Advertisement

Live Concert

Oggi

 ABRUZZO  Motel Connection Nobraino  CALABRIA  Modena City Ramblers Loredana Berte' Gue' Pequeno Barresi Project  CAMPANIA  Alessandra Amoroso Nordgarden  EMILIA ROMAGNA  Sara Ardizzoni - Dagger Moth Nh3 Noise Pollution Le Luci Della Centrale Elettrica His Electro Blue Voice Nico Royale Muck And The Mires Dope D.o.d. Rain Timoda' - Tributo Ai Modà  FRIULI VENEZIA GIULIA  Chambers Marlene Kuntz  LAZIO  Peter Bernstein Quartet Aaron Goldberg Nevermind - Tributo Ufficiale Ai Nirvana Nicolas Joseph Roncea General Levy Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute Mondo Marcio Zolle Massimo D'avola  LIGURIA  Le Minigonne – 60S Pop Rock Band Zeus! Kaleidoscopic Giuda  LOMBARDIA  Ambramarie Ovo Franc Cinelli The Monkey Weather Nord Sud Ovest Band - Tributo A Max Pezzali E Agli Gli Ebrei Kristal And Jonny Boy Teka P There Will Be Blood Roipnol Witch  MARCHE  The Gentlemen's Agreement Pipers Simone Scifoni Aka Slim Amore Vertical Scratchers Drop – R.a.t.m. Tribute Freakanto' Stormwind Mortimer Mc Grave & The Barelliers Dj Giamma  PIEMONTE  The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Heaven's Basement Band Bunker Club Rashad Becker The Magnetix Frei Bobby Soul Queenmania Erin K Monica P  PUGLIA  Maria Antonietta Marco Notari Diodato Wemen The Zen Circus Management Del Dolore Post-Operatorio Neffa L'orso  SICILIA  Nicolò Carnesi C+C=Maxigross Tinturia Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Mama Marjas Giacomo Toni Black Beat Movement Bud Spencer Blues Explosion Dola J. Chaplin  TOSCANA  Crazy Mama Luz Brunori Sas Rev Rev Rev Platonick Dive Vintage Violence 2Pigeons Gang Bassi Maestro  TRENTINO ALTO ADIGE  Sisyphos Talco The Traveller - Massimiliano Forleo  UMBRIA  Bettibarsantini Bologna Violenta Taberna Vinaria  VENETO  Mr Wob & The Canes Metal Sludge Extravaganza Elli De Mon Big John Bates And The Voodoo Dollz The Moor Tributo Italiano Tolo Marton One Love Hi Powa

Domani


Lunedì


Martedì


Mercoledì


Giovedì

 ABRUZZO  Clementino Enrico Capuano The Fiftyniners Colle Der Fomento  BASILICATA  Spasulati Band Barresi Project  CALABRIA  Simone Scifoni Aka Slim Meganoidi  CAMPANIA  Psychopathic Romantics Simone Cristicchi Galoni G-Fast The Natural Dub Cluster Sonohra Rev Rev Rev  EMILIA ROMAGNA  Egle Sommacal Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Jack Jaselli Lu Silver And String Band Il Re Tarantola Javier Girotto Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Cristiano Godano Fabrizio Bosso Gattamolesta  FRIULI VENEZIA GIULIA  Tre Allegri Ragazzi Morti  LAZIO  Karol Wojtyla - La Vera Storia Junior Kelly Matteo Sansonetto Cisco Maria Pia De Vito Buddha Superoverdrive Piji Electric Superfuzz  LIGURIA  Marta Sui Tubi The Manges Pink Holy Days Mondo Marcio Boogarins Lili Refrain Lennon Kelly  LOMBARDIA  Paolo Tomelleri Lee Scratch Perry A Storm Of Light Muppet Suicide - Tributo Ai Guns N' Roses John Abercrombie Massimo Priviero Management Del Dolore Post-Operatorio  MARCHE  Nobraino Tnt Ac/dc Tribute Bip Gismondi Valentina Gravili Spaghetti A Detroit Borghese Warsavia Israel Varela  PIEMONTE  Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi Sad - Official Metallica Tribute Giovanni Truppi Oneohtrix Point Never Revenga Lo Zoo Di Berlino Sohn  PUGLIA  White Queen 99Posse Bud Spencer Blues Explosion Coez Dellera Larry Franco Marzia Stano Aka Una Giacomo Toni Duo Bucolico  SICILIA  Tinturia L'orso  TOSCANA  Majakovich Linea 77 Arianna Antinori The Zen Circus Pipers Alessia Tondo Alla Bua Giuda  TRENTINO ALTO ADIGE  Assalti Frontali Bologna Violenta  UMBRIA  Raster Ex-Otago Flor  VENETO  Rumatera Morblus Band The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Modena City Ramblers Black Mama Tolo Marton Ches Smith Black Beat Movement Lume Muck And The Mires

Venerdì

 SVIZZERA  Cristiano De Andrè Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Marumba The Vad Vuc  ABRUZZO  Ex-Otago Buddha Superoverdrive  BASILICATA  Enrico Capuano  CALABRIA  Nu Bohemien Drunken Butterfly  CAMPANIA  The Gentlemen's Agreement Psychopathic Romantics Galoni The Natural Dub Cluster Cercasi Cenerentola  EMILIA ROMAGNA  Nordgarden Gazebo Penguins Andrea Rivera Vessel Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Gasparazzo Bettibarsantini Ginevra Di Marco Redska Paola Turci  FRIULI VENEZIA GIULIA  Lume Daniele Tenca Peppa Pig  LAZIO  Mondo Marcio Mad Dogs Emanuele Bultrini Margherita Vicario Rev Rev Rev Mad Professor Karol Wojtyla - La Vera Storia  LIGURIA  Pino Scotto I Cani Fratelli Di Soledad The Zen Circus Giovanni Truppi Blindosbarra  LOMBARDIA  Max Pezzali Tribute - Tributo A Max Pezzali E 883 L'orage Nemesi Trust Shooting Stars - Girls Rock Live Electricity Slava's Snowshow Black Beat Movement Giuda Drink Day  MARCHE  La Tosse Grassa Borghese Reggaete Forte Assalti Frontali Sine Frontera Spaghetti A Detroit Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Warsavia Mothra  MOLISE  Duo Bucolico  PIEMONTE  Gianluigi Trovesi Sell System Gianmaria Testa Blume Apoptygma Berzerk Clementino Roipnol Witch Band Bunker Club Cyberpunkers Daniele Sepe  PUGLIA  Dellera Marzia Stano Aka Una Rhomanife White Queen  SARDEGNA  Irreverence  SICILIA  Nicolò Carnesi The Traveller - Massimiliano Forleo L'orso  TOSCANA  Casa Del Vento Bud Spencer Blues Explosion I Matti Delle Giuncaie Virginiana Miller Danilo Sacco Marta Sui Tubi Modena City Ramblers  TRENTINO ALTO ADIGE  Francesco Patella Kaleidoscopic Nh3  UMBRIA  Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Pipers Ches Smith Unorsominore  VENETO  Filippo Cosentino Mideando String Quintet Nobraino Verbal Talco Lee Scratch Perry Slick Steve & The Gangsters Tolo Marton Bermuda Trio

 SVIZZERA  Ben Vida Joe Colombo Nicola Ratti Cristiano De Andrè  ITALIA  Sisyphos  SVIZZERA  The Vad Vuc  ABRUZZO  Majakovich Raphael & Eazy Skankers Kyla Brox Brunori Sas Drunken Butterfly Taberna Vinaria Zolle Enrico Capuano Tony Borlotti & I Suoi Flauers  BASILICATA  Monaci Del Surf Zibba Spasulati Band Luciano Ligabue  CALABRIA  His Electro Blue Voice Cleo T. Massimo Ranieri Nu Bohemien  CAMPANIA  La Rappresentante Di Lista Loredana Berte' The Zen Circus The Natural Dub Cluster Galoni Psychopathic Romantics 99Posse Giovanni Truppi G-Fast  EMILIA ROMAGNA  Nh3 Giuliano Palma Forty Winks Enrico Ruggeri Giancarlo Onorato Cut Bettibarsantini Metal Sludge Extravaganza A Storm Of Light Fabio Gualerzi  FRIULI VENEZIA GIULIA  Piero Sidoti - Genteinattesa Nobraino Emanuele Belloni Daniele Tenca Marlene Kuntz Isolde Gli Sportivi Franco D'andrea  LAZIO  Pavic Piji Il Muro Del Canto Maria Pia De Vito Be Forest Mad Professor Massimo D'avola Astenia Nevermind - Tributo Ufficiale Ai Nirvana Kutso  LIGURIA  The Manges Bobby Soul Paolo Saporiti Le Minigonne – 60S Pop Rock Band Pink Holy Days Marta Sui Tubi Motel Connection Necrodeath 3 Fingers Guitar Blindosbarra  LOMBARDIA  The Body Statobrado Cosmo Enrico Rava Snfu The Sleeping Tree Pocket Chestnut  MARCHE  Stormwind Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Mara Gambardellas Bip Gismondi Riciclato Circo Musicale Mothra Fabulous Daddy Freakanto' Tom Kirkpatrick  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Stefano Battaglia Manu Dibango Lo Zoo Di Berlino Muck And The Mires Sintomi Di Gioia Guignol Kenny Barron Trio Revenga Daniele Sepe O.i.&b. - Tributo A Zucchero  PUGLIA  Progetto Panico Fabio Concato Rhomanife Barresi Project Management Del Dolore Post-Operatorio Maria Antonietta Alborosie & Shengen Clan Band Primo & Squarta – Cor Veleno Dellera Neffa  SARDEGNA  Cisco Train To Roots  SICILIA  Tinturia C+C=Maxigross Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Antonella Ruggiero Nicolò Carnesi Alessandra Amoroso Veivecura Femina Ridens Joy Garrison Joe Barbieri  TOSCANA  Tunng Crazy Mama Dragonhammer Bobo Rondelli Alessia Tondo Julie Slick Acquaraggia I Gatti Mezzi Rev Rev Rev Gang  TRENTINO ALTO ADIGE  Talco Manuel Volpe Jack Jaselli Francesco Patella Assalti Frontali Come Cani Come Angeli  UMBRIA  Wemen 2Pigeons Green Like July Color Swing Trio Aisha Burns Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Joe Pisto Raster Petramante  VALLE D'AOSTA  Alldways  VENETO  Big John Bates And The Voodoo Dollz Elli De Mon Mideando String Quintet Rumatera Tributo Italiano Devotion Mr Wob & The Canes Solrize Marcello Tonolo Ches Smith

 SVIZZERA  Witko Gue' Pequeno Mellow Mood Bluestouch Casa Del Vento  SLOVACCHIA  Coro Corridore  AUSTRIA  Satelliti  SVIZZERA  Dub Incorporation Joe Colombo  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  SVIZZERA  Gasparazzo  ABRUZZO  Black Beat Movement Near Gianni Morandi Magda White & Frank Hammond Band Zibba Kaleidoscopic Gigi Finizio Luminal Kyla Brox The Fiftyniners  CALABRIA  Monaci Del Surf Peppe Voltarelli Caron Dimonio Zeus!  CAMPANIA  Cercasi Cenerentola Caponebungtbangt Alla Bua Guido Maria Grillo Nadar Solo Gnut Joseph Martone And The Travelling Souls Mauro Ermanno Giovanardi Buddha Superoverdrive  EMILIA ROMAGNA  Massimo Simonini Giancarlo Onorato Rhys Chatham Trust John De Leo Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Phono Emergency Tool Spring Awakening Saluti Da Saturno Boris Savoldelli  FRIULI VENEZIA GIULIA  Jackie-O-Motherfucker Giovanni Truppi Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus W.i.n.d. Elvenking The Zen Circus The Orb Tommy Emmanuel  LAZIO  Piji Stadio Go Dugong Giraffage Om Unit Toner Low Legittimo Brigantaggio One Love Hi Powa Luciano Ligabue Kris Roe  LIGURIA  Bobby Solo Fall Out Federico Sirianni Lamalareputazione Modotti Kozminski Warias Bob Geldof Biglietto Per L'inferno  LOMBARDIA  Freeway James Maddock Deez Nuts Sonohra Morkobot Ovo Don Turbolento Ex-Otago Riccardo Tesi & Banditaliana  MARCHE  Antonio Sorgentone The Natural Dub Cluster Maria Antonietta Claudio Baglioni Tnt Ac/dc Tribute His Clancyness Mudimbi La Tosse Grassa Magellano Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Violacida Zocaffe Marnero Neil Zaza May Days Two Fingerz Kid Congo Powers And The Pink Monkeys Birds L'orage Romeo E Giulietta Lou Dalfin  PUGLIA  Vega 80 Larry Franco White Queen Linea 77 Biagio Antonacci I Cani Renzo Rubino Nicola Conte Dire Straits Legends  SARDEGNA  Train To Roots Paolo Recchia  SICILIA  The Traveller - Massimiliano Forleo James Ferraro Pippo Pollina Alessandro Lanzoni Bombino Mike Stern Flor Iaia Forte La Rappresentante Di Lista Giuda  TOSCANA  Ravi Coltrane Paletti Orchestrina Di Molto Agevole The Wild Weekend The Rippers Rfc Anthony B & Roots Harmonics Band Edoardo Bennato Andrea Valeri Progetto Panico  TRENTINO ALTO ADIGE  Ed Laurie Slick Steve & The Gangsters Erin K Golden Animals  UMBRIA  Carla Bozulich Taberna Vinaria Tetraktis Percussioni Michele Maraglino Blue Dean Carcione Dinamitri Jazz Folklore Big Charlie Hola La Poyana G-Fast  VENETO  Le Luci Della Centrale Elettrica Pentatonix Rosario Giuliani Wayne Horvitz Ruggero De I Timidi Filippo Graziani Cosmonauts Peach Kelli Pop Rotula Nut

 SPAGNA  !!! (Chk Chk Chk) Charles Bradley  SVIZZERA  Massimo Ranieri  GERMANIA  Leo Pari  BELGIO  Galoni  SPAGNA  Shellac Spoon Kendrick Lamar Caetano Veloso St Vincent Refree The National John Grant Dum Dum Girls  ABRUZZO  Near Antonio Sorgentone Warias Alla Bua  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Dulce Pontes Gogol Bordello Caparezza Danilo Rea  EMILIA ROMAGNA  Extrema Miami & The Groovers Vibronics Little Taver Riccardo Tesi & Banditaliana Brian Jonestown Massacre Rolling Bowling Manic Street Preachers The Rock'n'roll Kamikazes  FRIULI VENEZIA GIULIA  Buckcherry Downset Angus & Julia Stone The Natural Dub Cluster Pat Metheny  LAZIO  Solo Banton Cloud Nothings Fish Radio Moscow Ca.pe.al. Pavic Linea 77 Young The Giant Vasco Rossi Requeen  LIGURIA  Borghese Il Re Tarantola Majakovich New York Ska Jazz Ensemble Teho Teardo & Blixa Bargeld Bobo Rondelli 3 Fingers Guitar Gabor Lesko  LOMBARDIA  The Manges The Leeches Giannissime Chuck Ragan Massive Attack Stefano Bollani Ovo Bloody Mary Unida Jeff Beck  MARCHE  Tetuan The Zen Circus Maybe I'm... Monaci Del Surf Amore Lleroy Lush Rimbaud Dadamatto Sud Sound System Johnny Mox  PIEMONTE  Band Bunker Club Persiana Jones Chiara Giacobbe Chamber Folk Band Supershock Fetish Calaveras The Veils La Clé Pablo E Il Mare Pino Scotto Nomadi  PUGLIA  Slow Magic White Queen Cadaveria Vega 80 Destruction Bamboo  SICILIA  Donpasta Kafka On The Shore Baba Sissoko Reijseger Fraanje Sylla Trio  TOSCANA  Massimo Volume Jama Trio Joe Bonamassa Le Capre A Sonagli I Matti Delle Giuncaie Sinfonico Honolulu The Pains Of Being Pure At Heart Amadou & Mariam Gang Alex Britti  TRENTINO ALTO ADIGE  Nh3 Simone Cristicchi  UMBRIA  The Perfect Strangers Band Tnt Ac/dc Tribute Nobraino Omar Souleyman Bettibarsantini Nidi D'arac  VENETO  Lu Silver And String Band Disappears Band Of Friends Remo Anzovino Lord Bishop Rocks Olly Riva & The Soul Rockets Mideando String Quintet Dynamite Lubjan

 SVIZZERA  Laura Pausini  ITALIA  Dropkick Murphys John Butler Trio Sine Frontera  LETTONIA  Anna Calvi  ITALIA  Slayer  LETTONIA  You Me At Six Elbow Junip - Josè Gonzales  SVIZZERA  Dolly Parton  AUSTRIA  Coro Corridore  ITALIA  James Blunt  LETTONIA  Bastille  SVIZZERA  Sunrise Avenue Biglietto Per L'inferno  ABRUZZO  Gasparazzo John Scofield  CAMPANIA  Giulia Mazzoni Javier Girotto Ska-P Chrysta Bell Pino Daniele Burt Bacharach Stanley Clarke Chick Corea Ylenia Lucisano  EMILIA ROMAGNA  Panda Bear Progetto Panico The Dictators Izzy & The Catastrophics Teho Teardo & Blixa Bargeld Zu Temples Veronica & The Red Wine Serenaders The Vanja's Lennon Kelly  FRIULI VENEZIA GIULIA  Macka B Franz Ferdinand Arianna Antinori And The Davids Jimmy Cliff John Fogerty Kg Man Keron Salmon Aka Kabaka Pyramid Ravi Coltrane Jack Dejohnette Max Romeo  LAZIO  At The Weekends Emis Killa Kraftwerk Obituary Alex Britti Massive Attack The Black Keys Legittimo Brigantaggio Modà  LIGURIA  Jonathan Wilson M Ward Girls In Hawaii The Peawees The Sonics! Delaney Davidson Paolo Nutini Jama Trio The Slackers Kafka On The Shore  LOMBARDIA  Sebastian Bach Nemesi Editors Elio E Le Storie Tese Steve Earle Youssou N' Dour Joe Satriani Redrum Alone Jonny Lang Billy Bragg  MARCHE  Dub Incorporation Aba Shanti I Giacomo Toni  PIEMONTE  L'orage Red Sky His Clancyness The Monkey Weather Soviet Soviet Slow Magic Deep Purple Gov't Mule Giuda  PUGLIA  Alla Bua Adrian Sherwood Almamegretta Saluti Da Saturno  SICILIA  Simple Minds  TOSCANA  Paolo Fresu Mark Lanegan Eels The Lumineers Morcheeba Elisa Eagles Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Slick Steve & The Gangsters Bombino  TRENTINO ALTO ADIGE  Little Taver The Last Killers  UMBRIA  Hamilton De Holanda Gattamolesta Stefano Bollani Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Eliane Elias Wayne Shorter Edoardo Bennato Herbie Hancock The Roots  VENETO  Arianna Antinori Scorpions Luciano Ligabue Luca Bassanese Raphael & Eazy Skankers Orion The Official Italian Metallica Tribute Band Afterhours Ludovico Einaudi The Dukes Of Hamburg Melampus

 ITALIA  Bettibarsantini  UNGHERIA  Coro Corridore  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Kutso Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Sergio Cammariere Kronos Quartet Luca Aquino Hevia Joe Barbieri Michele Rabbia Maria Pia De Vito Asaf Avidan Massimo Ranieri Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi  EMILIA ROMAGNA  Izzy & The Catastrophics Skid Row Miami & The Groovers Combichrist Little Taver Franz Ferdinand Radici Nel Cemento  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  L'orage Paolo Jannacci Sick Of It All Boy & Bear  LOMBARDIA  The Old Firm Casuals - Lars Fredriksen Agnostic Front Nofx Gem Boy Bombino The Peawees Larry And His Flask The Last Killers Luca Bassanese  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Daniele Tenca Cesare Carugi Anti-Flag Emis Killa Mandolin Brothers  PUGLIA  Seun Kuti Manu Chao Slick Steve & The Gangsters Alla Bua Avishai Cohen White Queen  SARDEGNA  Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Elina Duni Quartet  SICILIA  Alex Britti  TOSCANA  Dave Holland I Gatti Mezzi Pippo Pollina  TRENTINO ALTO ADIGE  Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Raphael  UMBRIA  Peter Hook And The Light Basement Jaxx Boxerin Club Taberna Vinaria The Courteeners Paul Weller Parlor Snakes Kaiser Chiefs Monaci Del Surf  VALLE D'AOSTA  Lou Dalfin  VENETO  Camillore’ Ruggero De I Timidi Arianna Antinori Violacida The Mojomatics



Porcupine Tree

Porcupine Tree è presentato da:

LIVE NATION

LIVE NATION srl Via Pietrasanta 14 20141 Milano TEl. 02/53006.501 info@livenation.it www.livenation.it www.facebook.com/livenationIT www.twitter.com/livenationIT


PORCUPINE TREE

I PORCUPINE TREE, la prog band più amata del globo, dopo il successo del precedente tour che aveva registrato sold out ovunque, fa ritorno nella nostra penisola. La band sarà Giovedì 05 Novembre all'Atlantico Live di Roma, in seguito all'uscita del nuovo album THE INCIDENT, fuori dal 21 Settembre su Roadrunner Records. La migliore occasione per assistere alla maestria tecnica di Steven Wilson e soci! I PORCUPINE TREE saranno accompagnati in apertura dai Demians.Il nome dei Porcupine Tree comincia a circolare nella scena sotterranea inglese nel 1991 in seguito alla pubblicazione di ON THE SUNDAY OF LIFE..., una raccolta di diverso materiale compilata dal cantante, chitarrista e compositore Steven Wilson, ventiquattrenne molto influenzato dalla musica anni '70 di band come King Crimson e Pink Floyd. L¹ambiziosa suite "Voyage 34", pubblicata in quattro parti fra il 1992 e il 1994, riceve una buona accoglienza nella scena indie locale e la popolarità di Wilson si allarga. Fino al 1993 il progetto rimane interamente nelle mani del leader, ma poi la necessità di portare sul palco i brani dei dischi (che nel frattempo si sono guadagnati una larga popolarità underground) fa sì che attorno a Wilson si raccolgano Colin Edwin (basso), Chris Maitland (batteria) e Richard Barbieri (tastiere), già con i Japan. Con THE SKY MOVES SIDEWAYS (1995) il pubblico del gruppo si allarga a livello internazionale, grazie anche a una intensa attività live che porta i Porcupine Tree negli Stati Uniti e in diversi paesi d'Europa (compresa l'Italia, dove l'accoglienza della musica dei Porcupine Tree, di ispirazione “progressive”, è particolamente calorosa). Nel 1996 il singolo "Waiting" fa la sua comparsa nelle classifiche inglesi e l'album SIGNIFY ottiene ottimi riscontri di pubblico e critica. Dopo il live COMA DIVINE (1997), registrato durante un¹esibizione romana dello stesso anno, il successivo STUPID DREAM (1999) vede il gruppo impegnato con un'orchestra di 25 elementi e viene pubblicato in tutto il mondo. LIGHTBULB SUN, nel 2000, privilegia l'aspetto melodico e psichedelico della musica di Wilson e viene salutato da molti come il miglior disco dei Porcupine Tree fino a quel momento. Con IN ABSENTIA (2002) entra stabilmente in formazione il virtuoso batterista Gavin Harrison, mentre i successivi DEADWING e FEAR OF A BLANK PLANET spostano il suono della band verso tonalità più dark, dure e metalliche evidenziando l'amore del leader per la nuova scena heavy metal inglese. Tra la fine 2008 e l'autunno 2009 lo stakanovista Wilson accelera ancora il passo pubblicando il suo primo album solista (INSURGENTES), continuando a coltivare i suoi progetti paralleli (un live a New York con i Blackfield del cantante israeliano Aviv Geffen) e trovando anche il tempo di curare i remix 5.1 di alcuni album storici dei King Crimson su incarico dello stesso Robert Fripp. Fa scalpore anche la sua presa di posizione contro l'iPod (colpevole, a suo dire, di incoraggiare l'ascolto distratto e a bassa fedeltà della musica), esplicitato in alcuni esilaranti filmati pubblicati su YouTube in cui il musicista si applica nella distruzione sistematica del lettore della Apple. A conferma delle sue convinzioni e di un'ispirazione che guarda molto anche al passato, la title track del nuovo album dei Porcupine Tree, il doppio THE INCIDENT, è una suite della durata di 55 minuti che evoca a più riprese “Animals” dei Pink Floyd. INFO http://www.porcupinetree.com/

Live di Porcupine Tree


Nessun evento trovato in archivio




LIVE NATION

ha anche questi concerti in corso:

Guarda tutti gli eventi di questa agenzia

LIVE NATION

Roster di questa agenzia:


ASH
HIM
M83
MEW
NEK
RAF
U2
UDO
UFO


Testi in archivio:

  • 16/05/2007 12:05 - Porcupine Tree Fear of a Blank Planet Questa è una recensione difficile. ...

    Porcupine Tree Fear of a Blank Planet Questa è una recensione difficile. Perché non c’è forse peggior cosa del consegnare in mano ad un redattore il nuovo disco di una tra le sue band preferite di sempre, di quelle con cui si instaura un legame indissolubile, che va semplicemente ‘oltre’. D’altro canto, mi vien da dire che anche per questo si oltrepassa il confine che divide un semplice appassionato da chi scrive di musica, ne incontra ed intervista i protagonisti, tenta invano di non ripetersi di recensione in recensione e di dimostrarsi obiettivo in casi come questo. ??“Fear of a Blank Planet” da diverse settimane gira senza sosta nel lettore, e l’entusiasmo iniziale non si è spento, piuttosto è stato affiancato da quella preoccupazione tipica di chi deve giustificare un voto, nello specifico quel ‘non-voto’ che avete letto pochi istanti fa. Una valutazione che si potrebbe spiegare per assurdo: ha senso valutare il disco di una band che, nell’ordine, ha rivitalizzato il panorama del Rock Psichedelico e Progressivo nei primi anni ’90, ha contribuito a fondere assieme fruitori di musica Prog e Heavy Metal (attenzione: in queste parole non c’è riferimento alcuno al Prog Metal, a Dream Theater e derivati!) a partire dalla pubblicazione di “In Absentia” (2002), fino a diventare una delle formazioni più prolifiche, più amate, un genere che essendo unico non può che ispirare una lunga serie di imitatori? Ha senso paragonare qualcosa di assolutamente esclusivo a tutto il resto? Una stellina, un pallino, un numero, sono tutti rapporti tra un’ipotetica perfezione e ciò che si intende valutare. ??Steven Wilson e la sua congrega non potrebbero realizzare un brutto disco neppure volendo. “FOABP” prosegue sulla scia di “Deadwing”, su tinte più oscure e violente di quanto già espresso, ad esempio, nella lunga “Arriving Somewhere (but not Here)”. Come sottolineato dallo stesso Wilson in sede di intervista – a cui si rimanda per quanto riguarda contenuti lirici delle canzoni -, la lunghezza ridotta e l’assenza di pezzi dai toni commerciali quali “Shallow” e “Lazarus” – altri estratti del precedente “Deadwing” – vogliono rendere il disco più intenso, nella forma di un unico lungo ‘pezzo di musica’ trascinante in ciascuno dei suoi cinquanta minuti di durata. Tolti allora gli orpelli, resta la vera essenza dei Porcupine Tree di oggi, un connubio perfetto tra riff duri e chirurgici ed atmosfere da sogno, costantemente conditi dalle diavolerie elettroniche di Richard Barbieri, da un basso mai tanto distorto, da voci mai così effettate; Gavin Harrison, dal canto suo, dimostra con naturalezza impressionante di essere tra i batteristi migliori in circolazione. ??Dei sei ‘momenti’ che costituiscono il monolite “FOABP” è indispensabile citare la lunga “Anesthetize”: oltre diciassette minuti di trip, che partono immediatamente in quarta, attraversando senza cedimenti una lunga parte strumentale, un giro di chitarra che farebbe gola ai Kreator, per terminare in una seconda parte dolce e sognante. Le altre mellow-song rispondono qui ai nomi di “My Ashes” e “Sentimental”, emozioni che lo scorso settembre non è stato possibile assimilare a dovere, quando furono suonate in concerto, ed oscurate dai più noti brani successivi. Ora avete tutto il tempo di marchiarle a fuoco ed affiancarle ad altri episodi stilisticamente simili (non ho detto “Stars Die”, ma l’ho pensato), rievocando un passato ‘ardente’ con gli archi impazziti di “Sleep Together”, e guardando al futuro spinti dall’incedere inarrestabile di “Way out of Here” e della title-track posta in apertura. Potevano i Porcupine Tree tornare a graffiare in modo migliore? Se sì, soltanto immaginarlo costituisce impresa assai ardua.

  • 14/12/2005 13:23 - Se i Porcupine Tree trovassero il varco giusto potrebbero diventare ...

    Se i Porcupine Tree trovassero il varco giusto potrebbero diventare veramente popolari: sono stati paragonati ai Pink Floyd fine anni Settanta, citano i King Crimson, non disdegnano la modernità ambient e compongono melodie fluide. Forse basterebbe un pezzo appena radiofonico, forse la possibilità di essere ascoltati con calma, che a quanto pare pochi hanno. A Roma lo scorso anno cinquemila persone hanno seguito i loro tre concerti. Il recente Stupid Dream, probabilmente non sarà il disco del grande balzo in avanti, ma contribuirà a guadagnar loro un'ulteriore fetta di pubblico. Tranquillo, analitico ed elegante, Steven Wilson, cantante, chitarrista e principale compositore della formazione inglese, non ha una particolare fretta di diventare celebre eppure sembra un po' stanco di continuare a essere, dopo cinque album, un semplice nome di culto. "In Gran Bretagna il nostro pubblico sta crescendo anche se a passo molto lento. Tutto avviene tramite un formidabile passaparola, visto che i media più influenti non sembrano curarsi di musica che sia, anche vagamente, sperimentale. Da noi chi si interessa al circuito rock sotterraneo è il classico maschio sui venticinque trent'anni un po' fissato coi dischi; in Italia e in Olanda invece ho visto uomini e donne in ugual numero ai nostri concerti. Non so spiegarne il motivo, ovvio però che la cosa ci abbia fatto piacere. In genere chi ci scopre non ci abbandona più perché ci trova riconoscibili e perchè apprezza il nostro sforzo di costruire degli album piuttosto che dei riempitivi con due o tre pezzi ad effetto. In realtà nel nuovo album "Stupid Dream" ci sono canzoni come Even Less e Piano Lessons con melodie più accessibili del solito. Di recente ho ascoltato molto i Beatles e i Beach Boys e ho pensato di scrivere canzoni di pop psichedelico adatte al contesto dell'album. Per la prima volta dei pezzi dei Porcupine Tree possono essere suonati in radio senza che questo significhi abdicare alle regole dell'industria". Non è fastidioso essere paragonati a vecchi gruppi come i King Crimson e Pink Floyd? "Non mi importa se qualcuno dice che spiritualmente i Porcupine Tree si avvicinano a certi gruppi anni Settanta. Mi infastidisce sentir dire che suoniamo come i Pink Floyd. Essere paragonati a loro non mi fa più molto piacere. Sotto diversi punti di vista sappiamo di essere andati oltre la lezione dei Pink Floyd. Anche perché i nostri dischi non potrebbero che essere stati incisi negli anni Novanta, visto che hanno un'asprezza di fondo che vent'anni fa non esisteva, nella musica come nella vita. E poi non siamo certo degli artisti retrò, la tecnologia moderna non ci fa paura. La cosa positiva di questo decennio è che l'elettronica ha permesso di fare musica in modo più economico. Gran parte del miglior underground recente è nato da registrazioni casalinghe. E Internet diventerà un mezzo per raggiungere un pubblico vastissimo saltando completamente le grandi etichette e i loro condizionamenti. In fondo è quello che i Porcupine Tree hanno sempre fatto". E il decennio fra gli anni Settanta e gli anni Novanta? "L'unica cosa buona degli anni Ottanta sono stati i Japan. E guarda caso uno di loro, Richard Barbieri, suona con noi". In Stupid Dream, c'è una canzone che si chiama "Tinto Brass"... "Non sono un cultore dei film di Tinto Brass anche se hanno un loro fascino. Mi ha attirato invece questo contrasto fra il cinema e il suo nome. Non so che effetto faccia in italiano ma in inglese Tinto Brass ha un suono straordinariamente poetico (qualcosa tipo "ottone pastellato") e anche molto musicale". La vostra musica ha a che fare con il "sogno stupido"... "Tutti i ragazzini hanno questi sogni ingenui di diventare astronauti o agenti segreti. Il mio era ancora più sciocco. Volevo diventare una rockstar, buffo vero?".

  • 14/12/2005 13:23 - PORCUPINE TREE Lightbulb Sun La trasformsazione dei Porcupine Tree sembra ormai ...

    PORCUPINE TREE Lightbulb Sun La trasformsazione dei Porcupine Tree sembra ormai completa: inizialmente quattro album per la Delerium, bestsellers senza discussioni dell'etichetta diretta da Richard Allen di cui il terzo, "The Sky Moves Sideways", era risultato il determinante spartiacque tra gli schizzi preparatori di Steven Wilson che aveva praticamente attivato il progetto come one-man band, ed il consolidarsi di una vera identità di gruppo, che esplorava gli spazi definiti dai Floyd del dopo Ummagumma con l'apporto ormai paritario delle tastiere di Richard Barbieri e della solidissima ritmica di Colin Edwin e Chris Maitland. Quindi il passaggio alla K-Scope, etichetta del gruppo Snapper con un target più ambizioso (a fronte di una scuderia che comprende i ritrovato Gong), mantenendo però il legame con Allen, che cura ancora il management della band. "Stupid Dream", realizzato lo scorso anno, dava già un'indicazione di rotta precisa che "Lightbuilb Sun" persegue in pieno: gli elementi distintivi dell'estetica Porcupine Tree - la visionarietà psichedelica ancorata ad una scansione ritmica concreta e lineare, lo struggimento nostalgico abbinato a frementi esplosioni di energia, il sovrapporre la lezione del pop britannico più attuale alla tradizione progressiva degli anni '70 - sono irreversibilmente assimilati in uno scintillante prodotto che non esiteremmo a definire mainstream, se questo non rischiasse di generare malintesi. Nessun ammiccamento commerciale emerge infatti da questa raccolta di canzoni che sembrano anzi tra le più ispirate e consapevoli del periodo recente: la qualifica di mainstream va invece letta nel suo senso più positivo, nel conio, cioè, di quella "moneta corrente" che funge da linguaggio di scambio tra diverse generazioni del popolo del rock restando singolare e riconoscibile, non inquinata dalle formulette a basso costo dei corporate-rock. Impossibile, del resto, tentare l'omologazione di artisti capaci di dosare lo zucchero di confetti West Coast alla Graham Nash (la raffinatissima "Shemovedon", e ancor più "How Is Your Life Today?", con quel pianoforte così caratteristico) e subito dopo di vincere la sfida con i campioni del Brit-pop, cesellando in "The Rest Will Flow" un inno vaporoso e dirompente da mandare al tappeto Verve ed Oasis messi assieme. Sotto una superficie aggraziata ed invitante, "Lightbuib Sun" cela come sempre artigli pronti a graffiare, abissi di drammatica desolazione, temi scottanti e sofferti, pronti ad aggredite alla prima distrazione: "Hatesong", cattiva, nervosa ed esplicita come il suo titolo, oppure i due straordinari brani conclusivi, "Russia On Ice", piccola suite progressiva che staglia lo spettrale iceberg dell'alcolismo sul brumoso oceano degli archi e dei synth, e "Feel So Low", che prende a prestito crepuscolari umori REM per vergare una dispenta lirica sul tema dell'abbandono. Molto interessante, per inciso, la mano leggera ed il senso dei colore con la quale vengono inseriti nelle partiture i contributi del Minerva Quartet, archi usati non tanto in senso cameristico, quanto per dare spessore ai "pieni" orchestrali delle tastiere di Barbieri, segno del talento di Steven Wilson, chitarrista, pianista, cantante e quant'altro, anche nelle vesti di produttore. Il sole si è ridotto ad una lampadina, ma i Porcupine Tree sono oramai un faro...

  • 14/12/2005 13:23 - PORCUPINE TREE ...

    PORCUPINE TREE "METANONIA" IMPROVISATIONS 1995/96 - EDIZIONE LIMITATA 500 COPIE Questa incredibile uscita in limited edition comprende brani registrati durante le sessions per l‚album "Signify". La band aveva infatti registrato abbastanza materiale per riempire 2 album e nessuno dei brani qui presenti è mai stato pubblicato in nessuna forma. Ci sono circa 55 minuti di musica in questa splendida confezione gatefold a colori contenente due 10". Un surreale viaggio a 3D in compagnia di un‚orchestra psichedelica.

  • 14/12/2005 13:23 - PORCUPINE TREE Sono partiti dall'intuizioni psichedeliche dei primi Pink Floyd per ...

    PORCUPINE TREE Sono partiti dall'intuizioni psichedeliche dei primi Pink Floyd per approdare a uno "space-progressive" senza più confini. La critica li ha finalmente scoperti, ma il loro destino sembra quello di restare "il segreto meglio custodito del rock". Lo strano caso dei Porcupine Tree, la band britannica che vende più a Roma che a Londra. E che in testa ha uno "stupido sogno": donare eterna vita al progressive degli anni Sessanta. E’ una storia curiosa quella dei Porcupine Tree, alfieri del nuovo progressive rock britannico. Semi-sconosciuti in patria, dove debbono “subire” il primato di gruppi assai meno originali, come Oasis, Prodigy e compagnia, hanno una vera “seconda patria” in Italia e in particolare a Roma, dove, anche grazie alla promozione dell’emittente Radio Rock, sono riusciti a creare una nutrita colonia di fan. E solo oggi, a distanza di quasi dieci anni dal loro esordio, la stampa internazionale si è accorta di loro, “il segreto meglio custodito del rock”, secondo la definizione di un autorevole mensile inglese. “Albero del porcospino”, nato con i primi demo pubblicati su Yellow hedgerow dreamscape, dà il suo primo frutto ufficiale nel 1992, con On the sunday of life, album doppio intriso di musica psichedelica d’avanguardia, che li consacra tra i massimi discepoli dei Pink Floyd. Si spazia da filastrocche alla Syd Barrett (“Jupiter Island”) a ballate in stile “Dark side of the Moon” come “Radioactive toy”, che resterà uno dei loro pezzi più fortunati. E c’è spazio anche per partiture strumentali più complesse, come “Third eye surfer”, con echi di free-jazz alla Soft Machine, e “Nostalgia factory”, intessuta su progressioni d'organo e chitarre alla Yes. Ma dietro i Porcupine Tree non si cela una vera band. Il disco, in realtà, è interamente suonato dal multistrumentista Steven Wilson, chitarrista dalla grande inventiva, nonché abile manipolatore di suoni. "Sovraincidevo tutti gli strumenti nel mio studio e mi preoccupavo poco che qualcuno pensasse che fossi una band o un progetto solista, così decisi per qualcosa di misterioso, dicendo che erano brani prodotti e suonati dai Porcupine Tree", racconta. L’exploit viene bissato nel 1993 con Up the downstairs, trascinato dall’incedere serrato di “Synesthesia”. Un anno dopo, la band incide The sky moves sideways, con Richard Barbieri (ex-Japan) alle tastiere, accentuando la componente “ambientale” della sua musica. Il risultato sono suite dilatate fino alla trance, che però non nasce mai da trucchi o campionamenti, ma dagli strumenti suonati dal vivo. Ascoltare per credere “Moonloop”, in cui si alternano al rallentatore suoni dolcissimi di chitarre, organi e percussioni, prima che il tutto prenda la strada di un’infuocata jam di bluesrock, o anche la tenue nenia di “The Moon touches your shoulder”, costruita su melodie eteree, lasciate fluttuare nell’aria e circondate da accordi impalpabili. L'effetto è trascendente, e non a caso, durante i loro concerti all’aperto, gli spettatori hanno l’abitudine di sdraiarsi per terra e alzare gli occhi al cielo, scrutando le stelle. A partire dall'Ep Waiting, i Porcupine Tree rafforzano l’ensemble, divenuto un quartetto di chitarra, tastiere, basso e batteria. Il risultato è un cambio di rotta verso atmosfere sempre più fiabesche e trasognate. Saggi di questa nuova tendenza sono le due lunghe ballate e pezzi portanti di Signify (1996): “Dark matter” e “I regarded the Cosmos”, che riecheggiano le melodie di “Moonchild” dei King Crimson e i melodrammi dei primi Genesis. Ma la band strizza l’occhio anche al pop, con il singolo “Waiting”. Una formula ormai collaudata, che verrà immortalata in Coma Divine, registrazione di alcuni loro concerti romani. Nel 1999, arriva Stupid dream. Lo “stupido sogno” del Porcospino è donare eterna vita al progressive degli anni Sessanta. Ma se all'inizio il modello erano i Pink Floyd, ora la musica del gruppo si è spostata verso uno "space progressive infarcito di un pizzico di psichedelia", come lo definisce lo stesso Wilson. "Mi è sempre piaciuto il suono di una musica senza limiti, capace di abbracciare ogni cosa, dal jazz alla classica, al punk, al blues, una fusione di suoni e stili", spiega. A Wilson, insomma, l’etichetta “progressive” comincia a stare stretta. “Ritengo che i Porcupine Tree abbiano altre propensioni, compresi stili come jazz, hip-hop e techno, anche se in apparenza ne sembriamo distanti. Il prog-rock degli anni ’60 e ‘70 nasceva da una contaminazione di stili diversi. C’erano i Pink Floyd che partivano dal blues, Emerson Lake & Palmer che prendevano in prestito dalla musica classica, i Jethro Tull che mutuavano dal jazz e dal folk. Oggi i veri gruppi progressive sono gente come Portishead e Radiohead: loro, come pochi altri, sanno unire diverse attitudini creandone una nuova”. “Stupid dream”, in cui Wilson per la prima volta si avvale della collaborazione della band anche in fase compositiva, accentua l'attenzione verso la più classica canzone rock, aumentando le parti cantate e rendendo più accessibili i brani. Ingaggiato Dave Gregory degli Xtc, il successivo Lightbulb sun segna un altro passo avanti per la band. Conserva il gusto per arrangiamenti complessi e raffinati, ma mostra anche una maggiore schiettezza con canzoni più dirette, anche nei testi. "Tutto questo è il risultato di come abbiamo lavorato - spiega Wilson -. Per noi, incidere un disco è una sorta di composizione di un mosaico, e questa volta è stato più veloce. E' anche il disco meno oscuro nei testi. In passato cercavo di costruirli su immagini astratte, e questo li rendeva più difficili da capire. Questa volta sono molto diretti, duri e crudi". Un brano come “Four chords that made a million” (quattro accordi che fanno un milione), ad esempio, è la chiara presa di posizione dei Porcupine Tree sul music business e sulla loro volontà di scrollarsi di dosso l'etichetta di band di culto. "La canzone è riferita a un gruppo in particolare, facile da identificare – dice Wilson -. Ci sono gruppi che prelevano totalmente il loro suono da altre band degli anni '60 e diventano successi internazionali. E questo è un po' frustrante per una band come i Porcupine Tree, che fa una musica non particolarmente ostica, ma originale e potenzialmente ‘mainstream’. Una musica però osteggiata dai mass media, che hanno deciso che non siamo ‘di moda’ ma ‘di culto’. Quello che è successo in Italia, dimostra che quando le gente ci ascolta, piacciamo". Il disco è costruito su forti contrasti di suono, tra chitarre dure e più rilassate. Gli arrangiamenti orchestrali di Gregory si avvertono in brani come “The rest will flow” e segnano l’intero disco, che prosegue la ricerca sul terreno del pop più raffinato. "Gli Xtc sono sempre stati uno dei miei gruppi preferiti e credo che il merito del suono sofisticato e diretto degli Xtc fosse dei suoi arrangiamenti". Ma il vulcano-Wilson non si ferma qui. Tra i prossimi progetti c'è già pronto il terzo lavoro del suo gruppo parallelo, i No Man's Land, inciso con Robert Fripp. "Lavorare con personaggi del calibro di Fripp, Gregory o Barbieri è semplice. Non mi interessano musicisti tecnici, ma quelli creativi". Ma chiedere a Wilson da quali musicisti si senta più influenzato può riservare delle sorprese. “Mi piacciono molto le armonie vocali, dai Beach Boys a Neil Young, da Nick Drake a Todd Rundgren. E, in un certo senso, mi ispiro anche a band americane come Soundgarden, Nirvana, Smashing Pumpkins. Ma adoro anche gruppi meno conosciuti come i Mercury Rev: il loro ‘Deserter’s songs’ credo che sia quanto di più creativo e contemporaneo ho ascoltato di recente”. E i Pink Floyd? “Di loro mi piace soprattutto la capacità di essere ‘multimediali’, sfruttando l’arte non solo come musica, ma quale forma di espressione che coinvolgeva cinema, letteratura e scenografia. Ma oggi credo che i Porcupine Tree siano distanti dall’essere una semplice copia dei vecchi Pink Floyd”. Nel 2001 la band di Wilson ha fatto uscire due dischi, Metanoia (inciso durante le sessioni di registrazione di Signify) e Recordings (antologia in edizione limitata, che contiene alcuni singoli dell'ultimo periodo). Ancora oggi, i Porcupine Tree vendono circa il 30 per cento dei loro dischi a Roma, trainati dai passaggi radiofonici e dal passaparola degli appassionati. Nei primi '70 avvenne qualcosa del genere anche per band come i Genesis e i Gentle Giant, ognuna delle quali ha oggi il proprio cospicuo spazio nella storia del rock. Il tempo dirà se anche Wilson e soci avranno lo stesso destino.

  • 14/12/2005 13:23 - PORCUPINE TREE Stars die - The Delerium years Steven Wilson ha ...

    PORCUPINE TREE Stars die - The Delerium years Steven Wilson ha scalato la montagna discografica tutta quanta, passando da cassettine auto-prodotte a dischi per le indies e ora a una multinazionale, che chissà cosa vuoi farne. Per festeggiare l'evento, e salutare il suo passato, ha allestito questa doppia antologia de luxe che raccoglie una serie di brani noti e rarità fra il 1991 e il '97. Wilson e la sua banda sono noti come grandi falsari. Con le loro liquide tastiere e le chitarre che si snodano come "stairways to heaven", sanno riprodurre perfetti paesaggi immaginari anni '70 o sogni technicolor da UFO Club, oscillando tra psichedelia originale e progressive. Con il tempo hanno sviluppato uno stile più personale ma in queste pagine giovanili sono ancora ingenui e infervorati, tutti intenti a sognare incroci perfetti tra David Gilmour e gli Yes, in una loro capsula del tempo che solo ogni tanto si apre ai giorni nostri. Un bel gioco a volte prevedibile, anche stucchevole, sempre nel cuore del brit rock più melodico e fantastico. Un'utile guida a chi volesse avvicinarsi al complesso e un piccolo tesoro per i più esperti: che troveranno una decina fra rarità, inediti e remix, da Men of wood a una Synesthesia di 8 minuti.

  • 14/12/2005 13:23 - PORCUPINE TREE Steven Wilson e` negli anni '90 uno dei ...

    PORCUPINE TREE Steven Wilson e` negli anni '90 uno dei massimi massimi discepoli della psichedelia dei primi Pink Floyd. Dopo due cassette autoprodotte, composte fra il 1988 e il 1991, che verrano raccolte nel 1994 su Yellow Hedgerow Dreamscape (Magic Gnome), Wilson scodello` quello che rimane il suo capolavoro, il doppio On The Sunday Of Life (Delerium, 1992), un summa di musica psichedelica d'avanguardia che spazia dalle bizzarrie armoniche del primo Syd Barrett alle piece sinfoniche di Ummagumma. Wilson passa quasi tutto il tempo a celebrare i suoi idoli: la filastrocca di Jupiter Island sa di Piper At The Gates Of Dawn; il pop atmosferico di Radioactive Toy rende omaggio a Dark Side Of The Moon; la melodia cadenzata di Nine Cats avrebbe ben figurato su More; e cosi` via. La canzone piu` avvincente, invece, e` quell'incalzante novelty di Linton Samuel Dawson, che non c'entra nulla. Wilson dimostra anche un talento per il progressive-rock in composizioni di largo respiro. La jam strumentale Third Eye Surfer ricorda i Soft Machine, per via degli sfarfallii quasi "dervish" delle tastiere e della batteria freneticamente free-jazz. The Nostalgia Factory fa leva su progressioni d'organo e glissando di chitarra alla Yes. It Will Rain For A Million Years e` un ibrido di colonna sonora western e Carlos Santana. www.porcupinetree.com - SUONANO: 24/11 Roncade (Tv) New Age; 25/11 Trezzo Sull’adda Live Music Club - Info: LIVE s.r.l. - Via Pascoli 2 - 50129 FIRENZE - 055/5520575 - Fax 055/5520524





Live Festival

 CAMPANIA 

 EMILIA ROMAGNA 




 FRIULI VENEZIA GIULIA 
 ITALIA 
 LAZIO 




 LIGURIA 

 LOMBARDIA 





 MARCHE 





 PIEMONTE 

Live Club

 ABRUZZO 
 CALABRIA 

 CAMPANIA 

 EMILIA ROMAGNA 





 FRIULI VENEZIA GIULIA 

 ITALIA 
 LAZIO 


 LIGURIA 

 LOMBARDIA 





 MARCHE 


 PIEMONTE 


 PUGLIA 
 SICILIA 
 TOSCANA 



Rubriche

Musicclub Story



Live News