Advertisement

Live Concert

Oggi


Domani


Venerdì

 ABRUZZO  Wemen The Fiftyniners Zolle Bettibarsantini Taberna Vinaria Tony Borlotti & I Suoi Flauers Brunori Sas  BASILICATA  Monaci Del Surf L'orso  CALABRIA  Barresi Project Dola J. Chaplin Bud Spencer Blues Explosion Black Beat Movement His Electro Blue Voice  CAMPANIA  Nordgarden Modena City Ramblers Veivecura Mondo Marcio Giovanni Truppi Bologna Violenta Alberto Radius  EMILIA ROMAGNA  Aisha Burns Wolves Like Us Eagulls Remida Simone Scifoni Aka Slim Fiordaliso Edo - Edoardo Cremonese Franc Cinelli Miami & The Groovers Four Tiles  FRIULI VENEZIA GIULIA  Vertical Scratchers Nobraino  LAZIO  Kutso Luminal Bianca Blues & I 7 Soul Nicolas Joseph Roncea Tunng Be Forest Metal Sludge Extravaganza Uscita17 Gianluca Pellerito Ilenia Volpe  LIGURIA  Motel Connection Meganoidi Paolo Saporiti 3 Fingers Guitar Sara Ardizzoni - Dagger Moth Bobby Soul Emanuele Belloni  LOMBARDIA  The Lords Of Altamont The Elements Le Man Avec Les Lunettes Vipers Punkreas Norma Jean Jama Trio Fletcher Zeus! Alex Schiavi  MARCHE  Hop Frog Led Zeppelin Tribute Dj Giamma Unorsominore Tnt Ac/dc Tribute  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Dinosauri The Monkey Weather Andead Rue Royale O.i.&b. - Tributo A Zucchero Muck And The Mires Nico Royale Gazebo Penguins Mandolin Brothers Frei  PUGLIA  Colle Der Fomento Ex-Otago Altre Di B Renzo Rubino Vega 80 Fabrizio Bosso Diodato La Rappresentante Di Lista Fabio Concato  SICILIA  Giacomo Toni Tinturia Mario Venuti C+C=Maxigross Duo Bucolico Joe Barbieri Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti  TOSCANA  Piero Pelu' Bobo Rondelli Massimo Priviero Cleo T. Julie Slick The Magnetix  UMBRIA  Majakovich Paolo Jannacci 2Pigeons  VENETO  Le Luci Della Centrale Elettrica Tolo Marton Forest Swords Levante Perturbazione Get On Funk Red Hot Chili Peppers Tribute Band Lubjan Gozu

Sabato

 ABRUZZO  Motel Connection Nobraino  CALABRIA  Loredana Berte' Barresi Project Modena City Ramblers  CAMPANIA  Nordgarden Il Cane Alessandra Amoroso  EMILIA ROMAGNA  Sara Ardizzoni - Dagger Moth Oh My O Nh3 Muck And The Mires Nico Royale Noise Pollution His Electro Blue Voice Dope D.o.d. Patty Pravo  FRIULI VENEZIA GIULIA  Marlene Kuntz  LAZIO  Zolle Massimo Ranieri Mondo Marcio Nevermind - Tributo Ufficiale Ai Nirvana Nicolas Joseph Roncea Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute General Levy  LIGURIA  Kaleidoscopic Zeus! Massimo Priviero Giuda  LOMBARDIA  Freeway Saturnine Dracula Lewis Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi Extrema Ambramarie The Monkey Weather Ovo Gli Ebrei Aisha Burns  MARCHE  Pipers Amore Clementino The Gentlemen's Agreement Drop – R.a.t.m. Tribute Stormwind Dj Giamma Vertical Scratchers Freakanto'  PIEMONTE  Rashad Becker The Magnetix The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Monica P Bobby Soul Heaven's Basement Erin K Queenmania Band Bunker Club Frei  PUGLIA  L'orso Maria Antonietta Marco Notari Wemen The Zen Circus Neffa Diodato Management Del Dolore Post-Operatorio  SICILIA  Dola J. Chaplin C+C=Maxigross Nicolò Carnesi Tinturia Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Bud Spencer Blues Explosion Mama Marjas Giacomo Toni  TOSCANA  Be Forest Violacida Zocaffe Giorgio Canali Le Man Avec Les Lunettes Brunori Sas Raphael Rev Rev Rev Crazy Mama Luz  TRENTINO ALTO ADIGE  The Traveller - Massimiliano Forleo Sisyphos Talco  UMBRIA  Taberna Vinaria Bettibarsantini Bologna Violenta  VENETO  Moa Anbessa Sound System! Full Crew! Tolo Marton One Love Hi Powa Clock Dva Tributo Italiano Elli De Mon Mr Wob & The Canes Metal Sludge Extravaganza Big John Bates And The Voodoo Dollz Linea 77

Domenica


Lunedì


Martedì


 SVIZZERA  Cristiano De Andrè  ITALIA  Sisyphos  SVIZZERA  The Vad Vuc Joe Colombo  ABRUZZO  Brunori Sas Taberna Vinaria Drunken Butterfly The Fiftyniners Zolle Majakovich Tony Borlotti & I Suoi Flauers Raphael & Eazy Skankers Kyla Brox Enrico Capuano  BASILICATA  Zibba Luciano Ligabue Spasulati Band Monaci Del Surf  CALABRIA  Cleo T. Massimo Ranieri Paola Turci Giacomo Toni His Electro Blue Voice  CAMPANIA  Modena City Ramblers Giovanni Truppi Psychopathic Romantics 99Posse Alberto Radius Galoni Bologna Violenta La Rappresentante Di Lista Loredana Berte' G-Fast  EMILIA ROMAGNA  Fabulous Disaster Miami & The Groovers Gattamolesta Carlo Maver Cut Jimmy Villotti Cristiano Godano Macola & Vibronda Giovanni Guidi Oh My O  FRIULI VENEZIA GIULIA  Franco D'andrea Isolde Gli Sportivi Piero Sidoti - Genteinattesa Chambers Nobraino Emanuele Belloni Daniele Tenca Marlene Kuntz  LAZIO  Dola J. Chaplin Matteo Sansonetto Aaron Goldberg The Vickers Mad Dogs Rocketnumbernine Dente Luminal Unorsominore  LIGURIA  Meganoidi Giuda Blindosbarra The Magnetix Pino Scotto Sananda Maitreya Bluestouch Claudio Baglioni Pink Holy Days Marta Sui Tubi  LOMBARDIA  Adam Carpet Jeremy Pelt Dracula Lewis Stu Larsen Le Man Avec Les Lunettes Om Unit Metronomy Caso Antani Project The Elements  MARCHE  Borghese Israel Varela Reggaete Forte The Kingstones Melampus Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano Warsavia Drop – R.a.t.m. Tribute Claudio Filippini Trio Mara  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Articolo J Louis Moholo Al Di Meola Linea 77 Mauro Ottolini Sousaphonix Andead Stefano Battaglia Gazebo Penguins Lo Zoo Di Berlino  PUGLIA  Maria Antonietta Primo & Squarta – Cor Veleno Vega 80 Tormento Progetto Panico Dellera Marco Notari Marzia Stano Aka Una  SARDEGNA  Cisco Train To Roots  SICILIA  Joy Garrison Joe Barbieri Duo Bucolico Mario Venuti Mama Marjas Stefano Bollani Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Tinturia C+C=Maxigross Femina Ridens  TOSCANA  Violacida Borghetta Stile Zocaffe Raphael Alessia Tondo Massimo Priviero Platonick Dive Nicodemo Bassi Maestro I Gatti Mezzi  TRENTINO ALTO ADIGE  Manuel Volpe Jack Jaselli Come Cani Come Angeli Assalti Frontali Talco Francesco Patella  UMBRIA  Petramante Joe Pisto Aisha Burns Green Like July Color Swing Trio 2Pigeons Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Raster Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Wemen  VALLE D'AOSTA  Alldways  VENETO  Black Mama Foreign Beggars Moa Anbessa Sound System! Full Crew! L'orso Bermuda Trio Freeway Marcello Tonolo La Tresca Gigi D'alessio

 SVIZZERA  Casa Del Vento  AUSTRIA  Satelliti  SVIZZERA  Bluestouch Gasparazzo  SLOVACCHIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Mellow Mood    Lee Scratch Perry  SVIZZERA  Altro Dub Incorporation Joe Colombo Witko  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  ABRUZZO  Black Beat Movement Luminal Kyla Brox Gigi Finizio The Fiftyniners Near Magda White & Frank Hammond Band Zibba Gianni Morandi  CALABRIA  Zeus! Caron Dimonio Monaci Del Surf  CAMPANIA  Nadar Solo Sprained Cookies Antonio Farao' Mauro Ermanno Giovanardi Eugenio Bennato Giovanni Guidi Chick Corea Enrico Rava Buddha Superoverdrive  EMILIA ROMAGNA  Samaris Henry Grimes John Butler Trio Max Eastley Fabrizio Tarroni Stefano Bollani Jimmy Villotti Ilaria Porceddu Thomas Buckner Alberto Camerini  FRIULI VENEZIA GIULIA  The Orb W.i.n.d. Giovanni Truppi Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus The Zen Circus Elvenking Jackie-O-Motherfucker Tommy Emmanuel  LAZIO  Sintomi Di Gioia Borghetta Stile Ron Giraffage Asilo Republic Testeintasca Il Muro Del Canto Andrea Braido Toner Low One Love Hi Powa  LIGURIA  Appaloosa Camillocromo The Cesarians Don Backy Fabrizio Poggi & Chicken Mambo Bobby Solo Il Tempio Delle Clessidre Federico Sirianni Persiana Jones Il Castello Di Atlante  LOMBARDIA  Renato Sellani Blood Ceremony Cayne Rio Shearwater Dead Candies Rita Pavone Vallanzaska Big Deal La Clé  MARCHE  Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano La Grande Tribu' Claudio Baglioni Nu Bohemien Stefano Bedetti Trio Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator The Rock'n'roll Kamikazes Antonio Sorgentone  PIEMONTE  Band Bunker Club The Chameleons Violacida Two Fingerz Elio E Le Storie Tese Banda Elastica Pellizza Tony Mcmanus Delaney Davidson Sophie Lillienne  PUGLIA  Donpasta Biagio Antonacci Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute Billy Hart Quartet Mirko Signorile Eugenio Finardi Renzo Rubino White Queen Squarcicatrici Nicolò Carnesi  SARDEGNA  Train To Roots  SICILIA  James Ferraro Flor Iaia Forte Bombino Alessandro Lanzoni The Traveller - Massimiliano Forleo Mike Stern Meganoidi Pippo Pollina La Rappresentante Di Lista  TOSCANA  Andrea Valeri Paletti Nico Royale The Rippers The Wild Weekend I Matti Delle Giuncaie Sinfonico Honolulu Foxhound Orchestrina Di Molto Agevole Pow!  TRENTINO ALTO ADIGE  Slick Steve & The Gangsters Bamboo Golden Animals Ed Laurie  UMBRIA  Hola La Poyana Blue Dean Carcione Michele Rabbia Tetraktis Percussioni Taberna Vinaria Michele Maraglino Dinamitri Jazz Folklore Carla Bozulich Big Charlie G-Fast  VENETO  Le Man Avec Les Lunettes Incenere Lisa Stansfield Teho Teardo & Blixa Bargeld John Jorgenson Wayne Horvitz Cristiano De Andrè Loredana Berte' Luca Ciarla Canzoniere Grecanico Salentino

 SPAGNA  Refree Kendrick Lamar The National Caetano Veloso John Grant Dum Dum Girls Charles Bradley  SVIZZERA  Massimo Ranieri  BELGIO  Galoni  GERMANIA  Leo Pari  SPAGNA  Standstill Spoon St Vincent Shellac  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Kutso Alla Bua Near Warias  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Dulce Pontes Gogol Bordello Danilo Rea Caparezza  EMILIA ROMAGNA  Nine Inch Nails Pond Public Enemy Vibronics Giuda Sepultura Fragil Vida Extrema The Fratellis  FRIULI VENEZIA GIULIA  The Natural Dub Cluster Pat Metheny Buckcherry Downset Angus & Julia Stone  LAZIO  Rob Zombie Rolling Stones Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Billy Idol Solo Banton Cloud Nothings Roberto Cacciapaglia Avenged Sevenfold Ca.pe.al. Vasco Rossi  LIGURIA  Bluestouch New York Ska Jazz Ensemble Majakovich Il Re Tarantola Borghese Phono Emergency Tool Bobo Rondelli Gabor Lesko 3 Fingers Guitar  LOMBARDIA  Alteria Coro Corridore Birkin Tree One Direction Bob Wayne & The Outlaw Carnies Ovo Angra Suuns The Last Killers Die Antwoord  MARCHE  Maybe I'm... Stri Soviet Soviet Johnny Mox Maria Antonietta The Zen Circus Mauro Ermanno Giovanardi Amore Monaci Del Surf Lleroy  PIEMONTE  Ha Ha Tonka Chiara Giacobbe Chamber Folk Band Band Bunker Club Emis Killa Tangerine Dream Pagliaccio Supershock La Clé Acquaraggia Fetish Calaveras  PUGLIA  Vega 80 Bamboo Slow Magic White Queen Cadaveria Destruction  SICILIA  Kafka On The Shore Baba Sissoko Reijseger Fraanje Sylla Trio Donpasta  TOSCANA  Le Capre A Sonagli Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu The Pains Of Being Pure At Heart Massimo Volume I Matti Delle Giuncaie Gang Sinfonico Honolulu Alex Britti Amadou & Mariam  TRENTINO ALTO ADIGE  Simone Cristicchi Nh3  UMBRIA  The Perfect Strangers Band Nidi D'arac Bettibarsantini Omar Souleyman  VENETO  Lord Bishop Rocks Luca Bassanese Le Cattive Strade - Andrea Scanzi E Giulio Casale The Backseat Boogie Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Olly Riva & The Soul Rockets Rudy Rotta Cristina D'avena Neutral Milk Hotel Together Pangea

 ITALIA  Sine Frontera James Blunt  SVIZZERA  Laura Pausini  LETTONIA  Bastille  ITALIA  Dropkick Murphys  LETTONIA  You Me At Six  SVIZZERA  Biglietto Per L'inferno  LETTONIA  Elbow Junip - Josè Gonzales  AUSTRIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Sunrise Avenue Dolly Parton  ABRUZZO  Caparezza John Scofield Antonio Sorgentone Gasparazzo  CAMPANIA  Pino Daniele Regina Carter Stanley Clarke Chick Corea Ska-P Ylenia Lucisano Giulia Mazzoni Javier Girotto Burt Bacharach Chrysta Bell  EMILIA ROMAGNA  The Horrors The Dandy Warhols The National Cut Progetto Panico El V And The Gardenhouse Veronica & The Red Wine Serenaders The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Lennon Kelly  FRIULI VENEZIA GIULIA  Max Romeo Gem Boy Mellow Mood Ruggero De I Timidi Goldfrapp Macka B Jimmy Cliff John Fogerty Franz Ferdinand  LAZIO  Metallica Obituary Emis Killa Legittimo Brigantaggio Kraftwerk At The Weekends Massive Attack Alex Britti The Black Keys Loredana Berte'  LIGURIA  Paolo Nutini The Slackers Jama Trio The Peawees The Sonics! Girls In Hawaii M Ward Delaney Davidson  LOMBARDIA  Kodaline M+A Easy Star All Stars Be Forest Alessandra Amoroso Gianluca Petrella Ovo Vasco Rossi Damon Albarn Placebo  MARCHE  Dub Incorporation Aba Shanti I Giacomo Toni  PIEMONTE  Wemen Persiana Jones His Clancyness Meganoidi Soviet Soviet One Direction Slow Magic Neil Young Deep Purple L'orage  PUGLIA  Saluti Da Saturno Alla Bua Adrian Sherwood Almamegretta  SICILIA  Simple Minds  TOSCANA  Mauro Ermanno Giovanardi Eels Paolo Fresu Bandabardò Elisa Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) The Prodigy Jack Johnson Eagles Mark Lanegan  TRENTINO ALTO ADIGE  Little Taver The Last Killers  UMBRIA  Horacio "el Negro" Hernandez La Tresca Antibalas Charles Bradley Sharon Jones & The Dap-Kings Dr John Monty Alexander Wayne Shorter Gattamolesta Herbie Hancock  VENETO  New York Ska Jazz Ensemble Slowdive Scorpions Arctic Monkeys Extrema Raphael & Eazy Skankers Arianna Antinori Melampus Luciano Ligabue Luca Bassanese

 UNGHERIA  Coro Corridore  ITALIA  Bettibarsantini  ABRUZZO  Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers Antonio Sorgentone Giuda Kutso  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Alessandro Haber Sergio Cammariere Fabrizio Bosso Hevia Luca Aquino Joe Barbieri Kronos Quartet Massimo Ranieri Michele Rabbia Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi  EMILIA ROMAGNA  Little Taver Miami & The Groovers Franz Ferdinand Radici Nel Cemento Izzy & The Catastrophics Skid Row  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  Boy & Bear L'orage Paolo Jannacci Sick Of It All  LOMBARDIA  The Peawees His Electro Blue Voice Larry And His Flask Raphael & Eazy Skankers The Old Firm Casuals - Lars Fredriksen Agnostic Front Nofx Gem Boy Converge Luca Bassanese  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Mandolin Brothers Cesare Carugi Daniele Tenca Anti-Flag  PUGLIA  Alla Bua Avishai Cohen White Queen Slick Steve & The Gangsters  SARDEGNA  Elina Duni Quartet  SICILIA  Alex Britti  TOSCANA  Dave Holland Pippo Pollina I Gatti Mezzi  TRENTINO ALTO ADIGE  Raphael Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar  UMBRIA  Monaci Del Surf Kaiser Chiefs Peter Hook And The Light Basement Jaxx The Courteeners Paul Weller La Tresca Taberna Vinaria Parlor Snakes Boxerin Club  VENETO  Arianna Antinori Violacida Ruggero De I Timidi Camillore’ The Mojomatics



U2

U2 è presentato da:

LIVE NATION

LIVE NATION srl Via Pietrasanta 14 20141 Milano TEl. 02/53006.501 info@livenation.it www.livenation.it www.facebook.com/livenationIT www.twitter.com/livenationIT


U2

U2 360° TOUR ANNUNCIATE DUE DATE IN ITALIA: 6 AGOSTO – TORINO – STADIO OLIMPICO 8 OTTOBRE – ROMA – STADIO OLIMPICO Lunedì 30 novembre “… Il rock da stadio è l’ultima frontiera, gli U2 sono arrivati dove nessuna band era stata prima”. The Globe & Mail, Toronto. Come annunciato da Live Nation un paio di mesi fa, in seguito all’enorme successo del tour del 2009, l’acclamato 360° Tour degli U2 proseguirà nel 2010. Il tour sarà ancora prodotto da Live Nation Global Touring e sponsorizzato da BlackBerry®. Live Nation ha ora il piacere di annunciare due date anche in Italia: il 6 agosto allo Stadio Olimpico di Torino e l’8 ottobre allo Stadio Olimpico di Roma. Il tour 2010 partirà dal Nord America, dove approderà in alcuni degli stadi in cui non ha fatto tappa nella prima tranche, tra cui Anaheim, Denver, Oakland, Seattle, Edmonton, East Lansing, Miami, Philadelphia e Montreal. Vista la grande richiesta inoltre, il 360° Tour degli U2 tornerà per una sola serata a Toronto e Chicago, prima di terminare la tranche nordamericana al New Meadowlands Stadium di New York. Con sold-out già annunciati per alcune date del tour europeo 2010, tra cui la Danimarca (2 show sold-out), Bruxelles (2 show sold-out), Helsinki (2 show sold-out) e Coimbra in Portogallo (2 show sold-out), e gli oltre 90.000 biglietti già venduti per il concerto di Parigi (con quelli del 2009, il terzo nello stesso stadio), le nuove date del 2010 offriranno una nuova occasione di vivere l’esperienza unica degli U2 dal vivo allo stadio. Con un sistema video cilindrico a pannelli LED interdipendenti, e una struttura di acciaio che si innalza da terra di oltre 45 metri su un imponente palco dotato di ponti rotanti, la band è davvero riuscita a creare un’esperienza intima a 360° per il pubblico. Grazie alla configurazione del palco che garantisce un’eccellente visuale, i biglietti per il 360° Tour 2010 saranno ancora una volta divisi in modo che l’85 percento sia di prezzo inferiore ai 95 euro, i biglietti di prato costino 55 euro e almeno 10.000 biglietti per ogni stadio costino 30 euro. COSTO DEI BIGLIETTI PER LA DATA DI TORINO RED ZONE 1: 250 euro + prevendita RED ZONE 2: 250 euro + prevendita PRIMO SETTORE TRIBUNA OVEST: 150 euro + prevendita PRIMO SETTORE DISTINTI EST: 150 euro + prevendita SECONDO SETTORE TRIBUNA OVEST: 95 euro + prevendita SECONDO SETTORE DISTITI EST: 95 euro + prevendita CURVA NORD NUMERATA: 95 euro + prevendita CURVA NORD LATERALE NUMERATA: 95 euro + prevendita PRATO: 55 euro + prevendita CURVA SUD PRIMAVERA (non numerato): 30 euro + prevendita CURVA SUD OSPITI (non numerato): 30 euro + prevendita TERZO SETTORE DISTINTI EST (non numerato): 30 euro + prevendita CURVA NORD (non numerato): 30 euro + prevendita CURVA NORD LATERALE (non numerato): 30 euro + prevendita COSTO DEI BIGLIETTI PER LA DATA DI ROMA RED ZONE 1: 250 euro + prevendita RED ZONE 2: 250 euro + prevendita PRIMO SETTORE MONTE MARIO: 150 euro + prevendita PRIMO SETTORE TEVERE: 150 euro + prevendita SECONDO SETTORE MONTE MARIO: 95 euro + prevendita SECONDO SETTORE TEVERE: 95 euro + prevendita CURVA VORD: 95 euro + prevendita DISTINTI NORD OVEST: 95 euro + prevendita PRIMO SETTORE DISTINTI SUD EST: 55 euro + prevendita PRIMO SETTORE DISTINTI SUD OVEST: 55 euro + prevendita PRATO: 55 euro + prevendita CURVA SUD: 30 euro + prevendita SECONDO SETTORE DISTINTI SUD EST: 30 euro + prevendita SECONDO SETTORE DISTINTI SUD OVEST: 30 euro + prevendita Gli iscritti ad U2.com avranno la possibilità di acquistare i biglietti in anticipo, tramite la prevendita esclusiva dedicata al fan club. Inoltre, i nuovi iscritti e coloro che hanno rinnovato l’iscrizione riceveranno un CD di remix degli U2 in edizione limitata. Per maggiori dettagli: www.u2.com I biglietti per entrambe le date italiane saranno in vendita, in esclusiva per gli iscritti al fan club ufficiale www.u2.com, dalle 10:00 di martedì 1° dicembre alle 15:00 di giovedì 3 dicembre. La vendita al pubblico partirà venerdì 4 dicembre con le seguenti modalità: dalle 00:01 vendita online tramite il sito TicketOne www.ticketone.it e dalle 10:00 nei punti vendita autorizzati. Per maggiori informazioni LIVE NATION ITALIA s.r.l. – 02 5300 6501 – info@livenation.it – www.livenation.it Il 360° Tour degli U2 è prodotto da Live Nation Global Touring e sponsorizzato da BlackBerry®. . www.u2.com

Live di U2


Nessun evento trovato in archivio




LIVE NATION

ha anche questi concerti in corso:

Guarda tutti gli eventi di questa agenzia

LIVE NATION

Roster di questa agenzia:


ASH
HIM
M83
MEW
NEK
RAF
UDO
UFO


Testi in archivio:

  • 14/12/2005 13:23 - ACTUNG BABIES ! - U2 Tribute Durante le loro esibizioni suonano ...

    ACTUNG BABIES ! - U2 Tribute Durante le loro esibizioni suonano i migliori successi degli U2 dagli inizi fino ai brani di "POP", l'ultimo album e l'immagine che ripropongono con attenta fedeltà è quella attualmente adottata dalla band irlandese nel PO MART TOUR compresi strani copricapi, occhiali da rave e look da cow-boys. Hanno dacine di concerti alle loro spalle. Travolgenti come poche cover band.

  • 14/12/2005 13:23 - TRIB-U U2 Show sono una delle 4 formazioni riconosciute dal fan ...

    TRIB-U U2 Show sono una delle 4 formazioni riconosciute dal fan club U2 italiano "backstage" e propongono a scelta 3 spettacoli diversi per poter ripercorrere tutto il cammino discografico della band di Bono e compagni. Un grande spettacolo frutto di una meticolosa ricerca delle sonorità e dei costumi. MAGIX PROMOTION MUSIC AGENCY Organizzazione E Gestione Spettacoli INFO LINE 0335 5230855 - magixpromotion@musician.org

  • 14/12/2005 13:23 - TRIB-U2 (Tributo) I Trib-U2 sono riconosciuti ufficialmente dal fan club U2 ...

    TRIB-U2 (Tributo) I Trib-U2 sono riconosciuti ufficialmente dal fan club U2 italiano “Backstage” che gli ha dedicato una pagina nello spazio del loro sito internet, e con il quale vi è una collaborazione che vede il fan club partecipare ai concerti più importanti della band intervenendo con gadget, foto, fanzine e mille altre curiosità per tutti gli appassionati fan. I Trib-U2 hanno già calcato i palchi più noti ed importanti del Nord Italia, come: Babylonia (Ponderano - BI), Regina Cafè (Melegnano - MI), Live (Trezzo sull’Adda - MI), Sir Lifford (Miradolo Terme - PV), Indian Cafè (Milano - Piazza Moscova), Discoteca Le Cave (Vintebbio - VC), Planet (Courmayeur - AO), dove oltre ad aver raccolto grandi successi hanno ottenuto articoli sulle più importanti testate giornalistiche d’Italia come: La Stampa, Corriere Della Sera, Il Giorno ed una citazione in un programma musicale trasmesso da Videomusic.

  • 14/12/2005 13:23 - Il risultato è stupefacente, non tanto perchè l’imitazione è perfetta ...

    Il risultato è stupefacente, non tanto perchè l’imitazione è perfetta (come quella che gli U2 fanno degli U2), ma perchè è troppo perfetta, come se lo sguardo fosse andato troppo vicino e pagasse, per il peccato della percezione alterata, la pena dell’evidenziarsi di difettucci fisici, pelini, nei, foruncoli, macchie, crosticine. Musica epidermica, che spesso, come quella dei Boredoms, fugge via senza lasciarsi ascoltare, viscida e scivolosa. Inesorabili, se colpiscono tra nuca ed orecchio, e melodici.

  • 14/12/2005 13:23 - U2 ALL THAT YOU CAN'T LEAVE BEHIND ISLAND Qualche anno fa Bono ...

    U2 ALL THAT YOU CAN'T LEAVE BEHIND ISLAND Qualche anno fa Bono dichiarava: "Non ci interessa essere la band più importante del mondo, ma certamente la più vitale". Parole dimostrate con gli album da Achtung Baby in poi, in cui gli U2 hanno progressivamente abbandonato il classico sound da "arena rock" che ha loro procurato folle di fans in tutto il mondo, per contaminarsi con la dance da club degli anni 90. E l'album forse più ambizioso, "Pop" del '98, fu un mezzo flop a livello commerciale. E mi sa che i capoccia della Island devono aver fatto qualche telefonatina velenosa al nostro: "Ragazzo, "Pop" non ha venduto abbastanza, poi avete un look inquietante che al Papa non é piaciuto per niente, vediamo di tornare a fare i bravi ragazzi con un disco come quelli che facevate una volta, pieno di messaggi positivi e rock che vada bene anche per le mamme". Detto fatto. Ecco "All that you can't leave behind" dove non c'é spazio per sperimentalismi e modernità, ma solo per le canzoni... peccato non ce ne sia una buona. Solo "In a little while" mi sembra di un livello accettabile, ma é soul, non gli U2. "Beautiful day" suona datatissima, "Wild Honey" é identica ad un loro brano di 5 anni fa, "New York" comincia bene ma si sviluppa identica a "Beautiful day". Il resto non supera la soglia dell'attenzione. Un ex gruppo. Anonima pure la copertina.

  • 14/12/2005 13:23 - U2, All That You Can’t Leave Behind (CD/LP/MC, Island) Premessa: di ...

    U2, All That You Can’t Leave Behind (CD/LP/MC, Island) Premessa: di solito non vado a feste o cose del genere, ma questa non me la potevo proprio perdere. Mi trovavo a Francoforte, per lavoro, e un collega tedesco mi ha invitato a quello che sarebbe stato, nelle sue parole, “il party dell’anno,” una festa a casa di certi miliardari amici suoi. Soldi e festa sono due concetti piuttosto distanti dalla mia vita, per cui ho pensato che sarebbe stata un’esperienza in qualche modo esotica, e mi sono lasciato andare. Il mio piano: conoscere una ricca e tettoruta ereditiera, darle un po’ di ciò che le mancava (affetto, calore e quant’altro) e ricevere in cambio contanti e/o azioni. Ma i piani non vanno mai a buon fine, non i miei, e una volta arrivato mi sono trovato di fronte a quello che potrebbe essere descritto come un incubo postmoderno, una sorta di incontro / scontro fra old e new economy in salsa francone. Da una parte, infatti, c’erano i vecchi patriarchi della città, coloro che per tutta una vita hanno costruito benessere (principalmente per se stessi) e dato lavoro (spesso a condizioni da terzo mondo); dall’altra i giovani rampolli della Francoforte bene, determinati a prendere in mano la situazione in nome della borsa e del libero mercato (un branco di nerds che probabilmente senza i soldi dei genitori non sarebbero stati in grado neanche di farcela con una puttana). A parte gli abiti e l’ambiente, però, poteva essere una festa qualsiasi in un quartiere qualsiasi di una città qualsiasi: facce su cui Lombroso avrebbe scritto trattati, sguardi spenti, tette mosce e culi cadenti. Insomma, le aspettative erano alte, ma la festa una vera cagata, e Marcus, il mio collega, poteva leggere benissimo la delusione nei miei occhi. “Il cibo è ottimo e abbondante,” gli ho detto, “e così la roba da bere… ma non c’è fica.” Davanti a questo tipo di argomentazione non ha potuto che darmi ragione, ma mi ha fatto anche notare che secondo lui la vera attrazione della serata era il DJ, una vera e propria celebrità locale (una sorta di Albertino tedesco, per intenderci, un coatto di Leverkusen con la panza e i capelli alla slava). “OK,” gli ho detto, “allora concentriamoci sulla musica,” sperando segretamente di fare indigestione dei due generi tuttora più in voga in Germania, house e heavy metal (non essendoci immigrati italiani e/o turchi, non potevo certo sperare in dosi massicce di Adriano Celentano e/o di Garat Fayllari, il Celentano di Ankara). Ma la globalizzazione non riguarda solo l’economia (e quindi la politica), no, riguarda anche la cultura e la musica popolare, e la selezione musicale della serata poteva essere quella di una qualsiasi radio (o centro) commerciale, TV musicale o festa di piazza. Da Molfetta a Birmingham, la stessa roba. A metà serata il DJ ha presentato “Beautiful Day,” il nuovo singolo degli U2, che ovviamente avevo già sentito, anche se mai in relazione alle altre hit del momento. Sfinito dalla noia, ho deciso di stilare una sorta di classifica ideale. Allora, il nuovo singolo degli U2 è più brutto di: “Out of Your Mind” di Posh Spice con Dane Bowers e i True Steppers, “Black Coffee” delle All Saints, “Don’t Think I’m Not” di Kandi, “Music” di Madonna, “Around the World” degli ATC, “Freestyler” dei Boomfunk MC’s, “Lady” dei Modjo, “What It Is” di Mark Knopfler, “Take a Look Around” dei Limp Bizkit, “Doesn’t Really Matter” di Janet Jackson e “Jumpin’, Jumpin’” delle Destiny’s Child. D’altra parte, però, è più bello di: “Lucky” di Britney Spears, “Feel Good” delle Madasun (anche se “Don’t You Worry” era più bella), il rap di Trapattoni (quello di “Strunz,” non ricordo il titolo), “Let’s Get Loud” di Jennifer Lopez (che però è più bona di Bono), “Breathless” dei Corrs, “Rock DJ” di Robbie Williams, “I’m Outta Love” di Anastacia e “It’s My Life” di Bon Jovi. Mentre titoli, nomi e ritornelli di plastica si rincorrevano nella mia testa, mi sono chiesto: “Perché un gruppo del genere ha puntato su un singolo così mediocre’” Non che sia mai stato un fan degli U2, ma Cristo, ricordo tutti i loro singoli. Questo come fa? “And it’s… And it’s…” Deciso a saperne di più, a fine serata mi sono presentato al DJ per chiedergli un parere. Il crucco ha scosso la testa, sconsolato, poi ha aperto il suo porta-CD e mi ha allungato una copia promo di All That You Can’t Live Behind, il nuovo disco di Bono & Co. “Puoi tenerla,” mi ha detto, “io non so proprio che farmene.” Inutile dire che, in mancanza d’altro, ho trascorso la notte ad ascoltare e riascoltare le undici tracce che compongono questo CD. Che dire? Il fatto che “Beautiful Day” sia il pezzo più riuscito del disco (insieme a “New York” e “Grace,” per la verità) dice già tutto. Perché dopo una carriera così lunga e piena di successi (per non parlare dell’inquietante consenso di tipo bulgaro da parte della critica) gli U2 abbiano deciso di continuare a fare dischi è un mistero (anche se devo ammettere che “The Ground Beneath Her Feet” non era affatto male). Forse per supportare la campagna double face Jubilee 2000 (“da una parte cancelliamo il debito, dall’altra vi inculiamo di nuovo vomitandovi addosso cibo e medicinali scaduti, sangue infetto e computer obsoleti, perché, cari inferiori, non potete comunque fare a meno di noi”)? Perché, come il potere, il successo logora chi non ce l’ha? Per mantenere uno stile di vita che neanche Bill Gates potrebbe permettersi? Perché Daniel Lanois e Brian Eno, i produttori del disco, hanno dei mutui piuttosto grossi da coprire e bisognerà pur farli lavorare, di quando in quando? Un mistero. Ma i fans degli U2 sono più numerosi (e testardi) di quelli di Renato Zero, per cui scommetto che quando il disco uscirà, il 31 ottobre, correranno lo stesso a comprarlo. E il mondo andrà avanti come sempre.

  • 14/12/2005 13:23 - Impressioni a caldo sul nuovo tour degli U2: Un morto a ...

    Impressioni a caldo sul nuovo tour degli U2: Un morto a Roma, ricordato dalla band nel concerto successivo di Reggio; niente non è, di solito nel Rock'n'Roll non viene fatto neanche questo. Una macchina, quella live degli irlandesi, che ha assunto, come per tutti gli altri gruppi dal successo planetario, i contorni delle pianificazioni pubblicitarie della Coca-Cola. Musica non ancora pessima (nonostante tutto tengono bene la botta, altri a 'sti livelli erano già definitivamente lessi nell'acido); un miracolo avvenuto con il concerto di Sarajevo, che è riuscito dove plotoni di politici hanno fallito: riunire serbi, croati, bosniaci e limitrofìe e religioni varie (il che dimostra che da giovani siamo tutti puri, è con il crescere che ci guastiamo TUTTI E SEMPRE). Ma soprattutto Adam Clayton, vestito esattamente come lo erano i DEVO negli anni '70. Santa Fantàsia!

  • 14/12/2005 13:23 - U2 - Mofo (12') Misteri del marketing. Sempre più perplessi e ...

    U2 - Mofo (12') Misteri del marketing. Sempre più perplessi e disorientati i fans della band che solo due anni fa aveva cancellato un album di remixes. Ora si fanno addirittura rimissare dal principe della jungle, Sir Roni Size.

  • 14/12/2005 13:23 - La notizia è quella dell'uscita, preceduta dalla pubblicazione del singolo ...

    La notizia è quella dell'uscita, preceduta dalla pubblicazione del singolo «The fly», del nuovo album di Bono, The Edge, Adam & Larry, il quartetto giunto dall'Irlanda per divenire la più celebrata rock band degli anni '80, ed anche la più popolare. Che poi non significa necessariamente la migliore: non occorre essere dei mostri di bravura tecnica, non serve sconvolgere il corso della storia della musica per colpire nel segno; piuttosto bisogna possedere quel «quid» di genialità capace di scuotere le anime nel profondo. Occorre che la propria musica abbia il potere di evocare sincere emozioni. Ecco quello che gli U2 hanno nel loro stile: un grande potere evocativo. La voce di Bono è rabbiosa, epica o struggente -comunque scopertamente umana - la chitarra di The Edge ha un timbro inimitabile ma suona note ed accordi semplicissimi, ampiamente assorbiti dalla memoria storica del rock; la sezione ritmica col basso di Adam Clayton e la batteria di Larry Mullen è lucida, non innovativa ma essenziale, come il genere richiede. La musica dei quattro irlandesi ha solide fondamenta gettate sulla tradizione rock fifties/sixties ma non la imita pedissequamente, ne rinnova il furore coniugandola al presente e al futuro. Se c'é un segreto nel successo degli UTWO - ma a posteriori ogni spiegazione può essere valida, credo risieda proprio in questa loro capacità di rivitalizzare l'espressione rockistica rispettandone il vissuto in essa accumulatosi in quasi quarant'anni di storia. La nascita del gruppo è romanticamente ovvia: un annuncio affisso da Larry Mullen nella bacheca della scuola, la Mount Temple di Dublino, fece incontrare i quattro ragazzi, appena diciottenni. La formazione, da allora, non è più cambiata ed è emblematico che, in epoca di individualità prepotenti, gli U2 (il nome, assunto dopo aver sperimentato quelli di Feedback e Hype, pare non significhi poi nulla) abbiano tenuto sempre a segnalare la forza unitaria del gruppo. E' dall'intersezione delle quattro personalità che viene fuori l'originalita della band: Paul Hewson (Bono) ne è il cuore pulsante la passione; Dave Evans (The Edge) il cervello pensante, l'inventore del suono; Adam e Larry rappresentanto i muscoli, l'inarrestabile motore a quattro tempi di ogni buona macchina rock. Da Boy a Rattle And Hum l'evoluzione degli irlandesi è stata notevole pur nella continuità di uno stile sempre riconoscibile; essi hanno attraversato gli ottanta cogliendone di volta in volta i segnali di cambiamento, trasformando il bambino disarmato ritratto sulla copertina del primo album in un ragazzo consapevole, prima, ed in un uomo maturo, poi. Così è successso nel suono dapprima immediato ma acerbo e poi sempre più ricco di atmosfere e di riferimenti alle «radici» con una chiara tendenza alla «americanizzazione» e così è accaduto nei testi, che erano strutturalmente semplici e dettati dall'improvvisazionte agli inizi e che poi sono divenuti poeticamente meglio articolati, a partire da The Unforgettable Fire, con una più lucida disamina delle tematiche care a Bono, quelle legate all'analisi introspettiva con frequenti richiami ad una religiosità intrisa di spirito e non di dogma e quelle guidate da un impegno sociale ed umanitario mai esageratamente sventolato. Nel cammino gli U2 hanno perso, forse, la stima dei fans che apprezzavano la genuinita degli esordi ma hanno trovato il supporto di sostenitori non meno sinceri, anche se è pur ovvio che l'enorme popolarità raggiunta abbia avvicinato a loro gente che poco sa delle fonti da cui attingono e delle motivazioni che li muovono. Ma questo fa parte del rischio professionale di chi ha successo, il rischio comprende anche un'eccessiva esposizione ai palcoscenici «ufficiali» che può rendere antipatici e contraddittori certi comportarnenti. Va detto che, comunque, gli U2 non hanno raggiunto la gloria servendosi di pose divistiche, o peggio, profetiche; è stata semplicemente la loro musica a renderli speciali. DISCOGRAFIA COMMENTATA Boy (1980) - E' l'esordio convincente di quattro ragazzi men che ventenni. La compattezza della band, costruita nei live-acts già mitici in terra d'Irlanda, emerge evidente. Lo stile è autonomo e si distanzia dalle produzioni dell'epoca, anche se è storicamente inserito nell'ambito della multiforme «new wave» inglese. La voce di Bono è immatura ma già emozionante; la chitarra si snoda in fraseggi semplici e puliti, adornati dal solo originalissimo uso dell'eco che costituirà d'ora in poi il marchio sonoro di The Edge, assai imitato ma non eguagliato. La mente musicale della band dribbla ogni virtuosismo tecnico e dimostra che il suo non è più uno strumento da martorizzare - come il punk aveva imposto - ma piuttosto da sollecitare rispettosamente, perché possa raccontare tutta la sua vicenda nei tre decenni dall'elettrificazione. L'album contiene canzoni che saranno epici momenti dei concerti, per molto del tempo a seguire (I will follow, The electric Co.), a cui si interpongono ballate elettriche dai toni chiaroscurali e dalla avvincente tensione emotiva (tra tutte: Twilight e Shadows and tall trees). October (1981) - Album di inquieto passaggio verso prodotti più adulti, il secondo trentatre degli U2 accentua le atmosfere melanconiche, tendendo un sottile filo di angoscia che attraversa tutti i brani, nei cui testi si fa strada prepotente la trovata religiosità - più spirituale che rituale - di Bono. «Gloria» è, in tal senso, il significativo manifesto d'apertura del disco, che non è ancora così artisticamente compiuto da poter rendere grande la band. War (1983) - Il bimbo in copertina è lo stesso che compariva in «Boy» ma il suo sguardo non è più arrendevole. La rabbia di una generazione impotente si materializza nel lancinante riff di «Sunday bloody sunday», canzone di denuncia sociale ed, insieme, di sofferta analisi interiore. Il gruppo è maturato definitivamente e parte da qui per segnare il corso degli eventi musicali successivi. I testi gettano ponti tra l'Io e il mondo e i brani hanno tutti una loro autanoma personalità. Sta per cominciare la leggenda della gente di Dublino. Under a Blood Red Sky (1983) - Inutile negare che la prima fama della band si è consolidata grazie alle potenti esibizioni dal vivo, caratterizzate dal suono scarno ma robusto degli strumenti e dal magnetico carisma di Bono. Questo miniLP live ne è testimonianza solo parziale che deve essere necessariamente integrata dalla visione del film omonimo, privo di orpelli e per questo significativo in ordine alla pura forza degli U2 on stage. The Unforgettable Fire (1984) - Se con «War» gli irlandesi avevano portato a perfezione lo stile rigoroso e senza fronzoli degli esordi, con «il fuoco indimenticabile» essi percorrono deliberatamente nuove vie, sperimentando, grazie alla coproduzione di Brian Eno (affiancato al fido Steve Lillywhite), l'uso di sonorità elettroniche in composizioni più articolate rispetto alle precedenti. «Pride (in the name of love)» rappresenta il legame col passato mentre la title tralck ha un arrangiamento ricco, assolutamente inusuale per la band, ma non perde il calore autentico dello stile U2. La voce di Bono esce dal disco meno prepotente del solito ma ha la possibilità di immortalarsi con un'interpretazione da brivido di «Bad». The Joshua Tree (1987) - Un percorso, spesso doloroso, unisce da secoli l'Irlanda con l'America: Bono e compagni decidono di seguirlo per andare a riscoprire le sorgenti pure del rock. I frutti sono quelli meravigliosi dell'albero di Giosué. La side A è un susseguirsi di capolavori che risuoneranno per sempre nelle stanze e nelle arene da «Where the streets have no name» a «I still haven't found what I'm looking for», da «With or without you» a «Bullet the blue sky». L'altro lato è più meditato ma non meno affascinante. La rabbia adolescenziale si è ormai trasformata in un senso di inquietudine mediato da una raggiunta maturità di uomini. Gli stessi nomi dei produttori (Brian Eno e Daniel Lanois) sintetizzano che il progetto era quello di unire alla raffinata ricerca dei suoni lo spirito originario della musica popolare americana più onesta. Operazione perfettamente riuscita. Rattle And Hum (1989) - Una doppia celebrazione di se stessi, enfatizzata anche dalle immagini del film diretto da Phil Joanou, ma anche un umile tributo ai propri maestri riconosciuti che è ancora più encomiabile perché proveniente da ragazzi che sono ormai essi pure capitolo fondamentale della storia del rock. Bob Dylan e B.B. King compaiono addirittura nei solchi del doppio album, mentre le anime di Lennon, Hendrix, Presley, Billie Holiday, John Coltrane sono omaggiate con covers rispettose, riferimenti lirici, citazioni, foto e dediche. La cultura del rock è esplorata a 360° con la novità di una attenzione più evidente anche per il blues ed il gospel (commovente la versione di «I still haven't found what I'm looking for», dal vivo col supporto del coro New Voices of Freedom). L'occhio è puntato decisamente sull'America, ma non per celebrarne il sogno piuttosto per evidenziarne le contraddizioni. Gli U2 chiudono dunque il decennio mettendoci sopra la loro indelebile firma.

  • 14/12/2005 13:23 - Trib-U "U2 show" Sono una delle 4 formazioni riconosciute dal fan ...

    Trib-U "U2 show" Sono una delle 4 formazioni riconosciute dal fan club U2 italiano "Backstage" e propongono a scelta 3 spettacoli diversi per poter ripercorrere tutto il cammino discografico della band di Bono e compagni. Un grande spettacolo frutto di una meticolosa ricerca delle sonorità e dei costumi.

  • 14/12/2005 13:23 - TRIB-U U2 SHOW Sono una delle 4 formazioni riconosciute dal ...

    TRIB-U U2 SHOW Sono una delle 4 formazioni riconosciute dal fan club U2 italiano “backstage” e propongono a scelta 3 spettacoli diversi per poter ripercorrere tutto il cammino discografico della band di Bono e compagni. Un grande spettacolo frutto di una meticolosa ricerca delle sonorità e dei costumi.

  • 14/12/2005 13:23 - U2 - Vertigo // 2005 Tour PARTE IL TOUR MONDIALE ...

    U2 - Vertigo // 2005 Tour PARTE IL TOUR MONDIALE A pochi mesi dalla pubblicazione del loro undicesimo album, "How To Dismantle An Atomic Bomb", che ha già venduto oltre 8.5 milioni di copie e tuttora si trova ai vertici delle classifiche di tutto il mondo, inizia il nuovo tour degli U2, il VERTIGO tour 2005, che partirà da San Diego il 28 marzo. I Queste le date europee: GIUGNO: 24/6 Dublino - Croke Park; 29/6 Cardiff - Millenium Stadium LUGLIO: 2/7 Vienna - Ernst Happel Stadium; 5/7 Katowice - Slaski Stadium; 7/7 Berlino - Olympic Stadium; 9/7 Parigi - Stade de France; 11/7 Zurigo - Letzigrund Stadium; 13/7 Amsterdam - Arena; 20/7 e 21/7 Milano - San Siro; 23/7 Roma - Stadio Olimpico; 27/7 Oslo - Vallehovin Stadium; 29/7 Gothenburg - Ullevi Stadium; 31/7t Copenhagen - Parken AGOSTO: 3/8 Monaco - Olympic Stadium; 5/8 Nizza - Parc des Sports Charles Ehrmann; 7/8 Barcellona - Camp Nou; 9/8 San Sebastian - Anoeta Stadium; 11/8 Madrid - Estadio Vicente Calderon; 14/8 Lisbona - Alvalade Il VERTIGO Tour 2005 è presentato e prodotto da The Next Adventure e RZO Productions. L'organizzazione delle date italiane è stata affidata a Clear Channel Ent. Italia e Fran Tomasi. I biglietti per le date italiane saranno disponibili dal 14 febbraio sul sito www.ticketone.it e attraverso il Call Center: 899.500.022. Dal 15 febbraio anche in tutti i Punti Vendita Ticket One e dal 21 febbraio 2005 nelle abituali prevendite. Gli iscritti al sito ufficiale degli U2 www.u2.com avranno l'opportunità di prenotare i biglietti di qualsiasi delle date in calendario con anticipo rispetto alla data di messa in vendita e riceveranno una e-mail di conferma con tutti i dettagli della prenotazione. - www.u2.com - SUONANO: 19/7 Stadio San Siro Milano; 23/7 Stadio olimpico Roma - INFO: Clear Channel Entertainment - Via Pietrasanta 14 - 20100 Milano - 02/530061 - 02/53006401 - 02/53006501 - 347/1040966 - www.clearchannel.it





Live Festival

 BASILICATA 
 CAMPANIA 
 EMILIA ROMAGNA 





 FRIULI VENEZIA GIULIA 


 ITALIA 
 LAZIO 


 LIGURIA 
 LOMBARDIA 





 MARCHE 




Live Club

 BASILICATA 
 CAMPANIA 

 EMILIA ROMAGNA 



 FRIULI VENEZIA GIULIA 
 LAZIO 





 LOMBARDIA 





 MARCHE 
 PIEMONTE 



 PUGLIA 
 SICILIA 




Rubriche

Musicclub Story



Live News