Advertisement

Live Concert

Oggi


Domani

 ABRUZZO  Clementino Marcello Allulli Trio Enrico Capuano The Fiftyniners Colle Der Fomento  BASILICATA  Barresi Project Spasulati Band  CALABRIA  The Traveller - Massimiliano Forleo Simone Scifoni Aka Slim Meganoidi  CAMPANIA  The Natural Dub Cluster Bungalow62 Simone Cristicchi Sonohra G-Fast Psychopathic Romantics Galoni Rev Rev Rev  EMILIA ROMAGNA  Il Re Tarantola Jack Jaselli Carlo Maver Javier Girotto Lu Silver And String Band Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Fabrizio Bosso Egle Sommacal Ex - Giancarlo Onorato E Cristiano Godano  FRIULI VENEZIA GIULIA  Tre Allegri Ragazzi Morti  LAZIO  Karol Wojtyla - La Vera Storia Junior Kelly Cisco Electric Superfuzz Buddha Superoverdrive Piji Maria Pia De Vito Matteo Sansonetto  LIGURIA  Mondo Marcio Pink Holy Days Lennon Kelly Boogarins Marta Sui Tubi Lili Refrain The Manges Marnero  LOMBARDIA  A Storm Of Light The Beat Barons Lee Scratch Perry Zeus! Marumba Cosmo Red Worms' Farm Irreverence Slava's Snowshow Guignol  MARCHE  Spaghetti A Detroit Piero Massimo Macchini - Dolly Bomba Tnt Ac/dc Tribute Paolo Belli Israel Varela Borghese Warsavia Nobraino Valentina Gravili  PIEMONTE  Revenga Giovanni Truppi Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi Oneohtrix Point Never Sad - Official Metallica Tribute Lo Zoo Di Berlino Sohn  PUGLIA  Zibba Dellera Bassi Maestro Marzia Stano Aka Una Giacomo Toni Larry Franco Duo Bucolico White Queen 99Posse Coez  SICILIA  Tinturia L'orso  TOSCANA  Linea 77 Arianna Antinori Alessia Tondo Alla Bua Pipers Majakovich The Zen Circus  TRENTINO ALTO ADIGE  Bologna Violenta Assalti Frontali  UMBRIA  Ex-Otago Raster Flor  VENETO  Rumatera Ches Smith Modena City Ramblers Gazebo Penguins Lume Black Mama Tolo Marton Black Beat Movement Morblus Band

Venerdì

 SVIZZERA  Cristiano De Andrè Marumba Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue The Vad Vuc  ABRUZZO  Ex-Otago Buddha Superoverdrive  BASILICATA  Enrico Capuano  CALABRIA  Nu Bohemien Drunken Butterfly  CAMPANIA  The Natural Dub Cluster Galoni Caparezza Cercasi Cenerentola Psychopathic Romantics The Gentlemen's Agreement  EMILIA ROMAGNA  Andrea Rivera Giuliano Dottori Vince Vallicelli Vessel Gasparazzo Bettibarsantini Redska The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Laser Geyser Alla Bua  FRIULI VENEZIA GIULIA  Daniele Tenca Lume Peppa Pig  LAZIO  Bungalow62 Emanuele Bultrini Margherita Vicario Rock Circus Rev Rev Rev Mad Professor The Vickers Mondo Marcio Karol Wojtyla - La Vera Storia Mad Dogs  LIGURIA  I Cani Giovanni Truppi Pino Scotto Blindosbarra  LOMBARDIA  Ambramarie Uni Poska Electricity Slava's Snowshow Black Beat Movement Le Teste Giuda Statobrado Flor  MARCHE  Spaghetti A Detroit La Tosse Grassa Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Dj Giamma Zibba Borghese Reggaete Forte Assalti Frontali  MOLISE  Simone Scifoni Aka Slim Duo Bucolico  PIEMONTE  Sell System Blume Apoptygma Berzerk Band Bunker Club Cyberpunkers Clementino Roipnol Witch Gianluigi Trovesi Fratelli Di Soledad  PUGLIA  Dellera Marzia Stano Aka Una Rhomanife White Queen I Gatti Mezzi  SARDEGNA  Irreverence  SICILIA  The Traveller - Massimiliano Forleo L'orso Nicolò Carnesi  TOSCANA  Danilo Sacco Bud Spencer Blues Explosion I Matti Delle Giuncaie Virginiana Miller Modena City Ramblers Marta Sui Tubi Casa Del Vento  TRENTINO ALTO ADIGE  Nh3 Kaleidoscopic Francesco Patella  UMBRIA  Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Pipers Ches Smith Unorsominore  VENETO  Nobraino Mideando String Quintet Inoki Talco Lee Scratch Perry Slick Steve & The Gangsters Verbal Bermuda Trio La Tresca Filippo Cosentino

Sabato

 SVIZZERA  Shooting Stars - Girls Rock Live  ABRUZZO  Meganoidi  BASILICATA  Marzia Stano Aka Una Dellera  CAMPANIA  The Gentlemen's Agreement Cercasi Cenerentola Dinosauri  EMILIA ROMAGNA  Linea 77 Little Taver Valerio Cosi Neffa Paolo Belli The Strypes Cut Casa Del Vento Marsh Mallows Punkreas  LAZIO  The Vickers Majakovich Flor Lee Scratch Perry 99Posse Uscita17 Ex-Otago The Sons Of Anarchy Twin Room Duo Bucolico  LIGURIA  Queenmania Necrodeath Sananda Maitreya Blindosbarra Gang Diego Deadman Potron  LOMBARDIA  Slick Steve & The Gangsters Maria Antonietta Ambramarie Slava's Snowshow The Nostalgics Beppe Caruso Amanda E La Banda Calvino Giorgio Canali  MARCHE  Mad Professor The Kingstones Lucifer Big Band Dj Giamma The Great Saunites La Tresca Gambardellas Bamboo Les Enfants Marumba  PIEMONTE  Lou Dalfin Uri Caine Vallanzaska Alessia Tondo Gue' Pequeno La Paranza Del Geco The Beat Barons Articolo J Clementino Daniele Sepe  PUGLIA  Enrico Capuano Monaci Del Surf I Gatti Mezzi Two Door Cinema Club Caparezza Vega 80 White Queen  SARDEGNA  Irreverence Pino Scotto  SICILIA  Nu Bohemien The Traveller - Massimiliano Forleo L'orso  TOSCANA  Massimo Ranieri Progetto Panico Bobo Rondelli Dragonhammer The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Le Charleston The Zen Circus I Matti Delle Giuncaie Andead  UMBRIA  Nobraino Petramante Rev Rev Rev Bungalow62  VENETO  C+C=Maxigross Muck And The Mires Manodopera Paolo Cecchin One Man Band Foreign Beggars Tributo Italiano Tolo Marton Dola J. Chaplin Paolino Paperino Band

Domenica


Lunedì


Martedì


 SVIZZERA  Cristiano De Andrè Joe Colombo  AUSTRIA  Ninos Du Brasil - Nico Vascellari  SVIZZERA  Ben Vida Nicola Ratti  ITALIA  Sisyphos  SVIZZERA  The Vad Vuc  ABRUZZO  Marcello Allulli Trio Drunken Butterfly Brunori Sas The Fiftyniners Zolle Kyla Brox Tony Borlotti & I Suoi Flauers Majakovich  BASILICATA  Spasulati Band Zibba Luciano Ligabue  CALABRIA  Giacomo Toni Nu Bohemien His Electro Blue Voice Cleo T. Massimo Ranieri  CAMPANIA  La Rappresentante Di Lista Alberto Radius G-Fast Loredana Berte' The Natural Dub Cluster Modena City Ramblers Galoni 99Posse Psychopathic Romantics Bologna Violenta  EMILIA ROMAGNA  The Strypes Trouble Vs Glue Mxpx All Stars Bettibarsantini Gue' Pequeno Lu Silver And String Band Floyd Machine Javier Girotto Dope D.o.d. Mellowtoy  FRIULI VENEZIA GIULIA  Daniele Tenca Emanuele Belloni Chambers Gli Sportivi Piero Sidoti - Genteinattesa Marlene Kuntz Franco D'andrea Isolde Nobraino  LAZIO  Matteo Sansonetto Queen Tribute Servillo - Girotto - Mangalavite Trio Maria Pia De Vito Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Adriano Viterbini Rosario Giuliani Luminal Dola J. Chaplin Riccardo Arrighini  LIGURIA  The Manges Blindosbarra Marta Sui Tubi Sara Ardizzoni - Dagger Moth Lisa And The Lips I Cani Paolo Saporiti Fetish Calaveras Sananda Maitreya 3 Fingers Guitar  LOMBARDIA  Jama Trio Brand New Ambramarie The Flower Kings Extrema Midnight Rambler Slava's Snowshow Le Favole Di Meg  MARCHE  Petrina The Gentlemen's Agreement Mothra Reggaete Forte Barbara Casini Rigolo’ Bip Gismondi Tnt Ac/dc Tribute Hop Frog Led Zeppelin Tribute Les Enfants  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Dave Holland Monica P Daniele Sepe Tre Allegri Ragazzi Morti Sad - Official Metallica Tribute Queenmania Banda Osiris The Beat Barons Guignol Heaven's Basement  PUGLIA  Tormento Emis Killa Marco Notari Rhomanife Marzia Stano Aka Una Diodato Larry Franco Alla Bua Management Del Dolore Post-Operatorio  SARDEGNA  Train To Roots Cisco  SICILIA  Alessandra Amoroso Andre Matos Stefano Bollani Duo Bucolico Tinturia Nicolò Carnesi Veivecura Antonella Ruggiero Joy Garrison Joe Barbieri  TOSCANA  Mai Mai Mai Us Rails Acquaraggia Alessia Tondo Sarah Lee Guthrie & Johnny Irion Massimo Priviero Nicolas Joseph Roncea Giorgio Canali Crazy Mama  TRENTINO ALTO ADIGE  Assalti Frontali Come Cani Come Angeli Talco Francesco Patella Manuel Volpe Jack Jaselli  UMBRIA  Raster Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Petramante 2Pigeons Joe Pisto Green Like July Wemen Color Swing Trio Big Ones Aisha Burns  VENETO  Freeway Mideando String Quintet Saves The Day Pierpaolo Capovilla Levante Warias Luca Bassanese Filippo Graziani Inoki Lubjan

 SVIZZERA  Witko Joe Colombo Altro  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  SVIZZERA  Casa Del Vento Gasparazzo  AUSTRIA  Satelliti Xiu Xiu  SVIZZERA  Mellow Mood Gue' Pequeno    Lee Scratch Perry  SVIZZERA  Bluestouch Dub Incorporation  SLOVACCHIA  Coro Corridore  ABRUZZO  Kyla Brox Zibba The Fiftyniners Gigi Finizio Kaleidoscopic Marlene Kuntz Luminal Black Beat Movement Magda White & Frank Hammond Band Near  CALABRIA  Zeus! Caron Dimonio Monaci Del Surf Peppe Voltarelli  CAMPANIA  Cercasi Cenerentola Sprained Cookies Gazebo Penguins Chick Corea The Burlesque Keira Is You Gillian Grassie Caponebungtbangt Guido Maria Grillo  EMILIA ROMAGNA  Come Cani Come Angeli Boris Savoldelli Yoshi Wada Nadia & The Rabbits Dean Wareham Francesco Diodati Yellow Squeed Ero  FRIULI VENEZIA GIULIA  The Orb Tommy Emmanuel Giovanni Truppi Jackie-O-Motherfucker W.i.n.d. Elvenking The Zen Circus Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus  LAZIO  Perturbazione Ares Tavolazzi I Mostri Daniele Ronda Kutso Oslo Tapes The Pretty Things Kris Roe Pavic Follakzoid  LIGURIA  Con Cura The Cure Italian Tribute Il Tempio Delle Clessidre Osanna Maschera Di Cera Il Castello Di Atlante Bobby Soul Aldo Tagliapietra Max Gazze' Locanda Delle Fate Finaz  LOMBARDIA  The Peawees Steve Smith Extrema Terror Cut The Coup Nice Sixty Miles Ahead Lu Silver And String Band Dum Dum Girls  MARCHE  Geri Allen Nu Bohemien Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Quei Bravi Ragazzi The Sons Of Anarchy Antonio Sorgentone La Tosse Grassa Maria Antonietta Tnt Ac/dc Tribute  PIEMONTE  Sultan Bathery Miles Cooper Seaton Paolo Bonfanti Ila Rosso Lili Refrain Le Minigonne – 60S Pop Rock Band Julia Kent J.c. Satan Marnero L'orage  PUGLIA  Vega 80 Squarcicatrici Eugenio Finardi Nomadi Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute I Cani Paolo Belli Larry Franco  SARDEGNA  Francesco Nastro Javier Girotto Train To Roots Paolo Recchia  SICILIA  Giuda Alessandro Lanzoni Iaia Forte Mike Stern Meganoidi James Ferraro Bombino Pippo Pollina La Rappresentante Di Lista The Traveller - Massimiliano Forleo  TOSCANA  Diaframma Federico Fiumani I Gatti Mezzi 99Posse Pino Scotto Sara Loreni Orchestrina Di Molto Agevole Tres Anthony B & Roots Harmonics Band Paletti Gang  TRENTINO ALTO ADIGE  Golden Animals Erin K Ed Laurie Slick Steve & The Gangsters Bamboo  UMBRIA  Big Charlie G-Fast Hola La Poyana Dinamitri Jazz Folklore Carla Bozulich Michele Rabbia Tetraktis Percussioni Taberna Vinaria Michele Maraglino Blue Dean Carcione  VENETO  Lucertulas Ruggero De I Timidi The Dream Syndicate His Electro Blue Voice Cesare Carugi Le Cattive Strade - Andrea Scanzi E Giulio Casale Loredana Berte' Colle Der Fomento The Last Killers

 SVIZZERA  Stacey Kent Renzo Arbore Gegè Telesforo Massimo Ranieri  GERMANIA  Leo Pari  SPAGNA  Standstill  SVIZZERA  The Duke Ellington Orchestra  SPAGNA  St Vincent  BELGIO  Galoni  SPAGNA  Shellac Spoon Refree Kendrick Lamar The National Caetano Veloso John Grant Dum Dum Girls !!! (Chk Chk Chk)  SVIZZERA  Irene Grandi E Stefano Bollani  SPAGNA  Charles Bradley  ABRUZZO  Alla Bua Kutso Near Antonio Sorgentone Warias  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Dulce Pontes Gogol Bordello Danilo Rea Caparezza  EMILIA ROMAGNA  Clementino The Fratellis The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin De La Soul Protest The Hero Fragil Vida Scott Matthew La Rappresentante Di Lista The Naked And Famous  FRIULI VENEZIA GIULIA  Pat Metheny The Natural Dub Cluster Downset Buckcherry Angus & Julia Stone  LAZIO  Roberto Cacciapaglia Vasco Rossi Rolling Stones Fish Billy Idol Of Mice & Men Avenged Sevenfold M Ward Radio Moscow  LIGURIA  New York Ska Jazz Ensemble Bluestouch Borghese Il Re Tarantola Teho Teardo & Blixa Bargeld Majakovich Paolo Belli Phono Emergency Tool 3 Fingers Guitar Bobo Rondelli  LOMBARDIA  Birkin Tree Coro Corridore Zz Top Bob Wayne & The Outlaw Carnies Bombino The Cyborgs Suuns Mascara His Clancyness  MARCHE  Jesus Franco And The Drogas Soviet Soviet Tetuan Maria Antonietta Maybe I'm... The Zen Circus Johnny Mox Lleroy Lush Rimbaud  PIEMONTE  Ha Ha Tonka Pagliaccio Persiana Jones Band Bunker Club Chiara Giacobbe Chamber Folk Band Tangerine Dream The Veils Raige Supershock The Elements  PUGLIA  Slow Magic White Queen Cadaveria Destruction Vega 80 Bamboo  SICILIA  Donpasta Reijseger Fraanje Sylla Trio Funk Off Giovanni Mazzarino Kafka On The Shore Enrico Pieranunzi Baba Sissoko Rita Marcotulli Emanuele Cisi Anne Ducros  TOSCANA  Massimo Volume Joe Bonamassa Jama Trio I Matti Delle Giuncaie Sinfonico Honolulu Gang The Pains Of Being Pure At Heart Amadou & Mariam Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu  TRENTINO ALTO ADIGE  Nh3 Simone Cristicchi  UMBRIA  Nidi D'arac Nobraino The Perfect Strangers Band Tnt Ac/dc Tribute Omar Souleyman Bettibarsantini  VENETO  Lord Bishop Rocks Bullet Luca Bassanese Alphataurus Dynamite Rudy Rotta Il Buio Band Of Friends Ruggero De I Timidi

 LETTONIA  Bastille  ITALIA  Slayer  SVIZZERA  Dolly Parton Sunrise Avenue  LETTONIA  You Me At Six Elbow Junip - Josè Gonzales  ITALIA  Sine Frontera  LETTONIA  Anna Calvi  ITALIA  James Blunt  AUSTRIA  Coro Corridore  ITALIA  Dropkick Murphys  SVIZZERA  Biglietto Per L'inferno Laura Pausini  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Caparezza John Scofield Gasparazzo  CAMPANIA  Ska-P Chrysta Bell Ylenia Lucisano Pino Daniele Giulia Mazzoni Burt Bacharach Stanley Clarke Chick Corea Regina Carter Javier Girotto  EMILIA ROMAGNA  Progetto Panico Lennon Kelly Zu Monaci Del Surf The Horrors The Vanja's The Dandy Warhols Telegram D.o.a. Sam Paglia  FRIULI VENEZIA GIULIA  John Fogerty Max Romeo Mellow Mood Ruggero De I Timidi Macka B Jimmy Cliff Arianna Antinori And The Davids Ravi Coltrane Franz Ferdinand  LAZIO  Metallica Modà Obituary Loredana Berte' Massive Attack Alex Britti The Black Keys Legittimo Brigantaggio Emis Killa Kraftwerk  LIGURIA  M Ward The Slackers Delaney Davidson Ninos Du Brasil - Nico Vascellari The Peawees The Sonics! Girls In Hawaii Jonathan Wilson Jama Trio Paolo Nutini  LOMBARDIA  Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Vasco Rossi Aaron Goldberg John Butler Trio Levante Cristina D'avena Joshua Redman His Clancyness Red Fang Goran Bregovic  MARCHE  Giacomo Toni Dub Incorporation Aba Shanti I  PIEMONTE  Mascara Gov't Mule L'orage Deep Purple Wemen Soviet Soviet Austra Giuda One Direction  PUGLIA  Adrian Sherwood Almamegretta Alla Bua Saluti Da Saturno La Rappresentante Di Lista  SARDEGNA  Testament  SICILIA  Simple Minds The Sweet Life Society  TOSCANA  Lee Scratch Perry Elisa Shigeto The Lumineers Suzanne Vega Jeff Beck Eagles  TRENTINO ALTO ADIGE  Little Taver The Last Killers  UMBRIA  Eliane Elias Dr John Antibalas Charles Bradley Gattamolesta Monty Alexander Sharon Jones & The Dap-Kings Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Wayne Shorter Angela Hewitt  VENETO  Scorpions Raphael & Eazy Skankers Ludovico Einaudi Emma The Dukes Of Hamburg New York Ska Jazz Ensemble Melampus Arianna Antinori Extrema Luciano Ligabue

 ITALIA  Bettibarsantini  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers Giuda Kutso  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Maria Pia De Vito Asaf Avidan Sergio Cammariere Luca Aquino Joe Barbieri Hevia Kronos Quartet Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Alessandro Haber  EMILIA ROMAGNA  Combichrist Franz Ferdinand Miami & The Groovers Skid Row Radici Nel Cemento Izzy & The Catastrophics Little Taver  FRIULI VENEZIA GIULIA  Hellyeah  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  Paolo Jannacci Sick Of It All Boy & Bear L'orage  LOMBARDIA  The Last Killers Converge Testament Il Buio Bombino Raphael & Eazy Skankers The Peawees The Old Firm Casuals - Lars Fredriksen Larry And His Flask Agnostic Front  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Mandolin Brothers Cesare Carugi Emis Killa Daniele Tenca  PUGLIA  Manu Chao White Queen Alla Bua Seun Kuti Slick Steve & The Gangsters Avishai Cohen James Taylor Quartet  SARDEGNA  Mulatu Astatke Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) Omar Sosa Marco Tamburini Antonello Salis Transglobal Underground Rosario Bonaccorso Fanfara Tirana Alessandro Lanzoni Natalio Mangalavite  SICILIA  Alex Britti Money Forest Swords Fanfarlo  TOSCANA  Pippo Pollina Jonathan Wilson I Gatti Mezzi Red Fang  TRENTINO ALTO ADIGE  Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Raphael  UMBRIA  Monaci Del Surf Kaiser Chiefs Boxerin Club Peter Hook And The Light Taberna Vinaria Basement Jaxx The Courteeners Paul Weller La Tresca Parlor Snakes  VALLE D'AOSTA  Lou Dalfin  VENETO  Camillore’ Ruggero De I Timidi Arianna Antinori The Mojomatics Violacida



Live Band



ALAN KELLY


ALAN KELLY "MOSAIC"(Irlanda) Alan Kelly è universalmente riconosciuto come il piu' raffinato esponente della fisarmonica nella musica tradizionale irlandese, impegnato a ravvivarne le fortune nella musica popolare. Alan è cresciuto in un ambiente in cui musica e ballo tradizionale erano di casa. Nei suoi primi anni di studio Alan ha vinto vari titoli irlandesi sia alla fisarmonica che al piano. Trasferitosi a Galway dal 1993 è entrato a far parte della florida scena tradizionale locale, guadagnandosi un'ottima reputazione. Due album solisti, "Out of Blue" e "Mosaic" ed uno condiviso con il fratello John, "Fourmilehouse", ottimamente accolti da critica e pubblico, fotografano appieno il suo universo musicale. Moltissime le sue collaborazioni (Arty McGlynn, Nollaig Casey, Michael McGoldrick, Karen Casey, Cathal Hayden, Eddie Reader, Sean keane, Niamh Parsons,etc.) e le sue partecipazioni a grandi festival. In questo tour italiano lo accompagnano il fratello John; Arty McGlynn, considerato il miglior chitarrista d'Irlanda, dai trascorsi leggendari (non ultime le sue collaborazioni con Christy Moore e Van Morrison, tanto per citarne due tra i piu' famosi) e il giovane talento Tola Custy. ALAN KELLY-fisarmonica JOHN KELLY-flauti ARTY McGLYNN-chitarra acustica TOLA CUSTY-violino www.alankelly.com

Live di Alan Kelly


Nessun evento trovato in archivio


ALAN LICHT


Partito alla fine degli anni Ottanta con i Love Child e i Blue Humans e arrivato alla carriera solista solo nel 1994, Alan Licht è uno dei più interessanti tra i 'giovani' chitarristi d'avanguardia statunitensi. In pianta stabile con i Run On (“Dentro i Run On mi vedo come Jeff Beck negli Yardbirds: per lo più si tratta di tessiture sonore e solo di tanto in tanto mi butto in qualche assolo un po' fuori schema.”) ma sempre impegnato in collaborazioni importanti come quelle con Keiji Haino e con Loren MazzaCane Connors, Alan divide la sua ispirazione soprattutto tra due passioni: il minimalismo e l'improvvisazione, ed è sempre su questi due 'estremi' che la sua musica si misura. Il paradosso è che nelle sue mani due generi teoricamente così antitetici (l'apparente stasi e il calcolo minimalista vs. lo spontaneismo della musica improvvisata) diventano quasi un corpo unico in cui è possibile trovare impensabili punti d'accordo come stratificazioni noise che si reiterano in forma di drones magicamente 'improvvisati' o partiture per organo (il suo secondo strumento) la cui superficiale compattezza nasconde uno studio di stampo più improvvisativo che razionalmente calcolato. In entrambi i 'settori' Alan si è dimostrato anche un notevole esperto e critico, con numerosi articoli pubblicati su Halana, Logopandocy e Wire.

Live di Alan Licht


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alan Moore


Nessun evento trovato in archivio


ALAN PARSONS Live Project


Passato alla storia come l'ingegnere del suono del bestseller floydiano The Dark Side Of The Moon, prima della sua partecipazione alle produzioni di Abbey Road e Let it Be, Alan Parsons ha segnato la storia della musica europea dell'ultimo ventennio e torna dopo diversi anni in Italia, per regalarci l'opportunità di riascoltare tutti i suoi più grandi successi. Farà tappa proprio a luglio nelle più grandi città italiane, con “The Greatest Hits Tour” un concerto straordinario, nel quale ripropone tutti i suoi grandi successi dagli gli storici "Time", "Eye in the sky" e "Psychobabble”, a quelli più recenti, nel suo ultimo album A Valid Path uscito nel 2004. Brani esemplari di un progetto intramontabile che è stato in grado di unire arrangiamenti classici alla tecnologia musicale più aggressiva ed avanzata, in un unico e inconfondibile marchio di fabbrica. Per realizzare questa moderna alchimia dal vivo, Alan Parsons è accompagnato sul palco da un'affiatatissima band, con Pj Olsson alla voce, Alastair Greene alla chitarra, Todd Cooper al Sax, Guy Erez al basso, Manny Focarazzo alle tastiere e Danny Thompson alla batteria. Formazione ALAN PARSONS: Chitarra, voce, tastiere, percussioni KIP WINGER: Voce TOM BROOKS: Tastiere DANNY THOMPSON: Batterista GUY EREZ: Basso ALASTAIR GREENE: Chitarra TODD COOPER: Voce e Sax www.alanparsonsmusic.com

Live di Alan Parsons Live Project


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alan Rankine Associates


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alan Silva


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alan Sondheim


Nessun evento trovato in archivio


ALAN SORRENTI


Alan Sorrenti ha attraversato gli ultimi 30 della musica italiana. L'essenza di questi 3 decenni viene riproposta in un concerto caratterizzato dalla contaminazione dell'elettronica con le nuove tendenze musicali e le dimensioni unplugged. Alan Sorrenti copre un ruolo fondamentale nella storia della musica italiana, in qualità di cantante e autore dallo stile unico e inconfondibile, che si è sempre rinnovato nel corso del tempo, interpretando e spesso anticipando il gusto e le tendenze delle nuove generazioni. Nato a Napoli da padre partenopeo e madre gallese, una combinazione che fa di lui un cantante non tipicamente italiano, Alan cresce con il “progressive rock” inglese degli inizi anni '70, che finirà per caratterizzare le sue prime produzioni. Debutta con l'album”Aria”(EMI 1972) che ottiene il premio della critica discografica come miglior album dell'anno e che si avvale della preziosa collaborazione di Jean Luc Ponty, violinista francese famoso per aver introdotto nel jazz l'uso del violino elettrico e per la sua collaborazione con Frank Zappa ed Elton John. Il singolo “Vorrei incontrarti” tratto da questo album finisce per diventare una delle canzoni simbolo della generazione ribelle post '68. Il suo secondo album”Come un vecchio incensiere all'alba di un villaggio deserto”(EMI 1973), registrato e prodotto a Londra, ospita musicisti inglesi appartenenti a gruppi significativi della scena progressive inglese, come i Van der Graf Generator, riflettendo una chiara contaminazione con le vibrazioni psichedeliche dei Pink Floyd. Nel suo terzo album”Alan Sorrenti”(EMI 1974), l'artista ripropone in una chiave assolutamente originale e dissacratoria il classico napoletano ”Dicitencello Vuje” che entra nelle Top 10 italiane. Un anno dopo Alan di ritorno da un viaggio in Africa che gli rivela la forza comunicativa del ritmo, decide di volare oltreoceano in California per dare alla sua musica un volto nuovo. A San Francisco incontra una band locale di “fusion” con cui realizza il suo quarto album ”Sienteme it's time to land”(EMI 1976), totalmente in inglese eccetto per “Sienteme” un brano da lui scritto in napoletano e si stabilisce a Los Angeles dove risiederà per 5 anni. Qui incontra musicisti della West Coast tra cui il chitarrista Jay Graydon, allora produttore di Al Jarreau, con il quale Alan Sorrenti produrrà canzoni di grande successo come “Figli delle Stelle” che segna l'inizio della dance italiana e che è tratto dall'album omonimo “Figli delle Stelle” (EMI 1977), ”Tu sei l'unica donna per me” tratto dall'album”L.A.&N.Y” (EMI 1979) che vince Il Festivalbar ed entra nelle classifiche di tutta Europa e “Non so che darei” dalla'album ”Di Notte” (EMI 1980) con cui l'artista va a rappresentare l'Italia all'Eurovision Festival. Ma il singolo successivo ”La strada brucia” dal cd album”Angeli di strada” (RICORDI 1982) esprime a sorpresa il rifiuto dell'artista ad essere confinato entro certi modelli di mercato e segna l'inizio di un nuovo percorso di carattere spirituale e una rinascita artistica che si materializzerà nel mistico “Non si nasce mai una volta sola” del cd album “Bonno Soku Bodai”(WEA 1986) e nella sua successiva conversione al “Vero Buddismo di Nichiren Daishonin “. Qualche anno più tardi Alan Sorrenti ritorna a Londra dove registra con nuovi arrangiamenti la maggior parte dei suoi brani più famosi in un lavoro dal titolo “Radici” (DSB 1992) ed inizia ad esplorare la nuova scena musicale internazionale incontrando sulla sua strada alcuni componenti dell'attuale gruppo “Planet Funk” con cui realizza 2 nuovi singoli, il primo: “Kyoko mon amour” che viene pubblicato in una raccolta di greatest hits “Miami” (EMI 1996) mentre il secondo “Paradiso Beach” tratto dal recente cd album “Sottacqua” (SONY 2003), riceve un'ottima accoglienza da parte dei network radiofonici balzando all'attenzione delle nuove generazioni. Sito internet: www.alansorrenti.com http://www.facebook.com/AlanSorrenti

Live di Alan Sorrenti


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alan Sparhawk


Nessun evento trovato in archivio


ALAN STIVELL BAND


Alan Stivell, il più conosciuto e stimato artista di musica tradizionale al mondo Alan Stivell (all'anagrafe Alan Cochevelou, "stivell" in bretone significa "fonte" o "primavera"), musicista, folklorista e cantautore bretone di nazionalità francese 1944 Nasce a Riom (Auvergne) il 6 gennaio 1944 da un liutaio che sognava di far rivivere l'arpa bretone, strumento scomparso nel Medio Evo. E' dunque l'ambiente musicale ad avvicinare il giovane Alan alla cultura celtica ed in particolare alla sua musica. Alan Cochevelou e suo padre Georges Jord Cochevelou sono gli artefici della rinascita dell'arpa celtica in Bretagna. La famiglia si trasferisce in seguito a Parigi. Il padre, Jord Cochevelou, è impiegato al Ministero delle Finanze francese, e soggetto quindi a frequenti trasferimenti; appassionato della lingua e della cultura del suo paese di origine, la Bretagna, Jord Cochevelou è anche un valente musicista e liutaio, il cui sogno è la ricostruzione perfetta, attraverso lo studio di antiche testimonianze e disegni, di un'autentica arpa celtica, mitico strumento oramai dimenticato da secoli. Il sogno si realizza. 1953 Jord Cochevelou riesce a ricostruire lo strumento e lo offre a suo figlio, allora di soli 9 anni, che già suona l'arpa classica (ed il pianoforte) come un vero bambino prodigio. Diventa allievo dell'arpista Denise Mégevand, comincia a studiare il gaelico e tutto ciò che riguarda i Celti e le loro origini. Non essendo sopravvissuto un patrimonio medievale, Stivell riarrangia pezzi bretoni irlandesi e scozzesi per l'arpa. Alan Stivell tiene il 23 novembre 1953 presso la Maison de Bretagne di Parigi il suo primo concerto pubblico, in occasione di una conferenza stampa organizzata da Denis Megevand, suo insegnante di arpa, convocata per annunciare la rinascita dell'arpa celtica, da qui l'abbinamento indissolubile Stivell-Arpa celtica. 1955 A soli undici anni, si esibisce per la prima volta all'Olympia, il tempio della canzone francese, suonando tre brani en lever de rideaux per un concerto di Line Renaud. Questa perfomance lo rende, tutt'ora, l'artista più giovane che si è mai esibito all'Olympia.1957 Il giovane Alan comincia a studiare la lingua bretone, di cui si impadronisce rapidamente, per riscoprire le sue radici.Approfondisce anche la conoscenza della storia, della mitologia e dell'arte dei Celti, favorito dal ritorno definitivo della famiglia in Bretagna.Impara a suonara altri strumenti: la bombarda e la cornamusa (pib-veur in bretone, ovvero cornamusa maggiore), strumenti caratteristici della musica tradizionale bretone. 1958 Il Bagad Bleimor, uno dei maggiori gruppi bretoni di musica tradizionale, lo invita, 14enne, a farne parte come solista, e dunque leader del gruppo. 1959 La sua prima incisione discografica, con un primo 45 giri. 1960 Ece il suo primo album, Telenn Geltiek, interamente composto da brani strumentali per arpa celtica. 1964 suo padre costruisce appositamente per lui un secondo tipo di arpa, la cosiddetta arpa bardica con corde in bronzo, e Alan Stivell si lancia a suonare questo nuovo strumento che gli consente di sperimentare un tipo di musica più moderna. 1966 Prende lezioni di canto, e si esibisce anche come cantante. È qui che inizia quella che sarà la caratteristica musicale più spiccata di Alan Stivell, vale a dire non la semplice riproposizione della musica tradizionale, ma il suo utilizzo come base per una nuova e autentica musica bretone moderna. 1968 Stivell è a Londra dove si esibisce assieme ai celebri Moody Blues. 1970 Inizia la sua vera carriera, accompagnata da una decisa presa di coscienza politica che lo porterà ben presto su posizioni apertamente indipendentiste in Bretagna. Il suo primo album del "nuovo corso", Reflets ("Riflessi", 1970, preceduto dal 45 giri Brocéliande), è pubblicato già da una major come Philips ed è un successo immediato non soltanto in Bretagna. Uscito in pieno folk revival internazionale, l'album propone una versione della musica bretone rivolta al futuro e alla modernità e seduce il pubblico giovanile alla ricerca della propria identità culturale. 1971 Alan Stivell pubblica un album dal titolo assai significativo di Renaissance de la harpe celtique ("Rinascita dell'arpa celtica"), ancora una volta totalmente strumentale, pietra miliare nella discografia mondiale folk, nomination al Grammy Awards venduto in un 1.500.000 di copie nel mondo. . Accanto all'arpa celtica, Stivell si serve anche di altri strumenti tradizionali, ma sperimenta pure le percussioni e la chitarra acustica affidata alle mani di un autentico virtuoso anch'esso bretone, Dan Ar Braz. 1972 Stivell torna all'Olympia, e trionfa nelle serate a lui dedicate. Per l'occasione si fa accompagnare da musicisti di grande valore come Dan Ar Braz (che suona anche la chitarra elettrica, Gabriel Yacoub (Malicorne) e dal batterista còrso Michel Santangeli. L'album dal vivo vende oltre un milione di copie; ma alcuni "puristi" rimproverano a Stivell di fare una musica troppo "commerciale", accusa che lascia il tempo che trova. Stivell sa comunicare, e lo fa nella lingua, quella della musica, che padroneggia da grandissimo maestro. Come sempre l'invidia e l'incomprensione è il destino dei grandi. Lavora poi con i migliori musicisti della musica folk francese, come Danar Braz, Gabriel Yared e René Werneer, e continua ancora oggi a diffondere in tutto il mondo la musica celtica, e ad arricchirla, com'è nel suo stile, delle più disparate contaminazioni musicali. La musica di Stivell è infatti un fortunato mélange di sonorità acustiche ed elettroniche, e i suoi testi, spesso in lingua bretone, attingono contemporaneamente alla tradizione e alle moderne correnti musicali. Se Renaissance De L'Harpe Celtique fu soprattutto un caso etno- musicologico, l'innocente ottimismo delle danze briose di Chemins De Terre fece proseliti a milioni. Il merito era anche dell'arrangiatore e chitarrista Dan Ar Bras, che lasciò il gruppo dopo il malinconico E Langonned. 1973 Alan Stivell è considerato il paladino della rinata musica bretone (e celtica), della quale è pure teorico e strenuo sostenitore, e comincia ad essere noto in tutto il mondo. Tournée negli Stati Uniti, in Canada e in Gran Bretagna [secondo la celebre rivista musicale Melody Maker il suo album Chemins de Terre è il migliore dell'anno] 1974 Acquista una casa a Langonnet, in Bretagna, dove registra nel suo studio personale un album più intimista. E Langonned ("A Langonnet" in lingua bretone). Molti musicisti, comunque, incluso Alan Stivell, il più famoso della sua generazione di artisti bretoni, vede la designazione musica celtica come una reale categoria musicale e politica. Stivell afferma che il carattere celtico di un pezzo musicale non ha a che fare con le sue origini, ma con le sue caratteristiche interne. In tale contesto, egli afferma che il carattere celtico è rivelato solo in una minoranza di arie delle regioni parlanti una lingua celtica. Egli anche afferma che alcune melodie gaeliche di irlanda, Scozia e dell'Isola di Man hanno un carattere “profondamente bretone”, mentre alcune melodie bretoni sono musicalmente gaeliche. Stivell afferma testualmente, nelle sue note a E Langonned (Fontana 6325 332, 1974, LP): "Definire la musica celtica è reso molto difficile dal fatto che per un Celta la realtà è liquida (ma la difficoltà non ne dimostra l'inesistenza). E per me, la nazionalità di una musica non è definita da criteri assoluti, ma da tratti relativi. Perciò, anche se rara allo stato puro, la corrente scala pentatonica (re, fa, sol, la, do) è più "amata" dai Celti che dagli altri popoli europei. In molti casi, la musica celtica è in uno stato di instabilità tra la scala pentatonica e la scala diatonica (do, re, mi, fa, sol, la, ti, do). . . . Così come sul piano linguistico, vi sono due diramazioni, il ramo Gaelico e il ramo Britonnico, le quali si differenziano tra di loro principalmente per l'estensione della gamma (qualche volta più di due ottave) delle melodie Irlandesi e Scozzesi e la più ristretta gamma delle melodia Bretoni e Gallesi (spesso ridotte a mezza ottava), e per il frequente uso della scala pentatonica nella musica Gaelica". 1975 Tiene un grande concerto a Dublino al quale seguirà un album live di grande successo, E Dulenn ("A Dublino"). 1976 Esce l'album Trema'n inis ("Verso le isole" in bretone), album dedicato ai grandi poeti di Bretagna ed al padre, deceduto nel 1974. 1977 Alan Stivell mette in musica l'intera storia della Bretagna nell'album intitolato Raok Dilestra ("Prima di approdare"). 1978 Un altro album "elettrico", Un dewezh barzh gêr ("Una giornata a casa") 1979 Un album live, Tro ar bed ("Giro del mondo") registrato ancora a Dublino e all'Olympia di Parigi 1980 Svolta sinfonica con un album doppio che è forse il più famoso: Symphonie Celtique ("Sinfonia celtica"). In esso suona una formazione rock, con bombarde e cornamuse e un' orchestra sinfonica, e con l'accompagnamento di una cantante berbera, Djourha e dal sitar del nepalese Narendra Bataju, allievo del grande Ravi Shankar. L'opera viene eseguita per la prima volta in pubblico al Festival Interceltique di Lorient davanti ad oltre 10.000 spettatori. 1981 Pubblica l'album Terre des vivants. Tournée internazionale, anche in Italia al Teatro Apollo di Firenze, il 1° giugno 1981, al teatro Bobino di Parigi (dove si esibiva Georges Brassens) 1982 Tournèe negli Stati Uniti, al Beverly Theater di Los Angeles e alla Town Hall di New York. 1983 Esce l'album Légende. 1985 Esce l'album Harpe du nouvel âge, che vede Alan Stivell premiato con un Indie Award. 1989 Partecipa alla registrazione del disco Sensual World della cantante inglese Kate Bush. 1991 Alan Stivell si esibisce in Francia contemporaneamente al nuovo album, Mist of Avalon. 1993 Esce un album antologico, Again, che raggruppa diciassette versioni riarrangiate dei suoi più grandi successi. Con Stivell nell'album compaiono Kate Bush, Shane McGowan del gruppo irlandese Pogues, il cantante senegalese Dudu N'Diaye Rose e il cantautore francese Laurent Voulzy. 1995 Esce Brian Boru (dal nome del grande re guerriero irlandese che riuscì a sconfiggere i Vichinghi), un album più tradizionalmente celtico. 1998 Esce il 19° album dell'oramai lunghissima carriera di Alan Stivell, intitolato 1 Douar ("Una sola terra" in bretone): nell'album compaiono Youssou N'Dour, il "re del raï" algerino Khaled, Jim Kerr del gruppo scozzese Simple Minds e Paddy Moloney dei Chieftains. Con quest'album, Alan Stivell intende dimostrare che le differenze di razza e di lingua (bretone, inglese, wolof, arabo) sono le componenti fondamentali dell'umanità, che è una, un messaggio che dovrebbe essere chiaro a chi ama la cultura celtica come valore multiculturale e non esclusivista. 1999, 16 marzo, con Tri Yann, Gilles Servat, Dan Ar Braz e altri artisti di punta della musica bretone è una delle "stelle" del concerto collettivo Bretagne S à Bercy. 2000 Pubblica, a 56 anni, un nuovo album, Back to Breizh, dove ricompare la musica elettronica. 2001 Partecipazione trionfale al Festival Interceltique di Lorient. 2002 E' il cinquantesimo anniversario di carriera di Alan Stivell: esce l'album Au-delà des mots ("Oltre le parole"), un disco interamente strumentale dove il musicista suona sei tipi differenti di arpa. 2003, 15 marzo, Alan Stivell chiude la seconda Nuit Celtique allo Stade de France di Parigi-St.Denis: lo ascoltano 68.000 persone. Suona due pezzi classici come Tri martolod ("Tre marinai") e il finale della Symphonie Celtique. 2006 L'esplorazione di nuove frontiere della musica è la cosa più importante per Alan Stivell, e il nuovo disco Explore dimostra la sua infinita curiosità. Explore assorbe tutte le influenze, le nuove tecniche musicali dei nostri tempi per creare un genere e una musica diversa dove esprimere la personalità di Alan Stivell. il musicista, pur provenendo da una formazione musicale classica e legata anche al folklore tradizionale della Bretagna, si è collocato da sempre nella musica popolare intrecciando sonorità familiari al grande pubblico con sperimentazioni uniche quali quelle offerte dalle sue arpe (il più delle volte prototipi studiati da lui stesso), ma anche musica elettronica e molti altri strumenti. In questo nuovo disco la voce è la vera protagonista e Alan la usa in modo eclettico con influenze a volte blues, a volte rock, jazz, a volte hip-hop senza però mai dimenticare le sue profonde radici bretoni e celtiche. Le canzoni occupano più della metà del lavoro e sono scritte in tre lingue senza operare una vera scelta linguistica: infatti i testi sono in bretone e francese o bretone e inglese. Il cd è dunque un vero concentrato di nuove sonorità, di esplorazione musicale e la voce è sorprendente e unica al mondo. Il progetto, visto anche il continuo ricorso a tecniche di loop e di auto-sample, è collocabile in una sfera assai prossima alla musica elettronica. Da 40 anni Alan Stivell è il più conosciuto e stimato artista di musica tradizionale al mondo, è un punto di riferimento fondamentale, che ha ispirato molti musicisti è ha tracciato una via originale nel panorama musicale mondiale, creativa e innovativa, nel più puro spirito celtico, non tradizionalista a passatista ad ogni costo. Le parole di questa ballata sono i frammenti di alcune frasi tratte da un antico bestiario medievale bretone....tradotte in italiano o in francese queste parole non hanno alcun senso, ma la musica è molto trascinante e parla da sè. Il sito ufficiale di Alan Stivell http://www.alan-stivell.com/

Live di Alan Stivell Band


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alan Tomlinson


Nessun evento trovato in archivio


ALANIS MORISSETTE


“Havoc And Bright Lights” uscirà il 27 agosto, primo lavoro dall'uscita di “Flavors Of Entanglement“, del 2008. L'ottavo disco della sua carriera sdarà preceduto dal singolo “Guardian”, in radio dall'11 maggio. Il live sarà quindi una occasione per ascoltare in anteprima alcuni dei nuovi pezzi. La Morissette ha dichiarato: “Questo album, come sempre, rappresenta le mie ossessioni, i miei interessi e cosa mi affascina alle quattro di mattina nei miei momenti di introspezione. “Havoc And Bright Lights” è una sorta di commento emozionale, psicologico, sociale e filosofico attraverso canzoni“. www.alanis.com

Live di Alanis Morissette


Nessun evento trovato in archivio


ALANNAH MYLES


Nuovo cd per la rocker Canadese Alannah Myles, dove il grande hits del 1989 "Black Velvet" da il titolo all'album. Nel 1989 con "Black Velvet" Alannah spopolò nelle classifiche di mezzo mondo, ora quella canzone, da il la per mettere insieme un nuovo album "Black Velvet" appunto (il sesto della sua discografia). La canzone viene riveduta e corretta, così come tutto il sound del cd, dove le chitarre rock, "notoriamente anima e corpo della musica della Myles", lasciano il posto all'elettronica, e a groove rittmici comunque efficaci. Il disco a questo punto, suona ovviamente pop, senza però perdere in forza o incisività, e canzoni come "Prime Of My Life", "Give Me Love" o "Leave It Alone", dai ritmi cadenzati e ipnotici, ne escono con notevole dignità. "Faces In The Crowd" è la ballata di turno, acustica e sentita, specialemente nell'interpretazione vocale. Il lavoro nella sua totalità, ci riporta una Alannah Myles (dopo dieci anni di assenza) aggiornata un pò tutto, suoni e stile, dove, si il pop ha preso il soppravvento, ma facendo di "Black Velvet" un ottimo risultato. www.alannahmyles.com www.myspace.com/alannahmyles

Live di Alannah Myles


Nessun evento trovato in archivio


ALARM WILL SOUND


ALARM WILL SOUND Jessica Johnson / flauto Jacqueline Leclair / oboe Bill Kalinkos / clarinetto Elisabeth Stimpert / clarinetto Michael Harley / fagotto Matt Marks / corno, tastiere, electronics Jason Price / tromba, electronics Michael Clayville / trombone Dennis DeSantis / percussioni, electronics, composizioni Payton MacDonald / percussioni, composizioni John Orfe / tastiere, composizioni Caleb Burhans / violino, viola, voce, chitarra, mandolino, banjo, composizioni Courtney Orlando / violino, voce, tastiere, fisarmonica John Pickford Richards / viola, fisarmonica Stefan Freund / violoncello, composizioni Miles Brown / contrabbasso Gavin Chuck / composizioni Alan Pierson / direttore Eccezionale orchestra dedita alla nuova musica, Alarm Will Sound si presenta per la prima volta in Italia, dopo essere stata acclamata negli Stati Uniti per lòa sua versatilità, il suo virtuosismo, la sua spettacolarità, le sue collaborazioni con autori diversi fra di loro come Steve Reich, John Adams e Aphex Twin. In compagini come Alarm Will Sound risiede il futuro della musica.

Live di Alarm Will Sound


Nessun evento trovato in archivio


ALASCA


Gli AlascA verranno per portare tutto il loro sound vintage e il loro folk nel cuore della Kalsa, come se fossimo in un coffee-shop ad Amsterdam. http://www.alascamusic.com

Live di Alasca


Nessun evento trovato in archivio


ALBANOPOWER


Albanopower da Siracusa, lead vocal il chitarrista Lorenzo Urciullo (l'unico non siracusano purosangue), per andare di sintesi, eccezionali. Poprock chitarristico e chitarrismi post, accordini funky e momenti psichedelici, grande cura nella costruzione dei pezzi, grande lavoro di batteria a livello di arrangiamento. Cover del classico massiveattackiano Teardrop (più famosa la loro Love Will Tear Us Apart) e bis natalizio, come nel loro stile crepuscolar-scazzato, White Christmas. Su disco, tra tante cose sparse a gratis per il web, Maria's Day per 42 Records. Per chi scrive, il gruppo di questa edizione. www.myspace.com/albanopower

Live di Albanopower


Nessun evento trovato in archivio


Live di Albatros


Nessun evento trovato in archivio


ALBEDO


“Albedo significa indipendenza stilistica. Creare se stessi in piena autonomia.” Gli Albedo sono una delle band più apprezzate del panorama emergente dagli addetti ai lavori, già presenti nel cast Miami 2012, fautori di un alternative rock ricco e profondo. Il loro concept album "Lezioni di Anatomia" ha sbalordito tutti, confermando le premesse e ripagando le aspettative: "A distanza di un solo anno gli Albedo compiono un deciso salto qualitativo in avanti, sfoderando la propria opera migliore. “Lezioni di anatomia” è un viaggio fra gli organi del nostro corpo, i quali danno il titolo ed ispirano ciascuna delle nove tracce della tracklist. I nostri organi ci parlano, ci raccontano le proprie sensazioni, ci spiegano meglio come funzioniamo. La nostra esistenza quotidiana narrata da chi la vive costantemente assieme a noi: le emozioni, i sentimenti e gli episodi di tutti i giorni osservati e raccontati da una prospettiva unica e singolare." www.facebook.com/effettoalbedo

Live di Albedo


Nessun evento trovato in archivio


Live di Albert Ayler


Nessun evento trovato in archivio


ALBERT CUMMINGS TRIO


Albert Cummings (sopportato in 1968) è un guitarist degli azzurri da Williamstown, Massachusetts. È inoltre un costruttore della generazione di quarto. Albert Cummings iniziato a giocare la cinque-stringa banjo a dodici ma più successivamente commutato al guitar. Nella sua fine degli anni '20 ha formato una fascia, la palude Yankee e in 1999 ha liberato un CD indipendentemente prodotto. Il trio ha speso appena due ore in un studio per registrare le nove canzoni per l'album. Debutto del Albert Cummings ricreato a perfezione Raggio Vaughan dello Stevie 'stile e tono di s sulle canzoni e sui campioni auto-rinchiusi degli azzurri. La sua registrazione seguente si è pubblicata come album solo con Chris Layton e Tommy Shannon, conosciuto come squadra della protezione del Vaughn del raggio dello Stevie. Servire come i produttori inoltre hanno organizzato un affare per accertare la distribuzione più larga. Soltanto Tommy Shannon è rimasto come giocatore basso per l'album seguente. Due anni più successivamente, in 2006, Cummings ha registrato un album di quarto con i nuovi membri della fascia ed ha conceduto più intonations del paese nella sua musica.www.myspace.com/albertcummings

Live di Albert Cummings Trio


Nessun evento trovato in archivio


ALBERT HAMMOND JR


Il 33enne chitarrista losangeleno, il cui padre Albert negli anni Settanta ha goduto di un certo successo negli USA, ha studiato in Svizzera presso l'esclusivo Institut Le Rosey, dove incontrò Julian Casablancas, futuro membro e leader della band. Alla fine degli anni 90, trasferitosi a New York per frequentare la New York University's film school, riprese i contatti con Casablancas. Nacquero così The Strokes. Dopo le scottanti rivelazioni di quest'estate sui suoi abusi di droghe negli anni passati, nella sua vita sembra esser tornato il sereno come dimostra il suo nuovo lavoro AHJ, uscito per l'etichetta Cult Records di Julian Casablancas e successore di Yours to keep del 2006 e di ¿Cómo te llama? del 2008. Del suo nuovo album Albert Jr ha detto: "E' una combinazione delle due registrazioni precedenti, cosa che rende il materiale il migliore che abbia fatto sino ad oggi". L'EP è stato prodotto da Gus Oberg e dallo stesso Hammond Jr che ha suonato tutti gli strumenti ad eccezione della batteria. Il primo singolo del nuovo album è Saint Justice, il cui video uffciale è stato filmato nella casa newyorkese del chitarrista e lo vede protagonista assieme alla modella Nina De Raadt. La regia è stata affidata al regista francese Laurent Briet. http://www.alberthammondjr.com/ https://www.facebook.com/AHJofficial https://twitter.com/alberthammondjr

Live di Albert Hammond Jr


Nessun evento trovato in archivio


ALBERT HERA


ALBERT HERA, una delle voci più belle e versatili della scena sperimentale italiana, notissimo in Europa per il suo particolarissimo modo di cantare, utilizza infatti il canto difonico, una delle tecniche più difficili usata dai monaci tibetani, portata al successo dal grande Demetrio Stratos e Bobby Mc Ferrin, che consente di cantare fino a tre note contemporaneamente. Albert Hera, stupisce nelle sue performance per la qualità e la ricchezza della sua anima. È il realizzatore del portale Voiceart, un portale dedicato alla voce, pieno di grandi risorse. www.alberthera.com

Live di Albert Hera


Nessun evento trovato in archivio


ALBERT LEE


Albert Lee Road Runner Albert Lee è lo straordinario chitarrista protagonista di innumerevoli session e tour che lo hanno portato a collaborare con grandi della musica americana come Everly Brothers, Crickets (la band storica di Buddy Holly) e Hot Band di Emmylou Harris (rimpiazzando un mito come James Burton). Un vero e proprio virtuoso che è riuscito in questi anni, con non poche difficoltà logistiche dovute alle sue infinite attività, a produrre con una certa regolarità dischi che ne mettono in luce anche ottime doti di interprete e cantante. Il trascinante rock'n'roll di Didn't Start Livin', la pregevole composizione che dà il titolo all'album firmata da Holland/Dozier/Holland (triade che ha composto decine di hits nell'ambito rhythm'n'blues), l'intensa melodia di Rock Of Your Love di John Hiatt, l'elegante ed accorata The Moon Is A Harsh Mistress del grande Jimmy Webb, Livin' It Down, bluesy number di Delbert McClinton, il lungo ed articolato strumentale Payola Blues, grande banco di prova delle qualità di Albert Lee e la conclusiva Dimming Of The Day di Richard Thompson sono solo alcuni momenti topici di questo Road Runner, un disco da godersi in toto e che non ha momenti deboli o banali. Probabilmente l'album meglio riuscito del chitarrista inglese trapiantato negli States. www.albertlee.co.uk

Live di Albert Lee


Nessun evento trovato in archivio


ALBERT MARCOEUR


Albert Marcoeur: clarinetto, tastiere, voce Claude Marcoeur: batteria, percussioni acustiche ed elettroniche, voce Farid Khenfouf: basso elettrico ed acustico, voce Gérard Marcoeur: tastiere, oggetti, percussioni Eric Thomas: chitarre elettriche, tastiere, campionatori, voce Julien Baillod: chitarre elettriche ed acustiche, voce Dopo più di un decennio di corteggiamenti, Area Sismica ha creato l’occasione per far conoscere in Italia un artista che si pone a metà tra lo chansonnier atipico e l’attore teatrale: Albert Marcoeur. Inventore di spettacoli curatissimi anche dal punto di vista puramente scenico, la sua band (composta anche dai suoi due fratelli) è capace di una performance unica nel panorama musicale attuale. L’eccezionalità dell’evento si spiega inoltre con la natura totalmente indipendente di Albert Marcoeur. Fin dagli esordi è stato avvicinato dalle sirene dell’industria discografica francese. Per contro creò una sua etichetta con una sua distribuzione. Questo lo ha portato ad avere un’autonomia creativa assoluta, ma anche una scarsa risonanza al di fuori dei confini nazionali. Il suo percorso musicale è incredibilmente lungo, e, nonostante la sua inclassificabilità, vanta collaborazioni di ogni tipo, dalla musica attuale al jazz, dal teatro sperimentale al cabaret, con un vasto consenso anche nell’ambito cinematografico, non ultimi i riconoscimenti avuti per la colonna sonora di “Le Pressentiment” di Jean-Pierre Darroussin all’ultimo Festival Cinematografico di Venezia. Lo spettacolo che rappresenterà è L', forse il più dissacrante mai portato in scena dai fratelli Marcoeur, che dell'ironia sono una bandiera musicale. www.marcoeur.com

Live di Albert Marcoeur


Nessun evento trovato in archivio


Live di Albert Oehlen Echo


Nessun evento trovato in archivio


ALBERT RAY


Rock'n'roll, Memphis sound e Texas Blues sono gli ingredienti di cui si è servito Albert Ray, da Reggio Emilia, per creare il suo inimitabile "Sound" sulla base della migliore tradizione Americana. Da vent'anni ormai sui palchi più rinomati del panorama nazionale e non, comincia con una band chiamata "The Thunders" nel 1989, per poi fondare nel 1992 la "Travelin' Band" con la quale realizza il CD "Texas Sky" (Asbury Park 1999). Dal gennaio 2001 parte con questo progetto solista e c'è subito un'ottimo CD "Wild and Innocent" molto apprezzato e considerato dalla critica nazionale. Nel 2003 suona in Texas ad Austin, al Joe Generic's e al 311Club, due noti locali sulla sesta strada, e, la notte di Natale dello stesso anno, la famosa Dj Miss Holley King trasmette il suo cd "Wild and innocent" sulla KBSZ, emittente radiofonica di Wickenburg, Arizona. Sempre nel dicembre 2003 suona con il cantautore texano "Kevin Brown" durante le date del suo tour italiano. Nel 2004 esce l'ultimo CD “King of Fire”, prodotto dalla 8Ball Records di Reggio Emilia. Per questo lavoro si è avvalso anche dell’armonica di Banzaii La Rocca da Austin, Texas (armonicista di Omar and the Howlers, Tony Redman e John Vc.Vey, che tra le collaborazioni in studio vanta anche quella con Eric Johnson). Il CD riporta Albert sulle pagine del Magazine "Chitarre", con una coinvolgente recensione di Alessandro Staiti (la recensione è disponibile sul sito alla pagina Rassegna Stampa) e consolida la già fiorente attività live in Clubs, rassegne musicali ed eventi. Grazie all'uscita di "King of fire", nel settembre 2004, Albert conosce il regista Newyorkese Sascha Paladino (fratello del noto Banjoista Bela Fleck) e diventa, con brani e immagini catturate ad un concerto dal regista stesso, uno dei protagonisti del cortometraggio girato a Reggio Emilia dal titolo "Party for the people" che parteciperà al concorso cinematografico "Woodstock 2005" a New York e, nel 2006, al Nashville Film Festival. Dall'inizio del 2007 è in tour con i suoi Raymen, alternandosi a session in studio per la pre-produzione del nuovo CD, apre gli show di Jerry Portnoy a Torino e Sugar Blue al festival blues di Cento (FE), quest'ultimo con la armonicista Sonny Babe. Durante i concerti estivi con Sonny, nasce l'idea di registrare materiale Live, ed a Febbraio 2008, c'è l'uscita del nuovo CD dal titolo EvilLive. Il tour che ne segue è ricco di concerti e soddisfazioni, tanti i Blues Festivals, tra cui la partecipazione al "CASTELSANPIETRO in Blues" come unica band Italiana condividendo il palco con Ana Popovic e la James Cotton Band. www.myspace.com/albertraygardner

Live di Albert Ray


Nessun evento trovato in archivio


Live di Albert Vorne


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTA CROSS


Gli Alberta Cross presentano il loro album di debutto 'Broken Side of Time' uscito per la Ark Recordings; è stato registrato ad Austin e prodotto dalla band con Mike McCarthy (Spoon, Dead Confederate, Heartless Bastards) e mixato da John O'Mahony (Depeche Mode, Coldplay, Kasabian) agli Electric Lady Studios. L' album è propulsivo con martellanti linee di basso e incredibili ondate di chitarra, una voce appassionata che può suonare antica, e, come ha affermato Stakee, ha assorbito le influenze di anni di frustrazioni contenute nelle ombre di Manhattan. Un album cupo e decisamente arrabbiato. www.myspace.com/albertacross

Live di Alberta Cross


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alberto Bellavia


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO BOCCARDI


Esordio solista per Alberto Boccardi, musicista elettronico con un passato nel punk/hardcore e un piede nelle arti visive (il progetto anyBetterPlace). Come nel caso del suo amico Attilio Novellino, uscito quest'anno con Through Glass, la corrente dove si può collocare Alberto è quella shoegaze/drone, in compagnia di Ben Frost, Tim Hecker, Aidan Baker e vicino a tutta una serie di sound artist che si muovono tra noise, ambient, guitar-ambient. Alberto è bravo a farsi venire sempre un'idea per ogni traccia, di modo da rendere gradevole e non scontato il viaggio assieme a lui. Il ricorso di tanto in tanto ai beat, non un novità di per se stesso, è salutare nell'economia del disco e sicuramente la voce di Cinzia Delorenzi – presente sia per cantare, sia per giocare la carta dello spoken word, sia ancora “solo” come suono fascinoso – ingentilisce e rende ancor più sognanti alcune parti. Del resto, è la dimensione tra sonno e veglia, tra benessere e inquietudine, quella che più suggeriscono i lavori di questi musicisti. Altrettanto opportuni gli sbotti spaccaossa del sax di Luca Rampinini nel finale, segno che Alberto ha un orecchio pronto a cogliere tutte le suggestioni della musica sperimentale. I titoli delle tracce non sono casuali, sono parole che tornano anche nel disco: a voi stabilirne il senso, anche se forse questo esiste solo nella testa dell'autore. Altro titolo per il quale mettere da parte due lire, anche perché l'artwork di Fratto9 è speciale. http://www.albertoboccardi.com/ http://www.facebook.com/alberto.boccardi.5

Live di Alberto Boccardi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alberto Caerio


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO CAMERINI


Parallelamente allo spettacolo anni '80, dove Alberto Camerini, ripresenta i grandi successi anni '80, con qualche pezzo nuovo, anni 2000... ma cabarettista come sempre, è disponibile per chi lo volesse un altro spettacolo: “In love with a killer”, teatro musicale realizzato intorno alle canzoni più popolari di Alberto Camerini, “Rock'n'roll robot” e “Tanz Bambolina”. Insieme a Liudmila Markova (Roquette) e a Chiara Napoli (Pulcinella), Alberto Camerini ama definire questo suo progetto “Tecno Teatro” o “Intermezzo Dance”. E' la storia di un robot, o androide, Arlekyn Starlovsky, aggredito da una presenza misteriosa ed inquietante, Roquette, che irrompe nella sua vita davanti al computer per rubargli l'identità telematica. http://www.albertocamerini.com www.facebook.com/alberto.camerini.92

Live di Alberto Camerini


Sab 03 Mag - Bologna (BO) - Italia

BOLOGNA



Ven 16 Mag - Monza (MB) - Italia

MONZA BRIANZA



Ven 30 Mag - Milano (MI) - Italia

PIAZZA DEL CANNONE MILANO




Live di Alberto Campo


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO CANTONE


LA BUONA NOVELLA di Fabrizio De Andrè Con Alberto Cantone Auditorio Toniolo di Conegliano La Buona Novella è essenzialmente un capolavoro di poesia di Fabrizio De Andrè. Forse il suo album più bello ed emozionante, dove la storia di Gesù (rappresentato come portatore di un messaggio di salvezza umana e spirituale degli ultimi, dei poveri, dei diseredati) si fonda con un percorso sonoro dolcissimo e a tratti straziante. La Buona Novella nasce nel 1968, anni pieni di movimenti, di speranze e di lotte, e di alcune feroci disillusioni. Forse sarebbe stato facile per Fabrizio scrivere un album politico, militante, stare sulle barricate con gli studenti e trasformarsi nell'icona del movimento. Invece lui si mette a parlare di Gesù, per raccontarci con una storia vecchia duemila anni la vicenda di sempre dell'uomo che si dibatte fra la ricerca di un senso superiore dell'esistenza e la lotta per il miglioramento delle condizioni. Nei testi delle canzoni i protagonisti sono persone in carne ed ossa, pieni di umanità e si ha la misura esatta di quanto poco valore avesse la vita di coloro che potere non avevano. Sono loro che raccontano le proprie emozioni e sensazioni intorno alla figura e alla vita di Gesù. Gesù, il protagonista assoluto, rimane quasi un'entità astratta. Lui è raccontato dalla sofferenza degli altri, non si racconta. Parlano solo i derelitti, i diseredati, tutti coloro che sono schiacciati dagli abusi di potere che nella vita e nella morte di quest'uomo hanno trovato una speranza. Un album intenso, che ha preceduto i tempi. Dopo “La Buona Novella” saranno proposte altre canzoni del celebre cantautore. Musicisti > Alberto Cantone: voce, Stefano Maroelli: chitarra acustica, Andrea Busetti: chitarra acustica, Michele Piano: pianoforte e tastiera, Silvia Da Ros: violino, Marco Napoletano: armonica e percussioni, Mariagrazia Marcon: soprano, Davide Marcon_basso www.albertocantone.it

Live di Alberto Cantone


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alberto D'amico


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO DESPINI


1976-Nasco a Sassuolo (MO) il 16 Aprile - Segno Zodiacale Ariete ascendente Cancro; 1990-Frequento un corso di canto tenore per entrare a fare parte di un coro di Modena con cui vengono eseguiti brani in lingua gregoriana; 1991-Vinco il mio primo concorso per dilettanti "La formica d'oro" (Formigine-MO) interpretando il brano "E' l'amico è"; 1993-Entro a fare parte della coverband The Jokers come cantante, con i quali sono parafrasate le diaboliche opere di Jeff Buckley, le altezze di David Coverdale dei Whitesnake, il sano e toccante rock degli U2, l'energia dei Van Halen, le luci ed i fantasmi dei Pink Floyd; 1996-Dopo una breve ma importante esperienza come seconda voce e chitarra acustica degli Odissea, con i quali viene presentato un vasto repertorio che parte dai Queen fino ai Creedence, prende forma un progetto acustico denominato 365 gradi dove si incontrano influenze rock-acustiche (gli Unpluggeds dei Kiss, Dokken, Scorpions, Nirvana ne sono da riferimento) con i primi brani originali da me composti (Come pioggia, Il ritratto giusto); 1999-Pubblico il mio primo libro "La voce delle cose buone"-Poligrafico Mucchi (MO); 2000-Per motivi di studio (mi iscrivo alla facoltà di Economia e Commercio di Bologna) lascio il gruppo 365 gradi; 2001-Mi iscrivo all'Accademia di Musica moderna di Bologna; vengo scelto come attore principale del musical "Anime Nuove", una parafrasi dei Promessi Sposi di A.Manzoni; 2002-Inizio l'esperienza piu' importante con il gruppo Konfine con il quale riusciamo finalmente a proporre numerosi brani originali da me composti; 2003-Partecipo come voce maschile al progetto S.T.O.P., una Big Soul Band diretta dal Maestro P. Paglialunga; 2004-Vinco il concorso "Bologna Music Festival" con il brano inedito "La tua voce"; 2005-Finalmente mi laureo; partecipo ad un videoclip di Vasco Rossi ("Dimenticarsi"); inizia la collaborazione con una coverband "Intemperia" (info su www.intemperia.it); 2007-Partecipo alle selezione per Sanremo Giovani 2008 con il brano "Il giro di idee" e arrivo fino alle semifinali; 2008- Ho collaborato come autore di testi per l'album dell'artista Vincenzo Pastano (info su www.myspace.com/vincenzopastano) dal titolo "Compro Verita". Un mio brano "Il giro di idee" è stato utilizzato come colonna sonora per il cortometraggio IL BACIO DI ALICE di Antonio Benedetto (www.myspace.com/antoniobenedetto) - Una mia poesia ("Neve") è stata pubblicata sull'antologia edita da Giulio Perrone Editore dal titolo "Dal Manoscritto al Libro - I Edizione - 2008" . 2009-A Marzo 2009 e' uscito il mio primo album dal titolo "D'Altrocanto" registrato presso il Doctor Studios di Bologna. www.myspace.com/albertodespini2008

Live di Alberto Despini


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO DONATELLI


Un album molto intimo, Rock e limpido. Ma anche imperfetto e pieno di dubbi. L’unica convinzione è quello che è: un cantautore armato. Armato di riff, chitarre e parole. Un Cd per poche orecchie, indipendente. Incurante. Molto. Va bene così. L’album contiene: 11 Tracce inedite + 5 videoclip + 4 video dai concerti “live”. L’album è disponibile sia come Cd personalizzato & numerato sia in download su iTunes ed altri Music Stores. Info & news: www.noncalpestareilmiogiardino.com + www.albertodonatelli.it

Live di Alberto Donatelli


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO FERRARESE


Alberto Ferrarese: voce; Paolo Iannone: pianoforte; Damiano Niccolini: sax; Lorenzo Forti: basso; Riccardo De Felice: batteria. Dal suo vastissimo repertorio di classici, che esegue sempre con disinvoltura, perizia e calore, Alberto Ferrarese, figura ormai storica del jazz fiorentino, ha tratto una raffinata antologia che va dagli anni ’30 agli anni ’60.

Live di Alberto Ferrarese


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO FORTIS


ALBERTO FORTIS torna sulle scene musicali con “DO L'ANIMA”, nuovo album di inediti in uscita a ottobre, su etichetta 103 Edizioni (distribuzione Sony Music), e che conterrà collaborazioni con Biagio Antonacci e Roberto Vecchioni. In questi giorni, infatti, il cantautore sta terminando la registrazione delle 10 canzoni che faranno parte del suo nuovo atteso progetto discografico e quindicesimo album di inediti. L'album è prodotto da Lucio Fabbri insieme ad Alberto Fortis www.albertofortis.it

Live di Alberto Fortis


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO IOVENE


ALBERTO IOVENE Alberto Iovene (piano) Marco Siniscalco (basso) Lorenzo Tucci (batteria) Daniele Scannapieco (Sax) “Wired Along” è il secondo progetto discografico del giovane pianista/compositore pugliese Alberto Iovene. Un disco elegante, seducente,con brani originali scritti ed arrangiati dallo stesso pianista con il suo stile personalissimo, svelando temi e sonorità di grande ricchezza armonico-melodica, leggendo il flusso musicale attraverso un continuo dialogo con i suoi formidabili partners. Un concerto di assoluta freschezza, un progetto di grande levatura, che rivela il jazz come l'arte assoluta della creatività. www.albertoiovene.com

Live di Alberto Iovene


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO LAURENTI e i RUMBA DE MAR


“AL CROCEVIA DELLA MUSICA”, disponibile su iTunes e i principali digital store, è composto da dieci tracce, nelle quali il ritmo della rumba si fonde con suoni mediterranei e balcanici. L'uso del liuto arabo, delle chitarre portoghesi e flamenche, del duduk e dei flauti arabi rendono quest'album un vero viaggio attraverso le melodie del sud del mondo ALBERTO LAURENTI, apprezzato autore (ha scritto per Tiromancino, Renato Zero, Franco Califano e molti altri), è l'ideatore del progetto musicale RUMBA DE MAR, gruppo arabo gitano con influenze maghrebine e balcaniche. Il gruppo ha partecipato a diversi eventi mondani e convention internazionali. Alcuni dei loro brani sono presenti nelle compilation “Hitmania”, “Hitmania Champions” e “Hit Mania Estate” nelle edizioni dal 2002 al 2012. www.myspace.com/rumbademar

Live di Alberto Laurenti E I Rumba De Mar


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO MARSICO


Eccoci per la prima volta a parlare di Organo Hammond e di Blues. Non possiamo che affrontare l'argomento con l'artista di punta del panorama organistico nazionale e non solo. Alberto Marsico è nato a Torino nel 1966. E' attivo a livello professionale da circa venticinque anni come organista e tastierista; la sua passione per l'organo Hammond nasce però nel 1994, dopo aver frequentato i seminari di Jack McDuff a Genova. Proprio nel 1994 incide il disco “Hammond Blood” , ormai un disco “cult” degli appassionati di organo Hammond, che è stato il primo disco di un “Organ trio” registrato in Italia. Nella sua ventennale carriera ha collaborato con alcuni dei più grandi nomi del firmamento jazzistico mondiale come (tra gli altri) Jimmy Cobb, Jimmy Witherspoon, Bobby Durham, Kenny Burrell, Joey De Francesco, Jesse Davis e Alvin Queen. Si è esibito e ha inciso dischi in tutto il mondo: Los Angeles, San Francisco, Mosca, Sydney, Singapore, Oslo, Berlino, Madrid, Parigi, Amsterdam, Bruxelles e ha tenuto seminari in numerosi conservatori europei. Da tempo fa parte del team di Jazzitalia (www.jazzitalia.net) per il quale pubblica lezioni on-line riguardanti l'organo Hammond, la sua storia, la tecnica e i suoi maestri. Nel 2005 un altro sogno si realizza: viene chiamato dal Beatles Fan Club Italia, in occasione del trentennale della sua fondazione, per registrare un cd celebrativo. Proprio in questa occasione varca la soglia del mitico Studio 2 di Abbey Road a Londra ed all'organo ove si sedettero Paul McCartney e Billy Preston registra due brani dei Beatles. Come forse alcuni di voi ricorderanno, è stato recentemente invitato a partecipare ad una puntata della trasmissione “Superquark”, condotta da Piero Angela, in qualità di musicista esperto dell'organo Hammond, del quale può dirsi certamente uno dei massimi specialisti europei. Tra le altre cose è anche co-progettista ed endorser delle tastiere KeyB Organ, strumenti orientati specificamente alla riproduzione del suono dell'organo Hammond. Una delle cose straordinarie di questa giornata passata in studio con Alberto è stato il post-video, quando gli abbiamo chiesto – a turno – di suonare un po' di pezzi tra i nostri preferiti e lui (come una sorta di human juke-box) ci ha mostrato quanto il suo playing sia poliedrico passando dai classici del Jazz al blues di Booker T, per arrivare fino all'hard-rock dei Deep Purple. A proposito di video; la scelta del brano è stata davvero durissima. Ogni “take” era a suo modo straordinaria ed alla fine abbiamo optato per questo brano perché forse è uno di quelli che meglio mostra la straordinaria tecnica e sensibilità artistica di Alberto. Potrete apprezzare come lui mantenga una linea di basso impeccabile con la mano sinistra mentre con la destra suona cose che…beh lo lasciamo scoprire a voi. Si parte. Come al solito potrete scaricare da QUI una approfondimento con l'intervista ad Alberto.Buona visione ed arrivederci a fine giugno per il prossimo episodio. www.albertomarsico.it

Live di Alberto Marsico


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO MOLON


ALBERTO MOLON Sto Bene Anche Se Vrec, 2013 Nel disco di Alberto Molon tutto è perfettamente coerente. L'artista è veronese, esce con un'etichetta di Verona (la Vrec) ed ha collaborato in passato con l'artista più celebre della città, Massimo Bubola. Dal quale ha sicuramente imparato le coordinate per scrivere semplicemente delle belle canzoni, complete ed accattivanti, con le giuste melodie e le perfette scelte sonore. “Sto Bene Anche Se” è un disco d'esordio già maturo: sia nei testi, dotati di immagini vivide, sia negli arrangiamenti, corposi quando serve (vedi li muro di suono della riuscitissima “Forse Sono Un Genio”), ammalianti nelle ballad (come “Gli Invisibili” o in “Ti Troverò Ancora” ), sempre comunque pronti ad enfatizzare il refrain d'impatto che ben rimane impresso nella mente. La voce graffiante di Alberto ben interpreta il dolore dell'abbandono nel singolo che dà il titolo al disco “Sto Bene Anche Se”, un singolo dotato di un crescendo cristallino e di una vena malinconica riconducibile a tutto l'album. La produzione affidata a Matteo Franzan di Bass Department (già con Lost, Decò e Superwanted) ci regala un cantautore atipico, più vicino al mondo anglosassone che a quello italiano classico, grazie anche ai superbi arrangiamenti di Martino Cuman (Non Voglio Che Clara) ed a tappeti sonori che ricordano U2 o Coldplay (soprattuto questi ultimi nei numerosi cori, come ad esempio in “Pioggia Su Verona”). Un album prezioso curato in ogni dettaglio (anche nel packaging elegante) per un ottimo esordio discografico. Da citare che nel disco hanno suonato anche Luca Lago alle chitarre, Martino Cuman al basso, synth e programmazione, Alessandro Lupatin alla batteria e Michele Sguotti agli archi. Altre info su www.albertomolon.com

Live di Alberto Molon


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alberto Popolla


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO RADIUS


Inizia la carriera verso la fine degli anni cinquanta in un gruppo chiamato White Booster con cui si esibiva nelle sale da ballo. In seguito fa parte per due anni dell'orchestra di Guido Perrone. Dopo la parentesi dovuta al servizio di leva, si esibisce nei club di varie città italiane con il gruppo i Campanino, insieme ai due fratelli Gigi e Franco Campanino, con cui aprono nel 1965 alcune serate dell'Equipe 84 . Si trasferisce quindi a Milano dove suona con gli inglesi Simon & Pennies. Ma è una parentesi di breve durata perché viene chiamato dai Quelli per sostituire Franco Mussida, assente per il servizio militare. Con questo gruppo, che poco dopo avrebbe cambiato il nome in Premiata Forneria Marconi, Radius incide le prime canzoni e sviluppa un suo personale modo di suonare la chitarra. Rientrato Mussida, Radius abbandona il gruppo e forma, con Toni Cicco e Gabriele Lorenzi, la Formula Tre. Dopo l'incontro con Lucio Battisti, il gruppo debutta con l'etichetta appena fondata dal cantautore, la Numero Uno, incidendo un brano della stesso Battisti, "Questo folle sentimento", che arriva al quinto posto della classifica dei singoli più venduti. Il primo album Dies irae è del 1970 ed è proprio il suono della chitarra di Radius a costituire la trama dell'album. Pur continuando a lavorare e a riscuotere successi con il gruppo, due anni dopo Radius incide il primo album a suo nome (Radius), cui contribuiscono alcuni strumentisti destinati a diventare "icone" della musica rock italiana degli anni '70 come Demetrio Stratos, Giulio Capiozzo, Patrick Djivas - che subito dopo daranno vita agli Area -, Franz Di Cioccio e Giorgio Piazza della Premiata Forneria Marconi, Gianni Dall'Aglio e Vince Tempera. Nel 1974, dopo lo scioglimento della Formula Tre, Radius - insieme a Mario Lavezzi (ex Camaleonti e Flora Fauna & Cemento di cui fecero parte anche Alberto Valli e l'attuale telecronista sportivo Bruno Longhi), Vince Tempera, Gianni Dall'Aglio (ex Ribelli), Bob Callero e all'altro ex Formula Tre Gabriele Lorenzi - fonda un nuovo gruppo, Il Volo, prodotto dal duo Mogol-Battisti, che incide due album e che si caratterizzano per le sonorità mediterranee. Dopo lo scioglimento de Il Volo, nel 1976, Radius incide il suo secondo album solista, Che cosa sei, che segna una svolta musicale nella sua carriera. L'anno dopo esce il suo album di maggior successo, Carta straccia, grazie soprattutto a Nel ghetto, intenso brano rock che anni dopo verrà reinterpretato dai Fratelli di Soledad e dai Gene Reparto Corse. In contemporanea inizia un'intensa carriera di session man che lo vede al fianco dei maggiori cantanti italiani, spesso anche in veste di autore e produttore. Nel 1978 apre anche un suo studio, lo Studio Radius, in cui inciderà i suoi album successivi. Nel 1986 costituisce il gruppo Cantautores con cui partecipa a varie trasmissioni televisive di revival musicale e con cui incide due album (Cantautores e La terra siamo noi) in cui convivono vecchi successi e brani nuovi. Nel 2008 Loredana Bertè ha portato a Sanremo il brano "Musica e parole" scritto da Alberto Radius che è risultato essere una variante con testo e arrangiamento diversi della canzone "Ultimo segreto" del 1988, cantata da Ornella Ventura e dai Los Angeles TF un anno prima della Ventura e scritta anch'essa dallo stesso Radius. Questo ha portato alll'eliminazione della Bertè dalla manifestazione canora, anche se ha continuato a cantare al Festival come fuori concorso, dato che l'ambiguità tra le due canzoni è stata scoperta solo dopo che la cantante si era esibita nella seconda serata del Festival di Sanremo 2008. www.myspace.com/430327228

Live di Alberto Radius


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO ROCCHETTI


Tastierista in passato di artisti come Enrico Ruggeri e Renato Zero, Alberto è oggi parte della band di Vasco Rossi. Propone con la sua “Rock-etti band” il suo particolarissimo tributo a Vasco. www.myspace.com/albertorocchetti

Live di Alberto Rocchetti


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO SANNA


CANTO ... SUONO LA CHITARRA E L’ ARMONICA ... SCRIVO CANZONI ... lo faccio da una vita, per la precisione la mia. Amo il rock and roll e il blues in tutte le loro forme più spontanee e genuine, da Elvis a Joe Strummer, da Edo rinnegato primi ’70 agli Eisedisì Bon Scott version, da Muddy Waters a Bob Dylan. Sono sempre stato un cantautore (Alla scuola elementare, In questa città, Quando i cani... , Correre ... e tanta altre) ... credo nella forza delle canzoni, … forse sono ingenuo, ma non mi dispiace! Ho inventato alcuni dei gruppi chiave del rock sardo: Masoko Tanga, High Voltage, Sanna Rock 'n' Roll Breakers, Animanera ... dai primi anni '80 fino ad oggi la mia carriera musicale ha accompagnato senza soluzione di continuità la vicenda dello spettacolo in Sardegna ORA BASTA CHIACCHIERARE, ASCOLTA LE CANZONI! WWW.MYSPACE.COM/SANNAALBERTO www.rocksa.com/sanna

Live di Alberto Sanna


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO SANNA & ANIMANERA


ALBERTO SANNA & ANIMANERA, sul palco nella seguente formazione Alberto Sanna voce chitarra armonica, Domenico Cocco chitarra cori, Silvano Lobina basso cori Marco Caravagna batteria. Una notte di musica nera come le origini, come l’ urlo primordiale del Blues e del Rock’n’Roll dai quali tutto è cominciato. Musiche nere che penetravano dentro inconsapevoli corpi bianchi in statico equilibrio precario, per aprirli ad un nuovo, antichissimo, dinamico disequilibrio vitale e creativo. La band di Alberto Sanna fa parte della storia del rock sardo dalla sua nascita ad oggi, con qualche avvicendamento tra i compagni di viaggio, ma sostanzialmente con lo stesso marchio di fabbrica. ALBERTO SANNA voce, chitarra acustica, armonica DOMENICO COCCO chitarra elettrica, voce FRANCESCO MOCCI organo, pianoforte SILVANO LOBINA basso, voce MARCO CARAVAGNA batteria www.myspace.com/sannaalberto

Live di Alberto Sanna & Animanera


Nessun evento trovato in archivio


ALBERTO VARALDO


ALBERTO VARALDO Biography Musicista eclettico già attivo da anni come Pianista e Compositore, Alberto Varaldo a partire dagli anni 90’ si dedica allo studio dell’Armonica Cromatica riscoprendo la tradizione di questo strumento nella musica classica e nel jazz ed affermandosi in italia ed all’estero come uno dei più interessanti solisti dello strumento. Avviato allo studio della musica all’età di otto anni, in seguito agli studi classici di pianoforte e composizione, ed al conseguimento del diploma in Musica Corale e Direzione di Coro presso il Conservatorio G.Verdi di Torino, frequenta corsi di Arrangiamento e Improvvisazione jazz con Mark Harris e Franco D'Andrea presso il CPM di Milano. Inizialmente da autodidatta ed in seguito sotto la guida del Maestro Willy Burger, intraprende un lavoro di approfondimento delle possibilità tecniche ed espressive dell’armonica cromatica affrontando un repertorio di trascrizioni e composizioni originali per lo strumento. Riceve inoltre lezioni private da Olivier Ker Ourio a Parigi, ed in Italia dal grande Maestro dell’Armonica Jazz Jean “Toots” Thielemans. Vincitore del Primo Premio al World Harmonica Festival 2005 in Germania come miglior solista di jazz, nel luglio 2006 gli viene assegnato in Estonia il Premio Assoluto della Giuria al Nordic Baltic Harmonica Festival, come solista di musica classica e jazz. Nel corso di più di 20 anni di attività Alberto Varaldo ha maturato molteplici collaborazioni in veste di strumentista con numerosi artisti in ambito classico jazzistico e pop (Jilson Silveira, Roberto Taufic, Ginger Brew, Arthur Miles, Orchestra Sinfonica di Ivrea, Fabio Gurian, Sergio Liberovici, Ornella Vanoni) esibendosi in importanti Festival, Rassegne e Jazz Clubs in Italia e all’estero (Gubbio Jazz, Veneto Jazz, Moncalieri Jazz festival, Ivrea Int. Jazz Festival, Teatro Nuovo Arcore, Konzerthaus Trossingen, Nordic Baltic Festival Estonia, Piemonte in musica, Atrium Chaville Paris, Verdi Milano, Ponchielli Cremona, Festival Internaz. Teatro Lugano...) Ha lavorato in ambito televisivo con L’Orchestra di Augusto Martelli e preso parte a produzioni cinematografiche con il regista Carlo Lizzani. E' stato inoltre Arrangiatore e direttore musicale in occasione dei "Campionati mondiali di Danza Sportiva", nonché Compositore di Colonne Sonore originali di film muti per il Museo Nazionale del Cinema e il Ghoete Institute di Torino. Ha inoltre realizzato numerose Sonorizzazioni di mostre d'arte ed esposizioni per la Fondazione Palazzo Bricherasio di Torino, e recentemente è stato chiamato come arrangiatore nell’ultimo lavoro discografico dell’ harmonica Virtuoso Willi Burger. Collabora stabilmente con la “Compagnia Teatrale Dionisi” di Milano, e con il regista palestinese Akram Telawe, a Spettacoli Teatrali di impegno civile e sociale. In ambito discografico ha appena terminato un lavoro dal titolo “Radio waves” in duo con il pianista Luigi martinale, ed è stato inoltre invitato dalla ditta di strumenti musicali brasiliana Hering (per la quale è Endorsment di harmoniche) a partecipare ad un importante progetto discografico finalizzato al contributo della salvaguardia dell’ambiente nella foresta amazzonica. E’ inoltre attivo nell’ambito della ricerca per quanto riguarda L’armonica Classica, approfondendo un repertorio di partiture originali per armonica cromatica e di trascrizioni, e scrivendo composizioni e arrangiamenti per lo strumento. Si propone in concerti dal vivo in formazione di duo con pianoforte, chitarra e con Orchestra d’archi. www.albertovaraldo.com www.myspace.com/albertovaraldo

Live di Alberto Varaldo


Nessun evento trovato in archivio


ALBIE DONNELLY'S SUPERCHARGE


ALBIE DONNELLY - sax baritono, sax alto, voce
"Crazy" George Mahr - organo Hammond, piano
Mike Rafalczyk - trombone, blues-harp, voce
"Big Jay" Wieching - sax baritono, sax tenore, voce
David Shepley - chitarra, voce
Wolfgang Diekmann - basso
Uwe Petersen - batteria

>> www.superchargeonline.com

Live di Albie Donnelly's Supercharge


Nessun evento trovato in archivio


Live di Albion Band


Nessun evento trovato in archivio


ALBOROSIE & SHENGEN CLAN BAND


ALBOROSIE, come sempre accompagnato dalla The Shengen Clan Band, avrà al suo fianco alcuni ospiti d'eccezione per festeggiare nel migliore dei modi i suoi vent'anni di carriera. Sul palco saliranno infatti artisti che hanno condiviso un pezzo di strada insieme ad ALBOROSIE, e che non perderanno l'occasione di festeggiarlo nei migliori dei modi mettendo in scena uno spettacolo indimenticabile. Il nuovo album “Sound The System” ha segnato un nuovo capitolo per ALBOROSIE, sempre più radicato ed acclamato nella sua terra adottiva, la Jamaica. Il talento dell'ex Reggae National Tickets si è riversato in 16 nuove tracce ed è riuscito nell'ambiziosa impresa di creare sonorità fresche e contemporanee. “Sound The System” vuole portare un messaggio di pace e amore globale, al di là di ogni razza e nazionalità. Il suo talento è un dono, e molti artisti di grande fama hanno voluto partecipare alla realizzazione di questo suo nuovo album: tra gli altri Ky-Mani Marley, The Abyssinians, Nina Zilli. ALBOROSIE è stato il primo artista bianco a vincere un premio dedicato alla musica Black ai M.O.B.O. (Music of Black Origin) Awards nella categoria “Best Reggae Act 2011″, il massimo riconoscimento a livello mondiale attribuito agli artisti reggae di spicco nell'ambito della black music, consacrandosi definitivamente tra i maggiori esponenti della scena reggae mondiale. http://www.alborosie.it/ www.facebook.com/OneAlborosie

Live di Alborosie & Shengen Clan Band


Ven 09 Mag LIVE CLUB TREZZO - Trezzo sull'adda (MI) - Italia

LIVE CLUB VIA MAZZINI 58 INFO: 02/90980262 TREZZO SULL'ADDA MI info@liveclub.it www.liveclub.it www.facebook.com/livemusicclub



Sab 10 Mag FUORI ORARIO Reggio Emilia - Gattatico (RE) - Italia

FUORI ORARIO 0522/671970 VIA DON MINZONI 96/B TANETO DI GATTATICO RE www.arcifuori.it



Dom 11 Mag ORION - Ciampino (RM) - Italia

ORION Viale Kennedy, 52 CIAMPINO RM INFO: 06/89013645 06/54220870 3387638681 www.orionliveclub.com




ALCHEMY ROOM


Alchemy Room è un progetto nato nel 2007 a Torino da un'idea del chitarrista e compositore Fabio La Manna, già da anni autore e musicista in altre band italiane. Numerosi brani aspettavano solo di vedere la luce, un sound che attinge dal rock progressivo all'heavy metal, con numerose contaminazioni, sempre dando importanza alla melodia e all'atmosfera. L'incontro decisivo avviene all'inizio del 2007 tra La Manna e il batterista Andy Monge. Il bassista torinese Tommaso Bosso si aggiunge alla line-up come session man e dopo poco tempo finalmente il gruppo trova in Irene Mondino la cantante definitiva e adatta al loro sound. La band registra l'intero promo dal titolo "Origin of Fears" durante il 2008 presso gli studi Music Lab di Settimo Torinese. Il disco è interamente autoprodotto con testi e musica di Fabio La Manna. All'inizio del 2009 la band comincia a promuovere la sua musica tramite il web e stampa il cd in edizione limitata per le label ed i media. Nel Settembre dello stesso anno si unisce alla band il bassista Mauro Mana. Fabio La Manna: Chitarra Andy Monge: Batteria Irene Mondino: Voce Mauro Mana: Basso http://www.myspace.com/alchemyroom

Live di Alchemy Room


Nessun evento trovato in archivio


ALCHERA


A poco più di un mese dalla pubblicazione on line di Discarica di sogni, il nuovo album degli Alchera raggiunge il traguardo dei 2.000 download grazie anche all’uscita delle copertine in allegato al periodico Genia Box ed alla rivista specializzata Mucchio Selvaggio, che per la prima volta ha dato alla band la possibilità di avvalersi di una distribuzione a livello nazionale. Indovinata la scelta della band di far scaricare gratuitamente l’album dal sito www.alcheramusic.com per sfruttare pienamente le potenzialità della rete. Riscontri notevoli infatti da tutta Italia per le nove tracce inedite, ispirate da un continuo abbraccio tra chitarre e sintetizzatori, e l’ affascinante remake della Canzone dell’amore perduto di Fabrizio De Andrè. www.alcheramusic.com www.myspace.com/alcheramusic

Live di Alchera


Nessun evento trovato in archivio


ALCHIMIA


Alchimia (2012) è una band Metalcore della Rep. di San Marino (al centro dell'Italia) nata nell'agosto del 2007 dal progetto di Tom e Sewy, ma da subito la formazione comprendeva anche Tox e Gardo. Nei mesi seguenti entrò come seconda chitarra Pando con il quale debuttarono ufficialmente l' 1 Dicembre 2007. Nell'aprile del 2008 Pando lascio il gruppo, che decise di continuare senza riaggiungere alcun nuovo elemento. Il 6 Dicembre 2008 esce "LET IT BLEED", l'album di debutto. www.myspace.com/alchimiasm

Live di Alchimia


Nessun evento trovato in archivio


ALCHIMIE MEDITERRANEE


Nati nel 1995 il loro dub non si rifà esclusivamente alla matrice classica del reggae giamaicano ma attinge elementi da generi musicali differenti, con uno sguardo privilegiato nei confronti della world music. I colori e i suoni di stampo multietnico invitano l'ascolto in un contesto mediterraneo ricco di suggestioni. www.myspace.com/alchimiemediterranee

Live di Alchimie Mediterranee


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alcian Blue


Nessun evento trovato in archivio


ALCOHOLIC FAITH MISSION


Non abbiate paura se la temperatura s'impenna ed il caldo vi soffoca perchè sono in arrivo dalla Danimarca gli 'Alcoholic Faith Mission' con un disco assolutamente algido che richiama nella titolazione - 421 Wythe Avenue - l'indirizzo della casa di Brooklyn (raffigurata nella bellissima copertina) dove è stato composto. Il perno della band (composta da cinque elementi) è costituito dalla dolcissima e sognante fragilità di Kristine Permild che s'alterna nelle partiture vocali con il polistrumentista Thorben Seierø Jensen e dalla fertile vena melodica di Sune Sølund. Lo scenario evocato dagli 'Alcoholic Faith Mission' è quello d'un inarrestabile crepuscolo emotivo, della caduta delle illusioni, dell'impossibilità stessa che i sentimenti, pure vivi e presenti, possano penetrare il muro dell'indifferenza umana. La matrice musicale è affascinante nella sua ibridazione: il post-rock più rallentato si unisce al dream-pop più shoegazeing in un flusso sonoro che alterna arpeggi di chitarra acustica a delicate malinconie elettroniche. Un disco di sorprendente bellezza e maturità che riproduce atmosfere di grande suggestione riuscendo ad essere teneramente consolatorio senza essere melenso. www.myspace.com/alcoholicfaithmission

Live di Alcoholic Faith Mission


Nessun evento trovato in archivio


ALCOHOLIC WATER


Il gruppo è stato creato dal chitarrista Carmelo Morabito e dal bassista Ubaldo Irsuto. I due hanno deciso di formare un gruppo con ispirazioni al rock, al blues ed al prog. In seguito affiancati dal batterista Ubaldo Ascrizzi. Il trio, dopo pochi mesi, ha cominciato a esibirsi nei rock clubs, proponendo un vasto repertorio di cover dei più importanti gruppi rock e blues degli anni '60 e '70. Ma con il passare del tempo hanno avvertito il desiderio di passare alla composizione di materiale inedito e registrando quindi le prime demo-tracks. Successivamente a questa fase il batterista Ubaldo Ascrizzi lascia il gruppo sostituito dal giovane Gabriele Putrino. La formazione attuale del gruppo è quindi composta da: Carmelo Morabito (chitarra e voce), Ubaldo Irsuto (basso) e Gabriele Putrino (batteria). Il feeling del trio si è affinato rapidamente al punto di incidere dopo poco tempo il primo disco autoprodotto dal titolo To Live Again. Un album che racchiude tutta l'esperienza maturata negli anni dalla band e che ha portato gli Alcoholic Water ad una propria identità. http://www.myspace.com/alcoholicwaterband

Live di Alcoholic Water


Nessun evento trovato in archivio


ALCOVA


“Muscolo Cuore”, album d'esordio dei milanesi Alcova, quartetto che propone un rock alternativo in italiano. Il nome Alcova li rappresenta pienamente: la parola “alcova” indica sia il letto dei piaceri nuziali che la nicchia in cui si pongono i santi. La loro musica è infatti il tentativo di trovare un punto d'incontro tra i bisogni dell'anima e le tentazioni della carne; entrare nell'alcova per loro significa esplorare anche musicalmente le proprie contraddizioni. L'attitudine di “Muscolo Cuore” è rock, ma gli arrangiamenti mescolano vari stili e sonorità come la new wave e il punk, la british invasion e l'elettronica. Il risultato finale è assolutamente originale: una ventata di passione e grinta caratterizzata dalla voce potente di Francesco, in un'interpretazione vibrante e ricca di emozioni. Questo senso di coesione è dato anche dagli strumenti che dialogano tra loro, distinguendosi e amalgamandosi al contempo; l'urgenza espressiva di ciascuno di questi si fonde con quella degli altri creando un suono unico, dalle mille sfaccettature che a ogni ascolto porta a nuove scoperte. Website: http://alcova.it/ www.myspace.com/alcovamusic

Live di Alcova


Nessun evento trovato in archivio


ALDEN TYRELL


ALDEN TYRELL Martijn Hoogendijk e' il vero nome di alden tyrell, produttore che ormai da anni infiamma la scena underground olandese sempre più spesso contraddistinta da un netto ritorno alle sonorita' italo-disco degli anni '80. attivo anche con diversi pseudonimi come a visitor from another meaning, partisan midi, e.o.g., frustrated figures ed ardathbey, tyrell vanta una ricca discografia contraddistinta da gemme come "love explosion", "phaze me", "digger" e la fortunatissimo "disco lunar module" entrata anche nelle grazie di miss kittin, tiga, sven väth e dave clarke che l'ha recentemente inserita nella sua compilation "world service 2" sull'inglese resist music. tra i suoi ultimi impegni anche l'importante psp party che si è svolto a londra: la gig, durante la quale è stata ufficialmente presentata la nuova playstation (la versione 3.0) dove spiccano le musiche proprio di alden tyrell e dj serge. attivissimo anche come remixer (tra i tanti pezzi sui quali ha messo le mani negli ultimi anni il celeberrimo "space invaders are smoking grass" di i-f, "taking care of business" di quick & brite, "whore of the floor" di the parallax corporation, "radio jolly" dei romani jolly music ai quali s'aggiunge la recente collaborazione con like a tim per la traccia "gangster boogie") alden tyrell è oggi uno dei nomi più contesi della scena electro europea anche per i suoi vivaci e creativi live-acts che lasciano sempre ottimi ricordi nelle orecchie di chi ascolta. www.myspace.com/87469781

Live di Alden Tyrell


Nessun evento trovato in archivio


Live di Aldo Brizzi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Aldo Fabrizi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Aldo Granato


Nessun evento trovato in archivio


Live di Aldo Lanzini A Lima-milano


Nessun evento trovato in archivio


ALDO NOVE


Aldo Nove, pseudonimo di Antonio Centanin (Viggiù, 12 luglio 1967), è uno scrittore e poeta italiano. Lo pseudonimo trae origine da una frase, ALDO DICE 26 X 1, presente nel telegramma diffuso dal Comitato Nazionale di Liberazione Alta Italia (CLNAI) nell'aprile del 1945 per comunicare il giorno (26) e l'ora (1 di notte) in cui dare inizio all'insurrezione dei partigiani a Torino nella guerra di liberazione dall'occupazione nazista. Aldo è appunto il nome presente nel messaggio mentre Nove è dato dalla somma delle tre cifre 2, 6 e 1 Nel 1996, dopo la laurea in filosofia morale, scrive Woobinda e altre storie senza lieto fine, edito da Castelvecchi e ripubblicato da Einaudi nel 1998 con il titolo Superwoobinda. Con il racconto Il mondo dell'amore, pubblicato nell'antologia Gioventù cannibale (Einaudi 1996) viene collocato dalla stampa nella famiglia di genere pulp dei cosiddetti "Cannibali", che annovera, tra gli altri, Niccolò Ammaniti. Ha pubblicato due raccolte di poesia con lo pseudonimo Antonello Satta Centanin, in cui ha unito i cognomi della madre e del padre [2], e un libro di poesie ispirate a celebri brani rock dal titolo Nelle galassie oggi come oggi. Covers (con Tiziano Scarpa e Raul Montanari). L'uscita di Amore mio infinito, nel 2000, segna una svolta intimista ed esistenzialista che lo allontana dalla letteratura "cannibale". Negli anni successivi Nove si interessa alle questioni sociali legate al precariato e alla flessibilità: nel 2005 oltre a pubblicare un curioso omaggio a Faber, Lo scandalo della bellezza (No Reply, 2005), è coautore (con Alessandro Gilioli) del testo teatrale Servizi & Servitori: la vita, al tempo del lavoro a tempo. Nel 2006 pubblica Mi chiamo Roberta, ho 40 anni, guadagno 250 euro al mese (Einaudi Stile Libero, 2006) con cui vince il Premio "Stephen Dedalus". Nello stesso anno dà vita, con la TEA, alla collana di narrativa Neon, con opere di Giovanna Giolla, Alessandro Scotti e Ciro Ascione. Nel 2010 pubblica "La vita oscena", testo autobiografico che ripercorre la sua vita dall'infanzia all'età adulta. Nel 2012 pubblica "Giancarlo Bigazzi, il geniaccio della canzone italiana" (Bompiani). Edoardo Sanguineti lo inserisce, insieme a Tiziano Scarpa e a Giuseppe Caliceti, nel suo Atlante del Novecento Italiano, ponendoli a chiusa del "secolo delle avanguardie" della letteratura italiana.

Live di Aldo Nove


Nessun evento trovato in archivio


ALDO ROMANO


ALDO ROMAN OE' dei batteristi italiani più conosciuti al livello internazionale. Nel 1959 Aldo aveva diciottanni. Stava Impara do da solo suonare la chitarra, poi è passato alla batteria facendosi le ossa al fianco di Jackie Mc Lean e altri… Nel 1964 Francois Tuisques lo prese nel suo gruppo “free” e un anno dopo Aldo suonava da professionista a tempo pieno, lavorando con Carla Bley, Steve Lacy, Enrico Rava, Gato Barbieri e Don Vcherry. Alla fine degli anni sessanta si era esibito in tournee assieme a Dexter Gordon, Jean-Luc Ponty, Phil Woods, Joachim Kuhn, Keith Jarret e Steve Kuhn, dopodiché decise di formare il gruppo Total Issue insieme a Henry Texier, Georges Locatelli e Chris Hayward, che segnò la prima volta di Aldo come cantante. “E' stato Jarret che mi ha attaccato il virus della canzone! Lui mi ha anche incoraggiato a scrivere musica”. Nel 1974 con Jasper Van't Hof, Charlie Mariano e Philip Catherine, Aldo Romano fondò il gruppo Pork Pie e, nel 1977, mentre era in Italia, registrò un album in duo (con Jean Francois Jenny Clark) dedicato a Pavese, con un attore del Piccolo Teatro come narratore. L'album era la prova vivente dell'amore di Aldo per le parole e alla Owl Records Aldo organizzava incontri fra musicisti giovani e meno giovani: Claude Bartelemy con Michel Portal e Jenny-Clark (Il pIacere, 1979), Didier Lockwood e Jasper Van't Hof (Night Diary, 1980)… - www.aldoromano.com

Live di Aldo Romano


Nessun evento trovato in archivio


ALDO TAGLIAPIETRA


“L'angelo rinchiuso“, il disco del ritorno al prog di Aldo Tagliapietra Una seconda giovinezza quella che sta vivendo Aldo Tagliapietra dopo l'uscita dal gruppo Le Orme. In quattro anni ha costituito un'affiatata band di musicisti e trovato nuovi stimoli, nuove sensazioni e soprattutto una rifiorita vena artistica che lo ha portato alla realizzazione di due dischi: il primo, uscito nel 2012 (Nella pietra e nel vento) e questo concept inedito dal titolo L'angelo rinchiuso, scritto in occasione del 40° anniversario dell'album delle Orme, divenuto un capolavoro della storia del prog, Felona e Sorona del 1973. Aldo Tagliapietra ha voluto rendere così il suo personale omaggio al mondo musicale che questo storico album rappresenta. Come la nota suite che narra dei due pianeti, L'angelo rinchiuso è un'unica opera musicale (durata: 40'). In vendita in tutti i negozi e in digitale dal 10 settembre: CD in gatefold (13,5x13,5). Cover di Paul Whitehead. Aldo Tagliapietra (voce e basso), Andrea De Nardi (organo Hammond, Minimoog, tastiere), Matteo Ballarin (chitarre), Manuel Smaniotto (batteria). Aldo Tagliapietra è anche l'autore di musiche e testi e produttore insieme a Clamore. Distribuzione Self. Tracklist: 1- Volatus; 2- L'angelo rinchiuso; 3- Dentro il sogno; 4- La fiamma; 5- Io viaggio nel tempo; 6- Riflessi argentati; 7- Storie; 8- Volatus reprise; 9- Passato e futuro; 10- Riflessi argentati reprise; 11- Una voce; 12- Magnificat L'angelo rinchiuso descritto da Aldo Tagliapietra: “E' una suite di quaranta minuti, che alterna momenti melodici e strumentali, con un tema principale, un leitmotiv, che ricorre più volte, suonato in diversi modi e tonalità, durante tutta la durata dell'album, e che diventa un cantato in “Magnificat”. Il tema è esposto in apertura, nell'introduzione strumentale che porta il titolo di “Volatus” (cioè, il volo) e vuole rappresentare, appunto, il librarsi di un angelo, coprotagonista della storia. “L'angelo rinchiuso” narra infatti dell'angelo che, in sogno, fa visita ad un vecchio (nel quale si può facilmente riconoscere me stesso) e ne scopre le memorie, rimanendo imprigionato in un metaforico “giardino dell'orgoglio”, dove sono conservati i ricordi più significativi e vividi delle vicende vissute da quell'uomo (e da me). Tra quelli più importanti, l'angelo riconosce un'immagine che gli è familiare: quella di “due pianeti in armonia in fondo all'universo/dietro polveri dorate e boschi di corallo” (citazione da “Sospesi nell'incredibile”, in “Felona e Sorona”). Inizia un dialogo tra i due personaggi. L'angelo parla al vecchio nelle canzoni “Io viaggio nel tempo” e “Una voce”, descrivendosi come un'entità che viaggia nel tempo, forse un'invenzione del vecchio stesso o un suo alter ego, frutto dei ricordi, oppure creata dalle forze che reggono i due pianeti. L'angelo riesce a riportare pace e armonia nell'animo agitato del vecchio uomo e può quindi riprendere il proprio viaggio tra i mondi del passato e del presente, accompagnato da un largo crescendo strumentale, che culmina con un magnificat gregoriano, proprio alla fine del disco” [Tratto da “Le mie verità nascoste”, la biografia ufficiale di Aldo Tagliapietra che uscirà nel mese di ottobre per Arcana Edizioni. Segue comunicato a parte]. La presentazione del nuovo disco si terrà l'8 OTTOBRE a MILANO al Factory di via Corelli durante la prima data del tour promozionale 40°ANNIVERSARIO LIVE 1973–2013: Aldo Tagliapietra, accompagnato sul palco dagli stessi musicisti che hanno suonato nel disco, eseguirà, nella 1^ parte dedicata al 2013, la nuova suite L'angelo rinchiuso, e nella 2^ parte dedicata al 1973, la versione integrale di Felona e Sorona E' previsto un cocktail di benvenuto per i giornalisti prima del concerto. Segue comunicato a parte. L'anteprima del tour si è svolta al Fasano Jazz Festival lo scorso 12 giugno con ospite David Jackson, sassofonista e flautista ex Van Der Graaf Generator, che ha eseguito, insieme ad Aldo Tagliapietra e alla sua band, una prima versione originale e assolutamente inedita di Felona e Sorona. ***Rassegna stampa*** 1) http://www.osservatoriooggi.it/notizie/cultura/4993-tagliapietra-jackson-orme-jazz-fasano; 2) http://www.gofasano.it/notizie/cultura-e-spettacolo/20128-con-aldo-tagliapietra-si-chiude-il-fasano-jazz-2013.html www.aldotagliapietra.it

Live di Aldo Tagliapietra


Dom 18 Mag FIM - Fiera Internazionale della Musica - Genova (GE) - Italia

FIM - Fiera Internazionale della Musica Fiera di Genova GENOVA INFO: 010/8606461 info@fimfiera.it www.fimfiera.it www.facebook.com/fimfiera



Dom 25 Mag CLUB IL GIARDINO - Lugagnano (VR) - Italia

CLUB IL GIARDINO VIA CAO DEL PRÀ 82 LUGAGNANO DI SONA VR INFO: 348/5358957 info@clubilgiardino.org www.clubilgiardino.org




Aldo Tagliapietra -Tony Pagliuca -Tolo Marton


Dopo il grande successo riscosso lo scorso 5 novembre a PROG EXHIBITION, importante Festival svoltosi a Roma per il quarantennale della musica progressiva in Italia, tornano a suonare insieme dopo 35 anni Aldo Tagliapietra, Tony Pagliuca e Tolo Marton. Aldo Tagliapietra fondatore delle Orme nel 1966, ne è stato la voce storica, l'inconfondibile marchio di fabbrica del gruppo per 43 anni. Oltre che interprete, Aldo suona il basso ed è autore dei maggiori successi della band tra cui Amico di ieri, Sguardo verso il cielo, Canzone d'amore. Tony Pagliuca, entrò nel gruppo alla fine degli anni '60, quando le Orme cominciavano a muovere i primi passi. Organo Hammond e Mini Moog sono i suoi strumenti principali. Anche lui autore sia di liriche indimenticabili sia di musiche tra cui quelle di Collage e Gioco di bimba. Uscì dal gruppo nel 1992. Tolo Marton, chitarrista premiato in America nel 1998 dal padre di Jimi Hendrix, fu un collaboratore importante delle Orme, nel corso del '75 (e successivamente, anche nelle loro carriere soliste) anno in cui prese parte alla realizzazione del famoso LP “Smogmagica”, registrato negli studi di Burbank in California. Il trio si presenterà usando solamente i loro nomi: Aldo Tagliapietra, Tony Pagliuca, Tolo Marton. Come è già stato fatto al Prog Exhibition, verranno promossi e pubblicizzati senza alcuna citazione del marchio "Le Orme", a causa delle conseguenze delle note vicende giudiziarie ad esso legate. Attualmente, è in preparazione un tour con un nuovo spettacolo e un CD di brani inediti. www.aldotagliapietra.it

Live di Aldo Tagliapietra -tony Pagliuca -tolo Marton


Nessun evento trovato in archivio


ALDO ZUNINO


Nasce a Genova nel 1963 e inizia la sua carriera professionale nel 1985 suonando in tutta Italia con i più rappresentativi musicisti del territorio. Nel 92 vince il premio”AICS JAZZ” ed inizia la sua attività didattica nelle scuole del Louisiana Jazz Club e Ellington club. Ha partecipato a Festival internazionali quali: Umbria jazz, Leverkusen, Burghausen, Ivrea, Le Mans, Ascona, Fano, Estival, Villa Celimontana, Roccella Jonica, Umbria Jazz Balkanic, Varsavia, Cracovia, North Carolina, Barcellona, Vigo, Ouro Preto ecc. Lunghissimo è l’elenco delle sue collaborazioni. Tra gli italiani si ricordano: Gianni Basso, Riccardo Zegna, Enrico Rava, Maurizio Giammarco, Pietro Tonolo, Franco Cerri, Gil Cuppini, Gianni Cazzola, Tullio De Piscopo, Massimo Urbani, Andrea Pozza, Dado Moroni, Paolo Fresu, Emanuele Cisi, Claudio Capurro, Piero Odorici, Massimo e Antonio Faraò, Roberto Rossi, Alessio Menconi, Carlo Bagnoli, Rossano Sportello, Alfredo Ferrario, Franco Mondini, Giampaolo Casati, Sandro Gibellini ecc. Tra gli stranieri: Benny Golson, Clark Terry, Tommy Flanagan, Clifford Jordan, Kenny Barron, Harry “Sweets” Edison, Joe Chambers, Jimmy Cobb, Ben Riley, Bobby Durham, Nat Adderley, Junior Mance, Cedar Walton, Gorge Cables, Shirley Scott, Kenny Davern, Bob Wilber, Jerry Bergonzi, Carl Fontana, Conte Candoli, Joe Newman, Kenny Burrel, Lester Bowie, Horace Parlan, Tony Scott, Art Farmer, Buddy De Franco, Jessie Davis, Red Halloway, Alvin Queen, Tony Mann, Gary Bartz, Ralph Sutton, Bryan Lynch, Paul Jeffrey, Alfred Kramer, Ralph Moore, Wendell Brunius, Lee Konitz, Hal Singer, Joe Farnsworht, Lew Tabarin, George Brown, Billy Brooks, Benny Bailey, Bob Mover, Irio De Paula, Sagoma Everett, Bill Watrous, Steve Grossman, Peter King, Alain Jean Marie, Albert “tootie” Heath. Collabora stabilmente con Steve Grossman dal 95, in trio con Bobby Durham e Massimo Faraò nonché con Riccardo Zegna trio e Paolo Birro trio. Dal 2004 fa parte del quartetto e trio di Francesco Cafiso con Stefano Bagnoli, Riccardo Arrighini e Sandro Gibellini. Con questa formazione ha suonato nei più importanti Jazz Club e Festival Jazz di tutto il mondo quali: Birdland (2006-2007 New York), Cairo, Ginza (Giappone), Belgrado, Ouro Preto (Brasile) ecc. Inoltre, sempre con Cafiso, ha inciso tre dischi: Happy Time (CAM), A Tribute To Charlie Parker (Giotto Music) e Jazz Italiano Live 2006 (G. E. L’Espresso). Dal 2006 è componente del trio di Andrea Pozza insieme al batterista Sangoma Everett . www.myspace.com/aldozunino

Live di Aldo Zunino


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ale Di Maggio


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ale Zuber


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alea


Nessun evento trovato in archivio


Live di Aleandro Baldi


Nessun evento trovato in archivio


Alec K Redfearn and The Eyesores


Alec K. Redfearn and The Eyesores / The Quiet Room Dobbiamo confessare che questa è la prima volta che ascoltiamo un album di Alec K. Redfearn And The Eyesores. Il fatto che la musica di questo CD sia discretamente difficile da eseguire bene ma che il gruppo la esegua a perfezione ci dice di una lunga storia. Una ricerca in Rete ci fornisce immediata conferma - questo è il quarto CD del gruppo, mentre la storia del leader è ancora più lunga. L'unica cosa che può essere detta contro questo CD è che se la musica è certamente di buona qualità, e ottimamente eseguita, pure essa non è terribilmente originale o innovativa. Però ci capita di ascoltare tanti gruppi la cui musica non è affatto innovativa ma che - per un motivo o per l'altro - viene definita essere tale dalla stampa. Un punto nettamente a favore di Alec K. Redfearn And The Eyesores è il fatto di suonare musica complessa, cosa che di questi tempi è un'occupazione decisamente rischiosa. Suggeriremmo quindi al lettore di ascoltare The Quiet Room: potrebbe avere una bella sorpresa. www.aleckredfearn.com

Live di Alec K Redfearn And The Eyesores


Nessun evento trovato in archivio


ALEGRIA / CIRQUE DU SOLEIL


Alegría, dal vocabolo spagnolo che significa esultanza, gioia e giubilo, Alegría comprende un cast internazionale di artisti e musicisti di 15 nazionalità diverse. Alegría ha uno stile barocco e operistico, con costumi teatrali, musiche originali suonate dal vivo, e un set elaborato che serve a valorizzare lo straordinario spettacolo di abilità atletica e artistica. Il risultato è un incredibile mix di abilità, forza e velocità, combinate ad eleganza e teatralità. Alegría presenta numeri acrobatici mozzafiato, tra cui il sensuale Synchro Trapeze e l'energetico Aerial High Bars, in cui coraggiosissimi acrobati si lanciano da altalene in movimento all'altezza di 12 metri sopra il palco. Tra gli altri numeri : due agilissimi artisti che portano in vita l'arte Mongola della contorsione, e gli artisti che manipolano coltelli infiammati intorno ai loro corpi (il ritmico e pericoloso Fire-Knife Dance), ed ancora il velocissimo Power Track, una brillante prova di coreografia sincronizzata, sopra un sistema di trampolini, che viene magicamente rivelato da sotto il palco. Nel numero Russian Bars, gli artisti volano in aria con spettacolari salti mortali e capriole, atterrando su delle sbarre larghe 10 cm posate sulle spalle dei compagni. Alegría è più di uno show... è un'esperienza unica ed eccitante, che cattura spettatori di ogni età. www.cirquedusoleil.com

Live di Alegria / Cirque Du Soleil


Nessun evento trovato in archivio


ALEJANDRO ESCOVEDO


Alejandro Escovedo, sensibilissimo cantautore Texano (di Austin per la precisione) già leader dei The Nuns, grande e indimenticata punk band, poi dei Rank & File e quindi dei True Believers, reduce alcuni anni fa da una brutta malattia, propone ballate che luccicherebbero anche nel forziere di sua maestà Dylan; non che il cantautore texano abbia a disposizione una genialità così vasta e controversa, ma in ogni brano si percepisce il suo lavoro da artigiano che lavora sull'ispirazione con mano esperta e cuore aperto. Una carriera solista che rappresenta uno dei più completi e personali melting pot di Texas, California e New York, tre anime di tre americhe diverse, che si sono parlate per la prima volta (senza insultarsi più di tanto…) nella sua musica. L'illustre rivista "No Depression" lo ha consacrato "Artist of The Decade" degli anni 90. www.alejandroescovedo.com

Live di Alejandro Escovedo


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alejandro Jodorowsky


Nessun evento trovato in archivio


ALEK ET LES JAPONAIS


Alek et les Japonaises // ELECTROPICAL MUSIC // BE-JP Alek et Les Japonaises, un electropical duo musicale, un UFO belga-giapponese pronto ad atterrare e sommergerci di patatine fritte! Dal 2008, questi due electropicalists scuotono il pianeta! Alek et les Japonaises Con la loro surreale scatola dei giocattoli, ti portano a bordo di un musical autoironico in giapponese, francese, portoghese, … a volte in olandese. Le loro fresche melodie pop sono un mix di electro beats e chitarra brasiliana cosparsi di spezie Bollywoodiane. I costumi di questi acrobati fanno sognare i più grandi pattinatori su ghiaccio. Questo è forse il motivo per cui sono spesso chiamati il Candeloro della musica, la giapponese Rita Mitsuko o il belga Jun Togawa. Nel 2009 esce il loro primo CD «Cuillère». Alla fine del 2010 nacque il secondo CD «OJAMASHIMASU». E il 2013 è l'anno dell'album Kokekokko, l'evento multinazionale! Alek et Les Japonaises furoreggiano per le scene alternative, nonché saloni di parrucchieri e palazzetti dello sport! www.aleketlesjaponaises.com www.facebook.com/aleketlesjaponaises

Live di Alek Et Les Japonais


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alek Stark


Nessun evento trovato in archivio


Live di Aleksandar Sasha Karlic


Nessun evento trovato in archivio


Live di Aleksander Kolkowski


Nessun evento trovato in archivio


ALELA DIANE


'Pirate's Gospel' è stato uno dei dischi migliori pubblicati nel 2007 ed il nuovo 'To Be Still' conferma l'alto livello della proposta di Alela Diane. Folk cantautorale vicino alla poesia di Joanna Newsom e alla scaltrezza voce e chitarra (quando si libera dalla propria band) del migliore Devendra Banhart. www.aleladiane.com www.myspace.com/alelamusic

Live di Alela Diane


Nessun evento trovato in archivio


ALESANA


La formazione americana che vede tre cantanti e composta da sei membri in totale sta per arrivare in Italia. Abbiamo il piacere di confermare due date di ALESANA, band importante nell'ambito del post-hardcore e dello screamo internazionale, affermatasi in maniera imponente da qualche anno nella scena. I Nostri presentaranno i brani dell'ultimo album intitolato "Where Myth Fades To Legend", un incrocio fra rabbia, melodia e nuove sonorità americane...non mancate! www.alesanarock.com

Live di Alesana


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRA AMOROSO


Amore Puro”, il nuovo album di inediti di Alessandra Amoroso, prodotto da Tiziano Ferro e Michele Canova e nato dopo un anno di lavoro in studio tra Milano e Los Angeles. “Tiziano ha cambiato il mio punto di vista vocale, mi ha fatto scoprire sfumature della mia voce che io neanche sapevo di avere”, ha detto la Amoroso in una recente intervista a TV Sorrisi e Canzoni. “Amore puro” contiene sonorità basse, intime e profonde ma anche pezzi più ritmati in cui Alessandra fa emergere il sui lato più gioioso e allegro. Per la prima volta Alessandra firma il testo, in collaborazione con Tiziano Ferro, di una canzone: si tratta di “Da casa mia” in cui la cantante parla della sua terra, il Salento, e in cui rivive i momenti in cui ha lasciato casa sua “mentre cercavo un posto migliore e una vita nuova insieme a te”. “Amore puro” e “L'hai dedicato a me”, entrambe scritte a Tiziano Ferro, sono le prime canzone che il cantante di Latina ha fatto sentire ad Alessandra Amoroso e che l'hanno convinta a lavorare insieme a Ferro. In “Starò Meglio” e “Hell or High Water”, la cantante salentina mostra sfumature nuove della sua voce e si sentono le influenze del mondo black, a cui Alessandra è molto legata. La prima è una canzone alla “Aretha Franklin versione italiana”, mentre la seconda è stata incisa con un vero coro gospel americano. Con “Amore puro” Alessandra ha avuto l'occasione anche di duettare con Biagio Antonacci, che per lei ha scritto il brano “Non devi perdermi”. “Fuoco d'artificio” è la bellissima versione italiana di un brano di Emili Sandè: il testo italiano porta la firma di Tiziano ferro che non tradisce il significato di quello originale. Con “Non sarà un arrivederci” Alessandra torno a lavorare con Federica Camba e Daniele Coro, i suoi due autori “storici” che per lei hanno scritto, tra tante canzoni, “Immobile” e “Stupida”. www.alessandraamoroso.it

Live di Alessandra Amoroso


Sab 17 Mag 105 STADIUM - Rimini (RN) - Italia

105 STADIUM Piazzale Pasolini 1 C RIMINI INFO: 0541/395698 www.stadiumrimini.net www.facebook.com/105stadium



Lun 19 Mag ARENA DI VERONA - Verona (VR) - Italia

ARENA 045/8005151 PIAZZA BRA' VERONA www.arena.it



Mar 22 Lug - Brescia (BS) - Italia

PIAZZA LOGGIA BRESCIA




Live di Alessandra Carloni


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRA CELLETTI


WAY OUT è una sequenza di 4 quadri poetici virati a seppia (realizzati su brani musicali dell’omonimo disco di Alessandra Celletti) che utilizzano la tecnica del passo uno. Più che raccontare una storia compiuta, il lavoro di Tony Sbarbaro mette in risalto i sentimenti che animano i personaggi lasciando sottointese le situazioni. Tema centrale: la Ricerca attraverso i simboli. In “Dear to Me” il protagonista fuma assorto da un amo, ignaro di apparizioni che sembrano attendere il risveglio dalla sua solitaria meditazione. In “Gold” il personaggio si affatica a spingere una casa attraverso una foresta, un impegno da Sisifo intrapreso con una costanza e una consapevolezza degne dell’accettazione di un destino. Il testo e le immagini di “Every Moment” fanno riferimento a un Paradiso molto terreno, con alberi magici che producono scarpe e personaggi a portata di tentazione ma anche di riflessione. “100 Points” focalizza le relazioni tra i personaggi, che si ricercano, si affiancano, si perdono, si sognano e forse, nonostante la lente d’ingrandimento, non si incontrano davvero mai. Tony Sbarbaro usa per i suoi video bambolotti coi quali è curiosamente istantaneo identificarsi. Discinti, a volte rivelando le molle che li tengono assieme, i suoi espressivi personaggi esistono in una realtà appena più potente di loro, a volte naturale, a volte artificiale e un po’ claustrofobica. L’inclusione di paesaggi in cui le ore vengono compresse in secondi sottolineano il carattere surreale e atemporale di queste sequenze, mentre l’uso di simboli ne moltiplica i significati. L’enigmatica giocosità dei video di Sbarbaro tocca alcuni nervi scoperti, invitando ad un’appassionata osservazione dei sentimenti intimi, quelli che hanno preso forma nell’infanzia e che costituiscono l’universo privato e incondivisibile nel quale ciascuno di noi vive. www.alessandracelletti.com www.myspace.com/alessandracelletti

Live di Alessandra Celletti


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessandra Faiella


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessandra Maria Ammara


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRA PASCALI 6ET


Alessandra Pascali Alessandra Pascali presenta un omaggio speciale a Chaka Khan, Dianne Reeves e alle più belle voci del funky jazz elettrico e della fusion. Funk Art Projet: un evento multidisciplinare che verrà proposto per la prima volta al Big Club in occasione della serata del 24 aprile. L’idea nasce originariamente da Alessandra Pascali che, già nel 2007, aveva portato in scena sullo stesso palco un evento dedicato al Bolero, un concerto interamente suonato e cantato per l’occasione da dieci musiciste donne. Questa nuovo spettacolo nasce dal desiderio di affiancare musica e pittura in un viaggio attraverso le sonorità del funky jazz e della fusion di Chaka Khan e Dianne Reeves. La cantante ospiterà sul palco del Big Club il rapper italo-americano A.J. Robinson oltre ad un ensamble di strumentisti d’eccezione, capaci di ricreare a perfezione le sonorità di “A Night in Tunisia”, “Fascinating Rhythm” e “Saga of Harrison Crabfeaters”. Il concerto verrà impreziosito durante il corso della serata da una performance di live painting a cura dell’artista Andrea Bettin. Formazione: Alessandra Pascali - voce Andrea Balasso - basso elettrico Marco Andrighetto – batteria Alessio Goldin - chitarra acustica ed elettrica Ivan Zuccarato - piano e tastiere Renzo de Rossi - sassofoni www.alessandrapascali.it/concerti.htm

Live di Alessandra Pascali 6et


Nessun evento trovato in archivio


Alessandri & Superti - Via del Soul DuO


Alessandri & Superti - Via del Soul DuO Il progetto Alessandri & Superti, Via del Soul DuO, nasce dalla folgorazione per il versante soul/R&B della musica afroamericana che ha colto due incalliti bues/rock&rollers. Nasce anche dalla sfida di presentare materiale solitamente superarrangiato in una versione, all'opposto, elementare. L'intento è in qualche modo di mettere a nudo il "nocciolo" intenso che questa musica racchiude, evidenziandone di volta in volta i singoli elementi quali il groove, l'armonia e la melodia e suggerendo le contiguità coi terreni confinanti del blues e del rock. Il repertorio si muove quindi intorno agli autori ed interpreti classici del soul, quali Stevie Wonder, Ray Charles, Etta James ma cerca di attrarre in questa atmosfera anche brani più propriamente appartenenti all'area jazzistica o rock, oltre a toccare espressamente la radice comune di tutti, il blues, condito da un'ironia molto Zappiana. - Contatti: www.tellmama.it

Live di Alessandri & Superti - Via Del Soul Duo


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO ASSO STEFANA


ALESSANDRO "ASSO" STEFANA (Brescia / Important Records) Chitarrista di Marco Parente, Capossela ed El Muniria, il suo disco d'esordio uscirà su Important Records (Xiu Xiu, Larsen, etc) il 27 marzo ed è un compendio di strumentali desertici e malinconici, suonati con perizia e gusto notevoli (tra Ry Cooder, Morricone e Marc Ribot, che peraltro collabora al disco)... dal vivo "Asso" suona chitarra elettrica, pedal steel, omnichord e varie chincaglierie elettroniche... www.tremoloarecords.com www.alessandrostefana.com www.myspace.com/alessandrostefana

Live di Alessandro Asso Stefana


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO BENVENUTI. ANTONIO SUPERPIPPO GABELLINI


Prodotto da Mirco Mencacci e Andrea Ciacchini al SAM Studio di Lari (un gioiellino che ha accolto, tra gli altri, jazzisti come Fresu, Rava e Bollani e che, recentemente, è stato scelto da Il Teatro degli Orrori, Zen Circus e Dente), il secondo album di Alessandro Benvenuti è un viaggio a ritroso nei generi musicali che hanno caratterizzato l'Italia degli ultimi 50 anni. Tra marcette leggere, suggestioni jazz, pause country, sprazzi di reggae e rock, Benvenuti si muove in bilico tra ironia e nostalgia, evocando vicende personali per poi traslarle facendone chiare istantanee della società di oggi. Benvenuti, insomma, si "mette in pausa" e tira le somme, invitandoci a fare altrettanto: solo guardandoci indietro potremo sviluppare nel futuro ciò che di positivo siamo stati. Autore, regista teatrale, cinematografico e televisivo, compositore e interprete, in questo progetto Benvenuti si mette in gioco a tutto tondo: il cd "ZIO B. - Perchè i mostri non tornino", infatti, è parte di un concept multimediale che comprende anche uno spettacolo teatrale ed un libro. www.myspace.com/abenvenuti

Live di Alessandro Benvenuti. Antonio Superpippo Gabellini


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO BERTOZZI GROUP FEAT HIRAM BULLOCK


Alessandro Bertozzi Group feat. Hiram Bullock Alessandro Bertozzi - sax Hiram Bullock - chitarra e voce Pino Di Pietro - tastiere Lorenzo Poli - basso Marco Orsi - batteria Alessandro Bertozzi e Hiram Bullock hanno collaborato per la prima volta nel 2003, quando il chitarrista americano ha duettato col sax di Alessandro sul suo disco “Talkin’ Back”. Il connubio tra la calda esuberanza di Hiram e l’intensa melodicità di Alessandro è riuscito particolarmente bene, tanto che le occasioni di incontro si sono moltiplicate, prima in occasionali jam sessions, poi nella mini-tournée dell'anno scorso, e infine sul terzo disco – di prossima uscita – di Alessandro. La chitarra di Hiram si inserisce nel rodato insieme dell’Alessandro Bertozzi Group, la cui solida ritmica (Lorenzo Poli al basso, Marco “Nano” Orsi alla batteria e Pino Di Pietro alle tastiere) è affiatata da anni di tour con vari artisti italiani, come Enrico Ruggeri e Franco Battiato. Un concerto coinvolgente, che si snoda fra le composizioni jazz-funky di Alessandro Bertozzi e brani più tendenti allo stile rock-blues di Hiram Bullock, oltre a un paio di “cover” riviste e riarrangiate, per una durata di un’ora e mezza circa di spettacolo.

Live di Alessandro Bertozzi Group Feat Hiram Bullock


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO BOSCO


Alessandro Bosco, classe 1974, è un cantautore indipendente. Dopo l'uscita dei due singoli Brivido in un Attimo e Attonito, nel dicembre 2010, registra il suo primo album solista, Tra Sogno e Realtà, pubblicato nell'aprile 2012 dalla Setticlavio Edizioni Discografiche e distribuito su Itunes, Mondadori Shop, Amazon e sui più importanti store digitali. Sul palco con lui la sua band: Marco Strada, pianoforte e cori; Paolo Raia, tastiere e cori; Giorgio Dal Pastro, chitarre; Guglielmo Moro, batteria; Giorgio Nardi, basso.www.alessandrobosco.com www.facebook.com/AlessandroBosco.PaginaUfficiale www.twitter.com/aleboscotweet www.youtube.com/ale555551

Live di Alessandro Bosco


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessandro Canova


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO CASILLO


ALESSANDRO CASILLO “#ALE” ENTRA DIRETTAMENTE AL SECONDO POSTO DELLA CLASSIFICA DEI DISCHI PIÙ VENDUTI e AL PRIMO POSTO DELLA CLASSIFICA DEGLI ALBUM INDIPENDENTI È online il video del nuovo singolo “CI CREDO ANCORA” “#ALE” (Carosello Records), il nuovo album di inediti di ALESSANDRO CASILLO, entra direttamente al secondo posto della classifica TOP OF THE MUSIC FIMI/GFK degli album più venduti della settimana (diffusa da GFK Retail and Technology Italia), posizionandosi tra Bruce Springsteen e Ligabue, e al primo posto della classifica PMI degli album indipendenti. “#ALE” è la più alta nuova entrata della settimana, mentre Alessandro è il più giovane artista presente nella top 50. “#ALE”, contenente nove tracce che evidenziano la crescita artistica del giovane musicista, vanta la produzione esecutiva di Gabriele Parisi, mentre la produzione artistica e gli arrangiamenti sono a cura di Gianluigi Fazio, con la supervisione artistica di Luca Chiaravalli. Il video dell'ultimo singolo estratto dal disco, “Ci credo ancora”, ha totalizzato già più di 55.000 visualizzazioni in meno di una settimana. Il videoclip, girato dal regista Federico “Fred” Cangianiello, è visibile al seguente link:http://www.youtube.com/watch?v=rrf1qnH8FkM . «"Ci credo ancora" è uno dei brani a cui tengo di più di questo album – racconta Alessandro Casillo – A 17 anni anche l'amore può cominciare a diventare una cosa seria. Per me è così, e di questo parla la canzone. Del vero amore, dell'incontro che ti cambia la vita, della ricerca della persona che sarà "per sempre", come tutti in fondo vorremmo che fosse. Ovvio, il tempo non mi manca, ma per me l'amore è esattamente questo, e di questo parla la canzone». Website www.alessandrocasillo.com Facebook www.facebook.com/alecasilloofficial

Live di Alessandro Casillo


Mar 13 Mag ALCATRAZ DI MILANO - Milano (MI) - Italia

ALCATRAZ 02/69016352 328/1072353 VIA VALTELLINA 25 MILANO www.alcatrazmilano.it www.facebook.com/alcatrazmilanocommunity www.facebook.com/alcatrazmilano



Sab 17 Mag CINEMA TEATRO ABC - Catania (CT) - Italia

CINEMA TEATRO ABC Via Pietro Mascagni, 92 CATANIA INFO: 095/535382



Sab 24 Mag ORION - Ciampino (RM) - Italia

ORION Viale Kennedy, 52 CIAMPINO RM INFO: 06/89013645 06/54220870 3387638681 www.orionliveclub.com



Dom 25 Mag ARENILE RELOAD - Napoli (NA) - Italia

ARENILE RELOAD c/o ARENILE VILLAGE VIA COROGLIO, 14 B BAGNOLI NA INFO:Info: 081/ 0199156 393/3350355 349/ 5809596 www.arenilereload.com www.facebook.com/arenilereloadfan




ALESSANDRO CENEDESE


Alessandro Cenedese: Fondatore e cantante della band L.ego (2002-2012) con cui realizza 3 album, dal 2013 inizia una carriera solista con lo pseudonimo di "Mandron", sorta di alter ego da utilizzare per le produzioni più alternative. L'attività di autore/compositore e producer sono da sempre accompagnate da progetti che lo vedono in prima linea come promoter e organizzatore di eventi (emergenza live festival-suonica live contest). Trevigiano di origine si trasferisce a Roma nel Febbraio 2013 e decide di "continuare a fare musica". www.facebook.com/cenedeseale - www.youtube.com/user/alessandrocenedese

Live di Alessandro Cenedese


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO COLI


ALESSANDRO COLI - Senza Paura CDS, 2013 Alessandro Coli è un giovane cantautore che a marzo 2013 ha rilasciato un EP promozionale di pop rock song veramente ben fatto, forse l'unico progetto uscito dal vivaio di “Io Canto” degno di nota visto che comunque molti di loro si sono cimentati unicamente in cover song. Ed infatti grazie all'anteprima del video lanciato su Vevo, ai passaggi su Mtv del suo video, su Radio 105, Company e Bruno dei suoi singoli sta iniziando ad incuriosire parecchio. Sopratutto il secondo singolo di Alessandro sempre incluso nel suo EP "Senza Paura" e scritto interamente dal giovane cantante romagnolo classe 1997, parla della sua prima storia d'amore che finisce e del dolore di un giovane che pensa alla sua amata, che ha invece scelto di stare con un'altra donna. Una storia che può sembrare forte ma che in realtà rispecchia le storie di molti giovani di oggi, confusi, che spesso nascondono le proprie preferenze per paura del giudizio della società, della famiglia e di chi li sta intorno. Tra la musica emergente è giusto segnalare chi ha goduto di una vetrina televisiva importante ed ora riesce a portare avanti la propria musica con soddisfazioni. INnattesa dei suoi prossimi passi e con il consiglio di differenziarsi sempre di più dalle varie proposte che escono dai talent. www.alessandrocoli.it

Live di Alessandro Coli


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO D'ORAZI


Nuovo lavoro di Alessandro D'Orazi dopo il successo con il video e singolo D'Estate 2010, colonna sonora del film “nessuno mi puo' giudicare “ film di Massimiliano Bruno ecco il nuovo album del cantautore romano leader dei CiaoRino con 10 nuove tracce inedite. Questo disco vanta la collaborazione di musicisti di prim'ordine che suonando realmente insieme hanno sprigionato vitalità ad un lavoro pieno di canzoni energiche , ironiche , romantiche e ricche di spunti di riflessione. Prodotto per La Scintilla da Pino Iodice e Alessandro D'orazi “alè” è un punto di partenza importante per questo artista eclettico e pungente che saprà con il suo carisma conquistare il cuore del pubblico. Il disco al momento è distribuito solo on line e live. www.alessandrodorazi.com www.facebook.com/dorazi

Live di Alessandro D'orazi


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO DUCOLI - LUPITA'S PROJECT


Il Ducoli nasce l'1 ottobre 1971 a Breno (Brescia). Conduce un'infanzia e un'adolescenza decisamente ordinari tra scuola, calcio e altro. Due sorelle maggiori lo costringono all'ascolto reiterato di tutta la peggiore musica melodica italiana degli anni 70 ma a metà degli anni 80 decide di “salvarsi la vita” acquistando un proprio walkman. Verso la fine degli anni 80 inizia i primi timidi passi musicali suonando l'armonica con gli Springs e fondando i Pond Spashing poi ribattezzati Cantina Occupata. Trasferitosi a Padova per conseguire al laurea in Sc. Forestali, inizia ad avvicinarsi alla chitarra, guidato dal maestro Davide Coslovich e scrive le sue prime (pessime) canzoni. Nello stesso periodo, in collaborazione con il chitarrista Luciano Mirto, inizia una collaborazione musicale che porterà all'incisione di due demotape: Rosso (1994) e Sopra i muri di questa città (1995). I due lavori passano totalmente inosservati e il Ducoli inizia a lavorare alla stesura di quello che lui stesso definisce il suo primo album solista: Lolita (1996). Lolita è un disco immaturo ma contiene già alcuni brani che hanno segnato e segnano tutt'ora la carriera del Ducoli (Nuda e cruda, Ho trovato l'oro, Benny Jag Blue). (…) Un CD autoprodotto dalle atmosfere molto eteree dove i testi e le musiche di Ducoli vengono arricchite dagli interventi dei singoli musicisti, e l'ascoltatore viene cullato dalla fisarmonica di Fausto Beccalossi dalle tastiere di Andrey Kutov dal contrabbasso di Andrea Donati e il sax di Federico Putelli. Cercatelo e non ve ne pentirete. (…) Giorgio Baratto – Viceversa. Nel 1996, con lo pseudonimo di Bacco il Matto, comincia la collaborazione musicale con il chitarrista Nicola Bonetti, che porterà ad un'intensa attività live e alla produzione di due album: S. Marco (1999) e Cercatori d'oro (2000). Quest'ultimo arricchito dal cameo di Raffaella, una canzona appositamente scritta per loro nientemeno che da Chip Taylor. Il riconoscimento di critica consente “al Bacco” di muoversi sui più diversi palcoscenici d'Italia. (…) Bacco il Matto ha le proprie fondamenta nella voce alcolica e guascona di Alessandro Ducoli e nelle chitarre nervose di Nicola Bonetti, vero e proprio rocker purosangue con un'innata inclinazione al riff micidiale: se “Devi stare dalla parte giusta” è una specie di prologo che invita a schierarsi, la vera natura della band viene fuori prepotentemente già dalle successive “Gesù mi ha chiesto di restare” e “Vito Malavita”, possenti cavalcate rock dall'andamento epico e maestoso eppure dal sound sporco e straccione come da molto tempo non si sentiva. (…) Marco Grompi (L'Ultimo Buscadero n°281; Marzo 2000) Nel 1998 la carriera solista del Ducoli, parallela a quella come Bacco il Matto, viene arricchita dalla presenza del chitarrista Mario Stivala, con cui costruisce le canzoni e gli arrangiamenti di Malaspina (1999), il suo secondo album solista, cui segue Anche io non posso entrare (2001), con cui consolida la sua figura di cantautore nel panorama degli artisti autoprodotti italiani. Nel 2001 la sua attività live inizia a concentrarsi sulla promozione dei suoi lavori solisti e, in compagnia del batterista Arcangelo Buelli e del contrabbassista Massimo Saviola, da vita al progetto La Banda del Ducoli (cui partecipano anche il chitarrista Lorenzo Lama e il pianista Renato Saviori). Questa collaborazione si consolida in uno spettacolo di grande interesse artistico e nell'uscita di Taverne, stamberghe, caverne (2003). Il lavoro è ben segnalato dalla critica e la Banda del Ducoli è finalista al Premio Città di Recanati (edizione 2004) e al Festival di Mantova (prima edizione). (…) L'irrequieto Bacco il Matto degli anni Novanta e il più poetico e visionario Alessandro Ducoli incrociano la loro urgenza di raccontarsi dentro una band che diventa il centro di un progetto cantautorale intenso e coinvolgente. Il musicista camuno (Val Camonica) porta i sui personaggi romantici e poco allineati dentro i luoghi della sua vita quotidiana, una periferia alpina dove ci si racconta nelle taverne e si frequentano le fiere, e dove storie di amori balordi s'incrociano con storie di rane che ti attraversano la strada. Dopo il disco raffinato, da vero cantautore (”Anche io non posso entrare”) Ducoli sforna”il disco della band”, che trasuda appunto tutto il piacere di suonare assieme di un gruppo di musicisti di razza. (…) Fabio Zamboni (Alto Adige, aprile 2003). Nel 2004, sempre in compagnia di Mario Stivala, inizia la stesura di un nuovo lavoro solita la cui produzione è affidata a Paolo Filippi e Teo Marchese del Cavò Studio di Bergamo. Il nuovo album, Brumantica esce nel novembre del 2006 e vede la partecipazione del batterista Ellade Bandini, del contrabbassista Ares Tavolazzi, del pianista Alessandro Galati, del trombettista Fabrizio Bosso, oltre ad altri ospiti d'eccezione quali Sandro Gibellini e Tino Tracanna. (…) Se il jazz (quello vero, non quelle insipide contaminazioni che oggi vanno tanto di moda...) incontra la canzone d'autore, che succede? Succede qualcuna delle invenzioni di Paolo Conte, qualche brano di Cammariere, e poco altro. Tanti, ora, fanno canzone d'autore "jazzata" (a volte anche bene, nulla da dire), tanti viceversa suonano jazz facendo il verso alla canzone d'autore: sono proposte spesso valide, lo si è detto, ma sono e rimangono spurie. Fino ad oggi. Oggi c'è questo disco. Autentica canzone d'autore in autentico jazz. Nulla da eccepire. Ciò che pareva quasi impossibile, oggi è accaduto. Quindi era possibile. Bravo Ducoli, a mostrarcelo, ed a fare ancora di più: a farcelo sembrare facile. Naturale. Questo è il pregio dei grandi: fare cose geniali facendole apparire normali, quasi banali. Quindi Ducoli è geniale, non abbiamo paura a dirlo. (…) Andrea Rossi (Music Map, febbraio 2007). Nel 2008, dopo la pubblicazione di Lolita's malts (ristampa del suo primo album arricchita da una versione elettronica curata da Valerio Gaffurini), il Ducoli pubblica il suo sesto album solista, Artemisia Absinthium, e contemporaneamente il cofanetto Quando si tagliava la coda ai cani (che contiene le versioni rimasterizzate di Malaspina, Anche io non posso entrare e Taverne stamberghe caverne. Sempre nel 2008, si consolida definitivamente il sodalizio artistico con il pianista Andrey Kutov, con cui vince il Premio Claudio Mazzitello (edizione 2009). (…) Si parla sempre più di musica indipendente: io credo che il Ducoli sia il re degli indipendenti, l'indipendente per definizione, forse l'ultimo vero indipendente. (…) Paolo Crazy Carnevale (Circuito sonoro; dicembre 2008) Parallelamente alla sua attività solista, oltre a Bacco il Matto, il Ducoli ha dato vita a numerosi altri progetti tra cui: Degeneration beat (2004; lavoro omaggio alla “prosa spontanea” e a Jack Kerouac realizzato con i Brother K e Mark Murphy, con cui è finalista al Premio Città di Recanati nell'edizione 2006), Tonigh's the day (2004, con i My Unlce the Dog), Jokerjohnny I e Jokerjohnny II, Easlylove, I leave my place to the Bitches (2005, 2006, 2008, 2009; con gli Spanish Johnny). Da segnalare infine la collaborazione con Boris Savoldelli in Insanology (2007), Protoplasmic (2009) e Biocosmopolitan (2010) in cui compaiono ospiti d'eccezione tra cui Mark Murphy, Elliot Sharp e Marc Ribot. Nel febbraio del 2010 è infine uscito l'ultimo lavoro discografico del Ducoli: Piccoli animaletti. Il nuovo album vede la partecipazione di Andrey Kutov e Valerio Gaffurini al pianoforte, di Mirko Spreafico alle percussioni, di Max Gabanizza al basso, di Ellade Bandini alla batteria, di Giorgio Cordini al bouzuki, di Michele Gazich al violino e di Mario Stivala alla chitarra. www.ducoli.eu

Live di Alessandro Ducoli - Lupita's Project


Mar 13 Mag LIO BAR - Brescia (BS) - Italia

LIO BAR Via Togni, 43 BRESCIA INFO: 335/5350615 circoloforestieribooking@gmail.com




ALESSANDRO FIORI


Alessandro Fiori - Questo Dolce Museo cd (Urtovox/Audioglobe) Alessandro Fiori rappresenta senz'altro quanto di più personale ed unico la nuova scena cantautorale italiana possa oggi vantare. Attingendo a piene mani dalla tradizione meno allineata degli anni 60 e 70 (Jannacci di ”Giovanni Telegrafista”, Piero Ciampi, il primo Lucio Dalla, Ivan Graziani, Cochi e Renato al tempo de Il Poeta e il Contadino), Alessandro Fiori è riuscito a elaborare un linguaggio nuovo, fatto a volte di caustica poesia urbana incastonata in improbabili scenari visionari e naif, che lo vedono come un poeta/menestrello capace di rapire i sentimenti della gente grazie alla sua disarmante genuinità; la genuinità con cui Alessandro riesce a parlare di sé e del mondo che i suoi occhi vedono, raccontando storie quotidiane infarcendole di colorata psichedelia linguistica irresistibile econtagiosa. Questo Dolce Museo è il secondo passo per Fiori nell'esperienza da solista che, dopo l'uscita dai Mariposa, si fa ancora più centrale nella sua carriera di musicista. L'album è dedicato a Sandro Neri, amico aretino morto di alcool all'inizio del 2010. http://www.facebook.com/alessandrofiorifans

Live di Alessandro Fiori


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessandro Gibellini


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO GRAZIAN


Tra i cantautori più raffinati e particolari della nuova scena italiana, Alessandro Grazian inaugura domenica 10 febbraio l'edizione 2013 di Glorytellers, ciclo di concerti dedicato al panorama indipendente italiano, in programma fino al prossimo aprile alla Sala Vanni di Firenze. La rassegna rinnova la collaborazione tra LNDF e Musicus Concentus, promoter da sempre attenti agli scenari più particolari della musica d'autore, e non solo. Alessandro Grazian torna dal vivo per presentare il nuovo album, "Armi". Si tratta del terzo lavoro dell'intensa carriera solistica ed arriva dopo un periodo ricco di esperienze, in cui il l'artista padovano si è dedicato, tra l'altro, anche alla pittura e alla realizzazione di colonne sonore (finalista al Torino Film Festival nel 2010 e al Festival di Cannes 2011 col regista Pasquale Marino). Un disco ricco di suggestioni rock finora inedite nelle sue canzoni, realizzato con la collaborazione di Leziero Rescigno degli Amor Fou. Rispetto ai precedenti "Caduto" e "Indossai", "Armi" è un album rock senza fronzoli, potente e viscerale: new wave nella semplicità di scrittura, essenziale nella naturalezza con cui riesce a coinvolgere, sia nei suoi momenti più elettrici sia in quelli più sognanti e folk. Ottima l'accoglienza riservata dalla stampa specializzata, e non solo. Dal vivo Grazian si presenta nella formazione a tre con cui, dallo scorso autunno, sta girando il palchi dello Stivale: Alessio Russo alla batteria e Davide Ferrario al synth. http://www.myspace.com/alessandrograzian http://www.alessandrograzian.it

Live di Alessandro Grazian


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO GWIS


ALESSANDRO GWIS Dopo molti anni passati suonando come "sideman", Alessandro Gwis, pianista degli Aires Tango, approda al suo primo lavoro da solista, intitolato appunto (semplicemente) "Alessandro Gwis". Il CD, come ben si conviene ad una opera prima, è un diario di bordo di un percorso musicale, una sintesi piuttosto personale - delle esperienze artistiche degli anni precedenti. Per questo motivo, vista l’ampiezza dell’orizzonte artistico di Gwis, non è semplice definire stilisticamente questo disco; dentro c’è musica latina, c’è jazz, ci sono echi della tradizione musicale europea, c’è elettronica, usata in modo sottile ma personale, c’è inevitabilmente- il tango. Caratteristica dell’album è l’alternarsi di brani originali (tutti composti da Gwis) e di brevi improvvisazioni collettive realizzate insieme ai suoi due compagni di viaggio, il contrabbassista Luca Pirozzi e il batterista Armando Sciommeri; improvvisazioni a volte malinconiche, a volte ironiche, sempre imprevedibili. Il risultato finale è un’atmosfera sonora incalzante, struggente, evocativa, che mette bene in risalto le notevoli qualità pianistiche di Gwis; un cd in cui viene raggiunto un equilibrio non facile da ottenere: quello di una musica che sa coniugare energia e lirismo. www.alessandrogwis.com

Live di Alessandro Gwis


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO HABER


lessandro Halfred Haber nasce a Bologna il 19 gennaio 1947 da padre romeno ebreo e da madre italiana cattolica. A nove anni, dopo un'infanzia trascorsa in Israele, torna in Italia. Nel 1967 ottiene la parte di Rospo nel film La Cina è vicina di Marco Bellocchio. Sarà poi Pupi Avati ad offrirgli il primo ruolo di protagonista, quello di Lele in Regalo di Natale e La rivincita di Natale. Haber si è cimentato in ruoli drammatici e comici e in questo ambito va ricordato il suo ruolo in Fantozzi subisce ancora, nei panni di un chirurgo molto particolare, ma anche l'interpretazione del vedovo Paolo che, all'inizio di Amici miei - Atto II°, finisce vittima del prof. Sassaroli (Adolfo Celi), che finge di essere stato per anni l'amante della sua defunta moglie, Adelina. In teatro recita in Orgia di Pier Paolo Pasolini, Woyzeck di Georg Büchner, Arlecchino, Scacco pazzo (da cui ha poi tratto l'omonimo film del 2003 che lo ha visto debuttare come regista) e L'avaro di Molière. Sempre come attore teatrale, nel 2006 si aggiudica il Premio Gassman come miglior attore per l'interpretazione di Zio Vanja nell'omonimo testo di Anton Čechov. Alessandro Haber in La Cina è vicina (1967) Negli anni Novanta recita in Parenti serpenti del 1992 di Mario Monicelli, e in quattro film di Leonardo Pieraccioni: I laureati del 1995, Il ciclone del 1996, un cameo in Fuochi d'artificio del 1997 e infine Il paradiso all'improvviso del 2003. In seguito Haber ha anche scritto e cantato canzoni; il suo primo CD si intitola Haberrante e ad esso ne seguono altri due: Qualcosa da dichiarare e Il sogno di un uomo. Francesco De Gregori ha scritto inoltre per lui La valigia dell'attore. Nel 2010 ha partecipato al film documentario Pupi Avati, ieri oggi domani dedicato al regista Pupi Avati. Il film è stato presentato in anteprima al Festival di Bellaria. Il 30 giugno 2011 accade un fatto che per un attore è da considerarsi grave. Viene licenziato dalla compagnia del teatro Arena del Sole di Bologna per un evento accaduto durante le prove de l'Otello. L'attore ha dato un bacio non previsto dal copione a Lucia Lavia, al quale sono seguiti reciproci schiaffi. Haber fu sostituito da Franco Branciaroli. Il teatro Stabile di Bologna ha definito i fatti come "gravi comportamenti tenuti nel corso delle prove dello spettacolo nei confronti di Lucia Lavia"[1] mentre Haber si è difeso affermando di avere esagerato a rispondere allo schiaffo, ma che non c'era alcuna malizia nel bacio, dato solo per rendere più forte la scena[2].La vicenda, giunta in sede giudiziaria, si è conclusa bonariamente avanti al Tribunale del Lavoro di Bologna ove le parti hanno riconosciuto che l'episodio è stato ingigantito dall'emotività e dall'inesperienza della giovanissima attrice (Lucia Lavia) e riportato dalla stampa in modo deformato, concordando nel ritenere nella sostanza immeritato il provvedimento di recesso intimato all'attore.

Live di Alessandro Haber


Ven 08 Ago Ravello festival - Ravello (SA) - Italia

Ravello festival Auditorium Oscar Niemeyer Ravello SA INFO: 089/858422 www.ravellofestival.com




ALESSANDRO LANZONI


Il 2013 è stato un anno intenso e ricco di soddisfazioni per Alessandro Lanzoni, 21enne pianista fiorentino ancora giovanissimo ma con esperienze già molto importanti. Per prima cosa la pubblicazione di Dark Flavour, secondo album da leader e primo in trio con Matteo Bortone (contrabbasso) ed Enrico Morello (batteria), per la CAM Jazz. Nell'album Alessandro affronta standards di Monk (Crepuscule With Nellie e Bright Mississippi), Coltrane (Satellite) per poi dispiegare tutto il suo talento nelle proprie composizioni come Dark Flavour, Levra e Anatolio, tenendo sempre un occhio attento sulla tradizione ma guardando oltre. Il tour di Dark Flavour lo ha portato ad esibirsi nelle maggiori città italiane e su Radio 3 Rai. A luglio in occasione di Siena Jazz poi l'esibizione a fianco di grandi musicisti americani come Ambrose Akinmusire, Jeff Ballard, Larry Grenadier, Ben Street, Steven Bernstein, e Miguel Zenon. Infine la collaborazione con il New Blood Quartet di Aldo Romano, con il disco New Blood, omaggio a The Connection di Freddie Redd, pubblicato dalla Dreyfus Jazz, con il quale ha suonato a Parigi ed in altre città francesi. A coronamento di questo anno straordinario arriva la vittoria come Miglior Nuovo Talento al Top Jazz 2013 indetto dalla rivista Musica Jazz. Alessandro verrà premiato il 1 gennaio 2014 presso il Teatro Mancinelli di Orvieto nella consueta serata di Umbria Jazz Winter dedicata ai vincitori del Top Jazz. www.alessandrolanzoni.com

Live di Alessandro Lanzoni


Dom 04 Mag - Caltagirone (CT) - Italia

JAZZ CLUB CALTAGIRONE CT



Gio 15 Mag CROSSROADS - Lugo (RA) - Italia

CROSSROADS INFO: 0544/405666-408030 051/226491 348/2350217 www.crossroads-it.org www.erjn.it



Lun 11 Ago TIME IN JAZZ - Sassari (SS) - Italia

TIME IN JAZZ BERCHIDDA OLBIA TEMPIO INFO: 079/703007 070/303148 347/8489787 www.timeinjazz.it




ALESSANDRO MANCUSO


Il cantautore palermitano in oltre 10 anni di attività è riuscito, grazie all’utilizzo creativo del dialetto siciliano, a ritagliarsi un importante ruolo nel panorama della musica etnica nazionale annoverando, tra l’altro, importanti collaborazioni con artisti del livello di Claudio Baglioni e Lucio Dalla, con i quali ha collaborato nel 2005 in occasione di O’Scià (a Lampedusa con Baglioni) e dell’ Etna Fest (a Zafferana Etnea con Dalla). Forte della maturità acquisita insieme ad I Beatipaoli, nel 2006 presenta il nuovo spettacolo da solista, dove l’esperienza maturata con la band di matrice etno-pop si sposa con una più ampia scelta sonora vicina alla cultura cantautorale italiana “classica” mediata da una internazionalità che caratterizza il progetto rendendolo innovativo ed eclettico. Alessandro Mancuso ha ottenuto premi e riconoscimenti nell'ambito di manifestazioni e festival nazionali e internazionali: WOMAD edizione 2000, SILAINFESTA edizione 2000 CAMPUS edizione 2000 (premio band università) WOMAD edizione 1999, SOLMUSIC edizione 1999 (premiati da Red Ronnie) Ha vinto, con I Beatipaoli il premio Città di Foggia "Spazio Giovani" 2002. Ha partecipato alla Manifestazione estiva "Palermotutta" con lo spettacolo "Lu Casteddu di Palermu" di cui è autore delle musiche e regista. Il brano “Cuntu di lu capu d’ì tunni” è stato inserito nella colonna sonora del film “Ladri di barzellette” di Bruno Colella. Finalisti al Festival della canzone popolare e d'autore 2005 (già Premio Città di Recanati). Nel 2005 duetta con Lucio Dalla, in occasione del Premio Archimede e il mese successivo si esibisce (sempre con i Beatipaoli) in un intero concerto a Zafferana Etnea con lo stesso Lucio. Con Claudio Baglioni in duetto eseguono "Io dal mare" in occasione di O'Scià 2005. Ancora con Claudio Baglioni in occasione della Notte Bianca di Mazara del Vallo, dedicata al Satiro Danzante con "Io dal mare" Viene premiato con la targa RAI DEMO AWARD come migliore artista rivelazione 2006 al Meeting delle Etichette indipendenti di Faenza. La canzone “Sciroccu” viene scelta come colonna sonora del film “Io, l’altro” con Raul Bova. www.myspace.com/alessandromancuso73

Live di Alessandro Mancuso


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO MANNARINO


MANNARINO torna sulle scene con “AL MONTE” (Leave srl/Universal Music), l'atteso terzo disco di inediti che verrà anticipato, in radio e negli store digitali, dal singolo “Gli Animali”. «Gli animali ci somigliano? O siamo noi che somigliamo a loro? E in questa corsa a mangiarsi, annusarsi, inseguirsi, sbranarsi, ci sarà un modo per salvare la pelle? Forse si, dice il veridico e in buona salute nonno Mannarino, la vera voce del Patriarca, che spiega al nipote come debban fare i pesci a non farsi prendere all'amo “bisogna saper distinguere la luce delle stelle da quella delle lampare”. Perché si somigliano, ma sono diversissime. E non solo per i pesci… ». Questa la tracklist di “AL MONTE”: “Malamor”; “Deija”; “Gli Animali” ; “L'Impero”; “Scendi giù” ; “Gente”; “Signorina”; “Al Monte”; “Le Stelle” Oltre 40.000 copie vendute con i due album precedenti, “Bar della rabbia” (2008) e “Supersantos” (2011). Premio Gaber ePremio Siae come miglior artista emergente. Due partecipazioni al Concertone del Primo Maggio. Un tour negli Stati Uniti e inCanada (insieme a Subsonica e Negrita). Autore dell'arrangiamento della sigla di Ballarò e della colonna sonora del film di Rolando Ravello “Tutti contro Tutti”, vincitrice al Magna Grecia Film Festival. www.alessandromannarino.it www.facebook.com/officialmannarino www.twitter.com/Mannarino

Live di Alessandro Mannarino


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessandro Mario Toscano


Nessun evento trovato in archivio


Alessandro MOP


Alessandro MOP è un cantautore indie-pop e ha scelto di ri-arrangiare 'Scalza', una canzone di Nada Malanima. MOP sente di possedere un legame particolare con quest'artista: i testi personali, una voce e un modo di cantare un po' fuori dai canoni standard, un'attitudine musicale decisamente “indipendente”. Caratterizzata da una atmosfera estiva con chitarre acustiche dal sound molto aperto e un arrangiamento di ampio respiro, 'Scalza' è un brano che esalta la voglia di uscire dagli schemi, che incita a ridere, a correre scalzi, a mettere in primo piano il cuore e in secondo piano i ragionamenti e i condizionamenti. Il singolo è stato co-prodotto artisticamente da Alessandro MOP e Stefano Florio (già produttore di Frankie Hi-Nrg, Lost, Luca Bassanese, Decò). www.alessandromop.it www.myspace.com/mopmyspace

Live di Alessandro Mop


Nessun evento trovato in archivio


Alessandro Paternesi P.O.V. Quintet


Compagni di avventura di Paternesi quattro eccezionali musicisti e amici: il giovanissimo astro del piano Enrico Zanisi, il chitarrista dalle mille sfumature timbriche Francesco Diodati, il contrabbassista di Enrico Rava Gabriele Evangelista e l'inconfondibile suono dei sassofoni di Simone La Maida. Zanisi, Diodati e Paternesi inoltre freschi del premio TOP JAZZ di Musica Jazz, come i primi 3 migliori nuovi talenti del 2012. Alessandro Paternesi, classe 1983, negli ultimi 2 anni, ha visto crescere e riconoscere il suo impegno e talento in modo esponenziale. Oggi è tra i sideman più richiesti del jazz italiano grazie alla sua innata musicalità e nonostante la sua giovane età, è docente di batteria jazz al Conservatorio Morlacchi di Perugia e ai corsi pre accademici del Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Molto tenace e sempre sorridente, in particolar modo sul palco, dopo anni di collaborazione e scuola con grandi musicisti come Enrico Rava, Danilo Rea, Enzo Pietropaoli, Roberto Gatto, Rita Marcotulli, Luciano Biondini, Cristina Zavalloni, Gianni Basso, Petra Magoni, Ami Stewart e molti altri, esordisce come compositore. In questo primo disco “Dedicato”, edito da Radar Records/Egea Distribution, l'approccio classico si contamina con il rock e le grandi personalità dei musicisti danno un'impronta altamente creativa alla musica. Ogni strumento gode di grande fiducia e spazio, ma sempre ai fini del gioco di insieme, con un perfetto controllo dell'ego. Un tema per nulla scontato, in un momento storico così difficile, dove l'unico modo per emergere e per farsi notare è puntare sull'Io e sulla competizione. Un disco “dedicato” a chi ha segnato il suo percorso musicale e non solo, e che Paternesi spiega cosi: “Ad un certo punto ho sentito l'esigenza di scrivere musica perché mi sembrava l'unico modo per fermare delle istantanee, e il modo più facile per esprimere i miei sentimenti più intimi. Questo mi succede ogni volta che, nel vivere questa meravigliosa vita, gli eventi mi portano a confrontarmi con ciò che mi accade intorno, bello o brutto che sia: la bellezza della nascita, il dolore della morte, la gioia o la sofferenza per una donna, la magia di sentire al proprio fianco un compositore scomparso centocinquanta anni fa, i luoghi fittizi in cui ti porta l'ascolto smodato di un disco, di un'opera o di una sinfonia, la bellezza e la difficoltà nel tentare di emulare i tuoi “maestri” , la passione e la fatica di dedicarsi alla musica libera, la ricerca e le riflessioni, che sai che non finiranno mai, su come riuscire ad esprimere te stesso attraverso il tuo strumento e la tua musica.” www.alessandropaternesi.com

Live di Alessandro Paternesi P.o.v. Quintet


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO RAINA


Dopo il tour dell'album 'Cento giorni da Oggi' degli Amor Fou e il fortunato debutto come autore con la hit 'Tre cose' scritta per Malika Ayane e 'In ogni angolo di me' presente sul nuovo disco di Emma Marrone, Alessandro Raina, in parallelo al tour estivo di Colapesce in cui è impegnato come chitarrista/corista, presenta un nuovo live acustico pescando da un repertorio arricchito da brani inediti e cover dei suoi artisti preferiti (Cosmetic, Ministri, Verdena, Colapesce...).

Live di Alessandro Raina


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO RISTORI


Alessandro Ristori "IBRIDO". Alessandro Ristori nasce a Faenza nel 1979. Il suo percorso musicale e la suapassione per il rock'n'roll e i cantanti confidenziali degli anni 50 iniziano in iovanissima età. Negli anni, Alessandro Ristori suona e collabora con molti artisti. Nel luglio 2008 si classifica terzo al "New Wave Stars", Festival Internazionale di musica che si svolge a Jurmala in Lettonia. A dicembre 2008 è ospite della trasmissione televisiva Russa "Pesnya Goda". E' da poco uscito, per l'etichetta BUMBUM DISCHI, "IBRIDO", si tratta della registrazione di un concerto dal vivo, ma non è unicamente un "live album" perché contiene 2 brani inediti: "SENTIMENTO" e "LA DONNA UOMO", singolo potente ed irriverente che è il traino alla nuova produzione. www.alessandroristori.com www.myspace.com/alessandroristori

Live di Alessandro Ristori


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessandro Russo Trio


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessandro Ruzzier Aka Lomo


Nessun evento trovato in archivio


ALESSANDRO SCALA


Saxofonista Di Grande Spessore, Ha Collaborato Con Diversi Musicisti Di Fama Internazionale Tra I Quali Possiamo Citare Joe Garrison, James Thompson. Da Circa Quattro Anni Collabora E Suona Con Sam Paglia Padre Della Lounge Music Italiana Ha Partecipato A Numerosi Festival Jazz E Blues Internazionali Tra I Quali “Pistoia Blues Festival” E “Parma Jazz Festival” Alessandro Scala Ha Diversi Progetti Musicali : Alessandro Scala Quartet E Quintet, Oppure Il Be Bop Trio. www.alessandroscala.com http://www.facebook.com/scalajazz

Live di Alessandro Scala


Mer 07 Mag RAVENNA JAZZ - Ravenna (RA) - Italia

RAVENNA JAZZ Ravenna INFO: 0544/405666 ejn@ejn.it www.teatroalighieri.org www.erjn.it/ravenna www.facebook.com/RavennaJazz




ALESSI'S ARK


Dietro al moniker ALESSI'S ARK si nasconde la giovanissima e talentuosa cantautrice londinese Alessi Laurent-Marke. Appena sedicenne Alessi viene messa sotto contratto da una major. La Virgin Records si innamora del suo talento e inserita nel proprio roster la spedisce subito in Nebraska alla corte di Mike Mogis e Nate Walcott, musicisti da sempre al fianco del ben più noto Conor Oberst nel progetto Bright Eyes. Dalla collaborazione in terra statunitense salta fuori il primo EP dal titolo “The Horse”, mini album di deliziose ballate di folk orchestrale, antipasto per il successivo “Notes From The Treehouse” disco del 2009. Le pressioni di un colosso come la Virgin iniziano però a farsi sentire così la giovaneAlessi nonostante il successo di critica delle prime produzioni decide di rifugiarsi presso un'etichetta più adatta alle sue. La Bella Union casa tra gli altri di Midlake, Fleet Foxes, Beach House la accoglie a braccia aperte dando alle stampe prima il mini-album “Soul Proprietor” (2010) e poi il disco “Time Traveller” lavoro che conferma le enormi qualità di storytelling della giovane londinese. Per il terzo album Alessi vola ancora in America. “The Still Life” è stato registrato ad Atlanta, Goergia, nello studio del produttore Andy LeMaster che ha lavorato con molti grandi artisti tra i quali Bright Eyes e Drive-By Truckers. http://www.alessisark.com/ www.facebook.com/alessisarkofficial

Live di Alessi's Ark


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessia Fly-paper


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessia Tondo


Gio 24 Apr AUDITORIUM FLOG - Firenze (FI) - Italia

AUDITORIUM FLOG 055/487145 490437 VIA MICHELE MERCATI 24/B ZONA POGGETTO FIRENZE www.flog.it www.facebook.com/AuditoriumFlogFirenze



Sab 26 Apr AUDIODROME - Moncalieri (TO) - Italia

AUDIODROME STRADA MONGINA 9/11 MONCALIERI TORINO info: 366/9526077 339/6681783 347/3591969 audiodromeclub@hotmail.com www.audiodromeclub.com www.facebook.com/audiodromeclub




ALESSIO BONOMO


A diversi anni di distanza dallo spiazzante quanto sorprendente esordio a SANREMO con il brano “La Croce” (Dario Salvatori nel suo “Grande Dizionario Della Canzone Italiana” lo inserisce tra le canzoni da ricordare dell'ultimo secolo) e dalla pubblicazione del suo primo album “La Rosa Dei Venti”(Sugar Music) Alessio Bonomo presenta il suo nuovo progetto discografico “Tra I Confini Di Un'Era” per l'etichetta Esordisco e distribuito da Audioglobe. Nel frattempo Alessio si é diviso tra un'intensa attività live (Musicultura - premio Città di Recanati e, insieme a Nada, Bentivoglio e Aires Tango, il progetto Grande Orchestra Avion Travel) e il lavoro di autore per artisti del calibro di Andrea Bocelli (“Si voltò”, “Chiara”, “L'incontro”, “Libertà”) o del duo Musica Nuda, composto da Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, che arriva al primo posto della classifica Jazz in Francia con "Lei colorerà", testo firmato proprio da Alessio che firma per loro anche il brano "Libera" contenuto nell'album “Banda Larga” del 2013 - Blue Note Records. Ma l'universo artistico di Alessio non ha confini e tocca anche il mondo del cinema (nel 2011 vince il nastro d'argento per la miglior canzone originale con il brano "Amami Di Più" interpretato da Emilio Solfrizzi e contenuto nel film "Se Sei Così Ti Dico Si" di Eugenio Cappuccio) e quello del teatro-canzone (Alessio firma testi e musiche, oltre alla produzione artistica, di "Haber Bacia Tutti" l'ultimo progetto di Alessandro Haber presentato all'Ambra Jovinelli di Roma a febbraio 2012, con la partecipazione di artisti del calibro di Peppe Servillo, Giuliano Sangiorgi, Enzo Gragnaniello, Sergio Cammariere, Phil Palmer, Danilo Rea, Paolo Fresu, Fausto Mesolella). Un percorso ricco e profondo per approdare ad un momento storico che lo stesso Bonomo definisce “tra i confini di un'era, la sensazione di un mondo che sta finendo e di un qualcosa ancora indecifrabile all'orizzonte”. Bonomo si sente in bilico, sente profondamente l'estinguersi della nostra storia, di un mondo che affonda le sue radici lontano nel tempo e del quale riesce, con le sue canzoni, a carpire l'essenza, la tragicità, la poesia. Proprio in quest'ottica la copertina del CD, tra antico e futuribile, gioca con il simbolo dell'esperimento della doppia fenditura (realizzato per la prima volta con mezzi moderni nel 1961 da Claus Jönsson) che ha rivoluzionato per sempre ilnostro modo di guardare la materia e la realtà, dimostrando che le particelle (alla base di tutto ciò che compone l'universo), quando non sono costrette a rivelarsi, si comportano come onde e possono trovarsi in più posti contemporaneamente. 10 canzoni, apparentemente diverse per spirito, stile e umore, ma tutte attraversate dalla sensazione di sentirsi: “Tra i confini di un'era”. GLIUOMINI CAMMINARONO SULLA LUNA, singolo e brano di apertura, é un po' una sintesi dell'album in cui Alessio cerca di fare il punto tra il mondo così come ci è stato raccontato e la realtà, nella nostra eterna, e forse inutile, ricerca di certezze. L IMPERMEABILE BLU, versione italiana di “Famous blue raincoat” (L. Cohen) ballata struggente che Alessio ha deciso di reinterpretare e per cui é anche (cosa non facile) riuscito ad avere l'approvazione di Leonard Cohen. Il brano è presente in due versioni, al n° 2 della track list e anche nascosto in un luogo più segreto del disco. LE GABBIE DI VENERE, ispirato da una visita in un carcere femminile é un pezzo di grande suggestione e delicatezza in cui i suoni del carcere si mescolano alla profondità degli sguardi delle donne che ci sono rinchiuse. LE PAROLE DEGLI OCCHI, una dichiarazione d'amore in cui si ammettono i propri limiti con l'intenzione di superarli nel rispetto e nell'incontro dei limiti dell'altro. IMPAGABILE, un elenco, volutamente di parte, di tutte le cose fondamentali per un'esistenza piacevole. DOVE SEI TU, un viaggio della mente, il desiderio di volare verso qualcosa di nobile e puro, verso una persona ideale. CHARLOTTE, scritta per gioco pochi mesi dopo la nascita della nipotina Charlotte, brano dolcissimo e sognante. LAMPI DI DIONISO, dedicato a tutte quelle persone troppo sensibili e integre per tollerare il peso della vita quotidiana, che preferiscono bruciare in fretta pur di vivere intensamente. L'APOCALISSE (incontro con la verità) si ricollega a Gli uomini camminarono sulla luna. Immagina che se un giorno venissero rivelateall'umanità quelle verità che non sono mai state dette, probabilmente l'umanità si dissolverebbe… LA RAGAZZA DELLE VERITA (la rivelazione) chiude il disco e si ricollega a "L'apocalisse". Con suoni e arrangiamento dal sapore giocoso, il brano descrive il luogo in cui ci si verrebbe trovare dopo essere venuti in contatto con certe verità come un cartone animato dove tutto è possibile e le leggi della fisica non valgono più. Il canto di Alessio Bonomo é una sorta di “prosa ritmica”, la sua musica non appartiene a nessun genere. Come i versi di un poeta visionario, le sue canzoni hanno un'intelligenza poetica,trasformano concetti in emozioni, vanno dritte al cuore. Bonomo fa parte di quella schiera , sempre meno nutrita, di artisti sensibili e sinceri, autenticamente originali, che non hanno bisogno di imitare nessuno. http://www.facebook.com/alessio.bonomo.902

Live di Alessio Bonomo


Nessun evento trovato in archivio


ALESSIO LEGA


ALESSIO LEGA - MALA TESTA (Obst und Gemüse/ Distribuzione Audioglobe) MALA TESTA è il sesto disco inciso da Alessio Lega. Dopo il premiatissimo Resistenza e amore, (Targa Tenco Miglior Opera Prima 2004) - opera classica e sperimentale, politica e sentimentale, prodotta musicalmente con i Mariposa - Alessio si era dedicato alla rilettura del patrimonio musicale francofono e internazionale, riadattando per la nostra lingua e per il nostro presente capolavori misconosciuti, testimoniati nei suoi dischi successivi. MALA TESTA ha dunque una gestazione quasi decennale, attentissima al presente e ai suoi suoni, alla ricerca di una strada e di una musica adatta alla rinascita della canzone narrativa. Alessio Lega è un cantastorie e come tale il suo lavoro di ricerca e di mantenimento della memoria è parte fondamentale della sua opera. Il linguaggio è il folk, il pop, il rock che suona nella piazza globale e cerca i tratti individuali nelle tante maschere della ribellione. Le sue rime sono spesso aspre, dall'ironia tagliente, ed hanno la capacità di saper raccontare le storie in maniera perfettamente lucida e dettagliata, nello spazio di una canzone. MALA TESTA è dunque un disco di resistenza; al logorìo della memoria, alla normalizzazione, alle nuove schiavitù, alle prepotenze, di qualsiasi tipo e in qualunque latitudine si manifestino. www.alessiolega.it www.facebook.com/alessio.lega

Live di Alessio Lega


Ven 16 Mag La Lo.Co. Circolo ARCI - Osnago (LC) - Italia

La Lo.Co. Circolo ARCI via Trieste OSNAGO LC INFO 039/9520089 www.arcilaloco.org




ALESSIO MENCONI TRIO


ALESSIO MENCONI TRIO La formazione del terzetto jazzistico, capitanata dal chitarrista ligure Alessio Menconi (appena rientrato da una tournée sudamericana in Brasile) vede la partecipazione di altri due musicisti d’ eccezione, Riccardo Fioravanti al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria. Un trio formato da alcuni degli esponenti più quotati sulla scena nostrana, un repertorio di classici rivisitati in modo originale e raffinato, uno spettacolo all’insegna della tradizione jazz trasportata alle sensibilità di musicisti in grado di elevarne la bellezza. www.alessiomenconi.com

Live di Alessio Menconi Trio


Nessun evento trovato in archivio


ALESSIO PISTILLI


Cantautore emergente di un piccolo paese della provincia di Latina, classe '80, coinvolto già adolescente nell'ascolto di buona musica cantautoriale italiana come De Andrè, De Gregori, Guccini e rock internazionale come Pink Floyd, Queen, U2 e Coldplay, matura una forte passione per la chitarra e inizia quasi per gioco il suo cammino musicale. Contrariamente alle aspettative dei suoi che lo indirizzavano verso la fisarmonica, impara da solo ad eseguire i primi riff e a scrivere le prime canzoni. Nel 2002 fonda una rock band, insieme portano le covers dei brani di successo su palchi di pubs e piazze, ma sente di voler fare sul serio. Nel 2008 stanco di suonare i brani di altri comincia a scriverne di suoi. Acquista il minimo necessario per registrare a casa le proprie idee, scrive, suona ed arrangia le proprie canzoni. Il 2010 vede l'uscita del suo primo EP autoprodotto e la partecipazione a diversi concorsi musicali nazionali e non tra cui l'Accademia Area-Sanremo con il singolo “Amico mio Nemico”. Nel 2011 il raggiungimento più alto, l'uscita del suo Album “Vendesi o Cercasi?”, che racconta l'universo dei valori della società, cantati in chiave profonda/ironica e tremendamente vera. Sogni, pensieri e parole catturati sulla carta e intrisi di sonorità calde e morbide. Attraverso gli 11 brani si respira l'attenzione intima di temi quali l'amore, l'amicizia e la partecipazione sociale, raccontati tutti con estrema delicatezza ed eleganza. L'uso della parola ed il suo significato sono al centro dell'intero album, tendono a lasciare poco spazio alle comode interpretazioni, rivelando aspetti vivi, ma non sempre rispettati. “Accanto a te”, “Amico mio Nemico” e “Ovunque” sono i singoli trasmessi in un circuito radiofonico di circa 150 radio regionali spinti dal suo manager e promoter Antonio Laino della Prosincro (Milano). Alessio crea composizioni che, come il gineceo del fiore, accolgono la sensibilità alla poesia di chi ascolta come se fosse polline; sarà forse effetto della suggestione naturalistica portata dal suo cognome, ma il suo rock cantautorale emana effluvi botanici frutto di una floricoltura che garantisce sbocci musicali inebrianti. Progetto interessante, quello di Alessio Pistilli, dotato della giusta personalità vocale e di arrangiamenti ben calibrati tra discrezione dell'accompagnamento e coloritura delle impennate espressive. www.myspace.com/alessiopistillimusic

Live di Alessio Pistilli


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessio Romano


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alessio Santamaria


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Acuna


Nessun evento trovato in archivio


ALEX AMSTERDAM


They are flying the flag for Indie | pop! Two rising stars! The German duo alex amsterdam (a2) are constantly on tour and very successful! Alexander Rosin (vocals/guitar) and Simon Horn (keyboard/backing vocals) made it into the music magazine VISIONS and won the title “demo of the month”. Both music magazines INTRO and UNCLE SALLY*S wrote enthusiastic reviews, calling a2 the insider tip for the Indie festivals of every coming summer! Since the foundation of a2 in 2006 the band has published two EP’s and an album. The latest EP is “The Die is Cast”. Up until now they have given over 300 concerts in Germany and all over Europe and have been supporting well known bands such as Keith Caputo or Peter Green (Fleedwood Mac) and German top acts like Kettcar, Kilians & Auletta. They have made it on air on popular radio stations such as EinsLive, NDR 2, SWR3 and Radio Fritz, without the help of a well-known label. Their music is filled with bitter melancholy, strong rhythm and extraordinarily crisp vocals, which have enabled them to reach the masses and win them over! It is a conversation between Indie and pop, although these days the boundary between these is rather vague. www.trashkultur.com www.myspace.com/alexamsterdam

Live di Alex Amsterdam


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Attias


Nessun evento trovato in archivio


ALEX BRITTI


Senza chiederci di più è il terzo singolo di Alex Britti estratto dall'album Bene così,l'album uscito lo scorso 11 giugno per la It.pop su distribuzione Artist First. Dopo la solare Baciami (e portami a ballare)- hit estiva carica di energia, e la delicatissima ballad che dà il titolo all'album – Bene così, Senza chiederci di piùriprende il tema della title track: la necessità e il desiderio di amare le persone per quello che sono, di apprezzare il quotidiano “senza chiederci di più”. Scritta a quattro mani con l'amico di sempre Federico Zampaglione – che ha anche suonato le tastiere e cantato nei cori del pezzo - Senza chiederci di più è un invito ad essere se stessi, ad accettarsi serenamente, pur senza negare la complessità delle situazioni. Questo sentimento non è solo uno sguardo al di là delle apparenze (Ci conosciamo bene / troppo bene per nasconderci),è uno stile di vita, un invito a non tradire mai se stessi. Il brano rifugge la struttura tradizionale della forma – canzone (strofa/ritornello), piuttosto ribadisce e specifica l'invito a non tradire se stessi in un mid-time senza tempo: “ Sorridimi ( Ricordati) / di essere quella che sei / mentre tutto passa e scappa via”. L'andamento ritmico e melodico, il riff fischiettato in testa e in coda alla canzone suggeriscono l'ambientazione musicale delle colonne sonore scritte da Ennio Morricone per i film di Sergio Leone (e d'altra parte anche la loro è stata una collaborazione nata da un'amicizia d'infanzia). www.alexbritti.com http://www.facebook.com/alexbrittiofficialpage

Live di Alex Britti




Mer 23 Lug - Roma (RM) - Italia

CENTRALE DEL TENNIS ROMA



Mer 27 Ago TAORMINA ARTE - Taormina (ME) - Italia

TAORMINA ARTE TEATRO ANTICO TAORMINA ME INFO: 0942/21142 info@taormina-arte.com www.taormina-arte.com




ALEX CAMBISE


ALEX CAMBISE L'umana Resistenza Etichetta: Ultrasound Distribuzione: IRD Un album chiaro e diretto il nuovo lavoro di Alex Cambise che, dopo il debutto solista di 'Tre vie per un respiro' e la parentesi inglese dell'ep 'Carry On', torna a cantare e lo fa rivolgendosi soprattutto agli italiani. Un disco che si pone come obiettivo quello di risvegliare le menti assopite che credono ormai non ci sia più speranza per questo 'bel paese' corrotto e malato. L'album si contraddistingue per una ricercata essenzialità, sia a livello compositivo che per quanto riguarda gli arrangiamenti, temi musicali scarni e la mancanza di figure retoriche a cui ci aveva abituati Cambise. Una svolta stilistica tesa ad arrivare nel modo più immediato e diretto all'ascoltatore. I capisaldi de 'L'umana resistenza' sono la chiarezza lessicale, musicale e narrativa, in perfetto equilibrio con l'anima rock, folk, blues e cantautorale. Un convincente mix di elettrico ed acustico che piacerà a chi già ama Cambise e un'ottima scoperta per chi non ha avuto ancora modo di scoprirlo… Data di uscita; 26 ottobre www.alexcambise.com www.facebook.com/alexcambise

Live di Alex Cambise


Nessun evento trovato in archivio


ALEX CARPANI


ALEX CARPANI, compositore e tastierista emergente della scena neo-progressive italiana ed internazionale, insieme alla sua band composta da musicisti con esperienze discografiche e concertistiche internazionali (Ettore Salati alle chitarre, Marco Fabbri alla batteria e Fabiano Spiga al basso e alla voce), si unisce ad ALDO TAGLIAPIETRA, fondatore e leader delle Orme, in un tour che toccherà alcuni teatri e clubs italiani nell'autunno 2009. Lo spettacolo prevede l'esecuzione dell'album di Alex Carpani Waterline, pubblicato nel 2007 dall'etichetta americana CypherArts e in cui Tagliapietra ha cantato, più alcuni brani indimenticabili delle Orme e alcuni inediti della Alex Carpani Band. Un concerto, insomma, in cui passato e presente si mescolano in maniera originale e suggestiva, creando nuove emozioni... www.alexcarpani.com www.facebook.com/alex.carpani www.facebook.com/alex.carpani.TWO

Live di Alex Carpani


Nessun evento trovato in archivio


ALEX CHILTON


Il cantautore Alex Chilton è nato il 28 dicembre 1950 a Memphis, nel Tennessee. È diventato famoso negli anni '60 come cantante della teenage band Box Tops. Più tardi ha lavorato anche con i Big Star, senza però ripetere il successo della precedente formazione. Comunque, Chilton è diventato una star della scena indie e le sue composizioni sono state riprese da artisti come Wilco, Jeff Buckley e Cat Power. Tra i suoi album solisti si ricordano "Like Flies on Sherbert" (1979), "Lost Decade" (1985) e "A Man Called Destruction" (1995). www.myspace.com/lxchilton

Live di Alex Chilton


Nessun evento trovato in archivio


ALEX D'HERIN


Canzone d'Autore nell'assoluto rispetto della tradizione musicale del passato portata all'inevitabile evoluzione attraverso contaminazioni provenienti da rock, blues, pop, jazz, swing. Questo è Alex D'Herin, autore, musicista e cantante dalla voce originale che insieme a una band di talentuosi musicisti del panorama musicale nazionale, ha iniziato da tempo un percorso di sperimentazione che lo ha portato alla pubblicazione del suo primo cd RISALENDO IL FIUME (2010) dove il suo modo di cantare si trasforma a sua volta in un genere con le sue caratteristiche, i suoi toni, le sue strutture, basate su policromie sonore e sulla voce fumosa da bluesman. Così si ricrea l'atmosfera dolce e rude al tempo stesso che il suo pubblico affezionato ha già vissuto e conosciuto grazie ad un stile assolutamente caratteristico e personale. Una vibrazione che va dritta al cuore… una carezza sull'anima.oposte in lingua italiana. www.alexdherin.com www.myspace.com/alexdherin

Live di Alex D'herin


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Dandi


Nessun evento trovato in archivio


ALEX DE GRASSI


Alex De Grassi è uno dei migliori chitarristi acustici del mondo. Nato in Giappone e cresciuto in California, De Grassi (il cognome è quello del nonno immigrato dall'Italia in America) assorbe sin da ragazzo molte influenze, dal classico rock e blues degli anni sessanta al fingerstyle dei chitarristi di folk revival quali Bert Jansch e John Renbourn e degli innovatori americani del genere come John Fahey e Leo Kottke. Grazie a questo vasto background musicale ed alla sua incredibile tecnica Alex riesce a creare un personalissimo sound molto orchestrato suonando assieme, con una semplice chitarra acustica, melodie intricate, linee di basso, armonie, ritmi e ritmi incrociati. Tra i primi artisti ad incidere con la leggendaria etichetta Windham Hill fondata da suo cugino Will Ackerman, Alex continua sino ad oggi a produrre splendidi dischi alternando albums di sola chitarra ad opere basate su complesse orchestrazioni che prevedono l'impiego di una strumentazione variegata. Tra i primi segnaliamo il CD più recente “Now and then, folk songs of the 21st century” splendido lavoro in perfetto equilibrio tra tradizione e modernità. www.degrassi.com

Live di Alex De Grassi


Nessun evento trovato in archivio


ALEX DE ROSSO


ALEX DE ROSSO Lions & Lambs DeFox Records/Andromeda Relix Alex De Rosso artisticamente nasce negli anni '80 con gli Hot Honey, giovane band che segue la scia del class metal, poi suona con nomi fondamentali della scena metal nazionale, come Dark Lord e Serena Rock band, per poi approdare, come in un sogno, alla corte dei suoi idoli americani Dokken, con cui condivide un fortunato tour in giro per il mondo. Gli viene chiesto di rimanere nella band, ma Alex, anche come scelta di vita, preferisce continuare il suo progetto solista e soprattutto di curare la sua scuola di musica e relativo studio di registrazione. Poco male perché il musicista patavino non si fa mancare le soddisfazioni, che oggi lo portano a pubblicare questo suo quarto album solista, dove finalmente mette in mostra anche la sua voce duttile e matura, pur affidando lo splendido brano di apertura “Disappear” al vecchio amico Don Dokken, che lo rende un massiccio hard rock di classe. Ma l'intero disco, sui cui appaiono chitarristi ospiti di fama intenzionale come George Lynch, Reb Beach e Steve Lukather, è un concentrato di quell'heavy rock che aveva incendiato le arene negli anni '80. Le sonorità sono leggermente più moderne, ma 'Resistence', 'Something About You & Me', 'Rise My Life', 'Feel the Hope', rinverdiscono l'epopea di quando Bon Jovi, Cinderella, Mötley Crüe, Warrant dominavano le classifiche. Niente male per un ragazzo nato tra le nebbie della pianura padana. www.alexderosso.com

Live di Alex De Rosso


Nessun evento trovato in archivio


ALEX DOLBY


Alex Dolby rappresenta una delle realtà musicali più affermate della già ben conosciuta terra chiamata Ciociaria. Alex si è avvicinato alla produzione musicale dopo aver sperimentato il ‘clubbing’ in giro per l’Italia; le sue influenze vanno ricercate in dj come Lory-D, Speedy-S e Lea Anibaldi ma anche in protagonisti italiani come Ralf, Flavio Vecchi e Ricky Montanari Appena entrato in studio Dolby ha cominciato a produrre tracce che erano la fusione tra elettonica e musica house. Ha lavorato duramente per raggiungere un suo stile, il medesimo che oggi lo caratterizza e che cattura attenzione su di lui. In maniera estremamente naturale è arrivato l’incontro con un vicino di casa davvero speciale, soprattutto conosciuto per essere uno dei più ‘pazzi’ e ricercati produttori, ovvero Santos. Il progetto Alex Dolby ha così preso vita. Il primo disco uscito come Ales Dolby è stato ‘Psiko Garden’ contenuto nel ‘From Ciociaria With Dub ep’ insieme a UNDO/REDO ‘Driver Pink.’. Questa traccia ha raccolto l’attenzione di molteplici djs soprattutto in Inghilterra e nei migliori club senza contare il supporto di dj radiofonici come Pete Tong che ha suonato ‘Psiko Garden’ nel suo show su BBC RADIO1. La seconda uscita è stata ‘Hazy Way’/’Visionary Lake’, attesissima e che ha guadagnato ancora maggiori consensi ed esposizione a livello internazionale, tanto che la leggenda vivente John Acquaviva ha remixato il singolo d’esordio ‘Psyko Garden’. Su Mantra Smiles Alex Dolby ha inciso ‘Untitled Valley’, semplice psiko funk progressive di qualità. Nel frattempo i produttori break inglesi Evil 9 hanno remixato ‘Hazy Way’ fornendo così ciò che è diventato uno dei migliori remix del 2004, nominato nella categoria ‘Best Remix Of The Year’ ai ‘Breakspoll Award’ del 2005 mentre Pete Tong l’ha incluso nella sua playlist per ben 5 settimane consecutive …dichiarandolo ‘Essential Tune Of The Week’ nel mese di novembre. Ancora oggi questo remix è uno dei più suonati e ricercati. Dopo questo 'goal' Alex è nuovamente arrivato nelle chart (in particolare nella UK Buzz Chart) con un remix di ‘Girls Can Be Cruel’ degli australiani INFUSION. Prima dell’estate è arrivato ‘Obsessive Sound’ che immediatamente è entrato nei favori di Satoshi Tomiie, per fare un nome Per dicembre è prevista l’uscita nei negozi dei remixes di Obsessive Sound curati da Niki B & Chrisitan E.F.F.E. e Ajello, mentre su www.djdownload.com sarà disponibile in esclusiva per l’acquisto un mix intitolato ‘Psiko Playground’. Nel 2008 Mantra Vibes ed ALEX DOLBY approdano su una delle cult label mondiali, la GLOBAL UNDERGROUND, che realizzerà il primo album di ALEX "PSIKO GARDEN" nei primi giorni di Giugno. www.myspace.com/alexdolby

Live di Alex Dolby


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Gaudino


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Jjm


Nessun evento trovato in archivio


ALEX KID


aAlexkid live on stage & dj set La serata “The Night Of Contemporary Beat” presenta il live di Alexkid, che sarà accompagnato dal percussionista Philippe Monrose, presente anche nei tour di Calexco, Llorca e Brooklyn Funk Essential, da Dj Seep al campionatore, anche lui ospite nei tour di Kid Loco e Jay Jay Johanson, e dalla vocalist Alea Lissette. Dopo il live Alexkid passerà alla consolle e si esibirà un live dj set. Nato in Francia e trasferitosi insieme alla madre nelle isole Baleari, Alexkid trascorre la maggior parte del tempo tra la spiaggia ed il negozio di dischi della zia, dove ha inizio la sua passione per la musica elettronica. Dopo essersi trasferito nuovamente a Parigi, nel 1992 iniziano i suoi primi rave e dj set. Poco dopo firma per l’etichetta francese F-Communication e dal 1997 al 2000 escono quattro singoli. Nel 2001 arriva il suo primo album “Bienvenida” che viene apprezzato sia dalla critica che dal pubblico e di cui un brano è stato usato per il telefilm cult americano “Six Feet Under”. Produce il remix ufficiale per Susanne Vega e John Cale, e poi seguono quelli di Llorca, Sylk 130, Kemetic Just, George Michael, Fertile Ground, e Astor Piazzola. Inoltre viene scelto per la produzione del gingle musicale dello spot pubblicitario del profumo di Jennifer Lopez. “The Mint” è il suo secondo album nel quale realizza il desiderio profondo di trovare un suono puro e globale accompagnato da una voce femminile. Dice: “ Volevo sperimentare ed essere sorpreso di trovare un legame comune tra la canzone e il dancefloor e poter iniettare un po’ di dub nell’atmosfera. Non mi chiedete perché ho scelto questo nome per l’album non lo so mi è venuto spontaneamente….., forse un giorno capirò perché o forse anche no…” *ingresso libero consumazione facoltativa Lavinia Larice LarischUfficio stampa. Magazzini Generali 0255211313 3286840436 - INFO: INSTITUTE OF DUBBOLOGY - Mediablitz Via Gandhi 14 - 42100 Reggio Emilia - Italy - Tel.0522/282128 - www.iod-agency.it

Live di Alex Kid


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Kolkowsky


Nessun evento trovato in archivio


ALEX MASI


Il funambolico chitarrista mestrino dal suono hard rock e dall'attitudine alla fusion è tornato in città. Alex Masi ha preso l'aereo da Los Angeles, dove vive dall'86, per tornare per un breve periodo a Mestre, dove ha passato l'infanzia e la giovinezza. Viveva, infatti, in una laterale di corso del Popolo. Ha mosso i primi passi suonando la chitarra elettrica nelle feste studentesche degli anni '70, ha formato i Ruins e poi si è trasferito a Londra. Tornato in Italia, dall'83 all'86, si è fatto conoscere con la band hard rock – heavy metal dei Dark Lord. www.facebook.com/alex.masi.3

Live di Alex Masi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Nissirio


Nessun evento trovato in archivio


ALEX PALMIERI


l BACK ALIVE TOUR promuove il primo vero album del cantante dopo anni di singoli, nonchè il primo lavoro discografico sotto contratto con Believe Digital (Mina, Asia Argento e molti altri). Il primo singolo estratto dall'album dal titolo WASTED ha segnato il coming out definitivo del cantante che racconta la storia con il suo ex. è stato rilasciato in anteprima in Inghilterra da EQ MUSIC ed ha segnato il debutto spagnolo del cantante che ha presentato il brano in anteprima all'Axel Hotel di Barcellona. Il disco è stato presentato in anteprima su RAIGULP.IT. www.facebook.com/AlexVipTeen

Live di Alex Palmieri


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Paoloni


Nessun evento trovato in archivio


ALEX PATERSON


Dr.Alex Paterson, Orb frontman, lavorava come rodie al seguito dei Killing Joke, quando alla fine degli anni '80, cominciò a subire le influenze della house music di Chicago , che stava esplodendo in Inghilterrra proprio in quel periodo. Cominciò la collaborazione musicale con la A&R, dipartimento della EG Records, la stessa casa discografica di Brian Eno, e la prima uscita come Orb fu insieme a Jimi Cauty (già collaboratore di Killing Joke e che in seguito divenne la metà dei KLF). Il primario duo Orb diede alle stampe come primo lavoro "Tripping On Sunshine", un acid-house apparso nel 1988 nella compilation Eternity Project One. Nell'89 uscì "The Kiss EP", quattro tracce dedicate alla (e campionate dalla) newyorkese radio station Kiss-FM su etichetta WAU! Mr Modo (una joint venture con Youth e Mr.Modo, alias Adam Morris manager di Paterson). Fu proprio in quel periodo che Paterson cominciò a lavorare come DJ a Londra e fu reclutato da Paul Oakenfold come resident nell'ambient room Land Of Oz del suo club. Gli ingredienti di Paterson comprendevano una grande quantità di effetti speciali e di samples-ambiente ... dalle registrazioni della BBC a quelle della NASA... e dal mix di essi e dall'emulazione dei pionieri dell'ambient, cominciò a segnare la propria strada nell'ambient house e adivenire la colonna sonora per i nascenti ravers come alternativa alla ormai logora musica dancefloor.Il 'duo' Orb, Paterson & Cauty, registrarono, tra l'89 e il '90, un album, ma nell'aprile del '90 si divisero; Paterson temeva che Orb avrebbe perso la propria identità come proegetto a se stante per diventare una parte del progetto KLF. In quell'anno Cauty uscì infatti con due album, uno in collaborazione con Paterson, Space, e un'altro con Bill Drummond come KLF. Nell'aprile del '91 Paterson cominciò a pensare a Orb anche in termini di esperienze live e diede il posto di Cauty al già collaboratore engineer Trash (alias Kris Weston), allestendo un intero live show. Il primo live ufficiale degli Orb ebbe luogo al Town & Country."The Orbs Adventures Beyond the Ultraworld" fu dato alle stampe nell'aprile 91 e fu accolto calorosamente dallla critica ed entrò nelle UK top 30. Nel frattempo, grazie ai loro live on stage, tenuti anche nel resto d'Europa e negli States, Alex e Trash continuarono la loro attività come remixers; molto richiesti ed apprezzati lavorarono anche su 'Higher Than The Sun' per i Primil Scream. Sebbene i primi tre anni di Orb fossere stati molto produttivi e gratificanti, nel '93 ci fu una stasi forzata a causa di una controversia con la Big Life Records che voleva ristampare molto del materiale prodotto in quei primi tre anni di attività. Paterson e Trash decisero di non consegnare più nuovo materiale finche l'etichetta non desisteva da quell'intenzione. Ma Big Life tra il 93 e il 94 ristampò cinque C singles e altri due 12-inch, inclusi "Little Fluffy Clouds", "Huge Ever Growing Pulstating Brain" e "Huge Ever Growing Pulstating Brain". Naturalmente Paterson firmò con un'altra casa discografica, la Island, la quale stampò nel '93 "Live 93" (23mo nelle album charts) contenente live degli Orb tenuti in Europa e in Giappone. Il primo studio-album per la Island uscì nel giugno del 94 , intitolato "Pomme Fritz".Kris Weston Trash, che fino ad allora e era sempre fugurato come l'engineer Orb, nell'agosto 94 prese parte con Paterson anche al progetto FFWD, una collaborazione tra Robert Fripp, Thomas Fehlmann, Kris Weston e 'Doctor ' Paterson. Nel 95 Weston lasciò The Orb per realizzare progetti in prorio. Thomas Fehlmann, nel cui studio di Berlino era stato registrato gran parte di" Pomme Frits", prese il posto di Trash partecipando a "Orbus Terrarum" e progettando un grande tour mondiale con Paterson ('95). Nel 97 esce "Oblivion" seguito nel '98 da una retrospettiva di "U.F.Off". Sebbene "Cydonia" fosse pronto già da un pezzo, la Island decise di darlo alle stampe nel nuovo millennio .... ogni casa discografica ha la propria dark side decisionale, oscura e sibilinna ad un tempo !"Cydonia", naturalmente è il titolo del nuovo album degli Orb. 'Once More' è il primo singolo estratto: contiene la voce del cantante giapponese Aki (ex Freaky Realistic) e la collaborazione del riesumato (per l'occasione ?) Jimi Cauty. Altro singolo dovrebbe essere 'Ghostdancing' con la partecipazione della vocalist Nina Walsh (Sabrettes). Ma per maggior sicurezza dovreste interpretare gli arcani della Island. www.theorb.com www.myspace.com/orbisms

Live di Alex Paterson


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Petit


Nessun evento trovato in archivio


ALEX RICCI feat. Sandro Moeller Elektro Red Skirt


Ad un anno esatto di distanza dall'esordio, "Gonna Rossa", il primo album da solista di Alex Ricci,chitarrista degli Après La Classe, cambia pelle. "Elektro Red Skirt" è un solco lungo il quale si miscelano il sound intimo del blues, da sempre compagno di viaggio del chitarrista Abruzzese, e quello più elettronico e sperimentale del DJ/Producer Sandro Moeller, metà dei 2Moellers, duo di musica elettronica specializzato in performances live. Da marzo 2014 il progetto "E.R.S." vedrà i due artisti esibirsi in diversi club italiani. www.alexricci.it www.facebook.com/AlexRicciFanPage

Live di Alex Ricci Feat. Sandro Moeller Elektro Red Skirt


Nessun evento trovato in archivio


ALEX RIEL QUARTET


Nato nel 1940 a Copenhagen, Alex Riel si è affermato fin dagli anni '60 come uno dei più significativi batteristi jazz della scena europea. Verso la metà di quel decennio Riel inizia a suonare nella sezione ritmica residente del celebre Jazzhus Montmartre, completata da Niels-Henning Ørsted Pedersen al contrabbasso e Tete Montoliu o Kenny Drew al pianoforte, avendo modo di suonare spesso con musicisti quali Ben Webster, Dexter Gordon, Kenny Dorham, Johnny Griffin, Don Byas, Donald Byrd, Brew Moore e Yusef Lateef. In seguito Riel ha Inoltre collaborato con Wayne Shorter, Freddie Hubbard, Jackie McLean, Archie Shepp, Dizzy Gillespie, Michel Petrucciani, Gary Burton, John Scofield e David Sanborn. Influenzato inizialmente da Big Sid Catlett e Zutty Zingleton, Riel ha saputo sviluppare uno stile molto moderno,in cui appaiono evidenti le influenze di Elvin Jones, Roy Haynes e Tony Williams. Nel 1965 pubblica il suo primo disco da leader, e quello stesso anno viene premiato come miglior musicista danese dell'anno, premio consegnatogli da Duke Ellington e Sam Woodyard. Nel 1965/66 è in tourneéin Europa con il trio di Bill Evans, accanto a Eddie Gomez. Nel 1967 forma col trombettista Palle Mikkelborg il Riel - Mikkelborg Quintet, gruppo vincitore del primo premio al Montreux Jazz Festival nel 1970, esibendosi nell stesso anno negli USA al Newport Jazz Festival (USA). Riel è stato inoltre molto attivo anche al di fuori del jazz , in particolare è stato uno dei fondatori del gruppo rock Savage Rose, la band più importante di sempre del rock danese, con cui ha collaborato lungamente a più riprese incidendo diversi dischi. In ambito jazz Riel sin dalla fine degli anni '50 ha partecipato all'incisione di centinaia di dischi, collaborando tra gli altri con Stan Getz, Chet Baker, Ben Webster, Kenny Dorham e Dexter Gordon. In anni più recenti ha realizzato diversi dischi a proprio nome cui hanno preso parte tra gli altri Jerry Bergonzi, Michael Brecker, Kenny Werner, Eddie Gomez. Nel 2001 ha ricevuto il premio Django d'Or per la categoria “Master of Jazz”. Ha collaborato a lungo con la NDR big band di Amburgo e inoltre con numerosi gruppi tra i quali quelli di Niels Lan Doky, Mads Vinding, Jan Lundgren, Peter Vuust, Ketil Bjørnstad e Benjamin Koppel. Nel 2004 Riel forma un proprio trio con Jesper Lundgaard e Heine Hansen. Questa band ha svolto un'intensa attività dal vivo e in studio, collaborando anche con Phil Woods, Charlie Mariano, Lisa Nilsson, Stefano Bollani, Palle Danielsson, John Taylor, Johnny Griffin, Jacky Terrasson, Andy Sheppard, Didier Lockwood, Palle Mikkelborg e Pat Metheny. www.alexriel.dk

Live di Alex Riel Quartet


Nessun evento trovato in archivio


ALEX SCHIAVI


ALEX SCHIAVI INCROCI DI PACE INCROCI MUSICALI. Proseguono gli incontri-happenings artistico-musicali del concertista e compositore ALEX SCHIAVI. ALEX SCHIAVI, da tempo impegnato nelle performances dedicate alla pace (non limitandosi ai soli concerti, ma anche ad installazioni artistiche sia a Milano, che in tutta Italia), crea la sua installazione in uno dei più trafficati viale milanesi. Le immagini, legate alla musica, vogliono richiamare l'attenzione alla pace, alla coesistenza, al dialogo sia tra i popoli, che tra le culture, ed innanzi tutto tra le religioni. ALEX SCHIAVI si propone quindi come umile ponte e strumento della Pace. Musica ed arte, Musica ed installazioni di pace: Alex Schiavi propone le sue installazioni oramai con cadenza settimanale, coinvolgendo sia artisti, che comuni cittadini. la ricerca della pace è il miglior collante tra l'arte ed i suoifruitori. Tutti siamo degli artisti, se creiamo momenti di pace. Per contattare il maestro ALEX SCHIAVI: e-mail: alexschiavimusic@yahoo.com.br italiankoto@yahoo.com.br promozionimusicalibelgravia@yahoo.com.br 339/4158942

Live di Alex Schiavi


Nessun evento trovato in archivio


ALEX SIPIAGIN


Alex Sipiagin è nato in Russia l'11 giugno 1967 a Yaroslav, una cittadina a 150 miglia da Mosca, famosa per essera stata la città natale del più importante cantante d'opera russo Leonid Sobinov. A 12 anni Alex cominciò a suonare in un'orchestra di bambini sotto la guida del grande trombettista sinfonico il maestro Mikhael Tsamaiev che fu il suo primo ispiratore. All'età di 15 anni Sipiagin rimase affascinato da alcune registrazioni dei bebop ed altri generi jazz, registrazioni che all'epoca non erano facili da trovare in Russia. Sapeva che per avere l'opportunità di imparare di più doveva andare a Mosca ed a 16 anni fece un'audizione per essere ammesso al Moscow Music Institute, ed ebbe la meglio su altri 50 aspiranti. Là unì i suoi studi classici con esplorazioni nel jazz. A 19 anni, dopo aver preso il suo baccalaureato, Sipiagin fece per due anni il servizio militare nell'allora esercito sovietico e poi, dopo il congedo, continuò la sua educazione classica presso il Conservatorio Gnessin di Mosca pagandosi le tasse scolastiche esibendosi in concerti pop ed incisioni varie. Nel 1990 Alex vinse il 1° premio al concorso per giovani suonatori jazz della città di Rostov. Nello stesso anno, nel bel mezzo della “glasnost” andò negli Stati Uniti per la prima volta esibendosi con un gruppo jazz di studenti russi, i Green Wave. Gli fu chiesto di partecipare al Corpus Christi Jazz Festival in Texas, e là attirò l'attenzione di molti e venne invitato a partecipare al Concorso Internazionale “Louis Armstrong”. Altri trombettisti che parteciparono al concorso furono alcuni che negli anni seguenti diverranno famosi come Nicolas Payton, Ryan Kisor, Scott Wendholt ed altri ancora. Alex arrivò quarto e gli fu donata una tromba Bach dal leggendario Clark Terry, la tromba che Sipiagin suona ancor oggi. Dopo un anno impegnativo e stimolante nel 1991 Alex decisi di trasferirsi a New York. Dopo aver lavorato per circa un anno a varie jam sessions, nel 1992 ottiene un ingaggio fisso allo Sweet Basil con la Gil Evan's Band. L'anno seguente diviene membro dell'orchestra Zebra Coast di Gil Goldstein. L'anno seguente lo troviamo con la Concert Jazz Band di George Gruntz ed anche con i Mozamba, la band di Bob Moses. Nel 1995 i trombettisti Earl Gardner e Randy Brecker fecero entrare Sipiagin nella Mingus Big Band nella quale suona regolarmente ancor oggi, così come nella Mingus Dynsty e nella Mingus Orchestra. Fin dal 2000 Dave Holland lo invitò ad unirsi regolarmente alla sua Big Band ed attualmente anche con i suoi gruppi più piccoli. Ha inciso nel 20032 con il quintetto di Michael Brecker ed ha fatto più tournee con il grande sassofonista americano. Molte delle sue incisioni hanno ricevuto delle nominations, ed alcune anche premiate, ai premi Grammy. Ha suonato anche con Eric Clapton, Dr. John, Aaron Neville, Elvis Costello, Dave Sanborn etc. Come solista ha sette album alle spalle, e con il suo gruppo ha girato un po' ovunque in America ed in Europa. Oltre a continuare a suonare con Dave Holland e con i vari gruppi Mingus, è membro pure della Monday Michiru Band. Saltuariamente dà anche lezioni alla New York University e tiene clinics in giro per il mondo. Chitarrista di formazione autodidatta, Michele Calgaro ha frequentato stages di Mick Goddrick, Jim Hall, Lee Konitz e Dave Holland ed i corsi estivi di Siena Jazz '90 dove e stato premiato fra i migliori allievi. Nella prima metà degli anni'80 ha suonato musica folk, blues e ragtime secondo la tecnica del fingerpicking, ha tenuto vari concerti, esibendosi anche con i chitarristi Duck Baker, Stefan Grossman e John Renbourn. Ha successivamente approfondito la studio del jazz e suonato in ambito regionale con vari gruppi, tra cui un quintetto e un trio a suo nome, col quale ha partecipato al festival Jazz Bassano '88. Dal 1990 è professionista ed ha acquisito sempre maggior prestigio a livello nazionale. In quel periodo forma un suo gruppo, "The Edge Quartet”, col sassofonista canadese Robert Bonisolo ed un trio con Lorenzo Calgaro (contrabbasso) e Gianni Bertoncini (batteria), con i quali registra, assieme al trombettista Paolo Fresu, il CD “THE EDGE”. Suona nei gruppi di Claudio Fasoli (quartetto e trio), nella Lydian Sound Orchestra diretta da Riccardo Brazzale (con Kenny Wheeler, Flavio Boltro, Gianluigi Trovesi, Pietro Tonolo, Rudi Migliardi, Mauro Negri, ecc.), con cui registra 3 CDs. Collabora inoltre con il tedesco Manfred Schoof, con il franceseErik Truffaz, con il brasiliano Claudio Roditi, con Furio Di Castri, Emanuele Cisi, Mauro Negri, Paolo Birro, Sandro Gibellini, Michael Gassman. Sia in veste di chitarrista che di arrangiatore ha lavorato in ambiti di musica “leggera” e teatrali con Rossana Casale, Giorgio Albertazzi, Federico Zecchin. Con questi ultimi ha suonato nel CD “Del Magico Mondo”. Partecipa a vari festivals, tra i quali: Vicenza Jazz, Siena Jazz, Treviso Jazz, Europe Jazz Festival di Noci, Verona Jazzitalia, rassegna di jazz italiano all'Alpheus di Roma, Barga Jazz, Festival di Iseo, festival di Brissago (Svizzera), Bergamo Jazz, Art & Jazz di Trapani, Milano Estate, e in numerose rassegne (Torino, Bologna, Roma, Bari, Trieste, ecc.). A partire dal '91 è direttore artistico della scuola di musica "Thelonious"di Vicenza dove insegna chitarra jazz, tecnica dell'improvvisazione e musica d'insieme. Attualmente, oltre alle consuete collaborazioni, suona stabilmente col quartetto della cantante di Chicago Cheryl Porter, nel Monkgomery quartet, assieme a Sandro Gibellini, Marco Micheli e Gianni Bertoncini nella Lydian Sound Orchestra e conduce un trio con contrabbasso e batteria (Paolino Dalla Porta e Mauro Beggio) fondamentalmente basato su musica e repertorio del pianista Bill Evans. http://www.alexsipiagin.com/

Live di Alex Sipiagin


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Tribal


Nessun evento trovato in archivio


ALEX USAI BLUES BAND


“Blues Tale” contiene 7 brani inediti oltre a due successi internazionali riarrangiati dalla band (una particolare versione di “All you need is love”, tributo ai Beatles, e “Britta's Blues” di Anthony Wilson). Le composizioni originali, scritte da Alex Usai, traggono ispirazione dal blues americano attuale, dallo shuffle tipico dei primi anni 60, dal funk e dal rock anni 70, con sonorità tipicamente blues ma con richiami a tutti quei generi che il blues stesso ha contribuito a creare. Prodotto da Alex Usai Blues Band, l'album è stato registrato presso Raffinerie Musicali Lacchiarella (Milano) e Projectlead di Giovanni Zucchi (Mandello del Lario – Lecco), che ha inoltre curato il missaggio e il mastering. “Nel disco abbiamo ricercato le sonorità della musica che amiamo – racconta la band – Un ritorno alla semplicità, dopo immersioni di jazz, funk e rock, per ripartire da dove la musica è cambiata, dal blues che ha fatto nascere tanti nuovi generi. Ascoltare il disco è come tornare a casa dopo un lungo viaggio di esperienze, aprire le vecchie finestre e rivedere l'orizzonte con occhi diversi. È il gusto di ritrovare le cose più semplici ma più emozionanti, il piacere della favola del blues… perché questo è all'origine di tutto!” Questa la tracklist dell'album: “Blues Tale”, “No More Sunny Days”, “Britta's Blues”, “Follow Me”, “I'm Not Wide Awake”, “All You Need Is Love”,“Hope”, “Mr. Man”, “Tilly”. La ALEX USAI BLUES BAND (Alex Usai – chitarra, voce; Alberto Gurrisi – hammond; Ivo Barbieri – basso, voce; Martino Malacrida – batteria) nasce dall'incontro tra 4 giovani musicisti milanesi che hanno alle spalle importanti collaborazioni con grandi nomi del panorama blues e jazz italiano e internazionale. Alex Usai si distingue in ambito jazzistico vincendo numerosi premi nazionali come il Premio Massimo Urbani 2010 e il Premio Chicco Bettinardi 2011. Apre i concerti di Maceo Parker, Tower of Power, Chaka Khan, Dee Dee Bridgewater in prestigiose rassegne come Umbria Jazz 2010-2011, Narni Black Festival, Porretta Soul Festival 2010-2011, e ha anche il privilegio di accompagnare la cantante di Memphis Melvia Chick Rodgers. Con Alberto Gurrisi, entra a far parte della band del famoso armonicista Sugar Blue. Collabora con i Dik Dik per i tour dal 2005 al 2010 e registra con loro l'album “Sold Out”. www.alexusai.com

Live di Alex Usai Blues Band


Nessun evento trovato in archivio


ALEX VALENZI & THE HIDE-A-WAY CATS


The history of Alex Valenzi & The Hideaway Cats started way back in 1993, when the band was formed in the good old town of Memphis, TN. The first line up was Alex ( vocals/ piano), Al Lawrence (lead guitar), Jim Nolen (bass) and Fred Norman (drums). The band performed in a regular basis at one of the most famous clubs in America: Hernandos Hideaway. During the period of six months the band toured through out the South and played in acclaimed places like Jerry Lee Lewis Spot at the Beale Street and music festivals such as Memphis in May and Beale Street Rock Festival. In October of 1993, the band headed to Brazil invited as opening act for Jerry Lee Lewis on his first brazilian tour. Based in São Paulo, the band started to play on the most important clubs in the rock scene and ended up recording their first live album with James Burton and Kenny Lovelace in March of 1995. The band went back to USA in September of 1995 and performed at the Killers birthday party in Memphis where they achieved great success. After some months the band had the chance to be the opening act for the Original Comets during their brazilian tour and Alex had the chance to jam with the Comets during a TV appearance. After years rolling the rock, Alex and the band are getting ready to put out the first full length album on the label Bad Habits Records and give for your listening pleasure an explosive mix of rockabilly, boogie woogie, rock'n'roll and country music in every gig they play www.myspace.com/alexvalenzithehideawaycats

Live di Alex Valenzi & The Hide-a-way Cats


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alex Ward


Dom 25 Mag ANGELICA FESTIVAL - Bologna (BO) - Italia

ANGELICA FESTIVAL BOLOGNA INFO: 051/240310 051.2750114 www.aaa-angelica.com https://www.facebook.com/AngelicaFestival




ALEX WHATANNA


ALEX WHATANNA & THE BIG FAT BALLS Difficilmente capita di ascoltare dei giovani musicisti italiani che sappiano interpretare con tale carisma una musica, il Blues, tutto sommato cosi' distante dalle nostre tradizioni. Alex Whatanna, riesce con l'aiuto del suo gruppo, The Big Fat Balls, a trasmettere una carica di emozioni e un sound compatto ed equilibrato che possono solo nascere da una smisurata passione per un genere, il Blues, e per il proprio strumento, la chitarra. Il repertorio del gruppo percorre un sorta di itinerario ora colto, ora scanzonato, della storia del Blues americano, molte anche le sonorita' inglesi dei Fleet Wood Mac, quasi un piccolo tributo al grande Peter Green, offrendo uno spettacolo che alterna brani di grande impatto sonoro a momenti di raffinata atmosfera....

Live di Alex Whatanna


Nessun evento trovato in archivio


ALEXANDER BALANESCU


L'ensemble d'archi guidato da Alexander Balanescu, si appropria della musica dei Kraftwerk e ne fa un album memorabile: “Possessed”. Correva l'anno 1992 e mai si sono sentiti arrangiamenti più azzeccati. Dall'electropop di Düsseldorf alla classica contemporanea di Bucarest: “Robots”, “Das Model” e “Autobahn” poche altre volte sono sembrate tanto drammatiche e piene di significato. Nell'intento di avvicinare la musica classica contemporanea al mondo moderno il Balanescu Quartet da sempre si è proposto al pubblico in modo eclettico, rivisitando e riarrangiando brani di altri noti artisti che si scostano molto dagli ambienti della musica da camera come la pop elettronica dei Depeche Mode, degli Yellow Magic Orchestra e dei Kraftwerk appunto, e suonando assieme ad artisti e gruppi molto eterogenei come David Byrne, Gavin Bryars, Michael Nyman, Rabih Abou-Khalil, Kevin Volans, Hector Zazou, i Pet Shop Boys, gli Spiritualized e i To Rococo Rot. www.balanescu.com

Live di Alexander Balanescu


Nessun evento trovato in archivio


ALEXANDER HACKE


ALEXANDER HACKE Sanctuary Sool Arrow Una collezione di memorie Forse vi ricorderete di lui (come direbbe il buon vecchio Troy McLure) per aver militato in band come Einsturzende Neubauten o Crime and the City Solution. Alexander Hacke è infatti un musicista che non si dimentica. Dopo aver firmato anche colonne sonore per il cinema infatti, si cimenta ora in un progetto solista che lo ha tenuto impegnato per due anni di lavoro. “Sanctuary” è un album seminale che usa tutte le sfaccettature che hanno preso forma nel corso della sua carriera. iUn disco che striscia nel sottosuolo industrial, ma dal quale emerge un anima terrena che coinvolge amici e collaboratori di sempre come Andrew Chudy (Einsturzende Neubauten), J.G Thrilwell (Foetus), Don Bolles (ex-Germs) e David Yow (The Jesus Lizard). Questi sono solo alcuni dei nomi più famosi ma la lista è lunghissima, così come la scia di emozioni contrastanti che profonde dalle note di “Sanctuary”. Le chitarre elettriche si uniscono a ritmi incessanti e suoni ancestrali che si avvicinano nella title-track allo stile dei Nine Inch Nails. rEchi indiani si scorgono tra le note di “Seven”, mentre la voce della nostra Gianna Nannini sorprende nella stupenda traccia “Per Sempre Butterfly”. “Sanctuary” è un lavoro eclettico, complesso ed affascinante come solo l'estro di un grande artista come Alexander Hacke può pensare. Un disco da ascoltare in religioso silenzio e che sorprenderà i fan degli Einsturzende Neubauten. www.hacke.org www.myspace.com/alexanderhacke

Live di Alexander Hacke


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alexander Kowalski


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alexander Petlura


Nessun evento trovato in archivio


ALEXANDER ROBOTNICK


Maurizio Dami aka Alexander Robotnick è un produttore e musicista tra i nomi più rappresentativi della scena elettronica italiana, oltre ad aver collaborato negli anni ottanta con François Kevorkian (noto remixer dei Kraftwerk) vede il suo ultimo album prodotto dalla prestigiosa label francese Yellow Productions, la stessa di un artista come Bob Sinclair. Questo recente lavoro discografico è stato recensito con pareri entusiasti dalla stampa specializzata internazionale ed è accompagnato da un tour che sta portando Robotnick nei principali club e festival mondiali. Nel suo live set confluiscono le sue storiche hit eighties e le nuove sonorità elettroiniche, la prima computer music dal sapore vintage e la club culture più aggiornta. Comincia la sua attività di musicista nel 1980 fondando gli Avida e nel 1981 pubblica il suo primo sette pollici per l 'etichetta Materiali Sonori. Con lo pseudonimo di Alexander Robotnick si fa conoscere inizialmente per il brano “Problèmes d'amour” che raggiunge presto il successo planetario diventando un classico della dance music. Dalla metà degli anni '80 inizia una lunga e apprezzata esperienza nel campo delle sonorizzazioni ambientali di mostre e fiere nel campo della moda e parallelamente compone colonne sonore, sia per cinema che per teatro, per numerosi registi italiani tra cui Alessandro Benvenuti, Antonio Climati, Marco Risi. Non solo elettronica nelle produzioni di Maurizio Dami ma anche world music con vari progetti e tanti musicisti che si susseguono negli anni che vanno dal 1987 al 2001. Nel 2002 fonda Hot Elephant Music la sua label personale, per cui escono Oh no...Robotnick! e Rare Robotnick's album che segnano il suo ritorno al genere electro. Nell'estate del 2003 inizia l'attività di dj suonando in numerose città fra cui Londra, Parigi, Barcellona, Berlino, New York, Detroit etc etc.Attualmente Robotnick propone un laptop dj set basato su sonorita' electro-disco-tech con incursioni nell'italo disco ed electropop degli anni '80. Nel suo dj set trovano spazio anche interventi live delle sue tracce conosciute e l'uso improvvisato di una tastiera midi. E' appena uscito per l'etichetta francese Yellow Productions “The Disco Tech of Alexander Robotnick”, una raccolta in cui Robotnick fa convivere brani di New Order, Miss Kittin , Tom Tom Club, Visage e molti altri. Tra le sue ultime produzioni anche l 'EP “Les grands voyages de l'amour” che vede la collaborazione di Kiko e The Hacker. www.robotnick.it www.myspace.com/alexanderrobotnick

Live di Alexander Robotnick


Nessun evento trovato in archivio


ALEXANDER TUCKER


Glockenspiel, violoncello, chitarra acustica, e una tenor voice che ricorda Maynard dei Tool. Queste le carte da gioco di Alexander Tucker in “Dorwytch”, suo primo disco da poco uscito per la Thrill Jockey di Chicago. Il polistrumentista britannico – che già aveva fatto incetta di buone recensioni con l'affascinante “Portal” (2008) – continua a raccontare storie e scenari da cerchio celtico, assemblando rock minimalista e trascendentale, folk apocalittico e post-metal. Nel 2012 Alexander Tucker pubblicherà il suo nuovo album “Third Mouth” (Thrill Jockey) e anche lavori con i suoi progetti Imbogodom (con Daniel Beban degli Orchestra of Spheres) e Grumbling Fur (con membri degli Ulver, Circle e Mothlite). www.myspace.com/alexanderdtucker

Live di Alexander Tucker


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alexander's Annexe


Nessun evento trovato in archivio


ALEXEI SOUTCHKOV


ALEXEY SUCHKOV è nato a Mosca nel 1966 in una famiglia di musicisti-insegnanti di pianoforte. Il suo primo concerto pubblico ha fatto nella età di 6 anni. Ha iniziato gli studi prima nella Scuola Centrale di Musica di Mosca sotto la guida del Maestro Alexandr Bakulov, dove a 11 anni ha suonato il primo concerto di Beethoven per pianoforte e orchestra con Orchestra Sinfonica di Gorkiy, e a 12 anni –concerto di Grieg per pianoforte e orchestra con Orchestra Filarmonica di Minsk (Belorussia). Ha studiato in seguito presso il Conservatorio ”Ciajkovskiy’’ di Mosca sotto la guida del Maestro Eugeny Malinin (assistente del Maestro Henrich Neuhaus), laureandosi in pianoforte con il massimo dei voti e la lode nel 1991 e successivamente frequentando due anni di corso tirocinante nello stesso Conservatorio. Durante gli studi a Mosca ha suonato diversi concerti in importanti sale moscoviti: Grande e Piccola Sala“Ciajkovskiy”, Sala “Rachmaninov”,Sala delle Colonne,Teatro “Estrada” e tanti altri, esibendosi come solista anche in diverse città dell’URSS. Dal 1987 suona in Duo Pianistico con la moglie, pianista Maya Berdieva. Nel 1989 ha suonato in Conservatorio di Poznan (Polonia). Nel 1990 ha fatto concerti in Germania: Potsdam, Rostock e Berlin , per “Berolina-Konzert”, Sala “Schauspielhaus” ( 2 Concerto di Rachmaninov per pianoforte e Orchestra , suonato con Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Berlin) Alexey Suchkov è vincitore di 70 Premi (36 i Primi) in Concorsi pianistici Nazionali ed Internazionali in Italia, Francia ,Germania e Usa. Dal 1992 vive in Italia , dove svolge intensa attività concertistica: viene chiamato di far parte di Giurie in concorsi pianistici Nazionali ed Internazionali, suona come solista ed anche in formazione duo pianistico, facendo concerti per diverse Società dei Concerti e Associazioni musicali.

Live di Alexei Soutchkov


Nessun evento trovato in archivio


ALEXIA


Alessia Aquilani, in arte ALEXIA, nata a La Spezia, inizia la sua scalata verso il successo nel 1993 scalando le classifiche di tutto il mondo con i brani “Take about the way” e “It's a rainy day” che fecero parte di un progetto della casa discografica DWA . Nel 1995 esce il suo primo singolo “ME AND YOU” che arriva numero uno in classifica sia in Italia che in Spagna. L'anno dopo, replica il successo ottenuto con il singolo più trasmesso in tutto il Sud Europa “SUMMER IS CRAZY”. Inizia così la scalata ai primi posti nelle classifiche europee con i brani “NUMBER ONE, UH LA LA LA”. Nel 1998 conquista il disco di platino con “ THE PARTY” che ottiene successi in Inghilterra, negli Stati Uniti e in Giappone, facendo di Alexia una star a livello internazionale. Nel 1999 pubblica l'album “HAPPY” e a seguire “THE HITS”, il singolo “NON TI DIMENTICHERO' “ in coppia con Gianni Morandi e inserito in “COME FA BENE L'AMORE” prodotto da Eros Ramazzotti. Nel 2002 e 2003 inizia a scrivere e cantare interamente in italiano trionfando al festival di Sanremo con “DIMMI COME” e “ PER DIRE DI NO”. Nel 2004, “GLI OCCHI GRANDI DELLA LUNA” e “ SENZA UN VINCITORE” dedicato alla tragica scomparsa di Marco Pantani. Nello stesso anno viene scelta come ospite fissa ai Concerti di Renato Zero e partecipa al “Festivalbar” 2004. Nel 2005 viene ancora selezionata a partecipare al Festival di Sanremo con il brano “DA GRANDE”. http://www.alexiaofficial.com/

Live di Alexia


Nessun evento trovato in archivio


ALEXIAN GROUP


Alexian Santino Spinelli insignito del Prestigioso Premio Maratea 2012 Dopo il successo dell'esibizione in Mondovisione per Papa Benedetto XVI a Milano il 2 giugno scorso prosegue il tour dell'Alexian group che 21 Luglio sarà a Maratea dove riceverà il prestigioso “Premio Maratea” per il suo libro “Rom , Genti libere”. Nella serata Alexian sarà in concerto con il suo gruppo. Tra i premiati di quest'anno anche Sergio Zavoli. Le edizioni precedenti hanno visto conferire il premio ad artisti e scrittori come Franca Valeri, Gasmann, Mariangela Melato. L'Alexian Group è reduce del successodell'ultima edizione dell'Alexian and International Friends che lo ha visto suonare con artisti del calibro di Lino Patruno, con il quale ha reso omaggio al grande Django rehinhardt e con l'Ensamble Phralipé formato da valenti musicisti pugliesi. Tra gli ospiti anche Povia, Ferdi, I Decalamus e The Original klezmer Ensamble. L'evento è stato presentato per il 6° anno consecutivo da Lorena Bianchetti. Il tour internazionale ha toccato le città di Caceres (Spagna), Belgrado (Serbia), Praga, ( Repubblica Ceca), Bruxelles (Belgio), Monaco di Baviera (Germania), uno degli appuntamenti più significativi della fitta agenda di Alexian è stato il concerto con l'Orchestra Europea per la Pace a Kosice in Slovacchia alla presenza del Presidente della Repubblica Slovacca trasmesso in diretta sulla televisione nazionale, il 2 giugno scorso ha eseguito in Mondovisione il “Murdevele” per Sua Santità Papa Benedetto XVI a bresso in occasione della Giornata mondiale delle Famiglie. www.alexian.it

Live di Alexian Group


Nessun evento trovato in archivio


ALEXIS GIDEON


Il musicista e filmaker americano Alexis Gideon sta per rilasciare su Africantape il nuovo "Video Music", album dedicato alla musica "per video" che uscirà in DVD, CD e digital download per la label italo francese. www.alexisgideon.com www.myspace.com/alexisgideon

Live di Alexis Gideon


Nessun evento trovato in archivio


ALEXISONFIRE


Alexisonfire Watch Out! Appena una nuova corrente musicale comincia ad avere successo mediatico e le produzioni che la riguardano iniziano a crescere esponenzialmente, è ora di cominciare a fare alcuni "distinguo": uno tra le bands che già da tempo suonano questo genere e quelle che invece si sono adeguate, un altro tra coloro che suonano davvero bene e chi, invece, riesce a farlo solo benino. a corrente musicale di cui parlo è ovviamente l'emo-metalcore (o screamo con parti metal), modo di fare musica che si è molto diffuso negli ultimi due/tre anni all'interno della scena indipendente. Per questo, come precedentemente dicevo, è ora di cominciare a giudicare gli autori di questo genere in modo più critico, per così distinguere, all'interno della massa ingarbugliata delle produzioni, ciò che vale davvero la pena di ascoltare. www.theonlybandever.com www.myspace.com/alexisonfire -

Live di Alexisonfire


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alexkid


Nessun evento trovato in archivio


ALFATEC


Alfatec was set up in the beginning of 2005 and play the first gig November of that year. In 2006 we released a demo cd "Shouts from the Cradle" and the year after, in September 2007, we had our first tour in northern Europe. It took untill spring 2008 when we released a split cd with the dutch dudes from This Routine is Hell with a long promotional tour. In 2009 we released a 7" ep "Brainphobia" and till now we just play everywhere and jerking around. In 2011 we released our first full lenght album. We play for passion, we love what we do trying to do it in the best way possible. We are not a proper politicized and committed band, but we support everyone fight for a better place to live. Our lyrics talk about everythings strike us: our life, our city, personal experience and of course also policy, shitty religion, injustice and all the shit around us.........the world is full of shit, we just try to make our life a bit less miserable :) www.alfatec.altervista.org www.myspace.com/alfatec

Live di Alfatec


Nessun evento trovato in archivio


ALFIO ANTICO


Teoria della Sicilia. L'arte di annacarsi. Un viaggio in Sicilia attraversando le parole del libro di Roberto Alajimo, L'Arte di Annacarsi, edito da Laterza. Annacare/annacarsi è in dialetto siciliano un verbo insidioso, difficilmente traducibile in italiano. Quel che più si avvicina è cullare/cullarsi, ma non è proprio la stessa cosa. L'arte di annacarsi prevede il muoversi il massimo per spostarsi il minimo. Una immagine che descrive bene lo spirito dell'isola e più ancora la disposizione d'animo dei siciliani tessuta di diffidenza. La voce di Basilio Santoro darà corpo alle parole di questo libro, mentre la musica di Alfio Antico attraverso il suo canto dialettale, i suoni irripetibili e i ritmi di forte impatto scenico dei suoi tamburi ci accompagna nella più profonda arte poetica siciliana… perché come dice il filosofo siciliano Manlio Sgalambro nella sua Teoria della Sicilia “… solo nel momento felice dell'arte quest'isola è vera”. Alfio Antico ha vissuto fino all'età di 18 anni facendo il pastore fra le montagne dell'entroterra siracusano e respirando le favole, le storie, i miti della cultura contadina. I suoni delle 600 campane del suo gregge, le prime esperienze musicali nelle strade delle grandi città, fino all'incontro con i più famosi musicisti e uomini di teatro della grande tradizione italiana, hanno contribuito a delineare un profilo artistico eclettico e di assoluta originalità. Basilio Santoro, curatore della drammaturgia del progetto, ha dedicato la sua vita alla radio, arricchendola nel corso degli anni dall'incontro con il teatro. Con la radio ha collaborato in veste di direttore artistico (Radio105, RadioMonteCarlo, Radio Capital, Gammaradio e LifeGate Radio), ha realizzato programmi di radio-narrazione come Storyteller (La Stanza dello Scirocco, Illogica Allegria….) e fondato, con Corrado Accordino, RadioBinario7 la prima webradio dedicata al “Teatro”. In teatro, ha partecipato come attore e autore in diverse produzioni della compagnia Teatri Possibili. http://www.alfioantico.it/ www.facebook.com/anticoalfio

Live di Alfio Antico


Nessun evento trovato in archivio


ALFONSO DE PIETRO


MAPPA CONCETTUALE Il progetto musicale (in)canto civile nasce da un lavoro sulla cultura della legalità e su tematiche sociali, argomenti di stringente attualità. L'idea si sviluppa nei racconti in musica di storie di donne e di uomini, martiri civili, che hanno dedicato la loro vita alla lotta contro ingiustizie ed illegalità, armati solo di parole: quelle parole che possono cambiare la realtà. Una realtà che vede ancora ampie sacche di emarginazione ed esclusione dal pieno godimento dei diritti. CONTENUTI Si spazia da fatti (situazione migranti, morti sul lavoro, disagio sociale) a personaggi (Peppino Impastato, Don Peppe Diana, Eleonora Pimentel Fonseca… morti per le loro parole). Si cantano gli ultimi, i figli di nessuno, quelli che guardano il mondo da fuori, che mai si gira a guardarli... E ancora: chi vive e muore di lavoro, per casa e rate da pagare. Si cantano uomini dalle dure piccole mani che hanno colpito sfortuna di essere nati: il pugno felice del riscatto! Si canta una terra stuprata dai veleni delle cattive coscienze, che ne hanno contaminato anche l'anima. LE CANZONI Testi, musiche ed arrangiamenti sono di Alfonso De Pietro, eccetto: sei testi sono di Carmelo Calabrò, poeta siciliano, ricercatore di Storia delle dottrine politiche presso l'Università di Pisa; l'arrangiamento di “Tatanka” è de “il Parto delle Nuvole Pesanti”; l'arrangiamento di “Lettera dall'Argentina” è di Carlos Adrian Fioramonti. Produzione esecutiva: Alfonso De Pietro e Francesco Lorenzetti (contrabbassista). GENERE, MUSICISTI E STRUMENTI E' un CD ricco di colori e generi: si va dall'orchestrazione per archi di "Peppino", alla tarantella "Tatanka" (arrangiata e suonata da IL PARTO DELLE NUVOLE PESANTI), al tango "Lettera dall'Argentina", all'atmosfera world di "Terra" (le cui parti iniziale e finale sono cantate da CLAUDIO LOLLI), al sapore etnico mediterraneo di "Donna Lionora" e "Figli di nessuno", ad un pianoforte in odore di jazz di "Clochard", al blues lento “Per amore del mio popolo” (con la voce recitante di DON ARMANDO ZAPPOLINI). I numerosi musicisti presenti nel progetto vantano collaborazioni artistiche prestigiose e gravitano tutti in un'orbita musicale mediterranea e latina, quasi tutti di estrazione classica. Le sonorità acustiche sono impreziosite da una rosa di molteplici strumenti. Infatti, oltre a chitarre (acustica, classica, elettrica), contrabbasso, violino e violoncello, suonano anche mandoloncello, chitarra battente, bandoneon, tamburi a cornice, fisarmonica, armonica a bocca, vari tipi di percussioni etniche e, in due canzoni, il pianoforte. PARTECIPAZIONI STRAORDINARIE Claudio Lolli, il Parto delle Nuvole Pesanti, Don Armando Zappolini. PATROCINI Libera, Avviso Pubblico, Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato e CNCA (Coordinamento Nazionale delle Comunità d'Accoglienza). www.alfonsodepietro.it www.facebook.com/alfonsodepietro.27 www.myspace.com/alfonsodepietro

Live di Alfonso De Pietro


Nessun evento trovato in archivio


ALFONSO DEIDDA


ALFONSO DEIDDA QUARTET. Il sassofonista salernitano, ultimo dei fratelli Deidda, è uno dei musicisti-jazz più apprezzati in Europa e vanta collaborazioni con numerosi artisti di fama internazionale: da Mike Stern a Billy Cobham, da Lester Bowie a Don Moye, sino a Michel Petrucciani e Ben Sidran. In Italia, Alfonso Deidda ha affiancato, tra gli altri, Stefano Di Battista, Romano Mussolini, Renzo Arbore, Giovanni Tommaso, Flavio Boltro, Antonio Faraò, Danilo Rea, Tullio De Piscopo, Roberto Gatto e Gegé Telesforo. Numerose sono le sue partecipazioni a jazz-festival europei e internazionali: Umbria Jazz Festival, Eurojazz Festival di Ivrea, Jazz by the Sea di Fano, Jazz Image by Villa Celimontana a Roma, Italian Jazz Festival di Ulm in Germania, Festival Internazionale di Rapallo, Festival Internazionale di Abu Dhabi (Emirati Arabi), Como Jazz, Umbria Jazz Winter, Festival Internazionale Città di Ravello, Jazz Contest di Milano…

Live di Alfonso Deidda


Nessun evento trovato in archivio


Live di Algophobia


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ali Di Vetro


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ali Farka Toure'


Nessun evento trovato in archivio


Ali Shaheed Muhammad-A Tribe Called Quest


Ali Shaheed Muhammad (A Tribe Called Quest, New York) Parlare degli A Tribe Called Quest vuol dire raccontare una fetta importantissima della storiografia Hip-Hop: Q-Tip, Phife Dawg ed Ali Shaheed Muhammed ne hanno scritto infatti una pagina indimenticabile, assumendo un ruolo cardine nel complesso passaggio tra vecchia e nuova scuola. Tantissimi artisti in un modo o nell'altro hanno raccolto l'eredità degli ATCQ alimentando ininterrottamente il mercato discografico black con prodotti di altissima qualità: Common, Talib Kweli, Blackalicious, The Roots, Jurassic5.. Shaheedullah & Stereotypes, è il primo album di Ali Shaheed Muhammad ed è uscito esattamente un nel dicembre 2004. Il compito di Ali in questo lavoro è stato quello di rappresentare la sue variegate influenze musicali cosi come il mettere in luce le capacità di vocalist. Un altro grande artista del firmamento hip-hop è in arrivo al Link, che con questo concerto tiene vivo un filone che difficilmente viene rappresentato al di fuori dei normali circuiti del music business. www.alishaheed.com

Live di Ali Shaheed Muhammad-a Tribe Called Quest


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ali Slimani


Nessun evento trovato in archivio


ALI'


Alì non prende il nome dal leggendario pugile americano. Alì è semplicemente un cognome. Il cognome di Stefano. Classe 1978, nato a Catania e cresciuto a Siracusa, da qualche anno “rifugiato” in un monolocale a Belvedere (frazione di Siracusa a pochi km dalla tomba di Archimede), fino a qualche mese fa Stefano vendeva fiori. Nei primi mesi del 2011 inizia a stilare i brani de La rivoluzione nel monolocale; la cifra stilistica è legata al metraggio della casa in cui vive: intima, calda e precaria. Nove brani inediti e una cover di Paolo Conte. La complessa semplicità delle sue storie arriva dritta al cuore, come fosse un piccolo Carver siciliano. Il tutto fra occhi bassi e sogni, Wilco e Gin Lemon, colloqui andati a male, cd masterizzati dei National, curricula sempre più lunghi e aspettative sempre più corte. È completamente fuori moda, quindi semplicemente perfetto, come la sua Panda bianca di fine anni 80 senza finestrini elettrici. Caldo e intenso come un Nero d'Avola. Il Nero d'Avola de La Vigna Dischi. La rivoluzione nel monolocale vanta la produzione artistica di Lorenzo Urciullo (Colapesce, Albanopower) ed è stato registrato e mixato da Toti Valente al Vertigo Studio di Siracusa (esclusa la traccia numero 1 registrata e mixata da Salvo Minnella presso l'Arsonica Studio di Siracusa). Nel disco hanno suonato gli amici: Lorenzo Urciullo, Roberto Cappellani, Valerio Vittoria, Giuseppe Sindona, Carmelo Amenta, Pietro Giunta. www.facebook.com/stefanoalidallas#sthash.Y1LccFcg.dpuf

Live di Ali'


Nessun evento trovato in archivio


ALI' BABA'


magic dice booking&management Alì babà (Sanarecords/Audioglobe) Dub, elettronica, ma soprattutto raggamuffin’ e reggae etnico pop, solare e caraibico, queste sono alcune delle miscele e sonorità del gruppo, che dalla sua nascita ad oggi ha vinto e partecipato ad una infinità di importanti festival al punto di diventare uno dei gruppi più popolari del sud Italia. Sin da subito danno un occhio di riguardo alla melodia ed al ritmo, sono infatti presenti quelle strutture reggae e quelle atmosfere caraibiche che piano piano che pian piano verranno a caratterizzare lo stile maturo e odierno del gruppo. Riguardo alle parole sin dall’inizio grande importanza viene dato al dialetto ennese, , ma non viene precluso l’uso di nessun’altra lingua:prendono così forma i tipici testi del gruppo, ora in dialetto, ora in italiano, ora in inglese, spagnolo e latino maccheronico anche. Il gruppo , come detto, vanta partecipazioni in importanti festivals, quali Sonica (1997,1999) Rototom Sunsplash (1998,2002), Sanremo Rock dove spesso si sono esibita anche al fianco di affermati artisti quali Wailers e 99 Posse. Per il primo singolo dell’album Odio l’inverno è stato realizzato anche un video clip che è già in possesso per una imminente rotazione delle seguenti reti televisive: MTV, Rete All Music, Match Music e Rock TV. www.alibababand.it

Live di Ali' Baba'


Nessun evento trovato in archivio


Alianza String Quartet


ALIANZA STRING QUARTET Musicisti dell'Accademia europea di Aix-en-Provence Il quartetto internazionale "Alianza String Quartet" si è ufficialmente formato nella "Yale University School of Music" nel 2004, ma i quattro musicisti, originari degli USA, Australia, Corea e Russia/Spagna, suonavano insieme già da 3 anni. L'Ensemble si è esibito in particolare sulla Costa Est degli USA con delle performance presso il "Merkin Concert Hall", il "Kaufmann Auditorium 92nd St. Y" a New York, il "Juilliard’s Paul Recital Hall", la "Yale University’s Sprague Memorial Hall" ed il "British Art Center". Alianza String Quartet è stato selezionato per lavorare con membri dello "Juilliard String Quartet" nel 2005. Nel 2005 e 2006 sono stati semi-finalisti e finalisti della "Fischoff National Chamber Music Competition" e delle "Young Concert Artists International auditions and Concert Artists Guild Competition". Il quartetto s'interressa molto alla musica contemporanea e ha collaborato spesso con giovani compositori in residenza a Yale, come Ezra Laderman e Martin Bresnick. Alianza String Quartet Sarita Kwok, violino Lauren Basney, violino Ah-Young Sung, violino Dmitri Atapine, violoncello

Live di Alianza String Quartet


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alias


Nessun evento trovato in archivio


ALIBIA


Vincitori delle maggiori rassegne a carattere nazionale (Arezzo Wave, Rock Targato Italia, Sonica, Tendenze), eletti da Musica! di Repubblica “la migliore proposta emergente del 2003”, gli ALIBìA hanno esordito nel 2004 con “Confini”, album apprezzato da stampa e pubblico e che li ha proiettati tra le maggiori sorprese dell’anno nel panorama indipendente nazionale. Il secondo atteso album dal titolo “Tra tutto e niente” viene pubblicato per CNI e VENUS nel febbraio 2007. “Tra tutto e niente” nel giro di pochi mesi diventa una nuova e decisa conferma per gli Alibìa, ancora una volta osannati dalla stampa, protagonisti di un lungo e riuscito Live Tour e programmati da circa 150 radio nazionali col brano “Va tutto bene”, il cui videoclip era stato già premiato, a fine 2006, con 3 tra i più importanti riconoscimenti di settore: “Va tutto bene” vince infatti l’Animaclip del GiffoniFilmFestival, il premio nazionale Musicanimata e viene premiato al Meeting delle Etichette Indipendenti 2006 come miglior videoclip di animazione dell'anno oltre ad essere trasmesso dalle principali Tv musicali e non (BLOB di RAI3 - TG2 RAI ). Nel marzo 2007 il brano “I compiti di francese” è addirittura 4° nella classifica INDIE LIKE delle radio indipendenti nazionali. Ma la “vera sopresa” arriva nell’agosto 2007. Il videoclip “Mondocellofan” entra con forza nelle Playlist delle maggiori Tv satellitari nazionali, con continui passaggi anche nella programmazione diurna di MTV e ALL MUSIC diventando, di fatto, uno dei nuovi casi della musica italiana. Lo Spettacolo: gli AlibìA presentano uno spettacolo del tutto rinnovato, generazionale ed emozionante, in bilico tra musica d'autore (a 2 voci e 2 sessi), rock e sperimentazione sonora. Metri di tulle trasparente e lampade rosse a riscaldare l’inverno. www.alibia.it www.myspace.com/alibia

Live di Alibia


Nessun evento trovato in archivio


ALICE


SAMSARA il nuovo album di Alice prodotto da Steve Jansen, Francesco Messina e Marco Guarnerio. Pochi artisti in Italia hanno saputo come lei coniugare successo di pubblico e sperimentazione, mainstream e ricerca, pop e musica classica. Costruire una carriera in Italia ed essere in grado di esportarla con successo all'estero. Pochi hanno saputo cantare grandissimi autori e interpreti – valga un nome per tutti, quello di Franco Battiato – con la stessa maestria degli originali, portando la loro musica in direzioni nuove e, a volte, inesplorate. La sua ricerca ha fatto di Alice un'instancabile ricercatrice, appassionata al suono in un modo non comune tra chi fa il suo mestiere. Si spiegano così le prestigiose collaborazioni intrattenute nel corso degli anni con musicisti internazionali i cui nomi spaziano da Steve Jansen, Richard Barbieri, Tony Levin, Danny Thompson, Peter Hammill, Jon Hassell, Phil Manzanera, Paolo Fresu e Skye dei Morcheeba. Allo stesso modo Alice ha scelto il suo repertorio, incastonando nel suo personale arazzo musicale sublimi momenti leggeri e pagine di alto spessore compositivo, sempre adattando la sua voce a quella che fosse la sfida del momento, preservandone proprio così il senso di un progetto unitario. Ne è un'ennesima riprova anche l'album in uscita il prossimo Settembre, realizzato scegliendo accuratamente brani da lei scritti, così come canzoni di autori importanti e dal nome in alcuni casi sorprendente: Mino Di Martino, Franco Battiato e Tiziano Ferro. Info: http://www.alice-officialwebsite.com/ http://aliceedintorni.blogspot.it

Live di Alice


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alice Coltrane


Nessun evento trovato in archivio


ALICE COOPER


Vincent Damon Furnier, ovvero ALICE COOPER, è il fondatore del genere e della corrente filosofica/musicale dello “Shock Rock”, uno dei simboli più significativi della storia del rock/metal. Le sue performance live sono famose per le ghigliottine sul palco, bambole impalate, per il famoso pitone (vero) attorcigliato al collo e per il corpse paint, trucco facciale dalle sembianze “macabre”. Per tutti gli appassionati rockettari e metallari, tra effetti scenici-visivi cruenti e teatralità macabra-tenebrosa, un appuntamento assolutamente da non perdere!www.alicecooper.com

Live di Alice Cooper


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alice Duquet


Nessun evento trovato in archivio


ALICE IN CHAINS


Gli ALICE IN CHAINS tornano com un nuovo disco che Jerry Cantrell, lo storico chitarrista, ha dichiarato essere “totalmente diverso da quello che è stato fatto sino ad ora”. E' un album più scuro e viscerale di quello precedente “Black gives way to blue” , pubblicato nel 2009 e che ha venduto più di un milione di copie. La band rimane fedele alle sonorità che da sempre contraddistinguono il loro marchio di fabbrica grazie anche al cantante William DuVall che ha saputo raccogliere la pesante eredità di Layne Staley affiancando la sua bravura a Sean Kinney e Mike Inez. “THE DEVIL PUT DINOSAURS HERE” è stato registrato interamente a Los Angles con il produttore Nick Raskulinecz e contiene dodici tracce tra cui i singoli estratti “Stone” e “Hollow” i cui video, ricchi di immagini suggestive, sono visibili a questi link: Stone: http://www.youtube.com/watch?v=9KmYFY5oOvM Hollow: http://www.youtube.com/watch?v=hmSeWqmlqYs Questa la tracklist completa dell'album: Pretty Done, Voices, The Devil Put Dinosaurs Here, Lab Monkey, Low Cailing, Breath On A Window, Scalpel, Phantom Limb, Hung On A Hook, Choke. www.aliceinchains.com - www.facebook.com/aliceinchains - @aliceinchains

Live di Alice In Chains


Mar 01 Lug ROCK IN ROMA - Roma (RM) - Italia

ROCK IN ROMA IPPODROMO DELLE CAPANNELLE VIA APPIA NUOVA 1245 ROMA INFO: 06/54220870 info@rockinroma.com www.rockinroma.com http://www.facebook.com/rockinromacapannelle



Mer 02 Lug ALFA ROMEO CITY SOUND - Milano (MI) - Italia

ALFA ROMEO CITY SOUND Ippodromo del Galoppo MILANO INFO 02/63793389 info@citysoundmilano.com www.citysoundmilano.com www.facebook.com/CitySoundMilano




ALICE MONDIA


“PLASTER”, in vendita su iTunes, è una raccolta di sei brani, in inglese e in italiano, dall'atmosfera soul con contaminazioni rock e pop, masterizzato nei celebri Pinewoods Studios di Londra, con la collaborazione del fonico Matt Howe (già tecnico del suono di Elton John e Michael Jackson). L'Ep è stato anticipato in radio dai singoli “Run” (scritto da Francesca Faggella) e “Spigoli d'Amore”(scritto da Nicco Verrienti). Per dare il titolo al suo nuovo progetto discografico, l'artista si è ispirata al gesso, il materiale con cui gli scultori lavorano per creare la struttura che dà forma alle proprie opere d'arte «così in musica –spiega Alice Mondìa - si utilizzano le note, i suoni degli strumenti e le parole, per riempire i brani dei significati più vari». Questa la tracklist di “PLASTER”: “Run”; “Spigoli d'Amore”; “Donne come me”; “Plaster”; “Zebra Crossing”; “One in Heaven”; “Goodbye”. Alice Mondìa è una giovane interprete ed autrice, di padre svizzero e madre tedesca, che si appresta a pubblicare il suo terzo disco. A 18 anni esordisce con “My Way or No Way”, album pop rock in inglese. Per assecondare la sua anima soul/black nasce nel 2012 “Scacco”, il nuovo album composto da brani in inglese e in italiano. Alice ha partecipato ai concerti del cantautore Gatto Panceri e al tour della band Sonohra. A dicembre 2012, è stata nel cast del Concerto di Natale insieme a moltissime star italiane e internazionali. Quest'anno è stata scelta come madrinadella manifestazione podistica “La Corsa dei Santi 2013” per cui ha interpretato la colonna sonora “Run”, contenuta nel suo Ep.

Live di Alice Mondia


Nessun evento trovato in archivio


ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE


C'è grande attesa per il ritorno di ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE - IL MUSICAL, lo spettacolo campione d'incassi della passata stagione, che debutta il 6 Novembre 2011 al Teatro Comunale di Bolzano per poi proseguire con un lungo tour in Italia. Il nuovo allestimento del Musical, diretto dal talentuoso performer Christian Ginepro (Cabaret, Sette Spose per Sette Fratelli, Il giorno della Tartaruga) vede nel cast due importanti novità: da Colorado (Italia1) MARCO BAZZONI in arte BAZ per un inedito, frizzante e sicuramente “MATTO CAPPELLAIO” e nel ruolo di ALICE GRANDE TANIA TUCCINARDI, la delicata e splendida Giulietta voluta anche da Riccardo Cocciante nella moderna rivisitazione del capolavoro di Shakespeare. Confermatissime le presenze di ROBERTA FACCANI (già voce dei Matia Bazar) la brava, convincente e temutissima Regina di Cuori e dell'affascinante GABRIELE FOSCHI nei panni del Coniglio Bianco. Completano il cast MARCO D'ALBERTI (Bruco), DIEGO CASALIS e MAURIZIO SEMERARO (Priccio e Sticcio) e le tre bimbe ELENA IDINI, ZOE NOCHI e MARILIANA PETRUZZI che si alterneranno nel ruolo di Alice Piccola. ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE - IL MUSICAL porta in scena la favola nel suo aspetto più onirico e fiabesco: quello dell'immaginario dei bambini. Sul palcoscenico la poesia del mondo infantile e la magia della fiaba in un family show pronto a coinvolgere ed emozionare grandi e piccoli rendendoli parte di un'avventura che difficilmente potranno dimenticare. I testi, impreziositi dalla genialità del regista Christian Ginepro, sono frutto della rielaborazione dell'opera di Lewis Carroll “Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie” e “Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò”. Sembrerà di sfogliare un libro di favole. Divertimento e paura, dubbi e certezze, balli e canzoni si alterneranno in una serie di situazioni in cui realtà e sogno sono i protagonisti. www.readytogo.it - www.alicenelpaesedellemeraviglie-ilmusical.it

Live di Alice Nel Paese Delle Meraviglie


Nessun evento trovato in archivio


ALICE TAMBOURINE LOVER


Alice Albertazzi - Vocal / Guitar / Foot Tambourine Gianfranco Romanelli - Dobro / Resonator Guitar / Bass "Star Rovers" il nuovo album degli Alice Tambourine Lover Sulla scia dell'onda di "Naked Songs" (Go Down Records), album di esordio del 2012, gli Alice Tambourine Lover pubblicano un nuovo disco dal titolo "Star Rovers" (Go Down Records). Nove brani registrati da David Lenci @ "Sotto Il Mare Recording Studios" e mixati da Gregor Marini @ Sonorus S.D. Un "cast stellare" di amici e musicisti ha partecipato alle registrazioni: Conny Ochs (Baby Universal, Heavy Kingdom project with Wino) e Patrizia Urbani (Miss Patty Miss & the Magic Circle), voci in due brani insieme ad Alice e Matumaini (Minor Swing) all'Ukulele. "Star Rovers" consolida le sonorità "cosmic blues" presenti nel primo lavoro della band, ribadendo la centralità del dobro di Gianfranco Romanelli e della voce calda e versatile di Alice Albertazzi. La componente psichedelica, tratto distintivo che accomuna i due artisti, guadagna maggior spazio e impreziosisce le composizioni, sempre dirette, eleganti e coinvolgenti. ATL biografia Messi temporaneamente da parte gli Alix, storica band psichedelica della prima ondata, con cinque album all'attivo tra cui spiccano sicuramente "Ground" registrato da David Lenci, a cui Kerrang! ha attribuito (KKKK) e “"G00d 1"” il loro quinto e ultimo lavoro, registrato da Steve Albini (Nirvana, P.J. Harvey, Stooges etc..) e masterizzato a Chicago da Bob Weston, e' tempo di side project per Alice Albertazzi e Gianfranco Romanelli. Cantante intensa e duttile la prima e brillante chitarrista/bassista il secondo, sono compagni e animatori dell'avventura Alice Tambourine Lover. Partendo da un blues elettrico ridotto alla configurazione minima (chitarre, voce e tamburello), creano un sound corposo e policromo, dove la buona tecnica di entrambi va a sommarsi ad un'espressività convinta e convincente. "Naked Songs" (Go Down Records), è l'album di esordio del 2012. https://twitter.com/AliceTambourine

Live di Alice Tambourine Lover


Nessun evento trovato in archivio


ALICIA KEYS


Il The Freedom Tour di Alicia Keys segue la pubblicazione del suo ultimo album, The Element Of Freedom, composto da 14 canzoni che mostrano il talento di Alicia Keys nella tripla veste di compositrice, vocalist e produttrice. Alicia Keys è stata consacrata da critica e pubblico come una delle nuove stelle del firmamento musicale e la sua voce ricca e potente la rende inconfondibile. www.aliciakeys.com

Live di Alicia Keys


Nessun evento trovato in archivio


ALIEN TRANSISTOR


Alien Transistor Tour feturing: Saroos, Joasihno, Rayon (Markus Acher – Notwist) www.alientransistor.de

Live di Alien Transistor


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alien Vampires


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alif Tree


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alimenti Skaduti


Nessun evento trovato in archivio


ALINA SIMONE


Alina Simone, cantautrice di origini ucraine dalla voce potente ed eterea, Ë stata paragonata dal new Poker a can Power, grazie soprattutto alle sue composizioni cariche di nostalgia contrappuntista da parsimoniosi inserti di chitarra. Alina racconta della vita quotidiana nei sobborghi del Massachussets, in cui Ë cresciuta, dellíodierna New York City, dei ìvasti e solitari spazi del Texasî. ìLe mie canzoni - rivela - parlano di quei posti dove accade tutto e niente: distributori di benzina, centri commerciali, uffici postali, ma anche di tutte le splendide e inattese possibilit‡ che il contatto con gli altri puÚ portare nelle nostre vite.î Gli inizi, come busker per le strade di Austin, sono ormai lontani, dopo líacclamata pubblicazione dellíEP ìPretty in Darkî per la Fractured. Alla vigilia della pubblicazione del primo album, Placelessness, atteso nel mese di aprile ë07, Alina ha gi‡ condiviso il palco con nomi come Dead Meadow, Orenda Fink, Jason Anderson, Final Fantasy e The Wedding Present, nonchÈ con gli italiani Morose nel corso di un lungo tour francese nel Novembre ë06, in cui si Ë creata una forte ammirazione reciproca. Il primo tour italiano vedr‡ Alina presentare anche i brani a firma The Artificial Sea, progetto collaterale che la coinvolge con Kevin J. Smith, e che vede la luce per la francese Travelling Music. www.alinasimone.com www.myspace.com/alinasimone

Live di Alina Simone


Nessun evento trovato in archivio


ALINE DE LIMA


Aline de Lima è l'ultima giovane artista emergente del panorama musicale brasiliano. Nata nello stato del Maranhao, nel nord-est del Brasile, terra di grande cultura popolare, Aline compone una musica la cui varietà trova le radici proprio in questa terra. Scrive testi e musica del suo repertorio. Canta d'amore, di sentimento, di normalità con la profondità e la dolcezza di una voce affascinante e sensuale. Le sue canzoni respirano la bossa nova e i ritmi del carnevale. Una musica brasiliana molto influenzata dal jazz. Il suo primo album è stato prodotto da Vinicius Cantuaria, musicista visionario della canzone brasiliana che ama nutrire le tradizioni di idee sempre nuove. Lo stesso album si arricchisce, inoltre, della partecipazione del grande Marc Ribot. Aline “la morena”, come viene definita, è stata la vera rivelazione dell'anno 2006. www.alinedelima.com

Live di Aline De Lima


Nessun evento trovato in archivio


ALIO DIE


Alio Die (I) Alio Die alias Stefano Musso, artista milanese, ha iniziato a comporre musica ambient-elettronica con lo pseudonimo Alio Die fin dal 1989, elaborando e miscelando suoni di varia natura. Da allora ha realizzato più di venticinque CD, in parte autoprodotti attraverso la sua etichetta Hic Sunt Leones, in parte editi da labels specializzate, italiane e statunitensi (Amplexus, Eibon, Hypnos, Heart of Space / Fathom, Projekt…). Negli ultimi anni ha collaborato con vari artisti, molti dei quali di fama internazionale. Tra essi ricordiamo Robert Rich (USA), Vidna Obmana (Belgio), Mathias Grassow (Germania), Nick Parkin (UK), Yannick Dauby (Francia), Amelia Cuni, Raffaele Serra, Ora (UK), Antonio Testa. La musica di Alio Die, caratterizzata da suoni acustici ed evocativi manipolati e trattati elettronicamente, costruisce intimi paesaggi sonori legati al mistero ed alla liricita' della vita e della natura. Suoni e rumori naturali ed acustici, trattati e rielaborati con apparecchi digitali e multieffetti, sono integrati in un contesto meditativo e spirituale, che spesso diviene simile ad una preghiera. www.aliodie.com

Live di Alio Die


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alison Crockett


Nessun evento trovato in archivio


ALISTAIR HULETT


Alistair Hulett Il mondo musicale nel quale si muove Alistair Hulett, Singer-Songwriter & Guitarist nativo di Glasgow, è parte integrante della migliore tradizione della canzone d'autore britannica. Erede di una forte tradizione che gli deriva dalle sue origini scozzesi e irlandesi e quindi erede di un patrimonio musicale di notevole ricchezza, Alistair Hulett può vantare un vasto repertorio fatto di canzoni tradizionali, i cui testi riflettono i principali drammi che sviliscono la nostra esistenza e la condizione umana, quali la guerra, il razzismo, la povertà e la necessità di affrontarli con la solidarietà e la forza comune. Memorabili sono le sue interpretazioni del repertorio di poemi e di canzoni del grandissimo Robert Burns, Poeta Nazionale in Scozia e sicuramente uno dei maggiori Autori dell'intera letteratura inglese. Dei poemi e delle canzoni scritte da Robert Burns Alistair Hulett è considerato uno degli interpreti più efficaci e le sue versioni dei classici del "Poeta contadino" sono state incluse nelle numerose raccolte celebrative finora pubblicate in tutto il mondo con grande successo. Negli anni Alistair Hulett ha saputo coniugare la liricità dei temi della musica tradizionale scozzese a testi dai contenuti di forte impatto sociale e politico, seguendo il solco di una tradizione ben consolidata che ha avuto in Autori molto noti come Ewan McColl, Hamish Henderson, Dominic Behan, Jeannie Robertson, Davie Stewart e più recentemente Leon Rosselson e Dick Gaughan, non solo promotori ma anche staordinari autori ed interpreti. La tematica dell'impegno sociale è una costante nella canzone popolare scozzese, dai canti fioriti intorno alla tragica ed eroica avventure delle ribellioni giacobite, ai radiodrammi del mitico Ewan McColl sulla vita dei pescatori e dei minatori, alle dolci e sferzanti ballate del grandissimo Dick Gaughan. Da oltre 25 anni, Alistair Hulett ha cominciato a scrivere e poi a sviluppare le sue canzoni riche di pathos, dolore e gioia, fin dalle prime esperienze nei Folk-Clubs di Glasgow, quando, ancora giovanissimo, amava definirsi come "Glasgow's pimpliest Bob Dylan clone". Dopo l'emigrazione in Nuova Zelanda con i suoi parenti, ancora solo diciottenne, fu indirizzato a frequentare la scena folk australiana dal Folk-Singer Gordon McIntyre. Dopo alcuni anni spesi in viaggi in vari Paesi, Alistair Hulett diventa in Australia la guida carismatica del noto gruppo folk-punk-rock "ROARING JACK", considerato un gruppo di culto per gli amanti del genere portato in auge da grandi artisti come Billy Bragg e da storiche formazioni ben note anche da noi in Italia come i "POGUES" e "THE MEN THEY COULD'T HANG", spesso supportati proprio da Alistair Hulett & ROARING JACK nei loro tour austaliani. Incisi tre CD ed una manciata di singoli con i ROARING JACK, tutti molto acclamati dal pubblico e dalla critica e tuttora ricercati dai collezionisti, Alistair Hulett ritorna ad interessarsi alla musica tradizionale scozzese ed inizia in Australia, proseguendola negli anni anche al suo rientro in Scozia dove vive tuttora, una fertile collaborazione con il mitico Dave Swarbrick, leggendario violinista dei Fairport Convention, storica formazione e punta di diamante del movimento Folk-Revival inglese. Alistair Hulett ha inciso ben sette CD tutti ispirati al folk tradizionale scozzese e sempre ottimamente recensiti dalla critica. Dopo l'incisione del noto pezzo "The Swaggies Have All Waltzed Matilda Away" che ha aperto la loro esperienza in duo in Australia, con Dave Swarbrick ha inciso tre splendidi lavori e sovente compie acclamati ed affollati tour che interesseranno anche il nostro Paese il prossimo anno. Uno di questi lavori, "RED CLYDESIDE", inciso nel 2002, incentrato sulla vita del martire del socialismo scozzese John McLean e sulla rivolta operaia del Clyside nella Glasgow del primo ventennio del novecento, è considerato un vero capolavoro ed uno dei migliori album pubblicati negli ultimi venti anni in ambito folk. www.folkicons.co.uk/alistair.htm

Live di Alistair Hulett


Nessun evento trovato in archivio


ALIVE


Gli Alive sono una band milanese nata nel 1999 da un'idea di Alessio Tosi e Francesco Luzzini, cresciuti con influenze Grunge come Nirvana, Sound Garden e Pearl Jam, per questo formano in principio una Tribute-band dei Nirvana. Dopo le prime esibizioni gli Alive iniziano a mutare variando sia il repertorio musicale che alcuni componenti della band, incrementando di conseguenza date e feeling con il palco. Nel 2002 sulla scena musicale Rock-alternative impazza un genere molto innovativo che vede come esponenti di spicco band come i Linkin Park, Limp Bizkit, Disturbed, Paparoach e gli Alive ne sono particolarmente influenzati. Il 2003 segna la svolta della band con l'ingresso di Ezio Vitali (bassista) e Andrea Consoli (voce) che con Alessio Tosi (chitarra) e Francesco Luzzini (batteria) completano questa formazione composta da quattro giovani pieni di entusiasmo e voglia di fare. Questo cambiamento di elementi fa si che gli Alive intraprendano la strada del Cross-over iniziando a suonare in locali importanti come Rolling Stone, Harley Cafè, Black Horse, Seven 70, Transilvania live, facendo da spalla ad importanti band come Velvet, Simone, Exilia e Finley. Nel 2007 avviene l'ultimo cambiamento con l'ingresso di Fabio Petrelli, in arte Random, uno dei bassisti più potenti e scenici dell' undergrond rock con molti anni di esperienza internazionale in tournè europee e registrazioni di vari album ed EP con gli Exilia e altre band, incrementando l' immagine e l'impatto sonoro degli Alive. Con Andrea (voce), Alessio (chitarra), Francesco (batteria) e Random (basso) gli Alive sono ormai pronti per la realizzazione del loro primo disco. www.alive-band.com www.myspace.com/alivespace

Live di Alive


Nessun evento trovato in archivio


ALIX


Un curriculum di tutto rispetto alle spalle (un tour con gli scandinavi Pawnshop e Dozer e gli americani Hidden Hand del leggendario Scott “Wino” Weinrich) e quattro cd all'attivo: “Alix” (1997), “Cuore In Bocca” (1999), “Nessun Brivido” (2001) e “Ground” (2004). Sono gli Alix, quartetto bolognese formatosi nel 1997 e guidato dalla personalità forte e carismatica di Alice Albertazzi. Il loro stile, definito “psychedelic groove rock”, è al confine tra hard rock, psichedelia, stoner e blues. Questo è il loro quinto lavoro, registrato e mixato da sua maestà Steve Albini al Red House Recordings di Senigallia e masterizzato a Chicago da Bob Weston. Un album che vive dell'alternanza tra cavalcate psichedeliche e parti più rilassate (“Bianco e Nero”, unico brano in italiano). Elementi trainanti del loro sound sono la chitarra fuzzata e ipnotica di Pippo De Palma, con i suoi dilatati riff kyuss/sabbathiani, la magnetica voce soul-blues di Alice (un incrocio tra PJ Harvey e Janis Joplin) e la granitica sezione ritmica di Gianfranco Romanelli – artefice anche dei deraglianti slide-blues di chitarra - e Andrea Insulla. Tra mantra psichedelici (“Don't Run Ahead”), atmosfere desertiche e visionarie che sembrano ispirate dal sole rovente della California, momenti più incalzanti e rock'n'roll (su tutti, “Emotion”, “Solid As A Stone” e la trascinante “Without You”), gli Alix conquistano per la loro carica di emotività e raffinatezza sonora. In edizione limitata a 500 copie numerate, il disco è reperibile ai loro concerti estivi e uscirà in autunno sulla loro etichetta TrebleLabel. Una menzione a parte merita l'artwork di copertina realizzato dalla fumettista di fama internazionale www.myspace.com/alixband www.alix.bo.it http://www.facebook.com/alixband

Live di Alix


Nessun evento trovato in archivio


ALIX PEREZ


Alix Depauw aka ALIX PEREZ è senza dubbio uno dei nomi più freschi che nel corso degli ultimi anni si è imposto col suo stile tra i migliori producers/djs della scena internazionale. Originario del Belgio ha iniziato a far girare i primi dischi a 14 anni, mentre a 17 ha cominciato a produrre le sue tracce. Trasferitosi a Londra, si è da subito distinto ricevendo le attenzioni dei più grandi, guadagnandosi l’appellativo di “quello da tenere d’occhio” per il futuro della drum and bass, avendo riportato il soul nella scena. Lo stesso concetto viene ripreso durante i suoi dj set, morbidi e intrisi di sofisticate selezioni che gli hanno permesso di essere resident a serate mitiche quali “SWERVE” o “MOVEMENT”a Londra. Recentissimo l'album "1984" - suo ultimo capolavoro uscito sull'etichetta di Friction, Shogun Audio. "1984" è un autentico capolavoro, non solo un album drum n bass ma qualcosa di più. Un must per tutti gli amanti di musica di tutto il mondo. In questa sua ultima creazione Alix fonde diversi generi tra i quali downbeat, hip hop sperimentale, funk, soul e ovviamente la sua drum n bass: il risultato è uno dei migliori album di elettronica ed urban beats del 2009. www.myspace.com/alixperez

Live di Alix Perez


Nessun evento trovato in archivio


ALKAHOLIKS


Dopo il successo del concerto sold-out dei Dilated Peoples del 17 ottobre (guarda le foto), Bounce e Zona Dopa sono orgogliose di presentarvi l’unica data italiana di un altro potentissimo gruppo Hip Hop di Los Angeles: gli Alkaholiks aka The Liks. Il gruppo dalla “party-attitude” per eccellenza nell’Hip Hop a stelle e strisce, attivo sin dai primi anni ’90, è sempre stato esplicitamente orientato verso lo spirito più ironico e festoso come i primi pionieri del Bronx, rimanendo tuttavia molto lontano dalla musica di plastica del circuito club e dagli stereotipi del “Gangsta Rap” dei colleghi losangelini. Dopo un interessante esordio (21 And Over) e l’ottimo Coast II Coast, la Loud nel ‘97 pubblica Likwidation, la loro definitiva consacrazione: basti pensare al super singolo Hip Hop Drunkies (una splendida collaborazione con l’ormai scomparso Old Dirty Bastard dei Wu-Tang Clan), o ai personaggi che hanno presenziato sull’album, come Nas, Xzibit, LL Cool J, Keith Murray, rendendolo un classico. Dopo un album solista di Tash, leader del gruppo nonché uno degli MC più rispettati e dotati di L.A. (Dr Dre l’ha voluto sul suo capolavoro 2001!), e il loro quarto allucinato disco, The XO Experience (2001), dove in compagnia di Busta Rhytmes, Defari e altri ospiti, si aprirono a sperimentazioni elettroniche e un’estetica quasi rock, esce nel 2006 Firewater, l’ennesima bomba dei Liks. Pur non avendo mai raggiunto il meritato successo discografico, Tash, E-Swift e J-Ro hanno lasciato un segno indelebile con il loro sound (una solida fusione tra “East e West”, unito a rime “alcoliche” e maliziose, ma soprattutto incredibilmente divertenti,) influenzando lo stile e l’attitudine di tutto il movimento underground californiano dalla seconda metà degli anni 90 in poi (compresi gli amati Dilated Peoples!). Basti pensare al collettivo da loro fondato: la Likwit Crew assieme Xzibit, Defari e King Tee, figure fondamentali per l’Hip Hop made in USA. Dopo l’uscita di Firewater, i Liks hanno purtroppo annunciato lo scioglimento del gruppo per dedicarsi a carriere soliste: questa potrebbe essere quindi l’ultima occasione per vederli performare in Italia, tutti sullo stesso palco, per lo meno per parecchi anni (ma il potere dei fan è sempre molto forte!) Non fatevela scappare. Websites: www.myspace.com/alkaholiks www.alkaholiks.com

Live di Alkaholiks


Nessun evento trovato in archivio


ALKALINE TRIO


Con My Shame Is True gli Alkaline Trio hanno cementato la propria eredità. Da sempre febbrilmente determinati a non fare lo stesso disco due volte, la band ha tuttavia conservato gli elementi più elettrici della propria capacità di composizione, così come i loro irriducibili ascoltatori si aspettano, pur ampliano la propria gamma con nuovi colori ed estremi sonori. L'energia grezza del proto-punk anni '70, la sensibilità cupamente romantica, i giochi di parole della new-wave anni '80, del movimento metropolitano power-pop degli anni '90 e l'individualismo eclettico del nuovo millennio trovano tutti spazio nel sound sorprendentemente moderno degli Alkaline Trio. Gli oppressi, i diseredati, i depressi hanno tutti trovato qualcosa di identificativo nella produzione creativa degli Alkaline Trio, dichiarando a gran voce la propria dedizione e riconoscendo il potere incoraggiante delle loro canzoni attraverso i social media. Il nuovo materiale favorisce il solidificarsi di questo rapporto, aggiungendo nuovi colpi di scena ai diversi elementi presentati già con il precedente disco Damnesia e seminati a partire dal debutto discografico del 1998, quando la band ha iniziato a posizionarsi nel tessuto della comunità underground mondiale.Registrato con la leggenda punk Bill Stevenson (The Descendents / Black Flag) presso i Blasting Room Studios in Colorado, l'ultima produzione degli Alkaline Trio presenta inni conquistati a fatica in un album composto mentre la band era lontana da casa, circondata dalla sola ispirazione di tramonti sul deserto e brillanti volte stellate. Gli Alkaline Trio si formano nel 1996 nel Midwest, senza essere alla ricerca nè di fama nè di fortuna, ma lavorando verso un potenziale futuro in cui la loro musica avrebbe significato davvero qualcosa per le persone. Una volta in tour hanno riscontrato un successo inaspettato, un risultato che mai si sarebbero sognati, fino a raggiungere la undicesima posizione nelle classifiche Billboard. I co-fondatori della band Matt Skiba (voce/chitarra), Dan Adriano (voce/basso) e il batterista Derek Grant hanno stabilito una chimica unica. C'è una magia ardente ovunque si esibiscano, quando collaborano in studio e quando interagiscono con i fan ai loro concerti. Ciò che ha iniziato con etichette indipendenti e ha flirtato con le major, è tornato alle proprie radici con l'etichetta Epitaph nel 2010 per l'uscita di This Addiction che ha consacrato la band tra i punk rock big act mondiali. La band può celebrare il buio, il macabro e il temerario ma riescono ad affrontare il ventre dell'esistenza moderna e la tragedia della disumanità del genere umano. Ma c'è una luce nel buio, proprio come il cuore che circonda il teschio nel logo degli Alkaline Trio, che trova sostanza nell'espressione artistica della band. Gli Alkaline Trio rappresentano la forza delle avversità e la volontà di superarle. Non importa quanto i tempi bui possano durare, c'è sempre un sorriso sinistro, un tocco malizioso e una dolce melodia che dà speranza per il futuro. Ed è con questa intraprendenza che la band dà appuntamento a tutti i fan italiano il prossimo maggio a Milano e Bologna. www.alkalinetrio.com

Live di Alkaline Trio


Lun 05 Mag FACTORY milano - Milano (MI) - Italia

FACTORY Via Corelli 36/7 MILANO INFO: 02/70300000 info@factorymilano.com www.factorymilano.com



Mar 06 Mag ZONA ROVERI - Bologna (BO) - Italia

ZONA ROVERI via dell’Incisore, 2 BOLOGNA INFO: 051/0568850 info@zonaroveri.com www.zonaroveri.com www.facebook.com/ZRZonaRoveri




Live di Alkimia


Nessun evento trovato in archivio


ALL ABOUT KANE


La band ha presentato l'album d'esordio, (CitizenPop) nel giugno 2012, anticipandolo ad aprile con l'uscita del primo singolo, Independent Lights, tutt'ora in rotazione su Virgin Radio, MTV Music, Rock TV e molti altri canaliradiofonici e web. Il video di Independent Lights ha vinto il PIVI 2012 Premio speciale MTV New Generation al Medimex di Bari, aggiudicandosi il voto unanime della giuria. Tra pochi giorni uscirà il secondo singolo estratto da CitizenPop, In This Black Night. www.allaboutkane.com www.facebook.com/allaboutkane

Live di All About Kane


Nessun evento trovato in archivio


ALL AREAS BAND


...dall'Emilia al Veneto.... gli "ALL AREAS" Tribute Band.. nascono sotto ad una grande passione comune per la musica rock italiana targata LIGABUE. I componenti provenienti da: Vignola, Vedelago, Castelfranco Veneto, Riese Pio X, Vigonza, Villa del Conte... territori tra le province di Modena, Treviso e Padova. Una musica particolare, caratterizzata da testi intensi in alcuni punti anche riflessivi e melodie che non si dimenticano facilmente (piccola stella senza cielo, l’odore del sesso, certe notti ... ...). Tutto questo anima gli ALL AREAS nel loro intento di interpretare nel modo più simile all’originale un repertorio di brani che propongono al loro pubblico spaziando su tutta la discografia di Ligabue, dai primi successi degli anni ‘90 fino a canzoni dell'ultimo album. www.myspace.com/allareasband

Live di All Areas Band


Nessun evento trovato in archivio


ALL BUT ONE


Formati sul confine tra Mantova e Brescia nel Settembre 2004, gli ALL BUT ONE portano con loro diversi bagagli musico-culturali che vengono miscelati fin dalle prime canzoni.. Nel 2005, con la lunga e faticosa realizzazione del demo "There Is No Rose Without A Thorn", il gruppo vede concretizzarsi i suoi primi lavori; ma il risultato appare di giorno in giorno sempre più insoddisfacente. Il lavoro di ricerca continua dunque per un altro anno finchè la band trova la propria combinazione musicale, che riesce ad esprimere finalmente ciò che tanto si andava cercando! Da qui la decisione di incidere " I Know You Would Turn Back The Clock.. ", un Album di 10 pezzi registrati presso lo studio LIVING RHUM di Giovanni Bottoglia nell'Ottobre 2006. Oggil la tranquillità regna sugli All But One: MARK ha perso l'ispirazione musicale perché non ha più ragazze che lo fanno soffrire, nel tempo libero frequenta la facoltà di Medicina a Verona, durante il sonno studia e nelle pause pranzo gioca a calcio; CAPA sta ancora cercando di capire il significato della canzone scritta su di lui (Lie is in beLIEving), a tempo perso vende trapani vestito in giacca e cravatta. Recentemente ha deciso di darsi alle delizie e ai piaceri della vita agreste: ha infatti comprato casa in un paesino di 100 abitanti (di cui 90 sono mucche). SAVIO grazie al suo fascino sta completando il suo MOLTO personale album delle figurine Panini (eh già...ci sono solo calciatrici nelle figurine!!!), quando si ricorda va al liceo e nel tempo restante...colleziona, colleziona, colleziona..; MONY sta pensando seriamente di entrare in terapia per curare i suoi ripetuti schizzi di punk-hardcore; quando è sano di mente frequenta e studia presso la facoltà di Giurisprudenza a Verona, per il resto si dedica a chiamare gli altri All But One per fissare le prove; BOGA è stato recentemente scambiato per il David di Donatello, si diletta nella vendita di magliette per ragazze, ha adottato Spongebob, e dorme solo 3 ore a notte (sempre nel suo lungo baule dell'auto) per riuscire ad adempire ai suoi compiti di cantante in 3 gruppi diversi...Info: www.allbutone.it - www.myspace.com/allbutoneitaly - allbutone@allbutone.it - 328 9667684. See ya!!

Live di All But One


Nessun evento trovato in archivio


Live di All Else Failed


Nessun evento trovato in archivio


ALL FOR NOTHING


All for nothing is a hardcore band from Rotterdam, the Netherlands. They play high energetic hardcore songs with sing-a-long choruses, punishing beat-down passages and melodic riffs all based on various influences. www.myspace.com/allfornothingnl

Live di All For Nothing


Nessun evento trovato in archivio


ALL IN THE GOLDEN AFTERNOON


All In The Golden Afternoon sono Carlos & Rachel. Psychocandies di due-tre minuti, le loro tracce rimandano a Echo e gli uomini-coniglio, Suicide, Brian JonesTown Massacre, SY, The Warlocks. Piu' Scarni & Crudi. Riverberati & Sonici. Psichedelici & Onirici. www.myspace.com/allinthegoldenafternoon

Live di All In The Golden Afternoon


Nessun evento trovato in archivio


ALL MY FAITH LOST


Le sonorità degli All My Faith Lost sono delicate e malinconiche intessute da chitarre acustiche, flauti, violini e pianoforti adagiati su lievi tappeti di sinth. La voce femminile intensa e allo stesso tempo eterea si sposa spesso con quella maschile creando delicati intrecci sonori. A volte romantica, a volte ipnotica, la musica degli All My Faith Lost accompagna gli ascoltatori verso paesaggi lontani, traendo ispirazione dalla letteratura e dalla poesia. L’ultimo album “The Hours” è stato pubblicato nel 2007 dall’etichetta svedese Cold Meat Industry in Europa e dall’americana Projekt Records negli Stati Uniti ed è stato accolto positivamente dal pubblico e dalla critica internazionali. www.allmyfaithlost.com www.myspace.com/allmyfaithlost

Live di All My Faith Lost


Nessun evento trovato in archivio


Live di All Natural


Nessun evento trovato in archivio


Live di All Out War


Nessun evento trovato in archivio


Live di All Saints


Nessun evento trovato in archivio


Live di All Scars Orchestra-daniele Brusaschetto


Nessun evento trovato in archivio


ALL STARS MOTOWN


La storia della musica soul è fatta di interpreti e di brani indimenticabili, senza tempo. Otis Redding, Aretha Franklin, Stevie Wonder, Marvin Gaye, Ray Charles ... un patrimonio immenso di talenti e di “sound” che, dagli anni '50, toccano l'anima sia di chi fa musica sia di chi la ascolta, non importa di che età. Questo è un progetto formato da un cocktail di cantanti americani e musicisti europei che interpretano mezzo secolo di emozionante musica soul. Già esibiti per Aosta Blues & Soul Festival nel 2012 quest'estate saranno di nuovo in tour per dare voce a brani leggendari dell'intramontabile periodo musicale!

Live di All Stars Motown


Nessun evento trovato in archivio


ALL SUN ROCKIN' JIVE QUARTET


ALL SUN ROCKIN' JIVE QUARTET Rockabilly / Twist / Swing’n’Jive / Shake ALBERTO “ROCKIN” SANNA voce, chitarra semiacustica e armonica MAURO “JERRY LEE” AMARA pianoforte e voce MAURIZIO “BLACK” CONGIU contrabbasso e voce LORENZO “FONTANA” FALZOI batteria guests: DIMITRI "URAGANO"PAU armoniche a bocca MATTEO "GRAPPINO"GALLUS violino

Live di All Sun Rockin' Jive Quartet


Nessun evento trovato in archivio


Live di All System Go


Nessun evento trovato in archivio


ALL THAT REMAINS


All That Remains / Fozzy Finalmente una band programmaticamente perfetta: Fozzy! Un poco Fonzie e un poco Ozzy, la sintesi insomma della miglior tradizione americana: Patatine e Sit-Com. E siamo già al terzo lavoro per questa ipertrofica band di ragazzoni da colazione dei campioni, alla voce ancora quel Chris Jericho che, pare, facesse impazzire migliaia di wrestler-maniacs seduti davanti alle tv americane (e non solo) e alla chitarra Rich Ward (Stuck Mojo), un tipino non certo famoso per origami o completini d'organza. Risultato? Un possente heavy metal melodico, roccioso come il sorriso di un primate e malinconico come le spoglie di un lapidato. Ma, perché la gente si ostina ancora a voler vedere e sentire tutte le produzioni di Rob Zombie?! Crede davvero che possa esistere un'assoluzione a pulsioni tanto basse?! Ma venite qui, venite nel carruggio dei Fozzy e, sarete certi che la prossima caccia al cervo del Nord Dakota andrà perfettamente a buon fine. Quale miglior esorcismo di quest'ascia di guerra per far al meglio il vostro sport preferito? Sempre con un tocco di romanticismo però: non vorremmo smentire la ancor solida corrente che postula la netta separazione tra Cro-Magnon e Neanderthal. Guest Star di pregiudicati a profusione: Zakk Wylde, Marty Friedman, Marc Tremonti e perfino Bone Crusher. Esattamente ciò che immaginate: tutto dannatamente lombrosiano. www.allthatremainsonline.com www.myspace.com/allthatremains

Live di All That Remains


Nessun evento trovato in archivio


ALL THE ACES


Shot at 2007-07-03 The “All the Aces” were born in October 2005 as tribute to a legendary band: the Motorhead. It all began from an Alex’s idea, bassist/singer comining out from the extreme metal scene, as well as hardened fan of the Lemmy & Co. All was made for challenge and fun. A kind of music with no frills and no cliché to follow. Only alchool and r’n’r. The second member was the guitar player of a well-known band from Milan, the Silence, Fabio known as “Viking”. The rough sound and the sharp solos were the missing combination of the Alex’s “Lemmy” voice and of his non conventional bass sound. It seemed that they were over the worst….but it was not like that…. The search for a worthy drummer was becoming harder and harder….but the will of playing Motorhead music was stronger. After thousands of shots with non suitable drummers, finally something changed… A girl… A singer of an old metal band, in which Alex and Viking played too, came out as a drummer to speak of. Veronica became the third member of the band….a real “beater”. Shows arrived soon to their great satisfaction on stage. We have a new band bringing the name of Lemmy and Motorhead all around and if you like raw and dirt hard rock…All the Aces is what you need www.alltheaces.it www.myspace.com/alltheacesband

Live di All The Aces


Nessun evento trovato in archivio


ALL THE BLUES


Gli ALL THE BLUES BAND nascono nell’estate del 1986 nella provincia di Macerata. Animati da una grande passione per il blues elettrico del dopo guerra,la band inizia ad esibirsi nei piccoli e fumosi locali della regione suonando gli standard dei grandi maestri del blues (Muddy Waters,Robert Johnson,Albert King). Nel corso degli anni la band è rimasta fedele al repertorio classico del blues elettrico, arricchendo però le proprie “scalette” anche con brani originali. Da allora la band ha subito varie modifiche nella formazione che si è stabilizzata da tre anni nella seguente line-up. Diego Primucci – chitarra e voce; Francesco Caporaletti – basso; Renzo Gnocchini – batteria; Sauro”sheriff” Falcetelli – chitarra; Adriano Galeazzi-Hammond C 3; “BLUES ALL NIGHT” - Per contatti Francesco 3338627788 francescocaporaletti@iol.it Diego 0733566454 3387893360 - Adriano 3388162538 www.myspace.com/alltheblues

Live di All The Blues


Nessun evento trovato in archivio


Live di All The Jazz


Nessun evento trovato in archivio


ALL TIME LOW


Gli All Time Low nascono a Baltimora nel 2003, quando il chitarrista Jack Barakat decide insieme al bassista Marc Shilling, di formare una band per assecondare un'insana voglia di puro divertimento. Scherzando tra una cover e l'altra iniziano a forgiare il proprio pop-punk fortemente influenzato da band come New Found Glory, Fall Out Boy, Green Day e ovviamente Blink 182. Nel 2004 esce il primo EP, che anticipa l'uscita dell'album "The Party Scene" l'anno seguente, che attira le attenzioni della Hopeless Records. Ed è proprio con questa etichetta che, nel 2007 gli All Time Low pubblicano "So Wrong, It's Right" che li porterà ad ottenere numerose apparizioni nelle maggiori televisioni musicali e interminabili tournée in tutto il mondo. Il 2009 è invece l'anno di "Nothing Personal", piena conferma delle capacità della band che soltanto due anni dopo pubblica "Dirty Work" con la major Interscope, vendendo oltre 45000 copie in una settimana negli Stati Uniti e raggiungendo la numero 6 della classifica Billboard con il singolo "I Feel Like Dancing", scritto a quattro mani con Rivers Cuomo dei Weezer. Nel 2012 decidono di tornare indipendenti e di riprendere il rapporto collaborativo con la Hopeless Records, pubblicando "Don't Panic" che segna un chiaro ritorno alle origini punk rock che hanno da sempre contraddistinto il lavoro di questi quattro giovani musicisti. Gli All Time Low sono una vera e propria band di culto: tour sold out in tutto il mondo, innumerevoli collaborazioni illustri, canzoni composte per colonne sonore e decine di ospitate tv e talk show. Dal primo EP all'ultimo disco, la loro fan base, grazie al contatto diretto e costante che la band ha con il proprio pubblico, è diventato enorme seguendo il connubio divertimento e buona musica che caratterizza da sempre ogni loro esibizione. Le occasioni per prendere parte alla festa targata 'All Time Low' saranno quindi tre, riportiamo di seguito tutti i dettagli: www.alltimelow.com

Live di All Time Low


Nessun evento trovato in archivio


Live di All Tomorrow's Party


Nessun evento trovato in archivio


ALLA BUA


Il gruppo Alla Bua nasce dalle esperienze più tradizionali della cultura musicale salentina. Dalle ronde della storica festa di San Rocco a Torrepaduli, alle notti itineranti del canto a Santu Lazzaru, alle tipiche feste nelle corti. Alla Bua, che in griko significa medicina alternativa, o altra cura, ispira l’animo e il suono del gruppo. La cura: nel passato contro il morso velenoso della leggendaria taranta, oggi contro la piattezza della società moderna. Una cura a suon di pizzica-pizzica, danza forte, calda e liberatoria. Negli ultimi anni il repertorio si è arricchito di brani originali composti dagli stessi autori. I componenti del gruppo provengono da vari paesi del Salento ed hanno tutti la comune coscienza di sentire propria l’eredità della musica popolare con la grande voglia di suonarla, tramandarla e divulgarla, ma anche di farla evolvere in modo del tutto “spontaneo” e creativamente influenzato dalle loro varie radici musicali, che spaziano dal sinfonico sound del flautista Pierpaolo Sicuro e dell’oboista Irene Toma, al Rock ‘70 del chitarrista cantante Dario Marti, ed all’organistico bayan cromatico del fisarmonicista Cristian Calò. Senza trascurare le forti radici tradizionali di Gigi Toma e Fiore Maggiulli, tamburelli e voci. Quattro sono i cd prodotti dagli Alla Bua: “Stella Lucente” (1999), “Alla Bua” (2002), “Limamo” (2004) e “Saratambula” (2007). Gli Alla bua hanno suonato in numerosi festival e concerti in Italia, a Mosca (Russia), alla George Town University di Washington (USA), Canton e Shanghai (Cina), Sòfia (Bulgaria), San Pietroburgo (Russia). www.allabua.it

Live di Alla Bua


Gio 24 Apr AUDITORIUM FLOG - Firenze (FI) - Italia

AUDITORIUM FLOG 055/487145 490437 VIA MICHELE MERCATI 24/B ZONA POGGETTO FIRENZE www.flog.it www.facebook.com/AuditoriumFlogFirenze



Ven 25 Apr ESTRAGON - Bologna (BO) - Italia

ESTRAGON 051/19980427 VIA STALINGRADO 83 PARCO NORD BOLOGNA www.estragon.it www.facebook.com/EstragonClub



Sab 26 Apr AUDIODROME - Moncalieri (TO) - Italia

AUDIODROME STRADA MONGINA 9/11 MONCALIERI TORINO info: 366/9526077 339/6681783 347/3591969 audiodromeclub@hotmail.com www.audiodromeclub.com www.facebook.com/audiodromeclub



Sab 10 Mag - Somma vesuviana (NA) - Italia

FESTA DELLA MONTAGNA SOMMA VESUVIANA NA



Sab 17 Mag - Casarano (LE) - Italia

FESTA SAN GIOVANNI ELEMOSINIERE CASARANO LE



Dom 25 Mag - San donaci (BR) - Italia

CANTINE APERTE SAN DONACI BR



Mar 03 Giu - Torino di sangro (CH) - Italia

FESTA MADONNA DI LORETO TORINO DI SANGRO CH



Lun 09 Giu - Parabita (LE) - Italia

FESTA MADONNA DELLA CULTURA PARABITA LE



Ven 13 Giu - Calimera di lecce (LE) - Italia

FESTA S.ANTONIO CALIMERA DI LECCE LE



Sab 28 Giu - Monterone (AR) - Italia

PIAZZALE CHIESA MONTERONE LE



Dom 29 Giu - Sannicola (LE) - Italia

FESTA S.PIETRO E PAOLO SANNICOLA LE



Sab 05 Lug - Merine (LE) - Italia

SAGRA DE LU RANO MERINE LE



Dom 20 Lug - Vernole (LE) - Italia

FDB AREA MERCATALEVERNOLE LE



Gio 24 Lug - Surbo (LE) - Italia

SAGRA DELLA PISCIALETTA SURBO LE



Ven 25 Lug OSTERIA DEL BRILLO - Amelia (TR) - Italia

OSTERIA DEL BRILLO Collicello di Amelia TR INFO: 3337078891 lorenzonicoletti@libero.it www.facebook.com/osteria.delbrillo



Sab 26 Lug - Cesenatico (FO) - Italia

RIBALTA MAREA FESTIVAL CESENATICO FC



Dom 27 Lug - Lecce (LE) - Italia

SAGRA DE LA ULIATA CAPRARICA LE



Gio 31 Lug - Gallipoli (LE) - Italia

SAGRA DEL PESCESPADA GALLIPOLI LE



Lun 04 Ago SAGRA TE LU PURPU - Melendugno (LE) - Italia

SAGRA TE LU PURPU VIA CAMPO SOPORTIVO MELENDUGNO LE INFO: melendugno@sagratelupurpu.it www.sagratelupurpu.it http://www.facebook.com/sagratelupurpu



Mer 06 Ago - Gemini (LE) - Italia

SAGRA GEMINI LE



Ven 08 Ago - Felline (LE) - Italia

SAGRA FELLINE LE



Sab 09 Ago - Struda' (LE) - Italia

SAGRA STRUDA' LE



Dom 10 Ago - Alezio (LE) - Italia

SAGRA ALEZIO LE



Lun 11 Ago - Torre dell'orso (LE) - Italia

SAGRA TORRE DELL'ORSO LE



Mar 12 Ago - Torano castello (CS) - Italia

TORANO MUSIC SUMMER TORANO CASTELLO CS



Mer 13 Ago - Caprarica di lecce (LE) - Italia

NOTTI DEL MITO CAPRARICA DI LECCE LE



Gio 14 Ago - Lecce (LE) - Italia

SAGRA SAN FOCA LECCE



Ven 15 Ago - Pietraroja (BN) - Italia

PIAZZA VITTORIA PIETRAROJA BN



Sab 16 Ago - Avetrana (TA) - Italia

SAGRA AVETRANA TA



Dom 17 Ago - Penna sant'andrea (TE) - Italia

PIAZZA V.VENETO PENNA SANT'ANDREA TE



Lun 18 Ago - Torre dell'orso (LE) - Italia

FESTA DELLA PIZZICATORRE DELL'ORSO LE



Ven 22 Ago - Castellalto (TE) - Italia

VILLATORRE CASTELLALTO TE



Mar 23 Set - Matino (LE) - Italia

FESTA SAN PIO MATINO LE




ALLAH-LAS


Lo scrittore Greil Marcus amava chiamare la "Vecchia, Stralunata America" come quel famoso insieme di registrazioni provenienti dalla cantina di una capanna di Woodstock. Gli Allah-Las suonano come la Vecchia, Stralunata Los Angeles: fili di vera musica surf, armonie americane, beat della Sunset Strip, il rumore soffuso del deserto mescolato ai musicisti della Goldstar; proprio uno dei quei gruppi di 'folk elettrificato' antecedenti al pedale fuzz o uno di quei gruppi pop capace di riprodurre il tipico sound della California con il tamburino e l'abilità innata di cogliere il beat giusto. Quando udrete il loro sound, davanti a voi si dipaneranno gli archi di Venice Beach illuminati di notte, mentre la risacca dell'oceano echeggia in lontananza; hamburgerie del secolo scorso e le file composte sulle strade principali; raduni di ragazzi in sale da ballo da quattrocento persone; i vecchi beatnik della Ferus Gallery; i bungalow nei canyon; scalinate di art deco nascoste in mezzo a colline alberate; auto customizzate e ragazze con piccoli short e capelli molto, molto lunghi. Il tutto come se fosse una foto di Dennis Hopper che prende vita. Guardate le loro consumate chitarre Fender, la loro abbronzatura da veri surfisti, i loro polverosi stivali di pelle - scoprirete che questo è proprio loro e che non è una finzione. www.allah-las.com www.facebook.com/allahlasmusic

Live di Allah-las


Nessun evento trovato in archivio


ALLAN HOLDSWORTH GROUP


ALLAN HOLDSWORTH GROUP - con Anthony Crawford al basso e Virgil Donati alla batteria. Dal jazz targato Canterbury di Soft Machine e Nucleus alla fusion formato classifica dei Level 42, arrivando persino a sfiorare cammin facendo i confini dell'heavy metal. Tecnica sopraffina e gusto raffinato: prerogative maturate nell'arco di una carriera ultratrentennale da colui che alcuni cosiderano "il Frank Zappa inglese". www.therealallanholdsworth.com

Live di Allan Holdsworth Group


Nessun evento trovato in archivio


ALLBORN


Gli Allborn nascono nella primavera 2011 dalle ceneri dei New Vintage e sono Manuel (voce),Elia (batteria),Nicolò (basso),Mattia (chitarra),Alberto (chitarra). A luglio 2011 partecipano alla compilation “Waiting For The Moon:Tribute to Jim Morrison and the Doors” con il brano “Love Me Two Times” (Azzurra Music,in allegato ai quotidiani L'Arena,Bresciaoggi,Giornale di Vicenza) che sarà poi incluso nel loro cd di debutto. Uscirà il 18 novembre 2011 il primo singolo degli Allborn “Life Goes On”. Il brano anticipa l'uscita dell'album di debutto “New Rock Generation” in uscita in tutti i negozi di dischi a gennaio 2012 su etichetta Vrec/Venus. www.allborn.net www.myspace.com/allbornband

Live di Allborn


Nessun evento trovato in archivio


ALLCOO


ALLCOOL LineUp Federico Coppola- vocals Luigi Ferri- guitar Giuseppe Pierro- bass Mario Iuliano –drums Allcool was formed in 2001 by four Italian guys from Salerno. They started out by playing punk covers, as they were only discovering their instruments, but then turned to crossover/nu-metal, the kind of music which was getting popular in that period of time (Deftones, Incubus, Linkin Park, Korn, System Of A Down). In the beginning Allcool usually played at their local high school and at the local Salerno pubs. As we know, playing live is always a good test for bands and for the individual skills of the band members. During this time, the guys gained stage experience and their friendship became the most important aspect of the band. This friendship still keeps them going. The line-up was almost the same, but there was a little change and few new faces have appeared in the band - a rapper (that soon leaved the band) and a DJ. After these changes were made, Allcool began composing new songs and recorded their first demo "Mental Psycho State" in 2003. After the release of their first demo record, the band once again changed their style so there sound becomes more melodic and more original than before. In result of it, the DJ left the band. In 2005 Allcool begins their second recording session, calling it "TAPE" which includes four new highly emotional tracks. They played with popular italian bands as Settlefish (under the american label Deep Elm Records), Guilty Method, Onfall, Dada Swing...and they win a contest for bands which brought them to record an interview for a television in Sicily. They played in Rome (at Traffic), in Cuneo(at Bazum Circus), in Bonefro(near Campobasso) and in other parts of Italy to promote their work. They are actually searching for a label who can help to spread their music around and that believe in them. Website www.allcoolweb.com

Live di Allcoo


Nessun evento trovato in archivio


ALLDWAYS


Ci piace sentire le urla, quelle che arrivano da dentro, che ti fanno tremare, ci piace sentire le gocce di sudore e ti riempiono gli occhi come se fossero lacrime.L'aceto scorre, ma si impara conviverci... www.alldwaystohc.bandcamp.com www.facebook.com/alldways

Live di Alldways


Nessun evento trovato in archivio


Live di Allegra Brigata Bodhram


Nessun evento trovato in archivio


Live di Allen Clapp


Nessun evento trovato in archivio


ALLEN TOUSSAINT


Produttore, compositore, arrangiatore, session pianist, artista solista: Allen Toussaint ha vestito tutti questi panni nel corso della sua lunga e prolifica carriera e il suo lavoro “dietro alle quinte”, da solo, sarebbe già stato sufficiente a fare di lui una leggenda dell’R&B di New Orleans. Grazie alle sue collaborazioni con numerosi altri artisti, Toussaint è stato determinante per forgiare il sound R&B nella Crescent City degli anni '60 e '70. Le sue produzioni si sono mantenute al passo coi tempi, passando dallo spensierato e grossolano soul degli anni '60 al funk grintoso ed esuberante degli anni '70. Come compositore, Toussaint si è dimostrato un duraturo creatore di successi, firmando molti brani-chiave diventati poi standard dell’R&B e riproposti da innumerevoli artisti provenienti da ambienti e stili differenti. Mantenendosi sempre in linea con l’approccio flessibile “extra genere”, Toussaint ha spesso affiancato numerose leggende del rock e del blues, in particolare dagli anni '70 in poi. Oltre a tutto questo, Toussaint ha di tanto in tanto plasmato le proprie opere personali, godendo di un picco creativo negli anni '70, con diversi album che pongono in risalto il suo canto rilassato e il suo stile pianistico elegantemente funky. Pur non costituendo sempre la figura più visibile, i contributi di Toussaint alla musica di New Orleans - e al rock & roll in generale – gli sono valsi la consacrazione nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1998. Toussaint nasce il 14 gennaio del 1938 a in New Orleans. Inizia a studiare il pianoforte all’età di 7 anni, ispirandosi a Professor Longhair; in seguito, il suo stile si evolve fino ad includere elementi di Fats Domino, Huey "Piano" Smith e Ray Charles. Durante l’adolescenza, suona in una formazione chiamata The Flamingoes accanto al bluesman Snooks Eaglin. Toussaint debutta come professionista all'età di 17 anni, quando Earl King lo chiama a sostituire Smith ad un concerto dal vivo. Non molto tempo dopo, il noto produttore-compositore Dave Bartholomew, il cui contributo all’R&B di New Orleans negli anni '50 è paragonabile alla successiva carriera di Toussaint, lo ingaggia per eseguire le parti per pianoforte a una sessione di registrazione di Fats Domino, per la quale lo stesso Domino non era disponibile. Da allora, Bartholomew si avvale regolarmente di Toussaint, in particolare per nuove sessioni di Domino e Smiley Lewis, e ben presto il giovane pianista viene richiesto a gran voce su più fronti, soprattutto dopo aver dimostrato il suo talento come arrangiatore nella hit di punta del saxofonista Lee Allen, "Walkin 'With Mr . Lee". Nel 1958, Toussaint registra un album strumentale per la RCA intitolato The Wild Sound of New Orleans, con lo pseudonimo di Tousan; una delle sue composizioni originali per il disco, "Java", diverrà poi uno dei maggiori successi per il trombettista jazz dixieland Al Hirt cinque anni più tardi. Toussaint inizia anche a comporre sotto lo pseudonimo di Naomi Neville, il nome da nubile della madre. Nel 1960, Toussaint viene ingaggiato da Joe Banashak come A&R man per la neonata etichetta Minit, ma di fatto l’artista finisce per dirigere la maggior parte delle sessioni di registrazione del marchio. È qui che Toussaint inizia davvero a costruire la propria leggenda. Il suo primo successo nazionale come produttore giunge con la hit R&B di Jessie Hill "Ooh Poo Pah Doo" nel 1960, seguita a ruota da hit classiche come: il brano pop e R&B "Mother-in-Law" N°1 della classifica di Ernie K-Doe (scritto da Toussaint), "Fortune Teller" di Benny Spellman e "Lipstick Traces (On a Cigarette)" (entrambe di Toussaint firmate come Naomi Neville, di cui la prima in seguito reinterpretata dai Rolling Stones), la versione originale di Chris Kenner "Land of 1000 Dances", "Ya Ya" di Lee Dorsey e numerose collaborazioni con la regina del soul di New Orleans, Irma Thomas. Il tocco singolare di Toussaint in tutti questi album ridefinisce il sound R&B di New Orleans per il successivo decennio. Quando Banashak abbandona la Minit per fondare un'altra etichetta, la Instant, Toussaint lo segue mantenendo il suo ruolo precedente, ma stabilendo nel contempo anche altre collaborazioni altrove, prevalentemente sottoforma di incisioni con Dorsey per l'etichetta Fury, e realizzando in prima persona alcuni singoli minori, perlopiù per Seville. Nel 1963, Toussaint viene arruolato per il servizio militare, periodo durante il quale porta a termine incisioni con la sua band The Stokes nelle pause di licenza; uno dei loro brani, “Whipped Cream” firmato da Naomi Neville, è stato ripreso da Herb Alpert nel 1965 in versione strumentale, e successivamente adottato come sigla per la serie TV The Dating Game. Al momento del suo congedo nel 1965, Toussaint si unisce al collega produttore Marshall Sehorn per dare vita ad un’agenzia di produzione ed etichetta discografica, la Sansu Enterprises. Per Sansu vengono eseguite incisioni di artisti tra cui Betty Harris, Earl King, Chris Kenner e Lou Johnson, spesso cedendo poi i rispettivi singoli ad etichette più grandi per la pubblicazione ufficiale. La collaborazione più fruttuosa è senz’altro quella con Lee Dorsey, che fa ritorno alle vette delle classifiche R&B con hit di Toussaint come "Ride Your Pony," "Get Out of My Life Woman", oggetto di svariate reinterpretazioni, l’eterna "Working in a Coalmine" e "Everything I Do Gonh Be Funky (From Now On)" (ripresa dal jazzista Lou Donaldson). Nel 1966, Sansu ingaggia anche un complesso locale, The Meters, come band di accompagnamento per quasi tutte le sue produzioni. All’uscita del loro primo disco nel 1969 (prodotto da Toussaint), The Meters diventano ben presto l’ensemble funk di punta degli anni ’70 accanto ai J.B.'s. Nel 1971, Toussaint registra il suo primo album solista in oltre dieci anni per l’etichetta Scepter, intitolandolo semplicemente Toussaint (riedito poi nel Regno Unito col titolo di From a Whisper to a Scream, dall’omonimo brano di maggior successo). L’anno seguente, l’artista passa a Reprise per la pubblicazione di Life, Love and Faith, e apre con Sehorn un moderno studio di registrazione a New Orleans sotto il nome di Sea-Saint, che diverrà la sede privilegiata di molti suoi progetti successivi. Oltre ai suoi album solisti, Toussaint continua a ricevere offerte di grande rilievo per collaborazioni esterne durante la prima metà degli anni ‘70. Cura gli arrangiamenti di tromba per The Band, Paul Simon, Little Feat e Sandy Denny, e la sua costante relazione con The Meters lo proietta sulla scena funk contemporanea con margine assai più ampio rispetto ai suoi stessi album. Ha infatti così l’occasione di produrre due tra i maggiori album funk di New Orleans: la hit "Right Place, Wrong Time" di Dr. John e il brano disco-funk "Lady Marmalade" di LaBelle. Nel 1975, Toussaint pubblica quello che è spesso considerato il suo miglior album solista, Southern Nights; la traccia omonima diventerà poi una delle hit più fortunate della superstar country-pop Glen Campbell, mentre "What Do You Want the Girl to Do?" sarà reinterpretata da Boz Scaggs, Lowell George e Bonnie Raitt. Nel 1976, Toussaint cura la produzione della band The Wild Tchoupitoulas, in stretti rapporti con The Meters-related, il cui album di debutto omonimo diverrà uno dei classici del funk di New Orleans. La tendenza alla sperimentazione palesata in questo disco rivela tuttavia un crescente desiderio di sconfinare nel territorio dei The Meters, fatto che porterà alla rottura con Toussaint e, più tardi, anche tra le due formazioni. L’assenza del loro infallibile groove si percepirà a lungo nel successivo LP solista di Toussaint, Motion del 1978. Le attività di Toussaint si diradano negli anni a seguire, pur continuando a produrre, arrangiare e a suonare il pianoforte per singoli progetti selezionati, tra cui gli album degli artisti blues Etta James e Albert King, e dei rocker Elvis Costello e Joe Cocker. Nel frattempo, tuttavia, il suo vasto repertorio è oggetto di costante interesse per la realizzazione di cover; il periodo con Lee Dorsey può considerarsi il più fruttuoso, non solo per "Working in a Coalmine" (Devo, The Judds), ma anche per brani meno noti come "Yes We Can Can" (The Pointer Sisters), "Sneakin' Sally Through the Alley" (Robert Palmer), e "Freedom for the Stallion" (The Oak Ridge Boys, tra gli altri). Inoltre, "Play Something Sweet (Brickyard Blues)" è stata una hit per i Three Dog Night, mentre Bonnie Raitt ha inciso una fortunata versione di "What Is Success." Il 1991 ha visto la pubblicazione di The Allen Toussaint Collection, una raccolta ben assortita delle sue incisioni con le maggiori etichette durante gli anni ‘70. Nel 1996, Toussaint ha fondato una nuova etichetta, la NYNO, registrando inoltre un album di nuovo materiale presso lo studio Sea-Saint, intitolato Connected. Toussaint ha altresì avviato progetti di registrazione con i più recenti artisti della Crescent City, con l’intento di preservare il sound classico originale di New Orleans. Dal 1998 il suo nome è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame sotto la categoria “non-performer”. www.allentoussaint.com

Live di Allen Toussaint


Nessun evento trovato in archivio


Live di Allerseelen


Nessun evento trovato in archivio


Live di Alleyway


Nessun evento trovato in archivio


ALLEZ ALLEZ


Pop tedesco / Jam band / Trance Steve Nolan, Sam Willis www.allez-allez.co.uk www.myspace.com/allezallez

Live di Allez Allez


Nessun evento trovato in archivio


Live di Allhelluja


Nessun evento trovato in archivio


ALLIGATOR NAIL


ALLIGATOR NAIL Cinque musicisti già da diversi anni appartenenti al panorama Blues del Nord Italia, accomunati dall'amore per questo affascinante genere, propongono un repertorio ricercato nel Blues delle radici, a tratti velato da contaminazioni Soul, Cajun e Zydeco (stili nati dalla fusione tra Blues, musiche caraibiche e ritmi africani). Originali arrangiamenti dovuti al caratteristico suono di strumenti acustici, da idee a tratti ironiche, dalla presenza di bizzarri strumenti ritmici e divertenti festosi momenti corali. Un'atmosfera evocativa che coinvolge anche lo sguardo e infatti è usanza del gruppo inserire nello spettacolo un grande dipinto, un ritratto di un bluesman come scenografia al concerto. Un po' come immaginarsi seduti su una panchina del Riverwalk, sulle rive del maestoso Mississippi, coccolati dalle affascinanti braccia della torrida e decadente New Orleans. Uno spettacolo dedicato all'essenzialità dei suoni, rispettoso della tradizione, la cui missione è di infondere il gran senso di umanità proprio della musica afroamericana, la gioia, la speranza e il coraggio del cuore nero. Negli anni, gli “alligatori” partecipano ad importanti eventi e Festival in Italia, Germania e Svizzera, e pubblicano 3 CD, tutti auto-prodotti. L'ultimo, GERIZON (2011), è il progetto più ambizioso, con 9 brani di cui 8 originali ed inediti. “Gerizon”, che in lingua creola significa “guarigione”, ha già avuto degli ottimi risultati di vendita nelle esibizioni live e ricevuto recensioni entusiastiche dalla stampa specializzata. www.steph-blues.com www.myspace.com/alligatornail

Live di Alligator Nail


Nessun evento trovato in archivio


ALLISON FLOWER


Un ascolto distratto affretta giudizi e conferma pregiudizi. Subito a ricercare somiglianze o a considerare il tutto un genere troppo abusato. Basta un ascolto attento per rimangiarti la parola e per sostenere che "Naked to nothing" degli Allison Flower è un disco vero, genuino, suonato con passione. E' un disco massiccio. Suonato bene caspita. E ogni pezzo ha un particolare che lo differenzia dagli altri, una tensione emotiva sempre nuova. Scariche eccellenti di batteria, basso e chitarra contraddistinguono un sound radicato nel grunge ma che guarda altrove. Alcune volte il cantato sembra ripetersi ma senza far perdere colpi al disco in continua ascesa fino all'ultima traccia. Si parte con grinta e si termina con altrettanta energia. Due pezzi più lenti accompagnati da una splendida voce femminile diversificano un lavoro scandito da battiti corposi. "Swimming into the unknow" picchia duro e prepotente per addolcirsi solo nel ritornello. "Worst delight" è un pillola zuccherata di emozioni in un mare di note irruenti ed esagitate. Una melodica "Time's rail" mantiene la forza aggressiva che si sfoga con acidità in "Cosmic Safari", con raffiche di basso e batteria vorticosi, e ancora in "Quicksand" dove si sentono maggiori influenze nu metal. "Amoeboid horizons" frulla ancora riff convulsi ed efficaci. "Perceive me" è un'amorevole soft song. Chiude potente "Vertical smile". Applausi. www.myspace.com/allisonflower

Live di Allison Flower


Nessun evento trovato in archivio


ALLISTER


www.allisterrock.com - SUONANO: ALLISTER + HALIFAX + HIDDEN IN PLAIN VIEW + HELLOGOODBYE 27/5 | BOLOGNA, Officina Estragon - InFo: info: 338/5979617 - 338/2214565 - www.hardcashmanagement.com

Live di Allister


Nessun evento trovato in archivio


ALLUN


ALLUN Onitsed! Col loro terzo album le Allun raggiungono finalmente un livello di eccellenza che dalle parti di Rockit viene certificato con l’etichetta ‘Primascelta’. Si tratta di un riconoscimento meritato, innanzi tutto, per lo sforzo produttivo nel suo complesso e per tutto l’impegno che si è reso necessario per la realizzazione di questo disco. Che poi, chiamarlo disco è alquanto riduttivo. Si tratta infatti di una vera e propria opera multimediale, in cui la musica, per quanto importante, copre solo un ambito limitato. “Onitsed” si presenta come (parodia di) una sinfonia classica, con le divisioni dei brani in movimenti e il lessico tipico delle musica colta. In realtà niente potrebbe essere meno equilibrato delle Allun, come dimostra il primo brano, una filastrocca per bambini squarciata da un inquietante buco nero di rumore allucinato che inghiotte in sé ogni residuo di innocenza. Il secondo brano, “Suite n. 2 Le belle Addormentate” è di certo il fulcro dell’album.

Live di Allun


Nessun evento trovato in archivio