Scopri tutto su kenny wayne shepherd, concerti, eventi, news e molto altro!

KENNY WAYNE SHEPHERD

KENNY WAYNE SHEPHERD è presentato in Italia da BARLEY ARTS

Altre informazioni

http://www.kennywayneshepherd.net

Questa pagina è gestita da admin
Pensi di dover gestire questa pagina? Fai richiesta con la tua movitazione

Prendi la chitarra e viaŠ così il chitarrista americano può essere rappresentato. Una vita dedicata alla musica, che rigenera ogni giorno con le sue diversificate esperienze artistiche, perché questo ragazzo biondo della Louisiana (Shreveport, 12 giugno 1977) non ha paura di nulla e si diverte a mettere in disordine i confini tra rock e blues. Nel suo DNA le 12 battute del blues vengono continuamente rimpastate con "altro", proveniente dall'energia, dalla potenza e dalla creatività tipiche di chi è stato svezzato con il rock adrenalico di Stevie Ray Vaughan e del suo maestro Jimi Hendrix. In lui tutto torna al punto di partenzaŠ alla musica con la M maiuscolaŠ quella di Kenny Wayne Shepherd. Ma non dimentica che le sue mani sono sporche di blues e gli artisti con cui è cresciuto o suonato, oltre ai numi tutelari Vaughan (inizia a suonare la chitarra a sette anni dopo aver assistito a un concerto di Stevie Ray) e Hendrix (che "fulminò" lo stesso Vaughan): Clarence "Gatemouth" Brown, Bryan Lee, Albert King, Freddie King, Buddy Guy, Junior Wells, Buddy Flett, BB King, Jerry "Boogie" McCain, Cootie Stark, Muddy Waters, Howlin' Wolf. La sua capacità musicale si è arricchita aprendo anche i concerti di stelle assolute come Rolling Stones, Bob Dylan, Eagles, Van Halen, Aerosmith, Lynyrd SkynyrdŠ E i risultati si vedono e, soprattutto, si ascoltano in album come il suo ultimo "Goin' Home" (con Ringo Starr - Beatles - Joe Walsh - James Gang, Eagles - Warren Haynes - Allman Brothers Band, Gov't Mule; edito in Europa dalla Mascot Label Group) del 2014, il settimo in studio della sua discografia solista, oltre a un live. Dischi che gli hanno permesso di ottenere 5 nominations ai Grammy Awards, due Blues Music Awards, due Orville H. Gibson Awards, dischi di platino. Da segnalare, tra i suoi molti interessi, l'incisione nel 2013 di "Can't Get Enough", primo lavoro dei Rides, supergruppo con Stephen Stills (CSN&Y) e Barry Goldberg (Electric Flag), di cui dovrebbe uscire a breve il secondo, già ultimato in studio. Descrivere Kenny è complicato, quasi impossibile persino per lui, che su questo argomento è abbastanza reticente nella sua semplicità espressivaŠ quasi timido, mentre sul palco è sfrontato e deflagrante. Un predestinato della sei corde, non a caso la leggendaria Fender gli ha dedicato la Shepherd Signature Series Statocaster, da lui progettata e ispirata alla sua Stratocaster Vintage del 1961 (attualmente in mostra alla Rock and Roll Hall of Fame)Š guarda caso la stessa chitarra utilizzata da Hendrix e Vaughan! Justin Norvell, direttore marketing del settore chitarre elettriche della Fender dice di Kenny: facile parlare della sua spaventosa tecnica chitarristica. Lui, anche per le doti umane, è il perfetto e moderno ambasciatore della vera arte americanaŠ il Blues! E il successo non ha inquinato la sua voglia di fare buona musica, non ha tolto la forza al suo suonoŠ una formula magica che ha conquistato anche i critici musicali in tutto il mondo, caso davvero raro nella storia delle sette note. Le sue storie raccontano l'evoluzione di questa musica senza tempo, che, lasciate le piantagioni e sbarcata nelle megalopoli del nord degli Stati Uniti, insieme alla manovalanza nera arruolata nelle nascenti fabbriche automobilistiche, cambia decisamente sonoritàŠ si elettrifica e comincia a RUGGIRE! Ed ancora il Blues che gradatamente si contamina e figlia: r'n'b, funky, rock blues, soul, rock'n'roll!!! E che dire della sua band? Fantastica! Capace di coniugare tecnica e cuore, in grado di trovare il sentimento "giusto" per prendere al volo il ritmo di uno scatenato rock'n'roll o immergersi nell'anima bruciante di un blues lento. E sul palco giocano, si guardano, vivono la complicità di una musica che si rinnova a ogni disco e, soprattutto, a ogni concerto. KENNY WAYNE SHEPHERD non è una promessa del rock-blues... è una certezza! Kenny Wayne Shepherd (chitarra, voce) Noah Hunt (voce) Chris Layton (batteria; Stevie Ray Vaughan Double Trouble, Arc Angels) Tony Franklin (basso; The Firm con Jimmy Page dei Led Zeppelin e Paul Rodgers dei Free, David Gilmour, Kate Bush, Whitesnake, Pat Travers) Riley Osbourn (Hammond B-3, tastiere; Willie Nelson, Lyle Lovett). www.kennywayneshepherd.net

Tutti gli eventi per kenny wayne shepherd