Scopri i concerti in italia e in europa Roma - Milano - Assago - Torino - Bologna - Utrecht - Padova - Hamburg - Nijmegen - Warsaw - Prague - Berlin - Firenze - Forlì - Eboli

DAVID TUDOR "Microphone"

Probabilmente il più importante interprete di musica sperimentale durante gli anni '50 e '60 - diventato famoso grazie alle sue prime esecuzioni di opere di Pierre Boulez, Karlheinz Stockhausen, Morton Feldman, Earle Brown, Christian Wolff e La Monte Young, David Tudor rimane più famoso per il suo lungo rapporto di lavoro con John Cage. Fino ad oggi, il potere e l'importanza di queste collaborazioni gettano una lunga ombra sul suo lavoro come compositore, nonostante sia diventato l'asse centrale del suo ruolo nella sua produzione creativa, a partire dai primi anni '60.Le composizioni di David Tudor riposano quasi interamente nel regno elettronico, impiegando dispositivi modulari - in gran parte progettati e costruiti da lui stesso - a cui è stato permesso di definire sia la composizione che la performance.Basandosi sulle innovazioni di Rainforest - un'opera multimediale che iniziò ad emergere in variazioni tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70 - tra i più importanti e famosi sforzi di Tudor come compositore è Microphone, che divenne la sua prima apparizione registrata come solista compositore, quando l'album è stato pubblicato da Cramps nel 1978. Microphone utilizza un'unica sorgente sonora, la modulazione del feedback microfonico prodotto in una camera d'eco lontana, scolpita nell'incidenza e nella durata da filtri a banda stretta, con numerose versioni registrate simultaneamente, prima di essere giuntate su due canali, utilizzando una matrice pan.Il risultato finale è diventato una libreria di 9 nastri stereo - registrati al Mills College nel 1973 - ciascuno di circa 32 min. long, che venivano usati in qualsiasi combinazione - suonati e fermati in qualsiasi momento, riavvolti e suonati di nuovo, alterati in ampiezza e/o equalizzazione - durante le esibizioni dal vivo o per installazioni elettroniche.La versione di Microphone che compare su questo LP coglie la sua realizzazione nel 1973 al Pepsi Pavilion dell'Expo '70, a Osaka, in Giappone, e deriva dalle scoperte fatte grazie alla collaborazione del compositore nella progettazione del sistema acustico del Padiglione, che utilizzava 37 altoparlanti posto in un sistema a griglia romboidale che copre 3/4 della sfera. Con una durata di quasi un'ora, una volta ascoltato, Microphones emerge rapidamente come uno dei lavori più sorprendenti e importanti della composizione elettronica degli anni '70.Trattenuto e definito dal controllo esigente da parte del compositore/esecutore, tonalità profonde di varia durata e consistenza pulsano di un vuoto abissale, come se emergessero, pienezza formate da un oscuro ignoto. Il tempo rallenta in modi inaspettati e destabilizzanti, tessendo uno spettro sonoro completamente sintetico che si sente straordinariamente connesso al mondo organico.
Pubblicato il