Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Roma - Padova - Firenze - Verona - Berlin - Hamburg - Köln - Brussels - Barcelona - London - Lucca - Bologna - Villafranca di Verona - Dublin

STEVE PICCOLO "Domestic Exile"

Contenuti, belli e assolutamente consumati, incontrati a distanza, lo straordinario "Esilio domestico" di Steve Piccolo si distingue per il meglio della sua epoca e supera di molto molto di più. Indiscutibile tra i più grandi e meno riconosciuti LP emergenti dalla scena No Wave. Steve Piccolo "Domestic Exile" (LP, vinile trasparente)   L'abbiamo detto prima e lo diremo di nuovo. Siamo in un momento incredibile per le ristampe. Nel momento in cui pensi che l'ultima gemma trascurata sia emersa dalle ombre, ne arriva un'altra per tirare il tappeto da sotto i tuoi piedi. Questo è senza dubbio il caso del debutto solista di Steve Piccolo, Domestic Exile, originariamente pubblicato nel 1982 dalla leggendaria impronta sperimentale, Materiali Sonori, che ora riceve la sua prima ristampa in assoluto, sia su CD che in vinile, tramite Mental Experience / Guerssen. Visionario dall'inizio alla fine, offrendo un approccio singolarmente minimale e all'avanguardia al linguaggio della canzone popolare - interamente del suo momento, ma radicalmente in anticipo sui tempi - è facilmente una delle migliori ristampe che abbiamo ascoltato tutto l'anno. È sicuramente destinato a far saltare le menti.     Steve Piccolo appartiene a voci di una generazione straordinaria emerse a New York, nella scena No-wave, tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80. Attivo in diversi settori (musica, teatro, performance art, installazioni sonore, colonne sonore di video e film), è noto come membro fondatore del leggendario gruppo Lounge Lizards. Quasi con la stessa rapidità con cui iniziò, Piccolo iniziò rapidamente uno sforzo da solista - un "progetto collaterale", originariamente concepito più come una colonna sonora per l'arte performativa, piuttosto che una band - l'anno dopo il debutto seminale, omonimo di Lounge Lizards, arruolandosi compagno di band, Evan Laurie e Gerry Lindahl per entrare in studio con lui.     In sole due settimane, Piccolo scrisse la raccolta di canzoni che avrebbero formato l'esilio domestico, creando un "Folklore della città nevrotica", affrontando i temi dell'angoscia urbana, dell'isolamento, degli yuppy, della paranoia nucleare, durante un periodo della sua vita durante la sua vita una sorta di esistenza schizofrenica, lavorare a Wall Street di giorno e andare in discoteche e spazi d'arte quasi ogni sera. Il risultato, un ripensamento minimalista e radicale della canzone, mescolando un'estetica post-punk / fai-da-te / lo-fi con la poesia art-rock e parlata, attinge ugualmente al passato mentre prefigura il futuro, flirtando nei territori esplorati da Brian Eno , John Cale, Young Marble Giants e Jonathan Richman, tanto quanto fa con progetti ancora da fondare come Sebadoh e The Magnetic Fields.     Contenuti, belli e assolutamente consumati, incontrati a distanza, lo straordinario esilio domestico di Piccolo si distingue per il meglio in assoluto della sua epoca e supera molto di più. Indiscutibile tra i più grandi e meno riconosciuti LP emergenti dalla scena No Wave. Avanguardista e sperimentale, sebbene diretto e a suo agio con la propria voce, è quasi impossibile non innamorarsi di questo disco una volta ascoltato. Una rivelazione assoluta, finalmente riemergendo.
Pubblicato il