Advertisement

Live Concert

Oggi

 ABRUZZO  Zolle Bettibarsantini Tony Borlotti & I Suoi Flauers Taberna Vinaria Wemen Brunori Sas The Fiftyniners  BASILICATA  L'orso Monaci Del Surf  CALABRIA  His Electro Blue Voice Bud Spencer Blues Explosion Barresi Project Black Beat Movement Dola J. Chaplin  CAMPANIA  Bologna Violenta The Zen Circus Nordgarden Modena City Ramblers Mondo Marcio Giovanni Truppi Veivecura Alberto Radius  EMILIA ROMAGNA  Luz Fiordaliso Frankie Magellano Massimo Volume Tre Allegri Ragazzi Morti Simone Scifoni Aka Slim Franc Cinelli Aisha Burns Miami & The Groovers  FRIULI VENEZIA GIULIA  Vertical Scratchers Nobraino  LAZIO  Alberto Marsico Astenia Il Muro Del Canto Roberto Gatto Tunng Peter Bernstein Quartet Aaron Goldberg Kutso Bianca Blues & I 7 Soul  LIGURIA  Emanuele Belloni Sara Ardizzoni - Dagger Moth Meganoidi Bobby Soul Paolo Saporiti 3 Fingers Guitar Motel Connection  LOMBARDIA  Norma Jean Om Unit Il Buio Piotta Claudio Baglioni The Elements Le Man Avec Les Lunettes Vipers  MARCHE  Hop Frog Led Zeppelin Tribute Dj Giamma Unorsominore Tnt Ac/dc Tribute  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Mandolin Brothers Muck And The Mires Gazebo Penguins Frei Andead The Monkey Weather O.i.&b. - Tributo A Zucchero Dinosauri Rue Royale Nico Royale  PUGLIA  La Rappresentante Di Lista Altre Di B Ex-Otago Fabrizio Bosso Colle Der Fomento Fabio Concato Renzo Rubino Vega 80 Diodato  SICILIA  C+C=Maxigross Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Giacomo Toni Tinturia Joe Barbieri Mario Venuti Duo Bucolico  TOSCANA  Massimo Priviero Cleo T. Il Cane Bobo Rondelli The Magnetix Piero Pelu' Julie Slick  UMBRIA  2Pigeons Majakovich Paolo Jannacci  VALLE D'AOSTA  Alldways  VENETO  Lubjan Levante Perturbazione Get On Funk Red Hot Chili Peppers Tribute Band Freeway Gozu Le Luci Della Centrale Elettrica Forest Swords

Domani

 ABRUZZO  Motel Connection  CALABRIA  Barresi Project Loredana Berte' Modena City Ramblers Gue' Pequeno  CAMPANIA  Nordgarden Il Cane Alessandra Amoroso  EMILIA ROMAGNA  Muck And The Mires Nh3 Oh My O Nico Royale Noise Pollution His Electro Blue Voice Patty Pravo Dope D.o.d. Sara Ardizzoni - Dagger Moth Peppa Pig  FRIULI VENEZIA GIULIA  Marlene Kuntz Chambers  LAZIO  Aaron Goldberg Mondo Marcio Nevermind - Tributo Ufficiale Ai Nirvana Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute Zolle Massimo Ranieri General Levy Massimo D'avola  LIGURIA  Kaleidoscopic Zeus! Le Minigonne – 60S Pop Rock Band Massimo Priviero Giuda  LOMBARDIA  Roipnol Witch Calvino Dracula Lewis Ambramarie Ovo Extrema Nord Sud Ovest Band - Tributo A Max Pezzali E Agli Adam Carpet Tre Allegri Ragazzi Morti There Will Be Blood  MARCHE  Drop – R.a.t.m. Tribute Stormwind Clementino Dj Giamma The Gentlemen's Agreement Vertical Scratchers Simone Scifoni Aka Slim Freakanto' Mortimer Mc Grave & The Barelliers Pipers  PIEMONTE  The Magnetix Bobby Soul Erin K Queenmania Band Bunker Club Frei Monica P The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Heaven's Basement Rashad Becker  PUGLIA  Wemen The Zen Circus Neffa Marco Notari Diodato Management Del Dolore Post-Operatorio Maria Antonietta L'orso  SICILIA  Dola J. Chaplin Black Beat Movement Bud Spencer Blues Explosion Tinturia Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Giacomo Toni C+C=Maxigross  TOSCANA  2Pigeons Zocaffe Gang Bassi Maestro The Lords Of Altamont Le Man Avec Les Lunettes Raphael Crazy Mama Rev Rev Rev Luz  TRENTINO ALTO ADIGE  The Traveller - Massimiliano Forleo Talco Sisyphos  UMBRIA  Taberna Vinaria Bettibarsantini Bologna Violenta  VENETO  Tributo Italiano Tolo Marton One Love Hi Powa Clock Dva Elli De Mon Big John Bates And The Voodoo Dollz Metal Sludge Extravaganza Mr Wob & The Canes The Moor Moa Anbessa Sound System! Full Crew!

Domenica


Lunedì


Martedì


Mercoledì


Giovedì

 ABRUZZO  Enrico Capuano The Fiftyniners Clementino Colle Der Fomento  BASILICATA  Spasulati Band Barresi Project  CALABRIA  Meganoidi The Traveller - Massimiliano Forleo Simone Scifoni Aka Slim  CAMPANIA  Psychopathic Romantics Galoni Simone Cristicchi The Natural Dub Cluster G-Fast Sonohra  EMILIA ROMAGNA  Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Il Re Tarantola Jack Jaselli Lu Silver And String Band Carlo Maver Javier Girotto Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Cristiano Godano Fabrizio Bosso Gattamolesta  FRIULI VENEZIA GIULIA  Tre Allegri Ragazzi Morti  LAZIO  Karol Wojtyla - La Vera Storia Matteo Sansonetto Junior Kelly Cisco Maria Pia De Vito Buddha Superoverdrive Electric Superfuzz Piji  LIGURIA  Marnero The Manges Mondo Marcio Pink Holy Days Boogarins Lennon Kelly Marta Sui Tubi Lili Refrain  LOMBARDIA  Bluestouch John Abercrombie Management Del Dolore Post-Operatorio Gang Lee Scratch Perry A Storm Of Light Muppet Suicide - Tributo Ai Guns N' Roses Electricity Irreverence Massimo Priviero  MARCHE  Israel Varela Nobraino Bip Gismondi Valentina Gravili Spaghetti A Detroit Tnt Ac/dc Tribute Warsavia  PIEMONTE  Lo Zoo Di Berlino Sad - Official Metallica Tribute Sohn Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi Giovanni Truppi Oneohtrix Point Never Revenga  PUGLIA  Coez Bud Spencer Blues Explosion Marzia Stano Aka Una Giacomo Toni Larry Franco White Queen 99Posse  SICILIA  Tinturia L'orso  TOSCANA  The Zen Circus Giuda Linea 77 Arianna Antinori Alessia Tondo Alla Bua Pipers Majakovich  TRENTINO ALTO ADIGE  Assalti Frontali Bologna Violenta  UMBRIA  Ex-Otago Raster Flor  VENETO  Morblus Band Rumatera The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Modena City Ramblers Ches Smith Black Mama Tolo Marton Lume Black Beat Movement

 ITALIA  Sisyphos  SVIZZERA  The Vad Vuc Joe Colombo Ben Vida Nicola Ratti Cristiano De Andrè  ABRUZZO  Taberna Vinaria Enrico Capuano Drunken Butterfly The Fiftyniners Zolle Tony Borlotti & I Suoi Flauers Majakovich Kyla Brox Brunori Sas Raphael & Eazy Skankers  BASILICATA  Monaci Del Surf Luciano Ligabue Zibba  CALABRIA  Cleo T. Massimo Ranieri Nu Bohemien His Electro Blue Voice Giacomo Toni  CAMPANIA  99Posse Psychopathic Romantics Modena City Ramblers G-Fast La Rappresentante Di Lista Giovanni Truppi Alberto Radius The Natural Dub Cluster  EMILIA ROMAGNA  Redska Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Giuliano Dottori Giovanni Guidi Remida Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Cercasi Cenerentola Ginevra Di Marco Gue' Pequeno  FRIULI VENEZIA GIULIA  Marlene Kuntz Franco D'andrea Gli Sportivi Piero Sidoti - Genteinattesa Daniele Tenca Nobraino Isolde Chambers  LAZIO  Jesus Christ Superstar Dente Nevermind - Tributo Ufficiale Ai Nirvana Ilenia Volpe Il Muro Del Canto Servillo - Girotto - Mangalavite Trio Astenia Nordgarden Adriano Viterbini Unorsominore  LIGURIA  Marnero Le Minigonne – 60S Pop Rock Band Claudio Baglioni Paolo Saporiti Fratelli Di Soledad I Cani Sananda Maitreya Giuda 3 Fingers Guitar Bluestouch  LOMBARDIA  Rudy Rotta Beppe Caruso Renzo Arbore Natrium Stokka & Madbuddy Zeus! Squadra Omega Irreverence La Luz Agony Face  MARCHE  Stormwind Warsavia Les Enfants Fabulous Daddy Freakanto' Rue Royale Valentina Gravili The Kingstones Ex-Otago Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Sintomi Di Gioia Louis Moholo Sohn Enzo Avitabile The Monkey Weather Sell System Slow Feet Dave Douglas Caetano Veloso  PUGLIA  Diodato Alborosie & Shengen Clan Band Dellera Two Door Cinema Club Management Del Dolore Post-Operatorio Marzia Stano Aka Una Maria Antonietta Primo & Squarta – Cor Veleno Coez Emis Killa  SARDEGNA  Cisco Train To Roots  SICILIA  Antonella Ruggiero Joy Garrison Tinturia Nicolò Carnesi Femina Ridens Andre Matos Duo Bucolico C+C=Maxigross Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Mama Marjas  TOSCANA  Crazy Mama Linea 77 Rev Rev Rev Tommy Emmanuel Bad Apple Sons Borghetta Stile Gang Massimo Priviero Violacida  TRENTINO ALTO ADIGE  Talco Francesco Patella Jack Jaselli Assalti Frontali Come Cani Come Angeli Manuel Volpe  UMBRIA  Joe Pisto Aisha Burns 2Pigeons Big Ones Petramante Raster Wemen Green Like July Color Swing Trio  VALLE D'AOSTA  Alldways  VENETO  Ches Smith Big John Bates And The Voodoo Dollz Richard Galliano Freeway Elli De Mon Tributo Italiano Foreign Beggars Levante Luca Aquino Lume

 GRAN BRETAGNA  Leo Pari  SVIZZERA  Witko Bluestouch Casa Del Vento  AUSTRIA  Satelliti  SLOVACCHIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Gasparazzo Joe Colombo Altro Gue' Pequeno    Lee Scratch Perry  SVIZZERA  Dub Incorporation  ABRUZZO  Kaleidoscopic Zibba The Fiftyniners Near Kyla Brox Luminal Gigi Finizio Black Beat Movement Gianni Morandi Magda White & Frank Hammond Band  CALABRIA  Monaci Del Surf Peppe Voltarelli Zeus! Caron Dimonio  CAMPANIA  Joseph Martone And The Travelling Souls Nadar Solo Gnut Antonio Farao' Mauro Ermanno Giovanardi Maria Pia De Vito Eugenio Bennato Marlene Kuntz Giovanni Guidi Cercasi Cenerentola  EMILIA ROMAGNA  Marta Sui Tubi Vinko Globokar Ilaria Porceddu Floyd Machine John Butler Trio Destruction The Manges Barbara Casini Nadia & The Rabbits  FRIULI VENEZIA GIULIA  W.i.n.d. Giovanni Truppi Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus Elvenking The Zen Circus The Orb Tommy Emmanuel Jackie-O-Motherfucker  LAZIO  Toseland Libra Pavic Cosmo Il Muro Del Canto Lucy Love Ron  LIGURIA  Appaloosa Max Gazze' Ken Hensley - Uriah Heep Ken Nicol Finaz Giorgio Conte Kozminski Con Cura The Cure Italian Tribute Warias Biglietto Per L'inferno  LOMBARDIA  Eli Paperboy Reed Spyro Gyra Alessandro Casillo Mellowtoy Nicodemo Il Buio Deez Nuts Toxik Lu Silver And String Band  MARCHE  Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano Giacomo Toni Tolo Marton Nu Bohemien Quei Bravi Ragazzi The Rock'n'roll Kamikazes Gastone Pietrucci & La Macina Dadamatto Drunken Butterfly The Natural Dub Cluster  PIEMONTE  Baba Sissoko Levante Robbie Williams Underdog Neil Zaza Zocaffe May Days Kid Congo Powers And The Pink Monkeys Birds Julia Kent  PUGLIA  Dire Straits Legends Billy Hart Quartet Renzo Rubino Nicolò Carnesi Donpasta Vega 80 Larry Franco Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute Biagio Antonacci I Cani  SARDEGNA  Paolo Recchia  SICILIA  James Ferraro The Traveller - Massimiliano Forleo Giuda Alessandro Lanzoni La Rappresentante Di Lista Flor Iaia Forte Bombino Meganoidi Mike Stern  TOSCANA  Bobo Rondelli Giorgia Progetto Panico Luca Carboni Ravi Coltrane Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Nico Royale Sara Loreni Fratelli Di Soledad Pipers  TRENTINO ALTO ADIGE  Slick Steve & The Gangsters Bamboo Ed Laurie Erin K Golden Animals  UMBRIA  Dinamitri Jazz Folklore Michele Rabbia Carla Bozulich Tetraktis Percussioni Blue Dean Carcione Big Charlie G-Fast Hola La Poyana Taberna Vinaria Michele Maraglino  VENETO  Cisco Michele Calgaro Luca Bassanese Peter Punk Teho Teardo & Blixa Bargeld The Leeches Wayne Horvitz The Dream Syndicate Laura Pausini Ruggero De I Timidi

 SPAGNA  John Grant Dum Dum Girls Charles Bradley  SVIZZERA  Massimo Ranieri  GERMANIA  Leo Pari  BELGIO  Galoni  SPAGNA  Spoon Shellac Standstill Kendrick Lamar St Vincent Caetano Veloso Refree The National  ABRUZZO  Warias Alla Bua Kutso Near Antonio Sorgentone  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Danilo Rea Dulce Pontes Gogol Bordello Caparezza  EMILIA ROMAGNA  Manic Street Preachers Fragil Vida Swearing At Motorists Miles Kane Damien Jurado La Tresca Rain Biffy Clyro Dust  FRIULI VENEZIA GIULIA  Pat Metheny Buckcherry Downset Angus & Julia Stone The Natural Dub Cluster  LAZIO  Billy Idol Solo Banton Roberto Cacciapaglia The Prodigy Vasco Rossi Fish Ca.pe.al. Radio Moscow M Ward Pavic  LIGURIA  Majakovich Bobby Soul Borghese Teho Teardo & Blixa Bargeld Gabor Lesko New York Ska Jazz Ensemble Phono Emergency Tool Bobo Rondelli 3 Fingers Guitar Il Re Tarantola  LOMBARDIA  Italian Dire Straits Pearl Jam Massive Attack Anthrax Bad Religion Motorpsycho Unida Mascara Materdea  MARCHE  Amore Mauro Ermanno Giovanardi Lleroy Jesus Franco And The Drogas Dadamatto Tetuan Monaci Del Surf Maybe I'm... Stri  PIEMONTE  Chiara Giacobbe Chamber Folk Band La Clé Tangerine Dream Pagliaccio Persiana Jones Fetish Calaveras Supershock Lou Dalfin Pablo E Il Mare Pino Scotto  PUGLIA  Bamboo Slow Magic White Queen Destruction Vega 80  SICILIA  Baba Sissoko Donpasta Reijseger Fraanje Sylla Trio Kafka On The Shore  TOSCANA  Alex Britti Massimo Volume Sinfonico Honolulu Le Capre A Sonagli Amadou & Mariam The Pains Of Being Pure At Heart Jama Trio Gang Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu  TRENTINO ALTO ADIGE  Nh3 Simone Cristicchi  UMBRIA  Bettibarsantini Nidi D'arac Nobraino Omar Souleyman The Perfect Strangers Band Tnt Ac/dc Tribute  VENETO  Sad - Official Metallica Tribute Five Horse Johnson Mideando String Quintet Remo Anzovino Alphataurus Band Of Friends The Sade Lu Silver And String Band Bullet Ruggero De I Timidi

 AUSTRIA  Coro Corridore  ITALIA  Dropkick Murphys  LETTONIA  Bastille  SVIZZERA  Biglietto Per L'inferno Sunrise Avenue  ITALIA  Slayer  LETTONIA  Anna Calvi  ITALIA  Sine Frontera  SVIZZERA  Dolly Parton  LETTONIA  You Me At Six Elbow  SVIZZERA  Laura Pausini  LETTONIA  Junip - Josè Gonzales  ITALIA  James Blunt  ABRUZZO  Gasparazzo Caparezza Antonio Sorgentone John Scofield  CAMPANIA  Burt Bacharach Ylenia Lucisano Giulia Mazzoni Javier Girotto Pino Daniele Ska-P Stanley Clarke Chick Corea Chrysta Bell  EMILIA ROMAGNA  Jimmy Hall The National Cut The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin El V And The Gardenhouse Bonnie Bramlett Zu Panda Bear Negramaro Izzy & The Catastrophics  FRIULI VENEZIA GIULIA  Macka B Arianna Antinori And The Davids Jimmy Cliff Ravi Coltrane Kg Man Franz Ferdinand Keron Salmon Aka Kabaka Pyramid Jack Dejohnette Gem Boy Max Romeo  LAZIO  Passenger Massive Attack The Black Keys Modà At The Weekends Alice In Chains Metallica Obituary  LIGURIA  M Ward Girls In Hawaii Jama Trio Delaney Davidson The Peawees Paolo Nutini Kafka On The Shore The Sonics! The Slackers  LOMBARDIA  There Will Be Blood Fabrizio Poggi & Chicken Mambo Deap Vally Dream Theater The Soft Moon Kodaline Al Di Meola Wolfmother John Butler Trio Stromae  MARCHE  Giacomo Toni Aba Shanti I Dub Incorporation  PIEMONTE  Neil Young Mascara L'orage Wemen Giuda Meganoidi The Monkey Weather His Clancyness  PUGLIA  Saluti Da Saturno Adrian Sherwood Almamegretta Alla Bua  SICILIA  Simple Minds  TOSCANA  Jack Johnson Eagles Slick Steve & The Gangsters Morcheeba The Lumineers Robert Plant And The Sensational Space Shifters Jeff Beck Camillore’ Bombino Paolo Fresu  TRENTINO ALTO ADIGE  The Last Killers  UMBRIA  The Roots Dr John Dobet Gnahore Michel Camilo Fabrizio Bosso Hiromi Gattamolesta Fiorella Mannoia Gonzalo Rubalcaba Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar  VENETO  Raphael & Eazy Skankers Extrema Arianna Antinori The Dukes Of Hamburg Luciano Ligabue Luca Bassanese Orion The Official Italian Metallica Tribute Band Emma Afterhours Scorpions

 UNGHERIA  Coro Corridore  ITALIA  Bettibarsantini  ABRUZZO  Giuda Kutso Antonio Sorgentone Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Massimo Ranieri Kronos Quartet Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Michele Rabbia Maria Pia De Vito Asaf Avidan Alessandro Haber Sergio Cammariere Hevia  EMILIA ROMAGNA  Combichrist Radici Nel Cemento Izzy & The Catastrophics Skid Row Miami & The Groovers Franz Ferdinand Little Taver  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  Paolo Jannacci L'orage Sick Of It All Boy & Bear  LOMBARDIA  Agnostic Front Nofx Converge Gem Boy The Last Killers Luca Bassanese His Electro Blue Voice Bombino The Peawees  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Cesare Carugi Daniele Tenca Anti-Flag Mandolin Brothers  PUGLIA  White Queen Seun Kuti Manu Chao Slick Steve & The Gangsters Alla Bua Avishai Cohen  SARDEGNA  Elina Duni Quartet Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale)  SICILIA  Alex Britti  TOSCANA  Dave Holland Pippo Pollina I Gatti Mezzi  TRENTINO ALTO ADIGE  Raphael Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar  UMBRIA  Peter Hook And The Light Basement Jaxx Taberna Vinaria The Courteeners La Tresca Paul Weller Parlor Snakes Boxerin Club Kaiser Chiefs Monaci Del Surf  VALLE D'AOSTA  Lou Dalfin  VENETO  The Mojomatics Ruggero De I Timidi Arianna Antinori Camillore’ Violacida



Renato Zero

Renato Zero è presentato da:

F&P Group

F&P Group VIA DEI SORMANI 3 - 02/4805731 - Milano info@fepgroup.it www.fepgroup.it


RENATO ZERO

A tre anni e mezzo dall'ultimo album di inediti (“Il Dono”), esce “PRESENTE”, l'atteso nuovo disco di RENATO ZERO, anticipato dal primo singolo estratto dall'album, “ANCORA QUI”, in radio dal 13 marzo. Pubblicato da Tattica (in vendita in tutti i negozi tradizionali e digitali con una diffusione commerciale senza precedenti in Italia) e prodotto da RENATO ZERO, “PRESENTE” racchiude 17 canzoni inedite ed è stato arrangiato da Danilo Madonia, Chris Porter e Maurizio Parafioriti. Alla realizzazione artistica del disco hanno collaborato illustri musicisti come Gianluca Podio e Maurizio Fabrizio (compositori), Lele Melotti (batteria), Paolo Costa e Mickey Feat (basso), Phil Palmer (chitarre), Fabrizio Bosso (tromba), Stefano Di Battista (sax), Rosario Jermano (percussioni) e lo stesso Danilo Madonia (piano e tastiere). Ad alcuni testi hanno collaborato Vincenzo Incenzo e Mariella Nava. “PRESENTE” vanta anche la partecipazione dell'Orchestra Sinfonietta di Roma, diretta dal Maestro Renato Serio, e di Mario Biondi (che duetta con Renato nel brano “Non smetterei più”).Questa la tracklist dell'album: “Professore”, “Ancora qui”, “L'incontro”, “Questi amori”, “Muoviti”, “Non smetterei più”, “Un'altra gioventù”, “Quando parlerò di te”, “Ambulante”, “Almeno una parola”, “L'ormonauta”, “Da adesso”, “Giù le mani dalla musica”, “Spera o spara”, “Vivi tu”, “Il sole che non vedi” e “Dormono tutti”.Per la prima volta nella storia della discografia italiana un grande artista non si avvale di una major o di una indipendente (tra quelle affermate e consolidate nel panorama musicale) per la produzione, il marketing e, soprattutto, la distribuzione del proprio disco. Questo artista si chiama RENATO ZERO. Con “PRESENTE”, infatti, il cantautore romano, ha voluto percorrere per primo la strada di una progettazione artistica e commerciale a 360° senza la mediazione di una tradizionale casa discografica, rivelandosi così un antesignano anche in questo, dopo esserlo stato in tante altre scelte compiute nel corso della sua lunga carriera artistica.Intorno alla bandiera della musica, e RENATO ZERO ne è un testimone importante, si incrocia la bandiera del cinema italiano. Il videoclip del brano “ANCORA QUI”(prodotto dalla Buddy Film), infatti, girato in una villa del '600 alle porte di Roma e diretto da Alessandro D'Alatri, vede la straordinaria ed amichevole partecipazione di un cast eccezionale composto da Manuela Arcuri, Asia Argento, Paola Cortellesi, Paola Tiziana Cruciani, Massimo Ghini, Leo Gullotta, Alessandro Haber, Rodolfo Laganà, Olivia Magnani, Giorgio Panariello, Rocco Papaleo, Giorgio Pasotti, Daniele Pecci, Vittoria Puccini, Elena Sofia Ricci ed Emilio Solfrizzi, ognuno dei quali interpreta una parte del brano musicale con il playback della voce di RENATO ZERO che chiude il videoclip.. www.zenzero.it

Live di Renato Zero


Nessun evento trovato in archivio







Testi in archivio:

  • 14/12/2005 13:23 - RENATO ZERO BIOGRAFIA 1950: Renato Fiacchini (in arte Renato Zero) nasce ...

    RENATO ZERO BIOGRAFIA 1950: Renato Fiacchini (in arte Renato Zero) nasce a Roma in Via di Ripetta il 30 settembre da Ada e Domenico Fiacchini. 1964: è l'anno del suo esordio al Ciak di Roma 1966: esibendosi al Piper viene notato dal coreografo Don Lurio che lo inserisce nel gruppo di ballo di Rita Pavone "Collettoni e Collettine". Sono dello stesso periodo le sue partecipazioni al programma di Renzo Arbore e Gianni Boncompagni realizza il suo primo 45 giri intitolato "Non basta mai" 1969: Federico Fellini lo vuole per una parte nel suo film "Satyricon" 1970: fa parte del cast dell'edizione italiana del musical "Hair" e della Rock-opera di Tito Schipa jr. " Orfeo9". 1972: firma il suo primo contratto discografico come cantautore con la RCA 1973: esce il suo primo Lp intitolato "No! Mamma, No!" che riscuote un buon successo di critica. Inizia in questo periodo un'intensa attività promozionale con spettacoli in tutta Italia 1974: Esce il suo secondo Lp "Invenzioni"; inizia la sua collaborazione con Piero Pintucci e Franca Evangelisti con i quali firmerà numerosi pezzi negli anni successivi; 1976: Conquista il suo primo grande successo di pubblico e di vendite con il 45 giri "Madame" tratto dal suo terzo Lp "Trapezio". 1977: E' l'anno della sua consacrazione come cantautore ma anche come show-man; pubblica infatti "Zerofobia che raggiunge le vette della hit-parade grazie a pezzi come "Il cielo" e "Mi vendo". Ma "Zerofobia" è anche il titolo del suo nuovo spettacolo che registra per mesi il tutto esaurito in ogni città d'Italia. 1978: Nasce Zerolandia, il grande tendone itinerante sotto il quale affluiscono ogni sera migliaia di "sorcini" ed esplode in tutta Italia la Zerofollia. Esce il quinto Lp "Zerolandia" che resterà saldamente in testa alle classifiche nazionali per molte settimane. 1979: Zerolandia diventa anche l'etichetta discografica con la quale Zero produrrà d'ora in poi tutti i suoi dischi. Esce "Ero Zero", ed è nuovamente un trionfo di critica e pubblico. Sale in testa alle vendite sia con l'album che con il 45 giri da esso estratto "Il Carrozzone". Vince a Venezia la "Gondola d'oro 1979". Realizza per la Cineriz il suo primo film "Ciao nì", un'ironica storia musicale a carattere autobiografico. Sotto il tendone di Zerolandia realizza il suo spettacolo più magico ed esaltante, "Ero Zero", in cui teatro e musica si fondono in una kermesse ricca di costumi fantasmagorici. 1980: Zero compie trent'anni e la sua discografia si arricchisce di un altro doppio Lp dal significativo titolo "Tregua" in cui si può scorgere una raggiunta maturità artistica ed umana. Esce contemporaneamente il 45 giri "Amico" realizzato in collaborazione con Dario Baldan Bembo. 1981: In aprile esce il doppio Lp-live "Icaro", registrato durante la Tournée "Tregua" dell'anno precedente. Sempre in aprile la Rai trasmette il programma "Viaggio a Zerolandia", uno special su un concerto tenuto da Zero a Torino per la regia di Valerio Lazarov. Nel mese di dicembre esce l'album doppio "Artide Antartide". 1982: Conduce dai microfoni di Rai 2 la trasmissione "Fermoposta Zerolandia". Fa parte del cast-conduttori di Fantastico 1982 accanto a Raffaella Carrà e Corrado presentando un suo teatrino dal titolo "Fantastico Zero". Durante l'autunno presenta al Piper di Roma la sua nuova fatica discografica dal titolo "Via Tagliamento 1965- 1970", un tributo al luogo dove prese avvio la sua carriera. 1983: Con "Via Tagliamento" ancora in classifica, esce nel mese di aprile il suo primo Q-Disc "Calore". 1984: Realizza il suo dodicesimo Lp dal titolo "Leoni si nasce". 1985: Pubblica "Identikit", compilation di suoi precedenti successi. 1986: Alterna un'intensa attività di concerti alla produzione discografica che corona con la realizzazione del suo tredicesimo album "Soggetti smarriti". 1987: Dopo una pausa di riflessione ed approfondimento, Zero si propone con una immagine diversa e frutto della sua grande esperienza di vita accanto ai giovani, sempre in prima linea nell'affrontare i grandi temi dell'emarginazione dell'amore e dell'amicizia. Tale impegno trova voce con l'uscita di un album doppio di profonda intensità: "Zero". 1989: Dopo quasi due anni di "silenzio", Zero produce al Parsifal studio di Londra in collaborazione con Geoff Westley,"Voyeur", album animato da una vibrante sonorità e da una ritmica travolgente. 1990: Un anno importantissimo per l'artista romano che si ripropone al suo pubblico nel suo habitat artistico prediletto/ il grande tendone circense. In febbraio parte infatti il Tour Voyeur che toccherà tutte le principali piazze italiane registrando ovunque il tutto esaurito. Dopo una breve sosta riprende i concerti sotto il grande tendone di Bussola-domani-Stellarium tenendo il cartellone per tutta la stagione estiva che si concluderà a Firenze con la grande festa per il suo 40esimo compleanno. 1991: Esce "Prometeo", doppio Lp registrato dal vivo durante il tour dell'anno precedente. Partecipa al Festival di Sanremo 1991 con il brano "Spalle al muro": si classifica al secondo posto raccogliendo larghi consensi di critica e di pubblico. 1993: Nasce Fonopoli, l'inevitabile meta di un percorso coraggioso e coerente all'insegna dell'impegno e dell'incrollabile fede nella "gente comune". E' per dare vita a questa iniziativa che Zero torna sulla sua decisione di abbandonare le scene. Quale migliore cassa di risonanza per promuoverla di Sanremo! Partecipa infatti all'ultima edizione sollevando, come di consueto, grande scalpore e polemiche, con il brano "Ave Maria". escono contemporaneamente l'album "Quando non sei più di nessuno" e il mini-disc "Passaporto per Fonopoli", (i proventi di quest'ultimo andranno tutti in favore di Fonopoli). Il 19 di aprile debutta al Regio di Parma con il suo nuovo Tour "ZerOpera", che si avvale per la prima volta, dell'accompagnamento di un'orchestra sinfonica e che toccherà i più prestigiosi teatri d'Italia. 1994: "L'imperfetto".

  • 14/12/2005 13:23 - E’ il peso del modello, la fede nella verità, la ...

    E’ il peso del modello, la fede nella verità, la certezza nel progresso, la costosa strumentazione: tutto ciò non fa di noi un popolo pop. E così, la povera moquette è costretta ad infiltrarsi qua e là, tra improvvisi ed incontrollati effetti larsen (indubbiamente un dono di dio), nei simpatici volti tesi dei musicisti, nei missaggi dai dosaggi variabili, nella continua rincorsa che ognuno fa, alzando il volume del proprio amplificatore, per cercare di essere sentito di più, di sovrastare sugli altri. Io ammiro. Mi dispiace solo per il pop, che altro non è che l’utilizzo su larga scala degli scarti di moquette, per creare oggetti dal valore sia simbolico che emozionale che economico, triangolo micidiale, che già il buon Renato Zero ebbe modo di illustrarci, risultando miseramente non capito. Non era una questione di sesso, magari, era un improvviso lampo di lucidità, l’ultimo atto politico degli anno settanta, “garantisci per lui”, il mercato che entra di prepotenza nel mondo della musica “maledetto chi sei” ed impone le sue regole e distribuisce i suoi piaceri “ma il triangolo io lo rifarei, perchè no, lo rifarei”. Ascoltatela ben benino, è “l’artista” ad un passo dalla consegna dei propri diritti alle ditte della musica, è il momento dello spossessamento, la fine dell’ingenuità, “ciao ni”, nè no, nè sì, addio realtà, a presto. Il triangolo è chiuso, la scelta è stata fatta, non esiste un prodotto pop che non sia anche vendibile, non esiste un prodotto pop che non rimandi o contribuisca a costruire un Mondo, non esiste un prodotto pop che non sia immediatamente fruibile, su di un piano non intellettuale, senza tanti ragionamenti: il pop piace o non piace, niente storie, Renato insegna.

  • 14/12/2005 13:23 - RENATO ZERO Amore Dopo Amore Smessi ormai da tempo i panni ...

    RENATO ZERO Amore Dopo Amore Smessi ormai da tempo i panni del guru popolare, Renato Zero ha perseguito negli ultimi anni un itinerario nel quale ha cercato di definire una sorta di pop d'autore mediando tra lo stile dello chansonnier (come accadde con Ave Maria al Sanremo del '93) e la canzone melodica più tradizionale. Questo album prosegue in quella direzione perfettamente coadiuvato dall'ottima produzione di Phil Palmer, anche se risulta sbilanciato verso la dimensione pop, e a risentirne di più è proprio la qualità strettamente musicale delle canzoni, che spesso presentano sviluppi scontati ed esiti melodici prevedibili con l'eccezione dei brani in cui l'ispirazione sembra più sentita, come nella patriottica "L'italiana", "L'impossibile vivere" e "La grande assente", partecipato omaggio all'amica Mia Martini. Sono canzoni, queste, nelle quali l'innegabile capacità istrionica di Zero si rivela al meglio.

  • 14/12/2005 13:23 - Per l’artista romano è il momento di tornare a salutare ...

    Per l’artista romano è il momento di tornare a salutare i "sorcini" dopo il successo del nuovo album "La curva dell’angelo", attualmente ai vertici delle classifiche italiane di vendita. Renato Fiacchini, questo il suo vero nome, a 52 anni si conferma ancora uno degli autori più amati nel panorama della canzone italiana d’autore. Partito negli anni ’60 dal Piper, storico locale notturno romano, debutta in campo discografico nel 1973 con "No! Mamma, no!" e un look che per l’epoca fa storcere il naso ai benpensanti. Ambiguo nei vestiti e negli atteggiamenti, coraggioso nei testi delle canzoni, Zero si ritaglia immediatamente uno spazio tutto suo in un panorama musicale fatto di seriosi cantautori e virtuosi interpreti. Gli anni ’70 sono quelli più ricchi di successi ("Il triangolo", "Mi vendo", "Il cielo", "Il carrozzone", tanto per citarne alcuni), mentre gli ’80 lo vedono sopravvivere fra molte difficoltà. Nel 1991 Renato Zero si presenta per la prima volta sul palco dell’Ariston a Sanremo con "Spalle al muro". E’ il grande ritorno e l’inizio della fase "matura" della sua carriera, nonché del "Progetto Fonopoli". Nel 1998 esce il suo ventunesimo disco, "Amore Dopo Amore", seguito da un tour caratterizzato da un successo straordinario. A tre anni di distanza, infine, esce il nuovo album originale "La curva dell’angelo", anticipato dalla canzone "Non cancellate il mio mondo".

  • 14/12/2005 13:23 - La sua definizione sullo ZERO: “Zero per ripicca verso il ...

    La sua definizione sullo ZERO: “Zero per ripicca verso il mondo, perché questo numero non esiste ma è alla base di tutto e poi è rotondo e quindi non ha inizio e non ha fine, come la luna, il sole, l'embrione, l'infinito. Zero, come sfida, come simbolo, come entità ricorrente”. Renato Fiacchini, in arte Zero, nasce a Roma, il 30 Settembre 1950; figlio di un'infermiera e di un Poliziotto, frequenta le scuole fino alla III Media dopodichè si dedica completamente alla sua vera Passione: l'Arte. A 14 anni ottiene il suo primo contratto, al Ciack di Roma, per 500 lire al giorno. Nel 1965; s'inaugura a Roma, un locale che diventerà "storico": il Piper Club. E' lì che Renato, comincia a frequentare le persone dello spettacolo, che possono tangibilmente aiutarlo: Federico Fellini, Don Lurio, Gianni Boncompagni, Renzo Arbore, Rita Pavone, Patty Pravo (soprannominata "la ragazza del Piper"), Fabrizio Zampa, Gianni Minà e, quelle che diventeranno le amiche del cuore, Loredana Bertè e Mimì Berté (successivamente diventerà semplicemente Mia Martini). Sempre in questo periodo partecipa come figurante alla trasmissione radiofonica Bandiera Gialla condotta da Renzo Arbore e Gianni Boncompagni. Nel 1967 ottiene, finalmente, la possibilità di incidere un 45 giri con la complicità di Gianni Boncompagni, conosciuto al Piper Club in una delle tante serate vissute in compagnia e conterrà due brani d'atmosfera tipicamente d'epoca: Non basta sai/ In mezzo ai guai Il risultato fu deludente, ma il giovane Renato, non si arrese e andò avanti per la sua strada. Ottenne, dopo regolare corso, l'Attestato come Operatore cinematografico e partecipò ad un Corso di Danza organizzato da Renato Greco. Nel 1968 partecipa, come comparsa, al film La bambolona. Il 1969 è l'anno dei "collettoni" e "collettine" di Rita Pavone: un gruppo di ballo per la trasmissione trasmessa dalla RAI, Stasera Rita, Renato farà parte, appunto, del gruppo di ballo scelto dal Coreografo Don Lurio. Partecipa, come figurante, alla trasmissione radiofonica, Per voi Giovani, condotta da Renzo Arbore e Gianni Boncompagni: sempre in questo periodo, Renato sbarca a Cinecittà per una comparsa nel film, diretto dal Maestro Federico Fellini, Satyricon. Il 1970 è l'anno di Hair, versione italiana del Musical statunitense. Al progetto, oltre a Renato, aderiscono giovani di belle speranze quali Teo Teocoli e Ronnie Jones. Andrà in scena al Teatro Sistina di Roma. Nel 1971 Renato appare come comparsa nel film Roma (ancora una volta con il grande regista, Federico Fellini). Nel 1972 appare come comparsa nel film La mala ordina. Dopo aver firmato un contratto senza restrizioni con la casa discografica RCA, con sede in Roma, alla fine del 1972, Renato entra subito in studio di registrazione con l'intenzione di realizzare un LP con un filo conduttore che legasse i brani l'uno con l'altro Alle prime conclusioni ebbe la sensazione di confondersi con altri cantautori. Decise di cambiare l'atmosfera. I tempi si allungavano ma, oltre a non perdersi d'animo, si caricava sempre di più. L'importanza del suo primo LP lo rendeva molto critico ed in ogni caso non era soddisfatto dei risultati ottenuti. Sentì allora il bisogno di registrare dal vivo, su un palcoscenico aveva fatto anni d'esperienze. Si sentiva a suo agio e sicuro di sé. Cercò minuziosamente uno spazio adeguato e, dopo profonda meditazione, scelse un locale nel cuore di Roma, un glorioso Folkstudio dove si era esibito anche Bob Dylan. Non gradì molto la situazione e volle organizzare subito una presentazione in un altro locale. Scelse immediatamente il Teatro Centrale e volle registrare direttamente lì il suo primo album. Fu invitata una folta schiera di addetti ai lavori, compreso Eddy Ponti che salì sul palco e lo presentò. E' il 1973, e nasce l'album dal vivo "NO MAMMA NO". Quell'apparizione, dai critici, fu segnalata come un tentativo di imitare personaggi stranieri. Renato ne rimase sgomento. Dopo anni di lavoro sotterraneo non accettava la definizione di "Copione". Quel ruolo era stato sempre suo, prima della nascita del personaggio "Bowie" e a nulla valsero le sue rimostranze, fu lo stesso etichettato una "copia". Anche in RCA si sentiva questo peso, lo stesso Bowie era un loro artista. Iniziarono obbligatoriamente le prime incomprensioni tra Renato e la RCA, per il mancato supporto economico (che la casa aveva promesso) destinato alla produzione di spettacoli dal vivo, importanti anche per la promozione del disco. Renato sapeva che esprimere davanti al pubblico il significato di un'opera musicale portava ad essere compreso ed apprezzato e, per questo motivo, era pronto ad un'estenuante tournee nonostante la RCA continuasse a definire il disco "Poco coinvolgente" e non voleva rischiare. Nel 1974, Renato aveva già preparato un altro LP ed era pronto ad inciderlo, ma discografici non erano ancora molto convinti. Renato preparò personalmente un comunicato stampa. “Renato Fiacchini, nato a Roma il 30 Settembre 1950, sarebbe stato un ottimo impiegato della SIP se non fosse stata la sua eccentricità ed il suo estro a ricordargli che il suo posto era sul palcoscenico. Ha dovuto lottare per imporsi contro il mondo che voleva fare di lui oggetto di studio e di ricerca. Oggi il mondo sa di avere a che fare con un artista che canta la sua vita e quella degli altri…..”. Questa dichiarazione fu presa con ironia dai critici che non gradivano una figura di cantante intellettuale indipendente fece infuriare Renato che rispose: “Dall'incertezza di non arrivare ad essere capito alla sicurezza di un contatto vero con il pubblico, con il mondo e con me stesso. Sotto i lustrini di questo personaggio prende forza un'anima che spero ardentemente arrivi fino a voi”. Per Renato le maschere ed il trasformismo hanno il significato di rappresentare l'uomo, l'individuo che si maschera dietro qualcosa, per mettere in evidenza i "mali" della società. Nasce così "INVENZIONI" con brani dai testi un po’ forti per il periodo in cui viene pubblicato: "Qualcuno mi renda l'anima", "L'evento", "Tu che sei mio fratello", "Depresso", sono sintomatici di argomenti e situazioni che in alcuni casi, Renato ha addirittura anticipato. Arriva il 1976 e finalmente Renato riesce ad ottenere dalla sua casa discografica (la RCA), le basi musicali delle sue canzoni. E' fondamentale per l'Artista andare incontro alla gente, esibirsi, solo così può far conoscere il suo "mondo". Prepara contemporaneamente un nuovo album e la sua prima tournee, entrambi con uno stesso filo conduttore: il "TRAPEZIO". Renato stesso spiega il senso del suo nuovo lavoro: “Trapezio non è altro che la rappresentazione di una Broadway fallimentare, in decadenza, dove tutti i personaggi alla fine dello spettacolo si scoprono meno artisti ma più esseri umani, forse anche perché sconfitti. In generale il Trapezio è il circo, la scena della vita. Per un acrobata il momento più importante della serata è quando lascia la piattaforma, stacca i piedi dalla terraferma e si lancia nel vuoto. Se afferrerà il trapezio sarà un vincitore, un realizzato, in caso contrario... E' una scelta che dura una frazione di secondo e proprio per questo è fondamentale. Questo succede anche nella vita quotidiana prima o poi a tutte le persone si presenterà l'occasione di lanciarsi nel vuoto, ma quante lo faranno? Quante avranno il coraggio sufficiente? I realizzati, gli espressi fino in fondo, per me sono coloro che si sono tuffati nel vuoto, che hanno rischiato. "Hanno arrestato Paperino" cioè la salvezza della nostra antica giovinezza, che è stata messa in galera per spaccio e detenzione, oppure "Il caos" che prende in considerazione l'incomunicabilità tra le persone. Per me le cose sarebbero molto più semplici se si uscisse in venti e non in due, mano della mano oppure soltanto con l'amico d'infanzia. La canzone che più mi appartiene è senza dubbio "Salvami" ed è dedicata a tutte le persone che battono la strada tutta la vita alla ricerca di un io. Per me la strada è la casa più bella che un uomo possa avere. Inoltre per dare un senso di continuità alla mia storia ci sono tre miei pezzi più vecchi: "Metrò", "Inventi" e "No! Mamma no!"” Per la prima volta entra in classifica, nella Hit Parade dei dischi più venduti, il suo 45 giri "Madame/Un uomo da bruciare", sale fino alla 15^ posizione. Ultima comparsata cinematografica, sempre con il Maestro Fellini, nel film "Casanova". Sempre di questo periodo è la presenza nella trasmissione RAI Zero & Company. E' il 1977 e Renato si rimette al lavoro. La sua popolarità è aumentata vertiginosamente in un solo anno, l'artista si sente responsabilizzato e sa che non può fallire... Il suo cervello vulcanico partorisce "ZEROFOBIA" e sarà la sua fortuna. Quando il disco viene dato alle stampe, l'accoglienza del pubblico è praticamente identica al precedente lavoro, cioè tiepida. La molla trascinante sarà il successivo spettacolo che prende lo stesso titolo dell'album, uno show con un tema ben identificato, quello di vivisezionare la nostra società, farla passare ai raggi X affrontando le figure base che accompagnano la nostra vita: il padre e la madre prima, l'amante poi, e per molti di noi la psicoanalisi, un "fenomeno" dei nostri tempi, ma allo stesso tempo, rappresentato come un grosso bluff. Il disco avrà un grosso successo di vendite, così come il 45 giri contenente "Mi vendo" e Morire qui". Il "fenomeno" è scoppiato e la popolarità aumenta a sempre più. Arriva il 1978 e Renato riunisce il suo staff di sempre: ha deciso di produrre da solo i suoi dischi. Crea la "Zeromania Music Edizioni" ed una nuova etichetta: "Zerolandia", distribuita dalla casa discografica RCA. Dopo l'album precedente, il pubblico si aspetta sempre di più e l'artista pubblica "ZEROLANDIA", una sorta di viaggio senza passaporto, nella terra senza tempo e senza certezza. Brani come "La favola mia", "Sogni di latta", "Triangolo", "Sesso o esse", "Sbattiamoci", "Una guerra senza eroi", "Uomo no!", diventano immediatamente dei veri e propri "cult" ed il 45 giri balza subito ai vertici della Hit Parade, così come l'album, ormai è successo pieno. Il 1979 è l'anno della definitiva consacrazione. Nel mese di febbraio esce il suo primo (e finora unico) film da protagonista, intitolato "Ciao Nì!". E' un successo di pubblico incredibile, supererà negli incassi addirittura il kolossal americano Superman! Affitta un tendone dai circensi Togni e lo chiama Zerolandia. Pubblica un nuovo lavoro discografico intitolato "EROZERO", logica conseguenza del precedente. Il suo 45 giri contenente "Il carrozzone/Baratto" così come l'album stesso, arriveranno al primo posto in classifica dove rimarranno per ben otto settimane. A settembre vincerà la Gondola D'Oro grazie alle vendite del suo singolo. E' il 1980 e nel mese di maggio l'artista raduna i suoi collaboratori di sempre (Evangelisti, Conrado, Caviri, Cini, Pintucci) ed entra in sala d'incisione. I brani escono da soli tanto che Renato sarà costretto a pubblicare un doppio album, acquistabile anche singolarmente. Il disco, il cui titolo è TREGUA, è dedicato al padre Domenico. Il 45 giri contenente "Amico"/Amore si, amore no!" arriva immediatamente al primo posto in classifica (ci resterà per ben dieci settimane) così come l'intero lavoro (dieci settimane anch'esso al numero 1). E' un album ricco di canzoni trascinanti oltre la "classifica" come "Guai", "Niente trucco stasera", "Non sparare", "Svegliati", "Fortuna", "Potrebbe essere Dio". Il 1981 presenta un Renato ricco di sorprese e di trovate. A marzo pubblica il doppio live "ICARO", contenente due brani inediti."Chi più chi meno" e "Più sù", oltre al meglio della sua produzione, rigorosamente dal vivo. E' un successo senza precedenti per un disco "live", arriva addirittura al primo posto in classifica. In estate, senza nessun preavviso, Renato pubblica un 45 giri con una canzone inedita "GALEOTTO FU IL CANOTTO" e sull'altro lato, l'ormai famosissima "Più sù". Subito dopo l'estate, l'artista raduna il suo staff (Conrado, Evangelisti, Baldan Bembo, Pintucci, manca il grande Ruggero Cini, perché prematuramente scomparso) e prepara il nuovo lavoro discografico. La sua intenzione è quella di rappresentare gli opposti: il bianco e il nero, il bene e il male, il polo sud e il polo nord. Tra ottobre e novembre Renato entra in sala di registrazione e il 1° Dicembre presenta uno dei più bei dischi di tutta la sua produzione: ARTIDE ANTARTIDE, grazie al quale vincerà il premio per il Disco più venduto dell'anno, (un milione di copie vendute). L'album contiene canzoni ancora oggi considerate dei capisaldi della sua produzione. "Ed io ti seguirò", "Marciapiedi", "Non passerà", "Sterili", "Padre Nostro", "Il jolly", "Gente", "Stranieri". Nel 1982 partecipa come ospite fisso con un suo spazio autogestito, alla trasmissione di Rai1 abbinata alla Lotteria Italia, "Fantastico3", dove presenterà brani storici del suo repertorio, intervallati con altri della nuova produzione, raccolta nel doppio album "VIA TAGLIAMENTO 1965 - 1970". Il disco è un tributo al periodo del Piper ed arriva subito al primo posto in classifica dove resterà per ben 8 settimane consecutive. Il nuovo lavoro discografico sarà presentato proprio al "Piper Club" e furono invitati i frequentatori dell'epoca. Le canzoni che più rappresentative di quel magico periodo sono: "Piper club", "Che bella libertà", "Resisti", "Ragazzo senza fortuna", "Angeli", "Ci tira la Vita", "Soldi" (sigla finale di Fantastico3), "Viva la RAI" (sigla del suo spazio nell'ambito della trasmissione Fantastico3), "Ancora fuoco". Presenta in Radio (RAI), la trasmissione "Zerolandia Fermoposta", il cui successo porterà alla luce altre due edizioni: "Zerolandia Fermoposta ci riprova" e nel 1983, "Zerolandia" "Fermoposta in StereoZero". Il 1983 è l'anno del Q - Disc estivo "CALORE". Renato, per ringraziare il suo pubblico (i dischi, purtroppo sono molto cari e Renato ha pubblicato in 3 anni 4 album doppi di levatura eccelsa), esegue questo lavoro discografico che avrà un notevole gradimento (resterà 6 settimane consecutive al primo posto). Sulle "SPIAGGE", la "VOGLIA" di "NAVIGARE", con "FANTASIA". Il 1984 ci presenta un Renato pieno di grinta e di rabbia per la chiusura del tendone Zerolandia. Prepara un disco come se fosse un film: un "concept - album" dove mette in risalto un artista che, nonostante tutto non vuole mollare e che esige il suo spazio dopo anni di dura gavetta. Per presentare il nuovo lavoro discografico, organizza una conferenza stampa allo Zoo di Roma e per ribadire la sua rabbia, si presenta indossando una pelle da leone con tanto di pigmei al seguito. La provocazione ottiene il suo scopo e il disco sale subito al primo posto in classifica. Da ricordare "Da uomo a uomo", "Per non essere così" e "Giorni" ed il titolo non poteva che essere "LEONI SI NASCE". Per questo lavoro discografico egli si avvale di collaboratori d'eccezione: oltre a grandi musicisti anche di un'orchestra sinfonica diretta dal Maestro Renato Serio. Poco prima di Natale, registra in diretta un album composto da vecchi successi completamente riarrangiati dal Maestro Renato Serio ed eseguiti da un'orchestra composta da 25 elementi (la stessa del tour). Nell'album, il cui titolo è "IDENTIKIT ZERO", sono compresi anche due brani inediti: "La gente come noi" e "Io qui". Nel 1986 l'artista abbandona i costumi variopinti per presentarsi in una veste più sobria. E' l'anno di "SOGGETTI SMARRITI", un lavoro discografico che ci presenta una nuova era di Renato Zero. L'album vincerà il disco d'oro per centomila copie vendute. Da ricordare brani come: "Infiniti treni", "Fantasmi", "Ostinato amore", "Problemi". Nel 1987 organizza una conferenza stampa per presentare il nuovo lavoro discografico intitolato, opportunamente, ZERO, dove mostra il suo vero volto senza trucchi e senza inganni. I suoni, gli arrangiamenti, i testi, sono chiaramente traducibili in un unico comune denominatore: la maturità artistica di un "teatrante" dello spettacolo, che va alla ricerca di nuove collaborazioni per crescere e maturare di più. Il disco è stato mixato al Puk Studio in Danimarca e il suo staff è quello di sempre con l'aggiunta di Troiani e Lakatos per i brani, rispettivamente, "Ho dato", "Telecomando", "Artisti". Da ricordare brani come "Siamo eroi", "Calendario", "Promessa", "Più o meno". Il 1989 è l'anno della svolta ed ecco, quindi, il viaggio in Inghilterra, alla ricerca di suoni nuovi e nuove ispirazioni. L'incontro con il grandissimo Geoff Westley sarà molto importante per l'artista, che inoltre conoscerà e collaborerà con l'altrettanto grande Phil Palmer (già collaboratore di Paul Mc Cartney). Il risultato è un album ricco di suoni e di sfaccettature. Il titolo del lavoro discografico è "VOYEUR": uno sguardo sul mondo; un atto d'accusa feroce sul problema dell'incomunicabilità dei giovani rampanti e su tutto ciò che non va nei comportamenti umani. Il disco viene registrato e mixato al Parsifal Studio di Londra e le canzoni da segnalare sono "Il canto di Esmeralda", "Voyeur", "I nuovi santi", "Accade", "Talento", "Rose", "Ha tanti cieli la luna". Nel 1991 Renato Zero partecipa per la prima volta al Festival di Sanremo, con una canzone scritta per l'occasione da Mariella Nava: "Spalle al muro". La sua esibizione, così come il significato del brano, ricevono un lunghissimo applauso con tutto il pubblico in piedi. Non vincerà il Festival, ma fu il vero trionfatore di quella edizione. Il disco live "PROMETEO", contenente il brano sanremese, nonché un altro brano inedito scritto da Renato nel 1965, "L'equilibrista", ha venduto 250 mila copie ed ha raggiunto la terza posizione nella Hit Parade. L'incisione di "Spalle al muro" fu eseguita dalla Royal Philarmonic Orchestra di Londra, diretta e arrangiata dal grande Geoff Westley. Per Natale pubblica una raccolta di inediti, scritti tra il 1977 e il 1990, alcuni riveduti e corretti, s'intitola "LA COSCIENZA DI ZERO". Da ricordare i brani "Regalati una sera", "Più insieme". Nel 1992 accetta di tornare in Televisione per presentare, in compagnia di Giancarlo Magalli e Barbara De Rossi, la Trasmissione della RAI, "1, 2, 3, RAI…Riva Del Garda" e con l'occasione, annuncia, per la prima volta, il progetto Fonòpoli. Il 1993, il suo nuovo lavoro discografico si intitola "QUANDO NON SEI PIÙ DI NESSUNO". Partecipa ancora una volta al Festival di Sanremo, presentando il brano, "Ave Maria" ed alla fine della sua esibizione, tutto il pubblico, in piedi, gli attribuì un applauso di dieci minuti. Per questo lavoro ha convocato musicisti stranieri che hanno suonato con i grandi del rock e del blues, Centofanti, il Maestro Serio, l'Orchestra Sinfonica ed il Coro dell'Unione Musicisti di Roma. I testi dei brani contenuti nell'album sono tutti scritti da Renato, fatta eccezione per "Figli della guerra" e "Casal De' Pazzi" (liberamente tratto dagli scritti di P.P. Pasolini), per i quali ha chiesto la collaborazione di Franca Evangelisti. Le musiche, sono state scritte ed arrangiate dal Maestro Serio e da Dario Baldan Bembo. Contemporaneamente incide un mini CD, "PASSAPORTO PER FONOPOLI" (contenente un calendario disegnato da Giovanni Barca e la Tessera dell'Associazione) i cui proventi sono interamente destinati a Fonòpoli. Il CD in questione contiene 3 brani inediti ("Me ne fotto", "I ragazzi nella pioggia" e "Giorni senza storia") più "Ave Maria", già inclusa nell'album. Il 1994 è l'anno de "L'IMPERFETTO". Il disco viene registrato e mixato, presso lo Studio Fonòpoli di Roma con la partecipazione di 13 i musicisti e di coristi del calibro di Baraonna, Augusto Giardino e Pasquale Schembri. Tutto il disco è di grande spessore a livello di testi, musica e arrangiamenti, con sonorità rock. Sempre dello stesso anno è la partecipazione di Renato alla Colonna Sonora del film di Tim Burton "NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS". Le canzoni in cui è presente l'Artista sono "Re del blu", re del mai", "Cos'è", "Assemblea cittadina", "L'ossessione di Jack", "Far Natale", "Povero Jack" e "Finale/Reprise". Inoltre presta la voce al personaggio Jack Skeletron nei dialoghi. Nel 1995 pubblica il CD, omaggio per i 30 anni di carriera: "SULLE TRACCE DELL'IMPERFETTO". In questo lavoro parteciperà l'Orchestra dell'Accademia Musicale Italiana diretta e arrangiata dal Maestro Renato Serio, oltre che i musicisti della ritmica (i collaboratori usuali di Renato). Il disco contiene il brano "I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA", titolo che sarà usato, inoltre, per presentare il Cofanetto natalizio contenente i due album "L'imperfetto" e "Sulle tracce dell'imperfetto". Il 1998 Renato pubblica il lavoro discografico che risulterà il "disco dell'Anno" e l'"Album più venduto nel 1998" (un milione e duecentomila copie): AMORE DOPO AMORE. L'Album è stato realizzato da Renato Zero e prodotto da Stefano Senesi, Phil Palmer, Stephen W. Tayler e Renato Serio con i musicisti dell'Orchestra Aurora, arrangiata e diretta dal Maestro Renato Serio e con i musicisti della ritmica. Nel 1999, Renato pubblica l'album live "AMORE DOPO AMORE TOUR DOPO TOUR", registrato a Milano, al FilaForum di Assago, il 20 Ottobre 1998 da Franco Finetti. I 5 brani inediti, sono stati registrati presso lo Studio Fonopòli di Roma: "Si sta facendo notte", "Che strano gioco è", "Al buio", "Il circo" e "Il coraggio delle idee". Nel 2000 finalmente ha uno spazio tutto suo in televisione. La RAI, dopo i successi dei programmi di Morandi e Celentano, gli offre la possibilità di realizzare una trasmissione in quattro puntate, più una 5^ puntata speciale con "Il meglio di..". Renato accetta l'invito e così nasce "Tutti gli Zeri del mondo", viaggio ideale a bordo della "Zeronave" attraverso la sua arte, la sua musica, il suo essere teatrante. Il 26 maggio 2000, viene pubblicato il nuovo CD di Renato: sorta di raccolta con 5 brani inediti "Il pelo sul cuore" "Le mie donne", "Quello che non ho detto", "La voce mia" e "Via dei martiri", più una raccolta di omaggi ad alcuni grandi della canzone italiana e non: Luigi Tenco (Vedrai, vedrai/ Lontano lontano), Fabrizio De André (La canzone di Marinella), Lucio Battisti (Anche per te), Umberto Bindi (Il mio mondo/Il nostro concerto/La musica è finita), Charles Aznavour (L'istrione) e Domenico Modugno (Tu sì na cosa grande). L'album contiene anche la sigla d'apertura della trasmissione (L'imbarco) e quella di chiusura, in duetto con MINA (Tutti gli zeri del mondo). Il titolo di questa nuova opera è: "TUTTI GLI ZERI DEL MONDO".





Live Festival

 CAMPANIA 


 EMILIA ROMAGNA 





 ITALIA 
 LAZIO 



 LIGURIA 
 LOMBARDIA 





 MARCHE 

 PIEMONTE 

Live Club

 ABRUZZO 
 CALABRIA 
 CAMPANIA 




 EMILIA ROMAGNA 





 LAZIO 


 LOMBARDIA 





 MARCHE 


 PIEMONTE 



 PUGLIA 

 SICILIA 

 TOSCANA 
 UMBRIA 



Rubriche

Musicclub Story



Live News