Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Roma - Padova - Firenze - Verona - Berlin - Hamburg - Köln - Brussels - Barcelona - London - Lucca - Bologna - Villafranca di Verona - Dublin

David Toop, Paul Burwell "Wounds"

Prima di prendere il volo dal linguaggio afroamericano del jazz, per oltre mezzo secolo la musica improvvisata liberamente ha lasciato il posto a innumerevoli linguaggi e approcci individualizzati che abbracciano il globo, consentendo agli artisti di eliminare vincoli e strutture al fine di esprimere, creare e conversare a condizioni completamente liberate. Nonostante la notevole diversità della pratica, le varietà dominanti hanno generalmente mantenuto un punto d'appoggio nelle vicinanze da dove è iniziata. Con quello in mano, forse a causa delle prime, schiette figure come Derek Bailey e Cornelius Cardew - ognuna delle quali rappresenta un insieme straordinariamente distinto di idee e singolari approcci pratici - la scena britannica si è sempre distinta leggermente, mostrando una sorprendente densità di artisti che si avventurano ulteriormente verso l'ignoto, allontanandosi dal jazz per creare organizzazioni di suoni quasi completamente indipendenti. Tra i più visionari c'è lo scrittore, teorico e musicista David Toop. Qui a SoundOhm, siamo fan da molto tempo dei suoi contributi fondamentali, il che rende un brivido assoluto illuminare la ristampa attesa da tempo del suo incredibile duo LP del 1980, Wounds, realizzato con il veterano percussionista Paul Burwell. Emergendo nelle abili mani di Song Cycle - unendosi a un catalogo di gemme che include sforzi singolari di Michael Snow, Marcel Duchamp, Christina Kubisch, Terry Fox e altri, per non parlare delle loro ristampe delle iconiche Revolutions Per Minute, Fluxus Anthology e Compilation di Poesia Sonora - è uno storditore assoluto da non perdere assolutamente.     David Toop appartiene all'incredibile seconda ondata di improvvisatori britannici emersi negli anni '70 sulla scia di artisti come Derek Bailey, Evan Parker, John Stevens, John Tilbury, Keith Rowe e Cornelius Cardew, così come i progetti associati come AMM e Scratch Orchestra. Toop ha attirato l'attenzione del pubblico per la prima volta con il suo LP di debutto, New and Rediscovered Musical Instruments, creato con Max Eastley e pubblicato dalla Obscure Records di Brian Eno nel 1975. L'album rappresentava la prima realizzazione registrata per le idee e gli approcci affrontati dal loro testo fondamentale, New / Rediscovered Instruments Volume 1, pubblicato all'incirca nello stesso periodo. Laddove la maggior parte degli improvvisatori ha tentato di liberare la musica all'interno di una gamma piuttosto limitata di suoni, Toop è stato tra i primi a non solo guardare oltre le fonti europee, ma a suggerire oggetti e strumenti realizzati dall'artista per promuovere la causa.     Dalle basi dei primi incontri all'interno del London Musicians Collective, Paul Burwell, il percussionista straordinario ma peccaminosamente sottovalutato, è stato tra i più importanti collaboratori di Toop durante questa era cruciale della sua carriera. I suoi contributi possono essere trovati in quasi tutti i suoi album nella seconda metà degli anni '70 e primi anni '80 - in forma duo, così come trii con Nestor Figueras e Bob Cobbing, e gruppi più estesi che includevano Max Eastley, Steve Beresford , Hugh Davies, Paul Lovens, Paul Lytton, Evan Parker e altri. La partnership è stata così potente che ha continuato a dare frutti fino alla morte prematura di Burwell nel 2007.     Originariamente pubblicato dalle pubblicazioni al quarzo di Toop nel 1980, Wounds cattura il notevole duo di Toop e Burwell all'altezza, spiegando rapidamente di cosa si trattava. Raddoppiando come una finestra cruciale in un momento fondamentale della scena musicale britannica - mostrando quanto lontano si fosse avventurato - l'LP è stato registrato da Max Eastley e Russ Wood, con i suoi nove brani scelti da una singola esibizione al London Musicians Collective a giugno 30, 1979. È vivo e nel momento in cui la musica può essere. Incontrare Toop e Burwell che distribuiscono una vasta gamma di strumenti musicali e oggetti trovati - chitarra elettrica, flauto, cassetta, acqua, immondizia, esplosivi, arpa a sei corde, violino di bambù e fischietti, per citarne alcuni - posizionati sul pavimento di fronte a gli artisti, pronti per essere raccolti e suonati, e anche nella sua materialità di base prefigura le azioni di numerose generazioni di artisti che sarebbero seguite sulla scia dell'album. Facendo strada a una distesa vibrante di trama, poliritmo complesso e tono irto che attira l'orecchio verso significati fondamentali alla radice primaria della musica stessa, Wounds è un album sospeso tra lo svolgersi del tempo, l'esibizione testimoniata e il rituale circolare, che si alzano collettivamente come una distesa sonora, offrendo un percorso improbabile e ottimista attraverso i tempi oscuri durante i quali è stato realizzato.
Pubblicato il