Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Torino - Bologna - Berlin - Köln - Paris - London - Roma - Ravenna - Hamburg - Bari - Savona - Catania - Napoli - Venezia

THE ART ENSEMBLE OF CHICAGO "The Sixth Decade: From Paris To Paris"

The Sixth Decade: From Paris to Paris, un album dal vivo in due dischi che offre un'ulteriore prova della genialità e dell'approccio rivoluzionario dell'Art Ensemble of Chicago spingendoli ancora più in là in un territorio inesplorato con i suoi quartetti d'archi, canzoni d'arte, ritmi africani, corali, voci e declamazioni parlate. Chi avrebbe immaginato nel 1969, quando l'Art Ensemble accettò l'invito a vivere e ad esibirsi a Parigi come emissari della decantata Association for the Advancement of Creative Musicians di Chicago, che lì avrebbero ancora promosso la causa della Great Black Music, e in il resto del mondo, sei decenni dopo? "Il tempismo era così corretto", dice l'82enne Mitchell. "La città era in fiamme con concerti e sessioni di registrazione e musicisti che venivano a Parigi dall'Africa. La gente ne parla ancora". L'Art Ensemble ha rapidamente lasciato la sua impronta sulla scena con le prime gemme tra cui Les Stances à Sophie, Tutankhamon e People in Sorrow. "Quando sono entrato a far parte dell'Art Ensemble of Chicago mi hanno detto: se vuoi essere famoso e se credi nella Great Black Music nella storia del jazz, allora farai parte della storia del jazz. È stato un grande momento per me" Moye ricorda il giorno in cui è diventato un membro della band "La loro visione era già chiaramente fissata fin dall'inizio: Lester ha portato la definizione di Great Black Music e Malachi l'ha aggiunta Ancient to the Future. Il sentiero era tracciato e non mi restava che seguirlo. Questa è stata la mia missione da quel giorno in poi. Ciò significava impegnarsi completamente in esso. se non fossi stato serio allora sarebbe stato meglio fare qualcos'altro." Così, con pieno impegno e profonda coerenza, dopo 54 anni l'idea di fondo rimane la stessa.Al giorno d'oggi, uno dei loro obiettivi principali è quello di aprire la strada agli artisti più giovani. Vantando potenti performance di relativamente nuovi arrivati, The Sixth Decade raggiunge felicemente questo obiettivo. “Cerchiamo musicisti di talento che abbiano già un'idea chiara di ciò che facciamo con la giusta energia e flessibilità. Le prove sono la cosa più importante oltre all'improvvisazione. Quindi disciplina e talento sono le parole chiave” dice Moye “Quindi cerchiamo di costruire un buon mix di giovani musicisti e musicisti esperti. I giovani portano aria fresca e nuovi talenti mentre i più esperti facilitano il lavoro a tutti. Le persone giuste e il lavoro giusto devono essere nel momento. La realtà è ora e la visione è per domani e oltre”.Le parole di Moye sono confermate dal giovane trombonista e pianista francese Simon Sieger entrato a far parte dell'Art Ensemble of Chicago nel 2019 "Suonare con questa band non è solo suonare musica. È assumersi la responsabilità di fare la storia. Famoudou Don Moye e Roscoe Mitchell hanno diventare i grandi maestri che ci danno l'opportunità di far parte della tradizione della Great Black Music, Ancient to the Future. Lo spazio che mi hanno dato per esprimermi è sacro, ha cambiato il mio modo di suonare e la mia vita".Registrato al Sons d'Hiver Festival 2020 nel sobborgo parigino di Curtail per la rinomata etichetta Rogue Art con sede a Parigi, The Sixth Decade vanta effusioni distintive di percussioni africane, strutture tonali e sperimentazione spaziale, riflettendo al tempo stesso la ritrovata importanza di Roscoe Mitchell come artista compositore per ensemble d'archi e l'incessante ricerca di Famoudou Don Moye del polso panafricano e dello spirito musicale della diaspora africana e oltre.“È stato uno scambio costante, un incontro forte, tra le tradizioni africane e la diaspora”. Moye spiega "Imparo sempre il ritmo prima di improvvisare". Il risultato è una combinazione di tutti i suoi studi e interessi per il ritmo e la melodia insieme al blues e alle tradizioni afroamericane e ai ritmi autentici dall'Africa e oltre. “Da quando sono entrato a far parte dell'Art Ensemble of Chicago, ho approfondito e rafforzato la mia ricerca che spazia non solo dai ritmi tradizionali di Mali, Senegal, Guinée e Marocco ma anche di Cuba, Giamaica, Haiti. Sin da bambino ascoltavo quei ritmi e quei groove: vengo da lì e ci torno. È come tornare a casa. I tamburi ti permettono di connetterti allo spirito della musica”. I ritmi percussivi della diaspora africana fondono tradizioni, anima e musicisti africani. In passato Art Ensemble ha collaborato, suonato e registrato con diverse band e musicisti africani. Oggi, dal 2017, accolgono il maestro percussionista, polistrumentista e griot senegalese Mohamadou "Dudù" Kouate come ospite stabile della band. “Suonare in The Sixth Decade è stato grandioso: è stato un raduno di diversità e umanità oltre il piacere di suonare insieme a musicisti eccellenti. Inoltre è affascinante quanto i
Pubblicato il