Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Roma - Torino - Napoli - Bologna - Palermo - Paris - Catania - Antwerp - Amsterdam - Venaria Reale - London - Bristol - Rivoli - Senigallia

Live Bands

ANDREA PARODI

Scopri tutto su andrea parodi, concerti, eventi, news e molto altro!

Il trentenne Andrea Parodi ha deciso ancora una volta di attraversare l'oceano per cercare quel suono che si trova solo nei dischi di Bob Dylan, Springsteen e Tom Petty, senza dimenticare la lezione di Fabrizio De Andrè, Francesco De Gregori e Massimo Bubola. E così anche questo nuovo disco, Soldati, in uscita nazionale il 5 ottobre 2007 (LifeGate Music/Venus), è stato prodotto a Vancouver dall'istrionico rocker canadese Bocephus King, come era avvenuto nel 2001 per l'album d'esordio Le Piscine di Fecchio. Per rendere ancora più speciale l'incontro tra queste due grandi tradizioni, Andrea Parodi per Soldati si è avvalso della collaborazione di un gran numero di artisti di livello nazionale e internazionale: Claudio Lolli, in primis, che presta il suo inconfondibile timbro di voce per la splendida Per non sentirsi soli, una dei momenti più intensi e lirici dell'album. Ma c'è spazio anche per Luigi Grechi (il fratello di Francesco De Gregori), nel ruolo di “narratore” nel brano Formia ha Gaeta, ma Gaeta Formia non ha che affianca al nostro immaginario popolare il surrealismo e i personaggi propri di Dylan e di altri poeti Beat americani. Tra gli altri artisti italiani segnaliamo la presenza di The Gang, Laura Fedele, Luca Ghielmetti, Massimiliano Larocca, Claudia Pastorino: tante voci, tanti stili, tanti mondi musicali diversi che si incontrano per dare ancora più respiro alle ballate di Parodi. Vengono da oltre oceano, invece, le prestigiose collaborazioni con The Be Good Tanyas (un trio di ragazze canadesi da anni al top della autorevole classifica di Billboard), Jono Manson (bluesman di NYC nonché stretto parente dei fratelli Coen, i famosi registi americani per cui Andrea ha da sempre un'ossessione cinematografica), Jesse Zubot (violinista di Leo Kottke). E se sono le storie e i personaggi a dominare il disco, come non sottolineare la figura di Tania, attorno alla cui vicenda e immagine (che campeggia, splendida, nella copertina del cd) ruota tutto il concept dell'album; l'unica donna della spedizione boliviana guidata dal Che. Tania la guerrigliera, che suona chitarra, fisarmonica e pianoforte, va in avanscoperta su commissione del ministero della cultura come ricercatrice del folklore in Bolivia per raccogliere informazioni per il Che. Viene uccisa in una imboscata mentre guada il Rio Grande a soli ventinove anni. Un personale ritratto di questa figura era già stato composto nel 1973 dalla cantautrice argentina Suni Paz, icona del folk sudamericano che ha diviso il palco con artisti del calibro di Bob Dylan, Pete Seeger e Mercedes Sosa. Da anni ha abbandonato i riflettori e si è ritirata a Los Angeles, dove compone musica per i bambini, ma Parodi è riuscito a convincerla a cantare in un magnifico duetto italo-spagnolo che riporta alla luce il brano originale a distanza di oltre trent'anni, in una versione dalle sonorità cubane giocate sui contrasti fra la tromba e il pianoforte. Ma dietro a tutti questi “guest artists” ciò che emerge prepotentemente è il concept attorno al quale Parodi ha costruito la sua opera, supportato in primo luogo dai racconti orali della nonna, a cui è dedicato il disco, e dall'idea di narrare storie di “soldati”, di persone comuni che combattono la loro lotta quotidiana per tenere in vita i loro sogni e le loro passioni. Da una parte soldati reali come in Pane arance e fortuna, brano d'apertura del disco, Tresenda '43, uno spaccato in bianco e nero della guerra in un piccolo paese di frontiera, e Sussurri e grida, canzone manifesto che si conclude proprio con i notissimi versi ungarettiani «si sta come d'autunno sugli alberi le foglie». Dall'altra, la figura del soldato diviene metafora per raccontare le difficoltà, le solitudini ma anche quel senso di libertà che, con ruoli diversi, ognuno di noi rincorre ma assapora soltanto. Così divengono “soldati” sia una giovane prostituta in una stanza d'albergo di New Orleans, sia Anna, una ragazza che si perde nei libri di Pavese e in una Milano avvolta dalla nebbia, o ancora il sognatore anarchico di Fiume solitario, che rinuncia alla sua vita e al suo amore per un ideale, e il ragazzo padre di Glasgow nella canzone tradotta dal cantautore scozzese Jackie Leven, un brano che si sposta musicalmente verso le sonorità dei Kinks e degli Who. Oltre un'ora di musica, 16 canzoni a cavallo fra Italia, Canada e Messico, prodotte da uno dei più interessanti musicisti canadesi e registrate all'Utopia park studio di Vancouver, per un disco che mancava nel panorama cantautorale del nostro paese. Un esperimento riuscito che consacra Andrea Parodi come uno dei più promettenti cantautori italiani, pronto ad ereditare il testimone da Fabrizio De Andrè e Francesco De Gregori, dimostrando che è ancora possibile fare poesia con la musica rock. L'etichetta discografica LifeGate Music ha deciso di lanciare con il disco Soldati un nuovo ed elegante packaging ecologico che, stampato su carta riciclata Cyclus, rende ancora più godibile il booklet, ricco di bellissime fotografie. Da sottolineare che tutte le emissioni di CO2 per la realizzazione del CD sono a impatto zero. www.andreaparodi.com www.myspace.com/andreaparodi www.facebook.com/parodiandrea

ANDREA PARODI è presentato in Italia da Pomodori Music

Altre informazioni

Contatti

Social

Tutti gli eventi per andrea parodi

Nessun evento presente