Scopri i concerti in italia e in europa Roma - Milano - Bologna - Collegno - Ancona - Padova - Venezia - London - Firenze - Torino - Lucca - Sesto San Giovanni - Genova - Grugliasco - Asti

PROCLAMA - La mia migliore utopia - Vrec /Audioglobe

Cambio di registro per la band torinese dei Proclama che, fattasi conoscere l’anno scorso all’interno del cartello- ne del Pistoia Blues 2015 (apriva a Passenger) arriva alla pubblicazione del secon- do album intitolato “La mia migliore utopia”. Si tratta di una specie di concept album che richiama ed attualizza alcune parti del Futurismo italiano. Colpisce subito l’artwork del disco, una maschera stilizzata che si sta frantumando a richiamare il movimento, l’identità del frui- tore che svanisce nonchè della stessa band che ora in scena usa dei costumi... e poi i titoli: l’intro con frammenti audio di film “cult” (a voi il gioco di idenficarli), “Interpreti”, “Vanità”, il richiamo americano sempre vivo in “America”, “Sostanza” tutti sostantivi diretti ed evo- cativi, come la title track “La mia migliore utopia”. Più che il futurismo è un continuo richiamo all’Io che cerca una collocazione in questo mondo ma che spesso è destinato ad “interpretare” più che ad “essere”. Tutto molto bello. E la musica? In realtà è quanto di più tradizionale esista: ter- zetto voce/chitarra (Giorgio Giardina, anche autore dei brani), Orlando Barbuto (basso), Elvis D’Elia (batte- ria) e brani pop rock di ampio respiro tra Coldplay ed U2. Vince sempre la melodia con picchi compositivi in “America”, Sostanza” e “Dentro una ttimo” dove la band riscopre la bella voce di Valeria Vaglio (a Sanremo nel 2008) fino alla cover di Marco Mengoni “Essenziale”, che perde l’articolo nel rifacimen- to della band a fronte di qual- che chitarra in più. Forse musicalmente si poteva osare di più per tentare un futusimo sonora ma in realtà il disco ben evidenzia l’intento della musica del gruppo: confezio- nare un prodotto “pensante” che possa però arrivare a più persone possibile superando il mondo indipendente e “low fi” da cui proviene. www.proclama.eu
Pubblicato il