelle da 100.000. Che c'azzecca, il Caravaggio, con l'Italia di oggi, tronfia e volgare? Poi, la risposta te la dai da solo. Fosse perché è stato anche un assassino? E per inciso, visto ...


Pecunia non docet/bolli

MusicPedia:

Pecunia non docet Il ministro per l'Istruzione Berlinguer ha appena detto di voler eliminare Geografia come materia scolastica che già se ne vedono i primi benefici: la Zecca di Stato ha coniato le mille lire in moneta (ehi, proprietari di sale giochi, via con le nuove gettoniere!) ripristinando le due Germanie. Perché non direttamente l'Impero Austro-ungarico, visto che c'eravamo?


Pecore e pecorine

MusicPedia:

Pecore e pecorine Nel caso vi siate domandati chi fosse quella notevole sventola che appare nel meraviglioso, surreale, spot di Aperol Soda, quello con il ceffo che, telecomando alla mano, comincia col materializzare una spogliarellista a pecorina e finisce in lacrime con un mucchio di pecore nella stanza, ebbene, siamo qui per rispondervi: trattasi della Venera Bianca, al suo meglio, devo ammettere, soprattutto se confrontata con le sue apparizioni catodiche notturne.


PECCI/LINK 99

MusicPedia:

A partire da Sabato 27 Marzo 1999 il CENTROPERL'Arte Contemporanea L. Pecci di Prato ospiterà ogni sabato la rassegna "PECCI/LINK", sette appuntamenti curati dallo staff organizzativo del Link Project di Bologna e dalla sezione Avvenimenti del museo. Ciò che ha determinato questa operazione è l'idea di contaminare due spazi di promozione culturale dalla natura differente: un museo ed un centro indipendente. Conservazione ed innovazione, dunque, questa volta coalizzati per verificare l'urgenza di una ridefinizione dei pubblici e dei linguaggi espressivi. Il programma PECCI/LINK prevede difatti l'attivazione di più spazi all'interno del Museo di Prato con una stratificazione di iniziative che copre diversi ambiti espressivi: la musica, il cinema, l'arte elettronica, la performance. Quattro fili ...


PECCATUM /STRANGLING FROM WITHI

MusicPedia:

PECCATUM "STRANGLING FROM WITHIN" Nuovissimo progetto di sua maestà Ihsahn, chitarrista/cantante/tastierista e mente dei grandissimi EMPEROR, suprema BLACK METAL band norvegese. In attesa del nuovo album degli Emperor previsto per metà marzo, Ihsahn ha realizzato il debutto dei Peccatum, in compagnia della moglie Ihriel e di Lord PZ. Il risultato è un ottimo album di BLACK METAL SINFONICO molto cupo e di atmosfera con riferimenti al folk nordico. Una produzione ottima e potente.


PEAWEES/This Is Rock'n'roll

MusicPedia:

PEAWEES "This Is Rock'n'roll" Sono invece reduci da un breve giro nei meandri del sottosuolo musicale statunitense, i giovani liguri Peawees, che pubblicano il loro secondo album, per la Fridge in Italia e per la Motherbox negli Stati Uniti. Influenzati tanto da Ramones, quanto da All e Descendents, i quattro richiamano alla mente i Marginal Man. L'occasionale tentazione della tastiera sembra l'unica possibile debolezza dei Peawees, che mettono insieme una dozzina di brani incandescenti, cantati in inglese, provvisti di cori e suonati con foga. Essenziali, melodici e veloci. Punk'n'roll.


PEAWEES

MusicPedia:

PEAWEES "This Is Rock'n'Roll" Con una superficiale e sensazionalistica campagna stampa si potrebbe definire il combo spezzino, attivo ormai da tre anni, come l'erede italico dei Rancid, e forse un aspetto veritiero, aldilà dell'improbabile banalilà, sarebbe contenuto nella grande efficacia in quanto a eclettica sintesi, tra le numerose, varie e storiche scuole del punk: la California della Contea di Orange, i Social Distortion, il surf-core meno beachboysiano della Bay Area, gli All, quel tanto che basta di anglo-punk Clash-style, un pizzico di Epitaph non troppo Hardcore per concludere la ricetta. Davvero determinati, sorprendentemente maturi nel mestiere non difficile ma rischioso del ...


PEARL PUSHER

MusicPedia:

PEARL PUSHER Cover band dei pearl jam, propongono brani sia dal più famoso "ten" sia dai successivi album. Grande live act per uno spettacolo di rock di oltre un'ora e mezzo. MAGIX PROMOTION MUSIC AGENCY Organizzazione E Gestione Spettacoli INFO LINE 0335 5230855 - magixpromotion@musician.org


PEARL JAM/BOLLI

MusicPedia:

PEARL JAM Tra loro e i Nirvana si rischia di arrivare all'assurdo gioco che per poco non mosse alla guerra santa un'intera generazione, equamente divisa fra Beatles e Rolling Stones. Fatto sta che, partiti da un punto che per comodità giornalistico/geografica venne stabilito comune, Cobain & soci hanno preso la via del futuro (per quanto breve potrà essere) mentre i PJ (F[a'rvey?) guardano indietro, a Hendrix, agli Zep et similia. La via è dorata ed allettante ma il rischio è che si trasformino in statue di sale. Il disco scorre bene, ha dei picchi altissimi (e pure qualche riuscito acrocoro) e ...


PEARL JAM/Binaural

MusicPedia:

PEARL JAM Binaural Il sesto disco dei Prearl Jam dice che non sempre troppi cuochi rovinano la cena. L'impegno compositivo è spartito un po' fra tutti e ne risulta una gran varietà di punti di vista, emozioni e ritmi. C'è anche un nuovo batterista che di sicuro ha detto la sua, l'ex iSoundgarden (oggi con i Wellwater Conspiraty) Matt Cameron, temporaneo sostituto di Jack Irons. L'album, il cui titolo significa ascoltare con entrambe le orecchie oppure usare due diversi canali per trasmettere e ricevere, si apre con tre classiche tracce rock, ognuna più lenta della precedente. La parata è aperta ...


PEARL JAM /Live On Two Legs

MusicPedia:

PEARL JAM Live On Two Legs (Epic) Potremo partire dalla voce di Eddie Vedder. O almeno da quell'urlo pieno di intensità ed emozione che si riflette in ogni nota della musica dei Pearl Jam, oppure parlare di quella musica dura, come cuoio ben stagionato, difficile da piegare eppure così caldo al tatto. Credo però sia più facile inserire questo cd nel lettore per rendere tutte le spiegazioni superflue. "Live On Two Legs" è il suono di una delle più grandi band rock che offre attualmente il panorama musicale. Si tratta di un compendio live che raccoglie alcune canzoni degli ultimi quattro album della band (più una versione di ...


PEARL BAILEY

MusicPedia:

PEARL BAILEY Nata il 29 marzo 1918 a Newport News, in Virginia, morta il 17 agosto 1990 a Philadelphia. Pearlie Mae, come era più familiarmente conosciuta, fu una performer disinibita, che sussurrava alcune canzoni, mentre ne riempiva altre di audaci "a parte" e furbesche allusioni. Entrò nel mondo dello spettacolo come danzatrice, ma più tardi cantò nei vaudeville, entrando infine nel circuito dei night club di New York all'inizio degli anni '40. Dopo aver lavorato con la Noble Sissle Orchestra, divenne vocalist con la band di Cootie Williams con cui registrò "Tessa's Torch Song", in precedenza cantato da Dinah Shore nel ...


PEACOCKS

MusicPedia:

PEACOCKS I Peacocks, formatisi nel 1992 in Svizzera sono una band a metà strada tra lo ska di terza generazione e il rockabilly. Il trio ha debuttato nel 1996 con "Come With Us", seguito nel '99 da "In Without Knocking".


PEACHES/The Teaches Of Peaches

MusicPedia:

PEACHES The Teaches Of Peaches La gentile leggiadra farfallina scaricatrice di porto che accompagnava on stage Gonzales nel recente tour italiano ha, come dire, fatto un disco da sola. Trattasi di elettro-basi e technosinghiozzi in bassa - ma veramente BASSA- fedeltà: come un album spoken-word di Lydia Lunch, solo con delle basi fichissime. E hai voglia dire «ma l'hanno già fatto i Suicide venticinque anni fa!» (cioè: strillare le peggio cose sopra gli esercizi di musica di un robot). Ovviamente è vero, ma c'è tanto di quello stile, qui dentro, da mangiarsi tutta la storia del rock dalle origini ai giorni ...


Peaches/The Teaches of Peache

MusicPedia:

Peaches The Teaches of Peaches Kitty-Yo In tempi di depressione elettronica e di introspezione rock arriva come una boccata d’aria fresca questo disco della songwriter berlinese Peaches, sorta di Alan Vega al femminile coadiuvata dall’iperattivo dj americano residente a Berlino (Chilly) Gonzales. Peaches è una versione meno drammatica e più ironica di Lydia Lunch, contrappuntata da un Martin Rev degli anni novanta. Testi di ispirazione smaccatamente sessuale, improntati a un post femminismo ultra aggressivo e consapevole, anche se sempre cool e padroni del linguaggio della strada. Immaginate una puttana laureata ad Harvard ma capace di sopravvivere nel peggior ...


PEACH PIT/Suspicious Cargo

MusicPedia:

PEACH PIT Suspicious Cargo (Earwing) I Peach Pit sono un terzetto croato che potrebbe far pensare ad un gruppo psichedelico stile secondi Pink Floyd, per intenderci quelli del post Ummagumma, che hanno preso coscienza del rock dell’ultima generazione, cioè il rock minimalista e per certi versi adulto che ha caratterizzato gli ultimi anni grazie a dei gruppi come,ad esempio, i Tortoise. Proprio come questi, i Peach Pit tentano di stratificare influenze e emozioni, così da creare un’amalgama evocativo. Bisogna, però, puntualizzare che ai croati manca la classe e l’esperienza che (oltre al fatto, non irrilevante per queste musiche, di ...


Peaceful Meadows

MusicPedia:

Determinati nei propri intenti e nelle dichiarazioni, i Peaceful Meadows non vanno oltre l'ordinaria amministrazione. In effetti non c'è nulla che sia fuori posto in "No Justice, No Peace" (Allied\Helter Skelter) - mezz'ora di hardcore-punk a rotta di collo, talvolta a la NOFX, ed eseguito senza sbavature - però, da parte mia, devo rendere noto che trattasi della "solita minestra" e che gli episodi meno scontati non sono molti ("Sheep", "Dull Razor Belief System" e "World Of Shit").


PEACE ORCHESTRA/SHINING REPOL

MusicPedia:

PEACE ORCHESTRA - SHINING REPOLISHED VERSIONS (2x'12) - G-STONE,AUSTRIA Per chi lo considera, in coppia al Dorfmeister, come messia unico della battuta morbida, Pete Kruder può risultare un'alieno in questo suo progetto laterale. La Peace Orchestra può sembrare moscia e senz'anima .


PEACE ORCHESTRA/propato

MusicPedia:

PEACE ORCHESTRA "Peace Orchestra" (K7) Ricordo molto bene che questa primavera, nel corso del loro tour italiano, una delle scritte maggiormente ricorrenti nei visuals proiettati durante i set di Kruder & Dorfmeister era "stop war in Kossovo", e credo che sia proprio in riferimento al recente conflitto che Peter Kruder abbia deciso di intestare il suo primo lavoro solista sotto l'etichetta PEACE ORCHESTRA. L'uscita di questo disco ha un po' preso tutti in contropiede, perchè è dall'EP di debutto del duo viennese del 1995 che ancora si sta aspettando il loro, più volte rimandato, album di debutto, dato che i loro lavori ...


PEACE ORCHESTRA/Om

MusicPedia:

PEACE ORCHESTRA Om Antenne orientate verso Vienna, capitale di ciò che potremmo chiamare "soul mitteleuropeo". Principi regnanti: Peter Kruder e Richard Dorfmeister. Silente quest'ultimo, che dei due pare essere il più pigro, abbiamo notizie che riguardano il suo partner, nell'occasione responsabile di una sedicente Orchestra Della Pace. Racchiuso e incerottato in un packaging sobrio ed elegantissimo, il disco intestato a quella denominazione offre molte conferme e alcune novità. Vaporose sonorità in battuta lenta, anzitutto, come ci si aspetta sempre dalle produzioni targate Kruder & Dorfmeister. Un funk decelerato (Double Drums) qui e arrangiamenti "brumosi" (Meister Petz) là, qualche tumidezza dub (Who Am ...


PEACE DIVISION/Junkyard Funk

MusicPedia:

PEACE DIVISION Junkyard Funk Tra i "remixatori" più richiesti del momento, Justin Drake e Clive Henry, ovvero sia i Peace Division, sono invece al primo album: le caratteristiche minimali e ipnotiche delle loro tracce in stile tech-house li hanno resi beniamini di un DJ non di primissimo pelo ma influentissimo come Danny Tenaglia. L'iniziale Livin' My Music rende bene l'idea di quanto possano essere ossessive le atmosfere che abitano i loro grooves, fino al puro ritmo di Bodysonic e We Glad You Funk.


PEA WEES/2

MusicPedia:

PEA WEES "Where People Smile!!!" (Panic) Un classico del r'nr.Chitarra,basso,batteria e un suono che amalgama,in maniera perfetta,melodie pop ed energie punk.Ovvero:hanno fatto più "danni" i Ramones che cinquant'anni di governi D.C.Scherzi a parte,diventa sempre più urgente prendere sul serio una certa frangia (quella più melodica e meno impegnata) del pop-punk italico che, quanto a risultati e a prolificità,ha poco o niente da invidiare alla scuola americana.Manca,forse,solo un gruppo "pesante",una band che possa fungere da rompighiaccio e che sia davvero in grado di far emergere,finalmente, tutto il sottobosco di decine e decine di "ramoni "in fiore.E se fossero proprio i Pea Wees a far ...


PE.A

MusicPedia:

PE.A L'onda lunga del post-rock inizia a fare sentire il proprio influsso anche sulla scena torinese. I pe.a, nati poco tempo fa dalle ceneri di gruppi locali dalle storie diverse, propongono un sound strumentale potente e votato alla sperimentazione. Oltre che sull assenza delle parti vocali, l'alchimia del gruppo è basata soprattutto sull'insolita presenza del sax tenore, che s'incarica di sorreggere le linee melodiche, ricamando sul tappeto della triade batteria-basso-chitarra, le tracce alternando in continuità, anche al loro interno differenti soluzioni ritmiche e armoniche: si passa così dal morbido arpeggio di basso di "Mesta" al sisma apocalittico degli ultimi minuti di ...


PBK

MusicPedia:

PBK : Macrophage/The Toil and The Reap (ND) Di tutt'altra pasta il lavoro di PBK, basato sul linguaggio dei suoni e dei rumori catturati, processati e raggruppati in forma di densi agglomerati materico-rumoristici (l'atteggiamento ä, in casi come questo, molto pió "cervellotico" e richiede, da parte dell'ascoltatore, un'attenta fruizione). La brillante secchezza ed il variegato furore di "Macrophage" (suddivisa in sei parti) lasciano il posto, nella seconda parte, all'esplorazione emotiva delle udibili concrezioni sonore di "The Toil and The Reap" (composta di cinque segmenti). Cyclotron Industries - P.O. Box 66291 - Houston, TX 77266 N D - ...


PAZZI SCATENATI VARI/Lupinari

MusicPedia:

PAZZI SCATENATI VARI - Lupinaria Compilation (Lupinaria) Ad esser sinceri, non è che si senta molto il bisogno di gruppi che si rifanno a questo o a quello, per quanto bravi siano. Stare una sera al pub e sentire cover band di chi volete può esser anche piacevole (tanto l'importante è che il bicchiere sia sempre bello pieno-vuoto-pieno-vuoto-pieno..., ça va sans dire); di più, è giusto che ognuno suoni e proponga quello che gli pare, ma alla fine... Fortunatamente, ogni tanto ci si imbatte in q.cuno totalmente diverso, come ad es. i recanatesi Ca.Pe.Al. (che non sta per 'Carta per alimenti' ...


PAY/Provate Ammore Ynutile/3

MusicPedia:

PAY Provate Ammore Ynutile Punkrockers Produzioni/Distr. Venus Nello spazio di un paio di album i varesini PAY sono riusciti a creare un piccolo culto attorno alla loro musica attraverso un’attitudine che e’ eufemistico definire folle e iconoclasta. Il suono e’ punk hardcore del piu’ classico e immediato rivestito pero’ di testi surreali e non scontati e suonato con piglio e convinzione nonostante l’atteggiamento scanzonato dei tre. Quello che incuriosice di piu’ e’ pero’ la dimensione parallela che il gruppo e’ riuscito a creare attorno a se (provate ad andare sul loro sito www.ammore.it); un mondo fatto di improbabili partiti politici, amore ...


PAY/Provate Ammore Ynutile

MusicPedia:

PAY/Provate Ammore Ynutile Ritornano i Pay con questo Provate Ammore Ynutile, prima uscita per la neonata Punkrocker's Autoproduzioni e seconda ufficiale per la band. Partecipazioni d'onore quelle di Superlove (Julie's Haircut), Davide Toffolo (Tre Allegri Ragazzi Morti) e Rocco Tanica, e guest track Il Triangolo del Renatone nazionale, espressamente riaggiornata per l'occasione. Il sound è quello classico Payniano, simpatico, divertente, scanzonato ma impegnato a suo modo, e pezzi come Un barattolo dell'aMMore e Se fossi dimostrano una certa maturità ormai raggiunta. Mille le sfaccettature, pop punk, rock'n'roll (come nel caso di Ti amo come il R'n'R), grunge in un certo senso, ...


PAY/Potevate Anche Ynvitarci

MusicPedia:

PAY Potevate Anche Ynvitarci Pay sono una formazione che, già al suo lavoro d'esordio, viene cullata e sostenuta da personalità di consolidata importanza nell'ambito della scena punk rock italiana. Fate conto che nel brano Autoscatto vige la presenza storica dell'ex CCCP Danilo Fatur, mentre Noyse dei ben più noti Punkreas è ospitato nell'evoluzione strutturale del brano d'apertura intitolato Noia... non bastasse anche un'ulteriore manifestazione dell'underground nostrano quale Radio Lupo Solitario non si lascia sfuggire l'occasione di sostenere questo sestetto proveniente da Varese. Insomma, le premesse ci sono tutte per puntare sull'ironia graffiante ed ambigua dei Pay, che si mostrano disposti a non ...


PAY IT ALL BACK

MusicPedia:

PAY IT ALL BACK Vol. 6 (Wide/On-U Sound) "Pay It All Back" costituisce il puntuale bollettino informativo su quanto succede in casa di Adrian Sherwood, proprietario della On-U Sound ovvero colui che ha fatto del Dub un'autentica missione. Giunta al sesto volume la suddetta raccolta presenta una carrellata di artisti più o meno omogenei, senza aggiungere nel complesso, nulla di nuovo a quanto già sperimentato. Gli episodi migliori a mio giudizio, vedono protagonisti i giapponesi Audio Active, che in "Paint Your Red Face" ci fanno assaggiare la loro particolare macedonia di Guitar Dub, ed i Little Axe, che in "Return" spingono la ...


PAWNSHOP

MusicPedia:

PAWNSHOP "Aloha From Saturn" Pubblicato dalla Chicken Farm (con distribuzione europea ad opera della Sony), "Aloha From Saturn" è la seconda fatica dei norvegesi Pawnshop, stoner rock band nata dalle ceneri degli heavy rockers Love Psycho, in attività sino al 1991, e in cui militavano il cantante Kjell, il chitarrista BK e il batterista John. Fu con l'introduzione del bassista Gaute, dalle dichiarate origini punk, che il gruppo decide di cambiare nome affondando maggiormente le proprie mani nel mare sonico dell'heavy psichedelia, come dimostrato da un primo ed immaturo album, "Broke" (1997), a cui non fu permesso di valicare i confini della ...


PAVEMENT/Terror Twilight

MusicPedia:

PAVEMENT "Terror Twilight" A far tacere le ripetute voci che li davano in ritirata dalle scene, esce il quinto album dei Pavement (il sesto se includiamo nel computo il doppio 'patchwork album' del '93 "Westing"). Registrato tra New York e Londra con la produzione 'vera' di Nigel Godrich (è la prima volta che Malkmus e compagni consentono a un produttore esterno di esercitare pienamente il proprio ruolo), "Terror Twilight", oltre a rassicurarci sulla non estinzione del gruppo americano ne celebra egregiamente il decimo anno di vita. Riprendendo quel discorso di 'normalizzazione' pop che, complice Mitch Easter, era stato avviato con il precedente ...


Pavement/3

MusicPedia:

Pavement Brighten The Corners (Matador) Con Brighten The Corners i Pavement si guadagnano la palma d'oro per la miglior band indie-rock. E meritatamente. Ironico, con testi intelligenti giocati su diverse associazioni di significato, questo disco rappresenta in maniera indiscussa i sentimenti dell'aldiqua di una cultura, quella occidentale, affrancata dal cinismo degli anni '80, ma succube di una paura apocalittica, di quelle che sa ben descrivere Thomas Pynchon. Cosa scelgono allora Malkmus e soci? Il disincanto, ovviamente. E lo fanno con quell'entusiasmo adolescenziale che rende Brighten The Corners un album ...


PAVEMENT

MusicPedia:

PAVEMENT Wowee Zowee (Big Cat) Ed i Pavement sono giunti al traguardo del terzo lp, se si esclude la raccolta di rarità "Westing: By Musket And Sextant", il disco che dovrebbe, secondo una convinzione piuttosto diffusa, saggiare la maturità di un gruppo e definirne lo status. Bisogna dire che dopo cinque anni di attività i Pavement di oggi sembrano assai più professionali di quella accolita di junkies slackers ed ubriaconi che aveva rivitalizzato il mondo dell'indie pop con meraviglie quali "Box Elder" e "Trigger Cut". In questi quattro anni ai Pavement ne sono successe di cose: hanno perso quel mattacchione di Gary Young ...


PAVEL HAAS/HANS KRASA

MusicPedia:

PAVEL HAAS / HANS KRASA : String Quartets (Decca - distr. Polygram) I "Quartetti d'Archi" di Pavel Haas e Hans Krasa (1899-1944), inclusi dalla Decca nella linea 'Entartete Musik' (cioä la musica osteggiata dal Terzo Reich perchÇ degenerata), dimostrano con una certa chiarezza le differenze stilistiche che intercorrono tra i due autori (accomunati dall'origine ebraica e dagli anni di nascita e di morte) : laddove Haas si rivela eroico ed aperto all'influenza del jazz, Krasa sfodera una cruda e beffarda ironia. "La musica s'allarga fino a divenire l'espressione di tutti i sentimenti, ...


PAVEL FAJT & PLUTO

MusicPedia:

PAVEL FAJT (batteria, percussioni); PETR ZAVADIL (chitarra,voce); VACLAV BARTOS (voce); TOMAS FROHLICH (basso elettrico). Il batterista e percussionista PAVEL FAJT è oggi uno dei nomi più quotati sulla scena internazionale, stimato e conosciuto ben di la dai confini della Repubblica Ceca, dove è stato tra i principali animatori musicali per più di un decennio.. Di lui si iniziò ad avere notizia in occidente grazie alle pubblicazioni dell'audio rivista ReR Quarterly, quando sul finire degli anni ottanta Chris Cutler fondò una specifica etichetta (Points East) per sostenere le musiche più interessanti e innovatrici provenienti dall'est europeo, dando la possibilità di pubblicare ...


Pavel Fajt

MusicPedia:

Il batterista e percussionista Pavel Fajt è oggi uno dei nomi più quotati sulla scena internazionale, stimato e conosciuto ben di là dai confini della Repubblica Ceca, dove è stato tra i principali animatori musicali per più di un decennio. Di lui si iniziò ad avere notizia in occidente grazie alle pubblicazioni dell'audiorivista ReR Quarterly, quando sul finire degli anni ottanta Chris Cutler fondò una specifica etichetta (Points East) per sostenere le musiche più interessanti e innovatrici provenienti dall'est europeo, dando la possibilità di pubblicare le loro opere a gruppi e artisti dissidenti e misconosciuti come Kampec Dolores, Boris Kovac, Reportaz, Der Expander des Fortschritts e Zga, divenuti poi cari ...


PAULO BELLINATI

MusicPedia:

PAULO BELLINATI <>. Questa non è la frase di circostanza di un qualsiasi battitore d’aste è invece il riconoscimento sincero di uno dei più grandi geni della musica dei nostri tempi: Antonio Carlos Jobim. Il “Paulo” a cui si riferisce Jobim altri non è che Paulo Bellinati, chitarrista cinquantunenne nato a San ...


PAULINE OLIVEROS/Primordial Li

MusicPedia:

PAULINE OLIVEROS ‘Primordial Lift’ (Table Of The Elements/Demos) È curioso che uno dei dischi migliori pubblicati nel 2000, alle soglie del terzo millennio e allorquando le nuove tecnologie e le nuove generazioni stanno prendendo il multinazionale sopravvento, si debba accreditare a una signorina che si appresta a spegnere settanta candeline! Tante sono le primavere sulle spalle di Pauline Oliveros, membro della storica Deep Listening Band e un’attività in continua evoluzione, con un presente più che mai roseo, non solo alla luce di quanto dimostrato in ‘Primordial Lift’, disco che la vede impegnata con fisarmonica, elettronica e voce, e al cui fianco troviamo ...


PAULINE OLIVEROS Primordial/Lif

MusicPedia:

PAULINE OLIVEROS Primordial/Lift A quasi settant'anni Pauline Oliveros non solo è una veterana, ma un'autentica attivista, impegnata in mille progetti, musicali, artistici e sociali. Le sue improvvisazioni con David Gamper, le intersezioni con Andrew Deutsch (nell'album "Springs") il tour con gli argentini Reynols, sono materia recente, per non parlare dell'intensa energia spesa con la ormai storica Deep Listening Band. Ora sul finire del 2000, le due pieces di "Primordial" e "Lift" dispiegano in tutta la loro magia, la corrente più minimale, elettronica e magnetica della Oliveros. In quello che a mio avviso è il suo disco più bello degli ultimi anni, ...


PAULINE OLIVEROS

MusicPedia:

PAULINE OLIVEROS Alien Bog/Beautiful Sop (Pogus Productions) PAULINE OLIVEROS Electronic Works (Paradigm Discs) Da anni nota per i suoi studi su un “ascolto profondo” attraverso la sovrapposizione accorta di frequenze e lo sfruttamento delle caratteristiche di risonanza dello spazio sonoro, il tutto usando uno strumento acustico come la fisarmonica, Pauline Oliveros ha anche un finora poco conosciuto ma importante passato come compositrice elettronica. Nel 1961 aveva co-fondato il gruppo di improvvisazione Sonics, con Ramon Sender e Morton Subotnick; mentre la Oliveros era in Europa (per aver vinto un premio di composizione della Gaudemos Foundation), i due fondarono il San Francisco Tape Music Center, che ...


PAUL WESTERBERG

MusicPedia:

PAUL WESTERBERG Suicaine Gratifaction Dimenticatevi l'uomo che suonava nel leggendario gruppo punk dei Replacements. Quei tempi sono ormai lontani anni luce dall'ispirazione intimista di Paul Westerberg. Eppure, ascoltando i dischi solisti venuti dopo lo scioglimento della band, ci si rende conto che esiste un vago legame tra quell'esperienza folgorante e il presente: Paul quantomeno è rimasto un libero pensatore in musica. Oggi scrive canzoni ingombranti e un po' démodé, ruvide come il punk un tempo consigliava, graffiate come il ragazzo di allora amava fare, arrochite da una voce carica di suggestioni. Una cosa è certa, Paul Westerberg ha sempre dominato una scrittura ...


PAUL WELLER/STYLE COUNCIL

MusicPedia:

PAUL WELLER/STYLE COUNCIL In un periodo in cui il recupero degli anni '80 sta scoprendo nuovi abissi di cattivo gusto (d'accordo che il revisionismo è trendy, ma rivalutare Nik Kershaw o i Visage non è post-modernismo, è coprofilia) un ascolto agli Style Council può anche starci. Cinque CD di pop sub Steely Dan e di soul-jazz all'acque di rose, però, crediamo non riuscirebbe a reggerli neanche la mamma di Mick Talbot. Una copia usata di Café Bleu - il loro disco migliore - è la dose massima di Style Council consigliabile ad un essere umano nel 1999; negli '80, si sa, ...


PAUL WELLER/Heliocentric

MusicPedia:

PAUL WELLER Heliocentric Diversi secoli dopo Copernico e una ventina d'anni dopo Battiato. Paul Weller, il padrino del britpop e l'icona dei mods, scruta il cielo alla ricerca di "un centro di gravità permanente", di qualcosa in grado di dare un senso fermo e concreto all'esistenza di un individuo arrivato ormai nel mezzo del cammin della sua vita. Dovrebbe spiegarsi proprio così un titolo importante come "Heliocentric", con il suo bisogno di fissare un punto di riferimento sicuro, un posto e/o dei principi validi per osservare le cose senza quella smania di cambiamento che regola gli anni della giovinezza e della ...


PAUL WELLER/BOLLI

MusicPedia:

PAUL WELLER - WilA Wo>d Continua il viaggio verso la negritudine assoluta di PW, che perde compagni di strada ad ogni fermata. A volte sa di vecchio in senso buono. Salta a pie' pari le ultime leggerezze degli Style Council e cerca di riaggiustare le crepe del monumento che la giovine Inghilterra gli ha eretto anni fa. Sempre che non gli ci caghino sopra i piccioni delle ultime ondate rock. Così va il mondo o meglio così andava nel 1977. Almeno registrabile. Sono pazzi questi pubblicitari nr. 2. Visto il filmáto di Pronto Light dove c'è un signore che riceve la lettera di ...


PAUL WELLER

MusicPedia:

PAUL WELLER "The Modern Classics" "The Greatest Hits" Dopo il cofanetto sui Jam e quello recentissimo sugli Style Coucil, Paul Weller completa la sua autocelebrazione con queto doppio cd dedicato alle ultime opere soliste. E' un repertorio che va da Paul Weller, il disco del '92, fino a heavy soul e alle ultime incisioni extra album con nuovo gusto e brillantezza: il "cappuccino kid" aveva molto sciupa l'immagine del Weller giovane, furioso nipotino di Pete Townshend, mentre il 40enne di oggi ha ritrovato seguito e rispetto, con un personale soul rock tornato a confrontarsi seppure con toni morbidi, con la mod music e ...


PAUL VAN DYK/Words

MusicPedia:

PAUL VAN DYK Words Un doppio ‘12 per il giovane boss dell’etichetta R&S. Berlinese con un suono un pò datato come quasi tutta la scena europea (Francia a parte). La voce di “Words” è quella stupenda di TONI HALLIDAY dei CURVE. Viene subito alla mente “ORIGINAL” il brano-monstre dei LEFTFIELD a cui, per certi versi, qui si fa riferimento. Remixes allegati, oltre a quello dei CURVE, portano la firma di MANNA e QUATTARA e che la trance sia con voi.


PAUL VAN DYK/ We are alive

MusicPedia:

PAUL VAN DYK " We are alive " Wild Non c'è granchè da dire su questo splendido Mix a firma di uno dei miei DJ Producer preferiti. Nulla di realmente rivoluzionario ed estremo ma tanta, tantissima classe e una sempre gradevolissima voce femminile che ti immerge in luoghi conosciuti ma sempre nuovi. Quattro tracce tutte magnifiche e da suonare obbligatoriamente se si vuole conoscere appieno il grande estro di questo Artista. E la " A " maiuscola era voluta.


PAUL VAN DYK

MusicPedia:

PAUL VAN DYK Ancora DJ's ed angora l'etichetta MFS ! Non lo faccio appostai giuro... Il fatto è che qualche scintilla di autentico talento brilla nei prodotti dell'iperptolificio Mr. Van Dylt ("Smell Of Spring" che mi ricorda - chissà poi perché - i migliori lleaid Or Alive), tante volte potò il desiderio e/o la tentazione di creare prodotti ad U90 e consumo delle discoteche (e„di conse- guenza dalla vita più breve del virus più famoso del rnondo) la fa da padrona ("limer,gency 911"). Estivo, corroborante, peten- te e preciso "~merg@ncy" è la prova più vicina ai grandi dischi dei primi - imberbi - COSMIC BABY


PAUL SIMON/Greatest hits - Shin

MusicPedia:

PAUL SIMON Greatest hits - Shining like a national guitar Per Simon nessun inedito: solo una sequenza di suoni che aprono il sipario su uno uno spettacolo di suoni e melodie che va in scena da 28 anni (la carriera solista di Simon è iniziata nel '72) e che non conosce la parola fine. Dal soffio leggero di "Mother and child reunion" e di "Me and Julio down by the schoolyard" alle complesse armonie di "Trailways bus" (tratto dal musical 'The capeman', fallimento commerciale ma non certo artistico), passando attraverso la rivoluzione "Graceland" e la passione di "Herts and bones".


PAUL SIMON You're the one

MusicPedia:

PAUL SIMON You're the one E' uno di quelli che hanno contribuito, e non poco, alla definizione della canzone moderna, e quando arriva un suo nuovo disco, il primo dai tempi di "Hearts and bones" (1983) che non sia un progetto unitario, o concept, o musical, ma semplicemente un disco di nuove canzoni, bisogna aprirlo con calma, inserirlo con delicatezza nella bocca del player, centellinare a una a una queste nuove storie, undici per esattezza, e cercare di capire dov'è oggi Paul Simon, dove ci vuol portare questo nuovo album che s'intitola "You're the one". E quasi a farlo apposta a ...


PAUL SCHÜTZE & SIMON HOPKINS

MusicPedia:

PAUL SCHÜTZE (Aus) & SIMON HOPKINS (UK) I più attenti cultori della new-wave più sperimentale e sotterranea dei primissimi anni 80, si ricorderanno forse dei Laughing Hands, seminale gruppo australiano di improvvisazione elettronica, di cui Paul Schütze, musicista di Melbourne, era il leader. Dischi come Ledge e Dog Photos, rispettivamente del 1979 e 1981, sono un ascolto obbligato per gli appassionati di electronic music con spiccate tinte industrial. Da qui però Schütze inizia un lungo, complesso e affascinante percorso musicale che lo porterà in Europa a Londra dove tuttora risiede. Le sue prime importanti opere soliste (Deus Ex Machina, Annihilating ...


PAUL SCHÜTZE

MusicPedia:

PAUL SCHÜTZE Site Anubis (Big Cat) E' indubbio che la figura di Paul Schütze si collochi all'esatto crocevia di quelli che sono i più quotati "trend" attuali: la riscoperta della "musica per ambienti" di Brian Eno, iniziata negli ambiti Techno e poi virata in salsa "isolazionista" con l'aggiunta degli esperimenti sul suono dei "massimalisti" americani (La Monte Youngh, Phill Niblock, Pauline Oliveros) e dell'elettronica anni '60; le "musiche possibili del Quarto Mondo" di Jon Hassell, e le meno sofisticate concettualmente (ma immensamente più popolari) suggestioni "World" del disco di Brian Eno & David Byrne; e ancora un'altra riscoperta ma questa volta di ...


PAUL SCHUTZE/Third Site

MusicPedia:

PAUL SCHUTZE Third Site Nel generale ritorno di interesse per il Moderno che, da qualche anno a questa parte, sta affiorando insistentemente da molte e differenti discipline artistiche, l'attenzione per l'organizzazione razionale del lavoro, la parsimonia nell'uso dei mezzi espressivi, e l'attenzione per i particolari sono tornati ad essere spinta creativa per un congruo numero di artisti (musicisti, architetti, designers, etc.). Il fenomeno sta diventando tanto diffuso, e con delle particolarissime implicazioni espressive ed etiche, da rappresentare uno dei luoghi d'indagine più interessanti per chi si occupa di fenomeni artistici alla fine degli anni Novanta. In questo contesto dev'essere inquadrato il nuovo ...


PAUL SCHUSTER-Internal/External

MusicPedia:

PAUL SCHUSTER Internal/External Featuring Paul Schuster: chi è mai costui? Domanda più che lecita, dato che la principale vicenda che ha visto protagonista il trentenne tastierista americano è contrassegnata da una sigla, Some Velvet Sidewalk, che appartiene alla più esclusiva e gelosa cultura del rock sommerso degli ultimi dieci anni. Certo, le testimonianze della sua solerte attività di musicista e "uomo del suono" non si esauriscono nel paio di raccolte messe insieme da quel rumoroso trio popcore, ma la pletora di collaborazioni che Schuster ha offerto per lo più a musicisti e formazioni di stanza ad Olympia, Washington, basta a dare ...


Paul Rutherford

MusicPedia:

Paul Rutherford - Londra - GB (1940) Trombonista e suonatore di euphonium inglese. Inizia i suoi studi musicali sul sassofono contralto che abbandona nel 1956 per dedicarsi al trombone. Ha modo di studiare e fare pratica in un'orchestra militare e in seguito presso la Guildhall School of Music. Eclettico, ha lavorato spesso in contesti diversi, dalla 'Mike Westbraok Band' alla 'Globe Unity' a gruppi interessati al 'live-eletronies'. Possiede uno stile meno jazzistico ma graffiante e ricco di 'humour'. Ha suonato nelle principali orchestre d'avanguardia euroDee e ha inciso in particolare con Peter Brotzmann, teter Kowald, Fred Van Howe, Giorgio (;aslini ...


PAUL RODGERS

MusicPedia:

PAUL RODGERS Electric Qualche mese fa era rientrato nei Bad Company e tutto lasciava presagire che non fosse solo per il tempo di un caffè tra vecchi amici. Invece il monarca inglese del vocalismo rock/blues rientra sul mercato discografico con l'ennesimo progetto a suo nome e un tour già pianificato. Le dieci canzoni dell'album, interamente scritto e prodotto dal cantante non si discostano di un centimetro dalla più familiare dimensione bluesy dell'epoca Free. Rodgers non è mai stato un urlatore, semmai uno splendido melodista, e col tempo ha saputo affinare le sue virtù come testimoniano in particolare le ballate acustiche del disco, ...


PAUL PESCE

MusicPedia:

Peshay Di origini italiane, Paul Pesce, a venticinque anni è già chiamato il "protetto" di Goldie. Ha lavorato con tutte le migliori etichette di drum & bass: dalla Good Looking di Ltj Bukem alla metalheadz di Goldie, fino ad arrivare nel '96, a firmare un contratto con l' etichetta di James Lavelle. La sua produzione iniziale risale al '93. Di chiara derivazione garage/house, i primi singoli (Psychosis su Metalheadzs e Vocal Tune su Good Looking), suonano come una sperimentazione di fusione, tra le influenze dei Masters At Work e la nuova estetica dell'elettronica breakbeat. E' lo stile che seguiranno i suoi ...


Paul Panhuysen

MusicPedia:

Una buona documentazione delle long string installations di Panhuysen (oltre a un irreperibile triplo lp dell'85 su Apollo) è reperibile sul cd Partitas for Long Strings, della XI Foundation di Phill Niblock. Sebbene anche altri musicisti abbiano fatto esperimenti con il suono di lunghe corde (Jim Burton, Terry Fox, Alvin Lucier, Arnold Dreyblatt), Panhuysen è colui che se n'è occupato in maniera più sistematica e inventiva, con oltre 200 installazioni dall'82 ad oggi (arrivate anche in Italia, a Bologna - il festival D'Art Room nell'87 -, Ferrara e Roma). Queste sono state realizzate con fili di vari materiali, acciaio, bronzo, ...


PAUL OAKENFOLD

MusicPedia:

PAUL OAKENFOLD Paul Oakenfold, "il più grande DJ del mondo" per il Guinness dei primati, per una notte è tornato nella sua vecchia residenza di Liverpool, il club Cream, dove fino allo scorso anno ha gestito serate affollatissime a base di trance. E' accaduto l'ultimo capodanno durante il quale il DJ è volato da Londra a Liverpool a Sheffield per osannate e pagatissime comparsate alla consolle, compressa una puntata mattutina nella sua nuova "casa", l'Home, la grande discoteca multipiano nella londinese Leicester Square. Con il suo set al Cream, Oakenfold ha decretato la fine dell'anno in cui la trance ha conquistato ...


PAUL NEWMAN/Re-Issue! Re-Packag

MusicPedia:

PAUL NEWMAN Re-Issue! Re-Package! Re-Raluate The Songs In queste dieci tracce viene documentata la produzione minore dei Paul Newman dal '96 al '99. Brani provenienti da 7", split, EP e tre estratti da compilation completano il quadro su una delle formazioni che più ha saputo interpretare i 'dogmi' del rock strumentale post-slintiano. In particolare - come band del calibro di Ativin o Dianogah - il quartetto originario del Texas applica un continuo intarsio di basso-chitarra-batteria lungo placide praterie mentali. Un modo di suonare che ha fatto molti proseliti ma che con il passare del tempo si è appiattito in forme ...


PAUL NEWMAN/Machine is not Brok

MusicPedia:

PAUL NEWMAN Machine is not Broken (My Pal God) Una riconferma per i Paul Newman che col loro terzo album tappa fatidica e - si sa - insidiosa aggirano l'ostacolo più con eleganza che con coraggio. A scanso di equivoci però diciamolo subito: questo "Machine is not Broken" è un buonissimo album perfetto per i fan. L'iniziale Eight Day Wait ad esempio è una delle migliori canzoni mai scritte dai Paul Newman perfettamente costruita com'è sui suoi saliscendi (ripetizioni + progressioni) oppure l'intimismo che traspira anche dalle poche parole cantate da Edward Roberts in Pheraps You Would Be More Confortable che ...


PAUL NEWMAN/Machine Is Not Bro

MusicPedia:

PAUL NEWMAN “Machine Is Not Broken” (My Pal God/Wide) Fa piacere ascoltare un nuovo disco dei Paul Newman e questo è già un complimento, almeno per il sottoscritto, poiché spesso ci si trova al cospetto di lavori che il recensore ascolta quasi solo per dovere e non per puro piacere, come invece dovrebbe essere. D’altronde quando un album (che in questo caso è il terzo ed è il primo a non venire pubblicato dalla Trance Syndicate, purtroppo defunta) si apre con la formidabile “Eight Day Wait” è poi difficile non farsi coinvolgere da ciò che viene dopo, sebbene non si avvertano ...


PAUL NEWMAN/Frames Per Second

MusicPedia:

PAUL NEWMAN Frames Per Second (Trance Syndicate) I Paul Newman, devono il loro nome al bassista e non già al più famoso omonimo. Sono in quattro e provengono dalla città di Austin nel Texas. Giunti al debutto su lunga durata, grazie ai tipi della Trance Syndicate, offrono un suono collocabile, ad un primo ascolto, vicino a tutta la produzione americana degli ultimi anni e che comunemente viene definita Post-Rock. Riduttivo? A mio avviso si. Perchè non di solo rock si può parlare riferendoci ai Paul Newman. Nelle sette tracce di questo lavoro, il quartetto fonde melodie ...


Paul Newman/CINEMA

MusicPedia:

Un nobile anziano: Paul Newman Tuttora apprezzato per la sua bravura nonostante i suoi settantatre anni, da molti considerato alla conclusione della sua carriera da altri ancora in gara verso il successo. Considerato da sempre una leggenda vive nel Connecticut con la moglie di sempre, caso unico più che raro per la libertina Hollywood, Joanne Woodward attrice anch'essa sposata nel 1958. Nel suo ultimo film visto recentemente sui nostri schermi intitolato "Twilight" ove impersona, a fianco di note attrici come Susan Sarandon ed attori come James Garner, Gene Hackman la figura di un detective dal passato burrascoso ...


Paul Newman/2

MusicPedia:

A breve distanza dal pregevole esordio "Frames Per Second" i Paul Newman ci offrono un secondo album registrato ancora da Jason Ward agli Sweatbox Studios di Austin, loro città di provenienza. Se vogliamo continuare a farci del male possiamo dire che si prodigano in 42 minuti di esplorazioni post rock (il che può andare bene per la bellissima "Dawson 1, Oklahoma 0") in prevalenza strumentali (la voce fa la sua comparsa solo in tre episodi), ma se desideriamo davvero capire come stanno le cose, allora dobbiamo andare più a fondo. Innanzitutto occorre evidenziare che chitarra, batteria e i due bassi ...


PAUL NEWMAN

MusicPedia:

PAUL NEWMAN Only Love Can Break Your Heart (Trance Syndacate) Chi sa se il caro Paul degli occhi di ghiaccio saprà mai di avere un omonimo che passa il suo tempo a suonare il basso in una band che porta il suo stesso nome. Forse no, visto che preferisce le auto alla musica. O forse si, visto che i Paul Newman hanno uno stile molto cinematografico nell'esporre i loro suoni. L'evolversi dei loro brani è spesso avvicinabile ad una sorta di film ad episodi con lunghi piani sequenza, spesso alla francese (quelli, per intenderci, che quando vengono proposti dalla gran parte dei ...


PAUL MOUNSEY/Nahoo 3 Notes fro

MusicPedia:

PAUL MOUNSEY Nahoo 3: Notes from the Republic Mounsey è un compositore scozzese che vive da oltre quindici anni in Brasile, con molteplici impegni artistici nel campo della pubblicità, del cinema e della televisione. Il capitolo tre del suo progetto "Nahoo" è ancora una volta un sorprendente patchwork sonoro. Praticare il cut'n'mix musicale, può configurarsi come un mero esercizio tecnico, può essere un gioco da neofiti con limitate idee musicali, ma può anche corrispondere ad una concezione creativa della musica, divenendo una fonte inesauribile di re-invenzioni. Mounsey ha l'autorevolezza artistica per essere inscritto nella categoria di cesellatori di suoni, riesce a ...


Paul Motian

MusicPedia:

Paul Motian Batterista esemplare e insieme modello di musicalità, in queste due caratteristiche sta tutta la particolare arte di Paul Motian e del suo strumentismo "sacrilego", iconoclasta, eversivo. Motian, quando suona ascolta la musica, e questa non è una cosa così scontata nel mondo musicale contemporaneo. Egli riesce a melodizzare il suo strumento come pochi altri hanno fatto nella storia del jazz. Il suo drumming è certo propulsivo, il suo drive non manca di swing, eppure Motian si riserva anche in ogni passaggio un piccolo brivido d'irrazionalità improvvisativa, una balance ritmica un po' sghemba, un accento messo lÏ, dove nessuno si ...


PAUL McCARTNEY/Run Devil Run

MusicPedia:

PAUL McCARTNEY Run Devil Run Le onde della vita spingono Paul McCartney a rifare il disco che aveva già inciso nel 1987 per il mercato sovietico Back In The USSR. Diverso il repertorio ma identico lo spirito nostalgico e la voglia di tornare ragazzino rock'n'roll che vestiva giubboni di pelle e sciupava il 45 di Elvis, Chuck Berry e Little Richard. Oltre agli oldies, in questo nuovo album ci sono anche tre originali in puntiglioso stile Fifties, molti strillati e rumorosi secondo lo stile del disco. Curioso il repertorio, capace di toccare oscure facciate B di Fats Domino e perfino un pezzo ...


Paul Lytton

MusicPedia:

Paul Lytton - Londra - GB (1947) Percussionista inglese. Personalità di spicco nella scena musicale britannica, è considerato fra i più spregiudicati innovatori del suo strumento anche nella 'performance' in 'solo'. I1 suo stile improwisativo opera, sia sul piano ritmico che su quello timbrico, una vera e propria trasfigurazione dei valori caratteristici delle percussioni giungendo talora a sonorità che richiamano l'elettronica che peraltro egli utilizza come 'live electronies'. Ha inciso dischi in duo con Evan Parker e Paul Lovens, ha suonato nella 'London Composer's Orchestra' di Barry Guy e con i più importanti improwisatori europei.


PAUL LOVENS/2

MusicPedia:

PAUL LOVENS Protagonista di una delle più felici esibizioni della rassegna in compagnia di Schiano, M. Altena e del giovane talento chitarristico francese J. M. Montera, il percussionista tedesco, da anni residente in Italia, ha confermato la sua intelligenza e personalità musicale che lo rendono personaggio di primo piano nella scena improvvisativa europea.


Paul Lovens

MusicPedia:

Paul Lovens - Aachen - D (1949) Percussionista tedesco. Dotato di una tecnica eccellente e di uno stile energico e vibrante, Paul Lovens ha lavorato con moltissime formazioni europee fra cui la 'Globe Unity'. Ha trasformato profondamente la batteria inserendo nuovi elementi (dai campanelli, ai piatti ammaccati) ed eliminando ad esempio il rullante, cosa che gli ha permesso di elaborare sonorità inconsuete che egli snoda su di un tessuto ritmico tutt'altro che regoIare. Con Paul Lytton ha creato una cooperativa di musicisti e un'etichetta discovrafica, la Po-trorch. E' il batterista che abitualmente accompagna Alex von Schlippenbach nelle diverse formazioni capeggiate dal ...


PAUL JONES/Pucker Up Buttercup

MusicPedia:

PAUL JONES Pucker Up Buttercup Sempre via Fat Possum ecco arrivare un ennesimo omaggio alla tradizione più nera e rozza del blues, dopo i vari album di 20 Miles, T-Model Ford, R.L. Burnside, sparsi per il catalogo della label americana. Paul Jones è un vecchio bluesman del Mississippi, di quelli che si incontrano nel sud degli States all'angolo di strada, accompagnati soltanto dalla sei corde e da un ampli a pile. E così il suo blues sporco e imperfetto riempie i solchi di "Pucker Up Buttercup" con una passione e una carica istintiva d'altri tempi. Dodici brani di delta-blues scarno (ad accompagnare ...


paul grollier

MusicPedia:

Il PAUL GROLLIER ENSEMBLE è composto da musicisti italiani e francesi presenti da anni sulla scena internazionale della musica etnica. Il repertorio presentato spazia nell'ambito del ricco repertorio della musica da danza e canto della Bretagna, eseguita sugli strumenti tradizionali come la bombarda, il biniou e l'organetto. Paul Grollier proviene dalla Vandea. Diplomato in organetto diatonico, da più di quindici anni è uno degli esponenti più importanti del panorama musicale di questa area. Presente all'interno di numerose band (La Marienne, Yole, Aive...) ha inciso più di quindici album e tenuto concerti in tutta Europa. Nel trio si esibisce insieme a Fabio ...


PAUL FEYERABEND/Stories From Pa

MusicPedia:

PAUL FEYERABEND Stories From Paolino's Tapes Paul K. Feyerabend, che con Cioran potrebbe fare il paio sul versante della filosofia della scienza... Solo voce pertanto, registrazioni che spaziano dall'83 al '93, pescate e riportate in vita con la collaborazione della sua compagna Grazia Borrini-Feyerabend. Il 'provocatorio' filosofo parla a ruota libera di Shakespeare e Verdi (Macbeth e Falstaff), Fritz Lang, Senofane, Joe Louis... Impossibile commentare e dare un voto a un talkin' CD; certo è che come documento è imperdibile, almeno per i 'senza casa'...


PAUL DUTTON/Mouth Pieces - Solo

MusicPedia:

PAUL DUTTON Mouth Pieces - Solo Soundsinging CD di sola sperimentazione vocale per il canadese Paul Dutton, componente del collettivo d'improvvisazione CCMC - con Michael Snow e del gruppo di performance poetica The Four Horsemen. "Mouth Pieces" e molto interessante, anche se solo a tratti realmente godibile in quanto mette in mostra un controllo del mezzo vocale davvero strabiliante. Dutton passa da meditative cantilene mantriche (Reverberations, Other Than e Nod To Bob) a notevoli escursioni nel nonsense (Untitled, Lips Is, Inex e Ummm...). Jazzstory si contorce in improstyle, Snare Kick. Rack And Floor imita un assolo di batteria e Beyond ...


PAUL DORAN

MusicPedia:

PAUL DORAN Paul Doran arriva dalla verde Irlanda con una chitarra a tracolla e un disco impegnato, e viene il sospetto che dalla nazione più rockettara d'Europa il binomio musica/politica sia imprescindibile. Doran ha partecipato al progetto del Self Aid portando sul palco un suo brano (Make It Work) con il quale ha poi piantato la bandierina sulla vetta delle charts irlandesi. Ora il suo nuovo lavoro raccoglie brani di puro rock, interpretato con impegno e viscerale schiettezza: i presupposti ci sono tutti, ma ancora manca qualcosa a livello di arrangiamenti, per portare a giusta maturazione un frutto altrimenti ancora acerbo.


PAUL DIANNO/The Beast-Live

MusicPedia:

PAUL DIANNO/The Beast-Live Non è mai troppo tardi, per cercare il riscatto. Paul DiAnno, l'ugola scorticata della primissima formazione degli Iron Maiden - dove fu rimpiazzato da Bruce Dickinson nell'81, dopo i due primi, fondamentali capitoli - prova a rifarsi una verginità dopo tanti anni di oblio. E dimostra che, almeno dal vivo e con le canzoni del (suo) antiquariato, la classe non è acqua. Gruppo all stars, voce d'acciaio: vedi alla voce NWOBHM.


PAUL DEL NERO

MusicPedia:

PAUL DEL NERO basso Diplomato con specializzazione in Jazz al New England Conservatory of Music con lode accademico, si diploma inoltre, Summa Cum Laude, al "Berklee College of Music" in composizione Jazz. Dal 1993 insegna al "Berklee College of Music" educazione all'ascolto, musica d'insieme, basso acustico ed elettrico. Dal '94 al '95 insegna basso acustico e improvvisazione jazz presso la "Brown University" di Providence, dal '91 al '94 basso elettrico e acustico al "Cummunity College of Rhode Island" docente di teoria e musica d'insieme presso la Scuola di Musica di Providence dal '90 al '94; insegna privatamente dal 1979. Partecipa ad ...


PAUL DALEY/LEFTFIELD/new

MusicPedia:

PAUL DALEY (LEFTFIELD) UK Dj set - Eclectic - Funky techno breakbeat Paul Daley è il dj della formazione londinese dei Leftfield, gruppo inglese post-techno fra i più importanti e innovativi degli anni Novanta. Autori del monumentale "Leftism", album di debutto del 1995, best seller a livello mondiale e vera pietra miliare del suono inglese degli ultimi anni. Con Orbital, Chemical Brothers, Underworld, guidano la classifica della serie A della generazione chimica inglese. Da mesi i fan stanno attendendo il secondo Lp di Leftfield, più volte annunciato, mentre in questi giorni esce il singolo-collaborazione con Afrika Bambaata, "Africa Shox". Dal vivo Paul Daley ...


PAUL DALEY/LEFTFIELD

MusicPedia:

PAUL DALEY/LEFTFIELD Che dire dei Leftfield che già non si sappia? Appartengono al gotha della scena techno o post techno inglese insieme ad Orb, Orbital, Aphex Twin, ed Underworld, fanno parte della scena elettronica che ha sconvolto la scena giovanile dai primi anni 90. Il loro primo ed unico Lp "Lefttism" è considerato un capolavoro assoluto, ed è stato il primo esempio assieme ai Prodigy di Techno Rock in quanto il loro connubio con John Lydon dei Sex Pistols all'epoca del loro singolo Open Up fu considerato uno scandalo dai puristi di entrambe gli schieramenti musicali. In realtà dimostrò fin dal ...


PAUL CHAIN/BOLLI

MusicPedia:

PAUL CHAIN - In Concert Mein Gott! Una volta l'ho visto arrivare on stage su una sedia a rotelle; abbiamo amici comuni; la recensione del suo cofanetto su Vinile saltò per ragioni misteriose ... c'è di che riflettere. Paul è un tipo in gamba, prova ne è questo live dove stira incredibilmente le orecchie di Jumpin' Jack Flash (19') e di Black Night ( 10' ) fino a trasformarle in qualcosa di totalmente suo. Rock '60/'70 non solo per la fedele armata di incatenati. Molto meglio di una buona metà degli stronzetti americani tanto osannati di questi tempi.


PAUL CHAIN THE IMPROVISOR/Sign

MusicPedia:

PAUL CHAIN THE IMPROVISOR "Sign From Space" Alle soglie dei quarant'anni, che compirà nel 2002, anche Paul Chain, autentico talento erratico dell'underground italiano, noto per l'inafferrabilità dei suoi viaggi musicali, avverte l'esigenza di sistematizzare la sua copiosa e multiforme espressione artistica in tre containers aperti, che d'ora in poi orienteranno la produzione del musicista pesarese. Con il nome "storico" Paul Chain, si presume sarà caratterizzato il suo repertorio più classico, che l'ha reso noto come il guru del doom psichedelico "mediterraneo". La sigla P.C. "The Improvisor" identificherà invece le pure fasi di improvvisazione e le registrazioni live, mentre P.C. Experimental Information ...


Paul Chain

MusicPedia:

Paul Chain "Mirror" Dopo il classico "Alkahest", che ha destato una eco internazionale grazie alla collaborazione di Lee Dorrian, Paul Chain è tornato a produrre nell'oscurità, in sintonia con il suo carattere schivo e difficile, riallacciando i vecchi legami con la Minotauro, la label più adatta nell'assecondarne gli estrosi umori. Sono così venuti altri due album, il cerebrale "Emisphere" ed il nuovo "Mirror" che riaffermano, se mai ce ne fosse bisogno, come l'artista pesarese sia perennemente posseduto dal demone della creatività. "Mirror" è un'antologia di rarità: 45 giri, split-single, partecipazioni a compilations (fra cui "Eighties Colours" di Rockerilla, 1985) che nella ...


Paul Chain

MusicPedia:

Paul Chain (vero nome Paolo Catena) nasce ad Ancona il 27 giugno 1962 ed è un polistrumentista completamente autodidatta: inizia a suonare le tastiere nel 1968, la batteria nel 1970, la chitarra e basso nel 1972 e voce solista nel 1980. Nel 1977 fonda con Steve Sylvester, i Death SS (le esse esse non hanno niente a che vedere con la politica, Paul Chain non fa politica né religione), gruppo storico del rock italiano per la fusione di musica rock e teatro ed è ospite, nel febbraio 1984, di "Mr. Fantasy" (Rai1) come miglior gruppo del 1983. Sempre più estraneo ...


Paul Burwell

MusicPedia:

Paul Burwell - Ruslip - GB (1949) Percussionista e artista multimediale inglese. Dopo gli studi, effettuati presso il Royal College of Art, Burwell affina la propria tecnica musicale sotto la guida di Max Abrams, Pandit Sain Trikah, Mustapha Testy e segue i seminari di John Stevens per circa due anni. Membro fondatore del 'London Musicians Collective' diviene una delle figure di riferimento nell'ambito della musica di ricerca e improvvisata inglese. Interessato alla creazione di strumenti a percussione installazioni, sculture cinetiche, e 'performance' su grande scala (sculture pirotecniche, uso di imbarcazioni, abnormi gruppi di percussionisti) collabora a lungo con Max hastley e, ...


PAUL BRADY/Oh What A World

MusicPedia:

PAUL BRADY Oh What A World A un anno circa dall'antologico "Nobody Knows" e a cinque dall'ultimo album di studio "Spirits Colliding", il nuovo lavoro di Paul Brady richiama l'attenzione su una vecchia questione. Perché questo cantautore irlandese non trova tutto il successo popolare che merita, e resta molto apprezzato dagli addetti ai lavori e da un gruppo comunque consistente di fan? Alla domanda non sembra esserci risposta, e d'altra parte non ci si aspetta che arrivi da questo pregevole album intitolato "Oh What A World". Ancora una volta Paul Brady ha confezionato un disco bello, piacevole e perfettamente equilibrato. Vi ...


PAUL BRADY

MusicPedia:

PAUL BRADY Protagonista negli anni Settanta del revival "intellettuale" del folk irlandese, alla fine di quel decennio, subito dopo aver inciso il bellissimo Welcome Here Kindstranger, Paul Brady decide di abbandonare gli strumenti acustici e lasciare libero spazio a quella vena rock che gli rugge dentro. Molti lo invitano a ripensarci e forse Brady farebbe bene ad ascoltarli. Tuttavia il primo passo del nuovo cammino Hardstation (1981) è, nonostante qualche tastiera di troppo, opera notevole, carica d'urgenza (Busted Loose) romanticismo (Dancer In The Fire) e rabbia (Nothing But The Same Old Story), drammatico ritratto di vita irlandese a Londra. Dopo il ...


Paul Bollemback

MusicPedia:

Paul Bollemback Paul Bollemback, è un grande chitarrista e compositore di Hinsdale, illinois, premiato non più di un mese fa a New York con il Grammy Award quale miglior musicista jazz dell'anno. In oltre sedici anni di carriera, Paul Bollemback ha collaborato con alcuni fra i migliori musicisti del mondo come Joey De Francesco, Stanley Turrentine, Gary Thomas, Arturo Sandoval e Charlie Bird, ha registrato più di 25 albums ed il suo ultimo lavoro da solista, "Double Gemini", ha ricevuto grossi consensi sia a parte della critica specializzata sia dal pubblico. Dotato di uno stile originalissimo che gli permette di suonare ...


Paul Bley/NEW

MusicPedia:

Paul Bley Quanto è diversa la musica di Paul Bley da quella di tanti acrobati della tastiera, impegnati costantemente a "celebrar se stessi". Quanta distanza dai "road runners" del pianoforte dimentichi dell'interplay, dello spazio silenzioso ed evocativo, degli accenti allusivi. Non è un caso in fondo, che questo jazzista oramai sessantasettenne, sia nato a Montreal, in una terra come quella canadese, cui vasti panorami, pianure quiete, freddo e foreste, hanno fatto guadagnare, cristallizzandoli, sentimenti ed inclinazioni poetiche inconfondibili. E non è certo un caso, semmai un paradosso o una metafora, che Bley abbia iniziato la propria parabola professionale sostituendo nel circuito dei ...


PAUL BLEY/GARY PEACOCK

MusicPedia:

Nelle forme di spettacolo più esposte ai media, una per-. sonalità inquieta, un carattere scontroso e introverso, possono anche diventare ottimi attributi promozionali, elementi utili alla costruzione del "personaggio" che si vuole lanciare. Nel jazz, che è già in sé disciplina marginale e di difficile classificazione, avviene esattamente il contrario: chi non ama esibirsi-è libero di farlo, e di rintanarsi a piacere negli angoli più oscuri, restandoci, senza che nessuno se ne dolga. Così, avviene che figure-chiave della storia di questa musica, veri protagonisti dell'evoluzione del linguaggio, vivano in una sorta di semi-oblio, solo in rari casi riscattato post-mortem. Quella di ...


PAUL BLEY/EVAN PARKER/BARRE PHI

MusicPedia:

PAUL BLEY/EVAN PARKER/BARRE PHILLIPS Sankt Gerold Suggestionati dalla mistica sonorità del monastero di Sankt Gerold sulle montagne austriache, dove Manfred Eicher ha ambientato molti dei suoi dischi recenti, tre musicisti di cultura ed esperienze diverse improvvisano liberamente dando retta all'ispirazione del momento e trovando accenti di autentica trasognata magia. Più che jazz è musica contemporanea istantanea che sa concentrarsi in una ricerca dell'estasi senza compromessi spogliandosi d'inutili protagonismi ed evitando logorroiche lungaggini. E così, volte, il trio diventa un duo o si separa in meditative espressioni solistiche per un bisogno reale d'interiorità mettendo ancora piu a nudo la natura diversa dei ...


PAUL BLEY

MusicPedia:

Nel jazz sono frequenti gli incontri tra musicisti che, seppure di diversa origine culturale ed espressiva, si trovano ad esplorare territori comuni. E' il caso di tre protagonisti della scena internazionale, tre grandi personalità che hanno fatto la storia del jazz moderno: Charlie Haden, Paul Bley e Lee Konitz. I tre si presentano per la prima volta tutti insieme, anche se le collaborazioni dell'uno con l'altro non solo non sono mancate, ma sono state assai proficue. Haden e Bley hanno alle spalle una pluridecennale complicità. Konitz fu già al fianco di Bley sul finire degli anni Settanta. Di recente, Konitz ...


PAUL ANKA

MusicPedia:

PAUL ANKA Nato il 30 luglio 1941 a Ottawa, in Canada, è stato un prolifico autore di canzoni e un bambino prodigio, nonché uno dei principali idoli dei teen ager negli anni '50. Esplose sulla scena musicale nel 1957 con la canzone, scritta da lui, "Diana", una intensa ballata che descriveva nei dettagli la frustrazione e l' amore insoddisfatto di un adolescente per una ragazza un po' più grande. Con i suoi caratteristici schemi ritmici, era una canzone potentemente evocativa e rimase in cima alle classifiche per ben nove settimane, mentre saliva al primo posto in quelle statunitensi. Si calcola che ...


PATTY PRAVO/Una donna da sogn

MusicPedia:

PATTY PRAVO - Una donna da sognare (Sony) Non c'è da credere molto a quel che dicono le star della musica, ma Miss Strambelli è un'altra cosa: e se dice che son dieci anni che non fa sesso, beh... Per intanto, ha tirato fuori un altro album, ancora una volta diverso, come è successo per gli ultimi anni (consigliato: 'Ideogrammi'). I dieci brani suonano vecchio rock FM imbolsito e pop di terza ed i testi pure - spesso - non scherzano, quanto a sciatteria ("Sul mio seno ho scritto che / storia più bella non c'è") però, cazzo, basta la sua ...


PATTON/Love Boat

MusicPedia:

PATTON Love Boat (Prohibited\Wide) Rigorosi e disinvolti, intelligenti e tecnicamente preparati sono pronti per il definitivo salto di qualità. Anche nel caso dei Patton siamo alle prese con una formazione composta da due fratelli, Sam (batteria) e Max (chitarra e voce); l'ottima "Une Politique Bas-De-Gamme" (rock, a tratti duro, e deviazioni jazzate).


PATTON/JR For ‘Jaune-Rouge

MusicPedia:

PATTON "JR For ‘Jaune-Rouge" (Prohibited Records/Wide) Sebbene mi fossi espresso in termini positivi a proposito di "Love Boat", il mini CD con cui i Patton esordirono tre anni or sono, avevo anche fatto notare come emergessero alcune assonanze di troppo, che comunque non andavano a inficiare il valore dei cinque brani là contenuti. Con questo primo lavoro sulla lunga distanza il trio belga dimostra, innanzitutto di aver ponderato con estrema attenzione i passi da compiere, d’altronde in 24 mesi abbondanti hanno partorito dodici pezzi che superano di poco i 41 minuti totali di durata, evidenziando come sia la qualità a prevalere nettamente ...


PATTON /JR For jaune-Rouge

MusicPedia:

PATTON "JR For jaune-Rouge" Patton, generale d'acciaio... Già, ma quello era uno degli ufficiali più famosi della seconda guerra mondiale ed il carro armato che da lui avrebbe preso il nome una delle più potenti macchine belliche di cui un esercito sia mai stato dotato. Questi Patton invece sembrano mettere in campo più l'intelligenza che la potenza, l'arma sottile dell'improvvisazione più ancora che quella della bruta forza d'impatto. Ma chi sono innanzi tutto? Tanto per cominciare non sono americani, ma belgi e la loro etichetta li presenta anzi come dei plausibili cugini europei di gruppi come Storm & Stress e US ...


PATTI SMITH/Gung Ho/bolli

MusicPedia:

PATTI SMITH - Gung Ho (Arista/BMG) Ero un cucciolo punk e stavo con una giovane frikkettona al tempo della prima Patti; non eravamo d'accordo su quasi niente tranne che su di lei, che amavamo entrambi di un trasporto che andava al di là delle note, della voce e dei testi. Era carisma, signori, indubbiamente. Una cosa che ti fa innamorare anche fisicamente di una persona che, dati anatomici alla mano, non adoneggia. E che, stravedeva forse casualmente, Nostra Signora delle Pere, per Nannarella Magnani? Si era innamorata per caso, la Beata Antivergine, di uno come Pasolini? La vita è una collana ...


PATTI SMITH/Gung Ho

MusicPedia:

PATTI SMITH Gung Ho Nella Patti Smith del ritorno sono andati a squarciarsi tutti i limiti che già la segnavano nel suo scintillante apparire '70. Come stimmate, la signora porta con sé una ridondanza poco gentile, un'ansietà spossante che allora, sgrassate dalla freschezza, potevano farsi motore. Ora a questa gente del '900 resta l'umanità, e se Pop e Reed possono ancora mettere a segno dei bei colpetti da figli di puttana quali sono, la Smith dà problemi. A pesare nei suoi ultimi dischi è soprattutto quell'alone di reducismo insopportabile, quell'autocompiacimento irritante che ritroviamo anche in Gung Ho. Perché se Lo And ...


PATTI SMITH BAND

MusicPedia:

PATTI SMITH BAND Lanny Kaye (chitarra); Jay Dee Daugherty (batteria); Oliver Ray (chitarra); Tony Shanahan (basso). "Tre accordi rock fusi con la forza della parola". Non minimizzava Patti Smith quando definiva così Horses, l'album che nel 1975 la rivelava al mondo. Non erano parole gettate lì, per schermirsi o per liberarsi alla svelta di un giornalista. Anzi, oggi potrebbero essere proprio le stesse parole a sintetizzare la fortuna di un'artista che non è stata mai costretta a dividersi fra i suoi due grandi amori: il rock e la poesia. Perché ancora oggi Patti Smith è la poetessa del rock, un'artista che ...


Patti Smith / Peace And Noise

MusicPedia:

Patti Smith - Peace And Noise (Arista) Fossimo vissuti in altri tempi ed avessi sentito dire che l'ultimo di Patti fa schifo, avrei avvicinato il marrano e, dopo averlo schiaffeggiato con un guanto, l'avrei apostrofato con uno stentoreo "Mi darà soddisfazione delle sue affermazioni, Signore" ed il giorno dopo, tra le nebbie mattutine della brughiera, con la brina che argenta la campagna di smeraldo, ci saremmo sfidati, i padrini caracollanti per il sonno, a colpi di bottigliate di Jack Daniels o boccali da pinta di Guinness (avrei fatto sceglier l'arma). Intanto, dei tre fatti dopo il primo abbandono delle scene è ...


PATTI SMITH

MusicPedia:

PATTI SMITH L'Italia, per lei, è un luogo simbolico. La terra che l'ha salvata dalle peggiori tentazioni del rock'n'roll e che l'ha elevata come artista. Il paese che, nella seconda metà degli anni Settanta, l'ha votata per acclamazione sacerdotessa del nuovo rock. Quest'estate Patti Smith torna, e a più riprese. Ha già terminato le registrazione di un nuovo album che sarà nei negozi entro la fine dell'anno, e con la sua band, capitanata da Lenny Kaye e dal giovane compagno Oliver Ray, sta provando le canzoni del tour che la vedrà in scena il 17 luglio a Fano; il 18 a ...


PATTI LaBELLE/When a woman love

MusicPedia:

PATTI LaBELLE "When a woman loves" Le grandi dive nere stanno pagando un prezzo altissimo proprio per essere scese a compromessi con il mercato. "When a woman loves" di Patti LaBelle poteva essere l'occasione per una rinascita. Tutte le canzoni sono state composte da Diane Warren, la più accreditata hitmaker americana. Eppure neanche uno di questi brani resta appiccicato addosso. E la produzione di Jimmy Jam & Terry Lewis non fa che peggiorare le cose.


PATRIZIO VISCO

MusicPedia:

AVV. PATRIZIO VISCO “Black Magic Lawyer”. Tetro,cattivo e rude, ma protettore dei bravi musicisti. L’avvocato ideale per conoscere i tuoi diritti, per firmare un buon contratto, per scappare un accordo capestro… consigli per l’uso.


PATRIZIO TRAMPETTI/NEW FOLK BAN

MusicPedia:

PATRIZIO TRAMPETTI & NEW FOLK BAND Il concerto in due tempi segue un tema conduttore attraverso la rivisitazione di numerosi generi musicali dell’est europeo e del nord Africa. La chiave primaria di lettura è naturalmente la musica di tradizione napoletana, filtrata e riscritta utilizzando codici e stilemi musicali di altre culture. In repertorio ci sono brani popolari campani, come per esempio Vulumbrella, Madonna tu mi fai, Tammuriata nera, ma anche canzoni create nel rispetto della contaminazione proposta dalla ricerca di Trampetti e della New Folk Band, come Zyriab, Il Viaggio di Maria, Balcan, Balla un Valzer e Portugal. “Un concerto singolare ...


PATRIZIO TRAMPETTI

MusicPedia:

PATRIZIO TRAMPETTI Patrizio Trampetti, attore, cantautore, autore, fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare, è uno dei protagonisti di quel movimento folk che collega l'enorme patrimonio musicale della tradizione popolare con sonorità decisamente innovative. E' l'autore tra l'altro dei brani, "Un Giorno Credi" e "Feste Di Piazza", considerati ancora oggi tra i migliori del repertorio di Edoardo Bennato. Ha scritto canzoni per Tullio De Piscopo, Tony Esposito, Pietra Montecorvino, Lina Sastri, Edoardo De Crescenzo, Irio De Paula, Peppe Barra, Francesco Baccini e Amedeo Minghi. Ha al suo attivo collaborazioni con Gilberto Gil, Inti-Illimani, Martin Kongo.


Patrizio Fariselli

MusicPedia:

Patrizio Fariselli Studia pianoforte al conservatorio di Pesaro. Dal 1972 al 1982 è con gli Area, un gruppo destinato a rimanere nella storia per il suo impegno musicale e sociale. Nel 1975 incide un disco di sperimentazione per pianoforte di nome "Antropofagia". Dal 1981 comincia ad occuparsi di cinema, teatro e danza scrivendo e realizzando musiche per numerosi film e spettacoli tra i quali "Zitti e mosca" e "Bevenuti in casa Gori" di A. Benvenuti, "Andy & Norman" e "Sete" di Zuzzurro e Gaspare, "Colchide" di "Quelli del Grock", "Itineraire Bis" per "Le Ballets Jazz-Art" etc. Mantiene una costante anche se ...


patrizia forlivesi news

MusicPedia:

E’ uscito in questi giorni il cd dal titolo "Emergenza Chitarre", edito dalla casa discografica Playgame Music di Roma, Editrice Music Mail, in collaborazione con la rivista "Chitarre" a tiratura nazionale, con i brani dei nove vincitori del concorso Demotape '96 indetto dalla rivista specializzata. Tra i vincitori del concorso la cantautrice abruzzese di musica folk country e irlandese Patrizia Forlivesi, molto conosciuta nelle Marche che è risultata l'unica donna in italia a superare la dura selezione tra migliaia di partecipanti, grazie al suo personalissimo fraseggio chitarristico in metodo fingerpicking, molto difficile da eseguire. Il brano vincitore, solo strumentale, è ...


Patrizia Forlivesi

MusicPedia:

Patrizia Forlivesi, cantautrice 35enne di musica folk irlandese ed americano, chitarrista di metodo fingerpicking, autodidatta, residente a Torrevecchia T. ma teatina da sempre. Suona in pubblico da appena 3 anni ma per oltre un anno è stata ferma per maternità. Nella vita è insegnante e lavora presso una scuola di Chieti. Vincitrice del concorso indetto dalla rivista specializzata Chitarre, a tiratura nazionale, a pari merito con altri 8 concorrenti. La rivista, come premio, in collaborazione con Playgame Music della casa editrice Music Mail di Roma, pubblicherà un cd dei brani vincitori e una compilation. La cantautrice teatina è stata l'unica ...


Patrizia Di Malta

MusicPedia:

Patrizia Di Malta "Lunghezza D'Onda" è il brano italiano più trasmesso da Radio DJ, Station One e Radio Capital, tre dei maggiti radio-network. E' il singolo che anticipa l'album Onde di Patrizia Di Malta, cantato in coppia con Alessio Bertallot, ex Aeroplani Italiani ed attuale conduttore di uno dei programmi più nuovi e di successo di Radio DJ. Patrizia Di Malta non è certo una novellina: era la cantante del Gruppo Italiano (ricordate Tropicana?). Torna oggi con un album bellissimo prodotto da Milano 2000 un team di ottimi produttori, particolarmente apprezzati dalla critica per i lavori fin qui realizzati, secondo un ...


Patrizia Di Donna

MusicPedia:

Patrizia Di Donna Napoletana, più esattamente di Torre del Greco, 35 anni, avvocato civilista. Ha già vinto nel 1994 la 5ª edizione del Premio Recanati con il brano “Juorno”. Nel 1997 consegue il diploma come autore di testi al CET di Mogol. Autrice di testo e musica delle sue canzoni e di quelle di alcuni gruppi con i quali collabora, predilige esibirsi nei locali accompagnandosi con la sua chitarra. Il brano con il quale ha vinto la X ed. del Premio Recanati "Il canto della luna nuova", si caratterizza per la linea musicale armonizzata con grande talento e dalle immagini ...


PATRIZIA CONTE/2

MusicPedia:

PATRIZIA CONTE Ad alcuni recensori ricorda il soul di Aretha Franklin, ad altri la grinta di Dee dee Bridgewater. Dotata di splendide qualità vocali e di feeling nero, di una personalità che si flette da prorompente aggressività a dolci tenuità. Patrizia Conte ha saputo assimilare le qualità delle leggendarie vocalist sue preferite adeguandole con grande professionalità alle diverse situazioni esecutive: in teatro con big bands quali la Jazz Studio Orchestra di Paolo Lepore o la Brass Group di Ignazio Garsia o nei jazz club accompagnata da trio o quartetto. Certe stumature, alcuni preziosismi, un'accurata scelta dei programmi comprendenti brani di risaputa ...


PATRIZIA CONTE

MusicPedia:

PATRIZIA CONTE Ad alcuni recensori ricorda il soul di Aretha Franklin, ad altri il colore di Sara Vaughan, ad altri la grinta di Dee Dee Bridgewater. Dotata di splendide qualità vocali e di feeling nero, di una personalità che si flette da prorompente aggressività a dolci tenuità. PATRIZIA CONTE ha saputo assimilare le qualità delle leggendarie vocalist sue preferite adeguandole con grande professionalità alle diverse situazioni esecutive: in teatro con BIG BANDS quali la "JAZZ STUDIO ORCHESTRA" di Paolo Lepore o la "BRASS GROUP" di Ignazio Garsia o nei Jazz Club accompagnata da trio o quartetto. Certe sfumature, alcuni preziosismi, un'accurata ...


Patrick Wright

MusicPedia:

Patrick Wright, dall'Inghilterra, ha inciso diversi cd con gli Sprigans, gli Officer ed i Legendary Pink Dots. Ha collaborato con Martin Bell (Wonder Stuff), Warne Livesly (Talk Talk, Julian Cope, Deacon Blue) e Danny White (Matt Bianco). Negli ultimi anni ha composto musiche per la BBC e la RAI. Dal suo arrivo a Perugia Patrick ha lavorato nel campo della musica etnica, suonando con musicisti di tutta l'Europa, del Sud America e dell'India e facendo da spalla a Jan Garbarek, ai Modena City Ramblers ed a Jimmy Cliff.


PATRICK WOODCOCK

MusicPedia:

PATRICK WOODCOCK Avete presente la tuba che si ascolta in Ce Matin La e la chitarra acustica arpeggiata in All I Need, ambedue incluse in Moon Safari degli Air? A suonarle è Patrick Woodcock, altresì chitarrista in due canzoni nell'album (Je T'Aime Je T'Aime) con cui hanno debuttato i Bang Bang, altra recente sciccheria "Made In France". Cittadino di Parigi a dispetto delle generalità anglofone, costui è responsabile inoltre dell'attività dei Mellow, trio completato da Stéphane Luginbuhl e Pierre Begon-Lours. L'unico disco di cui sono intestatari, Another Mellow Winter, è destinato a venir considerato retrospettivamente uno dei gioielli segreti dell'anno passato. ...


Patrick Vaillant

MusicPedia:

Patrick Vaillant, si esibisce a partire dagli anni settanta, seguendo il filone del revival della musica folk e suonando anche musica elettronica e blues. Studia il violino da autodidatta per poi diplomarsi in conservatorio. Entra a far parte del gruppo di musica occitana Bachas. Collabora tra gli altri con Jean Marie Carlotti e Jean-Luc Savaigo. Fonda il Melonius Quartet, deliziosa formazione di mandolini. E' arrangiatore, direttore musicale, nonché esecutore, del lavoro, (spettacolo e disco), su Garibaldi: Anita Anita.


Patrick Sheridan

MusicPedia:

Patrick Sheridan si esibirà infatti Patrick Sheridan, artista statunitense che con la sua tuba ha entusiasmato le platee di tutto il mondo. Sheridan è un vero e proprio “prodigio” della musica, basti ricordare che ha debuttato a soli dieci anni, suonando “The blue bells of Scotland”, accompagnato dalla madre. Ha quindi proseguito la sua carriera studiando con delle leggende della tuba come Arnold Jacobs, Daniel Perantoni, Jim Self e suonando come solista nella Banda della Marina Militare degli Stati Uniti, ricevendo consensi per il suo virtuosismo. Innumerevoli sono oggi gli appuntamenti musicali di rilievo che lo vedono protagonista in America, in ...


Patrick Pulsinger & Tunakam

MusicPedia:

Patrick Pulsinger & Tunakam dj set (Cheap record) In Austria Patrick Pulsinger è un'istituzione della musica elettronica. I suoi lavori sono presentati col suo nome o in collaborazione con l'amico Erdem Tunakam col quale lavora con lo pseudonimo Restaurant Tracks. O ancora con altri musicisti in progetti come Sluts'n'Strings che gli hanno portato un riconoscimento internazionale. Proprietario dell'etichetta discografica viennese Cheap record, Pulsinger ha anche lavorato con le tedesche R&S e DiskoB. Come dj Pulsinger si adatta allo scenario in cui opera. Può selezionare prima techno più minimalista e poi breakbeat sorprendente. Le sue esibizioni nei migliori club d'Inghilterra, Belgio e ...


PATRICK PHELAN/Songs Of Patrick

MusicPedia:

PATRICK PHELAN Songs Of Patrick Phelan É questo, l'esordio in solitudine del cantante dei virginiani South, che hanno all'attivo un bell'album (BU#9) collocabile a metà tra Labradford, Ativin e Windsor For The Derby. In questa veste la musica di Patrick è più colloquiale e cantautorale e rammenta certo folk (soprattuto inglese) dei primi Settanta, mentre gli arrangiamenti (tromba, violino, piano) sono a tratti all'insegna di una certa fascinazione - come dire? - minimalista nel senso classico e persino avanguardistico della parola (come già accadeva con i South): bellissima, in tal, senso la progressione d'archi di Wintercup. Ma sono più e più ...


PATRICK PHELAN

MusicPedia:

PATRICK PHELAN SONGS OF PATRICK PHELAN JAGJAGUWAR Patrick Phelan è un ragazzo triste. E' questo che esce dalle 9 canzoni che compongono questo disco, canzoni acustiche, raramente puntellate da inserti essenziali e timidi di tenui tastiere, piano, violino e qualche spazzola. L'iniziale 'Wintercup' è un lento fluire di arpeggi della durata di 8 minuti e mezzo, il classico pezzo di chiusura, malinconico, ideale introduzione all'intero disco che procede sulla medesima lunghezza d'onda. Atmosfere sospese ed essenziali che non lasciano spazio al sorriso, ma ad uno sguardo perso in un tramonto o in un'alba, inconsapevoli del tempo che passa. Una spinetta emerge timida e ...


Patrick Molard

MusicPedia:

Patrick Molard (Bretagna) le picotage ( Fabio Rinaudo e Gabriele Coltri ) Lo strumento che più di ogni altro rappresenta l'unità "culturale" del continente europeo è la cornamusa, presente in questa serata inaugurale in alcune delle sue forme: la piva, I'irlandese uillean pipes, la cornamusa scozzese e quella francese, suonate da tre autentici virtuosi dello strumento.


PATRICK FORGE/Excursions 02

MusicPedia:

PATRICK FORGE Excursions 02 Nella sua nuova compilation, Patrick Forge - tra i più raffinati DJ e produttori della scena britannica - ci fa compiere un tipico viaggio world-dance, da Friends From Rio ai suoi Da Lata passando dalla fusion di George Duke, ponendo un accento particolare su percussioni e grooves al gusto di samba.


Patrick Forge/3

MusicPedia:

Patrick Forge E’ insieme a Gilles Peterson uno dei pionieri dell’acid jazz e tra i massimi esponenti del dance floor britannico. Con G.P. è stato l’ ideatore delle leggendarie serate “Talkin’ Loud& say something” all’inizio degli anni ‘90 al Dingwalls di Londra. E’ autore del progetto Da- Lata. Il suo stile inconfondibile nasce nel mixare deep house, latin rythms, afro beat, jazz dance, funk in una perfetta armonia. Da più di dieci anni conduce la trasmissione Inner Visions, su Kiss100 di Londra, che risulta una delle più ascoltate in UK. Inoltre è autore delle pluridecorate compilations The Rebirth of cool e ...


Patrick Forge

MusicPedia:

Patrick Forge Mitica figura della scena acid jazz, è ricordato dai più per essere il curatore selecter della collana "Rebirth of the Cool". Forge è anche co-produttore di diverse raccolte per la Talkin' Loud e recentemente ha fondato insieme a Joe Davis l'etichetta Far Out, specializzata nel recupero delle sonorità applicate alla jungle ed al trip hop. Patrick Forge è la figura più rappresentativa del collegamento tra acid jazz e nuovi suoni, a cui sono approdati anche le roccaforti delle produzioni acid (vedi le ultimi produzioni Talkin' Loud e Acid Jazz records). La musica che propone Forge è una miscela tra ...


Patrick Davey

MusicPedia:

Il ruolo di piper è stato rivestito da diversi giovani talenti negli ultimi anni, ed ora è la volta di Patrick Davey, altrove impegnato saltuariamente con la Belfast Harp Orchestra nelle varie sessions.


Patrick Clahar Band

MusicPedia:

Patrick Clahar Band Patrick Clahar Un curriculum vitae di stelle, vendite di dischi ai primi posti in numerose classifiche, quattro tornée internazionali ed esperienze di vari generi musicali hanno reso Patrick Clahar, a soli 27 anni, un artista che fa tutto da sè! "Dovunque andassi, la gente continuava a dire: Quando farai le tue cose? L'ho avuto in mente per un po' e adesso il momento è giusto". E' cominciato tutto alla Scuola Cattolica Ramana John Griffiths a Wandsworth... La sua prima band "Savoir Faire" fu formata insieme con un compagno di scuola Jason Rebello e presto furono raggiunti dal bassista Julian ...


Patrick A. Clahar

MusicPedia:

Patrick A. Clahar (tenore, alto, soprano) è con questi strumenti che lo troviamo soprattutto come solista nelle produzioni discografiche e nelle tournee di Incognito (con i quali ha collaborato per molti anni), Pasadena's, Yes No People, Sister Sledge, Omar, Carleen Anderson, Diana Ross, Michael Bolton, Pete Townsend. L'ultima sua fatica discografica è al fianco di Maysa. Che altro dire?


PATRICIA BARBER

MusicPedia:

Un salto in avanti ed eccoci alla più stretta attualità con la cantante e pianista PATRICIA BARBER. Sostenuta da entusiastiche recensioni critiche, la Barber esce dal circuito dei club americani, dove ama soprattutto esibirsi in virtù di un approccio vocale lirico e delicato, dal tono estremamente colloquiale. La sua schiera di ammiratori si sta allargando sempre più, perché la riproposta di classici anche dimenticati o di brani tratti dal repertorio pop più nobile ha modo di colpire un vasto settore di pubblico. Volendo giocare un po’, possiamo pensare a lei come ad un cocktail formato da 1/3 di Diana Krall, ...


PATRICE/Ancient spirit

MusicPedia:

PATRICE Ancient spirit Come biglietto da visita può vantare l'insistenza con cui Lauryn Hill lo cercò a supporto per il suo tour in terre tedesche. A giustificazione di tanto entusiasmo da parte della nuova regina della black music, può esporre un disco che parte dall'essenzialità dei reggae, per poi offrire canzoni cariche di soul, indurite dai ritmi dell'hip hop, e scritte da un songwriter con le idee giuste per non lasciarsi esaurire nel giro di pochi accordi. Per il suo debutto discografico, Patrice invoca intorno a sé i maestri di sempre, non permettendosi mai di calcare la mano. Il risultato, non ...


PATRIC CATANI Attitude Pc8

MusicPedia:

PATRIC CATANI Attitude Pc8 Non più Patric C, bensì Patric Catani per esteso il nuovo moniker dell'ex-EC80R che mantiene comunque intatto lo spirito di contraddizione e provocazione. Dall'introduzione di "Hitler 2000", dove una voce esorta il mondo ad accogliere degnamente un clone del Führer, e dal collage che rende i Backstreet Boys dei piccoli Adolf si arguisce l'impegno antifascista del Catani, cornice perfetta per il consueto massacro uditivo, condito di buone idee in abbondanza.


PATO BANTON & THE REGGAE REV.

MusicPedia:

PATO BANTON & THE REGGAE REVOLUTION Sabato 7 Dicembre Pato Banton è nato a Londra 33 anni fa e cresciuto nel ghetto di Birmingham, con i ritmi del sound system di V-Rocket. Star reggae per la generazione degli anni '90 il suo talento ha attratto big come Sting, Aswad e UB40. Molti dischi al suo attivo tra i quali ricordiamo il debutto con "Never Give In" e la cover dei Police Spirits in the material world. L'album Wise Up (No compromise!) vede la collaborazione di Drummi Zeb degli Aswad e David Hinds degli Steel PULSE. Ha aperto il tour nord-americano di Ziggy Marley. Presenta ...


Patience Dabany

MusicPedia:

Patience Dabany Dalla Repubblica Centroafricana un raro esempio di «ritmatista». Era ora: tutto il potere - e le percussioni - alle donne. Anche attrice e cantante, Patience Dabany ama le polifonie vocali acidule e la rumba-soukous meno modaiola. Da sentire Patience Dabany, uscito anche in Italia nella collana Hemisphere.


PATH OF RESISTANCE

MusicPedia:

PATH OF RESISTANCE Who Dares Wins (Victory Europe/We Bite) Hardcore/straight edge brutalista della qualità Newyorkese più rovinosa. Ci troverete tutto quello di cui avete bisogno, dalle tirate mozzafiato, agli stop and go, fino ad arrivare ai paurosi rallentamenti mosh! Se vi siete appena ripassati per la cinquantesima delle dieci sul dorso della mano è il disco che fa per voi!


PATAGONIA EXPRESS

MusicPedia:

Una vera sorpresa invece per il misterioso gruppo che si cela dietro il nome di PATAGONIA EXPRESS del quale nulla si conosce se non l’insolito quanto intenso brano di L.F. Celinè che hanno scelto per presentarsi: “I ricchi non hanno bisogno di uccidere con le loro mani per mangiare. Fanno lavorare gli altri, come si dice. Il male non lo fanno loro stessi, i ricchi. Loro pagano. Si fa di tutto per piacergli e tutti sono contenti. Mentre le loro donne sono belle, quelle dei poveri sono brutte. E’ un risultato che viene dai secoli, vestiti a parte. ...


PAT THOMAS/new jazz jungle

MusicPedia:

PAT THOMAS New Jazz Jungle: Remembering (New Jazz) Nome emerso solo negli anni 90, Pat Thomas ha inciso con Tony Oxley (nel quartetto e Celebration Orchestra), nei tre cd della Company 91 (con Zorn, Buckethead, Lovens tra gli altri), in duo con Coxhill, e, lo scorso anno, in trio con Noble e Bailey. Ad Angelica aveva non poco sorpreso il suo duo con Mike Cooper, un torrido “D.J. set” in cui i due sovrapponevano campionamenti drum ‘n’ bass, hip hop, registrazioni radiofoniche e rumori assortiti (Thomas racconta di non apporre etichette ai suoi nastri, in modo da dover scoprire lui stesso cosa ...


Pat Thomas/2

MusicPedia:

Pat Thomas Nato nel 1960. Pat Thomas inizia a suonare all’età di 8 anni; studia musica classica e suona reggae. A sedici anni passò al jazz dopo aver visto Oscar Peterson alla televisione e aver ascoltato alcuni brani di jazz alla radio. Al 1979 risalgono i primi ingaggi seri di musica improvvisata. A partire dal 1986 ha suonato in Ghosts con Pete McPhail e Matt Lewis. Ha anche suonato con Alan Silva, Lee Ranaldo, Thurston Moore, Gary Todd, Chuck Berry, e altri. Oltre a programmare le sue tastiere, Pat Thomas usa anche nastri pre-registrati. Nel 1991 disse a Chris Blackford: “Per quanto riguarda ...


Pat Thomas

MusicPedia:

Pat Thomas ho avuto il grande piacere di lavorare con Pat nello Stuttgart Improvised Music Festival del 1997.


PAT METHENY/2

MusicPedia:

PAT METHENY Nato il 12 Agosto 1954 in una frazione rurale di Kansas City, Pat Metheny è stato musicista di professione per buona metà della sua vita. La sua carriera è stata stupefacente. Ancora adolescente insegnava all'Università di Miami e al Berklee College di Boston, poi è entrato nella band di Gary Burton a 19 anni. Ha suonato ed inciso con alcuni dei musicisti più innovativi degli ultimi 20 anni: Gary Burton, Paul Bley, Sonny Rollins... Nel 1979 ha fatto parte del gruppo di star che ha accompagnato Joni Mitchell nel tour "Shadow And Light". Ha inciso 23 dischi in 21 ...


PAT METHENY GROUP

MusicPedia:

PAT METHENY GROUP Across The Sky (Warner) Per la serie "gli incontri impossibili" troviamo il bucolico chitarrista affiancato da (pensate un po') Goldie, per un rimissaggio azzardato solo sulla carta. Chi s'è ascoltato per bene "Saturnz Return" sà che il nostro non è più l'hardcore-boy d'un tempo. Peccato.


Pat Metheny Group

MusicPedia:

Pat Metheny Group "QUARTET" Pat Metheny (chitarra); Lyle Mays (tastiere); Steve Rodby (basso); Paul Wertico (batteria) "Quartet" è stato realizzato nel maggio del 1996, subito dopo la fase conclusiva di un tour durato un anno che, ancora una volta ci ha fatto fare il giro del mondo. L'idea di partenza era quella di registrare un album che presentasse il nucleo di base del gruppo impegnato a suonare musica che fosse sia strutturata rapidamente e con molta spontaneità (con poche prove, ó senza prove del tutto) sia completamente improvvisata ("Badland"). Abbiamo anche deciso di usare soltanto strumenti che fossero di natura strettamente acustica, o ...


PAT METHENY

MusicPedia:

Pat Metheny è uno dei personaggi-simbolo del crossover contemporaneo. E non solo per il successo da rockstar che dai tempi di Offramp, e quindi dal 1982, accompagna la sua carriera di musicista dalla produttività incontenibile e dalla creatività compulsiva. Il grande merito del crinito chitarrista di Kansas City è stato quello di creare un suono diventato un modello fondamentale per chi percorre la strada dell'applicazione e della tecnologia alla sei-corde. Allievo del Berklee College Of Music, insieme a John Scofield e Bill Frisell, Metheny appartiene a quella generazione di solisti che ha animato quello che ormai è unanimemente riconosciuto come ...


Pat Martino

MusicPedia:

Nato a Filadelfia il 25 agosto '44, il chitarrista elettrico Pat Martino iniziò a suonare professionalmente a 15 anni, con il sassofonista Willis "Gator" Jackson e Red HollowayW e in seguito si esibì in diversi ensemble guidati dagli organisti Don Patterson, Jimmy Smith, Jack McDuff, Richard "Groove" Holmes e Jimmy McGriff. Nel '66 attirò l'attenzione della critica come membro del gruppo di John Handy, e dalla fine degli anni '60 diresse proprie band,;al fianco di musicisti quali Cedar Walton, Richard Davis e Billy Higgins. Insegnante ed autore di metodi (con Baruso, "Linear Expressions" '83), negli anni '70 Martino mostrò interesse ...


PASTILLA/Vox Electra

MusicPedia:

PASTILLA Vox Electra In lingua spagnola, unica eccezione Bi, anche Pastilla, band originaria di Città del Messico ma trapiantata a Pomona, California, da un pezzo. Vox Electra è il loro secondo album che raggiunge il vecchio continente per gli uffici di Plan B, spanish connection tra Zona de Obras e Subterfuge, e qui la materia pop spesso s'ingrezzisce più alternative che indie, ma solo in superficie chè i fratelli Victor ed Adrian Monroy, nucleo di Pastilla, che tra l'altro alla voce s'alternano, non sfuggono alle sirene della melodia, anche quando su, pur prevalentemente blande, asperità sembrano dirottare le chitarre. Risaltano Formula, ...


Pastels/2

MusicPedia:

Pastels Illumination (Domino) Unfair Kind Of Fame (Domino) La storia dei Pastels è la storia della più piccola cult band al mondo, di un nucleo di persone (Stephen, Aggi e Katrina sono la line up consolidatasi ormai dal 1990 in quel di Glasgow, Scozia) che hanno sempre creduto in una concezione della musica semplice e nello stesso tempo iper-intellettuale, che ha ideologizzato la propria naivète fino a farne una vera e propria bandiera, contro i tecnicismi esasperati nei confronti dei quali si era già scagliato il punk e contro ogni propensione allo stardom (i Pastels sono da sempre legati ad etichette indipendenti). Negli ...


Pasta Boys Sound System

MusicPedia:

Pasta Boys Sound System Trio formato da dj Uovo (Cristiano Rinaldi), dj Rame (Davide Santandrea) e Dino Angioletti, i bolognesi Pasta Boys sono un nome di primo piano nel panorama mondiale delle produzioni house. Non molti possono vantare le collaborazioni che i Pasta Boys anno avuto con etichette come la Irma, la Hair Plane, la Strictly Rhythm di New York oppure la Azuli di Londra e con artisti come CeCe Rogers, Barbara Tucker, Jocelyn Brown, Kaen Johnes o Lisa Millet. E, fuori dallo studio, hanno conosciuto i dancefloor delle migliori One night come il Folie De Pigalle, Angel of Love, ...


PASTA BOYS

MusicPedia:

PASTA BOYS Live & Dj set + Alex Neri Dj Fondato quasi per gioco a metà degli anni novanta il progetto PASTA BOYS si è evoluto nel tempo assumendo una vera identità e un suo stile, contagiato dalla "disco classic" dal soul, blues e dal latin jazz, e a tutt'oggi considerato un vero e proprio marchio di fabbrica. Muovono i loro primi passi con la Irma Records, etichetta bolognese famosa in tutto il mondo con la quale firmano diversi lavori come Larosa, The Coatman, Legato, Black & Brown, Blackspin Project, e il primo singolo PASTA BOYS dal titolo Tortellini ep. I ...


PASSOFALSO

MusicPedia:

PASSOFALSO L’abbandono della cantante degli OFFCOURSE porta la RockBand allo scioglimento agli inizi del 2000, con mille impegni e un’album a metà!!! Saputo il destino degli OFFCOURSE, L’ex-bassista dei NEVER-NAME (Diego Cavallarin) contattò l’amico batterista (Andrea Perini) fondatore del gruppo scioltosi. “Che ne dici di suonare insieme ancora?” propose Diego. Infatti i due musicisti erano amici da tempo e vantavano una collaborazione alle spalle con la TNT-BAND e gli A.R.M., anche se negli ultimi anni divennero concorrenti nel panorama musicale italiano. Decisero quindi di formare una nuova Band dal nome scaramantico “PASSOFALSO”!!! La disponibilità del chitarrista degli OFFCOURSE ...


PASSI/La genèse

MusicPedia:

PASSI La genèse Era uno dei duri arruolati nei Ministère AMER, gli NWA di Francia, ma con l'avanzare dell'eta adulta ha sublimato la rabbia di allora in concetti e linguaggi elaborati. Intelligenza anziché violenza. Questo il percorso compiuto dal 28enne Passi, origine congolese e residenza parigina, ora alla seconda tappa discografica della propria avventura solista. Parla di "genesi": l'origine africana della civiltà. In modo diretto quando accanto a lui stanno i Bisso Na Bisso (Le reve africain) individuando poi connessioni con il continente "esterno" come accade in Africa Jamica, dove duetta addirittura con Rita Marley. E anche quando allinea il proprio ...


PASSI

MusicPedia:

Proviene da una delle crew più discusse di Francia, Ministere A.M.E.R., il nuovo asso dell'hip hop d'oltralpe. "Je Zappe Et Je Mate" è il singolo con una marcia in più, il "truc" invincibile con cui il rappeur di origine congolese ha scardinato la classifica e le frequenze radio nazionali. L'album si intitola Les Tentations (V2), in un paio di settimane ha venduto 200.000 copie, e tenta ora di affermarsi in campo europeo. Con buone chance, visto che l'audience anche non francofona ha i timpani ormai ben lubrificati dalle prodezze di Solaar, I.A.M e Akhenaton. Alle 10 a.m. Passi sbadiglia un ...


Passarani - 6 katun live

MusicPedia:

Passarani - 6 katun live - nature records Dj e musicista, fondatore della Nature records, torna a suonare dal vivo al Link di Bologna dopo numerose performance come dj. Il live-set è quello relativo al suo ultimo album 6 katun che corona la chiusura del suo primo ciclo produttivo. Si tratta di un viaggio tra le sue sonorità che vanno dall'electro all'hip hop elettronico passando per quelle variazioni ritmiche e melodiche tipiche dell'IDM (intelligent dance music) più attuale. Marco Passarani è una rispettata figura all'interno della scena in Italia e all'estero e quest'occasione è una delle ultime per poterlo vedere ...


Passaggi della guerra rivoluzio

MusicPedia:

"Passaggi della guerra rivoluzionaria: Congo". Il testo integrale e inedito del diario di Ernesto Che Guevara in Africa (Sperling & Kupfer). Interverranno i figli del Che Aleida e Camillo, Gianni Minà, il Generale di Brigata Harry Villegas detto Pombo, Alessandra Riccio. I diari inediti, usciti in italia l'11 maggio, sono stati scritti ed editati personalmente da Ernesto Che Guevara, della campagna del Congo, iniziata per volere di Fidel Castro nel 1965 e risoltasi in una deludente sconfitta politica e personale per il Che. Questo libro è, come ha scritto Aleida Guevara, figlia del Che, nel prologo, "un importante impegno con ...


PASQUALONE/RIVOLUZIONE

MusicPedia:

PASQUALONE = RIVOLUZIONE Bisognerà far qualcosa per impedire che i pubblicitari continuino indisturbatamente il saccheggio dei brani rock per rendere un po' più sapide quelle merde di spot che confezionano: chessò, istituire una specie di 'Brigate molli' (da 'Cuore', da ya rememb'r?) e punire i cervelli più pericolosi in modo esemplarmente incruento... Nel periodo pasquale (tutto è relativo a questo mondo: Cristo risorge e gli uomini di buona volontà son contenti - come pasque, per l'appunto - ma... chiedetelo un po' agli agnellini di buona volontà che ne pensano?) su 'It Alia 1' passava in orario pannolinesco una réclame che promuoveva ...


PASQUALE LEOGRANDE

MusicPedia:

PASQUALE LEOGRANDE Pasquale Leogrande è il classico esempio di artista più famoso all'estero che nella sua terra, è un mago del suono, un virtuoso della musica. Riesce a creare veri e propri mosaici musicali con i piatti, i gong, le campane e le altre innumerevoli percussioni con cui si esibisce.


PASQUALE AUGELLO

MusicPedia:

PASQUALE AUGELLO Percussionista - Compositore Batterista e percussionista. Nasce nel 1958. Negli anni 70 si interessa alla musica studiando da autodidatta la batteria e si diploma i 1985. Entra nel 1971 a far parte del gruppo ORATORIO DI FALARIDE. Partecipa in trio e in quintetto numerosi concerti in Sicilia, tra i quali “Agrigento Jazz Festival “ 1978 e 1979 suonando con il Trio Cadmo, Lester Bowie e Revoluctionaty Ensemble. Ha suonato nei maggiori club dell’isola e in Italia. Nel ...


PASCALS/Pascals

MusicPedia:

PASCALS/Pascals I Pascals sono un ensemble semi-acustico, che consta oggi di una quindicina di elementi, creato a Tokyo nel 1995 da Rocket Matsu per suonare unicamente musiche di Pascal Comelade (solo ad un fan giapponese poteva venir in mente un concetto del genere!). Utilizzando piano, violini, fisarmonica, banjo, trombette, giochi e carabattole tipiche del musicista francese, la piccola orchestra ha ampliato negli anni il proprio repertorio, fino ad includere un buon numero di composizioni originali (briose e struggenti, consigliatissime agli orfani della Penguin Café Orchestra), in aggiunta a cover che pescano comunque nell'universo comeladiano, fra oggetti d'affezione pop (una Moon Rivercon ...


PASCALE COMELADE & BEL CANTO OR

MusicPedia:

PASCALE COMELADE & BEL CANTO ORQUESTRA(F) Di Pascal Comelade ognuno di noi ha una sua piccola idea. Ognuno l'ha scoperto prima del vicino. Ognuno lo ama più di tutti, per la ragione più valida, per la vera ragione. E le definizioni si sprecano. Ma è necessario etichettarlo? Reinterpretare per iscritto quello che altro non è che una reinterpretazione della storia della musica. Bisogna proprio precisare, scegliere, decifrare tutte le emozioni che contengono/suscitano/provocano gli album di Pascal Comelade? Pascal Comelade si riannoda al passato, come segno di una comprensione perspicace del presente indegno di interesse. E' il cabaret contro Woodstock II, l'intimismo ...


PASCAL COMELADE/Swing Slang Son

MusicPedia:

PASCAL COMELADE Swing Slang Song/September Song Swing Slang Song è un EP di origine ucito in edizione limitata solo in Francia sull'onda del successo di L'Argot du Bruit, di cui riprende la splendida ballata Love Too Soon in tandem con PJ Harvey, con l'aggiunta di una manciata d'inediti tra cui spicca una seconda collaborazione con PJ, la più stravagante ed evocativa Featherhead. Le restanti tracce sono puro Comelade d.o.c.: chitarrine strimpellanti, fisarmonica e organetto lo-fi che inventano musiche da fiera per lontani paesi immaginari, o rivisitano vecchi hits (The Letter, portata al successo da Joe Cocker, un frammento da Ornette Coleman). ...


PASCAL COMELADE/ok

MusicPedia:

PASCAL COMELADE : Traffic d'abstraction (Les Disques du Soleil et de l'Acier/Delabel) "Anche nelle sue manifestazioni più sublimi e complesse, la musica non è che una faccenda semplicissima, un ritorno incessante di formule." Mistica ed estroversa, pacata e clownesca, nostalgica ed ironica : la musica di Pascal Comelade è una salsa agrodolce da spalmare sulla cruda verità della vita, un estremo baluardo all'amarezza della quotidianità. Dai tempi dei primi impacciati vagiti minimalistici di "Fluence" (1975) fino a questo recente "Traffic d'Abstraction" (passando per la ...


PASCAL COMELADE & BEL CANTO ORQ

MusicPedia:

PASCAL COMELADE & BEL CANTO ORQUESTRA “Live In Lisbon And Barcelona” La Bel Canto Orquestra è una sorta di big band sui generis (la strumentazione comprende tanto arpa, sax, grand piano, percussioni o mandolino quanto chitarre di plastica, piano giocattolo e fisarmonica di plastica) alla cui guida si pone Pascal Comelade. Lo scopo dichiarato (e messo in pratica nel corso della loro carriera) è quello di reinterpretare brani altrui, offrendone versioni mai al di sopra delle righe e operando molto sui particolari e sugli arrangiamenti. Il campionario di canzoni è vario e la dimostrazione ce la fornisce questo disco dal vivo ...


PASCAL COMELADE

MusicPedia:

Pascal Comelade "Largot Du Bruit Usando come esca un paio di canzoni nobilitate dalla presenza di Polly Jean Harvey, il signor Pascal Comelade reclama attenzione per il suo debutto da solista. Sconosciuto ai più, costui è venerato come figura di culto da alcuni iniziati - Polly Jean inclusa - grazie alle imprese della Bel Canto Orquestra da lui stesso fondata e diretta. Trattasi di una big band che interpreta brani altrui - Dylan, Wyatt, Richman - impiegando in prevalenza strumenti giocattolo: vezzo non nuovo - vengono in mente, per esempio, gli statunitensi Pianosaurus - ma sempre incantevole. Ovvio che se ...


PARTS/Eternit

MusicPedia:

PARTS/Eternit (Works 94-97) cd-gold 1998 11/46 Non è semplice descrivere la musica dei Parts (giunti al primo lavoro dopo il mcd Tools of Sounds del '97): l'ascolto, abbinato alla copertina del cd, ti immerge in luoghi chiusi, dove è difficile respirare ed il silenzio e la pace sono solo un lontano ricordo. Oltre alla tradizionale strumentazione, si abbinano lamiere in metallo, sintetizzatori campioni e sax che rendono il sound del gruppo di Parma molto simile a strani rituali di alienazione/tortura (come potrebbe essere una fabbrica/inferno). Vengono in mente due bands: Eunsturzende Neubauten (ascoltare Sistema A) e i CCC CNC NCN (non ...


PARTS Eternit

MusicPedia:

PARTS Eternit (Works 94-97) cd-gold 1998 11/46 Non è semplice descrivere la musica dei Parts (giunti al primo lavoro dopo il mcd Tools of Sounds del '97): l'ascolto, abbinato alla copertina del cd, ti immerge in luoghi chiusi, dove è difficile respirare ed il silenzio e la pace sono solo un lontano ricordo. Oltre alla tradizionale strumentazione, si abbinano lamiere in metallo, sintetizzatori campioni e sax che rendono il sound del gruppo di Parma molto simile a strani rituali di alienazione/tortura (come potrebbe essere una fabbrica/inferno). Vengono in mente due bands: Eunsturzende Neubauten (ascoltare Sistema A) e i CCC CNC NCN ...


Parto delle Nuvole Pesanti/ok

MusicPedia:

Parto delle Nuvole Pesanti Sulle magliette del loro merchandising povero campeggiano due possibili scritte. Tarantolati uniti, oppure EMIR, che sta per Ente Musicisti Italiani Rilassati. Basterebbero questi segnali a spiegare la debordante ironia del Parto delle Nuvole Pesanti, ma c'è molto di più. Perchè la formazione di emigranti cosentini costituita a Bologna (dove frequentavano il Dams) dà prova di sapersi muovere in palcoscenico con ruspante naturalezza formidabile predisposizione attoriale e rara capacità di coinvolgimento. Suonano una implacabile patchanka, di derivazione punk contagiandola allegramente con i suoni della loro tradizione folk, soprattutto la tarantella, e risultano spesso incontenibile sul piano ritmico e ...


Parto Delle Nuvole Pesanti/2

MusicPedia:

Parto Delle Nuvole Pesanti A questo punto, chi ancora non si fosse accorto del Parto deve correre ai ripari. Peppe Voltarelli, più ispirato che mai, guida il gruppo in una nuova tappa del viaggio geniale e tormentato verso la perfetta coniugazione tra radici del sud, nebbie dark, perversioni punk e canzone d'autore d'essai. Alla faccia di una corsa al folk troppo spesso ridotta ad esercizio calligrafico, il gruppo di bolognesi d'adozione urla disagio, parla di solitudine, mette a nudo la propria schizofrenia culturale e musicale con la straordinaria capacità di scrittura e arrangiamento. Ne nasce un altro gioiello d'arte povera, un ...


PAROLE PER FIATI, CORDE E TAMBU

MusicPedia:

PAROLE PER FIATI, CORDE E TAMBURI vocaboli assai complicati diventano musica per palati più esigenti, musiche sghembe, languide ballate, tiritere portate all'eccesso ma anche (e soprattutto) dotte citazioni, nenie corrosive e improvvisazioni selvagge. trenta audioscampoli costruiti senza pudore alcuno.


PAROLE DEL PROFETA/2

MusicPedia:

PAROLE DEL PROFETA Quattro componenti, genere hip-hop. Fabio "Ja.Max" Giuliani (voce), Georgia Costanzo (voce), Marco "Willy Dbz" Dabizzi (voce), Simone "Keaton" Gabbiani (campionatori). Parole del Profeta nasce ufficialmente nel 1995 dall'unione di Giuliani (Ja.Max) Fabio e Mei Gabriele, alias "DJ Stacco", (quest'ultimo anche se fuori dalla formazione attuale, non ha interrotto la collaborazione con il gruppo e partecipa talvolta come featuring ad alcuni concerti). Il gruppo nasce sotto il segno dell'Hip Hop e tutt'ora continua su tale genere; le caratteristiche principali si possono sintetizzare in una sola parola: "intrattenimento" (ovvero "Entertainement", vedi demo....). Un concerto per noi non significa soltanto un'occasione ...


PAROLE DEL PROFETA

MusicPedia:

PAROLE DEL PROFETA Direttamente dallo show al Secondo Salone della Musica di Torino le PAROLE DEL PROFETA inaugurano la serie di concerti Arezzo Wave On The Rocks. Nascono nel 1995 sotto il segno dell'HipHop ed oggi continuano su questa strada. La loro caratteristica principale si riassume in una sola parola "Intrattenimento". Il loro concerto non è solo l'occasione per presentare musica ma anche un grande momento di divertimento, con un grande coinvolgimento del pubblico all'interno dello spettacolo. Gli argomenti trattati escono dalla retorica della vita quotidiana cercando di distrarre gli ascoltatori e di allontanarli dalla noia.


PARMENTIER /Luxsound

MusicPedia:

PARMENTIER - “Luxsound” Veniamo ora a quelli che sono i proprietari dell’etichetta, ovvero i suddetti Dion Workman e Rosy Parlane, e al loro progetto Parmentier. Progetto permeato di suoni elettronici pulsanti (sebbene in maniera impercettibile) e ambientali astratti, tendenti al minimo e ad ampio respiro e che si avvicinano a certe cose degli Oval, ma - a differenza di quanto fatto dai teutonici - qui la tensione che si crea si mantiene costante, non sfumando o scemando.


PARMEGIANI/FALASCHI/D'AMBROSIO

MusicPedia:

TRIO PARMEGIANI FALASCHI D'AMBROSIO Alberto Parmegiani - chitarra, Renato Falaschi - organo hammond, Pippo D'Ambrosio - batteria. Soul-jazz futuristico molto trascinante e coinvolgente suonato in maniera impeccabile da tra strumentisti, maestri nel loro stile autentico e ricco di energia.


PARKER/GUY/LYTTON/CRISPELL/Afte

MusicPedia:

PARKER/GUY/LYTTON/CRISPELL After Appleby Diversificare gli approcci e le compagnie senza però diluire le forze suonando col primo che passa: questo, diremmo, il motivo della tenuta di Evan Parker, che qui ritroviamo accanto ai vecchi compagni del suo trio - Paul Lytton, percussioni, e Barry Guy, contrabbasso - e al piano di Marilyn Crispell. Sul primo CD, inciso (benissimo) in studio, sei duetti di logica cristallina ed esemplare concisione si affiancano a due lunghi quartetti: "Blue Star Kachina", con l'inconfondibile soprano in respirazione circolare e "Where Heart Revive", dove il tenore di Parker e le coordinate tipiche della Crispell sembrano rimandare a ...


PARKER/AKCHOTÉ/CASSERLEY/RYAN

MusicPedia:

EVAN PARKER/LAWRENCE CASSERLEY Solar Wind (Touch/Demos) PARKER/AKCHOTÉ/CASSERLEY/RYAN Live at “Les Instants Chavirés” (Leo) Dell’Evan Parker Trio (sostanzialmente uguale o sempre diverso?) trattavamo sul numero scorso, citandoli a proposito del quartetto Mujician. Parker è tra coloro (se non andiamo errati) che mai hanno praticato (per i propri dischi) la composizione (pur partecipando senza problemi a dischi composti, ricordiamo Annette Peacock, Climate of Hunter di Scott Walker, il comico Vic Reeves - sotto la direzione di Beresford – David Toop, Robert Wyatt eccetera) tuttavia fin dagli anni 70 è sempre stato disposto a confrontarsi con la manipolazione elettronica, sia pure in presa diretta e non a ...


PARIS

MusicPedia:

PARIS Guerrilla Funk, il nuovo album di Paris, rapper di Oakland, è una delle prime pubblicazioni derivanti dall'accordo di licenza tra Priority Records e Virgin. Prodotto, interamente composto e interpretato da Paris, il materiale detl'album segna un allontanamento dal convenzionale taglio hip hop a favore di un vibrante collage di rhythm & blues e funk, con un'occasionale spruzzata di archi classici. Guerrilla Funk, registrato quasi completamente dal vivo, conferma l'abilità di Paris come produttore e come autore di testi attraenti per la scansione ritmica e al tempo stesso per la forza dei contenuti. "I gusti musicali cambiano, così come la gente, ...


PARENTE+FORTIS

MusicPedia:

Dopo il concerto dello scorso anno che aveva visto incontrarsi in una emozionante versione acustica C&rmen Consoli, Critina Donà e i La Crus, il Teatro Annibal Caro di Civitanova Marche prosegue nella proposta di inediti incontri fira artisti con il concerto unplugged di Alberto Fortis, uno dei più interessanti e originali autori italiani degli anni ottanta e Marco Parente, sensibile e inquieto interprete della 'nuova' musica italiana d'autore. La serata sarà articolata in tre momenti: la prima ~redrà Alberto Fortis riproporsi al pubblico italiano dopo tre anni e mezzo di lavoro negli Stati Uniti, con un concerto per pianoforte e voce, ...


PARCOGIOCHINCUSTODITO

MusicPedia:

PARCOGIOCHINCUSTODITO Il Parcogiochincustodito si costituisce diversi anni fa in modo quasi spontaneo, grazie alla grande passione per la musica e alla grande amicizia che ancora adesso ci lega. Il percorso musicale è stato sin dall'inizio diretto alla ricerca di un sound affine soprattutto ai nostri gusti, senza attenersi a precisi canoni. Questo ci ha permesso di suonare senza nessuna particolare pressione tanto da arrivare alla creazione di 12 brani tutti nostri e varie esibizioni live. Componenti: VINCENZO Dl TANA, nato a Pescara il 07/09/1969, residente a Francavilla al Mare (CH) in Via Finamore 16, tel. 0854982228; chitarrista, ha avuto esperienze nell'ambito ...


PARCO GIOCHI INCUSTODITO

MusicPedia:

PARCO GIOCHI INCUSTODITO I Parco Giochi Incustodito nascono nel 1995, ma della band originale oggi restano soltanto tre elementi: dopo una serie di esperimenti, il gruppo ha trovato un solido equilibrio, nel maggio del 1999, con la formazione attuale composta da Vincenzo Di Tana e Fabio Sabatini alle chitarre, Franco Lisa al basso, Moreno Scurti alla batteria e Fabio Tomassetti alla voce. I Parco Giochi Incustodito propongono un cross-over ricco di contaminazioni e di suggestioni, con riferimenti a gruppi come Kyuss, Primus e Korn. La originalità della band risiede soprattutto nei numerosi cambi di tempo che predominano nella maggior parte dei ...


PARAFUNKY

MusicPedia:

PARAFUNKY Il gruppo nasce nel '99 intorno alla dotata voce di Valentina con l'intento di proporre dal vivo un repertorio interamente di cover funk, soul, acid jazz, tratto dai classici di Steve Wonder, dai più attuali di Incognito e di Jamiroquai, dalle novità discografiche di Mary J. Blige e Shola Ama. I Parafunky sono 5: Valentina Monetta 24 anni è la grintosa vocalist del gruppo; la sezione ritmica è composta da Claudio Malerba alla batteria, Fabio Marchesini al basso elettrico, Simone Migani al piano Rhodes, Clavinet e sintetizzatori, Roberto Dusi alla chitarra. Provenienti da diverse esperienze musicali condividono insieme la passione ...


PARADISE LOST/The Last Time

MusicPedia:

PARADISE LOST The Last Time (MFN) Onore e gloria ai Paradise Lost ed al loro nuovo mini cd, ormai le loro canzoni le potete ascoltare anche su Canale 5 nella pubblicità di un'autoradio; anni di durissimo lavoro vengono finalmente ripagati. Per quanto mi riguarda ritengo Ghe con 10TO si potrebbe fare un'eccezione e non recensire più i loro dischi (mai una nota fuori posto! la perfezione in musica!), dovrebbe bastare dire che sono lì nei negozi ad aspettare solamente che voi li acquistiate per sconvolgervi di emozioni, di brividi, di vertigini.


PARADISE LOST/NEW

MusicPedia:

PARADISE LOST "One Second" (Music For Nations) Con un'irresistibile ascesa iniziata dal classico secondo album "Gothic" e culminata con il maggior successo commerciale del quinto "Draconian Times" (oltre mezzo milione di copie vendute), i Paradise Lost sono diventati la più acclamata metal band britannica dei mid'9Os senza tradire la loro identità di perfetta incarnazione gothdoom. Ma forse tutto ciò non bastava al gruppo conscio del limitato interesse in patria nei confronti della musica heavy; così i Paradise Lost si rendono controversi protagonisti di una metamorfosi che certamente sconcerterà gran parte della loro audience attuale nel tentativo a mio avviso insidioso di catturare ...


PARADISE LOST/Host

MusicPedia:

PARADISE LOST Host I Paradise Lost sono stati promossi in premier league, firmando per la EMI, ma dopo il radicale cambiamento di rotta di "One Second", il sesto album che chiudeva il ciclo M.F.N., non è previsto nessun altro shock per il loro pubblico. Infatti, il nuovo "Host" è semplicemente "One Second Atto II", ed è abbastanza contraddittorio che mi occupi ancora del gruppo di Halifax, stanti i loro trascorsi metal. Effettivamente il profetico singolo "So Much Is Lost" non è più duro di "Shout", l'inno dei Tears For Fears, e sicuramente molto è andato perduto, almeno per chi ama il rock ...


PARADISE LOST/2

MusicPedia:

PARADISE LOST "Qualcuno mi chiese di definire la nostra musica", dice Nick Holmes, cantante dei Paradise Lost, "e io risposi dark rock. Mi dissero che non avevano mai sentito parlare di dark rock. E io allora dissi: "Bene, adesso ne avete sentito parlare!". ne avete sentito parlare!". Non è facile definire un sound in continua evoluzione come quello [Image] dei Paradise Lost, ma dark rock riflette certamente l'atmosfera e la profondità emotiva dell'ultimo album della band, "Host", uscito per la EMI Electrola. Pur senza avere alle spalle un pomposo battage pubblicitario, i Paradise Lost sono riusciti a vendere ...


PARADISE LOST

MusicPedia:

PARADISE LOST "Qualcuno mi chiese di definire la nostra musica", dice Nick Holmes, cantante dei Paradise Lost, "e io risposi dark rock. Mi dissero che non avevano mai sentito parlare di dark rock. E io allora dissi: "Bene, adesso ne avete sentito parlare!". ne avete sentito parlare!". Non è facile definire un sound in continua evoluzione come quello [Image] dei Paradise Lost, ma dark rock riflette certamente l'atmosfera e la profondità emotiva dell'ultimo album della band, "Host", uscito per la EMI Electrola. Pur senza avere alle spalle un pomposo battage pubblicitario, i Paradise Lost sono riusciti a vendere ...


Paperoga And The Fuzz Ducks/new

MusicPedia:

Paperoga And The Fuzz Ducks Il gruppo nasce nel Gennaio '96 dalla fusione di idee ed esperienze maturate in tre diverse formazioni già attive sul finire degli anni '80 (New Coat Of Oaint + Lust + Zen Arcade). Il gruppo è composto da sei musicisti accomunati da una forte passione per la musica al di là di mode e trend passeggeri, intenzionati a reagire nei confronti di un calderone musicale che mastica, ingoia e risputa tutto nel giro di una stagione sopravvalutando eccessivamente certe cose ai danni di altre che invece rimangono oscurate. Obiettivo: "spogliare il rock'n'roll da tutta quella patina ...


PAPEROGA AND THE FUZZ DUCKS

MusicPedia:

PAPEROGA AND THE FUZZ DUCKS I Paperoga And The Fuzz Ducks sono: Paolo Petrini (voce e chitarra); Gianvincenzo Lombi (tastiere); Maurizio Porcarelli (chitarra solista); Massimo Contigiani (chitarra-voce); Cristiano Gradozzi (batteria); Giacomo Gradozzi (basso-voce). I Paperoga And The Fuzz Ducks si formano nel gennaio '96 dalla fusione di idee ed esperienze maturate nel corso degli anni in diverse formazioni. Massimo (chitarrista e cantante) suonava con i Lust negli anni '80, un gruppo di Tolentino dal suono sporco e stradaiolo di matrice Stooges, MC 5, Radio Birdman. Maurizio e Gianvincenzo di Loro Piceno (rispettivamente chitarra solista e tastiere) hanno suonato dall'89 ...


Paperi vari /BOLLI

MusicPedia:

Paperi vari - Le disavventure di Paperamses (Mondadori) Sull'onda del successo dei già citati libri di Jacq dedicati alle gesta del Faraone Ramses (se già non erano niente di speciale i romanzi storici ben più rinomati di Mika Waltari, immagino che puttanate siano questi), la Mondadori ha pensato bene di far prendere aria alle sue soffitte e rispolverare alcune storie rimaste (evidentemente) di loro proprietà. Certo, aver perso la distribuzione della Disney deve essere stato un boccone ben duro da mandar giù, per cui ogni occasione di guadagnare con il riciclaggio è buona; detto fatto: con una copertina accattivante, in stile ...


PAPERCLIP PEOPLE

MusicPedia:

PAPERCLIP PEOPLE "4 My Peepz" Planet E/12" (USA) Torna, dopo un paio d'anni, il progetto "house-oriented" di Carl Craig. Quì, nell'arrangiamento geniale, su di un tempo rallentato si muovono dei suoni "paccati". Un capolavoro, come minimo.


PAPE GURIOLI

MusicPedia:

Le improvvisazioni di Pape Gurioli sono per lo spettatore un'esperienza assolutamente unica dentro la storia infinita del linguaggio musicale: solo, con il suo pianoforte, ha recuperare quella dimensione di creatività totale attraverso l'improvvisazione musicale cone evento artistico irripetibile. Tentare di catalogare l'approccio artistico di Pape Gurioli è arduo, partendo da un pentagramma qualsiasi egli giunge a un capolinea ignoto e sempre diverso, la struttura armonica del brano, viene completamente stravolta da segreti virtuosismi che celano fino all'esasperazione tonale, la melodia di base, investita, smontata, fatta letteralmente esplodere in mille pezzi da una corrente incontenibile di impressioni, di percezioni, di memorie ...


Papa’s Blues

MusicPedia:

Papa's Blues Il trio Papa's Blues si è costituito nel giugno '93 fondando il proprio repertorio sulla riproposizione personalizzata di brani tradizionali del blues. Il gruppo è composto da Maurizio Catarinelli (voce, armonica, slide) musicista autodidatta folignate, ha svolto attività nella sua città e nella regione, proponendosi come figura attiva per le formazioni di vari gruppi musicali. Le sue conoscenze spaziano dalla musica leggera al jazz. In veste di jazzman ha tenuto un corso biennale come insegnante di chitarra presso la Scuola di Musica di Foligno e come conoscitore ed esecutore di blues è un costante punto di riferimento in Umbria. ...


PAPAS FRITAS/Buildings And Grou

MusicPedia:

PAPAS FRITAS Buildings And Grounds Avete presente quelle pecorelle di zucchero che si regalano per Pasqua? Al primo morso sono fantastiche, al secondo cominciano a legare la bocca, al terzo cominciano a dolere i denti. Le nuove canzoni dei Papas Fritas fanno un po' lo stesso effetto. Giunti al terzo album dopo aver solo sfiorato il successo con la esse maiuscola, Tony Goddess e soci si sono prefissati come obiettivo per il nuovo "Buildings And Grounds" di «comporre delle canzoni alla Fleetwood Mac e di suonarle come fossimo i Replacements». Proposito lodevole ma se diverse canzoni, in effetti, evidenziano un talento ...


PaPaCleScia

MusicPedia:

Gruppo composto da: FRANCESCO "FRANZ" PANEBIANCO, quando non tastierista e/o capro espiatorio dei PaPaClescia, è aspirante ingegnere ed ex-conservatorista. Accanito proselita dei KISS, rimane normale sino a quando non si parli di Fiat 130 coupè. Nel caso incauti gliene parlino, una strana luce sfavilla nei suoi occhi prima di mostrare la tessera di socio n. 0010 del Club Fiat 130 Owners Club Italia e/o la foto del suo "gioiello" tuttora privo di parti indispensabili al moto. Attualmente è assai preso dalla progettazione di una macchina in grado di disossare i prosciutti e tagliarli a dadini automaticamente. PASQUALINO ex "BRODINO", dal ...


papa/cuba/bolli

MusicPedia:

Mentre sto scrivendo il papa è appena sbarcato a Cuba, tutto è dunque ancora da verificare e da ascoltare, da una parte e dall'altra; a livello teorico - così su due piedi - sembra una specie di attacco a tenaglia virtuale alla leadership del grande Satana. Il monumento al Che sulla piazza di L'Avana e un dipinto di 20x20 metri di Cristo mettono i brividi e danno la sensazione di qualcosa di nuovo e speciale per i giorni a venire nel mondo. Ma quasi certamente non cambierà un cazzo ovunque. Quale che sarà, di una cosa però possiamo già esser ...


PAPA WINNIE

MusicPedia:

PAPA WINNIE Winston Carlisle Peters in arte Papa Winnie è nato nelle isole Grenadine, nel sud del Mar dei Caraibi vicino alle coste del Venezuela. Sole, mare e musica hanno fatto parte della vita di Papa Winnie sin da piccolo. Egli viene da una famiglia numerosa dove la musica è di casa; la mamma ed i 6 fratelli cantavano spiritual in chiesa mentre Papa Winnie cominciava a suonare la chitarra e cantava calypso e reggae insieme ai suoi 5 fratelli e ad alcuni gruppi locali. Il papà era un grande suonatore di mandolino e di cuatro (la tipica chitarrina caraibica a ...


PAPA WEMBA

MusicPedia:

PAPA WEMBA "Molokai" Molokai è il nome della band che ha accompagnato Papa Wemba nel tour internazionale con Peter Gabriel. Ma è anche il nome di una piccola isola di lebbrosi nel mare del Congo. Al terzo lavoro con la Real World, la star di Kinshasa riprende alcuni vecchi successi come Zero, Awa Y-okeyi, Epelo e Shofele e li riesegue con nuovi arrangiamenti (bellissimo lo swing di Epelo) accompagnandoli a nuove canzoni e con la produzione di John Leckie. Papa Wemba, con la sua voce limpida e bella dimostra di aver saputo raccogliere l'insegnamento di sua madre, profeta di professione, e ...


PAPA ROACH/Infest

MusicPedia:

PAPA ROACH Infest Sacramento: anno duemila. La grande provincia americana, la grande casa dei sogni e delle prospettive. Una mediazione tra la frenesia delle "big town" e le distese infinite di tranquillità e pigrizia. Il posto perfetto per far crescere un gruppo come i Papa Roach. Un gruppo di sintesi, per i superficiali, una band che apre nuove prospettive, per chi ascolta la musica con intelligenza. Scendiamo nei particolari: "Last Resort" sembra un brano degli Alice In Chains, rappato alla Limp Bizkit, con le chitarre dei Seven Dust. C'è del grunge nei Papa Roach, esattamente come ci sono scorie di Hardcore ...


Papa Ricky NEW

MusicPedia:

Papa Ricky Era l'inizio degli anni '90, il rap in Italia sembrava dovesse esplodere da un momento all'altro, "Stop Al Panico" dell'Isola Posse All Star e gli Onda Rossa Posse di Roma erano sulla bocca di tutti, tra skater dodicenni ed attempati musicofili d'altri tempi. Papa Ricky sembrava uno di quei rapper che avrebbero contribuito a fare grande questo genere anche nella penisola. Dopo il primo maxisingolo, "Lu Sole Mio", prodotto dalla Century Vox di Bologna, tutti si aspettavano un album, invece il silenzio. Nel '93 Gabriele Salvatores entrava nelle sale cinematografiche con Sud, la colonna sonora comprendeva una nutrita schiera ...


PAPA RICKY

MusicPedia:

PAPA RICKY Lu Papa Ricky Papa Ricky (vero nome: Riccardo Povero) è intrattenitore nelle dancehall italiane e internazionali, affermato e acclamato per la simpatia e l'immediatezza delle sue esibizioni. Avendo coscienza delle proprie radici culturali e musicali, tentando una fusione con la cultura giamaicana, cerca sempre di dare qualcosa di più a se stesso e a chi lo segue nella sua attività artistica. La quale ha assunto vari aspetti. Dalla musica alle esperienze di teatro (Festival del Teatro di Sant'Arcangelo, 1992, con Andrea Adriatico in "Opla"), alla televisione: il lungometraggio "Lu Papa Ricky" di Renato De Maria, trasmesso da Rai Tre per ...


Papa Michigan/General Smiley

MusicPedia:

Papa Michigan & General Smiley: Anticipano i ruzzoloni dello stile rub-a-dub, che imperverserà negli anni '80. Top: 1978-1982. Cd: Rub-a-dub style (Heartbeat).


PAPA M/Turn! Turn! Turn!

MusicPedia:

PAPA M/Turn! Turn! Turn! Una buona versione strumentale della classica Turn! Turn! Turn! dei Byrds eseguita dai Papa M/David Pajo è il simpatico e benvenuto 'regalino' spedito dalla Drag City in vece della solita cartolina di fine anno... Più lenta e 'catatonica' dell'originale nonché molto allungata con svisate chitarristiche non originalissime ma apprezzabili. Il pezzo verrà commercializzato a breve come singolo.


PAPA M/Live From A Shark Cage

MusicPedia:

PAPA M Live From A Shark Cage Aerial M era stato un disco di musica da camera rock e Pajo si era rivelato compositore da camera rock di tutto rispetto. David Pajo si supera sul nuovo disco, accreditato ai Papa M "Live From A Shark Cage". La sua tecnica minimalista e trascendentale, che si ispira in egual misura a Pat Metheny (jazz), Robert Fripp (rock) e John Fahey (folk), ha raggiunto un livello elevatissimo di concentrazione. Pajo ha trovato un equilibrio magico fra tecnica, emozione e struttura. "Roadrunner" è un acquerello country come quelli di Leo Kottke, ma il tintinnio melodioso della ...


Papa Giallo Paglierino II

MusicPedia:

Papa Giallo Paglierino II andrà in Iraq, in visita a Saddam Hussein, e questo ha fatto incazzare non poco USA, ONU, NATO etc perché, dicono, una tale mossa darebbe credibilità ad un dittatore. Giusto, ma ci sarebbero due ma: a) guardando la faccenda dal lato religioso, il capo della Chiesa deve pensare alle anime e non ai corpi o alla politica; b) restando in considerazioni squisitamente politiche (che ci interessano di più), invece, come non ricordare di quando si affacciò al balcone, a Santiago del Cile, insieme a Pinochet, uno che ha contribuito anziché no a sfoltire la popolazione da ...


Paolo Tomelleri

MusicPedia:

Paolo Tomelleri Un gradito ritorno per gli amici del TWO BEAT. Nasce a Vicenza da una famiglia di musicisti classici. Polistrumentista, negli anni 70 e 80 alterna l'attività di solista jazz a quella d'arrangiatore d'orchestre e complessi di musica leggera. Dopo essersi occupato di tutto nell'ambito musicale, dagli anni 80 si dedica prevalentemente al jazz, intensificando anche l'attività d'insegnante. Ha collaborato con innumerevoli musicisti: tra quelli americani si citano Tony Scott, Joe Venuti, Bill Coleman, Wild Bill Davison, Clark Terry, Red Mitchell, Jimmy Woode, Phil Woods, Jimmy McPartland, Ralph Sutton, Bud Freeman, Carl Fontana e numerosi altri. Dal 1993 ha formato ...


Paolo Tomatis

MusicPedia:

Paolo Tomatis (chitarra acustica, voce solista). Stregato in tenera età dal Rock'n'Roll, ha studiato pianoforte per poi passare da autodidatta alla chitarra, anche se la sua formazione musicale deriva principalmente da esperienze avute sia nelle strade sia nei locali. E' compositore con Simone Sorini della maggior parte delle canzoni originali del puppo. E' laureando in Scienze Politiche.


PAOLO SILVESTRI/Controvento

MusicPedia:

PAOLO SILVESTRI Controvento Anche l'Italia sta diventando, soprattutto grazie al lavoro di maestri come Nicola Piovani e musicisti specializzati nel commento musicale dei film (Agricantus, Pivio, De Scalzi, Lena), un paese che garantisce qualità al difficile mondo delle colonne sonore. Ne è uno dei più recenti esempi questo lavoro di Paolo Silvestri per Controvento, ultima pellicola di Peter Del Monte. Intensa rappresentazione dei dramma sentimentale narrato nel film la colonna di Silvestri propone una sequenza di motivi dove affiorano le passioni e le esperienze del musicista genovese: il lavoro con il jazz di Enrico Rava e Roberto Gatto, l'ironica follia dei ...


Paolo Severi

MusicPedia:

"231 giorni" di Paolo Severi. Presentazione del libro che racconta la vita reale di un tossicodipendete e la sua sopravvivenza all'interno del carcere, utilizzando un linguaggio crudo e che denuncia la situzione attuale nelle carceri italiane.


PAOLO SERAZZI+HOP ZAZOU

MusicPedia:

PAOLO SERAZZI + HOP ZAZOU "Shakermusic" PAOLO SERAZZI (voce, pianoforte); STEFANO RISSO (contrabbasso); AMIK GUERRA (tromba flicorno); SERGIO CHIRICOSTA (percussioni); FABRIZIO DE MITRI (batteria) La musica di Paolo Serazzi è ricca e sorprendente come il crogiuolo etnico della Torino da cui proviene. C'è odore di 007, di cartoni animati, di folk terzomondista, di atmosfere inconsuete e di sberleffi. Melodie accattivanti e frasi strumentali di ampio respiro, rese ancor più intriganti da un organico che comprende contrabbasso, ottoni, percussioni. Serazzi ha suonato in gruppi come Africa Unite, Fratelli di Soledad, Party Kidz, incidendo molti dischi e suonando in giro per l'Europa. Nel 1996 ha ...


PAOLO SERAZZI + HOP ZAZOU

MusicPedia:

PAOLO SERAZZI + HOP ZAZOU La musica di Paolo Serazzi, è ricca e sorprendente come il crogiuolo etnico della Torino da cui proviene questo eclettico compositore, pianista e cantante. Shakermusic la definisce ed in questo shaker troviamo odore di 007, di cartoni animati, di folk terzomondista, di atmosfere inconsuete e di sberleffi. Melodie accattivanti e frasi strumentali di ampio respiro, rese ancor più intiganti da un organico che comprende contrabbasso, ottoni e percussioni. Serazzi ha maturato una notevele esperienza suonando con gruppi come Africa Unite, Fratelli di Soledad, Party Kids, incidendo molti dischi e facendo concerti in giro per l‚Europa. Nel 1996 ha composto la colonna sonora del film „Cous-Cous‰ ...


Paolo Russo Trio

MusicPedia:

Nato a Pescara il 17 Settembre 1969, ha intrapreso lo studio della musica classica all'eta di dieci anni, dapprima con la clavicembalista Chiara Tiboni, poi con la pianista Rachele Marchegiani, sotto la cui guida ha conseguito il diploma di Pianoforte, nel Luglio del '93, presso il Conservatorio "Luisa D'Annunzio" di Pescara. Si è accostato alla musica jazz all'età di sedici anni studiando con i pianisti Carlo Morena e Stefano Zenni. Ha frequentato i seminaei di "Siena Jazz" nel '90, studiando con Franco D'Andrea e Furio Di Castri e di "Bologna Jazz" edizione 1993/'94 studiando con il maestro Bruno Tommaso. Nel ...


PAOLO ROSSI

MusicPedia:

PAOLO ROSSI "Lenny Bruce dei Navigli" è l'appellativo, il nome di battaglia dato una volta a Paolo Rossi, Story-teller naturale classe young, taglia Peso piuma. Uno cui la statura da fantino non impedisce di picchiare duro, al cuore e allo stomaco, recitando. Un irregolare, un fuori-del-mucchio. Uno che se l'è presa coi cinghiali e con gli eiaculatori precoci, che ha lanciato anatemi di siderale nefandezza, che ha reclamato con cinismo, grazia e surrealtà per conto di studenti veri uccisi da poliziotti veri. Uno, infine, che ha avuto l'immenso merito di accostare i pubblici del teatro e dei tendoni rock; e tanti ...


Paolo Rosichetti

MusicPedia:

Paolo Rosichetti (basso elettrico), nato a Spoleto nel 1964, è attualmente il migliore specialista umbro del basso a 5 corde.


Paolo Ravaglia

MusicPedia:

Paolo Ravaglia - clarinetti Spazia, nella sua ricerca musicale, dalla musica antica a quella d'avanguardia, attraverso la musica afro-americana. A quest'ultima in particolare si avvicina con spirito di ricerca. In veste di solista ha effettuato concerti e registrazioni per la R.A.I., in versioni filologicamente ricostruite, capolavori orchestrali di maestri del '900 che vedono il clarinetto come protagonista (Prelude, Fugue & Riffs di L. Bernstein, Concerto for Clarinet di A. Shaw, Derivations di M. Gould, Ebony Concerto di I. Stravinski, Rhapsody in Blue di G. Gershwin). Regolarmente inserisce, durante le sue peformances solistiche e di musica da camera, brani di estrazione afro- ...


PAOLO PIETRANGELI

MusicPedia:

PAOLO PIETRANGELI La memoria, diceva Henri Laborit, è la materia di cui sono fatti i nostri pensieri, così come l'acqua è la materia che compone il nostro corpo. Senza memoria non ci sarebbero né creazione, né sentimenti, perché non si saprebbe come nutrirli. E tuttavia deleghiamo funzioni a masse di memoria esterne: hard disk, cd, reti... Memorie sempre più potenti, ma del tutto insensibili. Pietrangeli è un comunista che ha appena inciso un disco intitolato "Memoria Sensibile". L'occupazione preferita dei comunisti era quella di provare a costruire futuro, magari diverso dal passato, possibilmente migliore. Perché uno come Pietrangeli fa un disco ...


Paolo Nori/Le cose non sono le

MusicPedia:

Paolo Nori Le cose non sono le cose Fernandel £ 20.000 Pressoché in concomitanza dell’uscita di “Spinoza”, terzo volume della saga di Learco Ferrari, l’editore Fernandel di Ravenna ristampa il primo romanzo di Paolo Nori. Un libro che è da considerarsi una premessa fondamentale per coloro i quali hanno apprezzato le vicende contenute in “Bassotuba non c’è”. Solo dalla lettura di “Le cose non sono le cose” possiamo entrare nella vita di uno dei personaggi letterari più riusciti degli ultimi anni. La tradizione orale degli autori ai quali Nori si ispira dichiaratamente: quegli emiliani doc che rispondono ai nomi di Malerba, Zavattini, ...


Paolo Nelli/ok/ok

MusicPedia:

Paolo Nelli La fabbrica di paraurti Derive Approdi £.16.000 Generazioni a confronto, un mio ipotetico sottotitolo all’opera prima di un autore che con piglio personalissimo da voce agli umori e alle storie di due uomini uguali e differenti tra loro. La fabbrica, mito del lavoro degli anni sessanta, il far soldi: “che così quando torno al sud con mia moglie ci faccio la bella figura al paese con la macchina nuova e tutto il resto”. Aristide e Flavio, il primo prossimo alla pensione, la sua vita per la schedina, che tanto non esce mai ‘sto tredici e giù a lavorare una ...


Paolo Nelli

MusicPedia:

Paolo Nelli La fabbrica di paraurti Derive Approdi £.16.000 Generazioni a confronto, un mio ipotetico sottotitolo all’opera prima di un autore che con piglio personalissimo da voce agli umori e alle storie di due uomini uguali e differenti tra loro. La fabbrica, mito del lavoro degli anni sessanta, il far soldi: “che così quando torno al sud con mia moglie ci faccio la bella figura al paese con la macchina nuova e tutto il resto”. Aristide e Flavio, il primo prossimo alla pensione, la sua vita per la schedina, che tanto non esce mai ‘sto tredici e giù a lavorare una ...


Paolo Musetti

MusicPedia:

Paolo Musetti Magia, Eleganza, & Simpatia Abile prestigiatore e intrattenitore romano, con il suo show crea gradevoli momenti di spettacolo. Momenti di pura fantasia e divertimento intelligente!


Paolo Mozzoni

MusicPedia:

Paolo Mozzoni è un batterista con già molte esperienze jazzistiche alle spalle. Ha suonato con Rudy Migliardi, trombonista, Marco Tamburini, trombettista, Hengel Gualdi, clarinettista, Mauro Slaviero, sassofonista, e tanti altri. Collabora con il cantautore jazz Stefano Belluzzi.


PAOLO MOKKE’S

MusicPedia:

PAOLO MOKKE’S Fonda nel ’84 i negozi Mokke’s Drum Laboratory e nel ’90 dà vita alla divisione dei noleggi Backline Rent con sede a Firenze e a Milano. Oggi è il più importante fornitore in Italia di strumenti musicali per i grandi eventi e le maggiori tournée europee.


Paolo Meneguzzi/2

MusicPedia:

Paolo Meneguzzi PAOLO MENEGUZZI è nato a Varese il 6 dicembre 1976. La sua passione per la musica è stato fortemente influenzata dal papà Gomez, in gioventù componente di un gruppo rock e dal nonno materno Franco, compositore, ballerino e grande appassionato d’arte Fu proprio lui a regalargli la sua prima chitarra all’età di 8 anni e ad indirizzarlo in ambito musicale, sino al debutto a 10 anni appena compiuti in una trasmissione televisiva per bambini cantando una canzone dal titolo “Con l’amico Giacomino”. Paolo ha vissuto la sua adolescenza con pochi ma grandi amici che furono per lui come i fratelli ...


Paolo Meneguzzi

MusicPedia:

Paolo Meneguzzi nasce il 6 dicembre 1974. Sebbene molto giovane, appassionato di musica e canto, collabora con vari gruppi musicali nei quali suona la chitarra, canta e compone. Partecipa inoltre a diverse manifestazioni canore come solista, avendo sempre ottimi riscontri da parte di pubblico e giurie. Subito dopo l’esame di maturità si dedica completamente alla musica studiando canto e chitarra presso una nota scuola di Milano. Nel 1995 conosce il suo produttore e insieme decidono di inviare una musicassetta alla commissione del Festival di Vina del Mar. E il sogno diventa realtà: Paolo viene inviato in Cile e nel 1996 ...


PAOLO MARZOCCHI

MusicPedia:

PAOLO MARZOCCHI Un enorme schermo bianco e un proiettore video, interfacciato con un computer collegato al mixer-audio, trasformano questo concerto in una esperienza assolutamente nuova per la musica classica. Durante l’esecuzione di Paolo Marzocchi, in tempo reale, oltre che ascoltare le sue note, potremo anche vederle, visualizzate in sinusoidi e fonogrammi che ne riproducono l’estensione, l’intensità e la durata. Gli intrecci delle fughe di Bach, i picchi romantici di Skrjabin, le pause di Alban Berg, l’ansia di Julius Reubke, e - non poteva mancare - i grandi squarci di “Una notte sul Monte Calvo” di Mussorgsky, nella trascrizione per pianoforte curata ...


PAOLO MARTELLA

MusicPedia:

PAOLO MARTELLA Più Simile A Me Per comprendere il personaggio - al di là dei simbotismi che l'ex cantante dai Quartiere Latino sfoggia con nonchalance, come una fiera (umana) del piercing e del tatuaggio - suggeriamo di capovolgere il concetto di normalità. E ascoltare il disco iniziando dalla fine. Quando, dopo l'undicesima traccia l'elettrica e avvolgente Il limite (almost best friend) emerge dal silenzio una doppia ghost track. La prima è la versione acustica, appena sbozzata, della canzone poi scelta come singolo, Parlo di te: questa interpretazione naif per voce e chitarra, infatti, testimonia meglio delle parole l'istinto semplice e diretto che ...


Paolo Lotti/2

MusicPedia:

Paolo Lotti Compositore e polistrumentista Paolo Lotti in quasi vent'anni di attività si è affermato come un personaggio di culto e una delle figure più rappresentative della musica d'arte in Italia, sempre in bilico tra Jazz, Rock e Musica Colta. Dalle prime esperienze discografiche degli anni '70, nell'ambito della musica sperimentale e del jazz improvvisato, al lavoro con i Cudù (con i quali ha realizzato vari album tra i quali Waterplay insieme ai Tuxedomoon Steven Brown e Luc Van Lieshout e al leader degli Embryo Christian Burchard) alla collaborazione con Arlo Bigazzi, l'attività musicale e creativa di Paolo Lotti si è ...


Paolo Lotti

MusicPedia:

Paolo Lotti, flauto chitarra Alchimista sonoro polistrumentista e compositore, sempre in bilico fra Rock d'avanguardia, jazz informale e musica contemporanea. Conosciuto per il suo primo disco, l'ormai mitico "P.L. Solo", il rapporto si è consolidato dall'esperienza di Delivery dei Cudu. suonare con lui ha la stessa intensità religiosa di un rito tribale, dove i suoni diventano pennelli per dipingere il proprio immaginario. Sta preparando un nuovo disco per sola chitarra.


PAOLO LONGO VASCHETTO/Opera

MusicPedia:

PAOLO LONGO VASCHETTO/Opera Disco di sobria compostezza, "Opera" e la colonna sonora del lavoro teatrale "Requiem Resurrexi". Ne è autore Paolo Longo Vaschetto, multistrumentista dalla provata esperienza colta, che insieme a una vecchia conoscenza della scena sperimentale nostrana, il flautista Gregorio Bardini, e al baritono Agostino Castagna allestisce musiche dall'impeto impressionisticamente neoclassico. Si rintraccia in questi materiali una evidente integrità spirituale cui giovano un senso del dramma per niente scontato e i costanti riferimenti alla musica antica (Castagna è sovente impegnato nell'esecuzione di adattamenti del repertorio gregoriano da parte di Paolo Tiribello) e popolare (si ascoltino gli asciutti umori mediterranei di ...


PAOLO INNARELLA QUARTET

MusicPedia:

PAOLO INNARELLA QUARTET Il Paolo Innarella Quartetto, nasce dall’esigenza di coniugare la voglia di fare swing con la ricerca della melodicità nel dire-divenire musicale, assecondando e inglobando questa esigenza espressiva, in una visione gioiosa dell’essere musica, anche quando la ricerca di questa espressività, scava e coinvolge la ragione stessa dell’essere parte dell’evento musicale nel momento del suo formarsi. I musicisti che compongono il Quartetto, si frequentano musicalmente da molti anni, collaborando in diversi ambiti e formazioni musicali. Il Quartetto esegue quasi esclusivamente brani originali, concedendosi, se ne avverte l’esigenza, escursioni nel vastissimo repertorio del Jazz. Gruppo composto da: Paolo Innarella ...


PAOLO HENDEL/Occhio alla Penna

MusicPedia:

PAOLO HENDEL Occhio alla Penna Testo e regia di Paolo Hendel e Piero Metelli É il "check-up", ovvero quell'esperienza che quasi tutti subiamo almeno una volta nella vita, il tema fondamentale del nuovo monologo di Paolo Hendel che si apre con un interrogativo di base: che cosa spinge un essere umano nel pieno possesso delle sue facoltà mentali ad uscire di casa la sera per andare a teatro, rinunciando alla televisione, cenando in fretta, pagando un biglietto e magari dovendo svegliarsi presto la mattina del giomo dopo? Di qui tutta una serie di riflessioni tragicocomiche sui progressi della scienza medica, sulle frontiere ...


Paolo Grandi

MusicPedia:

Paolo Grandi Paolo Grandi, ha compiuto gli studi di chitarra classica e contrabbasso; attualmente segue i corsi di violoncello. Dal '70 all'80 lavora, come compositore elo esecutore, nell'area bolognese del Rock-Jazz realizzando le prime incisioni. Dail'80185 si dedica al Jazz suonando con varie formazioni (dal trio all'ottetto) e partecipando a varie rassegne dove viene segnalato. Dalla metà degli anni '80 inizia una collaborazione artistica, tutt'oggi attiva, con il Popoli Dalpane Ensemble. Dal '90 costituisce il Quartetto d'archi P.A.P.A. con il quale lavora a vari progetti teatrali (musiche di scena) e partecipa a rassegne musicali.


PAOLO GIORDANO/NEW/OK

MusicPedia:

PAOLO GIORDANO Nato a Pescara nel 1962, inizia a suonare la chitarra a 14 anni. Influenzato dal blues e dal rock sudista, alla fine degli anni settanta forma alcune band che hanno un ruolo importante nella scena musicale cittadina. La scoperta di maestri come John Fahey, Leo Kottke, Ry Cooder ed altri, inducono Paolo ad interessarsi anche alla chitarra acustica e alle varie tecniche del fingerstyle. Anni di intenso studio lo portano allo sviluppo di una tecnica che lui stesso definisce “acoustapping”, in cui il fingerstyle si arricchisce di elementi percussivi e di tapping, che diventano predominanti rispetto all’utilizzo della ...


PAOLO GIORDANO/3

MusicPedia:

PAOLO GIORDANO Parte nel mese di Dicembre 2000 il nuovo tour del chitarrista Paolo Giordano. Il funambolico musicista pescarese, dopo numerosi riconoscimenti anche al di là dei confini nazionali (di grande successo sono state le sue apparizioni negli U.S.A. e in alcuni paesi europei) é giunto alla registrazione del nuovo lavoro discografico: "KID IN A TOY SHOP". Il disco é stato presentato la scorsa primavera e verrà presentato in un vero e proprio tour in Italia, il prossimo dicembre prima di approdare negli Stati Uniti, dove Paolo é atteso il 20 gennaio, ospite della "All Star Guitar Night" durante il NAMM ...


PAOLO GIORDANO GROUP

MusicPedia:

PAOLO GIORDANO GROUP Parte nel mese di Febbraio 2000 il nuovo tour del chitarrista PAOLO GIORDANO. Il funambolico musicista pescarese, dopo numerosi riconoscimenti anche al di là dei confini nazionali, di grande successo sono state le sue apparizioni negli U.S.A. e in alcuni paesi europei, è giunto alla registrazione del nuovo lavoro discografico: “KID IN THE TOY SHOP” edito dalla Step Musique. La maturità artistica e le straordinarie doti sulla chitarra acustica di Paolo sono testimoniate dalla presenza nei brani che compongono il nuovo C.D. di musicisti di assoluto valore internazionale: al basso il maestro e grande innovatore MICHAEL MANRING (U.S.A.), ...


PAOLO GIORDANO

MusicPedia:

PAOLO GIORDANO Paolo Giordano il funambolico musicista pescarese, dopo numerosi riconoscimenti anche al di là dei confini nazionali (di grande successo sono state le sue apparizioni negli U.S.A. e in alcuni paesi europei) é giunto alla registrazione del nuovo lavoro discografico: "KID IN A TOY SHOP". Il disco é stato presentato la scorsa primavera e verrà presentato in un vero e proprio tour in Italia, il prossimo dicembre prima di approdare negli Stati Uniti, dove Paolo é atteso il 20 gennaio, ospite della "All Star Guitar Night" durante il NAMM di Los Angeles (la fiera musicale più importante del mondo). La ...


PAOLO GIARO/new

MusicPedia:

PAOLO GIARO "La musica di Giaro è tutto: felice, divertente, complessa - eppur non intellettuale - ricca di idee e colori, sapori, virtuosismi - eppure mai esagerata - poetica, eccitante, piena di temperamento. Tra Est e Ovest, Paolo Giaro ha trovato il suo proprio linguaggio cosmomusicale". (Markus Stockhausen). "Giaro ha creato uno stile di musica complesso ed originale, arricchito con ritmi e melodie delle strade del mondo, legate insieme dalla sua straordinaria mente compositiva del ventesimo secolo. Per me questa è una direzione veramente affascinante per la musica". (Ralph Towner). Quattro proposte di concerto, dal solo (chitarra), al sestetto (chitarra, contrabbasso, ...


Paolo Giaro & Paul/Gabin Dabiré

MusicPedia:

Paolo Giaro & Paul e Gabin Dabiré, "Variazioni Africane", con Paolo Giaro (voce e chitarra), Paul Gabiré (percussioni e voce), Gabin Dabiré (chitarra, balafon e voce)


Paolo Giaro

MusicPedia:

Paolo Giaro è un musicista di assoluta attualità. Come ha scritto Fabrizio Ottaviucci "ha sintetizzato nella sua espressione musicale le tensioni e i desideri, le tendenze interiori e le formule esteriori del mondo odierno". Nella sua musica si percepisce l'eterogeneità delle sue esperienze professionali: musica elettronica, indiana, sudamericana, jazz e contemporanea. Così il tango diviene sublime architettura, la poliritmia base per opere buffe, il microtonale un immenso abisso per navicelle elettroniche guidate in live, un preludio può presentarsi innocente ed altro ancora: in due parole Paolo Giaro. La sua genialità si riconosce al fiuto e nell'odore della sua musica si ...


Paolo Ghetti/2

MusicPedia:

Paolo Ghetti, contrabbasso. Nato a Forlì nel '66, inizia con il basso elettrico come autodidatta e prosegue con il clarinetto e il contrabbasso, dedicandosi infine solo a quest'ultimo. Musicista di notevole versatilità e fluidità ritmica, ha accompagnato molti jazzisti italiani (Paolo Fresu, Flavio Boltro, Maurizio Giammarco), ha inciso un disco con il trombettista Jack Walrath e si esibito in trio anche con Pat Metheny e Peter Erskine (Ravenna 1991). Attualmente fa parte del gruppo di Marco Tamburini e, con Massimo Manzi, del trio del chitarrista Augusto "Mimmo" Mancinelli.


Paolo Ghetti

MusicPedia:

Paolo Ghetti, contrabbasso. Musicista di notevole versatilità e fluidità ritmica, Paolo ha accompagnato molti jazzmen italiani, ha inciso un disco con Jack Walrath e si è esibito in trio anche con Pat Metheny e Peter Erskine. Per situazioni di jazz moderno, o post-bop, è il bassista ideale.


PAOLO FRESU/FURIO DI CASTRI

MusicPedia:

PAOLO FRESU - FURIO DI CASTRI Paolo FRESU, tromba, flicorno, synth.; Furio DI CASTRI, contrabbasso Entrambi sono da tempo considerati tra i migliori solisti europei attivi sulla scena internazionale. P. Fresu inizia ad esibirsi nell'82 e presto viene segnalato dalla critica quale nuovo talento del jazz italiano, vincendo numerosi premi. Da allora ha partecipato stabilmente a gruppi guidati da celebri jazzisti italiani (:tra gli altri Rava, D'Andrea, Trovesi, Tommaso), e collaborato con prestigiosi musicisti americani ed europei (K. Wheeler, J. Taylor, G. Mulligan, D. Holland, P. Woods). Più di trenta le incisioni discografiche, sei in qualità di leader. F. Di Castri, attivo professionalmente ...


PAOLO FRESU/5

MusicPedia:

PAOLO FRESU. E' nato a Berchidda (SS) nel 61. Inizia ad esibirsi professionalmente nel 1982, vincendo numerosi premi come miglior nuovo talento del jazz italiano. Ha fatto stabilmente parte dei gruppi di Paolo Damiani, Tizian Ghiglioni, Giovanni Tommaso, Aldo Romano. L'elenco delle sue collaborazioni è prestigioso: Franco D'Andrea, Enrico Pieranunzi, John Taylor, Gianluigi Trovesi, Dave Liebman, Dave Holland, Kenny Wheeler, John Zorn, Phil Woods..... Attualmente oltre al proprio quintetto, dirige il fortunato quartetto ANGEL con Furio Di Castri, Roberto Gatto e il chitarrista franco-vietnamita Nguyen Le.


PAOLO FRESU/4

MusicPedia:

PAOLO FRESU. E' nato a Berchidda (SS) nel '61. Inizia ad esibirsi professionalmente nel 1982, vincendo numerosi premi come miglior nuovo talento del jazz italiano. Ha fatto stabilmente parte dei gruppi di Paolo Damiani, Tizian Ghiglioni, Giovanni Tommaso, Aldo Romano. L'elenco delle sue collaborazioni è prestigioso: Franco D'Andrea, Enrico Pieranunzi, John Taylor, Gianluigi Trovesi, Dave Liebman, Dave Holland, Kenny Wheeler, John Zorn, Phil Woods..... attualmente oltre al proprio quintetto, dirige il fortunato quartetto ANGEL con Furio Di Castri, Roberto Gatto e il chitarrista franco-vietnamita Nguyen Le.


Paolo Fresu/3

MusicPedia:

Paolo Fresu (tromba) Su Paolo Fresu è stato detto e scritto molto, ma non abbastanza. Sicuramente è una figura chiave, di riferimento per il Jazz italiano. La sua forte personalità è riscontrabile nelle sue diverse formazioni, dal sestetto al trio, nelle quali la sua vena timbrica e melodica si sposano con le caratteristiche dei collaboratori e negli anni si rinnovano ed evolvono in esperienze stimolanti.


Paolo Fresu/2

MusicPedia:

Paolo Fresu Se una volta il trombettista era l'enfant prodige del jazz in Italia, oggi è tra i nostri solisti più apprezzati in Europa. Tocco sonoro inconfondibile, uso dell'elettronica. Carisma musicale e umano indiscussi, sestotto pirotecnico come il trio con Di Castri e Taylor. Preziose le incursioni teatrali, poetiche, cinematografiche. Ossi di seppia (Splasc(h)); Contos (Quadrivium)


PAOLO FRESU-DHAFER YOUSSEF

MusicPedia:

DUO PAOLO FRESU-DHAFER YOUSSEF (Italia/Tunisia) Dhafer Youssef (oud, vocals). Originario della Tunisia, compositore, cantante e suonatore di liuto arabo (oud). Ha vissuto e lavorato a Vienna fino agli anni ’90. Durante questo periodo ha suonato in Austria, Francia, Germania, Svizzera e in altri Paesi Europei come pure nella sua nativa Tunisia (dove ha cominciato a cantare secondo la tradizione islamica a cinque anni). Ha costituito dei propri ensemble suonando con Renaud Garcia-Fons, Markus Stockhausen, Carlo Rizzo, Nguyên Lê, Jatinder, Thakur, Sainkho Namchylak, Paolo Fresu, Arto Tuncboyacian, Linda Sharrock, Wolfgang Puschnig, Christian Muthspiel, Jamey Haddad, Iva Bittova, Tom Cora e altri ...


PAOLO FRESU QUINTET

MusicPedia:

pannonica music –27, via Guncina – 39100 Bolzano (I) – Tel & Fax: + 39 0471 264033 e-mail : duende@tin.it PAOLO FRESU QUINTET * * * PAOLO FRESU: Tromba e Flicorno TINO TRACANNA: Sax Tenore e Soprano ROBERTO CIPELLI: Pianoforte ATTILIO ZANCHI: Contrabbasso ETTORE FIORAVANTI: Batteria * Il quintetto di PAOLO FRESU nasce nel 1984 per volontà di Paolo Fresu e Roberto Cipelli. Dopo varie forme diviene gruppo odierno nel 1985 con la registrazione di 'Ostinato' per la Splasc(h) Records, e si consacra come uno dei gruppi di punta del jazz italiano con il disco 'Inner Voices' assieme al sassofonista americano Dave Liebman (1986). Da allora svolge ...


PAOLO FRESU

MusicPedia:

PAOLO FRESU Paolo Fresu è musicista di grande maturità: una profonda conoscenza del linguaggio jazz si unisce ad una particolare sensibilità Dal 1982 a oggi ha collezionato collaborazioni con i maggiori jazzisti italiani e stranieri: F. D'Andrea P. Damiani, E. Rava G. Trovesi, E. Pierannunzi, T. Ghiglioni, K. Wheeler J. Taylor, A. Mangelsdorff, P. Favre, G. Mulligan E. Parker, D. Holland, ecc. Ha suonato con organici orchestrali di musica contemporanea e ritmico-sinfonica collaborando anche con l'orchestra della RAI. Attualmente suona nell'Orchestra Jazz del Festival di Barga e nella Big Band di M. Raia. E' leader di un quintetto e suona nell' "Open Trio" con ...


PAOLO FRANCISCONE

MusicPedia:

PAOLO FRANCISCONE (batteria e percussioni) Batterista e percussionista, si può ben definire musicista eclettico e sensibile. Rivolge la sua ricerca al conseguimento di un multilinguismo molto raffinato con l'utilizzo di stili diversi che lo portano a sperimentare sempre nuove sonorità, rendendo dunque il set percussivo oggetto di modificazioni e integrazioni. La batteria è per lui equilibrio tra l'aspetto ritmico proprio della tradizione jazzistica e i climi e le atmosfere contemporanee. Con questa capacità di assicurare sonorità molto diverse ha sviluppato una concezione melodica dello strumento in funzione dei progetti musicali ai quali collabora. Presente sulla scena jazzistica nazionale da vari anni, ...


PAOLO F. BRAGAGLIA/Magnum Chaos

MusicPedia:

PAOLO F. BRAGAGLIA - Magnum Chaos (Fridge) Bragaglia ha, come direbbero i Rolling Stones, il tempo dalla sua. Trenta e qualcosa, è arrivato giovanissimo, a danze appena appena iniziate, nel gran bailamme della new wave, stringendo la vecchia forchetta dei Beatles in una mano ed il coltello luccicante degli Stranglers nell'altra. Dando vita e partecipando ad un nutrito numero di gruppi come Revox, Tzar's Revox, New Hard Beat (una testimonianza sui vinili di 'Arezzo Wave'), Dagon e Death+Night+Blood dapprima come chitarrista, poi come tastierista ed infine come studio man-machine, Bragaglia (cognome futurista, isn'it?) si è, come si suol dire, fatto le ...


Paolo F. Bragaglia/Magnum Chao/

MusicPedia:

FridgeZone presenta Paolo F. Bragaglia "Magnum Chaos" Paolo Bragaglia: electronics David Cervigni: live drums "Magnum Chaos" è il primo CD solista di Paolo F. Bragaglia in uscita per la FridgeZone: un disco di musica elettronica strumentale che vede la partecipazione straordinaria di Mauro Pagani al violino in tre brani. L' idea base del disco è quella di costruire tessiture musicali fortemente evocative ed intense (vedi il d'n'b-gothic di Atra Silva), facendo collidere i più disparati materiali musicali: suoni di sintesi, beats pulsanti, campioni e strumenti acustici (come nella splendida Tubescape, in Laus o in Kahn und Ebel, cittadine onorarie della babele sonora di fine ...


PAOLO F. BRAGAGLIA

MusicPedia:

PAOLO F. BRAGAGLIA - Magnum Chaos (Fridge) Bragaglia ha, come direbbero i Rolling Stones, il tempo dalla sua. Trenta e qualcosa, è arrivato giovanissimo, a danze appena appena iniziate, nel gran bailamme della new wave, stringendo la vecchia forchetta dei Beatles in una mano ed il coltello luccicante degli Stranglers nell'altra. Dando vita e partecipando ad un nutrito numero di gruppi come Revox, Tzar's Revox, New Hard Beat (una testimonianza sui vinili di 'Arezzo Wave'), Dagon e Death+Night+Blood dapprima come chitarrista, poi come tastierista ed infine come studio man-machine, Bragaglia (cognome futurista, isn'it?) si è, come si suol dire, fatto le ...


Paolo Di Sabatino/JAVIER GIROTT

MusicPedia:

Paolo Di Sabatino trio, Special Guest Javier Girotto Nato a Teramo il 26 Settembre 1970, inizia giovanissimo lo studio del pianoforte sotto la guida del padre e si diploma da privatista nel 1990 col massimo dei voti, la lode e la menzione speciale, presso il Conservatorio di Bari. Nel 94, nello stesso Conservatorio, consegue il dipolma di musica jazz. Dedicatosi esclusivamente al jazz si esibisce con varie formazioni a proprio nome dal "piano solo" all'ottetto. Ha suonato in importanti jazz-club, rassegne concertistiche, trasmissioni radiofoniche (Rai Stereo Due) e numerosi Festival, tra i quali ricordiamo: Fano, Pescara, Pomigliano, Urbino, Festival pianistico ...


Paolo Di Sabatino Quartet

MusicPedia:

Paolo Di Sabatino Quartet 9/7 ore 21.30 Rocca Malatestiana Con due CD all'attivo, Harem e Foto Rubate, Paolo Di Sabatino si è segnalato negli ultimi tempi come uno dei talenti emergenti del pianismo jazz made in Italy. Pur pagando il debito nei confronti dei grandi specialisti americani della tastiera acustica, Di Sabatino sta mettendo in mostra per parte sua un senso melodico e una scioltezza improvvisativa che promettono davvero bene. Per Fano Jazz By The Sea si presenta con al proprio fianco la tromba di Fabrizio Bosso, altro giovane jazzman da seguire con attenzione, e un tandem ritmico di sicura affidabilità, formato da ...


Paolo Di Sabatino

MusicPedia:

Paolo Di Sabatino Formazione nata nel 1993 e guidata dal pianista teramano Paolo Di Sabatino. L’ultimo CD, si intitola Intro- ducing Paolo Di Sabatino. Il quartetto propone un repertorio prevalentemente formato da composizioni originali e da alcuni standards. Si passa dal jazz al latin con gran disinvoltura senza però mai trascurare l’energia, peculiarità di questo gruppo. Nella formazione spicca la presenza del trombettista Fabrizio Bosso, nuovo Top Jazz della rivista Musica Jazz tra i nuovi talenti. La ritmica è formata da Luca Bulgarelli e da Massimo Manzi. Formazione: Paolo Di Sabatino (piano); Fabrizio Bosso (tromba); Luca Bulgarelli (contrabbasso); Massimo Manzi (batteria).


PAOLO DI CIOCCIO/Le Roi et la C

MusicPedia:

PAOLO DI CIOCCIO Le Roi et la Colombe Non è trascorso neppure qualche mese dall'uscita di "Evening Star" ed ecco che Paolo Di Cioccio torna alla carica con un album nuovo di zecca, il suo terzo al di fuori del Theatrum Chemicum; non finisce qui: presto ne avremo tra le mani un ennesimo. Inutile dire che il rischio corso dal pur bravo compositore romano è quello di saturare il mercato e di disorientare un pubblico, invero abituato a realizzazioni sporadiche. Tuttavia secondo l'opinione dell'artista non bisogna rinunciare alle opportunità offerte dal destino né alla possibilità di moltiplicare le occasioni promozionali, grazie ...


Paolo Damiani

MusicPedia:

Paolo Damiani Contrabbassista, violoncellista, direttore artistico di festival, didatta. Un jazzista a 360°. La sua creatura più bella e duratura resta, forse, il festival di Roccella Ionica. Ama lavorare con altre forme d'arte (danza, teatro). Musica Mu(n)ta Orchestra-Arnnìnnìa (Nueva); Eso (Splasc(h)).


PAOLO CONTE/Tournée 2

MusicPedia:

PAOLO CONTE Tournée 2 Segnalato da Rolling Stone per The Best Of Paolo Conte, l'astigiano torna con il live Tournée 2 a tre anni da Una Faccia In Prestito. Dei 29 brani, registrati dal vivo fra il 1994 e il '98, undici provengono da 900, e fra questi un'intensa, erotica versione di Chiamami Adesso. Ma forse le cose più belle vengono dalle riproposizioni del primo repertorio: è il caso di Luna Di Marmellata e Chi Siamo Noi? rilanciate da trilli e suoni alla Nino Rota, o di Tua Cugina Prima (Tutti A Venezia), dal primo album del 1974 presentata in una entusiasmante ...


PAOLO CONTE/RAZMATAZ/2

MusicPedia:

PAOLO CONTE RAZMATAZ WARNER MUSIC Stavolta Paolo Conte è riuscito a coglierci di sorpresa. Pochi si sarebbero aspettati un album come questo, composto di ricordi, bozzetti ed opere per un grande musical sulle origini del jazz: un progetto che l'avvocato di Asti studia da anni e che un giorno (forse) si farà. Razmataz è una parola dimenticata, misteriosa, dall'etimologia incerta, forse associata alla danza delle ballerine di charleston; una parola che emerge dagli anni magmatici della New Orleans di fine ottocento, dal quartiere a luci rosse di Storyville, dai tempi in cui, recita una leggenda, il mitico Buddy Bolden trovò una cornetta per ...


PAOLO CONTE/Razmataz

MusicPedia:

PAOLO CONTE Razmataz Razmataz è il coronamerto di un vecchio sogno del pianista astigiano. Un musical che fa da colonna sonora ad un film, un film particolare che verrà edito su Dvd nei prossimi mesi. Anche il disco è molto particolare... Un musical, ma non nel senso classicamente americano, bensì un lavoro personale imbevuto di francesismi e di radici americane. Un cocktail stravagante che solo un musicista geniale come Conte, ormai conosciuto in tutto il mondo (e se lo merita) era in grado di portare a termine. L'idea di Razmataz il nostro l'aveva in nuce da almeno trenta anni: prima non ...


Paolo Conte

MusicPedia:

Paolo Conte. Dal 1974 un totale di 15 dischi, un artista particolare che da sempre vanta un ascendente carismatico non indifferente. Uno dei nostri personaggi apprezzati anche all'Estero, in Francia per esempio, dove è particolarmente amato, e certamente uno degli artisti più creativi dell'intero panorama musicale italiano. La musica proposta da Paolo Conto è poliedrica e geniale costruita su poesia e riflessioni, du immagini e giochi naturali preparata e studiata minuziosamente ma non per questo poco spontanea o fredda. Quello che colpisce di Paolo Conto è la capacità costante e duratura di rinnovarsi in pensieri e suoni, la capacità di ...


Paolo Castaldi

MusicPedia:

Paolo Castaldi - Milano - I (1930) Compositore italiano. Ha studiato composizione e direzione d'orchestra e contemporaneamente ha frequentato la Facoltà di ingegneria presso il Politecnico di Milano. Segue i corsi dell'Istituto per la Musica Contemporanea di Darmstadt tenuti da Boulez, Ligeti I(agel e Stockhausen ma ben presto si distacca da tutti gli indirizzi ufficiali per proseguire le sue ricerche individualmente. Insegna a Parma e Milano e tiene corsi e seminari in diverse città italiane ed europee. Polemico nei confronti delle neoavanguardie si è concentrato su materiali musicali del passato, sottopo~sti a un'ironica sottrazione di senso. Fra le sue composizioni ricordiamo ...


Paolo CASISA/new formazione

MusicPedia:

Paolo Casisa Funky Jazz Orchestra Dopo il primo anno di attività ricco di concerti la Funky orchestra cambia formazione! Ho sentito man mano l'esigenza di rendere partecipi al mio progetto musicisti che sono, senza esagerare, tra i migliori strumentisti marchigiani ed emiliano-romagnoli. Tutti quanti hanno al loro attivo innumerevoli collaborazioni con jazzisti di fama mondiale, registrazioni di c.d., centinaia di concerti in tutta Italia. Elencare tutto ciò è inutile e superfluo, ciò che conta è che tutti loro offrono la loro esperienza e la loro tecnica al servizio delle mie composizioni che hanno acquistato uno spessore musicale apprezzabilissimo. Ora la Paolo ...


PAOLO CASISA/buskers

MusicPedia:

PAOLO CASISA Paolo Casisa nacque a Fano il 21 Marzo 1959. Ancora in fasce tenne il suo primo concerto esibendosi ai sonagli e carillon solista davanti al folto pubblico.... dei suoi genitori riscuotendo enorme successo! Nei quarant'anni successivi perfezionò, sempre da autodidatta, lo studio del vibrafono, delle percussioni più strane, della chitarra, della clavietta, del cazoo, della batteria, delle bolle di sapone. Particolarmente degna di nota la sua maestria nel suonare i peluche che è costretto a sottrarre regolarmente al suo figlioletto Manuel che, a volte, partecipa attivamente alle performance esibendosi alle nacchere ed alle maracas. Il suo spettacolo si intitola ...


Paolo Casisa/Artista Di Strada

MusicPedia:

Paolo Casisa (Artista Di Strada) Paolo Casisa nacque a Fano il 21 Marzo 1959. Ancora in fasce tenne il suo primo concerto esibendosi ai sonagli e carillon solista davanti al folto pubblico.... dei suoi genitori riscuotendo enorme successo! Nei quarant'anni successivi perfezionò, sempre da autodidatta, lo studio del vibrafono, delle percussioni più strane, della chitarra, della clavietta, del cazoo, della batteria, delle bolle di sapone. Particolarmente degna di nota la sua maestria nel suonare i peluche che è costretto a sottrarre regolarmente al suo figlioletto Manuel che, a volte, partecipa attivamente alle performance esibendosi alle nacchere ed alle maracas. Il suo ...


PAOLO CASISA Menestrello Di Str

MusicPedia:

PAOLO CASISA Menestrello Di Strada Dopo il successo del "Viaggio Immaginario" (ma non troppo) sul Pianeta Suono, Paolo Casisa raddoppia e diventa un menestrello medievale in originale costume dell'epoca. L'Artista ha ricostruito, su un disegno del 1200, l'unica macchina medievale musicale esitente al mondo. Carilletta è il suo nome e con essa il menestrello vaga per le rievocazioni storiche di tutta Italia suonando e raccontando storie originali tratte da scritti amanuensi d'epoca medievale (600/1492 D.C.). L'artista di strada a volte si trasforma nel magico pifferaio di Hamelin onde stupire ed incantare bimbi ma non solo. Il pifferaio segue le persone a ...


Paolo Casisa Funky-Jazz Orchest

MusicPedia:

Paolo Casisa Funky-Jazz Orchestra I componenti sono: Paolo Casisa (vibrafono, percussioni, chitarra, armonica,voce ed altre cosine); Giorgio Caselli (tromba, flicorno); Gabriele Bertozzi (sax tenore, sax contralto, clarinetto); Daniele Titti (clarone, clarinetto, sax tenore, fisarmonica, tastiere); Riccardo Bertozzini (chitarre); Graziano Rocconi (basso elettrico, contrabbasso): Mario Lineri (batteria); composizione ed arrangiamento Paolo Casisa. Evento musicale dell'anno! Lo spettacolo che offre questa nuovissima formazione è unica nel suo genere, il funky si mescola a volte al latin, a volte al rap, a volte al jazz; grazie al polistrumentismo dei musicisti, l'impasto armonico e ritmico risulta assolutamente originale e coinvolgente. La Funky-Jazz Orchestra offre due ...


Paolo Casisa Funky Jazz Orchest

MusicPedia:

Paolo Casisa Funky Jazz Orchestra La Funky-Jazz-Orchestra diretta dal polistrumentista Paolo Casisa, offre due ore di spettacolo dove l'ottimo solismo dei componenti è supportato da arrangiamenti curati e trascinanti. Il funky si mescola al iazz, al latin, al rap, all'afro-blues, in un susseguirsi di brani originali dove traspare l'intento di divertire chi ascolta con una musica ricca di sorprese, anche scenografiche. I musicisti che partecipano a questo progetto, fra i migliori strumentisti delle Marche e della Romagna, sono: Paolo CASISA (vibrafono, chitarra, percussioni, voce); Giorgio CASELLI (tromba, flicorno); Samuele GAROFOLI (tromba, flicorno); Carlo COLOCCI (sax tenore e contralto); Simone LAMAIDA (sax ...


PAOLO CASISA FJO/2

MusicPedia:

PAOLO CASISA FUNKY JAZZ ORCHESTRA (cd autoprodotto) Gli antenati crearono il mondo cantandolo. Poi un giorno i bianchi si presero la terra e non la restituirono piùŽ Oggi la musica, dentro e fuori i confini dell'Africa, dell'Asia, dell'Australia lotta in prima linea per una riconquista fisica e mentale. Ritmi, terapie, spazi, orizzonti, sonorità dei popoli autoctoni, sono il nutrimento, il linguaggio e l'intelligenza. E sono la cifra stilistica di musicisti che sanno muoversi oltre i confini austeri della civiltà occidentale, liberi da schematismi precostituiti. Che poi questi musicisti siano tutti bianchi e vivano nella provincia marchigiana e romagnola ...


PAOLO CASISA ARTISTA DI STRADA

MusicPedia:

PAOLO CASISA ARTISTA DI STRADA L'unico spettacolo d'arte di strada in cui il pubblico è assoluto protagonista, guidato e diretto dall'artista come una vero orchestra. Il viaggio musicale si snoda attraverso canti tribali, assoli di rototom ed interventi cabarettistici, quindi raggiunge il suo culmine quando l'artista distribuisce al pubblico una cinquantina di percussioni provenienti da tutto il mondo: fischietti, tamorre siciliane, batà congolesi, coperchi di pentola, maracas, nacchere e tante altre cosine strane che stimoleranno l'atavico battito tribale che sonnecchia in ognuno di noi. L'improvvisata orchestra sarà guidata dall'artista attraverso improbabili "gramelot" demenzial-percussivi, vorticosi "scat" jazzistici, ma anche inaspettate canzoni per bimbi, ...


PAOLO CASISA

MusicPedia:

PAOLO CASISA Paolo Casisa è nato a Fano il 21 Marzo l959. In venticinque anni di attività musicale ha maturato esperienze in diversi generi musicali, dal rock al jazz, dal blues al funky. Compositore ed arrangiatore, suona il vibrafono, la batteria, le percussioni, la chitarra classica ed acustica, l'armonica cromatica, la clavietta. Nel 1990 entra nell'organico della Marche Jazz Orchestra diretta da Bruno Tommaso. Successivamente partecipa con i Blues Dandies al Festival Jazz di Fano nelle edizioni '92 e '93. Adriano Mazzoletti, direttore artistico del festival Umbria Jazz By The Sea lo invita, nella serata finale della manifestazione, a suonare assieme ...


PAOLO CARUSO

MusicPedia:

PAOLO CARUSO Nel 1986 ha frequentato i corsi di specializzazione al Drummers Collective di New York. Nel 1987 ha partecipato al Tour Internazionale di Luca Carboni. Nel 1990 ha registrato la musica per uno spot messo in onda da RAI 3 e Video Music. Nell'anno successivo è apparso un suo articolo sul magazine specializzato Percussioni. Negli anni 1993 e '94 ha fatto parte dell'orchestra del Paese Degli Specchi di Bologna diretta da Michael Gibs e George Russell. Ha partecipato anche ad una tournèe col saxofonista americano Dave Liebman. E' stato membro del gruppo Canto e Discanto con cui ha vinto il ...


PAOLO CARLINI Extendo

MusicPedia:

PAOLO CARLINI Extendo - Works For Bassoon And Other Instruments" Musiche inedite scritte appositamente per questo progetto da alcuni fra i più importanti compositori italiani di oggi: Giancarlo Cardini, Sylvano Bussotti, Ludovico Einaudi, Carlo Boccadoro, Mauro Castellano, Gaetano Giani Luporini, Alessandro Solbiati, Dimitri Nicolau. Un affascinante viaggio con il fagotto come protagonista, al centro di una costante evoluzione nell'uso e nel ruolo dello strumento. Linguaggi diversi, ma accumunati dalla medesima tensione e dallo stesso desiderio di ricerca.


PAOLO CARLINI

MusicPedia:

PAOLO CARLINI: "Extendo - Works For Bassoon And Other Instruments" Musiche inedite scritte appositamente per questo progetto da alcuni fra i più importanti compositori italiani di oggi: Giancarlo Cardini, Sylvano Bussotti, Ludovico Einaudi, Carlo Boccadoro, Mauro Castellano, Gaetano Giani Luporini, Alessandro Solbiati, Dimitri Nicolau. Un affascinante viaggio con il fagotto come protagonista, al centro di una costante evoluzione nell'uso e nel ruolo dello strumento. Linguaggi diversi, ma accumunati dalla medesima tensione e dallo stesso desiderio di ricerca.


PAOLO BROSIO

MusicPedia:

PAOLO BROSIO Giornalista professionista specializzato in cronaca nera e giudiziaria. Tutti lo ricordano per i suoi singolari servizi da "Tangentopoli" sul TG4 di Emilio Fede e poi passato a Rai3 come inviato molto speciale di Quelli Che Il Calcio. Proprio da quest'ultima esperienza è nato il libro: un diario di tutte le vicende più assurde e strane che gli sono capitate viaggio per viaggio. In effetti, certe situazioni non sono state del tutto agevoli, come la discesa in profondità con la campana sottomarina al largo di Genova, come la corsa in moto insieme a Capirossi, come la scalata al Castello di ...


PAOLO BONFANTI/On the outside

MusicPedia:

PAOLO BONFANTI On the outside / Club de Musique Se "blues dei caruggi" fosse una definizione comprensibile anche per chi ha poca pratica di vicoli, porti, spezie e facezie, diremmo che Paolo Bonfanti è il suo re. Solista mancino dai requisiti fondamentali - tecnica limpida, gusti sobri, cultura chitarristica enciclopedica - e dall'eccellente padronanza di palco, pubblica il terzo disco da titolare inseguendo la plausibile quadratura del cerchio delle sue esperienze. Nei dodici episodi dell'album, il chitarrista genovese si diverte a riordinare i tasselli della memoria come fotocolor scattati in epoche diverse e che rievocano sempre e comunque emozioni folgoranti. Saltella ...


Paolo Bonfanti Band

MusicPedia:

Paolo Bonfanti Band Uno dei più grandi bluesman italiani; Paolo Bonfanti, genovese, classe 1960, ha iniziato a suonare la chitarra nel 1975 con alle spalle studi di teoria musicale, armonia e pianoforte. Dal 1985 al 1990 è stato il front man di uno dei gruppi più importanti della scena rock-blues italiana, Big Fat Mama, con cui ha inciso tre LPs (l'ultimo un doppio dal vivo), ha suonato nei principali clubs della penisola e nelle più importanti manifestazioni musicali (Milano Blues Festival, opening act per Johnny Winter; sempre a Milano opening act per Pogues, Stevie Ray Vaughan e Los Lobos; Rock Targato ...


PAOLO BONFANTI BAND

MusicPedia:

PAOLO BONFANTI BAND Paolo Bonfanti è stato il front man di uno dei gruppi più importanti della scena rock-blues italiana i Big Fat Mama. Svariati i gruppi con cui ha suonato e collaborato numerose le sue produzione discografiche. Ha condiviso il palco con artisti del calibro di Stevie Ray Voughan, Los Lobos, e moltissimi altri. Definito dalla critica uno dei migliori chitarristi italiani, Paolo Bonfanti presenterà a Pordenone l’ultimo suo lavoro discografico “On the outside”.


PAOLO BONFANTI

MusicPedia:

PAOLO BONFANTI (chitarra) Genovese, classe 1960, ha iniziato a suonare la chitarra nel 1975 con alle spalle studi di teoria musicale, armonia e pianoforte. Nell'estate 1986 ha seguito un corso al Berklee College of Music di Boston. E' laureato al D.A.M.S. di Bologna con una tesi sul Blues. Dal 1985 al 1990 è stato il front man di uno dei gruppi più importanti della scena rock-blues italiana, Big Fat Mama, con cui ha inciso tre LPs (l'ultimo un doppio dal vivo), ha suonato nei principali clubs della penisola e nelle più importanti manifestazioni musicali (Milano Blues Festival, opening act per Johnny ...


Paolo Bolio

MusicPedia:

Paolo Bolio (tastiere, sequencing e cori) E' nato e vive a Milano. Spesso vi capiterà di trovare tastieristi armonicamente molto preparati ma senza il senso del timbro oppure ottimi programmatori di computer che però non sanno suonare dal vivo. Paolo è in questo senso da intendersi un musicista completo, con una tecnica avanzata ed uno spiccato gusto. Diplomato in pianoforte Paolo è oggi uno dei piùm richiesti tastieristi del mercato, per quanto oggi non disponibile a tournées. Ha suonato in prestigiose tournées con Loredana Berté, Franco Mussida (PFM), Marcella Bella etc...E' un ragazzo molto modesto rispetto alle sue capacità e questo ...


PAOLO BIRRO

MusicPedia:

PAOLO BIRRO è un valentissimo pianista molto attivo sulla scena Jazz/blues italiana, in diversi contesti. Accompagna sempre la cantante Cheryl Porter, con la quale ha affinato una grande intesa artistica.


PAOLO BIANCHI/Uomini addosso

MusicPedia:

PAOLO BIANCHI - Uomini addosso (ES, £.13.000) "Il loro sguardo avido, assente, e i loro occhi, di tutti quanti, ma soprattutto le mani. Prima ancora che tu entri in camerino, che cominci a prepararti per lo spettacolo. (...) E' sempre buio, in quei teatri, si trovano sempre in qualche sottosuolo o scantinato o ex cinema parrocchiale. Sotto, scorrono le fogne". Nelly Marais, per i 'nemici' 'Vampirella', si racconta con l'aiuto di Paolo Bianchi, in una specie di instant book: l'adolescenza in piena campagna francese, l'arrivo a Parigi con un anconetano da cui avrà una figlia, botte, grattacapi e l'iniziazione al mondo ...


PAOLO BELLI/Belli Dentro

MusicPedia:

PAOLO BELLI Belli Dentro È stato una delle rivelazioni televisive dell'anno: prima nello show di Panariello (Torno Sabato), poi a Sanremo estate. Con la sua big band, Paolo ha dimostrato di essere anche un ottimo compositore jazz: infatti, il nuovo cd "Belli dentro" accantona, solo momentaneamente, il blues e il soul per far ballare a ritmo di swing e dixieland, strizzando l'occhio a Tito Puente e Perez Prado. Oltre alle già famose "Hey' signorina mambo" e "Stai con me", c'è un omaggio a Buscaglione ("Teresa") e una cover di "Reet Petite" (portata al successo da Jackie Wilson alla fine degli Anni ...


PAOLO BELLI

MusicPedia:

PAOLO BELLI Paolo Belli, l'ex cantante dei Ladri Di Biciclette. Dal 1993 Paolo Belli ha intrapreso la carriera da solista, confermando, nei suoi album, le sue caratteristiche: una grande voce, una passione infinita per il soul, il blues, il funky, il cinema, la Juventus (???), la creatività nello scrivere canzoni di successo. Il suo ultimo album si intitola "A Me Mi Piace... Lo Swing", ed è un album dal quale sono stati già estratti tre singoli.


Paolo Angeli/linee di fuga

MusicPedia:

Paolo Angeli/linee di fuga Paolo Angeli - chitarra sarda costruita in Sicilia e preparata a Bologna La chitarra sarda è lo strumento maggiormente utilizzato nel Nord Sardegna per accompagnare il canto monodico. La sua difrusione, soprattutto nel secondo dopoguerra, è legata allo sviluppo della “Gara di canto”, competizione canora tra tre o più cantori i quali si confrontano in estenuanti dispute su modelli e forme canore del repertorio gallurese e logudorese (primo fra tutti il Canto in Re). Definita anche chitarra “Gigante”, in relazione alle sue dimensioni è accordata una quarta o una quinta più in basso rispetto all’accordatura convenzionale, e si caratterizza come ...


Paolo Angeli/Fraili

MusicPedia:

"Dove dormono gli autobus" (Erosha, 1995) è invece l'album solista di Paolo Angeli, ispiratissimo incontro tra rock evoluto e saggezza popolare aperto da una massima del musicista sardo Giovanni Scanu che vale la pena riportare in tutta la sua ingenuità sintattica: "Prima la musica... non ce n'era per niente. Poi piano piano il mondo s'è sviluppato, no? Ed è avvenuto qualche cosa poi hanno formato anche la musica. Poi siccome se ne sono 'infadati' di questa, della musica, dovevano lavorare, una cosa e l'altra... si è sfasciata..."; appositamente per eseguire dal vivo il materiale di questo CD è in seguito ...


Paolo Angeli

MusicPedia:

Paolo Angeli Prime esperienze musicali in un vecchio autobus abbandonato nella periferia della Sardegna settentrionale...apprende i rudimenti della chitarra dal padre. “Aspirante al comando di navi mercantili” presso l’Istituto Tecnico Nautico di La Maddalena, nel 1989 si trasferisce a Bologna. All’interno dell’università occupata, con il Laboratorio di Musica & Iminagine ed altri sparuti compagni inizia un lavoro di sperimentazione musicale ancora in corso, con continui scambi e collaborazioni tra musicisti provenienti da aree diverse. Con il LM&I suona tra il ‘90 e il ‘97 in numerosi festival di musica ‘innovativa’, produce tre CD e collabora con il musicista anglo-australiano Jon Rose. Successivamente ...


Paolo Achenza Trio

MusicPedia:

Paolo Achenza Trio Ombre Un ritorno ed un esordio all'interno della stimatissima scena acid jazz di Bari. Paolo Achenza pubblica l'atteso secondo album, dopo che "Do It" (1994) aveva reso di culto il suo nome in giro per il mondo, e si ritrova a confrontarsi con una scena jazz dance profondamente mutata. Ma il Trio non si lascia prendere alla sprovvista, "Ombre" cerca di fondere la spontaneità assolutamente live del jazz con intuizioni ricavate dall'ascolto dei suoni evoluti dalle scene contemporanee in questi ultimi due anni. Certo non mancano suite più classiche ("Samba Royale" ne è un esempio), ma ciò che impressiona ...


PAOLO +PAOLO

MusicPedia:

PAOLO & PAOLO Duo composto da Paolo Buonaiuto e Paolo Caiazzo, provenienti da esperienze separate di capo-villaggio e conduttore. Dopo una lunga serie di spettacoli in tutta la Campania sono stati chiamati tra gli ospiti fissi della fortunata serie televisiva Seven Show su Italia 7 curata da Mirko Setaro (Trettré). P. Buonaiuto fa poi parte del cast della fiction di Rai 3 "Un Posto Al Sole" mentre P. Caiazzo ha vinto nel '96 il premio "Salvo Randone" come miglior attore di teatro a Sciacca in Sicilia. Il loro cabaret è vulcanico e graffiante e si basa, spesso e volentieri, sul collaudatissirno ...


PAOLO & PAOLO/2

MusicPedia:

PAOLO & PAOLO Duo composto da Paolo Buonaiuto e Paolo Caiazzo, provenienti da esperienze separate di capo-villaggio e conduttore. Dopo una lunga serie di spettacoli in tutta la Campania sono stati chiamati tra gli ospiti fissi della fortunata serie televisiva Seven Show su Italia 7 curata da Mirko Setaro (Trettré). P. Buonaiuto fa poi parte del cast della fiction di Rai 3 Un posto al sole mentre P. Caiazzo ha vinto nel ’96 il premio Salvo Randone come miglior attore di teatro a Sciacca in Sicilia. Il loro cabaret è vulcanico e graffiante e si basa, spesso e volentieri, sul collaudatissimo meccanismo spalla-comico. Tra le ...


PAOLO & PAOLO

MusicPedia:

PAOLO & PAOLO Duo composto da Paolo Buonaiuto e Paolo Caiazzo, provenienti da esperienze separate di capo-villaggio e conduttore. Dopo una lunga serie di spettacoli in tutta la Campania sono stati chiamati tra gli ospiti fissi della fortunata serie televisiva Seven Show su Italia 7 curata da Mirko Setaro (Trettré). P. Buonaiuto fa poi parte del cast della fiction di Rai 3 Un posto al sole mentre P. Caiazzo ha vinto nel ’96 il premio Salvo Randone come miglior attore di teatro a Sciacca in Sicilia. Il loro cabaret è vulcanico e graffiante e si basa, spesso e volentieri, sul collaudatissimo meccanismo spalla-comico. Tra le ...


PAOLINO DALLA PORTA

MusicPedia:

PAOLINO DALLA PORTA QUARTET Antonello SALIS, pianoforte-fisarmonica; Riccardo LUPPI, flauto- sax tenore e soprano; Paolino DALLA PORTA, contrabbasso; Massimo MANZI, batteria. P. Dalla Porta inizia il suo percorso musicale studiando chitarra classica, passando poi al contrabbasso e alla musica jazz. Alla sicura padronanza tecnica dello strumento, che gli permette di esprimere tanto solide linee ritmico-armoniche quanto melodie leggere, il contrabbassista mantovano unisce un notevole talento compositivo, che informa la gran parte del repertorio del gruppo. Le proposte musicali del quartetto sono sorprendentemente variegate, come le individualità dei musicisti che lo animano, ciascuno dei quali vanta una carriera ricca di esperienze concertistiche in ...


PAOLA&CHIARA/Television

MusicPedia:

PAOLA&CHIARA Television Finito l'influsso effimero della prima ribalta sanremese, Paola e Chiara si sono ritrovate a cercare una vera identità musicale. Impresa non facile, considerati i tempi e le restrizioni imposte dal mercato, soprattutto quello più legato alle logiche di consumo commerciale. Le due ragazze, buon per loro, hanno saputo aspettare. Viaggiando, hanno imparato molto. Nel Regno Unito hanno scoperto il folk irlandese e il brit-pop. In Spagna hanno cercato il confronto con altre tendenze. TeleVision, registrato a Londra e prodotto insieme a Roberto Baldi, è il frutto, ancora un po' acerbo, di questa voglia di uscire dalla provincia. Alle canzoncine ...


Paola Volpato

MusicPedia:

Paola Volpato è laureata in Scienze Politiche ad indirizzo economico e il suo contatto con l’arte avviene a Venezia: all’Accademia di Belle Arti, alla Scuola Libera del Nudo, alla Scuola Internazionale di Grafica, dove segue corsi di tecniche sperimentali dei pittori Licata e Basaglia al Museo Fortuny in cui frequenta stages di fotografia e di elaborazioni immagini digitali. Il suo stile pittorico, ricco di simbologie, si avvale di memorie del passato storico ricomposte in sequenze in cui il flusso delle immagini segue un codice magico e segreto che talvolta viene svelato da parole o con segni dalla stessa pittrice. La ...


PAOLA TURCI/Mi basta il paradis

MusicPedia:

PAOLA TURCI/Mi basta il paradiso Non sempre sostenuta da un repertorio in grado di valorizzarne le doti di interprete, in "Mi basta il paradiso" Paola Turci riprende la strada iniziata con "Oltre le nuvole", disco interamente pensato come rivisitazione di brani anglo-americani più o meno noti, affiancando ai titoli scelti nel recente panorama internazionale (tra i tanti, i Texas e Richard Marx) alcune canzoni inedite. L'attenzione a raccogliere tracce adatte alla bella voce della cantante, però, non sempre fa bene ail'immaginazione. E spesso le proposte non superano il noto schema che vuole l'interprete in bilico tra il melodismo nostrano e arrangiamenti ...


PAOLA TURCI/3

MusicPedia:

PAOLA TURCI Appassionata di musica da sempre debutta a Sanremo nel 1986 e realizza il suo primo album nel 1988 sotto la produzione di Mario Castelnuovo e Gaio Chiocchio. Acclamata dalla critica come una delle realtà più promettenti della musica italiana, si conferma a Sanremo nel 1989 con il brano "Bambini" inserito nell'album 'Paola Turci'. La carriera di Paola prosegue negli anni seguenti con una intensa attività live dove l'artista trova la sua dimensione naturale ed esprime le sue doti di energia e vitalità. Di questo periodo sono anche "Ringrazio Dio" (1990), "Stato di calma apparente" (1993), "Io e Maria" (1993) ...


Paola Turci

MusicPedia:

Paola Turci Appassionata di musica da sempre debutta a Sanremo nel 1986 e realizza il suo primo album nel 1988 sotto la produzione di Mario Castelnuovo e Gaio Chiocchio. Acclamata dalla critica come una delle realtà più promettenti della musica italiana, si conferma a Sanremo nel 1989 con il brano "Bambini" inserito nell'album 'Paola Turci'. La carriera di Paola prosegue negli anni seguenti con una intensa attività live dove l'artista trova la sua dimensione naturale ed esprime le sue doti di energia e vitalità. Di questo periodo sono anche "Ringrazio Dio" (1990), "Stato di calma apparente" (1993), "Io e Maria" (1993) ...


PAOLA TUBARO/Critica della ragi

MusicPedia:

PAOLA TUBARO Critica della ragion Nonprofit L’economia solidale è una truffa? Derive Approdi £ 12.000 Map è la nuova collana della casa editrice Derive Approdi, libri scomodi si potrebbe dire, libri destinati a suscitare polemiche, libri che affrontano argomenti finora intoccabili, scomodi, dei quali si ha paura di parlare, perché più o meno da vicino ci riguardano tutti. Il nonprofit, erroneamente chiamato no profit, per esempio. Vi siete mai trovati a mettere in discussione la trasparenza di associazioni umanitarie, nonprofit appunto, che operano nel nostro paese? Cosa si nasconde dietro il lavoro, che è venuto a formare il cosiddetto terzo settore? Paola Tubaro ...


PAOLA MINACCIONI

MusicPedia:

PAOLA MINACCIONI Attrice comica, cabarettista; lavora in molti locali tra i quali lo Zelig di Milano. Nell'ultimo spettacolo. "Forbici Follia". conquista il pubblico rimanendo tre mesi in cartellone a Roma.


PAOLA MAUGERI

MusicPedia:

PAOLA MAUGERI Presentatrice giornalista musicale. Parla inglese, francese e spagnolo. Amatissima dai giovani ha condotto "Segnali di fumo" (Video Music), "Night Express" (RAI UNO) ed attualmente "Jammin" (ITALIAUNO).


Paola Lorenzi Quartet

MusicPedia:

Il Gruppo Paola Lorenzi Quartet Propone un omaggio alla grande cantante Billie Holiday. Gruppo composto da: Paola Lorenzi (voce), Stefano Travaglini (contabbasso), Roberto Monti (chitarra), Massimo Ferri (batteria). "Paola Lorenzi unisce ad una preparazione ineccepibile della tecnica vocale, la capacità rara ed innata di creare il feeling con il pubblico" (da "Anteprima" di Bologna). La sua voce, calda e sinuosa è sempre pronta a mimetizzarsi in situazioni diverse dal free al mainstream, dai tanghi argentini di Piazzolla fino ad arrivare alla musica latina di qualità. Paola Lorenzi ha un curriculum lunghissimo ed importante, ha rappresentato l'Italia al Festival Internazionale di musiche ...


PAOLA JACOBBI

MusicPedia:

PAOLA JACOBBI Dal ’98 è Direttore responsabile di Tutto, rivista di musica ed altro, tiratura 200mila copie, Arnoldo Mondadori Editore. Giornalista professionista, è stata redattore di Epoca, Panorama, La Repubblica. Continua a curare una rubrica di cinema per Panorama e Ciak.


Paola Guarducci

MusicPedia:

Paola Guarducci, accompagnata da Mazzola alla chitarra e Iannone al piano, è un'interprete speciale di Ferré, e lo canta con un sentimento tutto particolare, tipico di chi ha respirato la stessa aria che aveva scelto di respirare l'artista: viene da Castellina in Chianti, la cittadina toscana dove il grande maestro aveva deciso di vivere e, evidentemente, di morire.


PANTERA/Reinventing the steel

MusicPedia:

PANTERA Reinventing the steel Special Guests: POWERMAN 5000 + Satyricon Un evento per i metal kids di tutta Italia: i PANTERA ritornano in pista, con un album nuovo di zecca, REINVENTING THE STEEL che esce giovedì 23 marzo, e soprattutto con un tour mondiale che include ben due concert in Italia, a Milano e Pesaro. Il quartetto guidato da Phil Anselmo manca dall'Italia da due unni, ma soprattutto non pubblica nuovo materiale da quattro (l'album del 1997 era dal vivo, Official Live: 101 Proof). REINVENTING THE STEEL non delude le attese dei fans più esigenti. Vinnie Paul, il batterista, conferma che i ...


PANTERA

MusicPedia:

PANTERA Dopo aver dedicato l'estate scorsa all'Ozzfest, quest'anno i Pantera hanno deciso di mettersi in proprio. Prenderà infatti il via un tour quasi concorrente con l'Ozzfest: tra i nomi già confermati gli Slayer e gli emergenti Static-X, che hanno da poco completato le registrazioni per il loro secondo album, Machine.


PANTAREI NEW

MusicPedia:

PANTAREI Una novità assoluta, la nascita di un laboratorio-gruppo musicale calabrese che affonda le sue radici nell'esperienza del suo fondatore Leo Vulpitta e nella sua collaborazione con Pino Daniele. Le percussioni arabe e indiane, l'immediatezza ed il fascino delle inflessioni calabresi, il sapore etnico della realizzazione, le ritmiche reggae producono un effetto assolutamente poetico e unico. Il loro nuovo disco porta la prestigiosa firma, per i missaggi di Ashley Owen stretto collaboratore di Sting. PANTAREI è stato presentato tra i migliori gruppi del 1° Maggio di P.zza S. Giovanni a Roma. Discografia: "Pantarei", "Ragalentu".


PANSELUTA FERARU/Chants lautar

MusicPedia:

PANSELUTA FERARU "Chants Lautar De Bucarest" La parola "lautar" proviene da luth e i lautari sono i musicisti tradizionali romeni. Panseluta Feraru è una delle grandi voci lautar di Bucarest e ha raccolto l'eredità delle grandi Gabi Lunca e Romica Puceanu recentemente scomparsa. Originaria del sud del paese, questa cantante imponente nella voce e nell'aspetto (come tutte le grandi voci dell'est, verrebbe da dire) ha legato il proprio nome a un repertorio di motivi tradizionali influenzati da melodie urbane: lei stessa si presenta come "cantante da ristorante" una sorta di nostrana posteggia, che si avvale di una strumentazione tipicamente zigana ovvero ...


PANKOW/Bolli

MusicPedia:

PANKOW - ^~tmse~. Son contrario alle riedizioni, nel senso che questo 12" era stato inserito gratuitamente come CD nella rivista d'arte contemporanea D'AltS e trovo giusto siano premiati pionieri e «scovatori». Però son molto contento che ci sia data la possibilità di ascoltare questo pezzo splendido, un po' più morbido rispetto alla solita produzione dei fiorentini. Se Sono parziale riguardo ai Panltonv? Certo, ma per meriti acquisiti sul pick-up. Pensate che mi piace anche la B side chie non è incisa sonoramente ma graficamente (e puzza di zolfo!)


PANKOW/2

MusicPedia:

PANKOW Musica per stomaci di titanio. Info: Musica Maxima Magnetica, fax 0571/558920. Ed ecco a voi i Pankow! Vengono da Firenze, sono uno dei gruppi storici della scena "underground" italiana e una delle prime band electro-industrial a suonare anche all'estero. Oggi, dopo quasi tre anni di silenzio, sono tornati con un disco torbido, violento e mutante. Si intitola semplicemente Pankow ed è molto lento, molto pesante, molto rumoroso. Parla di città polverizzate, di luce che spezza la quiete e di mente che vince sul buio: barlumi (vani?) di pensiero sulle macerie della civiltà post Blade Runner. Decisamente più apocalittici che integrati.


Pankow

MusicPedia:

Tornando all’attualità dobbiamo assolutamente considerare la raccolta “Wodka, Erdbeereb Und Weitere Katastrophen” (Iptarro\Audioglobe) dei super sottovalutati Pankow (risorti nel ’96 con un album omonimo). Le 18 tracce contenute non rappresentano affatto un greatest hits (estratte da demo, EP e 12”), ma cercano di ripercorrere la storia della electro band toscana mostrando il mutamento sonoro avvenuto nel corso degli anni e fornendo una rappresentazione il più fedele possibile.


Pangea /ALWAYS

MusicPedia:

Pangea "ALWAYS" Volumex - Ve lo ricordate Raul Ž.ma non Casadei ŽOrleana quello di Uan ,Tow, tree, Four . Campione di questa produzione che sa un po' di latin House . Niente male , anzi compratelo , fatelo girare sui 1200 e sappiatemi dire .


PANDIT SANKHA CHATTERJEE

MusicPedia:

PANDIT SANKHA CHATTERJEE Nato nel Bengala Orientale (attuale Bangladesh) nel 1934, Sankha Chatterjee è stato iniziato allo studio dei Tabla dal maestro Keramatullah e successivamente ha proseguito sotto la guida di Ustad Alla Rakkha. Sankha Chatterjee è uno dei più noti tablisti della scena contemporanea. Nel corso della sua brillante carriera ha accompagnato con il suo strumento i maggiori interpreti di musica indiana, tra i quali si ricordano: Bade Goolam Ali Khan, Vilayat Khan, Nikhil Banerjee, Bhinjen Joshi, Sankha Chatterjee si è esibito anche in Europa, dove esercita periodicamente un'intensa attività didattica. Info: 0338/4542136 ERIKA


Pandit Amar Nath

MusicPedia:

Pandit Amar Nath Eminente musicologo e cantante di rara profondità emotiva e creatività, è largamente riconosciuto come il maggior testimone della cultura vocale del nord India. Egli si colloca nella rara categoria dei maestrimusicisti contemporanei ( i vakgeyakars) avendo composto duecento componimenti originali (khayals) entrati a far parte del repertorio classico indiano. Ha presentato i suoi concerti in tutto il mondo, registrato dischi e composto musiche per teatro, televisione e cinema. E' autore di svariati scritti sulla musica classica indiana, tra i quali "Living idioms in hindustani music" (1989), nel quale è registrata la tradizione orale della musica indostana, ormai in ...


Pancreas

MusicPedia:

Pancreas di e con Alberto Canepa Pancreas (la vendetta) è uno spettacolo di teatro comico composto da monologhi e canzoni articolati alla Giorgio Gaber; una giullarata moderna in cui si raccontano piccole storie di vita e grandi personaggi che rappresentano la nostra epoca.


PANCHO AMAT/De San Antonio a Ma

MusicPedia:

PANCHO AMAT/De San Antonio a Maisí Il titolo del disco equivale a dire «da un capo all'altro dell'isola» visto che capo San Antonio è quasi in Messico e Punta Maisí e quasi Haiti. Naturalmente l'isola è Cuba e Francisco "Pancho" Amat, armato di tres e cuatro dimostra di averla percorsa in lungo e in largo. Con il suo gruppo, El Cabildo del Son, ce ne offre infatti una succulenta dimostrazione alternando bolero, son, guaracha, guajira afro-son. Artista dal curriculum impressionante (collaborazioni con tutti i suoi migliori connazionali e con stelle straniere quali Cesaria Evora, Ry Cooder, The Chieftains), ogni sua incisione ...


Panasonic

MusicPedia:

Panasonic Kulma (Blast First) Quando questo trio proveniente dalla Finlandia (nuova terra di sperimentazione elettronica) ha cominciato ad “aggredire” il pubblico accorso all’unica data italiana degli ormai defunti Swans, mi è sembrato subito di rivivere uno dei tanti “deliri” assaporati in uno dei migliori spazi della nostra penisola (Link, BO). Mi stavo sbagliando. Ho capito in seguito che si era definitivamente entrati in quella che qualcuno ha già definito l’era post-rave, di cui i Panasonic rappresentano soltanto la punta dell’Iceberg. Distanti anni luce dai caldi umori del connazionale Jimi Tenor, il gruppo di Mika Vainio (titolare della Säkhö Records etichetta Avant Garde), ...


panarea

MusicPedia:

PANAREA Il trio si è costituito nel Febbraio del '96, di recente quindi, ma ha già nel suo attivo diversi Concerti in Teatri e vari Jazz Clubs italiani. Pur avendo formazione ed esperienza concertistiche "accademiche", i singoli componenti hanno operato a lungo, in momenti e contesti diversi, nell'ambito del jazz e della musica latina facendo però dell'improvvisazione una condizione essenziale della propria personale espressività. Ed è appunto sull'improvvisazione e sul fertile terreno della musica folkloristica latino americana che i PANAREA fondano il proprio linguaggio musicale. Il repertorio del trio prevede dunque l'interpretazione di brani composti da R. Galliano, A. Piazzolla, D. ...


PANACEA/Poemics Metabolism

MusicPedia:

PANACEA Poemics Metabolism (Position Chrome) La Position Chrome si fà viva con i Panacea, noti soprattutto in Germania dove etichette come Digital Hardcore Recordings stanno sviluppando un sound che affonda le radici tanto nell'industrial music quanto nel drum'n'bass. Questo progetto è caratterizzato dalla violenza sonora che sfocia nei territori del drum'n'bass e dell'hip hop (ascoltate "Gunrunner" e "Reality-Fiction" in cui vi è rispettivamente la presenza di McRant e Ronin). Posto che il disco in questione piacerà a tutti coloro che sposano "l'oltranzismo sonoro" il disco è da segnalare per la notevole abilità utilizzata dal combo nel trattare i campionatori e gli strumenti ...


PANACEA/Brasilia

MusicPedia:

PANACEA Brasilia "Archittettura", la collana di CD curata dell'etichetta newyorkese Caipirinha in cui vengono presentati lavori di artisti invitati a comporre la loro musica basandosi su particolari opere architettoniche. Recentissimamente è stato pubblicato anche il quarto volume della serie, la peculiare trasposizione in suono, da parte di Panacea, delle futurisuche costruuzioni che Oscar Niemeyer realizzò a Brasilia a cavallo fra gli anni cinquanta e sessanta. L'eletronica composita e frammentaria del nostro riesce brillantemente a comunicare le medesime sensazioni di straniamento generate da alcune creazioni di Niemeyer, che nella loro monumentale staticità a tratti assumono carattere surreale. Tutto l'album si dipana attraverso ...


PANACEA

MusicPedia:

PANACEA (terror drill’n’bass iconoclast - D) Panacea è un altro terrorista dell’elettronica, ma a differenza del suo connazionale Alec Empire, che spesso si perde dietro slogan degni di una manifestazione studentesca di quarta categoria, tutta la sua furia è concentrata sulle sue produzioni musicali (e anche sul suo aspetto fisico...). Giovanissimo (è nato nel 1976), ha pubblicato il suo primo album ‘Low Profile Darkness’ lo scorso anno, con il quale ha avuto ottimi risultati perfino in America, dove il genere non è esattamente dei più seguiti. Si è addirittura scomodato Dj Spooky che lo ha chiamato a collaborare al suo album ...


PAN(a)SONIC

MusicPedia:

PAN(a)SONIC (Finlandia): La danza immobile che propone questo duo finlandese consegna l’eletronica, di cui sono tra i più grandi esteti, ad una dimensione interiore. Con grande intuizione rispetto alle tendenze che poi i dj hanno composto in musica, i Pan(a)sonic sono il punto più avanzato della musica elettronica contemporanea, le loro partiture hanno un respiro che a volte sembra sinfonico e sicuramente il loro sound é straniante ed ipnotico. Il supporto video che é parte integrante del loro live visualizza perfettamente questa utopia sonora. Ritenuti tra i più grandi in assoluto hanno lavorato con musicisti come Sakamoto e ...


PAN THY MONIUM

MusicPedia:

PAN THY MONIUM: 'Khaooohst' (Osmose) Da annoverare tra i capolavori dell'anno passato c'era sicuramente "Dawn Of Dreams", stupefacente lp d'esordio degli svedesi Pan Thy Monium...Un disco in cui si consumava la sapiente e calibratissima fusione tra le atmosfere più disparate riconducibili ai campi del Metal e del Rock, (quelli con la maiuscola!). Era inevitabile che l'attesa per questo secondo disco assumesse (almeno per coloro che avevano avuto modo di ascoltare il precedente) i contorni di fissazione paranoica, così solamente ora che posso stringere "Khaooohs" saldamente tra le mani, mi sento nuovamente tranquillo!! La prima cosa che mi sembra necessario rilevare ...


PAN SONIC/Aaltopiiri

MusicPedia:

PAN SONIC "Aaltopiiri" Volenti o nolenti, MikaVainio e Ilpo Vaisanen sono due tipi che la sanno lunga. Dopo aver sfidato in singolar tenzone una nota industria elettronica giapponese (di qui la caduta della "A" che prima stava al centro del loro nome, poi recuperata come titolo del penultimo album...), coinvolto Alan Vega e Charlemagne Palestine in altrettanti, ipersperimentali side projects, remixato Bjork e Riuychi Sakamoto, i due "elettroartisti" finlandesi fanno il loro ritorno in grande stile con un album dalle vaste proporzioni (70 minuti di musica) che riesce a fondere in una mirabile sintesi lo sperimentalismo più radicale e una certa ...


PAN SONIC/A

MusicPedia:

PAN SONIC "A" Una "A" erasa dal nome originario che ritorna, doverosa, a firmare l'album (il terzo e mezzo...) più attento all'esasperazione del lavoro di Mika ed Ilpo sulle frequenze e sui battiti. Siamo alla quinta canzone del CD e dobbiamo proprio dire, pardòn, scrivere, che l'isolazionismo a cui i due si sono votati può alla lunga divenire dorata e non tanto arieggiata prigione. "A", se possibile, rarefà ancora di più le scie timbriche dei suoi fratelli, si concentra su un respiro ultraminimale, un lavorio sulle frequenze, un soffio accompagnato da un ritmo, che sembra ergersi a riprova che non c'è nulla ...


PAN SONIC /A

MusicPedia:

PAN SONIC - "A" - (Blast First\Helter Skelter). La "A" che manca dal nome (tolta dopo che la nota multinazionale giapponese aveva minacciato di mettere in moto azioni legali) è uscita dalla porta, ma è subito rientrata dalla finestra e la ritroviamo quale titolo del disco. Disco che segue l'eccellente "Kulma" (a sua volta preceduto dal debutto "Vakio") e che viene dopo la collaborazione con Alan Vega dei Suicide, che ha fruttato il buon "Endless". Ma torniamo indietro nel tempo, sul finire del '95 per la precisione, allorquando lessi commenti positivi inerenti gli allora Panasonic su Music From The Empty Quarter ...


PAN SONIC & CHARLEMAGNE PALESTI

MusicPedia:

PAN SONIC & CHARLEMAGNE PALESTINE “Mort Aux Vaches” (Staalplaat/Demos) É una spartana confezione in cartone quella che racchiude il lavoro preparato da Pan Sonic e Charlemagne Palestine per la serie “Mort Aux Vaches”. Il CD è in edizione limitata a mille copie ed è reperibile, salvo fatti eccezionali, solo attraverso il mailorder di Staalplaat, alla pagina www.staalplaat.com. I cinque brani sono stati registrati il 10 gennaio ‘99 presso gli studi della radio olandese VPRO, il giorno prima dell’esibizione congiunta della coppia finlandese e del compositore minimalista e pianista newyorchese (tornato alla ribalta nell’ultimo decennio, dopo aver fatto parlare di sé negli ...


PAN PIPES/Transmission Form

MusicPedia:

PAN PIPES Transmission Form (CD autoprodotto) Le traiettorie dei Pan Pipes sono innumerevoli e colpiscono l’ascoltatore sin dall’inizio di questo cd, incentrato su arpeggi minimali, ritmiche scarne e seducenti, ripetitività ossessiva. Insomma la musica degli spostamenti, delle derive, del brusio metropolitano. Chi si sposta muta prospettiva, che si sposta ascolta altri rumori. La musica dei Pan Pipes non organizza alcuno spazio, ma lo attraversa, seguendo la lezione di Spacemen 3 e Spiritualized. Andrea Tabanelli autore dei dieci episodi qui inseriti è un vero talento, capace di disinnescare l’estenuante congegno tema-variazione producendo una sorta di musica flusso che ha nella propria dinamica la ...


PAN PIPES/Transmission Form

MusicPedia:

PAN PIPES Transmission Form Pan Pipes è un progetto nato nel maggio 1998. Il nome (Pan Pipes) viene dal romanzo di William Burroughs "Nova Express" e le pan pipes sono pipe che gli umani fumavano per mettersi in contatto con gli extraterrestri. Il progetto gira attorno al musicista TABA voce, campionatore, chitarra (ex SINNERDOLLS, un 45° e l cd con la Toast records di Torino, collaborazioni con la Rain Tapes di Julian Smyth, con la K7 records e varie esperienze live per l'Italia). Insieme a vari collaboratori nascono i Pan Pipes. BANDO-contrabasso, basso (varie esperienze live con Cristina Donà ed è ...


PAN PIPES Transmission Form

MusicPedia:

PAN PIPES Transmission Form Autoproduzione L'altro modo di fare ingresso (più meritevole di plauso, ritengo) e senza accordari a nessuno; lo fanno gli imolesi PP che sfoderando un incredibile maturità e senso dell'equilibrio nel fondere suoni e atmosfere diversissimi tra loro, confezionano uno dei dischi meglio contaminati che abbia mai ascoltato. Andrea (PP) tel. O542/52398.


PAN PIPES

MusicPedia:

PAN PIPES Pan Pipes è un progetto nato nel maggio 1998. Il nome (Pan Pipes) viene dal romanzo di William Burroughs "Nova Express" e le pan pipes sono pipe che gli umani fumavano per mettersi in contatto con gli extraterrestri. Il progetto gira attorno al musicista TABA voce, campionatore, chitarra (ex SINNERDOLLS, un 45° e 1 cd con la Toast records di Torino, collaborazioni con la Rain Tapes di Julian Smyth, con la K7 records e varie esperienze live per l'Italia). Insieme a vari collaboratori nascono i Pan Pipes. BANDO: contrabasso, basso (varie esperienze live con Cristina Donà ed è al ...


PAN AMERICAN/360 Business /360

MusicPedia:

PAN AMERICAN 360 Business /360 Bypass (CD Mute) (ót-56:07 Dall'esordio sostanzialmente 'casalingo' di Mark Nelson dei Labradford sotto le mentite spoglie di Pan American - si trattava di pezzi che riassumevano una lunga sequenza di cassette e nastri registrati nel corso degli anni - a questo nuovo CD che esce per Mute/ Blast First sono passati tempo e soprattutto cose, innanzi tutto perché la 'sua' band da culto estremamente sotterraneo è diventata relativamente 'alla moda' col trend del post rock ormai fatto carne appetibile anche per un pubblico (relativamente) vasto. Questo secondo album è intatti più professionale dell'esordio, più curato ...


PAMUNT ROM GROUP/Ritmul nostru

MusicPedia:

PAMUNT ROM GROUP Ritmul nostru Una vera street band i rumeni Pamunt. Un bel giorno sbarcano a Napoli, non su invito dell'assessorato alla cultura, ma per sfangarla. Il rischio di passarci anche le noti, per strada nella magica Italia è un'eventualità che devono aver contemplato. Però non sempre il destino è cinico e baro. Succede allora l'imponderabile: le loro melodie balcaniche finiscono dalla strada, alle orecchie di Enzo Gragnaniello. Il colpo di fulmine origina "Ritmul nostru", dischetto sincero e grazie al cielo poco o nulla manipolato. I cinque hanno swing zigano da vendere, sanno sia fare cover di traditional delle loro ...


Pamunt Rom Group

MusicPedia:

PAMUNT ROM GROUP Arriva da Bucarest il Pamunt Rom Group ("Pamunt" in rumeno significa terra), una band composta da cinque musicisti autodidatti dotati di una tecnica impressionante e capaci di spaziare senza fatica dalla musica popolare balcanica al jazz. Florin Barbu (chitarra e voce), Ionut Gugulan (1a fisarmonica e voce), Costel Ciortan (2a fisarmonica) Laurentiu Dinca (clarinetto), Adrian Nan (contrabbasso) sono protagonisti di una bella storia di emigrazione e integrazione "a lieto fine": approdati a Napoli, si esibiscono inizialmente nelle strade della città, ma, grazie alla loro freschezza e al loro straordinario virtuosismo, riescono ...


PAMELA ANDERSON

MusicPedia:

PAMELA ANDERSON - VHS (IEG, L. 39.000) Bisogna esser matti per star a parlare alle due di notte di Mark Kostabi, sapendo di doversi poi alzare alle sei e mezzo di mattina per "Hey-Ho", andare a lavorar. Ma quello stavamo facendo con un mio amico quando ne arriva un altro: "Ho comprato il video della Anderson, ce lo andiamo a vedere a casa mia?" "Mo'?" "Mo'". Detto fatto. Saprete già della storia del famoso furto del video porno girato dai signori Lee in luna di miele e la conseguente messa in onda via Internet, no? A quel punto, la bomba di ...


PALMSKIN PRODUCTIONS/Künstruk

MusicPedia:

PALMSKIN PRODUCTIONS Künstruk Per l'etichetta di Howie B, con cui ha stretto recentemente una partnership sfociata nel progetto Daddy Longlegs, Simon Richmond titolare delle Produzioni Palmskin, torna a far parlare di sé dopo gli ormai lontani esordi trip-hop con la Mo' Wax. Abbandonati quegli esercizi di stile mind-funk, la sua musica si fa decisamente più techno, nel senso kraftwerkiano del termine, con esplorazioni sublimin(im)ali che puntano alla (quint)essenza del (break)beat in un ammontare enarmonico di beep'n'bleep. Una spirale post(kraut)rock di elettronica ronzante tra derive lo-fi e drum-machine danzanti.


PALM SKIN PRODUCTIONS/Künstruck

MusicPedia:

PALM SKIN PRODUCTIONS Künstruck Pussyfoot/Virgin Era addirittura dal '96, se non andiamo errati, che non si avevano notizie di Simon Richmond, aka Palm Skin Productions, e ce lo ricordavamo più morbido e malleabile di quanto non risulti alla fine su questo disco - in extremis escluso dalla sezione Downtempo per caratteristiche intrinseche molto più vicine alla techno che non ad un'evoluzione del trip hop. L'eccezione è splendida, Half Life, una suite liquida ed eterea con la durezza e l'inquietudine di un pezzo di Nearly God; poco distante, sorta di decelerazione di un loop trance, segue The Leeward Shore. Ma per il ...


Pallonari

MusicPedia:

Pallonari Mentre Samantha De Grenet (***** o **, dipende dai giorni) parlava, a 'Candid & Video' (solite candid camera + spizzichi dello splendido cartoon/fumetto 'Spy Vs Spy'), il cestista Pozzecco abbracciava il presentatore di 'Bigodini' di cui, forunatamente, ignoro il nome. "Perché mi abbracci?", "Volevo vedere se hai i bigodini",. Il conduttore ci pensa un po' su: "E tu, ce l'hai il pallone?", "Ne ho due di palloni". Il principe e il povero (di spirito)...


Palle Danielsson/2

MusicPedia:

Nato a Stoccolma nel '46, Palle Danielsson ha studiato 94 contrabbasso al Conservatorio della capitale svedese. Tra le sue collaborazioni musicali annovera quelle con il pianista Staffan Abeleen, con cui incise nel '65-'66 nonché con Eje Thelin e George Russell. Nel '71, fondò con Bobo Stenson il gruppo RENA RAMA, con il quale ha suonato a vari intervalli fino all'85. Negli anni '70, lo vediamo lavorare spesso, in Europa, America e Giappone, con Jan Garbarek ad esempio nel quartetto guidato dal sassofonista norvegese insieme a Keith Jarrett (Belonging, ECM 1974), oppure collaborare con Albert Màngelsdorff (The Wide Point, BASF 1975). ...


Palle Danielsson

MusicPedia:

Palle Danielsson può essere considerato uno dei maggiori contrabbassisti europei. Musicista a "360 gradi", costantemente teso verso un uso cantabile dello strumento, ma al contempo perno insostituibile di ogni gruppo in cui è chiamato a collaborare, si dimostra sensibile ed aperto a tutte le possibili influenze musicali. Insieme a Jan Garbarek e al batterista Jon Christensen, suo compagno ideale, ha inciso quattro dischi con Keith larrett e nel corso di una brillante carriera ha suonato, tra gli altri, con Bill Evans, Ben Webster, Michel Petrucciani, Enrico Rava, John Surman, Don Cherry, John Abercrombie. Attualmente fa parte, con John Taylor, del ...


PALLE

MusicPedia:

PALLE Continua il viaggio nella raffinata Italia post-yuppie alla ricerca del vero esprit de finesse. Vi pregherei di notare il nuovo 'Cono Palla' della Motta, chiamato, in un rigurgito da nouveaux philosophes del no limit, 'Extrême Duo' (1.700 lire, manco poco). In che consiste? Ma diobòn, in due palle di gelato alle quali è attaccato il cono per una visione d'insieme che vi raccomando. Già lo so, diranno, i 'creatini' della Motta, che è più facile vederci un cuore di un cazzo. A chi volete darla a bere? Nomination per lo Shittaward '98.


PALINCKX/2

MusicPedia:

PALINCKX Gli olandesi Palinckx sono considerati a pieno diritto tra i migliori portabandiera della scena innovatrice europea; la loro proposta musicale, provocatoriamente intitolata alla con-fusione dei metodi e dei linguaggi, muove da un solido retroterra di esperienze nei campi del jazz e del rock più o meno ortodossi fino a sfiorare le più avanzate conquiste concettuali della classica contemporanea, con una formula personale e accattivante che mai tralascia spazio allo humour compositivo. Gli album dellíesordio e della notorietà radunano citazioni ed esempi disparatissimi allíinsegna del più audace e divertito riciclaggio musicale: vi si affollano composizioni isteriche, improvvisazioni di intenzione dissacratoria, sabotaggi acustici, strattoni di corde, suggerimenti trombonistici e accesi rintocchi ...


PALINCKX

MusicPedia:

PALINCKX (Paesi Bassi, Stati Uniti) Han Buhrs (voce); Jaques Palinckx (chitarra elettrica, voce, nastri); Bert Palinckx (basso acustico ed elettrico); Jim Meneses (batteria). Gli olandesi PALINCKX sono considerati a pieno diritto i migliori portabandiera della scena innovatrice europea; la loro proposta musicale, provocatoriamente intitolata alla con-fusione dei metodi e dei linguaggi, muove da un solido retroterra di esperienze nei campi del Jazz e del Rock più o meno ortodossi, fino a sfiorare le più avanzate conquiste concettuali della Classica contemporanea, per una formula personale ed accattivante che mai tralascia spazio allo humour compositivo. Gli album dell'esordio e della notorietà (da If P ...


PALERMO SPIRITUAL ENSEMBLE/2

MusicPedia:

PALERMO SPIRITUAL ENSEMBLE I canti religiosi nero-americani come “gospel” e “spirituals” hanno da sempre influenzato gran parte dei musicisti. Ciò che nel concerto dei Palermo Spiritual Ensemble si mette in risalto è la differenza fra l’interpretazione nero-americana e quella europea, che avvicina il gospel e lo spiritual alla lirica ed alla musica colta dando vita ad un genere musicale autonomo. Per questo nei Palermo Spiritual Ensemble troviamo due soprano liriche accanto a quattro voci soul, nell’intento di proporre uno spettacolo che sappia unire il coinvolgimento del Jubilee nero-americano più tradizionale ad esecuzioni belcantistiche, più vicine alla religiosità e al canto ...


PALERMO SPIRITUAL ENSEMBLE

MusicPedia:

PALERMO SPIRITUAL ENSEMBLE I canti religiosi nero-americani come "gospel" e "spirituals" hanno da sempre influenzato gran parte dei musicisti, sia quelli appartenenti alle forme espressive normalmente definite "popolari", sia quelli più vicini alla cosiddetta "élite culturale". Ciò che nel concerto dei "Palermo Spiritual Ensemble" si mette in risalto è la differenza fra l'interpretazione neroamericana e quella europea, che avvicina il gospel e lo spiritual alla lirica ed alla musica colta in genere, modificandone l'intento che non è più disperata rivendicazione di diritti e libertà negate, ma sempre più un genere musicale autonomo che nel corso degli anni si è sviluppato conoscendo ...


Pale Saints

MusicPedia:

I Pale Saints sono il gruppo più interessante in Inghilterra. E' un dato di fatto. Persino in un momento nel quale l'indipendente inglese sta fiorendo, quando sembra che non si possa svoltare l'angolo senza imbattersi in qualche nuova divinità armata di chitarre, i Pale Saints sono sicuramente da soli, indefinibili, infaticabili a fare strani ed indimenticabili suoni in uno spazio di loro creazione. Sono una gamma di apparenti contraddizioni, l'oscuro ed il rapito, che nelle loro mani suona naturale come respirare. Se credete alle loro storie, i semi dei Pale Saints furono gettati ad una scuola a Wotherby, nello Yorkshire ...


PALE NUDES new

MusicPedia:

PALE NUDES "Wise To the Heat" RecRec Music Avevamo lasciato un pregevole esordio discografico, "Vanishing Point", e un nome, (Ec)Nudes, dietro il quale si agitavano il chitarrista svizzero Wadi Gysi, la multistrumentista americana Amy Denio e le prestigiose bacchette di Chris Cutler. Per un rapido aggiornamento della storia è ora necessario cambiare l'(Ec) in "Pale". Constatare la dipartita di Cutler, sostituito alla batteria da Will Dowd. Infine annotare l'arrivo di Michael Gerber al contrabbasso. Uno sconvolgimento mica da poco, che però non nuoce alla compagnia. La musica sostanzialmente non cambia: canzoni senza bandiera, incantevole voce femminile, refrain deliziosi, cadenze quasi folk. E ...


PALE NUDES

MusicPedia:

PALE NUDES Si tratta di un'effervescente combinazione di musicisti che si muovono nell'ambito delle musiche creative tra improvvisazione, avanguardia rock e contaminazione con le musiche popolari - l'americana Amy Denio e lo svizzero W‰di Gysi sono i piÐ noti - gi‡ felicemente apparsa in Italia nelle scorse stagioni, e oggi rinvigorita dal valido apporto strumentale di un tastierista quale quinto membro. Una serie di fortunate coincidenze consente a questi musicisti - altrimenti impegnati in numerosi altri progetti e residenti in paesi lontani - di tenere in vita un gruppo che fin dalle prime prove si Ë mostrato tra i piÐ freschi dalla nuova scena internazionale, nonostante i suoi membri siano tutt'altro ...


PALE FOUNTAINS/Longshot for you

MusicPedia:

PALE FOUNTAINS Longshot for your love Più culto del culto, la band di Michael Head (ora leader degli Shack) percorse i primi anni Ottanta inglesi con una discrezione che rasentò a lungo l'autolesionismo. Fece circolare suoni di tromba e nomi inconsueti per quegli anni (John Barry, di cui ricantò 'We have all the time in the worid'), in cui prevaleva il nervosismo. Scrissero canzoni di una gradevolezza imbarazzante ('Thank you', 'Just a girl'), benché articolate. Chiusero bottega con due soli album, che però non includevano i loro pezzi migliori: pezzi che fino a questa benedetta raccolta con inediti della Marina erano ...


Pale Forest/2

MusicPedia:

Sono rimasto affascinato dalle 4 tracce di "Layer One" (Voices Of Wonder\Audioglobe) dei Pale Forest. All'apparenza non c'è nulla di straordinario (voce femminile, chitarre acustiche, tastiere, ecc.), però il sestetto scandinavo ha una buona predisposizione per lo scrivere decadenti canzoni rock-dark melodiche e spero che in futuro confermi tali peculiarità.


Pale Forest.

MusicPedia:

Sono rimasto abbastanza affascinato dalle quattro tracce che compongono “Layer One” (Voices Of Wonder\Audioglobe) dei Pale Forest. All’apparenza non c’è nulla di straordinario, d’altronde voce femminile, chitarre acustiche, qualche campionamento, viola, tastiere, ecc. sono cose ormai note, però ho l’impressione che il sestetto scandinavo abbia una buona predisposizione per lo scrivere decadenti canzoni rock, fondamentalmente melodiche e vagamente dark, debitrici tanto ai Dead Can Dance quanto ai The 3rd And The Mortal e spero che in futuro confermi tali peculiarità.


Pale Forest

MusicPedia:

Sono rimasto abbastanza affascinato dalle quattro tracce che compongono "Layer One" (Voices Of Wonder\Audioglobe) dei All'apparenza non c'è nulla di straordinario, d'altronde voce femminile, chitarre acustiche, qualche campionamento, viola, tastiere, ecc. sono cose ormai note, però ho l'impressione che il sestetto scandinavo abbia una buona predisposizione per lo scrivere decadenti canzoni rock, fondamentalmente melodiche e vagamente dark, debitrici tanto ai Dead Can Dance quanto ai The 3rd And The Mortal e spero che in futuro confermi tali peculiarità.


PALAZZO MADAMA

MusicPedia:

PALAZZO MADAMA La storia e le iniziative: "A.A.A. Bassista cerca batterista per formare gruppo", e così anche per gli altri membri: è iniziato tutto così nel 1991, con un annuncio su un giornale di inserzioni gratuite: Frank Bonan, Mauro Lovisetto e Daniele Magli diventano i "Palazzo Madama". In breve il gruppo prepara un repertorio proprio, che sin dall'inizio si caratterizza per la sua indole trasgressiva. Prendendo spunto dai temi trattati nelle canzoni, i Palazzo Madama inventano per se stessi la formula del "Rock & Rotico", ma in occasione di un concerto al "CarnevalAltro" di Venezia succede che "( ....) per un ...


PALAZZO D'INVERNO/ DANZA

MusicPedia:

SOLUZIONI DI PASSAGGIO PAOLO CORDA coreografia con: PAOLO CORDA, RITA SPADOLA, TIZIANA TROJA. Palcoscenico vuoto. Tre sedie. Due donne. Un uomo. Una musica molto dolce apre la scena. I personaggi sembrano sospesi in uno spazio, fuori dal tempo. Si creano delle relazioni in continuo movimento tra sogno e realtà. E' come guardare un vecchio album di fotografie, alcune sono sbiadite e ci riportano indietro nel tempo. Non vogliamo raccontare una storia, vorremmo piuttosto che ognuno si lasciasse trasportare dalle immagini, creando la sua propria storia e mettendo in gioco un po' del suo vissuto.


Palace Music/3

MusicPedia:

Palace Music Lost Blues and Other Songs’ (Domino) E per non dimenticare il già citato Will Holdam c’è da segnalare sicuramente ‘Lost Blues and Other Songs’ ultima uscita per il cantautore americano a nome Palace (Music in questa occasione, ma da oggi in poi Will Holdam si farà accompagnare solo dal suo nome di battesimo). Come già il titolo può far intuire questa uscita non è altro che una raccolta di materiale inedito che Holdam ha tenuto nel cassetto per un bel pò, tra le glorie della discografia ufficiale di Palace ( la cui uscita migliore rimane, secondo il sottoscritto, l’elettrico, epico ...


PALACE MUSIC/2

MusicPedia:

PALACE MUSIC "Arise Therefore" (Domino) Palace Song,Palace Brothers,stavolta invece Palace Music.Sigle differenti dietro cui si "nasconde"l'unica,sola, enigmatica figura di Will Oldham.Personaggio quanto mai introverso e restio alle interviste e a tutto quello che lo show-biz esige,il biondo fratello del palazzo accanto è riuscito a costruire,nel corso degli anni,un tipo di suono sintatticamente elementare e scarno fatto di semplici progressioni chitarristiche virgolettate,episodicamente,da estemporanei ornamenti strumentali (di basso,di piano e di batteria elettronica/acustica).E',in definitiva,il gustoso frutto di una attenta mediazione fra l'enorme mole di esperienze derivanti dalla tradizione cantautoriale americana (nonno Guthrie e papà Dylan) e,dall'altra parte,dal lato più confidenziale e meditativo del country.Il tutto abilmente ...


Palace Music /SMOG

MusicPedia:

Smog ' Red Apple Falls' Domino Palace Music 'Lost Blues and Other Songs' Domino 'The Doctor Came At Dawn' aveva mostrato il lato più oscuro, malinconico, intimista di quella creatura eternamente sorprendente che è Smog, ma ora, solo a pochi mesi di distanza da quel disco e con le orecchie ancora piene di canzoni fantastiche come 'All You Women Things', che avevano fatto parlare più di un appassionato della possibilità che Bill Callahan potesse sostituire Will Holdam nel cuore degli appassionati del country blues più estremo e desolato ecco che un disco come Red Apple Falls arriva e sconvolge ...


Palace Brothers/Will Oldham

MusicPedia:

Palace Brothers/Will Oldham "Western Music" La piccola ma attivissima casa discografica madrilena Acuarela ci consegna questo stupendo mini cd di Will Oldham ancora una volta nascosto sotto i panni dei Palace. Western Music consiste in quattro pezzi non inclusi nel recente Joya. Pochi direte voi. Eppure la qualità di questi brani è altissima e, a nostro modesto avviso, superiore a quelli contenuti nel succitato lavoro del nostro cowboy triste. In particolare "Always Bathing In The Evening" e "Jump In, Jump In, Come Out, Come Out" sono delle vere e proprie perle di country malato e infettato da mosche tze-tze. Sonnolenza è ...


PAKY & ROLLER

MusicPedia:

PAKY & ROLLER (MI) in “Top secret” (Cabaret) Pare che definirli vulcanici, travolgenti ed inaspettati sia poco. Sembra che lo staff delle Iene sia particolarmente interessato alle loro peripezie. Se tutto questo è vero Paky & Roller, ovvero Paky e Roller (anche la loro vera identità giace in fondo ai meandri del comune di Milano, ma nessuno vuole scoprire la verità; è pericoloso!), sono i più trasgressivi e incontrollabili comici del momento. Dopo innumerevoli anni di villaggi turistici e dopo aver accompagnato per quasi tutto il mondo i gruppi dei miglior Tour Operator d’Italia, Paky & Roller decidono di improntare la ...


PAINT BOX/Monitor

MusicPedia:

PAINT BOX Monitor In un panorama discografico nazionale quantomai affollato, è difficile disporre di elementi distintivi scevri da mirate ristretteze settoriali o da impellenti modernità, ma questo quartetto bresciano, che non solo nel nome Paint Box rivendica lontane infatuazioni pinkfloydiane, sembra tuttavia liberarsi - con piacevole freschezza compositiva - da eccessive dipendenze. Proiettati verso un ipotetico "centro di gravità permanente", i brani psichedelico-progressivi di "Monitor" dichiarano senza ipocrisie i loro legami con il passato ma focalizzano una credibile autonomia espressiva in efficaci strutture che sormontano con dosate escursioni strumentali l'impronta canzone: "Oltre Il Confine Sbagliato Del Tempo", "Aria Viziata", "Avanguardia" (la tensione ...


Painsy Division/3

MusicPedia:

PAINSY DIVISION Vengono da San Francisco e con il loro punk melodico si propongono di annullare lo stereotipo del gay discotecaro. Nelle loro canzoni parlano di come qualche volta "il grosso sia meglio del piccolo" (in Dick Of Death), di come i bagni degli uomini siano "un vero e proprio fenomeno culturale" (Pee Shy), ma ci regalano anche commoventi canzoni d'amore (The Ache). Sono le "Divisioni Omosessuali" (Pansy Division) e il loro simbolo è un triangolo rosa proprio come quello con cui i nazisti contrassegnavano i gay nei campi di concentramento. Dalla California senza pudore e con tanto coraggio. Non sarà ...


PAINSY DIVISION/2

MusicPedia:

PAINSY DIVISION Vengono da San Francisco e con il loro punk melodico si propongono di annullare lo stereotipo del gay discotecaro. Nelle loro canzoni parlano di come qualche volta "il grosso sia meglio del piccolo" (in Dick Of Death), di come i bagni degli uomini siano "un vero e proprio fenomeno culturale" (Pee Shy), ma ci regalano anche commoventi canzoni d'amore (The Ache). Sono le "Divisioni Omosessuali" (Pansy Division) e il loro simbolo è un triangolo rosa proprio come quello con cui i nazisti contrassegnavano i gay nei campi di concentramento. Dalla California senza pudore e con tanto coraggio. Informazioni: Wide, ...


PAINSY DIVISION

MusicPedia:

PAINSY DIVISION I Pansy Division, in attività dal 1991, sono tra i gruppi fondamentali del cosiddetto punk a tematiche ornosessuali, universo eterogeneo in cui rientra il queer core delle Team Dresch, le Tribe 8, i Fifth Column oltre alle band che parteciparono alla compilation seminale "Outpunk Dance Party", per la Outpunk di San Francisco. Il quarto disco del trio sviluppa idee musicali dalla matrice garage punk, grezza e dagli accenti sonici, alternando melodie scorrevoli ad esplosioni dissonanti e destrutturate. Spunti acustici dal sapore californiano ("The Summer You Let...") ed arnmiccamenti sapienti al pop (la track che dà il titolo all'opera) chiudono ...


Painkiller

MusicPedia:

Painkiller I Painkrller non sono considerati un gruppo isolazionista. La formazione sax (John Zorn), basso (Bill Laswell) e batteria (Mick Harris, che ritorna alle origini), non smentisce infatti la tradizione, e non è sufficiente neanche l' improvvisazione da cui nascono tutti i loro lp (diverrebbero isolazionisti anche altri progetti di Zorn). Però, la presenza di Harris e Laswell, la libertà di espressione personale e l'assenza di strutture possono essere punti di contatto con i suonatori del vuoto.


Paingod

MusicPedia:

Chi invece vorrebbe essere cattivo, ma riesce solo a farmi ridere sono i Paingod! “Paingod” (Century Media\Self) è un concentrato di banalità e clonazioni sonore di Machine Head, Biohazard, Pantera, My Own Victim e soci. Nei loro pezzi non troverete un briciolo di personalità e il tentativo di risultare pesanti è, a dir poco, patetico. Inutili!


PAINE’/COMPL8CREW

MusicPedia:

PAINE’ - COMPL8CREW L’attività di PAINE' è ricca e variegata. Come COMPL8-CREW con Lele Sacchi anima le serate Breathless al TUNNEL di Milano (tra gli ospiti: DJ Krust, Kemistry & Storm, Ed Rush, DJ Vadim, Pressure Drop, Patrick Forge, Ben Wilcox, Derek Dahlarge, Joe Carter, Kenny Ken, Hidden Agenda, Herbalizer, 4 Hero). Vantano collaborazioni con le Radio: 101, ITALIA NETWORK, Radio POPOLARE, SUONI E ULTRASUONI di RAIradio2, PRESENZE SETTIMANALI su RADIODUE – AUDIOZONE (estate ’98), Back to the Basics-Ewetel (Germania ’99). Ospiti al Nightwave ’97, Charts su DISCOID Acid Jazz Magazine, serate drum’n’bass di Torino (Italian Mix it better Reddocks), a ...


Painè & Lele Sacchi

MusicPedia:

Painè & Lele Sacchi L'attività nell'ambito musicale di Painè nasce nel 1991 in seno al Compl8 Crew (insieme a Gabriele Sacchi). Painè, prima di arrivare ad incidere il suo album di esordio "Simplemente Asì', ha svolto un lungo e faticoso percorso di crescita a Milano nel tentativo di ampliare i propri orizzonti sonori. Nel 1996, dopo aver ottimizzato le sue tecniche di mixaggio attraverso anni di apprendistato nei centri sociali, con lo pseudonimo Dj Massive insieme a G-Sacchi, come Compl8 Crew, fonda la serata Breathless al Tunnel di Milano che va avanti fino al 1997 e annovera ospiti illustri come Dj ...


Pain/Peter Tägtgren

MusicPedia:

Pain è il nuovo side project di Peter Tägtgren degli Hypocrisy, che si assume l’onere di produrre, scrivere, mixare e suonare tutti gli strumenti in “Pain” (Nuclear Blast/Audioglobe). Suoni cyber-thrash dal forte impatto, tecnologici e debitori nei confronti di Fear Factory, Meshuggah e dei Nefilim di Carl McCoy, mentre “Learn How To Die” riporta alla mente i Raism. Buoni, pur se con una spiccata componente derivativa.


PAIN/Ground

MusicPedia:

PAIN Ground (CD Vacation House) I Pain di Aviano (PN) sono meno esposti a quegli schemi e a quelle iperboli, anche se nelle tracce di Ground non manca certo l'aspirazione a creare dei colossi sonori. Tuttavia il loro noise-core stridente e disarcolato (ben emsemplificato dall'iniziale Sadday) gode di una maggiorel schizofrenica, dinamica. Anche in questa circostanza però (nonostante l'accortezza di alcuni arrangiamenti) difficile trovare degli sbocchi: se la rappresentazione di scenari no escape sono una forza e una 'ragione sociale' imprescindibile, al tempo stesso rischiano di portare all'asfissia un intero genere.


PAIN(n)/Ground

MusicPedia:

PAIN(n) Ground Caotico e delirante ep da prima linea!!! Mcd d'esordio che contiene 5 tracce di post hardcore decisamente all'avanguardia (vedi DEADGUY) con forti venature noise, stridenti distorsioni metalliche, furibondi stacchi, impennate e vuoti improvvisi....


PAIN

MusicPedia:

PAIN Pain (Nuclear Blast) Peter Tagtgren non sembra riuscire a trovare pace, a prendersi un po' di riposo. Il bombardamento di dischi a cui ci sta sottoponendo è preoccupante: da solo questo ragazzo sarebbe capace di provvedere al fabbisogno di metallo incandescente dei fans di mezza Europa. Ecchecavolo, ad Hypocrisy e The Abyss va ora ad aggiungersi questo Pain, un progetto solista decisamente più futuribile rispetto alle sue cose solite. I brani dei Pain portano il discorso del metallo d'avanguardia un passetto più avanti nella definizione di quella che sarà la musica estrema dei prossimi anni. Le ritmiche sono ...


PAID

MusicPedia:

PAID. Loro hanno suonato dal 1994. In tutto questo tempo hanno fatto circa 50-60 concerti, in giro per la Svezia, in oltre su tutti festival differenti. Sono composti da un bassista (Daniel), un batterista (Jimmy), due chitarristi (Johan e Tomas), due cantanti (Laila e Egon). Prima avevano pure un altro bassista, che ora vive negli Stati Uniti. Quasi tutti hanno frequentato la scuola di rock e vivono a Mariestad, a due ore da Gothenburgo. Sounano un Hardcore statunitense tipo i Rage Against The Machine e la Rollins Band.


Page & P1ant

MusicPedia:

Page & P1ant, come dire 1a chitarra dei Led e la voce dei Zeppelin. Insieme questi due signori hanno dato al rock quanto di meglio si potesse chiedere. Album entrati nella leggenda e canzoni che tutt'oggi vengono prese a modello da giovani musicisti che vogliono cimentarsi con il vero rock. Dopo 1a fine dei Led Zeppelin, Robert Plant aveva iniziato una carriera solista dalle alterne fortune, poi nel '84 avvenne il primo incontro con Page dallo scioglimento dei Zeppelin. Un anno dopo erano sul palco del Live Aid insieme agli altri Led Zeppelin per una giusta causa. Poi nel 1994, ...


PAF

MusicPedia:

PAF PAOLO FRESU (tromba, flicorno, multieffetti); ANTONELLO SALIS (contrabbasso, multieffetti); FURIO DI CASTRI (pianoforte, fisarmonica). C'è molto Mediterraneo possibile nella proposta di questo trio. Quello incredibilmente 'naturale' di Fresu, che da sempre riesce magicamente a tradurre e a veicolare l'impossibile equilibrio della sua Sardegna, aspra e dolcissima, sinuosa e frastagliata. Quello della maturità e della possenza del metronomico cuore ritmico di Furio Di Castri, ricco di mille rivoli creativi e dei mille colori del pensiero. E quello della vulcanicità e dell'ebbrezza di Antonello Salis, fatto invece di quella Sardegna che sa affondare il coltello dei sentimenti in un viaggio di sensazioni ...


PADRE, COME FA AD ESSER ANCORA

MusicPedia:

PADRE, COME FA AD ESSER ANCORA COSI' PIO? 'Gente', il periodico della Rusconi, è veramente vergognoso; d'accordo che dopo aver veleggiato per anni con l'anticomunicmo, ora aveva capito che con quell'argomento si va sulle secche (solo il Berlusca non ha afferrato il concetto e continua a farsi male con le rocce affioranti dei "nipotini di Stalin"), ma da quando il settibanale ha scoperto il filone Padre Pio le ha fatte veramente di tutte. Ogni settimana, e dico ogni settimana, i redattori se ne escono fuori con un articolo, un servizio o un gadget ispirato al frate, dai miracoli testimoniati dai miracolati ...


PADRE BUOZZI E MARCOLINO

MusicPedia:

PADRE BUOZZI E MARCOLINO "Non solo Buozzi" (gli artisti non sono assicurati) C'è chi ha scommesso al punto di scrivere al Corriere 7 per sapere: "Padre Buozzi e Marcolino, sono veri o finti? ". A Verona, durante un amichevole di calcio Artisti Tv - Preti, molti pretini commentavano increduli: " non è possibile, Padre Buozzi le s'è finto!" . A " Quelli che il calcio" l'anno scorso è giunta una lettera da parte del Vaticano dove si elogia la partecipazione di tanti simpatici preti tra cui (cit. testualmente): " Padre Alvaro, Suor Paola, Padre Buozzi..." Lusingati per la straordinaria credibilità del personaggio ...


PADDY/Welcome

MusicPedia:

PADDY "Welcome" I Paddy al loro esordio discografico, naturalmente autoprodotto, sono un gruppo formato da tre ragazzi che sono riusciti a forgiare uno stile ben definito e delineato grazie anche alle precedenti esperienze che sono servite a scremare tutti i vizi di forma e a eliminare le ingenuità tipiche di chi prima di essere musicista è un fan sfegatato di un genere o peggio ancora di un gruppo specifico. Welcome presenta ancora le reminiscenze del suono tipico del dark degli anni 80 ma, a essere pignoli, di quei Cure che con un basso continuo e una chitarra ritmica hanno scritto canzoni ...


PADDY/NEW CD

MusicPedia:

I PADDY si formano nel lontano novembre del 1995. La band è composta da AGATHA (basso), CHRISTY (voce, chitarra) e MR. PADDY (batteria). Provenienti ognuno da diverse esperienze musicali, AGATHA, CHRISTY e MR. PADDY si ritrovano a condividere lo stesso progetto per la prima volta nel 1989, entrando a far parte del già esistente gruppo punk-rock CRAZY DOLLS con il quale registrano diversi demo. Iniziano una intensa attività live in varie città italiane, anche da supporters a gruppi come CASINO ROYALE, CYCLONE, LONELY BOYS, riscuotendo positivi consensi da parte del pubblico sia per l'impatto musicale che visivo. Partecipano nel 1992 ...


PADDY/Causa Necessità/2

MusicPedia:

PADDY - Causa Necessità (CD - Anomolo) Terzetto marchigiano (Osimo) proveniente da precedenti esperienze di stampo punk e post punk (Zanzarelettrike, Crazy Dolls) i Paddy hanno già realizzato nel '98 un cd autoprodotto , "Le canzoni dell'Ira" ed ora approdano al secondo lavoro sulla lunga distanza. Frutto di nuovi schizzi creativi dei folletti che popolano le meningi del combo, "Causa Necessità" offre undici brillanti episodi. La materia maneggiata dai Paddy è un power pop di ascendenza punk wave, dunque niente stravolgimenti strutturali della forma canzone. Ma queste undici canzoni, ottimamente registrate e prodotte, riescono a riflettere, a manifestare, a sprigionare tutta ...


PADDY/Causa Necessità

MusicPedia:

PADDY - Causa Necessità (CD - Anomolo) Terzetto marchigiano (Osimo) proveniente da precedenti esperienze di stampo punk e post punk (Zanzarelettrike, Crazy Dolls) i Paddy hanno già realizzato nel '98 un cd autoprodotto , "Le canzoni dell'Ira" ed ora approdano al secondo lavoro sulla lunga distanza. Frutto di nuovi schizzi creativi dei folletti che popolano le meningi del combo, "Causa Necessità" offre undici brillanti episodi. La materia maneggiata dai Paddy è un power pop di ascendenza punk wave, dunque niente stravolgimenti strutturali della forma canzone. Ma queste undici canzoni, ottimamente registrate e prodotte, riescono a riflettere, a manifestare, a sprigionare tutta ...


Padanerie

MusicPedia:

Padanerie Umberto Bossi, nel giorno più importante della sua vita, recandosi alla gabina elettorale per votare sul Grande Niente... ha dimenticato a casa la carta di identità ed è dovuto tornare a prenderla. Non ho parole. E già che siamo in tema di ‘Ime Elezioni Padane’, dal momento che ‘primo’ è numero ordinale, si scrive I e non Imo. Valga, per favore, anche per le 7.569 sagre dello sciroppo di cachi e della lingua salmistrata che impazzano d’estate e ancor di più per i manifesti di sedicenti associazioni culturali. Hanx...


PACOU/State Of Mind

MusicPedia:

PACOU State Of Mind Ancora una volta, dalla culla della techno tedesca (il Tresor Club di Berlino è un locale storico della scena elettronica tedesca), un prodotto di grande impatto. Fedele al credo della battuta in 4/4 minimale, ripetitiva, martellante, ma allo stesso tempo portato a diversioni in territori che variano tra dub, trance, breakbeat, Pacou ha la capacità, sia pur all'interno di un involucro battuto in ogni direzione (come può essere quello techno), di imbastire suoni e, soprattutto, microritmi che sembrano scatole cinesi e che danno a questo album uno spessore artistico davvero notevole.


Paco Vargas

MusicPedia:

Paco Vargas (chitarra), nato nel 1972 a Siviglia è un giovanissimo compositore e chitarrista dalle straordinarie doti. Suona con diversi gruppi facendo numerose Tournee in Spagna ed all'estero.


PACO SUAREZ Y MATIPEN

MusicPedia:

PACO SUAREZ Y MATIPEN Gruppo di Flamenco e musica Gitana spagnola. Creato dalla famiglia Suarez nell'anno '90 è composto dai membri di una famiglia Gitana che alterna esecuzioni di sapore tipicamente tradizionale ad esecuzioni di stile avanguardistico. Lo stile di questo gruppo è abbastanza definito: da una parte la sua musica tenta di tenere viva la musica tradizionale, la musica gitana del sud della Spagna coltivando gli stili e le forme musicali più vive tra i Gitani; dall'altra parte studia le nuove tendenze inglobando quelle più "fresche" della musica attuale in Europa. Il gruppo è composto da sei elementi: Paco Suarez ...


PACO IBAÑEZ (l'ultimo Ibanez)

MusicPedia:

PACO IBAÑEZ è sempre sul sentiero di guerra. Ha da poco presentato l'ultimo album con ricordi d'infanzia nella lingua di sua madre: il basco. Subito dopo ne appariranno altri consacrati a Garcia Lorca, a Josè Agustin Goytosolo, a diversi poeti dell'America Latina, alla sua storia personale in tutte le lingue (castigliano, francese, catalano, basco, ebraico ed italiano), alla poesia erotica di ogni epoca e alle canzoni concepite apposta per i bambini. Servirsi dell'imparabile parole potrebbe essere un luogo comune, ma è anche senza ombra di dubbio l'unica realtà. Quando Paco canta che "la poesia è un'arma carica di futuro" parla ...


Paco Ibañez

MusicPedia:

Paco Ibañez, dopo il successo ottenuto al Trianon di Parigi lo scorso febbraio, costituirà una ghiotta novità per San Benedetto del Tronto e per l'Italia, dove le sue apparizioni non sono frequenti, ma soprattutto darà l'occasione di ascoltare uno dei più grandi interpreti della poesia spagnola di cui mette in musica i classici (Gongora, De Quevedo, Machado), rendendoli attuali, e i moderni (Lorca, Neruda, Alberti) utilizzandone con maestria il potenziale di rivolta. Salvator Dalì definì la voce di Paco Ibañez "la più spagnola di tutte le voci".


PACO IBANEZ

MusicPedia:

PACO IBANEZ Sin dai primi anni ’60, Paco Ibañez è il più noto ed il più amato dei cantautori spagnoli. Simbolo universale della resistenza antifranchista, ha messo in musica le liriche dei più grandi poeti di lingua spagnola di ogni tempo: da Gòngora a Quevedo, da Lorca ad Alberti, da Machado a Hernàndez, da Vallejo a Neruda, per citarne solo alcuni. “… la provocazione di Paco è essenzialmente culturale… Sono passati più di vent’anni da ’Andaluces de Jaèn’ e ’A galopar’, ma non si è perduto il loro fondamentale senso di poesie al servizio della conoscenza e dell’emancipazione individuale e sociale… ...


PACO DE LUCIA/STORY

MusicPedia:

El Chiquito de Algeciras, guitarra querida Gigante, titano, re e diabolico mago della chitarra, poeta delle sei corde, leggenda vivente, vittorioso matador della corrida del flamenco, eroe, superstar, il miglior strumentista di tutti i tempi sull'intero pianeta... Questi alcuni degli epiteti che la stampa di tutto il mondo usa da quarant'anni per riferirsi a lui, a Francisco Sánchez Gómez, ovvero Paco de Lucia. In breve, un genio della musica. Di quella musica che scuote l'anima, che prende allo stomaco e porta via il respiro: il Flamenco. Quest‚arte si è sviluppata nei secoli dal „feeling of being alive‰, dal sentimento, l‚ emozione di essere vivi, di una minoranza perseguitata e oppressa ...


Paco de Lucia/new

MusicPedia:

Paco de Lucia Paco De Lucia è il più grande chitarrista di flamenco vivente. Su questo non ci sono dubbi. Cosi come non Ë in dubbio il fatto che proprio a questo straordinario musicista si debba lo "sdoganamento" della tradizione di sonorità latine che all'inizio veniva chiamata cante hondo e che poi si trasformò, per tutti, in flamenco. E' stato infatti De Lucia, con la sua mostruosa, allibente eppure intensissima arte chitarristica a trasformare il flamenco da patinata cartolina musicale, da oggetto museale, in arte insieme popolare e colta. E' stato De Lucia a dimostrarne anche la flessibilità tematica, il segreto ...


Paco de Lucia/3

MusicPedia:

Il genio della chitarra Paco de Lucia, nato nel '47 ad Algeciras, in Spagna, ha il merito di aver fatto uscire il flamenco dal ghetto di "musica per conoscitori", grazie anche alla sua partnership con il leggendario cantante Camaron de la Isla, prematuramente scomparso nel '91. I loro nomi erano sinonimo di grandi arene gremite di spettatori sia in Spagna che in America Latina. Paco fece la sua prima apparizione in pubblico da bambino prodigio, all'età di 11 anni. Più di quindici tra i suoi dischi hanno realizzato vendite colossali, e siccome Paco si esibisce raramente, ogni suo concerto è ...


Paco De Lucia

MusicPedia:

Il genio della chitarra Paco De Lucia, nato nel '47 ad Algeciras, in Spagna, ha il merito di aver fatto uscire il flamenco dal ghetto di "musica per conoscitori", grazie anche alla sua partnership con il leggendario cantante Camaron De La Isla, prematuramente scomparso nel '91. I loro nomi erano sinonimo di grandi arene gremite di spettatori sia in Spagna che in America Latina. Paco fece la sua prima apparizione in pubblico da bambino prodigio, all'età di 11 anni. Più di quindici tra i suoi dischi hanno realizzato vendite colossali, e siccome Paco si esibisce raramente, ogni suo concerto è ...


PACIFIC RADIO/Pacific Radio

MusicPedia:

PACIFIC RADIO Pacific Radio Novità in casa Shinkansen con il debutto, decisamente sintetico, di Pacific Radio, guidati da Rob Crutchley, già in scuderia come leader di Monograph, tre singoli ed un album, "Lorelei", lasciati ai posteri. In realtà non erano certo Monograph uno dei gruppi migliori del catalogo della label londinese, Pacific Radio promette nel pugno di canzoni proposte di poter far meglio, affinando in direzione Teenage Fanclub quella 'rumorosità' pop che era peculiarità della precedente esperienza di Crutchley. Fugaci e pigre dolcezze disposte come prologo ed epilogo, Slow Refrain 1 & 2, conchiudono una serie di vivaci pop songs, You ...


PACIFIC 231

MusicPedia:

PACIFIC 231 Fra i pionieri in Francia della prima stagione industriale, dopo anni di silenzio Pacific 231 riesuma dai cassetti un nastro dell'83, "Thulé Apocalypse", verosimilmente ispirato da ascolti di Whitehouse e MB (ma non altrettanto radicale e incisivo): canti e documenti di repertorio del secondo conflitto mondiale con sovrapposti ritmi scomposti e ossessivi sibili noise a media intensità. Melodie e reperti sonori guerreschi anche fra le dieci tracce di "Information Blitzkrieg", esordio alquanto scolastico per Folkstorm, progetto solista del leader dei temibili MZ.412, in cui si tocca con mano l'influenza della vecchia guardia industrial (SPK, TG, Ramleh, ecc.) sui campioni ...


PACHINKO/Electric Boogaloo

MusicPedia:

PACHINKO Electric Boogaloo (CD Alternative Tentacles) Devianza e disincanto noise sono l'indiscutibile patrimonio appartenente alla vecchia scuola della Amphetamine Reptile. Degli stessi strumenti si dotano anche i Pachinko per scardinare con le loro sick songs ogni parvenza di stabilita psico-sessuale. Canzoni stordenti e destabilizzanti. indipendentemente se condotte attraverso tempi cadenzati o forsennati. Altre chiavi di lettura: a) siccome molte parti sono recitate, i groove annessi ricordano quelli della vecchia Rollins Band; b) visto il crasso sarcasmo profuso tra queste note belle sature e fragorose, non possono tornare in mente anche i vecchi NoMeansNo soprattutto nell'esecuzione di alcune scansioni ritmiche; c) nonostante ...


Pace/Le Masque

MusicPedia:

Pace: Onde Radio Le Masque: Dandies (Ultimo Piano/Sony) Split single per una 'nuova' figura e per un gradito ritorno: su Pace non vorrei dir più di tanto se non che assomiglia un po' a Ron Mael degli Sparks virato Trinacria nell'aspetto ed ai Supertramp nella musica (parlo della title track, l'altro brano è una ballata in punta di piedi chiamata 'Sono inutile', un titolo sul quale sarebbe fin troppo facile ironizzare). A due anni di distanza dall'album senza nome (grande come sempre) tornano i Le Masque, al solito con stile e garbo, anche se stavolta l'aria generale sembra più rilassata ed easy: 'Dandies' ...


PABLO & PEDRO

MusicPedia:

PABLO & PEDRO Legati già da una grande amicizia iniziano la loro carriera artistica nei locali di cabaret di tutta la penisola. Nel 1995 Fabrizio Nardi e Nico Di Renzo fondano il duo Pablo & Pedro e mietono consensi nei più famosi cabaret della capitale. Le loro gags “spalla-comico” hanno colpito anche gli autori del Seven Show di Italia 7 dove presto li vedremo. Sono stati tra i finalisti più apprezzati dal caloroso e competente pubblico del XIV° Festival Nazionale dell’Umorismo Cabaret amore mio!. Tra le nuove leve del cabaret romano Pablo & Pedro sono indubbiamente tra i più quotati.


P38-KS

MusicPedia:

P38-KS P38-KS di Sulmona. Giuseppe Zaccardi (Voce), Fabrizio Giampietro( Chitarra), Piero Ricci (Chitarra), Attilio Di Bacco (Chitarra), Emiliano Amicosante (Basso), Gianni Gianni (Violino), Andrea Lotito (Batteria). Il gruppo si è formato nell'Agosto del '95 e subito si esprime in una serie di concerti e manifestezioni di carattere regionale. Dal '95 al '99 prendono parte a molteplici rassegne Rock quali "Naima" e "Freedom" a Sulmona. Nel '97 accedono alla finale regionale '`No Playback ARCI" a L'Aquila. Nel '99 sono Semifinalisti al "Rock'on'Test". Dal mese di gennaio 2000 sono al lavoro per il loro nuovo mini-Cd dal quale viene fuori il brano "EURONEVROSI", ...


P38 K.S.

MusicPedia:

P38 K.S. Vox: ZACCARDI GIUSEPPE nato il 1/12/76 a Castel Di Sangro e residente in Sulmona Via delle Metamorfosi 31 - Tel. 0348/5105358; Chitarra: GIAMPIETRO FABRIZIO nato il 10/1/77 a Popoli e residente in Sulmona Via delle Metamorfosi 29 - Tel. 0864/52936; Chitarra RICCI PIERO nato il 11/4/76 a Sulmona in Viale Cappuccini 12 - Tel. 0864/32312; Basso: BELLEI MASSIMILIANO nato il 21/2/77 a Sulmona e residente in Sulmona in Via delle Metamorfosi 31 - Tel. 0864/54147; Batteria; CERVELLI MARCO nato il 26/2/79 a Sulmona e residente a Sulmona in Viale Costanza 32 - Tel. 0864/53281. Genere: Rockitaliano. CURRICULUM: AGOSTO ...


P18

MusicPedia:

P18 Prima che un progetto musicale, è una storia di amicizia. Io stavo lavorando a Parigi, nel mio quartiere, Paris 18, con altri musicisti. Abbiamo anche pubblicato un paio di singoli, piuttosto orientati al drum'n'bass. Poi sono andato a Cuba a trovare Barbaro, che avevo conosciuto durante il tour Cargo '92 con la Mano Negra. Abbiamo cominciato a suonare, con naturalezza. Non pensavamo di pubblicare un disco. Invece le cose si sono messe bene, gli altri da Parigi mi hanno raggiunto ed ora abbiamo pronto un Lp che uscirà su Virgin a Febbraio. Parole di Tom Darnal al Festival di Rennes ...


P.W.Long Reelfoot/Push Me Again

MusicPedia:

P.W.Long Reelfoot 'Push Me Again' Touch & Go Il Reverendo P.W. Long Reelfoot torna a proporre il suo hard blues impregnato di sudismo esasperato dopo l'esordio di We Didn't See You on Sunday. Questa volta l'influenza dell'hard di Led Zeppelin,Free e Blue Cheer sembra farla da padrone nel suono di questo Push Me Again. Si potrebbe parlare quasi di un Jon Spencer versione Hard Rock, tanto che l'iniziale The Signifying Honkey sembra essere presa di preso dal primo Led Zep. Un blues impregnato di elettricit‡, potente e ...


P.W. Long’s Reelfoot

MusicPedia:

P.W. Long’s Reelfoot We Didn’t See You On Sunday (Touch & Go) ci potete scommettere, accoglierebbe in un eterno abbraccio quella di P.W. Long’s Reelfoot… Per i profani P.W. Long è l’ex chitarrista dei Mule, band di Detroit, Michigan che tra le prime ha iniziato (insieme a Surgery, Jesus Lizard, Come ed Unsane per certi versi) un recupero della tradizione rock blues in chiave chitarristica post industriale. Dopo lo scioglimento, sembra definitivo, dei Mule, P.W. Long torna con un suo progetto personale nel quale si fa accompagnare da personaggi del calibro di Mac McNeilly, ex drummer per Jesus Lizard, e l’onnipresente Steve ...


P.P.Roy

MusicPedia:

Nella Digital room infine insieme al colettivo nu-groove Cooler troveranno inserimento naturale le selezioni di P.P.Roy, musicista dal Sussex dalla grande personalità, che è entrato nelle case e nei cuori della nazione britannica con il grande successo discografico dell'elaborato LP Can't Help Liking, una delle ultime uscite in casa Rephlex.


P.O.D./The Fundamental Elements

MusicPedia:

P.O.D. The Fundamental Elements Of Southtown Giustamente il rasta-look-a-like Sonny, cantante e rapper dei POD, si preoccupa: 'Quando alla radio trasmettono un disco dei Beastie Boys, nessuno sta a precisare che si tratta di una band buddista. Mentre nel nostro caso, il fatto che siamo cristiani sembra quasi significare una cosa negativa". Provenienti dalla parte più difficile di San Diego, quella più a sud, verso Tijuana e il Messico, i Payable On Death si sono formati alla dura legge della strada; quando ad un certo punto, hanno incontrato Cristo e per loro è stata una svolta fondamentale. Molto simili nello stile ...


P.M.A.

MusicPedia:

P.M.A. Giovane gruppo proveniente dalla scuderia del Centro di Aggregazione Jap-Perù; una vera fucina di nuovi talenti.


P.M. DAWN/Bolli

MusicPedia:

P.M. DAWN - The IBli9s AllnLtm. Tornano i fautori del lato morbido della nuova musica nera con il solito (già al secondo disco?) prodotto ben confezionato sotto ogni punto di vista ma troppo imbottito di ovatta. Sull'autostrada, di notte, un album così potrebbe esservi fatale dopo due soli caselli. Non so se in bene o in male ma la beatlesiana Norwegian Wood fa rimanere di sasso. Per pomiciamenti serali con commesse consenzienti (magari alla 4° ed alla 13° song, un po' più veloci, vi tirate su per una birra).


P.M. DAWN

MusicPedia:

P.M. DAWN - Qf Me egrt/l, af the solei & of the cross: Tate gt>^~e éstreCexce.Che ci fanno 2 pesi massimi di colore in mezzo ai ghiacci? N[a ottimo sound, perdinci! Piacerà molto ai fans dei De La Soul. Unico neo: questi le campionature le hanno pagate e le indicano sul LP togliendo il piacere dell'individuazione. Ladri legali: che gusto c'è?


P.J. HARVEY/STORIES FROM CITY

MusicPedia:

P.J. HARVEY STORIES FROM CITY, SORIES FROM THE SEA (island) La donna dalle promesse non mantenute. Colei che doveva conquistare tutti con charme e con la sua musica affascinante e vibrante, ha piano piano fatto sgretolare il suo mondo di promesse. Dopo la partenza acerba ma tremendamente fresca e coinvolgente di Dry, ci ritrovammo nelle mani un dischetto prodotto da mr. Albini e l’atteso album era sospeso tra l’estendersi della vecchia vena di reinterpretazione del rock da parte di una ragazza sinceramente sconcertata da tutto quello che le stava attorno e la nuova vena da sofisticata interprete che stava ...


P.E.I.S.S./PEISS

MusicPedia:

Il nome del nostro gruppo è P.E.I.S.S. ed è composto da cinque elementi: CRUCIANI FABRIZIO: Chitarra e voce; PEPI EMANUELE: Chitarra e voce; FERRANTI FABRIZIO: Basso; DOMINICI MARCO: Tastiera e voce; FILIPPUCCI FABIO: Batteria. Il gruppo si forma nel 1997 a Foligno e anche se i singoli componenti provenivano da esperienze musicali diverse, hanno trovato un punto d'incontro in un genere rock melodico con qualche cenno di musica classica. Dopo diverse esperienze avute in locali e feste nell'ambito regionale, il gruppo decide di dedicarsi alla creazione di propri brani. Info: peiss@libero.it


P.A.Y./Provate Ammore Inutile

MusicPedia:

PAY – Provate Ammore Inutile (cd Punrockers/Gammapop) Dopo l’esordio di “Potevate Anche Yinvitarci” tornano I varesini PAY con uno straordinario cd: “Provate Ammore Inutile”. Che poi sia tanto inutile non ci scommetterei, visto che il sentimento più comune a uomini e donne è trattato in tutte le salse, ovviamente in forma ironica, ma c’è sempre un velo di realtà in quello che i Pay declamano. “Ammore”, “Lettera d’Ammore”, “un Barattolo d’ammore”, sono alcuni dei titoli delle canzoni. Il barattolo, poi, è un divertentissimo gadget, che il terzetto distribuisce durante i concerti e per posta, come è capitato al sottoscritto. Un barattolo ...


P.A.Y.

MusicPedia:

I P.A.Y. nascono circa tre anni orsono, iniziando a suonare nel circuito punk rock del varesotto, allientando i giovani di questa triste provincia. I P.A.Y. a tutt'oggi sono: Ariele (chitarra e voce); PostAtomoTeo (batteria); Mike P (basso). Oltre ai tre musicisti, bisogna aggiungere altri due individui che partecipano al progetto P.A.Y. che si delinea come una formazione a tre + due che sono: Vulvino (front-man); Capitan Baril Di Botte (front-man). La registrazione di un primo nastro "O Yeah, O Yeah" ha permesso al gruppo di suonare molto dal vivo in Varese e provincia: conseguentemente anche grazie a diversi passaggi radiofonici, ...


P.A.I.N.

MusicPedia:

P.A.I.N. Oh My God We're Doing It ! (Inna State) I P.A.I.N (Propaganda and Information Network)suonano una musica che è ormai entrata nel cuore e nel cemento della periferia inglese, specialmente nelle strade e negli squats di Brixton: quell'incrocio di Reggae, Punk Rock,Dub, Ska e Sampling selvaggio che è partito dai solchi di "Police And Thieves" sul primo dei Clash ed è arrivato fino ai Radical Dance Faction e agli African Headcharge, passando per i Citizen Fish e i Chumbawamba prima maniera. Un suono apocalittico ed umano allo stesso tempo, testimone del cambiamento demografico e sociale della Gran Bretagna. Il suono che ...


P. OLIVEROS / A. DEUTSCH/Spring

MusicPedia:

P. OLIVEROS / A. DEUTSCH Springs Figura leggendaria e negli ultimi tempi assai prolifica, Pauline Oliveros dopo il live con David Gamper di pochi mesi fa, questa volta si cimenta con gli "electronics", le campane i re-mix e un non meglio identificato "modified television" di Andrew Deutsch. Si tratta di registrazioni che i due hanno realizzato negli ultimi quattro anni e che Deutsch ha poi remixato con in testa una citazione tratta dal libro della Oliveros Software for People: unity through variety, variety through unity... Processi transitori e statici ma comunque in movimento, accompagnano anche le intersezioni sonore dei due che ...


P. BROTZMANN/K. HAINO/S. HANO

MusicPedia:

P. BRÖTZMANN, K. HAINO & S. HANO/Shadows A breve distanza dall'eccellente "The Strange Face" il duo Keiji Haino/Shoji Hano ricompare arricchito dalla presenza di Peter Brötzmann. "Shadows" non riesce però a replicare le meraviglie del suo predecessore soprattutto a causa del sassofonista tedesco, la cui inserzione non sembra essere quasi mai calibrata alla giusta maniera. Brötzmann suona come una macchietta di se stesso seguendo il cliché di una sua rabbia ormai posticcia finendo spesso per ammazzare e rendere vano qualsiasi tentativo di dialogo e/o di aggiornamento linguistico. "Shadows" è un disco che potrebbe piacere a coloro per i quali il mondo ...


P'TAAH/Compressed Light

MusicPedia:

P'TAAH Compressed Light Improvviso cambio di rotta nei percorsi stilistici di Chris Brann, che fin qui abbiamo conosciuto come ottimo autore di deep-house insieme agli Wamdue Kidz. Il progetto P'taah lo vede invece concentrato a plasmare un suono tra techno e jazz. Il risultato è sorprendente. Se infatti negli ultimi tempi questa fusione è stata spesso ipotizata da molti, i risultati veramente validi sono pochi. Su tutti l'Innerzone Orchestra di Carl Craig, ora il nuovo Chateau Flight. Poco altro. Compressed Light, non a caso, sembra un incrocio tra la lungimiranza visionaria della Innerzone Orchestra e la maestria plastica degli Chateau Flight. E ...


Ozu

MusicPedia:

L'incantevole Ozu "In arte seguo me stesso" così dichiarò Ozu ad un critico cinematografico Del "Kinema Juno'" nel lontano 1958. E' forse questo il segreto del successo di Ozu, successo sempre verde soprattutto sui giovani. I suoi film si snodano incentrandosi nell'universo familiare, con la sua dolcezza, con il suo stile, ed i relativi rapporti interpersonali nonchè i loro sentimenti attenzione prioritaria di Ozu. Questi sentimenti si esaltano nel gioco della composizione delle inquadrature curate con la massima attenzione, la geometrizzazione dello spazio, le angolazioni delle riprese a 45°, l'uso degli inserti e delle transizioni, e la stilizzazione ...


OZRIC TENTACLES/Waterfall Citie

MusicPedia:

OZRIC TENTACLES "Waterfall Cities" Gli Ozric Tentacles sono, per certi versi l'istituzione più rispettata della psichedelia inglese dell'ultima decade e "Waterfall Cities" si aggiunge ad una ormai nutrita schiera di album, ciascuno del quali è un vero e proprio best-seller se si considera la dimensione underground della loro proposta estetica. Sommando a tutto ciò l'evidente attitudine di Ed Wynn e soci verso una evoluzione conservativa progredendo cioè per cambiamenti impercettibili e curando l'immediata riconoscibilità del loro trade-mark sonoro, la tentazione è quella di chiedersi: perchè acquistare anche l'ennesimo capitolo della loro saga? Ancora una volta il dubbio viene facilmente fugato dall'ascolto sufficientemente ...


OZRIC TENTACLES/The Hidden Step

MusicPedia:

OZRIC TENTACLES The Hidden Step Ha un titolo che ammalia l'ultima operazione sonica degli Ozric Tentacles, un altro decollo verso le vertigini siderali dello space-rock acrobatico ad essi caro, l'album numero 16 della loro lunga e fortunata carriera. "The Hidden Step" non tradisce l'inconfondibile firma degli autori, maestri senza pari nell'arte dell'esplorazione psychedelica attraverso il linguaggio dei suoni, agili tessitori di forme ordite con spirito visionario e una cognizione tecnica che consente loro di esprimersi al meglio e dispensare mantra come arcobaleni elettrici di grande suggestione. Sette titoli che formano una giocosa spirale di sonorità pronte a vibrare con l'universo, mentre ...


Ozric Tentacles

MusicPedia:

Ozric Tentacles Fiori di luce oscillano nello spazio del Rainbow sbocciati dal light show degli Ozric Tentacles. Probabilmente unico nel suo genere. E' una magica notte di musica. E noi surfiamo con i sensi scivolando nel viaggio. Si entra da un falò acceso sui prati di Stonehenge in un solstizio estivo di metà anni '80 un gruppo di amici festeggia la nascita di Ozric Tentacles nel luogo-momento-simbolo dei free festivals inglesi dove la terra può ricevere una sorta di benefica energia dal cielo, dove rinnovare un rituale già indicato dagli antichi 4000 anni fa e proiettare in musica arcane forze nei ...


OZONO

MusicPedia:

ZONBI Il gruppo nasce alcuni anni orsono ma solo ad inizio 1999 la formazione passa da trio a quartetto con l'ingresso di un cantante e diviene quella attuale: Andrea Conforti: voce; Marco Nassisi: basso; Maurizio Salardi: batteria. Tomaso Prodi: chitarra. Tutti e quattro provengono da diverse esperienze musicali e da molti anni suonano in gruppi di base locali Il cd è stato registrato dal vivo nello studio seltz di Reggio il 5 dicembre 1999; ulteriori registrazioni sono quindi state aggiunte nello studio domestico di uno dei componenti, dove sono anche stati eseguiti l'editing ed il missaggio. La musica che il ...


OZOMATLI

MusicPedia:

OZOMATLI Ozomatli Come dei P18 in ambiente "chicano", se serve un immediato termine di paragone. Questo sono gli Ozomatli, così chiamati in onore di una divinità azteca: banda meticcia per corredo etnico - americani bianchi, messicani e giapponesi nell'organico di dieci elementi e vocazione. Praticano la politica del ritmo combinando insieme salsa, funk, reggae, hip hop - Cut Chemist e Chali dei Jurassic 5 nei ranghi - e ska, senza trascurare mai il senso da attribuire ai versi delle canzoni. Che sono una dozzina esatta in questo album d'esordio: un campionario che immaginiamo ancora più vispo e scintillante in concerto. Perché è ...


OZEN ORCHESTRA

MusicPedia:

OZEN/]za Musica klezmer e sefardita Da Salomone Rossi a Benny Goodman L'orchestra OZEN è formata da nove musicisti d'estrazione classica e jazzistica, uniti dalla comune passione per la musica ebraica. La diversità degli elementi di questo gruppo, garantisce ed accentua l'eclettismo che caratterizza questa musica. Per non limitarsi ad una vuota ricostruzione musicale, inevitabilmente destinata a cadere in un accademismo privo di contenuti, se non in un trito folklorismo, l'orchestra OZEN esegue brani tratti da partiture antiche, ma anche arrangiamenti nuovissimi, in modo da sottolineare la sorprendente coerenza che questa musica ha assunto nei secoli e nelle ...


OZEN KLEZMER ORCHESTRA

MusicPedia:

La Ozen Klezmer Orchestra è uno dei migliori gruppi di musica klezmer in Italia. L'orchestra è composta da nove musicisti di estrazione classica e jazzistica e ciò garantisce ed accentua l'eclettismo che caratterizza questo trascinante, ed a tratti struggente, genere musicale. La Ozen non si limita ad una semplice e sterile ricostruzione della tradizione musicale ebraica, ma pur eseguendo brani tratti da partiture antiche ne propone interessanti e nuovissimi arrangiamenti, specialmente con venature jazzistiche. Inoltre, lo stile concertistico del gruppo alterna all'esecuzione della musica sviluppata dagli ebrei dell'Europa dell'Est (askenazita), melodie e ritmi sefarditi del Mediterraneo. Un loro concerto quindi, ...


Oyster band

MusicPedia:

Oyster band Dall'Inghilterra ritorna in Italia una delle più interessanti band di folk rock, sulla scena da una ventina di anni, sempre al centro di interesse di critica e pubblico. Nata sulla scia di grandi successi di Fairport Convention e simili la Oyster band si è subito identificata per un sound più corposo ed aggressivo, che le è valso numerosi riconoscimenti anche nell'ambito del Rock. Tra i vari prodotti discografici, merita grande considerazione l'album realizzato con June Tabor dal titolo Freedom And Rain, ma notevole anche l'ultimo Alive & Shouting, che ci regala la bandi in splendida forma. L'attuale formazione allinea ...


Oximoros

MusicPedia:

Oximoros (Italia) Giovane formazione umbra impegnata nella ricerca e rielaborazione di canti tradizionali yiddish: un suono vivo e coinvolgente che tiene conto delle tante contaminazioni che hanno permesso alla musica klezmer di avere una straordinaria attualità.


OXIA/INFLUENCE EP

MusicPedia:

OXIA INFLUENCE EP INTEC La londinese Intec é una di quelle label che, zitte zitte, puntualmente pubblicano a ruota ep ineccepibili e, pazientemente, aspettano il loro turno di gloria e riconoscenza. Che, immagino, non tarderanno ad arrivare, dal momento che ogni mix che propongono é sempre appagante e il suonarlo garantisce sempre quel quid particolare che si instaura fra il dj e l'audience. Quattro tracce una più bella dell'altra sempre a metà strada fra la techno e l'house, con bassi alla Depeche Mode e synths alla Brian Eno, 909 puramente Detroit e voci spiritate. Insomma,uno di quei dischi che potrebbero suonare indistintamente ...


OXES/Oxes/3

MusicPedia:

OXES “Oxes” Monitor Records Si e’ fatto e si fa tuttora un gran parlare degli Oxes, uno dei numerosi trii strumentali partoriti dalla genia post Louisville/Chicago che tenta di trovare strade non scontate all’approccio strumentale al rock. Questo loro album omonimo si muove in territori vicini a quelli percorsi da band del post punk americano quali Saccarine Trust e Blind Idiot God, bands che mescolavano hardcore, heavy metal destrutturato e new wave spogliando ogni componente di questi generi di ogni orpello e restituendone la vivida energia attraverso il rigore espresso in fase di esecuzione. Gli Oxes triturano l’hard rock dei primi ...


OXES/Oxes/2

MusicPedia:

OXES Oxes Prison, Dr. Windsor Castle, New York City (questi, gli strambi nomi scelti dai tre componenti degli Oxes) nel realizzare il loro primo album svelano tutta la loro passione per gruppi come Shellac e Don Caballero, spesso etichettati come "post rock". E di tale genere si può parlare anche a proposito di questo trio, nel quale si fronteggiano due chitarre taglienti e una batteria instancabile nel seguire le repentine variazioni che si susseguono, a più riprese, nei sette capitoli - difficile parlare di canzoni in senso stretto tutti strumentali, di questo lavoro. Estremi e schizofrenici, solo per chi ama le ...


OXES/Oxes - kaos

MusicPedia:

OXES Oxes Noise hard math rock è la definizione entro cui convogliare il sound di questi tre pazzi (Dr. Windsor Castle, Prison e New York City) provenienti da Baltimora e che esordiscono sulla lunga distanza con un disco che riesce a impregnare il nostro DNA sin dall’iniziale ‘Dear Spirit I’m In France’. Brani strumentali, frutto di due chitarre e una batteria e che vi passeranno sopra lisciandovi per bene il pelo. Un po’ immischiati con il giro di Chicago, un po’ seventies hard rock, un po’ Don Caballero, un po’ Sweep The Leg Johnny (senza però alcuna patina progressive) e un ...


OXES/Oxes

MusicPedia:

OXES Oxes Alcuni motivi per amare alla follia gli Oxes: hanno scelto per sé nomi dementi (New York City, Dr. Windsor Castle, Prison): suonano con grande maestria un math rock che indugia spesso nella forma libera e che ancora è in grado di offrire spunti al genere; si annunciano infine come il migliore live show degli ultimi anni. Chi apprezza band come Lustre King e`Sweep the Leg Johnny non potrà fare altro che fremere per l'impressionante guida di "Panda Strong", che contiene impercettibili preziosismi ritmici e staffilate rumorose ormai poso praticate. All'inizio del prossimo anno gli Oxes si affacceranno probabilmente in ...


OXBOW meet WHITE TORNADO/CD spl

MusicPedia:

OXBOW meet WHITE TORNADO CD split I White Tornado tornano con uno split diviso a metà assieme ai californiani Oxbow: tre pezzi per i primi e due per i secondi. I WT (che comunque vincono il 'duello') presentano la solita - ma benvenuta - mescolanza di malsane atmosfere noise lente e contorte (la punta è Poem To The Most Affectionate...), gli Oxbow il bluesaccio Pretty Bird, muggente e semistrumentale e Pannonica brano tratto delle session di King Of The Jews e già pubblicato (ma all'epoca inedito) due anni fa nel doppio CD della Crippled Dick Hot Wax che ristampava i primi ...


OXBOW MEET WHITE TORNADO Oxbow

MusicPedia:

OXBOW MEET WHITE TORNADO Oxbow Meet White Tornado (Wallace Records/Audioglobe) Dopo aver condiviso un 7" con i Colossamite di Nick Sakes (che sta per tornare con un EP della sua nuova creatura, i Sicbay), i White Tornado pubblicano un mini CD in compagnia degli Oxbow, di cui avrete apprezzato quel capolavoro che è stato 'Serenade In Red' uscito quattro anni or sono e che non ha sinora avuto un giusto seguito. Purtroppo neppure la formazione catanese ha trovato il modo di regalarci un successore di 'From Hand To Mouth', esaltante disco del 1997. Non ci rimane che accontentarci dei tre brani ...


OXAMA

MusicPedia:

Gruppo: Oxama World Music Genere: Musiche dal mondo, etnica, mediterranea, New Age. Formazione: due chitarre Il 1996 é l'anno in cui si realizzano le idee musicali del gruppo OXAMA in uno stile che mette in evidenza capacità tecnica - strumentali e il puro suono della chitarra acustica e percussioni. Il calore della musica e il ritmo travolgente e sensuale delle percussioni si mescolano in un perfetto equilibrio tra passionalità, virtuosismo, ricerca armonica e ritmica. Una musica espressiva e interiore che può diventare cosmopolita unendo in una magica festa chi suona e chi ascolta. Nel dicembre dello stesso anno è pubblicato il primo compact ...


Ox project

MusicPedia:

Gruppo: Ox project Genere: rock-blues (cover e inediti) Formazione: due chitarre, basso, voce, batteria Gruppo che ripropone il suono sanguigno dei gruppi anni settanta con brani propri e cover. Per l'inizio dell'anno 2001 è prevista una raccolta di brano originali del gruppo. L'influsso del blues permette al repertorio di abbracciare il più vasto target di ascoltatori e di appassionati di musica e di chitarra. Le esperienze precedenti hanno permesso al gruppo di avere una solida reputazione sia nella musica rock e che nel mondo chitarristico.


Ovuca

MusicPedia:

Nella sala blu si terrà preceduto dal Dj set di Mad Dog Wallace (Grant Wison) il concerto di Aleksi Perala alias Ovuca, uno degli ultimi artisti venuti alla ribalta della scena elettronica internazionale con il suo LP "Lactavent Outtakes" uscito nella scorsa fine primavera 2000 per Rephlex,. Un album con sonorità che si rifanno alla rave era 808 per adagiarsi su pezzi più tranquilli ispirati alla Finlandia ,paese da cui proveniene ( amico intimo dei Pan Sonic) alle giornate buie, fredde e nevose in cui non si può fare altro che starsene chiusi in casa ed in ...


Ovosodo

MusicPedia:

"Ovosodo" Il cinema italiano è privo d'identità? Questa è la tesi di un critico cinematografico belga. L'ultimo film di PaoloVirzì ne testimonia l'erratezza. Già conosciuto per il suo"Ferie d'Agosto" con la bellissima Sabrina Ferrilli ed il suo primo film "La bella vita", "Ovosodo"ne consacra l'abiltà registica e la freschezza della narrazione cinematografica. Con inserti girati in elettronico e su supporti amatoriali il fim constata la evidente ed irrevocabile contaminazione linguistica che il cinema sta vivendo da diversi anni. Con una lodevole interpretazione attoriale della sempre verde Nicoletta Braschi il film racconta le vicissitudini ...


OVO/ASSASSINE/2

MusicPedia:

OVO "ASSASSINE" (BAR LA MUERTE) Ovo è il nuovo progetto di Bruno Dorella e Stefania Pedretti, improntato verso l'improvvisazione radicale con l'aiuto di una nutrita compagine di ospiti. Free jazz, industrial, power electronics e altre cose non ben definibili sono le pietanze di cui si nutrono i nostri, in un disco piuttosto eterogeneo che, a dispetto delle premesse, risulta molto più ascoltabile del previsto. Il "genere" di ogni singolo brano sembra dettato dall'attitudine dei singoli ospiti: quando c'è Jacopo Andreini ai fiati ci si dirige verso il free, Claudio Parodi conduce il gruppo verso l'elettronica lo-fi (e quelli con lui mi ...


OVO/Assassine

MusicPedia:

OVO "Assassine" Gli avventori abituali del Bar La Muerte sono avvisati: il fortissimo cocktail di veleni servito sotto il nome OVO è di efficacia devastante, anche se di formato piuttosto contenuto, e sarà un'ottima idea non lasciarselo scappare. Protagonisti del progetto sono Bruno Dorella in persona, capo barman e qui presente più che altro in veste di batterista, e Stefania Pedretti delle Allun, coscienza maligna del profondo underground lombardo. Ma non è finita qui, perché sono stati coinvolti nell'iniziativa una serie di complici ed amici, da Claudio Parodi con i suoi aggeggi elettronici low-budget, al bravissimo sassofonista Jacopo Andreini (Bz Bz ...


OVERSOUL/Seven Days In November

MusicPedia:

OVERSOUL Seven Days In November Più canonici e legati alla tradizione doom ortodossa sono gli Oversoul di Seven Days In November (Brainticket) composti da ex Revelation. Qui le lente spire di matrice Hellhound si risolvono in incompromissori anthem di giaciale espressività in cui il suono NON vuole essere moderno ma avvincere con una epicità metal ormai sconosciuta ai giovani epigoni del genere grazie ad un chitarrismo sempre di classe ed una stentorea voce evocativa.


OVERKILL/Coverkill

MusicPedia:

OVERKILL - “Coverkill” (Steamhammer/Audioglobe) Gli Overkill, invece non sanno più cosa inventarsi per sbarcare il lunario. Un tempo artefici di un thrash sound che seppe imporsi per agilità ritmica e perizia chitarristica, adesso ridotti a pubblicare un lavoro di cover, che non interesserà neppure ai parenti stretti. Nel caso in cui non possiate farne a meno, vi segnalo che vengono ripresi brani di Black Sabbath, Kiss, Deep Purple, Sex Pistols, Judas Priest, Ramones, Dead Boys, Jethro Tull, Manowar e Motorhed (la cui “Overkill” li ispirò nella scelta del nome). Mi fa pena vederli ridotti in uno stato simile!


OVERCROSSING/2

MusicPedia:

OVERCROSSING Un repertorio di brani originali che, attraverso diversi generi musicali, tende ad una ricerca che ha lo scopo di esplorare possibilità timbriche offerte dalla sovrapposizione delle due chitarre e dall’impiego della chitarra come strumento da concerto autosufficiente. Formazione: Luca Pagliani; Pino Forastiere.


OVERCROSSING

MusicPedia:

OVERCROSSING Due abili menestrelli alla corte di sua maestà la chitarra acustica allietano i convitati con virtuosismi e prodigiosi arpeggi come mai era avvenuto. Pino Forastiere e Luca Pagliani sono nati con la sei corde sotto braccio, forse hanno imparato prima a suonare che a parlare, ma questo non è dato saperlo, comunque il loro esordio discografico la dice lunga sulle potenzialità del duo che cede, in Mirror, al fascino dei ritmi elettronici invitando alla danza. Inf.: 06/2572798


Oval/Dok

MusicPedia:

Oval "Dok" Quando si dice abilità per le pubbliche relazioni... All'indomani dell'uscita del precedente 94 Diskont, a proposito di se stessi gli Oval dichiaravano: "Non siamo un gruppo e neppure un progetto artistico... Dobbiamo lavorare duro per realizzare le nostre idee e non ci divertiamo per niente. Lo facciamo senza entusiasmo. E non ci piace la musica". E ora due cazzate sul rock "del vero sentire". Dok è un lavoro singolare persino per artisti così peculiari. Per circa tre quarti d'ora suoni di campane, registrati in giro per il mondo dal ricercatore Christophe Charles, sono scomposti e ricostruiti in liquidi bordoni ...


OVAL/ Ovalprocess

MusicPedia:

OVAL Ovalprocess "Per quanto riguarda il software, che e stato presentato lo scorso dicembre (1998) a Berlino, ci ho lavorato negli ultimi due anni in parallelo con i progettei musicali: si tratta di un software per far creare alle persone la propria Oval-music II mio prossimo disco è uno spit tra audio e software: sarà il mio ultimo disco, dopo, tutti potranno essere Oval" (Markus Popp). Ovalprocess rappresenta il primo passo in questa nuova direzione che il geniale Markus intende esplorare, direzione che potrebbe portare a un totale ribaltamento per quanto riguarda il rapporto fra artista-creante e pubblico-usufruente ma che per ...


OVADA/CD-R

MusicPedia:

OVADA CD-R demo autoprodotto Il rock morboso ed isterico degli Ovada ha le sue radici nella frammentarietà e nella diversità dei procedimenti di scrittura che si fondono in un'unica entità grazie a riff chitarristici circolari che si innestano su una melodia caotica. Sopra questo tappeto emerge la voce di Attilio Pagliaro, che, al di là dei collassi armonici, non rinuncia a proporsi nella doppia veste di Dr. Jekyll e Mr. Hyde. Un'operazione che colloca i brani degli Ovada nel contenitore del rock incendiario vissuto intensamente nelle liriche forti e personali. Ne è dimostrazione un episodio come "Rissa" in cui emerge, ...


OVADA

MusicPedia:

OVADA Il gruppo si forma a Pescara nel 1994 ed ha all'attivo il demo tape "Senza tregua" che ha avuto delle buone recensioni sui giornali specializzati come "RUMORE" nello spazio chiamato Democrazia e nella rivista Rock Sound. Inoltre Senza Tregua è stato nominato come il migliore demotape del mese di maggio del 1998 dalla Fanzine Radiosottosopra di Follonica e tra l'altro questo risultato è stato pubblicato nelle pagine web del sito di Radio Sottosopra. Successivamente la casa discografica Sottosopra ha proposto un contratto di distribuzione al gruppo Ovada per la realizzazione di un 45° di 3 brani, ma la stessa casa ...


OUZA

MusicPedia:

OUZA Un veto innovatore, un dissacrante rivoluzionario, una delle Inigliori menti della nostra generazione è Ouza, il primo ad inttoEdutre nuovi argomenti nei testi. Dopo aver cantato per "Las Hondas", se ne allontanò per scrivete canzoni sui prohlemi sociali senegalesi, sul neocolonialismo e Sul destino del Senegal sotto il dominio francese. Uno dei suoi brani più noti celebra il combattente Las Dior Uno descrive tm massacro compiuto dai francesi presso Dakar, mentre un terzo critica l'uso casuale e, ai suoi oGGhi, irresponsabile del starna da parte dei nuovi gfUwi senegalesi.


OUTRAGEOUS CHERRY/Out There in

MusicPedia:

OUTRAGEOUS CHERRY Out There in the Dark "Mettete dei fiori / nei vostri cannoni"... Si perdoni la citazione dai Giganti, ma il profumo di 'flower power' che emana dai solchi dell'album d'esordio degli Outrageous Cherry è davvero inebriante. Prendete una parte di Phil Spector, una di Stooges e una di Kim Fowley, aggiungete una spruzzatina di folk e molte sostanze fosforescenti, agitate bene il tutto e forse otterrete qualcosa di molto vicino al suono della "Ciliegia Oltraggiosa", ultima delicata prelibatezza proveniente da Detroit, città nota per la Motown e la General Motors. Sembra davvero che nell'album in questione le lancette dell'orologio ...


OUTPATIENCE/Anxious Disease

MusicPedia:

OUTPATIENCE Anxious Disease Questo cd piacerà ai fans dei Black Crowes e di Bon Jovi, perfetto per un viaggio in autostrada. Dagli Outpatience non aspettatevi tecnica e originalità, ma coerenza e voglia di tradizione rock. Non a caso, gli ex Guns N'Roses Izzy Stradiin e Slash non hanno voluto rinunciare al piacere di suonare in questo album. 13 tracce in cui chitarre acustiche e pianoforte colorano molte blues ballads.


Outoff Body Experience

MusicPedia:

Viene dall'Italia una delle proposte più originali dell'ormai vastissimo panorama della cybermusic, colonna sonora appropriata di un mondo in cui la tecnologia diviene parte sempre più importante. Outoff Body Experience è il nome dietro cui si celano i quattro misteriosi tecnoterroristi Doctor Death, Spiralman, K. Nag One e Grandmasteryogourt, autori di questo notevolissimo Illegal State Of Mind, Cd realizzato per l'etichetta milanese Vox Pop. Le sorprese iniziano dalla stranissima copertina, al cui interno trovate anche due inquietanti adesivi e un ciondolo nero che ha le sembianze di un sole con al centro la forma stilizzata di un cuore: un riferimento, ...


OUTLANDOS - TRIBUTO ai POLICE

MusicPedia:

OUTLANDOS - TRIBUTO ai POLICE La prima cover-band dei Police la cui caratteristica principale consiste nell’accostamento pressochè preciso a tutti i pezzi originali del popolare gruppo di Sting & co.


OUTLANDOS

MusicPedia:

OUTLANDOS (A TRIBUTE TO "THE POLICE") "OUTLANDOS" é una band salernitana di tre elementi formata da: Peppe Gianfredi, chitarra; Luca Annunziata, basso e voce; Damiano Zinna, batteria; ma soprattutto é la denominazione di un progetto che intende essere un tributo al mitico trio inglese dei "POLICE". Il nome della band deriva appunto dal titolo dell'album d'esordio di Sting, Andy Summers e Stewart Copeland: "Outlandos D'Amour" (1978). COME NASCE IL PROGETTO OUTLANDOS. I tre musicisti salernitani si incontrano agli inizi del 1996 con l'intenzione di iniziare un discorso musicale sul country rock americano degli anni '60-'70 (Eagles, Crosby, Stills, Nash And Young, ...


OUTKAST/Stankonia

MusicPedia:

OUTKAST Stankonia Ritornano gli "atlieni", cioè gli alieni di Atlanta, ossia gli sciroccatissimi Outkast, già stravaganti e "fuori linea" in dischi come Southernplay... e Aquemini. Ma con Stankonia (Arista) si superano: in soffitta qualsiasi genere di ortodossia hip hop. Strumenti suonati, melodie cantate e un'infinità di divagazioni, dal surreale vaudeville di Humble Rumble (enter Erykah Badu) al rock'n'roll futurista di Bombs on Baghdad (Dr. Dre in cabina di regia). Fattore dominante, comunque: un ilare tono funkadelico che li rende legittimi eredi di Clinton (George) e Sly Stone. Gran disco, senza mezzi termini. E quasi quasi potremmo considerare tale, per analogie nello ...


OUTKAST

MusicPedia:

OUTKAST E se nella contesa fra Costa Est e Costa Ovest finisse per spuntarla il Sud? Di là è giunto intanto il miglior disco hip hop dell'anno passato: Aquemini, terzo della serie per i georgiani Outkast. Hip hop sui generis, beninteso: termini di raffronto esterni ai confini tradizionali del fenomeno. Pensate a There's A Riot Goin'On di Sly & The Family Stone o a Cosmic Slop dei Funkadelic. Siamo quindi al cuore del funk visionario: psichedelia con sovraccarico di melanina. Sì, sono esempi che apprezzo e ho studiato attentamente, ma non intendo imitarli, dice il ventiquattrenne Dre, all'anagrafe Andre Benjamin. E ...


OUTCAST/No Strings Attached

MusicPedia:

OUTCAST No Strings Attached Il vero mistero è l'album di Outcast, progetto di Davide Arcoleo, boss dell'etichetta breakbeat di culto Kingsize (quella di Hardwire "Conskank" e "Appleseed"). Le due facciate del singolo di qualche mese fa sono stupefacenti: Take Heed è, fate conto, This Is Radio Clash dei Clash meno i Clash più uno strano ritmo che rotola giù per le scale. Criminals è invece un superfunkybreakbeat con voce petulante che ti costringe o muovere la testa dall'inizio alla fine. Il resto, vi chiederete? Beh, il resto è esattamente quello che un paio di anni fa si sarebbe detto (senza l'intenzione di ...


OUT/X-Position

MusicPedia:

OUT "X-Position" Colin Richandson, il profeta della nuova frontiera post-metal di Fear Factory e Machine Head giudica "X-Position" uno dei migliori dischi da lui prodotti, e con questo viatico gli Out potrebbero diventare la prima heavy band francese di rilievo internazionale, ventanni dopo i Trust. "X-Position" è il secondo album del quintetto transalpino dopo l'omonimo debutto del '95 ed è onesto di trucchi di registrazione spettacolari: probabilmente Richardson s'è molto divertito a manipolare dei cloni dei Fear Factory con samples ed effetti tecnologici visto che gli originali si sono concessi ad altro producer. I brani migliori "Left In Limbo", "Will" e la ...


OUT OF ORDER/Overload

MusicPedia:

OUT OF ORDER Overload La Boundless Record non dimentica di scandagliare a fondo l'underground sonico italiano ed il mini-CD degli Out Of Order ne è la riprova. Nelle canzoni dei cinque di Forlì le reiterate trame acide delle chitarre si moltiplicano all'infinito (Overload e Hatred) ma più che sfondare, si insinuano subdolamente tra i pensieri dell'ascoltatore, creando un'atmosfera di tensione sospesa, difficile da fugare. E' forse azzardato parlare di stoner rock, dato che il gruupo preferisce vestire i panni scomodi di gruppi sperimentali come Motorpsycho, piuttosto che quelli delle più famose heavy rock band del settore, e solo nella traccia finale enigmaticamenbte ...


OUT OF ORDER /Overload

MusicPedia:

OUT OF ORDER - “Overload” - (Boundless\Audioglobe). Gli Out Of Order condividono con gli Amphetamine Lab. il bassista Aleys, ma è questa l’unica peculiarità che li accomuna, dal momento che - come saprete - Alberto Righi & C. sono dediti ad altri suoni. Ai due brani (“#7” e “Makodo Tanaka”) già presenti nel 3” CD fatto circolare un paio di anni or sono, il gruppo aggiunge altre due tracce. “Overload” e “Hatred” li pongono su posizioni più “riflessive” (un buon termine di paragone mi paiono proprio essere i Natas), pur mantenendo l’impronta stoner grunge che da sempre li contraddistingue.


Out Of Order

MusicPedia:

In via strettamente promozionale la Boundless Records di Ravenna mette a disposizione degli "addetti ai lavori" un 2 tracks CD degli Out Of Order, anticipatore di quello che sarà un vero e proprio mini CD con uscita prevista all'inizio del prossimo anno. La formazione nostrana, che ha preso il nome dal film di Martin Scorsese (tradotto in italiano come "Fuori Orario"), si era già messa in mostra con l'EP "Lord Of Suicide" e l'album "Stranded" e in questi due pezzi (molto meglio "Makodo Tanaka" rispetto a "#7") conferma di sapersi destreggiare bene con suoni noise-grunge psichedelici, "desertici", d'impatto e con ...


OUR GLASSIE AZOTH

MusicPedia:

OUR GLASSIE AZOTH Our Glassie Azoth (Plate Lunch\Demos) Gli Our Glassie Azoth sono una one man band gallese capitanata da Dafydd Roberts, con il saltuario apporto di Ruth al flauto e entrambi attivi con i folk psichedelici Alphane Moon. “Our Glassie Azoth” raccoglie quattro tracce del ‘96 in precedenza disponibili solo su cassetta e che costituirono il loro debutto, a cui è seguito un album per l’australiana Camera Obscura. Se la title track si rivela abbastanza scontata, non riuscendo a creare una tangibile atmosfera “orrorifica”, nei restanti pezzi si producono in feedback caotici (mai “brutali”), manipolazione di nastri e strumenti ed effettistica ...


OUMOU SANGARE'

MusicPedia:

OUMOU SANGARÉ "Kun Fè Ko" Oumou Sangaré è la più acclamata cantante del Mali, un'icona della femminilità e della libertà di spirito. Canta uno stile musicale chiamato wassoulou, dal nome della regione del Sud del Paese dalla quale proviene la sua famiglia. Più di chiunque altro Oumou ha trasformato e reso popolare questo genere. Gli strumenti acustici possono dare un sapore "tradizionale" alla sua musica ma in realtà gran parte della sua musica nasce dalla sua immaginazione creativa. È la star indiscussa del wassoulou; il suo primo album, Moussolou uscito nel 1989 che la lanciò nel firmamento, vendette più di 200.000 copie ...


Oumou Sangare

MusicPedia:

Oumou Sangare Worotan (World Crcuit). La voce principessa del Wassoulow, una regione del Mali che ha prodotto una generazione di artiste davvero speciali, prosegue la sua opera di demolizione dei lati più rottamati della tradizione (mito della donna passiva, poligamia, troppa fede nelle scuole coraniche "il futuro di un bambino è al di sopra di Dio") usando tutto il suo peso di star. Lo zampino di Pee Wee Ellis esplicita una pulsazione funky già sublimata bene dagli intrecci di camalgoni e chitarra.


Oum Kaltoum

MusicPedia:

Oum Kaltoum, Chanson à l'écran- Buda 1997 La regina del Cairo, la mitica ammaliatrice vocale e accalappiafolle, viene recuperata nell'insolita (ma non tanto) veste di volto sonoro di grandi lungometraggi nordafricani - leggende del cinema egiziano - realizzati tra il 1935 e il 1945. E' proprio nei panni di squisita vedette che la fama della, sua voce ha rapito i sogni della propria terra. Alcuni titoli fra tanti: Widad, Nachid El Amal e Dananir. Il passaggio dal muto al sonoro raccoglie fascinosi e rari quadretti vocali da cui emergono la dimensione e le motivazioni del mito. La sua maestria vocale rapisce ...


OTTONOTE

MusicPedia:

OTTONOTE Ottonote (www.ottonote.com - tel 031/242842) l'uso illustrativo e preazioso degli strumenti - tastiere soprattutto - affoga la buona ispirazione in un qualcosa che resta fuori dalla visceralità minima che ci farebbe apprezzare un lavoro del genere. Niente di personale, anzi. Restano, una voce ben modulata sulle note alte, degna sicuramente di rispetto, la resa altamente professionale del disco, la buona struttura delle canzoni. Manca l'emozione, o almeno lo scostamento da canoni nostrani già troppo sentiti... L'etichetta per cui la band di Como incide è un progetto di edizioni musicali - e non solo - che produce e vende i suoi ...


Ottomix /Boom Boom

MusicPedia:

Ottomix - Boom Boom - Progressive di quella commerciale con un cambiamento notissimo di un vecchio pezzo......non ve lo dico perchè vale la pena comprare il disco . Ottimo il giro di sint in crescere e veramente bello il groove anche se a mio avviso un pò troppo dolce. Mettetelo a +4 e avrete un gran mix per il centro serata.


OTTODIX

MusicPedia:

OTTODIX Gli OTTODIX nascono a Treviso nel '94 e da allora si muovono nell'orbita della musica melodicaelettronica, subendo influenze dalla New Wave al techno pop, fino al dub e alla jungle, accomunando il tutto in un sound vicino agli ultimi Depeche Mode, che si può considerare il nostro gruppo di riferimento più importante. Il sound e le melodie d'atmosfera sono in simbiosi con l'immagine e la ricerca grafica e artistica del gruppo, che da anni cerca di supportare con video, sculture e foto d'autore, copertine, manifesti, ecc. la propria musica, anche dal vivo (il nostro interesse in questo senso è giustificato ...


OTTO'P'NOTRI/NEW

MusicPedia:

OTTO'P'NOTRI Secondo La Legge Del Caso Strano paese, il nostro, certi qruppi suonano un paio di concerti e finiscono subito sotto contratto, altri si dannano l'anima a tempo pieno per costruire un progetto di musica "altra" e c'impiegano anni a sfondare la cortina dell'indifferenza. Ma l'abisso culturale che separa i primi dai secondi, alla fine, emerge forte e chiaro, e il disco d'esordio degli Otto'P'Notri, in formazione stabile sin dal '91, lo testimonia in maniera eloquente. "Nati dalle viscere di un Dio del caso", come recitava la "ghost track" del singolo Nave Di Speranza (che apre l'album), i sei musicisti toscani agiscono ...


OTTO'P'NOTRI

MusicPedia:

Nati dalle viscere di un dio del caso gli OTTO'P'NOTRI raggiungono una formazione stabile nel 1991 ed in questo periodo iniziano le loro prime esibizioni dal vivo. Tutto il materiale prodotto da quest'anno fino al 1994, servirà al gruppo come archivio personale di numerose sperimentazioni sonore, sempre in bilico tra un'adesione apocrifa ai modelli anglosassoni ed una rilettura totalmente selvaggia della tradizione "pop". Le fonti di ispirazione non ci sono, perchè numerosissime, i riferimenti musicali sono inutili perchè delimitano una tradizione che non c'è - quella del pop italiano - fatta di scarti, prestiti, vuoti e frammenti. OTTO'P'NOTRI quindi, come ...


OTTO'P'NOSTRI/Secondo La Legge

MusicPedia:

OTTO'P'NOSTRI Secondo La Legge Del Caso è il primo disco degli Otto'P'Notri, band fiorentina che è pero attiva sul territorio da quasi nove anni. Il tempo per mettere a fuoco le proprie credenziali estetiche c'è stato tutto quindi, dopo un singolo, "Nave Di Speranza", che già fotografava l'adesione non banale ad un pop lambiccato ed attento a coniugare scarti timbrici e campionamenti con la cantabilità nostrana. L'artefice dei testi e di buona parte delle musiche è Davide Bindi e si perde felicemente tra visioni e licenze metriche, liriche laterali e vocalità discretamente espanse. "Mi Cammini Sopra", "Nave Di Speranza", l'acida "La ...


Otto Ohm/4

MusicPedia:

Otto Ohm Gli Otto Ohm nascono circa due anni fa da Andrea Vincenzo Leuzzi detto “Bove”, che presterà la voce al gruppo, e Fabrizio De Angelis detto “Jolly Dread”, professione dub master, quando insieme iniziarono a suonare in un mini studio allestito in casa. Dopo solo un anno si sono aggregati anche gli altri membri, vecchi amici con i quali, fino a quel momento, il duo non aveva mai pensato di poter fare qualcosa di concreto: Daniela Mariani "Mama Trama" (corista); Fabrizio De Angelis "Jolly dread" (dub master); Stefano Bari "Fed" (chitarrista); Emanuele Flammini "Gaspardo" (tastierista); Paolo Pecorelli "Bokassa" (bassista); Robert ...


OTTO OHM

MusicPedia:

OTTO OHM Sono in otto, ovviamente e, con ardita equivalenza tecnica, si sono chiamati Otto Ohm, termine riferito all'impedenza elettrica, ovverossia di una sorta di soglia, di porta attraverso la quale può viaggiare il suono di qualità, che sia "hi-fi" o, per estensione, bisogno di alte ambizioni. In effetti per essere un album di debuto l'album omonimo è un piccolo gioiello, dimostra che la band non è un'invenzione di studio, viene da lontano, presumibilmente dalla strada, dalla frequentazione dei centri sociali, dall'aver affinato la sua comunicazione in un faccia a faccia col pubblico che è garanzia di buon artigianato. Gli Otto ...


Otto Ketting

MusicPedia:

Otto Ketting (nato nel '35), è un compositore e direttore d'orchestra abbastanza affermato in ambito contemporaneo, ma a partire dai 60 ha composto anche parecchie (una ventina) colonne sonore per il cinema. Allievo di Hartmann, per i suoi pezzi "seri" (di lui sono reperibili alcuni cd su Bvhaast e Composer's Voice) ha sempre rivendicato Berg e Stravinsky come influenze, ma sono influenze che evidentemente si allargano per quanto riguarda la sua musica da film (su Bvhaast era uscito anche il bel LP "Drei films von Bert Haanstra"): nei quattro film qui raccolti due spiccano come influenze principali, Stravinsky naturalmente (più ...


OTTO & MEZZO/2

MusicPedia:

OTTO & MEZZO Duo composto da Titta Rizzo e Sandro Schino. Dopo una lunga serie di esperienze come animatori, presentatori, autori e attori di teatro popolare entrano nel fantastico mondo della comicità con le loro Cronache marziane (prima un programma radiofonico di successo e poi un esilarante spettacolo dal vivo). Quest’anno hanno raccolto grandi consensi al XV° Festival Nazionale dell’Umorismo Cabaret amore mio! di Grottammare. Indimenticabile la loro partecipazione al varietà comico di Telenorba Villa Sigmund (ben 42 puntate!). Da qualche mese il loro mitico Cronache marziane è anche su internet all’indirizzo telematico www.ottoemezzo.net/cromar.


OTTO & MEZZO

MusicPedia:

OTTO & MEZZO (Bari) Duo composto da Titta Rizzo e Sandro Schino. Passando per il Teatro Popolare, dopo una lunga collaborazione come autori di satira e di trasmissioni radiotelevisive, i nostri approdano solo in tempi recenti al cabaret. Il loro sorprendente e reiterato successo, ha destato allarme nella comunità scientifica internazionale, preoccupata per il diffondersi fra la popolazione, di una forma particolarmente virulenta e procellosa di demenza.


Otto & Barnelli

MusicPedia:

Otto & Barnelli Too Much Brothers International Vengono dalla strada, ne hanno percorsa tantissima, a piedi, in tutto il mondo e lo rivendicano con orgoglio. Lungo una strada li scovò venti anni fa Renzo Arbore, li portò a "L'altra domenica" imponendoli all'immaginario collettivo. Poi Otto e Barnelli hanno deciso che la strada è più divertente della TV e quindi ci sono ritornati. Indossano spavaldamente chitarra, violino, grancassa, cembali. Suonano Dylan, Beethoven, il tango e il valzer, il free-jazz e la marcetta militare. Saltano, corrono, ballano il tip-tap, si ballano intorno e poi vanno a finire addosso al pubblico. Il palco di Mamamia gli ...


Ottavo Padiglione/Ondareggae

MusicPedia:

OTTAVO PADIGLIONE Ondareggae C'era una volta il disco per l'estate. Presentatori sudati e cantanti ancor di più. C'era poi l'epos delle rotonde sul mare e dei beach movies nostrani. Ricordando tutto questo, tenendo conto che nel frattempo ci sono stati i Clash, la Giamaica e Manu Chao, Bobo Rondelli (ovvero il signor Ottavo Padiglione) ha concepito un disco estivo scintillante di azzurro come non se ne sentivano da anni. Lo aiuta in veste di produttore e strumentista Dennis Bovell, a lungo bassista con Linton Kwesi Johnson, e il risultato è un melange tanto improbabile quanto riuscito di spiagge vicine e lontane, sia ...


Ottavo Padiglione/2

MusicPedia:

Ottavo Padiglione Quando Curzio Malaparte definiva i suoi conterranei, i toscani, come «maledetti», quasi sicuramente si riferiva ai livornesi, schiatta ribelle. Prendiamo ad esempio Modigliani, che andò a farsi "maledire" a Parigi. Prendiamo Piero Ciampi poeta-cantante al cui confronto l'epiteto di «maledetto» attribuito a Rimbaud & C. appare perlomeno usurpato. E prendiamo oggi gli Ottavo Padiglione, terzetto che di Ciampi eredita la lucida follia e la ritrasmette in termini sicuramente più comprensibili. Soprattutto più diretti anche se conditi di ironia acida (un po' come l'aceto nel «caciucco», la tipica zuppa di pesce livornese, che si sente quel tanto che basta). Roberto ...


OTTAVO PADIGLIONE 5/00

MusicPedia:

OTTAVO PADIGLIONE Ironici, irriverenti, istrionici: Ladies and gentlemen, ecco gli Ottavo Padiglione, la formazione livornese capitanata da Bobo Rondelli è il vocalist sta in questi giorni partecipando alle riprese del film "Sud Side Story" di Roberta Torre che in dieci anni di attività è riuscita a conquistare un ruolo di assoluto rispetto nel mutante scenario musicale italiano. Le novità, rispetto al recente passato, sono tante: innanzitutto Ondereggae, la recente fatica discografica degli Ottavo Padiglione che tanto successo ha riscosso tra critica e pubblico, dando una svolta allo stile del gruppo. E poi il film, "Sud Side Story" (di Roberta Torre, ancora ...


Ottavo Padiglione

MusicPedia:

Ottavo Padiglione Ottavo Padiglione è il reparto dell'ospedale di Livorno che accoglieva, sino al varo della famosa legge 180, i malati di mente. E in fondo il gruppo composto da Roberto Rondelli, Alessandro Minuti e Sergio Adami ha sempre voluto simboleggiare, con quel nome, e quel ricordo, lo spirito della formazione: una sorta di zona franca entro la quale dar spazio alla creatività, tentando di trasgredire alle regole, di viaggiare contro. Idee, sogni, utopie sono mediati, nel linguaggio della band, da una certa attitudine a frequentare la gente vera, i ragazzi che s'incontrano per strada, non quelli della Tv. Dopo un ...


OTTAVIA PICCOLO

MusicPedia:

OTTAVIA PICCOLO "Danza e poesia al castello" (...a Beatrice d'Este). Musiche di F. Maschera, G.M. Trabaci, B. Tromboncino, G. Frescobaldi, G.D.R. Taeggio, A. Antico, B. Storace. Testi liberamente tratti ed elaborati dalla 'Cronaca di nozze di Ludovico il Moro e Beatrice d'Este'di T. Calco, dal 'Carteggio' del Conte Trotti Ambasciatore a Ferrara, da Ovidio e F. Petrarca. Con Ottavia Piccolo (voce recitante), Ruggero Laganà (clavicembalo), Elisabetta Martorana (soprano)


OTTAVASOTTOSOPRA

MusicPedia:

OTTAVASOTTOSOPRA Ottavasottosopra, notevole quartetto di contrabbassi formato da strumentisti appartenenti ad alcune delle più importanti orchestre sinfoniche e da camera italiane: Orchestra Sinfonica della RAI, Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia, Orchestra Italiana di Fausto Razzi. Il quartetto, che andrà in scena con un repertorio a sorpresa, ci stupirà con il suo gioco delizioso, ci farà scoprire, con talento e buonumore le enormi capacità timbriche ed espressive di uno strumento che in realtà può essere agile e coloristicamente interessante quanto, altri cugini più "conosciuti", come il violoncello e la viola.


Ottava Sottosopra

MusicPedia:

Un'Ottava Sottosopra (quartetto di contrabbassi) (Andrea Pighi, Luca Cola, Antonio Sciancalepore, Massimo Taddei) "Flying Carpets" Il quartetto "Un'Ottava Sottosopra" nasce all'insegna del piu' puro divertissement nel senso vero della parola. E' composto da quattro giovani ben preparati musicalmente e tecnicamente. Il loro modo di far musica e' sincero, estroverso, pieno di humour e di inventiva. L'ascoltatore e' piacevolmente colpito dalla indiscutibile professionalita' e dal modo spontaneo di sprimersi. Insomma, un godimento per lo spirito ed una vera sorpresa. Non si puo' che essere conquistati dai quattro grossi "pachidermi" che folleggiano, danzano, cinguettano, grugniscono, borbottano, amoreggiano con naturalezza incredibile. (F. Petracchi) Le caratteristiche della formazione e la varieta' del repertorio hanno permesso al quartetto ...


Ottantottotasti

MusicPedia:

Ottantottotasti Non hanno ancora contratto discografico ma probabilmente è solo questione di tempo. Perché gli Ottantottotasti, oltre a essere stati uno dei gruppi cui il pubblico ha decretato maggiori applausi nella scorsa edizione di Arezzo Wave, è una band rodata da una grande quantità di concerti in giro per l'Italia. È la dimensione live quella in cui riescono a esprimersi meglio: solide basi musicali con una sezione fiati inappuntabile e una chitarra funky che viene fuori all'improvviso a dare nuove spezie al già variegato crossover di stili musicali. Messaggi subliminali, ad esempio, è un pezzo che parte su note orientaleggianti e ...


OTOMO YOSHIHIDE/STEVE BERESFORD

MusicPedia:

OTOMO YOSHIHIDE/STEVE BERESFORD Museum of Towing & Recovery (Hot Air) Avvicinandosi di una generazione, uno dei pochi, pochissimi musicisti dotati di genio emersi negli anni 80 è Otomo Yoshihide, grande talento anche improvvisativo (in contesti come la Cyberband di Richard Teitelbaum o i p53 di Chris Cutler, tra gli altri). L'incontro con Beresford (del cui disco The Bath of Surprise Otomo ha fatto una "cover" nel cd dei Ground Zero Play Standards) autorizzava ad aspettarsi scintille, e così è stato: in stupenda veste grafica (10" in vinile e busta trasparente con immagine serigrafata), Museum of Towing & Recovery è un montaggio incassificabile ...


Otomo Yoshihide/3

MusicPedia:

Otomo Yoshihide: E' nato a Yokohama, Giappone, nel 1959. Collabora con Zorn, Frit, Marclay, Moss, Shea, Cutler, Rose, Tenko, Stone ecc. Utilizza il giradischi e la chitarra elettrica. Otomo Yoshihide non usa lo scratch con lo sfregamento, il break ritmico, l'incrocio casuale, la dinamica equalizzata. Manipola il giradischi con entrate e uscite di un materiale sonoro rilevante. Pratica una decomposizione per frammenti. Gestisce un solido punto di partenza per agire sotto il profilo riorganizzativo delle linee "armoniche" e dell'improvvisazione. The night before the death of the sampling virus (Extreme, '94), Revolutionary pekinese opera con Ground Zero (ReR, '96).


Otomo Yoshihide/2

MusicPedia:

Otomo Yoshihide Manipolatore di dischi e cd, nonche chitarrista e compositore. Figura chiave della nuova scena giapponese. Tra caos e estremo controllo della materia compositiva e improvvisativa. Una sorta di Mazinga che con estrema precisione tritura dischi, corde elettriche, detriti radio e tv. Collaboratore di Jon Rose, John Zorn, Chris Cutler, Richard Teitelbaum ecc. Altri suoi gruppi sono Electric Sun, Peril e i magnifici Ground Zero. Da sentire We insist (Sound factory) e Null void (Tza-dik) a nome Ground Zero. (f.s.)


OTOMO YOSHIHIDE'S NEW JAZZ QUIN

MusicPedia:

OTOMO YOSHIHIDE'S NEW JAZZ QUINTET in concerto (new jazz pop noise, Jap) - Nuovo progetto per Otomo Yoshihide nella forma del ‘quintetto jazz’. Nato lo scorso luglio, questo quintetto sarà per la prima volta in Italia. Otomo Yoshihide aveva partecipato nel '97 al festival Angelica in solo, in trio con Mike Patton e Bob Ostertag (House of discipline) e con ‘Ground Zero’ (Revolutionary pekinese opera, Plays standard) altra sua formazione, questa volta ‘consumata’ (consume ground zero) per lasciare spazio ad altri lavori focalizzati sull’elettronica, quali ‘I.s.o.’ e ‘Filament’. Il ‘New jazz quintet’ usa come risorsa una delle radici musicali di ...


Otomo Yoshihide

MusicPedia:

Otomo Yoshihide è nato a Yokohama, in Giappone, nel 1959. Compositore, arrangiatore, chitarrista, esperto di campionamenti, è oggi uno dei più avventurosi creatori di suoni della scena musicale di Tokyo e sta ottenendo importanti riconoscimenti in Europa, America ed altri paesi asiatici. L'atteggiamento di sfida nei confronti di ogni rigida categoria musicale, insieme all'indiscussa tecnica, ne fanno una figura chiave all'interno di quella rete internazionale di musicisti indipendenti e amanti della ricerca musicale. Ha composto colonne sonore per la televisione e il cinema, per opere teatrali e spettacoli di danza. Tra i films vanno citati The Blue Kite (China,1993) e The ...


OTOLITHEN/2

MusicPedia:

OTOLITHEN. Con DIRK BRUINSMA (NL) voce, sax soprano, effetti, chitarra elettrica, percussioni a pedale e PAD CONCA(CH) basso elettrico, effetti percussioni a pedale. Otolithen è il duo di Dirk Bruinsma, musicista già componente del gruppo olandese Blast di cui è una delle menti principali, attivo tra gli altri con Evan Parker, Fred Frith, Tim Hodgkinson, e Pad Conca bassista che ha collaborato con i So Nicht e Dani Lieder degli Alboth. Le composizioni del duo passano dal noise strutturato a delicate linee melodiche all'unisono ed in contrappunto, richiedono una alta concentrazione per l'uso simultaneo di mani e piedi che controllano una banca di suoni, mentre le improvvisazioni sviano verso situazioni inaspettate ricche ...


OTOLITHEN new

MusicPedia:

OTOLITHEN Paesi Bassi - Svizzera DIRK BRUINSMA (basso elettrico, sassofono, effetti, percussioni, voce); PAD CONCA (basso elettrico, effetti, percussioni, voce). E’ tutto da sentire e... da vedere! Il nuovo progetto di Dirk Bruinsma e Pad Conca concepito sulla falsariga degli indimenticati Skeleton Crew: due uomini orchestra alle prese con una quantità impressionante di strumenti suonati in tempo reale con mani-e-piedi (e qualche piccolo artificio elettronico), un tour-de-force di canzoni appena accennate e di invenzioni istantanee dove si rincorrono freneticamente cangianti strutture ritmiche ed inattese linee melodiche. Bruinsma è strumentista generoso già noto al pubblico italiano per le frequenti incursioni concertistiche con Blast, ...


OTOLITHEN

MusicPedia:

OTOLITHEN E' tutto da sentire e... da vedere! il progetto di Dirk Bruinsma e Pad Conca concepito quasi sulla falsariga degli indimenticati Skeleton Crew: due uomini-orchestra alle prese con una quantità impressionante di strumenti suonati in tempo reale con mani-e-piedi (e qualche piccolo artificio elettronico), un tour-de-force di canzoni appena accennate e di invenzioni istantanee dove si rincorrono freneticamente cangianti strutture ritmiche e inattese linee melodiche. Bruinsma è strumentista generoso già noto al pubblico italiano per le frequenti incursioni concertistiche con Blast, Positive Nuns e Sumbur, mentre Conca vanta frequentazioni soprattutto in ambito jazz-core elvetico, tra gruppi come Alboth e So ...


OTIERRE/LA PINA/NEW2

MusicPedia:

Novembre 91: Nasce la comunità OTR. Il gruppo si compone di 14 elementi (MC's, ballerini, Dj's) tutti della provincia varesina, accomunati dalla medesima passione per quel nuovo fenomeno musicale che inizia a suscitare interesse: I'Hip Hop (ancora chiamata dai giornalisti musica Posse). Marzo '92: Viene ultimato il primo demo degli OTR"1992 l'anno della riscossa|' comprendente ben 18 brani originali (musiche e testi). Un biglietto da visita che permette al gruppo di farsi conoscere nell'ambiente Hip Hop e farsi notare dagli addetti ai lavori.; Luglio '92: Dopo alcuni mesi di giacenza in qualche ignoto magazzino vede la luce i} primo singolo "Ragga no ...


otierre+ la pina new/1

MusicPedia:

Nel 1997 in Italia forse non è già più il caso di spiegare il significato di termini come "B-Boy", "Writer", "Dj", ecc. Se qualcuno dei suddetti vocaboli non vi è chiaro, vi basterà rivolgervi a un vostro amico, fratello minore, nipote, cuginetto, figlio, ecc. Un numero sempre più grande di ragazzi di età media tra i 13 e i 20 anni, giorno dopo giorno, si sta ormai appassionando a questa cultura universale chiamata Hip Sop. Mentre l'appoggio delle generazioni precedenti alla mia è stato quasi sempre limitato e dubbioso, le nuove leve, oltre ad essersi da subito dimostrate attente e pronte a ...


Otierre Featuring La pina

MusicPedia:

Otierre Featuring La pina Dalla Sede I messaggi positivi di OTR e La Pina trovano la dimensione ideale in questa coalizione che rispetta la vita di tutti i giorni della crew di Varese. Così sono cresciuti, così li incontri in mille serate "Mixmen connection", così pubblicano un album che supera di slancio le rispettive opere prime. Tecnicamente inecceppebili, Esa, La Pina, Vigor e il resto della family liberano una fantasia impressionante nel pescare a ruota libera dalle immagini che ciascuno di noi ha incamerato negli anni da TV, letteratura, radio, fumetti, cinema, sport. Lanciato da un singolo favoloso, "Rispettane l'aroma", il disco ...


OTHER STAR PEOPLE/Diamonds On T

MusicPedia:

OTHER STAR PEOPLE Diamonds On The Belly The Dog Dal milieu punk/grunge losangelino mid-eighties, fatto di eccessi, droga pesante e rock and roll, al dorato mainstream cocainico di Smashmouth e Green Day, il viaggio dell'ex L7 Jennifer Finch approda alla sua inevitabile tappa finale: la ricerca del successo di massa. Per ottenerlo, la bella Jenny smette i laceri panni della grungette per indossare colorati tailleur sixties e zeppe glam, lasciando da parte l'aggressività malevola di un tempo per sposare un power pop nuovo fiammante corroborato da (finta) trasgressione punk. Other Star People è il nome del suo nuovo gruppo. Che può confondere ...


OTHER DIMENSIONS IN MUSIC

MusicPedia:

OTHER DIMENSIONS IN MUSIC SPECIAL QUINTET WITH MATTHEW SHIPP Time is of the Essence; The Essence is Beyond Time Due lavori dal vivo e una session in studio per questo collettivo di improvvisatori Newyorkesi. Tre lavori eterogenei, a tratti antitetici, a dimostrazione di come quello che spinge William Parker, Matthew Shipp, Rob Brown, Roy Campbell e gli altri 18 musicisti che partecipano a queste performance e sessions a comporre, suonare e improvvisare non è una non meglio precisata voglia / necessità di "esprimersi" ma la volontà di comunicare e delineare un progetto specifico che di volta in volta si articola con maschere diverse, ...


OTHELLO/Eddie Palermo 2000

MusicPedia:

OTHELLO Eddie Palermo 2000 (RIGHT COMBO MASTAS) Ottime notizie anche da Othello: emissione a livello Frankie, introspezione, divertimento ed orgoglio senza enfasi delle radici siciliane fanno del suo debutto discografico (dopo dieci anni di presenza sulla scena) una convincente prova di forza, sostenuta da una folta crew palermitana.


Otello Profazio

MusicPedia:

Otello Profazio è l'antesignano della musica popolare italiana. Unico cantante folk premiato con il Disco D'Oro (oltre un milione di copie vendute), ha contribuito alla divulgazione di un genere musicale riservato in precedenza a pochi appassionati. Le sue ballate (La Baronessa Di Carini, La Leggenda Di Colapesce, Il Brigante Musolino, Scibilia Nobili, Qui Si Campa D'Aria) hanno evidenziato senza equivoci le condizioni amare del meridione; canti in cui si ritrovano vivi i costumi e i comportamenti di un'Italia rimasta spesso nell'oblio. Profazio ha recuperato un'infinità di canti e ballate di Sicilia, Calabria, Puglia e Basilicata. Ha scritto musiche per sceneggiati ...


OTELLO PRAFAZIO/MEDITERRANEO

MusicPedia:

OTELLO PRAFAZIO e i MEDITERRANEO Otello Profazio, uno degli ultimi esponenti della gloriosa tradizione dei cantastorie del Sud Italia, affida la sua voce antica ed emozionante all’accompagnamento dei provetti strumentisti del gruppo Mediterraneo, esponenti di un più moderno approccio alla tradizione popolare, improntato a quella “World-Music” che rappresenta attualmente una delle tendenze dominanti del panorama musicale internazionale. Grazie agli arrangiamenti di Nino Spezzano e Giulio D’Agnello, il collaudato e godibilissimo repertorio di Profazio viene riletto attraverso le influenze del flamenco, della musica latinoamericana, del jazz, delle musiche del Sud del Mondo. MEDITERRANEO - Naviganti di lungo corso nel grande mare ...


OTELLO PRAFAZIO

MusicPedia:

OTELLO PRAFAZIO Otello Profazio, uno degli ultimi esponenti della gloriosa tradizione dei cantastorie del Sud Italia, affida la sua voce antica ed emozionante all’accompagnamento dei provetti strumentisti del gruppo Mediterraneo, esponenti di un più moderno approccio alla tradizione popolare, improntato a quella “World-Music” che rappresenta attualmente una delle tendenze dominanti del panorama musicale internazionale. Grazie agli arrangiamenti di Nino Spezzano e Giulio D’Agnello, il collaudato e godibilissimo repertorio di Profazio viene riletto attraverso le influenze del flamenco, della musica latinoamericana, del jazz, delle musiche del Sud del Mondo.


OSVALDO ARDENGHI/2NEW

MusicPedia:

OSVALDO ARDENGHI Dal 1973 al 1993 si esibisce come operaio metalmeccanico in fabbrica, lavoro non gratificante emotivamente ma necessario per la sopravvivenza. Dall'81 suona in un gruppo di rock blues finchè, nel 1993, Jannacci lo scopre e lo chiama alla mitica scuola del Bolgia Umana. La sua comicità nasce da esperienze personali. Il suo spettacolo spazia da personaggi come "il metallaro", "l'operaio disoccupato", oltre ad imitazioni di Bob Dylan e Joe Cocker, preamboli a veri e propri monologhi. In televisione lo ricordiamo tra gli ospiti del Maurizio Costanzo Show (Canale 5), Tappeto volante (Tmc), Quelli che... il calcio (Rai 3) e ...


OSVALDO ARDENGHI/2

MusicPedia:

OSVALDO ARDENGHI Dal 1973 al 1993 si esibisce come operaio metalmeccanico in fabbrica, lavoro non gratificante emotivamente ma necessario per la sopravvivenza. Dall’ ’81 suona in un gruppo di rock blues finché, nel 1993, Jannacci lo scopre e lo chiama alla mitica scuola del Bolgia Umana. La sua comicità nasce da esperienze personali. Il suo spettacolo spazia da personaggi come “il metallaro”, “l’operaio disoccupato”, oltre ad imitazioni di Bob Dylan e Joe Cocker, preamboli a veri e propri monologhi. In televisione lo ricordiamo tra gli ospiti del Maurizio Costanzo Show (Canale 5), Tappeto volante (Tmc), Quelli che... il calcio (Rai 3) e Uno Mattina (Rai ...


OSVALDO ARDENGHI

MusicPedia:

OSVALDO ARDENGHI Jannacci lo scopre e lo chiama alla mitica Bolgia Umana. In televisione lo ricordiamo tra gli ospiti del Maurizio Costanzo Show (Canale 5); Tappeto volante (Tmc); Quelli Che.. Il Calcio (Rai 3) e Uno Mattina (Rai 1). Protagonista anche della trasmissione curata da Enzo Jannacci per Rai 1 dal titolo MBU - Milano Bolgia Umana.


Osteria delle Dame

MusicPedia:

"Osteria delle Dame", affermato trio acustico con esperienza decennale, propone un repertorio dei migliori cantautori del nostro tempo, italiani e non (De AndrÈ, De Gregori, Dylan ecc.), ideale per pubs, osterie, clubs ecc. Per contatti chiamare: 0338.3343230 - 0347.7250221 e-mail: fripp@freemail.it


OSTARA/Secret Homeland

MusicPedia:

OSTARA Secret Homeland Ostara è il nuovo progetto di Richard Leviathn e Timothy Jenn, due artisti dall'Australia un tempo attivi come Strength Through Joy che a distanza di circa tre anni sferrano il loro debutto sotto le nuove insegne dedicate all'antica divinità nordica Ostara. Bellissimo! Non vi sono altri aggettivi per definire un diamante di luce come "Secret Homeland", la pietra della purezza fatta musica che proietta la sua luce in un set di 12 canzoni che riempiono il cuore per poi accarezzare la mente con le ali del pensiero e quindi portare verso orizzonti di tempi fantastici. Qui è certamente ...


OST/Heavy Metal 2000

MusicPedia:

OST Heavy Metal 2000 La OST dell'originale film Heavy Metal del 1980 presentava Black Sabbath, Blue Oyster Cult, Grand Funk Railroad, Trust, Nazareth, insomma il meglio, o quasi, dell'epoca. Vent'anni dopo lo scenario è completamente mutato ed i protagonisti sono gli immarcescibili Pantera e Machine Haed da una parte e un manipolo di giovani promesse del crossover, tutti con inediti. Se gli schizoidi SOAD, i gotici Coal Chamber ed i metal corers "latinos" Puya sono ormai più di una fulgida speranza, la Tirale di questi ultimi è hard rock chicano d'altissimo livello, vi segnalo alcuni nomi di appuntare in agenda. Su ...


OSSO EXOTICO

MusicPedia:

OSSO EXOTICO: Il/III (Carbo Records) Aborrite le convulsive asprezze elettroniche dell'esordio (1990), i portoghesi Osso Exotico rincorrono ora le forme fluttuanti della materia sonora e le inseguono fino a localizzarle negli interstizi rarefatti dell'inconscio. La seconda prova (semplicemente "IT", in vinile limitato, racchiuso in una lussuosa confezione di velluto nero) si differenzia dall'ultima ("III", in compact disc con copertina in garza), oltre che per il supporto, anche per l'utilizzo quasi sistematico (ancorchè non canonico) dell'elemento vocale. In generale, comunque, la progressiva alternanza di dissolvenze materiche e di scansioni spazio-temporali libera la loro musica dall'impatto fisico, ma, al contempo, le conferisce una precipua ...


OSSIAN

MusicPedia:

OSSIAN Angelo Maggipinto: guitars; Dario Giliberti: bass and vocals; Alessandro Rotolo: Drums. Formazione della band: agosto 1995. Genere musicale: new groovy metal/modern metal. Tapes: Surreal Masterpiece gennaio 1997; Mythomania: luglio 1997; Promotape '98: aprile 1998; Ecforia (m.h.d.); Work-in Progress: ottobre/novembre 1999. Competizioni musicali/concerti: - partecipazione per 3 volte consecutive allo stop-over in Bari (una delle più importanti manifestazioni musicali in Puglia). - prima classificata al concorso Battlefield organizzato da "Pluvia Metalli 'zine" per tecnica e originalità della band. - partecipazione per 2 volte consecutive al "Pepsi Sziget" (festival internazionale di musica rock a Budapest) con artisti come: Slash, Iggy Pop, Sonic Youth, Faith No More, David Bowie, ...


Ossi Duri

MusicPedia:

Gli Ossi Duri sono la piu' giovane cover band zappiana (del mondo?), con eta' che vanno dai 14 ai 17 anni; instradati da Filippo Bellavia, padre e zio di parte della band e titolare di un'altra cover band (i Camarilli) hanno al loro attivo tre Cd autoprodotti ("Niente Squole Niente Maestre!", del '96, "Sta Chitarra Ammazzera' Tua Madre del '98 ed il recente "Che Rocktura!") dove, a dispetto della loro tenera eta' si cimentano con brani zappiani particolarmente intricati, quali 'The Black Page' e 'King Kong'. Ma e' soprattutto dal vivo che gli Ossi Duri sorprendono per l'autorevolezza e la sicurezza, passando dalle cover di Zappa, che costituiscono ...


OSSESSIONE/Un po’ d’Amore

MusicPedia:

OSSESSIONE Un po’ d’Amore (Freak Out) L’esordio dei romagnoli Ossessione risale al ‘94. Forse i più attenti si ricorderanno di un 45 giri prodotto da Scanna degli Sciacalli per la Destination Records. Anche perché un lato di quel vinile rievocava una grande cult band del progressive italiano degli anni ‘70. Non a caso gli Ossessione scelsero di reinterpretare “Neve Calda” del Balletto Di Bronzo. Da allora sino ad oggi la band ha notevolmente arricchito il proprio bagaglio tecnico, culturale e musicale, gettando, nel ‘96, le basi dell’etichetta discografica Freak Out, per la quale i nostri hanno già realizzato il mini cd ...


OSSESSIONE/NEW/OK

MusicPedia:

OSSESSIONE 1994 - Un 45 giri, pubblicato dalla bolognese Destination X segna l'esordio. Una dolce ballata "Oste" apre il tutto, seguita da una strana versione di "Neve Calda" cover del Balletto Di Bronzo, cult band del '70. Il disco viene accolto molto bene, con nostra sincera sorpresa, specialmente nell'ambito progressive. Primi classificati nella sezione indipendenti del giornale FareMusica. 1996 - Si pongono le basi dell'etichetta Frea Out! ed incomincia una strana avventura che tutt'ora prosegue. In questo periodo esce il Cd/Ep "Ipnotica" (Freak Out! - Distr. Flying Records). Disco di transizione, a cui tutt'ora siamo molto legati, nonostante una produzione, che ...


ossessione/NEW/2

MusicPedia:

Ossessione Una carica frenetica di energia, un rock chitarristico dalle spiccate attitudini melodiche mai scontato anche se tradizionale nel trattamento della forma canzone. Questo il contenuto di "Un Po' D'Amore", terza prova discografica degli Ossessione, dopo un singolo rivelatore nel 1994 ed uno sfortunato EP nel '96 per la Flying con la produzione di Paul Chain. Efficace il piglio ritmico di "Io Sono Te", "Supersonica" e "Indivisibile", ottima l'espressività vocale di "Santo", veri timbri chitarristici che denunciano senza ombra di dubbio una formazione in odore di hardcore-punk, libera ormai dalle maglie della citazione. Dieci brani intensi costruiti con l'umiltà della ricerca ...


OSSESSIONE/new

MusicPedia:

OSSESSIONE - Ipnotica [Freak Out/ Flying] Il rock degli Ossessione, quartetto riccionese in cui milita Gianluca Lari, autore del progetto Freak Out, ha un assetto più convenzionale rispetto alla musica dei Sin Ta. In Ipnotica la band riprende gli accordi cari ad un certo hard-progressive degli anni Settanta combinandoli con arrangiamenti più morbidi grazie all'intreccio di chitarre acustiche e tastiere. Non a caso nel '94 gli Ossessione esordirono con Oste, un singolo che proponeva sul retro Neve Calda, una cover del Balletto Di Bronzo. Ad avvalorare il lavoro degli Ossessione sono le liriche in italiano alle quali il cantato di Alessandro ...


Ossessione buono

MusicPedia:

Ossessione L'Ossessione nasce nel 1993 sulle note del primo Hard-Progressive degli anni '70, non a caso capita di ascoltare nel loro repertorio brtani di gruppi storici come il "Balletto di Bronzo" e "Il Rovescio Della Medaglia". Dopo una fortunata serie di concerti pubblicano a distanza di un anno il loro singolo di debutto "Oste/Neve Calda" per l'etichetta bolognese Destination X. E' con questo 45 giri che si fanno conoscere ed apprezzare nell'ambiente Progressive italiano. Ma la continua evoluzione e valorizzazione della loro musica li ha spinti fino alla Freak Out Rec., che ha pubblicato il loro nuovo Cd/Ep Ipnotica; prodotto su ...


OSSESSIONE

MusicPedia:

OSSESSIONE Ipnotica Negli Ossessione milita il titolare del progetto Freak Out, e in questo "Ipnotica" il quartetto di Riccione riprende i temi cari a un certo hard-progressive degli anni Settanta sviluppandoli con arrangiamenti più morbidi costruiti sugli intrecci di chitarre acustiche e tastiere - non a caso il singolo d'esordio confezionato dal gruppo nel 1994 conteneva, oltre all'originale "Oste", una cover di "Neve calda" del Balletto di Bronzo - ai quali ben si adattano le melodie delle liriche in italiano di Alessandro Santagostino. Tra i sei episodi del mini-CD spiccano "Il re e la regina" e "Viene con la pioggia", dove le ...


Ossatura/Tim Hodgkinson

MusicPedia:

Ossatura/Tim Hodgkinson "Dentro" Ossatura è un quartetto romano d'inprovvisazione attivo da circa tre anni. Questo album d'esordio uscito per la Recommended dell'ex Henry Cow, Chris Cutler è il risultato della collaborazione del quartetto con un altro ex Henry Cow, quel Tim Hodgkinson che continua il suo cammino, defilato dalle scene avant-popular, con straordinaria coerenza. Le sonorità sono il frutto di improvvisazioni a volte totalmente libere, a volte dirette da uno dei musicisti, e della loro successiva manipolazione in studio. L'album vola decisamente alto, forte dell'identità del suo linguaggio. Il settore di riferimento è molto lontano dall'improvvisazione jazzistica, prediligendo piuttosto suoni elettroacustici di ...


OSSATURA/2

MusicPedia:

OSSATURA - Italia Maurizio Martusciello, Elio Martusciello, Luca Venitucci, Fabrizio Spera Quattro audaci sperimentatori italiani attivi nell'ambito della musica improvvisata mettono a confronto tecniche strumentali tradizionali e sistemi altri - quali il trattamento, la preparazione e l'amplificazione di oggetti inusitati, l'elaborazione elettroacustica in tempo reale, l'uso di nastri magnetici - attraverso una ricerca sonora incline ad accogliere il rumore e la contaminazione tra i propri elementi strutturali. Aperto alla suggestione di molteplici discipline extra musicali - non ultimo il cinema, che ha ispirato il loro brano Scoppio di un fiore eseguito in passato per RadioTre e una serie di sonorizzazioni ...


OSSATURA & DAGMAR KRAUSE

MusicPedia:

OSSATURA & DAGMAR KRAUSE Elio Martusciello alla chitarra midi, esterofono, nastri; Maurizio Martusciello, oggetti elettroacustici; Luca Venitucci, tastiere, fisarmonica, batteria elettronica; Fabrizio Spera, batteria, oggetti amplificati, nastri; Dagmar Krause alla voce. Quattro audaci sperimentatori italiani attivi nell'ambito della musica improvvisata mettono a confronto tecniche strumentali tradizionali e sistemi altri, quali il trattamento, la preparazione e l'amplificazione di oggetti inusitati, l'elaborazione elettroacustica in tempo reale, l'uso di nastri magnetici - attraverso una ricerca sonora incline ad accogliere il rumore e la contaminazione tra i propri elementi strutturali. Aperto alla suggestione di molteplici discipline extra musicali, non ultimo il cinema che ha ispirato ...


Ossatura

MusicPedia:

Ossatura L'approccio all'improvvisazione degli italiani Ossatura è altra cosa rispetto a quello naif, a tratti giocoso del trio inglese. Qui la riflessione teorica ha uguale spessore della prassi strumentale. L'uso di un impianto non tradizionale (arnesi elettroacustici, tastiere e campionamenti, nastri, chitarre alterate, batteria) per lo più oggetto di numerosi trattamenti e preparazioni produce una con/fusione timbrica che è solo uno dei molti obiettivi del quartetto. Una Babele sonora che disorienta chi vi si avvicina armato di sicurezze, che produce «fuoricampo» dello sguardo e differimenti interpretativi, considerando anche la difficoltà di associare un suono all'arnese che lo ha originato. In tali ...


Oskar Sala

MusicPedia:

Oskar Sala Un piccolo bungalow a Berlino. Uno strano suono a bassa frequenza emanato dall'interno provoca una piccola vibrazione della porta. Suono il campanello ed il suono immediatamente si interrompe. Un uomo, probabilmente ottantenne, apre la porta e si presenta con un grande sorriso. "Ja, entra" dice Oskar Sala e mi fà entrare nella parte più intima del suo studio: lui era lì; il trautonium. Il nome può suonare come appartenente ad un oscuro elemento radioattivo, ma in realtà questo è il nome di uno dei primi strumenti elettronici del Mondo. Come un altare di chiesa, costituito di due grandi ...


OSCRU

MusicPedia:

OSCRU "TUTTO HA ORIGINE NEL KAOS" Gli OSCRU ne hanno fatto un manifesto musicale. Ci piace pensare alla musica come "rappresentazione del "fluire del tempo", coglierne le sfumature e trasportarci senza schemi predefiniti. All'inizio erano i CADUTA MASSI poi la voglia di non fermarsi, di rimettersi in discussione. Punk, psichedelia, hardcore, noise, rock si può avere tutto. Noi definiamo la nostra musica "psycologicainoisecore" semplicemente perchè non significa niente. Tanti anni passati a suonare nei centri sociali, nei pub, nei locali e due demo all'attivo "OFFICINE SONORE" e "CULTURA TRATTATA", sono in definitiva gli OSCRU con in testa un progetto... prossimo?


OSCAR VERDIE’

MusicPedia:

OSCAR VERDIE' Ha iniziato gli studi di chitarra con il M° Juan Amado, perfezionandosi con il concertista Roberto Lara. Ha studiato anche presso il Conservatorio Nazionale di Buenos Aires. Da qualche anno risiede in Italia impegnandosi nell'attività didattica e concertistica e nella diffusione del patrimonio musicale latino-americano.


OSCAR D'LEON

MusicPedia:

OSCAR D'LEON Oscar D'Leon è una vera e propria leggenda della musica latinoamericana e probabilmente l' artista venezuelano più noto al di fuori del suo paese. Oltre ad essere un grande sonero, specializzato nell'improvvisazione spontanea e libera, è anche un uomo di spettacolo, che si è formato in più di 20 anni di carriera, con 60 album al suo attivo, un background nella musica contemporanea e una inconfondibile tessitura vocale. Il suo ultimo CD "La fòrmula original" prodotto da lui stesso e da Isidro Infante, ripropone la sua arte inimitabile, il suo caratteristico "D'Leon Swing" con musiche e e melodie adatte ...


OSCAR D LEON/OK

MusicPedia:

Per iL New York Times è il James Brown della Salsa. Certo, è l'artista venezuelano più famoso nel mondo con i suoi oltre 25 anni di carriera (iniziata nell'orchestra Dimension Latina nel '72) e i quasi sessanta dischi all'attivo. Oscar D Leon è stato ascoltato nei più diversi contesti della musica latina (Tito Puente, Celia Cruz, Alberto Sandoval, El Canario) e ha ottenuto parecchi dischi d'oro e nominations al Grammy. Oscar è nato in un sobborgo di Caracas e ha iniziato a cantare e suonare da ragazzo mettendo le sue doti artistiche al servizio di attività sociali. E' maturato musicalmente ...


OSAKA

MusicPedia:

OSAKA Da un po' di mesi si aspetta l'uscita di un loro annunciato album per la Roisin (UK); per fortuna questa lunga attesa ogni tanto viene interrotta da un singolo o come in questo caso uno split con U.C.M. altra realtà francese sommersa Yannick Martin (chitarre e drones) e Sebastien Roue (tastiere e ritmiche) sono due ragazzi di Brest che da qualche tempo agitano la scena sotterranea francese appoggiandosi dapprima alla Diesel Combustible, che ha prodotto il loro primo singolo ormai fuori catalogo condiviso con i più noti Tank con cui mantengono un rapporto di collaborazione sotto altri nomi. Affascinati da ...


OS MUTANTES

MusicPedia:

OS MUTANTES Os Mutantes In tema di Tropicalismo, si presenta invece con i tratti della vera e propria scoperta la ristampa - curata dalla newyorkese Omplatten - della discografia (tre lp tra il '68 e il '70) degli Os Mutantes, appendice "rock" e scapigliata della nuova onda post-bossa nova. La musica del trio formato dalla cantante americana Rita Lee e dai due fratelli Baptista per un certo periodo ci sarà anche il noto Nana Vasconcelos - era un commovente miracolo di libera creatività, distante anni luce dalla chincaglieria exotica rifilataci con sospetta generosità in questi anni. Gli Os Mutantes dribblavano con ...


Orson Welles/2

MusicPedia:

Il magico Orson Welles Gli anni quaranta furono gli anni di crisi, ma più che di crisi di trasformazione del cinema statunitense e Welles ne è uno dei diretti protagonisti. Figlio di una agiata famiglia borghese nutritosi della ricchezza intellettuale ed artistica che lo circondava nella più profonda provincia americana maturando e coltivando quella che diversi suoi biografi hanno definito come un'intelligenza fuori dal normale. I suoi studi sono quelli classici oltre la grande passione per i viaggi in Europa ed il relativo assorbimento di quella cultura letteraria fonte germinativa per le sue attività teatrali così proficua ...


ORSON WELLES

MusicPedia:

ORSON WELLES Lea Storia s¾ ripete la Bruna voga in Fana, La sex vé i¾R Alt'. Orson Welles nasce Il ó maggio 1915 vicino Chicago nel Wisconsin da Richard Head Welles, ingegnere ed inventore e da Beatrice Ives Welles, pianista. Ha un'infanzia precocissima e felice, aiutato senz'altro dall'educazione "privilegiata" (molti viaggi ed un assiduo contatto con artisti ed intellettuali dertempo che frequentano la casa) di cui è oSetto sia da parte dei farniliar1 sia da un amico di famiglia, tale Dottor Bernstem che lo svelerà ai misteri della prestidigitazione e che Li regalerà il primo teatrino di marionette. L'America intanto tranquLlissimamente si ...


ORSO/Lons Time By

MusicPedia:

ORSO Lons Time By Dalla amichevole diaspora di una band grande e misconosciuta come i Red Red Meat nacquero, alcuni anni or sono, un'etichetta (la Perishable) e una serie di gruppi come oRSo, Califone, Loftus, Drumhead: la moltiplicazione dei pani insomma, visto che praticamente tutti i componenti della band originaria oggi si ritrovano a suonare assieme nelle diverse figliolanze. Ecco allora che negli oRSo, qui alla seconda prova, milita in pianta stabile l'ex tastierista dei RRM Ben Massarella (che però adesso siede dietro la batteria) in combutta con Phil Spirito, bassista nei Rex (ma qui al canto e alla composizione oltre ...


ORSO/LONG TIME BY

MusicPedia:

ORSO "LONG TIME BY" (PERISHABLE/GOOD FELLAS) Band che già dal nome mi sta simpatica, gli Orso propongono una sorta di nuovo country molto contaminato dalla psychedelia e dalla musica orchestrale. Registrato da un ensemble di ben 9 elementi (credo che solo 4 facciano parte del gruppo vero e proprio) e con strumenti quali banjos, organetti, archi, sintetizzatori d'altri tempi, percussioni improvvisate, "Long time by" è un disco molto ricco e ispirato. Phil Spirito alla voce sembra Michael Stipe dei R.E.M. con parecchio alcool nelle vene, ma tranne questo aspetto molto "terreno", la musica degli Orso prende la via della sperimentazione, ogni ...


ORRIN EVANS

MusicPedia:

ORRIN EVANS Nativo di Filadelfia, inizia lo studio del pianoforte nella Settlement Music School ed attribuisce i meriti della sua evoluzione musicale ai genitori musicisti e a vari artisti che lo hanno supportato come Kenny Barron, Mickey Roker, Bobby Durham, Ralph Peterson, Tim Warfield e Trudy Pitts. Da quattro anni Orrin è il pianista del leggendario Bobby Watson è inoltre il pianista dell'eclettico batterista Ralph Peterson della cantante Denise King, del giovane vibrafonista Stefon Harris?. Ha partecipato a tournee in tutto il mondo con vari artisti tra i quali figurano Stefon Harris, Antonio Hart e Wallace Roney ed ha nelle sue ...


ORQUESTRA CUBANA BIG BAND

MusicPedia:

ORQUESTRA CUBANA BIG BAND Orchestra composta da una sezione ritmica e una sezione di fiati, i brani che compongono il repertorio della Big Band sono tratti da generi calssic-jazz, latin-jazz e jazz-funk dando risultato di quella che è forse la più genuina espressione musicale Americana.


ORQUESTA LA MAS SALSERA

MusicPedia:

ORQUESTA LA MAS SALSERA (CUBA) Definita dalla stampa nazionale specializzata la migliore orchestra latino-americana residente in italia (Musica di La Republica) il gruppo ha al suo attivo oltre 200 concerti in Italia e all’estero, in clubs e festival dove hanno sempre riscosso un grande consenso di pubblico lo spettacolo è caratterizzato dalla front-line caraibica formata dalle splendide cantanti cubane, forte ritmica dei percussionisti e lla potente sezione fiati. Grande festa di inaugurazione per la nuova stagione 1999/2000.


ORNETTE COLEMAN

MusicPedia:

ORNETTE COLEMAN Non è possibile riassumere in poche righe tutti gli equivoci critici che si sono intrecciati lungo la trentennale carriera di Ornette Coleman (Fort Worth,Texas,1930): dai tempi in cui il suo sassofono intriso di esasperato senso del blues fu giudicato "stonato", al mancato riconoscirnento delle strutture di base della sua musica (complice l'impropria etichetta di "free jazz" applicatale, etichetta nata poi dal titolo di un suo disco...), all'imbarazzo di fronte al suo violino e alla sua tromba così squassanti e strazianti, al disorientamento di fronte alle sue opere sinfoniche e cameristiche, in bilico fra spirito afroamericano e scrittura eurocolta, fino ...


ORNELLA VANONI Club-Tour

MusicPedia:

ORNELLA VANONI Club-Tour Il suo esordio avviene alla fine degli anni Cinquanta, come attrice nella scuola del Piccolo Teatro di Milano, diretta da Giorgio Strehler, interpretando alcuni brani di Brecht. Da questa esperienza nasce Le canzoni di Mala, il suo primo successo. Negli anni Sessanta incontra Gino Paoli con il quale inizia un sodalizio artistico e sentimentale. Il cantautore scrive per lei Senza fine. In questo periodo Ornella alterna impegni teatrali di grandi successi (Rugantino, che arriva fino a Broadway) e dischi che restano in vetta alle classifiche. Nel suo reperto trovano inoltre posto, tra gli altri, i successi di Domenico Modugno, Burt Bacharach, ...


ORNELLA VANONI

MusicPedia:

ORNELLA VANONI Adesso A Sanremo insieme a Gragnaniello è stata una delle sorprese più gradite, e Alberi è uno dei due inediti che incorniciano l'ottima performance dal vivo realizzata nel corso dell'ultimo tour, che ha visto con Ornella una band di grande valore composta da Paolo Fresu, Beppe Quirici, Pietro Cantarelli, Saverio Porciello, Claudio Fossati e Fulvio Maras. Si parte dai classici per arrivare fino agli ultimi successi firmati Mogol-Lavezzi, che precedono i brani tratti dall'album Argilla, ennesima svolta artistica di Ornella e ben rappresentato da Viaggerai testimonianza di un'immutata attenzione nei confronti della musica brasiliana, stavolta quella di Carlinhos Brown. L'altro ...


ORME

MusicPedia:

ORME Le Orme sono molto di più che un gruppo rock, più di un fenomeno musicale degli Anni '70, più di una formazione sempre all'avanguardia, più delle canzoni che hanno scritto ed interpretato, più dei personaggi che hanno rappresentato. Non si finirebbe mai con il gioco dei più. Le Orme sono uniche ed inimitabili. Chi le ha conosciute e seguite fin dagli inizi, le sente parte del proprio mondo interiore, un mondo misterioso, sospeso tra il sogno e la realtà, lo spiritualismo e la cronaca quotidiana. E questo perchè appartengono ad una grande civiltà. Nella loro musica ci sono le armonie ...


ORLY

MusicPedia:

ORLY Materiau «Questo album è un passo storico per la musica francese» avvertono appena un po' immodestamente le note di copertina «Questo perchè è probabilmente l'ultimo album nella storia della musica francese ad essere stato composto e realizzato durante il servizio militare». Nell'arco dei prossimi due anni il servizio militare obbligatorio in Francia non sarà che un ricordo: il ricordo dei suoi personali dieci mesi di naja in una caserma del nord della Francia, invece, rimarranno come un tatuaggio indelebile nella memoria di Didier Leroy (in arte semplicemente Orly) come l'aeroporto di Parigi, che proprio nei ritagli di tempo tra una marcia ...


ORLANDO POLEO/ORCHESTRA CHAWORO

MusicPedia:

ORLANDO POLEO Y LA ORCHESTRA CHAWORO Nato a Caracas, Venezuela, inizia nel migliore dei modi lo studio musicale con un insegnante del calibro di Julio Mendez. Diviene presto il migliore percussionista del Venezuela. Studia le percussioni afro-venezuelane con Miguel Urbina e lavora intensamente in studio e in tour con Aldemaro Romero, Peter Conde Rodriguez, Maria Teresa Chacin e con l'Orchestra Sinfonica Venezuelana. Inizia parallelamente la sua attività didattica come insegnante di percussioni. A Puerto Rico incontra e suona con famosi percussionisti come Angel Maldonaldo e Antonio Carillo. Tornato a Caracas, registra con le maggiori stars del Venezuela: Cecilia Todd, Sergio Perez ...


ORLANDO JULIUS & THE MODERN ACE

MusicPedia:

ORLANDO JULIUS & THE MODERN ACES Super Afro Soul Continua la riscoperta dei classici dell'afrobeat e dell'afro soul. Orlando Julius in questo senso è un'autentica istituzione dimenticata della musica africana. Autore della leggendaria "Going Back To My Roots", amato da James Brown (che si dice si sia ispirato proprio a lui per "I Got You") e nonostante le collaborazioni con gente del valore di Hugh Masakela e dei Crusaders, non è mai riuscito a farsi conoscere al di là della ristretta cerchia degli iniziati. La sua fama sotterranea Orlando Julius la deve a "Super Afro Soul", disco del 1966 che pur ...


ORLANDO JOHNSON

MusicPedia:

ORLANDO JOHNSON Nato in North-Carolina, ottiene giovanissimo il suo primo successo discografico con il gruppo The Upsetters. In Italia ha partecipato a vari programmi televisivi tra cui "Fantastico" e "Pronto Raffaella". Come solista ha inciso due CD, pubblicati negli Stati Uniti e primi in classifica in Europa. Il suo ultimo disco, "Shine On Me", è già entrato nello classifiche europee.


ORLANDO JACINTO GARCIA

MusicPedia:

ORLANDO JACINTO GARCIA: Celestial Voices Il VILLAGE VOICE Lo ha definito "...un intrigante nuovo compositore..." e ha affermato "L' estetica post-Feldman di Garcia é incantevole". Come dimostra questo Cd, le esplorazioni soniche del compositore Cubano-Americano continuano a suscitare attenzione; VOCES CELESTIALES presenta squisite performances da un cast di virtuosi che comprende i venerabili bassisti Burt Turetzky, Robert Black, il flautista Robert Dick, i pianisti Anthony deMare, Paul Hoffman e molto altri.


Orlando Della Morte “La mosca

MusicPedia:

Teatro comico (ore 22.30): Orlando Della Morte "La mosca" Riconducibile al microteatro, "La mosca" è uno spettacolo che ruota tutto attorno alla mano dell'attore. La mosca infastidisce la mano ed essa tenta di ucciderla con vari marchingegni... L'idea è quella di un cartone animato in tre dimensioni dove compaiono i più disparati oggetti in movimento. La mano è essere vivente, diventa un ragno con un corpo, un'anima, una voce. Uno spettacolo che vive in un mondo di gomma dove tutto può trasformarsi e tutto può accadere.


Orlando

MusicPedia:

“Just for a second” degli Orlando (7” - Blanco Y Negro Rec.) oltre ad avere qualche mese sulle spalle (sapete come e quanto sia difficile scovare 45 giri di questi tempi e in questi luoghi) promette molto più di quanto poi effettivamente mantenga: la base ha un favoloso mood soul ma è trattenuta dall’esplodere da un incerto incedere melodico.


ORKIESTRA ACADEMIA

MusicPedia:

ORKIESTRA ACADEMIA BOHDAN BOGUSZEWSKI direttore NATALIA BENEDETTI clarinetto solista Programma: M. Jasinski Elegy per archi Wolfgang Amadeus Mozart Concerto per Clarinetto e Orchestra K 622 Johannes Brahms Piotr Ilitch Tchaïkovski Op. 51 N° 2 Fondata nel 1992 dal direttore Bohdan Boguszewski l’orchestra ACADEMIA riunisce i musicisti della Pomerian Association of Instrumentalists. Si impone all’attenzione nel ’93 con l’opera Porgy and Bess di George Gershwin. Nel ’97 l’organico incide il suo primo cd sempre sotto la direzione del maestro Boguszewski con i solisti Henryk Tritt al violino ...


ORISHAS/A lo cubano

MusicPedia:

ORISHAS A lo cubano Colpo d'occhio abituale benché ambientato nel locale più latino della città: quattro rappers e un DJ, più un percussionista. Hip hop, allora. Quando partono le basi, tuttavia, lo scenario subito muta: rumba e son come fossimo a L'Avana. E di là provengono appunto costoro, impegnati a rendere 'cubano' quel linguaggio 'yankee'. Benvenuti al Buena Vista Hip Hop Club insomma. Anche perché a un certo punto si avventurano nel freestyle al suono di Chan chan, con riverenza esplicita allo standard reso popolare da Compay Segundo. Il diavolo che si segna con l'acqua santa. Eresia a parte, ciò che ...


Orishas

MusicPedia:

Sorprende in modo assai più convincente A Lo Cubano (Chrysalis), primo passo discografico degli Orishas, quartetto habanero con sponde artistiche parigine. Efficace l'alchimia fra le cadenze del rap e i ritmi e gli umori tradizionali di son e rumba: come se anche a L'Avana crescessero cipressi in collina.


ORION interview

MusicPedia:

ORION interview by Fabrizio Bucciarelli Eclettico musicista e Dee Jay Producer , è una delle più interessanti figure emergenti della scena Drum'n Bass americana e non solo , tenendo conto anche della non eccessiva mancanza di stimoli innovativi rispetto alla già stabile area Europea. I suoi concerti ma soprattutto i suoi gigs rappresentano l'ala meno estremista e rumorista del genere e propone una maggiore attenzione a formule melodiche spesso leggere e ingentilite dal suo personale tocco. Fabrizio Bucciarelli - Rappresenti una delle migliori espressioni della musica alternativa prodotta negli USA : quali sono stati i tuoi inizi ? Orion-In un modo o nell'altro, sono stato ...


Orio Odori

MusicPedia:

Orio Odori (clarinetto, clarinetto basso) Cornpositore e arrangiatore. Diplomatosi in clarinetto presso il Conservatorio di Firenze, ha svolto un'intensa attività concertistica in piccole formazioni da camera e in orchestra. E' componente del trio Harmonia, una delle formazioni più interessanti nell'ambito della nuova musica europea. Incuriosito da nuove sonorità si è lasciato trasportare in questa esperienza contribuendo con la sua inconfondibile razionalilà e raffinatezza musicale. Sta lavorando ad un proprio progetto per ensemble di fiati.


ORIGINAL SLAMMER BAND/2

MusicPedia:

ORIGINAL SLAMMER BAND Slam 8898 è il titolo dell'ultimo capitolo musicale dei romani Original Slammer Band, e ci ritroviamo a fare una riflessione, non solo sul loro status di band emergente ormai al decimo anno di vita, ma su come sia difficile fare musica fuori dalle regole. La porta delle case discografiche si chiude con violenza e lo slam diventa un dato di fatto, quasi uno slogan, per chi proprio non riesce a farsi ascoltare. Il sestetto romano cammina in bilico tra i mille generi di cui è fatta la musica ma non solo, Edoardo Inglese è cantante che recupera la ...


original slammer band

MusicPedia:

L'Onginal Slamrner Band ("la Slar~r" per gli amici) nasce uffictimente il 23 Settembre 1988 (data del primo concerto) a Sora, provincia di Frosinone. n nome rende omaggio ad una va~ trascorsa dai primi componenti della band tra le isole della Grecia ed in particolare al bar, rOriginal Slammer Bar appunto, rifeamento abituale di quelle not. NonoXnte il nome anglofono la band comincia da subito a comporre brani propri in italiano. Negli anni si verificano ingressi e defezioni che contribuiscono nel bene e nel: male ad una rtvlsitazione confinua del "sound" del gruppo fino ad approdare alla def¾nizione di un g«ere "blob", parola adottata ...


Original Rhythm & Brass Band

MusicPedia:

Original Rhythm & Brass Band La ORIGINAL "RHYTHM & BRASS BAND", è una formazione di venti strumentisti, tra professionisti e studenti, con un organico costituito da soli ottoni (trombe, tromboni, flicorni, corni) e dalla ritmica, mancante quindi dei legni che costituiscono invece l'ossatura della banda tradizionale italiana. La ORIGINAL '~RHITHM & BRASS BAND" è una formazione capace di sviluppare un grande volume di suono e una duttilità verso generi diversi. Nata nel 1995, è stata invitata a importanti manifestazioni, sempre apprezzata per l'originalità del repertorio e per il suo inusuale organico. La Original Rhythm & Brass Band già da qualche tempo ...


Origin/Chick Corea

MusicPedia:

Il concerto d’apertura, il 5 luglio, sarà affidato a Chick Corea, la leggenda pianistica, che torna alle sue origini con un’altra delle sue incarnazioni musicali: Origin. Un altro colpo di Corea nel formare insieme acustici che spezzano ogni limite, la strumentazione di Origin è una nuova tavolozza orchestrale (qualcuno potrebbe dire ellingtoniana) di qualità, che prevede una line-up unica con Steve Wilson ai flauti, sax alto e clarinetto in si bemolle, Bob Sheppard al flauto piccolo, sax soprano, sax tenore e clarinetto basso, Steve Davies al trombone, Avishai Cohen al contrabbasso, Adam Cruz alle percussioni e Corea al pianoforte. Il ...


ORIETTA BERTI

MusicPedia:

ORIETTA BERTI I vestiti li ha conservati tutti in soffitta, come in un piccolo museo degli orrori: sottane folk, abiti vaporosi a fatina, tubini di paillettes a righe. Lei, che da quando fa l'inviata di Quelli Che Il Calcio ha abbandonato mise complicate per una serie di tailleur svelti, a quegli abiti ha legato la sua lunga carriera: undici festival di Sanremo, di cui nove in finale. Parlare con Orietta Berti del suo luminoso passato è fare un salto indietro nella storia del costume, tra barche che andavano e toupet che cadevano, applausi e prove, viaggi avventurosi fino a Sanremo, brividi ...


ORGY/Vapor Trasmission

MusicPedia:

ORGY Vapor Trasmission Sicuramente gli Orgy detengono un primato abbastanza singolare: quello di gruppo Neu Metal meno imitato. Dal loro debutto, due anni orsono, ci si aspettava un'invasione di gruppi improvvisamente innamorati del pop e della New Romantica, soprattutto se filtrati dall'esperienza Marylin Manson. Ed invece gli Orgy sono rimasti un caso isolato nel panorama dei gruppi del nuovo millennio. Vapor Transmission sostanzialmente nulla aggiunge e nulla toglie a quanto già di buono si espresse nei riguardi del gruppo. La formula è identica: Duran meets Marylin Manson. Una formula che forse oggi stanca un poco, ma che comunque sortisce il suo ...


ORGY

MusicPedia:

ORGY Johnatan Davis lo aveva annunciato. Gli Orgy, a suo dire, avrebbero rivoluzionato il modo di concepire il crossover moderno, e avrebbero stupito tutti per la loro duttilità. Proprio per questo il leader dei Korn li ha voluti come inauguratori della propria etichetta, la ELEMENTREE. Album alla mano, le premesse non sono andate deluse. Niente chiacchiere di interesse, quindi, ma una sana lungimiranza che fa (se ancora ce ne fosse bisogno) di Johnatan Davies la figura chiave del nuovo Metal. Gli Orgy, in proposito, vogliono subito dire qualcosa "Johnatan è stato per noi un amico più che un produttore. E non ...


ORGANUM/Volume Two

MusicPedia:

ORGANUM Volume Two Parallelamente alle pubblicazioni nuove di zecca realizzate in verità sempre col contagocce/con cadenze assai parsimoniose, David Jackman sta rieditando in versione digitale gran parte dei materiali d'annata di Organum. "Volume Two" è appunto il secondo di una serie prodotta insieme all'americana Robot Records, che non si limita a ripresentare in CD i primi vinili dell'entità, bensì include missaggi alternativi e inediti (il primo capitolo raccoglieva estratti dai 12" Tower of Silence e In Extremis stampati nel 1985 dalla Laylah, più Rasa da uno split LP con Nurse With Wound su United Dairies). Qui troviamo, invece, l'intera facciata B ...


ORGANIC AUDIO/Last one home

MusicPedia:

ORGANIC AUDIO Last one home Un divertente "loop" di chitarra spagnoleggiante che duella con percussioni latineggianti è l'ossatura sulla quale si sviluppa Play to the music, la canzone che apre il nuovo album di Organic Audio. Pop latino come pub intenderlo un dj "da studio" (Andy Spence, è lui il nome dietro la sigla Organic Audio) cresciuto nel cuore della scena dance inglese. Il segreto della formula Organic Audio sembra essere nulla più che questo: giocherellare con gli stereotipi della disco latina (del "brasiliano" in particolare) facendo quadrare l'equazione con suoni e modi del breakbeat più modaiolo e spensierato. Formula super-semplice ...


ORGANIC AUDIO

MusicPedia:

ORGANIC AUDIO Gli Organic Audio nascono nel 1998 da un progetto di Andy Spence, reduce dalla triennale esperienza con i Freakniks, ed hanno al loro attivo un album, Back To My Roots, ed un pugno di 12" pubblicati dalla etichetta londinese Tummy Touch, che nel 1998 portò felicemente all'esordio i Groove Armada con l'album Nothern Star. Il progetto sonoro degli Organic Audio è attualissimo: contaminare il breakbeat con istanze musicali provenienti dall'Africa e dall'America Latina. Vero e proprio manifesto musicale è Kumquat Shot, il primo 12" pubblicato dagli Organic Audio, costruito su un campionamento del classico carioca Berimbau (Baden Powell, Vinicius ...


ORESTE LIONELLO

MusicPedia:

ORESTE LIONELLO Nato a Rodi (Grecia) il 18 aprile 1927. A 20 anni, dopo la laurea in Giurisprudenza, si diploma all'Accademia d'Arte Drammatica “Silvio D'Amico”. Nel 1954 arriva la prima rivista televisiva: “Il Marziano Filippo”. Dopo una serie di spettacoli teatrali («Rosso e Nero» con Corrado, Nilla Pizzi, Teddy Reno; “Sexophone” di Curzio Malaparte, “Pimpinella E Il Suo Latte E Caffe”) il primo cabaret teatrale è datato1964: “Tiritincola” va in scena prima al Piccolo Eliseo e poi al Teatro Parioli. L'anno dopo inizia dal Vicolo della Campanella di Roma la grande avventura, che dura ancora oggi al Salone Margherita, della compagnia ...


OREN AMBARCHI & MARTIN NG/Recon

MusicPedia:

OREN AMBARCHI & MARTIN NG "Reconnaissance" Il chitarrista Oren Ambarchi e il manipolatore elettronico Martin Ng (pure lui australiano) in ricognizione presso il Sonic Arts Union, alla ricerca dei timbri perduti dall'Alvin Lucier di "Music On A Long Thin Wire". Poche parole per descrivere un CD che nella pratica è poi molto meno minimale di quel Lucier d'annata, le modulazioni di frequenza del duo australiano presentano infatti maggiore riccheza nelle variazioni di tono e volume in Surfacing, un cristallino tintinnio invita a raffronti con il pianeta dei microsuoni e in Reconnaissance i continuum subiscono a più riprese l'oltraggio della sospensione e ...


OREJA DE VAN GOGH

MusicPedia:

OREJA DE VAN GOGH La Oreja de Van Gogh, il gruppo spagnolo del momento, che ha già venduto 700.000 copie del secondo album, El viaje de Copperpot (Dile al sol, il primo cd, ne aveva vendute altre 700.000), ha iniziato una tournée di più di 80 date per tutta la penisola iberica. Il tour andrà avanti fino al mese di ottobre. La band è originaria di San Sebastian, nei Paesi Baschi ed è formata dalla cantante Amaia Montero, Pablo Benegas (chitarra), Alvaro Fuentes (basso), Xavi San Martin (tastiere) e Haritz Gardo (batteria). El viaje de Copperpot, registrato in Francia, è pieno ...


OREGON/In Moscow

MusicPedia:

OREGON "In Moscow" Negli anni settanta furono considerati la versione unplugged (anche se all'epoca non si diceva così) dei Weather Report, e quindi costantemente relegati in secondo piano. Il giudizio era ingeneroso e a posteriori possiamo affermare che gli Oregon il loro l'hanno contribuito alla fusione dei generi l'hanno dato forse più dei cugini elettrici. E poiché la storia continua ecco a voi (con il contributo della Tchaikovsky Symphony Orchestra) le composizioni per orchestra scritte da Towner e compagni nell'arco di trentanni, per la prima volta documentate su cd. Il risultato è "In Moscow", opera talvolta ridondante e barocca a cui ...


Oregon

MusicPedia:

Oregon: lineamenti passaggio nord-occidentale L'Oregon è un microcosmo sociale completo di tutte le fluttuazioni e di tutti i cambiamenti propri di una grande cultura. Durante i 27 anni della nostra esistenza abbiamo avuto a che fare con la nostra crescita individuale, con le nostre differenze, con l'egoismo e la generosità, la morte e la rinascita, la pazienza e l'impazienza, i trionfi ed i fallimenti, e siamo sempre rimasti insieme per continuare ad imparare e per crescere come amici e musicisti. Questo album rappresenta un'altra pietra miliare per i nostri sforzi di produrre quel genere musicale al quale siamo contenti di appartenere. ...


ORECCHIE DA MERCANTI

MusicPedia:

ORECCHIE DA MERCANTI Quello di Noa di Cacharel è il terzo spot in tre anni ad usare come jingle 'Song To The Siren' di Tim Buckley, nella versione This Mortal Coil. Stupenda canzone ma... lo sanno i tromboni de la publicité (© Brassens via Svampa) che escono oltre 500 album al giorno, nel mondo?


ORDO EQUITUM SOLIS/Signs

MusicPedia:

ORDO EQUITUM SOLIS Signs Questa e un'annata davvero piena per gli Ordo Equitum Solis. Dopo l'album del ritorno "Planetes" le produzioni si sono avvicendate a getto continuo: la ristampa del primo album "Solstitii Temporis Sensus", la doppia compilation di rarità "Octo" e questo "Signs", un mini album che comprende una bella serie di canzoni composte dagli autori nel corso degli ultimi anni. Si torna così nel verde giardino degli Ordo Equitum Solis per cogliere altre delizie acustiche che accarezzano la mente, fra cui una reprise dall'ultimo album di "Signs" e la assai suggestiva "Tuere Titana", quasi mezz'ora di ascolti fatati da gustarsi ...


ORDO EQUITUM SOLIS/Planetes

MusicPedia:

ORDO EQUITUM SOLIS "Planetes" Se pensavate che il viaggio musicale degli Ord Equitum Solis avesse subito un'allarmante battuta d'arresto, siamo invece lieti di dissipare ogni dubbio ed informarvi che la band è più che mai attiva e prodiga di grandi sorprese. Tornano a noi con i frutti raccolti durante i loro ultimi vagabondaggi nelle contrade della musica europea, li hanno filtrati attraverso gli alambicchi della folk-song sino a farne delle magiche pozioni acustiche da offrire attraverso i dodici nuovi titoli di "Planetes", l'album da tempo atteso. Hanno percorso molte strade (dal Sud al Nord del Vecchio Continente), conosciuto nuove culture ed accumulato ...


ORDO EQUITUM SOLIS/Metamorphosi

MusicPedia:

ORDO EQUITUM SOLIS Metamorphosis-Personam Impono Sorpresi dall'improvvisa uscita del nuovo album degli Ordo Equitum Solis, in questa occasione si può ribadire il talento e la classe di Deraclamo e Leithana, ormai impostisi da tempo tra le più apprezzate realtà del panorama dark esoterico internazionale. "Metamorphosis - Personam Impono" ribadisce tutte le coordinate espressive del duo italo-francese: ambientazioni cupe e misteriose, gioielli acustici di matrice folk, impianti percussivi fieri e solenni; nessuna novità dunque, ma certo tutto quell'estro che ha permesso all'ensemble di conferire un'impronta personale agli standard espressivi del folk apocalittico. Ciò che qui non convince appieno sono i suoni delle ...


Ordo Equitum Solis/2

MusicPedia:

Ordo Equitum Solis È un lungo canto questo disco, dedicato a Hecate la triplice, divinità che i poeti della Grecia antica pongono vicina alle immensità marine, al cielo stellato e alla madre terra (per trovarlo: MusicaMaximaMagnetica, tel. 055/690263). Un canto dedicato alla vita, come recita il titolo di uno dei brani più belli. Loro sono gli Ordo Equitum Solis. Lei, Leithana, splendida voce e inquieto sguardo, è di origine francese. Lui, Deraclamo, polistrumentista raffinato e intenso è italiano. Insieme hanno attraversato il mondo: dalle strade polverose che già conobbero i Ninvana e tutti i campioni del rock ..alternativo.. in tour incessanti ...


Ordo Equitum Solis

MusicPedia:

Ordo Equitum Solis Leithana (voce respiro) è una vocalist naturale e co-leader degli Ordo Equitum Solis ha lavorato in passato a registrazioni e tour con i Sol Invinctus. Incontrata durante i mixaggi di Animi Aegritudo ha piacevolmente partecipato con il suo inconfondibile stile alle session di Polvere Nella Mente.


ORDINARY FOLK

MusicPedia:

ORDINARY FOLK - Brain EP (Fragmented 006) Altra uscita azzeccata alla grande! 3 tracce (di cui 2 veramente grandiose) che potrebbero essere inserite (se non lo sono gia') nella scaletta di L. Garnier, nient'altro da aggiungere! 8.5


Ordinaria Follia

MusicPedia:

Ordinaria Follia Ordinaria Follia, ovvero un combo di musiche sussultorie ai confini tra l'hard ed il rap, sostenuto e rabbioso. Buoni i messaggi ed anche la versificazione, un po' meno il rivestimento sonoro, che appare spesso fuori tempo massimo. Un combat rock comunque, incisivo il giusto per imprimersi nella memoria e per consigliare a questi quattro giovani di Conegliano di esercitarsi e crescere ancora. Chissà... Inf.: Ordinaria Follia c/o Alberto Michieletto, Via Gruppo 20 - 31100 Conegliano (TV)


ORDER FROM CHAOS

MusicPedia:

ORDER FROM CHAOS Plateau Of Invincibility Gli Order From Catls dalle nostre partl 1lm hamo mai íicevuto tutta l'attenzione che avrebbero metitato...spsiamo Ghe qtleSta Si- tuazione cambi presto. I meriti ttella band sono diversi: anzieùn[o anagraficamente sono degli autentici veterani, in giro da un sacco di tempo e con un discneto numeín di llscite alle spallle,irlolte at- tualmente la band si è data al black metal di vecchio s¾ampo (alla Venom, Sodem, Pas~sod), che sincaarnente reputo più ataen- te delle ultime l:~ste in camlpo lrlack, tutte troppo standlardizza- te sullo stile nofvegese o com~esse con l'atmospheric death. L'ideale per lfare un salto lndietro nel passato.


ORCHESTRE NATIONAL DE BARBES

MusicPedia:

ORCHESTRE NATIONAL DE BARBES "Poulina" Dopo il viaggio a ritroso compiuto da Rachid Taha, l'introduzione del secondo album della colorita orchestra parigina sembra confermare gli alti valori della febbre roots nella scena pop maghrebina operante in Francia. Non siamo ai livelli di esegesi del cantante algerino, ma anche l'Orchestre National De Barbes suona e canta in direzione shaabi e raï delle origini, ferme restando all'interno del suo lavoro le componenti elettroniche, funky e reggae che con il pop arabo interloquiscono continuamente. C'è comunque uno spostamento verso la tradizione, netto nel canto sahariano quasi spoglio di "Touba", in quell'iniziale omaggio a Cheikha Djenia, ...


ORCHESTRE DE GRAND DIOP

MusicPedia:

ORCHESTRE DE GRAND DIOP Gruppo di musicisti Dakar stretti intorno alla personalità di Grand Diop, forse il tnusicista più famoso della città, anche perché proprietario del 'shIoulin Rouge", un night club per bianchi dove si eseguono prevalentemente musiche cubane e africane.


Orchestre de Contrebasses

MusicPedia:

L'Orchestre de Contrebasses Danses Occidentales (Musica Guild, Mg 077/08748-2), 1982 / Les Cargos (Mg 006/08749-2), 1990 / Bass, bass, bass, bass, bass & bass (Mg 022/08623-2) 1993 / Jeux Dangereux (Mg 005/087502), 1995. Una vera Orchestra, tutta francese, che ha per protagonisti ben sei contrabbassi, fra cui spiccano Christian Gentet e Jean-Philippe Viret spesso anche in veste di compositori. Insieme a Yves Torchinesky, sono membri fondatori di una formazione che può vantare oltre quindici anni di attività e numerosi concerti (in Europa, ma non solo) dove mettono in mostra tutta la teatralità che compete a uno strumento con un certo fisique ...


ORCHESTRAL WORLD GROOVE

MusicPedia:

ORCHESTRAL WORLD GROOVE (Dj Pathaan,L.Gaudì,Raiz) Dj Pathaan e L. Gaudi sono gli “Orchestral World Groove” e per quest’ultimo anno sono stati in missione per mostrare al mondo la nuova world music che hanno regolarmente proposto al “Dogstar” (Brixton) e ogni lunedì presso Stoned Asia. Dopo un mini tour italiano durante le feste natalizie, Pathaan e Gaudi hanno incominciato con questo nome ,per alcuni sabati, le serate ad un locale chiamato Cargo, Shoreditch, London. Pathaan (l’uomo che c’è dietro Stoned Asia) sta lavorando in studio con Gaudi da oltre un anno e ci sono diverse major interessate a pubblicare quello che stanno ...


ORCHESTRAL MANOEUVRES IN THE/2

MusicPedia:

ORCHESTRAL MANOEUVRES IN THE DARK The OMD Singles Diciotti singoli per raccontare la storia di una sigla che in anni lontani ha contato molto nel panorama britannico. Messo in piedi sul finire degli anni Settanta da Andy McCluskey e Paul Humphreys il progetto OMD era figlio dell'estetica post-punk e della fascinazione elettronica generata dai Kraftwerk. Come altre band della generazione techno pop di quel periodo (Soft Cell, Blancmange, gli stessi Depeche Mode) gli OMD sporcavano di inquietudine le loro accattivanti melodie. Con Enola Gay il loro più grande successo cercarono di esorcizzare il fantasma di Hiroshima attraverso una danza robotica ma per ...


Orchestral Manoeuvres In The Da

MusicPedia:

Album: «Universal» (28 a osto) «Universal», il nuovo album degvOMD (Orchestral Manoeuvres In The Dark), contiene un brano di forte attrattiva, «Waiking On The Milk,v Way», che nello spirito ricorda il più grande hit del aruDpo, «Enola Gay» (1980), grandissimo successo anche in Italia. ball'uscita di Paul Humphreys nel 1989, la sigia OMD è soldamente nelle mani del cofondatore Andy McClusSey il quale negli anni Novanta l'ha riportota alla notorietà internazionale con I album «Sugur Tax». Grazie alla varietà di spunti e atmosfere - da violini cinesi a gospel genuino, dalle tradizioni del tolk europeo a un pop esuberante - ...


ORCHESTRA TITANIC/BOLLANI

MusicPedia:

ORCHESTRA TITANIC/stefano bollani La sintesi che i cinque musicisti operano in questo loro progetto si realizza in maniera del tutto spontanea. La trasversalità della loro musica è il risultato delle esperienze che i componenti del gruppo hanno avuto in contesti stilistici che vanno dal mainstream jazz al rock, dall'ecceemme music alla musica brasiliana. Questa naturale attitudine a guardarsi intorno ha prodotto una musica in cui i molti riferimenti ai linguaggi che la influenzano si fondono in un unicum organico e danno vita ad un progetto di sicura originalità. La formazione ha già preso parte a importanti festivals ed ha inciso un ...


Orchestra Teatro Comunale BO

MusicPedia:

Orchestra del Teatro Comunale di Bologna direttore Stephen Drury Programma: Bond, Giorgio Casadei Quasi PQR, Diego Stocco L’indifferenza (l’atleta sfinito), Tiziano Popoli La Vita Nascosta, Massimo Semprini Nottetempo, Domenico Caliri The Butterfly Theory, Stefano Zorzanello il ghiaccio, il calore, l’autunno, il tessuto, Giorgio Magnanensi Final, Fred Frith Oh Moscow Suite, Lindsay Cooper Commissioni di Angelica. Prime assolute. Lo scorso anno Angelica ha commissionato musiche per orchestra a 10 compositori. I lavori di Lucio Garau, Paolo Grandi e Olivia Bignardi sono stati eseguiti durante l’edizione del 1998. I musicisti invitati scrivono abitualmente per gli organici più diversi, ma non hanno mai scritto, ad eccezione di Giorgio Magnanensi, qualcosa per orchestra. La commissione ha diverse ragioni. Una ...


Orchestra Spaziale

MusicPedia:

Orchestra Spaziale 4 sassofoni 2 trombe 2 tromboni Chitarra (e direzione) Basso (e voce) Batteria Tra le caratteristiche dell'Orchestra Spaziale vi sono versatilità musicale e leggerezza, capacità di intrattenimento e qualità artistica, volontà di combinare piacevolezza dell'ascolto con ricercatezza degli arrangiamenti. Il repertorio è basato principalmente su musiche provenienti soprattutto dal mondo dell'easy listening, delle colonne sonore, dei telefilm, e della musica leggera includendo inoltre alcune composizioni originali. Tra i compositori di riferimento vi sono Henry Mancini, John Barry e in particolare Burt Bacharach la cui musica semplice e lineare solo in apparenza (in realtà ricca di colpi di scena e formalmente libera da schemi compositivi convenzionali) ...


ORCHESTRA INTERNAZIONALE D'ITAL

MusicPedia:

ORCHESTRA INTERNAZIONALE D'ITALIA musiche di Bizet, Mascagni, Puccini, Rossini, Verdi. Solisti: Stefania Donzelli (soprano), Femia Tufano (mezzo soprano), Nazareno Antinori (tenore), Lucio Mauti (baritono) Direttore: Diego Dini Ciacci A cura della Segreteria di Stato per gli Istituti Culturali - Repubblica di San Marino


Orchestra del Teatro Comunale/

MusicPedia:

Orchestra del Teatro Comunale di Bologna Jurjen Hempel direttore musiche di Domenico Caliri, Massimo Semprini, Diego Stocco, Guus Janssen, John Zorn (commissioni di Angelica) prima esecuzione assoluta Nottetempo (1998) Domenico Caliri La Vita Nascosta (1998) Massimo Semprini Quasi PQR (1998) Diego Stocco Side Wings (2000) Slow Motion, Hot Foot, Still Guus Janssen La machine de l’être (2000) Larve et l’aube, Maladresse, Entremelés John Zorn, soprano Julie Liston Side Wings SIDE WINGS per orchestra consiste di tre brani, ciascuno con un proprio titolo, che possono anche essere suonati separatamente. 1. SLOW MOTION si basa su una progressione di accordi molto comune nel jazz. È stata presa da “In ...


ORCHESTRA DA CAMERA FIORENTINA

MusicPedia:

ORCHESTRA DA CAMERA FIORENTINA "I Concerti Brandeburghesi" di J. S. Bach. Concerto Brandeburghese n. 3 per archi e cembalo. Concerto Brandeburghese n. 5 per flauto, violino, cembalo e archi. Concerto Brandeburghese n. 4 per due flauti, violino, archi e continuo. Con Marco Lorenzini (violino), Paola del Sordo (flauto), Stefano Margheri (flauto), Mara Fanelli (clavicembalo) Direttore: Giuseppe Lanzetta In collaborazione con il F.A.I. - Fondo per l'Ambiente Italiano - Pesaro


Orchestra Color Tango

MusicPedia:

Orchestra Color Tango L'Orchestra Color Tango nasce nel 1987 su iniziativa di alcuni dei migliori solisti della celebre orchestra di Osvaldo Pugliese. L'intento è quello di continuare l'opera del grande maestro con una formazione più agile e aperta alle innovazioni. Dopo alcune tournée in Sudamerica, l'orchestra viene scritturata da Alejandro Aquino per il suo spettacolo "Mas Tango" in Olanda e in Belgio. A partire dal 1989, Color Tango diventa l'orchestra stabile del pricipale canale della televisione nazionale argentina. Nel 1991, nel corso del secondo tour europeo, Color Tango incide il suo primo cd per l'etichetta olandese Lucho Records. Nel 1993 l'orchestra ...


Orchestra Baobab

MusicPedia:

Orchestra Baobab Con loro, nel 1971, la musica senegalese compie un passo avanti. I musicisti di maggiore SpiG^o sono Issi Cissokho, un sassofonista allievo di Dester Johnson, e Laye M'lComp Quest'ultimo, personalità estremamente positiva, riteneva che la musica senegalese dovesse essere senegalese: infatti il suo gruppo introdusse dei canti "NVolof", mentre CissolQho un Mandino incorporava un altro filone musicale che si stagnava dall'influsso jazz americano. La miscela di musicisti Wolof e Mandinghi rese la Baobab inconfondibile. L'orchestra iniziò ad esibirsi con strumenti occidentali, tua l'incontro con Ibra Kasse e con i suoi nuofiri musicisti del Miami Cluh favorì l'introduzione di strumenti tipicamente ...


Orchestra & Rock Band/Aperto

MusicPedia:

Orchestra & Rock Band "Aperto" di Varsavia: orchestra di giovani musicisti provenienti dal Conservatorio di Varsavia, arricchita da una sezione Rock. Organico inusuale che dà vita ad uno spettacolo in cui brani rock vengono eseguiti con arrangiamenti particolari di violini.


ORCA

MusicPedia:

ORCA La nave musicale Orca salpa nel 1995. Inizia il suo viaggio spinta dalla voglia di un gruppo di musicisti di miscelare stili musicali molto vari (rock, blues, ritmi latini, ballate popolari tradizionali...) ricercando delle sonorità particolari. Nel corso di questi anni la formazione si evolve e si completa (1997) con l'inserimento del violino e la musica acquisisce una personalità propria. Orca come animale da palcoscenico, oltre ai tanti concerti nei locali e nelle feste della birra, vive le sue esperienze più importanti partecipanpo alla Giornata Europea Della Musica in Piazza del Cannone a Milano, aprendo il concerto degli Africa Unite ...


ORBITAL/THE MIDDLE OF NOWHER

MusicPedia:

ORBITAL "THE MIDDLE OF NOWHERE" - Annunciato all'inizio di Aprile e poi posticipato alla fine del mese esce finalmente anche in Italia il quinto album dei fratelli Hartnoll,ultimo episodio di una storia ormai già onusta di gloria e che ha visto con lo scorso IN SIDES anche allargare notevolmente il bacino dei consensi in termini di pubblico.THE MIDDLE OF NOWHERE viene a connotarsi nel segno della continuità:nulla di nuovo infatti viene aggiunto alla formula stilistica del duo,ma il risultato è sempre splendidamente identico.Le uniche sostanziali differenze le possiamo scorgere nel fatto che manca un brano che catalizzi(come avveniva per THE ...


ORBITAL/Nothing Left

MusicPedia:

ORBITAL Nothing Left (FFFR) 2x12" - UK Probabile sia l'ultima uscita con quest'etichetta rea di non averli promossi sufficientemente nell'ultimo lavoro (evidentemente fuorviati dal titolo "Middle Of Nowhere"). Il pack di remixes vari contiene Shasha lo scialbo in una ripassata discotecara (nel peggior senso del termine) del classico "Belfast" mentre Breeder ed il finto-francese Les Rhythmes Digitales ci donano 2 belle versioni della title track!


Orbital/2

MusicPedia:

Orbital The Saint (Singolo/FFRR) Dopo la pubblicazione del triplo Cd-Single “Satan Live”, episodio che avrà fatto interrogare demonologi ed esorcisti sulla presenza del male anche in un campionatore (???) i fratelli Hartnoll hanno rielaborato il tema principale della famosa serie televisiva di fine anni ‘60 (Il Ritorno del Santo, per l’audience italiana) che verrà presto trasposta su Maxi Schermo, con Val Kilmer nel ruolo che fù di Roger Moore. Detto per inciso che gli Orbital, da buoni inglesi non hanno affatto gradito questa scelta, fatto stà che gli artefici di Chime continuano ad ispirarsi al mondo della celluloide. L’esperimento è riuscito ancora ...


Orbeat project

MusicPedia:

Orbeat project (tekno, I) - Lo stato dell'informazione discografica oggi in Italia è alquanto caotico: da un lato le grandi Majors spingono per una sempre più commerciabilità dei loro prodotti, chiedendo ai produttori di arricchire di sonorità più commerciali le loro produzioni, dall'altra giovani label indipendenti spingono per la sperimentazione sonora cercando di allinearsi ai sounds provenienti dai produttori delle maggiori capitali europee. Il progetto Orbeat non vuole essere altro che un ponte, o meglio una struttura, che aggreghi tutto cio che oggi è cultura elettronica, cercando di filtrare quanto più correttamente possibile l'informazione dalla spazzatura. Avvalendosi di un team ...


Orb/STORY

MusicPedia:

Orb Se si potesse coniare un termine per definire la musica di una delle più brillanti realtà di questo inizio decennio (o fine millennio) dovremmo scomodare l'intrigante ossimoro di Elettronicacustica, perché è questo e soltanto questo che scaturisce da tutti i prodotti siglati ORB. ORB si esibisce a paradossi, partendo da una trama, una struttura armonica prettamente tecnodelica ma ornata di arrangiamenti, di soluzioni armoniche a stampo acustico ed arrivando al prodotto finito ricco di antitetiche carezze al pentagramma. Laddove il trend odierno delle bands urla e scalpita maledizioni sonore chitarrose (vero Seattle?) i mancuniani giocano di fioretto con i synths. ...


ORB/Cydonia

MusicPedia:

ORB Cydonia Con "The Orb's adventures beyond the Ultraworld" suggerirono la direzione scrivendo il manifesto di chi, guardando il cielo, voleva sollevarsi oltre il granitico muro del suono della club culture per ritrovare la tranquillità. Con "Orbus terrarum" fecero capire che le vibrazioni giuste non si trovavano necessariamente su questo pianeta. E che per trovarle era necessario proiettarsi nello spazio. Adesso, Cydonia, pubblicato a sei anni dall'ultimo lavoro in studio e a quattro dal disco live Oblivion, racconta che gli Orb di Alex Paterson il luogo esatto dove creare la loro musica lo hanno trovato. Su Marte. Situato in una regione ...


Orb/2

MusicPedia:

Orb - "Owbox Lakes" Mcd Island Primo di una serie di 2 Cd single (usciti, per la verità, già da qualche tempo) contenenti varie iterazioni della title track curate - in questo caso - da: A Guy Called Gerald, Sabres Of Paradise e Carl Craig. Senza timore di smentite si può tranquillamente affermare che il suddetto sia il miglior prodotto del terzetto (Weston, Fehlmann & Paterson) da tempi immemorabili. Ovvero: non il solito buon prodotto siglato Orb ma - realmente - un masterpiece. Se - e comunque - grandi.


ORANJ SYMPHONETTE

MusicPedia:

Oranj Symphonette Si chiama Oranj Symphonette la cover band più eccitante del pianeta, capitanata da Joe Gore (si, proprio il chitarrista di Tom Waits e PJ Harvey) e Matt Brubeck (tastierista, figlio d'arte del mitico Dave); e "De Oranj Album" via Ryko - è il secondo dedicato all'interpretazione di celebri temi da film anni Sessanta e Settanta. Alle composizioni del beniamino Henry Mancini (che occupavano per intero Plays Mancini, l'album del 1996 per la defunta Gramavision) si aggiungono quelle di Quincy Jones e Duke Ellington, John Barry e Burt Bacharach, Billy Strayhorn e Francis Lai: saltando a passo di danza dalla ...


ORANGER/The Quiet Vibration Lan

MusicPedia:

ORANGER/The Quiet Vibration Land Quartetto californiano e primo gruppo scritturato da Scott Kannberg, ex chitarrista dei Pavement e ora gestore dell'etichetta bonsai Amazing Grease. Che a sua volta li ha appaltati - maggiore visibilità + distribuzione europea - ad Alan McGee. Il cui scopo deve evidentemente essere - dopo i Montgolfier Brothers - quello di pubblicare almeno un disco notevole a ogni emissione. Con la postilla che - proprio come i "fratelli aerostatici" - neanche gli Oranger sono una sua scoperta, quindi. Poco male, neppure gli Oranger scoprono chissà che: pop analogico - ci mancherebbe altro visto il nome dei datori ...


Orange Sector

MusicPedia:

Con “Masquerade” (Zoth Ommog\Audioglobe) gli Orange Sector dimostrano di non essere in grado di raggiungere obiettivi significativi; mediocri melodie e sufficienti linee di basso sintetiche, però non avverto uno spunto personale lungo i 14 brani (di cui tre rifacimenti), che vivono nel più totale anonimato.


ORANGE INDIE CROWD/new

MusicPedia:

ORANGE INDIE CROWD Choke Your Gas-M Riappare in pubblico dopo qualche mese di letargo la capitolina Vurtz Record. Che ama evidentemente le uscite simultanee: un anno fa Launderette e Yuppie Flu, oggi una raccolta e il debutto degli Orange Indie Crowd. Ossia: quattro piste per tre musicisti, questo il modus operandi adottato dal trio di Teramo, dedito all'inquinamento di motivetti mercuriali come gli hanno insegnato Pixies (Easy-Protein Bob), Guided By Voices (Columbus, Ohio) e Pavement (Sonic Boy).


ORANGE INDIE CROWD/CHOCKE YOUR

MusicPedia:

ORANGE INDIE CROWD CHOCKE YOUR GAS-M!\ VURT Toh! Chi si rivede.Fa piacere tornare ad accuparsi dopo un paio d‚anni della Vurt Records,etichetta che divide la sua attività tra Teramo e Roma.All‚inizio del ‚97 diede alle stampe gli esordi di due dei migliori gruppi attualmente in circolazione:Yuppie Flu e Laundrette.Tra questi due dischi e quelli in questione c‚è stata una parentesi interlocutoria rappresentata da uno split-single tra Sinatra e Zoe, che malgrado l‚indiscusso valore dei due brani, non ha goduto di una adeguata spinta promozionale.Ma arriviamo ai giorni nostri:la Vurt raccoglie le forze e si rilancia.Il compito più importante spetta agli Orange ...


Orange Indie Crowd

MusicPedia:

Orange Indie Crowd è il nome di un'altra proposta Vurt, di nuovo dissonante, anche se lo scheletro delle canzoni è maggiormente intelligibile, dal jingle indolente e stralunato di "Columbus, Ohio" a certi sapori 'nirvanici', presto affogati in un rock'n'roll da quattro quarti e pochi pensieri. Serpeggia un'immancabile inclinazione al ludo, che dà il suo buon contributo alla totale, inclassificabile follia del nastro.


ORANGE GOBLIN/The Big Black

MusicPedia:

ORANGE GOBLIN - The Big Black (Music For Nation/Audioglobe) I più famosi della terna, gli OG si presentano con un album meno pesante (sia inteso letteralmente) dei due precedenti, pur restando sulla scia di quelle band hard dei '70 che son state la gioia dei giovani e la dannazione dei barbieri dell'epoca (Black Sabbath in primis, va da sé). Compattezza, riff ammalianti anche quando spaziano verso altri mondi sonori (la psychofloydiana 'Cozmo Bozo', la più mesmerica del pacco). 'Turbo Effalunt (Elephant)', con quel titolo perfetto, raggiunge addirittura velocità da sconfinamento sonoro. Dicono che siano tra i più feroci bevitori d'Inghilterra ('Alcofuel' ...


ORANGE GOBLIN/The Big Black

MusicPedia:

ORANGE GOBLIN The Big Black Sono trascorsi solo tre anni dal brillante esordio di "Frequencies From Planet Ten", ed il 'progetto astrale' degli Orange Goblin risulta fra le più efficaci risposte europee alla ciclonica onda stoner provocata in U.S.A. dai Kyuss. Il gruppo inglese si è perfino dichiarato 'pronto a sciogliersi' dopo aver suonato in tour con gli Unida dell'idolo John Garcia, ma non si trattava di adulazione fine a sé stessa; i Goblins hanno infatti intuito che il 'vento del deserto' poteva esercitare un'azione rigenerante anche sulle immarcescibili radici del rock duro inglese, dai Cream ai Motorhead via Biack Sabbath, ...


ORANGE GOBLIN

MusicPedia:

ORANGE GOBLIN "Time Travelling Blues" Dipinti come leaders dello 'space doom' inglese, competitiva risposta al tornado stoner americano, gli Orange Goblin sono un'entità più versatile di quanto suggerisca tale definizione davvero in grado di appassionare un'estesa audience di cultori della musica Seventies. La prova di maturità, il secondo album "Time Travelling Blues", ne è un'esplicita dimostrazione, e l'indizio più eloquente risiede proprio nel suggello di chiusura.... La title-track è sorprendentemente uno dei migliori brani in stile southern scritti negli anni '90, e sarebbe interessante scoprire quale imperscrutabile trait d'union lega due delle più brillanti rivelazioni inglesi. Orange Goblin e The Dawn, al ...


ORANGE DUB/2

MusicPedia:

ORANGE DUB Nati nel novembre 96, da un incontro fortuito, ma provenienti da altre esperienze musicali, gli orange dub rappresentano una delle migliori novità sul panorama musicale umbro. Reggae, dub, movimento e allegria sono le carte vincenti, le quali fanno di ogni loro concerto una festa. Fonti di un numeroso organico gli orange hanno partecipato a molte manifestazioni musicali, ricevendo numerosi consensi, e vincendo S. Enea Rock 1998. Consistente è anche la loro esperienza live, in quanto rappresentano una delle hard rivelazioni del circuito "unici e alternati".


ORANGE DUB bio 8/00

MusicPedia:

ORANGE DUB Nati nel novembre del 1996 da un incontro fortuito, ma provenienti da altre esperienze musicali, Orange Dub rappresenta una delle migliori novità del panorama musicale umbro. Roots, Reggae, Dancehall e movimento sono le loro carte vincenti, le quali fanno di ogni loro concerto una vera festa. Forti di un numeroso organico, hanno partecipato a molte manifestazioni musicali, raccogliendo numerosi consensi. Tra le più importanti ricordiamo le ultime due edizioni del Rototom Sunsplash, dove sono stati indicati come una delle band rivelazione della scena reggae italiana; il Natural Mystic Festival svoltosi sul monte Peglia dove hanno fatto da ...


ORANGE DUB

MusicPedia:

ORANGE DUB Nati nel novembre 1996, da un incontro fortuito, ma provenienti da altre esperienze musicali, gli orange dub rappresentano una delle migliori novità sul panorama musicale umbro. Reggae, dub, movimento e allegria sono le carte vincenti, le quali fanno di ogni loro concerto una festa. Fonti di un numeroso organico gli orange hanno partecipato a molte manifestazioni musicali, ricevendo numerosi consensi, e vincendo S. Enea Rock 1998. Consistente è anche la loro esperienza live, in quanto rappresentano una delle hard rivelazioni del circuito "unici e alternati".


ORANGE CAN/Entrance High Rise

MusicPedia:

ORANGE CAN Entrance High Rise L'indipendente Regal, per altro supportata dalla EMI inglese, continua a deliziare gli appassionati di psichedelia antica e futuribile. Orange Can e una creazione di James M. Aslett: chitarrista, compositore e produttore affiancato dal fratello Jason alla voce e da un paio di comprimari. Nulla a che spartire con altri fratelli inglesi più celebri, comunque: registrata su un 8 tracce e influenzata dai Pink Floyd quanto da Stone Roses e Orb, questa deliziosa raccolta di canzoni, suoni e spunti di sapore un po' retrò si mostra raffinata ma niente affatto pretenziosa.


ORANGE CAKE MIX

MusicPedia:

ORANGE CAKE MIX Altro genio, oggi ancora sommerso, del pop do-it-yourself americano, in questo caso parossisticamente interpretato, senza contributi esterni, registrato senza eccezioni con un quattro tracce, è Jim Rao, da Bristol, Connecticut. Jim col nome di Orange Cake Mix in un lustro ha dato alle stampe dieci album e due mini, più una mezza dozzina di singoli. Penna prolifica ed ispirata quella di Rao, che non occulta la propria ammirazione per Todd Rundgren, con cui primariamente condivide l'autarchia assoluta. L'esordio lo sigla l'attenta Elefant con More Mellow Hits, sequenza crepuscolare di dolci ballate acustiche, tra cui spiccano 'Girl On The ...


ORANGE BLOSSOM

MusicPedia:

ORANGE BLOSSOM è un trio di Nantes in pista dal '94 ma che solo oggi consegna alle stampe l'eponimo album di debutto pubblicato dalla label francese Prikosnovenie. La formula elaborata dagli Orange Blosson è il frutto di una operazione di retaggio fra culture d'Oriente e Occidente dove canti arabi, ritmi tribali e violini tzigani sono accostati ai sequencers e alla chitarra elettrica con tale naturalezza da non svilire le differenti fonti d'ispirazione. Dead Can Dance incontra Transglobal Underoround recita qualcuno ma con un po' d'attenzione si può ravvisare una vena progressive-folk sperimentale che rimanda spesso ai grandi Legendary Pink Dots ...


ORANGE 9MM/Pretend I'm Human

MusicPedia:

ORANGE 9MM Pretend I'm Human Se dovessi indicare oggi i due gruppi più significativi del crossover rap metal, farei senz'altro i nomi di Rage Against The Machine e Orange 9mm. I primi per una ragione, diciamo così storica sono stati gli iniziatori di uno stile. I secondi perché hanno saputo raccogliere l'eredità dei Rage Against The Machine e farla fruttare nel modo più sorprendente. Rap e metal sono musiche di strada. Ben lo sa uno come Zack De La Rocha, che se ne serve per urlare tutta la sua rabbia contro le molte contraddizioni del sistema americano. Sulla stessa scia si pone ...


Orange 9mm

MusicPedia:

Orange 9mm MUSICA DURA, SENZA PAURA! I loro idoli? Led Zeppelin e Sadat X. Sono i newyorkesi Orange 9mm, ovvero Chaka Malik (voce), ex leader dei punkissimi Burn, Chris Traynor (chitarre), Matthew Cross (drums), Taylor McLam (basso). Col secondo cd, Tragic levigano lo schietto murder-rock del precedente Driver Not Included.


OPUS/Three incredible ideas

MusicPedia:

OPUS Three incredible ideas featuring Thurston MOORE chitarra elettrica & electronics Walter PRATI basso el., cello, elettronica Giancarlo SCHIAFFINI trombone ed elettronica Thurston Moore con i Sonic Youth ha segnato alcuni dei momenti più alti degli ultimi 20 anni del nuovo rock americano. E probabilmente anche dei prossimi venti. Grande musicista, con una vasta cultura musicale che si estende dall'hardcore punk alla musica colta e, altra dote rarissima, anti-rockstar per eccellenza. Pronto a rimettersi in discussione ogni volta, pronto a lavorare con personaggi e musiche che si potrebbero pensare lontanissimi da lui. Come per esempio il progetto musicale OPUS, il cui sottotitolo recita: 'Three ...


OPTICAL/Moving 808 MS

MusicPedia:

OPTICAL Moving 808 MS Già negli SPIRAL TRIBE, gruppo nato nel movimento cyber-hippy fine anni ‘80, Matt Optical non ha seguito la diaspora dall’Inghilterra a cui furono costretti per la violenta repressione Tatcheriana. Dopo anni oscuri ha passato l’estate lavorando al nuovo disco di GOLDIE ed esce ora sull’etichetta di GROOVERIDER. Jungle movimentata la traccia del titolo, più scheletrico il lato B.


OPTICAL/FORTREAN

MusicPedia:

. OPTICAL Bounce/The End Part One (31 Records) FORTREAn Search The End Part Two (31 Records) Se ne parlava giusto lo scorso mese: Matt Quinn (Optical) è il nome caldo del drum'n'bass. Tutti sono rimasti stupiti dai suoi ultimi lavori e, in particolar modo, la sua versione "bondiana" sulla raccolta di remixes Shaken & Stirred. Non deludono egualmente queste sue prime uscite '98 che, non discostandosi dal suo stile, nella collaborazione a tre (con Ed Rush e Fierce da cui la contrazione Fortrean) si concede degli eccessi sonici.


OPTICAL-MATRIX/Datalife

MusicPedia:

OPTICAL:MATRIX Datalife (Crossfire) Lavoro in famiglia per i due fratellini Quinn. Matt & Jamie (rispettivamente Optical e Matrix) si dividono cristianamente i due lati vinilici.Più techno-oriented il lavoro di Optical mentre Matrix imbastisce un bell'impianto ritmico per "Crossfire".


OPTICAL 8/Bug

MusicPedia:

OPTICAL 8: Bug (DSA/GM) Hoppy Kamiyama è un singolare personaggio dell’underground giapponese, noto perchè (pur essendo, a quanto ci risulta, regolarmente sposato) abitualmente si presenta sul palco con parrucca bionda e boa di piume di struzzo verde, e abbigliamenti similari (la copertina del suo cd Musical King lo vedeva con finti seni di lattice applicati). Il suo principale gruppo sono gli Optical 8, ma incide anche a proprio nome (in due suoi cd per la Toshiba-Emi partecipano musicisti come Zorn, David Shea e Yuka Honda delle Cibo Matto) e con un gruppo di pop adolescenziale dal nome Olivia*New*Ton*John(!), e lo scorso ...


OPPOSITE FORCE/Near

MusicPedia:

OPPOSITE FORCE Near Gli Opposite Force sono una band dalla potenza dirompente, l'esordio del quintetto romano è micidiale!!! Near contiene 6 colate metalliche di poderoso new school hardcore sulla scia di STRIFE, EARTH CRISIS e INTEGRITY. Regitrazione megacurata!


Oppermann's Karawane

MusicPedia:

Oppermann's Karawane La carovana di Oppermann, arpista tedesco con spiccati interessi multiculturali, è un progetto di world music ispirato alle sonorità orientali e in particolare alle suggestioni delle voci e degli strumenti della Mongolia. Protagonisti sono infatti Enchjargal e Solongo, due musicisti mongoli, attorno ai quali si è costituito il variopinto ensemble costituito dall'indiano Jantinder Thakur, alle tabla , e dai tedeschi Rainer Granzin, alle tastiere, e Rüdiger Oppermann che suona numerosi tipi di arpa. Il canto è in Mongolia - come in tutta l'area centro-asiatica - una disciplina raffinatissima collegata alla spiritualità e presuppone capacità tecniche ed esercizio ...


OPM/Menace To Sobriety

MusicPedia:

OPM "Menace To Sobriety" Se il bollino "parental advisory, explicit content" è tutto merito della censura, il conio di un titolo come "Menace To Sobriety" dev'essere probabilmente opera degli alcolisti anonimi... Le tracce che lo compongono sono invece tutte farina del sacco di tre scapocchioni californiani che buttano in burla rabbie più che fondate e in canzonette a presa rapida il dilagante 'fancazzismo' di quella gioventù locale tutta skateboard, soda, canne e casino. OPM dice l'insegna in ditta, Shakey Lo the Kreation Kid aka Matthew, johne. Necro e Casper: aka Geoff Turney, le fantasiose identità dichiarate dai responsabili dell'ultima goliardica minaccia ...


Opium Beaters/3

MusicPedia:

I genovesi Opium Beaters, dopo la partecipazione vittoriosa all'ultima edizione di Arezzo Wave, stanno mietendo giusti consensi, anche al di fuori dell'ambito elettronico-pop da cui provengono. Per ora il loro documento sonoro tangibile è un mini CD autoprodotto, "El Portero", dove mostrano un ludo big beat e chemical, che mescola campioni con un occhio attento, ci sembra, alla nostra tradizione easy, ed anche con una sottile e divertita vena parodistica oltre ad occhieggiare ai mosaici 'rock' di Fatboy Slim.


OPIUM BEATERS/2

MusicPedia:

OPIUM BEATERS + gratis dj set Selezionati ad Arezzo Wave ’99 tra i dodici rappresentanti della nuova musica italiana, gli Opium Beaters nascono a Genova circa due anni fa come gruppo drum’n’bass. Il progetto ha recentemente diretto la tipologia dei suoni verso il big beat seguendo l’onda dei Fatboy Slim e Wiseguys. La musica viene creata in studio (Astronavestudio) con campionatori, sintetizzatori e altre macchine, dal vivo invece viene proposta in una situazione di Electronic Combo dove il DJ Candiru controlla le basi e Mgiugu lavora digitalmente e analogicamente tutti i suoni e le voci.


OPIUM BEATERS

MusicPedia:

OPIUM BEATERS Arrivano da Genova e si autodefiniscono il primo gruppo big beat italiano. Primogenia a parte gli Opium Beaters mantengono in pieno quello che promettono, trasmettendo una vitalità sonora di vecchi beat anni '50/'60, campionamenti vari, da Doris Day ai Pink Floyd e groove implacabili.


OPINEA

MusicPedia:

OPINEA Combo che arriva dalla Basilicata e si porta dietro tutto un bagaglio di suoni etnici e melodie mediterranee.


Opificio Ciclope (Bo)

MusicPedia:

Opificio Ciclope (Bo) Gruppo storico e, all'origine, co-editore della convention, Opificio ciclope saprà sorprenderci per il terzo anno consecutivo con una nuova iconografia e una inedita linea di stile?


OPHTALMIC LANGUAGE/Lime Of The

MusicPedia:

OPHTALMIC LANGUAGE/Lime Of The Desert (redel records) " Se sei sicuro di voler entrare, entra, ma controlla che ogni tuo conto sia saldato, sono troppo stanco per saldare i tuoi debiti." sono le ultime parole che la voce calma e intimamente toccante di Andreas Nieljker dona al microfono prima di lasciare che il ritmo si affievolisca sotto le ultime note del piano. Tutto ruota attorno alla sua voce, alla sua poetica. Un gruppo con una grande coesione, ogni brano sembra che si crei da se stesso, con gli strumentisti che ...


OPETH/Orchid

MusicPedia:

OPETH Orchid (Candlelight) Gothic heavy ometal per questi debuttanti che attingono tanto dagli Iron Maiden quanto dagli ultimi Para~ dise Lost riuscèndo tuttavia a consegnarci un 0`la~ arorz3 personalissimo ed in grado di tenere sempre deaX la nostra attenzione tramite i continùi cambi di tempo e delle meloxdie & chitarra (strumento principe dell'intera operal). G*th, mi secca ammettere la mia ignoranza, ma è uÀ nome che mi giutwe del; tutto nuovo, Mh so nulla dei loro trascorsi (roba tipo demo, cambi di fonnazione ecc.?, tutte le mie im'pressioni si basano`Szsu ws`to '~0rchid ", un dis-& che è nuscito a sowrendermii nònostante non ...


OPETH/Blackwater Park

MusicPedia:

OPETH "Blackwater Park" Gli Opeth con Blackwater Park giungono alla quinta prova del loro prospetto visionario e decadentista ed è impossibile non accorgersi di come anche questo nuovo affresco di maestose movenze epiche confermi l'inarrivabile genio degli svedesi. Blackwater Park assurge ad un singolare manifesto di intrecci death melodici e folk acustici capaci di recuperare a pieni polmoni l'intimismo espressionista di My Arms, Your Hearse, ma rispetto a quest'ultimo ne prodiga la sperimentazione psichedelica, sia nelle febbrili modulazioni death (The Drapery Falls, The Funeral Portrait) che nelle fragili incursioni acustico-Pink Floydiane (Harvest, Dirge For November). Questo sviluppo a ben vedere è ...


OPETH

MusicPedia:

OPETH Morningrise (Candlelight) Gli Opeth, anche se non mi staccherei un dito per ogni singola nota che cavano dai loro strumenti (nel senso che almeno un paio di volte nell'album mi lasciano un pò interdetto), credo che siano musicisti dotati di talento autentico. Le loro composizioni si snodano tra decine di cambi ed intrecci sempre differenti ma non per questo ostici. Pensate che "Morningrise" contiene solo 5 brani la cui durata oscilla tra i 10.09 ed i 20.14 minuti e miracolosamente riesce a non appallarci (se penso agli altri gruppi che si sono misurati con queste lunghezze mi viene da sbadigliare!)... Certo ...


OPERAZONE/The Redesign

MusicPedia:

OPERAZONE The Redesign Non si sentiva granché il bisogno invece di un progetto come Operazone, concepito dal noto produttore Alan Douglas e realizzato sotto l'egida del tentacolare Bill Laswell. L'idea è quella di "ridisegnare" in formato smooth jazz alcune celebri arie d'opera, utilizzando in ruoli solisti jazzisti di prestigio. Se il marchio Knitting Factory poteva lasciar sperare in una rilettura un tantino anticonformista, già la prevedibile scelta delle partiture, a partire dall'immancabile Nessun dorma, denuncia il carattere commerciale del lavoro, che annega in melassa d'archi le melodie jazzate e le fragili trame ritmiche laswelliane. Le temibili versioni new age di pagine ...


OPERACYCLE/Warmer

MusicPedia:

OPERACYCLE "Warmer" Tra quelle che Jordan Hudson, titolare unico della sigla Operacycle, non può proprio negare ci sono viceversa i vari Tortoise, Calexico, Gastr Del Sol e Rachel, come dire il Gotha del post rock a stelle e strisce. E conscio di doversi misurare con cotanti modelli, il giovane -21 anni appena!- e talentuoso multistrumentista ha davvero dato fondo a tutte le sue abilità per disegnare i quattordici raffinati bozzetti sonori della sua prima raccolta personale: giocando con abilità sugli intrecci di sonorità acustiche e digitali, non esitando ad avventurarsi nelle insidie di musiche strutturalmente fragili e indefinite, disponendosi ad abbozzare ...


OPERA BUFFA

MusicPedia:

OPERA BUFFA (ROMA) Trio composto da Luca Angeletti, Milko Paravani e Arcangelo Dannare (e non sono quelli della foto...). Il vero segreto della vita è non morire, loro sono ancora vivi, loro l'hanno quasi capito, loro ...aaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhh!!!!!!... Peccato, c'erano quasi riusciti.


OPEN MUSIC ORCHESTRA

MusicPedia:

Subject: OPEN MUSIC ORCHESTRA La OPEN MUSIC ORCHESTRA di Stefano Maltese, presenterà il 28 Marzo 1999, al teatro Ponchielli di Cremona, "Open Letter To Mingus", la cui prima esecuzione (avvenuta il 27-10 98 e trasmessa dal Centro di Produzione RAI di via Asiago nel corso del programma radiofonico "Radiotre Suite") è stata pubblicata sul CD allegato al numero di Gennaio '99 della rivista Musica Jazz. La OPEN MUSIC ORCHESTRA è costituita da: Stefano Maltese (alto, cl.b., arr.) Eugenio Colombo sop., alto, fl., fl.b.) Carlo Actis Dato (bar., cl.b.) Alberto Mandarini (tr., flic.) Lauro Rossi (trne) Sebi Tramontana (trne) Umberto Petrin (p.) Giovanni Maier (cb.) Antonio Moncada (batt.) Gioconda Cilio (voc.) Per contatti: Stefano Maltese, Via Maestranza 55 96100 ...


OPA CUPA /new

MusicPedia:

OPA CUPA (Salento, Albania, Bosnia-Erzegovina) Musiche e danza dell’Est Europa - Giancarlo Dell’Anna, tromba - Adnan Hozic, voce - Admir Shkurtaj, fisarmonica - Giuseppe De Marco, trombone - Massimo Pinca, contrabbasso - Francesco Panetta, batteria Grido d’esortazione degli zingari del Sud-Est Europa è, non a caso, nome di una formazione musicale nata nel Salento e orientata verso sonorità multietniche: Opa Cupa si avvale infatti della collaborazione di musicisti del calibro di Adnan Hozic (Bosnia-Erzegovina) e Admir Shkurtaj (Albania). A Cesare Dell’Anna il compito di organizzare la band, sempre volta a ricreare le tipiche atmosfere delle feste dei locali notturni d’oltre Adriatico a suon di velocissimi estam ed horo, tempi dispari ...


OPA CUPA

MusicPedia:

OPA CUPA Musiche da danza dell'Est Europa. Grido d'esortazione degli zingari del Sud-Est Europa é, non a caso, nome di una formazione musicale nata nel Salento e orientata verso sonorità multietniche: Opa Cupa si avvale infatti della collaborazione di musicisti del calibro di Adnan Hozic (Bosnia-Erzegovina) e Admir Shkurta (Albania). A Cesare Dell'Anna, il trombettista, il compito di organizzare la band, sempre volta a ricreare le tipiche atmosfere delle feste dei locali notturni d'oltre Adriatico a suon di velocissimi estam ed horo, tempi dispari e irregolari, antichi canti epici e lente ballate vertiginosamente accelerate in stile slavo-zingaro. Completano la formazione Giancarlo ...


OOPS! MILLENNIO SBAGLIATO

MusicPedia:

OOPS! MILLENNIO SBAGLIATO Vabbè, la pubblicità enfatizza, se le canta e se le suona e quel che volete. E così alla Virgin scrivono come slogan: “Ben Harper, Iggy Pop, Gomez. Non perderti gli ultimi tre capolavori del millennio”. Tralasciamo sul fatto che proprio capolavori non sono nessuno dei tre, al max bei lavori, ma per la fine del millennio, vorremmo ricordare ancora, mancano non due ma quattordici mesi. Ce la faremo a farlo entrare nella testa di tutti? Dubito (quin + congiuntivo).


OOPHOI - KLAUS WIESE/Wouivre

MusicPedia:

OOPHOI - KLAUS WIESE Wouivre Wouivre (lo Spinto Divino della mitologia celtica) incarna l'incontro fra Gianluigi Gasparetti (elettronica, flauti, pietre, acqua...) e Klaus Wiese (strumenti ad arco), incontro metaforicamente avvenuto nell'ambiente magico della più grande cattedrale gotica esistente, che si trova circa cento chilometri a ovest di Parigi; la principale fonte di ispirazione del CD è infatti da ricercare in Les mystères de la cathédrale de Chartres di Louis Charpentier. Gasparetti è l'animatore della rivista Deep Listening e ha già alcune registrazioni alle spalle mentre di Wiese, un tedesco che vive a Monaco e ha fatto parte dei mitici Popol Vuh, ...


OOIOO/Gold & Green

MusicPedia:

OOIOO/Gold & Green A questo punto è chiaro che gli/le OOIOO sono solo Yoshimi P-We (Boredoms) che fa e disfa a piacimento. Dopo la 'riduzione a due' del trio originale operata col secondo album "Feather Float" qui c'è l'allargamento a quattro con l'ingresso/ritorno di Yoshiko (batteria), Kayano (chitarra), Maki (basso) e ospiti come Atari, Yuka Honda (Cibo Matto), Seiichi Yamamoto e Sean Lennon. Il suono prosegue sulla già tracciata scia 'pop' a metà tra neolounge, space e funk con la solita messe di strumenti analogici e ammenicoli prediluviani, tra sporadiche esplosioni rock di buon impatto (Grow Sound Tree) e solite pappette ...


OOIOO

MusicPedia:

Yoshimmy P-We di Boredoms (oltre che Ufo Or Die e Free Kitten) ha messo in piedi, assieme ad altre tre fanciulle nipponiche (Kyoko, Maki e Yoshiko), un side project dalla curiosa denominazione: OOIOO, la cui pronuncia dovrebbe essere: Oh Oh Eye Oh Oh. Con il supporto morale di Kim Gordon (Sonic Youth) e il contributo di Julie Cafritz (Pussy Galore e Free Kitten) e dopo aver sparso in giro per i più reconditi angoli dell'universo un paio di 7", escono ora con un CD medio-lungo (36 minuti e 27 secondi) intitolato "OOIOO" e pubblicato da Kill Rock Stars (Helter Skelter). ...


Ooberman/The Magic Treehouse

MusicPedia:

Ooberman The Magic Treehouse (indipendiente) L'album di debutto dei liverpooliani Ooberman è uno di quei gioiellini da non lasciarsi sfuggire, se non altro per la grande vena ironica interpretata con una leggerezza tutta calviniana. Il pregio di questa band sta nel particolare modo di trattare le melodie. Ascoltate, per rendervi conto, lo splendore di canzoni come "Blossom Falling", "Tears From A Willow" o "Amazing In Bed" e forse rimarrete incantati dalle svariate influenze che le accompagnano: dagli echi della Electric Light Orchestra, ai Moody Blues per giungere ad esperienze più recenti come Gorky's Zygotic Mynci e Jim O'Rourke. Il momento definitivo di ...


Ooberman/The Magic Treehouse

MusicPedia:

Ooberman The Magic Treehouse (Indipendiente) L'album di debutto dei liverpooliani Ooberman è uno di quei gioiellini da non lasciarsi sfuggire, se non altro per la grande vena ironica interpretata con una leggerezza tutta calviniana. Il pregio di questa band sta nel particolare modo di trattare le melodie. Ascoltate, per rendervi conto, lo splendore di canzoni come "Blossom Falling", "Tears From A Willow" o "Amazing In Bed" e forse rimarrete incantati dalle svariate influenze che le accompagnano: dagli echi della Electric Light Orchestra, ai Moody Blues per giungere ad esperienze più recenti come Gorky's Zygotic Mynci e Jim O'Rourke. Il momento definitivo di ...


Ooberman/Tears from a willow

MusicPedia:

Ooberman - “Tears from a willow” mini Cd (Independiente). Originalmente uscito per la Transcopic (la label di Graham Coxon dei Blur), e potendo già contare su alcuni fans eccellenti (James Dean Bradfield su tutti), gli Ooberman non propongono null’altro che quella vetusta, obsoleta, impolverata e ammuffita cosa che si chiama pop music. Che poi la materia si sia impolverata, ammuffita e infeltrita per le troppe mani che la maneggiano senza cognizione di causa beh...E’ un altro discorso. Quivi siamo vicini ai piani per Nigel, soprattutto nella title track, e ben li vedrei a un rapido corso pomeridiano con il ...


Onward

MusicPedia:

Proprio gli Onward sono gli artefici di “These Words Still Pray” (Crucial Response\Green), mini LP di sei pezzi, che si ricollega direttamente a quanto detto poc’anzi. Comunque sia occorre rimarcare la buona qualità del materiale sonoro (Hardcore straight edge) prodotto dal quartetto norvegese, a cui va tutto il nostro rispetto e attenzione. Notizia “curiosa”: nei ringraziamenti sono anche state inserite le Spice Girls!


ONORINO TIBURZI FUNK MACHINE

MusicPedia:

ONORINO TIBURZI FUNK MACHINE Grandissimo divertimento nell'ascoltare questa formazione, una grande ritmica unita alla voce "tremendamente" soul di Onorino Tiburzi, una delle migliori proposte soul/blues del centro Italia con tanto calore e voglia di dire qualcosa di importante. I loro concerti sono di notevole impatto sonoro ed é stupefacente constatare la facilità con cui gli elementi del gruppo creano di continuo situazioni ritmiche e sfumature blues di gusto raffinato e grande intensità come poche volte si ha occasione di ascoltare. Impossibile non rimanere colpiti da uno dei loro concerti.... Hanno sempre da dire.... E non solo musicalmente! Gruppo composto da: Onorino ...


ONLY LIVING WITNESS

MusicPedia:

ONLY LIVING WITNESS: ';Prone Mortal Form" lp (Century Media) Vi piace giocare? Ecco cosa propongo: mettetevi in circolo coi vostri amici ad ascoltare questo lp, poi ognuno a turno dica quale gruppo gli ricordano questi Only Living Witness. Cominceranno a saltar fuori decine di nomi: Jane's Addiction, Trouble, Guns'n'Roses, Nirvana, ecc, anche se nessuno riuscirà a mettere d'aGGordo tutti quanti...però intanto avrete trascorso una piacevole serata!


ONLY CHILD/Satellites And Const

MusicPedia:

ONLY CHILD Satellites And Constellations Chi ha avuto modo di sentire le recenti compilations della Grand Central può essersi fatto un'idea di quanto sia importante quell'etichetta nel panorama della musica ritmica inglese di questo momento. Il disco di Only Child ribadisce che dalle parti di Manchester sta nascendo qualcosa di nuovo, qualcosa che riparte dall'impasse in cui era finito il trip hop, lo riporta vicino alle fonti originali dell'hip hop vero, lo rivernicia di funky e di soul ripresentandolo sotto forma di canzoni impeccabili, ballabili e fascinose. L'album attacca con un rap sostenuto, "I ve Got A Right", guidato dalla voce ...


ONIRIKA/un sogno di Dee Jay

MusicPedia:

ONIRIKA - un sogno di Dee Jay Si chiama come l'universo dove Morfeo si muove a proprio agio ma lei certo non è una che dorme molto dato che è una delle più interessanti DJ girl del momento e che i suoi dischi sono una delle colonne sonore di numerose tra le più prestigiose Dancefloor italiche. Il mio vecchio amico Mario Monti, DJ Producer tra i più prolifici e appassionato Web Designer, mi ha detto che era da tempo che non conosceva e ascoltava un personaggio così interessante e creativo e devo certo dargli ragione: da questo viso dolce e vitale allo stesso tempo emerge un energia strana mentre ...


ONEIDA/Steel Rod EP

MusicPedia:

ONEIDA Steel Rod EP Hanno alle spalle un album su Turnbuckle ("Enemy Hog") e stanno per arrivare con un secondo a cui questo EP esteso serve d'apripista. Sono di Brooklyn e fanno garage rock, beat acido, blues psichedelico. Rammenteranno molte delle misconosciute band sixties (quelle di "Nuggets") che vennero riportate in gloria a metà anni Ottanta (dagli Slickee Boys, per esempio) ma hanno anche un quid in più che non ne fa una semplice revival band nonostante quello sia il luogo di appartenenza. Le voci femminili di accompagnamento, per esempio, che colorano di soul depresso e sottilmente ironico Tennessee, o ...


Oneach

MusicPedia:

Oneach (il ciclo solare degli antichi irlandesi) Gruppo Astigiano. Un progetto per diffondere la tradizione musicale vocale dei paese appartenenti all'area celtica. Ha Partecipato a Folkermesse ed all'Ottocento Festival di Saludecio, esegue brani tradizionali del Piemonte, tratti dal vecchio repertorio dell'Archensiel, gruppo di folk-rock che ha portato in giro per l'Italia e l'Europa la lingua e la tradizione piemontese cantata e suonata con strumenti tipici del mondo rock


ONE TRUE PARKER/KILLER REMIX

MusicPedia:

ONE TRUE PARKER - KILLER REMIX - ERUPTION 12 UK Tutto quello che toccano diventa oro, così è per Freq Nasty e il suo compare Blim che qui s' occupa del rimissaggio di questa bella traccia della dotatissima signorina Parker. Blim miscela magicamente con le sue personali leggi alchemiche, proponendoci così una linea di basso di tali proporzioni da fare impallidire tutto il già udito. Un 'must'


ONE TRUE PARKER/KILLER

MusicPedia:

ONE TRUE PARKER - KILLER - ERUPTION 12 UK A parte Kemistry e Storm e Dj Rap - ma questa s'è venduta al nemico - Karen Parker è una delle poche signorine in circolazione a maneggiare il drum'n'bass. E lo fa anche bene visto che la Creation l' ha subito messa sotto contratto per la sua nuova etichetta 'dedicata'. Questo è il suo primo singolo e suona stupendamente disorientante.


ONE TRUE PARKER/3

MusicPedia:

ONE TRUE PARKER WILL I DREAM? (ERUPTION) Preceduto dalla pubblicazione dei due singoli ecco finalmente l'album di miss Kate Parker, alias One True Parker, ultimo nome di grido della scena jungle made in England, che rischia seriamente di candidarsi tra le rivelazioni del 1999. Viene da pensare che il destino si diverta a tessere le sue fila: proprio adesso che è improvvisamente (e tragicamente) scomparsa Kemistry ecco che irrompe sulla scena questo nuovo nome femminile, e la cosa di per sè suscita già da sola curiosità, dato che non ci sono tante femminucce a giocare sui piatti; se poi considerate la recente ...


ONE TRUE PARKER/2

MusicPedia:

ONE TRUE PARKER WILL I DREAM? (ERUPTION) Preceduto dalla pubblicazione dei due singoli ecco finalmente l'album di miss Kate Parker, alias One True Parker, ultimo nome di grido della scena jungle made in England, che rischia seriamente di candidarsi tra le rivelazioni del 1999. Viene da pensare che il destino si diverta a tessere le sue fila: proprio adesso che è improvvisamente (e tragicamente) scomparsa Kemistry ecco che irrompe sulla scena questo nuovo nome femminile, e la cosa di per sè suscita già da sola curiosità, dato che non ci sono tante femminucce a giocare sui piatti; se poi considerate la recente ...


ONE TRUE PARKER

MusicPedia:

ONE TRUE PARKER (UK) dj set - drum'n'bass. Una fra le pretendenti al titolo di Bjork del 2000. Ovvero come la nuova generazione post-jungle omaggia l'avant-garde inglese di fine anni Settanta. Il suo bell'album d'esordio, "Will I dream?" per la Creation, è zeppo di campionamenti e citazioni di Suicide, PIL, Pop Group e Slits cioè l'ala creativa del punk/new wave di 20 anni fa. Ne esce un lavoro coraggioso ed innovativo dove le ritmiche jungle e dub si scontrano con la sua voce angelica ed onirica creando un suono ultra-moderno ed evocativo. Nel suo carnet di giovane produttrice ha remix ...


ONE THIRTY LATE/2

MusicPedia:

ONE THIRTY LATE - “One Thirty Late” (Vacation House/Self) E' curioso come l’EP di debutto dei nostrani One Thirty Late sia “sponsorizzato” dalla European School Of Economics (corso di laurea quadriennale), con la precisazione che: “Questo CD è un’applicazione rappresentativa della filosofia della Scuola”. Mi piacerebbe saperne di più sull’iniziativa, perché ritengo che anche tale tipo di supporto sia importante per consentire ai giovani gruppi di coltivare la propria passione per la musica e se poi li aiuta (concretamente) a incidere dischi il tutto non può che far bene alla scena italiana, a cui non vengono certo riservati i privilegi che ...


ONE THIRTY LATE

MusicPedia:

ONE THIRTY LATE One Thirty Late Questo loro primo ep brilla di un intenso e raffinato emocore/college rock melodico sulla scia di gruppi come DAG NASTY, SAMIAN, TEXAS IS THE REASON. Contiene 7 tracce con testi in inglese e grandiose melodie malinconiche. Curatissimo in ogni particolare! ....da SURF sotto la pioggia....


ONE STAR/Triangulum

MusicPedia:

ONE STAR Triangulum Comincia finalmente ad assumere proporzioni rassicuranti la japanese invasion, più volte auspicata ed è ancora March, ancora lei, dalla stampa Flavour Of Sound, a proiettarci un'altra perla del Sol Levante, dopo averci cambiato l'esistenza prima con Takako poi con 800 Cherries. One Star sono un trio che ogni tanto si dà arie da Cibo Matto ma che in genere più modestamente macina pop romantico e stralunato, bizzarro e soave, una band che la volontà di suonare l'avrebbe, ma poi di frequente affoga tutto in un vortice d'elettronica retrò, pasticcetti moderni e campionamenti iride. E' scontato che l'epicentro si ...


ONE OF THESE DAYS/While You Wen

MusicPedia:

ONE OF THESE DAYS While You Went Away Si intitola "While You Went Away" il nuovo lavoro degli aretini One Of These Days, ed è un degno erede degli apprezzati "One Of These Days EP" (1998), "November 6th" (1999) e "The Lovers EP" (2000). Registrato negli studi di Sonica Factory e mixato da Bruce Morrison, il lavoro consta di otto brani La novità sostanziale risiede nel parziale abbandono di quell'intimismo decadente che, pur affascinante, finiva forse con l'uniformare un po troppo il sound della band. Se, infatti da un lato la splendida voce di Moretti appare meno enfatica e felicemente matura, ...


ONE OF THESE DAYS/While You W

MusicPedia:

ONE OF THESE DAYS - While You Went Away (Autoprodotto) Il nome di questa nuova band italiana dovrebbe essere stato preso da una canzone dei Pink Floyd di 'Meddle' (o Paul McCartney? o i Searchers? o i Ten Years After? o i Velvet Underground? o Emmylou Harris? o Tammy Wynette? o Marvin Gaye? o...) ma le similitudini col gruppo inglese si fermano qui. L'intero disco è avvolto in un clima intimistico ed introspettivo tipico della new wave inglese anni '80 (a partire dalla copertina, con una foto mossa e dai toni violacei) che prende per le tonalità calde ed il tono ...


ONE OF THESE DAYS/rec

MusicPedia:

ONE OF THESE DAYS November The 6th (CD autoprodotto) Uno degli aspetti più sconcertanti della massificazione è senza dubbio la difficoltà di orientarsi tra mille vie e viuzze, anche per chi detiene certe conoscenze, perché ormai il mercato ha messo alla stessa stregua la musica seria e quella puramente d'evasione. Gli aretini One Of These Days sono uno di quei gruppi che rischia di essere incompreso in un marasma di "copie ideali" di questo o quel gruppo proveniente d'oltremanica o d'oltreoceano. Il cd che ho sottomano e che sta girando nel lettore di casa ha un'intensità e una spietatezza immediati. Ti rivela, ...


ONE OF THESE DAYS 9/00

MusicPedia:

ONE OF THESE DAYS Il gruppo si forma nel 1995 ad Arezzo, composto da musicisti proveniente da esperienze artistiche diverse, propone la classica formazione rock a quattro elementi: Nicola Ferri al basso; Stefano Cerisoli alla chitarra; Alberto Serafini alla batteria; Fabrizio Moretti alla voce e tastiere. I One Of This Days dal '95 partecipano a varie manifestazioni e concerti in tutta Italia ed hanno all'attivo vari demotape in un cd dal titolo "November 6th" nel marzo '99. Il cd riscuote critiche entusiaste da diverse ed importanti testate musicali italiane: Mucchio Selvaggio, Blow Up, Rock It. Nel novenbre '99 suonano quattro concerti ...


One Of These Days

MusicPedia:

One Of These Days Gli One Of These Days suonano già da alcuni anni e ad Arezzo sono una specie di istituzione, e per questo non faticano a riempire locali da 100-200 posti come il Garabombo di Battifolle. Un'ora e mezzo di spettacolo dominato dalla presenza scenica del cantante Fabrizio, stravagante personaggio dal fisico magrissimo e dal volto spiritato: la sua voce, notevole, si muove con invidiabile maestria tra i toni alti e bassi, intonando brani in inglese tra i quali spiccano "The Fall", "The Wind", "Dear Fellow" e "The Drop". Il loro è un genere velatamente gotico, dalle mille influenze ...


ONE MINUTE SILENCE/Buy Now... S

MusicPedia:

ONE MINUTE SILENCE Buy Now... Save Later Consigli per gli acquisti da parte di una delle poche formazioni britanniche decise a contrastare ai gruppi d'oltreoceano il monopolio assoluto sul nuovo hard rock. Comprando adesso... si risparmiano sorprese in futuro: proviamo ad interpretare così il messaggio contenuto nel titolo del loro secondo album. In effetti, negli ultimi due anni il ruolino di marcia degli One Minute Silence è stato davvero serrato, tanto da condurre il quartetto guidato dal cantante Brian 'Yap' Barry a misurarsi ad armi pari sui palchi delle principali rassegne internazionali riservate ai moderni derivati del metallo pesante con le ...


One Minute Silence

MusicPedia:

One Minute Silence Availoble in all Colours (BIG CAT/SELF)Che invece è la base dei One Minute Silence. In apertura accennavo ad una latente identità per il nuovo metal britannico (Pulkas a parte). Partendo proprio dall'ele mento rap, incastonato nei classici riffs al calor bianco, ci si accorge di come ancora una band, comuque ben predisposta, come gli OMS, ricerchi neì passato (e non nel futuro) la propria ispirazione. Per intenderci, canzoni come For Want Of e Remain Calm, facevano parte dei repertorio dei Clawfinger in epoca non sospetta. Nulla di delittuoso, ma mai come ora, si avverte il bisogno di ...


One man band

MusicPedia:

One man band E' la configurazione che pone il maggiore problema teorico e quella che maggiormente dipende dallo stato dell'arte in fatto di gestione integrata di fonti audio-video. In un certo senso descrive sinteticamente l'utopia di electronic renaissance per la quale il mondo digitale è un'informe apèiron disponibile a possibilità manipolatorie di singoli individui che esprimono sicurezza nelle tre operazioni compositive fondamentali: tagliare, copiare, incollare. Di qualsiasi cosa si tratti. Le piattaforme di montaggio sia audio che video esprimono in effetti lo stessa visualizzazione di spazio cartesiano in cui agire queste tre operazioni e la possibilità, sempre più presente nei software ...


ONE MAN ARMY/Last Word Spoken

MusicPedia:

ONE MAN ARMY Last Word Spoken' (Adeline/Goodfellas) I One Man Army invece sono iscritti al torneo di C2, ma se continueranno di questo passo probabilmente parteciperanno solo più al Campionato Dilettanti. Il disco esce per la Adeline Records, l'etichetta messa in piedi da Billie Joe Armstrong dei Green Day, che per l'occasione si occupa pure della produzione, e vive di ricordi inglesi che si collocano attorno al 1977.


One Love Hi Pawa Sound System

MusicPedia:

One Love Hi Pawa Sound System 6K Il One Love Hi Pawa è un gruppo di ragazze e ragazzi nato agli inizi degli anni ‘90 a Roma con l’intento di produrre e promuovere musica reggae e dub , utilizzando questa forma di espressione come veicolo per la trasmissione dei loro desideri. Il punto iniziale del loro percorso si può collocare durante il movimento della Pantera e le occupazioni delle università del 1990, quando hanno iniziato ad organizzare delle serate dance-hall che hanno aggregato un numero sempre crescente di persone intorno a questo stile musicale, caratterizzato da una facile ...


ONE LADY OWNER/There's Only We

MusicPedia:

ONE LADY OWNER There's Only We Li si credeva grandi, sono appena discreti, attendevo emozioni violente, le voci di corridoio parlavano di una versione incandescente e magica di Joy Division e Stooges, ma devo confessarlo, i One Lady Corner mi hanno deluso. La grande scommessa di Alan McGee per il 2000, gli One Lady Owner paiono piuttosto una versione ruvida e scomposta dei Field Of The Nephilim, il che è tutto dire. Dopo tre singoli non male, "Police Car Sex", "I Do Need You" e "Wheelkings 1973", tra le cose più egregie rintracciabili in questo loro fagocitante ed uniforme album di debutto, ...


One Lady Owner

MusicPedia:

Su Creation i One Lady Owner e il loro singolo “I do need you” - mini Cd (Creation Rec.) - che meritano una citazione se non altro perchè non cercano di rifare Gallagherate che suonano fritte e scontate anche nei loro più famosi labelmates. La title track invece è un robusto elettrorock che sfiora oscurità Sisters Of Mercy in più di un punto e le miscela pennate decise e assenze. Dei Placebo a 33 rpm.


ONE KING DOWN

MusicPedia:

ONE KING DOWN God Loves, Man Kills Sostituito per divergenze stilistiche il cantante Rob con il nuovo Jon Peters, firma di tutte le nuove liriche, torna il quintetto di Albany, NY con un lavoro che per compattezza, tensione ed abilità compositiva fa urlare al capolavoro. Il nuovo timbro vocale, più aggressivo ed urlato in gola, plasma granito sulle quadratissime strutture ultra-soniche costruite con perfezione stilistica impeccabile da un'inarrestabile macchina del ritmo. Nove tracce con cui One King Down si spinge definitivamente oltre la forte dipendenza dal suono Snapcase, che caratterizzava il pur ottimo minicd "Bloodlust Revenge", per codificare la propria espressione disciplinando ...


ONE FOR ALL

MusicPedia:

ONE FOR ALL Formidabile gruppo pieno di giovani leoni che stanno primeggiando nel palcoscenico del nuovo bop di New York. I loro concerti sono sempre pieni di musicisti, pronti a cogliere ogni nuova idea che nasca dal solco tracciato da Art Blakey, Horace Silver, Lee Morgan, Jackie McLean e tanti altri. Curiosamente, é stato proprio McLean a consigliarci questo sestetto, a causa della presenza di diversi suoi allievi, ormai lanciatissimi a livello mondiale. Steve Davis é indicato da molti come forse il miglior trombonista giovane in circolazione; titolare di alcuni ottimi dischi per la Criss Cross (etichetta che é un po' ...


ONE FINE DAY/One Fine Day

MusicPedia:

ONE FINE DAY One Fine Day Si erano già segnalati come formazione le cui quotazioni erano in rapida e costante ascesa e questo Ep lo conferma nel miglior modo possibile. Limitarsi a parlare di post HC o di new school HC sarebbe limitante, poiché i cinque ragazzi novaresi stanno portato a compimento una mutazione genetica grazie alla quale si sono ricoperti di una rocciosa patina noise e di chitarre sofferenti! Inoltre le linee evolutive non viaggiano solo sull’asse portante della devastazione, ma seguono anche percorsi contorti e quando vogliono massacrare sanno bene come farlo, tenendo a mente gli insegnamenti dei Neurosis, ...


ONE FINE DAY-S/T

MusicPedia:

ONE FINE DAY S/T Anche gli One Fine Day si pongono come baluardi contro una società alienante e alienata, arroventando ulteriormente la materia musicale e riducendola a brutali lamenti che rendono quasi inintelligibili gli interessanti testi (in inglese). Due validi antidoti per salvarsi dal consumismo imperante.


ONE DIMENSIONAL MAN/2

MusicPedia:

ONE DIMENSIONAL MAN - “1000 Doses Of Love!” (Wide Records) Definitivamente epidermico. E' così che voglio descrivere il secondo disco (successore dell’omonimo e positivo esordio risalente al ‘97) dei veneti One Dimensional Man e la definizione va intesa come un riconoscimento a quelle che sono le indubbie capacità dei tre di sprigionare suoni come se fossero schegge impazzite di un ordigno esploso all’improvviso. Lo si capisce subito, sin dalla title track posta in apertura o dal blues imbevuto nell’alcool denaturato di “Tom”. Il linguaggio che prima i ODM utilizzavano per esprimersi prendeva in prestito i termini in massima parte dal vocabolario ...


ONE DIMENSIONAL MAN/1000 Doses

MusicPedia:

ONE DIMENSIONAL MAN 1000 Doses Of Love I veneziani One Dimensional Man suonano rock'n'roll. Sono rimasti forse gli ultimi a farlo. E lo fanno straordinariamente bene, ad alto volume e con una precisione notevole. Rispetto all'esordio di due anni fa (One Dimensionai Man, Wide Records) la band si è disfatta dei più smaccati ed evidenti orpelli postpunk che pure la avevano fatta grande, e ora si cimenta con una formula più propriamente rock, ma ridotta all'osso. Pierpaolo Capovilla, bassista e cantante ha sempre denunciato il suo amore per il blues, per gli Scratch Acid e per i Birthday Party. E li si ...


One Dimensional Man/1000 Dose

MusicPedia:

One Dimensional Man "1000 Doses of Love" Wide Era tangibile l'attesa per questo ritorno discografico per i veneti One Dimensional Man dopo che il loro esordio, sempre su Wide, li aveva imposti, ormai quasi quattro anni fa come una delle migliori realtà del noise rock italiano. L'aspettativa era stata rinfocolata ampiamente dagli incendiari live set del trio che da due anni a questa parte si è riproposto sulle scene con un nuovo chitarrista e con un suono sempre più sporcato da amfetaminiche reminescenze blues. Insomma tutto lasciava presupporre che il secondo disco degli One Dimensional Man sarebbe stato un disco importante ...


One Dimensional Man/1000 /QUERC

MusicPedia:

One Dimensional Man "1000 Doses of Love" Wide Era tangibile l'attesa per questo ritorno discografico per i veneti One Dimensional Man dopo che il loro esordio, sempre su Wide, li aveva imposti, ormai quasi quattro anni fa come una delle migliori realtà del noise rock italiano. L'aspettativa era stata rinfocolata ampiamente dagli incendiari live set del trio che da due anni a questa parte si è riproposto sulle scene con un nuovo chitarrista e con un suono sempre più sporcato da amfetaminiche reminescenze blues. Insomma tutto lasciava presupporre che il secondo disco degli One Dimensional Man sarebbe stato un disco importante ...


ONE DIMENSIONAL MAN new

MusicPedia:

–œ‡°±·;ýþ ýþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþÞþþþýþþþ ýþþþýþþþ ýþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþR þþýþþþýþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþ ¿FþþþþþþþþÄÂÎÝéݺ@ þþþþCompObjþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþ`þþþþWordDocumentþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþþ


ONE DIMENSIONAL MAN

MusicPedia:

ONE DIMENSIONAL MAN One Dimensional Man (Southern Records\Wide). Il fatto che i One Dimensional Man siano italiani, veneti per la precisione, è una pura coincidenza, in quanto credo che neppure se fossero nati a Chicago, magari nello stesso palazzo di Steve Albini e di fianco alla sede della Touch & Go avrebbero potuto metabolizzare così bene il sound di quella città, di quell’uomo e di quell’etichetta. Mi pare superfluo dirvi da cosa sia influenzato il loro noise-rock, ma ciò che mi preme mettere bene in risalto è che, fatta salva questa palese “dipendenza”, il disco di debutto dei One Dimensional Man va ...


ONE DARK EYE/Chronicle Of A Dea

MusicPedia:

ONE DARK EYE Chronicle Of A Death Foretold Buon disco di noise elettronico abbastanza articolato proveniente dalla Francia L'autore, Joseph Roemer, è altresì noto per l'appartenenza al gruppo Macronympha, i cui suoni sono qui largamente campionati. Gli orfani di Merzbow e alla luce del box di 50 cd licenziato dal folle giapponese potrebbero essere davvero molti, gli orlani di Merzbow, dicevamo, troveranno in questo cd dal titolo mánqueziano un buon surrogato all'inarrivabile oggetto dei loro sogni.


OndeBlues…Storie…

MusicPedia:

OndeBlues…Storie… Il progetto musicale della band Umbra nasce dall’intenzione di proporre al pubblico un repertorio costituito da “canzoni” che raccontano storie di vita… di amori, di passioni in cui a volte ognuno di noi si può riconoscere e sognare. E’ la bella e potente voce di Marcella “Lady” Benedetti ad interpretare i testi di Robben Ford, Debbie Davies, Diane Schuur, Taj Mahal, Freddie King e altri “Grandi”, supportata da: Enrico “Tengofamiglia” Caruso alle tastiere, dalla grintosa e passionale chitarra di Sauro “Kaymanblues” Balducci e dalla solida ritmica di Diego “Cico Hernandez” Marini al basso insieme alla batteria di Mauro “Spirit” Giorgeschi. ...


ONDE SONORE

MusicPedia:

ONDE SONORE ONDE SONORE Di Pescara. Francesco Altobelli (Chitarra e Voce), Francesco Primavera (Batteria), Gianluca Di Venanzio (Chitarra), Sergio Di Cintio (Basso). Gruppo Pescarese caratterizzato da un'interessente fusione di melodie PoP con la grinta Rock. Diverse sono state le recensioni in mensili di carattere nazionale, come Rock-Band più scaricata in internet. Alla loro prima esibizione live nel concorso Pescara Sound 2000 riescono ad attirare l'attenzione dei critici presenti in giuria, riuscendo ad ottenere un meritato successo.


ONDE BLUES

MusicPedia:

ONDE BLUES Onde Blues ... Storie di Blues! Lo spettacolo che la band Umbra propone al pubblico è basato su un repertorio di "canzoni" selezionote attentamente nel vasto panorama del Blues degli anni sessanta ad oggi. Ecco così che da artisti famosi quali BB King, Albert Collins, Freddie King, Taj Mahal, Robben Ford e altri, prendono vita le storie, i personaggi ed i momenti (a volte reali o immagirari) in cui ognuno di noi ama riflettersi e sognare. I musicisti che condividono il progetto provengono da numerose esperienze e stili quali Jazz, Blues, R'N'R', eccetera, questo background fa sì che ogni esibizione ...


ONCE UPON A TIME IN THE CINEMA

MusicPedia:

ONCE UPON A TIME IN THE CINEMA CD: VARESE/COLOSSEUM,VSD-5630 Distr.Nuova Carisch Autore: Ennio Morricone Musiche arrangiate, orchestrate e dirette da Lanny Meyers Produzione di Bruce Kimmel Gli amici americani della Varese Sarabande hanno voluto rendere omaggio ad Ennio Morricone con il CD "ONCE UPON A TIME IN THE CINEMA". Gli arrangiamenti e la direzione d'orchestra in chiave "Broadway" sono di Lanny Meyers. I successi italiani ed internazionali di Morricone sono rivisitati con molta emozione e rispetto: il sound americano di "NEL CENTRO DEL MIRINO", l'epica armonia dei film di Leone, le commedie allegre quali "IL VIZIETTO", le composizioni misteriose tratte da film come "AMLETO", "RIVELAZIONI", ...


ON/On

MusicPedia:

ON/On - (Crinoide 1998) Inizialmente sembra di vedere gli On 1avorare in qualche catena di montaggio e seguire scansioni ritmiche di memoria Einsturzende Neubauten. Per poi sfuggirvi pronti a librarsi verso voli più spaziali-elettronici ed infine atterrare in qualche territorio confinante a quello calpestato dai Mogway. Non poco per un gruppo strumentale e dedito, sembra, all'improvvisazione e all'informalità. Attendiamo evoluzioni, perché ora si tratta comunque di scampoli musicali. Info: Andrea Volpini, via S. Elena 3, 35030 Selvazzano (PD).


ON TRIAL/New Day Rising

MusicPedia:

ON TRIAL New Day Rising Solo un paio di mesi fa concludevo la recensione di "Head Entrance" degli On Trial, invitando a far luce su questo mirabile segreto underground... Ci aiuta nell'indagine proprio la loro nuova label, l'inglese Delerium, che dopo aver ridistribuito "Head Entrance", trascurato dalla SPV/Rebel, pubblica oggi il nuovo CD "New Day Rising" sciogliendo l'arcano sul passato del quintetto danese. Scopriamo così che "New Day Rising" è addirittura il loro quarto album, perché se "Head Entrance" ebbe una tiratura di soli 1000 esemplari, ancor minore fu la diffusione dei due albums che lo precedettero, rimanendo pressoché sconosciuti. Infatti On ...


ON TRIAL/Head Entrance

MusicPedia:

ON TRIAL "Head Entrance" E' ancora una volta dalla Vecchia Europa che emerge una delle grandi rivelazioni sul versante psichedelico dello stoner rock (comparabile all'exploit dei superbi 35007, ma anche dei sottovalutati We), laddove gli americani si preoccupano prevalentemente di replicare l'impatto heavy, di Kyuss e Fu Manchu, mentre gli inglesi sviluppano la componente space-doom intuita dai Cathedral. On Trial provengono dalla Danimarca, e sono avventurosamente illustrati come un incrocio fra Monster Magnet, Kula Shaker e 13th Floor Elevators. E' soprattutto l'inatteso accostamento al leggendario gruppo di Roky Erickson che suscita curiosità, e non è affatto casuale. On Trial hanno infatti scelto ...


On Trial

MusicPedia:

Gli On Trial di “Head Entrance” (Rebel\Audioglobe) potrebbero essere una copia in tono minore dei Monster Magnet o dei R.E.M. più acidi e dilatati, ma in un paio di brani hanno la sciagurata idea di inserire “bruttissimi” break, che riportano alla luce il peggior progressive degli anni ’70, rovinando quel minimo di reputazione che erano riusciti a costruirsi!


ON THORNS I LAY

MusicPedia:

ON THORNS I LAY Sounds Of Beautyful Experience (Holy) Di questi artisti greci avevaxno già parlato in occasione del To- ro debut ep, quando ancora si chiamavano Phiebeteqny (da non confondere con gli olandesi RI**~ibl). Personal- mente trovo che il nuovo nome sia molto più interessante ed a- deguato alla musica del precedente... Deom funereo con le or- mai obbligatorie aperture vocali, ma che mantiene un legame molto saldo con il death da cui è evidentemente filiate


On The Road/NEW

MusicPedia:

On The Road Riccardo Camponi, musicista di Ancona con esperienza ventennale nel campo musicale come batterista e cantante. Ha intrapreso lo studio delle percussioni all'età di 16 anni, ed ha accumulato diverse esperienze live nei locali di tutta Italia. IERI, OGGI, DOMANI, TRR, e la famosa SMILE ORCHESTRA, gruppo marchigiano richiestissimo con il quale Riccardo ha suonato per dieci anni. Negli ultimi 5 Anni Riccardo si è dedicato al piano bar ed al caffè concerto in tutti i locali delle Marche; dispone di un vastissimo repertorioin cui fonde tutte le sue esperienze musicali (musica italiana, rhythm'n'blues, funky, country, rock & roll). ...


ON THE ROAD

MusicPedia:

ON THE ROAD RICCARDO CAMPONI musicista di Ancona con esperienza ventennale nel campo musicale come batterista e cantante. Ha intrapreso lo studio delle percussioni all'età di sedici anni, ed ha accomunato numerose esperienze live nei locali di tutta Italia. Ieri, Oggi, Domani, TRR e la famosa Smile Orchestra, gruppo marchigiano richiestissimo con il quale Riccardo ha suonato per dieci anni. Negli ultimi cinque anni Riccardo si è dedicato al Piano Bar e al Caffè Concerto in tutti i locali delle Marche, dispone di un vastissimo repertorio in cui fonde tutte le sue esperienze musicali (musica italiana, rhythm'n blues, funky, country, rock'n'roll). ...


On The Cam

MusicPedia:

“On The Cam” (Touch & Go\Wide), ovvero - come recita il sottotitolo - “A 1999 European Compilation Of Touch & Go And Quarterstick Bands”. Mi pare chiaro quale sia lo scopo della raccolta e quale sia il materiale contenuto, d’altronde non vi risulteranno nuovi Don Caballero, Blonde Redhead, Uzeda, June Of ’44, Storm & Stress, Rachel’s, The Delta ’72 o Sonora Pine. Piuttosto va notata (oltre all’assenza di inediti) l’elevata qualità dei singoli brani contenuti (gli Uzeda, in un contesto così ricco, risultano ancora più bravi!).


ON ICE/On Ice

MusicPedia:

ON ICE On Ice Chi osa e chi no. Sorprende l'esordio degli On Ice, per originalità compositiva e ricerca dei suoni: abissi dub tra pareti d'acciaio, con inserti di sax e ritmiche che stanno tra il battito non ortodosso di Bill Laswell e l'illbient più avvolgente. Una sorta di approccio industriale alla base dell'hip-hop più astratto. Ritmo puro, spezzato, diluito e soltanto una traccia vocale, remixata in coda da Maurizio Martusciello e solcata dalla tromba di Roy Paci. Notevoli il thriller giocato tra Giamaica urbana ed oriente jazz di La danza degli specchi e il drum'n'Tibet di Monaco.


ON FIRE

MusicPedia:

ON FIRE Dopo lo scioglimento degli "Adika Pongo", gruppo che ha riscosso un notevole successo da parte del pubblico grazie alle frequenti performance live in molti locali della provincia, nascono gli ON FIRE. La nuova band ha la voce di Baruk Darling Chadwik, il noto vocal-leader degli Adika Pongo che viene da Los Angeles ed ha al suo attivo numerose partecipazioni come cantante-ballerino e attore in svariate produzioni d'oltreoceano. Baruk ha ballato nei video di MADONNA, PAULA ABDUL, PRINCE, EARTH WIND & FIRE, ha cantato e recitato nel musical FAME con il quale è approdato in Italia, paese che l'ha ospitato ...


ON FALL/Visions Of The End/2

MusicPedia:

ON FALL Visions Of The End Formidabile ritorno per gli ON FALL!!! Ecco Visions Of The End il loro nuovo mcd che contiene 7 tracce dalla potenza devastante... il loro suono è new school hardcore molto veloce e con venature metalliche e monolitiche... (le sonorità sono molto alla HATEBREED) grandissimo il messaggio animalista che il gruppo propone e sensibilizza... Straight edge per riflettere, pensare, agire!


ON FALL/Visions Of The End

MusicPedia:

ON FALL - “Visions Of The End” (Vacation House/Self) “Questo disco supporta totalmente il pensiero e le azioni animaliste di Animal Liberation Front, P.E.T.A., L.A.V.”. Mi pare doveroso prima mettervi al corrente di quelle che sono le intenzioni e i convincimenti dei quattro ragazzi di Napoli che compongono gli On Fall e poi parlarvi del loro sound. Fortemente improntato a un hardcore new school che sa essere feroce e adrenalinico, oltre che pesante. In più di una occasione (“Silken Face”, “Media Dictatorship” e “Entropy”) non è fuori luogo parlare di influenze death metal (anche nella voce), il che li avvicina agli ...


OMONIMIA/2

MusicPedia:

OMONIMIA Dopo qualche stagione d'assestamento, d'orientamento e di giocondo smarrimento generazionale, il gruppo sembra aver trovato quell'equilibrio che tanto stava cercando stabilizzando suoni e intenzioni. Tornano quindi gli OMONIMIA nei volti di Andrea e Davide Rossi, rispettivamente alla chitarra e basso, Ettore Cichetti alle batterie, percussioni e computer music, Andrea Paglione alle chitarre e Serena Braca voce del gruppo. La band registrò una DEMO-TAPE con pezzi di propria composizione partecipando ad importanti esperienze musicali come Rock festival a Colonnella con la partecipazione di gruppi di importanza nazionale quali I SOON, TIROMANCINO, LA CRUS, UMBERTO PALAZZO e diversi concorsi nella zona centro ...


OMONIMIA

MusicPedia:

OMONIMIA: stessi suoni ma significati diversi. Gli OMONIMIA hanno emesso i primi vagiti rock nell'ormai lontana estate del 1994. Dopo varie vicissitudini, divorzi e nuovi arrivi, il gruppo si ritrova nella formazione attuale ed è proprio in questo assetto che trova la sua collocazione all'interno del vasto panorama musicale. Il genere proposto è quel Rock Progressive con venatura Hard Rock, rigorosamente testi in italiano. Fusione tra il rock italiano classico e quello di ricerca e tendenza, non manca però quell'ondata di sonorità melodica che rappresenta pur sempre quel punto di equilibrio necessario per non perdersi nella troppa "stravaganza musicale" non sempre ...


OMNIA OPERA/Red Shift

MusicPedia:

OMNIA OPERA Red Shift Nel 1992, dopo sette anni di attività sui palchi dei free festivals britannici e la pubblicazione di tre tapes l'ultimo dei quali dal vivo gli Omnia Opera venivano finalmente intercettati da Richard Allen che ne otteneva la partecipazione alla seconda raccolta Delerium, "Fun With Mushrooms". L'anno successivo fu segnato dall'uscita per la stessa etichetta dell'eponimo disco di esordio. Gli Omnia Opera si presentavano semplicemente come la migliore evoluzione moderna del suono Hawkwind, proponendo una miscela ricca di improvvisazione e di sana energia heavy space-rock; la versione '97 amplia lo spettro della proposta mantenendone intatto lo spirito condensato in ...


OMNI TRIO

MusicPedia:

OMNI TRIO Suoni dalla giungla urbana, quelli assemblati da Rob Haigh sotto la sigla di Omni Trio. Ovvero una rapidissima escursione sonora attraverso le possibilità suadenti ed iterative del rumore. L'abbandono della forma canzone, dai corrieri cosmici tedeschi (soprattutto Faust e Can), sino alla confusione creativa di Pop Group e Pere Ubu. Se è vero che attraverso la jungle, il suono tecno riscopre le sue origini autenticamente nere, il lavoro «a ritroso» di questo artista è esemplare. Omni Trio assembla il Miles Davis di Bitches Brew, I'effettismo povero di King Tubby e di tutti gli eroi dell'«original dub» per arrivare ...


OMINOSTANCO/Ominostanco

MusicPedia:

OMINOSTANCO - Ominostanco (Virgin) Roby Vallicelli, depositario unico del marchio Ominostanco (una presa in giro dell'omino bianco del detersivo?) se ne esce, dopo due anni di brani sparsi qua e là su soffici ammucchiate della Irma and so on, con un album tutto suo, leggero e luminoso, carico di numerosi ingredienti eppure fresco e che si beve con due sole sorsate. Elettronica pulviscolare, musica nera (la spina dorsale) da intrattenimento, sonorità di inappuntabile scintillìo, moderato gioco di incastri sonori altrui godibilissimo, colonna sonora per Shaft e OO7 ('Monotones Life'), che sanno prendersi in giro, Barry White che incontra q.che electrojap in ...


OMINOSTANCO

MusicPedia:

OMINOSTANCO Ominostanco è un giramanopole. Ominostanco è un nome buffo. Ominostanco è il progetto di Robi Vallicelli. Ominostanco orbita intorno al pianeta conosciuto come “ party in casa “ ( o se preferite ‘party at home’ ), la nuova scena elettronica italiana di respiro internazionale. Un’esaustiva ricerca armonico/ritmica, campionamenti intelligenti nati in studio per essere portati al pubblico dei club. I suoni di riferimento di Ominostanco : trip hop, ethnic jazz, passati sotto la lente di ingrandimento del drum’n’bass e house. “Ominostanco” è anche il titolo dell’album che la Virgin ha fatto uscire con un supporto promozionale ‘forte’ alla fine di ...


OMID/THE TOP ('12)/ALOLA,

MusicPedia:

OMID - THE TOP ('12) - ALOLA, UK Di Omid "16B" Nourihazadeh e del suo ipnotismo in formato deep house se n'erano perse un pò le tracce, dopo il suo fortunato album "Sounds From Another Room. Quì ritorna alla grande dimostrando d'essere tra i pochi che riescono ad esplorare l'abusato pianeta house, con risultati poi perlopiù inediti. Il retro, dal titolo "Dark Horse", cavalca giustamente una linea di basso mostruosa.


OMID/Home

MusicPedia:

OMID Home (Alola) 12" U.K. Meglio conosciuto come 16B e per l'ultracclamato "Water Ride", è veramente il primo ad aver dato una dignità al genere house. Omid Nourihazed inaugura la sua etichetta con un pezzo affascinante, più elettrico che elettronico.


Omicidi occasionali

MusicPedia:

“Omicidi occasionali”, del giovane regista indipendente americano Gavin Wilding, è un originale thriller “da camera”, interpretato, fra gli altri, da Mario Van Peebles e Ben Gazzarra. L’azione si svolge all’interno di una villa, dove il ricco e ambizioso padrone di casa ha scelto di festeggiare l’addio al celibato insieme ad alcuni amici. Nel gruppo però si infiltrano anche personaggi ambigui, ex galeotti e spacciatori, e la festa finisce presto per degenerare con l’uccisione di una delle ragazze invitate e poi via via di altri ancora. Sarà inutile trovare vie di scampo o giustificazioni: la middle class cinica e rampante rappresentata ...


OMI - Orchestre Meccaniche Ital

MusicPedia:

Data l'intraprendenza di Cinzia La Fauci, vulcanica coordinatrice dell'etichetta Snowdonia (Tel. 090/711542 - www.eponet.it/musica/snowdoni.htm), c'è da aspettarsi che anche Messina s imponga al più presto per le sue produzioni discografiche; al momento quest'ennesima realtà autogestita ha pubblicato solamente due titoli. Uscita lo scorso anno, la compilation "OMI - Orchestre Meccaniche Italiane" è una degna concorrente di "MAO", malgrado il minor numero di partecipanti (alcuni interpretano però più di un brano) e la confezione non altrettanto curata.


Omerthà

MusicPedia:

Omerthà Nato nel 1990 il gruppo Rock degli OMERTHA`, si impone immediatamente a crifica e pubblico pèr le sue proposte nuove ed originali. A fronte di un successivo ed intenso lavoro di ricerca, gli OMERTHA` iniziano dopo poco tempo ad aElancare al loro primo repertono di Rock melodico, con testi in inglese, graffianti pezzi in italiano fino a giungere ad una maturità compositiva che li porta a comporre brani originali in dialetto Calabrese. Omerta re` 0;sinonimo di silenzio ma e nella negazione del silenzio che gli OA{ERTHA` cantano le loro storie. 1990: suonano a "Viva i Giovani", rassegna di gruppi Rock emergenti ...


OMEN-Reopening The Gates

MusicPedia:

OMEN Reopening The Gates (Massacre) UNDISH Acta Est Fabula (Massacre) C'è davvero di che leccarsi i baffi con le ultime proposte del catalogo Massacre... Gli standard qualitativi della label tedesca si sono elevati in maniera erponenziale, ed ora la label può vantare nel suo roster nomi di tutto rispetto come Fatal Opera, Flotsam & Jetsam o Secret Discovery... E proprio come i Flotsam & Jetsam, gli Omen sono stati riesumati dalla tomba in cui erano stati imprigionati dopo un periodo di relativa notorietà negli eighties, "Reopening The Gates" è un disco attualissimo, che non tradisce le numerose primavere di buona parte dei membri della ...


OMARA PORTUONDO/Omara Portuondo

MusicPedia:

OMARA PORTUONDO Omara Portuondo Grazie all'effetto "Buena Vista Social Club" la musica cubana ha trovato oggi una giusta rivalutazione nonostante si sia tenuto di vendere tutto col marchio di Cuba piazzando qua e là, qualche nome della felicissima rosa ai nonnetti. Ma Omara Portuondo è un altro discorso. La vecchia signora del bolero, stella del Casino Municipale dell'Avana negli anni Trenta fa così il suo moderno debutto come solista sottolineando il vero significato del canto sentimentale che in quegli anni, le valse il titolo di "novia de filin" (la sposa del sentimento, dal termine "feeling"). Accompagnata da Eliades Ochoa, Compay Segundo, ...


OMARA PORTUONDO/Omara

MusicPedia:

OMARA PORTUONDO Omara Dopo il trionfo della missione Cooder ed il disco solista di Ibrahim Ferrerl tocca alla sciantosa uscire allo scoperto, ed il risultato è superiore a quello scaturito dal suo compagno di microfono. L'album della Portuondo è più rifinito, ben articolato tra son, bolero, sordine, duetti ed atmosfere più vicine al lavoro solista di Ruben Gonzalez. La fata del Buena Vista ha anche il potere di riunire una famiglia sempre più frazionata nelle rispettive orchestre, compresi Eliades Ochoa e con Compay Segundo, ospite in "Ella Y Yo" di Oscar Hernandez. La voce di Omara, con la sua ineguagliabile capacità ...


OMARA PORTUONDO/La colección cu

MusicPedia:

OMARA PORTUONDO "La colección cubana" Chi si fosse perso i passi iniziali della carriera di una delle migliori cantanti al mondo può recuperare con questa antologia di matrici Egrem l'etichetta statale cubana. Qui Omara canta da par suo, dispiegando una voce-ottovolante che sa arrampicarsi su per impervi acuti e note tenute, sobbalzare nei salti di ritmo o derapare lungo i brani pervasi da sostenuta malinconia. Nonostante arrangiamenti e scelte orchestrali non sempre irreprensibili l'arte della Portuondo riesce a elevarsi su un contorno talvolta dozzinale per far rilucere i classici (Dos gardenias, Besame mucho, Guajira gantanamera) e le perle nascoste (La ultima ...


OMARA PORTUONDO/Buena Vista Soc

MusicPedia:

OMARA PORTUONDO Buena Vista Social Club presents... Omara Il Buena Vista è ormai un marchio di fabbrica, la clientela fidelizzata. E quindi gli immortali nonni cubani possono prodursi a cadenza regolare in imprese solistiche sponsorizzandosi l'un l'altro. Omara Portuondo è la signora (d'altri tempi) del dub, dotata di una voce colta e popolare allo stesso tempo, raffinata ma senza ombra di snobismo. Il disco è interessante anche perchè sbilanciato verso l'orchestrazione, specie quella jazz (ma abbondano pure le sezioni d'archi), grazie agli arrangiamenti di Demitrio Muñiz. Si sente così una Cuba alquanto americanizzata (l'America "nera" degli anni '50 beninteso), come confermano ...


OMAR & THE HOWLERS/The screamin

MusicPedia:

OMAR & THE HOWLERS The screamin' cat Provogue - Live at the opera house Provogue rel/2 Due album del Mississippi hoodoo man in un colpo solo. Il primo, "The Screamin' Cat", è in pratica il nuovo disco di Omar and The Howlers, il secondo, "Live At The Opera House", prende in esame un concerto tenuto il 30 agosto del 1987 ad Austin mentre Omar Dykes era in tourneè con gli Howlers per la promozione di Hard Times In The Land Of Plenty, forse l'album più fortunato e ricercato della sua carriera. Texano sanguigno e verace, Omar Dykes si è fatto conoscere negli ...


OMAGGIO A FORTEBRACCIO

MusicPedia:

OMAGGIO A FORTEBRACCIO Si aprì la porta e non entrò nessuno. Era Castagnetti.


Om Prakash

MusicPedia:

Om Prakash Straordinario e multiforme musicista di armonium e dilruba (strumento non ancora familiare alla cultura musicale europea il cui tradizionale nome indiano è israj), da anni fa parte della scuola musicale del Pandit Amar Nath. Suona regolarmente nei concerti di All India Radio, la radio nazionale della repubblica indiana.


OLYMPIA BRASS BAND

MusicPedia:

Si cambia genere con la leggendaria OLYMPIA BRASS BAND di New Orleans. Una istituzione, per la città che si dice abbia dato i natali al jazz. E nella brass band c'è molto della storia del jazz, perché, più di tutte le altre, queste orchestre da parata sono il frutto del miscuglio incredibile di generi europei ed africani, bianchi e neri, militari e folkloristici che hanno dato vita alle prime espressioni di jazz. Ancora oggi le brass band sono il simbolo musicale di New Orleans, e ancora oggi sono usate per funerali, comizi, manifestazioni sportive ed istituzionali, barbecue e, insomma, tutte ...


OLU/Soul Catcher

MusicPedia:

OLU Soul Catcher Così come lascia facilmente intendere il titolo "Soul Catcher" (Gee Street) con Olu ci si sposta sul terreno del new soul, una regione dove il suono continua ad occupare una posizione centrale rispetto alla parola e la melodia prevale di norma sull'elemento ritmico nudo e crudo. Olu dispone della morbidezza vocale e del gusto melodico dei soul men di razza, cosi che non è affatto un azzardo indicarlo fra i più autorevoli epigoni di Bobby Womack e Al Green. Canzoni come "Sweet Melody", "Don't Cry", "MyWorld" non lasciano davvero adito a dubbi al riguardo e fanno di questo ...


Olographic Landscapes/Gastel

MusicPedia:

Diverso e più creativo il lavoro di Olographic Landscapes e Gastel Etzewane autori di uno split/demo davvero interessante che incarna un incontro ben riuscito tra una wave notturna, inflessioni acide e una psichedelia dalle atmosfere umbratili. Nello spazio dei suoni c'è posto per alchimie e preziosimi poetici ben riusciti. (contatti: http://www.enet.it/Krypta/index.htm)


OLOGRAPHIC LANDSCAPES

MusicPedia:

OLOGRAPHIC LANDSCAPES/GASTEL ETZEWANE/W.O.M.P. Diverso e più creativo il lavoro di Olographic Landscapes e Gastel Etzewane autori di uno split/demo davvero interessante che incarna un incontro ben riuscito tra una wave notturna, inflessioni acide e una psichedelia dalle atmosfere umbratili. Nello spazio dei suoni c'è posto per alchimie e preziosimi poetici ben riusciti. (contatti: http://www.enet.it/Krypta/index.htm) "Madness & Manipulator" è il cd dei W.O.M.P. che non inventano nulla ma hanno la capacità e l'esperienza di interpretare gli incubi e le osssessioni della civiltà occidentale attraverso il rock. Dunque gli elementi sono chitarre elettriche, basso e batteria; il contenuto è un'indagine condotta con toni ...


Oloferne

MusicPedia:

OLOFERNE Genere musicale: Rock acustico di ispirazione medievale e irlandese. Sito Internet: http://oloferne.supereva.it Breve Biografia: Gli Oloferne nascono nell'ottobre 1999, dall'idea di proporre qualcosa di diverso e di proprio, che riflettesse e congiungesse tra loro le varie influenze musicali dei componenti. Si ritrovano quindi nelle loro canzoni influenze del rock, del grunge, e le sonorità tipiche della musica medievale antica, del folk irlandese e della musica celtica. Il risultato finale è un prodotto molto particolare, caratterizzato sicuramente da un forte impatto. La scelta di fare musica acustica deriva dall'idea di soffermarsi di più sul lato melodico delle canzoni, per fare emergere ...


Olodum

MusicPedia:

Olodum Gli Olodum si sono formati nel 1979 e provengono da Salvador, la città porto nel nord del Brasile resa nota dai racconti di Jorge Amado. Il nome Olodum deriva dal dialetto africano Yoruba e dal termine "Olodumarè" che indica "Dio, colui che comanda il Destino". Secondo la tradizione, Olodumarè è una forza chesi incarna nel mondo e trova negli uomini ricettori più o meno sensibili al suo influsso. Per gli Yoruba, questa forza deve essere appresa e diffusa e questo è il mesaggio che gli Olodum cercano di trasmettere con la loro musica.Olodum non è solamente un gruppo musicale ...


OLIVIER TOULEMONDE/NICHOLAS DES

MusicPedia:

OLIVIER TOULEMONDE/NICHOLAS DESMARCHELIER Bug Marchio D.O.C. per questo tipico prodotto transalpino di cui papà (o nonno?) Schaeffer sarebbe probabilmente andato fiero. Sabbiosi sedimenti di "bruits" piccoli e grandi, idiosincratiche rifrazioni di derivazione eterodossa, guaiti di sei corde, granulari scricchiolii ritmici e attimi di grande intimità in tre tortuose improvvisazioni per chitarra (Desmarchelier) e trattamenti eletroacustici (Toulemonde) con un'evidente tendenza a riempire per intero, seppure discretamente. Io spazio fonico.


OLIVIER MESSIAEN/Quartet for th

MusicPedia:

OLIVIER MESSIAEN Quartet for the End of Time La spiritualità di Messiaen è il perno attorno a cui ruota tutta la sua opera, ma sicuramente il Quartetto per la fine dei tempi è uno dei luoghi musicali in cui la si tocca con mano. Era inverno e Olivier se ne stava, non per sua volontà, nello Stalag VIII-A di Görlitz. Con lui altri musicisti. Spuntano fuori un violino, un violoncello senza una corda e un clarinetto. Impossibile non mettersi a comporre (aggiungendo anche una parte per pianoforte). Musica=vita, in una delle migliori esemplificazioni. La «prima»: stesso luogo, gennaio 1941, al gelo, ...


OLIVIA TREMOR CONTROL/2

MusicPedia:

OLIVIA TREMOR CONTROL "Black Foliage" Benvenuti sul pianeta alternativo di "Black Foliage - Animation Music: Volume 1". Come si capisce dal titolo, ne usciranno altri episodi, e voi potete contribuire con i vostri sogni; indirizzo e altri dettagli li trovate nel libretto del CD. Così come nel debutto del gruppo, "Music For The Unrealised Film Script: Dusk At Cubist Castle", ci sono 27 "canzoni" anche in questa seconda scorciatoia per il nostro altro sé, questa storia di fate semi-divine che guidano Ferrari. "BIack Foliage" indugia in un territorio che sta tra desideri e fobie, paure e speranze, coraggio e decisioni da prendere, ...


Olivia Tremor Control

MusicPedia:

Diciamo la verità: ci vuole davvero una bella fantasia per intitolare una suite in nove movimenti ad una 'macchina da scrivere verde', vistosissima parte della ancor più vistosa raccolta che contiene la surreale colonna sonora di "Dusk at Cobist Castle", un film che con ogni probabilità non potremo vedere mai. Ma fantasticare è per l'appunto la specialità, se non proprio il mestiere, di Bill Doss e del gruppo di Athens di cui fa parte: gli Olivia Tremor Control. Il loro debutto discografico di qualche mese fa, un album che sa di visioni psichedeliche antiche e di moderno pauperismo lo-fi, di ...


OLIVIA BLOCK

MusicPedia:

OLIVIA BLOCK Pure Gaze (Cd Sedimental) (1t-27:25) Si affaccia al mondo della musica registrata con un solo brano di poco meno mezz'ora, la signorina OLIVIA BLOCK,compositrice trapiantata dal nativo Texas a Chicago solo da pochi anni, ma già attiva nella scena dell'avanguardia e del Rock indipendente della città,oltre che collaboratrice di PAULINE OLIVEROS e PALACE BROTHERS. Un ottimo esordio all'insegna dei suoni "trovati" e processati via computer, triturati e polverizzati assieme alle musiche "reali" realizzate da alcuni amici. Le interferenze di suono e gli sparsi segnali elettroacustici del primo quarto d'ora preludono agli accenti parasinfonici della seconda metà, dove i fiati (Jeb ...


Oliver Stone

MusicPedia:

A proposito di America c'è un regista assai discusso ma nello stesso tempo apprezzato qual è Oliver Stone che si contraddistingue per l'ossessione che ha nei confronti delle colonne sonore dei suoi film. Profondamente influenzato dalla cultura musicale statunitense vedi "The Doors" a tal punto da dichiarare in una sua intervista che la stessa "è parte integrante del film. Riflette il film" sue testuali parole. Del resto tutti i suoi lungometraggi sono in sostanza delle partiture musicali scatenati a volte delle polemiche come la colonna sonora di "Natural Born killers" accusata da Nusrat Fateh Ali Khan di essere ...


Oliver Lake

MusicPedia:

Oliver Lake - Mariana - U.S.vI. (1942) Altosassofonista, flautista, compositore e poeta statunitense. Membro fondatore del 'Black Artists GrouP' (1968), studia con Oliver Nelson e Ron Carter. Ntel 1973 si stabilisce a Parigi con altri musicisti americani e partecipa al Festival di Chateauvallon. Registra nel 1974 a New York con Anthony Braxton e a suo nome nel 1975. Co-fondatore del 'World Saxophone Quartet' nel 1977 partecipa al Festival di Moers. Suona spesso con Julius Hemphill e Sunny Murray e, nel corso degli anni Ottanta, ha di frequente collaborato con Leroy Jenkins e Reggie Workman. Ispiratosi inizialmente allo stile di Jackie McLean, si ...


OLIVER HO/Listening To The Voic

MusicPedia:

OLIVER HO Listening To The Voice Inside E ogni tanto il corpo techno viene scosso da un sussulto, viene percorso da scintille e indicazioni per il futuro come succede qui. Quella voce dentro a cui allude Oliver Ho è il gioco delle voci, che come molti manitesti dell'house più luccicante- da "The Way" dei Global Communication alle cose dei Mood II Sw ng- insegnano, è motore estatico primario. Voci destrutturate, ricucite in mosaici superemotivi, quasi cascame umano, stilla spirituale svelata dalla spogliazione degli aliti. Voci esibite nella loro precarietà di vita, salvate dalla plastica. Ma quella voce dentro che bisogna ascoltare ...


Oliver Di Cicco

MusicPedia:

Oliver Di Cicco A volte la gente commenta l'alta qualità evidente negli strumenti di Oliver Di Cicco. Ma per tutto il loro cromo ed alluminio (fanno davvero impressione), l'alta tecnologia non è sicuramente la cosa più importante negli strumenti di Oliver Di Cicco. Viceversa, una specie di manualità molto umana è essenziale per lo spirito di questo strumento. Il fatto è determinante nel suonarli e nella musica che ne scaturisce. Oliver è il proprietario e l'ingegnere del famosissimo studio di registrazione Mobius Music di San Francisco. Gli ingegneri del Mobius rappresentano una piccola minoranza di tecnici che aderiscono ai metodi di ...


OLIVE/Extra Virgin

MusicPedia:

OLIVE Extra Virgin (BMG) La parabola ascendente della rinata scena pop-dance inglese non conosce attimi di tregua. Dopo i recenti successi di Lamb, Sneaker Pimps e Beth Orton, ora è la volta degli Olive, trio proveniente dall’area di Sheffield che, a differenza dei sopracitati, sembra possedere un’attitudine più easy e meno propensa all’aspetto più sperimentale del suono simulato. Se volessimo essere un po' cattivi, dovremmo per forza dire che, proprio delle operazioni come questa potrebbero essere, in un futuro alquanto prossimo, davvero pericolose perchè finirebbero a ridursi ad essere solo delle inutili e sterili citazioni fine a sè stesse. Ma, per fortuna (nostra e ...


OLIVA-CHEVILLON-MOTIA Fantasm

MusicPedia:

STEPHAN OLIVA/BRUNO CHEVILLON/PAUL MOTIAN Fantasm Per dimostrare ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, l'assoluta maturità del jazz europeo, basta ascoltare questo raffinato e godibilissimo album del pianista francese Stephan Oliva, nato a Montmorency nel 1959, studi classici approdati all'improvvisazione controllata del jazz moderno, che si può finalmente permettere un trio alla pari con il già quotato contrabbassista Bruno Chevillon e il proverbiale Paul Motian, vero maestro della batteria che, da Bill Evans a Keith Jarrett, ha esplorato l'arte più sottile del trio con pianoforte. Sottotitolo della raccolta è "The music of Paul Motian", con brani scritti in prevalenza dall'americano ...


Olis n° 25

MusicPedia:

Olis n° 25 (Castelvecchi, L. 19.500) Il dinamico e giovane editore romano Castelvecchi fra un libro puttanata ed uno interessantissimo (ma per fortuna i secondi sopravanzano di gran lunga i primi), ha pensato bene di fare anche l’asso pigliatutto dell’editoria: si vocifera insistentemente di un suo più che interesse per il quotidiano ‘Il Manifesto’ mentre per ‘Olis’, il mensile di ‘idee per le nuova era’, è cosa fatta, come testimonia questo venticinquesimo numero. La rivista va segnalata non foss’altro per il CD allegato: una formidabile raccolta di brani via dub di alcuni fra i più titolati artisti della meravigliosa etichetta ‘On-U ...


OLEANDER/February Son

MusicPedia:

OLEANDER February Son Universal Ascoltando i brani di questo disco, viene difficile credere nella sincerità degli Oleander, che qualcuno avrà visto recentemente di spalla i Filter. "February son" sembra curato e laccato appositamente per attirare i gusti del pubblico americano, undici canzoni "radio-oriented" che ripercorrono dieci anni di rock a "stelle e strisce". La band di Sacramento sconfina nel grunge (la nirvaniana "Why I'm here"). nel postgrunge ("Down when I'm loaded" che striza l'occhio ai Silverchair), nel punk-rock edulcorato alla Lit ("Stupid") e nel rock dei Bush. Per non essere da meno rispetto ad una moda che stà prendendo sempre più ...


OLE LUKKOYE/Doo-Doo-Doo

MusicPedia:

OLE LUKKOYE "Doo-Doo-Doo" Non capita spesso di ascoltare un gruppo russo anche se gli Ole Lukkoye sono piuttosto conosciuti nell'est europeo grazie ad un'incessante attività live nonchè presenza fissa in alcuni dei più importanti testivals. Boris Bardash, Andrey Lavrinenko, Frol e Yuri Lukyanchik vengono da San Pietrtroburgo e traggono il proprio nome dal personaggio (un mago) di un racconto di Hans Kristian Andersen. Fondati nel 1989 hanno esordito con "Zapara" nel '93 (un LP ristampato tre anni dopo su CD con due bonus tracks) seguito dal CD "Toomze" nel '96. Dopo la recente partecipazione a "Floralia Vol 2" ecco Doo-Doo-Doo nuovo CD ...


OLD TIME RELIJUN/Witchcraft Reb

MusicPedia:

OLD TIME RELIJUN "Witchcraft Rebellion" Forse un giorno sarà possibile distinguere le note lancinanti che il "pastore" Aarlington De Dionyso emette attraverso l'ancia del suo demoniaco clarinetto basso da quelle che lo stesso spreme senza pietà dalle proprie corde vocali. Forse un giorno le primitive liturgie rock celebrate dai suoi Old Time Relijun saranno colpite a morte dagli anatemi di chi non può proprio tollerare che si sviluppi addirittura un culto intorno a questi sconnessi deliri sonori che ogni volta paiono rievocare alcune delle figure più inquietanti che la musica contemporanea abbia figliato negli ultimi quarant'anni. Forse hanno ragione quelli che ...


OLD TIME RELIJUN/witchcraft re

MusicPedia:

OLD TIME RELIJUN "witchcraft rebellion" (K) Il terzo brano di questo nuovo album del trio di Olympia si intitola Vampire Sushi. Questo titolo può funzionare come definizione della loro creatività. Il loro è un suono esotico e ancestrale allo stesso tempo. E' sapore allo stato puro. Carne (o pesce) cruda. Ma la loro non è un'espressività comune. Qui non si parla di spezzatino di vitello o di salsicce di suino. La bestia macellata è ben altra, non esiste nella realtà (o forse sì), si ciba di sangue, mistero e oscurità; il suo alito odora di magia. Continua ad essere grandissimo il ...


OLD TIME RELIJUN/LA SIRENA DE

MusicPedia:

OLD TIME RELIJUN LA SIRENA DE PECERA K Se avete il palato raffinato, l’orecchio fine, se siete degli intenditori della buona musica oppure se ascoltate di tutto purché sia suonato bene, allora state alla larga da questo disco! Potrebbe causarvi convulsioni da astinenza da Clapton o da Santana. Il fatto è che questa non è musica raffinata per gente raffinata, qui si assiste alla messa in scena del contorcimento interiore. L’assenza di un bene decisivo e nessun piacere di rivalsa nel male, nessuno struggimento nell’onanismo. E’ come pregare il proprio boia inginocchiati sui ceci. Se avete ancora voglia di andare avanti ...


OLD TIME RELIJUN

MusicPedia:

OLD TIME RELIJUN Qualcuno li ha definiti "folletti da bosco pagano". Nel loro album "La Sirena De Pecera" rendono omaggio all'Europa, anticipando qualcosa dell'imminente tour della primavera 2000. Nel CD, tre canzoni tratte da un album del '99 "Uterus And Fire", sono state rinnovate e interpretate in spagnolo, italiano e portoghese. Si tratta di "Casino" (spagnolo), "Carcerato" (italiano) e "Adaga" (portoghese). Sono cinque invece le nuove canzoni. L'album - un mini album in effetti - è tutto un ritmo incessante, un brivido convulso di sesso e paranoia, un frenetico pulsare di basso, uno scheletrico strimpellamento di chitarra e canto a ...


Old Time Jazz Group

MusicPedia:

Old Time Jazz Group Repertorio scelto tra i grandi compositori degli anni ’30 e ’40. Velotti ha collaborato spesso con musicisti nell’area newyorkese quali B. Wilber, K. Davem, L. Gaskin, Al Casey... Assieme a Daniele Dall’Omo, Velotti fa parte stabilmente da anni dell’orchestra di Paolo Conte con la quale si è esibito nei maggiori teatri e clubs di tutto il mondo. Grande swing puro. Formazione: Luca Velotti (tenore); Daniele Dall’Omo (chitarra); Paolo Benedettini (contrabbasso); Max Dall’Omo (batteria).


Old Tennis Shoes/new

MusicPedia:

Gli "Old Tennis Shoes" nascono nel 1989 dall'eredità dei "Pancetta e Brodaglia blues band", gruppo cult della scena maceratese dei prmi anni 80. Sono un tipico quartetto rock blues potente ed energico che rivitalizza la pureza dura, l'emotività autentica delle radici di un genere musicale che unisce la spiritualità bianca e nera dell'america del grande sogno. Dopo l'esperienza dei "Pancetta e Brodaglia", il mitico Tony Gazzosa fonda, assieme ad un altro musicista unico del rock-blues maceratese, il bassista Luigi, detto Ralph, gli "Old Tennis Shoes", ai quali ben presto si uniscono il cantante Jack (Giacomo Sbriccoli), il cui timbro ...


Old Tennis Shoes

MusicPedia:

Gli "Old Tennis Shoes" nascono nel 1989 dall'eredità dei "Pancetta e Brodaglia blues band", gruppo cult della scena maceratese dei primi anni 80. Sono un tipico quartetto rock blues potente ed energico che rivitalizza la pureza dura, l'emotività autentica delle radici di un genere musicale che unisce la spiritualità bianca e nera dell'america del grande sogno. Dopo l'esperienza dei "Pancetta e Brodaglia", il mitico Tony Gazzosa fonda, assieme ad un altro musicista unico del rock-blues maceratese, il bassista Luigi, detto Ralph, gli "Old Tennis Shoes", ai quali ben presto si uniscono il cantante Jack (Giacomo Sbriccoli), il cui timbro e ...


OLD SCHOOL/101 Pura Vida

MusicPedia:

OLD SCHOOL 101 Pura Vida Lodi non si possono riservare agli OS 101, fautori di un punk tradizionale cantato a squarciagola nello stile della East Coast, e quindi poco melodico o 'catchy', e incompromissorio. Qualche fiato a colorare "Spam In A Can", qualche ritmo più rallentato ("Colorforms") e uno strumentale ("Bienvenido a Miami") a omaggiare la chitarra del leader Johnny Miami, ma sono episodi. Il disco è un misto di anthem sociali e canzoni intime e generazionali: "Jersey summers, forever winters" grida nell'invettiva "Ballad Of New Jersey". Sulla scia di "Pizzacore" (esaltazione sui generis della pizzeria come svago per giovani americani ...


Old Man's Child

MusicPedia:

Se sentite ancora la mancanza dei Dimmu Borgir di Enthroned Darkness... niente paura,