Advertisement

Live Concert

Oggi


Domani


Venerdì

 ABRUZZO  Bettibarsantini Taberna Vinaria Tony Borlotti & I Suoi Flauers Brunori Sas Wemen The Fiftyniners Zolle  BASILICATA  L'orso Monaci Del Surf  CALABRIA  Barresi Project Black Beat Movement Dola J. Chaplin Bud Spencer Blues Explosion His Electro Blue Voice  CAMPANIA  Nordgarden Modena City Ramblers The Zen Circus Mondo Marcio Giovanni Truppi Alberto Radius Veivecura Bologna Violenta  EMILIA ROMAGNA  Tre Allegri Ragazzi Morti Massimo Volume Simone Scifoni Aka Slim Edo - Edoardo Cremonese Franc Cinelli Miami & The Groovers Aisha Burns Four Tiles Wolves Like Us Floyd Machine  FRIULI VENEZIA GIULIA  Vertical Scratchers Nobraino  LAZIO  Kutso Bianca Blues & I 7 Soul Jesus Christ Superstar Nicolas Joseph Roncea Luminal Metal Sludge Extravaganza Uscita17 Gianluca Pellerito Ilenia Volpe Il Muro Del Canto  LIGURIA  Meganoidi Bobby Soul Paolo Saporiti 3 Fingers Guitar Motel Connection Emanuele Belloni  LOMBARDIA  Le Man Avec Les Lunettes Vipers Punkreas Claudio Baglioni Jama Trio Fletcher Alex Schiavi Teich Stefano Vergani  MARCHE  Dj Giamma Unorsominore Tnt Ac/dc Tribute  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  The Monkey Weather Gazebo Penguins Andead Frei O.i.&b. - Tributo A Zucchero Dinosauri Nico Royale Rue Royale Mandolin Brothers Muck And The Mires  PUGLIA  Fabrizio Bosso Colle Der Fomento Fabio Concato Renzo Rubino Vega 80 Diodato La Rappresentante Di Lista Ex-Otago Altre Di B  SICILIA  Mario Venuti Duo Bucolico Joe Barbieri Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti C+C=Maxigross Giacomo Toni Tinturia  TOSCANA  Cleo T. Il Cane Bobo Rondelli The Magnetix Massimo Priviero Julie Slick  UMBRIA  Majakovich 2Pigeons  VALLE D'AOSTA  Alldways  VENETO  Levante Perturbazione Get On Funk Red Hot Chili Peppers Tribute Band Tolo Marton Gozu Freeway Linea 77 Le Luci Della Centrale Elettrica Lubjan Forest Swords

Sabato

 ABRUZZO  Nobraino  CALABRIA  Barresi Project Modena City Ramblers Loredana Berte'  CAMPANIA  Nordgarden Alessandra Amoroso Il Cane  EMILIA ROMAGNA  Oh My O Nh3 Nico Royale Noise Pollution His Electro Blue Voice Sara Ardizzoni - Dagger Moth Dope D.o.d. Le Luci Della Centrale Elettrica Rain Patty Pravo  FRIULI VENEZIA GIULIA  Marlene Kuntz Chambers  LAZIO  Mondo Marcio Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute Nevermind - Tributo Ufficiale Ai Nirvana Zolle Massimo Ranieri Nicolas Joseph Roncea General Levy  LIGURIA  Kaleidoscopic Zeus! Massimo Priviero Giuda Le Minigonne – 60S Pop Rock Band  LOMBARDIA  Dracula Lewis Extrema Tre Allegri Ragazzi Morti Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi Adam Carpet Parafunk Ambramarie King Of The Opera - Samuel Katarro Aisha Burns Ovo  MARCHE  Clementino Simone Scifoni Aka Slim Dj Giamma Vertical Scratchers Pipers Freakanto' Mortimer Mc Grave & The Barelliers Amore Drop – R.a.t.m. Tribute  PIEMONTE  Bobby Soul Erin K Queenmania Frei Band Bunker Club The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Monica P Heaven's Basement Rashad Becker The Magnetix  PUGLIA  L'orso Neffa Diodato Maria Antonietta Management Del Dolore Post-Operatorio Wemen The Zen Circus  SICILIA  Black Beat Movement Dola J. Chaplin Bud Spencer Blues Explosion Nicolò Carnesi Tinturia Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti C+C=Maxigross Mama Marjas Giacomo Toni  TOSCANA  2Pigeons Gang The Lords Of Altamont Zocaffe Le Man Avec Les Lunettes Raphael Mai Mai Mai Crazy Mama Rev Rev Rev Luz  TRENTINO ALTO ADIGE  The Traveller - Massimiliano Forleo Talco Sisyphos  UMBRIA  Taberna Vinaria Bologna Violenta  VENETO  Moa Anbessa Sound System! Full Crew! Tolo Marton Elli De Mon Big John Bates And The Voodoo Dollz Clock Dva Linea 77 Tributo Italiano Mr Wob & The Canes Metal Sludge Extravaganza

Domenica


Lunedì


Martedì


 SVIZZERA  Nicola Ratti The Vad Vuc Cristiano De Andrè  ITALIA  Sisyphos  SVIZZERA  Joe Colombo Ben Vida  ABRUZZO  Brunori Sas Taberna Vinaria Drunken Butterfly The Fiftyniners Kyla Brox Zolle Raphael & Eazy Skankers Majakovich Enrico Capuano Tony Borlotti & I Suoi Flauers  BASILICATA  Zibba Monaci Del Surf Spasulati Band Luciano Ligabue  CALABRIA  Paola Turci Cleo T. Massimo Ranieri His Electro Blue Voice Nu Bohemien Giacomo Toni  CAMPANIA  The Zen Circus Modena City Ramblers The Natural Dub Cluster Galoni Psychopathic Romantics G-Fast La Rappresentante Di Lista Giovanni Truppi  EMILIA ROMAGNA  Fragil Vida Gasparazzo Frankie Magellano Vince Vallicelli Cristiano Godano To Kill Dinosauri Enrico Ruggeri Kris Roe  FRIULI VENEZIA GIULIA  Marlene Kuntz Piero Sidoti - Genteinattesa Franco D'andrea Gli Sportivi Isolde Chambers Emanuele Belloni Nobraino  LAZIO  Paolo Recchia Piji Uscita17 Roberta Cartisano Forest Swords Ilenia Volpe Jesus Christ Superstar Margherita Vicario Mad Professor  LIGURIA  Sananda Maitreya Giuda Motel Connection The Manges Pink Holy Days Diego Deadman Potron The Magnetix Marta Sui Tubi Bluestouch Paolo Saporiti  LOMBARDIA  Vic Du Monte's Persona Non Grata Mellow Mood Il Genio Oxxxa Alessio Lega Brand New Estra Frank Sinutre The Flower Kings  MARCHE  Melampus Tnt Ac/dc Tribute The Sons Of Anarchy Hop Frog Led Zeppelin Tribute Petrina Barbara Casini Bip Gismondi Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Levi Lucifer Big Band  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Frei Sad - Official Metallica Tribute Nico Royale Lo Zoo Di Berlino Radio Supernova Tributo Ufficiale Italiano Oasis The Monkey Weather Linea 77 Articolo J Andead Olly Riva & The Soul Rockets  PUGLIA  Management Del Dolore Post-Operatorio White Queen Fabio Concato Primo & Squarta – Cor Veleno Tormento Diodato Maria Antonietta Progetto Panico Emis Killa Marzia Stano Aka Una  SARDEGNA  Cisco Train To Roots  SICILIA  Veivecura Andre Matos Tinturia Duo Bucolico Mama Marjas Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti C+C=Maxigross Joe Barbieri Alessandra Amoroso  TOSCANA  Gang Borghetta Stile Nicodemo Violacida Erin K Alessia Tondo Zocaffe I Matti Delle Giuncaie Bobo Rondelli Us Rails  TRENTINO ALTO ADIGE  Manuel Volpe Jack Jaselli Come Cani Come Angeli Francesco Patella Assalti Frontali Talco  UMBRIA  Big Ones Joe Pisto Aisha Burns 2Pigeons Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Green Like July Raster Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Wemen  VALLE D'AOSTA  Alldways  VENETO  Moa Anbessa Sound System! Full Crew! Lubjan Saves The Day Manodopera L'orso Rumatera Marcello Tonolo Freeway Paolo Cecchin One Man Band Warias

 SLOVACCHIA  Coro Corridore    Lee Scratch Perry  SVIZZERA  Altro  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  SVIZZERA  Dub Incorporation Witko Gasparazzo Mellow Mood Gue' Pequeno Casa Del Vento Bluestouch Joe Colombo  ABRUZZO  Gigi Finizio Zibba Kaleidoscopic Kyla Brox Black Beat Movement Luminal The Fiftyniners Near Magda White & Frank Hammond Band Gianni Morandi  CALABRIA  Caron Dimonio Peppe Voltarelli Zeus! Monaci Del Surf  CAMPANIA  Chick Corea Buddha Superoverdrive David Riondino The Burlesque Afterhours Raiz Dente Gillian Grassie Cercasi Cenerentola  EMILIA ROMAGNA  Peppa Pig Zeno De Rossi Frei Rain Al Di Meola Alessandro Scala Quintorigo Blues Pills Danilo Gallo Gogol Bordello  FRIULI VENEZIA GIULIA  The Zen Circus Jackie-O-Motherfucker Tommy Emmanuel The Orb Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Giovanni Truppi Melampus W.i.n.d.  LAZIO  Lucy Love Brunori Sas Barzin Luciano Ligabue Diodato Agnes Obel Soft Metals I Mostri Jack Jaselli Oak  LIGURIA  Osanna Andrea Celeste Universal Totem Orchestra Maschera Di Cera Bob Geldof Aldo Tagliapietra Dirk Hamilton Locanda Delle Fate  LOMBARDIA  Eve Noire Mimes Of Wine Be Forest Noemi Cut Giorgio Canali Dum Dum Girls Lebowski The Lovecats Wallis Bird  MARCHE  Quei Bravi Ragazzi Freakanto' Geri Allen Maria Antonietta Giacomo Toni Tnt Ac/dc Tribute Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Antonio Sorgentone The Sons Of Anarchy Claudio Baglioni  PIEMONTE  Alain Caron Fay Hallam Trinity Sepultura Ibrahim Maalouf Jhonnyboy & The Icecream Paolo Fresu Antonello Salis Levante Baba Sissoko  PUGLIA  Eugenio Finardi Nomadi Mirko Signorile Dire Straits Legends Squarcicatrici Donpasta Billy Hart Quartet Nicolò Carnesi Larry Franco Vega 80  SARDEGNA  Train To Roots  SICILIA  Mike Stern La Rappresentante Di Lista Bombino Alessandro Lanzoni Meganoidi Iaia Forte Giuda The Traveller - Massimiliano Forleo Pippo Pollina James Ferraro  TOSCANA  There Will Be Blood I Matti Delle Giuncaie Umberto Tozzi Gang Acquaraggia Pow! Methedras 99Posse Giorgia  TRENTINO ALTO ADIGE  Erin K Golden Animals Bamboo Slick Steve & The Gangsters Ed Laurie  UMBRIA  Big Charlie G-Fast Dinamitri Jazz Folklore Michele Rabbia Tetraktis Percussioni Hola La Poyana Taberna Vinaria Michele Maraglino Blue Dean Carcione  VENETO  Kirlian Camera Rob Mazurek - Starlicker The Last Killers Le Cattive Strade - Andrea Scanzi E Giulio Casale Aloa Input Tributo Italiano The Sade Verbal Yokoano Daniele Tenca

 SPAGNA  Refree The National John Grant Dum Dum Girls !!! (Chk Chk Chk)  SVIZZERA  Massimo Ranieri  SPAGNA  Charles Bradley  GERMANIA  Leo Pari  SPAGNA  Spoon Shellac  BELGIO  Galoni  SPAGNA  Kendrick Lamar Caetano Veloso Standstill St Vincent  ABRUZZO  Alla Bua Kutso Warias Near Antonio Sorgentone  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Gogol Bordello Danilo Rea Dulce Pontes Caparezza  EMILIA ROMAGNA  The Rock'n'roll Kamikazes Giuda Hollis Brown Damien Jurado The Naked And Famous Swearing At Motorists Miles Kane Black Sabbath Pow! Speedy Ortiz  FRIULI VENEZIA GIULIA  Pat Metheny Buckcherry Downset The Natural Dub Cluster Angus & Julia Stone  LAZIO  Rolling Stones Roberto Cacciapaglia Fish Solo Banton Billy Idol Max Arduini Tori Amos The Prodigy Requeen Vasco Rossi  LIGURIA  Bluestouch Borghese Bobby Soul 3 Fingers Guitar Phono Emergency Tool New York Ska Jazz Ensemble Il Re Tarantola Bobo Rondelli  LOMBARDIA  Motorpsycho Bob Wayne & The Outlaw Carnies Bombino Materdea The Last Killers Pink Mountaintops The Lovecats Parafunk Turbonegro  MARCHE  Mauro Ermanno Giovanardi Lush Rimbaud Dadamatto Sud Sound System Johnny Mox Jesus Franco And The Drogas Monaci Del Surf Stri Soviet Soviet Tetuan  PIEMONTE  Thirty Seconds To Mars Pagliaccio Band Bunker Club Persiana Jones Tangerine Dream Pino Scotto Fetish Calaveras Ha Ha Tonka Supershock  PUGLIA  Slow Magic White Queen Cadaveria Vega 80 Destruction Bamboo  SICILIA  Reijseger Fraanje Sylla Trio Donpasta Kafka On The Shore Baba Sissoko  TOSCANA  I Matti Delle Giuncaie Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu Gang Massimo Volume Alex Britti Le Capre A Sonagli Sinfonico Honolulu Jama Trio Amadou & Mariam The Pains Of Being Pure At Heart  TRENTINO ALTO ADIGE  Simone Cristicchi Nh3  UMBRIA  Nidi D'arac Bettibarsantini Omar Souleyman The Perfect Strangers Band Tnt Ac/dc Tribute  VENETO  Rudy Rotta Dub Fx & Cade The Backseat Boogie Band Of Friends Alphataurus Together Pangea The Sade Lubjan Remo Anzovino

 SVIZZERA  Biglietto Per L'inferno  ITALIA  Dropkick Murphys  LETTONIA  Anna Calvi  ITALIA  Sine Frontera  LETTONIA  You Me At Six  ITALIA  Slayer  LETTONIA  Elbow Junip - Josè Gonzales  SVIZZERA  Dolly Parton  AUSTRIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Laura Pausini  LETTONIA  Bastille  ITALIA  James Blunt  SVIZZERA  Sunrise Avenue  ABRUZZO  Gasparazzo Caparezza Antonio Sorgentone John Scofield  CAMPANIA  Giulia Mazzoni Ylenia Lucisano Regina Carter Javier Girotto Ska-P Pino Daniele Chrysta Bell Burt Bacharach Stanley Clarke Chick Corea  EMILIA ROMAGNA  The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Negramaro Panda Bear Zu The Dictators Izzy & The Catastrophics Teho Teardo & Blixa Bargeld Temples Veronica & The Red Wine Serenaders The Vanja's  FRIULI VENEZIA GIULIA  Arianna Antinori And The Davids Macka B Franz Ferdinand Jimmy Cliff Ravi Coltrane Jack Dejohnette Kg Man Keron Salmon Aka Kabaka Pyramid Gem Boy  LAZIO  At The Weekends Massive Attack Kraftwerk Obituary Alice In Chains Alex Britti Loredana Berte' Modà  LIGURIA  M Ward The Peawees The Sonics! Delaney Davidson Kafka On The Shore Paolo Nutini The Slackers Girls In Hawaii Jama Trio  LOMBARDIA  Cristina D'avena Wolfmother Nemesi John Butler Trio Editors Stromae Billy Bragg Youssou N' Dour Redrum Alone The Mutants  MARCHE  Aba Shanti I Dub Incorporation Giacomo Toni  PIEMONTE  Wemen Meganoidi L'orage Red Sky His Clancyness The Monkey Weather Soviet Soviet Giuda Slow Magic Deep Purple  PUGLIA  Saluti Da Saturno Adrian Sherwood Almamegretta Alla Bua  SICILIA  Simple Minds  TOSCANA  Camillore’ Jack Johnson Paolo Fresu Eels The Lumineers Morcheeba Elisa Slick Steve & The Gangsters Jeff Beck Robert Plant And The Sensational Space Shifters  TRENTINO ALTO ADIGE  The Last Killers  UMBRIA  Dr John Horacio "el Negro" Hernandez Gattamolesta Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Hamilton De Holanda Stefano Bollani La Tresca Monty Alexander Wayne Shorter Eliane Elias  VENETO  The Dukes Of Hamburg Arianna Antinori Luciano Ligabue Scorpions Luca Bassanese Orion The Official Italian Metallica Tribute Band Emma Kill Your Boyfriend Afterhours Ludovico Einaudi

 UNGHERIA  Coro Corridore  ITALIA  Bettibarsantini  ABRUZZO  Giuda Kutso Antonio Sorgentone Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers  CALABRIA  Band Bunker Club  CAMPANIA  Fabrizio Bosso Massimo Ranieri Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Kronos Quartet Petrina Michele Rabbia Maria Pia De Vito Alessandro Haber Asaf Avidan Sergio Cammariere  EMILIA ROMAGNA  Izzy & The Catastrophics Radici Nel Cemento Skid Row Little Taver Miami & The Groovers Franz Ferdinand  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  Paolo Jannacci Sick Of It All L'orage Boy & Bear  LOMBARDIA  Nofx Gem Boy Converge Luca Bassanese The Last Killers His Electro Blue Voice Bombino The Peawees Raphael & Eazy Skankers Larry And His Flask  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Cesare Carugi Daniele Tenca Anti-Flag Mandolin Brothers Emis Killa  PUGLIA  White Queen Slick Steve & The Gangsters Alla Bua Avishai Cohen  SARDEGNA  Elina Duni Quartet Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale)  SICILIA  Alex Britti  TOSCANA  Pippo Pollina Dave Holland I Gatti Mezzi  TRENTINO ALTO ADIGE  Raphael Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar  UMBRIA  The Courteeners Paul Weller Taberna Vinaria Parlor Snakes Monaci Del Surf Kaiser Chiefs Boxerin Club Peter Hook And The Light Basement Jaxx  VENETO  Violacida The Mojomatics Ruggero De I Timidi Camillore’ Arianna Antinori



99posse

99posse è presentato da:

NOVENOVE

NOVENOVE 335/7625310 info@novenove.it - www.novenove.it


99POSSE

Curre Curre Guaglio' 2.0 - Non un passo indietro”, il nuovo disco dei 99 POSSE distribuito Artist First, che ripercorre i grandi successi della loro prima discografia e una carriera da record. I 99 POSSE dimostrano di essere “padroni del [loro] tempo per poterlo cambiare”, sperimentando il remake di 14 canzoni che hanno scosso gli animi e segnato la musica italiana. Le canzoni, irrorate di nuovo vigore rap, rock, elettronico o funky, sono addirittura rinominate per sottolineare il cambiamento apportato dalle numerose e importanti featuring con Alborosie, Mama Marjas, Caparezza, J-Ax, Clementino, Pau (Negrita), Punkreas, Samuel (Subsonica), Banda Bassotti, Francesco Di Bella (24 Grana), Ensi, Signor K e Bonnot, Valerio Jovine, Enzo Avitabile e i Bottari, Roy Paci, e altri. Oltre ai “remake”, i 99 POSSE propongono in “Curre Curre Guaglio' 2.0 - Non un passo indietro” anche 4 nuove canzoni su temi socialmente impegnati. Per informazioni e booking: info@novenove.it www.novenove.it







Testi in archivio:

  • 14/12/2005 13:23 - 99 POSSE 99 Posse nascono a Napoli, nel circolo di persone ...

    99 POSSE 99 Posse nascono a Napoli, nel circolo di persone che frequentano il centro sociale Officina 99. Nel 1992 la loro "Curre curre guaglio’", inserita nella colonna sonora del film "Sud" di Gabriele Salvatores, fa correre il nome dei 99 Posse da un ripetitore all’altro della scena antagonista italiana. "Curre curre guaglio’" è anche il titolo del loro album d’esordio, autoprodotto. Il nome dei 99 Posse è sinonimo di impegno e di una cultura che opera per portare il messaggio di non allineamento dei centri sociali fuori da quella comunità. Nel 1996 il gruppo esce con l’album "Cerco tiempo", al quale segue, nel 1998, "Corto circuito". il 4 maggio è uscito il nuovo album dei 99 Posse, “La vida que vendra”. Prodotto dal gruppo e da Carlo Rossi, mixato da Andy Hughes (Orb) e da Steve Lyon (già al lavoro sul precedente “Corto circuito”), l’album è stato masterizzato agli studi Exchange di Londra, e contiene 14 brani. Il primo singolo sarà “L’anguilla”, realizzato con la partecipazione e la coproduzione di Speaker Cenzou. FORMAZIONE ‘O Zulu (Luca Persico) - voce Meg (Maria Di Donna) - voce Kaya Pezz8 (Marco Messina) - campionatore e dub master JRM (Massimo Jovine) - basso Sacha Ricci - tastiere Articolo intervista di Repubblica, 27 aprile 2000. “La barricata dei 99 Posse "Il comunismo non è morto" . Esce il 4 maggio il disco del gruppo rap napoletano, "La vida que vendrà". Un attacco ai nuovi contratti di lavoro” di CARLO MORETTI ROMA - C'è l'Italia del lavoro che cambia in questo nuovo disco dei 99 Posse, il gruppo rap napoletano nato nel circuito dei centri sociali. In un vortice di ritmi da rave party, tra cavalcate ragamuffin e lente ballate rap, si ascoltano testi sul lavoro che non c'è, sulle "morti bianche", sul lavoro in affitto, sul lavoro flessibile. E anche se La vida que vendrà (nei negozi il 4 maggio, per la Bmg) è stato registrato prima delle elezioni regionali, vi si ritrovano tanti temi utilizzati nella campagna elettorale. C'è la difesa del comunismo, valore ribadito dai 99 Posse. Che tra l'altro riprendono nel titolo il famoso brano degli Inti Illimani El Pueblo Unido, presente nel disco in versione rap. "I comunisti esistono, anche in Italia" assicura il cantante, Luca "Zulu" Persico "solo che vorremmo spiegare ai ragazzi che non li hanno mai conosciuti, che i comunisti sono diversi da quelli che Berlusconi attacca". Un disco politico, forse più dei vostri precedenti. E uno dei temi forti dei testi è il lavoro... "Oggi che la fabbrica non è più il centro della produzione, il capitalismo si è riorganizzato. Se in un mondo di lavoro in affitto, di attacco frontale ai diritti sindacali dei lavoratori, di politiche di "zero tolleranza" che vengono rivendicate in modo folle anche dai sottoproletari delle periferie urbane, se in un mondo così i consigli di fabbrica non possono più svolgere il compito di contestazione e di controinformazione, beh allora abbiamo la presunzione di assumerne noi il ruolo, nel nostro piccolo e con i nostri mezzi, ovvero con le parole e con la musica. E ogni volta che potremo nei concerti". Concerti che come il disco continueranno ad avere prezzi imposti, strappati per contratto alla casa discografica multinazionale e alla vostra agenzia... "Esatto, 29.900 lire per il disco e 15 mila per il concerto. Siamo rimasti in pochi in Italia a ribadire che la musica costa troppo e che potrebbe costare meno se ognuno facesse la sua parte: ormai siamo solo noi e gli Assalti Frontali (gruppo rap romano, n.d.r.). Il nostro successo (160 mila copie di Corto circuito, l'album precedente, n.d.r.) è inversamente proporzionale al nostro cachet: chiediamo venti milioni, la metà di quanto chiedono artisti come Carmen Consoli o Max Gazzè. I promoter quasi non ci credono". "La musica dovrebbe essere un servizio pubblico, come la scuola, come gli ospedali" aggiunge Meg. A quale pubblico pensavate scrivendo questo disco? "Il nostro referente è tutta la gente che subisce la politica, non i comunisti o solo i ragazzi dei centri sociali. Cito Marx: "Il comunismo è il movimento reale che abbatte lo stato di cose presenti". I comunisti vanno allora ricercati nei posti dove le persone hanno bisogno, oltre che desiderio o passione politica, di modificare la loro vita difficile. Siccome questi posti oggi sono molti, dalle discoteche ai posti di lavoro, resta soltanto di dirselo e di organizzarsi per superare le mille spaccature che ci sono a sinistra, sacrosante per carità: anche tra i centri sociali, nell'area di Autonomia operaia, e non solo tra i Ds e Rifondazione. Andare oltre e pensare, appunto, a "la vida que vendrà", tutto ciò che abbiamo, il nostro futuro, almeno quello lo possiamo immaginare diverso. E invece sta passando l'ipocrisia dei politici: ormai i disoccupati li chiamano "lavoratori sul mercato del lavoro"". A proposito di flessibilità, va detto che queste nuove forme di contratto permettono a tanti giovani di lavorare... "Non possiamo che dirgli di continuare a farlo. Semplicemente bisognerebbe rendersi conto che non è così bello come si dice. Bisogna liberarsene presto, e nel frattempo sfruttare il lavoro interinale per questioni di mera sopravvivenza. Ma sbagliava l'ex presidente del Consiglio quando in televisione invitava i giovani a non contare sul posto fisso, perché il futuro è il lavoro interinale. Se l'alternativa è morire di fame o mettersi a vendere l'eroina allora il lavoro interinale va bene, ma non si può lavorare solo sei mesi l'anno, quando sei fortunato. E ogni volta ricostruendo la tua professionalità e rischiando magari la vita sulle impalcature di un grattacielo: succede ai lavoratori professionali, figuriamoci agli interinali che fino al mese prima facevano tutto un altro mestiere, magari i portuali". Questo disco è stato caratterizzato da cinque rinvii e da contrasti con la casa discografica... Risponde Meg: "Hanno avuto paura dei ringraziamenti che avevamo scritto in fondo al libretto. Dopo due settimane di discussioni, all'ultimo momento hanno tolto la frase "Grazie per le buone notizie che arrivano da Hammamet", anche se i nostri avvocati gli avevano dimostrato che non c'erano pericoli". E la frase di Francesco Cossiga in "Yankee go home"? Spiega Luca: "L'abbiamo ripresa da una trasmissione del '92 di Giuliano Ferrara, "L'Istruttoria". Cossiga rivendicava la paternità degli accordi segreti con gli americani che autorizzavano la presenza di armi nucleari sul territorio italiano. Perfetto per la chiusura di quel brano".

  • 14/12/2005 13:23 - 99 POSSE La Vida Que Vendra L'espressione è vecchia, consumata, aborrita ...

    99 POSSE La Vida Que Vendra L'espressione è vecchia, consumata, aborrita forse tanto e più del famigerato "attimino", ma che importa, consentiteci di usarla anche fuori tempo massimo: se i 99 Posse non esistessero bisognerebbe inventarli. Come si potrebbe pensare infatti di rinunciare ad una voce cosi radicalmente alternativa anche alle più avanzate fasce della galassia musicale che fluttua intorno alle culture urbane e sub-metropolitane? Come si potrebbero dormire sonni tranquilli nel dubbio che tutto, proprio tutto, sia in fondo soltanto un soggetto illusoriamente attivo entro i confini di una mostruosa omologazione? Come potremmo alimentare la speranza che delle menti lucide, scoperte, perennemente allertate siano sempre pronte a leggere in modo diverso le espressioni anche le più apparentemente illuminate e progressiste - del Potere? D'accordo o no, piaccia o meno, 99 Posse rappresenta quell'antidoto all'addormentamento delle coscienze che ogni essere pensante, e quindi consapevole del pericolo, dovrebbe assumere in dosi massicce. 99 Posse due anni e 160.000 copie vendute di "Corto Circuito" dopo. La visibilità della band è ai massimi livelli toccati fino ad ora, persino superiori all'ondata emotiva degli inizi "pubblici" di "Curre curre guagliò". Ci si poteva aspettare - senza scandalo - il consolidamento delle posizioni raggiunte, il percorrere con una certa tranquillità la strada delle infinite sovrapposizioni stilistiche ("assenza di stile = stile") cile cosi tanti frutti aveva dato in passato. Questo nuovo cd (il sesto dopo "Curre curre guagliò", "Incredibile opposizione tour", "Guai a chi ci tocca" con Bisca, "Cerco tiempo" e "Corto circuito") invece non manifesta l'intenzione di guardare ad un passato né prossimo, né remoto fatta salva la formazione, probabilmente arrivata ad un vertice di coesione oltre il quale le singole spinte creative potrebbero implodere anziché proiettarsi in tutte le direzioni possibili. In 74 minuti di musica (14 brani), 99 Posse elabora processi di fusione in tempi sempre più rapidi, sempre più veloci dei tempi di reazione anche del più attento e pronto degli ascoltatori. Da "Comincia adesso", l'incalzante prologo, a "Sfumattire", dove carezzevoli atmosfere jazzy (rese superbe dalla voce di Meg) cedono il passo al militante fuoco poetico delle parole di 'O Zulù; a "All'antimafia", sorta di drammatica fiction-song dall'inizio recitato; a "Esplosione imminente", il culmine di una tensione esasperata dai toni duri del rock; a "Sub", elogio della vibrazione fisica; a "Yankee Go Home", l'antico - si fa per dire - slogan reso paradossale dalla voce campionata di Cossiga; a "Povera vita mia", povere vite stroncate da un numero impressionante di infortuni sul lavoro, povere vite sfruttate, povere vite di ragazzi illusi da politiche occupazionali di dubbia efficacia; alla rilettura hip hop di "El Pueblo Unido": tutto il disco vive di continue sorprese, di effetti emotivi profondi che nascono dalla sincera e reale integrazione tra arte e realtà sociale. E infine dell'intima soddisfazione di saper comunicare attraverso una grande musica che parte - sempre e comunque - dal "solid ground" dell'immediatezza.

  • 14/12/2005 13:23 - 99 POSSE La Vida Que Vendrà La nascita e la crescita ...

    99 POSSE La Vida Que Vendrà La nascita e la crescita all'interno del movimento, il passaggio al professionismo, il periodo del Cerco Tiempo e quello del Corto Circuito. Ora, la lotta di classe nell'era dell'incertezza. E' il cammino della 99 Posse, che avvolge di suoni chemical "Comincia adesso", "L'anguilla", "Esplosione imminente", "Yankee Go Home"; saluta in General Levy l'epopea del ragga - jungle; scommette sul drum'n'bass per "Sfumature", sull'electro in "La scelta" e "sub", offre scenari confidenziali al rap di "A una donna" e "Povera vita mia". Ma due notizie prevalgono sugli arrangiamenti, comunque assai curati: Meg ha un ruolo sempre più importante e lo gestisce con crescente disinvoltura, mentre la rivolta passa attraverso percorsi intimi, svolte dell'animo, incazzature solitarie, opzioni culturali e politiche sofferte fino agli interrogativi sul proprio ruolo posti da "La scelta". "All'Antimafia" farà senz'altro notizia, ma i numeri, ancora una volta, li faranno concerti e network più che contenuti e dialettica.

  • 14/12/2005 13:23 - 99 POSSE La Vida Que Vendrà La nascita e la crescita ...

    99 POSSE La Vida Que Vendrà La nascita e la crescita all'interno del movimento, il passaggio al professionismo, il periodo del Cerco Tiempo e quello del Corto Circuito. Ora, la lotta di classe nell'era dell'incertezza. E' il cammino della 99 Posse, che avvolge di suoni chemical "Comincia adesso", "L'anguilla", "Esplosione imminente", "Yankee Go Home"; saluta in General Levy l'epopea del ragga - jungle; scommette sul drum'n'bass per "Sfumature", sull'electro in "La scelta" e "sub", offre scenari confidenziali al rap di "A una donna" e "Povera vita mia". Ma due notizie prevalgono sugli arrangiamenti, comunque assai curati: Meg ha un ruolo sempre più importante e lo gestisce con crescente disinvoltura, mentre la rivolta passa attraverso percorsi intimi, svolte dell'animo, incazzature solitarie, opzioni culturali e politiche sofferte fino agli interrogativi sul proprio ruolo posti da "La scelta". "All'Antimafia" farà senz'altro notizia, ma i numeri, ancora una volta, li faranno concerti e network più che contenuti e dialettica.

  • 14/12/2005 13:23 - Il 1° maggio 1991 nasce il centro sociale occupato autogestito ...

    Il 1° maggio 1991 nasce il centro sociale occupato autogestito Officina 99. Il 9 ottobre dello stesso anno nasce la 99 Posse, come diretta espressione del C.S.O.A. e delle nuove culture urbane che trovano nella musica un veicolo potente. Il primo storico singolo della 99, "Rafaniello" e "Salario Garantito", dà la stura a quell' onda rap e raggamuffin che segnerà una svolta epocale nella musica popolare italiana. Nell'anno successivo il singolo "Sott'attacco dell'idiozia" vede la prima forma di collaborazione stretta e dinamica fra tre gruppi napoletani: 99 Posse, Bisca, Alma Megretta. E' qui che si gettano le basi per il supergruppo Bisca99Posse che in due anni girerà l'Italia con più di 200 date e con picchi di 15000 persone (Il Mattatoio 1994). Il primo album della 99 Posse, "Curre Curre Guagliò" esce nel '93 e grazie alla sua capacità di comunicare in maniera diretta ed immediata, rientra fra quei prodotti culturali che hanno contribuito a interrompere il rapporto di VERGOGNA verso la propria storia, che per un ventennio aveva impedito in italia un solido abbraccio fra arte e realtà. Per questo, in breve diventa il manifesto di una intera generazione. Tra le altre cose, è uno degli stimoli forti che spingono "l'Oscar" Gabriele Salvatores a girare "Sud" , film legato all'area dei centri sociali, di cui il brano della 99 sarà la colonna sonora portante. Nel 1994 oltre al doppio cd live "Incredibile Opposizione Tour 94", senza dubbio il doppio live più potente registrato in italia negli anni '90, la 99 Posse getta i semi di quello che oggi è un ulteriore impegno del gruppo: l'etichetta discografica Novenove, che lavora per dare voce a quegli artisti che, dati i temi e le aree di appartenenza, non troverebbero spazio nell'ingessata industria musicale italiana; e realizza la compilation "Cantanapoli Antifascista" che riunisce dieci gruppi tra i più interessanti di Napoli. L'uscita di "Guai a chi ci Tocca", album datato '95, è l'ultimo atto di Bisca e 99 Posse, che ritenuta esaurita l'esperienza comune tornano a lottare ognuno sulle proprie strade. E' in questa ritrovata dimensione autonoma che nasce "Cerco Tiempo" album che totalizzerà oltre 70.000 copie (disco d'oro). L'ultimo lavoro della 99 "Corto Circuito" vede luce a metà maggio '98 dopo quattro mesi di intenso lavoro svolto fra Napoli, Monticello, Torino e Londra. Tra il '95 e il '98 l'etichetta Novenove dà alle stampe i lavori di RadioGladio, Speaker Cenzou, Balaperdida oltre che ovviamente della 99 Posse. Tutti gli album, i mix, tutti i prodotti citati insomma, sono usciti fin dall'esordio a prezzo politico o prezzo imposto. "Non pagare più di..." significa per la 99 portare a terra la propria visione di rapporto con il mercato, in una sorta di praticizzazione dell'idea. Ciò è stato possibile spesso grazie ad una rinuncia personale da parte degli artisti, rinuncia da un punto di vista economico a fronte di una grandissima soddisfazione sia da un punto di vista politico che squisitamente umano. Nel corso di questi anni la 99 ha dato il suo contributo ad artisti come Almamegretta, Bisca, Cenzou, Gegè Telesforo, Lhp, Linton Kweesi Johnson, Mad Professor, Papa Ricky, Daniele Sepe, Zion Train, etc. Fin qui una semplice cronologica biografia. Ma senza alcuna retorica ci tocca ricordare e testimoniare come la libertà d'espresione e d'azione in italia abbiano ancora un prezzo altissimo e per realizzare tutto ciò in totale autonomia e libertà, il gruppo ha collezionato (e deve ancora risponderne davanti alla magistratura) reati come: oltraggio, resistenza, violenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale, vilipendio delle forze dell'ordine, istigazione a delinquere, occupazione abusiva, manifestazione non autorizzata, blocco stradale, furto aggravato, danneggiamenti, imbrattamenti, concerti abusivi, detenzione e spaccio, rissa, associazione a delinquere. Tutto ciò ci fa riflettere sulla ambigua relazione che esiste fra la legge e la giustizia e quindi ci diverte suggerire alle istituzioni: ATTENZIONE A COSA FARE, PERCHE' O CI DATE GIUSTIZIA... O CI DOVRETE GIUSTIZIARE ! I 99 Posse sono: 'O Zulù - (Luca Persico) - Voce Meg - (Maria Di Donna) - Voce Kaya Pezz8 - (Marco Messina) - Dub Master JRM - (Massimo Jovine) - Basso Sacha Ricci - Tastiere

  • 14/12/2005 13:23 - BISCA/99 POSSE - Incredibile Opposizione Tour (BMG) BISCA/99 POSSE - Guai ...

    BISCA/99 POSSE - Incredibile Opposizione Tour (BMG) BISCA/99 POSSE - Guai a chi ci tocca (BMG) Tra tanti che parlano, i 99 son stati tra i pochi a fare i fatti, rinunciando a parte dei proventi (500 lire a copia, che per strane alchimie finanziarie abbassano di molto il prezzo finale) in modo da rendere accessibili i loro album al più largo numero di persone possibile ed a dire chiaro, in tv, di far lavorare come matti i masterizzatori. La BMG ha ristampato gli album realizzati con i Bisca (al prezzo 'Standa' di 29.900 l'uno), quelli più ricchi di fusione musicale, mossi dal calore dei ritmi ripresi (hip-hop, reggae, funky, echi mediterrarabi), che già hanno sul groppone la veneranda età di 5-6 anni, per la gioia di chi al tempo dava fuoco al banco dell'asilo presentendo un 'luminoso' futuro. Son brutti tempi questi, coi pirati che scendono di nuovo in mare, ed ascoltare parole dure come sassi (le parole sono pietre...) aiuta a tenere svegli i sensi giusti, a contarsi (una sparuta moltitudo), a rinserrare le fila. "Chi si fa i cazzi suoi oggi fa parte del problema...": più che giusto. Ed è fuori anche il nuovo dei 99ers...

  • 14/12/2005 13:23 - I 99 Posse festeggiano 10 anni di vita con una ...

    I 99 Posse festeggiano 10 anni di vita con una delle antologie più ricche e complete uscite nell’ultimo periodo, un’opera concepita con l’intento di tracciare un bilancio della fase di crescita e sviluppo di una delle band in assoluto più rappresentative, amate e controverse della scena italiana ma, al tempo stesso, un documento fortemente attuale e, in qualche modo, persino proiettato in avanti, più che uno sguardo retrospettivo e nostalgico: il suono che marchia questo disco è senza dubbio il suono del prossimo decennio dei 99, più che la semplice trascrizione e testimonianza di quello passato. L’ascolto consecutivo delle 28 tracce dà in effetti un quadro decisamente completo delle diverse sfumature e dimensioni di 99 Posse. Vediamo il “piano dell’opera”. Il primo cd è un autoritratto fatto di ricordi (Rafaniello, Salario Garantito e S’Addà Appiccià, i primi singoli dei 99 - ormai introvabili - riproposti in versione originale), rilettura della propria storia (le loro canzoni-manifesto - Curre Curre Guagliò, Rigurgito Antifascista, Rappresaglia, Corto Circuito, Vulesse - in registrazioni live dall’ultimo tour, tenutosi nei tragici, epici, giorni di luglio 2001) e sguardo lucido e schierato sul presente (straordinaria, quasi inquietante, l’attualità dei due inediti Stop That Train e Amerika). Il secondo cd è invece una sorta di tributo ai 99 da parte di alcuni dei nomi più importanti della scena internazionale cui essi fanno riferimento, ma anche di giovani talenti, non solo napoletani, cui da sempre i 99 danno supporto con ogni mezzo. Ed ecco dunque, da un lato, Zion Train (http://www.wobblyweb.com/zt/index.html), Mad Professor (http://ariwa.com/artists/madprof.htm), Andy Hughes (ORB - http://www.theorb.com/index.html - già con loro in studio di mixaggio per l’ultimo album) e DJ Vadim (http://www.ninjatune.net/ninja/artists/djvadim/microsite/vadim2.html) lasciare il proprio segno impastando le voci di Zulu e Mega secondo le loro sofisticate ricette mentre, dall’altro, giovani produttori cui raramente viene data la possibilità di lavorare su materiale di artisti di rilievo, ci presentano il loro punto di vista sui suoni di domani. Dalla house al drum&bass (e ritmi spezzati vari) fino al grind-core (incredibile la “cover” di Ripetutamente by Undertakers), Retina (http://www.heftyrecords.com/), Sygo (http://stage.vitaminic.it/sygo/), Brain Wave, Polina (http://www.ufficiok.com/htm/pol.htm), Bruno B. (http://digilander.iol.it/marcuse1/nodomo2.htm), Modarte (http://www.juskool.com/modarte/default.htm), Andrea Zacchi (http://utenti.tripod.it/MUSICAGRATIS/zacchi.htm), Undertakers (http://utenti.tripod.it/brutality/index2.html) ci offrono uno sguardo diretto su una scena, soprattutto elettronica, sempre più matura e attiva. In mezzo tra i due mondi, da sempre battitore libero dell’underground cybermusicale nonché produttore di Curre Curre Guagliò, il primo album dei 99 Posse, RadioGladio (http://www.radiolilliput.org/ragla/io_default.htm) con la sua intensa dub version di Me Siente? Torniamo al primo CD e soprattutto ai brani live, vera chiave di lettura di quest’opera, che non solo rivelano l’anima funk purosangue dei 99, spesso trascurata o sottovalutata, ma ci forniscono un’istantanea di alcuni tra gli aspetti più autentici e originali del gruppo. Innanzitutto i 99 sul palco si divertono e fanno divertire, cantano e ballano facendo cantare e ballare e questa è la via attraverso cui raggiungono il cuore di migliaia di giovani. In questo una menzione speciale va a Papa J e Cenzou (http://www.geocities.com/speakercenzou/), quest’ultimo certamente uno dei migliori MCs italiani del momento, che da anni accompagnano i 99 in tour e creano con loro una solida impalcatura di freestyle, controcanti e risposte, sprazzi di autentico, spassoso varietà partenopeo e un insostituibile e costante lavoro di supporto nel mantenimento, per le oltre due ore di durata del concerto, di quell’elevatissimo “livello energetico” e di sintonia col proprio pubblico che è caratteristica distintiva dei 99. E proprio questa sintonia dei 99, tra loro sul palco, con il pubblico e, in generale, con il mondo da cui provengono introduce il tema - inevitabile - dei risvolti sociali e politici che emergono da questa come da qualsiasi loro produzione. Ecco dunque i due inediti STOP THAT TRAIN, cover in chiave anti-global del celebre classico reggae, una risposta alle “nuove crociate” in corso, inno alle “mille culture ca s’hann’ ’a ncuntrà ”, e AMERIKA (“… Amerika, Amerika, Stati Uniti dalla falsità…), così stridente col pensiero unico del “siamo tutti americani” e del plauso incondizionato al guardiano del pianeta mentre scatena la terza guerra mondiale per catturare un suo ex-complice sfuggito di mano… I 99 non parlano per metafore, il loro è un messaggio a piena voce, diretto, che ha chiaro il profilo del proprio interlocutore, lo conosce intimamente perché insieme ad esso è cresciuto ed è questo il rito che si rinnova ad ogni concerto e che l’ascolto delle tracce live rivela chiaramente: c’è tutto ciò che ci si può aspettare da un concerto pop: partecipazione, coralità, festa collettiva, ma non è solo questo; da parte delle centinaia di migliaia di giovani che ogni anno accorrono ai loro concerti c’è attenzione e richiesta d’attenzione, desiderio e bisogno di essere rappresentati, di avere qualcuno in grado di far risuonare la loro voce e che abbia con loro un medesimo sentire: in questo risiede la forza dei 99, nel loro essere realmente organici (come si diceva una volta) a questi giovani. In un certo senso i 99 andrebbero classificati non solo come gruppo musicale ma anche come vero e proprio “soggetto politico” in senso nobile e puro: un soggetto in grado di interpretare i desideri e le spinte del proprio “popolo”, rappresentarlo, dargli voce, unificarne e convogliarne le diverse anime e, persino, le contraddizioni, sotto un linguaggio e un messaggio comune. È noto che i 99 hanno sempre respinto quest’attribuzione di ruolo, riconoscendosi semplici elementi di un “movimento reale” che essi contribuiscono a rendere visibile; tuttavia, in un periodo in cui la sinistra denuncia forse la più grave crisi di rappresentanza della sua storia, è quantomeno interessante notare come una pop band sia in grado di diffondere contenuti politici attraverso le proprie canzoni in modo coerente, credibile e al tempo stesso diretto e intelligibile, assai più e assai meglio di quanto riescano a fare i “professionisti” della politica. Ma in tutto questo i 99 rimangono essenzialmente e profondamente “artisti”: se non facessero innanzitutto buona musica, se non fossero una delle band più rappresentative e innovative della nuova scena italiana, se non fossero in grado di far cantare e ballare il proprio pubblico, ancor prima di farli riflettere, il messaggio non passerebbe. Questo è il mondo dei 99. Na_99_10° è la chiave per accedervi. Milano, ottobre 2001 Ufficio Stampa Costello & Partners

  • 14/12/2005 13:23 - 10 anni di carriera, 10 anni di impegno,10 anni di ...

    10 anni di carriera, 10 anni di impegno,10 anni di musica 99 POSSE NA_99_10° 7 persone contemporaneamente al lavoro per 40 giorni per un totale di 4.000 ore di produzione; 6375 fotogrammi tridimensionali, un numero impressionante di tavole, disegni, modellazione dei personaggi e delle espressioni facciali, degli ambienti. E’ “Stop That Train”, il nuovo video 3D dei 99 Posse realizzato dalla “A direct2brain Production”, non solo uno dei più belli in circolazione di questi tempi, ma di sicuro un momento di grande crescita per tutto il cinema di animazione italiano, dato che è davvero riduttivo parlare di questa opera di 4 minuti e 25 secondi come di un qualsiasi videoclip. Impossibile che non lo abbiate visto, e se è così affrettatevi a sintonizzarvi su una delle emittenti, numerose, che lo stanno programmando: sarete catturati dalle azioni dei 5 supereroi “fantasy”, Zulu ( il guerriero con la scure), Mega (Madrenatura) , Marco ( il gigante buono), Massimo ( l’Elfo dei boschi ) e Papa J (guest in questo brano, il satiro buffo), che riusciranno a distruggere il treno/serpente che i piccoli uomini non riescono a prendere mai e che al suo passaggio semina terrore e distruzione, soffoca ideali, uccide le tradizioni. Il treno è naturalmente quello della globalizzazione, e tra le tante espressioni che il gruppo poteva scegliere per esprimere il proprio impegno sulla questione – del resto già manifestato al G8 di Genova – sicuramente questa è una delle più geniali e convincenti allo stesso tempo. Insomma 99 Posse in uno stato di grazia artistica, in un momento di grande visibilità dopo i successi dei precedenti album “Corto Circuito” e “La Vida Que Vendra”; 99 Posse in una fase della storia sociale e politica sia del nostro Paese che del mondo che non può permettere loro una assenza dal necessario coro delle voci in opposizione. E quale migliore occasione per “esserci” se non quella di celebrare con uno straordinario doppio cd i dieci anni di attività ? Proprio così, sono passati d’un soffio questi anni, e più che un soffio è stato sempre il vento forte della storia, della società, della ragione. Sembra ieri la nascita dei Centri Sociali, delle nuove culture urbane che affidavano al rap e al ragamuffin di 99 Posse, Almamegretta il loro sistema di comunicazione. Sembra ieri “Curre curre guagliò” quel vero e proprio manifesto di integrazione tra arte e realtà sociale che Gabriele Salvatores sceglieva come colonna sonora del suo film “Sud”. NA_99_10° è un disco per ricordare dieci anni di musica importante, di concerti, di brani che hanno inciso nel linguaggio e nella cultura giovanile ; ma è anche un disco per rivivere la solida avventura artistica di una delle migliori band italiane, per avere sotto gli occhi la sua evoluzione attraverso 28 brani ( 13 nel primo cd, 15 nel secondo per un totale di 146 minuti di musica) tratti da sei album. Due gli inediti, “Amerika” e “Stop That Train”, tre i brani ormai introvabili risalenti agli esordi del gruppo, “Rafaniello”, “Salario garantito”, “S’addà appiccià”. Un po’ live ( a parte gli inediti e le rarità, tutto il resto del primo cd è registrato durante l’ultimo tour estivo), molto remix ( il CD 2 contiene tutti brani rimissati da un piccolo esercito di 13 d.j., da DJ Vadim a Andy Hughes, Mad Professor ecc.), un po’ antologico: NA_99_10° sfugge ad una classificazione precisa. Prendetelo come il nuovo album dei 99 Posse e basta. Ufficio Stampa BMG Records www.click2music.it

  • 14/12/2005 13:23 - I 99 Posse festeggiano 10 anni di vita con una ...

    I 99 Posse festeggiano 10 anni di vita con una delle antologie più ricche e complete uscite nell’ultimo periodo, un’opera concepita con l’intento di tracciare un bilancio della fase di crescita e sviluppo di una delle band in assoluto più rappresentative, amate e controverse della scena italiana ma, al tempo stesso, un documento fortemente attuale e, in qualche modo, persino proiettato in avanti, più che uno sguardo retrospettivo e nostalgico: il suono che marchia questo disco è senza dubbio il suono del prossimo decennio dei 99, più che la semplice trascrizione e testimonianza di quello passato. L’ascolto consecutivo delle 28 tracce dà in effetti un quadro decisamente completo delle diverse sfumature e dimensioni di 99 Posse. Vediamo il “piano dell’opera”. Il primo cd è un autoritratto fatto di ricordi (Rafaniello, Salario Garantito e S’Addà Appiccià, i primi singoli dei 99 - ormai introvabili - riproposti in versione originale), rilettura della propria storia (le loro canzoni-manifesto - Curre Curre Guagliò, Rigurgito Antifascista, Rappresaglia, Corto Circuito, Vulesse - in registrazioni live dall’ultimo tour, tenutosi nei tragici, epici, giorni di luglio 2001) e sguardo lucido e schierato sul presente (straordinaria, quasi inquietante, l’attualità dei due inediti Stop That Train e Amerika). Il secondo cd è invece una sorta di tributo ai 99 da parte di alcuni dei nomi più importanti della scena internazionale cui essi fanno riferimento, ma anche di giovani talenti, non solo napoletani, cui da sempre i 99 danno supporto con ogni mezzo. Ed ecco dunque, da un lato, Zion Train (http://www.wobblyweb.com/zt/index.html), Mad Professor (http://ariwa.com/artists/madprof.htm), Andy Hughes (ORB - http://www.theorb.com/index.html - già con loro in studio di mixaggio per l’ultimo album) e DJ Vadim (http://www.ninjatune.net/ninja/artists/djvadim/microsite/vadim2.html) lasciare il proprio segno impastando le voci di Zulu e Mega secondo le loro sofisticate ricette mentre, dall’altro, giovani produttori cui raramente viene data la possibilità di lavorare su materiale di artisti di rilievo, ci presentano il loro punto di vista sui suoni di domani. Dalla house al drum&bass (e ritmi spezzati vari) fino al grind-core (incredibile la “cover” di Ripetutamente by Undertakers), Retina (http://www.heftyrecords.com/), Sygo (http://stage.vitaminic.it/sygo/), Brain Wave, Polina (http://www.ufficiok.com/htm/pol.htm), Bruno B. (http://digilander.iol.it/marcuse1/nodomo2.htm), Modarte (http://www.juskool.com/modarte/default.htm), Andrea Zacchi (http://utenti.tripod.it/MUSICAGRATIS/zacchi.htm), Undertakers (http://utenti.tripod.it/brutality/index2.html) ci offrono uno sguardo diretto su una scena, soprattutto elettronica, sempre più matura e attiva. In mezzo tra i due mondi, da sempre battitore libero dell’underground cybermusicale nonché produttore di Curre Curre Guagliò, il primo album dei 99 Posse, RadioGladio (http://www.radiolilliput.org/ragla/io_default.htm) con la sua intensa dub version di Me Siente? Torniamo al primo CD e soprattutto ai brani live, vera chiave di lettura di quest’opera, che non solo rivelano l’anima funk purosangue dei 99, spesso trascurata o sottovalutata, ma ci forniscono un’istantanea di alcuni tra gli aspetti più autentici e originali del gruppo. Innanzitutto i 99 sul palco si divertono e fanno divertire, cantano e ballano facendo cantare e ballare e questa è la via attraverso cui raggiungono il cuore di migliaia di giovani. In questo una menzione speciale va a Papa J e Cenzou (http://www.geocities.com/speakercenzou/), quest’ultimo certamente uno dei migliori MCs italiani del momento, che da anni accompagnano i 99 in tour e creano con loro una solida impalcatura di freestyle, controcanti e risposte, sprazzi di autentico, spassoso varietà partenopeo e un insostituibile e costante lavoro di supporto nel mantenimento, per le oltre due ore di durata del concerto, di quell’elevatissimo “livello energetico” e di sintonia col proprio pubblico che è caratteristica distintiva dei 99. E proprio questa sintonia dei 99, tra loro sul palco, con il pubblico e, in generale, con il mondo da cui provengono introduce il tema - inevitabile - dei risvolti sociali e politici che emergono da questa come da qualsiasi loro produzione. Ecco dunque i due inediti STOP THAT TRAIN, cover in chiave anti-global del celebre classico reggae, una risposta alle “nuove crociate” in corso, inno alle “mille culture ca s’hann’ ’a ncuntrà ”, e AMERIKA (“… Amerika, Amerika, Stati Uniti dalla falsità…), così stridente col pensiero unico del “siamo tutti americani” e del plauso incondizionato al guardiano del pianeta mentre scatena la terza guerra mondiale per catturare un suo ex-complice sfuggito di mano… I 99 non parlano per metafore, il loro è un messaggio a piena voce, diretto, che ha chiaro il profilo del proprio interlocutore, lo conosce intimamente perché insieme ad esso è cresciuto ed è questo il rito che si rinnova ad ogni concerto e che l’ascolto delle tracce live rivela chiaramente: c’è tutto ciò che ci si può aspettare da un concerto pop: partecipazione, coralità, festa collettiva, ma non è solo questo; da parte delle centinaia di migliaia di giovani che ogni anno accorrono ai loro concerti c’è attenzione e richiesta d’attenzione, desiderio e bisogno di essere rappresentati, di avere qualcuno in grado di far risuonare la loro voce e che abbia con loro un medesimo sentire: in questo risiede la forza dei 99, nel loro essere realmente organici (come si diceva una volta) a questi giovani. In un certo senso i 99 andrebbero classificati non solo come gruppo musicale ma anche come vero e proprio “soggetto politico” in senso nobile e puro: un soggetto in grado di interpretare i desideri e le spinte del proprio “popolo”, rappresentarlo, dargli voce, unificarne e convogliarne le diverse anime e, persino, le contraddizioni, sotto un linguaggio e un messaggio comune. È noto che i 99 hanno sempre respinto quest’attribuzione di ruolo, riconoscendosi semplici elementi di un “movimento reale” che essi contribuiscono a rendere visibile; tuttavia, in un periodo in cui la sinistra denuncia forse la più grave crisi di rappresentanza della sua storia, è quantomeno interessante notare come una pop band sia in grado di diffondere contenuti politici attraverso le proprie canzoni in modo coerente, credibile e al tempo stesso diretto e intelligibile, assai più e assai meglio di quanto riescano a fare i “professionisti” della politica. Ma in tutto questo i 99 rimangono essenzialmente e profondamente “artisti”: se non facessero innanzitutto buona musica, se non fossero una delle band più rappresentative e innovative della nuova scena italiana, se non fossero in grado di far cantare e ballare il proprio pubblico, ancor prima di farli riflettere, il messaggio non passerebbe. Questo è il mondo dei 99. Na_99_10° è la chiave per accedervi. Milano, ottobre 2001 Ufficio Stampa Costello & Partners

  • 14/12/2005 13:23 - 10 anni di carriera, 10 anni di impegno, 10 anni ...

    10 anni di carriera, 10 anni di impegno, 10 anni di musica 99 POSSE NA_99_10° 7 persone contemporaneamente al lavoro per 40 giorni per un totale di 4.000 ore di produzione; 6375 fotogrammi tridimensionali, un numero impressionante di tavole, disegni, modellazione dei personaggi e delle espressioni facciali, degli ambienti. E’ “Stop That Train”, il nuovo video 3D dei 99 Posse realizzato dalla “A direct2brain Production”, non solo uno dei più belli in circolazione di questi tempi, ma di sicuro un momento di grande crescita per tutto il cinema di animazione italiano, dato che è davvero riduttivo parlare di questa opera di 4 minuti e 25 secondi come di un qualsiasi videoclip. Impossibile che non lo abbiate visto, e se è così affrettatevi a sintonizzarvi su una delle emittenti, numerose, che lo stanno programmando: sarete catturati dalle azioni dei 5 supereroi “fantasy”, Zulu (il guerriero con la scure), Mega (Madrenatura) , Marco (il gigante buono), Massimo (l’Elfo dei boschi ) e Papa J (guest in questo brano, il satiro buffo), che riusciranno a distruggere il treno/serpente che i piccoli uomini non riescono a prendere mai e che al suo passaggio semina terrore e distruzione, soffoca ideali, uccide le tradizioni. Il treno è naturalmente quello della globalizzazione, e tra le tante espressioni che il gruppo poteva scegliere per esprimere il proprio impegno sulla questione – del resto già manifestato al G8 di Genova – sicuramente questa è una delle più geniali e convincenti allo stesso tempo. Insomma 99 Posse in uno stato di grazia artistica, in un momento di grande visibilità dopo i successi dei precedenti album “Corto Circuito” e “La Vida Que Vendra”; 99 Posse in una fase della storia sociale e politica sia del nostro Paese che del mondo che non può permettere loro una assenza dal necessario coro delle voci in opposizione. E quale migliore occasione per “esserci” se non quella di celebrare con uno straordinario doppio cd i dieci anni di attività ? Proprio così, sono passati d’un soffio questi anni, e più che un soffio è stato sempre il vento forte della storia, della società, della ragione. Sembra ieri la nascita dei Centri Sociali, delle nuove culture urbane che affidavano al rap e al ragamuffin di 99 Posse, Almamegretta il loro sistema di comunicazione. Sembra ieri “Curre curre guagliò” quel vero e proprio manifesto di integrazione tra arte e realtà sociale che Gabriele Salvatores sceglieva come colonna sonora del suo film “Sud”. NA_99_10° è un disco per ricordare dieci anni di musica importante, di concerti, di brani che hanno inciso nel linguaggio e nella cultura giovanile ; ma è anche un disco per rivivere la solida avventura artistica di una delle migliori band italiane, per avere sotto gli occhi la sua evoluzione attraverso 28 brani ( 13 nel primo cd, 15 nel secondo per un totale di 146 minuti di musica) tratti da sei album. Due gli inediti, “Amerika” e “Stop That Train”, tre i brani ormai introvabili risalenti agli esordi del gruppo, “Rafaniello”, “Salario garantito”, “S’addà appiccià”. Un po’ live ( a parte gli inediti e le rarità, tutto il resto del primo cd è registrato durante l’ultimo tour estivo), molto remix ( il CD 2 contiene tutti brani rimissati da un piccolo esercito di 13 d.j., da DJ Vadim a Andy Hughes, Mad Professor ecc.), un po’ antologico: NA_99_10° sfugge ad una classificazione precisa. Prendetelo come il nuovo album dei 99 Posse e basta. Ufficio Stampa BMG Records www.click2music.it





Live Festival

 ABRUZZO 
 CAMPANIA 
 EMILIA ROMAGNA 





 FRIULI VENEZIA GIULIA 



 LAZIO 





 LIGURIA 
 LOMBARDIA 





 MARCHE 
 PIEMONTE 


Live Club

 BELGIO 
 CALABRIA 

 CAMPANIA 


 EMILIA ROMAGNA 





 LAZIO 




 LIGURIA 



 LOMBARDIA 





 PIEMONTE 




 PUGLIA 





Rubriche

Musicclub Story

THE ASSOCIATES 1979/2000

Pubblicato in:  Obsession Magnificant

Autore:  Michele Benetello

Melody Maker 1987 [continua]




Live News