Advertisement

Live Concert

Oggi


Domani


Martedì


Mercoledì


Giovedì

 ABRUZZO  Clementino Enrico Capuano The Fiftyniners Colle Der Fomento  BASILICATA  Spasulati Band Barresi Project  CALABRIA  The Traveller - Massimiliano Forleo Simone Scifoni Aka Slim Meganoidi  CAMPANIA  Simone Cristicchi Psychopathic Romantics Galoni The Natural Dub Cluster Sonohra Rev Rev Rev  EMILIA ROMAGNA  Egle Sommacal Jack Jaselli Lu Silver And String Band Il Re Tarantola Javier Girotto Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Cristiano Godano Fabrizio Bosso Gattamolesta Giancarlo Onorato  FRIULI VENEZIA GIULIA  Tre Allegri Ragazzi Morti  LAZIO  Karol Wojtyla - La Vera Storia Maria Pia De Vito Junior Kelly Cisco Matteo Sansonetto Buddha Superoverdrive Piji Electric Superfuzz  LIGURIA  Lennon Kelly Marta Sui Tubi Pink Holy Days The Manges Mondo Marcio Boogarins Lili Refrain Marnero  LOMBARDIA  Giovanni Guidi Gang Lee Scratch Perry Paolo Tomelleri Vallanzaska Cyberpunkers John Abercrombie Irreverence Massimo Priviero  MARCHE  Nobraino Tnt Ac/dc Tribute Bip Gismondi Valentina Gravili Spaghetti A Detroit Borghese Warsavia  PIEMONTE  Sad - Official Metallica Tribute Revenga Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi Giovanni Truppi Oneohtrix Point Never Lo Zoo Di Berlino Sohn  PUGLIA  Duo Bucolico White Queen Bud Spencer Blues Explosion 99Posse Coez Larry Franco Marzia Stano Aka Una Giacomo Toni Dellera  SICILIA  L'orso  TOSCANA  Linea 77 Arianna Antinori Majakovich The Zen Circus Pipers Alessia Tondo Alla Bua Giuda  TRENTINO ALTO ADIGE  Assalti Frontali Bologna Violenta  UMBRIA  Ex-Otago Flor  VENETO  Rumatera The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Modena City Ramblers Morblus Band Black Mama Tolo Marton Ches Smith Black Beat Movement Lume Muck And The Mires

Venerdì

 SVIZZERA  Marumba Cristiano De Andrè Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue The Vad Vuc  ABRUZZO  Ex-Otago Buddha Superoverdrive  BASILICATA  Enrico Capuano  CALABRIA  Nu Bohemien Drunken Butterfly  CAMPANIA  The Gentlemen's Agreement Galoni Psychopathic Romantics The Natural Dub Cluster Cercasi Cenerentola  EMILIA ROMAGNA  Andrea Rivera Vessel Laser Geyser Bettibarsantini Redska Witko Giuliano Dottori Vince Vallicelli  FRIULI VENEZIA GIULIA  Daniele Tenca Peppa Pig Lume  LAZIO  The Vickers Mondo Marcio Margherita Vicario Emanuele Bultrini Rev Rev Rev Mad Dogs Karol Wojtyla - La Vera Storia Mad Professor  LIGURIA  I Cani Fratelli Di Soledad The Zen Circus Giovanni Truppi Blindosbarra  LOMBARDIA  Nemesi Trust Max Pezzali Tribute - Tributo A Max Pezzali E 883 L'orage Slava's Snowshow Black Beat Movement Giuda Statobrado Flor  MARCHE  La Tosse Grassa Borghese Reggaete Forte Assalti Frontali Spaghetti A Detroit Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus Warsavia Mothra  MOLISE  Simone Scifoni Aka Slim Duo Bucolico  PIEMONTE  Daniele Sepe Sell System Gianluigi Trovesi Blume Gianmaria Testa Apoptygma Berzerk Band Bunker Club Cyberpunkers Clementino Roipnol Witch  PUGLIA  Dellera I Gatti Mezzi Marzia Stano Aka Una White Queen Rhomanife  SARDEGNA  Irreverence  SICILIA  Nicolò Carnesi The Traveller - Massimiliano Forleo L'orso  TOSCANA  Casa Del Vento Bud Spencer Blues Explosion I Matti Delle Giuncaie Virginiana Miller Danilo Sacco Marta Sui Tubi Modena City Ramblers  TRENTINO ALTO ADIGE  Francesco Patella Kaleidoscopic Nh3  UMBRIA  Pipers Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Ches Smith Unorsominore  VENETO  Tolo Marton Nobraino La Tresca Bermuda Trio Verbal Filippo Cosentino Mideando String Quintet Talco Lee Scratch Perry Slick Steve & The Gangsters

Sabato

 SVIZZERA  Shooting Stars - Girls Rock Live  ABRUZZO  Meganoidi  BASILICATA  Marzia Stano Aka Una Dellera  CALABRIA  Paola Turci  CAMPANIA  The Gentlemen's Agreement Cercasi Cenerentola Dinosauri  EMILIA ROMAGNA  Unorsominore Fabio Gualerzi Linea 77 Nico Royale Neffa Max Pezzali Tribute - Tributo A Max Pezzali E 883 The Strypes Little Taver Casa Del Vento Punkreas  LAZIO  Flor 99Posse Duo Bucolico Ex-Otago The Sons Of Anarchy Uscita17 Lee Scratch Perry Twin Room Majakovich  LIGURIA  Queenmania Necrodeath Sananda Maitreya Blindosbarra Gang Diego Deadman Potron  LOMBARDIA  Sex On The Beat - Rap'n'roll Party Band Slava's Snowshow Giorgio Canali Calvino Gasparazzo Realize Ambramarie Colle Der Fomento Nord Sud Ovest Band - Tributo A Max Pezzali E Agli  MARCHE  Lucifer Big Band Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano The Great Saunites Mad Professor The Kingstones Gambardellas Dj Giamma La Tresca Marumba Bamboo  PIEMONTE  Daniele Sepe Uri Caine Peppa Pig Kenny Barron Trio Alla Bua Dave Holland Color Swing Trio Gianluigi Trovesi Diane Schuur  PUGLIA  I Gatti Mezzi Two Door Cinema Club Vega 80 White Queen Enrico Capuano Monaci Del Surf  SARDEGNA  Irreverence Pino Scotto  SICILIA  L'orso Nu Bohemien The Traveller - Massimiliano Forleo  TOSCANA  I Matti Delle Giuncaie Massimo Ranieri Progetto Panico Bobo Rondelli The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin The Zen Circus Nicodemo Andead  UMBRIA  Nobraino Petramante Rev Rev Rev  VENETO  Melampus Tolo Marton Devotion Kaleidoscopic Dola J. Chaplin The Moor Foreign Beggars Paolino Paperino Band Paolo Cecchin One Man Band C+C=Maxigross

 ITALIA  Sisyphos  SVIZZERA  Ben Vida Joe Colombo Cristiano De Andrè  ABRUZZO  Raphael & Eazy Skankers Enrico Capuano Taberna Vinaria The Fiftyniners Zolle Drunken Butterfly Kyla Brox Tony Borlotti & I Suoi Flauers Brunori Sas  BASILICATA  Luciano Ligabue Monaci Del Surf Zibba Spasulati Band  CALABRIA  Nu Bohemien His Electro Blue Voice Giacomo Toni Cleo T. Massimo Ranieri  CAMPANIA  Alberto Radius Galoni 99Posse The Zen Circus Psychopathic Romantics Modena City Ramblers La Rappresentante Di Lista Loredana Berte' Giovanni Truppi Bologna Violenta  EMILIA ROMAGNA  Joe Dibrutto Giovanni Guidi The Strypes Javier Girotto The Casualties Metal Sludge Extravaganza Boogarins Carlo Maver Floyd Machine Dope D.o.d.  FRIULI VENEZIA GIULIA  Isolde Nobraino Chambers Franco D'andrea Marlene Kuntz Emanuele Belloni Piero Sidoti - Genteinattesa Daniele Tenca Gli Sportivi  LAZIO  Be Forest Queen Tribute The Vickers Junior Kelly Nordgarden Unorsominore Uscita17 Kristal And Jonny Boy  LIGURIA  Claudio Baglioni Blindosbarra Bobby Soul Lisa And The Lips Motel Connection I Cani Fratelli Di Soledad Paolo Saporiti Le Minigonne – 60S Pop Rock Band Sananda Maitreya  LOMBARDIA  L'orage Federica Camba John Abercrombie Extrema Midnight Rambler The Remington Rudy Rotta Moostroo Jama Trio Sixty Miles Ahead  MARCHE  Rigolo’ Israel Varela Rue Royale Reggaete Forte Spaghetti A Detroit Borghese Sine Frontera The Gentlemen's Agreement Gillian Grassie Mortimer Mc Grave & The Barelliers  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Monica P Diane Schuur Queenmania La Paranza Del Geco Louis Moholo Heaven's Basement Banda Osiris Mandolin Brothers Enzo Avitabile  PUGLIA  Alla Bua Fabio Concato Larry Franco Barresi Project Dellera Two Door Cinema Club Diodato Emis Killa Progetto Panico Coez  SARDEGNA  Train To Roots Cisco  SICILIA  Joy Garrison Femina Ridens Nicolò Carnesi Antonella Ruggiero Andre Matos C+C=Maxigross Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Alessandra Amoroso Stefano Bollani  TOSCANA  Mai Mai Mai Julie Slick Arianna Antinori Matrioska Giorgio Canali Tommy Emmanuel Sarah Lee Guthrie & Johnny Irion Crazy Mama Bobo Rondelli Cesare Carugi  TRENTINO ALTO ADIGE  Jack Jaselli Francesco Patella Come Cani Come Angeli Talco Manuel Volpe  UMBRIA  Joe Pisto Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Petramante 2Pigeons Big Ones Color Swing Trio Wemen Green Like July Raster Aisha Burns  VALLE D'AOSTA  Alldways  VENETO  Luca Aquino Clan Of Xymox Paolino Paperino Band Schonwald Luca Bassanese Richard Galliano Foreign Beggars Black Mama Filippo Graziani Lubjan

 SVIZZERA  Witko Gue' Pequeno Mellow Mood Bluestouch Casa Del Vento  SLOVACCHIA  Coro Corridore  SVIZZERA  Joe Colombo    Lee Scratch Perry  SVIZZERA  Altro  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  SVIZZERA  Dub Incorporation  ABRUZZO  Near Gianni Morandi Kyla Brox Zibba Kaleidoscopic Magda White & Frank Hammond Band Gigi Finizio Luminal Black Beat Movement The Fiftyniners  CALABRIA  Zeus! Peppe Voltarelli Caron Dimonio Monaci Del Surf  CAMPANIA  Cercasi Cenerentola Fausto Mesolella Raiz David Riondino Dente Caponebungtbangt Afterhours Nadar Solo Gnut Alla Bua  EMILIA ROMAGNA  Guido Mobius Jimmy Villotti Giancarlo Onorato Rhys Chatham Dino Rubino Teho Teardo Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar  FRIULI VENEZIA GIULIA  Jackie-O-Motherfucker The Zen Circus Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus W.i.n.d. Giovanni Truppi The Orb Elvenking  LAZIO  Cosmo Diodato Stadio Go Dugong Om Unit Toner Low The Singers Kris Roe Enrico Zanisi Johnny Winter  LIGURIA  Appaloosa Max Gazze' Fall Out Ken Nicol Finaz Modotti Persiana Jones Kozminski Bobby Soul Warias  LOMBARDIA  Sonohra Mellowtoy Treves Blues Band Riccardo Tesi & Banditaliana Roccia Music Alkaline Trio Freeway Ul Mik Longobardeath Egokid Parafunk  MARCHE  His Clancyness Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano La Tosse Grassa Marco Pacassoni Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Gastone Pietrucci & La Macina Dadamatto The Sons Of Anarchy Stormwind  PIEMONTE  Neil Zaza Sepultura Zocaffe May Days Romeo E Giulietta Kid Congo Powers And The Pink Monkeys Birds The Undertones The Doormen The 69 Eyes The Chameleons  PUGLIA  Nicolò Carnesi Billy Hart Quartet Vega 80 Linea 77 Mirko Signorile Larry Franco Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute I Cani Biagio Antonacci White Queen  SARDEGNA  Train To Roots Paolo Recchia  SICILIA  The Traveller - Massimiliano Forleo La Rappresentante Di Lista Pippo Pollina Mike Stern Flor James Ferraro Bombino Iaia Forte Giuda Alessandro Lanzoni  TOSCANA  Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) The Rippers There Will Be Blood Sara Loreni Ravi Coltrane Acquaraggia Orchestrina Di Molto Agevole Edoardo Bennato Methedras Rfc  TRENTINO ALTO ADIGE  Slick Steve & The Gangsters Ed Laurie Erin K Bamboo Golden Animals  UMBRIA  Dinamitri Jazz Folklore Michele Rabbia Carla Bozulich Taberna Vinaria Tetraktis Percussioni Michele Maraglino Hola La Poyana Blue Dean Carcione Big Charlie G-Fast  VENETO  Teho Teardo & Blixa Bargeld Michele Calgaro Pentatonix Le Luci Della Centrale Elettrica Management Del Dolore Post-Operatorio Wayne Horvitz Yokoano Ruggero De I Timidi Filippo Graziani

 SPAGNA  St Vincent  SVIZZERA  Massimo Ranieri  SPAGNA  Refree  GERMANIA  Leo Pari  SPAGNA  The National John Grant Shellac Spoon !!! (Chk Chk Chk) Kendrick Lamar Charles Bradley Caetano Veloso  BELGIO  Galoni  SPAGNA  Standstill  ABRUZZO  Warias Antonio Sorgentone Alla Bua Kutso  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Danilo Rea Dulce Pontes Gogol Bordello Caparezza  EMILIA ROMAGNA  Nine Inch Nails Toby Iron Maiden Fragil Vida Miles Cooper Seaton The Fratellis Be Forest Rain Extrema  FRIULI VENEZIA GIULIA  The Natural Dub Cluster Pat Metheny Buckcherry Downset Angus & Julia Stone  LAZIO  Max Arduini Young The Giant Requeen Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale) The Prodigy Billy Idol Arcade Fire Megadeth Rob Zombie Cloud Nothings  LIGURIA  Bluestouch 3 Fingers Guitar Il Re Tarantola New York Ska Jazz Ensemble Bobby Soul Phono Emergency Tool Majakovich Bobo Rondelli Gabor Lesko Borghese  LOMBARDIA  Turbonegro Slint Bob Wayne & The Outlaw Carnies Within Temptation Motorhead Anthrax Italian Dire Straits Pink Mountaintops Cayne Birkin Tree  MARCHE  Stri Johnny Mox Soviet Soviet Maria Antonietta Jesus Franco And The Drogas The Zen Circus Tetuan Maybe I'm... Amore Monaci Del Surf  PIEMONTE  Ha Ha Tonka Pino Scotto Andead Nomadi Tangerine Dream Supershock Fetish Calaveras The Veils La Clé Emis Killa  PUGLIA  Destruction Vega 80 Bamboo White Queen Slow Magic Cadaveria  SICILIA  Donpasta Kafka On The Shore Baba Sissoko  TOSCANA  Gang Sinfonico Honolulu Amadou & Mariam Alex Britti Massimo Volume Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu Jama Trio Le Capre A Sonagli Joe Bonamassa I Matti Delle Giuncaie  TRENTINO ALTO ADIGE  Simone Cristicchi Nh3  UMBRIA  Omar Souleyman Bettibarsantini The Perfect Strangers Band Tnt Ac/dc Tribute Nidi D'arac Nobraino  VENETO  Chicago Lee Ranaldo And The Dust The Backseat Boogie Giubbonsky Luca Bassanese Rudy Rotta Manodopera Together Pangea Disappears

 ITALIA  John Butler Trio Sine Frontera  SVIZZERA  Dolly Parton  LETTONIA  Anna Calvi You Me At Six  SVIZZERA  Laura Pausini  LETTONIA  Elbow  ITALIA  James Blunt Dropkick Murphys  AUSTRIA  Coro Corridore  LETTONIA  Bastille  SVIZZERA  Sunrise Avenue Biglietto Per L'inferno  ITALIA  Slayer  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Gasparazzo Caparezza  CAMPANIA  Javier Girotto Ska-P Stanley Clarke Chick Corea Chrysta Bell Ylenia Lucisano Giulia Mazzoni Burt Bacharach Regina Carter Pino Daniele  EMILIA ROMAGNA  Monaci Del Surf The Dictators The Horrors The Vanja's Lennon Kelly The Dandy Warhols Veronica & The Red Wine Serenaders Miami & The Groovers Progetto Panico Rudy Rotta  FRIULI VENEZIA GIULIA  Max Romeo Gem Boy Mellow Mood Ruggero De I Timidi Goldfrapp John Fogerty Macka B Arianna Antinori And The Davids Jimmy Cliff Kg Man  LAZIO  Volbeat Metallica Obituary Alex Britti Loredana Berte' Legittimo Brigantaggio Emis Killa Massive Attack The Black Keys Passenger  LIGURIA  Delaney Davidson The Peawees The Sonics! The Slackers M Ward Girls In Hawaii Jama Trio Paolo Nutini Jonathan Wilson  LOMBARDIA  Youssou N' Dour Redrum Alone Billy Bragg Aaron Goldberg Joshua Redman Nh3 Vasco Rossi Dave Liebman-Steve Swallow-Adam Nussbaum Damon Albarn Sebastian Bach  MARCHE  Dub Incorporation Giacomo Toni  PIEMONTE  Slow Magic One Direction Persiana Jones Lou Dalfin Deep Purple Neil Young Mascara Gov't Mule Giuda Wemen  PUGLIA  Adrian Sherwood Almamegretta Alla Bua Saluti Da Saturno  SICILIA  Simple Minds  TOSCANA  Elisa Shigeto The Prodigy Bandabardò Mark Lanegan Suzanne Vega Mauro Ermanno Giovanardi Jack Johnson Eagles  TRENTINO ALTO ADIGE  The Last Killers Little Taver  UMBRIA  Eliane Elias Antibalas Charles Bradley Sharon Jones & The Dap-Kings Monty Alexander Dr John Wayne Shorter The Roots Herbie Hancock Dobet Gnahore  VENETO  New York Ska Jazz Ensemble Scorpions Ludovico Einaudi Arctic Monkeys Melampus Raphael & Eazy Skankers Arianna Antinori Luciano Ligabue Extrema

 UNGHERIA  Coro Corridore  ITALIA  Bettibarsantini  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers Giuda Kutso  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Michele Rabbia Petrina Maria Pia De Vito Alessandro Haber Asaf Avidan Sergio Cammariere Hevia Luca Aquino Joe Barbieri Fabrizio Bosso  EMILIA ROMAGNA  Franz Ferdinand Little Taver Combichrist Radici Nel Cemento Izzy & The Catastrophics Skid Row Miami & The Groovers  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  Boy & Bear Paolo Jannacci Sick Of It All L'orage  LOMBARDIA  His Electro Blue Voice Bombino The Peawees Larry And His Flask Raphael & Eazy Skankers The Old Firm Casuals - Lars Fredriksen Agnostic Front Nofx Gem Boy Converge  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Mandolin Brothers Emis Killa Cesare Carugi Daniele Tenca Anti-Flag  PUGLIA  Slick Steve & The Gangsters Alla Bua Avishai Cohen Seun Kuti White Queen Manu Chao  SICILIA  Alex Britti  TOSCANA  Pippo Pollina Dave Holland I Gatti Mezzi  TRENTINO ALTO ADIGE  Raphael  UMBRIA  Kaiser Chiefs Monaci Del Surf Boxerin Club Peter Hook And The Light Basement Jaxx The Courteeners Taberna Vinaria Paul Weller La Tresca Parlor Snakes  VALLE D'AOSTA  Lou Dalfin  VENETO  Ruggero De I Timidi Camillore’ Arianna Antinori Violacida The Mojomatics



Live Band



MOSCHE DA BAR


“Sogni d'oro”, MCD 4 brani realizzato c/o Vecchio Son Studio, registrazione e missaggio Tiziano Bellucci, auto prodotto, Bologna Gennaio 2009 -”Alla canna del gas”, CD prodotto da Ansaldi Records, 12 brani, registrazione e missaggio Tiziano Bellucci, realizzato al Rock House Studio, c/o Vecchio Son, Masterizzazione Red Angela Studio, Bologna, Aprile 2010 -”Sotto Gasometro” VOL.1, CD Compilation 18 brani, con Mondine di Bentivoglio, Forty Winks, Le Tremende, Brigata Alcolica..., prodotto da Ansaldi Records e Associazione Culturale Vecchio Son, registrazione di Tiziano Bellucci, Pippo De Palma, Pecos Grazioli c/o Rockhouse Studio e Scandellara Studio Service, Masterizzazione Red Angela, Bologna, Agosto 2010 www.myspace.com/lemoschedabar

Live di Mosche Da Bar


Nessun evento trovato in archivio


MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO


MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO are: _lalla: contralt saxophone, sopran saxophone, flute, tin whistle, harmonica _the king: lead vox, 2°electric guitar, folk guitar, electric mandolin, Highland bagpipe, irish bouzouki (made graphic / press_web) _pietro "RAPAX" arfini: 2°vox, 1°electric guitar, choirs, irish bouzouki, merchandiser (web master) _fungo: electric bass, choirs _nik: 3°vox, choirs, drums Le MVG (mosche di velluto grigio) nascono nell'estate del 2002 da un'idea di Andrea “the king” Cagnini e Nicola “nik” Zaltieri. Il pretesto era il solito, riempire i pomeriggi da abitanti, di un paese nella provincia di Mantova con poco più di 5.000 anime. Gli inizi, come sempre è, non furono dei migliori, ma dopo mesi suonando sporadicamente, senza la minima idea di dove andare a finire, dopo aver cambiato, anche, due formazioni, nell'inverno del 2003 comincia a prender forma il gruppo. La prima formazione, durata fino al 2005, era composta da 4 elementi con una session strumentale più ridotta e tendenze prevalentemente punk rock / ska core. Durante questi anni il gruppo si è visto crescere progetti e ambizioni in maniera esponenziale. Dopo il primo demo: “...dopo la tempesta!” (autoprodotto) si parte con la composizione seguita dalla registrazione dell'album successivo “Nel Cuore” (autoprodotto) contenente, ancora oggi, i pezzi più noti al pubblico, molti dei quali trampolini di lancio per la nuova crescita musicale del gruppo, a quel tempo già molto coinvolgente e d'impatto, ma con poca personalità fuorché nei testi. Il lavoro registrato presso, l'allora ancora fatiscente, ma in via di crescita, Living Rhum Records di Giovanni “Giò” Bottoglia, attuale chitarrista dell'Invasione degli Omini Verdi, ottiene ottimi risultati. Fioccano ottime recensioni sulle riviste di settore quali Punkster, Rock Sound....webzine come Munnezza.it o Madeclub.com....e piccoli editoriali di provincia che parlando delle MVG coinvolgono Pogues, Flogging Molly....ma anche Modena City Ramblers, Davide Van de Sfroos addirittura Battiato nell'ottima considerazione sui testi di King. Nel 2005 il gruppo è pronto alla svolta sul palco del Rolling Stone di Milano, del Latte + di Castenedolo, con date programmate come spalla di Los Fastidio e altri gruppi affini italiani, ma l'ex bassista Domenico “Roots” Liperoti abbandona il gruppo alla conferma della data di Milano. Seguono diversi mesi un po' senza speranza, l'unica a tenere montata la sala prove e a credere nella possibilità di rifarsi, è lalla. Vengono vagliate mille possibilità di continuare, si considera anche una formazione slegatissima con King al basso, senza Lalla, Nik alla batteria e Alessandro “Ale” Cimarosti (vox l'Invasione degli Omini Verdi) alla chitarra e voce....niente! Passato l'inverno, nessuno di noi si ricorda come, ci si trovò in sala prove con Francesco “Peddy” Pederzani (batteria DURAMADRE) e Andrea “Piter” Pedrazzani (basso DURAMADRE). Da lì le MVG sono ripartite dopo un sacco di tentativi prima di trovare un set musicale, chili di carta e fiumi di inchiostro si riesce a strappare alla confusione, mista alla tantissima voglia di riprendersi, di quei giorni, 7 pezzi quasi nuovi che formano il terzo album: “La Legge delle Lucertole EP _mosche di velluto grigio - under the influence” (autoprodotto) un album folk. Un album irish folk, ma lento. Già dopo le registrazioni di “Nel Cuore” le MVG si accorsero di trovarsi più affini ed interessati alla comoposizione di pezzi come “Caro Fratello” e “Contro Vento”, dove la predominanza delle melodie celtiche era preponderante. Tutto il lavoro del secondo momento delle MVG è volto a questo, l'incremento degli strumenti nella session del gruppo, l'aumento della metodicità dei pezzi, mista a tutta la rabbia di chi vuole comunicare sentimenti veri con parole semplici e melodie sentite e la scelta dell'abbandono della strada unicamente punk / ska in favore del neonato new-folk o celtic punk. I risultati sono ottimi, le date, con qualche difficoltà vista la crisi del mercato musicale e della scena live, che stringe l'italia da 3 anni a questa parte, si trovano. Arriva anche la beneamata data oltre frontiera al CSOA il Molino_Lugano CH, terra di folk, dove il gruppo sbanca con 1.500 paganti sotto al palco addirittura prima di suonare. STAY SHAMROCK 'N' ROLL NUOVA FORMAZIONE www.moschedivellutogrigio.it www.facebook.com/mosche.grigio

Live di Mosche Di Velluto Grigio


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moscow Art Trio


Nessun evento trovato in archivio


MOSCOW RAID


I Moscow Raid nascono a Brescia nel 2007. La band si riforma sul finire del 2010 con una nuova line-up, che consiste nei membri fondatori Daniele Ardenghi (Nidzkji) e Andrea Brunelli (Nebzkij), e nei nuovi arrivi Alessandro Carboni (Karbov) e Fabio Zubani (Zubov). La linea artistica del gruppo è dettata da Ardenghi, unico compositore di musica e testi, ma nel suono dei Moscow Raid si coagulano in modo spontaneo le diverse attitudini dei quattro componenti, dall'amore per i Cure, la dark-wave e il post-punk revival dello stesso Ardenghi all'interesse per la subcultura mod di Brunelli, passando per l'approccio electro-dance del batterista Zubani e gli ascolti garage-punk di Carboni. Il periodo storico che più affascina e inquieta i Moscow Raid è quello degli anni della cortina di ferro: la D.D.R. e l'U.R.S.S, la cancellazione delle libertà in nome di un'ideologia, le parate militari, la Stasi, gli immensi caseggiati di Berlino Est popolano l'immaginario del gruppo. Sul finire del 2010 la band ha registrato il "Proletariat Ep" (4 tracce), al Tup Studio di Brescia, con la regia di Pierluigi Ballarin (The R's). Il disco, dedicato alla memoria di Johann "Falco" Hoelzel e il cui packaging è realizzato a mano, viene distribuito gratuitamente ai concerti del gruppo. www.myspace.com/moscowr

Live di Moscow Raid


Nessun evento trovato in archivio


Live di MoscÙ EstÀ Helado


Nessun evento trovato in archivio


MOSEEK


Esce nei negozi e nei principali digital store “LEAF” (OneMoreLab/Don'tWorry – Edel), il disco d'esordio della band romana “MOSEEK”. Da oggi in radio “Steal-Show”, secondo singolo estratto. È disponibile, in esclusiva sul sito La Repubblica XL, il videoclip del brano, che vede alla regia Egidio Amendola e Mauro Nigro: http://xl.repubblica.it/articoli/moseek-in-esclusiva-il-video-steal-show/8622/ Il brano parla del fastidioso chiacchiericcio della gente e di come tante persone sgomitino per rubare la scena agli altri. I Moseek, per ironizzare, utilizzano sarcasmo e dance che si fondono insieme. "Siamo molto felici che il nostro disco sia anche nei negozi fisici - dichiara la band - anche se ormai in Italia sono sempre meno. Siamo ben consapevoli di quanto la discografia abbia vita difficile, soprattutto in un periodo di crisi generale come questo, ma noi cerchiamo di stemperare gli animi puntando sul live, che è la cosa che ci soddisfa di più. Vi aspettiamo!". Questa la tracklist del disco: “Leaf”, “Numbers”, “Bad Things”, “Mr. Benson”, “Pills”, “A Room & A Kitchen”, “How to Believe”, “Something to Dig”, “In Slippers”, “Blunder”, “Steal-Show”. Il progetto Moseek nasce nel 2010 da Elisa Pucci (voce, chitarra e autrice), Fabio Brignone (basso, synth e cori) e Davide Malvi (batteria e sequencer). Il genere della band può essere definito un mix tra rock ed elettronica al punto che nei live coinvolgono il pubblico in un vero e proprio show, in cui le canzoni prendono vita enfatizzate da luci e scenografia che catturano non solo l'udito ma anche la vista. Nel loro percorso artistico hanno toccato in lungo e largo l'Italia, partecipato a numerosi festival e vinto numerosi contest musicali. Hanno avuto il piacere di condividere il palco con tantissime band tra cui “I Ministri”, “Tre Allegri Ragazzi Morti”, “Linea 77”, “Giuliano Palma & The Bluebeaters”, “Bud Spencer Blues Explosion”, “Perturbazione” e molti altri. Apprezzati anche da mamma Rai, due loro brani sono stati la sigla di chiusura del programma “Demo” di Radio1 Rai e inseriti nella compilation Hit Mania 2012. Al 2012 risale il loro primo tour in Inghilterra, dove hanno suonato in diversi rock-club e sono stati ospiti del WEYA (World Event Young Artist), noto festival di Nottingham. “Leaf” è il loro disco d'esordio, disponibile su etichetta One More Lab/Don't Worry e distribuito da Edel. www.moseek.it www.facebook.com/moseek

Live di Moseek


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moses


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mosquito Juice


Nessun evento trovato in archivio


MOSQUITOS


Socialhaze. Potevano avere un posto di riguardo nella pellicola dei Coen “No Country For Old Men” i Mosquitos, per quanto il loro modo di concepire musiche e liriche sembra un obiettivo puntato su spiriti affini che si fanno largo tra le torbide pieghe del sociale. Per tradurre in suoni uno specifico immaginario, i nostri optano per spinti amori lisergici – alla voce “Been A Tripper” – o semi ballate dal tono melodico sospeso che si colorano di aromi eighties – il caso eclatante di “Haze Vs Love”. E che la cura nella scrittura fosse un pregio del gruppo del frusinate ce ne eravamo accorti da tempo: attivi dal 1999 i Mosquitos hanno pubblicato in passato tre album, un paio di EP ed una collaborazione altrettanto fortunata con Giancarlo Frigieri (già con la cult band neo-psichedelica Joe Leaman) a titolo “In Love” (Black Candy, 2009). Con poco meno di due anni di gestazione, il quarto album “Socialhaze”, è il manifesto sonico definitivo del quartetto – al secolo Mario Martufi (voce, chitarra), Gianluca Testani (basso), Fabrizio Gori (batteria) e Simone Alteri (chitarra) – che sfoglia con scientifica passione la storia del più ossessivo rock. Quando ascolterete il gruppo torturare i propri strumenti nella finale “House”, un clip in bianco e nero diretto da Richard Kern si manifesterà d'improvviso sullo schermo del vostro portatile, come a dire che le scorie urbane sono ancora un elemento distintivo, anche al cospetto dei migliori progetti di fuga. Ma in verità è il carattere eterogeneo del disco a sostenere le sorti dei quattro, abili nel maneggiare con cura “Two Chasms” sornione uscite elettro-acustiche, come spettrali ripetizioni ritmiche in “Light As A Bird (Not As A Feather)”, forse il tracciato più prossimo ad una sensibilità wave. Un disco da sfogliare, storie autentiche e musica che fotografano un immaginario sterminato, un fuoco collettivo che diventa intima urgenza. www.myspace.com/mosquitospace

Live di Mosquitos


Nessun evento trovato in archivio


MOST PRECIOUS BLOOD


MOST PRECIOUS BLOOD! Nati nel 2000 a New York dalle ceneri dei più conosciuti Indecision, dichiarano apertamente di essere influenzati da Agnostic Front e Sick Of It Call come dagli Unbroken ed Undertown. Dopo aver prodotto, come da consuetudine, un demo e un paio di sette pollici, i Most Precious Blood sono entrati a far parte del roster della Trustkill Records (etichetta di Walls Of Jericho, Hopesfall e Bleeding Through) e hanno affrontato diversi tour statunitensi in compagnia di Sick Of It All, Madball, Give Up The Ghost e tanti altri. Al ritorno dal tour in Europa con Madball nel 2003 hanno prodotto “Our Lady Of Annihilation”, il quale è stato accolto positivamente sia dalla stampa che dal loro pubblico in continua crescita. Una delle loro caratteristiche principali è il supporto alla causa vegana/vegetariana, che li vede presenti nelle campagne di gruppi come Peta e Aspca. Il passato Settembre è uscito il loro ultimo lavoro intitolato “Merciless” sempre prodotto da Trustkill Records; a supporto di questa nuova produzione i MPM saranno in tour con Hatebreed e With Honor nel mese di Dicembre. www.mostpreciousblood.com

Live di Most Precious Blood


Nessun evento trovato in archivio


MOTEL CONNECTION


Nati all'inizio del nuovo millennio, i Motel Connection hanno influenzato la scena dance italiana di questi anni. Perchè? Sono speciali, diversi. Comincia tutto come un progetto part-time di Pisti, house dj, Samuel, dotato cantante di una delle più famose band Italiane degli ultimi decenni, i Subsonica, e Pierfunk, bassista dal tocco “funk”. Un collettivo di tre persone devote a creare un sound e un atmosfera speciale, a Torino, loro città natale. Poi il passaparola e le cose si fanno serie, e nel 2001 il regista Marco Ponti chiede al gruppo di creare la colonna sonora per il suo film “Santa Maradona”, che si scopre essere un brillante e sorprendente successo. L'anno dopo, 2002, è il momento di “Give Me A Good Reason To Wake Up”, il loro album di debutto, accolto caldamente dalla critica e dal pubblico. 2004: Marco Ponti chiede di nuovo aiuto ai Motel Connection per la colonna sonora del suo film “A/R”. Il passo dopo è il loro secondo album “Do I Have A Life?”, uscito nel 2006. La formula dei Motel Connection si affila ancora, si concentra sull'essenza del rhythm & Sound. Chi sono i Motel Connection? Che cosa fanno? Potete dire che è house music. Potete dire che è qualcosa che ha a che fare con la club culture. Ma forse sono ancora di più. www.motelconnection.net www.facebook.com/motelconnectionlive

Live di Motel Connection


Sab 03 Mag INTERZONA - Verona (VR) - Italia

INTERZONA C/O Magazzino 22 045/2021005 VIA SCUDERLANDO 4 VERONA info@izona.it www.izona.it



Sab 31 Mag VELVET Club & Factory - Rimini (RN) - Italia

VELVET Club & Factory VIA S. AQUILINA 21 RIMINI INFO: 0541/756111 339/7571399 lucia@velvet.it www.velvet.it www.facebook.com/velvetclubrimini




Live di Motenai


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mothboy


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER AFRICA


Selvaggio, colorato e in qualche modo più gioioso di ogni altra produzione europea": così la stampa internazionale ha salutato "Mother Africa", lo spettacolo con cui viene celebrato il quinto anno in Germania del “Circus for all Senses”, il "circo dei sensi", uno show mozzafiato di straordinarie acrobazie, con 40 artisti sul palco, musica dal vivo, costumi, ritmo e colori della tradizione africana.

Live di Mother Africa


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mother And The Addicts


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER JAMES


With an irresistible mix of swinging blues stomp and 60s pop refrains Mother James entered the stages in Stockholm, Sweden during 2005, and was immediately appreciated as a fabulous live act and a welcomed contrast to all the boring crying-in-your-beer singer/songwriters. Mother James was formed by songwriter Stefan Petersson and the name of the project was taken from legendary soul and jazz vocalist Etta James, who serves as an inspirational muse for the act. Among the musicians you may find some distinguished characters like Goran Kajfes, Per "Ruskträsk" Johansson, guitarist Mattias Johansson (Tiger Lou) and pianist David Myhr (The Merrymakers). www.motherjames.com www.myspace.com/motherjames

Live di Mother James


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER OF GOD


"With both feet firmly entrenched in the 70's and 2000's, we were on the jury completely carried away by their musicianship and stage performance! With two Hagstrom guitars, a crazy drummer and a fantastic guitar player, the jury fell in love with Mother of God, this year's winner of the Wacken Metal Battle" www.myspace.com/motherofgodofficial http://www.facebook.com/MOGmusic

Live di Mother Of God


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER SUPERIOR


What do musical giants like Daniel Lanois, Henry Rollins, Tony Visconti, Alice Cooper, Sparks, Anthrax, Wayne Kramer, Lemmy, George Clinton, Iggy Pop, Queens of the Stone Age, Meat Loaf and others have in common? They have all worked with Mother Superior, a Los Angeles based trio made up of guitarist/vocalist Jim Wilson, bassist Marcus Blake and drummer Matt Tecu. www.mother-superior.com

Live di Mother Superior


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mother Tongue


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER'S CHILDREN


"Mother's Children is what you'd get if you force fed the Bay City Rollers testosterone. It's what'd happen if you told the Rolling Stones to sound more like the Boys. Or if you switched Marc Bolan's pills and wine with cigarettes and beer. I bet if some tough little leather jacket wearing seventh grade loner from 30 years ago spat his bubblegum into the gravel of the schoolyard baseball diamond and stamped it into a flat, seven inch disc with his cowboy boots, it'd sound like this 45 when you put a needle to it." -Standard Issue

"Great glam-influenced punk rock from that other America where the nice folk live way, way up north. A dose of power pop and 60s Brit invasion mixed with a healthy helping of THE JOOK, THE SWEET, and THE INCREDIBLE KIDDA BAND, to name a few. It's brief but sure leaves its mark, and like all great records makes me thump the rickety tables of MRR demanding more. Hard glam at its best." -Maximumrocknroll www.myspace.com/motherschildren http://motherschildren.blogspot.it/

Live di Mother's Children


Nessun evento trovato in archivio


MOTHERCARE


"Traumaturgic" segna il passaggio degli stessi su Freecom coaudiuvata da Bunkker e RAI Trade e con distribuzione Edel. Questo nuovo lavoro prosegue il discorso intrapreso con la precedente release (che vedeva tra gli ospiti un certo Mark Greenway dei Napalm Death), ossia un sound granitico capace di fondere diversi stili tutti nell'ambito metallico, con intuizioni death, trash e grind a costruire un muro di chitarre impossibile da scalfire. La stessa voce e la sezione ritmica sono di livello internazionale con ben poco da invidiare a colleghi di settore, spostando forse l'ago della definizione nu-metal verso questo preparato quintetto. Un disco claustrofobico che farà contenti gli amanti del metal, con una musica capace finalmente di produrre qualcosa di nuovo sul genere. www.mothercare.it www.myspace.com/mothercare

Live di Mothercare


Nessun evento trovato in archivio


MOTHERS OF GOSPEL


Il gruppo è formato da quattro stupende voci femminili afro-americane che vivono in Europa ormai da tanti anni e che hanno in comune una grande passione per la musica. Mothers of Gospel sono: Sybil Smoot, nata in Saint Louis Missouri, cantante già dalla tenera età di sei anni, per quindici anni vocalist dei Red Beans Jazzers, dal '96 insegnante di laboratori Gospel; Crystal White, nata nelle isole Hawaii, cantante di esperienza internazionale le cui grandi doti artistiche sono già state apprezzate più volte dal pubblico del Trasimeno; Joy Garrison, figlia d'arte nata a New York, comincia a cantare sotto la guida di suo padre Jimmy Garrison nei più importanti locali di Manhattan al fianco di grandi musicisti, in Italia ha collaborato tra gli altri con Renzo Arbore e Little Tony; Desiree Mohamaad, nata a Chicago, cantante di talento eclettico, anche apprezzata pianista e chitarrista è molto conosciuta come vocalist del gruppo Global Mind con cui ha raggiunto ottime posizioni nelle classifiche statunitensi ed europee, ottenendo il primo posto in Francia, in Italia ha lavorato con Gegè Telesforo e Stefano Palestresi. Quattro artiste di grande esperienza che lavorano da tanti anni insieme e riescono ad armonizzare in modo soave le loro voci tanto da sembrare un'unica voce. Il loro amore per la musica Gospel rende i loro concerti eventi festosi, divertenti, e musicalmente imperdibili.

Live di Mothers Of Gospel


Nessun evento trovato in archivio


MOTHERSHIP - Tributo al Led Zeppelin


Mothership, tribute band formata da quattro ragazzi che con devozione e grinta diffondono potente il verbo dei mitici Led Zeppelin, la più grande e inimitabile rockband di tutti i tempi. L'impressionante passione per gli intramontabili Zeppelin fa da legante ora più che mai in una formazione affiatata e romantica come i Mothership, Simone Romanato (voce e armonica), Manuel Lando (basso e mandolino), Marco Felix (chitarra e theremin) e Alfio Caracciolo (batteria e percussioni) stipulano un vero e proprio patto con i fans degli Dei del Rock, impegnando anima e corpo in un progetto ambizioso, in grado di offrire mistero, calore, potenza e sensualità, emozioni forti durante tutta la durata del concerto, ogni volta come fosse la prima, ogni live come fosse l'ultimo. Emozioni vere, che trasudano limpide e cristalline dagli occhi di questi quattro musicisti, amici appassionati, compagni di viaggio e consapevoli debitori nei confronti dei loro maestri, i Led Zeppelin. www.mothership.it

Live di Mothership - Tributo Al Led Zeppelin


Nessun evento trovato in archivio


MOTHERSTONE


Motherstone Genere Metal - Hardcore Regione Lazio Formazione Giorgio Mammoliti (voce), Eliana Volpe (voce), Valerio (chitarra),Ivano Conti (basso),Riccardo Berardi (batteria). Il progetto Motherstone nasce nel 2003 quando ad Ivano (basso), Riccardo (batteria) ed Eliana (voce) si aggiungono Valerio alla chitarra e Giorgio alla voce maschile. 
Il gruppo inizia a provare e sin da subito si crea una grande unione tra i cinque componenti e si delinea un sound incentrato sull'aggressività e il suono tagliente proveniente dalla chitarra di Valerio e sul binomio tra le due voci di Eliana e Giorgio; la prima contribuisce con la sua particolare voce alle parti più melodiche dei Motherstone, Giorgio invece sfrutta i suoi screaming per le parti più potenti e più coinvolgenti. A questi si aggiungono le parti ritmiche di basso e batteria che forniscono ulteriore ordine e potenza al gruppo. 
I Motherstone a detta di molti hanno grosse potenzialità da sfruttare e la possibilità di crescere sempre di più. www.motherstone.it www.myspace.com/motherstonemusic

Live di Motherstone


Nessun evento trovato in archivio


MOTHLITE


Mothlite è uno dei progetti di Daniel O'Sullivan; con il primo e finora unico cd targato Mothlite, "The Flax of Reverie" , O'Sullivan ci ha dato in pasto un eterea e perfetta miscela di art-rock, post-rock, musica sperimentale ed ambient. Personalmente ho trovato questo cd molto ben riuscito e consiglio a tutti di dargli un'ascoltata. LINE-UP (dal myspace) Daniel O'Sullivan avec Knut Jonas Sellevold Christos Fanaras Benjamin Dawson Linn Carin Dirdal Dominic Garwood http://www.mothlite.co.uk/ http://www.facebook.com/mothlite

Live di Mothlite


Nessun evento trovato in archivio


MOTHRA


Mothra è una band nata nel 1990 dall'unione di Mirko Montecchia (alla voce) e Michele Spalletti (chitarra) con obiettivo un progetto musicale ben specifico: comporre musica rock che vada oltre la sterile definizione del termine e che sia arricchita da quelle che sono le realtà culturali nel panorama musicale internazionale. Nel corso di questi anni si sono susseguiti diversi componenti fino all'attuale formazione che comprende Samuele Spalletti (basso) Daniele Graziani (batteria) ed Emanuele Evangelista (tastiere). Il punto di forza della loro musica è l'uso di svariati generi musicali che, miscelati alla loro comunicabilità espressiva, rendono il loro stile energico e singolare per la conflusione di referenze musicali avvenuta con il susseguirsi dei nuovi entrati. Con il primo DEMO spedito ad Arriccia (Roma, 1991) arrivano alle finali del festival degli sconosciuti organizzato da Rita Pavone. Altre partecipazioni li vedono protagonisti apprezzati nel'96 in due concorsi importanti, nel panorama musicale regionale, Onde Rock e Sotterranea; quest'ultimo gli permettono di essere scelti come gruppo supporter dei Negrita, nella loro data marchigiana (San Benedetto) del tour XXX, poi risostenuti nel l999 nella data di Pescara, dove presentano l'album Reset. Sempre nel'96 vengono invitati nella trasmissione televisiva “Help”, dove sono apprezzati per la loro performance e per le loro canzoni. Da sottolineare la partecipazione nel'98 all'accademia della canzone di San Remo, ripetutasi a San Remo Rock sia nel'99, classificandosi al 6° posto tra i finalisti nazionali che nel 2001 raggiungendo le semifinali di San Remo. Dopo diversi anni di attività musicale dal vivo nel centro Italia hanno riscosso una certa popolarità negli ambienti e nei locali underground delle Marche e dell'Abruzzo, conferendo agli spettacoli live, quale punto di forza della band, una venatura personalizzata per la presentazione di brani inediti e di cover adattate al loro stile. Tra le ultime apparizioni dal vivo di spessore, nel 2001, da citare: la manifestazione del 1° maggio a Pescara, insieme ad Eugenio Bennato e a Claudio Simonetti; l'apparizione al Barfly (Ancona) come gruppo spalla a Dirk Halminton. Relativamente alla loro produzione discografica il primo EP risale al febbraio del 2001 dal titolo omonimo. Nell'estate del 2002 hanno partecipato al Tim Tour vincendo la tappa di San Benedetto del Tronto,rappresentando in seguito le Marche alla finalissima di Palermo ,dove hanno riscontrato un grande successo.Risultati come uno dei gruppi più votati vengono invitati alla trasmissione “Data Base”in onda su Rock Tv.Nasce a Gennaio 2003 il nuovo Ep contenente il singolo “Dormi e sogna” che vale la partecipazione nella produzione artistica di Luca Bulgarelli(Cammariere) e Alessandro Svampa(De Gregori). Quest'ultimo lavoro discografico è stato possibile realizzarlo grazie alla vittoria della prima edizione di “Concorso” organizzato dalla Provincia di Chieti in collaborazione con la Regione Abruzzo ed è stato presentato durante manifestazione itinerante del TORA TORA festival organizzato dalla Mescal sotto la direzione artistica di Manuel Agnelli leader degli Afterhours con i quali i Mothra hanno condiviso il palco. Prossimamente dopo un periodo di silenzio, uscirà il loro nuovo album intitolato "Tutto è Vanità",seguito da un tour in giro per l'Italia. INFO 338/9667956 www.facebook.com/mothra.cantanocsi

Live di Mothra


Ven 25 Apr SOUL KITCHEN - Fermo (FM) - Italia

SOUL KITCHEN Music club::Food&Drinks VIA DELLE MURA, 26 FERMO INFO: 0734/217206




Live di Mothus


Nessun evento trovato in archivio


MOTION


MOTION Every Action (12K) Giocato quasi interamente su stratificazioni tonali e disfunzioni architettoniche è il secondo disco, sempre su 12K, di Chris Coode nei panni di Motion. Trattasi di materiale elaborato tra il 1999 e il 2004, dove l’inglese assembla campioni di varia natura poi processati secondo l’umore del momento. Un alternarsi di suoni organici, di rumori e di pulsazioni che collassano, informazioni che si susseguono apparentemente senza soluzione di continuità e che creano un feel notturno e onirico da percorrere in un tunnel di atmosfere cangianti. Musica questa che, pur non avendo una presa immediata, riesce ad intrigare quanto basta per incoraggiare ad immergersi in ripetuti e riavvicinati ascolti, alla scoperta di inaspettati tesori emozionali. http://www.12k.com/

Live di Motion


Nessun evento trovato in archivio


MOTION CITY SOUNDTRACK


è' il 1997 quando Joshua Cain (chitarra) e Justin Pierre (voce), poco più che adolescenti, decidono di formare una band. Reduci da varie esperienze musicali, i due ragazzi di Minneapolis, iniziarono a suonare assieme l'anno successivo, scrivendo fin da subito i brani che andranno a comporre il primo EP "Kids For America", uscito nel 2000 e seguito pochi mesi dopo da "Back To The Beat", entrambi autoprodotti. Nel 2002, dopo alcuni cambi di formazione, la band trova finalmente la sua stabilità, che mantiene fino ad oggi. Iniziano così le registrazioni del primo full lenght "I Am The Movie", che verrà pubblicato a metà dello stesso anno. Anticipato dal portale Punk News come un "disco dalla produzione stellare", l'album verrà rilasciato in confenzioni fatte a mano dalla band usando delle custodie per floppy disc. A lato di queste peculiarità da collezionisti, l'album riscuote un enorme successo e consente ai MOTION CITY SOUNDTRACK di raggiungere una discreta fama, tanto che verranno notati da Mark Hoppus dei Blink 182, con il quale entrano subito in studio, impegnati nella realizzazione del nuovo album, "Commit This To Memory", che vedrà la luce nel 2005 e verrà anticipato dal singolo "Everything is Alright", caratterizzato dai featuring con Patrick Stump dei Fall Out Boy e con lo stesso Mark Hoppus. Gli anni procedono tra una tournée e l'altra, e i Motion City Sountrack tornano in studio nel 2007 per registrare i brani che andranno a comporre "Even If It Kills Me", preannunciato come uno dei dischi più attesi dell'anno da diverse riviste e critici del settore. Le aspettative non vengono deluse e l'album, che vede la collaborazione di tre diversi produttori tra cui Eli Janney dei Girls Against Boys, viene considerato come uno dei maggiori successi della band, tanto che otto mesi dopo l'uscita dell'album il gruppo realizza tramite iTunes un digital EP acustico con alcune tracce del disco. L'ultimo impegno discografico è datato 2010 e prende il titolo di "My Dinosaur Life", sancendo la fine della collaborazione con la storica etichetta Epitaph Records, per approdate tra le fila della major Columbia Records. Con questo album la band matura ulteriormente, mantenendo comunque ad alti livelli l'energia creativa che l'ha sempre contraddistinti e che sfocia in questa raccolta di 12 canzoni che si spingono ai limiti del power pop: il primo singolo dell'album, "Disappear", ricorda l'angoscia del rock anni '90 con le sue chitarre e voci smorzate; "Pulp Fiction", scritto durante una pausa in Giappone del cantante Justin, è una intro rock eseguita al pianoforte che mette in musica le avventure di uno straniero lontano dalla sua terra nativa. Nel bene e nel male, i MOTION CITY SOUNDTRACK sono alla costante ricerca di evoluzione, in una continua sfida verso loro stessi sia come musicisti sia come persone che mantengono sempre uno stretto contatto con il proprio pubblico. Ed è infatti attraverso i social network e i canali ufficiali che la band continua a comunicare con i propri fan, anche in questo ultimo periodo che precede la pubblicazione del nuovo album prevista per il 2012. Pare infatti che l'album, già finito di registrare e mixare, verrà pubblicato nel prossimo mese di giugno. Nel frattempo l'unica e imperdibile opportunità per il pubblico italiano di assistere a un loro show è fissata per il prossimo 27 aprile al Live Forum di Assago, alle porte di Milano. L'occasione sarà resa ancora più interessante dalle probabili anticipazioni, in veste live, dei nuovi brani che andranno a comporre il nuovo album della band. www.motioncitysoundtrack.com

Live di Motion City Soundtrack


Nessun evento trovato in archivio


MOTION TRIO


MOTION TRIO Quest'anno i fisarmonicisti polacchi del MOTION TRIO sono stati da noi per una sola data, che però è bastata a farcene assaggiare la forza innovativa e le grandi doti compositive ed esecutive. Mentre ci siamo già assicurati la loro partecipazione all'edizione 2007 di ANDAR PER MUSICA, stiamo finalizzando un tour più ampio per il prossimo mese di luglio. È nostra intenzione riservare una particolare attenzione a questa formazione. Intanto sono disponibili sin d'ora per concerti con date a verificarsi. www.motion-trio.art.pl

Live di Motion Trio


Nessun evento trovato in archivio


MOTLEY CRUE


Nuovissimo “Greatest Hits” per Mötley Crüe in uscita il 6 Dicembre 2011 19 classici che ripercorrono tutta la carriera artistica di una delle band più trasgressive e controcorrente del metal partendo dall'album d'esordio del 1981 “Too Fast For Love” per arrivare all'ultimo disco del 2008 “Saints Of Los Angeles” Il CD contiene tutti i brani più significativi della band e il DVD (solo nella versione DeLuxe) estratti live dal celeberrimo “CRÜE FEST” partito nel 2008 e divenuto uno dei festival rock più seguiti nel mondo. Anticipa l'uscita di “Greatest Hits” la ristampa dell'intero catalogo prevista per il 15 Novembre (info in allegato) I MÖTLEY CRÜE hanno venduto oltre 80 milioni di dischi in tutto il mondo, di cui 25 milioni negli Stati Uniti. www.motley.com

Live di Motley Crue


Nessun evento trovato in archivio


MOTO PERPETUO


La rockband abruzzese dei Moto Perpetuo sarà in concerto sabato 12 aprile presso il "Solnuevo" di Luco dei Marsi, che si trova in via Duca degli Abruzzi. L'inizio è previsto alle ore 23. Si intitola "Tutto normale" il nuovo singolo dei Moto Perpetuo, pubblicato dalle Edizioni Pagina 3. Il brano è stato registrato e mixato presso il Ric & Ary Sound Studio di Avezzano. "Tutto normale" è attualmente programmato dalle maggiori emittenti radiofoniche abruzzesi ed è disponibile in tutti i negozi di dischi. I Moto Perpetuo sono Fabrizio Della Verità (Voce & Chitarra acustica), Domenico Di Girolamo (Chitarre) e Luigi Di Paolo (Batteria). Attualmente, l'ensemble marsicano è ospite di numerosi programmi televisivi e radiofonici di svariate emittenti del Centro Italia. Seguirà nella prossima estate un tour nazionale. In una recensione del 2005, relativa ad un loro demo, era stata messa in luce - come unico neo - la discutibile qualità timbrica della batteria campionata, lacuna colmata in questo disco, in cui la batteria è affidata all'abile Luigi Di Paolo, giunto in formazione in un periodo successivo. Nel 2006 i Moto Perpetuo hanno vinto il Premio "Un giorno insieme - Augusto Daolio - Città di Sulmona" nella sezione "Miglior Musica". Per informazioni si possono chiamare i numeri 340/7865770 e 329/6158675. Lo Space dei Moto Perpetuo è www.myspace.com/motoperpetuoband

Live di Moto Perpetuo


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moto Racer


Nessun evento trovato in archivio


Live di Motoi Kawashima


Nessun evento trovato in archivio


Live di Motopolkablacksamba


Nessun evento trovato in archivio


MOTORAMA


c'era una volta una band chiamata prima Leaders of the Republic e poi semplicemente Leaders. Composta da una manciata di sbarbatelli finlandesi, i Leaders erano – e non gli avresti dato una lira – una riproposizione commovente di quello che sarebbero stati i Joy Division se fossero nati oggi. Dal vivo era come vedere benzina sulle fiamme, poco contavano un'età media di diciannove anni o il fatto che nessuno li avesse mai sentiti prima. Partiva Ballroom is Burning e in due secondi la pista si trasformava in una marea di corpi pulsanti. Ma ovviamente, tutte le cose belle finiscono prima del dovuto. I Leaders si sono infatti sciolti nel 2010 (all'indirizzo http://is.gd/kQqQhQ trovate quel che ne resta), dando vita successivamente ai bravi-ma-troppo-solari French Films. Orfano quindi dei degni successori di Ian Curtis e soci, vagavo sconsolato le tristi lande del web, quando, graziato da una provvidenziale segnalazione, mi sono imbattuto negli eccellenti Motorama. motorama Ora, a me il monicker Motorama fa venire in mente la copertina di So Far So Good di Bryan Adams, ma fortunatamente di tutt'altro sound si tratta. Improbabilmente russi, i Motorama sono la cosa più vicina al sound di Unknown Pleasures che mi sia capitato di sentire dopo i pezzi dei succitati Leaders. Nazionalità difficile da indovinare senza una bio sottomano, pronuncia british impeccabile e sound tipicamente Manchesteriano, con quell'extra melodico in grado di donare un tocco di modernità alle composizioni. Lyrics semplici, a volte forse troppo, ma incisive nei refrain e gradevolmente poetiche. In più tutti i loro dischi (l'album Alps, i due EP Bear e Horse, e i due singoli Ghost ed Empty Bed) sono disponibili in download gratuito sul sito ufficiale. Orecchiabilissimi, emozionanti e insidiosi nel loro stamparsi in mente per giorni, hanno letteralmente monopolizzato le mie playlist di inizio 2012, e realisticamente lo faranno per molti mesi a venire. Imperdibili. Russia – Talitres http://www.wearemotorama.com/ www.facebook.com/wearemotorama

Live di Motorama


Nessun evento trovato in archivio


MOTORAMA


Psychotronic Garage Punk Le Motorama non sbagliano un colpo: beh, ci vuole poco a dirlo dal momento che "Psychotronic is the beat!" è solo il loro secondo album ma a distanza di anni le due ragazze romane dimostrano di non temere cali di entusiasmo e ispirazione. Black and White assesta il primo montante: killer garage e synth drone sopra il livello di guardia. Rispondono una Tiki Tramp che viaggia intorno al mondo Bo Diddley a suon di gemiti e fuzz, e una Tell me! What?! Vicina alle Demolition Doll Rods. Certi brani si nutrono di incalzanti punk riffs (I do as I like) e di turbolenze surf (We Are Here, We Are Hungry), altri invece adottano uno stile più sconnesso (Chinese Blues) fino a ipotizzare estensioni wavy con la superlativa All right! (Kim Gordon approverebbe) e il tragico inno Superalcoholic. Senza contare poi la rivisitazione di Damaged Goods dei Gang of Four. Nulla comunque che non rimanga sotto l'insegna del più sporco e irrefrenabile rock'n'roll. Certamente di diverso registro è la traccia che chiude i battenti, If You Could See Me, slumber party con madame Margaret Doll Rod che si presta al canto. Un po' di (malcelata) quiete dopo i bagordi. www.motorama.org

Live di Motorama


Nessun evento trovato in archivio


MOTORCITY BRAGS


MOTORCITY BRAGS - PUNK/ROCKABILLY/ROCK - COVER Eroi indiscussi del rock n roll moderno, Sex Symbol per una generazione abituata alle faccine pulite e alle magliette di Armani, alchimisti che per primi hanno mescolato il punk con il blues e il jazz, spettacolari sul palco e insopportabili nella vita privata, inarrestabili come una scarica di testosterone; sciocchi e campanilisti, geniali e raffinati, graffianti e sporchi, rumorosi come l'ora di punta del traffico torinese: il gruppo che è stato eletto miglior band italiana del 2005 dal portale svizzero Medazzarock; Il gruppo che ha suonato in carcere, il gruppo che ha suonato ad un raduno europeo di nudisti; Il gruppo che incendia l'audience con concerti esagitati, il gruppo che finisce in tribunale e si dichiara non colpevole; il gruppo che senza etichetta, senza agenzia, e senza uno straccio di talento, ha infilato più di 200 date in tutta europa in poco meno di 3 anni; il gruppo sponsorizzato dalla FIAT, il gruppo da ospedale, il gruppo che "Se te incontro te spaccio" il gruppo che tutti vorrebbero avere ma che nessuno può permettersi, il gruppo italiano segnalato dai Motorhead, il gruppo che in una sera ha bevuto 39 cocktails. www.motorcitybrags.com

Live di Motorcity Brags


Nessun evento trovato in archivio


Live di Motorcity Losers


Nessun evento trovato in archivio


MOTORHEAD


Con un album di successo come "Motorizer", MOTORHEAD hanno chiesto espressamente di tornare in Italia per fare dei propri show da headliner. Negli ultimi anni infatti la band di Lemmy era venuta nel nostro paese solo per il Gods Of Metal o per altri mega show, ma mai con il proprio spettacolo da headliner. E quindi a distanza di diversi anni, eccoli di nuovo tra noi per ben tre shows sul suolo italico! Saranno accompagnati da uno special guest che verrà annunciato a breve. www.imotorhead.com

Live di Motorhead


Mar 24 Giu ALFA ROMEO CITY SOUND - Milano (MI) - Italia

ALFA ROMEO CITY SOUND Ippodromo del Galoppo MILANO INFO 02/63793389 info@citysoundmilano.com www.citysoundmilano.com www.facebook.com/CitySoundMilano




Live di Motorockas


Nessun evento trovato in archivio


MOTORPSYCHO


Pubblicato il 7 marzo 2014, Behind The Sun è il nuovo album dei prog rocker norvegesi Motorpsycho. Come il precedente Still Life With Eggplant, il lavoro è stato inciso ai Brygga Studio di Trondheim, con Reine Fiske alla chitatrra. Altri ospiti sono: Ole Henrik Moe alla viola e Kari Rønnekleiv al violino. Behind The Sun, che esce nel venticinquesimo anniversario dalla formazione della band, è accompagnato da un tour mondiale che tocca anche l'Italia per 4 date. Il 20 gennaio è stato diffuso sul canale YouTube di Stickman un teaser video del brano Where Greyhounds Dare. www.motorpsycho.net

Live di Motorpsycho


Lun 02 Giu LIVE CLUB TREZZO - Trezzo sull'adda (MI) - Italia

LIVE CLUB VIA MAZZINI 58 INFO: 02/90980262 TREZZO SULL'ADDA MI info@liveclub.it www.liveclub.it www.facebook.com/livemusicclub



Mar 03 Giu ORION - Ciampino (RM) - Italia

ORION Viale Kennedy, 52 CIAMPINO RM INFO: 06/89013645 06/54220870 3387638681 www.orionliveclub.com



Mer 04 Giu HIROSHIMA MON AMOUR - Torino (TO) - Italia

HIROSHIMA MON AMOUR 011/3176636 3175427 3174997 VIA BOSSOLI 83 ZONA LINGOTTO STAZIONE TORINO SUD TORINO hma@hiroshimamonamour.org www.hiroshimamonamour.org



Gio 05 Giu VIDIA CLUB - Cesena (FO) - Italia

VIDIA CLUB 0547/662211 349/1914005 348/4073165 335/6251500 VIA NAZIONALE 1130 SAN VITTORE DI CESENA FC www.vidiaclub.com www.vidiaspace.it www.facebook.com/vidiaclub




Live di Motoscooter Zundapp


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mototeru Takagi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mototeru Yoshizawa


Nessun evento trovato in archivio


Mototrabbasso LULLO MOSSO


Mototrabbasso (Italia Spettacolo di teatro musicale di e con Lullo Mosso Lullo Mosso è un pilota di Mototrabbasso. Il Mototrabbasso è uno strumento-veicolo magico che permette di viaggiare spostandosi tra una canzone e un'altra in tutto il mondo della musica e in tutte le musiche del mondo. Chi lo possiede ha la possibilità di spostarsi ovunque raccontando e cantando i personaggi e i suoni di un viaggio immaginario. Il nostro pilota, quasi condannato al movimento, vaga così nell'universo della musica raccontando storie, esprimendosi in una sorta di grammelot, sotto forma di canzoni, improbabili danze e spericolate evoluzioni. Il perno della sua avventura è la ruota del contrabbasso, dotata di perno ammortizzato, che ridistribuisce all'asfalto il peso di questo anomalo carburante utilizzato da Lullo Mosso per le sue imprevedibili derive. www.myspace.com/ilmototrabbasso

Live di Mototrabbasso Lullo Mosso


Nessun evento trovato in archivio


Live di Motozappa


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mou Lips


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moulinrouge


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mount Eerie


Nessun evento trovato in archivio


MOUNT KIMBIE


Dopo essere stati scelti da The XX come apertura del loro ultimo tour europeo, Dominic Maker e Kai Campos tornano finalmente in Italia per presentare il loro primo album 'Crooks And Lovers' (Hotflush Records), già da molti indicato come uno dei migliori debutti dell'anno in ambito electro-dubstep. Il giovanissimo duo londinese è senza dubbio il nome di punta della nuova scena d'avanguardia inglese, assai apprezzato anche per i loro numerosi remix degli amici The XX e Big Pink... http://www.mountkimbie.com/

Live di Mount Kimbie


Nessun evento trovato in archivio


MOUNTAIN MEN


MR MAT voce, chitarra e stompbox MR IANO armonica e voce Eccitanti e malinconici, profondi e divertenti, intensi e travolgenti. Sono questi gli aggettivi che meglio descrivono il duo franco-australiano dei Mountain Men. Partiti da Chartreuse Mountains, vicino Grenoble, Mr Iano e Mr Mat hanno già venduto più di 15.000 album grazie al “passaparola” costruito nel corso degli oltre trecento concerti realizzati, ma soprattutto grazie alla straordinaria energia che sanno sprigionare nel loro contatto con il pubblico. Riuscendo a materializzare una musica carica di emozione, a ritmo di blues, folk e rock, danno vita sul palco a performance che sono molto più di un concerto: spettacoli di vita, fatti con il cuore e con la testa, dove è possibile sentire l'anima vera dei due musicisti e il carattere primordiale del blues. www.mountain-men.fr www.facebook.com/mountain.men.officiel

Live di Mountain Men


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mountains Men


Nessun evento trovato in archivio


MOUSE ON MARS


Andi Toma e Jan St Warner,il duo tedesco " post techno" in attività da 15 anni sull'asse Dusseldorf/Colonia. I Mouse On Mars sono una delle poche band elettroniche che riescono a rinnovarsi ad ogni progetto e ad ogni concerto.La loro intrigante sintesi di ambient,kraut-rock, techno,lounge è riuscita negli anni a fare convivere l'immediatezza del tessuto rock con le dilatazioni del dancefloor,la ricerca con la piacevolezza dell'ascolto. Mettendosi sempre in gioco, hanno portato la musica elettronica a livelli altissimi, grazie a sonorità che fondono potenza ritmica, frammenti melodici e esplorazioni timbriche; non a caso definiti da alcuni e forse da molti pionieri dell'elettronica tedesca contemporanea e " i veri eredi della lezione dei Kraftwerk "( Muzak Magazine).Grazie alla loro versatilità sono anche autori di progetti di rimusicazione dal vivo di capolavori come "Fata Morgana" di Werner Herzog e "Schatten" di Arthur Robison, e di installazioni multimediali;Fondatori della propria label, la Sonig, producono dischi con gli Stereolab, per dei membri dei Kraftwerk e molti altri. Che dire con una gran carriera alle spalle, riescono nei propri set audiovisivi ad essere sempre imprevedibili. www.mouseonmars.de

Live di Mouse On Mars


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mousse T


Nessun evento trovato in archivio


MOUSTACHE PRAWN


"Come se venissero da lande gelide e brumose hanno usato solo ingredienti anglosassoni D.O.C. Risultato: canzoni “una tira l'altra”, anche per via dell'ottima scelta di scaletta. E' la freschezza che si mischia a quell'energia naturale per cui tutto si può conquistare qui e ora. Ovvio che non tutti i ventenni ce l'hanno: i Moustache Prawn si. “Biscuits” è un disco a cui è davvero difficile muovere critiche." [Rockit] "Un vago riferimento a “La Jetée” (il corto anni '60 che ispirò “L'esercito delle 12 Scimmie”) tiene insieme il bel video dei Moustache Prawn. Un enorme uomo con la testa di biscotto è il protagonista dell'energica “Never Think So Long”, risposta italica al rock secco e pungente di Franz Ferdinand e Arctic Monkeys. Ma con qualcosa di profondamente personale. " [Rolling Stone] “Le undici tracce di “Biscuits” si impongono come attestato inconfutabile di doti non comuni. Il loro futuro ha ottime possibilità di essere luminoso.” [Mucchio] “Il loro è un suono dal taglio internazionale. Offrono la gamma più ampia di sapori che la classica geometria chitarra/basso/batteria è in grado di cucinare.” [Rockerilla] “Biscuits” è uno di quei dischi che servono, che ci vogliono. Uno di quei dischi che ci fanno già pensare che il secondo, il terzo, il quarto lavoro di questo band ci daranno ancora qualcosa di più. Ma per adesso non resta che goderci un album eccellente, una band da seguire con estremo interesse.” [RockShock] www.facebook.com/MoustachePrawn

Live di Moustache Prawn


Nessun evento trovato in archivio


MOUSTAD


Moustad is a scando-/eastwestern-european music protectorate making 20th century happenings. Formed by Tobias Sondén in a light hailstorm in Gothenburg. Joined by Finn Loxbo and Petter Wästberg, and sometimes someone more. http://moustad.com

Live di Moustad


Nessun evento trovato in archivio


MOUTH OF THE ARCHITECT


Lo dichiarano fin dal titolo, questi alfieri dello sludge/post metal statunitense: questo è un disco che cambia le carte in tavola. Per l'attesissimo seguito dell'acclamato "The Ties That Blind" (2006), i Mouth Of The Architect di Jason Watkins, Dave Mann, Steve Brooks e Kevin Schindel (quest'ultimo già bassista degli interessanti metal-corers Twelve Tribes) decidono di ampliare il proprio spettro sonoro e di renderlo più dilatato. E i nostri non deludono. L'apertura del disco è affidata alla title track, e l'impressione iniziale – errata - è che non sia cambiato poi molto nella proposta del gruppo. Arpeggi desolanti, urla dall'abisso, la consueta affascinante commistione di suoni caldi e freddi, a creare il sound che ormai, dopo cinque anni di intensa carriera, contraddistingue i nostri. Già con la terza traccia, "Pine Boxes" ci si accorge però definitivamente che le cose non stanno così. Un break d'atmosfera con parecchia melodia, una struttura stringata, linee di tastiere e sample più efficaci che mai. Mischiando gli ingredienti di sempre in una combinazione nuova, ci si avventura quasi dalle parti di certo raffinato post rock. E gli esiti sono notevoli. "Quietly" continua così, percorrendo avanti e indietro il continuum tra le atmosfere di sempre (i saliscendi emotivi di "Hate And Heartache") ed episodi un po' più melliflui e sognanti come la quasi orecchiabile "Rocking Chairs And Shotguns" o "Generation Of Ghosts", alla quale partecipa in veste di guest vocalist Julie Christmas dei Made Out Of Babies. Senza tradire affatto le loro origini, i Mouth Of The Architect, nel loro terzo full-length, affrontano di petto la materia di un post metal/rock "adulto", sì impegnativo, ma lontano da certe pretenziosità in cui spesso ci si imbatte in questo ambiente, riuscendo ad essere contemporaneamente più accessibili e più complessi rispetto al passato. Carte cambiate, operazione riuscita: ecco un altro bel disco da parte di una band alla quale il costante paragone con gli Isis di "Oceanic" sta ormai un po' stretto. http://mouthofthearchitect.com/

Live di Mouth Of The Architect


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mouthus


Nessun evento trovato in archivio


Live di Movengo


Nessun evento trovato in archivio


MOVIE STAR JUNKIES


Ci sono dei film che prendono spunto da romanzi famosi e ci sono delle musiche che creano delle perfette colonne sonore e che contribuiscono all'immagine stessa di quello che viene ripreso; “Son of the dust” ricalca William Faulkner, è una continuazione musicale della sua ricerca sulla beatitudine trascendentale nel mondo in carne e ossa. Prendete questo disco come se fosse un racconto, ricco di pathos, lungo dieci tracce, con dei personaggi che camminano tra la polvere di un paese dimenticato da Dio con le loro paure e le loro superstizioni. La musica pesca a piene mani dal blues e dal folk, oscura e polverosa, richiamando alla memoria Nick Cave e Leonard Cohen: c'è l'elettricità, c'è la calma dopo la tempesta e la sensazione di malinconia e di vuoto. Un cambio di rotta, certo, dopo due dischi e svariati Ep che combacia con l'approdo dei Movie Star Junkies nella Outside & Inside Records (etichetta dei Mojomatics), sarà un caso? In These Woods Have Ears sembra di sentire una ballata all'A Toys Orchestra, In An Autumn Made Of Gold è un brano blues, rumoroso e il coro fa davvero venire i brividi (Nathalie Naigre, Marie Mourier e Federico Zanatta dei Father Murphy sono gli artefici del chorus); non tutti i brani sono perfetti, la title track e A long Goodbye sono le più carenti, ma la conclusiva How It All Began è fatta da un blues tribale che gira su se stesso, ipnotico e ben fatto. L'album è stato registrato in una stalla del cuneese per dare un effetto live, crudo e sporco, ed è stata a mio avviso un ottima idea: bisogna puntare su sonorità sporche, su brani poco legati alla forma canzone per eccellenza e rendere il tutto il più primitivo possibile. Ci sono degli sciamani in quel del Piemonte e se si giocheranno bene tutte le loro carte, dovremmo stare attenti. www.moviestarjunkies.com www.facebook.com/moviestarjunkies

Live di Movie Star Junkies


Nessun evento trovato in archivio


Live di Movietone


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moving City


Nessun evento trovato in archivio


Moving Fusion


La nascita della scena drum and bass non è recentissima, e sin da principio ci sono state molteplici occasioni nelle quali la bestia underground drum and bass si è espressa. Ma questa volta la bestia è uscita dall'oscurità, e si muove completamente a proprio agio contro le logiche di marketing, nell'oceano underground dove ha di fatto trovato il suo naturale habitat.. Dalla pura violenza musicale degli esordi, il suono dei Moving Fusion è diventato ora più funky, e raffinato. "The start of something" é un album per i dancehall, ma ciò non vuol dire che sia limitato. Tracce come 'Chilli Pepper' e 'Ghost Lane' sono indicative di quanta chiarezza guidi l'azione dei musicisti. Carattere e classe abbondano, credetemi. 'Chilli Pepper' è un autentico pezzo da carnevale con steel drums, maracas e chitarra mariaci, mentre 'Ghost Lane' è pura arena rock anni '80 con un intro atmosferico e riffs di chitarra che urtano. Le influenze più rock sono poi rintracciabili in 'Starsign' e nella rimbalzante e violenta 'Reality' mentre movenze jazz trasudano nella strisciante 'Mean Machine', che riporta alla mente una colonna sonora di un film poliziesco anni '70. Altrove e precisamente in '9 Venoms', assistiamo ad una fusione di un break jazz con una melodia molto funky, dolcemente accarezzata da una vocalità hip-hop fornita da Vankillertwist. L'album vive di contrasti: 'Back to the Future' e 'Battleground', si muovono con drammaticità ed al loro intero risuonano allarmanti melodie di synth trance e spinte electro taglienti.. Il meglio è pero posto in chiusura 'Guy Fawkes' e 'Shadows', entrambe profondamente dure, inesorabilmente spiazzanti e classicamente RAM riaffermano il concetto che la missione dei Moving Fusione è incendiare i dancehall con ritmi sempre più sporchi e hardcore. Concludendo, se già conoscete i Moving Fusion, sarete felici di riascoltare i loro classici rulli di batteria e le loro melodie basse veramente funky e dirette.. Diversamente per tutti coloro che ancora non li conoscono questa é musica perfetta per far muovere il corpo senza stop. Provate questa esperienza con la mente aperta. The start of something? Definitely! www.juno.co.uk/artists/Moving+Fusion/

Live di Moving Fusion


Nessun evento trovato in archivio


MOVING MOUNTAINS


“Waves” esce a quattro anni di distanza da “Pneuma”, disco d'esordio che sull'enciclopedia della buona musica trovate alla “M” di masterpiece. In questo lasso di tempo sarebbe anche uscito un EP intitolato “Foreword”, lavoro che con il primo disco aveva veramente poco in comune, sia a livello stilistico che qualitativo, e che di conseguenza preferisco ignorare. L'attesa per questo secondo lavoro su lunga distanza quindi era legata principalmente alla curiosità di capire che direzione avesse preso davvero una delle band sicuramente più promettenti del panorama indie/alternative. Il disco si apre con “My life is like a chase dream (and I'm still having chase dreams)” e al sottoscritto, sentendola, è venuto un mezzo colpo. Le atmosfere post-rock dilatate e sognatrici sono sparite, la produzione si è fatta cristallina e le linee vocali son diventate non solo più mature per quel che riguarda il timbro, ma anche protagoniste dei pezzi e non più corollario delle melodie in questi contenute. Siamo di fronte ad un pezzo alternative rock da manuale, con tutte le accezioni negative che si possono dare al termine, costruito e finto quanto le grida piazzate qua e là lungo la traccia. Fortunatamente la parentesi iniziale è anche il punto più basso del disco e dalla seguente “Where two bodies lie” si iniziano a risentire i tratti distintivi della band, seppur presentati in una veste del tutto nuova. Le tracce, rispetto al passato, sono decisamente più corte e questo toglie molto spazio alle derive post-rock stile Explosion in the Sky, ma le melodie rimangono tutte e vengono ancora intrecciate sapientemente. “The cascade” rimanda chiaramente agli esordi, con quell'intro arpeggiata e suggestiva, ma per quanto le strutture delle canzoni siano ben congeniate a me resta l'impressione che qualcosa manchi, quei climax che si concludevano in esplosioni di suono e cori ora sono cosa decisamente rara. Il lavoro, in conclusione, ha un respiro molto più rock e decisamente meno lirico, ma presenta comunque picchi di classe notevolissimi e dimostra molte delle potenzialità del quartetto newyorkese. Certo, la rotta è cambiata verso una direzione sicuramente più fruibile e, se vogliamo, meglio vendibile, ma la sensazione non è (quasi) mai di svendita del prodotto, quanto di scelte artistiche più o meno apprezzabili, ma fatte con cognizione di causa. Il risultato è senza dubbio un buon disco e l'averne parlato in modo così critico è più dovuto alle forti aspettative riposte che non sulla reale qualità del lavoro. http://www.myspace.com/movingmountainsmusic http://www.facebook.com/MovingMountains

Live di Moving Mountains


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moya Brennan


Nessun evento trovato in archivio


MOZ-ART


CLAUDIO RISPOLI alias MOZ-ART Nato ad Ancona nel '58 dal 74 comincia a fare il dj al New Jimmy locale storico della dolcevita riccionese. Non ancora maggiorenne, era il 76 cominciò a lavorare alla Baia degli Angeli, dove già viveva da anni (la considerava la sua famiglia, creava le scenografie, e ascoltava dischi con i suoi intimi amici e dj Bob Day e Tom Sison.) Quest'anno ha partecipato al Distorsonie Festival al Link e lo si potrà ascoltare al "Remember Baia degli Angeli" alla Baia Imperiale, insieme a Daniele Baldelli a cui ovviamente è legato.

Live di Moz-art


Nessun evento trovato in archivio


MOZAIK


time alla musica dell'Est.I componenti(Andy Irvine, Donal Lunny, Bruce Molsky,Nikola Parov, Rens van der Zalm)sono tutti musicisti di grande talento e stelle di prima grandezza nell’ambito del folk internazionale.Una miriade di influenze per un sound totalmente nuovo. Presentano il CD omonimo,uscito nel 2004.

Live di Mozaik


Nessun evento trovato in archivio


MOZES AND THE FIRST BORN


Legati rigidamente ai dieci comandamenti delle Orecchiabili Canzoni Pop, i Mozes and The First Born sono olandesi, e sono garage pop. Il loro album di debutto ha visto la luce in questo gelido autunno per riscaldare le nostre menti ottenebrate dal gelo! Prodotto da Michel Schoots (Urban Dance School) e anticipato dal singolo "I Got Skills", promette di essere una vera e propria sorpresa nel panorama garage pop indipendente europeo! www.mozesandthefirstborn.com www.facebook.com/mozesandthefirstborn

Live di Mozes And The First Born


Nessun evento trovato in archivio


MOZEZ


MOZEZ E LA CHILLOUT MUSIC di Annarita Mancini Chillout è un genere musicale molto vasto che va dalla musica elettronica a quella downtempo. Nasce dall'esigenza nei primi anni 90 di creare zone chiamate appunto "chillout" situate all'interno di quei locali dove poter rilassarsi dopo essere stati esposti ad elevati ritmi dance. La musica chillout è diventata così la versione moderna di quella chiamata 'ambient' e prenderà poi diverse direzioni fino a toccare generi come il 'trip-hop' ed il downtempo. Molto diffusa in Gran Bretagna, questa musica perennemente in evoluzione toccherà poi sfumature più "sinistre" e dark. Basti pensare ai pionieri di questo genere quali Portishead, Massive Attack e Tricky. La musica Chillout è quindi molto difficile da definire proprio perché copre una vasta gamma di stili fino a comprendere oltre la già citata downtempo electronica, una grande varietà di stili continuamente in evoluzione che toccano sfumature di pop, hip-hop e anche il jazz. Mozez, vero nome Osmond Wright, fa parte di quegli artisti la cui musica è catalogata nel genere Chillout ma principalmente il Downtempo. Si fa conoscere al gran pubblico nel 1996 con il duo up-tempo Spirits ma forse molti lo ricorderanno maggiormente come front man della band inglese downtempo Zero 7. Con loro intorno ai primi anni '90 scrive nei primi due album Simple Things e When It Falls, brani diventati poi famosi in tutto il mondo quali Warm Sound, This World e Simple Things. Il suo primo album da solista So Still uscito nell'Ottobre del 2005 ha visto la collaborazione di artisti quali Guy Sigsworth (produttore di Madonna), Nightmares on Wax e Henry Binns (Zero7). Alcuni suoi brani sono stati utilizzati per colonne sonore di film e serial Tv come Running For Time e CSI Miami. Nel 2011 ha pubblicato un album di re-mixes intitolato Time Out. Nel 2008 Mozez fonda l'etichetta discografica Numen Records e si dedica alla produzione di nuovi talenti tra i quali Mari Conti, con la quale scrive il suo debut album Gentle Beauty di cui ne sarà anche il produttore artistico. Il suo secondo album The Absolute è previsto in uscita per la primavera 2013 e presenta una vasta gamma di influenze musicali combinando il soul ed il jazz-funk in una fusione di stili musicali che vanno dal blues al rock, elettronica, folk, reggae, hip-hop e dance. Il risultato è una miscela inebriante di melodie ed arrangiamenti vocali fantastici. The Absolute ha un approccio olistico e racconta storie di gioie e dolori della vita,di amore e di perdita. Canzoni che esplorano il dilemma della scelta, il compromesso, la speranza, la fede e la libertà. www.mozez.co.uk www.numenrecords.co.uk

Live di Mozez


Nessun evento trovato in archivio


MO’HORIZONS AND THE BANANA SOUNDSYSTEM


I Mo'Horizons dopo 10 anni di onorata carriera e 7 dischi (5 album e 2 compilation) dalla fine degli anni '90 ad oggi, hanno reso popolare in tutto il mondo quel mix personalissimo di latin jazz, funk, soul, boogaloo che molti hanno definito come Mo'horizons style. Da sempre legati al concept del SounSystem in cui djs trovano spazio sul palco insieme a vocalist e musicisti, i Mo'horizons ritornano dopo anni di assenza per far rivivere quell'esotico cocktail sonoro che ha entusiasmato i club di tutto il mondo. http://www.myspace.com/mohorizons

Live di Mo’horizons And The Banana Soundsystem


Nessun evento trovato in archivio


MP'S JAZZY BUNCH


MP's Jazzy Bunch - Marco Postacchini Octet Marco Postacchini: sax tenore Simone La Maida: sax alto Samuele Garofoli: tromba Massimo Morganti:trombone Andrea Solarino: chitarra Emanuele Evangelista: Fender Rhodes Gabriele Pesaresi: contrabbasso Alessandro Paternesi: batteria Il progetto nasce da un idea di Marco Postacchini con l'intento di creare un collettivo capace di piegare le caratteristiche tipiche del combo all'esigenza di formare un jazz contemporaneo e innovativo dal punto di vista del sound e dei contenuti. L'ottetto propone infatti, tra gli altri, brani composti ed arrangiati appositamente per l'organico in questione dallo stesso Marco Postacchini, da Massimo Morganti ed Emanuele Evangelista. La professionalità e la spiccata personalità dei singoli componenti, compagni di lunga data, si fondono all'interno di un lavoro collettivo volto alla ricerca di un risultato che sintetizzi, attraverso un approccio moderno, l'idea musicale di ognuno e la rielabori all'interno di un percorso laboratoriale e di ricerca. La duttilità ed il potenziale espressivo dei quattro fiati, uniti al supporto ritmico di chitarra, rhodes, contrabbasso e batteria costituiscono il mezzo necessario al perseguimento di un risultato musicale nuovo ed attuale. Nel 2010 è uscito “Lazy Saturday”, il primo lavoro discografico dell'ottetto, prodotto dalla Not.a.mi Jazz.www.myspace.com/mpsjazzybunch

Live di Mp's Jazzy Bunch


Nessun evento trovato in archivio


MQUESTIONMARK


Avere due chitarre basso in un gruppo crea una tensione ritmica speciale. Chiaro. Dopo una serie di ep e un primo album dal titolo delizioso, Absolutely Pizza, il trio di Reggio Emilia torna autoproducendo un gioiellino indie pop. Non perdi un minuto ad ascoltare questa mezz'ora abbondante di dialoghi tra bassi con spruzzate di elettrica e accenni di synth. Sono divertenti gli Mquestionmark e abili nel creare vocalità intriganti con l'impadto perfetto delle ugole di Laura Sghedoni (anche uno dei due bassi, l'altro è di Simone Rocchelli) e Luca Verzelloni (che è pure il percussore). Nel disco ci hanno messo il loro talento altri musicisti e tra questi Filippo Rosi (alla chitarra e synth) ha pure deciso di fermarsi e di entrare in pianta stabile nella band. Si deve stare bene da quelle parti nel creare perfette canzoni che giocano sulla velocità. Che non dimenticano mai la leggerezza e che alla prova live dovrebbero definitivame www.myspace.com/mquestionmark

Live di Mquestionmark


Nessun evento trovato in archivio


MR


Live di Mr


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Anonymous


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Arnold


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Baby


Nessun evento trovato in archivio


MR BIG


I Mr Big si formano nel 1988, su idea del bassista Billy Sheehan, a cui si aggiungono il chitarrista Paul Gilbert, il batterista Pat Torpey e il cantante Eric Martin. Seguono con successo il tour al fianco dei Rush negli States. Non perdono tempo e pubblicano A Lean Into It del 1991. Il gruppo ottiene un enorme successo grazie alla hit estratta, "To Be With You" che raggiunge la posizione n° 1 negli Stati Uniti ed il 5° posto in Gran Bretagna. Segue un altro tour britannico, prima che il quartetto decida di pubblicare il terzo album in studio, Bump Ahead. Altre date nel ruolo di headliner li vedono nuovamente in tour nel Regno Unito nel dicembre 1993 con i Forgodsake come supporto. A seguito di queste date, il gruppo passa nel ruolo di supporto ai leggendari Aerosmith in occasione di tre date tutto esaurito alla Wembley Arena di Londra. Gilbert scioglie il gruppo alla fine degli anni Novanta per inseguire la carriera solista; al suo posto arriva Richie Kotzen con cui viene pubblicato GET OVER IT (2000) e ACTUAL SIZE (2001). 
Nel maggio 2008 alla House of Blues di Los Angeles, i Mr Big si ritrovano per celebrare la reunion. A vent’anni dalla loro nascita, tornano insieme i Mr Big: i quattro grandi della musica internazionale sono tornati sui palchi con un tour giapponese andato in sold out in pochissimi minuti ed è questo incredibile successo ad aver spinto Eric Martin, Paul Gilbert, Billy Sheehan e Pat Torpey a organizzare in breve tempo anche un tour europeo che toccherà tutte le più grandi città dell’Europa continentale. www.mrbigsite.com

Live di Mr Big


Nessun evento trovato in archivio


MR BIZARRO & THE HIGHWAY EXPERIENCE


Mr.BIZARRO & the HIGHWAYEXPERIENCE Rock'n'roll adrenonoise from Venice-Italy- Rock, indie, post-punk, noise, stoner, metal, lo-fi??? Devastazioni, follia, cinema, festa??? Si, si si. Tutto questo e molto di più: MrBizarro & The Highway Experience. Attivi fin dal 2002, dopo un promo omonimo e un lo-fi album intitolato "WhiteStarKillers" (Lunaregistrasuoni'03), svariate partecipazioni a compilation, trasmissioni radio e TV e quasi un centinaio di concerti in tutto il territorio italiano e non solo, i MrBizarro hanno pubblicato il loto terzo lavoro dal titolo "Hello Hell" per l'indie label varesina Midfinger Records di Samuele Franzini, mediante un innovativo web-package scaricabile gratuitamente dal sito www.midfinger.net (ottobre2005). In quattro anni di attività e numerosi cambi di line-up, la band veneta e' riuscita a crearsi un vero e proprio spazio all'interno del fitto sottobosco musicale italiano, supportando e condividendo il palco con amici come ODM, Giardini di Mirò, Motorama, Linea77 e band di fama mondiale come ZU, Black Rebel Motorcycle Club, Nashville Pussy, Hardcore Superstar e tantissimi altri ancora. Un live set d'impatto, amplificaotri a palla ed energia, urla e rumore, il tutto condito dalle solite "bizarrate"... Un live che i MrBizarro hanno proposto pure all'edizione 2005 dell'HEINEKEN JAMMIN' FESTIVAL di Imola, aprendo la giornata che vedeva la partecipazione di band come Velvet Revolver, Billy Idol, Oasis, Mercury Rev e che ha riscosso ottime critiche anche oltre i confini nazionali, quando i bizarri sono stati coinvolti nei Midfinger Party al Water Rats di Londra (ottobre2005) e al White Trash di Berlino (maggio2006). Il 2006 e' stato un anno molto "ricco" per i bizarri impegnati sia sul fronte dei live, sia sul fronte dello studio: infatti i bizarri hanno dato da poco alla luce le registrazioni di 12 brani che andranno a costituire l'album d'esordio (uscita prevista nei primi mesi del 2007) per Midfinger Records/Warner Chappel e sarà distribuito nei negozi da Venus. Nei primi giorni di marzo e' uscito "SAVE US" Ep, dei MrBizarro & The Highway Experience. Piccola anticipazione di quello che sarà l'album di debutto della band, 3 nuove canzoni (tra cui una e'la sigla di un noto programma di cabaret televisivo veneto) scaricabili on line completamente gratuite su www.midfinger.net! take a look! Per ulteriori informazioni visitare il sito www.mrbizarro.too.it www.myspace.com/mrbizarrothehighwayexperience www.midfinger.net www.myspace.com/midfingerrecords MRBIZARRO BOOKING BY IURI iuri3000@libero.it 328/426.58.58

Live di Mr Bizarro & The Highway Experience


Nessun evento trovato in archivio


MR BOBCAT


Il sound dei Mr. Bocat è caldo e avvolgente, allo stesso tempo ritmicamente pieno e pacifico nell'atmosfera, come si addice al genere roots reggae che caratterizza le loro esibizioni. Il carismatico frontman Roberto Gatti richiama lo stile di Marley non solo nella voce, inconfondibilmente modulata sulla sua, ma anche nelle movenze sul palco, capaci di trascinare il pubblico in un'onda irrefrenabile. Le due coriste Anna Diana Sanhueza e Chiara Garavaglia lo accompagnano e sostengono aggiungendo la carica di sensualità e dolcezza che caratterizzava le I-Threes. www.facebook.com/MrBobcatTheYouth

Live di Mr Bobcat


Nessun evento trovato in archivio


MR BOOP


I MR BOOP nascono nel 2008 nella città di Alba Adriatica da un' idea del frontman Alex Bopp autore di musiche e testi. Ad Alex si uniscono il bassista Luca Riga ed il batterista Igor Piccioni, formando cosi' il nucleo portante della band. Per la realizzazione del primo album vengono chiamati come ospiti musicisti locali provenienti da diverse situazioni ma accomunati dalla passione per il Southern Rock. Nel 2009 la S. Matt Family pubblica finalmente il primo lavoro autoprodotto “Still the Same…” ottenendo immediatamente un contratto con l'etichetta romana Revalve Records per la promozione e la distribuzione on-line dello stesso. Ottime le recensioni che ne seguono sulla stampa specializzata e sulle web-zine del settore. Nel 2012 entrano nella band i chitarristi Emanuele Perilli e Gianmarco Renzi, già guest guitarists durante la registrazione del CD. La S. Matt Family e' pronta a mordere! Nel 2011 viene girato il primo videoclip della band tratto dal singolo “Nobody”. Il videoclip viene incluso nella ristampa di “Still the Same…” e raggiunge un alto numero di contatti sui canali a tema quali YouTube. L'attività live prende subito piede per la promozione dell'album toccando diverse Città e permettendo alla S. Matt Family di dividere il palco con gruppi ed artisti affermati della scena Rock italiana ed internazionale. Nel 2012 aprono, infatti, per il bassista americano Marco Mendoza (Thin Lizzy, Whitesnake), per il chitarrista storico di Vasco Rossi Andrea Braido e per lo storico chitarrista degli Europe Kee Marcello. Nello stesso anno la line-up si stabilizza con l'ingresso come chitarra solista del giovane talento Emanuele Carulli, il quale si affianca al già “rodato” Gianmarco Renzi alla chitarra ritmica. La costante attività live e di promozione attira l'attenzione della RAI, infatti il TG3 locale dedica un ampio servizio alla S. Matt Family nel Maggio 2012. La band è ora concentrata nella stesura di nuovi brani e nella programmazione del tour estivo per la promozione dell' album “Still the Same…”. Gli ingredienti sono caratterizzati da un' abbondante dose di spirito libero, tanto cuore ma soprattutto…tanto 

Live di Mr Boop


Nessun evento trovato in archivio


MR BRACE


MR. BRACE::. Il "Brace" scrive canzoni e resta folgorato prima dal nuovo cantautorato americano (Bonnie Prine Billy, Sparklehorse) e poi da quello tradizionale nella persona del leggendario Hank Williams. Le canzoni dei mr.Brace parlano di vita, morte, speranza, rapporti, noia, incontri, illuminazioni e di quella che è l'universale quotidianità. Dopo alcune date insieme ai compagni d'etichetta (TAFUZZY) e a fronte di sempre maggiori consensi, i Mr. BRACE si rinchiudono per tutto l'arco dell'autunno-inverno 2004 e preparano i pezzi per il nuovo lavoro che vedrà luce nel novembre 2005 (dal titolo: “Salvate il mio maglione dalle tarme”). Lo spettro di influenze pur rimanendo nell'area cantautorale country-folk americana si amplia includendo jazz e musiche di altre tradizioni (di ispirazione saranno il Chet Baker cantante e il Tom Waits più scalcinato). I testi proseguono la ricerca sulle tradizioni, le radici popolari (confondendo sempre più quelle americane, nere o bianche che siano, con quelle italiane-romagnole) alla ricerca di nuovi simboli, nuove associazioni di idee antiche, nel tentativo di ritrovare il solito nuovo antichissimo linguaggio per la modernità. infos: www.myspace.com/mrbrace

Live di Mr Brace


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Brown Idiot


Nessun evento trovato in archivio


MR BROWNSTONE


I Mr. Brownstone nascono nel 2005 dall'incontro di cinque musicisti il cui denominatore comune è una forte passione per l'hard rock. Dave (voce) Montz (chitarra ritmica) Rebelot (Chitarra solista) Betty (Batteria) e Stee (basso). Dopo un lungo lavoro di ricerca sulla sonorità e la presenza scenica, il gruppo propone uno show di grande spettacolarità e originalità in piena atmosfera Guns 'n Roses, per far rivivere l'atmosfera dei mitici tour che hanno fatto la storia dei loro anni d'oro!! Uno show che non deluderà i nostalgici dell'hard rock e che coinvolgerà chiunque abbia voglia di scatenarsi al ritmo del maledetto rock 'n roll! www.myspace.com/mrbrownstonegnrtribute

Live di Mr Brownstone


Nessun evento trovato in archivio


MR BURNS


Mr.Burns tributo al sound di Seattle Capita a volte di imbattersi in rare formazioni che, nonostante stiano percorrendo una propria e ben definita strada musicale, scelgono di cimentarsi in qualcosa di diverso per un periodo più o meno breve. Così è per i Mr.Burns, (alter ego della band che risponde al nome NEROAVORIO) Alice in chains, Pearl Jam, Soundgarden, Stone Temple Pilots e altre bands più o meno note, concedendosi talvolta piacevoli digressioni in "altri spazi" (Red Hot Chili Peppers, RadioHead, Incubus, per citarne alcuni). Un concerto raccolto e di atmosfera che sorprende, però, per una inaspettata carica ed energia che non fa rimpiangere le chitarre elettriche. L'impronta della band, senza tradire lo stile dei brani originali, emerge forte in alcuni arrangiamenti, che sembrano rivelare nuove colorazioni ed atmosfere in brani più che noti. Un progetto ben definito ed efficacie, ma ricco di sfumature. - SUONANO: venerdì 23-12-05 all'AREA51 di riccione - www.mrburns-music.de

Live di Mr Burns


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr C


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Dorgon


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Dorgon Vs Greg Kelley


Nessun evento trovato in archivio


MR HENRY


MR. HENRYMR. HENRY Mr. Henry è un cantautore di Varese che esordisce con un lavoro attraverso il quale prova a trasporre in musica le quattro fasi crepuscolari della giornata (Early Morning, Sunset, Evening e Late Night). Le canzoni scelte per rappresentare ciascuna delle suddette sezioni si avvalgono del supporto dei Midwest e di Loris Antoniazzi (pianista dei Bartòk) e poggiano sulla chitarra e sulla voce di Mr. Henry. Quattordici ballate alla nicotina, pastose, brumose e abbastanza caratteristiche, ma non sempre capaci di appiccicarsi addosso all'ascoltatore. www.mrhenry.com

Live di Mr Henry


Nessun evento trovato in archivio


MR HUDSON & THE LIBRARY


MR HUDSON & THE LIBRARY. La band inglese rappresenta, con il suo sound intriso di jazz, ska e R n’ B, un altro esempio di come si possa arrivare al grande pubblico pensando innanzitutto alla qualità della propria proposta. Il primo singolo ‘Too Late’ tratto dal disco ‘A Tale of 2 Cities’, uscito il 19 Febbraio in Inghilterra, ha immediatamente riscosso grande successo. Il brano è già entrato anche nell’air play radiofonico italiano. Mr Hudson & The Library è un progetto nato un anno fa dalla decisione di Mr Hudson (unico compositore della band) di portare sui palchi inglesi la propria musica: nascono a tal proposito The Library, formati dall’amico di vecchia data Mapps Haxley (basso), TJ (piano), Wilkie Wilkinson (batteria) a cui si aggiungerà più tardi Joy Joseph, jolly della formazione. www.myspace.com/mrhudson www.mrhudsonandthelibrary.com

Live di Mr Hudson & The Library


Nessun evento trovato in archivio


MR JIMMY & THE TEQUILA CONNECTION


Mr Jimmy & The Tequila Connection la differenza tra il passato e la storia. Mr Jimmy voce e chitarra acustica - Pedro Mcfarland chitarra elettrica e cori - Alexia Malone basso e cori - Bruce Ketta batteria MrJimmy Si sa molto poco di lui, leggenda narra che sia stato capotecnico nel tour di Sticky Fingers degli Stones, altri raccontano che non abbia genitori ma si sia fatto da se, altri ancora dicono che abbia cantato con i Beatles ma era troppo bravo e fu licenziato. Altri infine l'hanno visto aggirarsi nei camerini di Bob Dylan durante il suo celeberrimo tour in Cina dove ha conosciuto una, all'epoca sconosciuta, Alexia Malone. E' la voce solista di questo strepitoso gruppo the Tequila connection Pedro McFarland Nato e cresciuto in Catalogna, figlio di immigrati irlandesi, il padre giocava a calcio nella cantera del Barcellona e la madre gestiva un bordello sulle Ramblas. Una delle prostitute presenti ebbe una relazione con il figlio illegittimo di Mick Jagger, fu lei ad insegnargli i primi rudimenti sessuali e chitarristici, molto piu' famoso per i secondi che per i primi. Da anni accompagna nelle scorribande rock il suo fedele socio Mr Jimmy. In questa band si occupa di tutto cio' che e' chitarra elettrica e di supportare ai cori la strepitosa voce del suo socio, oltre che di organizzare improbabili pranzi ad orari assurdi con il resto della band. Alexia Malone Bassista di fame internazionale ha girato, con il suo fedele strumento, tutte le regioni del terzo mondo per portare cibo agli affamati, dopo l'ultimo, lunghissimo tour in India, Darfur, Zimbabwe ed Etiopia e' tornata in Italia, suo paese d'orgine, per unirsi ai Tequila Connection, su esplicita richiesta di Mr Jimmy che aveva conosciuto nei camerini di un tour di Neil Young. Bruce Ketta Batterista italo-americano, ha suonato nei peggiori bar di Caracas, nei migliori pub di Tokio, nei medi saloon di Nashville senza aver mai preso un aereo in vita sua. Molto conosciuto per essere pluripremiato alla sagra della porchetta che ogni anno si celebra ai castelli romani, eclettico, mancino, rompiscatole. E' diventato vecchio collezionando vinili per poi criticarli ad ogni nota.

Live di Mr Jimmy & The Tequila Connection


Nessun evento trovato in archivio


MR JUMP


MR. JUMP (cover pop rock dance) www.misterjump.com

Live di Mr Jump


Nessun evento trovato in archivio


MR OCCHIO & his imaginary friends band


Hard boiled LP 12" Brani tradizionali della cultura delta blues, brani originali in italiano e francese e due omaggi alla tradizione italiana, "Guarda che luna" di Fred Buscaglione e "Super Market" di Lucio Battisti. That's Rock! 12 tracce per mezz'ora di r'n'r / country / blues / gospel. Contatti mySpace e Facebook: www.myspace.com/mrocchioonemanband

Live di Mr Occhio & His Imaginary Friends Band


Nessun evento trovato in archivio


MR PHIL


MR. PHIL CHI E' - Dj/Produttore d'adozione Romana attualmente considerato come uno dei nuovi talenti piu promettenti della nuova scena hip hop Italiana. IL DISCO - 'Guerra Tra Poveri', dopo vari progetti arriva il suo primo album ufficiale, uscito da poco per Vibra Records. INFO - Ha collaborato con numerosissimi artisti tra cui: Afu Ra, Amir, Bassi Maestro, Colle Der Fomento, Dj Double S, Ghemon Scienz, Jeru Da Damaja, Lord Bean, Manero Il Turco, Maylay Sparks, Mista e tanti altri...... Mr.Phil viene oggi considerato come uno dei club dj piu esplosivi del panorama hip hop Italiano. Vanta un esperienza pluriennale che l'ho porta a suonare come dj resident e special guest in alcuni fra I locali piu belli ed esclusivi della penisola, e non solo. Come producer Mr.Phil vanta una discografia vasta con partecipazioni di molti fra I gruppi ed Mc piu potenti della scena nazionale, ed internazionale, tra cui; Colle Der Fomento, Monod Marcio, Club Dogo, Bassi Maestro, Amir, Maylay Sparks, Afu Ra e Jeru Da Damaja di New York. La sua continua presenza sui media testimoniano il fatto che Mr.Phil e attualmente uno dei dj/producer piu dinamici e richiesti della scena hip hop italiana. Ha collaborato a numerosi eventi Red Bull, Fendi, Virgin Airlines, MTV e Burton, oltre ad'aver suonato accanto a personaggi del calibro di Kanye West, Dj Camilo, Dj Cut Killer, Dj Kool, Dj WhooKid, Fish, Dj Double S, Dj Joss, Tony Touch e Dj Mystique. Il suo impegno nella produzioni a catena di mixtape, programmi radiofonici, e altri lavori come produttore stanno aiutando ad incrementare la sua reputazione come uno dei dj piu promettenti della scena italiana. Il suo djset miscela I classici del hip hop e r'n'b con le ultime hit da classifica, passando attraverso i ritmi contagiosi della dancehall creando un sound vario, dinamico ed indimenticabile. "Kill Phil", mixtape uscito nell'estate del 2005, rappresenta il suo esordio "solista", dopo i lavori realizzati in connubio con Amir. "Kill Phil", titolo e grafica ispirati al quasi omonimo film-cult di Tarantino, 22 tracce + 1 bonus track, oltre 75 minuti di musica, svariati ospiti al microfono; Mr Phil si occupa dell'intero aspetto produttivo, unendo ai compiti del beatmaker anche il mixaggio e la masterizzazione: l'intero lavoro è stato concepito e realizzato infatti nel suo CitySound Studio. Phil conferma ed accresce la buonissima impressione suscitata nelle sue uscite precedenti: sostenere un lavoro di questa durata con una tale personalità è sicuramente indice di grande talento. Le basi di Phil ricordano vagamente quelle del primo Friz: semplicità ed essenzialità le due prerogative basilari del suo sound, in contrapposizione con la tendenza attuale a "farcire" le strumentali con mille suoni inutili e caotici. Ottimo gusto nella scelta dei campioni, tagliati a volte in maniera minimalista, coniugato alla capacità di farli suonare in maniera "grassa e corposa": il campionatore ha sempre un suo perché.

Live di Mr Phil


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Pitiful


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Projectile


Nessun evento trovato in archivio


MR QUICK


Mr.Quick “story” - Da tempo Devis Tagliaferri e Fabrizio Tarroni avrebbero voluto “saltare” sui palchi in versione Funk/Rock, dove scaricare un po’ di energia attraverso il suono valvolare di una “fender al ginocchio” e la “voce nervosa” di un carismatico cantante (situazione insolita per un Fabrizio Tarroni, abituato al “DUO” con John De Leo -voce del QUINTORIGO- o Serena Bandoli.....arrivando al suono pulito del Jazz nel Faxtet). Così alla fine dell’estate 2000 incontrano Marco Dirani, virtuoso bassista Funk (che con la sua professionalità, riesce a limitare addirittura il suo virtuosismo sullo strumento!) ed Enrico “Live” Liverani, geniale batterista dalla “pacca” inconfondibile sempre pronto a nuove sperimentazioni (sei i gruppi attualmente in cui suona). Da questa fusione nasce il progetto Mr.Quick ... sui palchi, per trasmettere adrenalina con i brani più “Fuck/Funk/Rock” degli anni 90/2000/2001 e 2002, con arrangiamenti personali e versioni insolite di artisti che hanno segnato la storia della musica (Cake, Spin Doctor, Red Hot Chili Peppers, Radiohead, Lenny Kravitz, Living Colour, President of the USA, Freak Power, Buckcherry, Ben Harper, Reef, Blur, Creed, Nichelback, Incubus, Stereophonics...). www.fabriziotarroni.it/mrquick.htm - www.fabriziotarroni.it - tel. 347/2355304 (Fabrizio) - tel. 0546/681819 (Faredollars/Tratti).

Live di Mr Quick


Nessun evento trovato in archivio


MR QUINTRON


Il mitico performer tastierista psichedelico e il suo show lisergico pazzoide www.quintronandmisspussycat.com

Live di Mr Quintron


Nessun evento trovato in archivio


MR SATURDAY NIGHT SPECIAL - Lynyrd Skynyrd Tribute Band


Dopo il bagno di folla alla festa all'Independence Day Party alla base Americana di Napoli, torna a giocare in casa (ma non ancora a San Siro) la storica band milanese pre-"tribute band era", che rievoca con passione e precisione filologica, ma senza ridicoli scimmiottamenti, le atmosfere della leggendaria cult band dei Lynyrd Skynyrd, la preferita da Jack Nicholson e la più citata nella storia del cinema americano. Un doppio cd ufficiale ottimamente recensito dal Buscadero. Le canzoni di Ronnie Van Zant, che in America conta quanto Abramo Lincoln, sono presentate anche in versione unplugged e riarrangiata. www.myspace.com/mrsaturdaynightspecialband www.lynyrdskynyrdtrybute.it

Live di Mr Saturday Night Special - Lynyrd Skynyrd Tribute Band


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Soul


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr T Experience


Nessun evento trovato in archivio


MR TOKIO & THE BEAT GOES ON


Mistertokio biografia Dopo la lunga militanza durata undici anni nella cult ska band torinese Statuto, Alex Loggia lascia il gruppo per dedicarsi ad un tipo di sonorità più rivolte al soul ed il funk con una band denominata "Il Santo". Nel 1999 vede la luce il primo ed unico singolo de il Santo dal titolo "Via di qua" pubblicato per la Sony music, che riscuote un buon successo da parte della critica giornalistica specializzata. Nella primavera del 2000 il Santo viene contattato dallo staff organizzativo di Paul Weller per aprire i concerti della tourné acustica del ModFather. Nel 2001 prende forma il progetto , Mistertokio &The Beat Goes On del quale esce un album di cover di brani soul riarrangiati in chiave rock-steady dal titolo "The Summer Sessions" ottenendo un buon riscontro di pubblico nelle esibizioni live. La recente pubblicazione del disco "Keep on Fightin'" ha visto coinvolti nell'mpresa, l'immancabile Oscar Bruno alla batteria da sempre braccio destro di Alex, Rudy Ruzza bassista storico degli Statuto, Mike Painter, hammondista della mod-band Four By Art, Andy Mc Farlane degli Hormonauts, Enrico Delaurenti, al trombone, Roberto Ferro alla tromba, Nicola Tonso, jazzista e collaboratore di Gianni Basso, Daniele Casetta e Davide Cuccu alle tastiere. www.mistertokio.com www.myspace.com/mistertokio

Live di Mr Tokio & The Beat Goes On


Nessun evento trovato in archivio


MR VEGAS & THUGZ BAND


Clifford Smith, conosciuto meglio come MR.VEGAS, ha sviluppato la sua affinità per la musica fin dall'adolescienza. Inizia vociando un brano del riddim Playground per il produttore Jeremy Harding, e da subito entra nel giro grosso del reggae business giamaicano. Ambizioso e subito giudicato bene dalla critica mondiale, Vegas scrive subito il singolo "Nike Air". Segue, nel 1997, "Heads High", un successo planetario, e inizia a produrre le sue canzoni con l'aiuto dei mixer analogici Midas. "Heads High" diventa il suo singolo più venduto, in heavy rotation sulle radio più commerciali del mondo e approda nei palinsesti di MTV. L'album omonimo fa il giro del mondo e si fa notare come il disco dancehall più richiesto dai Sound Systems di tutto il pianeta, sfornando singoli su singoli : "Jacket", "Sweet Pineapple", "Everywhere I go", e vince a stretto giro il Best Reggae Artist Award. Grazie a questo riconoscimento, il suo fan club si allarga a tutti gli Stati Uniti e al Regno Unito. Per consacrarsi, rilascia subito il disco "Damn Right", mescolando il sapore hip-hop e R&B nei singoli da alta classifica "Girls Time", "She's a Ho" e "Hot Gal Today", dove collabora addirittura con Sean Paul. "Hot Gal Today" fu votato addirittura come la "combination" più riuscita di tutti i tempi dal noto Vibe Magazine, e vedendo crescere sempre più la sua popolarità, si trasferisce a Los Angeles dove fonda l'etichetta indipendente Delicious Vinyl Vegas, e pubblica il suo terzo album, "Pull Up". Il brano omonimo nasce dalla riddim Coolie Dance, e consacra Mr.Vegas come star mondiale della dancehall. Diventa numero uno incontrastato in giamaica, i suoi video sono sempre molto creativi e la comunità dancehall lo riconosce come guru assoluto del genere. Ogni anno è headliner dei festival reggae più importanti del mondo, come Guinness Sting, Red Stripe Reggae Sumfest, Fully Loaded, Reggae e Rototom Sunsplash. Così approda in Europa, già famoso e stra-acclamato, e ovviamente non mancano i tour mondiali che arrivano fino in Giappone. Nell'agosto del 2007 pubblica il suo ultimo album, sempre sotto Delicious Vinyl / Fontana, e si chiama "Hot it up", i suoi singoli diventano jingles di spot pubblicitari programmati anche sulle televisioni nazionali italiane, e mantiene un format ed una presenza sempre di altissimo profilo ed eleganza nello stile. Mr.Vegas è inoltre promotore e produttore costante di artisti dancehall emergenti, dando loro un sacco di opportunità per farsi conoscere alla massive mondiale. Intrattiene il pubblico con produzioni reggae sempre di altissimo livello, e spinto dalla sua immortale passione, continuerà per sempre a dominare di forza l'industria ed il mercato della musica Reggae in tutto il mondo. www.mr-vegas.com www.myspace.com/mrvegas

Live di Mr Vegas & Thugz Band


Nessun evento trovato in archivio


MR WHITE RABBIT


Un connubio di pop, rock, brit-music è ciò che da vita all'anima del combo Milanese MWR. L'allegrezza dei brani più brillanti e spensierati e la melanconia delle più dolci e melodiche ballad caratterizzano un sound fortemente radicato sulla scuola dei grandi maestri Inglesi, ma proiettato oggi negli stilemi del terzo millennio! Il progetto vede la luce nel 2003, nell'area del Sud-Ovest Milanese, dall'incontro di Federico Marin (classe '87, cantautore - chitarrista) e Roberto Paladino (anch'egli classe '87, cantautore - bassista). Il duo comincia a produrre del materiale inedito e a sperimentare nuove sonorità partendo dall' unione delle personali influenze musicali. Nel 2004 avviene l'incontro con Larsen Premoli, che inizierà ad occuparsi della produzione del materiale della band. Dopo un lungo lavoro di stesura, scelte stilistiche degli arrangiamenti e delle sonorità, i brani sono pronti per essere incisi: è l'estate 2005, e Larsen presenta a Fede e Robe, Edoardo Vannucci, batterista coetaneo al duo che entra a far parte del gruppo. La band prende ufficialmente il nome di "Mr White Rabbit" e nel mese di Luglio entra ai LarsenProjects Studios per la realizzazione del primo EP. La produzione artistica dell'album sceglie di affidare all'attuale LineUP l'esecuzione delle parti: quindi Fede (Vocals & Guitars), Robe (Vocals & Bass), Ed (Drums); dell'incisione delle parti di tastiere si occupò lo stesso Larsen. Durante l'inverno 2005 vengono incisi altri 5 brani, che uniti agli 8 già prodotti danno vita al primo demo-album in lingua inglese "Follow me". Nel periodo che segue la band consoliderà il quartetto con Alessio Buongiorno tastierista e terza voce della band che porterà l'ingrediente mancante all'attuale alchimia del BianConiglio. Nel Dicembre 2006 Vengono incisi i primi 5 brani in lingua Italiana, 4 nati dalle precedenti versioni in lingua inglese, e uno "ex-novo"; ed è proprio del brano "ancora tu" che, nel febbraio 2007, viene realizzato un nuovo videoclip-demo sempre sotto la regia di Livio Di Miceli che già aveva realizzato il videoclip di Similar to Love! Dal 2007 la proposta in Italiano, anche grazie ai VideoClips autoprodotti, viene fortemente apprezzata raggiungendo un vasto numero di consensi sul portale MySpace e sul sito LucaVenturiCasting, mettendo così in mostra la band fino a giungere agli occhi e alle orecchie dell'omonimo produttore Luca Venturi (CMP) e della major multinazionale WarnerMusicItaly. Comincia cosi la collaborazione fra MrWhiteRabbit e questi due pilastri della discografia Italiana con la conseguente produzione del primo singolo “Wonderful” che, oltre ad essere pubblicato in tutta Italia il 22 giugno '07, avrà la potenzialità di essere la colonna sonora di un prestigioso film di animazione internazionale: “The Reef” - un film sull'onda di “Finding Nemo” e “Shark Tale” - è la pellicola che in Italia avrà come colonna sonora i brani del BianConiglio, in programmazione in tutte le sale dal 29 giugno 2007! Di Wonderful verrà girato un videoclip, con il supporto tecnico della grandissima casa di produzione "RunMultimedia", presso il parco-divertimenti CanevaWorld e vanterà la regia di Gaetano Morbioli . www.mrwhiterabbit.com

Live di Mr White Rabbit


Nessun evento trovato in archivio


MR WILSON


Nuovo disco per i Mr. Wilson Annunciato nei mesi scorsi, è arrivato il terzo cd dei Mr.Wilson. Il disco contiene nove canzoni ed è stato registrato e mixato a Vicenza da Harabe. Nel cd hanno suonato anche Sbibu (Farabrutto), Alessio De Antoni (Neptune/Novità da Plutone), Fabio Dalla Bernardina (Jacinto Canek) e Luca Dal Lago (Lymph). Particolarmente importante l'apporto di Rosaida Benini (autrice dei dipinti di copertina) e di Stefano Torregrossa (progetto e realizzazione grafica). Il disco viene presentato dal vivo a partire da marzo, attraverso vari concerti e occasioni dal vivo a Verona, Brescia e dintorni. In concerto i Mr.Wilson propongono l'intero disco, brani inediti e alcuni brani cover riarrangiati. In occasione della pubblicazione di "Mr.Wilson", viene ristrutturato anche il sito http://www.mrwilson.it , curato da Marzio De Franceschi, attraverso il quale sarà possibile trovare tutte le informazioni relative ai mr.wilson e acquistare tutto il materiale. http://www.myspace.com/mrrwilson http://www.mrwilson.it/index1.php

Live di Mr Wilson


Nessun evento trovato in archivio


Mr WOB & The CANES


La band nasce il 3 Dicembre 2012 (con un concerto in un'osteria perduta tra le nebbie della campagna veneta) dalle esperienze di tre (ahinoi) musicisti, i quali convergono sull'idea di creare un trio di Blues cercando di recuperare quanto di africano, haitiano, misterioso e fuorischema ci sia nel Blues. Da qui il nome di Voodoo Blues. Dopo qualche periodo di studio, Mr. Wob & The Canes cominciano a proporre il proprio sound a partire da Venezia, loro patria, per poi muoversi a zonzo per il nord Italia. Dall'Emilia al Trentino, dalla Toscana alla Lombardia, questi "stagionati" musicisti, hanno deciso di portare in giro un modo diverso di fare il blues collezionando in un anno di attività circa 50 concerti (non molti ma un buon inizio) fino alla registrazione del loro primo album "Invitation to the Gathering" dove trova una prima realizzazione la loro ricerca. Si tratta di un album che mescola il fife&drum style del Mississippi con i ritmi primitivi del Blues senza dimenticare tributi stilistici alle esperienze più classiche del blues e le sue trasformazioni più moderne. In poche parole, il nostro è un blues da ballare, da cantare, nato per essere un vero e proprio invito a radunarsi e festeggiare. http://www.reverbnation.com/mrwobthecanes

Live di Mr Wob & The Canes


Nessun evento trovato in archivio


MR. JACK - Tributo ai Sistem Of A Down


In genere un po’ tutto il rock ed il metal hanno solcato la vita di ognuno di noi in modo differente ma decisivo. Per noi che veniamo da situazioni e band diverse, c’è stato qualcosa che ci ha accomunato e ci ha permesso di realizzare il progetto “ MR. JACK”. Band come Iron Maiden, Pearl Jam, Metallica, Led Zeppelin, Deep Purple, ACDC, Kiss, Korn, Beatles, The Who….e chi più ne ha più ne metta, sono stati la nave scuola di un pò tutte le rock band contemporanee e passate. Tuttavia…. i S.O.A.D. ci hanno permesso di sperimentare cose mai suonate prima, un genere, osiamo dire, che sta in tutti i generi ma che non è nessuno di essi. Sonorità che non si sentono tutti i giorni, con fasi psicotiche alternate a miscellanee di stampo “ghotico”, ritmiche devastanti, pause sonore di rigoroso silenzio, il tutto sostenuto da distorsioni molto pesanti e timbriche originarie di paesi alle quali le nostre orecchie non sono abituate. Il nostro progetto “MR. JACK” è scaturito proprio dalla passione che ci lega a questo gruppo ed il nostro desiderio è quello di proporlo al pubblico come lo proponevano i SYSTEM OF A DOWN nei loro concerti, con la stessa intensità ed energia. www.myspace.com/misterjackrovigo

Live di Mr. Jack - Tributo Ai Sistem Of A Down


Nessun evento trovato in archivio


MR.Bopp


La S. Matt Family nasce nel 2008 nella citta' di Alba Adriatica da un'idea del frontman Alex Bopp autore di musiche e testi. Ad Alex si uniscono in primis il bassista Luca Riga ed il batterista Igor Piccioni, formando cosi' il nucleo portante della band. Per la realizzazione del primo album vengono chiamati come ospiti musicisti locali provenienti da diverse situazioni ma accomunati dalla passione per il Rock tinto di Southern americano. Nel 2009 la SM Family pubblica finalmente il primo lavoro autoprodotto “Still The Same” ottenendo immediatamente un contratto con l'etichetta romana REVALVE RECORDS per la promozione e la distribuzione on-line dello stesso. Ottime le recensioni che ne seguono sulla stampa specializzata e sulle web-zine del settore. Nel 2010 entrano in pianta stabile nella line-up i chitarristi Emanuele Perilli e Gianmarco Renzi . La S.M. Family e' pronta a mordere! Nel 2011 viene girato il primo videoclip della band tratto dal singlo “NOBODY”. Il videoclip viene incluso nella ristampa di “STILL THE SAME” e raggiunge un alto numero di contatti sui canali a tema quali YouTube. L'attivita' live prende subito piede per la promozione dell'album toccando diverse citta' e permettendo alla S.M.Family di dividere il palco con gruppi ed artisti affermati della scena Rock italiana ed internazionale. Nel 2012 aprono, infatti, per il bassista americano Marco Mendoza (Thin Lizzy-Whitesnake ect.), per il chitarrista storico di Vasco Rossi Andrea Braido e per lo storico chitarrista degli Europe Kee Marcello. La costante attivita' live e di promozione attira l'attenzione della Rai-Tv, infatti il Tg3 locale dedica un ampio servizio alla S.M. Family nel maggio 2012. La band e' ora concentrata nella stesura di nuovi brani e nella programmazione del tour estivo per la promozione dell' album “STILL THE SAME”. Gli ingredienti sono caratterizzati da un'abbondante dose di spirito libero, tanto cuore ma soprattutto...tanto Rock N Roll!!! http://www.boppandfamily.com

Live di Mr.bopp


Nessun evento trovato in archivio


Mr.Milk


Mr.Milk è un progetto frutto della distrazione. L'avventura di un viaggiatore pigrissimo nella sua stanza, nella sua testa, e raramente,( e con molta paura) nel suo cuore. Uno svogliato esploratore immobile che avrebbe preferito avere gli occhi verdi, fare di mestiere il ladro, e baciare sconosciute bellissime; Inadeguato per forma e spirito ai suoi sogni,nel 2005 si arrende alla sua natura,e si ritrova a scrivere canzoni. Poi,ha suonato in posti con pochi intimi, ed in posti con molti intimi,ha sorriso più di quanto la gente si aspettasse, ha avuto il barbaro coraggio di far abbracciare,far litigare,far baciare,far piangere,fare incontrare, persone; Di salire su automobili, treni, ed aerei per raccontare cose cha ha solo sognato. Mr.Milk gioca a fare l'essere umano, e spesso perde. Forse è malato. www.myspace.com/mistermilk

Live di Mr.milk


Nessun evento trovato in archivio


MR.T-BONE & THE YOUNG LIONS


Mr. T-bone & The Young Lions Mr.T-Bone è ormai considerato un protagonista della scena ska e reggae internazionale contemporanea. Attivo dai primi anni Novanta, ha pubblicato sette dischi solisti in tutto il mondo ed è costantemente in tour tra USA, Canada, Europa e Giappone. Mr.T-Bone ha anche collaborato in Italia con artisti come Vinicio Capossela, Luciana Littizzetto, Malika Ayane, The Bluebeaters, Africa Unite, Casino Royale e con artisti internazionali del calibro di Derrick Morgan, Willie Williams, Mikey Dread, New York ska Jazz Ensemble, David Hillyard and the Rocksteady 7, Victor Rice, The Slackers, Tokyo Ska Paradise Orchestra, Caroloregians, Dr.Ring Ding. Gli Young Lions sono la sua band dal 2006 e da allora hanno macinato migliaia di chilometri insieme e registrato due dischi. HEROES, pubblicato nel 2008, ha ottenuto un grande successo ed ha vinto il premio come miglior disco dell'anno in Canada; il secondo e ultimo NOTHING TO LOSE è stato pubblicato negli Stati Uniti il 7 Ottobre 2011 dall'etichetta di Chicago Jump Up Records e presto arriverà anche in Italia. Il tour del nuovo disco è partito l'8 di Ottobre 2011 dagli USA, passando per il Canada, e continuerà fino ad Aprile 2012 toccando Italia, Spagna, Francia, Belgio, Olanda, Danimarca, Irlanda, UK, Germania, Austria, Svizzera, Slovenja, Repubblica Ceca, Slovakia, Serbia, Bulgaria e Macedonia. A Gennaio 2012 uscirà per l'etichetta giapponese Ska in the world un sette pollici e il primo The Best Of Mr.T-Bone, che comprenderà sedici brani scelti tra i suoi lavori solisti, pertanto si preannuncia per l'estate 2012 un tour tra Giapponese, Singapore e Malesia. Mr.T-Bone & The Young Lions sono: Gigi De Gaspari aka Mr.T-Bone - Voce e Trombone Marco "Benz" Gentile - Chitarra e cori Andrea Ferraro - Organo e cori Marco "Pakko" Catania - Basso Enrico Battaglino - Batteria www.facebook.com/Mr.TBoneofficial

Live di Mr.t-bone & The Young Lions


Nessun evento trovato in archivio


MR60 & the ugly dog syndicate


Giocattoli senza frontiere. E' un fatto che sia più facile imbattersi nei MR6o mentre si attraversa un ponte di Praga o si scantina in un basement di Dresda piuttosto che a frequentare i club della nostra comune regione; ma solo perché hanno capito per primi quanto un alfabeto universale come il loro pop, vergato a matita e appeso ai muri delle elementari, non sia destinato ai bibì e bibò dei quattro nomi in croce latori di apparenti incassi 'sicuri'. Ah è vero, siamo campioni del mondo adesso. "Yeah, rock'n'roll!" è titolo che fuorvia fino a un certo punto, essendo questi cinque pezzettini infarinati della solita pasta pop ma, fra tutti gli emeriti della produzione Ugly Dog, si qualificano come i più mossi, pratili, spensierati. Inalterata e micidiale resta la facilità di songwriting, l'aurea proporzione di strofa e gancio, una vorticosità di cambio agli strumenti scarsamente riscontrabile altrove: di che esserne orgogliosi, adesso che cominciano ad essere appena più noti. "My friend says it won't be better than this / my friend says it couldn't be worse": a parere di chi scrive, il presente non costituisce la migliore delle opere a firma MR60, mancando di quello spleen tipico della sonnolenta estate rurale cui ci avevano abituato e che mi nutre; ma a livello qualitativo, accelerazioni twee come "With the sun by my side" e "Just like Justin" - dedicata in qualche modo al divetto Timberlake - non sono da meno delle glorie passate, su un altro fronte, quello dei battimani a fiori. E "Time to go" con "Cupid song" ricordano Camera Obscura e Hidden Cameras, Trembling Blue Stars e Aisler's Set, mille gruppi e nessuno, le infiorescenze svedesi post-Labrador arricchite di un bizzarro organetto trovato per terra, scassato e riaggiustato, recante la targhetta MR60. Un colorato aquilone in attesa di vento, e pazienza se poi volerà via da solo, con le proprie forze: a tendergli la mano dalla finestra, adesso, una sorpresa su cinque saranno proprio loro. www.myspace.com/mr60music www.uglydogs.it

Live di Mr60 & The Ugly Dog Syndicate


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mrelomane


Nessun evento trovato in archivio


MROZINSKI


MROZINSKI è il progetto solista di Lukasz Mrozinski (ex Merçe Vivo, Seminole, aSzEs0), cantautore, chitarrista e scrittore italo-polacco. La chitarra disegna quadri onirici e la voce cadaverica e distante racconta testi scarni, ossessivi e dolcemente nostalgici. Fondatore nel 1999 dei Theorema, il progetto noise aSzEs0, dal 2006/2012 voce e chitarra dei Merçe Vivo. Chitarra nella storica noise band torinese Seminole, nei Toda e nel progetto di sonorizzazione Rebe. Con il duo d'improvvisazione sonora aSzEs_0 nel 2008 esordisce sui palchi newyorkesi. Lo stesso anno registra, produce e compone il suo primo album di sonorizzazione distribuito in occasione della sua mostra personale ospite della rassegna d'Arte Contemporanea Paratissima5.2. Nel 2009 apre il concerto presso lo sPAZIO211 dell'ultimo tour di Moltheni. Nel 2013 esce per l'etichetta indipendente I DISCHI DEL MINOLLO/Believe l'ep "Trust In Love To Be", presentato dal vivo ad Elblag in Polonia presso il MJAZZGA Club. Da settembre 2013 sonorizza dal vivo insieme al pianista Giovanni Insola lo spettacolo GLI ABERRANTI "La telenovela (teatrale) della follia" di e con Luca Atzori, appuntamento mensile presso lo spazio Greenbox di Torino. Il 4 novembre 2013 è uscita la compilation tributo ai Fluxus “Tutto da rifare” (Mag-Music, V4V Records) contenente una versione personale eseguita da MROZINSKI del brano “Una splendida giornata di luna” di cui è stato realizzato il video in collaborazione con Agnese Gemetto e Go_Diva Production. Nel 2014 uscirà il nuovo album, registrato da e con Lorenzo Peyrani presso Ordigno Studio di Torino. Il nuovo album s'avvale della partecipazione di numerosi artisti e musicisti della scena indipendente. MROZINSKI sceglie l'atmosfera intima e accompagnato unicamente dalla sua chitarra acustica presenta in anteprima lo scheletro delle canzoni che compongono il nuovo album. Contatti Facebook : www.facebook.com/mrozinskil Blog: www.mrozinski.altervista.org

Live di Mrozinski


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mrs Fletcher


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mrs Miller


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ms Dynamite


Nessun evento trovato in archivio


MS JOHN SODA


MS. JOHN SODA No P Or D Una bella coppia, senza dubbio. Giovani, belli, bravi e soprattutto eclettici ed intelligenti. In origine progetto della sola Stephanie Böhm, bassista in fuga dalla musica strumentale dei Couch, Ms. John Soda trova linfa e diventa duo grazie all'invidia positiva del 'Notwist' Micha Asher per il successo dell'esperimento già provato dal fratello Markus con i Lali Puna. Il loro (breve) esordio No P Or D si gioca tutto nella trendy fusion di indie, eighties, folk ed elettronica con momenti di pura gioia sonora, da "Technicolor" e "Misco" a "Go Check" per finire con "Hading/Fading". Finita l'infatuazione prendono corpo le perplessità: la calcolata pianificazione di alcuni intarsi tra i diversi generi provoca la sensazione (aggravata dal curatissimo booklet) di trovarsi di fronte ad una riuscita operazione di marketing musicale. The great indietronic swindle? www.msjohnsoda.de - SUONANO: Bernhard Fleischmann + Ms John Soda 19/4 Ravenna, Bronson 20/4 Roma, Circolo degli artisti 21/4 Bologna, Covo 22/4 Torino, Spazio 211

Live di Ms John Soda


Nessun evento trovato in archivio


MS TRINITI


"150.000 copie vendute in Giappone su etichetta Emi Japan, 100.000 suonerie vendute in tutto il mondo, 2 Nomination per gli EME (Jamaican Grammy's) come miglior artista femminile, featuring con Beenie Man, Vybz Kartel... ecco qualche cifra" Si presenta cosi al mercato italiano, con un curriculum del tutto invidiabile da molte star internazionali, la giovane promessa del reggae jamaicano. Ms. Triniti, all'anagrafe Triniti Bhaguandas e' stata definita a pieno titolo la regina del Ragga Hop grazie alle sue doti canore che le permettono di spaziare tra ritmi hiphop, reggae e dancehall con una facilita' sorprendente! Dopo il Triniti Tour, che l'ha portata a condividere i palchi con star del calibro di Sean Paul, Shaggy, Ja Rule, Luciano, Elephant Man, Vybz Kartel e Maxi Priest e' stata immediatamente scritturata dalla A.T.A. (American Talent Agency), che gli ha permesso di ampliare ancora di piu' la sua fama facendole aprire i concerti di Fat Joe ed Omarion in Ghana, quello di Lil Wayne a Los Angeles, New York e Las Vegas. Oggi Ms Triniti, grazie al lavoro di GetUp Management, arriva in Italia con il suo primo singolo, il suo primo album ed un tour che durera' tutta l'estate. Scarica Burnin Burnin Featuring Beenie Man Artista: Ms Triniti Album: Warrior Princess Etichetta: Trinigirl Music/GetUp Music Distribuzione: Emi Japan Promozione: SmcItalia Italian Release Date: Maggio 2010 http://www.trinitiswebsite.com

Live di Ms Triniti


Nessun evento trovato in archivio


MS.WHITE


Ms.White was born in March 2007 when Andre (Screaming) meets Paul (Drums/Vocals) and they decide to set up a screamo band. After a first period in which they played with Andre (Bass) and Dani (Guitar), the band felt the necessity to strengthen its sound with a second guitar. Due to personal problems Dani was forced to leave the band and Kawa replaced him. Completing the line-up with Dada (Guitar) in September they began writing new songs. Then In December they meet Al and T from Goddass that decide to produce the band in their new recording studio: Bro Studios. Now the band is recording its first Ep. Meanwhile Ms.White began playing live shows sharing the stage with great bands as: Adam Kills Eve, The Electric Diorama, Hell dorado,Dog Deads Walking, Soldiers Of A Wrong War, For Mistake, Riself, Magnolia, Lacrimachristi, Goddass, My Agony, Where Everything Is, First Impression Of Beauty, Saturday Ends and Drain The Dragon. www.myspace.com/mswhiteband

Live di Ms.white


Nessun evento trovato in archivio


MSTRKRFT


“Heartbreaker” è dei MSTRKRFT ,(“Master-craft”) gruppo eletronico canadese, il più recente singolo estratto dal loro album Fist of God. Heartbreaker ha come parter vocale il grande talento John Legend e il singolo risulta in grande evidenza già ai primi ascolti. L'inclusione della voce John Legend dovrebbe essere sufficiente a convincere alcuni che sarà senza dubbio un pezzo con garanzia di successo. www.myspace.com/mstrkrft

Live di Mstrkrft


Nessun evento trovato in archivio


MT KIND


Il progetto Mt-Kind nasce alla fine dell'estate 2006 da un'idea di Francesco Artini (Voce & Chitarra Acustica), Davide Nosso (Batteria), Michele Parri (Basso) e Andrea Alunno Minciotti (Chitarra Elettrica). Il gruppo propone composizioni proprie aggressive, melodiche e improntate su sonorità alternative rock guidati dalla particolare timbrica di Francesco. A fine marzo 2007 propongono il primo demo "MURDER”, che riceve subito ottimi consensi e permette alla band di esibirsi presso i principali locali della Toscana. Il primo Ep del gruppo "SEE IN ME ANOTHER ME", registrato @ "La Kava" e seguito artisticamente da Riccardo Cavalieri, esce nell'estate 2008. Attualmente il gruppo sta promuovendo il primo disco omonimo diretto artisticamente da Riccardo Cavalieri. I nove brani, arrangiati prestando particolare attenzione all'ascoltatore, scorrono fluidi e con sfaccettature ben distinte tra loro. Sette in Italiano e 2 in Inglese completano l'intenzione di proporre sulla scena Rock nazionale un gruppo dinamico e in evoluzione artistica mai statica. Da Ottobre 2010 il gruppo è entrato a far parte della Nomadism. http://www.myspace.com/mtkindgroup

Live di Mt Kind


Nessun evento trovato in archivio


MT LIVE


“Tengo a precisare: Io non sono un cantante ……. sono uno Show-Man” queste sono le parole che Mikele Tomatis (leader e ideatore della MT LIVE) ama usare per descrivere se stesso ed il suo spettacolo ! E' su questi presupposti che il trasformismo (nell' accezione più artistica del termine) entra nel panorama delle più importanti cover-band italiane e lo fa attraverso quello che parecchi gestori hanno già definito come un vero e propio “Miracolo della Natura”: Mikele Tomatis, cantante dalla classe infinita, ballerino d' eccezione, intrattenitore ed animatore inimitabile Tutto ciò condito dal suono d' eccezione di una band di grande “classe” i cui I componenti hanno accompagnato per anni artisti del calibro di Ornella Vanoni, Fabio Concato, Riccardo Cocciante, Patty Bravo, Branduardi, Gatto Panceri, Fausto Leali…..e tanti altri. In buona sostanza uno spettacolo fatto di dinamicità, classe e soprattutto di esplosiva energia, tutto ciò crea un rapporto quasi simbiotico con il pubblico che diventa un tutt' uno con Mikele che decide ogni volta che entra in scena con un' abito sempre diverso o con un' atteggiamento sempre più trasgressivo di donarsi al suo pubblico fino all' ultima goccia di sudore! www.mtlive.it

Live di Mt Live


Nessun evento trovato in archivio


MTV NEW GENERATION TOUR


MTV NEW GENERATION TOUR. FINLEY, LOST, DARI, BROKEN HEART COLLEGE e JACOPO SARNO. Cinque performance sullo stesso palco in dieci città italiane, con appuntamenti rigorosamente solo il sabato e la domenica e in orario pomeridiano, proprio per venire incontro al pubblico di giovani e giovanissimi. I cinque gruppi si alterneranno sul palco per regalare ai fan il meglio della musica live, un'occasione unica e imperdibile di vedere cinque grandi concerti in una volta sola.

Live di Mtv New Generation Tour


Nessun evento trovato in archivio


MU


Chiudete gli occhi e immaginate la vita in musica: è quello che hanno provato a fare i Mu, armati di chitarra, glockenspiel, basso e batteria, con Dropouts. Il quartetto di Verbania è giunto al suo quarto disco dal primo del 2009 continuando a sperimentare nuove soluzioni in un percorso che iniziando dall'elettronica approda adesso ad un originale ibrido tra post-rock e nu-jazz. Nato un anno fa insieme alla figlia (la Camilla della traccia 6) del vibrafonista Davide Merlino, il disco non tocca mai altissimi livelli emotivi, e si limita a tratteggiare con successo un'atmosfera serena e ovattata con grande ricorso alle percussioni intonate. La chitarra, quasi mai distorta, resta in secondo piano a svolgere una funzione prevalentemente ritmica. La batteria e il basso, delegato il compito di fare da metronomo, hanno campo più libero e fanno quasi da solisti, fiancheggiati dall'onnipresente vibrafono. In mezzo a tante tracce così pacate tra cui due dediche da padre a figlia e molti altri pezzi sulla nascita scritti dal resto del gruppo, il pezzo di apertura può trarre in inganno: siamo sulla East Coast ad aspettare l'arrivo di un uragano, e in un clima di preoccupazione e angoscia ci troviamo a sperare: Be gentle, Irene. Un disco difficile da catalogare, e anche da ascoltare (eccessiva la rarefazione delle tracce e troppo frequente il ricorso ai medesimi strumenti) ma godibile per ampi tratti, soprattutto nell'unica improvvisazione presente nel disco, Freenow, e nelle sue parti più post-rock. www.mu-music.it

Live di Mu


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mu.st


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mucc


Nessun evento trovato in archivio


MUCH THE SAME


La rivelazione hardcore melodico americana sbarca nel vecchio continente a presentarci il grandioso "Survive" uscito nel 2006 sotto Nitro Records, etichetta di Dexter Holland degli Offspring (rappresentata in Italia da Rude Records). Melodie, ritmi serrati e tanta potenza sono l'arma segreta dei quattro di Chicago. Sicuramente uno spettacolo da non perdere! Ad accompagnarli in questa avventura ci saranno i Coffee Shower, dieci anni di musica sulle spalle e non sentirli, da poco tornati dalla data Svizzera del famosoTaste Of Chaos Tour, gli abruzzesi presenteranno i nuovi pezzi che andranno a far parte del prossimo disco in uscita nel 2007. www.muchthesame.com www.myspace.com/muchthesame

Live di Much The Same


Nessun evento trovato in archivio


MUCHACHITO BOMBO INFIERNO & SANTOS DE VERACRUZ


Muchachito, leader dei Muchacito Bombo Infierno, arriva per la prima volta in Italia con il suo spettacolo da One Man Band! Accompagnato dalla sua inseparabile grancassa, una sezione ritmica in ogni gamba, la sua inseparabile chitarra e la sua voce, Muchachito vi porterà a scoprire il Rumboxing, un irresistibile mix di rumba, swing e funk con cui interpreterà i brani presi dai suoi 3 album e perfino accetterà richieste dal pubblico per un vero corpo a corpo con il pubblico. Questo è il Rumboxing! Insieme a Muchachito ci sarà l'inseparabile compagno Santos De Veracruz, artista, pittore, decoratore, che dipingerà lasciandosi trasportare dal ritmo scatenato di Muchachito, per una performance sorprendente! www.muchachitobomboinfierno.com www.santosdeveracruz.com

Live di Muchachito Bombo Infierno & Santos De Veracruz


Nessun evento trovato in archivio


MUCK AND THE MIRES


La migliore live garage rock band degli Stati Uniti: parola di Little Steven Van Zandt's e vincitrice del suo UNDERGROUND GARAGE BATTLE OF THE BANDS come miglior gruppo dal vivo. Sono di Boston e sono semplicemente fantastici ! Loro appartengono alla ristretta cerchia delle band assolutamente notevoli nell'ambito garage-pop di questo pianeta, combinando il suono tradizionale della british invasion dei primi anni 60 con il classico beat pop e il garage rock'n'roll dello stesso periodo. La loro abilità a scrivere immortali motivi che attirano l'attenzione e di suonarli con grande facilità e frizzante leggerezza suscita subito una sensazione di grande divertimento che fa tornare alla mente la freschezza dei Beatles o degli Easybeats e la sfrontatezza ed energia dei Sonics. Abiti intonati e stilosi, occhiali da sole neri, stivaletti a punta e camicie rosse da combattimento sono pronti ad offrirvi short veloci e concisi come il sixty Mersey Beat insegnava ma con tutta la passione e il vigore di una punk rock band. Un primo disco uscito nel 2004 per la AMP record, Beginner's Muck, che gli ha valso diverse apparizioni su MTV e un primo tour europeo e un secondo album uscito nel 2006 per la Dionysus Records in America e per Soundflat Records in l'Europa intitolato 1-2-3-4 sono il loro biglietto da visita. Alla fine del 2007 hanno registrato un nuovo album sotto la guida della rock legend Kim Fowley e di Maria Baglien che hanno perfettamente catturato l'essenza e la vivacità delle loro grandi performance live. Da questa session è da poco uscito l'EP Doreen per la Dirty Water Records di Londra che anticipa l'intero album di prossima pubblicazione. Le canzoni di Muck and The Mires suonano come dei classici perduti nel tempo e saltate fuori dagli altoparlant,i come una hit parade degli ultimi 40 anni, ma rigenerate e rinnovate da una macchina del tempo che le ha spinte in avanti fino al ventiduesimo secolo. Solide armonie, due minuti di energia e potenziali numeri uno sono le prerogative dei loro brani, resistenza infinita, forti emozioni e ballo incontrollato sono quelle dei loro live set!! http://www.muckandthemires.com www.facebook.com/muckandthemires

Live di Muck And The Mires


Dom 20 Apr LA SKALETTA - La spezia (SP) - Italia

LA SKALETTA 0187/500125 VIA CRISPI 168 LA SPEZIA www.facebook.com/skalettarockclub



Lun 21 Apr DEVIL'S DEN PUB - Salsomaggiore terme (PR) - Italia

DEVIL'S DEN PUB Via Patrioti, 8 bis Salsomaggiore Terme PR INFO: 393/0006574 devilsden@email.it www.facebook.com/DEVILSDEN666



Mar 22 Apr AL PORTEGHET - Trento (TN) - Italia

AL PORTEGHET Passaggio Dorigoni, 3 TRENTO INFO: 0461/985116



Mer 23 Apr SIDRO LIVE CLUB - Savignano sul rubicone (FO) - Italia

SIDRO LIVE CLUB via moroni 92 ZONA INDUSTRIALE SAVIGNANO SUL RUBICONE FC INFO: 389/8490771 sidromyclub@gmail.com www.facebook.com/sidroclubitaly



Gio 24 Apr JACK THE RIPPER - Verona (VR) - Italia

JACK THE RIPPER 045/9971267 V. NUOVA 9 RONCA' VR www.jacktheripper.it http://www.facebook.com/jacktheripperpub



Ven 25 Apr CLASH LIVE - Bergamo (BG) - Italia

CLASH LIVE via Baschenis 9 BERGAMO INFO: www.clashclub.it http://www.facebook.com/clashmusicclub



Sab 26 Apr BOUNTY - Thiene (VI) - Italia

BOUNTY Via Solferino ,38 THIENE VI INFO: www.facebook.com/bountythiene.discococktails



Dom 27 Apr ARCI VIRGILIO - Mantova (MN) - Italia

ARCI VIRGILIO vicolo ospitale 2/6 MANTOVA INFO: 0376/325721 arcivirgilio.eventi@gmail.com www.facebook.com/arcivirgilio




MUCOPUS


L’Amputated Vein è, per chi non lo sapesse, un’etichetta giapponese dedita all’estremo, tra brutal e grind. E’ anche un’etichetta che ha dimostrato nel tempo di avere una vista molto lunga, e di lavorare sempre in modo professionale; esempio più lampante sono forse gli All Shall Perish, lanciati appunto da loro e ora sotto Nuclear Blast, o anche i Goratory, il primo Enmity, e altre uscite di un certo livello nell’underground, come Malamor, Viral Load, Suture, Gemisuadi, Godless Truth… il tutto poi è sempre accompagnato da un’ottima cura anche nei particolari, come la grafica o la qualità del libretto, quasi unica nella scena. Con i Mucopus ci troviamo di fronte ad un altro, ottimo colpo. Nulla di originale, ma di buona qualità e con un suono fresco e ben prodotto, che dà quindi la sensazione di una boccata d’aria in un genere ormai quasi soffocato in sé stesso. Il genere proposto dai 5 new yorkesi è, manco a dirlo, un brutal di tipico stile NY, cui numi tutelari sono i vari Internal Bleeding, Skinless, Wasteform, i già citati All Shall Perish... ci troviamo quindi ad avere a che fare con alcuni passaggi al limite dell’hardcore, o quantomeno con riff molto “moshosi” e groovy. Non manca comunque un’interpretazione del tutto molto personale; i nostri infatti hanno un forte senso autoironico, e il clima che si crea è abbastanza goliardico, non pesante e oppressivo (ben in evidenza nei vari intro), senza per questo cadere in una pacchianeria fine a sé stessa, come purtroppo ormai spesso capita. L’album è anche tecnicamente ben suonato, e oltre a ciò anche ispirato (sfido alcuni di voi a resistere dal saltellare su certi passaggi). La produzione, pur non essendo sfavillante, è ottima al caso e dà risalto ai bassi; da notare poi che a coadiuvare il gruppo in sede di produzione c’era Darren Cesca, batterista di Goratory e Pillory. Pezzi migliori di altri è difficile segnalarne; più o meno rimane sulla stessa, buona, media qualitativa dall’inizio alla fine, senza picchi eccezionali. Tirando le somme, su ‘Mulch?!?’ non troverete nulla che già non sia stato fatto in giro, ma ciò non toglie che l’album sia molto godibile, in un certo senso divertente ed anche ispirato, merci abbastanza rare al giorno d’oggi, quando anche i maestri alle volte annoiano; ah, poi, dimenticavo… tutti i membri del gruppo avranno di poco superato i 20 anni, motivo in più per preferirli ad altri act che la loro storia già l’hanno fatta. www.myspace.com/mucopus - SUONANO: Venerdì 6 ottobre location: Soundfactory Grindcore night: MUCOPUS (Usa) + INFERIA (Finland) + LAMATEMATICA (To screamcore veterans)

Live di Mucopus


Nessun evento trovato in archivio


MUDBOY


Mudboy / This is Folk Music Ora qui è dispari. Mudboy fa e ricrea tastiere degli organi, adattare e di retrofitting della chiesa piegate vecchio circuito le vecchie per i suoi propri mezzi nefarious. Allora gioca la musica ricca che i suggerimenti allo psychedelia e ronzi su loro, mescolando nelle registrazioni del campo, rumore e suoni complementari e perfino il suono che dispari del tamburo quello suona come He è stato lasciano liberamente sulla macchina ambientale del tamburo degli impianti 85-92's di circa gemellare di Aphex. Suona occasionalmente come un electronica primitivo, lontano sottratto dal iper-batte di cosiddetto "IDM" e ripreso per gli esploratori ed i discoverers contemplative e larghi-eyed di nuovi territori e le nuove condizioni della mente. È spesso rievocativa di Florian Fricke rubato del suo Popol Vuh, ma reinvestito con una strategia meditative differente, giocante da solo in un campo. Sul website del Mudboy ci sono immagini di lui che effettua all'aperto da parte di un certo genere di bolla, rendente tutta l'immagine di lui come nebbiosi e non definiti. Ciò è un'immagine ricca per la musica che ha generato - scaldi i passaggi molli del massaggio e della manipolazione della tastiera che sono sia lyrical che riempirsi. In queste circostanze, qualunque altra strumentazione sarebbe interamente estranea. http://mudboymusic.com

Live di Mudboy


Nessun evento trovato in archivio


Live di Muddy Fly


Nessun evento trovato in archivio


MUDHAIRJONGLEUR


www.mudhairjongleur.com SUONANO: + Gianfranco e Piero Caruso Giovedi 26 Maggio ore 22 THE ANGELS PUB Piazza IV Nov Sesto San Giovanni INGRESSO LIBERO

Live di Mudhairjongleur


Nessun evento trovato in archivio


MUDHONEY


Nel 25° anniversario dall'uscita del seminale esordio per Sub Pop “Touch me I'm sick” che gettava le basi della scena grunge, tornano più tosti che mai gli inossidabili Mudhoney con una strabordante dose di superfuzz che esce dai loro big muff! “Vanishing Point” è un concentrato di humour nero, punk e psycho blues come non ci fosse un domani. Quella di Firenze sarà l'unica tappa italiana del tour che segue la pubblicazione dell'album. Dal vivo non mancano, ovviamente, "Touch me I'm Sick", "Suck you Dry" e altri cavalli di battaglia. “Vanishing Point” è la nona fatica in studio del collettivo di Seattle, un gruppo capace di rimettersi ogni volta in gioco senza sbiadire. Dieci brani che vanno a pescare nel garage, nel punk, nello psycho-blues a favore di bordate di feedback, bassi esplosivi, con l'inconfondibile voce di Mark Arm. Un disco pieno di fervore adolescenziale (nonostante i membri del gruppo siano ormai sui cinquanta) descritto con la saggezza di una band che ha vissuto esperienze e anni d'oro da poterne scrivere una biblioteca: rock diretto e senza fronzoli, canzoni indelebili nel tempo. www.mudhoney.net

Live di Mudhoney


Nessun evento trovato in archivio


MUDIMBI


E' sempre un piacere quando fai un pezzo di un determinato stile ed un portale di uno stile musicale affino ne apprezza il quid e ti supporta. Questo è successo per il giovane talento Mudimbi: Trapmusic.net, il più grande portale di musica trap al mondo, ha postato “Supercalifrigida” sul suo sito e sulla sua pagina SoundCloud. E ha scritto questo: “Straight out of Italy, Mudimbi & The Clerk have crafted an incredibly rowdy trap smasher of extraordinary energy and top-notch production quality. Although we might not what is going on, we can assure you that it sounds hard as hell, and “Supercalifrigida” set the whole TrapMusic / The EDM Network Office going wild. Sometimes, that little bit of mystery coupled with a crisp, rolling beat is exactly what is needed to start the weekend off just right.” In tre giorni sono state superate le 26000 play ed un pezzo rappato in italiano dall'inizio alla fine, (ok, ha una produzione bass/elettronica, ma è pur sempre hip hop) sta girando il mondo, con un alto potenziale di internazionalizzazione. www.mudimbi.com www.facebook.com/mudimbi

Live di Mudimbi


Sab 31 Mag MAYDAY FESTIVAL - Sant\'elpidio a mare (FM) - Italia

MAYDAY FESTIVAL SANT'ELPIDIO A MARE FM INFO: 388/1143277 329/4662861 info@gamlab.it www.gamlab.it




Mudlarks


Definire punk il quartetto vicentino in questione è semplicemente riduttivo e, per certi versi, irrispettoso delle enormi potenzialità di questo combo che parte dalla materia '77 ma la rivolta come un guanto, specie con un impianto chitarristico di ottima fattura armonica, lontano dalla semplicità dei banali stop and go. Se è vero che le fonti sonore dei Mudlarks stanno, a mio avviso, in certo punk americano di matrice Dangerhouse Records oppure negli Alleycats, Nuns, Avengers, è anche vero che la portata della ritmica e delle soluzione armoniche rimanda alla miglior New Wave inglese di quegli anni, in primis Siouxie And The Banshees e gli X Ray Spex di Lora Logic, non ultimo un certo gusto per il vocalizzo che mi riporta al primo, fantastico, album dei Pretenders. Certa maturazione di schemi sonori passa, però, attraverso un amore malcelato per il Bowie di Suffragette City o di Queen Bitch o, addirittura di Scary Monsters in toto. L'amore per i sixties emerge da Flattering Girl che inizia come una Lucifer Sam dei Pink Floyd, ma centrifugata nella economia sonora del punk. I Cramps di Psychedelic Jungle connotano I Love You, I Hate You. Planet Love mi riconduce ai giorni di Unbehagen della mai dimenticata Nina Hagen con un piglio Siouxie che rende veramente notevole questo incipit. The Boy Next Door è un piccolo capolavoro sia per resa melodica che armonica. La forza dei Mudlarks sta nelle armonie ed è grazie a questa maturità di script che il gruppo trascende il semplice approccio punk. Teenage Time è un punk wave che non dimentica la stagione evoluta di quel suono che fu delle Raincoats e delle Slits. Questo disco è una piccola gemma, edita da una label americana, nella speranza che i discografici nostrani si accorgano delle potenzialità immense di questo gruppo che ha un notevole respiro internazionale. www.mudlarks.com www.myspace.com/mudlarks

Live di Mudlarks


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mudvayne


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mueller


Nessun evento trovato in archivio


MUFFA CREW


I Muffa Crew sono una coppia di grande affiatamento ai piatti, da circa due anni diffondono il loro suono sulle piste da ballo di vari locali marchigiani proponendo una scaletta di marcata impronta 6Ts. Ai loro party è difficile rimanere immobili, non contano l’età o le esigenze musicali, sembrano davvero riuscire a mettere d’accordo tutti proponendo uno shaker che mescola rarità dal panorama R’n’Beat italiano anni ’60 alla nuova scena funk, soul e dancefloor jazz internazionale o addirittura a irresistibili rivisitazioni di vecchie famosissime hit in chiave breakbeat-cocktail. Si avventurano nelle loro prime performance per gioco, dopo essere stati letteralmente contagiati dai suoni della nota trasmissione radio “ultrasuoni cocktail” e dalla verve dell’irrefrenabile Adinolfi. Da qui nasce una grande passione che li porterà ad avere numerosi consensi ed affermazione nei locali dove sono chiamati a diffondere la loro musica. Fanno parte e ne sono attivi promotori sin dalla sua nascita (ottobre 2005) del “Conero Beat”, progetto aperto a tutti i dj amanti del genere che, oltre ad organizzare i party che scaldano le notti di vari locali, presenterà a breve una trasmissione radiofonica per radio Skyline intitolata “Conero Beat Express” dando così l’ottima opportunità ai dj di proporre la propria playlist in diretta radiofonica e agli amanti del genere di ascoltare la loro musica preferita. Contatti: Info: Simone 349/4927240 - Marco 335/456574 www.muffacrew.spaces.live.com www.conerobeat.it

Live di Muffa Crew


Nessun evento trovato in archivio


MUFFIN


Psichedelica / Pop / Folk Giappone www.myspace.com/muffinjp

Live di Muffin


Nessun evento trovato in archivio


MUFFX


“Époque”, terzo lavoro discografico dei salentini Muffx, è un viaggio nel futuro remoto, un carillon psichedelico che mette in scena un'umanità distorta, una processione di vite e di suoni rubati da occhi curiosi e mani abili. “Époque” è un disco denso, epico nel suo celebrare il rock, che incontra le musiche del mondo. Un album orgoglioso, capace di riscrivere la grammatica di un genere (lo stoner) in una nuova chiave sudista. Quel sud che è tacco d'Italia, che si lascia bagnare dal suono dei Balcani e non dimentica le sue radici. “Époque” è il manifesto del Salento rock, mistura solida di ascolti e contaminazioni, ponte tra oceano e mediterraneo. I Muffx scardinano codici e confini e creano un caleidoscopio di suoni che travolge e macina generi (blues, hard rock, walzer, progressive, psichedelia, musica da banda) che alterna cavalcate dispari, apertura cosmiche, granitici riff serrati. Il tutto virato con colori molto anni '70. Per questa prova i Muffx scelgono di abbattere anche il confine della lingua optando per brani – per la prima volta - in italiano, grazie alla collaborazione tra il frontman Luigi Bruno e lo scrittore Stefano Zuccalà. Il cd è prodotto dalla neonata etichetta Ill Sun Records in collaborazione con Lobello Records e distribuito da Goodfellas. www.muffxmusic.com

Live di Muffx


Nessun evento trovato in archivio


MUG


LOST TRANSMISSION, l'album: Etichetta: La Grande Onda Distribuzione: Audioglobe Distribuzione digitale: Made In etaly Data di uscita: 7 Maggio 2012 Lost Transmission è l'album d'esordio dei MUG (Medium Under Groove), band composta da Fabio Mele al basso, Gabriele Trodella e Ilenia Volpe alle chitarre, Gabriele Cofanelli alla batteria e alla programmazione elettronica. I MUG, con questa formazione dal 2010, si ritrovano finalisti al MEI Supersound 2011 e, solo qualche mese dopo, selezionati tra gli artisti preferiti all'interno del contest "Filtered" organizzato dalla famosa etichetta Warp ed il social SoundCloud. I MUG con Lost Transmission scavano nel rock e nel più profondo noise elettronico alla ricerca della colonna sonora di un nuovo mondo privo di parole nel quale si ritrovano spesso i quattro ragazzi disillusi, increduli, frenetici e disincantati. Il mondo dei MUG a volte svanisce, quasi fosse un segnale smarrito, un segnale che però desiderano fortemente ripristinare e riattivare. Bio I Medium Under Groove (MUG), arrivati tra i finalisti del MEI Supersound 2011 e scelti tra gli artisti preferiti del portale bleep.com (portale media della storica etichetta Warp Music), compongono brani strumentali miscelando sonorità rock ed elettronica senza mai dimenticare che la risposta a tutte le loro domande artistiche è la sperimentazione. Tutto ha inizio nell'estate del 2007 quando Fabio Mele co-fonda il progetto MUG che muove i suoi primi passi come classico trio (voce/chitarra, basso, batteria) con brani inediti. Le sonorità create sono una miscela di new-wave e alt Rock che ben presto diventano anche elettroniche con l'ingresso di un quarto elemento al synth. Con questo nucleo i MUG iniziano a farsi conoscere a Roma suonando in alcuni club e in varie iniziative e piccoli festival. L'ingresso poi di un quinto elemento alla viola spinge il gruppo ad una ricerca sonora ancora più particolare e sperimentale. Nel Marzo 2008 la band ritorna al trio originale fino a quando nel gennaio del 2009 Gabriele Trodella entra a far parte dei MUG come chitarrista. Dopo varie esperienze live in giro per l'Italia e una demo mai edita, nel gennaio 2010 arriva Gabriele Cofanelli alla batteria e alla programmazione elettronica al posto del vecchio batterista che lascia il progetto per motivi personali. Nel novembre del 2010 Ilenia Volpe entra a far parte dei MUG come chitarrista in seguito all'uscita dal gruppo del cantante/chitarrista del nucleo iniziale. Credits: Musiche e Produzione Artistica: MUG Registrato, mixato e masterizzato da Emiliano Ra-B presso La Zona www.mugland.net http://www.facebook.com/mugland

Live di Mug


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mugen


Nessun evento trovato in archivio


MUGISON


Mugison e la sua band formata (a detta anche del medesimo) soltanto da lui ed un computer. www.mugison.com www.facebook.com/mugison

Live di Mugison


Nessun evento trovato in archivio


MUI


Live di Mui


Nessun evento trovato in archivio


MUJERES


Mujeres, quattro spagnoli di Barcellona conosciutisi all'Università che in pochi anni sono arrivati a calcare i palchi dei festival più importanti del mondo. Nel 2009 esce il loro primo disco omonimo disco per la label spagnola Sonar e iniziano a suonare nei bar di Barcellona ma in brevissimo tempo tutta Europa di accorge di loro e del loro folgorante live fatto di garage, punk e rockabilly. In meno di tre anni il loro breve curriculum recita già quattro presenze al Primavera Sound di Barcellona e una al suo festival gemello (Optimus Primavera Sound a Porto), l'Eurosonic (Olanda), Europavox (Francia), SXSW (Texas, USA), Here I Stay (Italia), The Great Escape a Brighton, Londra e Manchester (UK) Nel 2010 hanno inoltre partecipato al noto format webtv La Blogothèque (come Sigur Ross, Arcade Fire, Phoenix tra le tante) suonando per tutta Barcellona i loro pezzi in acustico. Nel Marzo 2012 è uscito il loro ultimo album Soft Gems (Sones/Warner) che li sta portando ancora una volta in giro per tutto il mondo e si appresta ad essere il disco della definitiva consacrazione. http://mujeres.bandcamp.com/

Live di Mujeres


Nessun evento trovato in archivio


MUKKAKE DJ TEAM


Mukkake è tante belle cose. Tra queste tante belle cose Mukkake è anche un Dj Team, pronto a farvi muovere le chiappe in ogni dove, versatili e temerari, pronti a tutto, ecco alcuni tra i componenti più attivi in questo compito, dj Nooz: spazia dal Metal all’Indie Rock, e si avventura nell’elettronica dalla dnb fino ai ritmi più spigolosi, dj Smegma: Enciclopedia musicale vivente, ama la purezza e gli estremismi di ogni tipo, impareggiabile nel fornire selezioni danzerecce, districandosi tra suoni elettronici potenti, metal e gothic, dj Vic: Fa tremare le piste da ballo con Electro e Techno, senza dimenticare i suoni degli anni 80 tra EBM old school e new wave, dj Vommy Tee: incline a tempi veloci, metal, punk hardcore, breakcore, ama ciò che è bizzarro dalla NDW all’elettronica moderna da ballo, Unirli potrebbe essere devastante come unire i flussi dei Ghostbusters. www.myspace.comdjnooz www.myspace.comdjshaitan www.myspace.comelettrodica www.myspace.comoh_sgappamo www.myspace.commukkakedjteam

Live di Mukkake Dj Team


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mukta


Nessun evento trovato in archivio


MULATU ASTATKE


Mulatu Astatke “Sketches Of Ethiopia” Lanciato dalla serie di album Ethiopiques, il nome del percussionista e orchestratore etiope ha raggiunto un apice di successo più diffuso con due memorabili esibizioni tenute nel giugno 2008 a Londra e Glastonbury, capaci di mettere d'accordo chi insegue lo stimolo cerebrale e chi predilige la fisicità. Impresa non facile, in passato riuscita solo a calibri epocali come Talking Heads, Art Ensemble Of Chicago e Miles Davis. Artisti che travalicavano etichette e distinzioni ferree, scavano una nicchia storica di propria pertinenza dalla quale indicano vie che molti altri a percorreranno. Nella musica di Astatke si respirano intuito e talento, arguzia e genuinità. Una Musica splendida che fa della comunicazione un credo e dell'abbattere le barriere un vanto; che non si ripiega su se stessa ma scuote, induce a pensare e frattanto riempie di gioia. Mulatu Astatke, vibrafono, Wurlitzer, Percussioni Byron Wallen, tromba James Arben, sax Danny Keane, cello Alexander Hawkins, piano Neil Charles, contrabbasso Tom Skinner, batteria Richard Olatunde Baker, percussioni “Regina di fiori e di perle” Gabriella Ghermandi Italo-etiope, è nata ad Addis Abeba, da parecchi anni vive a Bologna, città originaria del padre.Nel 1999 ha vinto il 1 Premio del concorso per scrittori migranti dell'associazione Eks&Tra, promosso da Fara Editore. Ha pubblicato racconti in varie collane e riviste. Seguendo l'arte della metafora tipica della tradizione culturale etiope, scrive e interpreta spettacoli di narrazione. Conduce laboratori di scrittura creativa nelle scuole, sulla ricerca della identità unica. In Aprile è uscito il suo primo romanzo “Regina di fiori e di perle “ per Donzelli Editore. Un romanzo che percorre oltre cento anni di storia, dal tempo di Menelik ai giorni nostri.Un lungo viaggio nel tempo e nello spazio, in cui scorrono la vita e le vicissitudini di una famiglia etiope. A cavallo tra lingue ed etnie, tra nazioni e continenti, tra occupazioni militari e guerre fratricide, si dipanano le mille storie di questa Shahrazade dei nostri tempi, fiera delle sue origini etiopi ed eritree, e insieme capace di usare la lingua italiana con 'intensità e precisione. More info: http://www.ethiojazz.com/

Live di Mulatu Astatke


Nessun evento trovato in archivio


MULETA


Dopo l'EP La nausea, catturato e prodotto da Giorgio Canali e uscito per Psicolabel, i Muleta portano alla luce La peste. L'album è stato registrato a Corlo (FE) all'NHQ studio da Manu "Max Stirner" Fusaroli, che ne ha curato anche la produzione artistica, tra le 16.00 del 20 ottobre e le 19.30 del 24 ottobre 2012. Il disco esce per Matteite / Muleta Dischi ed è distribuito in Italia da Audioglobe. La peste è un disco d'amore, morto dove le grida di allegria sono costantemente minacciate dalla malattia, che latente e paziente attende la sua rivincita. Ogni canzone è la rappresentazione di una persona reale, ciascuna con le proprie gioie, aspettative e tragedie. Una peste personalizzata: dieci canzoni, dieci storie. La peste non muore e non scompare mai. Rimane in attesa di essere diffusa, sventura e insegnamento per gli uomini, attraverso i suoi topi, mandandoli a morire in una città felice (cit. La peste di Albert Camus). Così Muleta risveglia la sua peste personale portandola di città in città. Chiudete porte e finestre. Muleta sono: Giulio, batteria Ed, chitarre elettriche T, voce e chitarre acustiche Grazie all'acustica/distorta + e-bow, suonata da Marco TestadiFuoco Greco, in Il Giorno in Cui; e a Matteo Dainese aka Il Cane, presenza costante durante le prese. Link: www.facebook.com/muleta2011 http://muletamusica.wordpress.com

Live di Muleta


Nessun evento trovato in archivio


Live di Muletrain


Nessun evento trovato in archivio


MULTITRACCIA


IL GRUPPO NASCE DA TRE RAGAZZI(Andrea,Frank e Chriss)nel novembre 2003...NELLE CONTINUE SPERIMENTAZIONI FATTE IN ANNI DI STUDIO CON LO SCOPO DI CREARE UN QUALCOSA DI NUOVO NEL PANORAMA DELLA MUSICA ITALIANA... OTTENENDO RISULTATI PIU' CHE SODDISFACENTI CON I DUE LAVORI “FRAGILI PENSIERI”2004 E “I MARI CHE ATTRAVERSO”2006 ,CHE HANNO PORTATO A VARIE COLLABORAZIONI TRA CUI L' INSERIMENTO DI UN PEZZO (L' ULTIMA PARTE DI TE) NELLA COLONNA SONORA DEL FILM “CHIUDI GLI OCCHI”2006 IN CONCORSO AL M.E.I. DI FAENZA.LA STORIA CONTINUA CON LA FORMAZIONE DEL GRUPPO LIVE E L'AGGIUNTA DI DUE NUOVI ELEMENTI...ROBERTO E MIRKO,RISPETTIVAMENTE CHITARRA E BATTERIA...CON L'INTENTO DI FAR CONOSCERE LA NOSTRA MUSICA IN GIRO PER L' ITALIA CON UNO SPETTACOLO BASATO SULL'EMOZIONE UNITA ALL'AGGRESSIVITA' DEL POP ROCK ITALIANO...GIA' MOLTA GENTE HA IMPARATO A CONOSCERCI ED E' NOSTRA ASSIDUA FREQUENTATRICE NEI LOCALI IN CUI CI ESIBIAMO...Vi aspettiamo nei nostri prossimi appuntamenti... www.myspace.com/multitracciaband

Live di Multitraccia


Nessun evento trovato in archivio


MULTITRACCIA


IL GRUPPO NASCE DA TRE RAGAZZI(Andrea,Frank e Chriss)nel novembre 2003...NELLE CONTINUE SPERIMENTAZIONI FATTE IN ANNI DI STUDIO CON LO SCOPO DI CREARE UN QUALCOSA DI NUOVO NEL PANORAMA DELLA MUSICA ITALIANA... OTTENENDO RISULTATI PIU' CHE SODDISFACENTI CON I DUE LAVORI “FRAGILI PENSIERI”2004 E “I MARI CHE ATTRAVERSO”2006 ,CHE HANNO PORTATO A VARIE COLLABORAZIONI TRA CUI L' INSERIMENTO DI UN PEZZO (L' ULTIMA PARTE DI TE) NELLA COLONNA SONORA DEL FILM “CHIUDI GLI OCCHI”2006 IN CONCORSO AL M.E.I. DI FAENZA.LA STORIA CONTINUA CON LA FORMAZIONE DEL GRUPPO LIVE E L'AGGIUNTA DI DUE NUOVI ELEMENTI...ROBERTO E MIRKO,RISPETTIVAMENTE CHITARRA E BATTERIA...CON L'INTENTO DI FAR CONOSCERE LA NOSTRA MUSICA IN GIRO PER L' ITALIA CON UNO SPETTACOLO BASATO SULL'EMOZIONE UNITA ALL'AGGRESSIVITA' DEL POP ROCK ITALIANO...GIA' MOLTA GENTE HA IMPARATO A CONOSCERCI ED E' NOSTRA ASSIDUA FREQUENTATRICE NEI LOCALI IN CUI CI ESIBIAMO...Vi aspettiamo nei nostri prossimi appuntamenti... www.myspace.com/multitracciaband

Live di Multitraccia


Nessun evento trovato in archivio


MULU


Mulu rappresenta la concretezza di un combo-project nato nel 2005 dall'incontro tra due giovani fanciulle di nome Marilù e Luisa, le quali, dopo due Extended Play ('Variante Ascari' e ' Acque minerali'), hanno avuto la fortuna di incontrare Mr. Xabier Iriondo. Proprio grazie alla supervisione artistica di Xabier e grazie alla sapiente regia produttiva di Mirko Spino della Wallace Records, oggi possiamo godere di questo primo full lenght delle Mulu. Il disco si dipana attraverso nove tracce alquanto interessanti, capaci di offrire sonorità particolari, attraverso l'utilizzo di inusuali strumentazioni quali groovebox, horn, toys, loops ed ulteriori effetti di svariata natura. Nonostante tutto, però non dovrete attendervi un disco noise d'improvvisazione; infatti, l'ecletticismo musicale si allinea alla dolcezza della doppia voce, ben sviluppata tra pianoforte, fiati e chitarra. Gli accenni di rumorismo kraut di 'Stanza 15' e 'Stanza 1' e il free indie di 'Opale', si contrappongono alla mitezza post rock di 'Lavinia's boat', e se da un lato esiste la ricerca di un minimalismo ridondante, è anche rintracciabile in 'Garage bleu' un attento sviluppo musicale tra space echoes ('Melonhead') e alt-pop ('Happiness'). www.myspace.com/mululoop

Live di Mulu


Nessun evento trovato in archivio


MUM


Non c'è bisogno di essere Freud per considerare i denti una “questione delicata”. Possono darti un aspetto gioioso oppure doloroso, come sulla copertina del nuovo album dei Múm, che ci mostra entrambi gli stati allo stesso tempo. Come Yesterday was Dramatic - Today Is Ok (2001), Finally We Are No One (2002) e Sing Along To Songs You Dont Know (2009), Smilewound è l'ennesimo esempio della capacità della band di giocare con gli ossimori e sfruttare l'energia che si crea attraverso la tensione tra gli opposti. Smilewound è un'opera ariosa e rilassata, capace di mischiare il synth-pop ad atmosfere più bucoliche. Non c'è da stupirsi che artisti agli antipodi – come la regina della dance-pop Kylie Minogue - abbiano voluto collaborare coi Mùm in Whistle , canzone inserita tra l'altro nel film del 2012 Jack & Diane, diretto da Bradley Rust Grey. Registrato, tra gli altri luoghi, nel rifugio della band, una vecchia casa colonica baltica (in particolar modo sul tavolo della cucina, dopo cena), l'album è stato prodotto dai Mùm stessi. Ed essendo loro da sempre un collettivo che ruota attorno a sè e si evolve, non sorprende affatto il ritorno nel gruppo dell'ex membro Gyda. Definire i satelliti come parte del nucleo si adatta benissimo alla propensione della band islandese, e alla sua ambivalenza – ed è in realtà proprio questo il fascino dell'album. www.randomsummer.com www.facebook.com/mumtheband

Live di Mum


Nessun evento trovato in archivio


MUM DRINKS MILK AGAIN


Le fondamenta del loro sound sono ben saldate sullo stoner sfrontato del nuovo millennio lanciato in orbita da quel geniaccio dai capelli rossi che risponde al nome di Josh Homme. I MDMA però vogliono a tutti i costi personalizzare (a ragione) l'opera d'esordio, ibridando il genere di cui sopra con un'attitudine più “stradaiola” (mezza punkoide-mezza garage detroitiana se volete)... • ROCKGARAGE.IT - Viscerale, trascendente, un album che non a caso parte dal profondo e che vuole mettere in mostra tutte le capacità del duo, fatte di musica ad alta velocità e potenza disarmante pur senza sconfinare mai in un sound heavy... www.facebook.com/mumdrinksmilkagain

Live di Mum Drinks Milk Again


Nessun evento trovato in archivio


MUMBLE RUMBLE


MUMBLE RUMBLE "Tredici" CD Pugno di ferro e guanto di velluto nel ritorno discografico della più longeva rock band femminile italiana. "TREDICI" è il titolo del nuovo album delle MUMBLE RUMBLE, che comprende 13 nuovi brani appunto, caratterizzati dal tipico sound del gruppo, mantenendone l'impatto e lo stile. Si alternano infatti parti aggressive ad altre melodiche, attingendo a tutta la gamma delle emozioni e dei colori che il rock può offrire. Le Mumble Rumble sono nate all'inizio degli anni '90 a Bologna col progetto di creare canzoni proprie ed originali miscelando diversi stili e linguaggi in assoluta libertà. Il frutto di questo incontro ha un inconfondibile sapore dato da un mix di rock-core-emo-metal-noise-sperimentazione. Le Mumble Rumble hanno vinto (unico gruppo femminile nella storia del festival) Arezzo Wave nel '92 e hanno partecipato alle più importanti manifestazioni rock italiane. Hanno inoltre suonato come supporters di alcuni grandi gruppi stranieri quali NoFx, Fugazi, Motorhead, ed altri. Due gli albums usciti precedentemente: "Kapow" per Aarrgh Rec. nel dicembre 1994 e "RicordareDimenticare" per Lilium/Sony nel 1999 oltre a varie compilations alle quali hanno partecipato.Le Mumble Rumble hanno subito evoluzioni e cambiamenti nell'arco del tempo, ma ciò che è rimasto inalterato è quello stesso spirito che le ha portate ad essere considerate una delle realtà più interessanti del rock alternativo in Italia, sicuramente "pioniere" in ambito femminile. La formazione attuale è costituita da Simona De Sanctis alla voce, Tiziana Govoni alla chitarra, Cristina Atzori alla batteria e Giulia Bottazzi al basso. Il titolo è distribuito in tutti i migliori negozi di dischi in formato CD e in formato digitale presso i principali portali internet. www.mumblerumble.com www.myspace.com/mumblerumble

Live di Mumble Rumble


Nessun evento trovato in archivio


MUMBLIN' CAVEMAN


"Raised somewhere between Montpellier and the Mississippi, the young Mumblin' Caveman was already wearing a mustache at the age of 7. Worn out by people, he started to be a one-man band glittering with sweatiness, driven by the blues and things like chicken or Casanis. Some say he was right, 'cause his muddy sounds trigger a terrible urge to wade fervently through a puddle of whiskey. In overall. Gone out of his cave, he's now travellin' on a long way to free drinks, nice chicks, crazy people, sweat, and other wild stuff." www.facebook.com/mumblincaveman

Live di Mumblin' Caveman


Nessun evento trovato in archivio


MUMFORD & SONS


Provate a mettere nel vostro cd player o nel lettore "Babel" il nuovo album dei Mumford & Sons e l'unica, costante, piena sensazione che le canzoni del gruppo inglese vi daranno è quella della gioia. Il che, ovviamente, non è merce comune nella musica di oggi, non è materia che si distribuisce facilmente in dischi e concerti. Sì, i Mumford & Sons, quattro ragazzi inglesi che mescolano musica antica e sentimenti moderni con la leggerezza e la complessità che solo i grandi artisti riescono a offrire, non hanno altro interesse che quello di portare gioia a chi ascolta e, ovviamente, di gioire loro stessi. In barba alle mode, alle tendenze, al mercato, alle classifiche. www.mumfordandsons.com

Live di Mumford & Sons


Nessun evento trovato in archivio


MUMPBEAK


MUMPBEAK - Mumpbeak RareNoise Records Il pianista jazz Roy Powell crea una serie di melodie e strutture durante un periodo in Norvegia, poi dà appuntamento ai mostri sacri del panorama progressive internazionale al fine di realizzare il progetto Mumpbeak: Bill Laswell, Tony Levin, Shanir Ezra Blumenkranz e Lorenzo Feliciati ai bassi elettrici, Pat Mastelotto alle percussioni. Risultato è un'opera pulsante, di grande intensità emotiva e virtuosismo interattivo e si estende verso sonorità elastiche e inaudite per il genere originario.

Live di Mumpbeak


Nessun evento trovato in archivio


MUNA MUSSIE


Muna Mussie (Eritrea, 1978) inizia il suo percorso artistico nel 1998 a Bologna, formandosi come attrice performer con il Teatrino Clandestino e con il Teatro Valdoca. Dal 2001 al 2005 è parte attiva nel gruppo di ricerca Open, progetto con il quale inizia a maturare il desiderio di indagare altre possibilità dello stare in scena. Parallelamente instaura un dialogo con l'artista visivo e film-maker Luca Mattei, costante collaboratore nelle opere a venire. Dopo la performance opentolikemunamussie è la volta di lavori pienamente autoriali, di cui cura concezione, messa in scena e interpretazione. Nel 2006 debutta a Raum (Bologna) con Madrepatria e nel 2007 con Più che piccola, media. Nel 2008 crea Con Permesso, ed è vincitrice del Performance day, a cura di Emilio Fantin. Nel 2009 realizza le performance 1PER1, Ti ho sognato, ma non eri il protagonista e Primavera 2009 in collaborazione con Gaetano Liberti. Nel 2010 Xing le commissiona per la rassegna Art Fall al Padiglione d'Arte Contemporanea di Ferrara la performance Ti ho sognato, ma non eri protagonista. Nel 2011 ottiene una residenza produttiva a Bruxelles da Workspace mirata alla creazione di Monkey See, Monkey Do. È autrice con Flavio Favelli del progetto FFMM, collezione di abiti presentata alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (Torino 2007) e al Museo Marino Marini (Firenze 2009). Tra i premi: Riccione TTV-premio Pier Vittorio Tondelli/Nuovi Talenti 2008; segnalazione Premio Iceberg 2009; Premio Mondo 2010.Tra le collaborazioni: Irena Radmanovic, Riccardo Benassi, Sonia Brunelli, Dominique Vaccaro, Massimo Carozzi, Margherita Isola. Il lavoro performativo di Muna Mussie ricerca accordi precari su ipotesi di s-confino per formati medio-piccoli. http://www.munamussie.com/

Live di Muna Mussie


Nessun evento trovato in archivio


MUNADJAT YULCHIEVA & GROUP


MUNADJAT YULCHIEVA & GROUP Munojatkhon Yulchieva - vocale Shavkat Mukhamedov - rubab Khodjimurad Safarov - doira Dilfuzakhon Khaydarova - dutar Marufjon Khalitov - gidjak La Repubblica sovietica precedente di Uzbekistan si trova nel cuore dell'Asia centrale, intramezzato fra Kazakhstan e Turkménistan. La storia varia di questa zona è riflessa nella musica tradizionale che mostra i collegamenti forti con musica persiana ed araba - nei relativi ritmi, nell'uso della poesia di Sufi e nel repertorio classico del maqâm quale informa persino bestekâr moderno contemporaneo (esecutore-compositori) chi continuano ad aggiornare le relative tradizioni. Per quasi la sua intera carriera come cantante tradizionale, è stata associata con lo Shavkat bestekâr prominente Mirzaev, un padrone del lute con il collo lungo del rabâb. Il suo repertorio include molte delle sue composizioni ed effettua solitamente con il suo insieme. Tipicamente gli strumenti locali di uso del gruppo quali il dutar (due stringed il lute), il tanbur (lute 3-stinged), un fiddle del punto del gidjak, il tamburo della struttura di doira, la scanalatura di ney ed occasionalmente lo zither del chang. Quei abbastanza fortunati per assistere ad uno dei suoi concerti rari all'estero testimonieranno un esecutore sumptuously vestito dei gravitas e del charisma startling, con le trecce lunghe che strascicano giù alla sua vita.

Live di Munadjat Yulchieva & Group


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mungo's Hi Fi


Nessun evento trovato in archivio


MUNICIPAL WASTE


Avete presente la pubblicità del Lasonil, quella in cui un tale, attraversando sulle strisce pedonali, viene colto in più punti del corpo da improvvisi dolori muscolari? Ecco, se ancora non avete sentito una nota di "Hazardous Mutation" allora correte il serio rischio che nei giorni seguenti all'ascolto (immagino ripetuto) vi accada esattamente la stessa cosa. I Municipal Waste provengono da Richmond, in Virginia, ma suonano quel thrash (imparentato all'hardcore) tipicamente newyorkese, reso ormai immortale da Nuclear Assault, Anthrax, S.O.D., i texani D.R.I. e compagnia bella. L'album che ci rifilano è composto da quindici brani per un totale di solo ventisei minuti, minuti che non propongono in sostanza niente di nuovo se già si conoscono le band appena citate, ma che per la loro grinta, il loro entusiasmo, l'adrenalina che riescono a sprigionare vi impediranno di restare seduti e fermi come se steste ascoltando un qualsiasi album di Enya. Un drumming assolutamente devastante (opera di Dave Witte, già al servizio di Burnt By The Sun e Human Remains), riff rocciosi, stop-and-go, accelerazioni incredibili, parti mosh, assoli iperwattati, la voce sparata a mille del superbo Tony Foresta, dei testi tra il demenziale e il politically incorrect completamente in linea con le produzioni della seconda metà degli eighties vi trasmetteranno volenti o nolenti un'esaltazione da pogo alla quale non riuscirete a resistere nemmeno quando, passata in un battibaleno anche l'ultima traccia, vi ritroverete improvvisamente in silenzio, con l'unico pensiero di ricominciare l'ascolto da capo. Non originale, certo, perfino anacronistico se volete, ma non potete assolutamente farvelo scappare. www.facethewaste.com www.myspace.com/municipalwaste

Live di Municipal Waste


Nessun evento trovato in archivio


MUNICIPALE BALCANICA


NINO – omaggio a Nino Rota La carriera di Rota è legata a doppio filo alla Puglia, in cui ha svolto una lunghissima attività non solo di compositore ma anche di maestro e divulgatore, prima da insegnante di teoria e solfeggio al Liceo Musicale di Taranto e poi, dal '37, al Conservatorio di Bari del quale diventò direttore nel 1950. La sua sensibilità artistica si è intrisa dei suoni della Puglia fatti di Banda Tradizionale e musica popolare. A Rota la Municipale Balcanica ha deciso di rendere un tributo in musica, perché il compositore all'ispirazione classica ha unito la curiosità e la voglia di accogliere suoni nuovi e diversi e sperimentarli, e questa lezione di apertura e contaminazione è molto cara al gruppo pugliese. In questo progetto-concerto la Municipale Balcanica farà affiorare ancora più evidentemente le suggestioni pugliesi delle composizioni di Rota, e le interpreterà col suo approccio integralmente mediterraneo, con nuova ritmica e nuova lettura. Ma nel concerto non ci sarà solo una riesecuzione dei brani di Rota anzi, lo sviluppo del progetto è "aperto" e vivo , esso raccoglierà certo i temi sia noti che meno noti del compositore, ma includerà anche composizioni inedite ispirate alle atmosfere che lui ha creato. L'impatto della World Music della Municipale Balcanica e gli influssi jazz degli arrangiamenti di Livio Minafra renderanno a Rota un inedito omaggio, dimostrando come siano ancora vive attuali le sue melodie, e come profondo sia il messaggio che le ha ispirate. www.municipalebalcanica.it www.myspace.com/municipalebalcanica

Live di Municipale Balcanica


Nessun evento trovato in archivio


Live di Muntanerada


Nessun evento trovato in archivio


MUPPET SUICIDE - Tributo ai Guns n' Roses


MUPPET SUICIDE - Tributo ai Guns n' Roses Le mode passano, ma la musica dei Guns n' Roses, colonna sonora di molti ricordi anni '80/'90 e' intramontabile, si impone tra le nuove generazioni di rockers in quanto pura e contagiosa energia glam-street-rock, tutto cio' merita un gran tributo. Dal 1998 i Muppet Suicide portano in giro per l'italia questo grande spettacolo dedicato ai migliori pezzi del GN'R che vengono interpretati come solo i veri rocker sanno fare. www.muppetsuicide.com

Live di Muppet Suicide - Tributo Ai Guns N' Roses


Gio 24 Apr LA PARRANDA - Pavia (PV) - Italia

LA PARRANDA STRADA PROVINCIALE LOMELLO-MEDE 4 LOMELLO PV Info: 0384/858351 338/4458382 335/5848842 www.parranda.it http://www.facebook.com/laparranda.lomello




Muppets Cover Band


La band ha iniziato la sua attività nel 1995. I numerosi concerti effettuati negli anni di attività hanno permesso al gruppo di consolidare una buona esperienza live, la preparazione dei singoli elementi ha poi fatto il resto. Ma di certo ciò che rende i MUPPETS una cover band fresca, giovanile e professionale sono l’affiatamento e l’energia che vengono sprigionate sul palco. Il repertorio e’ molto vasto, spazia infatti dalla Dance anni ‘70-80’ senza trascurare le hit radiofoniche del momento. Inoltre la cura nell’arrangiamento e nell’esecuzione offrono al pubblico uno spettacolo originale e di sicuro coinvolgimento www.muppetscoverband.it

Live di Muppets Cover Band


Nessun evento trovato in archivio


Live di Muppez


Nessun evento trovato in archivio


MURDER


Band sperimentale formata da Sheson Delay e Carlo Marrone. Murder delinea piccole storie attraverso il linguaggio dello humor nero e del noir percorrendo nel loro ultimo album Tu m'uccidi il tema della sessualità, dei generi e dell'esaltazione della libertà individuale (in Mnemosine lake) fino al desiderio di morte scaturito dal deterioramento di una storia d'amore (in Wear and tear) provocando un'irreale e ironica atmosfera. www.myspace.com/murderduo

Live di Murder


Nessun evento trovato in archivio


MURDER BY DEATH


Dopo aver recentemente pubblicato il loro sesto album Bitter Drink, Bitter Moon il quintetto di Bloomington sarà in Italia a maggio per due imperdibili date. All'apparenza i Murder By Death sembrano un quintetto di Bloomington con un nome ironico e inquietante. Ma dietro la geografia e il nomignolo si nasconde una band di cantautori meticolosi e colti, caratterizzata da uno stile orchestrale raffinato, elaborato eppure immediato di ballate indie rock. Il percorso dei Murder By Death iniziò nei primi anni 2000, suonando, come la maggior parte dei gruppi universitari del midwest, di fronte a piccole folle in luoghi decadenti e durante deliranti feste in casa. Dopo aver speso la maggior parte dei primi anni di attività a cercare di farsi conoscere al di fuori del circuito dei campus universitario, i Murder By Death sono stati capaci di creare una carriera musicale lunga e fruttuosa: 10 anni di attività, 5 album, centinaia e centinaia di date in giro per il globo e un fedelissimo numero di ammiratori in costante crescita! Ciò che colpisce di più è il loro suono energico, unico nel suo genere. Gli ingredienti del gruppo sono le melodie gutturali del violoncello di Sarah Balliet, la risonante voce da baritono e la chitarra del cantante/chitarrista Adam Turla, le percussioni del batterista Dagan Thogerson, la sezione ritmica post-punk del bassista Matt Armstrong e i tocchi del polistrumentista Scott Brackett (pianoforte, tromba, fisarmonica, mandolino, voce, percussioni). Nel nuovo lavoro Bitter Drink, Bitter Moon, pubblicato il 25 settembre 2012, la band riesce a creare un universo sonoro variegato, ricco e raffinato, miscela di melodie positive e luminose e di immaginari desolati e malinconici. READ MORE: http://www.facebook.com/MurderByDeath www.murderbydeath.com/

Live di Murder By Death


Nessun evento trovato in archivio


MURDER BY GUITAR


New album out now on Jeet Kune Records!! Order it on vinyl to the right. Also available from Itunes and Emusic. Take a listen at spotify. www.murderbyguitar.com www.myspace.com/murderbyguitarsthlm

Live di Murder By Guitar


Nessun evento trovato in archivio


MURDER JUNKIES


I Murder Junkies sono un gruppo hardcore punk statunitense, famoso per averne fatto parte il leggendario cantante GG Allin.La band è stata formata nel 1991 da Merle Allin (fratello di GG) al basso, Chicken John Rinaldi alla chitarra e Dino Sexx, anche noto come "Dino, the Naked Drummer", alla batteria. In seguito Chicken lascia il gruppo e viene sostituito prima da Dee Dee Ramone per una settimana, poi dal chitarrista William Weber. Poco dopo si unisce al gruppo GG Allin, appena uscito dal carcere[senza fonte], prendendo la parte di cantante; più tardi, nell'aprile del 1993 i Murder Junkies pubblicano il loro primo album, intitolato "Brutality and Bloodshed for All" con l'etichetta "Alive Records". In quello stesso mese GG e la band decidono di intraprendere un tour: "Terror in America", poi pubblicato in DVD nel 2006. Il tour si conclude il 18 maggio 1993. Il 28 giugno 1993 GG Allin muore per overdose, ma la band decide di continuare, quindi ingaggiano un nuovo cantante: Jeff Clayton degli ANTiSEEN, ma il gruppo lo sostituisce poiché era troppo impegnato con l'altra sua band e quindi non era permanente con gli "Junkie"[senza fonte]. Allora fu ingaggiato Mike Denied, con cui nel 1995 pubblicano il loro secondo album: "Feed My Sleaze". Nello stesso anno la band registra un singolo: "The Right To Remain Violent" e un anno dopo l'LP "The Sons and Daughters of this Savage Land". In séguito, a causa dell'arresto di Denied[senza fonte] e dei frequenti cambi di formazione, la band nel 1999 si scioglie per poi riunirsi nell'estate del 2003 durante la commemorazione del 10º anniversario della morte di GG Allin. Nel 2005 i Murder Junkies intraprendono un tour in Europa: "European Invasion 2005", pubblicato in DVD un anno dopo. I Murder Junkies sono tuttora in attività. http://www.myspace.com/murderjunkies

Live di Murder Junkies


Nessun evento trovato in archivio


Live di Murder Squad


Nessun evento trovato in archivio


MURDER WE WROTE


i murder we wrote nascono nel '99. il genere che suonano è hardcore melodico e la formazione è composta da: daniele (voce e chitarra), francesco (chitarra), lorenzo (basso), gabriele (batteria), i primi due già membri dei mach5. nel 2000 registrano un demo autoprodotto intitolato "road to cabot cove" e suonano un po' in giro per il nord italia. quando nel 2002 sono pronti 10 nuovi brani per registrare il primo album, gabriele e francesco lasciano la band e di conseguenza la band si scoglie. nell'autunno 2006 francesco e daniele decidono di riformare la band assieme a ga', già batterista dei watertower e lore al basso già membro dei foolish. www.myspace.com/murderww

Live di Murder We Wrote


Nessun evento trovato in archivio


MURDERDOLLS


I Murderdolls sono un gruppo alternative metal statunitense, capitanato da Joey Jordison (batterista degli Slipknot) e da Wednesday 13. Il loro genere musicale, difficile da etichettare, è stato definito da alcuni come "I Motley Crue che incontrano i Misfits". www.murderdollsband.com

Live di Murderdolls


Nessun evento trovato in archivio


MURIEL


I MURIèL affrontano con passione strutture compositive in bilico tra un'innata propensione melodica ed una ricerca concettuale che li porta ad affrontare le vie più difficili e stimolanti del pop indipendente. Una forma di pop privata dei soliti cliché che guarda ai contenuti come alle forme, che si preoccupa di dire qualcosa senza essere per questo forzatamente e sterilmente intellettualizzante, che si preoccupa di esprimere concetti senza rinunciare alla melodia, alla freschezza compositiva. "Il Movimento Necessario" è legato ad un particolare momento, alla percezione della “fine dell’inverno”, come punto d’incontro tra la contemplazione malinconica del trascorrere delle "stagioni" - e dei ricordi che queste portano con sé - e la sensazione pulsante, positiva, travolgente di trovarsi davanti un "oceano" di desideri. Nel dicembre del 2000 nascono i MURIèL con la formazione base: voce, 2chitarre, basso e batteria. Dopo poco iniziano ad esibirsi nei locali della zona supportati dalla violoncellista Valeria Brunelli, che collabora alla composizione del demo registrato in novembre 2002. Partecipano al concorso "Rock Contest" organizzato da Controradio con il Patrocinio della Provincia di Firenze; e giungono sino alla finale della XIV edizione, dove allacciano i contatti con Paolo Benvegnù. Suonano per alcuni concerti accompagnati dalla tromba di Leonardo Galigani (Sweaters), con cui attualmente collaborano. Partecipano per due volte consecutive al M.E.I. e a concorsi Nazionali come Arezzo Wave. I Muriel registrano al DDR studio di Prato il loro nuovo Cd con la produzione artistica di Paolo Benvegnù (ex Scisma) e il supporto tecnico di Andrea Franchi (Marco Parente, Paolo Benvegnù). I MURIèL faranno parte della compilation "Magic Bus 2006" che raccoglie le migliori 10 Bands del concorso "aspettando Arezzo Wave". Nel Settembre 2006 firmano per l'etichetta Bolognese "JATO music". www.murielmusic.it www.myspace.com/muriel29

Live di Muriel


Nessun evento trovato in archivio


MURMUR


MURMUR / LA GRAVITÀ Il disco è stato concepito agli inizi del 2005 da Paolo e Zeno Camponogara, per una esigenza dei due di registrare ogni idea possibile, esigenti dal risultato e sempre alla ricerca di nuove sonorità. Portati a termine una serie lunghissima di brani, li hanno fatti conoscere ad una vecchia conoscenza, dai tempi dei Candies, Mirko Tommasi. Scattata la scintilla hanno unito le forze per realizzare una serie di brani più ristretta. Al trio si aggiunge Alessandro Formenti di lì a poco il trio diventa quartetto. Il passo alla registrazione è brevissimo. Il 12 e 13 vengono registrate batterie e chitarre presso il Natural headQuarter di Giulio "ragno" Favero e Manuele Fusaroli. La scelta per questo studio e per queste persone è stata mirata alla ricerca di un sound moderno, che sposasse l’indie ma anche l’elettronica. Tutto il resto è stato registrato da MÜRMÜR presso Anfitetro Platz, il nome della sala prove dei MÜRMÜR, per poi essere mixato al NHQ da Max Stirner. Il lavoro che ne è uscito è un disco orecchiabile ma con suoni prettamente underground. Sono otto brani cantati in italiano più una track dedicata ad un nostro amico, volutamente non segnata sulla copertina del disco. Lo studio grafico che ha seguito il progetto è Happycentro+Sintetik, già conosciuto per aver svolto lavori di calibro nazionale e internazionale A breve sarà disponibile anche il video del singolo “La gravità”, attualmente in fase di registrazione. Il cd costa solo 5 euro, nonostante un packaging raffinato e una stampa di qualità superiore. Questo per permettere a chiunque di acquistare il cd e far conoscere a più persone possibili il progetto MÜRMÜR. Track list A me piace Il mio salvagente Dentro un libro Occhi lucidi La gravità Sento freddo Ti prego chiara Confusion www.murmurmusic.it http://www.myspace.com/musicmurmur

Live di Murmur


Nessun evento trovato in archivio


Live di Murray Perahia


Nessun evento trovato in archivio


Live di Murs


Nessun evento trovato in archivio


MUSAFIR


FormazioneHameed Khan (tabla, direzione musicale) Khatu Sapera (danza) - Bal Chand (fachiro, danza, mangiafuoco) Sattar Khan (dholak) - Sawan Khan (canto) - Mohammed Anwar Khan (canto, harmonium) Lom Nath (flauto doppio) Ai confini dell'India, del Pakistan e dell'Afghanistan si trova il Rajasthan - che in sanscrito significa "Paese dei Principi" - e il suo deserto, il deserto di Thar. E' forse a causa dell'aridità dell'ambiente che, nella notte dei tempi, i suoi abitanti hanno lasciato le bellezze del luogo per spostarsi verso occidente, attraversando il Caucaso, l'Iran, la Turchia, spingendosi fino all'Europa dando il via alla migrazione del popolo rom.. Coloro che, qualche anno fa, hanno visto il magnifico film di Tony Gatlif Latcho Drom non ne hanno certo dimenticato le immagini iniziali: una distesa di sabbia, un albero e un gruppo di musicisti che suonano per tutta la notte per festeggiare un matrimonio, così come si fa ancora solo in quei paesi che sono divenuti la memoria vivente del nostro passato, dove il tempo sembra sospeso, riempito solo di musica... I Gitani del Rajastan, musicisti nomadi, ci riportano proprio sulle strade del nord ovest dell'India, là dove affondano le autentiche radici dei gitani. Erano nomadi provenienti dal deserto di Thar ed appartenevano a parecchie caste come quella dei Sapera-kalbelya (incantatori di serpenti) o quella dei Langa (rinomati poeti). Vi erano musicisti classici sufi e musulmani, cantastorie indù, artisti di strada, tutti riuniti in un'unica fusione di tutti i colori del Rajasthan, in un gran pot-pourris musicale e visivo d'ispirazione circense. Il loro spettacolo è infatti un vero circo musicale, ma anche una combinazione unica di culture: araba, indiana e gitana; una combinazione nella quale i musicisti danno il ritmo ad un mondo incantato che comprende numeri di danza, spettacoli di circo, giochi acrobatici col fuoco, nonché affascinanti giochi d'equilibrio e di destrezza. Insomma, uno spettacolo da scoprire, con il quale i Gitani del Rajastan invitano a percorrere a ritroso, insieme a loro, la strada delle carovane sull'onda dei ritmi febbrili di una musica popolare che evoca il fascino misterioso di una terra ricca e immaginaria. Anche la musica che eseguono i Gitani del Rajasthan è misteriosa, tribale e d'origine vocale, vicina al qawwali (la musica sacra pakistana) ma con un idioma politeista inter-religioso. La direzione artistica dello spettacolo è affidata a Hamed Khan, maestro di tabla. www.dellamore.it/musafir/

Live di Musafir


Nessun evento trovato in archivio


MUSAMELICA


Dal 2003 oltre 150 concerti passando dall’ I-Tim Tour al Motorshow invitati da Red Ronnie, dal premio M.E.I. fino alle finali nazionali del San Remo Rock condividendo il palco con artisti del calibro di CRAIG DAVID, IRENE GRANDI, DOLCENERA. Le recensioni della stampa specializzata sui quattro musicisti di San Marino sottolineano "…una determinazione fuori dal comune, elevate capacità tecniche, e l'interessante formula di rendere nostrano un suono tipicamente british, soprattutto nella linea melodica e interpretativa della voce solista…". Nel 2006 il loro primo tour promozionale nei Club accanto ad artisti come QUINTORIGO, LA CRUS, BAUSTELLE, FINLEY e nei Festival estivi come METAROCK, GOA-BOA e FROGSTOCK. La stessa estate sono supporter ai concerti di PRODIGY a Pisa, dei DEEP PURPLE all’Arena della Regina di Cattolica e dei SOULWAX e SKIN grazie all'invito di MTV Europe. Il live di questo concerto è stato incluso nel primo singolo della band dal titolo “NOVA”, registrato e mixato da Amek Ferrari, masterizzato da Roberto Barillari. www.musamelica.sm www.myspace.com/musamelica

Live di Musamelica


Nessun evento trovato in archivio


MUSCLE MUSEUM - MUSE TRIBUTE


MUSE OFFICIAL TRIBUTE - MUSCLE MUSEUM è un progetto musicale attivo dal 2002. Lo scopo è riproporre i brani e gli spettacoli dei Muse ricreando il sound e gli effetti visivi dei loro concerti, dimensione, quella live, che ha consentito alla band inglese di affermarsi sulla scena musicale mondiale.Ogni componente dei Muscle Museum pone estrema attenzione allo studio delle parti e degli effetti del suono, studio che segue costantemente l'evoluzione del sound dei Muse attraverso la storia delle loro produzioni.I Muscle Museum si avvalgono inoltre di materiale da palco appositamente realizzato per riprodurre gli effetti scenici e visivi delle scenografie utilizzate nei concerti dei Muse,e regalare uno show di assoluto spessore. La line-up della band riproduce esattamente quella adottata dai Muse a partire dal 2006 con la presenza,on stage,del quarto elemento responsabile della gestione dell'effettistica per le voci e delle backingtrack suonate rigorosamente live senza ricorrere a campionamenti o registrazioni. I Muscle Museum appaiono tra i links del sito ufficiale della band inglese,vengono citati in varie interviste ed hanno ottenuto la nomina di "official tribute" direttamente dagli stessi Muse. I MUSCLE MUSEUM si sono esibiti e si esibiscono in tutta Italia,Belgio,Svizzera,Turchia,Olanda ed Inghilterra. LINE UP: Davide [ lead vocal,piano and guitars] Matteo [ keyboards and backing vocals] Filippo [ drums, sound effects, backing vocals] Gianluca [ bass and backing vocals] Simone Zeta [ sound engineer ] www.musclemuseum.it www.myspace.com/musclemuseumband

Live di Muscle Museum - Muse Tribute


Nessun evento trovato in archivio


Muscle Shoal


E' la Muscle Shoals All Star Band, ovvero i leggendari musicisti che hanno creato il sound dei grandi successi di Aretha Franklin, Wilson Pickett, Etta James, Bob Dylan, Elton John, Rod Stewart, Paul Simon, Traffic, Rolling Stones (che incisero Sticky Fingers nella località), Lynyrd Skynyrd , Drive-By Truckers e tanti altri. A Muscle Shoals, nella profonda Alabama, a partire dagli anni'60, negli studi Fame prima e poi nei famosi Muscle Shoals Sound Studios fu elaborato un suono che ha letteralmente stregato centinaia di artisti. www.facebook.com/muscleshoalsmov

Live di Muscle Shoal


Ven 18 Lug PORRETTA SOUL FESTIVAL - Porretta terme (BO) - Italia

PORRETTA SOUL FESTIVAL PORRETTA TERME BO INFO 0534/22021 335/6364192 grazianouliani@libero.it www.porrettasoul.it




MUSE


THE 2nd LAW, viene pubblicato a distanza di ben 4 anni dal precedente The Resistence che ha lanciato la band nell'olimpo delle migliori band dell'ultimo millennio. Il primo singolo estratto è “Madness”che, trasmesso dalle radio da fine agosto, è ad oggi uno dei brani più suonati. Dopo 9 milioni di dischi venduti , il tutto esaurito ai concerti , il gruppo inglese torna a stupirci con un nuovo album dagli effetti speciali , arricchito da nuove sonorità. Quando si è trattato di iniziare a lavorare sul sesto album, i MUSE non avevano certo intenzione di limitare i cori, gli archi o i fiati. Ci sono anche chitarre fatte a pezzi, pianoforti martellanti, arrangiamenti orchestrali, libri masticati e Matt Bellamy, al massimo del suo splendore creativo, non ha abbassato la mira dalla “grande visione” né tantomeno ignorato i “preziosi dettagli”. E la band non ha avuto nemmeno tema di dare spazio ad un nuovo brillante elemento: canzoni scritte e cantate dal bassista Chris Wolstenholme. “Ci siamo veramente divertiti” dice Wolstenholme, “e speriamo che si possa percepire ascoltando l'album. Ci sono molti momenti reali di positività nei brani. Credo che, anche dal punto di vista personale, siamo tutti in un ottimo momento.” “Sento che è la cosa migliore che abbiamo mai fatto”, dice il batterista Dom Howard. “si respirava un senso di avventura mentre lo facevamo.” MADNESS, l'ossessionante primo singolo dell'album, pulsa di una vibrazione sporca. Non suona come niente fatto prima dai Muse, ma allo stesso tempo racchiude tutto il loro mondo. “Volevo fare qualcosa di veramente minimale”, ha dichiarato Bellamy. “E' essenzialmente un blues su 12 battute. E' un pezzo molto bello e personale. Parla di quel momento in cui stai con una donna, ci litighi e lei sbatte la porta uscendo lasciandoti da solo a rimuginarci sopra. E dici “aveva ragione! È ovvio che aveva ragione!” “The 2nd law” è disponibile in vari formati: CD, CD/DVD (il dvd contiene il making dell'album e altri contenuti video speciali), 2LP, boxset (contenente il CD+2LP+DVD+libro+stampa) www.muse.mu

Live di Muse


Nessun evento trovato in archivio


MUSE ITALIAN CONNECTION


I Muse Italian Connection (M.I.C) sono una tribute band italiana che rispetta la line-up originale dei Muse. Voce, chitarra e pianoforte, basso e cori, batteria e sintetizzatori, più un quarto uomo che si occupa delle luci e delle video-proiezioni. Fedeli nei suoni e negli arrangiamenti, con strumenti e abiti di scena "rubati" ai Muse, i M.I.C. viaggiano con il loro impianto luci e scenografie originali che rimandano al tour "The Resistance". Micro telecamere che riprendono le immagini della band, proiettate in tempo reale su maxischermi e mixate a un uso sapiente di luci e video trasformano il concerto in un'esperienza visiva unica, in grado di creare l'illusione, la magia di uno spettacolo teatrale, potente e assolutamente fedele agli originali. http://museitalianconnection.tumblr.com/

Live di Muse Italian Connection


Nessun evento trovato in archivio


MUSETTA


Il background del duo parte dall’elettronica e dal rock progressivo italiano Anni ’70 per tuffarsi in sonorità che variano dal jazz alle colonne sonore cinematografiche, dal trip-hop al pop contemporaneo. Dopo aver preso parte a diversi progetti musicali Marinella e Matteo si ritrovano nella band indie-rock Giöbia, divenendone rispettivamente cantante e bassista, con la possibilità di suonare sul palco di Arezzo Wave nel 2002. Come Musetta suonano invece nel 2006 all’Heineken Jamming Festival e allo storico Bull & the Gate di Londra. Dal loro sito è possibile scaricare il sample pack di Ophelia’s Song, remixarlo e rimandarlo al duo che sceglierà il pezzo più bello da eseguire live. Ultimamente i Musetta hanno anche girato in HD il video del brano, che è stato ambientato nel 1900, con la fotografia di Alberto Marchiori, DOP di Pupi Avati e la regia di Luca Immesi e Giulia Brazzale per Esperimentocinema. Se volete sentire, e vedere, qualcosa di molto ispirato, che vi faccia viaggiare tra le sonorità fantastiche di Björk e Lamb e quelle sofisticate di Miles Davis e Chet Baker, non potete proprio mancare! www.musetta.co.uk www.myspace.com/musettamusic

Live di Musetta


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mushroom River Band


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mushroom's Patience


Nessun evento trovato in archivio


MUSHROOMHEAD


I Mushroomhead sono un gruppo alternative metal che si è formato nel 1993 a Cleveland, Ohio. Il loro genere è un misto tra alternative, heavy metal ed Electro-industrial. I Mushroomhead si contraddistinguono tramite l'uso di maschere, e per il loro particolare logo "X Face" presente nei lineamenti delle maschere dei membri ,nell'abbigliamento e nel merchandise. La band originariamente ha adottato maschere e nomi da palcoscenico per non entrare in conflitto con la loro band originale. Il look della band si è evoluto nel corso degli anni con ogni loro pubblicazione. Le loro maschere attuali, come ha confermato uno dei loro produttori, rappresentano il loro ritorno dall'inferno dopo essere stati uccisi in guerra. Le maschere di Savior Sorrow sono diverse dalle vecchie maschere. In un'intervista, Skinny dice che hanno usato le maschere in bianco e nero con il logo "X-Face" per molto tempo ed hanno cambiato l'immagine del cantante con il cambiare di quest'ultimo.Hanno creato maschere diverse per ogni membro e ognuno ha messo un po' della propria personalità in esse. Anche se il logo X-Face è stato a lungo indossato nelle maschere di Mushroomhead, al loro primo show come una parte del Mayhem Festival, i membri del Mushroomhead hanno adottato i costumi in stile piuttosto controverso composto da maschere da bambola alienata facce truccate e lunghi trench con calze a rete. Ciò potrebbe essere associata con l'uscita del loro nuovo album, che è fissato per il rilascio il 10 febbraio 2010. Dal 1999,i Mushroomhead hanno avuto una rivalità molto accesa con gli Slipknot. La faida è scoppiata (per lo più tra gli appassionati), a causa di alcune similitudini tra le band,come le maschere e i costumi indossati sul palco.Prima di firmare con gli Slipknot,la Roadrunner Records era interessata agli Mushroomhead, ma i Mushroomhead hanno declinato l'affare. Jason Popson (conosciuto come J Mann) in un'intervista ha dichiarato: " sembra un po' strano che abbiano lo stesso nostro numero di membri,che alcune maschere siano simili, ed è stato un po' troppo strano che la loro etichetta discografica ha avuto questo tipo di materiale. Penso che sia evidente che il materiale sia preso in prestito dai nostri show. La rivalità è ormai ufficialmente conclusa, come confermato nel 2009 da Waylon e Skinny in diverse interviste. Allmusic ha parlato così dei Mushroomhead : "i critici hanno menzionato tutti, da Marilyn Manson a Evanescence a Slipknot e Sevendust nel descrivere XIII. Ma a dire la verità, i Mushroomhead avevano un sound distintivo e riconoscibile (e un culto successivamente dedicato a Cleveland) molto prima degli Evanescence, Slipknot, o Sevendust che hanno sfondato commercialmente - e sarebbe un grave errore pensare che i Mushroomhead stiano in realtà cercando di emulare qualsiasi altra band. www.mushroomhead.com

Live di Mushroomhead


Nessun evento trovato in archivio


MUSHY


MUSHY, attiva sin dal 2003, è un'artista della scena underground italiana, giovane e talentuosa eroina dei synth che ha da poco pubblicato il suo secondo lavoro, 'Breathless'. Il nuovo disco di Mushy, sempre sulla fida Mannequin Records, è uno dei più interessanti lavori elettronici del 2013, capace grazie al suo minimalismo e alla carica oscura di venire insignito del titolo di album del mese a Gennaio 2013 dalla mitica catena di negozi inglese Rough Trade. Mushy si esprime in modo singolare, unico per il nostro paese, è capace di colpire per il suono delle sue produzioni vicine alla synth wave e al manierismo minimale elettronico ed ambient che ha contraddistinto negli ultimi due anni le produzioni di Zola Jesus e Julianna Barwick. La voce di Mushy è una costante dal valore unico, fulgido esempio di classicismo accostato alle dilatazioni digitali dei synth suonati dall'artista stessa. Con 'Breathless' ha elaborato il progetto esposto sul suo debutto 'Faded Heart' e lo ha sospinto fino ad un hd analogico, un'esperienza profonda e suggestiva, un ascolto coinvolgente che avviluppa l'ascoltatore e lo porta contemporaneamente all'incoscienza e all'estasi. Il seguito di Mushy sta crescendo di giorno in giorno, e anche gli apprezzamenti della critica. Mushy ha suonato ovunque Europa, dall'Inghilterra, passando per Spagna e Germania, e l'album ha ricevuto recensioni entusiastiche da parte della stampa specializzata, a partire dalla rivista Self-Titled sino al venerato blog newyorkese Mishka. I live di Mushy sono un'esperienza extrasensoriale in cui i synth si mescolano con gli onirici visual creati dall'artista stessa. http://mushy.it

Live di Mushy


Nessun evento trovato in archivio


Live di Music Academy


Nessun evento trovato in archivio


MUSIC FOR ELEVEN INSTRUMENTS


Anche se il nome potrebbe far pensare a un'orchestra o ad un gruppo di non pochi membri, la musica di Music For Eleven Instruments è composta, suonata e registrata da Salvatore Sultano originario di Gela, paese del sud della Sicilia , che dopo l'esperienza con i Flugge, decide di intraprendere questo progetto solista, rianimando quegli 11 strumenti disseminati nelle stanze di casa sua.Strumenti a corda, percussioni, voci ed elettronica popolano, infatti, i brani di "Business Is A Sentiment", disco in uscita per Red Birds Record. Accanto a melodie fiabesche, che richiamano atmosfere adolescenziali e colori primaverili, convivono e si mescolano allegramente tradizione e brit-pop, elettronica e sonorità orientali. Salvo, con spiccata impostazione cantautoriale, è artefice di una forma canzone che vede alternarsi ritmi acustici, percussivi ed elettronici in un percorso estremamente ricco e variegato quanto armonico ed omogeneo.L'andamento dei brani a tratti richiama l'incedere di quelle bande di paese sguinzagliate per strada a sottolineare un momento particolare di festa, ma velato, al tempo stesso, da un retro gusto malinconico.Nella Sicilia schiacciata da 1000 problemi nella morsa politico-mafiosa , i momenti di sogno e di speranza sono spesso turbati dalla visione di una società che perde giorno dopo giorno i propi diritti. Così come, il fatto di vivere in una città in cui i fumi della raffineria costringono la vitalità di un uomo ad essere reclusa in una stanza, ha decisamente il suo impatto sulla sensibilità dell'autore.Ma Salvo Sultano affronta la vita con consapevole leggerezza, la stessa che pervade i brani di Music For Eleven Instruments...ascoltare per credere, perchè come recita il titolo del disco ...Business Is A Sentiment. www.myspace.com/musicforeleveninstruments

Live di Music For Eleven Instruments


Nessun evento trovato in archivio


Live di Music Letter


Nessun evento trovato in archivio


Live di Music Tapes


Nessun evento trovato in archivio


Live di Musica D'altre Voci


Nessun evento trovato in archivio


MUSICA DA CUCINA


Musica da Cucina per Long Song Records. Il disco esce dopo l'esordio omonimo del 2007, ormai introvabile (stampato in 1000 copie esaurite prima della fine dell'anno e mai più ristampato, se non recentemente in una versione limitata). Da allora Musica da Cucina ha suonato in tutta Europa e recentemente in Tasmania al Mona Foma festival facendo della versatilità (ed eccentricità) performativa la sua bandiera con più di 300 concerti e concertini in teatri, case, ristoranti, mense, orti pubblici, scuole, nursery, gallerie d'arte, rassegne e festival di vario tipo (da quelli di musica sperimentale, a quelli di cinema - ha musicato dal vivo due film, uno muto “La chute de la maison Usher” di J. Epstein (1928) e uno no “La luna nera“ di L. Malle (1974) - e teatro, passando per festival di taglio enogastronomico). Il nuovo disco segue e sviluppa la linea del primo disco, unendo suoni concreti a melodie e suggestioni folk e pop, con divagazioni ambient e oniriche in una sorta di cantautorato intimo e surreale per chitarra, voce e tavolo apparecchiato. Il tema portante del disco è il legame con la montagna e con la terra, e parla di madri e figlie, di morte e vita. Frutto di un lungo lavoro di ricerca e affinamento di ulteriori suoni da cucina, come ad esempio un glockenspiel, di soli cucchiaini, questo disco è il risultato di anni passati a girovagare tra mercatini e solai. . www.fromthemountains.com www.myspace.com/musicadacucina

Live di Musica Da Cucina


Nessun evento trovato in archivio


Musica di un Certo Livello


http://www.myspace.com/musicadiuncertolivello - SUONANO: Mar 29 2006 9:00P Macelleria Mobile di Mezzanotte @ Linux Club Roma Apr 7 2006 9:00P Vri-il + Elton Junk @ Spartaco Ravenna May 5 2006 9:00P VRI-IL + MACELLERIA MOBILE DI MEZZANOTTE @ CPA Firenze May 6 2006 10:00P MACELLERIA MOBILE DI MEZZANOTTE + CONDANNA @ XM24 Bologna May 10 2006 10:00P PANICSVILLE + MAGIK IS MY KUNTMASTER + VIKI @ atlantide occupata Bologna May 11 2006 9:00P VRI-IL + Elton Junk @ XM24 Bologna May 13 2006 10:00P VRI-IL + Elton Junk @ CSA Boccaccio Monza May 28 2006 9:00P vri-il+caboto+poland+anatrofobia @ ekidna Carpi (modena)

Live di Musica Di Un Certo Livello


Nessun evento trovato in archivio


MUSICA NUDA / PETRA MAGONI + FERRUCCIO SPINETTI


Per festeggiare con il loro pubblico questi primi 10 anni, Magoni e Spinetti hanno pensato di mettersi in ghingheri, di vestire a festa la MUSICA NUDA con l'album “BANDA LARGA” in cui per la prima volta la voce di Petra Magoni e il contrabbasso di Ferruccio Spinetti saranno accompagnati da una intera orchestra. A dirigere l' Orchestra da camera delle Marche e a lavorare agli arrangiamenti dell'album Daniele Di Gregorio, che con un lavoro da “fine sarto arrangiatore” ha donato al duo un nuovo abito con cui vestirsi a festa per questo importante anniversario. Di Gregorio, polistrumentica e collaboratore di Paolo Conte da molti anni, è stato capace di rivestire la voce di Petra e il contrabbasso di Ferruccio lasciando però centrali i due strumenti. http://www.musicanuda.com www.facebook.com/MusicaNuda - twitter.com/musicanudaoffic www.youtube.com/user/MUSICANUDAOFFICIAL

Live di Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti


Nessun evento trovato in archivio


MUSICA PER BAMBINI


Il Culto del Gatto ha origini remote, ma è opinione di MUSICA PER BAMBINI che dai gloriosi tempi della civiltà faraonica ad oggi, il percorso parallelo del piccolo felino e dell'uomo sia stato contrassegnato da perenni incomprensioni. Questo singolo vuole essere il primo passo verso il riavvicinamento progressivo delle sensibilità umane e feline, gettando le basi di un nuovo galat(t)teo felino che sensibilmente migliori i rapporti con le scarpe ed i pneumatici della razza bipede e rotolante. Cose da non fare al Gatto è musica che parla il linguaggio dell'uomo, poiché è ad esso che si rivolge, enumerando una serie di attenzioni che è bene portare al gatto. O il gatto ti graffia. Per ora.....la razza umana è avvisata. www.musicaperbambini.com

Live di Musica Per Bambini


Nessun evento trovato in archivio


MUSICA PER ORGANI CALDI


Il bassista/cantante Andrea Ra, il producer/cantante Emiliano Ra-B, Marco La Fratta (chitarrista di Piotta, Lemmings etc.) e Alessandro Inolti (già batterista dei Kutso) suonano assieme e fondano il Dada Rock. O Dada Pop. O Dada Punk. O come volete voi, basta che c'è "Dada" nel genere. Poi Alessandro Inolti parte per gli USA e alla batteria entra Jacopo Volpe dei Vanilla Sky. Il loro primo singolo si chiama "Pigneto Chic". Il brano è il primo di una serie che a fine anno dovrebbero essere incluse in un album, pubblicato da Mala Tempora/La Grande Onda. www.musicaperorganicaldi.com http://www.facebook.com/musicaxorganicaldi

Live di Musica Per Organi Caldi


Nessun evento trovato in archivio


MUSICAL BUZZINO


Musical Buzzino - Livornese trapiantato da anni a Milano, dopo aver messo per anni la sua chitarra al servizio di numerosi artisti (tra tutti Cristina Donà e DeltaV), Lorenzo Corti esce allo scoperto anche come autore e cantante. Musical Buzzino nasce quasi per caso ("un'infortunio nella carriera di un side-man"), come una semplice raccolta di idee, originate e sviluppate tra le mura domestiche in totale libertà espressiva, cresciute nel corso di un paio d'anni fino a trasformarsi in un'opera di squisito artigianato pop. Un sincero omaggio a tutto ciò che l'artista ha ascoltato durante la sua adolescenza e che continua ad amare tuttora. Il risultato? Tra Frusciante e un Tom Petty in acido, da ascoltare mentre Wilma de Angelis cucina per Howe Gelb… - Il cd è nei negozi (e in vendita on line sul sito di Shinseiki) dal 14 Aprile (etichetta Great machine pistola, distribuzione Audioglobe). - Su Vitaminic potete ascoltare/scaricare due brani: Babe blue (di cui è in fase di avanzata lavorazione il videoclip, diretto da Stefano Canzio e prodotto da Milonga) e Coloured sugar sun. - Suonano: 17/9 Morya – Cellatica (Bs). - Info: SHINSEIKI - viale Venezia 170 - 25100 Brescia - corrispondenza: Rudi Tanzi via Roma 118 25060 Collebeato (Bs) - Tel. /fax 030/2510853 cell. 338/2155230 - www.shinseiki.ale.it - Info: URTOVOX Label&Promotion - Via di Pulica 5 - 50031 Barberino di Mugello - Firenze - Tel.055/8420962 - Paolo Naselli Flores Ufficio stampa URTOVOX 338/8117558 www.urtovox.it

Live di Musical Buzzino


Nessun evento trovato in archivio


Live di Musici Vagantes


Nessun evento trovato in archivio


Live di Musicmarathon


Nessun evento trovato in archivio


Live di Musikolors (tributo Eric Clapton)


Nessun evento trovato in archivio


MUSIL


Musil è Luca dei Satan is my Brother, nel suo progetto privato si occupa di derive ambientali, estatici mini-viaggi che ridisegnano landscapes lunari e lontani. La sua uscita su Vuoto Variations è un bilanciamento perfetto di piccole parti di piano minimali appoggiate su lunghe distese di archi sintetici o di borbotti dallo spazio profondo. Un bel lavoro debitore tanto a Eno quanto agli Ambient Works di Aphex Twin, riaggiornato in chiave post-isolazionista con suoni organici. www.myspace.com/musilmusic

Live di Musil


Nessun evento trovato in archivio


Live di Muslimgauze


Nessun evento trovato in archivio


MUSTANGS


I "MUSTANGS" sono una Rock & Funk Band nata dalla passione per la musica rock anni '70 dei quattro componenti Emiliano De Angelis, Francesco Caporaletti, Fabio Verdini e Francesco Bigoni. Lo scopo è riproporre dal vivo le grandi Hits Funk di Bob Seger, Grand Funk Railroad,Doobie Brothers e Credence Clearwater Revival....senza pero' tralasciare i classici autori della musica Rock come Beatles, Rolling Stones, Doors, ecc... ma appunto,rivisitati ed eseguiti in maniera funk....EGGIANTE La strumentazione vintage di cui dispone la band rende più efficace l' esecuzione dei brani, caratterizzati dalle sonorità tipicamente Seventies; inoltre tutti e quattro i musicisti si alternano alle voci dando vita a delle performance estremamente coinvolgenti. Se avete voglia di andare su di giri i "MUSTANGS" fanno proprio al caso vostro, quindi non lasciateveli scappare!!! Ciao e....... al prossimo giro! EMILIANO DE ANGELIS - GUITAR & VOCAL FRANCESCO CAPORALETTI - BASS & VOCAL FABIO VERDINI - HAMMOND,PIANO & VOCAL FRANCESCO BIGONI - DRUM & VOCAL www.myspace.com/mustangsband70

Live di Mustangs


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mustasch


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mutiny


Nessun evento trovato in archivio


MUTT RAMON


Mutt Ramon (UK) I Mutt Ramon sono Neil e Simon, un duo proveniente da Manchester che è tra i nomi più promettenti della scena indie Inglese. Il loro nome è stato segnalato da diversi blog e webzine specializzate, che hanno utilizzato toni trionfalistici per descrivere le canzoni di “Utterly Mutterly”, il disco autoprodotto uscito lo scorso anno. I Mutt Ramon giungono per la prima volta in Italia per presentare il loro ultimo EP in uscita per l'etichetta bresciana My Honey Records. Un disco pop sorprendentemente eclettico: composto da potenziali hit radiofoniche (“Phisically Corrupted”), ballate semi-acustiche e pezzi elettropop che richiamano certi anni '80 e i Pet Shop Boys. Lasciatevi conquistare dal mondo dei Mutt ramon, dai loro testi surreali che parlano di scimmie, cani, sim card e dalle loro melodie indie/dance. www.muttramon.com www.myspace.com/muttramon

Live di Mutt Ramon


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mutual Appreciation


Nessun evento trovato in archivio


MUTZHI MAMBO


Sulla copertina del cd dei Muthzi Mambo l'etichetta riporta: "Parenti avvistati: contiene messaggio alieno". Questi 5 toscanacci, dalle facce da simpatici pendagli da forca, devono essere cresciuti a pane e Quentin Tarantino. La musica, innanzi tutto, sembra la colonna sonora di "Pulp fiction", una via di mezzo tra i Cramps e i Misfits prima maniera (ma forse più per attitudine che per assonanza). Uno sporco psycho-billy dove le ombre di Lux Interior e Poison Ivy aleggiano ghignando. I testi, invece, sono storie che il mitico Thomas Prostata (il personaggio interpretato da Bebo Storti), non esiterebbe a definire il tutto "Pulp... molto pulp... sangue e mmerda"; insomma, storie tipo fidanzate vendute agli alieni per 20 sacchi, donne pitone, Rosy che sa di spazzatura e sesso, storie d'amore finite con la cottura dell'amata, massacri famigliari per una critica a Elvis Presley... una galleria di personaggi incredibilmente vividi. La mezz'ora del cd vola via sulle ritmiche stoppate e le chitarre sixties. Un plauso alle due cover incluse ("Personal Jesus" dei Depeche Mode e "Alligator wine" degli Hankwind) che risultano completamente stravolte e piegate alla sonorita della band. Tecnicamente i 5 sono ineccepibili, la registrazione è davvero buona, lo-fi quel che basta per avvolgere di fumo l'ascoltatore, e l'artwork del lavoro è scarno ma essenziale: marziani ganster sulla copertina e una Uno bruciata sul retrocopertina. Un esempio per i giovani. www.myspace.com/mutzhimambo

Live di Mutzhi Mambo


Nessun evento trovato in archivio


MUV


Nell’aprile 2008 Alberto Tacchini, Gianluca Alberti e Rodolfo Cervetto - musicisti di vent’ennale esperienza, attivi in ambito jazzistico come leader e/o sideman, collaboratori di figure di rilievo del panorama musicale nazionale e internazionale - si sono dati appuntamento in studio d’incisione con il compositore contemporaneo Massimiliano Viel - esperto di elettronica attivo a livello internazionale e performer in ambito musicale, della danza, del video e del teatro - per dare vita al progetto musicale MU:V. A partire dall’insegnamento di grandi maestri come Miles Davis, Joe Zawinul, Jaco Pastorius, Frank Zappa, ecc. (specie nell’atteggiamento nei confronti del materiale sonoro piuttosto che rispetto alla cifra stilistica) i MU:V propongono un repertorio formato da composizioni originali basate sulla combinazione di elementi sonori differenti di matrice jungle, drum’n bass, funk, hip-hop, dance music, sapientemente amalgamati dall’elettronica e impreziositi dall’improvvisazione di derivazione jazzistica che porta ad essere questa musica, specie in ambito live, un esperienza mai uguale a se stessa e in continua evoluzione. L’obiettivo è quello approdare a sonorità con caratteristiche innovative, che attualizzando le più disparate tendenze contemporanee sia in grado di offrire un intrattenimento musicale di qualità, divertente/divertito, mai banale. Il progetto musicale dei MU:V, “drum’n bass show”, è stato presentato nel giugno scorso, in anteprima assoluta, nel contesto del “PARCO DELLE MUSICHE”, rassegna tenutasi nella splendida cornice del Parco Increa di Brugherio (Mi), riscuotendo un significativo consenso da parte di un pubblico vario e articolato. Alberto Tacchini (pianoforte, keyboards) è un musicista di talento che si è formato attraverso lunghi studi classici, jazzistici (con Franco D'Andrea) e una buona esperienza accanto a musicisti come Tiziano Tononi, Claudio Fasoli, Tiziana Ghiglioni, Roberto Bonati, Giancarlo Schiaffini, Roswell Rudd, Michel Godard, Herb Robertson, Mark Dresser facendosi apprezzare per le pregevoli qualità strumentali e la multiforme vena espressiva. E’ stato, inoltre, ideatore e coordinatore della Blast Unit Orchestra, band che ha coinvolto alcuni tra i migliori improvvisatori italiani come Achille Succi, Dimitri Grechi Espinoza, Giovanni Falzone, Beppe Caruso, ecc. Nel 2000 è co-fondato del COLLETTIVO JAM, associazione culturale che ha ideato AH-UM MILANO JAZZ FESTIVAL. Nel 2001 ha pubblicato il cd Vertigo, accolto con entusiasmo dalla critica, espressione di una personale ricerca sul linguaggio, sul suono e le possibilità tecniche del pianoforte solo. Nel 2003 con Drops, guida un quartetto di rilievo, comprendente Roberto Cecchetto alla chitarra elettrica, Giovanni Maier al contrabbasso e U.T. Gandhi alla batteria, (già gregari dell’Electric Band di Enrico Rava) per mettere in scena un progetto articolato che giustappone, libera improvvisazione, sperimentazioni elettroniche e suggestioni jazz rock. Gianluca Alberti (basso elettrico, contrabbasso) si è formato con Giorgio Azzolini: icona e pioniere del contrabbassismo jazz in Italia, specializzandosi poi seguendo i seminari BERKLEE tenuti Bruce Gertz. Da circa vent’anni svolge l’attività di musucista suonando inizialmente in ambito acid jazz con STEFANO TIRONE realizzando due cd che hanno riscosso un grande consenso della critica specializzata, oltre a entrare nella top list di NICK THE NIGHTFLY su Montecarlo Nights e successivamente nell’ambito della musica africana con Mamadì Kabà (con il quale registra un cd di Ninna nanne africane, ospite Giovanni Allevi), band con la quale svolgerà intense attività concertistica di stampo afro-jazz. In ambito jazz collabora con molti musicisti impegnati in ambiti stilistici differenti come Antonio Faraò, U.T. Gandhi, Marco Brioschi, Gianmario Liuni, Enrico Rava, Dimitri Grechi Espinoza, Enrico Intra, Michele Bozza, Charles Alexander, Mike Tracy, Tiziana Ghiglioni, Alberto Mandarini, Antonio Zambrini, Tino Tracanna, Nino De Rose, Dino Betti Van Der Noot, Phil de Greg e molti altri, esibendosi in numerosi concerti e jazz festival. Da circa un decennio svolge un’intensa attivita' didattica. Nel 2007 registra con Aberto Tacchini e Tiziano Tononi le musiche del direttore scaligero BRIAN RICHARD EARL per la sonorizzazione di un film in corso di realizzazione. Rodolfo Cervetto (batteria) inizia a suonare nel 1991 con la Louisiana Jazz Club e nella Genova Jazz Band, sotto la guida di Giampaolo Casati, perfezionandosi successivamente con batteristi storici come Jimmy Cobb e Bobby Dhoram. Suona in formazioni jazzistiche con musicisti del calibro di Gianni Basso, Franco Cerri, Jimmy Villotti, Andrea Pozza, Alessio Menconi, Marco Tamburini, Paul Jeffrey Red Holloway, Gary Bartz, Bruce Forman, Benny Golson, Buster Williams, ecc. e in formazioni extrajazzistiche con i Sigma (pop/rock anni 60/70), i Los Duendes (flamenco) e Irio De Paula (musica brasiliana), oltre ad approfondire personali ricerche nell’ambito del free, del jazz europeo e della musica classica. Attualmente, oltre che con i MU:V, suona in diverse formazioni come Kandinsky project, Entartete Zeit e Ata trio. Massimiliano Viel (live electronics) ha studiato pianoforte, musica elettronica, direzione d'orchestra, etnomusicologia e composizione a Milano, Parigi, Salisburgo e Odense. Dagli anni 90 si dedica alla ricerca di nuove sonorità e tecniche esecutive alla tastiera elettronica collaborando con ensembles come il Caput Ensemble di Rejkiavik, il Quartetto Arditti di Londra, MusikFrabrik di Düsseldorf e orchestre come quella del Teatro alla Scala di Milano, l'orchestra della WDR di Colonia e l'Orchestra di Parigi, con i quali ha suonato in teatri di tutta europa. Nel 1997 ha eseguito il "Klavierstuck XV" di K. Stockhausen al Teatro Mercure di Montreal. Ha collaborato, inoltre, con compositori come Marcus Stockhausen, Luciano Berio, Luca Francesconi, Atli Ingolffson, Fausto Romitelli e Francisco Guerrero. Contemporaneamente, ha sviluppato la sua ricerca estetica e tecnica nella scrittura musicale, realizzando partiture per strumenti acustici ed elettronici, dallo strumento solista alla grande orchestra, eseguite in Europa, USA, Australia e Messico. Da sempre interessato alla relazione tra musica e altre forme espressive, ha inoltre realizzato un gran numero di performances in stretto contatto con il teatro, il video e la danza. È titolare della cattedra di "Elementi di composizione per la didattica", presso il Conservatorio "C. Monteverdi" di Bolzano. www.myspace.com/rodolfocervetto

Live di Muv


Nessun evento trovato in archivio


Live di Muzeyyen Senar


Nessun evento trovato in archivio


Live di Muzsikas And Marta Sebestyen


Nessun evento trovato in archivio


MUZZ MURRAY


Songwriter, Singer, Guitarist, originally from the UK, based in Italy. http://muzzmurray.jimdo.com

Live di Muzz Murray


Nessun evento trovato in archivio


MUZZLED


Give me More, singolo estratto dal full lenght “Reborn” primo disco dei Muzzled ed uscito da pochissimo (novembre 2010) per Go Down Records. Interamente realizzato all'interno del Garage Studio. Basi in presa diretta in analogico su nastro, missaggio e mastering su ProTools. Che dire…buon ascolto!!! www.myspace.com/muzzledrock

Live di Muzzled


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mv & Ee With The Bummer Road


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mx-80


Nessun evento trovato in archivio


MXPX ALL STARS


Il ritorno di Mike Herrera che, dopo il successo delle date tra Giappone, Asia ed Australia, con il suo progetto MXPX ALL STARS è pronto a girare per la prima volta il Sud America e successivamente l'Europa nel 2012! Il pubblico italiano avrà la fortuna di poter assistere a due show in aprile a Firenze e Milano! Storico bassista e frontman degli MXPX, Mike Herrera non riesce a stare fermo un attimo. Dopo la pausa presa con la band originaria ha deciso di imbarcarsi in questo nuovo progetto, riproponendo i successi degli MXPX accompagnato dai Cancer, che apriranno anche le date del tour. Gli MXPX sono una delle band caposaldo del genere punk rock americano, dopo 15 anni on the road hanno deciso di prendersi una pausa, ma adesso l'inarrestabile Mike Herrera è pronto a tornare sui palchi per infuocare ancora una volta tutti i kids europei con le hit che hanno reso famoso il trio statunitense. Tutti gli amanti del genuino punk rock anni '90 non potranno mancare ai due appuntamenti primaverili con la band! www.mxpx.com

Live di Mxpx All Stars


Mer 30 Apr LOCOMOTIV CLUB - Bologna (BO) - Italia

LOCOMOTIV CLUB VIA SEBASTIANO SERLIO 25/2 PARCO DEL DOPOLAVORO FERROVIARIO BOLOGNA INFO 348/0833345 info@locomotivclub.it www.locomotivclub.it www.facebook.com/LOCOMOTIVCLUB



Gio 01 Mag TRAFFIC - Roma (RM) - Italia

TRAFFIC Via Prenestina 738 ROMA INFO: info@trafficlive.org www.trafficlive.org www.facebook.com/traffic.live



Ven 02 Mag ARCI LO FI - Milano (MI) - Italia

ARCI LO FI via dei Pietro e Giuseppe Pestagalli, 27 MILANO INFO: info@lo-fi.milano.it www.lo-fi.milano.it www.facebook.com/lo.fi.milano




MY AGONY


I MY AGONY sono una giovanissima formazione proveniente da Milano con all’attivo una manciata di date dal vivo e questo promo datato 2006. Il genere che scaturisce dai tre brani effettivi presenti nel cd è quello di un metalcore con influenze svedesi con qualche mosh che spezza il brano a volte troppo bruscamente. Come per molte altre band che hanno saturato il mercato ogni pezzo è scandito dalla sequenza di growl, ritornello con voce pulita melodica e armonizzazioni nella formula classica alla Killswitch Engage, gruppo di riferimento per questi ragazzi. La produzione è discreta, le chitarre sono pompate nel modo giusto e la voce accompagna bene i riff proposti, i ritornelli sono accattivanti con il chiaro obbiettivo di fare presa per un facile ricordo. Forse alcune pecche si riscontrano nella ripetizione di alcuni pezzi che allungano troppo il brano e di una voce soprattutto nel growl che a volte sembra essere troppo sforzata. Qualche mosh vincolato poteva essere evitato. L’outro è un omaggio agli In Flames e precisamente al finale acustico di Touch Of Red del cd Soundtrack To Your Escape. Comunque sia si parla di una band dove ogni componente non supera i 20 anni di età, quindi la possibilità di crescere e di cercare una propria rotta e identità, per non finire nel calderone delle band fotocopia di una moda che ormai ha stuccato parecchio, spero sia produttiva. www.myspace.com/myagonymetal

Live di My Agony


Nessun evento trovato in archivio


MY AWESOME MIXTAPE


I My Awesome Mixtape nascono nel 2006 e in pochissimi mesi le loro canzoni generano un caso: ovunque si parla di loro come della big thing italiana del futuro. I tempi per questa band sembrano ristrettissimi perché nel giro di 4 anni vengono proiettati dalle loro camerette bolognesi a palchi italiani e esteri raggiungendo una fama incredibile. Il merito va probabilmente alla loro sonorità, che unisce sapientemente l'indie rock, l'hip hop e l'elettronica classificandoli come una delle rivelazioni più interessanti del panorama underground italiano. In apertura Spagetti Bolonnaise e dopo i live Dente djset(…) www.myawesomemixtape.it www.myspace.com/wearemyawesomemixtape

Live di My Awesome Mixtape


Nessun evento trovato in archivio


MY BEST FIEND


I MY BEST FIEND sono un quintetto di Brooklyn, New York, arrivato al debutto discografico con un album prodigioso e ben caratterizzato su una vincente impronta alternative folk alla Fleet Foxes, e con spiccate attitudini psichedeliche e space rock che ricordano le gesta di Sleepy Sun e Black Angels. 'In Ghostlike Fading' dei My Best Fiend è uno dei migliori esordi dell'anno, pubblicato all'inizio dell'anno dall'infallibile Warp, etichetta che riesce sempre a pubblicare album efficaci e di generi differenti (dall'elettronica di Aphex Twin ed Autechre, passando per l'indie tout court dei Maximo Park, fino al moderno math rock dei Battles). I giovanissimi Fred, Kris, Joe, Paul e Damian, i My Best Fiend, hanno registrato un album credibile e affascinante dove molteplici sono le influenze che arrivano dal passato e dal presente del rock onirico. Gli accordi e le composizioni del quintetto di Brooklyn incontrano uno spettro di influenze di tutto rispetto, dai Pink Floyd fine anni sessanta, alla tenerezza di Gram Parsons, fino al lirismo acido di Flaming Lips e Spiritualized, passando per la potenza pop dei Verve e il romanticismo tumultuoso degli Smashing Pumkins di Billy Corgan. I My Best Fiend giocano con le stesse carte che hanno reso infallibile il pop dei Delgados, aggiungendo un tocco di dream pop e shoegaze avveniristico. La voce di Fred Coldwell ha corde da campione, ed il resto della band lo segue con maestria e tecnica ineccepibile. Ai My Best Fiend non si può fare nessuna critica, ed il loro esordio è uno dei più interessanti dell'anno. 'In Ghostlike Fading' è capace di giocare al livello dei Fleet Foxes e di regalarci una band con un grande margine di crescita. . http://mybestfiend.com/HOME.html . http://warp.net/records/my-best-fiend . http://www.facebook.com/mybestfiend

Live di My Best Fiend


Nessun evento trovato in archivio


MY BLOODY VALENTINE


MY BLOODY VALENTINE MBV Sono passati venticinque anni da “Made Me You Realise”. Era il millenovecentottantotto e sarebbero successe cose meravigliose. A quel tempo era lecito azzeccare una melodia pop e spingerla all'inferno. Camuffarla senza pedanteria oltre il muro di dissonanze e feedback. Non era da tutti, però. I meno audaci continuavano indefessi a cercarsi la coda con in testa alcuni punti di riferimento assoluti (dai Beatles agli Smiths), e atteggiarsi brit più di quanto fosse necessario. Nessuno di loro, però, se n'è mai fatta una colpa. Sulla sponda opposta tutto questo non era abbastanza, come nel sessantasette, a New York, non sarebbe stato abbastanza farsi fotografare insieme al più figo degli artisti pop. I fissascarpe giravano per i locali, con ancora poca fama underground addosso, lasciando tra i loro amplificatori e il pubblico una distanza implacata e meravigliosamente assordante. Qualcuno bussa alla porta e ci ricorda che le cose belle, talvolta, durano poco. Nel millenovecentonovantuno la rivoluzione targata My Bloody Valentine subisce un arresto improvviso. In tempo, però, per lasciare esplodere definitivamente l'urgenza noise di Loveless. In tanti hanno cercato di spingersi fino in fondo alla ricerca dell'essenza di un album del genere. Un album che ancora oggi, negli scantinati dei negozi di vinili, gira da una mano all'altra con il fascino immortale della scoperta pronta a svelarsi. E dunque, ventidue anni di silenzio. Poi la notizia improvvisa. Ed ecco “MBV”, omonimo fuori tempo massimo. Frutto dell'amore viscerale dei My Bloody Valentine per se stessi. Per il loro tempo. Per quelle foto sgranate di quando erano più giovani. Per quegli amplificatori frenetici e le splendide melodie sottomesse. “MBV” è come un film di Gus Van Sant sui My Bloody Valentine. Come un libro di Hubert Selby sull'armonia. È la storia che si ripete. Autoreferenziale, mai troppo, solo per ritrovare lo schema, il guizzo da cui tutto questo ha preso il via. Spiegarsi “MBV” vuol dire entrare nel vortice e fare finta che non esista. Adattarsi alle regole. Scansare con un braccio la nebbia fitta di distorsioni martellanti e accontentarsi di una carezza, di tanto in tanto, purché sincera. Tentare di dissezionare “MBV” è una colpa. Forse il più grande torto che si possa fare a Kevin Shields. “She found now” riaccende Loveless e ispessice l'aria attorno. Il risultato è un ostacolo conturbante, un meraviglioso universo di sovrapposizioni sonore (“Only tomorrow”, su tutte) da cui la melodia cerca di liberarsi. “MBV” sa addolcirsi (“If I am” e “New you”) e incazzarsi (“Nothing is”). Sa disorientare, senza tentennamenti. Affacciarsi su “MBV” significa tornare all'origine di tutto e cominciare da capo. Ventidue anni sono tanti e possono essere nulla. Tra i tanti meriti di Kevin Shield, un giorno, ricorderemo anche quello di saper mantenere le promesse. Quello che conta, in definitiva, è che dei tanti gruppi che ci hanno provato, da allora, soltanto i My Bloody Valentine sanno essere i My Bloody Valentine. http://www.mybloodyvalentine.org/

Live di My Bloody Valentine


Nessun evento trovato in archivio


MY BRIGHTEST DIAMOND


My Brightest Diamond All Things Will Unwind Re­cen­si­re un disco di Shara Wor­den è sem­pre un even­to un po' spe­cia­le qui da noi. Spe­cie quan­do non si trat­ta di uno dei suoi in­nu­me­re­vo­li pro­get­ti pa­ral­le­li ma della sua crea­tu­ra più per­so­na­le e prin­ci­pa­le: My Brighte­st Dia­mond. Con il do­vu­to ri­spet­to, po­trem­mo dire che sono cre­sciu­te in­sie­me, Shara e Sto­ria, dagli esor­di nel 2006 ad oggi. Ri­cor­do bene il gior­no in cui il no­stro An­to­nio (aka The Boss) mi disse: “Do­vrem­mo scri­ve­re qual­co­sa sul disco nuovo di que­sta can­tau­tri­ce: ha una voce fe­no­me­na­le, se­con­do me ti pia­ce­reb­be”. Il disco nuovo si chia­ma­va “Bring Me To The Wor­khor­se”, la can­tau­tri­ce in­ve­ce pre­fe­ri­va non di­chia­ra­re le pro­prie ge­ne­ra­li­tà e ce­lar­si die­tro un mo­ni­ker molto poe­ti­co e pre­zio­so, My Brighte­st Dia­mond, ap­pun­to. E, per in­ci­so, Anto' aveva ra­gio­ne su tutta la linea (per que­sto lui è il Capo e noi i tizi che scri­vo­no) : lei aveva dav­ve­ro una voce in­cre­di­bi­le e le sue can­zo­ni mi piac­que­ro dav­ve­ro molto, e lo scris­si anche. Fu amore a primo ac­chi­to, anzi al primo acuto. Si ca­pi­va, in­som­ma, che que­sta sorta di al­lie­va sec­chio­na di PJ con un back­ground di studi li­ri­ci e clas­si­ci così im­por­tan­te da la­scia­re a bocca aper­ta per­fi­no la mae­stra, ci avreb­be re­ga­la­to pa­rec­chie sod­di­sfa­zio­ni. E così è stato: con il se­con­do album del “dia­man­te”, “A Thou­sand Shark's Teeth” (2008), più ma­tu­ro e spe­ri­men­ta­le, seb­be­ne il con­cept dei pezzi ri­sa­lis­se ad­di­rit­tu­ra a prima del­l'e­sor­dio, di cui s'oc­cu­pò un no­stro nuovo ac­qui­sto, un gio­va­ne di belle spe­ran­ze di nome Fabio Co­dias, e in tutte le sue più o meno fu­ga­ci ap­pa­ri­zio­ni con Su­f­jan Ste­vens, coi Clogs, con i De­cem­be­rists, per­fi­no con i Pre­fu­se 73. Un eclet­ti­smo ala­cre il­lu­mi­na­to dalla pro­tei­for­me magia della sua voce, dalla sua ele­gan­za me­lo­di­ca, da una stra­va­gan­te e con­tur­ban­te pre­sen­za sce­ni­ca. No­no­stan­te tutte que­ste col­la­bo­ra­zio­ni, però, ave­va­mo una gran vo­glia di ri­sen­tir­la una terza volta tutta per noi, anzi tutta per sé. Tre anni dopo al punto di par­ten­za, come di­reb­be Guc­ci­ni. E Shara ci ha ac­con­ten­ta­to, ri­pre­sen­tan­do­si con un la­vo­ro estre­ma­men­te raf­fi­na­to ed am­bi­zio­so, molto di­ver­so dai due pre­ce­den­ti, seb­be­ne le­ga­to, in fieri, ad un'e­vi­den­te evo­lu­zio­ne sti­li­sti­ca. Con “All Things Will Un­wind” la Wor­den ri­ba­di­sce la sua pro­pen­sio­ne per il mu­si­cal e l'uso nar­ra­ti­vo del can­ta­to, ri­ser­van­do un ruolo cen­tra­le al­l'ac­com­pa­gna­men­to del­l'or­che­stra – la Ymu­sic En­sem­ble, un se­stet­to d'ar­chi e di fiati, com­po­sto da gio­va­nis­si­mi mu­si­ci­sti clas­si­ci – ed esclu­den­do, in pra­ti­ca sia la com­po­nen­te elet­tro­ni­ca che il ful­cro della stru­men­ta­zio­ne rock (basso e chi­tar­ra elet­tri­ca qui sono pra­ti­ca­men­te as­sen­ti e la bat­te­ria è ri­dot­ta al mi­ni­mo in­di­spen­sa­bi­le). C'è aria di mu­si­ca colta, in “All Things Will Un­wind”, qual­co­sa di Pro­ko­fiev, della Broad­way del pe­rio­do clas­si­co, di Weill e del ca­ba­ret eu­ro­peo da ca­me­ra, ma senza al­cu­na osten­ta­zio­ne in­tel­let­tua­le, con un'a­gi­li­tà e una fre­schez­za che, nelle in­ten­zio­ni del­l'au­tri­ce, do­vreb­be ri­spec­chia­re quel­la di un'o­pe­ra (art-pop) ese­gui­ta in­te­gral­men­te dal vivo, una spe­cie di al­bum-con­cer­to. E le can­zo­ni sono al­l'al­tez­za e fun­zio­na­no a me­ra­vi­glia: sia quan­do i toni si fanno epici e so­len­ni come nelle ro­man­ze post mo­der­ne “Esca­pe Rou­tes”, la bel­lis­si­ma “She Does Not Brave The War”, quasi un'an­tie­roi­na di Bre­cht ca­ta­pul­ta­ta in un mu­si­cal ame­ri­ca­no a ri­flet­te­re sui per­ché della lotta di clas­se e sulle di­su­gua­glian­ze so­cia­li di que­sta Nuova De­pres­sio­ne, che non cam­bia­no mai, che pa­ga­no sem­pre gli stes­si, o l'ad­dio ad un gran­de amore nella scena madre in bian­co e nero di un vec­chio film di Hol­ly­wood pro­nun­cia­ta su uno stra­nian­te ci­go­lio a don­do­lo in sot­to­fon­do (“I'Ve Never Loved So­meo­ne”), sia quan­do gioca sul con­tra­sto fra il mi­ni­ma­li­smo del­l'im­pian­to rit­mi­co (e del banjo e della chi­tar­ra acu­sti­ca) e gli ara­be­schi vo­ca­li, le ampie vo­lu­te di fiati e archi (“In The Be­gin­ning”, “Eve­ry­thing In The Line”), che quan­do si con­ce­de toni più leg­ge­ri, quasi co­mi­ci, come nello sket­ch ban­di­sti­co e scat­tan­te di “High Low Midd­le” o nei sa­li­scen­di mar­cian­ti e dis­so­nan­ti di “Ding Dang”. E c'è posto anche per qual­che lon­ta­na eco di vec­chie fonti d'i­spi­ra­zio­ne come Su­f­jan Ste­vens nella vi­bran­te e in­di­gna­ta “Be Brave” (forse la più al­ter­na­ti­ve, in senso ca­no­ni­co, del lotto) e PJ Har­vey nei guiz­zi vo­ca­li da ope­ret­ta per bam­bi­ni di “The­re's A Rat”. Un cam­mi­no sem­pre più ispi­ra­to ed af­fa­sci­nan­te, quel­lo di Shara Wor­den, che spe­ria­mo di con­di­vi­de­re per molti anni an­co­ra. In­can­ta­tri­ce.www.mybrightestdiamond.com www.myspace.com/mybrightestdiamond

Live di My Brightest Diamond


Nessun evento trovato in archivio


MY BUBBA & MI


Tre ragazze, appartamenti e vecchi strumenti. Le prove le fanno in cucina, prima di colazione o dopo mezzanotte. www.myspace.com/mybubbaandmi

Live di My Bubba & Mi


Nessun evento trovato in archivio


MY CAT IS AN ALIEN


Duo dei fratelli di origine torinese Maurizio e Roberto Opalio, si sono affermati come nome di punta del panorama sperimentale internazionale dell'ultima decade. Formatisi nel 1997, si distinguono per le loro peculiari performance live di composizione istantanea radicale, un crocevia tra primitivo minimalismo, casualitcageana e l'estetica cosmica di Sun Ra. I MCIAA hanno effettuato collaborazioni con artisti chiave della scena d'avanguardia tra cui Sonic Youth, Keiji Haino, Christian Marclay, Jim O'Rourke, Loren Connors, Jackie-O Motherfucker, Nels Cline (Wilco). La loro imponente discografia sfiora un centinaio di album pubblicati dalle etichette discografiche piprestigiose della scena indipendente internazionale, dal debutto sull'Ecstatic Peace di Thurston Moore (Sonic Youth), sino agli attuali lavori sulla storica Atavistic (USA). www.mycatisanalien.com

Live di My Cat Is An Alien


Nessun evento trovato in archivio


MY CHEMICAL ROMANCE


Gerard Way e soci tornano in Italia a distanza di 3 anni, precisamente dal tour di “Black Parade”, l'ultimo discusso album (in Italia ha venduto più di 30.000 copie) che esplicitava all'opinione pubblica il concetto del “suicidio emo”. Oggi le cose sono cambiate e i My Chemical Romance sono tornati con un nuovo album, una sorta di nuovo concept: “Danger Days: The True Lives of the Fabulous Killjoys” segna una svolta secca rispetto al passato. Dismesse le uniformi funeree e la poetica dark, i My Chemical Romance, oggi, sono COLORATI. Con un disco - uscito lo scorso 23 novembre (su etichetta Warner Music) - che si rifà, nelle grafiche e nei video, all'immaginario del B-Movie futuristico anni '70 e con un sound radicalmente diverso rispetto al passato, più “proto punk” e con riferimenti a Stooges e MC5. Le produzioni sono affidate, come per il lavoro precedente, a Rob Cavallo, chairman di Warner Music. Ecco come la celeberrima rivista inglese NME ha definito il nuovo disco: "Di gran lunga il miglior album rock dell'anno, tanto quasi da dispiacersi per tutti gli altri. Questo non è entusiasmo eccessivo. Sul finire del 2010 possiamo considerare il rock salvo”. www.mychemicalromance.com www.myspace.com/mychemicalromance

Live di My Chemical Romance


Nessun evento trovato in archivio


MY CITY BURNING


Maarten + Ramon + Igor + July 2006 = fast, loud, aggressive hardcore metal. Yes, we have all been in bands before and yes, you may have heard of those bands, you might have been a groupie or seen them live even. However, this is something new, something fresh, something that kicks ass like none of the previous bands did (no offense, guys). www.mycityburning.com www.myspace.com/mycityburning

Live di My City Burning


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Craving


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Dad Is Dead


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Darkest Hate


Nessun evento trovato in archivio


MY DEAR KILLER


My Dear Killer è una band solo teorica, costruita su soffici architetture di sogni, desideri, supposizioni e ipotesi. Per anni My Dear Killer ha prodotto canzoni intrise di consuetudini mal digerite e sospiri, canzoni dove rasoiate elettriche si fondono ad intimi arpeggi e lamenti. Se si parla di "bedroom scene" non si prescinde da My Dear Killer e dalla etichetta che gestisce, la Under My Bed. Il primo album ufficiale "Clinical Shyness", dopo una miriade di cassette e cdr, ha ricevuto ottimi consensi dalla stampa. Su tutti, ecco cosa dice Hamilton Santhià su Fuori Dal Mucchio: "Le canzoni sembrano provenire dal magma primordiale dei sentimenti più autentici e grezzi - sentimenti che non hanno mai certezze. Laddove sembra arrivare un punto di fuga, arriva la stangata delle chitarre elettriche. Aggressive, Violente. Un taglio lacerante al cuore. Folk distrutto che sembra davvero provenire dal genio di O'Rourke " MY DEAR KILLER www.mydearkiller.com

Live di My Dear Killer


Nessun evento trovato in archivio


MY DYING BRIDE


I paladini del gothic-doom made in UK, ovvero MY DYING BRIDE, tornano sulla scena con un nuovo album la cui uscita è prevista su Peaceville Records in autunno. Al momento la formazione è al lavoro in studio di registrazione, ma ha già programmato il tour promozionale che la porterà in Italia per due date nel mese di dicembre. Si tratta di due appuntamenti imperdibili per vedere on stage una delle band più importanti dell'intero panorama gothic: sarete rapiti dal buio...http://www.mydyingbride.org/ http://www.myspace.com/mdbride

Live di My Dying Bride


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Education


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Electric Love Affair


Nessun evento trovato in archivio


MY FAIR LADY


MY FAIR LADY di di Friederick Loewe e Alan J. Lerner da “Pigmalione” di George B. Shaw con Aldo Ralli nel ruolo di ALFRED DOLITTLE e con Enrico Baroni – Col. Pickering Scene Aldo Di Lorenzo Coreografie Roberto Croce Direzione musicale Emanuele Friello Adattamento e Regia Massimo Romeo Piparo Massimo Romeo Piparo dirige il revival italiano di questo celeberrimo musical. E'uno dei più amati classici della storia del Musical: My Fair Lady, la favola della povera e rozza fioraia trasformata in principessa da un ostinato e burbero professore di fonetica. La cultura, la conoscenza della propria lingua, gli strumenti per un'elevazione sociale, sono il fulcro narrativo di questo spettacolo: un tema molto attuale in un momento storico come quello che stiamo attraversando. Note di regia Non capita a tutti i “classici” del Teatro musicale di poter essere sempre “giovani”. La fortuna di un musical spesso sta nel palmares del film o della piece da cui è tratto. Il musical My fair lady deve la propria “immortalità” a se stesso. A ciò che racconta, a come lo traduce in emozioni, ai sorrisi che fa scaturire, alla universalità del suo linguaggio musicale. ...Cosa c'è di più sublime che colmare il dislivello che separa classe da classe, anima da anima... così recita il Prof. Higgins, il “pigmalione” che affida al modo di parlare il passepartout per il riscatto sociale di una rozza fioraia. Già, il modo di parlare...anche questo è un tema che di giorno in giorno si fa sempre più attuale. La perdita delle proprie radici culturali, l'omologazione e la globalizzazione della società contemporanea hanno fatto svanire il rapporto tra l'essere umano e la propria cultura. Ecco allora che “”My Fair Lady” si impone come il sogno che non vuole svanire, come la favola “possibile”, rappresenta il lieto perdersi in una tempesta di sentimenti. La “fair lady” Eliza Doolittle è un po' Cenerentola, un po' Pretty Woman, Mary Poppins, un po' Bella e un po' Bestia, insomma è l'archetipo del riscatto, della rivincita, dell'affermazione, della trasformazione e così incarna il desiderio e il sogno di tutto l'universo femminile che simpaticamente partecipa sin dal primo momento alla sua avventura. Ma alla fine, e qui si impone in tutta la sua statura George Bernard Shaw ispiratore col suo “Pigmalione” della versione musicale, anche la chiave maschile della vicenda cede alla forza delle emozioni e dei sentimenti: soli non si è completi e anche un apparente “misogino e scapolo convinto” come il Prof. Higgins o il collega di “sventura” Colonnello Pickering, o il cinico e spietato padre di Eliza, Alfred Doolittle, si trovano costretti a svestire la maschera della durezza e coprirsi con un velo di dolcezza. In un momento in cui sembra che il corto circuito dei rapporti umani abbia interrotto il passaggio di energia tra le persone, My Fair Lady si impone come un “generatore di corrente elettrica” che concede una bella “scossa” alla nostra anima. E adesso...lasciatevi travolgere anche voi dalla tempesta dei sentimenti... www.myfairlady.it www.facebook.com/MyFairLadyPeepArrow

Live di My Fair Lady


Nessun evento trovato in archivio


MY FIRST FAILURE


My First Failure – 5 Kids playing Hardcore Music just as they love it. A literally passionate band, taking Hardcore serious and giving everything live on stage. In 2006 the band was totally completed by asking Alexa, our Lady to join the band, knowing that she would fit in perfectly. In the following month My First Failure were hitting the road as often as they could, playing every show they were able to. Later they recorded their first Demo in DIY-Production called “Gone For Years”, which was sold out after 3 months. In summer 2007 MFF joint the Sandcastle Records Family and in Fall of 2007 recorded their Debut Full-Length, named “THE COLOR”, to be released in January of 2008. In 2008 MFF is looking forward to sharing the stage with bands like Miles Away, Melt Down, Reign Supreme, Death Before Dishonor or Gold Kids and hitting the roads and tour as often as they can! Hope to see you guys out there soon! www.myspace.com/myfirstfailure

Live di My First Failure


Nessun evento trovato in archivio


MY FIRST SECONDS


I MY FIRST SECONDS NASCONO A CEGGIA, IN PROVINCIA DI VENEZIA, NELL' ESTATE DEL 2007. IL GRUPPO E' COMPOSTO DA STEF ALLA VOCE E BASSO, AGU ALLA CHITARRA E CORI E MARKETTO ALLA BATTERIA. COMINCIA TUTTO DAL GARAGE DI MARKETTO DOVE I TRE SI RITROVANO E ABBOZZANO I PRIMI TESTI E I PRIMI ACCORDI. IL NOME, MY FIRST SECONDS, NASCE DALLA LORO REALE CONVINZIONE CHE I PRIMI SECONDI DI QUALSIASI MOMENTO SIANO I PIU' BELLI, POI TUTTO DIVENTA MONOTONO, QUASI NOIOSO. FIN DALLE PRIME CANZONI DA LORO ABBOZZATE SI RICONOSCE L'INFLUENZA CHE HANNO AVUTO PER LORO RAMONES, SCHEERECHING WEASEL, RIVERDALES E APERS, CON TESTI CHE GENERALMENTE TRATTANO DI ESPERIENZE QUOTIDIANE, CHE PRIMA O POI TOCCANO A QUALSIASI ADOLESCENTE. DOPO POCHI MESI DI LAVORO IN SALA PROVE SONO CONTATTATI PER ALCUNE DATE DOVE RISCUOTONO UNA BUONA PRESENZA DI PUBBLICO. PARTECIPANO A DIVERSI CONCORSI E VINCONO UN CONTEST CHE GLI CONSENTE DI REGISTRARE IL LORO PRIMO DEMO: “SEMPRE PIU' FICHISSIMI”. L'ALBUM PRENDE IL NOME DA UN GRUPPO AMATO DAL GRUPPO, I FICHISSIMI. IL GRUPPO SI RAFFORZA SEMPRE PIU', TANTO DA METTERE SUL PALCO TUTTA LA PROPRIA CARICA. GLI MFS SUONANO UN POP-PUNK RICCO DI INFLUENZE CHE SPAZIANO DAI RAMONES AI TEENAGE BOTTLEROCKET ED APERS NONCHE' DAGLI ITALIANISSIMI DEROZER E IGNORANTI. SE DOVESSIMO DEFINIRE I MY FIRST SECONDS IN TRE PAROLE POTREMMO AZZARDARE: RAMONES, POP-PUNK E PARTY!! **A SETTEMBRE E' USCITO IL LORO PRIMO DISCO :"LA MACCHINA DEL TEMPO", CON 10 TRACCE DI ESPLOSIVO POP-PUNK!!** TRE DELLE QUALI DISPONIBILI ON-LINE SU MYSPACE.COM!! www.myspace.com/myfirstseconds FB: http://www.facebook.com/myfirstseconds

Live di My First Seconds


Nessun evento trovato in archivio


MY HEAD FOR A GOLDFISH


My Head For A Goldfish è un gruppo rock di tre elementi (basso/voce, chitarra e batteria). Formatosi nel dicembre 2006, il gruppo decide di registrare il primo album nel 2007 (Reflective – BLACK NUTRIA). 9 tracce potenti e aggressive, registrate e mixate dal gruppo stesso….rumore e melodia che richiama, in maniera originale, sonorità noise (e non) della scena indipendente americana: Fugazi, Jesus Lizard, Unwound e Shellac per citare alcuni nomi. In poco tempo la band emerge dalla scena Vicentina soprattutto grazie al forte impatto live che gli ha permesso di esibirsi dal vivo con nomi illustri della scena indipendente italiana: Cut, Red Worms Farm, Fine Before You Came, Three Second Kiss . www.myspace.com/mhfag

Live di My Head For A Goldfish


Nessun evento trovato in archivio


MY JERUSALEM


"Preachers" è il secondo album per i My Jerusalem, la formazione guidata da Jeff Klein, già collaboratore di Mark Lanegan in Twilight Singers e Gutter Twins, e qui alla chitarra e voce di una band che ha trovato in Jim Eno, il batterista degli Spoon, il perfetto veicolare per incanalare la maestosità e inquietudine della loro musica, definita dallo stesso autore dei brani come "Southern Soul Gothico e Post-Moderno". A tre anni di distanza dall'esordio "Gone For Good", che li ha portati ad attraversare non solo l'America ma anche buona parte dell'Europa a seguito di nomi del calibro di Edwarde Sharpe & The Magnetic Zeros, Avett Brothers, Godspeed You! Black Emperor, tornano con un album più coeso, più cupo e più maturo, pronto a guadagnarsi lo spazio che merita nel convulso panorama dell'americana rock. www.thisismyjerusalem.com www.facebook.com/myjerusalem

Live di My Jerusalem


Nessun evento trovato in archivio


MY LAST FALL


WHY NOT & NEW LAYOUT Hello to everyone As you can see a new layout and a new song "WHY NOT" from our first album CLOCKS IN SLOWMOTION are up! You can buy the album in many Italian stores like FNAC, FELTRINELLI, RICORDI, MONDADORI and iTunes/BigCartel for Europe. www.myspace.com/mylastfall

Live di My Last Fall


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Latest Novel


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Life Story


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Morning Jacket


Nessun evento trovato in archivio


MY NAME IS NOBODY


Since 2002, the year that he found a Palace Brothers cassette tape that had been carelessly left in a dresser, Vincent Dupas has become My Name is Nobody. Though Will Oldham and other american folk music are important influences, it is equally as important to sometimes forget them and put them back into their drawers. He recorded his first songs on a four-track, then found himself before the public on a european tour with the math-rock duo ROOM 204 in 2005, like a young Dylan trying to seduce the riotous Black Sabbath crowd. He went on to record his first album "I hope you're well, I am and I send you my fingers" in August of 2005 with sound engineer Miguel Constantino (put out by the Collectif-Effervescence en mai 2006). The writing of Vincent Dupas masterfully recreates the feeling of the wide open North American space- a vulnerable territory which lays its barren of myths, the negative of the picturesque american dream. In order to invoke the atmosphere, he surrounds himself with the "Desert Foxes:" Erwan Fauchard on bass, Franzl O'Gautreau on drums, and Faustine Seilman on the piano. They accompany MNIN on stage across France and Europe. In 2006 and 2007, Vincent Dupas wrote and toured with Faustine Seilman (Collectif-Effervescence 2007) and purged himself with Fordamage (screeching noise-rock). In 2008, he has turned a new page with a solo album entitled "At the wolf pit-" a clear/unclouded and spontaneous recording with the help of Antoine Lacoste in October of 2007 and Jonathan Seilman in March of 2008. Although "At the wolf pit" still walks along the trodden path of folk music, Dupas doesn't stop this time at the frontier of the United States; rather, he moves towards the music of the East, adapting in English an old Hungarian traditional song (‘Hidegen fújnak a szelek’, ‘winds are blowing cold’), and even breathes winds that descend from Ireland and Scotland. The stories of MNIN evoke God, protest, unjustified death, the tribulations of old age, power and meditation. With a lighter tone, he revisits "Eye in the Sky" by Alan Parson Project, and the album closes with a re-adaptation of a song from his first opus, a special wink at a certain friend. www.collectif-effervescence.com www.myspace.com/mninmusic

Live di My Name Is Nobody


Nessun evento trovato in archivio


MY NEW BAND


MY NEW BAND Andrea, Matteo, Giulia, Mauro, Stefano, in cinque con voci, chitarre acustiche, violino, tastiera, mandolino, ukulele, glockenspiel, melodica, batteria e cajon per riarrangiare in versione unplugged canzoni rock anni novanta e duemila. My New Band da Ancona e dintorni, ognuno proveniente da diverse esperienze musicali, con una scaletta che spazia da arrangiamenti lenti per il puro piacere da ascolto fino a pezzi rock'n'roll coinvolgenti e ballabili, tutto sempre rivisitato in versione rigorosamente acustica. Per informazioni più dettagliate, mp3, concerti, repertorio live, foto, video e curiosità: www.myspace.com/mynewbandancona

Live di My New Band


Nessun evento trovato in archivio


MY OWN PARASITE


VERONA _ genere: post-rock Quello che un film, il più delle volte, riesce a trasmettere sono emozioni che, quasi sicuramente, non sarebbero così forti se non venissero accompagnate da musiche, a volte funeste, altre volte toccanti. Ed è proprio componendo colonne sonore che sono nati i My Own Parasite. Musicando i quattro cortometraggi del regista indipendente Toni D_Angelo (aiuto regia di Abel Ferrara). I My Own Parasite hanno ottenuto grande successo di pubblico e di critica: la loro musica è una combinazione scrupolosa e dettagliata di quel post-rock caratteristico degli Slint e di quella psichedelia squilibrata e instabile dei Motorpsycho. I My Own Parasite si dimostrano perfetti, musicalmente preparati, abili nel modificare la velocità ritmica dei propri brani. www.myspace.com/myownparasiteband

Live di My Own Parasite


Nessun evento trovato in archivio


My Own Rush


“SOGNO ITALIANO” 10 CANZONI, DUE POSTER E … UN GRATTA E VINCI NEL DISCO! Milano, Novembre 2010 Uscirà il 23 Novembre “SOGNO ITALIANO” (DMB Music), album di debutto della rock band MY OWN RUSH, un disco rock'n'roll carico di (auto)ironia, irriverente quanto basta. Confezione digipack, con un poster fronte e retro all'interno! E...200 copie del disco contengono un gratta e vinci, traducendo nei fatti la provocazione già presente nei pensieri e nei testi della band (secondo alcuni dati, in Italia si spendono in media oltre 200 milioni di euro al giorno per il gratta e vinci...) www.myownrush.it www.myspace.com/myownrush

Live di My Own Rush


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Red Cell


Nessun evento trovato in archivio


MY SAD MELODY


MY SAD MELODY LineUp Sam (guitar/vocals) Fe(bass/vocals) Fry (Drums) the story of "my sad melody" begun when three teenagers from Milan discover the power of american punk-rock, getting know a world where they lastly are at them's ease. Love for the music, needing of react to the boredom of a reality that they don't ever feel of them own, willingness of imitate the bands they loves more induce Sam (guitar/vocals) and Fe(bass/vocals) to form a band composted by three members called "the partners in crime". But right when things seems good started, the drummer leave the band in conseguence of unresolved confilicts with the foundator duo. But it reveal a such of "gift of providance", that became reality with the enter in the band of a new acquaintanced guy: Fry Ferrini. With Fry at the drum, "the partners in crime" make increment their quality and, with the big friendship grown between the three guys, they increment thier music horizons too, trying to play something new and letting influence themself from other sonorities that brought the band to personalize again their sound.But not like they really want...so they decided to turn the page...the new page is been titled "MY SAD MELODY". WHY IN THREE? It could be too easy to say:<<'cause three is the perfect number>>...but reality is not so far: in three everything is easyest and, more importantly, in three it be possible erase the existance of a frontman, figure that we couldn't be able to accept Website www.myspace.com/mysadmelody

Live di My Sad Melody


Nessun evento trovato in archivio


MY SECRET WINDOWS


Un promettente esordio discografico quello dei My Secret Windows, band pugliese nata nel 2010 formata da Cristian Chironi "Orlando", Cristiano Meleleo "Drumsteel" e Giammarco Magno "Gumbo". Stilisticamente il gruppo si approccia in maniera originale alla vecchia scuola del rock inglese, attraverso un ventaglio di sonorità che si mantengono in equilibrio tra la tradizione e l'innovazione, commistionando in maniera equilibrata momenti “vintage” e altri più legati alla contemporaneità. Tra campionamenti elettronici, chitarre talvolta dolci, talvolta aggressive e coinvolgenti groove di basso, l'album scorre senza cadere mai nell'ovvietà. I My Secret Windows sono arrivati alle finali regionali del MarteLive festival 2011 ed hanno vinto in contest “Musicotentazioni” di Bari. www.facebook.com/mysecretwindows

Live di My Secret Windows


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Shameful


Nessun evento trovato in archivio


MY SILVER BOOSTER


I My Silver Booster nascono nel 2006 da un'idea di Paolo Bazzana e Riccardo Nava, a un concerto dello stesso Riccardo che si esibiva sotto lo pseudonimo di "Electro Plastic Box". Grazie a una passione comune per sintetizzatori e batterie elettroniche, cominciano a darsi appuntamento in sala prove; all'inizio quel che ne nasce è della drum'n'bass, che poco a poco si svilupperà in uno stile ben più dilatato fino a concretizzarsi in "Pane e Paranoie", il primo progetto firmato My Silver Booster. Settembre 2007: viene invitato Alessandro Denti (ECO98) per una jam nella sala prove di cui sopra; gusti comuni e simili attitudini creano i presupposti ideali per far si che Alessandro entri a far parte stabilmente del gruppo, aggiungendo agli strumenti elettronici la sua chitarra elettrica. E' con questa formazione e in questo periodo che si sviluppano le canzoni che andranno a comporre "Ambient punk", registrato al Frequenze Studio nel 2008. Il progetto in continua evoluzione incorpora dopo la parte sonora anche quella visiva, grazie all'arrivo di Luca Baioni, che affianca i musicisti nelle loro performance live, con videoclip creati e proiettati per definire nella sua totalità l'atmosfera che i My Silver Booster portano nei locali. In seguito, il collettivo si dedicherà all'autoproduzione di dischi, sfruttando alcuni garage della periferia milanese in condizioni al limite della sopravvivenza, anche artistica. I risultati finali di quest'avventura sono inclusi in “Bunker” e nell'ultima produzione intitolata “Galanti”, un lavoro più maturo e consapevole nel quale spiccano le collaborazioni con Riccardo Canta al saxofono e lo stesso Luca Baioni, in questo caso al basso. Entrambi, dalla fine 2010 fanno parte in pianta stabile della band, accadimento più che provvidenziale, vista la partenza imminente – direzione Berlino - del membro fondatore Riccardo Nava. Ai membri di questo gruppo, copiando un'espressione dei King Crimson, piace definire i "My Silver Booster" un gruppo di persone che emigra dal ruolo fisso e predefinito della classica band e si riconosce attraverso un "modo di pensare e produrre". http://mysilverbooster.tumblr.com www.karusonet.com

Live di My Silver Booster


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Sixth Shadow


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Violent Ego


Nessun evento trovato in archivio


Live di My Way


Nessun evento trovato in archivio


MY WAY MY LOVE


MY WAY MY LOVE Hypnotic Suggestion: 01 (File 13/Goodfellas) Il Giappone, come già accaduto in passato, prende spunto dagli Stati Uniti per produrre un suono rumoroso (di estrazione rock, visto che in ambito industriale è accaduto il contrario), ma senza limitarsi a fotocopiare e con l'obiettivo primario di impossessarsi di determinati stilemi e di rivisitarli in un'ottica personalizzata. I punti di riferimento potrebbero essere individuati in formazioni come Wire, Brainiac, Big Black o Wolf Eyes, mentre il sound si configura come un misto di dirompente energia punk con retaggi no wave, parti pesantemente marcate in senso noise rock, momenti di distorsione forsennata, alcune parentesi di melodia sghemba e un contorno elettronico/percussivo deviato. Il problema primario è quello di una certa dispersività e discrepanza tra i brani che si susseguono, pur se nel complesso parlerei di lavoro positivo. http://www.mywaymylove.com

Live di My Way My Love


Nessun evento trovato in archivio


MYKAL ROSE


Michael Rose / African Roots Michael Rosa è ancora sulla buona forma, showcasing quello stile vocale distintivo che ha influenzato molti, dai simili del miscelatore di Everton in avanti ad un certo numero di chanters delle radici del Regno Unito. In un genre che può spingere verso l'alto occasionalmente il vocalist che tendono al derivato e (quanto i vocalists simili sani di colore marrone, dello zucchero Minott, di Horace Andy e di Johnny Clarke di Dennis è fuori ci) al Michael imitativo Rosa ha generato uno stile vocale originale che non saccheggia il catalogo posteriore di altri artisti per la sua ispirazione.Più resistenza a Ryan Moore ed i suoi progetti sinceri e bene realizzati -- che alla maggior parte dei ascoltatori, ottengono chiaramente appena migliori e migliori -- questo è il suono di un artista euro sempre più popolare delle radici che sa quando è sulla pista di destra. - nuovo album warrioir www.mykalrosereggae.com/

Live di Mykal Rose


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mykal Somer


Nessun evento trovato in archivio


MYLAND


MYLAND BIOGRAFIA Paolo Morbini (ex EVA, Exilia, batterista BRUNOROCK'S), dopo una lunga esperienza fatta in molte band milanese 'area s rock interpretazioni di materiale originale e cover di repertorio più famose rock band del mondo. Primi anni 90 Paolo hanno lavorato a Milano per la più importante Accademia Musicale in Italia e qui incontrò i fratelli Stefano (tastiere) e Marco Andreasi (chitarra) che sono stati anche enormi Aor / i fan del rock melodico, proprio come Paolo è stato ed è tuttora. Guido Priori (vocal) e Adalberto Rizzoli (basso), entrambi cresciuti in molte band rock di Milano, Paolo, dopo molti anni di suonare dal vivo (accreditato intorno a 2.500 date di oggi) ha deciso di registrare il primo album di debutto sotto monicker "Myland" chiedendo agli altri membri della band per unirsi al suo progetto. L'album è stato scritto, arrangiato, mixato e prodotto da Paolo Morbini, se stesso e stato registrato e mixato in alcuni passaggi diversi, utilizzando quattro diversi studi di registrazione uno alla volta. La band ha deciso di raccogliere in album s Myland 'le loro influenze più importanti rock melodico musicale, cercando di catturare i suoni, così come dal vivo possono concentrare i loro sforzi su linee melodiche, cori potenti e voce e parti strumentali pure. Alla luce del fatto che "Myland" è ancora rimane un progetto, tutti i membri sono stati effettivamente impegnati con altre band sulla strada actually, anche se Paolo ha già scritto del nuovo materiale originale per un secondo album Myland prossimo a venire. Nel 2007 Myland (batteria Paolo Morbini, Guido Priori voce, Stefano Andreasi Keys e chitarra Marco Andreasi), sostituire Adalberto Rizzoli al basso da Claudio Corazza e aggiungere chitarrista Marzio Ker sulla sessione in studio.Sulla primi mesi del 2007 la band firma un contratto con la indie milanese lable Valery Records e registra il loro album killer AOR secondo si chiama "No Man's Land" out in vendita su settembre 2007, in tutto il mondo distribuito dalla Frontiers Records. L'album è stato mixato da Marco Barusso Studios Massive di Milano e masterizzato da studio di Kee Marcello in Svezia.L'album contiene anche alcuni grandi ospiti speciali ex chitarrista-Europe Kee Marcello, chitarrista svedese guidata Tommy Denander (Chicago, Toto, Richard Marx, Paul Stanley, ecc), chiave master Alex Del Vecchio (Edge Of Forever, Glenn Hughes) e metal italiano herous chitarrista Steve Angarthal (Fire Trails), ai cori Lia Kant.Nel marzo 2009, No man's land Album,è pubblicato in Giappone dalla prestigiosa etichetta King Records, l'album contiene una bonus track, dove come ospite speciale Fergie Frederiksen (ex-Toto), Myland nel 2010 sono esibiti dal vivo in vari festival italiani ed europei, la band ha una nuova Line upPaolo Morbini - DrumsHox Martino - chitarraDavide Faccio - TastiereFabian Andrechen - BassFranco Campanella - Vocalil nuovo album "Light Of A New Day", prodotto dalla prestigiosa etichetta tedesca Point Music, l'album sara 'disponibile nei primi mesi del 2011.Rock on! www.mylandmusic.com

Live di Myland


Nessun evento trovato in archivio


MYLITTLEPONY


Mylittlepony is a 5 pieces band from Oslo, Norway. They want to be (and they are) this little band that sings beautiful songs. They quote Neil Sedaka and Chris Isaak and they are tenderness as Belle & Sebastian can be. They're fun, they're charming and their music is addictive. www.myspace.com/mylittleponyoslo www.facebook.com/mylittleponyoslo

Live di Mylittlepony


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mylo


Nessun evento trovato in archivio


Live di Myra Breckinridge


Nessun evento trovato in archivio


MYRA MELFORD TRIO


Myra Melford "Snowy Egret" Gruppo musicale Myra Melford Snowy Egret Myra Melford (pianoforte) Ron Miles (tromba, cornetta) Liberty Ellman (chitarra) Stomu Takeishi (basso) Ted Poor (batteria) Pianista e compositrice di straordinaria sensibilità artistica, Myra Melford è una delle artiste più celebrate del jazz contemporanea. Il quintetto che presenta a Venezia ne conferma non solo le grandi doti di autrice, ma anche la forza espressiva del gioco musicale che innesca con i suoi compagni d'avventura, il trombettista Ron Miles, il chitarrista Liberty Ellman, il bassista Stomu Takeishi e il batterista Ted Poor. I brani del quintetto sono ispirati dalla trilogia Memoria del fuoco dello scrittore uruguayano Eduardo Galeano (pubblicato in Italia da Rizzoli). Così come nel libro si ricostruisce con grande poesia una storia mitologica delle Americhe, attraverso ritratti di figure di generali, artisti, rivoluzionari, lavoratori, conquistatori e conquistati, così nella musica della Melford sono evocate, attraverso una scrittura che riesce al tempo stesso a essere articolata e di grande impatto emotivo, le complessità relazionali che ci portano a esplorare differenti combinazioni espressive. www.myramelford.com

Live di Myra Melford Trio


Nessun evento trovato in archivio


Myriam Fuks


Myriam Fuks è nata a Tel Aviv, con la musica yiddish nel sangue: sua madre era attrice al Teatro Kaminsky di Varsavia, uno dei più importanti teatri yiddish d’Europa, prima della guerra. Suo zio era chitarrista e grande intellettuale del mondo yiddish. Myriam si trasferisce, ancora bambina a Bruxelles, dove inizia a collaborare con il teatro yiddish Ykult. Negli anni settanta fa ritorno in Israele, dove diventa in breve tempo una delle più autorevoli interpreti della cultura yiddish. Trasferitasi definitivamente, a Bruxelles, dopo qualche anno, la Fuks raggiunge il successo a livello internazionale; i suoi dischi vengono premiati e i suoi spettacoli girano il mondo intero. Per questa grande cantante, l’yiddish è la lingua delle emozioni, della gioia e della tristezza, ma soprattutto rappresenta la storia di popoli che vivono la musica e la canzone come parte della vita quotidiana.

Live di Myriam Fuks


Nessun evento trovato in archivio


MYRON WALDEN - MOMENTUM


Myron Walden - Nato nel 1972 a Miami, Florida, a seguito del trasferimento della sua famiglia risiede a New York dal 1984. Di lì a poco scopre il jazz attraverso i dischi di Charlie Parker. Frequenta la LaGuardia High School of Music and the Arts prendendo inoltre parte ai corsi del Jazz Mobile Workshop e della Harlem School of the Arts. Sotto la guida di Justin DiCioccio, entra a far parte della LaGuardia Senior Jazz Band e del LaGuardia Jazz Sextet. Nello stesso periodo fa inoltyre parte della All City Jazz Band, la McDonald's Tri-State Jazz Band e dello All State Jazz Ensemble. In seguito studia alla Manhattan School of Music con John Purcell e inoltre privatamente con Barry Harris… Yusef Lateef, Charles Davis, J.D. Parran, Peter Yellin, Vincent Herring e Donald Byrd. Nel 1993 vince la prestigiosa Charlie Parker Competition e suona nell'ambito nell'ambito del Jazz at the Lincoln Center. Ha collaborato tra gli altri con Nat Adderley, Jon Hendricks, James Spaulding, Jimmy Owens, Jimmy Cobb, Wynton Marsalis, Freddie Hubbard, Joe Chambers, Joe Williams, Roy Hargrove, Jon Ore, Cecil Payne, Harry Connick Jr., Walter Booker, Brian Blade. Nel 1996 incide il suo primo disco in veste di leader, "Hypnosis", per la NYC Records, lavoro che riscuote un grande successo di critica, cui segue "Like a Flower Seeking the Sun". Nel 2000 crea una propria etichetta discografica, la Demi Sound Records, pubblicando da allora due lavori: "Apex - Volume I" e "Apex - Volume II", entrambi con il suo trio comprendente Dwayne Burno al basso ed Eric McPherson alla batteria. Aruan Ortiz - Aruan Ortiz, pianista cubano nativo di Santiago de Cuba, si è affacciato sulla scena jazz USA nel 2003. Musicista con una formazione di violinista e pianista classico, nel 1995 ha vinto il premio Best Cuban Composition al Symposium of Cuban Music tenutosi in Giamaica, suscitando l'interessamento dell'etichetta spagnola Magic Music/Universal Latino e trasferendosi in Spagna. Nel 1996 prende parte alla realizzazione della compilation "La Isla de la Musica", e nello stesso anno incide il suo primo disco da solista, "Impresión Tropical", una raccolta di musica tradizionale cubana e proprie composizioni. Sempre nel 1996 riceve delle borse di studio per studiare piano classico con Cecilio Tieles al Professional Conservatory di Vilaseca, in Spagna, e jazz con Joanne Brackeen e Danilo Perez al Berklee College of Music di Boston. La sua carriera jazzistica ha preso le mosse dall'attività come sideman a Barcellona e Parigi, suonando con Antoine Roney, Horacio Fumero, Mayte Martin, Salvador Nieblas, Pierre Boussaguet, Stephan Belmondo, Sarah Morrow, Tata Güines, Miguel "Anga" Díaz, e successivamente negli USA con Wallace Roney, Roy Hargrove, Stefon Harris, George Garzone, Sheila E, Horacio "El negro" Hernandez, Giovanni Hidalgo, Lionel Lueke, Eric McPherson, Abraham Burton, Jane Bunnett, Jerry Bergonzi, Hal Crook, John Lockwood, Bob Moses, Baron Browne e Bruce Gertz. Durante la permanenza in Europa ha vinto diversi premi, tra cui quello come Best Jazz Interpretation al Festival de Jazz di Vic, in Spagna (2000) ed è stato semifinalista al Jas Hennessy Piano Solo Competition di Montreux, in Svizzera (2001). Subito dopo il suo arrivo negli negli Usa ha preso parte alla registrazione di un disco dedicato a Miles Davis con Vince Wilburn, Wallace Roney, Antoine Roney e Missy Elliot, pubblicato dalla Columbia. Nel 2004 ha preso parte a un giro di concerti con il gruppo The Fringe. E' attivo con il proprio trio, comprendente il bassista bulgaro Peter Slavov e il connazionale Francisco Mela alla batteria, e con un proprio quartetto comprendente Abraham Burton, Peter Slavov ed Eric McPherson. E' assistente presso il Berklee College of Music, e ha tenuto seminari sul jazz e la musica cubana in diverse università statunitensi. - Drew Gress - Nato a Trenton, New Jersey, nel 1959, contrabbassista e compositore, ha fatto parte dei gruppi di Ralph Alessi, Tim Berne, Uri Caine, Gerald Cleaver, Ravi Coltrane, Marc Copland, Fred Hersch, John Hollenbeck, Tony Malaby e Mat Maneri. Ha inoltre dato vita a numerosi progetti come leader, tra cui Joint Venture, un quartetto con cui ha inciso nei primi anni '90 tre cd per la Enja: "Joint Venture", "Ways" e "Mirrors", e il quartetto Jagged Sky con cui ha inciso nel 1998 "Heyday" per la Soul Note. Ha inoltre inciso a proprio nome nel 2001 "Spin & Drift", e nel 2005 "7 Black Butterflies" per la Premonition Records, ottendendo notevoli riscontri di critica. Si è esibito in tutto il mondo ed è stato Artist in residence presso il conservatorio di San Pietroburgo e la University of Colorado-Boulder. Nel 2002 ha ricevuto il premio SESAC Composer's Award, e precedentemente ha ottenuto sovvenzioni per il proprio lavoro come compositore da Chamber Music America, National Endowment for the Arts e Meet the Composer. Eric McPherson - Nato a New York, ha assorbito sin dalla più tenera età svariate influenze ritmiche e musicali grazie alla madre Saundra, ballerina e coreografa, che sin dall'età di tre mesi lo portava attaccato a sé con una fasciatura alla schiena durante lezioni, audizioni e prove legate allo svolgimento della propria attività professionale. Tra i colleghi e amici musicisti della madre figurano il contrabbassista Richard Davis, compagno di Barbara Alston, star di Broadway collega e migliore amica di Saundra, che suggerirono per il loro figlioccio il nome di Eric in ricordo di Eric Dolphy, e inoltre Max Roach, Michael Carvin, Charles Moffett, e Freddie Waits, che diverranno per Eric importanti influenze del proprio sviluppo musicale nonché fonti di eclettica ispirazione. A dodici anni Eric inizia a studiare formalmente con Michael Carvin, e a frequentare la LaGuardia High School of the Arts. Nel corso degli studi passa le audizioni per entrare nella New York All City High School Big Band e nella McDonald's High School Tri-State Big Band, con cui si esibisce in numerosi centri culturali di New York, tra cui anche la Carnegie Hall e il Lincoln Center. Con il suo gruppo studentesco vince diversi concorsi tra cui quello del Downbeat Magazine, e individualmente diversi premi nella categoria "Outstanding Soloist". La Hartt School of Music, parte della University of Hartford nel Connecticut, assegna a Eric una borsa di studio per frequentare il Jackie McLean Institute. Nel corso dei suoi studi Eric McPerson inizia la sua collaborazione con Jackie McLean, esperienza che si protrarrà per quindici anni, nel corso della quale avrà modo di suonare in tutto il mondo. Ha inoltre collaborato con Abraham Burton, Andrew Hill, Pharoah Sanders, Richard Davis, Claudia Acuña, Avishai Cohen, Kurt Rosenwinkel, Jason Moran e Greg Osby. http://www.myronwalden.com http://www.aruanortiz.net http://www.drewgress.com http://ericmcpherson.com

Live di Myron Walden - Momentum


Nessun evento trovato in archivio


MYSPACE INVADERS


Ah, l'adolescenza: quel periodo in cui si cessa di essere bambini, si comincia a bramare indipendenza eppure, nelle nostre società moderne si è considerati troppo piccoli, "immaturi", per ottenerla. Ovvio, dunque, che tutto questo causa frustrazione in questo periodo della vita pieno di scoperte. Ecco, il pop-punk è il suono di questa frustrazione, la musica che meglio di ogni altra riuscì a esprimere cosa significava essere teenager brufolosi negli anni '90. E, nonostante l'arrivo di nuovi fenomeni (da barraccone: leggi Disney Channel), riesce ancora a coinvolgere tanti giovincelli pubescenti. Una musica tanto naïf quanto rapida e diretta poteva arrivare soltanto dal più adolescente e naïf dei paesi: esatto, proprio quello dove si infilano peni nelle torte di mele. Ma come si può adattare cotanta naïveté al nostro serioso vecchio continente? Purtroppo non esiste una soluzione univoca, in quanto è il genere in sé ad avere dei margini di variazione piuttosto ristretti. Perciò, o si cerca di smontare leggermente alcuni presupposti di genuina ingenuità tipici della controparte statunitense (vedi Tre Allegri Ragazzi Morti o Porno Riviste) oppure si edulcora il tutto per renderlo adattabile al grande pubblico (vedi abomini come Finley o Vanilla Sky). Oppure ancora esiste una terza via che è quella proposta dai triestini Myspace Invaders (nota inutile: bizzarramente il moderno Myspace è oggi più fuori moda del vintage Space Invaders): la via dell'emulazione spudorata. Questo 666 High Score è pop-punk americano al 100%: batteria "cavalcante" e basso "pompante" che segue a ruota, power-chords per tutti i gusti, controcanti e coretti a iosa, arpeggini veloci, sporadiche parti cantate parzialmente "screamate" e qualche inserto "metallico" di Sum41ana memoria. Per quanto inzuppata di tutti i possibili stereotipi che questa musica propone, a livello sonoro i Myspace Invaders sono degli egregi manieristi, hanno imparato la lezione e l'hanno riprodotta senza sbavature alla perfezione. I ragazzi ci sanno fare e vanno dallo ska all'hardcore passando per l'immancabile ballad coi violini senza tentennamenti. Il tasto dolente arriva quando devono metterci del loro: parlo della scrittura dei testi. Tutto l'album vorrebbe essere una sorta di concept-album su internet e sulla modernità: una condanna alla fine della riservatezza ("The Funeral of St. Privacy" come recita un brano), all'artificiosità delle relazioni sociali online e alla creazione di identità alternative posticce. Non ci sarebbe nulla di male se non fosse per il fatto che questo argomento è già stato affrontato più volte. E meglio. Il problema è che, al di là, delle idee ciò che veramente manca ai Myspace Invaders sono gli strumenti per rappresentarle: la loro padronanza "scolastica" dell'inglese (che comprende una pronuncia un po' legnosa a volte), infatti, non è sufficiente per permettergli di scrivere testi veramente mordaci e interessanti in lingua d'albione. Alla fine della fiera le canzoni più divertenti sono quelle più sciocchine, quelle che suonano elementari nei testi, senza pretese di sembrare "veramente punk" perché, in fondo, l'autoironia nel pop-punk è un elemento fondamentale. Fresche frivolezze come "Emy" o "Like You" scorrono via lisce e sono quelle che si fanno riascoltare più volentieri dell'album (fra l'altro leggermente troppo "pieno" con ben14 brani) ma il pezzo che risalta su tutti è una scanzonata cover di "I Will Always Love You" di Dolly Parton (la versione più famosa è di Whitney Houston) che sacrifica tutto il pathos dell'originale per farla suonare cazzona e "pogosa" per poi trasformarla sul finale in un simpatico doo wop da ballo "lento" anni '50. I Myspace Invaders sono dei perfetti esecutori, tecnicamente impeccabili, che devono semplicemente trovare una loro strada e, nel tempo libero, guardare qualche film in lingua originale in più, oppure mettersi a scrivere in italiano, che sarebbe davvero l'ideale. Intanto spassiamocela con questo disco leggero leggero in attesa che vengano a suonare al prossimo prom dove i bulli della scuola correggeranno il punch con copiose dosi di gin e dal quale la reginetta e il quarterback scapperanno per andare a perdere la verginità sull'erba umida del campo da football… mmm, mi sa che ho visto troppi film con torte di mele e stereotipi assortiti. www.myspace.com/myspaceinvadersband

Live di Myspace Invaders


Nessun evento trovato in archivio


MYSTERY JETS


Alterneranno nuovi e vecchi successi. Il loro Quarto Album "Radlands" è uscito ad Aprile per la Rough Trade Records è stato registrato tra Austin, in Texas, e Streatham, a Londra, e co-prodotto dai Mystery Jets e Dan Carey (Hot Chip, Franz Ferdinand, Emiliana Torrini). www.mysteryjets.com www.twitter.com/mysteryjets www.facebook.com/mysteryjets

Live di Mystery Jets


Nessun evento trovato in archivio


MYSTIC CIRCLE


Sonorita' di estrazione esplicitamente black metal, qualche scampolo di death, qualche scala dal retrogusto classico e growling vocals assatanate: insomma, praticamente niente che non sia gia' stato sentito altrove e, quel che e' peggio, la ripetitivita' nel proporre i suddetti stilemi lascia nell'ascoltatore la spiacevole sensazione di trovarsi di fronte ad un disco scadente e da buttare nel dimenticatoio al piu' presto. Parte 666 (Mark Of The Devil) e gia' vengono messe le carte in chiaro: ritmiche serratissime, tastiere giganti, riffing macilento e tiratissimo e la classica voce "da rana" che contraddistingue il genere, il tutto sorretto da una produzione non eccellente ma tutto sommato (con un gran sforzo di immaginazione) funzionale. Il punto e' che le *stesse* cose vengono riproposte ad oltranza, lasciando solamente intravvedere qualche spunto di personalita' (Image Of The Antichrist - il pezzo migliore del disco, a mio avviso) e rari quanto inconcludenti stralci di sperimentazioni molto piu' vicine a certe sonorita' dark/ambient che al metal (i tre preludi ai capitoli che compongono il disco). Per il resto non ci siamo proprio. Certo, parla uno che guarda con un certo disdegno tutto cio' che si appiccica ad un cliche'...ma qui e' davvero troppo; adesso so che molti blacksters oltranzisti potrebbero incazzarsi - e non poco - ma non sarebbe giunto il momento di crescere un attimo e lasciare da parte tutti i cliche' del caso? Insomma: con Dimmu Borgir, ...And Oceans, Arcturus, credete davvero che il metallo nero abbia davvero bisogno di una band come i Mystic Cyrcle??? - INFO: GET SMART! Promotion & Booking Agency Via Po, 43 - 20032 Cormano (Mi) - Tel & Fax 02/6150419 - 392/1226071 - 392 3340477 - info@getsmartagency.com - www.getsmartagency.com

Live di Mystic Circle


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mystic Revelation Of Rastafari


Nessun evento trovato in archivio


MYSTICAL COMMUNICATION SERVICE


Mystical Communication Service is an ever evolving music project fronted by the fictional Yanez Di Mompracem, and backed occasionally by his collection of eccentric and very non-fictional bandmates from various corners of the world. Based in Berlin, MCS boasts over 50 gigs played in a plethora of venues all over the great city, be it big, small, seedy or posh. The band has shared the stage with a multitude of today's worldwide talents, such as: The Soft Hills (US), SPECTRUM (GB), Haight Ashbury (UK) and the Dum Dum Girls (US). Mystical Communication Service is an amalgamation of wayward drifters, uniting to bring the long lost art and bygone spirit of classic music back to the mainstream music scene.Soaring guitars and drums deeper than heartbeats, give their sound a touch of the Mississippi disco blues infused with the wanderings and wondering of nomadic gypsies searching for a long forgotten home. http://www.mysticalcommunicationservice.com/ www.facebook.com/mysticalcommunicationservice

Live di Mystical Communication Service


Nessun evento trovato in archivio


MYSTIFY


Siamo una cover band romana e volevamo farci conoscere da voi. Abbiamo 7 anni di attività (5 come Yankee Rose e 2 come Mystify),ci esibiamo a Roma e prov. e con un seguito di pubblico fedelissimo Riproponiamo tutto il meglio del pop- rock 70-90 in un repertorio travolgente e accattivante. Mystify band Paolo Casini voce Silvia Buonomo chitarre Roberto Forghieri basso Vittorio Magnante tastiere Fabrizio Cerqua batteria

Live di Mystify


Nessun evento trovato in archivio


MYSTIQUE


Il progetto Mystique band nasce nel Dicembre 2000 dalle idee di Alessandro Berardi, Valerio e Roberto Scaccia e dal primo batterista della band Emiliano Calicchia. Cantante della band all'epoca era Diana Magnante.La band da subito inizia a lavorare sul progetto Disco/Dance Revival Live difatti gia' dai primi concerti, per lo piu' organizzati in strutture Live adeguate al genere musicale (Discopub, Live music, Discoteche), il repertorio proposto oltre a contenere le migliori e piu' conosciute song Disco 70 80, viene eseguito in modo LongPlay, circa 40 brani suonati uno dietro l'altro senza pause ne' interruzioni.Un stile di esecuzione quindi che aveva come obiettivo l'intrattenimento completo della pista, proprio come quando il deejay mixa un brano dopo l'altro senza fermarsi mai.Un vero successo questa formula che ha permesso alla band di essere presente in numerose serate Live per lo più a tema. Il repertorio dunque era concentrato sulle piu' belle e in voga hits delle altrettanto famose bands che dal 1970 in poi hanno fatto la storia della DiscoMusic (Chic,Earth Wind e Fire, Kool e the gang, Sister Sledge, Diana Ross, Donna Summer,Glorya Gaynor, Delegation, Imagination, Aretha Franklin, Stevie Wonder, Michael Jackson,Bananarama ecc ecc....), tanto per citarne alcune.Successivamente la band decide di integrare l'organico inserendo nuove figure, con lo scopo di crescere qualitativamente e dare un'impronta funky al repertorio.In ordine di arrivo si uniscono dal 2003: Fabio Forlano (batteria), Diego Paino (sax), Giulia Ceccarini e Filippo Margiore (vocals).Il repertorio diventa molto piu' funk grazie soprattutto all'ottima sezione ritmica e ai fiati, Stevie Wonder,Aretha Franklin, Doobie Brothers, Blues Brothers, Incognito la fanno da padroni nel repertorio proposto dalla band fino a tutto il 2005. Nel Dicembre 2005, spinti da passione comune per la band americana capitanata da Nile Rodgers appunto i famosissimi "CHIC", decidiamo di dedicare a loro il nuovo progetto per l'appunto il TRIBUTO agli CHIC traendo come riferimento gli arrangiamenti e il repertorio di uno dei capolavori della band capitanata da Nile Rodgers e quindi "Live at Montreux Jazz Festival". La Band: Giulia Ceccarini e Antonella Grossi (ladies vocals) - Valerio Scaccia (funky guitar & vox) - Alessandro Berardi (Keyboards & Piano) - Roberto Scaccia (bass) - Diego Paino (Tenor Saxophone) - Dino Martini (Trumpet) - Marco Antonucci (drums). Attualmente il repertorio e' stato nutrito di nuove songs ispirate al "Live in Tokio 96" e al recente "Live at Paradiso - Amsterdam". Il programma concerto è composto dalle seguenti song : - Do that dance - Everybody Dance - Dance Dance Dance - I want your love - My Forbidden lover - Diana Ross medley (I'm coming out-Upside down-Hes the greater dancer- We are Family) - I last i am free - Im thinkin of you - Freak Out (Le Freak c'est chic) - Donna Summer medley (Bad Girl - Hot Stuff) - Good Time www.mystiqueband.it

Live di Mystique


Nessun evento trovato in archivio


MZ DEE & MAURIZIO PUGNO


Nata a Oakland (California), Dejuana R. Lookwood in arte Mz. Dee, è cresciuta sia musicalmente che umanamente nella East Bay di San Francisco. Ragazza timida ed introversa vinceva questo lato del suo carattere cantando gospel nelle Chiese. Little Dee, questo il primo nomignolo, gia da ragazzina è leader di uno show dove conduce e arrangia un coro di adolescenti del quartiere, in uno spettacolo itinerante nei garage di famiglie che amavano Gospel e R&B. L'influenza artistica che Dejuana ama citare maggiormente, è sua madre Rochon Hemmans, una delle migliori organiste e arrangiatrici Californiane . Il ricordo più vivo di quando era bambina è infatti sulle ginocchia della madre mentre dirige il coro in Chiesa seduta all'organo… Negli ultimi 15 anni Mz. Dee ha avuto la possibilità di cantare e registrare con grandi musicisti internazionali della scena (James Cotton, Robben Ford, Mark Naftalin, Jackie Payne, Jimmy Pugh, Tommy Castro e tanti altri) effettuando numerosi tour mondiali che l'hanno vista ospite nei migliori festivals Jazz & Blues del mondo. Per questo tour Europeo, MZ. Dee sarà affiancata da tre dei migliori musicisti italiani in attività.Maurizio Pugno, chitarrista Umbro sulle scene da più di 25 anni, ormai al servizio dei migliori musicisti blues americani. Alberto Marsico all'organo e Gio Rossi alla batteria sono gli altri due incredibili musicisti protagonisti di questo tour. Entrambi provenienti da esperienze che li accomunano da anni hanno partecipato ai più importanti Festival mondiali nonché registrato per numerosi artisti internazionali. www.mzdee.com www.mauriziopugno.it

Live di Mz Dee & Maurizio Pugno


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mz412 Nordvargr


Nessun evento trovato in archivio


REFLUX - MARCO MESSINA


REFLUX (Nuovo progetto di Marco Messina/99Posse) I Reflux nascono dall'incontro di Marco Messina dei 99 posse e Marcello Giannini e Salvatore Rainone, entrambi della band partenopea Slivovitz. Il progetto si fonda sulla comune passione per il live electronics, l'elettronica in generale e la sperimentazione sonora, non perdendo mai di vista la dancefloor e cercando di lavorare sempre sull'improvvisazione e la creazione estemporanea dei brani, così da presentare ogni volta un live-set diverso. Marco Messina: live electronics Marcello Giannini: guitar/bass live electronics Salvatore Rainone: drums-live electronics

Live di Reflux - Marco Messina


Nessun evento trovato in archivio


SOLIERI GANG


Dopo l'album solista 'Volume 1' (2010) torna Maurizio Solieri (la chitarra del 'Blasco') con 'SOLIERIGANG', una rock-band formata da alcuni dei migliori e più noti strumentisti del genere in Italia, capaci di generare un sound corposo, venato anche da raffinatezze melodiche tipiche della pop music. L'occasione di ascoltare il nuovo progetto è Sabato 3 maggio a Milano, sul palco del Legend Club (ore 22.30, euro 20,00). Il disco 'Non si muore Mai' contiene 7 tracce, di cui 3 brani inediti cantati e il video del brano singolo, dal titolo omonimo. Gli inediti, "Non si muore mai" (in doppia versione radio edit e standard) e la potente ballad "Segni", sono stati arrangiati d'istinto come vuole la miglior tradizione del rock, mentre “Schegge Impazzite” è un divertissement voce-piano. Perché SOLIERIGANG? “E' stato un urlo unanime di soddisfazione, quello che i membri del gruppo hanno levato al cielo al termine di un concerto particolarmente riuscito, tra abbracci sudaticci in camerino e brindisi con enormi boccali di birra”. – racconta Solieri – “Nel delirio generale, Max Gelsi, il poderoso bassista ha proposto di realizzare un disco, un video, insomma un biglietto da visita per i fans e la risposta è stata positivamente unanime”. La SOLIERIGANG è formata da: Maurizio Solieri, chitarre e cori (lo storico sound di Vasco Rossi, i suoi favolosi riff di chitarra e compositore di alcune grandi hits di Vasco); Lorenzo Campani, voce solista (finalista a "The voice" 2013, per anni il Quasimodo nel Gobbo di Notre Dame); Mimmo Camporeale, tastiere (la tastiera di Vasco Rossi & Steve Rogers Band); Max Gelsi, basso (bassista con Elisa e Tiziano Ferro) e Ivano Zanotti, batteria (batterista di Vasco R., attualmente in studio di registrazione con diversi artisti). Saranno in tour da maggio per presentare live con un rock show trascinante i brani del nuovo disco. La grinta e dolcezza delle chitarre di Maurizio, punteggiate dai suoi classici riff, gli arpeggi di piano e le staffilate di organo Hammond sostenuti dalla trascinante ritmica del “big drummer”, pompato dal potente basso, rendono il concerto davvero entusiasmante www.mauriziosolieri.com/

Live di Solieri Gang


Sab 03 Mag LEGEND CLUB - Milano (MI) - Italia

LEGEND CLUB VIA ENRICO FERMI 98 SUPERSTRADA MILANO- MEDA MILANO INFO: 02/69901251 380/3645564 info@legendclubmilano.com legendliveclub@gmail.com www.legendclubmilano.com www.facebook.com/LegendClubMilano http://www.facebook.com/LegendClubMilano




THE MIDNIGHT KINGS


Una band di quello che negli anni 60 negli Stati Uniti chiamavano "frat rock" ovvero il rock da ballo, per le feste private dei teenagers con i genitori in vacanza. Musica totalmente folle, tutta devota al ritmo, che viene celebrata da questi TRhe midnight kings guidati da quella vecchia "volpe" di Metius, voce degli storici Stp, assieme ad amici del giro rock'n'roll italico. Pira energia e divertimento con classici su classici per balare sfrenati senza nessun genitore che vi gridi di abbassare il volume e... senza raid della polizia! www.facebook.com/themidnightkings

Live di The Midnight Kings


Gio 01 Mag CRAZY DRIVER DINER - Inverigo (CO) - Italia

CRAZY DRIVER DINER VIA DON GNOCCHI, 85 INVERIGO CO INFO: 031/697398 392/2727128 info@crazydriverdiner.it www.crazydriverdiner.it



Ven 30 Mag PIAZZETTA SHAKE - Monzambano (MN) - Italia

PIAZZETTA SHAKE PIAZZETTA DELLE ARTI E MESTIERI MONZAMBANO INFO: www.facebook.com/PiazzetteShake



Sab 31 Mag MARCOS PUB - Livigno (SO) - Italia

MARCOS PUB Via Saroch LIVIGNO SO INFO: 0342/970820 info@marcospub.it .www.marcospub.it www.facebook.com/MarcosPubLivigno




THE MONDRIAN OAK


ove sono i Mondrian Oak? Domanda sbagliata. I The Mondrian Oak ne hanno preso il posto. Una bestia violenta, rapida, affamata. Nati nel 2007 come gruppo rock-metal strumentale, nel 2009 i Mondrian Oak hanno pubblicato per la ConSouling Sounds un primo album, intitolato “Through Early Seed”, seguito nel 2012 da “AEON”, uscito sotto l'egida della Eibon Records/Aural Music e acclamato da riviste e webzine, sia nazionali che internazionali. Nel frattempo hanno portato avanti una costante attività live, dividendo il palco con gruppi come Celeste, Talbot, Tides From Nebula, Gary Suicidal Kids Commando, Zippo, The Orange Man Theory, Viscera///, Lento, Gerda, Stoner Kebab, Last Minute to Jaffna e molti altri. Ma ad un certo punto il lato sperimentale delle cose ha preso il sopravvento, fino a non avere più alcun spazio. Niente più composizioni lunghe e ragionate, niente più introspezione, niente più sottigliezze. La voce ha iniziato a farsi spazio fra le note, e la musica è diventata rapida, spietata, trascinante. Come un branco di tirannosauri affamati che balla il rock`n`roll. Chiamatelo heavy garage, chiamatelo noise`n`roll, chiamatelo come volete. Questa è una bestia nuova. Venuta a prendervi. I The Mondrian Oak sono: Francesco Giammarchi – chitarre Michele Magnanelli – voce Stefano Corinaldesi – basso Matteo Bugiolacchi – batteria Stefano 3389022148 mondrianoak@libero.it www.mondrianoak.com

Live di The Mondrian Oak


Nessun evento trovato in archivio