Advertisement

Live Concert

Oggi


Domani

 ABRUZZO  Marcello Allulli Trio Colle Der Fomento Clementino Enrico Capuano The Fiftyniners  BASILICATA  Spasulati Band Barresi Project  CALABRIA  The Traveller - Massimiliano Forleo Meganoidi  CAMPANIA  The Natural Dub Cluster Emis Killa Sonohra Rev Rev Rev Psychopathic Romantics Galoni Bungalow62 G-Fast Simone Cristicchi  EMILIA ROMAGNA  Javier Girotto Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Il Re Tarantola Fabrizio Bosso Lu Silver And String Band Gattamolesta Ex - Giancarlo Onorato E Cristiano Godano Carlo Maver Joe Dibrutto Egle Sommacal  FRIULI VENEZIA GIULIA  Tre Allegri Ragazzi Morti  LAZIO  Caparezza Buddha Superoverdrive Piji Maria Pia De Vito Electric Superfuzz Karol Wojtyla - La Vera Storia Junior Kelly Cisco Matteo Sansonetto  LIGURIA  Mondo Marcio Boogarins Lili Refrain Gordie Tentrees Marnero Lennon Kelly Marta Sui Tubi The Manges Pink Holy Days  LOMBARDIA  Muppet Suicide - Tributo Ai Guns N' Roses The Beat Barons Zeus! Cosmo Twin Room Guignol Nordgarden Caron Dimonio Gue' Pequeno Gianluca Petrella  MARCHE  Borghese Warsavia Nobraino Tnt Ac/dc Tribute Piero Massimo Macchini - Dolly Bomba Israel Varela Bip Gismondi Valentina Gravili Spaghetti A Detroit  PIEMONTE  Giovanni Truppi Oneohtrix Point Never Lo Zoo Di Berlino Sohn Revenga Sad - Official Metallica Tribute Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi  PUGLIA  Dellera Marzia Stano Aka Una Giacomo Toni Duo Bucolico Bassi Maestro White Queen 99Posse Coez Larry Franco  SICILIA  L'orso Tinturia  TOSCANA  Pipers Alessia Tondo Alla Bua Giuda Linea 77 Majakovich The Zen Circus Arianna Antinori  TRENTINO ALTO ADIGE  Bologna Violenta Assalti Frontali  UMBRIA  Flor Raster Ex-Otago  VENETO  Black Mama Black Beat Movement Ches Smith Lume Modena City Ramblers Rumatera Morblus Band The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin

Venerdì

 SVIZZERA  Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue The Vad Vuc Marumba Cristiano De Andrè  ABRUZZO  Buddha Superoverdrive Ex-Otago  BASILICATA  Enrico Capuano  CALABRIA  Nu Bohemien  CAMPANIA  Cercasi Cenerentola Galoni Caparezza The Gentlemen's Agreement  EMILIA ROMAGNA  Area Nada Majakovich Nordgarden Twin Room Gang Alla Bua Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Nico Royale Jet Market  FRIULI VENEZIA GIULIA  Lume Peppa Pig Daniele Tenca  LAZIO  Mad Professor Karol Wojtyla - La Vera Storia Bungalow62 The Vickers Mondo Marcio Mad Dogs Emanuele Bultrini Margherita Vicario Rock Circus Rev Rev Rev  LIGURIA  The Zen Circus Giovanni Truppi Pino Scotto Blindosbarra I Cani  LOMBARDIA  Electricity Uni Poska Le Teste Shooting Stars - Girls Rock Live Muck And The Mires Fetish Calaveras Linea 77 Lorenzo Monguzzi Drink Day Nemesi  MARCHE  The Sons Of Anarchy Zibba Mothra Dj Giamma Hop Frog Led Zeppelin Tribute Riciclato Circo Musicale Warsavia La Tosse Grassa Borghese Reggaete Forte  MOLISE  Simone Scifoni Aka Slim Duo Bucolico  PIEMONTE  Clementino Roipnol Witch Fratelli Di Soledad Daniele Sepe Gianluigi Trovesi Sell System Blume Gianmaria Testa  PUGLIA  White Queen Rhomanife Dellera I Gatti Mezzi Marzia Stano Aka Una  SARDEGNA  Irreverence  SICILIA  L'orso Nicolò Carnesi The Traveller - Massimiliano Forleo  TOSCANA  Danilo Sacco Marta Sui Tubi Casa Del Vento Modena City Ramblers Bud Spencer Blues Explosion I Matti Delle Giuncaie Virginiana Miller  TRENTINO ALTO ADIGE  Nh3 Francesco Patella Kaleidoscopic  UMBRIA  Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Ches Smith Unorsominore Pipers  VENETO  Talco Filippo Cosentino Lee Scratch Perry Slick Steve & The Gangsters La Tresca Nobraino Tolo Marton Inoki Mideando String Quintet Bermuda Trio

Sabato

 SVIZZERA  Shooting Stars - Girls Rock Live  AUSTRIA  Ninos Du Brasil - Nico Vascellari  ABRUZZO  Meganoidi  BASILICATA  Marzia Stano Aka Una  CALABRIA  Paola Turci  CAMPANIA  Cercasi Cenerentola Dinosauri The Gentlemen's Agreement  EMILIA ROMAGNA  Cut Casa Del Vento Gordie Tentrees Marsh Mallows Punkreas Simone Cristicchi Fabio Gualerzi Unorsominore Soft Metals Linea 77  LAZIO  Lee Scratch Perry Twin Room Karol Wojtyla - La Vera Storia Flor 99Posse Duo Bucolico Uscita17 Ex-Otago The Vickers Majakovich  LIGURIA  Sananda Maitreya Blindosbarra Gang Diego Deadman Potron Queenmania Necrodeath  LOMBARDIA  Le Favole Di Meg Beppe Caruso Amanda E La Banda Orion The Official Italian Metallica Tribute Band Mondo Marcio Pocket Chestnut The Manges Rootical Foundation Electricity Johnny Mox  MARCHE  Gambardellas Dj Giamma Marumba La Tresca Bamboo Radio Babylon Les Enfants Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano Lucifer Big Band The Great Saunites  PIEMONTE  Alessia Tondo Clementino La Paranza Del Geco Javier Girotto Black Beat Movement Fabio Concato The Beat Barons Dave Douglas Daniele Sepe Peppa Pig  PUGLIA  Enrico Capuano Caparezza Monaci Del Surf I Gatti Mezzi Two Door Cinema Club Vega 80 White Queen  SARDEGNA  Irreverence Pino Scotto  SICILIA  The Traveller - Massimiliano Forleo Nu Bohemien  TOSCANA  The Zen Circus Le Charleston Nicodemo Andead Massimo Ranieri Progetto Panico Bobo Rondelli Dragonhammer The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin  UMBRIA  Nobraino Rev Rev Rev Bungalow62  VENETO  C+C=Maxigross Manodopera Area Luca Bassanese Paolino Paperino Band Get On Funk Red Hot Chili Peppers Tribute Band Snakioplatz Tributo Italiano Bud Spencer Blues Explosion

Domenica


Lunedì


Martedì


 SVIZZERA  Ben Vida  AUSTRIA  Ninos Du Brasil - Nico Vascellari  ITALIA  Sisyphos  SVIZZERA  The Vad Vuc Joe Colombo Cristiano De Andrè  ABRUZZO  Zolle Raphael & Eazy Skankers Tony Borlotti & I Suoi Flauers Majakovich Deville Brunori Sas Kyla Brox Drunken Butterfly Taberna Vinaria Enrico Capuano  BASILICATA  Zibba Spasulati Band Monaci Del Surf Luciano Ligabue  CALABRIA  Giacomo Toni Nu Bohemien Cleo T. Massimo Ranieri His Electro Blue Voice  CAMPANIA  Giovanni Truppi Bologna Violenta Alberto Radius The Natural Dub Cluster Ilaria Graziano E Francesco Forni The Zen Circus Galoni 99Posse Psychopathic Romantics G-Fast  EMILIA ROMAGNA  Peppa Pig Michele Maraglino Wolves Like Us Ricoverati Soft Metals Fragil Vida Enrico Ruggeri Rain Giuliano Palma Kris Roe  FRIULI VENEZIA GIULIA  Nobraino Chambers Isolde Piero Sidoti - Genteinattesa Franco D'andrea Marlene Kuntz Daniele Tenca Emanuele Belloni  LAZIO  Eagulls Maria Pia De Vito Tony Cerqua Lady Coco The Vickers Paolo Recchia Alberto Marsico Forest Swords Buddha Superoverdrive Rock Circus  LIGURIA  The Manges Blindosbarra Pink Holy Days Kaleidoscopic Le Minigonne – 60S Pop Rock Band Marta Sui Tubi I Cani Lili Refrain Bobby Soul  LOMBARDIA  Cosmo Beppe Caruso Mark Olson Feat Ingunn Ringvold Punkreas Jeremy Pelt Noemi Donnie Lybra Nemesi Vipers  MARCHE  Radio Babylon Reggaete Forte Bip Gismondi Les Enfants Sine Frontera The Gentlemen's Agreement Freakanto' Borghese The Kingstones  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Dirty Dolls Fratelli Di Soledad Etruschi From Lakota Vertical Scratchers Sell System Dave Douglas Revenga Blume  PUGLIA  Rhomanife Vega 80 Colle Der Fomento Two Door Cinema Club Dubioza Kolektiv Progetto Panico Fabio Concato Barresi Project Diodato Dellera  SARDEGNA  Train To Roots Cisco  SICILIA  Femina Ridens Veivecura Joe Barbieri Mama Marjas Mario Venuti Antonella Ruggiero Stefano Bollani Tinturia Nicolò Carnesi Duo Bucolico  TOSCANA  Acquaraggia Bassi Maestro Molla - Luca Giura Vintage Violence Platonick Dive Gordie Tentrees Nicolas Joseph Roncea Alessia Tondo Tommy Emmanuel Erin K  TRENTINO ALTO ADIGE  Manuel Volpe Francesco Patella Jack Jaselli Talco Assalti Frontali Come Cani Come Angeli  UMBRIA  Wemen Color Swing Trio Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Petramante Aisha Burns Joe Pisto Big Ones 2Pigeons Green Like July  VALLE D'AOSTA  Alldways  VENETO  Tolo Marton Rumatera Luca Bassanese Inoki The Moor Get On Funk Red Hot Chili Peppers Tribute Band Brusco Foreign Beggars L'orso Marcello Tonolo

 SVIZZERA  Gasparazzo Joe Colombo Bluestouch  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  AUSTRIA  Xiu Xiu  SVIZZERA  Gue' Pequeno Dub Incorporation Witko  SLOVACCHIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Altro Mellow Mood Casa Del Vento  AUSTRIA  Satelliti  ABRUZZO  Kaleidoscopic Marlene Kuntz Black Beat Movement Luminal Near The Fiftyniners Magda White & Frank Hammond Band Gigi Finizio Gianni Morandi Zibba  CALABRIA  Assalti Frontali Caron Dimonio Monaci Del Surf Zeus! Peppe Voltarelli  CAMPANIA  The Burlesque Gillian Grassie Raiz Sprained Cookies Guido Maria Grillo David Riondino Joseph Martone And The Travelling Souls Afterhours Maria Pia De Vito  EMILIA ROMAGNA  Roberto Gatto Micah P. Hinson Roberto Menabo' Vincenzo Vasi Olly Riva & The Soul Rockets Trust Romeo Castellucci Samaris Quintorigo  FRIULI VENEZIA GIULIA  The Orb The Zen Circus 2Cellos Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Jackie-O-Motherfucker Melampus Elvenking W.i.n.d. Giovanni Truppi Tommy Emmanuel  LAZIO  Taranproject Sintomi Di Gioia Testeintasca Go Dugong Steve Vai Borghetta Stile Dave Douglas  LIGURIA  Delirium Andrea Celeste I Camaleonti Di Maggio Connection Universal Totem Orchestra Con Cura The Cure Italian Tribute The Cesarians Don Backy Orchestra Bailam Maschera Di Cera  LOMBARDIA  Guignol Tiger! Shit! Tiger! Tiger! The Beat Barons Ornaments Mombu Gli Atroci Impaled Nazarene Jules Not Jude Blood Ceremony Pins  MARCHE  Magellano Dadamatto Spaghetti A Detroit Le Strade Malagang The Natural Dub Cluster Geri Allen Durga Mata La Grande Tribu' Maria Antonietta  PIEMONTE  Two Fingerz Elio E Le Storie Tese The 69 Eyes Sophie Lillienne L'orage Alain Caron Violacida Ibrahim Maalouf Sepultura The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin  PUGLIA  Nicola Conte Biagio Antonacci Nomadi Eugenio Finardi Renzo Rubino Linea 77 Billy Hart Quartet Nicolò Carnesi Vega 80  SARDEGNA  Francesco Nastro Paolo Recchia Javier Girotto Train To Roots  SICILIA  Iaia Forte Bombino Meganoidi The Traveller - Massimiliano Forleo Mike Stern Pippo Pollina La Rappresentante Di Lista Alessandro Lanzoni Mudimbi James Ferraro  TOSCANA  Kill Your Boyfriend Piccoli Omicidi Pipers The Feet & Tones I Matti Delle Giuncaie Rox Foxhound Anthony B & Roots Harmonics Band The Rippers Umberto Tozzi  TRENTINO ALTO ADIGE  Erin K Bamboo Golden Animals Slick Steve & The Gangsters Ed Laurie  UMBRIA  Carla Bozulich G-Fast Blue Dean Carcione Taberna Vinaria Michele Maraglino Michele Rabbia Tetraktis Percussioni Big Charlie Dinamitri Jazz Folklore  VENETO  Stokka & Madbuddy Reckless Love The Leeches Lisa Stansfield Mistaman Rosario Giuliani Motel Connection Daniele Tenca Tributo Italiano Kirlian Camera

 SPAGNA  St Vincent Refree  SVIZZERA  Renzo Arbore  SPAGNA  The National  SVIZZERA  Gegè Telesforo Massimo Ranieri  SPAGNA  John Grant  GERMANIA  Leo Pari  SPAGNA  Dum Dum Girls !!! (Chk Chk Chk) Charles Bradley Spoon  SVIZZERA  The Duke Ellington Orchestra  SPAGNA  Shellac Kendrick Lamar Caetano Veloso  BELGIO  Galoni  SVIZZERA  Irene Grandi E Stefano Bollani Stacey Kent  SPAGNA  Standstill  ABRUZZO  Kutso Near Antonio Sorgentone Warias Alla Bua  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Gogol Bordello Dulce Pontes Danilo Rea Caparezza  EMILIA ROMAGNA  Assalti Frontali Speedy Ortiz Pixies Protest The Hero Scott Matthew Little Taver The Cosmic Dead Dust Queens Of The Stone Age Vibronics  FRIULI VENEZIA GIULIA  Manu Chao Downset The Natural Dub Cluster Buckcherry Angus & Julia Stone Pat Metheny  LAZIO  Fish Rolling Stones Megadeth Tori Amos Avenged Sevenfold Rob Zombie Of Mice & Men Solo Banton Requeen Young The Giant  LIGURIA  Bluestouch New York Ska Jazz Ensemble Bobo Rondelli Teho Teardo & Blixa Bargeld Bobby Soul Gabor Lesko Majakovich 3 Fingers Guitar Giovanni Lindo Ferretti  LOMBARDIA  Bad Religion Giannissime Gem Boy Ovo The Last Killers His Clancyness Bloody Mary Television Angra We Have Band  MARCHE  Lleroy Lush Rimbaud Dadamatto Monaci Del Surf Johnny Mox Sud Sound System Soviet Soviet Maria Antonietta  PIEMONTE  Pablo E Il Mare Band Bunker Club The Veils Chiara Giacobbe Chamber Folk Band Pino Scotto Nomadi Fetish Calaveras Lou Dalfin  PUGLIA  Vega 80 Slow Magic Cadaveria White Queen Bamboo Destruction  SARDEGNA  Paola Turci  SICILIA  Baba Sissoko Anne Ducros Funk Off Reijseger Fraanje Sylla Trio Giovanni Mazzarino Emanuele Cisi Enrico Pieranunzi Kafka On The Shore  TOSCANA  Amadou & Mariam Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu Massimo Volume Le Capre A Sonagli I Matti Delle Giuncaie Gang The Pains Of Being Pure At Heart Joe Bonamassa Alex Britti Sinfonico Honolulu  TRENTINO ALTO ADIGE  Nh3 Simone Cristicchi  UMBRIA  Nobraino Omar Souleyman The Perfect Strangers Band Tnt Ac/dc Tribute Nidi D'arac Bettibarsantini  VENETO  Il Buio Remo Anzovino Olly Riva & The Soul Rockets Lubjan The Sade Cristina D'avena Arianna Antinori Dub Fx & Cade Mideando String Quintet

 AUSTRIA  Coro Corridore  LETTONIA  Bastille  SVIZZERA  Sunrise Avenue  ITALIA  James Blunt  SVIZZERA  Laura Pausini  ITALIA  Dropkick Murphys Sine Frontera  LETTONIA  Anna Calvi You Me At Six Elbow  SVIZZERA  Biglietto Per L'inferno  LETTONIA  Junip - Josè Gonzales  ITALIA  Slayer  SVIZZERA  Dolly Parton  ABRUZZO  Caparezza John Scofield Gasparazzo Antonio Sorgentone  CAMPANIA  Javier Girotto Pino Daniele Burt Bacharach Stanley Clarke Chick Corea Regina Carter Ylenia Lucisano Chrysta Bell Giulia Mazzoni Ska-P  EMILIA ROMAGNA  Bonnie Bramlett The Horrors Temples Muscle Shoal D.o.a. Miami & The Groovers The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Progetto Panico Cut  FRIULI VENEZIA GIULIA  Max Romeo Mellow Mood Ruggero De I Timidi Ravi Coltrane Goldfrapp Jack Dejohnette Gem Boy Macka B John Fogerty Jimmy Cliff  LAZIO  Passenger Loredana Berte' Alex Britti Volbeat Bandabardò Obituary Metallica Fabrizio Moro Massive Attack  LIGURIA  Delaney Davidson Paolo Nutini Kafka On The Shore The Slackers M Ward Ninos Du Brasil - Nico Vascellari The Sonics! Girls In Hawaii Jama Trio  LOMBARDIA  Deap Vally The Cyborgs Redrum Alone Wolfmother Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Aaron Goldberg Red Fang The Mutants Cristina D'avena Dave Liebman-Steve Swallow-Adam Nussbaum  MARCHE  Giacomo Toni Aba Shanti I Dub Incorporation  PIEMONTE  Giuda Mascara One Direction L'orage Wemen Lou Dalfin Meganoidi Persiana Jones Soviet Soviet Slow Magic  PUGLIA  Adrian Sherwood La Rappresentante Di Lista Almamegretta Saluti Da Saturno Alla Bua Donpasta  SARDEGNA  Testament  SICILIA  Simple Minds The Sweet Life Society  TOSCANA  Shigeto The Prodigy Jack Johnson Paolo Fresu Mark Lanegan Eels Elisa Morcheeba Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale)  TRENTINO ALTO ADIGE  Little Taver  UMBRIA  Dobet Gnahore Edoardo Bennato Herbie Hancock La Tresca Michel Camilo Fabrizio Bosso Hiromi Fiorella Mannoia Charles Bradley  VENETO  The Dukes Of Hamburg New York Ska Jazz Ensemble Il Buio Ludovico Einaudi Kill Your Boyfriend Slowdive Arctic Monkeys Scorpions Arianna Antinori Luciano Ligabue

 ITALIA  Bettibarsantini  UNGHERIA  Coro Corridore  ABRUZZO  Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers Giuda Kutso Antonio Sorgentone  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Massimo Ranieri Alessandro Haber Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Petrina Kronos Quartet Luca Aquino Joe Barbieri Michele Rabbia Maria Pia De Vito  EMILIA ROMAGNA  Izzy & The Catastrophics Radici Nel Cemento Little Taver Franz Ferdinand Combichrist Miami & The Groovers Skid Row  FRIULI VENEZIA GIULIA  Hellyeah Goran Bregovic  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  Sick Of It All Paolo Jannacci L'orage  LOMBARDIA  Il Buio The Peawees Gem Boy Larry And His Flask His Electro Blue Voice Luca Bassanese Raphael & Eazy Skankers The Last Killers The Old Firm Casuals - Lars Fredriksen Testament  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Anti-Flag Emis Killa Daniele Tenca Mandolin Brothers Cesare Carugi  PUGLIA  Manu Chao Raphael Gualazzi Alla Bua Slick Steve & The Gangsters Avishai Cohen White Queen James Taylor Quartet Seun Kuti  SARDEGNA  Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Mulatu Astatke Omar Sosa Marco Tamburini Transglobal Underground Fanfara Tirana Antonello Salis Natalio Mangalavite Rosario Bonaccorso Alessandro Lanzoni  SICILIA  Money Forest Swords Alex Britti Fanfarlo  TOSCANA  Red Fang Pippo Pollina Jonathan Wilson  TRENTINO ALTO ADIGE  Raphael Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Makako Jump  UMBRIA  Basement Jaxx The Courteeners Paul Weller La Tresca Parlor Snakes Monaci Del Surf Kaiser Chiefs Taberna Vinaria Peter Hook And The Light  VALLE D'AOSTA  Lou Dalfin  VENETO  Arianna Antinori The Mojomatics Violacida Camillore’ Ruggero De I Timidi



Live Band



CRISTIAN GRASSILLI


Cristian Grassilli: giovane cantautore bolognese che conseguito il premio “Miglior canzone originale” al Festival Voci nuove di San Benedetto del Tronto ed è arrivato 2 al Festival “ Non sparate sul pianista “ di Rimini. Attualmente impegnato con la relaizzazione del suo primo disco, nelle canzoni ama giocare con parole e musica. La passione per la psicologia e per la musicoterapia convogliano nei brani che scrive, nei quali cerca di dare attraverso il suono del vocabolo, il senso musicale di ciò che già è dentro alle semplici lettere. Ed è così che tutto può diventare musica, il rumore, gli sbagli, i sospiri e i respiri diventano scie di comunicazione sulle quali giocare, perdersi e ritrovarsi, perché anch’esse portatrici di senso. 
I cantautori ai quali si ispira sono Daniele Silvestri, Vinicio Capossela, Giorgio Gaber, Paolo Conte. Le filastrocche, le assonanze e consonanze si intrecciano ai diversi generi musicali, che tendono a mescolarsi e a tenersi sottobraccio: l’effetto è quello di un treno in movimento che si ferma per fare scendere una canzone e per fare salire quella successiva… la musica vista come comunicazione, gioco, conoscenza. 
Il progetto che ha iniziato a portare avanti si avvale sia di una band, che della formazione di duo, per suonare anche in acustico. La band con cui si esibisce è formata da vari elementi: Lorenzo Paesani ( piano ), Antonio Cusato ( chitarra ), Luca dal Pozzo ( basso ), Edoardo Tancredi ( batteria ).

Live di Cristian Grassilli


Nessun evento trovato in archivio


CRISTIAN NALDI


Cristian Naldi, classe 1981, diplomato al conservatorio "Frescobaldi" di Ferrara in chitarra jazz. Condivide con Paolo Mongardi il progetto improdrone Fulkanelli, ed ora è anche chitarrista dei Ronin. Da circa un anno ha intrapreso la strada del solismo. Il suo primo lavoro "SPETTRO" è una sintesi dei suoi campi di interesse: la musica scritta, l'improvvisazione, la distorsione. www.facebook.com/cristian.naldi.3

Live di Cristian Naldi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cristiana Polegri


Nessun evento trovato in archivio


CRISTIANO DE ANDRè


A 11 anni dalla sua ultima partecipazione, CRISTIANO DE ANDRÉ torna per la quarta volta al Festival di Sanremo, con i brani “Invisibili” e “Il cielo è vuoto”. “Invisibili” (di Cristiano De André e Fabio Ferraboschi), è una canzone intima e personale dalle sonorità acustiche, in cui il cantautore ricorda la Genova di quando era ventenne. “Il cielo è vuoto” (di Diego Mancino e Dario Faini con la collaborazione di Cristiano De André) è invece un brano rock-orchestrale:un incoraggiamento a dipingere il proprio “cielo”, un'esortazione a riempirlo di sogni e valori, anche quando è “vuoto”. Entrambi i brani sono stati prodotti da Davide Rossi (Coldplay, Goldfrapp), che ne ha curato anche l'arrangiamento degli archi.Rossi dirigerà per la prima volta l'orchestra del Festival di Sanremo durante le esibizioni di Cristiano De André. I due inediti sanremesi saranno contenuti in “Come in cielo così in guerra (Special Edition)”, la riedizione dell'album uscito la scorsa primavera, che dal 20 febbraio sarà nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming(Nuvole Production/Universal Music Italia). www.cristianodeandre.com www.facebook.com/CrisDeAndre

Live di Cristiano De Andrè


Ven 25 Apr PALAZZO DEI CONGRESSI - - Svizzera

PALAZZO DEI CONGRESSI 091/9110404 PIAZZA INDIPENDENZA 4 LUGANO www.lugano-conventions.com



Sab 10 Mag SCHIOLIFE FESTIVAL - Schio (VI) - Italia

SCHIOLIFE FESTIVAL INFO:0445/570500 info@schiolife.com www.schiolife.com




CRISTIANO GODANO


È il leader della band Marlene Kuntz. Il 16 gennaio 2008 pubblica il suo primo romanzo I vivi edizioni Rizzoli www.facebook.com/cristiano.godano.12

Live di Cristiano Godano


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cristiano Maramotti


Nessun evento trovato in archivio


CRISTINA ABBATE


La voce di Cristina Abbate la chitarra di Alessandro Sampalmieri si cercano, si trovano e diventano il centro al quale altri tre musicisti si fondono : Luigino Pallotta con la fisarmonica e tutte le sue percussioni, Angelo Ridolfi con il basso ed Andrea Gorgoloni con la sua batteria. La musica brasiliana e' il linguaggio comune con cui amalgamarsi in una sinergia che diventa ricerca e approfondimento di un mondo fatto di mille realta' musicali, una piu' colorata dell' altra. E allora dalla bossa nova il gruppo parte in un viaggio che lo porta nel cuore geografico e spirituale del Brasile, la musica popolare. La personalita' degli autori, la ricchezza e la profondita' nei testi, nell' allegria o nella sofferenza, la diversita' degli strumenti, i ritmi, rendono la ricerca sempre nuova, ogni volta piu' affascinante. Nel repertorio della band, la raffinata bossa, l' intimo raccoglimento di brani d' autore fino alla solare e frenetica " batucada "; ma anche nuovi progetti che portano i cinque musicisti alla ricerca di una musica che traduca, che realizzi la nuova, piccola anima della band. Tanta musica in studio e sul palco. Gli incoraggiamenti di professionisti del settore e non ultimi quelli del pubblico, tra cui brasiliani che applaudono la credibilita' del CRISTINA ABBATE GROUP diventano come un "buon vento sulle vele spiegate" ... fino a issare un coloratissimo spinnaker... info@cristianabbategroup.com www.cristianabbategroup.com

Live di Cristina Abbate


Nessun evento trovato in archivio


CRISTINA CAON


Torna in console per deliziare i presenti con le sue selezioni musicali un po’ drastiche. Lei dice che, nonostante possa apparire un guazzabuglio, si tratta di un discorso musicale che segue un preciso filo conduttore. Una traiettoria musicale che passa dai Talking Heads agli Zu, passando attraverso Slits, Jesus & Mary Chain, Fiona Apple, Diamanda Galas, Nick Cave e molti altri. Un piccolo mistero circonda le esibizioni di Cristina, che dice di non riuscire a verbalizzare il suo operato. Va quindi scoperto sul posto. Non fatevi pregare. Cristina Caon è buona e non si attacca al lavoro del vostro costoso dentista.

Live di Cristina Caon


Nessun evento trovato in archivio


CRISTINA D'AVENA


E' in vendita in tutti i negozi di dischi il nuovo disco di Cristina D'Avena dal titolo "Il coccodrillo, le tagliatelle...". L'album, prodotto da RTI (Gruppo Mediaset) e distribuito da Edel, raccoglie i più grandi successi dello Zecchino d'Oro di ieri e di oggi (tra cui “44 gatti”, “Le tagliatelle di Nonna Pina”, “Il gatto puzzolone”, “Il coccodrillo come fa?”, “Il caffè della Peppina” e la storica "Il valzer del moscerino" con la quale la D'Avena partecipò alla rassegna nel lontano 1968) e i classici tratti dai più famosi film della Walt Disney come "Supercalifragilistic-espiralidoso", "I sogni son desideri", “Un poco di zucchero”, "Il mondo è mio" per un totale di 30 canzoni tutte reinterpretate dalla voce della beniamina più amata da grandi e piccoli. Il doppio CD è in vendita al prezzo speciale di 10 €. www.cristinadavena.it www.facebook.com/cristinadavenaofficial

Live di Cristina D'avena


Sab 03 Mag ESTRAGON - Bologna (BO) - Italia

ESTRAGON 051/19980427 VIA STALINGRADO 83 PARCO NORD BOLOGNA www.estragon.it www.facebook.com/EstragonClub



Mer 25 Giu PADOVA PRIDE VILLAGE - Padova (PD) - Italia

PADOVA PRIDE VILLAGE POLO FIERISTICO PADOVA INFO: info@padovapridevillage.it www.padovapridevillage.it



Dom 20 Lug RUGBY SOUND - Parabiago (MI) - Italia

RUGBY SOUND CAMPO SPORTIVO LIBERO FERRARIO VIA DELLO SPORT PARABIAGO MI INFO: 0123/456789 info@rugbysound.it www.rugbysound.it www.facebook.com/parabiago.rugbysound



Ven 25 Lug - Roma (RM) - Italia

GALLERIA PORTA DI ROMA ROMA



Sab 26 Lug - Vinci (FI) - Italia

FESTA DELL'UNICORNO VINCI FI



Dom 07 Set - Valeggio sul mincio (VR) - Italia

VALEGGIO SUL MINCIO VALEGGIO SUL MINCIO VR




CRISTINA DONÀ


CRISTINA DONA' firma “Lentamente (il primo che passa)”, uno dei due brani che ARISA presenterà al prossimo festival di Sanremo. La canzone, scritta con Saverio Lanza e Arisa stessa, è stata arrangiata e prodotta da SAVERIO LANZA. Con queste parole Cristina descrive la collaborazione con Arisa e la nascita della canzone: Tutto è iniziato con una mail di Arisa nel febbraio del 2013 che faceva più o meno così: <>. Ho seguito il percorso artistico di Arisa e mi sono più volte piacevolmente stupita per le scelte ed i cambiamenti fatti. Ha una voce bellissima, questo è chiaro a tutti, ed è un personaggio sorprendente e camaleontico. Io e Saverio Lanza, con il quale scrivo canzoni da sei anni, abbiamo da subito iniziato a scambiarci idee per dare il via alla stesura dei brani. “Lentamente (Il primo che passa)” è nata in seguito ad una telefonata dove Arisa mi chiedeva un brano che avesse l'andamento emozionale della mia “Universo”. La primissima immagine che mi venne alla mente fu la sua terra, la Basilicata, da me visitata tanto tempo fa e da allora nel mio cuore. L'alba ed il paesaggio in “Lentamente” diventano una medicina, un momento di respiro profondo per curare la nostalgia verso qualcuno che non c'è più. Considero il paesaggio naturale, oltre che indispensabile alla nostra sopravvivenza, una parte fondamentale della nostra anima, del nostro sentire: la nostra “casa profonda”. Sono convinta che noi esseri umani abbiamo il dovere di tornare a relazionarci più consapevolmente con il territorio che ci ospita, amandolo e rispettandolo ora più che in altri momenti della nostra storia. Come fondamentale nella canzone è il desiderio di rallentare, di tornare a “quote più normali” per dirla alla Battiato. “Lentamente”, appunto. Intorno al concetto di paesaggio interiore ed esteriore ruotano diverse immagini: la mela, l'orologio fermo che ho immaginato uscisse direttamente da un quadro di Dalì e tra queste una pennellata impressa dalla stessa Arisa (cofirmataria del testo) con il verso che apre la canzone,“Il primo che passa”. E' il fantasma a cui affidiamo con rassegnazione la nostra vita una volta che l'amore vero se n'è andato. Bellissima e calzante l'idea di Saverio di utilizzare il bolero come portamento del brano. E' un grande piacere per me ascoltare questo brano cantato ed interpretato magistralmente dall'incantevole voce di Arisa. Incrocio le dita perchè abbia e porti fortuna non solo a noi ma anche alla natura e ai suoi paesaggi.” * * * Saverio Lanza , co-autore e produttore artistico del brano così commenta la collaborazione : “ E' un evento raro incontrare cantanti affermate desiderose di esplorare nuovi mondi musicali, percorrere strade diverse da quelle a cui sono abituate: è stata una rivelazione. Arisa ha una voce d'altri tempi e allo stesso tempo, o forse proprio per questo, estremamente attuale. ” * * * Nell'album di Arisa sono inclusi altri tre brani a firma di Cristina Donà e Saverio Lanza dei Pastis, e da quest'ultimo arrangiate e prodotte : “Dici che non mi trovi mai” , “Chissà cosa diresti” e “Se vedo te”, quest'ultima scelta da Arisa come title track dell' intero album. www.cristinadona.it www.youtube.com/cristinadonaofficial www.facebook.com/cristinadona

Live di Cristina DonÀ


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cristina Fabris


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cristina Pato


Nessun evento trovato in archivio


CRISTINA ZAVALLONI


La donna di cristallo L'album, reperibile nei negozi e negli e-store del circuito Egea, è la prima opera di cui la Zavalloni ha firmato integralmente i testi, oltre alle musiche, arrangiate da Cristiano Arcelli. Filo conduttore del lavoro, la sottile ironia della Zavalloni che cela, cristallinamente, la fragilità di una donna e di un'artista. Racconta la Zavalloni: “La scrittura poetica è un'attività per me in parte nuova, nel senso che l'ho svolta in passato, ma solo in modo sporadico. In quest'ultimo album, ho cominciato a ricercare un vero e proprio stile, lavorandovi sistematicamente, avendo sempre un parceiro (in portoghese, collaboratore stretto ndr.) con cui confrontarmi via via. Per certi versi, la ritengo un'arte ancora misteriosa: si tratta del dare una forma chiara e sintetica a dei grumi di sensazioni, e in questo senso il piacere che se ne trae è quasi maggiore rispetto allo scrivere musica.” Il titolo del lavoro, specifica l'autrice, “viene da un racconto che il caro amico Francesco Cusa mi ha dedicato, La cantante di cristallo, inserito nella sua recente raccolta Novelle Crudeli (edizioni Eris). Mi è subito piaciuto e in qualche modo mi ci riconoscevo. Così, ho deciso di prenderne a prestito il titolo e di declinarlo in La donna di cristallo, perché nel brano per cui l'ho scelto mi riferisco ad un figura di donna, e non solo ad una voce”. Il progetto, coprodotto dal Rocella Jazz Festival, nasce dall'incontro con il sassofonista e compositore Cristiano Arcelli e ha debuttato in anteprima al festival calabrese nel 2011, con la partecipazione di un ospite d'eccezione, il percussionista brasiliano Cyro Baptista. Affiancano la Zavalloni, nel disco e sul palco, i membri della Radar Band, laboratorio di musicisti d'eccezione selezionati dalla lungimirante direzione artistica Egea: Fulvio Sigurtà (tromba), Massimo Morganti (trombone), Giacomo Riggi (vibrafono), Michele Francesconi (pianoforte), Daniele Mencarelli (basso elettrico), Alessandro Paternesi (batteria), Enrico Pulcinelli (percussioni), e Cristiano Arcelli (sax). I brani: Les observateurs, originariamente scritto per lo spettacolo I Testimoni dello scrittore svizzero Lorenzo Buccella, è ispirato al fenomeno del turismo dell'orrore. X E.B. è dedicato ad Enzo Baldoni, scritto di getto poco dopo la sua uccisione in Iraq. Istinti è un vecchio classico della “ditta” De Bonis – Zavalloni, già presente nell'album IDEA (Egea Records ndr.). Waking è un brano di Arcelli. “Immagino qui una lei che parla affettuosamente a lui, mandando messaggi confortanti sul suo stato d'animo, che invece cela una profonda agitazione” racconta la Zavalloni. Trilha dos caranguejos è un altro evergreeen, sempre dall'album IDEA, riproposto con rinnovato vigore. La donna di cristallo, nasce come un omaggio agli “adorati anni '60”, con un andamento armonico e una cadenza tipici della canzone italiana di quegli anni. Nelle mani di Arcelli, è diventata quasi un jazz song, agile, dal suono molto moderno. Il brano Matala (sempre da I Testimoni), da brano per piano solo, è diventato il pezzo più particolare del cd. Il testo ambiguo e intenso - da una poesia di San Juan de la Cruz con chiosa tratta dai Carmina Burana - ne permea la sonorità. Luna park, il tipico divertissement, è un brano di vecchia data, da allora stato riproposto in svariate versioni. 3.10 / You are my thrill è l'unico standard del disco, e perciò compare come bonus track. “Si tratta di un brano che scrissi tempo fa, che non prevedeva una parte cantata, svela la Zavalloni. Quando ho deciso di arrangiarlo (è l'unico brano del disco arrangiato da lei ndr.), ho pensato di prevedere una parte vocale, e allora ho 'mascherato' sullo scheletro armonico di altra composizione originale uno standard che amo molto, You are my thrill, avendone in mente una versione precisa: quella di Helen Merrill, dall'album The feeling is mutual.” . www.cristinazavalloni.it www.myspace.com/cristinazavalloni

Live di Cristina Zavalloni


Sab 17 Mag ANGELICA FESTIVAL - Bologna (BO) - Italia

ANGELICA FESTIVAL BOLOGNA INFO: 051/240310 051.2750114 www.aaa-angelica.com https://www.facebook.com/AngelicaFestival




CRISTIO


Cristio, ovvero il progetto musicale di Cristiano Alberici (già cantante X-Mary) e Michele Napoli (già batterista Peawees), nato nell’aprile del 2009, è giunto in pochi mesi al primo lavoro discografico. Cristiano, basso e voce, e Michele, batteria, hanno creato un disco intitolato Adult Taste, é composto da 10 brani: 1. Tempesta 2. Above the tree 3. Stereogirl 4. Violini 5. Salita in bici 6. Magic piper 7. Granito 8. So sad 9. Sala giochi 10. I can’t. Nel disco sono presenti numerosi ospiti: Fabio Magistrali: in veste di fonico e di musicista alla tastiera, Planet Hohner (Stereogirl, Magic Piper, Sala giochi, I can’t) Paolo Apollo Negri: Hammond, membro dei Link Quortet (Above the tree, Stereogirl) Alessandro tedesco: chitarra, membro di Glincolti, ex membro OJM (Tempesta, Above the tree, Violini) Andrea Bordoni: chitarra, membro degli Yokotobigeri e Nazareno (Salita in bici) Aldo Donelli: tromba (Tempesta, Magic piper, Granito) Stefano La Luce: corno francese (Magic piper, I can’t) Stefano Bertoglio: percussioni, congas (So sad) Giacomo Poli: chitarra, membro di Hiss from the moat (Granito). I brani sono eterogenei: Vi sono brani strumentali che richiamano le sonorità di matrice rock, post rock e punk (Tempesta, Violini, Salita in bici, Granito) Altri, con presenza di più voci, legate maggiormente ad un’idea di musica pop (Above the Tree, Stereo Girl, So sad, I can’t) Tutti questi brani sono caratterizzati dallo stile personale dei due componenti dei Cristio. Basso secco, batteria potente e voci intrecciate sono i tre ingredienti principali del disco. www.myspace.com/cristiocristio

Live di Cristio


Nessun evento trovato in archivio


CRO MAGS


CRO-MAGS LA DIATRIBA CONTINUA!!! Onde evitare di entrare nella polemica che si stà nuovamente infiammando tra le due fazioni dei membri originali dei Cro-mags, circa la tourneè che stiamo promuovendo in Italia, e illudere i numerosi fans della band vorremo fare chiarezza circa la data in questione del 9 maggio a Giais Di Aviano (PN) Vlevet club. La formazione che si esibirà sarà composta dai membri originali dei Cro-Mags John Jospeh & Mackie, con special guest Scott dei Biohazard e AJ dei Leeway. Il nome del tour è The Age of Quarell in quanto suoneranno tutte le canzoni del leggendario omonimo album più alcuni classici dei Bad Brains. www.cromags.com

Live di Cro Mags


Nessun evento trovato in archivio


CROCODILES


Dopo il grande successo degli ultimi due dischi, 'Sleep Forever' e 'Endless Flowers', i CROCODILES si preparano a pubblicare il quarto album, 'Crimes of Passion' (atteso per l'estate). Oramai i coccodrilli sono noti internazionalmente, e il sound è divenuto una costante di sferzate punk, shoegaze e romantiche ballate noise. Più melodici e attenti alle armonie che in passato, ma anche più potenti, rumorosi e consci dei propri mezzi. 'Crimes of Passion', in uscita per French Kiss e Zoo Music, si appresta a divenire l'ennesimo successo nella discografia della band di Brandon Welchez e Charles Rowell. Il nuovo lavoro dei Crocodiles lascerà il segno come per i precedenti, con un wall of sound degno di Phil Spector e con un retrogusto tra punk e sixties rock n' roll che fa pensare al romanticismo dei Ramones dell'immaginifico 'End Of The Century' e all'oscura privacy dei Jesus and Mary Chain. I Crocodiles sono originari di San Diego, California, è attivi dal 2008. Il primo album 'Summer of Hate' è stato un fulmine a ciel sereno capace di risvegliare l'interesse per le nuove band californiane come loro e i No Age. L'attenzione mediatica sulla band è stata da subito pressante e i Crocodiles hanno risposto con altri due album incredibili, 'Sleep Forever' nel 2010 (prodotto da James Ford) e 'Endless Flowers' nel 2012. I tour e i concerti si moltiplicano, portando il gruppo ovunque, e a suonare con importanti act. Durante il 2011 i Crocodiles hanno preso parte al tour europeo degli White Lies, fatto un headline tour sold-out in in Italia, e suonato nei più prestigiosi festival europei ed americani. La sferragliante miscela di ritmi proto disco, muri di suono e chitarre garage ha portato i Crocodiles a condividere tour anche con Holy Fuck e The Horrors. I Crocodiles sono una delle band di punta della scena alternative americana, uniti a doppio filo anche dalla romantica relazione che lega Brandon Welchez a Dee Dee, cantante delle Dum Dum Girls e sex symbol indiscussa della scena indie statunitense. Download del brano 'Cockroach', anticipazione del nuovo 'Crimes of Passion' dei Crocodiles - http://stereogum.com/1354862/crocodiles-cockroach-stereogum-premiere/mp3s Info CROCODILES: www.facebook.com/killcrocodiles www.killkillkillcrocodiles.blogspot.com

Live di Crocodiles


Nessun evento trovato in archivio


Live di Croftash


Nessun evento trovato in archivio


CROMO


Confermata l'uscita di “UNCHAINED” ultimo lavoro in studio dei CROMO. Si tratta di un Ep di 6 tracce di puro hard 'n' heavy con un sound d'altri tempi, dove troveranno spazio le accattivanti riff e melodie della chitarra di Clod e la potente voce di Blade, frontman della band. Le registrazioni della nuova produzione discografica sono avvenute presso gli A.D.S.R. Studio di Milano sotto la sapiente guida di Carlo Meroni. L'artwork è stato curato dallo stesso Blade. www.cromonline.com/ CROMO Official Myspace www.myspace.com/cromonline CROMO Official Fb page www.facebook.com/cromo.metal

Live di Cromo


Nessun evento trovato in archivio


CROMOSOMA X Nelle viscere delle poetesse beat


CROMOSOMA X Nelle viscere delle poetesse beat Atto Unico con Vanessa Cremaschi - violino e voce recitante Giovanna Famulari - violoncello e voce recitante testi Diane Di Prima, Joanne Kyger, Lenore Kandel,Janine Pommy Vega, Anne Waldman adattamento per il teatro e regia di Vanessa Cremaschi Una produzione Associazione Culturale V&C Tutti gli oneri ricadevano su di noi, dai figli alla casa. Ci pesava non potere essere delle buone madri, facevamo una doppia vita. Qualcuna non resse e si uccise. Ma quel sacrificio e' servito alle nostre figlie: abbiamo dato loro una societa' diversa, piu' tollerante, il posto al sole sognato della generazione beat. Hettie Jones Il tempo di un giorno; il tempo di una vita; il tempo della vita delle donne. L'immaterialità del verso poetico e l'impalpabilità della musica raccontano la concretezza della Vita da un punto di vista “rivoluzionario”. Così, all'interno del Roma Fringe Festival la violinista Vanessa Cremaschi e la violoncellista Giovanna Famularioffrono il proprio strumento - vocale e strumentale - come veicolo attraverso il quale le parole delle poetesse della beat generation, così oneste e prive di retorica, possano tornare a vivere ed essere nuovamente carne. Una struttura elementare che cattura e rielabora - intuitivamente - la psiche di ogni donna, la sua natura più viscerale, la femminilità di Una che è la femminilità di Tutte. Nasce in questo ambito lo spettacolo CROMOSOMA X. Nelle viscere delle poetesse beat, un viaggio della coscienza femminile che si compie attraverso i linguaggi del verso poetico, della musica e delle immagini in movimento, in programma in 3 appuntamenti, il 7, l'8 e il 12 luglio nel cuore verde dell'ottocentesca Villa Mercede a San Lorenzo. La Beat Generation è un movimento declinato al maschile, di cui si colse molto spesso l'aspetto folkloristico a scapito delle ragioni più profonde: una rivolta per l'uguaglianza e la libertà. Le donne furono cruciali: represse nella società americana degli uomini, impegnate per i diritti civili e la pace.

Live di Cromosoma X Nelle Viscere Delle Poetesse Beat


Nessun evento trovato in archivio


Live di Crooked Fingers


Nessun evento trovato in archivio


CROOKS


I CROOKS sono in procinto di pubblicare il loro terzo album, “HIGH SOCIETY ROCK’N’ROLL” dopo ben 10 anni di onorata carriera nella scena punk rock undergound italiana. Ascoltando i 13 brani, che riassumono la maturità compositiva e stilistica del quartetto, verrete assaliti da una serie di potenziali singoli: un’abbondanza che solo gli album di un certo livello e di una certa classe si possono permettere. Un’incredibile sequenza di pezzi potenti e rabbiosi (“BYE BYE JANE”, “GET AWAY”, “TIME OUT”, “(WE ARE) THE CROOKS”) lascia spazio ad autentici momenti di pura delicatezza e ad inquietanti atmosfere (“DANNY BOY”, “HELLOWEEN” O LA TITLE TRACK) coinvolgendo l’ascoltatore in un viaggio emozionante, reso ancor più suggestivo dalla cover di “MATERIAL GIRL” di Madonna. La composizione e la produzione dell’album sono state intervallate da molti concerti, tra cui spiccano quelli come spalla ai norvegesi Gluecifer e ai neozelandesi Dutsuns, e vede la partecipazione come ospite di nando dei Senzabenza, a sancire la continuità con la precedente generazione di punk rockers italici. HIGH SOCIETY ROCK’N’ROLL è stato pubblicato da UK DIVISION RECORDS ed è uscito in Italia il 18/02/2008 con distribuzione ANDROMEDA ; in Europa il 03/03/2008 con distribuzione CODE7 via Plastic Head. http://www.thecrooks.it/ http://www.myspace.com/thecrooksitaly

Live di Crooks


Nessun evento trovato in archivio


CROOKS ON TAPE


Crooks on Tape (US) sono John Schmersal (Enon, Brainiac), Rick Lee (Enon, Skeleton Key, Butter 08), e Joey Galvan (Mannheim, Steamroller, Anthrax). La band si forma nel 2010 a Los Angeles e nasce sia come progetto artistico che musicale. Fingerprint (2013), sancisce il debutto discografico di Crooks on Tape per la indie label di Daytona (OH) Misra Records. Questo primo lavoro è il risultato di numerose sessions che si sono susseguite in un periodo che va dal 2010 al 2012, durante le quali Schmersal e soci hanno trasformato in chiave contemporanea il suono che gli Enon avevano delineato e consolidato nei loro precedenti lavori – in particolare Long Play e On Hold, estendendone gli orizzonti verso sonorità maggiormente caratterizzate da improvvisazione strumentale e voce. Ogni brano sembra raccontare una storia diversa attraverso un suono fortemente caratterizzato da una miscela di sintetizzatori, campionatori, strumenti e voce. www.facebook.com/crooksontapemusic

Live di Crooks On Tape


Nessun evento trovato in archivio


CROSBY STILLS & NASH


l leggendario trio CSN sara' in tour negli Stati Uniti occidentali nella tarda Primavera, e proseguira' il suoi concerti in estate in UK e Europa. La seconda parte del tour, che tocchera' anche l'Italia, iniziera' in Europa il 1 Luglio in Irlanda al The O2 di Dublino. Tra le altre date europee sono da annoverare 2 show alla Royal Albert Hall di Londra (3-4 Luglio), all'Olympia di Parigi (12-13 luglio) e al Tollwood Sommer Festival di Monaco (25 Luglio). Dopo piu' di 4 decadi dalla prima volta in cui i CSN hanno armonizzato le loro voci a Laurel Canyon e hanno suonato il loro primo concerto come un trio al leggendario Woodstock Festival, i suoi membri continuano quella che e' una delle piu' lunghe ed influenti partnership creative della scena musicale. David Crosby, Stephen Stills e Graham Nash sono stati tutti inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame 2 volte, una con i CSN e una rispettivamente con The Byrds, Buffalo Springfield e The Hollies. Sono anche stati inseriti nella Songwriter's Hall of Fame sia come membri del gruppo che come artisti individuali. La musica dei CSN e' divenuta una pietra angolare del Rock 'n roll a partire dall' omonimo album d'esordio del 1969, inserito da Rolling Stone nei 500 migliori album di tutti i tempi. Da allora attraversando cambi di epoca, diverse configurazioni e acclamate carriere soliste Crosby, Still {and} Nash hanno continuato ad andare in tour e in studio di registrazione come un trio. www.crosbystillsnash.com

Live di Crosby Stills & Nash


Nessun evento trovato in archivio


CROSS FINGER


Cross Finger è un gruppo a cui piace trasmettere attraverso la musica, emozioni sempre nuove e coinvolgenti, proponendo un revival di successi anni '50 e '60 rivisitati in modo sempre diverso ed originale, passando dal jazz al rock&roll, dallo swing al reggae, il tutto cercando di ricreare quell'atmosfera che contraddistingueva quei fantastici anni. Il nome Cross Finger (dita incrociate..) vuole essere una specie di porta fortuna, dopo molte peripezie ed episodi non proprio fortunati, abbiamo deciso di… portarci fortuna da soli, almeno nel nome! X INFO cell: 328 6270730 email: crossfingerband@myspace.com LINK DEL GRUPPO: HTTP://MYSPACE.COM/CROSSFINGERBAND HTTP://WWW.FACEBOOK.COM/CROSSFINGERBAND

Live di Cross Finger


Nessun evento trovato in archivio


Live di Crossover


Nessun evento trovato in archivio


Crossroad Blues Band


I "Crossroad Blues Band" nascono con il preciso progetto di proporre un rock-blues di trascinante impetuosità con un sound essenziale e penetrante. L’incrocio (Crossroad) di diverse esperienze musicali di Nico, Franco e Vito, gli originali arrangiamenti dei brani del loro repertorio, la grinta con la quale li eseguono, è un mix ideale per dare vita in breve tempo al loro progetto, imprimendo quel feeling necessario ad esprimere un blues piacevole ed accativante. Perché ascoltare i Crossroad Blues Band ? Semplicemente per trascorrere qualche ora in compagnia di amici, sorseggiare la bevanda preferita e ascoltare della buona live music. www.myspace.com/crossroadbluesbanditaly

Live di Crossroad Blues Band


Nessun evento trovato in archivio


CROSSROADS


Crossroads nasce dalla collaborazione tra il cantante Riccardo Meda e il chitarrista Alex Marino, uniti dalla passione per il blues/rock-blues e dall'esigenza di regalare le più ricercate e storiche covers agli appassionati di questo genere immortale. La decennale amicizia che lega Alex con il pianista Mauri Belluzzo, già noto per le sue innumerevoli collaborazioni nazionali ed internazionali con prestigiosi nomi del circuito pop e rock, espande il progetto Crossroads, che si completa con l'inserimento del batterista tedesco Michael 'Kos' Kostka ed il bassista Gianni Melis, anch'essi professionisti di alto livello tecnico e biografie ricche di prestigiose collaborazioni. La scelta del repertorio spazia dai classici blues, da S.R.Vaughan alla più nota soundtrack dei Blues Brothers, fino a toccare brani rock-blues degli Whitesnake o quelli più funk-blues di James Brown e Steve Wonder. La potente sezione ritmica garantisce la solida base per i colori della chitarra e delle tastiere, a sostegno dell'eclettica e personale voce di Rick, con anche la possibilità della sezione fiati (trombone,tromba,sax), capitanata dal trombettista Fabio Beltramini. Crossroads offre un'ora e mezza di show mozzafiato eseguita con maestria e divertimento. http://digilander.libero.it/crossroads2007

Live di Crossroads


Nessun evento trovato in archivio


CROWBAR


I Crowbar sono un gruppo Sludge Metal originario di New Orleans. Il gruppo è nato nel 1989 dall'iniziativa di Kirk Windstein, chitarra e voce; gli altri membri comprendevano Kevin Noonan (chitarra), Todd Strange (basso) e Craig Numenmacher (batteria). La musica del gruppo è massiccia, oppressiva e disperata, influenzata dai Melvins e dai Black Sabbath ed è stata definita, negli anni, anche come doom-core o sludgecore, tutte espressioni che ben identificano il sound dei Crowbar. www.myspace.com/crowbar

Live di Crowbar


Nessun evento trovato in archivio


CROWDING OUT EFFECT


CROWDING OUT EFFECT "Young" In questo EP il cambiamento rispetto al primo “Tonight” è subito visibile già dalla copertina (e tutto l'artwork che ci sarà intorno a questo lavoro discografico). La copertina infatti inizia a delineare il mood in cui si ritrova la band ed i toni che vogliono caratterizzare il sound di questo nuovo lavoro. Tutti i brani hanno un sound corposo, più duro rispetto al primo. La band è riuscita, pur rispettando lo stile che li ha distinti nel primo EP a dare un'impronta diversa, più rock, ma di quel rock che continua ad essere elegante e per questo ad entrare nelle menti delle persone che incontra. http://www.facebook.com/crowdingouteffectofficial

Live di Crowding Out Effect


Nessun evento trovato in archivio


Live di Crowdpleaser & St Plomb


Nessun evento trovato in archivio


CROWLEY'S PASSION


Biography:
empires rise and empires fall.....all things will come to an end,but for every ending, there`s also a beginning.....after 1 year of passion, devo decide to leave CP*-he went to settle the score.....also piot wanted to take a break for his university until summer 2006.....this gave CP* the chance to pratice with the most talented drummer CP* have ever seen. KRIZ "machine" entered the area.....also PAT from formal global pollution is now at the 4 string passion .....with this new blast and skills, CP* rise up and wrote 10 new songs a lot of enthusiasm the entire band felt and planned the next level....2006......not only musically, but also in terms of showing the listener that they will stay true to both realms of music that they draw from.....the melodic-metal with finest hardcore elements.....CP* will enter the RAPE OF HARMONIES STUDIO ( heaven shall burn) again and record 10 new tracks on their first full length cd.....DEAD IRONY REC.(be) & SYNAPTIC REC.(it) will put out our new full length in 2k6.....So be prepared and all war will come to an end........

Band Members:
pekka - vocals; seb - guitar; ben - guitar; pat - bass; kriz - drums.

Influences: 
read the inside knowledge review and you understand : Crowley’s Passion (D) has for the most part thanks to Pekka’s vocals something special going on. They still have that Reprisal / Arkangel blood thirsty sound, like they also had on “Love Kills” (2002), but it seems to have more of a killer instinct, maybe it’s that slight Throwdown touch some songs have, or that violent groove that’s make things happen every now and then. Plus that with a bit of chaos a song like “Solution” just keeps you left in total awe. How did they do that tempo switch without colliding into a concrete wall? Amazing drummer… Martijn Welzen Official website:
www.crowleyspassion.com - SUONANO: 29-09-06 Faenza @ Capolinea w/ Dying in Her Arms 30-09-06 Prato @ Cencio's w/ Incoming Cerebral Overdrive 01-10-06 Roma @ Traffic w/ Inferno. Ebola

Live di Crowley's Passion


Nessun evento trovato in archivio


CROWN


Hailing from France, C R O W N, are two men and a machine who tune their neutron guitars to the Richter scale, and deliver the sound of a molten universe collapsing. Touching on early Isis, Godflesh, Floor and even Killing Joke, C R O W N explore the depths of slow tempos on their debut album, The One, and their split EP with St Valley through sheer exuberant heaviness. The duo's depth-charging guitars and buried melodic tendencies snake around hissing electronics, a tribal / military percussive thwack, and the splashing cymbals of a minimal-yet-completely-effective drum-machine. Their sound is further emboldened by a massive bestial roar, heavy and oppressive, leading to an abyss of nothingness…. Welcome to the dark, spiraling, and obscure experiments of C R O W N.http://www.crownritual.com/ www.facebook.com/CROWNBAND

Live di Crown


Nessun evento trovato in archivio


CRS


Live di Crs


Nessun evento trovato in archivio


CRUCIFIED BARBARA


Tra le band più importanti ed influenti del panorama Rock e Metal scandinavo, le quattro ragazze di Stoccolma tornano nel nostro paese di supporto all'ultimo, acclamatissimo album "The Midnight Chase" edito da Nuclear Blast. Una band la cui popolarità ormai trascende la nicchia di riferimento e che gode del supporto di critica e pubblico ai quattro angoli del globo Una set list appositamente pensata per l'occasione, che le vedrà proporre ai propri fan i pezzi forti del nuovo disco accanto ai pezzi più apprezzati dai fan della loro ormai vasta discografia rendono questo tour un evento assolutamente imperdibile per i fans della band e dell'Hard Rock in generale. Questo il link all'ultimissimo video "Rock me like the Devil" www.crucifiedbarbara.com www.myspace.com/crucifiedbarbara www.facebook.com/crucifiedbarbara

Live di Crucified Barbara


Nessun evento trovato in archivio


CRUEL BOXES


Siamo Lieti di Annunciarvi che il nostro prossimo lavoro sarà pronto per lo Show del 23 Ottobre 2009 a Vicenza,il titolo dell'album è "ELYSIUM" ed è il primo di Tre album che faremo uscire a distanza di 5/6 mesi l'uno dall'altro,abbiamo studiato a fondo un "Concept" che racchiudesse tutto il nostro essere le nostre idee e i nostri valori www.myspace.com/cruelboxes

Live di Cruel Boxes


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cruel Criminal


Nessun evento trovato in archivio


CRUEL HAND


Cruel Hand, nato come un progetto casuale inserito in una compilation della Bridge Nine Records, adesso è una realtà. Band formata da cinque musicisti che, tre di loto, si spostano dai propri strumenti d'origine per dar vita ad un gruppo straordinario nella sua compattezza monolitica e potente. Chris Linkovich lascia la chitarra per passare alla voce, Nate Manning si alza dalla batteria per imbracciare la sei corde, Jeremy Breau si separa dalla fedele chitarra per sedersi dietro i tamburi e raggiunti poi da Cameron Foley e Seger rispettivamente come chitarrista e bassista. Il risultato è questo: Praying Eyes, lavoro breve e potente, arricchito da una copertina speciale. Dodici tracce di pura e dura fusione di hardcore (molti accenni ai gloriosi Suicidal Tendencies), punk e vigoroso trash metal (in alcune compressioni di chitarra mi ricordano tantissimo gli Anthrax vecchio stile). Dopo l'esordio con Without A Pulse del 2007 e una serie di concerti che li ha messi in evidenza nel panorama musicale americano, Prying Eyes mostra l'efficacia di questo gruppo in quanto concentrato di potenza, duro stile ed elevata capacità compositiva. Brani precisi, secchi che non danno adito ad alcun dubbio sulla qualità di musica proposta e sull'aggressività sonora presente e ben determinata. Un susseguirsi di riff duri e potenti, compressioni massicce, velocità pregevole, ritmi cadenzati da mosh e headbanging sfrenato. Cruel Hand: una realtà; Prying Eyes una conferma... www.myspace.com/cruelhand

Live di Cruel Hand


Nessun evento trovato in archivio


CRUENTUS


La formazione polacca dei Cruentus nata come act avanguardistico del filone black si è evoluta sino ad abbandonare quei lidi e dirigersi prepotentemente in direzione diversa. Il metal che adesso rappresenta il sestetto è un Math/Industrial che vede influenze evidenti dell'accoppiata Meshuggah e Fear Factory così come rimandi meno netti ai più giovani Textures e alle soluzioni catchy dei Rammstein. Riff spesso spezzati e tecnicamente robotici nell'impostazioni si vanno a congiungere all'interno di basi arricchite da incursioni di synth ficcanti ma non esagerati, le tracce si presentano prestanti e dure ma come frequentemente avviene anche nella formazione di Burton C. Bell & co non può assolutamente mancare il momento dedicato alle clean vocals che tentano di dar vita al ritornello di piglio che si stampa nella testa, in effetti c'è una delle canzoni che spicca per tale punto ed è l'opener "Contortion", altre purtroppo possiedono un'impronta similare ma non capace di attecchire, capita ad esempio nella successiva "Inhale Exhale" seppur l'approccio melodico in linea generale tenda ad esaltare la fruibilità di composizioni che non peccano di sicuro per esecuzione dato che è pressoché perfetta e meccanica. Stesso discorso vale per i synth, come accennato in antecedenza sono una parte presente e che a più riprese si evidenzia nel sound dei Cruentus, basta ascoltare la terza canzone "Disintegrate" e la quarta "Neuro City Agenda" per avere un quadro limpido sul come e quanto influiscano sul risultato finale che risulta avere una marcia in più. Avanzando episodio dopo episodio noterete però come le cartucce vadano a esaurirsi trovando scelte già sentite, citazionismi vari sempre inquadrati all'interno di schemi ben incassati e d'impatto, si arriva alla conclusione passando per capitoli quali "Terminal Code" probabilmente la più pesante e greve del lotto con atmosfere annerite annesse e "Dead End" altro pezzo macigno che nulla aggiungono o tolgono a quanto antecedentemente messo in mostra, piacevoli e in linea col progetto tralasciando gli attimi follemente sperimentali e totalmente strumentali di "Fractal Architecture Of The Stock Market2" e "Simsense Xp" che ad alcuni potranno risultare utili solo nel ruolo di riempitivi, ad altri delle piccole genialate per far recuperare l'ascoltatore prima dell'ennesimo assalto. Prodotto con la dovuta perizia e dotato di una prestazione ritmica del drummer Bart sopra le righe, "Terminal Code" è un disco ragionato che potrà far gola a chi segue le band tirate in causa all'inizio della recensione o formazioni quali Sybreed e Dagoba che s'innestano all'interno del filone industrial/groove. Se questa tipologia d'uscite risiede fra i vostri interessi, un passaggio nello stereo non negateglielo. www.myspace.com/cruentus01

Live di Cruentus


Nessun evento trovato in archivio


CRUMMY STUFF


I Crummy Stuff sono attivi dal 1994. Dopo aver realizzato un demotape (Non Duri Molto, 1994) ed un 7" (El Coche Loco, 1995) ed aver partecipato ad alcune importanti compilation (Flower Punk Rock, 1995 e No Time To Panic 1996 con gruppi quali No Fx, Gigantor, ecc), nel marzo 1996, a seguito di numerosi concerti e di ottime recensioni la band fa uscire il suo primo lavoro a lunga durata Punk 's Not Sad (Fridge Records). Nello stesso anno numerose date portano il gruppo in giro per la penisola ed oltre, fino a raggiungere la Spagna dove a una prima tournèe nei soli paesi baschi ne segue una che tocca Alicante, Madrid, Caceres, Bilbao e Bakio nell'aprile '97. Ne nasce anche un libercolo dal titolo Gira Crummy Stuff . Il secondo album Never Trust A Punk esce all'inizio del 1998, accompagnato dal primo videoclip del brano omonimo e da una serie di apparizioni televisive e partecipazioni a svariate compilations. Nel 2000 esce l'album Fuck €urope per l'Ammonia Records. Di seguito partecipano ad una serie di importanti concerti come il Deconstruction Tour con No Fx, Good Riddance ed altri, il Beach Bum Festival con Joe Strummer, Shelter etc fino ad aprire l'unica data italiana dei Bad Religion a fine agosto. Di seguito esce il video di Fuck €urope/We'll Be As One prodotto dalla Ghoul con la regia di Simone de'Rosa che va in rotazione su rocktv e all'interno del programma Superrock di Mtv. Alla fine del 2001 si varca l'oceano per una serie di concerti in sudamerica, in Argentina a Buenos Aires ed a San Paolo del Brasile. Dopo la partecipazione ai tributi di Radio Birdman e Ac/dc nel 2002 esce 'The way we listen to..', un album interamente si cover che segna anche l'inizio di una nuova distribuzione (V2/Sony) per i dischi dei Crummy Stuff. Il videoclip che accompagna questo album viene girato sulle note di Walking on the moon, cover dei Police. www.crummystuff.it www.myspace.com/crummystuff

Live di Crummy Stuff


Nessun evento trovato in archivio


CRUSHING CASPARS


THE CRUSHING CASPARS where born in 1995. Based and grown up in Rostock, they started with their Music in the veins of the old-school Heros like AGNOSTIC FRONT, SUICIDAL TENDENCIES and GORILLA BISCUITS. The 5-Track Debut “Crushing Caspars” was released in 1996 on Black Mark Productions. A second 6-Track “d.i.y.” CD “Provocation” followed in 1998. They created their own Style of Hardcore, more singalongs, more ironical, more fun (to get the party started), but definitely based on the traditional Hardcore Roots by their favourites. They named it “Baltic Sea Hardcore” which became a Brand on the german East-Coast. Their first full length CD “Full Flavour” was released in 2000, also “d.i.y.”. They played 50 Shows a Year at that Time, mostly on Weekends. The first Tour happened in 1999 with the brasilian Hardcore Legend RATOS DE PORAO. In 2004 the Split-CD with COR “Baltic Sea 4 Life” was released on the Berlin based Lable Puke Music. At the same Time they joined Forces with MAD Tourbooking, which was a big step forward to their live activities. Since than they’ve done Shows/Tours with Bands like SICK OF IT ALL, AGNOSTIC FRONT, MURPHYS LAW, MADBALL and IGNITE, to name just a few. The new full length CD “The Fire still burns” was recorded in March 2007 at Smart & Hard Studios in Aarhus/Denmark, by Jacob Bredahl (HATESPHERE, BARCODE). Release on GSR Music in September 2007. www.crushingcaspars.de www.myspace.com/crushingcaspars

Live di Crushing Caspars


Nessun evento trovato in archivio


CRUSKA


CRUSKA: Metti insieme un’incredibile grinta, tanto amore per la musica, moltiplica per sei e agita a ritmo di punk: ecco il mix che ha sancito il successo dei Cruska. Esplosivi, travolgenti, frizzanti come una bibita fresca da sorseggiare nelle calde giornate estive, i sei ragazzi salentini stanno diventando anno dopo anno più bravi.Hanno suonato da spalla con gruppi del calibro di Negramaro, le Vibrazioni, Marina Rei, Edoardo Bennato, Après la Classe, Folkabbestia, Radici nel Cemento, Franziska, Meganoidi, Punkreas, Roy Paci e Aretuska, Zero Assoluto, Boo Boo Vibration.Tra i vari festival vinti, sicuramente il più importante è Il Giffoni Music Concept 2005 di Salerno. E’ uscito intanto il loro primo singolo Skappa e Skoppia edito Camion Records. www.cruska.it www.myspace.com/cruskaband

Live di Cruska


Nessun evento trovato in archivio


CRUST


CRUST (Slipknot Tribute) Conoscete gli Slipknot? Una delle band più scenografiche e spettacolari del panorama metal mondiale? Beh... immaginateli sul palco del Vostro Club ed otterrete i Crust! Non crederete ai vostri occhi e alle vostre orecchie. Garantito!

Live di Crust


Nessun evento trovato in archivio


Live di CrÜxshadows


Nessun evento trovato in archivio


CRYBABY


Direttamente da Bristol, Danny Coughlan, in arte Crybaby, compone musica per coloro che sanno quanto dolore e piacere possano essere brutali anche se solo temporaneamente, la sua è musica per adulti. Le sue canzoni esaminano le nostre scelte e i nostri comportamenti all'interno delle relazioni; come facciamo fronte alla presenza - e assenza - di altri. La sua è una grande famiglia di musicisti irlandesi e diventare musicista è stata la sua più grande aspirazione fin da piccolo. Il 2010 è stato l'anno più importante. Dopo aver pubblicato alcuni demo registrati alla buona, è riuscito ad attirare l'attenzione della Helium Records che lo ha invitato subito negli studi a registrare con Merrick (Chris Hughes) e Mark Frith. Il risultato è un album ricco di pezzi spinti da immagini drammatiche e accompagnate da una melodia avvincente. http://ohcrybaby.com/

Live di Crybaby


Nessun evento trovato in archivio


CRYING STEEL


I Crying Steel, Heavy-Metal band di Bologna, nascono nella primavera del 1982 (periodo NWOBHM), dal pre-esistente gruppo Hard-Rock Wurdalak, con la classica formazione a cinque: voce, due chitarre, basso e batteria. I fondatori della band furono il chitarrista Alberto Simonini e il bassista Angelo Franchini (provenienti dai Wurdalak), ai quali si aggiunse il cantante Luca Bonzagni. Inizio 1983: la formazione dopo alcuni cambi di chitarrista e batterista, assume il suo assetto definitivo con l'innesto di Luca Ferri alla batteria e Franco Nipoti alla chitarra. Dopo qualche mese, il loro primo demo-tape desta l'interesse del mensile specializzato "Rockerilla" che segnala il gruppo alla etichetta indipendente Metal Eye. I Crying Steel vengono così selezionati per la partecipazione, con il brano "Thundergods", alla prima compilation Heavy-metal italiana "Heavy-Metal Eruption" (marzo 1984) ottenendo i migliori consensi. Gennaio 1985: esce, sempre per la Metal Eye, il mini -lp "Crying Steel" che riceve positivi riscontri a livello italiano ed europeo. Nei due anni successivi il gruppo intensifica l'attivita' live suonando in tutta Italia: in particolare da citare l'esibizione all'"Heavy Metal Festival" di Bologna nel giugno 1986 con Motorhead e Twisted Sister. Gennaio 1987: vengono votati dai lettori della rivista specializzata "HM" come seconda migliore heavy metal band italiana. La etichetta LM Records - Materiali Sonori li mette sotto contratto e pubblica l'album "On the prowl" (dicembre 1987), disponibile anche in picture disc, compact disc e musicassetta, che viene recensito da piu' fonti della stampa come il miglior prodotto del genere HM mai realizzato in Italia (primo lavoro di heavy metal italiano uscito su cd). Ne segue un periodo di intensa attivita' concertistica in tutta italia. Gennaio 1988: vengono nuovamente votati dai lettori della rivista "HM" come seconda migliore heavy metal band italiana. Settembre 1988: Alberto Simonini e Luca Bonzagni escono dal gruppo rimpiazzati dalla cantante Lee Hevil, subito sostituita da Lisa Bisognin, e Michele Vanni alla chitarra. Marzo 1990: Francesco Di Nicola sostituisce alla chitarra Michele Vanni e nel luglio dello stesso anno il gruppo effettua alcune date in Russia. Marzo 1994: dietro pressione di alcuni promoters il gruppo effettua una Reunion Gig nella lineup storica (Bonzagni/Ferri/Franchini/Nipoti/Simonini) alla sala Centofiori di Bologna che fa registrare il sold-out. Gennaio 2003: dopo un meeting promosso da Alberto Simonini, il gruppo decide la Reunion in pianta stabile con la formazione classica. Maggio 2003: Reunion Gig al Container di Bologna. Settembre 2003: per iniziativa di altri promoters, il gruppo e' headliner al "Bologna Metal Fest 2003" al Palanord di Bologna. Con il gruppo finalmente riunito inizia la ricerca di una nuova label, ed i lavori per la realizzazione del nuovo album, anticipato da un demo con scopo promozionale. 2006: la band trova finalmente una nuova etichetta nella My Graveyard Productions. Iniziano così le registrazioni vere e proprie del nuovo album. Febbraio 2007: esce finalmente il nuovissimo album "The Steel Is Back", subito accolto da recensioni entusiastiche. Il gruppo torna anche live, esibendosi al Play It Loud, con gruppi del calibro di Raven, Blitzkrieg, Skanners e Dark Quarterer. Marzo 2007: entra ufficialmente nella band il nuovo chitarrista Max Magagni. www.cryingsteel.com

Live di Crying Steel


Nessun evento trovato in archivio


CRYPTOPSY


CRYPTOPSY 'None So Live' (Century Media/Self) Se il secondo lavoro pubblicato dai Cryptopsy si intitolava 'None So Vile' e se per il loro modo di suonare potrebbe venire inclusi in una ipotetica chart denominata 'None So Evil', è chiaro che per il primo album dal vivo abbiano scelto un titolo come 'None So Live'! Non solo trattasi della prima volta che la band viene immortalata sul palco (Montreal, giugno 2002), ma è anche l'esordio su disco per il nuovo cantante, Martin Lacroix (ex Spasme), che ha rimpiazzato Michael Di Salvo. E così, mentre i cinque canadesi hanno iniziato le session di registrazione per il prossimo capitolo in studio, noi possiamo attendere in santa pace il successore di 'And Then You'll Beg' gustandoci queste undici (più intro) tracce. La track list è equamente suddivisa tra brani vecchi e altri estratti dal repertorio più recente, senza che si avverta alcuna differenza qualitativa, vuoi perché il sound della band è stato catastroficamente death metal (con venature death-core) sin dall'inizio e sia perché la loro prestazione è davvero massacrante e impeccabile, evidenziando quel mix perfetto di abilità tecnica e ferocia sonora che ha reso i Cryptopsy una tra le top band del metallo estremo. - SUONANO: CRYPTOPSY -GRAVE - DEW SCENTED - ABORTED - VESANIA + GUEST 21/02/2006 TRANSILVANIA LIVE - MILANO 22/02/2006 ALPHEUS - ROMA - INFO: GET SMART! Promotion & Booking Agency Via Po, 43 - 20032 Cormano (Mi) - Tel & Fax 02/6150419 - 392/1226071 - 392 3340477 - info@getsmartagency.com - www.getsmartagency.com

Live di Cryptopsy


Nessun evento trovato in archivio


CRYSTAL ANTLERS


Sophomore album per i Crystal Antlers. La band californiana aveva stupito tutti con il suo eponimo EP d'esordio, in grado di confondere le idee di chi pensava che oltre i Mars Volta non ci si potesse spingere in ambito progressivo/psichedelico. Poi è arrivato il debutto sulla lunga distanza, “Tentacles“, che confermava quando di buono si era detto sulla formazione, ma lasciava già trapelare un fondo di manierismo che le maniere selvagge dell'EP non lasciavano presagire. In ogni caso, si trattava ancora di un grande lavoro in campo psych – prog. Oggi, a distanza di due anni, esce “Two-Way Mirror“, il quale porta con sé un'ulteriore ventata di moderazione che, se in alcuni casi risulta positiva in quanto permette di distinguere meglio i percorsi strumentali dei Nostri, nel complesso finisce per fiaccare sin troppo alcune di quelle folli cavalcate art – garage che tanto piacevano dei Crystal Antlers. L'inizio è una falsa partenza; “Jules' Story“, infatti, si nutre delle atmosfere degli esordi, un tonitruante mini tour de force per il canto psicotico di Johnny Bell e la chitarra affilatissima di Andrew King, entro il quale s'innesta l'organo di Cora Foxx, che sostituisce il dimissionario Victor Rodriguez: potrebbe stare a metà strada fra i già citati Mars Volta e qualcosa degli ultimi Flaming Lips di “Embryonic“. Ma le dieci tracce seguenti cambiano (quasi) completamente prospettiva, optando per un post – prog maggiormente levigato (cfr., fra le tante, “Summer Solstice“) al quale manca un po' di fuoco per convincere appieno. L'organo ha smesso di essere il fulcro della loro musica, lasciando un po' di spazio in più agli intrecci fra chitarra e sezione ritmica, mentre le parti cantate sono mediamente più quiete. Le canzoni sono pure gradevoli, e “Two-Way Mirror” scorre comunque bene, aiutato anche dalla sua breve durata, 35 minuti scarsi. Eppure i Crystal Antlers si facevano preferire quando svalvolavano senza costrizioni, cosa che ora accade raramente, ad esempio nello psycho – garage di “By The Sawkill“, forse il brano migliore dell'opera, assieme ad “Always Afraid” e ai suoi spunti free jazz. Per il resto, adesso l'ensemble preferisce blandirci con toni più posati, addirittura recuperando suggestioni dall'acid rock di fine anni Sessanta (Fortune Telling). Si parla sempre di un'ottima band, ma dopo esordi di così grande spessore si pensava che i Crystal Antlers potessero conquistare il mondo nel giro di pochi anni, e invece ci stanno mettendo un po' più del previsto a sbocciare definitivamente.www.myspace.com/crystalantlers

Live di Crystal Antlers


Nessun evento trovato in archivio


CRYSTAL CASTLES


Dopo il successo allo scorso Heineken Jammin' Festival, dove hanno suonato sullo stesso palco di The Cure e New Order, finalmente ritorna in Italia l'electro duo più travolgente degli ultimi anni, CRYSTAL CASTLES, capitanato dall'affascinante Alice Glass. La band presenterà il suo terzo attesissimo album dal titolo "(III)", in uscita il 5 novembre prossimo. I live di CRYSTAL CASTLES sono un vero concentrato di adrenalina sempre in bilico tra elettronica, punk e atmosfere dark...saranno due date esclusive assolutamente da non perdere. www.myspace.com/crystalcastles

Live di Crystal Castles


Nessun evento trovato in archivio


CRYSTAL FIGHTERS


Dritti da Saturno, passando per i Paesi Baschi e atterraggio con schianto in quel di Milano per Club NME Milan al Tunnel ed a Venezia per Club NME Venice. I Crystal Fighters sono il nome sulla bocca di tutti per il loro mix di attitudine punky and indie band in botta electro e latin, un world mix da decollo immediato, come l'aquila su sticker incollata sul mac di uno dei componenti del gruppo. Appena apriranno le loro custodie degli strumenti con scritto Fighters, preparatevi ad un serrato, energico concerto che non vi darà un attimo di respiro: le teste si muoveranno e le braccia si alzeranno. L'hype li sta avvolgendo (articoli su Vice e Mixmag), ad Ottobre è uscito il loro primo album di debutto “Star of Love” ed i pezzi inediti reggono molto bene il confronto con i loro singoli killer già conosciuti, quali “Xtatic Truth” ed “I Love London”. Questi ultimi due pubblicati già su Kitsuné, la label più cool per il pubblico di Club NME degli ultimi anni, hanno fatto follie sul dancefloor! I Foals li hanno voluti con loro per il recente tour autunnale, poco prima per i Crystal Fighters era il tempo del terzo singolo, anticipo dell'album di debutto uscito ad Ottobre e diventato subito disco del mese per Nick Grimshaw su BBC Radio 1. Tutti i magazine di musica gli prospettano un futuro roseo e molti identificano in loro il gruppo del 2011. Il loro sangue latino brucia e soprattutto si sente, vedrete in prima persona che è assolutamente impossibile restare fermi e non ballare! www.crystalfighters.com www.myspace.com/crystalfighters

Live di Crystal Fighters


Nessun evento trovato in archivio


CRYSTAL LAKE


CRYSTAL LAKE! Nati nel 1998 i Crystal Lake offrono un sound misto tra il rock’n’roll e l’hardcore più spensierato. Nel 2003 incidono il loro primo EP che li porta a girare gran parte del nord Italia mentre nel 2005 sfornano un EP di 4 brani dal titolo “Love at first sight”. Si presenteranno in una veste insolita per l’occasione, proponendo un mix di brani nuovi e non. Divertimento assicurato! www.crystalake.org - www.myspace.com/crystalake

Live di Crystal Lake


Nessun evento trovato in archivio


Live di Crystal Pistol


Nessun evento trovato in archivio


Live di Crystal Skulls


Nessun evento trovato in archivio


CRYSTAL STILTS


I Crystal Stils si sono formati nel 2003, e sono guidati dal cantante Brad Hargett e il chitarrista JB Townsend, a cui nel corso tempo si sono aggiunti Andy Adler (basso), Keegan Cooke (batteria) e Kyle Forester (tastiere). Il loro primo album, "Alight of Night" (pubblicato in America da Slumberland Records e in Europa da Angular Records), è subito un caso. Un ritorno al post-punk di inizio anni '80, che solidifica la posizione di culto nella neo-psych newyorkese. Ma il consolidamento arriva con "In Love With Oblivion", il secondo album pubblicato sempre da Slumberland Records (e in Europa da Fortuna Pop), che dopo The Pains of Being Pure At Heart, rilascia una nuova gemma preziosa nel firmamento indie di fine anni 2000. "Nature Noir" vede il ritorno dei Crystal Stilts, questa volta per Sacred Bones Records, che non pare sbagliare un colpo, e al miglioramento delle loro affinità naturali. Pescato da differenti fonti passate, costituisce un ponte e un'espansione tramite il loro gusto profondo per il soul, il folk, la psichedelia, il proto-punk e oltre, rendendo subito chiaro che il loro mezzo comunicativo è più sottile e realizzato che mai. www.crystalstilts.com

Live di Crystal Stilts


Nessun evento trovato in archivio


CRYSTAL WHITE


Nata in Virginia da madre Hawaiana, Crystal White trascorre la sua infanzia e adolescenza seguendo il padre, colonnello dell'aeronautica militare, nei suoi spostamenti in tutto il mondo. Laureata in arte drammatica presso la University of the Pacific, continua a viaggiare, ma questa volta con la musica. Comincia la sua carriera di cantante professionista come corista nella tourne' mondiale con il celebre cantante-chitarrista inglese Alvin Lee. Il suo secondo ingaggio, altrettanto d'eccezione, e' con Stephen Stills, del leggendario quartetto Crosby Stills Nash & Young. Seguiranno le tourne' con altri artisti di fama mondiale come Boz Scaggs, Doctor Hook, Dan Hicks and his Hot Licks, e una breve collaborazione con Stevie Wonder, prima di incontrare la sua grande passione, il jazz. Numerosi incontri con mostri sacri come Dizzy Gillespie, Hank Jones, Tommy Flanagan, Tony Scott, ed il matrimonio con il violinista Charles Burnham, la portarono in Italia, dove risiede da qualche anno. Tra le sue numerose collaborazioni in Italia, alcuni nomi: Zucchero, Ron, Enzo Avitabile, Lino Patruno, Romano Mussolini, Roberto Ciotti, Tony Esposito, Tulio di Piscopo, Alex Britti, Funk Off. Oltre all'attivita' concertistica alterna apparizioni televisive (D.o.c., Maurizio Costanzo Show, Domenica In, TeleMike, Tandem, Festival di SanRemo (92 e 98), il concerto della Epifania RAIUNO 99, Il Mondo ai Colori, Top of the Pops, Festival Bar (Cantante dei Gabin con il sucessone DOO WOP DOO WOP 2002), ad incisioni per la realizzazione di album e colonne sonore (Duel, Un Orso chiamato Arturo,Marakesh Express, Renegade, Sons of Senegal). Anche attrice, Crystal ha lavorato con FEDERICO FELLINI nel film E LA NAVE VA. A teatro nei musical Lil Abner, South Pacific, My Mamma's Songs, Kiss Me Kate e La Piccola Bottega degli Orrori per la regia di Saverio Marconi. Nel ruolo di Passiflora nella commedia L'ABERRAZZIONE DELLE STELLE FISSE di Manlio Santinelli regia di Riccardo de Luca, Adele accanto a GIORGIO ALBERTAZZI nel IL MONDO DI MR. PETERS regia di Enrico La Manna, e Lady Blues in AMICI, COMPLICI, AMANTI Regia di Bruno Montefusco. Dal Marzo 2005 lo vedremo al cinema nel ruolo di CHIAPPE D'ORO nel nuovo film di Cristian DeSica THE CLAN prossimo a diventare un musical. Dal 8 Marzo 2006 apparira' accanto a FIORETTA MARI, MARISA LAURITO, e FIORDALISO in MENOPAUSE THE MUSICAL in tournee in Italia.. www.crystalwhite.it www.myspace.com/crystalwhitejazz

Live di Crystal White


Nessun evento trovato in archivio


CS/SC - CHRIS SLADE STEEL CIRCLE


La band del leggendario batterista CHRIS SLADE (AC/DC era LIVE IN DONINGTON, ASIA) finalmente in Italia per due concerti esclusivi! Novanta minuti di infuocato Hard Rock che ripercorreranno la sua strepitosa carriera! Sul palco con lui una band straordinaria KERI KELLI (Alice Cooper, Slash's Snakepit, Warrant, LA Guns, ecc) CHRIS GLEN (MSG) LEON GOEWIE (Vengeance) www.chrisslade.net

Live di Cs/sc - Chris Slade Steel Circle


Nessun evento trovato in archivio


Live di Csn&y


Nessun evento trovato in archivio


CSS Cansei de Ser Sexy


"Sono stanca di essere Sexy" diceva Beyoncè nel 2006, agli esordi della sua carriera solista, e CSS con tanta ironia per i tempi moderni era l'acronimo portoghese della sentenza della famosa cantante americana. Cansei de Ser Sexy, ovvero la band carioca più nota degli ultimi anni. La band di Lovefoxx, vera e unica indie fashion icon femminile, è tornata con il nuovo album 'Planta'. Le brasiliane CSS sono una band di sole ragazze e del gruppo fanno parte Lovefoxx, Ana Rezende, Luiza e Carolina Parra. Il nuovo disco, 'Planta', differentemente dagli altri prodotti in Brasile, è stato registrato a Los Angeles negli studi di Dave Sitek dei Tv on the Radio. Il nuovo album delle CSS è a cavallo tra pop, dance, punk, senza mai perdere quel senso dell'umorismo ormai tipico delle quattro. L'energia passa attraverso 'Planta' partendo dall'elettrizzante singolo 'Hangover', scritto con l'ausilio di Tim Armstrong dei Rancid, e continua a fluire con l'elettrizzante apertura di 'Honey', fino alla trasognante conclusione di 'Faith in Love'. Nel 2006 la svolta per il collettivo brasiliano è arrivata grazie all'omonimo esordio e ai singoli 'Let's Make Love and Listen to Death From Above' e 'Alala', ai primi posti delle indie chart di mezzo mondo. In Inghilterra e Europa hanno raggiunto il massimo picco di gradimento e insieme ai Klaxons ridato colore al pop rock nel vecchio continente. Nel 2008 hanno pubblicato il loro secondo album, 'Donkey', e continuato a registrare sold out in ogni paese. Le CSS hanno fuso insieme sonorità differenti, dal grunge rock americano, al tropicalismo carioca fino alla loro passione per la disco music e la cultura del mondo dell'arte e della moda. Non solo musica, ma un nuovo modo di vivere con essa. Un gruppo che non finirà di stupire e che si è fieramente messo in mostra trasformando tutto in stile. Moda, arte, design, cinema, mutandine gettate e ricevute, micro shorts e gambe al vento. Le CSS sono una band che opera in grande stile, e senza lo stile che adorna la loro musica non si potrebbe parlare della musica di questa grande band del ventunesimo secolo, assoluta protagonista della scena indie. 'Planta' è il nuovo album delle rinate CSS, band carioca capitana da Lovefoxx. La band brasiliana torna in Italia per un unico concerto il 1° Ottobre all'Apartamento Hoffman di Conegliano (Treviso), dove oltre ai brani del nuovo disco darà spazio ai classici del proprio repertorio. 'Planta' è un ritorno in grande stile per le CSS, prodotto da Dave Sitek dei Tv On the Radio, e pubblicato in Italia da SQE-Music/Audioglobe. Il primo singolo 'Hangover' con i suoi ritmi in levare tipicamente ska punk è stato composto con l'aiuto di Tim Armstrong dei Rancid. Streaming di 'Hangover', primo singolo delle CSS estratto da 'Planta - www.canseidesersexy.com www.facebook.com/CSSSUXXX

Live di Css Cansei De Ser Sexy


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cub Country


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cubanismo


Nessun evento trovato in archivio


CUBANITO 20 02


CUBANITO 20 02 “Soy yo” è il brano che accompagna la nuova campagna spot dell’ Havana Club in tutto il mondo, ed è anche il singolo che anticipa il secondo album “Tocame” che verrà pubblicato in Italia da Planet Records a fine agosto. CUBANITO 20.02: sono ritenuti i capostipiti del nuovo genere Cubaton, cioè Reggaeton alla Cubana, che si differenzia da quello portoricano per essere più melodioso e dolce, meno arrabbiato. Chiunque è stato a Cuba li conosce molto bene, il primo album “Soy Cubanito” ha fatto il giro del mondo nell’estate 2004, suonatissimo anche in Italia da radio e tv, i Cubanito 20.02 sono delle Megastar dall’Havana fino a Santiago de Cuba, ed ora anche in Europa, hanno già vinto moltissimi Awards e le loro tournee sono sempre Sold Out. Si sono formati il 20 Febbraio 2002 (da qui il loro nome), i componenti sono: Haniel Gonzalez Martinez (detto Flipper - 29 anni), Javier Duran Webb (detto White – 33 anni), Josè Angel Sastre Perez (detto El Doctor – 31 anni) tutti provenienti dal gruppo rap "Primera Base" già conosciuto nel giro "Hip Hop” all'Havana. Hanno cominciato a girare le radio con un demo di 7 canzoni registrate in casa, chiedendo ai djs la cortesia di metterli in onda, Il successo popolare fu immediato con le 2 megahits "Pideme" e "Matame" (conosciutissime anche in Italia) ed oggi tutti i ragazzi cubani urlano il loro canto di battaglia, un vero invito alla festa: “Uh laca laca lah” questa misteriosa frase è parte del testo del brano "Matame" inserito nel loro primo album “Soy Cubanito”. Ora la loro musica è stata scelta dalla Havana Club per lo spot a livello mondiale.

Live di Cubanito 20 02


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cubrasil


Nessun evento trovato in archivio


CUBRE


CUBRE “Our Tangled Soul” (Vacation House/Venus) - È’ palese che una certa scena sonora estrema, principalmente di matrice statunitense, ma con qualche rilevante appendice europea, stia riscuotendo sempre maggiori consensi di critica e pubblico, senza che ciò comporti vendite spropositate o clamori da MTV (per fortuna), però genera adepti, non solo tra gli ascoltatori, ma anche band che si cimentano con questa forma musicale che mira a coniugare hardcore, metallo urlante, noise e momenti di apparente calma riflessiva, che servono a rendere ancora più esplosivo quanto segue. Le etichette a cui fare riferimento sono Relapse, HydraHead, Trustkill, Solid State, Goodlife o Equal Vision, mentre tra i gruppi che debbono necessariamente essere nominati citerei Converge, Kiss It Goodbye, Today Is The Day, Knut, Breach, Deadguy e Neurosis. I Cubre sono la miglior band che il nostro Paese possa schierare all’interno di questo settore specifico, ma soprattutto sono perfettamente in linea con le altre produzioni internazionali. Quindi possiamo rallegrarci di come il quintetto abbia saputo affinare ulteriormente la propria scrittura nei confronti dell’omonimo MCD dello scorso anno e sia riuscito a comporre dieci brani che sanno essere granitici nei momenti più duri e spigolosi, ma riescono poi a gestire molto bene anche le parti in cui prendono il sopravvento break strumentali in tensione, con una voce giustamente tirata allo spasimo e una compattezza esecutiva, in questi casi, imprescindibile. -www.cubre.it www.myspace.com/cubremusic

Live di Cubre


Nessun evento trovato in archivio


CUCUWAWA


CUCUWAWA Il suono del pedale della grancassa di una batteria, quel suono battente che molleggia e dà la spinta alla musica unito al caratteristico stile di portare il tempo delle chitarre jamaicane produce un suono simpatico e allegro, una sorta di Cucu-wawa. La formazione attuale è composta da otto elementi: Carlo Adamo (voce), Antonio Tunno (chitarra), Gianni Stifani (basso), Riccardo Lobbene (batteria), Alessandro Morgante (percussioni), Luca Tridici (scratch & effects), Stefano Cataldo (tromba), Alessandro Trianni (sax). Questo si unice alle influenze dei vari membri della band: il reggae di Bob Marley, il rock dei Led Zeppelin, blues, ska, punk, folk irlandese, musica d’autore. Tutto questo crea quell’impasto sonoro che elimina ogni confine geografico alla musica e la rende figlia del mondo, internazionale. Attualmente i Cucuwawa hanno pubblicato il loro primo singolo, Sunshine e da Ottobre andranno in studio per incidere i brani che faranno parte di un disco che verrà pubblicato a Febbraio col nome Greatest Hits” www.myspace.com/cucuwawailritorno

Live di Cucuwawa


Nessun evento trovato in archivio


CUERDAS UNIDAS


Cuerdas Unidas Ancor oggi, agli albori del XXI secolo, il popolo Gitano rappresenta la fonte principale dalla quale è possibile attingere informazioni sulla vera origine del Flamenco. La Spagna si potrebbe definire come una terra che ospitava molteplici forme etniche, contribuendo alla fusione di melodie e ritmi che gli stessi Gitani si impegnarono a plasmare per ricreare una nuova identità musicale. Il Flamenco nasce quindi dalla fusione di ritmi moreschi, ispanici e afro. Con la spettacolarizzazione del flamenco la denuncia zingara è riconosciuta, retribuita ed acclamata. Nei Cafés gli artisti flamenchi si esibivano, condividendo il palcoscenico con gli artisti boleri. Oggi nei teatri si riconosce un flamenco sempre nuovo, perché è sempre capace di dialogare e di integrarsi con nuove tendenze, come è accaduto con il Jazz, il Rock, la chitarra classica e il Blues. Si può quindi considerare come un'arte che nasce e si evolve grazie alla "contaminazione". Lo spettacolo è realizzato interamente con musica dal vivo e con brani tratti dalla tradizione popolare andalusa. Gli elementi impegnati sono cinque: due ballerine accompagnate da due chitarristi (chitarra flamenca e chitarra battente) ed un cantaor. Le palmas (base ritmica creata battendo le mani) arricchiscono lo spettacolo creando un potente supporto ritmico allo zapateado (battito di piedi della ballerina), mentre il cante e la chitarra trasmettono una suggestione profonda, trasformando l'insieme in una forma artistica di grande potenza ed energia. Le diverse coreografie sono eseguite nei colorati costumi tradizionali spagnoli che valorizzano i movimenti sinuosi delle braccia ed i giri delle gonne. Formazione: Lucia De Santis, Michela Fossà bailè Massimo Bianco, Dario Fraccalvieri chitarre Niño Corrado cantor

Live di Cuerdas Unidas


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cugghia Bros Band


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cuginetti A Sfera


Nessun evento trovato in archivio


CUL DE SAC


I veterani Cul de sac una delle più longeve formazioni post-rock americane, formati dal chitarrista Glenn Jones, il polistrumentista Robin Amos, Chris Guttmaker e Gavin McCarthy dei Karate. Questo nuovo lavoro Death of the sun è ricco di spunti e morbide progressioni. Accumulo saggio e bilanciato fra isolazionismo e lirismo. Mood riflessivo dominato da atmosfere esotiche. Arie cerimoniali fra magia e tribalismi. Elettronica insinuante e mai invadente, aria sciamanica ed esoterica ma senza misteri, la visione sonora dei Cul de sac si rarefà, raffinandosi, di lavoro in lavoro, via via tenendo ad una nuova forma d’ambient gotica, alchemica e evocativa. www.myspace.com/culdesactheband www.culdesac.org

Live di Cul De Sac


Nessun evento trovato in archivio


CULT OF LUNA


Cult Of Luna – Vertikal Vertikal ha il peso dei libri-mattone. Incute riverenza come quei parallelepipedi alti quattro dita la cui lettura è anticipata da un mese buono di meditazione sul da farsi. Poi ci si addentra e si resta intrappolati in quell'intrigante rete di parole. Un Infinite Jest, un Uomo Senza Qualità. Un Underworld. O, forse, per la costante tensione e tragedia insite nelle sue atmosfere, un Fratelli Karamazov. Eppure, “Vertikal” concettualmente non si genera dalle pagine di un libro (in passato ci fu Chomsky tra le liriche), a dargli linfa è “Metropolis”, film muto di Fritz Lang del 1927 che, come un diapason, diede il la al cinema fantascientifico. Il settetto di Umea, orfano – purtroppo – di Klas Rydberg, non perde quindi l'interesse per altri mondi artistici, inglobandoli nella sua materia. La quale non presenta alcuna rivoluzione, bensì evidenzia un'ulteriore evoluzione. Più opprimente e claustrofobico di “Salvation” e “Somewhere Along The Highway”, “Vertikal” ne ricusa in parte gli accenti post-rock, allontanando le zone eteree e trasfigurando la visceralità di “Eternal Kingdom” con synth che dividono quasi per metà la ribalta con le chitarre. Il decorso narrativo è lento ma inesorabile, Vicarious Redemption ne incarna la maestosità: minaccioso incipit di dark ambient, climax drammatico ed espansione maligna fino alla deflagrazione con assolo di chitarra reiterato (è lo stesso schema di “Ghost Trails”). Descriverla, con i suoi 18 minuti, serve a poco, dovete lasciarvi avvolgere dalle sue spire per percepirne la solennità e l'annichilente fragore. Rientra di diritto tra le capitali suite del post-hardcore, da “Hearts Alive” (Mastodon) a “The Eye Of Every Storm” (Neurosis), da “So Did We” (Isis) a “Kollapse” (Breach). L'essenza di “Vertikal” è racchiusa tutta in questo brano, nonostante si incontrino episodi notevoli durante l'intero tragitto. I: The Weapon è istintiva e carnale, ha l'impatto del caterpillar con la sua onda d'urto metallica. Mute Departure è sontuosa malinconia che risorge come una fenice da un'agonia rantolante, la furia incontenibile della bestia primordiale. In Awe Of semina scie fluorescenti nello spazio siderale tracciando ponti tra stelle morenti. Il sipario cala con Passing Through: gli ultimi istanti prima del risveglio, lame di luce penetrano dalla finestra e sgretolano l'incubo di vetro. Rimane solo un'eco algida tra le colonne della cattedrale della mente, una sfocata macchia umana tra ombre crudeli. Pura, superlativa angoscia. www.cultofluna.com - myspace.com/cultofluna

Live di Cult Of Luna


Nessun evento trovato in archivio


CULT OF YOUTH


Sean Ragon, leader dei Cult Of Youth, è uno dei personaggi di spicco della scena neo folk della east coast americana. I Cult Of Youth sono una cult band newyorkese fondata cinque anni fa da Sean Ragon, e fiore all'occhiello della scena folk americana, per intenderci quella di confine con il gothic, il punk, e la psichedelia. Death in June, Boyd Rice, Current 93, il punk sulfureo e anarchico dei Crass, e la controcultura indie americana degli ultimi 20 anni sono l'humus in cui è cresciuta la creatura di Sean Ragon. I Cult Of Youth sono una band di confine capace di farsi apprezzare tanto dall'oltranzista pubblico gothic e wave, quanto da quello indie amante di Woods, Fresh and Onlys, Ty Segall, Thee Oh Sees, e Kurt Vile. I Cult Of Youth hanno appena pubblicato, sempre per la fida Sacred Bones (label americana di culto che ha pubblicato i lavori di Zola Jesus, The Men, Moon Duo, Led Er Est e Blank Dogs), il nuovo album 'Love Will Prevail', eccellente compendio di folk, indie e atmosfere legate alla scena wave degli anni'80. 'Love Will Prevail' segue di un anno l'eccellente e omonimo esordio, preceduto da un gran numero di singoli e split Ep. Dal vivo i Cult of Youth di Sean Ragon si presentano con una formazione di quattro elementi, comprendente anche una violinista, e sono considerati uno dei migliori act in circolazione nella scena underground newyorkese.

Live di Cult Of Youth


Nessun evento trovato in archivio


CULTS


Finalmente arriva anche in Italia il nuovo fenomeno dell'indie-pop mondiale degli ultimi mesi, Brian Oblivion e Madeline Follin, ovvero CULTS, che presenteranno il loro sorprendente debutto omonimo "Cults" su etichetta Columbia/SONY. Il duo newyorkese rappresenta il miglior esempio di come fossero dei predestinati fin dall'inizio, infatti nel giro di anno, pubblicando alcuni singoli autoprodotti sui loro profili web, sono riusciti ad attirare prima l'attenzione di Lily Allen, che li ha voluti per la sua etichetta, per poi essere ingaggiati dalla Columbia. www.cultscultscults.com

Live di Cults


Nessun evento trovato in archivio


CULTURE


CULTURE (Jamaica) - Tra i gruppi storici del reggae la partecipazione dei Culture di Joseph Hill mancava fino ad ora al Rototom Sunsplash ed e' una lacuna che quindi viene felicemente colmata nell'edizione 2004. I Culture sono uno dei gruppi reggae piu' famosi al mondo e tra i piu' autorevoli interpreti dello stile rurale del roots reggae jamaicano: dopo una piccola parentesi a Studio One con i Soul Defenders Joseph Hill forma un gruppo vocale ed ottiene nel 1977 uno straordinario successo con 'Two seven clash', brano prodotto da Joe Gibbs che sfonda anche nel mercato britannico dando voce alla inquietante e caldissima estate londinese dei punks. Nei tempi recenti Joseph Hill e' saldamente legato a etichette USA come Heartbeat e RAS e ha pubblicato dei lavori assolutamente degni della sua fama come l'ultimo 'World peace' nel 2003 ed il bellissimo 'Humble African' del 2000, prodotto in Jamaica da Fatta & Bulby della Fat Eyes Records, una label che di solito si occupa di stili piu' recenti del reggae. Nonostante Culture abbiano visitato con regolarita' l'Italia negli ultimi anni, di sicuro lo stage di Osoppo dara' una marcia in piu' al loro magnifico roots show. - www.culturereggae.net

Live di Culture


Nessun evento trovato in archivio


CULTURE KULTUR


CULTURE KULTUR/ Reborn CD Un titolo profetico per il quarto album del duo spagnolo, che ci appare effettivamente rinato dopo una lunga serie di prove non esaltanti, protrattasi dagli esordi (1992) sino al precedente “Revenge”. Ed è curioso notare come, in quello che è forse il momento di maggior crisi del pur giovane settore future-pop, sia proprio un nome come CK, che in passato aveva rivestito un ruolo secondario, a dare nuova linfa a questa bistrattata diramazione elettronica, pur senza innovare o stupire. È una formula semplice ma efficace quella del duo: ritmi trascinanti e solidi, tastiere melodiche efficaci ed una voce finalmente all’altezza della situazione, capace di regalare emozioni e tanti bei refrain. In buona sostanza, i CK hanno fatto il definitivo salto di qualità: brani energici e possenti come l’opener “Distress Call”, “Wonder”, “The Analyst”, “The Only One”, “Fading Away” e “Time Wave” coniugano molto bene melodie accattivanti ed un impatto pressoché immediato, rivelandosi potenzialmente ottimi per i club grazie alla cura negli arrangiamenti e ad un suono ottimale. Bene anche quando i bpm vengono sensibilmente smorzati, come nel caso dell’intensa “Coma” e di “New Born Mind”, che rivela influenze molto interessanti. Pochi i momenti di stanca, che infine si riducono alla monotona “The Last Believer” ed a tre altri episodi troppo ‘easy’ e non impeccabili come il restante materiale, ma è poca cosa se paragonata alla crescita del duo. Un sound ballabile e oscuro, con un retrogusto alla Depeche Mode (quelli degli anni ’80) ed un piglio dinamico che ne esalta la scorrevolezza: il disco può dirsi riuscito, e ci auguriamo che i CK riescano a portare anche sui palchi l’energia che hanno convogliato in questa valida release. Web: http://www.culturekultur.com - SUONANO: 20 Ottobre MILANO Zoe Club 21 Ottobre FIRENZE Cpa

Live di Culture Kultur


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cumuiadadi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cuncordu


Nessun evento trovato in archivio


CUNEYT SEPETCI & ORCHESTRA DOLAPDERE


E' stato scoperto a Istanbul, nell'estate del 2012 dai due A Hawk and A Hacksaw, in uno dei loro ultimi viaggi alla scoperta di nuove vibrazioni musicali est-europee. Heather Trost e Jeremy Barnes si sono imbattuti in Cuneyt Sepetci e nella sua orchestra a Dolapdere, quartiere rom della metropoli turca. Lì si sono innamorati di questo musicista che da quattro generazioni si cimenta nell'arte del clarinetto rom portandolo per la prima volta in uno studio di registrazione. Il clarinetto di Cüneyt Sepetçi è accompagnato da un violino, una darabouka (tamburo in terracotta d'origine ottomana), un oud (il tradizionale liuto arabo) e un davul (tamburo tipico dei Balcani), tutti suonati da musicisti gitani di Dolapdere.

Live di Cuneyt Sepetci & Orchestra Dolapdere


Nessun evento trovato in archivio


CUONG VU


CUONG VU - It's Mostly Residual (ArtistShare) Featuring Bill Frisell on guitar, Cuong Vu on trumpet, Stomu Takeishi on electric bass and Ted Poor on drums. This is the fourth fine disc from local trumpet hero Cuong Vu in just under a decade. Each of his previous CDs features a trio or quartet with fretless bass great Stomu Takeishi. Cuong's new disc features guest guitarist Bill Frisell with the in-demand new drummer Ted Poor. Since Cuong's last disc, "Come Play With Me" (2001, Knit Works), Mr. Vu has become a member of the Pat Metheny Group, traveling the world and recording discs with the ultra-popular Pat Metheny. The opening track is the title piece and it is a sumptuous, lovely. laid-back gem with layers of magical Frisell guitar sounds and solos. Stomu's sublime fretless bass provides a perfect cushion for Cuong's lovely, enchanting echoed trumpet melody. On "Expressions of a Neurotic Impulse", Ted Poor whips up a hyper drum n' bass beat as Cuong spews streams of notes with Mr. Frisell's warped guitar stylings blistering underneath, both spiraling in a haze of clouds. Nice to hear Frisell whipping it out, something we haven't heard from him in quite a long while. While the bass and drums play a steady yet swerving pulse below, both Vu and Frisell swirl hypnotic waves of notes around one another on "Patchwork". The sunny opening and closing theme seems to come from a different dimension than the rest of the spaced-out piece. At the beginning of "Brittle, Like Twigs", Cuong mutates his trumpet as Stomu's dark, rocking bass line cuts through the dense shrapnel. Both Cuong and Bill twist their sound(s) into strange shapes, both taking scary, intense solos. "Chitter Chatter" is a freer piece with eerie, slow moving sounds floating together. Cuong's drone-like trumpet sounds more like an organ, as Frisell weaves layers sonic tones into the blend. When they finally morph into an actual song, it sure feels good as both Cuong and Bill take great solos. "Blur" is a perfect closing piece: melancholy, luscious, haunting, touching and quite tasty. Another of 2006's best discs is found right here. www.cuongvu.com

Live di Cuong Vu


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cuore A Nudo


Nessun evento trovato in archivio


CUORE DI SCIMMIA


AVIGLIANA - “Il cuore me l'avete strappato, ma l'anima non la potete cambiare, e domani potrei diventare un leone e allora sì ...che mi dovrete ammazzare”. Recita così il brano “Cuore di Scimmia”, manifesto dell'omonimo gruppo che negli anni '90 scorribandava anche nella nostra valle. Si preannuncia quindi un lieto amarcord quello in programma giovedì 8 maggio a Laghironda. Infatti, su iniziativa dello storico bassista Gianni Scaranari, è previsto un incontro con cena rivolto ad amici, fans e curiosi al quale farà seguito un live che ripercorrerà tutta la storia della band. Prima sotto l'egida di Disorder ('90-'93), poi tradotta in Cuore di Scimmia ('95-'98) il progetto negli anni ha prodotto tre album e una compilation. Il primo contratto discografico è del 1992 quando la Videoradio (figlia della Videostar di Milano) pubblica per gli appena ventenni Disorder, l'album “The Grip of the Snake”. La “stretta del serpente” ha distribuzione nazionale, l'lp è nel circuito di Ricordi e questo lì porta a suonare da Roma a Torino in piazze e festivals. La partecipazione televisiva per il “Telefono Azzurro”, il concerto multietnico in piazza San Carlo a Torino (con immagini trasmesse al tg3), le recensioni su Rockerilla, Mucchio Selvaggio e Novella 2000, le partecipazioni radio (fra cui anche Radio Deejay che ha mandato in onda “Lifeline”) hanno acceso un grande interesse intorno al gruppo. «Purtroppo però se i dischi si vendevano – racconta il cantante Fabrizio Arvat – noi non abbiamo mai visto una lira». Dopo la rottura con la Videostar il contratto capestro ha obbligato il gruppo a stare fermo per un periodo e successivamente cambiare nome. L'esperienza ha comunque posto le basi per i nuovi Cuore di Scimmia, con la medesima formazione in scena dal 1995. L'album di esordio si chiama “Paradigma”, un cd di sette brani in italiano (questa volta autoprodotto) registrati in un paio di pomeriggi. Il disco incontra subito gli stessi favori di critica e pubblico e i quattro ragazzi partecipano a tutti i concorsi piemontesi classificandosi spesso primi o secondi. La band viene inserita nel catalogo "Giovani Artisti Piemontesi" edita dal Comune di Torino, partecipa alla "Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo" e appare nella compilation "Torino Live '95" con il brano "Tra cielo e terra". Il 1997 è l'anno del secondo album "Evoluzione", altre nove tracce che testimoniano l'avvenuta maturazione dei singoli musicisti. Questo contiene il brano "Giovane Falco" richiesto e concesso, in una versione più acustica, dal progetto internazionale del recupero dei giovani ex-detenuti, “Progetto Itaca”.
Nello stesso anno suonano ai "Mondiali di Sci" di Sestrière e al secondo "Salone della Musica" di Torino, invitati dalla Emi che concede loro il palco e la possibilità di confrontarsi con una realtà più grande. L'attività live registra circa 50 concerti l'anno e i confini della band si allargano. E' ancora nel '97 che viene attivato il sito ufficiale (al tempo una cosa piuttosto rara) e nasce la fanzine. Quasi per gioco viene registrato in una notte "riCOVERateci vol. 1", raccolta in cui il gruppo si cimenta nell'interpretazione di artisti che in qualche modo hanno condizionato il loro stile. Nel 1998 la mole dei concerti è in costante aumento, il gruppo apre anche il live a Susa di Morgan con i Bluvertigo e si chiude in studio per preparare il promo da sottoporre alla Emi. Proprio in quest'occasione, proprio come nelle più tristi storie della musica rock, il gruppo si sfalda. Incomprensioni, litigi e forti tensioni fanno da padroni, da qui l'uscita del chitarrista Max Finotti prima e il lento svanire del gruppo poi. «Il nostro problema è stato che eravamo troppo giovani – racconta Fulvio Cattelino, bassista – e non avevamo un guida adulta a cui fare riferimento». «Ma col tempo i ricordi più brutti sono i primi ad andarsene per lasciar spazio a ciò che di più bello è stato vissuto - conclude Gianni Scaranari – e questo per noi vuole essere solo un giorno di festa».

Live di Cuore Di Scimmia


Nessun evento trovato in archivio


Cuori di Pietra


I Cuori di Pietra nascono nel 2003 con l'intento di formare un complesso di musica beat come quelli che negli anni '60 proponevano,oltre a pezzi originali,il sound di bands r'n'b e beat come Kinks,Zombies,Yardbirds,Who con testi rigorosamente in italiano. I Cuori di Pietra personalizzano questo sound con un'impronta tutta italiana,usando una strumentazione rigorosamente d'epoca!!!

Live di Cuori Di Pietra


Nessun evento trovato in archivio


Live di Curl Up And Die


Nessun evento trovato in archivio


Live di Curlew


Nessun evento trovato in archivio


CURRENT 93


I Current 93 sono stati fondati da David Tibet (David Michael Bunting),all'epoca membro di due formazioni chiave della nuova cultura industrial e della musica sperimentale in generale: Psychic TV e 23 Skidoo. Fino al 1986 i Current 93 – il cui nome indica la corrente energetica che nell'esoterismo di Aleister Crowley unisce l'umanità – hanno prodotto una forma inedita di industrial rumorista identificato in seguito come musica “rituale”. In seguito hanno cominciato a produrre una forma più intima di ricerca sonora che, grazie alla composizione del virtuoso Michael Cashmore, approda al folk rigenerandone le sonorità e dissolvendone i contenuti grazie alla poetica di Tibet.Proprio quella poetica, e successivamente il passaggio dall'anticristianesimo al cristianesimo, hanno definito quello che oggi è chiamato “folk apocalittico”.Mentre i colleghi Death In June andavano verso un folk minimo e marziale e gli amici Nurse With Wound si inabissano nella scomposizione del suono, i Current93 diventano “intimisti". I cambiamenti non hanno mai rappresentato un limite,assorbiti dalla capacità di Tibet di raccontare storie di inequivocabile drammaticità e stile sublime,ma anzi hanno contribuito a definire la forza di una poetica che resiste a differenti messe in scena e a sancirne il carattere Romantico. Creare uno stile Romantico e assoluto non è però bastato, e attraverso gli anni '90 i Current93 hanno collaborato con Nick Cave, Bjork, contribuito a lanciare Anthony and the Johnsons, e aperto il folk alla religiosità tipica delle musiche sacre. Dall'esoterismo alla religiosità. Dal noise al folk e dalla chitarra acustica a quella elettrica. David Tibet è anche fondatore dell'etichetta discografica Durtro:artisti come ShirleyCollins, Baby Dee, Pantaleimon, 6 Organs of Admittance, Maja Elliot, Om, Little Annie Anxiety emolto altri hanno pubblicato e pubblicano con Durtro. . www.brainwashed.com/c93 www.myspace.com/current93

Live di Current 93


Nessun evento trovato in archivio


Live di Curse Ov Dialect


Nessun evento trovato in archivio


CURSIVE


Sono pronti a sfornare un nuovo album i Cursive, tra le band più rappresentative della scena indie statunitense degli anni Novanta e primi Duemila. La formazione del Nebraska ha stampato il nuovo lavoro il 21 febbraio del 2012 con il titolo I am Gemini per l'etichetta Saddle Creek di Omaha, loro città d'origine nella quale è stato registrato questo nuovo lavoro, che si avvale della produzione di Matt Bayles (Mastodon, Isis). Il concept del disco è incentrato sulla storia surreale di Cassius e Polloch, due fratelli gemelli separati alla nascita, uno buono ed uno cattivo, che si ritrovano inaspettatamente in una casa, circondati da angeli, diavoli e strambi personaggi di ogni tipo. I am Gemini, settimo album della loro carriera, giunge a due anni di distanza dal precedente lavoro Mama, I'm Swollen: in questo periodo diversi componenti della band hanno seguito progetti paralleli, come il frontman Tim Kasher (autore di un album solista) ed il bassista Matt Maginn, al lavoro con i concittadini Bright Eyes di Conor Oberst. I Cursive si sono formati nel 1995, dando alle stampe il loro primo album Such Blinding Stars For Starving Eyes due anni dopo, diventando in breve tempo uno dei pilastri della scena indipendente Americana, precursori del successo dell'emo-rock insieme a band del calibro di Death Cab For Cutie e Get Up Kids. www.cursivearmy.com

Live di Cursive


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cursor Miner


Nessun evento trovato in archivio


Live di Curtis Chip


Nessun evento trovato in archivio


Live di Curtis Fuller


Nessun evento trovato in archivio


CURTIS JENSEN


CURTIS JENSEN ai più non dirà granchè, ma dovete crederci e venire a verificare di persona perchè resterete sicuramente sbalorditi dalla tecnica e dalla velocità che questo istrionico rockers nativo di Copenaghen è in grado di riversare sul pubblico. Voce splendida, funambolo assoluto del contrabbasso, autentico animale da palcoscenico, accompagnato dai favolosi CATS ON THE NIP, due musicisti di prim'ordine autentici eroi in patria, CURTIS JENSEN ammalia l'audience con le sue incendiarie performances dai marcati toni rockabilly proponendo un repertorio di pezzi propri e cover classiche rivisitate con un gusto e una tecnica di base individuale che vi lascieranno a bocca aperta. Per chi non può fare a meno del rock'n'roll, per chi ama gli Stray Cats, per chi vuole ballare facendosi trascinare in un vortice irresistibile di ritmo frenetico e acrobazie da saltimbanco sul suo fiammeggiante contrabbasso, Curtis Jensen è l'uomo che fa per voi. Negli ultimi 20 anni Curtis Jensen ha suonato più di 2000 concerti in Europa, registrato 5 album ed è apparso in diversi sampler. Ha suonato con: Link Wray, Wanda Jackson, Mungo Jerry, Billy Swan, Ray Campi, Freddie Fingers Lee, Matchbox, The Jets, ecc.. www.curtis-jensen.com www.myspace.com/curtisjensenband

Live di Curtis Jensen


Nessun evento trovato in archivio


CURTIS JONES & THE GOSSIP TERRORISTS


Camicia e cravatta, un look che va dai Beatles a The Hive o Will Haven, voce calda e sonorità che non ti aspetti proprio perché puoi riconoscerci David Bowie, Joy Division, Crash Test Dummies, Smiths senza che però tu possa dire è uguale a questo o uguale a quello. Forse, l’unico vero nume tutelare del polistrumentista Curtis Jones e dei Gossip Terrorists è proprio Quentin Tarantino, nonostante che lo pseudonimo del musicista americano altro non sia che un omaggio incrociato a Ian Curtis e al Duca Bianco, che è stato battezzato come David Robert Jones. Perché Tarantino? Per il look alla Iene? Per il mood da rock classico con accenni di rockabillie? Per il titolo decisamente pulp dell’album, ‘The Assassination of Alabama Whitman’, o ancora perché l’inlay del booklet è sostanzialmente una locandina cinematografica? Tarantino è nella poetica di Curtis Jones & the Gossip Terrorists. È nell’affetto che questi ragazzi campani nutrono per i loro maestri che si percepisce la lezione cinematografica del regista di Knoxville. L’originalità del sound è cercata nella citazione e nell’omaggio, nel non pretendere di essere ‘nuovi’ a tutti costi. Una bella lezione, naturalmente non necessaria, che dovrebbero tenere a mente tanti esordienti. Ciò che colpisce in fondo di questo ‘assassinio’ è la nostalgia. Musicalmente parlando, si intende. L’aspetto aggressivo del sound e di alcuni testi non impediscono di cogliere una vena melodica, ai limiti del poetico, decisamente inaspettata. Ne sono un esempio brani come ‘Kiss the Toad’, ‘Before the Wave arrives’, ‘Confidential’ o anche ‘The Devil’, per non parlare di quella che arriva quasi ad essere una ballad sui generis, ‘Every Loser’s Heaven is a Desert’. Di altre tracce, CJ&TGT hanno estratto un EP intitolato ‘The General Electric Strike’, in cui ‘Lest We Forget’ e ‘Space Invaders’ vengono rivisitate in chiave acustica, accompagnate dall’inedito ‘Undercover’. Un esperimento, quello dell’EP, sorto ad un mese dall’uscita di questo album e realizzato in esclusiva per RockIt, che conferma il talento della band anche se, a giudizio di chi scrive, ne ridimensiona l’impatto. La speranza è che il necessario affinamento della tecnica, che è condicio sine qua non di qualsiasi percorso artistico, non porti a trascurare quella vena ‘sentimentale’ che scaturisce dai riff e dalla voce calda e pastosa di Curtis Jones. Ma per questo c’è tempo, adesso l’importante è ascoltare l’album… sgranocchiando pop corn. ‘The Assassination of Alabama Whitman’ è uscito su etichetta Discipline e distribuito da Venus. Curtis Jones & The Gossip Terrorists sono: Curtis Jones (testi, musica, voce, piano, organo, chitarra ritmica e solista, chitarra acustica, percussioni), Vincent Piccirillo (chitarra), Danny Rivera (basso) e Jim Kowalski (batteria). Vincenzo Caterino è la guest star al violoncello per ‘The Devil’ e ‘Tropic of Cancer’. www.myspace.com/curtisjonesandthegossipterrorists

Live di Curtis Jones & The Gossip Terrorists


Nessun evento trovato in archivio


Live di Curtis Mayfield


Nessun evento trovato in archivio


Live di Curtis Roads


Nessun evento trovato in archivio


CURVED AIR


Curved Air - Gruppo inglese di buon livello, che ha il merito di aver creduto prima di altri al connubio di rock e musica classica, i Curved Air (nome tratto dal titolo di un celebre album di Terry Riley) nascono da Darryl Way (violino), Francis Monkman(tastiere/chitarre) e il batterista Florian Pilkington-Miksa, ai quali si unisce poi la cantante Sonja Kristina, famosa per aver preso parte al musical "Hair". Il primo album è "Air conditioning"(1970), forte di brani come "Vivaldi" (disinvolta rilettura barocca), che registra subito buone vendite e impone la band come una delle novità più stimolanti del progressive britannico. Nel successivo "Second album"(1971), il quintetto (con l'uscita del bassista Robert Martin rilevato da Ian Eyre) gioca ancora bene le sue carte, puntando sulla voce duttile e cristallina di Sonja Kristina e sui virtuosismi del violino di Way. Molto bello l'attacco di "Young mother", tra spirali di synth e controtempi ritmici prima del cantato, ampio e solenne, secondato dal violino e molteplici effetti elettronici che punteggiano un po' tutto l'album. Più in chiave di rock-song sono "Back street luv", e la sincopata "You know", con la chitarra elettrica di Monkman in evidenza. Il momento più raffinato è però "Puppets", seducente ballata punteggiata da un gioco percussivo e la bella voce della Kristina che spicca s'un morbido tappeto di pianoforte e mellotron. Il gruppo dilata i tempi nel finale "Piece of mind", quasi tredici minuti nei quali si respira aria di fusion, tra trame sinistre e ossessive di violino, ritmiche irregolari e un crescendo d'intensità davvero intrigante attorno al canto. Il seguente "Phantasmagoria"(1972) è però l'ultimo atto del primo periodo.In diversa formazione, col giovane enfant-prodige Eddie Jobson al violino, i Curved Air incidono il solo "Air cut"(1973). L'organico originale si ritrova invece per "Curved Air live"(1975). Dopo l'abbandono di Monkman, la Kristina e Way si uniscono al futuro Police Stewart Copeland per incidere "Midnight wire"(1975) e infine "Airborne"(1976), vero atto finale della band..Sonja Kristina (vocalist) Darryl Way (writer) Francis Monkman (composer) Florian Pilkington-Miksa Rob Martin Eddie Jobson (keyboards) Kirby Gregory Jim Russell Stewart Copeland (drums) Mick Jacques Tony Reeves www.curvedair.com www.myspace.com/curvedair

Live di Curved Air


Nessun evento trovato in archivio


CUSTODIE CAUTELARI & NOTTE DELLE CHITARRE


Si parlava già dieci Anni fa della Notte delle chitarre, come di un' iniziativa senza precedenti, destinata a durare negli anni. Nel frattempo le Custodie Cautelari sono state in svariati modi consacrate a superband, il disco Notte delle chitarre, pubblicato da Sony Music nel 2001 è una rarità per collezionisti, e questo spettacolo ha continuato a mutare ed essere riproposto lungo tutt'Italia, ad un pubblico sempre più affezionato. Quest'anno si festeggia, già perché l'anniversario tour del viene preparato ed organizzato con meticolosa cura. L'anniversario del tour è caratterizzato dal definitivo ritorno di ALBERTO RADIUS che festeggia 50 anni di carriera. Ci sarà quest'anno anche una chicca, ovvero la pubblicazione, a maggio, di un EP contenente 4 inediti insieme ad una cover dal vivo , che anticipa l'uscita del il triplo cofanetto prevista per natale. Il tour toccherà le principali città italiane e svariate televisioni. Il tour sarà inoltre accompagnato da un NOTTE DELLE CHITARRE SHOP Il singolo che ascolterete in radio si intitola SENTIMENTI, ed il testo è stato scritto da ENRICO RUGGERI, con musica di LUIGI SCHIAVONE, appositamente per questo superbo combo. Nell'album precedente, Ettore Diliberto, voce dello spettacolo, ha duettato con Grignani, Francesco Renga, Franco Battiato, Elio, Eugenio Finardi , Franz DiCioccio. Gli ingredienti dello spettacolo sono le Custodie Cautelari, una band con alle spalle una mole di concerti senza paragoni (più di 1.500 in dieci anni ed il record nazionale degli ultimi 5), insieme ad alcuni tra i più importanti chitarristi che hanno fatto la storia d'Italia, i quali riassumono in uno spettacolare concerto, gli ultimi 30 anni di musica rock, con annessi brani che li hanno resi famosi. Ecco i nomi: CUSTODIE CAUTELARI, LA BAND ALBERTO RADIUS, AUTORE E CHITARRISTA DI LUCIO BATTISTI E FORMULA3 MAURIZIO SOLIERI , AUTORE E CHITARRISTA DI VASCO ROSSI CESAREO, AUTORE E CHITARRISTA DI ELIO E LE STORIE TESE RICKY PORTERA, CHITARRISTA DI LUCIO DALLA ED EX STADIO MAX COTTAFAVI, GIA' CHITARRISTA DI LIGABUE LUCA COLOMBO, IL CHITARRISTA DELLA TV MARIO SCHILIRO', CHITARRISTA DI ZUCCHERO GIUSEPPE SCARPATO, CHITARRISTA DI EDOARDO BENNATO LUIGI SCHIAVONE, AUTORE E CHITARRISTA DI ENRICO RUGGERI www.custodiecautelari.it www.myspace.com/custodiecautelari

Live di Custodie Cautelari & Notte Delle Chitarre


Nessun evento trovato in archivio


Live di Custom Blue


Nessun evento trovato in archivio


CUT


I CUT sono una rock band di stanza a Bologna, nata nel 1996. La loro attività è stata la scintilla che ha contribuito alla nascita e allo sviluppo di una delle più importanti etichette indipendenti italiane, Gamma Pop. Il suono dei CUT è stato descritto in vari modi ma forse il più azzeccato è stato coniato dalla webzine UK Pennyblack Music: “John Lee Hooker stuck in a postpunk straitjacket” ovvero “John Lee Hooker stretto nella camicia di forza del postpunk” (http://www.pennyblackmusic.co.uk) La loro discografia conta cinque album in studio, un live in UK e un E.P. per la stessa Gamma Pop e per altre istituzioni della scena come Homesleep Music, Riff Records e Go Down! Records. Il debutto discografico della band “Operation Manitoba” del 1998 (recentemente ristampato) viene definito “esordio italiano dell'anno” da parte di Luca Frazzi di Rumore e inserito tra i 50 album di rock indipendente più importanti degli anni '90 nella guida allegata alla stessa rivista dedicata a quel decennio e curata da Arturo Compagnoni. Per le session dell'ultimo album in studio “ANNIHILATION ROAD” la band si è trasferita temporaneamente a New York presso lo studio di MATT VERTA-RAY, chitarrista e socio di Jon Spencer negli Heavy Trash. L'idea di una collaborazione tra i CUT e MV-R è nata dopo aver condiviso il palco in occasione di un tour italiano degli Heavy Trash nel 2006. Nel suo studio del Lower East Side Matt ha registrato artisti del calibro di Jon Spencer Blues Explosion, 20 Miles, Kid Congo Powers, Ronnie Spector, Andre Williams, Mick Collins, Mooney Suzuky, Robert Quine. Il disco è stato masterizzato da Ivan Julian (Richard Hell and The Voidoids) ed è uscito nell'ottobre 2010 per Go Down! Records. L'attività live del gruppo ha toccato ripetutamente ogni angolo della penisola e non solo: i CUT contano infatti 9 tour europei e date negli Stati Uniti nel loro carnet. In particolare la band ha messo radici in terra d'Albione grazie a ripetuti tour e uscite discografiche marcate U.K. Nel 2011 la band ha l'uscita del primo live album del gruppo. “THE BATTLE OF BRITAIN – Live in the U.K.” è una fedele testimonianza sonora del terzo tour inglese dei CUT - febbraio 2011. L'album, disponibile solo in vinile attraverso Gamma Pop, è stato registrato e mixato da Andrea Rovacchi (Slugs, Julie's Haircut), per gran parte durante la data di Liverpool (19 febbraio 2011 –Pilgrim Bar). In questi anni la band ha suonato con: The Make Up, Unwound, Ulan Bator, Uzeda, Royal Trux, International Noise Conspiracy, Eels, Delta '72, Man Or Astroman, Old Time Relijun, The Hives, Heavy Trash, Violent Femmes e molti altri artisti italiani e internazionali. Il 27 luglio 2012 hanno aperto il concerto di IGGY & THE STOOGES al castello Scaligero di Villafranca di Verona. L'8 marzo 2013 vede la luce, sempre per Gamma Pop, “Downtown Love Tragedies (Pts. 1&2)” un 7” split con i “gemelli” Julie's Haircut, in cui i due gruppi si confrontano con due classici della black music reinterpretati per l'occasione e “miscelati” ad altrettanti classici della new wave americana: Who is He and What Is He To You di Bill Whiters con incastonato il riff di Little Johnny Jewels dei Television per i Julie's Haircut e Emma degli Hot Chocolate con una corposa citazione di Dream Baby, Dream dei Suicide per i CUT. Al momento la band ha in programma l'uscita di un brano con alla voce Pete Bentham di Peter Bentham & The Dinner Ladies. Pete è un leggendario musicista, promoter, label manager di Liverpool la città che è diventata quasi una seconda casa per i CUT al punto che l'etichetta inglese ANTIPOP RECORDS ha deciso di prendere in distribuzione e di curare la pubblicazione degli album dei CUT per il territorio UK. Il brano sarà disponibile sul profilo bandcamp della Antipop Records per l'UK e di Gamma Pop per l'Italia Sul fronte live sono previsti un tour britannico, il decimo per la band, a fine marzo in occasione della release online del brano con Pete Bentham e un tour dell'europa continentale a ottobre/novembre 2014. Rimanete collegati! www.soundofcut.com/home.html www.facebook.com/SoundofCUT

Live di Cut


Sab 26 Apr COVO CLUB - Bologna (BO) - Italia

COVO CLUB 051/505801 VIALE ZAGABRIA 1 BOLOGNA info@covoclub.it www.covoclub.it www.facebook.com/ilcovoclub



Gio 08 Mag BRain LiveMusic - Montichiari (BS) - Italia

BRain LiveMusic via Aeroporto, 19 MONTICHIARI BS INFO: 334/2393614 locandadicampagna@libero.it www.brainlive.it www.facebook.com/brain.musiclive



Sab 26 Lug NON SOLO BIRRA - Pavullo nel frignano (MO) - Italia

NON SOLO BIRRA Via Braglia PAVULLO NEL FRIGNANO MO INFO: 331/2988548 lucabortolotti@alice.it




Live di Cut Chemist + Jurassic 5


Nessun evento trovato in archivio


CUT COPY


Uscirà ad aprile 2008 il nuovo album degli australiani Cut Copy, specializzati in musica elettronica orecchiabile e raffinata. La band, guidata da Dan Whitford (nella foto), si è formata nel 2001 e in questi anni ha pubblicato un album di pezzi inediti, Bright Like Neon Love (2004), e una compilation per la serie Fabric Live. Il gruppo ha inoltre aperto in passato gli show di Daft Punk, Bloc Party e Franz Ferdinand. Buona parte del loro nuovo disco, In Ghost Colours, è finita sul Web grazie al sito di Antem Magazine. Si tratta di un mix senza scaletta di circa un’ora. www.cutcopy.net www.myspace.com/cutcopy

Live di Cut Copy


Nessun evento trovato in archivio


CUT KILLER


CUT KILLER-Biografia 

Un artista dalle molteplici facciate, a un tempo dj (uno dei migliori in Europa e riconosciuto anche oltre oceano), organizzatore di serate e uno dei produttori più attivi della scena hip-hop francese. 
Ha anche interpretato alcuni film, francesi e non, e in particolare in Italia si è fatto un nome con la colonna sonora del film L'odio di Kassovitz. 
Il suo è un appello non banale. Un appello a fare del buon rap in Italia, "un paese in cui c'è ancora bisogno di una mano" perché di artisti capaci ce ne sono ma sono ancora troppo pochi. E, secondo Cut Killer, per riuscire davvero a fare una qualunque cosa di successo, l'importante è crederci, fino in fondo, al 100%, e lavorare, amare il proprio lavoro e andare avanti nella propria direzione, senza pensare a quello che deve succedere dopo, senza pensare ai soldi e al successo. Quelli, arriveranno da soli. Quindi, ragazzi, amate la vostra musica, vivete di amore, e realizzerete i vostri sogni! www.djcutkiller.com

Live di Cut Killer


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cut La Rock


Nessun evento trovato in archivio


CUTTY RANKS


Cutty ranks è uno dei grandi nomi della ragga, ragamuffin, dancehhall music: la sua musica riesce a racchiudere perfettamente al mondo la violenza urbana e contemporaneamente fa il giro nei grandi club del mondo .Cutty è un rapper jamaicano originario di Kingston che ha lavorato con grandi nomi all’interno del genere quali Dennis Brown, Wayne Wonder, and Beres Hammond. Se pezzi come”the Bomber “ e “The stopper”hanno scalato le classifiche vendendo 100,000 copie,il penultimo album con cui torna il gangsta Cutty” Back with a vengeance” nel 2000 è prodotto insieme alla leggenda vivente King Jammy e colpisce direttamente il grande pubblico ma lo fa attraverso un’alto livello qualitativo ritmico che si apre a uno stile misto tra hip hop e dancehall dimostrando come Cutty abbia anche influenzato anche il panorama esterno al ragga fino alla drum’n bass dato che suoi pezzi sono stati frequentemente remixati.www.myspace.com/therealcuttyranks

Live di Cutty Ranks


Nessun evento trovato in archivio


CYANIDE PILLS


Cyanide Pills - 'Still Bored' Loved the debut album and have been waiting for what seems like ages for these Yorkshire punk 'n' roll power poppers to knock out the second album and after putting it to the back of my mind and forgetting about it it duly arrives. Cranking up the stereo - it's a no brainer as to what's about to happen because unless they've gone prog or Billy Big Balls this is gonna be top notch and as 'Can't Get It Up' has barely hit the opening crescendo all is well in the universe and Cyanide Pills are in the house with their infectious pop tunes. A string of blistering singles after the self titled debut are present and correct on this sophomore release that sees this five piece rise to the top of the class. 'Up Against The Wall' has lyrics to nod along to approvingly as the band rock your tits off, only to be followed by the superb 'Johnny Thunders Lived In Leeds'. It's up there with the best singles of the past twelve months and made Cyanide Pills one of the hottest bands in the UK! Fuck it,why stop at the UK, the world beckons... Not so much a change of direction or any drastic progression, more an evolution; Cyanide Pills most certainly know how to pen infectious melodies and wrap them in some timeless stomping pop punk with some simple yet effective lyrics - yes, these Yorkshireman have got the lot: the singles 'Up Against The Wall', 'Johnny Thunders Lived In Leeds' and 'Where Did It Go?' along with the dub of 'Lock Up Dub' and the glitter of 'Teargas', the stabbing punk rock of 'Apathy' and the majestic 'Outta Nowhere'. Cyanide Pills have got one foot firmly in the past but the other is striding the future and they've managed to pen some mighty tunes that transcend the decades and sound as relevant in 2013 as anything else I've heard. This is Rock and Roll as it should be. This is exciting, dangerous and, above all, a band who know how to write superb songs and I suspect they damn well know it too. They might be slowing up these days with this album having two less tracks than the debut but, c'mon, seventeen tracks for your money is more than generous, and by the time you reach 'Dance With You' and its 'Rebel Rebel' guitar lick slung in for good you'll realise that this is music to make the listener giddy, it's that catchy and, well, awesome!approved image lrg 2013 I'm going to play the fucking living daylights out of this bad boy simply because it's so bloody good! My advice would be simple - go click on the link and join the party or stay uncool! www.damagedgoods.co.uk www.myspace.com/thecyanidepills

Live di Cyanide Pills


Nessun evento trovato in archivio


CYANN & BEN


CYANN & BEN Vengono da Charleville-Mezieres, una fredda, grigia e piovosa provincia francese al confine con il Belgio famosa per aver dato i natali ad Arthur Rimbaud e si fanno chiamare Cyann & Ben ma non sono un duo, sono un gruppo vero e proprio. Nti nel 2001 e giunti al loro terzo lavoro, il primo sulla giovane ed interessantissima Ever Records (ora acquistata dalla più nota K7), la band ridefinisce in questo disco il proprio suono e raggiunge la piena maturità. Pensate ad una struggente miscela tra le infinite melodie dei Low, le eteree atmosfere dei Sigur Ros o dei Mogwai e la psichedelica bellezza del capolavoro Suondtrack To "More" dei Pink Floyd o dei Radiohead. Il tutto è deliziosamente arricchito dalla bellissima voce femminile di Cyann e da un indubbio gusto bohemien francese. Registrato a Parigi nei mitici Vogue Studios dove legioni di star francesi degli anni 60 e 70 hanno registrato i prodotti i propri album, “Sweet Beliefs” si annuncia come una delle realtà più interessanti dell'anno. SWEET BELIEFS è un album epico ed insieme intimo, da un aspetto gallico alla sua maschera space rock aggiungendo una tanto necessaria grandeur romantica. La Parigi di CYANN & BEN non è quella che potreste vedere nel film Amelie, è sporca, è scura e stressante tanto quanto bella e SWEET BELIEF, con il suo multiforme ed ambizioso aspetto, suona tanto coinvolgente quanto irresistibile. www.myspace.com/cyannben www.cyannandben.com

Live di Cyann & Ben


Nessun evento trovato in archivio


Live di Cybepor


Nessun evento trovato in archivio


CYBERCAGE


Cybercage è una band industrial metal sperimentale nata nella calda estate del 2006 in Sassari, Sardegna, dalla mente di tre amici, Delio Soro (chitarra), Fabio Coradduzza (voce), Michele Fresi (tastiera). In breve tempo si sono uniti al progetto i fratelli Fele, Fabrizio e Alessandro, rispettivamente basso e synth e programming. Ardua è stata la ricerca del batterista, infatti dopo tre cambiamenti, finalmente la line up ha trovato la sua stabilità con l'entrata in formazione di Pietro Ganadu, alla batteria appunto, e la decisione di rimanere in cinque, quindi senza Michele Fresi alle tastiere. L'idea era fin dall'inizio quella di scrivere propri pezzi, e anche qualche cover naturalmente. Il sound presenta moltissime influenze, principalmente Rammstein, The Prodigy, Pain, Dagoba, Suicide Commando, etc...ma il gruppo preserva una sua originalità, anzi crea da subito un suo stile personale, anche da un punto di vista scenografico, e con un live act di grande impatto. http://www.myspace.com/cybercage

Live di Cybercage


Nessun evento trovato in archivio


CYBERDECò


E' un esperimento di interazione audiovisiva, alla ricerca di un linguaggio “possibile”. Il lavoro e le performance ruotano attorno a due concetti chiave: simultaneità e commistione. Entrambe derivano dall'obiettivo generale della sperimentazione: la ricerca di un linguaggio capace di includere e di dare un senso alla sovrabbondanza e alla complessità degli eventi acustici e visuali offerti dalla comunicazione contemporanea. Questo attraverso lo studio e lo sviluppo delle strategie utili all'interazione reale nell'ambito dell'improvvisazione libera. L'esperimento è per sua stessa natura aperto a contributi esterni provienenti dai più diversi linguaggi artistici. www.cyberdeco.org

Live di Cyberdecò


Nessun evento trovato in archivio


Cyberpork


Se togliamo alcune sporadiche prove, patetiche jam session e apparizioni a party tra amici (il tutto avvenuto nel 1994), possiamo dire che i cyberpork nascono nei primi mesi del 1995. Come ogni altra band al mondo, iniziano a suonare per passione e continuano per passione, anche quando le gratificazioni dall'esterno non arrivano. La musica, la voglia di passare del tempo a fare qualcosa che ami, stare insieme a gente che condivide le tue passioni... Provare a comunicare qualcosa (salvo poi fregarsene quando il messaggio non arriva o semplicemente non è granchè). Tra il 1995 ed il 1996 la band partecipa a numerose rassegne e concorsi, ottenendo talvolta risultati positivi, suona in diversi locali delle Marche ed in alcuni centri sociali. Allo stesso periodo risalgono alcune loro incisioni casalinghe e collaborazioni con altre band di amici. Verso la fine del 1997 esce il demo di 6 tracce "Superfight 'til the end", che ottiene delle buone recensioni in diverse fanzine e permette alla band di suonare di più in locali e centri sociali del centro Italia. La produzione musicale continua copiosa, avvicinandosi sempre di più alle linee attuali, sia come testi che come musica. Le influenze musicali, allora più di adesso, possono ricercarsi nell'hc-punk californiano, ma, com è ovvio, provengono da tutto quello che il gruppo "consuma", non solo punk, non solo musica. Più o meno nel settembre 2000 ci sono state delle difficoltà ed i cyberpork sono rimasti senza batterista. Il gruppo è fermo e circa sei mesi più tardi, entra a far parte della band una persona che, seppur in poco tempo, ha dato molto ai cyberpork. Come batterista, ma sopratutto umanamente. Un vero privilegio. Dal punto di vista musicale, in questo periodo c'è stata una certa svolta, con la ricerca di maggiore impatto sonoro e di un songwriting più diretto. Beh, il dicembre 2001 non è stato affatto divertente e di lì ad un anno e mezzo, i cyberpork non sono stati in grado di trovare un batterista con cui condividere le stesse loro passioni. Sembrava non ci fosse più speranza, quando c'è stata l'ottima occasione di incontrare Jacopo, grazie al quale la band ha avuto nuova linfa ed è ripartita con entusiasmo. La line up attuale: Jacopo - Batteria Daniele - Chitarra Fabio - Basso Francesco - voce cyberpork@gmail.com www.cyberpork.org www.myspace.com/cyberpork

Live di Cyberpork


Nessun evento trovato in archivio


CYBERPUNKERS


Duo elettronico nato nel 2006 figlio della passione per la cultura cyberpunk di due giovani dj italiani. La punta di diamante del loro format performativo è l'uso contemporaneo di quattro diverse forme d'arte: musica elettronica, moda, design e fotografia. In sostanza la trasposizione del mondo cyberpunk in una realtà prettamente club. Interessante anche l'approccio performativo reso di forte impatto dall'utilizzo di diversi macchinari audio e da inquietanti maschere che nascondono la loro identità. Negli ultimi anni i Cyberpunkers suonano nei maggiori festival di musica elettronica europei a fianco di star di levatura internazionale come Faithless, Skye (Morcheeba), Kruder & Dorfmeister, Stereo Mc, Sebastian (Ed Banger). Affiancata all'attività live la produzione di alcuni importanti singoli e remix per artisti quali Tom Stephan, D.Ramirez e Urthboy oltre al nuovissimo ep “Fuck the system”, disponibile su beatport e su i-tunes. www.cyberpunkers.com www.myspace.com/cyberpunkers www.facebook.com/CYBERPUNKERSOFFICIAL

Live di Cyberpunkers


Gio 24 Apr BOLGIA DISCOTECA - Bergamo (BG) - Italia

BOLGIA DISCOTECA VIA Vaccarezza, 9 OSIO SOPRA BERGAMO INFO: 338/3624803 info@bolgia.it www.bolgia.it http://www.facebook.com/bolgiaofficial



Ven 25 Apr CHALET disco club - Torino (TO) - Italia

CHALET disco club VIALE VIRGILIO 25 PARCO DEL VALENTINO TORINO INFO: 011/6689777




CYBERSADIC


La nuova fatica dei Cybersadic si chiama “Droga alla massa”, titolo provocativo e tutto sommato efficace, ma che resta l'unica cosa incisiva di questo lavoro. In linea con la musica che questo gruppo si propone di fare, ma completamente fuori da ciò che invece riesce a produrre. I Cybersadic danno vita ad un suono elettronico che fa fatica ad ingranare, ripercorre strade intraprese da tanti, tanti prima di loro, ricorda lontanamente i Depeche Mode, ma ne riprende solo una minima percentuale di energia. Proprio come un chewingum d'acciaio, l'elettronica di questa band campana non si fa masticare. Tralasciando le imperfezioni sonore, come ad esempio il distacco della voce dal suono ed il suo giacere in un piano completamente differente dall'xy bidimensionale delle sonorità del disco, i pochi spiragli di luce di questo album – come il finale di “La danse sadique” – non contrastano l'esercito di sbadigli generati. “Droga alla massa” resta un prodotto poco appetibile, pronto a restare nella mente (purtroppo) di pochi e con un suono che si propone di prendere a pugni lo stomaco di chi ascolta, ma che fallisce il suo obiettivo, anche abbastanza miseramente. www.myspace.com/cybersadix Nel 2010, assieme ad altri esponenti dell'arte campana, fondano la Machina Lab, community attiva nella promozione e nella diffusione artistica in tutti i suoi aspetti, che siano essi musicali, figurativi o performativi. Nasce con l'impulso di creare nuovi spazi alternativi nella scena partenopea, extraterritoriale ed extraterrestre. Fanno parte di Machina Lab i Cybersadic, i Khymeia Project , Dj Rocco Tanjevic , Dj Blondie, Lester Wong e il fotografo Ivan Caso. www.facebook.com/cybersadic

Live di Cybersadic


Nessun evento trovato in archivio


CYMBALS EAT GUITARS


Pochi sono i gruppi che nel 2010 hanno colpito davvero l'immaginario di Pitchfork e i CYMBALS EAT GUITARS sono uno di loro. Comparsa d'improvviso nella sezione Best New Music della famosa rivista americana, la band newyorkese suona come ... come ... come una band post-hardcore che si avvicini allo shoegaze e ne tragga tre o quattro canzoni contemporaneamente. Usciti dal calderone indie che racchiude molte delle rivelazioni del 2009 (Titus Andronicus, di cui il cantante, Joseph Ferocius, ha fatto parte), hanno impressionato al CMJ, insinuandosi in quella strana dimensione di mezzo tra il mondo del metal e quello dell'indie. Perchè i ragazzi, cielo, sanno suonare, e questo è quello che tutti hanno potuto constatare... il problema è, casomai, cosa stanno suonando. Rumori di Piatti che divorano Chitarre... ecco, forse il nome della band definisce meglio il loro sound di quanto lo faccio il titolo del loro primo album, autoprodotto, che ha raggiunto una tale popolarità da permettergli di varcare l'oceano. E se i The Drums sono il suono del pop surf che ritorna, i Surfer Blood lo sporcano e distorcono, e i Real Estate ne fanno una vera massa confusa, i Cymbals Eat Guitars creano invece una massa confusa di suono, dove l'ascoltatore deve sforzarsi di trovare una sensibilità pop... ma quando la trova non può che restarne affascinato e intrappolato. www.myspace.com/cymbalseatguitars

Live di Cymbals Eat Guitars


Nessun evento trovato in archivio


CYNDI LAUPER


La cantante americana arriva in Italia con il suo carico di successi senza tempo per un concerto da non perdere in Italia. Cyndi salirà sul palco con i brani con il suo ultimo lavoro discografico dal titolo Memphis Blues oltre ai successi di sempre dal titolo True Colors, All Through The Night, Girls Just Want to have fun ecc… www.cyndilauper.it

Live di Cyndi Lauper


Nessun evento trovato in archivio


CYNDIES


Se il nome Cyndies non vi dice nulla forse dovreste riaggiornare le vostre conoscenze sulle breaking bands del momento. Nuovissimo progetto musicale italiano, ma che di italiano ha veramente ben poco, e che promette di imporsi anche sulla scena musicale al di là dei nostri confini. Non vi aspettate le solite melodie trite e ritrite perché la loro musica è tutto fuorchè ovvia. Immaginatevi i Joy Division che incontrano le melodie elettroniche dei Kraftwerk il tutto proiettato ai nostri giorni in una sorta di dimensione post-avanguardia. Il loro sound è assolutamente personale, acqua fresca per chi aspettava da tempo qualcosa di nuovo e non le solite copie venute male delle bands straniere, tanto che è quasi impossibile etichettarli all'interno di un genere musicale ed è proprio questo che li rende fuori dal comune. La loro musica è pura sperimentazione, ti prende per mano e ti conduce in una sorta di viaggio emozionale, scava tra i pensieri e le sensazioni più remote e oscure. Di sicuro una scelta coraggiosa e non convenzionale in un mercato dove la fanno da padroni le canzoncine facili e i personaggi costruiti ad arte da etichette discografiche e produttori vari. Potete amarli od odiarli ma di sicuro non vi lasceranno indifferenti, quando la musica vuole esprimere qualcosa di più di frasi fatte e giri di Do bisogna capirla e lasciarle il tempo di entrare lentamente nelle vene per permetterle di impossessarsi della nostra anima, ma non è forse proprio quello che cerchiamo instancabilmente? Si sono già aggiundicati un articolo entusiasta su Vice Magazine e questo è solo l'inizio…il loro EP di debutto “JUNKYARD II” uscirà il 26 Settembre 2011 su PHANTASMA DISQUES ed è possibile prenotare una copia da subito all'indirizzo: http://phantasma-disques.blogspot.com/2011/09/pd-028-cyndies-junkyard-ii-cdr.html Nonostante la loro recente nascita hanno già suonato in diversi locali tra cui il collettivo Nowave "Mdm" di Biella, il The Tube di Lucca e al famoso King Kong Club di Berlino e il calendario della prossima stagione si preannuncia fitto di appuntamenti live, tra cui la partecipazione il 14 Dicembre al State X New Forms Festival in Olanda. www.cyndies.tk www.facebook.com/cyndiexx

Live di Cyndies


Nessun evento trovato in archivio


CYNIC


La band ha pubblicato l'ultimo disco nel 2008 - anno in cui uscì "Traced in the air", l'album che sancì ufficialmente la reunion (di fatto avvenuta nel 2006). Lo stile dei Cynic è decisamente personale e intricato, essendo una miscela di violentissimo death, progressive tecnico e sperimentazione estrema; le ultime pulsioni del gruppo sono più indirizzate verso la linea progressiva, a discapito dell'irruenza death. www.cyniconline.com www.myspace.com/cyniconline

Live di Cynic


Nessun evento trovato in archivio


CYPRESS HILL


I Cypress Hill (formati da B-Real, Sen Dog, DJ Julio G e percussionist Eric Bobo) sono uno dei gruppi hip-hop/rock più famosi e influenti nella storia della musica con più di 18 milioni di copie vendute in tutto il mondo, molti brani tra le hits più famose ed una grandissima fanbase a livello mondiale. Hanno partecipato a Lollapalooza, sono stati nominati "Miglior Gruppo Rap" dal Rolling Stone, hanno collaborato con Pearl Jam e Sonic Youth, sono stati al primo posto della classifica "Billboard Top 200 Albums" e hanno dato in licenza la loro musica per molti TV show, spot pubblicitari e film. I Cypress Hill sono stati anche il primo gruppo hiphop latino a raggiungere un disco di platino. www.cypresshill.com

Live di Cypress Hill


Nessun evento trovato in archivio


CYRO BAPTISTA


Definirlo un jazzista pare quasi limitante. Cyro Baptista è uno di quegli artisti che la musica pare averla letteralmente attraversata, cimentandosi in ogni tipo di genere, ramificazione e derivazione. Per rendersi conto della poliedricità del personaggio basta scorrere velocemente l'infinita lista di collaborazioni eccellenti: Sting, Paul Simon, Herbie Hancock, John Zorn, Carlos Santana, Laurie Anderson, Melissa Etheridge, David Byrne, Caetano Veloso, Bryan Eno, James Taylor, Robert Palmer, Wynton Marsalis solo per ricordarne alcuni. Brasiliano, classe '50, e stabilmente negli Stati Uniti dagli anni Ottanta, Baptista è l'anima dell'esplosivo collettivo di percussionisti Beat The Donkey, e proprio quest'anno ha dato alle stampe Infinito, album pubblicato coi Banquet of the Spirits (Brian Marsella, Tim Keiper e Shanir Blumenkranz). www.cyrobaptista.com www.myspace.com/cyrobaptista

Live di Cyro Baptista


Nessun evento trovato in archivio


D LEWIS


D.LEWIS E' UNO DEI DJ/PRODUTTORI PIU' AFFERMATI DELLA SCENA CAPITOLINA. SI E' AVVICINATO ALLA MUSICA SIN DA PICCOLO, STRIMPELLANDO IL BASSO E IL PIANOFORTE FINO A QUANDO NON SCOPRI' IL SUO PRIMO CAMPIONATORE, L' FZ1. DA LI' MOSSE I PRIMI ESPERIMENTI CON SUONI, RUMORI E LOOPS RUBATI DA VECCHI DISCHI, INIZIO' AD AMPLIARE I SUI DJ SET CON IL SUPPORTO DI CAMPIONAMENTI E INIZIO COSI' A PROPORRE AL PUBBLICO ROMANO LE SUE PRODUZIONI... FINO AL 1993 QUANDO USCI' LA SUA PRIMA PRODUZIONE DISCOGRAFICA CON LA DIG IT. DA QUELL'ANNO INIZIO' LA SUA CARRIERA DI PRODUTTORE DI MUSICA ELETTRONICA. PARALLELAMENTE ALL'ATTIVITA' DI PRODUTTORE SI IMPONE COME DJ ELECTRO-TECHNO NEI PIU' IMPORTANTI LOCALI DEL CENTRO ITALIA, LO VEDONO RESIDENT DAL 1996 IL PALLADIUM, L'HOLLYWOOD, L'ARABESK E IL CYBORG, COLLABORA ALLE PIU' IMPORTANTI ONE NIGHT COME L'EXPLOSION, IL THE BOMB, L'EXOGROOVE E SI GUADAGNA LA NOMINA DI "RESIDENT GUEST" NEGLI AFTERHOUR TARGATI AREAMITO IN SARDEGNA... NEL 2002 ENTRA A FAR PARTE DELLO STAFF DELLO SCANDALO C/O PALACISALFA DI ROMA CHE LO PORTA POI AD ESSERE RESIDENT ALL' NRG DISCO DI ROMA NEGLI EVENTI TARGATI DIABOLIKA. IL SUO SOUND PARTICOLARE ED ESCLUSIVO E LA SUA CAPACITA' DI COINVOLGERE IL PUBBLICO RENDONO I SUOI DJ SET UNICI ED INIMITABILI.

Live di D Lewis


Nessun evento trovato in archivio


D' JULZ


Il successo del Jetlag è dovuto soprattutto alla capacità di alternare sapientemente le superstar della consolle a veri e propri fenomeni dell'ambiente underground. Questa sera toccherà al talentuoso dj parigino D' Julz. Comincia la sua carriera di dj nel 1992 distinguendosi grazie ad un personalissimo stile che immediatamente lo porta a essere considerato come uno dei migliori dj's francesi. Dopo solo un anno di serate nei primi e e leggendari party underground di Parigi (Rex, Queen, Palace...) pubblica la sua prima compilation. Nel 1993 passa un anno a New York diventando l'ambasciatore della nascente scena francese e quando ritorna in Europa sfonda nei migliori clubs di tutto il continente. Dal 1997 promuove una sua propria serata al Rex club di Parigi e una trasmissione radio sulla famosa stazione FG. Nel 2000 la sua carriera come produttore lo porta a lavorare per le migliori etichette house del mondo: Ovum, 2020 Vision, Brique Rouge, Music For Freaks, End Recordings...In particolare è il suo tocco che coniuga acid e deep house a entrare nei box dei migliori dj's del mondo ('Acid Trix' su Ovum ne è l'esempio migliore). La sua compilation 'Djulz Boxes' esce in tutto il mondo e diventa un passaporto per le date da guest e residenze in tutto il mondo: dal Fabric di Londra al Deep di Madrid, dal Twilo di NY al Fuse di Bruxelles.

Live di D' Julz


Nessun evento trovato in archivio


D'AGAPè


The Irish are the niggers of Europe.The Dubliners are the niggers of Ireland.The northside Dubliners are the niggers o' Dublin .Say it loud:"I'm black and I'm proud". Gabriele Moscaritolo (accordion, tin whitles) Giuseppe De Gregorio (guitar, percussions) Daniele Russo (double bass) Francesco Brusco (guitar, bouzouki) ***info e contatti***dagapeirish@gmail.com, tel. (+39) 333 3554861 www.myspace.com/dagapeirish

Live di D'agapè


Nessun evento trovato in archivio


D'ESPAIRS RAY


D'ESPAIRS RAY Il nuovo metal giapponese che tanto sta spopolando in questo periodo passerà anche in Italia (Milano, Live Music Club Trezzo sull'Adda) e si chiama D'ESPARS RAY, realtà dark-gothic-metal divenuta famosa grazie al download selvaggio… I D'ESPARS RAY -che da poco hanno pubblicato il disco 'Coll: Set' (Gan-Shin/Audioglobe)- sono una delle band di riferimento del movimento “Visual Kei-J Rock”, tutto basato sull' immaginario trendy dark-new wave degli anni '80 che combina influenze heavy-metal a un nuovo modo di utilizzarela tecnologia. Dal vivo, i D'ESPAIRS RAY, sapranno introdurvi nel loro mondo colorato di viola… http://www.myspace.com/despairsrayband

Live di D'espairs Ray


Nessun evento trovato in archivio


Live di D'espairsray


Nessun evento trovato in archivio


Live di D'nell


Nessun evento trovato in archivio


Live di D'o.n.c


Nessun evento trovato in archivio


Live di D-fuse


Nessun evento trovato in archivio


D-VINES


Rock alternativo, metal ed elettronica sono i tre pilastri sui quali si regge il sound dei bresciani D-Vines, una sorta di collettivo musicale formato da 7 musicisti (tra i quali 2 dj, gli ex Jilted Twins) che lo scorso anno hanno pubblicato l'album d'ersordio "Kill Me Martina". Inizialmenta autodistribuito, il disco - che ha riscosso notevole successo - ora esce con l'etichetta milanese Valery Records (Pino Scotto, The Fire, Trick Or Treat) e viene distribuito anche in Germania, Spagna, Inghilterra, Irlanda, Scozia Galles, Olanda, Lussemburgo e Belgio. Il progetto D-Vines nasce nel settembre 2007 grazie alla fusione tra i Jilted Twins, duo elettronico composto da Lorenzo Sirigu e Riccardo Frigoni, con il cantante e chitarrista Stefano Roncadori. Al Jilted Studio approda Andrea Minoglia, chitarrista dei Reality&Dream. Tra i quattro nasce subito feeling. Nel 2008 l'amico e regista Davide Bedocchi propone alla band di realizzare il video di "Drawing in Electromud". Nel gennaio del 2009 entrano nel gruppo Fabiano Bolzoni alla batteria e Nicola Nolli al basso. La band comincia la propria attività live mentre, nel 2009 la formazione registra "Kill Me Martina". I D-Vines diventano 7 con l'aggiunta del chitarrista e seconda voce Fabio Bonezzi (Blunitro) . A ottobre 2010 grazie alla collaborazione di Anian Film la band realizza il video del secondo singolo estratto dall'album, intitolato "Everyday". A Dicembre 2010 il batterista e conduttore televisivo Mario Riso seleziona la band per partecipare al programma televisivo "Sala Prove" su Rock TV. A oggi i D-Vines hanno diviso il palco con molti artisti della scena musicale italiana (Linea77 , Vanilla Sky, Ministri, The Fire, Rhyme, Plan De Fuga, Vacca). www.d-vines.it www.myspace.com/d-vines

Live di D-vines


Nessun evento trovato in archivio


D-YES-IS Yes Tribute Band


Frank Corigliano, 21 anni, da Crotone, inizia a prendere lezioni di basso e chitarra sin da piccolo, ma già a 9 anni scopre che la sua vera vocazione è il canto: non poteva essere altrimenti essendo figlio d'arte. Inizia così ad esibirsi dal vivo sempre piu' frequentemente, con varie formazioni Nel 2002 entra a far parte degli YtseJam Kr, con i quali vince nel 2006 il titolo di Tribute Band Ufficiale Italiana dei Dream Theater, consegnatogli direttamente da Jordan Rudess, tastierista della progressive band statunitense. Parallelamente inizia a collaborare sia in studio che dal vivo con altre formazioni, facendo un pò il "jolly" della situazione, essendo in grado di suonare discretamente anche basso, chitarra e batteria. Proprio in veste di batterista ha partecipato nel 2002 all' I-TIM TOUR, nella tappa di Matera. Nel 2004 fonda insieme a Sandro Cretella e Davide Calabretta (batterista degli YtseJam Kr), il progetto Funky Groove mentre nel 2006 ha partecipato al festival di Castrocaro, superando le prime fasi eliminatorie ed entrando nella rosa dei 20 finalisti. Dal giugno 2007 collabora con un nuovo progetto di cover rock anni '80 e '90, i Lovers & Prisoners. Ultime in ordine di tempo le partecipazioni al progetto rock Daydream (di cui è in uscita il primo demo di brani inediti) e quella con i Crimson River, band di rock sperimentale sulla scia degli statunitensi 30 Seconds to Mars. Attualmente Frank frequenta la Roma Rock School, sotto la guida del maestro Gianluca Perdicaro. www.myspace.com/frankcorigliano www.ytsejamkr.net/ Giacomo Anselmi, chitarrista diplomato al MUSICIANS INSTITUTE di Los Angeles. In California il ventenne chitarrista ha modo di studiare chitarra rock con Paul Gilbert, Marty Friedman, Jennifer Batten, Bruce Bouillet, T.J. Helmerich, Greg Howe ecc.. Studia composizione jazz con Scott Henderson e analisi con Carl Schroeder. Lettura con David Oakes. Per quanto riguarda la chitarra jazz-fusion studia e suona con: Scott Henderson, Frank Gambale, Mike Miller, Joe Diorio, Don Mock, Ron Eschete, Norman Brown, Wayne Johnson, Carl Verheyen. Nel settembre 1990 Giacomo consegue il “Certificate of Completion”, diploma ufficiale del MUSICIANS INSTITUTE di Hollywood sezione GUITAR INSTITUTE OF TECHNOLOGY (GIT). In Italia studia arrangiamento e composizione con il M° Bruno Tommaso ed approfondisce chitarra jazz con Dario La Penna presso il St. Louis College of Music di Roma. Collabora per live, studio, radio e televisioni con tanti artisti tra i quali Amii Stewart, Federico Salvatore, Rita Forte, Nuove Tribù Zulu, Andrea Ra, David Colaiacomo, Karl Potter, Cenere, Daniele Vit, Enrico Capuano, Ostinato, Kim ed altri ancora. E’ autore del video didattico “SUONARE NELLO STILE DI…PAT METHENY” pubblicato da PLAYGAME e distribuito dalla CARISCH. www.myspace.com/giacomoanselmi Fabio Pignatelli, compositore di colonne sonore ed arrangiatore, nonchè bassista dei mitici Goblin di Claudio Simonetti. Nato a Roma nel 1953, si è subito specializzato in basso, chitarra, arrangiamenti e programmazione di tastiere e computers. Già negli Cherry Five, nel 1974 entra a far parte dei Goblin insieme a Claudio Simonetti, Carlo Bordini, Massimo Morante e Tony Tartarini, artefici di uno degli album più rappresentativi dell'era progressive degli anni '70. "Profondo Rosso", colonna sonora dell'omonimo film di Dario Argento del 1975 , ottiene il disco di platino rimanendo in vetta per 52 settimane consecutive nelle classifiche italiane, degli LP e dei 45 giri, e anche in quelle europee e negli USA. Come dice Agostino Marangolo in uno dei loro celebri concerti live, è lui l'inventore del famoso arpeggio iniziale di Profondo Rosso che riempì le casse della Cinevox... Nell'album "Suspiria" del 1977 (una vera rivoluzione per le caratteristiche dei Goblin e per questo l'album più amato dai singoli componenti) Pignatelli si appropriò di alcune percussioni africane e di un Tabla indiano per la celebre title track del film. Il suono inconfondibile del suo basso, lo troveremo in tutte le produzioni dei Goblin, anche quelle meno conosciute, mentre in colonne sonore come "La Chiesa", "Non ho Sonno" e l'ultimo "Back to the Goblin", che è stato realizzato proprio nel suo studio a Roma (Pignatelli Studio) ci ha deliziato molto con i suoi lavori alle tastiere. Ovviamente ha altre attività anche al di fuori dei Goblin; la più importante è la lunga collaborazione con Antonello Venditti dal vivo, ma non solo; ultimamente con degli ex Goblin, come Marco Rinalduzzi e Derek Wilson con cui realizzò Volo, ha formato una cover band, i "Beatles for Sale" in cui omaggiano il quartetto di Liverpool. www.myspace.com/fabiopignatelli www.goblinhome.com Danilo Cherni, nato a Roma il 13/03/62. Tastierista, autore, compositore e arrangiatore, insieme a Maurizio Perfetto e Adriano Lo Giudice, di alcuni successi della storia recente di ANTONELLO VENDITTI, ("21 modi per dirti ti amo", "Benvenuti in Paradiso", "Noi", "Raggio di Luna", "Parla come baci", "La coscienza di Zeman", “Estate rubino”). Arrangiatore e session-man per lo stesso VENDITTI, ZARRILLO, MIA MARTINI. Compositore di musica "ambient", ha pubblicato un CD dal titolo "SEGUI, VIVI", ha partecipato ad alcune compilation del genere e collabora con altri artisti per installazioni in musei ed esposizioni. Ha fatto parte dell’ensemble di musica popolare della “NOTTE DELLA TARANTA”. Insieme a Gianfranco Salvatore ha fondato il gruppo salentino degli “ANIMA” e il progetto etno-elettronico “BABA YOGA”. Sempre insieme a Gianfranco Salvatore ha scritto colonne sonore di film quali “Dillo con parole mie” di Daniele Luchetti e “Anastezsi” di Miguel Alcantud. Ha scritto musiche anche per documentari e collabora con Riccardo Giagni alle musiche per i film di Marco Bellocchio e di Sabina Guzzanti. Per quest’ultima ha composto insieme a Maurizio Rizzuto e Riccardo Giagni le musiche per il tour dello spettacolo “Raiot” dove ha partecipato anche come musicista. Oltre che nei D-YES-IS, suona nelle cover-band Fluido Rosa, D.D.S.., D.D.Six, Toc-Toc, Gauguin, Zefir Duo e Satin. www.myspace.com/danilocherni www.danilocherni.it Luca Capitani, batterista, compositore, produttore, ha collaborato in concerti, programmi televisivi ed altro con: Steve Vai, John Parish, Sidiki Condè, Scott Reeves, Peter Giger, Nada, Rossana Casale, Jovanotti, Francesca Schiavo, Teresa de Sio, Tullio De Piscopo, Jazz Art Orchestra, Bobby Solo, Five Machine Jazz Quintet, The Great Naco Orchestra, Little Tony, Anonimo Italiano, Avion Travel, S.nt John Singers, Xtra, Harold Bradley, Iramar, Skip Hadden, Maurizio Solieri, Shawn Logan, Enrico Capuano, Joy Garrison, Cugini di Campagna, Crystal White, Ellade Bandini, The Connemara, Aldo Donati, Gilson Silveira, Stefano Borgia, Ricky Portera, Pippo Matino, Reza De Rekshaani, Massimo Moriconi, Fabio Mariani Music Team, Metaxu, Foffo Bianchi, Pasquale Minieri, ecc. Luca è uno dei più conosciuti insegnanti italiani di batteria. Nei suoi 20 anni di attività didattica ha collaborato con le più importanti scuole di musica nazionali. E' stato per 10 anni coordinatore nazionale della Facoltà di batteria delle Accademie Lizard. Nel 2006 Luca ha creato un proprio marchio didattico dal nome SCUDERIE CAPITANI che vanta ad oggi circa 40 strutture su tutto il territorio nazionale. Insegna a Grosseto presso la struttura Rockland, sede nazionale delle Scuderie. Sempre in ambito didattico, ha pubblicato i volumi con CD "SCUOLA DI BATTERIA Vol.1 e Vol. 2" per la LIZARD - BMG RICORDI ed il volume con CD "SEX DRUMS & ROCK'n'ROLL" distribuito da CARISCH. Ha partecipato come protagonista ai seguenti DVD: PERCFEST 2005, UFIP 75th ANNIVERSARY, PERCFEST 2004, UFIP 70th ANNIVERSARY, TEMPI MODERNI (Drummers United). E' ideatore e direttore artistico dell'E-MOM , European Master Of Music che si svolge a Lucca. E' ideatore e direttore artistico di AGRITUROCK "La musica nel bosco" che si svolge a Tarquinia. E' co-ideatore di ROCKAMPUS che si svolge ogni anno in Sicilia. Nel 2005 ha pubblicato il suo primo lavoro discografico da solista dal titolo "2040" prodotto e distribuito dalla Overlook Italia. Luca è endorser per le batterie TAMA, i piatti UFIP, le pelli EVANS, le percussioni LATIN PERCUSSION, le bacchette VATER, la ditta BOXY LAB e rappresenta le aziende nelle più importanti fiere internazionali, in SEMINARI e FESTIVAL. www.myspace.com/lucacapitani www.lucacapitani.com www.myspace.com/dyesis

Live di D-yes-is Yes Tribute Band


Nessun evento trovato in archivio


D.A.D.


"Monster Philosphy" è uscito lo scorso Novembre ed è il decimo album in studio per la band che più di qualsiasi altra ha influenzato l'hard & roll attuale, scena che ha visto negli Hellacopster i suoi più famosi esponenti. Figli "bastardi" degli AC/DC, i D.A.D. hanno riscosso grande successo a partire dal 1989 quando uscì l'album "No Fuel Left for the Pilgrims" che li portò a volare alto nelle classifiche di Europa e Stati Uniti, consacrandoli come una tra le maggiori realtà hard rock degli anni '90. www.d-a-d.com

Live di D.a.d.


Nessun evento trovato in archivio


D.A.F. Deutsch-Amerikanische Freundschaft


D.A.F. La seminale electrowave band tedesca esponente di punta della Neue Deutsche Welle e inventori dell'electro body music (ebm) in concerto per un unica ed esclusiva data in Italia!!! Nati a Düsseldorf per volonta' del pianista Robert Görl e dal cantante Gabriel "Gabi" Delgado-López con i loro brani, Der MussoliniI, Kebab-Träume, Sex unter Wasser, Der Räuber und der Prinz,Verlieb' Dich in mich, Absolute Body Control, per citarne alcuni, hanno influenzato numerose electro wave & ebm band degli anni avvenire. Un'occasione unica per vedere dal vivo un culto della musica alternativa! www.myspace.com/deutschamerikanischefreundschaft

Live di D.a.f. Deutsch-amerikanische Freundschaft


Nessun evento trovato in archivio


D.COOPER


Berlin‘s booking guru Ran Huber (amStart) praises D. COOPER as East Frisia‘s own Neil Young. East Frisia (Ostfriesland in German) is a region in Northwest Germany that is usually the butt of all jokes. D. COOPER is well connected to his origins, having started his artistic career as a teenage movie star in the East Frisian samurai movie „Frankie Johnny And The Others.“ Over the course of the last years, D. COOPER has been performing his laconic, minimalist, precise, and strikingly powerful songs in the tradition of American alternative country music. His countless albums and EPs are available on Kruidenrecords; at this equally countless gigs in Berlin he shared the stage with the likes of Justine Electra, SchneiderTM and Erlend Øye. URL MySpace: www.myspace.com/dcooperthepigbirds

Live di D.cooper


Nessun evento trovato in archivio


D.In.Ge.Cc.O


D.In.Ge.Cc.O è il progetto creato dal compositore e artista Gianluca D'ingecco, che vede la recentissima pubblicazione dell'album dal titolo Y.S.I.L.F.U. (acronimo della dicitura "Your Spirit is looking for u") di 8 tracce, prodotto da Bear Beat Records, che vede la preziosa partecipazione e produzione di Matteo Lo Valvo, giovane produttore che si è fatto notare recentemente per aver lavorato alla realizzazione dell'album di BIG FISH dal titolo “Niente di Personale” (di cui Matteo ha co-prodotto la maggior parte dei brani collaborando con artisti del calibro di J-Ax, Arisa, Morgan,Jovannotti), ed all'ultimo singolo di EMIS KILLA. Il progetto nasce dalla ricerca di melodie e armonie molto evocative capaci di disegnare con onde sonore spesso dirompenti, paesaggi immaginari e visioni ancestrali. D'Ingecco si propone di far luce su tutte le sensazioni che nascono da tutte le esperienze umane, sia quelle terrene, ovvero quelle legate ad un mondo crudo, minimale e molto violento ma reale, sia quelle riferibili ad un mondo immaginario surreale, a volte rappresentante esperienze al di là del tempo e dello spazio. La musica di D'Ingecco è in costante ricerca del rinnovamento di se stessa filtrando la luce e le ombre di armonie suggestive nate dall'inconscio, suggerite dalle esperienze del mondo esteriore ed interiore, del mondo reale e di quello onirico, un riflesso di tutto il mondo percettibile, che nella visione di D'Ingecco, possiamo chiamare realtà. "Clouds Stops" è il primo singolo estratto dall'album di D.In.Ge.Cc.O., un vero e proprio EP contenente ben 4 REMIX oltre la Radio Version. Si tratta di una ballata elettronica in stile ambient house. Anche in un'era dove le nuvole, simboleggianti la natura ed il creato sembrano essere immobili, per quanto ignorate dall'uomo, come il tempo, la razza umana deve continuare il cammino alla ricerca di se stessa, tra grattacieli , tempeste elettriche e strade piene di futuristiche automobili. La voce che rimbomba in lingua giapponese, ci porta con la memoria alla città di Blade Runner e ci trasporta in una TOKYO futuristica, quasi decadente, ci ricorda con tono distaccato, ma persuasivo, che il più grande mistero dell'uomo è e rimane l'amore, con tutte le sue paure ed I suoi dubbi e tutti gli sconvolgimenti che porta ai nostri stati d'animo Gianluca D'ingecco da sempre appassionato di musica elettronica cresce a contatto con tutto ciò che è creatività ed arte, in ogni campo. Studia privatamente pianoforte ed armonia sin dall'età di sei anni e compone sonate per pianoforte già da giovanissimo. Parallelamente alla passione per la musica coltiva la passione per la letteratura e pubblica due libri, il primo di Poesie dal titolo “Domani niente sarà più lo stesso” edito da Lalli editore. Il secondo libro, è un' analisi sociologica e filosofica, a tutto campo, che partendo dalla complessità di un personaggio come Franco Battiato, si sviluppa con considerazioni di stampo filosofico e sociologico e di teoria della musica e della “canzone”. Il titolo del libro è Mondo Abbattiato edito da Colibri Editore. Contemporaneamente alla passione per la letteratura, la passione per la tecnologia e la musica lo portano alla conoscenza ed allo studio dei sintetizzatori e della musica digitale dando particolare risalto alla espressività che con questi strumenti, può essere rappresentata. Le influenze musicali di riferimento sono quelle nate dalle prime composizioni realizzate con i sintetizzatori ed un certo uso della "beat "che poi si è evoluto nel corso degli anni sino ad oggi. Ma i riferimenti sono anche per la musica classica e il suo potere evocativo e tutto ciò che rappresenta un'espressività musicale senza compromessi. Nel 2013 D'Ingecco fonda la “Bear Beat Records”, un'etichetta indipendente che ha come scopo principale quello di dare voce ad una creatività libera dagli schemi ma fortemente ancorata con le evoluzioni artistiche ed in particolare, musicali, del nostro tempo. Tracklist Y.S.I.L.F.U. Clouds Stops Italian Space Cowboy Doleys World Space Lab of Broken Dreams Dombolins In This Box Ablaextrema Autore e compositore: Gianluca D'Ingecco Etichetta: Bear Beat Records Prodotto da: Gianluca D'Ingecco e Matteo Lo Valvo Registrato: a Milano presso “Matteo Lo Valvo Head2Toes Studios” Distribuito da: Fleiyr

Live di D.in.ge.cc.o


Nessun evento trovato in archivio


D.O.A.


DOA costruiscono la loro fama attraverso i 3000 concerti, i 10 album e le infinite tourne' e che hanno attraversato il Nord America, l' Europa e l' Australia.Il successo arriva nell' 81, anno di uscita del secondo album "Hardcore". Ma il loro loro percorso e' legato all' impegno politico. Hanno suonato per beneficenza, contro il razzismo,contro la censura per le cause a favore dei paesi in via di sviluppo.La loro musica e' punk ma contiene tracce di rock' n' roll, metal e un po' di ska reggae. www.facebook.com/DOAPUNK

Live di D.o.a.


Lun 28 Lug SIDRO LIVE CLUB - Savignano sul rubicone (FO) - Italia

SIDRO LIVE CLUB via moroni 92 ZONA INDUSTRIALE SAVIGNANO SUL RUBICONE FC INFO: 389/8490771 sidromyclub@gmail.com www.facebook.com/sidroclubitaly




D.R.I.


We are a punk/metal crossover band with our Roots set in Hardcore. Established way back in 1982 and now have been together for over 23 years. We have about 10 CD's & 2 DVD's out on various labels and are considered to be one of the forefathers of speed metal and thrash punk music. We started out in Texas and moved to the Bay Area cause we heard the SF area had free food at the soup kitchens (from which the classic tune was written!!!!!).. ..When we started. our influences were bands like Black Flag and the Dead Kennedy's. In 1982 our first release, which was really a demo, the 22 song 7" ep, kick started our carear as a fomidable hardcore band. 22 songs in 17 minutes. Blistering fast, with on the dime cuts, and vocals to match. Said to contain the first grindcore blast ever recorded (No Sense). This record was later pressed into an LP, and was considered to be our first official release even though it was only 17 minutes. The 22 song debut eventually was combined with our second release, 1984's Violent Pacification ep, and came out on CD in the mid eighties, when that technology reached indie lables... ..In 1985 we started to listen to bands like Metalicca & Slayer. Our second full length release Dealing with It, showed a progression to the metal side of the music genre. This album also was said to make an impact, and helped start the crossover movement. "We fused togther our influences, and shoved into the DRI mold, Dealing With It is what came out". DRI went on mixing its own brand of punk metal releasing: Crossover, Four of a Kind, Thrash Zone, Definition, a live album recorded in 1992, before releasing Full Speed Ahead in 1996 our last new music release. We have been re-issuing our old catalog with bonus tracks for the new Millennium. We also got a bunch of Live DVD's in the works, starting with the 1984 CBGB's live DVD that came out in 2005... ..The band currently consists of original core members and song writing team, Spike Cassidy (guitar) and Kurt Brecht (vocals). Along with now longtime members Rob Rampy (drums) and Harald O.(bass). Rob first appears on the 1992 Definition Release. Harald is known for his photographs of Metallica & Slayer way back in the day... ..We are that band with the skanker in the circle. You know, the running man. The mosher. The one thats on your parents old t-shirts. We apeared on a Beavis & Butthead episode. We also held the Guiness Book record for fastest band in the world, back in the day. We played with just about every major band you can name, and most festivals in our travels around the world for over two deacdes. We now have over 120 DRI songs under our belt, and still play about 35 or so when we play a live./.. ..Some Popular Songs: I dont Need Society, Commuter Man, Violent Pacification, Argument then War, Id Rather Be Sleeping, Nursing Home Blues, Five Year Plan, Suit & Tie Guy, Beneath the Wheel, Abduction, Acid Rain, Syringes in the Sanbox... ..D.R.I. still tours all over the world and have been working on new material : "We have had trouble writing new stuff cos we are all spread out across the U.S. and that makes it kinda hard to practice". You can hear the newest DRI song -AGAINST ME- in the Player Above, along with a cut from the just released -LIVE AT CBGB's 1984- (dvd/cd)... ....DONT FORGET TO GO TO OUR WEBSITE!.... .. .. .. www.dirtyrottenimbeciles.com.. .. ....our D.R.I. YouTube Videos!...... .. www.youtube.com/user/dristuff00.... ....and our D.R.I. eBay Store!...... ..www.stores.ebay.com/IMBECILESTORE.. www.dirtyrottenimbeciles.com www.myspace.com/dri2

Live di D.r.i.


Nessun evento trovato in archivio


D12


Live di D12


Nessun evento trovato in archivio


D3VA


D3VA Biografia: D.3.V.A. nu-metal-band apparsa all’interno della scena musicale nei mesi conclusivi del 2005 vede nella sua line-up: Marco Morbini (Castel Goffredo (MN)) alle percussioni, Paolo Turchi (Castel Goffredo (MN)) al basso, alla sei corde Stefano Zecchina (Castiglione D/S (MN)) e Boris Castrini (Remedello (BS)) alle corde vocali. Il termine “deva” dal sanscrito “bellezza celeste” è preso dai nostri come “D.3.V.A.” acronimo dall’ancora ignoto significato. Vicinissimi al nu-metal ma non lontani dal crossover i D.3.V.A. lambiscono incandescenti melodie alternate a commistioni rap-metal.

Live di D3va


Nessun evento trovato in archivio


D4


Live di D4


Nessun evento trovato in archivio


DA CAPTAIN TRIPS


Serious Bio The band was formed in May 2009 by three friends coming from other bands: Cavitos at the guitar from Oak's Mary, who recently toured around Europe supporting Fatso Jetson, Sappah at the drums from Midryasi, a kick-ass heavy-psych band who played in many festivals in Italy and Europe and Peppone at the bass from the band Shoo. They knew each others at concerts and thanks to the same passions for music, old vinyls, vintage music instruments, they became friends like brothers and decided to start a new adventure. One afternoon they met in a rehearsal room without any ideas of what would happen, they simply pushed start on the recording microphone and started to play totally jamming and that's how they started off. The first session they recorded is a long jam that took the name of "Leaving the Mainland"(you can listen to a live recordings on the myspace page and a studio version on the promo) The name of the band is a tribute to the Stephen King's saga "The Dark Tower", the best fantasy story ever written. The Captain Trips is a powerful kind of flu that kill millions of people in the story....they don't want to kill anybody..they only like how the name sounds.. The songs are composed rigorously during the jam sessions, every practice is recorded so the best of every session is taken and elaborated. They always improvise during their shows and every show is recorded too, so listening to it, they can feel how the songs change, depending on the different places, different public and different atmosphere. The influences are too many to be mentioned...from the 60's-70's psychedelic rock to many istrumental bands of yesterday and today. This promo has been recorded and mixed in one day by Da Captain Trips and Alberto Callegari at Elfo Studio (Italy) in February 2010 and is out under the sign of Desert Fox Records. During 2010 the band played a lot of shows in Italy also supporting bands like “Yawning Man” and “Samsara Blues Experiment”.In 2011 they are planning to record the second Ep in March and play some shows in europe in April. The artworks of the covers is made by Sappah. https://www.facebook.com/dacaptaintrips

Live di Da Captain Trips


Nessun evento trovato in archivio


DA HAND IN THE MIDDLE


DA HAND IN THE MIDDLE (in ebraico pésca) è un mistico collettivo Jungle-blues di ragazzi di Jonesboro, Arkansas. Nel 2009 si trasferiscono nella Valle Umbra Sud e lì partoriscono l'idea; la interpretano a Roma (Circolo degli artisti, La tua fottuta musica alternativa) a Lecce (Italia Wave) a Sarajevo (Nuje Vit) a Marcellano (Presepe vivente) e da Jon Spencer (con cui dividono il palco). Nel 2011, lo fatal incontro con Black Vagina Records da seguito ad una prima prova discografica, "Shiver Animals Sensations", la quale spiazza parenti, pubblico e critica. Fine 2012 inizio 2013: dopo un anno in seminario incidono, sempre per Black Vagina Records, "L'éducation sentimentale", un disco di rara bellezza. Di cui l'acqua è l'essenza. www.myspace.com/dahandinthemiddle

Live di Da Hand In The Middle


Nessun evento trovato in archivio


DA NU JAZZ QUARTET


La formazione “DA NU JAZZ QUARTET” nasce a Roma dalla passione dei componenti per lo Smooth Jazz. E’ una delle poche formazioni in Italia che rappresentano questo genere musicale. Una volta esso veniva chiamato “Fusion” (miscela tra il jazz, il funk, il soul e il rhythm & blues) ma, come spesso capita, il rinnovamento dei tempi richiede anche quello delle terminologie. E’ sempre spiacevole etichettare un genere musicale ma lo Smooth Jazz è considerato oltreoceano figlio legittimo del Jazz puro. Infatti, grandi maestri del genere sono anche ottimi artisti in altri campi musicali. Il quartetto è formato da affermati musicisti della scena romana: Costantino Ladisa (sax). Vanta collaborazioni con vari gruppi pop e funk (Niccolò Fabi, Mike Francis, Riccardo Sinigallia, Franky Hi NRG e attualmente è sax della band Adika Pongo). Nel 1997 mixa a New York presso i prestigiosi studi della etichetta jazz GRP un lavoro con gli Adika Pongo. Egli è anche produttore e compositore (musiche per il documentario vincitore del “Roma Doc Fest 2003 – Ne Pas Mourir”, per il film “Nessun messaggio in segreteria” (da poco apparso sugli schermi italiani), nonché per spot pubblicitari; Di recente ha frequentato un seminario col sassofonista Smooth Jazz, Eric Marienthal ed è “endorser” del prestigioso marchio AKAI per l’imminente EWI4000s. Alessio Scialò (tastiere e piano). Dopo gli studi classici in pianoforte e composizione, consegue una borsa di studio nel 2003 presso “Siena Jazz”. Al momento è anch’egli nella formazione degli Adika Pongo ma ha collaborato con musicisti jazz come Stefano Sabatini, Enzo Scoppa, Cicci Santucci, Sandro Deidda ed altri. Ronald Moran (basso). Diplomatosi a Cuba al conservatorio di musica Manuel Saumell, cosa che lo porterà ad accompagnare grani artisti della scena jazz internazionale come George Benson e Wynton Marsalis durante la loro tournee a L’Avana, approda in Italia e inizia subito la sua collaborazione con numerosi artisti del panorama jazz e pop capitolino. Inoltre, il celebre batterista cubano Horacio “El Negro” Hernandez lo ha scelto per il tour italiano del 2005. Andy Bartolucci (batteria): diplomatosi in percussioni presso l’autorevole conservatorio di S. Cecilia, inizia immediatamente a frequentare seminari con grandi nomi come Steve Gadd, Peter Erskine, Vinnie Colaiuta e Dave Weckl. Ha suonato per artisti del panorama musicale italiano come Syria e Locasciulli ed è insegnante presso la Mississippi Jazz School. E’ anche endorser dei prestigiosi marchi Vic Firth e UFIP. Il repertorio dei “DA NU JAZZ QUARTET”, spazia dalle musiche di Grover Washington, David Sanborn, Dave Grusin, George Duke, Kirk Whalum ad arrangiamenti moderni di classici standard jazz. Durante le loro performance, i “DA NU JAZZ QUARTET” amano avere tanti ospiti sul palco: da Mike Francis alla vocalist Wendy Lewis al batterista John Arnold, alle cantanti Cristina Orsi, Francesca Silvy, Ms. Tia e Patty Palma. Il loro obiettivo è suonare in Italia un genere molto in auge negli States (ci sono radio dedicate proprio allo Smooth Jazz in tutto il territorio americano) e da noi incredibilmente poco rappresentato, nonostante ci siano schiere di appassionati e di ascoltatori. A conforto di quanto detto, il pubblico numeroso accorso alle loro performance settimanali presso i locali di Roma “Enojazz” e “Deseo”. Che lo si voglia chiamare smooth jazz o fusion, o lounge o contemporary jazz essa rimane sempre musica di qualità!

Live di Da Nu Jazz Quartet


Nessun evento trovato in archivio


DA POLENTA


"Una delle sigle più curiose del beat italiano per una band di notevole valore e repertorio interessante, resa insolita dalla presenza di un fagotto in formazione, strumento pressochè sconosciuto nel panorama di quegli anni. I Da Polenta sono originari di Ravenna ( la sigla è di lontana memoria dantesca) e partecipano con buon successo al concorso Rapallo Davoli 1966; poi danno alle stampe un 45 giri con due cover dal beat inglese: CARA (Fortunes) tradotta in italiano da un loro amico e SOPRA OGNI COSA CI SEI TU (Rockin' Berries). L'anno successivo è la volta di due rese altrettanto valide: CON LE MIE LACRIME ( l'unica cantata in italiano dai Rolling Stones ) ed IO HO IN MENTE TE (Barry Mc Guire), per la compilation di VIETATO AI MAGGIORI DI POCHI ANNI (Arc 1967) " www.dapolenta.it

Live di Da Polenta


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daan Stuyven


Nessun evento trovato in archivio


DAAN WANDEWALLE


virtuoso pianista belga Daan Vandewalle, figura di spicco del panorama internazionale, introdotto da Lelio Giannetto che presenterà, con ascolti guidati, il lavoro radiofonico realizzato da Stefano Zorzanello sulla vita e le opere di Cornelius Cardew. Dello scomparso musicista saranno suonate le “Thalmann Variations”. Il programma prevede anche pagine di due tra i più cari amici di Cardew, Alvin Curran e Gordon Mumma. In particolare, del primo sarà eseguito il brano che dà il titolo alla performance, “For Cornelius”.

Live di Daan Wandewalle


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daau


Nessun evento trovato in archivio


DABADUB SOUND SYSTEM


A settembre uscirà con l'etichetta torinese Trumen Records l'album ufficiale dei Dabadub, con la collaborazione dei producer Jahcool e Double H Groovy. Tra gli ospiti del disco Raina (Villa Ada Crew) e Jamafrica (Senegal). Questa estate Ju Frenz, Marcolino e Mary gireranno con lo spettacolo in sound system, ma sono già in sala prove con la loro nuova band. www.myspace.com/dabadub

Live di Dabadub Sound System


Nessun evento trovato in archivio


DABOL


dabol è Napoli spaccata in due. Il doppio. La contraddizione. Sacro e profano. La violenza del Vesuvio e la dolcezza della Sirena Partenope, la luminosità delle piazze assolate e l’oscurità dei vicoli. È l’eterno sentimento di odio e amore che abita ognuno di noi. 2001-2007. i dabol sono il ritmo, discontinuo e spezzato. cavalcano le sequenze e cercano una via di fuga nelle frequenze basse, dove parole-suono raccontano immagini e fotografano storie. rock'a'muffin style. i dabol sono quattro ragazzi, 4est (Daniele Russo) alla voce, pone (Massimiliano Pone) al basso, Vince Carpentieri alla chitarra e Valerio Mirra alla batteria. Il loro album d’esordio, Sisma (ospite in un brano Marco Messina, ex 99posse), è uscito il 13 ottobre 2006 su Gibilterra e distribuito da Venus. Preparatevi a tremare… www.dabol.net www.myspace.com/dabolsite

Live di Dabol


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dabrye


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daby Balde


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dacapo


Nessun evento trovato in archivio


DADA SWING


I Dada Swing nascono nel 2000 come band di supporto per il tour italiano delle Frumpies, band garage formata da 3 ex-Bikini Kill+ la batterista delle Bratmobile. Nel 2002 pubblicano una traccia in una compilation della Kill Rock Stars e continuano a suonare fino ad incidere un disco nel 2003 per la Cochon Records, etichetta Indie di S. Francisco ( Vanishing, Sixteens, etc...)- fanno spalla a Roma e in Italia per gruppi come gli Arab on Radar, i Numbers, le Erase Errata, con cui vanno in tour anche in Inghilterra...nel 2004 il batterista lascia il gruppo dopo aver registrato un ep-split con Paradise Island, progetto solista della cantante delle Erase, che uscirà a breve per la medesima etichetta. Da giugno del 2004 entra nel gruppo Jamie, già batterista degli Old Time Relijun, con cui i Dada Swing vanno in tour in Francia-Belgio e a luglio negli stati uniti..... il genere e' una mistura lo-fi di No-wave e Disco-punk... link artist: http://www.myspace.com/dadaswing

Live di Dada Swing


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dadafon


Nessun evento trovato in archivio


DADAJAM


Se la parola "post-rock" non spaventasse oramai quasi come la parola "prog" i berlinesi Dadajam potrebbero essere tra i massimi esponenti del genere nell'Europa continentale. Dediti a una serie di andate e ritorni d'onda, più che al classico silenzio-rumore-silenzio, sono il lato psichdelico del rock strumentale. Lunghe e dilatate suite dentro le quali si muovono tra liquidi arpeggi e più sostenute parti ritmiche. Non un gruppo rivoluzionario, ma la conferma che il genere, se suonato con passione, ha ancora cose da dire. www.myspace.com/dadajam

Live di Dadajam


Nessun evento trovato in archivio


DADAMATTO


Dopo “Ti tolgo la vita” (2007) e “Il derubato che sorride” (2008) il trio marchigiano Dadamatto (Marco Imparato, Michele Grossi, Andrea Vescovi) torna con un nuovo album prodotto, registrato e mixato da Manuele “Max Stirner” Fusaroli (già collaboratore dei Tre Allegri Ragazzi Morti, Giorgio Canali & Rossofuoco, The Zen Circus, Le Luci della Centrale Elettrica, Il Teatro degli orrori e molti altri) presso il “Natural Head Quarter di Corlo (Fe). “Anema e core” è un album fresco ed energico, un disco pop mai scontato che nasce dall'urgenza reale di dire qualcosa. Nove tracce che raccontano una quotidianità osservata da un'insolita angolazione e testi che citano Sandro Penna e Sergio Citti. È presente in tutti i pezzi una dissacrante dose di ironia che va di pari passo con un cinismo che non scade in banalità; in alcuni momenti si toccano picchi tragicomici che sfiorano il nonsense e tendono alla provocazione. Il risultato finale è un album forte ed espressivo con una verve diretta. Un cantautorato originale ed innovativo che incuriosisce. www.myspace.com/dadamattometal

Live di Dadamatto


Sab 24 Mag HAMLIN FEST - San ginesio (MC) - Italia

HAMLIN FEST AUDITORIUM S.AGOSTINO SAN GINESIO MC INFO: 320/7251007 hamlinfest@gmail.com www.facebook.com/hamlinfest



Dom 01 Giu THE X MATANZA FESTIVAL - Montignano (AN) - Italia

THE X MATANZA FESTIVAL PROVINCIA DI ANCONA INFO: 338/1575436 389/9224506 338/9599955 info@bloodysoundfucktory.com www.bloodysoundfucktory.com/it/the-x-matanza-festival




DADDY BLUES


La formazione a cinque elementi (voce, batteria, basso, chitarra e organo)nasce nel settembre del 2000 grazie alla grande passione per il blues e all'amicizia che lega i suoi componenti. Chi meglio del re del blues poteva esserne il testimonial? B.B. King: un personaggio dal carisma innato, musicista d'eccezione, istintivo, genuino, insomma il loro maestro, il loro paparino; ecco perchè la scelta del nome del gruppo, "Daddy", è stata unanime e non poteva essere altrimenti. E' per questo che la band ha voluto donare a B.B. King il suo tributo, per ringraziarlo simbolicamente degli stimoli che rafforzano la passione e la gioia di suonare insieme. A consolidare ancor più lo spirito che lega il gruppo al grande bluesman americano, nel febbraio del 2003 la band si arricchisce della sezione fiati (tromba e sax) che avvicina in modo determinante il sound a quello del celebre maestro. Il concerto è un viaggio all'interno della migliore produzione di B.B. King (Caldonia, Sweet Little Angel, The Thrill is gone... sono solo alcuni esempi di classici) che la band marchigiana riesce a proporre, pur rispettando il sound caratteristico del grande bluesman, in modo da esaltare le caratteristiche dei singoli componenti. I Daddy Blues sono Ektor Lauritano (voce), Giampiero Latini (basso), Alberto Severini (batteria), Paolo Berluti (piano-organo), Maurizio Matt (chitarra), Emanuele Fiordelmondo (sax) e Giacomo Uncini (tromba).

Live di Daddy Blues


Nessun evento trovato in archivio


DADDY FREDDY


Quattro volte campione mondiale come rapper più veloce al mondo, Daddy Freddy torna in Italia accompagnato alle selezioni dal suo produttore Dj Afghan della SouLove Rec. Con l'album “Raggamuffin Hip-Hop”, prodotto negli anni Ottanta con Asher D in Inghilterra, ha creato un nuovo stile di musica, una fusione di reggae giamaicano e hip-hop americano/inglese. Il suo modo di creare ed interpretare il raggamuffin è senza dubbio una creazione geniale ed evolutiva , che mescola suoni e parole in maniera incredibile. E' in uscita l'album "Resurection", ed ora è fuori il singolo nuovo “A girl like you”. www.daddyfreddymusic.com www.myspace.com/daddyfreddy

Live di Daddy Freddy


Nessun evento trovato in archivio


DADDY LONG LEGS


BAND ASSOLUTAMENTE IMPERDIBILE! Erano anni che non si sentiva una bomba tale! Blues-stomp-punk con una carica INCREDIBILE. Escono su NORTON, vi basta???? DADDY LONG LEGS, the rock n' blues group, derives its moniker from its harmonica-blastin' frontman. Daddy Long Legs, the aforementioned wailer, is joined by slide-guitar driving Murat Aktürk (born in Ankara, Turkey) and legendary NYC trap master Josh Styles, who attacks his kit with a whip and a maraca, although not necessarily in that order. The trio has taken the music scene by storm, with alarms sounding throughout the East Coast and reverberating across the globe, as they cut through the mediocrity, directly into the meat of real music—from the hip and to the heart. Within a few short months, DADDY LONG LEGS has taken to stages with the likes of the Sonics, the Flamin' Groovies, the Hoodoo Gurus, Lenny Kaye, Andy Shernoff, the Legendary Stardust Cowboy, and Question Mark And The Mysterians. They have burned down barrelhouse backrooms, afterhours nightspots, and legendary locations like the famed Friars Club, NYC. Their rapid rise in popularity is based in their total lack of pretense– all three young men are seriously dredged in deep blues baconfat, seasoned, seared, scored and tempered…and baptized in hotwired wine and brine. Their first Norton single, a raw reading of the Rolling Stones Cocksucker Blues, coupled with The Under Assistant West Coast Promotional Man recorded with Andy Shernoff at the helm and at the microphone, brought them to the forefront of the local scene, even catching the ear of Chicago R&B legend T Valentine, who promptly tapped the trio as his band both onstage and in the studio. A much-awaited combined effort, THE VAMPIRE, is due for release in November. DADDY LONG LEGS presents here their debut full-length Norton label offering, EVIL EYE ON YOU, a showcase of the trio's finest original proclamations, set in a sparse black and white selection that is meaty beyond definition. DADDY LONG LEGS is currently on tour in the US, with an overseas itinerary in the works. Keep your evil ear on DADDY LONG LEGS. Else they put the EVIL EYE ON YOU. AVAILABLE ON NORTON RECORDS: DADDY LONG LEGS – EVIL EYE ON YOU (Norton 382) LP/CD
Also available:
DADDY LONG LEGS – Cocksucker Blues/The Under Assistant West Coast Promotional Man (Norton 45-9663) Stay tuned for early November release of THE VAMPIRE, the new album by Chicago legend T. Valentine with all backing from DADDY LONG LEGS– insane and unstoppable… get ready for one heckuva blues blast breakdown! www.facebook.com/deathtraindaddy

Live di Daddy Long Legs


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daddy's Rebels


Nessun evento trovato in archivio


DADDY-O GRANDE


Danny Amis, aka Daddy-O Grande is perhaps best known as one of the founding members of the musical group, Los Straitjackets, although his contributions to the world of Guitar Instrumentals goes back much further. Born in Memphis to a respected newspaper editor, his family moved to Minneapolis when he was 4 years old. His first band, The Overtones, brought guitar instrumentals to the late 70s Twin Cities punk scene, and was one of the first acts to appear on the now legendary Twin/Tone Records. From there Amis made a much bigger instrumental splash when he moved to New York City and joined up with the Raybeats for several records including Guitar Beat. Switching roles from Musician to engineer, Amis produced an album for Beat Rodeo before moving on to Nashville where he landed a job working for the Grand Ole Opry, TNN, Nashville Now and yes, Hee-Haw. Enjoying his newly found world of paid vacations, Amis took time to travel and became enchanted with Mexico City and the Lucha Libre. Soon after that, Amis donned a silver and blue wrestling mask and the persona of Daddy-O Grande was born! It wasn't long after that that America’s Instrumentalists, Los Straitjackets, was formed. For more than 13 years in Los Straitjackets, Amis is enjoying the success of 11 critically acclaimed CDs, a Grammy nomination, numerous television appearances, and over 1300 live performances worldwide. Among those live shows was a televised 2005 concert in Daddy-O Grande’s home away from home, Mexico City, in the Historic Plaza de la Constitucion, for a crowd of over 70,000 fans. Amis also had the honor of hearing his own Calhoun Surf performed and recorded by his heroes, The Ventures. Besides performing with Los Straitjackets, Amis also produced the debut CD by Mexico’s instrumental sensations, Lost Acapulco, as well as producing and directing the ever-popular Go-Go Robics DVDs starring America’s queens of burlesque, The World Famous Pontani Sisters. In the spring of 2006, Amis returned to Mexico City to record his proudest accomplishment to date, Daddy-O Grande in Mexico, reuniting with his good friends, Lost Acapulco. The year 2007 saw Daddy-O Grande travelling to South America for many Solo concerts in Argentina and Brazil. For 2008, look for Los Straitjackets in concert in Mexico City, as well as more Daddy-O Grande solo tours, namely in Europe! Citing the great surf-guitarist Dick Dale as a major influence, Danny Amis has also developed an ability to write about himself in the third person. www.daddyogrande.com www.myspace.com/daddyogrande

Live di Daddy-o Grande


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dade


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dadmar Krause


Nessun evento trovato in archivio


DADO MORONI


SHAPES Dado Moroni, p– Peter Washington, cb – Lewis Nash, dr Dado Moroni, e' da molto tempo sulle scene internazionali a rappresentare il jazz italiano al suo massimo livello. Il pianista genovese, e' anche uno dei nostri jazzmen piu' stimati e richiesti dai colleghi americani. Motivo, questo, per cui e' stato nel tempo fra i piu' attivi artisti italiani negli Stati Uniti. Vale la pena di ricordare che nel corso della sua fortunata carriera ha fatto parte del gruppo Mingus Dynasty e del trio guidato dal bassista Jimmy Woode. E' anche stato il solo italiano invitato da Ray Brown a partecipare ad un famoso disco in cui il grande contrabbassista duettava con i suoi pianisti preferiti. Sarebbe molto lungo l' elenco dei grandi del jazz (tutti appartenenti al genere mainstream) con cui Moroni ha lavorato: basta forse citare Wynton Marsalis, Joe Henderson, Clark Terry, Lee Konitz, Al Grey, Kenny Barron, Tom Harrell, Freddie Hubbard, James Moody. Ma certamente fra le sue esperienze artistiche importanti non si possono non ricordare anche quelle con Gianni Basso, Franco Ambrosetti ed il recente duo con Enrico Rava. Peter Washington, dopo una fruttuosa partecipazione ai tour dei Jazz Messengers, da Los Angeles si è infine trasferito a New York per suonare con Freddy Hubbard, Benny Golson e Milt Jackson. Il bassista statunitense ha partecipato alla realizzazione di almeno trecento album. E' richiestissimo nella scena jazz newyorkese e suona stabilmente nei gruppi di Moroni e Nash. Lewis Nash, senza ombra di dubbio uno dei piu' straordinari talenti della batteria attualmente sulla scena, e' nato a Phoenix, Arizona, dove ha mosso i primi passi suonando con Sonny Stitt, Art Pepper, Red Garland, Lee Konitz, Barney Kessell e Slide Hampton durante le loro tappe in quella citta'. Trasferitosi a New York, viene scritturato da Betty Carter, con cui resta per quattro anni, incidendo 3 dischi tra cui ''Look What I Got'', vincitore di un Grammy Award. In seguito suona nei gruppi di Ron Carter, Branford Marsalis, J.J. Johnson, Sonny Rollins, Stan Getz, Art Farmer, Clark Terry e Milt Jackson. Dal 1990 al 2000 Lewis Nash ha fatto parte del trio di Tommy Flanagan, incidendo 7 cd con quella formazione. Lewis Nash e' uno tra i piu' efficaci e swinganti batteristi della sua generazione e puo' ormai essere a buon diritto annoverato tra gli autorevoli continuatori della piu' autentica tradizione della batteria jazz.

Live di Dado Moroni


Nessun evento trovato in archivio


DAEDELUS


DAEDELUS, aka Alfred Weisberg Roberts, californiano, è uno degli artisti più originali, eclettici e imprevedibili, della scena elettronica contemporanea. Alle sue spalle centinaia di produzioni e collaborazioni con le maggiori etichette di musica elettronica Plug Research, Hefty, Tigerbeat 6, Eastern Development e Ninja Tune. Tutte accomunate da uno stile molto personale e particolare. Daedelus ha fatto della tecnica del campionamento un'arte; le sue produzioni trovano in questo un denominatore comune tra due principali fonti d'ispirazione: l'elettronica contemporanea e la musica campionata dei tempi passati, in particolare l'hip-hop, che caratterizza fortemente buona parte delle sue composizioni, grazie anche a collaborazioni con artisti come Prefuse 73, Tunng, Busdriver, MF Doom, Madib, Boom Bip, Abstract Rude e High Priest degli Anti Pop Consortium.Il suo ultimo album per Ninja Tune, intitolato "Denies the Day's Demise" come al solito ha stupito critica e pubblico: si tratta stavolta di un disco di "electro-tropicalia", molto più orientato del precedente "Exquisite Corpse" verso suoni e stilemi dance, atmosfere insolitamente calde, a tratti latine. Le esibizioni di Daedelus, come quella raccolta nel cd di recente pubblicazione “Live At Low End Theory”, rappresentano un'esperienza asolutamente unica, bizzarra e divertente. L'artista di Santa Monica, tra i performer più avvincenti, in Usa, Giappone ed Europa si avvale infatti di una combinazione dei più svariati strumenti, tra cui stampanti, pianole giocattolo, arpe eletriche ed improbabili ammenicoli assortiti, attraverso i quali Daedelus riesce a sprigionare tutta la sua imprevedibile e unica creatività http://daedelusmusic.com www.myspace.com/daedelusdarling

Live di Daedelus


Nessun evento trovato in archivio


DAEMIEN FROST


DAEMIEN FROST - Billy Joel singing Moving Out. “You should never argue with a crazy ma mamamamamamamamamamamama...” Sage advice. Ominous words. Starcross these with maybe Satan plucking on his own pubic hair and there you have it, the sound of Daemien Frost. Words like viscceral, bionic and opaque sound good when someone clever says them, The ‘Frost have no time for that. Four men, half goat, Drummer Dave Hag has the lithe body of a gay dancer and all the humour of a Levellers song. Watch him drum like he was forcing children to work down a shaft mining pure adulterous evil for use in his ego-cannon. Be afraid children, this man thinks he knows the score. Mark Macmanus plays the bass. The high end bass, like the sound of many kittens being run over, or evil whistles cursing a manky wind. Stare into his eyes, there. Gaze on nothing. Greg Barret plays the bass, the low end bass, as nature intended. Like the lumbering carburetor of a truck designed only for killing, like the bloated entrails of eviscerated demagogues. Likes a pint and looking into the middle distance. Never Got Layde is the lover of the band, all crafty fingering and whispered promises of filthy amour, skirting lasciviously around the fret board, uninventing music. Primordial, fearful, the grace of a moribund cow facing extinction. The humane killer of discordance. Dance? He can’t dance. Together all of a couple of years, and already an album under their belt, the Frost belie their idiocy with proliferation’s. Corpus Daemo released in 2001, is the I can’t believe it’s not butter of the nod makers and frat factories. This music should be good, so atrocious are it’s influences.

Live di Daemien Frost


Nessun evento trovato in archivio


DAEMONIA Claudio Simonetti


LIVE...OR DEAD ( Daemonia) "Live" in grande stile per Claudio Simonetti e la sua band "Daemonia" (Federico Amorosi al basso, Titta Tani alla batteria e Bruno Previtali alle chitarre) al secondo album. Una vera grande opera sinfonica, dove la durezza del suono neoclassico si arricchisce con la "Movie Strings Orchestra" (diretta dallo stesso Simonetti, anche produttore dell'album) di colori nuovi che rigenerano le soundtracks eseguite. Che altro aggiungere, se non che si tratta di un album di ottima fattura (pregevole anche il booklet, ricco di foto e con una grafica bellissima), fatto di 18 brani emozionanti e assolutamente imperdibili. Davvero un ottimo lavoro per la rentreè di Simonetti e dei suoi Daemonia. Consigliata anche una visita al loro bel sito www.daemonia.it www.myspace.com/claudiosimonetti

Live di Daemonia Claudio Simonetti


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daemonia Nymphe


Nessun evento trovato in archivio


DAFNE


Dafne è una cantante al suo debutto e insieme al produttore Paolo Filippi, già ingegnere del suono di Mario Biondi e dell'ultimo album dei Flabby "Anything can happen" ha deciso di esordire con un album di cover, ma molto particolare. Le canzoni sono arrangiate tutte in acustico e la tracklist scelta è molto particolare. Non si tratta delle solite cover pop di brani di cassetta, ma di un lavoro qualitativo che alla lunga potrebbe dare risultati migliori e più duraturi, anche e sopratutto del futuro dell'artista che sta già lavorando alla stesura di un numero di brani sufficienti ad un secondo album di brani originali. http://www.myspace.com/dafne-some-tales

Live di Dafne


Nessun evento trovato in archivio


DAFNIS PRIETO


Dafnis Prieto Absolute Quintet Yosvany Terry (sax contralto, soprano e tenore, chekere), Jason Lindner (tastiere, voce) Alan Grubner (violino), Dana Leong (violoncello), Dafnis Prieto (batteria, voce)

Live di Dafnis Prieto


Nessun evento trovato in archivio


DAG FOR DAG


La Svezia è da sempre fucina di giovani promesse, e i DAG for DAG confermano la bontà delle propozte musicali scandinave. Wave, punk, psichedelia e tanta voglia di distruggere i palchi di tutto il mondo con un'attitudine simile a quella di Yeah, Yeah Yeahs e Gossip. Il loro primo album è in uscita su Saddle Creek, label di The Faint, Two Gallants e Ladyfinger (NE). www.dagfordag.com www.myspace.com/dagfordag

Live di Dag For Dag


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dagaro


Nessun evento trovato in archivio


DAGO RED


Dago Red - Abbiamo iniziato a suonare nel 1997. Il nome “Dago Red”, preso in prestito dal titolo di una raccolta di racconti di John Fante, ha due significati: il primo è quello di vino rosso, il secondo, più emblematico, è il dispregiativo usato negli Stati Uniti, agli inizi del ‘900, per chiamare gli immigrati di origine italiana. Suoniamo nei teatri, nei locali e partecipiamo a festival; abbiamo partecipato all’Aventino Blues Festival, ad Atessa in jazz, al New Acoustic Music Festival di Vasto (Ch) e al Murphy’s Blues Festival di Silvi (Te), aprendo i concerti ad artisti quali Mick Abrahams (ex Jetro Tull), Peter Hammil (ex. Van Der Graf Generator), Danilo Rea e Carvin Jones. Ci siamo classificati secondi al concorso musicale Music Life tenutosi al “caffè latino” (Roma). La Musica che proponiamo si può definire Roots’n Blues. La nostra è una banda acustica, gli strumenti che usiamo sono: chitarra, contrabbasso, armonica, chitarra resofonica, voce e percussioni. Il nostro repertorio comprende brani blues, folk, worksong, ballads e traditionals. La Banda: Nicola Palanza (chitarra, banjo); Marco Pellegrini (armonica, voce, chitarra); Giuseppe Mascitelli (voce, chitarra e tacchi); Paolo Cirulli (contrabbasso, voce e tip tap); Luigi Desiderio Rossi (dobro). - www.myspace.com/dagored1940

Live di Dago Red


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dagoberto Hernadez


Nessun evento trovato in archivio


DAGON LORAI


Dagon Lorai è un artista poliedrico le cui mire creative spaziano dalla musica alla pittura. Compositore, polistrumentista, pittore, poeta e regista, sin da bambino manifesta il suo interesse per l'arte che esprime in ogni forma a lui congeniale. Affascinato dal buio piu che dalla luce, fregia ogni sua creazione, con scenari oscuri e affascinanti a rievocare quei dissesti morali che tanto affliggono i nostri giorni. Molti sono i progetti cui partecipa,primo fra tutti, "L'inguine di Daphne" per il quale scrive testi, musiche e ne è parte attiva. Nel suo progetto solista, propone i brani dell'album "FRIGIDARIUM" magistralmente eseguiti da Ciro Leale al basso, Dario Mezzapesa alla batteria. Il disco in questione è ambientato nella dissoluta Pompei antica e racconta, con l’ausilio di sonorità sinistre ma dal gusto popolare, le vicende criminali e non, d’un personaggio che finisce per rappresentare tutti noi che nella vita commettiamo delitti di cui ne viviamo le nefaste conseguenze. www.myspace.com/dagonlorai

Live di Dagon Lorai


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dahlia Schweitzer


Nessun evento trovato in archivio


DAILY DELIRIUM


Anathema, Opeth, Novembre incontrano i Dredg e i Placebo con un pizzico di emocore: una miscela di influenze del tutto particolare, ma adatta a raccontare l´ambiguità dei sentimenti e le contraddizioni della vita stessa. Rabbia e dolcezza, ragione e follia in ciò che le accomuna. Giuseppe "Smilly" Defazio - voce Antonio "Grungio" Maffei - chitarra e seconda voce Domenico "Doom" Vescia - chitarra www.myspace.com/dailydelirium

Live di Daily Delirium


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daimon Schwalger


Nessun evento trovato in archivio


DAISY CHAINS


IL SECONDO ALBUM DEI DAISY CHAINS "A STORY HAS NO BEGINNING OR END" USCIRA' PER LA ROCKETMAN RECORDS/DISTRIBUZIONE SELF NELL'APRILE 2011 ASSIEME AL VIDEO DEL PRIMO SINGOLO "ARROGANCE". www.daisychains.net www.myspace.com/daisychainsband

Live di Daisy Chains


Nessun evento trovato in archivio


DAISY CHAPMAN


Daisy Chapman, artista di Bristol (UK), dopo la sua pluriennale esperienza con il supergruppo dei Crippled Black Phoenix, prosegue ora la carriera solista e arriva in Italia con un live set, Voce e Piano, accompagnata da una violinista. Atmosfera calda e avvolgente, ideale per una notte dʼinverno. Shameless Winter (il disco) Un album scritto on the road, Shameless Winter è una somma onesta e bella di una vita passata fuori casa ad inseguire un sogno. E' una canzone che racconta gli amari inverni europei, i viaggi solitari, una favola nera, un viaggio ad inseguire il proprio destino… Il disco suona lungimirante ed è notevolmente ben eseguito. La voce di Daisy, il suo più potente strumento, si eleva sopra al piano classico toccando dimensioni corali, mentre le melodie vengono supportate da un drammatico violino e un gonfio violoncello. E' difficile fare paragoni. La musica di Daisy assomiglia allo story telling brutale di Nick Cave o di Regina Spektor. Qualcosa è sempre evidente: una grande esperienza di musicista incominciata in un club del Lower East Side di Manhattan, quando il suo lungo viaggio musicale è davvero incominciato. www.daisychapman.com www.facebook.com/DaisyChapmanMusic

Live di Daisy Chapman


Nessun evento trovato in archivio


DAITRO


www.daitro.com

Live di Daitro


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dakar & Grinser


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dakota Bus


Nessun evento trovato in archivio


DAKOTA DAYS


DAKOTA DAYS (Usa) feat. Ronald Lippok (Tarwater, To Rococo Rot, Whitetree), Al Fabris (Masculine/Feminine futuri Blonde Redhead), Dodo Nkishi (Mouse on Mars), Andrea Rabuffetti (Blend, produttore di Edda ex Ritmo Tribale) Galeotto fu un tour al seguito di Ludovico Einaudi. Ronald Lippok, membro in pianta stabile nei progetti Tarwater, To Rococo Rot e White Tree, e Alberto Fabris, promotore di diversi gruppi in ambito pop-rock (tra le sue collaborazioni anche Pacifico e Masculine/Feminine, i futuri Blonde Redhead) e da tempo assistente musicale del pianista-compositore, si sono infatti incontrati tre anni fa durante la tranche tedesca dei concerti legati all’album di Einaudi “Divenire”. Un incontro non del tutto casuale – il berlinese impreziosiva il minalismo pianistico di Einaudi con le percussioni, mentre il secondo si occupava dell’elettronica, -, da cui è nata una proficua collaborazione che si è in seguito tradotta in un duo ribattezzato Dakota Days, artefice di una brillante (ed omonima) opera prima registrata in tre diverse session di una settimana ciascuna a cavallo tra il 2008 e gli inizi del 2009 presso il Marmite studio di Fabris, sul lago di Varese. In tutto una dozzina di brani eterogenei per visioni ed atmosfere che, pur riflettendo passioni e ascolti estremamente variegati e per certi versi antitetici (dalla psichedelia e il prog rock anni 70 ai Public Image Limited; dai Fleetwood Mac alla new wave), sono espressione di un sound spontaneo, intimo e alto tasso di improvvisazione, punto di incontro tra sperimentazione e intuizioni melodiche, talvolta anche gioiose. «Abbiamo messo insieme i nostri due mondi, i nostri background al solo scopo di intrattenere noi stessi: senza secondi fini e senza nessuna pressione da parte del discografico di turno», ha commentato Alberto Fabris, polistrumentista, laureato in composizione e musica popolare alla Brunel University di Londra sottolineando come l’intero album sia stato composto, suonato e prodotto dalla coppia. «Trovarmi da solo nella casa-studio di Comerio (nello specifico: la camera da letto e la cucina della nonna di Alberto situata al pianterreno della sua casa di famiglia, ndr) mi ha fatto rivivere emozioni provate durante la mia militanza punk ai tempi della Germania Est. Tempi di autarchia e di creatività intensa quanto libera. Si suonava quel che si voleva, lo si registrava su nastro e poi i tape venivano regalati. Senza filtri né compromessi», gli ha fatto eco Ronald Lippok, il cui inconfondibile cantato ipnotico segna l’intero disco. «A casa Fabris, munito di sampler analogico, tastiera e batteria, ho vissuto una sorta di full immersion nella musica e devo dire che l’interplay con Alberto ha funzionato a meraviglia. Ricordo che in quelle settimane molto piovose non c’era altro da fare che creare e suonare e se mancava uno strumento ce lo prestava qualche amico musicista di Alberto che abitava in zona. Mi sentivo come John Lennon nel Dakota Building, eppure il risultato finale è stato davvero entusiasmante. Queste canzoni, di cui ho scritto anche i testi, le considero una sorta di regalo di compleanno per il mio 45esimo compleanno». Registrato “live” e mixato a Comerio (ma il mastering finale è stato effettuato al Calix studio di Berlino), “Dakota Days”, che include anche le rilettura (stravolte) di “Slow”, una delle hit di Kylie Minogue, nonché della cover della sigla dell’edizione originale della serie tv “Love Boat” (in realtà sono state riprese le liriche, mentre la musica è totalmente diversa), ha visto inoltre la partecipazione in quattro brani di Andrea Rubuffetti alla chitarra elettrica, lud e sitar, musicista al momento alle prese con il progetto solista di Edda, ex Ritmo Tribale. www.myspace.com/dakotadays

Live di Dakota Days


Nessun evento trovato in archivio


DAKOTA SUITE


AN ALMOST SILENT LIFE Il settimo lavoro dei Dakota Suite coincide con un approccio di spiccato intimismo, assai più che nei loro precedenti dischi, il tono dolente della voce di Chris Hooson assurge a mera lamentazione, nello stile del personaggio, che del dolore esistenziale e della “geremiade” musicale ha fatto il suo stigma contraddistintivo. Non privo, tuttavia, di una marcata inclinazione alla fascinazione lirica e all'istinto poetico, filtrati sapientemente dall'impianto melodico ai limiti del sussurro armonico e dalla struttura musicale scarnificata sino all'osso. Un lavoro che rassomiglia i Dakota Suite a gruppi che del cosiddetto sadcore fanno il loro emblema artistico: Tindersticks e Xiu Xiu in primissima istanza. Sin dalla prima delle complessive tredici tracce, infatti, I See Your Tears, il Nostro declina morbide e melanconiche linee vocali, degnamente coadiuvato dal prode David Buxton, al basso. Chitarra acustica e piano s'intersecano lungo la struttura sonora del disco, sino a creare un soffice tappeto di note, appena tarsiato dalla voce di Chris dirupante in abissi di dimessa luce crepuscolare e in languide foreste pluviali di melodie svanenti nell'indistinto. Così, scorrono, in apparenza venate di trame monocordi e iterative all'eccesso, in realtà brucianti dei fuochi fatui dell'illusione e del pallore degli elementi vitali, brani come If You'Ve Never Had To Run Away, Last Flare From A Desperate Shipwreck, Everything Flies, Lumen, I Recoiled So Violently I Almost Disappeared… La voce diviene appena un bisbiglio, come fiorente dal vuoto cono d'ombra d'una stanza toccata dal crepuscolo, in A Comfortable Lie, con gli accordi singhiozzanti della chitarra a far da basso continuo dell'imminente spegnimento di ogni fonte sonora, mentre Don't Cry innesta sulla carne viva della voce note di piano e violoncello come piccole, dolorose braci . I Know Your Desolate Places, Top Rocker e, soprattutto, Without You, con il suo serpeggiare entro la linea febbricosa di ferali tamburi tendenti al nulla, una gelida lama di pugnale affondata nel molle tessuto del tramonto, segnano il giusto limes di un disco che, se non passerà alla storia per originalità e grandezza, di certo fornisce suggestioni affascinanti a tutti i sognatori di penombre. www.dakotasuite.com www.myspace.com/dakotasuite

Live di Dakota Suite


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dakotas


Nessun evento trovato in archivio


DALEK - ICON A CLASS


DALEK “From Filthy Tongue Of Gods And Griots Ipecac” - KID 606 vs DALEK Ruin It EP Tigerbeat6. I Dalek, formati da Dalek (voce e suoni) e The Oktopus (produzione, suoni) coniugano il rap con il rock industriale attraverso brani cupi ed ossessivi, secondo forme relativamente inedite per la musica nera. Questo su Ipecac e' il loro secondo disco, dopo l'eccellente "Negro, Necro, Nekros" passato piuttosto inosservato nel 1998. "From Filthy Tongue..." si apre subito alla grande, sulla feroce "Spiritual Healing", con basso tellurico e riff distorto e tagliente, e sulla epica "Speak Volumes", con tastiere spaziali. La musica, spesso prossima ai Techno Animal, e' un magma oscuro di strumenti suonati live (batteria, chitarre, sitar) e campionamenti vari, sempre fatti passare attraverso una produzione impietosa che indugia sul bordo del caos (e, nel caso di "Black Smoke Rises" ci arriva). Per certi versi questo e' il lavoro di un paio di sperimentatori elettronici che aggiungono al risultato finale un linea vocale rappata, e non l'opera di una posse hip hop. I testi dei Dalek, a volte poco in evidenza dietro a una tale aggressione sonora sono permeati di intimismo e religiosita' interiore ("source of all life lies in East".... "pray to ancient ancestors"). Picco del disco: "Forever Close My Eyes", praticamente un pezzo di heavy-rock indianeggiante. www.deadverse.com www.myspace.com/dalek

Live di Dalek - Icon A Class


Nessun evento trovato in archivio


DALIA NERA


I Dalia Nera nascono a Modica nel 1999 sotto l’influenza del Rock sia classico degli anni 60 – 70, sia quello proposto dalle Bands più recenti che comunque a quel periodo e a quello spirito sono legate e alle cui sonorità si rifanno. Il gruppo è composto da: Giorgio Giannì e Tuccio Scarso alle chitarre, Carmelo Failla al basso, Enzo Azzollini alla batteria e Gianni Zed alla voce. Dopo la registrazione di un primo “demo” comincia l’esperienza “live” suonando in vari locali della zona e in alcune manifestazioni musicali a livello provinciale. Esibendoci in provincia di Siracusa siamo stati recensiti nelle maggiori testate giornalistiche Regionali (La Sicilia e Giornale di Sicilia) per aver ottenuto il premio della critica in una manifestazione organizzata dalla Provincia. La Band ha partecipato alle finali live regionali per “Arezzo Wave 2000” svoltesi alla “Coop. Agricantus” di Palermo e Magma 2001 (Misterbianco). Dopo una pausa di un anno, durante il quale i Dalia Nera hanno lavorato al loro interno ricercando uno stile proprio, abbandonando le influenze musicali che hanno ispirato la Band durante il loro inizio, così si è proceduto alla ricerca di un nuovo leader del gruppo più carismatico e coinvolgente studiando e sperimentando nuove e più cattive sonorità, alternando ad una serie di cover, che per stile ed importanza hanno contribuito alla crescita artistica della Band, come (System of a down, Korn, Incubus, Soundgarden, Audioslave, Tool), alcuni pezzi di nostra composizione. Recentemente la Band ha vinto il I festival del Rock ibleo (dedicato a Carlo Guzzardi), tenutosi al Ristopub THE DREAM di Ragusa, ottenendo anche i premi come miglior voce, miglior chitarrista e miglior batterista oltre a un soggiorno di una settimana all’Oktober Fest di Monaco di Baviera. Inoltre abbiamo partecipato alle selezioni per “Ragusarock 2007” classificandoci tra i primi 10 gruppi della provincia di Ragusa ed abbiamo, registrato una compilation inviata agl operatori musicali di tutta Italia. Il 26.05.2007 abbiamo aperto il concerto dei Thy Majestie, band power metal palermitana, che si è tenuto allo stadio V. Barone di Modica. Il 13/08/2008 abbiamo partecipato al ROCCAROCK di Roccalumera(ME). Nelle pause temporali tra un concerto ed un altro ci diamo da fare esibendoci nei locali della provincia e dintorni,suonare per noi è tutto…. Maggiori info su: www.dalianera.com

Live di Dalia Nera


Nessun evento trovato in archivio


DallaPiazzaGrande - Omaggio a Lucio Dalla


Dalla passione comune per il grande Lucio, sette musicisti decidono di omaggiare il grande Artista italiano recentemente scomparso ripercorrendo tutta la sua sfolgorante carriera dagli esordi fino ad oggi. www.facebook.com/DPG.OmaggioLucioDalla

Live di Dallapiazzagrande - Omaggio A Lucio Dalla


Nessun evento trovato in archivio


DALTROCANTO


DALTROCANTO è una original band, formata da sei musicisti friulani: Alessio de Franzoni al pianoforte e compositore dei brani, Elena Pontini voce solista, Massimo Devitor altra voce solista, Marco Petitto alle chitarre, Pietro Spanghero al basso e Andrea D'Ostuni alla batteria. Di recentissima formazione (2009) ha già al suo attivo la pubblicazione del suo primo cd PENSIERI BLU, prodotto dall'etichetta discografica romana Terre Sommerse, presentato nel dicembre scorso in un concerto a Roma, con enorme successo. La loro musica è la manifestazione di una libera ispirazione, irrazionale e viscerale che non può venir etichettata in un genere ben definito. Attraverso il suono del pianoforte germogliano le intuizioni musicali che danno vita a colori e a sensazioni uditive, che via via si accostano per analogia stilistica a diversi generi e stili musicali: certamente il sound di base è quello di un pop italiano d’autore, ma con nuove sonorità, che possono essere paragonate ora ai sound anglosassoni, ora a sound di musica colta medievale francese, spaziando dal rock al funky, ma mantenendo sempre una propria personalità e soprattutto un inconfondibile sound. www.myspace.com/daltrocanto.nuovopop

Live di Daltrocanto


Nessun evento trovato in archivio


DAMAGE INC


DAMAGE INC. Genere: Thrash Metal Cover Band dei Metallica Bio: DAMAGE INC. è un tributo ai Metallica, soprattutto del periodo 1983/91. Telefono: 339/6501743 (Francesco) E-mail: Doctorhelpme@supereva.it (Matteo) INFO: www.enemynside.com/damageinc

Live di Damage Inc


Nessun evento trovato in archivio


DAMANERA


“Mr. Hyde Opera Rock”, Libera traduzione del romanzo di Stevenson “Lo strano caso del Dottor Jekyll e Mr.Hyde” Lo spettacolo scritto e diretto dalla compagnia Teramana dei DamAnera è una commistione di espressione orale e di fisica del teatro, unitamente alla musica Rock Ci si spinge fin dove il filo sottile si spezza. Un itinerario di tappe obbligate su se stessi e di obbligate evasioni. L’eterno dualismo interiore non è che lo spazio di mezzo nel quale gli autori indagano l’uomo. Tutto nasce dall’eterno conflitto della coscienza, quando la rettitudine e la dissolutezza in lotta, portano all’autodistruzione. www.myspace.com/damaneraoperarock

Live di Damanera


Nessun evento trovato in archivio


DAMIAN MARLEY


Il più giovane della dinastia "Marley", frutto della relazione tra il grande Bob e Cindy Breakspeare (la bellissima Miss Mondo 1976), DAMIAN MARLEY ha poco più di due anni quando perde il padre, ma, in ogni caso, ne segue da subito le tracce. Con il terzo recentissimo album, "Welcome To Jamrock" (settembre 2005), per Damian arriva anche il successo internazionale, soprattutto grazie al singolo che dà il titolo al disco e che ne anticipa la pubblicazione, una fortissima miscela di reggae e hip-hop costruita su un sample di Ini Kamoze, che si imposta nei primi posti delle classifiche americane; l'album vanta la collaborazione di artisti come Roots e Nas, e vede sempre la produzione del fratello Stephen. www.damianmarleymusic.com

Live di Damian Marley


Nessun evento trovato in archivio


DAMIAN SCHWARTZ


Damián Schwartz produce musica elettronica da 5 anni e da 3 anni sforna vinili e lavora nella piattaforma di artisti e labels madrileña NET28. Sorpresa, jazz, armonia-melodia rappresentano il fattore comune delle sue produzioni soliste, senza per nulla allontanarsi dal dancefloor.

Live di Damian Schwartz


Nessun evento trovato in archivio


DAMIEN


"Crippled Cute: nuovo album per i Damien* a ottobre" I Damien* hanno terminato le registrazioni del nuovo album (che uscirà ad Ottobre per Suiteside/Audioglobe) presso i Vacuum Studio di Bologna (Disco Drive, Blake/e/e/e, My Awesome Mixtape, Egle Sommacal). La masterizzazione è stata realizzata a Chicago da Carl Saff. "Crippled Cute" il titolo, 11 le tracce, di Bruno Germano (Settlefish) la produzione artistica. Per i Damien* è indubbiamente il lavoro della maturità, l'energia del trio è ora incanalata in brani immediati ma non semplici, curati nelle voci e negli arrangiamenti, adatti alle radio come agli indie clubs..www.damienlive.com www.myspace.com/wearedamien

Live di Damien


Nessun evento trovato in archivio


Live di Damien Hirst


Nessun evento trovato in archivio


DAMIEN JURADO


Damien Jurado è un cantautore originario di Seattle, che ha iniziato la sua carriera solista nella metà degli anni Novanta, realizzando una demo che gli permise di attrarre l’attenzione della Sub Pop Records. Con questa etichetta ha realizzato il suo primo disco, WATER AVE S nel 1997. Dal 2003 l'artista è approdato ad una delle etichette “di culto” della scena indipendente, la Secretly Canadian, con la quale pubblica ben sette album ritornando al genere folk. NEL 2010 è la volta di SAINT BARTLETT, mentre a febbraio 2012 viene realizzato MARAQOPA, il secondo disco in collaborazione con Richard Swift dopo SAINT BARTLETT. Jurado compare sulla traccia Almost Home di Moby, il cui nuovo album è stato appena pubblicato. SAINT BARTLETT è stato realizzato grazie alla supervisione produttiva del compagno d'etichetta Richard Swift. Luoghi, ricordi e immagini rimaste impresse nella sua memoria, riaffiorano per essere cantati in maniera ancora più intensa e ovattata rispetto a quanto avvenuto nei suoi lavori precedenti. Una dimensione che può essere definita estremamente personale. MARAQOPA segna un nuovo inizio: un suono pieno, ammiccante al folk-rock anni 70 e arrangiamenti ormai distanti anni luce dall'estetica lo-fi dei primi anni della sua carriera. Il suo percorso artistico ha mostrato continui cambi di umore, momento oscuri alternati ad intramezzi di pura grazia. La sua paletta sonora spazia dal rock classico all’elettronica. Definito da alcuni il "padrino dell'esplosione folk di Seattle", Damien Jurado è sul punto di diventare il Van Morrison del terzo millennio, un cantautore carismatico con trascorsi da discepolo di Nick Drake ed Elliott Smith. Grazie alla sua poetica Damien Jurado viene collocato con merito tra i più costanti, songwriter statunitensi dell'ultimo decennio. www.damienjurado.com www.facebook.com/jurado.damien

Live di Damien Jurado


Gio 05 Giu BEACHES BREW - Marina di ravenna (RA) - Italia

BEACHES BREW C/O HANA BI MARINA DI RAVENNA RAVENNA INFO: chris@bronsonproduzioni.com www.belmontbookings.nl www.bronsonproduzioni.com www.facebook.com/BeachesBrewFestival




DAMIEN RICE


Due acclamati dischi e concerti ovunque sold out fanno di Damien Rice un artista dall'indubbio talento. Dopo un passato indie-rock nella band Juniper, Damien Rice debutta a livello internazionale nel 2002 con il disco “O”, una perla di straordinaria bellezza che rimane per ben 80 settimane nella UK Top Album Chart, vendendo oltre 2 milioni di copie in tutto il mondo (1 milione solo in UK). In “O” è contenuta anche la splendida The Blower's Daughter (realizzato con Lisa Hannigan, sua compagna di allora), che tutti ricorderemo come colonna sonora del film Closer, nominato agli Oscar nel 2004. Continuano gli attestati di stima per questa songwriter irlandese che ottiene, nello stesso anno, nomination ai Brit Award, agli NME Award e, soprattutto, Damien Rice diventa il primo artista inglese a vincere il prestigioso Shortlist Music Prize. Il suo secondo disco, 9, esce nel 2006 ed è accompagnato da un altro successo di critica e pubblico e Damien Rice viene nominato come miglior artista internazionale ai Brit Award. Si susseguono tour ovunque sold-out, culminati nella pubblicazione di un album dal vivo, Live From The Union Chapel. www.damienrice.com

Live di Damien Rice


Nessun evento trovato in archivio


Live di Damm&dong


Nessun evento trovato in archivio


Live di Damnation Ad


Nessun evento trovato in archivio


DAMO SUZUKI NETWORK


"Sette Modi Per Salvare Roma" - con il suo titolo quasi profetico - è una delle più riuscite avventure del fantomatico Damo Suzuki's Network, una formazione che viene plasmata a seconda degli appuntamenti dal suo stesso tenutario e frontman, nonché voce dei leggendari kraut-rockers Can. Il cantante di origine nipponica corona così il suo vagabondare artistico con una formazione finalmente stabile. La finalità stessa del network ha permesso al nostro di mettere radici in più paesi europei e statunitensi, a partire dalla fine degli anni '80. Singolare la sua stessa storia personale, il continuo girovagare per club e location internazionali ha in qualche maniera sopperito alla mancanza di una vera e propria dimora. Spesso 'imprendibile', il progetto assume contorni definiti con la pubblicazione di un live ufficiale, che Goodfellas è lieta di presentare in tutta la sua spontanea natura. Registrato dal vivo al Circolo Degli Artisti di Roma il 20 gennaio del 2011, il disco è l'occasione per immortalare l'incontro di Damo con alcuni dei migliori musicisti italiani. Il collettivo in azione è infatti uno dei più nobili: Manuel Agnelli (Afterhours) Enrico Gabrielli (Calibro 35, Afterhours), Xabier Iriondo (Afterhours, A Short Apnea, Uncode Duello) e Cristiano Calcagnile (Stefano Bollani, Cristina Dona') costituiscono l'ossatura su cui regge questa versione del network. Su un tappeto cangiante, per definizione rock ma non scevro da influssi lisergici e avanguardisti, Damo libera le sue capacità comunicative, stimolato a dovere da questo eccezionale quartetto. www.damosuzuki.com

Live di Damo Suzuki Network


Nessun evento trovato in archivio


DAMON ALBARN


DAMON ALBARN HEAVY SEAS OF LOVE IL NUOVO SINGOLO un'altra anticipazione del primo e atteso album da solista EVERYDAY ROBOTS in uscita il 29 aprile Un nuovo singolo anticipa la pubblicazione del primo e atteso album da solista di Damon Albarn. “Heavy seas of love” è titolo del brano da oggi in radio che vanta la collaborazione di Brian Eno. L'album “Everyday Robots” sarà pubblicato dalla Parlophone il 29 aprile 2014, ma è già disponibile in preorder sia nella versione deluxe https://itunes.apple.com/it/album/everyday-robots-special-edition/id797058027 che in quella standard: https://itunes.apple.com/it/album/everyday-robots/id796955158. Le 11 tracce di “Everyday Robots” invitano l'ascoltatore nel mondo di Albarn per un vero e proprio faccia-a-faccia. Sono probabilmente i brani più intimi ed autobiografici da quando è cominciato il suo viaggio musicale: una carriera iniziata con i Blur che si è estesa successivamente con i Gorillaz, i The Good, The Bad & The Queen, con la musica del Mali, con le opere teatrali “Monkey: Journey To The West” e “Dr. Dee” ed il progetto Africa Express. Il tema delle canzoni è molto personale ed è ispirato dalle esperienze di Albarn, dalla prima infanzia ad oggi. Molti sono gli argomenti trattati: le trappole della nostra esistenza moderna, i giochi per computer, i telefoni cellulari e il rapporto tra natura e tecnologia. Oltre ai due singoli (la title track e Heavy seas of love) un'altra traccia è stata resa nota di recente in rete. Si tratta di LONELY PRESS PLAY, il cui video (http://www.youtube.com/watch?v=p9MMJgFKv24) è stato registrato da Damon sul suo iPad ed è fatto di immagini prese in giro per il mondo durante i suoi recenti viaggi; Tokyo, Londra, Dallas, Utah, Colchester, Nord Korea, Islanda e Devon. Con una band composta dal chitarrista Seye, dal batterista Pauli The PSM, dal bassista Jeff Wootton e da Mike Smith alle tastiere, Damon Albarn si esibirà In Italia il 14 luglio al Vittoriale di Gardone Riviera e il 15 luglio alla Cavea Auditorium di Roma. www.damonalbarnmusic.com Tutti gli aggiornamenti in tempo reale sulla pagina Facebook e twitter di WARNER MUSIC ITALY www.facebook.com/WARNERMUSICITALY - www.twitter.com/WARNERMUSICIT )

Live di Damon Albarn


Lun 14 Lug TEATRO DEL VITTORIALE - Gardone riviera (BS) - Italia

TEATRO DEL VITTORIALE GARDONE RIVIERA BS info: 393/5545627 info@anfiteatrodelvittoriale.it www.anfiteatrodelvittoriale.it https://www.facebook.com/anfiteatrodelvittoriale2



Mar 15 Lug AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA - Roma (RM) - Italia

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA 06/80241281 199/109783 VIA PIETRO DE COUBERTIN ROMA www.auditorium.com




DAMON AND NAOMI


Damon and Naomi sono un duo musicale formato da Damon Krukowski e Naomi Yang, membri in precedenza del gruppo dream pop/shoegaze dei Galaxie 500, formato poco dopo lo scioglimento del gruppo. I due musicisti, non ancora terminata l'esperienza con i Galaxie 500, registrano per la Rough Trade alcuni brani con lo pseudonimo Pierre Etoile. Curano la pubblicazioni di una loro piccola casa editrice Exact Change. Nel 1992 vengono spinti da Mark Kramer, fondatore della Shimmy Disc, a ritornare in sala di registrazione e sotto la sua produzione pubblicano il loro primo album More Sad Hits. Dopo una breve parentesi come musicisti nei Magic Hour pubblicano nel 1995, semre prodotti da Kramer, ma editi per la Sub Pop Records, il loro secondo album The Wondrous World of Damon & Naomi. Il terzo album, Playback Singers (1998), viene registrato negli studi domestici senza l'ausilio di produttori musicali e vede la collaborazione con i Ghost, band giapponese di rock psichedelico. Nel 2000 pubblicano con i Ghost Damon & Naomi with Ghost. Nel tour successivo si unisce Michio Kurihara dei Ghost. Il quinto album The Earth is Blue viene pubblicato nel 2005 per la loro etichetta |20|20|2000, scelta che sarà seguta dai successivi album Within These Walls (2007) e False Beats and True Hearts (2011). www.damonandnaomi.com www.myspace.com/damonandnaomi

Live di Damon And Naomi


Nessun evento trovato in archivio


DAMON FOWLER GROUP


Damon è un artista Blind Pig record il cui debutto ufficiale, dopo 3 album autoprodotti di ottima fattura, è entrato al 12° posto di Billboard e si è piazzato per 27 settimane nei top 10 Roots and Blues in America, una meritata ascesa per un chitarrista notevolissimo che mescola con sapienza blues, roots rock, swamp music e country con un uso magistrale di slide e lapsteel. In tour con il Damon Fowler Group, una sezione ritmica all’altezza e coesissima. www.damonfowler.com www.myspace.com/damonfowlergroup

Live di Damon Fowler Group


Nessun evento trovato in archivio


DAN AUERBACH


A distanza di 6 mesi dallo straordinario concerto milanese dei The Black Keys torna a Milano Dan Auerbach (metà della band) per presentare il suo primo album solista “Keep It Hid”. L’album, composto durante l’ultimo tour dei The Black Keys, ha ricevuto recensioni entusiastiche da tutta la stampa. “Il disco è una miscela della musica quello che amo, psichedelia, soul, country”, dice Auerbach. Il tour si è aperto a febbraio negli Stati Uniti con date a New York, Boston e Washington. Keep It Hid è stato prodotto da Auerbach nel suo studio Akron Analog e lo vede suonare diversi strumenti tra cui batteria, chitarre, percussioni e tastiere. Anche molti amici e familiari suonano sul disco, compreso lo zio James Quine, che contribuisce con armonie vocali e chitarra elettrica al brano Street Walkin. Altri musicisti comprendono Jessica Lea Mayfield, che canta sul brano When The Night Comes, e Bob Cesare, che suona la batteria su Whispered Words, una canzone originariamente scritta dal padre di Auerbach. Riguardo alle registrazioni Auerbach dice “volevo un suono live, organico. Niente di eccessivamente studiato, solo spontaneità". Assieme a Patrick Carney come The Black Keys Auerbach ha registrato cinque dischi tutti celebrati dai media, partendo da The Big Come Up del 2002 per arrivare ad Attack & Release del 2008, album che ha ottenuto la più alta posizione in classifica finora del gruppo, n. 14 della classifica Billboard USA. Siti ufficiali: www.myspace.com/danauerbachmusic

Live di Dan Auerbach


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dan Bern


Nessun evento trovato in archivio


Dan Costello


L'americano Dan Costello è un poeta in chiave folk-rap, capace di argute osservazioni sociologiche in chiave Broadway, di liriche intense e taglienti mascherate da un piacevole involucro folk-jazz. Ben 4 i lavori all'attivo, di cui il recente "Recession Songs" scaricabile gratuitamente. Un sound carismatico, accurato e dall'accento squisitamente newyorkese. http://www.myspace.com/dancostello

Live di Dan Costello


Nessun evento trovato in archivio


DAN DEACON


Dan Deacon è un personaggio che a soli trentuno anni ha tirato fuori una marea di lavori accompagnati da una costante e infinita attività live. E' molto difficile fare un sommario della variegata discografia come sarà difficile per gli appassionati recuperare tutto il suo materiale. Come direbbe qualcuno “E' uno che si è dato da fare”. La sua ultima fatica si chiama “America” e sbirciando la tracklist ci rendiamo conto che non siamo di fronte ad un lavoro ordinario. Un album multicolore, eccentrico, un artista esperto nella composizione di colonne sonore e lo notiamo eccome anche in questo capitolo della sua carriera. Geniale il primo singolo “True Thrush”, un brano soft che potrebbe essere tranquillamente presente in rotazione radiofonica dalle nostre parti, videoclip bellissimo in contrapposizione assoluta con la prima traccia “Guilford Avenue Bridge”, un brano duro e di fatto senza capo né coda. Ma dalle prime due tracce viene subito indicato quale sarà lo stile lineare dell'intero lavoro. Con “Lots” si ritorna al punto di partenza, martellante, intenso, senza fiato. “Prettyboy” è un piacere da riascoltare (l'episodio in cui si nota a pieno la passione verso la musica classica), palma d'oro come miglior brano dell'album e ancora una volta siamo di fronte ad un cambiamento totale di sonorità. Le ultime quattro tracce in realtà sono una traccia unica suddivisa per titoli. Trascinante e valida “USA II: The Great American Desert”, quasi un omaggio elettronico e moderno al rock progressivo. Aggressiva e onirica “USA IV: Manifest”, la chiusura album che nessuno si aspettava. In conclusione un album di quaranta minuti con alcuni episodi sottotono. Da ascoltare per avere un'idea dei labirinti della musica elettronica attuale soprattutto quando entra a contatto con un purista della musica classica. Ma siamo sicuri che mentre scriviamo queste righe il buon Dan sarà già pronto con un nuovo lavoro. www.dandeacon.com

Live di Dan Deacon


Nessun evento trovato in archivio


DAN FANTE


Dan Fante, figlio di John Fante è autore di romanzi, testi teatrali e poesie. Pubblicato e celebrato in tutti gli Stati Uniti è stato tradotto in italiano, francese e tedesco. Tutta la sua produzione letteraria sarà presto ristampata da Harper Collins. Ha fatto i lavori più insoliti prima di approdare alla letteratura e mettere a frutto il proprio talento, vivendo sulla propria pelle le storie poi narrate. Un autore che è uno dei classici della letteratura americana contemporanea. Ha fatto reading di successo in molti prestigiosi festival di Letteratura quali il Mantova Festival e The Poetry Festival a Hull, Inghilterra. Ha tenuto lezioni di scrittura creativa all'Università "Gabriele D'Annunzio" a Pescara. Bibliografia Dan Fante - Short dog - Don Giovanni - Corksucker - Chump change - Mooch - Spitting off tall buildings A Gin Pissing Raw Meat Dual Carburetor V8 Son of a Bitch From Los Angeles Collected Poems, 1983-2002 - The Closer (AKA Boiler Room) www.danfante.net

Live di Dan Fante


Nessun evento trovato in archivio


DAN LE SAC VS SCROOBIUS PIP


La storia dell'ascesa di questo duo è materiale da leggenda dell'indie... appena uscita dal masterizzatore, la loro prima demo, dal titolo "Thou Shalt Always Kill" venne spedita al dj di XFM John Kennedy e mandata in onda nel giro di 24 ore dalla sua nascita. In breve Pip tirò su una pagina myspace con questa unica canzone e all'improvviso... "impazzirono tutti! la canzone veniva inoltrata via email a centinaia di contatti da fan in delirio e quindi prendemmo l'unica decisione possibile. Farci prestare 200 sterline e realizzare un video." Arriva un accordo discografico con la Lex e il video raggiunge le 4 milioni di visualizzazioni su youtube, facendo diventare la canzone una delle tracce più importanti della prima decade di questo secolo. Il loro album di debutto "Angles", arriva nel Maggio 2008, 12 mesi dopo che i primi frutti della loro collaborazione avevano inondato l'etere ed erano atterrati nella top 40 della classifica inglese. Due anni di continuti tour dopo, arriva il seguito a questo primo lavoro, "Logic of Chance", che li proietta nuovamente nella top 40 delle chart nel Marzo 2010. Dopo questo secondo album Dan e Pip producono due album solisti e tornano poi a lavorare assieme su "Repent Replenish Repeat", che subito conquista i primi posti della classifiche di vendita. Un successo quasi inaspettato dopo quasi tre anni di silenzio del duo, che riafferma così il suo posto di preminenza nello scenario hip-hop d'oltremanica! http://www.lesacvspip.co.uk/ www.facebook.com/lesacvspip

Live di Dan Le Sac Vs Scroobius Pip


Nessun evento trovato in archivio


DAN SARTAIN


DAN SARTAIN Too Tough To live Arriva al sesto disco Dan Sartain, figura ormai navigata del trash garage americano. Rockabilly, Jon Spencer, Cramps, erano questi i riferimenti più gettonati per le uscite del ragazzo di Birmigham, Alabama. Oggi invece lo ritroviamo con Too Tough To Live a sparigliare (?) le carte in tavola buttandosi in un disco 70s punk rock tutto Ramones: tredici tracce per scarsi venti minuti d'ascolto che fanno il verso a Dee Dee & company coronando un disco di genere all'ennesima potenza. Nam vet è il teletrasporto per i settanta post Vietnam, Now Now Now batte il chiodo con l'ospitata di Jane Wiedlin delle Go Go's, e poi via con i classici tre-accordi-tre di chitarra, ripetuti fino alla chiusa di In Death, che ritorna a omaggiare i Cramps. E' furbo e bravo Sartain; gioca tra i generi marchiando ogni uscita con un timbro leggermente diverso dal precedente, ma soprattutto è incisivo con la chitarra, elabora quegli anthem che ti entrano in testa alla prima e non se ne vanno più: I'm Aware, Boo Hoo Hoo, Fuck F*iday, roba che puoi ascoltare per secoli senza che invecchi di un minuto. E l'effetto che ne deriva è un'operazione nostalgia riuscitissima. http://dansartain.com/ www.myspace.com/dansartain

Live di Dan Sartain


Nessun evento trovato in archivio


DAN STUART (GREEN ON RED)


Dan Stuart, Poor Old Dan, Marlowe Billings, Dan Fucking Stuart...o in qualsiasi modo lo vogliate chiamare, è tornato, il leader, nonché il principale autore dei brani dei Green on Red, sta realizzando The Deliverance of Marlowe Billings, in uscita per Cadiz Records il 3 settembre in CD e per Interbang Records il 24 settembre, in versione LP. The Deliverance of Marlowe Billings sarà il primo album da solista di Dan, realizzato in questo secolo. I Green on Red erano membri non allineati del Paisely Underground, la scena underground di Los Angeles di inizi anni 80 (Dream Syndicate, Bangles, Long Ryders etc.), prima di diventare inconsapevoli inspiratori dell' Alt-Country dei Wilco, Ryan Adams, Calexico et altri. Le sue canzoni sono diventate cover per un sacco di band, dalle Vivian Girls ai Richmond Fontain, fino a Jim Dickinson, per non parlare di Travis e Manic Street Preachers. Ha scritto pezzi con le leggende del soul di Memphis Dan Penn and Spooner Oldham così come con Loudon Wainwright III. Produttori come Al Kooper e Glyn John hanno tutti provato a domarlo, ma senza successo. Ok, ma dove diamine è stato Dan? Prendendo spunto da F. Scott Fitzgerald, Stuart ha saltato il secondo atto della sua opera teatrale ed è tornato per l'epilogo. The Deliverance of Marlowe Billings analizza nel dettaglio l'implosione di un matrimonio e la sua successiva fuga da un ospedale pischiatrico di NY verso un suicidio programmato a sud del confine. Fortunatamente, gli dei avevano altri piani per lui: seguendo le orme di Traven, Lawrence & Lowry, la scomparsa di Dan è stata sventata dalla bellezza della vita quotidiana nel sud del Messico. Circondato delle narco-guerre, dalla corruzione endemica e dalla povertà abbietta, Stuart scoprì di essere felice di essere vivo e sano di mente. Dopo aver comprato una chitarra artigianale martoriata da un mariachi in pensione, emerse con una collezione di pezzi che bilanciavano la sua usuale spavalderia sarcastica e una inedita fragilità che raggiunge soltanto chi è stato sull'orlo di un precipizio ad osservare il vuoto. Sicuramente, Stuart, più che un semplice confine tra paesi, ha attraversato la frontiera tra ragione e pazzia. Le canzoni di Dan Stuart pongono più domande di quelle a cui rispondono, ma non sono dubbi che tutti abbiamo? Quello che è certo è che The Deliverance of Marlowe Billings è stato registrato tra Italia e Los Angeles insieme ai grandi amici Sacri Cuori (che hanno costituito la base strumentale dell'album) e che Dan è in un'ottima forma. Que un milagro! The Deliverance of Marlowe Billings è stato prodotto da Antonio Gramentieri (Sacri Cuori) e Jack Waterson (Green on Red). Da Settembre Dan Stuart è in tour in Europa con Sacri Cuori per presentare i pezzi del suo nuovo album, ma anche quelli del repertorio dei Green on Red. www.greenonred.net www.myspace.com/wwwmyspacecomgreenonred

Live di Dan Stuart (green On Red)


Nessun evento trovato in archivio


DAN VAPID


Il secondo album della band di Vapid si intitolerà molto semplicemente "Two" ed uscirà a fine luglio per la loro etichetta, la Torture Chamber. Sopra vedete la copertina, curata dal nostro Bucchioni, e sotto trovate la tracklist. L'album è già ordinabile dal bandcamp della band. Questa la tracklist: 1. I'm A Contrarian 2. Miracle Drug 3. Live It Down 4. Cold And Rainy Days 5. Panic In The Streets 6. Invader 7. Beaten Down 8. I Wanna Go To Machu Picchu Before I Die 9. If You're Not Happy You Should Go 10. Killing Me With Kindness 11. Face The Music 12. A Long Way http://danvapidandthecheats.com/ www.facebook.com/DanVapidAndTheCheats

Live di Dan Vapid


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dan Wilson


Nessun evento trovato in archivio


DANA FUCHS


Dana Fuchs band Cantante, compositrice e attrice, Dana Fuchs ha una presenza scenica dirompente, una voce possente ma capace delle modulazioni più dolci, rude intensità, una vocalità appassionata e testi diretti e onesti: con forti radici nel blues, gospel e rock, la cantante di New York lascia il suo pubblico senza parole ad ogni suo passaggio. La sua reputazione di artista da vedere "live" ha indotto i produttori del musical di Broadway “Love, Janis” a sceglierla come cantante principale nel ruolo di Janis Joplin. Lo spettacolo è stato un successo strepitoso e le ha fatto conquistare numerosissimi fan, tra i quali la famosa regista Julie Taymor (”Frida”) che l'ha selezionata tra i protagonisti di “Across the Universe”, il film dedicato ai grandi successi dei Beatles, dove interpreta il ruolo di Sadie, l'aspirante rock star, e dove anche Bono degli U2 fa un piccolo cameo.

 Nel 2008 pubblica l'album “Dana Fuchs Live in NYC” dove presenta una serie di brani blues e roots-rock tratti dal suo cd di debutto indipendente “Lonley for a longtime”. Il dvd omonimo mostra l'increbile talento dal vivo registrato nei 3 show consecutivi, tutti sold out, al leggendario club New York's BB King. Ha suonato e supportato leggende del blues e del rock come Joe Cocker, Ray Davies (The Kinks), Dickey Betts (The Allman Brothers), Bob Weir (Grateful Dead). Il 21 Marzo 2011 è uscito “Love To Beg”, il suo nuovo strepitoso disco di inediti, a seguire una lunga tournee estiva, che toccherà anche i più importanti rock e blues festival italiani. “L'entrata di Dana Fuchs è una cosa strepitosa e il suo talento è immenso” Billboard Magazine “… a sultry, more emotive Janis Joplin backed by a higher-energy version of the Rolling Stones... Rock 'n' Roll doesn't get any better.” – Stereophile Magazine Annual “100 Discs to Die For” Issue “Dana Fuchs just sings like a bastard!” – New York Press “A voice that is sultry and astonishingly boundless” – The Village Voice . www.danafuchs.com www.myspace.com/thedanafuchsband

Live di Dana Fuchs


Nessun evento trovato in archivio


DANA GILLESPIE & MIKE SPONZA


Una vita dedicata alla musica, nell'ambito del blues, ma non solo. Dana infatti ha iniziato la sua carriera nell'ambito della musica folk ancora giovanissima, e dopo varie esperienze, film e teatro compresi, Dana entrò a far parte della corte di David Bowie e di Bob Dylan ed iniziò la sua collaborazione con Andy Warhol. Alla fine di questo periodo, Dana decise che il campo del blues offriva maggiori opportunità per una cantante non piú adolescente. Inizia così la sua fortunatissima carriera di blues woman, con cui si è guadagnata a pieno titolo la definizione di “Queen of British Blues”. Negli anni Dana Gillespie diviene una delle piú apprezzate cantanti in Europa, una delle poche chiamate ad effettuare tournée anche in America. Dana Gillespie è accompagnata dal bluesman italiano Mike Sponza, che ancora una volta dà prova della sua poliedrica personalità artistica. www.dana-gillespie.com

Live di Dana Gillespie & Mike Sponza


Nessun evento trovato in archivio


DANAMASTE


Un disco che continua a far parlare molto bene di sé, a riprova di una stima consolidata, guadagnata nel tempo, di pubblico e critica, che li colloca “ fuori dal tempo”, sganciati dalle mode e dai trends, quasi in una realtà musicale parallela. “Musica ovunque”, recita un brano dell'album, viaggio all'interno delle vicende di numerosi personaggi, in cui la band scardina i canoni del rock, mescolando il progressive degli anni Settanta e il math dei Novanta, lavorando sulla stratificazione sonora e su una viscerale sperimentazione di musica e testi. Dal vivo la band ipnotizza per i continui cambi di registro, potenza e ricchezza dei suoni. Di sicuro un live che non si dimentica facilmente. Streaming dell'album http://snd.sc/11q6x4A I make records Francesco Tedesco | Label Manager [+39] 346.6299497 - 392.3040468 info@imakerecords.it www.imakerecords.it

Live di Danamaste


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dance Brazil


Nessun evento trovato in archivio


DANCE FOR BURGESS


I quattro Dance For Burgess si aggregano nel caldo agosto 2008 in una cantina immersa nei sobborghi boschivi al di fuori delle rassicuranti mura di una cittadina della Toscana. Il loro genere può essere definito un miscuglio di suoni concreti alla Edgar Varèse mischiati ad una scarica di post punk e noise graffiante. www.myspace.com/danceforburgess

Live di Dance For Burgess


Nessun evento trovato in archivio


DANCE GAVIN DANCE


In a video interview done by Hardtimes.ca on March 11, 2008, drummer Matt Mingus states about the Self-Titled album (prior to recording) quote: "We have a lot more timing on this next album which will include quote on quote, special effects and more time spend on guitars, percussions and vocals."[4] On April 20, 2008[4] Dance Gavin Dance entered the studio to record their self-titled album, which was released on August 19, 2008.[5] The album was SmartPunk.com's "Smartpick of the Month" of August 2008, and the website offered a stream of the entire album from August 17 to August 20.[6][7][8] Two original members, Jonathan Mess and Eric Lodge, have also recently left Dance Gavin Dance. They left the band abruptly after recording the self-titled album. There were no formal announcements from the band citing why Jonathan and Eric left the band. Jonathan Mess is currently attending school and has recently recorded guest vocals for the song "Look Mom I'm on TV" by Mozart Season. Jon Mess also annouced on his twitter than he will be recording a solo project. In Dance Gavin Dance, Will Swan (Guitar) took up screaming duties, and Jason Ellis (formerly of Five Minute Ride) replaced Eric on bass. The band filmed a music video for the song "Me and Zoloft Get Along Just Fine" with Director Robby Starbuck. It was released November 18, 2008. Bassist Jason Ellis recently left the band to finish schooling but is on their new record, "Happiness" and was replaced by Tim Feerick. www.myspace.com/dancegavindance

Live di Dance Gavin Dance


Nessun evento trovato in archivio


DANCE WITH THE BEAR


L'amore esiste anche tra animali, e con l'amore anche la gelosia e il tradimento. Questa la chiave del videoclip ufficiale di "I Love You Bears" realizzato dal duo di giovani creativi romagnoli Studio TAAG. Un progetto che si ispira alle opere di Spike Jonze, Andrew Douglas e Adam Berg e che dimostra un perfetto connubio con la miscela di rock duro ed elettronica sporca proposta dai Dance With the Bear. www.facebook.com/pages/Dance-With-The-Bear

Live di Dance With The Bear


Nessun evento trovato in archivio


DANCEHALL CALLING


DanceHall Calling applica il metodo del DubSet (mixaggio in diretta su canali separati) al genere DanceHall, per uno spettacolo che offre un'ampia gamma di stili, dalle tunez ragamuffin di Mark-one, inna pure style and fashana, alle liriche conscious di Rankin'Alpha, singer dei Dubital, fino allo stile innovativo di NicoRoyale e kalafi, nuove leve della scena DanceHall, tutto su Riddims prodotti dal duo B-Dub (Mark-one e Matteo Magni) e mixati in diretta dal migliore allievo di Mad Professor Matteo Magni gia' Dubital. Di solito ai 4 MCs di base si aggiungono preziosi "featuring" di altri MCs locali. www.myspace.com/dancehallcalling

Live di Dancehall Calling


Nessun evento trovato in archivio


DANCING KNIGHTS


REPERTORIO Brani tratti da: Nursery crime Foxtrot Selling England by the pound The lamb lies down on Broadway A trick of the tail Wind and wuthering La particolare conformazione della lineup (con doppio tastierista e doppio chitarrista), unita ad una ricerca maniacale delle sonorità originali, ci consente di proporre dal vivo gli arrangiamenti che si trovano negli album registrati in studio, dando origine ad inedite versioni live. Roberto Boccardo:vocal, guitar Andrea Borella:drums Alessandro Forti:keyboards Carlo Matteucci:bass, ac.guitar Mauro Morgia:keyboards Guido Voliani:lead guitar www.dancingknights.com www.myspace.com/dancingknights

Live di Dancing Knights


Nessun evento trovato in archivio


Live di Dangermouse


Nessun evento trovato in archivio


DANI MALE


Mi chiamo Dani Male e sono un cantante/musicista impegnato nell' Asociale. Nel 2007 ho registrato con Pyl (Cynic Lab, Jagannah) il caleidoscopico “EP del Male”, un cd masterizzato contenente i miei primi esperimenti in bassa fedeltà. Nell' Aprile del 2010 vede la luce “Trauma Turgido”, il mio primo album solista, autoprodotto e registrato da Dj Cecc. Il “Trauma Turgido” riceve un buon riscontro sulla stampa e le webzine e quindi vende pochissime copie! Dopo un anno, nell' aprile 2011 esce “Facci Male” (Cynic Lab records) split con Antonio Facci Tosatti aka Poeta Menarca, esponente controverso e (in)credibile dell'underground modenese. Sempre in quel periodo , stanco dei soliti live, incomincio a fare concerti in veste one-man-bed , sdraiato su un materasso, diventando così l'Uomo Materasso; Entrare nella dimensione più intima – notturna – ed espellere esclusivamente naturalezza e autenticità, senza recite, divisioni gerarchiche, cabaret o pulsioni poser: questo è il one-man-bed, è antiestetico, come me, ovvero come l'Uomo Materasso. Il 30/11/2011 esce “La Mitomania” su Musica Sbagliata rec. e viene accolto ancora meglio del precedente da critica e fans, facendo aumentare il mio conto in banca e il numero di groupies. www.musicasbagliata.it www.soundcloud.com/dani-male

Live di Dani Male


Nessun evento trovato in archivio


DANI SICILIANO


Dani Siciliano / Slappers Il nuovo disco della signora Herbert (col marito che sta in regia e al quale è dedicata l'ultima traccia “Be my producer”) arriva a poche settimane di distanza da “Scale” e, come per quell'album, ad un primo ascolto sembra più leggero dei precedenti lavori della coppia. Il mix di campionature, le più strampalate e genialoidi, consuetudine degli album di famiglia, in questo nuovo Slappers si fa più fruibile e fluido o forse, semplicemente, ci appare tale essendo ormai abituati alle spigolose sonorità delle loro produzioni. Il successo del precedente “Likes…” (K7!, 2004) ha fatto di Dani Siciliano un'artista completa, un'autrice che non si accontenta di essere semplicemente la voce nei dischi del compagno ma che desidera dire la sua in maniera completa e precisa. Sicché anche questo disco è un lavoro che si sviluppa su trame elettroniche di eccellente matematica che hanno la capacità di inerpicarsi nel cuore e nell'anima per l'intensa interpretazione che ne da la sua autrice. Quello che vi aspetta è un succulento piatto di laptop music, intrisa di glitch e melodia che Siciliano riesce a trasportare in musica come pochi altri. Il merito è sicuramente anche della sua vocalità, tra le più interessanti e personali dell'attuale panorama elettronico, che riesce ad essere soul, jazz e rock nello stesso momento. Accenni alla musica da ballo di ogni epoca (dalla Disco alla House, dalla Techno all'Acid Jazz) si alternano alle personali letture della musica elettronica più colta, con riferimenti tanto a Ligeti e Cage, quanto a Eno e Sakamoto. Ciò che ne risulta è un concentrato miracoloso di puro pop d'autore, fatto per l'anima ed il cuore prima ancora che per le classifiche di vendita. L'esplosione Blues di “Why Can't I Get You High?" e gli interludi Soul di "Too Young" o le dolci sarabande di “Repeats”, lasciano intravedere il rispettoso amore che Dani ha per la musica nera senza rinunciare al gusto di passarli per un filtro informatico privo di pregiudizi e che li restituisce come pezzi di musica totalmente privi di rimandi storici o nostalgici. L'album si dipana tutto su queste tematiche, portando a casa un delicato sapore di avanguardia mista a canzone come nemmeno Laurie Anderson è più in grado di regalarci da molto tempo. Un album che lascia senza fiato per l'ardire di alcune soluzioni produttive e che fa battere il piedino a tempo in più di qualche occasione. Un intenso bordello sonoro inzuppato nel miele e nel sesso, nel sudore e nell'anima che ci lascia a bocca aperta a scoprire, di momento in momento, quale deliziosa genialità si nasconda nella successiva misura armonica. Probabilmente una delle migliori produzioni degli ultimi anni che non mancherà di appassionare i fedelissimi senza lasciare indifferente anche un nutrito numero di nuovi adepti. www.dani-siciliano.com

Live di Dani Siciliano


Nessun evento trovato in archivio


DANIEL ANGELINI


Daniel Angelini è stato il primo musicista in Italia ad aver portato la musica dal vivo nei pub, grintosa, coinvolgente, internazionale, ritagliandosi uno spazio negli allora nascenti locali alternativi alla discoteca. Ex chitarrista di Ivan Graziani, vanta nel suo carnet numerose collaborazioni con artisti internazionali. La musica dal vivo suonata davvero, sia nella classica versione Folk, con chitarra acustica, voce e armonica; Sia nel duo acustico con Matteo Agostini alla chitarra, al basso e alla voce. E nella versione Trio, dove si aggiunge alla batteria e alla voce il figlio Donatello. La band si muove dalle atmosfere del Blues elettrico, passa per il Rock’n Roll, accarezza i più significativi cantautori italiani (De Andrè, Battisti, Gaetano, lo stesso Graziani….) senza tralasciare i gruppi fondamentali quali Beatles, Rolling Stones, Beach Boys ecc…. ogni serata è diversa dall’altra, dove il must è: divertire divertendosi! Contatti: 3478701060 danangel@interfree.it

Live di Daniel Angelini


Nessun evento trovato in archivio


DANIEL CARTER


Il sassofonista Daniel Carter fu uno dei tanti protagonisti dimenticati e sfortunati (per occasioni mancate e reticenza dei produttori) dell'ultima stagione del free-jazz e come altri (vedi Arthur Doyle, recuperato una prima volta in epoca no-wave, o Charles Gayle che vide uno studio di registrazione solo a fine decennio 80) negli anni bollenti della new thing registrò pochissimo, giusto un paio di comparsate in album di Gunther Hampel e Bob Moses, e siamo già nei 70. Come i vecchi bluesman, Carter è come non fosse mai stato giovane, e meno male che nei 90 l'hanno voluto con loro William Parker e Matthew Shipp. Così il suo nome ha ricominciato a circolare e negli anni 00, oltre a rientrare a pieno titolo nel giro dell'improvvisata che conta, ha flirtato con l'indie-rock e il weird-folk, impreziosendo dischi di Yo La Tengo e Soul-Junk e contribuendo a un intero album di Wooden Wand & the Vanishing Voice (”Gipsy Freedom”). www.myspace.com/musicartscienceliterature

Live di Daniel Carter


Nessun evento trovato in archivio


DANIEL EZRALOW


L'arte coreografica di Daniel Ezralow si fonda su un'idea di danza fatta di divertimento, agilità, sorpresa, leggerezza, coinvolgimento diretto del pubblico, utilizzo emozionale delle tecnologie visive più all'avanguardia. Sono questi gli elementi che hanno reso le sue coreografie veri e propri "eventi" mediatici. Teatro, cinema, televisione, musica, moda, sport, pubblicità: non c'è interpretazione dell'arte del movimento, e in generale della comunicazione visiva, che non sia stata sperimentata da Daniel Ezralow e dal suo straordinario talento. Parte da qui il suo nuovo spettacolo "Open", un'originalissima selezione del repertorio di coreografie create nella sua lunga carriera e oggi reinterpretate per il palcoscenico utilizzando come colonna sonora indimenticabili melodie di celebri brani di musica classica. Il percorso professionale di Daniel Ezralow lo vede come ballerino professionista nella compagnia di Paul Taylor e fra i fondatori delle compagnie Momix e Iso (per la quale è ballerino solista, coreografo e direttore). Ha creato coreografie originali per numerose compagnie internazionali fra le quali The Paris Opera Ballet, Hubbard Street Dance Chicago e Batsheva. Lo spettacolo multimediale Mandala (1999-2002), diretto, coreografato e ballato dallo stesso Ezralow, è andato in scena in tutto il mondo ed è stato recensito come il lavoro di un "genio moderno".

Live di Daniel Ezralow


Nessun evento trovato in archivio


DANIEL GIVENS


Daniel Givens in concerto A seguito del capolavoro "AGE" (disco dell'anno 2001 per il magazine Blow Up) il nuovo "DAYCLEAR & FIRST DARK" non tradisce le aspettative: Daniel Givens si conferma un artista completo (mc, produttore, giornalista...) e ancor più poeta-accusatore di una società violenta e sessista. Il nuovo disco esce per la prolifera Aesthetics Records (L' Altra, Pulseprogramming, Hood...) e vede tra gli ospiti L. Lamide (Majesticon), Semay Wu (Homelife) e Matana Roberts (AACM). Un disco importante e complesso, fortemente inspirtato da Sun Ra, Arthur Russel, Tony Williams.

Live di Daniel Givens


Nessun evento trovato in archivio


DANIEL HIGGS


Quarantaquattro minuti attraversati da un afflato mistico ed insieme primitivo, nobile e selvaggio, vitale e funereo. Una chitarra acustica, un banjo ed uno scacciapensieri assecondano gli umori di un musicista inquieto e bizzarro qual è Daniel Higgs, ex(?) leader e poetico declamatore nei Lungfish, storica band post-punk di casa Dischord, che nell'ultimo decennio ha intrapreso un'interessante carriera solista pervasa dai suoni del vecchio Delta, lontana, tuttavia, da qualsivoglia stereotipo. Higgs utilizza gli strumenti in modo quasi primitivo, corporeo, strappa alla chitarra note come uno sciamano spilla il proprio sangue in un sacrificio rituale, evita accurati sistemi di registrazione, incide, spesso, con forte saturazione e brutalmente lo-fi. Ne viene fuori una musica che vive di forti contrasti, grezza e raffinata, sgangherata e composta ad un tempo. L'apertura, livida, di "Living In Kingdom Of Death" è il capolavoro dell'intero album. Il brano procede per magnifica inerzia tra lenti e secchi arpeggi di chitarra acustica ed una voce che si insinua salmodiante tra questi raccontando le proprie ossessioni religiose, aspirazioni salvifiche e redentorie. Le intricate e sinuose armonie per banjo di "Thy Chosen Bride" ed il profondo drone del raga "Are You Of The Body?" evocano lo spirito del nume tutelare John Fahey di cui Higgs sembra possedere la stessa curiosità nel voler sperimentare trai generi. Il musicista di Baltimora sceglie, tuttavia, la strada di un minimalismo estremo, quasi lancinante nel voler scarnificare il reale e mostrarne la carcassa. Si ascolti, a tal proposito, la scheletrica "Moharsing And Schoenhunt", l'episodio più eccentrico dell'intero lavoro, un claudicante viaggio per tasti di piano giocattolo pestati con ottusa veemenza ed abrasivi suoni di jew's harp. Quelle di Higgs, sono apparentemente canzoni fatte di nulla ma che possiedono un'intensa carica visionaria: un song writing ed un'esecuzione del tutto personali a rendere l'idea di un uomo che parla di sé, della propria intimità e spiritualità ("Time-Ship Of The Demogorgon").. www.kranky.net www.dischord.com

Live di Daniel Higgs


Nessun evento trovato in archivio


DANIEL JOHNSTON


Daniel Johnston, in arrivo la soundtrack di Space Ducks Uscito lo scorso anno come libro illustrato Space Ducks: An Infinite Comic Book of Musical Greatness, opera prima su carta stampata (in senso tradizionale) di Daniel Johnston, uscirà il 22 aprile sotto forma di colonna sonora. Cosa strana per un libro, ma certamente una sorpresa gradita visto che la tracklist comprende anche nuove canzoni di Unknown Mortal Orchestra, Jake Bugg, Eleanor Friedberger e Fruit Bats, oltre a ben sette tracce inedite del musicista statunitense. Tutti i brani ruotano ovviamente attorno al tema di Space Ducks, anche se l'esperienza del libro non si ferma al disco di cui vi stiamo parlando: ad accompagnare i lettori c'è anche un'applicazione iOS ambientata nell'Outer Space World of Ducks and Devils, con giochi, voci, animazioni, video dal fumetto e contributi di alcuni importanti musicisti da sempre fan di Daniel. Space Ducks, prima pubblicazione a nome Daniel Johnston da Beam Me Up! del 2010, uscirà su Feraltone il 22 aprile, anticipata da un'edizione limitata disponibile solo in occasione del Record Store Day. La pubblicazione fisica della colonna sonora includerà una versione adattata del fumetto in 24 pagine. http://www.hihowareyou.com

Live di Daniel Johnston


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daniel Levin


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daniel Matej


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daniel Menche


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daniel Meteo


Nessun evento trovato in archivio


Daniel Powter


Canadese d'origine, Daniel Powter è un autore e compositore di pop music che conosce la notorietà nei primi mesi del 2005. Una curiosità: la protagonista femminile di "Bad Day" è Samaire Armstrong, interprete della celebre serie televisiva "O.C." nel ruolo di Anna Stern. Il suo primo album completo, l'omonimo "Daniel Powter", è programmato nei negozi per l'estate 2005, e promette di mettere in risalto la bravura del giovane pianista canadese, il cui successo nasce però in Francia e in breve tempo si estende all'airplay e alle classifiche di vendita. Daniel dimostra di essere un brillante compositore e interprete di musica pop nel senso più positivo del termine, con brani easy ma non banali, intense ballate romantiche alternate a gioiosi e scanzonati party track. www.danielpowter.fr - SUONA: 5/6 MILANO Magazzini Generali

Live di Daniel Powter


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daniel Stefanik


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daniela D'ercole


Nessun evento trovato in archivio


DANIELA DIAKOVA


Daniela Diakova: ovvero la lirica zingara. Esce il nuovo cd della collana Arpa/Sensible Records. La cultura musicale rom non è fatta solo di brass band e violini tzigani: il lavoro della cantante Daniela Diakova fotografa un’esperienza più intima, ma altrettanto importante. Trent’anni, nata nel sobborgo zingaro di Slive (città bulgara alle pendici della Stara Planina e importante centro agricolo e tessile), proviene da una famiglia di musicisti. Il bisnonno e il nonno sono stati compositori e abili strumentisti (dalla chitarra al violoncello, al piano), il padre è un valente violinista e numerosi altri zii e cugini suonano in orchestre più o meno importanti. Cresciuta accanto alle note musicali Daniela sviluppò fin da bambina un’attitudine naturale per il canto. La sua famiglia decise allora che sarebbe valsa la pena di fare sacrifici e mandare la figlia a studiare canto lirico nella capitale, a Sofia. Qui Daniela debuttò nella parte di Cherubino, nelle “Nozze di Figaro” di Mozart, all’Accademia d’Arte Lirica. Da allora Daniela ha iniziato una promettente carriera di mezzosoprano, continuata all’Accademia di canto lirico di Osimo (Ancona). Da qualche mese Daniela Diakova, non canta più solo la ninna nanna alla figlia di tre anni: ha ripreso vecchie composizioni del nonno, che rilegge con una postura da mezzosoprano. Melodie uniche, del tutto sconosciute e così facilmente riproducibili ed orecchiabili, dense di una semplicità attiva e rimaneggiata dal brio creativo di musicisti atipici. Con Daniela Diakova nasce la …lirica zingara.

Live di Daniela Diakova


Nessun evento trovato in archivio


DANIELA MERCURY


DANIELA MERCURY - Abbracciata al suo idolo di sempre, Caetano Veloso, Daniela Mercury ha scosso il pubblico brasiliano e romano assiepato sotto il palco di Piazza Navona per la celebrazione dei 500 anni della scoperta del Brasile. I due artisti hanno cantato insieme "Brazil" di Ary Barroso, il moderno inno nazionale che ha garantito il successo mondiale di una musica popolare di altissima fattura. Con la sua ricetta di 'axe-music', (un misto di samba, forro, rock, frevo e reggae) alimentata da una naturale sensualità, l'artista che proprio in questi giorni compie 35 anni, ha conquistato tutti grazie ad una voce potente che ha appassionato i Braziliani di Bahia, di San Paolo e di tutto il Brasile. Tra i suoi fan più appassionati ci sono lo scrittore Jorge Amado e Diego Armando Maradona, ma anche musicisti come Joao Bosco i quali rivendicano per lei il potere esorcizzante dei ritmi afro delle scuole di Salvador di Bahia messe in luce da gruppi storici come gli Olodum con i quali Daniela Mercury ha iniziato a cantare alla metà degli anni Ottanta prima di entrare nella formazione dei Companhia Clic, un gruppo col quale ha registrato due album. La sua carriera è stata fulminante. Dal debutto solistico di "Swing da cor", un fortunato album che, nel 1991, le ha aperto le porte delle multinazionali discografiche, a "O canto da cidade", "Mùsica de rua" e "Feijao com arroz", dischi venduti a milioni di copie negli anni Novanta e condensati nel bel live "Eléctrica" del 1998. Le radici africane dei ritmi bahiani sono sempre state evidenti nella musica della Mercury grazie alla continua frequentazione delle scuole di danza di Salvador. Lì ha imparato a muoversi con la sensualità che la caratterizza. Lì ha conosciuto l'arte vocale di Elis Regina, il suo mito in assoluto. Per il nuovo disco, "Sol da libertade", ha composto una canzone anche Caetano Veloso, mentre Milton Nascimento è ospite nella title-track.- www.danielamercury.art.br - SUONA: dom 25 giu 2006 MILANO LATINOAMERICANDO lun 26 giu 2006 ROMA FIESTA

Live di Daniela Mercury


Nessun evento trovato in archivio


DANIELA PEDALI


Daniela Pedali è una giovane cantante pugliese, nata il 12 febbraio 1978 a San Pietro Vernotico in provincia di Brindisi. Anche per lei la passione per la musica nasce molto presto, sin da bambina, quando entra a far parte del coro della sua parrocchia e, successivamente quando mette in mostra la sua splendida voce da solista. Daniela si diploma in ragioneria, ma i suoi anni scolastici passano con l'ascolto di tutti i tipi di musica da quella italiana, alla black music, dal soul all'R&B. I suoi miti sono le grandi donne della musica americana come Withney Houston, Aretha Franklin, Mariah Carey. Per Daniela la musica inizia piano piano, a diventare un lavoro, grazie a diverse esibizioni in diversi clubs e discoteche pugliesi, in più partecipa costantemente a numerosi concorsi regionali e nazionali, vincendoli tutti. La grande occasione per Daniela arriva con l'incontro di uno dei più importanti autori e produttori italiani, ovvero Angelo Valsiglio, autore e produttore dei primi album di Laura Pausini, contenenti tra gli altri "La solitudine", "Strani Amori", del primo italiano di Ivana Spagna, contenente la hit "Gente come noi", ecc. Grazie alla notorietà e all’esperienza di Valsiglio, Daniela inizia a frequentare diversi studi di registrazione, apprendendo le tecniche della respirazione e componendo i suoi primi testi. Partecipa a Destinazione Sanremo raccogliendo applausi e consensi sia dal pubblico che dalla giuria per le sue interpretazioni che ricordano senza possibilità di smentita, la grande Whitney Houston. Daniela vince tutte le fasi del programma con un brano inedito "Salvami" scritto per lei da una delle più grandi autrici americane Diane Warren (Madonna, Celine Dion, W. Houston, Destiny's Child, Tony Braxton, ecc) dopo che Valsiglio le aveva fatto ascoltare la sua voce. Solo Giorgia ha avuto questa grande opportunità. Daniela accede così di diritto al 53° Festival della Canzone Italiana di Sanremo, dove si presenta con "Vorrei" un brano in linea con la tradizione della canzone italiana, ma con un arrangiamento dal respiro internazionale, scritto e prodotto da Valsiglio. "Vorrei", ottiene un enorme consenso da parte del pubblico e delle radio arrivando ad essere infatti nella classifica del Music Control, il primo brano nella categoria dei giovani e il sesto nell'intera classifica dei brani sanremesi (Big – Giovani), consenso che è continuato durante l'estate con il suo nuovo singolo "Mama" che ha confermato la sua ascesa portandola ad essere definita la "rivelazione" del Festival stesso. E' stata così protagonista in tutti i network radiofonici e nei vari programmi televisivi andati in onda l'estate, e il suo video clip è stato trasmesso da tutte le televisioni musicali italiane. Il 2005 si rivela per lei un anno molto importante. Pubblica “Amore”, il suo primo album in lingua spagnola, in America latina dove ottiene grandi consensi di critica e di gradimento da parte del pubblico, tanto da entrare stabilmente nella top 20 dei singoli più venduti con “Quisiera” (salito alla quindicesima posizione), che nella versione remix è arrivato al n. 2 della classifica dance. Definita quindi dalla stampa “la nuova diva italiana”, viene invitata ad esibirsi al mitico Madison Square Garden di New York, dove conquista letteralmente tutti i presenti, tra cui un’entusiasta Alicia Keys che ha voluto conoscere e complimentarsi personalmente con l’artista italiana. Per quanto riguarda l’Italia, nell’estate 2005 il singolo “Un giorno avrò”, seguito a gennaio da “Quando ami qualcuno”, entrambi con ottimi riscontri radiofonici e nelle classifiche di vendita ufficiali, anticipano l’uscita del nuovo album “Il Rispetto”, pubblicato a febbraio su etichetta Vivi Records/Self. Una grande voce su sonorità RnB e soul, che non tralasciano mai un pizzico di melodia più italiana unita a ritmi innovativi, fanno di questo album dall’anima black un progetto di grande pop internazionale, anche grazie alle collaborazioni, tra cui quella con la star mondiale dell’hip hop Jaz-O. www.myspace.com/198628157

Live di Daniela Pedali


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE BRUSASCHETTO


DANIELE BRUSASCHETTO [Mezza Luna Piena] Diciamocelo chiaramente e fuori dai denti, senza remora di offendere chicchessia e senza doversi vergognare di nulla: se in Italia Bugo ha avuto il successo che ha avuto e se nel Mondo Devendra Banhart ha avuto e continua ad avere tutto il successo che ha avuto allora Daniele Brusaschetto dovrebbe aver già raggiunto, da tempo, uno status decisamente superiore ai due musicisti appena citati, già solo per il fatto che la scrittura strumentale di Brusaschetto è mille anni luce avanti rispetto alla loro. E lo faccio ricordando, innanzitutto, che '[Mezza Luna Piena]' è la sua quinta opera e che con ognuna egli ha sempre saputo mutare ed evolvere, mantenendo, anzi, accentuando, una propria peculiare identità, ormai nettamente distinguibile. E poi diciamo pure che Brusaschetto può essere considerato, senza esagerare, l'unico (di certo nostrano, e uno dei pochi, comunque, nell'universo conosciuto) cantautore “obliquo” ad essere pienamente e totalmente calato nella realtà odierna (delle parole e dei suoni; ed è l'abbinamento dei due a renderlo così “alto”). Chi continuerà ad ignorarlo continuerà a farsi del male - www.danielebrusaschetto.com www.facebook.com/danielebrusaschetto

Live di Daniele Brusaschetto


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daniele Dall'omo


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daniele De Michele


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE DI BONAVENTURA


“Nadir è il mio primo doppio album che racchiude tutto il mio mondo espressivo. Il primo disco in quartetto è il frutto del lavoro di 8 anni passati insieme con i miei vecchi amici Marcello Peghin, Felice Del Gaudio e Alfredo Laviano. La nostra è una musica che , pur nel suo essere una proposta di confine, all'incrocio tra etno e jazz, tra folklore e improvvisazione, “arriva” e comunica emozione, lontano da ogni arido manierismo e intellettualistico sperimentalismo. Il secondo disco in trio è “il” lavoro che desideravo da tanto realizzare da quando nacqui come pianista, e grazie alla sensibilità di Yuri Golubev e U.T.Gandhi ho potuto realizzarlo. La musica e le composizioni di questa session di registrazione rappresentano le fondamenta di tutta la mia poetica musicale che poi ho trasposto più tardi al bandoneon. Non avrei mai pensato di realizzare un doppio album in cui svolgo la funzione di bandonenista in un cd e pianista nell'altro se non ci fosse stato Paolo Fresu a crederci e a spingermi a farlo.” www.danieledibonaventura.it www.facebook.com/daniele.dibonaventura.5

Live di Daniele Di Bonaventura


Nessun evento trovato in archivio


Live di Daniele Di Maglie


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE D’AGARO


Daniele D'Agaro si é formato musicale in Olanda dove ha fatto parte delle sue più rappresentative formazioni per 16 anni. Attualmente vive in Friuli, si esibisce regolarmente negli Stati Uniti con il suo quartetto americano "Chicago Overtones". In Italia, oltre a diversi suoi progetti, dirige il Tempest Trio (con Han Bennink & Bruno Marini organo Hammond ) e suona il clarinetto in diverse formazioni del pianista Franco D'Andrea.

Live di Daniele D’agaro


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE FARAOTTI BAND


“ Canzoni in Salita “ , il secondo album di Daniele Faraotti Band esce per Bombanella Record. Distribuito da Audioglobe e con Abuzz Supreme come ufficio stampa. A tre anni di distanza da “ ciò che non sei più “, il loro fortunato esordio discografico , DFB mischia le carte e tira dritto. Premio speciale della giuria al concorso “ A. Daolio “ di Sulmona ( 2005 ). Primo premio al “ Trofeo Wolf “ di Bologna ( 2010). Una particolare alchimia tra indie , rock , progressive e altre influenze eterogeneamente elaborate è la sommaria descrizione del loro stile – essenziale dal vivo,trova in studio altri spunti per ampliare e deragliare inaspettatamente verso altri suoni – lo studio di registrazione fornisce altre idee per sperimentare altri ascolti , mentre la varietà sembra essere il filo conduttore alla produzione – a tratti eclettico e fuori dagli schemi , guarda alla canzone come ad una forma ideale , dove , nel rigore dei 3/4/5 minuti , sentirsi liberi – liberi di farla suonare , possibilmente sempre nuova. Etichetta : BOMBANELLA RECORD Distribuzione : AUDIOGLOBE Ufficio stampa : ABUZZ SUPREME Siti : www.facebook.com/bombanellarecord www.myspace.com/abuzzsupreme contatti : bonzerbooking@gmail.com andrea@abuzzsupreme.it +39 340 8542207 + 39 349 7141531 www.danielefaraottiband.com www.myspace.com/danielefaraottiband www.facebook.com/danielefaraottiband

Live di Daniele Faraotti Band


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE FERRETTI


DANIELE FERRETTI, nato ad Ascoli Piceno e residente a Sant’Egidio alla Vibrata in provincia di Teramo, ha 26 anni e da quasi tre vive a New York dove collabora con artisti di fama internazionale come Milton Nascimento, Romero Lubambo, Mike Stern, Stanley Jordan, Marco Panascia, Adriano Santos, Mike Ekroth, Nick Russo, Misha Pitagoroski, Manu Koch, Elin, Gio', Itaguara Brandao, Joice e Roberto Tarenzi. La scelta della “Grande Mela” per Ferretti arriva dopo i primi studi al pianoforte e quelli per chitarra, sia classica che elettrica. Studi che gli permettono anche di capire quale siano i generi a lui più congeniali, la bossa nova e il jazz. Durante le esibizioni italiane con il gruppo I Terra Latina comprende che ha bisogno di approfondire questa sua passione e vola negli Stati Uniti d’America dove approda, solo qualche giorno fa, su quel palcoscenico che prima di lui ha ospitato negli anni Toots Thielemans e Billy Joel, Pat Martino e John Scofield, Oscar Peterson, Chick Corea, B.B. King e non ultimo un altro musicista italiano, Giovanni Allevi. Daniele Ferretti nella sua performance newyorkese ha avuto occasione di accompagnare la cantante svedese Elin Ruth Sigvardsson. L’uscita di un suo cd è prevista nel corso di questo stesso anno.

Live di Daniele Ferretti


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE FRANCHI TRIO


A diciotto anni si diploma con il massimo dei voti al CPM di Milano, all'interno di questa struttura ha l'onore di accompagnare vari artisti tra cui Daniele Silvestri. In seguito approfondisce gli studi con Paolo Bonfanti, Pietro Nobile ed Alessio Menconi. Nel 2009 affronta il tour italiano del musical "AIDA" con le musiche di Elton John e nello stesso anno entra a far parte della band "Zibba&Almalibre" con la quale incide il disco "Una cura per il freddo"; apre i concerti di Jack Bruce, Robin Trower, Gary Husband, Africa Unite, Vinicio Capossela ecc.. Inoltre con gli Almalibre partecipa al "Premio Tenco 2011" all'Ariston di Sanremo ed al programma in onda su Rai3 "Parla con Me". Attualmente è all'attivo con il "Daniele Franchi Trio" composto da Davide Medicina al Basso ed Andrea Tassara alla batteria proponendo un repertorio sofisticato tra il Blues, il Rock e varie influenze che fanno parte del suo background. Porta live in tutto il nord italia anche il suo progetto in SOLO caratterizzato dall'alternanza di atmosfere intime e suggestive a rivisitazioni di brani rock/blues. A Settembre di quest'anno viene premiato dal Beigua Blues Festival con il premio "Blues for youth" come artista che si è distinto nell'ambiente musicale ligure nel 2011. Con l'inizio del 2012 uscirà il suo primo DISCO con la collaborazione di Paolo Bonfanti e Guitar Ray and the Gamblers e Francesco Piu, Sean Carney. http://www.danielefranchi.it/

Live di Daniele Franchi Trio


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE GROFF


Il piu' grande rappresentante italiano del sound britpop, autore di successi come "Daisy", "Sei Un Miracolo", "Anna Julia", "Adesso", "Everyday", "If You Don't Like It" e nell'estate 2007 "Prendimi", si presenta per una serie di concerti unplugged in duo o trio, nei quali ripercorre tutti i suoi maggiori successi, in un viaggio musicale nei suoi primi 10 anni di carriera. www.danielegroff.com www.myspace.com/danielegroff

Live di Daniele Groff


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE LUTTAZZI


Va’ dove ti porta il clito” è il nuovo spettacolo di Daniele Luttazzi.
 Parodia “pornografica e blasfema” di un bestseller famigerato, satira che fu oggetto di una querelle giudiziaria che si risolse con una doppia vittoria per Luttazzi ( a favore del quale si schierarono i nomi più importanti della critica letteraria: Maria Corti, Guido Almansi, Patrizia Violi, Alberto Bertone, Omar Calabrese ), “Va’ dove ti porta il clito” sottoponeva al vaglio di una critica corrosiva il sentimentalismo melodrammatico e l’insieme arrugginito dei valori sbandierati dal testo originale.
 Il motivo non secondario per riproporre oggi questo esercizio di realismo esplicito, tanto esilarante quanto inquietante, è che il tempo sembra non aver concesso alternative, lasciando l’Italia e gli italiani in una condizione che non può che essere descritta con la una satira violenta. 
Il monologo di Luttazzi ritorna oggi sulle scene a dissacrare i tromboni e le loro verità precostituite con l’intarsio ritmico di associazioni verbali e iconiche che valsero a Luttazzi il plauso della critica, il successo di pubblico e il Premio di satira politica “Forte dei Marmi” 1996. La comicità di Luttazzi è quanto di più vicino alla satira vecchio stile offra oggi l’Italia: impietoso, volgare, fastidioso, ma allo stesso tempo raffinato e tagliente. Luttazzi è una contraddizione, ed è proprio sul sentimento di spaesamento che la sua comicità propone che si gioca lo spettacolo. www.danieleluttazzi.it

Live di Daniele Luttazzi


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE MAGGIOLI


Giuntomi il terzo disco del cantautore romagnolo (riminese) Daniele Maggioli non ho nascosto una certa ebbrezza estiva nel volerlo ascoltare immediatamente, vista la caratura del personaggio in questione, autore di due dischi di canti e musiche di raffinato disincanto al mondo. Il primo disco, 'Pro Loco', rimane ancora un gioiello di ritratti e momenti di vita di Rimini, mentre nel secondo 'Karaoke Blues', Daniele si era voluto forse togliere di dosso l'etichetta di cant(aut)ore della sua città con un deciso cambio di stile. Il disco si apre con il brano che meno mi ha colpito, 'Crepuscolo', ma credo sia il mio unico punto debole verso 'Senza Titolo' perchè la divertente 'Vai Gesù', cronaca stile Ennio Flaiano di una corsa in bici tra Gesù e i due ladroni verso il Golgota, è genio comico. Ottima poi la riedizione di 'Rallentare A Pietracuta', il brano preferito del suo intero repertorio, riarrangiato con fiati swing. Fiati che la fanno da padrone quasi ovunque in particolar modo nel momento migliore del disco, 'Pioggia d'Estate', malinconica ballata di ricordi adatta ad un eventuale canzoniere di Corazzini. Seguono altri sprazzi estivi con adunata di trombe in libertà su 'Piscopanorama' e lo swing anni '30 di 'Resurrezione' in cui ci si pone il sarcastico dubbio: ma l'uomo della pietra in Paradiso chi minchia ha trovato? Il ritorno a 'Pro Locoì è evidentissimo con il folk balcanico romagnolo di 'Viale Regina Elena', in cui si narrano le vicende grottesche di una notte presso una delle decine di pensionicine riminesi. Daniele non ha perso, anzi ha ritrovato, la semplicità della lingua, quella semplicità in cui non mancano mai l'acume, i giochi di parole, le capriole di sintagmi, dimostrando quello che lui stesso pronuncia alla fine di una canzone su questo disco “Io non devo far altro che cantare”. Sì, Daniele, confermo, non devi fare che questo. www.danielemaggioli.com

Live di Daniele Maggioli


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE MALVISI


"L'Anemone" con Daniele Malvisi (sax), Giovanni Conversano (chitarra), Gianmarco Scaglia (contrabbasso), Paolo Corsi (batteria), Marco Pezzola (piano), Paul Dabirè (percussioni), Lorella Serni (voce recitante), Martina Ballotti (voce recitante) e l'Orchestra d'archi diretta da Alessandro Perpich.

Live di Daniele Malvisi


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE MELLANI


“Aspettando il temporale” è il secondo album di Daniele Mellani uscito per la DC Records di Trento. Due tra i brani più significativi per Daniele sono “Canzone per domani” e “Recensione 04”: - “Il primo brano mi ha dato la soddisfazione di vincere nel 2006 la targa per la “miglior tecnica” al Premio Augusto Daolio che si tiene ogni anno a Sulmona. All'epoca l'arrangiamento era piuttosto diverso: al posto della batteria c'erano dei tamburi a cornice, e le tessiture musicali erano affidate al flauto traverso. Per quanto riguarda il testo, è una canzone di speranza. Anzi, meglio, una canzone di attesa, in cui il “domani” diventa rottura che deve arrivare, rinnovamento a venire per cui e in vista di cui si lavora già nell'oggi. Musicalmente è una meditazione in crescendo, svolta sull'ossatura della parte di chitarra acustica. Il secondo “Recensione 04” è un gioco, nato in una notte di poco sonno dell'estate 2004 passata in compagnia di un numero di “Rolling stones: un collage di citazioni, dalla classificazione dei giudizi, alla classificazione dei dischi, a un'intervista di Robert Smith. Al di là del gioco, tuttavia, di fondo c'è un senso di disagio nei confronti della prassi, del tutto consueta e probabilmente entro certi limiti sensata e legittima, di classificare la musica come una qualsiasi merce sugli scaffali di un supermercato immaginario. Per quanto riguarda l'aspetto musicale, ho cercato di rendere la dimensione di “gioco” del testo attraverso l'arrangiamento. In ogni caso la canzone non è una critica agli autori e cantanti di cui parlo”. Nel 2005 ha pubblicato il suo primo disco, "Canzoni Corsare", per una piccola etichetta indipendente, la Interbeat. Il disco è stato accolto da buone ma una in particolare ha scritto: “corona una carriera decennale nell'underground del cantautorato italiano. L'esperienza e la maturità non gli mancano, a cominciare dai testi, impegnati e di forte presa, un continuo dialogo con grandi autori della letteratura, cantati da Mellani con un'impostazione che ricorda a tratti Augusto Daolio e Giovanni Lindo Ferretti. Non c'è dubbio, un valido e promettente esordio” (Rockerilla); “Aspettando il temporale”, attualmente disponibile attraverso i principali canali di distribuzione digitale, è il suo secondo album. Nelle 13 canzoni del disco, di cui è autore e arrangiatore, Daniele canta e suona chitarra acustica ed ukulele, colorando i suoi brani anche coi suoni di synth, armoniche a bocca e kazoo. www.danielemellani.it Myspace: www.myspace.com/danielemellani www.myspace.com/danielemellani

Live di Daniele Mellani


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE NOVA


Tracciate il DNA di Daniele Nova e troverete il percorso diretto che lega questo ventenne - cresciuto a pane e britpop - alle chitarre d'oltremanica di Oasis, Travis e Placebo. Dalla bassa padana di cui è originario al clima piovoso e malinconico del Regno Unito, il passo è breve: la musica possiede lo stesso respiro e le parole affrontano gli stessi temi, anche se in un'altra lingua, la nostra. Senso di alienazione, dichiarazioni d'amore, storie perdute, disagio adolescenziale e storie di ordinaria normalità compongono il microcosmo di Daniele. Dopo anni di gavetta, finalmente tanto slancio creativo ha trovato lo spazio nelle tracce di un album d'esordio: "Cielo Mio...Cielo Tuo". Sopra la testa un universo sospeso di suoni e parole. Su MTV.it tutti gli estratti del disco, più la versione full length del singolo e del video "Cielo Mio, Cielo Tuo" e una chicca inedita tutta da scoprire. - www.danielenova.it - INFO: Barley Arts Promotions - 02/76113055 - Corso Plebisciti 3 - 20129 Milano info@barleyarts.com www.barleyarts.com

Live di Daniele Nova


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE RONDA


L'album “LA RIVOLUZIONE”, pubblicato da JM Production e Bollettino Edizioni Musicali e distribuito da Artist First, sarà disponibile dal 25 marzo nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming ed è anticipato in radio dall'omonimo singolo. Daniele Ronda, cantautore, autore e arrangiatore (ha firmato, tra gli altri, i celebri brani “Lascia che io sia” e “Almeno stavolta” di Nek), nel 2011 ha fatto il suo esordio discografico con l'album "Daparte in folk", inserendosi tra le voci più autorevoli del folk italiano. Il disco contiene duetti con Davide Van De Sfroos e Danilo Sacco (ex cantante dei Nomadi), oltre ad alcuni brani scelti per diventare la colonna sonora del film “La finestra di Alice” (con Sergio Muniz, Fabrizio Bucci, e Debora Caprioglio). Nel novembre 2012 ha pubblicato il suo secondo disco, “La sirena del Po” (oltre 10.000 copie vendute), e dal 1° dicembre dello stesso anno (con lo storico live al Palabanca di Piacenza, dove registra il sold out con oltre 3.000 persone presenti!) ha tenuto oltre 120 concerti in tutta Italia. Nel 2012 ha vinto il premio Mei come "Miglior progetto musica giovanile sul dialetto" e nel 2013 ha ricevuto il “Premio Lunezia Etno Music”. www.danieleronda.it - www.facebook.com/DanieleRondaOfficial www.twitter.com/DRondaCommunity www.youtube.com/user/DanieleRondaComunity

Live di Daniele Ronda


Gio 01 Mag 1° Maggio a Roma - Roma (RM) - Italia

1° Maggio a Roma Piazza San Giovanni Roma INFO: www.primomaggio.com http://www.facebook.com/1mFestival




DANIELE SANFILIPPO


“LEM”, il nuovo album strumentale di Daniele Sanfilippo per etichetta Suoneria Mediterranea. La note si dischiudono mettendoci di fronte ad un vero e proprio viaggio onirico in cui la mente spazia dai suoi angoli più nascosti ai ricordi più semplici, vagando attraverso costellazioni e aurore boreali. Il disco ha una sua storia ma non è una voce a cantarla, è la sola forza della musica a farsi sentire con le sue sfumature. Si presenta coma un concept album strumentale "LEM" con le sue sonorità intense ed ipnotiche. Il genere spazia dall'ambient all'elettronica, dal rock alla psichedelia ma le linee melodiche principali ritornano ben evidenti su tutti i brani, anche se di volta in volta indossano vesti differenti cucite abilmente da strumenti sempre differenti. Questo accade, per esempio, nelle tracce "Mission" e "Lights In The Sky", la prima in chiave acustica mentre la seconda in una veste molto più elettrica e rock, passando poi per brani come "Astronaut" e "Lem" molto più intensi e melodici dove le chitarre clean spadroneggiano circondate e addolcite dal violino, dal pianoforte e da sottofondi sonori sempre molto ricercati. Nel disco si può leggere una microstoria immaginaria, da scoprire brano per brano, come d'altronde si intuisce sia dal titolo del disco che dalle nove tracce. Un telefono che squilla nella disperata ricerca di qualcuno, ma a vuoto; un uomo impegnato in una misteriosa missione spaziale; le notizie in sottofondo su fenomeni non identificati nel cielo. Il tutto tende sicuramente a suscitare nell'ascoltatore vari stai d'animo, dalla solitudine rievocata dall'immenso spazio alla gioia del ritorno a casa e l'abbraccio con la famiglia. La ricchezza strumentale trova negli arrangiamenti elettronici il suo alter ego e, al tempo stesso, la sua armonia. L'innovazione sonora e la ricerca musicale sono i fili conduttori di “LEM”, incorniciandone i contorni sfumati. www.facebook.com/danielesanfilippo78

Live di Daniele Sanfilippo


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE SCANNAPIECO


Nato a Campagna(SA),nel 1970,figlio d'arte,cresce a contatto con l'ambiente jazz prima campano e poi italiano ed europeo. Nel 1990,completa gli studi classici,conseguendo il diploma in clarinetto al Conservatorio di musica Statale di Salerno.Contemporaneamente,già collabora con musicisti quali:P.Condorelli,A.Golino,M.P.De Vito,i fratelli Deidda ,etc.,etc.. Il 1991 è l'anno del trasferimento a Roma dova inizia a collaborare con quelli che sono considerati tra i musicisti di jazz più rappresentativi in Italia: R.Gatto,S.Sabatini,S.Di Battista,G.Tommaso,T.Scott,U.Fiorentino,E.Pietropaoli, S.Bollani,F.Bosso.D.Piana,F.Piana F.Boltro,Danilo Rea,F.Sferra,D.Moroni. Numerose le collaborazioni con artisti stranieri quali:Henri Salvador,Joe Lovano,H.Ruiz,G.Hutchinson,E.Reed;J.Locke,I.Coleman,D.D.Bridgewater. Intensa è l'attività live.Infatti,Scannapieco,è presente nelle programmazioni di jazz della maggior parte dei clubs e dei festivals in Italia e all'estero. Attualmente,dopo circa tre anni di tournè mondiale con la famosa cantante Dee Dee Bridgewater,che lo hanno visto esibirsi nei teatri più prestigiosi del mondo,Daniele è co-leader(insieme a Fabrizio Bosso) di un quintetto che sta riscuotendo notevoli consensi di critica e pubblico:High Five 5et(con L.Tucci,P.Ciancaglini e L.Mannutza) che ha all'attivo due dischi(“Jazz for more…”;”Jazz desire”) prodotti dall'etichetta Via Veneto Jazz.distribuzione EMI.Consolidata,è anche la collaborazione con Nicola Conte con il quale sarà in tour nei principali festivals d'Europa. Scannapieco ha anche registrato un disco dal titolo omonimo,con l'etichetta francese Night and Day che include musicisti del calibro di A.Ceccarelli,E.Legnini,S.Di Battista.F.Bosso. Pubblicato(disp.da settembre'04) il secondo album,da leader, intitolato “Never more”(VVJ,distr.EMI),registrato con Greg Hutchinson,Ira Coleman,Dado Moroni,Fabrizio Bosso e archi. Classificato secondo per due anni consecutivi al Top Jazz(2002 e 2003),referendum indetto dalla rivista Musica Jazz,nella sezione “nuovo talento”,Scannapieco ha vinto nel 2003 il famoso premio europeo “Django d'or”(miglior giovane) e il premio Positano(miglior musicista campano) che includeva in giuria personaggiquali:G.Tommaso,R.Arbore,C.Pagnotta(dir.artistico di Umbria Jazz),F.Mandica(giornalista diMusica Jazz).Successivamente si è anche aggiudicato il premio “A.Balsamo”a Campobasso,quale miglior sassofonista. Scannapieco,ha registrato,con Giovanni Tommaso, tutta la colonna sonora del film “Ma quando arrivano le ragazze?”del famoso regista Pupi Avati. Inoltre,ha partecipato ai due concerti organizzati da Umbria Jazz a New York ed a Porto Rico,in qualità di rappresentante del jazz italiano.Ha partecipato alla spedizione in Australia per suonare al festival jazz di Melbourne.Tappa preceduta da una serie di concerti in Messico organizzati dall'Istituto di Cultura Italiano.Il tutto patrocinato dall'associazione”Umbria Jazz” che è stata ancora a New York dal 27 marzo '06.Scannapieco,infatti, ha suonato allo storico “Birdland”con il 4et di G.Tommaso che ha ospitato anche Paolo Fresu.Poi,si è appena conclusa una tournee in Cina con Roberto Gatto special 5et,omaggio al 5et di Miles Davis 64-68 con D.Moroni,F.Boltro,R.Bonaccorso. Attualmente in giro con il nuovo progetto di Giovanni Tommaso “Apogeo”,in trio con R.Gatto e J.O.Mazzariello con “In This Time”e ancora Mario Biondi e High Five 5et. Conoscenza della tradizione e del linguaggio moderno fanno di Scannapieco un musicista eclettico,che riesce ad esprimere concetti musicali talvolta articolati e complessi sempre in modo semplice e di grande comunicazione con gli ascoltatori. www.danielescannapieco.it http://www.myspace.com/danielescannapieco

Live di Daniele Scannapieco


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE SEPE


il nuovo CD di DANIELE SEPE "FESSBUK, Buona Notte al Manicomio" Il disco nasce da scontri e discussioni sul piu' famoso social network del mondo in cui Sepe ha il suo "profilo" e da cui partono fulmini e saette. Realizzato con il solito nutrito gruppo di guastatori, ma con l'aggiunta della metrica a mitraglia del rapper napoletano Shaone, in 13 brani e 74 minuti viene massacrato tutto quello che cerca di essere conciliante, fra guerra, immigrazione, finanza creativa, operai incazzati e figli della politica sinistrorsa "sushi&mohito", tra composizioni originali e riletture di Rage Against the Machine, Area, Napoli Centrale. Un ricostituente per l'odio di classe. www.danielesepe.com

Live di Daniele Sepe


Ven 25 Apr TORINO JAZZ FESTIVAL - Torino (TO) - Italia

TORINO JAZZ FESTIVAL TORINO INFO: 800/329329 torinojazzfestival@comune.torino.it www.torinojazzfestival.it



Sab 26 Apr TORINO JAZZ FESTIVAL - Torino (TO) - Italia

TORINO JAZZ FESTIVAL TORINO INFO: 800/329329 torinojazzfestival@comune.torino.it www.torinojazzfestival.it




DANIELE SILVESTRI


Quindici brani prodotti e arrangiati dallo stesso Silvestri e registrati, in presa diretta, con la band con cui ha costruito tutta la sua storia musicale live. Insieme a Daniele, alla chitarra e al pianoforte, Piero Monterisi alla batteria, Maurizio Filardo alle chitarre, Gianluca Misiti alle tastiere, Gabriele Lazzarotti al basso e Ramon Josè Caraballo alla tromba e alle percussioni, e numerosi altri artisti che hanno preso parte a questo viaggio, tra cui Niccolò Fabi, Raiz, Gino Paoli e Bunna, voce di Africa Unite. www.danielesilvestri.it

Live di Daniele Silvestri


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE TENCA


DANIELE TENCA/ "Wake Up Nation": una sveglia a tempo di blues (made in Italy) Nato come genere di protesta da parte della popolazione di colore, il blues ha sempre mantenuto negli anni la sua valenza sociale, legato com'è a doppio filo con le lotte contro la schiavitù. Blues come espressione di un dolore e di un malessere profondo, che unisce il lamento cantato col suono della chitarra. Blues come genere decisamente americano, proprio per il legame inscindibile di cui sopra. Ma chi dice che il blues non possa essere colonna sonora anche di altre lotte, altre battaglie, altri tentativi di rivendicazione? Non lo pensa di sicuro Daniele Tenca, che pubblica in questi giorni "Wake up nation", il suo terzo album in studio, il secondo di blues. E se l'album di esordio in italiano era un buon compromesso tra rock e tradizione cantautorale del nostro paese, sia "Blues for the working class" che il recente "Wake up nation" dimostrano come Daniele e la sua band mastichino perfettamente il linguaggio del Delta, sia nelle musiche che nelle tematiche e soprattutto nello spirito. Dopo aver riflettuto e cantato della classe operaia (la che? Classe cosa?? ah perché, esiste ancora?), Daniele si rivolge ora alla propria nazione, cercando di scuoterla da un torpore che ormai la sta distruggendo, lentamente e inesorabilmente. Circondato da ottimi musicisti, in pratica il meglio del blues italiano, (Gnola Glielmo, Paolo Bonfanti, Riccardo Maccabruni, Andy J Forest, Cooper Cupertino) Tenca pubblica un disco completo, sferzante, che lancia un grido di allarme ma che di certo non dimostra rassegnazione. Rabbiosamente ironico è il pezzo iniziale, Dead and gone, dove si riciclano quei luoghi comuni con cui per anni si è parlato alla pancia dei cittadini, cercando di coinvolgerli in una guerra tra poveri che ha avuto il solo risultato di creare una patina di razzismo e intolleranza sotto la quale l'anima più vera dell'uomo trova appunto la morte e la sepoltura. A fare da contraltare arriva subito dopo la velenosa Big Daddy, che parla di chi per anni ha comprato piaceri e piacere grazie a soldi sporchi e a una rete di disonestà prima di tutto intellettuale, che ha chiuso occhi e naso a chi cadeva nella trappola, magari illuso da un programma televisivo o da una squadra di calcio. What ain't got richiama sia nel titolo che nel testo la canzone di De André e Bubola (Quello che non ho), ma stavolta a mancare al protagonista è una serie di cose che una volta forse si potevano chiamare nazione o patria, concetti ora riservati a nostalgici paramilitari, mentre quella fascia di popolazione che dallo stato (nazione, patria) avrebbe più bisogno di un (doveroso) aiuto sente lontana e anzi fonte di costante imbarazzo; così come il pezzo successivo, The wounds stay with you, che parla di ferite e cicatrici, spinge gli ascoltatori a serrare le file e fare fronte comune contro chi trae vantaggio dal metterci al fondo della catena alimentare. A sottolineare tutto questo una lap steel guitar che urla forte il suo malcontento (l'ottimo Matteo Toni). www.danieletenca.com

Live di Daniele Tenca


Ven 25 Apr TEATRO ROSSETTI trieste - Trieste (TS) - Italia

TEATRO ROSSETTI 040/3593511 VIALE XX SETTEMBRE 45 TRIESTE www.ilrossetti.it



Mar 20 Mag - Malcesine (VR) - Italia

BAR DA MARIO MALCESINE VR



Gio 21 Ago CASCINA BELLARIA - Sezzadio (AL) - Italia

CASCINA BELLARIA località Boschi 47 Sezzadio AL INFO: 0131/703476 340/9820914 www.hari-om.it




Live di Daniele Timpano


Nessun evento trovato in archivio


DANIELE VIT


Nasce nel 1978. A sei anni già canta e si esibisce in locali e festival, poi si mette a recitare e partecipa a vari spot pubblicitari. Non si fa mancare nemmeno il grande schermo, ad esempio con"La Famiglia"di Ettore Scola e"Da Grande"con Renato Pozzetto. Man mano che cresce, studia pianoforte, canto e danza e trova le energie anche per portare avanti una propria band e per piazzarsi terzo al Festival di Castrocaro del 1994. Passano tre anni ed è sul palco dell'Ariston per Sanremo Giovani con"Mamma T'ha Fatto Bella". Seguono battage pubblicitario, rotazioni radiofoniche, ospitate varie in televisione e la vittoria al Festival Internazionale di Montecarlo, organizzato da “ nientemenoché Adriano Aragozzini in persona. Altra tacca sul cinturone: nel 1999 partecipa a"La Canzone Del Secolo", il programma tv di Pippo Baudo, e si porta a casa un secondo posto. Il biennio successivo Daniele lo spende studiando e cercando la sua identità artistica, ma giusto per tenersi in forma lavora in sala di incisione e si guadagna qualche credit come ospite, nei lavori di Alex Britti,Il Bagatto,Funky Cabaret. Finisce per fare capolino in radio e televisione: Festivalbar,Quelli Che Il Calcio, Sonic by MTV,Top Of The Pops,Super e altro ancora. Non manca l'attività live, dall'Heineken Jammin'Festival al concerto del Primo Maggio a Roma.Finalmente“siamo nel 2002-Daniele torna a Sanremo,ma questa volta tra i Giovani del Festival Della Canzone Italiana vero e proprio. Canta"Non Finirà"(di M. De Vitis e P. Panico), riesce a non farsi eliminare e sull'onda dell'entusiasmo lancia"V.I.T.",il suo disco d'esordio. Dal 2002 a oggi daniele vanta la partecipazione in un musical,I 10 Comandamenti (ospite in svariate trasmissioni : serata finale Sanremo 2003 - striscia la notizia-buona domenica-telegatti 2003-ecc.ecc.ecc.),e molteplici collaborazioni:Primo dei Corveleno - Tormento - Bassi–il Piotta e con i Flaminio Maphia nel disco "per un pugno di euri"(l'hai messa in banca feat. daniele vit).Un ulteriore collaborazione daniele la fa sempre con i Flaminio ma questa volta insieme a Califano nel pezzo"non escludo il ritorno RMX".Un ulteriore step è stata l'uscita di un singolo personale con relativo video dal titolo"fuori di brutto"in rotazione radiofonica e televisiva da giugno 2006.Nel 2007/2008/2009, oltre ad essere uno dei coristi dell'orchestra della CORRIDA (canale 5) e a lavorare in studio come turnista x la Disney e x altri progetti, daniele continua a collaborare con altri artisti del giro hip-hop italiano(club dogo – fish – dargen d'amico – two fingerz - ensi - vacca - fabri fibra "chi vuole essere fabri fibra presentato all' MTVday 2008 e presente nel disco 2009 di FabriFibra dal titolo “chi vuole essere fabri fibra”disco nel quale è anche coproduttore con Fish di 5 beat-remix "estate in città" marracash-nesli-etc etc..)e troveremo la sua voce in molteplici dischi hiphop usciti nel 2007,nel 2008,nel 2009 e 2010.Nel 2009 Daniele ha partecipato al programma Xfactor e a Febbraio 2010 è uscito il suo ultimo singolo"La mia città".Marzo 2010 uscirà il primo EP di una lunga seria, scaricabili solo ed esclusivamente su Itunes e il video del singolo.. Potete trovare comunque sul myspace una serie di brani aggiornati che vi permetteranno di conoscere meglio l'artista. www.danielevit.it www.myspace.com/danielevit

Live di Daniele Vit


Nessun evento trovato in archivio


DANIELIA COTTON Band


DANIELIA COTTON musicista forte dalle indubbie qualità di songwriter e di entertainer veramente peculiare, capelli lunghissimi e stivaloni in pelle si fa subito notare negli ambienti musicali newyorchesi per le sue semplici composizioni dirette, arrangiate con gusto e una discrezione che lasciano esterrefatti. I suoi set hanno la caratteristica di dosare intelligentemente umori più intimi – quando si esibisce unplugged con la sua chitarra acustica - , alternati a fraganze più southern –rock dalle quali si evince un percorso di ricerca non solo sulla forma canzone tout-court , ma anche nella sua resa dal vivo. Una forza emotiva dirompente, frutto di una personalità tanto istintiva quanto complessa di questa Black Woman Newyorchese che fa parte di quella genìa di cantautrici che non riescono a scindere vita e arte e che riversano nella musica tutta la quotidianietà. Il suo ultimo album Rare Child ottiene notevoli consensi dalla stampa Americana con ottime recensioni passate dal NY Times al Billboard all’ Herald Tribune. Si presenta con il suo quartetto per la prima volta in Europa. Band Danielia Cotton - guitar/vocals Marc Copely - guitar/vocals Winston Roye - bass/vocals John Clancy - drums/vocals www.danielia.com

Live di Danielia Cotton Band


Nessun evento trovato in archivio


DANIELLA FIRPO


DANIELLA FIRPO (Brazil) Il TRIO PAU BRAZIL è il gruppo perfet