Advertisement

Live Concert

Oggi

 SVIZZERA  Cristiano De Andrè Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Marumba The Vad Vuc  ABRUZZO  Ex-Otago Buddha Superoverdrive  BASILICATA  Enrico Capuano  CALABRIA  Nu Bohemien Drunken Butterfly  CAMPANIA  Psychopathic Romantics Galoni The Gentlemen's Agreement The Natural Dub Cluster Cercasi Cenerentola  EMILIA ROMAGNA  Andrea Rivera Vessel Gazebo Penguins Gasparazzo Bettibarsantini Majakovich Nordgarden Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Ginevra Di Marco Giuliano Dottori  FRIULI VENEZIA GIULIA  Daniele Tenca Bologna Violenta Lume Peppa Pig  LAZIO  Rev Rev Rev The Vickers Mondo Marcio Fonderia Bungalow62 Mad Professor Karol Wojtyla - La Vera Storia Margherita Vicario Rock Circus  LIGURIA  I Cani Pino Scotto The Zen Circus Giovanni Truppi Blindosbarra  LOMBARDIA  Statobrado L'orage Slava's Snowshow Black Beat Movement Giuda Shooting Stars - Girls Rock Live Drink Day Uni Poska Electricity  MARCHE  La Tosse Grassa Borghese Reggaete Forte Assalti Frontali Melampus Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Sine Frontera Spaghetti A Detroit Hop Frog Led Zeppelin Tribute Warsavia  MOLISE  Simone Scifoni Aka Slim  PIEMONTE  Gianluigi Trovesi Sell System Cyberpunkers Blume Apoptygma Berzerk Gianmaria Testa Fratelli Di Soledad Clementino Roipnol Witch Daniele Sepe  PUGLIA  Moseek Meganoidi I Gatti Mezzi White Queen Dellera Marzia Stano Aka Una Roy Paci Rhomanife Municipale Balcanica  SARDEGNA  Irreverence  SICILIA  Nicolò Carnesi The Traveller - Massimiliano Forleo  TOSCANA  Modena City Ramblers Bud Spencer Blues Explosion I Matti Delle Giuncaie Virginiana Miller Danilo Sacco Marta Sui Tubi Casa Del Vento  TRENTINO ALTO ADIGE  Francesco Patella Kaleidoscopic Paul Mad Gang Nh3  UMBRIA  Pipers Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Ches Smith Unorsominore  VENETO  Tolo Marton Bermuda Trio Filippo Cosentino Mideando String Quintet Verbal Talco Nobraino Lee Scratch Perry Slick Steve & The Gangsters Inoki

Domani

 SVIZZERA  Shooting Stars - Girls Rock Live  AUSTRIA  Ninos Du Brasil - Nico Vascellari  ABRUZZO  Meganoidi  BASILICATA  Dellera Marzia Stano Aka Una  CALABRIA  Kg Man Paola Turci  CAMPANIA  The Gentlemen's Agreement Cercasi Cenerentola Dinosauri  EMILIA ROMAGNA  Linea 77 Cut Gordie Tentrees Marsh Mallows Nico Royale Neffa Max Pezzali Tribute - Tributo A Max Pezzali E 883 The Strypes Little Taver Fabio Gualerzi  LAZIO  Flor 99Posse Duo Bucolico Ex-Otago The Vickers The Sons Of Anarchy Majakovich Lee Scratch Perry Twin Room Karol Wojtyla - La Vera Storia  LIGURIA  Queenmania Necrodeath Sananda Maitreya Blindosbarra Gang Diego Deadman Potron  LOMBARDIA  Le Favole Di Meg Phantom Of The Opera - Iron Maiden Tribute Band Slava's Snowshow Calvino Gasparazzo Realize Colle Der Fomento Slick Steve & The Gangsters Maria Antonietta  MARCHE  Lucifer Big Band Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano Marumba Mad Professor The Kingstones Radio Babylon Dj Giamma La Tresca  PIEMONTE  Uri Caine Kenny Barron Trio Alla Bua Dave Holland Articolo J Color Swing Trio Gianluigi Trovesi Diane Schuur Vallanzaska Clementino  PUGLIA  I Gatti Mezzi Two Door Cinema Club Vega 80 White Queen Caparezza Enrico Capuano Monaci Del Surf  SARDEGNA  Pino Scotto Irreverence  SICILIA  L'orso Nu Bohemien The Traveller - Massimiliano Forleo  TOSCANA  Massimo Ranieri Progetto Panico Dragonhammer Le Charleston The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin The Zen Circus Nicodemo Bobo Rondelli I Matti Delle Giuncaie  UMBRIA  Nobraino Petramante Rev Rev Rev  VENETO  Dola J. Chaplin Paolo Cecchin One Man Band Area Paolino Paperino Band Snakioplatz Foreign Beggars The Moor C+C=Maxigross Muck And The Mires Manodopera

Domenica


Lunedì


Martedì


Mercoledì

 ABRUZZO  Le Luci Della Centrale Elettrica Kyla Brox Levante Eugenio Finardi Modena City Ramblers  CAMPANIA  Soft Metals Psychopathic Romantics Cristina D'avena Cercasi Cenerentola  EMILIA ROMAGNA  Mondo Marcio Trouble Vs Glue Paul Mad Gang Isolde Banda Osiris Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Jackie-O-Motherfucker Giovanni Falzone Kris Roe Francesco Bearzatti  FRIULI VENEZIA GIULIA  Tributo Italiano Piero Sidoti - Genteinattesa  LAZIO  Rita Marcotulli Maria Pia De Vito Acquaraggia Oneohtrix Point Never Max Ionata Marcello Allulli Trio Claudio Fasoli Marcio Rangel Massimo Manzi Borghetta Stile  LIGURIA  Umberto Tozzi Bologna Violenta Mandolin Brothers Ex-Otago  LOMBARDIA  Gang Medulla Slava's Snowshow Snfu The Sleeping Tree The Zen Circus Federica Camba Erin K Diego Deadman Potron  MARCHE  Tom Kirkpatrick Brunori Sas Spaghetti A Detroit Cristina Donà Dente Freakanto' Ginevra Di Marco I Cani Stazioni Lunari Mara  PIEMONTE  Maria Antonietta Lili Refrain Destruction El Tres Marnero Olly Riva & The Soul Rockets Peter Punk Marco Tamburini Etruschi From Lakota  PUGLIA  Marlene Kuntz Gazebo Penguins Linea 77 Zibba Emis Killa Zeus! Dubioza Kolektiv Lee Scratch Perry  SICILIA  Tinturia Giovanni Guidi Enrico Rava Stefano Bollani Gianluca Petrella Tommy Emmanuel Joy Garrison Nicolò Carnesi  TOSCANA  Kg Man Us Rails  UMBRIA  Kaleidoscopic Green Like July  VENETO  Khorakhane' The Moor Warias Kenny Barron Trio Dave Holland Brusco Deville Cisco Rumatera

Giovedì

 AUSTRIA  Xiu Xiu  SVIZZERA  Witko  AUSTRIA  Satelliti    Lee Scratch Perry  ABRUZZO  Marlene Kuntz  CALABRIA  Assalti Frontali  CAMPANIA  Cercasi Cenerentola Antonio Farao' Gazebo Penguins Eugenio Bennato Giovanni Guidi Enrico Rava Keira Is You  EMILIA ROMAGNA  Miami & The Groovers Us Rails Twin Room Destruction Roberto Gatto Quintorigo Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar The Vickers Red Max  FRIULI VENEZIA GIULIA  Jackie-O-Motherfucker  LAZIO  Brunori Sas Perturbazione Daniele Ronda Taranproject Francesco Di Bella Kris Roe Modena City Ramblers Mxpx All Stars Kutso  LIGURIA  Fabrizio Poggi & Chicken Mambo Camillocromo  LOMBARDIA  The Midnight Kings Mondo Marcio Soviet Soviet Necromass Mombu Emis Killa Slava's Snowshow The Lovecats Massimo Ranieri Sixty Miles Ahead  MARCHE  Durga Mata Maria Antonietta Tnt Ac/dc Tribute Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano His Clancyness Spaghetti A Detroit Le Strade  PIEMONTE  Paolo Fresu Elio E Le Storie Tese Alain Caron Ibrahim Maalouf Paolo Angeli Incomprensibile Fc Antonello Salis Baba Sissoko Robbie Williams Neil Zaza  PUGLIA  I Cani Vega 80 Paola Turci Diodato Nicolò Carnesi Linea 77  SARDEGNA  Train To Roots  SICILIA  Meganoidi The Traveller - Massimiliano Forleo Flor  TOSCANA  Bobo Rondelli Deville I Gatti Mezzi Virginiana Miller Mark Olson Feat Ingunn Ringvold Michael Mcdermott Feat Heather Horton Giorgia Nico Royale I Matti Delle Giuncaie Edoardo Bennato  TRENTINO ALTO ADIGE  Erin K Slick Steve & The Gangsters  VENETO  Titta Tributo Italiano Ska-J Mr Wob & The Canes Bungalow62 Ruggero De I Timidi Le Man Avec Les Lunettes

 SVIZZERA  Dub Incorporation  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  SVIZZERA  Mellow Mood  SLOVACCHIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Altro Bluestouch  BELGIO  L'orso  ABRUZZO  Peach Kelli Pop Gigi Finizio Ex - Giancarlo Onorato E Cristiano Godano Unorsominore Antonio Sorgentone  BASILICATA  Peppa Pig  CALABRIA  Caron Dimonio Erin K Ilaria Porceddu Big Charlie  CAMPANIA  Buddha Superoverdrive The Sneakers - Depeche Mode Tribute The Burlesque Caponebungtbangt Miami & The Groovers Noemi Sprained Cookies Clementino  EMILIA ROMAGNA  Il Buio Cabeki Francesco Diodati Yellow Squeed Alex Ward Luz Gogol Bordello The Pretty Things Romeo Castellucci Marco Dalpane  FRIULI VENEZIA GIULIA  Alborosie & Shengen Clan Band W.i.n.d. 2Cellos The Bluebeaters La Rappresentante Di Lista Train To Roots  LAZIO  Michael Monroe Toseland Donpasta Gabriele Coen Lino Patruno Bat Blues Band Jack Jaselli Gnut Platonick Dive Barzin  LIGURIA  Alphataurus Biglietto Per L'inferno Max Gazze' Stefano Nosei Bob Geldof Fausto Mesolella Dirk Hamilton Osanna Delirium Finaz  LOMBARDIA  Steve Smith Edwood Il Triangolo Giorgio Canali The Peawees Emis Killa Phantom Of The Opera - Iron Maiden Tribute Band Ovo Frank Sinutre Vallanzaska  MARCHE  Malagang Mudimbi Roberto Gatto Magellano Stefano Bedetti Trio Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat The Natural Dub Cluster Progetto Panico Drunken Butterfly Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar  PIEMONTE  Rita Pavone Sophie Lillienne Sette Sposi Per Sette Fratelli Modena City Ramblers Foxhound Micah P. Hinson Two Fingerz Gianni Morandi Miles Cooper Seaton  PUGLIA  Paolo Belli Nicola Conte Eugenio Finardi Nomadi Kafka On The Shore Alla Bua Billy Hart Quartet Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute  SARDEGNA  Michael Mcdermott Feat Heather Horton  SICILIA  2Pigeons Bombino Alessandro Casillo  TOSCANA  Sara Loreni Paletti Acquaraggia Witko Peppe Voltarelli The Manges Camillocromo Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Romeo E Giulietta Pagliaccio  TRENTINO ALTO ADIGE  Queenmania Ed Laurie Luca Carboni  UMBRIA  Dinamitri Jazz Folklore Carla Bozulich Bobo Rondelli Maria Antonietta Michele Rabbia Blue Dean Carcione Tetraktis Percussioni The Zen Circus  VALLE D'AOSTA  Monaci Del Surf  VENETO  Teho Teardo & Blixa Bargeld Sonohra Wayne Horvitz The Crookes The Last Killers Colle Der Fomento Alpha Blondy Ema Peter Punk

 SPAGNA  !!! (Chk Chk Chk)  SVIZZERA  Renzo Arbore Gegè Telesforo  SPAGNA  Charles Bradley  SVIZZERA  Stacey Kent The Duke Ellington Orchestra Massimo Ranieri  GERMANIA  Leo Pari  SPAGNA  Standstill St Vincent Refree Spoon The National Shellac  BELGIO  Galoni  SPAGNA  John Grant  SVIZZERA  Irene Grandi E Stefano Bollani  SPAGNA  Kendrick Lamar Dum Dum Girls Caetano Veloso  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Alla Bua Kutso Near Warias  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Caparezza Dulce Pontes Gogol Bordello Danilo Rea  EMILIA ROMAGNA  Brian Jonestown Massacre Manic Street Preachers The Naked And Famous Little Taver Clementino La Tresca The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin De La Soul Extrema Toby  FRIULI VENEZIA GIULIA  Angus & Julia Stone The Natural Dub Cluster Pat Metheny Manu Chao Downset Buckcherry  LAZIO  Rolling Stones Jackson And His Computer Band Radio Moscow Of Mice & Men Roberto Cacciapaglia Megadeth Rob Zombie Avenged Sevenfold Fish Solo Banton  LIGURIA  Giovanni Lindo Ferretti New York Ska Jazz Ensemble Bluestouch Il Re Tarantola Paolo Belli Majakovich Borghese Bobo Rondelli Teho Teardo & Blixa Bargeld Bobby Soul  LOMBARDIA  Pink Mountaintops Pierpaolo Capovilla Black Label Society Coro Corridore Lo Stato Sociale Anthrax Birkin Tree Biglietto Per L'inferno Parafunk  MARCHE  Soviet Soviet Maria Antonietta The Zen Circus Jesus Franco And The Drogas Tetuan Maybe I'm... Amore Lleroy Lush Rimbaud Stri  PIEMONTE  Ha Ha Tonka Andead Supershock Persiana Jones Band Bunker Club Chiara Giacobbe Chamber Folk Band Pablo E Il Mare Raige The Veils  PUGLIA  Destruction Bamboo Meganoidi Slow Magic Vega 80 Cadaveria  SARDEGNA  Paola Turci  SICILIA  Anne Ducros Enrico Pieranunzi Kafka On The Shore Baba Sissoko Funk Off Emanuele Cisi Reijseger Fraanje Sylla Trio Rita Marcotulli Giovanni Mazzarino  TOSCANA  Sinfonico Honolulu Amadou & Mariam Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu Massimo Volume I Matti Delle Giuncaie Le Capre A Sonagli Gang The Pains Of Being Pure At Heart Alex Britti  TRENTINO ALTO ADIGE  Nh3 Simone Cristicchi  UMBRIA  Bettibarsantini Kg Man Nidi D'arac Tnt Ac/dc Tribute Omar Souleyman  VENETO  Luca Bassanese Neutral Milk Hotel Alphataurus Zu Lu Silver And String Band Deafheaven Lord Bishop Rocks Sad - Official Metallica Tribute Five Horse Johnson Bullet

 ITALIA  Sine Frontera  SVIZZERA  Dolly Parton  LETTONIA  Anna Calvi  SVIZZERA  Biglietto Per L'inferno  LETTONIA  You Me At Six  ITALIA  James Blunt  LETTONIA  Elbow  ITALIA  Dropkick Murphys  LETTONIA  Junip - Josè Gonzales  SVIZZERA  Laura Pausini  LETTONIA  Bastille  SVIZZERA  Sunrise Avenue  ITALIA  Slayer  ABRUZZO  Caparezza John Scofield Gasparazzo Antonio Sorgentone  CAMPANIA  Chrysta Bell Ska-P Pino Daniele Stanley Clarke Ylenia Lucisano Chick Corea Javier Girotto Giulia Mazzoni Burt Bacharach Regina Carter  EMILIA ROMAGNA  Negramaro Monaci Del Surf Cut The Horrors Veronica & The Red Wine Serenaders El V And The Gardenhouse Midlake Lennon Kelly  FRIULI VENEZIA GIULIA  Train To Roots Keron Salmon Aka Kabaka Pyramid Max Romeo Ruggero De I Timidi Goldfrapp Macka B Arianna Antinori And The Davids Jimmy Cliff Gem Boy  LAZIO  Metallica Mellow Mood Obituary Emis Killa Fabrizio Moro Legittimo Brigantaggio Jeff Beck At The Weekends Passenger Kraftwerk  LIGURIA  Girls In Hawaii Delaney Davidson The Slackers The Peawees The Sonics! Jama Trio Jonathan Wilson Ninos Du Brasil - Nico Vascellari Kafka On The Shore M Ward  LOMBARDIA  Easy Star All Stars Youssou N' Dour Gang Gianluca Petrella Billy Bragg Be Forest Elio E Le Storie Tese John Fogerty Giovanni Guidi  MARCHE  Dub Incorporation Paul Mad Gang Aba Shanti I Giacomo Toni  PIEMONTE  Soviet Soviet Slow Magic Austra Deep Purple Gov't Mule Giuda One Direction Red Sky Neil Young The Monkey Weather  PUGLIA  Donpasta Adrian Sherwood Almamegretta La Rappresentante Di Lista Alla Bua Saluti Da Saturno  SARDEGNA  Testament  SICILIA  Simple Minds The Sweet Life Society  TOSCANA  Paolo Fresu Eels Robben Ford Lee Scratch Perry Elisa Nile Rodgers Shigeto Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Mauro Ermanno Giovanardi  TRENTINO ALTO ADIGE  Little Taver The Last Killers  UMBRIA  Stefano Bollani Eliane Elias Gattamolesta Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Angela Hewitt Antibalas Dr John Edoardo Bennato Charles Bradley La Tresca  VENETO  Arctic Monkeys Scorpions Emma Extrema Melampus New York Ska Jazz Ensemble Il Buio Kill Your Boyfriend Arianna Antinori The Dukes Of Hamburg

 UNGHERIA  Coro Corridore  ITALIA  Bettibarsantini  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers Giuda Kutso  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Maria Pia De Vito Asaf Avidan Sergio Cammariere Massimo Ranieri Alessandro Haber Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Paul Mad Gang Kronos Quartet Luca Aquino  EMILIA ROMAGNA  Franz Ferdinand Combichrist Miami & The Groovers Izzy & The Catastrophics Radici Nel Cemento Little Taver  FRIULI VENEZIA GIULIA  Hellyeah Goran Bregovic  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  Sick Of It All Boy & Bear Paolo Jannacci Meganoidi L'orage  LOMBARDIA  The Last Killers Testament Bombino Raphael & Eazy Skankers The Peawees The Old Firm Casuals - Lars Fredriksen Converge Agnostic Front Il Buio Nofx  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Mandolin Brothers Cesare Carugi Anti-Flag Emis Killa Daniele Tenca  PUGLIA  Manu Chao Raphael Gualazzi Alla Bua White Queen Slick Steve & The Gangsters James Taylor Quartet Seun Kuti  SARDEGNA  Elina Duni Quartet Gianluca Petrella Fabrizio Bosso Steven Bernstein Mulatu Astatke Omar Sosa Transglobal Underground Marco Tamburini Fanfara Tirana  SICILIA  Alex Britti Money Forest Swords Fanfarlo  TOSCANA  Pippo Pollina Jonathan Wilson I Gatti Mezzi Red Fang  TRENTINO ALTO ADIGE  Makako Jump Raphael Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar  UMBRIA  Boxerin Club Taberna Vinaria Peter Hook And The Light Basement Jaxx Paul Weller La Tresca Parlor Snakes Kaiser Chiefs Monaci Del Surf  VALLE D'AOSTA  Lou Dalfin  VENETO  Ruggero De I Timidi Kg Man Train To Roots Arianna Antinori The Mojomatics Violacida Camillore’




Live Band



Hot Space Queen Tribute Band


Gli Hot Space Queen Tribute Band sono cinque giovani musicisti della provincia di Gorizia. Sono dei veri fan dei Queen e nei loro concerti eseguono i maggiori successi della band inglese supportati dalla voce e dal carisma del cantante e dalla cura della scenografia di palco e delle luci. La band si è esibita con successo in diverse manifestazioni musicali, sagre, locali ed in navi da crociera come la “Emerald Princess” e la “Queen Victoria”. I componenti del gruppo sono: Antonio "Bruce" Tagliapietra - Vocals Marco Onofri - Lead Guitar Gianluca Caizzi - Bass Guitar Antonio Caizzi - Keyboards Fabio Poian - Drums.(vincitore del concorso Drummer of Tomorrow 2007 - categoria groove under 18) Per maggiori informazioni : www.myspace.com/hotspacequeentributeband www.myspace.com/fabiopoian

Live di Hot Space Queen Tribute Band


Nessun evento trovato in archivio


HOT STRINGS


Hot Strings Gli Hot Strings sono un trio acustico che ha come prerogativa principale quella di riarrangiare nello strumentale e nel vocale brani tra i più conosciuti nella storia del rock & ballads, con qualche scivolata in riferimenti a musiche classiche e cartoons prese in prestito sempre con grande senso ironico.

Live di Hot Strings


Nessun evento trovato in archivio


HOT TUNA Electric band


Dopo tanti anni, tornano in Italia in versione elettrica, con la band al completo, gli HOT TUNA del leggendari Jorma Kaukonnen e Jack Casady, architetti del sound psichedelico di San Francisco e del successo stellare del Jefferson Airplane. La tecnica chitarristica di Jorma Kaukonnen da decenni è insostituibile abbecedario per le jam band dell'alt-rock e alcuni suoi dischi sono capolavori ineguagliabili. Presentano il loro ampio repertorio che abbraccia classici della musica popolare statunitense, dal folk al blues e con una particolare predilezione per l'improvvisazione, resa possibile dal viurtuosimo di tutti i componenti e in particolare di Jorma Kaukonnen e Jack Casady. Line up: Jorma Kaukonen - guitars, vocals Jack Casady - bass Barry Mitterhoff - mandolin & more Abe Nathan- drums http://hottuna.com/

Live di Hot Tuna Electric Band


Nessun evento trovato in archivio


HOT TUNE


HOT TUNE Ensemble dalle sonorità calde e avvolgenti, HOT TUNE suona in bilico tra Monk e Rabih Abou-Khalil passando dalla scuola di Canterbury, viaggia da est a ovest, si lancia in appassionanti ed energiche improvvisazioni e stravolge i suoni liberandoli dai loro confini abituali.HOT TUNE propone un repertorio musicale originale, elettrico, suadente, tra distorsioni e visioni oniriche. Il gruppo, nato circa tre anni fa, all'inizio ha lavorato come trio essenzialmente acustico con un repertorio che andava dagli standards jazz a brani della tradizione balcanica, dalla musica araba a proprie composizioni.Successivamente l'ensemble si è allargato a varie collaborazioni, prima fra tutte quella di Alessandro Garau, batterista cagliaritano con il quale Hot Tune ha suonato a Jazzità - Rassegna di nuovo jazz italiano, tenutasi a La Palma Club di Roma nel dicembre 2005.Il gruppo ha mantenuto intatto il suo eclettismo e si è aperto agli influssi ed alle differenti sensibilità dei numerosi musicisti che hanno suonato con Hot Tune, lasciando un'impronta di "trasversalità" nel sound del gruppo: Eugenio Colombo, Marilena Paradisi, Amrit Hussain, Leonardo Milani, Sergio Ferrari, Emanuele Tomasi, Errico De Fabritiis, Renato Ciunfrini.Dopo l'importante esperienza al Festival Pietre che Cantano a Cisternino (BR), edizione 2006, ed una serie di concerti a Roma e in Italia con formazione variabile, il gruppo ora si è stabilizzato con Claudio Sbrolli alla batteria ed ha registrato il suo primo lavoro ufficiale, "Magique", per l'etichetta inglese SLAM Productions di George Haslam. Nove brani originali più una rilettura di Odwalla degli Art Ensemble of Chicago, "Magique" vede anche la presenza di prestigiosi ospiti come Eugenio Colombo, al sax e al flauto, Marilena Paradisi alla voce e Errico De Fabritiis al sax. Un lavoro complesso ma diretto, energico, tra rock e jazz, tra free e suggestioni etniche. Registrato all' Extrabeat Recording Studio di Clive Simpson, "Magique" è il risultato di tre anni di intenso e coinvolgente lavoro portato avanti dal gruppo, ed allo stesso tempo punto di partenza per nuove e vibranti evoluzioni. Il raggiungimento di un proprio sound unito all'eclettismo e all' equilibrio tra scittura e improvvisazione hanno portato Hot Tune alla realizzazione di un cd sicuramente originale e comunque immediato, trascinante, di forte e profonda personalità. Chitarre distorte, clarinetti dissonanti, sinuosi bassi intrecciati ad un drumming eclettico e spigoloso...oriente e occidente, jazz e dada-rock, tempi dispari e linee ipnotiche. HOT TUNE...un jazz "trasversale". Dal cd "Magique": It's the balance between past and future, east and west, grey and pink. It's the expression of the other, of oneself, of us, of the world.It's the immediacy and the reflection, the writing and the improvisation, asserting and hesitating.Thesis, fusion, free form, distorted and yet happy. The October revolution in jazz and the French May, the summer of love, winter and our springs.Syd, sad and soul; pink, punk and phunk. Sinuos and transversal we play the ethics and the aesthetics, suspended between dreams and reality, the grey and the pink of our winter.HOT TUNE Alberto Popolla; Clarinet, Bass ClarinetAndrea Moriconi; GuitarRoberto Raciti; Double BassClaudio Sbrolli; Drums hottune@hotmail.it www.myspace.com/hottune

Live di Hot Tune


Nessun evento trovato in archivio


HOT WATER MUSIC


gli HOT WATER MUSIC sono da poco usciti dallo studio di registrazione dove hanno terminato di produrre le nuove tracce che andranno a comporre l'album di prossima uscita sotto etichetta Rise Records. Nati agli albori degli anni novanta, nella florida -musicalmente parlando- Gainesville, la band composta da Chuck Ragan, Chris Wollard, Jason Black e George Rebelo ha da allora composto 7 full lenght e innumerevoli singoli, ed è stata in tour con molti nomi famosi della scena musicale, a partire dai Flogging Molly, fino ai Coheed and Cambria. Ma questi numeri passano in secondo piano di fronte alla fedeltà della band alle proprie origini, alla sua personalità e alla sua musica, passando attraverso innumerevoli mode e cambi generazionali. Combinando elementi di punk rock, jazz e post-hardcore, gli HOT WATER MUSIC, pionieri di una miscela unica, sono rimasti legati a queste influenze a partire dalle loro più celebri pubblicazioni: "Forever And Counting" nel 1997 e "Fuel For The Hate Game" l'anno successivo. Dopo una pausa iniziata nel 2006, durante la quale sia Chuck che Chris si sono dedicati ai rispettivi side projects, nel 2008 la band ha deciso di tornare insieme, e l'album in uscita nei prossimi mesi è la prima occasione di sentire cosa ha preparato per tutti i fan. www.hotwatermusic.com

Live di Hot Water Music


Nessun evento trovato in archivio


HOTEL LA SALLE


HOTEL LA SALLE (blues -funky) headliners + special guest Mimmo "Wild" Mollica Dal nome di un albergo di New Orleans, città multiculturale, una band storica del blues italiano che propone un energico mix di blues, swing, ritmi caraibici, Louisiana music, funky e rock. In tour nazionale per la presentazione del nuovo cd; con la partecipazione straordinaria di uno dei più apprezzati armonicisti europei. Oscar Bauer- chitarra elettrica e slide, voce Andrea Lupo Lupi -fender jazz bass, voce Alberto "Capello" Mattolini - batteria, voce Mimmo "Wild" Mollica - harmoniche www.hotellasalle.it

Live di Hotel La Salle


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hotel Modern


Nessun evento trovato in archivio


Hourplug


Gli Hourplug si formano nell'estate 2005. L'incontro tra i tre componenti avviene in modo abbastanza casuale. Claudio (chitarra) e Claudio (batteria) hanno un altro progetto in corso, e si devono esibire sul palco della finale regionale di Emergenza Rock. Il cantante del loro gruppo è momentaneamente indisponibile. La situazione è disperata. Solo all'ultimo momento salta fuori il sostituto ideale: è Alex (voce e piano). Con lui arriva un tocco d'ispirazione transalpina. Da quel momento scocca la scintilla: i tre scoprono di avere una chimica speciale, di funzionare alla grande insieme, sul palco e nella composizione della musica. Gruppi come Radiohead, Interpol, Kasabian e Sigur Ros sono il loro comune background. Decidono di rimanere in tre, il numero perfetto. Non hanno bisogno di nessun altro. Ha così inizio un periodo intensissimo di prove, discussioni e scelta della strada da percorrere. Una strada che sta ancora dipanandosi sotto i loro piedi. www.myspace.com/hourplug

Live di Hourplug


Nessun evento trovato in archivio


HOUSE AND PARISH


"It's not clear to me exactly when we became a band," explains Jason Gnewikow. He's trying to explain the sudden formation and steady rise of House & Parish, the Brooklyn quartet with whom he plays guitar. "But if I had to pinpoint it, I'd say it all came together earlier this year." Although Gnewikow—along with singer/guitarist John Herguth and bassist Scott Winegard—had already recorded a few songs with Jets To Brazil drummer Chris Daly in late 2006, the House & Parish story truly begins with the permanent addition of drummer Brian Malone. Having finally crystallized a formidable line-up and a strong cannon of material almost effortlessly, the band confirmed its first New York City performances; and, having tapped the production talent of former Rival Schools guitarist Ian Love, they reserved a new block of studio work. If it all sounds too easy, consider the band's pedigree: Gnewikow played guitar for indie-rock heroes The Promise Ring, Winegard served on bass duties for the much-loved Texas Is The Reason, Malone was last seen playing drums with Austin indie stalwarts The Gloria Record, and Herguth, whose previous work with The Love Scene won both critical acclaim and a record deal with Nirvana's A&R rep, Mark Kates, before prematurely disbanding in 2006. "People are going to think John came out of nowhere," Gnewikow muses, "but he's been around just as long as any of us. Maybe that's why it's so hard to say when or how House & Parish got together." He pauses. "I mean, we weren't a group of strangers before this all happened. The only difference is that when we hang out now, we bring instruments." House & Parish’s first six songs make up One, One-Thousand. The result is a brave new sound: crisp and melodic, spatial and dense, and delicate and raucous all at once. If House & Parish sound more adventurous than their previous discographies allude, it’s because they are. The band recently returned home to New York after live dates in the UK and Europe, and is currently writing what will be their first full-length album. : www.houseandparish.com www.myspace.com/houseandparish

Live di House And Parish


Nessun evento trovato in archivio


Live di House Of 1000 Corpses


Nessun evento trovato in archivio


HOUSE OF ALL


House Of All vengono da Legnago o Woodville come viene definita nel [loro] linguaggio country. Suonano Country 100% con un piccolo tocco di Bluegrass. Di Grass devono averne assunta molta [come si puo' intuire da questa video intervista]. Presenteranno il loro nuovissimo "Mr. Renateen and J.L. Sunglasses" uscito per Tea Kettle. Da una costola dei Fake P, welcome House Of All!!! hee-haaaaa!!! www.myspace.com/houseofall http://www.houseofall.it/

Live di House Of All


Nessun evento trovato in archivio


HOUSE OF BROKEN PROMISES


House Of Broken Promises If we were to compile a list of all that's useless in modern rock music, we'd be here for days. In fact, it'd probably be easier - and quicker - to rattle off the few undeniably great things roaring up from the underground. Take Indio, California's HOUSE OF BROKEN PROMISES. With their Small Stone debut "Using the Useless" this trio is leading the charge against mediocrity and watered down tepidness. Formed from the ashes of the late, great, and woefully underappreciated UNIDA (which also featured John Garcia of KYUSS fame), HOUSE OF BROKEN PROMISES is a no-holds-barred double shot of classic hard rock. You can't write riffs like the ones found on "Blister" and "Highway Grit" without them being part of your DNA. You can't lay down grooves like those on "Walk on By" and "Obey the Snake" by accident. You have to feel 'em in your bones. And that's exactly what you get with HOUSE OF BROKEN PROMISES. Guitarist Arthur Seay, bassist/vocalist Eddie Plascencia, and drummer Mike Cancino are so in tune with what makes a rock song rock harder and better, it'd be scary if it wasn't so awesome. When these three get together and play, they lay waste to the has beens, wanna bes, and hipsters, and they say in no uncertain terms, "This is how it's gonna be." Small Stone Records is proud to present HOUSE OF BROKEN PROMISE's full-length debut, "Using the Useless." You're going to get your rock's worth. That's a promise this house won't break. www.myspace.com/houseofbrokenpromises

Live di House Of Broken Promises


Nessun evento trovato in archivio


HOUSE OF LIGHT


Provenienti da Australia, Italia e Stati Uniti e attualmente residenti a Berlino, gli House of Light uniscono sonoritá pop-psichedeliche a seducenti echi post punk disegnando melodie accattivanti con un tipico tocco new wave. Famosi per le loro imprevedibili performance siate pronti ad aspettarvi il meglio se vi capiterá di vederli suonare dal vivo. Sarete immediatamente catturati dai loro riff esplosivi e travolgenti alternati a sognanti melodie e ballate dalle liriche tipicamente maudit spesso ispirate ai poeti francesi. Un sound affascinante che potrebbe rievocare Bowie, Joy Division, Radiohead con richiami vocali a Morrissey e Jim Morrison. Gli HOL hanno ultimato la registrazione del loro primo album "Electric Odyssey", una "pugnalata post apocaliptica al sole". http://www.myspace.com/houseoflight

Live di House Of Light


Nessun evento trovato in archivio


HOUSE OF LORDS


HOUSE OF LORDS, la band di James Christian che negli anni '80 si trovava all'appice della carriera grazie anche alle tastiere di Gregg Giuffria degli ANGEL e alla produzione discografica di Gene Simmons bassista dei mitici KISS. Ritornati in auge con le ultime 4 produzioni discografice e altrettanti tour di successo, la band si ripropone live per presentare l'ultima loro creazione "Big Money". www.jameschristianmusic.com

Live di House Of Lords


Nessun evento trovato in archivio


HOUSE OF PERCUSSION


HOUSE OF PERCUSSION > Vinili e cd suonano assieme alla pelle del tamburo evocando un mix di sensazioni e generando una grande varietà di ritmi. Gli House of Percussion incastrano così le sonorità occidentali della house con il ritmo viscerale del djembe dell’Africa più lontana. Dj Claudio da Deep + Luca de Marco

Live di House Of Percussion


Nessun evento trovato in archivio


HOUSE OF SHAKIRA


HOUSE OF SHAKIRA / Live At Firefest Primo DVD ufficiale per la swedish melodic rock band più sfortunata di sempre, gli House Of Shakira, nome cult che sicuramente non sarà ignoto agli appassionati del genere. Trattasi nella fattispecie dell'esibizione al Firefest del 2005, che immortala una band in forma e una scaletta appropriata, divisa equamente fra tutti i dischi del gruppo, da 'Lint' a 'First Class'. Sfortunati si diceva, in quanto fra fallimenti di label, ritardi nella pubblicazione, cambi di monicker ("Station" l'originale), cambi di lineup e contratti trappola (nefasto quello che lega il primo singer, come viene narrato nella biografia, e che gli impedisce di apparire nella lineup). Nonostante questo gli House Of shakira continuano imperterriti per la loro strada, tornando peridiocamente con lavori sempre dignitosi. L'esibizione è filmata in maniera adeguata, con una manciata di telecamere che rendono il tutto piuttosto dinamico. La qualtà dei segnali, audio e video, non è eccelsa ma rimane sempre su livelli sufficienti. Il concerto è di buon livello, con quasi una quindicina di pezzi eseguiti con precisionee coinvolgimento. Non manca qualche extra, una breve biografia e i video del periodo "Station", che non mancheranno di appassionare i cultori. Un piccolo dvd per una piccola band, un prodotto insomma non epocale ma più che buono. A volte basta un minimo di equilibrio no? www.houseofshakira.com www.myspace.com/houseofshakira.com

Live di House Of Shakira


Nessun evento trovato in archivio


HOUSOLOGY


HOUSOLOGY Electro House con Angelie dj from Pineta (Milano Marittima) + Cephalonya dj set from Red Zone (Perugia) in diretta sulla radio digitale Radio Oreon by Frankie C

Live di Housology


Nessun evento trovato in archivio


Live di Houston Bernard


Nessun evento trovato in archivio


Live di Houston Calls


Nessun evento trovato in archivio


HOW TO DRESS WELL


Finalmente arriva per la prima volta in Italia Tom Krell, meglio conosciuto come HTDW, per presentare l'ultimo album "Total Loss", l'ennesimo capolavoro che ha già conquistato la critica di mezzo mondo con il suo stile inconfondibile ed elegante. Tre date davvero da non perdere per scoprire dal vivo ed emozionarsi con una delle sicure rivelazioni dell'anno, in cima al nuovo movimento alternative r'n'b che vede tra i protagonisti artisti del calibro di Frank Ocean, The Weeknd, Purity Ring e Active Child. http://howtodresswell.com/

Live di How To Dress Well


Nessun evento trovato in archivio


Howard Jones


Nuovo album per l'icona del pop britannico Howard Jones!!! Considerato uno dei più innovativi tastieristi dell'ultimo ventennio, Jones vanta ben nove milioni di dischi venduti in tutto il mondo, hits come "What is love", "Hide and seek", “Like to get to know you well”, “Everlasting love” e "Things can only get better", la partecipazione a concerti storici come il Live Aid e molte collaborazioni di prestigio. Howard gode di grande stima nell'ambiente della dance music, dove è riconosciuto come vero e proprio pioniere dell'uso di sintetizzatori e campionatori, e non stupisce quindi il fatto che nel nuovo album si senta la forte influenza delle attuali tendenze. Già dalle prime attute del brano "Celebrate our love" si intuisce chiaramente che ci si trova di fronte ad un Howard Jones del Nuovo Millennio, che mantiene comunque intatto il suo inconfondibile stile melodico, evidente soprattutto in canzoni come "Respected" e "Just look at you now". Non poteva comunque mancare il fedele pianoforte, protagonista dell'intrigante ballata "Another chance" e della conclusiva "For you, see me". Di particolare importanza i testi, che da sempre caratterizzano la produzione di Jones: la sua filosofia, ispirata al Buddismo, è che per cambiare il mondo bisogna innanzitutto cambiare se stessi. Da qui la "Rivoluzione del cuore" suggerita dal titolo. Il cd contiene 13 tracce, compresi tre remix esclusivi che hanno già spopolato nei club inglesi… www.howardjones.it

Live di Howard Jones


Nessun evento trovato in archivio


Live di Howard Skempton


Nessun evento trovato in archivio


HOWE GELB band feat. Steve Shelley (Sonic Youth)


Storica figura dell'alternative country rock (Usa), Howe Gelb è fondatore dei Giant Sand:la musica di Howe Gelb e' parte integrante ed insieme magnifica descrizione del deserto di Tucson,la citta' dell'Arizona in cui vive.Ispiratore anche dei primi Calexico si è manifestato sotto diverse forme OP8, Band of Blacky Ranchette e gli Arizona Amp. Howe sta dividendo la sua carriera live tra i Giant Sand, nella versione allargata a dodici elementi, e le sue esibizioni soliste. L'ultimo album dei Giant Sand (ribatezzati per l'occasione Giant Giant Sand grazie alla formazione composta da dodici elementi) è 'Tucson',che ha avuto un grande successo riportando in auge la band e la figura di Howe Gelb, che l'anno scorso ha pubblicato anche il suo ultimo lavoro solista 'Dust Bowl'. Howe Gelb non ama stare fermo,dopo l'album solista "Dust Bowl" e "Tucson"dei Giant Sand, presenta the Coincidentalist il nuovo lavoro che vede ospiti importanti come Will Oldham, Andrew Bird, M. Ward. www.howegelb.com

Live di Howe Gelb Band Feat. Steve Shelley (sonic Youth)


Nessun evento trovato in archivio


Live di Howie Beck


Nessun evento trovato in archivio


HOWLIN RAIN


Sarà la metedrinica aura che esala la Death Valley o forse il brivido freak del vento ascensionale che risale il Big Sur, a spingere la band californiana degli Howlin Rain a non muovere un passo, a mantenere e conservare lo stato di cose così come il tempo l’ha fermato. In barba all’upgrade stilistico adottato da moltissime bands in preda a trasfigurazioni innovative, i nostri californiani sono e rimangono lì, accampati sugli “heaven fields” dei magnifici ’70, in quella dreamland che Fernanda Pivano definì “mirabolante terra di sacra utopia dove anche Dio faceva i joint ”. Giunta al secondo album, la band – progetto differito del cantante Ethan Miller frontmen degli sperimentali Comets On Fire – regala puri minuti di rock vintage d’alto livello, grasso, tenace, dolciastro e balsamico arricchito da sano e proteinico Psichedelic Southern, lasciando a copiose bordate di Hammond e chitarrismi in wa-wa piena scena per espletare quello che oggi viene definito – come punto di riferimento timbrico – il “Woodstock sound”. Ascoltarlo serrando le palpebre, si avverte il vento in faccia e il sole accecante della Frisco delle lunghe zazzere, tutti i pizzicorii dell’acid-folk e della Weast Coast che rimettono in circolo – mai come in questo caso aggettivo più adatto – “carmico” le sonic pills dei Creedence Clearwater Revival, Steppenwolf, il Frampton degli Humble Pie, Free e Crazy Horse; un dettagliato manualetto sonoro fatto di suoni sgargianti e colori elettrici degni del più alto grado di Thc. Il ruggito roco di Miller domina – assolto a pieno titolo per una troppo pericolosa attitudine vocale sconfinante in quel di Fogerty dei CCR – e cavalca la Leslie vorticante dell’Hammond che in “Nomads e Lord Have Mercy” Joel Robinow – nuovo membro della band – letteralmente sfibra in un formidabile hard-blues bolgie. Vive in questo bel prodotto tutto il campionario Seventies impenitente e fulgido (Grateful Dead, Grand Funk Railroad Allman Brothers ecc.). “Requiem” e “El Rey”, timidamente jazzy, sono forse gli unici due episodi che rimangono un po’ statici, in disparte rispetto alla “bolgia santa” che scorre altrove, ma sono sufficientemente prodighi a scaldare e freddare il motore trainante del gruppo. La sezione ritmica che rimane sempre in seconda battuta rispetto al suono totale, squadra geometricamente e con buoni controtempo l’hard R’n’b di “Dancer at the end of time”, l’hard blues funkeggiante di “Goodbye Ruby” e combatte complice un maelstrom chitarristico abrasivo, selvaggio, “sudista” impareggiabile, che toglie il fiato a chi in quegli steccati sconnessi dei seventies ci appese un pezzo di anima e un ritaglio di cuore. “Riverboat” dà la mazzata finale con il suo farewell stipato di folk che prende fuoco – nel suo apice - come il sole di mezzogiorno al centro del Mojave Desert. Un disco di memorie? Una retrospettiva di vecchie glorie? Nulla di tutto questo, ma una formula intatta, che miracolosamente pare senza tempo. Gli Howlin Rain se ne sono invaghiti, e se il tempo sarà galantuomo, li troveremo ancora lì a cantare alla luna, a rincorrere – tra suoni della pace e distorsori bollenti – gli spiritelli freak dei loro Maestri, nostri eroi. www.myspace.com/howlinrain

Live di Howlin Rain


Nessun evento trovato in archivio


Live di Howling Bells


Nessun evento trovato in archivio


HOXE' MANUEL BUDINO


Xosé Manuel Budiño il virtuoso suonatore di gaita che ha aperto un mondo di nuove tendenze nella scena musicale spagnola. Viaggiatore, creatore instancabile, innovatore convinto, sognatore di melodie impossibili di un paese di mare dove il vento si trasforma in musica calma, Xosé Manuel Budino si ispira ai piccoli sapori della musica tradizionale, ma sempre con l’ intenzione di creare una musica con uno stile proprio: musica che può diventare tradizione in un futuro. Ritmi folk si mischiano con l’elettronica: è uno dei migliori performers europei del momento con uno spumeggiante spettacolo di luci, videoproiettori, un band completa e ballerini. www.xosemanuelbudino.com

Live di Hoxe' Manuel Budino


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hp Zinker


Nessun evento trovato in archivio


HRSTA


Hrsta, ovvero l'ennesima progenie dei Godspeed You! Black Emperors, maggiori esponenti di quel rock massimalista, wagneriano, parente remoto del rock progressivo, cugino primo del postrock americano che ha trovato humus di cui pascersi nel Quebec. Il quartetto di Montreal guidato da Mike Moya (G.Y!B.E., Set Fire To Flames) giunto al suo terzo album dà vita a nove canzoni che non possono non richiamare alla mente gli episodi più sognanti e dolorosi degli Swans di "Children Of God" (si ascoltino in "Beau Village" le litanie di Moya, i cui registri alti fanno pensare a Jarboe), eseguiti con ampio uso di archi e bordoni di organo. Un sogno amniotico al rallentatore questo "Ghosts Will Come…", una manciata di vento fresco negli occhi (la polifonia sacra di "The Orchard" ricorda un altro modello femminile, Lisa Gerrard). C’è un che di spirituale, un soffio trascendente in questi brani malinconici ma anche gonfi di speranza buona. Dopo la lisergica e floydiana "Kotori" c'è spazio, a chiudere la raccolta, per una struggente cover dei Bee Gees, una pensosa "Holiday" traslata in chiave gotica. Capita che la delicatezza colpisca con il suo soffice maglio i cuori più teneri. www.hrsta.org www.myspace.com/hrstamusic

Live di Hrsta


Nessun evento trovato in archivio


HTRK


HTRK Gli HTRK sono in assoluto uno dei gruppi preferiti di Sasha Grey (una delle più provocanti e trasversali pornostar californiane). Detto questo gli HTRK rimangono una delle più inquietanti presenze del panorama internazionale, arrivando direttamente da quella terra lontana che è l’Australia. Dopo una manciata di singoli e l’album Nostalgia (pubblicato dalla lungimirante Fire Records) giungono alla prova del nove con il secondo album Marry Me Tonight (Blast First/Goodfellas) prodotto dall’ex Birthday Party Rowland S. Howard. Originari di Melbourne ma ormai stabilitisi in parte a Parigi e in parte a Berlino, gli HTRK sono fautori di un lugubre post punk che non sfugge ai paragoni con la primigenia formazione di Nick Cave, adottando però anche le movenze di certa elettronica post-industrial tipicamente europea. Un disco come Marry Me Tonight avrebbe visto la luce negli anni 80 per Mute. www.myspace.com/htrk

Live di Htrk


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hu-t!


Nessun evento trovato in archivio


Hubbard Street Dance Chicago


Hubbard Street Dance Chicago In scena: 22 ballerini Programma * SF/LB (D. Ezralow / L. Bernstein) * Kiss (S. Marshall / A. Part) * Strokes Through The Tail (M. Donlon / W. A. Mozart) * Gnawa (N. Duato / North African music) * counter/part (J. Vincent / J. S. Bach) * Nuova coreografia di Lar Lubovitch su musica di Osvaldo Golijov * Nuova coreografia di Toru Shimazaki su musica di René Aubry * Nuova coreografia di Jorma Elo su musica di Mark-Anthony Turnage Hubbard Street Dance Chicago Hubbard Street Dance Chicago Fondata da Lou Conte nel 1977 la Hubbard Street Dance Chicago è una delle compagnie più prestigiose nel panorama della danza contemporanea ed è assente dai palcoscenici italiani da molti anni, dopo un'applauditissima apparizione al Festival dei Due Mondi a Spoleto. Con la Hubbard Street Dance Chicago hanno collaborato e collaborano i più illustri coreografi contemporanei, come: Jiri Kylian, Nacho Duato, Daniel Ezralow, Twyla Tharp e altri. La Hubbard Street Dance Chicago è stata ospite dei più importanti festival di danza a livello internazionale: American Dance Festival, DanceAspen, The Holland Dance, Jacob's Pillow, The Joyce Theater, The Kennedy Centre, Dance Umbrella (London). Dal 2000 la direzione artistica della ormai celebrata compagnia è stata affidata a Jim Vincent. Il programma, affidato a 22 ballerini, è in fase di definizione da parte del direttore artistico e includerà sia coreografie già nel repertorio della compagnia (come SF/LB di Daniel Ezralow su musica di Leonard Bernstein e Gnawa di Nacho Duato su musica tradizionale Nordafricana) che nuovi lavori, tra i quali quello del coreografo americano Lar Lubovitch su musica di Golijov. http://www.hubbardstreetdance.com

Live di Hubbard Street Dance Chicago


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hudson Bell


Nessun evento trovato in archivio


HUDSON MOHAWKE


Giovane, talentuoso e molto occupato: c'è un meraviglioso futuro davanti a Hudson Mohawke. Poco più che ventenne, il giovane scozzese è già la “next big thing” della scena elettronica contemporanea. E' bastata infatti una manciata di brani, come quelli contenuti nell'ormai leggendario EP “Ooops!” di qualche anno fa, per convincere il mondo del suo talento: il web e le riviste specializzate fanno infatti a gara ad elogiarlo (anche dalle nostre parti, in Italia), la Warp lo ha messo sotto contratto commissionandogli vari progetti discografici. Con alle spalle la più influente etichetta di musica elettronica al mondo e un lp di prossima uscita, Mohawke potrà adesso sviluppare al meglio la sua spiazzante alchimia dove hip hop, r'n'b e sensualità vengono sottoposti ad una geniale destrutturazione e digitalizzazione. www.thisisluckyme.com www.facebook.com/hudsonmohawke

Live di Hudson Mohawke


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hue Blanc's Joyless Ones


Nessun evento trovato in archivio


HUECO


MAGNIFICA OSSESSIONE: ecco il nuovo singolo degli HUECO Dopo il successo di “Gioca il mondo” e delle entusiastiche recensioni raccolte con l’album “Living in a bathroom- Pensando all’amore”, ecco il nuovo singolo degli Hueco: “Magnifica Ossessione” Dopo il successo del primo singolo Gioca il mondo e delle entusiastiche recensioni raccolte con l’album “Living in a bathroom - Pensando all’amore”, considerato come una delle perle del moderno cantautorato sperimentale ecco questo nuovo brano proposto anche in varie versioni remixate ed accompagnate da un video artistico. Qui l’elettronica si sposa a meraviglia con una melodia vintage e melodrammatica. Un ritmo R’n B e un gioco di rabab e di archi orientaleggianti scandiscono un ritornello che resta tenacemente appiccicato nella memoria. Nel singolo una chicca: la cover di NOTTE DI LUNA CALANTE di Domenico Modugno! HUECO (che in lingua spagnola vuol dire vuol dire cavità, mancanza, vuoto) è un progetto di musica pop italiana sperimentale nato circa un decennio fa dall'incontro di Vittorio Esposito (voce, testi e musiche) e Nino Velotti (piano, tastiere, testi, musiche e arrangiamenti), con la collaborazione di Army (doppia voce) e di vari strumentisti. Il duo pompeiano ha pubblicato l’album “Living in a bathroom- Pensando all’amore” (Cut Records/ PA 74). Pur essendo una sorta di concept-album con una serie di citazioni interne e un sottile filo conduttore, questo è un disco in cui convergono diversi stili musicali, dal beat all’elettronica sperimentale, da melodie mediterranee d'altri tempi a sonorità care al dark e alla new wave. Tredici tracce (dieci canzoni e tre strumentali che riprendono il ritornello di altrettante canzoni con un'armonia e un arrangiamento diverso). Sta ottenendo ottime recensioni, mentre il singolo Gioca il mondo è stato passato da oltre 400 radio ed il videoclip (diretto e curato da Sebastiano Deva), ha ottenuto rotazioni su tutte le tv musicali, anche internazionali! Qualche brano strumentale dell’album è stato usato dalla RAI come colonna sonora a diversi servizi. Hueco – Official Space www.myspace.com/vittoriovisions

Live di Hueco


Nessun evento trovato in archivio


HUGA FLAME


Gli HugaFlame, uno dei gruppi che deve il proprio successo a internet, non può che rendere grazie a questo media e a tutti i fans con una nuova operazione ai limiti della discografia: da oggi, sabato 19 settembre, la musica degli HugaFlame viene “Hugalizzata”. Sul sito www.hugaflame.com è infatti possibile scaricare liberamente il nuovo singolo con la partecipazione di CORINNE, dal titolo “Hugalizzala”, e tutta la discografia ufficiale del gruppo: “Abbiamo deciso di “liberare” la nostra musica: il nuovo singolo e tutti gli album che abbiamo creato negli ultimi sette anni saranno in libera e legale condivisione di tutti gli utenti del web, direttamente dal nostro sito. Sarà l’occasione per tutti quelli che ci conoscono di poter ascoltare al 100% la nostra musica” Libera e legale diffusione della propria musica: ma perché questo gruppo, dopo la pubblicazione di “Facce da Huga” nel dicembre 2007 - scaricato da oltre 70.000 persone, traguardo che è valso loro il premio M.E.I. come gruppo più diffuso del web - si ostina a regalare la propria musica? “Noi non regaliamo la nostra musica, facciamo solo ciò che l’era della tecnologia digitale e dei social network ci impone per sopravvivere: condividiamo liberamente la nostra musica. Alcuni addetti del settore discografico e radiofonico ci boicottano dicendo che gruppi come il nostro rovinano il mercato musicale, pubblicando album in download libero sul web e non a pagamento nei negozi. Noi rispondiamo che questo è l’unico modo di emergere in Italia, dato che la maggior parte delle radio ha un palinsesto per un pubblico over 30, che promuove i “grandi successi” e la musica inglese, dando pochissimo spazio a quella italiana e ai giovani. I ragazzi ormai ascoltano ciò che gli piace su youtube. Spiegateci, come fa un gruppo che non va a X Factor o ad Amici a farsi conoscere?” Questa politica ha dato ragione agli HugaFlame, che suonano incessantemente da due anni in tutta Italia con un grande seguito di pubblico. L’operazione Hugalizzala anticipa così l’uscita del nuovo album “Huga Libre”, prevista per il prossimo inverno. Cosa accadrà per questo nuovo album? Sarà l’ennesimo disco in libera condivisione del web? “Per Huga Libre abbiamo inventato una nuova formula per promuovere, diffondere e vendere la nostra musica… Sorpresa!” In attesa di nuove informazioni riguardo al nuovo album ufficiale, l’invito è collegarsi sul sito www.hugaflame.com e scaricare liberamente tutti i dischi del gruppo, il nuovo singolo e il nuovo videoclip. Info e booking: management@hugaflame.com Link: www.hugaflame.com - www.myspace.com/hugaflame

Live di Huga Flame


Nessun evento trovato in archivio


HUGAFLAME


Lontano dagli stereotipi americani, ciò che si trova nei testi e nella musica di “Generazione fuori controllo” è solo la pura e semplice quotidianità, la vita di tutti i giorni, dipinta con grande umiltà ed auto-ironia. Niente vita da strada, niente gangsters, né tanto meno pistole e donne facili. Racconti e descrizioni di situazioni comuni, quelle che quando si ascoltano si pensa: "è vero, capita anche a me!". “La vita di un ventenne che si butta nel mercato del lavoro dopo gli studi è precaria, fragile, insicura - spiegano Dydo, Livio e DJRonin - e le uniche certezze, paradossalmente, sono i propri sogni e le proprie passioni, che per quanto volatili e magari irrealizzabili sono l'unica meta fissa per cui lottare ogni giorno”. Per via dei testi espliciti, che rompono gli schemi sbattendo in faccia le cose con sconvolgente violenza , l'album è "doppio", contiene, cioè, un CD "dirty" con versioni sporche, volgari ma originali, e un CD "clean" con versioni "pulite". Gli Hugaflame nascono circa 10 anni fa dall'incontro di tre giovani ragazzi di Varese: Dydo (rapper), Livio (rapper / produttore musicale) e DJRonin (DJ / Turntablist) e fin da subito si fanno notare in diversi concorsi nazionali. In questi numerosi anni di attività gli Hugaflame hanno fatto tanta strada, si sono fatti conoscere dal grande pubblico a livello nazionale grazie alle loro forze e alla collaborazione di chi ha creduto in loro. Tra concorsi, partecipazioni a tour e trasmissioni televisive, questi tre ragazzi di Varese hanno realizzato ben tre album, di cui l'ultimo, “la città dei sogni perduti”, lanciato nel 2010 ha ottenuto il disco di platino per le oltre 30.000 scaricate dal web. www.youtube.com/newmusictv www.newmusic.it www.hugaflame.com

Live di Hugaflame


Nessun evento trovato in archivio


HUGE MOLASSES TANK EXPLODES


Il trio formato da Gabriele Arnolfo (Batteria,Voce) Fabrizio De Felice (Chitarra, Voce) Luca Sacanna (Basso, Voce) già insieme in precedenti formazioni (Bialogard, Fiumi) nasce a Milano alla fine del 2011. A luglio del 2012 la band è in studio per il primo album, registrato in presa diretta in soli due giorni. Il lavoro intitolato “Bicephalous” pubblicato a Dicembre 2012, è disponibile in free download sul sito bandcamp della band (hmte.bandcamp.com) e in edizione limitata in vinile 12”. www.facebook.com/hugemolassestankexplodes

Live di Huge Molasses Tank Explodes


Nessun evento trovato in archivio


HUGH CORNWELL


Hugh Cornwell ha realizzato il suo nuovo album Hooverdam e il suo primo film Blueprint (una performance live dell’intero album filmata nei Toe Rag Studios e una lunga intervista condotta dal famoso giornalista radiotelevisivo londinese Robert Elms filmata alla Tate Gallery). L’album è stato prodotto con il leggendario Liam Watson meglio conosciuto per il suo lavoro in “Elephant” dei White Stripes. L’intero album può essere liberamente e gratuitamente scaricato in alta qualità dal sito ufficiale dell’artista: www.hooverdamdownload.com. La versione fisica in triplo digipak è disponibile da qualche mese e contiene album e film in un’ esclusiva confezione cd/dvd. L’album è anche disponibile in vinile. Hugh Cornewll è uno dei più eleganti cantautori ed acclamati live performers del Regno Unito. Come chitarrista, cantante e principale autore con gli Stranglers, in 17 anni, ha ottenuto enormi successi nel Regno Unito e negli stati Uniti con 10 hit album e 21 singoli nella top 40. Cornwell ha mostrato il suo bisogno di libertà musicale Il giorno del concerto sold out all’Alexandra Palace nell’estate 1990 quando ha annunciato che avrebbe lasciato la band. Ha realizzato 7 album da solista: Wolf (1988), Wired (1993), Guilty (1997), Hifi (2001), Beyond Elysian Fields (2004), Footprints In The Desert (2005), Dirty Dozen (2006); più tre collaborazioni, Nosferatu (1979) featuring Robert Williams, CCW (1992) featuring Roger Cook e Andy West, e Sons Of Shiva (2002) featuring Sex W Johnston. Ha scritto anche un libro nel 2001: Cornwell's book, The Stranglers: Song by Song, dove racconta per la prima volta la vera storia che sta dietro ad una lunghissimo catalogo di canzoni degli Stranglers. Nel 2004 la sua biografia “A Multitude of Sins “ è stata pubblicata da Harper Collins. Un triplo album live, People Places Pieces è disponibile su www.peopleplacespieces.com e contiene riedizioni di 45 brani dell’intera carriera di Hugh Cornwell, dal tempo con gli Stranglers (1974-1990) alla sua acclamata carriera solista per sottolineare vecchi e nuovi successi . www.hooverdamdownload.com.

Live di Hugh Cornwell


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hugh Davies


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hugh Le Caine


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hugh Metcalfe


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hugo Ball


Nessun evento trovato in archivio


HUGO RACE


We Never Had Control. Otto brani nuovi ma il filo conduttore è lo stesso e una linea di continuità la si può cogliere anche nel nome della band che lo accompagna The Fatalist. Non si tratta di una band nuova ma del consolidamento di un progetto più ampio visto che sia Antonio Gramentieri che Diego Sapignoli avevano già collaborato con Race nel precedente album. Un sound scarno, essenziale, intriso di blues attorno a cui ruotano otto storie che scavano nell'anima dell'autore. Una sorta di diario in musica. Un diario in cui fissare frammenti di storia per poi trasformali in canto. Un canto profondo e greve che racconta di una società in cui domina il fatalismo, una società in cui non ci sono né vittime né carnefici ma solo sconfitti. Un disco che chiude le porte alla speranza!?! No, non credo proprio, e basta vedere la copertina! La rabbia dei Bad Seed si è trasformata in compassione e la compassione è virtù di chi ama! Un disco intenso, intimista e allo stesso tempo di denuncia. Race, indirettamente, ci indica una via che è quella della disillusione e dell'amore. La vita è breve e pensare di averne il controllo è follia (We Never Had Control), esserne consci significherebbe, nella visione di Race, aprirsi all'altro. Il Race pensiero è esemplificato nella title-track: il brano cantato insieme alla figlia, ci racconta della fragilità, dei sogni infranti, della disperazione e delle speranze di chi convive col cancro. Ma la malattia non è solo un fatto personale, ci sono i drammi, il dolore e le speranze di chi ne è emotivamente coinvolto, ma anche le responsabilità dirette e indirette di chi quel male l'ha provocato. Race ha dimostrato, come tanti per la verità, che la Musica non è una questione di hit! L'album è uscito per la Gusstaff (CD GRAMM 1230), la versione in vinile (bianco) è stata curata dalla Interbang Records (RVR LP 1 / IBR 013) e include anche Download-code. www.hugorace.com.au https://www.facebook.com/hugo.race

Live di Hugo Race


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hugo Williams


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hulah Family


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hulk


Nessun evento trovato in archivio


HUMAN CLUSTER


HUMAN CLUSTER Melodic Death Metal da Perugia. La volontà di addentrarsi all'interno di diversificati ambiti dell'heavy-metal e la necessità di esprimersi in una maniera del tutto nuova rispetto alle precedenti esperienze musicali dei membri della band sono state due delle ragioni che hanno portato alla nascita dei HUMAN CLUSTER, attivi dal Novembre del 2005 ed arrivati alla pubblicazione del loro primo lavoro in studio (Promo 2007) a Gennaio di quest'anno. myspace: www.myspace.com/humancluster

Live di Human Cluster


Nessun evento trovato in archivio


HUMAN FEEL


HUMAN FEEL Vero e proprio summit di una certa nuova scena USA del jazz d'avanguardia che si mantiene sulla prima linea della ricerca pur essendone in qualche modo diventata già storia, Human Feel riunisce quattro autentici fuoriclasse dell'improvvisazione, aldilà delle etichette di generi e di stili. Formato originariamente nel 1987 da Chris Speed, Andrew D'Angelo, nativi di Seattle, e Jim Black, cresciuto in quella città, che in quel periodo coabitavano a Boston durante i loro studi, nel 1990 Human Feel diviene un quartetto con l'aggiunta di Kurt Rosenwinkel, all'epoca nuovo astro nascente della chitarra jazz, trovando il suo equilibrio e iniziando dalla metà degli anni '90 a produrre lavori discografici, nonché a esibirsi regolarmente alla Knitting Factory. Brucianti sassofoni sovrapposti e/o trasportati da ondate di suoni chitarristici carichi di atmosfere suggestive e cangianti, un sound di gruppo supportato da un drumming inventivo e mai banale, intenso e intermittente, armonie ricche e complesse melodie che si intrecciano reciprocamente lasciando scaturire assoli sorprendenti, dando vita a una musica che mescola freejazz e rock come solo dei musicisti di tale competenza e visione sono capaci di fare e di condurre a buon fine, suonata con un'attitudine da autentici assaltatori musicali attraverso dinamiche sonore estreme e il consapevole e sapiente sovvertimento delle regole convenzionali del jazz: tutto ciò e molto altro ancora fa di questo gruppo uno dei più efficaci paradigmi della postmodernità, nonché uno più stupefacenti risultati del jazz sperimentale d'avanguardia degli ultimi anni. www.humanfeelrecords.com

Live di Human Feel


Nessun evento trovato in archivio


Live di Human League


Nessun evento trovato in archivio


HUMAN SHIELD


Gli Human Shield sono una band thrash metal influenzata dai gruppi storici degli anni ‘80 e ‘90. Il gruppo, inizialmente chiamato Nemesi, è nato nel 2001 a Pompiano (BS) per iniziativa di Claudio De Maria (batteria) e Matteo Olivini (chitarra). Completata la formazione, la band ha iniziato a esibirsi in diversi locali e manifestazioni musicali della zona. Nel 2003 è stato inciso il primo demo, composto da 5 tracce inedite, che ha avuto buone recensioni sia sulla rivista Metal Shock (luglio 2004) sia su diverse webzine specializzate. Dopo alcuni cambi di formazione, nel 2006 il gruppo ha registrato un nuovo pezzo, Cry of rising, successivamente inserito in due diverse compilation metal: First Act, promossa dal Noise Studio di Gussago (BS) e Underground, prodotta in Lituania e distribuita in tutto il mondo. Nell’agosto 2007, in seguito alla stabilizzazione della formazione attuale , che include (oltre ai due fondatori) Davide Badinelli (basso), Herbert Brunelli (chitarra) e Daniele Gatti (voce), la band ha adottato il nome Human Shield. Gli sforzi creativi del gruppo sono culminati nella realizzazione di un EP intitolato Human Shield, registrato nel Marzo 2008 e attualmente in distribuzione. Il CD è composto da 4 tracce, il cui stile mescola elementi tipici del thrash “Bay Area” anni ’80 con forme più moderne e personali. Il risultato è un sound originale e d’impatto, che rende i brani particolarmente efficaci anche nelle esibizioni dal vivo. www.humanshield.it www.myspace.com/humanshieldband

Live di Human Shield


Nessun evento trovato in archivio


HUMAN TANGA


IL progetto HUMAN TANGA rinasce nel 2009 dalla ceneri di un gruppo garage punk che aveva girato gli scantinati di mezza Europa, supportando nomi come Nashville Pussy, Skid Row, Hot Water Music, Lords of The New Church, One Dimensional Man…. Tra il 2009 ed il 2010 Murky, Eddy, Royce e Phil si incontrano, dopo anni di bevute e concerti. Registrano un demo di 5 pezzi all' Hate Studio con Icio e suonano nei clubs e nelle bettole del continente, in Italia, in Germania ed in Repubblica Ceca, in Francia ed in Slovacchia per divertirsi, per amore, per mettersi alla prova e riscoprire l'impulso primordiale per scrivere i nuovi pezzi. La band è affiatata quanto litigiosa, sono amici di vecchia data, dal fatale incontro ne scaturisce un rock oscuro e passionale. Nel 2010 incontrano Cristiano Santini (già Disciplinatha e Produttore di Band come C.S.I. e Luminal) : sarà il loro mentore e produttore nell'anno a venire, partecipando attivamente al concetto musicale per il primo disco ufficiale. La decisione della svolta in italiano è definitiva nell'intento di lasciare un segno, un graffio in chi ascolta, riuscire ad avere un dialogo serrato con l'ascoltatore attento, un contatto diretto comunque. Attraverso un rock seminale e scuro, nato nel sottobosco culturale urbano, esprimono inquietudine e critica, amore e furore, senza preoccuparsi di essere scorretti o offensivi. Cinici come l'odore dei vetri rotti, infatuati della musica per organi caldi, entrano in studio nel maggio 2011 per registrare l'esordio: “PORNOGRAFIA APOCALITTICA”. http://www.humantanga.com/

Live di Human Tanga


Nessun evento trovato in archivio


HUMAN TOUCH


“Vertigo” sarà il primo singolo estratto dal CD di questo nuovissimo progetto musicale, composto da nove brani inediti e da una cover (One Small Day degli Ultravox), tutti cantati rigorosamente in inglese a ricordare il respiro internazionale del progetto. Dieci brani che parlano della natura umana e della sua complessità. Dal vortice in cui viviamo ogni giorno con i nostri mille impegni e che sono per tutti noi fonte di grande stress, alla grande solitudine interiore a cui questo ci porta anche in mezzo ad altra gente, dalla gioia e forza interiore che porta la nascita di un figlio contrapposta alla fragilità che in alcuni momenti della vita ci porta a vedere come unica soluzione il non risvegliarsi più la mattina dopo… E ancora dalla rabbia all'amore, questi sono alcuni dei temi trattati in questo bellissimo album intimista nei contenuti ma vitale e d'impatto nei suoni. “Human Touch” vede inoltre la partecipazione straordinaria di Massimo Priviero che, oltre ad aver guidato gli Human Touch nella costruzione di questo progetto, è presente con un cameo nella cover di “One small day” degli Ultravox. www.humantouchmusic.it

Live di Human Touch


Nessun evento trovato in archivio


HUMAN TOYS


HUMAN TOYS: Sexy, Powerful, Subversive. .... Human Toys, the French duet of Emma Amaretto and Mademoiselle Poupée, navigate their audiences through the electro-psycho-punk landscape. .. Their music takes you in a hotrod madly traversing the world of subversive fantasy. They pitch through garage, punk, and electro infuences with grindhouse and giallo scenery. .. Emma Amaretto (guitar, programming, vocals) and Mademoiselle Poupée (vocals, theremin) defy standard female archetypes. Subversion is the name of the game and humor is the rule!.. These spunky ladies bewitch their audiences, first igniting with devastating riffs then soothing with deadly allure. .. Their evocative live performances are wild and enthousiastic displays of pure energy..... « Take a deep breath and ride with us… » ................ NEW VIDEO!!!!!!!! Check this Tom WAITS "Goin'Out West" cover http://www.myspace.com/humantoys

Live di Human Toys


Nessun evento trovato in archivio


HUMANA


La band presenterà i brani del primo album, uscito lo scorso anno: rock elettronico puro, un viaggio tra le emozioni delle persone, che passa in tutte quelle sfumature che si vivono comunemente in tante fasi della vita. Sono espresse con l'energia e l'adrenalina tipica del rock elettronico, mista a tratti di atmosfere cupe. Il disco, composto da 10 brani (9 inediti più la cover di “Rock 'N' Roll Robot” di Alberto Camerini), si nutre di piccoli particolari, delle sensazioni, della vita vissuta, degli errori fatti, delle occasioni perse, dei cambiamenti, degli obbiettivi raggiunti e della gratificazione conquistate. “Quest'album si concentra proprio su tutti questi elementi che non sono altro che vita!” Nato tra Latina e Rimini, dall'incontro tra Daniele Iudicone (voce, testi e melodie) e Lorenzo Sebastiani (registrazione, musiche e arrangiamenti), il progetto rock-elettronico HUMANA rappresenta una vera svolta nel panorama musicale italiano, sia per i testi rivoluzionari, sia per un'ambivalente sonorità, a due facce, del tutto innovativa. Una più nervosa e aggressiva, tra il rock punk e l'elettronica. L'altra più lenta e pacata, con una linea trip-hop (lo stesso genere musicale di gruppi internazionali come Massive Attack, Gorillaz, con un andamento alla Lana Del Rey). L'album è prodotto dallo stesso Lorenzo Sebastiani (già produttore e arrangiatore di artisti del calibro di Kelly Joyce, Dirotta su Cuba e con collaborazioni su tutta la scena musicale nazionale) Per info: www.thehumana.it

Live di Humana


Nessun evento trovato in archivio


HUMANOALIENO


Le dodici tracce, che compongono l'omonimo album, spaziano tra sonorità new wave e beat anni ottanta. Chitarre graffianti per potersi dire rock, tastiere presenti in omaggio ai retaggi new wave, sezione ritmica incalzante e soprattutto voci che vanno dritte al cuore. La cura artistica di Cristiano Santini ha dato il tocco magico rendendo il suono omogeneo per un flusso sonoro adatto al Concept dell'album: la diversità declinata da occhi non conformati, che può diventare alienazione se il panico prende il sopravvento. Le tracce del disco cantano di questa condizione paradossale in una civiltà che si pretende completamente nota, stereotipata, dai ritmi dettati dall'economia, in cui la diversità stenta ad emergere e viene sbattuta in prima pagina solo per essere esorcizzata. L'ambivalenza si fa strada nei testi, dove a volte ha la meglio l'umano, altre volte a spuntarla è l'alieno facendo emergere tutte le differenze e le conflittualità della società moderna. www.humanoalieno.it www.myspace.com/humanoalieno

Live di Humanoalieno


Nessun evento trovato in archivio


HUMANOIRA


Storti, colorati, giocherelloni, teatrali e sonici, gli Humanoira sono un frullato di un miliardo di cose. Come se Carmelo Bene avesse suonato la chitarra nei Sonic Youth, o come se Cristiano Godano cantasse filastrocche per bambini piuttosto che liriche. Come lo zucchero filato nella zuppa di pesce, o come una statua dedicata a Piero Fassino nella anarchica Livorno dei tempi che furono. Eppure riescono in qualche modo a dare una forma compiuta ai loro brani, strampalati, in cui si divertono a mischiare rock, pop ed elettronica, sax e chitarre elettriche, synth e vocoder. http://humanoira.wix.com/humanoira www.facebook.com/Humanoiraband

Live di Humanoira


Nessun evento trovato in archivio


Live di Humanzi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Humcrush


Nessun evento trovato in archivio


HUMUS


Un album BELLISSIMO. Che riesce a tirarsi fuori dalle sabbie mobili di un genere che nel nostro paese fa sempre rima con umori circensi da due soldi, con quelle solite quattro banalità travestite da “combat” e bagnate di vino rosso, con il finto impegno sociale da proclama di prima elementare. Gli Humus realizzano un capolavoro. Altre parole non credo servano. Commovente, malinconico ma allo stesso tempo sprizzante voglia di vivere. www.myspace.com/humusinfabula

Live di Humus


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hunchbacked Men


Nessun evento trovato in archivio


HUNDRED REASON


Hundred Reasons Shatterproof Is Not A Challenge Columbia/ Sony Se due anni fa la loro missione era stata di fare argine contro la marea nu metal targata USA, oggi gli Hundred Reasons danno tutta l'impressione di voler strappare alle band d'oltreoceano il monopolio sull'emo-core: un'operazione persino più facile per questo quintetto del Surrey nato proprio sulle ceneri di due formazioni hardcore. Sulla carta ma anche e soprattutto nei fatti. Savanna non impiega più di qualche secondo per tracciare il solco lungo il quale si muove il secondo album degli Hundred Reasons: chitarre a manetta e temi melodici intonati senza il minimo riguardo per ugola e tonsille. Tutto si gioca e si risolve nei fatidici tre/minuti/tre, secondo la formula più cara alla musica pop di largo consumo ed entro il minutaggio massimo consentito a un gruppo punk. Verrebbe da pensare ad accordi furiosi su tempi frenetici, ma in Shatterproof Is Not A Challenge gli Hundred Reasons parlano più volentieri di sentimenti e passioni che non di rabbie e veleni. E' questo il caso di ballate ruvidamente romantiche come Harmony, Lullaby, My Sympathy e Still Be Here, dov'è la melodia a farla da padrona senza che i volumi degli amplificatori ne abbiano a soffrire. E se neppure gli episodi più tirati - Stories With Unhappy Endings, The Great Test, Pop - deragliano da quei binari, le probabilità che gli Hundred Reasons facciano anche stavolta bingo sono parecchie.

Live di Hundred Reason


Nessun evento trovato in archivio


HUNDREDS


Da poco uscito l'album omonimo del duo di matrice tedesca per la SINNBUS stessa etichetta dei ALARMA MAN, BEACH, AUDREY e HONEY FOR PETZI. Un incrocio di sonorità tra l'elettronico, il dub e l'ambient music... Gli Hundreds sono : Philipp (Synthesizer, Piano, Beats) Eva (Voice, Glockenspiel, Autoharp) www.hundredsmusic.com www.myspace.com/hundreds

Live di Hundreds


Nessun evento trovato in archivio


HUNGRY ROZ


Hungry Roz - Biografia Il gruppo nasce da un'idea di Sonny (23), che dopo aver suonato in diverse formazioni sente la necessita' di esprimere le proprie emozioni con dei componenti che vivono e percepiscono la musica come espressione del proprio essere e soprattutto come ragione di vita. una serie di live contemporaneamente alla realizzazione dell'intero album, (registrato e suonato da Sonny e Nuke) che coniene 14 brani e che viene terminato nel giugno 2004. Nello stesso mese Michele Vascelli entra come batterista negli Hungry Roz. Contatti: Andrea Bianchini Via Kennedy 8 62017 PortoRecanati (MC) email: andrea@yellowsheep.it tel: 333-2640681 -

Live di Hungry Roz


Nessun evento trovato in archivio


Live di Huntingtons


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hurlak


Nessun evento trovato in archivio


HURTS


A cavallo tra il 2010 ed il 2011 un nome più di tutti è emerso tra gli appassionati di pop elettronico, un nome che fa capo ad un duo con base a Manchester. Si tratta degli inglesi Hurts che, con la pubblicazione del loro debutto intitolato Happiness, hanno reso felici tutti gli appassionati di un particolare momento della musica anni '80 che faceva capo a band come Human League, New Order, Depeche Mode, Ultravox. Con un solo disco, infatti, gli Hurts hanno riscoperto e rivitalizzato quei suoni rendendoli nuovamente attuali attraverso la scrittura di una vera e propria opera pop eccelsa. Con Happiness gli Hurts hanno infatti conquistato sia i neofiti dell'elettro-pop sia chi gli anni Ottanta li ha vissuti in prima persona, grazie a singoli come Better Than Love, Wonderful Life, Stay e Sunday, decretando la loro opera prima come uno degli album di maggiore successo del 2010/2011. Ed è nel 2011 che la band vince la nomination di Best New Band agli NME Awards, con oltre 2milioni di copie vendute in tutto il mondo. Nell'elettro-pop di Adam Anderson e Theo Hutchcraft, con rimandi al rock oscuro di Joy Division, Interpol, Editors e White Lies, si ritrova tutta la magia ed il glam degli anni '80, una stagione tanto bistrattata quanto apprezzata per il cambio radicale che ha imposto ai canoni della pop-music. Anche dal vivo gli Hurts non tradiscono questa magia: il glam diventa parte integrante dello show che è, sin dagli esordi, uno dei live più affascinanti degli ultimi anni, con esplosioni sonore che flirtano con la dance. Imperdibili. www.informationhurts.com

Live di Hurts


Nessun evento trovato in archivio


HUSBAND


Husband nasce a Bologna nel maggio del 2010. Dapprima come progetto solista di Giallo (Buzz Aldrin), in seguito con l'aggiunta di Chiara diventa un duo. Con un solo brano postato su myspace si fanno notare da alcuni blog d'oltremanica e non solo (no pain in pop, get off the coast , delicious scopitone) e iniziano una serie di concerti in Inghilterra che danno visibilità alla band fino ad essere selezionati dal “The Guardian” che dedica loro la sezione “band of the day”. A metà maggio 2011 è uscito per la Robot Elephant Records il loro primo EP con 2 brani della band e svariati remixes tra cui quello del nostro Wolhter Goes Stranger. Durante il loro primo anno di vita hanno aperto per Chain and the Gang (Padova) Battles (Link, Bologna) ed hanno suonato in alcuni dei locali più importanti di Londra (Corsica Studios, Vice party- Old Blue Last, Hoxton Square). http://www.facebook.com/husbandband

Live di Husband


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hush


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hushpuppies


Nessun evento trovato in archivio


HUSSY HICKS


www.hussyhicks.com www.myspace.com/hussyhicks

Live di Hussy Hicks


Nessun evento trovato in archivio


HUUN HUUR TU


Huun Huur Tu La musica siberiana di Tuva è prevalentemente cantata e unica al mondo: il canto è diplofonico, ossia, cantare con due voci. Emettere contemporaniamente due suoni è quasi impossibile salvo rarissime eccezioni, ma non per i tuvani. Per loro è naturale in quanto fa parte del loro bagaglio culturale. Immaginate due o a volte anche tre voci emesse da un unica laringe: la bocca è completamente aperta e la lingua ruota dall'alto del palato disegnando due emissioni sonore, una per il bordone, l'altra per l'armonia. La musica dei Huun Huur Tu è autentica, preservata in quell'angolo dell'Asia sotto la grande federazione russa è rimasta inalterarta nei secoli proprio grazie alla posizione geografica della Republica di Tuva fra la taiga siberiana, il deserto del Gobi e i monti dell'Altai. Per i Tuvani il canto non è altro che l'imitazione dei suoni della natura e nei concerti dei Huun Huur Tu si possono ascoltare suoni acuti e penetranti, gravi, cavernosi, cristallini, simili a un cinguettio, il fluire dell'acqua o il soffio del vento. La strumentazione serve solo ad arrichire e dare risalto alle emissioni vocali del gruppo.

Live di Huun Huur Tu


Nessun evento trovato in archivio


HY-TEST


HY-TEST, giovane band australiana di chiara matrice Stoner-Punk. www.myspace.com/hy-test

Live di Hy-test


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hybrido


Nessun evento trovato in archivio


HYBRIS


The project was conceived in late 2007 by I Nauthiz, Antimonio and Mictian, first named "Yggdrasill". The concept dealed around mithology, paganism and folklorism. The band began to work on the first release as a never-play-live project. In 2008 the band started recording the first ep with session members. After some changes in the line-up they finally met Thanatos and Ex Mortem, whom joined the band in the definitive formation. In 2009 They changed their name into "HYBRIS" and re-record the first album in "Early Reflection Studios".. In July 2009, Hybris subscribe a contract with the " Extreme Agency ". After, Antimonio left the band, but the debut album, " Hybris " was published by the remaining members. Soon King joined the band in the role of the bass player. www.myspace.com/hybrisblack

Live di Hybris


Nessun evento trovato in archivio


HYDRA


Il gruppo si e' formato nel 1985 a Falconara Marittima (AN), dall'incontro tra Marco Zambelli voce, Gianluca Marconi e Giovanni Rovatti chitarra e Lucio Furnari batteria. La formazione si e' poi stabilizzata con l'inserimento di Gianluca Cardinaletti alla batteria e Paolo Bracaccini al basso. Gli Hydra hanno registrato 5 demo tape fino al 1994, suonando Thrash metal, con influenze dei gruppi dell'epoca, a partire da Slayer e Metallica. Dopo vari avvicendamenti di formazione e un cambio di nome in Aydra nel 1993, hanno inciso un minicd (Psycho Pain Control) nel 1996 con Giovanni Rovatti come ultimo membro rimasto della formazione originale. Nel 1997 anche Giovanni Rovatti lascia il gruppo e gli Aydra continuano per la loro strada, virando verso un genere Thrash/Death piu' tecnico. Nel 2008 si riunisce la formazione originale degli Hydra con Giovanni Rovatti chitarra e voce, Gianluca Marconi chitarra, Gianluca Cardinaletti batteria e Marco Marasca al basso. www.myspace.com/hydraita

Live di Hydra


Nessun evento trovato in archivio


HYDRAHEAD


Ravennati doc, suonano un rock potente, melodico e pieno di grinta. Esordiscono con il loro singolo "Follow this Sound" (per l'etichetta americana City Street Records) in collaborazione con il regista Salvatore Perrone e con il produttore Daniele Autore (“Vanilla Sky”, “The alternative factory”), disco che mette in gioco i sei ragazzi nel panorama mondiale. L'ep “H(e)arth” esce a novembre 2013, registrato presso il Seahorse Studio, mixato e masterizzato da Daniele Brian Autore al The alternative Factory studio. Nel frattempo la composizione per l'album è arrivata al termine. www.facebook.com/hydraheadrock

Live di Hydrahead


Nessun evento trovato in archivio


HYDROGYN


Nonostante il successo crescente, un tour europeo per gli Hydrogyn è ancora di là da venire, allora abbiamo pensato di intercettarli oltreoceano per testare sul palco se davvero ancora una volta noi di "Flash" ci abbiamo visto giusto. Ma la serata del CBGB offre ancora di più: una sorta di eclettico minifestival metallico come vetrina per la giovane, intraprendente etichetta Chavis. Ad aprire però è un evento estraneo alla label, ed anomalo in tutti i sensi... Immaginate di entrare nel locale all'ora di cena con la poco esaltante prospettiva di trovarsi di fronte ad uno sconosciuto gruppo giapponese che prova a rompere il ghiaccio, e di trovarvi invece in una bolgia di goth girls minorenni strepitanti in adorazione dell'androgino frontman, incrocio tra Marylin Manson e Ville Valo, di questi sorprendenti Despair's Ray. Con un look vincente e canzoni efficaci tra HIM e Manson, Korn ed Orgy, il quartetto misto del Sol Levante sembra già essere a buon punto sulla via della consacrazione, senza che noi ci fossimo accorti di nulla... boh! Rapido cambio di palco e di pubblico, spazio ai metallari, quelli un po' più attempati in grado di apprezzare l'epic-prog melodico degli Azrael's Bane. Non sono neanche male, ma purtroppo sarà il locale sbagliato, sarà che questo genere in America proprio non tira, ma i pochi interessati si scaldano solo alla cover di "Wasted Years". Attrazione della serata gli Hydrogin, che presentano stasera uno show incentrato esclusivamente sulla musica, senza le due spogliarelliste e gli effetti di luce che li accompagnano in altre date del tour americano. Le caratteristiche principali che li contraddistinguono sono equilibrio e compattezza: una perfetta "macchina da groove", che sa quasi sempre come trovare la melodia giusta, l'hook capace di impreziosire una canzone. Proprio come i grandi gruppi degli anni '80 cui si ispirano, peraltro più nel songwriting che in un suono assai contemporaneo. Ottimo l'affiatamento delle twin-guitars, ma ad impressionare è il valore della sezione ritmica, mai relegata a semplice sottofondo ma pronta a prendersi i suoi spazi nel contesto dei pezzi. Poi c'è lei, Julie, splendida anche in un abito relativamente castigato e senza prodigarsi in mosse lascive. Ci tiene a mostrarsi una cantante vera, e vi riesce nonostante un mixaggio un po' penalizzante. La sua voce calda e profonda sembra tradire una formazione blues più che country, certo è che all'hard rock si addice molto bene. La scaletta ripercorre quasi tutto "Bombshell", partendo da "Blind" e chiudendo con una "18 & Life" da brividi. Si fanno apprezzare in particolar modo "Breaking Me Down" per il gran tiro e "Confession" per la varietà d'atmosfere. Non comunque che "Vesper's Song" e "Look Away" siano state da meno. Superfluo ma ben fatto l'intermezzo strumentale "King Of Gundore", mentre il mastermind Jeff Westlake sale in cattedra in un accenno di assolo maideniano sul finire di "Book Of Names". Il concerto, intenso e brillante, si è rivelato un successo per gli Hydrogyn, che hanno visto aumentare esponenzialmente il pubblico osannante pezzo dopo pezzo. La serata comunque non è ancora finita, dato che la Chavis ha scelto di far esibire un gruppo ancora senza contratto per vedere se è meritevole di essere ingaggiato. Ed i Baptized By Fire sono destinati a non passare inosservati, visto che a guidarli c'è nientemeno che il figlio di Dee Snider! Purtroppo il papà non è presente, ma c'è da credere che sarebbe stato soddisfatto delle qualità di frontman mostrate dall'erede, a ribadire che per una volta buon sangue non mente. Il rampollo è in gamba, sentiremo parlare ancora di lui. Nel complesso quella del CBGB si è rivelata una metal-night assai divertente, che ha fatto onore alla tradizione di trampolino di lancio per l'underground del locale. Merito va però anche alla Chavis, lungimirante etichetta meritevole di trovare una distribuzione anche dalle nostre parti. www.hydrogyn.com www.myspace.com/hydrogyn

Live di Hydrogyn


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hydronika


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hymans


Nessun evento trovato in archivio


HYPE


Testo: Gli HYPE hanno origine da un'idea comune messa in atto per concretizzare la fusione di diversi generi musicali, la cui influenza in particolare risente della qualita sonora MADE IN UK. La formazione convoglia nei suoi singoli elementi un'esperienza pluriennale nel campo musicale live e studio. I 4 ragazzi sono autori dei testi e delle idee di fondo delle canzoni. Ogni loro singola canzone viene scritta con estremo sentimento e racchiude parti biografiche molto intense e profonde. I testi sanno essere scacciapensieri e profondi al tempo stesso. L'idea cardine della produzione è quella di rendere una canzone ascoltabile, molto vicina al'orecchio umano e non troppo articolata La realizzazione di brani inediti è il punto di partenza di un progetto che prevede la crescita continua del gruppo. Le ambizioni sono grandi così come la voglia di lavorare sul sogno di poter diffondere la propria musica su larga scala. Matteo (Voce e chitarra ritmica) - è il mezzo di espressione tramite il quale le canzoni del gruppo prendono vita. Per diversi anni ha cantato blues sviluppando una voce calda e profonda. E' il frontman degli HYPE e la sua capacità di stare in mezzo alla gente e su un palco lo rende vivo e presente durante le performance live. E' la punta di diamate tramite cui converge l'incisività del gruppo Giuseppe (Basso) - ha suonato per diversi anni in un gruppo cover dei Marlene Kuntz passando per altre formazioni e accumulando esperienza durante serate live in tutto il territorio barese. E' un musicista chiaro e limpido e le sue doti tecniche sono notevoli. Nel gruppo è … LO STILE Andrea "Barabba" (Chitarre, backing vocals) - è da lui che parte l'idea degli Hype. Ha suonato per svariati anni con il batterista Saverio in cover band Rock fin quando il desiderio di esprimere le proprie idee e il proprio carisma lo ha portato a balzare al di là del comune “imitare” gruppi già conosciuti. Non è un chitarrista virtuoso, tiene più a dare vita alle canzoni che non a mostrare le proprie capacità tecniche. Saverio (Batteria, Percussioni) - Rappresenta la parte ritmica del gruppo e il suo essere così potente dietro la batteria apporta una carica di energia immensa alle canzoni degli HYPE. E' il più dotato tecnicamente, viene dalla scuola funky-jazz ma con un grande passione per il rock. Ha suonato insieme a “Barabba” in una cover band rock che ha portato avanti un mini tour in Puglia da Febbraio a Giugno del 2001. www.myspace.com/hypeitalia

Live di Hype


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hypermagic Mountain


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hypnolove


Nessun evento trovato in archivio


HYPNOS 69


Non sono molti i dischi che sanno trasmettermi tanta malinconia. Non è solo una questione di scelte armoniche, di scale, di suoni. È qualcosa di più intimo, di intrinseco. Come un liquido che impregna un tessuto saturandone le fibre, colmando gli spazi vuoti fra trama e ordito. Qualcosa che, proprio come un liquido, in una sorta di crudele processo osmotico, sembra passare dalla musica a chi la ascolta. "The Eclectic Measure" ('06) avrebbe dovuto essere l'ultimo disco degli Hypnos 69. Ancor prima che fosse terminata la registrazione dell'album, infatti, la band aveva annunciato la fine del proprio viaggio, la conclusione di una storia cominciata più di dieci anni fa, che ha portato quattro ragazzi di Diest (Belgio) a calcare gli stessi palchi di personaggi del calibro di Brant Bjork e Alfredo Hernandez. Solo così, forse, con la rassegnata consapevolezza che accompagna la scrittura di un epilogo, si può spiegare da dove arrivi quella malinconia che sembra pervadere anche i momenti più concitati del disco, quella tristezza, quel senso di "definitività" che ne accompagna l'ascolto. "The Eclectic Measure", per gli Hypnos 69, rappresenta quello che di solito viene definito il "disco della maturità": le sonorità stoner che ancora facevano capolino nelle precedenti produzioni si sfaldano definitivamente, lasciando il campo libero a coordinate sonore che affondano le proprie radici nel progressive d'annata, ma per assorbirne i suoni e il gusto, più che le strutture. Canzoni per lo più brevi, di una fruibilità e di un'immediatezza davvero rara, in cui la forma canzone finisce diluita da divagazioni strumentali, senza, però, indugiare nello sterile virtuosismo, nell'onanistico esercizio di stile. È un disco che, come un quadro a olio, si giova di molteplici stratificazioni, di linee melodiche, colori e materiali sonori contrastanti che si amalgamo e si mescolano senza urtarsi, sfumando gli uni negli altri. Ritmiche hard rock di matrice settantiana che illanguidiscono lentamente su vellutati tappeti di hammond e Fender Rhodes. Linee di sax isteriche, nervose, che ricordano forse fin troppo da vicino la nevrosi frippiana ("Ominous - But Fooled Before"), si sposano a ballate acustiche di una semplicità disarmante, su cui i fiati possono adagiarsi in soffici volute ("My Ambiguity Of Reality"). Atmosfere spudoratamente floydiane, di sussurrata tristezza, che prendono vigore in enfatici crescendo orchestrali (la commovente traccia di chiusura "Deus Ex Machina"). Hard rock, folk, progressive, un pizzico di psichedelia, addirittura alcuni passaggi che sembrano dover indurre le labbra a pronunciare il nome dei Motorpsycho ("Halfway To The Stars"), perdono volentieri di identità per mescolarsi, fondersi e confondersi. Un disco triste e bellissimo a cui, forse, si può imputare di svelare troppo facilmente i propri segreti, di non avere pudore nel rivelare quali siano le proprie origini, le proprie fonti di ispirazione. Nei mesi scorsi, la band ha ripreso l'attività live e ha annunciato che, entro l'estate 2008, rientrerà in studio per registrare un nuovo album. Avrebbe dovuto essere la fine del viaggio. Sono felice che sia stata solo una breve sosta. www.hypnos69.be www.myspace.com/hypnos69

Live di Hypnos 69


Nessun evento trovato in archivio


HYPNOSIS DUO


Ambient, etno e trance music sono le estetiche che più interessano Hypnosis duo, formato da Giuseppe Dal Bianco (flauto traverso modificato, flauti etnici, didgeridoo) e Maria Zocchi (pianoforte, live electronics). Hypnosis duo si propone al pubblico con un progetto musicale dove vengono distillate trame melodiche, texture e paesaggi sonori surreali, invenzioni di ricercata sonorità, musica che si compone e si dissolve tra riverberi , echi, sonorità ancestrali e suoni sintetici, capace di evocare immagini e suggestioni fantastiche. In tutto questo, il respiro profondo di Giuseppe Dal Bianco con i suoi numerosi strumenti a fiato filtrati e modificati e l´elettronica di Maria Zocchi che, attraverso un sapiente uso di loop e sonorità di forte impatto, trae ritmi ossessivi ed ipnotici. Ne susseguono stratificazioni melodiche suggestive, ammalianti e avvolgenti. Il ritmo sarà quello del battito del cuore, del respiro lento, nel quale il pubblico viene avvolto in un vortice dolce e sinuoso che trasporta lentamente altrove. Musica sognante, incalzante, ipnoticamente ripetitiva come in un rituale sciamanico che può sfociare in apoteosi sonora o sfiorare pianissimi che si avvicinano al silenzio. Il programma del concerto prevede quattro brani dai tempi molto dilatati: Mountains, Land, Shaman e Senza ritorno. Biografie. Giuseppe Dal Bianco flautista e polistrumentista, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza. Ha svolto intensa attività concertistica in Italia e all'estero e contemporaneamente attività espositiva con numerose mostre personali e collettive nel campo delle arti figurative come pittore. E' docente di flauto traverso e direttore artistico della rassegna concertistica Aprile Musicale a Malo. Per diverse compagnie teatrali esegue dal vivo le musiche di scena in numerosi spettacoli e collabora con molti altri musicisti in vari ambiti musicali. Da diversi anni si dedica allo studio degli strumenti a fiato etnici, frequentando anche numerosi seminari di studio presso la Fondazione Cini di Venezia. La sua grande passione e interesse per gli strumenti a fiato lo ha portato a raccogliere e collezionare 250 strumenti provenienti da ogni parte del mondo, gran parte dei quali li usa nei suoi concerti. Da sempre affascinato dalle sonorità che legano Oriente e Occidente, nel 2005 incide un CD dal titolo “senza ritorno” che lo vede protagonista assoluto, nel quale, con i suoi numerosi strumenti esegue nove brani strumentali da lui composti e arrangiati. Nel 2010 incide il suo secondo CD dal titolo “perpetuo vagare" con il percussionista Luca Nardon. La sua è musica meditativa, evocativa, un indagare in mondi indefiniti tra oriente e occidente, attraverso ritmi lenti e suoni dilatati nel tempo. Atmosfere rarefatte, echi primitivi ricchi di memorie, un viaggio della mente seducente ed ipnotico. giuseppedalbianco.it Maria Zocchi pianista, compositrice e sound performer è nata a Napoli nel 1980. Si è diplomata in pianoforte con il massimo dei voti e nel 2005 ha conseguito il Diploma Accademico di II livello, con 110 e lode presentando la tesi intitolata “Elettronica e musica da camera”. Parallelamente si diploma presso l'Accademia Musicale Umbra, sotto la guida di Lucia Passaglia. L'interesse per la musica elettronica e le culture popular e underground la portano a utilizzare una groovebox (campionatore, sintetizzatore e sequencer) per la composizione. Nel 2012 compone le musiche di scena di “Atmosfere, racconti d'amore e di morte” (regia di E. Guizzetti) e “Frammenti di una donna” (monologo teatrale con Carla Taino e la regia di Alessandra Ingoglia). Nel 2012 conosce il polistrumentista Giuseppe Dal Bianco e insieme danno vita all'Hypnosis Duo. Con questa nuova formazione riversa le sue ricerche aspirando a una forma d'espressione che si sviluppa attraverso principi di improvvisazione trance e minimal. Tra il 2006 e il 2011 affianca all'attività artistica la professione di docente di scuola media. Vive e lavora a Villa di Serio, in provincia di Bergamo. A partire dal 2013 è presidente dell'associazione culturale “Traiettorie Instabili”.

Live di Hypnosis Duo


Sab 10 Mag CSC CENTRO STABILE DI CULTURA - San vito di leguzzano (VI) - Italia

CSC CENTRO STABILE DI CULTURA 0445/531084 349/2943281 VIA LEOGRA SS. 46 KM.21 S. VITO DI LEGUZZANO SCHIO VI www.centrostabile.it www.facebook.com/centrostabile.dicultura




HYPNOTHETICALL


Gli Hypnotheticall nascono nell'inverno del 1999 quando alcuni musicisti ed amici, sempre guidati nel corso degli anni dal cantante Francesco Dal Barco, dal chitarrista Giuseppe Zaupa e dal batterista Paolo Veronese, decidono di mettere insieme le loro numerose ed eterogenee influenze musicali dando vita ad un genere di musica vario, molto tecnico ma emozionale allo stesso tempo. Il primo risultato degli sforzi musicali degli Hypnotheticall sono 3 brani che la band decide di registrare nel febbraio del 2002 e che prendono posto, nel maggio dello stesso anno, all'interno di “In Need Of A God?', il primo demo-CD della band, che ottiene riscontri molto buoni da webzines e riviste specializzate sia in Italia che all'estero Dopo un anno, il 2002, passato suonando dal vivo e scrivendo nuovo materiale, nel febbraio del 2003 la band ha 6 nuovi pezzi pronti, per un totale di oltre 40 minuti di musica, e decide di registrarli dando vita, nell'aprile del 2003, a 'Thorns', il nuovo mini-CD autoprodotto degli Hypnotheticall, per il quale le reazioni di critica e pubblico si rivelano a dir poco entusiastiche. La persistente incapacità nel mantenere una formazione stabile purtroppo costringe la band a prendersi una pausa con l'obiettivo di riordinare le proprie idee. La pausa si protrae per la bellezza di due anni, durante i quali la band subisce numerosi cambiamenti di coordinate musicali ma soprattutto di formazione. Fortunatamente, alla fine del 2005, la band decide di ricominciare la sua attività ufficiale, forte di una formazione rinnovata, che include anche Mirko Marchesini alle chitarre ritmiche e soliste, e di una nuova proposta musicale che trae ispirazione da band molto diverse tra loro quali Tool, Meshuggah, King Crimson, A Perfect Circle, Porcupine Tree, Rush, Sieges Even e Pain Of Salvation. Con questi nuovi, ottimi presupposti la band, all'inizio del 2006, decide di entrare in studio di registrazione per registrare il nuovo master promo-CD “Promo 2006”, composto da ben 8 brani per una durata di 40 minuti, per il quale i riscontri si dimostrano addirittura migliori rispetto ai demo precedenti. Dopo un anno e mezzo passato suonando dal vivo, riarrangiando vecchie canzoni e scrivendo nuovo materiale la band, all'inizio del 2008, comincia a sperimentare un sound nuovo di zecca con una nuova formazione che include il nuovo bassista Luca Capalbo (ex Gory Blister), e il secondo batterista Francesco Tresca, già membro degli Hypnotheticall per qualche tempo nel 2003 e ora batterista della band power metal britannica dei Power Quest. Attualmente la band si sta concentrando sulla composizione del nuovo materiale e preparando il nuovo repertorio dal vivo con due batterie. Le canzoni scitte e suonate live negli ultimi mesi, tuttavia, sono state registrate presso gli Hate Recording Studio di Rosà (VI) e prenderanno posto nel nuovo, primo full-length album ufficiale della band, che vedrà molto probabilmente la luce all'inizio del 2009. Discografia: -'In Need Of A God?' (Demo-CD * Maggio 2002) -'Thorns' (Mini-CD Autoprodotto * Aprile 2003) -'Promo 2006' (Master Promo-CD * Gennaio 2006) www.hypnotheticall.it www.myspace.com/hypnotheticall

Live di Hypnotheticall


Nessun evento trovato in archivio


HYPNOTIC BRASS ENSEMBLE


Hypnotic Brass Ensemble è un giovane collettivo con base operativa tra le affollate e caotiche strade di Chicago: non è un romantico modo di abbozzare la realtà, per anni si sono espressi esclusivamente come street-band suonando tra cunicoli della metro e marciapiedi della propria città. La proposta è essenzialmente basata su un avvolgente, variegato e piacevolissimo melange di jazz innestato su solida corteccia funk e innervato da pertinenti basi brass; il tutto è coniato da ben nove elementi, tra fiati (quattro trombe, due tromboni, un baritono, un sousaphono) e percussioni; curioso notare che ben otto di essi risultino discendenti diretti - per chi lo conosce potrebbe rappresentare un discreto biglietto da visita - di Phil Cochran (Sun Ra Arkestra). In questo senso la freschezza, la vitalità e scorrevolezza intrinseca (gli incastri armonici paiono quasi di natura hip-hop) che ne caratterizza i tratti musico-somatici potrebbe portarci a generare l’ennesima, avulsa sequela di imbarazzanti luoghi comuni: “Buon sangue non mente”, “Tale padre tale figlio” e così via proverbialmente farfugliando; per una fortuita e fortunata serie di concause effettivamente potrebbe essere così, ma al contempo non renderemo appropriato merito a quanto di intrigante costoro autonomamente eseguono e portano avanti da circa un quinquennio a questa parte. www.myspace.com/hypnoticbusiness

Live di Hypnotic Brass Ensemble


Nessun evento trovato in archivio


HYPO


HYPO - ‘Random Veneziano’ (Active Suspension/Risonanza Magnetica) Siete pronti? Sì. Bene, allora tenetevi, forte perché questa volta vi ho preparato una bella scossa di adrenalina in grado di farvi sobbalzare dalla sedia, di far gridare allo scandalo e di far sorridere la “critica bene” (sicuramente certa della mia ignoranza, malafede, pressappochismo e quant’altro). Orbene non so se ci sarà mai in futuro, ma di certo non c’è mai stata in passato, una recensione in cui ho raccolto così tanti musicisti e per i quali userò le stesse identiche parole. Qui si va oltre i suoni, che, per ciascuno dei titoli coinvolti, potrebbero indurre a parlare di generi diversi, pur se il sentore sperimentale/avanguardista li attraversa tutti. Qui si entra nel campo del concetto che sta dietro la messa in pratica dell’opera. E, soprattutto, qui si mette in discussione lo stato di salute attuale di certo sperimentalismo, sia esso minimale, concreto, astratto, micro wave, pop obliquo, elettronico, elettro-acustico o strumentale classico. La povertà di idee (addirittura di idee clonate, ma almeno di sicuro affidamento) che caratterizza, in modi diversi, questi sei dischi è sconcertante. E se persino un mostro sacro come Luc Ferrari si mette a pubblicare un lavoro in cui occorre attendere 35’ prima di iniziare a sentire qualcosa di vagamente interessante, allora mi sa che è meglio fermarsi un attimo a riflettere, perché siamo ben oltre il “peggio storico” (ovvero l’iterazione dei soliti tre accordi all’infinito). - www.activesuspension.org -SUONA: Martedì 14 Dicembre - Roma @ tba/tbc; Mercoledi' 15 Dicembre - kantiere (c.s.a. dell'universita') - Cosenza 16 Dicembre - C.p.g. - Giarre (CT) 18 Dicembre - Fabbrik - Catania; - INFO: ROCKET bookings & promotions - Paolo Francesco Visci - 338/2591834 - Via dei mandorli 7 - Spoltore (PE) - www.8records.net/rocket

Live di Hypo


Nessun evento trovato in archivio


HYPOCRISY


La carriera degli Hypocrisy rappresenta brillantemente quella che possiamo sicuramente definire un'ascesa continua. Già con i primi lavori, "Osculum Obseculum" ed il mini "Penetralia", il gruppo si era fatto notare nell'ambito della scena estrema scandinava, mentre con la correzione stilistica operata con "The fourth dimension" ha gettato le basi dalle queli sono poi nati capolavori quali "Abducted" ed "Hypocrisy". L'ultima loro fatica, "Into the Abyss" ha evidenziato però una parziale inversione di tendenza. Mancano infatti molte delle atmosfere che hanno rese magiche canzoni quali "Roswell 47" o "Paled Empty Sphere", mentre vengono messi in risalto gli aspetti e le influenze più violente e brutali della proposta musicale del gruppo

Live di Hypocrisy


Nessun evento trovato in archivio


Live di Hyra


Nessun evento trovato in archivio


I


Live di I


Nessun evento trovato in archivio


I AGAINST I


I AGAINST I La storia degli I Against I è la classica avventura punkrock. Nati e cresciuti in una piccola città Olandese gli I Against si formano ascoltando The Clash, Bad Religio, Dead Kennedys, Fugazi e Descendents. Dopo poco più di un anno gli I against I diventano la prima band europea a firmare per Epitaph, la più importante maggior discografica punk del mondo. Nel 1997 pubblicano il loro prima EP dal titolo "Top of the world" suonando con band del calibro di Bad Religion, Down By Law, Pennywise e Blink 182e prima della fine dell'anno esce "Headcleaner"il primo full lenght della band. Nel 1999 gli I against I partono per un tour mondiale di supporto agli ALL. Nel 2000 dopo l'uscita del secondo album “I'm A F***ed Up Dancer But My Moods Are Swinging" partono per un secondo tour mondiale con i Down By Law. Dopo molti live in tutto il mondo ed un evoluzione del proprio sound gli I Against I tornano con un album omonimo nel settembre 2005. www.iagainsti.nl - SUONANO: 1.7 Rimini - Velvet - w/ LAGWAGON, Viboras 2.7 Ceccano (Fr) - Etnika Rock Festival

Live di I Against I


Nessun evento trovato in archivio


I AM GHOST


Gli I Am Ghost sono un gruppo emo/gothic rock statunitense di Long Beach, fondato da Steven Juliano nel 2004, sotto contratto con la Epitaph Records. La band definisce la sua musica come uno stile musicale che combina elementi di metal, gothic rock, melodic hardcore e screamo. Il gruppo si formò nel 2004 da Steve Juliano (voce), Timoteo Rosales III (chitarra, Gabe Iraheta (chitarra), Kerith Telestai (violino), Brian Telestai (basso e Victor Angel Camarena (batteria). Il gruppo registrò un EP demo per la Epitaph, intitolato We Are Always Searching, che gli procurò un buon numero di fan in California[4]. Grazie a questo EP il quintetto ottenne un contratto con la Epitaph, con la quale si legò nel 2005. Nel 2006 il gruppo di Laguna Beach pubblicò il suo primo album su Epitaph, Lovers' Requiem. Juliano ha dichiarato a proposito dell'album:É essenzialmente un'opera rock, ma per ragazzi che ascoltano hardcore o goth. Nel 2007 la formazione si stabilizzò attorno a Steve Juliano (voce), Timoteo Rosales III (chitarra), Ron Ficarro (basso) e Justin McCarthy (batteria). La band passò i due anni successivi in tour con Aiden, Escape the Fate, Eyes Set to Kill, Biffy Clyro, TheAUDITION, The Bronx, The Matches e The Higher durante i tour della Epitaph e di Kerrang!, partecipando anche ai Warped Tour 2006 e 2007. Il violinista Kerith Telestai pubblicò una dichiarazione ufficiale il 29 giugno 2007, annunciando che avrebbe lasciato la band per seri motivi di salute cousati dai continui tour. Pochi giorni dopo l'abbandono di Kerith il marito Brian Telestai annunciò che anche lui avrebbe lasciato il gruppo dopo il tour con gli Aiden. Alla fine del 2007 il bassista Ron Ficarro prese il posto di Brian Telestai. Il secondo full-lenght della band, Those We Leave Behind, fu pubblicato il 7 ottobre 2008. www.myspace.com/iamghost

Live di I Am Ghost


Nessun evento trovato in archivio


I AM KLOOT


I AM KLOOT, “Let it all in” (Pias / Self records, Lontano dai riflettori, dalle luci della ribalta, gli I Am Kloot, album dopo album, si sono costruiti una forte credibilità nel panorama rock inglese. Non li vedrete mai suonare davanti a folle oceaniche in estasi, non ci troviamo di fronte a un gruppo alla Coldplay, amato e apprezzato dal grande pubblico. Gli I Am Kloot, trio nato nel 1999 a Manchester, purtroppo o per fortuna, sono rimasti nell'angolo, in penombra, fuori dalle vette delle classifiche. Lo splendido esordio “Natural History” (2001) rimane una pietra miliare dell'indie rock di inizio millennio, negli anni a seguire, a differenza di molti colleghi, svaniti nel nulla, gli I Am Kloot sono sopravvissuti alle mode passeggere e l'hanno fatto con classe e stile: si sono sempre mantenuti su livelli qualitativi medio-alti. Se ce ne fosse stato bisogno, “Let it all in” è l'ennesimo colpo messo a segno, alla produzione si riconfermano Craig Potter e Guy Garvey, componenti degli Elbow e amici di vecchia data della band. Il risultato è pregevole, “Let it all in” è un disco ben scritto e suonato, con arrangiamenti sopraffini. Niente è lasciato al caso, la cura dei dettagli è maniacale: la delicatezza del tocco di chitarra, il cantato mai invadente, leggero e volatile come una foglia decadente, la dolcezza suadente della sezione ritmica. Ne esce fuori un pop aristocratico nella forma e democratico nei contenuti, alla portata di tutti. La magniloquenza degli inserimenti orchestrali di “Hold back the night” si contrappone alla semplicità intimista di canzoni come “Mouth on Me” e “Shoeless”. Gli I Am Kloot si dimostrano capaci di coniugare lato acustico e orchestrale, liberando il campo da facili manierismi e pressappochismi. Johnny Bramwell e compagni non inventano nulla, si limitano a rielaborare ciò che c'è e non si vede, con garbo fanno rivivere quel gusto pop classico andato perduto. www.iamkloot.com

Live di I Am Kloot


Nessun evento trovato in archivio


I AM OAK


Album controverso e difficile “Oasem”, l'ultimo dell'artista olandese I Am Oak. Se non fosse che sono immerso adesso in una Milano in piena fashion week, oserei quasi definirlo un album “concettuale”. 12 tracce che spaziano tra una indie-folk ben riuscita e un “ambiental” più da atmosfera che poco ha da invidiare a quella che potrebbe essere musica da terapia rilassante. Toccasana per momenti di malinconia piuttosto che momenti da semplice ripiglio sul divano dopo aver trascorso una dura giornata. Ma I Am Oak lo si deve capire, e non è facile. Le canzoni sono sì 12 ma in realtà già 3 tracce, “Island”, “Distance” e “Horizon” si ripetono in “Island 2”, “Distance 2” e “Horizon 2” quasi l'artista ci volesse dare una doppia interpretazione, un chiarimento a quelle che le sue idee erano nel momento della realizzazione di questo album, aggiungendo o sottraendo suoni e parole che trasformano quindi queste canzoni in qualcosa di assolutamente diverso e di reinterpretabile in maniere ancora diverse. Apprezzo molto, ma posso anche capire che l'ideale di fondo non possa o debba essere di facile interpretazione, ma come tutte le arti, concepibili o no, la musica non è da meno! Il singolo della pre-uscita dell'Ep, “Curt”, è sicuramente la colonna portante dell'intero lavoro, quasi tre minuti di poesia e leggiadria, mette in pace con se stessi. Album, dunque, controverso e complicato, ma per nulla scontato e non emozionante, direi che avvolte, prima di uscire, prima di fare qualsiasi cosa, bisognerebbe dedicare del tempo anche per noi stessi. I Am Oak, “Oasem” balsamo per l'animo... www.iamoak.com www.facebook.com/iamoak

Live di I Am Oak


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Am The World Trade Center


Nessun evento trovato in archivio


I BELLI DI WAIKIKI


Non è la loro prima apparizione televisiva erano infatti presenti anche nelle 11 puntate della nota trasmissione televisiva "I-SOLATI" in onda su RAI 2 quale contrappunto satirico all'ISOLA DEI FAMOSI, come autori di sigla iniziale, finale, stacchi e gruppo in studio! Forte è di fatto la componente visiva del quartetto che si presenta in scena con un look rigorosamente in stile, fatto di camice a fiori, ghirlande, giacche bianche e papillon modello casablaca, parei, completi da marinai se non addirittura gonnelline, piumaggi ed ornamenti da perfetti indigeni polinesiani, il tutto condito con un naturale e sano piglio cabarettistico ed innumerevoli siparietti e gag. Il loro ultimo album si intitola TIPI DA SPIAGGIA un cd di classicissimo rockabilly hawaiano dal sound molto stravagante, simile a quello tanto amato anche da Elvis che nacque proprio dalla passione per l'esotico che negli anni 50 dilagò nella società statunitense. Uno spettacolo da non lasciarsi scappare e da gustarsi dall'inizio alla fine nella perfetta cornice balneare del Beki Bay onorando l'antico detto hawaiano: "Porta un amico, un costume ed un sorriso e sarai il benvenuto!" www.ibellidiwaikiki.com

Live di I Belli Di Waikiki


Nessun evento trovato in archivio


I BLAME COCO


La giovanissima Coco Sumner in compagnia della sua band I Blame Coco, presenterà il suo album d'esordio The Constant, uscito lo scorso Novembre per la Island Records. Figlia d'arte, come ben sappiamo suo padre è Gordon Sumner, alias Sting, e sua madre l'attrice Trudie Styler; Coco fin da bambina ha saputo apprezzare la buona musica. Il suo idolo è Jimi Hendrix e, stando alle sue parole, deve avergli cambiato la vita. Crescendo ha sempre ascoltato gruppi ska e punk; The Constant, però, volge lo sguardo alla musica degli anni '80, spaziando dalla dance all'elettronica, con uno stile new wave; un album synth-electro-pop che arriva dritto al cuore. Ha già conquistato il grande pubblico con il singolo di debutto Caesar, in cui duetta con la cantante e amica svedese Robyn. Fascino e grinta hanno contribuito alla sua scalata verso il successo. www.iblamecoco.co.uk

Live di I Blame Coco


Nessun evento trovato in archivio


I CALANTI


CALANTI sono un gruppo di 6 giovani musicisti, tutti appartenenti alla Famiglia Colitti di Ugento (Le), che rinnovano una tradizione musicale di famiglia nella quale la passione e l'amore per la cultura e le tradizioni popolari del Salento sono l'humus sul quale è germogliato questo importante gruppo che nel 2008 fa celebrato i 10 anni di attività. La parola magica che unisce le varie generazioni dei Colitti è "Pizzica", quella straordinaria musica che affonda le sue radici nella Grecia classica e che ci è pervenuta quasi intatta nei suoi elementi formali e sostanziali come simbolo di rinascita vitale nella ormai celebre simbologia della tarantata che si risveglia dalla morte apparente causata dal morso della Taranta. I CALANTI hanno saputo mantenersi integri dalla moda delle contaminazioni extra-culturali che hanno snaturato il panorama musicale Italiano, meritando a pieno titolo l'epiteto di "eredi autentici della tradizione" . Nonostante la giovane età ed i 10 anni di attività, il Gruppo può contare su risultati di assoluto prestigio come la distribuzione digitale (downloading) su circa 200 portali internazionali del web e di telefonia mobile, sulla vendita fisica dei CD in varie Nazioni e soprattutto su di un'attività di marketing che ha portato I CALANTI all'attenzione di migliaia di operatori privati ed istituzionali internazionali che gravitano intorno agli spettacoli di musica dal vivo. La caratura del nuovo lavoro "W ci zumpa" è sottolineata dalla partecipazione alla conferenza stampa del 14 giugno ad Ugento di esponenti di primissimo piano della scena discografica e di enti musicali italiani (PMI, SIAE e del Ministero con delega allo spettacolo), occasione nella quale è stato presentato non un "prodotto discografico" ma un "prodotto culturale" capace di attirare l'attenzione di così importanti operatori. www.icalanti.com

Live di I Calanti


Nessun evento trovato in archivio


I CAMALEONTI


Alcune delle loro canzoni hanno fatto la storia della musica italiana, da Applausi a Io per lei, da Perchè ti amo a Il campo delle fragole, Come sei bella, Io per lei, un vero inno dei giovani di allora (il 1968) che rimase in testa alla Hit-Parade per tredici settimane, vendendo più di un milione e mezzo di copie. Per tutti quelli che li hanno amati e li amano ancora e per chi ancora non li conosce è l'occasione di vivere e rivivere tante emozioni con I Camaleonti Nel tempo il gruppo ha visto cambiare qualche elemento (sono rimasti Livio e Tonino del gruppo storico nato nel '63), ma l'anima è rimasta sempre la stessa: quello stile camaleontico difficile da etichettare con un repertorio da pentathlon della musica, un complesso che propone tutt'oggi le proprie canzoni con lo stesso fascino e talento di sempre. www.camaleonti.it

Live di I Camaleonti


Ven 16 Mag FIM - Fiera Internazionale della Musica - Genova (GE) - Italia

FIM - Fiera Internazionale della Musica Fiera di Genova GENOVA INFO: 010/8606461 info@fimfiera.it www.fimfiera.it www.facebook.com/fimfiera




I CAMILLAS


Costa Brava è il nuovo disco de I Camillas. Deve ancora arrivarci fisicamente in mano, ma sicuramente ce lo pomperemo nelle orecchie e ve ne parleremo appena ci riprenderemo da queste festività. I Camillas sono super democratici e hanno spalmato le anteprime e le esclusive su tre siti: Rockit, SentireAscoltare e DLSO. Hanno cagato tutti, tranne noi, ma noi gli vogliamo bene lo stesso. Così, unendo i puntini, si possono ascoltare già sei delle sedici tracce di Costa Brava. Ci sono sfumature rock cantautorale, colpi synth, organi e chitarre distorte. I testi sono degni dei migliori Camillas. In tempo di crisi ci si mette assieme per resistere meglio e tenersi più al caldo. La particolarità di Costa Brava è che è stato coprodotto da ben sette etichette: I Dischi di Plastica, Le Arti Malandrine, Garrincha Dischi, DiNotte Records, Wallace, Mangiarebene Dischi, Tafuzzy. “Un gruppetto tutto abbracciato, in cui ciascuno ha scelto di partecipare, comprando a prezzo di costo una certa quantità di dischi, per poi rivenderli attraverso i loro canali. Questa è una cosa importante, perchè hanno preferito al cooperazione rispetto alla concorrenza. La condivisione rispetto all'esclusiva. Di questo siamo loro grati." Tutto molto bello. http://camillas.altervista.org

Live di I Camillas


Nessun evento trovato in archivio


I CANI


I CANI: “COME VERA NABOKOV” È IL NUOVO VIDEO. CONTINUA IL TOUR DI GLAMOUR. NUOVA DATA AD ASTI Come Vera Nabokov è la canzone che apre il secondo album de I Cani, “Glamour”, una canzone d'amore ruvida e ben poco sentimentale che nel testo richiama l'aneddoto secondo cui Vladimir Nabokov si facesse assistere e proteggere dalla moglie Vera, che arrivava a portare in borsa una “pistola per difendermi”. Dal romanticismo di una storia apocrifa a quello implicito in un film porno il passo sembrerebbe molto lungo: invece, come dimostra il nuovo video realizzato da Bennet Pimpinella (già dietro la macchina da presa per Bloody Beetroots e molti altri), se da un porno con Rocco Siffredi togli il porno e lasci Rocco Siffredi, quello che ottieni è una commedia romantica di quattro minuti. Il video di Come Vera Nabokov nasce dall'incontro fortuito di Bennet Pimpinella con la bobina originale del trailer di “Tharzan e la vergogna di Jane”, film del celebre regista porno Joe D'Amato risalente al 1995, con protagonisti, appunto, Rocco Siffredi e la sua futura moglie Rosa Caracciolo. Per realizzare il clip ci sono voluti più di due mesi di lavoro, in cui Bennet Pimpinella ha graffiato, tagliato, montato e modificato la bellezza di 7.000 frame, direttamente su pellicola. Una vera e propria opera d'artigianato, dai risultati sorprendenti ed efficaci. Come Vera Nabokov è il terzo estratto dal “fortunatissimo secondo album de I Cani” e segue Non c'è niente di Twee, il brano che I Cani avevano usato per anticipare e svelare il loro nuovo lavoro tramite dei volantini rilasciati nel corso della sold out degli Editors all'Alcatraz di Milano, e Storia di un artista, canzone che da subito ha fatto breccia negli airplay di alcune grosse radio italiane ed è finita a fare da colonna sonora per gli stacchetti del popolare programma televisivo Quelli che il calcio. Ma non finisce qui, dopo i sold out di fine 2013, I Cani sono tornati in pista e non hanno intenzione di fermarsi. Il Glamour Tour 2014 continua, data dopo data, a riscuotere successi. GUARDA IL NUOVO VIDEO di “COME VERA NABOKOV” http://www.youtube.com/embed/NHQSUWIJT0w READ MORE: https://www.facebook.com/icaniband

Live di I Cani


Ven 25 Apr - Savona (SV) - Italia

FORTEZZA PRIAMAR SAVONA



Mer 30 Apr PRIMO MAGGIO a Porto Sant'Elpidio - Porto sant'elpidio (FM) - Italia

PRIMO MAGGIO a Porto Sant'Elpidio Area ex Orfeo Serafini PORTO SANT'ELPIDIO FM INFO: 392/2085915 www.elpinet.it



Gio 01 Mag - Cisternino (BR) - Italia

MASSERIA MONTEREALE CISTERNINO BR



Ven 09 Mag ATLANTICO LIVE - Roma (RM) - Italia

ATLANTICO LIVE VIA DELL'OCEANO ATLANTICO 271/D EUR ROMA INFO:06/5915727 concerti@atlanticoroma.it www.atlanticoroma.it www.facebook.com/atlantico.live




Live di I Cantori Del Salento


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Chiodi Fissi


Nessun evento trovato in archivio


I CONIUGI ORSINI


I Coniugi Orsini sono mammiferi in estinzione con base mobile tra Ascoli Piceno e Vasto (Ch). Anzi, I Coniugi Orsini sono una band guidata dal cantautore e polistrumentista ascolano Luca Orsini, e dal pianista vastese Marco Bassi. I due collaborano dal 2002, quando militavano in una band chiamata Ibicus Quintet. Avevano sposato la causa della psichedelia, della scena di Canterbury, del primo cantautorato italiano, di Iannacci e di Frank Zappa. Per sempre. Da allora i due hanno dato vita ad un'intensissima attività live e in studio, partecipando a concorsi e rassegne in Italia e all'estero. Tra le altre cose, ottengono il Diploma di Merito al Torneo Internazionale di Musica nella neonata sezione di musica leggera, con un pezzo praticamente di liscio, nel 2003. Nello stesso anno sono all'Aventino Blues Festival ad aprire I concerti di Brian Auger e Popa Chubby. Erano gli anni dell'università: si musicano performances e films muti, si prende il carteggio fra Kandiskj e Schoenberg come riferimento stilistico, si fanno cover di musica dodecafonica. Poi la separazione e il Regno Unito per il cantautore Orsini, che a Londra fonda “The Halogens”, con cui suona in numerosi clubs della metropoli inglese. Per il pianista Bassi invece l'Italia, con collaborazioni, jazz e musica brasiliana. Nel 2010 I due si riuniscono, col preciso proposito di rimettere su il vecchio repertorio, alla luce della nuova maturità acquisita. Da allora aprono i concerti di Brunori SAS, Area, Quintorigo, Peppe Voltarelli, Duo Bucolico e molti altri, e suonano su e giù per Marche, Abruzzo, Umbria, il vicino Lazio e l'Emilia Romagna. Ad accompagnarli in macchina, nel processo artistico e nelle frequenti serate in osteria, un paio di valenti assi nella manica: il batterista latino Davide Marcone e il chitarrista fenderista psichedelico Vincenzo Marconi Sciarroni. Nel 2013 festeggiano le proprie “NOZZE DI PIOMBO “come Coniugi Orsini, con un disco di una decina di brani, al quale partecipa il sassofonista fondatore dei Quintorigo Valentino Bianchi. www.facebook.com/IConiugiOrsini

Live di I Coniugi Orsini


Nessun evento trovato in archivio


I COSI


“Canti Bellicosi”, nuovo disco de I Cosi interamente autoprodotto e dedicato al tema dei conflitti. I conflitti che l'uomo coltiva con se stesso, con la società e soprattutto con chi ama. Il disco vuole inoltre indagare sul significato della canzone e sul potere del canto di esorcizzare i lamenti che abbiamo dentro e che spesso non vorremmo ascoltare. Del lavoro precedente (“Accadrà”, Warner 2007) rimane il profondo rispetto per la tradizione musicale italiana, ma con la volontà di costituire un percorso nuovo. Le parole e la musica non sono più un pretesto per suggerire un'estetica vintage fine a se stessa, ma al contrario vogliono uscire allo scoperto per intrecciarsi con la vita e invadere la realtà. www.facebook.com/icosi www.myspace.com/icosi

Live di I Cosi


Nessun evento trovato in archivio


I CUGINI DI CAMPAGNA


Nel 1970 viene fondato il gruppo, scritturato dalla Pull di Bruno Zambrini e Gianni Meccia, e la loro prima canzone è Il ballo di Peppe, lanciata dalla trasmissione Alto gradimento, condotta da Gianni Boncompagni e Renzo Arbore. Nel 1973 ottengono il successo con la prima canzone di loro composizione: Anima mia poi con Innamorata, Un'altra donna nel 1974, 64 anni, Preghiera, E lei, Conchiglia bianca, Tu sei tu. Nel 1978 ottengono lo stesso successo con altri singoli: Dentro l'anima, nel 1979 Solo con te e Meravigliosamente, nel 1980 Metallo, No tu no, nel 1981 Valeria, nel 1982 Uomo mio, Cucciolo. Nel 1980, il 33 giri Metallo, supera nelle vendite gli album più famosi del gruppo. Nel 1990 i Cugini di campagna portano i loro successi in giro per il mondo. Sono infatti numerose, le tournées che il gruppo compie confermando il loro successo. Nel 1997 dopo aver fatto concerti in tutto il mondo, per circa un decennio[senza fonte], ritornano alla ribalta discografica grazie alla trasmissione televisiva Anima mia, condotta da Fabio Fazio e Claudio Baglioni. Il grande successo è riscontrato dal rientro nella Hit Parade di due loro album Anima Mia e La Storia. www.cuginidicampagna.com www.facebook.com/cuginidicampagna

Live di I Cugini Di Campagna


Nessun evento trovato in archivio


I DEMONI


La promettente band veneto/romana si presenta così: Nel momento topico che fa nascere nuove idee/Minerva dalla testa rotta dei Montecristo/Giove, un chitarrista/cantante scapestrato ed il suo longevo luogotenente si infilano in un altoforno vicino al parco pubblico per farlo diventare melting pot. Lungo la via di mattoni gialli che li conduce alla catarsi personale, piena di estati vissute, numeri della bestia e umberti tozzi, i nostri incontrano una donna illustrata che ha molte storie da raccontare, ed un leone coraggioso dal pianeta Tarsvs che legge Tocqueville. L'unione fa la forza e senza sforzo I Demoni iniziano a raccontare un paese violento, tirannico e ossessionato dalla prova costume. Il genio li ospita ad aprire le danze, e finora non si è smesso di stare in ballo. www.facebook.com/idemoni

Live di I Demoni


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Dieci Comendamenti


Nessun evento trovato in archivio


I DON'T FEEL AT HOME IN THIS WORLD ANYMORE


film, music and aural presentation by Eric Isaacson of Mississippi Records, Portland, USA. Featuring archival film, images & stories spanning 1890 to the present day, illustrating Eric's own special history of underground music movements and bonafide individuals. The live footage performances are culled from Mississippi Records' enormous library of folk blues, gospel, esoteric, international & punk music, and courtesy of the Alan Lomax Archive's “American Patchwork” video collection, shot throughout the American South by the folklorist between 1978 and 1985. The Lomax footage is being provided by the Association for Cultural Equity as part of their continuing effort to make important cultural information available to all who seek it. Rare film of musicians associated with the Mississippi Records label such as one man band Abner Jay, angel channeling Bishop Perry Tillis, Rev. Louis Overstreet & his four sons, legendary folk singer Michael Hurley & many more will be featured.. Each film segment will be introduced with brief stories about the musicians. There will also be a short slide show that tells the story of the underground music industry & Mississippi Records. The endless cycle of conflict and incident that exists between the subterranean and marginalised music scenes and the mainstream music industry will be explored by Eric without using language or images associated with simplified boring dogma, slogan chanting or political rhetoric. Mississippi Records, in a short time, has bypassed most antiquated record label conventions and has, through a few guiding principles and great taste, gained cult status, lots of sales and love and praise from all quarters. Watch this for a taster: http://vimeo.com/63266123

Live di I Don't Feel At Home In This World Anymore


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Due Di Troppo


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Duroni


Nessun evento trovato in archivio


I FASTI


I FASTI Dopo aver chiuso il capitolo Seminole (storica band dell'underground torinese) Rocco Brancucci, Andrea Granato, Federico Bosi, Roberto Bagaini e Eros Giuggia danno vita ad un nuovo progetto: I Fasti. Sul palco troviamo due bassi, due pc e due chitarre piazzati a semicerchio come due braccia tese ad accompagnare il fiume di parole scandite dalla carismatica voce di Rocco che con le sue liriche crude/dolci/reali/irreali/discutibili/irriverenti punta dritto allo stomaco. La loro nutrita discografia, già ricca di collaborazioni, è solo parte del progetto che non si limita alla sola performance musicale ma coinvolge diversi campi di espressione artistica: i Fasti li puoi trovare a sonorizzare il film muto "La Madre e la morte” di Arrigo Frusta, come interpreti della colonna sonora virtuale del libro “La Faglia” di Massimo Miro oppure semplicemente sul palco con gruppi come Fine Before You Came, Lo Stato Sociale, Uochi Toki e Luci Della Centrale Elettrica. WEB www.facebook.com/ifasti

Live di I Fasti


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Fratelli Blues


Nessun evento trovato in archivio


I FRESH


Mi chiamo Susanna Balbarani,sono una cantautrice, ho 26 anni, sono nata e vivo a Como. Ho iniziato a studiare canto e ad esibirmi in occasione di serate di pianobar, live in discoteca e cerimonie nel 1995. Dal 2002 lavoro con due etichette discografiche dance , FMA ed Expanded music, ho al mio attivo 6 singoli di cui sono sia interprete che autrice, licenziati in tutt’Europa : - 2 People HOLIDAY RIDE - Butcher feat. Susan Lay EVERYDAY - Dj Lhasa BABY ONE DAY - 2 People NASTY BOY - MA.BRA CURSED DESTINY - Soundflower BACK 2 U Nel 2003 ho fondato insieme al 28enne tastierista e cantante Oscar Francani il Duo i “Fresh”. Lavoriamo soprattutto in occasione di serate live in discoteca e cerimonie. Il nostro repertorio spazia dal pop italiano e straniero , latino americano, revival 70 80 90 e discoteca attuale. Contatti e links Susanna Balbarani Susanlay@hotmail.it Cell. 349/2855280 Sito (a breve on line) www.susanna-music.it Oscar Francani www.oscarfrancani.it (a breve on line) Oppure www.webalice.it/oscarfrancani

Live di I Fresh


Nessun evento trovato in archivio


I GATTI MEZZI


I gatti mézzi Vestiti Leggeri Secchiate di provincialismo e sorrisi mal fidi, facce d'altri tempi, musica d'altri tempi: per I gatti mézzi è giunto il momento di un quinto disco che già nel titolo è tutto un programma: Vestiti Leggeri. Ma occorre fare attenzione: i vestiti leggeri sono solo ciò che copre il cuore caldo del disco, quello romantico, viveur, bohemien, appeso da un lato alla musica dei bar affollati e fumosi della ville lumiere, dall'altro alla tradizione che ha reso celebre la nostra nazione: Gaber, Conte, Buscaglione e non solo. Stiamo parlando di una felice operazione vintage, fatta di swing, jazz, qualche accenno blues, molti archi, fiati e tratti di rimembranze cinematografiche, dei tempi in cui Nino Rota dirigeva orchestre meravigliose, di lustrini e Dolce Vita. I gatti mézzi si esercitano su queste partiture, si muovono con sicurezza come dei veterani: affidano all'autoironia la maggior parte del disco; concepiscono piccoli ritratti eterogenei, storie di amori, di donne, di successi e fallimenti. Vestiti Leggeri è una piccola enciclopedia decadente, quasi dandy, fatta da un duo che non ci stupiremmo di trovare in qualche angolo di città nei giorni di isola pedonale, ad intrattenere piccole folle di turisti. E lo farebbero con grande facilità. Parlando di ciò che conoscono meglio, nella lingua che conoscono meglio: il pisano. Un'azione che, messa in bocca a qualsiasi altro gruppo della contea, sarebbe risultata spiacevole ed inopportuna. E invece qui regge. Regge nell'opening track sognante e orchestrale Piscio ar muro ("meno aiuole più figliole"), si equilibra in una Marina (musica da ultimo metrò) che gioca con il nome di una lei che è poi il nome di una località balneare; funziona magistralmente in Soltanto i tuoi baffi ("mamma è rimasta con un tù calzino […] potevi lasciarle chamicia e cravatta") che rimbalza su leggere partiture d'archi a cui rispondono, quasi timide, le note di contrabasso. E ancora: una Ti c'ho beccato che è un tripudio di blues e sorrisi a metà, una Delirio (tittitti) che quasi ricorda Vinicio Capossela senza fare l'errore di prendersi troppo sul serio, una Lacrima meccanica che è la storia di una lacrima spezzata raccontata in pieno stile Lucio Dalla, con contorno di urlate opportune. Le stesse che hanno reso famoso Dario Brunori qui presente in Fame nel ruolo di controcanto di questo blues steppato e ipnotico. Diciamolo pure: I gatti mézzi hanno saputo giocarsi tutte le carte, azzeccando il genere (trasversale sia nella sua anima revivalista, sia in quella originale), i collaboratori, l'immaginario e la label (una rivoluzionata Picicca). Non è comunque cosa da poco. www.igattimezzi.it

Live di I Gatti Mezzi


Ven 25 Apr - Specchia (LE) - Italia

MACINATE CANTINE SPECCHIA LE



Sab 26 Apr PETRALIVEMUSIC - Ceglie messapica (BR) - Italia

PETRALIVEMUSIC via Pietro Elia 11 Castello Ducale Ceglie Messapica BR INFO: 392/9318705 389/6693601 nfo@petralivemusic.com www.petralivemusic.com



Gio 01 Mag TENDER CLUB - Firenze (FI) - Italia

TENDER CLUB VIA ALAMANNI FIRENZE INFO: www.tenderclub.it



Ven 16 Mag MACAO - Milano (MI) - Italia

MACAO Viale Molise, 68 MILANO INFO: info@macao.mi.it www.macao.mi.it www.facebook.com/macaopagina



Sab 17 Mag OSTERIA DEL 32 - Spilamberto (MO) - Italia

OSTERIA DEL 32 Via Obici, 32 SPILAMBERTO MO INFO: www.osteriadel32.it



Ven 23 Mag - Capannori (LU) - Italia

FESTA IN PIAZZA CAPANNORI LU



Sab 24 Mag - Pisa (PI) - Italia

FESTA IN PIAZZA STIBBIO PI



Sab 23 Ago SENTIERI ACUSTICI - Pistoia (PT) - Italia

SENTIERI ACUSTICI PT INFO: 0573/974671-6 sentieriacustici@gmail.com www.cultura.pistoia.it/sentieriacustici/




I GIGANTI


Corre il 1964 quando Sergio Papes (Enrico Maria è il secondo nome) alla batteria, Giacomo Di Martino (Mino) alla chitarra e suo fratello Sergio al basso, allora ventenni, fondano il gruppo musicale "I Giganti". Dopo un'esperienza musicale stravagante e scanzonata con il gruppo I Califfi di Clem Sacco e Guidone e i suoi amici, Papes e Mino decidono di dare un'impronta musicale innovativa alla loro vita artistica. Siamo al crepuscolo di un'epoca spensierata quando si avvertono i primi segnali di un radicale cambiamento nel costume e nel pensiero di milioni di persone. Il movimento studentesco di Berkley, la crisi cubana, il rifiuto della guerra del Vietnam innescano una spirale di contestazione giovanile che, intrecciando elementi politici a tematiche sociali, stravolgerà il conformismo delle famiglie, al di là e al di qua dell'Atlantico.La musica respira quest'aria, se ne nutre, sviluppa toni sfacciatamente politici e diviene il catalizzatore della protesta. I Giganti accolgono il vento di novità che arriva dagli States, scrivono testi dallo stile beat come "La bomba atomica", prima canzone antinucleare, "Giorni di festa", "Il castello di Samuele". Alcuni di questi brani resteranno solo dei provini. Solo più tardi saranno riscoperti dalla Ri -Fi Records e raccolti in un LP dal titolo "Mille idee dei Giganti", contenente brani assolutamente inediti del gruppo. In questo periodo I Giganti iniziano un'interessante collaborazione con il grande Ghigo Agosti (quello di "Coccinella", "Stazione rock", "Tredici vermi col filtro"...) e insieme si esibiscono nei locali milanesi più trendy del momento come il Bounty e il Santa Tecla. www.giganti.it

Live di I Giganti


Nessun evento trovato in archivio


I GIURADEI


i GIURADEI . Si presentano adesso per Picicca Dischi con un nuovo album in uscita l'11 Febbraio 2013 che sazia la sete di tutti i sentimenti possibili, esorta a godersi l'ultimo respiro e a muovere le cose per riscrivere il presente. Il tutto raccontato con attitudine furiosa, tanto quanto con intimita' acustica, lungo una narrazione in cui abbandonarsi all'amore e al pensiero critico e' sempre una violenza necessaria. Canzoni potentissime (cesellate con la pignoleria di un artigiano del suono) come un cazzotto nello stomaco, dal sound compatto e diretto, impreziosite da collaborazioni straordinarie (su tutti la chitarra diDepedro dei CALEXICO in Senza di noi). Raccontano in modo magistrale le ansie di chi ha perso la bussola del suo tempo, la fame d'amore, il godimento. In tempi di aridita' mentale e sentimentale i GIURADEI sono merce rara. http://giuradei.com/ http://www.facebook.com/ettore.giuradei

Live di I Giuradei


Mar 20 Mag MATERIAOFF - Parma (PR) - Italia

MATERIAOFF B.go San Silvestro 40 PARMA INFO:0521/287543 366/4343800 materiaoff@gmail.com www.materiaoff.com http://www.facebook.com/materia.off



Sab 24 Mag LA DARSENA - Perugia (PG) - Italia

LA DARSENA 075/953785 339/6647109 VIA LUNGOLAGO 1 CASTIGLIONE DEL LAGO PG darsena@darsena.org www.darsena.org




Live di I Had An Inkling


Nessun evento trovato in archivio


I HATE SALLY


I Hate Sally band rivelazione canadese capitanata dalla carismatica Den Presscott, amano descrivere la loro musica come un misto di trash metal e punk anni ’80 unito ad un combattimento delle Tartarughe Ninja, ed insistono sul fatto che sia impossibile assistere ad un loro show senza perdere la sanità mentale: decisamente impedibili!! www.ihatesally.com www.myspace.com/ihatesally

Live di I Hate Sally


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Jah Man Levi


Nessun evento trovato in archivio


I LIGURIANI


I Liguriani presentano uno spettacolo dove, attraverso la parola e i suoni, vengono evocate le immagini e i sentimenti della cultura e della storia ligure. Salpando proprio dalla lanterna di Genova, luogo di partenza e di agognato ritorno che per le genti liguri rappresenta da sempre “casa”, un viaggio immaginario ci porta attraverso antiche istantanee di Liguria che svelano usi, tradizioni e tematiche di questa gente, stretta tra monti scoscesi e le onde del mare, chiusa per territorio e carattere, ma da sempre aperta al contatto con altri popoli, visitati o giunti a visitarla proprio attraverso il mare. Il repertorio dei Liguriani è quindi vario e diverso, come diverse sono le anime che lo influenzano e, partendo dalla nostra terra, approda anche nei luoghi dove gli emigranti liguri si sono stabiliti. Le melodie strettamente liguri vengono proposte insieme ad altre tipologie di brani legati alla tradizione di zone limitrofe, quali le malinconiche Mazurche e le vivaci Monferrine del Piemonte, oppure i languidi Walzer di luoghi culturalmente affini alla Liguria come la Francia. www.liguriani.it

Live di I Liguriani


Nessun evento trovato in archivio


I LIKE TRAINS


Gli I LIKE TRAINS sono stati una delle più gradite sorprese partorite dalla terra d'Albione negli ultimi anni. Un Ep per Fierce Panda e un album monumentale, 'Elegies to Lessons Learnt', pubblicato per Beggars Banquet, ed ora un nuovo album, 'He Who Saw the Deep', pubblicato alla fine del 2010 dalla I Like Trains Records (di proprietà della band stessa). Gli I Like Trains vengono da Leeds, UK, e si sono formati nel 2004. Nel giro di pochi anni sono riusciti a farsi un nome nell'underground inglese, mettendo in moto un'asta tra etichette indie del livello di Fierce Panda e Beggars Banquet. Con Joy Division, Mogwai e Explosion In Th Sky nel cuore il sestetto degli I Like Trains è visto come una band in crescita esponenziale capace di giocare al livello di Interpol e The Editors, viste anche le somiglianze con il suono delle due band. Gli I Like Trains hanno pubblicato alla fine del 2010 'He Who Saw the Deep', che ha segnato un passaggio verso atmosfere più soft di quelle adottate sui primi lavori. Gli iLiKETRAiNS suonano un inedito ibrido di New Wave e Post Rock, un frullato omogeneo di Mogwai ed Explosion In The Sky da una parte e Joy Division dall' altra. Atmosfere nervose, cariche di elettricità irrisolta che cercano sfogo in un crescendo che monta. La valvola fischia ma il tappo non salta, la frustrazione è quella della New Wave classica e la classe è di un'altra epoca. Il cantato baritonale di Dave Martin ha a che fare con le profondità alla Nick Cave. Dal vivo la band ha già ammaliato il Regno Unito, e gli I Like Trains tengono il palco come pochi grazie alle loro trovate vintage. Videoproiezioni ed immagini di una volta accompagnano dal vivo il post rock estremo degli I Like Trains, insieme ai loro testi che narrano di omicidi, amori impossibili, e fatti di sangue legati alla cronaca inglese del 800 e dei primi del 900. Gli I Like Trains sono una delle realtà più importanti partorite dal post rock inglese, una perla in crescita esponenziale.. www.iliketrains.co.uk www.myspace.com/iliketrains

Live di I Like Trains


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Locali


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Love Ufo


Nessun evento trovato in archivio


I LOVE YOU BUT I'VE CHOSEN DARKNESS


I LOVE YOU BUT I'VE CHOSEN DARKNESS Fear Is On Our Side I Love You But I've Chosen Darkness: per la serie "speciali a partire dal nome". Moniker lungo che evoca immagini, sensazioni, scene di addio, sguardi persi. Musica per cuori indelebilmente segnati (come suggerisce la minimale e bellissima cover) dall'amore e dai contrastanti stati d'animo che il sentimento più oscuro e luminoso allo stesso tempo ci obbliga a vivere, indossare, sentire e piangere. I cinque di Austin, quasi tutti reduci di precedenti avventure in musica (Jason McNeely ha militato nei Windsor For The Derby, mentre Edward Robert nei purtroppo misconosciuti Paul Newman), sono il nome nuovo che pochi si aspettavano, quei pochi che hanno avuto la fortuna di prestare ascolto all'omonimo Ep del 2003, prodotto dal concittadino Britt Daniel, voce degli Spoon, e uscito per la piccola etichetta Emperor Jones. Cinque canzoni cinque, una più bella dell'altra, commistioni di indie-rock e rimasugli new wave marchiate a fuoco da un'attitudine emozionale sino allo stordimento, necessario per una consolazione improbabile per chi ha già scelto l'oscurità e si trova ad abbandonare tutto il resto, tutto l'amore trovato lungo il cammino. Una produzione attenta e poco ingombrante da parte di Daniel e un suono asciutto, diretto, fatto di arrangiamenti semplici, ma sempre e comunque al posto giusto, a esaltare un songwriting scintillante._Dopo quell'episodio, un 12" e poi il silenzio, la perdita delle tracce. - SUONANO: Oct 20 8:00P Il Covo Bologna Oct 21 8:00P Circolo Degli Artisti Rome Oct 22 Pescara Rude Club 8:00P www.chosendarkness.com

Live di I Love You But I've Chosen Darkness


Nessun evento trovato in archivio


I LUF


Dario Canossi, Voce e chitarra Sergio “Jeio” Pontoriero, Banjo, djembee e voce Cesare Comito, Chitarra e voce Sammy “Chupa” Radaelli, Batteria Matteo “Kung-fu Panda” Luraghi, Basso e voce Pier Zuin, Cornamuse e flauti Stefano Civetta, Fisarmonica e voce Alessandro Apinti, Violino e voce I Luf sono un'idea di Dario Canossi, nato sulle montagne della Val Camonica e autore di tutte le canzoni che parlano di vita comune e “camuna”, personaggi e storie vere, nel senso più poetico del termine. Piccole perle di dialetto, amore per la cultura, tradizione popolare e impegno sociale, tutti elementi che sono alla base della filosofia dei Luf. Da quelle parti “luf” vuol dire lupi e i Luf, infatti, sono un branco di musicisti che arrivano da esperienze diverse e che insieme riescono a creare un impatto sonoro forte, con una grande impronta folk-rock. I Luf hanno alle spalle numerosi CD dal primo “Ocio ai Luf” del 2002, a “Bala e fa' balà” del 2005”, passando per “Peace&Luf” del 2006, per arrivare a “Paradis del Diaol” e “So nahit 'n Valcamonega”, nel 2007. Nel 2008 I Luf collaborano con Flavio Oreglio, l'indimenticabile “poeta Catartico”, e nel maggio di quell'anno, realizzano per lui il cd “Giù”. Il Natale dello stesso anno, è l'occasione per un regalo speciale per i fans: il gruppo, infatti, realizza un disco interamente fatto a mano “Luna di rame e d'ottone”, un 45 giri in vinile con CD, copertina in rame ed ottone a tiratura limitata (480 copie tutte numerate). Nel 2011 viene presentata a Lecco la loro ultima fatica: “Live&Luf - Trent'anni di musica e vita”, un libro con DVD e CD del mitico concerto del 30 maggio 2010 a Maresso, ospite Davide Van De Sfroos. Parte del ricavato del libro verrà devoluta a favore del progetto Sololo per i bambini orfani a causa dell'AIDS in Kenya. Ma i lupi non sanno stare fermi: infatti hanno collaborato al recente progetto “Note per sognare”, un percorso che parla di musica e disabilità, realizzando con alcune scuole di Bergamo un mini cd, e da aprile sono in giro con il “For my Tour”. Non è inglese, si legge “formai”, ovvero formaggio in dialetto camuno, ed è un viaggio alle radici della loro terra e della loro cultura. Tutto questo sono I Luf, musica vivace e dalla grande comunicativa, con la vitalità del rock che incontra la profondità e i ritmi della tradizione. Musica intrisa di folk e bagnata di rock, allegria e ballo, che colpisce contemporaneamente cuore e gambe senza cadere mai nella banalità dei testi. Ogni concerto è una festa di allegria e impegno nella migliore tradizione della musica d'autore italiana. www.iluf.net www.myspace.com/iluf

Live di I Luf


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Magazzini


Nessun evento trovato in archivio


I MAGHI DI OZ


I Maghi di Ox (Ox è il nomignolo del cantante) nascono a Roma nell'inverno del 2003, dall'incontro di sette musicisti provenienti da generi diversi (dal R&B alla musica popolare). Il comune interesse e la curiosità verso i divertenti ritmi in levare li spingono da subito a confrontarsi coi nomi più impegnativi del panorama nazionale ed estero, da Roy Paci & Aretuska ai Madness, passando per Co.ska, Giuliano Palma e Franziska.. Il risultato è una gradevole "miscela" di tracks noti e meno noti, che ormai forma un repertorio consistente e robusto e che i «Maghi» ripropongono in coinvolgenti esibizioni 'live' in molti locali della Capitale e non solo.. www.imaghidiox.com

Live di I Maghi Di Oz


Nessun evento trovato in archivio


I MALTESI tributo a FABRIZIO DE ANDRE


FABRIZIO DE ANDRE'' è un mito indiscusso della musica italiana! Il cantautore genovese con le sue note e la sua voce unica si è fatto portavoce del suo mondo, il mondo della contestazione e dell'esistenzialismo. Ancora oggi i suoi brani, dei veri e propri capolavori della musica italiana, sono un faro per le nuove generazioni. "I Maltesi", Tribute Band di Fabrizio De Andrè, interpretano strepitosamente bene le sue canzoni migliori, lasciando spesso la folla accorsa per i loro concerti, senza parole. Loro sono: Dario Di Stefano (Voce, armonica a bocca) Giuseppe Bruni (Batteria, loops) Francesco Corallo (Chitarra classica, acustica, 12 corde, cori) Michela Dellino (Violino), Marika Zingaro (Cori) Lorenzo "Freccia" D''Urso (Tastiera, chitarre, cori) Stefano Renna (Chitarra classica, acustica, elettrica, bouzouki greco) Angelo Verbena (Basso, contrabbasso, armonica a bocca) http://maltesi.jimdo.com/

Live di I Maltesi Tributo A Fabrizio De Andre


Nessun evento trovato in archivio


I MATTI DELLE GIUNCAIE


“Cignal Patchanka” è il nuovo atteso album della band hard-folk maremmana de I Matti delle Giuncaie. Dodici tracce, alcune riprese dal precedente “Il Bagno della Canapa - EP” (ormai esaurito ed introvabile), che formano il vero seguito dell'esordio “Iappàpà!”. Il disco sarà nei negozi distribuito da Audioglobe da venerdì 21 marzo. La versione digitale è in pre-order su iTunes a questo LINK. Con “Cignal Patchanka” il quartetto attinge ancora dalla tradizione della musica popolare unendo rock, folk, tarantella, cantautorato e godendo della prestigiosa collaborazione artistica di Erriquez (Enrico Greppi), leader della Bandabardò, che figura come autore in due brani del disco: “Pizza Taxi” (nuovo singolo) e “Bagno nella Canapa” (dove presta anche la voce). Nel disco anche numerose altre collaborazioni tra cui quella con il cantautore canadese Marco Calliari e Babajaro a contrabbasso, trombone e sinth. “Cignal Patchanka” è stato registrato tra Follonica e Roma da Gianluca Vaccaro e Federico Federighi e masterizzato da Antonio Baglio e Gianluca Vaccaro. I Matti Delle Giuncaie sono Francesco Ceri al mandolino e voce, Lapo Marliani alla chitarra classica e voce, Andrea Gozzi alla chitarra acustica e voce, Mirko Rosi alla batteria. Nel 2010 esordisco con “Iappàpà!” ed iniziano a girare tutta l'Italia aprendo a Modena City Ramblers, Gogol Bordello, Marco Calliari (con i quale vanno in tour in Canada), Bandabardò dove in diverse occasioni si guadagnano la stima Erriquez che entra come autore e produttore artistico di alcuni brani. Nel 2013 esce “Il Bagno nella Canapa EP”, 5 brani inediti ottimamente accolti da pubblico e critica che preludono alla realizzazione di “Cignal Patchanka” (Vrec/Audioglobe). Tracklist: Il Bagna nella Canapa (feat. Erriquez), Fenice Felice, Marcia Marcia, Tomma, Avai, Pizza Taxi, Tarantussa, Balkaniberika, Danza Rubla, Das Fan, Valzerino, La Danza del dottor Panza. www.imattidellegiuncaie.it www.facebook.com/mattidellegiuncaie

Live di I Matti Delle Giuncaie


Ven 25 Apr - Pontedera (PI) - Italia

La Polisportiva del Vin Santo Festa di Liberazione PONTEDERA PI



Sab 26 Apr BLUE TRAIN CLUB - Siena (SI) - Italia

BLUE TRAIN CLUB Via di Vallepiatta, 18 Poggibonsi SIENA INFO: 349/8455263 329/5895974 livebluetrain@gmail.com www.myspace.com/bluetrainlive



Gio 01 Mag - Pontasserchio (PI) - Italia

Agrinfesta Pontasserchio PI



Ven 16 Mag - Pistoia (PT) - Italia

HDUENO PISTOIA



Sab 21 Giu - San miniato (PI) - Italia

EFFETTO SERRA SAN MINIATO PI




I MELT


I MELT I Melt nascono nel 1992 a Lugo di Vicenza, con una formazione che comprende Vince (chitarra, voce), Teno (chitarra, voce), Teo (basso, voce) e Gian (batteria, voce). Dopo alcuni cambi nell’ organico della band, il gruppo si riduce ad un power trio composto da Vince, Gian e Teo. Nel 1995 i tre pubblicano il loro primo demo, omonimo, per la Derotten Records; quindi, nel 1997 esce l’album d’esordio, "Bravi Ragazzi", completamente autoprodotto. Nel 1999 la band pubblica il suo secondo album, "Sempre Più Distanti", co-prodotto con K.O.B. Records. Nel 2000 avviene un radicale cambio di formazione: Vince lascia la band e Teno torna alla chitarra e ai cori, mentre Teo passa alla voce principale. L’anno successivo, i tre appaiono nel cortometraggio "Il Topo Ordina: Alice Deve Morire!", scritto e diretto da Maria Signorini e Federico Crosara, contribuendo alla colonna sonora con due brani inediti. Sempre nel 2001 i Melt partecipano al "Mondo Perfetto Tour 2001" che li porta, come supporto ai Derozer, nei maggiori locali e club italiani. Il terzo album, "Specchio", prodotto da Giorgio Canali, viene pubblicato dalla Derotten Records nel Maggio del 2002. Nel Gennaio del 2003 si ha un nuovo avvicendamento nelle file dei Melt: Gian lascia la band e Diego viene reclutato come nuovo batterista. E’ uscito nel 2006 il nuovo lavoro della band, "L’Intonarumori"; l’album, ancora una volta prodotto da Giorgio Canali, è pubblicato da La Tempesta Dischi, l’etichetta discografica indipendente dei Tre Allegri Ragazzi Morti. Il singolo "L’intensità standard del vuoto" è accompagnato da un videoclip disegnato e diretto da Davide Toffolo LINE-UP Teo: basso, voce. Teno: chitarra, rumori, cori Diego: batteria, cori CONTATTI www.meltrock.com www.myspace.com/meltrock

Live di I Melt


Nessun evento trovato in archivio


I MIGHT BE WRONG


It's like a gentle notion. Like the feeling something has to change, to induce. Charlotte Salomon must have been driven by such a vague, moreover unambiguous feeling. When she draw for her life, when she put her own story between 'yes' and 'no' to paper and questioned her world. Salomon died early; much too early, to find answers for herself. What speaks volumes about her inner fight, her quiet presciences and the perpetual not-arriving can be understood through "Leben oder Theater". It's a graphic stage play or - how it was called by herself - a sing play which isn't either subsumable or describable. These are the sentiments of those pictures that don't let off anymore. www.myspace.com/youmightbewrong

Live di I Might Be Wrong


Nessun evento trovato in archivio


I MISSIVA


I MISSIVA Niente addosso Orquestra Records La band brindisina dei Missiva si avvale della collaborazione di Amerigo Verardi per la produzione di “Niente Addosso”, nuova fatica discografica a cui è affidato l'ingrato compito di bissare i riconoscimenti piovuti addosso alla band dopo la pubblicazione del primo disco “Sospeso” (che ha portato i Missiva a dividere il palco con Rezophonic, Ray Wilson, Modena City Ramblers, Malfunk, 99 Posse, Sick Tamburo, Il Teatro degli Orrori). Il nuovo disco si presenta come un lavoro maturo, dal forte impatto sonoro ed emozionale che conferma e dà nuovo slancio ad un progetto che fa dell'intensità la propria arma principale. Urlano con rabbia, ed altrettanto è agguerrito il loro sound: sonorità metalliche, chitarre infuocate, e rimandi alla cara vecchia Seattle. Testi elaborati e mai convenzionali, per non ubbidire a nessuna legge se non alla voce che sta dentro di noi. www.imissiva.it/

Live di I Missiva


Nessun evento trovato in archivio


I MITOMANI


I Mitomani si sono formati a Roma nella primavera del 2010 con l'intento di ricreare le atmosfere tipiche della rivoluzionaria stagione del beat italiano. Grazie ad un'approfondita ricerca dei pezzi, la cura del suono, l'uso di strumentazione d'epoca e non ultimo un look adeguato, ogni loro concerto si trasforma in un autentico tuffo nel passato. Il gruppo è formato da cinque elementi: Eve la Blonde alla voce, Marco alla chitarra e voce, Il Maestro alla chitarra e organo, Stazi al basso e Panta alla batteria e voce. Il repertorio comprende alcuni classici come “Nessuno mi può giudicare”, “Bang bang” o “Ragazzo di strada” e altri pezzi meno conosciuti ma ugualmente coinvolgenti. L'esordio è avvenuto nel giugno del 2010 e da allora hanno suonato in alcuni importanti locali della capitale, partecipando anche alla serata di apertura della stagione 2010/2011 del “Twiggy party”. Nel giugno 2010 hanno pubblicato il loro primo demo contenente sei pezzi, cover di brani più o meno famose dell'epoca beat, quali “Questi stivali sono fatti per camminare” di Eileen, “Non ho dormito mai” dei Barritas e “L'abito non fa il beatnik” di Evy. Nel marzo 2011 è uscito il secondo demo, “Febbre beat”, contenente tra i 7 pezzi, 4 loro versioni in italiano di famosi pezzi dell'epoca. www.imitomani.com

Live di I Mitomani


Nessun evento trovato in archivio


I MOSTRI


I Mostri (La gente muore di fame) Chi sono I Mostri? I mostri siamo noi, gente comune, con vizi e virtù; l'Italia al giorno d'oggi con un pizzico di ironia e critica, in questo caso rappresentata in un album musicale, da quattro ragazzi della capitale. "La Gente Muore di Fame", primo disco ufficiale per loro: nove tracce dal ritmo veloce e incalzante, e da un sound molto orecchiabile che ci ricorda il rock britannico degli anni '60 e la musica indie, fino ad arrivare addirittura al reggae. Un sarcasmo tagliente, ma allo stesso tempo umoristico, che racconta il nostro Paese: la contrapposizione tra chi lavora e suda, e chi non fa niente e "butta i soldi al vento". Molto carine le canzoni "Cento Lame", "Noi non facciamo niente", "Camilla" e "Piazza Trilussa"che ci raccontano anche particolari di Roma con un sottofondo musicale energico che al primo ascolto ti entra nella testa. Personalmente consiglio vivamente questo album, soprattutto a chi ha voglia di ascoltare un musica con un ritmo e delle argomentazioni incisive, che non capita spesso di trovare in Italia. www.facebook.com/imostriband www.twitter.com/imostriband www.myspace.com/imostriband

Live di I Mostri


Ven 09 Mag ATLANTICO LIVE - Roma (RM) - Italia

ATLANTICO LIVE VIA DELL'OCEANO ATLANTICO 271/D EUR ROMA INFO:06/5915727 concerti@atlanticoroma.it www.atlanticoroma.it www.facebook.com/atlantico.live




Live di I Napolitaliani


Nessun evento trovato in archivio


I NUOVI ANGELI


La prima canzone dei Nuovi Angeli ad entrare nelle zone alte della hit-parade è Ragazzina Ragazzina 1969, cover di Mendocino (canzone che parla dell'omonima città californiana, dei Sir Douglas Quintet, uno dei più noti gruppi di tex-mex, capitanato da Doug Sahm) testo già inciso nello stesso periodo da Giuliano e i Notturni, seguita nello stesso anno da Il dubbio? (cover di Carry that Weight dei Beatles). Ma è con Color cioccolata, semifinalista a Un disco per l'estate 1970, scritta da Edoardo Bennato per quel che riguarda la musica (ma firmata da Renato Angiolini[1]), e da Mogol e Felice Piccarreda per il testo, che arriva il successo, inaugurando una serie di hit. Nello stesso anno viene pubblicato il loro primo omonimo album, che contiene anche Le montagne, cover di River Deep, Mountain High, successo di Ike & Tina Turner, ed una di Obladì Obladà. Continuano poi con altre cover di brani famosi riproposte in italiano come L'uomo di Neanderthal (Neanderthal man degli Hotlegs) e partecipano al Festivalbar del 1970 con Quando Giulia ritornerà. Nel 1971 si ha la rottura con la Durium. Il gruppo è deluso per la mancata partecipazione al Festival di Sanremo: la canzone, Andata e ritorno, è già stata incisa, ma l'etichetta spinge per mandare il duo Maurizio e Fabrizio al loro posto. I Nuovi Angeli sono in contrasto con la Durium anche per motivi economici quando ascoltano da Renato Pareti il provino della canzone che diventerà il loro simbolo, cioè Donna Felicità. Decidono dunque di rompere il contratto con la loro casa discografica e passano alla PhonoGram che, per non rischiare uno scontro con la Durium, fa pubblicare il brano dall'etichetta CAR Juke Box di Carlo Alberto Rossi, da lei distribuita. Donna Felicità inaugura la loro collaborazione con Renato Pareti e Roberto Vecchioni, autori del pezzo insieme ad Andrea Lo Vecchio. Il brano partecipa a Un disco per l'estate 1971 e arriva seconda al Festivalbar vendendo successivamente un milione e mezzo di copie. In quello stesso anno intraprendono la loro prima tournée internazionale negli Stati Uniti e in Canada, e debuttano presso il pubblico televisivo americano come ospiti del Ed Sullivan Show. "Donna felicità" verrà incisa anche in spagnolo ("Dona felicidad") e sarà un successo anche in Paesi quali Spagna, Argentina, Messico. Esiste anche una versione cantata in inglese dal gruppo, uscita però in un 45 giri pubblicato in Francia. La Durium, pentita di aver perso un gruppo che ha appena ottenuto un grosso successo commerciale, per sfruttare il momento favorevole pubblica due singoli, dapprima un 45 giri con materiale inedito, "Sole, buonanotte" e "Le cose di sempre", poi Il battello Mary (la celeberrima Proud Mary dei Creedence Clearwater Revival), che ha sul retro la già nota "Giorno per giorno". Sempre sull'onda del successo del gruppo, nel luglio 1971 la Durium pubblica un album, sostanzialmente la raccolta dei loro singoli da "Ragazzina ragazzina" in poi, che curiosamente uscirà col titolo de "I successi dei Nuovi Angeli" nella versione a 33 giri e "Sole buonanotte !" nella versione in cassetta. Il grande successo viene bissato col primo brano pubblicato a dicembre 1971 per la loro nuova casa discografica, la Polydor, e cioè Uakadì Uakadù, traduzione di Roberto Vecchioni di un pezzo francese ("Wakadi wakadou" di Daniel Popp), che fa loro ottenere il premio come "Gruppo Europeo dell'anno" per l'alto numero di dischi venduti. Infatti, grazie alla casa madre della Polydor ovvero la PhonoGram, i dischi dei Nuovi Angeli conosceranno un'ampia diffusione all'estero, su etichetta Philips . Intanto, sulla spinta dei successi precedenti, i Nuovi Angeli riescono a partecipare al Festival di Sanremo del 1972 ma la Commissione artistica boccia la canzone da loro proposta, cioè "Singapore", ed il gruppo ripiega su Un viaggio in Inghilterra, che si piazza però all'ultimo posto. Nel maggio 1972 viene pubblicato, ancora su etichetta CAR Juke Box, un singolo che ha sulla facciata A Il re buono, canzone scritta da Giorgio Gaber e Giuseppe Tarozzi, e sulla facciata B Andata e ritorno, il pezzo del Sanremo dell'anno precedente. Il disco venderà pochissime copie ma il grande successo ritornerà a Un disco per l'estate 1972, manifestazione a cui partecipano con Singapore, il pezzo scartato a Sanremo e scritto ancora da Vecchioni e Pareti. Il gruppo la inciderà per i mercati esteri anche in inglese col titolo di "Angelina" (e sul retro "Just another Sunday", la traduzione della facciata B italiana "Il mondo di papà"), raggiungendo un buon successo di vendite. Da ricordare che in Germania, il complesso Pegasus ne fece una versione in tedesco, "Gluck und Liebe", che arrivò al vertice della hit-parade. Il successo, seppur minore, viene confermato poi dal singolo Troppo bella (per restare sola) (ancora una traduzione di Vecchioni di "Trop belle pour rester seule" di Ringo Willy-cat). Nel 1973 partecipano a Un disco per l'estate con La povera gente, canzone scritta da Ricky Gianco e Gian Pieretti, che però spiazza il loro pubblico in quanto decisamente più seria rispetto alle loro ultime incisioni. Forse presagendo il destino di questo disco, per la stessa estate incidono anche un 45 giri con due brani, "Kuku-ui kuku-ue" ed "Hey, hey", che in Italia pubblicano col nome di "La tribù di Benadir" (da via Benadir, la strada di Milano in cui aveva sede la loro casa discografica), mentre all'estero verrà distribuito a loro nome. Il successo ritorna con Anna da Dimenticare (scritta da Paolo Limiti e Renato Pareti) che ottiene un ottimo piazzamento a Canzonissima e resta 28 settimane in Hit Parade. Nel 1974 partecipano nuovamente a Un disco per l'estate con Carovana, arrivando in finalissima; nello stesso anno viene pubblicato il concept album "Stasera clowns", una storia autobiografica in otto canzoni, interamente scritte da Vecchioni e Pareti e arricchite dall'orchestra della Scala diretta e arrangiata da M Gaslini; le armonie e le melodie sono ricercate e eseguite con maestria, e i testi raccontano la vita vista dalla parte degli artisti, denominati come "Quei Clowns che sono costretti ogni giorno a mettersi una maschera per far divertire il pubblico". Per problematiche interne della Polydor, la loro casa discografica di allora, il disco non viene distribuito in maniera adeguata, diventerà una rarità discografica e verrà ripubblicato in CD solo nel 2006 insieme a una raccolta dei successi degli anni anni settanta edita dalla Universal. Nel 1975 è la volta di Bella Idea, che partecipa a Un disco per l'estate arrivando alla finalissima, anche se a livello di vendite non ottiene il successo sperato. Comincia in questo periodo per il gruppo un lento declino, che li allontana dai vertici delle classifiche di vendita e che causa, inoltre, alcuni cambi nella formazione. Nel 1978 esce dal gruppo Mauro Paoluzzi, sostituito da Valerio Liboni, ma il gruppo sembra orientato a produrre canzoni per bambini, come Angelo Balù, Puà, e altre che hanno poco a che fare con i successi degli anni precedenti. Nel 1990 viene pubblicata la raccolta Voliamo ancora, ultimo lavoro con la collaborazione di Antonio Dalicco, Dave Sumner e Liboni, che termina nel 1992: Dalicco, Liboni e Sumner formano per un breve periodo una band separata dal nome "Gli EX Nuovi Angeli". Nel 2005 Liboni registra il marchio "Nuovi Angeli", ma successivamente si unisce ai Primitives, e Canzi continua, reclutando altri musicisti, a portare in tour la band. Il ritorno Nel 2006, dopo innumerevoli raccolte di vecchi successi reinterpretati e versioni diverse della band, esce la raccolta definitiva "I Nuovi Angeli" edita da Universal e contenente i successi del gruppo originale e un secondo disco con l'album "perduto" del 1973 Stasera clowns e una traccia ROM contenente i filmati dei caroselli per la pubblicità della "Gancia" girati a inizio anni Settanta. Per l'occasione Alberto Pasetti e Renato Sabbioni si riuniscono a Paki Canzi per una serie di concerti. In seguito i membri originali della band si ritrovano a discutere una possibile riunione, ma il 22 gennaio 2010 muore Alberto Pasetti, eliminando definitivamente questa possibilità. Nel 2010, dopo una lunga controversia giudiziaria tra Canzi e Sabbioni, il tribunale di Milano decreta la proprietà del nome "I Nuovi Angeli" a favore di Renato Sabbioni, il quale ricontatta Valerio Liboni ed insieme al quale (avvalendosi delle collaborazioni di Silvano Borgatta, Lele Tornatore e Tore Melillo) registra un Cd ed un DVD, messi in commercio ad inizio 2011. Cominciano inoltre una tournée in italia ed all'estero. Nella primavera 2012 esce il Cd "C'è ancora posto in paradiso" ed il Gruppo è in tour nella formazione Sabbioni/Liboni/Borgatta, facendosi accompagnare in alcune date da Angela Iacutone, (voce e cori), in altre da Riccardo Pellegrini ed occasionalmente da altri session man. www.inuoviangeli.eu

Live di I Nuovi Angeli


Nessun evento trovato in archivio


I PENNELLI DI VERMEER


I Pennelli di Vermeer / Tramedannata Piccolo Out of Topic musicale giusto per segnalare un gruppo campano che credo sia degno di considerazione. SI tratta de I Pennelli di Vermeer. Sono attivi già da un po' di anni, ma oggi esce l'EP Tramedannata che raccoglie nuovi brani più il videoclip de La pipa operaia, il brano forse più noto (agli intenditori). Il loro sito è www.ipennellidivermeer.it www.myspace.com/ipennellidivermeer

Live di I Pennelli Di Vermeer


Nessun evento trovato in archivio


I PEZZI DI RICAMBIO


La band si forma nel 2001 a Villamagna,frazione di Volterra (provincia di Pisa) col monicker di “Antifini Superstar” e l'intenzione di suonare la musica che accomunava tutti i 5 Componenti della band,allora ancora adolescenti: Emiliano alla batteria,Domenico e Dario alle chitarre, Luca al basso e Daniele alla voce. Dopo alcuni concerti tenutisi nel circolo ARCI di Villamagna la band riorganizza l'organico,optando per una formazione a tre con Domenico alla chitarra e alla voce, Emiliano alla batteria e Luca al basso,cambiando il nome da “Antifini Superstar” a “OGM”. La band segue dunque con un attiva partecipazione ad eventi e manifestazioni e collezionandosi diversi live all'attivo in zona, insieme a vari cambi di line up (l'ingresso di vari secondi chitarristi per brevi periodi di tempo). Nel 2003 Luca abbandona il gruppo e al suo posto viene reclutato Jacopo, allora bassista nel gruppo hardcore MDE. Viene smantellato tutto il repertorio della band in favore di svariate cover dei Green Day e qualche piccolo excursus su brani di Ramones, NOFX, Rancid, The Network e The Strokes. Ricomincia così da zero l'avventura dei nuovi OGM, che nel giro di un anno colleziona ben 26 uscite zonali, aggiungendo alla propria line up un secondo chitarrista (Jarno). Tutto scorre abbastanza bene quando nel 2006 si susseguono due split: dapprima Jarno che lascia la band per dedicarsi per tutto al motocross, e in secundis il controverso abbandono di Emiliano che lascia la band ridotta a un duo. Seguono un paio di mesi di fermo, fino a quando Domenico e Jacopo decidono di provar a rimettere in sesto la band, iniziando a scrivere nuovo materiale e cercando un sostituto di Emiliano alla batteria; nonostante varie prove con alcuni batteristi in zona nessuno si rivela adeguato come nuovo batterista della band. Nell'estate 2007 Emiliano ritorna nella band e in poco tempo viene organizzata una set list con i nuovi pezzi scritti durante la sua assenza. Poche apparizioni live e la band si presenta a Ottobre presso lo studio dell'Accademia musicale della città di Volterra dove, sotto la guida di Stefano”Borrkia” Toncelli, si accinge a registrare un disco. Nel Maggio 2008 Emiliano viene rimpiazzato con il giovane batterista Iago, proveniente dalla punk rock band Wasaby, per incongruenze con la band. Il 12 dicembre 2008 la band si aggiudica la versione via web del Winter Rock Contest, conquistando la targa della testata giornalistica “Il Tirreno” dopo aver sbaragliato gli altri concorrenti. Nel Maggio del 2009 viene presentato il nuovo chitarrista, Jacopo Cardellini, e la band prosegue nelle proprie esibizioni, arrivando a toccare il palco del Canoa Fest di Cernusco sul Naviglio e a dividere lo stage con Bobo Rondelli e Il Maniscalco Maldestro, oltre a alla chiusura del Volturi Day, festa svoltasi il 31 ottobre ispirata dal film New Moon, esibendosi in una Piazza Dei Priori gremita.Nel 2010 la band decide di dedicarsi alla stesura di nuovi pezzi,cosa che comunque non impedisce al quartetto di presenziare all'ABDA Festival di Boccheggiano,dove dividono il palco assieme ai Modena City Ramblers. CONTATTI Jacopo Villanelli:347/1145638 Domenico Gentile: 328/5540976 Email: ipezzidiricambio@email.it

Live di I Pezzi Di Ricambio


Nessun evento trovato in archivio


I PROMESSI SPOSI


Il racconto è noto, l'amore contrastato tra Renzo e Lucia, ma la sua modernità ci parla di temi universali: l'Amore, il Potere, la Giustizia, la Fede. Dieci protagonisti, dieci comprimari, quaranta ballerini, un coro di quaranta elementi, una spettacolare scenografia con tre grandi palcoscenici ruotanti su un fronte di quaranta metri di Luciano Ricceri, i costumi di Alessandro Lai, le coreografie da grande teatro musicale di Mauro Astolfi, le luci e gli straordinari effetti speciali di Franco A.Ferrari, l'Orchestra Sinfonica diretta dal Maestro Renato Serio: questi gli ingredienti per proporre uno Spettacolo che celebra il più grande romanzo italiano con continui rilanci all'attualità. http://www.promessisposimusical.it

Live di I Promessi Sposi


Nessun evento trovato in archivio


I PUPAZZI


Dal pop alla musica leggera, dalle note sigle televisive dei cartoni e dei telefilm degli anni Ottanta e Settanta fino alla surf music degli anni Sessanta. I Pupazzi festeggiano i loro dodici anni insieme presentando alla Riviera il loro album d'esordio, Pupuzzle. I nove brani componenti il disco della band locale raccoglie quelli proposti nelle serate dal vivo, il tutto riarrangiato in chiave rock, “compreso anche – dichiara uno de I pupazzi Stefano D'Angelo – un omaggio ai più famosi pezzi di Elvis Presley”." www.ipupazzi.it

Live di I Pupazzi


Nessun evento trovato in archivio


I QUARTIERI


Il loro “Zeno” è stato una delle sorprese indipendenti italiane dell'anno appena terminato: un disco lontano dalle mode, emozionante e di classe, che non a caso è apparso in moltissime liste e classifiche di fine 2013. Ora però è arrivato il momento di fare sul serio e I Quartieri non vedono l'ora di portare la loro musica su alcuni dei più prestigiosi palchi italiani. Fondati da Fabio Grande nel 2009, sono partiti come un progetto solista per diventare passo dopo passo una vera e propria band di quattro elementi. Partiti da Roma, ma con il cuore e le chitarre sospese nello spazio, cercano di rivitalizzare il suono che aveva reso unica e particolare la capitale nella seconda metà degli anni novanta (un nome su tutti: Riccardo Sinigallia), con suggestioni tipicamente esterofile e di matrice psichedelica (chi ha detto dream pop?). “Nebulose”, il loro EP del 2010, è stata la sorpresa che ha rivelato un talento unico e cristallino, talento ribadito con vigore da “Zeno”, pubblicato lo scorso settembre da 42 Records, prodotto dal gruppo in autonomia, mixato e masterizzato da Giacomo Fiorenza (Colapesce, I Cani, Offlaga Disco Pax, Yuppie Flu, Moltheni e mille altri) e Andrea Suriani all'Alpha Dept. Studio di Bologna. La stampa specializzata ha gridato al miracolo, ma è sul palco che I Quartieri esprimono al meglio la loro idea di suono. Queste sono le prime date del tour che partirà da Firenze (Tender Club) il 24 gennaio e che li terrà impegnati fino all'arrivo dell'estate e oltre. I Quartieri sono Fabio Grande, Marco Santoro, Paolo Testa e Marco Pellegrino. L'album è stato anticipato dal singolo Zeno, per cui è stato girato un video – regia di Giulia Trasacco – che vede come protagonista Carlo De Ruggiero, attore già visto in Boris e nello spettacolo teatrale “4, 5 e 6”. Il video di Segnaletica, scritto e girato dalla band sempre in collaborazione con Giulia Trasacco, è stato presentato in esclusiva su Wired Italia. Un piccolo capolavoro low budget che ha raccolto più di qualche plauso. https://soundcloud.com/i-quartieri/sets/nebulose/

Live di I Quartieri


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Qun


Nessun evento trovato in archivio


I RAGAZZI DEL GIUBOCS


I Ragazzi del Giubocs nascono a Pescara nel 2007 dopo l'ennesima nottata in bianco passata a bere cedrata e chinotto (doverosamente corretti) parlando di rock'n'roll e mitologia pop. Da quel momento in poi è maturata l'idea di creare una band che riuscisse a coniugare la passione per le sonorità e i generi che incendiarono i 50's e parte dei 60's come rockabilly, surf, twist e swing, legandole però ad un immaginario musicale prettamente italiano. Oggi nomi come Celentano, Gaber e Jannacci possono sembrare dei classici ma al tempo loro, insieme ad altri artisti più di culto come Clem Sacco o Ghigo, segnarono un forte cambiamento nei costumi delle nuove generazioni. Era come se si fosse finalmente stappata una bottiglia di folle creatività che nessuno sapeva di avere in cucina, ed è questo tipo di energia quella che cerchiamo di tramettere nei nostri live, in fin dei conti quello che ci interessa è far ballare le persone. Con il passare del tempo e facendo decine di concerti lo spettacolo del Giubocs ha iniziato a somigliare sempre ad uno di quei musicarelli che sdoganarono il rock'n'roll nel nostro paese ed anche la band musicalmente con lui. Le canzoni stesse hanno subito mutazioni genetiche e processi di riarrangamento che in alcuni casi le rendono irriconoscibili. L'intensa attività live ha portato la band a condividere il palco con artisti come Brian Setzer, Giuliano Palma & The Bluebeaters, Hormonauts, The Rock 'n' Roll Kamikazes, Adels, Fiftyniners, Rekkiabilly ed Hellcats. Nell'ultimo anno gli scatenati party del Giubocs hanno fatto ballare tutto lo stivale da nord a sud con una serie di concerti in importanti live club come l'Alcatraz di Milano. Nell'immediato futuro del gruppo c'è un fitto calendario di concerti in continuo aggiornamento ed un frenetico ascolto di vecchi 45 giri alla ricerca di nuovi brani da stravolgere in sala prove insieme alla produzione di pezzi originali ad alto tasso d'adrenalina che presto vedranno la luce. Non vi resta che inserire il gettone ed aspettare che la puntina tocchi il vinile...sono pazzi come il rock, sono I Ragazzi del Giubocs!!! http://www.youtube.com/watch?v=dkiPDGRhDxw http://www.myspace.com/iragazzidelgiubocs Per contatti ed info: Marco "SBURZO" Di Pietro Tel: 328.4836930 Mail: marcosburzo@gmail.com ragazzi.giubocs@gmail.com Facebook: Marco Sburzo Ragazzi del Giubocs www.facebook.com/marcosburzo

Live di I Ragazzi Del Giubocs


Nessun evento trovato in archivio


I RAGAZZI DELL'OLIVO - NOMADI Tribute band


La nostra è una band lombarda costituita da sei musicisti di Milano, Pavia e Brescia che hanno il comune intento di suonare la musica dello storico gruppo dei NOMADI. www.iragazzidellolivo.it www.myspace.com/558320045

Live di I Ragazzi Dell'olivo - Nomadi Tribute Band


Nessun evento trovato in archivio


I RAGAZZI DELLA VIA GLUCK - ADRIANO CELENTANO TRIBUTE BAND


Un viaggio nei favolosi anni ’60 con una delle rarissime cover-band del personaggio più eccentrico della musica e della televisione italiana. I ragazzi della via Gluck - Adriano Celentano tribute band, con un formazione atipica per il genere, rivivono questo periodo in maniera personale tralasciando volutamente le collaborazioni più recenti per concentrarsi sul ventennio che ha fatto conoscere “il molleggiato” al grande pubblico, con 2 ore di musica e ricordi, spaziando dai tratti leggendari e indimenticabili a quelli più romantici, come "si è spento il sole" e "pregherò", fino a marcare i passi più bizzarri e divertenti. Spazio quindi a brani coinvolgenti come “24.000 baci”, “Azzurro”, “Non esiste l’amor”, ”Il ragazzo della via Gluck”...ecc. per una serata che accomuna più generazioni con un’unica passione. "I RAGAZZI DELLA VIA GLUCK - ADRIANO CELENTANO TRIBUTE BAND" sono: Gaetano Siciliano: Voce, Paolo Bacchi: Chitarra acustica e voce, Michele Borri: Basso, Fabio Branchesi: Chitarra solista e voce, Fabio Portinari: Batteria tel 328 95 68 728 iragazzidellaviagluck@gmail.com MYSPACE: http://www.myspace.com/iragazzidellaviagluck FACEBOOK: FAN CLUB DEI "RAGAZZI DELLA VIA GLUCK

Live di I Ragazzi Della Via Gluck - Adriano Celentano Tribute Band


Nessun evento trovato in archivio


I READ WILDE


Bio Artista: (la canzone pop perfetta, tra charts e underground) I Read Wilde è un giovanissimo cantautore che, desiderando diventare rockstar dall'infanzia, tra un party e un altro imbraccia la sua chitarra hawaiana e si mette a scrivere canzoni pop che si colorano di un'ironia metropolitana di matrice britannica, saltellano tra Chopin, il circo, l'alcool e Bacharach, esplodono in ritornelli contagiosi, fino ad arrivare dritte alla EMI. - http://www.facebook.com/ireadwildemusic

Live di I Read Wilde


Nessun evento trovato in archivio


I RECIDIVI


Una piacevole sorpresa questo primo lavoro in studio dei lombardi I Recidivi. La band nasce a Milano nel 1998 e, durante questi otto anni si è “fatta le ossa” calcando i palchi dell’interland milanese e partecipando ad importanti avvenimenti che hanno senza dubbio influito positivamente sia per quanto riguarda la capacità compositiva (i brani sono tutti originali), sia per la qualità interpretativa. Musicalmente parlando infatti, i quattro componenti (Alberto Genovese – voce e chitarra elettrica, Filippo Soddu – basso e chitarra acustica, Antonello Raggi – tastiere ed effetti e Federico Schilling – batteria e percussioni) mostrano un’aggressività rock’n’roll da far invidia a molti; un sound che riporta piacevolmente alla fine dei sixties ma estremamente personale, senza quelle stucchevoli scopiazzature che da qualche anno a questa parte inflazionano in modo fastidioso il mercato discografico. Una chitarra tagliente e precisa, un basso sicuro che segue a modo ogni brano, batteria dal tiro veloce e le tastiere che, abilmente “cammuffate” da organo, formano una base armonica non indifferente. I Recidivi sono tutto questo! Durante la registrazione di STRANE COSTELLAZIONI E/O ALTRI MONDI, inoltre, è da segnalare la partecipazione di Pasquale Defina (già leader dei Volwo e collaboratore di personaggi quali Cristina Donà e Manuel Agnelli), di Massimo Gardella e di Vera Burghignoli. La parte più curiosa riguarda i testi; la verve surreale ed ipnotica, spesso accompagnata da un’ironia di fondo, mi porta alla mente i Primus: testi a volte “grotteschi”, zeppi di un particolare vignettismo enigmatico e metaforico che, oltre a far sorridere e mettere di buon umore (cosa non da poco!), lasciano spazio alla fantasia e ad una sottile vena realistica. Tre canzoni su tutte che a mio modesto avviso confermano quanto appena scritto sono La Casa Dei Topi, Case Popolari e Verso La Fine Del Viaggio. La creatività non manca certamente a I Recidivi, che amano definirsi “surreal beat garage band”, la simpatia e la musicalità nemmeno; se volete farvi trascinare dall’allegria e la spensieratezza questo è il cd che fa per voi: 13 canzoni ed una bonus track che ti squotono, ti liberano il cervello da cattivi pensieri e che ti obbligano, alla fine del disco, a ripremere il tasto play! P.s.: L’originale e bel dipinto di copertina del booklet è opera del grande pittore milanese Sergio Dangelo; personaggio di spicco, in contatto con le avanguardie internazionali e, in particolare, col gruppo surrealista parigino e col gruppo COBRA. Nel 1951, con Enrico Baj, fondò il movimento d’arte NUCLEARE. www.irecidivi.it www.myspace.com/recidivi

Live di I Recidivi


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Refuse It


Nessun evento trovato in archivio


I ROCKERS ESTINTI


I GIORNALI SCRIVEVANO DI NOI: "i Rockers Estinti ....(Rock Band Romagnola) sono uno degli ultimi esempi di street-rock band. Sonorità da strada attinte dalle piu' profonde viscere della musica Rock , Blues e Folk americana." (Il Resto del Carlino) "ecco qua' un buon esempio di come un certo rock stradaiolo, alla Springsteen e John Fogerty per intenderci, possa essere cantato in italiano con buona attitudine, sonorità e serietà" (La stampa) "non c'e' bisogno di seguire i trend dell'ultima ora sembrano suggerire gli SSRE , provenienti dalla terra d'oro del Rock Italiano, cioè l'Emilia Romagna, per sempre fermi a quel blue collar Rock che in fondo, significa buone vibrazioni, musica calda e fatta con il cuore..e con le chitarre ben dispiegate senza vergognarsene" (Jam) La band nasce nel 1994 insieme a Sandro Spazzoli, autore (con influenze Dylan-Springsteeniane) dei brani originali che Spazzoli & i Rockers Estinti (SSRE) hanno pubblicato nei loro 3 CD, tutti editi dall'etichetta discografica torinese "La Locomotiva": "Mi sporchero' le mani", "C'e' chi resta e C'e' chi va", "Reykjavik 2004", in cui fa capolino la straordinaria voce e partecipazione del rocker NewYorkese Joe D'Urso. L'avventura è costellata da numerosi concerti in palchi davvero importanti tra i quali quelli del: “Ghinea” (Marina di Ravenna) “The Barge” (Rimini), “Madigans” (Cesenatico), "Donegal" (Ancona), Naima Club (Forli'), il Meeting per l'amicizia fra i popoli di Rimini 2002, X-RAY (Forlì) e molti altri. Quando nel 2004, Sandro Spazzoli conclude la sua carriera live nei SSRE, i Rockers, decidono di portare avanti il progetto, calcando palchi prestigiosi tra i quali citiamo volentieri: X-RAY (FC), B.M.F.(Bo), Sonix (Imola), "Sorsi di Rock" (Castelguelfo), Giostrà (Bo) e il "Sammardenchia rock 2007" (UD). IL NUOVO SPETTACOLO live che i R.E. propongono e' una miscela esplosiva di The Who, J.Hendrix, the Beatles, Led Zeppelin, The Clash, The Police, Talking Heads, Prince, opportunamente riarrangiati in chiave Rockers Estinti, una band che si e' evoluta negli anni, passando dal rock prettamente americano, al sound d'oltremanica, sino a diventare: "The British" Power Trio Tribute! CURRICULUM: 1994: Sodalizio i Rockers Estinti, 1995: Finale regionale di Rock Targato Italia, 1996: Primo album di Sandro Spazzoli & i Rockers Estinti "Mi sporchero' le mani" edito da La Locomotiva, 1997/1998: Tour live promozionale album, nei principali locali Italiani, 2000: Singolo di Sandro Spazzoli & i Rockers Estinti "C'e' chi resta e C'e'chi va" (La Locomotiva), 2001: finale del 3° Festival Nazionale etichette indipendenti citta' di Biella, 2002: "Reykjavik2004" (La Locomotiva), 2003/2004: Tour live promozionale nei principali locali e piazze Italiane, 2004: Conclusione del sodalizio con l'amico-guida S.Spazzoli. 2005: Rifondazione de: I Rockers Estinti , 2010: R.E. “The British Power Trio Tribute” COLLABORAZIONI ARTISTICHE: Joe D'Urso (Southside Johnny), Mark Harris (De Andre',Finardi,Gaber), Fosco Foschini e Daniel Angelini (Ivan Graziani), Andrea e Gionata Costa (Quintorigo), Luciano Gaetani (Modena City Ramblers), il m.stro e amico Luca "pinuccio" Bonucci (Sutura, Mario Biondi), Matteo "burba" Giovannini (un grande bassista), Filippo “Filo” Spirito (Voce, tastiere e pianoforte), il m.stro Luca Dal Pozzo (in assoluto: la tromba!), Luciano Ricci (mister saxophone), Giorgio "Jorgevich" Roda e il suo basso (un capostipite), il maestro Paolo Giovannini (dobro e mandolino x noi), il violino di Wilmer, "monsieur" Erick Anderson (Elisa), Lorenzo "Miami"e Roby "Big man"(Miami & the groover), il "Paso"del Fear studio, Gianluca Lo Presti del Lotostudio, Andy del Duna studio. Ci scusiamo nel caso avessimo dimenticato di menzionare qualcuno, ma sono veramente tanti, i musicisti e i personaggi con cui abbiamo avuto il piacere di collaborare nel corso degli anni! nel web: www.estinti.net http://www.facebook.com/pages/I-Rockers-Estinti-Fans-Club/136627629735493 http://www.youtube.com/rockersestinti?feature=mhee#p/a/u/0/gz7PKZ3GlO0 www.myspace.com/irockersestinti ************************************************************************************************************************************ Fabio "Dick" Di Concetto (voce, chitarre e armonica) Fabio Di Concetto classe 73, nasce e vive a Forlì, Italy Inizia ad avvicinarsi alla musica all'età di 14 anni dopo che la madre gli regala una chitarra acustica di seconda mano. Dopo un paio d'anni da autoditatta inizia ad approfondire gli studi chitarristici rock/blues con il maestro Paolo Giovannini ed in seguito, anche quelli vocali con il maestro Silvio Legni. Suona e canta con vari gruppi rock/blues, è baritono nella corale di "S.Mercuriale". Nel 1994, viene ingaggiato dall'amico e maestro Sandro Spazzoli nella band "Sandro Spazzoli & i Rockers Estinti"dove suona le chitarre, il kazoo ed è corista dei Rockers. La band partecipa a numerosi concorsi locali e nazionali ottenendo sempre ottimi risultati, ha un'intensa attività live in locali, piazze, manifestazioni e, produce e registra due album di brani originali con la collaborzione dell'etichetta discografica "La Locomotiva" di Torino. Fabio partecipa attivamente al progetto co/arrangiando parte dei pezzi e registrando le chitarre ed i cori in studio. Nel 2004 dopo una lunga ed intensa carriera musicale con i Rockers Estinti, l'amico-maestro Sandro Spazzoli decide di abbandonare il progetto "Sandro Spazzoli & i Rockers Estinti", per dedicarsi a tempo pieno alla musica classica. Dopo una breve pausa di riflessione, "i Rockers Estinti" decidono di proseguire la carriera musicale con Fabio, che ne diventa il "Frontman" (voce solista, chitarre e armonica). "I Rockers Estinti" si rinnovano negli arrangiamenti, nello stile e nelle esecuzioni dal vivo, partecipano come ospiti a numerose manifestazioni, per due anni consecutivi (2006 e 2007) sono ospiti fissi al "Sorsi di Rock" di Castelguelfo dove, si esibiscono dal vivo accompagnando tra l'altro, i cabarettisti di Zelig Paolo Cevoli ("l'assessore Palmiro Cangini") e Raul Cremona ("il mago Oronzo"), con i quali danno vita ad entusiasmanti performance musicali live. Parallelamente alla costante attività live con la band, Fabio scrive e registra dei "demo" di brani originali e, ad Aprile 2008, vince una borsa di studio per partecipare al corso per autori/interpreti presso la prestigiosa accademia musicale "C.E.T" di Mogol. Attualmente Fabio, continua l'attività live con i Rockers Estinti, che stanno dando vita a un nuovo spettacolo British, con nuove cover e arrangiamenti. E' Chitarrista e voce de: I Rockers Estinti ("The British Power TrioTribute") www.estinti.net **************************************************************************************************************************************************** Davide "Jimmy" Geminiani (batteria, percussioni) Nato a Riolo Terme (Ra) Italy, il 27-08-1965 Davide Geminiani, dal 1976 al 1982 frequenta la scuola di musica comunale di Riolo Terme e apprende le prime nozioni musicali di clarinetto e batteria con il m.tro Angelo Chiodini, nel frattempo conosce (e ne diventa amico) il m.tro Paolo Budini ( primo clarinetto solista della Scala di Milano per 30 anni) da lui in particolare apprendera' tutto quello che sono l'espressione ed il bel suono del clarinetto. Entra al conservatorio G.B.Martini di Bologna nel 1979 con il m.tro Capicchioni, due anni dopo trasferisce gli studi all'istituto comunale di musica pareggiato G.e L. Malerbi di Lugo di Romagna, dove nel 1987 (sotto la guida del m.tro Gian Franco Berardi) consegue il diploma di clarinetto e materie complementari (solfeggio,cultura musicale generale, armonia complementare, storia ed estetica musicale). Nel 1984 frequenta un corso di improvvisazione blues-jazz (una full-immersion di 15 giorni) con il m.tro Hengel Gualdi, presso il conservatorio O.Vecchi di Modena e, sempre nel 1984 (e sempre all'O. Vecchi di Modena) segue un seminario di clarinetto moderno tenuto dal m.tro Ciro Scarponi. Parallelamente alle esperienze musicali con il clarinetto, studia e suona la batteria sfruttando tutto quello che gia' conosce della musica, grazie agli studi in conservatorio. Allievo per diversi anni (fra il 1990 e il 2001) del m.tro Carlo Chiarelli, (capace e virtuoso batterista rock-jazz) con lui si specializza nel genere rock in tutte le sue varianti. E' stato batterista degli Entropia (la sua prima band, Riolo Terme--pop-rock) dal 1979 al 1986 ( diversi concerti live e 2 demo in studio), grazie hai quali ha conosciuto un talentuoso tastierista-bassista (polistrumentista): Luca Bonucci. Grande amicizia e molteplici collaborazioni nel tempo con lui, che e' poi diventato uno dei piu' eclettici musicisti del panorama musicale italiano. de: le Zanzare Selvagge dal 1983 al 1995, (Imola-rock sperimentale) con cui ha vinto per 2 anni consecutivi (1990 e 1991) il premio della critica alla manifestazione Chianciano rock, e dato vita a concerti su palchi davvero importanti. ( -- 2 demo in studio ) dei Brahma (Faenza-rock italiano)1989-1993, (attivita' live) dei Fermenti Lattici (Faenza - ska-punk),1991-1992 ( concerti live e 1 demo in studio) de: i Koppertoni dal 1993 al 1997, (Castelbolognese - rock 'n' roll ironico-demenziale) con i quali ha ancora collaborazioni, ha partecipato a ben tre finali di SanScemo (Torino,1994-1995-2001), ed ha avuto innumerevoli esibizioni live televisive (tra cui: Segnali di fumo, condotto da Paola Maugeri.. Roxy Bar, di Red Ronnie.... etc), il tutto sotto la meticolosa "regia", i consigli e il supporto diretto sul palco (chitarra e/o basso) del "Profeta" Samuele Ravaioli, e di Luca (pinuccio) Bonucci (basso e/o tastiere) e poi, con Clemente Ferrari (tastierista co-arragiatore "storico" di Max Gazze') e, Patrizio Moi un "promettente" tastierista (allora sedicenne), che attualmente e' uno dei maggiori arrangiatori e produttori musicali di Londra -moltissimi i concerti, 1 demo e 2 cd all'attivo registrati e prodotti da Loris Ceroni allo studio di registrazione "le Dune"-. Dal 1996 al 2003 e' stato il batterista delle Rose nel Deserto ( Imola-Massa Lombarda-- pop-tribal-rock ), tanti concerti e 2 finali al Festival di Napoli ( 2002 e 2003 ), festival degli Sconosciuti di Roma, festival di San Marino, Faenza rock, etc. (-- 1 cd e 2 demo all'attivo ) Dal 2009 a dicembre 2010, è stato il batterista dei Radioattiva ("live band radio") hit radiofoniche anni '80-'90 . Dal 1996 e' il batterista di Sandro Spazzoli & I Rockers Estinti (dal 2005 solo: I Rockers Estinti) (Forli'-Riolo Terme-- rock-blues), concorsi, concerti e manifestazioni varie sui palchi di tutta Italia, (-- 3 cd all'attivo, 5 demo-live, 3 dei quali in presa diretta in studio). Batterista de: I Rockers Estinti ("The British Power Trio Tribute") www.estinti.net ************************************************************************************************************************************************* Francesco "Franz" Preziosi (voce, basso, contrabbasso) Nato il 22 febbraio del 1981 a Modena, Italy Francesco Preziosi si avvicina alla musica all'età di 16 anni grazie ad alcuni amici con cui ritrova nel mitico garage-cantina del batterista per suonare brani inediti. Il gruppo si chiama Warwerk e il loro demo Arte Morale e Stasi -ancora registrato su bobina- ottiene alcuni passaggi radiofonici in programmi serali di Modena Radio City. Inizia poi a farsi conoscere nell'ambito degli studi di registrazione locali grazie ad alcune collaborazioni con Stereosonika [FC], Loto Studio [Filetto, RA], Duna Studio [Russi, Ra]. Ha studiato con Fabrizio Fabiani (basso e improvvisazione), Ivan Bratti (teoria e solfeggio), Maurizio tassani (contrabbasso). Nel frattempo, ha partecipato ai seminari J.C.E di improvvisazione tenuti dal pianista John Taylor, e si è perfezionato presso M.A.I (Music Academy Internation, Nancy), dove ha potuto studiare con bassisti di punta del panorama musicale francese e internazionale . Ora si sta diplomando in contrabbasso e insegna basso elettrico presso Mikrokosmos (Ra), Atélier (San Pietro in Vincoli), e per la Bass To rock (Marco Caudai's school) ha suonato con: Joy has Gone gruppo indie che spesso ha aperto i concerti di Franklin Delano, Velma, Logan, Sodastream and Chevreuil Quelli che il Blasco (ex combriccola): Vasco Rossi cover band Mono:fi: electro pop inedito (gGanluca Lo Presti) Bad News: Johnny Cash Tribute band Noveunouno Ensemble Electrique: jazz quartet che ha collaborato in spettacoli teatrali con Alessandro Preziosi e Rita Marcotulli The Superlovers: alternative rock band Franz è il bassista de: Radioattiva: cover rock anni '80 /'90 I Rockers Estinti: (“The British” power trio tribute) www.estinti.net

Live di I Rockers Estinti


Nessun evento trovato in archivio


I ROUSETO


Il gruppo propone principalmente una esibizione imperniata sulla musica da danza dell’Europa sia nord-occidentale che dell’est , il che consente di eseguire soprattutto motivi antichi e storici sia delle aree franco-occitane che balcaniche sostenuti dalla grande versatilità del clarinetto. Il gruppo Rouseto é particolarmente disponibile per festivals, stages di danze popolari europee con spiegazione, dimostrazione e divulgazione delle stesse anche nelle scuole (eventualmente concordando un’ integrazione al programma didattico), feste e manifestazioni di piazza, esibizioni nei pubs, piccoli ricevimenti aziendali, matrimoni a sfondo bucolico ed altri avvenimenti caratteristici del mondo folk e non. Il programma preparato per il 2007/08 prevede danze ),danze klezmer,balcaniche,tarantelle del sud Italia,danze occitane dell’Auvergne, Berry, Delfinato, ecc.. (rondeaux, chapelloises, bourrèe a 2 tempi, bourrèe a 3 tempi), danze occitane Alpine (controdanze, courente, gigo, balèt) danze di provenienza mitteleuropea (scottish, polke, mazurke, valzer), danze basche (fandango, arin-arin, carneval de Lantz), danze bretoni (circles, en dro) durata esibizione: 1h 45’ circa (max. 2h 30’); Contatti: Rosi Consonni cell. 3297209836 o tel. 02/95838242 e-mail : rosarita.consonni@alice.it www.myspace.com/irouseto

Live di I Rouseto


Nessun evento trovato in archivio


I SOLITI IGNOTI


I SOLITI IGNOTI Il progetto "I soliti ignoti" nasce con l'intento di fare un percorso musicale all'interno del panorama d'autore in Italia cercando di rintracciare, tra canzoni che nascono con ispirazioni molto diverse, un tratto comune: quello di proporre attraverso una musica cha spazia dal reggae al jazz, dal rock alla tarantella... dei testi profondi e fortemente suggestivi che tentino in ogni modo di stabilire un contatto con chi sta ad ascoltare. Questo ha portato "I soliti ignoti" a rivisitare autori di vecchia data come Fossati e De Gregori, a riascoltare dischi polverosi di Pino Daniele e Lucio Dalla, per arrivare ai più recenti Mario Venuti, Sergio Cammariere, Tiromancino, passando per le dotte citazioni degli Avion Travel... Tutto ciò servirà ad arricchire di atmosfere e suggestioni un progetto originale a cui il gruppo sta lavorando da tempo e che presenterà al pubblico, per la prima volta, all'fbi martedì 23 alle 22. La formazione si avvale di musicisti di grande qualità ed esperienza, maturata in ambiti musicali di estrazione molto diversa l'uno dall'altro. Questo porta ad un confronto e ad una ricchezza di idee che è facilmente riscontrabile negli arrangiamenti e nell'esecuzione dei brani. Corrado Giannetti Corrado Giannetti - voce Ennio Atzeni - piano Roby Deidda - chitarre Nicola Cossu - basso Nello Argiolas - batteria

Live di I Soliti Ignoti


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Sostituti


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Sun


Nessun evento trovato in archivio


I TAMBURI DEL BURUNDI


I Tamburi del Burundi sono doppiamente un classico. Oltre ad essere una delle rappresentazioni più nobili, suggestive e spettacolari del ricchissimo e variegato patrimonio della percussione africana, sono anche stati fra i primi ambasciatori della musica del continente nero in Europa, quando ancora a livello internazionale la musica africana circolava con il contagocce. Di esuberante appeal e di respiro superbamente coreografico, la performance dei Tamburi del Burundi può incantare grandi e piccoli, ma al contempo, non priva di aspetti di rituale solennità, ricorda il carattere sacro dei tamburi: scolpiti in tronchi d'albero (umuvugangoma), gli strumenti, una ventina, fanno il loro ingresso in scena portati in equilibrio sulla testa da percussionisti-danzatori che mentre camminano battono sulla pelle dei tamburi che li sovrastano. Nell'esibizione si riflette la cruciale funzione che i tamburi, simbolo dell'unità del paese e del potere del re, rivestivano nei più importanti momenti cerimoniali della corte reale: addirittura in lingua kirundi la parolaingoma significa tanto “tamburo” quanto “regno”. Alludendo a questa idea di unione, i percussionisti coi loro tamburi si dispongono ad arco intorno ad un tamburo centrale, l'inkiranya: a sinistra i tamburi amashako, che tengono un ritmo continuo, a destra i tamburi ibishikizo, che riprendono le cadenze lanciate dall'inkiranya. Mentre i compagni continuano a battere implacabilmente, a turno ciascuno dei percussionisti si esibisce come solista all'inkiranya, rivaleggiando con gli altri in movimenti virtuosistici di danza e in evoluzioni acrobatiche. Esaltazione dello spirito e delle tradizioni di un popolo, i Tamburi del Burundi ci offrono una illustrazione particolarmente persuasiva della relazione, profondamente radicata nella cultura e nella sensibilità africana, fra la percussione e l'energia che è il motore del cosmo. FORMAZIONE: Ntagabo Gabriel, percussioni Banjurunaze Emmanuel, percussioni Banyuzuriyeko Christophe, percussioni Nyandwi David, percussioni Ntimpirangeza Dominique, percussioni Ntimpirangeza Astère, percussioni Njwira Godefroid, percussioni Manirakiza Félicien, percussioni Gahungu Longin, percussioni Niyibitegeka Frederic, percussioni Nizigiymana Tharcisse, percussioni Nsabimana Ferdinand, percussioni Nahimana Christophe, percussioni

Live di I Tamburi Del Burundi


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Tamburi Di Tokyo


Nessun evento trovato in archivio


I TARANTOLATI DI TRICARICO


TARANTOLATI DI TRICARICO genere : Tarantella| Folk - provenienza : Lucania - Tricarico Dagli inizi presso il FOLK STUDIO alle prestigiose collaborazioni con Dario Fo, Roberto Benigni, Francesco De Gregori, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Mario Monicelli e tanti altri, i Tarantolati di Tricarico possono essere considerati a pieno titolo i genitori della musica etnica italiana. Il ritmo ossessivo dei tamburi e del cupacupa, le tastiere utilizzate come delle zampogne del terzo millennio, la trascinante chitarra battente, continuano a tessere il tappeto musicale sul quale si sposano i testi della tradizione, che comprendono le varie sfaccettature della vita in Lucania: dai canti di lavoro agli stornelli delle serenate; dalle filastrocche dei giochi infantili ai canti di denuncia sociale, senza dimenticare i brani del repertorio classico dei Tarantolati, ormai conosciuti in tutta Italia, divenuti veri e propri “prodotti d'esportazione” regionale. Dopo trent'anni di carriera, gli alfieri della tarantella lucana tornano a donare sé stessi, la propria energia e la magia della terra di Lucania. LINK : www.tarantolatiditricarico.org 


Live di I Tarantolati Di Tricarico


Nessun evento trovato in archivio


I Tavernicoli


I Tavernicoli acoustic trio experiment Peter Neri percussioni – Luca Grasselli chitarra – Piero Irlanto chitarra Il gruppo Valdagnese si è formato nel 2003 con l’obiettivo di comporre ed offrire al pubblico uno spettacolo totalmente acustico che possa essere di grande impatto sonoro ma che, allo stesso tempo, delizi gli “addetti ai lavori” con virtuosismi e ricercate soluzioni ritmiche ed melodiche. Nei loro brani le sonorità della musica etnica si fondono con il rock progressivo, le canzoni popolari e la musica ipnotica e psichedelica, generando uno spettacolo che non può lasciare indifferenti. Forse è“sperimentale” il termine che più di altri abbraccia il loro stile. Terzi classificati all’ european music contest di Bologna su oltre 700 gruppi da tutta europa, ospiti all’edizione 2004 e 2005 di acustica unplugged, festival internazionale per gruppi acustici, hanno suonato sul palco del Buskers festival di Ferrara, ad Avignone e Arles in Francia oltre ad essere ospiti nei locali del nord Italia.Nel luglio del 2006 rappresenteranno il Veneto ad Arezzo Wave festival (finalisti tra oltre 1900 gruppi iscritti) , il più grande festival in Italia. Tutte le informazioni sui nostri concerti gli MP3 e le novità sul sito (il nostro cache vi stupirà) - www.tavernicoli.it www.myspace.com/tavernicoli

Live di I Tavernicoli


Nessun evento trovato in archivio


I THREES


I-THREES Dopo che Peter Tosh e Bunny Wailer lasciarono la band, Bob Marley formò posteriore il gruppo di di voci femminili: le I-Threes. Marcia Griffiths era la diva di reggae, dopo aver registrato allo Studio Uno negli anni sessanta un successo internazionale e massiccio," Young, Gifted and Black" insieme al suo fidanzato Bob Andy altra figura. bob andò in studio a registrare l'album Natty dread e quando finì chiese alle I-Threes di seguirle in viaggio. L'Io-Threes l'Esordio Agli inizi del 1975, Bob provò questa nuova line-up, in uno show come supporto ai Jackson Five. Da quel momento il gruppo funziona e si espande ancora con il nome di Bob Marley e i Wailers. I fratelli di Barrett tenevano la sezione di ritmo. Al Anderson come chitarrista; Seeco Patterson, il fratello di Bob da Trenchtown divenne il percussionista del gruppo; Tyrone Downie suonava pianoforte e sintetizzatore, mentre Wire Lindo suonava l'organo. Il gruppo vocale di Bob Marley fece parte della crew fino alla morte di Bob. Le I-threes si sciolsero e ognuna seguì la strada da solista. Il 6 febbraio per l'anniversario della morte di Bob, e per l'arrivo delle ceneri in Etiopia, il gruppo delle I-Threes si è riunito, ma senza JudyMowatt. Un trio che ha segnato la storia del reggae e che porta avanti la storia, lo spirito e l'energia di Bob Marley. SUONANO: 3/8 MARGERA VILLAGE -VE; 4/8 CARRARA; 5/8 GENOVA - INFO: TOUR DE FORCE - Tel. 06/37518551-37518615 - 335/386786 - Via Costantino Morin 27 - 00195 Roma - www.tourdeforce.it

Live di I Threes


Nessun evento trovato in archivio


I TURBOLENTI


I TURBOLENTI sono quattro artisti polivalenti (Enzo Polidoro, Gianluca Impastato, Gianluca Fubelli e Stefano Vogogna) che ballano come cantanti, cantano come mimi, recitano come musicisti ma soprattutto parlano come mangiano. I quattro artisti costruiscono e interpretano uno spettacolo ricco di emozioni, passando da momenti di toccante poesia a pirotecnici numeri di magia. Nell'evolversi dello spettacolo si susseguono svariate incursioni di bizzarri personaggi come il noto somelier Kikko d'Oliva, che dispenserà consigli e suggerimenti sul vino, nella sua rubrica “Gusto”, il Pupo Secchione, che “non ha mai schiacciato”, il Mago Fiorenzo, il flautista Studdarello, Mariello Prapapappo e i suoi misteri, il Giulio Cesare dei giorni nostri, I Turbotubbies. Sarebbero un trio perfetto se non fossero in quattro. In linea come una difesa a zona, alternano coretti, alterchi e polemiche nel tentativo di capire chi è di troppo…. Ma siamo proprio sicuri che sia tre il numero perfetto? Nascono artisticamente nell'ottobre 1998. Iniziano la loro avventura presso locali milanesi per sperimentare la loro comicità, che viene plasmata dagli studi di mimo, clownerie e improvvisazione teatrale. Sono vincitori del Festival Nazionale Del Cabaret di Torino nel settembre 2000. Nel gennaio 2001 hanno preso parte alla manifestazione Bravograzie di S.Vincent. Hanno partecipato alla trasmissione "Lista D'attesa" su Telenova e Italia9network. Nel luglio 2002 hanno vinto il premio della critica al prestigioso Premio Charlot di Paestum e dallo stesso anno sono ospiti fissi a Colorado Café in onda su Italia Uno. Dal settembre '05 partecipano tutte le domeniche a “Guida al Campionato”. Nei teatri, nei locali e nelle piazze italiane hanno portato i loro spettacoli “Gli Artificieri” e “Uno è di Troppo”. Determinante per la carriera fu l'incontro con Diego Abatantuono, e la partecipazione a Colorado Cafè giunta oggi alla settima edizione e di cui i Turbolenti hanno sempre fatto parte raggiungendo lo storico traguardo delle 100 puntate. Nel corso di questi anni oltre a Colorado sono arrivate altre soddifazioni, come la partecipazione al film "Ecceziunale veramente... capitolo secondo me" con Diego Abatantuono, la vittoria del premio della critica al prestigioso premio Charlot di Paestum nel 2002, la partecipazione dal 2006 al 2008 alla trasmissione sportiva guida al campionato di italia1 e la fiction " Fratelli Benvenuti " al fianco di Massimo Boldi. www.turbolenti.com

Live di I Turbolenti


Nessun evento trovato in archivio


I VIRTUOSI DI PRAGA


I VIRTUOSI DI PRAGA diretti da ALFONSO SCARANO Orchestra leader in Europa, sin dal 1990 è diretta dal Direttore e Violino solo Oldrich Vlcèk. Alfonso Scarano, di origini tarantine, è tra i direttori ospiti che regolarmente lavorano con l’orchestra nella normale stagione a Praga (Rudolfinum Hall, Pontes Festival-UNESCO, Praha-Mozart Festival) e nelle frequenti tournèe internazionali. Vincitore di numero concorsi, dirige l’orchestra dei Virtuosi dal gennaio 2000.

Live di I Virtuosi Di Praga


Nessun evento trovato in archivio


Live di I Was A Teenage Munster


Nessun evento trovato in archivio


I WAS HERE


Il progetto I Was Here nasce nell’ormai lontano 1999 dall’incontro casuale di ChrisLost e PaulByTheSun.
Nonostante la provenienza da background musicali decisamente diversi, i due scoprono la voglia comune di dar vita ad una nuova proposta musicale che potesse distinguersi dalla massa e decidono di affiancarsi e collaborare nella speranza di dar luce ad un qualcosa di realmente concreto.
La strada si presenta però tutta in salita: numerosi cambi di line up, idee e brani creati e successivamente scartati, l’approccio a tendenze musicali che non si dimostrarono idonee… la giusta via, anche se con fatica, non tarda ad arrivare: pezzi di grande impatto caratterizzati da ritmiche e sonorità metal crossover rendono il sound targato I Was Here potente e coinvolgente ora come mai, gratificando, così, l’affiatamento, la stabilità e la complicità creatasi fra i componenti dell’attuale line up. www.iwhfamily.com www.myspace.com/iwasherefamily

Live di I Was Here


Nessun evento trovato in archivio


I WRESTLED A BEAR ONCE


I WRESTLED A BEAR ONCE, band metal sperimentale proveniente dalla Louisiana www.myspace.com/iwrestledabearonce

Live di I Wrestled A Bear Once


Nessun evento trovato in archivio


I'M ANITa


Il quartetto presenta un accattivante viaggio nel mondo del suono esaltato nella sua purezza e deformato fino all'esasperazione mutandone le forme e ridefinendone i codici musicali. Attraverso un inedito approccio compositivo che si basa sull'integrazione di sonorità dal sapore jazz-noise con suggestioni d'altri tempi evocate da strumenti lirici come il theremin ed il contrabbasso, la band spazia con disinvoltura dalla musica atonale al rumorismo, dallo stravolgimento di classici del jazz fino a vere e proprie gag sonore improvvisate farcite di elettronica. Biografia Il progetto I'M ANITa nasce come trio nel 2000 dalle menti di musicisti già da qualche anno presenti sulla scena musicale marchigiana, sia come componenti di varie formazioni dei più svariati generi musicali che come collaboratori di studi di registrazione, artisti visivi, associazioni culturali e scuole di musica. Nel 2001 oltre ad un'intensa attività live i tre danno vita al progetto "MMM Flying Studios" (una sorta di studio di registrazione itinerante che ha lo scopo di immortalare opere di musicisti e suoni dei più; disparati contesti sociali). Nel 2002 registrano il loro CD autoprodotto "NACU SBBOCCL", lavoro recensito positivamente dalla critica specializzata, il quale li porterà ad essere invitati ad esibirsi nelle tre serate del dopofestival di "Musicultura - Premio città di Recanati". Nel 2005 sono finalisti, al IV Festival internazionale del cinema muto musicato dal vivo patrocinato dall' UNESCO "Strade del cinema" componendo ed interpretando la colonna sonora del film "A woman" di Charlie Chaplin. Sempre nel 2005 realizzano, con la collaborazione dell'attore Lenny Ciotti, lo spettacolo "Le città invisibili", tratto dall' omonimo testo di Italo Calvino. Nel 2006 realizzano lo spettacolo "I'M ANITa plays Maya Deren", musicazione dal vivo di tre film della grande regista statunitense. Nel 2006 ottengono, al "Rimusicazioni film festival di Bolzano" una menzione e relativa proiezione per la composizione ed il montaggio della colonna sonora del film "Le Retour A' La Raison" di Man Ray. Nel 2007 vincono il primo premio al festival delle creazioni sonore per le immagini "Moviemento" di Napoli, con la sonorizzazione di "At Land" di Maya Deren. Nel 2008 la loro rimusicazione del film “The Fall of the House of Usher” viene pubblicata su DVD dalla Harlock/Cineforum Bolzano per la collana Rimusicazioni. Nel Luglio del 2011 pubblicano il cd "ANTRIRIPIENI" per l'etichetta DODICILUNE (JAZZIT AWARD 2010 - 2011 - 2012 per la categoria "Migliore Etichetta Discografica Italiana") Nel 2012 ricevono il premio del pubblico al Concorso Nazionale “Chicco Bettinardi” ed il premio "Yellow Award Tradition & Innovation" al Jazzup festival di Viterbo. Matteo Ciminari: Chitarra, Theremin Mattia Borraccetti: Contrabbasso Alessandro Apolloni: Clarinetto Luca Orselli: Batteria, Percussioni www.imanita.net info@imanita.net www.myspace.com/imanita2 www.myspace.com/matteociminari www.facebook.com/imanitamusic

Live di I'm Anita


Nessun evento trovato in archivio


I'M FROM BARCELONA


A volte succede che una trentina di svedesi usciti dal nulla ti prendano in giro con il loro gioioso pop corale, e a te non resta che stare al gioco. Perchè di gioco si tratta, un gioco che piace soprattutto quando si è stufi di quell'universo musicale fatto di pose, atteggiamenti e poco altro. C'era da scommettere sugli I'm From Barcelona già dall'uscita del delizioso EP "Sing!": il collettivo scandinavo vince per la semplicità, l'ironia e la voglia di non prendersi troppo sul serio; pare evidente ascoltando questo "Let Me Introduce My Friends" che la voglia di divertirsi è tanta e soprattutto vera. Il segreto di questi mattacchioni? la trasparenza: difficile negarsi al messaggio subliminale "Guarda, siamo qui, facciamo musica perchè ci piace, non c'importa molto altro, se non divertirci e divertire, canta insieme a noi!". E così tutti a cantare quei "na, na, na!" come degli imbecilli, con allegra innocenza e senza imbarazzo, perchè tanto c'è qualcuno di (apparentemente) più stupido di noi che di quei "na, na, na!" ne ha fatto una canzone dal titolo "We're From Barcelona", non a caso il singolo trainante. "apparentemente stupido" perchè questo è pop di classe e la band di Jönköping potrebbe farci i soldoni, visto anche l'immediato contratto EMI. Non sarà disco dell'anno ma senz'altro una valida colonna sonora estiva oltre che una piacevole novità in quest'arido 2006. Notevole per un gruppo che ha semplicemente inventato canzoncine degne di "Aggiungi un posto a tavola" e le ha imbastite di tutto ciò che il migliore pop di scuola Stuart Murdoch prevede: cori, handclapping, archi e fiati a volontà. www.imfrombarcelona.com www.myspace.com/imfrombarcelona

Live di I'm From Barcelona


Nessun evento trovato in archivio


I-RISERS


www.hirisers.com - SUONANO: Mercoledi 2 febbraio - TBA Giovedi 3 febbraio - TBA Venerdi 4 febbraio - MADLY PUB, Castelnovo, Piacenza Sabato 5 febbraio - JACK THE RIPPER, Roncà, Verona Domenica 6 febbraio - TBA Lunedi 7 febbraio - TBA - Info: BLITZSTUDIO Artwork & Management - Via Don Gnocchi, 14/a - 37010 Affi (Verona) tel/fax 045/6261364 - 348/4075671 - 347/0603197 www.blitzstudio.it

Live di I-risers


Nessun evento trovato in archivio


I-ROBOTS


Gianluca Pandullo inizia la sua carriera all'inizio degli anni '80 suonando le diverse correnti della black music che includevano ritmiche funk, disco e afro, con un personale interesse verso la musica elettronica, radici, queste, tutt'ora percepibili dalle sue selezioni musicali. Negli anni si è fatto promotore di tantissimi stili musicali; ha suonato e si è esibito in dj set che, tra le loro ritmiche, includevano soul, jazz, funk e latin ma anche tutto ciò che da queste è derivato: hip-hop, house, acid-jazz, trip-hop e drum'n'bass. Gianluca Pandullo è inoltre un grandissimo collezionista e trader di vinile; è un giornalista, è un attivo promoter, e continua a collaborare con i maggiori e più quotati nomi di ogni scena musicale. La sua abilità e la sua esperienza in tutte le realtà musicali gli permettono di realizzare un dj set veramente alternativo e originale con influenze che prendono lo spunto da molti degli stili da cui si muove l'House & Electronic music, incorporando sfumature electro, deep, afro, jazzy & disco il tutto unito alla sua innata abilità di lettura del pubblico e creazione di feeling immediato. Attualmente è impegnato con il progetto NEMESI edito dalla Relish Records che pubblicherà presto il nuovo singolo intitolato "L'Asteroide". Inoltre in uscita il nuovo progetto EBBRO realizzato con Patrick Di Stefano & Nemesi team. www.myspace.com/irobots

Live di I-robots


Nessun evento trovato in archivio


I-TSCHUM


C’erano una volta i Bz Bz Ueu (Wallace rec.), una atipica formazione barese jazz-core in cui militavano ambigui personaggi, dilettandosi in “strani” progetti musicali, una rivoluzione di suoni, sorprese, fastidi sonori, musica in libertà, senza controllo… Poco dopo il progetto franò misteriosamente. Dalle sue ceneri però sorsero ben presto due nuove creature parallele: gli I-Tschum e i Lo Flopper . I suoni si sono fatti più ruvidi e ossessivi, l’atmosfera è cupa e claustrofobica, ma non manca la vecchia anima bizzarra, solo si è evoluta in pura psicopatia. www.myspace.com/itschum

Live di I-tschum


Nessun evento trovato in archivio


Live di I-wayne


Nessun evento trovato in archivio


I:CUBE


I:Cube, all'anagrafe Nicholas Chaix, comincia a produrre musica elettronica nel '96 e subito diventa uno dei nomi più caldi al mondo, merito dell'esplosione della scena francese di quegli anni (Daft Punk, Air e co.) e del suo versatile progetto, in cui mischia sapientemente musica house, detroit techno e melodie elettroniche. Non a casa remixa il classico "Around the World". I suoi quattro album, pubblicati principalmente dalla etichetta Versatile, sono stati definiti dei bestseller della musica alternativa, un successo per critica e pubblico: 'Picnic Attack', Adore', '3' e l'ultimo registrato live al Planetarium de La Villette del 2006. Insieme a Gilb'r è la mente dietro al progetto Chateau Flight, più orientato a suoni funky. Recentemente ha pubblicato anche per la 'caldissima' Innervisions di Berlino. Sua è una delle tracks più suonata dai dj di culto nel 2006: l'esplosiva "Acid Tablet". Dopo una lunga assenza dalle consolle milanesi, il ritorno di un grandissimo ai Magazzini Generali.

Live di I:cube


Nessun evento trovato in archivio


IACAMPO


E' probabile che qualcuno si ricordi ancora degli elle, talentuosa band veneta il cui primo album segnò la partenza delle produzioni URTOVOX nel lontano 2001, di cui Marco Iacampo era frontman oltre che autore di musiche e testi; o di GOODMORNINGBOY, sua esperienza solista successiva agli elle che davvero tanto fece parlare di sé grazie a quei due dischi (Goodmorningboy, 2002, ed Hamlet Machine, 2004) che lo confermarono come uno dei songwriter più talentuosi e sensibili del periodo. Più che una speranza...una capacità di esprimere emozioni in musica davvero unica. Strade che si dividono per ricongiungersi a distanza di tempo, scorrere di acque sotto i ponti che ti portano a proseguire percorsi non sempre facili e lineari ma che stanno alla base dell'evoluzione, della crescita, della presa di coscienza per lo sviluppo di un contenuto musicale che ancora oggi sorprende ed emoziona per la sua profondità. Una semplicità formale disarmante che sottintende il trascorrere della vita, il diventare uomini e padri; canzoni universali legate alla tradizione popolare. Non musica d'autore, non cantautorato…non come si intende oggi almeno. Anche se ascoltando queste 10 tracce, molti sono i nomi illustri che potrebbero venire in mente, da Ivano Fossati a Leonard Cohen passando per Caetano Veloso e Nick Drake. Ma al di la delle referenze più o meno calzanti, qua c'è l'uomo con il suo bagaglio che esprime se stesso, voce, chitarra e poco più. Quello che basta per staccare con il mondo ed iniziare a immaginare…un Mondonuovo. http://www.facebook.com/IACAMPO.VALETUDO Pagina facebook marco iacampo http://www.facebook.com/marco.iacampo

Live di Iacampo


Nessun evento trovato in archivio


IAIA FORTE


Diplomata al Centro Sperimentale di Cinematografia, ha debuttato in teatro con Toni Servillo, vincendo per Il misantropo di Molière il Premio della Critica come migliore attrice. Ha collaborato a lungo con il gruppo Teatri Uniti. Sempre in teatro ha lavorato con Leo De Berardinis, Mario Martone, Carlo Cecchi, Federico Tiezzi, Emma Dante, partecipando a spettacoli tra i più premiati dalla critica negli ultimi anni. Dopo alcune parti minori, al cinema interpreta Libera di Pappi Corsicato, con cui ha lavorato anche ne I buchi neri, I vesuviani e Chimera. Sempre al cinema ha lavorato con Maurizio Nichetti, Marco Ferreri, Tonino De Bernardi, Mario Martone, Renato De Maria e Marco Risi, ottenendo due Nastri d'argento e un premio Sacher come migliore attrice protagonista. Di recente ha preso parte al "Progetto Domani” di Luca Ronconi in occasione delle Olimpiadi della Cultura Torino 2006 recitando in Troilo e Cressida di Shakespeare e ne Lo specchio del diavolo di Giorgio Ruffolo. Parallelamente al lavoro con registi italiani Iaia Forte insieme a Clara Gebbia lavora a progetti ideati e prodotti dalla compagnia Teatro Iaia. http://www.iaiaforte.it/

Live di Iaia Forte


Gio 08 Mag - Palermo (PA) - Italia

TEATRO LIBERO PALERMO



Ven 09 Mag - Palermo (PA) - Italia

TEATRO LIBERO PALERMO



Sab 10 Mag - Palermo (PA) - Italia

TEATRO LIBERO PALERMO



Dom 11 Mag - Catania (CT) - Italia

VIA GRANDE STUDIOS CATANIA




IAIN MATTHEWS


Chiuderà la serata Iain Matthews una delle voci più limpide del folk rock d'autore. Nel 1967, a diciannove anni, esordisce in una surf band i Pyramid con il suo vero nome Ian M. MacDonald. Poco tempo dopo passa nei Fairport Convention, destinati in breve a diventare pionieri del folk rock. Nel frattempo modifica il proprio cognome in Matthews (per non essere confuso con lo Ian MacDonald dei King Crimson). Nel 1970 esce il suo primo lavoro solista e nell'arco di pochi anni realizza alcuni dei suoi album migliori – “If You Saw Thro' My Eyes" (1971), "Tigers Will Survive" (1972) e "In Search Of Amelia Earhart" (1972) con i Plainsong - aggiungendo il suo nome alla nutrita schiera dei singer-songwriters britannici (Sandy Denny, John Martyn, Nick Drake, Richard Thompson, Al Stewart, Ralph McTell tra gli altri). Nel 1973 Matthews è in California per incidere "Valley Hi", seguito subito dopo da "Some Days You Eat The Bear..." (1974). La sua carriera prosegue con numerosi lavori - "Walking A Changing Line" (1988) è completamente dedicato al cantautore americano Jules Shear – ed è molto attivo fino ai giorni nostri. Matthews ha cambiato nel 1990 la grafìa del suo nome di battesimo e ha pubblicato il suo ultimo album, "Zumbach's Coat", nel 2004. Da qualche settimana è uscito "Sparkler", un'antologia che propone canzoni registrate nel periodo compreso tra il 1989 e il 2004, trascorso da Matthews in Texas prima del suo definitivo rientro in Europa. Attualmente Iain vive in una cittadina dell'Olanda meridionale. www.iainmatthews.com

Live di Iain Matthews


Nessun evento trovato in archivio


IAMBIA


IAMBIA were formed back in the beginning of 2000 in Thessaloniki, Greece by Dimitris. N. and Elsa P. IAMBIA's music can be described as a mixture of modern E.B.M. and powerful electro, combining emotions such melancholy, aggression and pride. Their debut CD "PROMETHEUS" was released in January 2002 by Capp records containing 11 tracks. Until now IAMBIA have produced remixes for WUMPSCUT's "WREATH OF BARBS", PROJECT-X's "REMINDER" and OPTICAL FREQUENCY's "HEY YOU". IAMBIA have performed live several times supporting bands such as COVENANT, HOCICO, VNV NATION, ASLAN FACTION, GRENDEL, LAIBACH, PROJECT-X, NEBULA-H etc, while some new gigs are planned for the near future. In the beginning of 2005 Elsa P. leaves the band for personal reasons and Lupperkaleia takes place in band's line up as a live keyboardist. In the meanwhile the band signs a new contract with the swedish label PROGRESS PRODUCTIONS. The current line up is: Dimitris: Keyboards, production, vocals Luperkalleia: live keyboards Saetron: live keyboards IAMBIA LIVE AT VAXJO SWEDEN www.iambia.org www.myspace.com/iambiaorg

Live di Iambia


Nessun evento trovato in archivio


IAMM


www.myspace.com/IAMM

Live di Iamm


Nessun evento trovato in archivio


IAMX


IAMX è il progetto musicale solista di Chris Corner (nato nel 1974 a Middlesbrough, in Inghilterra), indiscusso leader e creatore del sound dei disciolti Sneaker Pimps. Corner ha spesso ricordato che gli IAMX siano nati come sua esternazione teatrale e non legate alla sua personalità fuori dalla formazione degli Sneaker Pimps. Chiarimento dovuto a causa dei temi estremi trattati nei testi degli IAMX, tematiche scottanti come bisessualità, alienazione, ossessioni psicologiche, sesso, abusi di droghe e vaghe allusioni alla politica. Corner attualmente vive a Berlino, città a suo dire perfetta per "Curarsi di meno dell'industria musicale e scegliere un percorso indipendente lontano dal music business" www.iamx.eu www.myspace.com/iamx

Live di Iamx


Nessun evento trovato in archivio


IAN BROWN


Ian Brown - The World Is Yours Ian Brown tre anni fa non si era accorto della guerra in Irak: "Solarized" era risultato un buon disco. Di colpo, dal torpore delle sue canne, l'ex molestatore di hostess si è risvegliato più santone di Ashcroft e in fotografie che lo ritraggono con le colombe in mano svela la retta via. In Save Us ci insegna ad aprire gli occhi (Those whose eyes are closed to the plight of the African child) e in Street Children le porte delle nostre case ai bisognosi. Per condividere i profondi versi di Illegal Attacks (I'm talking concrete facts, so bring the soldiers back/Does not a day go by without the Israeli Air Force fail to drop its bombs from the sky?) voleva Paul McCartney, si è dovuto accontentare di Sinnead O'Connor. Steve Jones e Paul Cook dei Sex Pistols, Andy Rourke degli Smiths, Paul Ryder degli Happy Mondays lo accompagnano nel suo cammino, sottomessi alla onnipresente celestiale orchestra di trenta elementi. “Sarà il mio What's Going On" aveva detto l'ex Stone Roses. Solo una sorta di stucchevole "trip-hop orchestrale" e Sister Rose a lasciarci sperare tutto non sia ancora andato completamente in fumo (santo). Su Ian, l'ha fatto anche San Richard, lascia perdere: telefona a John, Mani e Reni. Ti perdoneremo tutto. www.ianbrown.co.uk www.myspace.com/ianbrown

Live di Ian Brown


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ian Curtis


Nessun evento trovato in archivio


IAN FOSTER


Ma quanto è bello questo disco!? Abbiamo incontrato per la prima volta Ian Foster, strepitoso quanto misconosciuto songwriter canadese di St. John's (Terranova / Labrador), ascoltando e recensendo Room In The City (2008), il suo bellissimo terzo lavoro, un disco che ci rapì all'istante facendoci capire di trovarci di fronte ad un artista che dovevamo assolutamente condividere con gli amici e con tutti gli amanti della musica di qualità, quella che non si sbandiera e che spesso scorre, come un fiume carsico, quasi sempre sotterranea e che talvolta emerge per la gioia di pochi intimi. Da allora abbiamo seguito il giovane ma maturo Ian con entusiasmo, anche nell'unica (ahimè) tournee italiana e nell'episodio che seguì We Begin Here (2010), un altro buon disco che rischia di non essere ascoltato non avendo avuto una distribuzione, condizione indispensabile per farsi notare dalle nostre parti. Ora Foster esce, a breve distanza temporale dal lavoro sopra citato, con The Evening Light (sempre autoprodotto e per ora non distribuito, almeno in Italia) che si segnala come il quinto ed ennesimo episodio di livello che, se avrete la pazienza di procurarvelo, vi metterà in contatto con un autore ed interprete profondo e delicato, baciato dalla fortuna di saper scrivere con facilità disarmante canzoni speciali. Ian è anche un letterato e i suoi brani ossuti, incardinati ad un folk rock moderno, impercettibilmente venato di pop intelligente, si fanno apprezzare per testi importanti e suoni che hanno il passo di piccole suite che ti avvolgono delicatamente e ti riscaldano come una sciarpa di cachemire. In questo lavoro le specificità che lo distinguono rispetto ai precedenti e che balzano subito all'orecchio sono: la crescita esponenziale che l'artista di Terranova compie, disco dopo disco, nell'uso fascinoso della voce, che negli ultimi due anni è diventata più calda e personale, ciò è sicuramente uno dei nuovi atout del suo fare musica, non da meno gli arrangiamenti costituiscono un altro aspetto importante che serve a dare profondità alle canzoni. Vengono utilizzati strumenti come violino, cello, banjo e accordion che contribuiscono ad arricchire il suono in modo discreto ma ben evidente. Mai un intervento fuori posto o che comunque non sia funzionale al pathos del brano, perché Foster si muove per linee che vanno dirette e rapide al cuore dell'ascoltatore. Emblematica è Hochelaga, Montréal, una canzone giocata su pochi accordi di chitarra e una fisa nascosta, quasi sotto traccia, a sostenere l'arpeggio chitarristico che introduce il recitar cantando (quasi teatrale) di Ian. La magia si ripete subito dopo con A Large Crowd Gathers…, titolo lunghissimo per una canzone che è un po' il manifesto del disco, nella quale la voce del nostro si erge alta nel ritornello sostenuta da un piano evocativo, mentre nella strofa il piano viene doppiato dal violoncello, stupenda! Ma tutto The Evening Light è ricco di momenti che ci emozionano e riconciliano la nostra sete di un songwriting senza sovrastrutture e artifici, che qui non trovano posto, infatti, tutto si coniuga con una dannata ed apparente semplicità ma, in realtà, c'è molta più sostanza in queste undici cartoline inviateci dai ghiacci del Canada che nella maggior parte di ciò che quotidianamente arriva ad ammassarsi sui nostri scaffali. Facciamo uscire Ian Foster allo scoperto, affinchè non sia più il solito segreto meglio custodito del Canada.. www.ianfoster.ca

Live di Ian Foster


Nessun evento trovato in archivio


IAN HUNTER


Ian Hunter, dopo aver abbandonato la glam band per antonomasia nel 1974, non ha mai smesso di pubblicare album e tantomeno di andare in tour, continuando la tradizone che voleva i Mott the Hoople come miglior live band degli anni '70. Non lo diciamo noi, ma lo affermano i diretti concorrenti dell'epoca: i Led Zeppelin, i Free e David Bowie, che scrisse per loro la memorabile "All the young Dudes" che li portò al successo nel 1972. I Mott the Hoople sono stati inoltre la prima band a suonare in un teatro di Broadway e vantano il record di essere gli unici artisti ad aver avuto i Queen come special guest in un loro concerto. Proprio Ian Hunter ha sempre scongiurato qualsiasi reunion, proseguendo a testa alta una carriera solista ricca di successi come l'ultimo album "Man Overboard", uscito nel Giugno 2009 e che consacra 25 anni di musica dopo l'uscita dai Mott the Hoople: il primo album a nome Ian Hunter risale infatti al 1975, al quale sono seguiti ben altri diciotto lavori tra studio e live. www.ianhunter.com

Live di Ian Hunter


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ian Mackaye


Nessun evento trovato in archivio


IAN McCULLOCH


Ian McCulloch si esibirà proponendo i più grandi successi di Echo & The Bunnymen e brani tratti dai suoi ultimi 4 album da solista registrati dal vivo durante il suo tour nel Regno Unito. Il tour, in occasione della 're-release' dei primi 3 album da solista di Ian. www.myspace.com/ianmcculloch

Live di Ian Mcculloch


Nessun evento trovato in archivio


IAN PAICE


IAN PAICE, il leggendario batterista dei DEEP PURPLE, torna in Italia per una serie di concerti con la band del chitarrista Matt Filippini. Il chitarrista italiano Matt Filippini collabora da alcuni anni con Ian Paice che tra l'altro è uno dei prestigiosi ospiti internazionali presenti sull'album di prossima pubblicazione di Filippini. Il titolo del disco è MOONSTONE PROJECT "Time To Take A Stand", (in uscita per Majestic Rock nella primavera 2006) che oltre allo stesso Paice, vede come special guest Glenn Hughes (DEEP PURPLE), Carmine Appice (ROD STEWART, VANILLA FUDGE, OZZY), Graham Bonnet (RAINBOW, MICHAEL SHENKER), Eric Bloom (BLUE OYSTER CULT), Tony Franklin (JIMMY PAGE, WHITESNAKE), James Christian (HOUSE OF LORDS) e altri grandi musicisti rock internazionali! Special guest dei concerti italiani sarà Roberto Tiranti, cantante dei Labyrinth, una delle piu' famose heavy metal band italiane, con migliaia di dischi venduti e tour in tutto il mondo. In repertorio molti brani dei Purple ma anche alcuni classici del rock! www.thehighwaystar.com www.deep-purple.it www.deep-purple.net

Live di Ian Paice


Nessun evento trovato in archivio


IAN PARKER


Le radici del blues affondano nei territori coloniali degli Stati Uniti, ma da quell’epoca ogni nazione ha proposto validi fautori di questo genere. L’Inghilterra oggi stupisce tutti con Ian Parker, il poliedrico musicista blues del 21° secolo! Un giovane ed originale artigiano radicato nel blues, che non replica solo il passato, ma lo reinventa. Ian Parker è un uomo con il volto da ragazzino che all’età di 32 anni ha già affascinato tutta l’Inghilterra con le sue doti di polistrumentista e con la sua voce agrodolce, talmente chiara e distinta da conquistare anche fan più progressisti del blues. I primi avvicinamenti alla musica risalgono alla tenera età di 8 anni quando Ian scoprì i Beatles, successivamente affascinato da Jimi Hendrix comprò la sua prima chitarra e nel ’93 formò la Strange Brew Band. Il suo primo album, Inside, è del 2003 ed è impreziosito dalla presenza del produttore David Z (Prince, Billy Idol…) e che si è detto “onorato e felice di essere stato coinvolto nel progetto”. A marzo del 2004 Ian è al top della classifica della musica live in Germania e dalla sua performance carica di energia e emozione al Rockpalast viene tratto un DVD nel 2005, Whilst The Wind. Il secondo lavoro in studio, Pilgrimage (Ruf Record, 2006) è stato registrato in America, tra Mississipi, Memphis e Tenessee ed ha sancito un’evoluzione artistica per Ian, che tornato in Inghilterra si dedica ad un approfondimento alla riscoperta delle origini del blues e del soul. Questo ricerca è emersa durante la registrazione dell’album Where I Belong, prodotto da Matt Buttler (lo stesso di Paul Mc Cartney), un cd caldissimo con caratteristiche associabili all’età del pre-digitale. “Where I Belong” ha qualcosa per tutti i fans del blues, per quelli puri e quelli progressivi. www.ianparkermusic.com www.myspace.com/ianparkermusic

Live di Ian Parker


Nessun evento trovato in archivio


IAN SIEGAL


Il carismatico Ian Siegal è considerato uno dei migliori bluesmen inglesi di tutti i tempi. Si dice che se lui fosse cresciuto nel panorama musicale degli anni 60', oggi sarebbe considerato alla pari di artisti come Van Morrison, Joe Cocker ed Eric Clapton. Ma il giovane Ian, dopo aver abbandonato gli studi all'Accademia di Belle Arti alla fine degli anni '80, inizio' a suonare la chitarra e a cantare lungo le strade della Germania fino ad arrivare ai clubs di Nottingham, Londra e ultimamente nei maggiori Festival Europei come Edimburgo, Lugano, Peer, North Sea Jazz, affermandosi come uno dei talenti naturali più creativi, stravaganti e accattivanti sulla scena musicale odierna. La sua attitudine ad essere il miglior blues singer inglese s'è incarnata dopo migliaia di show a fianco dei Bill Wyman's Rhythm Kings, Lee Sankey Group e di tutte le band di spicco del nuovo british blues. La risonanza ottenuta dalle sue apparizioni nei migliori festival europei, lo ha reso un'autentica nuova attrazione nei cartelloni delle kermesse più importanti.
 La stampa parla di un Blues-Man, come non é cresciuto da tanti e molti anni - neanche negli stati uniti.

Da non perdere questo cantante-chitarrista che ormai va piazzato tra nomi come Tom Waits, Bruce Springsteen, Dr. John, Eric Clapton, John Mayall, Page e Plant, per non dire Van Morrison. Basta sentire cosa dice un Jimmy Vaughan dopo un concerto dove suonava Ian Siegal come gruppo da spalla: "... flew the audience away .... next time I come over I´ll be supporting this guy".
 E Mojo descrive: "The cleverest writer and most magnetic performer of blues in the UK". La sua band ha vinto il titolo di “Band of the Year” lo scorso 11 Settembre 2010, nella premiazione di “British Blues Award” tenutasi durante il “Newark Blues Festival” mentre il suo bassista, Andy Graham, è stato votato come “Bass Player of the Year”. . www.iansiegal.com www.myspace.com/iansiegal

Live di Ian Siegal


Nessun evento trovato in archivio


Live di Iannis Xenakis


Nessun evento trovato in archivio


IANVA


IANVA è un progetto genovese di recente formazione annovera molti bei nomi dell’underground italiano e nasce dall’incontro di musicisti di diversissima estrazione accomunati dall’esigenza di restituire un senso a concetti quali “passionalità”, “ardimento”, “dignità” e, su tutto, animati dalla volontà di preservare quelle poche ma ottime cose proprie della sensibilità italiana di un tempo antecedente a quel processo di azzeramento instauratosi negli ultimi due decenni. Le parti vocali sono suddivise tra Mercy (già con Malombra, Segno Del Comando e Helden Rune) e Stefania D’Alterio, ex Wagooba, nota per la sua attività giornalistica (Psycho!”, Ritual”, Classix!”,tra le tante). Le chitarre sono affidate ad Argento della top-black metal italian band Spite Extreme Wing (nonché mastermind della leggenda “brutal” Antropofagus). La sezione ritmica è equamente ripartita tra ex-Malombra (Francesco La Rosa, batteria e percussioni) e Spite Extreme Wing (Azoth, basso); l’ensemble si avvale inoltre da professionisti dal background di conservatorio come Fabio Gremo, Fabio Fabbri, Giuseppe Spanò e Riccardo Casazza (che si avvicendano alle chitarre, alla tromba, al pianoforte alla fisarmonica, agli archi), per un suono caldo e acustico. Completa il tutto lo straordinario cameo di Andrea Chimenti (indimenticata voce dei Moda e attuale interprete/autore raffinitassimo). Tutti questi diversi percorsi, mai rinnegati né accantonati, concorrono però solo minimamente nell’impianto sonoro di IANVA, volutamente consono ai temi trattati e alla propria irrinunciabile italianità musicale d’altri tempi, con influenze variegate che spaziano dalla prima ed eccellente new wave italiana, quella con intenti da classifica; ai Maestri dell’Arte Pura Della Sonorizzazione (quali Ennio Morricone, Bruno Nicolai, Armando Trovajoli, Franco Micalizzi, Stelvio Cipriani, Guido e Maurizio De Angelis…); con un occhio di riguardo verso indimenticati protagonisti come Scott Walker e Marc Almond e autori quali Jacques Brel, Fabrizio De Andrè, Piero Ciampi. Non mancano accenni a vecchi amori mai sopiti, quali quelli per le ballate notturne glitterate e grezze del più decadente glam di filiazione britannica, e per figure totem quali Mina, Milva, Gabriella Ferri e Lucio Battisti. Unica concessione all’“attualità” qualche sporadica venatura riconducibile alle migliori e più raffinate firme dell’attuale neofolk, senza alcun tipo di implicazione ideologica. La musica proposta si rivela quindi un suggestivo mélange di “folk noir” e canzone d’autore di scuola genovese e francese, con evidenti richiami ai nostri straordinari compositori (il già citato Morricone, Reverberi…), a indimenticabili capisaldi del panorama italiano, e al filone più sperimentale del rock decadente anni ‘70. Una miscela inedita e sorprendente che ha già trovato riscontri sia tra gli appassionati del neofolk più elaborato e “suonato”, che tra gli estimatori della canzone italiana d’autore nella sua epoca aurea, come si evidenzia dall’accoglienza riservata da pubblico e stampa specializzata (sia in Italia che all’estero) al mini-CD d’esordio “La Ballata Dell’Ardito”. www.myspace.com/ianva

Live di Ianva


Nessun evento trovato in archivio


Live di Iasujiro Ozu


Nessun evento trovato in archivio


IATITAIA BLUES BAND


nel 1989 una cassetta registrata dal vivo intitolata "The Blues and the Band", nel 1990 ha edito "In the Midnight Hour" una cassetta registrata in studio; nel febbraio del 1993, in occasione dei 10 anni di attivita' del gruppo e' stata pubblicata " Wherever we can! " una cassetta LIVE che contiene molti hit del blues e anche alcune proprie composizioni; nel 1997 un CD in studio intitolato "Juke Joint" e ora nel 2012 in occasione del 30º anniversario un CD "Tumbleweeds" live. www.danielesanti.it/iatitaia

Live di Iatitaia Blues Band


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ibicus Quintet


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ibrahim Ferrer


Nessun evento trovato in archivio


IBRAHIM MAALOUF


Nato a Beirut nel 1980, Ibrahim Maalouf vede un paese devastato dalla guerra civile. Poco dopo la sua nascita la sua famiglia lascia il Libano per cercare stabilità in Francia, qui Ibrahim viene cresciuto conoscendo e assimilando sia la cultura europea che quella libanese. A 26 anni Ibrahim è un artista multiculturale che velocemente è diventato una figura internazionale nella scena artistica mondiale. Jeanne Pierre Mathez del Brass Bulletin svizzero ha dichiarato che lui “tra un gruppo di eccezionali solisti emergenti ha il dovere di difendere l'arte della tromba in tutto il mondo”. www.ibrahimmaalouf.com www.myspace.com/ibrahimmaalouf

Live di Ibrahim Maalouf


Gio 01 Mag TORINO JAZZ FESTIVAL - Torino (TO) - Italia

TORINO JAZZ FESTIVAL TORINO INFO: 800/329329 torinojazzfestival@comune.torino.it www.torinojazzfestival.it




IBRIDA MALEZ


"Ibrida Malez", rock band nata nel 2004 che vede nel proprio organico Fabrizio Caressa (chitarra), Saverio Annese (chitarra), Salvatore Buzzerio (basso), Angelo Inno (voce) e Daniele Alvito (batteria). La band ha un impatto sonoro semplice e mutevole, nei propri live c'è l' unione tra musica ed arti visive. Uno spettacolo composto da più forme artistiche che interagiscono: “Il presente è l’origine di una nuova prospettiva". www.ibridamalez.com www.myspace.com/ibridamalez

Live di Ibrida Malez


Nessun evento trovato in archivio


IBRIDO HOT SIX plays the music of GENTLE GIANT


IBRIDO HOT SIX plays the music of GENTLE GIANT Special Guest GARY GREEN & MALCOLM MORTIMORE Gary Green chitarra Malcolm Mortimore batteria Antonio Apuzzo clarinetto, clarinetto, basso, sax alto, sax tenore, flauto diritto soprano Francesco Fratini tromba Pino Capomolla flauto traverso, flauto diritto tenore Gianni Di Ruzza oboe Sandro Lalla contrabbasso Gianluca Taddei contrabbasso In occasione della pubblicazione del libro “Gentle Giant : i giganti del prog-rock”, scritto da Antonio Apuzzo ed edito da Stampa Alternativa (Collana Rock People) e nell’anno del quarantennale della nascita di uno gruppi più rappresentativi della grande stagione rock degli anni settanta, il “progressive jazz” dell’Ibrido Hot Six si arricchisce della presenza di due ex membri della storica band, Gary Green e Malcolm Mortimore, per una rilettura originale, in chiave strumentale, di alcuni capolavori del repertorio del “Gigante Gentile”. Nel corso delle serate l’inedito ottetto passerà dai motivi colti e popolari della saga rinascimentale di Rabelais ( Pantagruel’s Nativity e The Advent Of Panurge ) ad alcune raffinate composizioni tratte da tre dei più visionari dischi di quel periodo, Acquiring The Taste , Three Friends e Octopus. Gary Green e Malcolm Mortimore non hanno certo bisogno di presentazione : Gary è stato uno delle colonne portanti della band, mentre Malcolm , tra il 1971 e il 1972, ha condiviso uno dei periodi più creativi del gruppo. Recentemente hanno dato vita ad una nuova formazione, Three Friends, con la quale presentano le antiche, ma sempre attualissime musiche dei Gentle Giant. L’IBRIDO HOT SIX è una formazione dall’organico atipico, composta da musicisti di diversa estrazione linguistica, uniti dal comune interesse per la composizione, la rielaborazione, l’esecuzione e l’improvvisazione. Il significato del termine “ibrido”, inteso come musica sempre in bilico tra scrittura ed improvvisazione, in rapporto sinergico tra un impianto prevalentemente jazzistico e i modi e le sonorità desunte dalla tradizione eurocolta (e non) del novecento e contemporanea, ha accompagnato i diversi momenti della storia del gruppo, nato nel 2000. L’ensemble ha pubblicato, in quintetto, nel 2006, il Cd Nothing to kill or die for (Blond Records), presentato alla Casa del Jazz di Roma e segnalato sul sito ufficiale dei Gentle Giant. Il brano omonimo è stato inserito nella fase finale dell’ “International Songwriting Competition 2007”. Nel 2008 la band ha registrato, con l’attuale sestetto, il secondo Cd, L’Eclisse – musiche invisibili per 6 esecutori e 11 strumenti, edito nel 2009 dalla Dodicilune ed è stata segnalata nel Top Jazz indetto dalla rivista Musica Jazz, figurando al settimo posto nella classifica riservata alle formazioni dell’anno. Nella primavera del 2010 sarà edito il terzo Cd, Ibrido Hot Six plays Acquiring The Taste, disco allegato al libro sulla storia e la musica dei Gentle Giant, scritto da Antonio Apuzzo per Stampa Alternativa. Nel 2010 l’IBRIDO HOT SIX ha registrato, in diretta, un programma per "La Stanza della Musica", su Radio 3 Suite. Il gruppo presenta un repertorio “tripartito” in cui convivono composizioni originali, arrangiamenti e rielaborazioni di brani scritti da grandi autori di jazz moderno e contemporaneo (Dolphy, Coltrane, Mingus, Coleman) e pezzi di una delle formazioni più importanti del prog-rock, i Gentle Giant. www.ibridohotsix.it www.myspace.com/ibridohotsix

Live di Ibrido Hot Six Plays The Music Of Gentle Giant


Nessun evento trovato in archivio


ibrido xN


L' ALBUM: ibrido_xN (rock alternativo elettronica) avvalendosi di Cristiano Santini , un nome divenuto ormai una garanzia nelle produzioni underground ,ex leader degli storici Disciplinatha (Consorzio Produttori Indipendenti / dischi del mulo), sound engineer, produttore di CSI, Soerba,Luminal, Luciferme, con Gianni Maroccolo. Datato Marzo 2010 l'ingresso negli studi "Groove Factory" di Bologna con mastering finale affidato a Francesco Donadello (Giardini di Miro') Alpha Dept studio. L'album sarà composto di 10 brani ed avrà il titolo di "non ingerire" ed uscirà per l'etichetta Black Fading /Action Directe. www.ibridoxn.com 
www.myspace.com/ibridoxn

Live di Ibrido Xn


Nessun evento trovato in archivio


IBRIDOMA


Gli Ibridoma nascono nel marzo del 2001 da un'idea del batterista Alessandro Morroni a cui si è unito fin da subito il cantante Christian Bartolacci ed in seguito Simone Mogetta (chitarra solista), Pietro Alessandrini (chitarra ritmica) e Lorenzo Petrini (basso). Da subito la band riscuote un discreto interesse del pubblico e partecipa a diversi concorsi aggiudicandosi nel 2004 il primo premio nel “ROCK AROUND THE ROAD”. Da questo risultato il gruppo trae la giusta spinta da cui scaturisce l'EP “Lady Of Darkness”, che fa ottenere alla band un contratto di distribuzione con la Nightmare Records (USA) ed un tour in Portogallo nel 2006, supportati dal gruppo locale Mindfeeder. Nel 2007 Marco Vitali si succede a Pietro alla chitarra e gli Ibridoma entrano di nuovo in studio per registrare il loro secondo lavoro, “Page 26”, che fin da subito incontra il favore della critica. All'uscita dell'album seguono numerose apparizioni live che portano la band sul palco insieme a The Dogma, Uli Jon Roth (Scorpions), Richie Kotzen (ex Poison / Mr. Big), Rigo Righetti e Roby Pellati (Ligabue), Linea 77, Theatre of the Vampire e Necrodeath. A giugno del 2008 il loro brano “Alone In The Wind” viene inserito nella compilation di Rock Hard. Alla fine dello stesso anno Leonardo Ciccarelli subentra al posto di Lorenzo al basso. Attualmente il loro MySpace (www.myspace.com/ibridoma) è tra i più visitati del metal italiano. Tra febbraio e marzo 2009 la band ha aperto tutte le date del tour italiano di Blaze Bayley. www.ibridoma.com www.myspace.com/ibridoma http://www.facebook.com/ibridomaofficial

Live di Ibridoma


Nessun evento trovato in archivio


Icarus Ensemble


Icarus Ensemble Icarus Ensemble nasce a Reggio Emilia nel 1994 per opera di giovani musicisti già molto attivi sia in ambito internazionale che come docenti, cui si affiancano altri valenti professionisti accomunati da una viva passione per lo studio e la divulgazione degli attuali linguaggi musicali. All'ensemble completo si affiancano formazioni ridotte come il trio flauto, clarinetto, pianoforte ed il duo pianistico "MUSICARARA". Si segnala subito come un ensemble di livello internazionale con le presenze in festival quali Festival Cervantino ('96), Festival Donatoni ('95/'96), Forum Manuel Enriquez (2002) in Messico, Teatro Colon di Buenos Aires (98) in Argentina, Gaudeamus Week ('98) ad Amsterdam, Huddersfiel Contemporary Music Festival (2002), Festival Musica 2000 (Cardiff) in Inghilterra, Art Festival of the New Generation (ensemble in residence) a Tokyo (2000), Biennale di Zagabria (2001/ 2003), UK for NY a New York (2001), Festival Manca di Nizza (2000), Musikhochschule e Gasteig a Munchen e Theaterhaus Pragsattel di Stuttgart in Germania, SonorFestival a Baku in Azerbaijan (2003), Romania, Moldavia, Maltafest. Tra i direttori ospitati Giorgio Bernasconi, Andrea Molino, Renato Rivolta, Juan Trigos, Pierre André Valade. Hanno inciso per Ricordi, Ariston, Sincronie, Spaziomusica, La Bottega Discantica ed effettuato registrazioni per la Rai, la Nhk, le radiotelevisioni olandese, rumena, argentina, messicana, azerbaijana. Molti importanti compositori hanno scritto e collaborano con l'Ensemble.

Live di Icarus Ensemble


Nessun evento trovato in archivio


ICE CREAM MEN


Gli ICE CREAM MEN sono di formazione recente, cominciano il loro percorso artistico nella primavera del 2004, quasi per caso, uniti da due forti legami di parentela (i fratelli Lucchin da una parte e i cugini Andrea Bordin e Livio Rizzi dall’altra), tutti amici da tempo e forti di diverse collaborazioni reciproche in varie band del passato. Infatti la forza del gruppo sta proprio nel fatto che i componenti sono tutti musicisti navigati con molte esperienze artistiche alle spalle, alcune anche di grosso calibro, e da forti legami personali, che si sono trovati in sala prove per divertirsi ed hanno deciso di concentrarsi su di un repertorio che fosse gratificante per loro stessi prima di tutto. La scelta è caduta sugli istrioni del rock americano dei Van Halen, con particolare attenzione al periodo che li vedeva guidati dal carismatico David Lee Roth, dal 1978 al 1984. Naturalmente non si poteva non citare il periodo più recente con Sammy Hagar , ma giusto per non ignorare una seconda parte della loro storia, che li ha comunque visti in vetta alle più importanti classifiche mondiali. Gli I.C.M., dopo la registrazione di un cd-demo grazie al supporto del noto fonico Ugo Bolzoni, vivono il loro battesimo di fuoco alla famosa festa della birra di Arteselle, da cui sono tratte molte delle foto utilizzate per la promozione della band. Da allora il gruppo comincia l’attività live in locali della zona e non. Grazie all’amico Mauro Pavani (Giullari, Proxima Luna), in autunno prende vita il sito web che diventa il riferimento per quanti hanno già iniziato a seguire la band sia sul palco che fuori. Nel sito sono inoltre scaricabili gratuitamente tutti i brani del demo, alcune registrazioni tratte dai concerti, fotografie e filmati. Dal Dicembre 2004 viene assoldato il bassista RUDY GRECHI (Senso Unico, Black out , ecc) che sostituisce Daniele Lucchin nelle date che accidentalmente si sovrappongono con gli Ostetrika Gamberini. Da Febbraio 2005 Rudy Grechi diventa stabilmente il bassista della band. SUONANO: 27-05-2006 VITTORIO V.TO (TV) P.zza del Popolo "concerto benefico" 05-06-2006 Malborghetto di Boara (FE) ROCK A FE Festival 29-06-2006 Casteguglielmo (RO) CASTLEBEER 2006 11-07-2006 Arre (PD) Carpediem Festival 2006 14-08-2006 Granze (PD) Festa della Birra www.icecreammen.com

Live di Ice Cream Men


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ice Cube


Nessun evento trovato in archivio


ICE PRISON


Fabio Silvestri voce Luca Ottaviani chitarra Fabrizio Rinaldini basso Loris Peverani batteria La band nasce nel 2000 quando due amici di lunga data Fabrizio Rinaldini (basso) e Loris Peverani (batteria) decidono di unire le proprie forze per fondare un gruppo musicale che affondi le proprie radici nell'Heavy Metal. Prendono subito posto alla scena Luca Ottaviani (chitarra) e Paolo Zavatta (chitarra)cercando così di mettere in piedi qualche cover delle metal band piu'influenti; il debutto non tarda ad arrivare con l'entrata nel gruppo di Fabio Silvestri (cantante). Gli Ice Prison hanno le idee molto chiare su quale sia la strada da seguire e lo dimostrano subito nel comporre brani originali che riscuotono molto successo nelle esibizioni live. Un anno dopo Paolo lascia il gruppo e la giovane band decide così di acquisire una formazione definitiva composta da quattro elementi, concentrandosi maggiormente sull'impatto e sulla potenza del suono senza per questo tralasciare le numerosi parti melodiche.

Live di Ice Prison


Nessun evento trovato in archivio


Ice Scream


Lo spirito dei primordi degli Ice Cream nasce nel 2005 dall' ispirazione di tre amici uniti dalla grande passione per la musica Metal, Cesare, Tommaso e Manuel. Iniziarono a suonare insieme prima ancor adi aver trovato un batterista, in acustico con il bassista Cesare come vocalist. Ben presto si accorsero però che era necessario iniziare seriamente a cercare un batterista ed un cantante poichè cantando e suonando simultaneamente Cesare dovevea sacrificare linee di basso complesse. In Settembre trovarono il vocalist Davide Lotito, un cantante con voce pulita, quello che stavano cercando e in Ottobre anche il batterista corrente si unì alla band. Il gruppo all' inizio ebbe alcuni problemi derivati dalle influenze e dalle esperienze avute dal batterista Aldo Marcu il quale aveva un passato nella musica punk. Ma subito si dimostrò di apprezzare lo spirito degli Ice Scream e di essere pronto a lasciarsi dietro le spalle tutte le sue passate esperienze musicali per entrare in un mondo che era nuovo per lui, quello della musica Metal. Gli Ice Scream non sono la tipica Metal band, sono infatti in grado e amano confondere forti distorsioni con canzoni pienamente acustiche; quello che è il loro obiettivo è di estrapolare dall' ascoltatore tutto lo spettro delle emozioni umane, dalla paura alla gioia alla rabbia alla pace... www.icescream.fasturl.it

Live di Ice Scream


Nessun evento trovato in archivio


ICEAGE


Gli ICEAGE sono una giovane band danese composta da Elias Bender Ronnenfelt, Jakob Tvilling Pless, Johan Surrballe Wieth e Dan Kjaer Nielsen, attivi dal 2008 e appena arrivati al disco d'esordio, 'New Brigade', pubblicato dalla Abeano records (giovane e attenta sussidiaria della XL recordings, label di the Horrors, Radiohead, XX, M.I.A., e molti altri) e registrato in soli quattro giorni. La Abeano records non pubblica molte cose, ma gli Iceage era impossibile farseli scappare per il loro sound freddo e spigoloso quanto catchy e originale. I danesi Iceage suonano un post punk apocalittico infarcito di potenza hardcore, e una poetica in forte debito con i Joy Division di Ian Curtis. L'esordio dei quattro di Copenaghen, tutti meno di vent'anni, conta dodici canzoni ed una durata complessiva di 24 minuti, quindi punk al fumicotone. Dai Joy Division ai Bauhaus, fino all'anarchia sonora dell'hardcore americano i quattro di Copenaghen hanno creato un sound anomalo e interessante, basato su bordate di basso, reef di chitarra ipertrofici e un cantato recitato e urlato. La stampa sta impazzendo per gli Iceage, il loro sound potente, la giovane età e l'estetica oscura adottata, e subito si sono mossi i paragoni con l'esordio degli inglesi The Horrors e degli americani Fucked Up, con cui hanno suonato durante il tour americano. Forte impatto sul web stanno avendo le foto dei loro numerosi tatuaggi e l'amore per le atmosfere oscure, e non ultimo il logo runico della band che riprende l'estetica tipica della scena gotica europea. Gli Iceage hanno già una carriera live di tutto rispetto che conta tour su e giù per l'Europa, e negli USA, dove hanno suonato ovunque tra Los Angelese e New York. Un live degli Iceage è istinto primordiale puro, punk rock devastante e distruttivo. www.iceagecopenhagen.blogspot.com www.myspace.com/egaeci www.abeano.com/tag/iceage

Live di Iceage


Nessun evento trovato in archivio


ICED EARTH


Nella prima metà di dicembre 2007 Owens si vede costretto a subire nuovamente l'umiliazione di essere sostituito dal membro originario della band in cui sta suonando: infatti, a distanza di quasi 5 anni, Matt Barlow torna al microfono del gruppo destando grandissimo scalpore fra tutti i fan. Jon Schaffer giustifica la propria scelta dicendo che tra lui e Matt c'è un feeling speciale che aiuterà non poco la resa delle canzoni, sia in studio che live. Sta di fatto che Ripper non è mai riuscito ad entrare veramente nel cuore dei fan in questi 5 anni e Schaffer ammette che la scelta è stata dettata proprio dal fatto che i fan degli Iced Earth ad ogni concerto abbiano sempre chiesto con insistenza il ritorno di Barlow a gran voce. Schaffer ammette quindi le abilità di Tim Owens, ma tutti sono legati affettivamente al cantante di capolavori come il primo Something Wicked This Way Comes e The Dark Saga, e che quindi non ha avuto scelta. Barlow, "svincolato" nei primi di dicembre, viene contattato da Schaffer ed accetta il proprio ritorno al microfono.[2]. A questo punto si può solo sperare che Barlow non si sia arrugginito in tutti questi anni di inattività e che gli Iced tornino ad essere i maestri dell'Heavy come lo sono stati negli anni 90'.La musica degli Iced Earth è spesso descritta come quella degli Iron Maiden combinata con del thrash metal anni ottanta. L'elemento che contraddistingue di più il sound della band sono le frequenti "cavalcate" della mano destra del chitarrista Jon Schaffer, un ritmo formato da una croma e due semicrome, esattamente come fa il famoso bassista degli Iron Maiden Steve Harris (in canzoni come Run to the Hills, The Trooper e Caught Somewhere in Time), molto accelerato e ritmicamente vario.Il cantato è spesso molto alto, ma trasmette emozioni quando la sezione ritmica usa tecniche tipiche del thrash e del power metal, come la doppia cassa, per mantenere velocità alte. Il batterista degli Iced Earth è conosciuto per il suo frequente uso dell'acciaccatura musicale tramite la doppia cassa.I testi parlano di argomenti della teologia come la punizione e il peccato, il destino, il paradiso e l'inferno, l'anticristo e l'apocalisse. Molti degli album più recenti degli Iced Earth sono dei concept album, scritti attorno un tema principale, come ad esempio l'antieroe Spawn (The Dark Saga), film horror (Horror Show), e guerre della storia (The Glorious Burden).In alcune canzoni (come Dante's Inferno, Damien e The Coming Curse) gli Iced Earth usano molto i canti gregoriani. Due canzoni degli Iced Earth contengono anche voci femminili: A Question of Heaven e The Phantom Opera Ghost.www.icedearth.com www.myspace.com/icedearth

Live di Iced Earth


Nessun evento trovato in archivio


Live di Icon Of Coil


Nessun evento trovato in archivio


ICON OF HYEMES


The 5-headed monster called ICON OF HYEMES is born in may 1999 from the wish of the drummer Matteo and singer Pillo, both coming from previous experience DECEMBER : seminal death metal band since 1996. When Vincenzo , guitar, and Luca, bass joined the band,the first core of the band was born with temporay name ALPHARD, two live gigs were made. In december 1999 the band found its finally balance with the entrance of a new guitar, Luca, the choice fall on a man able to dedicate all himself in the project giving reachness to our personal sound a peculiar mixture of american death and swedish influences.When then combo was formed, an intensive live activity begins. One year and half after, the band started to record its firts mini cd GIFT.After a lot of good reviews about GIFT , and a promotional tour , the band came back to recording studio in september 2002, exactly at FEAR STUDIO (ITALY) to give life to a new creature called UNPOPULAR : a new release with 5 more direct and aggressive tracks. After this release, start a new promotional tour between Italy and others foreign countries. In January 04 they make the first official video clip from start to blame, openers song from last album unpopular. The greater event on our story??? Playing on support of VADER!!!!Yeah! Now, they are making new songs for next release, their first full-leght album. An album more aggressive and psycho addicted....stay tuned! www.myspace.com/iconofhyemes www.iconofhyemes.com

Live di Icon Of Hyemes


Nessun evento trovato in archivio


ICONA POP


onsiderate tra le vere rivelazioni musicali del 2013, le Icona Pop sono un duo svedese attivo dal 2009. Aino Jawo e Caroline Hjelt si sono conosciute durante una festa ed il loro incontro è stata “la cosa migliore che potesse succedere”, come dichiara Aino. Pochi giorni dopo le due ragazze formano un duo pop-elettronico e vengono immediatamente ingaggiate per la loro prima serata. Nel 2011 le Icona Pop si trasferiscono da Stoccolma a Londra e le contaminazioni musicali non vengono a mancare, grazie a collaborazioni con The Knocks (eletti da NME tra i produttori più hot del momento), Patrick Berger (Robyn), Elof Loelv (Niki & The Dove) e molti altri. Il loro singolo d'esordio,Manners/Top Rated spinge giornali come NME e The Guardian a scrivere “semplicemente cool” e “hanno la stoffa di una hit pop a 24 carati”. La prima data a Londra garantisce alle Icona Pop un immediato contratto con la Artist Company TEN, il team di Niki & The Dove, Elliphant ed Erik Hassle. Il loro singolo dal successo più eclatante è sicuramente I Love It, che anticipa il primo album di prossima uscita per Warner Music. Conosciuta anche come colonna sonora dello spot pubblicitario di Samsung, I Love It è una hit dal successo planetario: nella Top 5 dei brani più venduti in Italia ed America, dove ha venduto oltre 1.500.000 di singoli, è già singolo d'oro nel nostro Paese e ha ottenuto ben nove dischi di platino in varie nazioni. www.iconapop.com

Live di Icona Pop


Nessun evento trovato in archivio


ICONCRASH


C’era una volta l’Iconcrash....regno dell’unico Jaani Peuhu. All’età di 25 anni questo talentuoso produttore-musicista aveva già suonato e/o prodotto un certo numero di bands Finlandesi di ottimo livello nelle aree indie/goth/darkwave. www.iconcrash.com www.myspace.com/iconcrashitalia

Live di Iconcrash


Nessun evento trovato in archivio


ICONOCLAST


ICONOCLAST Duo formato da Julie Joslyn (sax alto, live electronics, violino, voce) e Leo Ciesa (batteria, percussioni, tastiere, octapad, voce). Provengono da varie esperienze musicali e di studi. Lui ∂ nato in Svezia ha insegnato e suonato tutti i tipi di musica in Europa. Trasferitosi negli USA nel 1981, ha studiato ai Creative Music Studios in Woodstoc, New York e alla Grove School of Music a Los Angeles.∞ anche batterista nel settetto Doctor Nerve con cui ha inciso vari dischi. Lei ∂ di New York e ha studiato con la sax-tenorista e compositrice Jane Ira Bloom. Ciesa e Joslyn suonano e compongono insieme dal 1987 e hanno prodotto materiale molto eclettico. Suoni acustici ed elettronici sono fianco a fianco mentre la musica si muove tra improvvisazioni e composizione. Suonano regolarmente a New York, ma si sono esibiti in tutti gli USA, in Canada e in Europa. Hanno partecipato a vari festival e sono apparsi in numerosi programmi televisivi. Hanno al loro attivo 3 CD: "Blood is Red" (1995); "The Speed of Desire" (1992) e "City of Temptation", hanno creato la musica per programmi TV (soprattutto d'arte) via cavo e per documentari. "Pardise, il loro 4¡ CD, si annuncia audace e sorprendente come sempre. www.iconoclastnyc.com

Live di Iconoclast


Nessun evento trovato in archivio


Live di Icp Orchestra


Nessun evento trovato in archivio


ICU


Live di Icu


Nessun evento trovato in archivio


ICY DEMONS


Gli Icy Demons sono il nuovo gruppo di Griffin Rodriguez, bassista dei Need New Body, attualmente uno dei gruppi indie più interessanti di Philadelphia, e di quegli HiM (da non confondersi assolutamente con gli H.I.M. di Ville Valo, cosa che svariate adolescenti fanno ad ogni loro concerto) che rappresentano ciò che rimane dei gloriosi June Of 44. A lui si aggiungono l’altro HiM Matt Schneider, il dotatissimo batterista Chris Powell e il tastierista Dave McDonnell, per questo progetto edito dai georgiani della giovane label Cloud Recordings. Inevitabilmente, le influenze delle band di provenienza si sentono in pieno: buona parte dell’album ricalca le sonorità dei Need New Body (anche se con efficacia minore), creando piacevoli canzoni pop di alta classe con parecchie incursioni jazz, di cui “Icy Demons” è forse l’esempio più lampante. Tracce come “Manny’s” rimandano inevitabilmente ai vecchi dischi de Karate, e come nel caso dei bostoniani anche qui siamo di fronte a musicisti di assoluto livello tecnico, che hanno scritto, arrangiato e prodotto un lavoro sulla carta ineccepibile. C’è spazio anche per le suggestioni tropicaliste di “Bitter Moon”, e nella seconda parte del disco ci si sposta in direzione di un post-rock strutturalmente di classe, ma tutt’altro che innovativo e altalenante sotto il profilo del coinvolgimento. A volte, si ha la sensazione di trovarsi di fronte ad un gruppo Elephant Six cresciuto e maturato, ma che così facendo ha perso quella freschezza ed innocenza che rende così speciali i lavori del collettivo di Atlanta. Gli Icy Demons fanno una musica che ha nella vastità delle sue influenze il suo punto di forza e al contempo il suo limite: è chiaro che siano bravi, ma per ognuna delle loro sfaccettature c’è chi fa le stesse cose meglio. Ciò non toglie che “Fight Back” resti un disco buono per tutte le stagioni e gradevole all’ascolto. www.myspace.com/icydemons

Live di Icy Demons


Nessun evento trovato in archivio


ID Markus Steinkellner


ID è il progetto solista di Markus Steinkellner, chitarrista e cantante degli austriaci Jakuzi's Attempt. Dal vivo Steinkellner utilizza chitarra, voce e laptop per creare musica in perenne equilibrio precario tra riff spezzati e beats, oscure pop songs e intensi paesaggi sonori. www.myspace.com/idklang

Live di Id Markus Steinkellner


Nessun evento trovato in archivio


IDAHO


Di famiglia colta, ingiustamente trascurato e depressivo porta il nome di uno stato americano. Si chiama Idaho, chi, come non dice il suo nome, viene dalla California. Formatosi all’inizio degli anni 90, il gruppo, con The Lone gunman, raggiunge il suo decimo album. Nato come duetto, agli inizi, si riduce ora (già da qualche album), al solo cantante-compositore Jeff Martin. E’ indubbiamente un tipo malinconico. Alcuni vedranno ciò come ingegneria intimistica, altri come un prozac musicale. La musica che compone è precisa, minimalista nei suoi cambiamenti. La chitarra (sempre presente negli album precedenti) lascia qui il posto a tastiere a suoni più chiari, deformati, d’atmosfera. Mentre Jeff Martin gioca tutti gli strumenti, il disco approfitta anche della presenza del suo vecchio chitarrista assistente John K.Berry in veste di produttore. Quest’ultimo, allontanatosi dal gruppo dopo il secondo album a causa di problemi con la droga, è ritornato dopo il suo disintossicamento a collaborare nuovamente con il suo capo. Ermetico alle opportunità commerciali, Jeff Martin ha messo più di un anno a scrivere e registrare quest’album. Musicista e cantautore assai perfezionista, la musica che ne risulta è un miscuglio fragile di disperazione e di rilassamento felice. Con un pubblico di nicchia e giusto un pugno di fans, Idaho ha difficoltà ad allargare il suo pubblico e resta confidenziale, nonostante il suo decennale impegno nella musica e metà carriera. Un buon disco, insomma, perfetto per quei pomeriggi di Novembre dove sembra che stia per accadere una catastrofe da un momento all’altro, invece è solo pioggia... www.idahomusic.com www.myspace.com/idahomusic

Live di Idaho


Nessun evento trovato in archivio


Idan Raichel Project


The Idan Raichel Project è esploso sulla scena musicale israeliana nel 2002, cambiando il volto della musica pop israeliana e offrendo un messaggio d’amore e tolleranza. Grazie alla mescolanza tra musica etiope tradizionale, poesia araba, canti yemeniti, cantillazione ebraica e ritmi caraibici, The Idan Raichel Project ha già ottenuto un grandissimo successo in Israele con diverse hit in vetta alle classifiche e vincendo dischi di platino. Il progetto è stato ideato dal tastierista, compositore, produttore e arrangiatore israeliano Idan Raichel, che ha invitato più di 70 musicisti di nazionalità e origini diverse a partecipare alle registrazioni. Raichel è sempre stato affascinato dalla musica delle comunità etiopi in Israele, che ha anche usato come base per le sue rielaborazioni. Alle registrazioni hanno inoltre partecipato musicisti arabi, cantanti tradizionali yemeniti, un percussionista del Suriname e un cantante sudafricano. Il Project ha pubblicato il primo album in Israele nel 2002 ed è velocemente diventato uno dei più grandi successi nella storia della musica israeliana popolare. Il ritornello ammaliante del primo singolo “Bo'ee” (Come With Me), aveva un suono completamente nuovo, in Israele non si era mai sentito niente di simile. L'interesse del pubblico per l’album ha spinto il suo successo a livelli raramente visti sulla scena locale musicale e ha consolidato Idan Raichel come la nuova star israeliana. Ora è un’icona musicale nelle comunità israeliane ed ebraiche di tutto il mondo: Idan Raichel ha infatti suonato (concerti tutti esauriti) in sale prestigiose a Parigi, Bruxelles, New York, Los Angeles, Singapore e oltre. Il Project apre inoltre una nuova prospettiva sui conflitti del Medioriente, mostrando come popolazioni di cultura diversa in una zona del mondo martoriata, possano coltivare le proprie tradizioni culturali e allo stesso tempo creare nuove espressioni a contatto col prossimo e con il massimo rispetto reciproco. “La nostra capacità di vivere in pace l'uno con l'altro dipende dalla nostra capacità d’ imparare ad apprezzare e rispettare le nostre differenze,” dice Idan. “La via del futuro non è cercare di cambiare il tuo vicino, ma accettarlo così com'è ed accettare che tutti cercano le stesse cose nella vita: pane, acqua, spirito, rispetto e amore.” www.idanraichelproject.com

Live di Idan Raichel Project


Nessun evento trovato in archivio


IDEAL STANDARDS


Gianluca Petrella trombone Dado Moroni piano Furio Di Castri contrabbasso Da sempre gli standard sono la materia prima per imparare a suonare jazz. Spesso, dopo anni di lavoro, diventano una sofferta riscoperta per quei musicisti che hanno sviluppato un linguaggio originale. Questo concerto vuole in qualche modo trasformarsi in una piccola parodia per rappresentare un percorso contorto: quello del musicista che torna a rileggere i grandi maestri dopo averli massacrati in tanti anni di apprendistato e poi completamente abbandonati negli anni della crescita. Una rilettura disillusa, disincantata, ironica ma certamente ricca e profonda. Gli standard ideali riemergono come vecchi amici con cui si ha confidenza, ai quali ora si può dare del tu dopo avergli rifilato magari una bella pacca su una spalla.

Live di Ideal Standards


Nessun evento trovato in archivio


Live di Iditarod


Nessun evento trovato in archivio


Live di Idlewild


Nessun evento trovato in archivio


IDOL LIPS


THE IDOL LIPS ( ITALY ) Gli Idol Lips nascono dalle ceneri dei Lady Killers, una delle punk rock bands piu’ rabbiose degli scorsi anni. La nuova formazione, ha appena registrato un’ ottimo album per l’etichetta romana Hate Records. Grande e trascinante punk rock senza compromessi! www.myspace.com/idollips

Live di Idol Lips


Nessun evento trovato in archivio


IDOLS ARE DEAD


La band IDOLS ARE DEAD nasce a Bologna nell’Agosto del 2006. Il tutto parte da un’idea di Manuele “Mana” Bruno (Voce) e Luca “Sky” Canali (Batteria). I due hanno già alle spalle anni di convivenza musicale in gruppi come Folder (2002-2005) e ancora prima Electrocution (1994-1997). L’idea è di rifare musica assieme dopo che Luca ha raggiunto gli Addiction Crew (con i quali collabora ancora parzialmente) e soprattutto di “pagare tributo” a idoli(!) quali Metallica, Anthrax, White Zombie etc… I Nostri arruolano per il loro progetto 2 chitarristi provenienti anch’essi dall’area bolognese e con anni di esperienze alle spalle nei più disparati gruppi e generi! Sono Stephane “Alley-X” ed Enrico “Ico” Amaduzzi. Già dalla primissima prova si intuisce quello che sarà il sound della band, influenzato appunto dai gruppi sopraccitati ma con aggiunte di dirty-rock in stile Murderdolls piuttosto che Dope per arrivare ai Godsmack… In un secondo tempo viene aggiunto alla line-up, che così diventa completa, Maxx C. al basso. Fratello di Luca e già insieme ad esso e a Mana nei già nominati Folder ed Electrocution. Il primo lavoro è un Promo a 6 pezzi che comunque la band considera già come advance-promo del loro primo Album che (si spera) dovrebbe uscire presto. La band non ha infatti già firmato nessun accordo contrattuale ma gli interessamenti non mancano! Si spera che sia solo l’inizio di una carriera a suon di Heavy Metal e potenza straight in ya face!!! Pronti all’impatto? www.myspace.com/idolsrdead

Live di Idols Are Dead


Nessun evento trovato in archivio


Live di Idroparkfila


Nessun evento trovato in archivio


Live di Iduroni


Nessun evento trovato in archivio


IF - TRIBUTO AI GENESIS


I loro concerti sono ormai diventati un appuntamento impedibile per tutti gli amanti del gruppo Inglese ritornato prepotentemente alla ribalta nel 2007 con un maestoso tour mondiale, con il mitico concerto sponsorizzato dalla telecom a roma nel luglio di quest’anno e con un dvd live di prossima uscita , ed in generale del rock progressive. Riconosciuta dalla fanzine italiana ed ultimamente anche da quella internazionale come ufficial tribute band , IF PLAY GENESIS è uno spettacolo oltre le aspettative. Gli IF sono : Paolo Pablo Messina alla batteria, Gabriele Gabriel Zenobi alla voce, Maurizio Piccia Picciafuoco alle tastiere, Carlo Lander Lantieri alle chitarre, Daniele Cizinho Natalini al basso. Grazie alla tecnica dei singoli musicisti, agli strumenti vintage utilizzati, alla teatralita’ ed alle immagini proiettate nei loro concerti, lo spettacolo degli IF colpisce e continua ad emozionare giovani e meno giovani fans del gruppo inglese capitanato da Gabriel e Collins. I pezzi suonati appartengono a tutto il repertorio dei Genesis con una particolare predilezione del periodo Gabriel, ma senza tralasciare le Hit che li hanno resi famosi in tutto il mondo . Un percorso studiato e ben curato nei minimi particolari attraverso gli album e le immagini che hanno fatto la storia del rock. Info: www.the-if.it

Live di If - Tributo Ai Genesis


Nessun evento trovato in archivio


IF I DIE TODAY


Una mezzora stiracchiata di spettacolo è bastata alla band nostrana per strappare dei convinti e meritati applausi ad un pubblico quasi esclusivamente presente per assistere alla performance degli Snapcase. Sotto contratto per Wynona Records e con all'attivo il full “If I Die Today” e l'EP “You Are Alone”, gli If I Die Today propongono una dinamica ed energica miscela di hardcore, punk e rock'n'roll, portata in scena con buona attitudine e simpatia, fors'anche meglio predisponente della versione in studio. Alternando brani da entrambe le pubblicazioni – citiamo “My Captain”, “New Love New Blow Job”, “My Little Princess”, “Scars”, “Talk Dirty To Me” – il quintetto piemontese ha bene intrattenuto la platea, giusto antipasto alla calata degli headliner. www.myspace.com/ifidietoday

Live di If I Die Today


Nessun evento trovato in archivio


Live di If Thousand


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ifar Locchi


Nessun evento trovato in archivio


IG: IVANA GATTI & GIANNI MAROCCOLO


“IG” è il prezioso progetto artistico nato dall'incontro fra Ivana Gatti e Gianni Maroccolo dove sperimentazione e musica d'autore al femminile si fondono magicamente l'uno nell'altro con naturalezza, eleganza e assoluta sincerità, intrecciando ambientazioni elettroniche-rock di Maroccolo con l'universo intimista di Ivana. Ad ottobre 2005 esce solo on-line il primo Ep dal titolo "Resta" seguito da un mini-tour. Nell'aprile 2006 esce (distribuito solo on-line) il secondo Ep dal titolo "Il Linguaggio delle murene", seguito da un breve tour autunnale in Italia, Belgio e Lussemburgo. Nel giugno dello stesso anno IG collabora con in Marlene Kuntz per musicare dal vivo due grandi classici del cinema muto. Ad ottobre 2006 IG collabora nuovamente con Marlene Kuntz per la realizzazione della cover del brano di Gaber “La libertà” inserito nella colonna sonora del film “Checosamanca” di Carlo Cresto Dina. Il 22 dicembre 2006 a IG collabora con la pittrice francese Beatrice de France per il progetto “in principio erano le ombre, in principio erano le luci, in principio era la musica” con l'idea di fondere due discipline artistiche in una performance dal vivo in cui pittura e musica prendono ispirazione l'una dall'altra. Maggio 2007: sullo sfondo del sodalizio artistico nato tra Ivana e Gianni, in continua evoluzione, e il mondo dell'arte visuale e video-artistica di Fabio Massimo Iaquone (nome internazionale della creatività visuale) e Luca Attilii (video artista), è nato “Bastian Contrario” un progetto visual-discografico che va oltre la scena musicale italiana consueta ponendo in relazione, in modo irresponsabilmente libero tra loro, il linguaggio delle immagini e quello della forma-canzone, abbondantemente irradiato di musica elettronica e visionaria. "Bastian Contrario" (CD+DVD) uscito su etichetta River Nile Records/Alabianca distr. Warner Music e disponibile in tutti i negozi e piattaforme digitali, racchiude 11 brani inediti , 2 bonus track remixate da Riccardo Tesio (Marlene Kuntz) e Lorenzo " Jova" Cherubini e 12 filmati di video-art realizzati da Fabio Massimo Iaquone e Luca Attilii. www.igweb.eu www.myspace.com/igivanagattigiannimaroccolo

Live di Ig: Ivana Gatti & Gianni Maroccolo


Nessun evento trovato in archivio


IGGY AND THE STOOGES


“Tutte le forme di musica pop di oggi ottengono la loro forza dal ritmo. I produttori di rap, hip-hop, metal, pop e rock un giorno vi spiegheranno che i ritmi che creano imitano il battito del cuore umano perchè è lì che risiede l'energia. Ascoltando una qualsiasi di queste forme la sensazione è sempre suscitata da qualche variazione sull'eccitazione, mentre prima della nascita del blues vi era un'altra forma di canto popolare, in cui il ritmo veniva dal respiro umano ed i sentimenti si basavano molto più sulle emozioni. Queste antiche forme di espressione musicale sono state conosciute come bel canto, chanson, gregoriano o musica folk. Ho sempre amato queste altre forme di sentimento, così intimo, a volte un po' triste, che non tentano di martellarmi la testa. Così ho voluto cantare alcune di queste canzoni, sperando che la mia voce susciti nei miei ascoltatori le stesse emozioni che ho provato io stesso ascoltandole. Molte di queste canzoni sono in francese, probabilmente perché è la cultura francese che ha più ostinatamente resistito agli attacchi mortali della macchina musicale Anglo-Americana” Iggy Pop Iggy Pop – un'icona, un ribelle, il padrino del punk, leader di Iggy and The Stooges con 40 anni di carriera alle spalle. Non c'è nessuno come Iggy, e le generazioni di appassionati, musicisti e critici musicali possono testimoniarlo. Un artista a 360 gradi e multi-dimensionale come dimostra con il suo nuovo album: „Après“ Questo album dimostra un altro modo di fare musica che non necessariamente va associata a Iggy. Dopo il successo con il suo inglese/francese "Preliminaires" del 2009 torna con "Après" - un album che contiene la sua personale versione di tutte le canzoni che lo hanno ispirato. Le scelte prese canzone per canzone fanno notare come eclettica, versatile ma particolarmente adatta sia questa selezione. www.iggyandthestoogesmusic.com

Live di Iggy And The Stooges


Nessun evento trovato in archivio


IGLU & HARTLY


Immaginate Tom Petty e le Pointer Sisters in un bar karaoke di Tokyo a cantare Tina Turner. La musica degli Iglu & Hartly è un frullato di generi. I ragazzi si sono incontrati all’Università del Colorado a Boulder. Jarvis Anderson, Sam Martin (voce, tastiere) Simon Katz (chitarre). I tre hanno iniziato a fare musica, che alla fine ha formato i tre. Incapaci di trattenere l’energia e insofferenti di aspettare i diplomi i 3 lasciano la scuola e si trasferiscono a Echo Park, California, ad est di Hollywood, dove iniziano a bussare alle porte dei club per trovare dei concerti Sottoponendosi alle fatiche del circuito dei night clubs di Hollywood tra lustrini e sporcizia, la band si fa apprezzare anche a South Bay, una comunità con una forte eredità punk, casa di Black Flag, The Descendents, Circe Jerks e Pennywise. Lasciate i vostri sogni d’estate di Malibù alla porta o voi che entrate… Poco dopo essersi trasferiti a Los Angeles, Luis Rosiles si è unito al gruppo come batterista e Michael Bucher come bassista. Con oltre 200 concerti soltanto nell’area di Los Angeles Iglu & Hartly sono diventati una vera e propria forza sul palco. Uno spettacolare concerto al SXSW festival a Austin e un tour sold out in Inghilterra hanno creato un grande entusiasmo attorno alla band Iglu & Hartly hanno trascorso gli ultimi mesi rinchiusi nella casa che condividono a Echo Park a registrare le canzoni che vanno a comporre l’album And Then Boom in uscita questo autunno, preceduto dal singoloIn This City. Ogni canzone trasuda irresistibili spunti pop e assieme ai peculiari rap e ai sintetizzatori lo rendono un disco che farà da colonna sonora dei vostri prossimi mesi Benvenuti quindi nel mondo dei Iglu & Hartly. Un mondo di speranza trainata dai sintetizzatori. Un mondo fradicio di birra e sudore, che nasce dal cuore e dall’anima. Senza compromessi, senza controllo, inarrestabili. Iglu & Hartly sono: Jarvis Anderson e Sam Martin (voce/tastiere) Simon Katz (chitarre) Luis Rosiles (batteria) Michael Bucher (basso) Sito ufficiale: www.igluandhartly.com www.myspace.com/igluandhartly

Live di Iglu & Hartly


Nessun evento trovato in archivio


IGNACIO BERROA QUARTET


Ignacio Berroa, alla cui facilità nel passare dalle classiche ritmiche jazz a quelle latino-americane deve molto della versatilità della sua musica e il concerto di stasera ne è la riprova. Tutto lascerebbe intendere che si assisterà al concerto di un quartetto con due strumenti solisti, piano e sax, ma non sarà propriamente così: in più di un brano Sanchez abbandona completamente la scena per permettere al trio di esibirsi. IGNACIO BERROA QUARTET FELIPE LAMOGLIA - saxes DAVID SIEGEL - piano CARLOS DEL PUERTO JR - double bass IGNACIO BERROA - drums - SUONANO: OCTOBER 20 - BRNO (Czech Republic), SEMILASSO OCTOBER 21 - BRATISLAVA (Slovakia), PKO (BRATISLAVA JAZZ DAYS) OCTOBER 23 - BUSTO ARSIZIO, VA (Italy), TEATRO SOCIALE OCTOBER 25 - OFF OCTOBER 26 - ZAFREB (Croatia) OCTOBER 27 - ZAGREB (Croatia)

Live di Ignacio Berroa Quartet


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ignatz


Nessun evento trovato in archivio


IGNITE


Dopo alcuni anni di assenza dai palchi italiani, siamo lieti di annunciarvi il ritorno in Italia degli IGNITE! La band di Orange County, che ormai da anni porta alto il nome del Punk/HC Californiano, sarà nel nostro paese il 29 Luglio! Nati nei primi anni 90, gli IGNITE si sono sempre contraddistinti da alcuni loro colleghi californiani, per essere una Band Hardcore al 100%, non solo musicalmente, ma anche dal punto di vista delle tematiche trattate nei loro testi e per il loro impegno a favore di organizzazioni umanitarie ed in difesa dei diritti degli animali. Finalmente Zoli è riuscito a trovare un pò di tempo libero dai Pennywise e l'occasione di ritornare a calcare i palchi in Europa è stata la prima scelta. www.igniteband.com www.myspace.com/ignitemusic

Live di Ignite


Nessun evento trovato in archivio


IGNITION


"Take a little Oasis, with a pinch of Pearl Jam, a splash of Arctic Monkeys, bake uncovered and top with twenty Lambert and a case of Carlsberg." This is how one listener described his favourite band, Ignition, who are creating quite a stir among music fans as well as insiders in the business. And it seems NME magazine would agree, as they once hailed the indie rockers as one of the UK's best unsigned acts, and were quoted as saying that their music had "traces of Nirvana and Oasis, with Eddie Veddars vocal range." They were also reviewed in Vodaphone Live Music Mag, who described their music as having "talent and energy,and a sense of purpose." Ignition consists of Martin Rafferty (songwriting, guitar, lead vocals), Stephen Devlin (bass,vocals) and David Mulgrave (drums.vocals). Starting from humble beginnings in Armagh, Northern Ireland, in 2001, the members of Ignition have come a long way, especially after receiving help from the Princes Trust charity who saw potential in them from the beginning. Starting out locally, their hard graft paid off as they built up an established fanbase in their home country through relentless gigging, and they soon began selling out venues across Northern Ireland. Word of the talented trio gradually spread across the water, as more and more people began to hear their music on the internet. Amidst the growing hype, an American film company asked to use their song 'Swept Away' for the soundtrack to a film called 'Maybe Tomorrow.' They were also were asked to support many established acts in England, including Alabama 3 and Peter Hook in London. Their internet fanbase even extended to France, where some of their most loyal followers set up dedicated fansites for French fans of the band. The buzz surrounding Ignition back at home became so great that they were featured on UTV live, a primetime news programme in Northern Ireland. They also received airplay on many radio stations, including national station Cool Fm, and made several appearances on radio talkshows. But their biggest break came when they made an appearance at the presitigious Oxford Festival in 2007 and were discovered by Iain McDonald, a respected figure in the music industry. He became their manager, and together the band and Iain set up a limited company and began a plan that would launch Ignition into the mainstream music charts. With two sold-out EP's already under their belt, not to mention extensive live experience, a charismatic frontman and their ability to produce an endless amount of catchy songs, the band were more than prepared to begin recording professionally. The song 'Take me there' was chosen to be the first single, and it was recorded at one of the most famous recording studios in the UK, Olympic Studios in London. The single was engineered by Dave Emery, who has previously worked with the likes of the Killers and Eric Clapton. The band were in good company during their time in the studio, as Lily Allen was recording next door, and regularly bumped into them in the canteen. As Olympic Studios is now closed for business, Ignition will be completing the rest of their album at the equally well-known RAK Studios and Abbey Road in London. Universal Music Operations have come on board to release and distribute the single, which is due for release later this year and will be accompanied by a video. A team of music industry professionals have been recruited to work for Ignition and ensure that the songs receive adequate airplay and promotion. By all accounts, it is only a matter of time before 'Take Me There' will be storming into the UK charts. .. www.ignitiononline.net www.myspace.com/ignitionmusic

Live di Ignition


Nessun evento trovato in archivio


IGOR SCIAVOLINO


igor sciavolino compositore, arrangiatore, saxofonista con live electronics, tecnico del suono Si è formato musicalmente con Giorgio Gaslini, Bruno Mosso, Giancarlo Schiaffini, Claudio Fasoli, John Surman, Jimmy Knepper. Ha studiato e lavorato come archeologo per 20 anni contemporaneamente alla carriera musicale. Dal 1998 insegna Armonia Jazz presso i Corsi di Formazione Musicale del Comune di Torino. E'compositore di musica da camera e orchestrale per svariati ensembles e musicisti, tra cui gli Strumentisti dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, l'Orchestra Sinfonica della Valle d'Aosta, la clavicembalista Rita Peiretti, il Kiver Ensemble di Pescara, la pianista cino-americana Margareth Pu, il clarinettista Marco Fiorindo. Alcune sue composizioni sono state trasmesse da Radio3Rai ed eseguite in Italia, Germania e Spagna. L'ultimo lavoro di composizione è la musica di scena per lo spettacolo di teatro musicale Popoli e Musiche a Porta Palazzo, andato in scena nel novembre 2005, con la regia di Marco Alotto. Sulla sua attività compositiva il critico musicale Renzo Cresti ha scritto un capitolo monografico in Linguaggi della musica contemporanea, vol. 3 (Miano Editore, 2000, Milano).E' presente nell'Enciclopedia Italiana dei Compositori Contemporanei (a cura di R. Cresti, Pagano Editore, 1999, Napoli). Come compositore di musica elettronica è autore di colonne sonore elettroniche per spettacoli di danza contemporanea, commissionati dalla compagnia LucyLab.evoluzioni della coreografa Rosita Mariani, tra cui i lavori Tempo Zero, C14 e Moto da luogo, e di installazioni temporanee (per es.: mostra d'arte contemporanea Hic Sunt Leones con Merz, Zorio, Mainolfi, ecc.) e permanenti (Museo della Montagna al Forte di Exilles e Museo del Mutuo Soccorso di Pinerolo, entrambi per gli allestimenti di Richi Ferrero). Ha lavorato per il teatro come compositore ed esecutore:"Il Dottore Fast il Dottore accende le luci" di Gertrude Stein, con regia di Francesco Gagliardi, 2000 e 2001; "Wild Party" di Monchure, con regia di Marco Alotto, 2005 e 2006. Come arrangiatore è stato finalista al concorso di arrangiamento per big band BargaJazz 1997. Il festival Anfiteatro Jazz di Lucca nel 1998 gli ha commissionato Omaggio a Mingus: riscrittura di brani di Mingus per quintetto jazz ed esecuzione durante il festival. Nel 2001 ha realizzato il progetto Mingus In Banda, prodotto da Musica 90 e formato da un quartetto post-jazz, il Pocket Mingus Quartet (con Maurizio Brunod, Fred Casadei, Simone Bosco) e da un'intera banda di paese, la Banda Civica di Nizza Monferrato (AT), composta da 36 fiati e 4 percussionisti e diretta dal M° Giulio Rosa. Le partiture elaborate per Mingus In Banda sono state eseguite in diversi concerti in festivals e rassegne durante l'estate del 2001. Il quartetto Pocket Mingus ha poi proseguito a tenere concerti in clubs e rassegne nel nord Italia fino ad oggi.Attualmente Mingus In Banda è stato riproposto in concerti estivi con la Banda dell'Unione Musicale Condovese (50 elementi) diretta dal M° Gianluca Calonghi. Nel 2006 su incarico del Comune di Cremona ha selezionato giovani jazzisti dell'area cremonese-manotovana per formare la JazzInCantiere Orchestra, che ha diretto in concerto (ospite Lorenzo Corti, chitarrista di Cristina Donà) e per cui ha arrangiato brani di rock indipendente italiano (Marlene Kuntz, Afterhours, Subsonica, ecc.). Dal 2001 al 2005 ha lavorato intensamente come orchestratore e arrangiatore per la Banda Ionica, prodotta da Roy Paci e Fabio Barovero; per Hitchmusic, la sonorizzazione live del film Blackmail di Alfred Hitchcock con musica di Fabio Barovero, commissionata dal Museo del Cinema di Torino e dal premio Grinzane Cavour; per Corleone, il nuovo jazz core ensemble di Roy Paci; per la manifestazione Invito a Corte (organizzata da Reg. Piemonte e Musica 90), tenutasi alla reggia di Venaria Reale (TO) con musica di Fabio Barovero e Igor Sciavolino eseguita da una banda e da un trio barocco (clavic., fl. traversiere, viola da gamba); per la MEI Orchestra del Festival MEI di Faenza con cantanti ospiti come Daniele Silvestri, Samuele Bersani, La Crus; per la colonna sonora dei film lungometraggi La febbre di D'Alatri (arr. per banda) e Provincia meccanica di Stefano Mordini (arr. per sestetto d'archi) su musica di Fabio Barovero; per una banda siciliana diretta da Roy Paci con cantanti ospiti come Antonella Ruggero, Mario Venuti, Negrita; per un progetto di arte contemporanea della Provincia di Torino, con Cesare Malfatti (La Crus), la Banda di Forno Canavese, una fabbrica di Forno (TO) e l'artista visuale Enzo Umbaca. Dal 1988 svolge un'intensa attività concertistica che lo ha visto impegnato, tra gli altri, con Mal Waldron, Tiziana Ghiglioni, il danzatore Roberto Castello e con gruppi propri in diversi festival italiani ed europei (tra gli altri il Contemporary Improvised Music Festival di Amsterdam, Danse Scenen Theater di Copenhagen, Anfiteatro Jazz di Lucca, Musica 90 di Torino). Ha fondato e tenuto concerti con l'ensemble cameristico-jazz Limina (1988-1992) e il quartetto Forma Fluens (1993-1997). Insieme al batterista Paolo Franciscone e alla danzatrice Rosita Mariani è fondatore dell'ensemble Nora D, con cui collabora stabilmente dal 1994. Ha inciso come solista il CD Solitaires à la recherche de la danse (Inside Black, 1994) e in quartetto il CD di Pocket Mingus Mingus Changes (in corso di pubblicazione con Leo Records) e ha partecipato al CD Santa Lucia di Giorgio Li Calzi (Polosud, 1997) e Pe.a dei Pe.a (1998). Ha prodotto due brani del gruppo post-rock Stearica per il CD P.O. BOX 52.6 (Wallace Records, 2003). Ha arrangiato due brani di Duke Ellington per il disco di Elle-in-tones (2005). Dal 2001 al 2003 è stato ideatore e co-direttore artistico della rassegna internazionale di danza con musica live Interplay. Dal 2000 tiene occasionalmente seminari e workshop: sul rapporto jazz-musica contemporanea al Conservatorio di Lucca; su musica per il teatro al Liceo Magistrale di Cremona; laboratorio di teatro musicale sul Prometeo di Eschilo con il Liceo Classico Umberto I di Torino; con il festival Lingue in scena di Torino; su musica contemporanea per il progetto interdisciplinare Monteverdi Factory a Cremona insieme con Roberto Castello, Paolo Atzori, Emanuele Colombo. Dal 1996 conduce lo Studio Mobile di Registrazione Mezzano & Sciavolino ArtStudio specializzato in registrazioni di musica barocca, classica, contemporanea, jazz e acustica in genere, lavorando per musicisti, compositori ed enti di fama nazionale, come Ancillotti, Piacentini, Morricone, Corghi, il Conservatorio di Torino, il Duomo di Savona, il Tempio Valdese di Torino, MauMau, Fratelli di Soledad, Fulvio Chiara Quintet. http://www.facebook.com/igor.sciavolino

Live di Igor Sciavolino


Nessun evento trovato in archivio


Live di Igor Stravinskij


Nessun evento trovato in archivio


Live di Igort Miners Strike


Nessun evento trovato in archivio


IGUAZU'


IGUAZU' Trio latin-jazz Attualmente è una band testimonial della YAMAHA ( eventi fieristici, festival, seminari ,stages,master classes, clinics, ...) , in quanto tutti e tre i musicisti sono endorser ufficialiYamaha. Il genere musicale tocca le varie culture e i colori del Sud-America ( afro-brasiliana, afro-cubana, argentina...) con sfumature Nord-Americane ( jazz, funky, R&B ) Il gruppo nasce dall'unione di 3 musicisti "endorcers" per la Yamaha Instruments accomunati dalla passione per le sonorità del sud america e in particolare di paesi con una tradizione musicale esportata in tutto il mondo quali Brasile, Cuba e Argentina. Ed infatti i brani eseguiti durante il concerto, pur facendo perno su basi jazzistiche, sono chiaramente pescati dalla musica latina oppure rivisitati in questa chiave. Tra gli autori più noti: Buena Vista Social Club, Astor Piazzolla, Jobim e Michel Camilo. Il risultato è molto eterogeneo e sicuramente accattivante grazie anche a momenti di grande energia e virtuosismo. Alex Battini de Barreiro - batteria e percussioni ( www.alexbattini.com ) ( ha collaborato con : Vecchioni, De Piscopo, Branduardi, Vianello, Milva, Iannacci,Horacio el Negro, Alex Acuna, Orchestre RAI, Fininvest... ) Fabio Gianni - piano ( ha collaborato con : Mussida(PFM),Dirotta su Cuba, Ivan Cattaneo....) Marco Mistrangelo - basso , cb. ( ha collaborato con : Lee Konitz, David Liebman, Laura Fedele, Tommelleri... www.myspace.com/iguazulatinjazztrio

Live di Iguazu'


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ihsahn


Nessun evento trovato in archivio


Live di Iijima Ai


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ikara Colt


Nessun evento trovato in archivio


IKAROS QUINTET


IKARÒS quintet Vincent Peirani(Fisarmonica), Nelson Veras(Guitar), Alfredo Paixao (Bass), Remi Vignolo(Drums), Michael Rosen(Soprano & Tenor Sax / Flute) NELSON VERAS, nato a Salvador de Bahia, in Brasile, è stato definito da Aldo Romano il più grande chitarrista al mondo. Ha collaborato con Pat Metheny, Birelli Lagrene, Daniel Humair e molti altri. Ha fatto parte, nel 1997, del gruppo di "Jeunes Lions" di Michel Petrucciani. ALAN MICHAEL ROSEN, di origini Newyorchesi, da anni vive in Italia dove ha inciso praticamente per tutti i principali artisti italiani, da Enrico Rava e Franco D'Andrea, a Roberto Gatto e Franco Ambrosetti. Sempre attivissimo nella scena jazz europea, si è esibito inoltre con numerosi musicisti americani di calibro internazionale, tra i quali Jim Hall, Peter Erskine, Mike Stern e Kenny Wheeler. Il brasiliano ALFREDO PAIXAO, ottimo bassista, ormai ospite fisso al QM e due eclettici artisti francesi, VINCENT PEIRANI e REMI VIGNOLO, anch'essi con al loro attivo innumerevoli collaborazioni in svariati ambiti musicali, completano questo straordinario quintetto presentato da QM in anteprima nazionale. Un concerto dalle atmosfere mediterranee in cui colori tropicali e avanguardie jazz vivono nell'incontro di 5 straordinari musicisti provenienti da culture e città differenti (Rio/Parigi/New York/Bahia). www.myspace.com/vincentpeirani www.myspace.com/nelsonveras

Live di Ikaros Quintet


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ike And The Capers


Nessun evento trovato in archivio


IKON


Ikon - Destroying The World To Save It E finalmente anche il pluriannunciato Destroying the World to Save It viene pubblicato, dopo anni di rimandi e ritardi... l'ep Psychic Vampire aveva spezzato un po' l'attesa per questo nuovo album ma dall'uscita del singolo ad oggi è passato un anno!! ..comunque il gruppo miglior gruppo gotico del mondo sa farsi perdonare e questo nuovo album è il più bel regalo che potessero farci.. 13 canzoni e un'ora di musica e per di più prime 1000 copie in digipack edizione limitata con un bonus cd pieno zeppo di remix e versioni dal vivo.. ma la bellezza del "regalo" non consiste nella volume del "pacco" (alquanto corposo!) ma dal fantastico contenuto dello stesso.. quasi tutte le nuove canzoni sono già dei classici del trio austrialiano.. l'opener Never forgive! Never forget! colpisce subito.. e fa molto male.. una sirena lancia l'allarme.. subentra un basso grezzissimo accompagna da un martellante tribalismo post-punk, poi arriva Chris.. e poi arrivano le chitarre.. gotiche! goth-rock della migliore specie!! Si continua con The Dying Crown, altro gioiellino.. anche se la successiva Without Shadows riesce a conquistare tutti i territori, divenendo così l'ennesimo "classico" della band (non per questo è stata scelta come secondo singolo dell'album).. con God has fallen from the Sky si fa avanti la vena dark-folk del combo.. poi arriva il singolo Psychic Vampire, il brano più elettronico e ballabile dell'album, e ci accorgiamo che la versione del full-lenght e differente da quella dell'ep (ma quante versioni di Psychic Vampire esistono?).. tra i "nuovi classici" possiamo aggiungerci Father of Lies, gothic rock "moderno" e ispirato.. Ashes of Blue è un brano a parte per gli Ikon, non tanto dal punto di vista musicale ma, per l'apporto di Louisa John-Kroll che dona la sua voce angelica rendendo questa canzone unica e particolare nel repertorio degli australiani.. Rome è vigorosa e chitarristica, molto gotica, ma molto aggressiva.. impressionante il break finale introdotto da una voce che urla "bruciate i cristiani!!!" ..grandi!! My Crucible è il secondo episodio (dopo Psychic Vampire) in cui l'elettronica abbraccia in modo vistoso (ma per niente ballabile) le composizioni degli Ikon.. poi arriva la gotica Heresy con le sue percussioni per nulla gotiche, è il brano più debole del lotto. Slaughter è una strumentale alquanto strana.. chitarre e percussioni spagnoleggianti, echi di voci mediorientali e la voce sussurrata di Louisa John-Kroll, che arricchisce il brano con alcuni vocalizzi.. il terzo brano elettronico del disco è Path of the Unknown (molto più vicina a Psychic Vampire che a My Crucible).. chitarre, synths, batteria, ritmi elettronici.. lo stile è sempre molto "Ikon" (vedi le vocals darkissime..) ma messa a questo punto (dopo una strumentale già strana di suo) perde un po' la sua forza.. ma a riparare questa piccola scivolata ci pensa la conclusiva The Black Goat of Judas, introdotta da un voce recitante che descrive il tradimento di Giuda nei confronti di Gesù (ah! la voce è in italiano!!).. il brano continua tra il recitato che rimane in sottofondo, tastiere atmosferiche, cantato leggermente in secondo piano e ritmiche e bassi electro.. un grandissimo brano che si sviluppa in un goth-rock ma che poi non esplode e svanisce tra le sirene che annunciano la fine del mondo.. * Clifford Ennis - guitar, vocals * Dino Molinaro - bass * Chris McCarter - vocals, guitar

Live di Ikon


Nessun evento trovato in archivio


IL BACIO DELLA MEDUSA


La genesi del progetto denominato “IL BACIO DELLA MEDUSA” avviene nel settembre 2002, ad opera di DIEGO PETRINI (Batteria), FEDERICO CAPRAI (Basso) e SIMONE CECCHINI (Voce, Chitarra acustica). 
Dalle ceneri di un precedente gruppo che vedeva coinvolti Petrini e Caprai, nasce così quel laboratorio artistico musicale che fin dagli esordi si è posto il problema della riscoperta del Rock Progressive degli anni ’70, operando una ricerca talvolta maniacale di vecchi dischi in vinile, ed inaugurando inoltre una florida stagione creativa in cui verrà restituita la dovuta dignità al testo e all’arrangiamento musicale. Dopo diversi cambiamenti di organico, (si alterneranno chitarristi e tastieristi), nel 2003 entrano stabilmente in formazione EVA MORELLI (Flauto Traverso, Sax Contralto, Ottavino) e SIMONE BROZZETTI (Chitarra) che porterà al BDM un suono decisamente Rock Blues ed uno stile più istintivo e graffiante rispetto ai precedenti chitarristi. 
Così il BDM, dopo un anno e mezzo di intenso lavoro, decide di riarrangiare i pezzi già in cantiere ed entra in studio di registrazione nell’ aprile 2004. Il progetto si concretizza in giugno ed arriva a compimento con la realizzazione del primo lavoro discografico, l'omonimo "IL BACIO DELLA MEDUSA". 
Nel dicembre 2004 il BDM partecipa e vince il concorso musicale perugino “ROCK’IN CENTRO”: ciò permetterà alla band di prendere parte alla manifestazione europea CLASS Eu ROCK’ Festival (accanto a numerose band europee) svoltasi nel dicembre 2005 ad Aix-en-Provence (Francia). Con molta sorpresa il BDM ottiene una caldissima accoglienza dal pubblico francese! Nel Gennaio 2005 è ufficiale l’entrata nel Bacio di DANIELE RINCHI che con il suo violino darà un grande contributo alla ridefinizione del sound del BDM, sound che subirà un ulteriore evoluzione con l’apporto di nuove strumentazioni, come l’organo di Petrini. 
Ma la vera e propria svolta sarà l’inizio di una collaborazione con la BLACK WIDOW RECORDS, celebre etichetta genovese rinomata tra gli appassionati del genere, che dal maggio 2005 disribuirà ufficialmente il primo lavoro della band. Dal Settembre 2005 il BDM si ritira in Studio per la realizzazione del nuovo lavoro, un concept album dal titolo “DISCESA AGL’INFERI D’UN GIOVANE AMANTE”, che vedrà la luce soltanto nel maggio 2006. In questi mesi il gruppo continua a pubblicizzare il “vecchio“ lavoro ed inizia a collaudare alcuni nuovi brani rivisitando la propria esibizione live. 
Portate a termine le registrazioni del disco, nel settembre 2006 il Bacio firma un contratto discografico con la Black Widow Records per la ristampa del primo lavoro e la produzione del nuovo (LP-CD). Attualmente il BDM lavora in vista di una serie di concerti che presentino dal vivo il concept “Discesa agl’inferi d’un giovane amante” ed ha in cantiere la realizzazione del DVD “BDM Live in Genoa” programmata per il 23 gennaio 2009. www.ilbaciodellamedusa.it

Live di Il Bacio Della Medusa


Nessun evento trovato in archivio


Live di Il Ballet De Cuba


Nessun evento trovato in archivio


IL BUIO


Non capita spesso di affezionarsi a qualcosa, specialmente in un ambito come quello discografico, in cui ogni giorno si presentano alla porta innumerevoli venditori di fumo pronti a venderti l'ennesimo capolavoro della musica italiana. Ma questa volta credo sia necessario sbilanciarsi. Non ho paura di ammetterlo: io adoro questi ragazzi e soprattutto amo “L'oceano quieto”. Un vero e proprio manifesto “politico”, umano e sentimentale, capace di regalare 10 brani che più che semplici canzoni sono dei pugni in faccia a chi pensa che non ci sia più nulla da scrivere sulla nostra bella realtà di merda, compreso il sottoscritto. Ha ancora senso smuovere le coscienze con le parole? Ma soprattutto ci sono ancora delle coscienze? Sinceramente non so se la risposta si trova nella musica de Il Buio, ma resta il fatto che la band veneta è riuscita a creare un'amalgama straordinario, tra irruenza, potenza comunicativa e grandissima capacità di sintesi. Immaginate gli At The Drive In cantati in italiano con una vena folk e cantautorale di prima categoria, infine aggiungete una voce e dei testi che quando imboccano il binario giusto fanno letteralmente tremare le ginocchia. Una capacità compositiva davvero sorprendente, capace di sorreggere un fiume in piena di parole, immagini e visioni. La volontà di raccontare il mondo che ci circonda con estrema chiarezza e senza alcun minimo accenno di banalità o superficialità, è probabilmente il vero punto di forza de “L'oceano Quieto, con il risultato di focalizzare l'attenzione su un mare narrativo tra i più profondi e intensi. Senza dimenticare un'impalcatura strumentale costantemente in bilico tra melodia e rabbia chitarristica. Puoi essere d'accordo o meno, ma non c'è dubbio che la fotografia è di quelle vivide e accese, destinata a rimanere impressa per un bel pezzo. Come il migliore dei libri, la struttura dell'album porta l'ascoltatore verso un percorso fatto di sorprese, punti di tensione, fermate e ripartenze. Non è possibile rimanere indifferenti di fronte alla lucidità del messaggio (“Parole alla polvere”, “Nel vento freddo”, “Da che parte state”) o alla potenza realista dei personaggi e delle storie messe in scena ( “Marionette", “Via dalla realtà, 7”, “Edoné: il clochard”). L'apice emotivo di “Naufraghi e viandanti” rappresenta al meglio l'urlo disperato di una generazione (la nostra) in balia della tempesta, “con il mezzo sbagliato, e “nel posto sbagliato”. Non si esce indenni da queste parti. www.ilbuioregnasovrano.com www.facebook.com/ilbuioregnasovrano

Live di Il Buio


Sab 10 Mag BRain LiveMusic - Montichiari (BS) - Italia

BRain LiveMusic via Aeroporto, 19 MONTICHIARI BS INFO: 334/2393614 locandadicampagna@libero.it www.brainlive.it www.facebook.com/brain.musiclive



Ven 16 Mag - Ravenna (RA) - Italia

NUOVE ROTTE DELLA CULTURA RAVENNA



Ven 20 Giu - Lugo di vicenza (VI) - Italia

Soundcheck festival LUGO DI VICENZA VI



Sab 05 Lug - Vicenza (VI) - Italia

Villazza Rock Fest VICENZA



Ven 08 Ago Rock and Rodes Festival - Piateda (SO) - Italia

Rock and Rodes Festival Piateda SO INFO: 388/1784544 info@rockandrodes.co www.rockandrodes.com www.facebook.com/Rockandrodes




Il cammino dei gitani


Tutti gli studiosi sono ormai concordi nel ritenere che il territorio d’origine di tutti i gitani o zigani, che dir si voglia, sparsi nel mondo sia il Rajasthan, nell’attuale India del nord. Da qui sono partite, circa 1000 anni fa, le prime carovane, dirette verso ovest, che hanno lentamente raggiunto il Mediterraneo, in seguito, divise in due direttrici principali: verso nord e attraversando i Balcani sono arrivate fino alla Serbia; a sud, costeggiando il Mediterraneo e, attraversato il nord Africa, per arrivare in Spagna da dove sono poi approdati, nel XV secolo, in Francia, in Italia e in Inghilterra. Durante il lungo viaggio, queste popolazioni hanno sempre utilizzato la musica e la danza come uno dei maggiori mezzi di sostentamento, ne sono conseguiti una moltitudine di stili musicali ciascuno con una propria gamma di repertori. Lo stesso regista rom-algerino Tony Gatlif nel suo magnifico film “Latcho Drom” rende omaggio alle sue origini nomadi mostrando, attraverso la musica, il lungo cammino dei gitani. Con questo progetto speciale, in esclusiva per Musica a Corte, onoriamo le tradizioni millenarie di un popolo nomade di musicisti, ponendo a confronto le musiche del Rajasthan con quelle dell’Egitto. I Dhoad presenteranno un repertorio di musica tradizionale del Rajasthan, avvalendosi, come da tradizione, di una ballerina della casta sapera (incantatori di serpenti) che proporrà delle coreografie che rappresentano temi mitologici e di un fachiro acrobata. La stirpe dei Musicisti del Nilo, invece, si origina dall’incontro tra genti nubiane, del Sudan, e gitane. Rebab, mizmar, tambur baladi e arghul sono gli strumenti della tradizione musicale egiziana che fanno da sfondo all’uso narrativo e squillante della voce che contribuisce a creare un’atmosfera senza tempo della tradizionale festa di paese. La loro musica risale all’epoca dei faraoni e prosegue nei nostri giorni come forma d’espressione popolare tra le più apprezzate. Progetto speciale con DOHAD - I GITANI DEL RAJASTHAN (India) Rahis Bharti tabla - voce Sikander Langa - voce Kutle Khan - castagnatte - voce - bhapang - jew harp Barkat - dholak Gulam Ali - harmonium - voce Abdul Rasheed - castagnette - voce Munshi - fachiro - acrobata Leela - danze sapera I MUSICISTI DEL NILO (Egitto) Moubarek Youssef - voce Hassane Yousef - rebab - voce Ibrahim Mohamed - derbouka Atta Mohamed - mizmar - arghul Masoud Mahmoud - tambur baladi Bikhit Kinawy - mizmar Mourad Migally - voce - rebab - nay Elhamy Mygally - voce - rebab Abdel-Elleah - mizmar www.dhoad.com

Live di Il Cammino Dei Gitani


Nessun evento trovato in archivio


IL CANE


A due anni da Risparmio energetico, secondo lavoro di Matteo Dainese aka Il Cane , esce Boomerang, su Moscow, in collaborazione con Matteite. L'album è stato scritto, prodotto e registrato interamente da Matteo, fra Udine, Firenze e Lignano, e vede la partecipazione di musicisti del calibro di Egle Sommacal (Massimo Volume), Ilaria D'Angelis (…A Toys Orchestra) e Marco testa di fuoco (Giorgio Canali & Rossofuoco). Il metodo di composizione è il solito: Il Cane metabolizza e rielabora gli appunti presi durante i tour e dalla quotidianità. Traduce le impressioni registrate con i suoi occhi, le sue sensazioni, i ricordi, i non detti, gli scambi, le fascinazioni, in canzoni che fotografano stati d'animo. Questa volta però la chiave è “il boomerang”. “Quando si lancia un boomerang (dopo 5 secondi come 10 anni), ritorna in contropiede nelle proprie riportandoci esattamente a quello che siamo stati e abbiamo provato al momento del lancio, La ritorsione può avere un effetto controproducente, facendoci sentire disarmati, ingenui, superficiali. Oppure positiva, focalizzando la nostra maturità, il nostro amore per il prossimo, magari di fronte a un figlio alto due metri del quale non abbiamo mai saputo nemmeno dell'esistenza, o di fronte a un amore, a un'amicizia che si sgretola facendoci paradossalmente sentire più liberi e consapevoli”, racconta Matteo Dainese a proposito delle canzoni. Boomerang è stato poi missato da Dainese con Marco Lega, che ne ha pure curato il mastering, insieme a Tommaso Bianchi. www.facebook.com/ilcanepage

Live di Il Cane


Nessun evento trovato in archivio


Live di Il Canemacchina


Nessun evento trovato in archivio


IL CAPRO


Il Capro è un gruppo stumentale italiano nato nel 2008. E' stato categorizzato nei generi piu disparati, dallo stoner al doom, allo sludge fino al post rock. In realtà è un po di tutti questi generi e nessuno: le ispirazioni sono le piu varie. Il Capro ha avuto una considerevole quantità di performance live sparse in tutto il centro Italia, condividendo il palco con band prestigiose come Colour Haze, Morkobot, Celeste, Calibro 35, Lento, Inferno e molte altre. Nel 2011 parte un progetto legato al festival cinematografico horror "Maligno" in cui la band da vita ad un "Horror Show" in cui vengono reinterpretati brani tratti da varie colonne sonore del cinema horror. Dopo 2 anni dalla prima esibizione al Maligno, il gruppo decide di pubblicare "Le Notti Del Maligno". Quest'uscita in 3 volumi raccoglie un'elaborata rivisitazione in chiave heavy di alcuni tra i brani più significativi del cinema del terrore. I Brani orchestrati vengono destrutturati e riarrangiati, trasformandosi in composizioni strazianti e violente in linea col concetto moderno di "terrore". Tutto il progetto è nato dalla collaborazione con Black Vagina Records. www.facebook.com/ilcaproband‎

Live di Il Capro


Nessun evento trovato in archivio


IL CARICO DEI SUONI SOSPESI


Il Carico dei Suoni Sospesi crea un genere a parte, muovendosi tra diversi generi. Rock, funk ed elettronica creano ne Il Carico un unico linguaggio:il proprio,pieno di influenze e commistioni da differenti provenienze. L'identità,seppur variegata,è forte e ben identificabile. Il Carico dei Suoni Sospesi è vario e provocatorio nel suo sound e nei suoi contenuti,è italiano seppur ispirandosi a realtà forse tipicamente straniere,è ironico e cinico a tratti ,ma è anche ben determinato a portare messaggi specifici al pubblico. L'obbiettivo è far osservare la realtà secondo prospettive differenti: realistiche ma decisamente inaspettate,specie per un pubblico italiano. Nel primo disco era già tutto molto evidente:la commistione dei generi e l'impatto forte dei pezzi; in NON PRATICO VANDALISMO il Carico, rimasto in 4 componenti, diventa una macchina rock con derive funk e metal a tutti gli effetti. Una macchina dove l'aspetto elettronico diventa più mirato e contestualizzato. Una macchina rodatissima, dopo molti concerti in giro per la penisola, fortemente coesa nella line up. Il risultato è NON PRATICO VANDALISMO. www.ilcaricodeisuonisospesi.it www.myspace.com/ilcaricodeisuonisospesi

Live di Il Carico Dei Suoni Sospesi


Nessun evento trovato in archivio


IL CASTELLO DI ATLANTE


IL CASTELLO DI ATLANTE Nasce nel Settembre del lontano 1974 (è proprio così, la band ha più di 30 anni!). Aldo Bergamini (alla chitarra), Massimo Di Lauro (al violino) e Paolo Ferrarotti (alla batteria) ne sono i "soci fondatori", mentre Roberto Giordano (alla tastiera) è nella band a partire dal 1982 e Franco Fava (al basso) è nel 2001 l'ultimo arrivo. Il genere musicale della band è un genuino rock progressive italiano, e non potrebbe essere diversamente dato il periodo della sua nascita, con evidenti richiami alle migliori band progressive quali Banco, PFM, Genesis, Yes, Jethro Tull ed altri. I testi rigorosamente in italiano, originati dalle emozioni e dalle esperienze vissute, sono spesso caratterizzati da allegorie e metafore. La band ha fin'ora pubblicato un singolo in vinile e sei album: Tirando le somme - Semplice..... Ma non troppo (singolo 1983) Sono Io il Signore delle Terre a Nord (cd 1993) Passo dopo Passo (cd 1994) L'Ippogrifo (cd 1995) Come il Seguitare delle Stagioni (cd + vinile 2000) Quintessenza (cd 2004). Concerto Acustico (cd 2006) Inoltre Il Castello di Atlante ha suonato in numerose manifestazioni internazionali quali: Prog sud - Marsiglia nel 2006 Baja prog - Mexicali nel 2005 ed ha partecipato al Kalevala Project realizzato da Colossus (rivista progressive finlandese) e Musea Records che hanno pubblicato nel 2003 un triplo album basato sul poema epico finlandese chiamato appunto Kalevala, coinvolgente 30 band in tutto il mondo. www.ilcastellodiatlante.com www.myspace.com/ilcastellodiatlante

Live di Il Castello Di Atlante


Ven 16 Mag FIM - Fiera Internazionale della Musica - Genova (GE) - Italia

FIM - Fiera Internazionale della Musica Fiera di Genova GENOVA INFO: 010/8606461 info@fimfiera.it www.fimfiera.it www.facebook.com/fimfiera




IL CIELO DI BAGDAD


Polvere e campi spelacchiati, personaggi surreali, sudore, sacrificio. “It'Over” è il nuovo video de Il Cielo di Bagdad . Il brano è contenuto nel disco “Unhappy the land where heroes are needed or lalala, ok” uscito lo scorso 28 febbraio su etichetta Neverlab Dischi. I protagonisti sono eroi quotidiani che lottano per la conquista di una palla ovale: il rugby, sport generoso, vero. “It's over” è il secondo singolo estratto dall'album che ha segnato un nuovo importante passo nella storia de Il Cielo di Bagdad. Un percorso intenso, costellato di sonorità ricche di sfumature, nel quale scampanellii e violini danzanti si alternano a echi mediterranei e cavalcate dal passo poderoso. La regia di “It's over” è affidata a Giacomo Triglia, già autore dell'apprezzatissimo “LalalaLa,ok!”. www.myspace.com/ilcielodibagdad

Live di Il Cielo Di Bagdad


Nessun evento trovato in archivio


IL CILE


“Siamo Morti A Vent'Anni”, il disco d'esordio di Lorenzo Cilembrini, in arte IL CILE, è uscito lo sco