Advertisement

Live Concert

Oggi


Domani


Martedì


Mercoledì


Giovedì

 ABRUZZO  Clementino Colle Der Fomento The Fiftyniners Enrico Capuano  BASILICATA  Barresi Project Spasulati Band  CALABRIA  Meganoidi The Traveller - Massimiliano Forleo Simone Scifoni Aka Slim  CAMPANIA  Galoni Rev Rev Rev The Natural Dub Cluster Sonohra Simone Cristicchi G-Fast Psychopathic Romantics  EMILIA ROMAGNA  Joe Dibrutto Il Re Tarantola Carlo Maver Jack Jaselli Lu Silver And String Band Egle Sommacal Javier Girotto Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Cristiano Godano  FRIULI VENEZIA GIULIA  Tre Allegri Ragazzi Morti  LAZIO  Matteo Sansonetto Maria Pia De Vito Karol Wojtyla - La Vera Storia Junior Kelly Electric Superfuzz Cisco Buddha Superoverdrive  LIGURIA  Lili Refrain Marnero Mondo Marcio Pink Holy Days Lennon Kelly Marta Sui Tubi Boogarins The Manges  LOMBARDIA  Gue' Pequeno Electricity Bluestouch The Beat Barons Cyberpunkers Gang Lee Scratch Perry A Storm Of Light Cosmo  MARCHE  Bip Gismondi Valentina Gravili Spaghetti A Detroit Nobraino Borghese Tnt Ac/dc Tribute Israel Varela Warsavia  PIEMONTE  Lo Zoo Di Berlino Sohn Giovanni Truppi Revenga Oneohtrix Point Never Vascombriccola - Tributo A Vasco Rossi Sad - Official Metallica Tribute  PUGLIA  Giacomo Toni Bud Spencer Blues Explosion Duo Bucolico Larry Franco 99Posse Dellera Coez  SICILIA  L'orso Tinturia  TOSCANA  Giuda Linea 77 Alessia Tondo Alla Bua Majakovich The Zen Circus Pipers  TRENTINO ALTO ADIGE  Bologna Violenta Assalti Frontali  UMBRIA  Ex-Otago Raster Flor  VENETO  Muck And The Mires Ches Smith Rumatera Lume The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Modena City Ramblers Black Mama Tolo Marton Black Beat Movement Morblus Band

Venerdì

 SVIZZERA  The Vad Vuc Happy Hour - Tributo A Luciano Ligabue Cristiano De Andrè Marumba  ABRUZZO  Buddha Superoverdrive  BASILICATA  Enrico Capuano  CALABRIA  Drunken Butterfly Nu Bohemien  CAMPANIA  The Natural Dub Cluster Cercasi Cenerentola Galoni The Gentlemen's Agreement Psychopathic Romantics  EMILIA ROMAGNA  To Kill Ginevra Di Marco Giuliano Dottori Vince Vallicelli Lorenzo Monguzzi Paola Turci The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin Bobo Rondelli Andrea Rivera Vessel  FRIULI VENEZIA GIULIA  Lume Peppa Pig Daniele Tenca  LAZIO  Mad Dogs Karol Wojtyla - La Vera Storia Emanuele Bultrini Mad Professor Margherita Vicario Rev Rev Rev The Vickers Mondo Marcio  LIGURIA  Blindosbarra Pino Scotto Fratelli Di Soledad The Zen Circus Giovanni Truppi  LOMBARDIA  Linea 77 Shooting Stars - Girls Rock Live Electricity Nemesi Trust Drink Day Uni Poska Muck And The Mires Ambramarie Le Teste  MARCHE  Riciclato Circo Musicale Melampus Warsavia Mothra La Tosse Grassa Dj Giamma Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Borghese Reggaete Forte Sine Frontera  MOLISE  Simone Scifoni Aka Slim Duo Bucolico  PIEMONTE  Sell System Blume Band Bunker Club Daniele Sepe Gianluigi Trovesi Cyberpunkers Clementino Roipnol Witch Gianmaria Testa  PUGLIA  Rhomanife Dellera Marzia Stano Aka Una I Gatti Mezzi  SARDEGNA  Irreverence  SICILIA  Nicolò Carnesi The Traveller - Massimiliano Forleo L'orso  TOSCANA  Danilo Sacco Casa Del Vento Marta Sui Tubi Bud Spencer Blues Explosion Modena City Ramblers Virginiana Miller  TRENTINO ALTO ADIGE  Nh3 Kaleidoscopic Francesco Patella  UMBRIA  Unorsominore Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator Pipers Ches Smith  VENETO  Talco Nobraino Lee Scratch Perry Slick Steve & The Gangsters Tolo Marton La Tresca Verbal Bermuda Trio Filippo Cosentino Mideando String Quintet

Sabato

 SVIZZERA  Shooting Stars - Girls Rock Live  ABRUZZO  Meganoidi  BASILICATA  Marzia Stano Aka Una Dellera  CALABRIA  Paola Turci  CAMPANIA  Cercasi Cenerentola Dinosauri The Gentlemen's Agreement  EMILIA ROMAGNA  Unorsominore Linea 77 Cut Fabio Gualerzi The Strypes Nico Royale Max Pezzali Tribute - Tributo A Max Pezzali E 883 Casa Del Vento Little Taver  LAZIO  Uscita17 Karol Wojtyla - La Vera Storia Flor 99Posse Majakovich Ex-Otago Duo Bucolico The Sons Of Anarchy Twin Room The Vickers  LIGURIA  Diego Deadman Potron Queenmania Necrodeath Sananda Maitreya Blindosbarra Gang  LOMBARDIA  Maria Antonietta Amanda E La Banda Rootical Foundation Orion The Official Italian Metallica Tribute Band Nord Sud Ovest Band - Tributo A Max Pezzali E Agli Johnny Mox Beppe Caruso Mondo Marcio Pocket Chestnut The Manges  MARCHE  Dj Giamma La Tresca Bamboo Les Enfants The Great Saunites Marumba Vili Maschi - Omaggio A Rino Gaetano Gambardellas Mad Professor  PIEMONTE  Fabio Concato Gue' Pequeno La Paranza Del Geco Dave Douglas Uri Caine The Beat Barons Articolo J Daniele Sepe Peppa Pig Kenny Barron Trio  PUGLIA  Enrico Capuano Monaci Del Surf Two Door Cinema Club Vega 80 White Queen  SARDEGNA  Pino Scotto Irreverence  SICILIA  The Traveller - Massimiliano Forleo L'orso Nu Bohemien  TOSCANA  Andead Massimo Ranieri Progetto Panico I Matti Delle Giuncaie The Rose Tributo Europeo Di Janis Joplin The Zen Circus Nicodemo Bobo Rondelli  UMBRIA  Nobraino Petramante Rev Rev Rev  VENETO  Get On Funk Red Hot Chili Peppers Tribute Band C+C=Maxigross Muck And The Mires Manodopera Bud Spencer Blues Explosion Luca Bassanese Melampus Paolo Cecchin One Man Band Devotion Kaleidoscopic

 SVIZZERA  Cristiano De Andrè  ITALIA  Sisyphos  SVIZZERA  Joe Colombo Ben Vida Nicola Ratti The Vad Vuc  ABRUZZO  Taberna Vinaria The Fiftyniners Zolle Drunken Butterfly Tony Borlotti & I Suoi Flauers Kyla Brox Majakovich Raphael & Eazy Skankers Brunori Sas Enrico Capuano  BASILICATA  Zibba Luciano Ligabue Monaci Del Surf Spasulati Band  CALABRIA  Massimo Ranieri Nu Bohemien Giacomo Toni His Electro Blue Voice Cleo T.  CAMPANIA  99Posse Alberto Radius The Natural Dub Cluster Galoni Bologna Violenta Modena City Ramblers Psychopathic Romantics La Rappresentante Di Lista The Zen Circus Loredana Berte'  EMILIA ROMAGNA  Cristiano Godano Cercasi Cenerentola Dope D.o.d. Gattamolesta Four Tiles Fiordaliso Il Cane Giovanni Falzone Andrea Rivera Enrico Ruggeri  FRIULI VENEZIA GIULIA  Chambers Franco D'andrea Piero Sidoti - Genteinattesa Daniele Tenca Gli Sportivi Nobraino Marlene Kuntz Emanuele Belloni Isolde  LAZIO  Peter Bernstein Quartet Margherita Vicario Matteo Sansonetto Mad Professor Nordgarden Unorsominore Piji Queen Tribute  LIGURIA  Claudio Baglioni The Manges Sara Ardizzoni - Dagger Moth Bluestouch Fetish Calaveras Pink Holy Days Necrodeath Marta Sui Tubi Blindosbarra Lili Refrain  LOMBARDIA  Zeus! Jeremy Pelt Le Teste La Luz Misery Index Alessio Lega Gli Ebrei Caso Scott Hamilton Flavio Pirini  MARCHE  The Great Saunites Gillian Grassie Les Enfants Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Melampus Claudio Filippini Trio Amore Gambardellas Bip Gismondi  MOLISE  Pipers  PIEMONTE  Sad - Official Metallica Tribute Olly Riva & The Soul Rockets Banda Osiris Dave Douglas Lo Zoo Di Berlino Tre Allegri Ragazzi Morti Mandolin Brothers Destruction Daniele Sepe  PUGLIA  Colle Der Fomento Two Door Cinema Club Primo & Squarta – Cor Veleno Tormento Progetto Panico Rhomanife Diodato Marco Notari Management Del Dolore Post-Operatorio Alborosie & Shengen Clan Band  SARDEGNA  Cisco Train To Roots  SICILIA  Mario Venuti Femina Ridens Duo Bucolico Stefano Bollani Nicolò Carnesi Tinturia C+C=Maxigross Musica Nuda / Petra Magoni + Ferruccio Spinetti Alessandra Amoroso  TOSCANA  Borghetta Stile I Matti Delle Giuncaie Giorgio Canali Dragonhammer Tommy Emmanuel Alessia Tondo Crazy Mama I Gatti Mezzi Renzo Rubino  TRENTINO ALTO ADIGE  Jack Jaselli Talco Come Cani Come Angeli Francesco Patella Assalti Frontali Manuel Volpe  UMBRIA  Color Swing Trio Green Like July 2Pigeons Petramante Wemen Raster Big Ones Joe Pisto Aisha Burns  VENETO  Luca Bassanese Richard Galliano Paolino Paperino Band Warias Moa Anbessa Sound System! Full Crew! Luca Aquino Rumatera Jackie-O-Motherfucker Mideando String Quintet Devotion

 SVIZZERA  Mellow Mood  GRAN BRETAGNA  Leo Pari  SVIZZERA  Dub Incorporation Witko Gasparazzo Gue' Pequeno Bluestouch Joe Colombo Casa Del Vento  AUSTRIA  Satelliti  SLOVACCHIA  Coro Corridore    Lee Scratch Perry  SVIZZERA  Altro  ABRUZZO  Luminal Zibba Gianni Morandi Kyla Brox The Fiftyniners Gigi Finizio Near Black Beat Movement Kaleidoscopic Magda White & Frank Hammond Band  CALABRIA  Monaci Del Surf Zeus! Caron Dimonio Peppe Voltarelli  CAMPANIA  Antonio Farao' Eugenio Bennato Giovanni Guidi Cercasi Cenerentola Fausto Mesolella Enrico Rava David Riondino Raiz Caponebungtbangt Afterhours  EMILIA ROMAGNA  Max Eastley Dominic Miller Enrico Farnedi Rain Richard Sinclair Vinko Globokar Floyd Machine Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Perturbazione Prophexy  FRIULI VENEZIA GIULIA  Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Elvenking Melampus The Zen Circus W.i.n.d. Tommy Emmanuel Giovanni Truppi Jackie-O-Motherfucker The Orb  LAZIO  Pavic Johnny Winter Platonick Dive Emanuele Belloni Asilo Republic Agnes Obel Bad Apple Sons Il Muro Del Canto Cosmo Diodato  LIGURIA  Giorgio Conte Max Gazze' Ken Nicol Warias Biglietto Per L'inferno Finaz Fall Out Di Maggio Connection I Camaleonti  LOMBARDIA  Lu Silver And String Band Soviet Soviet Necromass Roby Facchinetti Noemi Mascara Mark Olson Calvino Nicodemo  MARCHE  Gastone Pietrucci & La Macina Giacomo Toni The Hard Beat The Rock'n'roll Kamikazes Dadamatto Amaury Cambuzat Suona Ulan Bator The Natural Dub Cluster The Sons Of Anarchy La Grande Tribu'  PIEMONTE  Robbie Williams The Doormen Sepultura Banda Elastica Pellizza Neil Zaza Supershock Julia Kent Romeo E Giulietta The Undertones The 69 Eyes  PUGLIA  Nicolò Carnesi Vega 80 Dire Straits Legends Donpasta Mirko Signorile Biagio Antonacci Next Step – Siouxsie And The Banshees Tribute I Cani Nomadi  SARDEGNA  Train To Roots  SICILIA  The Traveller - Massimiliano Forleo La Rappresentante Di Lista Pippo Pollina Flor Giuda Meganoidi James Ferraro Iaia Forte  TOSCANA  Rox Nico Royale Sara Loreni Umberto Tozzi There Will Be Blood Sinfonico Honolulu Methedras Piccoli Omicidi Bettibarsantini Acquaraggia  TRENTINO ALTO ADIGE  Slick Steve & The Gangsters Ed Laurie Golden Animals Erin K Bamboo  UMBRIA  Dinamitri Jazz Folklore Carla Bozulich Taberna Vinaria Big Charlie Hola La Poyana Blue Dean Carcione G-Fast Michele Rabbia Tetraktis Percussioni  VENETO  Bleed In Vain The Sade Caliban Kirlian Camera Mideando String Quintet Laura Pausini Management Del Dolore Post-Operatorio The Devil Wears Prada Rats Ruggero De I Timidi

 SPAGNA  Kendrick Lamar Caetano Veloso  BELGIO  Galoni  SPAGNA  St Vincent  SVIZZERA  Massimo Ranieri  SPAGNA  Refree  GERMANIA  Leo Pari  SPAGNA  The National John Grant Dum Dum Girls !!! (Chk Chk Chk) Spoon Charles Bradley Shellac  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Alla Bua Kutso Near Warias  BASILICATA  Rico Blues Combo  CAMPANIA  Caparezza Gogol Bordello Danilo Rea  EMILIA ROMAGNA  Riccardo Tesi & Banditaliana Pond Public Enemy Extrema The Rock'n'roll Kamikazes Sepultura Rolling Bowling We Are Scientists His Clancyness Brian Jonestown Massacre  FRIULI VENEZIA GIULIA  Pat Metheny Buckcherry The Natural Dub Cluster Downset  LAZIO  Vasco Rossi Of Mice & Men M Ward Ca.pe.al. Cloud Nothings Pavic Avenged Sevenfold Roberto Cacciapaglia  LIGURIA  New York Ska Jazz Ensemble Il Re Tarantola Phono Emergency Tool Bobo Rondelli Borghese Gabor Lesko Teho Teardo & Blixa Bargeld Bluestouch Bobby Soul Majakovich  LOMBARDIA  Ovo Die Antwoord Angra Deniz Tek Biglietto Per L'inferno Seether Giuda Radici Nel Cemento Slick Steve & The Gangsters Il Triangolo  MARCHE  The Zen Circus Monaci Del Surf Mauro Ermanno Giovanardi Amore Lleroy Lush Rimbaud Dadamatto Sud Sound System Johnny Mox Jesus Franco And The Drogas  PIEMONTE  Fetish Calaveras Supershock The Veils Emis Killa Pablo E Il Mare La Clé Raige The Elements Thirty Seconds To Mars Pagliaccio  PUGLIA  Vega 80 Cadaveria White Queen Bamboo Destruction Slow Magic  SICILIA  Baba Sissoko Reijseger Fraanje Sylla Trio Kafka On The Shore Donpasta  TOSCANA  Joe Bonamassa Jama Trio Sinfonico Honolulu Le Capre A Sonagli Amadou & Mariam The Pains Of Being Pure At Heart Gang Mauro Ermanno Giovanardi E Il Sinfonico Honolulu Alex Britti  TRENTINO ALTO ADIGE  Nh3 Simone Cristicchi  UMBRIA  The Perfect Strangers Band Tnt Ac/dc Tribute Omar Souleyman Nobraino Nidi D'arac Bettibarsantini  VENETO  Olly Riva & The Soul Rockets Ruggero De I Timidi Le Cattive Strade - Andrea Scanzi E Giulio Casale Bullet Disappears Dynamite Above The Tree & Drum Ensemble Du Beat Johnny Mastro & Mama's Boys Neutral Milk Hotel Chicago

 SVIZZERA  Laura Pausini  AUSTRIA  Coro Corridore  LETTONIA  Anna Calvi  ITALIA  Slayer  SVIZZERA  Sunrise Avenue Dolly Parton  ITALIA  John Butler Trio Sine Frontera  LETTONIA  Bastille  ITALIA  James Blunt  SVIZZERA  Biglietto Per L'inferno  LETTONIA  You Me At Six  ITALIA  Dropkick Murphys  LETTONIA  Elbow Junip - Josè Gonzales  ABRUZZO  Gasparazzo Antonio Sorgentone Caparezza John Scofield  CAMPANIA  Javier Girotto Burt Bacharach Chrysta Bell Regina Carter Ska-P Pino Daniele Stanley Clarke Ylenia Lucisano Chick Corea Giulia Mazzoni  EMILIA ROMAGNA  Progetto Panico Izzy & The Catastrophics Jimmy Hall Temples Bonnie Bramlett Veronica & The Red Wine Serenaders Muscle Shoal Miami & The Groovers  FRIULI VENEZIA GIULIA  Kg Man John Fogerty Keron Salmon Aka Kabaka Pyramid Max Romeo Mellow Mood Ravi Coltrane Jack Dejohnette Ruggero De I Timidi Goldfrapp Macka B  LAZIO  Kraftwerk Alex Britti Loredana Berte' Passenger Emis Killa Massive Attack The Black Keys Modà Alice In Chains Obituary  LIGURIA  M Ward Girls In Hawaii Paolo Nutini Delaney Davidson The Peawees The Slackers Jama Trio The Sonics! Jonathan Wilson Kafka On The Shore  LOMBARDIA  Mandolin Brothers Jonny Lang Jethro Tull Youssou N' Dour Olly Riva & The Soul Rockets Redrum Alone Sebastian Bach Fabrizio Poggi & Chicken Mambo Billy Bragg Aaron Goldberg  MARCHE  Giacomo Toni Dub Incorporation Aba Shanti I  PIEMONTE  Wemen His Clancyness Meganoidi Gov't Mule Soviet Soviet Giuda Slow Magic Deep Purple Neil Young  PUGLIA  Adrian Sherwood Alla Bua Almamegretta Saluti Da Saturno  SICILIA  Simple Minds  TOSCANA  Mark Lanegan Slick Steve & The Gangsters Bombino Lee Scratch Perry Eagles The Rock'n'roll Kamikazes Mauro Ermanno Giovanardi Jeff Beck  TRENTINO ALTO ADIGE  Little Taver The Last Killers  UMBRIA  Wayne Shorter The Roots Dobet Gnahore Michel Camilo Hamilton De Holanda Fabrizio Bosso Hiromi Stefano Bollani Fiorella Mannoia  VENETO  Luciano Ligabue Luca Bassanese Orion The Official Italian Metallica Tribute Band Raphael & Eazy Skankers Afterhours Ludovico Einaudi Slowdive Melampus The Dukes Of Hamburg Emma

 UNGHERIA  Coro Corridore  ITALIA  Bettibarsantini  ABRUZZO  Antonio Sorgentone Leighton Koizumi Feat Tito & Brainsuckers Giuda Kutso  CALABRIA  Band Bunker Club Caparezza  CAMPANIA  Sergio Cammariere Hevia Luca Aquino Fabrizio Bosso Joe Barbieri Massimo Ranieri Kronos Quartet Zamboni Canali Maroccolo Magnelli Baraldi Michele Rabbia Maria Pia De Vito  EMILIA ROMAGNA  Combichrist Radici Nel Cemento Izzy & The Catastrophics Skid Row Miami & The Groovers Franz Ferdinand Little Taver  LAZIO  Nomadi  LIGURIA  Paolo Jannacci L'orage Boy & Bear  LOMBARDIA  Larry And His Flask Raphael & Eazy Skankers The Old Firm Casuals - Lars Fredriksen Agnostic Front Nofx Converge Gem Boy Luca Bassanese His Electro Blue Voice  MARCHE  Ben E. King Gastone Pietrucci & La Macina  PIEMONTE  Emis Killa Cesare Carugi Daniele Tenca Anti-Flag Mandolin Brothers  PUGLIA  White Queen Seun Kuti Manu Chao Slick Steve & The Gangsters Alla Bua Avishai Cohen  SARDEGNA  Elina Duni Quartet Rino Gaetano Band (Cover Band Ufficiale)  SICILIA  Alex Britti  TOSCANA  I Gatti Mezzi Dave Holland Pippo Pollina  TRENTINO ALTO ADIGE  Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar Raphael  UMBRIA  Peter Hook And The Light Basement Jaxx The Courteeners Taberna Vinaria Paul Weller La Tresca Parlor Snakes Boxerin Club Kaiser Chiefs Monaci Del Surf  VENETO  Ruggero De I Timidi Arianna Antinori Camillore’ Violacida The Mojomatics



Live Band



MONICA P


TUTTO BRUCIA di MONICA P, progetto della cantautrice torinese Monica Postiglione TUTTO BRUCIA è scritto interamente da Monica con gli arrangiamenti dei Sacri Cuori(accompagnano Race all'estero sotto il nome di Fatalist); è prodotto da Antonio Gramentieri eFranco Naddei, registrato e missato al Cosabeat Studio da JD Foster (Calexico, Marc Ribot, Vinicio Capossela) e Franco Naddei. Il disco vede la partecipazione, oltre che di Hugo Race(fondatore insieme a Nick Cave dei Bad Seeds), di Giovanni Ferrario (Race, PJ Harvey e John Parish) e Vicki Brown (Calexico, Steve Wynn). MONICA P mette in scena tutta l'angoscia e l'inquietudine del suo brano, Come un cane, e lo fa con la collaborazione dell'australiano Hugo Race, che per la prima volta canta in italiano e si presta nelle vesti di un personaggio sensibile e misterioso. Nel videoclip, girato in una vecchia e abbandonata struttura psichiatrica dell'800, Monica e Hugo sono gli unici personaggi che abitano il manicomio; un ambiente inquietante abbandonato dal tempo, quasi più uno spazio della mente che uno spazio concreto. Li lega un rapporto medico-paziente, lontano dai parametri tradizionali. Monica si è chiusa al mondo, delusa e schifata dalle atrocità della società contemporanea. Come un cane che non ha più denti per mordere e lottare, si abbandona alla solitudine della sua stanza desiderando una dimensione migliore. Hugo è il suo medico, un personaggio fuori dall'ordinario. Anche lui preferisce rifugiarsi nel manicomio abbandonato piuttosto che relazionarsi con il mondo esterno. Aiuta Monica ad aprire la mente, a sognare, liberandosi. E in fondo la terapia fa bene anche a lui. Una sorta d'ipnosi che porta Monica a risvegliarsi in un altro luogo, finalmente felice e libera da forzature. Ma a questo punto ci resta un dubbio: il sogno è diventato realtà o tutto era semplicemente un sogno? www.facebook.com/monicapmusic www.monicap.it

Live di Monica P


Nessun evento trovato in archivio


MONICA SALMASO


MONICA SALMASO Ritorna, sempre grazie a casa Blue Jackel, questa vocalist si SanPaolo rivelatasi nel '98 con lo splendido album "Trampolim". L'album "Vodeira", che la vede interpretare alcuni classici di autori come Dorival Caymmi, Vinicius de Moraes, Guinga, Djavan, Joyce, Tom Jobim e Chico Buarque in chiave modernissima, nobilita tanto la nuova musica popoalre brasiliana che la musica d'autore in genere.. La sua incredibile voce, educata da anni di studio, fa ancora una volta la differenza. - Monica Salmaso - Voadeira (Voce brasiliana femminile tra le più belle ed intriganti alle prese con uno straorrdinario repertorio contemporaneo) www.monicasalmaso.mus.br - SUONA: 23/4 GÜTERSLOH/Germany 24/4 BERLIN/Germany, A-Trane 25/4 BERLIN/Germany, A-Trane 27/4 BLUDENZ/Austria 28/4 BASEL/Switzerland, Bird's Eye 29/4 BASEL/Switzerland, Bird's Eye 30/4 FERRARA/Italy 04/5 AMSTERDAM/Holland, Bimhuis 06/5 LJBULJANA/Slovenia 07/5 SCHWAZ/Austria, Eremitage 08/5 WIEN/Austria, Porgy & Bess Jazz & Music Club

Live di Monica Salmaso


Nessun evento trovato in archivio


MONIKA KRUSE


Monika Kruse is cooking dancefloors from Chicago to Berlin and Tokyo since 16 years. Beside her DJ acitivities the native Berliner follows her own idea of Techno Funk as producer, party host and label impressario. "Music just makes me happy," Monika Kruse explains her energy level. Monika Kruse plays an acitive part in german club culture since 1991, starting as resident in the Munich based Parkcafé and as memeber of the Ultraschall Crew. Since the mid 90ies she´s also part of the international DJ circus. In the meantime Monika Kruse moved back to Berlin and her skills on the wheels of steal are continuous popular in clubs and on raves around the globe: As resident in the belgian Fuseclub, ambassodor of german dance culture for the Goethe-Institut, on illegal parties or the biggest japanese rave Wire. In 1995 Monika Kruse started producing her own tracks, and since then she´s constantly releasing her very own works, like the summer hit 2000 "Latin Lovers", remixes and cooperations. Monika Kruse is running two labels: Terminal M since 2000 [DJ Rush, Miss Kittin, Patrick Lindsey to mention a few] and Electric Avenue Recordings since 2003 [Tobi Neumann, Martini Brös, Liebe Ist Cool and more]. Being a DJ allways meant to host own parties to Monika Kruse, starting in Munich with events in Utraschall, tramways or military exercise areas. These days she´s running the Electric Avenue Nights in various Clubs in Berlin. Techno and the club scene is more than pure hedonism to Monika Kruse: With her project "No Historical Backspin" she combines her passion for music with a straight statement against racism and intolerance. www.monikakruse.com

Live di Monika Kruse


Nessun evento trovato in archivio


MONIKA Y SU MAQUINA PERFECTA


The voice of Monika space among different rhythms preserving an unmistakable style and inimitable sabor. After the success of her first single and videoclip "Me Soledad" the artistic association with Joel Dominguez, ex bass player of Paulo F.G. and musical director of Issac Delgado and Manolin, continuous in the sign of a formula that conjugates musical eclecticism and great interpretative charisma

Live di Monika Y Su Maquina Perfecta


Nessun evento trovato in archivio


MONK'S CASINO


MONK'S CASINO Alexander von Schlippenbach - pianoforte Axel Dörner - tromba Rudi Mahall - clarinetto basso Jan Roder - contrabbasso Uli Jennessen – batteria Monk's Casino è uno dei progetti più avvincenti e celebrati del jazz europeo degli ultimi anni. Un grande omaggio al genio di Thelonious Monk. Tutte le composizioni di Monk, ben settanta, riarrangiate e rilette in un solo, travolgente, progetto dal pianista tedesco Alexander von Schlippenbach - uno dei nomi storici dell'improvvisazione europea - e dal suo quintetto. Oltre tre ore di musica per un'esperienza totale, che rifugge da ogni enciclopedismo per mostrare la natura sempre mutevole e sempre varia dei temi inconfondibili dell'indimenticato pianista. A volte raggruppate in fulminanti medley, a volte elaborate secondo nuove architetture, le composizioni di Monk diventano ancora una volta gioielli di immortale bellezza. Uno dei pionieri del free jazz europeo, il pianista tedesco Alexander von Schlippenbach unisce nella propria musica gli elementi più vari, dall'improvvisazione alla classica contemporanea. È fondatore della mitica Globe Unity Orchestra nel 1966, dopo avere collaborato con Gunther Hampel e Manfred Schoof nella prima metà degli anni Sessanta. Tra le altre formazioni fondamentali della sua carriera ricordiamo il trio con Evan Parker e Paul Lovens, il duo con Sven Ake Johansson, la Berlin Contemporary Jazz Orchestra e, in anni più recenti, i duetti con Tony Oxley, Sam Rivers e Aki Takase. Il progetto Monk's Casino, culminato con un triplo cd per l'etichetta svizzera Intakt, è stato accolto dalla critica e dal pubblico con unanime consenso. La sua più recente fatica discografica, sempre per la Intakt, sono due volumi di piano solo. Il trombettista Axel Dörner - già ospite di Risonanze nel 2005 con il trio TOOT - è uno dei più interessanti innovatori dell'improvvisazione europea, attivo sia in ambito più strettamente jazz che nei territori avventurosi della ricerca timbrica acustica e elettronica. Ha sviluppato uno stile unico, basato su tecniche personali e originalissime, in cui lo strumento oltrepassa i suoi stessi limiti fisici per diventare un oggetto sonoro da esplorare completamente. Rudi Mahall ha studiato clarinetto classico ed è arrivato per questa strada alla musica contemporanea, improvvisazione e jazz. Lavora stabilmente con Aki Takase, la Globe Unity Orchestra e ha registrato, tra i tanti con Lee Konitz, Karl Berger e George Lewis. Il contrabbassista Jan Roder si è imposto ormai dagli anni Novanta come uno dei più prestigiosi e richiesti strumentisti della scena berlinese, collaborando con Alex von Schlippenbach, Uli Gumpert, E.L. Petrowsky, Gunter Hampel e molti altri. Uli Jennessen, batteria, è professore di percussioni al Conservatorio di Berlino ed è molto attivo sulla scena jazz/impro, collaborando tra gli altri con Rudi Mahall e il quartetto Lax.

Live di Monk's Casino


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monkey Business


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monkey Buzzness


Nessun evento trovato in archivio


MONKEY FIGHTERS


Ciao a tutti! Noi siamo una band TRIBUTO AI FOO FIGHTERS (come probabilmente avrete già intuito!).Abbiamo cominciato nel settembre del 2006 data la nostra passione per questa band!Il nostro obiettivo è suonare dal vivo il più possibile!!!!A presto! www.facebook.com/monkeyfightersband

Live di Monkey Fighters


Nessun evento trovato in archivio


MONKEY ISLAND


Giustamente lodati da John Robb nel suo libro Death To Trad Rock, con il nuovo album LUXE et REDUX, i MONKEY ISLAND mettono assieme l'estetica di fascia bassa del garage blues anni 60, gli empi riff anni 70, il funk tagliente e i ritmi spezzacollo dell'artpunk anni 80, e l'oscena lascivia del XVI secolo. Tutto attraverso 16 tracce aggressive in poco più di mezzora. In ebollizione durante la scena garage del nord di Londra di metà anni 90, i primi singoli dei MONKEY ISLAND furono pubblicati da un personaggio quale John Robb, guadagnando plauso dal Guardian, Melody Maker, Metal Hammer e passaggi radiofonici da Mark Radcliffe, Steve Lamacq, Rob da Bank ed il grande John Peel. Un terzo album autoprodotto ha portato più attenzione da parte della stampa mainstream grazie a Kerrang e l'NME. "...forse il loro osceno immaginario chitarristico troverà l'audience che si merita. Una band splendida." - John Robb MEMBRI: Peter Bennet, Sam St Leger, Andrew Speakman LABEL: Imprint Records LINK: www.monkeyislanduk.com

Live di Monkey Island


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monkey Punx


Nessun evento trovato in archivio


MONKEY SHAKERS


One two three… I MONKEY SHAKERS nascono nell'ottobre del 2006 da un'idea di Umberto Aghetoni (batteria), Cristian Alterio (basso), Daniele Cimarra (chitarra) e Valerio Pagnani (voce). Il quartetto, già collaudato in precedenti formazioni si allarga a cinque con l'entrata di Marco Rossi (piano e organo) che aggiunge un carattere vintage con il suono del suo Hammond. Il gruppo inizia così il percorso nella musica beat, twist, garage e boogaloo degli anni 60-70, rispolverando i grandi successi dei tempi delle "battle of bands" (psycho, take a look at me, ecc.) , dei "college films" (Animal House: louie louie, shout, tossin' & turning, ecc.) e dei "mods vs. rokers" (my generation, you really got me, ecc.). Nel gennaio 2007 ai cinque si aggiunge Valerio Aghetoni nel ruolo di polistrumentista (sax, percussioni e cori). Il gruppo raggiunge quindi una forma definitiva ed è finalmente pronto ad esibirsi. A giugno i Monkey Shakers suonano per la prima volta in occasione della Festa della Musica. Nel luglio 2007 arrivano a supporto della band le due attuali coriste, Veronica Rossi e Chiara Silvestrini, che esordiscono nella formazione durante la realizzazione del demo. Nell'ottobre dello stesso anno il demo è finalmente pronto ed inizia una lunga sequenza di concerti live. Attualmente il gruppo I Monkeys, grazie alla passione e alla grinta che trasmettono nei loro concerti, riescono sempre a coinvolgere il pubblico, al punto che in pochi riescono ad astenersi dal ballare! La parola d'ordine dei Monkey Shakers è sempre: TOGA! TOGA! TOGA www.myspace.com/monkeyshakers

Live di Monkey Shakers


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monnalisa


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monnette Sudler


Nessun evento trovato in archivio


MONNONE ALONE


Gary Olson, Mark Monnone, The Ladybug Transistor, Lucksmiths. ci batte il cuoricino pop Monnone Alone http://soundcloud.com/lost-and-lonesome/monnone-alone-pink-earrings http://www.lostandlonesome.com.au/band_info.php?id=32&desc=monnone-alone Gary Olson http://www.theladybugtransistor.com/

Live di Monnone Alone


Nessun evento trovato in archivio


MONO


I Mono possono a ragione considerarsi i più validi discepoli orientali di un genere, quello del post-rock, tanto inclassificabile quanto significativo per gli ultimi due decenni. Formati dai chitarristi Takakira Goto e Yoda, dal bassista Tamaki e dal batterista Yasunori Takada, nascono verso la fine degli anni Novanta, quando l'ondata del rock a colpi di climax, chitarre effettate e alternanze soft/loud non aveva ancora piantato saldamente le proprie radici. Il caso dei nipponici è in verità piuttosto particolare: non legato al filone più classicheggiante né a quello più noise, il quartetto si pone come la compenetrazione dei due approcci. Nella loro ormai decennale carriera, i Mono si sono sicuramente distinti, oltre che per la mole e la qualità delle loro produzioni, per la capacità di tirare fuori un pizzico di novità da ogni album. http://www.facebook.com/monoofjapan

Live di Mono


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mono'kiri


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mono:fi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monoide


Nessun evento trovato in archivio


MONOKINGS


Siamo i Monokings e facciamo rockabilly. Con un particolare affetto per quel rockabilly rauco e rurale che appartiene più propriamente alle origini di questo genere, spesso vittima di stereotipi ma che in realtà sfugge alle definizioni. Infatti dal 1954 al 1957, gli anni della parabola del RAB, in migliaia tra musicisti, cantanti e gruppi musicali, provenienti dai generi più disparati e in voga nelle loro regioni (dal blues al cajun, dal bluegrass al texas swing) con pochi mezzi, molto entusiasmo e idee sufficentemente confuse, faranno a gara nel tentare la sorte e diventare i nuovi Elvis e producendo in realtà, ognuno di loro, una propria ingenua interpretazione del rock'n'roll, con una sorprendente gamma di risultati tra il disperato e il patinato. Il successo eluderà i più, molti lasceranno la musica per tornare al loro lavoro originale, ma migliaia di etichette discografiche regionali con ingenuità, pochi microfoni e rigorosamente in mono archivieranno su vinile una scena musicale irripetibile e perlopiù sconosciuta. Questa incredibile flusso di entusiasmo musicale accompagnerà, attraverso le antenne delle radio, le speranzose e agitate notti di giovani musicisti da Charlie Feathers a Andy Starr, da Carl Perkins al giovane Buddy Holly che in maniera oscura e spesso sotterranea, influenzeranno per sempre il futuro della musica pop. A noi, assai meglio di 1000 tisane al ginseng questa musica semplice, primitiva ed energetica fa bene all'anima e dà sollievo allo spirito. Consigliato l'ascolto in mono. www.monokings.com www.myspace.com/monokingsrockabilly

Live di Monokings


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monolab


Nessun evento trovato in archivio


MONOLAKE


Il progetto berlinese Monolake è ormai l'incarnazione del solo Robert Henke. E' lui infatti l'unico rimasto dei tre che iniziarono l'avventura con questo pseudonimo, ovvero Gerhard Behles e Torsten Profrock. Proprio gli ingegneri Henke e Behles sono stati, tra l'altro, i creatori di uno dei software più usati al giorno d'oggi per fare musica elettronica come Ableton. “Ghosts” arriva a tre anni dal precedente capitolo discografico “Silence”, edito dalla sua stessa etichetta Imbalance Computer Music. L'album si districa tra minimal, dub, house e 2step, virando però maggiormente verso sonorità ancora più cupe ed industrial rispetto al solito. Monolake prende il nome da un lago salino situato nella zona est della Sierra Nevada, in California. http://www.monolake.de/

Live di Monolake


Nessun evento trovato in archivio


MONOLITHIC


Monolithic: ovvero il mostro sonoro di Stian Westerhus al basso (Jaga Jazzist, Puma, Nils Petter Molvaer) e Kenneth Kapstad alla batteria (Motorpsycho, ex Dadafon e Animal Alpha).I Monolithic sono già conosciuti come uno dei power duo più estremi in circolazione: metal, noise e industrial diventano nella loro musica un corpo unico, per creare una macchina da guerra implacabile. Per il duo norvegese si tratta del primo Tour europeo, dopo l'uscita del nuovo album Black Science.Monolitich, una band composta da due personaggi tra i più influenti del metal europeo, Stian Westerhus - Jaga Jazzist, Puma e Nils Petter Molvær - alla chitarra baritono e Kenneth Kapstad - Motopsycho - alla batteria. Una creazione così singolare non poteva che proporci un sound da brividi, freddo e alienante, che con un unico EP di soli 4 pezzi è diventato IL progetto metal della Scandinavia dell'ultimo anno. Dal vivo sono un'esperienza unica, vi trascineranno attraverso una serie di pesantissime trebbiatrici sonore e i pochi che hanno avuto la fortuna esserci già passati lo sanno, queste non sono solo parole al vento, i Monolithic sono davvero qualcosa di imperdibile, da sperimentare almeno una volta nella vita: se rimarrete ancora sani di mente dopo uno dei loro concerti vuol dire che completamente sani non lo siete mai stati. Con i Monolithic il metal più scuro si amalgama alla perfezione con l'industrial e un low key noise, in un calderone unico di generi tecnicamente impeccabile. Per la prima volta in Europa il prossimo aprile, potremo respirare il loro piccolo capolavoro Black Science: "A Monster of a duo with no mercy either for the receiver or themselves www.myspace.com/monolithicmusic

Live di Monolithic


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monoloke


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monopoliodistato


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monotekktoni


Nessun evento trovato in archivio


MONOTONIX


A Tel Aviv, a casa loro, li han marchiati e bannati da tutti i locali. Di gusti musicali eccessivamente estremi per i palati israeliani (agli esordi suonavano metal) e autori di spettacoli non proprio convenzionali (si narra d’esibizioni culminanti in bagni di ketchup sul pubblico) si sono “costretti” a traslocare oltreoceano, a New York, per cominciare da capo. Un nuovo suono (un sanguinario e crudele garage), la benedizione di Will Oldham e più di 300 date all’attivo in giro per Stati Uniti e Europa (possono vantarsi d’aver aperto i concerti di QOTSA, Ted Leo & The Pharmacists, Silver Jews), fanno dei Monotonix una delle realtà ancora in fasce, più interessanti in giro in questo momento. Dato il numero degli show dal vivo tenuti nel corso di soli due anni, inutile sottolineare come il loro punto di forza sia la rozza e incontrollata energia sprigionata sul palco. Tanto che il gruppo tenta di trasportare quella cattiveria pura e primordiale anche nei dischi. Body Language, loro secondo opera, è un album quasi in “presa diretta” che non può contare su “effetti speciali” (overdub o multitracce) semplicemente per il fatto che, la volontà del gruppo, era proprio quella di spogliare e rendere il tutto il più vero possibile. I suoni risultano così stronzi e fisici quanto basta, chitarre e voci si ritrovano a godere dell’appellativo di grezze almeno quanto i baffi incontrollati di Ami Shalev (cantante e “uomo immagine” della band). Non potendo gustarsi altro, bisogna per ora accontentarsi di questo veloce ma intenso EP di sole sei tracce, ma in grado di far sudare senza troppi problemi. E se ora è anche il pubblico ai loro concerti a rendersi autore di spettacoli non proprio convenzionali (a Knoxville un fan s’è letteralmente dato fuoco, mentre durante un’altra data una coppia ha dato vita a una fellatio di dominio pubblico) non si può dire che nella loro nuova “casa” non abbiano trovato chi li ama e li capisce appieno. www.monotonix.com www.myspace.com/monotonix

Live di Monotonix


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monovox


Nessun evento trovato in archivio


MONOZID


Sembra che un po' tutto il sottobosco post-punk tedesco, o comunque il frutto di quella wave che attinge al sound ricco di colpi di plettro in chiave goth, abbia ben usufruito di alcune situazioni createsi negli ultimi anni, soprattutto nell'area che gravita tra l'ex-DDR ed il Nord del paese. Il trasferimento berlinese degli americani Frank The Baptist ha messo molte band locali a stretto contatto con musicisti che tra death-rock e punk-wave dirigono il loro mordente artistico. Non che sia fondamentale la nuova patria di Frank Vollman dopo la sua dipartita dalla natale San Diego, però è sintomo di nuovi interessi che da oltreoceano spostano la propria influenza verso l'Europa, in particolar modo quella centro-orientale. Non vuole essere una lezione di geografia musicale questa, però è doverosa per capire al meglio i confini del suono dei Monozid, articolato e di non immediata e specifica collocazione. Sicuramente una band da performance live: riff, sudore e lunghi tour. Non è difficile vedere dal vivo i Nostri (comparsi anche recentemente in Italia), e di ciò pure il sound in studio ne beneficia. Fatta questa premessa, l'ascolto di "Say Hello To Artificial Grey" (che nonostante la fama conquistata sugli stage è il vero debutto in studio per i Monozid, proposto anche in versione LP) è rivolto ad un vasto pubblico che si 'nutre' dei graffi death-rock come delle acidità no-wave USA, così come del post-punk anglosassone più classico con rimandi ai classici ed orientabili affinità a Sound e Minimal Compact, ma anche echi di Durutti Column per certi velati angoli psichedelici. Nelle loro prime comparse, timide, pure band ora affermate e non più di nicchia (leggi Interpol, Editors ecc.) appartenevano a questo piccolo universo, ed i Monozid la loro identità acustica la esibiscono già nell'opener "Let's Shake Hands And Wonder", brano in cui il basso di Daniel si ritaglia i propri spazi tra le chitarre di Franz e Ralf o la batteria suonata da Max. Proprio in questa semplice formula sviluppano la loro alchimia, ed in questo brano esaltano tecnica e stile maturata proprio sui tanti palcoscenici calcati (fondamentale per un gruppo di questo tipo). A volte anche la sensazione di trovarsi davanti ad un derivato più radicato nel post-rock può insorgere, ed in effetti ascoltando la strumentale "Stanislawa Popielska" le piccole arpeggiate di dita sulla chitarra, 'invase' dalla seconda e distorta sei corde, rallentata in più momenti introspettivi, danno veramente la sensazione di post-rock, pur senza quell'alone 'tragico' più consono alle band tipiche del genere. Rischia di essere spesso il dazio che pagano coloro che, eclettici, si pongono al giudizio del pubblico con coraggio, e in questo i Monozid decisamente non peccano! Allora, nel pieno delle nostre 'open mind', seguiamo passo a passo il dischetto fino alla scura e tribale "Supergrau", esaltata dall'ossessiva percussione e dalle piogge di note in punta di plettro, unite all'ottima crudezza del cantato, in questo caso su testo in madrelingua. Ognuno avrà le proprie simpatie: davanti alla possibilità di dover estrarre un singolo che faccia da testa d'ariete all'intero album, "Supergrau" avrebbe sicuramente molti favori. L'augurio che facciamo ai quattro ragazzi di Lipsia è quello di continuare a credere che la palestra di un musicista è il palco, e l'accademia, di conseguenza, lo studio; ci riserviamo di seguire con occhi paternamente critici il futuro di una band che ha grandi potenzialità di riscontro anche al di fuori dei confini 'dark', visti i successi dei già citati Editors, Interpol o recentemente i White Lies, con la volontà però di perseguire la loro ricerca senza abbandonarsi al fatuo successo immediato, bensì arroganti nel guardare sempre al di sopra del presente. www.monozid.com

Live di Monozid


Nessun evento trovato in archivio


MONROE


MONROE I MOnroe nascono nel 2004 dall'unione di 3 amici già membri di altri gruppi musicali, Marcello (chitarra e voce), Steven (basso) e Mattia (batteria). La loro passione musicale li stimola subito nel comporre brani originali, inediti, dalle diverse influenze alternative rock… Dopo qualche mese iniziano già i primi live di questa formazione con il nome Perverse Joys, fino ad arrivare ad un concerto nel febbraio 2005 a Cesenatico, dove decidono di sperimentare una prestazione con sonorità più elettroniche ed influenze post-rock.Per questa data sono gli Analphabeat che si uniscono al gruppo, un duo di sperimentazioni elettroniche minimali: Alessandro (campionamenti, synth,tastiere ) e Gianpaolo (scratch), quest'ultimo lascerà successivamente il gruppo per dedicarsi ad altri progetti. Alla serata è presente anche Andy dei Bluvertigo, che ci incoraggia nel continuare le sperimentazioni sonore fino ad arrivare ad un'esaustiva creazione di un genere finale.Partecipano a diversi concorsi suscitando un ottimo interessamento da parte del pubblico e vincendo anche un premio della critica come miglior gruppo sperimentale.Alla fine del 2005 incontrano i Negramaro e il fonico Nanni Surace, che li stimolano ulteriormente nella creazione di brani più diretti per enfatizzare maggiormente l'impatto sonoro e visivo; il loro giudizio è molto positivo e ci invitano ad esaltare maggiormente le potenzialità del gruppo.Nasce così il definitivo nome MOnroe derivante dalla finezza e trasgressività dell'icona femminile del secolo scorso, qualità presenti anche nei nostri pezzi.Aprile 2006, i MOnroe vincono col massimo dei voti della giuria,tra cui gli EQU,il Primavera live Festival presso l'X-Ray di Forlì. L'invito è a venirci a sentire! Un ringraziamento per la disponibilità anche a Roberta Picciolo ed a “La Camera Migliore”. monroemusic@libero.it www.myspace.com/bandmonroe

Live di Monroe


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monsieur Golan


Nessun evento trovato in archivio


MONSTER JAM


Diffidate dalle imitazioni: l’originale, il più grande, il migliore Monster Truck Show sta arrivando in Italia! Lo spettacolo che stupirà le famiglie con i migliori monster truck e Motocross Freestyle guidati da alcuni dei migliori piloti al mondo! Ogni Monster Truck è un mezzo unico, disegnato appositamente e misura circa 3,4 metri di altezza e 3.7 metri di larghezza, ed ha un peso di almeno 4 tonnellate. Le sole ruote sono alte 1,70 m. I Monster Truck sono costruiti per brevi e potenti accelerate; questi 'bestioni' generano una potenza di 1.500-2.000 cavalli e possono raggiungere una velocità superiore ai 160 Km/h. Sono in grado di saltare per una distanza di 38-40 metri in lunghezza (pari a oltre 14 macchine affiancate) e più di 7,5 metri in altezza. Tutti i Monster Truck hanno un nome: Monster Mutt, Supermen, Grave Digger e El Toro Loco sono solo alcune tra le conferme per gli spettacoli italiani. I Monster Truck gareggiano in 2 diverse competizioni: una gara di velocità in rettilineo e una gara di Freestyle che concede ai piloti un tempo limitato nel quale devono mostrare tutta la loro abilità e i loro numeri più spettacolari.

Live di Monster Jam


Nessun evento trovato in archivio


MONSTER JOE'S TRIO


Siamo un trio composto da Daniele De Santis alla voce,chitarra elettrica e chitarra slide;Pablo corradini al flauto ,tastiere e voce; Jannesson Da Silva alle percussioni.Siamo un gruppo formato da poco che rivisita brani dal rock classico dei beatles al rock più elettrico di oggi,dai reed hot chili peppers ai pearl jam.Abbiamo tre influenze diverse musicalmente,poichè Pablo Corradini è argentino,Jannesson Da Silva è brasiliano e Daniele De Santis è italiano,tre percorsi musicali diversi che si unisco per rivedere a modo loro e riproporre brani conosciuti con differenti sonorità.

Live di Monster Joe's Trio


Nessun evento trovato in archivio


MONSTER MAGNET


La storica Stoner/Hard Rock band americana, farà il suo ritorno a due anni di distanza dalla loro ultima apparizione italiana per presentare il nuovo album "4 Way Diablo"uscito lo scorso Giugno, che consacra la band di Dave Wyndorf come tra le migliori nel loro genere. Le sorprese non finiscono certo qui: opener ufficiale per tutto il tour Europeo saranno i SEVENTH VOID, il nuovo progetto Doom Metal di Kenny Hickey e Johnny Kelly dei Type O Negative! www.monstermagnet.net

Live di Monster Magnet


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monsters Of Rock


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monsterworks


Nessun evento trovato in archivio


MONTA


his is the story of a man who takes most matters into his own hands. maybe due to distrust, maybe out of sheer necessity. perhaps inner compulsion. But definately always passionately from deep inside his heart. no maverick, rather an experience-impelled man of conviction - from each experience which assumingly gets you wiser. but also unconditional and radical. monta is the one-man project of tobias kuhn, formerly singer of miles. He does have a life before monta, besides monta and after monta but monta makes up the centre of it - the bottom line of his musical labour. monta can be tender as a whistle or roaring like thunder, from homly living rooms to a stage somewhere on the globe. after the ep "always altamont", the highly acclaimed first longplayer "where circles begin" had been released worldwide and made it to album of the week of the sunday times (uk) and the single "i'm sorry" can still be heard as theme song of the japanese counterpart to cnn news. now there's a new single "good morning stranger" and a new album - "the brilliant masses"! brilliant indeed: a collection of eleven songs which ask for careful listening and instantaneously stare into your eyes. in a language often enciphered and metaphorical yet clearly coherent and radiant as a lighthouse. songs who can alienate people and at the same time spend warmth. with awareness and luminosity kuhn sums up the things and thoughts that motivate him and get him going. the song titles themselves make up the synopsis: love, estrangement, doubt, certainty, home, getting along, trust, disappointment, capitulation, achievement, loneliness, bliss and the never-ending search. over and over and over again. again and again packed in those awesome melodies which let the world shine in a different light for a moment or a little longer. www.monta.org

Live di Monta


Nessun evento trovato in archivio


MONTAUK


MONTAUK - Montauk Seahorse Recordings Esordiscono con l'omonimo album i Montauk, discendenti dell'hardcore punk di Fugazi e Hüsker Dü, ma slowcore e che riconoscono loro stessi in band connazionali come il Teatro degli Orrori. Particolare è la prosa di ogni brano, accompagnata da illustrazioni alle quali garantiscono il proprio contributo vecchi amici fumettisti tra cui Stefano Pilia dei Massimo Volume.

Live di Montauk


Nessun evento trovato in archivio


Live di Monte Cazazza


Nessun evento trovato in archivio


MONTECARLO FIRE


I Montecarlo Fire iniziano la loro attività musicale dedicandosi principalmente a suonare pezzi anni 60/70 di gruppi come Pink Floyd, The Rolling Stones e The Beatles, sotto il nome di The Helter Skelter. Subito dopo, nel 2003 la svolta che li porta a cimentarsi nello scrivere pezzi propri da presentare alle loro numerose apparizioni live. La loro ispirazione prende forma, oltre che dalle band che reinterpretavano con le loro cover all'inizio, da band attuali del panorama indipendente Italiano e d'oltremanica, come The Strokes e The Killers. Cimentati in questa nuova avventura, le soddisfazioni non tardano ad arrivare. Infatti, vengono invitati più volte alla trasmissione “La fabbrica della musica” sul canale SKY Rai-doc e alcuni loro pezzi vengono mandati in onda in varie trasmissioni di Radio1 e altre radio minori ed indipendenti. Sono attualmente al lavoro per il completamento del loro e.p., prossimo all'uscita e l'opening al Circolo degli Artisti sarà il momento giusto per presentare questo nuovo lavoro, al fianco dei Chapel Club, una band londinese in continua ascesa e attesissima sul panorama musicale internazionale e che incarna a pieno la nuova corrente new-wave inglese. www.myspace.com/montecarlofire

Live di Montecarlo Fire


Nessun evento trovato in archivio


Live di Montecarlo Nights Orchestra


Nessun evento trovato in archivio


MONTECRISTO


Montecristo Definiti da Tony James come "un incrocio tra Heartbreakers, Stooges e Generation X… suonano come Marc Bolan con alle spalle una rock'n'roll band", i Montecristo sono diventati in breve tempo una delle formazioni di punta della nuova scena rock romana con esibizioni live travolgenti a fianco di gruppi come Eagles of Death Metal, White Flag e Raveonettes. Il loro album di esordio, che vede lo stesso Tony James (attualmente impegnato insieme a Mick Jones dei Clash nel progetto Carbon/Silicon) alla produzione artistica, sarà pubblicato da Sleeping Star alla fine di ottobre. www.myspace.com/montecristoband www.montecristorocks.com

Live di Montecristo


Nessun evento trovato in archivio


MONTEFIORI COCKTAIL


CURRICULUM Duo composto da 2 gemelli,che suonano strumenti musicali diversi (le tastiere uno, il sax e il flauto l'altro). Il primo, (Francesco detto Kekko) suona le tastiere e lavora al computer, con un passato di produttore "House" e Breackbeat" (due generi musicali che fanno parte del mondo della musica leggera da ballo) nel quale si è fatto conoscere soprattutto con lo pseudonimo di “Key Tronics Ensemble” e "Softhouse Company" per la Irma records , il secondo (Federico detto Kikko) che suona saxofoni, flauto e voce, con una grossa esperienza nella musica "dal vivo" in tutti i generi musicali come turnista. Alcune band con cui ha suonato: Man sueto), Blues Mobile, Ladri di biciclette, Good Fellas . I due gemelli sono figli d'arte del saxofonista Germano Montefiori, grande sassofonista con molto talento che si fece notare nei night club degli anni '60 e successivamente anche nelle balere del Liscio dagli anni '70 in poi. Ne primi anni '60 Germano suonò con il quintetto di Paolo Zavallone (famoso per aver realizzato molte sigle televisive), che all'epoca era molto rinomato per la qualità degli arrangiamenti con cui eseguivano i brani famosi dell'epoca. A questo quintetto che era dotato di bravissimi musicisti estremamente virtuosi, prese parte anche il giovanissimo (allora) Tullio de Piscopo. Detto questo Il progetto dei Montefiori Cocktail è quello di riportare alla luce le atmosfere ed i colori musicali trasmessegli dal padre e dagli amici di famiglia. Questo tipo di musica è stato definito in passato come "Easy Listening" ed oggi viene chiamato nella sua forma moderna "Lounge Music". La differenza che c'è tra la musica che si suonava allora e quella d'oggi è dovuta anche e soprattutto all'evoluzione tecnica e tecnologica, la quale non è affatto trascurata dai M.C., senza però trascurare affatto l'elemento umano e della live performance. Quindi la tecnologia è vista come un valido supporto musical-scenografico dove però il vero protagonista è il musicista che fà il suo spettacolo. Stilisticamente i M.C. come abbiamo detto, si ispirano molto agli anni '60 ed i primi anni '70, cercando soprattutto di coglierne quello spirito di vitalità che trasmette appunto la musica di quei periodi riproponendola con le forme musicali che ci appartengono oggi (house, breackbeat, jungle, drum 'n bass, ecc..). Per fare un esempio: nel primo CD "Raccolta N°1" il brano "Gipsy woman" è stato nei primi anni '90 un famoso brano house, ma che dai M.C. è stato riarrangiato in una Bossanova, come se l'originale fosse fatto conseguentemente e non originariamente. Questo solo per dimostrare che non esiste musica "vecchia" e "nuova", ma musica "bella (o vera)" e "brutta (o falsa)", perchè la musica bella non invecchia mai, anzi, passando il tempo si prende sempre più coscienza della sua "consistenza". Così facendo ripredono le colonne sonore "cult" degli anni '60, le musiche degli spot televisivi, viaggiando sulla malinconia della navicella di Star Trek per navigare nell'oceano del de-ja vù e del ballo facile. Musica per divertisi, da rilassati e non! DISCOGRAFIA Hanno realizzato 2 CD con la IRMA records di Bologna (distribuita dalla Sony italiana): Raccolta N°1 (uscito nel Luglio 1997) Vari brani di questo CD sono stati usati come sigle o sottofondi musicali alla radio ed alla televisione in vari emittenti nazionali e non come: Rai, Mediaset, MTV, TMC, televisione dell'est europa, in Grecia, in Francia e negli States (sex in the city). Inoltre sono stati usati vari brani di questo CD anche per diversi spot in televisione e radio come: Ford Ka , Citrosodina , LG technologies (Russia), Gordon Gin (UK) ed altri che al momento non ricordiamo... E' stato usato un brano di questo CD (Lazy busy) nella colonna sonora del film "L'ultimo bacio" (stagione 2000/2001). Raccolta N°2 (uscito nel Luglio 2000) Anche per questo CD, vari brani sono stati usati come sigle o sottofondi musicali alla radio ed alla televisione in vari emittenti nazionali e non. E' stato usato un brano di questo CD (Hu ha) nella colonna sonora del film "L'ultimo bacio" (stagione 2000/2001) in una scena tra l'altro molto importante del film (con lo stupore dei sottoscritti). Un film indipendente del regista Massimo De Pascalis presentato al festival del cinema di Berlino, usa all'interno della colonna sonora due brani di questo CD (Sunny e Shampoo). Nel 2001 producono con la loro etichetta KALEIDOFON PRODUCTIONS, l'EP “COCKTAIL PARADE” tratto dalla trasmissione di RADIORAI2 “Ultrasuoni Cocktail”, contenente la loro sigla originale del programma “Ultrasuoni Cocktail” e la loro versione di “Sex Bomb” Inoltre hanno realzzato vari brani e remix per IRMA ed altre etichette e avuto collaborazioni con altri artisti come: realizzarono per Johnson Righeira "Papalla"(uscito nel 1999), per Claudio Coccoluto un riarrangiamento di un suo mix, con gli Skiantos hanno realizzato un brano per il loro ultimo doppio CD "Doppia dose", Hanno collaborato ad un brano di un singolo di Giorgio Conte (Il fratello di Paolo). Hanno relizzato per la cantante dei Pizzicato Five Maki Nomiya, due brani originali editi nel suo CD da solista uscito purtoppo solo in Giappone nel 2000. Hanno realizzato una loro versione del singolo che i Quinto rigo hanno portato nella edizione del 2001 di Sanremo (Bentivoglio Angelina). Hanno collaborato alla realizzazione del nuovo LP di Tanita Tikaram. Nel 2003 hanno realizzato 2 remix della sigla “PERTANTO” della trasmissione di RAI2 “QUELLI CHE IL CALCIO” per la SUGAR Per ROY PACI & ARETUSKA hanno remixato il loro singolo “YETTABOOM” per la V2-ITALY “MERRY CHRISTAMX 2046” compilation per MANDARINA DUCK Re*Shaken (The Remix Album Project), (Irma) 2002 Raccolta n°3 (V2 Italy) (uscito nel Dicembre 2003) A taste of... (the first ever greatest hits compilation) (IRMA records) 2006 “MONTEFIORI APPETIZER vol.1” (arrivato al 3° posto nella classifica di iTunes ITALIA) e “MONTEFIORI APPETIZER vol.2” for EMI MUSIC 2006 “4 ORCHESTRA” for EMI MUSIC 2007 “CHRISTMAS PARTY” for EMI MUSIC 2008 “MONTEFIORI COCKTAIL CLASSICS” (KALEIDOFON 2010) Altri Remixes: Vamos A La Playa (Montefiori Cocktail Remix) on Vamos A La Playa (2001), Appearances: Another B on Batucada, CD (Mole Listening Pearls) Crazy Beat (Claudiiiococcoluto & Savinomartineeez Remix) on A Midsummer Night's Dream: Claudio Coccoluto, 3x12" (DMC Publishing) Quando Quando Quando on The Cocktail Shaker. New Groovy Kitsch & Space-Age Pop, CD (Irma) Sofisticata (Nicola Conte Soft Samba Strings Remix) on Elemental Chill - Volume 4: Water, CD (Kriztal Entertainment) Gipsy Woman on Glücklich V, CD (Compost Records) Gipsy Woman-SUNNY on VIVA LA VITA, CD (MARTINI-RUSSIA) 2001 Tekila Bum Bum on Urban Motors - Sound Frames From A Nu Culture, CD (Irma) Sofisticata (Nicola Conte Remix) on Irma Jazz Funk 'N' Bossa Vol. 3, CD (Irma) Sofistica on Irma Jazz Funk 'N' Bossa Vol. 3, CD (Irma) GNé Gné 2001 on “La DOUCE PARTY n°1” (2001) Gypsy Woman on Glücklich V, 2x12" (Compost Records) Sofisticata (Nicola Conte Soft Samba String Remix) on Break N' Bossa Chapter 4, CD (Schema) Sofisticata on Break N' Bossa - Chapter 4, CD (Schema) Gipsy Woman (Dim's Special Re-Touch) on Dimitri From Paris In The House (Part 2), 2x12" (Defected) 2004 Crazy Beat (Claudio Coccoluto Remix) on Chill Out Cafe Volume Uno, CD (Irma) Comment Te Dire Adieu – on La Dolce Vita comp. (HALIDON) (2004) Comment Te Dire Adieu – on “The Nightfly Vol. 8 - On Top Of The World”. La compilation è pubblicata dalla BMG. (2004) PIC NIC on mei made in italy vol. I (2004) THE POLISH CLAN on “EZ LOUNGE” – MEDIA RECORDS (2002) AGUA DE BEBER on “World lounge” –PUTUMAYO records (2001) AGUA DE BEBER on “SISTER BOSSA vol.1” –IRMA records (2001) Gypsy Woman on VV.AA Generation Cocktail (The Saifam Group) (2003) Comment Te Dire Adieu on VV.AA Generation Cocktail Vol. 3 (The Saifam Group) (2005) BOLERO on VV.AA Generation Cocktail Vol. 4 (The Saifam Group) (2005) PARDON on Soul Shaker - Various (2004) on the Record Kicks label “JE T'ADORE”-“Bossa `n` Go” on the Scenario label (2000) “another B” - Café Noir Bossa Brazil #1 - 2002 Pyramide (Irma) “ agua de beber” Café Noir: Bossa Brazil # 2 -2002 Pyramide (Irma) l “another B” Duna Degli Orsi: Marinadiravenna 2005 Irma label “un uomo una donna” L'Aperitivo Italiano - 2004 Irma label “gné gné” Irma At Sex In The City Part 1 2004 Irma “sofisticata” “lazy busy” Irma At Sex In The City Part 2 2004 Irma Sofisticata (Nicola Conte Soft Samba String Remix) Irma On Canvas Exhibition #1 2003 Irma “crazy beat-gipsy woman-gné gné”-Irma Records Live In Montreux Vol.1 - 2002 Irma I Feel Love(Fantastic Plastic Machine Remix) Formentera De Noche Vol. 1 2003 Irma “Lazy Busy” (Spellband Remix) Formentera De Noche Vol. 2 -2003 Irma “Gipsy Woman” Rendezvous Lounge, Vol. 2 compiled by DJ Mark Gorbulew 2006 “I Feel Love” The Italian Job (Mixed & Coocked By I-dep) 2006 Handcuts records “Black Horse & The Cherry Tree”-The Cover Art Of Blue Note vol.2-2006 EMI “Lazy Busy” Red Martini 2007 Water Music records “Tequila Bum Bum”Far Out: Swinging Bachelor Pad Music 2007 Water Music records “La Segretaria” Shaken & Stirred 2007 Water Music records “Gipsy Woman (La Da de la Da Da)” 2008 Love Me “Magic Spell” - No Stress - The Platinum Collection 2008 EMI Comment Te Dire Adieu Various - Die Wäscherei (CD, Comp) Pep Sounds 2008 Easy Trip “Doposole: Lounge Music From Exclusive Italian Places “(CD, Comp) Scenario Music (Italy) 2010 INGRID feat. MONTEFIORI COCKTAIL Papillone Sur Moi (PASSION) 2010 Energy Production “SQUADRA SPECIALE” – CINEDELIC SOUND 2011 Cinedelic records CONCERTI DAL VIVO: In questi anni i M.C. si sono esibiti in quasi tutta Europa ed anche negli States, collezionando una serie veramente numerosa di concerti (oltre 1000 circa). Di questi concerti ve ne citiamo alcuni che per noi sono stati molto importanti: Night Wave 97 nell'ambito delle serate D.E.I. (Dance Elettronica Innovativa) Martini Party organizzato ai Magazzini Generali di Milano al Festival Jazz di Montreux, nel Luglio del 1997, portando con se la "Special Guest" il babbo Germano e tornando poi anche nel 1999. Nel Novembre del 1997 sono partiti per un tour di 24 giorni in America, dove hanno suonato nei migliori Lounge clubs di New York (all'ultimo piano delle Twin Towers che purtoppo oggi non ci sono più ed al Sound of Brazil), a Philadelphia, Los Angeles, San Francisco, Dallas, Atlanta, Orlando, Austin e Houston, riscuotendo in ogni serata un grosso successo. Ancora oggi ci aspettano per un nuovo tour... Si sono esibiti a Londra diverse volte e soprattutto nel ex tempio dell'Easy Listening londinese “Madame Jo Jo” in piena Soho, al WAG quando c'era la serata "Blow Up", al Jazz Cafè ed infine al Cargo che è uno dei locali emergenti a Londra. Questo per citare solo i più importanti. In seguito in Italia porteranno in tour nei più importanti club italiani (Magazzini Generali-MI, Boa Goa-GE, Link-BO, Brancaleone-ROMA) per due volte insieme con in Deejays di Karminsky Experience e con il cantante showman Count Indigo uno spettacolo impostato alla maniera dei Lounge clubs inglesi e lo chiameranno "London Cocktail Party". Sigla del programma PUNTO UNO sulla radio nazionale Svizzera(1997-98) Sigla del programma CAFFE' ARCOBALENO su VIDEOMUSIC (1997-98) Il 27 maggio 1998 suonano in diretta a RadioRai 2 dagli studi di Via Asiago, 10 a Roma nella serata di Suoni e Ultrasuoni che per l'occasione si chiamerà "Ultrasuoni Cocktail" condotta da Francesco Adinolfi, nella serata ha inoltre partecipato anche il Sig. Piero Umiliani (Mr. Mah na mah na) con il suo quintetto originale (d'epoca). La collaborazione con Adinolfi proseguirà nel tempo e porterà alla realizzazione della "Cocktail Parade", ovvero la classifica delle hits del momento riviste in chiave Lounge dai M.C. e da altri. In una serata speciale questo programma venne trasmesso dal vivo da Bologna dove i M.C. assieme al babbo Germano si esibirono dal vivo realizzando anche assieme a Lucio Dalla dei suoi brani riarrangiati in chiave Cocktail. Oggi questo programma viene ancora trasmesso ogni sabato dalle 21 e 30 su Radio due. Anche la sigla di questo programma è stata realizzata dai M.C. Marzo 1999 a Graz in Austria, hanno partecipato come “coreografia musicale” suonando dal vivo nella serata di premiazione della “Diagonale 1999”, la più importante rassegna cinematografica del cinema austriaco. Maggio 1999 ospiti a Berlino per la Bungalow Night, in occasione della presentazione dell'ultimo disco dei “Dauerfish” titolato “the crime of the century”. La settimana seguente, hanno suonato a Parigi, al Cabaret Sauvage, nell”ambito del Tricatel Party, insieme a tutti gli altri artisti della Tricatel Records , che sarebbe la maggior esponente dell'Easy Listening francese. Il 12 Giugno 1999 a Montecchio di Reggio nell'Emilia, partecipano al Primo festival internazionale Lounge, a fianco dei Pizzicato Five, Hammond Inferno, Mina, Karminsky Esperience, Count Indigo , Nicola Conte, i Vip 200 e tutta (o quasi) la scena Easy italiana. In questo festival parteciparono più di 2.500 persone. Lo stesso festival fù ripetuto l'anno dopo a Correggio. a Copenhagen nel Luglio 1999, nell'ambito del Copenhagen Jazz Festival. Sempre in Danimarca nel giugno 2000 hanno suonato ad Aalborg (la città più a nord della Danimarca) nell'ambito della rassegna chiamata “Intercosmos”, una rassegna molto importante in Danimarca, che viene anche trasmessa dalla radio nazionale danese (DR3). Nel ottobre 2000 al Festival Jazz di Varsavia (il più vecchio d'Europa) che si chiama "Jamboree Jazz Festival". A Cannes 2001 nell'ambito del festival del cinema, nel party esclusivo di presentazione del mega kolossal "LORD OF THE RINGS" (Il signore degli anelli) Nei vari tour europei hanno realizzati vari party per la Martini a Mosca ed in Grecia (Salonicco). Numerose volte hanno suonato a Vienna nei locali più importanti (Casanova Revue, VolskGarten, B72 ecc...) e per un party organizzato dalla agenzia turistica di stato austriaca. Anche in Italia hanno diverse volte suonato per importanti convention: Nokia, Missoni, Roberto Cavalli, Bliss gioielli (Damiani gioielli), Broke, Compaq computers, Camel active e ibazaar assieme alla simpaticissima Platinette. Di recente hanno realizzato le musiche originali per gli spot della Pampers, della Telecom (B.B.B.) e (info 142). Nel 2002 Sigla del programma TREND su LA7 (2002) A marzo in piazza S,Marco per il carnevale di Venezia con RADIO CAPITAL A Pescara convention per MISS SIXTY Pordenone “DIABOLIK FESTIVAL” Bologna Piazza Verdi in diretta su RADIORAI 2 “ULTRASUONI COCKTAIL” Inaugurazione del LE GRAND LOUNGE BAR a KIEV A PORTO CERVO party di premiazione della VOLVO SWAN CUP A STOCCOLMA al LIDMAN HOTEL e all'ANNO HOTEL A MOSCA al SETTEBELLO club per MILDSEVEN party A CISTERNINO per LOUNGE FESTIVAL “le pietre che cantano” A S.PIETROBURGO per STEREOLETO FESTIVAL ATENE per 2° lounge festival 31 dicembre CAPRI in diretta su RADIORAI 2 nel 2003 GRAZ per party di apertura “GRAZ 2003” CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2003 RAI 2 ospiti nella trasmissione “ QUELLI CHE IL CALCIO” e sigla di chiusura della trasmissione Tournè in RUSSIA in 4 città : ROSTOV, YECATIRINBURG, KRASNODAR e MOSCA VIENNA per il “LIFEBALL” :la più grande manifestazione austro-tedesca a sfondo benefico per la lotta contro l'AIDS giunta all'11 edizione con ospiti quali: ELTON JOHN, SKIN, MORCHEEBA ecc.. PIACENZA concerto supporter di MANU CHAO Tournèe in Croazia con HT-MOBILE in 7 città : POREC, NOVALYA, VODICE, SUPETAR, HVAR, VIS, DUBROVNIK Da ottobre sui RAI 1 il brano “HU HA” è la sigla del quiz-show “AFFARI TUOI” condotto da BONOLIS alle 20,30 tutte le sere! AMBURGO party di apertura dell'hotel 25 HOURS Tourné in Russia di presentazione del nuovo disco a : NISDY NOVGOROD, S.PIETROBURGO, SAMARA,NOVOSIBIRSK. Evento “DUCATI” a BOLOGNA con produzione del CD "straordinariamente in officina" 13 dicembre a BOLOGNA-MOTOR SHOW-RUVIDO presentazione di RACCOLTA N°3 con concerto in diretta su RADIORAI2 31 DICEMBRE party di S.SILVESTRO in diretta su RADIORAI2 dagli studi RAI di via ASIAGO in ROMA dicembre 2007 RAI 2 , come resident band a SCALO 76 2004 pubblicità VODAFON PORTUGAL con il brano inedito “TU MA TROUVE'” STOCCOLMA – HOTEL LYDMAN presentazione album “RACCOLTA n°3” Tour in MEXICO – festival di musica elettronica a MEXICO CITY VIENNA-HOTEL RIVIERA tour (Passage club- SOULSUGAR night) MTV SUNSET TOUR http://www.mtv.it/music/eventi/mtvsunset/ VENEZIA - BIENNALE DEL CINEMA-Fondazione Giorgio Cini "CINEMA AGAINST AIDS VENICE 2004"(www.amfar.org) STOCKOLM "LUNA PARK FESTIVAL" at MOSEBACKE ZAGREB - “GLORIA MAGAZINE” party VELENJE "KLUB MAX" pubblicità TELEPASS con il brano inedito “TELEPASS CHA CHA CHA” pubblicità Lucozade (Drink energetico) per INGHILTERRA con il brano “HU HA” KIEV -ARENA club - opening party 2005 VARSAVIA - PAPROTKA club MOSCA - VOGUE club S.PIETROBURGO - PLATFORMA club pubblicità T-MOBILE AUSTRIA con il brano “HU HA” TAORMINA premiazione“Chocolat & Wine 2005” VARSAVIA –“ Lesforo Labedje “ club RIVA DEL GARDA “RADIO INCONTRI 2005” ALGHERO “jazz festival” GRAZ “STUDIO MARTINELLI” 2006 BALTIC TOUR (VILNIUS - RIGA) SKOPJE "RADIO 103 FESTIVAL" ZARA "GARDEN MUSIC FESTIVAL" SENIGALLIA "CATERRADUNO" RADIO RAI 2 MASERATI TOUR 2006 KIEV (MASTERCARD EVENT) BREIL WORLD 2006 (MILANO) pubblicità KONICA MINOLTA JAPAN con il brano inedito “RONALDINHO SUPERSTAR” 55DSL FEEL AT HOME (BASSANO) MINI (FRANCIACORTA) VIENNA (PSYCHOANALIST CONVENCTION!) MOSCOW (15 Birthday party of unsurance company ROSNO) STOCKHOLM (Sverige NATIONAL POST XMAS PARTY) ZAGREB (SIEMENS XMAS PARTY) 2007 GRONINGEN “EUROSONIC FESTIVAL” MILANO "HOLDING 3 editori” event ROMA “Pilsner Urquell International Photography Awards exposition” MOSCOW “GQ” opening party BANGKOK "HUA HIN Jazz Festival 2007" “ RIJEKA “T-COM” event WARSAW “IGUANA CLUB” ODESSA “FASHION WEEK” event CIRCEO “EXOTIQUE FESTIVAL 07” MOSCOW “NU NOTE LOUNGE FESTIVAL 2007” KAZAKISTAN-ALMATY “RADIO MUSIC “ event WROCLAW “RADIO RAM” event 2008 ATHENS “TIKI ATHENS” opening party VENEZIA “OFFICIAL CARNAVAL” VIENNA “Flair Magazine Event” ROMA “2° INTERNATIONAL BURLESQUE FESTIVAL” MOSCOW “4DUK RADIO ANNIVERSARY PARTY” OPATIJA “Coffee Break FESTIVAL” CHISINAU “MAESTRO RADIO LOUNGE” PARTY VILNIUS “GRAVITY ANNIVERSARY PARTY” BIELLA “TEATRO DELLE COLLINE” KIEV “FREE FAT FESTIVAL” SPOLETO “Vini nel Mondo 2008” GROSSETO 'GO OUT FESTIVAL' KALININGRAD “DON CHENTO JAZZ FESTIVAL” MONTECARLO “18° YACHT SHOW” ATHENS “GAZARTE” 2009 TALLIN “TELEKOM EVENT” TV LA7 “NIENTE DI PERSONALE” 12 PUNTATE come RESIDENT BAND MOSCOW “OSTERIA MONTIROLI” opening party KIEV “ITALIAN RESTAURANT” opening party MANTOVA “FESTIVAL DEL GUSTO” UDINE “NOTTE BIANCA” UMAG “CROATIAN ATP” ASSISI “ASSISI ENDURANCE LIFESTYLE” MOSCOW “SOHO ROOMS” opening party ROMA “LA 7 CHRISTMAS PARTY” 2010 MILANO evento “PIAZZA SEMPIONE” x la settimana della Moda MILANO evento “MANGO STORE” opening party MOSCOW “AUTO BOUTIQUE HIUNDAY” opening party LISBONA “FESTIVAL DO CINEMA ITALIANO” BILBAO “SKUNKFUNK EVENT” S.PETERSBURG “ZENIT FOOTBALL CLUB SHOP” opening party CESENATICO “UN MARE DI SAPORI" Evento Stampa ENOGASTRONOMICO SAVIGNANO “SI FEST” 15° EDIZIONE MOSCOW “TOMMY-D” VENEZIA “67° MOSTRA DEL CINEMA” BOLOGNA “MAMBO” museo d'arte moderna” DONNAFUGATA“DONNAFUGATA GOLF RESORT” opening party TASHKENT (UZBEKISTAN) “ART WEEK STYLE 2010 WROCLAW “RADIO RAM” 10 birthday party BILBAO “SKUNKFUNK EVENT” S.PETERSBURG “MONTEFIORI WINE” event 2011 SWISS TOUR (LOCARNO-ZURICH-LUCERN-GENEVE) CARNEVALE VENEZIA 2011 “HOTEL METROPOLE” RADIORAI2 ospiti del programma “RADIO2 SOCIAL CLUB” VENETO JAZZ 2011 - MAROSTICA CAREGA JAZZ 2011 – VERONA BIENNALE VENEZIA 2011 – “GERVASUTI FOUNDATION” 2012 ISTANBUL “CHILLOUT FESTIVAL” In passato hanno suonato per molti brand internazionali come: DIESEL, MISSONI,ROBERTO CAVALLI, NOKIA, BLISS gioielli, (Damiani gioielli),MASTERCARD,SIEMENS,BREIL,MASERATI ,DUCATI, SERGIO TACCHINI,VESPA,WOOLRICHE,Broke, MISS SIXTY, FORNARINA, CAMEL ACTIVE, TELECOM, VODAFONE, MTV, MANGO, HIUNDAY, SKUNKFUNK, GQ, PILSNER URQUELL,T-MOBILE, MERCEDES, VOLVO, BMW, MINI COOPER ecc.. COLONNE SONORE TOO TIRED TO DIE (USA 1998) "GNE GNE" SEX AND THE CITY (USA TV-Series 1998-2004) "GNE GNE" "LAZY BUSY" "SOFISTICATA" DINNER RUSH (USA 2000) "GNE GNE" "LAZY BUSY" "ANOTHER B" www.dinnerrush.com HAPPY ACCIDENTS (USA 2000): "Anamaria", "Je t'adore" L'ULTIMO BACIO (ITA 2001) "HU HA" "LAZY BUSY" www.lultimobacio.it DI PRIMA SCELTA (CORTO-ITA 2004) O.S.T. NATALE A NEW YORK (O.S.T. – ITA 2006) “CRAZY” MARIE AND BRUCE (USA 2007) “BABALU” BOTNIK (CARTOON-USA 2008) “LAZY BUSY” “TEQUILA BUM BUM” MEGALOMANE (ITA 2010) O.S.T. L'ULTIMA ZINGARATA (ITA 2011) O.S.T. MAN IN BLOB (ITA 2012) O.S.T. www.myspace.com/montefioricocktail http://www.montefioricocktail.com

Live di Montefiori Cocktail


Nessun evento trovato in archivio


MONTELL JORDAN


Montell Jordan inizi? sua carriera a Los Angeles la citta in cui e nato. Cominci?i cori della chiesa, nei Talent Shows, e piu in la nelle discoteche. Dopo essersi laureato da Pepperdine University, continuo per sette anni a cercare un Record Deal. Finalmente dopo tanto tempo, Paul Stewart, Presidente di PMP records gli diede un opportunita'. Jordan e Stewart partono per New York, dove Jordan canto' per Russell Simmons e li subito firm? suo primo contratto. Per il suo primo album, Jordan us?me campioni i dischi di B.B. King, e i suoi pezzi furono ispirati dai ricordi e momenti pi?li della sua vita nel suo nativo South Central L.A. Cosi facendo cerc? bilanciare la situazione negativa del GangstaRap. Jordan venne premiato con il suo numero uno Smash hit del party anthem " This Is How We Do It," che ha venduto piu di un millione di copie; il CD More to Tell prosegui nel 1996. Anche se questa non ha avuto tanto successo come This Is How We Do It, era comunque un Hit. Nella primavera del 1998, Jordan rilascio il suo terzo album, "Let's Ride," e un anno dopo "Get it on Tonite."

Live di Montell Jordan


Nessun evento trovato in archivio


MONTESAS


Con il loro autentico stile i tedeschi Montesas suonano un sincero e terribilmente danzereccio twist-beat-R'n'B di matrice sixties senza copiare i loro antenati. Una batteria ridotta all'essenziale, un basso rattoppato, una chitarra Guild e il famoso organo "weltmeister" della Germania dell'est è tutto quello di cui la band ha bisogno per trasformare la pista da ballo in vortice di piedi danzanti. I precedenti lavori tutti usciti per la migliore etichetta europea di genere la Kamikaze Records, culla dei migliori gruppi europei di garage-beat-surf, sono “Hipsville Teen Party by The Montesas” e “Midnight Beat” grandi perle piene di suoni vintage. www.montesas.de - SUONANO: Ve 21/07 - BARRE', Cesena Sa 22/07 - SHOUT FESTIVAL, S.Ambrogio, Verona

Live di Montesas


Nessun evento trovato in archivio


MONTEZUMA


Montezuma: "Di Nuovo Lontano" I Montezuma la gavetta ce l'hanno nel sangue. Il loro è un sound ipnotico, destabilizzante, vortice sonoro che emerge da un lavoro di ricerca e sperimentazione quasi spirituale. "L'Alba di Marrakech" è un incipit formidabile, un presagio lungo 12 minuti: suggestioni che s'intrecciano, orizzonti doom noise, personalità da vendere ma anche un impatto facile e immediato, considerata l'intelaiuatura strumentale del disco. Sembrerebbe quasi musica da orchestra invece tutto prende piede dalla più classica delle formazioni a quattro, con due chitarre d'assalto che alternano Fugazi a fantasie post rock eteree e una sezione ritmica abile a non affondare tra le acque agitate di un mare in tempesta. Le intenzioni sono chiare, l'esposizione precisa e lineare. "Di Nuovo Lontano", evocativo sin dal titolo, è un disco suonato come dio comanda e registrato ancora meglio (e qui c'è lo zampino dello Steve Albini di Pesaro, lungimirante Paolo Rossi). Musicalmente, siamo nell'ambito di un post rock oscuro e dilatato, contaminato da chitarroni stoner ("Lenta in D"), equilibrato e reso affascinante da mirabili aperture progressive. "Il Codice Di Dresda" è il secondo capolavoro del disco, intro magico e chitarre suonate con il sudore e la passione di un violinista della Scala. All'orizzonte, quell' attitudine emozionale, quel contrasto rumore/melodia autentico marchio di fabbrica della band. La scena pesarese ha votato per i suoi nuovi garanti, lunga vita ai Montezuma! CONTATTI: www.myspace.com/montezumaband www.facebook.com/montezumalive www.facebook.com/dicksandeckseventi montezumalive@gmail.it

Live di Montezuma


Nessun evento trovato in archivio


MONTEZUMA è MORTO


La band nasce a Teramo nell'agosto 2006 dalla volontà di Carlo, Francesco e Gabriele di avviare un nuovo progetto musicale dopo la conclusione della propria esperienza con i Mad Session. Nei mesi successivi, dopo diverse ricerche, vengono reclutati Sara (ex RadioVipers) al basso e Mario alla voce, reduce da una esperienza con una cover-band dei Doors. Il sound da subito si attesta su intense sonorità hard-rock venate di un blues grezzo e potente sul quale si staglia la possente voce di Mario. Questi due anni hanno portato i Montezuma ad esibirsi in svariati locali abruzzesi, e a realizzare il primo ep autoprodotto, contenente 7 pezzi, registrato e mixato a Teramo tra il dicembre 2007 e il marzo 2008. Ulteriori informazioni: http://www.myspace.com/montezumapowerstonerwww.myspace.com/montezumapowerstoner

Live di Montezuma è Morto


Nessun evento trovato in archivio


MONTGOMERY


Un giorno, una notte, una stanza fredda, una chitarra classica, qualche biscotto, un PC, una chitarra elettrica riverberata, un gatto, un metronomo vintage e molta nostalgia. Così nasce nel 2004 il progetto Montgomery, alias Duccio Simbeni (voce e chitarra dei Canadians), che nell'arco di una notte solitaria compone, suona e registra nella sua camera da letto una manciata di canzoni. Subito dopo Montgomery cade in un letargo lungo 6 anni. All'improvviso nel 2010 si risveglia ed entrano a far parte del progetto anche il chitarrista Matteo Bertolotti e la violoncellista Daniela Savoldi (Le Luci Della Centrale Elettrica, Gianni Moroccolo, Giorgio Canali). A giugno 2011 il terzetto entra nel Mono Studio per registrare un mini album di 6 canzoni con il musicista e produttore Matteo Cantaluppi (tra gli altri The Record's, Canadians, Nesli, Alberto Fortis, Paolo Cattaneo); i brani vengono missati qualche mese dopo da Ivan Rossi (Zen Circus, Bachi Da Pietra). Nel frattempo viene coinvolto nel progetto anche Simone Gelmini ed i Montgomery diventano un quartetto. http://www.montgomeryband.com http://www.facebook.com/montgomeryband

Live di Montgomery


Nessun evento trovato in archivio


MONTREAL


I Montreal nascono nell'aprile del 2008 dal desiderio di Matteo Bassan (chitarra) e di Gianluca Marchionne (voce), provenienti da una precedente esperienza musicale, di dar vita a un progetto che potesse rappresentare al meglio la loro voglia di fare musica. L'incontro con Gianluca Filaci (synth/piano) indirizza il sound, inizialmente di matrice chitarristica, verso una dimensione maggiormente orientata all'elettronica. Dopo alcuni cambiamenti di lineup trovano la direzione giusta con l'attuale formazione che ha visto entrare nei primi mesi del 2010 Alessio Sellitri (batteria) e nel novembre 2011 Matteo Bassani (basso).
Il sound dei Montreal raccoglie influenze varie ed eterogenee: sonorità con rimandi ai Klaxons e Kasabian, melodie alla Killers ma anche atmosfere affini ai Subsonica, il tutto condito dall'interessante scelta di cantare in italiano. 
Hanno all'attivo numerosi live nei maggiori club della Capitale tra cui Mads, Locanda Atlantide, Sinister Noise, Alpheus e Contestaccio. Partecipano all'edizione 2009 di Music Village, vincendo il concorso “Valentina Giovagnini” indetto da Event Sound Promotion e Verba Manent, garantendosi così la partecipazione, in qualità di ospiti, alla successiva edizione invernale 2009. Nel gennaio 2010 suonano al Piper Club, storico locale capitolino, nella serata in onore di Valentina Giovagnini (artista toscana, seconda a Sanremo Giovani 2002, prematuramente scomparsa in un incidente stradale), condividendo il palco con Simone Cristicchi, Piotta, Massimo Di Cataldo e Bungaro. Il 2011 è contrassegnato da un'intensa attività live e nel dicembre dello stesso anno inizia la collaborazione con i Velvet. Ed è ai Velvet che viene affidata la produzione artistica del loro EP d'esordio “Situazioni Momentanee Di Panico”, la cui uscita è prevista per venerdì 6 luglio 2012. “Ti Farà Piacere” è il primo singolo estratto dall'EP per il quale viene realizzato un videoclip. Il prossimo 28 giugno i Montreal saranno di scena, sul palco installato in piazza San Lorenzo, in occasione della tappa romana del Sisley Indipendent Tour, iniziativa organizzata da Sisley che porterà nelle piazze italiane il meglio del panorama indie rock emergente tricolore. I Montreal sono: GIANLUCA MARCHIONNE - (voce): nasce a Roma il 7 ottobre 1988. A 7 anni scopre i Beatles e l'amore per la melodia, cresce ascoltando di tutto. Tra le sue passioni musicali il cantautorato italiano di ieri e di oggi, l'electro, il pop orchestrale anni '60, l'indie rock UK e USA, il synth pop, il country-folk di CSN&Y e soci. MATTEO BASSAN - (chitarra) Nasce a Roma il 6 marzo 1990. Inizia a suonare la chitarra all'età di 13 anni spinto dalla passione per la scena brit-pop anni 90' e in particolar modo per gli Oasis. Suoi riferimenti musicali principali sono: Subsonica, Kasabian, Klaxons, Oasis, Blur, Bluvertigo. GIANLUCA FILACI - (synth) Nasce a Roma il 25 aprile del 1991. Già da piccolo è appassionato di musica e a 12 anni inizia a studiare pianoforte. Dall'incontro con Matteo Bassan e Gianluca Marchionne inizia la sua passione per i synth e l'elettronica. Si ispira a Subsonica, Kasabian, Wombats, Klaxons, Kaiser Chiefs, Killers, Daft Punk, Bluvertigo. ALESSIO SELLITRI - (batteria) Nasce a Roma il 15 aprile 1987. Inizia lo studio della batteria all'età di 16 anni, mosso dalla passione per gli storici Deep Purple e Ian Paice. Prende parte a diverse cover band, suonando parallelamente le percussioni in bande musicali. Successivamente amplia il suo backgroud ascoltando Buddy Rich, Steve Gadd, Gene Krupa, Vinnie Colaiuta, Joe Morello, Dave Weckl e molti altri. Le sue influenze musicali spaziano dal rock al jazz passando per la black music fino al Pop. MATTEO BASSANI - (basso) Nasce a Roma il 29 ottobre 1987. Inizia lo studio del basso elettrico a 19 anni affascinato dallo slap di artisti come Larry Graham e Marcus Miller. Diplomato come Fonico e Sound Designer ha tra i suoi riferimenti musicali Stanley Clarke, Ron Carter, RHCP, Led Zeppelin, Jamiroquai. Facebook Montreal: www.facebook.com/montrealhome

Live di Montreal


Nessun evento trovato in archivio


MONTY ALEXANDER


Monty Alexander Trio Impressions In Blue Nuova incisione per Monty Alexander, pianista giamaicano attivo fin dagli anni sessanta, quando ancora ragazzino, ebbe l'opportunità di incontrare Louis Armstrong e Nat King Cole. Sebbene la sua carriera lo abbia portato a suonare con alcuni tra i più grandi maestri come Sonny Rollins, Dizzy Gillespie, Clark Terry e sebbene abbia suonato con grandi orchestre come quella di Quincy Jones e abbia collaborato a molti altri progetti, Monty Alexander ha sempre avuto una dedizione particolare per il trio. È la situazione che più lo emoziona, dove diventa fondamentale supportarsi a vicenda per procedere in un'unica direzione, ognuno con le proprie sensibilità da rispettare reciprocamente. I due musicisti che lo accompagnano in questa incisione sono Hassan Shakur al basso già da più di vent'anni con Alexander e Mark Taylor, batterista inglese che si è unito al trio nel 1988. A parte i primi due brani che sono adattamenti dalla Rapodia in Blue di Gershwin che diventa Blu Rhapsody e dal Concerto De Aranjuez che diventa En Aranjuez Con Tu Amor, per il resto il CD è diviso in gruppi di brani che si intitolano: Duke Reflections, Where the Trade Winds Blow (dedicato ad alcune tipiche melodie esotiche), King Cole Reflections e Way Out West. Undici brani per lo più dedicati alla parte bluesy della tradizione jazz e del repertorio centro americano. www.montyalexander.com

Live di Monty Alexander


Mer 16 Lug UMBRIA JAZZ - Perugia (PG) - Italia

UMBRIA JAZZ PERUGIA INFO: 075/5732432 www.umbriajazz.com www.facebook.com/UmbriaJazz.official




Live di Monumentum


Nessun evento trovato in archivio


MOODRAMA


I Moodrama propongono un impegnativo crossover tra elettronica, pop e metallo (a volte) pesante. Un discorso musicale difficile da seguire per la profondità delle armonie che quasi mai accarezzano l'anima dell'ascoltatore, perdute come sono in una ricerca rivolta più al “lato oscuro” della mente. Le linee cantate sono anch'esse singolari, spesso non si accontentano di seguire una buona ritmica ma vogliono arrivare in luoghi per altri assolutamente sconosciuti. Una ricerca coraggiosa, rigorosa e tecnica.In più di un'occasione si ha le netta sensazione che le linee melodiche siano molto difficili da eseguire. Ci pensa la bravissima Simona Tortora ad essere sempre intonata ed in linea con il… mood dell'album. Il loro pregio maggiore è negli arrangiamenti, un insieme di suoni di una fiaba al contrario: c'è il canto delle sirene ma sono sirene d'allarme, tutt'al più suoni di fabbrica, schianto di tubi, sinistri cigolii e ingranaggi che ronzano minacciosi.Tutto sembra registrato a Dalmine o all'Ilva di Taranto, in pieno “boom” delle acciaierie. Il senso di dramma è sicuro ed il senso del loro nome d'arte ampiamente giustificato.Il Cd “Best Life Inc.”, in undici tracce (c'è una ghost track), ha sempre il medesimo colore, ma due brani si distaccano per bellezza e rappresentano meglio l'estro e la fatica dei Moodrama: “Good Luck” con armonie da colonna sonora di prima categoria intrecciate con parti vocali che danno brividi ghiacciati, e “It's Your Time” canzone che voglio pensare d'amore anche se così non fosse. Tanto non cambia molto: l'ottica attraverso cui guardano il mondo e i fatti della vita è sempre grave e sofferta. Claustrofobici e arrabbiati. Da ascoltare ripetutamente per apprezzarli appieno.. www.moodrama.com www.myspace.com/moodrama

Live di Moodrama


Nessun evento trovato in archivio


MOODYMANN


Moodymann è il caposcuola dell'house. Quell'house che nasce proprio dalla sua sperimentazione; l'house definita Chicago. Quell'house dal suono sporco e scuro, ma che mescola pesanti influenze soul, funk e jazz. “Non faccio musica per far ballare le masse, ma per entrare in contatto con quanti amano la mia stessa musica”. Le parole di Kenny Dixon Jr alias Moodymann ed il suo percorso artistico coerente, ci dimostrano come sia possibile creare un era (musicale) fregandosene delle mode. Moodymann al secolo Kenny Dixon Jr e' emerso come uno dei più enigmatici ma con successo, produttori di Detroit. Non solo, rivoluziona e inizia l'house ad una nuova generazione d'influenze e suoni. I suoi orizzonti spaziano tra soul, funk e jazz, le sonorita' con le quali e' cresciuto. Le sue composizioni spaziano tanto tra ritmi lenti e caldi, quanto tra beats energetici ed ossessivi, mantenendo pero' sempre vivo lo spirito originale della soulfull house. La sua forza e' il groove! Ogni sua traccia ne e' caratterizzata dall'inizio alla fine. Ogni sua traccia e' il risultato di un'istintiva ma misurata stesura delle linee di basso, profonde ed accattivanti tipiche della disco music, ma con l'apporto della tecnologia sempre in evoluzione e di quel tocco unico della scuola detroitiana di cui ne e' il maggiore esponente. Non a caso Moodymann e' tra i produttori piu' emulati. Molti giovani DJ e musicisti hanno provato, nel corso degli ultimi vent'anni circa, a riprodurre un suono unico, caratteristico e che sgorga dalla sua cultura e da una passione inimitabile. Moodymann e' un personaggio alquanto misterioso che comincia la sua carriera agli albori degli anni 90. Fonda la sua etichetta, la KDJ, nel 1994 e la conseguente prima release “Moody Trax EP” seguita dall'ormai classico “The Day We Lost The Soul”, tributo a Marvin Gaye, fino ad arrivare a “Technology Stole My Vinyl” la trentacinquesima ed ultima fatica su KDJ, mono facciata, mirabile come tutte le precedenti. Moodymann e' anche membro del collettivo 3 Chairs insieme a Theo Parrish e Rick Wilhite altri due super pesi massimi dell'ondata Detroit, ai quali presto si aggrega Malik Pittman. Seppur talvolta e' stato motivo di frustrazione per molti giornalisti o addetti ai lavori, per aver fatto rimbalzare ogni richiesta d'intervista, per non aver mai diffuso materiale autobiografico e fotografie, e' certo che la sua musica continua a infrangere delle barriere ed il bagliore del suo inarrivabile suono underground continua ad affascinare chiunque tra bianchi, neri, gialli, lasciando lo stesso indelebile segno: musica intima e personale che proviene dall'anima. Moodymann e' uno dei producers in circolazione che meglio conferisce alla sua musica continue variazioni e cambi di direzione, continue aggiunte di suoni particolari e rari ed un'incredibile dinamica, rendendola un vero treno. www.mahoganimusic.com

Live di Moodymann


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moog


Nessun evento trovato in archivio


MOON DOG'S PARTY


"MOON DOG'S PARTY" Carmen In Blues. Voce: CARMEN CONSOLI, Chitarra: MARIO MONTEROSSO, Chitarra: SANTI PULVIRENTI, Basso: LEANDRO MISURIELLO, Batteria: PUCCIO PANETTIERI.  Carmen Consoli si esibirà in 3 esclusivi club italiani per dei concerti dedicati alla musica blues con dei musicisti di eccezione in uno special musicale dal titolo Moon Dog's Party. I Club selezionatissimi sono il Fillmore di Cortemaggiore PC per il Nord Italia; la Palma di Roma e L'Io Street Club di Rimini per tutto il Centro Italia. - INFO: ON THE ROAD s.r.l. - Piazza Prati degli Strozzi, 32 - 00195 Roma - Tel. 06/3722754-641 - 338/7633995 - www.ontheroadagency.it

Live di Moon Dog's Party


Nessun evento trovato in archivio


MOON DUO



Il duo Space Rock di San Francisco composto da Ripley Johnson dei Wooden Shjips e Sanae Yamada arriva in Italia per presentare il nuovissimo album CIRCLES in uscita il 2 ottobre per Scared Bones.

 'Circles;' il terzo album in meno di tre anni esce il 2 ottobre via Sacred Bones ed è stato realizzato tra il Colorado (dove risiedono i nostri), Berlino e San Francisco dove ha svolto il suo prezioso lavoro Phil Manley (Trans Am /Oneida). “Inspiration for many of the songs themes, as well as the title Circles, came from Ralph Waldo Emerson's 1841 essay by the same name, on the symbol and nature of 'the flying Perfect'”. 

 I Moon Duo nascono a San Francisco nel 2009 dall'unione di Ripley Johnson dei Wooden Shjips con Sanae Yamada, coppia non solo sul palco ma anche nella vita.
 Inizialmente ispirati dal leggendario duo di John Coltrane e Rashied Ali, i Moon Duo si sono poi avvicinati a band come Silver Apples, Royal Trux, Moolah, Suicide e Cluster.
 Chitarre acide, riff kraut, drum muchine, distorsioni, riverberi e voce sussurrante sono gli elementi che hanno caratterizzato il suono straniante e lisergico del duo sino ad oggi.
 Dopo il debutto con un 12 pollici su etichetta Sick Thirst, e dopo gli acclamati EP Killing Time su etichetta Scared Bones e ESCAPE su etichetta Woodsist,
 Ripley e Sanae hanno dato alle stampe nel 2011 via Scared Bones il vero e proprio album di debutto intitolato MAZES, registrato a San Francisco e mixato a Berlino nel 2010.
Questo lavoro ha segnato senza dubbio un grande passo avanti nel percorso artistico della band che qui esplora un suono decisamente più rock, più compatto e denso rispetto ai lavori precedenti, un universo sonoro pieno e ricco di strumenti che rimanda più agli Stones e ai Velvet Underground che alla psichedelia Kraut.http://moonduo.org www.myspace.com/moonduo

Live di Moon Duo


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moonfish-dresden Dolls


Nessun evento trovato in archivio


MOONFLOWERS


I Moonflowers nascono nel 1996 su iniziativa della cantante Anna Balestrieri. Dopo le iniziali fasi di avvio, il gruppo comincia ad esibirsi in diversi clubs napoletani accumulando un numero sempre maggiore di live. Il loro  un genere rock e dance al tempo stesso, che propongono attraverso cover che abbracciano gli anni '70, '80 e '90. Il carisma e la forza della band vengono subito apprezzati dal pubblico. Nonostante siano nati come una cover-band, i Moonflowers hanno ben presto cominciato a creare un proprio sound, che si riscontra e si distingue sia nelle cover stesse che negli inediti messi in cantiere, ma mai pubblicati anche a causa di un' alternanza dei suoi elementi nel corso degli anni. Il carattere e la giusta veste dei Moonflowers si delineano nel 2002 quando la cantante, Anna Balestrieri, decide di dare una spinta alla band ricostituendola dopo un inaridimento di idee ed energia. Da qui ripartono gli input giusti, la voglia di creare e di tirare fuori quanto di buono non era stato ancora fatto. E' cos“ che Anna si circonda di persone che come lei hanno voglia di fare. Nell' aprile 2005 arrivano finalisti alle Audition del "CORNETTO FREE MUSIC FESTIVAL" presentate da Federico Russo Vj di MTV. Nel settembre 2005 si esibiscono in Piazza del Plebiscito a Napoli in occasione dell' i-TIM Tour 2005. In ultimo per ordine cronologico la partecipazione nel 2006 a ROCK TARGATO ITALIA, al Casting di Roxy Bar negli studi di Bologna con il mitico Red Ronnie e scelti come outsider per un posto sul prestigioso palco di AREZZO WAVE. I Moonflowers sono costantemente impegnati alla creazione di brani inediti per la realizzazione del loro primo album. Questa la line up attuale del gruppo: Anna Balestrieri (Voce) Salvatore Pisano (Chitarre e Cori) Stefano Quitadamo (Basso) Enzo Raucci (Tastiere, Cori) Marcello Melone (Drums, Percussion & Console) www.moonflowers.it www.myspace.com/moonflowerscoverband

Live di Moonflowers


Nessun evento trovato in archivio


MOONGARDEN


I MOONGARDEN nascono nel 1993 da un pugno di canzoni scritte da CRISTIANO ROVERSI (John Wetton Band, Mangala Vallis, Massimo Zamboni etc...) e successivamente incise nello studio di registrazione di DAVID CREMONI. La comune passione per il progressive anni 70 e per il rock in generale dei due (aiutati dalla carismatica voce di SIMONE BALDINI TOSI ex MIDIAN) ha permesso la nascita del primo album "Moonsadness" datato 1994. Nel corso degli anni la produzione artistica dei Moongarden è riuscita a evolversi esponenzialmente sia sul lato estetico che quello professionale riuscendo a distaccare la propria proposta dal classico new progressive a favore di un inedita visione del genere stesso, contaminando l'influenza principale (Genesis) con elementi estremamente moderni, ora Pop, ora sperimentali. Nel 2004, grazie alla pubblicazione del loro quarto album in studio dal titolo "ROUND MIDNIGHT", il responso positivo si è ampliato in tutto il mondo permettendo alla band di vivere le prime esperienze di tour all'estero toccando paesi come Germania, Svizzera, Belgio, Olanda e Finlandia. Il mercato Americano viene "toccato" con Il successivo album: "Songs from the Lighthouse" rilasciato dalla celebre ProgRock records con risultati di vendita ed esposizione mediatica eccellenti. Il vero salto di qualità arriva comunque nel 2009 con il sodalizio umano e artistico tra Cristiano Roversi e il drummer GIGI CAVALLI COCCHI (Ligabue, CSI, Massimo Zamboni, Mangala Vallis, Judge Smith e tanti altri) che assieme fondano l'etichetta discografica indipendente DISTILLERIA MUSIC FACTORY. Gigi entra ufficialmente nella Band assieme al chitarrista/sound engineer EDDY CAVAZZA (New Flesh Coming, Dysfunction etc...) e viene pubblicato l'ultimo lavoro in studio intitolato "A VULGAR DISPLAY OF PROG" con il quale si vuole spingere il confine del rock, oltre ai soliti clichè stabiliti dalle mode e dal mercato. www.myspace.com/moongardenband

Live di Moongarden


Nessun evento trovato in archivio


MOONLIGHT COMEDY


MOONLIGHT COMEDY The Life Inside (9 tks - 53 min.) MOONLIGHT COMEDY - The Life InsideEd eccoci a parlare di un'altra splendida realtà tricolore... Questa volta sono i Moonlight Comedy a stupirci positivamente debuttando alla grande con la loro proposta di raffinato ma potente progressive metal. Sin dalla prima nota giungono alla mente i vari Dream Theater e Stratovarius ma come non potrebbe essere altrimenti in un genere in cui i due grandi maestri appena citati sono un esempio da seguire per tutte le progressive metal bands? Ed a tal proposito c'è da dire che se da una parte il presente lavoro non può certo definirsi "originale", dall'altra c'è da fare i più vivi complimenti ai Moonlight Comedy per come riescono a rendere veramente interessanti e personali tutti i nove brani che, ad esclusione dell'ultimo, hanno una durata media superiore ai sei minuti durante il quale l'ascoltatore viene catturato dalla prima all'ultima nota pur trattandosi di brani di lunga durata. Tutto il dischetto infatti è suonato in maniera perfetta, segno di una tecnica e padronanza degli strumenti non indifferente, con repentini cambi di tempo e soluzioni melodiche superbe. L'interpretazione del Vocalist Emiliano è grandiosa anche se ritengo possa essere migliorata perché le potenzialità per farlo ci sono tutte. Lavoro quindi promosso a pieni voti! E sono sicuro che in futuro ne sentiremo delle belle... Io intanto premo play e mi godo nuovamente questo "The Life Inside". - SUONANO: Aprile 13 WEDNESDAY KILLER PROG NIGHT: Moonlight Comedy + Astarte Syriaca + The Fifth Season @ ALPHEUS (ROME) - INFO: Kick Promotion Agency, Via Nomentana, 113 - Roma 338/3191266 - www.kickagency.com

Live di Moonlight Comedy


Nessun evento trovato in archivio


MOONSORROW


Moonsorrow - V: Havitetty Il 2007 si apre nel migliore dei modi per i Viking Metallers Moonsorrow che tornano sul mercato discografico forti di un platter veramente coraggioso ed inspirato, V: Havitetty. Ci sono gruppi musicali che con il passare del tempo sfornano dischi indubbiamente di ottima fattura, almeno dal punto di vista formale, ma vuoto e arido da quello dei contenuti, ecco perchè quando invece emergono albums che riescono a conciliare aspetto formale e contenutistico si grida spesso al miracolo, e detto sinceramente anche in questo caso forse si alza un po' troppo il gomito, lasciando in secondo piano l'aspetto razionale che ogni critica dovrebbe portare con se. E' quindi dopo svariati ascolti che posso dire con con sicurezza il nuovo Lp dei Moonsorrow è un capolavoro d'arte, forse sto esagerando con le parole ma è innegabile come mi sia ritrovato dinanzi un disco quantomeno personale e profondo, molto più della media dei cd belli di cui sopra ad inizio recensione. Quello che inizialmente potrebbe rivelarsi ostico ad un primo ascolto sta nel fatto che nel dischetto ottico sono presenti solo due brani di una lunghezza esagerata, ma ricche di spunti tremendamente interessanti. Nel primo caso, Jäästä Syntynyt/Varjojen Virta, ci si può imbattere in un lungo viaggio dai sapori Folk, dalle atmosfere tradizionali nordiche e da un gusto per l'arrangiamento e la melodia veramente particolari, inutile dire che spesso e volentieri in una canzone di trenta minuti, soprattutto in uno stile contaminato come quello dei Moonsorrow, si esca volentieri dai sentieri dell'Heavy Metal propriamente detto. Ed ecco quindi farsi strada influenze come il miglior Progressive Rock dalle tinte sfumate ed epiche di certe band dei Seventies, per poi piombare in accelerazioni del sound che riportano tutto ad una dimensione tipica del Viking/Black Metal, il tutto però, e questo è il bello, senza mai risultare snaturato o poco spontaneo. La capacità e la riuscita di questo Lp sta proprio nel fattore omogeneità, o meglio in quella sensazione che tutto sia collegato pur toccando spesso sentieri musicali distanti per natura fra loro. Ma è con la seconda, e più "breve" Tuleen Ajettu Maa che il cerchio magico si chiude nel migliore dei modi, più concisa e diretta la canzone in questione si differenzia per un maggiore uso di soluzioni più tipicamente Heavy Metal, come l'uso massiccio dello screaming, e a livello musicale di una robusta dose di riffs taglienti e mid tempos granitici, ovviamente senza andare a spogliare quella componente mitologica che ormai funge da vero e proprio trademark. L'effetto maggiore questo disco lo raggiunge fruendo l'ascolto tramite le lyrics, che già di per se con un artwork simile introducono bene la mente dell'ascoltare all'interno di questo mondo fatato fatto di magia, tradizione e folklore, rimanendo comunque lontani migliaia di kilometri dalle banalità che spesso purtroppo è facile trovare in prodotti simili. Tutto qui è stato calcolato nella maniera migliore, senza far perdere in ogni caso spontaneità e freschezza, il miglior biglietto da visita per una band in costante crescita ed in continua evoluzione, semplicemente sopra la media. www.moonsorrow.com

Live di Moonsorrow


Nessun evento trovato in archivio


MOONSPELL


MOONSPELL Memorial (Steamhammer-SPV/Audioglobe) Il colore rosso sanguigno che caratterizza la copertina (molto bella, pur nella sua essenzialità) del nuovo album dei Moonspell è anche il colore musicale con cui si possono identificare le tredici tracce di 'Memorial' (quattordici nell'edizione limitata in digipack). Infatti il gruppo di Fernando Ribeiro ha riportato alla luce una scrittura più ruvida rispetto a quelle che erano le linee guida seguite negli ultimi anni, magari sacrificando (seppure mai abolendole, sia chiaro) alcune digressioni tradizionalmente atmosferiche, al fine di privilegiare un suono più lineare, ma anche più potente e più black metal. Credevo che avrebbero optato per sonorità più addomesticate e invece mi hanno piacevolmente sorpreso; molto bene. www.moonspell.com

Live di Moonspell


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moonstom


Nessun evento trovato in archivio


MOONSTONE PROJECT


MOONSTONE PROJECT "Time To Take A Stand" is the debut album from the italian guitarist MATT FILIPPINI.... With the help of some very famous and incredibly talented friends, Matt has made his hard rocking dream a reality with the release of TIME TO TAKE A STAND. The list of these friends reads like a Who..s Who of hard rock..s last thirty years and is enough to get any true rock fan..s blood pressure rising.. IAN PAICE, GLENN HUGHES, CARMINE APPICE, STEVE WALSH, KELLY KEELING & many more!!!! Visit the official website at www.moonstone.it www.myspace.com/moonstoneproject

Live di Moonstone Project


Nessun evento trovato in archivio


MOOSTROO


Il MOOSTROO nasce nel 2012, da tre ex componenti della patchanka band bergamasca Jabberwocky: Dulco Mazzoleni (voce e chitarra), Francesco Pontiggia (basso) e Igor Malvestiti (batteria). Da subito il “Mostruosus trio” comincia a lavorare su una manciata di brani scritti nei cinque-sei anni precedenti, a cui se ne aggiungono di nuovi. La svolta giunge quando Dulco introduce l'elettrificazione distorta della propria chitarra classica, mentre Franz si affida a un basso a due corde con bottleneck e Igor riduce il set di batteria. Il suono che ne viene fuori è grezzo e poderoso senza diventare muscolare e grottesco. I concerti arrivano subito e con essi anche un primo ep a nome Dulco Klo Charm. Il cambio di nome coincide con la lavorazione del primo vero disco, coprodotto insieme a Stefano Gipponi de Le Capre A Sonagli e in uscita a marzo 2014. Post-punk, cantautorato intimista e nomade, tensioni funk sono gli ingredienti di un songwriting ironico e beffardo che non disdegna di fare a botte con temi molto seri. http://moostrootrio.wix.com/moostroo http://moostroo.bandcamp.com http://www.facebook.com/moostrooband

Live di Moostroo


Sab 07 Giu TA SI - Albino (BG) - Italia

TA SI Via Madonna del Pianto ALBINO BG INFO: 348/4126558 tasialbi@hotmail.it




MOP MOP


Mop Mop I Mop Mop si inseriscono nella discografia nu-jazz accanto nomi quali Nicola Conte,Gerardo Frisina,Frank Hernandez:incidono per l'etichette italiane Tam Tam Records, Dejavu' Records e la giapponese Rambling Records.Nel 2005 esce "The 11th Pill"disco di debutto dei Mop Mop "un album che richiama il sound del miglior jazz Italiano degli anni 60' e 70' miscelando jazz acustico con elementi elettronici minimali"dove stravaganti improvvisazioni,melodia e ritmiche exotiche coesitono creando ambienti raffinati e groovy.La musica dei Mop Mop e' internazionale;la radio BBC inglese suona "Frank & Stein" nelle programmazioni nu-jazz,il cantante scozzese Jackson Sloan interpreta con i Mop Mop una straordinaria versione del brano Perfect Day contenuto in un 12"per la Dejavu Records arricchito da un travolgente remix del producer Gerardo Frisina,il Giappone e la Corea sono i maggiori promoter del Mop Mop Sound.Il live dei Mop Mop(vibrafono -pianocontrabbasso -batteria/electronics) e' uno spettacolo intenso in cui melodia,groove e improvvisazione si intrecciano in momenti hot e psichedelici ma non mancano atmosfere soft e rilassanti. http://www.mopmop.com/ www.facebook.com/mopmopofficial

Live di Mop Mop


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moran


Nessun evento trovato in archivio


MORAVAGINE


La nascita del gruppo risale al 1995 nella bassa padovana. Il primo album si intitola Per non crescere e riscuote immediatamente un grandissimo successo nella scena punk italiana. Dopo l'incidente del 2000 il gruppo è però indeciso sul da farsi, ma spinti dallo stesso sogno di Gigio, riprendono le attività live e i concerti con al basso il vecchio amico Andrea "Cyba" Berton. Nel 2001 esce lo split album Peter Punk Vs Moravagine, inciso in collaborazione con i "compagni di palco" Peter Punk. Nel 2002 esce l'album Ho Scritto Ti Amo sulla Sabbia del Gatto, affiancato da un tour per tutta Italia, e l'anno seguente Per non crescere XL Edition, una raccolta contenente la riedizione del primo album, le sei canzoni dello split e tre inediti. Alla fine del tour, Cyba lascia il gruppo e poche settimane dopo iniziano l'incisione dell'ultimo album: Diaboliko, pubblicato nel giugno 2004. I Moravagine hanno dichiarato di fatto il loro scioglimento nel 2007. Nel mese di Aprile 2011 si susseguono sul web indiscrezioni riguardo una reunion; a inizio Maggio la notizia è confermata e sulla pagina di Facebook e dal sito ufficiale della band si annuncia da Ottobre un reunion tour 2011 www.moravagine.it www.facebook.com/punk4fun

Live di Moravagine


Nessun evento trovato in archivio


MORBID ANGEL


MORBID ANGEL ‘Heretic’ (Earache/Self) - Per chi non avesse ben chiaro qual è il significato e il senso di un genere immortale come il death metal, credo che non vi potrebbe essere modo migliore di avvicinarsi alla materia (escludendo tutta la storia passata e quindi volendo incominciare solo dal presente) se non acquistando, ascoltando e divorando ‘Heretic’, il nuovo disco dei Morbid Angel. Questo è il death metal di un gruppo che non ha mai concesso nulla a nessuno, un gruppo che ha portato avanti in modo coerente la propria via mortale, provando soluzioni diverse, tornando indietro nel momento in cui le scelte fatte non si sono rivelate azzeccate, cercando sempre di apportare modifiche strutturali, ma tenendo comunque fede alla brutalità del sound. I quattordici pezzi confermano proprio questa non staticità della band di Trey Azagthoth, che opta per composizioni mai lineari, dove la formidabile tecnica dei tre musicisti (Steve Tucker e Pete Sandoval, gli altri due membri del power trio infernale) consente loro di partorire un album che supera per inventiva un’altra formazione assolutamente fenomenale in tale ambito, ovvero i Nile. Potenza strumentale e varietà nella scrittura (ferale, ma non estranea a momenti “riflessivi”), oltre a una tecnica che non sovrasta mai il feeling rendono loro definitiva giustizia. I Morbid Angel non temono il confronto con alcun esponente (nuovo o vecchio) della scena, anzi, si pongono quale costante punto di riferimento per coloro i quali si cimentano con il death metal. Vedremo cosa sapranno fare i riformati Suffocation, ma i livelli di completezza raggiunti in ‘Heretic’ non saranno facilmente eguagliabili - www.morbidangel.com www.myspace.com/morbidangelmusic

Live di Morbid Angel


Nessun evento trovato in archivio


MORBLUS BAND


The Morblus Band The Morblus' nasce dall'incontro di quattro dei più apprezzati musicisti blues di Verona e si caratterizza da subito per l'impatto 'live', l'intelligente equilibrio tra tecnica ed anima e l'originalità degli arrangiamenti. Mente ispiratrice del progetto musicale è Roberto Morbioli, chitarrista eclettico, il cui battesimo, con la musica ad alto livello, avviene nell'anno 1987 quando entra a far parte della band di Tao Ravao, musicista di fama mondiale. Il suo lavoro alle chitarre é perfettamente sorretto dalle innegabili doti e dalla pluridecorata esperienza in decine di band del bassista Luca Zulian, del batterista Antenore Adami e del tastierista Daniele Scala. Morblus è infatti un'autentica live band, in assoluto la più americana delle formazioni funky blues europee dotata di una torrenziale energia che viene espressa nei concerti senza alcun risparmio! www.morblus.it www.myspace.com/wwwmorblusit

Live di Morblus Band


Gio 24 Apr BAR THE BROTHERS - Grezzana (VR) - Italia

BAR THE BROTHERS VIALE EUROPA, 5 GREZZANA VR INFO: 045/907221 www.thebrothers.it http://www.facebook.com/groups/barthebrothers




MORBUS GRAVIS


MORBUS GRAVIS (ProgressivDeathMetal) www.morbusgravis.net

Live di Morbus Gravis


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morceau


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morceaux De Machines


Nessun evento trovato in archivio


MORCHEEBA


La band inglese è la principale rappresentante del trip-hop britannico che ha scalato le classifiche nel 2008 con il brano “The Sea”: per questa serata il prezzo del biglietto sarà estremamente accessibile (10€). Dopo 18 anni di carriera e milioni di dischi venduti la band è tornata sulle scene con “Head Up High”, uscito lo scorso autunno su PIAS Recordings. Il seguito di “Blood like Lemonade” vede la collaborazione di Chali 2na (Jurassic 5), James Petralli (White Denim), Rizzle Kicks, Ana Tijoux e Nature Boy a sottolineare l'importanza della loro carriera e influenza su una gran varietà di artisti vecchi e nuovi. I Morcheeba si esibiranno nella formazione storica degli esordi composta, oltre che da Skye Edwards alla voce, dai fratelli fondatori del gruppo and Paul & Ross Godfrey (chitarre e campionamenti). www.morcheeba.co.uk

Live di Morcheeba


Dom 13 Lug PISTOIA BLUES - Pistoia (PT) - Italia

PISTOIA BLUES PIAZZA DUOMO PISTOIA INFO: 0573/994659 info@pistoiablues.com www.pistoiablues.com www.facebook.com/pistoiablues




Live di More


Nessun evento trovato in archivio


Live di More Rockers


Nessun evento trovato in archivio


MORE THAN LIFE


Gruppo giovanissimo proveniente dall'UK che propone una versione quasi "malinconica" dell'hardcore moderno. Sono davvero poche le info che si rescono a trovare sul web ma assicuro che meritano. Seguono la scia di gruppi storici quali Bane, Verse, Have Heart et similia ma io trovo che siano riusciti a distinguersi bene da questa tipologia di hardcore...in sostanza li trovo decisamente singolari rispetto a quello che mi è capitato di sentire nel genere. Le produzioni sono decisamente hc, zero iper produzione, chitarre e ritmiche serrate ma al tempo stesso melodiche, momenti più tranquilli e un cantante con uno scream unico e incredibile. Io sono rimasto folgorato dal nuovo loro lavoro "Love Let Me Go"(che ho messo in posizione n° 2 nella mia top ten del 2010) e consiglio a chiunque di dare loro una chance. http://www.morethanlifehc.bigcartel.com/

Live di More Than Life


Nessun evento trovato in archivio


MORE THAN MURDER


I More Than Murder nascono nel settembre 2005. Il nucleo iniziale (Manu,Sfera,Sick) era ciò che rimaneva degli Eleven Stop -crossover old style - che dopo lo scioglimento hanno continuato a provare e a buttar giù materiale nuovo, cercando intanto una nuova voce. Nel frattempo si sciolgono gli Astoria -emo punk- e così un rapido intreccio di amicizie e conoscenze porta Nick a fare qualche prova assieme ai tre sopraccitati. Nasce subito un certo feeling e affiatamento e in breve prendono forma i primi brani che risultano sì originali ma anche pieni delle varie influenze dei singoli. Il passo ai primi live nei club locali (Factory04, Arancia Meccanica, Eyes Club) è breve e anche la partecipazione ad alcuni concorsi (Emergenza Festival) riscuotendo i primi consensi. Nel frattempo il tutto si amalgama... la presenza e compattezza su e giù dal palco, ma soprattutto il suono, che comincia a delinearsi più chiaramente in quella nicchia di nu-metal dove melodia e aggressività si alternano e si scontrano, dando vita al significato nascosto del nome del gruppo. Nel novembre 2006 nasce il primo demo della band. La registrazione, effettuata presso il 7NoteStudio di Vigodarzere (PD), completamente in presa diretta e contenente 6 brani, riscuote un discreto successo anche se arriva in un periodo di evoluzione e soprattutto di crescita da parte della band; il risultato è che le performance live dei More Than Murder lasciano molto più il segno, dovuto anche al cambiamento di direzione a livello compositivo rivolto ad nu-metal che punta verso le nuove sonorità metalcore. Il 2007 parte alla grande con un notevole numero di date live nei locali più importanti della zona e la partecipazione a due contest di rilievo quali LaGabbiaRockContest (LaGabbia, S.Giorgio in B. PD) e il Suonica (NewAgeClub, Roncade TV) dove, nonostante le più che positive valutazioni di giuria, la band non riesce per un soffio ad accedere alle fasi finali. Nel giugno 20007 partecipano alla ormai consolidata rassegna musicale Curtarock (Curtarolo PD) e in questa occasione compare per la prima volta sul palco il nuovo acquisto dei MoreThanMurder: Stevo (ex No-Kode). Con l’inserimento di scratch ed effetti i brani prendono nuova forma ed originalità, tanto da portare la band a registrare un nuovo promo-cd che rispecchiasse a pieno la loro attuale configurazione. Così a fine agosto 2007 prende vita “Initial Core” demo di 6 brani, anche questo registrato in presa diretta (presso il GreatBallsStudio di Udine) dove impatto e melodia la fanno da padrone. Nel Novembre 2007 i More Than Murder hanno l'onore di far parte dell'Overunderground e dell'omonima compilation che vede inserite le più interessanti realtà Underground del Veneto. Malgrado i consensi, nell'aprile 2008 Stevo decide di lasciare la band per motivi esterni al gruppo, e così la line-up torna ad essere quella originale di 4 elementi. Ciò nonostante la vena compostitiva e l'attitudine live del gruppo non diminuisce affatto e come nella stagione precedente anche quella 2007/08 vede contare più di venti date, e si è conclusa con la rassegna del Venice Indipendent Fest a fine giugno. Da allora i "murderini" si sono chiusi in saletta per terminare la track list del primo LP della band, che verrà registrato tra ottobre e novembre presso l'Onion Kills Studio di Ukka (Bleed In Vain, Wrong) e che vede l'ingresso nella formazione anche del nuovo arrivato Mathias (già Fe..duP) al synth e ai piatti, dando nuova forma alla sonorità dei brani. www.myspace.com/morethanmurder

Live di More Than Murder


Nessun evento trovato in archivio


MORELAND & ARBUCKLE


Duo proveniente dal Kansas, formato da Aaron Moreland alla chitarra e Dustin Arbuckle, voce e armonica, che produce un blues rurale elettrificato. Moreland suona una chitarra autocostruita con sole 4 corde con cui fa sia il basso che gli assoli di elettrica. Moreland & Arbuckle sono tradizionalisti ed innovatori al tempo stesso e mischiano egregiamente il Chicago Blues ed i suoni del Delta con una sensibilità quasi garage rock. Mentre Arbuckle è stato influenzato dal Mississippi blues, dal country tradizionale e dal bluegrass, Moreland è cresciuto ascoltando di tutto, dai Led Zeppelin ai Black Sabbath, da Charlie Patton a Muddy Waters. Era il 2008 quando Moreland & Arbuckle erano riusciti ad entusiasmarci con i suoni del loro cd,“1861″, ed a distanza di due anni tutto riprende da lì. Nel Febbraio 2010 esce "Flood". Passati alla Telarc i due bluesmen hanno mantenuto le caratteristiche che ce li avevano fatti ammirare nei dischi precedenti incisi per delle etichette indipendenti.“Flood” è un lavoro che mantiene vive le radici riuscendo a dare nuova energia e non mancherà di essere uno dei dischi più importanti di questo anno. Pochi strumenti bastano per ricreare una atmosfera degna del miglior blues. La voce e l'armonica di Dustin Arbuckle ed il trip chitarristico di Garon Moreland sono il giusto connubio tra due artisti che viaggiano verso la stessa direzione, quella delle radici del Mississippi. Una lezione di stile da apprendere quella di Moreland & Arbuckle per tutti i giovani che suonano blues. www.morelandarbuckle.com

Live di Moreland & Arbuckle


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morelenbaum


Nessun evento trovato in archivio


MORENO DONADONI


Ad un anno dalla vittoria di Amici 13 e dallo straordinario successo dell'album di debutto “Stecca”, con all'attivo oltre 180.000 copie e disco emergente più venduto del 2013, Moreno torna il 1° aprile con un nuovo progetto, “Incredibile”, sempre pubblicato su etichetta Universal Music. 14 brani inediti e un grande team di produttori: Fabri Fibra, Medeline, Don Joe (Club Dogo), Takagi (già al lavoro con J-Ax e Gemelli Diversi, nonché vincitore del Festival di Sanremo con Rocco Hunt), 2nd Roof, Marco Zangirolami. “Incredibile” conterrà numerosi e prestigiosi ospiti: Fiorella Mannoia, J-Ax, Alex Britti, Guè Pequeno, Antonio Maggio e Annalisa. https://www.facebook.com/morenomcofficial https://twitter.com/realmoreno_mc http://www.morenomc.com/

Live di Moreno Donadoni


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moreno Veloso


Nessun evento trovato in archivio


MORENO- DOMENICO- KASSIN+2


MORENO- DOMENICO- KASSIN+2 Futurism Moreno Veloso / voci, chitarra Alexandre Kassin / chitarra, basso, voci Alberto Continentino / basso Stephan San Juan / percussioni, batteria Domenico Lancellotti / MPC, batteria Moreno Veloso, figlio del geniale compositore e interprete Caetano Veloso, segue le orme del padre ma con originalità. La sua musica è impregnata dei sapori tipici della musica popolare brasiliana, riesce però ad avere un appeal del tutto originale grazie alle sapienti ibridazioni con l’elettronica e con un artigianato cantautorale che ha un orizzonte amplissimo. Moreno Veloso è autore di chiarissime doti: misurato e colto, con un innato senso della melodia. Inoltre, è abile nel disegnare paesaggi sonori di indubbio fascino, grazie anche alla collaborazione del bassista e polistrumentista Kassin, e dell’eccellente percussionista Domenico Lancellotti.

Live di Moreno- Domenico- Kassin+2


Nessun evento trovato in archivio


MORGAN


Marco Castoldi in arte Morgan, l'hanno escluso e poi ripreso, criticato e apprezzato, di sicuro non passa inosservato, lo si ama oppure lo si detesta, c'è chi vede in lui le doti artistiche del genio e chi lo vede solo come un giullare di corte. Nasce con il nome di Marco Castoldi a Milano il 23 dicembre 1972, secondo figlio di Luciana e Mario, rispettivamente maestra elementare ed artigiano mobiliere. L'inclinazione per la musica si manifesta presto con l'uso della chitarra. Marco è però mancino e le difficoltà che trova lo spingono verso il pianoforte. In realtà punta direttamente all'elettronica dei sintetizzatori, ma la rigidità del padre Mario gli permetterà di arrivarci solo dopo un serio studio classico dello strumento. Nel frattempo esplode la new wave e Morgan scopre il new romantic, corrente pop degli anni '80. www.inartemorgan.it http://www.facebook.com/InArteMorgan

Live di Morgan


Nessun evento trovato in archivio


MORGAN HERITAGE


I Morgan Heritage sono uno dei gruppi piu' importanti della scena new roots jamaicano e sono molto conosciuti ed apprezzati in Italia anche grazie alle loro numerose apparizioni dalle nostre parti: li abbiamo gia' visti varie volte proprio anche al Rototom Sunsplash. La caratteristica della band e' che i loro componenti Una, Peter, Gramps, Luke e Mister Mojo sono cinque fratelli e figli del cantante jamaicano Denroy Morgan (come e' noto altri tre figli di Denroy costituiscono gli L.M.S.) e che formano un vero e proprio gruppo che e' in grado di comporre, arrangiare e produrre il proprio materiale (oltre comunque a fornire servigi ad altri produttori) ed a produrre brani di altri artisti. Nel 2003 esce 'Three into one', un ottimo album con cui i Morgan Heritage cercano una maggior apertura commerciale senza agire a scapito della grande qualita' della loro musica. Lo scorso anno e' uscito 'Full circle', un magnifico album con cui la famiglia reale del reggae dimostra di avere grande potenziale lavorando con i nuovi personaggi della scena giamaicana come per esempio il produttore Don Corleon per cui hanno registrato le notevoli 'Your best friend' e 'Tell me how come', entrambe presenti in 'Full circle'. Dalle ultime voci la prossima mossa di Morgan Heritage potrebbe essere un nuovo CD live registrato durante il tour mondiale 2005. www.morganheritagemusic.com -

Live di Morgan Heritage


Nessun evento trovato in archivio


MORGANA BLUES


Morgana Blues cantante e chitarrista comincia ad assecondare la sua innata passione per la musica all'età di 19 anni . Malgrado ciò fin da subito il suo talento naturale la porta ad essere considerata a ragione una delle più apprezzate figure del blues in Abruzzo e dintorni ! Dotata di forte carisma fonda nei primi anni del 2000 alcuni gruppi , tra cui i "Jailbirds" e in seguito i " Blues Storm " in cui é anche armonicista , per poi intraprendere una strada da solista con la " Morgana Blues Band" di cui hanno fatto parte alcuni musicisti ;tra i più assidui spiccano il bassista Guido Pinto e il pianista Abramo Riti. Non disdegna data la sua grande capacità di adattamento ai piu svariati generi musicali e alla sua capacità di apprendimento , di partecipare ad altre formazioni musicali come bassista tra cui spicca la quotata cover band del re del rock Elvis guidata da Dalizio Moura. Grinta ,innata musicalità, tocco graffiante sono le caratteristiche che la pongono tra i top blues guitar player's.Cover dei maggiori bluesman e inediti da lei stessa prodotti sono il suo repertorio musicale. Da sempre fonte di ispirazione per i suoi concerti sono Steve Ray Vaughan,Buddy Guy,Otis Rush,Muddy Water,B.B.King,Etta James..etc..I suoi prodotti musicali rispecchiano la sua capacità di spaziare tra più generi tra i quali,il blues,il soul,il funky,lo swing,che si fondono in brani di grande intensità e qualità. Una voce da nera che sipresta perfettamente al genere tanto da rendere le sue interpretazioni uniche. Partecipa negli anni ai più importanti Festival Blues abruzzesi e nazionali,tra i quali:Green Hills Festival, Atessa Blues Festival, Murphy Blues Festival.etc..Calca inoltre i palchi dei piu importanti locali blues tra i quali il Murphy Pub, il Groove, il Gaughin, il Grand Canyon..etc.Negli anni Morgana ha assunto a pieno titolo un ruolo di assoluto prestigio nel panorama musicale abruzzese fino a poter essere considerata una delle migliori blues woman in circolazione. Le numerose partecipazioni a lavori di importanti musicisti del panorama blues come per il cd di Stefano Barbati in cui canta una cover dei Cream " Sunshine of your love " ,e per il brano del cd di Joe Caruso " I feel my soul free" ,testimoniano la stima di cui Morgana Blues gode tra i migliori musicisti di questo genere. Sicuramente ne sentiremo parlare a lungo.... http://www.morganablues.it/ www.facebook.com/morgana.b.ii

Live di Morgana Blues


Nessun evento trovato in archivio


MORGENSTERN


MORGENSTERN Two Different Faces MA quattro anni di distanza dal suo precedente e acclamato “Cold”, la compositrice industrial noise Andrea Börner torna sulle scene presentando un nuovo lavoro incentrato su due differenti livelli emozionali. Andrea, attiva sotto il moniker Morgenstern dal 1993, ha collaborato in passato come tastierista negli Ars Moriendi e successivamente ha stretto rapporti di amicizia con i progetti conterranei Templegarden, Synapscape e Asche. Il titolare di quest'ultimo, Andreas Schramm, si unisce ufficialmente alla 'stella del mattino' per questo nuovo album. Negli anni la musica di Morgenstern ha sperimentato linee tribali e ritmiche unendole ad atmosfere darkambient, questa volta la commistione stilistica raggiunge il nome di “hypernoid state”, che come definisce la stessa Andrea unisce la dimensione hypnosis con l' hysteria.Con “Radio Rip” riprende nuovamente il gioco del dualismo sensitivo con disturbate radiofrequenze dalle cadenze retrofuturibili. Lo svolgimento del tema termina qui, ma nei titoli di coda troviamo il remix di “Viewer” ad opera dell'insigne progetto fiammingo Sonar, non poteva essere più appropriata la scelta di rielaborare questo brano (già molto Sonar-iano di suo) da parte dei due disturbatori belgi, il nuovo volto di Viewer possiederà una silhouette percussiva più severa e corrosiva. r“this cd is dedicated to my two different faces & to all who enjoy life. eListen up! (Morgenstern)”

Live di Morgenstern


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morghen


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morgion


Nessun evento trovato in archivio


MORIN KHUUR ENSEMBLE


A due anni dal tour effettuato in occasione delle celebrazioni per gli 800 anni dalla nascita dell’Impero di Genghis Khan, ed in occasione del decennale della morte di Fabrizio De Andre' riproponiamo “L’azzurro cielo degli incontri” concerto con il Morin Khuur Ensemble e alcuni prestigiosi ospiti italiani quali Cristiano De Andre', Mauro Pagani e Peppe Servillo. Le melodie della tradizione e le suggestive composizioni dei più importanti compositori mongoli eseguite dall’ensemble, accolgono d’improvviso i brani di Creuza de Ma, orchestrati per la formazione mongola e cantati da due ospiti italiani, a voler riprendere quel progetto di Fabrizio, rimasto nel cassetto, di realizzare un album sui “viaggi di terra” tra oriente e occidente lungo la via della seta.

Live di Morin Khuur Ensemble


Nessun evento trovato in archivio


MORINOMIGRANTE & COMBO LUMINOSO


Incontro Luca Morino, l'anima storica dei Mau Mau ma anche scrittore “on the road” dalla penna visionaria (avete mai letto un libro come 'Mistic Turistic'?), dopo numerosi ascolti di 'Vox Creola', il suo bell'album solista che lo riporta ad una legittima dimensione discografica fin dai tempi turbolenti di 'Dea', ultimo suggello in studio degli autori di 'Sauta Rabel', 'Viva Mamanera' e tanti altri capolavori meticci della nostra musica nazionale. Ok, nel frattempo siamo giunti nel convulso 2012, l'economia va a rotoli e l'impresa artistica di questo sognatore sabaudo (che ora si presenta come Morino Migrante & Combo Luminoso) poteva apparire ostica ai più. Defunti i seminali Les Négresses Vertes (sigh!) e con un Manu Chao ancora troppo legato all'antagonismo no global d'inizio secolo, oggi la scena “world/gypsy” se la sono fagocitata (non senza diversi meriti, va detto) i Gogol Bordello spingendo tutto il resto della ciurma “patchankosa” in una polverosa soffitta. Soffitta da cui ora spunta un “luminoso” raggio di sole pronto a rifrangersi nelle tredici appassionanti canzoni dello stesso 'Vox Creola'. Brani sudati e vitali che – è proprio il caso di scriverlo – simboleggiano un gradito, graditissimo ritorno... www.facebook.com/luca.morino.62

Live di Morinomigrante & Combo Luminoso


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mork


Nessun evento trovato in archivio


MORKOBOT


La notizia è sensazionale: Lin, Lan, Lon (i messaggeri di MoRkObOt) sono tornati! Il trio sarà in buona compagnia, dato che per celebrare l'evento ha scelto di dividere un intero disco in vinile con i famigerati Vanessa Van Basten, rei del fatto di avere iniziato le proprie gesta proprio in concomitanza dell'avvento dei messaggeri di MoRkObOt, quasi due lustri or sono! L'essere umano che ha deciso di rendersi padrino di tale evento è celato niente meno che dietro le vesti della rinomata Subsound Records. www.morkobot.org www.facebook.com/MoRkObOt

Live di Morkobot


Gio 15 Mag BRain LiveMusic - Montichiari (BS) - Italia

BRain LiveMusic via Aeroporto, 19 MONTICHIARI BS INFO: 334/2393614 locandadicampagna@libero.it www.brainlive.it www.facebook.com/brain.musiclive




Live di Morlocksmania


Nessun evento trovato in archivio


MORNING PARADE


Esce “UNDER THE STARS EP (EMI Music), l'Ep di debutto dei MORNING PARADE anticipato dal secondo singolo “UNDER THE STARS”, in rotazione radiofonica da venerdì 29 aprile. I Morning Parade (Steve Sparrow voce e chitarra, Chad Thomas chitarra, Phil Titus basso, Ben Giddings tastiere, Andy Hayes batteria) arrivano da Harlow in Essex (UK) e iniziano a suonare insieme nel 2007, con in mente un'idea chiara di quello che vogliono ottenere. “Abbiamo sempre desiderato ottenere quel genere di suono rock'n'roll, perchè siamo cresciuti con il Britpop. Ma volevamo anche una vena elettronica, l'euforia e gli elementi ritmici della dance, pur mantenendo un'anima rock” - dice il cantante Steve Sparrow - “Suoni naturali e semplici, chitarre e pianoforte, veri strumenti suonati dal vivo che creano qualcosa di quasi dance.” www.morningparade.com www.myspace.com/morningparade www.facebook.com/morningparade

Live di Morning Parade


Nessun evento trovato in archivio


MORNING SICKNESS


Tutto nasce in una calda estate del 2010...ma l'idea era nata già anni prima...la voglia di fare una seconda rivoluzione Punk,di dare una scossa a questa società di merda che ci sta portando alla rovina della nostra vita...dei nostri sogni! Voglia di far casino, voglia di suonare è questo che ci spinge a fare ciò che facciamo...Tutte e 4 le bestie si conoscono fin da "bocie" ma a due a due fanno esperienze di musica diverse.. Moke e Brus (Basso & Voce) inizano a suonare con i Masonry Debris, fanno del buon metal...canzoni proprie...ma il marcio e la voglia di spaccare li porta al PUNK...roba vera....istintiva.... Gira e Pesse (Chitarra e Batteria) si conosco alle Medie e fin dal 2002 suonano con i DeadBus, gruppo cover MISFITS...HorrorPunk cattivo...HardCore veloce.....ma purtroppo tutto sfuma..... Ecco l'occasione per creare ciò che da tanto tempo i 4 cagnacci stavano tramando.... Nascono così i Morning Sickness...Punk.. quello vero.... Per ora cover Sex Pistols & more sempre in chiave '77...ma in cantiere ci sono già tante idee.....CAGNACCIO BASTARDO è la prima! PUNK'S NOT DEAD...ecco il nostro sogno... www.myspace.com/morningsickne77 www.facebook. com/MorningSickness

Live di Morning Sickness


Nessun evento trovato in archivio


MORNING TEA


Morning Tea è una chitarra acustica in una stanza nell' East End di Londra. Condensa sulla finestra, vento e foglie che cadono. Poi torna il sole. Per un po'. Un the caldo, dei biscottini e una sigaretta fatta a mano mentre sul piatto gira Nick Drake. Morning Tea è la prima cosa del mattino, fra la nostalgia di posti mai visti e la magnifica ordinarietà della vita di tutti i giorni. Morning Tea sono Clarks in cammino sull'asfalto bagnato delle strade di Hoxton, di Sesto San Giovanni o di chissà dove, poco importa. Morning Tea è Mattia Frenna, classe 1988, già “chitarra gentile” dei local heroes “Motel 20099″ (“Romanticismo dalla periferia per giovani teppisti” -Materia Principale 2010- / “Mono” -Tomobiki 2011-). In arrivo a novembre il suo primo Ep solista con il moniker “Morning Tea”; registrato interamente in proprio nella stanza dell'East End Londinese col prezioso aiuto dell'amico, musicista e produttore Nicola Giovanni Licandro, mentre la metropoli girava veloce, e li dentro sembrava tutto calmo. Calmo e gentile. www.facebook.com/MorningT

Live di Morning Tea


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morningrise


Nessun evento trovato in archivio


MORNINGWOOD


Claret, che è cresciuta a New York, ha 23 ed è la più giovane del gruppo. Ha incontrato Pedro Yanowitz, che prima di convertirsi al basso ha suonato la batteria per i Wallflowers, Natalie Merchant e Money Mark, alla festa di compleanno di Sean Lennon nel 2001. La band si trasferisce a Londra per registrare, affitta un appertamento vicino allo studio di registrazione, e dopo tre mesi di isolamento ne escono con il loro omomimo album di dubutto. "Non c’erano fidanzate, non c’erano fidanzati, non c’era la famiglia – era come stare in un campo estivo, l’unica defferanza l’attrezzatura analogica e Gil Norton.” racconta Chantal. Chantal dichiara che per i Morningwood, "il fattore “intrattenimento” è estremamente importante. Ogni sera dobbiamo conquistare il pubblico." Aggiunge Pedro "è una delle nostre missioni confincere più gente possible a formare nuove band....” Per una band che si descrive come “un “monster truck” chef a sesso con una “Bond girl,” Morningwood prendono molto sul serio il loro modo di divertirsi, sempre aggiungendo un litro di sudore in più in ogni nota e in ogni performance. Niente è mai improvvisato. Niente è dato per scontato. E tutto è possibile… www.morningwoodrocks.com

Live di Morningwood


Nessun evento trovato in archivio


MOROSE


Lo sguardo torvo, la mascella serrata, per raccontarvi che i Maya purtroppo si sbagliavano e che la fine del mondo in realtà è già giunta. I *Morose* tornano sulla strada come ambasciatori che portano pene, con il loro carico di disillusione e distacco da un mondo sfiorito e senza speranze. Da più di un decennio i *Morose* ci raccontano di amori sbagliati o mai successi, e degli insuccessi soprattutto; lo hanno fatto per tre album in lingua inglese, raccogliendo buone critiche ed attestati di stima, ma è con il loro album più recente cantato in italiano, “*La vedova di un uomo vivo*”, che la poetica di D.Speranza ha raggiunto livelli di eccellenza che pochi si possono permettere. L'apocalisse è qui, e non ci resta che guardarla dritta negli occhi e dirle “*ti stavo aspettando*.” www.myspace.com/moroseismorose

Live di Morose


Nessun evento trovato in archivio


MORRIGAN'S WAKE


MORRIGAN'S WAKE Italia Morrigan's Wake, ovvero "Il risveglio di Morrigan", trae il suo nome da una delle tre dee della guerra venerate nel culto dell'Irlanda pagana, insieme a Badb e Neiman. Il gruppo nasce a Ravenna nell'estate del 1981 proponendo prima un repertorio di danze bretoni e ballate della resistenza irlandese, allargando via via l'attenzione verso le musiche da ballo di Scozia, Galles e della stessa Irlanda. Dopo questo primo periodo, Morrigan's Wake rivolge la propria attenzione verso la ricerca di possibili analogie musicali tra l'area celtica del nord Europa e quella celtico-padana. Jigs, reels, polke e hornpipes sono le danze che Morrigan's Wake esegue dal vivo, dalle quali nasce uno spettacolo capace di coinvolgere il pubblico alla danza e al divertimento, senza però tralasciare momenti d'ascolto proponendo canzoni e ballate della tradizione epico-lirica delle isole britanniche. Tiziana Ferretti - voce, Bodhran; Barbara Mortarini - flauto dolce, contralto, thin whistle; Davide Castiglia - violino; François Gobbi - basso elettrico; Maurizio Lumini - fisarmonica; Massimo Pirini - voce, chitarra. www.morriganswake.com www.geocities.com/morriganswake

Live di Morrigan's Wake


Nessun evento trovato in archivio


MORRIS GOLDMINE


la band cilentana più dirompente ed irriverente torna sulla scena live con una serie di performance dal titolo "Aftershock!". Il tour avrà inizio la sera di Natale, quando i Morris Goldmine si esibiranno come opening act agli ...A Toys Orchestra in occasione dell'ultima data del loro tour "MIDNIGHT (R)EVOLUTION". Sito ufficiale: www.morrisgoldmine.com Facebook: www.facebook.com/morrisgoldmineofficial Youtube: www.youtube.com/morrisgoldmine

Live di Morris Goldmine


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morrison Wood


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morrison's


Nessun evento trovato in archivio


MORRISSEY


È arrivato l'annuncio dell'accordo firmato da Morrisey per la pubblicazione in tutto il mondo di due dischi di inediti con la Harvest Records, etichetta del gruppo Capitol di proprietà di Universal Music Group. Ad annunciarlo sono stati i General manager dell'etichetta Piero Giramonti e Jacqueline Saturn. Morrisey ha dichiarato di essere elettrizzato per questo accordo e che comincerà a registrare il suo nuovo album, il primo di inediti da “Years Of Refusal” del 2009, alla fine di questo mese in Francia con il produttore Joe Chiccarelli (che in passato ha lavorato sia con Strokes che con Alanis Morissette). Raggiungeranno Morrisey in Francia anche i musicisti con cui l'artista collabora da molti anni: Boz Boorer (chitarra), Jesse Tobias (chitarra), Solomon Walker (basso), Matthew Walker (batteria) and Gustavo Manzur (tastiere). Verranno inoltre annunciate a breve le date del tour previsto per quest'anno. "Morrissey è uno degli artisti più importanti e influenti della scena musicale" - ha dichiarato Steve Barnett (Presidente e Amministratore delegato di Capitol Music Group) - "E' anche uno dei pochi a essere rimasto sostanzialmente fedele alla sua visione artistica e ai suoi principi etici da quando è esploso sulla scena negli anni '80. Siamo molto felice che abbia scelto Capitol Music Group come sua casa e che il suo prossimo disco per la Harvest riporterà la sua musica al mondo”. www.itsmorrisseysworld.com

Live di Morrissey


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morrocoy


Nessun evento trovato in archivio


MORSURA


MORSURA nasce nel 2012 dall'incontro di Federico Aggio dei Lucertulas e Jacopo Pannocchia e Mattia Antonelli dei Taglia Buio. MORSURA miscela musica rabbiosa, frenetica, sessione ritmica d'impatto e chitarre abrasive a momenti più dilatati ed introspettivi. Rock, Postharcore, punk e molto altro, provare per credere! http://morsuraaperta.blogspot.it/

Live di Morsura


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mortal


Nessun evento trovato in archivio


MORTICIA' LOVERS


Morticia’ Lovers - Piss and Love 2001. E' cresciuto il piccolo culto dei Morticia's Lovers, dai tempi degli esordi garage. E musicalmente sono cresciuti anche loro: dal rock'n'roll dei Fuzztones a quello dei Cramps, dal punk rock dei Damned a quello dei Rip Offs, Oggi di nuovo Cramps: la band sembra aver imboccato definitivamente la strada del trash, con il giusto equilibrio tra punk e fifties. Decisivo sotto questo aspetto è stato l'ingresso in formazione di Lux al basso, ex-Hermits, che col suo stile fluido e potente ha dato al suono dei Morticia's un'identità ben definita. Ora i brani hanno più corpo, più spessore. Senza perdere in impatto (sempre di rock'n'roll si tratta), ora brani come 'I don't speak English (please') o 'I'm Checkin In' dimostrano che anche di dietro ai soliti tre accordi c'è un appassionato lavoro di ricostruzione. Angelo canta meglio che in passato., la produzione è ragionevolmente professionale (pulita ma non troppo), la band nell'insieme più convinta dei propri mezzi: con questi presupposti 'Piss & Love', loro secondo album, non poteva che rilanciare il nome dei Morticia's Lovers nel firmamento sgangherato del rnr di casa nostra. Il disco però va oltre. Ci dimostra che anche se arrivi dalla provincia di Piacenza, piuttosto che dalla California e sei cresciuto a vino rosso invece che a birra e whisky puoi comodamente fare le scarpe a tante mezze seghe yankee. Senza dubbio un esempio da seguire per le future generazioni di rockers nostrani, ma anche più semplicemente, un gran bel disco di rock'n'roll, uno dei più caldi tra quelli in circolazione. Perfetto per gli amanti del trash e per chi considera il punk tanto Sid Vicious quanto Eddie Cochran, ovvero il 70% dei nostri lettori. Il restante 30% gli dia un ascolto, potrebbe cambiare idea in fretta.www.morticiaslovers.com

Live di Morticia' Lovers


Nessun evento trovato in archivio


MORTICIAN


MORTICIAN Domain Of Death Ci vuole veramente un forte huomor nero e senso dell'ironia per apprezzare i Mortician. 17 canzoni compresa una cover dei Pungent Stench tutte uguali. Sordidi riff death metal mutuati dai primi Slayer tra rallentamenti e telluriche feroci riprese sono ricoperti dalla voce di un essere mostruoso, una bestia il cui rantolo è simile a quello dello sgorgo di un lavandino. - SUONANO: MORTICIAN + AKERCOCKE + BLOOD RED THRONE 19/11/05 TRANSILVANIA LIVE - BASSANO D.G. (VI) 20/11/05 CIRCOLO DEGLI ARTISTI - ROMA In collaborazione con KICK AGENCY - INFO: GET SMART! Promotion & Booking Agency Via Po, 43 - 20032 Cormano (Mi) - Tel & Fax 02/6150419 - 392/1226071 - 392 3340477 - info@getsmartagency.com - www.getsmartagency.com

Live di Mortician


Nessun evento trovato in archivio


MORTIIS


Il folletto Haavard Elefsen muove i suoi primi passi nel mondo del black metal, come bassista degli Emperor, ma sarà la sua metamorfosi in Mortiis nel 1999 a creare una figura emblematica nel campo del metal norvegese, che rapidamente si stacca dall'immaginario del black metal e dark ambient in cui è cresciuto, per trasformarsi in un macchina dal sound industrial rock. La sua maschera, che dichiara influenzata dall'amore per Alice Cooper e i Kiss, è diventata uno dei segni più riconoscibili dell'immaginario della scena nord europea, che ha chiaramente influenzato l'emergere di titani di oggi come Gwar e Lordi, che ad Haavard Elefsen devono più di qualcosa nella scelta del make-up di scena. Dopo una lunga attesa, arriva il nuovo album della band, "Perfectly Defect", che verrà presentato in tour europeo assieme ai Combichrist, per un'imponente assalto di industrial rock norvegese. www.mortiis.com www.myspace.com/mortiis1

Live di Mortiis


Nessun evento trovato in archivio


MORTIMER MC GRAVE & THE BARELLIERS


MORTIMER MC GRAVE Un poderoso tornado passato sulla terra marchigiana ha sconquassato il clan Mc Grave. Mentre fuori imperversava la tormenta, nei segreti nascondigli, i nostri eroi si erano ritirati per preparare la nuova rinascita. Tra alambicchi, millenarie ricette alchemiche e sortilegi ecco ricomporsi il nuovo spirito guerriero. Una forza mistica abbinata alle nuove conoscenze magiche ha creato Spirit, il concerto a 90°. Spirit come la pozione magica che hanno distillato e che li rende invincibili, Spirit come l'inconoscibile che ora possiedono e Spirit-osi perché dalla follia non si guarisce. E Spirit come titolo del nuovo spettacolo e del prossimo CD. Nell'impasto sonoro dei Mortimer Mc Grave, già conosciuto nei precedenti lavori discografici CELTAMENTE e ALL'ATTACCO si sono aggiunte ora l'elettronica ricercata dei campionatori e l'arpa celtica. Risultato: una bomba, un liquore della suocera, un centerbe. Uno spettacolo per stomaci forti, impossibile da dimenticare. Gli incappucciati tornano alla luce delle battaglie. Meglio esserne amici. www.myspace.com/mortimermcgrave

Live di Mortimer Mc Grave & The Barelliers


Nessun evento trovato in archivio


Live di Morton Feldman


Nessun evento trovato in archivio


MORTON SUBOTNICK


Vi sono artisti strettamente associati con gli strumenti musicali che ne caratterizzano la produzione discografica: per il losangelino Morton Subotnick (classe 1933) il sintetizzatore Buchla ha accompagnato gli episodi più celebrati della sua intensa attività compositiva, elevandolo al Parnaso degli 'electronic pioneers' ma oscurandone magari, alle orecchie degli appassionati di elettronica vintage, il prosieguo di una carriera lunga e tutt'oggi prolifica (basti pensare al brano The Other Piano, presentato con successo un anno fa all'Other Minds Festival di San Francisco). Figlio di un'epoca in cui la sperimentazione andava di pari passo col superamento della propria istruzione accademica, Subotnick si è distinto non solo nelle vesti di massimo rappresentante del così detto Modular Voltage-Controlled Synthesizer progettato dall'inventore Donald Buchla, ma come uno dei principali esponenti della Musica Contemponea di matrice 'colta', negli Stati Uniti e nel resto del mondo. www.mortonsubotnick.com

Live di Morton Subotnick


Nessun evento trovato in archivio


MORTUARY DRAPE


I Mortuary Drape nascono nel 1986 per l'intento di un nucleo centrale di tre persone delle quali solo uno (Wildness Perversion) rientra tuttora nella formazione. Le direttive musicali ed ispirative nelle quali i componenti originali si orientano sono 'black metal' animate da una corrente esoterico-necromantica sia per quanto riguarda i testi che per l'impatto scenografico: battezzano cosi' il loro stile come 'black-occult metal'. L'anno successivo, il 1987, pubblicano il primo demo-tape Necromancy che riscuote ottimi responsi negli ambienti underground pi� intransigenti, demo che e' destinato a diventare negli anni successivi un autentico cult-demo per gli amanti del genere. Il periodo che va dal 1988 alla prima meta' del 1991 vede lo stabilizzarsi della line-up in tre elementi e quindi pubblicare una seconda demo dal titolo 'Doom return'. Dal 1991 incominciano i primi contatti con labels (anche straniere) per un eventuale cotratto discografico; infatti di li a poco il gruppo esordisce con la prima uscita su cd intitolata 'Into the drape' per l'etichetta greca Decapitated rec. seguita dalla partecipazione sulla compilation 'Wine of Satan' per la Spellbound (altra label greca) come unica band italiana presente sull' LP. Da segnalare inoltre che questo periodo e' segnato da un brusco cambiamento della formazione all'80% dove l'unico elemento fondatore rimasto e' Wildness Perversion che copre il doppio ruolo di batterista-voce. Nel 1994 esce la seconda produzione discografica dal titolo 'All the witches dance' per la Unisound rec. Nel 1995 si giunge ad una nuova compilation che raccoglie tutti i gruppi della scuderia Unisound; sempre in questo anno viene ristampata la compilation 'Wine of Satan' su CD dalla Soundphaze tedesca sotto licenza della Spellbound. Nel giugno del 1996 'Mourn path' mini-CD segna un'altra meta per la band che dopo responsi positivi partecipa a molti festivals metal o manifestazioni importanti all'estero ed in Italia compreso un tour in Europa di quindici date promuovendo tutto il repertorio della band. Nell'ottobre del 1996, esattamente dieci anni dopo la nascita dei Mortuary Drape insieme all'uscita del nuovo album 'Secret Sudaria' (undici brani), la formazione si rinnova all'80% questa volta pero' con l'entrata di tutti i membri fondatori. Gli anni successivi al 1996 trascorrono in modo ulteriormente travagliato per quanto concerne i cambi di line-up con l'avvicendamento di molti musicisti accanto ai due soli membri fondatori Wildness Perversion e Without Name. Si giunge cosi' al 1999 dove la formazione viene stabilizzata dando cosi' la possibilita' ai componenti di creare e di lavorare alla stesura dei nuovi brani che costituiscono l'anima del nuovo album dal titolo 'Tolling 13 knell' per l'etichetta Avantgarde music. L'album che contiene 10 brani inediti e' stato pubblicato alla fine del 2000 seguito a pochi mesi di distanza dalla versione in doppio vinile con 4 bonus tracks pubblicata dalla Iron Pegasus sotto licenza della Avantgarde. Dopo la realizzazione dell'album ed una manciata di date in supporto dello stesso (come ad esempio il festival Darkness upon Italy con i Carpathian Forest e la data italiana del No Mercy 2001) inizia una nuova radicale rivoluzione della line-up della band: infatti tutti i membri eccetto Wildness Perversion e Left-Hand Preacher (ora passato alla chitarra) lasciano il gruppo nel corso del 2001. Fortunatamente dopo un breve periodo e' subito pronta una nuova formazione: Wildness Perversion- voce; Left-Hand Preacher- chitarre, cori; ed i tre nuovi entrati: Seeker of the Unknown- chitarre, cori; Arcane of Veiled Light- basso, cori; War Machine Helgast- batteria, cori. Nel Giugno 2003 anche Left-Hand Preacher lascia la Band per motivi personali ( ringraziamo Left H.P. per la collaborazione ) e viene sostituito nell' Agosto dello stesso anno dal nuovo chitarrista ritmico e solista CRUEL ABBOT. Nei rimanenti sei mesi del 2003 la Band presenta il nuovo componente in ben tre date (di cui una in sostituzione dell'unico concerto Italiano degli Shiining ) e riesce a portare avanti anche la stesura , il completamento e il riarrangiamento dei brani per il nuovo CD previsto per il 2004. Alla fine dell' anno 2003 vengono ristampati su CD i due demo storici dei Mortuary Drape "Necromancy 1987" e "Doom Return 1989" , confezionati in un originale box con grafica completamente rinnovata , l'etichetta incaricata a dar vita a questi due prodotti si chiama Wild Prod. Nel giugno del 2004 il Drappo entra in studio presso gli Alfa Omega di Blevio (CO) e con la collaborazione di Alex Azzali ( Ancient , Cataract ) iniziano a registrare il nuovo album dal titolo Buried in Time , le sessioni di registrazione e mixaggio durano fino al settembre 04 , la band e' anche molto soddisfatta del lavoro svolto da Cruel Abbot che ha collaborato alla realizzazione dell'opera . Il 20 novembre del 2004 esce Buried in Time (Avantgarde music) il CD e' composto da 11 brani in puro Mortuary Drape style. La band si prepara alla presentazione del nuovo CD organizzando date promozionali sia in Italia che all'estero accumulando buoni responsi da tutti gli spettatori intervenuti agli show; le recensioni su riviste e web zine risultano ottime riuscendo a conquistare valutazioni altissime in Europa e negli States. A fine di gennaio 2005 esce la versione in vinile di Buried in Time (Wild Prod.) , stampata in 666 copie con nuova grafica di cui solo 166 in vinile colorato con una doppia copertina. Nell' estate del 2006 la band affronta un altro cambio di line-up , il batterista Helgast rinuncia all'incarico e vengono subito aperte le audizioni per un sostituto. Nell'anno 2007 la band suona in vari festivals europei partecipando all'Anti-Christ Crusade Tour, 13 date che toccano l'Europa; Matt e Simone suonano in qualita' di session rispettivamente alla batteria e alla chitarra ritmica. Nel 2008 altre date in Europa e un mini tour di 4 date in Finlandia, The Crucifixion Tour; in questa occasione suonano il nostro vecchio drummer I.O.R.R. ed il nuovo chitarrista Abysmal Wizard. Dal giugno 2009 Wildness Perversion rimane l'unico membro della band. La stesura del nuovo CD procede, attualmente i brani composti sono 11; rimanete sintonizzati per le novita' riguardanti i nuovi componenti che affiancheranno Wildness Perversion per il nuovo CD! www.mortuary13drape.com

Live di Mortuary Drape


Nessun evento trovato in archivio


MORY KANTE


Il guineiano Mory Kante simboleggia, più di chiunque altro, quella che si usa definire world music, fusione della musica etnica (e, in concerto, soprattutto africana) con elementi sonori e tecnologici occidentali. Nato in una famiglia di griots (la casta dedita alla musica), Mory Kante comincia già a 7 anni a destreggiarsi con strumenti tradizionali come il balafòn e la kora. Poco dopo comincerà ad interessarsi al rock e alla musica elettrica occidentale. Nel 1974 debutta come strumentista, nella Rail Band, in cui canta il grande Salif Keita. Nel 1981 incide il suo primo disco, "Krougnégné", al quale seguirà nel 1984 "Mory à Paris". Nel 1987 è già pronto per il suo trionfo a livello internazionale, ottenuto con l'uscita del disco "Akwaba Beach", che includeva quello che è stato il suo maggior successo, "Yéké Yéké", arrivato a vendere 2 milioni di copie. Di recente, si è dedicato fondamentalmente alla costruzione, in Guinea, di studi di registrazione, e centri di formazione per permettere agli artisti guineiani e africani di accedere al mondo della musica. - www.morykante.com - SUONANO: 5 luglio Perugia - Umbria Jazz

Live di Mory Kante


Nessun evento trovato in archivio


MOR’S


MOR'S Mor's Calacas Records/Infecta Suoni Cantautorato romano, il folk che si mescola al rock con pennellate pop. Dieci tracce che scorrono piacevolmente facendo uno slalom fra colori e impressioni differenti, su uno sfondo contrastato da situazioni sociali, ideali e nuove prospettive. Un disco che sembra un affresco contemporaneo, che racconta esperienze di vita quotidiana sempre e comunque all'insegna della libertà; tracce che ti materializzano sotto il sole caldo di Roma, per poi trasportarti nella nebbiosa Emilia e catapultarti infine nella suggestiva Africa. Un lavoro attuale, che racconta storie di vita vissuta: l'amore, la precarietà del lavoro, gli ideali duri a morire, l'interculturalità… e molto altro, tutto quanto avvolto da una patina sognante e naif. Prodotto da Calacas Records, il disco è stato mixato da Manuele 'Max Stirner' Fusaroli (Tre Allegri Ragazzi Morti, Giorgio Canali, The Zen Circus, Le Luci della Centrale Elettrica…) www.youtube.com/user/officialMORS

Live di Mor’s


Nessun evento trovato in archivio


MOS GENERATOR


MOS GENERATOR Attivi ormai da quasi 8 anni i MOS GENERATOR hanno già sfornato la bellezza di 5 albums oltre che ad una ricca serie di 10", 7" ed a svariate apparizioni su prestigiose compilations tra le quali la mitica "Sucking The Seventies". La loro musica spazia dal 70's rock, allo stoner-rock strizzando l'occhio al southern metal-rock ma i tre statunitensi si definiscono semplicemente una kick ass-honest-old school Heavy Rock & Roll band!!! Il trio di Washington si esibirà al prossimo Roadburn 2008 che si svolgerà a Tilburg (Olanda), festival dei festival dedicati alle sonorità heavy mondiali, e sfrutterà l'occasione per farsi finalmente vedere dal vivo dalle migliaia di fans europei. www.myspace.com/mosgenerator

Live di Mos Generator


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mosaic Orchestra


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mosaico


Nessun evento trovato in archivio


MOSCABURRO


MOSCABURRO - Bread-And-Butter-Flies Autoprodotto Bread-and-Butter-flies nasce come una raccolta delle canzoni che più rappresentano il lavoro della band degli ultimi anni. Sono poche infatti le canzoni scritte in vista dell'incisione del disco, la maggior parte sono state prima rodate e consolidate nelle performance live. Sebbene i brani siano stati poi arrangiati e riveduti per essere registrati mantengono per lo più le caratteristiche e il sound creati dal vivo. Le canzoni sono scritte per la maggior parte da Simone Gelmini, con l'eccezione di Juniper and Anice, scritta da Michela Campaner, mentre gli arrangiamenti nascono sostanzialmente dalla collaborazione tra tutti i membri della band. Il disco è improntato ad un certo minimalismo, l'uso delle percussioni è ridottissimo e i suoni sono per lo più acustici. In canzoni come Wandering (lonely as a cloud), Scattered Traces, Eveline e Scent, il gruppo ha voluto creare atmosfere distese, dominate dal colore degli archi, l'arpa e le voci. A Wandering è stata data una veste un po' vintage, con l'introduzione a ricordare vagamente il suono di un vecchio vinile. Il titolo richiama scherzosamente l'incipit di una poesia di William Wordsworth. Scattered Traces è impregnata di un atmosfera più algida e nordica, le armonie dell'arpa sottolineano il carattere contemplativo del testo, una piccola celebrazione della natura sicuramente influenzata dal paesaggio straordinario della nostra città. Eveline e Scent condividono un carattere nostalgico e il tema della paralisi. Eveline è la protagonista dell'omonima novella di Joyce, incapace di lasciare la sua quotidianità fatta di polvere e anonimato per inseguire l'amore e la felicità. La paura domina anche il protagonista di Scent, spaventato dalla possibilità di lasciare i suoi affetti e le sue sicurezze per inseguire i suoi sogni. Wien è un omaggio alla città di Vienna, dove Simone ha studiato per due anni. E' arrangiata per voci e chitarra ed è una delle canzoni scritte appositamente per il disco. Spinning Jenny prende il nome dall'omonimo telaio meccanico, uno dei primi della storia della Rivoluzione Industriale, come molte altre cose presto superata dal progresso tecnologico e abbandonata. La canzone è il lamento di Jenny, che come una donna ormai anziana e sola ricorda con dolore i giorni in cui era amata e desiderata. L'arpa accompagna da sola l'intero brano, con una ritmica spigolosa e dal sapore meccanico. Per October's Rain e Ticket For Your Love la band ha mischiato il suono di chitarre elettriche, estraneo al resto del disco, con strumenti come il glockenspiel, gli archi e l'arpa. Il sound ha un colore vagamente più soft rock, e stempera un po' la generale malinconia del disco. Il titolo dell'album richiama il nome della band, entrambe le parole sono tratte da Through the Looking Glass and What Alice Found There di Lewis Carroll. Vuole essere un riferimento ad un mondo fiabesco, infantile, e richiama la sostanziale semplicità del disco e le atmosfere incantate di certi brani.

Live di Moscaburro


Nessun evento trovato in archivio


MOSCHE DA BAR


“Sogni d'oro”, MCD 4 brani realizzato c/o Vecchio Son Studio, registrazione e missaggio Tiziano Bellucci, auto prodotto, Bologna Gennaio 2009 -”Alla canna del gas”, CD prodotto da Ansaldi Records, 12 brani, registrazione e missaggio Tiziano Bellucci, realizzato al Rock House Studio, c/o Vecchio Son, Masterizzazione Red Angela Studio, Bologna, Aprile 2010 -”Sotto Gasometro” VOL.1, CD Compilation 18 brani, con Mondine di Bentivoglio, Forty Winks, Le Tremende, Brigata Alcolica..., prodotto da Ansaldi Records e Associazione Culturale Vecchio Son, registrazione di Tiziano Bellucci, Pippo De Palma, Pecos Grazioli c/o Rockhouse Studio e Scandellara Studio Service, Masterizzazione Red Angela, Bologna, Agosto 2010 www.myspace.com/lemoschedabar

Live di Mosche Da Bar


Nessun evento trovato in archivio


MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO


MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO are: _lalla: contralt saxophone, sopran saxophone, flute, tin whistle, harmonica _the king: lead vox, 2°electric guitar, folk guitar, electric mandolin, Highland bagpipe, irish bouzouki (made graphic / press_web) _pietro "RAPAX" arfini: 2°vox, 1°electric guitar, choirs, irish bouzouki, merchandiser (web master) _fungo: electric bass, choirs _nik: 3°vox, choirs, drums Le MVG (mosche di velluto grigio) nascono nell'estate del 2002 da un'idea di Andrea “the king” Cagnini e Nicola “nik” Zaltieri. Il pretesto era il solito, riempire i pomeriggi da abitanti, di un paese nella provincia di Mantova con poco più di 5.000 anime. Gli inizi, come sempre è, non furono dei migliori, ma dopo mesi suonando sporadicamente, senza la minima idea di dove andare a finire, dopo aver cambiato, anche, due formazioni, nell'inverno del 2003 comincia a prender forma il gruppo. La prima formazione, durata fino al 2005, era composta da 4 elementi con una session strumentale più ridotta e tendenze prevalentemente punk rock / ska core. Durante questi anni il gruppo si è visto crescere progetti e ambizioni in maniera esponenziale. Dopo il primo demo: “...dopo la tempesta!” (autoprodotto) si parte con la composizione seguita dalla registrazione dell'album successivo “Nel Cuore” (autoprodotto) contenente, ancora oggi, i pezzi più noti al pubblico, molti dei quali trampolini di lancio per la nuova crescita musicale del gruppo, a quel tempo già molto coinvolgente e d'impatto, ma con poca personalità fuorché nei testi. Il lavoro registrato presso, l'allora ancora fatiscente, ma in via di crescita, Living Rhum Records di Giovanni “Giò” Bottoglia, attuale chitarrista dell'Invasione degli Omini Verdi, ottiene ottimi risultati. Fioccano ottime recensioni sulle riviste di settore quali Punkster, Rock Sound....webzine come Munnezza.it o Madeclub.com....e piccoli editoriali di provincia che parlando delle MVG coinvolgono Pogues, Flogging Molly....ma anche Modena City Ramblers, Davide Van de Sfroos addirittura Battiato nell'ottima considerazione sui testi di King. Nel 2005 il gruppo è pronto alla svolta sul palco del Rolling Stone di Milano, del Latte + di Castenedolo, con date programmate come spalla di Los Fastidio e altri gruppi affini italiani, ma l'ex bassista Domenico “Roots” Liperoti abbandona il gruppo alla conferma della data di Milano. Seguono diversi mesi un po' senza speranza, l'unica a tenere montata la sala prove e a credere nella possibilità di rifarsi, è lalla. Vengono vagliate mille possibilità di continuare, si considera anche una formazione slegatissima con King al basso, senza Lalla, Nik alla batteria e Alessandro “Ale” Cimarosti (vox l'Invasione degli Omini Verdi) alla chitarra e voce....niente! Passato l'inverno, nessuno di noi si ricorda come, ci si trovò in sala prove con Francesco “Peddy” Pederzani (batteria DURAMADRE) e Andrea “Piter” Pedrazzani (basso DURAMADRE). Da lì le MVG sono ripartite dopo un sacco di tentativi prima di trovare un set musicale, chili di carta e fiumi di inchiostro si riesce a strappare alla confusione, mista alla tantissima voglia di riprendersi, di quei giorni, 7 pezzi quasi nuovi che formano il terzo album: “La Legge delle Lucertole EP _mosche di velluto grigio - under the influence” (autoprodotto) un album folk. Un album irish folk, ma lento. Già dopo le registrazioni di “Nel Cuore” le MVG si accorsero di trovarsi più affini ed interessati alla comoposizione di pezzi come “Caro Fratello” e “Contro Vento”, dove la predominanza delle melodie celtiche era preponderante. Tutto il lavoro del secondo momento delle MVG è volto a questo, l'incremento degli strumenti nella session del gruppo, l'aumento della metodicità dei pezzi, mista a tutta la rabbia di chi vuole comunicare sentimenti veri con parole semplici e melodie sentite e la scelta dell'abbandono della strada unicamente punk / ska in favore del neonato new-folk o celtic punk. I risultati sono ottimi, le date, con qualche difficoltà vista la crisi del mercato musicale e della scena live, che stringe l'italia da 3 anni a questa parte, si trovano. Arriva anche la beneamata data oltre frontiera al CSOA il Molino_Lugano CH, terra di folk, dove il gruppo sbanca con 1.500 paganti sotto al palco addirittura prima di suonare. STAY SHAMROCK 'N' ROLL NUOVA FORMAZIONE www.moschedivellutogrigio.it www.facebook.com/mosche.grigio

Live di Mosche Di Velluto Grigio


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moscow Art Trio


Nessun evento trovato in archivio


MOSCOW RAID


I Moscow Raid nascono a Brescia nel 2007. La band si riforma sul finire del 2010 con una nuova line-up, che consiste nei membri fondatori Daniele Ardenghi (Nidzkji) e Andrea Brunelli (Nebzkij), e nei nuovi arrivi Alessandro Carboni (Karbov) e Fabio Zubani (Zubov). La linea artistica del gruppo è dettata da Ardenghi, unico compositore di musica e testi, ma nel suono dei Moscow Raid si coagulano in modo spontaneo le diverse attitudini dei quattro componenti, dall'amore per i Cure, la dark-wave e il post-punk revival dello stesso Ardenghi all'interesse per la subcultura mod di Brunelli, passando per l'approccio electro-dance del batterista Zubani e gli ascolti garage-punk di Carboni. Il periodo storico che più affascina e inquieta i Moscow Raid è quello degli anni della cortina di ferro: la D.D.R. e l'U.R.S.S, la cancellazione delle libertà in nome di un'ideologia, le parate militari, la Stasi, gli immensi caseggiati di Berlino Est popolano l'immaginario del gruppo. Sul finire del 2010 la band ha registrato il "Proletariat Ep" (4 tracce), al Tup Studio di Brescia, con la regia di Pierluigi Ballarin (The R's). Il disco, dedicato alla memoria di Johann "Falco" Hoelzel e il cui packaging è realizzato a mano, viene distribuito gratuitamente ai concerti del gruppo. www.myspace.com/moscowr

Live di Moscow Raid


Nessun evento trovato in archivio


Live di MoscÙ EstÀ Helado


Nessun evento trovato in archivio


MOSEEK


Esce nei negozi e nei principali digital store “LEAF” (OneMoreLab/Don'tWorry – Edel), il disco d'esordio della band romana “MOSEEK”. Da oggi in radio “Steal-Show”, secondo singolo estratto. È disponibile, in esclusiva sul sito La Repubblica XL, il videoclip del brano, che vede alla regia Egidio Amendola e Mauro Nigro: http://xl.repubblica.it/articoli/moseek-in-esclusiva-il-video-steal-show/8622/ Il brano parla del fastidioso chiacchiericcio della gente e di come tante persone sgomitino per rubare la scena agli altri. I Moseek, per ironizzare, utilizzano sarcasmo e dance che si fondono insieme. "Siamo molto felici che il nostro disco sia anche nei negozi fisici - dichiara la band - anche se ormai in Italia sono sempre meno. Siamo ben consapevoli di quanto la discografia abbia vita difficile, soprattutto in un periodo di crisi generale come questo, ma noi cerchiamo di stemperare gli animi puntando sul live, che è la cosa che ci soddisfa di più. Vi aspettiamo!". Questa la tracklist del disco: “Leaf”, “Numbers”, “Bad Things”, “Mr. Benson”, “Pills”, “A Room & A Kitchen”, “How to Believe”, “Something to Dig”, “In Slippers”, “Blunder”, “Steal-Show”. Il progetto Moseek nasce nel 2010 da Elisa Pucci (voce, chitarra e autrice), Fabio Brignone (basso, synth e cori) e Davide Malvi (batteria e sequencer). Il genere della band può essere definito un mix tra rock ed elettronica al punto che nei live coinvolgono il pubblico in un vero e proprio show, in cui le canzoni prendono vita enfatizzate da luci e scenografia che catturano non solo l'udito ma anche la vista. Nel loro percorso artistico hanno toccato in lungo e largo l'Italia, partecipato a numerosi festival e vinto numerosi contest musicali. Hanno avuto il piacere di condividere il palco con tantissime band tra cui “I Ministri”, “Tre Allegri Ragazzi Morti”, “Linea 77”, “Giuliano Palma & The Bluebeaters”, “Bud Spencer Blues Explosion”, “Perturbazione” e molti altri. Apprezzati anche da mamma Rai, due loro brani sono stati la sigla di chiusura del programma “Demo” di Radio1 Rai e inseriti nella compilation Hit Mania 2012. Al 2012 risale il loro primo tour in Inghilterra, dove hanno suonato in diversi rock-club e sono stati ospiti del WEYA (World Event Young Artist), noto festival di Nottingham. “Leaf” è il loro disco d'esordio, disponibile su etichetta One More Lab/Don't Worry e distribuito da Edel. www.moseek.it www.facebook.com/moseek

Live di Moseek


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moses


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mosquito Juice


Nessun evento trovato in archivio


MOSQUITOS


Socialhaze. Potevano avere un posto di riguardo nella pellicola dei Coen “No Country For Old Men” i Mosquitos, per quanto il loro modo di concepire musiche e liriche sembra un obiettivo puntato su spiriti affini che si fanno largo tra le torbide pieghe del sociale. Per tradurre in suoni uno specifico immaginario, i nostri optano per spinti amori lisergici – alla voce “Been A Tripper” – o semi ballate dal tono melodico sospeso che si colorano di aromi eighties – il caso eclatante di “Haze Vs Love”. E che la cura nella scrittura fosse un pregio del gruppo del frusinate ce ne eravamo accorti da tempo: attivi dal 1999 i Mosquitos hanno pubblicato in passato tre album, un paio di EP ed una collaborazione altrettanto fortunata con Giancarlo Frigieri (già con la cult band neo-psichedelica Joe Leaman) a titolo “In Love” (Black Candy, 2009). Con poco meno di due anni di gestazione, il quarto album “Socialhaze”, è il manifesto sonico definitivo del quartetto – al secolo Mario Martufi (voce, chitarra), Gianluca Testani (basso), Fabrizio Gori (batteria) e Simone Alteri (chitarra) – che sfoglia con scientifica passione la storia del più ossessivo rock. Quando ascolterete il gruppo torturare i propri strumenti nella finale “House”, un clip in bianco e nero diretto da Richard Kern si manifesterà d'improvviso sullo schermo del vostro portatile, come a dire che le scorie urbane sono ancora un elemento distintivo, anche al cospetto dei migliori progetti di fuga. Ma in verità è il carattere eterogeneo del disco a sostenere le sorti dei quattro, abili nel maneggiare con cura “Two Chasms” sornione uscite elettro-acustiche, come spettrali ripetizioni ritmiche in “Light As A Bird (Not As A Feather)”, forse il tracciato più prossimo ad una sensibilità wave. Un disco da sfogliare, storie autentiche e musica che fotografano un immaginario sterminato, un fuoco collettivo che diventa intima urgenza. www.myspace.com/mosquitospace

Live di Mosquitos


Nessun evento trovato in archivio


MOST PRECIOUS BLOOD


MOST PRECIOUS BLOOD! Nati nel 2000 a New York dalle ceneri dei più conosciuti Indecision, dichiarano apertamente di essere influenzati da Agnostic Front e Sick Of It Call come dagli Unbroken ed Undertown. Dopo aver prodotto, come da consuetudine, un demo e un paio di sette pollici, i Most Precious Blood sono entrati a far parte del roster della Trustkill Records (etichetta di Walls Of Jericho, Hopesfall e Bleeding Through) e hanno affrontato diversi tour statunitensi in compagnia di Sick Of It All, Madball, Give Up The Ghost e tanti altri. Al ritorno dal tour in Europa con Madball nel 2003 hanno prodotto “Our Lady Of Annihilation”, il quale è stato accolto positivamente sia dalla stampa che dal loro pubblico in continua crescita. Una delle loro caratteristiche principali è il supporto alla causa vegana/vegetariana, che li vede presenti nelle campagne di gruppi come Peta e Aspca. Il passato Settembre è uscito il loro ultimo lavoro intitolato “Merciless” sempre prodotto da Trustkill Records; a supporto di questa nuova produzione i MPM saranno in tour con Hatebreed e With Honor nel mese di Dicembre. www.mostpreciousblood.com

Live di Most Precious Blood


Nessun evento trovato in archivio


MOTEL CONNECTION


Nati all'inizio del nuovo millennio, i Motel Connection hanno influenzato la scena dance italiana di questi anni. Perchè? Sono speciali, diversi. Comincia tutto come un progetto part-time di Pisti, house dj, Samuel, dotato cantante di una delle più famose band Italiane degli ultimi decenni, i Subsonica, e Pierfunk, bassista dal tocco “funk”. Un collettivo di tre persone devote a creare un sound e un atmosfera speciale, a Torino, loro città natale. Poi il passaparola e le cose si fanno serie, e nel 2001 il regista Marco Ponti chiede al gruppo di creare la colonna sonora per il suo film “Santa Maradona”, che si scopre essere un brillante e sorprendente successo. L'anno dopo, 2002, è il momento di “Give Me A Good Reason To Wake Up”, il loro album di debutto, accolto caldamente dalla critica e dal pubblico. 2004: Marco Ponti chiede di nuovo aiuto ai Motel Connection per la colonna sonora del suo film “A/R”. Il passo dopo è il loro secondo album “Do I Have A Life?”, uscito nel 2006. La formula dei Motel Connection si affila ancora, si concentra sull'essenza del rhythm & Sound. Chi sono i Motel Connection? Che cosa fanno? Potete dire che è house music. Potete dire che è qualcosa che ha a che fare con la club culture. Ma forse sono ancora di più. www.motelconnection.net www.facebook.com/motelconnectionlive

Live di Motel Connection


Sab 03 Mag INTERZONA - Verona (VR) - Italia

INTERZONA C/O Magazzino 22 045/2021005 VIA SCUDERLANDO 4 VERONA info@izona.it www.izona.it



Sab 31 Mag VELVET Club & Factory - Rimini (RN) - Italia

VELVET Club & Factory VIA S. AQUILINA 21 RIMINI INFO: 0541/756111 339/7571399 lucia@velvet.it www.velvet.it www.facebook.com/velvetclubrimini




Live di Motenai


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mothboy


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER AFRICA


Selvaggio, colorato e in qualche modo più gioioso di ogni altra produzione europea": così la stampa internazionale ha salutato "Mother Africa", lo spettacolo con cui viene celebrato il quinto anno in Germania del “Circus for all Senses”, il "circo dei sensi", uno show mozzafiato di straordinarie acrobazie, con 40 artisti sul palco, musica dal vivo, costumi, ritmo e colori della tradizione africana.

Live di Mother Africa


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mother And The Addicts


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER JAMES


With an irresistible mix of swinging blues stomp and 60s pop refrains Mother James entered the stages in Stockholm, Sweden during 2005, and was immediately appreciated as a fabulous live act and a welcomed contrast to all the boring crying-in-your-beer singer/songwriters. Mother James was formed by songwriter Stefan Petersson and the name of the project was taken from legendary soul and jazz vocalist Etta James, who serves as an inspirational muse for the act. Among the musicians you may find some distinguished characters like Goran Kajfes, Per "Ruskträsk" Johansson, guitarist Mattias Johansson (Tiger Lou) and pianist David Myhr (The Merrymakers). www.motherjames.com www.myspace.com/motherjames

Live di Mother James


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER OF GOD


"With both feet firmly entrenched in the 70's and 2000's, we were on the jury completely carried away by their musicianship and stage performance! With two Hagstrom guitars, a crazy drummer and a fantastic guitar player, the jury fell in love with Mother of God, this year's winner of the Wacken Metal Battle" www.myspace.com/motherofgodofficial http://www.facebook.com/MOGmusic

Live di Mother Of God


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER SUPERIOR


What do musical giants like Daniel Lanois, Henry Rollins, Tony Visconti, Alice Cooper, Sparks, Anthrax, Wayne Kramer, Lemmy, George Clinton, Iggy Pop, Queens of the Stone Age, Meat Loaf and others have in common? They have all worked with Mother Superior, a Los Angeles based trio made up of guitarist/vocalist Jim Wilson, bassist Marcus Blake and drummer Matt Tecu. www.mother-superior.com

Live di Mother Superior


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mother Tongue


Nessun evento trovato in archivio


MOTHER'S CHILDREN


"Mother's Children is what you'd get if you force fed the Bay City Rollers testosterone. It's what'd happen if you told the Rolling Stones to sound more like the Boys. Or if you switched Marc Bolan's pills and wine with cigarettes and beer. I bet if some tough little leather jacket wearing seventh grade loner from 30 years ago spat his bubblegum into the gravel of the schoolyard baseball diamond and stamped it into a flat, seven inch disc with his cowboy boots, it'd sound like this 45 when you put a needle to it." -Standard Issue

"Great glam-influenced punk rock from that other America where the nice folk live way, way up north. A dose of power pop and 60s Brit invasion mixed with a healthy helping of THE JOOK, THE SWEET, and THE INCREDIBLE KIDDA BAND, to name a few. It's brief but sure leaves its mark, and like all great records makes me thump the rickety tables of MRR demanding more. Hard glam at its best." -Maximumrocknroll www.myspace.com/motherschildren http://motherschildren.blogspot.it/

Live di Mother's Children


Nessun evento trovato in archivio


MOTHERCARE


"Traumaturgic" segna il passaggio degli stessi su Freecom coaudiuvata da Bunkker e RAI Trade e con distribuzione Edel. Questo nuovo lavoro prosegue il discorso intrapreso con la precedente release (che vedeva tra gli ospiti un certo Mark Greenway dei Napalm Death), ossia un sound granitico capace di fondere diversi stili tutti nell'ambito metallico, con intuizioni death, trash e grind a costruire un muro di chitarre impossibile da scalfire. La stessa voce e la sezione ritmica sono di livello internazionale con ben poco da invidiare a colleghi di settore, spostando forse l'ago della definizione nu-metal verso questo preparato quintetto. Un disco claustrofobico che farà contenti gli amanti del metal, con una musica capace finalmente di produrre qualcosa di nuovo sul genere. www.mothercare.it www.myspace.com/mothercare

Live di Mothercare


Nessun evento trovato in archivio


MOTHERS OF GOSPEL


Il gruppo è formato da quattro stupende voci femminili afro-americane che vivono in Europa ormai da tanti anni e che hanno in comune una grande passione per la musica. Mothers of Gospel sono: Sybil Smoot, nata in Saint Louis Missouri, cantante già dalla tenera età di sei anni, per quindici anni vocalist dei Red Beans Jazzers, dal '96 insegnante di laboratori Gospel; Crystal White, nata nelle isole Hawaii, cantante di esperienza internazionale le cui grandi doti artistiche sono già state apprezzate più volte dal pubblico del Trasimeno; Joy Garrison, figlia d'arte nata a New York, comincia a cantare sotto la guida di suo padre Jimmy Garrison nei più importanti locali di Manhattan al fianco di grandi musicisti, in Italia ha collaborato tra gli altri con Renzo Arbore e Little Tony; Desiree Mohamaad, nata a Chicago, cantante di talento eclettico, anche apprezzata pianista e chitarrista è molto conosciuta come vocalist del gruppo Global Mind con cui ha raggiunto ottime posizioni nelle classifiche statunitensi ed europee, ottenendo il primo posto in Francia, in Italia ha lavorato con Gegè Telesforo e Stefano Palestresi. Quattro artiste di grande esperienza che lavorano da tanti anni insieme e riescono ad armonizzare in modo soave le loro voci tanto da sembrare un'unica voce. Il loro amore per la musica Gospel rende i loro concerti eventi festosi, divertenti, e musicalmente imperdibili.

Live di Mothers Of Gospel


Nessun evento trovato in archivio


MOTHERSHIP - Tributo al Led Zeppelin


Mothership, tribute band formata da quattro ragazzi che con devozione e grinta diffondono potente il verbo dei mitici Led Zeppelin, la più grande e inimitabile rockband di tutti i tempi. L'impressionante passione per gli intramontabili Zeppelin fa da legante ora più che mai in una formazione affiatata e romantica come i Mothership, Simone Romanato (voce e armonica), Manuel Lando (basso e mandolino), Marco Felix (chitarra e theremin) e Alfio Caracciolo (batteria e percussioni) stipulano un vero e proprio patto con i fans degli Dei del Rock, impegnando anima e corpo in un progetto ambizioso, in grado di offrire mistero, calore, potenza e sensualità, emozioni forti durante tutta la durata del concerto, ogni volta come fosse la prima, ogni live come fosse l'ultimo. Emozioni vere, che trasudano limpide e cristalline dagli occhi di questi quattro musicisti, amici appassionati, compagni di viaggio e consapevoli debitori nei confronti dei loro maestri, i Led Zeppelin. www.mothership.it

Live di Mothership - Tributo Al Led Zeppelin


Nessun evento trovato in archivio


MOTHERSTONE


Motherstone Genere Metal - Hardcore Regione Lazio Formazione Giorgio Mammoliti (voce), Eliana Volpe (voce), Valerio (chitarra),Ivano Conti (basso),Riccardo Berardi (batteria). Il progetto Motherstone nasce nel 2003 quando ad Ivano (basso), Riccardo (batteria) ed Eliana (voce) si aggiungono Valerio alla chitarra e Giorgio alla voce maschile. 
Il gruppo inizia a provare e sin da subito si crea una grande unione tra i cinque componenti e si delinea un sound incentrato sull'aggressività e il suono tagliente proveniente dalla chitarra di Valerio e sul binomio tra le due voci di Eliana e Giorgio; la prima contribuisce con la sua particolare voce alle parti più melodiche dei Motherstone, Giorgio invece sfrutta i suoi screaming per le parti più potenti e più coinvolgenti. A questi si aggiungono le parti ritmiche di basso e batteria che forniscono ulteriore ordine e potenza al gruppo. 
I Motherstone a detta di molti hanno grosse potenzialità da sfruttare e la possibilità di crescere sempre di più. www.motherstone.it www.myspace.com/motherstonemusic

Live di Motherstone


Nessun evento trovato in archivio


MOTHLITE


Mothlite è uno dei progetti di Daniel O'Sullivan; con il primo e finora unico cd targato Mothlite, "The Flax of Reverie" , O'Sullivan ci ha dato in pasto un eterea e perfetta miscela di art-rock, post-rock, musica sperimentale ed ambient. Personalmente ho trovato questo cd molto ben riuscito e consiglio a tutti di dargli un'ascoltata. LINE-UP (dal myspace) Daniel O'Sullivan avec Knut Jonas Sellevold Christos Fanaras Benjamin Dawson Linn Carin Dirdal Dominic Garwood http://www.mothlite.co.uk/ http://www.facebook.com/mothlite

Live di Mothlite


Nessun evento trovato in archivio


MOTHRA


Mothra è una band nata nel 1990 dall'unione di Mirko Montecchia (alla voce) e Michele Spalletti (chitarra) con obiettivo un progetto musicale ben specifico: comporre musica rock che vada oltre la sterile definizione del termine e che sia arricchita da quelle che sono le realtà culturali nel panorama musicale internazionale. Nel corso di questi anni si sono susseguiti diversi componenti fino all'attuale formazione che comprende Samuele Spalletti (basso) Daniele Graziani (batteria) ed Emanuele Evangelista (tastiere). Il punto di forza della loro musica è l'uso di svariati generi musicali che, miscelati alla loro comunicabilità espressiva, rendono il loro stile energico e singolare per la conflusione di referenze musicali avvenuta con il susseguirsi dei nuovi entrati. Con il primo DEMO spedito ad Arriccia (Roma, 1991) arrivano alle finali del festival degli sconosciuti organizzato da Rita Pavone. Altre partecipazioni li vedono protagonisti apprezzati nel'96 in due concorsi importanti, nel panorama musicale regionale, Onde Rock e Sotterranea; quest'ultimo gli permettono di essere scelti come gruppo supporter dei Negrita, nella loro data marchigiana (San Benedetto) del tour XXX, poi risostenuti nel l999 nella data di Pescara, dove presentano l'album Reset. Sempre nel'96 vengono invitati nella trasmissione televisiva “Help”, dove sono apprezzati per la loro performance e per le loro canzoni. Da sottolineare la partecipazione nel'98 all'accademia della canzone di San Remo, ripetutasi a San Remo Rock sia nel'99, classificandosi al 6° posto tra i finalisti nazionali che nel 2001 raggiungendo le semifinali di San Remo. Dopo diversi anni di attività musicale dal vivo nel centro Italia hanno riscosso una certa popolarità negli ambienti e nei locali underground delle Marche e dell'Abruzzo, conferendo agli spettacoli live, quale punto di forza della band, una venatura personalizzata per la presentazione di brani inediti e di cover adattate al loro stile. Tra le ultime apparizioni dal vivo di spessore, nel 2001, da citare: la manifestazione del 1° maggio a Pescara, insieme ad Eugenio Bennato e a Claudio Simonetti; l'apparizione al Barfly (Ancona) come gruppo spalla a Dirk Halminton. Relativamente alla loro produzione discografica il primo EP risale al febbraio del 2001 dal titolo omonimo. Nell'estate del 2002 hanno partecipato al Tim Tour vincendo la tappa di San Benedetto del Tronto,rappresentando in seguito le Marche alla finalissima di Palermo ,dove hanno riscontrato un grande successo.Risultati come uno dei gruppi più votati vengono invitati alla trasmissione “Data Base”in onda su Rock Tv.Nasce a Gennaio 2003 il nuovo Ep contenente il singolo “Dormi e sogna” che vale la partecipazione nella produzione artistica di Luca Bulgarelli(Cammariere) e Alessandro Svampa(De Gregori). Quest'ultimo lavoro discografico è stato possibile realizzarlo grazie alla vittoria della prima edizione di “Concorso” organizzato dalla Provincia di Chieti in collaborazione con la Regione Abruzzo ed è stato presentato durante manifestazione itinerante del TORA TORA festival organizzato dalla Mescal sotto la direzione artistica di Manuel Agnelli leader degli Afterhours con i quali i Mothra hanno condiviso il palco. Prossimamente dopo un periodo di silenzio, uscirà il loro nuovo album intitolato "Tutto è Vanità",seguito da un tour in giro per l'Italia. INFO 338/9667956 www.facebook.com/mothra.cantanocsi

Live di Mothra


Ven 25 Apr SOUL KITCHEN - Fermo (FM) - Italia

SOUL KITCHEN Music club::Food&Drinks VIA DELLE MURA, 26 FERMO INFO: 0734/217206




Live di Mothus


Nessun evento trovato in archivio


MOTION


MOTION Every Action (12K) Giocato quasi interamente su stratificazioni tonali e disfunzioni architettoniche è il secondo disco, sempre su 12K, di Chris Coode nei panni di Motion. Trattasi di materiale elaborato tra il 1999 e il 2004, dove l’inglese assembla campioni di varia natura poi processati secondo l’umore del momento. Un alternarsi di suoni organici, di rumori e di pulsazioni che collassano, informazioni che si susseguono apparentemente senza soluzione di continuità e che creano un feel notturno e onirico da percorrere in un tunnel di atmosfere cangianti. Musica questa che, pur non avendo una presa immediata, riesce ad intrigare quanto basta per incoraggiare ad immergersi in ripetuti e riavvicinati ascolti, alla scoperta di inaspettati tesori emozionali. http://www.12k.com/

Live di Motion


Nessun evento trovato in archivio


MOTION CITY SOUNDTRACK


è' il 1997 quando Joshua Cain (chitarra) e Justin Pierre (voce), poco più che adolescenti, decidono di formare una band. Reduci da varie esperienze musicali, i due ragazzi di Minneapolis, iniziarono a suonare assieme l'anno successivo, scrivendo fin da subito i brani che andranno a comporre il primo EP "Kids For America", uscito nel 2000 e seguito pochi mesi dopo da "Back To The Beat", entrambi autoprodotti. Nel 2002, dopo alcuni cambi di formazione, la band trova finalmente la sua stabilità, che mantiene fino ad oggi. Iniziano così le registrazioni del primo full lenght "I Am The Movie", che verrà pubblicato a metà dello stesso anno. Anticipato dal portale Punk News come un "disco dalla produzione stellare", l'album verrà rilasciato in confenzioni fatte a mano dalla band usando delle custodie per floppy disc. A lato di queste peculiarità da collezionisti, l'album riscuote un enorme successo e consente ai MOTION CITY SOUNDTRACK di raggiungere una discreta fama, tanto che verranno notati da Mark Hoppus dei Blink 182, con il quale entrano subito in studio, impegnati nella realizzazione del nuovo album, "Commit This To Memory", che vedrà la luce nel 2005 e verrà anticipato dal singolo "Everything is Alright", caratterizzato dai featuring con Patrick Stump dei Fall Out Boy e con lo stesso Mark Hoppus. Gli anni procedono tra una tournée e l'altra, e i Motion City Sountrack tornano in studio nel 2007 per registrare i brani che andranno a comporre "Even If It Kills Me", preannunciato come uno dei dischi più attesi dell'anno da diverse riviste e critici del settore. Le aspettative non vengono deluse e l'album, che vede la collaborazione di tre diversi produttori tra cui Eli Janney dei Girls Against Boys, viene considerato come uno dei maggiori successi della band, tanto che otto mesi dopo l'uscita dell'album il gruppo realizza tramite iTunes un digital EP acustico con alcune tracce del disco. L'ultimo impegno discografico è datato 2010 e prende il titolo di "My Dinosaur Life", sancendo la fine della collaborazione con la storica etichetta Epitaph Records, per approdate tra le fila della major Columbia Records. Con questo album la band matura ulteriormente, mantenendo comunque ad alti livelli l'energia creativa che l'ha sempre contraddistinti e che sfocia in questa raccolta di 12 canzoni che si spingono ai limiti del power pop: il primo singolo dell'album, "Disappear", ricorda l'angoscia del rock anni '90 con le sue chitarre e voci smorzate; "Pulp Fiction", scritto durante una pausa in Giappone del cantante Justin, è una intro rock eseguita al pianoforte che mette in musica le avventure di uno straniero lontano dalla sua terra nativa. Nel bene e nel male, i MOTION CITY SOUNDTRACK sono alla costante ricerca di evoluzione, in una continua sfida verso loro stessi sia come musicisti sia come persone che mantengono sempre uno stretto contatto con il proprio pubblico. Ed è infatti attraverso i social network e i canali ufficiali che la band continua a comunicare con i propri fan, anche in questo ultimo periodo che precede la pubblicazione del nuovo album prevista per il 2012. Pare infatti che l'album, già finito di registrare e mixare, verrà pubblicato nel prossimo mese di giugno. Nel frattempo l'unica e imperdibile opportunità per il pubblico italiano di assistere a un loro show è fissata per il prossimo 27 aprile al Live Forum di Assago, alle porte di Milano. L'occasione sarà resa ancora più interessante dalle probabili anticipazioni, in veste live, dei nuovi brani che andranno a comporre il nuovo album della band. www.motioncitysoundtrack.com

Live di Motion City Soundtrack


Nessun evento trovato in archivio


MOTION TRIO


MOTION TRIO Quest'anno i fisarmonicisti polacchi del MOTION TRIO sono stati da noi per una sola data, che però è bastata a farcene assaggiare la forza innovativa e le grandi doti compositive ed esecutive. Mentre ci siamo già assicurati la loro partecipazione all'edizione 2007 di ANDAR PER MUSICA, stiamo finalizzando un tour più ampio per il prossimo mese di luglio. È nostra intenzione riservare una particolare attenzione a questa formazione. Intanto sono disponibili sin d'ora per concerti con date a verificarsi. www.motion-trio.art.pl

Live di Motion Trio


Nessun evento trovato in archivio


MOTLEY CRUE


Nuovissimo “Greatest Hits” per Mötley Crüe in uscita il 6 Dicembre 2011 19 classici che ripercorrono tutta la carriera artistica di una delle band più trasgressive e controcorrente del metal partendo dall'album d'esordio del 1981 “Too Fast For Love” per arrivare all'ultimo disco del 2008 “Saints Of Los Angeles” Il CD contiene tutti i brani più significativi della band e il DVD (solo nella versione DeLuxe) estratti live dal celeberrimo “CRÜE FEST” partito nel 2008 e divenuto uno dei festival rock più seguiti nel mondo. Anticipa l'uscita di “Greatest Hits” la ristampa dell'intero catalogo prevista per il 15 Novembre (info in allegato) I MÖTLEY CRÜE hanno venduto oltre 80 milioni di dischi in tutto il mondo, di cui 25 milioni negli Stati Uniti. www.motley.com

Live di Motley Crue


Nessun evento trovato in archivio


MOTO PERPETUO


La rockband abruzzese dei Moto Perpetuo sarà in concerto sabato 12 aprile presso il "Solnuevo" di Luco dei Marsi, che si trova in via Duca degli Abruzzi. L'inizio è previsto alle ore 23. Si intitola "Tutto normale" il nuovo singolo dei Moto Perpetuo, pubblicato dalle Edizioni Pagina 3. Il brano è stato registrato e mixato presso il Ric & Ary Sound Studio di Avezzano. "Tutto normale" è attualmente programmato dalle maggiori emittenti radiofoniche abruzzesi ed è disponibile in tutti i negozi di dischi. I Moto Perpetuo sono Fabrizio Della Verità (Voce & Chitarra acustica), Domenico Di Girolamo (Chitarre) e Luigi Di Paolo (Batteria). Attualmente, l'ensemble marsicano è ospite di numerosi programmi televisivi e radiofonici di svariate emittenti del Centro Italia. Seguirà nella prossima estate un tour nazionale. In una recensione del 2005, relativa ad un loro demo, era stata messa in luce - come unico neo - la discutibile qualità timbrica della batteria campionata, lacuna colmata in questo disco, in cui la batteria è affidata all'abile Luigi Di Paolo, giunto in formazione in un periodo successivo. Nel 2006 i Moto Perpetuo hanno vinto il Premio "Un giorno insieme - Augusto Daolio - Città di Sulmona" nella sezione "Miglior Musica". Per informazioni si possono chiamare i numeri 340/7865770 e 329/6158675. Lo Space dei Moto Perpetuo è www.myspace.com/motoperpetuoband

Live di Moto Perpetuo


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moto Racer


Nessun evento trovato in archivio


Live di Motoi Kawashima


Nessun evento trovato in archivio


Live di Motopolkablacksamba


Nessun evento trovato in archivio


MOTORAMA


c'era una volta una band chiamata prima Leaders of the Republic e poi semplicemente Leaders. Composta da una manciata di sbarbatelli finlandesi, i Leaders erano – e non gli avresti dato una lira – una riproposizione commovente di quello che sarebbero stati i Joy Division se fossero nati oggi. Dal vivo era come vedere benzina sulle fiamme, poco contavano un'età media di diciannove anni o il fatto che nessuno li avesse mai sentiti prima. Partiva Ballroom is Burning e in due secondi la pista si trasformava in una marea di corpi pulsanti. Ma ovviamente, tutte le cose belle finiscono prima del dovuto. I Leaders si sono infatti sciolti nel 2010 (all'indirizzo http://is.gd/kQqQhQ trovate quel che ne resta), dando vita successivamente ai bravi-ma-troppo-solari French Films. Orfano quindi dei degni successori di Ian Curtis e soci, vagavo sconsolato le tristi lande del web, quando, graziato da una provvidenziale segnalazione, mi sono imbattuto negli eccellenti Motorama. motorama Ora, a me il monicker Motorama fa venire in mente la copertina di So Far So Good di Bryan Adams, ma fortunatamente di tutt'altro sound si tratta. Improbabilmente russi, i Motorama sono la cosa più vicina al sound di Unknown Pleasures che mi sia capitato di sentire dopo i pezzi dei succitati Leaders. Nazionalità difficile da indovinare senza una bio sottomano, pronuncia british impeccabile e sound tipicamente Manchesteriano, con quell'extra melodico in grado di donare un tocco di modernità alle composizioni. Lyrics semplici, a volte forse troppo, ma incisive nei refrain e gradevolmente poetiche. In più tutti i loro dischi (l'album Alps, i due EP Bear e Horse, e i due singoli Ghost ed Empty Bed) sono disponibili in download gratuito sul sito ufficiale. Orecchiabilissimi, emozionanti e insidiosi nel loro stamparsi in mente per giorni, hanno letteralmente monopolizzato le mie playlist di inizio 2012, e realisticamente lo faranno per molti mesi a venire. Imperdibili. Russia – Talitres http://www.wearemotorama.com/ www.facebook.com/wearemotorama

Live di Motorama


Nessun evento trovato in archivio


MOTORAMA


Psychotronic Garage Punk Le Motorama non sbagliano un colpo: beh, ci vuole poco a dirlo dal momento che "Psychotronic is the beat!" è solo il loro secondo album ma a distanza di anni le due ragazze romane dimostrano di non temere cali di entusiasmo e ispirazione. Black and White assesta il primo montante: killer garage e synth drone sopra il livello di guardia. Rispondono una Tiki Tramp che viaggia intorno al mondo Bo Diddley a suon di gemiti e fuzz, e una Tell me! What?! Vicina alle Demolition Doll Rods. Certi brani si nutrono di incalzanti punk riffs (I do as I like) e di turbolenze surf (We Are Here, We Are Hungry), altri invece adottano uno stile più sconnesso (Chinese Blues) fino a ipotizzare estensioni wavy con la superlativa All right! (Kim Gordon approverebbe) e il tragico inno Superalcoholic. Senza contare poi la rivisitazione di Damaged Goods dei Gang of Four. Nulla comunque che non rimanga sotto l'insegna del più sporco e irrefrenabile rock'n'roll. Certamente di diverso registro è la traccia che chiude i battenti, If You Could See Me, slumber party con madame Margaret Doll Rod che si presta al canto. Un po' di (malcelata) quiete dopo i bagordi. www.motorama.org

Live di Motorama


Nessun evento trovato in archivio


MOTORCITY BRAGS


MOTORCITY BRAGS - PUNK/ROCKABILLY/ROCK - COVER Eroi indiscussi del rock n roll moderno, Sex Symbol per una generazione abituata alle faccine pulite e alle magliette di Armani, alchimisti che per primi hanno mescolato il punk con il blues e il jazz, spettacolari sul palco e insopportabili nella vita privata, inarrestabili come una scarica di testosterone; sciocchi e campanilisti, geniali e raffinati, graffianti e sporchi, rumorosi come l'ora di punta del traffico torinese: il gruppo che è stato eletto miglior band italiana del 2005 dal portale svizzero Medazzarock; Il gruppo che ha suonato in carcere, il gruppo che ha suonato ad un raduno europeo di nudisti; Il gruppo che incendia l'audience con concerti esagitati, il gruppo che finisce in tribunale e si dichiara non colpevole; il gruppo che senza etichetta, senza agenzia, e senza uno straccio di talento, ha infilato più di 200 date in tutta europa in poco meno di 3 anni; il gruppo sponsorizzato dalla FIAT, il gruppo da ospedale, il gruppo che "Se te incontro te spaccio" il gruppo che tutti vorrebbero avere ma che nessuno può permettersi, il gruppo italiano segnalato dai Motorhead, il gruppo che in una sera ha bevuto 39 cocktails. www.motorcitybrags.com

Live di Motorcity Brags


Nessun evento trovato in archivio


Live di Motorcity Losers


Nessun evento trovato in archivio


MOTORHEAD


Con un album di successo come "Motorizer", MOTORHEAD hanno chiesto espressamente di tornare in Italia per fare dei propri show da headliner. Negli ultimi anni infatti la band di Lemmy era venuta nel nostro paese solo per il Gods Of Metal o per altri mega show, ma mai con il proprio spettacolo da headliner. E quindi a distanza di diversi anni, eccoli di nuovo tra noi per ben tre shows sul suolo italico! Saranno accompagnati da uno special guest che verrà annunciato a breve. www.imotorhead.com

Live di Motorhead


Mar 24 Giu ALFA ROMEO CITY SOUND - Milano (MI) - Italia

ALFA ROMEO CITY SOUND Ippodromo del Galoppo MILANO INFO 02/63793389 info@citysoundmilano.com www.citysoundmilano.com www.facebook.com/CitySoundMilano




Live di Motorockas


Nessun evento trovato in archivio


MOTORPSYCHO


Pubblicato il 7 marzo 2014, Behind The Sun è il nuovo album dei prog rocker norvegesi Motorpsycho. Come il precedente Still Life With Eggplant, il lavoro è stato inciso ai Brygga Studio di Trondheim, con Reine Fiske alla chitatrra. Altri ospiti sono: Ole Henrik Moe alla viola e Kari Rønnekleiv al violino. Behind The Sun, che esce nel venticinquesimo anniversario dalla formazione della band, è accompagnato da un tour mondiale che tocca anche l'Italia per 4 date. Il 20 gennaio è stato diffuso sul canale YouTube di Stickman un teaser video del brano Where Greyhounds Dare. www.motorpsycho.net

Live di Motorpsycho


Lun 02 Giu LIVE CLUB TREZZO - Trezzo sull'adda (MI) - Italia

LIVE CLUB VIA MAZZINI 58 INFO: 02/90980262 TREZZO SULL'ADDA MI info@liveclub.it www.liveclub.it www.facebook.com/livemusicclub



Mar 03 Giu ORION - Ciampino (RM) - Italia

ORION Viale Kennedy, 52 CIAMPINO RM INFO: 06/89013645 06/54220870 3387638681 www.orionliveclub.com



Mer 04 Giu HIROSHIMA MON AMOUR - Torino (TO) - Italia

HIROSHIMA MON AMOUR 011/3176636 3175427 3174997 VIA BOSSOLI 83 ZONA LINGOTTO STAZIONE TORINO SUD TORINO hma@hiroshimamonamour.org www.hiroshimamonamour.org



Gio 05 Giu VIDIA CLUB - Cesena (FO) - Italia

VIDIA CLUB 0547/662211 349/1914005 348/4073165 335/6251500 VIA NAZIONALE 1130 SAN VITTORE DI CESENA FC www.vidiaclub.com www.vidiaspace.it www.facebook.com/vidiaclub




Live di Motoscooter Zundapp


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mototeru Takagi


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mototeru Yoshizawa


Nessun evento trovato in archivio


Mototrabbasso LULLO MOSSO


Mototrabbasso (Italia Spettacolo di teatro musicale di e con Lullo Mosso Lullo Mosso è un pilota di Mototrabbasso. Il Mototrabbasso è uno strumento-veicolo magico che permette di viaggiare spostandosi tra una canzone e un'altra in tutto il mondo della musica e in tutte le musiche del mondo. Chi lo possiede ha la possibilità di spostarsi ovunque raccontando e cantando i personaggi e i suoni di un viaggio immaginario. Il nostro pilota, quasi condannato al movimento, vaga così nell'universo della musica raccontando storie, esprimendosi in una sorta di grammelot, sotto forma di canzoni, improbabili danze e spericolate evoluzioni. Il perno della sua avventura è la ruota del contrabbasso, dotata di perno ammortizzato, che ridistribuisce all'asfalto il peso di questo anomalo carburante utilizzato da Lullo Mosso per le sue imprevedibili derive. www.myspace.com/ilmototrabbasso

Live di Mototrabbasso Lullo Mosso


Nessun evento trovato in archivio


Live di Motozappa


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mou Lips


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moulinrouge


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mount Eerie


Nessun evento trovato in archivio


MOUNT KIMBIE


Dopo essere stati scelti da The XX come apertura del loro ultimo tour europeo, Dominic Maker e Kai Campos tornano finalmente in Italia per presentare il loro primo album 'Crooks And Lovers' (Hotflush Records), già da molti indicato come uno dei migliori debutti dell'anno in ambito electro-dubstep. Il giovanissimo duo londinese è senza dubbio il nome di punta della nuova scena d'avanguardia inglese, assai apprezzato anche per i loro numerosi remix degli amici The XX e Big Pink... http://www.mountkimbie.com/

Live di Mount Kimbie


Nessun evento trovato in archivio


MOUNTAIN MEN


MR MAT voce, chitarra e stompbox MR IANO armonica e voce Eccitanti e malinconici, profondi e divertenti, intensi e travolgenti. Sono questi gli aggettivi che meglio descrivono il duo franco-australiano dei Mountain Men. Partiti da Chartreuse Mountains, vicino Grenoble, Mr Iano e Mr Mat hanno già venduto più di 15.000 album grazie al “passaparola” costruito nel corso degli oltre trecento concerti realizzati, ma soprattutto grazie alla straordinaria energia che sanno sprigionare nel loro contatto con il pubblico. Riuscendo a materializzare una musica carica di emozione, a ritmo di blues, folk e rock, danno vita sul palco a performance che sono molto più di un concerto: spettacoli di vita, fatti con il cuore e con la testa, dove è possibile sentire l'anima vera dei due musicisti e il carattere primordiale del blues. www.mountain-men.fr www.facebook.com/mountain.men.officiel

Live di Mountain Men


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mountains Men


Nessun evento trovato in archivio


MOUSE ON MARS


Andi Toma e Jan St Warner,il duo tedesco " post techno" in attività da 15 anni sull'asse Dusseldorf/Colonia. I Mouse On Mars sono una delle poche band elettroniche che riescono a rinnovarsi ad ogni progetto e ad ogni concerto.La loro intrigante sintesi di ambient,kraut-rock, techno,lounge è riuscita negli anni a fare convivere l'immediatezza del tessuto rock con le dilatazioni del dancefloor,la ricerca con la piacevolezza dell'ascolto. Mettendosi sempre in gioco, hanno portato la musica elettronica a livelli altissimi, grazie a sonorità che fondono potenza ritmica, frammenti melodici e esplorazioni timbriche; non a caso definiti da alcuni e forse da molti pionieri dell'elettronica tedesca contemporanea e " i veri eredi della lezione dei Kraftwerk "( Muzak Magazine).Grazie alla loro versatilità sono anche autori di progetti di rimusicazione dal vivo di capolavori come "Fata Morgana" di Werner Herzog e "Schatten" di Arthur Robison, e di installazioni multimediali;Fondatori della propria label, la Sonig, producono dischi con gli Stereolab, per dei membri dei Kraftwerk e molti altri. Che dire con una gran carriera alle spalle, riescono nei propri set audiovisivi ad essere sempre imprevedibili. www.mouseonmars.de

Live di Mouse On Mars


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mousse T


Nessun evento trovato in archivio


MOUSTACHE PRAWN


"Come se venissero da lande gelide e brumose hanno usato solo ingredienti anglosassoni D.O.C. Risultato: canzoni “una tira l'altra”, anche per via dell'ottima scelta di scaletta. E' la freschezza che si mischia a quell'energia naturale per cui tutto si può conquistare qui e ora. Ovvio che non tutti i ventenni ce l'hanno: i Moustache Prawn si. “Biscuits” è un disco a cui è davvero difficile muovere critiche." [Rockit] "Un vago riferimento a “La Jetée” (il corto anni '60 che ispirò “L'esercito delle 12 Scimmie”) tiene insieme il bel video dei Moustache Prawn. Un enorme uomo con la testa di biscotto è il protagonista dell'energica “Never Think So Long”, risposta italica al rock secco e pungente di Franz Ferdinand e Arctic Monkeys. Ma con qualcosa di profondamente personale. " [Rolling Stone] “Le undici tracce di “Biscuits” si impongono come attestato inconfutabile di doti non comuni. Il loro futuro ha ottime possibilità di essere luminoso.” [Mucchio] “Il loro è un suono dal taglio internazionale. Offrono la gamma più ampia di sapori che la classica geometria chitarra/basso/batteria è in grado di cucinare.” [Rockerilla] “Biscuits” è uno di quei dischi che servono, che ci vogliono. Uno di quei dischi che ci fanno già pensare che il secondo, il terzo, il quarto lavoro di questo band ci daranno ancora qualcosa di più. Ma per adesso non resta che goderci un album eccellente, una band da seguire con estremo interesse.” [RockShock] www.facebook.com/MoustachePrawn

Live di Moustache Prawn


Nessun evento trovato in archivio


MOUSTAD


Moustad is a scando-/eastwestern-european music protectorate making 20th century happenings. Formed by Tobias Sondén in a light hailstorm in Gothenburg. Joined by Finn Loxbo and Petter Wästberg, and sometimes someone more. http://moustad.com

Live di Moustad


Nessun evento trovato in archivio


MOUTH OF THE ARCHITECT


Lo dichiarano fin dal titolo, questi alfieri dello sludge/post metal statunitense: questo è un disco che cambia le carte in tavola. Per l'attesissimo seguito dell'acclamato "The Ties That Blind" (2006), i Mouth Of The Architect di Jason Watkins, Dave Mann, Steve Brooks e Kevin Schindel (quest'ultimo già bassista degli interessanti metal-corers Twelve Tribes) decidono di ampliare il proprio spettro sonoro e di renderlo più dilatato. E i nostri non deludono. L'apertura del disco è affidata alla title track, e l'impressione iniziale – errata - è che non sia cambiato poi molto nella proposta del gruppo. Arpeggi desolanti, urla dall'abisso, la consueta affascinante commistione di suoni caldi e freddi, a creare il sound che ormai, dopo cinque anni di intensa carriera, contraddistingue i nostri. Già con la terza traccia, "Pine Boxes" ci si accorge però definitivamente che le cose non stanno così. Un break d'atmosfera con parecchia melodia, una struttura stringata, linee di tastiere e sample più efficaci che mai. Mischiando gli ingredienti di sempre in una combinazione nuova, ci si avventura quasi dalle parti di certo raffinato post rock. E gli esiti sono notevoli. "Quietly" continua così, percorrendo avanti e indietro il continuum tra le atmosfere di sempre (i saliscendi emotivi di "Hate And Heartache") ed episodi un po' più melliflui e sognanti come la quasi orecchiabile "Rocking Chairs And Shotguns" o "Generation Of Ghosts", alla quale partecipa in veste di guest vocalist Julie Christmas dei Made Out Of Babies. Senza tradire affatto le loro origini, i Mouth Of The Architect, nel loro terzo full-length, affrontano di petto la materia di un post metal/rock "adulto", sì impegnativo, ma lontano da certe pretenziosità in cui spesso ci si imbatte in questo ambiente, riuscendo ad essere contemporaneamente più accessibili e più complessi rispetto al passato. Carte cambiate, operazione riuscita: ecco un altro bel disco da parte di una band alla quale il costante paragone con gli Isis di "Oceanic" sta ormai un po' stretto. http://mouthofthearchitect.com/

Live di Mouth Of The Architect


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mouthus


Nessun evento trovato in archivio


Live di Movengo


Nessun evento trovato in archivio


MOVIE STAR JUNKIES


Ci sono dei film che prendono spunto da romanzi famosi e ci sono delle musiche che creano delle perfette colonne sonore e che contribuiscono all'immagine stessa di quello che viene ripreso; “Son of the dust” ricalca William Faulkner, è una continuazione musicale della sua ricerca sulla beatitudine trascendentale nel mondo in carne e ossa. Prendete questo disco come se fosse un racconto, ricco di pathos, lungo dieci tracce, con dei personaggi che camminano tra la polvere di un paese dimenticato da Dio con le loro paure e le loro superstizioni. La musica pesca a piene mani dal blues e dal folk, oscura e polverosa, richiamando alla memoria Nick Cave e Leonard Cohen: c'è l'elettricità, c'è la calma dopo la tempesta e la sensazione di malinconia e di vuoto. Un cambio di rotta, certo, dopo due dischi e svariati Ep che combacia con l'approdo dei Movie Star Junkies nella Outside & Inside Records (etichetta dei Mojomatics), sarà un caso? In These Woods Have Ears sembra di sentire una ballata all'A Toys Orchestra, In An Autumn Made Of Gold è un brano blues, rumoroso e il coro fa davvero venire i brividi (Nathalie Naigre, Marie Mourier e Federico Zanatta dei Father Murphy sono gli artefici del chorus); non tutti i brani sono perfetti, la title track e A long Goodbye sono le più carenti, ma la conclusiva How It All Began è fatta da un blues tribale che gira su se stesso, ipnotico e ben fatto. L'album è stato registrato in una stalla del cuneese per dare un effetto live, crudo e sporco, ed è stata a mio avviso un ottima idea: bisogna puntare su sonorità sporche, su brani poco legati alla forma canzone per eccellenza e rendere il tutto il più primitivo possibile. Ci sono degli sciamani in quel del Piemonte e se si giocheranno bene tutte le loro carte, dovremmo stare attenti. www.moviestarjunkies.com www.facebook.com/moviestarjunkies

Live di Movie Star Junkies


Nessun evento trovato in archivio


Live di Movietone


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moving City


Nessun evento trovato in archivio


Moving Fusion


La nascita della scena drum and bass non è recentissima, e sin da principio ci sono state molteplici occasioni nelle quali la bestia underground drum and bass si è espressa. Ma questa volta la bestia è uscita dall'oscurità, e si muove completamente a proprio agio contro le logiche di marketing, nell'oceano underground dove ha di fatto trovato il suo naturale habitat.. Dalla pura violenza musicale degli esordi, il suono dei Moving Fusion è diventato ora più funky, e raffinato. "The start of something" é un album per i dancehall, ma ciò non vuol dire che sia limitato. Tracce come 'Chilli Pepper' e 'Ghost Lane' sono indicative di quanta chiarezza guidi l'azione dei musicisti. Carattere e classe abbondano, credetemi. 'Chilli Pepper' è un autentico pezzo da carnevale con steel drums, maracas e chitarra mariaci, mentre 'Ghost Lane' è pura arena rock anni '80 con un intro atmosferico e riffs di chitarra che urtano. Le influenze più rock sono poi rintracciabili in 'Starsign' e nella rimbalzante e violenta 'Reality' mentre movenze jazz trasudano nella strisciante 'Mean Machine', che riporta alla mente una colonna sonora di un film poliziesco anni '70. Altrove e precisamente in '9 Venoms', assistiamo ad una fusione di un break jazz con una melodia molto funky, dolcemente accarezzata da una vocalità hip-hop fornita da Vankillertwist. L'album vive di contrasti: 'Back to the Future' e 'Battleground', si muovono con drammaticità ed al loro intero risuonano allarmanti melodie di synth trance e spinte electro taglienti.. Il meglio è pero posto in chiusura 'Guy Fawkes' e 'Shadows', entrambe profondamente dure, inesorabilmente spiazzanti e classicamente RAM riaffermano il concetto che la missione dei Moving Fusione è incendiare i dancehall con ritmi sempre più sporchi e hardcore. Concludendo, se già conoscete i Moving Fusion, sarete felici di riascoltare i loro classici rulli di batteria e le loro melodie basse veramente funky e dirette.. Diversamente per tutti coloro che ancora non li conoscono questa é musica perfetta per far muovere il corpo senza stop. Provate questa esperienza con la mente aperta. The start of something? Definitely! www.juno.co.uk/artists/Moving+Fusion/

Live di Moving Fusion


Nessun evento trovato in archivio


MOVING MOUNTAINS


“Waves” esce a quattro anni di distanza da “Pneuma”, disco d'esordio che sull'enciclopedia della buona musica trovate alla “M” di masterpiece. In questo lasso di tempo sarebbe anche uscito un EP intitolato “Foreword”, lavoro che con il primo disco aveva veramente poco in comune, sia a livello stilistico che qualitativo, e che di conseguenza preferisco ignorare. L'attesa per questo secondo lavoro su lunga distanza quindi era legata principalmente alla curiosità di capire che direzione avesse preso davvero una delle band sicuramente più promettenti del panorama indie/alternative. Il disco si apre con “My life is like a chase dream (and I'm still having chase dreams)” e al sottoscritto, sentendola, è venuto un mezzo colpo. Le atmosfere post-rock dilatate e sognatrici sono sparite, la produzione si è fatta cristallina e le linee vocali son diventate non solo più mature per quel che riguarda il timbro, ma anche protagoniste dei pezzi e non più corollario delle melodie in questi contenute. Siamo di fronte ad un pezzo alternative rock da manuale, con tutte le accezioni negative che si possono dare al termine, costruito e finto quanto le grida piazzate qua e là lungo la traccia. Fortunatamente la parentesi iniziale è anche il punto più basso del disco e dalla seguente “Where two bodies lie” si iniziano a risentire i tratti distintivi della band, seppur presentati in una veste del tutto nuova. Le tracce, rispetto al passato, sono decisamente più corte e questo toglie molto spazio alle derive post-rock stile Explosion in the Sky, ma le melodie rimangono tutte e vengono ancora intrecciate sapientemente. “The cascade” rimanda chiaramente agli esordi, con quell'intro arpeggiata e suggestiva, ma per quanto le strutture delle canzoni siano ben congeniate a me resta l'impressione che qualcosa manchi, quei climax che si concludevano in esplosioni di suono e cori ora sono cosa decisamente rara. Il lavoro, in conclusione, ha un respiro molto più rock e decisamente meno lirico, ma presenta comunque picchi di classe notevolissimi e dimostra molte delle potenzialità del quartetto newyorkese. Certo, la rotta è cambiata verso una direzione sicuramente più fruibile e, se vogliamo, meglio vendibile, ma la sensazione non è (quasi) mai di svendita del prodotto, quanto di scelte artistiche più o meno apprezzabili, ma fatte con cognizione di causa. Il risultato è senza dubbio un buon disco e l'averne parlato in modo così critico è più dovuto alle forti aspettative riposte che non sulla reale qualità del lavoro. http://www.myspace.com/movingmountainsmusic http://www.facebook.com/MovingMountains

Live di Moving Mountains


Nessun evento trovato in archivio


Live di Moya Brennan


Nessun evento trovato in archivio


MOZ-ART


CLAUDIO RISPOLI alias MOZ-ART Nato ad Ancona nel '58 dal 74 comincia a fare il dj al New Jimmy locale storico della dolcevita riccionese. Non ancora maggiorenne, era il 76 cominciò a lavorare alla Baia degli Angeli, dove già viveva da anni (la considerava la sua famiglia, creava le scenografie, e ascoltava dischi con i suoi intimi amici e dj Bob Day e Tom Sison.) Quest'anno ha partecipato al Distorsonie Festival al Link e lo si potrà ascoltare al "Remember Baia degli Angeli" alla Baia Imperiale, insieme a Daniele Baldelli a cui ovviamente è legato.

Live di Moz-art


Nessun evento trovato in archivio


MOZAIK


time alla musica dell'Est.I componenti(Andy Irvine, Donal Lunny, Bruce Molsky,Nikola Parov, Rens van der Zalm)sono tutti musicisti di grande talento e stelle di prima grandezza nell’ambito del folk internazionale.Una miriade di influenze per un sound totalmente nuovo. Presentano il CD omonimo,uscito nel 2004.

Live di Mozaik


Nessun evento trovato in archivio


MOZES AND THE FIRST BORN


Legati rigidamente ai dieci comandamenti delle Orecchiabili Canzoni Pop, i Mozes and The First Born sono olandesi, e sono garage pop. Il loro album di debutto ha visto la luce in questo gelido autunno per riscaldare le nostre menti ottenebrate dal gelo! Prodotto da Michel Schoots (Urban Dance School) e anticipato dal singolo "I Got Skills", promette di essere una vera e propria sorpresa nel panorama garage pop indipendente europeo! www.mozesandthefirstborn.com www.facebook.com/mozesandthefirstborn

Live di Mozes And The First Born


Nessun evento trovato in archivio


MOZEZ


MOZEZ E LA CHILLOUT MUSIC di Annarita Mancini Chillout è un genere musicale molto vasto che va dalla musica elettronica a quella downtempo. Nasce dall'esigenza nei primi anni 90 di creare zone chiamate appunto "chillout" situate all'interno di quei locali dove poter rilassarsi dopo essere stati esposti ad elevati ritmi dance. La musica chillout è diventata così la versione moderna di quella chiamata 'ambient' e prenderà poi diverse direzioni fino a toccare generi come il 'trip-hop' ed il downtempo. Molto diffusa in Gran Bretagna, questa musica perennemente in evoluzione toccherà poi sfumature più "sinistre" e dark. Basti pensare ai pionieri di questo genere quali Portishead, Massive Attack e Tricky. La musica Chillout è quindi molto difficile da definire proprio perché copre una vasta gamma di stili fino a comprendere oltre la già citata downtempo electronica, una grande varietà di stili continuamente in evoluzione che toccano sfumature di pop, hip-hop e anche il jazz. Mozez, vero nome Osmond Wright, fa parte di quegli artisti la cui musica è catalogata nel genere Chillout ma principalmente il Downtempo. Si fa conoscere al gran pubblico nel 1996 con il duo up-tempo Spirits ma forse molti lo ricorderanno maggiormente come front man della band inglese downtempo Zero 7. Con loro intorno ai primi anni '90 scrive nei primi due album Simple Things e When It Falls, brani diventati poi famosi in tutto il mondo quali Warm Sound, This World e Simple Things. Il suo primo album da solista So Still uscito nell'Ottobre del 2005 ha visto la collaborazione di artisti quali Guy Sigsworth (produttore di Madonna), Nightmares on Wax e Henry Binns (Zero7). Alcuni suoi brani sono stati utilizzati per colonne sonore di film e serial Tv come Running For Time e CSI Miami. Nel 2011 ha pubblicato un album di re-mixes intitolato Time Out. Nel 2008 Mozez fonda l'etichetta discografica Numen Records e si dedica alla produzione di nuovi talenti tra i quali Mari Conti, con la quale scrive il suo debut album Gentle Beauty di cui ne sarà anche il produttore artistico. Il suo secondo album The Absolute è previsto in uscita per la primavera 2013 e presenta una vasta gamma di influenze musicali combinando il soul ed il jazz-funk in una fusione di stili musicali che vanno dal blues al rock, elettronica, folk, reggae, hip-hop e dance. Il risultato è una miscela inebriante di melodie ed arrangiamenti vocali fantastici. The Absolute ha un approccio olistico e racconta storie di gioie e dolori della vita,di amore e di perdita. Canzoni che esplorano il dilemma della scelta, il compromesso, la speranza, la fede e la libertà. www.mozez.co.uk www.numenrecords.co.uk

Live di Mozez


Nessun evento trovato in archivio


MO’HORIZONS AND THE BANANA SOUNDSYSTEM


I Mo'Horizons dopo 10 anni di onorata carriera e 7 dischi (5 album e 2 compilation) dalla fine degli anni '90 ad oggi, hanno reso popolare in tutto il mondo quel mix personalissimo di latin jazz, funk, soul, boogaloo che molti hanno definito come Mo'horizons style. Da sempre legati al concept del SounSystem in cui djs trovano spazio sul palco insieme a vocalist e musicisti, i Mo'horizons ritornano dopo anni di assenza per far rivivere quell'esotico cocktail sonoro che ha entusiasmato i club di tutto il mondo. http://www.myspace.com/mohorizons

Live di Mo’horizons And The Banana Soundsystem


Nessun evento trovato in archivio


MP'S JAZZY BUNCH


MP's Jazzy Bunch - Marco Postacchini Octet Marco Postacchini: sax tenore Simone La Maida: sax alto Samuele Garofoli: tromba Massimo Morganti:trombone Andrea Solarino: chitarra Emanuele Evangelista: Fender Rhodes Gabriele Pesaresi: contrabbasso Alessandro Paternesi: batteria Il progetto nasce da un idea di Marco Postacchini con l'intento di creare un collettivo capace di piegare le caratteristiche tipiche del combo all'esigenza di formare un jazz contemporaneo e innovativo dal punto di vista del sound e dei contenuti. L'ottetto propone infatti, tra gli altri, brani composti ed arrangiati appositamente per l'organico in questione dallo stesso Marco Postacchini, da Massimo Morganti ed Emanuele Evangelista. La professionalità e la spiccata personalità dei singoli componenti, compagni di lunga data, si fondono all'interno di un lavoro collettivo volto alla ricerca di un risultato che sintetizzi, attraverso un approccio moderno, l'idea musicale di ognuno e la rielabori all'interno di un percorso laboratoriale e di ricerca. La duttilità ed il potenziale espressivo dei quattro fiati, uniti al supporto ritmico di chitarra, rhodes, contrabbasso e batteria costituiscono il mezzo necessario al perseguimento di un risultato musicale nuovo ed attuale. Nel 2010 è uscito “Lazy Saturday”, il primo lavoro discografico dell'ottetto, prodotto dalla Not.a.mi Jazz.www.myspace.com/mpsjazzybunch

Live di Mp's Jazzy Bunch


Nessun evento trovato in archivio


MQUESTIONMARK


Avere due chitarre basso in un gruppo crea una tensione ritmica speciale. Chiaro. Dopo una serie di ep e un primo album dal titolo delizioso, Absolutely Pizza, il trio di Reggio Emilia torna autoproducendo un gioiellino indie pop. Non perdi un minuto ad ascoltare questa mezz'ora abbondante di dialoghi tra bassi con spruzzate di elettrica e accenni di synth. Sono divertenti gli Mquestionmark e abili nel creare vocalità intriganti con l'impadto perfetto delle ugole di Laura Sghedoni (anche uno dei due bassi, l'altro è di Simone Rocchelli) e Luca Verzelloni (che è pure il percussore). Nel disco ci hanno messo il loro talento altri musicisti e tra questi Filippo Rosi (alla chitarra e synth) ha pure deciso di fermarsi e di entrare in pianta stabile nella band. Si deve stare bene da quelle parti nel creare perfette canzoni che giocano sulla velocità. Che non dimenticano mai la leggerezza e che alla prova live dovrebbero definitivame www.myspace.com/mquestionmark

Live di Mquestionmark


Nessun evento trovato in archivio


MR


Live di Mr


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Anonymous


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Arnold


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Baby


Nessun evento trovato in archivio


MR BIG


I Mr Big si formano nel 1988, su idea del bassista Billy Sheehan, a cui si aggiungono il chitarrista Paul Gilbert, il batterista Pat Torpey e il cantante Eric Martin. Seguono con successo il tour al fianco dei Rush negli States. Non perdono tempo e pubblicano A Lean Into It del 1991. Il gruppo ottiene un enorme successo grazie alla hit estratta, "To Be With You" che raggiunge la posizione n° 1 negli Stati Uniti ed il 5° posto in Gran Bretagna. Segue un altro tour britannico, prima che il quartetto decida di pubblicare il terzo album in studio, Bump Ahead. Altre date nel ruolo di headliner li vedono nuovamente in tour nel Regno Unito nel dicembre 1993 con i Forgodsake come supporto. A seguito di queste date, il gruppo passa nel ruolo di supporto ai leggendari Aerosmith in occasione di tre date tutto esaurito alla Wembley Arena di Londra. Gilbert scioglie il gruppo alla fine degli anni Novanta per inseguire la carriera solista; al suo posto arriva Richie Kotzen con cui viene pubblicato GET OVER IT (2000) e ACTUAL SIZE (2001). 
Nel maggio 2008 alla House of Blues di Los Angeles, i Mr Big si ritrovano per celebrare la reunion. A vent’anni dalla loro nascita, tornano insieme i Mr Big: i quattro grandi della musica internazionale sono tornati sui palchi con un tour giapponese andato in sold out in pochissimi minuti ed è questo incredibile successo ad aver spinto Eric Martin, Paul Gilbert, Billy Sheehan e Pat Torpey a organizzare in breve tempo anche un tour europeo che toccherà tutte le più grandi città dell’Europa continentale. www.mrbigsite.com

Live di Mr Big


Nessun evento trovato in archivio


MR BIZARRO & THE HIGHWAY EXPERIENCE


Mr.BIZARRO & the HIGHWAYEXPERIENCE Rock'n'roll adrenonoise from Venice-Italy- Rock, indie, post-punk, noise, stoner, metal, lo-fi??? Devastazioni, follia, cinema, festa??? Si, si si. Tutto questo e molto di più: MrBizarro & The Highway Experience. Attivi fin dal 2002, dopo un promo omonimo e un lo-fi album intitolato "WhiteStarKillers" (Lunaregistrasuoni'03), svariate partecipazioni a compilation, trasmissioni radio e TV e quasi un centinaio di concerti in tutto il territorio italiano e non solo, i MrBizarro hanno pubblicato il loto terzo lavoro dal titolo "Hello Hell" per l'indie label varesina Midfinger Records di Samuele Franzini, mediante un innovativo web-package scaricabile gratuitamente dal sito www.midfinger.net (ottobre2005). In quattro anni di attività e numerosi cambi di line-up, la band veneta e' riuscita a crearsi un vero e proprio spazio all'interno del fitto sottobosco musicale italiano, supportando e condividendo il palco con amici come ODM, Giardini di Mirò, Motorama, Linea77 e band di fama mondiale come ZU, Black Rebel Motorcycle Club, Nashville Pussy, Hardcore Superstar e tantissimi altri ancora. Un live set d'impatto, amplificaotri a palla ed energia, urla e rumore, il tutto condito dalle solite "bizarrate"... Un live che i MrBizarro hanno proposto pure all'edizione 2005 dell'HEINEKEN JAMMIN' FESTIVAL di Imola, aprendo la giornata che vedeva la partecipazione di band come Velvet Revolver, Billy Idol, Oasis, Mercury Rev e che ha riscosso ottime critiche anche oltre i confini nazionali, quando i bizarri sono stati coinvolti nei Midfinger Party al Water Rats di Londra (ottobre2005) e al White Trash di Berlino (maggio2006). Il 2006 e' stato un anno molto "ricco" per i bizarri impegnati sia sul fronte dei live, sia sul fronte dello studio: infatti i bizarri hanno dato da poco alla luce le registrazioni di 12 brani che andranno a costituire l'album d'esordio (uscita prevista nei primi mesi del 2007) per Midfinger Records/Warner Chappel e sarà distribuito nei negozi da Venus. Nei primi giorni di marzo e' uscito "SAVE US" Ep, dei MrBizarro & The Highway Experience. Piccola anticipazione di quello che sarà l'album di debutto della band, 3 nuove canzoni (tra cui una e'la sigla di un noto programma di cabaret televisivo veneto) scaricabili on line completamente gratuite su www.midfinger.net! take a look! Per ulteriori informazioni visitare il sito www.mrbizarro.too.it www.myspace.com/mrbizarrothehighwayexperience www.midfinger.net www.myspace.com/midfingerrecords MRBIZARRO BOOKING BY IURI iuri3000@libero.it 328/426.58.58

Live di Mr Bizarro & The Highway Experience


Nessun evento trovato in archivio


MR BOBCAT


Il sound dei Mr. Bocat è caldo e avvolgente, allo stesso tempo ritmicamente pieno e pacifico nell'atmosfera, come si addice al genere roots reggae che caratterizza le loro esibizioni. Il carismatico frontman Roberto Gatti richiama lo stile di Marley non solo nella voce, inconfondibilmente modulata sulla sua, ma anche nelle movenze sul palco, capaci di trascinare il pubblico in un'onda irrefrenabile. Le due coriste Anna Diana Sanhueza e Chiara Garavaglia lo accompagnano e sostengono aggiungendo la carica di sensualità e dolcezza che caratterizzava le I-Threes. www.facebook.com/MrBobcatTheYouth

Live di Mr Bobcat


Nessun evento trovato in archivio


MR BOOP


I MR BOOP nascono nel 2008 nella città di Alba Adriatica da un' idea del frontman Alex Bopp autore di musiche e testi. Ad Alex si uniscono il bassista Luca Riga ed il batterista Igor Piccioni, formando cosi' il nucleo portante della band. Per la realizzazione del primo album vengono chiamati come ospiti musicisti locali provenienti da diverse situazioni ma accomunati dalla passione per il Southern Rock. Nel 2009 la S. Matt Family pubblica finalmente il primo lavoro autoprodotto “Still the Same…” ottenendo immediatamente un contratto con l'etichetta romana Revalve Records per la promozione e la distribuzione on-line dello stesso. Ottime le recensioni che ne seguono sulla stampa specializzata e sulle web-zine del settore. Nel 2012 entrano nella band i chitarristi Emanuele Perilli e Gianmarco Renzi, già guest guitarists durante la registrazione del CD. La S. Matt Family e' pronta a mordere! Nel 2011 viene girato il primo videoclip della band tratto dal singolo “Nobody”. Il videoclip viene incluso nella ristampa di “Still the Same…” e raggiunge un alto numero di contatti sui canali a tema quali YouTube. L'attività live prende subito piede per la promozione dell'album toccando diverse Città e permettendo alla S. Matt Family di dividere il palco con gruppi ed artisti affermati della scena Rock italiana ed internazionale. Nel 2012 aprono, infatti, per il bassista americano Marco Mendoza (Thin Lizzy, Whitesnake), per il chitarrista storico di Vasco Rossi Andrea Braido e per lo storico chitarrista degli Europe Kee Marcello. Nello stesso anno la line-up si stabilizza con l'ingresso come chitarra solista del giovane talento Emanuele Carulli, il quale si affianca al già “rodato” Gianmarco Renzi alla chitarra ritmica. La costante attività live e di promozione attira l'attenzione della RAI, infatti il TG3 locale dedica un ampio servizio alla S. Matt Family nel Maggio 2012. La band è ora concentrata nella stesura di nuovi brani e nella programmazione del tour estivo per la promozione dell' album “Still the Same…”. Gli ingredienti sono caratterizzati da un' abbondante dose di spirito libero, tanto cuore ma soprattutto…tanto 

Live di Mr Boop


Nessun evento trovato in archivio


MR BRACE


MR. BRACE::. Il "Brace" scrive canzoni e resta folgorato prima dal nuovo cantautorato americano (Bonnie Prine Billy, Sparklehorse) e poi da quello tradizionale nella persona del leggendario Hank Williams. Le canzoni dei mr.Brace parlano di vita, morte, speranza, rapporti, noia, incontri, illuminazioni e di quella che è l'universale quotidianità. Dopo alcune date insieme ai compagni d'etichetta (TAFUZZY) e a fronte di sempre maggiori consensi, i Mr. BRACE si rinchiudono per tutto l'arco dell'autunno-inverno 2004 e preparano i pezzi per il nuovo lavoro che vedrà luce nel novembre 2005 (dal titolo: “Salvate il mio maglione dalle tarme”). Lo spettro di influenze pur rimanendo nell'area cantautorale country-folk americana si amplia includendo jazz e musiche di altre tradizioni (di ispirazione saranno il Chet Baker cantante e il Tom Waits più scalcinato). I testi proseguono la ricerca sulle tradizioni, le radici popolari (confondendo sempre più quelle americane, nere o bianche che siano, con quelle italiane-romagnole) alla ricerca di nuovi simboli, nuove associazioni di idee antiche, nel tentativo di ritrovare il solito nuovo antichissimo linguaggio per la modernità. infos: www.myspace.com/mrbrace

Live di Mr Brace


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Brown Idiot


Nessun evento trovato in archivio


MR BROWNSTONE


I Mr. Brownstone nascono nel 2005 dall'incontro di cinque musicisti il cui denominatore comune è una forte passione per l'hard rock. Dave (voce) Montz (chitarra ritmica) Rebelot (Chitarra solista) Betty (Batteria) e Stee (basso). Dopo un lungo lavoro di ricerca sulla sonorità e la presenza scenica, il gruppo propone uno show di grande spettacolarità e originalità in piena atmosfera Guns 'n Roses, per far rivivere l'atmosfera dei mitici tour che hanno fatto la storia dei loro anni d'oro!! Uno show che non deluderà i nostalgici dell'hard rock e che coinvolgerà chiunque abbia voglia di scatenarsi al ritmo del maledetto rock 'n roll! www.myspace.com/mrbrownstonegnrtribute

Live di Mr Brownstone


Nessun evento trovato in archivio


MR BURNS


Mr.Burns tributo al sound di Seattle Capita a volte di imbattersi in rare formazioni che, nonostante stiano percorrendo una propria e ben definita strada musicale, scelgono di cimentarsi in qualcosa di diverso per un periodo più o meno breve. Così è per i Mr.Burns, (alter ego della band che risponde al nome NEROAVORIO) Alice in chains, Pearl Jam, Soundgarden, Stone Temple Pilots e altre bands più o meno note, concedendosi talvolta piacevoli digressioni in "altri spazi" (Red Hot Chili Peppers, RadioHead, Incubus, per citarne alcuni). Un concerto raccolto e di atmosfera che sorprende, però, per una inaspettata carica ed energia che non fa rimpiangere le chitarre elettriche. L'impronta della band, senza tradire lo stile dei brani originali, emerge forte in alcuni arrangiamenti, che sembrano rivelare nuove colorazioni ed atmosfere in brani più che noti. Un progetto ben definito ed efficacie, ma ricco di sfumature. - SUONANO: venerdì 23-12-05 all'AREA51 di riccione - www.mrburns-music.de

Live di Mr Burns


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr C


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Dorgon


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Dorgon Vs Greg Kelley


Nessun evento trovato in archivio


MR HENRY


MR. HENRYMR. HENRY Mr. Henry è un cantautore di Varese che esordisce con un lavoro attraverso il quale prova a trasporre in musica le quattro fasi crepuscolari della giornata (Early Morning, Sunset, Evening e Late Night). Le canzoni scelte per rappresentare ciascuna delle suddette sezioni si avvalgono del supporto dei Midwest e di Loris Antoniazzi (pianista dei Bartòk) e poggiano sulla chitarra e sulla voce di Mr. Henry. Quattordici ballate alla nicotina, pastose, brumose e abbastanza caratteristiche, ma non sempre capaci di appiccicarsi addosso all'ascoltatore. www.mrhenry.com

Live di Mr Henry


Nessun evento trovato in archivio


MR HUDSON & THE LIBRARY


MR HUDSON & THE LIBRARY. La band inglese rappresenta, con il suo sound intriso di jazz, ska e R n’ B, un altro esempio di come si possa arrivare al grande pubblico pensando innanzitutto alla qualità della propria proposta. Il primo singolo ‘Too Late’ tratto dal disco ‘A Tale of 2 Cities’, uscito il 19 Febbraio in Inghilterra, ha immediatamente riscosso grande successo. Il brano è già entrato anche nell’air play radiofonico italiano. Mr Hudson & The Library è un progetto nato un anno fa dalla decisione di Mr Hudson (unico compositore della band) di portare sui palchi inglesi la propria musica: nascono a tal proposito The Library, formati dall’amico di vecchia data Mapps Haxley (basso), TJ (piano), Wilkie Wilkinson (batteria) a cui si aggiungerà più tardi Joy Joseph, jolly della formazione. www.myspace.com/mrhudson www.mrhudsonandthelibrary.com

Live di Mr Hudson & The Library


Nessun evento trovato in archivio


MR JIMMY & THE TEQUILA CONNECTION


Mr Jimmy & The Tequila Connection la differenza tra il passato e la storia. Mr Jimmy voce e chitarra acustica - Pedro Mcfarland chitarra elettrica e cori - Alexia Malone basso e cori - Bruce Ketta batteria MrJimmy Si sa molto poco di lui, leggenda narra che sia stato capotecnico nel tour di Sticky Fingers degli Stones, altri raccontano che non abbia genitori ma si sia fatto da se, altri ancora dicono che abbia cantato con i Beatles ma era troppo bravo e fu licenziato. Altri infine l'hanno visto aggirarsi nei camerini di Bob Dylan durante il suo celeberrimo tour in Cina dove ha conosciuto una, all'epoca sconosciuta, Alexia Malone. E' la voce solista di questo strepitoso gruppo the Tequila connection Pedro McFarland Nato e cresciuto in Catalogna, figlio di immigrati irlandesi, il padre giocava a calcio nella cantera del Barcellona e la madre gestiva un bordello sulle Ramblas. Una delle prostitute presenti ebbe una relazione con il figlio illegittimo di Mick Jagger, fu lei ad insegnargli i primi rudimenti sessuali e chitarristici, molto piu' famoso per i secondi che per i primi. Da anni accompagna nelle scorribande rock il suo fedele socio Mr Jimmy. In questa band si occupa di tutto cio' che e' chitarra elettrica e di supportare ai cori la strepitosa voce del suo socio, oltre che di organizzare improbabili pranzi ad orari assurdi con il resto della band. Alexia Malone Bassista di fame internazionale ha girato, con il suo fedele strumento, tutte le regioni del terzo mondo per portare cibo agli affamati, dopo l'ultimo, lunghissimo tour in India, Darfur, Zimbabwe ed Etiopia e' tornata in Italia, suo paese d'orgine, per unirsi ai Tequila Connection, su esplicita richiesta di Mr Jimmy che aveva conosciuto nei camerini di un tour di Neil Young. Bruce Ketta Batterista italo-americano, ha suonato nei peggiori bar di Caracas, nei migliori pub di Tokio, nei medi saloon di Nashville senza aver mai preso un aereo in vita sua. Molto conosciuto per essere pluripremiato alla sagra della porchetta che ogni anno si celebra ai castelli romani, eclettico, mancino, rompiscatole. E' diventato vecchio collezionando vinili per poi criticarli ad ogni nota.

Live di Mr Jimmy & The Tequila Connection


Nessun evento trovato in archivio


MR JUMP


MR. JUMP (cover pop rock dance) www.misterjump.com

Live di Mr Jump


Nessun evento trovato in archivio


MR OCCHIO & his imaginary friends band


Hard boiled LP 12" Brani tradizionali della cultura delta blues, brani originali in italiano e francese e due omaggi alla tradizione italiana, "Guarda che luna" di Fred Buscaglione e "Super Market" di Lucio Battisti. That's Rock! 12 tracce per mezz'ora di r'n'r / country / blues / gospel. Contatti mySpace e Facebook: www.myspace.com/mrocchioonemanband

Live di Mr Occhio & His Imaginary Friends Band


Nessun evento trovato in archivio


MR PHIL


MR. PHIL CHI E' - Dj/Produttore d'adozione Romana attualmente considerato come uno dei nuovi talenti piu promettenti della nuova scena hip hop Italiana. IL DISCO - 'Guerra Tra Poveri', dopo vari progetti arriva il suo primo album ufficiale, uscito da poco per Vibra Records. INFO - Ha collaborato con numerosissimi artisti tra cui: Afu Ra, Amir, Bassi Maestro, Colle Der Fomento, Dj Double S, Ghemon Scienz, Jeru Da Damaja, Lord Bean, Manero Il Turco, Maylay Sparks, Mista e tanti altri...... Mr.Phil viene oggi considerato come uno dei club dj piu esplosivi del panorama hip hop Italiano. Vanta un esperienza pluriennale che l'ho porta a suonare come dj resident e special guest in alcuni fra I locali piu belli ed esclusivi della penisola, e non solo. Come producer Mr.Phil vanta una discografia vasta con partecipazioni di molti fra I gruppi ed Mc piu potenti della scena nazionale, ed internazionale, tra cui; Colle Der Fomento, Monod Marcio, Club Dogo, Bassi Maestro, Amir, Maylay Sparks, Afu Ra e Jeru Da Damaja di New York. La sua continua presenza sui media testimoniano il fatto che Mr.Phil e attualmente uno dei dj/producer piu dinamici e richiesti della scena hip hop italiana. Ha collaborato a numerosi eventi Red Bull, Fendi, Virgin Airlines, MTV e Burton, oltre ad'aver suonato accanto a personaggi del calibro di Kanye West, Dj Camilo, Dj Cut Killer, Dj Kool, Dj WhooKid, Fish, Dj Double S, Dj Joss, Tony Touch e Dj Mystique. Il suo impegno nella produzioni a catena di mixtape, programmi radiofonici, e altri lavori come produttore stanno aiutando ad incrementare la sua reputazione come uno dei dj piu promettenti della scena italiana. Il suo djset miscela I classici del hip hop e r'n'b con le ultime hit da classifica, passando attraverso i ritmi contagiosi della dancehall creando un sound vario, dinamico ed indimenticabile. "Kill Phil", mixtape uscito nell'estate del 2005, rappresenta il suo esordio "solista", dopo i lavori realizzati in connubio con Amir. "Kill Phil", titolo e grafica ispirati al quasi omonimo film-cult di Tarantino, 22 tracce + 1 bonus track, oltre 75 minuti di musica, svariati ospiti al microfono; Mr Phil si occupa dell'intero aspetto produttivo, unendo ai compiti del beatmaker anche il mixaggio e la masterizzazione: l'intero lavoro è stato concepito e realizzato infatti nel suo CitySound Studio. Phil conferma ed accresce la buonissima impressione suscitata nelle sue uscite precedenti: sostenere un lavoro di questa durata con una tale personalità è sicuramente indice di grande talento. Le basi di Phil ricordano vagamente quelle del primo Friz: semplicità ed essenzialità le due prerogative basilari del suo sound, in contrapposizione con la tendenza attuale a "farcire" le strumentali con mille suoni inutili e caotici. Ottimo gusto nella scelta dei campioni, tagliati a volte in maniera minimalista, coniugato alla capacità di farli suonare in maniera "grassa e corposa": il campionatore ha sempre un suo perché.

Live di Mr Phil


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Pitiful


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Projectile


Nessun evento trovato in archivio


MR QUICK


Mr.Quick “story” - Da tempo Devis Tagliaferri e Fabrizio Tarroni avrebbero voluto “saltare” sui palchi in versione Funk/Rock, dove scaricare un po’ di energia attraverso il suono valvolare di una “fender al ginocchio” e la “voce nervosa” di un carismatico cantante (situazione insolita per un Fabrizio Tarroni, abituato al “DUO” con John De Leo -voce del QUINTORIGO- o Serena Bandoli.....arrivando al suono pulito del Jazz nel Faxtet). Così alla fine dell’estate 2000 incontrano Marco Dirani, virtuoso bassista Funk (che con la sua professionalità, riesce a limitare addirittura il suo virtuosismo sullo strumento!) ed Enrico “Live” Liverani, geniale batterista dalla “pacca” inconfondibile sempre pronto a nuove sperimentazioni (sei i gruppi attualmente in cui suona). Da questa fusione nasce il progetto Mr.Quick ... sui palchi, per trasmettere adrenalina con i brani più “Fuck/Funk/Rock” degli anni 90/2000/2001 e 2002, con arrangiamenti personali e versioni insolite di artisti che hanno segnato la storia della musica (Cake, Spin Doctor, Red Hot Chili Peppers, Radiohead, Lenny Kravitz, Living Colour, President of the USA, Freak Power, Buckcherry, Ben Harper, Reef, Blur, Creed, Nichelback, Incubus, Stereophonics...). www.fabriziotarroni.it/mrquick.htm - www.fabriziotarroni.it - tel. 347/2355304 (Fabrizio) - tel. 0546/681819 (Faredollars/Tratti).

Live di Mr Quick


Nessun evento trovato in archivio


MR QUINTRON


Il mitico performer tastierista psichedelico e il suo show lisergico pazzoide www.quintronandmisspussycat.com

Live di Mr Quintron


Nessun evento trovato in archivio


MR SATURDAY NIGHT SPECIAL - Lynyrd Skynyrd Tribute Band


Dopo il bagno di folla alla festa all'Independence Day Party alla base Americana di Napoli, torna a giocare in casa (ma non ancora a San Siro) la storica band milanese pre-"tribute band era", che rievoca con passione e precisione filologica, ma senza ridicoli scimmiottamenti, le atmosfere della leggendaria cult band dei Lynyrd Skynyrd, la preferita da Jack Nicholson e la più citata nella storia del cinema americano. Un doppio cd ufficiale ottimamente recensito dal Buscadero. Le canzoni di Ronnie Van Zant, che in America conta quanto Abramo Lincoln, sono presentate anche in versione unplugged e riarrangiata. www.myspace.com/mrsaturdaynightspecialband www.lynyrdskynyrdtrybute.it

Live di Mr Saturday Night Special - Lynyrd Skynyrd Tribute Band


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr Soul


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mr T Experience


Nessun evento trovato in archivio


MR TOKIO & THE BEAT GOES ON


Mistertokio biografia Dopo la lunga militanza durata undici anni nella cult ska band torinese Statuto, Alex Loggia lascia il gruppo per dedicarsi ad un tipo di sonorità più rivolte al soul ed il funk con una band denominata "Il Santo". Nel 1999 vede la luce il primo ed unico singolo de il Santo dal titolo "Via di qua" pubblicato per la Sony music, che riscuote un buon successo da parte della critica giornalistica specializzata. Nella primavera del 2000 il Santo viene contattato dallo staff organizzativo di Paul Weller per aprire i concerti della tourné acustica del ModFather. Nel 2001 prende forma il progetto , Mistertokio &The Beat Goes On del quale esce un album di cover di brani soul riarrangiati in chiave rock-steady dal titolo "The Summer Sessions" ottenendo un buon riscontro di pubblico nelle esibizioni live. La recente pubblicazione del disco "Keep on Fightin'" ha visto coinvolti nell'mpresa, l'immancabile Oscar Bruno alla batteria da sempre braccio destro di Alex, Rudy Ruzza bassista storico degli Statuto, Mike Painter, hammondista della mod-band Four By Art, Andy Mc Farlane degli Hormonauts, Enrico Delaurenti, al trombone, Roberto Ferro alla tromba, Nicola Tonso, jazzista e collaboratore di Gianni Basso, Daniele Casetta e Davide Cuccu alle tastiere. www.mistertokio.com www.myspace.com/mistertokio

Live di Mr Tokio & The Beat Goes On


Nessun evento trovato in archivio


MR VEGAS & THUGZ BAND


Clifford Smith, conosciuto meglio come MR.VEGAS, ha sviluppato la sua affinità per la musica fin dall'adolescienza. Inizia vociando un brano del riddim Playground per il produttore Jeremy Harding, e da subito entra nel giro grosso del reggae business giamaicano. Ambizioso e subito giudicato bene dalla critica mondiale, Vegas scrive subito il singolo "Nike Air". Segue, nel 1997, "Heads High", un successo planetario, e inizia a produrre le sue canzoni con l'aiuto dei mixer analogici Midas. "Heads High" diventa il suo singolo più venduto, in heavy rotation sulle radio più commerciali del mondo e approda nei palinsesti di MTV. L'album omonimo fa il giro del mondo e si fa notare come il disco dancehall più richiesto dai Sound Systems di tutto il pianeta, sfornando singoli su singoli : "Jacket", "Sweet Pineapple", "Everywhere I go", e vince a stretto giro il Best Reggae Artist Award. Grazie a questo riconoscimento, il suo fan club si allarga a tutti gli Stati Uniti e al Regno Unito. Per consacrarsi, rilascia subito il disco "Damn Right", mescolando il sapore hip-hop e R&B nei singoli da alta classifica "Girls Time", "She's a Ho" e "Hot Gal Today", dove collabora addirittura con Sean Paul. "Hot Gal Today" fu votato addirittura come la "combination" più riuscita di tutti i tempi dal noto Vibe Magazine, e vedendo crescere sempre più la sua popolarità, si trasferisce a Los Angeles dove fonda l'etichetta indipendente Delicious Vinyl Vegas, e pubblica il suo terzo album, "Pull Up". Il brano omonimo nasce dalla riddim Coolie Dance, e consacra Mr.Vegas come star mondiale della dancehall. Diventa numero uno incontrastato in giamaica, i suoi video sono sempre molto creativi e la comunità dancehall lo riconosce come guru assoluto del genere. Ogni anno è headliner dei festival reggae più importanti del mondo, come Guinness Sting, Red Stripe Reggae Sumfest, Fully Loaded, Reggae e Rototom Sunsplash. Così approda in Europa, già famoso e stra-acclamato, e ovviamente non mancano i tour mondiali che arrivano fino in Giappone. Nell'agosto del 2007 pubblica il suo ultimo album, sempre sotto Delicious Vinyl / Fontana, e si chiama "Hot it up", i suoi singoli diventano jingles di spot pubblicitari programmati anche sulle televisioni nazionali italiane, e mantiene un format ed una presenza sempre di altissimo profilo ed eleganza nello stile. Mr.Vegas è inoltre promotore e produttore costante di artisti dancehall emergenti, dando loro un sacco di opportunità per farsi conoscere alla massive mondiale. Intrattiene il pubblico con produzioni reggae sempre di altissimo livello, e spinto dalla sua immortale passione, continuerà per sempre a dominare di forza l'industria ed il mercato della musica Reggae in tutto il mondo. www.mr-vegas.com www.myspace.com/mrvegas

Live di Mr Vegas & Thugz Band


Nessun evento trovato in archivio


MR WHITE RABBIT


Un connubio di pop, rock, brit-music è ciò che da vita all'anima del combo Milanese MWR. L'allegrezza dei brani più brillanti e spensierati e la melanconia delle più dolci e melodiche ballad caratterizzano un sound fortemente radicato sulla scuola dei grandi maestri Inglesi, ma proiettato oggi negli stilemi del terzo millennio! Il progetto vede la luce nel 2003, nell'area del Sud-Ovest Milanese, dall'incontro di Federico Marin (classe '87, cantautore - chitarrista) e Roberto Paladino (anch'egli classe '87, cantautore - bassista). Il duo comincia a produrre del materiale inedito e a sperimentare nuove sonorità partendo dall' unione delle personali influenze musicali. Nel 2004 avviene l'incontro con Larsen Premoli, che inizierà ad occuparsi della produzione del materiale della band. Dopo un lungo lavoro di stesura, scelte stilistiche degli arrangiamenti e delle sonorità, i brani sono pronti per essere incisi: è l'estate 2005, e Larsen presenta a Fede e Robe, Edoardo Vannucci, batterista coetaneo al duo che entra a far parte del gruppo. La band prende ufficialmente il nome di "Mr White Rabbit" e nel mese di Luglio entra ai LarsenProjects Studios per la realizzazione del primo EP. La produzione artistica dell'album sceglie di affidare all'attuale LineUP l'esecuzione delle parti: quindi Fede (Vocals & Guitars), Robe (Vocals & Bass), Ed (Drums); dell'incisione delle parti di tastiere si occupò lo stesso Larsen. Durante l'inverno 2005 vengono incisi altri 5 brani, che uniti agli 8 già prodotti danno vita al primo demo-album in lingua inglese "Follow me". Nel periodo che segue la band consoliderà il quartetto con Alessio Buongiorno tastierista e terza voce della band che porterà l'ingrediente mancante all'attuale alchimia del BianConiglio. Nel Dicembre 2006 Vengono incisi i primi 5 brani in lingua Italiana, 4 nati dalle precedenti versioni in lingua inglese, e uno "ex-novo"; ed è proprio del brano "ancora tu" che, nel febbraio 2007, viene realizzato un nuovo videoclip-demo sempre sotto la regia di Livio Di Miceli che già aveva realizzato il videoclip di Similar to Love! Dal 2007 la proposta in Italiano, anche grazie ai VideoClips autoprodotti, viene fortemente apprezzata raggiungendo un vasto numero di consensi sul portale MySpace e sul sito LucaVenturiCasting, mettendo così in mostra la band fino a giungere agli occhi e alle orecchie dell'omonimo produttore Luca Venturi (CMP) e della major multinazionale WarnerMusicItaly. Comincia cosi la collaborazione fra MrWhiteRabbit e questi due pilastri della discografia Italiana con la conseguente produzione del primo singolo “Wonderful” che, oltre ad essere pubblicato in tutta Italia il 22 giugno '07, avrà la potenzialità di essere la colonna sonora di un prestigioso film di animazione internazionale: “The Reef” - un film sull'onda di “Finding Nemo” e “Shark Tale” - è la pellicola che in Italia avrà come colonna sonora i brani del BianConiglio, in programmazione in tutte le sale dal 29 giugno 2007! Di Wonderful verrà girato un videoclip, con il supporto tecnico della grandissima casa di produzione "RunMultimedia", presso il parco-divertimenti CanevaWorld e vanterà la regia di Gaetano Morbioli . www.mrwhiterabbit.com

Live di Mr White Rabbit


Nessun evento trovato in archivio


MR WILSON


Nuovo disco per i Mr. Wilson Annunciato nei mesi scorsi, è arrivato il terzo cd dei Mr.Wilson. Il disco contiene nove canzoni ed è stato registrato e mixato a Vicenza da Harabe. Nel cd hanno suonato anche Sbibu (Farabrutto), Alessio De Antoni (Neptune/Novità da Plutone), Fabio Dalla Bernardina (Jacinto Canek) e Luca Dal Lago (Lymph). Particolarmente importante l'apporto di Rosaida Benini (autrice dei dipinti di copertina) e di Stefano Torregrossa (progetto e realizzazione grafica). Il disco viene presentato dal vivo a partire da marzo, attraverso vari concerti e occasioni dal vivo a Verona, Brescia e dintorni. In concerto i Mr.Wilson propongono l'intero disco, brani inediti e alcuni brani cover riarrangiati. In occasione della pubblicazione di "Mr.Wilson", viene ristrutturato anche il sito http://www.mrwilson.it , curato da Marzio De Franceschi, attraverso il quale sarà possibile trovare tutte le informazioni relative ai mr.wilson e acquistare tutto il materiale. http://www.myspace.com/mrrwilson http://www.mrwilson.it/index1.php

Live di Mr Wilson


Nessun evento trovato in archivio


Mr WOB & The CANES


La band nasce il 3 Dicembre 2012 (con un concerto in un'osteria perduta tra le nebbie della campagna veneta) dalle esperienze di tre (ahinoi) musicisti, i quali convergono sull'idea di creare un trio di Blues cercando di recuperare quanto di africano, haitiano, misterioso e fuorischema ci sia nel Blues. Da qui il nome di Voodoo Blues. Dopo qualche periodo di studio, Mr. Wob & The Canes cominciano a proporre il proprio sound a partire da Venezia, loro patria, per poi muoversi a zonzo per il nord Italia. Dall'Emilia al Trentino, dalla Toscana alla Lombardia, questi "stagionati" musicisti, hanno deciso di portare in giro un modo diverso di fare il blues collezionando in un anno di attività circa 50 concerti (non molti ma un buon inizio) fino alla registrazione del loro primo album "Invitation to the Gathering" dove trova una prima realizzazione la loro ricerca. Si tratta di un album che mescola il fife&drum style del Mississippi con i ritmi primitivi del Blues senza dimenticare tributi stilistici alle esperienze più classiche del blues e le sue trasformazioni più moderne. In poche parole, il nostro è un blues da ballare, da cantare, nato per essere un vero e proprio invito a radunarsi e festeggiare. http://www.reverbnation.com/mrwobthecanes

Live di Mr Wob & The Canes


Nessun evento trovato in archivio


MR. JACK - Tributo ai Sistem Of A Down


In genere un po’ tutto il rock ed il metal hanno solcato la vita di ognuno di noi in modo differente ma decisivo. Per noi che veniamo da situazioni e band diverse, c’è stato qualcosa che ci ha accomunato e ci ha permesso di realizzare il progetto “ MR. JACK”. Band come Iron Maiden, Pearl Jam, Metallica, Led Zeppelin, Deep Purple, ACDC, Kiss, Korn, Beatles, The Who….e chi più ne ha più ne metta, sono stati la nave scuola di un pò tutte le rock band contemporanee e passate. Tuttavia…. i S.O.A.D. ci hanno permesso di sperimentare cose mai suonate prima, un genere, osiamo dire, che sta in tutti i generi ma che non è nessuno di essi. Sonorità che non si sentono tutti i giorni, con fasi psicotiche alternate a miscellanee di stampo “ghotico”, ritmiche devastanti, pause sonore di rigoroso silenzio, il tutto sostenuto da distorsioni molto pesanti e timbriche originarie di paesi alle quali le nostre orecchie non sono abituate. Il nostro progetto “MR. JACK” è scaturito proprio dalla passione che ci lega a questo gruppo ed il nostro desiderio è quello di proporlo al pubblico come lo proponevano i SYSTEM OF A DOWN nei loro concerti, con la stessa intensità ed energia. www.myspace.com/misterjackrovigo

Live di Mr. Jack - Tributo Ai Sistem Of A Down


Nessun evento trovato in archivio


MR.Bopp


La S. Matt Family nasce nel 2008 nella citta' di Alba Adriatica da un'idea del frontman Alex Bopp autore di musiche e testi. Ad Alex si uniscono in primis il bassista Luca Riga ed il batterista Igor Piccioni, formando cosi' il nucleo portante della band. Per la realizzazione del primo album vengono chiamati come ospiti musicisti locali provenienti da diverse situazioni ma accomunati dalla passione per il Rock tinto di Southern americano. Nel 2009 la SM Family pubblica finalmente il primo lavoro autoprodotto “Still The Same” ottenendo immediatamente un contratto con l'etichetta romana REVALVE RECORDS per la promozione e la distribuzione on-line dello stesso. Ottime le recensioni che ne seguono sulla stampa specializzata e sulle web-zine del settore. Nel 2010 entrano in pianta stabile nella line-up i chitarristi Emanuele Perilli e Gianmarco Renzi . La S.M. Family e' pronta a mordere! Nel 2011 viene girato il primo videoclip della band tratto dal singlo “NOBODY”. Il videoclip viene incluso nella ristampa di “STILL THE SAME” e raggiunge un alto numero di contatti sui canali a tema quali YouTube. L'attivita' live prende subito piede per la promozione dell'album toccando diverse citta' e permettendo alla S.M.Family di dividere il palco con gruppi ed artisti affermati della scena Rock italiana ed internazionale. Nel 2012 aprono, infatti, per il bassista americano Marco Mendoza (Thin Lizzy-Whitesnake ect.), per il chitarrista storico di Vasco Rossi Andrea Braido e per lo storico chitarrista degli Europe Kee Marcello. La costante attivita' live e di promozione attira l'attenzione della Rai-Tv, infatti il Tg3 locale dedica un ampio servizio alla S.M. Family nel maggio 2012. La band e' ora concentrata nella stesura di nuovi brani e nella programmazione del tour estivo per la promozione dell' album “STILL THE SAME”. Gli ingredienti sono caratterizzati da un'abbondante dose di spirito libero, tanto cuore ma soprattutto...tanto Rock N Roll!!! http://www.boppandfamily.com

Live di Mr.bopp


Nessun evento trovato in archivio


Mr.Milk


Mr.Milk è un progetto frutto della distrazione. L'avventura di un viaggiatore pigrissimo nella sua stanza, nella sua testa, e raramente,( e con molta paura) nel suo cuore. Uno svogliato esploratore immobile che avrebbe preferito avere gli occhi verdi, fare di mestiere il ladro, e baciare sconosciute bellissime; Inadeguato per forma e spirito ai suoi sogni,nel 2005 si arrende alla sua natura,e si ritrova a scrivere canzoni. Poi,ha suonato in posti con pochi intimi, ed in posti con molti intimi,ha sorriso più di quanto la gente si aspettasse, ha avuto il barbaro coraggio di far abbracciare,far litigare,far baciare,far piangere,fare incontrare, persone; Di salire su automobili, treni, ed aerei per raccontare cose cha ha solo sognato. Mr.Milk gioca a fare l'essere umano, e spesso perde. Forse è malato. www.myspace.com/mistermilk

Live di Mr.milk


Nessun evento trovato in archivio


MR.T-BONE & THE YOUNG LIONS


Mr. T-bone & The Young Lions Mr.T-Bone è ormai considerato un protagonista della scena ska e reggae internazionale contemporanea. Attivo dai primi anni Novanta, ha pubblicato sette dischi solisti in tutto il mondo ed è costantemente in tour tra USA, Canada, Europa e Giappone. Mr.T-Bone ha anche collaborato in Italia con artisti come Vinicio Capossela, Luciana Littizzetto, Malika Ayane, The Bluebeaters, Africa Unite, Casino Royale e con artisti internazionali del calibro di Derrick Morgan, Willie Williams, Mikey Dread, New York ska Jazz Ensemble, David Hillyard and the Rocksteady 7, Victor Rice, The Slackers, Tokyo Ska Paradise Orchestra, Caroloregians, Dr.Ring Ding. Gli Young Lions sono la sua band dal 2006 e da allora hanno macinato migliaia di chilometri insieme e registrato due dischi. HEROES, pubblicato nel 2008, ha ottenuto un grande successo ed ha vinto il premio come miglior disco dell'anno in Canada; il secondo e ultimo NOTHING TO LOSE è stato pubblicato negli Stati Uniti il 7 Ottobre 2011 dall'etichetta di Chicago Jump Up Records e presto arriverà anche in Italia. Il tour del nuovo disco è partito l'8 di Ottobre 2011 dagli USA, passando per il Canada, e continuerà fino ad Aprile 2012 toccando Italia, Spagna, Francia, Belgio, Olanda, Danimarca, Irlanda, UK, Germania, Austria, Svizzera, Slovenja, Repubblica Ceca, Slovakia, Serbia, Bulgaria e Macedonia. A Gennaio 2012 uscirà per l'etichetta giapponese Ska in the world un sette pollici e il primo The Best Of Mr.T-Bone, che comprenderà sedici brani scelti tra i suoi lavori solisti, pertanto si preannuncia per l'estate 2012 un tour tra Giapponese, Singapore e Malesia. Mr.T-Bone & The Young Lions sono: Gigi De Gaspari aka Mr.T-Bone - Voce e Trombone Marco "Benz" Gentile - Chitarra e cori Andrea Ferraro - Organo e cori Marco "Pakko" Catania - Basso Enrico Battaglino - Batteria www.facebook.com/Mr.TBoneofficial

Live di Mr.t-bone & The Young Lions


Nessun evento trovato in archivio


MR60 & the ugly dog syndicate


Giocattoli senza frontiere. E' un fatto che sia più facile imbattersi nei MR6o mentre si attraversa un ponte di Praga o si scantina in un basement di Dresda piuttosto che a frequentare i club della nostra comune regione; ma solo perché hanno capito per primi quanto un alfabeto universale come il loro pop, vergato a matita e appeso ai muri delle elementari, non sia destinato ai bibì e bibò dei quattro nomi in croce latori di apparenti incassi 'sicuri'. Ah è vero, siamo campioni del mondo adesso. "Yeah, rock'n'roll!" è titolo che fuorvia fino a un certo punto, essendo questi cinque pezzettini infarinati della solita pasta pop ma, fra tutti gli emeriti della produzione Ugly Dog, si qualificano come i più mossi, pratili, spensierati. Inalterata e micidiale resta la facilità di songwriting, l'aurea proporzione di strofa e gancio, una vorticosità di cambio agli strumenti scarsamente riscontrabile altrove: di che esserne orgogliosi, adesso che cominciano ad essere appena più noti. "My friend says it won't be better than this / my friend says it couldn't be worse": a parere di chi scrive, il presente non costituisce la migliore delle opere a firma MR60, mancando di quello spleen tipico della sonnolenta estate rurale cui ci avevano abituato e che mi nutre; ma a livello qualitativo, accelerazioni twee come "With the sun by my side" e "Just like Justin" - dedicata in qualche modo al divetto Timberlake - non sono da meno delle glorie passate, su un altro fronte, quello dei battimani a fiori. E "Time to go" con "Cupid song" ricordano Camera Obscura e Hidden Cameras, Trembling Blue Stars e Aisler's Set, mille gruppi e nessuno, le infiorescenze svedesi post-Labrador arricchite di un bizzarro organetto trovato per terra, scassato e riaggiustato, recante la targhetta MR60. Un colorato aquilone in attesa di vento, e pazienza se poi volerà via da solo, con le proprie forze: a tendergli la mano dalla finestra, adesso, una sorpresa su cinque saranno proprio loro. www.myspace.com/mr60music www.uglydogs.it

Live di Mr60 & The Ugly Dog Syndicate


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mrelomane


Nessun evento trovato in archivio


MROZINSKI


MROZINSKI è il progetto solista di Lukasz Mrozinski (ex Merçe Vivo, Seminole, aSzEs0), cantautore, chitarrista e scrittore italo-polacco. La chitarra disegna quadri onirici e la voce cadaverica e distante racconta testi scarni, ossessivi e dolcemente nostalgici. Fondatore nel 1999 dei Theorema, il progetto noise aSzEs0, dal 2006/2012 voce e chitarra dei Merçe Vivo. Chitarra nella storica noise band torinese Seminole, nei Toda e nel progetto di sonorizzazione Rebe. Con il duo d'improvvisazione sonora aSzEs_0 nel 2008 esordisce sui palchi newyorkesi. Lo stesso anno registra, produce e compone il suo primo album di sonorizzazione distribuito in occasione della sua mostra personale ospite della rassegna d'Arte Contemporanea Paratissima5.2. Nel 2009 apre il concerto presso lo sPAZIO211 dell'ultimo tour di Moltheni. Nel 2013 esce per l'etichetta indipendente I DISCHI DEL MINOLLO/Believe l'ep "Trust In Love To Be", presentato dal vivo ad Elblag in Polonia presso il MJAZZGA Club. Da settembre 2013 sonorizza dal vivo insieme al pianista Giovanni Insola lo spettacolo GLI ABERRANTI "La telenovela (teatrale) della follia" di e con Luca Atzori, appuntamento mensile presso lo spazio Greenbox di Torino. Il 4 novembre 2013 è uscita la compilation tributo ai Fluxus “Tutto da rifare” (Mag-Music, V4V Records) contenente una versione personale eseguita da MROZINSKI del brano “Una splendida giornata di luna” di cui è stato realizzato il video in collaborazione con Agnese Gemetto e Go_Diva Production. Nel 2014 uscirà il nuovo album, registrato da e con Lorenzo Peyrani presso Ordigno Studio di Torino. Il nuovo album s'avvale della partecipazione di numerosi artisti e musicisti della scena indipendente. MROZINSKI sceglie l'atmosfera intima e accompagnato unicamente dalla sua chitarra acustica presenta in anteprima lo scheletro delle canzoni che compongono il nuovo album. Contatti Facebook : www.facebook.com/mrozinskil Blog: www.mrozinski.altervista.org

Live di Mrozinski


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mrs Fletcher


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mrs Miller


Nessun evento trovato in archivio


Live di Ms Dynamite


Nessun evento trovato in archivio


MS JOHN SODA


MS. JOHN SODA No P Or D Una bella coppia, senza dubbio. Giovani, belli, bravi e soprattutto eclettici ed intelligenti. In origine progetto della sola Stephanie Böhm, bassista in fuga dalla musica strumentale dei Couch, Ms. John Soda trova linfa e diventa duo grazie all'invidia positiva del 'Notwist' Micha Asher per il successo dell'esperimento già provato dal fratello Markus con i Lali Puna. Il loro (breve) esordio No P Or D si gioca tutto nella trendy fusion di indie, eighties, folk ed elettronica con momenti di pura gioia sonora, da "Technicolor" e "Misco" a "Go Check" per finire con "Hading/Fading". Finita l'infatuazione prendono corpo le perplessità: la calcolata pianificazione di alcuni intarsi tra i diversi generi provoca la sensazione (aggravata dal curatissimo booklet) di trovarsi di fronte ad una riuscita operazione di marketing musicale. The great indietronic swindle? www.msjohnsoda.de - SUONANO: Bernhard Fleischmann + Ms John Soda 19/4 Ravenna, Bronson 20/4 Roma, Circolo degli artisti 21/4 Bologna, Covo 22/4 Torino, Spazio 211

Live di Ms John Soda


Nessun evento trovato in archivio


MS TRINITI


"150.000 copie vendute in Giappone su etichetta Emi Japan, 100.000 suonerie vendute in tutto il mondo, 2 Nomination per gli EME (Jamaican Grammy's) come miglior artista femminile, featuring con Beenie Man, Vybz Kartel... ecco qualche cifra" Si presenta cosi al mercato italiano, con un curriculum del tutto invidiabile da molte star internazionali, la giovane promessa del reggae jamaicano. Ms. Triniti, all'anagrafe Triniti Bhaguandas e' stata definita a pieno titolo la regina del Ragga Hop grazie alle sue doti canore che le permettono di spaziare tra ritmi hiphop, reggae e dancehall con una facilita' sorprendente! Dopo il Triniti Tour, che l'ha portata a condividere i palchi con star del calibro di Sean Paul, Shaggy, Ja Rule, Luciano, Elephant Man, Vybz Kartel e Maxi Priest e' stata immediatamente scritturata dalla A.T.A. (American Talent Agency), che gli ha permesso di ampliare ancora di piu' la sua fama facendole aprire i concerti di Fat Joe ed Omarion in Ghana, quello di Lil Wayne a Los Angeles, New York e Las Vegas. Oggi Ms Triniti, grazie al lavoro di GetUp Management, arriva in Italia con il suo primo singolo, il suo primo album ed un tour che durera' tutta l'estate. Scarica Burnin Burnin Featuring Beenie Man Artista: Ms Triniti Album: Warrior Princess Etichetta: Trinigirl Music/GetUp Music Distribuzione: Emi Japan Promozione: SmcItalia Italian Release Date: Maggio 2010 http://www.trinitiswebsite.com

Live di Ms Triniti


Nessun evento trovato in archivio


MS.WHITE


Ms.White was born in March 2007 when Andre (Screaming) meets Paul (Drums/Vocals) and they decide to set up a screamo band. After a first period in which they played with Andre (Bass) and Dani (Guitar), the band felt the necessity to strengthen its sound with a second guitar. Due to personal problems Dani was forced to leave the band and Kawa replaced him. Completing the line-up with Dada (Guitar) in September they began writing new songs. Then In December they meet Al and T from Goddass that decide to produce the band in their new recording studio: Bro Studios. Now the band is recording its first Ep. Meanwhile Ms.White began playing live shows sharing the stage with great bands as: Adam Kills Eve, The Electric Diorama, Hell dorado,Dog Deads Walking, Soldiers Of A Wrong War, For Mistake, Riself, Magnolia, Lacrimachristi, Goddass, My Agony, Where Everything Is, First Impression Of Beauty, Saturday Ends and Drain The Dragon. www.myspace.com/mswhiteband

Live di Ms.white


Nessun evento trovato in archivio


MSTRKRFT


“Heartbreaker” è dei MSTRKRFT ,(“Master-craft”) gruppo eletronico canadese, il più recente singolo estratto dal loro album Fist of God. Heartbreaker ha come parter vocale il grande talento John Legend e il singolo risulta in grande evidenza già ai primi ascolti. L'inclusione della voce John Legend dovrebbe essere sufficiente a convincere alcuni che sarà senza dubbio un pezzo con garanzia di successo. www.myspace.com/mstrkrft

Live di Mstrkrft


Nessun evento trovato in archivio


MT KIND


Il progetto Mt-Kind nasce alla fine dell'estate 2006 da un'idea di Francesco Artini (Voce & Chitarra Acustica), Davide Nosso (Batteria), Michele Parri (Basso) e Andrea Alunno Minciotti (Chitarra Elettrica). Il gruppo propone composizioni proprie aggressive, melodiche e improntate su sonorità alternative rock guidati dalla particolare timbrica di Francesco. A fine marzo 2007 propongono il primo demo "MURDER”, che riceve subito ottimi consensi e permette alla band di esibirsi presso i principali locali della Toscana. Il primo Ep del gruppo "SEE IN ME ANOTHER ME", registrato @ "La Kava" e seguito artisticamente da Riccardo Cavalieri, esce nell'estate 2008. Attualmente il gruppo sta promuovendo il primo disco omonimo diretto artisticamente da Riccardo Cavalieri. I nove brani, arrangiati prestando particolare attenzione all'ascoltatore, scorrono fluidi e con sfaccettature ben distinte tra loro. Sette in Italiano e 2 in Inglese completano l'intenzione di proporre sulla scena Rock nazionale un gruppo dinamico e in evoluzione artistica mai statica. Da Ottobre 2010 il gruppo è entrato a far parte della Nomadism. http://www.myspace.com/mtkindgroup

Live di Mt Kind


Nessun evento trovato in archivio


MT LIVE


“Tengo a precisare: Io non sono un cantante ……. sono uno Show-Man” queste sono le parole che Mikele Tomatis (leader e ideatore della MT LIVE) ama usare per descrivere se stesso ed il suo spettacolo ! E' su questi presupposti che il trasformismo (nell' accezione più artistica del termine) entra nel panorama delle più importanti cover-band italiane e lo fa attraverso quello che parecchi gestori hanno già definito come un vero e propio “Miracolo della Natura”: Mikele Tomatis, cantante dalla classe infinita, ballerino d' eccezione, intrattenitore ed animatore inimitabile Tutto ciò condito dal suono d' eccezione di una band di grande “classe” i cui I componenti hanno accompagnato per anni artisti del calibro di Ornella Vanoni, Fabio Concato, Riccardo Cocciante, Patty Bravo, Branduardi, Gatto Panceri, Fausto Leali…..e tanti altri. In buona sostanza uno spettacolo fatto di dinamicità, classe e soprattutto di esplosiva energia, tutto ciò crea un rapporto quasi simbiotico con il pubblico che diventa un tutt' uno con Mikele che decide ogni volta che entra in scena con un' abito sempre diverso o con un' atteggiamento sempre più trasgressivo di donarsi al suo pubblico fino all' ultima goccia di sudore! www.mtlive.it

Live di Mt Live


Nessun evento trovato in archivio


MTV NEW GENERATION TOUR


MTV NEW GENERATION TOUR. FINLEY, LOST, DARI, BROKEN HEART COLLEGE e JACOPO SARNO. Cinque performance sullo stesso palco in dieci città italiane, con appuntamenti rigorosamente solo il sabato e la domenica e in orario pomeridiano, proprio per venire incontro al pubblico di giovani e giovanissimi. I cinque gruppi si alterneranno sul palco per regalare ai fan il meglio della musica live, un'occasione unica e imperdibile di vedere cinque grandi concerti in una volta sola.

Live di Mtv New Generation Tour


Nessun evento trovato in archivio


MU


Chiudete gli occhi e immaginate la vita in musica: è quello che hanno provato a fare i Mu, armati di chitarra, glockenspiel, basso e batteria, con Dropouts. Il quartetto di Verbania è giunto al suo quarto disco dal primo del 2009 continuando a sperimentare nuove soluzioni in un percorso che iniziando dall'elettronica approda adesso ad un originale ibrido tra post-rock e nu-jazz. Nato un anno fa insieme alla figlia (la Camilla della traccia 6) del vibrafonista Davide Merlino, il disco non tocca mai altissimi livelli emotivi, e si limita a tratteggiare con successo un'atmosfera serena e ovattata con grande ricorso alle percussioni intonate. La chitarra, quasi mai distorta, resta in secondo piano a svolgere una funzione prevalentemente ritmica. La batteria e il basso, delegato il compito di fare da metronomo, hanno campo più libero e fanno quasi da solisti, fiancheggiati dall'onnipresente vibrafono. In mezzo a tante tracce così pacate tra cui due dediche da padre a figlia e molti altri pezzi sulla nascita scritti dal resto del gruppo, il pezzo di apertura può trarre in inganno: siamo sulla East Coast ad aspettare l'arrivo di un uragano, e in un clima di preoccupazione e angoscia ci troviamo a sperare: Be gentle, Irene. Un disco difficile da catalogare, e anche da ascoltare (eccessiva la rarefazione delle tracce e troppo frequente il ricorso ai medesimi strumenti) ma godibile per ampi tratti, soprattutto nell'unica improvvisazione presente nel disco, Freenow, e nelle sue parti più post-rock. www.mu-music.it

Live di Mu


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mu.st


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mucc


Nessun evento trovato in archivio


MUCH THE SAME


La rivelazione hardcore melodico americana sbarca nel vecchio continente a presentarci il grandioso "Survive" uscito nel 2006 sotto Nitro Records, etichetta di Dexter Holland degli Offspring (rappresentata in Italia da Rude Records). Melodie, ritmi serrati e tanta potenza sono l'arma segreta dei quattro di Chicago. Sicuramente uno spettacolo da non perdere! Ad accompagnarli in questa avventura ci saranno i Coffee Shower, dieci anni di musica sulle spalle e non sentirli, da poco tornati dalla data Svizzera del famosoTaste Of Chaos Tour, gli abruzzesi presenteranno i nuovi pezzi che andranno a far parte del prossimo disco in uscita nel 2007. www.muchthesame.com www.myspace.com/muchthesame

Live di Much The Same


Nessun evento trovato in archivio


MUCHACHITO BOMBO INFIERNO & SANTOS DE VERACRUZ


Muchachito, leader dei Muchacito Bombo Infierno, arriva per la prima volta in Italia con il suo spettacolo da One Man Band! Accompagnato dalla sua inseparabile grancassa, una sezione ritmica in ogni gamba, la sua inseparabile chitarra e la sua voce, Muchachito vi porterà a scoprire il Rumboxing, un irresistibile mix di rumba, swing e funk con cui interpreterà i brani presi dai suoi 3 album e perfino accetterà richieste dal pubblico per un vero corpo a corpo con il pubblico. Questo è il Rumboxing! Insieme a Muchachito ci sarà l'inseparabile compagno Santos De Veracruz, artista, pittore, decoratore, che dipingerà lasciandosi trasportare dal ritmo scatenato di Muchachito, per una performance sorprendente! www.muchachitobomboinfierno.com www.santosdeveracruz.com

Live di Muchachito Bombo Infierno & Santos De Veracruz


Nessun evento trovato in archivio


MUCK AND THE MIRES


La migliore live garage rock band degli Stati Uniti: parola di Little Steven Van Zandt's e vincitrice del suo UNDERGROUND GARAGE BATTLE OF THE BANDS come miglior gruppo dal vivo. Sono di Boston e sono semplicemente fantastici ! Loro appartengono alla ristretta cerchia delle band assolutamente notevoli nell'ambito garage-pop di questo pianeta, combinando il suono tradizionale della british invasion dei primi anni 60 con il classico beat pop e il garage rock'n'roll dello stesso periodo. La loro abilità a scrivere immortali motivi che attirano l'attenzione e di suonarli con grande facilità e frizzante leggerezza suscita subito una sensazione di grande divertimento che fa tornare alla mente la freschezza dei Beatles o degli Easybeats e la sfrontatezza ed energia dei Sonics. Abiti intonati e stilosi, occhiali da sole neri, stivaletti a punta e camicie rosse da combattimento sono pronti ad offrirvi short veloci e concisi come il sixty Mersey Beat insegnava ma con tutta la passione e il vigore di una punk rock band. Un primo disco uscito nel 2004 per la AMP record, Beginner's Muck, che gli ha valso diverse apparizioni su MTV e un primo tour europeo e un secondo album uscito nel 2006 per la Dionysus Records in America e per Soundflat Records in l'Europa intitolato 1-2-3-4 sono il loro biglietto da visita. Alla fine del 2007 hanno registrato un nuovo album sotto la guida della rock legend Kim Fowley e di Maria Baglien che hanno perfettamente catturato l'essenza e la vivacità delle loro grandi performance live. Da questa session è da poco uscito l'EP Doreen per la Dirty Water Records di Londra che anticipa l'intero album di prossima pubblicazione. Le canzoni di Muck and The Mires suonano come dei classici perduti nel tempo e saltate fuori dagli altoparlant,i come una hit parade degli ultimi 40 anni, ma rigenerate e rinnovate da una macchina del tempo che le ha spinte in avanti fino al ventiduesimo secolo. Solide armonie, due minuti di energia e potenziali numeri uno sono le prerogative dei loro brani, resistenza infinita, forti emozioni e ballo incontrollato sono quelle dei loro live set!! http://www.muckandthemires.com www.facebook.com/muckandthemires

Live di Muck And The Mires


Dom 20 Apr LA SKALETTA - La spezia (SP) - Italia

LA SKALETTA 0187/500125 VIA CRISPI 168 LA SPEZIA www.facebook.com/skalettarockclub



Lun 21 Apr DEVIL'S DEN PUB - Salsomaggiore terme (PR) - Italia

DEVIL'S DEN PUB Via Patrioti, 8 bis Salsomaggiore Terme PR INFO: 393/0006574 devilsden@email.it www.facebook.com/DEVILSDEN666



Mar 22 Apr AL PORTEGHET - Trento (TN) - Italia

AL PORTEGHET Passaggio Dorigoni, 3 TRENTO INFO: 0461/985116



Mer 23 Apr SIDRO LIVE CLUB - Savignano sul rubicone (FO) - Italia

SIDRO LIVE CLUB via moroni 92 ZONA INDUSTRIALE SAVIGNANO SUL RUBICONE FC INFO: 389/8490771 sidromyclub@gmail.com www.facebook.com/sidroclubitaly



Gio 24 Apr JACK THE RIPPER - Verona (VR) - Italia

JACK THE RIPPER 045/9971267 V. NUOVA 9 RONCA' VR www.jacktheripper.it http://www.facebook.com/jacktheripperpub



Ven 25 Apr CLASH LIVE - Bergamo (BG) - Italia

CLASH LIVE via Baschenis 9 BERGAMO INFO: www.clashclub.it http://www.facebook.com/clashmusicclub



Sab 26 Apr BOUNTY - Thiene (VI) - Italia

BOUNTY Via Solferino ,38 THIENE VI INFO: www.facebook.com/bountythiene.discococktails



Dom 27 Apr ARCI VIRGILIO - Mantova (MN) - Italia

ARCI VIRGILIO vicolo ospitale 2/6 MANTOVA INFO: 0376/325721 arcivirgilio.eventi@gmail.com www.facebook.com/arcivirgilio




MUCOPUS


L’Amputated Vein è, per chi non lo sapesse, un’etichetta giapponese dedita all’estremo, tra brutal e grind. E’ anche un’etichetta che ha dimostrato nel tempo di avere una vista molto lunga, e di lavorare sempre in modo professionale; esempio più lampante sono forse gli All Shall Perish, lanciati appunto da loro e ora sotto Nuclear Blast, o anche i Goratory, il primo Enmity, e altre uscite di un certo livello nell’underground, come Malamor, Viral Load, Suture, Gemisuadi, Godless Truth… il tutto poi è sempre accompagnato da un’ottima cura anche nei particolari, come la grafica o la qualità del libretto, quasi unica nella scena. Con i Mucopus ci troviamo di fronte ad un altro, ottimo colpo. Nulla di originale, ma di buona qualità e con un suono fresco e ben prodotto, che dà quindi la sensazione di una boccata d’aria in un genere ormai quasi soffocato in sé stesso. Il genere proposto dai 5 new yorkesi è, manco a dirlo, un brutal di tipico stile NY, cui numi tutelari sono i vari Internal Bleeding, Skinless, Wasteform, i già citati All Shall Perish... ci troviamo quindi ad avere a che fare con alcuni passaggi al limite dell’hardcore, o quantomeno con riff molto “moshosi” e groovy. Non manca comunque un’interpretazione del tutto molto personale; i nostri infatti hanno un forte senso autoironico, e il clima che si crea è abbastanza goliardico, non pesante e oppressivo (ben in evidenza nei vari intro), senza per questo cadere in una pacchianeria fine a sé stessa, come purtroppo ormai spesso capita. L’album è anche tecnicamente ben suonato, e oltre a ciò anche ispirato (sfido alcuni di voi a resistere dal saltellare su certi passaggi). La produzione, pur non essendo sfavillante, è ottima al caso e dà risalto ai bassi; da notare poi che a coadiuvare il gruppo in sede di produzione c’era Darren Cesca, batterista di Goratory e Pillory. Pezzi migliori di altri è difficile segnalarne; più o meno rimane sulla stessa, buona, media qualitativa dall’inizio alla fine, senza picchi eccezionali. Tirando le somme, su ‘Mulch?!?’ non troverete nulla che già non sia stato fatto in giro, ma ciò non toglie che l’album sia molto godibile, in un certo senso divertente ed anche ispirato, merci abbastanza rare al giorno d’oggi, quando anche i maestri alle volte annoiano; ah, poi, dimenticavo… tutti i membri del gruppo avranno di poco superato i 20 anni, motivo in più per preferirli ad altri act che la loro storia già l’hanno fatta. www.myspace.com/mucopus - SUONANO: Venerdì 6 ottobre location: Soundfactory Grindcore night: MUCOPUS (Usa) + INFERIA (Finland) + LAMATEMATICA (To screamcore veterans)

Live di Mucopus


Nessun evento trovato in archivio


MUDBOY


Mudboy / This is Folk Music Ora qui è dispari. Mudboy fa e ricrea tastiere degli organi, adattare e di retrofitting della chiesa piegate vecchio circuito le vecchie per i suoi propri mezzi nefarious. Allora gioca la musica ricca che i suggerimenti allo psychedelia e ronzi su loro, mescolando nelle registrazioni del campo, rumore e suoni complementari e perfino il suono che dispari del tamburo quello suona come He è stato lasciano liberamente sulla macchina ambientale del tamburo degli impianti 85-92's di circa gemellare di Aphex. Suona occasionalmente come un electronica primitivo, lontano sottratto dal iper-batte di cosiddetto "IDM" e ripreso per gli esploratori ed i discoverers contemplative e larghi-eyed di nuovi territori e le nuove condizioni della mente. È spesso rievocativa di Florian Fricke rubato del suo Popol Vuh, ma reinvestito con una strategia meditative differente, giocante da solo in un campo. Sul website del Mudboy ci sono immagini di lui che effettua all'aperto da parte di un certo genere di bolla, rendente tutta l'immagine di lui come nebbiosi e non definiti. Ciò è un'immagine ricca per la musica che ha generato - scaldi i passaggi molli del massaggio e della manipolazione della tastiera che sono sia lyrical che riempirsi. In queste circostanze, qualunque altra strumentazione sarebbe interamente estranea. http://mudboymusic.com

Live di Mudboy


Nessun evento trovato in archivio


Live di Muddy Fly


Nessun evento trovato in archivio


MUDHAIRJONGLEUR


www.mudhairjongleur.com SUONANO: + Gianfranco e Piero Caruso Giovedi 26 Maggio ore 22 THE ANGELS PUB Piazza IV Nov Sesto San Giovanni INGRESSO LIBERO

Live di Mudhairjongleur


Nessun evento trovato in archivio


MUDHONEY


Nel 25° anniversario dall'uscita del seminale esordio per Sub Pop “Touch me I'm sick” che gettava le basi della scena grunge, tornano più tosti che mai gli inossidabili Mudhoney con una strabordante dose di superfuzz che esce dai loro big muff! “Vanishing Point” è un concentrato di humour nero, punk e psycho blues come non ci fosse un domani. Quella di Firenze sarà l'unica tappa italiana del tour che segue la pubblicazione dell'album. Dal vivo non mancano, ovviamente, "Touch me I'm Sick", "Suck you Dry" e altri cavalli di battaglia. “Vanishing Point” è la nona fatica in studio del collettivo di Seattle, un gruppo capace di rimettersi ogni volta in gioco senza sbiadire. Dieci brani che vanno a pescare nel garage, nel punk, nello psycho-blues a favore di bordate di feedback, bassi esplosivi, con l'inconfondibile voce di Mark Arm. Un disco pieno di fervore adolescenziale (nonostante i membri del gruppo siano ormai sui cinquanta) descritto con la saggezza di una band che ha vissuto esperienze e anni d'oro da poterne scrivere una biblioteca: rock diretto e senza fronzoli, canzoni indelebili nel tempo. www.mudhoney.net

Live di Mudhoney


Nessun evento trovato in archivio


MUDIMBI


E' sempre un piacere quando fai un pezzo di un determinato stile ed un portale di uno stile musicale affino ne apprezza il quid e ti supporta. Questo è successo per il giovane talento Mudimbi: Trapmusic.net, il più grande portale di musica trap al mondo, ha postato “Supercalifrigida” sul suo sito e sulla sua pagina SoundCloud. E ha scritto questo: “Straight out of Italy, Mudimbi & The Clerk have crafted an incredibly rowdy trap smasher of extraordinary energy and top-notch production quality. Although we might not what is going on, we can assure you that it sounds hard as hell, and “Supercalifrigida” set the whole TrapMusic / The EDM Network Office going wild. Sometimes, that little bit of mystery coupled with a crisp, rolling beat is exactly what is needed to start the weekend off just right.” In tre giorni sono state superate le 26000 play ed un pezzo rappato in italiano dall'inizio alla fine, (ok, ha una produzione bass/elettronica, ma è pur sempre hip hop) sta girando il mondo, con un alto potenziale di internazionalizzazione. www.mudimbi.com www.facebook.com/mudimbi

Live di Mudimbi


Sab 31 Mag MAYDAY FESTIVAL - Sant\'elpidio a mare (FM) - Italia

MAYDAY FESTIVAL SANT'ELPIDIO A MARE FM INFO: 388/1143277 329/4662861 info@gamlab.it www.gamlab.it




Mudlarks


Definire punk il quartetto vicentino in questione è semplicemente riduttivo e, per certi versi, irrispettoso delle enormi potenzialità di questo combo che parte dalla materia '77 ma la rivolta come un guanto, specie con un impianto chitarristico di ottima fattura armonica, lontano dalla semplicità dei banali stop and go. Se è vero che le fonti sonore dei Mudlarks stanno, a mio avviso, in certo punk americano di matrice Dangerhouse Records oppure negli Alleycats, Nuns, Avengers, è anche vero che la portata della ritmica e delle soluzione armoniche rimanda alla miglior New Wave inglese di quegli anni, in primis Siouxie And The Banshees e gli X Ray Spex di Lora Logic, non ultimo un certo gusto per il vocalizzo che mi riporta al primo, fantastico, album dei Pretenders. Certa maturazione di schemi sonori passa, però, attraverso un amore malcelato per il Bowie di Suffragette City o di Queen Bitch o, addirittura di Scary Monsters in toto. L'amore per i sixties emerge da Flattering Girl che inizia come una Lucifer Sam dei Pink Floyd, ma centrifugata nella economia sonora del punk. I Cramps di Psychedelic Jungle connotano I Love You, I Hate You. Planet Love mi riconduce ai giorni di Unbehagen della mai dimenticata Nina Hagen con un piglio Siouxie che rende veramente notevole questo incipit. The Boy Next Door è un piccolo capolavoro sia per resa melodica che armonica. La forza dei Mudlarks sta nelle armonie ed è grazie a questa maturità di script che il gruppo trascende il semplice approccio punk. Teenage Time è un punk wave che non dimentica la stagione evoluta di quel suono che fu delle Raincoats e delle Slits. Questo disco è una piccola gemma, edita da una label americana, nella speranza che i discografici nostrani si accorgano delle potenzialità immense di questo gruppo che ha un notevole respiro internazionale. www.mudlarks.com www.myspace.com/mudlarks

Live di Mudlarks


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mudvayne


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mueller


Nessun evento trovato in archivio


MUFFA CREW


I Muffa Crew sono una coppia di grande affiatamento ai piatti, da circa due anni diffondono il loro suono sulle piste da ballo di vari locali marchigiani proponendo una scaletta di marcata impronta 6Ts. Ai loro party è difficile rimanere immobili, non contano l’età o le esigenze musicali, sembrano davvero riuscire a mettere d’accordo tutti proponendo uno shaker che mescola rarità dal panorama R’n’Beat italiano anni ’60 alla nuova scena funk, soul e dancefloor jazz internazionale o addirittura a irresistibili rivisitazioni di vecchie famosissime hit in chiave breakbeat-cocktail. Si avventurano nelle loro prime performance per gioco, dopo essere stati letteralmente contagiati dai suoni della nota trasmissione radio “ultrasuoni cocktail” e dalla verve dell’irrefrenabile Adinolfi. Da qui nasce una grande passione che li porterà ad avere numerosi consensi ed affermazione nei locali dove sono chiamati a diffondere la loro musica. Fanno parte e ne sono attivi promotori sin dalla sua nascita (ottobre 2005) del “Conero Beat”, progetto aperto a tutti i dj amanti del genere che, oltre ad organizzare i party che scaldano le notti di vari locali, presenterà a breve una trasmissione radiofonica per radio Skyline intitolata “Conero Beat Express” dando così l’ottima opportunità ai dj di proporre la propria playlist in diretta radiofonica e agli amanti del genere di ascoltare la loro musica preferita. Contatti: Info: Simone 349/4927240 - Marco 335/456574 www.muffacrew.spaces.live.com www.conerobeat.it

Live di Muffa Crew


Nessun evento trovato in archivio


MUFFIN


Psichedelica / Pop / Folk Giappone www.myspace.com/muffinjp

Live di Muffin


Nessun evento trovato in archivio


MUFFX


“Époque”, terzo lavoro discografico dei salentini Muffx, è un viaggio nel futuro remoto, un carillon psichedelico che mette in scena un'umanità distorta, una processione di vite e di suoni rubati da occhi curiosi e mani abili. “Époque” è un disco denso, epico nel suo celebrare il rock, che incontra le musiche del mondo. Un album orgoglioso, capace di riscrivere la grammatica di un genere (lo stoner) in una nuova chiave sudista. Quel sud che è tacco d'Italia, che si lascia bagnare dal suono dei Balcani e non dimentica le sue radici. “Époque” è il manifesto del Salento rock, mistura solida di ascolti e contaminazioni, ponte tra oceano e mediterraneo. I Muffx scardinano codici e confini e creano un caleidoscopio di suoni che travolge e macina generi (blues, hard rock, walzer, progressive, psichedelia, musica da banda) che alterna cavalcate dispari, apertura cosmiche, granitici riff serrati. Il tutto virato con colori molto anni '70. Per questa prova i Muffx scelgono di abbattere anche il confine della lingua optando per brani – per la prima volta - in italiano, grazie alla collaborazione tra il frontman Luigi Bruno e lo scrittore Stefano Zuccalà. Il cd è prodotto dalla neonata etichetta Ill Sun Records in collaborazione con Lobello Records e distribuito da Goodfellas. www.muffxmusic.com

Live di Muffx


Nessun evento trovato in archivio


MUG


LOST TRANSMISSION, l'album: Etichetta: La Grande Onda Distribuzione: Audioglobe Distribuzione digitale: Made In etaly Data di uscita: 7 Maggio 2012 Lost Transmission è l'album d'esordio dei MUG (Medium Under Groove), band composta da Fabio Mele al basso, Gabriele Trodella e Ilenia Volpe alle chitarre, Gabriele Cofanelli alla batteria e alla programmazione elettronica. I MUG, con questa formazione dal 2010, si ritrovano finalisti al MEI Supersound 2011 e, solo qualche mese dopo, selezionati tra gli artisti preferiti all'interno del contest "Filtered" organizzato dalla famosa etichetta Warp ed il social SoundCloud. I MUG con Lost Transmission scavano nel rock e nel più profondo noise elettronico alla ricerca della colonna sonora di un nuovo mondo privo di parole nel quale si ritrovano spesso i quattro ragazzi disillusi, increduli, frenetici e disincantati. Il mondo dei MUG a volte svanisce, quasi fosse un segnale smarrito, un segnale che però desiderano fortemente ripristinare e riattivare. Bio I Medium Under Groove (MUG), arrivati tra i finalisti del MEI Supersound 2011 e scelti tra gli artisti preferiti del portale bleep.com (portale media della storica etichetta Warp Music), compongono brani strumentali miscelando sonorità rock ed elettronica senza mai dimenticare che la risposta a tutte le loro domande artistiche è la sperimentazione. Tutto ha inizio nell'estate del 2007 quando Fabio Mele co-fonda il progetto MUG che muove i suoi primi passi come classico trio (voce/chitarra, basso, batteria) con brani inediti. Le sonorità create sono una miscela di new-wave e alt Rock che ben presto diventano anche elettroniche con l'ingresso di un quarto elemento al synth. Con questo nucleo i MUG iniziano a farsi conoscere a Roma suonando in alcuni club e in varie iniziative e piccoli festival. L'ingresso poi di un quinto elemento alla viola spinge il gruppo ad una ricerca sonora ancora più particolare e sperimentale. Nel Marzo 2008 la band ritorna al trio originale fino a quando nel gennaio del 2009 Gabriele Trodella entra a far parte dei MUG come chitarrista. Dopo varie esperienze live in giro per l'Italia e una demo mai edita, nel gennaio 2010 arriva Gabriele Cofanelli alla batteria e alla programmazione elettronica al posto del vecchio batterista che lascia il progetto per motivi personali. Nel novembre del 2010 Ilenia Volpe entra a far parte dei MUG come chitarrista in seguito all'uscita dal gruppo del cantante/chitarrista del nucleo iniziale. Credits: Musiche e Produzione Artistica: MUG Registrato, mixato e masterizzato da Emiliano Ra-B presso La Zona www.mugland.net http://www.facebook.com/mugland

Live di Mug


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mugen


Nessun evento trovato in archivio


MUGISON


Mugison e la sua band formata (a detta anche del medesimo) soltanto da lui ed un computer. www.mugison.com www.facebook.com/mugison

Live di Mugison


Nessun evento trovato in archivio


MUI


Live di Mui


Nessun evento trovato in archivio


MUJERES


Mujeres, quattro spagnoli di Barcellona conosciutisi all'Università che in pochi anni sono arrivati a calcare i palchi dei festival più importanti del mondo. Nel 2009 esce il loro primo disco omonimo disco per la label spagnola Sonar e iniziano a suonare nei bar di Barcellona ma in brevissimo tempo tutta Europa di accorge di loro e del loro folgorante live fatto di garage, punk e rockabilly. In meno di tre anni il loro breve curriculum recita già quattro presenze al Primavera Sound di Barcellona e una al suo festival gemello (Optimus Primavera Sound a Porto), l'Eurosonic (Olanda), Europavox (Francia), SXSW (Texas, USA), Here I Stay (Italia), The Great Escape a Brighton, Londra e Manchester (UK) Nel 2010 hanno inoltre partecipato al noto format webtv La Blogothèque (come Sigur Ross, Arcade Fire, Phoenix tra le tante) suonando per tutta Barcellona i loro pezzi in acustico. Nel Marzo 2012 è uscito il loro ultimo album Soft Gems (Sones/Warner) che li sta portando ancora una volta in giro per tutto il mondo e si appresta ad essere il disco della definitiva consacrazione. http://mujeres.bandcamp.com/

Live di Mujeres


Nessun evento trovato in archivio


MUKKAKE DJ TEAM


Mukkake è tante belle cose. Tra queste tante belle cose Mukkake è anche un Dj Team, pronto a farvi muovere le chiappe in ogni dove, versatili e temerari, pronti a tutto, ecco alcuni tra i componenti più attivi in questo compito, dj Nooz: spazia dal Metal all’Indie Rock, e si avventura nell’elettronica dalla dnb fino ai ritmi più spigolosi, dj Smegma: Enciclopedia musicale vivente, ama la purezza e gli estremismi di ogni tipo, impareggiabile nel fornire selezioni danzerecce, districandosi tra suoni elettronici potenti, metal e gothic, dj Vic: Fa tremare le piste da ballo con Electro e Techno, senza dimenticare i suoni degli anni 80 tra EBM old school e new wave, dj Vommy Tee: incline a tempi veloci, metal, punk hardcore, breakcore, ama ciò che è bizzarro dalla NDW all’elettronica moderna da ballo, Unirli potrebbe essere devastante come unire i flussi dei Ghostbusters. www.myspace.comdjnooz www.myspace.comdjshaitan www.myspace.comelettrodica www.myspace.comoh_sgappamo www.myspace.commukkakedjteam

Live di Mukkake Dj Team


Nessun evento trovato in archivio


Live di Mukta


Nessun evento trovato in archivio


MULATU ASTATKE


Mulatu Astatke “Sketches Of Ethiopia” Lanciato dalla serie di album Ethiopiques, il nome del percussionista e orchestratore etiope ha raggiunto un apice di successo più diffuso con due memorabili esibizioni tenute nel giugno 2008 a Londra e Glastonbury, capaci di mettere d'accordo chi insegue lo stimolo cerebrale e chi predilige la fisicità. Impresa non facile, in passato riuscita solo a calibri epocali come Talking Heads, Art Ensemble Of Chicago e Miles Davis. Artisti che travalicavano etichette e distinzioni ferree, scavano una nicchia storica di propria pertinenza dalla quale indicano vie che molti altri a percorreranno. Nella musica di Astatke si respirano intuito e talento, arguzia e genuinità. Una Musica splendida che fa della comunicazione un credo e dell'abbattere le barriere un vanto; che non si ripiega su se stessa ma scuote, induce a pensare e frattanto riempie di gioia. Mulatu Astatke, vibrafono, Wurlitzer, Percussioni Byron Wallen, tromba James Arben, sax Danny Keane, cello Alexander Hawkins, piano Neil Charles, contrabbasso Tom Skinner, batteria Richard Olatunde Baker, percussioni “Regina di fiori e di perle” Gabriella Ghermandi Italo-etiope, è nata ad Addis Abeba, da parecchi anni vive a Bologna, città originaria del padre.Nel 1999 ha vinto il 1 Premio del concorso per scrittori migranti dell'associazione Eks&Tra, promosso da Fara Editore. Ha pubblicato racconti in varie collane e riviste. Seguendo l'arte della metafora tipica della tradizione culturale etiope, scrive e interpreta spettacoli di narrazione. Conduce laboratori di scrittura creativa nelle scuole, sulla ricerca della identità unica. In Aprile è uscito il suo primo romanzo “Regina di fiori e di perle “ per Donzelli Editore. Un romanzo che percorre oltre cento anni di storia, dal tempo di Menelik ai giorni nostri.Un lungo viaggio nel tempo e nello spazio, in cui scorrono la vita e le vicissitudini di una famiglia etiope. A cavallo tra lingue ed etnie, tra nazioni e continenti, tra occupazioni militari e guerre fratricide, si dipanano le mille storie di questa Shahrazade dei nostri tempi, fiera delle sue origini etiopi ed eritree, e insieme capace di usare la lingua italiana con 'intensità e precisione. More info: http://www.ethiojazz.com/

Live di Mulatu Astatke


Nessun evento trovato in archivio


MULETA


Dopo l'EP La nausea, catturato e prodotto da Giorgio Canali e uscito per Psicolabel, i Muleta portano alla luce La peste. L'album è stato registrato a Corlo (FE) all'NHQ studio da Manu "Max Stirner" Fusaroli, che ne ha curato anche la produzione artistica, tra le 16.00 del 20 ottobre e le 19.30 del 24 ottobre 2012. Il disco esce per Matteite / Muleta Dischi ed è distribuito in Italia da Audioglobe. La peste è un disco d'amore, morto dove le grida di allegria sono costantemente minacciate dalla malattia, che latente e paziente attende la sua rivincita. Ogni canzone è la rappresentazione di una persona reale, ciascuna con le proprie gioie, aspettative e tragedie. Una peste personalizzata: dieci canzoni, dieci storie. La peste non muore e non scompare mai. Rimane in attesa di essere diffusa, sventura e insegnamento per gli uomini, attraverso i suoi topi, mandandoli a morire in una città felice (cit. La peste di Albert Camus). Così Muleta risveglia la sua peste personale portandola di città in città. Chiudete porte e finestre. Muleta sono: Giulio, batteria Ed, chitarre elettriche T, voce e chitarre acustiche Grazie all'acustica/distorta + e-bow, suonata da Marco TestadiFuoco Greco, in Il Giorno in Cui; e a Matteo Dainese aka Il Cane, presenza costante durante le prese. Link: www.facebook.com/muleta2011 http://muletamusica.wordpress.com

Live di Muleta


Nessun evento trovato in archivio


Live di Muletrain


Nessun evento trovato in archivio


MULTITRACCIA


IL GRUPPO NASCE DA TRE RAGAZZI(Andrea,Frank e Chriss)nel novembre 2003...NELLE CONTINUE SPERIMENTAZIONI FATTE IN ANNI DI STUDIO CON LO SCOPO DI CREARE UN QUALCOSA DI NUOVO NEL PANORAMA DELLA MUSICA ITALIANA... OTTENENDO RISULTATI PIU' CHE SODDISFACENTI CON I DUE LAVORI “FRAGILI PENSIERI”2004 E “I MARI CHE ATTRAVERSO”2006 ,CHE HANNO PORTATO A VARIE COLLABORAZIONI TRA CUI L' INSERIMENTO DI UN PEZZO (L' ULTIMA PARTE DI TE) NELLA COLONNA SONORA DEL FILM “CHIUDI GLI OCCHI”2006 IN CONCORSO AL M.E.I. DI FAENZA.LA STORIA CONTINUA CON LA FORMAZIONE DEL GRUPPO LIVE E L'AGGIUNTA DI DUE NUOVI ELEMENTI...ROBERTO E MIRKO,RISPETTIVAMENTE CHITARRA E BATTERIA...CON L'INTENTO DI FAR CONOSCERE LA NOSTRA MUSICA IN GIRO PER L' ITALIA CON UNO SPETTACOLO BASATO SULL'EMOZIONE UNITA ALL'AGGRESSIVITA' DEL POP ROCK ITALIANO...GIA' MOLTA GENTE HA IMPARATO A CONOSCERCI ED E' NOSTRA ASSIDUA FREQUENTATRICE NEI LOCALI IN CUI CI ESIBIAMO...Vi aspettiamo nei nostri prossimi appuntamenti... www.myspace.com/multitracciaband

Live di Multitraccia


Nessun evento trovato in archivio


MULTITRACCIA


IL GRUPPO NASCE DA TRE RAGAZZI(Andrea,Frank e Chriss)nel novembre 2003...NELLE CONTINUE SPERIMENTAZIONI FATTE IN ANNI DI STUDIO CON LO SCOPO DI CREARE UN QUALCOSA DI NUOVO NEL PANORAMA DELLA MUSICA ITALIANA... OTTENENDO RISULTATI PIU' CHE SODDISFACENTI CON I DUE LAVORI “FRAGILI PENSIERI”2004 E “I MARI CHE ATTRAVERSO”2006 ,CHE HANNO PORTATO A VARIE COLLABORAZIONI TRA CUI L' INSERIMENTO DI UN PEZZO (L' ULTIMA PARTE DI TE) NELLA COLONNA SONORA DEL FILM “CHIUDI GLI OCCHI”2006 IN CONCORSO AL M.E.I. DI FAENZA.LA STORIA CONTINUA CON LA FORMAZIONE DEL GRUPPO LIVE E L'AGGIUNTA DI DUE NUOVI ELEMENTI...ROBERTO E MIRKO,RISPETTIVAMENTE CHITARRA E BATTERIA...CON L'INTENTO DI FAR CONOSCERE LA NOSTRA MUSICA IN GIRO PER L' ITALIA CON UNO SPETTACOLO BASATO SULL'EMOZIONE UNITA ALL'AGGRESSIVITA' DEL POP ROCK ITALIANO...GIA' MOLTA GENTE HA IMPARATO A CONOSCERCI ED E' NOSTRA ASSIDUA FREQUENTATRICE NEI LOCALI IN CUI CI ESIBIAMO...Vi aspettiamo nei nostri prossimi appuntamenti... www.myspace.com/multitracciaband

Live di Multitraccia


Nessun evento trovato in archivio


MULU


Mulu rappresenta la concretezza di un combo-project nato nel 2005 dall'incontro tra due giovani fanciulle di nome Marilù e Luisa, le quali, dopo due Extended Play ('Variante Ascari' e ' Acque minerali'), hanno avuto la fortuna di incontrare Mr. Xabier Iriondo. Proprio grazie alla supervisione artistica di Xabier e grazie alla sapiente regia produttiva di Mirko Spino della Wallace Records, oggi possiamo godere di questo primo full lenght delle Mulu. Il disco si dipana attraverso nove tracce alquanto interessanti, capaci di offrire sonorità particolari, attraverso l'utilizzo di inusuali strumentazioni quali groovebox, horn, toys, loops ed ulteriori effetti di svariata natura. Nonostante tutto, però non dovrete attendervi un disco noise d'improvvisazione; infatti, l'ecletticismo musicale si allinea alla dolcezza della doppia voce, ben sviluppata tra pianoforte, fiati e chitarra. Gli accenni di rumorismo kraut di 'Stanza 15' e 'Stanza 1' e il free indie di 'Opale', si contrappongono alla mitezza post rock di 'Lavinia's boat', e se da un lato esiste la ricerca di un minimalismo ridondante, è anche rintracciabile in 'Garage bleu' un attento sviluppo musicale tra space echoes ('Melonhead') e alt-pop ('Happiness'). www.myspace.com/mululoop

Live di Mulu


Nessun evento trovato in archivio


MUM


Non c'è bisogno di essere Freud per considerare i denti una “questione delicata”. Possono darti un aspetto gioioso oppure doloroso, come sulla copertina del nuovo album dei Múm, che ci mostra entrambi gli stati allo stesso tempo. Come Yesterday was Dramatic - Today Is Ok (2001), Finally We Are No One (2002) e Sing Along To Songs You Dont Know (2009), Smilewound è l'ennesimo esempio della capacità della band di giocare con gli ossimori e sfruttare l'energia che si crea attraverso la tensione tra gli opposti. Smilewound è un'opera ariosa e rilassata, capace di mischiare il synth-pop ad atmosfere più bucoliche. Non c'è da stupirsi che artisti agli antipodi – come la regina della dance-pop Kylie Minogue - abbiano voluto collaborare coi Mùm in Whistle , canzone inserita tra l'altro nel film del 2012 Jack & Diane, diretto da Bradley Rust Grey. Registrato, tra gli altri luoghi, nel rifugio della band, una vecchia casa colonica baltica (in particolar modo sul tavolo della cucina, dopo cena), l'album è stato prodotto dai Mùm stessi. Ed essendo loro da sempre un collettivo che ruota attorno a sè e si evolve, non sorprende affatto il ritorno nel gruppo dell'ex membro Gyda. Definire i satelliti come parte del nucleo si adatta benissimo alla propensione della band islandese, e alla sua ambivalenza – ed è in realtà proprio questo il fascino dell'album. www.randomsummer.com www.facebook.com/mumtheband

Live di Mum


Nessun evento trovato in archivio


MUM DRINKS MILK AGAIN


Le fondamenta del loro sound sono ben saldate sullo stoner sfrontato del nuovo millennio lanciato in orbita da quel geniaccio dai capelli rossi che risponde al nome di Josh Homme. I MDMA però vogliono a tutti i costi personalizzare (a ragione) l'opera d'esordio, ibridando il genere di cui sopra con un'attitudine più “stradaiola” (mezza punkoide-mezza garage detroitiana se volete)... • ROCKGARAGE.IT - Viscerale, trascendente, un album che non a caso parte dal profondo e che vuole mettere in mostra tutte le capacità del duo, fatte di musica ad alta velocità e potenza disarmante pur senza sconfinare mai in un sound heavy... www.facebook.com/mumdrinksmilkagain

Live di Mum Drinks Milk Again


Nessun evento trovato in archivio