Advertisement

Live Concert

Oggi


Domani


Mercoledì


Giovedì

 ABRUZZO  Colle Der Fomento Clementino Enrico Capuano The Fiftyniners Marcello Allulli Trio  BASILICATA  Spasulati Band Barresi Project  CALABRIA  The Traveller - Massimiliano Forleo Simone Scifoni Aka Slim Meganoidi  CAMPANIA  Psychopathic Romantics Simone Cristicchi Galoni G-Fast The Natural Dub Cluster Sonohra Rev Rev Rev  EMILIA ROMAGNA  Lu Silver And String Band Il Re Tarantola Javier Girotto Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Cristiano Godano Fabrizio Bosso Gattamolesta Giancarlo Onorato Carlo Maver  FRIULI VENEZIA GIULIA  Tre Allegri Ragazzi Morti  LAZIO  Matteo Sansonetto Cisco Maria Pia De Vito Buddha Superoverdrive Electric Superfuzz Karol Wojtyla - La Vera Storia Junior Kelly  LIGURIA  Pink Holy Days Mondo Marcio Boogarins Lili Refrain Marnero Lennon Kelly Marta Sui Tubi The Manges  LOMBARDIA  Red Worms' Farm Nordgarden Slava's Snowshow Electricity Gue' Pequeno The Beat Barons Zeus! Cosmo Cyberpunkers Guignol  MARCHE  Bip Gismondi Valentina Gravili Spaghetti A Detroit Borghese Israel Varela Warsavia Nobraino Tnt Ac/dc Tribute  PIEMONTE  Giovanni Truppi Revenga Oneohtrix Point Never Lo Zoo Di Berlino Sohn Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi Sad - Official Metallica Tribute  PUGLIA  Dellera Coez Larry Franco Marzia Stano Aka Una Giacomo Toni Duo Bucolico White Queen 99Posse Bud Spencer Blues Explosion  SICILIA  L'orso Tinturia  TOSCANA  Pipers Alla Bua Giuda Linea 77 Majakovich Arianna Antinori The Zen Circus  UMBRIA  Raster Ex-Otago Flor  VENETO  Morblus Band The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Modena City Ramblers Black Mama Tolo Marton Ches Smith Black Beat Movement Lume Muck And The Mires Rumatera

Venerdì

 SVIZZERA  Cristiano De Andrè Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Marumba  ABRUZZO  Ex-Otago Buddha Superoverdrive  BASILICATA  Enrico Capuano  CALABRIA  Nu Bohemien Drunken Butterfly  CAMPANIA  Galoni Psychopathic Romantics The Natural Dub Cluster Cercasi Cenerentola The Gentlemen's Agreement  EMILIA ROMAGNA  Ginevra Di Marco Redska Paola Turci Witko Bobo Rondelli Giuliano Dottori Vince Vallicelli Area Nada The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin  FRIULI VENEZIA GIULIA  Lume Peppa Pig Daniele Tenca  LAZIO  The Vickers Mondo Marcio Emanuele Bultrini Mad Dogs Margherita Vicario Rock Circus Rev Rev Rev Karol Wojtyla - La Vera Storia Mad Professor  LIGURIA  Fratelli Di Soledad The Zen Circus Giovanni Truppi Blindosbarra I Cani Pino Scotto  LOMBARDIA  Shooting Stars - Girls Rock Live Slava's Snowshow Giuda Drink Day Flor Electricity Ambramarie Muck And The Mires  MARCHE  Assalti Frontali Sine Frontera Spaghetti A Detroit Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus Warsavia Mothra Dj Giamma The Sons Of Anarchy Zibba  MOLISE  Simone Scifoni Aka Slim Duo Bucolico  PIEMONTE  Apoptygma Berzerk Clementino Roipnol Witch Band Bunker Club Cyberpunkers Daniele Sepe Sell System Gianluigi Trovesi Blume Gianmaria Testa  PUGLIA  I Gatti Mezzi Dellera White Queen Marzia Stano Aka Una Rhomanife  SARDEGNA  Irreverence  SICILIA  Nicolò Carnesi The Traveller - Massimiliano Forleo L'orso  TOSCANA  Virginiana Miller Danilo Sacco Modena City Ramblers Casa Del Vento I Matti Delle Giuncaie Bud Spencer Blues Explosion  TRENTINO ALTO ADIGE  Kaleidoscopic Nh3 Francesco Patella  UMBRIA  Pipers Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Ches Smith Unorsominore  VENETO  Verbal Nobraino Talco Slick Steve & The Gangsters Tolo Marton Bermuda Trio La Tresca Filippo Cosentino Mideando String Quintet

Sabato

 SVIZZERA  Shooting Stars - Girls Rock Live  ABRUZZO  Meganoidi  BASILICATA  Marzia Stano Aka Una Dellera  CALABRIA  Paola Turci  CAMPANIA  Cercasi Cenerentola Dinosauri The Gentlemen's Agreement  EMILIA ROMAGNA  Nico Royale Max Pezzali Tribute - Tributo A Max Pezzali E 883 Neffa Little Taver Fabio Gualerzi The Strypes Casa Del Vento Punkreas Simone Cristicchi Unorsominore  LAZIO  Majakovich Ex-Otago The Vickers The Sons Of Anarchy Lee Scratch Perry Twin Room Uscita17 Karol Wojtyla - La Vera Storia Flor 99Posse  LIGURIA  Necrodeath Sananda Maitreya Blindosbarra Queenmania  LOMBARDIA  Gasparazzo Calvino Giorgio Canali Realize Colle Der Fomento Slick Steve & The Gangsters Parafunk Amanda E La Banda Sex On The Beat - Rap'n'roll Party Band Maria Antonietta  MARCHE  The Great Saunites Marumba Mad Professor The Kingstones Gambardellas Dj Giamma La Tresca Bamboo Les Enfants Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano  PIEMONTE  Diane Schuur Vallanzaska Alessia Tondo Clementino La Paranza Del Geco Lou Dalfin Javier Girotto Black Beat Movement Fabio Concato The Beat Barons  PUGLIA  Vega 80 White Queen Enrico Capuano Monaci Del Surf I Gatti Mezzi Two Door Cinema Club  SARDEGNA  Pino Scotto Irreverence  SICILIA  The Traveller - Massimiliano Forleo L'orso  TOSCANA  The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin The Zen Circus Nicodemo Bobo Rondelli Andead I Matti Delle Giuncaie Massimo Ranieri Progetto Panico Dragonhammer  UMBRIA  Petramante Rev Rev Rev Nobraino  VENETO  Foreign Beggars Paolino Paperino Band The Moor C+C=Maxigross Muck And The Mires Manodopera Get On Funk Red Hot Chili Peppers Tribute Band Tributo Italiano Bud Spencer Blues Explosion

Domenica


 SVIZZERA  Ben Vida Joe Colombo Nicola Ratti The Vad Vuc Cristiano De Andrè  ABRUZZO  Zolle Tony Borlotti & I Suoi Flauers Majakovich Raphael & Eazy Skankers Enrico Capuano Marcello Allulli Trio Brunori Sas Kyla Brox Taberna Vinaria Drunken Butterfly  BASILICATA  Spasulati Band Luciano Ligabue Zibba  CALABRIA  Nu Bohemien Giacomo Toni Cleo T. Massimo Ranieri His Electro Blue Voice  CAMPANIA  Psychopathic Romantics Alberto Radius Bologna Violenta G-Fast La Rappresentante Di Lista The Zen Circus Loredana Berte' Modena City Ramblers 99Posse The Natural Dub Cluster  EMILIA ROMAGNA  Fireball The Van Houtens Redska Giuliano Dottori Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Four Tiles Wolves Like Us Kris Roe Vessel  FRIULI VENEZIA GIULIA  Nobraino Chambers Emanuele Belloni Marlene Kuntz Daniele Tenca Isolde Franco D'andrea Gli Sportivi  LAZIO  Peter Bernstein Quartet Tony Cerqua Servillo - Girotto - Mangalavite Trio Kristal And Jonny Boy Bud Spencer Blues Explosion Adriano Viterbini Black Beat Movement Riccardo Arrighini Pavic Electric Superfuzz  LIGURIA  I Cani Fratelli Di Soledad Sananda Maitreya Bobby Soul Lennon Kelly Diego Deadman Potron Pino Scotto Motel Connection Lisa And The Lips Le Minigonne – 60S Pop Rock Band  LOMBARDIA  Extrema Irreverence Mellow Mood Agony Face Moostroo Sixty Miles Ahead Adele E Il Mare Teich Sonata Arctica Rootical Foundation  MARCHE  La Tosse Grassa Mortimer Mc Grave & The Barelliers Paolo Jannacci Valentina Gravili The Gentlemen's Agreement The Kingstones Tnt Ac/dc Tribute Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano Spaghetti A Detroit  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Queenmania Dave Douglas Apoptygma Berzerk Monica P Slow Feet Oneohtrix Point Never Mondo Marcio Vertical Scratchers Heaven's Basement The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin  PUGLIA  Two Door Cinema Club Dellera Colle Der Fomento Alla Bua Marzia Stano Aka Una Emis Killa Coez Diodato Fabio Concato Larry Franco  SARDEGNA  Train To Roots  SICILIA  Mario Venuti C+C=Maxigross Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Alessandra Amoroso Andre Matos Tinturia Antonella Ruggiero Stefano Bollani Nicolò Carnesi Veivecura  TOSCANA  Sarah Lee Guthrie & Johnny Irion Tommy Emmanuel Linea 77 Molla - Luca Giura Renzo Rubino Cesare Carugi Mai Mai Mai Fabrizio Bosso Matrioska 2 Fat Men  TRENTINO ALTO ADIGE  Come Cani Come Angeli Francesco Patella Assalti Frontali Talco Jack Jaselli  UMBRIA  Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Petramante Raster Wemen 2Pigeons Green Like July Aisha Burns Joe Pisto Color Swing Trio  VALLE D'AOSTA  Alldways  VENETO  Clan Of Xymox Schonwald Get On Funk Red Hot Chili Peppers Tribute Band Foreign Beggars Danilo Sacco Lume Saves The Day The Moor Slick Steve & The Gangsters Lubjan

 SVIZZERA  Mellow Mood Bluestouch Casa Del Vento  AUSTRIA  Satelliti  SVIZZERA  Gue' Pequeno  SLOVACCHIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Joe Colombo    Lee Scratch Perry  SVIZZERA  Altro  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  SVIZZERA  Gasparazzo  ABRUZZO  Gianni Morandi The Fiftyniners Near Zibba Kyla Brox Kaleidoscopic Black Beat Movement Luminal Magda White & Frank Hammond Band  CALABRIA  Monaci Del Surf Zeus! Peppe Voltarelli Caron Dimonio  CAMPANIA  Eugenio Bennato Giovanni Guidi Fausto Mesolella Keira Is You Gnut David Riondino Enrico Rava Nadar Solo Mauro Ermanno Giovanardi  EMILIA ROMAGNA  Micah P. Hinson Domine Prophexy Millencolin Samaris F.f.p.l. Etherna Inoki Samuele Bersani  FRIULI VENEZIA GIULIA  Elvenking The Zen Circus W.i.n.d. Tommy Emmanuel The Orb Jackie-O-Motherfucker Giovanni Truppi Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus  LAZIO  Steve Hackett Genesis Revisited Mxpx All Stars Il Muro Del Canto Diodato Michael Monroe The Singers Johnny Winter Bad Apple Sons Libra Steve Vai  LIGURIA  Modotti Giorgio Conte Con Cura The Cure Italian Tribute Biglietto Per L'inferno Bobby Solo Warias Delirium Camillocromo I Camaleonti Lamalareputazione  LOMBARDIA  Melt Banana Alkaline Trio Gli Atroci Francesco Renga Sine Frontera Alessandro Ducoli - Lupita's Project Pink Holy Days Giannissime Big Deal Majakovich  MARCHE  Dadamatto Drunken Butterfly The Rock'n'roll Kamikazes The Natural Dub Cluster Stefano Bedetti Trio The Hard Beat Magellano La Tosse Grassa Nu Bohemien  PIEMONTE  Sepultura Romeo E Giulietta Supershock The Doormen Violacida Band Bunker Club Underdog Sophie Lillienne The Chameleons  PUGLIA  Biagio Antonacci Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute I Cani Nicola Conte Mirko Signorile Eugenio Finardi Squarcicatrici Nomadi White Queen Dire Straits Legends  SARDEGNA  Train To Roots Paolo Recchia  SICILIA  La Rappresentante Di Lista Flor Bombino Mike Stern Iaia Forte Meganoidi James Ferraro The Traveller - Massimiliano Forleo Giuda Alessandro Lanzoni  TOSCANA  Rox Methedras Andrea Valeri Bettibarsantini Paletti Umberto Tozzi There Will Be Blood Virginiana Miller Progetto Panico The Wild Weekend  TRENTINO ALTO ADIGE  Slick Steve & The Gangsters Ed Laurie Erin K Bamboo  UMBRIA  Taberna Vinaria Michele Maraglino Blue Dean Carcione Big Charlie G-Fast Hola La Poyana Dinamitri Jazz Folklore Carla Bozulich Michele Rabbia Tetraktis Percussioni  VENETO  Gem Boy Laura Pausini Lisa Stansfield Management Del Dolore Post-Operatorio Ben Harper The Devil Wears Prada Bleed In Vain Rats The Octopus Project Caetano Veloso

 SPAGNA  Shellac Spoon Kendrick Lamar Caetano Veloso Standstill St Vincent Refree The National John Grant Dum Dum Girls  SVIZZERA  Massimo Ranieri  GERMANIA  Leo Pari  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Warias Alla Bua Kutso Near  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Caparezza Danilo Rea Gogol Bordello Dulce Pontes  EMILIA ROMAGNA  The Growlers Hickoids Cesare Carugi Toby Black Sabbath Pond Sepultura We Are Scientists  FRIULI VENEZIA GIULIA  Pat Metheny Buckcherry Downset The Natural Dub Cluster Angus & Julia Stone  LAZIO  Cloud Nothings Max Arduini Megadeth Arcade Fire The Prodigy Rob Zombie Roberto Cacciapaglia Billy Idol Rolling Stones Solo Banton  LIGURIA  Il Re Tarantola Bluestouch New York Ska Jazz Ensemble Borghese Gabor Lesko Bobby Soul Majakovich Phono Emergency Tool Bobo Rondelli  LOMBARDIA  Audrey Within Temptation Alteria Giorgio Canali Moostroo Motorhead Turbonegro Pink Mountaintops Linkin Park Le Luci Della Centrale Elettrica  MARCHE  Sud Sound System The Zen Circus Amore Lleroy Mauro Ermanno Giovanardi Jesus Franco And The Drogas Johnny Mox Lush Rimbaud Tetuan Dadamatto  PIEMONTE  Ensi Emis Killa Andead La Clé Pagliaccio Tangerine Dream Persiana Jones Band Bunker Club The Veils Fetish Calaveras  PUGLIA  Vega 80 Destruction Bamboo Slow Magic White Queen Cadaveria  SICILIA  Kafka On The Shore Donpasta Baba Sissoko Reijseger Fraanje Sylla Trio  TOSCANA  The Pains Of Being Pure At Heart Sinfonico Honolulu Gang Amadou & Mariam Jama Trio Alex Britti Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu Massimo Volume Le Capre A Sonagli Joe Bonamassa  TRENTINO ALTO ADIGE  Simone Cristicchi Nh3  UMBRIA  The Perfect Strangers Band Bettibarsantini Nidi D'arac Nobraino  VENETO  Chicago Disappears Arianna Antinori Le Cattive Strade - Andrea Scanzi E Giulio Casale Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Manodopera Neutral Milk Hotel Rudy Rotta The Backseat Boogie Deafheaven

 SVIZZERA  Laura Pausini  ITALIA  James Blunt  LETTONIA  Anna Calvi  ITALIA  Dropkick Murphys Sine Frontera John Butler Trio  LETTONIA  You Me At Six  ITALIA  Slayer  LETTONIA  Junip - Josè Gonzales  SVIZZERA  Dolly Parton  LETTONIA  Bastille  AUSTRIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Biglietto Per L'inferno Sunrise Avenue  ABRUZZO  John Scofield Antonio Sorgentone Gasparazzo Caparezza  CAMPANIA  Javier Girotto Regina Carter Ylenia Lucisano Giulia Mazzoni Ska-P Chrysta Bell Pino Daniele Burt Bacharach Stanley Clarke Chick Corea  EMILIA ROMAGNA  The Dictators Progetto Panico The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Veronica & The Red Wine Serenaders Panda Bear Zu Rudy Rotta Miami & The Groovers Nine Below Zero Negramaro  FRIULI VENEZIA GIULIA  Ruggero De I Timidi Goldfrapp John Fogerty Macka B Jimmy Cliff Arianna Antinori And The Davids Kg Man Keron Salmon Aka Kabaka Pyramid Ravi Coltrane Jack Dejohnette  LAZIO  Alex Britti Emis Killa Loredana Berte' Massive Attack Obituary The Black Keys Kraftwerk Modà Legittimo Brigantaggio Alice In Chains  LIGURIA  The Slackers M Ward Girls In Hawaii The Peawees Ninos Du Brasil - Nico Vascellari The Sonics! Delaney Davidson Jama Trio Jonathan Wilson Paolo Nutini  LOMBARDIA  Sebastian Bach Mgmt Youssou N' Dour Redrum Alone Elio E Le Storie Tese Billy Bragg Aaron Goldberg Joe Satriani Joshua Redman Dave Liebman-Steve Swallow-Adam Nussbaum  MARCHE  Aba Shanti I Dub Incorporation  PIEMONTE  His Clancyness Meganoidi Soviet Soviet Slow Magic Deep Purple Giuda Neil Young Mascara Persiana Jones  PUGLIA  Saluti Da Saturno Alla Bua Almamegretta  SICILIA  Simple Minds  TOSCANA  Mark Lanegan Jack Johnson Paolo Fresu Eels Elisa The Lumineers Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Eagles Morcheeba Robert Plant And The Sensational Space Shifters  TRENTINO ALTO ADIGE  Little Taver The Last Killers  UMBRIA  Sharon Jones & The Dap-Kings Horacio "el Negro" Hernandez Dr John Gattamolesta Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Hamilton De Holanda Monty Alexander The Roots Stefano Bollani Wayne Shorter  VENETO  Arctic Monkeys Raphael & Eazy Skankers Arianna Antinori Ludovico Einaudi Luciano Ligabue Melampus Luca Bassanese Orion The Official Italian Metallica Tribute Band

 UNGHERIA  Coro Corridore  ITALIA  Bettibarsantini  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers Kutso  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Sergio Cammariere Luca Aquino Hevia Fabrizio Bosso Kronos Quartet Massimo Ranieri Michele Rabbia Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Maria Pia De Vito  EMILIA ROMAGNA  Combichrist Radici Nel Cemento Izzy & The Catastrophics Skid Row Miami & The Groovers Little Taver  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  Paolo Jannacci L'orage Sick Of It All Boy & Bear  LOMBARDIA  Raphael & Eazy Skankers The Old Firm Casuals - Lars Fredriksen Agnostic Front Nofx Converge Gem Boy The Last Killers Luca Bassanese Bombino His Electro Blue Voice  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Emis Killa Cesare Carugi Daniele Tenca Anti-Flag Mandolin Brothers  PUGLIA  White Queen Seun Kuti Manu Chao Slick Steve & The Gangsters Alla Bua Avishai Cohen  SARDEGNA  Elina Duni Quartet Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale)  SICILIA  Forest Swords Fanfarlo Alex Britti  TOSCANA  I Gatti Mezzi Dave Holland Pippo Pollina  TRENTINO ALTO ADIGE  Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Raphael  UMBRIA  Peter Hook And The Light Basement Jaxx The Courteeners Taberna Vinaria Paul Weller La Tresca Parlor Snakes Boxerin Club Monaci Del Surf Kaiser Chiefs  VALLE D'AOSTA  Lou Dalfin  VENETO  Arianna Antinori Camillore’ Ruggero De I Timidi Violacida The Mojomatics



Ron

Ron è presentato da:

MESCAL

MESCAL 02/89367040 DARIO GUGLIELMETTI – dario@mescal.it – 335/8059072 www.mescal.it www.facebook.com/mescalofficial


RON

“WAY OUT” IL NUOVO ALBUM DI RON E' uscito in tutta Italia e sulle diverse piattaforme digitali il nuovo album di Ron “WAY OUT”. Una vera svolta per Ron che, dopo quattro anni di silenzio discografico, ritorna proponendo la musica che da sempre ama e ascolta, delegando a “WAY OUT” il suo messaggio. Un messaggio di cambiamento, semplicità, resistenza e resilienza, come risposta al momento di crisi che il mondo sta attraversando. Un messaggio che con naturalezza unisce i 12 brani dell'album, 12 cover tratte dalla nuova onda musicale firmata da giovani cantautori anglo-americani, dove il lavoro di fedele e accurata traduzione ne esalta maggiormente il significato, arrivando a tutti. Una selezione di brani, volutamente riportati nell'album così come sono stati suonati e registrati, con il calore e la semplicità della presa diretta realizzata nel salotto di casa, evitando lo studio di registrazione. Il calore, la profondità, la leggerezza, l'energia e le sonorità della musica cantautorale anglo-americana, rivisitata, tradotta e interpretata da Ron: è tutto racchiuso in WAY OUT, che propone al pubblico italiano canzoni e autori come PALLA DI CANNONE (Damien Rice), MI STO PREPARANDO (Michael Kiwanuka), RAGAZZO (Amos Lee), NON SI TORNA INDIETRO (The Weepies), CIELO ARANCIONE (Alexi Murdock), GRAN TORINO (Jamie Cullum), A TESTA ALTA (Ben Howard), ORGOGLIO ANTIPROIETTILE (K'naan), LIBERTA' (David Gray), FERMA QUESTO TRENO (John Mayer), SOGNANDO COME UNO STUPIDO (The Boy Who Trapped The Sun), L'ANNO DEL TOPO (Badly Drawn Boy). Molti amici attorno che hanno condiviso con lui scelte e passione: musicisti come Fabio Coppini al pianoforte, Elio Rivagli alla batteria e percussioni, Roberto Gallinelli al basso, Alessandro Valle alle chitarre e al dobro e Giovanna Famulari al violoncello e voce. O come Omar Pedrini che affianca Ron nel controcanto di “Orgoglio Antiproiettile” o la giovane Gaia Pasquali in “Non si torna indietro”, allieva della nuova scuola musicale fondata da Ron o ancora artisti come Marco Lodola che, con il suo segno, ha creato l'immaginario visivo del progetto. “Quando ho deciso di registrare - racconta Ron - non ho fatto il solito piano di produzione di un disco. Prove, convocazioni, sala d'incisione, registrazione delle singole tracce. No. Siamo rimasti lì nel salone di casa, davanti al camino, con gli stessi amici, come tutte le sere di musica, e lì abbiamo registrato. E dire che il mio studio di registrazione è proprio dall'altra parte del mio cortile. Ma l'aria era diversa, il modo di vivere la musica era sicuramente diverso”. www.ron.it www.facebook.com/Ron.ufficiale https://twitter.com/roncellamare







Testi in archivio:

  • 14/12/2005 13:23 - Voice of Life feat. Sharon Pass  The word is ...

    Voice of Life feat. Sharon Pass  The word is love  Promo D- Vision Ottima produzione suonata e mixata direttamente da Mr. Steve  Silk  Hurley e mixato da Steve Weeder . Grandissime le linee di basso suonate da un epico Steve Turned ripreso live direttamente al Hinge Studio. Quattro le tracce disponibili su cui si erge sovrana la Kelly Gs Bump N Love Mix. House con formaggio fuso : buon appetito !

  • 14/12/2005 13:23 - AA.VV. New Elettronica 12 Beachwood Music "La cosa migliore ""Auscultata"" in ...

    AA.VV. New Elettronica 12 Beachwood Music "La cosa migliore ""Auscultata"" in settimana. Tre gruppi (?) sconoç" sciutissimi e - forse - interessanti, alleprese con evocative meç lodie Ambience e con continui richiami.

  • 14/12/2005 13:23 - Aaron Jones proviene dalla Scozia anche se la sua famiglia ...

    Aaron Jones proviene dalla Scozia anche se la sua famiglia è originaria di Belfast, città nella quale lui è molto stimato. Aaron è molto popolare in Scozia e si è esibito con molti artisti della scena locale; tra gli altri gli Seelyhoo, Phil Cunningham ed Alyt Bain.

  • 14/12/2005 13:23 - ANCHE TU ASTRONAUTA Guida all’esplorazione indipendente dello spazio secondo l’Associazione Astronauti ...

    ANCHE TU ASTRONAUTA Guida all’esplorazione indipendente dello spazio secondo l’Associazione Astronauti Autonomi A cura di Riccardo Balli Castelvecchi Editore £.14.000 La scorsa notte, il sottoscritto, ha preso parte, in prima persona, ad un attacco psichico alla N.A.S.A. Nello specifico sono stati distrutti, con delle travi di ferro, quattro monitor recanti ognuno una lettera che componeva la parola nasa. Era solo l’ultima delle azioni condotte dalla Associazione Astronauti Autonomi di Bologna contro una delle organizzazioni aereospaziali accusate di dominare e controllare, in toto, il movimento delle missioni nello spazio. Ma cos’è l’ A.A.A.? L’Associazione Astronauti Autonomi è un’organizzazione che si prefigge come scopo finale l’esplorazione degli spazi da parte del proletariato. Lo fa attraverso l’auto costruzione di navicelle atte a questa missione. Qui sul pianeta terra, il monopolio dei voli nello spazio non ha fatto altro che ritardare l’approdo dell’uomo in qualche altra galassia sconosciuta. Attraverso un piano quinquennale, che a avuto inizio con la fondazione della A.A.A. il 23 aprile del 1995 a Londra, si prevede entro l’anno 2000, di arrivare ad esplorare lo spazio con navicelle autocostruite. Riccardo Balli, qui, rivela quelli che sono gli obiettivi della A.A.A. oltre, naturalmente, la realizzazione di navicelle spaziali, il lettore scopre l’esistenza del calcio a tre porte, dove, in un campo esagonale si sfidano tre squadre ognuna delle quali difende una porta. A differenza del calcio tradizionale, qui non è la squadra che segna più goal a vincere, ma quella che ne subisce di meno. Poi c’è l’aspetto che tutti si chiedono ma nessuno osa, il sesso: a detta degli astronauti pare che nello spazio, si faccia meglio, poiché la mancanza di gravità regala infinite possibilità di movimento, sulla terra oramai dimenticate. La possibilità di organizzare rave parties nel cosmo, conclude gli obiettivi degli Astronauti autonomi il loro motto del resto è “Solo coloro che tentano l’impossibile raggiungeranno l’assurdo”. Un piccolo manuale indispensabile con i tempi che corrono per panificare una fuga nello spazio. Scusate, sbaglio o questo è l’anno 1999? Andrea Alessandro Di Carlo

  • 14/12/2005 13:23 - ACRON "Labyrinth Of Fears" La Elevate prosegue il suo impegno sul campo ...

    ACRON "Labyrinth Of Fears" La Elevate prosegue il suo impegno sul campo di battaglia del prog-metal, un genere inflazionato ma che gode dei favori del pubblico, con produzioni caratterizzate da un apprezzabile indice di professionalità. Personalmente trovo che il costante riferimento a Queensryche/Dream Theater/Marillion, accanitamente perseguito da gran parte della scena prog-metal sia del tutto stucchevole, dunque ben vengano formazioni meno condizionate da quest'ossessione. Sembrano non esserlo gli Acron, attratti dalla prospettiva di fondere due stili particolarmente seguiti dai fan: il metal con ambizioni sinfoniche ed il clima drammatico del gothic, mediati dall'onnipresente tocco pomp delle tastiere. "Labyrinth Of Fears" è il loro primo album, dopo un MCD, "The Life... The Death", pubblicato nel '97 quando ancora si chiamavano Icon. I cinque sono buoni esecutori, e l'impatto è quello gradito all'audience del metal derivato dagli anni '80, ma le idee e le atmosfere sono alla lunga ripetitive, nonostante brani d'effetto, fra i quali segnalerei "Obsession".

  • 14/12/2005 13:23 - AFRONAUGHT Code Breaker (Satori) 12” Belgio Membri dei 4Hero e degli Herbaliser ...

    AFRONAUGHT Code Breaker (Satori) 12” Belgio Membri dei 4Hero e degli Herbaliser hanno collaborato a questo progetto firmato da Orin Walter. La musica è in forma libera, tipo jam session, una specie di swing zigzagante che procede in un crescendo funk. Da favola.

  • 14/12/2005 13:23 - AGNOSTIC FRONT Riot Riot Upstart Arrivano entrambe da New York e dintorni, ...

    AGNOSTIC FRONT Riot Riot Upstart Arrivano entrambe da New York e dintorni, queste due band di veterani dei suoni pesanti, capaci di influenzare i generi più estremi del rock nel corso dell'ultimo decennio: Agnostic Front e Misfits. I primi, rivitalizzati già con l'album precedente dalla nuova targa discografica "Epitaph" riprovano a colpire. Sono 17, i brani prodotti da Lars Fredricksen dei Rancid scritti e suonati dalla formazione storica la stessa di Victim In Páin album fondamentale nella storia degli Agnostic Front. Quasi come allora, suonano con intensità evidente, mostrando qualche limite tecnico e rischiando però di ripetersi senza riuscire a rinnovarsi adeguatamente.

  • 14/12/2005 13:23 - AGNOSTIC FRONT "Someting's gotta give" Hardcore targato New York, al 100%: ...

    AGNOSTIC FRONT "Someting's gotta give" Hardcore targato New York, al 100%: tocca ai veterani e a loro il rispetto è dovuto. Agnostic Front è il tradizionale punto di riferimento della scena "old school". In questo nuovo album è sintomatica la presenza di un brano come Believe, autentico manifesto di intenti completato dai cori di Tim e Lars dei Rancid: semplice punto d'incontro tra vecchie e nuove glorie della scena punk. In un altro pezzo l'ospite è Jimmy dei Murphy's Law mentre l'introduzione e lo spirito di Gotta Go celebrano lo scomparso Raybeez, cantante dei Warzone e veterano della scena. Hardcore, sentimenti e storie vere: gli Agnostic Front sono tutto questo e molto di più. Due note, a margine del libretto che accompagna il cd, ispirano poi altre riflessioni: una invita a fermare gli esperimenti sugli animali ma di utilizzare allo scopo stupratori e pedofili mentre l'altra informa e suggerisce che non tutti gli skin sono razzisti. Lo spirito della strada vive ancora nella musica veloce, grezza e distorta degli Agnostic Front, anche nel 1998.

  • 14/12/2005 13:23 - AIRONE Gli Airone sono un gruppo pop-rock riminese, fondato da Esposito ...

    AIRONE Gli Airone sono un gruppo pop-rock riminese, fondato da Esposito Luca e Caselli Claudio nel 1995. Dopo diverse serate nei locali riminesi e diversi cambi di formazione, stanchi di proporre le cover degli altri cantanti, decidono di provare a realizzare pezzi propri. Sarà un lungo viaggio che metterà alla prova tutti i componenti del gruppo per più di un anno. Alla fine del 1998, dopo aver realizzato un demo di 5 pezzi autoprodotto, gli Airone cercano di farsi conoscere dalle diverse case discografiche italiane: nello stesso periodo vengono invitati alla trasmissione di Red Ronnie "Help" e arrivano secondi ad uno dei concorsi più importanti che la riviera riminese offre (il Roadhouse Music Festival), nonostante fossero gli unici a proporre pezzi propri. Nel mese di giugno del 1999 firmano il contratto con l'etichetta discografica Red Music di Chieti: con loro realizzano il primo CD intitolato "Il Senso Delle Cose", uscito e presentato il 30 settembre 1999 al The Barge di Rimini. Gli Airone sono uno dei gruppi più noti nei locali della riviera riminese, sono appoggiati con critiche positive dalle maggiori testate giornalistiche dell'Emilia Romagna e sono spesso presenti nelle programmazioni radiofoniche riminesi. Componenti del Gruppo: Luca Esposito (Red) - voce e chitarre acustiche; Claudia Ceccarini (corista); Claudio Caselli (chitarre elettriche); Tommaso Benzi (basso e cori); Cristian Santolini (batteria); Fabrizio Flisi (tastiere). Inf.: Web: www.redmusic.it - E-mail: airone.redm@tin.it - Le prossime principali date: 15/01 Madigans (Cesenatico), 28/01 Isola del rock (Igea Marina); 18/2 LA BISBAL (Alessandria); il 23/2 al THE BARGE di Rimini.

  • 14/12/2005 13:23 - AIRONE Componenti del gruppo: Voce e chitarre acustiche: Luca Esposito (Red); ...

    AIRONE Componenti del gruppo: Voce e chitarre acustiche: Luca Esposito (Red); Chitarre elettriche: Claudio Caselli; Seconda voce: Claudia Ceccarini; Basso e cori: Tommaso Benzi; Batteria: Cristian Santolini; Tastiere: Fabrizio Flisi. Gli Airone sono un gruppo pop-rock riminese, fondato da Esposito Luca e Caselli Claudio nel 1995. Dopo diverse serate nei locali riminesi e diversi cambi di formazione, stanchi di proporre le cover degli altri artisti, decidono di provare a realizzare pezzi propri. Sarà un lungo viaggio che metterà alla prova tutti i componenti del gruppo per più di un anno. Alla fine del 1998, dopo aver realizzato un demo di 5 pezzi autoprodotto, gli Airone cercano di farsi conoscere dalle diverse case discografiche italiane; nello stesso periodo vengono invitati alla trasmissione di Red Ronnie “Help” e arrivano secondi ad uno dei concorsi più importanti che la riviera riminese offre (il Roadhouse Music Festival), nonostante fossero gli unici a proporre pezzi propri. Nel mese di giugno del 1999 firmano il contratto con l’etichetta discografica Red Music di Chieti; con loro realizzano il primo CD intitolato “Il senso delle cose” uscito e presentato il 30 settembre 1999 al The Barge di Rimini. Dal mese di aprile 2000 gli Airone sono stati scritturati dal Pascià, nota discoteca di Riccione, come ospiti fissi: per i mesi di luglio e agosto ci suoneranno tutti i venerdì e sabato. E pronto anche il nuovo demo 2000 contenente 4 nuovi brani. Web: http://digilander.iol.it/aironeband/airone.htm E-mail: aironeband@katamail.com

  • 14/12/2005 13:23 - AIRONI AIRONI Di Pescara. Ivano D'Alimonte (Voce e Chitarra), Lino Renzetti ...

    AIRONI AIRONI Di Pescara. Ivano D'Alimonte (Voce e Chitarra), Lino Renzetti (Pianoforte e Tastiera), Stefano Candeloro (Batteria). Gli Aironi nascono nel 1991 a Pescara. Per anni e fino ad oggi la formazione rimane la stessa. Da subito il gruppo cerca una strada propria, costruendo un repertorio molto personale, riecheggiando negli arrangiamenti i vari ascolti dei singoli componenti. Tra le esperienze maturate, oltre ai numerosi concerti tenuti, ricordiamo due finali consecutive al concorso "Rock'on'Test", la vittoria al concorso "Un Pock di Rock".

  • 14/12/2005 13:23 - AKRON "La Signora Del Buio" Black Widow Enio "Akron" Nicolini, bassista ...

    AKRON "La Signora Del Buio" Black Widow Enio "Akron" Nicolini, bassista di quella singolare società occulta che circonda la figura di The Black, dimostra spessore artistico maturato in anni di lavoro all'ombra del leader, giungendo alla prima opera da solista, "La Signora Del Buio" per l'onnipresente (quando si parla di dark-prog...) BlackWidow. L'album è l'estensione in musica di un volume di poesie, " Rock'n'Follia", già pubblicato da Nicolini, e rappresenta un viaggio lirico/mistico introspettivo in cinque parti (Inquietudine, Giustizia, Pentimento, Morte, Elegia). L'ispirazione musicale si ricollega idealmente all'inestimabile tradizione del progressive italiano d'inizio '70, nei suoi aspetti più crepuscolari ed evocativi, come si conviene ad un disco dov'è un'atmosfera arcana a regnare. La voce cerimoniosa di Eugenio Mucci ricorda quella di Jimmy Spitaleri dei Metamorfosi, a suo tempo impegnato su temi poetici e religiosi dall'ambientazione sinistra (L'Inferno Dantesco) e l'organo Hammond di Gabriele Di Monte, con le sue trame fuliginose, dal respiro gotico, è perfettamente funzionale all'ambientazione visionaria peculiare del 'disegno' Akron. Nicolini è l'autentico regista occulto dell'operazione, propiziatore di arrangiamenti sfumati in un alone esoterico, con il basso che assolve ad un ruolo di punteggiatura melodica della composizione, ipnotica e suggestiva nella sua forma unitaria. I 13 brani dell'album sono pertanto integrati in un progetto generale, lungi da ipotesi da 'singolo', ma piacciono particolarmente per l'enfasi solenne "Akron", "Rock'n'Follia", "La Nave Dei Pazzi" e "La Signora Del Buio". Ancora un lavoro originale e profondo dall'underground italiano, che svela un protagonista inateso fra le nebbie del mistero...

  • 14/12/2005 13:23 - ALEX BARONI Nato a Milano il 22 dicembre 1966, Alex comincia ...

    ALEX BARONI Nato a Milano il 22 dicembre 1966, Alex comincia ad esibirsi nel 1990 come cantante nei locali milanesi, mentre studia per laurearsi in chimica. Negli anni successivi, ispirandosi alla musica nera americana, al soul e all'acid-jazz moderno, fa parte di diversi gruppi musicali e inizia l'attività di corista e solista presso vari studi di registrazione. Dopo il conseguimento della laurea si dedica completamente alla musica, partecipa come corista a numerose produzioni discografiche di Ramazzotti, Spagna, Dirotta su Cuba, Rossana Casale, Miguel Bosè, Francesco Baccini e ad un tour per Rossana Casale come unico corista. Nel 1994 realizza, come cantante e coautore dei testi italiani, un progetto discografico (Metrica) prodotto da Eros Ramazzotti, contenete un brano cantato in duetto con lui. E' corista nell'orchestra della Rai nell'edizione 1996 del Festival di Sanremo e in quell'occasione conosce Marco D'Angelo, a sua volta corista del Festival, che lo presenta a Marco Rinalduzzi e Massimo Calabrese de I Piloti. Nel novembre 1996, cantando il brano Ce la farò, partecipa con successo alle selezioni di Sanremo Giovani. Tra novembre 1996 e gennaio 1997 Alex realizza il suo primo album prodotto da Rinalduzzi e Calabrese. Con loro ha scritto tutti i brani del disco che viene pubblicato in febbraio, contemporaneamente alla sua partecipazione al Festival di Sanremo con il brano Cambiare. Al Teatro Ariston di Sanremo l'interpretazione di Alex lascia il segno: la giuria di qualità, presieduta da Luciano Pavarotti, assegna ad Alex Baroni il premio come miglior voce del Festival, mentre il brano Cambiare riceve il premio Volare, intitolato a Domenico Modugno, per la migliore composizione. Parte il suo primo tour dal vivo, interrotto dalla partecipazione di Alex nell'aprile 1997 a Sanremo Top, trasmissione dedicata agli artisti di Sanremo che hanno conseguito i migliori risultati di vendita. Gli appuntamenti live, l'incontro di Alex con il mondo delle serate proseguono fino al 18 ottobre 1997: più di 50 concerti che hanno raccolto un vastissimo consenso di pubblico e critica. Nel settembre 1997 Alex gira il suo primo videclip tratto dal brano Scrivi qualcosa per me, in rotazione sui maggiori canali musicali televisivi, in attesa dell'uscita sui maxischermi della nuova produzione animata di Walt Disney Hercules, dove Alex presta la voce all'Ercole adolescente con la canzone Posso farcela, canata da Michael Bolton nella versione originale del film. Nel dicembre 1997 si conferma la statura di Alex Baroni, invitato a partecipare all'edizione 1998 del Festival di Sanremo nella categoria Big con il brano Sei tu e lei (quello che voglio).

  • 14/12/2005 13:23 - ALLISON CAMERON Raw Sangudo Le composizioni di Allison Cameron si caratterizzano come ...

    ALLISON CAMERON Raw Sangudo Le composizioni di Allison Cameron si caratterizzano come forme rigorose, all' interno delle quali si esplorano specifici mondi sonori. La compositrice sperimenta con la fisicalità del suono su vari strumenti, usando materiali concisi per sfruttare i colori strumentali. La maggior parte dei suoi lavori fino ad oggi sono stati scritti per una varietà di ensemble da camera, che comprendono sia gruppi tradizionali che insoliti di strumenti. Secondo alcuni critici la sua musica fa venire in mente una fonderia, non per i suoni, ma per i processi: semplici materiali vengono fusi e forgiati in qualcosa di puro, duro e implacabile. Altri rimarcano il fatto che Cameron Allison focalizza alcuni dettagli musicali, un po' come se stesse esplorando l' universo con una piccola torcia elettrica. Al di fuori del cono di luce, c' è un senso di oscurità, sporcizia e il crudo potere della vita reale. L' album "Raw Sangudo" raccoglie cinque lavori scritti tra la fine degli anni '80 e l' inizio degli anni '90.

  • 14/12/2005 13:23 - ALLISON CAMERON: RAW SANGUDO (Experimental Intermedia - Distr. Silenzio) Allison Cameron ...

    ALLISON CAMERON: RAW SANGUDO (Experimental Intermedia - Distr. Silenzio) Allison Cameron è una giovane (trentunenne) compositrice il cui lavoro ha cominciato ad avere una certa risonanza dopo la sua partecipazione al "Bang On a Can" Festival del '92 e non a caso è lo stesso direttore del festival - e eccellente compositore in proprio - David Lang a firmare le note di copertina per questo suo esordio (che esce per la prestigiosa etichetta del padre del "massimalismo" block): il meta-genere della "Nuova Complessità" reso celebre del festival newyorchese ben si può ascrivere anche alla compositrice (ora residente a Toronto) di Victoria, a partire dai maestri con cui ha scelto di perfezionarsi, Louis Andriessen, Frederic Rzewski e James Tenney. Come per altri invitati al festival, la sua musica prende l'abbrivio da Feldman e dal suo approccio "riduzionista": estremo rigore dunque, e meticoloso alternarsi di frasi sempre percorse, però, da una inquietudine sotterranea; ma anche (forse qui l'eredità di Andriessen) continue censure del discorso musicale con sbalzi dinamici altissimi, forte fisicità del suono, e finanche talvolta uso brillante dei colori strumentali, come negli squillanti fraseggi di tromba del brano che dà il titolo all'album. Particolarmente interessati i pezzi più atipici: "Gibbous Moon", che utilizza un quartetto specializzato in musica antica (flauto traverso, violino, viola da gamba e clavicembalo) per un'impressionante versione "congelata", priva di qualunque ornamento, della musica barocca; e, da un lato opposto, la "famosa" "Blank Sheet of Metals" (diretta da James Tenney e in cui troviamo anche Linda Catlin-Smith, già coatrice dei pezzi orchestrali di John Oswald), lussureggiante nelle strumentazioni (tre chitarre, tre tastiere, doppio basso e percussioni) costruita sulla simultaneità di strutture temporali diverse suggerite dalla serie numerica di Fibonacci (quella che usa anche Sharp per comporre), e non immemore, nell'effetto, da certi pezzi di Glenn Branca (suonati però lentissimamente) o di Lois V vierk. Un solo appunto per la parte finale del pezzo, che al 22° minuto ha la sciagurata idea di inserire una melodia tipicamente Zeppeliana che centra come i classici cavoli a merenda: va bene il postmoderno, ma a volte, come diceva il buon Morgan-Fisher, "less is more"...

  • 14/12/2005 13:23 - ALPD WRONG MACHINE Il PRIMO NUCLEO della band nasce nel Marzo ...

    ALPD WRONG MACHINE Il PRIMO NUCLEO della band nasce nel Marzo 1996 quando Simone Di Santo (Chitarra), Ivan Capuzzi (Basso) e Alessio Lella (Voce) iniziano a riunirsi e a comporre con l'aiuto di una piccola drum machine. Nel Maggio dello stesso anno viene inglobato Rocco Candeloro (Batteria). LA BAND PUO' EVOLVERSI libera schemi che non siano dati dal gusto musicale dei propri elementi, tra i quali l'affiatamento è quasi immediato nonostante le differenti inclinazioni musicali. Iniziano a comporre i primi pezzi che esibiscono per la prima volta dal vivo nel Febbraio del 1997. Dopo NUMBROSE ESPERIENZE LIVE anche fuori regione, nel Marzo del 1998 incidono e diffondono il loro primo demo "RUST" contenente 4 tracce. Il demo viene recensito in maniera favorevole da varie riviste e fanzine. Nel frattempo viene a delinearsi un motivo conduttore che ricorre nelle tematiche musicali e liriche del gruppo, tematiche sviluppate in un racconto breve scritto dal chitarrista "Anti Life Power Destruction". DOPO L'USCITA DI "RUST" partecipano a varie manifestazioni e concorsi per gruppi emergenti, distinguendosi sempre per la loro originalità e l'impatto prodotto sugli ascoltatori. NELL'ESTATE DEL 1999 il gruppo si arricchisce di un nuovo elemento e nuove sonorità, intatti Marco Capuzzi (Synth) porta nel gruppo nuovi elementi sonori che vanno a completare la personalità musicale, definita, ma in evoluzione, della band. Tutte le nuove sonorità del gruppo vengono a convogliarsi nel loro ultimo CD demo "EVOLUTION OF HATE" (gennaio 2000).

  • 14/12/2005 13:23 - ALPD WRONG MACHINE Evolution Of Hate [CD-R autoprodotto] Il maximum ...

    ALPD WRONG MACHINE Evolution Of Hate [CD-R autoprodotto] Il maximum overdrive degli ALPD Wrong Machine spazia dai Machine Head ai Korn, con una voce baritonale a tratti sepolcrale. Con le cinque tracce qui inserite la band dimostra di saperci fare in tutti i sensi. Nell'affibbiarci una dose industriale di energia sonora prima di tutto. "Evolution Of Hate" è un incredibile concentrato di chitarre e scariche violente che lascia libere di parlare angoscia e perversione. Dall'incipit di "Repression system" alla finale "Ghost In The Shell" le note ribollono come in un calderone di suoni pesanti e tormentati esaltati dall'ottimo lavoro di produzione che riesce a congelare i momenti migliori della furia di ALPD. E poi c'è la contaminazione tra passato e futuro, tra le chitarre protagoniste del rock e i rumori industriali ed elettronici che covano sotto la cenere. Anche qui gli ALPD sono davvero bravi, perché non rinunciano alle proprie radici estreme impostate sul muro delle chitarre pur lasciandosi contaminare dai suoni del terzo millennio. Un prodotto che non sfigura con quelli più blasonati del panorama anglo-americano. (contatti: Ivan 0871 561944).

  • 14/12/2005 13:23 - AME STRONG Tout Est Bleu Airtight/12' (UK) Un classico dell'house è riplasmato ...

    AME STRONG Tout Est Bleu Airtight/12' (UK) Un classico dell'house è riplasmato da 16B in un azzeccato remix. Omid filtra il groove originale, rendendo la profondità simile agli effetti speciali di Hitchcock in "Vertigo". Sul tutto aggiunge una linea di basso da allarme rosso per un risultato sicuro. Non perdete poi il suo remix di "Water Ride", il pezzo più "cool" dall'album di questa primavera.

  • 14/12/2005 13:23 - ANDREA POLTRONIERI SAX MACHINE Andrea Poltronieri in arte "Sax Machine" ha ...

    ANDREA POLTRONIERI SAX MACHINE Andrea Poltronieri in arte "Sax Machine" ha 33 anni, viene da Ferrara e di professione fa il musicista. Andrea ha conquistato il suo spazio nel difficile mondo delle note attraverso una lunga e tortuosa strada fatta di episodi "che non vanno ricordati", ma anche di scelte azzeccate. "Ho iniziato come professionista nel ’86, spiega Poltronieri, e del passato voglio ricordare solo il gruppo dei "Libagions" dove suonavo il saxofono. Da un anno e mezzo ho cambiato genere di serate, inserendo spettacoli di cabaret, uniti ad una buona esecuzione musicale. La gente si diverte ascoltando le vecchie sigle dei cartoni animati, ride se alcuni testi di canzoni vengono rielaborati e apprezza il sax unito alla musica da disco. E’ stato definito un "One Man Band", il suo "Comic Music Show" è basato sul totale coinvolgimento del pubblico, il suo show si sa quando comincia, ma non si sa quando finisce. Gags, Sketches, cartoons, film soundtracks, travestimenti, cover sax, sono tra gli ingredienti del suo spettacolo. Info: Michele 0338/4573685

  • 14/12/2005 13:23 - Anne Lee Baron The Musical Railism Of Anne Lee Baron (Mode/Tellus). Anne ...

    Anne Lee Baron The Musical Railism Of Anne Lee Baron (Mode/Tellus). Anne Lee Baron è un'arpista compositrice e performer di formazione colta (ha studiato con Gyorgy Ligeti) che si confronta senza pregiudizi con tutte le culture musicali, anche quelle ritenute basse. Il Cd spazia dall'improvvisazione per arpa registrata in una chiesetta tedesca alle tre del mattino (che apre il disco) a un blues elettrico in cinque movimenti che riprende la leggenda di Orfeo vista dalla parte di Euridice e sceneggiata nel delta del Missisippi. E ancora, dalla musica da camera a un lontano parente del noise-rock per arpa amplificata e rumori registrati.

  • 14/12/2005 13:23 - Annie Lebaron E' interprete e compositrice. Suona l'arpa perlustrando tutte le ...

    Annie Lebaron E' interprete e compositrice. Suona l'arpa perlustrando tutte le possibilità. Improvvisa, sperimenta con il suono amplificato e la distorsione, lavora con il nastro magnetico, inserisce nelle partiture i richiami per uccelli, ensemble da camera. In Europa suona con Alex Von Shilippenbah, Sven Ake Johansson. Tutto a 360°. Rana, ritual revelations (Mode, '92) e The musical railism of Anne LeBaron (Mode/Tellus, '95).

  • 14/12/2005 13:23 - Antonio Ciacca propone il nuovo Cd Hollis Avenue registrato a ...

    Antonio Ciacca propone il nuovo Cd Hollis Avenue registrato a NYC con Hoberon, un giovane promettentissimo saxofonista americano (già con Greg Osby, Wynard Harper). Marcus Baylor ha suonato con Cassandra Wilson e Kenny Garret. Il disco è dedicato a Jaki Byard e prende il nome dalla strada in cui viveva Byard e che Ciacca ha frequentato fino ad una settimana prima della morte del maestro. Formazione: Antonio Ciacca (piano); Brian Hoberon (tenore); Nicola Muresu (basso); Marcus Baylor (batteria).

  • 14/12/2005 13:23 - APEIRON Brusii inquieti ed accenti da piano bar stranito, sincopi e ...

    APEIRON Brusii inquieti ed accenti da piano bar stranito, sincopi e vocalizzi destrutturati con un nome Apeiron, l'indefinito, uno dei principi primi della filosofia presocratica che rende bene l'idea di una musica che è partita da coordinate standard rock (e reminiscenze prog-evolute) per andarsi a stilizzare in modo molto intrigante: si tratta di frammenti accostati, rifuggenti da linee melodiche troppo lineari, di ripetizioni deviate, di forma-canzone squarciata, in un italiano frammentato quanto la musica. Imprevedibile, talvolta geniale. Contatti: Fabio Angeli 0584/937128

  • 14/12/2005 13:23 - ARLING & CAMERON Music For Imaginary Films Non è davvero una ...

    ARLING & CAMERON Music For Imaginary Films Non è davvero una novità l'idea di creare colonne sonore per film immaginari, ma i due olandesi, di cui avevamo apprezato il precedente "All In", hanno fatto un lavoro ottimo, e devono esserne anche consapevoli avendo comunque scelto un titolo che sfida una lieve irritazione per la sua prevedibilità. Contrariamente a quanto avviene in tali impegni spesso concettosi aprioristicamente ma altrettanto insipidi alla resa dei conti, Arling e Cameron si sono divertiti ma senza peccare d'autoindulgenza, con dodici composizioni (ci sono anche due remix) di una godibilità assoluta, accompagnate graficamente da gustose locandine dei suddetti impalpabili film (dai titoli più o meno possibili, da "Le Flic et la Fille" a "Zona Sul", da "Shiva's Daughters" a "Milano Cool"), riprodotte anche nel poster accluso al doppio album. Bravi nel trattare la materia, per ispirazione attingendo con predominanza incontrastata nelle soundtrack sessanta/settanta, Arling & Cameron hanno creato una piacevolissima raccolta di frammenti assai vari che alla fine si ipotizzano come vere soundtrack assemblate in una delle tante compilazioni di genere più che una galleria di impeccabili falsi d'autore.

  • 14/12/2005 13:23 - ASSALTI FRONTALI LIVE SET - Hip Hop - ITA Prima data ...

    ASSALTI FRONTALI LIVE SET - Hip Hop - ITA Prima data del tour italiano. Tre anni dopo Conflitto e sette dopo Terra di Nessuno, Assalti Frontali ritorna alla ribalta con il nuovo album Banditi. Pur abbandonando la strada dell'autoproduzione e firmando un contratto con la BMG, Militant A e i suoi non intendono rinunciare alla propria autonomia e Banditi è lì a dimostrarlo. Determinanti creatori di un'idea di Rap italiano, piuttosto che di uno stile, Assalti Frontali esplorano costruzioni verbali che poco hanno a che vedere con certa recente faciloneria hip-hop, zeppe di rimandi e citazioni, frutto di una ricerca costante e stimolante.

  • 14/12/2005 13:23 - Assalti Frontali Assalti Frontali nasce all'inizio degli anni '90 come progetto ...

    Assalti Frontali Assalti Frontali nasce all'inizio degli anni '90 come progetto antagonista di Militant A, già componente di una delle prime posse italiane, l'Onda Rossa Posse. Ben nota sulla scena romana e nel circuito dei centri sociali, la formazione ha pubblicato finora tre album, l'ultimo dei quali si intitola "Banditi". "Banditi. Esclusi. Irregolari. Senza divisa. Prigionieri. Esiliati. Immigrati. I banditi da un sistema di leggi e da un ordine economico. I banditi sono quelli che sfuggono al potere e lasciano presagire una vita senz'ordine. Dai banditi nasce una nuova umanità, nasce una nuova idea di cittadinanza. Chi è messo al bando ruberà il tempo, i soldi, lo spazio, ruberà la gioia di essere in vita. Essere banditi è anche una condizione di solitudine, un destino che vuole preparazione e disciplina interiore perché il bandito non ha garanzie e può essere ucciso senza colpa alcuna. Non appartengo al vostro mondo del vostro mondo niente mi appartiene lecitamente" (Militant A - Assalti Frontali). Assalti Frontali elogia il banditismo come stile di vita antagonista a priori. Lo fa con un album denso di parole, immagini, frasi dure come la pietra. Banditi è la prosecuzione musicale del libro "Conflitti Che Producono Banditi", pubblicato da Militant A per Castelvecchi qualche tempo fa. "Banditi" è accompagnato da un libretto/introduzione a cura di Nanni Balestrini e Aldo Nove.

  • 14/12/2005 13:23 - Assalti Frontali Banditi Bmg Assalti sono tornati. Lo fanno alzando la voce, la ...

    Assalti Frontali Banditi Bmg Assalti sono tornati. Lo fanno alzando la voce, la scelta di approdare ad una major, criticata da varie parti, sembra non abbia intaccato minimamente la loro forza. Il lupo ritratto in copertina dell’ultimo Banditi è il simbolo centrale del disco. Il lupo è l’animale che per il branco da la sua vita, cosi Militant A, voce di un movimento mai sommesso. La sua voce, suona violenta e penetrante, fanno male i testi di Assalti, fanno pensare le rime, mai banali, rap poesia della strada, come cantava l’Onda Rossa Posse. Dieci anni di storia, dieci anni di lotte, narrate, cantate. Banditi, che si muovono nelle notte, Viaggiatore mai stanco, Militant A è un cronista di storie normali, vissute giorno per giorno. Le basi sono di Ice One considerato uno dei maestri dell’hip hop nostrano, splendida Va tutto bene, poi Notte d’acqua una canzone d’amore. Nascosta e preziosa la presenza di Lou x, che insieme a Sioux ha suggerito spunti interessanti al lavoro. Ascoltando Banditi ci si immerge in una storia privata, ai margini di una società addormentata, che ha visto la guerra a 30 miglia di mare, senza muovere un dito. Una voce nella mischia, importante per alcuni, fondamentale per molti. Vera scuola di poesia, intima, a volte dura e toccante, mai banale, ma questa è cosa che interessa a pochi. Meditate gente.

  • 14/12/2005 13:23 - Astronaughty Collective - è il nome d’arte dello stimatissimo dj ...

    Astronaughty Collective - è il nome d’arte dello stimatissimo dj genovese Dubmaster Spillus. Da anni all'avanguardia per tutto ciò che rientra nel panorama musicale di origine black, Astronaughty, continua a devastare le menti degli italiani con i suoi mix tapes sperimentali e a far ballare i genovesi con le sue serate hip hop. Attualmente la sua produzione di musica gravita attorno alla Temposphere con la quale ha un album. Ricordiamo '72 Moogs in the sky' (Into The Temposphere), 'Manakora Dancefloor' (A Wanton Bass) oppure il folgorante remix di 'Genova Piazza De Ferrari' originariamente composto da Piero Umiliani e pubblicato sul secondo volume di Easy Tempo Experience. In questa occasione, Astronaughty metterà la sua grande esperienza a disposizione delle arti visive.

  • 14/12/2005 13:23 - ASTRONAUGHTY Abanuea ...Ovvero il ritorno di The Dubmaster Spillus, l'anti-dj che ...

    ASTRONAUGHTY Abanuea ...Ovvero il ritorno di The Dubmaster Spillus, l'anti-dj che ha messo d'accordo (unico al mondo o quasi) King Tubby e i Pan Sonic. Il suo nuovo disco come Astronaughty, a cinque anni dal primo è una strana quadratura da cerchio tra una completa estraniazione dal pianeta Terra come luogo fisico (pur sempre di 'astronauti' stiamo parlando) ad il totalmente antitetico recupero di radici etniche e antiche, vd. i tamburi di Fela Kuti in Kalakuta Repubilc. Tra questi due estremi si fanno strada severi incedere di sequencer e delicati borborigmi techno, tutti rigorosamente "fatti in casa" giacché come i padri dell'elettronica cui si ispira (Pierre Schaffer, tutta la scuola early-Detroit, gli inevitabili Kraftwerk) - anche Dubmaster Spillus 'non' campiona, ma crea solo suoni originali. Come un meticoloso cartografo dell'interiorità (o meglio ancora: come la tenerissima Jodie Foster in Contact) Spillus sonda gli spazi profondi della mente cercando d'inquadrarli dentro coordinate matematiche - mappandone scenari minimali e dilatati, ma mai desolati. Inaugurando in questo modo una curiosa vena di sensibilità anbient-alista dentro il filone della post-techno.

  • 14/12/2005 13:23 - BAD ASTRONAUT/Acrophobe La sensibilità melodica dei Lagwagon è sempre stata fuori ...

    BAD ASTRONAUT/Acrophobe La sensibilità melodica dei Lagwagon è sempre stata fuori discussione, l'attività frenetica della band, la quantità sterminata di partecipazioni, registrazioni non ufficiali, singoli e varie amenità un altro segno dell'estro e della prolifica vena compositiva dei membri del combo. Bad Astronaut è la creatura che consente a Joey Cape la possibilità di mettere il proprio genio al servizio del pop, o almeno di quello che, agli occhi di un californiano hardcorer, può significare la parola pop. Il suddetto Joey, insieme con Marko (Nerfherder, Swingin' Utters) e Derrik Plourde (batterista dei Lagwagon sui primi tre dischi), ha deciso di esplorare lo spazio libero dell'immaginazione melodica attraverso la forma pop-song, ed il risultato è decisamente apprezzabile. Appena un poco kitsch, l'utilizzo delle tastiere dona una certa serena stabilità armonica ai repentini cambiamenti di umore, ai chorus solari e alle elegiache introduzioni dei dieci brani dell'opera, tra cui spicca anche una cover di "Needle in the Hay" di Elliott Smith. "Quiet" il gioiellino melancolico del lotto, in generale buoni anche gli altri episodi, soprattutto quando alla levigatezza del pop succede l'irrinunciabile scatto elettrico d'impronta Lagwagon a fornire dinamica e varietà ai climi del disco.

  • 14/12/2005 13:23 - BAD ASTRONAUTS ACROPHOBE HONEST DON'S/WHITE&BLACK Davvero un bel debutto, questo dei Bad Astronauts, ...

    BAD ASTRONAUTS ACROPHOBE HONEST DON'S/WHITE&BLACK Davvero un bel debutto, questo dei Bad Astronauts, 10 frizzanti e accattivanti episodi di punk-pop melodicamente ispirati, da membri di Lag Wagon (Joey, voce e chitarra/Derrick, batteria) e Nerf Herder e Swingin' Utters (Marko 73, basso). Mezz'ora di melodie che viaggiano sulla scia dei primissimi Foo Fighters, di Jawbreaker, Adventures In Jet, Get Up Kids, con due cover, di Elliot Smith ('Needle In The Hay') e Hedy West ('500 Miles'): atmosfere distanti dal modello Lag Wagon, quindi, con innesti di tastiere, pianoforte e archi, ma comunque altrettanto elettriche e accattivanti. Qualcuno lo potrebbe chiamare rock alternativo, tanto per semplificare, sta di fatto che Joey e i suoi astronauti scrivono belle canzoni, che è un piacere ascoltare e canticchiare, senza con questo poter essere tacciati per commerciali. Un bel biglietto da visita, quindi: aspettiamo fiduciosi il disco di debutto su My Records, l'etichetta di Joey, appunto.

  • 14/12/2005 13:23 - BANDA RONCATI La Banda, proveniente dal bolognese, è composta da un ...

    BANDA RONCATI La Banda, proveniente dal bolognese, è composta da un organico che varia dai 25 ai 50 elementi, sia giovani musicisti sia veterani ottuagenari. Il loro repertorio musicale è molto eterogeneo e fatto apposta per dare spettacolo: si passa dalle musiche tipiche della tradizione popolare alle cover di brani di uno sperimentatore musicale come Fred Frith.

  • 14/12/2005 13:23 - BANDA RONCATI Nata secondo i classici modelli di banda di paese, ...

    BANDA RONCATI Nata secondo i classici modelli di banda di paese, la BANDA RONCATI si è da subito distinta per l'impegno nell'ambito del sociale, partecipando a diverse manifestazioni in appoggio ad associazioni di volontariato. Il maggior numero di collaborazioni sono state quelle con il TELEFONO VIOLA, un'associazione, questa, che si batte per abolire gli abusi della psichiatria. La particolarità del progetto è innanzitutto da ricercare nel fatto che non vi sono direttori d'orchestra, non ci sono singoli compositori, nè tantomeno singoli arrangiatori, tutto si muove con un unica forza motrice che trova stimoli in un organico che varia dai quindici ai quaranta elementi. Gli strumenti che usano nelle loro "incursioni" come le ama definire Vincenzo, che mi ha introdotto nel mondo della "Banda", vanno dai più classici ottoni e tamburi tipici delle formazioni di questo genere, fino ad arrivare alle fisarmoniche, alle melodiche alle nacchere e a tutto quello che si ha sottomano. Particolare suggestivo nelle loro apparizioni pubbliche è il coinvolgimento che prova il pubblico, a tal punto da partecipare attivamente all'esecuzione con il semplice battere delle mani, con il percuotere legni su bottiglie e tutto quello che possa aggiungersi al suono complessivo. La banda, poi, ha sempre rappresentato, nell'immaginario collettivo, la festa, l'unione, la voglia di stare insieme. Nelle feste di paese il giorno di chiusura: il più importante era sempre accompagnato dal suono dei tromboni e dei fiati delle bande, quando arrivava la banda, solo allora, si poteva parlare di festa. La Banda Roncati rappresenta la festa e la lotta: infatti oltre agli interventi in appoggio ai malati psichiatrici, ha da sempre supportato iniziative di protesta in appoggio ai lavoratori, agli studenti, alle persone che avevano bisogno di farsi sentire e non ci riuscivano solo con l'uso della voce, ha amplificato e tutt'ora amplifica con la forza della musica la voglia di non essere sottomessi o sfruttati da chi volta per volta assume il ruolo di sfruttatore che sia esso un datore di lavoro o lo stato stesso. Il loro repertorio spazia da brani più legati in senso stretto alla tradizione bandistica fino ad arrivare agli standard del jazz, alle sigle dei cartoni animati, ai brani di protesta, alle hit del momento rivisitate in chiave ironica; si passa dal pezzo dance a quello rock il tutto eseguito con uno stile personalissimo che di volta in volta prende una sfumatura diversa a seconda dell'occasione e del luogo dove viene suonato. Le iniziative che hanno visto l'intervento della Banda fino ad oggi sono state un centinaio: partono dalla partecipazione a rassegne di musica popolare come il festival "AMORE E RABBIA" di Verzino in provincia di Catanzaro, l'"ANGELICA" festival di Bologna (rassegna che esplora la ricerca artistica nelle sue più svariate forme), il festival degli artisti di strada "SARABANDA", il festival teatrale di Sant'Arcangelo di Romagna; fino ad arrivare alle manifestazioni dei lavoratori ed alle animazioni musicali nelle strade di vari paesi d'Italia. La Banda ha inoltre realizzato la colonna sonora per lo spettacolo teatrale "Psyco F", in collaborazione con il Telefono Viola e il reparto autogestito dell'ospedale psichiatrico di Imola. In conclusione: chi volesse assorbire in pieno le emozioni che la Banda sa dare non deve fare altro che ascoltarla in una delle sue "incursioni", quindi occhi aperti, può essre che stia passando di lì e voi state leggendo ancora queste righe. La memoria del suono della Banda Roncati è rintracciabile in qualche cd, video e libro. CD: AngelicA 1994: "Festival Internazionale di musica" CAICAI 006 Rudi Marra: "Sopa d'Amor" Poligram 527157-2 Trasmigrazioni il manifesto, Officina TM 001 AngelicA 1995: "Festival Internazionale di musica" CAICAI 007 VIDEO: 25 Aprile 1994, il manifesto AngelicA 1994: "Festival Internazionale di musica" Pierrot Lunaire LIBRI: Nanni Balestrini: "Una mattina ci siam svegliati" Baldini&Castoldi info: tel. 051/333169-774579 fax.051/356042

  • 14/12/2005 13:23 - Bebe & Louis Barron Nel 1955-56 Bebe e Louis Barron collaborano ...

    Bebe & Louis Barron Nel 1955-56 Bebe e Louis Barron collaborano alla creazione della pionieristica colonna sonora di "Forbidden Planet" in cui per la prima volta, sono usati suoni elettronici, prodotti da circuiti auto-distruttivi piuttosto che dall'usuale orchestra. Sono stati i primi a credere nella semplicità dell'utilizzo delle nuove tecnologie elettroniche applicate nella manipolazione dei suoni. Usavano emulatori di suoni in maniera originale ed interattiva per l'epoca. Bebe e Louis Barron si sono incontrati a Minneapolis, e nel 1948, trasferitisi a Monterey in California si sposarono. Come regalo di nozze ebbero da un amico tedesco uno dei primi registratori importati in Germania, che guarda caso era lo stesso modello che Hitler aveva usato per registrare i suoi discorsi, in modo che sè gli fosse successo qualcosa la gente poteva pensare che era ancora vivo. Poi intorno al 1950, si trasferirono al Greenwich Village di New York, dove la scena artistica ed intellettuale era sorprendente ed eccitante. Gli artisti di ogni settore si incontravano per parlare di cio che stavano facendo, incoraggiandosi l'un l'altro. I musicisti in questo movimento, si ribellavano a tutte le vecchie forme e teorie musicali. Esiste un filo di paragone tra questi musicisti americani e lo stesso modo di lavorare degli esponenti della Musique Concrete francese, che registravano suoni della natura e li manipolavano. L'unica differenza che esisteva fra i due gruppi di ricerca musicale era che il gruppo americano si concentrava sulla creazione di suoni essenzialmente elettronici (usando solamente l'emulazione elettronica); mentre il gruppo francese usava suoni pre-esistenti per poi modificarli. Bebe e Louis Barron si appassionarono alle teorie cibernetiche di Norbert Weiner. Nessuno fino a quel momento aveva pensato di utilizzare quei circuiti elettronici per produrre musica. La teoria cibernetica ritiene che le stesse leggi applicate agli umani possono essere usate con altre forme di vita e persino con alcune macchine. Louis Barron prese questi circuiti e li adattò per produrre suoni, ne uscirono divertenti esemplari che furono usati per produrre incisioni ed amplificazioni. Era molto strano, quei suoni sembrava avessero un proprio inizio ed una fine autonoma. Loro solo potevano modificarli, aggiungendo o togliendo watt. I suoni sembravano come eccitarsi da soli per poi sparire e nessuno poi li poteva più ottenere. Era come guardare una forma primitiva prendere vita e poi dissolversi. Si intteressarono molto anche all'esperienza Cinema 16 fondata da Marsha e Amos Vogel e cominciarono ad occuparsi delle partiture e di film underground e d'avanguardia. Fecero pure due film con Anais Nin (più tardi sarebbe diventata una famosa romanziera e scrittrice di diari) e suo marito Ian Hugo. I film erano The Bells Of Atlantis e Jazz Of Lights, fecero anche un film chiamato Miramagic con Walter Lewisohn e un altro con Maya Deren. A New York lavorarono per più di un anno con John Cage. Fu lui che fece fare al duo tantissime incisioni sonore, oggi campioni sonori e le catalogò in otto modi: Suoni naturali, Suoni della campagna, Suoni della città, Suoni elettronici, Voci, Piccoli Suoni ecc. Poi naturalmente Bebe e Louis Barron passarono un sacco di tempo a dividerli in piccoli frammenti sonori diversi come triangoli. Cage che abitava con loro portava nello studio comune tutti quei compositori europei di nuova musica che sovvertirono i suoni di questo secolo tra cui: Stockhausen, Pierre Boulez, Lou Harrison, Edgar Varese. Non si incontrarono mai con Pierre Schaeffer e Pierre Henry, ma si scambiarono moltissime lettere entrambe entusiasti di quello che facevano per portare avanti la ricerca musicale applicata all'elettronica. Nel 1954 incontrarono per caso Dore Schary allora a capo della potentissima casa di produzione cinematografica MGM che propose al duo di sperimentatori la realizzazione della colonna sonora del film Forbidden Planet. Il film era basato sull'idea che ci fossero veri mostri o demoni dentro ogni essere umano, di cui nessuno era a conoscenza e che al momento opportuino potevano venir fuori e far commettere ad ogni persona le azioni più terribili. Essendo il film basato su dei mostri il Duo tirò fuori dei suoni orribili i peggiori che un circuito elettronico abbia mai potuto produrre per dimostrare appunto quanto terribili quei mostri fossero. I critici cinematografici impazzirono subito per il film ed anche il pubblico amò subito quei suoni che potevano esprimere il subcosciente di ognuno. Non bisogna dimenticare che a quei tempi (siamo negli anni '50) anche se lo spirito di ricerca era feroce ed accomunava moltissimi ricercatori di ogni parte del mondo, la tecnologia era molto elementare; i suoni si potevano modificare soltanto incollando o tagliuzzando con le forbici i nastri incisi. Comunque le macchine elettroniche sembravano avere un'anima creativa, la genialità di Bebe Louis Barron, è stata proprio quella di non voler controllare i circuiti elettronici, ma bensì di lasciarli al loro destino ed alla loro spontaneità; mentre oggi tutti gli sperimentatori sono ossessionati dal controllo del ruisultato finale delle macchine. Proprio il contrario del loro approccio. Ed è proprio questo che fa di Forbidden Planet una composizione così diversa ed inusuale, senzaltro nelle loro mani l'attuale tecnologia moderna di combinazione dei suoni farebbe scintille. Ancora oggi ognuno di noi può produrre questi suoni, è molto semplice basta saper attaccare resistenze e condensatori per attivare i circuiti. Le stesse condizioni che possono produrre scariche e disfunzioni nelle macchine possono produrre musica eccezionale. Gli stessi circuiti sottoposti ad un collasso nervoso, poi staccata la spina e finalmente rilassati possono farci entrare in un nuovo mondo incredibile, civile, elettronico memore dei primi esperimenti di questo duo.

  • 14/12/2005 13:23 - BEVIS FROND Vavona Burr Allora, ci siamo. Un nuovo episodio della saga ...

    BEVIS FROND Vavona Burr Allora, ci siamo. Un nuovo episodio della saga tipicamente inglese, in quanto ad inesausta prolificità, di Bevis Frond, all'anagrafe Nick Saloman. "Vavona Burr" è il quindicesimo episodio della sigla Bevis Frond - escludendo gruppi paralleli e svariate bizzarrie - e rappresenta una felice continuazione de verbo autunnale del disco precedente, un po' rinvigorito e maggiormente elettrificato. Si districa tra canzoni folksy, deliziose ed indolenti, come "Leave A Light On" o "To The Lighthouse", tocchi da viaggio autobiografico, quasi beatlesiano, come "Couldn't Care Less", acidità a go-go ("Coming Down On You", la chiusa algida di "Beggin Bowl") e guarda forse agli States con più intensità. Il Nostro suona pure, ancora una volta, tutti gli strumenti, lasciando a Country Joe Mc Donald - con cui ha avuto l'onore di tenere ultimamente una serie di concerti - l'apertura vocale dell'autocelebrativo "The Frond Cheer". Forse sarete stufi di sentirvelo dire, ma Bevis è un geniaccio. Per quanto si possa rimanere un po' interdetti sulla soglia di un nuovo lavoro, pensando all'eterna ripetizione del medesimo, Saloman riesce sempre (ancora?) a scrivere canzoni fresche ed inventive, che paiono pescare dall'immaginario pop anche antico, senza risultare calligrafiche e senza sforzi apparenti, con una classe come non ce ne sono, davvero. Anche qui, troviamo il nitore un po' dylaniano di "Don Lang", legata parimenti al blues ed alla frontiera americana, le svisate elettriche classiche, i riferimenti ad Hendrix, e tutto resta sempre su un livello più che soddisfacente.

  • 14/12/2005 13:23 - BEVIS FROND Live At the Great American Music Hall, San ...

    BEVIS FROND Live At the Great American Music Hall, San Francisco Woronzow Dopo quasi quindici anni di carriera, con alle spalle una discografia più che nutrita ed un seguito paragonabile a ben pochi altri artisti in ambito psichedelico, Nick Saloman non aveva ancora in catalogo un album dal vivo che ricapitolasse le canzoni più significative dei suoi Bevis Frond; l'anno scorso, ascoltando lo stupendo concerto realizato a San Francisco come backing band di Country Joe ("Eat Flowers And Kiss Babies"), riscontravamo con sorpresa il fatto che il lungo programma del CD non comprendesse neppure un brano di quell'ormai glorioso repertorio, e la semplice risposta stava nell'intenzione di pubblicare per intero un altro concerto a San Francisco, realizzato nel 1998 in occasione del tour promozionale del penultimo album "North Circular": fu proprio in quell'occasione che avvenne il fortunato incontro con il vecchio leader dei Fish, nel corso del quale furono gettati i semi per la collaborazione successiva. Bevis Frond è una realtà che ha conosciuto varie incarnazioni, che vanno dalla one-man band, in cui Nick sovraincideva strumenti di ogni sorta da home-recorder a budget limitato, fino a formazioni più allargate nelle quali dialogare con altri geniali chitarristi quali Rod Goodway, Dean Carter o Bari Watts. Il live alla Great American Music Hall ci presenta l'assetto apprezzato negli ultimi quattro cinque anni, anche nel corso di eccellenti date italiane, quello del power trio, comprendente due grandi veterani come Adrian Shaw al basso e Andy Ward alla batteria (musicista che viene coinvolto in alternativa a Ric Gunther). Il repertorio si accentra quindi sugli album della seconda parte della carriera, dopo la svolta segnata dal prediletto "New River Head" (1991), dal quale vengono offerte tre canzoni; le uniche puntate nel lontano passato sono rappresentate da una tiratissima versione di "Maybe", dall'album di esordio "Miasma" e dalla melodica, accattivante "Lights Are Changing", da "Tryptich". La scelta di questo concerto in particolare, presentato in presa diretta, senza trucchi e con una resa un tantino troppo "secca", non è dettata da considerazioni di natura tecnica ma dalla perfetta magia delle esecuzioni abbinata al piacevole ricordo di un'atmosfera molto particolare, ed inframmezzata dalle divertenti introduzioni parlate di Nick; il clima espressivo è avvolgente, anche per l'immediata fruibilità delle splendide ballate elettriche sciorinate da un chitarrista straordinario, che può contundere con colate di ghisa incandescente come in "Well Out Of It" e"Stoned Train Driver" o carezzare col melodico velluto di "New River Head" e "Stain On The Sun", risultando ugualmente convincente; il finale è una lunga versione di "Signed DC", dedicata ad Arthur Lee, da poco incarcerato. Nick e Adrian ne approfittano per scatenare tutto il loro estro psichedelico trasformando il classico dei Love in un grandioso inno alla libertà. Un acquisto a colpo sicuro.

  • 14/12/2005 13:23 - Black Jazz Chronicles "Future Juju" Ci si aspettava un album di ...

    Black Jazz Chronicles "Future Juju" Ci si aspettava un album di pura house music, ma qui di house ce n'è appena qualche accenno. Ashley Beedle, uno dei produttori più in forma della scena inglese (il suo lavoro come Ballistic Brothers), spiazza l'ascoltatore e rilancia realizzando un lavoro capace di citare nello stesso tempo Larry Heard e Roland Kirk, Jùan Atkins e Fela Kuti (alla cui memoria è dedicato). Gioca con house e jazz, techno e afro-beat in modo affascinante. Le percussioni fanno da tessuto connettivo: scorrono tra ipnosi e voodoo, regolari, quasi da dietro le quinte. Le melodie vengono affidate ora ai fiati, ora alle tastiere, qualche volta perfino alla chitarra che spesso scandisce anche il ritmo. Gli ambienti sonori sono per lo più distesi, sottilmente suggestivi, sospesi da qualche parte tra passato remoto e futuro prossimo. Il tutto infuso di un feel tecnologico mai invadente ma sempre presente: che percorre la musica come una sorta di persistente, leggero brivido artificiale. Future Juju guarda al grande patrimonio della musica afro-americana (da intendersi come africana e americana, insieme) e quello che vede è un mondo in evoluzione, con radici profonde nel passato e lo spirito nel presente. Guarda e raccoglie. Preserva, trasforma. Rimette in circolazione, inventando. Come, ad esempio, Kirk De Giorgio - che con "Planetary Folklore" ha effettuato un'operazione in qualche modo analoga, incentrata però sulle architetture del jazz modale - Ashley Beedle non dimostra soltanto di avere una buona cultura musicale e una buona collezione di dischi. Ma mostra come la conoscenza del passato permetta di preparare delle solide fondamenta per il suono del nostro presente. Verso il futuro. Altro che "retro-nuevo"!

  • 14/12/2005 13:23 - BLACK LABEL SOCIETY Stronger Than Death Come per il whisky citato ...

    BLACK LABEL SOCIETY Stronger Than Death Come per il whisky citato nel nome del gruppo, anche il sound di questo cd è una micidiale miscela di potenza e capacità compositiva da parte di Zakk Wilde, che rifiutò di sostituire Slash nei Guns N'Roses. Già chitarrista di Ozzy Osborne, Zakk rimane un marchio di qualità nell'attuale panorama metal. Nei suoi riff chitarristici, riesce a far convivere sonorità alla Black Sabbath col rock sudista dei Lynird Skynyrd, ma non perde originalità neanche nelle ballads come Just Killing Time.

  • 14/12/2005 13:23 - BLIM "Chronologic" Botchit & Scarper/12" (UK) Uno pseudonimo più sfigato non poteva ...

    BLIM "Chronologic" Botchit & Scarper/12" (UK) Uno pseudonimo più sfigato non poteva sceglierselo questo giovane scudiero del genio della Botchit & Scarper. A Freq Nasty lo accomuna tutto e solo la mancanza d'una certa "malizia" produttiva lo distingue. Il brano è un classico venturo, un'electro-funky con breaks galoppanti ed un indecente incedere di basso. Eccitante come pure...

  • 14/12/2005 13:23 - BOBO RONDELLI "Figlio Del Nulla" Già leader degli Ottavo Padiglione, Rondelli ...

    BOBO RONDELLI "Figlio Del Nulla" Già leader degli Ottavo Padiglione, Rondelli è invece indagatore di stati d'animo e narratore di rivolte esistenziali. Che riassume al meglio in Corri Treno, il più efficace dei cinque inediti che nel suo primo disco solista si alternano a riletture rock del repertorio del gruppo. Ma otto cover di sé stesso, francamente, sono troppe anche per i fan.

  • 14/12/2005 13:23 - BOBO RONDELLI Figlio del nulla «Oggi si pensa che sia vita ...

    BOBO RONDELLI Figlio del nulla «Oggi si pensa che sia vita solo quella vissuta ad occhi aperti, ma si vive anche quando si dorme. 'Andiamo a lavorare' l'hanno cantato solo i sette nani, e a me interessa raccontare un altro tempo, quello dell'attesa, dominato dal desiderio». Eccolo, il livornese Bobo Rondelli senza gli Ottavo Padiglione: uno specialissimo filosofo. La sua teoria, espressa nell'album Figlio del nulla, è la seguente: l'ozio non è il padre dei vizi ma una straordinaria forma di fuga dalla realtà. Nel disco i pezzi nuovi si alternano al vecchio repertorio tra sogni a occhi aperti (Viaggio astrale) e dolce far niente in attesa di un futuro migliore (Pioggia d'agosto). Il background dell'autore è l'ironico e disincantato maledettismo di Piero Ciampi; lì sono le sue radici, mentre la musica cerca ispirazione in un rock ruvido, elettrico, ridotto all'osso che lo fa assomigliare a un Billy Bragg italiano (non a caso Rondelli reinterpreta a suo modo New England) illuminato dal visionario esistenzialismo delle province portuali.

  • 14/12/2005 13:23 - BORGHETTI BUGARON Non sarà il Bar Mario cantato da Ligabue, né ...

    BORGHETTI BUGARON Non sarà il Bar Mario cantato da Ligabue, né il Roxy Bar di Vasco Rossi, ma nel "solito locale" dove prendono forma e vita le strofe della Borghetti Bugaron Band, di gente particolare e di storie curiose ne sono entrate parecchie. Si tratta di un locale ideale, con una fauna che si ciba di musica quasi sempre a tarda notte e che da dieci anni si diverte ascoltando le storie della Borghetti Bugaron Band. E' il 1989 infatti, quando Nicola Gaggi, poliedrico "teatrante-cantante", crea la Borghetti Bar Band, poi ribattezzata Borghetti Bugaron Band: un curioso fenomeno da palcoscenico, sette elementi (un interessante mix di chitarre, sax, basso, percussioni), che mediante il vernacolo fanese lancia curiosi messaggi al pubblico sempre divertito e spiazzato: "En Ce Se Doma", "Toca Beva De Più", "Viva Il Borghetti" e tanti altri pezzi che suonano come una provocazione goliardica. Una provocazione che ieri come oggi si rivolge a tutte quelle strane figure che presentano Fano come un'isola ideale per un target giovanile, ma che poi puntualmente sono pronte a criticare le scelte effettivamente mirate per i giovani (spazi per fare musica, come il C.D.M., luoghi di aggregazione diversi da Lido e Corso Matteotti. ecc...) e che magari costringono a migrazioni in massa verso l'alta riviera chi, giovane o meno, resta deluso da una città che a mezzanotte é pronta a rimboccare le coperte dando cordialmente la buonanotte. Senza sollevare inutili polveroni, comunque, Gaggi e compagni hanno festeggiato i loro dieci anni davanti ad un folto pubblico, ripercorrendo testi i cui denominatori sono l'amicizia, la musica ed un certo piacere "epicureo" dato dall'apprezzare (senza esagerare!) le multiformi gioie della cantina... Un traguardo importante questo, che testimonia l'amore di un pubblico eterogeneo nei confronti di una Band originalissima, capace di coinvolgere e divertire cantando una città fatta di piccole manie e difetti, ma anche di curiosi pregi e sfumature, il vernacolo garantisce infine la nota più gradevole, dando una precisa anima alle strofe. Dopotutto una delle carte vincenti del gruppo è proprio quella di riuscire a fondere un buon blues, frutto di anni d'esperienza con la comicità non proprio vellutata di espressioni dialettali che sanno aggiungere il classico "colore" al discorso! I componenti del gruppo, Nicola Gaggi alla voce, Giorgio Vampa ai sax, Andrea Omiccioli alla chitarra da osteria, Lele Serafini alla chitarra, Andrea Ceccarelli al basso, Asclepio Lupattelli alla chitarra e Lucio Occhialini alla batteria, saranno di nuovo in giro per i locali a suonare.

  • 14/12/2005 13:23 - BRON Y AUR Bron Y Aur (Beware!) L'anello mancante tra i ...

    BRON Y AUR Bron Y Aur (Beware!) L'anello mancante tra i King Grimson e i June of 44. Anello, che a dirla tutta, tanto mancante non è mai stato, data l'innegabile influenza delle rigorose partiture chitarristiche di Robert Fripp sugli schemi possenti e geometrici del post-rock. Milanesi, coadiuvati da Fabio Magistrali (A Short Apnea) in sede di manopole, compattano quattro lunghi strumentali intorno ad una solida serie di riff chitarristici (il nome "zeppeliniano" vorrà pur dire qualcosa...) che puntano diritti verso un traguardo di pura potenza. Obiettivo indubbiamente raggiunto, tanto da esser consigliabili sia a chi non disdegna i satelliti psichedelici del dopo Kyuss che a chi tonifica mente e muscoli al suono dei Don Caballero. Siamo già al "post-stoner"?

  • 14/12/2005 13:23 - BRONCO BULLFROG/Seventhirtyeight Discorso valido anche per i Bronco Bullfrog, cult-band ...

    BRONCO BULLFROG/Seventhirtyeight Discorso valido anche per i Bronco Bullfrog, cult-band londinese che rinnova i fasti dell'album d'esordio di un paio d'anni fa senza cambiare di una virgola il proprio stile. In questo caso i riferimenti sono due, Beatles e Big Star e, come nel caso dei Moviees, ci troviamo di fronte ad una clamorosa dimostrazione di puro talento. Ciò che sorprende, nei Bronco Bullfrog, è la naturalezza con la quale si immergono nel passato, senza vie di fuga. I tre inglesi vivono tra il '68 ed il '73, inutile tentare di interrompere il loro sogno. Di quella stagione ci propongono cose sublimi (l'iniziale My New Skin è il brano che Alex Chilton avrebbe sempre voluto scrivere e Blow Yourself Up andrebbe inserita nei programmi scolastici), plagi belli e buoni dei tardi Beatles (Bug-Eyed e breathless) e qualche lagnetta hippy (Sweet Tooth) che però nel contesto generale ci stà alla grande.

  • 14/12/2005 13:23 - BRONX DOGS + SI BEGG (UK) Ritorna il club BIG BEAT ...

    BRONX DOGS + SI BEGG (UK) Ritorna il club BIG BEAT BOUTIQUE, la serata di Fatboy Slim, con in consolle ospiti SI BEGG, ovvero BUCKFUNK 3000, imprevedibile resident dj del prestigioso club inglese, e RICHARD SEN, vero e proprio dj rivelazione dell'attuale scena d'oltremanica, non solo per i singoli prodotti con lo pseudonimo BRONX DOGS per l'etichetta Marble Bar, ma soprattutto per essere tra i protagonisti della nuova onda house, che mischia Chicago e Detroit all'hip hop, il funk all'electro e ai breakbeats.

  • 14/12/2005 13:23 - BRONX DOGS + SI BEGG (UK) Ritorna il club BIG BEAT ...

    BRONX DOGS + SI BEGG (UK) Ritorna il club BIG BEAT BOUTIQUE, la serata di Fatboy Slim, con in consolle ospiti SI BEGG, ovvero BUCKFUNK 3000, imprevedibile resident dj del prestigioso club inglese, e RICHARD SEN, vero e proprio dj rivelazione dell'attuale scena d'oltremanica, non solo per i singoli prodotti con lo pseudonimo BRONX DOGS per l'etichetta Marble Bar, ma soprattutto per essere tra i protagonisti della nuova onda house, che mischia Chicago e Detroit all'hip hop, il funk all'electro e ai breakbeats.

  • 14/12/2005 13:23 - BRONX DOGS Three legged funk Due cattivi soggetti che rispondono ai ...

    BRONX DOGS Three legged funk Due cattivi soggetti che rispondono ai nomi di Richard Sen e Paul Eve: sono nati e cresciuti nei distretti meno amichevoli di Londra, ed hanno - dicono sufficiente esperienza di "vita vera" per potersi intitolare al quartiere del Bronx (così lontano ma così vicino) senza sembrare degli sprovveduti qualsiasi in caccia di emozioni forti. Del resto è lì nel Bronx un'Oceano più a Ovest che risiedono i maestri di Paul e Richard: si chiamano Afrika Bambaataa, Whodini Jazzy Jay... L'hip-hop della "vecchia scuola", che i Bronx Dogs risuonano passandolo nei filtri della house più stradaiola e nella lavatrice dei breakbeats meno scontati, fino a farlo sembrare uno strano esperimento molto funky di ingegneria genetica. Three Legged Funk è il loro primo album, e raccoglie tutti i (difficilmente reperibili) singoli pubblicati dal duo negli ultimo anno e mezzo. Un perfetto scorcio di sensibilità "di strada".

  • 14/12/2005 13:23 - BRONY AUR "Brony Aur" Beware! Milanesi, attivi dal 1995 come cover ...

    BRONY AUR "Brony Aur" Beware! Milanesi, attivi dal 1995 come cover band genere Sabbath, Purple e Zeps (ovvio il riferimento del nome al brano acustico presente sul"III"), dopo una serie di mutamenti nella line-up approdano al Jungle Sound di Milano dove, con l'aiuto di Fabio Magistrali mettono insieme un paio di demo. Il secondo, su cui la critica sembra essere favorevolmente impressionata, apre loro le porte della produzione discografica maggiore, che li porterà all'esordio per la Beware!. Il suono della band, con il tempo diventato esclusivamente strumentale, e quello di una rovente jam session hard rock attraversata da intenzioni psycho, contaminazioni temporanee con il groove chitarristico dei Seventies e con dosi massicce di noise. Tracce senza titoli, improvvisazioni registrate senza sforzo compositivo alcuno, soltanto l'attimo, l'estemporaneo cristallizzarsi su supporto nobile di una afffiatata hardrock band in sala prove.

  • 14/12/2005 13:23 - BYRON BERLINE & THE COUNTRY RUMBLERS Byron Berline appartiene a pieno ...

    BYRON BERLINE & THE COUNTRY RUMBLERS Byron Berline appartiene a pieno titolo al (~gotha» dei musicisti bluegrass. Nella sua carriera di violinista e mandolinista ha militato in gruppi storici come i Bluegrass Boys di Bill Monroe e i Country Gazette. Ha realizzato inoltre un incredibile numero di collaborazioni anche al di fuori dell'ambiente folk (fra gli altri Bob Dylan, Elton John, Manhattan Transfer, Rolling Stones, Doobie Brothers), a conferma della sua versatilità artistica. Con le sue invenzioni stilistiche ha contribuito all'evoluzione in senso progressivo della musica bluegrass. Si tratta dell'unica data in Italia della sua tournée europea. Con lui suoneranno Jan Roelofs (chitarra e canto), Henry Nuyen (canto e basso) e Rolf Sieker (banjo e canto).

  • 14/12/2005 13:23 - CAFFE' STRONG Cristiano Giardini - sax tenore; Stefan Böhrer - ...

    CAFFE' STRONG Cristiano Giardini - sax tenore; Stefan Böhrer - piano; Francesco Bertolini - chitarra elettrica; Anssi Lehtivuori - batteria; Simone Pacelli - basso elettrico. La band Caffè Strong è stata formata ad Amsterdam nell'inverno del 1998 da cinque musicisti provenienti dall'Italia, dalla Germania e dalla Finlandia. La musica suonata dalla band è certamente legata alla tradizione jazzistica, ma il groove risulta esserne l'aspetto essenziale. Il sound dei Caffe' Strong scaturisce naturalmente dal diverso background e dalla particolare personalità di ogni singolo musicista, e si concretizza in composizioni originali e in brani del repertorio jazzistico riarrangiate fino al loro più totale stravolgimento. In un loro concerto dal vivo si possono quindi ascoltare gli stili musicali più disparati, dal latin-funk allo swing, dal New Orleans style all'hip-hop, in un repertorio di impatto sicuro ed immediato. Caratteristiche della band sono l'anima blues della chitarra di Francesco Bertolini, l'inclinazione jazzistica del batterista finlandese Anssi Lehtivuori, lo stile energico, anch'esso intriso di blues, del sassofonista Cristiano Giardini, il tocco cristallino del pianista tedesco Stefan Böhrer e la versatilità del bassista Simone Pacelli. La band si è esibita nel '99 in diversi locali olandesi (Bimhuis, Cafè Alto, Heren Van Amstel, Duke Ellington zaal) e nel 2000 alla rassegna Pescara Jazz.

  • 14/12/2005 13:23 - CAMERON BROWN - contrabbasso La sua idea di far nascere questo ...

    CAMERON BROWN - contrabbasso La sua idea di far nascere questo trio va sostenuta senza riserve, cosí come è stata azzeccata la scelta di affidare a CAMERON BROWN, tra i piú esperti e solidi del mondo, il ruolo del contrabbasso. Un trio già rodato, per concludere, in grado di procurare emozioni fresche e, forse, insospettabili. ~~

  • 14/12/2005 13:23 - CARN Good Timin' Wrong Place Brutta sorte quella dei Carn. Dopo ...

    CARN Good Timin' Wrong Place Brutta sorte quella dei Carn. Dopo anni spesi a suonare una musica heavy-psych che stentava a trovare sbocchi commerciali persino quando portava la firma dei Kyuss, la band francese ha deciso di porre fine alla sua carriera mai sbocciata dando alle stampe un CD a tiratura limitata che funge da testamento spirituale, e che con un pizzico di ironia è stato intitolato "al momento giusto, nel posto sbagliato"... Il suono avviluppante di un organo felicemente sposato alle chitarre progressive e floydiane di "Pulsar" (a tratti sembra davvero di ascoltare Dave Gilmour!) apre e chiude il disco. In mezzo, altri 13 episodi di heavy rock lisergico spettacolare, composti dal gruppo tra il '98 e il '99. Un rutto cosmico apre la massiccia "Blood Pump Tempo", scossa dal ruggito del cantante Oli. Dopodiché, prendete "The Home I Built" per quello che è (un divertissement country-rock che vuole solo spiazzare e incuriosire) e proseguite per "The Son Walkin' On His Hands", brano che accosta ad una prima parte incalzante e arrabbiata, un finale soffice ed effettato che inquieta più che rilassare. Infatti, tutte le composizioni dei Carn sono oscure e avvolte in quello che sembra essere un clima di rassegnata attesa per chissà quale catastrofe soprannaturale, e le due parti in cui è divisa "Pale Like A Dead Lion" alimentano una tale tensione. Nella prima, i vocalizzi di Oli e il basso di Fabien ricordano addirittura il mood dionisiaco e raffinato dei BlackWidow di "Sacrifice"; ma il fascinoso strumentale acustico zeppeliniano "Jimmy Vs Kristin", l'ultra-cosmica "Sweet Lash", il rifferama sabbathiano schiaffeggiato dal wah wah di "It's Easier Than Easy" e la breve ballad "Satan Space Car" ribaltano le impressioni più e più volte! Un disco molto vario, quindi, che piacerà tanto ai fan di Electric Wizard e Sons Of Otis, quanto a quelli dei Monster Magnet (l'influenza più evidente nella musica dei francesi). Non perdete anche il rifacimento live di "Paranoid" (con jam psichedelica finale), sotto forma di ghosttrack: se la sua registrazione non è delle migliori, la grinta è però quella di una grande band dal destino segnato, che con "Good Timin' Wrong Place" ha deciso di morire esplodendo come una supernova, piuttosto che farsi inghiottire da un buco nero tra l'indifferenza di tutti.

  • 14/12/2005 13:23 - GISELLA FRONTERO: pianoforte, nastro magnetico, luci Convergenza parallela n° 1 ...

    GISELLA FRONTERO: pianoforte, nastro magnetico, luci Convergenza parallela n° 1 il concerto della pianista e compositrice Gisella Frontero, al LINK con un programma di musiche di Giacinto Scelsi e un suo pezzo pianistico con nastro magnetico e piccola luminosa installazione. Aspetti sentiti come fondamentali nel suo lavoro di ricerca sono certamente sia la conoscenza diretta dei musicisti Chiari, Scelsi, Lombardi, Luporini, Zosi, che l'ascolto dei repertori extraeuropei di tradizione popolare; l'amore - dedizione all'opera e alla poetica di John Cage in particolare; i "rivelanti" aspetti gestuali - tonali della musica di Silvano Bussotti [prossimo venturo N.d.R.]; l'interesse e la vicinanza spontanea all'arte povera, al minimal, a Fluxus. Il carattere dei suoi interventi è rappresentato da una vivace attenzione a tutti i fenomeni del quotidiano, percependo la realtà artistica come un "essere presenti al mondo" ed esprimendola attraverso pezzi strumentali, gesti, frasi, schizzi, progetti, concerti, eventi, performance e attività seminariali. Come compositrice ha all'attivo brani per diversi organici vocali-strumentali, con nastro magnetico, video e installazioni luminose. Come pianista il suo repertorio prediletto spazia da Morton Feldman a Giacinto Scelsi, da Terry Riley a Meredith Monk, da Franco Donatoni a John Cage. Ha tenuto numerosi concerti in Italia e all'estero anche con opere in prima esecuzione assoluta: al Mozarteum di Salisburgo dove ha svolto alla Hochschule un seminario sulla musica italiana contemporanea, al festival del GAMO (gruppo aperto musica oggi di Firenze), al Teatro dei Satiri di Roma, alla Scuola di musica di Fiesole, al Museo Pecci di Prato, in Svezia al Fylkingen di Stoccolma e negli Stati Uniti a New York al Roulette "Experimental fall 1991 Steinway Series", interventi questi certamente caratterizzati dalla poesia di un Suono sempre ricco di calore e di estatica suggestione.

  • 14/12/2005 13:23 - Contemporaneamente ad Harvey e senza sapere ovviamente niente di quel ...

    Contemporaneamente ad Harvey e senza sapere ovviamente niente di quel progetto, sciolta la società Les Antipop, Maurizio Minestroni, figura irrequieta ed artista dandy a tutto tondo, ha raccolto intorno a sé tre giovani jazzisti marchigiani di belle speranze (Luca Pecchia, Giordano Pietroni e Samuele Garofoli) per un ulteriore omaggio all’autore de ‘La Javanaise’, intitolato semplicemente e programmaticamente ‘Serge Gainsbourg’ e registrato dal vivo e tutto d’un fiato il 4 ottobre al Teatro Petrella di Longiano (per informazioni sul CD: Dona Ruy’s Project, Via Baldi 62, 61100 Pesaro): 13 canzoni tirate a lucido ed interpretate al meglio, pescate nel paniere meno turbolento e più ispirato del franco-russo. Per una comparazione con gli originali, se non avete la possibilità di accaparrarvi quintali di vinile a modici prezzi sui mercatini di Montmartre o lungo le rive della Senna, la Philips ha editato di fresco tre album (‘Comic Strip’, ‘Couleur Café’ e ‘Du Jazz Dans Le Ravin’) che in sessanta canzoni mostrano uno spettro abbastanza completo dell’attività del cantante maudit.

  • 14/12/2005 13:23 - CHIRON Eve Fra le ultime produzioni del catalogo Energeia figura l'album d'esordio ...

    CHIRON Eve Fra le ultime produzioni del catalogo Energeia figura l'album d'esordio dei Chiron, un progetto nato dalla collaborazione degli australiani Michael Aliani e Dino Molinari (già membri degli Ikon) coi russi Shura B2 e Leva (entrambi alla chitarra) e Vadim Belakhov alla batteria. Hanno preso a prestito il nome di una divinità della mitologia, Chiros il centauro figlio di Cronos che in astrologia corrisponde al Pianeta più distante dalla terra. Ma la musica del quintetto non vanta distanze spazio-temporali così remote, arrestandosi semmai agli anni d'oro del post-punk inglese ('78/'80) quando la musica rappresentò un evento generazionale così straordinario da produrre ancor oggi proseliti su tutto il pianeta. Ed è proprio là che batte il cuore di questo strano quintetto russo-australiano, fra le pieghe di un sogno romantico raccontato dai Joy Division e Sisters Of Mercy, gli eroi di una leggenda che questi ragazzi celebrano attraverso le tredici songs di ''Eve" rispettando tutti i crismi creativi ad essi proprii, senza per questo essere statici. Vi posso assicurare che anzi il disco contiene molti frangenti che fanno vibrare e che rinnovano esperienze emozionali ben gradite, specie quando all'ispirazione si sposa il talento.

  • 14/12/2005 13:23 - CHRISTIE FRONT DRIVEBOYS LIFE Split Crank/Green). Uscito nel 1995 e poi ...

    CHRISTIE FRONT DRIVEBOYS LIFE Split Crank/Green). Uscito nel 1995 e poi scomparso dalla circolazione, viene ora reso nuovamente disponibile un ottimo pezzo di storia dell’emo core e indie rock a stelle e strisce. Ascoltare i sei pezzi che formano il disco non può non incrementare il rammarico per il fatto che entrambe le formazioni si siano sciolte, in quanto la loro bravura nello scrivere canzoni che possedevano un animo profondamente umano era a livelli che rasentavano la perfezione, che poi i Christie Front Drive fossero più emo e i Boys Life più noise e articolati è solo un dettaglio, dacché il valore aggiunto delle composizioni è incommensurabile, in entrambi i casi!

  • 14/12/2005 13:23 - CHRISTY BARON Steppin' / Chesky Non capita tutti i giomi di ...

    CHRISTY BARON Steppin' / Chesky Non capita tutti i giomi di incontrare un'interprete jazz che si stacchi dal repertorio degli standards composti principalmente tra gli anni Trenta e Cinquanta e suu quali hanno mosso i primi passi tutti i cantanti degni di essere chiamati tali. Christy Baron, nata a Pittsburgh, lavora e vive a New York dai primi anni Ottanta. Con lo spirito dell'ultimo Miles Davis, attento e curioso riesaminatore della cultura del suo tempo, la Baron sceglie, per il suo secondo lavoro con la Chesky, un nuovo concetto di standard legato al repertorio pop e rock degli ultimi decenni. E passa con disinvoltura dalle ombre di Johnny Mandel e dei "castelli di sabbia" di The shadow of your smile al blues-rap di Didier Rachou recitato con David Johansen (Delays on the Dawntown 6). Riesegue magnificamente She's not there degli Zombies in salsa afro e This must be love di Phil Collins in stile Phoebe Snow. Non ha problemi con il funky di George Duke in Is love enough e con il rhythm'n'blues di Rod Temperton in Ain't no half steppin'. Fa il verso alle migliori vocalist nere di oggi in Will it go round in circles, in apertura, e si cimenta col repertorio dei Beatles di Tomorrow never knows mescolando sapientemente jazz e canto circolare dei Tuva (Akim funk Buddah). Passa dal Peter Gabriel di Mercy Street e regala un'emozionante versione di Thieves in the temple di Prince al quale aggiunge un'introduzione da camera con quartetto d'archi. Tra le sue corde vocali si nascondono Kate Bush ed Erykah Badu e gli arrangiamenti delle sue versioni mescolano jazz e world music con grande sapienza e il suo Steppin' è davvero una bella scoperta.

  • 14/12/2005 13:23 - CHRONICS Soulshaker Dal punk degli anni settanta passiamo ora al ...

    CHRONICS Soulshaker Dal punk degli anni settanta passiamo ora al northwest punk, meglio conosciuto da molti come il sound dei Sonics. Abbiamo più volte fatto riferimento da queste colonne all'importanza che hanno avuto i Sonics per il rock n roll. Ancora oggi, a più di trent'anni dal loro esordio, ci sono in giro gruppi che si ispirano al loro stile. Vorrà pure dire qualcosa. Ultimi arrivati in ordine di tempo sono i Chronics, il cui Soulshaker (Bad Afro) è un competente CD di sixties dance punk pieno zeppo di northwest riffs e di carica garage punk (Dragster Man ha lo stesso groove di My Generation degli Who).

  • 14/12/2005 13:23 - CIALTRONI ANIMATI Prendete i più famosi ritornelli dei cartoni animati, ...

    CIALTRONI ANIMATI Prendete i più famosi ritornelli dei cartoni animati, i jingle che hanno fatto storia e le sigle dei più noti telefilm. Shakerateli, stravolgeteli, e serviteli in versione punk/rock. Più o meno quello che hanno fatto i Cialtroni Animati. I Cialtroni Animati si formano alla fine del 1996 dietro suggerimento dei propri analisti, per superare definitivamente il complesso di peter Pan. Nel giro di sei mesi saltano dalle microbettole "fiumicensi" ai 5000 spettatori delle Teerme di Caracalla. Da allora un susseguirsei di buone occasioni. Lo dimostra l'interesse dei media: trasmissioni come Help e Roxy Bar, riviste come Max e Musica!... Più che un concerto, i Cialtroni Animati propongono un vero e proprio spettacolo che in alcuni momenti "scende" dal palco, prende il pubblico per mano e gli fa attraversare la strada delle inibizioni senza pericolo di ritorno. Si parte dalle sigle dei cartoni animati giapponesi degli anni 70/80, ma Ufo Robot, Daitan II e Jeeg vengono presto profanate dalle interferenze di Police, Little Tony e Led Zeppelin. Assistere a queste performance è come trovarsi davanti ad un televisore impazzito nel pieno degli anni '70. Si salta dai telefilm ai jingle pubblicitari, da Superclassifica Show al Colonnello Bernacca. Inoltre i Cialtroni Animati assecondano invariabilmente la prima parte del proprio nome, ragion per cui salgono, sul palco muniti di costumi assolutamente improbabili e tengono moltissimo a far partecipare attivamente il proprio pubblico... Gli appassionati di manga giapponesi trasalgono di fronte all'esecuzione in lignua originale di alcuni brani, i meno ferrati cedono storditi dalla girandola di colori al momento della distribuzione di Pane e Nutella (il nettare del Cialtrone). Il merito di questi sette bravi ragazzi è quello di riunire gente di età ed estrazione diverse, divertendo. I loro concerti sembrano viaggi nel tempo, si entra adulti e già alla prima canzone si è tornati bambini. La line up: Claudio Campagno voce solista - Vanessa Lausdei voce solista - Luca Lobefaro batteria - Vincenzo Lombardozzi clarinetto, flauto, tastiere - Gabriele Maiolo chitarre e cori - Giacomo Vitullo basso e cori - Carlo Ventura tastiere

  • 14/12/2005 13:23 - CIALTRONI ANIMATI Prendete i più famosi ritornelli dei cartoni animati, i ...

    CIALTRONI ANIMATI Prendete i più famosi ritornelli dei cartoni animati, i jingle che hanno fatto storia e le sigle dei più noti telefilm. Shakerateli, stravolgeteli, e serviteli in versione punk/rock. Più o meno quello che hanno fatto i Cialtroni Animati. I Cialtroni Animati si formano alla fine del 1996 dietro suggerimento dei propri analisti, per superare definitivamente il complesso di peter Pan. Nel giro di sei mesi saltano dalle microbettole "fiumicensi" ai 5000 spettatori delle Teerme di Caracalla. Da allora un susseguirsei di buone occasioni. Lo dimostra l'interesse dei media: trasmissioni come Help e Roxy Bar, riviste come Max e Musica!... Più che un concerto, i Cialtroni Animati propongono un vero e proprio spettacolo che in alcuni momenti "scende" dal palco, prende il pubblico per mano e gli fa attraversare la strada delle inibizioni senza pericolo di ritorno. Si parte dalle sigle dei cartoni animati giapponesi degli anni 70/80, ma Ufo Robot, Daitan II e Jeeg vengono presto profanate dalle interferenze di Police, Little Tony e Led Zeppelin. Assistere a queste performance è come trovarsi davanti ad un televisore impazzito nel pieno degli anni '70. Si salta dai telefilm ai jingle pubblicitari, da Superclassifica Show al Colonnello Bernacca. Inoltre i Cialtroni Animati assecondano invariabilmente la prima parte del proprio nome, ragion per cui salgono, sul palco muniti di costumi assolutamente improbabili e tengono moltissimo a far partecipare attivamente il proprio pubblico... Gli appassionati di manga giapponesi trasalgono di fronte all'esecuzione in lignua originale di alcuni brani, i meno ferrati cedono storditi dalla girandola di colori al momento della distribuzione di Pane e Nutella (il nettare del Cialtrone). Il merito di questi sette bravi ragazzi è quello di riunire gente di età ed estrazione diverse, divertendo. I loro concerti sembrano viaggi nel tempo, si entra adulti e già alla prima canzone si è tornati bambini. La line up: Claudio Campagno voce solista - Vanessa Lausdei voce solista - Luca Lobefaro batteria - Vincenzo Lombardozzi clarinetto, flauto, tastiere - Gabriele Maiolo chitarre e cori - Giacomo Vitullo basso e cori - Carlo Ventura tastiere

  • 14/12/2005 13:23 - CICLOTRON. L'elaborazione "Ciclotron."é la ricerca di miscele esplosive underground, disco e ...

    CICLOTRON. L'elaborazione "Ciclotron."é la ricerca di miscele esplosive underground, disco e house, monopolizzate da strumentazione vintage. I 5 musicisti hanno le loro radici sulle prime colline della riviera romagnola e si avvalgono dell'influenza discotecaria, diffondendo un'espressione musicale devota al popolo della notte, dove l'improvvisazione sui brani si evolve in ogni singola performance scatenando loop, dub e finali mozzafiato. La voce presente a brevi e sporadiche incursioni e, figlia del groove strumentale, si muta in flusso armonico. Si abbandona così la concezione di vocalist-frontman e inevitabilmente il "Ciciotron. diventa un progetto strumentale sonoro dove, Massimiliano Amadori (forte delle esperienze Mazapegul) trasporta l'uso di effetti analogici per chitarra in chiave underground; Davide Ruffio e Fabio Tozzi (rispettivamente basso-bass synth, batteria e rullanti) già spalla del cantante Dido di Domenico, coltivano i1 loro feeling sposando incastri e melodie. Il trio ha sperimentato un anno di live che li ha visti protagonisti di piazze ,feste della birra, de l'unità ,houseparty e manifestazioni culturali con l'unico scopo di crescere. Ciò ha portato l'intervento della chitarra dei Jestofunk (Mr.Fuzz), nonche' socio-fondatore dell'officina dei suoni "Jimmy Guitar Shop" dove non é stata difficile la ricerca della strumentazione. Arrivando alla formazione attuale con Marcello Veggiani (ritmiche e rumori) e Davide Satanassi (sax e colori), i "Ciclotron." Sprigionano l'essenza del movimento, improntando uno spettacolo senza tregue e tregua

  • 14/12/2005 13:23 - CONFRONTATION Confrontation (Lost & Found) Grindcore band statunitense ormai dissolta da qualche ...

    CONFRONTATION Confrontation (Lost & Found) Grindcore band statunitense ormai dissolta da qualche tempo che ha la possibilità di dare un estremo saluto ai fans con questo cd che raccoglie tutta la sua produzione. In Europa i Confrontation sono rimasti praticamènte sconosciuti, mentre in America avevano ricevuto qualche meritata attenzione. La band non tira a velocità stratosferiche, ma l'intensiti viene mantenuta a livelli bollenti grazie al discreto riffing e ad un vocalist che si rifà alla vecchia scuola hardoore americana.

  • 14/12/2005 13:23 - CRAIG ARMSTRONG Membro a tutti gli effetti dei Massive Attack, Craig ...

    CRAIG ARMSTRONG Membro a tutti gli effetti dei Massive Attack, Craig Armstrong è responsabile di tutte quelle fascinose orchestrazioni (da Unfinished Sympathy a Spying Glass) che ci hanno spezzato il cuore in ogni singolo disco dei Massive. Ed era in effetti difficile immaginare un album che meglio di questo suo esordio in solitario potesse giustificare il nome dell'etichetta creata dai Massive Attack, Melankolic. Melanconico, umorale e ultra-ultra-ULTRA-romantico The Space Between Us suona spesso esattamente come un disco dei Massive Attack, solo senza i Massive Attack... (rientrano fra l'altro dalla finestra versioni di Spying Glass e Sly). Tra concessioni alla classicità pura e semplice (ovviamente Satie in prima linea, vd. My Father) e toccanti siparietti dal sapore di prima visione cinematografica, il disco sarà l'incubo di chi apprezzava i Massive Attack proprio per la loro capacità di fermarsi esattamente un attimo prima di diventare stucchevoli...

  • 14/12/2005 13:23 - CRIMSON GLORY - “Astronomica” (Rising Sun/Audioglobe) Sapevo di un disco uscito ...

    CRIMSON GLORY - “Astronomica” (Rising Sun/Audioglobe) Sapevo di un disco uscito nel ‘98 per la Dream Circle intitolato “Astronomica”, che segnava il ritorno sulle scene, dopo sette anni, degli ex mascherati Crimson Glory. Adesso mi trovo tra le mani questo doppio lavoro e mi viene da pensare che sia lo stesso dello scorso anno, con una nuova etichetta e un bonus CD in edizione limitata (con tre pezzi live registrati nell’89). Comunque sia le dieci tracce (più lunga bonus contenente registrazioni di un programma radio) rispolverano quello che è stato il sound della band americana ai tempi dei primi due LP (seguiti da una sospetta svolta rock nel ’92), ovvero metallo epico, con qualcosa di progressive e un po’ New Wave Of British Heavy Metal. L’ingresso in formazione dell’ex Savatage Steve Wacholz e del nuovo cantante Wade Black non cambia le carte in tavola e, visti i tempi che corrono, parlare di opportunismo sarebbe come sparare sulla Croce Rossa, però questa è l’impressione che si ricava e pur se l’album lo si ascolta volentieri, non credo che farà breccia tra i nuovi defender trendisti!

  • 14/12/2005 13:23 - CRISTIAN VARELA "New Electronic Audio Architectures" Album di debutto per lo spagnolo ...

    CRISTIAN VARELA "New Electronic Audio Architectures" Album di debutto per lo spagnolo Cristian Varela, produttore techno emergente. Un lavoro dotato di verve e di inventiva. Aspettavamo da lui la riproposizione sterile dei classici binari percussivi/minimalisti in auge nel mondo techno ed invece ci sorprende con una buona dose di effervescenza e creatività. Varela infatti spatola un po' di mattanza in pezzi come My Way, Follarela, Pains, Ambients Up e Soul Pitches, ma sa aprire in modo graditissimo altrove. Ascoltate il sospeso guitarbreakbeat di Relax Minds, l'electro spumosa e ottimamente '80 di Chinese Strings (come la Yellow Magic Orchestra in MDMA), quella d'urto di Electro Bells, la citazione di Sueno Latino nell'house percussiva di La Pinata Contraataca e in quella estatica di Atmospheric Organs, la deep-house frizzante alla lisbonese di Deep Flutes, un futuro classico del Cafe Del Mar di Ibiza come quell'istantanea di lussuria super-kitsch che è Madrid Nights. Un talento inedito, capace di incrociare la ferocia della techno roteante e la tradizione della grande musica balearica. Il triplo vinile contiene cinque locked grooves bonus.

  • 14/12/2005 13:23 - Cronaca Oggi n°16 (G.E.S., L. 3.000) E’ con particolare orgoglio che ...

    Cronaca Oggi n°16 (G.E.S., L. 3.000) E’ con particolare orgoglio che presentiamo la monnezza del mese, il fetido ‘Cronaca Oggi’, ‘mensile di cronaca e attualità varia’. La formula è presto detta: prendere vetuste foto trash di donne nude e costruirci sopra una storia. Ma anche alla faccia tosta dovrebbe esserci un limite! Sentite qua; in copertina: ‘Le schiave del sesso albanesi’ “Vi prego, aiutatemi: non voglio fare la puttana!”. Foto di una implorante e robusta ragazzotta che potrebbe passare anche per albanese. Di fianco: una megagnocca orientale in slip e reggiseno, piena di bende e con un braccio rotto che anche Ray Charles capirebbe non essere la stessa persona! (come scambiare Rin Tin Tin con la Schiffer, vi assicuro). Didascalia ‘Schifosi! (schifosi?) Così l’hanno ridotta’. Sulle prime pagine interne il delirante servizio: la sedicente doppia Sonia viene presentata come ‘albanese con tratti somatici orientali per parte di madre’ (?!?!), segue una serie di foto tratte da uno di quei servizi sado-maso tanto cari ai giapponesi (dove, attansiòn, compare una ‘terza’ Sonia!) in cui si vedono CHIARAMENTE che anche le ‘infermiere’ e le ‘dottoresse’ sono giapponesi e vengono fatte passare per italiane! Sorvoliamo sul malfermo italiano del testo e sui bloopers del braccio rotto (ora il destro, ora il sinistro, a seconda se la dia è stata stampata per il suo verso o a rovescio) ma, cazzo, che dire della foto di lei quando esce da un ospedale romano? Niente, a parte che quella non è Roma, bensì Tokio!!! Ma il divertimento non finisce qui. Altro articolo altre risate: da Padova abbiamo una casalinga ‘violentata dalla cornetta (del telefono) che diventa un mostro di sesso’. Naturalmente la casalinga padovana è una bionda segretaria inglese, che si fa fotografare in casa, vicino ad una pila di libri inglesi ed alle ‘Yellow Pages’ di... Londra Sud. Gisascraist! E che dire della ex-ballerina francese (articolo della corrispondente da Parigi - e come no? - Georgette Binoche!) uccisa dopo essere diventata ‘prostituta d’alto bordo’? Raffinatissimo titolo: ‘Ormai ballava su altre punte...’. Insomma, se lo vedete in edicola, dategli un’occhiata ma evitate di comprarlo, anche se per scherzarci su. Roba del genere dà dei punti perfino ad un incredibile titolo di un vecchio ‘Cronaca Vera’: ‘Messa in cinta dal fantasma di Garibaldi durante una seduta spiritica’ (lo giuro, lo vidi in edicola, e nel pieno delle mie facoltà mentali).

  • 14/12/2005 13:23 - Cybotron Feat Dillinja - Light Years Una collaborazione del "braccio destro" ...

    Cybotron Feat Dillinja - Light Years Una collaborazione del "braccio destro" di Goldie. La "B" Side "Revelations" è un pugno nello stomaco, più morbida "Light Years" sull'altro lato.

  • 14/12/2005 13:23 - DADO MORONI (Genova 1962) dall'84 fa parte del gruppo di ...

    DADO MORONI (Genova 1962) dall'84 fa parte del gruppo di Franco Ambrosetti. Ha suonato in Italia e all'estero con Clark Terry, Chet Baker e Gillespie. Ultimamente si è trasferito ad Amsterdam

  • 14/12/2005 13:23 - DARKTHRONE/Preparing For War "Preparing For War" è gia un manifesto completo ...

    DARKTHRONE/Preparing For War "Preparing For War" è gia un manifesto completo delle sinistre trame dei norvegesi Darkthrone. Pur deplorando gli espliciti messaggi di violenza che hanno coinvolto questo gruppo, bisogna riconoscere che in veste di brutali primemovers della scena black metal, hanno prodotto una vasta risonanza sull'underground "estremo" europeo. Altri, come Dimmu Borgir e soprattutto Cradle Of Filth, rendendo più teatrale (e plasmabile) lo stesso approccio, hanno stimolato gli appetiti dello show bizness, ma Darkthrone non hanno mai rinunciato alla loro inquieta natura misantropica. Sarebbe stato interessante ascoltare i feroci assalti di "Transilvanian Hunger" e "In The Shadows Of The Horns" (qui incluse) con una tonante produzione alla Cradle Of Filth, per verificarne il potenziale sul mercato metal. Oltre ad outtakes degli albums più riusciti (specie "A Blaze In The Northern Sky" e "Transilvanian Hunger"), "Preparing For War" presenta vari episodi live e demos, meritando l'attenzione di chi giudica il metal estremo fra le tendenze più significative dell'ultimo decennio.

  • 14/12/2005 13:23 - Ritorna con le tematiche a lui più care, il geniale ...

    Ritorna con le tematiche a lui più care, il geniale cineasta David Cronenberg. In "Existenz" la Jennifer Jason Leigh è una creatrice di videogiochi ma (c'è sempre un ma) le sue creazioni entrano come dei virus nella mente dei giocatori. Quasi un remake di "Videodrome", il suo film più famoso, anche se personalmente gli abbiamo sempre preferito il più freddo e sanguigno "Scanner".

  • 14/12/2005 13:23 - Serge Grünberg David Cronenberg Ri/Cerca / Shake edizioni £ 20.000 La Shake ...

    Serge Grünberg David Cronenberg Ri/Cerca / Shake edizioni £ 20.000 La Shake edizioni underground di Milano pubblica questo volume ispirato dalla vita e dal lavoro di David Cronenberg. Il testo apparso originariamente sui “Cahiers du Cinéma”, la prestigiosa rivista francese di cinema, si può considerare il più importante volume pubblicato negli ultimi anni in Italia, riguardo l’opera del padre di Videodrome. L’autore percorre un viaggio, con varie tappe nel mondo del regista canadese. Il viaggio comincia con quella che è stata la fatica più importante: la trasposizione cinematografica de “Il pasto nudo” di William S. Burroughs. Un sogno per un regista che veniva dal nulla, niente scuole di regia, nessuna esperienza nel campo. Cronenberg veniva visto in maniera piuttosto distaccata, i suoi primi lavori, film ripugnanti e provocatori, erano prodotti da piccole case specializzate nel porno. Lentamente è riuscito a penetrare e contaminare l’universo hollywoodiano. Il suo progetto: una destabilizzazione del cinema, proveniente dall’interno della grammatica filmica, che possa insinuare nello spettatore un dubbio mortale sull’immagine, la continuità, l’incarnazione, la verità. Il viaggio prosegue all’interno del corpo macchina, nel pensiero, la sua potenza; fino ai tre contributi, inediti, su M. Butterfly, Crash e sull’ultimo eXistenZ. Chi fosse interessato a ricevere copia del libro può richiederlo direttamente alla ShaKe edizioni, tel. 0258317306; e-mail: press@shake.it Andrea Alessandro Di Carlo

  • 14/12/2005 13:23 - DECA Electronauta Rientra in una veste inedita il savonese Deca, sebbene ...

    DECA Electronauta Rientra in una veste inedita il savonese Deca, sebbene il materiale raccolto in "Electronauta" provenga da una serie di registrazioni effettuate nell'arco degli ultimi dieci anni, certo rivedute e corrette. Ma la cosa che più stupisce non è tanto la diversità rispetto ad un lavoro dai toni decisamente più cupi come "Phantom", ma la spettacolare freschezza delle 10 composizioni dalla prima all'ultima, il gradevole senso d'immediatezza che deriva dall'ascolto di questi ritmi schioppettanti, come trovarsi di fronte ad una trottola che rotea e danza giocosa fra vortici di sonorità iridescenti, ricche di prospettive luminose che ispirano serenità. Il fascino della leggerezza è senz'altro l'elemento di forza di "Electronauta", felice esempio di manipolazione elettronica che veste i colori del synthpop d'annata fra reminiscenze Clock DVA e soluzioni alla Kraftwerk che trovano in Deca un degno prosecutore dotato d'inventiva ed grande immaginazione. (hhttp:// communities.msn.it/ATOMDECA).

  • 14/12/2005 13:23 - Dee Armstrong Si è diplomata come regista presso il Dun Laoghaire ...

    Dee Armstrong Si è diplomata come regista presso il Dun Laoghaire College of Art and Design. Suona il violino e il salterio (hammered dulcimer). Madre di tre figli, questa musicista e regista ha frequentato corsi di reflessologia, decorazione su vetro e massaggio. Ha composto musiche per il teatro e suonato con le bands Yemenja e Orangeboom. Il suo colore preferito è il rosa, il numero il tre.

  • 14/12/2005 13:23 - DELTRON 3030 Virus/Things You Can Do Anteprima dell'album per Deltron 3030. ...

    DELTRON 3030 Virus/Things You Can Do Anteprima dell'album per Deltron 3030. Suoni di piano, organo, synth, in ripetizione e sovrapposizione per entrambe le tracce, come il rapping matuno e solido. Virus ha battuta leggera, scampanellii come mossi dal vento; Things You Can Do con refrain bambinesco, chiaroscuri, maggior enfasi sulla battuta. Tre versioni per ognuna.

  • 14/12/2005 13:23 - DEN BARON The Soundtrack Of My Life Il numero scorso decantavamo ...

    DEN BARON The Soundtrack Of My Life Il numero scorso decantavamo le magie pop di Apricot, la label di Wiesbaden che non ha tardato a fornire puntuale conferma della qualità che caratterizza il suo catalogo con Den Baron, tedesco, che nel rinfrescante "The Soundtrack Of My Life" assembla tracce concesse a varie compilazioni e pezzi totalmente inediti, bedroom pop fulmineo di trascinante svenevolezza, arioso, solare, leggiadro, temerario nell'accondiscendere, armato di quattro tracce e voce in velluto, alle proprie personali passioni, si direbbero su tutte Postcard, Pale Fountains ed il C-96 più soft (ma coverizzò anche Bizarre Love Triangle di New Order). L'unico rammarico non si sia colta l'occasione per recuperare il suo unico 7" A Dog's Life e i brani dai due split con Brideshead.

  • 14/12/2005 13:23 - DIN & TRONIC - Vitamin K / F**k The Police ...

    DIN & TRONIC - Vitamin K / F**k The Police (Techno Slut 003) Strano 12" questo: "Vitamin K" e' la solita traccia acid techno stile S.U.F., che impiega 2 giorni a salire ma quando parte si fa sentire; "F**k The Police" e' minimale: cassa, basso dark e charlie contornati da pochissimi inserimenti di synth, nelle pause una voce d'oltretomba continua a ripetere Fuck the police! Mah, questi inglesi che vogliono fare gli originali... 7

  • 14/12/2005 13:23 - DJ RON Quintessence Già autore di un tormentone estivo, “For You London”, ...

    DJ RON Quintessence Già autore di un tormentone estivo, “For You London”, questo junglista coniuga il darkore tipico della Metalheadz al jazzy’n bass. Qui, comunque la cosa migliore è il remix di Krust.

  • 14/12/2005 13:23 - DON BYRON Romance With The Unseen (Blue Note) Il titolo un po' ...

    DON BYRON Romance With The Unseen (Blue Note) Il titolo un po' occultista non deve trarre in inganno: il nuovo Don Byron è vario e sfaccettato, e accanto a episodi veramente alieni (Closer To Home o la splendida cover di One Finger Snap di Herbie Hancock) alterna momenti più normali e anche una citazione decisamente pop, una inattesa versione di I'll Follow The Sun di Lennon e McCartney. Grande la formazione, con Jack DeJohnette, Drew Gress e un Bill Frisell in uscita da Nashville, a recuperare un suo più classico sound anni Ottanta; ed elegante come di consueto il clarinetto del leader, sonoro fossile dai più nobili giorni del jazz. Il repertorio è pero ineguale, in precario equilibrio fra originali spesso vaghi e difficili pagine storiche (gli omaggi a Ellington di Perdido e A Mural From Two Perpesctive.

  • 14/12/2005 13:23 - DON BYRON'S JUNGLE MUSIC FOR POST-MODERNS Domenica 5 Dicembre 1999 DON BYRON ...

    DON BYRON'S JUNGLE MUSIC FOR POST-MODERNS Domenica 5 Dicembre 1999 DON BYRON (clarinetto), GRAHAM HAYNES (tromba), JOSH ROSEMAN (trombone), URI CAINE (piano), MARK HELIAS (basso), PHEEROAN AKLAFF (batteria). Don Byron è stato considerato dalla critica e dai lettori del Down Beat, il miglior clarinettista del 1992, anno in cui egli apparve nel Jazz World con il suo album "Tuskegee Experiments". Byron ha esaltato gli appassionati con il suo senso estetico della musica certamente unico. Nato e cresciuto nel Bronx, grazie al padre bassista ed alla madre pianista, ha conosciuto una grande varietà di stili musicali. Il suo viaggio musicale è passato dalle sinfonie al balletto ma la sua attenzione è sempre andata all'ascolto di musicisti quali Dizzy Gillespie, Miles Davis e Machito. Le sue collaborazioni artistiche sono state tante, varie ed importantissime: Bill Frisell, Cassandra Wilson, Geri Allen, Steve Coleman, David Murray, Anthony Braxton e molti altri. Negli anni della sua carriera ha suonato con grande riscontro di pubblico e critica nei più importanti Festivals degli States e d'Europa. Ha ricoperto ruoli di attore impersonando ovviamente musicisti nel "Kansas City" di Robert Altman e "Lulu On The Bridge" di Paul Auster. Va data particolare attenzione al "progetto" che Byron porterà davanti al pubblico del Bitches Brew. Lasciamo alle sue parole il compito di descrivere il "Don Byron's Jungle Music For Post Moderns". "Nei miei anni di college ho scoperto quasi subito e per caso il grande Duke Ellington, è accaduto mentre stavo realizzando uno dei miei frequenti Safari nel mondo dei vinile usati. E' così che ho trovato e trovo ancora la mia più grande ispirazione come compositore. Il Jazz degli anni '20 e '30 non era ancora una musica completamente definita ma grazie ad Ellington questa musica ha acquistato una sua specifica identità. La sua voce armonica, unica, la sua scrittura delle sezioni ritmiche, il suo uso talvolta bizzarro dei talenti ed i suoi musicisti erano e sono la musica più moderna che io abbia mai ascoltato. Nel mio progetto, i miei amici ed io voliamo sopra le principali incisioni del repertorio musicale di Ellington discostandoci sensibilmente dalle più comuni interpretazioni del nostro tempo. Non siamo, come spesso accade, emulativi ma l'intenzione che cerchiamo di concretizzare è quella di suonare in chiave del tutto comtemporanea, rivisitando i ruoli musicali degli spartiti ellingtoniani, nell'intento di ottenere un risultato interessante ed autentico".

  • 14/12/2005 13:23 - DON BYRON A fine line Non stupisce che Don Byron ...

    DON BYRON A fine line Non stupisce che Don Byron abbia pubblicato un disco così, una personalissima raccolta di "arie e lieder" preferiti pescando dalla classica e dalla lirica ma anche dal r'n'b, da Henry Mancini e Roy Orbison dal disco dedicato a Mickey Katz alla citazione Beatles del suo penultimo Romance with the unseen, è capitato spesso che l'inquieto clarinetto dell'artista ficcasse il naso in territori extra jazz. Quel che stupisce, e più che altro non convince, è il risultato finale, un arlecchinesco collage di esercizi scolastici (il Larghetto di Chopin), arrangiamenti traballanti (Nessun dorma di Puccini) ed entusiasmi sprecati (nessuno mi convincerà mai della grandezza di It's over di Roy Orbison, su cui invece Byron spende parole appassionate. Un album solo curioso che per altri versi è improvvido; difficile che catturi i profani, più facile che disturbi gli appassionati e i jazzofili di stretta osservanza. Fra i complici del progetto, l'ubiquo pianista Uri Caine e in una versione di Ladies who lunch di Stephen Sondheim, anche Cassandra Wilson.

  • 14/12/2005 13:23 - DR. DRE Chronic 2001 Fu Re Mida dell'hip hop prima dei vari ...

    DR. DRE Chronic 2001 Fu Re Mida dell'hip hop prima dei vari Puff Daddy e Master P, e avendo forgiato suoni per conto degli NWA e conferito in seguito identità stilistica al Gangsta Rap quando nel '93 debuttò in proprio con The Cronic. Nonostante l'ostacolo frapposto dai guai contrattuali con l'ex socio Suge Knight, Andre Young si è dato ugualmente da fare in questi anni, tenendo recentemente a battesimo - per esempio - il viso pallido Eminem. Ed è quest'ultimo, insieme a Snoop Dogg, altra creatura del Dottore, ad illuminare il consesso di rappers radunatosi per onorare 1'atteso bis del "cronico" Dre, già proiettato - a parole, almeno - verso il 2001. Ma a dispetto del titolo non si tratta di un'opera rivoluzionaria quanto la precedente: 2001 riafferma comunque le solide qualità del protagonista, meticoloso ed efficace architetto musicale. In episodi quali The Watcher, Explosive, Some LA. Niggaz e Ackrite ne si apprezza qui la capacità di creare "grooves" a prova di bomba, corroborati da ritmi fluidi e arrangiamenti evocativi.

  • 14/12/2005 13:23 - DUOTRON "The Complete Book Of Duotron" Con questo disco dei Duotron si ...

    DUOTRON "The Complete Book Of Duotron" Con questo disco dei Duotron si chiude l'anno del gran clamore e della massima visibilità della no(w) wave americana, versione aggiornata della no wave dei tempi che furono. I Duotron non sono poi diversi (è vero che molti distinguo sarebbero possibili) da mille altri gruppi del genere: Dot Dot Dot, Flossie And The Unicorns, Monotrona. Questi quarantadue frammenti schizoidi per chitarra e batteria sono comparsi tra il '94 e il '96, durante il periodo in cui la band era attiva, su Bulb Records e su Coat Tail (due etichette di riferimento per gli amanti di questi suoni). Il contenuto: delirio sonoro in stile Zorn/Melt Banana ad opera di due figuri che si definiscono (ma non sono) dilettanti. I fanatici e i detrattori di questa musica sono avvisati.

  • 14/12/2005 13:23 - ELECTRIC WIZARD Dopethrone Che Electric Wizard siano formazione eccezionale nell'ambito dell'attuale ...

    ELECTRIC WIZARD Dopethrone Che Electric Wizard siano formazione eccezionale nell'ambito dell'attuale 'stoner doom' lo dimostra il fatto che nonostante quattro anni di virtuale assenza dalle scene il loro status da culto sia levitato a livelli esponenziali. Di pari passo sono cresciute le aspettative per il terzo album atteso come un evento messianico dall'ormai lontano "Come My Fanatics" del '96. L'etichetta Rise Above esperta in 'stoners' più o meno reali giustifica i lunghi anni di forzato esilio con una drammatica e pittoresca serie di 'concause': incendi dolosi furti abuso di stupefacenti (ovviamente) e persino esperienze vicine alla morte... In realtà il silenzio dello Stregone Elettrico è stato spezzato da alcuni folgoranti episodi, il 10 Inch per la Man's Ruin "Chrononaut" e soprattutto il terrificante miniLP "Supercoven" (Bad Add) così violentemente trascendentale da far letteraimente paura e proprio questi rari ma impressionanti a salti che accentuavano il tono pesantemente psychedelico delle composizioni hanno giovato alla fama degli Electric Wizard mito underground per eccellenza. A ciò s'aggiunge la loro reputazione di personaggi pericolosamente 'reali': anche se non conosciamo gli sconfinamenti 'fuorilegge' ai quali allude la casa discografica è comunque noto che i tre musicisti hanno sempre sofferto l'isolamento nei dintorni di Dorset, una città provinciale senza sbocchi; hanno incarnato il ruolo di 'reietti della società' che li avrebbe incoraggiati nelle fughe verso altre dimensioni almeno sul piano musicale ed al contatto ravvicinato ad aspetti più inquietanti della vita reale (droga, disoccupazione, 'piccola' delinquenza, infatuazioni sataniste). Un quadro desolante che però trova una sorta di 'redenzione' artistica nella musica così Electric Wizard sono tornati in azione con un mini-tour inglese nel maggio '99 e lo sconquassante finale del loro concerto nella 'fatal dittà' di Birmingham è stato salutato dal fragore dei tuoni mentre all'esterno si scatenava la tempesta! Il 25 settembre 2000 è invece la data della rinascita discografica di Electric Wizard: con il terzo album reclamano quel "Dopethrone" che difficilmente gli può esser negato. Precisiamo che il power trio non è stato alterato dalle trascorse vicissitudini e ripresenta il leader Jus Oborn, chitarra e voce con il bassista Tim Bagshaw ed il drummer Mark Greening. Era lecito attendersi un radicale orientamento verso l'heawpsychedelia free-form prospettato da "Chrono-naut" e "Supercoven" invece "Dopethrone" cerca una forma di mediazione fra l'oppressivo 'space doom' di "Come My Fanatics" e l'assoluta carica allucinatoria degli ultimi 'Bad trips'... Oborn aveva ventilato qualche ipotesi di musica più accessibile drasticamente confutate da "Dopethrone", che rilancia una formazione incendiaria senza compromessi. Per gli Electric Wizard, la musica non è certo un 'gimmick' per seguire le 'tendenze' e l'iniziale "Vinum Sabbathi" è subito fottutamente ostile forgiata sull'insuperata pesantezza dell'unico gruppo che può reclamare l'eredità oltranzista di "Jerusalem" degli Sleep con rari momenti li 'liberazione' lisergica. Nella tetra "Funeralopolis" è evidente il perché Tim Bagshaw pretenda il ruolo di 'Lead bass' ma le outtakes più stupefacenti sono "Weird Tales", "Barbarian" e l'impressionante suggello di "Dopethrone". In esse si respira l'aria malsana e costantemente satura di tensione delle "Montagne della Follia" di H.P. Lovecraft che il gruppo invoca come grande ispiratore e la chitarra di Oborn, frammista al basso di Bagshaw genera vortici rabbrividenti di distorsione un coacervo stridente di suoni lancinanti senza uguali sferzati da una voce deturpata. Troppo eccessivi per le masse Electric Wizard restano sovrani indiscussi di innominabili riti underground.

  • 14/12/2005 13:23 - Album «Raise The Pressure» Gli Electronic sono il frutto della ...

    Album «Raise The Pressure» Gli Electronic sono il frutto della collaborazione tra due dei più importanti esponenti del rock indipendente britannico degli Ottanta Bernard Sumner e Johnny Marr: il primo voce solista e principale compósitore dei New Order, il secondo celebre come chitamsta e co-autore deqli Smiths oltre che per il suo lavoro con The The. Dopo le affermazioni d~el primo álbum «Electronic» (1990) e del successivo singolo «Disappointed» lcon Neil Tennant dei Pet Shop Boys), Sumner e hiarr propongono con «Raise The Pressure» una raccolta senza pari. «Forbidden Cit,v» dà i brividi, «For You» comunica una gioia intensa e contagiosa, «Dark Angel» brilla per la parte vocale affidata a Denise Johnson.

  • 14/12/2005 13:23 - ELECTRONIC Raise The Pressure (Virgin) Ho sempre odiato visceralmente i supergruppi, sembra ...

    ELECTRONIC Raise The Pressure (Virgin) Ho sempre odiato visceralmente i supergruppi, sembra che l'unione di due o più talenti annulli le capacità musicali dei partecipanti... Del resto la storia del rock ne è piena, chi si ricorda del mostro mutante Asia, ad esempio? Non sfuggono alla regola gli Electronic di Bernie "New Order" Albrecht e Johnny "Smiths" Marr; due personaggi che hanno scritto alcune tra le più belle pagine del pop United Kingdom negli ultimi quindici anni e qui alle prese con lesioni cerebrali galoppanti. Non si riesce a comprendere il significato di un album simile; "Raise The Pressure" è lo sfogo di due brillanti musicisti frustrati dall'obsolescenza che li ha colpiti o è l'ennesimo capitolo inciso per esigenze contrattuali? Già l'omonimo esordio ("Electronic" 1991) pareva inutile, null'altro che sfizio egocentrico di due superstars sulla via dell'incanutimento; ancor più questo "Raise The Pressure" sembra il prodotto di due Pet Shop Boys di provincia privi dell'estro di questi ultimi. 13 brani anonimi occhieggianti alla più becera pop music sintetica, di quella che i brillanti giovani d'assalto sono soliti ascoltare in automobile: dagli scarti dei New Order di "Forbidden City" (primo singolo), ai disgustosi singulti di "If You've Got Love" e "Until The End Of Time" (Corona? Take That?) l'album è un susseguirsi di pretenziosi scalaclassifiche, non bastano le timide, talentuose impennate di "Out Of My League" (se dev'essere mainstream da FM americana almeno che sia di quello buono) a risollevare un prodotto concepito con il piede sbagliato. Continuo a pensare che i naturali complementi dei due si chiamino Stephen Patrick Morrissey e Peter Hook.

  • 14/12/2005 13:23 - ELECTRONIC Twisted Tenderness Johnny Marr e Bernard Summer insieme, come a dire ...

    ELECTRONIC Twisted Tenderness Johnny Marr e Bernard Summer insieme, come a dire Smiths e New Order, quintessenza del suono di Manchester nel decennio scorso. Passatempo in comune: questa cosa chiamata Electronic, nata in origine come divagazione estemporanea e divenuta invece col tempo attività regolare ancorché sporadica. Fatto sta che siamo adesso al terzo disco, e il giudizio non può più essere indulgente com'è consuetudine quando si tratta di avventure passeggere. Anche perché, radicato com'è al cuore degli anni Ottanta, il suono degli Electronic invecchia ogni volta un po' di più. Ascoltando Twisted Tenderness, la sensazione è quella di avere di fronte una versione scadente dei Depeche Mode, o dei Pet Shop Boys con qualche pretesa rock di troppo. Battuta meccanicamente elettronica, sciami di accordi di chitarra, melodie banalmente solari: la sensazione di sciattezza - a dispetto di arrangiamenti tanto ampollosi - è avvilente. E grande la nostalgia per ciò che fu.

  • 14/12/2005 13:23 - Lo scorso anno non fui tenero nei confronti degli Equatronic, ...

    Lo scorso anno non fui tenero nei confronti degli Equatronic, d'altronde il loro debutto era ingenuo e privo di spunti degni di menzione. Ora il duo tedesco torna e cambia alcune cose: innanzitutto al fianco di Oliver Thom non troviamo più Christian Scherer, ma Dorothea Brandt (voce, tastiere e flauto), inoltre le composizioni hanno acquisito un po' di concretezza, senza abbandonare l'impianto synth-pop-melodico anni '80. In quest'ottica ben vengano "Paradise Eight" e "God's Army" (entrambe vagamente alla In The Nursery), la pulsante "The Queen Is Dead" e l'oscurità ambientale di "The End", che permettono a "Motivation" (Zoth OmmogAudioglobe) di far registrare alcuni progressi.

  • 14/12/2005 13:23 - Mi pare ormai chiaro che il synth-pop stia trascinandosi su ...

    Mi pare ormai chiaro che il synth-pop stia trascinandosi su livelli di mediocrità imbarazzante, sintomo di una crisi irreversibile, da cui, al momento, non vedo possibilità di uscita. D'altronde non saranno "Shadowland" (Zoth OmmogAudioglobe) degli Equatronic (si salva solo la cover paesaggistica) e "To Die For" EnergyAudioglobe) degli Infam a risollevare le sorti del genere. Trattasi di due lavori simili a un milione di altri prodotti synth-pop; solite melodie zuccherose (da far invidia all'AOR), mal celate velleità dance, sintetizzatori e tastiere da cui escono sempre gli stessi suoni, drum machine elementare e non bastano certo i riff introdotti dagli Infam in "Illusive (Guitar Mix)" per farmi gridare al miracolo!

  • 14/12/2005 13:23 - ESG A South Bronx Story Vengono coperti tutti gli ESG in ...

    ESG A South Bronx Story Vengono coperti tutti gli ESG in A South Bronx Story. Il lato classico dei tre pezzi prodotti da Martin Hannett: il pop scheletrico di "You're No Good", "Moody", gemma perversa del Paradise Garage, la premonitrice "UFO", dissonanze urbane quasi a prefigurare gli scenari iperrealistici della nuova psichedelia metallica di Chicago (ovvero in un microsecondo dal raga indiano ad "Ambulance" di Robert Armani) e un'intro tra le più campionate di tutto l'hip-hop. I pezzi del primo album dell'83 poi, come il beat raggelato di "It's Alright", i beats didascalici di "Tiny Sticks, la destruturazione massima di "Come Away", la metalboxiana "Parking Lot Blues". Infine il materiale più recente, del '93, alleggerito e sublimemente ingenuo, dall'anthemica "Erase You" alla finzione melodica di "Hold Me Right" passando per la disperata "Can't Tell You What To Do". A tratti sembra di sentire dei B52's abbandonati in un viaggio lisergico in bianco e nero, a tratti dei PIL rincretiniti. Un disco che dà la possibilità di conoscere uno dei suoni da culto che sta alla base del nostro presente. Nausee bellissime e calori freddi rinfrancanti mentre cerchiamo di guardarci, dimenticandoci appena in tempo.

  • 14/12/2005 13:23 - ETIENNE DE CRECY - AM I WRONG (CDS)-FR. E' il brano ...

    ETIENNE DE CRECY - AM I WRONG (CDS)-FR. E' il brano del momento ed in questa confezione ci trovate pure il bellissimo video, un feroce attacco ai fast-food che sembra pensato dall'ambiguo leader dei cuntadìn francesi, il Josè Bovè preso a modello di tutti gli avversi alla globalizzazione! Ed in più c'è una bonus-track ("Duke"), che suona perfetta e non-comprimaria; un remix firmato da Dj Pierre ed un'altro, lunghissimo di Etienne stesso. Che dire? Imperdibile!

  • 14/12/2005 13:23 - Etron fou leloublan Gruppo francese con canzoni scarne ritmicamente asimmetriche. ...

    Etron fou leloublan Gruppo francese con canzoni scarne ritmicamente asimmetriche. Ironici e poetici. D.c.: «Les Sillons de la Terre» (Le chant du Monde)

  • 14/12/2005 13:23 - EVAN AND JARON/Evan and Jaron Il peso imprenditoriale della Columbia assicura ...

    EVAN AND JARON/Evan and Jaron Il peso imprenditoriale della Columbia assicura all'incipit dei fratelli Lowenstein i contributi di T-Bone Burnett, produttore esecutivo, David Tickle, produttore di studio, e Glen Ballard in veste di co-autore (l'ottima Pick up the phone). Siamo nel bel giardino del rock melodico alla Wallflowers, voci dappertutto, eseguite con trasporto. Un giardino dove sembra tutto facile e invece ci sono trappole ovunque. Ma i Lowenstein sembrano in grado di non lasciarci lo zampino. Inventano almeno cinque melodie tutta polpa e quando serve non si negano il sostegno del ricordo, forse involontario, di Doctor my eyes di Jackson Browne (la deliziosa Wouldn't it be nice to be proud). Si sentono anche Tom Petty, Bob Seger, gli Eagles. Rock senza più ribellione, da mulino bianco e soldi per tutti. Ma anche musica di buon livello e alcune idee non comuni. E' probabile che di giovani come Evan e Jaron, a spasso per l'America bene ce ne siano a frotte. Loro sono stati fortunati perché Crazy for this girl è diventato l'hit del serial Dawson's creek. Ma l'investimento della Columbia non ha danneggiato la qualità della coppia. E a questo punto è una consolazione che il pezzo tv sia anche il meno bello del disco. Curiosa la scelta di includere solo alcuni versi delle canzoni: "il resto andatevelo a cercare sul sito" scrivono. Se siete interessati: www.evanandjaron.com

  • 14/12/2005 13:23 - Fabrizio Tarroni, nato a Fusignano (Ravenna) il 28 Agosto 1970, ...

    Fabrizio Tarroni, nato a Fusignano (Ravenna) il 28 Agosto 1970, è un chitarrista capace di interpretare il proprio strumento anche come una vera e propria percussione. Percuotendo sia le corde che la cassa armonica, riesce a sfruttare tutte le risonanze della sua semi-acustica, creando una miscela alquanto personale di melodia e ritmo. Le sue influenze musicali abbracciano dal folk al drum' n' bass. Ha inciso diversi CD con il progetto "Faxtet", gruppo di stampo jazz che vanta la collaborazione di artisti di fama, tra i quali ricordiamo: Riccardo Tesi all'organetto diatonico, il cantautore Sergio Caputo e l'attore-poeta Giovanni Nadiani.

  • 14/12/2005 13:23 - FLYTRONIX - ARCHIVE - MOVING SHADOW - CD UK Stagione di ...

    FLYTRONIX - ARCHIVE - MOVING SHADOW - CD UK Stagione di saldi questa per il settore jungle, mai come in questi ultimi mesi s'erano stampati tanti dischi di genere. Molti addetti ai lavori giurano ch'è suonata la campana a morto per il dru'n'bass. Di rimbalzo, allora, ci salta in mente ch'è ora che 'sto genere s'affermi pure dalle nostre parti visto ch'è stato lo svuotapiste 'par excellence'. Noterelle a parte, in questa 'Archive' si raccoglie gran parte del lavoro, già edito sui 12', che il bravo Demerre ha composto negli ultimi 4 anni. Ottimo drum'n'bass per chi non lo conoscesse, con un gusto 'classico' per nulla scontato. Se ne consiglia l' acquisto.

  • 14/12/2005 13:23 - franco morone - peter finger - chitarre acustiche / acoLlstic guitars ...

    franco morone - peter finger - chitarre acustiche / acoLlstic guitars / akustische Gitarre - Se nella scorsa edizione della rassegna era stata ospite una figura leggendaria della chitarra come John Renbourn, quest'anno l'attenzione si rivolge a due chitarristi della nuova generazione, I'italiano Franco Morone -squisito strumentista, compositore e didatta che fa della melodia la chiave di volta della sua musica- ed il tedesco Peter Finger, un autentico talento dello strumento.

  • 14/12/2005 13:23 - FRONT 242 - 05:22:09:12 Off Ecco un disco che, avendo copertina ...

    FRONT 242 - 05:22:09:12 Off Ecco un disco che, avendo copertina e titolo simili al suo predecessore uscito per di più meno di 2 mesi fa, rischia di non vendere per eccessivo black out mentale dei negozianti (che già non vanno a pile alcaline se si va oltre i Pink Floyd e gli U2). E sarebbe un peccato perché questo Offeè nettamente superiore tanto al fratello che allo smagliante Tiranny For You. Frombolieri elettronici, potenza cibernetica, falli d'acciaio che sfrigolano contro pareti uterine al cadmio. "I serial killer non ammazzano le loro ragazze", già, ma ne hanno?

  • 14/12/2005 13:23 - Front 242 Mutage Mixage Rre/Play It Again Sam ...

    Front 242 Mutage Mixage Rre/Play It Again Sam Era la metà degli anni '70 e i Kraftwerk davano avvio a una delle pochissime rivoluzioni non anglosassoni delle musiche popolari di questo secolo: il pop elettronico. Nell'evolversi della scena, tra i più estremi e intransigneti manipolatori sintetici si sono rivelati i belgi, e proprio dalllo stato compresso tra Francia e Olanda arrivano i Front 242, fonte d'ispriazione per buona parte delle formazioni del nuovo genere techno chiamato Virtual (nome più che ridicolo). Come l'Ambient serve per immaginare i paesaggi naturali filtrati dalla computer grafica, la Trance per immaginare bolle che si svladano in caleidoscopiche visioni, così il Virtual ti permette di seguire le vicende di tanti simpaticissimi robottini o navicelle che esplorano fondali multicolore. Con questo Mutage, Mixage, i Front 242 compiono un'azione commerciale parzialmente contestabile, parzialmente perché, è comunque interessantissimo ritrovare qui riuniti degli ormai introvabili remixes e degli inediti (tra l'altro le gemme migliori), curati dal gotha della musica elettronica dei primi anni '90. ORB, Prodigy, Underworld che scompongono e ricompongono i Front 242. Il re-editing di questi ultimi tenta di dare una continuità al lavoro, che, partendo dall'Ambient ipnotico di ORB e Underworld arriva alla ipercineticità dei Prodigy, a mio avviso non molto in forma in questi remixes. Non vorrei che questo disco sia, però, comapanello d'allarme per il ristagnare delle idee sul "fronte", spero di poter sentire al più presto buone nuove dal Belgio, magari, una collaborazione con il genio della musica elettronica di fine millennio: Aphex Twin. Intanto, vi consiglio di usarlo come magma sonoro che vi sommerga in una interminabile partita a tetris.

  • 14/12/2005 13:23 - Front Line Assembly Tempo di mutazione e di un nuovo inizio, ...

    Front Line Assembly Tempo di mutazione e di un nuovo inizio, come suggerisce l'inquietante feto-camaleonte nella copertina del grafico e fumettista fuoriclasse Dave McKean, per i canadesi Front Line Assembly, per cui la recente fortuna di Chemical Brothers e soci ha fatto levitare le quotazioni quali precursori di radicali e ultraritmate alchimie rock-dance, già dai primi 80 pesantemente ispirate ad un immaginario informatico cyberpunk. Ridotto al solo fondatore Bill Leeb e al nuovo acquisto Chris Paterson, in sostituzione di Rhys Fulber, il gruppo ha confezionato nel suo atteso nuovo album (il recente The Initial Command recuperava vecchie pagine d'archivio) una possente sintesi fra il proprio passato e i breakbeats, le scariche drum'n'bass e i dilatati arrangiamenti alla Prodigy oggi in auge. Non si tratta però solo di un'operazione furbesca, le otto elaboratissime tracce conservano una loro torva seriosità industrial (con voce anzi fin troppo legata a datati canoni dark), senza mai indulgere in effettacci o riffs heavy metal di bassa lega, dubito quindi che anche in questo caso Leeb potrà passare al botteghino ad incassare quanto dovuto. Chi volesse indagare sulle vere origini del gusto della settimana, non resterà comunque deluso.

  • 14/12/2005 13:23 - "The Art Of Camouflage And Conscious Rendering" (Off BeatAudioglobe) è ...

    "The Art Of Camouflage And Conscious Rendering" (Off BeatAudioglobe) è un sampler della label tedesca, che intende così promozionare le sue prossime uscite. Tra i nomi coinvolti troviamo i nuovi Front Line Assembly (con Chris Peterson al posto di Rhys Fulber), i Download dell'ex Skinny Puppy Cevin Key, i crudi e meccanici Fracture, gli Individual Totem e i danzabili Unit 187. Cibo elettronico per corpi sintetici!

  • 14/12/2005 13:23 - FRONT LINE ASSEMBLY Implode La Minus Habens ha riscoperto i vecchi amori. ...

    FRONT LINE ASSEMBLY Implode La Minus Habens ha riscoperto i vecchi amori. Dopo aver curato e licenziato la versione italiana dell'eccellente live dei Front 242 "RE BOOT 98" contenente tre esclusive extra tracks assenti nell'edizione europea (fra i migliori dischi live usciti mai in ambito di musica elettronica) l'etichetta barese sigla a breve distanza un'altro ritorno di fiamma coi fiocchi, questa volta appannaggio dei canadesi Front Line Assembly e del loro nuovissimo album "Implode". La ragione di tanto rinnovato interesse è evidente e quantomai comprensibile, confermata da una prova che restituisce la gloriosa band di Vancouver ai suoi antichi splendori, finalmente ripresasi dalla frase interlocutoria di questi ultimi anni e pronta a sferrare il suo ultimo assalto elettronico con tutti i crismi dei tempi migliori (leggi "Caustic Grip" e "Tactical Neural Implant"). Chi ha seguito l'esecuzione artistica di Bill Leeb e compagni avrà riconosciuto in essi il merito di non ripetersi e di prodigarsi con soluzioni sempre nuove fra un disco e l'altro, un requisito questo che riaffiora decisamente anche in "Implode", un'altro percorso strategicamente studiato nell'infinita geografia della manipolazione sonora e che è tutta una proiezione di ritmi ed impulsi elettronici destinati a ricreare effetti di scenari futuribili molto speciali, estremamente fisici ed energetici da un lato, quanto più obliqui e mentali dall'altro.

  • 14/12/2005 13:23 - "Colombian Necktie" (Off BeatAudioglobe) è il primo singolo estratto dal ...

    "Colombian Necktie" (Off BeatAudioglobe) è il primo singolo estratto dal recente "Flavour Of The Weak" per i nuovi Front Line Assembly, quelli con Chris Peterson al posto di Rhys Fulber. Le quattro composizioni ci confermano che, come avevamo potuto intuire, le chitarre paiono bandite dal vocabolario, in favore di un approccio totalmente elettronico. Un bel martellamento di EBM con basi pompate, a tratti irregolari e a volte quasi chimiche, mentre il remix goa della title track è già un hit per chi si dedica alla vita da club!

  • 14/12/2005 13:23 - FRONTIER 4 (Emperor Jones/Wide)Arriviamo in area “post-rock” con i Frontier, ...

    FRONTIER 4 (Emperor Jones/Wide)Arriviamo in area “post-rock” con i Frontier, trio di Chicago che per questo album hano posizionato le loro chitarre in una camera anecoica, con i rispettivi amplificatori posti a triangolo verso l’interno. La registrazione sfrutta le oscillazioni di frequenza e il feedback di ciascuna chitarra filtrato attraverso processori di segnale, senza toccare gli strumenti. A questa idea esistono almeno due importanti antecedenti, nell’opera degli anni 80 di David Myers/Arcane Device, ora ritiratosi dalla musica, che faceva dischi, di notevole varietà, di solo feedback con una apparecchiatura di sua invenzione (se ne trova una descrizione nel ReR Quarterly Vol.2 N°3, su ReR/Recommended Records) e nei concerti del’93 di Jim O’Rourke (ducumentati in Remove the Need) nei quali suonava la chitarra dalla platea, provocandone le vibrazioni con una serie di congegni; ma la realizzazione dei Frontier, pur più statica, ha una sua individualità. I quattro brani si evolvono lentamente, aggiungendo un elemento alla volta (riverberi, onde cicliche in sottofondo, mutamenti di volume) ma sono ognuno caratterizzato da una sonorità principale diversa, dai “gabbiani bionici” del secondo, ai rombi di aerei del terzo agli strani fischi del quarto. Bellissima confezione, in edizione limitata di 2000 copie.

  • 14/12/2005 13:23 - FRONTIERA Meno di Zero E la storia si ripere. A meno ...

    FRONTIERA Meno di Zero E la storia si ripere. A meno di quattro anni dallo scioglimento dei Kina, una delle formazioni cardine della nostra scena indipendente, due terzi di quel longevo e prolifico sodalizio ritornano a noi con un nuovo progetto. I Frontiera sono infatti Alberto Ventrella (chitarra e voce) e Sergio Milani (batteria e voce), coadiuvati da Robertino, nuova leva dell'hardcore valdostano, al basso e alla voce. La storia si ripete dunque, e sembra che i tre vogliano riprendere il cammino laddove era stato interrotto. Le coordinate sulle quali si muovono i Frontiera sono infatti i territori dell'hardcor italiano, inteso non solo come genere musicale, ma come «amore sincero, generoso, sviscerato e immenso» e soprattutto come linguaggio immediato per raccontare ad alto volume le storie del proprio vissuto quotidiano. E' con l'onestà che ha sempre contraddistinto i Kina che si presentano oggi i Frontiera e "Meno di Zero" rappresenta, sotto questo profilo, un ennesimo elemento di continuità col passato. Un demo su CD (naturamente autoprodotto), sei brani che dimostrano quanto sia ancora forte l'urgenza creativa, il desiderio di comunicare, la voglia di esprimersi dei nostri. E sebbene i tre abbiano tentato di affrancarsi, musicalmente s'intende, dal loro passato. i fili invisibili che li collegano a quell'esperienza riaffiorano da più parti in "Meno di Zero". "Animale Metropolitano", "Tutto Uguale", "Le Cose" e la riproposizione di "Mondo Mai Visto" (uno dei pezzi più belli ed intensi dei Kina) sono dei brani - a tratti ancora un po' grezzi - da ascoltare con il massimo piacere, in attesa che la band entri in studio per regalarci un vero e proprio 'disco lungo'.

  • 14/12/2005 13:23 - FRONTIERE La grande onda dell’evoluzione A cura di Franco Bolelli Castelvecchi £.14.000 Quando ...

    FRONTIERE La grande onda dell’evoluzione A cura di Franco Bolelli Castelvecchi £.14.000 Quando si parla di pionieri, siamo immediatamente portati ad immaginare i cercatori d’oro che tra la fine del millesettecento e l’ottocento, armati di setaccio e piccone, sfidavano montagne e fiumi alla ricerca di chissà quali fortune. Il loro fine era l’esplorazione di luoghi ancora non intaccati dall’umanità, luoghi mitici dei quali si era sentito parlare ma nessuno aveva mai visitato prima di allora. I pionieri di oggi sono coloro i quali attraverso i nuovi territori della conoscenza tentano di scoprire le nuove frontiere della percezione psichica e fisica. Questo pensa Franco Bolelli, scrittore e progettista di eventi, il quale ha raccolto le testimonianze di vari esponenti della cultura e dello spettacolo legate da un comune denominatore: l’esplorazione di nuovi territori. Luoghi geografici, Lindo Ferretti e Massimo Zamboni raccontano la loro esperienza in Mongolia dalla quale sono nati un disco e un film. Luoghi del linguaggio, con un intervento di Franco “Bifo” Berardi. Il corpo, secondo l’antico mens sana in corpore sano, del quale parla Daniele Bolelli in un piccolo saggio. Una micro guida redatta da un manipolo di pionieri surfers, come li definisce lo stesso autore, che sono gli unici a poterci guidare, gli unici che grazie alla loro vita, vissuta al di là di tutte le regole, possono reinventare le basi per una evoluzione della comunicazione e della conoscenza. Presenti nel volume altre voci illustri come Brian Eno, Tom Robbins, Terence McKenna. Andrea Alessandro Di Carlo

  • 14/12/2005 13:23 - FRONTIERE La grande onda dell’evoluzione A cura di Franco Bolelli Castelvecchi £.14.000 Quando ...

    FRONTIERE La grande onda dell’evoluzione A cura di Franco Bolelli Castelvecchi £.14.000 Quando si parla di pionieri, siamo immediatamente portati ad immaginare i cercatori d’oro che tra la fine del millesettecento e l’ottocento, armati di setaccio e piccone, sfidavano montagne e fiumi alla ricerca di chissà quali fortune. Il loro fine era l’esplorazione di luoghi ancora non intaccati dall’umanità, luoghi mitici dei quali si era sentito parlare ma nessuno aveva mai visitato prima di allora. I pionieri di oggi sono coloro i quali attraverso i nuovi territori della conoscenza tentano di scoprire le nuove frontiere della percezione psichica e fisica. Questo pensa Franco Bolelli, scrittore e progettista di eventi, il quale ha raccolto le testimonianze di vari esponenti della cultura e dello spettacolo legate da un comune denominatore: l’esplorazione di nuovi territori. Luoghi geografici, Lindo Ferretti e Massimo Zamboni raccontano la loro esperienza in Mongolia dalla quale sono nati un disco e un film. Luoghi del linguaggio, con un intervento di Franco “Bifo” Berardi. Il corpo, secondo l’antico mens sana in corpore sano, del quale parla Daniele Bolelli in un piccolo saggio. Una micro guida redatta da un manipolo di pionieri surfers, come li definisce lo stesso autore, che sono gli unici a poterci guidare, gli unici che grazie alla loro vita, vissuta al di là di tutte le regole, possono reinventare le basi per una evoluzione della comunicazione e della conoscenza. Presenti nel volume altre voci illustri come Brian Eno, Tom Robbins, Terence McKenna. Andrea Alessandro Di Carlo

  • 14/12/2005 13:23 - GAETANO LIGUORI Ronin Occhio alla formazione che il pianista ha voluto ...

    GAETANO LIGUORI Ronin Occhio alla formazione che il pianista ha voluto per questa incisione dedicata allo spirito dei liberi samurai, i Ronin, appunto: Carlo Actis Dato, Martin Mayes, Guido Mazzon, con le interpunzioni ritmiche di Tony Boselli e Luca Garlaschelli. Tutte persone abituate al rischio in musica, ognuno per la propria sponda, e qui riunite per un azzardo che, di questi tempi, vien voglia di considerare assoluto: una session interamente, volutamente, pervicacemente free. Sei i movimenti di questa possente sublimazione dell'energia musicale, che ad ogni ascolto successivo svela trame sottili, giochi di rimando, oasi di quiete e claustrofobici reticoli d'ossessione. Negli ultimi tempi Liguori aveva lasciato tracce di cantabile iteratività: qui il gioco si fa duro, e con ironia i duri tornano a giocare.

  • 14/12/2005 13:23 - Emanuele Gagliardini (chitarra), Lorenzo Memè (basso), Giampaolo Pieroni (batteria), Simone ...

    Emanuele Gagliardini (chitarra), Lorenzo Memè (basso), Giampaolo Pieroni (batteria), Simone Grassi (voce).

  • 14/12/2005 13:23 - GAI SABER Esprit De Frontiera Lo spirito di frontiera si incarna nel ...

    GAI SABER Esprit De Frontiera Lo spirito di frontiera si incarna nel nuovo disco dei Gai Saber con toni attuali, se non moderni, canta l'emigrazione dalle valli occitane in cerca di lavoro, le feste, i colori di quella regione estesa al di là di alcuni confini politici, dimostra come si possano fondere una filologia musicale assolutamente non archeologica con la voglia di fare poesia in suoni e parole. Un incanto di spontaneità insieme ad una ricerca formale che percorre tutto il disco, nell'uso di ritmi, danze (e boureo, rigoudon, canzoni, balletti), strumenti (organetto, mandolino, ghironda, cornamusa, galobet, arpa celtica) che appartengono ad una zona segnata da una cultura millenaria (dai trovatori in avanti, qui presenti anche con il famoso Bertrand De Born), sempre legata alla forza del verso sapido, improvvisato, popolare. Infettandosi con l'idioma rock ("Obriè D'Ousitanio"), anche se lievemente, questa via espressiva fieramente etnica si attualizza e non perde un sorso della sua forza comunicativa. Ci aggiriamo così in un paesaggio sonoro pieno di suggestioni, dove è evidente pure il legame con altri idiomi musicali tradizionali europei - pensiamo solo a quello irlandese ed a quello scozzese - che rende conto di quello che i Gai Saber chiamano un 'bisogno di fondo': l'uso di una lingua-madre che rappresenti un'identità culturale forte, viva ancora nella poesia occitana attuale, come nella musica che ascoltiamo in questo disco. La presenza di nomi come Vincenzo Zitello ed Ares Tavolazzi impreziosisce ulteriormente un viaggio già ricco di fermate interessanti.

  • 14/12/2005 13:23 - GASTRONAUTI (duo) Duo poliedrico, già ritmica collaudata di diverse formazioni -Ella ...

    GASTRONAUTI (duo) Duo poliedrico, già ritmica collaudata di diverse formazioni -Ella Guru, Specchio Ensemble, Musica nel Buio, Impossibili Trio, Trio Magneto- ha costruito nel tempo un proprio linguaggio, fatto di tempeste sonore, temi destabilizzanti, costruzione ed improvvisazione, ambienti rarefatti e fluttuanti. Le potenzialità sono così ampliate all’infinito, una sezione ritmica non vincolata al solista, ma solista a sua volta per oltrepassare qualsiasi forma usuale di approccio alla musica. I Gastronauti, viaggiatori di musiche intestine, tritano quel che resta nella loro memoria musicale, vomitano cut-up furiosi e pillole lisergiche per lo più compresse nel tempo. Oltre a numerosi concerti hanno all’attivo il C.D. “Mosche Mutanti”. Vincenzo Vasi (basso elettrico, voce, campionatore, theremin, live electronics); Mirko Sabatini (batteria preparata).

  • 14/12/2005 13:23 - GIL SCOTT HERON Gil Scott Heron, nato nel 1949 a Chicago, ...

    GIL SCOTT HERON Gil Scott Heron, nato nel 1949 a Chicago, cantante, pianista e chitarrista è uno dei progenitori più influenti del rap. La sua poesia, aggressiva e ispirata ai temi del ghetto è parte integrante del background dell'intera generazione rap afroamericana. Il modo di suonare di Scott-Heron ha invece un'inclinazione tipicamente Rhythm'n'Blues. Gil, ancora bambino, si trasferisce nel Bronx. Qui frequenta la high school e all'età di tredici anni pubblica il suo primo libro di poesie.Si iscrive all'università in Pennsylvania, ma dopo due anni lascia per pubblicare il romanzo The Vulture, con il quale ottiene un discreto successo letterario. Incoraggiato, alla fine degli anni '60, dal leggendario produttore jazz Bob Thiele (Louis Armstrong, John Coltrane), Scott Heron decide di incidere un disco. Esce nel 1970 Black Poet, seguito da Small Talk At 125th & Lennox, ispirato a un volume di poesia che porta lo stesso titolo. Alla metà degli anni '70 Gil Scott Heron firma per la Arista, trovando immediato successo nelle classifiche di R&B. La sua indole jazz viene via via stemperata da una maggiore inclinazione dance che raggiunge con il singolo "Johannesburg" la trentesima posizione delle charts ufficiali americane. Tuttavia il successo maggiore dell'artista è Angel Dust, che, possiamo dire, chiude la sua parentesi produttiva degli anni '70. Scott Heron rimane in disparte dal mercato discografico per dieci anni e ritorna nell'84 con Re-Ron, un proto-rap che riregistra nel '94. L'album di quell'anno, Spirits, inizia con Message To The Messangers, rivolto espressamente a tutti quei rappers che hanno influenzato con il loro stile violento la nuova generazione di neri americani, producendo danni oltreché un risveglio delle coscienze.

  • 14/12/2005 13:23 - Gil Scott-Heron & Brian Jackson "From South Africa to South ...

    Gil Scott-Heron & Brian Jackson "From South Africa to South Carolina" (Arista, 1975) Questo qui l’ho comprato io per 50 carte a Bologna, in un negozio specializzato in vinili originali e rarità. Una bella cifra, ma ne è valsa la pena. Forse non è il mio disco preferito di Gil Scott-Heron, e sicuramente non è quello che ascolto di più, eppure sono contento di avere una copia in vinile proprio di questo disco (contro le ristampe su CD di The Revolution Will Not be Televised o Winter in America, per esempio), non fosse altro che per la copertina in puro stile Black Power e per quelle due/tre canzoni memorabili (“Johannesburg”, “A Toast to the People”, “A Lovely Day”).

  • 14/12/2005 13:23 - GINO LUPARI/RON KAVANA & ANDY MARTIN(Uk) formidabile trio che riunisce incredibile ...

    GINO LUPARI/RON KAVANA & ANDY MARTIN(Uk) formidabile trio che riunisce incredibile personaggi già alla testa di famose formazioni (4 Men and a Dog) o con carriera solistica molto rilevante. insieme propongono musica tradizionale irlandese e brani originali ad essa ispirata

  • 14/12/2005 13:23 - GRAIG ARMSTRONG ñ The Space Between Us (Melankolic) CD Blue Lines ...

    GRAIG ARMSTRONG ñ The Space Between Us (Melankolic) CD Blue Lines e Protection dei Massive Attack sono stati albums di crossover seminale che hanno profondamente delineato nuove vie nel vasto panorama della musica pop. Due lavori importanti, quindi, che hanno saputo fondere soul, psichedelia, hip hop,reggae e arrangiamenti orchestrali, il tutto allíinsegna di una tendenza dove la propensione alla malinconia Ë fortemente responsabile quanto una musa ispiratrice. Fautore di questa fascinazione musicale Ë Graig Armostrong. Facile quindi aspettarsi un album solista. The Space Between Us non si distacca dai lavori sopra citati, anzi, si intuisce il ruolo fondamentale dellíautore negli arrangiamenti romantici ed intrisi di atmosfere sognanti, caratteristica vincente dei Massive Attack. Spying Glass e Sly, gi‡ apparse su Protection sono reinserite e rivestite di nuove angolazioni e sensibilit‡; My Father tocca il cuore attraverso ricche tracce minimali profondamente conturbanti. Non mi resta che consigliare caldamente questo disco carico di struggente realismo emozionale.

  • 14/12/2005 13:23 - GRONGE Tecnopunkabaret (Autoprodotto. Distr. Wea) "Ho scritto su una nuvola ABBASSO LA ...

    GRONGE Tecnopunkabaret (Autoprodotto. Distr. Wea) "Ho scritto su una nuvola ABBASSO LA CENSURA ed essi hanno SEQUESTRATO IL CIELO" Dio E' Tre Poeti I Gronge non sparano sventagliate di mitra nel gregge ma un solo colpo per volta, perchè non sbagliano mai mira. Ed ogni volta ti sorprendono con un'arma diversa. Mai titolo fu così appropriato: le musiche ed i testi di questo CD sono un lungo spettacolo di cabaret futurista reali2zato con attitudine punk e mezzi tecnologici. Ma Tecnopunkabaret è pure folk moderno suonato con strumenti antichi provenienti da molte zone del mondo. Gronge succhiano il quotidiano e lo risputano in forma di fiele. Gronge aprono gli occhi a chi li ascolta e dicono no a Berluscò e a tutti i filistei. Ce ne vorrebbero di più di persone così per contrastare le ondate di feccia ch si sollevano sempre più alte e ci stanno sommergendo tutti poco per volta (Benvenuti nel nostro cuore che sembra marcio ma batte batte batte e combatte...). Tutto il CD è un teatro dell'assurdo perchè specchio dellá realtà. Alle loro parole di fuoco Gronge uniscono quelle prese a prestito da Muem Bsyco, poeta palestinese, da Vladimir Vysotskij, incorreggibile rimatore russo, da Renato Curcio, decidetene un po' voi il ruolo/mestiere e perfino dal comic Joe Galaxi, pornoavventuriero spaziale uscito dalla china dell'inventivo folle Massimo Mattioli Grande musica, meccanica, subordinata alle parole eppure ficcante, che può ricordare solo per affinità anarcoelettrica Spi22 nei suoi più riusciti travestimenti e negli intenti sociali quei bellissimi fenomeni dei Chumbawamba Gronge non si possono spiegare, e questo è un bene; si devono sentire. E vedere suppongo, perchè dal vivo propongono uno spettacolo totale. Gronge sono grandi perchè puzzano di sincerità, di originalità e di incorruttibilità. E infine: Gronge non sono Grunge. the Raven

  • 14/12/2005 13:23 - HECATE ENTHRONED Upon Promethean Shores (Unscriptured Waters) (Blackend/Plastic Head) Nati da una costola impazzita ...

    HECATE ENTHRONED Upon Promethean Shores (Unscriptured Waters) (Blackend/Plastic Head) Nati da una costola impazzita staccatasi dai #Cradle Of Filth#, gli Hecate Enthroned non hanno faticato a trovare un contratto discografico con la Blackend, sotto-etichetta della Plastic Head (fatti i debiti rapporti un pò come la Godhead sta alla Flying qui in Italia). Lo stile è certamente prossimo a quello dei maestri del black metal britannico, ma non si sfocia nel plagio, anzi i brani possiedono un taglio personale che rende questo disco il must assoluto del momento per tutti gli adoratori del metallo nero, almeno fino a che non uscirà il tanto atteso "Dusk In Her Embrace" dei COF!

  • 14/12/2005 13:23 - I CIALTRONI Presentano "Cialtronerie" spettacolo di teatro di strada. Interpreti: Marco ...

    I CIALTRONI Presentano "Cialtronerie" spettacolo di teatro di strada. Interpreti: Marco Tizianel e Stefano Razzolini. Genere: clownwnerie, giocoleria, sputafuoco, mangiafuoco. Due clown che attraverso una serie di numeri dalla riuscita molte volte incerta stimolano il pubblico a ridere e stupire di cose semplici ed immediate. Quindi tutto serve a far spettacolo, dal gioco delle tre palle, ai birilli, alle canzoni e le gag fino a raggiungere il momento di spettacolo più alto con i numeri di sputafuoco. Gli spettatori diventano, attraverso il continuo coinvolgimento, un pubblico attivo e partecipe. Dare una descrizione narrativa dei numeri è così quasi inutile perchè lo spettacolo vive e si sviluppa attraverso il rapporto con il pubblico. Alcune delle loro esperienze sono: 1995 Partecipazione al Beach Bum Rock Festival (Iesolo). 1995 Partecipazione a Mercantia, Festival Internazionale di Teatro di Strada (Certaldo-FI), inserimento nel Catalogo 1995. Nel '95 partecipano alla Manifestazione "Le Vetrine del Centro" (Vicenza). 1995 Partecipazione alle Manifestazioni per il Carnevale del Comune di Padova. 1996 Partecipazione al "International Childrens Festival" di Sebenico (Croazia). 1996 Partecipazione a Mercantia, Festival Internazionale di Teatro di Strada (Certaldo-FI), inserimento nel Catalogo 1996. 1996 Menzione nella Sezione Giocolieri al Terzo Suonastrada (Festival dei Buskers) del Comune di Padova.

  • 14/12/2005 13:23 - I GASTRONAUTI Mirco Sabatini (batteria), Vincenzo Vasi (basso). Duo poliedrico dalla ...

    I GASTRONAUTI Mirco Sabatini (batteria), Vincenzo Vasi (basso). Duo poliedrico dalla ritmica collaudata nelle più svariate formazioni: Ella Guru, Trio Magneto, Impossibile Trio... Il duo ha costruito nel tempo un proprio linguaggio fatto di temi destabilizzanti, costruzione e improvvisazione, ambienti rarefatti e tempeste sonore. Cosicché le potenzialità sono ampliate all'infinito, senza vincolo a solisti, ma liberi solisti a loro volta, viaggiatori di musiche intestine, tritano quel che resta nella loro memoria musicale e vumitano cut-ups furiosi e pillole lisergiche di suoni complessi nel tempo.

  • 14/12/2005 13:23 - I Tamburi del Bronx (Francia) Originari del quartiere ferroviario di Varennes ...

    I Tamburi del Bronx (Francia) Originari del quartiere ferroviario di Varennes Vauzelles, nei pressi di Nevers, soprannominato il Bronx a causa delle vie ad angolo retto della sua gigantesca officina, i Tamburi del Bronx presero l'idea del bidone dai Tamburi del Burundi (senza la tradizione africana ma con, in più, la rabbia metropolitana). Ragazzi di strada con la faccia da galera, occhiali neri, muniti di manici di piccone, sono una ventina a tambureggiare su degli enormi bidoni metallici. Giunto dalla parte più remota della contemporaneità, il loro "rock ferroviario" è una poesia industriale sul fondo dei barili di petrolio, in rime assordanti; un compromesso tra una marcia militare, una carica di rinoceronti e una sfilata di rulli compressori.

  • 14/12/2005 13:23 - IAN GORON-LENNOX Low Brass É suonato da un quintetto di soli ...

    IAN GORON-LENNOX Low Brass É suonato da un quintetto di soli (o quasi, data la sporadica presenza di sax soprano e flauto dolce kena) ottoni grevi, tipo tromboni basso tuba eufonio sassofoni basso e baritono; in soldoni, le papere della grande famiglia degli strumenti a fiato. Il suono è quindi grottesco e in perenne stato di raffreddore, ma, ciononostante, riesce a scorrere sufficientemente snello ed è vestito con una sua pur strana eleganza. I richiami principali sono al jazz primordiale e alle musiche circensi, ma la trama dei fraseggi è di impostazione tipicamente europea-post free. Se siete amanti delle chitarre wa-wa girate al largo, ma se la vostra passione è l'intreccio degli strumenti a fiato, fate un pensierino su Low Brass perché potreste sentirne delle belle.

  • 14/12/2005 13:23 - IRENNE CORONADO Irenne Coronado (Guatemala) Nata a Città del Guatemala, ...

    IRENNE CORONADO Irenne Coronado (Guatemala) Nata a Città del Guatemala, è missionaria laica della chiesa cattolica. Da 15 anni e dedita al canto di evangelizzazione specialmente per i giovani. Ha all'attivo ben 10 album di cui alcuni dedicati alla Vergine Maria. In questi ultimi anni è stata impegnata attraverso Radio e TV ed è stata conduttrice di programmi religiosi nella TV di Stato del Guatemala e a EWTN negli U.S.A., la più grossa televisione cattolica satellitare fondata da Madre Angelica. Ha tenuto concerti, conferenze e partecipato a molti congressi in Guatemala, Centro America e USA. Fa parte ed è attiva collaboratrice dell'Associazione Dame salesiane in Guatemala , la cui sede è a Caracas in Venezuela. Nel 1992 il Vescovo Primate Metropolitano Mons. Prospero Penados del Barrio di Città del Guatemala le ha conferito il tesserino per il ministero di evangelizzazione attraverso la musica. Canta accompagnandosi con la chitarra oppure con le basi musicali. In questi ultimi anni si è dedicata all'approfondimento del canto liturgico. Nell'anno Giubilare 2000 è venuta in Italia ed ha partecipato a numerosi concerti e Meeting giovanili, organizzati in preparazione della Giornata Mondiale della Gioventù tenutasi a Roma ed è stata intervistata da parecchie emittenti radiofoniche e televisive cattoliche italiane tra cui "Cristianitò" su Rai International.

  • 14/12/2005 13:23 - IRON MAIDEN Leggenda vivente del rock pesante, la band ha alle ...

    IRON MAIDEN Leggenda vivente del rock pesante, la band ha alle spalle numerosi dischi di grande successo e tanti concerti che hanno registrato il soldout. Il loro nuovo tour presenta molti nuovi motivi d'interesse tra cui la possibilità di vedere all'opera Blaze Bayley il cantante che ha sostituito nel '93 Bruce Dickinson dedicatosi alla carriera solistica.

  • 14/12/2005 13:23 - IRON MAIDEN Brave new world Dopo aver salutato l'anno scorso il ...

    IRON MAIDEN Brave new world Dopo aver salutato l'anno scorso il ritorno del figliol prodigo Bruce Dickinson con un gioco interattivo e l'inevitabile best di scorta, gli Iron Maiden proseguono i festeggeamenti organizzando una monumentale autocelebrazione, spavalda come il "mondo nuovo" al quale dedicano il disco. Forti di un muro elettrico mai così granitico - con la rimpatriata del veterano Adrian Smith, e permanendo Dave Murray e Janick Gers in organico, sono salite a tre le chitarre in azione e rigenerati sul piano compositivo dalla volontà di riaffermare il proprio primato sulla vecchia guardia metal, i Maiden confezionano dieci canzoni che suonano come una sintesi pressoché perfetta di quanto ha prodotto, sino a qui, il loro marchio doc. Concepite per lo più secondo lo spirito degli anthem da stadio, con "The wicker man e la title track in pole position emozionale, le lunghe cavalcate heavy agitano l'antico gonfalone tra cadenze rallentate e brucianti accelerazioni verso le familiari ridondanti struture sinfoniche: fanno testo "Blood brothers" e "The nomad" patrocinate" in funzione orchestrale dal solito Steve Harris. Fedeli all'adagio "nessuna nuova, buona nuova", i vecchi fan potranno legittimamente gongolare.

  • 14/12/2005 13:23 - IRON MAIDEN "Maiden Voyage" No, non si tratta di un'invenzione di qualche ...

    IRON MAIDEN "Maiden Voyage" No, non si tratta di un'invenzione di qualche cacciatore di scoop. Molto prima che il barbaro strumento di tortura medievale fosse indissolubilmente legato alla più famosa metal band inglese degli anni '80, esisteva un quartetto originario di Basinton, Essex, chiamato Iron Maiden. Grazie alla fantasia di un roadie, così si ribattezzarono nel 1970 i Bum, che già avevano suonato con future stelle quali Flectwood Mac, Jethro Tull e King Crimson fra il 1967 ed il 68. Rivelando una vena particolarmente sinistra, i Bum realizzarono un acetato del brano proto doom "God Of Darkness", e forse non è un caso che assunsero un nome minaccioso contemporaneamente alla nascita dell'occult-wave di Black Sabbath e Black Widow. Sempre nel 1970, Iron Maiden vennero scritturati dall'etichetta Gemini, per la quale incisero un singolo "Falling/Ned Kelly", che doveva preludere all'album "Maiden Voyage", registrato ma rimasto inedito a causa del fallimento della label. Per fortuna Audio Archives è entrata in contatto con il bassista Barry Skeels (che suonò con i sulfurei Zior dopo lo split dei Maiden), così l'album viene rilanciato come l'archetipo doom-metal degli originali Iron Maiden. Lo stile del gruppo è in realtà più differenziato, a partire dall'iniziale "Falling", con il suo splendido arpeggio cortigiano, saccheggiato nel feudo "Argus" di Wishbone Ash. I brani vivono soprattutto sui virtuosismi di Trevor Thoms, un chitarrista capace di assoli inenarrabili, che in seguito finirà negli Spirit Of John Morgan. I mesmerici fraseggi psych di "Liar" rievocano "Vol. 1" degli Human Beast, mentre nell'incalzante "Ritual", Trevor emula i fasti del Tony Iommi di "Warning", ed è la piena consacrazione di un talento strepitoso. Con i cupi presagi di "God Of Darkness" si chiude la parabola di "Maiden Voyage" e resta il rammarico di chissà quali potenzialità inespresse.

  • 14/12/2005 13:23 - IRON MAN "Generation Void" Colui che generosamente, ma non immotivatamente, venne definito ...

    IRON MAN "Generation Void" Colui che generosamente, ma non immotivatamente, venne definito 'il Tony Iommi nero', ovvero Alfred Morris, non è finito sotto le macerie di casa Hellhound. Per la leggendaria etichetta tedesca che gettò le basi della rifondazione doom, il chitarrista di colore (caso oltremodo raro negli ambienti della musica heavy) aveva realizzato due albums, "Black Night" e "The Passage", con i suoi Iron Man, concepiti in origine come tribute-band dei Black Sabbath. Nonostante l'approvazione ricevuta da 'iniziati' quali Lee Dorrian o gli Sleep, i primi due dischi degli Iron Man non si possono certo considerare capolavori, pur rivelando sincera attitudine ed intensità. Ma il lustro trascorso dall'uscita di "The Passage" ('94) ad oggi, non ha intaccato la passione del quartetto americano: Alfred Morris ha di nuovo ridefinito la formazione attorno alla sua figura e al non meno carismatico vocalist Dan Michalak; il drummer Gary Isom è partito alla volta degli Spirit Caravan, ed è rimpiazzato da Vic Tomaso, mentre al basso esordisce una ragazza, Ginger, rendendo ancor più inusitata la composizione degli Iron Man. La nuova etichetta è Brainticket, la stessa di John Perez e dei meravigliosi Liquid Sound Company, ed il gruppo di Alfred Morris onora al meglio il come-back, pubblicando un terzo album, "Generation Void", nettamente superiore ai precedenti. Rinunciando in parte alla dichiarata emulazione dei Sabbath, gli Iron Man oggi assomigliano molto di più ai Judas Priest del secondo album "Sad Wings Of Destiny": un mega-classico dal suono torbido ed ancestrale, molto più primitivo rispetto ai dischi che consolideranno la fama negli anni '80 dell'altro mito di Birmingham. Complice di questa maggior affinità è la voce di Dan Michalak, una versione meno spettacolare ma senz'altro emozionante del primo Rob Halford. E non è certo un caso che gli Iron Man si avvicinino all'epopea più sabbathiana dei Judas Priest, che furono scoperti proprio dallo stesso produttore Rodger Brain, con l'intento di creare un potente alter ego ai suoi protetti. Sanciscono quest'orientamento "Boston Strangler", che tematicamente potrebbe benissimo essere la risposta ai Priest di "The Ripper", oppure la vibrante "Survivor", mentre "King Of Kings", acusticamente letale, riecheggia nella sua atmosfera evocativa Halford e compagni a spasso nei reami della morte... Anche il suono heavy ha un'anima, un feeling che sembra nascere da capacità d'introspezione: gli Spirit Caravan l'hanno dimostrato benissimo con l'eccellente "Jug Fulla Sun" e gli Iron Man sembrano concretizzare le stesse ambizioni; altri brani potenti quanto espressivi, "On The Mountain", "Winds Of Change" e la fatale title-track depongono a favore delle loro rinnovate ambizioni. A soulful Iron Man!

  • 14/12/2005 13:23 - IRON MONKEY La proposta degli Iron Monkey, disponibile anche su un ...

    IRON MONKEY La proposta degli Iron Monkey, disponibile anche su un 10" EP intitolato "We've Learned Nothing", non si discosta affatto dallo stile fissato nel debut-album "Our Problem": riffs dall'oltranzista impronta Black Sabbath e voce grind... il suono, molto competente ma non certo fantasioso, ed il brutalismo del cantante, rischiano però di condurre il gruppo in un vicolo cieco, perché è difficile intravedere soluzioni più possibiliste rispetto al tormento soniko, pur rispettabilissimo, di "Arsonaut", spinto alle soglie dei 10 minuti.

  • 14/12/2005 13:23 - IRONBOSS Rides again Eh sì, ad un certo punto respirare l'odore ...

    IRONBOSS Rides again Eh sì, ad un certo punto respirare l'odore dell'olio da motore e masticare il sapore della polvere non deve essere più bastato a Chris Rhoten e dopo essersi fracassato la bellezza di cinquanta (!) ossa e aver lasciato perfino la falange di un dito sulle piste di motocross come pilota professionista, ha pensato bene di aggiungere un ulteriore pizzico di pericolo alla sua 'tranquilla' esistenza, imbracciando la chitarra in una band di r'n'r! Ne sono saltati fuori gli Ironboss, che da qualche anno mietono vittime a suon di watt e di riffacci pesanti ereditati dalla sacra triade Motorhead, Iron Maiden e AC/DC. E come potrete ben immaginare "Rides again" non è roba per mammolette: a cominciare dalla benaugurante (si fa per dire) "Motherfucker", con basso e batteria che ti sconquassano le budella e uno di quei riff feroci e contagiosi come una malattia mortale, fino a "Run fast, jump high and die", genuino southern rock a stelle e strisce sulla scia degli ZZ Top, che la dice lunga sulla filosofia di vita dei nostri. Niente di più e niente di meno che hard r'n'r duro, rumoroso e senza pudore, suonato a spron battuto e con gli ampli che fumano...

  • 14/12/2005 13:23 - JAMIROQUAI Syncronized Quarto disco per i Jamiroquai che hanno mutato formazione tantochè ...

    JAMIROQUAI Syncronized Quarto disco per i Jamiroquai che hanno mutato formazione tantochè l'uscita del disco è stata rimandata perché quel geniaccio irascibile di Jason Kay ha voluto reincidere tutto il lavoro con il nuovo elemento. Per non perdere quel feeling da club che ritiene irrinunciabile. Sicuramente l'attesa è valsa la pena, perché "Syncronized" è un vero capolavoro, l'album più completo dei Jamiroquai. Siamo lontani dal tempo in cui potevate ascoltare Jason e la sua band nei locali di Londra, come i più creativi esponenti della club culture. Già allora si intuiva che il progetto Jamiroquai sarebbe diventato un fenomeno con quel mix di sonorità dance funk soul jazz. In "Syncronized" ritroverete il collaudato ed inimitabile sound Jamiroquai, ma anche una ricerca di suoni più essenziali e immediati, ruvidi, meno cervellotici, tipicamente funk e meno inclini alla dance music. C'è anche spazio per orchestrazioni latin jazz come in "Planet Home" sonorità aborigene come in "Supersonic", richiami r&b, il tutto mixato con sonorità da "space cowboys". "Syncronized" sembra racchiudere in soli dieci brani gli impulsi sonori e vitali, le onde elettromagnetiche prodotte dall'intero pianeta, inglobati in groove mozzafiato. Per fortuna che ci sono i Jamiroquai a curarci l'anima e a traghettarci verso il prossimo millennio, naturalmente ballando!

  • 14/12/2005 13:23 - JLIAT A Long Drone... Non sto scherzando, ma sembra che sia proprio ...

    JLIAT A Long Drone... Non sto scherzando, ma sembra che sia proprio questo il titolo del nuovo Cd di James Whitehead-Jliat, monumentale quanto la sua estenuante durata. Peccato che il gioco stavolta non funzioni. La reiterazione portata all'infinito non priva di studio meticoloso e di una sua complessità e magia nei suoi risonanti armonici, è stata sempre l'unica vera caratteristica dei drones di Jliat, il migliore dei quali a mio avviso rimane quello di Ocean Of Infinite Being. Questi ultimi elementi però difettano nel nuovo disco e lo stupore o la meraviglia lasciano sovente il passo alla noia. Forse anche per Jliat è tempo di cambiare, temo che James si stia prendendo un po' troppo sul serio. Suvvia, ogni magnifica ossessione per sopravvivere ha bisogno di un po' dì gioco e ironia, mentre l'eccessiva autoreferenzialità finisce sempre col giocare dei brutti scherzi.

  • 14/12/2005 13:23 - Joey Baron è uno dei batteristi più apprezzati e popolari ...

    Joey Baron è uno dei batteristi più apprezzati e popolari degli ultimi anni, conosciuto per una lunga serie di prestigiose collaborazioni, ma anche per i suoi progetti da leader, tra cui il trio Baron Down, già ospite del Musicus Concentus. Joey Baron esordì nel gruppo della cantante Carmen Mc Rae, dove affiancò anche il leggendario trombettista Dizzy Gillespie, fu poi impegnato, tra gli altri, con il chitarrista Jim Hall, con il trombettista Chet Baker, con il cantante Tony Bennett, con il pianista Enrico Pieranunzi, e, dalla fine degli anni '70, Baron è divenuto il batterista più richiesto dal nuovo jazz di base a New York. Tra le sue collaborazioni si ricordano i lunghi sodalizi con Bill Frisell, Tim Berne e John Zorn; quest'ultimo lo ha avuto al suo fianco nello straordinario quintetto Naked City, così come collabora con lui ancora oggi nel quartetto Masada. Inoltre Baron vanta decine di collaborazioni, tra cui quelle con Don Byron, Dave Douglas, Uri Caine, Laurie Anderson, David Bowie. Per la prima volta Joey Baron sarà in tour con il suo nuovo quartetto, "Killer Joey", un ensemble in cui lo affiancano due chitarristi elettrici, Brad Shepik e Steve Cardenas, ed il contrabbassista Tony Scherr. La musica del gruppo è un omaggio all'energia ed al funky con un repertorio originale dove brilla la maestria ritmica del batterista, che ha scelto per questa occasione nuovi ed ispirati compagni di viaggio. Brad Shepik si è rivelato nel Tiny Bell Trio del trombettista Dave Douglas, suona con il quartetto Pachora ed è leader del gruppo The Commuters, con cui sì è gia esibito al Musicus Concentus; Steve Cardenas è anche membro dell'Electric BeBop Band del batterista Paul Motian ed ha collaborato con il bassista Marc Johnson; Tony Scherr è uno dei nuovi talenti meritevoli di attenzione: suona con lo scatenato quartetto Sex Mob, nel gruppo Slow Poke e da due anni è membro della nuova band del chitarrista Bill Frisell. Joey Baron "Killer Joey" ha al suo attivo un omonimo cd d'esordio per l'etichetta Go Head Music, prodotto nel 2000 dallo stesso Baron, che documenta la vitalità e gli inesorabili groove di uno dei maestri del ritmo nella musica d'oggi.

  • 14/12/2005 13:23 - "JOHN DE LEO & FABRIZIO TARRONI DUO" John De Leo: voce Fabrizio ...

    "JOHN DE LEO & FABRIZIO TARRONI DUO" John De Leo: voce Fabrizio Tarroni: chitarre John De Leo, cantante, nato a Lugo (Ravenna) il 27 Masggio 1970, è una della voci più interessanti che il territorio romagnolo -così ricco musicalmente- offre all'affinato orecchio di un pubblico sempre più competente. Una voce versatile, ora calda, grave, ora stridula e graffiante, le cui fondamenta soul sorreggono un vasto itinerario musicale, sempre in crescita, che spazia dal be-bop al trip-hop nell'infinito universo dei suoni del corpo. Sperimenta gli arrangiamenti con un' effetto tipico della chitarra elettrica, il Jamman, una sorta di campionatore in tempo reale, di cui si avvale anche dal vivo, che gli consente di registrare frasi vocali, metterle in loop e sovrainciderne altre, incastrando e sovrapponendo i suoni. John De Leo è leader e anima dei Quintorigo, gruppo musicale che si contraddistingue per l'originalità del suono e dell'organico: una voce, un sassofono, un violino, un violoncello e un contrabbasso. Con Quintorigo, De Leo ha partecipato a concorsi e manifestazioni musicali di carattere nazionale, tra cui: Arezzo Wave '98 (I° classif.), Festival di San Remo '99 (premio della critica e premio per il miglior arrangiamento), I° Maggio a Roma, Premio Recanati e Premio Tenco (I° classif. miglior opera prima con l'album "Rospo"). Numerose le collaborazioni eccellenti che ha al proprio attivo: con l'organista hammond Pippo Guarnera, con Teresa De Sio e la pianista jazz Rita Marconilli nel progetto multietnico "Metissage", con il batterista Roberto Gatto, con il cantautore Franco Battiato, con il poeta Gian Ruggero Manzoni nella rappresentazione teatrale "La Sparizione". Fabrizio Tarroni, nato a Fusignano (Ravenna) il 28 Agosto 1970, è un chitarrista capace di interpretare il proprio strumento anche come una vera e propria percussione. Percuotendo sia le corde che la cassa armonica, riesce a sfruttare tutte le risonanze della sua semi-acustica, creando una miscela alquanto personale di melodia e ritmo. Le sue influenze musicali abbracciano dal folk al drum' n' bass. Ha inciso diversi CD con il progetto "Faxtet", gruppo di stampo jazz che vanta la collaborazione di artisti di fama, tra i quali ricordiamo: Riccardo Tesi all'organetto diatonico, il cantautore Sergio Caputo e l'attore-poeta Giovanni Nadiani. Il Duo John De Leo e Fabrizio Tarroni propone una combinazione di rock, jazz, pop, scat e quant'altro venga tirato in ballo durante le esibizioni live. E' stato definito da alcuni recensori "imprevedibile", perché caratterizzato da depistanti momenti di improvvisazione vocale e sonora. Accanto a reinterpretazioni di brani rock di artisti quali Jimmy Hendrix e Lenny Kravitz, di standard jazz di autori leggendari quali Gershwin e Zawinul, il duo presenta alcuni brani di propria composizione, recentemente realizzati in previsione della registrazione del loro primo CD.

  • 14/12/2005 13:23 - JOHN DE LEO E FABRIZIO TARRONI DUO John De Leo: voce Fabrizio ...

    JOHN DE LEO E FABRIZIO TARRONI DUO John De Leo: voce Fabrizio Tarroni: chitarre Il duo De Leo (Quintorigo) - Tarroni (Faxtet) propone un imprevedibile combinazione di rock, jazz, pop, scat e quant'altro venga tirato in ballo durante le esibizioni live, caratterizzato da depistanti momenti di improvvisazione vocale e sonora. Accanto a reinterpretazioni di brani rock ( da Hendrix a Kravitz) e di standard jazz leggendari ( da Gershwin a Zawinul), il duo propone alcune proprie composizioni di imminente uscita nel loro primo CD.

  • 14/12/2005 13:23 - JOHN L'ONARONS: Dulcimer Hammer/Mondolin/Guitor/Accurdion/Vocol JOHN L'ONARONS è un vessafib esKubre at ...

    JOHN L'ONARONS: Dulcimer Hammer/Mondolin/Guitor/Accurdion/Vocol JOHN L'ONARONS è un vessafib esKubre at [mdtionale ónieporaly hkSonss. Per ben tre wlte è stato finalisto del (ampionato Nazionale di wHommered Dvkimeric/a$ifkandosisecondo nel 1995, ilsuo reperbrio spazianelBluegrass, hlk Rods, Blues e Musica delk tsole BritanniJe, è un autore intenso e personale, in venfi anni di norriero ba suonato ovunque.

  • 14/12/2005 13:23 - JULIE DOIRON AND THE WOODEN STARS Julie Doiron And The ...

    JULIE DOIRON AND THE WOODEN STARS Julie Doiron And The Wooden Stars Tree Records/Wide Una cantautrice e una band. Due nomi che soltanto apparentemente provengono dal nulla. La prima ha fatto parte degli Eric's Trip, arruolati nella scuderia della Sub Pop, e ha inciso dei dischi per sola voce e chitarra; i secondi hanno all'attivo tre album e una manciata di singoli nell'arco di sette anni. Si tratta dunque di 'veterani' del circuito indie canadese, di musicisti provenienti da esperienze diverse che hanno deciso di collaborare a un progetto comune.

  • 14/12/2005 13:23 - KENNY BARRON, pianoforte. Passati da poco i cinquanta ...

    KENNY BARRON, pianoforte. Passati da poco i cinquanta anni, Barron si trova in piena maturità stilistico-espressiva: la sua carriera, fitta di collaborazioni e di incisioni, può essere accostata a quella di Hank Jones e Tommy Flanagan, pianisti con i quali divide l'amore per il tocco raffinato, l'eleganza del fraseggio e un costante senso dello swing. Ma si allontana da questi per la modernità del comping e del solismo a single-note, elementi ereditati dal linguaggio be-bop. Kenny Barron ha suonato con tutti i jazzmen più importanti dal '60 in avanti, oltre ad aver sviluppato un'autonoma attività da leader. Le partecipazioni che saranno ricordate nella storia del jazz sono ad ogni modo tre: con Dizzy Gillespie negli anni Sessanta; nel gruppo cooperativistico "Sphere" negli anni '80 (il concerto allo Sperimentale nel 1985 resta forse insuperato nella storia di "Ancona Jazz"); con Stan Getz fino alla morte del grande sassofonista. La formula del trio è la più adatta al suo stile, e i partner di questa sera sono i suoi prediletti, ma ama spesso cambiare basso e batteria in sala di incisione per trovare sempre nuovi stimoli: il suo recente disco per la Verve, "Wanton Spirit", con Charlie Haden e Roy Haynes, dimostra con chiarezza una volontà precisa di allargare i confini della propria musica. Insegna pratica e teoria musicale alla Rutgers University dal 1973.

  • 14/12/2005 13:23 - KENNY BARRON Kenny Barron è attualmente uno dei più noti pianisti ...

    KENNY BARRON Kenny Barron è attualmente uno dei più noti pianisti dell'attualità. Si posizionò ai massimi livelli sin dai suoi esordi suonando con Dizzy Gillespie mentre la sua carriera venta più di settanta albums a fianco di Jay Jay Johnson, Tom Harrell, Ray Anderson, Joe Henderson e lo stesso Ron Carter, per citarne solo alcuni. Da 14 anni dura la sua regolare collaborazione con Ron Carter, e contemporaneamente Barron ha consolidato la sua fama di pianista anche in altre formazioni che hanno come leader Dave Holland, Daniel Humair, Jack DeJohnette e Al Foster. Nell'86 reincontra Stan Getz e collabora all'incisione di "Voyage" per poi partecipare, l'anno successivo, ad una tournée in Europa che consacrerà questa importante collaborazione dando vita ad un formidabile duo piano sax. Dal loro connubio artistico nasceranno, inoltre, capolavori del calibro di "Apassionado" e "People Time" registrato dal vivo in una storica performance al Cafè Montmatre di Copenhagen. Morto Getz, Kenny Barron continua a suonare in tutto il mondo riscuotendo successi soprattutto in Europa e in particolare in Italia, dimostrando la sua piena maturità artistica. L'album "Other Place" è un'efficace testimonianza della sua capacità compositiva come pure della sua versatilità stilistica e di una leadership democratica provata da un formidabile interplay dei musicisti che l'accompagnano. Il suo ultimo CD da leader è "Spirit Song", realizzato con la collaborazione di ospiti prestigiosi quali Regina Carter, David Sanchez e Eddie Henderson. E' attualmente nominato per due Grammy Awards. Per informazioni o eventuali interviste: Clara Salina 0348-4419929

  • 14/12/2005 13:23 - Kenny Barron: il pianista di Philadelphia (dove è nato nel ...

    Kenny Barron: il pianista di Philadelphia (dove è nato nel '43) sta vivendo in questi ultimi anni un periodo di autentico fulgore artistico, che lo rende protagonista in dischi e collaborazioni di assoluto prestigio. Si può cominciare dal quintetto di Dizzy, con cui suonò a lungo negli anni '60, e poi continuare con Yusef Lateef, Milt Jackson, gli "Sphere" (indimenticabile il concerto anconetano del 1985), e Stan Getz, con il quale diede vita ad un sodalizio straordinario sul piano artistico e su quello umano. Non esiste musicista, moderno o d'avanguardia, che non abbia richiesto il suo apporto di accompagnatore e di solista: e Kenny, con l'umiltà propria dei grandi, si piega ad ogni situazione, ritagliandosi comunque spazi più aderenti al suo credo estetico. Ed è proprio con uno dei suoi trii più coerenti, quello con Ray Drummond al contrabbasso e Ben Riley alla batteria.

  • 14/12/2005 13:23 - KK – Kairos e Kronos (di Dario Maria Gulli & ...

    KK – Kairos e Kronos (di Dario Maria Gulli & Daniel Rossi) Tra fumetto, musicarello e commedia stralunata alla Di Cillo, ecco il ritorno sulle scena di Ivan Cattaneo e Johnson Righeira, icone della musica pop più fuori di testa degli anni ’80. Musiche di culto degli stessi Cattaneo e Righeira, con Tre Allegri Ragazzi Morti e Yo Yo Mundi. Incontro con i registi, tutti i protagonisti e tutti gli autori delle musiche. (Anteprima assoluta; film lungometraggio – proiezione di 71 minuti)

  • 14/12/2005 13:23 - KORNOG "Korong" I Kornog sono un gruppo bretone formatosi all'inizio degli ...

    KORNOG "Korong" I Kornog sono un gruppo bretone formatosi all'inizio degli anni ottanta dall'incontro tra il cantante scozzese Jamie McMenemy, il chitarrista Soig Siberil ed il violinista Christian Lemaitre. Il trio così composto ha iniziato la sua attività musicale esibendosi in vari festival locali, conquistandosi ben presto l'apprezzamento degli amanti della musica tradizionale. Nel corso degli anni ottanta il gruppo ha inciso quattro dischi ed al terzetto di cui sopra si è aggiunto il flautista Jean-Michel Veilon. La fama della band varca l'oceano e la loro musica semplice e calorosa ottiene un buon successo anche in terra statunitense. Ma nel 1987, dopo tutti i progetti condivisi insieme, i Kornog si sciolgono ed ognuno dei suoi componenti decide di continuare la carriera artistica abbracciando progetti solistici. Questa in sintesi la storia di questo quartetto, che all'inizio del nuovo secolo ha deciso di ricominciare l'avventura di gruppo chiusa tredici anni fa, dando alle stampe un nuovo album che rinverdirà sicuramente gli 'antichi' splendori. Per la cronaca in questa reunion il chitarrista Soig Siberil è stato degnamente rimpiazzato da Nicolas Quemener. La metafora scelta dalla band per questa nuova prova è quella del fiume Korong, un corso d'acqua impetuoso e nervoso che scorre nel cuore della Bretagna, che come la musica dei Kornog, che sgorga direttamente dalla passione dei musicisti, è fresco e limpido, oltre che effervescente ed agitato. Il disco riprende il discorso musicale interrotto volutamente anni fa e ci restituisce un gruppo in buona forma, fonte delle esperienze maturate da ognuno dei suoi componenti ed ancora proteso a far rivivere le musiche tradizionali di una terra incantata, ma anche aspra e selvaggia, che conserva un fascino fuori dal comune. I suoni ed i colori di Korong sono quelli della Bretagna e il gruppo ne scolpisce l'essenza eseguendo le composizioni dell'album con uno spirito profondo ed animati da una passione sincera perpetuandone le leggende ed i miti. Dalle dolcezze di La-Bas Dans La Prairie/Ronds The Saint Vincent, al nervosismo sonoro di Child Noryce, al ritmo saltellante di The Braes O'Killiecranckie abbiamo la possibilità di ascoltare uno spaccato autentico della tradizione bretone suonato ed interpretato con maestria e devozione. Bentornati!

  • 14/12/2005 13:23 - KOVENANT - “Animatronic” (Nuclear Blast/Audioglobe) Giusto per dimostrare quanto le biografie ...

    KOVENANT - “Animatronic” (Nuclear Blast/Audioglobe) Giusto per dimostrare quanto le biografie stiano smarrendo ogni loro funzione vorrei farvi notare come quella allegata al nuovo lavoro dei norvegesi Kovenant trascuri di citare un particolare di non poca rilevanza: ovvero che la band prima si chiamava Covenant e che ha cambiato nome causa omonimia con gli svedesi Covenant, dediti all’EBM. Facciamo finta di niente e sottolineiamo come in precedenza avessero pubblicato altri due album black-dark melodic oriented. Qui sterzano bruscamente verso soluzioni tecnologizzate, con ritmiche trascinanti, riff metal, tastiere orchestrali (“Prophecies Of Fire”) o di matrice dance (in “Jihad” sembrano i 2 Unlimited!) e voci abrasive. Pur se nutro alcuni dubbi di carattere “etico”, va dato loro il merito di aver confezionano il tutto bene, carpendo e rimescolando idee altrui e rendendo il disco orecchiabile.

  • 14/12/2005 13:23 - KRONOS QUARTET Madre di tutte le città moderne, Seattle, la sleepless ...

    KRONOS QUARTET Madre di tutte le città moderne, Seattle, la sleepless town per eccellenza. E madre anche del Kronos Quartet, forse l'ensemble che meglio fotografa l'aspirazione di una certa musica (e della cultura che la sostiene) a non porsi mai problemi di calendario e, quindi, a non dover mai «...affrontare difficoltà estetiche, ma piuttosto a sfruttarle». Il gruppo che detiene il record dei superamenti delle colonne d'Ercole della musica registrata celebra in questi giorni i 25 anni di carriera con la pubblicazione di un impegnativo ma affascinante box di dieci cd (Kronos Quartet, 25 years, Nonesuch). David Harrington pose la prima pietra nel lontano 1973, quando Seattle era soltanto la città natale di Jimi Hendrix, morto tre anni prima, e ancora non sapeva nulla di Nirvana, piccoli buddha o Microsoft. Il Kronos Quartet tiene il suo primo concerto al North Seattle Community College. Erano anni difficili per la ricerca musicale. I consiglieri del presidente Nixon, sul quale si stava per abbattere l'uragano WaterGate, avevano da poco bollato come sovversiva la composizione di Vincent Persichetti commissionata per il concerto che doveva inaugurare il secondo mandato del presidente. Harrington aveva 23 anni. Il suo mondo era già quello delle correnti contrapposte, di interfaccia arditi e qualche volta fuorilegge. Erano gli anni in cui la voglia minimalista aveva contagiato persino il pubblico che solitamente frequentava i negozi di dischi con altri obiettivi. Erano gli anni del massimo sforzo pop della generazione dei reiteratori (Terry Riley, LaMonte Young), del perfezionamento di Philip Glass e Steve Reich e dei primi segnali dall'est europeo, Penderecki, Lotuslawski, Schnittke. La Gubaidulina, le cui esperienze filtrarono dalla cortina di ferro cancellando per un momento le proscrizioni del "protezionismo" comunista. Oggi la creatura di Harrington è un capisaldo del mondo musicale trasversale. Attraverso i quattro archi del Kronos (i due violini David Harrington e John Sherba, la viola Hank Dutt ed il violoncello Joan Jean Renaud) si può prendere contatto con la più vasta realtà creativa del nostro tempo, che convoglia in un'unica esperienza (un'esperienza davvero unica). L'arte del cinema con i più incredibili musicisti attuali e passati.

  • 14/12/2005 13:23 - KRONOS QUARTET In casa Nonesuch sempre molto attivi Gidon Kremer ...

    KRONOS QUARTET In casa Nonesuch sempre molto attivi Gidon Kremer e il Kronos Quartet abilissimi nel passare da un progetto all'altro senza annoiare troppa l'ascoltatore. Il violinistai di Riga ha preparato un nuovo album, Silencio, che è una raccolta di pagine di compositori del XX secolo. Con la sua Kremerata Baltica, Kremer reinterpretata in versione orchestrale "Tabula rasa" di Arvo Part, che anni fa registrò in duo con Keith Jarrett per la ECM, e dello stesso autore estone propone l'inedito Darf ich. Completano la collezione "Company" di Philip Glass e "Come in" di Vladimir Martynov. L'ultimo album del Kronos Quartet, Requiem for a dream, arriva stavolta in edizione cinematografica. Si tratta infatti della colonna sonora che Clint Mansell ha composto per il nuovo film di Darren Aronofsky, basato sul celebre raccontodi Hubert Selby Jr. Last exit to Brooklyn.

  • 14/12/2005 13:23 - KRONOS QUARTET Caravan Stavolta il quartetto d'archi più eclettico e prolifico ...

    KRONOS QUARTET Caravan Stavolta il quartetto d'archi più eclettico e prolifico di oggi compie un vero e proprio viaggio iniziatico attraverso paesi, musiche e musicisti del mondo, registrandone le impressioni sull'album più poliglotta e multiforme della sua già cospicua discografia. Si parte dalla sconfinata Pannonia della yugoslava Alexandra Vrebalov per incontrare poi, lungo un affascinante percorso, la chitarra portoghese di Carlos Paredes (memorabile il suo album in duo con Charlie Haden) l'India cinematografica di Aaj Ki Raat con l'aggiunta di Zakir Hussain alle tablas, il Messico appassionato di Enrique Rangel, una canzone turca dal repertorio di una banda di zingari rumeni, Gloomy sunday nella versione originale ungherese, un canto funebre del californiano Terry Riley, un tango argentino classico di Annibal Troilo, un movimentato "gallop" in chiave folk dell'iraniano Kayhan Kalhor. Particolarmente suggestiva l'Ecstasy del libanese Ali Jihad Racy con i quattro esploratori del Kronos affiancati da esotici strumentisti etnici. Il ritorno a casa è propiziato da uno strano twist preso in prestito da Richard Monsour, alias Dick Dale, meglio conosciuto in California come "il Re della chitarra-surf". In Misirlou twist il Kronos è accompagnato da Martyn Jones, batterista dei Mermen, surf-rock band di San Francisco.

  • 14/12/2005 13:23 - KURTIS MANTRONIK I sing the body electro Si fa un gran ...

    KURTIS MANTRONIK I sing the body electro Si fa un gran parlare di revival dell'"electro" (l'hip-hop minimale ed elettronico che influenzò la prima house-music), pare quindi giusto e naturale che chi ai tempi "c'era si rifaccia oggi avanti. E' il caso di Kurtis Mantronik attivo sin dai primi anni ottanta con i concettuosi Mantronix. I sing the body electro (titolo che vale il disco...) altro non è che la versione per il mercato europeo dell'album pubblicato negli Usa più di un anno fa. Elettronica secca, sincopata e senza fronzoli, ottima per chi avesse ancora voglia di ballare la breakdance. Sfortunatamente il tempo trascorso e tutt'altro che un'astrazione e, nonostante l'indubbia classe dell'autore, pesa sul disco come una catasta di legna da ardere.

  • 14/12/2005 13:23 - LADRONES Ladrones è un gruppo di 6 elementi che si rifà ...

    LADRONES Ladrones è un gruppo di 6 elementi che si rifà alla grande tradizione del Rock and Roll degli anni 50/60. Con le loro personalissime cover conducono il pubblico in un percorso che dà ELVIS PRESLEY, a J. L. LEWIS, a CHUCK BERRY arriva fino ai nostri giorni toccando altri gereri e artisti, perpetuando quello che è, e sempre sarà, il grande sogno del Rock and Roll. Star del gruppo è il grande ZUBO BABY BERRY sedicente figlio di CHUCK BERRY sempre alle prese con amplificatori che esplodono e tentati omicidi mai riusciti. Unitamente alle sue notevolissime capacità chitarristiche, con la sua simpatia conduce il gruppo verso uno show divertente e gioioso. Per contatti: Marco Cell. 0338/3497162 - Abit. 075/8510395

  • 14/12/2005 13:23 - LADYTRON - 604 (CD) - EMPEROR NORTON E' ora di riconsiderare ...

    LADYTRON - 604 (CD) - EMPEROR NORTON E' ora di riconsiderare questa interessante etichetta che si conferma come una delle più belle realtà del contemporaneo. Con l'album dei Pepe DeLuxe prima, quello retrò di Logan's Sanctuary poi, già avevano notevolmente impressionato. Ora con l'uscita del lavoro "lungo" dei Ladytron, trio italo-nipponico che proprio da loro debutta con "604", si ha la quadratura del cerchio. I Ladytron già avevano creato vivo interesse via singolo, spostandosi continuamente trà New York e Tokio, in un'incessante oscillamento, con la loro estetica futurista che pesca trà modernariato e modernismo e con un suono, eccitante ed attuale, la cui unica pecca forse è d'essere un pò troppo modaiolo. Nell'album c'è pure il brano "Miss Balck" che finora era disponibile solo nel mercato giapponese.

  • 14/12/2005 13:23 - LES TAMBOURS DU BRONX "La valse des nuls" Originari del quartiere ferroviario ...

    LES TAMBOURS DU BRONX "La valse des nuls" Originari del quartiere ferroviario di Varennes-Vauzelles, nei pressi di Nevers, soprannominato il Bronx a causa delle sue vie ad angolo retto e della sua gigantesca officina, Les Tambours du Bronx si sono formati nel 1987 in occasione del festival "Da Nevers all'alba". Quello che all'inizio non doveva essere altro che un delirio per un solo concerto, si trasformò rapidamente in un'autentica istituzione. I media si impadronirono del fenomeno, da quel momento apparvero ovunque, nacquero Les Tambours du Bronx. L'idea del bidone la prendono dai Tamburi del Burundi (senza la tradizione africana ma con, in più, la rabbia metropolitana), dei quali hanno mantenuto la passione per picchiare forte. Ragazzi di strada con la faccia da galera, occhiali neri, muniti di manici di piccone, sono una ventina a tambureggiare su degli enormi bidoni metallici. Giunto dalla parte più remota della contemporaneità, il loro "rock ferroviario" è una poesia industriale sul fondo dei barili di petrolio, in rime assordanti; un compromesso tra una marcia militare, una carica di rinoceronti, una sfilata di rulli compressori o bulldozers.

  • 14/12/2005 13:23 - LES TAMBOURS DU BRONX (Francia) in concerto "Energia selvaggia, brutalità iconoclasta, ...

    LES TAMBOURS DU BRONX (Francia) in concerto "Energia selvaggia, brutalità iconoclasta, barbarie industriale". Percussionisti: Cedric, Nono, Leon, Alban, Romi, Yvan, François, Franck, Johnny, Yuan, Luc, Map, Ben, Yves, Thierry, Bruno, Laurent, Jean Marc. Luci: François. Suono: Henri. Pitture dei barili: Romi

  • 14/12/2005 13:23 - LES TAMBOURS DU BRONX Silence Naïve-IRD Ironicamente le venti individualità che ...

    LES TAMBOURS DU BRONX Silence Naïve-IRD Ironicamente le venti individualità che viaggiano all'unisono col ritmo e che rispondono ai nome di Les Tambours Du Bronx, hanno intitoiato al siienzio il loro ultimo lavoro. Nati nel 1987 alla periferia di Nevers, in Francia, questi percussionisti viaggiano sull'onda di un'aggressività che si materializza soltanto nelle esecuzioni live, travolgenti e coinvolgenti insieme. L'assordante suono del metallo mal si sopporta ad un semplice ascolto discografico che offre variabili del tutto aleatorie, diversificate apparentemente dalla dozzina di titoli presenti (che sia Jungle jazz o Requiem, Sangria o Double devil, non fa differenza). Migliore è invece il viaggio attraverso le tracce in cd-rom (Bronx sound machine) presenti nel disco che fanno digerire un concetto che il semplice ascolto non riesce ad esprimere mai. Dopo l'ascolto dei 45 minuti si supplica davvero per una pausa di silenzio!

  • 14/12/2005 13:23 - LEWIS TRONDHEIM - Slaloms (Bande Dessinée, £.16.000) Uno che invece diverte ...

    LEWIS TRONDHEIM - Slaloms (Bande Dessinée, £.16.000) Uno che invece diverte da morire è Trondheim (altri tre albi suoi di diverso formato e tematiche già usciti in It. quest'anno). L'albo, brossurato, vede il coniglio Lapinot e i suoi tre amici antropomorfi alle prese con una settimana bianca. Ci sono tutti i tic sociali caratteristici: lo spaccone, l'intellettuale, quello che non becca, il taciturno, le pischelle indecise sul da farsi, le storie d'amore non nate e quelle in divenire, etc. E, pensate, diverte senza che nella storia succeda granché al di fuori delle normali vicende (a parte un supposto lupo vagante tra i sentieri da sci). Non credo di sbagliare definendo il mondo di Trondheim una specie di Fritz the Cat borghese (o per borghesi). Disegno elementare da innamorarsi. Carinissimo.

  • 14/12/2005 13:23 - LIMBO "Continuum: The Fire Front" Sembra che l'obiettivo primario di Gianluca Beccuzzi ...

    LIMBO "Continuum: The Fire Front" Sembra che l'obiettivo primario di Gianluca Beccuzzi dei Limbo sia quello di consegnare più musica possibile alla storia di questa fine millennio. Reduce di fresco dal precedente "L'etre Et Le Neant", il compositore toscano si cimenta ipso facto in una nuova operazione concept che lo vedrà impegnato in tre diverse pubblicazioni fino alla fine del duemila, si è preso l'impegno di scrivere tutta una trilogia nel giro di un solo anno, con la promessa di non inflazionare il mercato con facili produzioni di second'ordine, ma di rispettare soprattutto i contenuti antistici delle sue prove. Adesso qualcuno potrebbe obiettare che il nuovo "Continuum: The Fire Front" dopotutto, è solo un album di cover, un episodio facilitato da altrui materiale sonoro. Subito allora rispondo che non è così, in primis perchè eseguire delle belle cover non è cosa da tutti e poi perchè la scelta dei brani rivisitati non è stata casuale, ma concepita con l'idea di ricostruire i momenti più rappresentativi, secondo l'autore, di quest'ultimo ventennio di fermenti musicali. Ed ecco che così Gianluca, aiutandosi col suo raffinato arsenale tecnologico, riscrive la colonna sonora della nostra giovinezza spaziando egregiamente nel repertorio di capi storici quali Kraftwerk, Joy Division, DAF, Suicide, Neon, Clock DVA, Throbbing Gristle, Virgin Prunes, Klinik, Kirlian Camera, Suicide Commando, Colin Newman: ovvero i suoni del nostro tempo entrati nell'eternità.

  • 14/12/2005 13:23 - LINDA RONSTADT & EMMYLOU HARRIS Dopo la parentesi con il Trio, ...

    LINDA RONSTADT & EMMYLOU HARRIS Dopo la parentesi con il Trio, disco comunque inciso alcuni anni fa anche se edito solo quest'anno nel settembre del 1998 Linda Ronstadt & Emmylou Harris si sono ritrovate negli studi Arizona Inn di Tucson assieme al produttore Glyn Jhons. Johns è un produttore leggendario, molto attivo nei settanta e depositario di un sound classico, sound che le due cantanti hanno ripreso in toto per la realizzazione di questo progetto, molto diverso dal suono del Trio. Se in quel caso era previlegiata la ballata a carattere acustico, qui ci troviamo di fronte a sonorità più elettriche, al tipico suono californiano dei settanta, quello di Browne ed Eagles, tanto per capirci. La duttilità delle due voci, la bellezza di alcune canzoni, la pulizia degli arrangiamenti fanno il resto. Johns non ha assolutamente appesantito i suoni, anzi, ha lasciato tutto al posto giusto, e le due hanno scelto un repertorio vario e stimolante. La ripresa di una bella canzone (dimenticata) di Jackson Browne, For A Dancer, ci fa tornare indietro nel tempo: il suono è tipico, la melodia fulgida (ma Jackson non scrive più canzoni di questo genere?), le due voci accattivanti. Apre l'intrigante Loving The Highway Man del misconosciuto Andy Preiboy, una canzone che gioca tra pieni e momenti molto intimi, creando un contrasto interessante. Western Wall, scritta da Rosanne Cash, è una composizione introspettiva, in cui le due voci si accoppiano, sostenute da una strumentazione molto scarna. 1917 è di David Olney, un cantautore di cui spesso abbiamo parlato: buon songwriter Olney è uno che sa descrivere, tramite la sua musica. E questa ballata è molto descrittiva, con la voce di Emmylou sostenuta da una strumentazione scarna: bello il momento in cui Linda aggiunge la sua voce a quella della collega. He Was Mine è elettrica, molto anni settanta, con Linda che canta con voce aperta mentre Emmylou posa la sua ugola sul ritornello ed una steel accarezza la melodia. Raise The Dead è una composizione della Harris, in cui l'autrice richiama alla vita i fantasmi di Bill Monroe, Hank Williams e Robert Johnson; mentre, sempre di Emmylou, ma abbastanza qualunque, è Sweet Spot. Segue una bella cover di Sisters Of Mercy: la nota ballata di Leonard Cohen viene rifatta in pieno rispetto dell'originale. La voce di Linda ed una dolce fisarmonica introducono la melodia rarefatta, che ha una intensità sempre grande: Emmylou canta la seconda strofa. Falling Down è di Patty Griffin, cantautrice emergente nell'emisfero roots rock. Il brano, elettrico, è stato scelto dalla Harris in quanto a lei piace molto e la canzone si conferma ben cantata ma solo discreta nella sua costruzione melodica un pò come le altre della Griffin, una cantautrice che deve confermare ancora il suo valore. Valerie esce un pò a sorpresa dal repertorio di Patty Shalfa e non è affatto male. Disco di sostanza Western Wall potrebbe dare una bella spinda alla carriera della Ronstadt leggermente in ribasso, mentre conferma la statura della Harris, da tempo una prima donna in USA in ambito musicale.

  • 14/12/2005 13:23 - LORENZO GASPERONI MAMUD BAND "Amore Pirata" La leggenda di Lester Bowie anima anche ...

    LORENZO GASPERONI MAMUD BAND "Amore Pirata" La leggenda di Lester Bowie anima anche attivamente il disco della Mamu Band di Lorenzo Gasperoni, opera in realtà assai insolita, divisa tra suoni balcanici in cui citare direttamente anche il Bregovic dell"'Underground" di Kusturica, un'attitudine musicale internazionalista che divide alcune posizioni comuni con Daniele Sepe ed un interesse massiccio per l'universo culturale tzigano, che vuol dire, alla fine, giocare con ascendenze arabe, pulsare il ritmo dell'africa nera, rivisitare un traditional turco e trovare anche il posto per una citazione "colta", il "Leo" ispirato dall'omonimo movimento del "Tierkreis" di Karlheinz Stockhausen.. Eccitante l'ascolto, stimolante la rassegna di libertà compositive ed esecutive dell'ensemble di Lorenzo Gasperoni, condite dalla salace presenza sonora della tromba di Lester Bowie e da un amore grande per una delle tradizioni musicali più commoventi, intense e meravigliose del mondo come quella balcanica. In ultima analisi un divertissement disorganico all'apparenza, ricchissimo di stimoli nella sua estrema varietà.

  • 14/12/2005 13:23 - LOS CHICHARRONS Conga Heaven, Bongo Hell Nel contesto breakbeat si potrebbe paragonare ...

    LOS CHICHARRONS Conga Heaven, Bongo Hell Nel contesto breakbeat si potrebbe paragonare l'idea dei Chicharrons ad un'operazione di bassa macelleria: espiantare sampler clandestini provenienti dal Caribe per innestarli, ancora grondanti di "sabor latino", su delle poderose ritmiche in 4/4. Ne risultano 13 brani dalla fisiologia disomogenea: alcuni manifestano evidenti crisi di rigetto per i campionamenti, causati dalla permanenza di tracce degli originali canovacci ritmici, incompatibili con l'asettica trama artificiale loro apposta. In altri, invece il trapianto funziona e rende incontenibile la spinta dinamica di brani come Chicharron'n'bogalo o Psychadelic Fox o Summer Flying, ricavata dal campionamento dell'immortale Viva Tirado. Evidentemente l'inferno o il paradiso non sono questione di conga o di bongo, ma di come questi due rubizzi signori, il danese Morten Hansen e il dominicano Ramon Santana, usano i loro campionatori.

  • 14/12/2005 13:23 - LOUIS SCLAVIS QUINTET/L'affrontement des prétendants Musicista ancora poco conosciuto dalle nostre ...

    LOUIS SCLAVIS QUINTET/L'affrontement des prétendants Musicista ancora poco conosciuto dalle nostre parti, il sassofonista e clarinettista Louis Sclavis, nato a Lione nei 1953, è uno dei piu brillanti e creativi di oggi. Un po' come Michel Portal, Sclavis frequenta la contemporanea colta e il jazz piu libero, scoperto a 17 anni come una rivelazione via Sun Ra, Art Ensemble Of Chicago, Monk, Mingus e Cecil Taylor. Un esempio vivo e entusiasmante della vena personale del compositore-improvvisatore francese è questo cd con il suo nuovo quintetto. Niente standard, solo pagine originali firmate Sclavis & Co., con il soul tipico del jazz che rievoca Albert Ayler e Ornette Coleman senza nostalgia, come un prolungamento attuale, un flusso di energia che sgorga ancora fresco e coinvolgente. Il jazz è morto? Il free è defunto? Ascoltate Sclavis al clarinetto basso e i suoi eccellenti solisti, che sanno ancora inventare emozioni palpitanti. Nella tromba gorgogliante e selvaggia dell'ultimo arrivato Jean-Luc Cappozzo si reincarnano i leggendari Bubber Miley e Cootie Williams nella giungla ellingtoniana. Ma sono vitali e ispirati anche Vincent Courtois al violoncello, Bruno Chevillon al contrabbasso e François Merville alla batteria, protagonisti con il loro leader di uno dei dischi jazz più belli e significativi degli ultimi tempi.

  • 14/12/2005 13:23 - LOVE LIKE BLOOD "Chronology Of A Love Affair" In preda alla ...

    LOVE LIKE BLOOD "Chronology Of A Love Affair" In preda alla frenesia della cover sono i Love Like Blood che ovviamente attingono da ben altro scenario e canovaccio: Wave e post-punk riesumati dagli annali del rock anglosassone delle ultime due decadi, dai grandi Joy Division ai Marilyn Mansons passando attraverso Bauhaus, Cure, Sisters Of Mercy, Killing Joke e via dicendo. Ricordi più o meno giovanili per un totale di 16 formazioni (compresi essi stessi col brano "Injustice") rivisitate alla loro maniera, col tratto poderoso che caratterizza il loro sound, sorta di miscela esplosiva a base di chitarre graffianti e una sezione ritmica altrettanto possente. "Chronology of A Love Affair" propone anche una suggestiva versione di "April Sky" dei Jesus And The Mary Chain che considero l'episodio più azzeccato dell'intero zibaldone, sebbene tutto il resto sia allineato ad uno standard qualitativo decisamente dignitoso e a prova di manuale, da musicisti ormai consumati quali essi sono.

  • 14/12/2005 13:23 - LUMEN The Man Felt an Iron Hand... Lunghissimo titolo 'letterario' (da ...

    LUMEN The Man Felt an Iron Hand... Lunghissimo titolo 'letterario' (da Italo Calvino) come si faceva una trentina d'anni fa, giochi poliritmici e a incastro tra tastiere, chitarra, basso e batteria brani interamente strumentali, pacati e non complessi come struttura ma certamente ricercati ed elaborati, atmosfere madrigal-bucoliche del tipo fiabesco-folk che mira in alto, ad ambizioni anche classicheggianti (il secondo pezzo). I Lumen vengono da San Frandsco e sono formati da gente degli A Minor Forest e dei Tarentel; la press sheet dell'etichetta cita King Crimson e Yes da un lato e Directions in Music, Papa M e Rex dall'altro e piaceranno a tutti quelli a cui piacciono i referenti. È purissimo progressive rock 2001 ed è fatto bene.

  • 14/12/2005 13:23 - M ZIQ Royal Astronomy Avete un debole per gli outsider e il ...

    M ZIQ Royal Astronomy Avete un debole per gli outsider e il suono sintetico? Allora Mike Paradinas fa al caso vostro. Che stia ai margini dei circuiti dance più trafficati è fuor di dubbio, appartato com'è in un universo che coincide quasi completamente con lo studio di registrazione, simile in questo al suo amico Aphex Twin. Quanto alla musica, invece, è per l'ortodossia elettronica senza mezzi termini, al punto da far suonare alle macchine partiture d'archi degne di Nyman e Mertens. Accade in Royal Astronomy suo quarto disco con lo pseudonimo favorito di U-Ziq: ascoltare l'ouverture intitolata Scaling - impercettibilmente agitata da un ritmo ciondolante - per credere. E così è pure nella seguente The Hwicci Song dove artificiali folate di violini soccombono a una marziale cadenza hip hop. E che dire di Slice dove riaffiora inopinatamente l'ectoplasma di Walter/Wendy Carlos? I risultati migliori, tuttavia, vengono raggiunti in The Fear e Goodby Goodbye, forse perché la presenza rassicurante di voci umane mitiga la sensazione di freddezza digitale che viceversa congela episodi come Mentim e Burst Your Arm. Ed è in quest'ultimo, ma anche in Carpet Muncher e The Motorbike Track che si rinvengono tracce del beneamato drum'n'bass di cui Paradinas ha offerto in passato - e qui ripropone - un ' interpretazione concettuale e stilizzata. Nell'insieme, un'opera bizzarra ma soddisfacente: di buon valore, ancorché non astronomico.

  • 14/12/2005 13:23 - A completare il catalogo della Erosha troviamo infine il CD ...

    A completare il catalogo della Erosha troviamo infine il CD omonimo dei Maelzel Metronome (1994), da tempo disciolti, e 'Copyone" (1996), unico lavoro dell'ensemble percussionistico Compagnia di arte drummatica.

  • 14/12/2005 13:23 - MAL WALDRON & CHRISTIAN BURCHARD "Into The Light" Due maestri, e due ...

    MAL WALDRON & CHRISTIAN BURCHARD "Into The Light" Due maestri, e due antichi amici, a confronto. Waldron è un monumento del jazz contemporaneo: la sua singolare musicalità, sommessa e ipnotica, è stata messa più volte al servizio di musicisti come Charles Mingus, Billie Holiday, John Coltrane e Eric Dolphy. Anche Burchard, a suo modo, è una colonna del rock-jazz europeo. Animatore da trent'anni degli Embryo, anticipatore della "world music", ha mantenuto stabili contatti con la scena jazzistica tedesca e americana. Il loro incontro ha radici lontane e sono stati proprio gli Embryo delle origini, un gruppo sempre disponibile al coinvolgimento di musicisti esterni (tanto che un poco alla volta la band è diventata esclusivamente un incredibile e unico crocevia di talenti), a ingaggiare Mal Waldron ai suoi primi passi europei. Uno scambio continuo di idee ed esperienze. Questo album è fra le documentazioni più fedeli di questo permanente baratto di energie. Nove brani che procedono in progressione: prima il duo (la dimensione perfetta e la parte più consistente dell'album), poi tre brani in quartetto (con l'ausilio di Dieter Serfas alla batteria - un altro Embryo - e Michael Schöne al basso), fino ai due soli conclusivi, come se il pianoforte di Mal e il vibrafono di Christian sentissero il bisogno di ritornare solitari ma ricchi dei confronti precedenti. Mal e Christian, due generazioni di sperimentatori. Due solisti raffinati e originali che ripercorrono insieme, e senza costrizioni ideologiche, quella magica linea di frontiera fra il jazz degli afroamericani e i linguaggi più liberi della musica europea. Questo disco è pubblicato dalla materiali Sonori nella serie di "It's Wonderful Price!" al prezzo speciale (consigliato) di Lit. 22.000.

  • 14/12/2005 13:23 - MALANDRINO & VERONICA + I CALICI PIANGENTI in Non Solo Buozzi ...

    MALANDRINO & VERONICA + I CALICI PIANGENTI in Non Solo Buozzi Show Oltre a Padre Buozzi e a Marcolino sul palcoscenico salgono i fratelli mafiosi Caruzzelli, con velleità nel settore dello spettacolo, l'eroico poliziotto americano e l'aspirante suicida, i ballerini russi Pugaciof e tanti altri strani tipi che alla fine sono più convincenti di Malandrino & Veronica stessi. Il tutto condito dalla buona musica e dal buon ritmo della chiassosa band di cinque musicisti.

  • 14/12/2005 13:23 - Malandrino e Veronica - Giovedì 5 Giugno Nel 1985 fanno parte ...

    Malandrino e Veronica - Giovedì 5 Giugno Nel 1985 fanno parte del cast di Drive In (Italia Uno). Padre Buozzi e Marcolino i loro personaggi più famosi. Sono stati ospiti fissi anche di Fate il vostro gioco (Rai Due), Ritira il Premio con Nino Frassica (Rai Due), Banane (Tmc), Domenica In... (Rai Uno) etc. Attualmente sono tra gli inviati speciali della formidabile trasmissione di Rai Trei Quelli che il calcio...

  • 14/12/2005 13:23 - MARCO BARONE Più classiche le due (in realtà la stessa, variata ...

    MARCO BARONE Più classiche le due (in realtà la stessa, variata nel suo impianto strumentale) proposte dal genovese Marco Barone, che si affida ad un folk con qualche suggestione psichedelica. Non tutto gira nel migliore dei modi - anche in questo caso la voce non ci sembra indimenticabile - ma i testi sono decisamente pregevoli, sognanti ed intensi. Meglio la versione acustica di quella elettrica (Marco Barone, Via Sant'Alberto 26/B/4, 16154 Genova, 010/6500130).

  • 14/12/2005 13:23 - Marco Drago Cronache da chissà dove minimum fax £ 12.000 Quando si entra ...

    Marco Drago Cronache da chissà dove minimum fax £ 12.000 Quando si entra in una libreria non c’è dubbio che, a meno che non si abbia già un’idea precisa sul cosa comprare, veniamo attirati dalle copertine dei volumi esposti sugli scaffali, dalla grafica e non ultimo dal titolo di questi. Cronache da chissà dove mi sembra un bellissimo titolo per un romanzo che non tradisce le aspettative. La storia potrebbe essere riassunta in poche righe: c’è una lei che lascia un lui dopo cinque anni di convivenza per sposare il suo ex. Poi c’è lui che, in un primo momento di crisi, tenta di risolvere la sua situazione non proprio felice immergendosi in un’avventura con una collega di lavoro. A questo punto entreranno in gioco le amiche della nuova amica e, come capita sempre in questi casi, lui rimarrà solo con la sua consapevolezza. Teatro di questo dramma è la provincia: un luogo ipotetico, un luogo dove la vita si svolge tra le vicende dei due bar ben distinti dalla clientela che li anima. Potrebbe essere tutto. Un momento, proprio tutto no. Perché c’è modo e modo di scriverle certe cose e Marco Drago da prova di saperlo fare molto bene. Si ride anche in questo libro che non cade mai in una drammaticità ovvia. Permea dalle righe un certo senso di rivincita, comunque una via d’uscita. Un libro che sta a metà tra il racconto lungo e il romanzo, che pesca nell’immediatezza delle immagini del primo e nella pienezza narrativa del secondo. Senza dimenticare la poesia che si affaccia in certe descrizioni di luoghi e di sensazioni. Le parole sono essenziali, il linguaggio asciutto e scremato da inutili orpelli che sminuirebbero i fatti narrati. Il terzo volume della collana nichel, di minimum fax, ci regala un autore che entra a pieno titolo nella classifica dei migliori della nuova ondata letteraria di casa nostra.

  • 14/12/2005 13:23 - MARCO PETRUCCI & AIRONI NERI BREVE CURRICULUM Band marchigiána nata nel '93, ...

    MARCO PETRUCCI & AIRONI NERI BREVE CURRICULUM Band marchigiána nata nel '93, "Marco Petrucci & Aironi Neri" occupano ormai da tempo la scena del panorama "underground" italiano, con una lunga militanza sui palchi di clubs, locali, centri sociali e piazze. Numerose le partecipazioni a manifestazioni come Casalromano, Castagnole Lanze e Novellara; nell'estate '98 sono stati ospiti itineranti al concorso nazionale "Premio Ivan Graziani ". Più volte si sono esibiti come gruppo spalla a Nomadi, Massimo Bubola e Frankie Hi-Nrg, inoltre hanno partecipato ad un inedito mini-tour al fianco del vulcanico Don Oreste Benzi. Al loro attivo hanno un album autoprodotto, "Primo Volo" e un brano, "Cuba", inserito in una compilation prodotta da Beppe Carletti edita da CGD che dovrebbe uscire a fine estate. Marco Petrucci è autore di brani di successo dei Nornadi quali: In Favelas (con gli Inti-Illimani), L'Eredità, 32° Parallelo, Le strade (tradotta in spagnolo e cantata dal famoso gruppo Celtas Cortas), Anni di frontiera ed altre. Alcuni musicisti degli Aironi hanno suonato, in tournèe, con bands come Gang e Madreblu. CONTATTI: Marco Petrucci Via Podesti n. 105 - 60019 SENIGALLIA (AN) tel. 071/7924145 cell. 0349/4752189. web site: http://aironi.freeweb.org - E-mail:aironi@hotmail.com - aironi@freeweb.org

  • 14/12/2005 13:23 - MARCO PETRUCCI & AIRONI NERI Nata nel '93, la band compie ...

    MARCO PETRUCCI & AIRONI NERI Nata nel '93, la band compie i primi passi nell'entroterra pesarese. Nello stesso anno Petrucci avvia il rapporto di collaborazione artistica con i NOMADI, che ne apprezzano da subito le qualità di autore e compositore e decidono di introdurre un brano da lui scritto, "IN FAVELAS", nel primo Lp del post-Daolio, "La settima onda". Alla registrazione del brano partecipano anche i cileni INTI-ILLIMANI. Petrucci dà avvio così ad una doppia strada musicale, che lo vede impegnato in qualità di autore per i Nomadi e di cantante negli Aironi Neri: nel '96 i Nomadi pubblicano il brano "LE STRADE", scritto da Petrucci ed inserito nell'album "Lungo le vie del vento", l'anno successivo è la volta di "JOHNNY" e "L'EREDITA'" a trovare spazio nel nuovo lavoro della band emiliana "Quando ci sarai". Nel frattempo Petrucci continua a lavorare con gli Aironi Neri, ad arricchirne il repertorio e a portare la loro musica a spasso per l'Italia, sull'onda lunga del Cd autoprodotto nel '94 "PRIMO VOLO". Nel '97 anche i CELTAS CORTAS, gruppo di culto nel panorama alternativo spagnolo, scelgono un brano del cantautore marchigiano, Le Strade (ribattezzato poi LAS CALLES) per inserirlo nel loro doppio "LIVE IN VALLADOLID". Altro anno significativo il '98, che segna un lungo tour degli Aironi Neri (oltre trenta concerti in estate) ed un nuovo lavoro dei Nomadi, "Una storia da raccontare", contenente stavolta tre brani di Petrucci, "32° PARALLELO" (già brano di lancio del Cd degli Aironi), "ANNI DI FRONTIERA" e "MEDITERRANEO". Negli ultimi anni proseguono i concerti seguiti da un pubblico sempre più partecipe, unitamente alle esibizioni in qualità di gruppo supporter a NOMADI, MASSIMO BUBOLA e FRANKIE HI-NRG. I musicisti maturano così una solida esperienza live, rafforzata tra l'altro dalla "chiamata" del tastierista Alessio Sabbatini in qualità di turnista con i GANG e del bassista Claudio Panariello in tour con i MADREBLU. Mentre il rock-folk prende gradatamente i binari di un rock più sanguigno, il 2000 si apre con il "Tributo ad Augusto Daolio" a Novellara (RE), dove gli Aironi vengono invitati insieme ad altre 14 bands emergenti scelte dall' ASSOCIAZIONE GIORNALISTI MUSICALI alla registrazione di un loro brano, "CUBA", che uscirà probabilmente in autunno in una compilation distribuita dalla CGD su tutto il territorio nazionale. Canzoni, quelle degli Aironi, a cavallo tra il bisogno di sentirsi vivi, del vedere riconosciuti i diritti a tutte le latitudini e la voglia di cullarsi sul sogno, sull'utopia, tra l'estasi e la terra. Gli AIRONI NERI sono: MARCO PETRUCCI - canto, ALESSIO SABBATINI - tastiere, MARCO BELLAGAMBA - batteria, CLAUDIO PANARIELLO - basse, FRANCESCO MORELLI - chitarre, LUCIANO RICCARDI - tour-manager. CONTATTI: Marco Petrucci - Via Podesti n. 105 - 60019 SENIGALLIA (AN) - tel. 071/7924145 cell. 0349/4752189. web site: http://aironi.freeweb.org E-mail: aironi@hotmail.com aironi@freeweb.org

  • 14/12/2005 13:23 - MARCO PETRUCCI & AIRONI NERI Rock d'autore, che trova la propria ...

    MARCO PETRUCCI & AIRONI NERI Rock d'autore, che trova la propria dimensione nelle più svariate tematiche sociali ma, in primo luogo, comunque rock, capace di catturare, travolgere e coinvolgere. Nata nel '93, la band compie i primi passi nell'entroterra pesarese. Nello stesso anno Petrucci avvia il rapporto di collaborazione artistica con i NOMADI, che ne apprezzano da subito le qualità di autore e compositore e decidono di introdurre un brano da lui scritto, "IN FAVELAS", nel primo LP del post-Daolio, "La Settima Onda". Alla registrazione del brano partecipano anche i cileni INTI-ILLIMANI. Petrucci dà avvio così ad una doppia strada musicale, che lo vede impegnato in qualità di autore per i Nomadi e di cantante negli Aironi Neri: nel '96 i Nomadi pubblicano il brano "Le Strade", scritto da Petrucci ed inserito nell'album "Lungo Le Vie Del Vento", l'anno successivo è la volta di "Johnny" e "L'Eredità" a trovare spazio nel nuovo lavoro della band emiliana "Quando Ci Sarai". Nel frattempo Petrucci continua a lavorare con gli Aironi Neri, ad arricchirne il repertorio e a portare la loro musica a spasso per l'Italia, sull'onda lunga del Cd autoprodotto nel '94 "Primo Volo". Nel '97 anche i CELTAS CORTOS, gruppo di culto nel panorama alternativo spagnolo, scelgono un brano del cantautore marchigiano, Le Strade (ribattezzato poi LAS CALLES) per inserirlo nel loro doppio "LIVE IN VALLADOLID". Altro anno significativo il '98, che segna un lungo tour degli Aironi Neri (oltre trenta concerti in estate) ed un nuovo lavoro dei Nomadi, "Una storia da raccontare", contenente stavolta tre brani di Petrucci, "32° PARALLELO" (già brano di lancio del Cd degli Aironi), "ANNI DI FRONTIERA" e "MEDITERRANEO". Negli ultimi anni proseguono i concerti seguiti da un pubblico sempre più partecipe, unitamente alle esibizioni in qualità di gruppo supporter a NOMADI, MASSIMO BUBOLA e FRANKIE HI-NRG e ad una mini-tournèe accanto al vulcanico DON ORESTE BENZI. I musicisti maturano così una solida esperienza live, rafforzata tra l'altro dalla "chiamata" del tastierista Alessio Sabbatini in qualità di turnista con i GANG e del bassista Claudio Panariello in tour con i MADREBLU. Il 2000 si apre con il "Tributo ad Augusto Daolio" a Novellara (RE), dove gli Aironi vengono invitati insieme ad altre 14 bands emergenti scelte dall' ASSOCIAZIONE GIORNALISTI MUSICALI alla registrazione di un loro brano, "CUBA", inserito in una compilation distribuita dalla CGD su tutto il territorio nazionale. Nei "live" della band il cocktail è il solito: istintività ed aggressività che si sposano con la poesia e le vibrazioni dell'anima, per un mix che sa regalare emozioni sempre forti; un lungo percorso caratterizzato da più fasi che ha portato gli AIRONI al conseguimento di una propria maturità artistica, nata dalle mille sfaccettature di un animo rock. La mescolanza delle liriche, delle sonorità ed un ritmo che non concede soste fanno del loro spettacolo un momento di affascinante e travolgente carica emotiva. Gli AIRONI NERI sono: MARCO PETRUCCI (canto), ALESSIO SABBATINI (tastiere), MARCO BELLAGAMBA (batteria), CLAUDIO PANARIELLO (basso), FRANCESCO MORELLI (chitarre), LUCIANO RICCARDI (tour-manager). CONTATTI: Marco Petrucci - Via Podesti n. 105 - 60019 SENIGALLIA (AN) - tel. 071/7924145 cell. 0349/4752189 web site: http://aironi.freeweb.org - e-mail: aironi@hotmail.com - aironi@freeweb.org

  • 14/12/2005 13:23 - MARCO PETRUCCI & AIRONI NERI Nata nel '93, la band compie ...

    MARCO PETRUCCI & AIRONI NERI Nata nel '93, la band compie i primi passi nell'entroterra pesarese. Nello stesso anno Petrucci avvia il rapporto di collaborazione artistica con i NOMADI, che ne apprezzano da subito le qualità di autore e compositore e decidono di introdurre un brano da lui scritto, "IN FAVELAS" nel primo Lp del post-Daolio, "La Settima Onda". Alla rcgistrazione del brano partecipano anche i cileni INTI-ILLIMANI. Petrucci dà avvio così ad una doppia strada musicale, che lo vede impegnato in qualità di autore per i Nomadi e di cantante negli Aironi Neri: nel '96 i Nomadi pubblicano il brano "LE STRADE", scritto da Petrucci ed inserito nell'album "Lungo le vie del vento", l'anno successivo è la volta di "JOHNNY" e “L'EREDITA'” a trovare spazio nel nuovo lavoro della band emiliana "Quando ci sarai". Nel frattempo Petrucci continua a lavorare con gli Aironi Neri, ad arricchirne il repertorio e a portare la loro musica a spasso per l'Italia sull'onda lunga del Cd autoprodotto nel '94 "PRIMO VOLO". Nel '97 anche i CELTAS CORTAS, gruppo di culto nel panorama alternativo spagnolo, scelgono un brano del cantautore marchigiano, "Le Strade" (ribattezzato poi LAS CALLES) per inserirlo nel loro doppio "LIVE IN VALLADOLID". Altro anno significativo il '98, che segna un lungo tour degli Aironi Neri (oltre trenta concerti in estate) ed un nuovo lavoro dei Nomadi, "Una storia da raccontare", contenente stavolta tre brani di Petrucci, "32° PARALLELO" (già brano di lancio del Cd degli Aironi), "ANNI DI FRONTIERA" e "MEDITERRANEO". Negli ultimi anni proseguono i concerti seguiti da un pubblico sempre più partecipe, unitamente alle esibizioni in qualità di gruppo supporter a NOMADI, MASSIMO BUBOLA e FRANKIE HI-NRG e ad una mini-tournée accanto al vulcanico DON ORESTE BENZI. I musicisti maturano così una solida esperienza live, rafforzata tra l'altro dalla "chiamata" del tastierista Alessio Sabbatini in qualità di turnista con i GANG e del bassista Claudio Panariello in tour con i MADREBLU. Mentre il rock-folk prende gradatamente i binari di un rock più sanguigno, il 2000 si apre con il "Tributo ad Augusto Daolio" a Novellara (RE), dove gli Aironi vengono invitati insieme ad altre 14 bands emergenti scelte dall'ASSSOCIAZIONE GIORNALISTI MUSICALI alla registrazione di un loro brano, "CUBA", che uscirà probabilmente in autunno in una compilation distribuita dalla CGD su tutto il territorio nazionale. Canzoni, quelle degli Aironi, a cavallo tra il bisogno di sentirsi vivi, del vedere riconosciuti i diritti a tutte le latitudini e la voglia di cullarsi sul sogno, sull'utopia, tra l'estasi e la terra. Gli AIRONI NERI sono: MARCO PETRUCCI (canto), ALESSIO SABBATINI (tastiere), MARCO BELLAGAMBA (batteria), CLAUDIO PANARIELLO (basso), FRANCESCO MORELLI (chitarre), LUCIANO RICCARDI (tour-manager). Contatti: Marco Petrucci - Via Podesti, 105 - 60019 Senigallia (AN) - 071/7924145 - 0349/4752119

  • 14/12/2005 13:23 - MARISA MONTE Memorias, cronicas e declaraçoes de amor Storie d'amore, memorie ...

    MARISA MONTE Memorias, cronicas e declaraçoes de amor Storie d'amore, memorie e dichiarazioni in 'Memorias, cronicas e declaraçoes de amor', l'ultimo album della popstar brasiliana Marisa Monte, pubblicato, contemporaneamente all'uscita nel suo paese, anche negli Stati Uniti e in Europa. Un disco che arriva dopo una lunga assenza (non era uscito niente dopo 'Barulhinho bom') punteggiata da partecipazioni ad altri progetti discografici: 'Omelete man', il cd di Carlinhos Brown, 'Tudo azul', meritata rivalutazione del patrimonio musicale della Scuola di Samha di Portela, una delle più antiche del Carnevale di Rio. A parte queste due parentesi, sulla sua vita di artista è silenzio assoluto, apparizioni centellinate, assenza di informazioni sul nuovo album, nulla sulla sua vita privata. 'Memorias...' è arrivato nelle radio brasiliane con il singolo "Amor I love you", scritta con lo stesso Brown. Una melodia di impatto immediato, con un testo romantico e un ritornello contagioso. L'eleganza dei suoni è garantita dalla firma di Arto Lindsay, produttore di fiducia e amico dell'artista, e da affermati musicisti americani come Marc Ribot e Melvin Gibbs, il chitarrista Romero Lubambo, il violoncellista-arrangiatore Jaques Morelembaum e il pianista Joao Donato, uno fra i più importanti musicisti ed autori dell'epoca della bossanova. La Monte continua a distinguersi, fra le sue colleghe brasiliane, per questo suo piacere e buon gusto nel ricercare, all'interno di un vasto repertorio nazionale, perle dimenticate che il tempo sembra aver custodito per lei, come "O que me importa", "Cinco minutos" di Benjor e "Gotas de luar" di Nelson Cavaquinho. La preoccupazione prima dell'artista è sempre stata quella di cantare, di offrirsi al pubblico con la sua voce. Non c'era un progetto discografico all'orizzonte quando, nel 1987 chiese al giornalista-produttore Nelson Motta di aiutarla a montare uno spettacolo in un locale di Rio. Il "Jornal do Brasil" il giorno dopo il debutto dedicò a questo giovane talento carioca l'intera prima pagina dell'inserto culturale titolando «Nasce uma estrelaz». E la stella veniva da est, dalle lezioni di canto lirico frequentate a Venezia, alle serate passate a Roma prima di tornare in Brasile, convinta, alla fine, di dedicarsi alla "musica popular brasileira". L'amore dei due per l'Italia e più in particolare per la musica napoletana, spinse Nelson Motta a scrivere per lei una versione in portoghese di "E po' che fa" di Pino Daniele. "Bem que se quis" diventò subito uno dei brani più eseguiti dalle radio brasiliane, primo singolo dell'album 'Marisa Monte', testimonianza di quel suo primo spettacolo dal vivo, pubblicato nel 1988 (un milione e mezzo di copie vendute). A questo seguirono "Mais, Cor de rosa e carvao" e "Barulhinho bom". Il vero capolavoro del nuovo album porta la firma di Caetano Veloso. Sua è la jobiniana "Sou seu sabià", elegante e discreta allo stesso tempo, scritta per osare dove solo Marisa e la sua voce possono. Con questo suo affinato canto da agile uccellino tropicale che salta di ramo in ramo per colmare di gioia i tristi vuoti che la vita, a volte, ci riserva.

  • 14/12/2005 13:23 - MARK BAIN Vibronics Oscillatori meccanici di molti e diversi tipi collegati ...

    MARK BAIN Vibronics Oscillatori meccanici di molti e diversi tipi collegati a oggetti dai quali carpire informazioni sonore. Un vecchio ponte di legno e quel che lo attraversa (Skowhegan Bridge) un container tipo vagone ferroviario, fermo ma fatto vibrare come se fosse in movimento (The Transient Vehicle) e un palazzo nella sua vita quotidiana di attraversamenti e permanenze (Laboratorium) sono le tre 'esperienze' qui riprodotte. Suoni antichi come il mondo ma sentiti realmente per la prima volta nella loro essenza di vita pulsante. Mark Bain lavora come architetto ma definirlo tale sarebbe quasi offensivo.

  • 14/12/2005 13:23 - MEYER MYRON KATZ Klezmer e Yiddish Sound Mickey Katz (1909-1985) fu un ...

    MEYER MYRON KATZ Klezmer e Yiddish Sound Mickey Katz (1909-1985) fu un clarinettista, un commediante, un direttore d’orchestra, un autore di musiche, un produttore ed una star di diversi spettacoli a Broodway: virtualmente tutti i suoi sforzi, almeno quelli degli anni della celebrità, riflettono l’idioma ebreo. Katz usò il klezmer come uno dei tanti elementi nella sua gamma di creazioni musicali, allo stesso modo Duke Ellington impiegò il blues. Nato da un’unione Latviana-Lituana, Meyer Myron Katz crebbe nella parte orientale della città di Cleveland. Come Benny Goodman, figlio di un altro sarto nato nel midwest nel 1909, durante i suoi primi anni, Katz aiutò a mantenere la sua famiglia suonando il clarinetto. Katz, che descriveva se stesso come uno “cresciuto tardivamente” aveva lasciato il suo Ohio soltanto due volte prima dei suoi 40 anni. La prima occasione si presentò all’incirca nel 1930, quando, subito dopo il suo matrimonio con la immatura ma dolcissima Grace Epstein (infatti entrambi erano ancora nel mezzo delle loro adolescenze), decise di trovare fortuna a New York. Poi Katz accettò un’offerta proveniente da Cleveland dal direttore teatrale Maurice Spitalny, fratello del più noto Phil (con il quale Katz suonò per molti anni). Per la maggior parte degli anni ‘30, Katz lavorò con Maurice Spitalny (essendo da lui aiutato, per esempio, nell’introduzione di “Rapsody In Blue”) ed altre orchestre teatrali - occasionalmente raddoppiando lo staff con un ulteriore comico in palcoscenico. Katz lasciò il suo paese ancora una volta durante la II guerra mondiale. Riunì insieme una banda da commedia teatrale di sei uomini chiamata “Mickey Katz e i Suoi Pazzi Amici” per l’U.S.O. Dopo un primo tour nel suo stato, il gruppo di Katz fu ascoltato dalla star televisiva Betty Hutton, la quale immediatamente lo ingaggiò come sua band di accompagnamento nella sua troupe USO. Alcuni mesi più tardi, mentre faceva ritorno a Cleveland, Katz incontrò Spike Jones che suonava in una convention di rappresentanti di jukebox. Appena più tardi Katz divenne un apprezzatissimo membro della band di Jones, the City Slickers (o Shikkers, così come Katz chiamò molti di essi, che essendo prettamente yiddi indicavano uno stato di ebbrezza insieme ad una non ebreità). Come il resto dei suoi fratelli Slickers, Katz dovette provvedere come minimo a tre funzioni. Suonò uno strumento, cantò (facendo lo stesso grande effetto su “Jones Polka”) e si specializzò in un particolare effetto sonoro. Per il suo contributo all’arsenale musicale di Jones, Katz produsse dei rumori fluttuanti e gorgoglianti come quelli in “Hawaiian War Chant” e “Cocktails For Two”. Katz, che era tornato a fare il direttore d’orchestra da più tempo rispetto a quello trascorso da quando Jones era tornato a Cleveland, spesso lavorò anche come vice direttore degli Slickers. Tutto questo, combinato alla profonda amicizia tra Katz e Jones, rese ancora più ridicolo il fatto che Jones rifiutò di pagargli un salario che fosse almeno decente. Katz decise di fare da solo nonostante non avesse nessuna idea di cosa avrebbe fatto in futuro. “Il 1947 fu un anno molto importante per me”, più tardi scrisse. “Lasciai Spike Jones che moriva di fame, decisi di non morire di fame, e un mese più tardi registrai la mia commedia anglo-yiddi”. Katz stava criticando la cultura anglosassone nella forma di una parodia di racconti che pensò principalmente per suo diletto. Alcuni mesi prima, mentre prendeva in giro una sessione registrata da Jones per Victor, Katz recitò parte del suo yiddi “Home on the Range”, con il solo scopo di distrarre i suoi amici Slickers e lo staff RCA. Avendo abbandonato Jones, riuscì ad accaparrarsi Victor per la registrazione del suo “Haim Afen Range”; dopo che la compagnia accettò di provare, tutti furono sconcertati nel comprendere che avevano in mano uno dei più grandi successi. Non è difficile capirne il motivo. C’erano state e ci sarebbero state altre registrazioni di commedie yiddi, alcune ben fatte come quelle dei Barton Brothers, Eli Basse e Billy Gray, buon amico di Katz. Ma Katz fu il primo a concepire l’idea di adattare il folk americano e le canzoni popolari in Yid-Iom. Freud sosteneva che le persone ridevano di più alla vista di quello che più li preoccupava. Gli ebrei nell’America del dopoguerra si trovarono intrappolati tra due culture e Katz fu capace di offrire loro uno sfogo perfetto per quel tipo di apprensioni. Il suo shtick, che fu sempre una combinazione di grande musica e grande commedia, rappresentava il culmine della politica di assimilazione andata ilariosamente storta. Pezzi come “Yiddish Square Dance” e “Litvak Square Dance” dimostrano che il semplice atto di prendere qualcosa automaticamente identificabile come americano, sia esso vecchio o nuovo, e dare a questo un trattamento quasi-Kletz, è a volte sovversivo e soprattutto divertente. Come la musica, le liriche rappresentano un gioco bilingue di iconografia delle due culture unite indissolubilmente come fossero una combinazione culinaria, ma attentamente giustapposte come fossero il ripieno di un cavolo. “Yiddish Square Dance” (originariamente registrata alla prima di Victor e più tardi ripresa per Capitol nel 1964) sostanzialmente rappresenta una danza che suona come un tema tradizionalmente klez; “Litvak”, d’altro canto, è molto più vicina ad un suono più occidentale. Il violinista Ben Gill, il quale suona con uno stile molto eurorientale in entrambe le sue opere “Verele’s Sherele” e “The Wedding Dance” (nelle quali il sottofondo del tamburino rende il suono del violino molto Gypsy) suona ottenendo più contrasti che quelli che si ottengono da strumenti a corda. Nel 1947 e nel 1949 Katz registrò 24 pezzi (incluse non solo parodie ma anche alcuni pezzi “Straight” e molti monologhi per commedie teatrali) per la RCA. In questi anni Katz ed il suo partner in affari Hal Zeiger misero insieme e portarono in giro la prima delle loro numerose rivisitazioni yiddi-English, quella soave e sofisticata che riprendeva l’episodio di Noel Coward conosciuto con il titolo di Borscht Capades. Nel 1950 Katz passò dalla RCA alla Capitol, spiegando, “Non solo ottenni un guadagno migliore - cinque per cento rispetto al due per cento - ma inoltre la Capitol era giovane, vigorosa e faceva tutto il possibile per promuovere i suoi artisti”.

  • 14/12/2005 13:23 - Micronauts "La musica dal vivo sta uccidendo la musica house!!!" Esordiscono ...

    Micronauts "La musica dal vivo sta uccidendo la musica house!!!" Esordiscono così i due Micronauts - il greco-canadese George Issakidis e il francese Cristophe Monier - già definiti come i "nuovi Leftfield" non tanto per la musica che fanno, quanto per il tempo che hanno impiegato a realizzare il loro primo album. Ci siamo incontrati nel 1993 in uno dei mitici rave organizzati dalla fanzine francese Eden, di cui Cristophe era coproduttore. Il nostro primo singolo è uscito nel 1994, quest'anno è stata invece la volta del terzo singolo, "The Jag", episodio di 11 minuti, vero e proprio album in un singolo - e adesso finalmente il disco d'esordio! Una produzione artistica scarna ma decisamente essenziale, considerando anche le collaborazioni con Daft Punk e Chemical Brothers. Nel 1993, attorno alla fanzine Eden, circolavano Thomas Bangalter, Guy Man, Erik Rug, Alan Braxe e Dimitri From Paris. E' lì che abbiamo conosciuto i Daft Punk, che hanno poi realizzato il loro primo remix proprio per il nostro secondo singolo "Get Funky, Get Down". In quel periodo era tutto molto eccitante. Ora la scena francese è diventata commerciale e prevedibile. E il pubblico francese è troppo intollerante, hanno paura di questo scena. E la vita dei Micronauts è cambiata quando hanno scoperto la mitica 303... Io (George) ho abbandonato gli studi alla Sorbona, e ho venduto l'anima alla 303! Penso che il suono dei Micronauts possa essere rappresentato tranquillamente dal nostro remix di "Block Rockin' Beats" dei Chemical Brothers... normalmente c'è una traccia elettrica a cui aggiungiamo di volta in volta elementi che definiremmo acidi ma allo stesso tempo soul. Il nostro sound non è né hi-fi, né lo-fi, direi che è sci-fi, fantascientifico! Mentre i primi due singoli sono usciti per etichette dance britanniche, adesso incidono per la Science, sottoetichetta della Virgin... Il nostro motto è comunque "qualità invece che quantità!". E divertimento è la parola chiave: amiamo le nostre droghe, che fumiamo in dosi massicce, e amiamo quelli che si vogliono divertire con noi. Anche perché i Micronauti si annoiano facilmente... Cerchiamo sempre qualcosa di nuovo, fresco e sorprendente... Per esempio adesso ci piacerebbe dominare il mondo, è per questo che siamo scesi fin qui...

  • 14/12/2005 13:23 - MICRONAUTS, duo elettronico di provenienza francese, già autori con "The ...

    MICRONAUTS, duo elettronico di provenienza francese, già autori con "The Jag" di uno dei singoli più rivoluzionari del '99, e in procinto di pubblicare il loro primo mini-album, "Bleep To Bleep", che conferma la loro attitudine psichedelica ed estremamente fisica al tempo stesso.

  • 14/12/2005 13:23 - Per la già citata Nature vede la luce “Mission Two: ...

    Per la già citata Nature vede la luce “Mission Two: Connecting Electronix Network”, costellazione di 13 differenti satelliti orbitanti attorno al pianeta electro. Rappresentati scelti in giro per il mondo e tasso qualitativo elevato, sia che ci si imbatta nelle propensioni industriali di A Credibile Eye Witness che nei Phonecia (da Miami e un passato su Warp). Tra gli altri citazione d’obbligo per i ritmi frammentati dei gemelli D’Arcangelo, per i massacranti belgi 2 Be Freak, per le sperimentazioni del chitarrista Alessandro Marenga (aka Amp-Tek) e per gli ipnotici T.E.W., ma non c’è un solo nome che sfiguri, il che è sorprendente!

  • 14/12/2005 13:23 - MOMUS "Folktronic" Sapere che esce un nuovo album di Momus è ...

    MOMUS "Folktronic" Sapere che esce un nuovo album di Momus è eccitante perché non sai mai cosa aspettarti. Stavolta lo dichiara sin dal titolo: fa il folktronico, 'crea' il folk elettronico, corre verso le Montagne - americane soprattutto, ma non solo - per agguantare un'ispirazione capace di riportarlo ai livelli che conoscemmo nei suoi anni migliori. E' un serissimo giochino post tutto: trasferire l'immaginario più tipicamente americano nel proprio mondo ironico e snob e poi suonarlo elettronicamente, tra scherno e omaggio. Nel complesso non siamo distanti dall'estetica tracciata per Califone & Co. (o Jim White), sebbene i risultati oggettivi parlino una lingua molto distante, che poi è quella del 'solito' Momus. Dopo un paio di assaggi in stile new wave come la faceva Alberto Camerini - con tastiere che sembrano clavicembali (Appalachia) o a mo' di rock'n'roll e cupi e distorti (Smooth Folk Singer) - s'arriva al cuore del disco con bluegrass suonato come fosse uno scherzetto da videogame (Mountain Music), quadriglie da bivacco post nucleare (Simple Men), folk rock epico e corale alla Men They Couldn't Hang riletti via computer (Finnegan The Folk Hero, Protestan Art), country blues con tanto di fruscio di fondo (Tape Recorder Man)... La seconda metà del CD allenta la frizzante tensione folkie per stringere il campo verso ballate da chansonnier (Little Apples), pomp-pop (Folk Me Amadeus), minuetti (Handheld), siparietti da comiche (The Penis Song) e sommesse narrazioni noir (Going For a Walk With a Line), fino allo splendido finale di Pygmalism. Ma soprattutto la splendida Tape Recorder Man, dove si racconta di un cantante folk molto tradizionalista con cui Momus ha una discussione su innovazione-conservazione che termina in una baruffa, col registratore del folk singer che cade rompendosi in mille pezzi.

  • 14/12/2005 13:23 - Moonshake, gruppo inglese, non particolarmente noto, o meglio, particolarmente noto ...

    Moonshake, gruppo inglese, non particolarmente noto, o meglio, particolarmente noto a quanti ascoltano certi suoni, tecnicamente agli antipodi (sui dischi dei Moonshake spicca il fiero “Guaranteed guitar free”, sui dischi degli Stooges sono fotografate chitarre), ma dalla resa sonora simile, se consideriamo la capacità di creare micidiali circuiti circolari dall’inizio alla fine di ogni pezzo. Affiancati da ritmiche tribali, saxophone libero, campionamenti ben accasati (e la chitarra di Ron Asheton non fa che risuonare sempre e sempre le stesse noticine distorte ed acidegne..). E’ ovvio che lì per lì devi scegliere: entro o no dentro questi flussi punteggiati di rumore, più o meno convenzionale? Riesco ad abbandonare il rassicurante ritornello? (come fece Mina nel pezzo Se Telefonando). Quanti fratellini, più o meno legittimi e somiglianti, ha questo tipo di costruzione del suono? Funhouse finisce con L.A. blues, L.A. blues finisce con un feedback di chitarra/amplificatore e la voce gutturale di Iggy. Ron Asheton nella foto interna indossa scarpe da infermiere che non sa portare gli zoccoli. Dirt, ultimo brano del lato A, fa sparire i Sisters Of Mercy in una nuvola di fumo bluette e suonato a 16 giri sembra una produzione Coldcut. Estratti dall’ambientazione tossicomane ed antihippy, gli Stooges e l’album in questione, colti appena un attimo prima di finire tra le amorevoli braccia dell’onnivoro D. Bowie, appaiono incredibilmente utilizzabili per moderne ambientazioni. Esco. Di casa. Fine. Concentratevi sul testo. Ne va della vostra vita, comunque.

  • 14/12/2005 13:23 - Mr.Quintron These Hands of Mine (Skin Graft) Avevo conosciuto Mr. Quintron grazie ...

    Mr.Quintron These Hands of Mine (Skin Graft) Avevo conosciuto Mr. Quintron grazie alla sua folgorante apparizione sul 10” pollici degli Oblivians opportunamente titolato ‘The Oblivians Play Nine Songs with Mr. Quintron’ nel quale il già delirante suono dei re del rock and roll veniva ulteriormente dilaniato dall’organo devastante del tastierista di casa Skin Graft. Adesso proprio grazie alla casa madre Skin Graft Quintron torna a sconvolgere con il suo rock and roll allucinato che più allucinato non si può. Immaginate un disco della serie Las Vegas Grind suonato dai protagonisti di “Paura e Delirio a Las Vegas” ed avrete un’idea dell’atmosfera che si respira tra queste tracce. Sembra di piombare in uno strip bar di Menphis popolato da freaks, gestito da Ed Wood Jr. e impreziosito dallo show di Tura Satana e le sue amiche ballerine. La perfetta colonna sonora per una versione attualizzata di un film di Hersell Gordon Lewis. Se non vi ricordate più cosa significa essere veramente fuori di testa provate ad assaggiare un pò di questo ‘These Hands of Mine’: il rock and roll più basico attraversato dalla follia più totale. Tra Elvis, Screaming Jay Hawkins e Captain Beefheart. Le allucinate backing vocals femminili non fanno che aggiungere follia a follia. Solo dalle caverne della Skin Graft poteva uscire qualcosa di così folle. Imperdibile. Madhouse Rock. Ferruccio Quercetti

  • 14/12/2005 13:23 - ANNOTAZIONI SUL RESTAURO Dl LAVORI Dl MUSICA ELETTRONICA di Nicola ...

    ANNOTAZIONI SUL RESTAURO Dl LAVORI Dl MUSICA ELETTRONICA di Nicola Belrnardini Gli anni '50, '60 e '70 hanno lasciato un grosso patrimonio di lavori di musica elettronica più o meno conosciuti che sta andando in rovina a causa della deperibilità dei supporti magnetici dell'epoca e della fragilità dei montaggi che, a migliaia, componevano le opere stesse. Il recupero di questi nastri comporta non pochi problemi e sopratutto una grossa mole di lavoro. Spesso i nastri vanno sbobinati manualmente all'inizio per recuperarne una scorribilità consistente, poi devono essere immessi dentro un calcolatore, traccia per traccia, per recuperare la sincronia delle voci e aggiustare il colore dei timbri per mezzo di filtraggi digitali studiati appositamente. Essi poi vanno rimiscelati completamente lsempre in ambito digitalel giungendo spesso a risultati completamente inediti, un pò come nelle revisioni di partiture orchestrali. Per il Centro Tempo Reale il recupero di questi lavori è urgente ed improrogabile, e con queste direttive ha improntato numerosi progetti di ricerca e di restauro dei quali Thema e Visage, di Luciano Berio, sono solo un brillante inizio. I restauri sono stati realizzati in collaborazione col Centre International de Recherche Musicale di Nizza. La realizzazione è dovuta a: Luciano berio, Peter Otto, Paolo Zavagna.

  • 14/12/2005 13:23 - MUSICA ELETTRONICA VIVA The Sound Pool (Spalax) SPONTANEOUS MUSIC ORCHESTRA For You To ...

    MUSICA ELETTRONICA VIVA The Sound Pool (Spalax) SPONTANEOUS MUSIC ORCHESTRA For You To Share (Emanem) Concludiamo la nostra serie di recensioni sulla free improvisation con un flashback "30 anni prima", grazie a due preziosi cd usciti di recente. Uno dei primi gruppi d'improvvisazione "aperta" e d'uso strumenti elettronici in un contesto improvvisativo furono i MEV (Musica Elettronica Viva), fondati a Roma nel '66 da Frederic Rzewski, Allan Bryant, Richard Teitelbaum, e Alvin Curran, ma gruppo dalla struttura informale, aperto (al contrario degli AMM) anche ad altri amici-musicisti, in quegli anni specie John Phetteplace, Ivan Vandor, Steve Lacy (un concerto per il trentennale di MEV si è tenuto a Roma nel '96, trasmesso in diretta dall'ormai defunta Audiobox). A Roma, nel '69, MEV affisse per le strade un volantino di un proprio concerto denominato "The Sound Pool", invitando gli spettatori a "portare suono" (qualsiasi sorgente di suono, si specificava più sotto) da "gettare nella fonte comune". Rzewski (che veniva dal mondo della contemporanea, come esecutore di compositori come Stockhausen e Varése, e più tardi autore di un capolavoro del minimalismo quale Coming Together/Attica) raccontò così i concetti dietro al pezzo, in un'intervista per Musica 80 (n.3/Aprile '80): "MEV arrivò a quel'esperienza dopo aver eseguito molte volte un pezzo chiamato Spacecraft, musica improvvisata secondo linee generali. Usavamo strumenti elettronici, alcuni dei quali costruiti da noi. Ci è parso poi logico passare dalla spontaneità totale della musica fatta dai musicisti ad una pratica che coinvolgesse anche persone a noi sconosciute: il pubblico, che nel contesto di Zuppa, che più tardi chiamammo Soundpool, assumeva una funzione attiva. Naturalmente MEV provvedeva a dare a questa situazione una certa struttura. Arrivavamo con gli strumenti dopo aver invitato la gente a venire al concerto con suoni che non fossero necessariamente strumenti musicali. Tentando di superare il dualismo non interlocutorio tra interprete e pubblico, strutturavamo pezzi basati sul coinvolgimento delle voci, dell'ambiente e degli oggetti che vi si trovavano, amplificati con microfoni a contatto, di modo che tutto lo spazio diventasse sonoro." La strumentazione usata dai MEV era ricchissima e inventiva (come nel caso di un amplificatore di onde cerebrali usato da Teitelbaum); sull'Almanacco Musica n.2/'79 di Bertoncelli e Bolelli, Curran aveva riportato la "ricetta" della "minestra" di MEV nel '68 , che prevedeva fra l'altro: "1 vecchio piano verticale (con suonatore), 1 R.A. Moog (con suonatore), 1 sintetizzatore fatto in casa, alcune lastre di vetro risonanti, 1 bidone di lubrificante Agip da cinque litri (vuoto), 1 piano a pollice africano, 3 o 4 antenne Tv di diversa lunghezza (sospese), 3 campanacci da cammello, 1 set di bongos, 4 o 5 richiami per uccelli assortiti (il cui uso verrà reso celebre da Zorn, ndr), 3 o 4 fischietti di gamme diverse, uno xilofono giocattolo, 1 tromba soprano (con suonatore), 1 sax soprano (con suonatore), 1 sax sopranino (con suonatore), 1 violoncello (con suonatore), 1 trombone (con suonatore), 1 flicorno (con suonatore), 1 radio e 1 radio ricevente e trasmittente a onde corte, 20 microfoni a contatto e mixers giapponesi a bassa lega collegati a due mixer Uher, più gusti diversi: pentole, coperchi di metallo, palline da ping pong, bottiglie di plastica ecc. Ai suonatori indicati sopra, aggiungere un piccolo numero di amici-suonatori invitati. Porgere delicatamente a 30 spettatori. Gradualmente mescolare i suonatori con gli ascoltatori finché il tutto diventi una mistura armoniosa, indistinguibile dai suoni che essi fanno o ascoltano. Portare lentamente a bollitura per 2-3 ore." Le reazioni della critica contemporanea ufficiale sono ben esemplificate dalle parole di Armando Gentilucci nel suo Introduzione alla musica elettronica (Feltrinelli '72/'75, p. 103), che li rimproverava di "vellicarsi con forme quali l'happening e l'environment, ove si ipotizza la diretta partecipazione del pubblico, (...) sull'esempio di certo culto dell'abbandono all'inerzia delle cose e del mondo postulato da filosofie estremo-orientali come lo zen. Dovrebbero cadere, secondo le previsioni di Rzewski, le divisioni tra musicisti e non, tra esecutori e ascoltatori. Non entreremo diffusamente nel merito di una siffatta visione mistica della musica intesa come mimesi terapeutica, compensazione psichica liberatoria, accettazione passiva del mondo: in definitiva come valvola di sfogo di una tensione che dovrebbe essere morale, intellettuale, alla fin fine politica non meno che artistica e che si scarica invece in uno choc dell'assurdo, quietistico, in cui l'ascoltatore rischia di integrarsi acriticamente (già Brecht si è incaricato di far giustizia una volta per tutte di ogni facile inclinazione alla catarsi, sia pure raggiunta acriticamente e sottratta al livello concettuale della coscienza)". Pur percependo che c'è qualcosa che non va negli assunti di Gentilucci (che nei suoi libri liquida con sufficienza anche Cage), non si può evitare di dargli ragione alla luce dell'ascolto di Sound Pool: per quanto suggestivo a livello d'idea, il disco (oltretutto penalizzato da una registrazione mono che contribuisce a impastare ulteriormente il tutto) documenta una poltiglia caotica completamente inascoltabile. La "separazione tra artista e pubblico" fu uno dei "chiodi fissi" di quegli anni, con risultati spesso grotteschi (in uno dei 20 anni prima di RaiTre venne replicato una sera un documentario sul festival di poesia di Castelporziano, nel quale il pubblico contestò il fatto che solo i poeti invitati - tra i quali William Burroughs, Allen Ginsberg e Brion Gysin - potessero recitare le loro poesie, richiedendo mezz'ora di spazio per chiunque volesse salire sul palco a recitare le proprie; impagabile il momento del reportage in cui gli organizzatori cercano di convincere una spettatrice, che protesta per il fatto che mezz'ora non le era bastata per "esprimere le mie vibrazioni" a scendere dal palco per far spazio agli altri), una questione che fu forse meglio risolta dal Great Learning di Cardew, partitura da provare ed eseguire con impegno, ma studiata appositamente per inglobare un gran numero di non-musicisti nel proprio organico (sia l'lp Deutsche Grammophon che il doppio della Impetus dedicato a Cardew che ne conteneva un'altra parte attendono a tutt'oggi una doverosa ristampa); ma anche John Stevens, come provano due preziose registrazioni riesumate dalla Emanem, riuscì a ottenere eccellenti risultati lavorando sul concetto di "un suono basato su persone che lavorano assieme, nei limiti di quello che ciascuno è capace di fare" Il pezzo For You To Share uscì su un lp A Records nel '70, ma il suo concetto, spiegano le note, trovava le sue origini in una composizione precedente, Familie, alla quale Stevens iniziò a lavorare nel '67, quando lo Spontaneous Music Ensemble era fondamentalmente costituito come nucleo da un suo duo con Evan Parker. L'idea di Familie (inciso nel '68 ma mai pubblicato - come spiega il direttore della Emanem nelle note, i nastri appartengono a un produttore non interessato a pubblicarli lui stesso, ma che pretende molti soldi per cederli ad altri!) venne a Stevens dall'analisi dell'antica musica giapponese Gagaku, "una musica caratterizzata da una linea che si muove molto lentamente, ma non suonata con un normale unisono. C'è la sensazione di cose che si sovrappongono; mi colpì molto per come i musicisti suonano in un modo naturale che ha tutte le caratteristiche di disunione e la bellezza di questo modo di suonare, raggiungendo al tempo stesso una vera unione. Ha una combinazione di cose per cui la struttura di ciò che stanno suonando deve essere libera, per poter suonare bene assieme. Di fatto, ha tutti gli elementi per far sì che un gruppo numeroso di persone possa suonare bene assieme". Stevens tuttavia si rese conto che diversi degli improvvisatori con cui lavorava abitualmente non sentivano di poter esprimere sufficientemente se stessi all'interno di quel concetto, e capì di poter trovare invece un reale entusiasmo per esso nei musicisti principianti che frequentavano i concerti dello SME, e in quegli spettatori che non erano musicisti, ma che potevano venir coinvolti nell'usare la voce assieme al gruppo. "L'idea era di avere al centro un nucleo di improvvisatori che si conoscessero bene, come ad esempio io e Trevor Watts. Poi di avere dei giovani musicisti, che potevano essersi appena uniti a noi, e che avrebbero suonato lunghe linee sostenute di melodia o note sostenute, in empatia con l'improvvisazione che stava avendo luogo al centro. Il terzo cerchio era di persone che non erano musicisti ma persone del pubblico che avevano voglia di cantare o suonare dei gong. L'intenzione era che man mano che le persone diventavano più coinvolte, si sarebbero gradualmente unite al centro, ampliando l'improvvisazione di gruppo". Come per il Great Learning (vedi il saggio che gli dedicò Brian Eno, pubblicato in Italia nella raccolta Arcana dei testi) o per esempio anche la successiva Portsmouth Sinfonia di Michael Parsons, e in process pieces come la famosa In C di Riley, il pezzo di Stevens intendeva sfuttare l'effetto di caratteristiche individuali che si sovrappongono liberamente; l'inizio di For You To Share usa il concetto di Stevens, già usato per Familie e nel disco Oliv II, del "Click Piece", un piccolo suono (in questa registrazione solo versi vocali) che ognuno sceglie e che deve cercare di ripetere mantenendo regolarmente il proprio passo, indipendentemente da quello degli altri; dopo di questo parte un "sustained piece", in cui i performer devono "immagazzinare quanta più aria possibile e poi emettere una lunga nota, non necessariamente la stessa se non si è trovata subito quella più comoda per sé; la qualità del suono tenuto viene dal fatto che le persone hanno diverse lunghezze di fiato - una naturalezza di passo in cui le persone entrano come indivuidui. Siamo assieme nel drone in un diverso tipo di unione, che non è quella che solo dei musicisti possono apprezzare, ma che può incorporare chiunque". Nella prima metà questo drone è solo vocale (un 'Om', anche se in effetti è un 'aaah'), sul quale si dipanano, con grande sensibilità, la batteria di Stevens e il sax di Watts; dopo circa 14 minuti, le voci si fermano e il drone viene ripreso dai fiati, e Stevens, che nella prima metà aveva usato soprattutto i tamburi, privilegia nella seconda piatti, campane e gong, con un effetto "rituale" che, verso il finale del brano (che diventa un tema dal movimento molto lento, scritto apposta in questo modo pensando al gruppo di musicisti che lo avrebbe suonato) sembra citare esplicitamente il Gagaku giapponese. Il retro dell'lp originale era occupato da un pezzo ispirato a ritmi africani, Park Piece; la Emanem ha invece scelto per il cd una registrazione inedita dello stesso periodo, Peace Music, un altro drone di fiati, accompagnato dalla pulsazione costante di un piccolo gong e dal gioco sui piatti di Stevens, sul quale si inanellano, in maniera più vivace che nel pezzo precedente, le improvvisazioni del sax di Watts (è interessante notare che anche i primi pezzi di La Monte Young erano costituiti da variazioni di sax su dei drone). Negli ultimi minuti tutti gli strumenti si fermano ed emerge un coro di voci che continua il drone. Due registrazioni importanti, ben oltre (al contrario, purtroppo, del cd dei MEV) lo status di "documenti" del periodo. (Spalax, 10, Rue des Feuillantines, F-75005 Paris; Emanem: Martin Davidson, 3 Bittacy Rise, London NW7 2HH U.K.).

  • 14/12/2005 13:23 - MUSICA ELETTRONICA VIVA The Sound Pool (Spalax) Concludiamo la nostra serie di ...

    MUSICA ELETTRONICA VIVA The Sound Pool (Spalax) Concludiamo la nostra serie di recensioni sulla free improvisation con un flashback "30 anni prima", grazie a due preziosi cd usciti di recente. Uno dei primi gruppi d'improvvisazione "aperta" e d'uso strumenti elettronici in un contesto improvvisativo furono i MEV (Musica Elettronica Viva), fondati a Roma nel '66 da Frederic Rzewski, Allan Bryant, Richard Teitelbaum, e Alvin Curran, ma gruppo dalla struttura informale, aperto (al contrario degli AMM) anche ad altri amici-musicisti, in quegli anni specie John Phetteplace, Ivan Vandor, Steve Lacy (un concerto per il trentennale di MEV si è tenuto a Roma nel '96, trasmesso in diretta dall'ormai defunta Audiobox). A Roma, nel '69, MEV affisse per le strade un volantino di un proprio concerto denominato "The Sound Pool", invitando gli spettatori a "portare suono" (qualsiasi sorgente di suono, si specificava più sotto) da "gettare nella fonte comune". Rzewski (che veniva dal mondo della contemporanea, come esecutore di compositori come Stockhausen e Varése, e più tardi autore di un capolavoro del minimalismo quale Coming Together/Attica) raccontò così i concetti dietro al pezzo, in un'intervista per Musica 80 (n.3/Aprile '80): "MEV arrivò a quel'esperienza dopo aver eseguito molte volte un pezzo chiamato Spacecraft, musica improvvisata secondo linee generali. Usavamo strumenti elettronici, alcuni dei quali costruiti da noi. Ci è parso poi logico passare dalla spontaneità totale della musica fatta dai musicisti ad una pratica che coinvolgesse anche persone a noi sconosciute: il pubblico, che nel contesto di Zuppa, che più tardi chiamammo Soundpool, assumeva una funzione attiva. Naturalmente MEV provvedeva a dare a questa situazione una certa struttura. Arrivavamo con gli strumenti dopo aver invitato la gente a venire al concerto con suoni che non fossero necessariamente strumenti musicali. Tentando di superare il dualismo non interlocutorio tra interprete e pubblico, strutturavamo pezzi basati sul coinvolgimento delle voci, dell'ambiente e degli oggetti che vi si trovavano, amplificati con microfoni a contatto, di modo che tutto lo spazio diventasse sonoro." La strumentazione usata dai MEV era ricchissima e inventiva (come nel caso di un amplificatore di onde cerebrali usato da Teitelbaum); sull'Almanacco Musica n.2/'79 di Bertoncelli e Bolelli, Curran aveva riportato la "ricetta" della "minestra" di MEV nel '68 , che prevedeva fra l'altro: "1 vecchio piano verticale (con suonatore), 1 R.A. Moog (con suonatore), 1 sintetizzatore fatto in casa, alcune lastre di vetro risonanti, 1 bidone di lubrificante Agip da cinque litri (vuoto), 1 piano a pollice africano, 3 o 4 antenne Tv di diversa lunghezza (sospese), 3 campanacci da cammello, 1 set di bongos, 4 o 5 richiami per uccelli assortiti (il cui uso verrà reso celebre da Zorn, ndr), 3 o 4 fischietti di gamme diverse, uno xilofono giocattolo, 1 tromba soprano (con suonatore), 1 sax soprano (con suonatore), 1 sax sopranino (con suonatore), 1 violoncello (con suonatore), 1 trombone (con suonatore), 1 flicorno (con suonatore), 1 radio e 1 radio ricevente e trasmittente a onde corte, 20 microfoni a contatto e mixers giapponesi a bassa lega collegati a due mixer Uher, più gusti diversi: pentole, coperchi di metallo, palline da ping pong, bottiglie di plastica ecc. Ai suonatori indicati sopra, aggiungere un piccolo numero di amici-suonatori invitati. Porgere delicatamente a 30 spettatori. Gradualmente mescolare i suonatori con gli ascoltatori finché il tutto diventi una mistura armoniosa, indistinguibile dai suoni che essi fanno o ascoltano. Portare lentamente a bollitura per 2-3 ore." Le reazioni della critica contemporanea ufficiale sono ben esemplificate dalle parole di Armando Gentilucci nel suo Introduzione alla musica elettronica (Feltrinelli '72/'75, p. 103), che li rimproverava di "vellicarsi con forme quali l'happening e l'environment, ove si ipotizza la diretta partecipazione del pubblico, (...) sull'esempio di certo culto dell'abbandono all'inerzia delle cose e del mondo postulato da filosofie estremo-orientali come lo zen. Dovrebbero cadere, secondo le previsioni di Rzewski, le divisioni tra musicisti e non, tra esecutori e ascoltatori. Non entreremo diffusamente nel merito di una siffatta visione mistica della musica intesa come mimesi terapeutica, compensazione psichica liberatoria, accettazione passiva del mondo: in definitiva come valvola di sfogo di una tensione che dovrebbe essere morale, intellettuale, alla fin fine politica non meno che artistica e che si scarica invece in uno choc dell'assurdo, quietistico, in cui l'ascoltatore rischia di integrarsi acriticamente (già Brecht si è incaricato di far giustizia una volta per tutte di ogni facile inclinazione alla catarsi, sia pure raggiunta acriticamente e sottratta al livello concettuale della coscienza)". Pur percependo che c'è qualcosa che non va negli assunti di Gentilucci (che nei suoi libri liquida con sufficienza anche Cage), non si può evitare di dargli ragione alla luce dell'ascolto di Sound Pool: per quanto suggestivo a livello d'idea, il disco (oltretutto penalizzato da una registrazione mono che contribuisce a impastare ulteriormente il tutto) documenta una poltiglia caotica completamente inascoltabile. La "separazione tra artista e pubblico" fu uno dei "chiodi fissi" di quegli anni, con risultati spesso grotteschi (in uno dei 20 anni prima di RaiTre venne replicato una sera un documentario sul festival di poesia di Castelporziano, nel quale il pubblico contestò il fatto che solo i poeti invitati - tra i quali William Burroughs, Allen Ginsberg e Brion Gysin - potessero recitare le loro poesie, richiedendo mezz'ora di spazio per chiunque volesse salire sul palco a recitare le proprie; impagabile il momento del reportage in cui gli organizzatori cercano di convincere una spettatrice, che protesta per il fatto che mezz'ora non le era bastata per "esprimere le mie vibrazioni" a scendere dal palco per far spazio agli altri), una questione che fu forse meglio risolta dal Great Learning di Cardew, partitura da provare ed eseguire con impegno, ma studiata appositamente per inglobare un gran numero di non-musicisti nel proprio organico (sia l'lp Deutsche Grammophon che il doppio della Impetus dedicato a Cardew che ne conteneva un'altra parte attendono a tutt'oggi una doverosa ristampa);

  • 14/12/2005 13:23 - NATHALIE DEROME "Les 4 Ronds sont Allumés - chansons parodisiaques" Donne ...

    NATHALIE DEROME "Les 4 Ronds sont Allumés - chansons parodisiaques" Donne e canzoni, prima parte. Etichetta da tenere particolarmente d'occhio questa Ambiances Magnétiques perché quando meno te lo aspetti ti piazza il colpo vincente. Soltanto negli ultimi due-tre anni ha pubblicato diversi dischi notevoli (e almeno un paio di capolavori: Ile Bizarre del trio Tétreault-Labrosse-Mori e Muets dei Klaxon Gueule). Dischi di confine, difficilmente databili, difficilmente afferrabili, perennemente in bilico, che invitano all'esplorazione. Anche per Les 4 Ronds... di Natalie Derome la tentazione di tirar fuori parole grosse è enorme; inoltre, a differenza dei due dischi sopracitati, si agisce sulla forma canzone, materia ad alto rischio di sofisticazione dove ormai i margini di originalità sono sempre più ridotti. Se poi si pensa che la Derome è all'esordio discografico il risultato ha dell'incredibile. Quello che sappiamo di lei è che è soprattutto conosciuta per le sue performance teatrali e che si sa scegliere le giuste compagnie (in questo caso Guillaume Dostaler e René Lussier, impegnati ad armeggiare con chitarre, pianoforte, synth, daxophone ed effetti). Ed e proprio da alcuni spettacoli teatrali che, tra il giugno e l'ottobre del 1999, sono state registrate le tracce del presente CD. Già il sottotitolo - chansons parodisiques - emana un certo fascino e lascia presagire buone nuove; quel misto tra paradiso e parodia che lascia trasparire un surplus di eccentricità. A partire dagli arrangiamenti, abbastanza scarni ma originali e fantasiosi, che sembrano progettati per mettere in evidenza la voce di Natalie che passa con estrema noncuranza dall'enfasi alla pacatezza, dal dramma alla spensieratezza. Ciò che comunque più affascina di alcune tra le canzoni presenti nel disco è quel senso di incompiutezza, di provvisorietà, di imperfezione che ne lambisce i tratti. E soprattutto la difficile databilità di queste che potrebbero abbracciare un'arco temporale pressochè illimitato. Dai toni tragici e passionali (ma anche bizzarri e sarcastici) della tradizione mitteleuropea a certi sottofondi rumoristici, rarefatti e minimali, indubbiamente attuali, Les 4 Ronds Sont Allumés spiazza e sorprende come sempre più raramente capita negli ultimi tempi.

  • 14/12/2005 13:23 - NATRON ‘Bedtime For Mercy’ (Holy Records/Audioglobe) Che in Italia esistano band competitive ...

    NATRON ‘Bedtime For Mercy’ (Holy Records/Audioglobe) Che in Italia esistano band competitive a livello mondiale non è una novità, ma che esistano anche formazioni che si guadagnino una credibilità tale da consolidarne l’importanza e il peso specifico all’estero non è affatto scontato. Specie quando si ha a che fare con suoni estremi o che non sono soggetti ad abbracci mortali da parte dei trend del momento, come capitato (in ambito metallico) al power/prog/epic/classic metal, ridottosi allo stesso patetico livello della più becera musica confezionata con l’unico scopo di arraffare soldi a destra e a manca. In un simile contesto i Natron ce l’hanno fatta. Hanno un buon contratto con la label francese Holy Records, hanno due dischi alle spalle e hanno appena rilasciato il terzo lavoro. Con il quale si confermano una tra le più importanti realtà in ambito death metal incontaminato e intelligente, senza rinnegare il passato, ma neppure fossilizzandosi su posizioni scontate (seppur convincenti), forgiando in maniera ancora più personale il proprio sound e senza perdere un’oncia di brutalità ed efferatezza. Ottima la cover di ‘Nothingface’ dei Voivod, secondo il sottoscritto i numi tutelari del gruppo, assieme ai Suffocation.

  • 14/12/2005 13:23 - NEBULA "Blue Frontiers" Molto più di routine la prova di Nebula, ...

    NEBULA "Blue Frontiers" Molto più di routine la prova di Nebula, al secolo Elvio Trampus, al suo terzo album per il sottomarchio dance-oriented di Minus Habens: techno-trance pestona e impeccabilmente prodotta, caratterizzata da opulente tastiere "progressive" e sequenze melodiche sfarzose quanto scontate. Fra i brani più accattivanti Promised Land ed Energy, già usciti su singolo. Strettamente per ravers (di bocca buona).

  • 14/12/2005 13:23 - Negroni Test Department : special interview di ...

    Negroni Test Department : special interview di Fabrizio Bucciarelli I N.T.D. rappresentano quelle nuove realtà italiche che definire con i soliti termini è sprecato: non sono DJ's ma hanno un DJ nella formazione, non sono una Rock band ma la band stessa è formata da ottimi musicisti, non sono un gruppo Elettronico però le loro soluzioni sonore comprendono tastiere e drum machines e strumenti percussivi. Una realtà comunque innovativa ed entusiasmante che fa del mischiare la musica delle varie esperienze personali una legge assoluta, un dogma che dogma non è tra Funky, Tribalismi vari, severi suoni Electro. Ho l'appuntamento con Jerome e Niccolò in un bar, ovviamente e riesco tra un bicchiere e l'altro a farmi raccontare di loro come raramente riesco a fare con le nuove formazioni dal punto di vista discografico ma che stanno però suonando da tempo assieme. Fabrizio Bucciarelli- Da dove nasce l'esperienza e il nome della vostra band ? N.T.D.- L'esperienza nasce dalla fusione di 2 gruppi hard core/crossover (ah ah!) che avevano componenti in comune(basso e batteria).Nel '98 è nata l'idea di produrre pezzi di matrice elettronica con riferimenti lounge e down-beat (o trip-hop se preferite).Una volta completati una decina di trax,a bbiamo deciso di aggiungere la componente strumentale alla parte programmata (batteria, basso, percussioni, innesti vocali e sintetizzatori).Il risultato ha suscitato l'entusiasmo di tutti e dopo sole 2 settimane di prove è arrivato il primo concerto. Il nome del gruppo è nato dalla passione che tutti i componenti hanno sempre coltivato per i cocktails, più specificatamente per quello inventato dal Conte Negroni nel 1898 esattamente100 anni prima della nostra formazione!! FB - Come potreste definire la vostra proposta musicale ? NTD - Sicuramente attuale perchè si ispira totalmente a quelle che sono le nuove tendenze underground di prevalente impostazione londinese (down-beat,nu jazz,future lounge)con espliciti riferimenti a hip hop,acid jazz e funky. FB- Negroni Test Dpt. anno 2000: qual è stata la vostra attività in questo periodo ? NTD - In aprile abbiamo terminato la registrazione di un EP intitolato "Padron tonic", ispirato a un celebre personaggio de "I Malavoglia" nonchè al nostro 2° cocktail preferito.La produzione è stata accompagnata da una serie di concerti e dj set. Abbiamo coltivato in particolar modo quest'ultimo aspetto cercando anche in questo caso di inserire la componente strumentale(percussioni e sintetizzatore). FB- Dai vostri primi lavori su CD siete notevolmente evoluti verso una sonorità piuttosto originale nonostante gli ovvi riferimenti: quali sono le musiche che più vi ispirano ? NTD - Si parte dalle sonorità underground "b movies anni '70 (quelle italiane in particolare) all'elettronica contemporanea, dall'hip hop alle nuove tendenze teutoniche (G-Stone e Compost Records) dalla chill out all' house più ricercata. Insomma un bel cocktailone proprio come il Negrone!! FB - Il 2000 è stato l'anno del crossover e cioè dell'influenza intelligente dei vari generi musicali: Metal con abbinamento dei campionatori, l'Elettronica in simbiosi con certe soluzioni Dance / House di frontiera. Che ne pensate ? NTD - Francamente non vediamo di buon okkio la nuova scena cross-over filo americana (limp-bizkit e soci per intenderci) perchè non propone niente di nuovo a livello effettivo. Pensiamo che la figura del dj in questi gruppi sia superflua se non addirittura ridicola, insomma un bieco tentativo di rimanere al passo con i tempi cercando di dare un tocco pseudo innovativo alla propria immagine. In pratica "l'old school hard-core" che diventa" nu shit cross-over". Basta così? Per quanto riguarda le contaminazioni dance/house nell'ambito della musica elettronica siamo invece molto entusiasti(anche perchè direttamente interessati).Si parla di generi che ci appassionano e rappresentano da diversi anni e vederli riuniti nelle ultime produzioni mondiali non può che renderci felici e stimolarci nell'intento di promuovere il nostro progetto. FB - Il DJ è diventato un punto di riferimento di numerose band e per alcuni può assurgere al ruolo di vero e proprio artista: quali i vostri preferiti ? Sicuramente dj lethal dei limp bizkit. AhAhhhhhh!! Scherzi a parte: dj Shadow (mo wax)e dj Vadim (Ninja Tune) a livello di produzioni discografiche.Consideriamo Howie B. assolutamente geniale nel suo dj set perchè dimostra estro e originalità non mancando tuttavia di una certa carica per quanto concerne la presenza sul palco. Decisamente un GRANDE!!! FB - La vostra attività live è abbastanza intensa: quale il vostro miglior concerto e a quando i prossimi ? NTD - Senza ombra di dubbio il maggior riscontro di pubblico l'abbiamo ottenuto nel Salento durante un mini-tour di 3 date nell'estate del '98.L'ambientazione era molto suggestiva e il pubblico veramente caldo, a tal punto che in chiusura ha letteralmente devastato il bar del locale in preda ad un impeto di euforia collettiva nel totale rispetto della tradizione del tarantismo Salentino, il tutto farcito da una serie di minacce inflitte alle forze dell'ordine locali che cercavano di ristabilire un clima di tranquillità. Per noi quella serata ha rappresentato il trionfo del tribalismo estatico.......un vero delirio!!! Veniamo al futuro:il 14/12 saremo impegnati in uno show case di presentazione del nuovo cd"Padron Tonic" che si terrà al Centro Musica di Modena seguito da una performance live presso il circolo Vibra.Le prossime date sono ancora tutte da stabilire...... FB - Il vostro rapporto con il music business ? NTD - Anche in questo caso ci sono ancora molti aspetti da definire dato che i N.T.D suonano solamente da 2 anni.L'interesse da parte del pubblico ed etichette discografiche sembra non mancare ma questo è un percorso che stiamo intraprendendo da troppo poco tempo per poter trarre un bilancio. FB - Un saluto ai Lettori ? NTD - Negroni: soluzioni per i tuoi problemi, le tue emozioni...........sono Negroni!!!! CIAO A TUTTI

  • 14/12/2005 13:23 - NEW HYRONJA New Hironja nascono nel 1986 come formazione rumorista minimale ...

    NEW HYRONJA New Hironja nascono nel 1986 come formazione rumorista minimale (utilizzando pentole, coperchi...) e si evolvono nel tempo cambiando forma e sostanza spaziando tra il rock folkloristico maschilista filosofare e l'orchestra spettacolo inducendo Piero Pelù a definirli un incrocio tra gli Skiantos e i CCCP ossia il demenziale del quotidiano. Nel panorama underground bolognese suscitano molto interesse le loro performance estreme ove una presenza oscenica usava cospargersi il capo di tonno in scatola tra gli assoli del chitarrista Claudio Severi, citato assieme agli Hyronja nel libro di Enrico Brizzi "Jack Frusciente E' Uscito Dal Gruppo". Incidono vari demotape, ma è nel 1994 che i New Hyronja cominciano a fare le cose veramente "sul serio", creandosi una propria identità sonora ispirandosi in particolar modo al sound ed alle tematiche dei Pixies e dei Nirvana. E' del 1995 il loro debuttto su CD, partecipando alla compilation ANDATE A LAVORARE TEPPISTI con il brano TU SEI PIU' BRAVO Dl ME; a questo album hanno partecipato importanti gruppi bolognesi quali: Kimota, Splatterpink, Garden House e Magilla. Il gruppo diventa sempre più affiatato ed il sound si evolve in Alternative Insane, ossia una parodia surreale dei gruppi del panoroma rock nostrano quali Massimo Volume e Marlene Kuntz (tanto per fare dei nomi....) e ad una imitazione del movimento grunge che tanto ebbe seguito in quel di Seattle tantianni fà. Nel Luglio 1998 in collaborazione con gli amici Norzs incidono GRAND HOTEL, uno split-CD contenente il meglio delle due bands bolognesi con in più una collaborazione d'eccezione ossia Lorenz, il trash Elvis dell'Emilia Romagna portato alla ribalta dalla Gialappa's Band nella trasmissione di successo "Mai Dire Tv". Il disco vende 1000 copie e contiene hits del calibro di "Pacciani E' Un Brav'uomo", brano che suscitò molto scalpore. La particolarità dei New Hironja sta nell'abbinare a sonorità dure, testi surreali, visionari, ed apparentemente privi di significato; nessuno sfugge all'ironia di questa formazione bolognese sempre attenta a ciò che di strano accade nel mondo, ma soprattutto a quel che avviene in quel di Bologna. Nel Luglio 1999 esce CORPI ESTRANEI, cd autoprodotto dalle sonirità graffianti e dai testi sempre più graffianti incentrati sui rapporti umani, il tutto condito dalla solita ironia, anzi Hyronja.... ma è poi così ironia la loro? Gruppo composto da Maso (voce); Makkia (chitarre); Van Basten (chitarre lunghe); Il Genio (bassi); Il Metronomo (batterie). Contatti; Danilo Masotti - Via Schiassi 3 - Bologna - 0338/7426655

  • 14/12/2005 13:23 - Nicolai Baronjewski Da un oscuro rito ucraino si materializzarono gli eremiti ...

    Nicolai Baronjewski Da un oscuro rito ucraino si materializzarono gli eremiti della Vallata del Tronto: isolazionisti e clochard, sacri e profani, con quell'aria da intellettuali-combattenti, un po' irredentisti e un po' maledetti della via Emilia, tra un Guccini d'annata e i Cccp. Dal vivo non li puoi dimenticare, intabarrati in vesti rituali, impugnano forconi e un incensiere che asperge un odore di sacro. Il demo si lascia scoltare con attenzione sin da Penelope Pazza, con quel pianismo decadente misto a un sibilo sferragliante di corde dilaniate sottese al cantato indolente. Dei tre pezzi preferisco Antologie segrete viste dall'estasi: cupe linee di basso aprono a secchi colpi di batteria, evocando atmosfere spettrali, con la voce stranita che nel finale declama: "Chi dirà ai fiori che il funerale è finito? chi dirà alla vedova che i nipotini stanno già ballando?" Andrea Agostini, alias Cecla Rana - il drammaturgo, voce, Augusto Amabili, Flesh Mollusco - il barbone, chitarra, Ugo Mancini, Alenski Polanski - l'essenza, tastiere, Serafino Alesiani, Nicotina Nera - l'eremita, basso, Simone Bordoni, Grenoble - l'uomo telaio, batteria. Info: Augusto Amabili, via Umberto I 49, 63030 Spinetoli (AP). Tel. 0736.890084

  • 14/12/2005 13:23 - NORSCQ Lavatronic' (Lytch-Prikosnovénie/Audioglobe) Chiudiamo con una proposta molto interessante, anch'essa proveniente ...

    NORSCQ Lavatronic' (Lytch-Prikosnovénie/Audioglobe) Chiudiamo con una proposta molto interessante, anch'essa proveniente dalla Francia; trattasi di Norscq, misterioso personaggio, anche noto come Atlas Project, che si cimenta nella manipolazione stratificata di suoni e rumori elettronici, dando alla sua opera un taglio scarno, ma spostando spesso il baricentro e trovandosi a gestire risorse industriali, electro irregolari, ambient anormali e campionamenti disparati, con maestria e sagacia. Questa è un'uscita che mi sentirei di consigliare vivamente, perché da 'Wag', 'Klr', 'Kom' e 'Rlx' traspare una bravura che non è il caso di sottovalutare!

  • 14/12/2005 13:23 - OHN DE LEO E FABRIZIO TARRONI DUO John De Leo: ...

    OHN DE LEO E FABRIZIO TARRONI DUO John De Leo: voce, Fabrizio Tarroni: chitarre. Il duo De Leo (Quintorigo) - Tarroni (Faxtet) propone un imprevedibile combinazione di rock, jazz, pop, scat e quant'altro venga tirato in ballo durante le esibizioni live, caratterizzato da depistanti momenti di improvvisazione vocale e sonora. Accanto a reinterpretazioni di brani rock ( da Hendrix a Kravitz) e di standard jazz leggendari ( da Gershwin a Zawinul), il duo propone alcune proprie composizioni di imminente uscita nel loro primo CD

  • 14/12/2005 13:23 - ONE DARK EYE Chronicle Of A Death Foretold Buon disco ...

    ONE DARK EYE Chronicle Of A Death Foretold Buon disco di noise elettronico abbastanza articolato proveniente dalla Francia L'autore, Joseph Roemer, è altresì noto per l'appartenenza al gruppo Macronympha, i cui suoni sono qui largamente campionati. Gli orfani di Merzbow e alla luce del box di 50 cd licenziato dal folle giapponese potrebbero essere davvero molti, gli orlani di Merzbow, dicevamo, troveranno in questo cd dal titolo mánqueziano un buon surrogato all'inarrivabile oggetto dei loro sogni.

  • 14/12/2005 13:23 - PETER BARON (batteria) ha iniziato a suonare all'età di undici ...

    PETER BARON (batteria) ha iniziato a suonare all'età di undici anni. Negli anni '70 già lavorava intensamente nell'industria della radio, cinema e musicale. Come turnista ha lavorato con moltissimi gruppi, orchestre ed artisti quali Charles Aznavour, Lulu, The Three Degrees, Cleo Laine, Leo Sayer, David Allan Coe e Marty Stuart comprendendo vari stili di musica. E' stato un componente della banda di Elkie Brooks negli ultimi anni '70 e, lasciando il gruppo si è unito con il gruppo americano Night, con il scomparso Nicky Hopkins, Chris Thompsos, Robbie McIntosh e Stevie Lange. Hanno ottenuto due dischi nelle Top Ten negli USA di quel periodo.. Attualmente Peter è il batterista del gruppo del chitarrista country/rock più famosa del mondo, Albert Lee.

  • 14/12/2005 13:23 - PHILIP GLASS con KRONOS QUARTET “Dracula. The Music and Film” Philip ...

    PHILIP GLASS con KRONOS QUARTET “Dracula. The Music and Film” Philip Glass and David Harrington  violino; John Sherba  violino; Hank Dutt  viola; Jennifer Culp  violoncello with Michael Reisman  computer Definire Philip Glass, parlare di lui, è sempre un'operazione che non rende giustizia all'artista. Genio assoluto, sperimentatore instancabile, maestro indiscusso del minimalismo, ha al suo attivo lavori che sono già entrati di diritto fra i capisaldi della ricerca musicale di questo secolo. Innumerevoli sono le sue collaborazioni prestigiose con registi teatrali, come Robert Wilson per il quale ha scritto le musiche di Einstein on the beach e di Monster of Grace, e cineasti (le colonne sonore dei film di Godfrey Reggio: Koyaanisqatsi e Poeaqqatsi ma anche, per esempio, Mishima prodotto da Francis Ford Coppola). Ultima sua creazione è “Dracula. The Music and Film”. Esistono molte versioni cinematografiche del romanzo di Bram Stoker ma nessuna famosa come quella del 1931. La presenza di Bela Lugosi nella parte del notturno ed affascinante conte transilvano e la regia di Tod Browning, specialista in horror movies, hanno dato vita ad un film unico ed irripetibile che ora si arricchisce delle musiche appositamente composte da Philip Glass. Non si tratta di un rifacimento poiché la versione originale del film mancava di colonna sonora per la precisa volontà di Browning di caratterizzare sonoramente il film soltanto con il leggendario accento ungherese di Bela Lugosi. Glass ha creato questa intensa colonna sonora per il Kronos Quartet, complesso leader del “nuovo modo di fare musica”, che assieme al compositore americano accompagna dal vivo le immagini della versione integrale del film.

  • 14/12/2005 13:23 - PHILIP GLASS con KRONOS QUARTET "Dracula. The Music and Film" Philip Glass ...

    PHILIP GLASS con KRONOS QUARTET "Dracula. The Music and Film" Philip Glass and David Harrington - violino; John Sherba - violino; Hank Dutt - viola; Jennifer Culp - violoncello with Michael Reisman - computer. Definire Philip Glass, parlare di lui, è sempre un'operazione che non rende giustizia all'artista. Genio assoluto, sperimentatore instancabile, maestro indiscusso del minimalismo, ha al suo attivo lavori che sono già entrati di diritto fra i capisaldi della ricerca musicale di questo secolo. Innumerevoli sono le sue collaborazioni prestigiose con registi teatrali, come Robert Wilson per il quale ha scritto le musiche di "Einstein on the beach" e di "Monster of Grace", e cineasti (le colonne sonore dei film di Godfrey Reggio: "Koyaanisqatsi" e "Poeaqqatsi" ma anche, per esempio, "Mishima" prodotto da Francis Ford Coppola). Ultima sua creazione è "Dracula. The Music and Film". Esistono molte versioni cinematografiche del romanzo di Bram Stoker ma nessuna famosa come quella del 1931. La presenza di Bela Lugosi nella parte del notturno ed affascinante conte transilvano e la regia di Tod Browning, specialista in horror movies, hanno dato vita ad un film unico ed irripetibile che ora si arricchisce delle musiche appositamente composte da Philip Glass. Non si tratta di un rifacimento poiché la versione originale del film mancava di colonna sonora per la precisa volontà di Browning di caratterizzare sonoramente il film soltanto con il leggendario accento ungherese di Bela Lugosi. Glass ha creato questa intensa colonna sonora per il Kronos Quartet, complesso leader del "nuovo modo di fare musica", che assieme al compositore americano accompagna dal vivo le immagini della versione integrale del film.

  • 14/12/2005 13:23 - Restando in Germania parliamo dei Philtron, “Philtropolis” (Candyland/Audioglobe) ci accompagna ...

    Restando in Germania parliamo dei Philtron, “Philtropolis” (Candyland/Audioglobe) ci accompagna in un viaggio all’interno dell’elettro-pop, con refrain orecchiabili e basi “tranquille”, salvo poi utilizzare un intro tribale e lasciarsi andare a pezzi techno-dance.

  • 14/12/2005 13:23 - PIANO MAGIC Wrong French 12” (i) Ancora label scozzesi, ma stavolta ...

    PIANO MAGIC Wrong French 12” (i) Ancora label scozzesi, ma stavolta alle prese con sonorità scandinave. I Piano Magic (già pronto un nuovo singolo su Wurlitzer Jukebox Rec.) vengono dalle fredde pianure del Nord Europa e costruiscono low-fi music con piccoli Casio e drum machines stile Mattel; in più possono vantare Rachel, cantante dodicenne che già si candida a Bjork del prossimo millennio. Non assomigliano a nessuno ma se proprio vogliamo tracciare paragoni le primeve mosse di casa 4AD potrebbero ben incastrarsi su questi patterns.

  • 14/12/2005 13:23 - PIERO UMILIANI Musica elettronica Uno di quei dischi che bisognerebbe ascoltare ...

    PIERO UMILIANI Musica elettronica Uno di quei dischi che bisognerebbe ascoltare senza sapere prima di che si tratta sottoponendosi a ciò che oltremanica chiamano 'blindfold test'. Chi potrebbe essere? Forse gli Stereolab, o magari gli Air. Oppure uno qualsiasi dei prodi postrockers di Germania in fissa con il modernariato. Risposta sbagliata. Nome e cognome: Piero Umiliani. E nemmeno si tratta di musiche anagraficamente attuali. Carrellata sulle produzioni 'elettroniche' del compositore fiorentino datate dal 1969 al 1981, l'antologia curata dalla Easy Tempo suona però straordinariamente giovane. Sketch a sfondo analogico (Momento ritmico), bozzetti ambient (A newexperience), e un persistente soffio di fanta-jazz (Motore a ioni, Officina stellare), reso raffinato dalla presenza di solisti quali Gianni Basso, Enrico Pierannunzi, Giovanni Tommaso. Musiche per film e telefilm (la specialità della casa), sonorizzazioni varie e alcuni divertissement sull'orlo del kitsch. Tipo una versione dell'ellingtoniana Caravan degna di Esquivel, ma soprattutto cose come Funiculì funiculà e O' pazzariello trasfigurate dai sintetizatori, come cioè comparivano in un disco del 1972 chiamato - in omaggio a Walter/Wendy Carlos - Switched on Naples.

  • 14/12/2005 13:23 - PRODUCT OF THE ENVIRONMENT Product of the environment Palm Pictures Che ...

    PRODUCT OF THE ENVIRONMENT Product of the environment Palm Pictures Che da Tricky fosse lecito aspettarsi di tutto lo sapevamo già da tempo, ma questa volta il nostro genietto preferito è riuscito a produrre un disco assolutamente sensazionale. L'idea di partenza è stata quella di raccogliere una serie di testimonianze di vecchi gangster "gentiluomini", criminali di altri tempi attualmente in pensione o in prigione a scontare pene legate a reati di associazioni mafiose, furti, spaccio o strozzinaggio. Tricky li ha fatti parlare, andando anche a registrare le voci personalmente direttamente nelle loro celle. Sui testi raccolti ha poi creato e montato delle musiche ah hoc. Insomma: mentre Dave Courtney ci racconta di essere stato soprannominato nella Londra anni Sessanta "le pagine gialle dell'underground", in sottofondo arriva una base di persussioni e tastiere che piano piano accellera sempre più la battuta in pure atmosfere acid house. A Jack Adams che ci confessa le sue rapine a Brixton, Tricky incolla una bella e folle base trip-hop; stessa sorte a Tommy Wisbey che ci racconta vecchie sparatorie e così si prosegue con la stessa formula per undici episodi che coronano uno dei dischi più belli ed innovativi di questi anni. Un'ora abbondante di confessioni importanti e di buona musica.

  • 14/12/2005 13:23 - R.E.F.: Romans Electronic Fighters (electro-turntablism act) MAX DURANTE, MARCO PASSARANI, ANDREA ...

    R.E.F.: Romans Electronic Fighters (electro-turntablism act) MAX DURANTE, MARCO PASSARANI, ANDREA BENEDETTI Tre tra i più importanti dj-compositori di musica dance elettronica in Italia, suonano insieme su 6 piatti, eseguendo un set totalmente improvvisato di matrice electro tra l'old school e new school, un excursus tra le produzioni Statunitensi e la nuova onda europea e italiana, un ponte di beat e frequenze tra Roma e Detroit. La non-tecnica dell'improvvisazione, applicata alla rigidità della musica elettronica, all'onda quadra, al beat e al bit digitale: REF è electroavanguardia, èuna nuova maniera di turntablizzare, ovvero di usare i piatti come uno strumento all'interno di un ensemble, un trio, composto da altri due Dj-strumento, ognuno con una propria partitura ritmica, in sovrapposizione, in alternanza, in contrappunto con le altre. Una performance che sfida le leggi della dissonanza musicale senza mai perdere il ritmo, ma rinventandolo a ogni mix, entrata, scratch, cut-up. REF ARTIST REFERENCE: MAX DURANTE (Style: freestyle electroavantgardistik sounds, una fusione di old school and new electronic) - Last release: Dec '99 "Old Beats'n'Fresh Sounds" Prodamkey rec.; MARCO PASSARANI/PSS 2099 (Style: avantgardistikelektrohardstep/experimentalstuff) - Last release: "Ancient Technology" Nature; ANDREA BENEDETTI (Style: experimentalelektromusik) - Last release: "Voices + Beats" Plasmek

  • 14/12/2005 13:23 - a cura di RED RONNIE - Peace & Love (Fabbri, ...

    a cura di RED RONNIE - Peace & Love (Fabbri, £.16.900) I 'colleghi' ce l'hanno su - più o meno in massa - con RR. Eppure è stato il primo, almeno sui grandi media, a parlare di punk e new wave, è riuscito nel miracolo di far vedere gente come Devo o Stranglers a 'Domenica In' (no, dico, pensateci su bene) e anche oggi, pur essendosi livellato verso il basso (questione di ascolti) ed il talk show giovanile, fa passare comunque gente che in altri programmi avrebbe le stesse probabilità di accesso che Pamela Anderson sul monte Athos. Siamo sinceri: fondamentalmente è questione di invidia. Detto ciò, sulla scia del successo del precedente malloppo di 80 CD (e altrettanti 45 giri) dedicato agli anni '60 italiani (interessante per metà, vale a dire il Bìt ma anche Johnny Dorelli, Wilson Pickett che canta in italiano ma pure Morandi e i Pooh), viene ora presentato il com'era della musica angloamericana nella stessa decade. Un'opportunità, soprattutto per i più giovani, di avere una panoramica abbastanza soddisfacente delle prime vere rock band post RnR '50. Gli allegati, inoltre, pieni di articoli tratti da riviste del periodo, si dimostreranno con il tempo assai utili, anche i più imbecilli (ci sono certe interviste, oh boys!). Un unico neo: perché siamo costretti a comprare ogni volta anche quella merda di 'Oggi', sia pure sborsando 'solo' 700 lire in più? Che c'azzecca, come direbbe Di Pietro, la love story tra Paolo Berlusconi e Natalia Estrada con gli Steppenwolf? Qual è il filo rosso che unisce Massimo Dapporto e Lino Banfi che vanno dal papa e i cannoni dell'isola di Wight? Chi se ne frega se il marito scarpone di Simona Ventura è, secondo la stessa, un vero macho" e se Nancy Brilli, intervistata da Nantas Salvalaggio (ma non era quello che ce l'aveva su coi cantanti drogati???), rivela che sogna di esser spiata dai bersaglieri? Quando cresceremo in questo stato che chiamano Belpaese anche se ha la puzza del gorgonzola più rancido?

  • 14/12/2005 13:23 - REMY E ROSARIA VARONE - Caserta Remy è nato a Sessa ...

    REMY E ROSARIA VARONE - Caserta Remy è nato a Sessa Aurunca(Caserta) il 23 Febbraio 1961. E' sposato dal 1987 con MariaRosaria Palmieri, anche lei cantautrice cristiana. Entrambi sono insegnanti di Religione Cattolica e lavorano tra i giovani e ragazzi nelle scuole statali del Comune di Sessa Aurunca (Caserta) Italia. Remy è cantautore dal 1980 ed ha realizzato diversi lavori musicali e partecipato ad alcune compilation. Ha, inoltre, tenuto concerti-testimonianza in tutta Italia "dalla Sicilia in su". Dal 1996 al 1999 è stato coordinatore regionale, per la Campania, dei cantautori di Dio per l'associazione nazionale "Il mio Dio canta giovane" e oggi è nel suo Direttivo nazionale. Insieme a sua moglie ha vissuto numerose esperienze ecclesiali nazionali e diocesane. Per moltissimi anni ha collaborato alla guida di gruppi canori parrocchiali; e proprio da esse, insieme a MariaRosaria ed altri giovani amici, ha costituito, ufficialmente dal 1995, un'Associazione il G.Ev. (Gruppo per l'evangelizzazione), che si propone di annunciare e promuovere i valori d'ispirazione cristiana attraverso gli strumenti della comunicazione (esperienze artistiche, mostre, meetings, seminari, rappresentazioni musicali e canore, ecc.....).

  • 14/12/2005 13:23 - REPRAZENT Featuring RONI SIZE New Forms (Talkin’ Loud/Mercury) Se dovessi scegliere tra ...

    REPRAZENT Featuring RONI SIZE New Forms (Talkin’ Loud/Mercury) Se dovessi scegliere tra i dischi di questo ‘97 che meglio hanno saputo proporre nuove intuizioni nell’ambito del Drum’n’Bass, opterei senz’altro per “New Forms”, nuovo lavoro di RONI SIZE. Un altro importante passo avanti nell’evoluzione della cultura dance anglosassone al pari di “Timeless” di GOLDIE o “Blue Lines” dei MASSIVE ATTACK. Puro soul metafisico, magistralmente interpretato dalla voce di BAHAMADIA (nuovo talento del rap inglese) fuso con break beats scientologici e moderno jazz di fine millennio. Grazie al team REPRAZENT (DJ KRUST, DJ DIE e SUV) Roni Size inserisce una componente melodica, la quale, a differenza di tante produzioni DNB del momento, dona un aspetto più completo e musicale. Molti, conoscendo le precedenti produzioni del nostro, penseranno ad una svolta commerciale, ma per quello che mi riguarda “New Forms” appare come il più completo e complesso esempio di DNB attuale. Cominciamo con una nuova proposta della Movin Shadow, parlo del nuovo singolo a firma E-Z Rollers, progetto di Alex Banks e JMJ che anticipa l’uscita del loro secondo album. “Synesthesia” / “Fever” giocano con trascinanti breakbeats muovendosi tra profonde linee di basso e divagazioni jazz ambientali. Da Bristol segnalo DJ DIE (giovane promessa del drum’n’bass) con “Special Treat” per la V Recordings, prolifica label inglese. Frenetiche esplosioni ritmiche e distorsioni subsoniche; a parere personale una delle migliori uscite del momento. Sempre per la V recordings è uscita una raccolta, “V Classics”, che include il meglio dell’attuale produzione D&B: da Roni Size passando attraverso Lemon D e DJ Krust. Indispensabile. Dal team Metalheadz di Goldie, Doc Scott mette mani sul combo hard-techno Empirion; il remix “Beta” (XL Recordings) è pura energia minimale che corre estrema su territori alieni. Bello. Un altro remix da non perdere assolutamente è una produzione Masters At Work. Parlo di “It’s Alright, I Feel It” dei Nu Yorican Soul, il quale, oltre al remix dei sovracitati, contiene una versione di Roni Size, tra i migliori produttori di D&B in circolazione; il suo remix suona straordinariamente raffinato e coinvolgente. Un classico.Se siete rimasti affascinati dalla rivisitazione del soul in chiave D&B di “New Forms”, straordinario album a firma di Reprazent di cui Roni Size è parte integrante, non lasciatevi sfuggire “Share The Fall” EP su Talkin’ Loud; il remix di Grooverider da solo merita il vostro acquisto. “Funki Porcini Vs Jerry Van Rooyen” non è propriamente D&B, ma il trattamento che il signor Braddell riserva al compositore tedesco (famoso per le colonne sonore dei film di Jess Franco), conferma -se mai ce ne fosse bisogno- il suo geniale talento; ascoltate “Great Train Robbery”. Meraviglioso. Rimanendo fuori del discorso D&B consiglio l’ultima uscita di produzione Rockers Hi-Fi con Kruder & Dorfmeister ; il singolo “Going Under”, che anticipa l’album “Mish Mash”, in uscita in questi giorni, è una perla lisergica con oscure cadenze ritmiche trip-hop, al pari delle migliori cose Massive Attack. A proposito dei bristoliani, il nuovo singolo “Risingson” è un’affascinante anestetico dove il D&B scivola sul dub. Una garanzia per il nuovo LP di prossima pubblicazione. Tra i mostri sacri segnalo l’uscita in tiratura limitata di 7.500 copie di “Cowboys”, nuovo 45 giri dei Portishead, che non cambia di molto le coordinate musicali precedenti. Aspettiamo l’album che verrà dato alle stampe entro l’anno. Con questo è tutto a risentirci al prossimo appuntamento. Bye. Mirco Uguccioni

  • 14/12/2005 13:23 - RINO CERONTE Viene da Parma. È un mimo che da oltre ...

    RINO CERONTE Viene da Parma. È un mimo che da oltre tre anni riscuote consensi in tutta Italia. Tra gli spettacoli di maggiore successo va indubbiamente ricordato Meraviglia nel paese delle Alici che tra l’altro ha collezionato ben una settimana di repliche nel tempio italiano della comicità: lo Zelig di Milano. La sua ultima fatica si intitola Facchini e Portaborse ed è da lui stesso definitita “uno show comico, coinvolgente e interattivo”. Rino si improvvisa carta geografica del mondo, parla delle alterne fortune con la sua donna e tra le pieghe umoristiche dell’imperfetto bipolarismo italiano vengono alla luce personaggi come “l’incantatore” e “il lanciatore di boomerang”.

  • 14/12/2005 13:23 - Real techno night RINO CERRONE (RI'LI:S records, Napoli) + Bubblejet e ...

    Real techno night RINO CERRONE (RI'LI:S records, Napoli) + Bubblejet e Zilch (Link Muzik) Appuntamento con un altro esponete di grido della scena techno napoletana, Rino Cerrone. Dj e produttore emergemte sulla scena internazionale ha recentemente ricevuto gli elogi del celebre Carl Cox che lo ha menzionato nella sua playlist sull'ultimo numero di Muzik. Il progetto iniziale della RI'LI:S era quello di pubblicare 10 dischi a tiratura limitata e senza titoli, a cui più tardi sono state aggiunte edizioni speciali, inserite fra quelle pianificate originariamente. Ma i riconoscimenti sono piovuti sia dal fronte techno che house: Rino Cerrone e la sua RI'LI:S sono seguiti e rispettati tanto da personaggi come Denny Tenaglia e Roger Sanchez, che da 'technocrati' come Stanny Frassen, Richie Hawtin e Jeff Mills.

  • 14/12/2005 13:23 - CERRONE Ri'li:S 05 + Special Edition 1.5 E 2.5 Ri'li:S. Tripla uscita ...

    CERRONE Ri'li:S 05 + Special Edition 1.5 E 2.5 Ri'li:S. Tripla uscita quasi in contemporanea per Rino Cerrone che pubblica il suo quinto "volume " del Progetto Ri'li:s caratterizzato da quattro tracce minimal/tribal e da 3 "locked loops" molto efficaci. Ed in più due special edition in promotional copy limitate soltanto a circa 150 copie cadauno che vedranno l'uscita nei primi mesi del 2000. In totale nelle spec. Edit. Quattro tracce molto tech/ House e dalle sonorità molto morbide e vellutate.

  • 14/12/2005 13:23 - RON ANDERSON · Discografia (selezione) Ron Anderson, Fever Dream (1987), The ...

    RON ANDERSON · Discografia (selezione) Ron Anderson, Fever Dream (1987), The Molecules, Steel Toe (1991), (Y)earbook (1992), The Molecules, Down Under The Blacklight (1993), Vacuum Tree Head, Excel(eye eye) (1993), Happy New Year, Happy New Year (1994), The Molecules, Morokyu (1994), Ron Anderson / Tatsuya Yoshida, First Meeting (1995), Ron Anderson, Pack Small are Half Inch (1996), Ron Anderson / Tatsuya Yoshida, A is for a Accident (1996), Steve Buchanan, Those Who Say... (1996), Happy New Year, Live From The Black Part Of The Flag (1996), The Molecules, No-Fi (1996)

  • 14/12/2005 13:23 - Ron Carter e Billy Cobham, Due dei più storici jazz-men viventi, ...

    Ron Carter e Billy Cobham, Due dei più storici jazz-men viventi, insieme ad uno dei più importanti pianisti dell‚attualità, per un concerto eccezionale che li vede insieme tutti per la prima volta al mondo. Ron Carter, insieme a Charlie Mingus e a pochi altri è senz'altro uno dei più originali, prolifici ed influenti contrabbassisti della storia del jazz. Ha al suo attivo più di 2.000 album registrati in decine di anni di carriera, sia a suo nome sia in collaborazioni con la maggior parte di più importanti nomi del jazz di questo secolo: Miles Davis, nello storico Miles Davis Quartett, B.B. King, Bill Evans, Wes Montgomery, Dexter Gordon, Billy Cobham, Herbie Hancock, etc.. Due Grammy Awards hanno confermato la carriera di questo grande musicista quale "mito" del jazz moderno oltre a decine di libri, saggi, collane pubblicati in tutto il mondo. La collaborazione con Cobham nasce dallo storico trio Carter-Cobham-Hancock e si ripropone sempre ai massimi livelli mondiali con il pianista Kenny Barron.

  • 14/12/2005 13:23 - Ron Carter/Billy Cobham/Kenny Barron Dopo il passaggio della scorsa estate con ...

    Ron Carter/Billy Cobham/Kenny Barron Dopo il passaggio della scorsa estate con la London Jazz Orchestra che lo ha portato ad esibirsi nella meravigliosa cornice del Teatro Greco di Taormina, Billy Cobham torna in Italia in trio con altre due stelle del panorama jazzistico internazionale.

  • 14/12/2005 13:23 - RON SEXSMITH Whereabouts Il babyface canadese non cambia quasi nulla rispetto ai ...

    RON SEXSMITH Whereabouts Il babyface canadese non cambia quasi nulla rispetto ai due album precedenti, soprattutto non cambia né atmosfere né produttori (i fluidificanti Mitchell Froom e Tchad Blake). Se lo può permettere perché sa di possedere un talento melodico invidiabile e invidiato, portato ad esempio persino da un compagno di scrittura sofisticato come Elvis Costello. Si è detto di recente che Tom Petty è grande nonostante si comporti come se nulla nel mondo musicale fosse cambiato dal 1976. Lo stesso vale per Ron Sexsmith, che ignora ogni enfasi ritmica rock e, come grandi autori popolari di una volta, adora lavorare su strofa e inciso piuttosto che puntare tutto sul ritornello. Come massima concessione al moderno ci sono le citazioni di Michael Franks (Right About Now) e del Ralph McTell più autunnale (In A Flash). Naturalmente si ascoltano quasi solo strumenti acustici e quando occorre arriva il giusto contributo orchestrale. A parte un calo d'ispirazione verso la fine, tutto sarebbe, ancora una volta, perfetto. Peccato solo che i testi sianobanali esempi di scrittura automatica in chiave sentimentale. E con poco cuore per di più!

  • 14/12/2005 13:23 - RON Adesso Reduce da un lungo viaggio musicaie che lo aveva alla ...

    RON Adesso Reduce da un lungo viaggio musicaie che lo aveva alla fine portato a districarsi tra le maglie ormai strette di un pop un po' freddino e iperprodotto, Ron ha deciso che era il momento di prendere una sana boccata d'aria fresca, fatta di suoni più semplici e con le chitarre acustiche ed elettriche a farla da padrone. Un po' come succedeva all'inizio quando i punti di riferimento erano la West-Coast, James Taylor e Jackson Brown. Non è facile tuttavia liberarsi completamente di certi meccanismi compositivi un po' seriali (come sono quelli di un certo pop) che ogni tanto si rifanno vivi, anche se Ron si adopera con impegno per recuperare freschezza alla sua scrittura, e in questo è molto aiutato dal gruppo che lo accompagna in studio, soprattutto dalle ottime chitarre di Giorgio Mantovan, che orienta da solo buona parte del sound di tutto l'album. Tra i brani migliori ci sono il delicato sogno di Oggi E' Domenica, le tre canzoni scritte insieme ad un ritrovato Renzo Zenobi: Quanto Amore C'E', Pensiero Canta, Vivere Vicino A Te e Nel Silenzio, presente anche come traccia fantasma in versione per quartetto d'archi.

  • 14/12/2005 13:23 - RON: un personaggio che per ventisette anni ha privilegiato l'introspezione e ...

    RON: un personaggio che per ventisette anni ha privilegiato l'introspezione e il riserbo degli artisti autentici sui clamori dello show business, le "voci di dentro" sulla platealità e sui ghiribizzi del divismo. Anche quando la musica di RON, affidata alla sua voce o a quella di colleghi illustri - Dalla in "Piazza Grande" e in "Attenti al Lupo", Dalla e De Gregori in "Cosa sarà", Morandi in "Occhi di ragazza" sono solo alcuni esempi - sfrecciava in vetta alle classifiche. Schivo, geniale, ispirato: detto questo di RON, se ne è fatto il ritratto. Il resto è cronologia; a partire da quel 1971 in cui il futuro di RON apparve a "Un disco per l'estate" per cantare "Il gigante e la bambina", storia di uno stupro scritta per lui da Lucio Dalla e Paola Pallottino (gli stessi autori di "4 marzo '43") e ingentilita dalla vigile censura di mamma Rai. Ron la cantò con l'apparente distacco di uno stile già allora attento a dar voce all'interiorità piuttosto che al pathos esteriore e ridondante. Si chiamava ancora Rosalino Cellamare, era nato a Dorno, Pavia, il 13 agosto 1953, rideva poco e questo, insieme ai suoi boccoli da paggio timido, stimolava il senso materno delle ammiratrici. Aveva cominciato l'anno prima a Sanremo, in coppia con Nada, per cantare "Pà diglielo a Mà": canzonetta non memorabile, ma sufficiente a farlo diventare da sconosciuto scolaro del giorno prima a un personaggio popolare. L'anno dopo, nel '72, RON scrisse la sua prima musica: "Piazza Grande" che portò al successo Lucio Dalla a Sanremo. L'anno dopo ecco l'album d'esordio, "Il bosco degli amanti", prodotto da Dalla, cui sarebbero seguiti "Al nostro livello", ricavato da temi di alunni di una scuola elementare di Cinisello Balsamo. Del '75 il suo terzo album "Esperienze". Cominciavano a precisarsi il gusto di Rosalino per una scrittura non di routine, sorretta da giri armonici decisamente inconsueti, e l'interesse per modelli come Cat Stevens, Paul McCartney, Elton John. Cui, poi, si sarebbero aggiunti Hall & Oates, Jackson Browne, James Taylor. Per tre anni, Rosalino si dedica al cinema (con Vittorio De sisti, Giuliano Montaldo, Luigi Magni) prima di tornare alla musica con la canzone "I ragazzi italiani", con la quale RON partecipa come arrangiatore, chitarrista, pianista e guest star a "Banana Republic", il mitico tour di Dalla e De Gregori. Segue un album incantevole, "Una città per cantare", coautori, appunto Dalla e RON con la partecipazione di De Gregori. E' il 1980. Seguono "Al centro della musica", "Guarda chi si vede", il live "tutti cuori viaggianti", "Calypso". Poi, dopo un periodo di crisi, RON scrive il suo capolavoro: "Joe Temerario", ritratto di un aviatore glorificato ma solo. "I grandi successi di Ron", "Ron", "E' l'Italia che va" preludono a un nuovo capolavoro, "Il mondo avrà una grande anima": titolo di una splendida canzone del 1988 sull'utopia della fratellanza, che RON porta a Sanremo, e dell'omonimo disco dal vivo. Poi, nel 1990, il passaggio alla Wea. Il mutamento di etichetta viene celebrato da un nuovo grande album, "Apri le braccia e poi vola", cui collaborarono Biagio Antonacci, Angela Baraldi e Marco Luberti, l'ex paroliere di Cocciante. "le foglie e il vento", il disco successivo ottiene un successo, anche di vendite, proporzionato alla sua qualità: è l'autoritratto di un artista maturo, in bilico tra la realtà quotidiana e il sogno.. Con una vena di eticità che sostanzia la sua visione del mondo senza mai scadere nel moralismo, e senza mai assumere toni predicatori. Come dimostra ancor meglio "Angelo", il disco del '94 dove la concezione religiosa dell'autore, sfiora i grandi temi della solidarietà umana ("Io sono Michele"), della solitudine, del misticismo, dell'amore che è l'unica forza capace di dare un senso alla vita. La produzione di Greg Walsh e l'apporto di musicisti come Steve Ferrone, Tony Levine, Jacob Andersen, Demo Morselli contribuiscono alla magia di un album che segna il massimo approdo di RON, cantore del suo tempo. RON torna a Sanremo con la partecipazione di Tosca, "Vorrei incontrarti fra cent'anni", una bella e intensa canzone sull'onda lunga dell'amore che sfida il passare del tempo. Ipronostici sembrano favorire altri artisti, ma accade quello che al Festival non sempre accade: vince il migliore. Interrompendo una lunga serie di trionfatori annunciati, RON l'outsider si piazza a sorpresa al primo posto. Il brano campeggia in un album che ha lo stesso titolo e ripercorre ventisei anni di vicenda creativa "stravolgendo ma senza tradirle alcune mie canzoni di ieri di ieri l'altro", come dice lo stesso RON, che aggiunge: "L'obbiettivo era di riarrangiarle guardando al Duemila, ma salvando l'anima di ognuna". Ecco così "Attenti al lupo", lanciata clamorosamente anni fa da Dalla, rifatta in stile beatlesiano, "Piazza Grande" trasformata in fado portoghese, "I gigante e la bambina" in una versione che non dispiacerebbe agli Oasis e ai Blur, "Anima" con un' inattesa conclusione soul. In più c'è "Ferite e lacrime", cover da "You", degli olandesi Ten Sharp, e ancora "Joe Temerario", "Musica", "Al centro della musica", "Non abbiam bisogno di parole", "Una città per cantare", "Cosa sarà", "Io ti cercherò", "Per questa notte che cade giù", "Un momento anche per te", "Il sole e la luna". Con gli arrangiamenti di Greg Walsh, Fabio Coppini e RON e la voce, qua e la, di Tosca.

  • 14/12/2005 13:23 - RONALDO Da milanista: ragazzi, Ronaldo è proprio sfortunato. Spero proprio che ...

    RONALDO Da milanista: ragazzi, Ronaldo è proprio sfortunato. Spero proprio che rientri anche se ho rivisto in lui il dramma del più grande campione che abbia mai calcato erba pedatoria (Marco Van Basten, chi altri?). Spiace anche perché in Italia non ha mai potuto mostrare appieno le sue enormi doti atletiche (quelle umane, invece, ne ha avuto il tempo, vedi beneficenza o anche articolo sopra). E sta pesando sul rendimento dei cugini nerazzurri (come si può voler male ad una squadra che ha gli stessi colori sociali dei sadomasochisti?). Però, Pelè se lo poteva risparmiare di dire che per l'incidente occorso al suo connazionale dubita dell'esistenza di Dio. Voglio dire, i bambini che muoiono di fame, le donne rapite, stuprate e portate a battere sui marciapiedi del crasso occidente, la merda che ci danno da inghiottire ogni giorno, lo smembramento sistematico della natura (ancora 900 panda e poi ci resteranno solo quelle non rottamate della FIAT...), i grossi traffici sulla pelle della gente (droga, onde elettromagnetiche, smog, armi...) non lo avevano fatto dubitare nemmeno un cincinino, prima?

  • 14/12/2005 13:23 - RONAN KEATING Ronan Dopo Boyzone e Westlife (da lui lanciati), alla ...

    RONAN KEATING Ronan Dopo Boyzone e Westlife (da lui lanciati), alla prima prova solista ha azzeccato un tema da film numero uno in tutta Europa, quello di Notting Hill. Con questa sfilza di successi alle spalle, Ronan Keating non si può permettere di sbagliare il primo album solista. E allora la prima regola è mettersi nelle mani di gente che sa scrivere. Ronan ha messo in cucina uno staff di cuochi di prima scelta: Patrick Leonard, responsabile dei maggiori successi del primo periodo di Madonna, Gregg Alexander, il geniaccio del pop dietro al progetto New Radicals. Una ballad scritta da Bryan Adams e tanto per andare sul sicuro, anche una canzone firmata da Dianne Warren, quella che da anni trasforma in oro tutto cio che scrive per i grandi del pop. Un po' di "pipes" irlandesi qua e là negli arrangiamenti, per ricordare che il biondino viene da Dublino ed è amico di Bono, e il piatto è servito.

  • 14/12/2005 13:23 - Rone Size Arriva da Bristol ed è il primo artista ...

    Rone Size Arriva da Bristol ed è il primo artista jungle ad avere firmato un contratto con la Talkin'Loud di Gilles Peterson, etichetta tra le più attente alle disparate evoluzioni del suono nero. Un lavoro che arriva dopo tantissimi singoli, tra cui il classico Jazz thing, che ha definitivamente aperto la jungle alla influenze del jazz americano. Radici nell'hip hop (soprattutto Planet rock e Wild style) e una collaborazione con Dj Krust (con il quale ha fondato l'etichetta Full Cycle), Brian G. Die e Mc Dynamite. Intrecci creativi che hanno fatto della scena di Bristol una sorta di Wu Tang Clan della jungle britannica. Un senso della famiglia ben documentato dall'album collettivo Music box.

  • 14/12/2005 13:23 - RONI SIZE: Se c’è un padrino della drum’n’bass, questo è ...

    RONI SIZE: Se c’è un padrino della drum’n’bass, questo è Roni Size che con i Reprazent ha tenuto a battesimo quei suoni elettronici con base ritmica di batteria e basso che da qualche anno fanno ballare milioni di giovani in Italia e all’estero. Roni Size uscirà con un nuovo disco dopo la prossima estate, l’ultimo suo lavoro è New Form, disco uscito nel ’97 con etichetta Mercury.

  • 14/12/2005 13:23 - A proposito di Roni Size segnalo tre importanti uscite: la ...

    A proposito di Roni Size segnalo tre importanti uscite: la prima è il secondo singolo estratto dal pluripremiato "New Forms" (sicuramente album del '97); trattasi di "Heroes", co-prodotto e remixato da Basement Jaxx e Kruder & Dorfmeister. Consigliatissimo.

  • 14/12/2005 13:23 -  RONI SIZE & REPRAZENT / WATCHING WINDOWS (Talkin'Loud) Il brano meno jungle ...

     RONI SIZE & REPRAZENT / WATCHING WINDOWS (Talkin'Loud) Il brano meno jungle da "New Forms", viene remissato dalla nuova coppia del drum'n'bass, Ed Rush e Optical. Con loro non si sfugge alla solita "tenebra profonda" con un basso plasticoso ed avvolgente come il Domopak. Un'altro duo (stavolta però Puerto/Nuovayorkese) i Master At Work che ricambiano il favore fattogli l'anno passato e lo ripassano in una house risaputa.

  • 14/12/2005 13:23 - RONI SIZE REPRAZENT In the mode Nei circuiti dance tira brutta ...

    RONI SIZE REPRAZENT In the mode Nei circuiti dance tira brutta aria per il drum'n'bass fenomeno considerato ormai intrappolato in un vicolo cieco. E così anche il massimo esponente dei genere Roni Size che con il progetto Reprazent produsse nel 1997 una pietra miliare come New forms, qualche problema deve esserselo posto. Prova ne sia che, dovendo proseguire il discorso, ha scelto di riformularne la sintassi. Meno morbidezze soul e jazz, impronta maggiormente elettronica (alla Grooverider, per intendersi) e massicce dosi di hip hop. Ecco quindi Method Man in libera uscita dai Wu-Tang Clan, esibirsi in Ghetto celebrity, ma anche il "rabbioso" Zack De La Rocha (da poco sganciatosi dai Rage Against The Machine) imperversare in Centre of the storm. Più spazio poi per le rime dinamitarde, come in System check o Dirty bests, e minore enfasi sulle melodie di Onallee che pure fa ancora la differenza, come accade in Lucky pressure. Risultato: un ascolto assai più faticoso rispetto a New forms e ritmi così massicci che si fatica a immaginarli efficaci in pista. Disco rispettabile, ma non proprio "piacevole".

  • 14/12/2005 13:23 - RONI SIZE/REPRAZENT In The Mode Una delle qualità più preziose di ...

    RONI SIZE/REPRAZENT In The Mode Una delle qualità più preziose di Roni Size è la sua lucidità progettuale: l'artista non si concede alla routine del fare dischi sia pure meditati e belli, ma sviluppa progetti. Dunque, Breakbeat Era non è stato solo un disco meditato e bello dagli avventurosi sconfinamenti nel pop, ma anche la rottura della continuità del progetto Reprazent: l'artista è libero e indipendente nella misura in cui lo sono le sue idee. È il nuovo disco del progetto Reprazent che riannoda le fila del discorso intrapreso con New Forms, capolavoro di drum'n'bass illuminato del 1997: e se allora Roni Size dettò le regole dello stile per i mesi a venire, oggi con In The Mode sembra chiamato addirittura a salvare un genere al culmine di una crisi perdurante. Assolutamente ortodossi, Roni Size e compagnia sono schierati da tempo con l'ala dura del drum'n'bass: la battuta è serrata, le cesure spigolose, le parti vocali severe, tutto l'insieme è più severo della precedente occasione. Eppure l'ascolto riserva molte sorprese: allo strato furibondo e intransigente di New Forms si sovrappone in qualche modo la memoria dell'esperienza Breakbeat Era: ed accanto alle feroci evoluzioni hip hop di "Railing", "System Check", della colonna sonora immaginaria "Ghetto Celebrity" con Method Man nella parte dell'attore protagonista, "Switchblade", "Who Told You", della monumentale "Center Of The Storm", troviamo i gorgheggi taglienti di "Lucky Pressure", "Staircase" e "Snapshot", schiuma di voci ribollenti di soul e trame accattivanti. Ma nelle viscere di In The Mode troviamo anche licenze estrose, mimetizzate dietro e sotto muraglie altissime di bass'n'beat:gli slittamenti progressivi di piano, chitarra e percussioni di "In & Out" dalla tensione perfetta, la melodia destrutturata di "Balanced Chaos", le divagazioni gutturali di Rahzel in "In Tune With The Sound", il minuetto di violini a contrasto in "Dirty Beats". Roni Size e i suoi Reprazent hanno delle qualità che appartengono loro indissolubilmente, le qualità innate del genio che non possono essere tramandate; per questo, probabilmente In The Mode non riuscirà da solo a tirar fuori il drum'n'bass dalle secche della sua crisi, ma è un disco che si farà amare da tutti coloro che apprezzano i nuovi suoni e il coraggio intellettuale. Forse non una pietra miliare, ma certo un macigno che getta la sua ombra sui tanti, troppi ciottoli che gli fanno eco.

  • 14/12/2005 13:23 - Roni Size Heroes Nuovo estratto da New Forms che, oltre agli usiali ...

    Roni Size Heroes Nuovo estratto da New Forms che, oltre agli usiali remixes (qui ad opera dei viennesi Kruder & Dorfmeister e degli Origin Unknown) contiene un nuovo pezzo, Electricks.

  • 14/12/2005 13:23 - Roni Size e il resto della Reprazent Ovvero Roni Size, Dj ...

    Roni Size e il resto della Reprazent Ovvero Roni Size, Dj Krust, Dj Die, Suv, Dynamite e Onalee, tutti di Bristol. I primi quattro sono produttori/dj, il penultimo è un rapper/MC e l'ultima è una cantante. Il meglio al momento, senza ombra di dubbio. Roni Size ha firmato per la Talkin' Loud già l'anno scorso ed è in procinto di pubblicare l'album nel giro di qualche mese; per ora sull'etichetta di Gilles Peterson ha pubblicato (insieme ai sopracitati partner nella Reprazent) l'ep "Share The Falls", quattro pezzi capolavoro che non mancano in nessun dei dj set di genere. Lo stile è tanto fresco quanto travolgente; un unione fra breakbeats originali e potenti linee di basso, coperti da intuizioni melodiche a volte sapientemente jazzate. Da non perdere il remix in uscita (ma già sentito in molti set) di "It's Alright, I Feel It" dei Nu Yorican Soul, così come il nuovo singolo cantato dalla rapper di Filadelfia, Bahamadia. Uscite a nome Roni Size si trovano anche su V recordings (ottimo l'ultimo "Soul Power") e sulle due etichette bristoliane gemelle Full Cycle e Dope Dragon (su quest'ultima si nasconde dietro il moniker Mask ed è molto più 'cattivo').

  • 14/12/2005 13:23 - RONI SIZE/REPRAZENT Brown Paper Bag Terzo estratto dal “top-sellers” New Forms. Impreziosito ...

    RONI SIZE/REPRAZENT Brown Paper Bag Terzo estratto dal “top-sellers” New Forms. Impreziosito dal remix di Photek che, in questi giorni sta rincorrendo col suo album “Modus Operandi”, quello dei Reprazent nelle top chart inglesi.

  • 14/12/2005 13:23 - RONNIE BURRAGE, batteria. E' il più giovane componente ...

    RONNIE BURRAGE, batteria. E' il più giovane componente del trio, essendo nato a St. Louis nel 1959, ma il salto generazionale non gli impedisce di condividere i medesimi progetti artistici dei suoi compagni, riassunti in una sfrenata curiosità verso tendenze e stili diversi. Ha accompagnato Bobby McFerrin, Sonny Rollins, Wynton Marsalis, Lester Bowie, Paquito D'Rivera, Pat Metheny (tra i molti altri) e ha diretto proprie formazioni, in cui si è cimentato anche come cantante. Batterista di scuola poliritmica e "muscolare", Burrage guarda al suo strumento come una delle tante possibili forme d'espressione odierne. (Massimo Tarabelli)

  • 14/12/2005 13:23 - RONNIE EARL Healing time Non ci fosse stato Muddy Waters, la ...

    RONNIE EARL Healing time Non ci fosse stato Muddy Waters, la parabola artistica di Ronald Horvath, alias Ronnie Earl, sarebbe stata diversa. Non che quest'ultimo c'entri qualcosa con il grande di Rolling Fork, a parte quel "debito generale" condiviso con tanti, se non tutti, ma fu proprio dopo aver visto Muddy dal vivo, quasi trent'anni fa, che Ronnie decise, di diventare un musicista di blues. Sarà quindi un caso, ma in quest'ultima sua fatica, il chitarrista ha voluto includere una cover di Catfish Blues. Tutto si può dire di Mr. Horvath, tranne che non abbia un tocco personale e "sincero", capace di secchi e veloci risvolti, quanto di affreschi tenui e sospesi. Le sue credenziali sono sostanziose, dal suo peregrinare di città in città, New York, Boston, Chicago e giù fino al Texas, il che tradotto in termini musicali ha significato un mix stilistico e una lunga serie di collaborazioni, da Magic Sam a Otis Rush ad Albert Collins, fino al fondamentale periodo di militanza nei Roomful of Blues, grazie ai quali ha avuto modo di accompagnare Earl King, Eddie Vinson e Joe Turner, nei più riusciti lavori della band di Rhode Island. Prolifica, pur se tra alti e bassi, la sua successiva produzione solistica, album come Greatful Heart, Blues & Ballads (Bullseye, 1996) al fianco del sassofonista David "Fathead" Newman, Eye to Eye, con gli ex di Muddy, Pinetop Perkins, Willie Smith e Calvin Jones, fino al più recente The Colour of Love (Verve, 1998), in cui il chitarrista si è mosso con perizia in un territorio di confine tra jazz e blues. Healing time, prima uscita per la Telarc (se si eccettua l'omaggio a Willie Dixon), è un titolo programmatico, celante in realtà (curiosando cattivamente tra le righe del booklet) un ricercato e ritrovato equilibrio non solo musicale, anche spirituale. Un segno della raggiunta maturità, anche se la cosa è mal spiegabile con la parola scritta: meglio lasciare il tutto nelle mani delia musica. É anche un disco riuscito, anche se non totalmente e tenta di riflettere l'ampia visione di un musicista capace di evadere dal comfort del proprio solco. L'organico è di livello eccellente, pur esso in "equilibrio"; oltre a Ronnie, lo straordinario Jimmy McGriff allo Hammond B3 (compositore, tra le altre cose, della lunga e iniziale Churchin', tra le cose migliori del disco), Don Williams e Mark Greensberg alle percussioni e batteria (ora l'uno, ora l'altro), nonché i fidi Michael "Mudcat" Ward al basso e Anthony Ceraci al piano, questi ultimi due con Earl fin dai lontani tempi (1978) dei BlueTones, con Sugar Ray Norcia. Accanto a momenti più esaltanti, come Churchin' appunto o come le lentissime Blues for Shawn (ottimo Geraci) e Blues on a Sunday, ci sono alcuni cali di tono, con la già citata Catfish Blues, in cui la complessità dei fraseggi mal si adatta alla natura scarna del brano e soprattutto con cose come Glimpse of Serenity o Thembi (brano di Pharoah Sanders), troppo sofisticatamente "ispirate" e decisamente fuori luogo. Per il resto, risultano convincenti, il bluesaccio Lunch At R&M's e la dolce Bella Donna, dedicata alla moglie. Alla fine un buon lavoro, anche se il "filo conduttore" (non che sia obbligatorio) sembra spezzarsi in alcuni punti. Ma si sa è un rischio che a volte gli "éclettici" corrono!

  • 14/12/2005 13:23 - La sola cosa che può fare “Dio’s Inferno-The Last In ...

    La sola cosa che può fare “Dio’s Inferno-The Last In Live” (SteamhammerAudioglobe) di Ronnie James Dio è quella di riportare alla mente la mia gioventù, che peraltro ricordo benissimo senza dover far ricorso a simili espedienti di bassa lega. È più forte di me, certe cose non riesco più a digerirle; forse 10-12 anni fa ero predisposto e non mi metto certo a rinnegare ciò che è stato, però se posso lo evito. D’altronde cosa volete che dica di un album dal vivo in cui il secondo pezzo si intitola ed è un “Guitar Solo”? Salvo “Heaven And Hell” e “Mob Rules”, precisando che i Black Sabbath con R.J. Dio alla voce sono quelli che meno apprezzo, nonostante i dischi da cui sono tratti i brani fossero strumentalmente eccelsi. Se qualcuno vi dice che la versione di “Mistreated” è da brividi, suggeritegli di riascoltare quella contenuta in “Made In Europe” dei Deep Purple e poi ne riparliamo!

  • 14/12/2005 13:23 - Ronnie Jones Strana e ricca d'avventura la vita e la carriera ...

    Ronnie Jones Strana e ricca d'avventura la vita e la carriera di Ronnie Jones. Nato a Springfield, nel Massachussets, Ronnie non ha mai tentato la fortuna nel suo paese d'origine. La passione per il canto, per il soul e il blues, l'ha sviluppata in Europa, dove arrivò ancora giovanissimo nel 1961 al seguito delle Forze Aeree Americane. A Londra si legò alla straordinaria scena blues dell'epoca: fu con Alexis Korner, nel grande complesso di quel maestro, la Blues Incorporated, conobbe l'allora sconosciuto Mick Jagger e Jack Bruce, Ginger Baker, Eric Burdon, Dick Heckstall Smith, quelli che sarebbero diventati i grandi della musica britannica degli anni seguenti. Più tardi organizzò un complesso: Ronnie Jones & The Nightimers (il chitarrista era John McLaughlin) con il quale girò l'Inghilterra e gran parte dell'Europa. Poi verso il '68 venne la decisione di trasferirsi a Roma. La svolta, per certi versi, avvenne quando all'artista fu data la possibilità di entrare nel cast dell'edizione italiana di "Hair" come direttore musicale e cantante in scena. Fu in quel periodo che nacque la passione per una professione allora nuova per la scena italiana: il discjockey. Commentando e interpretando dischi alla consolle Ronnie si fece conoscere un pò dappertutto: tanto che a un certo punto lo scritturò la Rai per presentare "Musica In", fortunata trasmissione radiofonica. Verso la metà degli anni '70 incide una versione della celebre "Rock Your Baby" e finalmente sfonda. E' l'inizio di un periodo folgorante che lo vede protagonista in coppia con Claudia Barry e un gruppo di affermati session man con i quali incide tre album e indovina una serie di buoni hits da classifica.

  • 14/12/2005 13:23 - RONNIE MATHEWS Ha suonato con molti dei grandi luminari della storia ...

    RONNIE MATHEWS Ha suonato con molti dei grandi luminari della storia del jazz moderno. Fra questi: Art Blakey, Max Roach, Dexter Gorddon, Woody Shaw, e altri. Ha inciso come leader per la RED, DIW, Streeplechase e altre etichette.

  • 14/12/2005 13:23 - RONNIE MCCOURY Heartbreak town Con Heartbreak town torna, ad alto livello, ...

    RONNIE MCCOURY Heartbreak town Con Heartbreak town torna, ad alto livello, il bluegrass e, tanto per sgombrare anzitempo il campo, diciamo susito che è un lavoro esemplare che potrebbe sfiorare tranquillamente le quattro stelle. Oltre a Steve Earle, vari segnali ci confermano che questo, negli States, è un momento particolarmente felice per il bluegrass: un incremento delle vendite di dischi del settore, un proliferare di concenti e festivals che attirano un pubblico sempre più vasto nonché una riscoperta genuina da parte delle nuove generazioni Tutto ciò non può far altro che úene alla nostra musica, qualunque essa sia. Ronnie McCoury è un mandolinista coi fiocchi, cresciuto nel mito di Bill Monroe, ha dato vita con i fratello maggiore Del alla Del McCoury Band e il suo nome è oramai noto anche fuor dal ristretto giro degli appassionati, grazie soprattutto alla partecipazione a The Mountain, il cd dello scorso anno di Steve Earle, un album che ha conquistato nuovi adepti a la musica degli Appalacchi... É una musica da ascoltare e da vivere senza pregiudizi che, passando da Flatt & Scruggs a Doy e Lawson & Quicksilver, dai Seldom Scene ad Allison Krauss, ha seminato quegli stimoli che stanno alla base del dna che ha nutrito le radici di molti dei nuovi gruppi dell'odierna scena dell'alternative country.

  • 14/12/2005 13:23 - RONNIE SPECTOR Una vita dispendiosa, quella della piccola Butchie. Il papà ...

    RONNIE SPECTOR Una vita dispendiosa, quella della piccola Butchie. Il papà era un giovane bianco che verso la fine degli anni Trenta sposò una nera. All'epoca nessuno vedeva di buon occhio iniziative del genere e a Spanish Harlem la famiglia visse in un ambiente ostile, circondata dai problemi. Butchie era bianca per i neri e i portoricani, ma nera per i bianchi. Aveva modi da maschio e il papà decise che bisognava rimarcarlo affibbiandole un soprannome quasi offensivo. Se qualcuno avesse avuto voglia e tempo di indagare, avrebbe scoperto che all'anagrafe Butchie non era Butchie bensì Veronica Yvette Bennett. La fatica maggiore l'avrebbero sopportata le sue guance: non passava giorno che il padre, la madre o un'amica manesca non le rifilassero due o tre sganassoni. A soli 12 anni, con straordinaria precocità, Butchie denunciò una profonda crisi d'identità. La domanda, sempre più pressante, era: sarò bianca o nera? La risposta non c'era, non c'era mai stata. L'unica sua salvezza era la voce. Ma non quella, carica di rimprovero, dei parenti e dei vicini, degli amici e persino dei passanti, che ogni mezzora le faceva piovere sulla testa qualunque tipo di offesa. Non la voce del mondo che ormai a stento, rimbambita dai dubbi, percepiva: bensì la voce della musica delle radio, che imitava sempre meglio, che memorizzava con una bravura tale da sorprendere persino suo padre. Fu proprio lo schiaffeggiatore capo, il principe dell'improperio, il vate casalingo a spingerla verso la musica. E così la sua vita, fino a quel momento piena soltanto di sonori schiaffoni, si riempì anche di armonie. Imparò a eseguire un vibrato, modulando ad altissimi livelli di chiarezza e di sensualità, che di lì a poco avrebbe messo in ginocchio il pubblico americano, soprattutto quello maschile. Le pizze in faccia però sarebbero continuate. Perché il destino le avrebbe portato in casa un altro schiaffeggiatore, un certo Phil Spector, che la ragazza avrebbe sposato, per il quale avrebbe cambiato nome in Ronnie Spector. Da lui si sarebbe fatta guidare artisticamente sino a farsi trasformare nella leader delle Ronettes (il gruppo vocale che esplose nell'estate del 1963 e nel quale cantavano anche sua sorella minore Estelle e sua cugina Nedra Talley), ma avrebbe anche subito i più assurdi e immorali maltrattamenti. Ora Ronnie ha 56 anni. La tempesta è passata. Ma i chilometri di matita nera con i quali si copre gli occhi ogni volta che esce di casa (quando sale sul palco il trucco diventa quasi paradossale) servono a nascondere metà di se. Quella metà che dopo l'amara conclusione della "mad season", dopo l'atroce chiusura del capitolo Ronettes/Spector, avrebbe ceduto all'alcol, invecchiando come neppure la sequenza velocizzata di un film riuscirebbe ad invecchiare un personaggio. Ronnie ha continuato a produrre, ma senza mai far vibrare l'estro degli anni d'oro, senza mai riuscire a dimostrare che la maliarda di oggi è pur sempre la stessa persona che una volta faceva faville nel leggendario "Christmas Album" del marito o dava voce a Be My Baby (che è anche il titolo della sua autobiografia): la stessa persona che, un po' più piccola di statura e senza matita intorno agli occhi, ciondolava sul marciapiede davanti casa in attesa che qualcuno gridasse, ehi Butchie vieni qui che ti prendo a calci! Negli anni Settanta le sue copertine, con i seni semiscoperti, dicevano tutto della situazione in cui la donna era sprofondata, costretta per sopravvivere ad assecondare il boom della disco music. E' stato Joey Ramone, un anno fa, ad aiutarla a ritrovare con She Talks To Rainbows la convinzione perduta. Un piccolo disco di poche canzoni che ha accompagnato alcuni concerti europei in cui Ronnie ha più volte pianto sul palco per l'emozione, specie quando si è trattato di rilanciare canzoni come Don't Worry Baby dei Beach Boys (inclusa anche nel cd), che Brian Wilson disse di aver scritto pensando proprio a lei, o la storica Best Part Of Breaking Up. Su disco Ronnie canta con semplicità, senza mai esagerare, e quindi senza mai sbagliare. E' una voce stanca, la sua, ma molto più attraente ed intrigante delle freschezze compulsive delle ragazze che il mercato ci sbatte in faccia. Come schiaffi difficili da schivare.

  • 14/12/2005 13:23 - RONNIE SPECTOR - She Talks To The Rainbows (Kill Rock ...

    RONNIE SPECTOR - She Talks To The Rainbows (Kill Rock Stars) Ronnie Spector è stata la moglie di Ph... oh, al diavolo! Ogni tanto Lady Spector si rifà viva con un album intero o mezze porzioni, come in questo caso, e si diverte a cantare quelle canzoni che le appartengono per DNA e formazione culturale. E lo fa con quella voce un po' cartavetrosa ed autoflangerata ("Craa-aa-aa-yy") che è suo marchio di fabbrica. Parata di cover, che va dai Ramones ai Beach Boys ('Don't Worry Baby'), dagli Heartbreakers di Johnny Thunders ('You Can't Put Your Arms Around A Memory') alle Ronettes; come dire, un fil rouge invisibile ma ben saldo: Phil Spector ha scritto 'I Wish I Never Saw The Sunshine' (qui in versione live in Japan: Tokyo, feb '99) per le Ronettes ed ha prodotto il famoso 'End Of The Century' dei Ramones. Thunders era amico dei 4 pseudofratelli nonché cresciuto, in tutti i sensi, negli stessi club e per finire, il nesso tra la band dei Wilson bros ed i Gabbagabbisti è più che noto. Il miniCD, ma va là!, è anche prodotto da Joey Ramone e Daniel Rey, e quest'ultimo produsse nell'87 'Halfway To Sanity', disco dei Ramones in cui compare 'Bye Bye Baby', la cover che qui è cantata a due voci (Ronnie e Joey). Naturalmente, le tracce vengono limate e rese più zuccherose in modo da piacere a tutti, col solito rischio di non piacere a nessuno; comunque, non so perché ma album come questi vengono pensati per tipi normali e invece se ne innamora sempre la gente più strana e pericolosa... Apre 'She Talks To Rainbow', rubata dal commiato ramonesiano 'Adios Amigos!' ('95).

  • 14/12/2005 13:23 - RONY MICRO BAND(Italia) quintetto fiorentino dal alcuni anni sulle scene, protagonista ...

    RONY MICRO BAND(Italia) quintetto fiorentino dal alcuni anni sulle scene, protagonista di tanti festivals, ora approdata alla prima incisione discografica; “Terre” è album che evidenzia tutta la potenzialità del gruppo, impegnato ad interpretare musiche e canti kletzmer. Yiddish e di folk internazionale, con grande vigore e passione; la band dà il meglio di sé dal vivo, trascinando tutti alla danza

  • 14/12/2005 13:23 - RONY MICRO BAND Nei brani della Rony Micro Band si fondono ...

    RONY MICRO BAND Nei brani della Rony Micro Band si fondono gli echi della musica tradizionale europea con le storie personali dei suoi componenti. Le sonorità spaziano dall'est askhenazita e zingaro alla Spagna delle tre culture, dal nord celtico al sud mediterraneo, incontri effettuati anche grazie ad una passata esperienza come musicisti di strada. La band si è formata nel 1993, e da allora il gruppo si è sempre mosso con libertà stilistica su sentieri appena tracciati, fondendo sonorità differenti in una contaminazione che è sempre stata una caratteristica delle culture più vitali. Per questa scelta il gruppo si è spesso trovato ad affrontare la partecipazione a festival tematici con una musica per così dire di frontiera. Sicuramente è l'unica band che può vantare nel proprio curriculum la partecipazione per tre anni consecutivi a Irlanda in festa, un'occasione che raduna a Firenze migliaia di persone, al Fleadh Festival di Milano e l'intervento al primo Festival Klezmer di Ancona oltre ad un concerto accanto ai Klezmatics gruppo di New York tra i massimi interpreti di musica ebraica. Per non parlare poi del terzo posto ottenuto al Rock Contest di Controradio oppure il concerto tenuto - in condizioni ambientali estreme - sul Canal Grande di Venezia, durante la regata storica del Carnevale 1997. In questi anni hanno collezionato circa duecento concerti. Il gruppo ha registrato un CD "Terre", contenente i migliori brani dello spettacolo, che sarà presentato ufficialmente sabato 11 marzo durante Irlanda in Festa. Il concerto della Rony Micro Band alterna atmosfere travolgenti e coinvolgenti con momenti di riflessione e di ascolto, attraverso brani che segnano un percorso musicale autonomo attraverso invenzioni armoniche, contaminazioni stilistiche ed una buona dose di divertimento istrionico, la scommessa di raccontare delle storie usando una sorta di esperanto musicale più vivo e comprensibile delle singole lingue. Rony Bargellini (organetto, accordeon) Gianni Becucci (batteria, percussioni) Matteo Ceramelli (violino) Maria Loscerbo (voce) Luca Sgheri (basso)

  • 14/12/2005 13:23 - RONY MICRO BAND Nei brani della Rony Micro Band si fondono ...

    RONY MICRO BAND Nei brani della Rony Micro Band si fondono gli echi della musica tradizionale europea con le storie personali dei suoi componenti. Le sonorità spaziano dall'est askhenazita e zingaro alla Spagna delle tre culture, dal nord celtico al sud mediterraneo, incontri effettuati anche grazie ad una passata esperienza come musicisti di strada. La band si è formata nel 1993, e da allora il gruppo si è sempre mosso con libertà stilistica su sentieri appena tracciati, fondendo sonorità differenti in una contaminazione che è sempre stata una caratteristica delle culture più vitali. Per questa scelta il gruppo si è spesso trovato ad affrontare la partecipazione a festival tematici con una musica per così dire di frontiera. Sicuramente è l'unica band che può vantare nel proprio curriculum la partecipazione per tre anni consecutivi a Irlanda in festa, un'occasione che raduna a Firenze migliaia di persone, al Fleadh Festival di Milano e l'intervento al primo Festival Klezmer di Ancona oltre ad un concerto accanto ai Klezmatics gruppo di New York tra i massimi interpreti di musica ebraica. Per non parlare poi del terzo posto ottenuto al Rock Contest di Controradio oppure il concerto tenuto (in condizioni ambientali estreme) sul Canal Grande di Venezia, durante la regata storica del Carnevale 1997. In questi anni hanno collezionato circa duecento concerti. L'anno passato il gruppo ha registrato il CD "Terre", contenente i migliori brani dello spettacolo, presentato ufficialmente nel corso di Irlanda in Festa 2000. Il concerto della Rony Micro Band alterna atmosfere travolgenti e coinvolgenti con momenti di riflessione e di ascolto, attraverso brani che segnano un percorso musicale autonomo attraverso invenzioni armoniche, contaminazioni stilistiche ed una buona dose di divertimento istrionico, la scommessa di raccontare delle storie usando una sorta di esperanto musicale più vivo e comprensibile delle singole lingue. Formazione: Rony Bargellini (organetto, accordeon); Gianni Becucci (batteria, percussioni); Matteo Ceramelli (violino); Maria Loscerbo (voce); Luca Sgheri (basso).

  • 14/12/2005 13:23 - RONY MICRO BAND Nel repertorio di questa formazione fiorentina si fondono ...

    RONY MICRO BAND Nel repertorio di questa formazione fiorentina si fondono infatti gli echi della musica tradizionale europea e le storie personali dei suoi componenti. Le sonorità spaziano dall'est askhenazita e zingaro alla Spagna delle tre culture, dal nord celtico al sud mediterraneo. Un melting-pot che Rony Bargellini (organetto, accordeon) Gianni Becucci (batteria, percussioni) Matteo Ceramelli (violino) Maria Loscerbo (voce) e Luca Sgheri (basso) riescono a dare forma grazie anche alle passate esperienze come musicisti di strada. La band si è formata nel 1993, e da allora il gruppo si è sempre mosso con libertà stilistica su sentieri appena tracciati, fondendo sonorità differenti in una contaminazione che è sempre stata una caratteristica delle culture più vitali. Una musica di frontiera dunque, che ha portato spesso la Rony Micro Band a festival tematici. Sicuramente è l'unica band che può vantare nel proprio curriculum la partecipazione per tre anni consecutivi a Irlanda in festa, un'occasione che raduna a Firenze migliaia di persone, al Fleadh Festival di Milano e l'intervento al primo Festival Klezmer di Ancona oltre ad un concerto accanto ai Klezmatics gruppo di New York tra i massimi interpreti di musica ebraica. Per non parlare poi del terzo posto ottenuto al Rock Contest di Controradio oppure il concerto tenuto - in condizioni ambientali estreme - sul Canal Grande di Venezia, durante la regata storica del Carnevale 1997. In questi anni hanno collezionato circa duecento concerti. Il gruppo ha registrato un CD "Terre", contenente i migliori brani dello spettacolo, che sarà presentato ufficialmente sabato 11 marzo durante Irlanda in Festa. Il concerto della Rony Micro Band alterna atmosfere travolgenti e coinvolgenti con momenti di riflessione e di ascolto, attraverso brani che segnano un percorso musicale autonomo attraverso invenzioni armoniche, contaminazioni stilistiche ed una buona dose di divertimento istrionico, la scommessa di raccontare delle storie usando una sorta di esperanto musicale più vivo e comprensibile delle singole lingue. Rony Bargellini (organetto, accordeon) Gianni Becucci (batteria, percussioni) Matteo Ceramelli (violino) Maria Loscerbo (voce) Luca Sgheri (basso)

  • 14/12/2005 13:23 - Rònàn O’Snodaigh Giardiniere, costruttore di strade, avventuriero. Il front man e ...

    Rònàn O’Snodaigh Giardiniere, costruttore di strade, avventuriero. Il front man e solista dei Kila ha rivoluzionato il modo di suonare il bodhran con la sua tecnica innovativa. Egli suona anche un gran numero di altre percussioni. Atletico, un uomo della terra, il cui colore preferito è il marrone, il suo numero preferito il 10. E’ uno dei fondatori dei Kila nell’ottobre del 1987, ed un apprezzato poeta (sia in Inglese che in Irlandese) che usa i propri versi al servizio di un canto ritmico. Suona il suo bodhran con uno stile che spesso è simile alle talking drums e tablas. Rònàn ha suonato e registrato con Dead Can Dance ed ha recentemente registrato 12 sue canzoni inglesi che presto saranno su CD.

  • 14/12/2005 13:23 - SAB SISTA "Cronica" Lo stesso Bassi Maestro (insieme ai Sottotono e agli ...

    SAB SISTA "Cronica" Lo stesso Bassi Maestro (insieme ai Sottotono e agli A.T.P.C.) figura coinvolto in diversi episodi del primo album realizzato interamente a suo nome dalla torinese Sab Sista, già nelle cronache dell'hip hop nazionale per le apparizioni accanto ai Lyricalz, il contributo alla colonna sonora di "Torino Boys" e la partecipazione insieme a Giuliano Palma e Patrik dei Casino Royale ad alcune date dal vivo nell'ultimo tour de La Pina. Il suo "Cronica" alterna numeri leggeri e distesi "Vivo Così", "Vorrei Averti", "Resta Con Me" a fiere dichiarazioni di sè "Hip Hop Sista", "Mi Chiamano Sab Sista" e citazioni d'autore Battiato in "Equilibrio" funk duro e puro ed eleganti atmosfere soul, affacciando un potenziale commerciale di tutto rispetto.

  • 14/12/2005 13:23 - Sbronzi Di Riace E' già da qualche mese che circola il ...

    Sbronzi Di Riace E' già da qualche mese che circola il ritorno (dopo quattro anni) alle stampe degli Sbronzi di Riace, al secolo Stefano Cirillo, Mauro Canossa e amici: "Gli Sbronzi di Riace Cantano Il 68" (Nemesi) è un simpatico tributo alle canzoni di quell`anno, nel senso più vasto e collettivo del termine. Si va infatti da Eskimo, Dio E' Morto, Canzone Del Maggio, Ad Auschwitz, Primavera Di Praga, eh si Guccini la fa da padrone.... The Times They Are A Changing, fino all'immancabile tormentone di Hasta Siempre! Comandante. Se risentire strofe come quelle di Contessa farà venire i lucciconi a qualche reduce ed accenderà comunque il cuore di tanti altri, la piacevolezza dell'ascolto è legata soprattutto alla bontà dei nuovi arrangiamenti - opera del chitarrista Juan Carlos Flaco Biondini, un nome mitico per qualsiasi fan di Guccini - ed alla bellezza in sé di molte delle composizioni presentate, aldilà del loro legame col periodo che cantano. Pochi gli inni - a cui siamo allergici, lo confessiamo - molte le testimonianze di un comune sentire che, forse non si è ancora del tutto spento. Deludenti i due inediti "Il Mito" e "Questione Di Ore".

  • 14/12/2005 13:23 - SCISMA Armstrong Il mondo degli Scisma s'è dilatato. Neil Armstrong è la ...

    SCISMA Armstrong Il mondo degli Scisma s'è dilatato. Neil Armstrong è la loro guida e la Luna la prima meta del loro viaggio. La strada non è poi infinita, ma si tratta pur sempre di un tragitto che richiede coraggio, spirito d'iniziativa e ancora di più fantasia ed immaginazione. Gli Scisma sentivano il bisogno di fare la rivoluzione nelle loro teste e hanno cominciato dalle loro canzoni. Lasciando briglia sciolta al loro estro melodico, prima di tutto, ciò che li ha portati spesso - "L'Universo", "Tungsteno", "Jetson High Speed" e "I Am The Ocean" - ad un passo soltanto dalle rotte tracciate dai grandi pionieri del pop psichedelico, dagli inarrivabili Beatles fino ai contemporanei Flaming Lips, e poi affrancandosi disinvoltamente da ogni vincolo linguistico, così che li si può ascoltare infilare parole e frasi in inglese, francese e persino fiammingo ovunque si sia presentata l'occasione di farlo. "Ringrazio Dio che mi ha fatto troppo poco intelligente" si ascolta nel primo episodio dell'album: fin troppa umiltà, perbacco. Canzoni come quelle già citate - e possiamo ancora aggiungere al conto "Simmetrie" e "Giuseppe Pierri", il brano che Paolo Benvegnù ha dedicato al suo vecchio maestro elementare - non sono proprio da tutti e il gusto con il quale il gruppo ha arrangiato ciascuna traccia di "Armstrong" non è esattamente quello che possono avere delle formazioni tutto istinto ed impeto. Magari è proprio su questo genere di cose che gli Scisma hanno voluto lesinare un po' più del necessario, tanto almeno da dare più di una volta la sensazione di cedere alla tentazione di essere ricercati ad ogni costo. Ma forse era quello lo scotto che dovevano pagare per non finire sulle secche della banalità. Scisma dal vivo è PAOLO BENVEGNU’ (voce, chitarre); GIOVANNI FERRARIO (chitarre); DANILO GALLO (batteria); SARA MAZO (voce, chitarre); MICHELA MANFROI (pianoforte, campionatore); GIORGIA POLI (basso); MARCO TAGLIOLA (prod. suoni).

  • 14/12/2005 13:23 - Servotron Entertainment Program For Humans One Louder » ufficiale: ...

    Servotron Entertainment Program For Humans One Louder » ufficiale: l'astronave Man Or Astroman non Ë piÐ sola nella sua navigazione interstellare alla ricerca di scorie di modernatiato U.S.A. anni '50. Ad essa si Ë ora affiancata la navicella spaziale Servotron, ultimo ritrovato della N.A.S.A.( e della sua sezione segreta One Louder) per quanto riguarda gli apparati di recupero. L'equipaggio della navicella Ë composto da strani personaggi. Vestiti come i Rockets, rigidi come i Kraftwerk, intelligenti come i Devo, obliqui come gli Wire, pazzi come i B52's ( altri equipaggi ormai dispersi nello spazio ) i Servotron non sembrano neanche umani. Sono Robots infatti, parte della Servotron Robot Allegiance, macchine in grado di produrre sonorit‡ new-wave surf punk come nessun altro in questa galassia ( tranne che per i capi missione Man Or Astroman?del cui personale alcuni Servotron hanno fatto). Entertaiment Program For Humans Ë il nome in codice della loro missione. Silver Surfer se ne Ë gi‡ fatta una copia per il proprio walkman.

  • 14/12/2005 13:23 - SERVOTRON Entertainment Program For Humans (Second Variety) (One Louder) Quando gli eroi ...

    SERVOTRON Entertainment Program For Humans (Second Variety) (One Louder) Quando gli eroi della tua adolescenza o giù di lì cominciano ad essere celebrati e rivisitati storiograficamente, credo sia l’ora di farsi un bel buco in testa con la prima canna lunga che capita a tiro ed andare a spaccare la faccia a Tullio Solenghi in Paradiso. O, per eccesso di vigliaccheria, riporre la T-shirt con live fast die young e cercare di rendere almeno un bel servizio ai nuovi emuli. Questi Servotron, provenienti dalla geniusville di Athens, hanno ascoltato i primi due album di Devo e B-52’s (ed un po’ di robetta più moscia come l’electro-pop inglese degli Eighties), hanno ibernato nei loro cervelli (microchips?) i ritmi più cantilenanti e schizoidi delle due formazioni, li hanno annusati, girati e rigirati, amalgamati, bolizzati per poi rivomitarli in forma di dischetto compatto ai giorni nostri. E stranamente (o forse no) a dispetto degli ormai vent’anni trascorsi da quando i prototipi mietevano cervelli a milioni, i 12 pezzi si presentano freschi e digeribili come quelli di allora, perfino quando, come in ‘Phonetic Lecture’, il riff iniziale di chitarra sembra ‘Brand New Cadillac’ dei Clash spiegata ai bambini dell’asilo. Certo, la paranoia di quei giorni oggi ha lasciato il posto al gioco ma il tentativo di risvegliare quelle sonorità ha del commovente, che per quanto mi riguarda non è mai stata una parolaccia. Ragazze (anche se qui dovrebbe essere una sola!) che si sfidano in coretti da liceali nevrotiche come facevano Cindy e Kate, quando gli urlacci di Fred glielo permetteva, giri di chitarra e tastiera che sottolineano astronavi di plastica che si allontanano verso galassie di cartapesta, sconclusionati proclami scanditi con gli occhi di fuori e iniettati di sangue come era uso fare Mark, rullate ad alto killeraggio come venivano solo al religiosissimo Alan e quant’altro possa venirvi in mente di quei tempi. Un brano si intitola ‘Join The Evolution’ e scusate se ci ho colto della sottile ironia. Disco della passata stagione, absolutely.

  • 14/12/2005 13:23 - SHARON SHANNON Già a inizio anni '90, l'irlandese Sharon Shannon portava ...

    SHARON SHANNON Già a inizio anni '90, l'irlandese Sharon Shannon portava il suo accordeon in contesti non esattamente folk come Room to roam dei Waterboys. Oggi la ragazza è uno dei nomi di punta della scena tradizionale e può finalmente giocare la carta dell'album con ospiti secondo la moda lanciata dai Chieftains. L'attenzione al ricco e ricettivo mercato americano fa sì che fra gli invitati di The diamond mountain sessions (Grapevine) figurino Jackson Browne, John Prine e Steve Earle (bravissimo in The Galway girl). Quanto all'Europa, il trend principale si chiama Galizia e allora ecco, in due brani, l'eccellente cornamusa di Carlos Nunez. Disco sicuramente "furbo" ma gradevole.

  • 14/12/2005 13:23 - Sharon Shannon "Each Little Thing" L'organettista irlandese consolida la sua posizione ...

    Sharon Shannon "Each Little Thing" L'organettista irlandese consolida la sua posizione di strumentista mirabile e di artista spregiudicata, tra brani tradizionali e composizioni contemporanee. Il suo linguaggio musicale non disconosce affatto la tradizione musicale e la prassi esecutiva della contea occidentale di Clare e alla quale rimane fortemente ancorata. Ma dimostra di aver metabolizzato forme musicali anche distanti tra loro (rock, jazz, reggae, dance, umori latini) a tal punto che troviamo finanche un'inusitata versione della piazzolliana Libertango, cantata da Kirsty Mc Coll ed El Mercado Testaccio, degli Inti Illimani dell'esilio romano. I suoi prestigiosi collaboratori, tra cui Donal Lunny, il bassista ex-Waterboys Trevor Hutchinson e la violinista Mary Custy non restano in ombra, anzi sono pienamente co-protagonisti nella riuscita di questo magnifico terzo album di Sharon.

  • 14/12/2005 13:23 - Basi spinte, sonorità corrosive, voci filtrate e produzione buona, il ...

    Basi spinte, sonorità corrosive, voci filtrate e produzione buona, il tutto eseguito con cognizione di causa, ma la personalità latita. "Sub Electronica Chapter 2" è il secondo capitolo della serie inaugurata lo scorso anno dalla Betaform (sussidiaria della barese Minus Habens) con l'intento di far emergere formazioni sconosciute e che muovono i primi passi all'interno della scena elettronica, ambient, drum'n'bass, crossover, EBM, experimental o techno. Quasi sufficiente il livello qualitativo dei 14 partecipanti (italiani, con l'eccezione dei francesi Servovalve e The Evidence e dei semi-svizzeri Hi Tom), tra cui emergono Maurizio Landini, i già citati Servovalve, A034 The Insider e Strek Vs Atzmo, mentre andrebbe sviluppata la proposta della All Scars Orchestra accompagnata da Daniele Brusaschetto. Annotazione: a volte l'eterogeneità dei gruppi finisce per risultare controproducente.

  • 14/12/2005 13:23 - SUN ELECTRON KITCHEN: Avevamo parlato non troppo bene del loro ...

    SUN ELECTRON KITCHEN: Avevamo parlato non troppo bene del loro singolo il mese scorso, un 12" ristampato sull'onda del credito che la band attualmente vanta in UK. Ci avevano pronosticato un campionario di suoni ultra-subliminali, di "canzoni liquide", di lunghe suites sussurrate, di profonde tracce arpeggiate. Album solare (... E per forza...), non pigia mai sull accelleratore, in compenso, ha un'ottima autonomia. Grandioso. Brani come "Up the drsin", "Solcai" "Lichterfelde" o il remix di «Sydney lo 1we>ff (una regatta cosmica da brivido) aiutano a comprendere lo spessore di questi S.E. Amniotici, Viscosi, fluttuanti nelle galassie

  • 14/12/2005 13:23 - SUX! "DI FRONTE AL CIVICO 13" SANTERIA/AUDIOGLOBE Nati dalle ceneri dei Sundowner, ...

    SUX! "DI FRONTE AL CIVICO 13" SANTERIA/AUDIOGLOBE Nati dalle ceneri dei Sundowner, i Sux! esordiscono nel '98 con "Contatto cuore-stomaco", album che riesce a richiamare su di se l'attenzione degli addetti ai lavori e a far guadagnare alla band copertine su riviste specializzate e qualche apparizione televisiva. Dopo vicissitudini di ogni sorta, non ultima la ricerca di una nuova label, "Di fronte al civico 13" vede la luce a tre anni di distanza dall'album d'esordio. L'impressione che se ne ricava è che il quartetto abbia raggiunto una notevole maturità riscontrabile nella musica quanto nelle liriche. Arrangiamenti particolarmente curati e una attenta ricerca sonora fanno sì che un alternarsi di atmosfere, dalle frenesie di raggianti chitarrismi su tempi spezzati a eleganti momenti acustici di sapore seventies, si muovano attraverso l'utilizzo degli strumenti più diversi: fender rhodes, mandolini, microsynth. I Sux! danno inoltre prova di una spiccata vena pop (nella più alta delle accezioni) senza tradire quel sound riduttivamente chiamato "alternativo" e senza troppi effetti speciali, mantenendo una purezza compositiva dettata da un viscerale amore per la musica intesa come espressione delle pulsioni dell'animo umano.

  • 14/12/2005 13:23 - SUX! – Di fronte al civico 13 (Santeria) Dopo “Contatto Cuore-Stomaco” ...

    SUX! – Di fronte al civico 13 (Santeria) Dopo “Contatto Cuore-Stomaco” del 98 i Sux! cambiano direzione. Lasciano la distribuzione di una major per passare a quella di una etichetta indipendente, ben sapendo che le idee, se sono buone, possono essere veicolate con sapienza senza l’appoggio di colossi che, spesso, si trasformano in pesi insostenibili. Così dopo due anni passati a suonare dal vivo, ad aprire i concerti di Six Minute War Madness e Afterhours, i Sux! hanno trovato anche il tempo di registrare le nuove canzoni che compongono questo disco dal titolo piuttosto particolare, legato alla situazione delle sessions, incise in uno studio mobile senza numero civico, posto di fronte ad un enigmatico tredici. Colpisce subito il nome del produttore artistico di questo nuovo lavoro dei Sux, almeno per chi, come il sottoscritto, ha vissuto intensamente i primi sviluppi del post-punk italico dei primi anni ’80. Dietro la consolle, infatti, ritroviamo Fabio Magistrali, dei Weimar Gesang, storico gruppo lombardo di quell’onda che fu. I brani, concepiti con chitarra acustica e voce hanno un tono malinconico, intimista. Sono uno sfogo contro una società (quella più piccola della musica e quella più grande dove viviamo) apparentemente ricca ma sostanzialmente povera di quello che ci occorre. Da questa metafora partono le canzoni di Giorgio Ciccarelli e la trama non ha importanza. Più importanti sono le sensazioni, le atmosfere suscitate dai brani, poiché diventano indicatori emozionali. Ogni storia è un’invenzione, in cui di vero c’è la memoria affettiva attraverso la quale siamo alla ricerca della nostra identità. E di canzone in canzone emerge il ritratto di una esistenza vissuta secondo ritmi non sincronizzati con quelli frenetici e sincopati di oggi. Ritmi che permettono di riflettere e di dedicarsi allo spirito.

  • 14/12/2005 13:23 - SWERVEDRIVER "Wrong Treats" Un nuovo straordinario incastro nel magico puzzle dell'arte postpsychedelica ...

    SWERVEDRIVER "Wrong Treats" Un nuovo straordinario incastro nel magico puzzle dell'arte postpsychedelica degli Swervedriver, famoso quartetto di Oxford diretto dal cantante Adam Franklin e dal chitarrista Jimmy Hartridge. "Wrong Treats" l'unico titolo già conosciuto, tratto dal loro ultimo LP "99th Dream" disegna arcobaleni sonori, saturi di elettricità, che irradiano stupende visioni di rock spaziale. La floydescente "Homeless Homecoming" registrata alla fine di agosto 98 individua i segni evolutivi del futuro del gruppo più contemplativi e siderali: un vero diamante allucinogeno carico di cellule lysergiche avvitate su mistici vortici di chitarre metallifere. L'epilogo del disco è affidato a "Chateau In Virginia Waters" onirica divagazione fra i flutti psych/folk di fine anni 60 particolare rifacimento semi-modernista di una canzone firmata Marc Bolan rapita al periodo più hippy dei leggendari Tyrannosaurus Rex (la versione originale appare su tyrannosauro-album "My People Were Fair And Had Sky In Their Hair" del 1968). Swervedriver, sempre meravigliosi.

  • 14/12/2005 13:23 - TECHNICAL ITCH Stronghold Poi, assieme al produttore Mark Caro, da vita ai ...

    TECHNICAL ITCH Stronghold Poi, assieme al produttore Mark Caro, da vita ai TECHNICAL ITCH con un suono che, se da una parte appare sofisticato, dall’altro è anche più estremo.

  • 14/12/2005 13:23 - TESTOSTERONE Il gruppo inizia la propria attività ad Imola nel '97, ...

    TESTOSTERONE Il gruppo inizia la propria attività ad Imola nel '97, con il nome di TESTOSTERONE ADDICTION. La formazione è costituita da Fulvio Tassi (chitarra e voce), Riccardo Galeotti (chitarra e voce), Alan Veda (basso e voce) e Simone Cavina (batteria). I componenti, tutti indigeni, sono "reduci" da precedenti esperienze musicali o comunque collaborano con altre band locali. Il repertorio è inizialmente basato su cover songs attinte dalla tradizione del Rock'n Roll, come ad esempio Iggy Pop, Husker Dü, Patti Smith, etc. Durante l'estate successiva, il gruppo s'esibisce tenendo numerosi concerti nelle province di Bologna, Ravenna e Forlì. Nel '98 il batterista Simone Cavina esce dalla band e viene rimpiazzato da Daniele Martelli; contemporaneamente la formazione così rinnovata decide di cambiare nome, sparisce "ADDICTION" e rimane solo TESTOSTERONE (di seguito abbreviato come TXT). Fra il '98 ed il '99 avviene la svolta; stanchi delle cover, i TXT si chiudono in sala prove per trovare la giusta ispirazione e preparare finalmente un repertorio di pezzi originali. Il duro lavoro dei mesi successivi produce i frutti sperati, per cui le 15 canzoni che vengono composte e che nascono esclusivamente da "improvvisazioni", vedono i quattro come responsabili in egual misura. Sull'onda dell'entusiasmo il gruppo inizia a registrare il nuovo materiale presso l'ENKI STUDIO di Imola, grazie anche alla preziosa disponibilità e collaborazione del suo titolare Saul Alieri. Nel settembre '99 ai TXT si presenta l'opportunità di avere il battesimo del fuoco con la formazione ed il repertorio rinnovati; la colgono tenendo un concerto del quale viene di seguito riportata la recensione pubblicata sulla principale fanzine locale: MUSIC in RAGS "TESTOSTERONE ADDICTION Chiavica 9/9/99": «Doveva evssere una festa. La festa della birra? hm birra... si, c'era molta birra, ed io non avevo soldi. La crisi d'astinenza da alcool iniziò ben presto a dare disastrosi effetti sul mio debole ego e poi furono allucinazioni. C'era Lou Reed sul palco, ma cantava in italiano con uno strano accento dissimulato, e aveva un gran bel gruppo, il bassista cantava con due voci ed il chitarrista sublimava la mia povera presenza in magnifici effetti. (le chitarre del Lou Reed del Santerno si sentivano poco, ma il suo solo esserci era gratificante). Uscito dalla crisi, il giorno dopo, ricordavo canzoni come jingles martellanti, quasi vive nel mio cervellino, dirette e vivaci - qualcosa su un amore omosessuale?- ed una gran versione di "Rock'n'roll niger". Mi accorsi anche di essermi bagnato nel sonno... maledetti eccessi di testosterone. Occhio Smorto» Nel dicembre '99 la band decide di registrare una "bizzarra" ed irrobustita versione della canzone "Mamma Mia" degli ABBA. Il progetto, assolutamente "no-profit", vede immediatamente la luce grazie anche al fondamentale apporto dei componenti degli ABUSIVI, altra formazione di rilevanza locale. Del brano vengono poi prodotte su CD 100 copie numerate, con lo scopo di essere regalate, dagli autori di questa zingarata, ad amici e parenti in luogo di singolare "strenna" natalizia. Nonostante la natura goliardica dell'iniziativa un DJ, venuto in possesso del CD in chissà quale maniera, trasmette la canzone da una radio locale, suscitando immediatamente la curiosità e l'interesse degli ascoltatori. Le conseguenti richieste di ristampa rimangono e rimarranno comunque insoddisfatte. Ad oggi i TXT, terminate le incisioni, stanno curando il missaggio dei materiale registrato, che andrà a far parte di un CD autoprodotto. Sono state inoltre effettuate delle riprese con videocamera digitale, dalle quali ricavare in futuro un video autoprodotto di uno dei brani.

  • 14/12/2005 13:23 - THE BEVIS FROND/Valedictory Songs Nick Saloman continua a confezionare album che ...

    THE BEVIS FROND/Valedictory Songs Nick Saloman continua a confezionare album che sono "solo", prendere o lasciare, raccolte di impeccabili ballate e rock song chitarristiche, autorevolmente modellate sulle infinite suggestioni di un periodo che per molti rappresenta l'irripetibile epoca aurea della storia rock. A differenza di Vavona Burr del '99, registrato in totale solitudine, qui ci sono i fidi Adrian Shaw e Andy Ward a fornire un'affiatata sezione ritmica e, una tantum, il disco non è stato registrato nel garage di casa ma in un vero studio. Rilassata antistar, Saloman compone, per se stesso ancor prima che per il suo scelto pubblico, una sorta di diario intimo in canzoni che lo porta a formulare malinconiche riflessioni esistenziali e a ritrarre scorci affettuosi della sua Londra. E se la maturità implica anche un'oculata moderazione negli imbellettamenti psichedelici, quel che rimane è un Bevis Frond puro e schietto, contraddizione vivente sul cadavere del rock: "il rock della vecchia scuola è morto ieri nel canale/controllati il polso nel caso ci fosse stato un errore".

  • 14/12/2005 13:23 - BOBO RONDELLI - Ex cantante e leader della formazione livornese ...

    BOBO RONDELLI - Ex cantante e leader della formazione livornese Ottavo Padiglione, Bobo Rondelli ha recentemente dato alle stampe il proprio album di debutto  "Figlio del nulla": cinque brani inediti e otto pezzi selezionati dal repertorio degli Ottavo. Il disco è prodotto dalla casa discografica pisana Arroyo Records di e ha visto la  produzione artistica dello stesso Rondelli e di Alessandro "Amek" Ferrari, già collaboratore di Ligabue.  Rondelli é inoltre reduce inoltre da diverse esperienze cinematografica, tra cui "Sud Side Story" di Roberta Torre

  • 14/12/2005 13:23 - BRON-Y-AUR Attivi sin dal 1995 sono da sempre considerati un gruppo ...

    BRON-Y-AUR Attivi sin dal 1995 sono da sempre considerati un gruppo radicato nei seventies, sicuramente non nascondono di aver riempito le loro giornate in gioventù tra Led Zeppelin e Black Sabbath, per essere folgorati successivamente dal kraut rock tedesco, dal free jazz e dal post-rock. Questo insolito mix dà vita ad una band decisamente originale e poliedrica, capace di esaltare la propria radice rock come di affiancarsi ed interagire con musicisti di altra estrazione in jam session di pura improvvisazione. Formazione: Fabio Cerina (chitarra elettrica ed acustica); Luca Ciffo (chitarra); Fiè (Percussioni); Marco Mazzoldi (percussioni) Ultimo disco: Between 13 & 16 – 2001 - (Wallace Records) Sito internet: www.bronyaur.da.ru

  • 14/12/2005 13:23 - THE KOVENANT "Animatronic" E' un luogo comune considerare che l'heavy metal tenda ...

    THE KOVENANT "Animatronic" E' un luogo comune considerare che l'heavy metal tenda a fossilizzarsi in formule collaudate, ma spesso i fatti smentiscono questa abusata teoria. Prendete il caso dei norvegesi Covenant: dopo l'album d'esordio realizzato con mezzi irrisori, "In Times Before The Light", esplodevano letteralmente con il successivo "Nexus Polaris" (1998), eletto fra i classici assoluti del black metal d'atmosfera, alla stessa stregua delle principali opere di Cradle Of Filth, Arcturus, Dimmu Borgir, Emperor... E siccome "Nexus Polaris" veniva addirittura premiato come miglior album rock dell'anno (l'equivalente di un Grammy) nel proprio Paese, era assolutamente lecito che i Covenant non cambiassero lo stile vincente. Invece l'abbandono del tastierista Sverd, anima 'progressive' del gruppo, non ha indotto i Covenant a cercare un sostituto della stessa vocazione. Il trio superstite ha modificato parzialmente anche il nome Kovenant, per sottolineare la metamorfosi stilistica verso un suono decisamente più elettronico, al punto di scoraggiare il suo pubblico 'conservatore'. Ingiustamente, perché il terzo "Animatronic", con la sua vena cyber-sinfonica sospinta da pulsioni techno, dimostra una volta di più come The Covenant siano tutt'altro che una band qualsiasi: subito "Mirror's Paradise" vive di una malevola ispirazione operistica proiettata nel futuro, integrando spettacolari cori femminili ed una dinamica formula spaziale post-classica. "New World Order" e "Spaceman" sono la miglior testimonianza di questa musica nelle sue forme più accessibili: e fra pirotecnici artifici da 'minaccia stellare', "Jihad" e "The Human Abstract" esaltano le qualità di voci soprano che intonano arie orientali, l'equivalente di quanto Hangnail hanno realizzato nello stoner. Se vi può interessare una soluzione plausibile di metal del nuovo millennio Kovenant la praticano in "Animatronic".

  • 14/12/2005 13:23 - THE LADYTRON The Ladytron I Ladytron fanno parte della misconoscluta famiglia ...

    THE LADYTRON The Ladytron I Ladytron fanno parte della misconoscluta famiglia di gruppi Shimmy Disc, etichetta ultra underground newyorchese gestita dal "pazzo" Kramer. Il progetto è semplice: produrre tutta la musica americana più trasgressiva sul versante noise psichedelico. The Ladytron appare come un bel lavoro di psichedelia melodica affine all'area denominata Elephant Six (Apples In Stereo, Olivia Tremor Control, etc...) e, in secondo luogo, per l'impronta tipicamente zappiana che ogni estimatore d'annata saprà riconoscere. Se siete attratti da quella tendenza vagamente epica di mettere in scena certa musica acida (pensate agli ultimi Mercury Rev e ai Flaming Lips), qui troverete senz'altro pane per i vostri denti. L'uso dell'oboe e degli strumenti a fiato, poi, rimandano ad un sound già abbondantemente sperimentato da gruppi come gli Eels. L'aspetto positivo del lavoro in questione, comunque, è rappresentato dal fatto che tutti gli elementi di paragone fin qui cicati convivono in maniera veramente atipica. Prendete, ad esempio, quella sorta di strampalata marcia che è I Know How Hard You Dream, oppure le stravolte bowieain-zappiane Get Yerself A Telegraph e Headaches & Bad Days. Tra le altre si fanno notare anche una ballata alla Super Furry Animals come Sphere: Welcome o song più indianeggianti quali Sweet Tooth e Jiving Me. A questo punto rimane poco altro da dire, perché il gradimento è assicurato.

  • 14/12/2005 13:23 - THE METRONOMES Radio Days Il titolo, "Radio Days", è quantomai emblematico, ...

    THE METRONOMES Radio Days Il titolo, "Radio Days", è quantomai emblematico, perchè i giorni della radio sono soprattutto gli anni '30-'40-'50: fra i quali quelli della guerra, di atrocità e di patetica censura nazi-fascista nei confronti del jazz del nemico americano. Impegnarsi nel far rivivere le spensierate canzoni di quei tempi, ora che abbiamo tagliato il traguardo del duemila, non è operazione da poco, anche se i tre musicisti trevigiani che fra varie collaborazioni di rilievo hanno dato vita al progetto The Metronomes vantano grande passione per il jazz, lo swing e il jump'n'jive Francesco Michielin (voce e kazoo), Carlo Piccoli (piano) e Stefano Fedato (batteria, supportati da vari ospiti dell'area jazz e R&B, ripropongono impeccabilmente gli stessi frizzanti brani che furono in origine di Pippo Starnazza, del Quintetto del Delirio (è presente anche una versione de "Il giovanotto matto" dell'allora ventenne Lelio Luttazzi), oltre che di importazione. Ma furono soprattutto i "nostri" giorni della radio e farà bene a qualcuno sapere che in Italia la canzone esisteva, ben prima dei Beatles e di Elvis Presley, e avvicinarsi all'epopea di "Mille lire al mese" a cui va attribuita un'antesignana valenza "pop"; difficile andare più vicini di così a queste radici", a meno di tentare l'arduo recupero delle registrazioni originali o cercare la lucida testimonianza di Astore Pittana, trombettista triestino oramai novantenne, forse l'ultimo reduce protagonista dell'epoca (Contatti: 0422/406066).

  • 14/12/2005 13:23 - THE MICRONAUTS Bleep To Bleep (Science/Virgin) Promettono di essere la prossima ...

    THE MICRONAUTS Bleep To Bleep (Science/Virgin) Promettono di essere la prossima rivoluzione del nuovo suono elettronico, il francese Christophe Monier (già nel progetto Impulsion) e il greco-canadese George Issakidis: il singolo The Jag, nella scorsa estate, si era già segnalato come sotterraneo capolavoro di acida technohouse, accompagnato da un altrettanto visionario clip firmato da Gregg Araki. Dopo aver rimissato gente come gli Underworld e i Chemical Brothers, il loro nuovo lavoro, in attesa di un album vero e proprio, è da considerarsi un EP, per quanto la durata superi i 40 minuti, ed esplora ulteriormente la strada già tracciata: ritmi distorti, linee di basso minimali e ossessive, un sapore generalmente acido, da pasticca. A questo si aggiunga che, come suggerisce il titolo del disco, contenente infinite variazioni sul tema, è il cosiddetto suono bleep-traducibile in italiano come bip, ovvero sequenze apparentemente sconclusionate di frequenze elettroniche-, che caratterizzò gli inizi della produzione Warp una decina d'anni fa, ad essere qui oggetto di omaggio e ispirazione. Baby Wants To Bleep...

  • 14/12/2005 13:23 - THE PROWLERS - IRON MAIDEN TRIBUTE: Nascono a Roma nel ...

    THE PROWLERS - IRON MAIDEN TRIBUTE: Nascono a Roma nel 1996 ed è proprio nella loro città natale che riscuotono i primissimi successi portando in locali storici quali Frontiera, Coetus, Alkatraz e Alpheus il tributo alla più famosa band della new wave of british heavy metal; con il passare del tempo il successo e la fama del gruppo si estendono a tutta la penisola, i concerti toccano le più svariate località dello stivale ed il gruppo non perde occasione per riconfermare sul campo, con performance sempre più fedeli all'originale, la nomea che ormai li decanta come "LA" tribute band degli Iron Maiden. Personalmente rimasi a dir poco impressionato, la prima volta che li vidi all'opera, dalla maniacale cura con cui i brani venivano riproposti e dalla fedeltà alle sonorità originali (semplicemente incredibile la somiglianza timbrica del cantante con quella del più famoso Dickinson). La line-up odierna vede Fabio Minchillo alla voce; Fabio Schirato e Stefano "Napo" D'Orazi alle chitarre; Alessandro Vincis al basso e Claudio "K" Cappabianca alla batteria.

  • 14/12/2005 13:23 - THE RONDELLES Shined Nickels & Loose Change Sei brani inediti e ...

    THE RONDELLES Shined Nickels & Loose Change Sei brani inediti e i restanti estrapolati da precedenti produzioni compongono questo album delle Rondelles, una all female band dalle visioni musicali affini a quelle di molte consorelle del circuito gravitante intorno a quel di Olympia, Wa. Ruvido garage, scheletri post-punk e bella presenza vocale sono gli elementi cardine a cui si aggiunge l'uso del Farfisa e, fuon contesto, una vaporosa e disturbata Fort Surrounded. Tuttavia, come traspare dal nome un po' retrò, spicca nella loro musica un'attitudine giovanilista da r'n'r high school, in qualche caso da far addirittura rimembrare le gesta di "Grease" (vedi la Cafeteria Rock degli Shimmy Beckers). Da inserire in heavy rotation la cover di Like A Prayer (Madonna).

  • 14/12/2005 13:23 - THE SORTS The Hawaiian Bronco The Sorts, invece, sono una vecchia conoscenza: ...

    THE SORTS The Hawaiian Bronco The Sorts, invece, sono una vecchia conoscenza: lo scorso anno, infatti, hanno licenziato - oltre ad un riuscitissimo split con The Boom - un album (More There, su etichetta Slowdime) sul quale i componenti di questo supergruppo - Josh La Rue di Sea Tiger, Jack O' Fire e degli stessi The Boom; Chris Farrall degli Hoover e Stuart Fletcher dei Sea Tiger - davano libero sfogo alla propria passione per lunghe improvvisazioni strumentali dal sicuro impatto sonoro. Su The Hawaiian Bronco, che si giova della produzione di Juan Carrera (The Warmers) e della partecipazione di Fred Erskine (June Of 44) alla tromba, il gruppo si muove sugli stessi collaudati territori: le prime due composizioni e le ultime tre si somigliano quasi come gocce d'acqua, con le chitarre a seguire i tempi dettati dalla batteria, capace di generare strumentali magnetici ed estemporanei. La sorpresa viene da Magnet Dub: un'incursione nel dub, appunto, che non può che lasciare spiazzati di fronte alla maestria con la quale i musicisti riescono a suonare un genere (che si credeva) a loro poco congeniale. Potenza della musica o doti nascoste del trio?

  • 14/12/2005 13:23 - ALAIN CARON 4et PAUL BROCHU batteria; ALAIN CARON basso elettrico; MARCO ...

    ALAIN CARON 4et PAUL BROCHU batteria; ALAIN CARON basso elettrico; MARCO LUCIANI tastiere; FRANCOIS D'AMOUR sax. "Chiamatemi Al" A metà fra il mondo del contrabbasso e del basso elettrico si trova il mondo del basso senza tasti. Molti dei capaci bassisti che usano il basso coi tasti non si sono mai cimentati ne mai si cimenteranno col fretless. è una disciplina esatta e che non perdona, che richiede un'assoluta padronanza e conoscenza della tastiera. Col basso coi tasti c'è quella distanza fra i due tasti che ti perdona; suona in qualsiasi punto fra i due tasti e potrai essere sicuro di uscire con una nota presentabile. Col fretless, invece, anche la metà della dimensione del tuo più piccolo dito è più che sufficiente per sbagliare mira. Ci sono quelli che però sembrano capaci di danzare per quella liscia tastiera come acrobati sul filo, sfornando cascate di note con un'intonazione perfetta. Pensiamo ai nomi come Gary Willis, Jaco Pastorius, Michael Manring ed ovviamente arriva anche il nome di Alain Caron. Unite quest'abilità col fatto che Alain suona un sei corde senza segnaposizione sulla tastiera o a lato di essa, scegliendo questo stile, un ibrido avanzato fra jazz e rock, e la mente vacilla. Quando si dice l'estremo lavoro d'equilibrio! L'articolo di copertina di questo mese da un'occhiata al gentiluomo che è stato chiamato il miglior suonatore di fretless vivente. Guardiamo i suoi modesti inizi, in cui entra per caso nel mondo del basso, continuiamo verso il suo decennio coi giganti del jazz, gli UZEB, fino ai suoi ultimi quattro dischi da solista, col suo più recente "Call me Al" Global Bass: Inizieremo chiedendoti del titolo, "Call me Al", che sembra un'amichevole maniera di mettere la gente a proprio agio. Alain Caron: Beh, lo è... per gli ultimi vent'anni, più o meno, ho viaggiato lontano dal Quebec, ho avuto spesso a che fare con gente non francofona. Germania, Italia, Giappone, qualsiasi posto. Ho capito che questo nome era un po' difficile da pronunciare. GB: La traduzione inglese di Alain è Allen? Al: Esattamente. Così ho cominciato a dire alle persone che facevano fatica a pronunciare il mio nome "chiamatemi Al e andrà benissimo". GB: Un sacco di adolescenti maschi iniziano a suonare per incontrare le ragazze, ma ciò di solito non avviene prima di quindici o sedici anni d'età. Tu hai cominciato alla ben più verde età di undici anni. Qual'è stata la spinta, ad una così precoce età? Al: In realtà ho cominciato con la chitarra a circa sei anni, poi a circa nove ho chiesto ai miei genitori se potevo suonare la batteria. Me ne hanno comprata una ed ho cominciato a picchiarci su un po'. Ovviamente facevo un sacco di casino, in casa! Stavo ancora cantando e suonando la chitarra, quando un concorso è stato presentato nella cittadina dove vivevo. L'ho vinto e la band di supprto mi ha chiesto di unirmi a loro per suonare un paio di sere a settimana. Era un trio con un tastierista che suonava il basso con la tastiera ed un batterista. In realtà era un duo più un cantante. Mi hanno chiesto di unirmi come chitarrista. Il loro tastierista era un ex-bassista, aveva un magnifico Fender Jazz Bass e su un paio di pezzi voleva suonare la fisarmonica. Mi ha insegnato a suonare il basso in quel paio di pezzi. Quindi, durante l'estate, una delle mie sorelle stava suonando in una band più professionale ed il suo bassista se ne andò, perciò mi dissero: "OK, sarai il suo sostituto per GB: E ti hanno detto di si?!? Al: Hanno detto di si. GB: So che in Quebec i bar stanno aperti fino a tardi, tuttavia, come fa un quattordicenne ad entrarci? Sono sorpreso che i tuoi genitori ti abbiano dato l'OK. Al: Beh, ero molto responsabile per la mia età, i miei genitori sono grandi persone e gli feci capire che avrei voluto suonare per il resto della mia vita. L'unica possibilità per farlo era lasciarmi andare. Comunque ero molto serio in proposito. Voglio dire, mi divertivo e me la ridevo tutto il tempo, non ero uno sfigato che stava seduto in cantina tutto il giorno, ero molto socievole; d'altra parte ero molto organizzato con la musica. Sapevo cosa volevo fare. GB: Il basso che ti ha prestato il tastierista aveva i tasti? Al: Si, era un bellissimo Jazz Bass del '60 o del '59, molto bello. Lo volevo avere tutto per me ma finì rubato. Terribile. GB: Forse ti può consolare che probabilmente ora il basso è stato dato a qualche musicista e non ad un semplice ladro, ed ora può essere nell mani di qualcuno che nemmeno sa che è stato rubato. Al: Esattamente, probabilmente è nella cantina di qualcuno. GB: Allora, cosa ti ha spinto al basso senza tasti? Al: In realtà quando cominciai con quel gruppo, a quattordici anni, un bassista mi vendette un basso fretless Lancer. Credo fosse fatto in Giappone ma non sono sicuro. GB: Aveva i segnaposizione? Al: No, aveva una tastiera di ebano ed un manico piccolo ed arrotondato. L'ho suonato e mi è molto piaciuto, ma mi sono sempre tenuto anche il Fender coi tasti. Ovviamente dopo l'arrivo di Jaco e le sue modifiche al basso Fender, anch'io modificai il mio. GB: A quel punto così iniziale della tua carriera non trovavi le esigenze di un fretless piuttosto intimidanti? Al: No, perchè ho cominciato ad ascoltare i contrabbassisti come Ray Brown quando avevo quattordici anni. Per me era la cosa più vicina al contrabbasso, era già uno strumento a sè stante. Le stesse funzioni ma due voci diverse. è simile al violoncello, a parte per l'arco, col quale puoi eseguire un crescendo, cosa che invece non puoi fare sul basso per via del pizzicato. A parte ciò tutti gli altri parametri d'espressione ci sono. Per me il basso fretless è molto più espressivo di quello coi tasti. GB: Hai incontrato Michael Cusson nel 1977. Era già in un gruppo? Al: Suonavano ogni lunedì sera in un club in città, così andai a vederli. Jean St. Jaques allora era alla batteria, ed era incredibile! Mi piaceva un sacco come suonava perciò gli dissi che avrei voluto suonare con loro. "Siete nelle mie mire perchè suonate gli standard ma siete anche aperti a nuovi stili, come Miles Davis, i Weather Report, Chick Corea" Jazzisti, ma con un suono rock. GB: C'era già gente che ti stava a guardare? Attiravi già, a quell'età, l'attenzione delle persone, dicendo che avevi qualcosa di speciale? Al: Si, me l'hanno sempre detto. Sai, è strano, quando giravo col gruppo da Top 40, tutti mi dicevano "sei pazzo, ti eserciti TUTTO il tempo! Sei troppo bravo per questo genere di musica. Smetti di esercitarti e vieni a farti una birra con noi!", Io continuavo a dirgli di no, perchè non volevo passare la mia vita in un gruppo da Top 40, volevo già suonare jazz e suonare in studio. Come ho già detto ero molto serio, avevo bene in mente dove volevo arrivare. Volevo viaggiare il mondo, suonando la mia musica. GB: Il Quebec ha molte superstar, artisti dal successo femomenale localmente, ma quasi sconosciuti al di fuori di tale provicia. In ogni caso gli UZEB, e tu da solo, siete riusciti ad oltrepassare tale barriera. Sei considerato molto seriamente non solo in Canada, ma anche in tutto il mondo. Al: Dato che non avevamo testi usavamo un linguaggio internazionale (quello della musica). Per gli artisti del Quebec la barriera è la lingua. Non voglio parlare di politica ma il Quebec è un isola del Nord America, è come una terra isolata. GB: Però hai assolutamente ragione quando dici che la musica è un linguaggio internazionale. Al: Esatto. Sapevamo fin dall'inizio che sarebbe stata dura; avremmo raggiunto una minore percentuale degli ascoltatori radio e TV, perciò ci avremmo messo di più ad arrivare dove volevamo; però sapevamo che avevamo le potenzialità, per diventare una band internazionale. Perciò fin dall'inizio abbiamo deciso di confrontare il nostro livello musicale su un piano internazionale, non solo nazionale. è molto diverso. Provenendo da una piccola città, anche in Quebec, può diventare un grande in poco tempo, ma non necessariamente ad un livello internazionale. Noi ci siamo sempre confrontati, in termini di sonorità e modo di suonare, agli altri gruppi di tutto il mondo. GB: Sarebbe terribile essere una star nel proprio paese e poi spostarsi all'estero per scoprire che non potresti mai farcela. Al: Ecco perchè allora rimanemmo molto umili, ed io lo sono tuttora. Su scala mondiale il livello è piuttosto alto. GB: Quando ti chiamano "il bassista più forte", ti senti a disagio? Al: Beh, non è una gara. Non è come lo sport, non stai correndo. Puoi affermare tecnicamente questo o quello, ma alla fine è questione di gusti. Come in poesia. Non si può essere il miglior poeta del mondo, non puoi dirlo; tuttavia puoi essere il migliore per una persona o per un gruppo di persone. Jaco Pastorius era considerato il miglior bassista del mondo, ciononostante ho conosciuto diversi musicisti a cui non piaceva come suonava. Finchè una sola persona ti dice che sei il migliore, lo sei. Per lui. Può essere molto incoraggiante. GB: Dieci album durante la vita degli UZEB, lungo un periodo di dieci anni; è un bel lavoro! A questo punto la fine del gruppo è stato un naturale processo di rallentamento della "macchina"?

  • 14/12/2005 13:23 - THRONES Sperm Whale Tutt'altro che agile è al confronto il suono ...

    THRONES Sperm Whale Tutt'altro che agile è al confronto il suono che Joe Preston confeziona per i Thrones, nome collettivo per quello che a tutti gli effetti altro non è che un progetto individuale. In "SpermWhale" l'ex fiancheggiatore di Melvins, Superconductor e Earth si mantiene perfettamente coerente con i propri plumbei principi sonori e trita note distorte e supercompresse su tetre e narcolettiche cadenze da marcia funebre. Una sorta di torva colonna sonora per incubi oppiacei che vive il suo momento più spensierato allorché va a ripescare dalla cineteca il tema di "Django", un vecchio spaghetti western musicato addirittura dal futuro Premio Oscar Luis Bacalov, riproponendolo persino in lingua originale, ossia in un plausibilissimo italiano.

  • 14/12/2005 13:23 - TIZIANO FERRONE Tiziano Ferrone (batteria) è passato alla batteria dopo studi ...

    TIZIANO FERRONE Tiziano Ferrone (batteria) è passato alla batteria dopo studi classici di pianoforte. Ha seguito i seminari di Siena jazz (nell’ambito del quale è stato vincitore di borse di studio e ha anche inciso un CD collettaneo) e Ravenna jazz, studiando tra gli altri con Elvin Jones. Si è perfezionato al Drummer Collective di New York sotto la guida di Marvin Smith. Ha partecipato a prestigiose manifestazioni (tra le quali “Pescara jazz” e il “Festival jazz” di Roccella jonica), e si è esibito accanto a musicisti come Marco Tamburini, Furio Di Castri, Paolo Fresu, Ares Tavolazzi, Stefano Cantini. E’ stato anche componente della nota “Orchestra contemporanea italiana” diretta da Paolo Damiani.

  • 14/12/2005 13:23 - Torroncini Perugina Aspettate ad aver i conati di vomito per overdose ...

    Torroncini Perugina Aspettate ad aver i conati di vomito per overdose dolciaria natalizia, l'argomento è serio: il mondo va verso il piccolo, CD, bombe atomiche portatili, Bjork, stipendi... tutto ridimensionato. E' per via di questo trend, forse, che anche i famosi torroncini vengono prodotti da tutti. Scartatene uno: pasta di zucchero, un po' di ripieno neanche duro e taaante taaante nocciole del cazzo che ti riempiono la bocca e ti lasciano la cavità orale che sembra te l'abbia appena piallata Geppetto. I Torroncini Perugina, invece, vanno segnalati proprio perché hanno un rapporto inverso rispetto agli altri di ripieno/frutta secca. Almeno da assaggiare quello alla crema delle caramelle Rossana, un'esperienza vicina all'estasi di Santa Teresa e quello agli agrumi, dove finalmente le papille non devono guardarsi in cagnesco per ricevere uno sprizzo di limone. Saremo matti, ma matti col palato fine.

  • 14/12/2005 13:23 - U-ZIQ Royal Astronomy (Hut/Virgin) CD-UK L'album migliore da sempre del signor Paradinas! ...

    U-ZIQ Royal Astronomy (Hut/Virgin) CD-UK L'album migliore da sempre del signor Paradinas! Abituati a cercarlo nella nicchia dorata degli eclettici scavezzacollo, ma sempre una spanna sotto al luminare della categoria, quel Richard D. James altresì Aphex Twin, Mike Paradinas sforna un'operina quasi in sintonia col movimento steampunk, cogli ovvi riferimenti colti alla scrittura di Paul di Filippo, Keith Roberts e Bruce Sterling e ai fumetti di Bryan Talbot e Alan Moore. Un'opera cioè che coniuga l'antico col moderno, piena di organi e spinette, ma anche di sincopati ritmi dell'odierno. E se addirittura in un paio di brani s'azzarda la forma-canzone, coll'eterea vocalist Kazumi, la quadratura del cerchio è completa e potete ben capire che il musicista è in evidente stato di grazia. (La stagione passata in giro per il mondo ad aprire i concerti per Bjork è stata più foriera d'idee che l'angusto d'uno studio seppurchè casalingo).

  • 14/12/2005 13:23 - UI The Iron Apple (Southern) Era ormai più di un anno che ...

    UI The Iron Apple (Southern) Era ormai più di un anno che si aspettavano delle novità dal gruppo di Sasha Frere-Jones, ed ora eccoli di ritorno con un tour europeo e un nuovo ep. Per chi non lo sapesse gli UI sono uno dei gruppi di punta del rock moderno americano identificato col termine "Post-Rock", forse il migliore esempio di unione delle diverse anime che vivono in questo sotto genere: i Tortoise che scrivono canzoni assieme ai June of '44, riempendole di riferimenti al Jazz-Rock anni '70, con una ritmica sempre ben in evidenza coadiuvata dall'utilizzo di elettronica povera, al tutto si unisca un uso consapevole e sapiente dello studio di registrazione e si otterranno le perfette coordinate della musica indipendente di fine secolo, nonchè gli UI. Tornando al disco, bisogna subito precisare che di materiale nuovo alla fine c'é n'é ben poco. Essendo composto da due brani e tre remix di questi, l'ep e da intendersi come una prova di passaggio, a mio avviso un po' inquietante, visto lo sbilanciamento verso sonorità di derivazione fusion di Mrs. Lady Lady, ma anche la free-form di Blue Pietro non mi pare all'altezza delle produzioni precedenti del gruppo. Le buone notizie arrivano dai remix dove ormai i nostri mostrano una tal padronanza dello studio di registrazione che viene da domandarsi se non sia questa la nuova strada da intraprendere per UI. Un ultima curiosità prima di chiudere la recensione. Tre dei cinque brani presenti sull'EP (Blu Pietro e i suoi remix: Golden Pietroe Run, Pietro) sono dedicati a Pietro Fuccio, motore della DNA, l'agenzia di booking che ha permesso il tour europeo del gruppo in questo novembre appena andato. Grazie a loro e alla Locusta di Pisa sembra che in ambito di management qualcosa di veramente europeo stia per formarsi in questa Italietta musicale, rimanete sintonizzati e cercheremo di ragguagliarvi. Carlo Masu

  • 14/12/2005 13:23 - UP, BUSTLE AND OUT - RON Y MENTA EP ('12)-NINJA ...

    UP, BUSTLE AND OUT - RON Y MENTA EP ('12)-NINJA TUNE,UK Ž ARTISTI VARI - XEN (3xCD) - NINJA TUNE,UK Storici! Assieme ai Funki Porcini furono trà i primi a rendere grande la Ninja. Ma il passare degli anni non ha di certo giovato a questa formazione ed oramai sembra che tirino avanti solo per via del loro inveterato impegno: questo disco, il cui delirio percussivo è in gran parte frutto del cubano Richard Egues, è infatti un tributo al Che. E parlando di storia e visto che ricorre il decennale della Ninja, ecco che proprio come han fatto i cuginetti della Warp pochi mesi fà, pure loro licenziano il loro bravo cofanetto autocelebrativo. "Xen" si divide equamente tra "magic moments" scelti nell'ampio catalogo e pezzi nuovi per invogliarne l'acquisto ai tanti che li seguono da un decennio.

  • 14/12/2005 13:23 - Veronique "FROZEN" Real - Lo aspettavomo già da un po' di ...

    Veronique "FROZEN" Real - Lo aspettavomo già da un po' di tempo , ed alla fine eccoloŽ.Remix della ormai famosa canzone di Madonna . Davvero grandi , anche la vocalist Ilaria Cantoni la quale , a ricantare Madsonna , non ha avuto un compito facile . Bella produzione , specialmente la House dub la quale rispecchia in pieno l'atmosfera che Madonna ha creato nell'originale .

  • 14/12/2005 13:23 - VIDEODRONE S/T Chi da anni frequenta il fitto sottobosco underground americano, può ...

    VIDEODRONE S/T Chi da anni frequenta il fitto sottobosco underground americano, può essersi imbattuto, in passato, in un gruppo targato Triple X il cui nome era Cradle Of Thorns. Quel gruppo ha poco a che fare, musicalmente, con i Videodrone, ma si tratta, fisicamente, delle stesse persone. Con dieci anni alle spalle di esperienza, dunque, i Videodrone esplodono a nuova vita artistica con un disco sorprendentemente bello, che inaugura il loro contratto con la korniana Elementree. Nulla a che spartire con il passato, anche se tratti comuni ci sono, inutile negarlo. In cosa consiste l'originalità del gruppo? Nel saper catturare l'electro-goticismo anni ottanta - nostalgia del futuro, la chiamavano - e portarlo ai cancelli d'entrata del nuovo millennio. Musica molto più elaborata di allora, supportata da tecnologia molto più sofisticata. E con un appeal molto più rock. In fondo, tutto parte da Ziggy Stardust - anno di grazia 1973 - l'icona che ha influenzato le varie stagioni del glam futurista negli ultimi vent'anni, da Siouxsie agli Suede. E dunque anche i Videodrone. Come è palese all'ascolto di brani guida come Face-Plant. Nel vortice di suoni e emozioni retrofuturiste irradiate da questo disco, ci rimangono particolarmente impressi il tribalismo di The Devil Sweepstakes e il puro gotico-monastico di Jesus. E non scordiamoci che il gruppo è oggi sponsorizzato dai Korn: lo si riconosce subito dal brano-omaggio Ty Jonathan Down, pesante e ossessivo quanto basta. Pensate a come immaginavate un weekend su Venere, durante gli anni ottanta, e vi sintonizzerete sulla lunghezza d'onda dei Videodrone.

  • 14/12/2005 13:23 - VOIVOD "Kronik" A volte, tra quel tipo di cose che consideriamo precipitosamente ...

    VOIVOD "Kronik" A volte, tra quel tipo di cose che consideriamo precipitosamente avanguardia e tutte le altre che hanno invece il potere di romperci clamorosamente i coglioni, può anche non passare una grandissima differenza, anzi. Per fortuna allora che al mondo esistono gruppi come i Voivod, i quali, pur spingendosi sempre oltre e giungendo spesso al limite della sperimentazione sono riusciti nel tempo a non perdere mai nulla in tutto quello che potevo essere il loro impatto e lo loro potenza. Con un sound ipnotico infatti (legato talvolta alle soluzioni tipicamente acide e flashianti di Barrettiano memoria), i nostri hanno esplorato - negli anni - i confini di un metal super cybernetico, atroce e pesante, ma sempre comunque accessibile e travolgente. Ora però anche per loro è giunto il momento della bella raccolta tattica e oltre a proporci alcuni pezzi vecchi dal vivo i Voivod - con questo Kronik - ci presentano anche tre celebri brani remixati ed altri quattro assolutamente inediti. Purtroppo, a parte la bella Ion, in questi stanchi previously unreleased si registra un'avvicinamento troppo marcato alle prove simil-dinosauriche dei Rush ed a nulla vale, nell'elaborazione tecnologica di Forlorn e Mercury, la collaborazione di Foetus e di Dj? per salvarci da un ascolto piatto e privo di interesse. Insomma, se volete diventare un Vodhead per spargere il virus Voivod nell'universo vi conviene cominciare sicuramente da qualche loro altro disco.

  • 14/12/2005 13:23 - VYACHESLAV GUYVORONSKY E EVELIN PETROVA DUO Chonyl Together Questo nuovo duo formato ...

    VYACHESLAV GUYVORONSKY E EVELIN PETROVA DUO Chonyl Together Questo nuovo duo formato da Slava Guyvoronsky (tromba) e Evelin Petrova (voce e fisarmonica) travolgerà la scena della nuova musica. Chonyl è una nozione buddista, uno degli stati di Bardo, in cui l' anima vaga tra mondi mistici cercando le profondità del suo stesso essere. Uno degli 11 pezzi di questo CD, 'Celestial Yaha', ha vinto il premio speciale Piazzolla per la composizione nella città italiana di Castelfidardo nell' ottobre 1988.

  • 14/12/2005 13:23 - ZAKK WYLDE Stronger Than Death Amico fraterno di Ozzy e grande ...

    ZAKK WYLDE Stronger Than Death Amico fraterno di Ozzy e grande amante della musica del Sud degli Stati Americani, Zakk Wylde è un chitarrista del quale oggi sembra essersi perso lo stampo. A suo agio sia con la musica di Neil Young sia con quella dei Pantera, Zakk ha saputo costruire con la Black Label Society, oltre che una marca di birra che al più presto commercializzerà, anche un marchio musicale difficilmente omologabile. Non è certo un rivoluzionario, Zakk Wylde, almeno musicalmente. I suoi paesaggi preferiti sono da sempre quelli torridi e rigogliosi del grande Sud americano decantato da Faulkner, con in più uno spiccato senso per il gotico. Non per nulla potremmo definire la sua sulfurea miscela musicale 'Gothic Soul'. A proposito di gotico: di 'sabbathismo' e 'sabbathisti', in questo ultimo anno di stoner, ne abbiamo fatti passare parecchi, ma nessuno, come Zakk, ha saputo catturare certe morbose e decadenti atmosfere soul/blues sudiste plasmandole nel metal rovente che più apprezziamo, quello dei Sabbath, appunto. Così se il nuovo album ripete inevitabilmente vecchie e polverose strade, lo fa sempre con uno spirito assolutamente personale e unico. A cominciare dalle tenebrose All For You e Phony Smiles, Fake Hellos, per finire alla titletrack Stronger Than Death, dove la spericolata fantasia di Wylde si sbizzarisce in assoli sovrapposti, lirici, cangianti, lancinanti, che simulano quasi un delirio mentale. In mezzo, c'è spazio per due intense ballate, una almeno assolutamente straordinaria, come Just Killing Time, una riflessione sono parole dello stesso Zakk sull'affrontare la nostra propria mortalità. Se fosse stato vivo, Ronnie Van Zant avrebbe sicuramente apprezzato. Un grande ritorno per il Signore dell'Etichetta Nera.

  • 14/12/2005 13:23 - Christian Smith Tronic Treatment Moonshine Lo svedese Christian Smith è uno dei ...

    Christian Smith Tronic Treatment Moonshine Lo svedese Christian Smith è uno dei più acclamati dj emergenti, e mixa e seleziona in questo cd dallo stile europeo con le stesse influenze house e funky della sua label, la Tronic music. Sulla scia del fenomeno tech-house in europa, il set propone beats minimal techno avvolte e riempiti da percussioni e giri di basso che rendono più groovy una ritmica dritta e spedita. Smith che gode di ottima considerazione da parte di artisti del calibro di Carl Cox e Richie Hawtin durante i suoi set ama usare tre giradischi per inserimenti repentini e cambi rapidi oltre ad utilizzare basi programmate. Fra gli artisti selezionati Oliver Ho, Ben Simis, Adam Beyer, dj Shufflemaster, tutti suoi collaboratori che la Moonshine ha raccolto ed inciso come manifesto della nuova scena techno.

  • 14/12/2005 13:23 - ELETRONICO Lounge at the Chimney Pavilion Il Giappone è il protagonista ...

    ELETRONICO Lounge at the Chimney Pavilion Il Giappone è il protagonista di "Lounge at the Chimney Pavilion", opera d'esordio degli Eletronico, formazione j-pop con grandi attitudini melodiche, ottime chitarre e indolenti ambienti sonori dalla profumata spazialità rarefatta. Fumiyuki Sato e Tomoyuki Kawamori citano le proprie ispirazioni, ed attingono a piene mani da Gilberto Gil, High Llamas, Robert Wyatt, Brian Wilson, ma anche John Coltrane e Piero Umiliani, approfittando di dieci brani di puro, indolente e sublime lyotardismo musicale, in cui il pensiero debole è la rinuncia ad ogni assertività espressiva, declino di fronte all'invito della struttura e del discorso, ma declino dolce, evasivo, colorato dai profumi di anomali paradisi artificiali. Bisognerà prima o poi fornire una posizione concettuale anche a queste pascolanti docili creature...

  • 14/12/2005 13:23 - Era parecchio atteso venerdì 13 ottobre il concerto dei Frontiera ...

    Era parecchio atteso venerdì 13 ottobre il concerto dei Frontiera al Malox, in piazza della Canna 8/9. E’ stata la prima volta che la band valdostana si esibiva a Palermo, ma chi anni fa era al centro sociale autogestito Montevergini ha ancora vivo il ricordo di un concerto dei Kina memorabile. E ieri sera i Frontiera hanno dimostrato di essere ancora musicalmente lucidi e di avere tanto da dire mantenendo la stessa attitudine hardcore oltranzista senza cedere a facili trovate commerciali per accattivarsi l’ascoltatore di passaggio. Al contrario, il loro sound è molto pop a dispetto del suono lancinante della chitarra di Alberto e della matematica precisione con cui Sergio ha cantato e suonato la sua scarna batteria. Nonostante i Frontiera rifiutino di definire la loro musica come emocore, parecchie sono le similitudini con questo genere musicale figlio dell’ hardcore americano che va tanto per la maggiore in questo momento in America. Molto omogenea la scaletta con brani tratti dai vecchi album dei Kina e dal più recente minicd “Meno di zero”, ristampa su cd del primo demo dei Frontiera. Molto bella  “Le cose”, una perfetta armonia tra melodie alla Husker Du e liriche (…Le cose non vanno mai come vorremmo, ci sono desideri che portiamo dentro una vita ...), e “Animale metropolitano”, esempio di vita vissuta tra mille difficoltà e incomprensioni ( ..penso a non farmi catturare, come un animale metropolitano lungo i sentieri della sopravvivenza..). Alla fine del concerto, i Frontiera sono stati disponibilissimi a scambiare quattro chiacchiere con chiunque volesse. Nel banchetto allestito per l’occasione c’erano i cd propri e di altri gruppi amici, nonché i dischi dei Kina. Qualcuno dei presenti ha rivolto al batterista Sergio Milani l’immancabile domanda sulla musica in Internet. Con il sorriso sulle labbra Sergio ha risposto: «se hai notato, non c’è il bollino SIAE sul mini cd dei Frontiera, puoi intuire come la penso»

  • 14/12/2005 13:23 - Ai nuovi punks: ditelo a papà Ai nuovi punks: ditelo a ...

    Ai nuovi punks: ditelo a papà Ai nuovi punks: ditelo a papà. Qui dentro ci sono due terzi dei Kina... È il messaggio stampato in bella evidenza sulla copertina del debut cd dei Frontiera, il gruppo dove adesso suonano/cantano Sergio ed Alberto (rispettivamente batterista e chitarrista dei mai dimenticati Kina). Non si tratta però un debutto vero e proprio, quanto piuttosto della ristampa su cd del demo uscito lo scorso anno: "...Eravamo stufi di duplicarci le cassette e di masterizzarci i cd in casa... Perdonate la franchezza...". È bello accorgersi che le belle storie vanno avanti: i Frontiera per forza di cose "somigliano" molto ai Kina, eppure c'è un qualchecosa di diverso che non so capire... I tre hanno molto da offrire: una rinnovata energia innanzitutto, mista ad una voglia di suonare che non è mai mancata. Solo sei pezzi in "Meno di zero" -questo il titolo del cd- tra cui una bella versione di "Mondo mai visto" tratta da "Parlami ancora" dei Kina, il cui repertorio spero sia dai Frontiera ampiamente saccheggiato nella scaletta dei concerti. Ce ne sono un po' di copie a vostra disposizione nella lista di Musica per A. All'indirizzo che segue, oltre a informazioni, contatti per concerti etc., potete chiedere che vi venga inviata una copia della lunga lista di materiali disponibili: Sergio Milani - via Mont Gelé, 20 - 11100 Aosta - tel./fax 0165-41557, e-mail: serwic@libero.it

  • 14/12/2005 13:23 - FRONTIERA: "Meno di zero" (CD Wi Confondo) Ridendo e scherzando, sono ...

    FRONTIERA: "Meno di zero" (CD Wi Confondo) Ridendo e scherzando, sono passati quasi vent'anni da quando, ai tempi del liceo, ci lasciavamo inquietare dallo spirito nero di Ian Curtis, sedurre dalla bianca compagna di banco (o seviziare dalla grigia professoressa di turno...), così come incuriosire dall'ascolto policromo di "Cercando" dei Kina... Il gruppo di Aosta (da sempre sinonimo di impegno e coerenza nell'ambito della discografia indipendente e del movimento autogestito, non solo in ambito nazionale...) ha sempre abilmente mascherato una certa debolezza "punk" a livello di tecnica / registrazione / originalità con un'incredibile capacità "live": quella di riuscire letteralmente a bruciare, incarnando le stesse fantasie, passioni, speranze del proprio affezionatissimo pubblico... Ebbene, due terzi dei Kina rivivono adesso nella musica dei Frontiera, qui alle prese con la ristampa su cd del loro primo demo. Sei pezzi, al tempo stesso maliconici e rabbiosi, che sottolineano ancora una volta la necessaria schiettezza dei Kina, pardòn, Frontiera... Frontiera c/o Sergio Milani, via Mont Gelè 20, 11100 Aosta, Italia.

  • 14/12/2005 13:23 - LUIGI MAIERON Si Vif «Io credo che oggi per fare musica ...

    LUIGI MAIERON Si Vif «Io credo che oggi per fare musica non sia necessario pensare di avere dentro di sé il mondo intero. Si deve partire da ciò che ci appartiene, distillando in canzone la nostra quotidianità». A parlare è Luigi Maieron, quarantotto anni vissuti a Cercivento in provincia di Udine, e passati raccontandosi attraverso una lingua fluida come una melodia senza tempo: il friulano, lo stesso dialetto che Pier Paolo Pasolini utilizzò più di cinquant'anni fa per descrivere la sua formazione poetica. Si vif è il terzo disco del cantautore italiano. Alla produzione c'è Massimo Bubola, fiero di definire Maieron «uno tra i nostri poeti più importanti». Dentro ci sono canzoni dove la concretezza di giorni carichi di vita si mischia con la serenità di sogni dai colori autunnali: spiega il cantautore che il friulano è una lingua di anima e di mente. Una lingua di sostanza, che per lui non rappresenta solamente il mezzo più naturale con cui esprimersi, ma anche un preciso modo di percepire la realtà. Di affrontare il vivere quotidiano, cercando ogni volta di entrare nella parte più nascosta delle cose. In Si vif non c'è solo un'attitudine folk a recuperare suoni ed emozioni chiusi in una purezza ancora incontaminata. Nelle dieci canzoni si avverte, chiara come un'eco da cui non si ha voglia di allontanarsi, la lezione di Fabrizio De André: La scrittura dell'album lo ha portato via quasi tre anni. É stato capace di stare su una canzone anche più di un mese. Quando inizia a comporre ricerca un uso della lingua capace di sposarsi con i suoni che ha in testa. Parte sempre dalle sensazioni che porta con lui e a queste cerca di legare una melodia che abbia lo stesso tema, capace di dare un valore in più ai suoi versi. Parole che una volta passate tra le mani artigiane di Luigi Maieron, diventano oggetti da trattare con attenzione. Dentro, infatti, non c'è solo la forza di una tradizione ancora lontana dall'esaurirsi. Dentro a suoni «costruiti per sottrazíone» e a testi «che lasciano sempre una porta aperta sulla positività», si avverte la necessità di affidarsi alla forza della memoria. Quella personale come quella della propria terra. Perché, per citare un verso di Si vif: "Non si cresce mai abbastanza senza buoni ricordi/ si vive comunque, ma costa un po' dí più".

  • 14/12/2005 13:23 - RONAN KEATING Destination Questo suo eccezionale disco di pop adulto sia ...

    RONAN KEATING Destination Questo suo eccezionale disco di pop adulto sia da attribuire soprattutto a chi lo ha scritto, arrangiato e prodotto quasi per intero: a quel Gregg Alexander che proprio con queste canzoni conferma di essere uno dei più grandi talenti creativi del nostro tempo. Uno che si fa talmente gli affari suoi, Gregg, uno che ama così poco il business che il 99% dei suoi estimatori sono stati a lungo convinti di non rivedere più né lui né tantomeno i New Radicals. Ma per fortuna il demone della fantasia non lascia in pace chi lo ha avuto in sorte e allora ecco che Gregg rispunta nei panni dell'autore come usava tanti anni fa, ai tempi del Brill Building. Il suo tocco è assolutamente magico. Non gli riesce una sola brutta canzone. Eleganza melodica, modulazioni perfette, intuizioni semplici che fanno solo affiorare la complessità che le sostiene, la forza interiore, la varietà. Davvero straordinaria la naturalezza di As much as I can give you girl, Come be my baby, Time for love, Love won't work (if we don't try) e della già conclamata Lovin' each day. Sembra il disco di un tempo lontano, quando Jimmy Webb scriveva l'intero Watermark per Garfunkel. E invece, per fortuna, siamo nel 2002. Ottimo Keating nel fare il resto, compresa The long goodbye, scritta insieme a Paul Brady (già sul disco di Braàdy). Due cover If tomorrow never come di Garth Brooks e We've got tonight di Bob Seger (con Lulu).

  • 14/12/2005 13:23 - SOL INVICTUS Thrones Vola ad alta quota l'ultima fase musicale dei ...

    SOL INVICTUS Thrones Vola ad alta quota l'ultima fase musicale dei Sol Invictus che dopo l'eccellente "Hill Of Crosses" centra ancora il bersaglio e trafigge il nostro cuore coi folgoranti suoni di "Thrones". Tony Wakeford è come non mai sotto i benefici influssi dei numi, ha praticamente reinventato se stesso, a parte la sua voce inamovibile, per rimettersi alla prova ed ampliare l'orizzonte del suo disegno creativo. Non si tratta di una svolta stilistica, ma di nuovi spunti ed intuizioni innovative che arricchiscono la scrittura sconfinando finanche nel jazz e nel blues. La maturità dell'artista vien tutta fuori e si dichiara nei fraseggi di matrice prog-folk inglese (non privi di memorie Jethro Tull) che colorano la tela sonora dai contorni cameristico-orchestrali di "Thrones", il classico lavoro d'ascolto che reclama la massima attenzione per seguirne il senso logico, le ricercate tessiture e le tensioni liriche che pervadono questo poema acustico in dieci movimenti, itinerari di musica per lo spirito che esprimono il concetto di viaggio metafisico a cominciare dalla bella intro evocativa di "Gods", il sole che siede al trono della volta celeste e governa i cicli cosmici seguendo l'eclittica del tempo, mentre via via i caratteri della folk-ballad wakefordiana prendono possesso di "Do And Say", "Gonesville", "Thrones", "Then He Killed Her", accendendo antichi diorami nelle stanze segrete del pensiero. L'anima epico-sacrale del disco trova poi motivo di affermarsi nei solchi di "In God We Trust", "The Thrill Is Gone (questa un po' jazz-blues oriented come la già citata "Gonesville") e "Driftwood Thrones" che ritagliano altri sbocchi nel percorso musicale di Tony per compiersi quindi in "No Gods" (emblematica reprise di Gods) e nei chiaroscuri carmici di "In The Blink Of a Star". Un disco che cattura con la voce sottile delle emozioni e dei sentimenti per un canto corale alla vita mai così ben interpretato dai cinque musicisti che accompagnano Wakeford alla ventura di questa impresa sonica nel segno di una bellezza che non muore. Nel dubbio guardate il sole...

  • 14/12/2005 13:23 - Christian Smith Tronic Treatment Moonshine Lo svedese Christian Smith è uno dei ...

    Christian Smith Tronic Treatment Moonshine Lo svedese Christian Smith è uno dei più acclamati dj emergenti, e mixa e seleziona in questo cd dallo stile europeo con le stesse influenze house e funky della sua label, la Tronic music. Sulla scia del fenomeno tech-house in europa, il set propone beats minimal techno avvolte e riempiti da percussioni e giri di basso che rendono più groovy una ritmica dritta e spedita. Smith che gode di ottima considerazione da parte di artisti del calibro di Carl Cox e Richie Hawtin durante i suoi set ama usare tre giradischi per inserimenti repentini e cambi rapidi oltre ad utilizzare basi programmate. Fra gli artisti selezionati Oliver Ho, Ben Simis, Adam Beyer, dj Shufflemaster, tutti suoi collaboratori che la Moonshine ha raccolto ed inciso come manifesto della nuova scena techno.

  • 14/12/2005 13:23 - ELETRONICO Lounge at the Chimney Pavilion Il Giappone è il protagonista ...

    ELETRONICO Lounge at the Chimney Pavilion Il Giappone è il protagonista di "Lounge at the Chimney Pavilion", opera d'esordio degli Eletronico, formazione j-pop con grandi attitudini melodiche, ottime chitarre e indolenti ambienti sonori dalla profumata spazialità rarefatta. Fumiyuki Sato e Tomoyuki Kawamori citano le proprie ispirazioni, ed attingono a piene mani da Gilberto Gil, High Llamas, Robert Wyatt, Brian Wilson, ma anche John Coltrane e Piero Umiliani, approfittando di dieci brani di puro, indolente e sublime lyotardismo musicale, in cui il pensiero debole è la rinuncia ad ogni assertività espressiva, declino di fronte all'invito della struttura e del discorso, ma declino dolce, evasivo, colorato dai profumi di anomali paradisi artificiali. Bisognerà prima o poi fornire una posizione concettuale anche a queste pascolanti docili creature...

  • 14/12/2005 13:23 - Era parecchio atteso venerdì 13 ottobre il concerto dei Frontiera ...

    Era parecchio atteso venerdì 13 ottobre il concerto dei Frontiera al Malox, in piazza della Canna 8/9. E’ stata la prima volta che la band valdostana si esibiva a Palermo, ma chi anni fa era al centro sociale autogestito Montevergini ha ancora vivo il ricordo di un concerto dei Kina memorabile. E ieri sera i Frontiera hanno dimostrato di essere ancora musicalmente lucidi e di avere tanto da dire mantenendo la stessa attitudine hardcore oltranzista senza cedere a facili trovate commerciali per accattivarsi l’ascoltatore di passaggio. Al contrario, il loro sound è molto pop a dispetto del suono lancinante della chitarra di Alberto e della matematica precisione con cui Sergio ha cantato e suonato la sua scarna batteria. Nonostante i Frontiera rifiutino di definire la loro musica come emocore, parecchie sono le similitudini con questo genere musicale figlio dell’ hardcore americano che va tanto per la maggiore in questo momento in America. Molto omogenea la scaletta con brani tratti dai vecchi album dei Kina e dal più recente minicd “Meno di zero”, ristampa su cd del primo demo dei Frontiera. Molto bella  “Le cose”, una perfetta armonia tra melodie alla Husker Du e liriche (…Le cose non vanno mai come vorremmo, ci sono desideri che portiamo dentro una vita ...), e “Animale metropolitano”, esempio di vita vissuta tra mille difficoltà e incomprensioni ( ..penso a non farmi catturare, come un animale metropolitano lungo i sentieri della sopravvivenza..). Alla fine del concerto, i Frontiera sono stati disponibilissimi a scambiare quattro chiacchiere con chiunque volesse. Nel banchetto allestito per l’occasione c’erano i cd propri e di altri gruppi amici, nonché i dischi dei Kina. Qualcuno dei presenti ha rivolto al batterista Sergio Milani l’immancabile domanda sulla musica in Internet. Con il sorriso sulle labbra Sergio ha risposto: «se hai notato, non c’è il bollino SIAE sul mini cd dei Frontiera, puoi intuire come la penso»

  • 14/12/2005 13:23 - Ai nuovi punks: ditelo a papà Ai nuovi punks: ditelo a ...

    Ai nuovi punks: ditelo a papà Ai nuovi punks: ditelo a papà. Qui dentro ci sono due terzi dei Kina... È il messaggio stampato in bella evidenza sulla copertina del debut cd dei Frontiera, il gruppo dove adesso suonano/cantano Sergio ed Alberto (rispettivamente batterista e chitarrista dei mai dimenticati Kina). Non si tratta però un debutto vero e proprio, quanto piuttosto della ristampa su cd del demo uscito lo scorso anno: "...Eravamo stufi di duplicarci le cassette e di masterizzarci i cd in casa... Perdonate la franchezza...". È bello accorgersi che le belle storie vanno avanti: i Frontiera per forza di cose "somigliano" molto ai Kina, eppure c'è un qualchecosa di diverso che non so capire... I tre hanno molto da offrire: una rinnovata energia innanzitutto, mista ad una voglia di suonare che non è mai mancata. Solo sei pezzi in "Meno di zero" -questo il titolo del cd- tra cui una bella versione di "Mondo mai visto" tratta da "Parlami ancora" dei Kina, il cui repertorio spero sia dai Frontiera ampiamente saccheggiato nella scaletta dei concerti. Ce ne sono un po' di copie a vostra disposizione nella lista di Musica per A. All'indirizzo che segue, oltre a informazioni, contatti per concerti etc., potete chiedere che vi venga inviata una copia della lunga lista di materiali disponibili: Sergio Milani - via Mont Gelé, 20 - 11100 Aosta - tel./fax 0165-41557, e-mail: serwic@libero.it

  • 14/12/2005 13:23 - FRONTIERA: "Meno di zero" (CD Wi Confondo) Ridendo e scherzando, sono ...

    FRONTIERA: "Meno di zero" (CD Wi Confondo) Ridendo e scherzando, sono passati quasi vent'anni da quando, ai tempi del liceo, ci lasciavamo inquietare dallo spirito nero di Ian Curtis, sedurre dalla bianca compagna di banco (o seviziare dalla grigia professoressa di turno...), così come incuriosire dall'ascolto policromo di "Cercando" dei Kina... Il gruppo di Aosta (da sempre sinonimo di impegno e coerenza nell'ambito della discografia indipendente e del movimento autogestito, non solo in ambito nazionale...) ha sempre abilmente mascherato una certa debolezza "punk" a livello di tecnica / registrazione / originalità con un'incredibile capacità "live": quella di riuscire letteralmente a bruciare, incarnando le stesse fantasie, passioni, speranze del proprio affezionatissimo pubblico... Ebbene, due terzi dei Kina rivivono adesso nella musica dei Frontiera, qui alle prese con la ristampa su cd del loro primo demo. Sei pezzi, al tempo stesso maliconici e rabbiosi, che sottolineano ancora una volta la necessaria schiettezza dei Kina, pardòn, Frontiera... Frontiera c/o Sergio Milani, via Mont Gelè 20, 11100 Aosta, Italia.

  • 14/12/2005 13:23 - LUIGI MAIERON Si Vif «Io credo che oggi per fare musica ...

    LUIGI MAIERON Si Vif «Io credo che oggi per fare musica non sia necessario pensare di avere dentro di sé il mondo intero. Si deve partire da ciò che ci appartiene, distillando in canzone la nostra quotidianità». A parlare è Luigi Maieron, quarantotto anni vissuti a Cercivento in provincia di Udine, e passati raccontandosi attraverso una lingua fluida come una melodia senza tempo: il friulano, lo stesso dialetto che Pier Paolo Pasolini utilizzò più di cinquant'anni fa per descrivere la sua formazione poetica. Si vif è il terzo disco del cantautore italiano. Alla produzione c'è Massimo Bubola, fiero di definire Maieron «uno tra i nostri poeti più importanti». Dentro ci sono canzoni dove la concretezza di giorni carichi di vita si mischia con la serenità di sogni dai colori autunnali: spiega il cantautore che il friulano è una lingua di anima e di mente. Una lingua di sostanza, che per lui non rappresenta solamente il mezzo più naturale con cui esprimersi, ma anche un preciso modo di percepire la realtà. Di affrontare il vivere quotidiano, cercando ogni volta di entrare nella parte più nascosta delle cose. In Si vif non c'è solo un'attitudine folk a recuperare suoni ed emozioni chiusi in una purezza ancora incontaminata. Nelle dieci canzoni si avverte, chiara come un'eco da cui non si ha voglia di allontanarsi, la lezione di Fabrizio De André: La scrittura dell'album lo ha portato via quasi tre anni. É stato capace di stare su una canzone anche più di un mese. Quando inizia a comporre ricerca un uso della lingua capace di sposarsi con i suoni che ha in testa. Parte sempre dalle sensazioni che porta con lui e a queste cerca di legare una melodia che abbia lo stesso tema, capace di dare un valore in più ai suoi versi. Parole che una volta passate tra le mani artigiane di Luigi Maieron, diventano oggetti da trattare con attenzione. Dentro, infatti, non c'è solo la forza di una tradizione ancora lontana dall'esaurirsi. Dentro a suoni «costruiti per sottrazíone» e a testi «che lasciano sempre una porta aperta sulla positività», si avverte la necessità di affidarsi alla forza della memoria. Quella personale come quella della propria terra. Perché, per citare un verso di Si vif: "Non si cresce mai abbastanza senza buoni ricordi/ si vive comunque, ma costa un po' dí più".

  • 14/12/2005 13:23 - RONAN KEATING Destination Questo suo eccezionale disco di pop adulto sia ...

    RONAN KEATING Destination Questo suo eccezionale disco di pop adulto sia da attribuire soprattutto a chi lo ha scritto, arrangiato e prodotto quasi per intero: a quel Gregg Alexander che proprio con queste canzoni conferma di essere uno dei più grandi talenti creativi del nostro tempo. Uno che si fa talmente gli affari suoi, Gregg, uno che ama così poco il business che il 99% dei suoi estimatori sono stati a lungo convinti di non rivedere più né lui né tantomeno i New Radicals. Ma per fortuna il demone della fantasia non lascia in pace chi lo ha avuto in sorte e allora ecco che Gregg rispunta nei panni dell'autore come usava tanti anni fa, ai tempi del Brill Building. Il suo tocco è assolutamente magico. Non gli riesce una sola brutta canzone. Eleganza melodica, modulazioni perfette, intuizioni semplici che fanno solo affiorare la complessità che le sostiene, la forza interiore, la varietà. Davvero straordinaria la naturalezza di As much as I can give you girl, Come be my baby, Time for love, Love won't work (if we don't try) e della già conclamata Lovin' each day. Sembra il disco di un tempo lontano, quando Jimmy Webb scriveva l'intero Watermark per Garfunkel. E invece, per fortuna, siamo nel 2002. Ottimo Keating nel fare il resto, compresa The long goodbye, scritta insieme a Paul Brady (già sul disco di Braàdy). Due cover If tomorrow never come di Garth Brooks e We've got tonight di Bob Seger (con Lulu).

  • 14/12/2005 13:23 - SOL INVICTUS Thrones Vola ad alta quota l'ultima fase musicale dei ...

    SOL INVICTUS Thrones Vola ad alta quota l'ultima fase musicale dei Sol Invictus che dopo l'eccellente "Hill Of Crosses" centra ancora il bersaglio e trafigge il nostro cuore coi folgoranti suoni di "Thrones". Tony Wakeford è come non mai sotto i benefici influssi dei numi, ha praticamente reinventato se stesso, a parte la sua voce inamovibile, per rimettersi alla prova ed ampliare l'orizzonte del suo disegno creativo. Non si tratta di una svolta stilistica, ma di nuovi spunti ed intuizioni innovative che arricchiscono la scrittura sconfinando finanche nel jazz e nel blues. La maturità dell'artista vien tutta fuori e si dichiara nei fraseggi di matrice prog-folk inglese (non privi di memorie Jethro Tull) che colorano la tela sonora dai contorni cameristico-orchestrali di "Thrones", il classico lavoro d'ascolto che reclama la massima attenzione per seguirne il senso logico, le ricercate tessiture e le tensioni liriche che pervadono questo poema acustico in dieci movimenti, itinerari di musica per lo spirito che esprimono il concetto di viaggio metafisico a cominciare dalla bella intro evocativa di "Gods", il sole che siede al trono della volta celeste e governa i cicli cosmici seguendo l'eclittica del tempo, mentre via via i caratteri della folk-ballad wakefordiana prendono possesso di "Do And Say", "Gonesville", "Thrones", "Then He Killed Her", accendendo antichi diorami nelle stanze segrete del pensiero. L'anima epico-sacrale del disco trova poi motivo di affermarsi nei solchi di "In God We Trust", "The Thrill Is Gone (questa un po' jazz-blues oriented come la già citata "Gonesville") e "Driftwood Thrones" che ritagliano altri sbocchi nel percorso musicale di Tony per compiersi quindi in "No Gods" (emblematica reprise di Gods) e nei chiaroscuri carmici di "In The Blink Of a Star". Un disco che cattura con la voce sottile delle emozioni e dei sentimenti per un canto corale alla vita mai così ben interpretato dai cinque musicisti che accompagnano Wakeford alla ventura di questa impresa sonica nel segno di una bellezza che non muore. Nel dubbio guardate il sole...

  • 14/12/2005 13:23 - ASIAN DUB FOUNDATION Frontline 1993-97 Non un disco nuovo di zecca ...

    ASIAN DUB FOUNDATION Frontline 1993-97 Non un disco nuovo di zecca ma una compilation che raccoglie materiale vario - "rareities and remixes" campeggia come sottotitolo - risalente ai primi quattro/cinque anni di attività della band. Ad eccezione della finale Operation eagle lie, che stava già in R.A.F.I., le restanti canzoni appartengono al disco di debutto degli Asian, Facts & Fictions dei 1995, e qui nei remix di Panicstepper o DJ Scud (l'iniziale Witness), e ad altri due e.p. più o meno coevi, Rebel Warrior e Change A Gonna Come, uno dei '95 e l'altro dei '96. Si raschia al fondo del barile? Cambia qualcosa? Nella sostanza non troppo: gli elementi caratteristici della band ci sono tutti, jungle/ragga suonato con attitudine punk, con una linea di basso profonda e dub e inserti orientali. Ciò che avviene ad esempio è che, qua e là, magari si allunghi l'aura psichedelica oppure si amplifichino spastici movimenti dance. Alcune version pare suonino pure meglio, è vero, ma nel complesso un disco, seppure gradevole, indirizzato soprattutto a fan e completisti.

  • 14/12/2005 13:23 - Chronicle è nato a St.Ann’s e cresciuto a Spanish Town, ...

    Chronicle è nato a St.Ann’s e cresciuto a Spanish Town, inizia a cantare in chiesa e in seguito con alcuni soundsystem come SmallAxe, SirG’s e BlackKat. Nel 1990 registra il suo primo singolo "Love Me For Me" per il leggendario produttore Niney "The Observer", al quale si susseguono pezzi come "Woman A Samaritan" per Sinbad, "No Kind Teeh" per i grandi Steelye&Clivie, tastierista e batterista emersi come uno dei team dominanti nella produzione reggae contemporanea, e altri singoli per GiussieP e per Road Block. Nel ’98 Chronicle si trasferisce a New York dove inizia a registrare per la "MassiveB", ossia la Label di Bobby Konder, dando così vita ad alcune delle sue più belle e famose canzoni come: "Rude Boy (with Ninjaman)" e "Highest Grad8" con Norris Man. Nel 2001 registra il suo primo singolo per la storica Studio One Label: "Sexy Girl" cantando sul ritmo di "Fever" di Horace Andy, leggendario cantante reggae, in passato voce dei Massive Attack. Oltre ad avere ottime liriche ed eccellenti melodie, Chronicle ha una voce dolce e affascinante in grado di coinvolgere ed emozionare il suo pubblico in ogni parte del mondo. Infatti Chronicle si è esibito un po’ ovunque e nel 2001 è stato in tour in Kenya con Gregory Isaac, uno dei più amati vocalist jamaicani fin dagli anni ‘70, e Ninja Ford accompagnato dal mitico Kilimangiaro Sound.

  • 14/12/2005 13:23 - Chronicle Il primo è nato a St.Ann’s e cresciuto a Spanish ...

    Chronicle Il primo è nato a St.Ann’s e cresciuto a Spanish Town, inizia a cantare in chiesa e in seguito con alcuni soundsystem come SmallAxe, SirG’s e BlackKat. Nel 1990 registra il suo primo singolo “Love Me For Me” per il leggendario produttore Niney “The Observer”, al quale si susseguono pezzi come “Woman A Samaritan” per Sinbad, “No Kind Teeh” per i grandi Steelye&Clivie, tastierista e batterista emersi come uno dei team dominanti nella produzione reggae contemporanea, e altri singoli per GiussieP e per Road Block. Nel ’98 Chronicle si trasferisce a New York dove inizia a registrare per la “MassiveB”, ossia la Label di Bobby Konder, dando così vita ad alcune delle sue più belle e famose canzoni come: “Rude Boy (with Ninjaman)” e “Highest Grad8” con Norris Man. Nel 2001 registra il suo primo singolo per la storica Studio One Label: ”Sexy Girl” cantando sul ritmo di “Fever” di Horace Andy, leggendario cantante reggae, in passato voce dei Massive Attack. Oltre ad avere ottime liriche ed eccellenti melodie, Chronicle ha una voce dolce e affascinante in grado di coinvolgere ed emozionare il suo pubblico in ogni parte del mondo. Infatti Chronicle si è esibito un po’ ovunque e nel 2001 è stato in tour in Kenya con Gregory Isaac, uno dei più amati vocalist jamaicani fin dagli anni ‘70, e Ninja Ford accompagnato dal mitico Kilimangiaro Sound.

  • 14/12/2005 13:23 - CRAIG ARMSTRONG Nuota nelle contraddizioni della musica con la grazia di ...

    CRAIG ARMSTRONG Nuota nelle contraddizioni della musica con la grazia di un fuoriclasse, Craig Armstrong. Potete trovarlo al fianco di Madonna come degli U2 con la stessa disarmante e diabolica abilità. Unisce talento orchestrale e modernità, sintesi e innovazione come se avesse tra le mani la soluzione a tutti i mali della musica. La sua ultima firma è Symphony for Isabelle, un'opera in diciannove movimenti che con il gioiellino As if you said nothing impreziosisce le immagini del film Kiss of the Dragon. Da un po' di tempo Armstrong è l'homo novus delle colonne sonore. C'è il suo zampino negli archi di Goldeneye, Batman Forever, Mission Impossible e del recente Moulin Rouge, di cui ha prodotto e arrangiato la maggior parte della colonna sonora. Ha lasciato il segno con un disco di debutto della profondità di The Space between us e con la colonna sonora di Romeo and Juliet. Kiss of the dragon conferma le sue doti, e le esalta. Armstrong scrive canzoni con la stessa sensibilità con cui applica i suoi studi alla Royal Academy of Music di Londra. Ha un piede nel passato e un altro nel futuro, fa compagnia agli amici Massive Attack e scrive partiture colte per il festival di Edimburgo. «Ho sempre provato a scrivere qualcosa di felice e bello» dice. «Non volevo comporre nulla di cupo o troppo serio. Ma penso che la bellezza prenda anche queste forme perché la vita è decisamente difficile e la gente ha problemi. Così racconto la bellezza attraverso l'oscurità». Le sue orchestrazioni sono una miscela equilibrata di emozioni e potenza creativa, di tensione ed esasperato romanticismo. Raccontano gli equilibrismi dell'animo umano, i giri di vite dello spirito. «Ogni persona ha qualcosa di puro in sé, il modo in cui esprime se stesso. Per me è l'orchestra», spiega. «Qualunque cosa io faccia, stilisticamente, la sua parte intima è l'orchestra. Nonostante gli studi classici, la musica che amo è quella che mi fa muovere. Ma il mio lavoro non è tutto nel provocare emozioni, c'è sempre un po' di distanza». Kiss of the dragon è nato agli Abbey Road studios, nelle antiche stanze dei Beatles, tra suoni di pianoforte, voci e campionatori, cori e partiture. Ha lavorato di sottrazione il maestro Armstrong, perché «la parte più importante è quello che nel comporre lasci fuori». Tra i solchi scorre un'intuizione unica e universale che ha già condiviso con altri autori e musicisti. «Ouando qualcuno esprime il, suo cuore in una canzone io provo a esaltare quest'aspetto», dice. «Tu riconosci che qualcun altro prova i tuoi stessi sentimenti e questo rende entrambi umani. Questo è quello che chiamiamo arte».

  • 14/12/2005 13:23 - CRAIG ARMSTRONG Kiss Of The Dragon A Craig Armstrong il compito ...

    CRAIG ARMSTRONG Kiss Of The Dragon A Craig Armstrong il compito d'illustrare musicalmente Kiss of the Dragon, film con Bridget Fonda di cui in realtà era già uscita in estate una colonna sonora antologica con brani di Daft Punk e N.E.R.D., tra gli altri. Qui fa tutto l'ex arrangiatore dei Massive Attack, che sin dal pigro incedere dell'iniziale As If You Said Nothing si ricorda dei suo passato "melanconico". Il resto - Symphony for lsabelle - è un eterogeneo mammut separato in diciannove tempi.

  • 14/12/2005 13:23 - FRONT LINE ASSEMBLY Everything Must Perish (Metropolis Records/Audioglobe) Tre brani che ...

    FRONT LINE ASSEMBLY Everything Must Perish (Metropolis Records/Audioglobe) Tre brani che anticipano il nuovo lavoro sulla lunga distanza e che servono per introdurre il singolo che dà il titolo all’EP e che viene qui offerto in due distinte versioni. Il pezzo è sostanzialmente melodico, con un sound morbido, sebbene tipicamente Front Line Assembly, dove le ritmiche sono più lineari rispetto alle ultime prove discografiche e i synth meno taglienti. La terza traccia è ‘Providence’, dieci minuti di beat che vanno e vengono prima e che partono spediti poi, con un contorno molto techno teutonico, che contrasta con la voce evocativa di Jennifer McLaren, riuscendo comunque a risultare positivo, più della title track. Per il momento non vado oltre con i giudizi, però l’impressione che se ne ricava da ‘Everything Must Perish’ è che la band canadese abbia disperso l’ispirazione; staremo a vedere!

  • 14/12/2005 13:23 - LADRONES Ladronesè un gruppo di 6 elementi che si rifà alla ...

    LADRONES Ladronesè un gruppo di 6 elementi che si rifà alla grande tradizione del Rock and Roll degli anni 50/60. Con le loro personalissime cover conducono il pubblico in un percorso che da ELVIS PRESLEY, a J. L. LEWIS, a CHUCK BERRY arriva fino ai nostri giorni toccando altri generi e artisti, perpetuando quello che è, e sempre sarà, il grande sogno del Rock and Roll. Star del gruppo è il grande ZUBO BABY BERRY sedicente figlio di CHUCK BERRY sempre alle prese con amplificatori che esplodono e tentati omicidi mai riusciti. Unitamente alle sue notevolissime capacità chitarristiche, con la sua simpatia conduce il gruppo verso uno show divertente e gioioso. Per contatti Marco 338/3497162, Abit. 075/8510395 http://web.tiscalinet.it/ladrones/index.htm

  • 14/12/2005 13:23 - ANTENNA FARMMAIN Brombron # 1: AF-M (Staalplaat/Demos) Due uscite accomunate dalla ...

    ANTENNA FARMMAIN Brombron # 1: AF-M (Staalplaat/Demos) Due uscite accomunate dalla presenza di Robert Hampson, impegnato sia con Main che con Comae, nonché depositario di un passato che lo ha visto protagonista con i Loop prima e con i Godflesh poi (la rilevanza di tali formazioni mi pare evidente). Nel disco split i Main sono stati rinchiusi con gli Antenna Farm (Alastair Leslie e David Howell) per sei giorni, nel luglio del 2000, presso lo studio Extrapool di Nijmegen, dal quale ne sono usciti con oltre tre ore e mezza di suoni, ulteriormente plasmati presso lo studio privato di Hampson. Da computer portatili, microfoni, chitarre, effetti, campionamenti, ecc. non potevano che nascere cinque tracce di noise minimale, che alternano micro wave sound e ambient industrial poco rassicurante.

  • 14/12/2005 13:23 - Billy Cobham - Ron Carter - Kenny Barron Proprio in questo ...

    Billy Cobham - Ron Carter - Kenny Barron Proprio in questo periodo di grande attenzione per il suo ultimo album uscito in Italia “Drum’n’voice” (Just Groove/S4 Sony) che lo ha fatto conoscere anche ad un pubblico non strettamente jazzistico, ecco che Billy Cobham vi ritorna con la sua eclettica personalità, nel segno del più puro mainstream, con Ron Carter e Kenny Barron, nell’ambito di un tour Europeo, di cui una buona parte dei concerti è prevista in Italia. Con le loro spiccate personalità fortemente dinamiche, dopo il loro passaggio dall’Italia, lo scorso anno, si è cominciato a parlare del “supertrio”. Tre grandi jazzisti insieme ad interpretare ad altissimo livello il jazz più classico, ognuno con la sua inconfondibile impronta, in una collaborazione che, anche per le doti di leadership di ciascuno, ha come unica possibilità quella del dialogo tra stile e personalità, storie ed esperienze che attingono tutte direttamente dalle radici del più puro “mainstream”. Da una parte Ron Carter con la sua solidità e la sua cultura musicale accompagnata da una tecnica ed un’intonazione che ha del mitico, dall’altra Kenny Barron uno dei più sensibili e raffinati pianisti contemporanei, nonché Billy Cobham, anima del progetto The Art of Jazz Series di cui the Art of 3 fa parte, con la sua capacità di entrare ora discretamente e opportunamente nel racconto musicale creato da Barron e sostenuto e impreziosito da Carter, ora di esprimersi come il potente e creativo solista che ha così grandemente segnato la storia del suo strumento. E Cobham, proprio con questo progetto, si è posto il grande obbiettivo di indagare ciò che avviene sul palco durante un concerto. In una intervista rilasciata a Luigi Onori su “il manifesto” e su “blackinradio.it” spiega cosa è in fase di realizzazione: “Nella mia ricerca, in tutti questi anni, ogni libro che ho consultato mi ha detto ma non spiegato cosa succede veramente nella musica. Oggi con il DVD è possibile avere immagini e filmati, una parte audio e un testo, tutto in un unico pezzo di plastica. In un trio, per esempio, cosa pensi quando suoni? Come interagisci con gli altri? Attraverso un DVD è possibile far vedere come le persone lavorano insieme". Una ricerca affascinante, che potremo fruire grazie alla multimedialità, che unirà musica, immagini e testimonianze, e che ci mostrerà scelte stilistiche ed emozioni dei musicisti.

  • 14/12/2005 13:23 - DADO MORONI trio Dado Moroni è protagonista da molti anni ...

    DADO MORONI trio Dado Moroni è protagonista da molti anni della scena jazzistica Internazionale a fianco di musicisti come Dizzy Gillespie, Winton Marsalis, Joe Henderson, Freddie Hubbard solo per citarne alcuni. Il trio è la sua dimensione ideale, gli da l’opportunità di regalare agli ascoltatori tutta la sua energia, l’impareggiabile senso del jazz, il suo virtuosismo. Questo si può definire un concerto a 360 gradi in quanto il repertorio spazia da brani standard (Ellington, Monk, Bud Powell) nei quali viene infusa sempre nuova energia, blues e interessanti composizioni originali. Dado Moroni: piano; Luciano Milanese: c. basso; Stefano Bagnoli: batteria.

  • 14/12/2005 13:23 - Tributo agli IRON MAIDEN HAMMERSMITH Luigi Maione - Iron Maions: Lead vocals; ...

    Tributo agli IRON MAIDEN HAMMERSMITH Luigi Maione - Iron Maions: Lead vocals; Francesco Maione - Mega: Lead guitar; Ettore Naturali - Gufo: Lead vocals; Andrea Galli - Gallone: Baas guitar; Marco Poliedri - Sexi Drummer: Drums;

  • 14/12/2005 13:23 - JULIE DOIRON Désormais Un incanto di mezz'ora per Julie Doiron, un ...

    JULIE DOIRON Désormais Un incanto di mezz'ora per Julie Doiron, un tempo negli Eric's Trip. Come s'intuisce dal titolo, Désormais è cantato pressoché integralmente in francese. Nessuna sorpresa, essendo Doiron di Montreal, Quebec. Se non quella di aver trovato una chanteuse da brividi (sentire Le Charmant Coeur o Tu Es Malades) nell'America del nord.

  • 14/12/2005 13:23 - LOCUST Wrone Ogni ritomo di Mark Van Hoen sia in veste ...

    LOCUST Wrone Ogni ritomo di Mark Van Hoen sia in veste seriosa col proprio nome, sia nel nome della "Locusta", suscita quantomeno curiosità. Sembrano lontane le illuminazioni trance -ambient dei primissimi (splendenti) dischi su Apollo, mentre ci troviamo piuttosto vicini al seguito non-ideale di "Morning Light" di qualche anno fa, disco di canzoni pop-elettroniche riuscito a metà, come a metà sembra riuscito questo "Wrong", titolo peraltro azzeccatissimo! Decadimenti ed errori sono così materia preziosa su cui lavorare: strumenti fuori tempo e fuori intonazione soprattutto. La curiosità di cui si parla è che qui non si tratta di errore digitate come accade negli ormai stanchi guerrieri del digitat glitch. Locust lavora invece con strumenti analogici, niente campionamenti, solo sintetizzatore e voci. E tutto ancora molto pop. Mark Van Hoen si avvale ancora una volta della voce di Holli Ashton, alla quale però affianca altre voci sempre femminili: Lisa Millet, Tara Patterson, Sarah Peacock, oltre a Vinny Miller della 4 AD. Ma se in "Morning Light" egli ti afferrava per la gola con fare seduttivo inanellando sequenze di pop songs lussureggianti e un pelo old fashioned, in "Wrong" l'appeal è più difficile, meno immediato, come sfasato, insomma non così accattivante. Però forse è proprio questo a destare una certa attenzione. Anzitutto si tratta di due cd da far suonare contemporaneamente e del tutto complementari: il secondo non è altro che la versione strumentale del primo depurato di ogni sovraccarico vocale. Da solo suona come il lato più ambient di Locust laddove il primo cd racchiude quello marcatamente pop. Ed è proprio il pop elettronico inglese di fine anni '70 primi anni '80, la fonte d'ispirazione per questo "deviante sbaglio". E naturalmente si sente, a volte sembra davvero di essere catapultati in una visione tecnopop da primi '80, con tutto il fascino e con tutta l'estetica effimera di quello stile. "Wrong" è dunque disco irrisolto, imperfetto, out, in una parola moderno.

  • 14/12/2005 13:23 - LOCUST Wrong Abbandonate le stranezze in zona Aphex e R&S delle ...

    LOCUST Wrong Abbandonate le stranezze in zona Aphex e R&S delle prime produzioni targate Locust, Mark Van Hoen va sprofondando in una sorta di limbo in cui il tempo si è fermato a metà anni '80. Avrebbe potuto tranquillamente appartenere al catalogo 4AD questo Wrong, con quelle tastiere ambient avvolgenti e quel cantato anemico, abbandonato solo per un attimo appena un po' più groovy (Make a Difference), se non fosse per l'idea partorita dalla non completamente estinta vena sperimentale di Van Hoen, che ha fatto di Wrong un cosiddetto twin CD, ovvero un doppio dove un CD è l'album vero e proprio e l'altro un'integrazione, una serie di strumentali da riprodurre in sincronia con le complementari tracce "regolari". Qualcosa di simile al mitico Zaireeka dei Flaming Lips, il cui ascolto richiedeva la presenza di 4 lettori CD da disporre agli angoli della stanza. Come potrete immaginare, il dovere di cronaca impone al vostro umile cronista di documentare il tutto; quindi, dita sui due tasti "play" e via! L'effetto talora pare pretestuoso ma, nella maggior parte dei casi, l'esperienza risulta sfiziosa assai, dal momento che i drones apparentemente statici fino all'immobilismo del secondo CD svolgono in più di un'occasione un ruolo fondamentale; ad esempio di collante, come (nomen omen) la Strings That Bind or Drop che "mixa" Sweet Sky e What Do You Care?, altrimenti scisse nel CD "vero". Senza contare il surplus d'interattività, derivante dalla possibilità di giocare con volumi e disposizione dei riproduttori in cerca della soluzione più soddisfacente. Insomma, "il" disco da dimostrazioni di audio surround, quello che in un mondo migliore sostituirebbe i soliti Dire Straits e Pink Floyd.

  • 14/12/2005 13:23 - AFRONESQUE è una produzione musicale inedita che non lascia spazio ...

    AFRONESQUE è una produzione musicale inedita che non lascia spazio al pensiero ma trasporta l'ascoltatore in una dimensione oltreconfine in cui i testi e le voci sono solo il coro di quello che è il modo più immediato di comunicare in Africa: la musica. Ogni sonorità, ogni nota, ogni aggancio sonoro rappresenta la vita e l'espressione dell'essere umano disperso negli spazi immensi di questo affascinante continente. Sono dodici i brani raccolti in questo album che - nel suo percorso musicale - viaggia con le sonorità dell'Africa attraverso il Continente Nero portando per mano l'ascoltatore in quelle che sono le melodie tribali ed etniche trasformate in suoni dall'influenza sempre più occidentale man mano che dal Sud si giunge al Nord del continente. L'africa dei testi e delle sonorità più solari si vive con le influenze somale di DALETH che apre il viaggio con la nascita solare del giorno. Si viaggia attraverso il Senegal con i caldi ritmi dei JAMBOUR per poi dirigersi con ABORIGINE verso le lussureggianti terre dell'Africa centrale. Con il passaggio nel Burkina Fasu si incontrano i ritmi sempre più serrati e coinvolgenti dei KOLON KANDYA in un progressivo esplodere dei jambé e delle percussioni. Il percorso ritmato ritorna alla bellezza dei grandi spazi e dei cori con il passaggio di OLIVER SANTHI e di EVOLUTION TIME dall'Africa centrale a quella occidentale dove si incontra il reggae-tab di DASSY che a lenti passi raggiunge le prime dune del deserto. Si è giunti nell'Africa algerina, reintrodotta dalla voce di DALETH e focalizzata in quella de la PERLE DU DESERT. Lo scenario è quello delle piccole case dai muri bianchi sporcati dalla terra rossa del deserto, dei cammelli che portano il viandante sulle infinite spiaggie del Marocco, della Tunisia e dell'Algeria, nello stagliarsi di un tramonto rosso fuoco che diventa la fine di un viaggio musicale indimenticabile.

  • 14/12/2005 13:23 - BOBO RONDELLI - Ex cantante e leader della formazione livornese ...

    BOBO RONDELLI - Ex cantante e leader della formazione livornese Ottavo Padiglione, Bobo Rondelli ha recentemente dato alle stampe il proprio album di debutto "Figlio del nulla": cinque brani inediti e otto pezzi selezionati dal repertorio degli Ottavo. Il disco è prodotto dalla casa discografica pisana Arroyo Records di e ha visto la produzione artistica dello stesso Rondelli e di Alessandro "Amek" Ferrari, già collaboratore di Ligabue. Rondelli é inoltre reduce inoltre da diverse esperienze cinematografica, tra cui "Sud Side Story" di Roberta Torre

  • 14/12/2005 13:23 - KEIRON PHELAN/ DAVID SHEPPARD “O Little Stars” (Rocket Girl/Wide) Noti ai ...

    KEIRON PHELAN/ DAVID SHEPPARD “O Little Stars” (Rocket Girl/Wide) Noti ai cultori dell’underground per l’opera svolta nel progetto strumentale State River Widening, Keiron Phelan e David Sheppard hanno curricula che reclamano la massima riverenza, vista la frequentazione del primo con l’ex leader dei Sound Adrian Borland, con i Low, e - come produttore - con Wisdom of Harry, e vista la collaborazione in fieri che vede Sheppard attualmente in studio con un altro David, il Grubbs ex Gastr Del Sol ora impegnato in una florida e avvincente carriera solista. Considerate siffatte promesse, un disco come questo non poteva mancare di emozionare per bellezza, ispirazione e grazia formale, dando l’opportunità a chi aveva mancato l’appuntamento con i due precedenti E.P., usciti in edizione limitata, di poter assaporare le trame celestiali e universali inventate da questo duo di geni musicali. Musiche di un altro mondo, verrebbe da dire, vista la perfezione sovrumana con la quale vengono elargite superbe pieces ambientali come “Azizintla Fireflies”, “Radioflute”, “Sleep”, “Snowfall Over”, “O, Little Star”, “Par Avion”… composizioni ancestrali ed emozionanti derivate dall’uso sapiente di strumenti analogici come un piano elettrico, un organo Hammond, flauti, violini e percussioni, le risonanze e i riverberi dei quali vengono lasciate risuonare e respirare liberamente, dando la magica sensazione di percepire un continuum spazio-temporale capace di unire in simbiosi Uomo, Natura e Cosmo. Se “Grasslands” trasmette odori di erba e terra calpestata in una splendida giornata estiva, “Torrent” ci rende consci dell’eterno divenire delle cose, seguendo una magia ammaliatrice che non svela affatto il mistero del panta rei, anzi lo rende più nascosto e invincibile di prima. Su “Metropolitan House” appare addirittura la voce, “intervistata” da Sheppard, di sua maestà Steve Reich, a suggellare un disco avvincente e magistralmente compiuto, da collocare indubbiamente tra le migliori opere di Brian Eno, un albo destinato a sedurre di continuo grazie al magnetismo calibrato, alla perfezione formale, all’orecchiabilità e alla rilassatezza delle sue magnifiche composizioni strumentali. Un classico destinato a sfidare il tempo, come tutti i classici degni di questo nome (www.widerecords.com, www.rocketgirl.co.uk)

  • 14/12/2005 13:23 - PETRONA MARTINEZ (Colombia) E’ la voce afroamericana più autentica dei Carabi. ...

    PETRONA MARTINEZ (Colombia) E’ la voce afroamericana più autentica dei Carabi. Autrice di tutte le canzoni che esegue, in ognuna descrive un pezzo della propria vita, dura e difficile ma al tempo stesso densa di magia. A 62 anni d’età, nel 1999, è stata la cantante rivelazione in Colombia, divenendo la massima e più autorevole rappresentante del folklore di quel paese. Anche la Martinez sarà per la prima volta in Italia, in esclusiva per Etnofestival.

  • 14/12/2005 13:23 - RONALD BAKER Quintet Una musica vibrante e piena di toni, dove ...

    RONALD BAKER Quintet Una musica vibrante e piena di toni, dove il sorprendente Baker sembra aver trovato il luogo delle proprie aspirazioni: che sono quelle di un erudito per il quale la storia del jazz non è una mera cronologia di sviluppi estetici ma soprattutto una scatola magica piena di emozioni. Formazione: Ronald Baker (trumpet, voice); Alain Mayeras (piano); David Salesse (double-bass); Jean Jacques Taïb (tenor sax); Patrick Filleul (drums).

  • 14/12/2005 13:23 - Duo STEFANO BOLLANI / BOBO RONDELLI, un progetto musicale che ...

    Duo STEFANO BOLLANI / BOBO RONDELLI, un progetto musicale che vede insieme l‚estroso pianista sestese (Bollani, indiscusso talento musicale già al fianco di Enrico Rava, Richard Galliano, Pat Metheny...) e il più provocatorio del cantautori italiani (Rondelli, già leader dei livornesi Ottavo Padiglione): una produzione Toscana Musiche in bilico tra jazz e pop, da cui è scaturito anche un Cd, «Disperati, intellettuali, ubriaconi», pieno di pulsione artistica, malinconia e allegria. Il jazz che si contamina con la melodia in un'inesauribile tensione espressiva: Bobo Rondelli e Stefano Bollani si sono incontrati quasi per caso, strada facendo, mettendo in comune il nomadismo delle loro esperienze musicali e la curiosità di chi non ama rinchiudersi negli steccati dei generi. Ne è scaturito un Cd, «Disperati, intellettuali, ubriaconi», pieno di pulsione artistica in equilibrio fra malinconia ed allegria. Il progetto discografico ha potuto vedere la luce grazie all'impegno di «Toscana Musiche», del Teatro Politeama Pratese e del Politeama di Cascina. Alla realizzazione del disco cui hanno partecipato anche il contrabbassista Raffaello Pareti, il batterista Andrea Melani, il chitarrista Riccardo Galardini e i fiatisti Mirko Guerrini e Mirio Cosottini. Il cd, appena uscito per l'etichetta «Arroyo Records» di Nicola Zaccardi - il manager di Rondelli e il promoter del Metarock - raccoglie 14 canzoni con molti inediti, due cover - «Io e te, Maria» di Piero Ciampi e «Un giorno dopo l'altro» di Luigi Tenco - alcune rivisitazioni tra le più significative pagine della produzione rondelliana, compresa l'ormai leggendaria «Gigi Balla». I nuovi brani del cantautore livornese mostrano una notevole maturità di scrittura, le tematiche trattate fanno ormai parte del suo dna compositivo tra ironia, sarcasmo e decadentismo mentre i tessuti sonori riflettono la molteplicità degli interessi musicali e qui la direzione di Bollani si è rivelata geniale nel dare coerenza estetica alla complessa e multiforme materia grazie alle atmosfere evocate e all'approccio stilistico. In particolare c'è da sottolineare la forza espressiva di «Cuore di bimbo», un atto d'accusa contro le guerre che spesso sono gli innocenti e soprattutto i bambini a pagare a più caro prezzo.

  • 14/12/2005 13:23 - “Dedicato alla memoria di Charles Ives, uno dei pochi compositori ...

    “Dedicato alla memoria di Charles Ives, uno dei pochi compositori che hanno trovato la musica più interessante di se stessi” I collage stilistici nascosti dietro i titoli Anachronie I e II sono certamente anacronistici da un punto di vista compositivo, nel senso di essere fuori armonia col concetto modernista di progresso musicale, ma anche come un’espressione dello spirito anti dogmatico, anti esclusivo degli anni Sessanta, che certamente anacronistici non sono. Allo stesso tempo, il compositore ha chiamato Anachronie I “un riflesso della realtà musicale dei nostri tempi”. Una realtà-telecomando, potremmo dire oggi. In questa composizione è come se noi stessimo facendo dello zapping simultaneamente sulle emittenti che sono accessibili da un insieme di apparecchi radiofonici. Il gusto dello zapper decide con quali emittenti collegarci. Ecco perché il Barbarber box di Andriessen (dove per “Barbarber” si intende il giornale letterario olandese 1958-1971 - N.d.A) pubblicato nel 1969 col poeta J. Bernlef da Querido sotto il titolo di Souvenirs d’enfance, contiene un’infornata di frammenti non identificati di Stravinsky, ed ecco anche perché Anachronie I non suona come Wagner o Schönberg ma piuttosto come Roussel, Milhaud e come musica da festival italiano di canzonette. Per questo motivo, il contenuto di questi collage è - non intenzionalmente - più quiz-show che realtà. E mentre il quiz di Andriessen si è dimenticato dei premi, ha anche nascosto a noi una sinossi delle fonti depredata del suo materiale, con l’unica eccezione del Quartetto d’Archi di César Franck che compare in Anachronie I, comunque ben nascosto, in un arrangiamento per organo elettronico. Elmer Schönberger

  • 14/12/2005 13:23 - CURRICULUM VITAE del duo ANDREA PERONI e ANGELO BAGNARA Siamo due ...

    CURRICULUM VITAE del duo ANDREA PERONI e ANGELO BAGNARA Siamo due amici di 32anni legati da alcuni anni dalla comune passione per la musica. All'età di 17 anni suonavamo con altri amici con i quali formavamo un gruppo rock, ma con il passare del tempo siamo rimasti noi due soli ad essere veramente intenzionati a progredire. Suonando brani di musica West Coast abbiamo iniziato ad esibirci nei piano bar e caffè concerto della riviera Adriatica riscuotendo un notevole successo, ma non sentendoci ancora realizzati abbiamo cominciato a comporre musica nostra in Italiano. Inoltre non ci è mancata l'occasione di suonare come gruppo spalla a cabarettisti della fama di Beppe Grillo, Gaspare & Zuzzurro, nelle feste di piazza con qualche migliaio dispettatori, purtroppo però, sempre eseguendo musica non nostra. Con brani di nostra composizione invece ci siamo qualificati al terzo posto al Concorso Europeo dello Spettacolo "Festival & Festival" svoltosi a Rimini nel mese di Aprile '90, e siamo giunti finalisti al Concorso Europeo "Europa Spettacolo" di Chianciano Terme edizione '90.

  • 14/12/2005 13:23 - Bartolo Incoronato è nato a Napoli e ha iniziato a ...

    Bartolo Incoronato è nato a Napoli e ha iniziato a lavorare come attore-autore nel 1975. Ha studiato presso l’università popolare dello spettacolo di Napoli dove ha avuto come maestri il mimo Michele Monetta e gli attori Antonio Casagrande, Carlo Giuffrè, Mario Scaccia, Enrico Maria Salerno , il regista Roberto de Simone. Ha avuto esperienze che spaziano dalla sceneggiata (1975 teatro Biondo di Napoli) al cabaret al pulcinella (1980 teatro tenda di Napoli), al teatro d’avanguardia (Ateneo di Roma, Teatro della Compagnia Firenze, Teatro della Due Guardie a Livorno), al teatro classico (il Giglio di Lucca), al teatro di strada (feste nazionali dell’unità a Bologna, Roma, Modena; festa nazionale di San Marino), alla pubblicità (Emmelunga, Atlas). Ha pubblicato suoi testi sull’autorevole rivista “Sipario”, testi rappresentatissimi dalle filodrammatiche italiane. Dal 1975 ad oggi ha scritto e messo in scena 12 testi. Il suo stile è stato definito surreal-popolare. Ha una lunghissima esperienza di laboratori teatrali con adulti e bambini. Di prossima pubblicazione un suo saggio sulla drammatizzazione con i bambini. Ha collaborato per un lungo periodo con la compagnia sperimentale Chille de la Balanza (1984/91). Collabora intensamente con la compagnia Mascarà Teatro Popolare d’Arte diretta da G. Franco Pedullà (si segnala, tra le altre, l’attività nel carcere di Arezzo).Collaborà con il teatro dei sensibili diretto dal noto scrittore-poeta-filosofo Guido Ceronetti.

  • 14/12/2005 13:23 - FRANCO MORONE Franco Morone è forse il più illustre esponente italiano ...

    FRANCO MORONE Franco Morone è forse il più illustre esponente italiano della chitarra acustica, riconosciuto ed apprezzato come uno degli esecutori più interessanti della scena internazionale. La sua prima produzione, in gran parte didattica, spazia dal blues al jazz ed è utilizzata da numerosi appassionati delle 6 corde. Interprete impeccabile di melodie che spaziano dal blues alla tarantella, dal folk al pop, dalla tradizione nera americana al folk irlandese, partecipa regolarmante a festival e tournée in Europa, USA e Giappone, oltre ad esercitare attività didattiche con seminari e articoli presso riviste specializzate.

  • 14/12/2005 13:23 - AGNOSTIC FRONT Dead Yuppies Sarà il decimo disco della storia degli ...

    AGNOSTIC FRONT Dead Yuppies Sarà il decimo disco della storia degli Agnostic Front, accasati presso la Epitaph, e Vinnie Stigma e soci sembrano trovarsi assai bene. Ogni uscita discografica è un'occasione per risuscitare antichi entusiasmi in fan e giornalisti, o per ripescare altrettanto vetuste polemiche ed asce di guerra contro gli atteggiamenti spesso provocatori, sicuramente mai molto acuti, il più delle volte infelici, ma mai molto di più di Roger Miret in merito a stradaiola politica quotidiana. "Dead Yuppies" è l'ennesimo disco fatto di grande energia, sorprendente compattezza sonora e strumentale, rabbiosa dichiarazione di autarchica ribellione e poco altro. Senza dubbio contiene molta più sostanza un disco come questo "Dead Yuppies" (nonostante l'infelice valore profetico dei titolo alla luce della cronaca feroce di questi giorni) che tutto quanto i Limp Bizkit non abbiano mai messo insieme nella loro fortunata comparsa sugli schermi di tutto il mondo, sia in fatto di urgenze espressive, sia in termini di ricchezza compositiva e di rigore compositivo; ma non è ragione sufficiente per non consigliare l'ascolto dell'opera soltanto a chi non ha ancora deciso di conoscere gli Agnostic Front del periodo d'oro (sperando che l'anima mai rassegnata dei punk di Miret lo costringa ad andare a ripescare almeno "Victim in Pain" o "Cause for Alarm"), o ha deciso deliberatamente di seguire il percorso degli irriducibili "cattivi" di NewYork sino alla pensione. D'altronde un discorso diverso non si era fatto neppure per il precedente, per quanto inferiore, "Riot Riot Upstart".

  • 14/12/2005 13:23 - ARLING & CAMERON "We Are A&C" - Dall'Olanda arrivano invece ...

    ARLING & CAMERON "We Are A&C" - Dall'Olanda arrivano invece Arling&Cameron, nome di culto nella scena lounge internazionale con un fascinoso ed eclettico debole per orchestrazioni e colonne sonore. Che roba suonano? Basta un'occhiata ai ringraziamenti: Pizzicato 5, Fantastic Plastic Machine e Senor Coconut come Kurt Vonnegut (!!!), Timbaland, Mastroianni, Scorsese, Suicide e Madonna! Può bastare? Se il precedente Music For Imaginary Films era un coneept che reinventava colonne sonore da film suonando a metà strada tra Brasile e Giappone, con atmosfere spyosissime e lounging, qui il taglio è più ruvido, electro ed europeo, non lontano dagli immensi Stereo Total, da Burgalat o dai Le Hammond Inferno. Disco spassosissimo con loro in versione 3D. Trovatelo!

  • 14/12/2005 13:23 - BRON Y AUR "Between 13 & 16 " "L'Album si delinea ...

    BRON Y AUR "Between 13 & 16 " "L'Album si delinea nel momento in cui la band si riunisce per dar forma ad alcune intuizioni abbozzate in sala prove, lasciando tuttavia che l'improvvisazione prenda il sopravvento. Nel successivo riordino e selezione del materiale tutte le parti considerate anche parzialmente frutto di un processo compositivo vengono eliminate, le improvvisazioni emergono come i momenti più freschi e vitali. I successivi mixaggi, in cui intervengono Edoardo Ricci e Jacopo Andreini, si rivelano determinanti nell'assemblaggio e nel trattamento dei materiali: i Bron Y Aur si inseriscono nella nutrita schiera di musicisti che hanno utilizzato lo studio di registrazione come un vero e proprio strumento aggiunto, complice la mano particolarmente motivata di Fabio Magistrali." "Insieme dal 1995 i quattro Bron Y Aur sebbene siano "solo" al loro secondo album si sono fatti più volte notare grazie anche alla qualità dei primi due demotape (1997 e 1998) oltre ovviamente che per l'album di esordio (Beware 1999). Da sempre considerati un gruppo radicato nei seventies, sicuramente non nascondono di aver riempito le loro giornate in gioventù tra Zeppelin e Sabbath, per essere folgorati successivamente dal kraut rock tedesco e dal free jazz. Questo insolito mix dà vita ad una band decisamente originale e poliedrica, capace di esaltare la propria radice rock come di affiancarsi ed interagire con musicisti di altra estrazione. Il palco è di conseguenza vissuto con la medesima attitudine dello studio : jam ed improvvisazione, arricchita spesso da graditi ospiti."

  • 14/12/2005 13:23 - CICLOTRON. - IL NUCLEO. - Sett. 99, Il seme intriso ...

    CICLOTRON. - IL NUCLEO. - Sett. 99, Il seme intriso di sperimentazione viene piantato con l’incontro di Massimiliano, Ruffio e Mocambo, tre musicisti appena congedati dalla scena Etno-Folk italiana nella quale grazie al leader –vocalist Dido Didomenico, si sono conosciuti; Massimiliano è infatti chitarra Mazapegul dal ’95. E’ la prematura scomparsa di Dido a fare intrecciare i destini ed a portare i tre sul palco della manifestazione Soundido a lui tributata. Dal sentito pretesto parte la lunga collaborazione che li vede (ancora sotto veste anonima) toccare i più svariati generi musicali guidati dalla fortissima voglia di originalità. Si avvia così una bizzarra ricerca sonora in chiave analogica, dove è di assoluta importanza il “Jimmy Guitar Shop” , insostituibile officina di suoni e teatro di prova per sperimentazione. Ormai consapevoli di aver captato il giusto filone musicale, il nucleo “CICLOTRON. ” inizia un intensa attività live, toccando manifestazioni culturali, discoteche, house party e teatri dove musicare video alternativi, con l’unico scopo di fondersi e crescere. - LA SCINTILLA. La voglia e l’esigenza di allargare l’organico coincidono con l’arrivo della chitarra “Jestofunk”. Mr Fuzz, che forte della sua esperienza, compie precisi e mirati interventi, aggiungendo preziosi tasselli al muro sonoro e allargando notevolmente il groove ispirandolo al circuito house, dance, underground. - L’EVOLUZIONE CONTINUA. L’afflusso di altri colori è ormai inevitabile; si pensa ad un fiato, ad una chitarra, ancora ad un’altra chitarra ed in fine ad una voce. Con costante lavoro la proiezione mentale dell’indiscusso leader Massimiliano Amadori (chitarre e voci) non tarda a divenire realtà portando a galla inaspettate doti nell’arrangiare partiture vocali. A Fabio Tozzi “mocambo” (fusti e rullanti) e Davide Ruffilli “ruffio” (basso) segue l’ampliamento della band da tre a sei elementi con la progressiva entrata di Davide Satanassi (sax e colori), Marcello Veggiani (chitarra e ritmiche) e Emanuele Benedetti (chitarra). - IL PRODOTTO. La nuova formazione trova presto il giusto feeling scatenando la voglia di una chiara identità innovativa anche sul fronte della presentazione al pubblico. Sfruttando le varie prove effettuate in diversi teatri regionali, i “CICLOTRON.” realizzano una struttura cubica, dall’aspetto mutante nei colori e nelle dimensioni, esaltata dalla totale immersione dei sei componenti, per look e costumi. Gli show, improntati sull’essenza del movimento, sono animati dall’uso di ricercati effetti scenografici, mirati a valorizzare la singola esibizione che non lascia tregua. A completare un già ricco spettacolo, su richiesta, si propone la presenza di una o più cubiste, maestre nel figurare l’adrenalina su movimenti Underground. info: 347/2227254 - 340/2959082 E-MAIL :ciclotronproject@hotmail.com

  • 14/12/2005 13:23 - C'ERA UNA VOLTA IL WESDADO MORONI OMAGGIO A WES MONTGOMERY con ...

    C'ERA UNA VOLTA IL WESDADO MORONI OMAGGIO A WES MONTGOMERY con Dado Moroni: Pianoforte; Alessio Menconi Chitarre; Riccardo Fioravanti C.Basso; Enzo Zirilli Batteria; Considerato dalla critica specializzata e dal pubblico del jazz un vero e proprio leader tra i pianisti italiani, Edgardo "Dado" Moroni gode oggi, alla soglia dei quaranta anni, di un periodo di splendida maturità artistica, giunto al culmine di una carriera che ha avuto inizio sin dai primi anni settanta. Partito appena quattordicenne dalla natia Genova con un solido bagaglio tecnico e un enorme talento naturale, ben presto Dado Moroni è riuscito ad affermarsi in terra americana, stabilendovisi per molti anni e conquistandosi la stima e il rispetto della difficile scena jazz d'oltreoceano. Il suo approccio alla musica sincero e onesto, unito ad una grande capacità di comunicativa e ad uno stile molto personale in cui predomina l'aspetto melodico, gli hanno permesso arrivare a collaborare a lungo con nomi illustri come: Benny Bailey, Ray Brown, Terri Lyne Carrington, Kenny Clarke, Arnett Cobb, Billy Cobham, Al Cohn, Eddie "Lockjaw" Davis, Harry "Sweets" Edison, Dizzy Gillespie, Tom Harrel, Freddie Hubbard, Wynton Marsalis, The Mingus Dynasty, James Moody, Idris Muhammad, Jimmy Owens, Woody Shaw, Zoot Sims, Clark Terry, Adrienne West e Buster Williams. Tornato a risiedere in Italia a tempo parziale soltanto da alcuni anni, Dado Moroni ha riunito attorno a se un quartetto di grandi talenti del jazz nostrano.

  • 14/12/2005 13:23 - DON BYRON Don Byron è tra gli esponenti di rilievo ...

    DON BYRON Don Byron è tra gli esponenti di rilievo del movimento sincretista che ha animato la scena del new jazz definitasi negli ultimi anni a New York e che raccoglie musicisti quali John Zorn, Bill Frisell, Dave Douglas, Marc Ribot, Uri Caine. Erede della tradizione di compositori e bandleader quali Duke Ellington ed Art Blakey, Don Byron ha confrontato la sua sensibilità jazz con ispirazioni ed influenze disparate, spaziando da omaggi a repertori klezmer, al musical di Broadway, alla musica per cartoni animati di Raymond Scott ai suoni dell'orchestra jungle di Ellington degli anni 20, al funk al rhythm'n'blues, ai ritmi trascinanti del latin jazz. Alle atmosfere del latin jazz è dedicato anche il suo prossimo cd, You Are # 6, registrato per l'etichetta Blue Note (ed in uscita a novembre), in cui Byron ha innescato un nuovo corto circuito tra tradizioni caraibiche, sonorità africane e ritmi d'oggi per una delle creazioni più riuscite della sua carriera. Proprio in un'orchestra latinoamericana, Byron aveva esordito da ragazzo, suonando il clarinetto ed il sax baritono; così il suo nuovo cd è una sintesi di esperienze sospese tra passato e presente in una proposta originale ed affascinante. I primi impegni professionali di Byron risalgono alla metà degli anni '80, in compagnia del trombonista Craig Harris, e nell'orchestra di Ellington diretta dal figlio Mercer, poi la carriera da leader, alla testa di vari ensemble, ed una serie di importanti collaborazioni, tra cui quelle con il chitarrista Bill Frisell e con il pianista Uri Caine. Il nuovo quintetto con cui Byron sarà a Firenze presenta una formazione orientata verso la spirito del grande jazz, ed allinea solisti esperti quali il trombettista Ron Miles, già collaboratore di Bill Frisell e del batterista Ginger Baker, il giovane e dotato pianista Gorge Colligan, il contrabbassista Drew Gress ed il batterista Ralph Peterson, entrambi compositori e leader, che costituiscono insieme un team ritmico formidabile. Inoltre, per la prima volta Don Byron suonerà nella cornice raccolta della Sala Vanni di Piazza del Carmine a Firenze: il clarinettista era atteso due anni fa, quando fu impossibilitato a partecipare per impegni personali.

  • 14/12/2005 13:23 - FRANCO MORONE FRANCO MORONE E' NATO NEL "56" E VIVE A ...

    FRANCO MORONE FRANCO MORONE E' NATO NEL "56" E VIVE A BOLOGNA, DOVE ALTERNA ALL'ATTIVITA' DIDATTICA QUELLA CONCERTISTICA, E' CONSIDERATO UNO TRA I PIU' QUOTATI INTERPRETI DELLA CHITARRA ACUSTICA, SIA IN ITALIA CHE ALL'ESTERO. SVOLGE SPESSO ANCHE SEMINARI SULLE ORIGINI E SULLE MODERNE TECNICHE DEL FINGERSTYLE, COLLABORANDO ANCHE CON LA STAMPA SPECIALIZZATA.

  • 14/12/2005 13:23 - GIULIANO VERONESE Un veterano della scena veneta ma non solo: resident ...

    GIULIANO VERONESE Un veterano della scena veneta ma non solo: resident delle ultime due estati al prestigioso "Muretto" di Jesolo (e durante l'inverno allo "041" di Mestre) GIULIANO VERONESE e' da quest'anno anche resident del "New York Bar" a Milano, per il quale sta preparando insieme a Claudio Coccoluto il nuovo volume dell'omonima compilation mixata. Il suo stile morbido e tribale e' ormai un marchio di fabbrica che in molti riconoscono e apprezzano.

  • 14/12/2005 13:23 - LES FOLIES ELECTRONIQUES Ovvero elogio del calcolatore L’avvento del calcolatore elettronico è ...

    LES FOLIES ELECTRONIQUES Ovvero elogio del calcolatore L’avvento del calcolatore elettronico è stato come la manna dal cielo per l’umanità intera che ha avuto la possibilità di vedere la realtà duplicata in contesto virtuale, come se i numeri ci avessero dato una seconda chance. Gli alfieri di questa musica raffinata e selvaggia, calcolata e probabilistica, di massa e d’elite,e cioè quegli stessi John Cage, Stockhausen e Varése che sono stati gli ispiratori di molti geni del rock e del jazz (basti pensare a Miles Davis e Frank Zappa) hanno messo in pratica non volendolo il messaggio della beat generation di “allargare l’area della propria coscienza” musicale, s’intende, senza l’aiuto di droghe ma con la possibilità di un universo virtuale parallelo, il computer. Certo molti anni sono passati dalle convergenza acusmatiche dello Stockhausen di Kontakte al patchwork generale che è oggi la musica elettronica in tutte le sue espressioni, ma la musica è cambiata più per le innovazioni tecnologiche subentrate che per innovazioni stilistiche, tanto che si potrebbe quasi dire che la messa in commercio da parte della Yamaha nel 1983 del DX-7, primo e ormai mitico sintetizzatore da casa abbia dato un sensibile contributo alla New Wave come la tecnologia agli anni 80 in generale. Dunque la musica cambia, diventando da atto esclusivamente collettivo e catartico di pochi secoli fa a qualcosa che può essere consumato, creato ed ascoltato per se stessi e in se stessi nonchè prodotto nella propria abitazione, come dichiara Bjork per il suo ultimo album “invernale e riflessivo” composto interamente nel calduccio di casa. Dalla musica da camera a quella da cameretta dunque, che assurge a regno incontrastato delle esplorazioni elettroniche nella mente dei nuovi geni dell’elettronica: Autechre, il guru Richard D. James, alias Aphex Twin, che fin dalla tenera età di 10 anni smacchinava con i suoi due Amiga, tanto che “Come to daddy” potrebbe essere il richiamo del padre disperato a smetterla con quel fracasso infernale, ignaro di avere in casa uno dei più abili manipolatori del suono ed elettroartista. Oramai il computer ha convogliato in sè tutti i mezzi espressivi e le attività umane, lasciando largo spazio all’inventiva, grazie al quale possiamo ad esempio godere della diseducazioni sonore di uno Squarepusher che ci insegnano però che la musica ed il suono-rumore non smetteranno mai di stupirci e che ci fanno venir voglia di farci portare lontano, cercando di non rischiare l’astrazione totale dalla nostra natura, quella umana.

  • 14/12/2005 13:23 - RON SEXSMITH Blue boy Il cantautore canadese con la faccia ...

    RON SEXSMITH Blue boy Il cantautore canadese con la faccia da sentimentale complessato abbandona la produzione fine di Mitchell Froom per affidarsi a un personaggio da lui distante per latitudine e attitudine come il texano Steve Earle. In realtà Earle, molto più di Froom, sembra essere stato buon consigliere per Sexsmith. Ha eliminato gli archi, limitato all'iniziale This song i fiati, reso più semplici e nitidi i suoni. Infine ha saputo convincere il suo assistito a concedersi qualche piccola accelerazione ritmica come nel funk bianco di Not too big, nel groove sottotraccia alla Jeb Loy Nichols di Parable o nei dondolii giamaicani di Never been done. Tanta morbida sobrietà contribuisce a dare limpidezza a canzoni scritte come al solito in modo impeccabile (Miracle in itself sarebbe piaciuta molto a Harry Nilsson, Foolproof pare uno standard anni '50) ma che hanno un paio di pecche commerciali: non vanno bene come sottofondo e propongono storie (Chep hotel Thumbelina farewell) non sempre rassicuranti. Per questo i dischi di Ron Sexsmith non sono destinati a diventare "popolari".

  • 14/12/2005 13:23 - THE AVALANCHES Frontier Psychiatrist (CDS) “Since I Left You” è stato ...

    THE AVALANCHES Frontier Psychiatrist (CDS) “Since I Left You” è stato un tormentone carino, ma il resto dell’album era totalmente inascoltabile perso in una ridda immane di “sampler & go”. Difficile, si pensava trovare un singolo secondo; invece ce l’hanno fatta. Interessante solo pel remix di Mario Caldato Jr., piccola gloria del deck fattosi le ossa alla scuola dei Dust Brothers e del Beck. Mestf

  • 14/12/2005 13:23 - BRON Y AUR "Between 13 & 16 " L'Album si ...

    BRON Y AUR "Between 13 & 16 " L'Album si delinea nel momento in cui la band si riunisce per dar forma ad alcune intuizioni abbozzate in sala prove, lasciando tuttavia che l'improvvisazione prenda il sopravvento. Nel successivo riordino e selezione del materiale tutte le parti considerate anche parzialmente frutto di un processo compositivo vengono eliminate, le improvvisazioni emergono come i momenti più freschi e vitali. I successivi mixaggi, in cui intervengono Edoardo Ricci e Jacopo Andreini, si rivelano determinanti nell'assemblaggio e nel trattamento dei materiali: i Bron Y Aur si inseriscono nella nutrita schiera di musicisti che hanno utilizzato lo studio di registrazione come un vero e proprio strumento aggiunto, complice la mano particolarmente motivata di Fabio Magistrali. Insieme dal 1995 i quattro Bron Y Aur sebbene siano "solo" al loro secondo album si sono fatti più volte notare grazie anche alla qualità dei primi due demotape (1997 e 1998) oltre ovviamente che per l'album di esordio (Beware 1999). Da sempre considerati un gruppo radicato nei seventies, sicuramente non nascondono di aver riempito le loro giornate in gioventù tra Zeppelin e Sabbath, per essere folgorati successivamente dal kraut rock tedesco e dal free jazz. Questo insolito mix dà vita ad una band decisamente originale e poliedrica, capace di esaltare la propria radice rock come di affiancarsi ed interagire con musicisti di altra estrazione. Il palco è di conseguenza vissuto con la medesima attitudine dello studio: jam ed improvvisazione, arricchita spesso da graditi ospiti.

  • 14/12/2005 13:23 - CICLOTRON. IL NUCLEO. Sett. 99, Il seme intriso di sperimentazione ...

    CICLOTRON. IL NUCLEO. Sett. 99, Il seme intriso di sperimentazione viene piantato con l’incontro di Massimiliano, Ruffio e Mocambo, tre musicisti appena congedati dalla scena Etno-Folk italiana nella quale grazie al leader –vocalist Dido Didomenico, si sono conosciuti; Massimiliano è infatti chitarra Mazapegul dal ’95. E’ la prematura scomparsa di Dido a fare intrecciare i destini ed a portare i tre sul palco della manifestazione Soundido a lui tributata. Dal sentito pretesto parte la lunga collaborazione che li vede (ancora sotto veste anonima) toccare i più svariati generi musicali guidati dalla fortissima voglia di originalità. S'avvia così una bizzarra ricerca sonora in chiave analogica, dove è di assoluta importanza il “Jimmy Guitar Shop”, insostituibile officina di suoni e teatro di prova per sperimentazione. Ormai consapevoli di aver captato il giusto filone musicale, il nucleo “CICLOTRON.” inizia un intensa attività live, toccando manifestazioni culturali, discoteche, house party e teatri dove musicare video alternativi, con l’unico scopo di fondersi e crescere. LA SCINTILLA. La voglia e l’esigenza di allargare l’organico coincidono con l’arrivo della chitarra “Jestofunk”. Mr Fuzz, che forte della sua esperienza, compie precisi e mirati interventi, aggiungendo preziosi tasselli al muro sonoro e allargando notevolmente il groove ispirandolo al circuito house, dance, underground. L’EVOLUZIONE CONTINUA. L’afflusso di altri colori è ormai inevitabile; si pensa ad un fiato, ad una chitarra, ancora ad un’altra chitarra ed in fine ad una voce. Con costante lavoro la proiezione mentale dell’indiscusso leader Massimiliano Amadori (chitarre e voci) non tarda a divenire realtà portando a galla inaspettate doti nell’arrangiare partiture vocali. A Fabio Tozzi “mocambo” (fusti e rullanti) e Davide Ruffilli “ruffio” (basso) segue l’ampliamento della band da tre a sei elementi con la progressiva entrata di Davide Satanassi (sax e colori), Marcello Veggiani (chitarra e ritmiche) e Emanuele Benedetti (chitarra). IL PRODOTTO. La nuova formazione trova presto il giusto feeling scatenando la voglia di una chiara identità innovativa anche sul fronte della presentazione al pubblico. Sfruttando le varie prove effettuate in diversi teatri regionali, i “CICLOTRON.” realizzano una struttura cubica, dall’aspetto mutante nei colori e nelle dimensioni, esaltata dalla totale immersione dei sei componenti, per look e costumi. Gli show, improntati sull’essenza del movimento, sono animati dall’uso di ricercati effetti scenografici, mirati a valorizzare la singola esibizione che non lascia tregua. A completare un già ricco spettacolo, su richiesta, si propone la presenza di una o più cubiste, maestre nel figurare l’adrenalina su movimenti Underground. info: 347/2227254 - 340/2959082. E-MAIL :ciclotronproject@hotmail.com

  • 14/12/2005 13:23 - C'ERA UNA VOLTA IL WESDADO MORONI OMAGGIO A WES MONTGOMERY con DADO ...

    C'ERA UNA VOLTA IL WESDADO MORONI OMAGGIO A WES MONTGOMERY con DADO MORONI PIANOFORTE ALESSIO MENCONI CHITARRE RICCARDO FIORAVANTI C.BASSO ENZO ZIRILLI BATTERIA Considerato dalla critica specializzata e dal pubblico del jazz un vero e proprio leader tra i pianisti italiani, Edgardo "Dado" Moroni gode oggi, alla soglia dei quaranta anni, di un periodo di splendida maturità artistica, giunto al culmine di una carriera che ha avuto inizio sin dai primi anni settanta. Partito appena quattordicenne dalla natia Genova con un solido bagaglio tecnico e un enorme talento naturale, ben presto Dado Moroni è riuscito ad affermarsi in terra americana, stabilendovisi per molti anni e conquistandosi la stima e il rispetto della difficile scena jazz d'oltreoceano. Il suo approccio alla musica sincero e onesto, unito ad una grande capacità di comunicativa e ad uno stile molto personale in cui predomina l'aspetto melodico, gli hanno permesso arrivare a collaborare a lungo con nomi illustri come: Benny Bailey, Ray Brown, Terri Lyne Carrington, Kenny Clarke, Arnett Cobb, Billy Cobham, Al Cohn, Eddie "Lockjaw" Davis, Harry "Sweets" Edison, Dizzy Gillespie, Tom Harrel, Freddie Hubbard, Wynton Marsalis, The Mingus Dynasty, James Moody, Idris Muhammad, Jimmy Owens, Woody Shaw, Zoot Sims, Clark Terry, Adrienne West e Buster Williams. Tornato a risiedere in Italia a tempo parziale soltanto da alcuni anni, Dado Moroni ha riunito attorno a se un quartetto di grandi talenti del jazz nostrano, in un progetto molto bello e interessante tutto dedicato alla musica del grande maestro della chitarra jazz Wes Montgomery. Come co-leader di questa avventura musicale sarà alla chitarra in questa occasione Alessio Menconi, forse il più grande tra i chitarristi jazz meno conosciuti al grande pubblico. Un vero musicista per musicisti stimatissimo nell'ambiente anche fuori dai confini nazionali.

  • 14/12/2005 13:23 - Don Byron è tra gli esponenti di rilievo del movimento ...

    Don Byron è tra gli esponenti di rilievo del movimento sincretista che ha animato la scena del new jazz definitasi negli ultimi anni a New York e che raccoglie musicisti quali John Zorn, Bill Frisell, Dave Douglas, Marc Ribot, Uri Caine. Erede della tradizione di compositori e bandleader quali Duke Ellington ed Art Blakey, Don Byron ha confrontato la sua sensibilità jazz con ispirazioni ed influenze disparate, spaziando da omaggi a repertori klezmer, al musical di Broadway, alla musica per cartoni animati di Raymond Scott ai suoni dell'orchestra jungle di Ellington degli anni 20, al funk al rhythm'n'blues, ai ritmi trascinanti del latin jazz. Alle atmosfere del latin jazz è dedicato anche il suo prossimo cd, You Are # 6, registrato per l'etichetta Blue Note (ed in uscita a novembre), in cui Byron ha innescato un nuovo corto circuito tra tradizioni caraibiche, sonorità africane e ritmi d'oggi per una delle creazioni più riuscite della sua carriera. Proprio in un'orchestra latinoamericana, Byron aveva esordito da ragazzo, suonando il clarinetto ed il sax baritono; così il suo nuovo cd è una sintesi di esperienze sospese tra passato e presente in una proposta originale ed affascinante. I primi impegni professionali di Byron risalgono alla metà degli anni '80, in compagnia del trombonista Craig Harris, e nell'orchestra di Ellington diretta dal figlio Mercer, poi la carriera da leader, alla testa di vari ensemble, ed una serie di importanti collaborazioni, tra cui quelle con il chitarrista Bill Frisell e con il pianista Uri Caine. Il nuovo quintetto con cui Byron sarà a Firenze presenta una formazione orientata verso la spirito del grande jazz, ed allinea solisti esperti quali il trombettista Ron Miles, già collaboratore di Bill Frisell e del batterista Ginger Baker, il giovane e dotato pianista Gorge Colligan, il contrabbassista Drew Gress ed il batterista Ralph Peterson, entrambi compositori e leader, che costituiscono insieme un team ritmico formidabile. Inoltre, per la prima volta Don Byron suonerà nella cornice raccolta della Sala Vanni di Piazza del Carmine a Firenze: il clarinettista era atteso due anni fa, quando fu impossibilitato a partecipare per impegni personali.

  • 14/12/2005 13:23 - FRONT LINE ASSEMBLY Epitaph Ne è passato di tempo dall'esordio ...

    FRONT LINE ASSEMBLY Epitaph Ne è passato di tempo dall'esordio intitolato The Initial Command, allora eravamo nell'87 e da lì a poco sarebbe emersa la triade discografica più influente della primaria scena industriale (State Of Mind e Corrosion, infatti, uscirono entrambi l'anno successivo). In questo modo Chris Peterson e Bill Leeb assunsero il ruolo primario nella sperimentazione elettronica mondiale, riuscendo addirittura a scalzare in popolarità e vendite i cuginetti Skinny Puppy di cui Leeb faceva inizialmente parte, specialmente in seguito all'oscura sintesi di Tactical Neural Impiant. Successivamente la formazione di Vancouver seppe infiltrarsi in prospettive stilistiche molteplici, introiettando sia il metal industriale che la jungle e l'house più criptica. Epitaph di conseguenza viene pubblicato in un momento particolare della carriera artistica del combo canadese, rinforzato alle spalle dalle sperimentazioni parallele con Intermix, Delerium, Noise Unit e Synaesthesia, ma sapientemente inquadrato nello stile della formazione madre. Sono versatili e policromatici i Front Line Assembly di Backlash, Decoy o Dead Planet, agiscono sulla base di uno sfondo ambientale avveniristico nel quale si addentrano riff corrosivi di chitarra e timbriche jungle, house, hip hop, sintetizzati in una formula tesa ad evidenziame l'urgenza espressiva.

  • 14/12/2005 13:23 - GIULIANO VERONESE Un veterano della scena veneta ma non solo: resident ...

    GIULIANO VERONESE Un veterano della scena veneta ma non solo: resident delle ultime due estati al prestigioso "Muretto" di Jesolo (e durante l'inverno allo "041" di Mestre) GIULIANO VERONESE e' da quest'anno anche resident del "New York Bar" a Milano, per il quale sta preparando insieme a Claudio Coccoluto il nuovo volume dell'omonima compilation mixata. Il suo stile morbido e tribale e' ormai un marchio di fabbrica che in molti riconoscono e apprezzano.

  • 14/12/2005 13:23 - BRON Y AUR Between 13 & 16 (Burp-Beware-Wallace Records/Audioglobe) È quasi ...

    BRON Y AUR Between 13 & 16 (Burp-Beware-Wallace Records/Audioglobe) È quasi inevitabile che quando un gruppo di persone trascorre la gioventù ascoltando hard rock e/o metal e durante la successiva fase della “maturità” si avvicina a materiale più sperimentale o comunque orientato al free jazz piuttosto che al kraut rock, nel momento in cui decide di mettere in piedi una band suoni come i Bron Y Aur. A questo punto interviene un ulteriore fattore discriminante, poiché i musicisti che si avventurano nell’impresa devono essere musicisti in quanto tali e non solo persone in cerca di hobby per piovose serate autunnali. Inoltre, se la scelta è quella di affidarsi all’istinto, devono anche essere in grado di improvvisare con cognizione di causa. Proprio quello che sanno fare i Bron Y Aur. Se poi desiderano far sì che quanto inciso in presa diretta possa avvalersi di un trattamento supplementare di riguardo in fase di mixaggio e riassemblaggio allora dovrebbero affidarsi a Fabio Magistrali di A Short Apnea. Esattamente quello che hanno fatto i Bron Y Aur. Certo che tutto ciò sarebbe importante, ma non determinante se venisse meno l’essenziale capacità di ricavare composizioni che abbiano senso compiuto pur nella ricerca di soluzioni particolari e articolate, senza risultare effimere e fini a se stesse. E anche qui i Bron Y Aur segnano un punto a loro favore, il che dovrebbe rassicurarvi definitivamente sulla bontà di ‘Between 13 & 16’.

  • 14/12/2005 13:23 - CIALTRONI ANIMATI TUTTI PAZZI PER LA LORO GRANDE MUSICA Prendete i più ...

    CIALTRONI ANIMATI TUTTI PAZZI PER LA LORO GRANDE MUSICA Prendete i più famosi ritornelli dei cartoni animati, i jingle che hanno fatto storia e le sigle dei più noti telefilm. Shakerateli, stravolgeteli, e serviteli in versione punk/rock. Più o meno quello che hanno fatto i Cialtroni Animati. I Cialtroni Animati si formano alla fine del 1996 dietro suggerimento dei propri analisti, per superare definitivamente il complesso di peter Pan. Nel giro di sei mesi saltano dalle microbettole "fiumicensi" ai 5000 spettatori delle Teerme di Caracalla. Da allora un susseguirsei di buone occasioni. Lo dimostra l'interesse dei media: trasmissioni come Help e Roxy Bar, riviste come Max e Musica!... Più che un concerto, i Cialtroni Animati propongono un vero e proprio spettacolo che in alcuni momenti "scende" dal palco, prende il pubblico per mano e gli fa attraversare la strada delle inibizioni senza pericolo di ritorno. Si parte dalle sigle dei cartoni animati giapponesi degli anni 70/80, ma Ufo Robot, Daitan II e Jeeg vengono presto profanate dalle intle Tony e Led Zeppelin. Assistere a queste performance è come trovarsi davanti ad un televisore impazzito nel pieno degli anni '70. Si salta dai telefilm ai jingle pubblicitari, da Superclassifica Show al Colonnello Bernacca. Inoltre i Cialtroni Animati assecondano invariabilmente la prima parte del proprio nome, ragion per cui salgono, sul palco muniti di costumi assolutamente improbabili e tengono moltissimo a far partecipare attivamente il proprio pubblico... Gli appassionati di manga giapponesi trasalgono di fronte all'esecuzione in lignua originale di alcuni brani, i meno ferrati cedono storditi dalla girandola di colori al momento della distribuzione di Pane e Nutella (il nettare del Cialtrone). Il merito di questi sette bravi ragazzi è quello di riunire gente di età ed estrazione diverse, divertendo. I loro concerti sembrano viaggi nel tempo, si entra adulti e già alla prima canzone si è tornati bambini. La line up: Claudio Campagno voce solista - Vanessa Lausdei voce solista - Vincenzo Lombardozzi clarinetto, flauto, tastiere - Gabriele Maiolo chitarre e cori - Giacomo Vitullo basso e cori - Carlo Ventura tastiere.

  • 14/12/2005 13:23 - DARKTHRONE Plaguewielder (Moonfog/Audioglobe) Una recensione all’insegna del black metal e dei ...

    DARKTHRONE Plaguewielder (Moonfog/Audioglobe) Una recensione all’insegna del black metal e dei nomi che iniziano per dark, ma quest’ultima è solo una curiosità statistica di poco conto. Per quel che concerne il disco di Nocturno Culto (All guitars, bass and sore throat) e Fenriz (Hellbattery), ovvero i Darkthrone (non un nome qualunque), mi vedo costretto ad affermare che trattasi di un lavoro mediocre. Nulla di assolutamente brutale o devastante, un paio di pezzi (su sei in totale) che tengono fede alla definizione black e per il resto sento solo un heavy metal a volte tirato, saltuariamente cadenzato e un po’ inferocito, anche melodico, con strutture esecutive sufficientemente articolate, ma comunque mai particolarmente esaltante o in grado di aggiungere qualcosa a un genere che pare mestamente giunto al capolinea.

  • 14/12/2005 13:23 - Gianni Gronchi Nasce a Volterra il 27 giugno 1966. Si diploma ...

    Gianni Gronchi Nasce a Volterra il 27 giugno 1966. Si diploma all'Istituto Statale d'Arte di Volterra e successivamente all'Accademia di Belle Arti di Firenze, nella sezione di Scultura. Nel corso della sua permanenza presso l'Accademia partecipa con le sue opere a numeri simposi di scultura ed esposizioni collettive. Dopo il diploma affianca l'insegnamento presso l'Istituto Statale d'Arte di Volterra all'attività di operatore di educazione all'arte. Tiene infatti numerosi corsi d'arte e laboratori interdesciplinari per l'infanzia presso le scuole del Comune di Volterra, Certaldo e presso strutture specializzate quali il Centro Ragazzi di Poggibonsi. La sua attività nel campo educativo genera numerose ed interessanti connessioni con il  suo percorso artistico. La ricerca espressiva di Gronchi si è concentrata negli ultimi anni  nel settore della fotografia, dando vita a numerosi lavori sul tema del rapporto tra paesaggio e spazio umano. Come  fotografo d'arte ha conseguito nel 1997 il premio "Qualità della vita" organizzato dalla Fondazione Marangoni di Firenze. Collabora inoltre alle scenografie ed all'allestimento degli spettacoli della Compagnia della Fortezza all'interno del carcere di Volterra, in collaborazione con l'Associazione Carte Bianche, con la quale realizza anche percorsi interattivi e laboratori teatrali per bambini nel contesto del festival Volterrateatro.

  • 14/12/2005 13:23 - H2O Electronic Visual Club H2O dj crew. I sei componenti (Bethina, ...

    H2O Electronic Visual Club H2O dj crew. I sei componenti (Bethina, Lorentz, Zeta, Samoa, Omnidrive, JethroDee) condurranno il pubblico di WebCity in un viaggio immaginario da un paesaggio sonoro all’altro, partendo dalla stazione elettronica a quella indo-araba, prevedendo una fermata alla new batucada per rifornirsi di cosmetic beat e ripartire poi verso i territori tribali su basi house. Scambi e manovre saranno affidati alle mani esperte di Visual Lab, con l’ausilio del pilota automatico laser comandato da Omnidrive Laser Department. H2O nasce dall’esperienza di un gruppo di Dj che negli ultimi anni si è consolidata sulla scena bolognese underground. Il nome identifica una crew eterogenea, composta da 6 dj e numerosi collaboratori esterni, sia in campo musicale che in campo visuale. H2O Dj Crew si incontra e muove i suoi primi passi all’interno del Teatro Polivalente Occupato di Bologna, centro poliedrico di incrocio fra teatro, musica elettronica e non, arti visive, media, laboratori sociali, tematiche femminili, informazione, ricerca coreografica. H2O Dj Crew nasce in questo contesto, unendo le diverse sfumature ed influenze musicali dei suoi componenti: comprende suoni etnici, basi elettroniche, ritmi tribali, tempi house, atmosfere lounge, bossanova, rare groove e l’evergreen funky; il tutto si può srotolare in un crescendo ritmico nell’arco di una stessa serata, o diversificarsi fra zona chillout (spesso comunque piuttosto movimentata!) e dancefloor. I componenti della Crew sono Dj Zeta, cultore rare groove e funky, contaminato da ritmi house e breakbeat, nonché componente della band Tremalnaik come selezionatore groove; Omnidrive (ex Mutoid Waste Co.), proveniente dalla scena rave anni ’90 e amante dei suoni tribali e percussivi su basi tech-house; Jethro Dee (Mexico City), abile miscelatore e compagno di console di Omnidrive, anche lui amante di ritmiche tribali su densi giri di basso elettronico; Samoa, infatuato delle voci e dei ritmi etnici, attraversa il globo dall’Asia al Sudamerica, passando per l’Africa a bordo del suo tappeto volante elettronico; Bethina, unica componente femminile della Crew, eclettica selezionatrice di elettronica/lounge e modernariato sonoro, esperta maitresse degli aperitivi musicofili bolognesi; Lorentz, dj e conduttore radiofonico (Radio K Centrale, 105.85 a BO, Radio GAP, Radio Fujiko, 94.7 anche questa a BO). H2O Electronic Visual Club ha voluto essere un passo avanti rispetto alle serate dance tipiche: l’ambiente in cui si svolge l’evento viene trasformato grazie all’utilizzo di installazioni video, diaproiezioni, effetti luce e laser show, ospitando artisti di altre realtà sia in campo musicale che visuale. L’aspetto visual viene affidato spesso a diaproiezioni, curate da Umberto Saraceni (aka Visual Lab), fotografo e specialista di proiezioni controllate da computer.

  • 14/12/2005 13:23 - Heinz Tronigger (aka Don Zanuste), fondatore della Sunshine, etichetta che ...

    Heinz Tronigger (aka Don Zanuste), fondatore della Sunshine, etichetta che a Vienna è un vero e proprio punto di riferimento per la cultura musicale più innovativa. A Milano Heinz Tronigger porta un dj set eclettico a base di nujazz, downtempo, deep beats e jazz.

  • 14/12/2005 13:23 - IRON MAIDEN Attivi da oltre un quarto di secolo, con un ...

    IRON MAIDEN Attivi da oltre un quarto di secolo, con un prestigioso bagaglio di 12 album in studio e svariate centinaia di concerti in tutto il mondo, fra cui uno, a Rio de Janeiro, davanti a 250.000 persone! Stiamo parlando ovviamente degli Iron Maiden, una delle band che ha fatto la storia dell‚hard rock, che sta per pubblicare un nuovo album dal vivo che proprio da quel memorabile concerto trae origine: si tratta di "Rock in Rio", il primo album live dal ritorno dello storico cantante Bruce Dickinson. Fondata nel 1976 da Steve Harris, la band inglese di hard rock‚ (non ancora diventato heavy metal) ottiene velocemente un contratto con la EMI, che pubblica il loro primo album, omonimo, nel 1980. Ed è subito successo, consolidato 2 anni dopo dall'uscita di "The number of the beast", il primo album con Bruce Dickinson come cantante, che entra nella classifica inglese direttamente al primo posto e porta la band a fare breccia anche negli USA. Seguono altri sei album, in costante crescita di vendita come pure in costante evoluzione artistica. Ma "Fear of the dark" segna un momento di passaggio molto importante: Bruce Dickinson ha voglia di cambiare e lascia la band, sostituito da Blaze Bayley che debutta nel 1995 con "The X Factor". Ma il 1999 vede il ritorno dello storico cantante degli Iron Maiden, celebrato con un tour mondiale e col best "Ed Hunter", seguito nel 2000 da "Brave new world", il cui tour si è concluso proprio col festival "Rock in Rio" davanti ad una folla in delirio e ad un immenso pubblico televisivo e online! Quasi doveroso farne un cd live, e così si è fatto!

  • 14/12/2005 13:23 - NADA &tronik Nada non ha bisogno di presentazioni. Il suo ultimo ...

    NADA &tronik Nada non ha bisogno di presentazioni. Il suo ultimo lavoro "L' amore è fortissimo e il corpo no" è un grande successo di pubblico e critica. In esclusiva per “Sconcerti” Nada realizzerà un progetto originale mai presentato prima in cui l’elettronica diviene il filo conduttore dello spettacolo. Ad accompagnarla, oltre alla sua affiatata band, gli interventi musicali in "diretta" a cura di Maurizio Martusciello sposati alle immagini e alla supervisione di Pasquale Minieri che miscelerà sapientemente suoni ed immagini accompagnando l'esibizione di Nada.

  • 14/12/2005 13:23 - PIERANUNZI JOHNSON BARON play MORRICONE I musicisti Enrico Pieranunzi: pianoforte; Marc ...

    PIERANUNZI JOHNSON BARON play MORRICONE I musicisti Enrico Pieranunzi: pianoforte; Marc Johnson: contrabbasso; Joey Baron: batteria. Arrangiamenti di Enrico Pieranunzi. Pieranunzi Johnson Baron play Morricone. Sorpreso. Molto sorpreso, ammirato ed euforico per le positive esecuzioni dove i pezzi originali, ritrovati e rispettati, hanno una fisionomia nuova e la sapiente interpretazione jazzistica non distrugge i pezzi ma li valorizza._ Così si è espresso Ennio Morricone dopo aver ascoltato il CD della CamJazz che Enrico Pieranunzi insieme a Marc Johnson e Joey Baron gli hanno dedicato. Ed infatti il titolo di questo disco, dove troviamo 9 brani di Morricone ed completamente reinterpretati dal trio, si chiama semplicemente “Pieranunzi Johnson Baron play Morricone”. Questo quarto CD del trio rappresenta la fusione del mondo musicale di Pieranunzi con quello di Morricone, pieno di suggestioni, ricco di sapienza e capace di mettere in moto moltissime emozioni. Un disco pieno di “sentimento” nato dall_unione di tre grandi musicisti che non suonano soltanto per lavoro ma per passione e per amore. ENNIO MORRICONE

  • 14/12/2005 13:23 - Ron Trent “Musical Reflection” R2 Records Classe, classe e ancora classe ...

    Ron Trent “Musical Reflection” R2 Records Classe, classe e ancora classe ma quella vera da non confondersi con certe volgarità puttanesche che lasciano il tempo che trovano. Ron Trent, grande produttore, musicista e cultore del crossover tra Jazz, Beat machine e Synt vari, dice di questa sua ennesima opera che altro non è che “..una fusione tra elementi umani combinati con le innovazioni dell’ euforia Elettronica”. Come dargli torto dinanzi a queste atmosfere soffuse da disco bar ultra esclusivo e queste venature di Jazz che certo non disturbano nemmeno me che solitamente ho una fondamentale avversione per il genere citato. Ho deciso di non sottolineare le mie songs predilette ma desidero citarvi alcuni dei nomi tra i ringraziamenti: Frankie Knuckles e Louie Vega. Qualche dubbio?

  • 14/12/2005 13:23 - Tracks Project-Gianni Gronchi "Incidenti" Gianni Gronchi "Incidenti", un'operazione creativa incentrata sui ...

    Tracks Project-Gianni Gronchi "Incidenti" Gianni Gronchi "Incidenti", un'operazione creativa incentrata sui cinque sensi. Cose piccole, piccoli segnali visivi, olfattivi, tattili in cui il pubblico potrà imbattersi nel corso della serata. Una sorta di  percorso privato di sensazioni, di sollecitazioni. “Incidenti automobilistici fuori/incidenti umani dentro. Incidenti d'arte. Avvenimenti accidentali, casualità più o meno cercate, incontri scontri”. (Gianni Gronchi) Tracks Project - Gianni Gronchi con "Incidenti", un'operazione creativa incentrata sui cinque sensi. Cose piccole, piccoli segnali visivi, olfattivi, tattili in cui il pubblico potrà imbattersi nel corso della serata. Una sorta di  percorso privato di sensazioni, di sollecitazioni. Conclude questa prima sezione di "tracks project" Luca de Silva  con  "Abbraccio", un istallazione mirata a sottolineare l'identità di una colletività, quella del pubblico della discoteca, raccolta nel "rito" della danza. Ed è l'artista stesso che definisce  "la pista da ballo  come il cerchio rituale dello sciamano al centro del villaggio", il luogo dove avviene un processo di riconoscimento e di appartenenza. - Gianni Gronchi: Nasce a Volterra il 27 giugno 1966. Si diploma all'Istituto Statale d'Arte di Volterra e successivamente all'Accademia di Belle Arti di Firenze, nella sezione di Scultura. Nel corso della sua permanenza presso l'Accademia partecipa con le sue opere a numeri simposi di scultura ed esposizioni collettive. Dopo il diploma affianca l'insegnamento presso l'Istituto Statale d'Arte di Volterra all'attività di operatore di educazione all'arte. Tiene infatti numerosi corsi d'arte e laboratori interdesciplinari per l'infanzia presso le scuole del Comune di Volterra, Certaldo e presso strutture specializzate quali il Centro Ragazzi di Poggibonsi. La sua attività nel campo educativo  genera numerose ed interessanti connessioni con il  suo percorso artistico. La ricerca espressiva di Gronchi si è concentrata negli ultimi anni  nel settore della fotografia, dando vita a numerosi lavori sul tema del rapporto tra paesaggio e spazio umano. Come  fotografo d'arte ha conseguito nel 1997 il premio "Qualità della vita" organizzato dalla Fondazione Marangoni di Firenze. Collabora inoltre alle scenografie ed all'allestimento degli spettacoli della Compagnia della Fortezza all'interno del carcere di Volterra, in collaborazione con l'Associazione Carte Bianche, con la quale realizza anche percorsi interattivi e laboratori teatrali per bambini nel contesto del festival Volterrateatro.

  • 14/12/2005 13:23 - IDURONI Prima di ascoltare questo promo ero piuttosto scettico sulle potenzialità ...

    IDURONI Prima di ascoltare questo promo ero piuttosto scettico sulle potenzialità di questo quintetto di Ascoli Piceno. Personalmente ritengo che il modo in cui una band emergente si presenta sia importante quanto il materiale che propone, anche se non sempre l’attitudine di un gruppo e lo stile musicale che lo contraddistingue costituiscono un binomio inscindibile. Per cui farò finta di non aver mai visto il booklet de Iduroni e di non conoscere affatto il nome di questa band. Il materiale in questione è un’efficace miscela delle migliori produzioni thrash metal d’oltre oceano, con un occhio ai Pantera e uno ai Sepultura, ma giurerei che anche l’influenza dei Carcass più recenti, quelli di Heartwork e Swansong, o degli Entombed di Wolverine Blues (specie per quanto riguarda alcune scelte vocali), ha avuto la sua parte nel concepimento dei brani presentati. Considerando inoltre l’ottima qualità della registrazione, l’attento lavoro di mixaggio e il fatto che su questo demo-cd ci sono ben dieci tracce, potrei quasi affermare che quello che quello che ho ascoltato è un’ottimo disco di debutto. Purtroppo però ho la netta sensazione che questi ragazzi non diano il giusto valore alla loro musica e che in qualche modo sottovalutino le loro notevoli potenzialità, attribuendosi un monicker da avanspettacolo che meglio si adatterebbe ad una compagnia di giovani comici e affibbiando titoli improbabili in lingua italiana a tutte le tracce del loro demo che tra l’altro è cantato interamente in inglese. Qualche esempio? Prendiamo l’ottima opening track, battezzata “Carabinieri in borghetti”, o la terza nominata “Panini in bottiglia”, anche se l’apice lo si raggiunge con il quarto e il sesto brano, rispettivamente intitolati “Orso Yogurt” e “Marilyn Morroidi”. Condivido in pieno la scelta di alcune bands di non prendere la musica troppo seriamente, dando alla propria produzione un tono goliardico, ma qui non stiamo parlando dei Mr Bungle di Mike Patton. Questi Iduroni sono artefici di un sound granitico, monolitico, che secondo me fa a pugni con la scelta quantomeno discutibile di camminare su due binari così diversi e contrastanti, quello della musica estrema e quello dell’ironia. Quasi tutti i brani sono eccellenti, incitano al mosh più sfrenato, “Drammone” ad esempio ha un ottimo groove, mentre “Bonghi di Riace” potrebbe essere addirittura un classico del thrash-core di tutti i tempi. Secondo me questi ragazzi hanno tutte le carte in regola per passare dal sicuro anonimato che la nostra penisola offre alla maggior parte dei gruppi musicali che da anni militano nel circuito underground estremo, ad un meritatissimo successo internazionale. Probabilmente con un nome meno fuorviante e una maggior consapevolezza del proprio talento (e gli agganci giusti, of course) potrebbero riuscire ad attirare l’attenzione delle major più importanti. Ma era proprio necessario includere nei ringraziamenti nomi strampalati come Pasta del Capitone, Ovetti Singer, Quattro Sarti in Padella, Oliva Zanicchi e Cristian De Fica?

  • 14/12/2005 13:23 - KENNY BARRON Suonando con Dizzy Gillespie si posizionò ai massimi livelli ...

    KENNY BARRON Suonando con Dizzy Gillespie si posizionò ai massimi livelli si dai suoi esordi. La sua carriera vanta più di settanta album, per citarne solo alcuni, a fianco di Jay Jay Johnson, Tom Harrell, Ray Anderson, Joe Henderson e lo stesso Ron Carter, con il quale la collaborazione dura da oltre 14 anni. Molto stimato, ha consolidato la sua fama di pianista anche in altre formazioni e con altri leader indiscussi come Dave Holland, Daniel Humair, Jack DeJohnette e Al Foster. Nell'86 collabora con Stan Getz all'incisione di "Voyage" per poi partecipare, l'anno successivo, ad una tournée in Europa che consacrerà anche questa importante collaborazione dando vita ad un formidabile duo piano sax, da cui nasceranno altri capolavori: "Apassionado" e "People Time". Morto Getz, Kenny Barron continua a suonare in tutto il mondo riscotendo successi soprattutto in Europa e in particolare in Italia, nonché dimostrando la sua piena maturità artistica.

  • 14/12/2005 13:23 - RADIOHEAD I Might Be Wrong Che il famoso ambo "Kid A" ...

    RADIOHEAD I Might Be Wrong Che il famoso ambo "Kid A" - "Amnesiac", parto pseudogemellare dei benemeriti Radiohead, potesse essere più che un'accidentale parentesi transitoria, lo avevamo intuito dalla fermezza con cui Yorke e compagni ne avevano costantemente preso le difese, assumendosene, quindi, la piena paternità. Lo hanno fatto attraverso i giornali, rompendo un silenzio che durava dai tempi di "Ok Computer" e, soprattutto, lo hanno fatto con gli innumerevoli concerti europei dell'ultimo anno. Non è un caso, pertanto, che il primo live album della loro storia arrivi proprio ora, paiesemente animato dall'esigenza di voler immortalare un periodo di grazia ancorchè controverso e comunque decisivo nell'evoluzione della loro carriera. Registrato in occasione dell'uttimo tour, durante le tappe di Oxford (il famoso concerto del "riítorno a casa", a South Park), Berlino, Oslo e Vaison La Romaine, in Francia, l'album eredita il titolo da una canzone di "Amnesiac", qui riproposta assieme ad altre sei tracce degli ultimi due album e a un inedito di eccellente fattura." Riproposizione" è tuttavia un termine inappropriato. Con "I Might Be Wrong", infatti, i Radiohead "rielaborano" il materiale di "Kid A" e "Amnesiac" e gli danno un corpo e una pelle nuovi, più "umani" direbbe qualcuno, perché capaci di comunicare meglio tanto la propria rabbia quanto la propria debordante desolazione. Il "live" diventa così il pretesto, l' "occasione" per rendere pubbliche certe canzoni così come sono diventate nella testa dei Radiohead nei mesi che sono seguiti alla loro release ufficiale. Gli applausi e i rumori d'ambiente che galleggiano sullo sfondo sono davvero gli unici elementi a ricordarci che siamo di fronte a un album dal vivo. Perché per il resto, animato com'è da un approccio fortemente rielaboratorio, "I Might Be Wrong" è sopratutto un'interessante appendice ai precedenti due album in studio, fornendoci un'affascinante e nuova chiave di lettura per materiali già noti. L'intervento di "rielaborazione" più lampante riguarda la temperatura: l'algore, in buona parte elettronico, a cui ci avevano abituati, cede il passo all'elettricità calda e dirompente delle chitarre (che restano tuttavia poche rispetto al passato) e, in generale, al lavoro di armamentari più convenzionali, compresa la voce di nuovo nuda di Thom Yorke. Basti ascoltare l'incipit, bollente benchè cupo, di "The National Anthem" o il nuovo e pulsante arrangiamento di "Everything In Its Right Place" per rendersene conto. Oppure "Morning Bell" in versione post-punk blues che, adesso più che mai, è capace di rievocare lo spettro dei Joy Division e, ancora, "I Might Be Wrong" e "Idioteque", incandescenti come non si sarebbe mai creduto. A dare ulteriore appeal al disco, alla fine poi, c'è anche una graditissima sorpresa: Yorke che imbraccia la chitarra acustica e fa vibrare l'ugola come sappiamo per l'inedita "True Love Waits". Il pubblico resta ammutolito. Quel pubblico che siamo anche noi che ci aspettiamo sempre di tutto ma non siamo mai preparati a niente. Men che meno alle "belle notizie".

  • 14/12/2005 13:23 - RON CARTER Ron Carter, insieme a Charlie Mingus e a pochi ...

    RON CARTER Ron Carter, insieme a Charlie Mingus e a pochi altri è senz'altro uno dei più originali, prolifici ed influenti contrabbassisti della storia del jazz. Ha al suo attivo più di 2.000 album registrati in decine di anni di carriera, sia a suo nome sia in collaborazioni con la maggior parte dei più importanti nomi del jazz di questo secolo: Miles Davis, nello storico Miles Davis Quartett, B.B. King, Bill Evans, Wes Montgomery, Dexter Gordon, Billy Cobham, Herbie Hancock. Due Grammy Awards hanno confermato la carriera di questo grande musicista quale "mito" del jazz moderno oltre a decine di libri, saggi, collane pubblicati in tutto il mondo. La collaborazione con Cobham nasce dallo storico trio Carter-Cobham-Hancock e si ripropone sempre ai massimi livelli mondiali con il pianista Kenny Barron

  • 14/12/2005 13:23 - RON WOOD Not for beginners E' sempre stato un comprimario di ...

    RON WOOD Not for beginners E' sempre stato un comprimario di lusso, ma senza le qualità per emergere da solista. Molto più contratto che esegue un semplice rituale di rock-blues generalista. Con poca luce (la pausa semiacustica di What do you think).

  • 14/12/2005 13:23 - Agnostic Front, i veterani dell’hardcore sbarcano in Sardegna riproponendo il ...

    Agnostic Front, i veterani dell’hardcore sbarcano in Sardegna riproponendo il loro sound tra hardcore old school, punk e rock’n’roll. L’ultimo disco, “Dead Yuppies” (Epitaph) ha riscosso parecchio successo tra gli addetti ai lavori e il pubblico, riportando alla ribalta questa band di New York che nel migliore spirito “stradaiolo” racconta nelle sue liriche la difficile vita di quartiere in una città come New York. Dal 1982 ad oggi gli Agnostic Front hanno saputo produrre album come “Victim in Pain” o “One Voice”, divenuti veri e propri manifesti della scena hardcore mondiale. Dopo lo scioglimento a metà degli anni ’90, riprendono a suonare nel 1998 firmando per la punk label Epitaph, dando vita a “Something’s Gotta Give” e nel 1999 “Riot Riot Upstart” con la formazione che vent’anni prima aveva iniziato a suonare nei piccoli club di New York. Infine nel 2001 il già citato “Dead Yuppies” disco che verrà riproposto a Rockaralis insieme a canzoni storiche come “Undertow” o “Eliminator”. Formazione: Roger Miret-voce, Vinny Stigma-chitarra, James Collette-batteria, Mike Gallo-basso. Etichetta: Epitaph

  • 14/12/2005 13:23 - CHILDREN OF THE DAMNED Iron Maiden Tribute Band I Children Of ...

    CHILDREN OF THE DAMNED Iron Maiden Tribute Band I Children Of The Damned nascono e s'esibiscono unicamente come tribute band ai mitici Iron Maiden. La passione dei 5 “boys” (provenienti da Bologna e Ferrara) per la metal band inglese si manifesta dal vivo sprigionando tutta l’energia e la potenza necessaria per proporre un estratto dei più grandi successi degli Irons. Il repertorio comprende alcuni classici (come “2 Minutes To Midnight”, “Fear Of The Dark”, “Aces Hight”) e alcune chicche (come “Wasted Years” o “22 Acacia Avenue”) attraversando tutti i vent’anni di carriera (e non è ancora finita!) della band inglese. S'esibiscono ormai in numerosi locali del nord Italia compresa qualche tappa in Svizzera.

  • 14/12/2005 13:23 - CLAUDIO RONCONE, nato a Genova nel '58, matura musicalmente attraverso ...

    CLAUDIO RONCONE, nato a Genova nel '58, matura musicalmente attraverso molteplici esperienze. La sua attitudine alla ricerca dei contenuti e della melodia lo portano a focalizzare la propria attenzione soprattutto sui cantautori francesi ed italiani (Brassens, Brel, Ciampi, De Andrè, etc...). Nel Gennaio 2001 autoproduce un CD dal titolo "Rosso e Nero. Ballate Per Sempre" che a Genova diventa un best-seller. Il ricavato è devoluto alla neonata fondazione "Via Del Campo".

  • 14/12/2005 13:23 - CRAIG ARMSTRONG As If To Nothing L'inarrestabile ascesa post-Massive Attack di ...

    CRAIG ARMSTRONG As If To Nothing L'inarrestabile ascesa post-Massive Attack di Craig Armstrong procede già da qualche tempo, ma il successo, con tanto di Golden Globe, che gli ha fruttato la colonna sonora di Moulin Rouge va al di là di ogni aspettativa. Non che questo incrini il modus operandi del nostro, visto che As If to Nothing è quintessenza di Armstrong, a partire dal collante del leit-motiv d'apertura (Ruthless Gravity), beat da "clima tempestoso" e atmosfera da mélo in agguato. Fantasia al potere, a giudicare da come osano, ben oltre The Space Between Us, le giustapposizioni di immagini: l'oriente, espresso in Miracle dalla voce di Swati Natekar e - sorprendentemente - dalle chitarre dei Mogwai, segue la vita nella Grande Mela, cantata da un redivivo Evan Dando in Wake up in New York (struggente quanto la quasi omonima canzone di "risveglio" dei Mad Season). E il gioco continua, tra abbinamenti ambiziosi quanto impossibili: una rivisitazione di Starless dei King Crimson che cambia sì e no una virgola (come correggere la perfezione?) precede una superflua nuova versione di Faraway So Close, in compagnia di Sua Cottura Bono Vox. C'è spazio anche per la teutonicissima voce dei Laub in Waltz e per tanti tanti archi, garanzia di lacrimuccia come da tradizione hollywoodiana. Craig è ormai oltre, sta sul tetto del mondo e si sente libero: anche di sbagliare, forse, ma sicuramente di mettere su disco tutto ciò che gli frulla per la mente. E noi gliene siamo grati.

  • 14/12/2005 13:23 - MALANDRINO E VERONICA Il mitico duo formato da Paolo Maria ...

    MALANDRINO E VERONICA Il mitico duo formato da Paolo Maria Veronica e Roberto Malandrino. Molto noti e amati dal pubblico bolognese, di cui sono i beniamini dal tempo del memorabile Padre Buozzi Show e protagonisti di numerosi spettacoli di grandissimo successo, non ultimo il recente Ritorno Del Re Tamarro nell'ambito della manifestazione estiva W Bologna 2001, i due attori si presentano in una veste per molti aspetti nuova e intrigante. Lo spettacolo si chiama infatti "IMPROVVISAZIONI DRAMMATICHE PER ATTORE COMICO" e si mormora che i due siano stati visti confabulare in abiti Shakespeariani scandendo sottovoce frasi prese da opere celeberrime!

  • 14/12/2005 13:23 - ELECTRONICAT Birds Want To Have Fun (Angelika Köhlermann) Un clamoroso pulsare ...

    ELECTRONICAT Birds Want To Have Fun (Angelika Köhlermann) Un clamoroso pulsare alla Suicide. È in questo modo, ovviamente invitante, che si apre ‘Birds Want To Have Fun’ (gli uccelli vogliono divertirsi…) di Electronicat, al secolo Fred Bigot, interprete unico dal 1997. Ovvero da quando ha iniziato a mettere insieme campioni disparati, chitarre, batterie elettroniche, synth analogici e voci, filtrate e non. Se poi diciamo che il brano iniziale, a cui si faceva riferimento prima, si intitola ‘Bolantronic’, evocando lo spirito beatificante di Marc Bolan, allora si riesce a cogliere anche quell’aura glam che si insinua con disinvoltura tra le canzoni. Non contento di aver già rilasciato sei lavori sulla lunga distanza nel breve volgere di quattro anni e di aver avuto l’onore di remixare Depeche Mode, Rechenzentrum e Celluloid Mata, Electronicat porta qui a maturazione il processo di fotosintesi del proprio suono, esemplificato alla perfezione in tracce che palesano un innegabile appeal “estetico” come ‘Mause’, ‘Fondre Dans Les Nuages’, ‘Flocan D’Etoile’, ‘Chrome Robots’ e ‘I Wanna Know How!’. Schegge impazzite di psichedelica da trip cosmico, residuati bellici di disco anni ‘70/’80, elettronica povera, cyber punk, attitudine lo-fi, rock’n’roll sintetico, i Chrome che vanno a braccetto con i Pet Shop Boys e i Suicide colti all’apice della loro epopea pop malata. Credo che ce ne sia più che in abbondanza per decantare le lodi di Electronicat.

  • 14/12/2005 13:23 - GIULIANO VERONESE: dee jay, ricercatore di nuove sonorità e ...

    GIULIANO VERONESE: dee jay, ricercatore di nuove sonorità e vero innovatore musicale, ha suonato nei più importanti club italiani e lavora con Claudio Coccoluto. Vive e lavora a Jesolo dove da alcuni anni collabora su diverse iniziative con Terrazza Mare Teatrobar.

  • 14/12/2005 13:23 - GRAN PENERETTO DEL TRONCO I Gran Peneretto del Tronco (un nome ...

    GRAN PENERETTO DEL TRONCO I Gran Peneretto del Tronco (un nome ermeticamente ispirato ad una lieve simbologia fallica) nascono per gioia all’insegna dell’anonimo amore e, come per vocazione, si incamminano nel sentiero impervio del gergo autoctono. Quasi in contrasto con la regola del vivere odierno, in contrapposizione a tutto ciò che è stereotipo di benessere, loro dicono “no alla giornata uggiosa!”, “no allo stress da posta con su il timbro stampe”, “no alla giuventò de mo’”, “no alle televendite”, perciò percorrono la loro strada alla ricerca del “si” nella comunicazione brada. Le loro musiche attingono dai generi più disparati mentre i testi sono sapienti cocktails di dialetto sambenedettese e lingua italiana. Del 2000 è la produzione discografica “Apprezzo il mio attrezzo”, realizzata con la preziosa collaborazione dei Pupazzi, band che accompagna i GPdT nelle acclamatissime performance dal vivo.

  • 14/12/2005 13:23 - HEINZ TRONIGGER (MADRID DE LOS AUSTRIAS) É austriaco, ma fa parte ...

    HEINZ TRONIGGER (MADRID DE LOS AUSTRIAS) É austriaco, ma fa parte di un progetto caratterizzato da un debole per le sonorità andaluse, e i cui dj set hanno conquistato i pubblici di ogni parte d'Europa, per poi spingersi fino agli Stati Uniti. Lui è Heinz Tronigger, altrimenti conosciuto come Don Zanuste, che insieme all'eclettico musicista-produttore-sound engineer Pogo ha fondato il progetto Madrid De Los Austrias. Sotto questo nome è infatti stato pubblicato l'anno scorso "Amor", un album in cui il più raffinato breakbeat si fonde inaspettatamente e meravigliosamente col jazz e addirittura col flamenco, e che ha consacrato il duo dopo una serie di remix (fra le collaborazioni, degne di nota quelle con Richard Dorfmeister e Nigel Hayes) ed EP. Ma Tronigger è anche e soprattutto il fondatore dell'etichetta Sunshine Enterprises, da otto anni punto di riferimento in Austria per tutta la musica più sperimentale e innovativa, tanto da gestire la programmazione di club storici come il Roxy e il Meierei, entrambi a Vienna, club in cui lo stesso Tronigger è dj resident. Stasera, proporrà un dj set a base di nujazz, downtempo, deep beat e jazz.

  • 14/12/2005 13:23 - un ambasciatore del suono jazz-breakbeat austriaco: Heinz Tronigger (aka Don ...

    un ambasciatore del suono jazz-breakbeat austriaco: Heinz Tronigger (aka Don Zanuste), fondatore della Sunshine, etichetta che a Vienna è un vero e proprio punto di riferimento per la cultura musicale più innovativa. A Milano Heinz Tronigger porta un dj set eclettico a base di nujazz, downtempo, deep beats e jazz.

  • 14/12/2005 13:23 - JULIE DOIRON Julie Doiron inizia la propria carriera nei primi ...

    JULIE DOIRON Julie Doiron inizia la propria carriera nei primi anni '90 a Montreal come bassista di un gruppo folk psichedelico, Eric's Trip, con i quali incide alcuni dischi per l'etichetta Sub Pop. Dopo lo scioglimento del gruppo, nel '96, incide il suo primo album solista Broken Girl. Nel '97 incide Lo Morning, sempre per la Sub Pop e per l'album Julie Doiron and the Wooden Stars, viene premiata con l'importante Canadian Entertainment Award. A Gorizia presenterà il suo ultimo lavoro Coke Machine Glow. La sua musica è soffice e delicata, inframezzata da momenti elettrici più intensi e vibranti. Si tratta di musica folk, ballate psichedeliche e un pizzico di rock.

  • 14/12/2005 13:23 - in esclusiva nazionale una performance di Musica Elettronica Viva, gruppo ...

    in esclusiva nazionale una performance di Musica Elettronica Viva, gruppo costituito a metà degli anni Sessanta e tra i primissimi esempi di integrazione fra suoni acustici ed elettronici all’insegna della più libera improvvisazione. MEV si esibirà a Ferrara a cinque anni di distanza dal suo ultimo concerto presentando accanto ai suoi fondatori, Frederic Rzewski, Alvin Curran e Richard Teitelbaum (pianoforte e sintetizzatori), un terzetto di jazzisti tra i più audaci quali sono i trombonisti Garrett List e George Lewis e il sassofonista soprano Steve Lacy.

  • 14/12/2005 13:23 - PETRONA MARTINEZ (Colombia) E’ la voce afroamericana più autentica dei Carabi. ...

    PETRONA MARTINEZ (Colombia) E’ la voce afroamericana più autentica dei Carabi. Autrice di tutte le canzoni che esegue, in ognuna descrive un pezzo della propria vita, dura e difficile ma al tempo stesso densa di magia. A 62 anni d’età, nel 1999, è stata la cantante rivelazione in Colombia, divenendo la massima e più autorevole rappresentante del folklore di quel paese. Anche la Martinez sarà per la prima volta in Italia, in esclusiva per Etnofestival.

  • 14/12/2005 13:23 - RONY MICRO BAND Organetto, fisarmonica: Rony Bargellini; batteria, percussioni: Gianni Becucci; ...

    RONY MICRO BAND Organetto, fisarmonica: Rony Bargellini; batteria, percussioni: Gianni Becucci; violino: Matteo Ceramelli; voce solista: Mary Loscerbo; basso: Luca Sgheri. Rony Micro-band, storica formazione del panorama "etno" italiano, vera e propria dimostrazione vivente di eclettismo e versatilità; attivi dal 1993, costituiti attorno alla figura carismatica di Rony Bargellini, organettista assai personale, hanno eseguito circa trecento concerti, partecipando alle più importanti rassegne in Italia e all'estero. Il loro concerto è basato sulle musiche da danza dell'Est-Europa (zingare ed ebraiche), con incursioni nel folklore del meridione d'Italia e, grazie alla nuova cantante di origine canadese, nel patrimonio delle musiche delle isole britanniche; le performance della RMB sono dei veri e propri happening dove il pubblico è coinvolto in danze e canzoni; la simpatia e lo spessore tecnico dei componenti non passano inosservati anche agli spettatori più distratti. Recentemente hanno aperto la tournée italiana dei Klezmatics, celebre gruppo ebreo-americano e per il terzo anno consecutivo hanno partecipato (unica band italiana) al St. Patrick's Festival di Firenze, rassegna che richiama migliaia di persone.

  • 14/12/2005 13:23 - TERRON BROOKS Benedetto da Dio con molti talenti, la cui voce ...

    TERRON BROOKS Benedetto da Dio con molti talenti, la cui voce che è stata definita “una voce dal Paradiso”, questo cantante, attore e compositore ha stupito il mondo di Hollywood. Come attore, Terron ha preso parte al film “The Temptations”, vincitore del premio Emmy Award, nel ruolo del protagonista Eddie Kendriks. A Broadway ha ottenuto il ruolo principale di Simba nel musical “Il Re Leone” realizzato dalla casa Disney, che è stato premiato con un Tony Award. Ha inoltre preso parte a numerosi show televisivi, tra i quali il serial “Ally McBeal” recentemente trasmesso anche in Italia. Ha recentemente terminato le riprese del film-commedia “All about You”, con Renee Goldsberry, Vanessa Bell Calloway e Debbie Allen. Ha cantato con Michael Jackson, Kurt Carr, Deniece Williams, Stefanie Mills, CeCe Winans ed altri. Terron è stato invitato a partecipare alla popolarissima trasmissione “The 700 Club” per discutere le sue esperienze come cantante ed attore, e le sue responsabilità come cristiano nell'ambito della sua professione. Lo scopo della sua musica e della sua vita è quello di glorificare il nome del Signore.

  • 14/12/2005 13:23 - The Chronics Dal 1996 percuotono pelli di tamburo, maltrattano chitarre ...

    The Chronics Dal 1996 percuotono pelli di tamburo, maltrattano chitarre e fanno ronzare bassi elettrici. Rock'n'roll, garage e punk rock da Bologna. Uno dei pochi gruppi italiani ad avere all'attivo un singolo per la Rip Off Records di San Francisco e un Lp per la belga Demolition Derby, etichette che hanno prodotto dischi di gente come New Bomb Turks, Electric Frankenstein e Makers. Non hanno niente a che fare con quelli della Bad Afro.

  • 14/12/2005 13:23 - Bad Afro/Audioglobe I The Chronics provengono da Umea, la stessa città ...

    Bad Afro/Audioglobe I The Chronics provengono da Umea, la stessa città dei Mehuggah, ma sono totalmente alieni dalle coordinate cyber-thrash degli autori di 'Chaosphere'. I quattro preferiscono trarre ispirazione da leggende del rock'n'roll svedese come i The Nomads, e dare vita a 35 minuti di garage immacolato, divertente, a tratti superbamente energico e soprattutto ironico e coinvolgente. La sleaziness di 'Feed Your Dog' e il tiro di 'In Shape' non passeranno alla storia ma garantiranno qualche minuto di irrefrenabile voglia di ballare occhieggiando a signorine bionde, preferibilmente esibendo una linguaccia à la Rolling Stones d'ordinanza. Non immediato nel presentarsi come un disco intelligente e ricco di "strati", 'Soulshaker' si farà vivo dopo qualche generoso ascolto e non mancherà di lasciarsi apprezzare a dovere.

  • 14/12/2005 13:23 - TOMATO DRUM JASHGAWRONSKY "Tomato Drum!" Jashgawronsky brothers Con: Pavel, Tomash ...

    TOMATO DRUM JASHGAWRONSKY "Tomato Drum!" Jashgawronsky brothers Con: Pavel, Tomash e Suren Jashgawronsky Più virtuosi di Madonna, più macho dei Village People, più orbi di Bocelli, più acuti di Pavarotti, più ottusi dei Back Street Boys! I tre strampalati fratelli armeni sono pronti a regalarvi il concerto più demente dell'anno: una tanica e quattro barattoli si trasformeranno in batteria, due cucchiai da cucina in nacchere spagnole, un paio di imbuti in una sezione di fiati e, abbandonati gli strumenti "normali", sarà la volta di seghe, bicchieri, pentole, chiodi, forchette, sacchetti di patatine e altre mille diavolerie. Pavel, Tomash e Suren passeranno con insensata naturalezza dalla musica tradizionale, al blues, alla classica: tarantelle napoletane suonate con mandolini e pompe di bicicletta, canzoni dei Beatles arrangiate per custodia di contrabbasso, scatenati rock 'n roll con chitarre e batteria giocattolo, pezzi di Mozart, Rossini e Verdi suonati sbattendosi le bottiglie di plastica in testa e, a conclusione, l'unico strumento reale, una "marimba suonata a tre. Uno show a metà strada tra la clownerie e il virtuosismo musicale, un vero e proprio…concerto da cassonetto!

  • 14/12/2005 13:23 - TOMATO DRUM JASHGAWRONSKY BROTHERS Sono appena arrivati e sono già ...

    TOMATO DRUM JASHGAWRONSKY BROTHERS Sono appena arrivati e sono già un mito! Barbuti, sorprendenti, in abiti rétro, a metà tra mimi, musicisti, giocolieri, attori e intrattenitori. I tre strampalati fratelli armeni Pavel, Tomash e Suren sono pronti per regalarvi il concerto più demente dell'anno, perché la particolarità che li contraddistingue è l'invenzione di strumenti musicali ricavati da oggetti d'uso comune o di recupero estratti da due bidoni della spazzatura posti in scena. Così una tanica e quattro barattoli si trasformeranno in una vera e propria batteria, due cucchiai da cucina in nacchere spagnole, un paio di imbuti in una sezione di fiati. I tre fratelli passeranno con insensata naturalezza dalla musica tradizionale, al blues, alla musica classica: tarantelle napoletane suonate con mandolini e pompe da bicicletta, canzoni dei Beatles arrangiate per custodia da contrabbasso, scatenati rock'n roll con chitarre e batteria giocattolo. Reinterpretando persino pezzi classici di Mozart, Rossini e Verdi suonati sbattendo le bottiglie di plastica in testa, concluderanno con l'unico strumento reale, una "marimba" suonata a tre in modo totalmente assurdo.

  • 14/12/2005 13:23 - Tyrone Davis Andiamo a divertirci, c’è Tyrone Davis in città! Questo ...

    Tyrone Davis Andiamo a divertirci, c’è Tyrone Davis in città! Questo il passaparola nei sobborghi neri di Memphis, Detroit o Atlanta quando Tyrone e la sua band sono in tournée. Alla pari delle soul revues di B.B. King o Bobby “Blue” Bland, (quest’ultimo suo idolo) lo show di Tyrone Davis è quanto di meglio si può vedere nel music business di matrice afro-americana. Idolatrato dal pubblico femminile che non di rado lo fa oggetto di lanci di slip e reggiseni durante le sue performances, Tyrone ha iniso due classici “Turn Back The Hands of Time” e “Turning Point” che fanno ormai parte del repertorio di molte band di rhythm & blues. Da ex chauffeur di Freddie King, incoraggiato da Bobby “Blue” Bland, Little Milton e Otis Clay ma soprattutto dal produttore Harold Burrage si trasferisce giovanissimo da Greenville (Mississippi) a Chicago e intraprende una luminosa carriera che tocca l’apice nel 1968 con “Can I Change My Mind”, nel 1970 con il million-selling classic “Turn Back The Hands Of Time” e nel 1976 con “Turning Point” tutte incise per la Dakar. Oggi è una delle stelle dell’ultima etichetta soul Malaco e arriva finalmente per la prima volta in Italia. Tyrone Davis, Vocals Kenneth “Hollywood” Scott, Guitar Johnnie Reed, Guitar Anthony Maltbia, Bass Bennie Brown, Keyboards Ed Farr, Drums Pete Carney, Tenor Sax Darryl Thompson, Trumpet Tim Donovan, Trumpet Fred Johnson, Trombone

  • 14/12/2005 13:23 - CRAIG ARMSTRONG As If To Nothing Molti di voi avranno conosciuto ...

    CRAIG ARMSTRONG As If To Nothing Molti di voi avranno conosciuto Craig Armstrong per via di "Weather Storm", il brano che apriva il primo volume della sede Buddha Bar, il brano che apriva il suo primo album solo, il brano che aveva firmato insieme ai Massive Attack e faceva già bella figura di sé in Protection: in realtà lo avete già sentito arrangiare le canzoni di Madonna e degli U2, di Bjork e dei Massive Attack e anche mentre guardavate "Romeo e Giulietta" e "Moulin Rouge", al cinema o in cassetta. Craig Armstrong è nato per fare cinema: i dotato di senso mdodico e spettacolare fuori dal comune; strappa emozioni senza mai essere banale; narra storie senza parole in cinque minuti. Forte del grande credito accumulato in questi anni, questa volta punta molto in alto: As If To Nothing ha la pretesa - e forse la statura - per diventare un classico pop del nuovo millennio. Contribuisce molto la scelta degli ospiti, un mix accurato e prestigioso di star conclamate e grandi talenti che danno il sigillo dell'umanità in un tripudio di archi e tastiere: Evan Dando è perfetto per la tristezza infinita di "Wake Up In New York" e David McAlmont illumina "Snow" al punto da oscurare il festival di Sanremo, mentre Bono in "Stay (Faraway, So Close!)", Wendy Stubbs (Alpha) in "Sea Song" e Steven Lindsay con "Let It Be Love" non vanno oltre un aureo cliché. Eccitanti sorprese arrivano dai contrasti di "Miracle" e "Hymn 2": prima il mantra di Swati Natekar e l'elettricità dei Mogway, poi i barocchismi di Kate Bott a fronte dei beats digitali di Photek. E poi ancora la fredda passione di Antye Greie-Fuchs per Waltz", e la struggente ripresa di "Starless" (King Crimson, Red) che è molto più di una voglia curiosa: è una dichiarazione di appartenenza. As If To Nothing è un film per le immagini della mente; e passa attraverso il dramma per concludersi con le note della speranza, proprio come un grande film. Craig Armstrong è l'anima più dolce del suono di Grimol.

  • 14/12/2005 13:23 - GORDON MUMMA Live-Electronic Music Autorevole figura della primissima avanguardia elettrominimalista, nel ...

    GORDON MUMMA Live-Electronic Music Autorevole figura della primissima avanguardia elettrominimalista, nel 1958 Gordon Mumma (Framingham, Massachusetts, 1935) fondò insieme al compositore Robert Ashley il Cooperative Studio for Electronic Music di Ann Arbor, organizzandovi poi, alcuni anni più tardi, lo storico ONCE Festival of Contemporary Music. Diplomatosi in pianoforte e corno francese, Mumma non tardò ad interessarsi all'estetica del suono elettronico e alla sua interazione dal vivo con la strumentazione acustica. Nel 1960 fa lega con Robert Ashley, David Tudor e John Cage per dar vita ad un laboratorio d'idee dedicato alla messa a punto di circuiti e apparecchi analogici da potersi utilizzare in concerto. Sempre con Cage e Tudor compose e suonò musiche per la compagnia di danza sperimentate di Merce Cunningham. Dipoi collaborò con il Sonic Arts Union (Robert Ashley, Alvien Lucier, David Behrman) e la fitta schiera di sperimentatori della West Coast raccolti intorno al San Francisco Tape Music Center (fra questi Pauline Oliveros, Ramon Sender, Terry Riley e Morton Subotnick). Tra le prime incisioni elettroacustiche dal vivo di Mumma abbiamo i trenta minuti di "Truro Synodicle" (1962) e i ventidue minuti di "Megaton for William Burroughs" (1963). Questa importantissima raccolta Tzadik mette insieme cinque composizioni fondamentali che spaziano dal 1963 al 1985, inerenti allo sviluppo delle teorie cibersoniche e quadrifoniche di Mumma. Seguendo l'ordine cronologico (ribaltato nella scaletta dell'album) troviamo Gordon Mumma e Robert Ashley alle prese con Medium Size Mograph 1963, compozione per piano a quattro mani in cui le note irradiate dallo strumento (dal vivo comptetamente avvolto da un telo) sono catturate da un processore anatogico che ne muta la risonanza e l'effetto nello spazio tramite un amplificatore. Horn (1965) è viceversa una composizione elettroacustica per corno ed emissioni vocali (nel caso in questione quelle di Robert Ashley e George Cacioppo) dove il risultato delle manipolazioni cibersoniche conduce a frequenze notevolmente caustiche e abrasive. Mesa (1966) è forse la composizione di Mumma più nota. Questa esecuzione storica (commissionata da Merce Cunningham) lo vede al comando della consolle elettronica con accanto il bandoneon anticonvenzionale di David Tudor, uno strumento in grado di estendere al limite la durata delle singole note. Anche qui si para dalle parti di un suono minimale ed essenzialmente dissonante, in pratica un monolite di echi e contrazioni cacofoniche. Il fluttuante traffico di sibilii e deflagrazioni sonore di Hornpipe (1967) vede in azione il solo Gordon Mumma con il suo famoso corno francese a doppia ancia. Qui il suono del corno, stavolta più chiaro e riconoscibile, viene progressivamente trasfigurato da un processore elettronico tascabile i cui circuiti sono collegati ai tasti dello strumento. Toni più distesi e concilianti provengono infine da Than Particle (1985) brano improvvisato per percussioni elettroacustiche eseguito da Gordon Mumma in compagnia del noto William Winant. Non fatevi spaventare dall'apparente gratuità di questi suoni. É anche grazie alla pioneristica arte di Mumma che la musica elettronica d'avanguardia si è spinta al punto in cui è oggi, diventando un importante ed imprescindibile tassello del suono contemporaneo.

  • 14/12/2005 13:23 - IL BALLETTO DI BRONZO La storia del gruppo, originario di Napoli, ...

    IL BALLETTO DI BRONZO La storia del gruppo, originario di Napoli, inizia col nome di BATTITORI SELVAGGI registrando alcuni brani per la RCA a Roma nel 1969. Questi brani però non convincono la RCA che non li pubblica. Verranno recuperati dal cassetto solo nel 1990 dalla RARO! Records che li pubblica su vinile a tiratura limitata (1500 pezzi di cui 200 vinile giallo). Il primo album a nome Balletto di Bronzo arriverà nel 1970 con il titolo SIRIO 2222, il genere è quello del momento, un tardo beat con i primi azzardi innovativi denominati poi POP. La formazione del gruppo è così composta : Giancarlo Stinga (batteria), Lino Ajello (chitarra), Marco Cecioni (voce e chitarra), Michele Cupaiuolo (basso), ma dopo l’uscita del disco l’organico varia, entra Gianni Leone (ex Volti di Pietra) alle tastiere e al basso subentra Vito Manzari. Dopo il consolidamento del gruppo arriva il secondo album "Ys", vero capolavoro sinfonico e progressivo in cui Leone tesse le trame di tastiera in modo esemplare. Il successo di pubblico ai vari festival pop però non basta ad evitare lo scioglimento nel 1973 dopo un ultimo singolo a nome del gruppo ma con i soli Stinga e Leone. Da qui Gianni Leone prenderà la strada solista e inciderà anni dopo, dopo essersi trasferito a New York, due LP con lo pseudonimo di LeoNero. Il primo si intitola VERO ed esce nel 1977, il secondo, intitolato MONITOR esce nel 1981: sono dischi in cui si assapora tutto l’estro creativo di Leone. Nel 1992 la Mellow records ha immesso sul mercato un mini cd con provini di Ys in inglese riaffiorati da un cassetto. Per rivedere il Balletto di Bronzo dobbiamo aspettare il 1996 quando Gianni Leone ricostituisce il gruppo (ma ne è l’unico membro originale) in occasione del PROGRESSIVAMENTE ROCK FESTIVAL a Roma, concerto testimoniato nel Cd intitolato TRYS e stampato dalla Mellow records nel 1998 in bassa tiratura.

  • 14/12/2005 13:23 - KRONOS QUARTET Nuevo Prodotto da Gustavo Santaolalla questo nuovo cd ...

    KRONOS QUARTET Nuevo Prodotto da Gustavo Santaolalla questo nuovo cd dello straordinario e imprevedibile Kronos Quartet è un'ulteriore pagina di musica contemporanea meravigliosamente ispirata a quella popolare, in particolare a quella messicana, secondo un'attenzione e un cammino iniziati quasi trent'anni fa quando David Harrington e compagni si misurarono con Jimi Hendrix e poi ancora con pagine di Astor Piazzolla e di Foday Musa Suso. Ogni tecnica strumentale legata all'uso degli archi è ancora una volta esplorata e, in più, altri suoni e voci fanno da contorno e questo eccellente lavoro per comprendere il quale basterebbe l'ascolto dell'intramontabile Perfidia di Alberto Dominguez o l'omaggio a Juan Garcia Esquivel; e sono solo due delle quattordici tracce attraverso cui si snoda l'eterogeneo, "nuovo" e affascinante percorso del Kronos.

  • 14/12/2005 13:23 - L’affiatata coppia formata da Serena Bandoli e Fabrizio Tarroni. Il ...

    L’affiatata coppia formata da Serena Bandoli e Fabrizio Tarroni. Il duo, già protagonista di numerosi concerti in tutta la Romagna, ma conosciuti anche in ambito nazionale per la grazia e lo stile inimitabile delle loro esibizioni, proponendo cover di cantautori famosi e brani meno conosciuti arricchiti dalla splendida voce di Serena Bandoli, accompagnata a sua volta dal suono della chitarra di Fabrizio Tarroni.

  • 14/12/2005 13:23 - La band nasce nel 1998 sotto il nome di ANGELS ...

    La band nasce nel 1998 sotto il nome di ANGELS OF DARKNESS e propone un death metal melodico molto lineare. I fondatori del gruppo sono il chitarrista ritmico e solista Alessandro Castelli e il batterista Davide Carotenuto. Il nome della band viene definitivamente mutato in ADIMIRON solo nel gennaio del 2000,con l'innesto nella band di un nuovo cantante nella persona di Leonardo Gioia, di un nuovo bassista , Marcello Piliego e di una tastierista , Francesca Daccico. Lo scopo della band è quello di proporre un tipo originale di metal che sappia mescolare sapientemente la passione dei suoi componenti per il death melodico (stile In Flames,Children of Bodom) con la furia di alcune venature black metal (stile Dimmu Borgir,Cradle of Filth), con passaggi medievali ed epico-sinfonici (stile Rhapsody,Blind Guardian) e con una forte ispirazione neoclassica, dovuta ad una straordinaria ammirazione per Malmsteen e per i grandi maestri della musica classica (in particolare Bach, Vivaldi e Paganini) .Una musica molto personale non certo studiata a tavolino, che racchiude le svariate influenze dei vari componenti della band. Un esperimento, questo, che porta gli Adimiron a comporre pezzi dalla struttura molto intricata, dove le chitarre e le tastiere si contendono lo spazio per tutta la durata dei pezzi. Le songs sono un concentrato puro di melodia (dovuta alla forte impronta neoclassica) e tecnica, e allo stesso tempo racchiudono e sprigionano al momento giusto la potenza tipica dell'heavy metal. Dopo aver composto 4 pezzi totalmente inquadrabili nello stile precedentemente descritto, gli Adimiron decidono ,nel novembre 2000, di entrare in studio. Essi non vogliono registrare una semplice demo, ma un cd in piena regola, che renda giustizia ai loro pezzi e che porti tali pezzi ad un livello altamente competitivo. Ciò comporterà alla band 4 mesi di arduo lavoro in studio che terminano nel Marzo 2001 con l'uscita di "EVERLASTING FIGHT". EVERLASTING FIGHT è un concept cd contenente, appunto, 4 songs . I pezzi dunque risultano tutti strettamente legati tra loro, dal punto di vista delle tematiche. Il concept tratta dell'eterna lotta tra il bene e il male e dell'inevitabile vittoria del secondo sul primo. Ne emerge una visione molto pessimistica nei confronti della vita (e molto negativa nei confronti dell'attuale società) che sfocia nel suicidio in "SOLITUDE" o nella consapevolezza di vivere circondati dal male in "IN THE WEACKED'S ARMS". L'eterna lotta tra il bene e il male viene rappresentata dal gruppo in maniera molto epica, come se le due forze si battessero l'una contro l'altra in una vera e propria guerra. Ciò spiega il significato della copertina del disco, che rappresenta, appunto, il momento cruciale di un duello tra un mago (che rappresenta la forza del bene) e un mostro malvagio (che impersona il male), il tutto ambientato in una dimensione oscura, arcana, quasi mistica. La band, che è attualmente impegnata nella composizione di altri pezzi e svolge costantemente attività live in Italia e all'estero anche grazie al supporto della DarkSide Promotion con cui ha firmato un contratto di management, è in cerca di un contratto discografico che le permetta di affermarsi nel panorama metal tricolore, ed estero.

  • 14/12/2005 13:23 - Ron - Le voci del mondo. Questo nuovo lavoro ...

    Ron - Le voci del mondo. Questo nuovo lavoro si compone di nove brani, tutti inediti, nei quali il cantautore affronta temi quali l’amore e l’amicizia ma in cui si riconosce anche un forte sentimento religioso. "Le voci del mondo" – che arriva a tre anni di distanza dalla pubblicazione di "Cuori di vetro" del 2001 - è frutto di un percorso di crescita artistica e personale che ha portato Ron ad arricchire con nuove sonorità e arrangiamenti la sua espressività musicale, senza tradire lo stile degli album precedenti. "Credo che questo sia l’album più "mio", in cui ho pensato più a me stesso e per cui mi sono esposto maggiormente – dice Ron - Ecco perché non ho paura a dire che questo disco è quello che segna il momento più importante della mia carriera". A partire dal titolo Ron si è liberamente ispirato all’omonima opera prima dello scrittore austriaco Robert Schneider, pubblicato in Italia da Einaudi nel 1994 e salutato dalla critica di allora come la più grande rivelazione letteraria degli ultimi anni. Ron sta preparando un nuovo tour che partirà a giugno preceduto da alcuni eventi nei maggiori teatri italiani. La tournèe è prodotta da "Angeli Custodi" e "Friends&Partners". www.ron.it - Suona: 113/09 REGGIO CALABRIA venue da definire 17/09 IRSINA (MT) Piazza Carlo Marx 19/09 LAGONEGRO (PZ) Piazza Bonaventura Picardi 22/09 ASSISI Piazza del Comune - Premio artista per la pace 2005 - Info: Friends & Partners - VIA DEI SORMANNI 3 - 02/4805731 www.friendsandpartners.net





Live Festival

 CAMPANIA 



 EMILIA ROMAGNA 





 FRIULI VENEZIA GIULIA 

 ITALIA 

 LAZIO 

 LIGURIA 
 LOMBARDIA 




 MARCHE 



 PIEMONTE 


Live Club

 CAMPANIA 

 EMILIA ROMAGNA 




 FRIULI VENEZIA GIULIA 

 LAZIO 





 LIGURIA 
 LOMBARDIA 





 MARCHE 
 PIEMONTE 




 SARDEGNA 
 TOSCANA 






Rubriche

Musicclub Story



Live News